Sei sulla pagina 1di 35

Preparazione esame di Psicologia Cognitiva

UTIU, Facoltà di Psicologia, Discipline Psicosociali, a.a. 2010/2011

Appunti e Approfondimenti sul modulo di Percezione


a cura dello studente Francesco Galgani
<f.galgani@students.uninettunouniversity.net>

4 febbraio 2011

Sommario

Nota: tutti i link in questo pdf sono cliccabili.

Ho preparato questi appunti, organizzati con un indice cliccabile, integrati con molti link di ap-
profondimento e con indicazioni chiare sui materiali di riferimento (a cominciare dai punti di
inizio e fine della videolezione inerente a ciascun argomento), in modo da rendere più chiara la
parte più difficile del corso, che credo sia appunto il modulo di “Percezione”.

Data la quantità di materiale da esaminare e il poco tempo disponibile, non escludo ovviamente
che io possa aver commesso errori o imprecisioni.

Una sintesi di molti argomenti trattati nel corso di Psicologia Cognitiva (e anche in altri) è disponi-
bile nel sito PsicoScrittura.it, alla voce “Appunti di Psicologia - Psicologia Generale”:
http://www.psicoscrittura.it/psicologia_neuroscienze/pensiero_ragionamento_linguaggio.htm

Molti argomenti del corso sono presentati anche nelle slide di “Psicologia Generale” del prof. Bruno,
raccolte e scaricabili dalla pagina:
http://www.psicolog.unipr.it/new/html/dispense/Psicologia%20generale-Prof.%20Bruno/

Indice

I La percezione 4

1 Rapporto tra percezione e scienza cognitiva 5


1.1 La scienza cognitiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
1.2 Definizioni di “percezione” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
1.2.1 Assunzioni di base (secondo William James) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
1.2.2 Assunzioni di base (secondo Wolfgang Köhler) . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
1.3 Definizione di “limiti percettivi” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
1.3.1 Esempio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
1.4 Definizione di “sistemi percettivi” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6

1
2 Problematica dei metodi usati per lo studio della percezione 6
2.1 Teoria computazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
2.2 Rappresentazioni e algoritmi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
2.3 Implementazione fisica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
2.4 Esempio relativo al sistema cognitivo della “visione” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
2.4.1 Descrizione attraverso “teoria computazionale” . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
2.4.2 Descrizione attraverso “rappresentazioni e algoritmi” . . . . . . . . . . . . . . . 7
2.4.3 Descrizione attraverso “implementazione fisica” . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
2.5 I metodi che appartengono dalla psicologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
2.5.1 Esempio: studio del movimento stroboscopico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
2.5.2 Esempio: studio della Motion Induced Blindness . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
2.6 Il metodo sperimentale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
2.6.1 Esempio di isolamento delle variabili significative: il riconoscimento dei pattern
biologici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
2.7 Le misure psicofisiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
2.7.1 Esempio di misura psicofisica: misurare una “soglia differenziale” tramite il
“metodo degli stimoli costanti” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
2.7.2 Per approfondimenti sulle misure psicofisiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
2.7.3 Ulteriori approfondimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9

3 Applicazione in vari ambiti dello studio della percezione 9

4 La psicofisica indiretta 10
4.1 Legge di Weber (per la soglia differenziale) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
4.2 Legge di Fechner . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
4.2.1 Conseguenza delle leggi di Weber e Fechner . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
4.2.2 Motivi dell’uso del logaritmo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10

5 La psicofisica diretta 11
5.1 Metodo stima di grandezza (magnitude estimation) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
5.2 Legge di Stevens . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11

6 La teoria della detezione del segnale 11


6.1 Il problema: ruolo dei processi di decisione nelle rivelazioni . . . . . . . . . . . . . . . 12
6.2 La teoria della detezione del segnale: quantificare l’abilità di distinguere, in un segnale,
il segnale vero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
6.3 Applicazioni pratiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12

7 Rapporto tra grandezza percepita e distanza degli oggetti 13


7.1 Percezione come ricostruzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
7.1.1 Legge di Emmert e illusione della Luna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
7.1.2 Prospettiva artificiale e grandezza percepita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
7.1.3 Grandezze percepite e grandezze retiniche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14

2
8 Problema della formazione delle unità percettive 14

9 La relazione tra figura e sfondo 14

10 Rapporto tra immagini retiniche e forme percepite 15


10.1 Illusione di Shepard . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16

11 Orientamento delle forme nello spazio 16

12 Rapporto tra struttura tridimensionale e informazione cinetica 16

13 Contenuto dell’informazione fotometrica 17


13.1 Newton e la decomposizione dei colori della luce solare con il prisma . . . . . . . . . . 17
13.2 La teoria dei colori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
13.3 La visione cromatica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
13.4 Metarismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18

14 Problema della cromaticità percepita 18

15 Fenomeno della costanza di bianchezza 18

16 Il modello tradizionale della percezione spaziale (Barkeley) 18


16.1 Spiegazione di Barkley: il tatto educa la vista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
16.2 L’informazione tattile è veridica? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
16.3 Conflitto tra informazione tattile e ottica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20

17 Il modello contemporaneo della percezione spaziale (James Jibson) 20

18 Fonti di informazione a livello visivo per percepire lo spazio 21


18.1 Fonti di informazione monoculari pittoriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
18.2 Fonti di informazione monoculari legate al movimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
18.3 Fonti di informazione binoculari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22

19 Come il sistema visivo umano integra diverse fonti di informazione per arrivare a
un percetto globale di spazialità 22

20 Distinzione che i percettologi fanno tra gli organi di senso veri e propri e i “sistemi
percettivi” 23

21 Caratteristiche dei sistemi percettivi 24

22 Relazione tra sistema visivo e sistema aptico per rilevare la forma tridimensionale
degli oggetti 25
22.1 Come avviene l’integrazione delle informazioni tra sistema visivo e sistema aptico? . . 25

3
23 Applicazioni cliniche e tecnologiche degli studi sui sistemi percettivi 26

24 In che senso il sistema percettivo può essere considerato una forma di categoriz-
zazione? 26

25 Motivi per cui l’equivalenza percettiva è una forma di categorizzazione 26

26 Le costanze percettive 26

27 La percezione categoriale vera e propria 27

28 Ruolo dell’azione nei processi percettivi 28

29 Alcuni modelli della trasformazione sensomotoria 28

30 Teorie dei due sistemi visivi 30


30.1 Teoria della percezione consapevole . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
30.2 Teoria del controllo del comportamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30

31 Approcci alla psicologia dell’arte 31


31.1 La composizione pittorica secondo Rudolf Arnheim . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31

32 Specificità della percezione pittorica 33


32.1 Differenze tra visione naturale e pittorica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
32.2 La realtà virtuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33

33 Una teoria psicologica della prospettiva 34


33.1 Il libro “La freccia nell’occhio”, di Kubovy (1986) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
33.2 La robustezza della prospettiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34

II Apprendimento e memoria 35

III Il ragionamento 35

34 Tipologia dei problemi e delle soluzioni 35

Parte I

La percezione
Riferimento: Capitolo 3 “Percezione”, di Walter Gerbino, in “Manuale di Psicologia”, Legrenzi (a
cura di), ed. Il mulino.
Disponibile completamente all’indirizzo:

4
http://www.uninettunouniversity.net/e/CNContent/Uninettuno/STstatica/percezione/cap%203%
20percezione%20Gerbino.pdf
Per le tematiche della percezione, possono essere utili altri appunti (da fonte anonima) nei quali sono
riportati una serie di domande con possibili risposte (riferite allo stesso corso dell’Uninettuno, ma di
un diverso anno accademico, in quanto i numeri delle videolezioni non corrispondono):
http://piazzanettuno.uninettuno.it/includes/download.asp?tabella=documenti&id=11677
E’ disponibile anche una raccolta di slide specifiche sul tema della percezione, a cura della ricercatrice
Lisa Arduino:
http://www.lumsa.it/LUMSA/Portals/docenti/Arduino/lezione%203.%20Percezione.pdf

1 Rapporto tra percezione e scienza cognitiva


Riferimento: lez. 1, da 0:00 a 14:00

1.1 La scienza cognitiva

La scienza cognitiva si occupa dell’elaborazione dell’informazione da parte dei sistemi naturali e arti-
ficiali: poiché questi sistemi sono reali e hanno limiti percettivi, la scienza cognitiva si interessa anche
di percezione.
La scienza cognitiva non studia soltanto i sistemi “percettivi”, che acquisiscono informazione, ma anche
i sistemi “cognitivi”, che elaborano l’informazione acquisita, la conservano (memoria), la rendono
disponibile in altre forme (ad esempio con traduzioni simboliche di tipo linguistico).

1.2 Definizioni di “percezione”

• Esperienza diretta del mondo → Componente di immediatezza dell’esperienza vissuta.

• Rappresentazione mediata dall’informazione sensoriale → Dato di fatto, scientificamente irrin-


unciabile, della mediazione dell’informazione.

1.2.1 Assunzioni di base (secondo William James)

• Percetti = Esperienze fenomeniche dell’osservatore = Dati

• Osservatore e Ambiente coesistono nel mondo fisico

• Il mondo fisico è conosciuto → Questo permette di analizzare il sistema di osservazione

1.2.2 Assunzioni di base (secondo Wolfgang Köhler)

Il mondo percepito è...

• fenomenicamente oggettivo → il mondo percepito si presenta con carattere di immediatezza, cioè


appare come qualcosa di dato all’esterno dell’osservatore

• geneticamente soggettivo → il mondo percepito si produce come conseguenza di processi che


hanno luogo all’interno dell’organismo → esempio di adattamento delle mani a due temperature
diverse con conseguente cambio di percezione della temperatura percepita

5
1.3 Definizione di “limiti percettivi”

I limiti percettivi sono descrivibili mediante...

• “soglie”, al di sotto delle quali lo stimolo non viene avvertito;

• regolarità, stranezze, “errori sistematici” (illusioni);

• limiti avvertiti come “difetti” di funzionamento.

1.3.1 Esempio

Le immagini consecutive (ad esempio fissare a lungo un punto luminoso)...

• dipendono dalle “soglie”;

• evidenziano “errori sistematici” della percezione visiva;

• per la visione ordinaria sono piccoli “difetti” (poiché nella vita quotidiana raramente lo sguardo
rimane fisso in un punto).

1.4 Definizione di “sistemi percettivi”

I sistemi percettivi...

• sono sistemi “intelligenti” che elaborano informazione → “intelligenti” significa che possiedono
una conoscenza del mondo esterno;

• sono analizzabili in base ai principi della scienza cognitiva.

2 Problematica dei metodi usati per lo studio della percezione


Riferimento: lez. 1, da 14:00 a 36:20

I sistemi cognitivi in generale, secondo David Marr (1982), sono studiabili a vari livelli concettualmente
ben distinti, ma tutti necessari: teoria computazione, rappresentazioni e algoritmi, implementazione
fisica.
L’approccio della scienza cognitiva è interdisciplinare, si avvale di molti metodi, provenienti da varie
discipline scientifiche: la psicologia per studiare i soggetti in condizioni particolari e controllate,
le scienze dell’artificiale per la costruzione di modelli di sistemi, le neuroscienze per descrivere il
funzionamento dei processi a livello biologico.
Non c’è modo di sapere in anticipo da quale ambito di ricerca emergerà una nuova forma di conoscenza.
In questo corso vengono presi in esame i metodi che appartengono alla psicologia.

2.1 Teoria computazionale

Livello sovraordinato, assolutamente generale. Prima di tutto, per studiare un sistema cognitivo
(naturale o artificiale), è necessario aver chiaro “qual è il problema computazionale che il sistema deve
affrontare”.

6
2.2 Rappresentazioni e algoritmi

Per studiare un sistema cognitivo (naturale o artificiale), è necessario avere a disposizione un linguaggio
per rappresentare adeguatamente e tradurre in algoritmi i processi che hanno luogo all’interno del
sistema.

