Sei sulla pagina 1di 196

Città di Alessandria

Assessorato ai beni e alle attività culturali


Biblioteca Civica di Alessandria

BCA. Studi e ricerche


Collana diretta da Patrizia Bigi

3
in copertina: Cinema “Galleria”, Alessandria. Progetto di interni (particolare)
(Archivio fotografico Venanzio Guerci. Fototeca civica di Alessandria).
Dimitri Brunetti Daniela Cabella

L’archivio di Venanzio Guerci


ingegnere alessandrino
Inventario

Introduzione di Gian Maria Panizza

Edizioni dell’Orso
Alessandria
© 2004
Copyright by Edizioni dell’Orso s.r.l.
via Rattazzi, 47 15100 Alessandria
tel. 0131.252349 fax 0131.257567
e-mail: info@ediorso.it
http://www.ediorso.it

Impaginazione a cura di Barbara Sancin

È vietata la riproduzione, anche parziale, non autorizzata, con qualsiasi mezzo effettuata,
compresa la fotocopia, anche a uso interno e didattico. L’illecito sarà penalmente persegui-
bile a norma dell’art. 171 della Legge n. 633 del 22.04.41
Introduzione
Una famiglia di costruttori alessandrini: i Guerci
ed il loro contributo al rinnovamento urbanistico di Alessandria
alla fine del secolo XIX*

Con il riordinamento e la sistemazione dell’archivio dell’ingegner Venanzio


Guerci e la presentazione, avvenuta nel giugno 2001, dell’inventario curato da
Dimitri Brunetti e Daniela Cabella, si può ben dire che Alessandria ha saldato un
debito di memoria e di stima nei confronti del progettista cui si devono alcuni
importanti interventi urbanistici e l’essersi occupato con assiduo studio e mai so-
pita passione della sua città per più di mezzo secolo.
Nell’estate del 1988, chiamato a partecipare al convegno organizzato dalla
Società piemontese di archeologia e belle arti per l’ottobre successivo, proposi
come oggetto del mio intervento una ricognizione dell’archivio dell’ingegner
Venanzio – che allora giaceva inesplorato al piano terreno della Biblioteca civica
– ed un tentativo di inquadramento della sua attività nel contesto della storia del-
la sua famiglia. Grazie alla disponibilità di Mario Bruno, allora funzionario re-
sponsabile della Biblioteca, trascorsi alcune settimane esaminando le cartelle
che costituivano quel prezioso fondo e cercando di produrne una sommaria sche-
datura. In seguito, passai i mesi che mi separavano dal convegno non solo inda-
gando sulla formazione e la carriera di Venanzio, ma soprattutto studiando l’in-
gente documentazione, reperibile nell’archivio storico comunale, sui Guerci e la
loro partecipazione, che ebbe inizio almeno a partire dagli anni Sessanta dell’Ot-
tocento, a quel fenomeno di rinnovamento urbanistico del quale fu poi protago-
nista Ludovico Straneo e che proseguì nel secolo scorso – dopo l’acquisizione
della cinta fortificata da parte dell’Amministrazione municipale nel 1908 e l’ini-
zio dell’abbattimento dei bastioni – con l’espansione della città oltre i confini del
centro storico, il piano regolatore del 1938 ed i piani di ricostruzione del dopo-
guerra.
Nei quindici anni che sono trascorsi da quel meritorio convegno (e dalla pub-

* Il testo che segue è una rielaborazione del saggio pubblicato su: Bollettino della So-
cietà piemontese di archeologia e belle arti, Atti del convegno Antichità ed arte nell’A-
lessandrino, Alessandria, 15-16 ottobre 1988, Nuova serie, XLIII (1989). Si ringrazia la
Società piemontese di archeologia e belle arti per aver autorizzato questa nuova pubbli-
cazione.
VI Introduzione

blicazione, l’anno successivo, degli atti sul Bollettino della Società piemontese
di archeologia e belle arti), molto si è lavorato sull’urbanistica alessandrina e
molte importanti pubblicazioni sono apparse (penso qui, con accorato rimpianto,
al prezioso contributo di Giulio Ieni), fonti di significative acquisizioni per la
storia della forma e dell’immagine della nostra città. La richiesta, che mi è per-
venuta in questi giorni da Giulio Massobrio e Patrizia Bigi, di collaborare all’im-
portante collana editoriale della Biblioteca civica ripubblicando (limitatamente
alla parte riguardante la famiglia Guerci) il mio contributo del 1988, mi ha obbli-
gato, pertanto, non solo a rivedere e correggere leggermente il testo, ma soprat-
tutto ad aggiornare la bibliografia di riferimento.
Di seguito ripropongo, quindi, il mio lavoro di allora, confidando che possa,
tutto sommato, rivelarsi ancora valido per chi voglia inquadrare l’opera di Ve-
nanzio Guerci sia nell’ambito della sua famiglia, una famiglia di costruttori e
non certo di secondo piano, sia nel contesto più generale delle vicende urbanisti-
che della città tra Ottocento e Novecento.
Mi fa piacere che questo avvenga in un momento in cui senz’altro Alessan-
dria torna a muoversi e si assiste ad un ulteriore risveglio urbanistico – quanto
coerente, attento, progettato e vigilato, tuttavia, per molti versi non saprei o pre-
ferisco non dire. Ad ogni modo, di questo nuovo movimento, i segnali più belli e
significativi mi sembrano proprio, a pochi metri di distanza l’uno dall’altro, il re-
stauro dello storico palazzo Cuttica di Cassine, finalmente tornato sede del Con-
servatorio di Musica; la ristrutturazione della Biblioteca, che dopo generazioni ci
restituirà finalmente un luogo del sapere che sia degno di questo nome (ed era un
altro debito da saldare); le indagini nell’area archeologica dell’antico Duomo di
San Pietro, destinate – credo – a mutare radicalmente la nostra prospettiva stori-
ca sulle origini di Alessandria; i restauri in corso sul complesso dell’antica e bel-
la chiesa a sala di San Francesco, futura sede della Pinacoteca e Museo, e degli
edifici già dell’ex Ospedale Militare, destinati in parte all’Università e già ora
ospitanti importanti mostre ed in permanenza lo straordinario complesso degli
affreschi arturiani della torre di Frugarolo. Last but not least, ovviamente, il re-
cupero di Villa Guerci.
Credo, se mi è permessa tanta confidenza (ma addentrarsi in un archivio si-
gnifica comunque evocare i fantasmi ed intrattenersi piacevolmente ed utilmente
con loro), che Venanzio Guerci, dal luogo in cui si trova (come sarà mai l’aldilà
degli ingegneri?), non possa che rallegrarsi delle iniziative dell’Amministrazio-
ne municipale cui ho appena accennato. Il suo archivio si trova ormai al sicuro e
può essere consultato e studiato proficuamente; casa sua, ed il suo giardino, sono
stati salvati dal degrado e dall’abbandono; entro pochi anni nell’area compresa
fra piazza della Libertà, piazza del Duomo e piazza Vittorio Veneto, si radunerà
una concentrazione di testimonianze d’arte e di storia che finalmente parlerà
apertamente ed in modo aggiornato a tutti, e soprattutto ai giovani, della tanto
Gian Maria Panizza VII

maltrattata memoria della nostra città. Le pagine che seguono vogliono dunque
essere un modesto contributo ai migliori sforzi che stiamo facendo per una città
più bella e vivibile, ed un invito a proseguire instancabilmente ricerche e studi,
perché ancora molto è da scoprire e da capire.

II

Nel 1891, mentre proseguono i lavori di demolizione della cinta fortificata


che con i suoi fossati e terrapieni stringe Alessandria in un abbraccio soffocante
e malsano1, mentre si intraprende la costruzione della dignitosa e ben tagliata
Piazza Garibaldi2 e si progetta il nuovo ponte sul Tanaro presso gli Orti, France-
sco Guerci acquista dal marchese Alessandro Faa’ di Bruno parte di una casa si-
tuata di fronte alle Regie Scuole Normali Femminili (appena sistemate nell’edi-
ficio, ancora in via di completamento, che ha preso il posto dell’antico monaste-
ro di Santa Maria dell’Olmo)3, e si dedica a trasformarla, subalzarla ed ampliarla
nella parte prospiciente il vasto giardino4.
L’edificio era stato acquistato nel 1801, nel corso delle aste seguite alla sop-
pressione degli ordini monastici da parte del governo imperiale francese, dalla
marchesa Guasco Faà di Bruno. Si trattava di una parte della Casa dell’Inquisi-
zione, adiacente alle costruzioni che circondavano la duecentesca chiesa di San
Marco, con il suo convento, e costituivano il vasto isolato appartenente ai Dome-

1
Rimasti così dopo la costruzione della nuova cerchia del Generale La Marmora defini-
tivamente abbandonati gli avanzi della cinta Napoleonica piano piano se ne colmarono i
malsani fossati, se ne spianarono i terrapieni che stringevano da vicino le ultime case,
infondendo un senso di generale tristezza, se ne abbatterono le mura, e dove essi sorge-
vano se ne costrussero strade di circonvallazione facendo in esse sboccare tutte le vie
della città: L. STRANEO, Alessandria nel mezzo secolo dal 1846 al 1896, Milano 1896,
citato da V. GUERCI, in L’Ing. Ludovico Straneo e l’edilizia Alessandrina di un cinquan-
tennio, in «Rivista di Storia, Arte, Archeologia per la Provincia di Alessandria», quad. I
(1935), p. 160.
2
La metafora sartoriale è di F. BIMA, Storia degli Alessandrini, Alessandria 1965, p.
132.
3
Sulle vicende del monastero e della chiesa di Santa Maria dell’Olmo si vedano G.M.
PANIZZA, A. DAMERI, Il Consiglio d’ornato, il primo piano regolatore di Alessandria e
la distruzione dei monumenti architettonici medievali nella città in età albertina, in L’al-
tro Piemonte nell’età di Carlo Alberto, Atti del convegno di studi (Alessandria-Casale
Monferrato, 28-30 ottobre 1999), S. Salvatore Monferrato 2001, pp. 146-147.
4
Si vedano P. BARONE, V. DI LEO, A. GAZZINA, R. BOCCHINO, Ricerca storica su Villa
Guerci, allegato al progetto di recupero per un complesso bibliotecario specializzato in
funzione dell’Università, di 50 lettori per 25.000 libri (Esame di restauro e arredo proff.
Bruno e Baudetti, Politecnico di Torino, A.A. 1987-1988)
VIII Introduzione

nicani (su quell’area sorgerà, per opera di Cristoforo e Leopoldo Valizone, dopo
l’abbattimento del Duomo medievale nel 1803, la nuova cattedrale)5.
Primogenito dei 12 figli di Giovanni Antonio Vincenzo Guerci (cfr. Fig. 1), il
geometra Francesco si inseriva così nel canton Gamondio con un evidente sim-
bolo d’ascesa sociale: un villino vicinissimo al centro (la piazza Vittorio Ema-
nuele, recentemente sistemata e abbellita, con il Teatro Municipale ed i suoi
chioschi a dèhors ombreggiati dai platani) ma al tempo stesso prossimo alla zona
verso la quale, nel nuovo secolo, si sarebbe espansa la borghesia cittadina6 e lon-
tano (anzi diametralmente opposto) dalla casa paterna di via Inviziati, situata nel
cuore dell’antichissimo, ma degradato, canton Rovereto7.
Alessandria iniziava allora a riprendersi dal trauma del colera del 1886. Ave-
va inizio un grande rinnovamento igienico e urbanistico progettato e diretto dal-
l’Ingegner Ludovico Straneo, già assessore ai lavori pubblici e dal 1883 capo
dell’Ufficio d’Arte nell’epoca in cui lo sviluppo delle comunicazioni ferroviarie
e delle strade provinciali, i migliorati mezzi di trasporto, ed il forte accrescimen-
to dei commerci e dei traffici, dovevano portare tanto incremento nel movimento
di tutte le città8.
Da pochi anni funzionavano le prime linee di tram a vapore che collegavano
la città con i sobborghi, con Asti e Casale; si iniziava a distribuire l’energia elet-
trica per l’illuminazione, comparivano i telefoni urbani. Tra i grandi lavori voluti
da Straneo (oltre alla già ricordata demolizione dei bastioni per creare le strade
ed i viali di circonvallazione), Venanzio Guerci ricorderà, nel profilo biografico
pubblicato insieme al necrologio dell’ingegnere di Pontestura nel 1935, la co-
struzione delle fognature (a completamento, dopo mezzo secolo, degli interventi
di Leopoldo Valizone)9, la pavimentazione stradale, la creazione di zone verdi

5
Sulle vicende dell’antico duomo, si veda il fondamentale saggio di GIULIO IENI, La cat-
tedrale antica (1170-1803), in C. SPANTIGATI (a cura di), La cattedrale di Alessandria,
Torino 1998. Sulla costruzione della nuova cattedrale, il saggio di A. DAMERI, La catte-
drale di San Marco: il cantiere dei Valizone, 1807-1810, nel suo altrettanto fondamenta-
le lavoro Leopoldo Valizone architetto in Alessandria. Un architetto per la città negli an-
ni della Restaurazione, Beinasco (To) 2002.
6
Si tratta della parte meridionale della città, compresa tra la nuova circonvallazione e il
nuovo alveo del canale Carlo Alberto, al di là del quale il proseguimento di Via Cavour
diverrà una decina di anni dopo Corso XX Settembre, primo viale del nuovo quartiere
Pista.
7
Rimasta almeno fino al 1931 l’abitazione di parte della famiglia del cav. Giovanni.
8
V. GUERCI, L’ Ing. Straneo e l’edilizia alessandrina cit., pp. 157-158.
9
Per quanto concerne le fogne progettate e fatte costruire da Leopoldo Valizone (archi-
tetto civico dal 1814 al 1852) a partire dal 1822, si vedano le perizie e le stime in Archi-
vio di Stato di Alessandria (d’ora in poi ASAL), Archivio Storico del Comune di Ales-
sandria (d’ora in poi ASCAI), serie III, § 1 Città e sua amministrazione, Convocati del
Gian Maria Panizza IX

(tra le quali i giardini lungo il fiume), la demolizione del quartiere dell’Arzola


(accanto a Porta Ravanale e dietro i terreni appartenenti al Regio Manicomio), il
trasporto del canale Carlo Alberto, l’arginatura del Tanaro presso gli Orti ed il
primo viale del Cristo, quartiere popolare nato e sviluppatosi a sud della città
con l’espansione delle linee ferroviarie10.
La famiglia Guerci, da esecutrice materiale, tenta verso la fine del secolo di
farsi interprete del rinnovamento urbanistico alessandrino. I membri di cui si co-
nosca l’esistenza, un Giuseppe ed un Francesco (nati rispettivamente nel 1817 e
nel 1808 da un Giovanni Battista) dal cui matrimonio nascerà Giovanni Antonio
Vincenzo (d’ora in poi, per brevità, Giovanni), padre, fra i tanti altri, del geome-
tra Francesco e dell’ingegner Venanzio, sono ambedue capimastri. Il cavalier
Giovanni (morto nel 1908), proprietario di fornaci (delle quali una ancor oggi
parzialmente superstite, presso il cimitero) e di case, è l’impresaro attivo tra gli
anni sessanta e settanta per la Fabbriceria della Cattedrale11 contitolare dell’im-
presa Giovanni Guerci e Giovanni Testa, che lavora in città almeno dal 1861 al
1879. (cfr. Fig. 1)
I soci, che hanno fornaci intestate alla ditta12, si aggiudicano la parte rilevante
degli appalti comunali. Ciò significa anzitutto la posa dei condotti per le nuove
fognature e della pavimentazione delle strade ed ovviamente la loro manutenzio-
ne, la costruzione dei cimiteri suburbani, la sistemazione ed il mantenimento di
importanti aree di servizi in città13. Alcuni esempi: Piazza Tanaro, il nuovo Foro

Consiglio, vol. 133, cc. 387-390 e 463, in data 26 luglio 1822, e nel vol. 143 (unitamente
alla Relazione dell’aiutante del Genio Civile Carbonazzi del 21 gennaio 1832 e ad una
mappa dei condotti antichi, di quelli già eseguiti e di quelli in progetto), cc. 208-209 e
212-216, in data 15 aprile 1832. Si veda inoltre A. DAMERI cit., pp. 88-91.
10
V. GUERCI, L’Ing. Straneo e l’edilizia alessandrina cit., p. 168.
11
ASAI, ASCAI serie III, § 5 Opere Pubbliche, n. 1777 Fabbriceria della Cattedrale, fa-
scicolo 1862, pagamenti al 30 aprile 1865.
12
ASAI, ASCAI serie III, § 18 Catasto, n. 2491, Catasto dei Fabbricati Comune di Ales-
sandria (1876), vol. IV (G.I) partita n. 928, Guerci Giovanni fu Francesco e Testa Gio-
vanni fu Guido: vi compaiono tre fornaci, fuori Porta Tanaro, a Valmadonna, presso il
Cimitero di Alessandria. In una delle fornaci Guerci furono rinvenuti i resti delle stazio-
ne neolitica del Cristo cfr. P. PEOLA, Avanzi litici della stazione neolitica del Cristo pres-
so Alessandria, in «Rivista di Storia, Arte, Archeologia per la Provincia di Alessandria»,
quad. IV (1937), p. 1. Vedi anche in ASAI, ASCAL s. III, s. IV Istruzione e cultura pub-
blica, n. 1464 Monumenti vari di Alessandria sec. XIX-XX. Memorie e pubblicazioni di-
verse di Arte, antichità, storia.
13
Le vicende dell’impresa Guerci e Testa (al padre, dall’inizio degli anni Ottanta, si af-
fiancherà il geometra Francesco, che più avanti sarà titolare dell’impresa da solo) si pos-
sono seguire, per quanto riguarda il volume degli appalti per conto del Comune e la na-
tura dei lavori eseguiti, con grande minuzia di dettagli descrittivi e precisissimi conti del-
le somme dovute agli (o dagli) impresari, nelle delibere della Giunta riguardanti l’Uffi-
X Introduzione

Boario (che sostituirà quello classicheggiante14 edificato cinquant’anni prima da


