Sei sulla pagina 1di 8

Esercizio (Compito 2 dicembre 2009).

Dati la retta
(
x−y+z = 0
r:
2x + y − z = 3
π
e il punto P = (1, 0, 1), determinare le rette passanti per P, incidenti r e che formano con r un angolo di 4.
Determiniamo il generico punto di r:
( ( (
x−y+z = 0 z = −x + y x=1
r: ⇒ ⇒
2x − y + z = 3 2x − y − x + y = 3 z = y − 1.
Quindi, il generico punto di r è del tipo Q = (1, a, a − 1) per qualche a ∈ R e la retta r ha parametri direttori
(0, 1, 1). La retta PQ ha parametri direttori

(1 − 1, a − 0, a − 1 − 1) = (0, a, a − 2).
Vogliamo che i vettori di componenti (0, 1, 1) e (0, a, a − 2) formino un angolo di π4 o 43 π. Quindi, deve essere:

2 | a + a − 2| p
= √ p ⇒ 2a2 − 4a + 4 = |2a − 2|
2 2 · a2 + ( a − 2)2

⇒ 2a2 − 4a + 4 = 4a2 − 8a + 4 ⇒ 2a2 − 4a = 0.


Dunque, abbiamo due possibilità: a = 0 e a = 2. Se a = 0, abbiamo il punto Q1 = (1, 0, 0), mentre se a = 2,
abbiamo il punto Q2 = (1, 2, 1). Le rette cercate sono:
( (
x=1 x=1
PQ1 : e PQ2 :
y=0 z = 1.

Esercizio. Determinare il luogo delle rette che formano con la retta


(
x−y+z = 0
r:
2x + y − z = 3
π
un angolo di 4 e passano per P = (1, 0, 1).

P
~v
π
4

Abbiamo già visto che la retta r ha parametri direttori (0, 1, 1). La generica retta passante per P ha parametri
direttori (l, m, n) ed equazioni:

 x = 1 + lt

y = mt

z = 1 + nt.

Vogliamo che:

1

2 π m+n p
= cos = ± √ √ ⇒ l 2 + m2 + n2 = ±(m + n).
2 4 2 · l 2 + m2 + n2
Elevando al quadrato:

l 2 + m2 + n2 = m2 + 2mn + n2 ⇒ l 2 = 2mn.
Da:
 x−1
 l=
t


 

 x = 1 + lt


 
 y
y = mt ⇒ m=
  t
z = 1 + nt.
 



n = z − 1 .



t
Andiamo a sostituire in l 2 = 2mn :

( x − 1)2 yz−1
=2 ⇒ ( x − 1)2 = 2y(z − 1).
t2 t t
Il luogo cercato ha equazione ( x − 1)2 = 2y(z − 1).

Esercizio. Dati il punto P = (1, 2, −3) e la retta


(
x−y+z+3 = 0
r:
2x + y − z = 0,
determinare la proiezione ortogonale H di P su r.

H P
α

Calcoliamo i parametri direttori di r :


   
1 −1 1 −1 1 1 1 1 −1
⇒ , − , = (0, 3, 3).
2 1 −1 1 −1 2 −1 2 1
Dunque, possiamo prendere (0, 1, 1) come paaremtri direttori di r. Il piano α ⊥ r e passante per P ha
equazione:

0 · ( x − 1) + 1 · (y − 2) + 1 · (z + 3) = 0 ⇒ α : y + z + 1 = 0.
Dunque:
 
y + z + 1 = 0
  x = −1

H = α ∩ r: x − y + z + 3 = 0 ⇒ y = 12
z = − 32 .
 
2x + y − z = 0
 

Questi vuol dire che H = (−1, 12 , − 32 ).

2
Esercizio. Dati il punto P = (2, −1, 0) e il piano π : x + y + z + 2 = 0, determinare la proiezione ortogonale K
di P su π.
s
P

K
π

Dobbiamo determinare la retta s passante per P e ortogonale a π :



x = 2 + t

s : y = −1 + t

z = t.