2.3 Implementazione fisica

La vera e propria spiegazione di un sistema cognitivo (naturale o artificiale) si ha soltanto con una
descrizione adeguata della sua implementazione fisica (o con la sua concreta realizzazione nel caso di
un sistema cognitivo artificiale). Nel caso di sistemi naturali, studiare l’implementazione fisica significa
studiare i meccanismi neuro-fisiologici della mediazione e rappresentazione percettiva.

2.4 Esempio relativo al sistema cognitivo della “visione”

La visione è una catena psico-fisica di eventi...

• ... che inizia con un insiemi di oggetti “distali” (cioè esterni all’osservatore) che fanno parte del
“mondo fisico”;
• tali oggetti, se è disponibile la luce, producono “informazione ottica”, che può essere raccolta in
un punto di vista (informazione, stimolo “prossimale”);
• c’è un sistema dotato di apparati specifici per raccogliere l’informazione prossimale, codificar-
la (cioè registrarla in un codice interno) e organizzarla con principi tali da permettere una
rappresentazione adeguata all’azione: tale rappresentazione è il “mondo percepito”;

Nota: mondo percepito e mondo fisico non sono la stessa cosa, anche se una loro congruenza è
auspicabile per permettere alla rappresentazione del mondo di essere un efficace supporto per l’azione.

2.4.1 Descrizione attraverso “teoria computazionale”

La congruenza tra mondo percepito e mondo fisico è un problema computazionale descrivibile, secondo
Marr, come “la strada verso ciò che è desiderabile attraverso ciò che è possibile”.

2.4.2 Descrizione attraverso “rappresentazioni e algoritmi”

Quello che il sistema cognitivo della visione fa è trasformare un input in un output: la descrizione
scientifica di questa trasformazione è l’obiettivo della scienza dei sistemi percettivi.

2.4.3 Descrizione attraverso “implementazione fisica”

La descrizione a livello di meccanismi neurofisiologici permette di definire ciò che è possibile realizzare
e quali sono le limitazioni.

2.5 I metodi che appartengono dalla psicologia

I metodi psicologici per lo studio dei sistemi cognitivi si basano su:

• osservazione fenomenologica;
• scoperta di fenomeni critici;
• falsificazione di ipotesi sui meccanismi con cui viene costruita una rappresentazione del mondo
esterno.

7
2.5.1 Esempio: studio del movimento stroboscopico

Il movimento stroboscopico (su cui si basa il cinema e che è generato da una sequenza di fotogrammi)
è stato studiato ampiamente da Wertheimer (1912).

• Osservazione fenomenologica → L’alternanza rapida di fotogrammi produce la percezione di un


movimento (apparente) di un punto. Questo è il “movimento beta”. Aumentando la frequenza
dei fotogrammi l’osservatore non vede più un punto solo, ma due punti che sfarfallano: questo è
il fenomeno “ϕ (phi) puro”. Il senso di movimento, comunque, è ancora presente.

• Falsificazione di ipotesi → Una possibile spiegazione del movimento stroboscopico (beta) è che
la mente umana vede un movimento perché, sulla base di ciò essa conosce del mondo, questa è
l’interpretazione più plausibile: tale ipotesi è però falsificata dalla scoperta del “ϕ (phi) puro”.
Il movimento non può quindi essere interpretato come una sequenza di immagini statiche.

2.5.2 Esempio: studio della Motion Induced Blindness

• Scoperta di fenomeni critici → Ci sono casi limite per l’osservazione fenomenologica, in cui gli
esseri umani non riescono ad accorgersi se ciò che vedono dipende da loro sistema di visione
oppure da qualcosa che accade nel mondo. Un esempio è il fenomeno di cecità noto come
Motion Induced Blindness. Un esempio identico a quello mostrato nella videolezione è riportato
all’indirizzo:
http://www.michaelbach.de/ot/mot_mib/index.html

2.6 Il metodo sperimentale

I metodi della psicologia derivano direttamente dal metodo sperimentale, che è basato su:

• isolamento e controllo delle variabili: è importante capire quali sono le variabili veramente
importanti per il riprodursi di un certo fenomeno ed è auspicabile poter controllare tali variabili;

• scoperta delle condizioni per il riprodursi dei fenomeni: se è possibile controllare le variabili
significative per il riprodursi di un certo fenomeno, allora è anche possibile capire quali condizioni
sono necessarie per la sua riproduzione.

2.6.1 Esempio di isolamento delle variabili significative: il riconoscimento dei pattern


biologici

Pochi punti (che sono le variabili in questione), disposti in un certo modo (nel caso specifico in
corrispondenza delle articolazioni di un essere umano posizionato secondo l’orientamento normale,
cioè testa in alto e piedi in basso) e che si muovono secondo un certo movimento, sono sufficienti per
riconoscere una figura umana che cammina.

2.7 Le misure psicofisiche

Altri metodi di indagine si basano su misure psicofisiche, le quali...

• mettono in relazione un attributo fisico e una unità di misura psichica;

• definiscono la sensibilità dell’osservatore.

8
2.7.1 Esempio di misura psicofisica: misurare una “soglia differenziale” tramite il “meto-
do degli stimoli costanti”

Dato un “peso standard” di riferimento (ad esempio 100g), quanto più pesante dovrà essere un “peso
di confronto” affinché una persona possa distinguerlo dal peso standard?
Per rispondere, viene chiesto ad un osservatore di effettuare vari sollevamenti sequenziali, in ciascuno
dei quali dovrà confrontare il peso stardard con un peso di confronto, estratto a caso da una serie di
pesi di confronto (ad esempio 90g, 94g, 98g, 102g, 106g, 110g). L’osservatore dovrà fare molte prove,
ad esempio dieci prove per ogni peso di confronto, per un totale di sessanta confronti.
I dati derivati da una procedura come questa vengono convenzionalmente rappresentati su un piano
cartesiano, dove sull’asse delle ascisse (orizzontale) è riportato il valore dei pesi di confronto, mentre
sull’asse delle ordinate (verticale) sono riportati numeri da 0 a 1, che rappresentano la proporzione di
risposte del tipo “il peso di confronto è maggiore dello standard” rispetto al numero totale di risposte
date per un determinato peso di confronto. I punti così ottenuti vengono interpolati, ottenendo una
curva caratteristica, detta “curva psicometrica”.
Tale curva permette di derivare due punti importanti: quello che ha ordinata 0,50 (cioè 50% delle
risposte “il confronto è maggiore dello standard”), che rappresenta il livello massimo di incertezza e
che idealmente corrisponde a un peso di confronto uguale al peso standard, e quello che ha ordinata
0,80 (cioè 80% delle risposte “il confronto è maggiore dello standard”). La distanza sulle ascisse tra
questi due punti corrisponde alla jnd (just noticeable difference = differenza appena discriminabile =
soglia differenziale).

2.7.2 Per approfondimenti sulle misure psicofisiche

Una buona introduzione sulle misure psicofisiche è disponibile all’indirizzo:


http://www.psicoscrittura.it/psicologia_neuroscienze/psicologia_generale/sensazione.htm
Una trattazione più estesa è invece disponibile nella dispensa “Appunti di Psicofisica” del prof. Luca
Tommasi, disponibile all’indirizzo:
http://digilander.libero.it/informapsico/psicofisica.pdf

2.7.3 Ulteriori approfondimenti

Può anche essere utile visionare le slide del corso di “Percezione & Psicofisica” del prof. Walter
Gerbino, disponibili agli indirizzi:
http://www.psico.univ.trieste.it/fac/mdida09/Gerbino/wg_pep1.pdf
http://www.psico.univ.trieste.it/fac/mdida09/Gerbino/wg_pep2.pdf
http://www.psico.univ.trieste.it/fac/mdida09/Gerbino/wg_pep3.pdf
http://www.psico.univ.trieste.it/fac/mdida09/Gerbino/wg_pep4.pdf

3 Applicazione in vari ambiti dello studio della percezione


Riferimento: lez. 1, da 36:20 a 40:00

La conoscenza dei sistemi percettivi può essere usata per:

• progettazione di interfaccie nelle tecnologie della simulazione o nello sviluppo di protesi;

• studio della comunicazione visiva e dell’estetica sperimentale (cioè del grado di piacevolezza di
immagini).

9
4 La psicofisica indiretta
Riferimento: lez. 2, da 0:00 a 16:25

Gli argomenti di psicofisica indiretta, psicofisica diretta e la teoria della detezione del segnale sono
illustrati anche nelle slide del prof. Massimo Grassi, disponibili all’indirizzo:
http://www.psy.unipd.it/~grassi/forstudents/altro/psicofisicacosa.ppt

4.1 Legge di Weber (per la soglia differenziale)

Il metodo per misurare la soglia differenziale ∆I è spiegato nel par. 2.7.1. Weber notò che la jnd non
è costante, ma varia: ad esempio, uno stesso ∆I pari a 2g è...

• sufficiente per essere rilevato dall’osservatore se il peso di riferimento I è uguale a 100g;


• è insufficiente, quindi non rilevabile, se I è uguale a 300g.

Weber verificò la seguente relazione:


∆I
K= I (legge di Weber)
K = costante (frazione, rapporto) di Weber
La costante di Weber è specifica per la modalità sensoriale, ad esempio per il peso sollevato, per la
chiarezza dell’illuminazione, per il suono di altezza media, per la pressione sulla pelle, per il sapore di
sale, ecc..
La legge di Weber, comunque, è una generalizzazione valida per valori intermedi nel dominio fisico
delle grandezze considerate.

4.2 Legge di Fechner

Fechner usò la legge di Weber per capire in che modo può variare la sensazione psichica S al variare
continuo dell’intensità della stimolazione fisica I, cioè descrivere la funzione S = f (I). Tale funzione
è espressa da:
 
S = c log I
I0 (legge di Fechner)
che descrive l’aumento della sensazione S all’aumentare dell’intensità fisica I, rapportata alla soglia
assoluta I0 . La costante c esprime la rapidità con cui crescono le sensazioni all’aumentare dello stimolo
ed è inversamente proporzionale alla costante di Weber K.

4.2.1 Conseguenza delle leggi di Weber e Fechner

Confronto tra due osservatori:


osservatore più sensibile → “K ” più piccolo → “c” più grande
osservatore meno sensibile → “K ” più grande → “c” più piccolo

4.2.2 Motivi dell’uso del logaritmo

Il logaritmo “comprime” domini fisici molto estesi, come l’intensità della luce o del suono...

• ... tale compressione è ciò che realmente gli esseri umani fanno (a livello di percezione) nella loro
vita quotidiana.
• ... molte variazioni di grandezze che avvengono in natura, come l’osservazione dell’altezza di un
oggetto a distanze diverse, lasciano invariati i rapporti, non le differenze.

10
5 La psicofisica diretta
Riferimento: lez. 2, da 16:25 a 21:59

Nella psicofisica diretta l’osservatore valuta direttamente le sensazioni, quindi non viene usato il meto-
do degli stimoli costanti (psicofisica indiretta, par. 2.7.1), che è molto oneroso in termini di tempo,
ma viene applicato il metodo della stima di grandezza (magnitude estimation) e la legge di Stevens.

5.1 Metodo stima di grandezza (magnitude estimation)

Esempio con lo stimolo della luce:


Si presenta uno stimolo con una certa intensità di luce e si dice al soggetto che ha una chiarezza pari
a un numero N (ad es. 10). Per ogni altro stimolo presentato di intensità diversa, si chiede al soggetto
di associarla a un numero che ne rappresenti la chiarezza relativamente al primo stimolo.
Ad esempio, se i soggetti credono che la seconda luce sia due volte più luminosa della prima, assegn-
eranno a essa il numero 20; se pensano che la chiarezza sia la metà, sceglieranno il numero 5 ecc.. Da
ciò si ricava un’indicazione precisa del valore medio assegnato a ognuna.
Per la luce:
Gli aumenti nell’intensità della luce producono cambiamenti progressivamente più piccoli nella chiarez-
za in conformità con la legge di Fechner.
Per gli stimoli in genere:
Stevens stabilì che la legge di Fechner era applicabile solo per certi tipi di stimolazione. Per esempio,
la stima di grandezza della sensazione suscitata da una scossa elettrica al crescere dell’intensità della
scossa, aumenta dapprima lentamente, poi più rapidamente – l’opposto del risultato predetto dalla
legge di Fechner. Risultati opposti alla legge di Fechner si ottengono in genere con stimoli dolorosi.