Leopoldo Valizone) destinato ad ospitare sul volgere del secolo il primo mercato
del bestiame in Italia, il completamento dei giardini pubblici davanti alla stazio-
ne ferroviaria, l’alberatura della Piazza d’Armi Vecchia (poi Piazza Genova), la
trasformazione del già Collegio (ed ex Convento) di Sant’ Alessandro per acco-
gliere l’Istituto Tecnico, il riattamento dell’antica Fiera caselliana nella via San
Lorenzo (in seguito mercato coperto), i restauri delle botteghe comunali sotto i
portici del Municipio.
La ditta, verso gli anni novanta, possiede case in via Vochieri; gli uffici e i
magazzini sono situati sulla nuova strada di circonvallazione. Altre case, ed altre

cio d’Arte e nella corrispondenza di quest’ultimo, nonché nei certificati di pagamento re-
lativi alle opere eseguite. Questa documentazione è reperibile in ASAL, ASCAI serie III,
§ 5 Opere Pubbliche, n. 1538 Documenti vari relativi a lavori eseguiti in città e fuori –
Appalti manutenzione – Fabbricati municipali- Gestione appalti 1861-1905, nonché nei
Registri delle Deliberazioni della Giunta Municipale riguardanti l’Ufficio d’Arte, pur-
troppo incompleti (soltanto per gli anni 1874, 1877, 1878, 1879), in ASAL, ASCAI serie
III § 5 Opere Pubbliche, n. 1637 bis. A titolo di esempio significativo, citeremo dall’an-
no 1865; vengono liquidate a Giovanni Guerci ( ancora gerente l’impresa con un France-
sco Oddone) L. 8664, 84 dall’Ingegnere e Architetto municipale Antonio Rossetti (il suc-
cessore di Valizone) per lavori distribuiti nei seguenti lotti: 1. Palazzo Municipale, 2.
Teatro Municipale, 3. Palazzo Cuttica- Ferraris, 4. Collegio-Convitto Nazionale, 5. Col-
legio Elementare Maschile, 6. Collegio Elementare Femminile, 7. Collegio Normale
Femminile, 8. Asilo Infantile, 9. Regio Liceo e Chiesa di S. Maria di Loreto, 10. Dazii e
Pesi Pubblici alle Porte, 11. Cattedrale, 12. Mercato Cereali, 13. Quartiere della Guardia
Nazionale, 14. Ammazzatoio Pubblico, 15. Foro Boario e Magazzino del Dazio, 16. Lo-
calità varie (Cimiteri, Magazzini Uffici e Trombe da incendio). Nell’anno 1877 vengono
liquidate a Guerci e Testa, per lavori fatti in Piazza Tanaro e Piazza Garibaldi, all’Istituto
Tecnico, a edicole dei dazii e pesi, a condotti e pisciatoi, a marciapiedi, al mercato del
bestiame, ai cimiteri, ecc. più di L. 40.000.
Altra documentazione ovviamente è rinvenibile in Archivio Venanzio Guerci (d’ora in
poi AVG), Guerci e Taverna, Cartelle dei disegni, n. 171; Vecchi progetti papà, France-
sco e vari, Cartelle dei disegni, n. 130, ecc.
14
F. BIMA in Storia degli Alessandrini cit., pp. 109, 116. Chi volesse occuparsi della fa-
cies urbana di Alessandria, tenendo conto dei preziosi suggerimenti di Mario Mantelli
sul decoro ottocentesco (cfr. il suo lavoro Alessandria e l’urbanistica della felicità, Ales-
sandria 1989), dovrebbe prendere seriamente in considerazione le figure del perito Cri-
stoforo Valizone e di suo figlio, l’architetto Leopoldo, il cui archivio (acquistato dal Mu-
nicipio dietro suggerimento del Gasparolo nel 1890) è conservato presso l’ASAL, inseri-
to nella III serie dell’ASCAI ai nn. d’ordine 2260 e 2261, e comprende più di 400 dise-
gni, alcuni appartenenti anche ad altri architetti, tra i quali i Caselli, il Quarini, il Fero-
gio. Ora queste indagini sono possibili solo a partire dal già citato studio di Annalisa Da-
meri, che fornisce il più esauriente e documentato esame attualmente disponibile sulla
formazione e l’attività dell’autore del primo piano regolatore di Alessandria.
Gian Maria Panizza XI

fornaci, sono intestate ad altri membri della famiglia Guerci. Sicuro indizio di ri-
spettabilità, un buon palco nel Teatro Municipale, ottavo in quarta fila15.
Questa nuova Alessandria, borghese e commerciale, nel 1892 inizierà a scri-
vere la propria storia sulle pagine della Rivista di Storia Arte e Archeologia di-
retta dall’infaticabile teologo e paleografo Francesco Gasparolo. L’Alessandria
dei progetti, solo in parte realizzati, dell’ingegner Straneo: che l’ingegner Venan-
zio Guerci, quarant’anni dopo, si augurerà di veder realizzati, se non superati,
dalla politica urbanistica del fascismo. Secondo quanto Guerci scrive nel già ci-
tato necrologio di Straneo, parte essenziale del programma di questi, del suo ve-
der grande e progettare grande, era l’attuazione, contemporanea allo sviluppo
della città verso zone nuove oltre gli spalti finalmente demoliti (il quartiere Pi-
sta), di un piano di allargamenti e sventramenti destinati a ridurre il divario tra

nuova città con ampie vie rettilinee fiancheggiate da case totalmente nuove, e…la
città vecchia irregolare, con vie strette e difettose chiuse fra vetuste catapecchie,
città insanabile ormai in tutti i suoi guai e difetti16

cioè a dare il via ad un irrefrenabile processo di perdita dell’identità attraverso la


forma urbana, di cancellazione del passato, già sensibile nel macello architetto-
nico17 di mezzo secolo prima e forse avviato già dalla grande rimozione sabauda

15
Il palco, tassato nel 1870 per un imponibile di L. 30, risulta dalla partita catastale inte-
stata agli impresari di cui alla nota 12. Quanto alle case, sempre nella documentazione
prodotta dall’Ufficio d’Arte del Comune, stavolta nel faldone 1611 della già citata cat. 5,
della serie III ASCAI (Fabbriche e Insegne private), si rinvengono l’istanza, corredata
da un piccolo lucido su carta telata, del cav. Giovanni Guerci per la regolarizzazione del
prospetto della sua casa su Spalto Rovereto ang. via del Castello (il disegno riporta il
timbro dello studio del geom. Francesco ed è senza data, ma riferibile agli anni 1896-
1897) ed una minuta di Straneo relativa all’istanza di Giovanni Testa per la costruzione
di un piccolo edifizio con due prospetti: uno breve verso la via Lumelli (già via della
Ghiacciaia) n. 11, l’altro lungo circa 20 metri verso i terreni demaniali, nella quale l’In-
gegnere capo rimanda all’Intendenza di Finanza la competenza su quest’ultimo prospet-
to. La data è del 7 luglio 1897.
16
V. GUERCI, L’Ing. Straneo e l’edilizia alessandrina cit., p. 165.
17
F. BIMA, Storia degli Alessandrini cit., pp.108-109: Secondo l’illusione di Vittorio
Emanuele I per decreto reale tutto torna come prima… ma in Alessandria la restaurazio-
ne si ferma alle cariche e alle istituzioni civili mentre i conventi e le chiese trasformati
da Napoleone in caserme o servizi continuano a rimanere al dominio militare sabaudo
… le fortificazioni… dovrebbero essere abbattute ma in realtà i militari piemontesi men-
tre fingono di smantellarne una piccola parte dedicano ogni attenzione a proseguire l’o-
pera di potenziamento ideata ed in gran parte attuata da Napoleone contribuendo con le
loro sempre maggiori esigenze logistico-strategiche alla rovina del volto cittadino…
processo, forse unico nelle storie civiche, della rovina di edifici storici monumentali. La
XII Introduzione

dell’antico Bergolio. Palese è, d’altra parte nelle parole di Venanzio Guerci, la


coazione a chiudere i conti con l’immagine di una città vecchia cioè imbarazzan-
te, scomoda, evasiva, giudicata e condannata senza appello, nella quale vale for-
se la pena di dedicarsi soltanto a salvare qualche monumento (ricordiamo il suo
impegno per salvare Santa Maria di Castello dal crollo e dal degrado18, ma ricor-
diamo che l’ideologia dei monumenti non è certamente esente dal pericolo di
clamorose contraddizioni, se è vero che al nostro si deve forse la sparizione del
Teatro Guasco, magari non riconosciuto come monumentale)19.
Tuttavia, una proposta di un certo rilievo per migliorare l’aspetto della città
agli albori dell’era straneiana i Guerci l’avevano già fatta nel 1877. Il 24 novem-
bre di quell’anno Francesco, il fratello maggiore di Venanzio che pochi anni do-
po si affiancherà al vecchio Giovanni nella gestione dell’impresa, più tardi la
erediterà e – come dicevamo più sopra – stabilirà una nuova casa in Piazza Santa

lettura del Bima è certo responsabile di un’interpretazione di Alessandria come una tela
di Penelope edilizia, la cui perversa tessitura coincide col disfacimento ed è gestita dal-
l’onnipresente genio militare. Con i debiti aggiornamenti e in un’ottica meno unilaterale,
l’analisi del fu Presidente della Compagnia degli Alberghi Siciliani nonché Ispettore
onorario della Sovrintendenza per i Beni Architettonici rimane tuttora valida; a tale pro-
posito si veda ancora il già citato saggio di Gian Maria Panizza e Annalisa Dameri, in
particolare le pagg. 138-140 e 164.
18
Per quanto riguarda l’antica chiesa, vero secondo cuore della città, si veda il volume di
studi C. SPANTIGATI, M.G. VINARDI, M.C. VISCONTI CHERASCO (a cura di), Santa Maria
di Castello, Alessandria 1996; in particolare, per gli interventi di Venanzio Guerci, il
contributo di G.M. PANIZZA, Venanzio Guerci e Santa Maria di Castello, pp. 145-150.
19
O di ciò che ne rimaneva: I locali del Gruppo rionale, ridotti in passato ad uso di mo-
destissime abitazioni o di magazzini , e perciò spogliati da ogni decorazione e malamen-
te suddivisi e frazionati, si trovano tutti lungo la via dei Guasco e vennero adattati alla
loro nuova destinazione, con largo dispendio, dal principe don Emilio Guasco col con-
corso dell’Amministrazione del Gruppo… Primeggia il salone delle adunate e delle fe-
ste, che è stato creato ex novo là ove sorgeva il vecchio teatro, ha la superficie di mq.
120 e si apre per due ampie arcate sulla sala del “bar” … seguono tre locali… la sala
dei biliardi… vari locali da gioco, oltre a tutti i servizi. I locali sono arredati con so-
brietà e proprietà, in U. FERRARI DI BRIGNANO, Il Palazzo Guasco in Alessandria e il
Gruppo Rionale Chiappino, in «Alexandria» 10 (1936). Si legge nella nota 1: Vivi rin-
graziamenti sono dovuti ai camerati principe don Emilio Guasco-Gallarati di Bisio, pro-
prietario del palazzo, cavaliere geom. Giuseppe Benedetto, Preside della Provincia e Fi-
duciario del Gruppo Rionale Chiappino, dott. ing. Venanzio Guerci, progettista del re-
stauro. Si veda, per quanto riguarda i progetti dell’ingegnere, la cartella Palazzo e Grup-
po Rionale Chiappino (AVG, Archivio Guerci, n. 2/4); vi è contenuta una cartellina inte-
stata Casa Guasco, nella quale sono conservati tanto i progetti della ristrutturazione, con
i timbri «Amministrazione Marchese Guasco», quanto i rendiconti dell’imprenditore
Garbarino per i lavori eseguiti ai canali, al tetto, al cortile, alla facciata, all’alloggio del
portinaio, eseguiti nel 1934-1935 e rivisti da Guerci nel 1938.
Gian Maria Panizza XIII

Maria dell’Olmo, presenta assieme al geometra Antonio Gatti al Consiglio Co-


munale il progetto per una galleria, destinata a trasformare via Ferrara in un vero
e proprio passage. Si tenga presente che la galleria avrebbe dovuto proseguire
oltre via San Lorenzo attraversando le case antistanti lo sbocco di via Ferrara fi-
no ad uscire in corso Roma.
Forse spaventata dalle proporzioni o dai costi dell’impresa, probabilmente
gelosa di un’idea certamente d’attualità e pensata in grande e ancor più proba-
bilmente riluttante davanti all’eventualità che due geometri realizzassero, per
conto loro un progetto qualificante per ridisegnare un nodo cruciale del centro
cittadino, la commissione incaricata di esaminare la proposta si riunì almeno due
volte tra il gennaio e il marzo 1878, venne raddoppiata nei suoi membri20 e finì
con il respingerlo: Alessandria non ebbe dunque (se non vent’anni dopo ed assai
più limitato e modesto sia come collocazione che come impianto di arredo urba-
no21) il suo passage e alla famiglia Guerci mancò la conferma, certamente ambi-
ta, di un desiderato passaggio di condizione sociale: da esecutori di progetti a
progettisti.
All’inizio degli anni Novanta i Guerci riceveranno la definitiva conferma che
la loro misura dovrà rimanere quella di esecutori della pubblica volontà, o tutt’al
più di autori di modifiche e ristrutturazioni nel privato. Prima di accennare a
questo episodio significativo, soprattutto per un primo tentativo di indagare la fi-
gura dell’ingegner Venanzio, non sarà inopportuno citare le parole di Straneo nel
188722, cioè nel pieno fervore del remake della città:

20
ASAL, ASCAI serie III, Opere Pubbliche, Registri delle deliberazioni della Giunta
Municipale riguardanti l’Ufficio d’Arte cit.; ASAL, ASCAI, serie III § 5 Opere Pubbli-
che, Registri delle deliberazioni della Giunta Municipale riguardanti l’Ufficio d’Arte cit.
(cfr. nota 13), anni 1877, 1878, rispettivamente alle date del 24 novembre (presentazione
del progetto), 30 gennaio (Commissione Sola-De Angelis-Scazzola), 15 marzo (aggiunta
alla Commissione di Chiodi e Visconti-Prasca. Inoltre in AVG, Cartelle dei disegni, n. 8
Piazzetta della Lega; n. 57 Piani Regolatori; n.132 Edifici Pubblici: Piani Regolatori; n.
134 Chiese e Cappelle.
21
AVG, Cartelle dei disegni, n. 51, Galleria Guerci. Si vedano anche le cartelle riguar-
danti il Cinema «Galleria» (AVG, Cartelle dei disegni, nn. 49 e 50).
22
La minuta della relazione di Straneo si trova nel fascicolo Progetto per sventramento
d’Arzola, in ASAL, ASCAI serie III § 5 Opere Pubbliche, n. 1612, Lavori con concorso
del Comune. Interessanti le correzioni: ad esempio gli immondi quartieri, in prima stesu-
ra, risaltavano come luridi collettori. Una fotografia dell’Arzola esiste presso l’ ASAL,
in ASCAI serie III § 17 Disegni piante fotografie, n. 2263. Nel 1870 vi si trovavano due
lampioni a gas, dei quali uno si spegneva a mezzanotte (compatibilmente con le fasi lu-
nari, secondo il sistema dell’epoca) e l’altro rimaneva acceso tutta la notte, cfr. Stato in-
dicativo dei numeri… apposti ai fanali… in rapporto alla località… e Effemeride della
Illuminazione Stradale per l’anno 1887 compilato per cura del Rag. Luigi Tredici, Mila-
XIV Introduzione

L’opera rigeneratrice iniziata dalle nuove idee umanitarie or fa circa un secolo,


e l’influenza delle nuove condizioni nazionali hanno lentamente sì, ma con moto
progressivo, abbattuto quei tuguri, che mal si comprende come per tanti secoli
abbiano potuto riguardarsi quali tollerabili abitazioni di esseri umani. Gli è in
tal guisa che tutte indistintamente le grandi e le piccole città, e fino i più piccoli
villaggi, hanno di molto migliorato e vanno tuttora migliorando il loro aspetto e
le loro condizioni igieniche.
Se l’iniziativa privata ha potuto produrre di questi miracoli nei luoghi di maggior
frequenza, riesce però poco efficace e quasi nulla in quelle porzioni degli abitati,
ove non passa di sovente l’occhio curioso e censore dei viandanti, ove meno seve-
ra giunge l’autorità della legge, ove le migliorie non danno la promessa d’un lu-
cro corrispondente ai sacrifizi, e dove la triste omogeneità degli abitanti e delle
abitazioni rimuove perfino l’ultimo incentivo d’una debole emulazione.
[…]
A togliere il male dalla radice, ad eliminare questi immondi quartieri, rifugi della
miseria e talor anche del vizio, occorre che l’Autorità pubblica intervenga coll’i-
nesorabile rimedio del ferro e del fuoco: il ferro per abbattere, il fuoco per rifor-
mare.

Se l’occasione per fare sfoggio di un’eloquenza così tipicamente umbertina e


altrettanto segnata da un’ideologia della polizia urbanistica prettamente piccolo
borghese è fornita all’ingegnere capo del Comune dal progetto di sventramento
dell’Arzola, è anche evidente che una tale visione della triplice alleanza tra ini-
ziativa privata, intervento pubblico e sostegno da parte dello Stato (la vagheggia-
ta riforma e benefica legge richiamata da Straneo poche righe dopo le parole ci-
tate) nella riforma e purificazione della città dovrà necessariamente estendersi a
tutti gli interventi ed assegnare ad ognuna delle forze in campo compiti e limiti.
Ciò sarà evidente nel 1891, quando il cavalier Giovanni Guerci si farà carico
di una proposta che mira

a conseguire il duplice scopo di aiutare la classe lavoratrice e dar esecuzione ad


alcuni progetti di opere o di grande e utile necessità o di decoro per il nostro pae-
se. E che queste opere utili e necessarie e decorose per la città nostra vi siano, e
siano già state studiate e progettate, è pure cosa notoria23.

E prosegue suggerendo l’ampliamento del nuovo cimitero urbano ed il com-

no, in ASAL, ASCAI s. III, § 5 Opere Pubbliche, n. 1637, Illuminazione nei sobborghi e
n. 1570, Illuminazione pubblica , risp.il fasc. 1 Capitolati e il fasc. 1 Contratti.
23
La vicenda è documentata in ASAL, ASCAI serie III § 12 Agricoltura, Industria,
Commercio, n. 1826 Società Operaie ed altri sodalizi in città , fascicolo Società dei Mu-
ratori – Falegnami ed altre – Operai disoccupati, Istanze per aver lavoro proposte dal
Cav.re Gio. Guerci e di altri impresari per dare occupazione ai sudd.i operai. La lettera
di Guerci, in carta bollata da cent. 50 e indirizzata al Sindaco, è datata 15 aprile 1891.
Gian Maria Panizza XV

pletamento dell’edificio dell’Istruzione Normale Femminile, opere necessarie e


significative, che darebbero lavoro agli operai disoccupati… che si rivolgono
giornalmente allo scrivente e ad altri industriali per avere una occupazione
qualsiasi.
La proposta di Guerci è in sostanza un tentativo di accordarsi con il Munici-
pio a monte della gara d’appalto che dovrebbe essere comunque bandita per
quelle opere, per assicurarsi i lavori promettendo condizioni particolarmente fa-
vorevoli indipendentemente dai risultati della pubblica gara24.
Presa visione di un istanza degli impresari Grillo, Piccone e Ivaldi25 che, ve-
nuti a sapere dell’offerta Guerci, offrono condizioni ancora migliori, e di una re-
lazione di Straneo, la Giunta delibererà il solo proseguimento dei lavori all’edifi-
cio delle Scuole femminili (ricordiamo, di fronte alla casa acquistata nello stesso
anno da Francesco Guerci) e non accetterà le offerte indicendo comunque la gara
d’appalto26.
La relazione dell’Ingegnere Capo, che non rinuncia a ricorrere a metafore trat-
te dalle scienze matematiche e fisiche27 come a fare a quel melange di positivismo

24
S’intende che lo scrivente non ha alcuna difficoltà che i lavori stessi, colle citate con-
dizioni di pagamento, siano messi all’asta pubblica – ed esso si ritiene vincolato anche
quando non abbia l’Amministrazione Municipale potuto ottenere colla pubblica gara un
ribasso superiore a quello sopracitato Lettera in ASAL, ASCAI cit., cfr. nota 26.
25
In data 16 maggio 1891, In ASAL, ASCAI cit., cfr. nota 23.
26
La delibera del Consiglio, che chiude il fascicolo, è datata 1 luglio 1891 e rimanda co-
munque la pratica ad altra seduta. In ASAL , ASCAI cit., cfr. nota 23
27
… per usare una espressione tratta dalla meccanica, non si farebbe che applicare al
movimento cittadino un regolatore, tendente ad accelerare la velocità quanto il moto
tende a rallentare… dice Straneo per tacciare di artificiosità le proposte di Guerci (vedi
il passo citato più avanti) in ASAL, ASCAI cit., v. nota 23. Per un altro saggio delle ca-
pacità letterarie dell’Ingegnere Capo non si può omettere di citare, purtroppo brevemen-
te, qualche sestina scelta dall’odicina che egli volle offrire ai colleghi del Collegio degli
Ingegneri della Provincia di Alessandria il 15 novembre 1914 in occasione del banchetto
offertogli per il 50° della sua laurea. Si tratta di una specie di Ballo Excelsior in versi, nel
quale il venerando nobiluomo tesse il panegirico dell’Ingegneria e ricusa veementemen-
te ogni addebito di responsabilità nella guerra che sta per insanguinare il mondo: D’odio
feroce e di spietata insidia / Tanto l’umanità si mostra or pazza , / Da far oggetto di
profonda invidia / Le fiere tutte. D’una istessa razza / Non si dilanian mai tra loro i bru-
ti, / Anzi a vicenda scanbiansi gli aiuti. … Forse a noi, più di tanti altri mortali / Muovon
ribrezzo metodi si crudi; / Ed il mirar centuplicati i mali / Con quanto oggetto fu de’ no-
stri studi, / Ci fa quasi doler di possedere / il conquistato titol d’Ingegnere. E inver stra-
de ferrate, urti e trazione ; / A vapor ed elettrici motori, / A scoppio, a doppia o semplice
espansione, / Luce elettrica, fasci e riflettori, / Equilibrio di corpi galleggianti, / Di cor-
pi immersi e di corpi volanti, / Turbine , baricentri e forze vive, / Traiettorie, parabole,
aeroplani, / Corazze, mine e sostanze esplosive, / Telegrafi con filo e marconiani, / Diri-
gibili e quanto or non rammento / Tutto dell’Ingegner, tutto è argomento / Sempre a pro-
XVI Introduzione

e idealismo caratteristicamente liberale e fin de siècle, smonta e boccia la propo-


sta del potente impresario servendosi di varie argomentazioni: in tempi di crisi
edilizia e di ribasso del costo dei laterizi (ed i Guerci sono proprietari di fornaci)
l’asta si rivela più conveniente; le proposte del cav. Giovanni sono più fumo che
arrosto, riducendosi in realtà, a ben guardare, a corrispondere ai contratti prece-
denti; non è poi tale l’urgenza di opere pubbliche (e la Giunta aggiungerà, nella
delibera, che è anche in gran parte cessata quella di dar lavoro agli operai); se si
tratta di contrarre un prestito (e le condizioni di Guerci a ciò si riducono secondo
Straneo) la municipalità preferisce ricorrere all’aiuto governativo.
Ma particolarmente significativo si rivela questo passo della relazione:

… che questa mancanza di lavoro pesi, realmente su quella parte della popola-
zione che non può fare assegnamento su altro che sul lavoro delle sue braccia, è
cosa nota e che si osserva non solo nella nostra Alessandria, ma altresì e forse in
più vasta misura in tutte le altre città italiane. In Alessandria poi la deficienza si
fa ancor più vivamente sentire, perché la triste annata viene dietro ad una serie di
altri anni, durante i quali i lavori di costruzione avevano preso uno sviluppo
grandissimo e veramente eccezionale. Procurare con mezzi straordinari di far ri-
sorgere la vitalità esuberante degli ultimi anni sarebbe opera vana e nociva; poi-
ché leggi superiori agli uomini regolano i fatti economici, e tutti gli artifici non
varrebbero a mantenere in Alessandria uno sviluppo edilizio non proporzionato
alla modesta sua condizione rispetto alla contrada che la riconosce per suo cen-
tro d’alimentazione e di commercio28

che, neppure troppo fra le righe, suona come una precisa definizione dei confini
entro i quali deve mantenersi l’impresa privata, e come un ammonimento a Gio-
vanni Guerci non tanto a serbare una decorosa correttezza ed a non mettere in
imbarazzo l’amministrazione comunale, quanto a non pretendere di invadere gli
spazi propri dell’intervento pubblico e della gestione economica e politica. In-
somma, l’ingegnere dà lezione all’impresario; lo tratta, se vogliamo, da persona
che celi interessi privati dietro un paternalismo demagogico e inconsistente , ma-
gari in odore di socialismo; infine, pare trapeli dalla relazione il fastidio che

gresso e mai a distruzioni / Dal Valentino e dall’Università / Miravan, o Insegnanti le le-


zioni, / Che calmi ci davate in quell’età / Per lo studente sempre la più aurea, / Che tra-
monta col giorno della laurea. / Allora appunto la Nazion risorta, / Fissa de’ suoi destini
al compimento, / Dal Po all’Arno la sede sua trasporta. / oh Memorandi giorni, io vi
rammento; / E m’è pur dolce fra gl’odierni orrori / Ricordare voi tutti, o Professori». Il
componimento si trova incluso nel fascicolo Collegio degli Ingegneri ed Architetti non
che dei geometri misuratori e periti in, in ASCAI serie III , cat. 12 Agricoltura Industria
Commercio, n. 1825 Società Operaie ed altri sodalizi in Città.
28
La relazione di Straneo è in data 19 aprile 1891. In ASAL, ASCAI cit., cfr. nota n. 23.
Gian Maria Panizza XVII

Straneo forse provava all’idea che l’area, abbastanza riservata per non dire
esclusiva di élite intellettuale e sociale, della progettazione urbanistica, venisse
contaminata dall’intrusione di un parvenu. In ogni caso il miracolo edilizio
voluto da Straneo è ormai ben avviato ed anzi in via di esaurimento: inutile ten-
tare di affiancarsi a chi lo ha voluto e diretto, meno che mai per dargli suggeri-
menti.
Forse non è ozioso chiedersi se le vicende dell’impresa Guerci, e dietro a
queste la storia di due, o forse più, generazioni di costruttori alessandrini, abbia-
no in qualche modo influito sulla carriera di Venanzio Guerci. Certo che alcuni
elementi in nostro possesso potrebbero lasciar supporre che non si sia affatto
trattato di una irriducibile vocazione alla progettazione, ma che abbia pesato
molto sul sestogenito della numerosa famiglia la volontà paterna di dare un se-
guito, attraverso un figlio sicuramente dotato di una bella mano29 di disegnatore
a quanto di irrisolto potesse risultare da un progetto familiare non compiuto. A
tale proposito bisogna ricordare che nel 1891, anno degli avvenimenti sopra rie-
vocati, Venanzio sta frequentando il Liceo a Torino: a metà degli anni Novanta si
iscriverà all’Università. Tuttavia al diploma non seguiranno gli studi al Valenti-
no: egli conseguirà la laurea in Ingegneria Civile nel 1901 presso l’ateneo pado-
vano; gli inizi, a dire il vero, erano erano stati piuttosto faticosi30.
Nell’anno successivo alla laurea Venanzio Guerci sposa Maria Amalia Eveli-
na Pastorino: un anno dopo nascerà Ernesto, il loro unico figlio. È probabile che
la famiglia si rechi ad abitare nel villino, ampliato ed abbellito da Francesco, do-
po la morte di costui, avvenuta nel 1905, a meno che il primogenito non vi abbia
mai abitato; l’acquisto e il restauro, in tal caso, potrebbero essere stati già da
tempo decisi in funzione del matrimonio del futuro ingegnere. In ogni caso, do-

29
Si vedano per esempio le cartelle Cappellina di Spinetta Marengo, Chiese e Cappelle,
Piazzetta della Lega, che contengono acquerelli di mano dell’ing. Venanzio, in AVG.,
Cartelle dei disegni, rispettivamente nn. 122, 134-135, 6-8.
30
Venanzio Guerci si licenziò nel 1897 in Scienze Matematiche e Fisiche. Come risulta
dal Registro della carriera scolastica, vol. II, fasc. 133 (Archivio Antico dell’Università
degli Studi di Padova), con il minimo dei voti in tutti gli esami necessari per ottenere il
passaggio al Corso di Applicazione per gli Ingegneri. All’inizio di quel secondo biennio,
il Rettore spedì una lettera ai genitori di quegli studenti negligenti che, avendo disertato
ripetutamente le lezioni di Geometria descrittiva, si erano meritati la seconda misura di-
sciplinare, contemplata dal regolamento “avviso alle famiglie”. Il 13 marzo 1897 il ca-
valier Giovanni rispose al Rettore ringraziandolo e informandolo in questi termini: … ho
ragione di credere che egli (Venanzio), dopo così solenne avvertimento, vorrà rimettersi
sulla buona via e corrisponder meglio ai non lievi sacrifici ed alle giuste aspettazioni
del suo vecchio padre ed aggiunge di essere disposto, qualora il caso lo richieda, di re-
carmi a Padova personalmente (Fascicolo allegato al Registro cit.).
XVIII Introduzione

po la scomparsa di Venanzio nel 1959, Villa Guerci rimarrà vuota31 ed abbando-


nata per più di vent’anni32 e nelle sue stanze in progressivo degrado l’archivio e
la biblioteca dell’ingegnere aspetteranno (fatti purtroppo, nel frattempo, oggetto
di numerosi saccheggi) quasi trent’anni prima di essere finalmente trasferiti dal-
l’Amministrazione Municipale in un locale della Biblioteca Civica.

Gian Maria Panizza

31
Nel 1934 il figlio Ernesto si era trasferito a Torino e la signora Guerci morì prima del
marito. (cfr. Fig.1)
32
Benché nel 1968, per l’apertura della successione senza eredi della vedova di Ernesto
Guerci (P. BARONE, V. DI LEO, A. GAZZINA, R. BOCCHINO, Ricerca Storica cit., cfr. nota
4), la villa fosse passata allo Stato, fino al 1980 il Comune non l’acquisirà (al prezzo di
L. 170.000.000 vincolandone per vent’anni la destinazione ad uso pubblico in P. BARO-
NE, V. DI LEO, A. GAZZINA, R. BOCCHINO, Ricerca Storica cit.).
Fig. 1 Albero genealogico della famiglia Guerci lungo la linea Giovanni Battista
– Francesco – Giovanni Antonio Vincenzo – Francesco Venanzio-Ernesto
(In nota le definizioni anagrafiche di professione e stato sociale)
Fig. 2 Giardino di Villa Guerci, Alessandria, s.d.
(Archivio fotografico di Venanzio Guerci. Foto-
teca civica di Alessandria)

L’archivio fotografico di Venanzio Guerci è depositato presso la Fototeca civica


di Alessandria. Inventariato e riprodotto in copia digitale nel corso del 2001, il
Fondo Guerci è costituito da 580 stampe ai sali d’argento ed albumine. Racco-
glie immagini realizzate da Venanzio Guerci tra la fine del secolo XIX e la metà
del secolo XX, oltre a quelle ricevute da colleghi o acquistate. Comprende foto-
grafie di famiglia, documentazione di lavoro, immagini di Alessandria.
Fig. 3 Venanzio Guerci, 1956 ca. (Ar-
chivio fotografico Venanzio Guerci.
Fototeca civica di Alessandria)

Fig. 4 Ritratto di gruppo con Venanzio Guerci, s.d. (Archivio fotografico Venan-
zio Guerci. Fototeca civica di Alessandria)
Fig. 5 Casa del mutilato (Associazione nazionale invalidi di guerra), Alessandria.
Progetto, 1937-1945 (Archivio fotografico Venanzio Guerci. Fototeca civica di
Alessandria)

Fig. 6 Ufficio Poste e Telegrafi di Alessandria. Progetto, 1932-1933. (Archivio


fotografico Venanzio Guerci. Fototeca civica di Alessandria)
Dimitri Brunetti – Daniela Cabella

L’archivio di Venanzio Guerci ingegnere alessadrino


Nota alla pubblicazione dell’inventario

L’archivio di Venanzio Guerci, ingegnere di Alessandria, riveste una notevole


importanza per approfondire le conoscenze sull’architettura civile alessandrina
della prima metà del Novecento, con particolare riferimento agli anni fra le due
guerre mondiali.
Venanzio Guerci ha firmato molti dei progetti che hanno modificato in modo
permanente l’aspetto della città ed ha collaborato con numerose Amministrazio-
ni comunali in qualità di componente della Commissione edilizia, del Consiglio
di sanità, della Commissione di vigilanza sulla biblioteca e pinacoteca civica,
della Commissione per la conservazione dei monumenti, della Commissione ar-
tistica della Società del casino di Alessandria, della Società Croce verde e di nu-
merosi comitati per le onoranze ai caduti.
Guerci è stato vice presidente per la Commissione di arte della Consulta della
Società di storia arti e archeologia della Provincia di Alessandria e di Asti e de-
putato della R. Deputazione subalpina di storia patria; nel 1940 gli è stata confe-
rita l’onorificenza di Cavaliere dell’ordine della Corona d’Italia e nel 1957 gli è
stata concessa l’onorificenza di Ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica
italiana.

Discendente di una famiglia di proprietari di fornaci e costruttori edili ales-


sandrini, Venanzio Guerci, che nel maggio 1901 si laurea in ingegneria civile al-
l’Università di Padova, segue le orme del fratello Francesco, autore del progetto
di un grandioso passage tra via Ferrara e via Roma (1877), e del padre Giovanni
che si era aggiudicato l’edificazione del lotto su corso Roma dei palazzi proget-
tati da Straneo per piazza Garibaldi.
Dallo studio di Venanzio Guerci escono alcuni tra i progetti più rappresentati-
vi della città nel ventennio fascista: l’Asilo notturno di via San Pio V (1927-
1930), i villaggi semirurali di via Maggioli (1938-1939), la Casa del mutilato in
corso Borsalino (1940) e i disegni per la sistemazione definitiva della Galleria
Guerci (cui si aggiunge nel dopoguerra il cinema omonimo). Su progetto dell’in-
gegnere vengono eseguiti anche due importanti lavori di restauro: il primo che
porta alla realizzazione in Palazzo Guasco del salone dei Fasci rionali al posto di
ciò che restava del teatro (1934-1936), il secondo a Santa Maria di Castello che
comporta anche il trasferimento sulla facciata del portale quattrocentesco prima
situato a lato (1924-1932) e la liberazione degli edifici parassitari delle absidi
4 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

della Chiesa (1940). Fra i progetti non realizzati, ricordiamo il Palazzo dei Fasci
e delle Corporazioni e il palazzo delle Poste, immaginato da Guerci in piazzetta
della Lega.
Nella villa di famiglia, Venanzio Guerci, nato ad Alessandria nel 1872, tra-
scorre la seconda parte della sua vita dove accumula un archivio e una biblioteca
di notevoli dimensioni e grande interesse. Successivamente alla morte, avvenuta
nel 1959, le carte vengono trasferite nella Biblioteca civica a seguito dell’acqui-
sizione della villa da parte del Comune.

L’intero archivio contiene documenti a partire dall’anno 1851 fino al 1959,


anche se sulla maggior parte del materiale conservato non è presente alcuna da-
ta. La consistenza attuale della raccolta documentaria è di 124 faldoni (circa di-
ciannove metri lineari), 218 rotoli di progetti e 186 cartelle contenenti i disegni
originali.

Abbiamo accolto con entusiasmo la proposta fatta dall’Amministrazione co-


munale di pubblicare l’inventario dell’archivio Guerci, realizzato a seguito di un
lungo lavoro di schedatura e riordino nei primi mesi del 2001. Abbiamo deciso
di proporre integralmente l’inventario e la sua introduzione originale, rielaboran-
do però la presentazione delle informazioni (originariamente in forma tabellare)
per rendere più agevole la lettura. Inoltre sono stati realizzati i due indici dei no-
mi proposti al fondo del volume, allo scopo di facilitare la ricerca.

La scelta di presentare senza omissioni i nomi dei committenti di Venanzio


Guerci e i riferimenti a numerose famiglie e a molti personaggi alessandrini deri-
va dalla considerazione che si tratta di soli dati personali, comunque anteriori al-
l’ultimo quarantennio, trattati per ricerche storiche e quindi non più sottoposti ai
vincoli della riservatezza indicati dalle norme sulla privacy.

È doveroso ringraziare Patrizia Bigi, direttrice della Biblioteca civica di Alessandria,


poiché senza la sua collaborazione e il suo continuo sostegno questo lavoro non sarebbe
stato realizzato.
Introduzione all’inventario

L’archivio Guerci all’avvio del riordino


L’archivio di Venanzio Guerci è stato collocato nei depositi al piano terreno
della Biblioteca civica nei primi anni Ottanta, e qui è stato dimenticato fino alla
fine del 2000.
In quasi vent’anni non si è fatto nulla, con l’unica eccezione di una prima
schedatura effettuata da Gian Maria Panizza, limitata però solo a cinquanta delle
grandi cartelle dei disegni1.
All’avvio del riordino l’archivio si presentava in gravissime condizioni di
conservazione: sporchissimo, ammucchiato alla rinfusa, con pezzi sciolti e altri
in cartelle malandate e semidistrutte. In nessun modo era possibile individuare
un qualunque ordine e neppure le cinquanta cartelle numerate da Panizza erano
più al loro posto.
E’ anche vero, però, che l’archivio non doveva essere in buone condizioni
neppure quando è stato acquisito dal Comune di Alessandria e poi trasferito in
Biblioteca. Infatti in una lettera del 28 settembre 1945 inviata da Venanzio Guer-
ci, leggiamo: e lei mi perdonerà se qualche cosa avesse a mancare, perché lo
scorso inverno, pel gelo, nella mia casa si sono spaccati i tubi dell’acqua che mi
hanno rovinato completamente tante cartelle dei disegni, ed hanno fatto altri
guai nel mio studio. I risultati di un tale disastro li vediamo ancora su molte car-
telle marce e malandate e nei primi 10 - 20 cm della lunghezza della maggior
parte dei rotoli dei disegni, che spesso non è più possibile srotolare. Anche dopo
il 1945 l’ingegnere non si è preoccupato troppo di sistemare il suo archivio, visto
che ancora nel 1949 la situazione dell’ufficio non è proprio perfetta: il 26 no-
vembre 1949 scrive …e che io non mi so dar pace di avere smarrito qui fra le
troppe mie carte, fra i troppi rotoli e cartelle dello studio…

1
Si veda: G.M. PANIZZA, Una famiglia di costruttori alessandrini: i Guerci. L’archivio
dell’ingegner Venanzio, in “Bollettino della Società piemontese di archeologia e belle ar-
ti”, Nuova Serie, XLIII (1989), pp. 233-249, con illustrazioni nella seconda parte del vo-
lume, pp. 67-70.
6 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

Cenni di metodologia di lavoro e descrizione della struttura del fondo


L’archivio di Venanzio Guerci è formato da documenti raccolti in tre tipolo-
gie differenti di contenitori: i faldoni, i tubi per i disegni e le grandi cartelle per
le tavole di progetto di maggiori dimensioni.
All’avvio dell’intervento la documentazione era del tutto confusa, ma la ri-
partizione fra i rotoli dei disegni, le cartelle e l’altra documentazione si è potuta
realizzare agevolmente. In un secondo tempo si è provveduto a spolverare ogni
carta (anche se in taluni casi non è stato possibile eliminare tutta la polvere che
ormai impregna i cartoni originali). Poi il materiale pulito è stato schedato anali-
ticamente, e solo alcune volte si è potuto accostare fin dalle prime fasi di lavoro
il materiale simile. Completata la schedatura si è deciso di suddividere l’archivio
(la prima parte, ora formata da 124 faldoni) in tre grandi ripartizioni (i “titoli”), a
loro volta suddivise in serie e quindi in sottoserie.

Il primo titolo “Progetti, collaudi, perizie e lavori diversi” raccoglie al suo in-
terno tutti i progetti e le carte ad essi collegati. Le maggiori ripartizioni interne
permettono di suddividere la documentazione riferita agli edifici pubblici, o di
uso pubblico in Alessandria, agli edifici privati in Alessandria e ai progetti di co-
struzioni localizzate in altri Comuni. Nella quarta serie sono raccolti progetti va-
ri e nella quinta tutti i fascicoli riguardanti le perizie e le relazioni firmate da Ve-
nanzio Guerci.

Il secondo titolo “Documentazione di lavoro” è destinato a contenere i mol-


tissimi raccoglitori entro i quali Venanzio Guerci (forse mantenendo un’abitudi-
ne del padre) sistemava regolamenti, tabelle dei prezzi, disegni, tavole, catalo-
ghi, memorie tecniche e altro materiale che poteva essere utile per la stesura dei
progetti di costruzione. Nell’ultima serie sono elencate alcune raccolte di ritagli
di giornale.