Dunque:
  

 x = 2+t 
 x = 2+t 
 t = −1

 y = −1 + t 
 y = −1 + t 
x = 1
K = s ∩ π: ⇒ ⇒


 z=t 

 z=t 

 y = −2
x+y+z+2 = 0 2+t−1+t+t+2 = 0 z = −1.
  

Questo vuol dire che K = (1, 2, −1).

Esercizio. Dati la retta


(
x − y + 2z − 1 = 0
r:
2x + y − z = 0
e il piano π : 2x − y + 3z − 3 = 0, determinare la retta t proiezione ortogonale di r su π.

α
r

Dobbiamo determinare il piano α contenente r e ortogonale a π. A quel punto si avrà t = α ∩ π. I piani


contenenti r hanno equazione:

λ( x − y + 2z − 1) + µ(2x + y − z) = 0 ⇒ (λ + 2µ) x + (−λ + µ)y + (2λ − µ)z − λ = 0.


Vogliamo che il vettore di componenti (λ + 2µ, −λ + µ, 2λ − µ) e quello di componenti (2, −1, 3) siano
ortogonale tra loro:

2(λ + 2µ) − (−λ + µ) + 3(2λ − µ) = 0 ⇒ 9λ = 0 ⇒ λ = 0.


Quindi:
(
2x + y − z = 0
α : 2x + y − z = 0 ⇒ t = α ∩ π :
2x − y + 3z − 3 = 0.

3
Esercizio. Dati i piani π : x + 2y + 2z − 3 = 0, α : x + 2y + 2z + 7 = 0 e β : 2x − y − z − 1 = 0, determinare le
distanze d(π, α) e d(π, β).
—-
I piani α e π sono paralleli.

P
α
d(α, π ) = d( P, π )

Prendiamo un qualsiasi punto di α, per esempio P = (−7, 0, 0). Dunque:

| − 7 − 3| 10
d( P, π ) = √ = .
2 2
1 +2 +2 2 3
I piani β e π non sono paralleli, per cui essi sono incidenti. Ciò vuol dire che d(π, β) = 0.

Esercizio. Date le rette


( (
x + 3y − 2z + 2 = 0 x+y+2 = 0
r: e s:
x + 2y − z + 1 = 0 y − z + 2 = 0,
mostrare che sono parallele e calcolare la distanza d(r, s).

Cerchiamo i parametri direttori di r:
   
1 3 −2 3 −2
, − 1 −2
1 3
⇒ , = (1, −1, −1).
1 2 −1 2 −1 1 −1 1 2
Da: (
x = −y − 2
s:
z = y+2
vediamo che anche la retta s ha parametri direttori (1, −1, −1), per cui le rette sono effettivamente parallele.

π
r R
s d(r, s)
S

Per trovare la distanza dobbiamo prendere un qualsiasi piano π perpendicolare a entrambe le rette, determi-
nare R = π ∩ r e S = π ∩ s e avremo d(r, s) = RS.
Dato che le due rette hanno parametri direttori (1, −1, −1), i piani ad esse ortogonali hanno equazioni del
tipo x − y − z = 0. Prendiamo π : x − y − z = 0.
 
 x + 3y − 2z + 2 = 0
  x + 3y − 2z = −2

r ∩ π : x + 2y − z + 1 = 0 ⇒ x + 2y − z = −1
 
x−y−z = 0 x − y − z = 0.
 