5.2 Legge di Stevens

Stevens propose la legge di potenza, secondo cui la sensazione S è proporzionale all’intensità dello
stimolo I elevata a una certa potenza n:
S = mI n (legge di Stevens)
dove m ed n sono costanti.
La funzione è compressiva (come la funzione logaritmica di Fechner) se n < 1, espansiva se n > 1.

6 La teoria della detezione del segnale


Riferimento: lez. 2, da 21:59 a 40:42

La SDT (Signal Detection Theory)...

• ... serve a misurare la rilevabilità di segnali deboli;

• ... permette di separare due fattori: la “sensibilità” (che si riferisce a quanto sia semplice
o difficile individuare un segnale specifico su uno sfondo) dal “bias di risposta” (pregiudizio,
criterio soggettivo di decisione, tendenza a rispondere di “sì” o di “no”).

11
6.1 Il problema: ruolo dei processi di decisione nelle rivelazioni

I concetti di soglia assoluta e di soglia differenziale sono fondati sull’idea che, quando viene presentato
uno stimolo a un soggetto, questi o lo rileva o non lo rileva. Ma questa rivelazione è associata con i
processi di decisione, in quanto il soggetto deve decidere la presenza (o assenza) di uno stimolo rispetto
a un rumore di fondo.
Egli ha quindi un compito di rilevazione dello stimolo secondo quattro possibilità:

• H (Hit): dire sì (che il segnale esiste) quando questo esiste realmente;

• FA (Falso Allarme): dire si quando vi è solo rumore di fondo;

• O (Omissione): dire no (che il segnale non esiste) quando questo esiste realmente;

• RC (Rifiuto Corretto): dire no quando il segnale non esiste davvero.

6.2 La teoria della detezione del segnale: quantificare l’abilità di distinguere, in


un segnale, il segnale vero

Negli esperimenti per la misurazione della sensibilità sensoriale bisogna tener conto di una sovrappo-
sizione tra la sensibilità dell’organismo e il criterio soggettivo di decisione (bias di risposta). In tal
senso vi può essere:

• un atteggiamento più di azzardo;

• un atteggiamento più prudente.

Chi azzarda sceglie di compiere più H che RC, ma in questo modo aumenterà il numero degli FA; chi
è prudente opterà per gli RC, ma in tal modo aumenterà gli O.
La teoria della detezione del segnale fornisce modelli matematici per distinguere la “sensibilità” dal
“bias di risposta”.

6.3 Applicazioni pratiche

Questo paragrafo è tratto da Wikipedia, voce “Teoria della detezione del segnale”, sezione
“Applicazioni in psicologia”.
http://it.wikipedia.org/wiki/Teoria_della_detezione_del_segnale

La teoria della detezione del segnale, in inglese SDT (Signal Detection Theory) è usata dagli psicologi
ogniqualvolta devono misurare il modo con cui in soggetto prende le decisioni in condizioni di incertez-
za, per esempio nello studio delle stime nella valutazione della distanza in caso di nebbia. La teoria
oltre a descrivere un numero di determinanti psicologiche di come sia possibile localizzare e purificare
il segnale, descrive anche come si modificano le varie soglie di percezione, le quali sono influenzate
da fattori come l’aspettativa, l’esperienza, lo stato psicologico (ad esempio una sentinella in tempo di
guerra probabilmente riuscirà a captare un suono più lontano e remoto rispetto ad una in tempo di
pace).
La SDT stabilisce che il soggetto che prende la decisione non si comporta come un ricevitore passivo
di informazioni, ma come un attivo "decisore" che elabora giudizi complicati in condizioni di incertezza
e rielabora i dati da lui ricevuti. In caso di nebbia, il soggetto è forzato a decidere quanto sia lontano
da lui un determinato oggetto, basandosi esclusivamente da un segnale, che proviene dalla vista, in
cui è presente un rumore (la nebbia) che altera la percezione iniziale. Poiché il cervello utilizza la
luminosità degli oggetti, ad esempio le luci dei semafori, per valutare la distanza dell’oggetto, la
nebbia, diminuendo la luminosità, fa apparire il semaforo molto più distante di quanto esso sia.

12
7 Rapporto tra grandezza percepita e distanza degli oggetti
Riferimento: lez. 3, da 0:00 a 7:45

L’informazione ottica contiene...

• una componente fotometrica;

• una componente geometrica.

In questa sezione viene presa in considerazione solo la componente geometrica.

7.1 Percezione come ricostruzione

La percezione può essere considerata come una ricostruzione di un mondo...

• partendo da proiezioni nelle quali qualcosa viene perduto...

• ... ma a livello percettivo molto di ciò che è stato perduto viene recuperato.

Il problema è particolarmente evidente considerando la grandezza reale e percepita degli oggetti in


funzione della distanza.

7.1.1 Legge di Emmert e illusione della Luna

Questo paragrafo è tratto da una traduzione del cap. 7 del libro “Vision Science: Photons
to Phenomenology” di Stephen Palmer, disponibile all’indirizzo:
http://www.maxversace.com/palmer_cap7.html

Una percezione errata sistematica della distanza è anche alla base della spiegazione proposta per una
comune illusione visiva: l’illusione della luna, in altre parole la percezione della luna come più grande
quando è bassa nel cielo (vicina all’orizzonte) rispetto a quando è alta. In realtà, la maggior parte della
gente non ha mai sospettato che questo risulti da un errore nella percezione comune, ma assume che ci
sia più di una spiegazione fisica per questo. Pur essendo consapevole che in realtà la luna non diventa
più piccola quando sorge nel cielo, molta gente assume che questo possa accadere o perché la luna si
allontana, o perché ci sono alcuni tipi di distorsione ottica causati dall’atmosfera terrestre. Nessuna
spiegazione, tuttavia, è corretta, perché le immagini fotografiche che dimostrano che la grandezza della
luna rimane costante lungo tutta la sua traiettoria.
La spiegazione può essere cercata nel modo in cui la situazione è percepita.
La teoria più ampiamente accettata a questo proposito è la “teoria della distanza apparente”, in base
alla quale la luna sembra più grande quando è vicina all’orizzonte poiché è percepita come più lontana.
La relazione grandezza-distanza dice che quando l’immagine retinica della stessa grandezza è percepita
come più lontana (all’orizzonte) sarà ritenuta essere più grande di quando è percepita come più vicina
(alta nel cielo).
Questo è esattamente ciò che accade nel caso dell’illusione della luna.
Il fatto che due immagini retiniche della stessa grandezza - così come la luna nelle sue due posizioni -
siano percepite come aventi grandezze diverse quando sono percepite a distanze diverse è un esempio
della “Legge di Emmert”: la grandezza percepita di un’immagine costante è proporzionale alla sua
distanza percepita.

13
7.1.2 Prospettiva artificiale e grandezza percepita

Su Wikipedia c’è una voce dedicata alla Galleria Spada e alla finta prospettiva del Borro-
mini, con foto, all’indirizzo:
http://it.wikipedia.org/wiki/Galleria_Spada

In un’architettura in cui sia esagerata la fuga prospettica di un colonnato, come nel caso della galleria
del Borromini all’interno del palazzo Spada, la distanza percepita al centro del colonnato è ben diversa
da quella reale. La finta prospettiva è creata sull’illusione che la galleria del Borromini sia lunga circa
35 metri, ma in realtà è lunga 8,82 metri. L’illusione è dovuta al fatto che i piani convergono in un
unico punto di fuga, così mentre il soffitto scende dall’alto verso il basso, il pavimento mosaicato sale.
Anticamente, sulla parete di fondo, era disegnato un finto motivo vegetale che accentuava il senso
prospettico.

7.1.3 Grandezze percepite e grandezze retiniche

Nella percezione di immagini, le grandezze percepite delle figure sono ben diverse dalle grandezze
retiniche: l’esempio mostrato nella videolezione è una famosa foto di Pablo Picasso, con la moglie in
primo piano e un nipote sullo sfondo.
La foto è disponibile all’indirizzo:
http://veja.abril.com.br/210301/foto11.html

8 Problema della formazione delle unità percettive


Riferimento: lez. 3, da 7:45 a 11:50

Per approfondimenti, è disponibile il cap. 19 “Percezione - Le ragioni dell’apparenza” di Walter


Gerbino, tratto dal libro “Psicologo: verso la professione”, all’indirizzo:
http://www.psico.univ.trieste.it/fac/mdida2/Gerbino/rag.pdf
Problema 5 quadrati con occludenti.
La semplice disponibilità di alcune parti nell’immagine retinica non giustifica l’esistenza dell’oggetto
percepito: il fenomeno che viene sfruttato è il completamento amodale dietro gli occludenti.

9 La relazione tra figura e sfondo


Riferimento: lez. 3, da 11:50 fino al termine.

Ci sono situazioni in cui un’immagine è composta da due regioni: il problema è quale delle due regioni
sarà percepita come figura e quale come sfondo. I fattori che possono influire su questa scelta, studiati
per la prima volta da Edgar Rubin (1915) e ripresi della psicologia della Gestalt, sono detti "fattori di
stratificazione" o "fattori figura/sfondo" e possono essere così elencati:

• familiarità (tendenza a riconoscere figure note);

• inclusione (tendenza a vedere come figure regioni completamente circondate);

• area minore (tendenza della regione con area minore ad apparire come figura);

• convessità (tendenza a vedere come figura un’area dai bordi concavi rispetto ad un’area dai bordi
convessi);

14
• posizione (anche fattori legati all’orientamento nello spazio hanno un ruolo nella scelta di cosa
sia figura e cosa sfondo);
• ebenbreite (tendenza a vedere come figura le aree a "larghezza costante");
• contrasto tra ebenbreite e area percepita (una regione può essere percepita in modi diversi e con
aree diverse semplicemente ruotandola, pur mantenendo la stessa area "reale").

Tali fattori, secondo la psicologia della Gestalt, possono essere ricondotti al principio di minimo
(tendenza organizzativa centrale alla semplicità) e alla funzione unilaterale dei bordi (tendenza dei
bordi a svolgere una funzione di contenimento soltanto da un lato).
Max Wertheimer analizzò il problema dell’articolazione figura/sfondo secondo i processi di "unifi-
cazione e segregazione" del campo visivo, in base ai quali ogni volta che un insieme di stimoli viene
raggruppato in una figura unitaria, secondo una serie di principi organizzativi, ovvero:

• legge della vicinanza o prossimità,


• legge della somiglianza,
• legge della chiusura,
• legge della continuazione,
• legge del destino o moto comune,
• legge della pregnanza,
• legge dell’esperienza passata,

automaticamente il campo visivo circostante assume il ruolo di sfondo.


L’articolazione figura/sfondo emerge anche con figure ottenute con margini fisicamente inesistenti,
come il noto "triangolo" di Kanizsa.
L’illusione del "triangolo" di Kanizsa, così come l’illusione della Luna, può essere spiegata con due
teorie diverse:

• Empirismo probabilistico (Helmholtz): nello stimolo ci sono soltanto dei “pezzi” di forme, che
hanno delle lacune (linee interrotte, forme cave concave). La mente “spiega” le interruzioni e le
concavità generando l’oggetto “più probabile”.
• Organizzazione autoctona (Gestalt): emerge l’oggetto richiesto dal miglioramento strutturale.
Come dimostrano altri esperimenti, però, non sempre emerge un miglioramento globale.

Esistono anche figure "ambigue" o "reversibili": si tratta di stimoli instabili, in cui si ha una inversione,
un’alternanza periodica e regolare fra figura e sfondo (tuttavia, in queste configurazioni, è impossibile
percepire contemporaneamente entrambi gli elementi come figure).