Il terzo titolo “Famiglia e carte personali” contiene le carte personali di Ve-


nanzio Guerci e dei suoi familiari, specialmente quelle riferite alla gestione degli
immobili di famiglia. La terza serie contiene la corrispondenza e le carte dell’in-
gegnere, relative a fatti personali o a questioni di lavoro. La quarta serie contiene
alcune agende e le rubriche che si sono conservate e la quinta e ultima serie i ca-
taloghi dei libri della biblioteca Guerci e la corrispondenza relativa al loro acqui-
sto e scambio.
L’ultimo pezzo della prima sezione d’archivio è una rubrica sulla quale Ve-
nanzio Guerci ha annotato in ordine alfabetico quasi centocinquanta pratiche che
erano presenti nel suo ufficio. Questo elenco non è stato utilizzato per il riordino
poiché solo una parte di queste cartelle sono state rintracciate e anche perché l’e-
lenco era riferito alle sole pratiche in corso.
L’archivio di Venanzio Guerci 7

Infine, occorre fare alcune precisazioni:


- In molti fascicoli non ci sono documenti sufficienti per capire se il progetto
era di Venanzio Guerci o di altri, o per sapere se gli serviva per un collaudo,
una perizia, o altri motivi di lavoro, se lo aveva ricevuto per le ragioni più di-
verse da un qualunque collega, il progettista o no, o se si trattava di carte rac-
colte per documentazione o per ispirarsi.
- In molti fascicoli si trovano le carte riferite al progetto indicato, ma anche al-
tre di progetti diversi (che spesso sono stati spostati, ma a volte solo segnala-
ti) e molti disegni senza titolo, data, o altre indicazioni che potrebbero riferir-
si a qualunque altra cosa.
- Pochissimi documenti e una minima parte dei progetti sono datati. In qualche
caso è stato possibile attribuire una data, in altri, anche in considerazione dei
molti anni di attività di Venanzio Guerci, le carte proprio non si sono potute
datare. In linea generale, comunque, tutte le date dei fascicolo sono da consi-
derarsi indicative e probabilmente gli estremi cronologici spesso dovrebbero
venire ampliati.
- Spesso Guerci usava carte vecchie per scrivere sul retro nuovi appunti.

I rotoli dei disegni


Il riordino dei rotoli dei disegni è stato abbastanza semplice: dopo l’identifi-
cazione del progetto si è provveduto ad attribuire a ciascun rotolo la classifica-
zione sulla base dello schema già definito per i faldoni e, successivamente, ai ro-
toli è stato dato un numero di corda.
La difficoltà del lavoro è consistita nell’aprire i rotoli, cercando di non fran-
tumare i supporti ormai fragilissimi. In taluni casi si è preferito addirittura non
procedere all’apertura, poiché le diverse tavole erano incollate e appariva evi-
dente che si sarebbero rovinate. In altri casi la difficoltà è derivata dalla neces-
sità di identificare il progetto che spesso si presentava senza alcuna scritta e nes-
sun riferimento.
Per taluni disegni (arrotolati o in cartella) non sono stati individuati docu-
menti in fascicolo a cui fare riferimento. Questi disegni sono stati elencati al fon-
do della serie d’archivio più simile (1.1, 1.3).

Le cartelle dei disegni


Venanzio Guerci non era una persona ordinata. L’analisi delle cartelle ha in-
fatti evidenziato che l’ingegnere tendeva ad “archiviare” i vecchi progetti, i dise-
gni non approvati o le sue tavole di studio in modo casuale, mischiando anche
cose diversissime fra loro. Solamente per alcuni progetti che, evidentemente, gli
stavano maggiormente a cuore (ad esempio l’Ospedale di Alessandria, la Casa
del mutilato, ecc.), Venanzio Guerci ha curato la sistemazione definitiva delle
carte. In alternativa si può anche presumere che dopo la sua morte sia avvenuto
8 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

un rimescolamento generale dei suoi fogli, ma appare difficile, anche alla luce
delle sue stesse frasi riportate più sopra.
Le grandi cartelle originali contenevano documentazione diversa e raccoglie-
vano, al loro interno, anche progetti, appunti e disegni elaborati da Venanzio
Guerci durante gli anni della sua formazione, e in particolare negli ultimissimi
anni dell’Ottocento presso la Regia Scuola d’applicazione per gli ingegneri di
Padova. Il suo archivio conteneva anche molti progetti di suoi colleghi, tavole
illustrate, cataloghi e memorie tecniche.
Tutte le cartelle sono state schedate e solo in rari casi si è provveduto ad
estrarre alcune tavole dal contenitore originale per ricondurle vicino alle altre ri-
guardanti lo stesso edificio. Successivamente le cartelle sono state classificate
sulla base dello schema già definito e ad ognuna di esse è stato attribuito un nu-
mero di corda.

Il condizionamento dell’archivio
Al termine della schedatura, dell’inventariazione e del riordino dell’archivio,
è stata messa grande cura nel nuovo condizionamento delle carte e dei disegni.

I faldoni
Le carte sono state inserite in cartelline di cartoncino bianco recanti in coper-
tina l’indicazione dell’archivio di appartenenza, le relative classificazioni archi-
vistiche (titolo - serie - sottoserie e faldone - fascicolo) e l’indicazione del conte-
nuto. Lo stesso trattamento è stato riservato ai volumi maggiormente danneggia-
ti, privi di copertina o più piccoli.
Ai registri e alle cartelle originali in buono stato è stata apposta una etichetta
riportante l’indicazione della classificazioni e del numero di corda.
I fascicoli di maggiori dimensioni sono stati legati con fettuccia bianca di co-
tone.
Le unità archivistiche sono state inserite in faldoni nuovi recanti sulla costa
un’etichetta con l’indicazione dell’archivio di appartenenza e il numero progres-
sivo di corda (1 - 124).
Tutte le etichette sono state incollate con colla idrosolubile a PH neutro.

I rotoli dei disegni


Tutti i rotoli dei disegni di Venanzio Guerci sono stati fasciati con carta bian-
ca e legati con una fettuccia bianca di cotone. Sul nuovo foglio di carta è stata
applicata un’etichetta sulla quale è riportato il numero progressivo di corda dei
rotoli (1 - 218).
Tutti i rotoli originali sono stati inseriti in tubi di plastica lunghi un metro sui
L’archivio di Venanzio Guerci 9

quali sono state applicate due etichette con il numero progressivo di corda dei
rotoli contenuti: la prima sul tappo verde e la seconda sul tubo nero. In taluni ca-
si nel tubo sono stati inseriti anche due o tre rotoli originali di piccole dimensio-
ni.

Le cartelle dei disegni


La terza parte dell’archivio Guerci è composta da cartelle di grandi dimensio-
ni. Su ognuna delle cartelle è stata applicata una etichetta sulla quale è riportato
il numero progressivo di corda (1 - 186). In taluni casi le cartelle sono state an-
che legate con una fettuccia bianca di cotone.
Le cartelle originali sono state inserite in nuove grandi cartelle di cartone e
tela, sulle quali è stata applicata una etichetta con il numero progressivo di corda
delle cartelle originali contenute. Nelle nuove cartelle sono state inserite cartelle
originali in numero variabile, fino a completare lo spazio disponibile.

Guida alla lettura degli inventari


L’inventario costituisce il principale strumento di corredo all’archivio di Ve-
nanzio Guerci. Il repertorio è formato dagli schemi di ordinamento e dalle de-
scrizioni di ogni unità archivistica.
All’avvio di ogni ricerca occorre individuare all’interno della struttura del
fondo (lo schema di ordinamento) il tipo di documento che si vuole consultare.

La documentazione conservata nell’archivio è suddivisa in tre titoli, ripartiti


in serie e quindi in sottoserie originarie o funzionali, secondo le modalità già de-
scritte in questa relazione introduttiva. Per ciascun elenco sono riportate prima le
descrizioni dei fascicoli nei faldoni (faldone), poi dei disegni arrotolati conserva-
ti nei tubi (rotolo) e, infine, dei disegni di maggiori dimensioni (cartella).
Individuato il titolo, la serie e la sottoserie (se presente) corrispondente alle
esigenze di ricerca si potrà consultare l’inventario e quindi la documentazione
d’archivio.

In inventario sono presenti, da sinistra a destra, tutti i dati rilevati: la tipologia


del documento (faldone, rotolo o cartella); il numero di corda del fascicolo
(composto dal numero di faldone e dal numero del fascicolo interno al faldone),
del rotolo o della cartella; la data espressa nei suoi estremi; la descrizione (com-
prensiva di titolo, contenuto, segnatura originale, stato di conservazione e note).

L’intero inventario dell’archivio è consultabile anche su supporto informati-


co. Tale strumento permette ogni tipo di ricerca quale, ad esempio, per nome, per
10 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

via di Alessandria, per toponimo o per edificio. Il cd-rom preparato in occasione


del riordino contiene l’intero inventario formato da 978 schede di descrizione.
Schema di ordinamento
L’archivio di Venanzio Guerci 13

Titolo 1 Progetti, collaudi, perizie e lavori diversi


Serie 1.1 Edifici pubblici e aperti al pubblico in Alessandria
1.1.1 Palazzo del Littorio
1.1.2 Palazzo delle regie poste e telegrafi
1.1.3 Federazione fascista dei commercianti e Unione pro-
vinciale dei commercianti
1.1.4 Casa del lavoratore dell’industria
1.1.5 Palazzo Guasco e Gruppi rionali fascisti “M. Chiap-
pino”
1.1.6 Caserma dei R. Carabinieri
1.1.7 Edifici religiosi e monumenti
1.1.8 Opere pie ospedaliere del Comune
1.1.9 Strutture sanitarie: Croce Rossa, Croce Verde, ospe-
dale militare, dispensario antitubercolare
1.1.10 Strutture assistenziali: Casa della madre e del bambi-
no, orfanotrofio e asilo notturno
1.1.11 Casa del mutilato e Cooperativa edilizia “La Casa”
1.1.12 Case popolari e case economiche
1.1.13 Edifici scolastici e colonie. Campo sportivo
1.1.14 Istituti bancari: Banca d’Italia, Credito Italiano e
Cassa di Risparmio di Alessandria
1.1.15 Cinema “Galleria”
1.1.16 Galleria Guerci
1.1.17 Albergo Venezia
1.1.18 Piano regolatore
1.1.19 Acquedotto, rete fognaria e bagni popolari
1.1.20 Stipel
1.1.21 Mercati
1.1.22 Centrale del latte
- Disegni in cartella e arrotolati non riferiti a docu-
mentazione fascicolata
Serie 1.2 Edifici privati in Alessandria
1.2.1 Edifici privati e case di abitazione
1.2.2 Proprietà prof. Viora
1.2.3 Proprietà Perego Lavagetto
1.2.4 Aziende e attività commerciali
Serie 1.3 Altri Comuni
1.3.1 Comune di Acqui Terme
1.3.2 Comune di Asti
1.3.3 Comune di Boscomarengo
1.3.4 Comune di Bruno
1.3.5 Comune di Caldirola
14 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

1.3.6 Comune di Cantalupo


1.3.7 Comune di Casalbagliano
1.3.8 Comune di Casalcermelli
1.3.9 Comune di Casale Monferrato
1.3.10 Comune di Cassine
1.3.11 Comune di Castelceriolo
1.3.12 Comune di Castelferro
1.3.13 Comune di Castellazzo Bormida
1.3.14 Comune di Castelnuovo Bormida
1.3.15 Comune di Felizzano
1.3.16 Comune di Francavilla
1.3.17 Comune di Gamalero
1.3.18 Comune di Garbagna
1.3.19 Comune di Gattinara
1.3.20 Comune di Incisa Belbo
1.3.21 Comune di Isola Sant’Antonio
1.3.22 Comune di Lozzolo
1.3.23 Comune di Lu
1.3.24 Comune di Malvicino
1.3.25 Comune di Masoero
1.3.26 Comune di Mombaruzzo
1.3.27 Comune di Monastero Borbida
1.3.28 Comune di Novi Ligure
1.3.29 Comune di Oulx
1.3.30 Comune di Ovada
1.3.31 Comune di Pecetto di Valenza
1.3.32 Comune di Pegli
1.3.33 Comune di Pietra Marazzi
1.3.34 Comune di Pontecurone
1.3.35 Comune di Predosa
1.3.36 Comune di Quargnento
1.3.37 Comune di Refrancore
1.3.38 Comune di Rivalta
1.3.39 Comune di Roasio
1.3.40 Comune di San Giuliano Piemonte
1.3.41 Comune di San Salvatore Monferrato
1.3.42 Comune di Sezzadio
1.3.43 Comune di Spinetta Marengo
1.3.44 Comune di Tagliolo
1.3.45 Comune di Tortona
1.3.46 Comune di Valenza
L’archivio di Venanzio Guerci 15
1.3.47 Comune di Valmadonna
1.3.48 Comune di Vercelli
1.3.49 Comune di Viatosto
1.3.50 Comune di Viguzzolo
1.3.51 Comune di Vinchio
- Disegni in cartella e arrotolati non riferiti a docu-
mentazione fascicolata
Serie 1.4 Progetti vari
1.4.1 Ponti e canali
1.4.2 Mercati
1.4.3 Progetti vari (serie originale)
1.4.4 Progetti vari
Serie 1.5 Perizie e relazioni

Titolo 2 Documentazione di lavoro


Serie 2.1 Capitolati, elenchi dei prezzi e regolamenti (serie origi-
nale)
Serie 2.2 Documentazione di lavoro (serie originale)
Serie 2.3 Memorie tecniche e particolari costruttivi (serie origi-
nale)
Serie 2.4 Documentazione di lavoro
Serie 2.5 Rassegne stampa (serie originale)

Titolo 3 Famiglia e carte personali


Serie 3.1 Beni e contabilità di famiglia
3.1.1 Fratelli e sorelle. Beni di famiglia
3.1.2 Giovannina Guerci in Beretta
3.1.3 Luigina Guerci in Montanaro
3.1.4 Angiolina Guerci in Ollearo
3.1.5 Giuseppina Malvarosa ved. Guerci
Serie 3.2 Beni e contabilità di Venanzio Guerci
3.2.1 Beni e contabilità personale
3.2.2 Collaboratori e personale dello studio
Serie 3.3 Corrispondenza e documenti personali e di lavoro
3.3.1 Corrispondenza e documenti di carattere personale
3.3.2 Corrispondenza e documenti di lavoro, ordini profes-
sionali e associazioni
3.3.3 Carte relative ai monumenti e ai beni culturali nell’a-
lessandrino
16 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

Serie 3.4 Agende e rubriche di Venanzio Guerci


Serie 3.5 Biblioteca Guerci
3.5.1 Cataloghi dei libri
3.5.2 Biblioteca e archivio Guerci
Inventario
L’archivio di Venanzio Guerci 19

Titolo 1 - Progetti, collaudi, perizie e lavori diversi

Serie 1.1 - Edifici pubblici e aperti al pubblico in Alessandria

Sottoserie 1.1.1 - Palazzo del Littorio

faldone 1.1 s.d.


Comune di Alessandria, palazzo del Littorio
Preventivi e documenti allegati al progetto per la costruzione
del fabbricato all’angolo di via Piacenza e via Felice Cavallotti
in Alessandria

rotolo 1 Progetto di un edificio pubblico fra via Piacenza e via Felice


Cavallotti in Alessandria. Probabilmente si tratta del Palazzo
del Littorio (1928 - 1929)
18 lucidi

cartella 1 “Palazzo del Littorio - Alessandria”


Tavole relative ai progetti per la costruzione
Segnatura precedente parziale riordino: 46

Sottoserie 1.1.2 - Palazzo delle regie poste e telegrafi

faldone 1.2 1932 – 1933


Comune di Alessandria, palazzo delle regie poste e telegrafi
Progetto per la costruzione del nuovo palazzo delle poste
all’angolo di corso Roma con piazzetta della Lega, rassegna
stampa e raccolta dei preventivi per alcuni degli impianti
(ascensore, telefono, posta pneumatica, riscaldamento, ecc.)

rotolo 2 Palazzo delle poste e del telegrafo in Alessandria


19 lucidi

rotolo 3 “Poste e telegrafi”


10 lucidi

rotolo 4 “Edificio poste”


3 lucidi
20 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

rotolo 5 “Palazzo delle Poste”


Nota: apribile solo in parte (carte e lucidi)

cartella 2 “Edificio postale. 1932 - 1933”


Tavole relative al progetto per la costruzione

cartella 3 “Città di Alessandria. Progetto R. Poste e Telegrafi. Gennaio


1933 - XI”
Tavole relative al progetto per la costruzione

cartella 4 “Città di Alessandria. Progetto R.R. Poste e Telegrafi. Gennaio


- agosto 1933 - XI”
Tavole relative al progetto di costruzione dell’edificio delle
poste

cartella 5 “Città di Alessandria. Progetto R.R. Poste e Telegrafi. Gennaio


- agosto 1933 - XI”
Tavole relative al progetto di costruzione dell’edificio delle
poste

cartella 6 “Piazzetta della Lega 1”


Tavole relative alla casa dell’ing. Testone, via San Lorenzo n. 5
in Alessandria. Solo una tavola riporta l’indicazione dell’edifi-
cio. Nella cartella sono contenuti i progetti della Galleria
Guerci tra corso Roma e piazza Vittorio Emanuele (F. Guerci,
settembre 1877), una veduta prospettica della zona di piazzetta
della Lega e alcune tavole di arredamento e decorazione

cartella 7 “Piazzetta della Lega 2”


Tavole e lucidi relativi al progetto dell’Ufficio delle poste e
telegrafi. Contiene due fotografie di corso Roma
Segnatura precedente parziale riordino: 27

cartella 8 “Piazzetta della Lega 3”


Si tratta di tavole relative all’edificio situato tra corso Roma via
San Lorenzo e piazzetta della Lega. Tale edificio avrebbe dovu-
to comprendere la Galleria Guerci (poi realizzata) e la sede
dell’Ufficio postale (non costruito)
Segnatura precedente parziale riordino: 28

Sottoserie 1.1.3 - Federazione fascista dei commercianti e Unione provinciale dei com-
mercianti

faldone 1.3 1930 – 1939


Federazione fascista dei commercianti di Alessandria: lavori di
L’archivio di Venanzio Guerci 21
ampliamento e di adattamento della sede su progetto di Venan-
zio Guerci e realizzati dalla ditta Simonelli di Alessandria, cal-
coli per le opere in cemento armato, perizie, capitolati, atti per i
diversi impianti e carteggio. Contiene il disegno del “progetto
da eseguirsi in verde serpentino lucidato con lettere e medaglio-
ni di bronzo” della lastra marmorea riportante la frase di Mus-
solini “Il popolo italiano ha creato col suo sangue l’impero, lo
feconderà col suo lavoro e lo difenderà contro chiunque con le
sue armi”
Nota: danni causati dall’umidità

faldone 2.1 1934


Federazione fascista dei commercianti di Alessandria: album
contenente le tavole del progetto di ampliamento e di adatta-
mento della sede. Su due disegni compare il visto datato 1934

faldone 2.2 1944 – 1947


Unione provinciale dei commercianti di Alessandria: progetto
per la sistemazione di alcune parti dell’edificio di via Piacenza
danneggiato dai bombardamenti aerei e corrispondenza con
l’ingegnere Giuseppe Esposito
Nota: danni causati dall’umidità

rotolo 6 “Federazione commercianti”


5 rotoli: 4 + 4 + 3 + 8 + 20 = 39 lucidi e 1 carta

rotolo 7 Tavole e lucidi del progetto per la costruzione della Federa-


zione fascista dei commercianti della Provincia di Alessandria
in via Trotti
33 lucidi

rotolo 8 “Palazzo Consiglio economia”


1 lucido

cartella 9 “Federazione Commercianti”


Tavole relative al progetto per l’edificio della Federazione dei
commercianti di Alessandria

Sottoserie 1.1.4 - Casa del lavoratore dell’industria

faldone 2.3 1938


Comune di Alessandria, casa del lavoratore dell’industria di
Alessandria
Carteggio riguardante la stesura del primo progetto di massima,
22 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

su incarico dell’Unione provinciale dei lavoratori dell’industria,


per la costruzione della Casa del lavoratore sull’area che confi-
na con la Casa del mutilato e prospiciente spalto Gamondio sul-
l’angolo di via Napoli

cartella 10 “Sindacati industria”


Si tratta di 32 tavole relative al progetto dell’edificio del
Sindacato dell’industria

Sottoserie 1.1.5 - Palazzo Guasco e Gruppi rionali fascisti “M. Chiappino”

faldone 2.4 1934 – 1940


Comune di Alessandria, palazzo Guasco e Gruppi rionali fasci-
sti “M. Chiappino”
Preventivo e progetti per l’adattamento dei locali della casa del
principe Guasco di Bisio in via Guasco in Alessandria ad uso
del Dopolavoro “Chiappino” e corrispondenza con la “Am-
ministrazione della casa del principe Guasco Gallarati marche-
se di Bisio” riferita anche a lavori su altri immobili. La cartella
“Palazzo Guasco e gruppi rionali Chiappino” contiene anche
alcuni disegni riferiti alla sistemazione della sezione estiva dei
Gruppi rionali fascisti sita nella zona dei Bagni popolari in
Alessandria
Segnatura originale per la corrispondenza con l’Amministrazione
Guasco: 15

faldone 2.5 1937 – 1939


Comune di Alessandria, Gruppo rionale fascista “M. Chiap-
pino”
Lavori di ampliamento della sezione estiva del Dopolavoro sita
a margine del corso Gamondio fra i Bagni municipali e gli edi-
fici della stazione e del dopolavoro ferroviario

rotolo 9 “Palazzo principe Guasco”


Palazzo dei conti Guasco di Bissi in via Guasco in Alessandria
4 lucidi

Sottoserie 1.1.6 - Caserma dei R. Carabinieri

faldone 3.1 1938


Comune di Alessandria, caserma dei R. Carabinieri
Progetto per la costruzione di un fabbricato ad uso caserma dei
RR. CC. presso la casa Carlo Viale nel sobborgo Orti in
L’archivio di Venanzio Guerci 23
Alessandria. Contiene la “offerta in affittamento di uno stabile
da adibirsi ad uso caserma dei RR. CC. in Acqui” (s.d.)