4
     
1 3 −2 −2 1 3 −2 −2 1 3 −2 −2
R2 − R1 ,R3 − R1 R3 − R1
A| B =  1 2 −1 −1  −−−−−−−− →  0 −1 1 1  −−−− →  0 −1 1 1 
1 −1 −1 0 0 −4 1 2 0 −3 0 1

1

  y=−
 x + 3y − 2z = −2

 
 3
2

r ∩ π : −y + z = 1 ⇒ z = y+1 =
  3
−3y = 1  x = −2 − 3y + 2z = 1
 


3
per cui r ∩ π = { R}, dove R = ( 31 , − 13 , 23 ).
dove   
4
x + y + 2 = 0
  x = −y − 2
 y = − 3

s ∩ π: y − z +2 = 0 ⇒ z = y+2 ⇒ x = − 23
z = 23
  
x−y−z = 0 −y − 2 − y − y − 2 = 0
  

per cui s ∩ π = {S}, dove S = (− 32 , − 34 , 23 ). Dunque:


s
1 2 2 1 4 2 2 2 2 √
     
d(r, s) = RS = + + − + + − = 2.
3 3 3 3 3 3

Osservazione. Dati due punti P0 = ( x0 , y0 , z0 ) e P1 = ( x1 , y1 , z1 ), il punto medio di P0 e P1 è il punto M =


( x0 +2 x1 , y0 +2 y1 , z0 +2 z1 ).
Per esempio, se A = (1, 2, 3) e B = (4, −1, −2), allora il punto medio di A e B è M = ( 25 , 12 , 12 ).

Esercizio. Dati due punti A = (2, −1, 3) e P = (1, 2, 1), determinare il punto P0 simmetrico di P rispetto ad A.

P0 A P

Dobbiamo trovare il punto P0 = ( a, b, c) tale che A è il punto medio di P e P0 . Dalla formula del punto medio
vediamo che deve essere:
a+1


 =2
2



 
a = 3


 
b+2

= −1 ⇒ b = −4 ⇒ P0 = (3, −4, 5).
 2 
c=5

 




 c + 1
=3


2

Esercizio. Dati il punto P = (0, 2, 1) e la retta:


(
x−y−3 = 0
r:
3y − z − 1 = 0,
determinare il punto P0 simmetrico di P rispetto alla retta r.

H
P0 P
α

5
Il simmetrico di P rispetto a r è il simmetrico di P rispetto alla proiezione ortogonale H di P su r. Da:
(
x = y−3
r:
z = 3y − 1
vediamo che r ha parametri direttori (1, 1, 3). Questo vuol dire che il piano α passante per P e orotgonale a r
ha equazione:

α : x + y − 2 + 3(z − 1) = 0 ⇒ x + y + 3z − 5 = 0.
Dunque:
  
 x + y + 3z − 5 = 0
 y − 3 + y + 9y − 3 − 5 = 0
 y = 1

H = r ∩ π: x = y −3 ⇒ x = y−3 ⇒ x = −2
  
z = 3y − 1 z = 3y − 1 z = 2.
  

Quindi, H = (−2, 1, 2) e il punto P0 = ( a, b, c) è tale che H è il punto medio di P = (0, 2, 1) e P0 :


a
 = −2 
 2b + 2  a = −4


 
=1 ⇒ b=0 ⇒ P0 = (−4, 0, 3).
 2
c + 1 
c=3
 

 =2
2

Esercizio. Sono dati il piano π : x + y − 2z − 5 = 0 e il punto P = (1, 0, 1). Determinare il punto P0 simmetrico
di P rispetto al piano π.

r
P

π
P0

Il punto P0 è il simmetrico di P rispetto alla proiezione ortogonale H di P sul piano π. Cominciamo, quindi,
col determinare la retta r passante per P e ortogonale a π:

x = 1 + t

r: y = t

z = 1 − 2t

  

 x = 1+t 
 x = 1+t 
 t=1
  
 y=t  y=t  x=2
⇒ H = r ∩ π: ⇒ ⇒


 z = 1 − 2t 

 z = 1 − 2t 

 y =1
x + y − 2z − 5 = 0 1 + t + y − 2 + 4t − 5 = 0 z = −1.
  