10 Rapporto tra immagini retiniche e forme percepite


Riferimento: lez. 4, dall’inizio a 6:50

Per approfondimenti, è disponibile la dispensa “Il riconoscimento di oggetti” del prof. Nicola Bruno,
all’indirizzo:
http://www.psico.univ.trieste.it/labs/LabPPC/bruno.rtf%20%28Read-Only%29.pdf
La forma percepita:

• non corrisponde alla proiezione retinica;


• tende a covariare con l’orientamento percepito.

15
10.1 Illusione di Shepard

Esempio dell’illusione di Shepard


pagg. 7, 8, 9 di http://www.psico.univ.trieste.it/fac/mdida2/Gerbino/SV/03.pdf
Per curiosità, altre illusioni: le figure impossibili
Link: http://www.universitor.it/leggiarticolo.php?a=1&sez=41&art=344
L’illusione di Shepard è la dimostrazione che la forma percepita non corrisponde alla proiezione retinica.
Le componenti di questa illusione sono:

• sopravvalutazione della verticale (illusione della verticale / orizzontale);

• compensazione percettiva dello scorcio (vera e propria deformazione dell’immagine retinica nella
direzione della forma orientata nello spazio tridimensionale).

11 Orientamento delle forme nello spazio


Riferimento: lez. 4, da 6:50 a 15:05

La forma di due dischi disposti diversamente nello spazio tridimensionale appare costante: i dischi ap-
paiono come viste diverse dello stesso oggetto, ma le forme bidimensionali rimangono percettivamente
diverse. La forma retinica e la forma percettiva sono diverse.
La percezione è "organizzata": le configurazioni percettive possiedono una "struttura gerarchica", nel
senso che alcune parti hanno la funzione di riferimento, o da ancoramento, per altre. Nel dominio
dell’orientamento, il ruolo di sistema di riferimento è giocato dagli assi verticale e orizzontale (ad es.
per il riconoscimento degli angoli). Da notare che la verticale dello spazio percepito non possiede
soltanto una "direzione", ma anche una "polarità": a questo proposito, è celebre il disegno elaborato
da Kanizsa e Tampieri (visto "dritto" sembra una strega, visto "capovolto" sembra una principessa).

12 Rapporto tra struttura tridimensionale e informazione cinetica


Riferimento: lez. 4, da 15:05 fino alla fine

L’informazione cinematica e il chiaroscuro favoriscono l’estrazione della struttura tridimensionale. Le


variazioni retiniche non sono percettivamente salienti: le usiamo in maniera inconsapevole per estrarre
la struttura tridimensionale. Se cercassimo di valutare semplicemente l’immagine retinica in quanto
tale, cadremmo facilmente vittima di potenti illusioni.
Esempi:

• Effetto cinetico di profondità: Kinetic Depth Effect (KDE) → esempio di “Structure-from-


motion” (recuperare struttura dal movimento). Si presume assunzione di rigidità dell’oggetto
tridimensionale.

• Effetto stereocinetico: Stereokinetic Effect (SKE) → trasformazioni ottiche solo parzialmente


coerenti con l’assunzione di rigidità. SKE come componente del KDE.

• “Moti stabilmente orientati” oppure “rotazione rigida”.

• Forma tridimensionale e direzionalità dell’illuminazione: Shape-from-shading (cambia la conves-


sità in base alla direzionalità dell’illuminazione).

16
13 Contenuto dell’informazione fotometrica
Riferimento: lez. 5, dall’inizio a 24:00

13.1 Newton e la decomposizione dei colori della luce solare con il prisma

Newton, nel 1672, si procura un prisma triangolare e lo mette attraverso un raggio di sole. Nei loro
esperimenti Cartesio, Hooke e Boyle avevano posto uno schermo vicino alla faccia del prisma da cui
usciva la luce e avevano osservato un miscuglio di colori. Newton realizza che per ottenere uno spettro
ben visibile, deve allontanare notevolmente lo schermo. Sfrutta tutta l’ampiezza del suo studio, dalla
finestra al muro, per vedere proiettati tutti i colori separati. Ma per provare che non è il prisma a
colorare la luce, Newton mette a punto un experimentum crucis, l’esperimento decisivo. Sul percorso
del suo spettro mette uno schermo in cui ha tagliato un fessura sottile, in modo da far passare solo il
raggio verde. Quindi fa passare questo raggio in un secondo prisma. Se il prisma colora la luce, allora il
raggio verde deve uscirne di colore diverso. Il raggio invece rimane verde, non modificato dal prisma.
Newton così dimostra che i colori sono le varie componenti della luce che il prisma semplicemente
separa. Facendo passare tutto lo spettro attraverso il secondo prisma messo in modo opportuno,
Newton riesce infatti a ricomporre il fascio di luce bianca.
Newton e la decomposizione dei colori della luce solare con il prisma:
http://digilander.libero.it/bardi.scienza/A-Newton%20e%20la%20decomposizione%20dei%20colori%
20della%20luce%20solare%20con%20il%20prisma.htm

13.2 La teoria dei colori

• I colori PRIMARI: ROSSO, BLU, GIALLO, non possono essere generati da altri colori.

• I colori SECONDARI: ARANCIO, VERDE, VIOLA si ottengono mescolando due primari in


parti uguali.

• Mischiando due primari in quantità diverse, si ottiene un colore TERZIARIO.

• Spesso si usa impropriamente il termine "primari additivi" per indicare tre colori la cui mescolan-
za additiva produce ogni altro colore, e si individuano questi tre colori nel rosso, verde e blu.
Questo uso del termine non ha riscontro nel linguaggio scientifico e si rifà piuttosto a semplifi-
cazioni tipiche degli insegnamenti elementari. Infatti non esiste nessun insieme finito di colori
la cui mescolanza additiva generi ogni altro colore. In altre parole, i primari additivi, con il
significato appena detto, non esistono.

La teoria dei colori:


http://fc.retecivica.milano.it/dallo%20staff/Moderatori/RCMWEB/Tesoro/tesoro99/suk/colori/
testo.htm
Colore primario:
http://it.wikipedia.org/wiki/Colore_primario

13.3 La visione cromatica

• L’occhio non discrimina tra luci composte e luci elementari.

• Non sono necessarie tutte le radiazioni dello spettro.

• Per riottenere il bianco sono sufficienti 3 radiazioni elementari.

• Esiste una specializzazione del coni su canali sensibili nelle varie lunghezze d’onda e pertanto
classificati in Short, Medium e Long.

17
La visione cromatica - Da pag. 79 a pag. 92 delle seguenti slide:
http://cl.ottica.unisalento.it/OptoI2006Color.pdf

13.4 Metarismo

Si parla di metamerismo quando i colori di due oggetti esercitano un effetto cromatico esattamente
identico - ovvero sono cromaticamente identici - se osservati sotto un determinato illuminante, come
la luce diurna, mentre presentano caratteristiche cromatiche diverse l’uno dall’altro sotto un altro
illuminante, come la luce di una lampadina.
Che cos’è il metamerismo:
http://support.datacolor.com/index.php?_m=knowledgebase&_a=viewarticle&kbarticleid=146

14 Problema della cromaticità percepita


Riferimento: lez. 5, da 24:00 a 32:00

L’osservatore vede i colori di una regione (ad esempio un’ombra) in rapporto all’illuminazione della
scena complessiva, cioè in rapporto allo sfondo della zona circostante la zona osservata (spostamento
dello schema di riferimento verso il livello neutrale). Esempio sperimentale nella videolezione, fatto
con due riflettori.

15 Fenomeno della costanza di bianchezza


Riferimento: lez. 5, da 32:00 alla fine

Il fenomeno della costanza di bianchezza si riferisce al fatto che la luminosità percepita di un particolare
oggetto cambia pochissimo anche quando la quantità di luce riflessa cambia notevolmente.
Benchè l’effetto descritto si mantenga in circostanze normali, un cambiamento delle condizioni ambi-
entali può allunnarlo.
La costanza di bianchezza dipende dalle relazioni tra le intensità di luce riflessa dai differenti oggetti,
ad esempio continuiamo a vedere nero un oggetto nero anche alla luce del sole perchè l’oggetto continua
a riflettere una percentuale di luce minore di ciò che lo circonda: la sua bianchezza è determinata dalla
percentuale relativa di luce riflessa. Un processo simile vale per i colori.
Nota: “The Checker-shadow illusion”, di Edward H. Adelson, mostrata nella videolezione, sostanzial-
mente dimostra che le caselle “A” e “B” di una schacchiera, sebbene percepite rispettivamente di colore
grigio scuro e grigio chiaro, di fatto sono dello stesso identico colore (grigio scuro). Da ciò ne segue
che i colori percepiti non dipendono dalla quantità di luce fisica che arriva agli occhi, bensì dalle re-
lazioni tra le intensità di luce riflessa dai differenti oggetti. Una simpatica dimostrazione è fatta nel
seguente filmato:
http://www.youtube.com/watch?v=jj3c00AUmrM

16 Il modello tradizionale della percezione spaziale (Barkeley)


Riferimenti: lez. 6, dall’inizio a 14:00; “Lo spazio della percezione e dell’azione”, di
Nicola Bruno, da cui ho tratto alcuni paragrafi qui riportati, disponibile all’indirizzo:
http://www.psico.univ.trieste.it/labs/LabPPC/spaziopa04.rtf%20(Read-Only).pdf

18
Nel suo celebre “Essay on a new theory of Vision”, Berkeley ha scritto: “It is agreed by all that
distance, of itself and immediately, cannot be seen. For distance, being a line directed end-wise to the
eye, it projects only one point in the fund of the eye, which point remains invariably the same whether
the distance be longer or shorter”.
L’affermazione di Berkeley sembra contrastare con la nostra esperienza: nella nostra interazione col
mondo, abbiamo l’impressione di vedere immediatamente e senza sforzo lo spazio in cui sono situati
gli oggetti su cui possiamo agire. Berkeley ritiene invece che la percezione dello spazio non sia un
dato percettivo immediato, ma dipenda da un processo di ricostruzione non dissimile da una sorta di
ragionamento. L’argomento berkeleyano si basa sulla natura proiettiva del passaggio di informazione
che caratterizza la visione. Perché vi sia visione di un oggetto nello spazio, è necessario che la luce venga
riflessa dalla superficie dell’oggetto stesso e arrivi alla superficie recettoriale dell’occhio (il “fondo”
dell’occhio nelle parole del filosofo, ossia la retina). Se dunque consideriamo un punto nello spazio
tridimensionale e la retta che congiunge quel punto con l’occhio di un osservatore, risulta evidente che
qualsiasi altro punto che si trovi nello spazio lungo quella retta proietterà sullo stesso punto retinico.
Vi saranno dunque infiniti punti nello spazio a cui corrisponderà sempre uno e un solo punto sulla
retina. Pertanto, nel ragionamento di Berkeley, il sistema visivo non ha maniera di decidere, a partire
dalla singola proiezione retinica, quale di questi infiniti punti gli sta davanti. Per questo motivo, non
può vedere la distanza “of itself and immediately”. Bisogna ammettere che l’esperienza di distanza
risulta da processi successivi alla mera proiezione sulla superficie retinica.

16.1 Spiegazione di Barkley: il tatto educa la vista

Dato che il tatto ci consente, almeno apparentemente, di entrare direttamente in contatto con gli
oggetti, Berkeley ritiene che il nostro sistema percettivo impari a formulare giudizi corretti sulle dis-
tanze grazie a una forma di apprendimento associativo. Alle sensazioni tattili (supposte veridiche)
verrebbero infatti associate sensazioni provenienti dall’occhio durante la visione di oggetti a determi-
nate distanze. Tali sensazioni sarebbero originate da processi fisiologici quali la convergenza (quando
fissiamo un oggetto all’orizzonte gli occhi sono paralleli, mentre per fissare oggetti vicini gli occhi
formano un angolo di convergenza tanto maggiore quanto più l’oggetto è vicino) e l’accomodazione (a
riposo, la lente mette a fuoco oggetti lontani, mentre per portare a fuoco oggetti vicini l’occhio mod-
ifica la forma della lente grazie all’azione di muscoli preposti a questo scopo). Supponiamo di fissare
un oggetto a mezzo metro di distanza. Allungando il braccio per toccare l’oggetto, secondo Berkeley
otteniamo informazione veridica sulla sua distanza. In concomitanza con il gesto a livello oculare vi
è una sensazione dello sforzo muscolare necessario a convergere e accomodare per fissare l’oggetto e
metterlo a fuoco. Una volta imparata l’associazione fra la sensazione tattile e quella oculare, siamo
in grado in interpretare correttamente la sola sensazione oculare anche senza toccare l’oggetto e in tal
modo formuliamo giudizi veridici sulla sua distanza.