Sottoserie 1.1.7 - Edifici religiosi e monumenti

faldone 3.2 1907 - 1908


Comune di Alessandria, cattedrale
Lavori di costruzione della cuspide ottagonale del campanile:
preventivi e disegni

faldone 3.3 1926


Comune di Alessandria, cattedrale
Concorso per la decorazione del Duomo di Alessandria: atti e
verbali della Commissione giudicatrice ed elenco dei concor-
renti

faldone 3.4 1937 - 1939


Comune di Alessandria, cattedrale
Concorso per il restauro del battistero: verbali, relazioni e
documenti della Commissione giudicatrice di cui faceva parte
anche Venanzio Guerci. Contiene lo studio definitivo per la rea-
lizzazione del progetto vincitore presentato dall’architetto Gian
Serra composto da una relazione illustrativa e da due tavole, la
prima a china e la seconda a matita e acquerello

faldone 3.5 s.d.


Comune di Alessandria, chiesa di Santa Maria di Castello
Cappella di San Giovanni Bosco: quattro tavole del progetto

faldone 3.6 1940 - 1954


Comune di Alessandria, chiesa di Santa Maria di Castello
Lavori di restauro dell’edificio: relazione sullo stato di deperi-
mento, rilievi e progetto, numerose tavole e richieste di contri-
buto. La cartella raccoglie testi e disegni riguardanti lavori
diversi, alcuni realizzati nei primi anni Quaranta e altri dopo i
danneggiamenti causati dalla guerra; non è possibile però sud-
dividere il diverso carteggio, comunque raccolto in questo
modo da Venanzio Guerci. Contiene anche una piccola fotogra-
fia del fianco della chiesa. Contiene infine una cartella relativa
agli onorari di Guerci, direttore dei lavori di riparazione e
restauro della chiesa monumentale, con carte fino al 1959

faldone 3.7 1921 - 1923


Comitato cittadino per l’erezione di un monumento ai caduti
24 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

nell’ultima guerra di liberazione: convocazioni del Comitato,


carte riferite ad altri monumenti e avviso di concorso pubblici
per la costruzione

faldone 3.8 1922


Comune di Alessandria, monumento ai caduti
Comitato cittadino per l’erezione di un monumento ai caduti
nell’ultima guerra di liberazione: invito ad una riunione, foto-
grafie e ricordi di guerra e ritagli e immagini diverse di vari
monumenti

faldone 3.9 1924


Monumento ai caduti (s.d.) e progetto di sistemazione del giar-
dino pubblico (1924): disegni del progetto

faldone 4.1 1932 - 1937


Comune di Alessandria, monumento ai caduti
Carteggio con il Comitato promotore, corrispondenza con il
Podestà, relazioni sul monumento e sullo scultore Gaetano
Orsolini, progetto del basamento, collocazione del monumento
nella piazza adiacente la stazione ferroviaria su corso Crimea e
una copia de “Il Piccolo” del 29 maggio 1937 in cui la prima
pagina è dedicata all’inaugurazione del nuovo monumento

rotolo 10 “Santa Maria di Castello”


Nota: non si può srotolare

cartella 11 “Santa Maria di Castello”


Si tratta delle tavole relative al restauro della Chiesa. All’in-
terno è presente un “Progetto di massima del risanamento e la
ricostruzione della zona di Porta Tanaro. Schizzi prospettici dei
tre nuclei di Santa Maria di Castello, San Rocco, piazzetta della
Lega.” Sistemazioni proposte dall’arch. A. Melis, ing. Rigotti,
ing. A Rondelli
Segnatura precedente parziale riordino: 13

cartella 12 “Santa Maria di Castello”


Tavole relative alla Chiesa e alla Cappella di S. Giovanni
Bosco
Segnatura precedente parziale riordino: 14

cartella 13 “Santa Maria di Castello. Cappella della Santa”


Tavole relative al progetto per la Cappella e il piano dell’or-
gano
Segnatura precedente parziale riordino: 16
L’archivio di Venanzio Guerci 25
cartella 14 Santa Maria di Castello
Si tratta delle tavole relative al progetto della Chiesa di S.
Maria di Castello. Contiene in particolare i progetti relativi alla
Cappella di S. Giovanni Bosco

cartella 15 “Altare”
Si tratta di due carte l’una raffigurante il disegno scala 1:20 di
un altare, l’altra la pianta del progetto per la Cappella di S.
Giovanni Bosco in Santa Maria di Castello
Segnatura precedente parziale riordino: 12

Sottoserie 1.1.8 - Opere pie ospedaliere del Comune

faldone 4.2 1927 – 1943


Opere pie ospedaliere del Comune di Alessandria: lavori di
ampliamento e sistemazione dell’ospedale civile. cartella
“Corrispondenza 1943” contenente la raccolta rilegata e non ri-
legata della corrispondenza diversa dal 1927 al 1943. Contiene
inoltre alcuni documenti precedenti fra cui un avviso di concor-
so della Congregazione di carità del Comune di Alessandria che
gestiva l’ospedale civico (1911) e due copie del periodico
“Gazzetta di Alessandria” del 17 e 21 dicembre 1876. Contiene
inoltre la relazione di un progetto d’ospedale (forse presentata
al concorso del 1911) contraddistinta dal motto “Amor mi
mosse” e un elenco degli ospedali della Provincia di
Alessandria con l’indicazione dei posti letto disponibili

faldone 4.3 1933 – 1934


Opere pie ospedaliere del Comune di Alessandria: lavori di
ampliamento e sistemazione dell’ospedale civile. Calcoli di sta-
bilità dei pilastri

faldone 4.4 1933 – 1939


Opere pie ospedaliere del Comune di Alessandria: lavori di am-
pliamento e sistemazione dell’ospedale civile. Cartella “Ospe-
dale 1943” contenente corrispondenza, relazioni e disegni rife-
riti specialmente alle cucine e ai reparti chirurgia, TBC, medici-
na, astanteria e settici. Contiene anche carteggio riguardante la
cessione di aree

faldone 5.1 1938 – 1943


Opere pie ospedaliere del Comune di Alessandria: lavori di
ampliamento e sistemazione dell’ospedale civile. Cartella
“Ospedale 1941 – 42 – 43” contenente corrispondenza, relazio-
26 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

ni e disegni riferiti specialmente all’atrio di ingresso e ai reparti


otoiatria e oculistica, anatomia patologica, medicina (camere a
pagamento) e rapporti con la ditta Chiappino di Alessandria

faldone 5.2 1940


Opere pie ospedaliere del Comune di Alessandria: lavori di
ampliamento e sistemazione dell’ospedale civile. Progetti per la
costruzione del padiglione di isolamento dei contagiosi

faldone 5.3 1940 – 1943


Opere pie ospedaliere del Comune di Alessandria: lavori di am-
pliamento e sistemazione dell’ospedale civile. Cartella “Ospe-
dale 1943” contenente corrispondenza, relazioni e disegni rife-
riti specialmente ai reparti ginecologia, camere a pagamento,
incurabili e ostetricia

faldone 6.1 1942


Opere pie ospedaliere del Comune di Alessandria: lavori di
ampliamento e sistemazione dell’ospedale civile. Progetti e
materiali diversi per la centrale termica

faldone 6.2 1942 – 1943


Opere pie ospedaliere del Comune di Alessandria: lavori di am-
pliamento e sistemazione dell’ospedale civile. Cartella “Collau-
di”: relazioni di collaudo dei reparti degli incurabili, di anato-
mia patologica, delle camere a pagamento e della centrale ter-
mica

faldone 6.3 1943


Opere pie ospedaliere del Comune di Alessandria: lavori di
ampliamento e sistemazione dell’ospedale civile. Relazione dei
lavori 1932 – 1942 corredata da alcuni disegni

faldone 6.4 1952


Opere pie ospedaliere del Comune di Alessandria: lavori di am-
pliamento e sistemazione dell’ospedale civile. Articolo dell’in-
gegnere Luigi Gastini intitolato “Rinnovamento e completa-
mento dell’ospedale civile di Alessandria”, estratto da “Ale-
xandria”, rivista mensile della Provincia, gennaio 1952, n. 5,
anno II

faldone 6.5 s.d.


Opere pie ospedaliere del Comune di Alessandria: lavori di
ampliamento e sistemazione dell’ospedale civile. Reparto disin-
fezione e lavanderia
L’archivio di Venanzio Guerci 27
faldone 6.6 s.d.
Opere pie ospedaliere del Comune di Alessandria: lavori di
ampliamento e sistemazione dell’ospedale civile. Due album
fotografici contenenti 69 immagini (23 + 46) raffiguranti l’edi-
ficio dell’ospedale

faldone 6.7 s.d.


Opere pie ospedaliere del Comune di Alessandria: lavori di
ampliamento e sistemazione dell’ospedale civile. Raccolta di
diversi allegati ai progetti

rotolo 11 “Ospedale”
Ospedale civile di Alessandria
5 lucidi

rotolo 12 “Ospedale Civile”


Camere a pagamento all’Ospedale Civile di Alessandria
4 lucidi - 2 carte

rotolo 13 “Operatorio. 1943”


Reparto operatorio dell’Ospedale civile di Alessandria
7 lucidi

rotolo 14 “Reparto Operatorio. Lucidi fuori uso”


Ospedale civile in Alessandria
5 lucidi

rotolo 15 “Ospedale civile”


Reparti di radiologia e ginecologia e camere a pagamento
dell’Ospedale civile di Alessandria
12 lucidi - 1 carta

rotolo 16 “Radiologia e ginecologia”


Reparti di radiologia e ginecologia dell’Ospedale civile di
Alessandria, ex Brefotrofio
8 lucidi

rotolo 17 “Subalzamento ginecologia”


Reparti di ostetricia e ginecologia dell’Ospedale civile di
Alessandria: ampliamento verticale
15 lucidi

rotolo 18 “Vecchi disegni. Reparto pagamento. Padiglione via


Dalmazzo”
Ospedale civile di Alessandria
5 lucidi
28 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

rotolo 19 “Ospedale locali cucina”


Locali della cucina dell’Ospedale civile di Alessandria
15 lucidi

rotolo 20 “Vecchio isolamento”


Progetti del padiglione di isolamento dell’Ospedale civile di
Alessandria
26 lucidi

rotolo 21 “Incurabili 1940 - 1941”


Reparto degli incurabili dell’Ospedale civile di Alessandria
6 lucidi

rotolo 22 “Ospedale. Contagiosi”


Padiglione contagiosi dell’Ospedale civile in Alessandria
9 lucidi

rotolo 23 “Contagiosi, 1942 - 1943”


Padiglione contagiosi dell’Ospedale civile in Alessandria
18 lucidi

rotolo 24 “1941 - 1942 Contagiosi Vecchio”


Padiglione contagiosi dell’Ospedale civile in Alessandria
7 lucidi

rotolo 25 “Vecchi alloggi sopra la Croce Rossa in Via Pio V - 1935”


Progetti relativi all’Ospedale Civile di Alessandria
15 lucidi

rotolo 26 “Ospedaletto infantile”


4 lucidi

cartella 16 “Ospedale Civile 1. Planimetrie e rilievi”


Tavole relative ai progetti dell’Ospedale di Alessandria. Da
segnalare la presenza di un lucido con lettera allegata del presi-
dente delle Opere Pie Ospedaliere di Alessandria, indirizzata a
Venanzio Guerci, relativi alla destinazione data agli Uffici (2
giugno 1932), e il progetto di divisione per la vendita al pubbli-
co incanto di 13 lotti del fondo rustico n. 7 detto “La Ca-
scinetta” di proprietà dell’Ospedale civile

cartella 17 “Ospedale Planimetrie”


Raccolta delle planimetrie dell’Ospedale civile di Alessandria
con allegato il relativo volume intitolato “Congregazione di
carità. Indice dei locali rappresentati dai disegni”, stampato in
Alessandria, presso le tipografie Jacquemond Giovanni 1884
L’archivio di Venanzio Guerci 29
cartella 18 “Ospedale - Planimetrie”
Tavole relative al nuovo reparto delle Camere a pagamento, ai
Gabinetti di anatomia patologica, al Reparto incurabili, al
nuovo ingresso in piazza Goito, alla Ginecologia, ecc.

cartella 19 “Ospedale”
Tavole relative ai progetti del nuovo reparto delle Camere a
pagamento di Medicina

cartella 20 “Reparto a pagamento”


Tavole relative ai progetti per la realizzazione del nuovo repar-
to a pagamento (ex medicina uomini) [1940]

cartella 21 “Camere a pagamento. Ex padiglione medicina”


Tavole relative alla realizzazione delle Camere a pagamento e
al progetto di ampliamento dell’Ospedale di Alessandria
(1939). In quasi tutte le tavole è scritta in matita blu “no”

cartella 22 “Reparto operatorio”


Tavole relative al reparto Operatorio dell’Ospedale civile di
Alessandria

cartella 23 “Ambulatorio generale”


Tavole relative ai progetti per la costruzione degli ambulatori di
Otoiatria, per i laboratori provinciali, il Dispensario antituber-
colare e di Oftalmia

cartella 24 “Otoiatria e oculistica e settici”


Carte e lucidi relativi ai reparti di Otoiatria, Oculistica e Settici

cartella 25 “Ginecologia e radiologia”


Tavole relative ai progetti per le Camere a pagamento della
Ginecologia, per la Radiologia e per l’Astanteria

cartella 26 “Incurabili e altri disegni”


Tavole relative al reparto Incurabili dell’Ospedale civile di
Alessandria, alle piante relative agli alloggi, al fabbricato della
farmacia, al reparto di Radiologia e al nuovo reparto Anti-
tubercolare

cartella 27 “Anatomia patologica”


Tavole relative ai progetti per la costruzione dei Gabinetti di
anatomia patologica dell’Ospedale di Alessandria

cartella 28 “Alloggi inquilini e laboratori provinciali”


Tavole relative alla costruzione di alloggi per l’Ospedale civile
30 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

di Alessandria, al Pronto soccorso, al reparto Incurabili e ai


Laboratori provinciali

Sottoserie 1.1.9 - Strutture sanitarie: Croce Rossa, Croce Verde, ospedale militare,
dispensario antitubercolare

faldone 7.1 [1923]


Comune di Alessandria, tubercolosario
Planimetria generale e piante della direzione e dei diversi padi-
glioni e relazione illustrativa del progetto. Non è chiaro se si
tratta di un edificio progettato per la città di Alessandria

faldone 7.2 1926 - 1934


Comune di Alessandria, Croce verde
Progetto della nuova sede in via Tripoli in Alessandria
dell’Assistenza pubblica Croce verde costruita sotto la direzio-
ne di Venanzio Guerci nel 1927, perizia dei locali fatta su inca-
rico della Croce rosa (1932) e nota riguardante una concessione
fatta ai confinanti e confermata nel 1934 quando l’edificio
passa al Comune di Alessandria

faldone 7.3 1932


Comune di Alessandria, dispensario antitubercolare
Prima bozza di progetto per la costruzione di un dispensario
antitubercolare in Alessandria, relazione, computo metrico e
preventivo di spesa. Il fascicolo contiene anche della corrispon-
denza riguardante le prime intese per la presentazione, la
discussione e l’approvazione del progetto; in una lettera si fa
anche riferimento all’intenzione del conte Guazzone di proce-
dere all’ampliamento dell’Asilo notturno di Alessandria

faldone 7.4 1932


Comune di Alessandria, ospedale militare
Relazione dattiloscritta sui fabbricati e osservazioni generali
sulla natura delle costruzioni

faldone 7.5 1944 - 1946


Comune di Alessandria, Croce rossa
Lavori di restauro e sistemazione della sede della Croce rossa
in Alessandria danneggiata il 30 aprile 1944 da una bomba
dirompente: progetto, preventivo, computo metrico, tavole e
carteggio relativo. Contiene una tavola del “progetto di sede e
magazzino pel sottocomitato di Alessandria della Croce rossa
italiana” probabilmente precedente. Contiene anche quattro
L’archivio di Venanzio Guerci 31
fotografie (che riproducono in totale solo due immagini) dei
danni causati dal bombardamento

rotolo 27 “Croce rossa”


4 lucidi

rotolo 28 “Croce verde”


Nuova sede della Croce verde di via Tripoli in Alessandria
2 carte

rotolo 29 “Vecchi disegni dispensario”


Dispensario antitubercolare in Alessandria
14 carte

rotolo 30 “Dispensario antitubercolare”


9 lucidi

rotolo 31 “Clinica”
Progetti della clinica situata tra piazza Vittorio Veneto, via
Tripoli, via Marsala e via Faa di Bruno in Alessandria
14 lucidi

rotolo 32 “Soluzione scartata”


Progetti di un edificio di via Marsala, via Faa di Bruno, via
Tripoli, in altri casi denominato “Clinica”
6 lucidi

Sottoserie 1.1.10 - Strutture assistenziali: Casa della madre e del bambino, orfanotrofio
e asilo notturno

faldone 7.6 1937 - 1939


Comune di Alessandria, Casa della madre e del bambino
Lavori di costruzione: progetto, capitolati, preventivi, stati di
avanzamento, strutture in cemento armato, impianti sanitari,
impianto di riscaldamento, impianto di illuminazione elettrica,
di suonerie e di forza motrice, disegni e verbali di collaudo di
Umberto Sacerdote delle opere realizzate dall’impresa Mario
Pasini su incarico dell’Opera nazionale maternità e infanzia
(Onmi)

faldone 7.7 1915 - 1916


Comune di Alessandria, orfanotrofio San Giuseppe
Preventivo, relazioni e progetto per la costruzione di un edificio
ad uso di orfanotrofio maschile realizzato per conto dell’orfa-
32 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

notrofio femminile di via Alessandro III n. 53 in Alessandria.