Quindi, H = (2, 1, −1). P0 = ( a, b, c) è tale che H è il punto medio di P = (1, 0, 1) e P0 :


a+1
 
 2 =2 a = 3

 
b ⇒ b=2 ⇒ P0 = (3, 2, −3).
 2 =1 
 c +1 c = −3
 
2 = −1

6
Esercizio. Dati il piano π : x − z + 1 = 0 e la retta
(
x+y+1 = 0
r:
x + z − 1 = 0,
determinare la retta r 0 simmetrica di r rispetto al piano π.
—–
Sappiamo che una retta e un piano o sono incidenti o sono parallele:
 
x − z + 1 = 0
 x = 0

r ∩ π : x + y + 1 = 0 ⇒ y = −1 ⇒ r ∩ π = {(0, −1, 1)}.
 
x+z−1 = 0 z=1
 

Quindi:

Q r

Q0 r0

Questo vuol dire che retta e piano sono incidenti e non paralleli. Detto P = (0, −1, 1) il punto comune a reta
e piano, la retta r 0 passa per P e per il simmetrico di un qualsiasi punto di r rispetto a π. Da:
(
y = −x − 1
r:
z = −x + 1
possiamo prendere Q = (1, −2, 0). Dobbiamo trovare Q0 , simmetrico di Q rispetto a π. Sia s la retta per Q
ortogonale a π : x − z + 1 = 0:
  

x = 1 + t x = 1+t t = −1
x = 1 + t
 
 


 
 y = −2 
 y = −2 
x = 0
s : y = −2 ⇒ s ∩ π: ⇒ ⇒
 z = −t  z = −t  y = −2
z = −t
 
 
 

x−z+1 = 0 1+t+t+1 = 0 z = 1.
  

Quindi, s ∩ π = {(0, −2, 1)}. Q0 = ( a, b, c) è tale che (0, −2, 1) è il punto medio di Q0 e Q :
 
a +1
 2 =0
  a = −1

b −2 ⇒
2 = −2 b = −2
c
 
= 1 c = 2.

2

Ne segue che Q0 = (−1, −2, 2) e la retta r 0 cercata è la retta PQ0 , dove P = (0, −1, 1) :
(
x y + 1 z − 1 x−y−1 = 0
r0 : = = ⇒ r0 :
−1 −2 + 1 2−1 x + z − 1 = 0.

Esercizio. Dati il piano π : 2x + y + z + 2 = 0 e la retta


(
x+y−2 = 0
r:
y − z = 0,
determinare la retta r 0 simmetrica di r rispetto al piano π.

Da:

7
 
2x + y + z + 2 = 0
  x = −y + 2

r ∩ π: x + y −2 = 0 ⇒ z=y : impossibile
 
y−z = 0 2(−y + 2) + y + y + 2 = 0
 

vediamo che r e π non sono certamente incidenti. Quindi, retta e piano sono paralleli:

Q r

π
Q0 r0

In tal caso, la retta r 0 è la retta parallela a r e passante per un punto Q0 simmetrico di un punto Q di r rispetto
a π. Da:
(
x = −y + 2
r:
z=y
osserviamo che r ha parametri direttori (−1, 1, 1) e possiamo prendere Q = (2, 0, 0). Dobbiamo trovare Q0 ,
simmetrico di Q rispetto a π. Sia s la retta per Q ortogonale a π : 2x + y + z + 2 = 0:

  
 x = 2 + 2t x = 2 + 2t t = −1
 x = 2 + 2t

 
 

 
y = t 
y = t 
x = 0
s: y = t ⇒ s ∩ π: ⇒ ⇒
  z=t  z=t  y = −1
z=t
 
 
 

2x + y + z + 2 = 0 4 + 4t + t + t + 2 = 0 z = −1.
  

Quindi, s ∩ π = {(0, −1, −1)}. Q0 = ( a, b, c) è tale che (0, −1, −1) è il punto medio di Q0 e Q :
 
a +2
 2 =0
  a = −2

b ⇒
2 = − 1 b = −2
c
 
2 = −1 c = −2.

Ne segue che Q0 = (−2, −2, −2) e la retta r 0 cercata è la retta passante per Q0 e avente (−1, 1, 1) come
parametri direttori
(
0 x+2 0 x+y+4 = 0
r : = y+2 = z+2 ⇒ r :
−1 y − z = 0.