16.2 L’informazione tattile è veridica?

In realtà vi sono diversi fenomeni che suggeriscono esattamente il contrario. Ad esempio, nel cosiddetto
fenomeno dell’arto fantasma, soggetti che hanno subito l’amputazione di un arto continuano a riferire
di avere sensazioni tattili (spesso anche dolorose) nel punto in cui era l’arto ora amputato.
A ciò va aggiunto che tali “anomalie” della percezione tattile non sono limitate a soggetti in qualche
maniera anormali, come gli amputati. In un altro fenomeno, chiamato “coniglio cutaneo”, si osser-
vano sensazioni tattili in zone non stimolate di soggetti normalissimi. Basta stimolare tre zone della
cute, ad esempio all’altezza del polso, della parte centrale dell’avanbraccio e del gomito, con delle
vibrazioni puntuali alla giusta frequenza e separazione, per avere l’impressione di una successione di
molte pressioni successive in tutta la cute che separa i tre punti. Come se un animaletto corresse su
per il braccio, appunto.

19
16.3 Conflitto tra informazione tattile e ottica

In un classico esperimento degli anni ‘60, lo psicologo Irvin Rock ha provato a studiare una situazione
di conflitto fra tatto e vista allo scopo di verificare in che misura il tatto tende a correggere le sensazioni
visive. La situazione base era costituita da un cubo da toccare con le dita (utilizzando uno stratagemma
per evitare che le dita fossero visibili) e da guardare attraverso una lente che lo faceva apparire più
stretto. Il soggetto toccava, guardava, e poi gli veniva mostrata una serie di cubi via via più stretti
e doveva indicare quello che somigliava di più per dimensioni al cubo presentato prima. In queste
condizioni si verifica un fenomeno noto come “cattura visiva”: la vista predomina completamente sul
tatto, ossia il soggetto indica il cubo corrispondente a quello che ha visto (deformato dalla lente) e
non a quello che ha toccato (dimensioni reali). Sembra quindi che, almeno in queste condizioni, sia la
vista a insegnare al tatto e non viceversa.
Evidenza decisiva in questo senso proviene da una linea di ricerca dovuta alla celebre psicologa dello
sviluppo Eleanor Gibson, ideatrice di un paradigma sperimentale studiato appositamente per valutare
le previsioni del modello di Berkeley. Si tratta del paradigma del “precipizio visivo”. Tecnicamente, il
precipizio visivo non è altro che una sorta di tavolo di vetro, con metà della superficie coperta da una
scacchiera opaca, e i bordi rialzati per evitare che il partecipante all’esperimento (un bambino o una
bambina) possa cadere di sotto. Sul pavimento sotto il tavolo viene posta di nuovo la stessa superficie a
scacchiera, in modo che, guardando dal lato opaco in basso attraverso il vetro, si abbia una sensazione
visiva di “precipizio”. Tale sensazione è ovviamente in contrasto con la sensazione tattile ottenibile se si
tocca il vetro con la mano. Dunque il precipizio visivo non è altro che una seconda situazione di conflitto
fra vista e tatto, invece che a proposito della grandezza di un oggetto a proposito della distanza di una
superficie di supporto. Nell’informazione tattile, la superficie di supporto è continua su tutto il tavolo.
In quella visiva, invece, è discontinua: a un certo punto c’è un salto potenzialmente pericoloso. E
qui sta l’aspetto cruciale dell’esperimento. Infatti i partecipanti della Gibson erano in quell’età critica
(attorno ai 6-8 mesi) in cui i piccoli di homo sapiens iniziano a gattonare, ossia proprio nel periodo in
cui, sulla base della teoria di Berkeley, sarebbe lecito attendersi che inizi quel fondamentale processo
in cui il tatto insegna alla vista per quanto attiene alla locomozione. La procedura sperimentale era
la seguente: il partecipante veniva posto al centro del tavolo, in prossimità del confine fra scacchiera e
vetro, sul lato con la scacchiera. A questo punto compariva la madre, che poteva stare o alla fine del
lato con la scacchiera o alla fine del lato col vetro. La madre chiamava la bambina o il bambino, e lo
sperimentatore non faceva altro che classificare il comportamento di risposta. In queste condizioni, i
risultati sono chiarissimi: se la madre sta dal lato “sicuro”, quello con la scacchiera, tutti i partecipanti
gattonano felici fino da lei. Ma se sta dal lato “pericoloso”, se ne restano dove sono al centro del tavolo.
Esattamente il contrario di quanto prevede il modello di Berkeley, per il quale non ci dovrebbe essere
nessuna differenza. Infatti, nelle due condizioni dell’esperimento l’informazione tattile è la stessa, e
la vista non dovrebbe ancora avere imparato a ricostruire lo spazio e quindi a notare un potenziale
pericolo.

17 Il modello contemporaneo della percezione spaziale (James Jib-


son)
Riferimento: lez. 6, da 14:00 a 19:35

Il modello contemporaneo della percezione spaziale è basato sul concetto di assetto ottico ambientale.
L’assetto ottico è un costrutto teorico. Si tratta di un apparato concettuale Per comprendere di cosa
si tratta è necessario però abbandonare l’analisi berkeleiana (in termini di singoli raggi locali) a favore
di un approccio più globale.
Tecnicamente, possiamo definire l’assetto ottico ambientale come l’insieme degli angoli solidi sottesi
dalle superfici a un punto di vista.
Si consideri un ambiente arbitrario dove sono presenti oggetti posti sul terreno o su altri oggetti di
supporto. Se immaginiamo un punto in questo ambiente, per ogni superficie di ogni oggetto (inclusa

20
la superficie del terreno e la “superficie” formata dal cielo) possiamo definire una specie di piramide
avente come base la superficie stessa e come apice il punto immaginato. Se in corrispondenza di
questo punto poniamo adesso l’occhio di un osservatore avremo che l’insieme dei raggi contenuti nella
piramide risultano proiettati sul fondo dell’occhio, formando una “immagine retinica” la cui grandezza
dipende dall’angolo solido formato dalla piramide.
Si noti che questa maniera di concettualizzare la proiezione sulla retina non è ancora sostanzialmente
diversa da quella di Berkeley. Infatti la grandezza retinica di questa singola proiezione non specifica
univocamente né la grandezza né la forma della superficie alla base della piramide: superfici di diversa
grandezza a diversa distanza possono generare angoli solidi uguali, e lo stesso vale per superfici di
forma diversa ma diversamente inclinate rispetto al punto di vista. Ma l’assetto ottico non consiste
di un singolo angolo solido, ma dall’insieme di questi. Considerando tale insieme, è possibile scoprirvi
proprietà di tipo relazionale che disambiguano, in tutto o in parte, la natura delle relazioni spaziali
fra gli oggetti da cui gli angoli solidi originano e delle relazioni fra gli oggetti e il punto di vista.
Ad esempio, per superfici che sono posate sul terreno al crescere della distanza di queste dal punto
di vista l’angolo solido corrispondente si sposta, nell’assetto ottico, verso l’altezza che corrisponde
all’elevazione da terra del punto di vista (definita, nell’assetto ottico, dall’orizzonte). Vi sono dunque
relazioni spaziali fra angoli solidi nell’assetto ottico cui corrispondono in maniera regolare relazioni
spaziali fra oggetti nel mondo: la struttura spaziale della luce nell’assetto ottico specifica la struttura
spaziale degli oggetti nel mondo (entro certi limiti).

18 Fonti di informazione a livello visivo per percepire lo spazio


Riferimento: lez. 6, da 19:35 a 26:30

La capacità di svolgere compiti spaziali dipende dalle fonti di informazione spaziale presenti nella
struttura spaziotemporale dell’assetto ottico, le quali hanno rilevanza minore o maggiore a seconda
che si consideri lo spazio peripersonale (nel cui ambito l’interazione con gli oggetti è possibile senza
spostarsi), lo spazio dell’azione (interazione possibile con locomozione), o lo spazio panoramico (oggetti
a distanza).
Per comprendere la natura di tali fonti di informazione è utile distinguere innanzi tutto fra le fonti di
informazione di questo tipo e i cosiddetti indici “fisiologici” di distanza. Con quest’ultimo termine si
fa riferimento ai meccanismi dell’accomodazione e della convergenza, che erano noti già a Berkeley.
Per fonti di informazione presenti nella struttura spaziotemporale dell’assetto ottico intendiamo invece
quelle proprietà relazionali degli angoli solidi, descrivibili per mezzo della geometria proiettiva, che pos-
sono essere messe in relazione con proprietà spaziali dell’ambiente. Tali fonti di informazione possono
essere suddivise in tre categorie principali: monoculari pittoriche, monoculari legate al movimento,
binoculari.

18.1 Fonti di informazione monoculari pittoriche

Per fonti di informazione monoculari pittoriche intendiamo quelle proprietà dell’informazione ottica
che possono essere riprodotte in un quadro o una fotografia. Si tratta di informazione necessariamente
monoculare, in quanto un’opera figurativa non può che simulare la struttura dell’assetto ottico da uno
specifico punto di vista e in un preciso istante nel tempo. L’insieme di metodi che chiamiamo “prospet-
tiva” possono essere interpretati come tecniche per sfruttare la potenziale informazione pittorica in un
quadro o in un disegno tecnico allo scopo di far vedere a un potenziale fruitore la tridimensionalità di
un ambiente o di un edificio.
Ad esempio, al crescere della distanza e a parità di altre condizioni oggetti sul terreno occuperan-
no, nell’assetto ottico, posizioni via via più elevate e vicine all’orizzonte (altezza sul piano pittorico)
e corrisponderanno ad angoli solidi via via più piccoli (grandezza relativa). Superfici opache che

21
sono posizionate nell’ambiente dietro altre superfici opache avranno, nell’assetto ottico, angoli solidi
parzialmente interrotti dall’angolo creato dalle superfici davanti ad esse (occlusione). Per superfici
molto distanti, come quelle delle montagne, i margini dell’angolo solido corrispondente tenderanno
a diventare sempre meno contrastati quanto maggiore la distanza (prospettiva aerea). L’importanza
dell’informazione pittorica nella percezione spaziale viene spesso sottostimata. Se è vero infatti che
alcune fonti di informazione sono utili solo a definire relazioni ordinali, non metriche (si pensi all’oc-
clusione), e che altre fonti di informazione sono utili solo a valutare distanze estreme (come nel caso
della prospettiva aerea), l’utilizzo tecnicamente sofisticato dell’informazione pittorica può produrre
esperienze spaziali anche molto realistiche - sempre a patto che l’osservatore venga posto non trop-
po lontano dalla posizione in cui si trova il punto di vista utilizzato per creare la rappresentazione
pittorica. Inoltre è possibile dimostrare che in alcune condizioni l’informazione pittorica modifica in
maniera drammatica l’effetto di altri tipi di informazione.

18.2 Fonti di informazione monoculari legate al movimento

Le informazioni monoculari legate al movimento sono costituite da tutte le modificazioni che hanno
luogo nella struttura dell’assetto ottico in conseguenza del movimento del punto di vista rispetto a
oggetti fermi, di oggetti rispetto a un punto di vista fermo, o di entrambe le cose (che è poi il caso
generale). In modo un po’ impreciso, possiamo pensare al cinema per avere un esempio di manipo-
lazione sistematica di indici legati al movimento (oltre ovviamente che di indici pittorici). Rispetto
al caso di un osservatore in un ambiente reale c’è tuttavia una importante differenza: guardando un
film si sta fermi, mentre nell’ambiente reale gli indici legati al movimento dipendono dalla nostra at-
tività esplorativa, ossia da come ci muoviamo rispetto agli oggetti. Questo ha due conseguenze: che lo
spazio visto al cinema viene vissuto comunque come uno spazio rappresentato, non come un’esperienza
realistica, e che un buon regista ha a disposizione uno strumento espressivo molto potente, ossia la
possibilità di simulare strutture spaziotemporali da cui un soggetto verrebbe stimolato, se si muovesse
in una certa maniera in un certo ambiente.