Contiene note fino al 1942
Segnatura originale: 33

faldone 8.1 1930


Comune di Alessandria, orfanotrofio San Giuseppe
Cartella contenente numerosi disegni (di cui uno datato 1930)
relativi ai laboratori dell’orfanotrofio

faldone 8.2 1938 - 1939


Comune di Alessandria, orfanotrofio San Giuseppe
Lavori di sistemazione della lavanderia e di installazione dei
macchinari necessari nell’orfanotrofio. Contiene lo statuto
organico del R. Orfanotrofio maschile e femminile “San
Giuseppe” di Alessandria del 20 ottobre 1939 - XVII

faldone 8.3 1932 - 1934


Comune di Alessandria, asilo notturno
Progetto per la costruzione dei nuovi locali da adibire a dormi-
torio nell’asilo notturno “conte G. Guazzone di Passalacqua” su
incarico della Congregazione di carità del Comune di
Alessandria: capitolati speciali d’appalto, contratto, stati di
avanzamento dei lavori di ampliamento, corrispondenza e
documentazione relativa

rotolo 33 “Madre e bambino”


Casa della Madre e del Bambino in Alessandria
5 lucidi

rotolo 34 “Madre e bambino. Primi studi”


Casa della Madre e del Bambino in Alessandria
16 lucidi - 2 carte

rotolo 35 “Casa madre e bambino”


Casa della Madre e del Bambino in Alessandria: due vedute
dell’edificio disegnate a carboncino
1 lucido

rotolo 36 Casa della Madre e del Bambino in Alessandria


Nota: non si può srotolare

rotolo 37 “Orfanotrofio - planimetrie”


Orfanotrofio S. Giuseppe - Alessandria. Progetto dei nuovi
laboratori
5 lucidi
L’archivio di Venanzio Guerci 33
rotolo 38 “Lucidi Ospizio. Orfanotrofio”
Orfanotrofio maschile e femminile di Alessandria e Ospizio di
San Giuseppe
13 lucidi

rotolo 39 “Orfanotrofio facciata”


Orfanotrofio S. Giuseppe in Alessandria. Progetto dei nuovi
laboratori
9 lucidi

rotolo 40 “Asilo notturno”


Conte Guazzone di Passalacqua
Nota: non si può srotolare

rotolo 41 “Asilo notturno”


Conte Guazzone di Passalacqua
28 lucidi

cartella 29 “Casa della madre”


Tavole relative alla Casa della madre e del bambino in Ales-
sandria. La cartella contiene anche i progetti per la realizzazio-
ne di un Asilo nido nel rione Cristo per conto dell’Istituto fasci-
sta autonomo per le case popolari di Alessandria

cartella 30 “Orfanotrofio”
Tavole relative ai progetti dell’Orfanotrofio maschile e femmi-
nile “San Giuseppe” di Alessandria. In alcune tavole delle “pla-
nimetrie degli immobili denunciati al Ministero delle Finanze”
è presente la data 10 aprile 1940

cartella 31 “Asilo notturno”


Si tratta di 70 tavole relative al progetto dell’Asilo notturno
“Conte Guazzone di Passalacqua” in Alessandria. L’indicazione
della data è presente solo in una tavola (Alessandria, 8 agosto
1931)

cartella 32 “Cucine popolari. Asilo notturno”


Tavole per il progetto di costruzione delle Cucine popolari per
conto dell’Ente comunale di assistenza (Asilo notturno)
Segnatura precedente parziale riordino: 31

Sottoserie 1.1.11 - Casa del mutilato e Cooperativa edilizia “La Casa”

Venanzio Guerci progetta e dirige i lavori per la costruzione della Casa provinciale detta
34 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

“del Mutilato” per il Comitato provinciale di Alessandria dell’Associazione nazionale


dei mutilati e invalidi di guerra. I lavori prendono avvio nel marzo del 1938 e la costru-
zione viene realizzata su di un terreno offerto dall’Amministrazione municipale posto
all’angolo del largo Torino e dello spalto Gamondio. Venanzio Guerci si era però occu-
pato, a partire dal 1927 e fino al 1937, della costruzione di case per i mutilati di
Alessandria su incarico della Cooperativa edilizia mutilati e invalidi di guerra denomi-
nata “La Casa” di Alessandria. Data la chiara somiglianza dei due committenti e dei due
lavori, e la scarsità di informazioni presenti sui progetti e, soprattutto, sui disegni, in
taluni casi la documentazione potrebbe anche essere mischiata.

faldone 8.4 1937 - 1938


Casa del mutilato di Alessandria: lavori di costruzione. Bozza
di relazione preventiva al progetto e computi estimativi

faldone 9.1 1937 - 1940


Casa del mutilato di Alessandria: lavori di costruzione.
Impianto elettrico e di illuminazione realizzato dalla ditta Carlo
Martini e Alberto Ferrari di Alessandria

faldone 9.2 1937 - 1942


Casa del mutilato di Alessandria: lavori di costruzione.
Corrispondenza, carteggio e appunti diversi

faldone 9.3 1938


Casa del mutilato di Alessandria: lavori di costruzione. Perizia
suppletiva per l’ampliamento del salone delle adunanze

faldone 9.4 1938


Casa del mutilato di Alessandria: lavori di costruzione.
Relazione, progetto, preventivo, computi e capitolati del marzo
1938 a firma degli ingegneri Guerci e Mastretti

faldone 10.1 1938 - 1939


Casa del mutilato di Alessandria: lavori di costruzione.
Capitolato e atti diversi per le opere murarie e contratto con
l’impresa Andrea Simonelli di Alessandria

faldone 10.2 1938 - 1940


Casa del mutilato di Alessandria: lavori di costruzione. Libretti
delle misure, numeri 1 - 7

faldone 10.3 1938 - 1940


Casa del mutilato di Alessandria: lavori di costruzione. Registri
di contabilità, numeri 1 - 8 e un sommario
L’archivio di Venanzio Guerci 35
faldone 10.4 1938, 1940
Casa del mutilato di Alessandria: lavori di costruzione. Opere
in cemento armato progettate dall’ingegnere Antonio Giberti di
Torino nel 1938 e collaudo delle stesse fatto dall’ingegnere
Angelo Chierico di Alessandria

faldone 11.1 1938 - 1941


Casa del mutilato di Alessandria: lavori di costruzione
Lavori per l’impianto di riscaldamento, l’impianto idraulico e
di costruzione dei sanitari realizzati dalla ditta Antonio Chiesa
di Alessandria

faldone 11.2 1941 - 1942


Casa del mutilato di Alessandria: lavori di costruzione. Nomina
dei collaudatori, relazioni di collaudo e relazione di accompa-
gnamento allo stato finale

faldone 11.3 1944 - 1945


Casa del mutilato di Alessandria: lavori di costruzione. Danni
causati dalle incursioni aeree: stima dei danni, note dei sopral-
luoghi e carteggio relativo

faldone 11.4 s.d.


Casa del mutilato di Alessandria: lavori di costruzione. Copia
del progetto approvato dalla Commissione edilizia del Comune
di Alessandria

faldone 11.5 s.d.


Casa del mutilato di Alessandria: lavori di costruzione. Disegni
e tavole diverse

faldone 11.6 s.d.


Casa del mutilato di Alessandria: lavori di costruzione.
Fotografia del progetto e numerose stampe su carta della stessa
immagine

faldone 11.7 s.d.


Casa del mutilato di Alessandria: disegni delle decorazioni

faldone 12.1 1927 - 1937


Cooperativa edilizia mutilati e invalidi di guerra denominata
“La Casa” di Alessandria: lavori di costruzione di tre case eco-
nomiche in corso IV Novembre in Alessandria. Cor-
rispondenza, nota dei lavori, atti diversi e collaudi
36 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

faldone 12.2 [1928] - 1930


Cooperativa edilizia mutilati e invalidi di guerra denominata
“La Casa” di Alessandria: lavori di costruzione di tre case eco-
nomiche in corso IV Novembre in Alessandria. Tavole del pro-
getto, preventivo, relazione e capitolato d’appalto

faldone 12.3 1930 - 1933


Cooperativa edilizia mutilati e invalidi di guerra denominata
“La Casa” di Alessandria: impianti di riscaldamento

faldone 12.4 1930 - 1936


Cooperativa edilizia mutilati e invalidi di guerra denominata
“La Casa” di Alessandria: lavori di costruzione di tre case eco-
nomiche in corso IV Novembre in Alessandria. Richieste di
somministrazioni diverse

faldone 12.5 1937


Cooperativa edilizia mutilati e invalidi di guerra denominata “La
Casa” di Alessandria: lavori di costruzione di tre case economi-
che in corso IV Novembre in Alessandria. Cancellata e cancelli

faldone 13.1 1938 - 1941


Casa del mutilato di Alessandria: lavori di costruzione. Fornito-
ri e forniture diverse: falegnameria e mobili, forniture in metal-
lo, serramenti in legno, decorazioni e verniciature. Contiene an-
che una cartellina dedicata all’assistente ai lavori Alberto Bro-
glio e altre cartelle nominative dedicate ai responsabili delle
opere artistiche (Pietro Morando, Pietro Lagostena, Egle Pozzi
Biginelli, Dina Bellotti, Giuseppe Canestri e Alberto Cafassi)

rotolo 42 “Casa del mutilato”


Casa del mutilato in Alessandria
Nota: non si può srotolare

rotolo 43 “Casa dei mutilati”


Casa del mutilato in Alessandria
Nota: non si può srotolare

rotolo 44 “Mutilati - Lucidi 1° Progetto a 1:50 Annullati”


Si tratta dei lucidi della Casa del mutilato in Alessandria
10 lucidi

cartella 33 “Casa del mutilato”


Tavole relative al progetto di costruzione della Casa del mutila-
to in Alessandria
Segnatura precedente parziale riordino: 48
L’archivio di Venanzio Guerci 37
cartella 34 “La casa dei mutilati”
Tavole relative ai progetti per la costruzione degli alloggi

cartella 35 “Casa del mutilato”


Tavole relative al progetto per la costruzione della Casa del
mutilato in Alessandria. Nella cartella, al fondo, sono presenti
le tavole relative alla Casa provinciale del mutilato in Cuneo

cartella 36 “La Casa dei mutilati ed Invalidi in Alessandria”


Il fascicolo contiene numerose tavole relative a due proposte di
progetti: “tipo a sei alloggi” e “tipo a tre alloggi”

cartella 37 “Cooperativa Case”


La cartella è composta da lucidi e carte relative al progetto di
costruzione di case economiche a tre piani e garage in via
Dante, angolo Circonvallazione, ex piazza d’Armi; di una casa
a tre piani in corso XX Settembre; di una casetta a due piani in
angolo viale Molino

Sottoserie 1.1.12 - Case popolari e case economiche

faldone 13.2 1911


Comune di Alessandria, case economiche per i ferrovieri
Progetto per la costruzione delle case economiche per i ferro-
vieri da erigersi in Alessandria: relazione, preventivo, capitola-
to d’appalto e disegni

faldone 13.3 1937


Istituto fascista autonomo per le case popolari della Provincia
di Alessandria, case popolari
Progetto di un casamento popolare per alloggi a 2 e 3 camere a
quattro piani (modello A) e dell’Asilo nido annesso all’edificio
realizzato dall’ingegnere A. Ratti di Alessandria. Contiene il
regolamento per l’assegnazione degli alloggi e dei locali (s.d.)

faldone 13.4 1937


Istituto fascista autonomo per le case popolari della Provincia
di Alessandria, case popolari
Progetto di un quartiere a carattere estensivo semirurale
(modello B) realizzato dall’ingegnere A. Ratti di Alessandria

faldone 14.1 s.d.


Comune di Alessandria, case popolari
Società cooperativa Domus fra gli impiegati dello Stato per la
38 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

costruzione di case economiche: progetti per la costruzione e


modelli delle case economiche approntati dalle Ferrovie dello
Stato

faldone 14.2 s.d.


Comune di Alessandria, case popolari
Album contenente il progetto della Casa per impiegati della
provincia di Torino probabilmente utilizzato come modello per
il lavoro di progettazione commissionato dalla Società coopera-
tiva Domus fra gli impiegati dello Stato di Alessandria. Al
fondo è cucita la pianta del tipo di casa con sei appartamenti
per piano dell’Istituto case economiche e popolari di
Alessandria

rotolo 45 Istituto autonomo per le case popolari di Alessandria


14 lucidi

rotolo 46 “Insieme di quattro Palazzi e di tipo economico”


5 lucidi

rotolo 47 Progetti di Case economiche


8 lucidi

rotolo 48 Società cooperativa “Domus” fra impiegati dello Stato per la


costruzione di case economiche: progetti
3 lucidi

rotolo 49 I progetti non presentano il nome dell’edificio ma probabilmen-


te si tratta delle palazzine progettate su incarico dell’Istituto
fascista per le case popolari di Alessandria
8 lucidi

cartella 38 “Istituto case popolari”


Si tratta di 80 tavole relative al progetto di un quartiere di carat-
tere estensivo semirurale per l’Istituto fascista autonomo per le
case popolari della Provincia di Alessandria (1937)

cartella 39 “Istituto per le Case Popolari”


Tavole e lucidi relative a costruzioni di case economiche.
Contiene anche i progetti relativi alla costruzione delle Case
economiche per ferrovieri
L’archivio di Venanzio Guerci 39
Sottoserie 1.1.13 - Edifici scolastici e colonie. Campo sportivo

faldone 14.3 1924


Comune di Alessandria, edificio scolastico in frazione Cor-
naglie (San Michele)
Calcolo delle spese e relazione sul conto finale

faldone 14.4 [1928 - 1929]


Comune di Alessandria, istituto tecnico
Progetto di subalzamento corredato da relazioni di perizia, dal
capitolato d’appalto e del computo estimativo

faldone 14.5 1930


Comune di Alessandria, edificio scolastico nel rione ex Pista
Calcoli di stabilità e progetto delle opere in cemento armato

faldone 14.6 1931


Comune di Alessandria, nido d’infanzia
Perizia di Venanzio Guerci riguardante l’espropriazione di alcu-
ne case in vicolo Dal Verme in Alessandria
Segnatura originale: 71

faldone 14.7 1933 - 1934


Comune di Alessandria, asilo infantile in piazzetta Monserratto
Progetto di subalzamento
Segnatura originale: 65

faldone 14.8 1935 - 1936


Comune di Alessandria, scuole serali d’arte e mestieri in via
Plana
Relazioni e documenti diversi solo in piccola parte legati alla
situazione dei locali, ma riferiti specialmente al funzionamento
della scuola, ai programmi didattici, all’attività del Consiglio
direttivo e alle modificazioni dello statuto generale e dei rego-
lamenti interni. Probabilmente si tratta di materiale documenta-
rio inviato nel luglio del 1936 a Venanzio Guerci da un respon-
sabile della scuola (ragioniere A… ?) per avere un suo parere

faldone 14.9 [1938 - 1939]


Comune di Alessandria, scuole “Carletto Spagna” in via Guasco
Collaudo dei lavori di ampliamento e tavole del progetto

faldone 15.1 1942 - 1943


Comune di Alessandria, liceo scientifico
Relazione e tavole del progetto per la costruzione dell’edificio
40 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

faldone 15.2 1951 - 1953


Colonia marina Madonna della Salve di Alessandria in Albenga
Relazione, preventivo di spesa e atti relativi al progetto di
Venanzio Guerci realizzato su incarico dell’Opera pontificia
diocesana di assistenza di Alessandria per la costruzione di una
colonia marina per 350 ragazzi e 50 posti dedicati al personale
da realizzarsi ad Albenga. Una cartellina è intitolata “Don
Laguzzi”. Contiene due fotografie del progetto dell’edificio

faldone 15.3 s.d.


Comune di Alessandria, scuole magistrali
Tavole del progetto per le scuole magistrali nell’ex macello civico

faldone 15.4 s.d.


Comune di Alessandria, edificio scolastico in piazza Vittorio
Veneto: due piante del primo piano con l’indicazione della
destinazione del contenuto delle sale del museo civico

faldone 15.5 s.d.


Comune di Alessandria (?), scuole elementari: prospetto, fian-
chi e pianta del piano terreno di un edificio scolastico non iden-
tificabile

faldone 15.6 s.d.


Comune di Alessandria, campo sportivo
Pianta del nuovo campo sportivo

rotolo 50 “Istituto tecnico”


4 lucidi - 1 carta

rotolo 51 “Cassa di risparmio. Liceo scientifico”


18 lucidi - 1 carta

rotolo 52 “Asilo nido in Regione Cristo”


4 lucidi

rotolo 53 Colonia marina della Madonna della Salve di Alessandria


Nota: non si può srotolare

rotolo 54 “Colonia”
Colonia marina Madonna Salve
8 lucidi

rotolo 55 “Colonia Albenga”


Soc. Ligure per la lavorazione della latta e fabbricazione della
conserva alimentare con sede in Genova Sanpierdarena.
L’archivio di Venanzio Guerci 41
Contiene anche i progetti della Colonia marina Madonna della
Salve di Alessandria e il computo metrico estimativo
7 lucidi - 8 carte

rotolo 56 “Colonia Albenga”


Nota: non si può srotolare

rotolo 57 “Campo sportivo Alessandria”


3 lucidi

cartella 40 “Liceo Scientifico”


Si tratta in realtà delle tavole del “Progetto per un Istituto pro-
fessionale da erigersi in Alessandria” dell’ing. E. Bonicelli abi-
tante in via Massena n. 20 a Torino
Segnatura precedente parziale riordino: 45

cartella 41 “Deiva”
Progetti relativi alla Colonia marina

Sottoserie 1.1.14 - Istituti bancari: Banca d’Italia, Credito Italiano e Cassa di


Risparmio di Alessandria

faldone 16.1 1930 - 1931


Banca d’Italia, filiale di Alessandria: corrispondenza, relazioni
e perizie riguardanti alcune crepe presenti nelle strutture in
cemento armato, nota dei lavori eseguiti negli anni Venti e
numerosi disegni raffiguranti piante, sezioni e particolari dell’e-
dificio o delle sue strutture portanti

faldone 16.2 s.d.


Banca d’Italia: impianti di sicurezza Fichet e pianta della came-
ra del tesoro

faldone 16.3 s.d.