18.3 Fonti di informazione binoculari

L’informazione spaziale binoculare, infine, risulta dalla rilevazione delle differenze fra gli assetti ottici
disponibili ai due occhi. L’esistenza di tali differenze era già nota ad Euclide ed è discussa da Leonardo.
Tuttavia risale alla prima metà dell’ottocento la dimostrazione definitiva che opportuni disegni a tratto
presentati separatamente ai due occhi (utilizzando uno strumento ancora oggi detto stereoscopio)
potevano generare un’esperienza del tutto realistica e convincente di tridimensionalità. Le differenze
fra gli assetti ottici presentati ai due occhi di un soggetto vengono chiamate disparità binoculari e
rappresentano la base, oltre che di numerosissime ricerche scientifiche, anche di molti giochi da salotto
come i cosidetti “viewmaster” (sostanzialmente, stereoscopi giocattolo) di moda qualche decennio fa
o le immagini dette “magic eye” in cui è possibile visualizzare oggetti 3D mettendo in registro la
fissazione binoculare con la disparità nascosta in una nuvola di punti apparentemente casuali. Non c’è
dubbio che la disparità binoculare abbia un ruolo essenziale per la valutazione di distanze e il controllo
di azioni nello spazio peripersonale.

19 Come il sistema visivo umano integra diverse fonti di infor-


mazione per arrivare a un percetto globale di spazialità
Riferimento: lez. 6, da 26:30 alla fine

Nell’ambiente naturale, la struttra spaziotemporale degli assetti ottici contiene sempre contempo-
raneamente molte delle fonti di informazione menzionate sopra. Per questo motivo, appare plausibile
pensare che il sistema visivo umano non si limiti a utilizzare le diverse fonti per ottenere ricostruzioni

22
spaziali separate dell’ambiente, ma combini l’informazione fornita dalle diverse fonti in un’unica rap-
presentazione. Un lavoro di integrazione di questo tipo avrebbe oltretutto il vantaggio di superare i
limiti intrinseci di ogni singola fonte, ottenendo una rappresentazione che dovrebbe risultare maggior-
mente accurata e precisa. Non è difficile dimostrare che tale attività di integrazione ha effettivamente
luogo. Ad esempio, molti risultati sperimentali dimostrano che le stime di distanza e di distanza
relativa si modificano al crescere del numero di fonti di informazioni disponibili.
Una dimostrazione particolarmente efficace di come il sistema percettivo combini informazioni spaziali
proviene da alcune osservazioni sulla stanza distorta inventata da Adalbert Ames a Princeton. Si
tratta di uno spazio chiuso, proprio come una vera e propria camera d’appartamento, dotato di una
porta attraverso la quale è possibile entrare e di finte finestre dipinte sulle pareti. Al contrario di una
normale stanza d’appartamento, tuttavia, la camera di Ames ha una pianta trapezoidale e su una delle
pareti la stanza ha uno spioncino, attraverso il quale è possibile osservare l’interno. In cosa consiste
l’illusione è presto detto. Due oggetti di uguali dimensioni, posti nella stanza nei due angoli visibili
dallo spioncino, appaiono di dimensioni completamente diverse. Infatti la posizione dello spioncino, la
forma delle pareti, e quella delle finte finestre sono studiati in modo che, dal punto di vista obbligato,
la parete di fondo sembri formare angoli di 90 gradi con le pareti laterali. Come se la stanza avesse
una normale pianta rettangolare. Questo il fatto che rende conto dell’illusione: dato che il sistema
percettivo cerca di combinare le informazioni presenti nella struttura della luce in una stima coerente
di distanza, grandezza, e posizione nello spazio, e dato che con questa stanza la soluzione a cui arriva
è quella di una pianta rettangolare, i due oggetti (che sono fisicamente uguali) vengono trattati come
se fossero alla stessa distanza dal punto di vista. Ma siccome in realtà sono a distanze diverse, i
corrispondenti angoli solidi sono diversi, per cui i due oggetti appaiono di diversa grandezza.
Un esperimento di Gehringer e Engel dimostra che l’illusione dipende proprio dal fatto che, nell’at-
tribuire una grandezza ai due oggetti, il nostro sistema tiene conto dell’informazione di cui dispone
relativamente alle relazioni spaziali presenti nella stanza. Utilizzando una camera simile a quella pro-
gettata da Ames, ma con una apertura sufficientemente grande da consentire di inserirvi la testa,
questi due ricercatori hanno chiesto a un gruppo di soggetti di scegliere, fra un gruppo di oggetti pre-
sentati al di fuori della stanza, quello che aveva grandezza uguale a quella di un oggetto test presentato
al su interno. La procedura veniva ripetuta in quattro condizioni diverse. Nella prima condizione,
simile alle condizioni tipiche di osservazione per la stanza di Ames, i soggetti guardavano l’oggetto test
con la testa immobilizzata da un supporto e una benda sopra un occhio. Nella seconda condizione,
la benda veniva rimossa in maniera che i soggetti potessero osservare la stanza con due occhi. Nella
terza condizione, la benda veniva indossata di nuovo, ma il supporto per la testa veniva rimosso, in
maniera da consentire al soggetto di muovere la testa. Infine, nella quarta condizione, anche la benda
veniva rimossa.
Le quattro condizioni consentono al soggetto di acquisire sempre maggiore informazione riguardo alle
relazioni spaziali presenti nella stanza: nella prima condizione, queste sono limitate agli indici prospet-
tici presenti in una singola vista; nelle altre, vengono aggiunte informazioni provenienti dalla parallasse
binoculare (la differenza fra le viste ai due occhi) e dalla parallasse di movimento (la differenza fra
viste successive). Coerentemente con l’idea che la grandezza percepita dipende dalle relazioni spaziali,
l’illusione di Ames si riduce, da un errore di quasi l’80% nella prima condizione, fino a solo il 20%
nella quarta condizione, con la seconda e terza su livelli intermedi.

20 Distinzione che i percettologi fanno tra gli organi di senso veri e


propri e i “sistemi percettivi”
Riferimento: lez. 7 - dall’inizio a 4:00

Thomas Reid: «I sensi esterni hanno una doppia funzione: sensoriale e percettiva. [Dal punto di
vista sensoriale] ci forniscono una varietà di sensazioni, piacevoli, doloroso o indifferenti; allo stesso
tempo, [dal punto di vista percettivo] ci danno una concezione degli oggetti e la convinzione della loro
esistenza esterna a noi.»

23
21 Caratteristiche dei sistemi percettivi
Riferimento: lez. 7 - da 4:00 a 19:00

I sistemi percettivi sono cinque, ma non coincidono esattamente con i cinque sensi, anche se fanno uso
di recettori sensoriali.

• Sistema dell’equilibrio (per mantenimento dell’equilibrio e della postura)

– Recettori vestibolari (si trovano nell’orecchio interno)


– Informazioni sulla direzione della gravità

• Sistema aptico

– Recettori meccanici e termici (nella pelle)


– Informazioni sulle proprietà dei materiali (forma tridimensionale, consistenza, temperatura,
capacità di supportarci come superficie su cui camminare, ecc.)
– Funziona bene attraverso l’esplorazione attiva (come dimostrato da Gibson)

• Sistema uditivo

– Recettori meccanici (si trovano nella coclea)


– Informazioni su eventi vibratori (suoni e loro provenienza)

• Sistema dell’olfatto e del gusto

– Recettori chimici
– Informazioni sulle proprietà di sostanze volatili (che ad esempio si trovano nell’acqua e
possono trasferirsi nell’atmosfera)

• Sistema visivo

– Foto-recettori (della retina)


– Informazioni su spazio, forma trimensionale, movimento degli oggetti, colore

Caratteristiche principali:

• I sistemi percettivi presuppongono la possibilità di effettura una esplorazione attiva dell’infor-


mazione disponibile nello stimolo, mentre gli organi di senso hanno solo una ricezione passiva
dell’energia contenuta nello stimolo.

• I sistemi percettivi non funzionano da soli, ma tendono a funzionare in collaborazione fra loro.

Esempi di integrazione di informazioni nei sistemi percettivi:

• Forma 3D → sistema visivo e sistema aptico

• Orientamento e postura → sistema dell’equilibrio, sistema aptico, sistema visivo, sistema uditivo
- dimostrazione nell’esperimento della stanza mobile, esperienza di JC (medico che aveva perso
l’uso del sistema vestibolare)

• Comunicazione acustica → sistema uditivo (suoni) e sistema visivo (movimento labbra) - di-
mostrazione nell’esperimento di McGurk

• ecc.

24
22 Relazione tra sistema visivo e sistema aptico per rilevare la forma
tridimensionale degli oggetti
Riferimento: lez. 7 - da 19:00 a 33:00

Sistema visivo:

• Structure-from-motion: capacità del sistema visivo di rilevare la forma tridimensionale degli


oggetti attraverso informazioni sul movimento.

• Stereoscopia: capacità del sistema visivo di rilevare la forma trimensionale degli oggetti attraver-
so l’uso delle diverse immagini che arrivano ai due occhi.

• Shape-from-shading: capacità del sistema visivo di rilevare la forma tridimensionale degli oggetti
attraverso la disposizione delle ombre.

Il sistema aptico ha due tipi di input: cutaneo (recettori meccanici e termici della pelle) e cinestetico
(dei muscoli, che ci danno informazioni sulla posizione degli arti). Questi due tipi di input sono così
utilizzati:

• tatto passivo (oggetto appoggiato su una mano) → input cutaneo

• tatto dinamico (oggetto in movimento su una mano) → input cutaneo

• esplorazione attiva (toccare un oggetto per capirne la forma 3D) → input cutaneo + input
cinestetico

Quesito di Molyneux (1688): “Supponete che un cieco nato che sia oggi un adulto, al quale si sia
insegnato a distinguere mediante il tatto un cubo e una sfera, dello stesso metallo e, a un dipresso,
della stessa grandezza, in modo che quando egli tocca l’uno e l’altro, sappia dire quale sia il cubo e
quale la sfera. Supponete che, trovandosi posati sopra una tavola il cubo e la sfera, questo cieco venga
ad acquistare la vista. Si domanda se, vedendoli prima di toccarli, egli saprebbe ora distinguerli, e dire
quale sia il cubo e quale la sfera”.
Esiste quindi un trasferimento dal tatto alla vista? La risposta è sì, secondo prove sperimentali
moderne. Oggi, grazie a esperimenti molto accurati, si ritiene che le persone usino sia l’informazione
tattile che quella visiva, facendo una media pesata di entrambe, dando preferenza a quella che per
qualche motivo è ritenuta più affidabile.
Per approfondimenti (filosofici) sul Quesito di Molyneux:
http://www.recensionifilosofiche.it/crono/2006-04/modica-quintili-stancati.htm

22.1 Come avviene l’integrazione delle informazioni tra sistema visivo e sistema
aptico?

Due possibili spiegazioni:

• Approccio tradizionale: le informazioni provenienti dai vari organi di senso (vista, tatto, udito,
...) vengono integrate nella corteccia associativa. Secondo Piaget, tale integrazione non è innata,
ma è acquisita gradualmente durante l’interazione con gli oggetti.

• Approccio moderno: le informazioni provenienti dai vari organi di senso vengono da subito
integrate tra di loro in modo da produrre un output comune, in maniera innata.

25
23 Applicazioni cliniche e tecnologiche degli studi sui sistemi percettivi
Riferimento: lez. 7 - da 33:00 fino alla fine

Come è possibile aiutare chi ha deficit sensoriali (ad esempio un cieco) a vivere meglio? Una possi-
bilità è quella di sostituire l’informazione visiva (che il cieco non può più rilevare) con l’informazioni
proveniente da un altro sistema sensoriale.
Per esempio, Paul Bach-y-Rita lavora a sistemi di sostituzione sensoriale, in cui si cerca di sostituire
alla vista informazioni di tipo tattile. Ad esempio, una videocamera registra l’informazione visiva,
questa viene elaborata da un computer e poi convertita in vibrazioni, somministrate sulla schiena del
soggetto. Un altro tentativo più sofisticato è stato quello di utilizzare, come sostituzione sensoriale,
un insieme di piccoli segnali elettrici somministrati sulla lingua del soggetto.
Non solo, dopo un po’ di addestramento, i soggetti diventano capaci di fare semplici compiti di
discriminazione visiva, ma la stimolazione viene percepita non sull’organo di senso (come la lingua)
ma come collocata nello spazio esterno.
Un altro esempio è quello di una protesi per non vedenti (prodotta dall’istituto Dobelle), con la quale
l’informazione visiva viene convertita in segnali elettrici, inviati su una placca di elettrodi applicata
direttamente a contatto con la corteccia cerebrale. Anche in questo caso il risultato percettivo è
collocato all’esterno del soggetto.

24 In che senso il sistema percettivo può essere considerato una


forma di categorizzazione?
Riferimento: lez. 8 - da fare

25 Motivi per cui l’equivalenza percettiva è una forma di categoriz-


zazione
Riferimento: lez. 8, dall’inizio a 3:05

Percepire = Categorizzare

• nel senso che stimoli diversi dal punto di vista fisico possono venire percepiti come:

– appartenenti ad una stessa categoria percettiva, ovvero “equivalenti lungo una dimensione
percepita” (fenomeno delle costanze percettive);
– corrispondenti allo stesso oggetto nel mondo, cioè allo stesso stimolo distale;
– inclusi nella stessa categoria in memoria.

26 Le costanze percettive
Riferimento: lez. 8, da 3:05 a 15:29

Il fenomeno delle costanze percettive riguarda stimoli molto semplici, come i reticoli a frequenza
spaziale. Un reticolo è uno stimolo monocromatico in cui l’intensità luminosa viene modulata lungo
un’unica direzione, dal più chiaro al più scuro, secondo una funzione sinusoidale. Ad esempio, la
seguente immagine mostra un reticolo con frequenza spaziale crescente:

26
Le proprietà di un reticolo sono la “frequenza spaziale” (velocità con cui la modulazione avviene nello
spazio), il “contrasto” (variazione di luminanza da un valore minimo a uno massimo) e l”’orientazione”.
Il nostro sistema visivo è capace di “rilevare il contrasto rispetto al grigio medio” (sensibilità al
contrasto) in base alla frequenza spaziale del reticolo: nell’immagine è riportata tale sensibilità in
funzione della frequenza spaziale.
La funzione di sensibilità al contrasto dà informazioni sulla capacità di un essere umano di percepire
variazioni di luminanza in un’immagine.
Il reticolo dell’immagine varia lungo la direzione della frequenza spaziale (da sx a dx) e lungo la
direzione del contrasto (dal basso verso l’alto), però, in quelle parti del reticolo dove il contrasto è
appena percepibile, il nostro sistema percettivo categorizza gli stimoli (diversi dal punto di vista fisico)
nella medesima categoria “zona di contrasto appena percettibile”.
Stesso discorso per il suono, nel quale invece di una variazione di luminanza si ha una variazione di
pressione in un mezzo elastico come l’aria o l’acqua.
Diversi oggetti, che stanno a diversa distanza o inclinazione rispetto al punto di vista, possono proi-
ettare esattamente la stessa forma sulla retina (fenomeno di indeterminazione proiettiva). Nel mo-
mento in cui però formiamo un percetto, riconoscendo un oggetto come sempre lo stesso, ma visto
da inclinazioni o distanze diverse, stiamo applicando una forma di categorizzazione, ovvero stiamo
riportando alla stessa categoria percettiva tutta una serie di stimoli prossimali diversi.

27 La percezione categoriale vera e propria


Riferimento: lez. 8, da 15:29 alla fine

La percezione categoriale:

• è una rappresentazione “discreta” di una variazione continua;


• è definita rispetto a specifici compiti sperimentali;
• riguarda l’interazione fra la percezione e la memoria;
• potrebbe essere influenzata dall’apprendimento.

Esempio: percezione acustiva di suoni linguistici (fonemi).


Paradosso dei gemelli: pur riuscendo a distinguire due gemelli se sono insieme (visti per la prima volta),
non è possibile riuscire a identificarne uno preso singolarmente, perché anche per i volti avviene una
forma di percezione categoriale. Se invece i gemelli sono persone conosciute, è possibile distinguirli:
ciò suggerisce che la percezione categoriale sia influenzabile dall’apprendimento.
Ipotesi Whorf-Sapir (relativismo linguistico): i membri di un gruppo culturale percepiscono il mondo
in accordo con le categorie linguistiche possedute dalla loro cultura. Ad esempio, gli eschimesi sareb-
bero in grado di distinguere e identificare molti tipi di neve, perché possiedono moltissimi termini
per l’oggetto “neve”. Questa ipotesi, comunque, è stata critica in tempi recenti perché difficilmente
dimostrabile (un eschimese e un italiano non hanno sostanziali differenze nel riconoscimento di sfu-
mature di bianco) e perché la premessa iniziale non è corretta (gli eschimesi non hanno molti termini
per indicare la “neve”).

27
Ipotesi di Whorf-Sapir modificata: nel riconoscimento, la mente passa da una “codifica continua” ad
una “rappresentazione discreta” dell’informazione. Con l’esperienza, una forma di categorizzazione
potrebbe modificare “parzialmente” il modo di apparire di alcuni oggetti.

28 Ruolo dell’azione nei processi percettivi


Riferimento: lez. 9, dall’inizio a 12:50

Rapporto percezione - azione:

• la funzione principale della percezione è guidare le azioni;

• i meccanismi motori sono direttamente coinvolti nei processi percettivi.

Per quanto riguarda il secondo punto, ipotesi della “embodied cognition”:

• i processi cognitivi sono vincolati dall’ambiente e dai nostri corpi;

• non è possibile capire come funzionano i processi cognitivi se non si tiene conto di questi vincoli,
che hanno un ruolo importante nei complessi e ciclici passaggi di informazione fra l’ambiente e
l’osservatore/agente.

Tale ipotesi viene da:

• Norbert Wiener: la cibernetica come scienza della comunicazione e del controllo negli animali e
nelle macchine.

• James e Eleanor Gibson: il concetto di affordance e l’importanza dell’osservatore mobile (cioè


in grado di muoversi nell’ambiente).

• Ulric Neisser: il concetto di ciclo percezione - azione.

29 Alcuni modelli della trasformazione sensomotoria


Riferimento: lez. 9, da 12:50 a 32:40

Trasformazione sensomotoria:

• processo psicologico che produce output motori a partire da input sensoriali;

• output = movimenti;

• i movimenti costituiscono azioni.

Due flussi di informazione per il controllo delle azioni):

• afferente

– dai muscoli verso la corteccia;


– dalla retina verso la corteccia;

• efferente

– dalla corteccia verso i muscoli.

28
Anche il flusso efferente è importante per il controllo delle azioni. Helmholtz avevano notato che, se il
muscolo oculomotore viene paralizzato, quando il soggetto cerca di muovere l’occhio l’oggetto sembra
muoversi nella direzione opposta al movimento desiderato. Ciò dimostra che la percezione tiene conto
anche del flusso efferente: nel caso della visione, l’informazione sull’intenzione di muovere l’occhio
viene usata per “compensare” lo spostamente del campo visivo, in modo da far apparire il mondo
stabile.
Esistono strategie per la guida percettiva di un’azione:

• modello a circuito chiuso

– basata sul controllo on-line (es.: avviatare una vite; movimento oculare di inseguimento);
– usa il feedback sensoriale (per monitorare il risultato delle azioni e correggerle);
– poco costosa ma lenta.

• modello a circuito aperto

– richiede una pianificazione prima di iniziare il movimento (es.: lanciare un pallone nel cane-
stro; movimento oculare “saccadico”, quello che avviene spostando velocemente lo sguardo
da un punto all’altro del campo visivo);
– esecuzione di un movimento “balistico”, cioè una volta iniziato il movimento non si cerca
più di controllarne lo svolgimento;
– veloce ma costosa (per il lavoro preparatorio).

• modello a controllo continuo

Il problema del feedback nel modello a circuito chiuso (azione, controllo, nuova azione correttiva, nuovo
controllo, ecc.) è che sarebbe impossibile svolgere azioni veloci. Tale modello è stato sostituito con
il modello del controllo continuo, con il quale il movimento viene continuamente controllato mentre
viene eseguito: questo modello contiene:

• una traccia amnestica, cioè una rappresentazione del movimento da eseguire prima di iniziare il
movimento;

• una traccia percettiva, cioè una rappresentazione delle conseguenze percettive del movimento se
il movimento fosse eseguito correttamente durante lo svolgimento dell’azione.

La traccia percettiva viene continuamente confrontata con il feedback, fino al completamente del-
l’azione: se il feedback è diverso dalla traccia percettiva, il movimento viene corretto; se il feedback è
uguale alla traccia percettiva, viene aggiornata la traccia amnestica, in modo da rinforzarla e renderla
ancora più precisa.
Il modello del controllo continuo ha comunque dei problemi:

• immagazzinamento (sarebbe necessaria un’enorme quantità di tracce percettive in memoria, per


ogni tipo tipo possibile di movimento);

• novità (le azioni mai eseguite non hanno una traccia mnestica);

• risultati empirici (prestazione di soggetti con feedback propriocettivo inibito: è possibile eseguire
azioni anche in situazioni che inibiscono il feedback).

Possibile soluzione: le azioni sono comunque basate in parte su una strategia a circuito aperto (ossia
prima di iniziare un’azione avviene comunque un processo di pianificazione).

29
30 Teorie dei due sistemi visivi
Riferimento: lez. 9, da 32:40 fino alla fine

Per approfondimenti, è disponibile la dispensa “Meccanismi della percezione, della coscienza e dell’at-
tenzione” all’indirizzo:
http://www.psicologia.unina2.it/materiale_didattico/315_259..ppt
La via dorsale origina dalla corteccia visiva primaria, si dirige alla corteccia visiva prestriata e termina
nella regione parietale posteriore. La via ventrale parte dalla corteccia visiva primaria, si dirige alla
corteccia visiva prestriata e termina nella corteccia inferotemporale.

30.1 Teoria della percezione consapevole

Ungerleider e Mishkin (1982) hanno proposto che le due vie visive svolgano funzioni differenti:

• la via dorsale sarebbe importante nell’analisi della posizione dello stimolo (via del «dove»);

• la via ventrale sarebbe implicata nel riconoscimento dello stimolo (via del «cosa»).

Questa teoria è confermata da esperimenti su scimmie su cui sono state provocate lesioni cerebrali.

30.2 Teoria del controllo del comportamento

Un’interpretazione alternativa è stata proposta da Goodale e Milner: la differenza principale tra il


sistema dorsale e quello ventrale non è nel diverso tipo di informazione analizzata nei due sistemi,
quanto nel diverso uso che il cervello fa di questa informazione:

• la funzione del sistema dorsale sarebbe quella di dirigere e controllare le interazioni comporta-
mentali con gli oggetti visivi;

• la funzione del sistema ventrale sarebbe quella di mediare la percezione consapevole degli stimoli
visivi.

Evidenze in favore della teoria del controllo del comportamento:

• alcuni pazienti con lesioni bilaterali alla via ventrale non hanno la consapevolezza di vedere e
sono in grado di interagire con gli oggetti sotto una guida visiva ;

• alcuni pazienti con lesioni bilaterali della via dorsale sono coscienti di vedere gli oggetti, ma non
sono in grado di interagire con essi sotto una guida visiva.

Secondo questa teoria:

• il sistema dorsale (azione) è:

– veloce;
– egocentrico;
– non cosciente.

• il sistema ventrale (percezione oggetti) è:

– più lento;
– allocentrico;
– cosciente.