Banca d’Italia: sagome degli stucchi e disegno delle decorazio-
ni interne

faldone 16.4 1929 - 1930


Credito italiano, filiale di Alessandria: lavori per la costruzione
dell’impianto di riscaldamento ad opera della ditta Angelo Pa-
nelli, preventivo per i lavori di costruzione dell’impianto elettri-
co di illuminazione e campanelli d’allarme e lavori ai nuovi lo-
cali in piazzetta della Lega realizzati dalla ditta fratelli Ferraris
di Castellazzo
Nota: danni causati dall’umidità
42 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

faldone 17.1 1949 - 1951


Credito italiano, filiale di Alessandria: preventivo, capitolati,
elenchi dei prezzi, computi diversi e corrispondenza con le
imprese e con il com. Rolando per i lavori di ampliamento della
succursale alessandrina posta nella casa di Ettore Rolando in
piazzetta della Lega, angolo via Alessandro III n. 1

faldone 17.2 1950 - 1952


Credito italiano, filiale di Alessandria: nove libretti - giornali
dei lavori di ampliamento della succursale di Alessandria

faldone 18.1 1953


Credito italiano, filiale di Alessandria: lavori per ovviare ai pro-
blemi relativi ad alcune infiltrazioni sotterranee d’acqua e
acquisto e posizionamento di classificatori e schedari metallici

faldone 18.2 1944 - 1946


Cassa di risparmio di Alessandria: preventivi, progetti e rendi-
conti per i lavori di ripristino dell’edificio della CrA danneggia-
to dai bombardamenti aerei del 28 agosto 1944 e del 5 aprile
1945

faldone 18.3 1945


Cassa di risparmio di Alessandria: perizie dei danni di guerra
subiti in occasione del bombardamento aereo del 5 aprile 1945
dagli immobili di proprietà della CrA siti in via Dante e prospi-
cienti piazza Ghilini in Alessandria

rotolo 58 Banca d’Italia, succursale di Alessandria


18 lucidi

rotolo 59 “Banca d’Italia”


Succursale di Alessandria della Banca d’Italia, progetto dell’in-
gegnere Venanzio Guerci con la collaborazione dell’ingegnere
F. Di Colloredo
3 carte

rotolo 60 “Banca d’Italia”


Succursale di Alessandria della Banca d’Italia
15 lucidi - 3 carte

rotolo 61 “Banca d’Italia”


Succursale di Alessandria della Banca d’Italia: pianta dei sot-
terranei
1 lucido
L’archivio di Venanzio Guerci 43
rotolo 62 Cassa di risparmio in Alessandria
8 lucidi

cartella 42 “Banca d’Italia”


Tavole relative ai progetti per la succursale della Banca d’Italia
in Alessandria. La maggioranza delle tavole è senza data, una è
datata 2 gennaio 1922, altre 10 gennaio 1923

cartella 43 “Banca d’ Italia”


Tavole relative al progetto dell’edificio della succursale della
Banca d’Italia in Alessandria

cartella 44 “Credito Italiano”


Tavole relative all’edificio della succursale del Credito Italiano
in Alessandria

cartella 45 “Credito Italiano”


Tavole relative all’edificio della succursale del Credito Italiano
in Alessandria

cartella 46 “Credito Italiano - tavole fuori uso”


Si tratta di lucidi e disegni non utilizzati

cartella 47 “Cassa di Risparmio”


Si tratta delle tavole relative al progetto di adattamento e riordi-
namento degli Uffici della Banca popolare di Alessandria, sita
in via Dante 1 [1883 - 1885]
Segnatura precedente parziale riordino: 34

Sottoserie 1.1.15 - Cinema “Galleria”

faldone 19.1 1946 - 1947


Cinema Galleria in Alessandria: raccolta di cataloghi e tariffe dei
“finimenti” utilizzata per la stesura del progetto di costruzione

faldone 19.2 1946 - 1952


Cinema Galleria in Alessandria di proprietà Guerci (Giannino e
Gino ?) tramite la Società arl “Immobiliare e ricostruzioni” di
cui Venanzio Guerci si è occupato fin dalle prime fasi di idea-
zione: corrispondenza per ottenere i permessi per la costruzio-
ne, progetti, computi, relazioni, prezzi, rapporti con le ditte
Chiappino e altre e i diversi fornitori. Contiene atti e carte della
Società anche non direttamente collegabili al progetto del cine-
ma Galleria (cartelle da 1 a 3 di sette)
44 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

faldone 20.1 1946 - 1952


Cinema Galleria in Alessandria di proprietà Guerci (cartelle da
4 a 7 di sette)

faldone 20.2 1947


Cinema Galleria in Alessandria: tre libretti delle misure e delle
note (1947 e due senza data)

faldone 20.3 1953


Cinema Galleria in Alessandria: stati di avanzamento dei lavori
di costruzione, parti di progetto e note circa la conclusione dei
lavori

rotolo 63 Cinema Galleria di Alessandria


Contiene la copia del verbale di misura del coefficiente di
assorbimento del suono di un intonaco in liparpomice (1939)
8 carte

rotolo 64 “Cinema. Calcoli”


Nota: non si può srotolare

cartella 48 “Cinema - Abbozzi”


Tavole relative ai progetti del Cinema Galleria. Alcune tavole
riportano la data 14 luglio 1946, altre 18 luglio 1953.
All’interno è presente un foglio scritto a matita con appunti e
un disegno indirizzato all’ing. Guerci probabilmente del figlio
Ernesto
Segnatura precedente parziale riordino: 9

cartella 49 “Facciata del cinematografo. 2”


Si tratta di 29 tavole relative al cinema “Galleria” in
Alessandria
Segnatura precedente parziale riordino: 4

cartella 50 “Cinematografo 3”
Tavole relative al Cinema “Galleria” in Alessandria. Sono pre-
senti anche appunti dei computi metrici
Segnatura precedente parziale riordino: 3

Sottoserie 1.1.16 - Galleria Guerci

faldone 21.1 1896, 1900


Galleria Guerci: convenzioni con il Comune di Alessandria per
l’illuminazione elettrica della Galleria
L’archivio di Venanzio Guerci 45
faldone 21.2 1947 - 1948
Galleria Guerci: lavori di restauro e di sistemazione della
Galleria danneggiata per oltre un terzo dai bombardamenti
aerei e completa sostituzione dei vetri per la copertura (250 mq
di vetri della ditta Saint Gobain) eseguita dalla ditta Albano
Macario & C. di Torino

cartella 51 “Galleria Guerci”


Disegni e lucidi per la costruzione della galleria “Guerci”.
Contiene anche il primo progetto per la galleria firmato da
Francesco Guerci e da Antonio Gatti del 1877 che non è stato
realizzato
Segnatura precedente parziale riordino: 2

Sottoserie 1.1.17 - Albergo Venezia

faldone 21.3 1953 - 1956


Comune di Alessandria, albergo Venezia
Lavori di sistemazione e subalzamento dell’albergo Venezia
fronteggiante corso Roma, via Caniggia e via Legnano in
Alessandria realizzati dalla ditta Chiappino: corrispondenza
con il comm. Guido Perego, note delle spese e dei rapporti con
le ditte e con le banche, note dei prezzi, scritture private e con-
cordati e documentazione relativa. Contiene carte riguardanti la
valutazione e l’acquisto del muro divisorio fra la proprietà
Maria Lavagetto in Perego e Giuliana Ponzano in via Savo-
narola n. 2 in Alessandria e del muro fra la proprietà Maria
Lavagetto in Perego e Mornacco. Contiene anche la nota di
alcuni onorari e di diversi lavori fatti a partire dal 1951 fra cui
l’impianto di riscaldamento del 1954 di cui si conserva il capi-
tolato e il collaudo dei lavori fatti dalla ditta Pozzoli

faldone 21.4 1954 - 1956


Comune di Alessandria, albergo Venezia
Lavori di ampliamento e di sistemazione realizzati dall’impresa
Chiappino, stati di avanzamento e relazione di collaudo

rotolo 65 “Albergo Venezia”


Disegni di ringhiere, cancellate e inferriate, alcuni siglati dal-
l’impresa Bagnasco & Florio
11 lucidi - 5 carte

cartella 52 “Venezia”
Tavole relative al progetto e computo metrico estimativo
46 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

dell’Albergo Venezia. Alcune tavole presentano la dicitura


“copie presentate in Municipio” [1951 - 1955]

cartella 53 “Venezia 2”
Tavole relative al progetto dell’Albergo Venezia

cartella 54 “Città di Alessandria. Porta Tanaro”


In realtà si tratta di disegni e materiali pubblicitari per le rin-
ghiere, cancellate e l’arredamento dell’Albergo Venezia

Sottoserie 1.1.18 - Piano regolatore

faldone 21.5 1940 - 1941


Comune di Alessandria, piano regolatore
Relazione del geometra Mario Capurro sul piano regolatore di
Alessandria (1940), numerose note dattiloscritte e manoscritte
sul piano regolatore e sulle zone di ampliamento raccolte da
Venanzio Guerci (s.d.) e rassegna stampa

faldone 22.1 [1945 - 1946]


Comune di Alessandria, piano regolatore
Raccolta di appunti, note e ritagli di giornale relativi al piano
regolatore di Alessandria forse riuniti da Venanzio Guerci nel
1945 in occasione delle riunioni fra tutti i tecnici della città per
lo studio del piano stesso. Contiene la trascrizione del “Piano
d’ampliamento dell’abitato urbano” del 1907, un dattiloscritto
comprendente informazioni sulla chiesa di San Francesco e
sulla cittadella in Alessandria, una lunga relazione di Venanzio
Guerci intitolata “Lo sviluppo storico – urbanistico della città”
(pagine 1 – 176) e alcune fotografie del progetto presentato da
Guerci e altri al concorso per il piano regolatore della città di
Alessandria (non datato, ma probabilmente successivo agli anni
1945 – 1946)

rotolo 66 Planimetrie della città di Alessandria


10 lucidi

cartella 55 “Planimetrie e piani regolatori di Alessandria n. 1”


Raccolta di tavole riguardanti il piano regolatore del Comune di
Alessandria.

cartella 56 “Planimetrie e piani regolatori di Alessandria, 2”


Contiene planimetrie, carte stradali della città e della provincia
e una planimetria generale della città di Alessandria con l’indi-
cazione delle tubazioni dell’acquedotto
L’archivio di Venanzio Guerci 47
cartella 57 “Piani regolatori”
Raccolta di tavole riguardanti il piano regolatore del Comune di
Alessandria, carte stradali della città e della provincia
Segnatura precedente parziale riordino: 25

cartella 58 “Piani regolatori”


Raccolta di tavole riguardanti il Piano regolatore di
Alessandria. Contiene, in particolare, la planimetria generale
della città, la planimetria e altimetria della Sezione Rovereto
(rilievi del novembre 1934), rilievi di Porta Marengo e la plani-
metria per il progetto di massima per la ricostruzione della zone
di risanamento compresa fra piazza Biffi e piazza Santo
Stefano
Segnatura precedente parziale riordino: 24

cartella 59 “Planimetrie di Alessandria”


Raccolta di tavole riguardanti il piano regolatore della città di
Alessandria.

cartella 60 “Alessandria”
Raccolta di tavole e planimetrie riguardanti il piano regolatore
della città di Alessandria

Sottoserie 1.1.19 - Acquedotto, rete fognaria e bagni popolari

faldone 22.2 1928 - 1929


Comune di Alessandria, acquedotto comunale “G. Borsalino”
Collaudo realizzato dall’ingegnere Mario Vanni dei lavori di
costruzione affidati all’ingegnere Oreste Balduzzi: copia della
relazione e nota dell’onorario
Segnatura originale: 79

faldone 22.3 s.d.


Comune di Alessandria, rete fognaria
Lavori di costruzione del primo lotto della rete fognaria cittadi-
na realizzati dall’impresa Astuti e Forni. Si tratta del particolare
delle paratoie dell’edificio per il sollevamento meccanico delle
acque

faldone 22.4 s.d.


Comune di Alessandria, bagni popolari
Pianta e prospetto del progetto per i bagni popolari
48 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

Sottoserie 1.1.20 - Stipel

faldone 22.5 1949 - 1950


Società telefonica Stipel: costruzione diretta nella città di
Alessandria di un edificio a tre piani fuori terra da adibire ad
abitazione dei lavoratori della Società per un complesso di 24
vani sulla base della Legge 28 febbraio 1949 n. 43 e del Piano
sperimentale della legge Fanfani per l’incremento dell’occupa-
zione operaia e la costruzione di case per lavoratori progettata e
diretta da Venanzio Guerci ed eseguita dall’impresa Ernesto
Rastelli. Si tratta di quattro cartelle numerate contenenti la cor-
rispondenza con la Stipel corredata da numerosi documenti

faldone 23.1 1949 - 1951


Società telefonica Stipel: capitolato d’appalto, computo metrico
registri della contabilità, descrizione delle opere e collaudo dei
lavori di costruzione di un edificio da adibire ad abitazione dei
lavoratori della Società nella città di Alessandria

cartella 61 “STIPEL”
Tavole relative al progetto di costruzione di “case per lavorato-
ri” per la Soc. Stipel in Alessandria. Contiene inoltre il progetto
per la centrale telefonica

Sottoserie 1.1.21 - Mercati

faldone 23.2 s.d.


Comune di Alessandria, mercato
Tavola di progetto del nuovo mercato nella sede dell’ex macel-
lo e Maddalena

faldone 23.3 s.d.


Comune di Alessandria, mercato annonario di via San Lorenzo:
disegno del “tipo di banco per pescivendolo”

rotolo 67 “Mercato e ex Maddalena”


Mercato della frutta e della verdura di Alessandria (1938)
14 lucidi - 2 carte

cartella 62 “Mercati Ortofrutticoli ingrosso”


Tavole relative ai progetti di mercati ortofrutticoli di:
- Torino
- Alessandria (piazza Genova)
- Alessandria (mercato coperto)
L’archivio di Venanzio Guerci 49
Sottoserie 1.1.22 - Centrale del latte

faldone 23.4 1932 - 1943


Comune di Alessandria, centrale del latte
Progetto per la costruzione del nuovo stabilimento in prossimità
della fornace comunale all’incontro del nuovo viale in direzione
del cimitero con il prolungamento dello spalto Marengo, nota dei
lavori, stato dei locali, atti di locazione, ammodernamenti dei mac-
chinari, scelta del terreno per la nuova sede e carteggio relativo
Segnatura originale: 68

rotolo 68 “Centrale del latte”


18 lucidi

cartella 63 “Centrale del latte”


Si tratta di 57 tavole relative a progetto per la costruzione della
Centrale del latte per conto della S.A. Centro cooperativo di
raccolta latte alessandrino. Sono presenti i disegni dell’impian-
to industriale (Società Alfa Laval Milano, 16 luglio 1941)

- Disegni in cartella e arrotolati non riferiti a documentazione fascicolata

rotolo 69 “Stazione Alessandria”


Nota: non si può srotolare

rotolo 70 “Teatro giardini pubblici” e “Caffè teatro Belloni”


26 tavole

rotolo 71 “Giardini Alessandria”


Nota: non si può srotolare

cartella 64 “Teatro”
Si tratta di 29 tavole relative al teatro di Alessandria. E’ presen-
te una parte del supplemento al Corriere di Novara con notizie
e planimetrie del Nuovo Teatro Coccia di Novara costruito dal-
l’arch. Oliverio
Segnatura precedente parziale riordino: 35

cartella 65 “Teatro Verdi”


Si tratta delle tavole e dei lucidi relativi al teatro “Verdi” in
Alessandria (?)

cartella 66 “Bar del Teatro - Gado”


Tavole relative ai progetti del Bar del Teatro municipale di
50 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

Alessandria. L’unica data (24 gennaio 1936, XIV) è presente su


una sola tavola relativa alle “misure porte e finestre”

cartella 67 “Palazzo della Questura”


Tavole relative al progetto di sovralzamento del fabbricato
Segnatura precedente parziale riordino: 44

cartella 68 “Palazzo dell’ Economia”


Progetti relativi alla costruzione dell’edificio per il Consiglio
dell’economia corporativa di Alessandria. Sulle tavole è presen-
te spesso la dicitura: “il disegno annulla tutte le piante preceden-
ti”. In fondo è presente la tavola relativa al “Progetto di facciata
del negozio Borsalino Giuseppe e fratello - Alessandria” (1932)

cartella 69 “Porta Tanaro”


Progetti di massima per la ricostruzione della zona di risana-
mento compresa tra piazza Biffi e piazza Santo Stefano

cartella 70 “Casa del Giovane”


Tavole relative al progetto per la costruzione della Casa del gio-
vane in Alessandria

Serie 1.2 - Edifici privati in Alessandria

Sottoserie 1.2.1 - Edifici privati e case di abitazione

faldone 24.1 1879 - 1909


Case Ballestrero, Badò, Bertone e Pasquarelli: progetti per
lavori diversi già riuniti insieme da Guerci
Nota: gravi danni causati dall’umidità

faldone 24.2 1912


Casa professor Fassio in corso XX Settembre in Alessandria:
progetto per la costruzione

faldone 24.3 1912


Casa Giovanni Guazzone in piazza Vittorio Emanuele in
Alessandria

faldone 24.4 1913 - 1914


Casa Ettore Frova in via dell’Ospedale militare n. 1 in
L’archivio di Venanzio Guerci 51
Alessandria: costruzione di un muro di cinta. Contiene l’atto di
cessione di suolo pubblico dal Comune di Alessandria a Enea
Frova (1910)

faldone 24.5 1923 - 1926


Casa Cesare Cortona e figlio in via Messina, angolo via Liguria
in Alessandria: preventivo e progetto per la costruzione

faldone 24.6 1928 - 1929


Casa Maria Pietrasanta tra via Tripoli n. 5 e via Pontida n. 9 in
Alessandria

faldone 24.7 1929


Casa Rolando nella piazzetta della Lega in Alessandria: fossa
chiarificatrice

faldone 24.8 1930


Casa di Virginia Vietti e del figlio Ernesto Vietti in via Chenna
n. 10 – 16 in Alessandria: scrittura d’appalto e progetto per la
costruzione affidata alla ditta Mario Gasparini

faldone 24.9 1930


Signore Barco: divisione della casa ex Colaruto (?) fra le vie
Macchiavelli e Marsala in Alessandria

faldone 24.10 1931 - 1956


Casa Oreste Cavallero in via Umberto I in Alessandria: proget-
to di riattamento della casa e del negozio (1931 – 1933); costru-
zione di un muro divisorio fra il cortile della succursale di
Alessandria del Banco Ambrosiano e la casa di Oreste
Cavallero e Teresa Annaratone (1950); progetto di sopraeleva-
zione della casa Annaratone in via Martiri con accesso da piaz-
za della Libertà n. 12 in Alessandria (1956)

faldone 25.1 1933 - 1934


Casa Annibale Avalle: lavori fatti alla tettoia della casa in ango-
lo alle vie Mazzoni e Giulio Claro in Alessandria
Segnatura originale 98

faldone 25.2 1934


Istituto San Vincenzo in via Vittoria n. 17 in Alessandria

faldone 25.3 1935


Terreni dei fratelli Giovanni e Plinio Taverna e vicini e frazio-
namento dell’appezzamento posto fra le strade via del
52 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

Demanio, via San Giacomo (ex canale Carlo Alberto) e via del
Coniglio
Segnatura originale: 63

faldone 25.4 1936


Casa Claudio Torriano in via G. Cordara n. 13 e 15, angolo cir-
convallazione in Alessandria

faldone 25.5 1936 - 1941


Casa Aimone Pedemonte: lavori alla casa in via Bergamo,
angolo via Trotti in Alessandria
Segnatura originale: 18

faldone 25.6 1936 - 1942


Casa Domenico Cresta in via Pastrengo n. 2: lavori di amplia-
mento

faldone 25.7 1937 - 1938


Casa Del Signore in via San Lorenzo in Alessandria

faldone 25.8 1937 - 1938


Fratelli Avalle: progetto di segheria e casa d’abitazione nel sob-
borgo Cittadella di Alessandria

faldone 25.9 [1938]


Casa fratelli Eugenio, Teresa e Luigi Orgero: fascicolo riguar-
dante la casa dei fratelli Orgero e la sua suddivisione. Il fasci-
colo è composto prevalentemente da carte degli anni 1914 –
1915, con qualche documento fino al 1929, e contiene, fra l’al-
tro, la copia dell’atto di vendita di una casa situata in vicolo
Valle n. 9 stipulato dai fratelli Guerci fu Giovanni a favore dei
fratelli Orgero (s.d.), la copia del testamento pubblico di Carlo
Orgero (1916) e altri atti di cessione, convenzione e perizia

faldone 25.10 1938 - 1940


Casa cav. De Paolini in piazza Vittorio Emanuele, angolo via
Guasco in Alessandria: piante e disegni dell’edificio (s.d.) e
documenti diversi riguardanti il sedime fabbricabile in piazza
Vittorio Emanuele, angolo via Verdi destinato alla costruzione
di un nuovo palazzo (1938 – 1940). Contiene la copia dell’atto
di vendita fatto da Pietro De Paolini a favore di Giovanni
Isacco Menghi della casa sita in piazza Vittorio Emanuele n. 25
con la planimetria allegata (1900)

faldone 25.11 [1939]


Eredi avvocato Carlo Fortunato: stima e frazionamento dei terre-
L’archivio di Venanzio Guerci 53
ni e delle case di via Venezia n. 3 e 5 e di via 1821 n. 4 in
Alessandria

faldone 26.1 1940


Casa del dottor Rasore in via Venezia in Alessandria e planime-
tria della casa eredi avvocato Enrico Fortunato

faldone 26.2 1941


Casa Carlo Rolando all’angolo tra via Savona e spalto Gamon-
dio: demolizione del muro di cinta e cancellata autarchica

faldone 26.3 1942


Casa Mondino e Nani di via Bologna in Alessandria: progetto
di nuova sistemazione

faldone 26.4 1942 - 1943


Cappella Menghi nel cimitero di Alessandria: preventivo e pro-
getto per la costruzione

faldone 26.5 1945 - 1947


Signor Coggiola: appunti e minute riguardanti alcuni lavori e
competenze economiche

faldone 26.6 1947


Villetta Moro: carte, relazioni e disegni riguardanti alcuni cedi-
menti della struttura e i lavori da fare per porvi rimedio per
opera dell’impresario Colla e corrispondenza relativa con il
geometra Ghiazza

faldone 26.7 1948


Scrittura privata di vendita (in bozza) con allegata planimetria
di una casa civile in via Gramsci n. 7, angolo cardinale Massaia
in Alessandria fatta dalle sorelle Francesca e Valentina Azeglio
Castagnotti a favore di Maria Braccio

faldone 26.8 1952 - 1953


Casa sorelle Castagnotti in via cardinale Massaia in
Alessandria: lavori di subalzamento e ricostruzione della parte
danneggiata dalle incursioni aeree del 1945. Contiene l’atto di
vendita stipulato dalle sorelle Francesca e Valentina Azeglio
Castagnotti a favore di Maria Braccio, vedova Debernardi di
una parte della casa sita in via Gramsci n. 7, angolo via cardi-
nale Massaia in Alessandria

faldone 26.9 1953


Casa Parini in via Montegrappa in Alessandria: pratica riguar-
54 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

dante il progetto di subalzamento del secondo piano della casa


già del canonico Parini

faldone 26.10 1953


Casa Giuliano e Veronese in Spalto Rovereto in Alessandria:
progetto per la sopraelevazione del fabbricato

faldone 26.11 s.d.