30
31 Approcci alla psicologia dell’arte

Una sintesi degli argomenti qui presentati, inerenti a “Percezione e Arte” e allineati con quanto esposto
nella videolezione, è disponibile all’indirizzo:
http://www.myspace.com/volubilislab/blog/423148638

Riferimento: lez. 10, dall’inizio a 16:22

Gli approcci alla psicologia dell’arte sono:

• soggettivismo

– de gustibus non disputandum


– non ha interesse psicologico (no principi generali)

• relativismo o costruttivismo sociale

– l’esperienza artistica dipende in maniera critica da convenzioni socio-culturali

• essenzialismo

– nella percezione dell’arte entrano in gioco meccanismi psicologici caratteristici degli esseri
umani
– esistono due tipi di essenzialismo:
∗ essenzialismo “niente di speciale” → tentativo di analizzare le opere d’arte, per vedere
come, nella loro percezione, entrano in gioco processi psicologici “naturali” (cioè della
vita di tutti i giorni), come quelli necessari per il riconoscimento di forme, colori,
contori, e meccanismi fisiologici come i movimenti oculari; si prestano bene ad essere
interpretate con questo tipo di essenzialismo:
· la “Op Art” (Optical Art)
esempio: http://en.wikipedia.org/wiki/Op_art
· la “Edge Detection” (algoritmo computerizzato di rilevazione di contorni)
esempio: http://en.wikipedia.org/wiki/Edge_detection
· tanti esempi di produzione artistica, in cui i processi di organizzazione di forme
e colori consentono all’artista di dare un’impressione di posizione e illuminazione
nello spazio
esempio di quadro: http://it.wikipedia.org/wiki/Ronda_di_notte
∗ essenzialismo basato sulla “specificità” → nella percezione di opere d’arte, entrano in
gioco processi psicologici caratteristici della percezione pittorica

31.1 La composizione pittorica secondo Rudolf Arnheim

Rudolf Arnheim:

• uno dei più grandi psicologi del Novecento

• formazione gestaltista

• grande successo professionale, con contributi importanti nel campo della psicologia dell’arte e
dell’estetica

• il suo capolavoro è “Arte e Percezione Visiva”

31
• per approfondimenti e citazioni:
http://it.wikipedia.org/wiki/Rudolf_Arnheim

Arnheim studia la “composizione pittorica”, cioè come un artistica combina tra loro forme e colori per
produrre un risultato espressivo, secondo i principi della Gestalt. Gli strumenti concettuali che usa
sono:

• equilibrio o disequilibrio di forze all’interno di un campo percettivo, tale da produrre armonia o


disarmonia;
• attrazioni e repulsioni (tra zone diverse del quadro);
• tendenze al completamento e alla regolarità di certe forme;
• centri e schemi di riferimento.

Secondo la psicologia della Gestalt, nella percezione umana ci sono processi che obbediscono a regole di
formazione di unità (leggi della vicinanza, somiglianza, chiusura, continuazione, ecc.). Questi processi
sono ampiamente sfruttati nella produzione artistica. Ad esempio:

• Mondrian, “Composizione in rosso”


Link: http://sites.google.com/site/amirmomenibr/Mondrian.jpg
Caratteristiche: il quadro crea “tensione”, mettendo in competizione fra loro semplici principi
di organizzazione di forme geometriche (“vicinanza” e “somiglianza”).
(Attenzione: nella videolezione il quadro viene erroneamente intitolato “Composizione in blu”,
che è un altro quadro dello stesso autore)
• Matisse, “La Danza”
Link: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/a/a7/Matissedance.jpg
Caratteristiche: esempi di “chiusura” e “continuazione”, che creano un’unità percettiva dei
danzatori.

Più complessa è la questione dei centri e schemi di riferimento. In riferimento alla superficie del quadro
è possibile distinguere:

• una “direzione di lettura” da sx a dx;


• una “direzione di gravità” dall’alto in basso;
• una “diagonalità” da un vertice del quadro ad uno opposto (per dare l’idea di qualcosa che
appare scendere o salire).

L’intersezione di tutte queste direzioni definisce un centro geometrico, che non è l’unico centro pos-
sibile in un quadro: altri centri possibili sono un centro prospettico o un centro che corrisponde alla
disposizione di certe masse all’interno del quadro.
Il posizionamento dei diversi centri nel quadro può essere usato dal pittore per ottenere un certo
risultato espressivo. Esempio:

• Giotto, “Fuga in Egitto”


Link: http://www.diegocuoghi.com/tempio/files/giotto_fuga-in-egitto.jpg
Caratteristiche: la fuga è rappresentata da sx verso dx (direzione di lettura), in modo da fa-
vorire l’impressione di movimento; i personaggi principali (Madonna con bambino) sono posti
esattamente nel centro geometrico del quadro, che rappresenta anche il centro prospettico della
scena, e allineati rispetto alla gravità, in modo da conferire un certo peso ai personaggi; una
delle due diagonali (da in alto a sx a in basso a dx, quindi con senso di discesa) viene sfruttata
per definire i fianchi della montagna a sx; in corrispondenza dell’altra diagonale (con senso di
salita) è posizionato un angelo.

32
Per curiosità: una foto della Cappella Scrovegni, in cui è collocato il quadro “Fuga in Egitto”, è
disponibile all’indirizzo:
http://www.agisoft.it/Arte/2/p/bg/p2160600.jpg
Altri quadri di Giotto sono visionabili all’indirizzo:
http://www.agisoft.it/Arte/2/p/Ar/Giotto.htm

32 Specificità della percezione pittorica


Riferimento: lez. 10, da 16:22 a 25:00

32.1 Differenze tra visione naturale e pittorica

Visione naturale:

• campo visivo di circa 170 gradi (se la persona vede con entrambi gli occhi);
• gamma di intensità della luce da una zona in ombra ad una fortemente illuminata da 1 a 100000;
• informazioni spaziali coerenti → l’informazione monoculare pittorica e l’informazione binoculare
non si contraddicono.

Visione pittorica:

• il campo visivo dipende dalle dimensioni del quadro;


• la fonte di illuminazione è omogenea e la gamma di intensità della luce (che dipende dai colori
scelti dal pittore) va da 1 a 30;
• informazioni spaziali incoerenti → l’informazione monoculare pittorica e l’informazione binocu-
lare si contraddicono.

Duplicità della visione pittorica:

• alcune informazioni suggeriscono profondità, colori e luce;


• altre informazioni suggeriscono piattezza e pigmenti.

In generale la visione di un quadro, proprio a causa delle informazioni incoerenti, richiede complicità
da parte dello spettatore.

32.2 La realtà virtuale

Le tecniche di realtà virtuale consentono di eliminare il bisogno di complicità da parte dello spettatore,
perché creano informazioni spaziali coerenti. Esempi:

• Nel 1418, la celebre tavoletta “Piazza di S. Giovanni” (di Firenze) del Brunelleschi, descritta dal
Vasari, è forse il primo esempio di realtà virtuale. Descrizione a pag. 10 di “La Prospettiva nelle
arti figurative”:
http://www.isaimperia.it/geometria/Prospettiva.pdf
• Lo stereoscopio è un dispositivo ottico, a forma di "mascherina" o "binocolino" e dotato di lenti,
per la visione di immagini stereoscopiche:
http://it.wikipedia.org/wiki/Stereoscopio
http://en.wikipedia.org/wiki/Stereoscope

Una simpatica curiosità: “Realtà virtuale in cyclette con Google Street View”, con filmato, all’indirizzo:
http://www.nerdnews.it/2009/11/12/realta-virtuale-in-cyclette-con-google-street-view/

33
33 Una teoria psicologica della prospettiva
Riferimento: lez. 10, da 25:00 alla fine

Michael Kubovy:

• psicologo della percezione;

• contributi in psicologia della musica e della pittura, oltre che sull’organizzazione percettiva in
generale;

• il suo capolavoro è “La psicologia prospettiva e l’arte rinascimentale”.

Arte e illusione per Kubovy:

• l’illusione può essere di due tipi:

– delusion (“allucinazione”): i sensi ci ingannano, ci fanno vedere una realtà illusoria, ma noi
non ce ne rendiamo conto, come nella situazione della realtà virtuale di Brunelleschi;
– collusion (“complicità”): per il fenomeno della duplicità pittorica, ci rendiamo conto che il
quadro rappresenta una scena 3D su un supporto 2D, quindi è necessaria una complicità
dello spettatore.

La collusion è stata ampiamente sfruttata nell’arte rinascimentale per creare effetti di prospettiva.

33.1 Il libro “La freccia nell’occhio”, di Kubovy (1986)

Michael Kubovy racconta dettagliatamente la vivace e movimentata storia dell’invenzione della prospet-
tiva nel XV secolo.
La presentazione dei concetti fondamentali della prospettiva, riferiti anche a recenti ricerche di labora-
torio sulla percezione, consente di proporre una nuova teoria che spiega perché artisti del Rinascimento,
quali Leonardo e Mantegna, usassero prospettive non certo ortodosse, che hanno messo in difficoltà
numerosi studiosi d’arte.
Il libro propone una soluzione del dibattito fra coloro che credono che l’invenzione/scoperta della
prospettiva sia uno stadio significativo nel costante progresso dell’arte, e coloro che invece ritengono
che la prospettiva sia un mero sistema convenzionale e arbitrario per la rappresentazione dello spazio.
Il tutto parte dall’interpretazione di un’immagine, in un affresco del Mantegna, di un uomo colpito
nell’occhio da una freccia, la quale “rappresenterebbe” la direzione e l’altezza con cui dovrebbe essere
osservato il quadro.
Per approfondire il significato della “freccia nell’occhio”, sono disponibili alcune slides, all’indirizzo:
http://www.alessandroghiro.it/wp-content/uploads/2009/09/arte-psicologia-storia1.ppt
Affresco del Mantegna:
http://www.geometriefluide.com/foto/PIC3058O.jpg

33.2 La robustezza della prospettiva

Quando noi guardiamo un quadro dal punto di vista corretto (centro prospettico del quadro) la scena
non appare distorta. In genere, l’immagine non ci appare distorta anche se la osserviamo da un punto
di vista non corretto. Quindi: c’è un processo psicologico che compensa la distorsione. Perché funzioni
questo processo noi dobbiamo renderci conto della duplicità della percezione pittorica (cioè vediamo
che il quadro è una superficie bidimensionale) ed operare una correzione.

34
Parte II

Apprendimento e memoria
Per approfondimenti, sono disponibili i seguenti testi.
1 - Dispensa “Sistemi di memoria” della prof.a Maria Brandimonte

• testo (capitolo 7 del libro “Memoria e Apprendimento”):


http://www.unife.it/ssis/allegati/indicazioni-programmi/pascali/SSIS.Memoria.pdf

• slide:
http://www.unife.it/ssis/allegati/indicazioni-programmi/pascali/SSIS.Memoria.ppt

2 - Dispensa “Memorie non coscienti” (priming subliminale) del prof. Roberto Dell’Acqua

• testo (capitolo 9 del libro “Memoria e Apprendimento”):


http://www.unife.it/ssis/allegati/indicazioni-programmi/pascali/SSIS.PrimingSubliminale.
pdf

3 - Dispensa “Attenzione e coscienza” del prof. Massimo Turatto

• testo (capitolo 6 del libro “Percezione e Azione”):


http://www.unife.it/ssis/allegati/indicazioni-programmi/pascali/SSIS.Attenzione2.pdf

• slide:
http://www.unife.it/ssis/allegati/indicazioni-programmi/pascali/SSIS.Attenzione.ppt

4 - Sintesi del libro “Psicologia della memoria” della prof.a Maria Bradimonte

• (fonte anonima)
http://piazzanettuno.uninettuno.it/includes/download.asp?tabella=documenti&id=11264

Parte III

Il ragionamento
34 Tipologia dei problemi e delle soluzioni

Per approfondimenti:

• Dispensa “Soluzione dei problemi”, della prof.a Eleonora Bilotta:


http://galileo.cincom.unical.it/corsi/ps_cog04/body_file/lezioni/Soluzione%20di%
20problemi.ppt

35

Potrebbero piacerti anche