Casa T. Accatino: libretto delle misure per i lavori alla casa

faldone 26.12 s.d.


Casa fratelli Corradi in via Pontida in Alessandria: piante e
sezioni

faldone 26.13 s.d.


Casa Giovanni Masoero, angolo vie G. Claro e L. Burgonzio in
Alessandria: sezioni e piante dell’edificio

faldone 26.14 s.d.


Casa avvocato Iachino: disegni di progetto

faldone 26.15 s.d.


Casa Petrini in via Cavour e via Faa di Bruno in Alessandria
(casa Mirone, già Lanzavecchia ora Petrini)

faldone 26.16 s.d.


Villa Pezzi in Alessandria: album fotografico contenente nove
immagini

faldone 26.17 s.d.


Casa professor Ferrari nel sobborgo Cristo in Alessandria: tavo-
le del progetto

faldone 27.1 s.d.


Casa sorelle Rolando in via Milano e casa fratelli Rolando in
via Umberto I, angolo piazza Vittorio Emanuele. Contiene l’at-
to di vendita del fabbricato di piazza Vittorio Emanuele n. 25
stipulato da Pietro De Paolini a favore di Giovanni Isacco
Menghi (1900) e una cartolina raffigurante via Umberto I

faldone 27.2 s.d.


Cappella della famiglia Ronco: disegno della decorazione

faldone 27.3 s.d.


Casa Egidio Rossi nel sobborgo Cristo sulla strada per
L’archivio di Venanzio Guerci 55
Casalbagliano, angolo via Inveraldi: lavori di costruzione affi-
dati alla ditta Alfredo Rastelli

faldone 27.4 s.d.


Palazzina notaio Viazzi: disegni per la costruzione e per le
decorazioni

faldone 27.5 s.d.


Casa Ugo Perri (sic): disegno del camino delle caldaie a vapore

faldone 27.6 s.d.


Casa Renato Fossati in via Napoli in Alessandria: progetto per
la costruzione

rotolo 72 “Casa Rolando (botteghe)”


Casa dei fratelli Carlo ed Ettore Rolando in Alessandria
11 lucidi

rotolo 73 “Casa Castoldi”


Nota: non si può srotolare

rotolo 74 “Villa De Paolini”


2 lucidi - 4 carte

rotolo 75 Planimetria del Castellaccio di proprietà della Società “La


Familiare” e progetti di villini modelli A, B, C, D, E e F e pla-
nimetria generale della località
8 carte telate

rotolo 76 Progetto per un caseggiato all’angolo fra via Marsala, via


Tripoli e via Faa di Bruno in Alessandria
6 lucidi

rotolo 77 “Casa geom. Tito Ferrari”


4 veline

rotolo 78 “Casa Rolando”


Progetto di casa Rolando in piazzetta della Lega in Alessandria
5 lucidi

rotolo 79 “Casa Caniggia”


Casa Caniggia fra via Parma e via Tripoli in Alessandria
7 lucidi

rotolo 80 “Casa Pietrasanta. Via Pontida”


Nota: non si può srotolare
56 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

rotolo 81 Casa di Giovanni Masoero in via Claro e via Burgonzio in


Alessandria
5 lucidi

rotolo 82 “Casa geom. Tito Ferrara”


Nota: non si può srotolare

rotolo 83 “Cappella Rolando 1920”


5 lucidi

rotolo 84 “Casa Cavallero”


6 lucidi

rotolo 85 “Casa frat. Grignolio via Marengo 16”


7 lucidi

rotolo 86 “Villa Iachino”


Nota: srotolabile solo in parte

rotolo 87 “Casa Corradi”


Progetto per la costruzione della casa Corradi in Alessandria
20 lucidi

rotolo 88 “Camera villini Spinetta”


Nota: non si può srotolare

rotolo 89 “A. Macchiavelli Bruna”


Nota: non si può srotolare

rotolo 90 “Villino Pezzi”


Progetto per la costruzione del villino di Ugo Pezzi
3 lucidi

rotolo 91 “Villa Remotti”


8 lucidi

rotolo 92 “Casa Gasparino - Via Parma, 10”


4 carte

rotolo 93 “Casa Rolando (facciata) Via Modena Alessandria”


3 lucidi

rotolo 94 “Casa Rolando - Via Vocchieri”


All’interno: casa Sig. Luigi Rolando, Via Milano e Via
Umberto I. Sistemazione negozio e vetrine.
L’archivio di Venanzio Guerci 57
Casa Sig. re Teresa ed Elvira Rolando, Via Milano e Via
Umberto I.
Progetto di nuova facciata.
Casa di Ettore e Luigi
9 lucidi - 3 carte

rotolo 95 “Palazzina Comm. Pezzi”


Progetto di subalzamento
4 lucidi

rotolo 96 “Cappella Termignone”


10 lucidi - 3 carte

rotolo 97 Edificio civile nelle adiacenze di Via del Demanio e la linea


ferroviaria
9 lucidi

rotolo 98 “Casa Ivaldi”


Via Viotti, 44
Nota: non si può srotolare

rotolo 99 “Casa Camera”


Nota: non si può srotolare

rotolo 100 “Mutti, Piazza D’Annunzio”


Nota: non si può srotolare

rotolo 101 Casa fratelli Bianchetti, Via Guasco e Via Ferrufini - Ales-
sandria
4 lucidi

rotolo 102 Casa civile non identificabile


16 lucidi - 7 carte

rotolo 103 “Zoccola - Lungo Tanaro”


Casa della Signora Zoccola
6 lucidi

rotolo 104 “Ing. Balduzzi - Cappella - Ponticello – Chiesina


3 lucidi - 3 carte

rotolo 105 “Sig. Callegaris”


Via Macchiavelli e Via Faà Di Bruno
Nota: non si può srotolare -
58 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

rotolo 106 “Masoero”


Proprietà Masoero Giovanni. Alessandria
2 lucidi - 23 carte

rotolo 107 “Sig.re Barco - 2”


Nota: non si può srotolare -

rotolo 108 “Casa Corradi 1934”


3 lucidi

rotolo 109 “Maggiora e Tomalini”


Casa Maggiora e Tomalini, via Umberto I, n. 17. Progetto di
sistemazione negozio e alloggi superiori
2 lucidi

rotolo 110 “Chiesina Balduzzi”


3 carte

rotolo 111 “Villetta Poggio - Caldirola”


5 lucidi

rotolo 112 “Dott. Lugano”


9 tavole

rotolo 113 “Rolando - Villa Remotti”


Nota: non si può srotolare -

rotolo 114 “Rolando, angolo via Umberto I”


Nota: non si può srotolare -

rotolo 115 Si tratta di 72 piccole tavole di parte di progetto o particolari


costruttivi diversi. Solo in una tavola compare la scritta “casa
Orgero” che però potrebbe non riferirsi a tutti i disegni
72 tavole

rotolo 116 “Villa in montagna”


7 lucidi

rotolo 117 “Casa Agnelli, Asti”.


Casa dei coniugi Agnelli, via Arò in Asti: allegato alla perizia
Ing. Guerci
2 lucidi

rotolo 118 “Progetto terrazzo prof. Ferrari”


Nota: non si può srotolare
L’archivio di Venanzio Guerci 59
rotolo 119 “Cappella Balduzzi”
6 lucidi

rotolo 120 “Casa Balza, via Urbano Rattazzi”


2 lucidi

rotolo 121 “Cappella Pellizzari 2”


Nota: apribile solo in parte
carte e lucidi

rotolo 122 “Casa Buffa e Sardi”


Casa dei signori Buffa e Sardi in Alessandria
5 lucidi

rotolo 123 “Ultimo rapp. 1:100”


Fabbricato in via Marsala
11 lucidi

rotolo 124 “Sorelle Rolando”


Nota: non si può srotolare

rotolo 125 Casa dei fratelli Rolando in piazzetta della Lega, angolo via
Alessandro III in Alessandria: progetto di sistemazione
5 lucidi

cartella 71 “Aimone Pedemonte”


Raccolta di tavole relative al progetto di trasformazione di
veranda a vetri in camera e muri di materiali isolanti nell’abita-
zione del cav. Pedemonte in via Modena, 10. Contiene un fasci-
colo di corrispondenza e cataloghi con le ditte contattate per
tale lavoro. Sono presenti inoltre le piante della palazzetta
Savina in via del Corso in Alessandria (1870)

cartella 72 “Palazzine Savio e Mira”


Raccolta di tavole, schizzi e disegni, molti dei quali senza alcu-
na indicazione, relativi alla Palazzina Savio e Mira

cartella 73 “Rolando Villa”


Si tratta di una raccolta di tavole, disegni e schizzi alcuni dei
quali portano l’indicazione di Villa Remotti, altri non danno
alcuna informazione

cartella 74 “Carlo Rolando”


Tavole relative alla proprietà di Carlo Rolando sita in Spalto
Gamondio in Alessandria
60 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

cartella 75 “Fratelli Taverna e rione Cristo”


Planimetrie della cascina Fornace e terreni annessi del Cav.
Taverna Luigi, della proprietà dell’avv. Carlo Fortunato e delle
divisioni in lotti del Campone detto “Moisa” di proprietà del
Barone Levi-de-Veale Alessandro nel sobborgo Cristo, cantone
Gamondio

cartella 76 “Casa G. B. Mutti”


Tavole relative alla casa di Giovan Battista Mutti in via C.
Lombroso, Alessandria

cartella 77 “De Paolini”


Tavole relative alla villa S. Bartolomeo del com. De Paolini

cartella 78 “Via Faa di Bruno n. 11”


Tavole relative all’edificio sito in via Faà di Bruno di proprietà
della signora Elena Bottazzi Gatti. Il nome del proprietario è
indicato solo nella lettera, contenuta all’interno della cartella,
che fa riferimento all’edificio e ai costi per la realizzazione del
sopralzo

cartella 79 “Villa Pezzi”


Tavole relative alla villa di Ugo Pezzi. Alcune di esse riportano
la data 1901

cartella 80 “Francesco Zoccola - Palazzo Grande”


Tavole relative alla casa di Francesco Zoccola. Sono presenti
alcune tavole d’arredamento “Das Moderne Zimmer”

cartella 81 “Casa Zoppi corso Roma 10”


Tavole relative alla casa del conte Zoppi. Contiene il progetto
di sistemazione della facciata del Palazzo, verso corso Roma,
firmato ing. Bistolfi (14 aprile 1905)

cartella 82 “Geom. Ghiazza”


Raccolta di tavole relative all’edificio Istituzione benefica
Bianchi e Aimar di Acqui

cartella 83 “Menghi”
Tavole relative alla cappella della famiglia Menghi

cartella 84 “Villa Robutti - Mombaruzzo”


Tavole relative alla villa Doglio Robutti. All’interno è presente
una lettera di Venanzio Guerci indirizzata a Pietro Robutti sui
progetti relativi alla villa (2 novembre 1935)
L’archivio di Venanzio Guerci 61
cartella 85 “Casa Gastini”
Tavole relative a casa Gastini in corso Roma in Alessandria

cartella 86 “Cappella Rolando”


Progetto di edicola funeraria con cripta sotterranea da erigersi
nel cimitero di Alessandria per la famiglia Rolando [1933]

cartella 87 “Proprietà cav. Possenti”


Lucidi e carte, computo e preventivo di spesa relativi al proget-
to di sistemazione dei locali destinati al R.A.C.I. di Alessandria

cartella 88 “Tullio Accatino”


Tavole relative ai progetti per la casa Accattino in Valenza

cartella 89 “Caniggia”.
Tavole relative al progetto per la casa di F. Caniggia

cartella 90 “Sig. Rossi”.


Tavole relative alla Casa Rossi, zona Cristo in Alessandria

cartella 91 “Ernesto Vietti”


Tavole relative al progetto di riattamento della casa dell’avv.
Vietti in via Migliara n. 17 (1925) e alla casa di via Chenna
(s.d.) e di via Inviziati, 10

cartella 92 “F.lli Rolando. Piazzetta della Lega - via Vochieri - via Milano”
Si tratta delle tavole relative ai progetti relativi alla proprietà
dei fratelli Rolando.

cartella 93 “Comunità”
Progetti vari relativi a casa Cavallero (via dei Martiri in Ales-
sandria). Contiene una cartella con la corrispondenza con
Matilde di Pietrantonio relativa ai preventivi di spesa (allegati)
per i lavori fatti nella casa divenuta edificio in Alessandria del
Movimento comunità (Centro culturale di Torino)

cartella 94 “Casa Verzetti e Maggi - Corso Roma”


Contiene il progetto della palazzina per il conte Emilio
Ottolenghi in via Trotti ad Alessandria di Francesco Guerci
(1883) e i progetti per la casa Verzetti e Maggi in via Verona n.
8 - 10

cartella 95 “Via Arnaldo Mussolini”


Tavole relative alla proprietà del signor Simonelli in via
Arnaldo da Brescia, angolo Corso Crimea in Alessandria
62 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

cartella 96 “Case e casette economiche”


Raccolta di tavole per la realizzazione di edifici privati. Oltre a
progetti generali il fascicolo contiene progetti di costruzioni già
realizzati quali:
- Casa Zerbino Mario, strada per Valenza, Alessandria
- Casa geom. Augusto Simonelli
- Casa di abitazione e magazzino geom. Tito Ferrari.
- Progetti per l’Istituto case economiche e popolari di Ales-
sandria

cartella 97 “Villette e Palazzine”


Raccolta di tavole utilizzate per la realizzazione di villette e
palazzine. Alcune tavole sono firmate dal geom. F. Guerci.
Oltre a progetti generali la cartella contiene:
- progetto di palazzina di proprietà di Luigi Gramegna da
costruirsi in Torino presso la Barriera di Francia compilato dal
geom. Francesco Guerci
- Case di Carlo e Augusto Ballerio via Buonarroti
- Villino di Frumento Ernesto da costruirsi in Milano in corso
Vercelli, 47
- Villino di Caselli Vincenzo in Alessandria
- Palazzetta Savio

cartella 98 Disegni relativi a progetti diversi riguardanti case ed edifici pri-


vati quali, ad esempio: Accatino, Rossi, Cuniberti, Jachino,
Jemini, Carca, Canepa, Parodi, Torchio, Possenti, palazzetta
Savina, Caniggia, Avalle, Ferrara, Guazzoni, conte Zegna e Del
Signore

Sottoserie 1.2.2 - Proprietà prof. Viora

faldone 27.7 1935 - 1949


Professor Mario Viora: corrispondenza a carattere personale

faldone 27.8 1946 - 1948


Professor Mario Viora, docente all’Università di Padova: corri-
spondenza riguardante i lavori fatti alla chiesa parrocchiale in
Boschetto di Chivasso e l’intervento di ampliamento del cimi-
tero. La corrispondenza contiene anche numerose note di carat-
tere personale

faldone 28.1 1953 - 1954


Casa del prof. Mario Viora ed Emilia in via Vocchieri in
Alessandria: lavori di ricostruzione del corpo interno al cortile,
L’archivio di Venanzio Guerci 63
preventivo, contabilità, scrittura privata con l’impresario
costruttore Alfredo Castelli di Alessandria e contratto d’appalto

faldone 28.2 1954 - 1955


Casa del prof. Mario Viora ed Emilia in via Vocchieri in
Alessandria: impianto di riscaldamento e carteggio

faldone 28.3 1954 - 1956


Casa del prof. Mario Viora ed Emilia in via Vocchieri in
Alessandria: disegni, costruzione del garage, conto di liquida-
zione finale e carte riguardanti l’acquisto della comunione del
muro fra la casa Viora e la casa Gatti

faldone 28.4 1955 - 1956


Casa del prof. Mario Viora ed Emilia in via Vocchieri in
Alessandria: impianto elettrico, opere murarie e libretti delle
misure

rotolo 126 “Viora. Lucidi fuori uso”


19 lucidi - 3 carte

cartella 99 “Prof. Viora”


Tavole relative al progetto della casa del prof. Viola

cartella 100 “Casa Viora”


Tavole relative al progetto della casa del prof. Viola

Sottoserie 1.2.3 - Proprietà Perego Lavagetto

Casa / Palazzo Maria Perego Lavagetto con fronti verso corso Roma, corso Crimea e via
Trotti in Alessandria. Durante l’incursione aerea del 5 aprile 1944 diverse bombe dirom-
penti hanno colpito e distrutto totalmente il corpo di fabbricato interno e hanno dan-
neggiato gravemente i bracci di corso Roma n. 37, di corso Crimea n. 1 e 3 e di via
Trotti n. 36 e 38. Il palazzo si sviluppava su un’area di 683 mq circa ed era stato costrui-
to nel 1923

faldone 29.1 1945


Palazzo Maria Perego Lavagetto: “1° progetto 1945”

faldone 29.2 1946 - 1951


Palazzo Maria Perego Lavagetto: perizia dei danni di guerra
causati dal bombardamento e atti diversi per la richiesta e la
concessione delle sovvenzioni previste a favore dei danneggiati
(1946 – 1948) e denunce catastali (1951)
64 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

faldone 29.3 [1947] - 1950


Palazzo Maria Perego Lavagetto: quaderni dei lavori di ripara-
zione realizzati dalla ditta Chiappino

faldone 29.4 1947 - 1956


Palazzo Maria Perego Lavagetto: nota degli onorari spettanti a
Venanzio Guerci per i lavori di ricostruzione del palazzo.
Contiene anche alcune carte riferite ai lavori fatti all’albergo
Venezia e altre note sui contributi ricevuti dalla signora Maria
Perego Lavagetto

faldone 29.5 1948 - 1950


Palazzo Maria Perego Lavagetto: piante di numerosi apparta-
menti e note dei lavori fatti agli alloggi delle sorelle Giacchero
e dei signori Vitale e Torta

faldone 29.6 1948 - 1953


Palazzo Maria Perego Lavagetto: resoconto dei lavori e conta-
bilità finale presentata dall’impresa Chiappino e da altre ditte

faldone 29.7 1948 - 1954


Palazzo Maria Perego Lavagetto: corrispondenza rilegata di
Venanzio Guerci in tre quaderni specialmente con i signori
Lavagetto e con la ditta Chiappino e con altri riguardante i
lavori di costruzione e i contributi accordati ai danneggiati dalla
guerra

faldone 30.1 1949


Palazzo Maria Perego Lavagetto: nuovo progetto di parziale
riparazione presentato al Genio civile. I disegni sono accompa-
gnati da una interessante relazione tecnica illustrativa della
situazione scritta da Venanzio Guerci

faldone 30.2 1949 - 1950


Palazzo Maria Perego Lavagetto: libretti delle misure, quaderni
dei lavori e conto di liquidazione finale per gli interventi realiz-
zati in numerosi alloggi

faldone 30.3 1949 - 1950


Palazzo Maria Perego Lavagetto: preventivi diversi per i lavori
di riparazione corredati da alcuni disegni di riepilogo

faldone 30.4 1950


Palazzo Maria Perego Lavagetto: progetto di parziale ricostru-
zione approvato nell’aprile 1950
L’archivio di Venanzio Guerci 65
faldone 30.5 1951, 1955
Proprietà Lavagetto in corso Lamarmora n. 8 e 10 e in via Mar-
sala n. 13 (o 15?): disegni e carte riguardanti la vendita di parte
dell’edificio alla ditta Bulla e Gatti, costruttori di letti in ferro
(1951) e copia di alcuni atti del 1955 relativi al frazionamento
dello stesso edificio con l’assistenza di Venanzio Guerci quale
procuratore

faldone 31.1 1953 - 1955


Società P. Morassutti in Alessandria: progetto per i lavori di
costruzione del magazzino e del negozio PM nell’edificio
Perego Lavagetto e Mornacco in corso Roma n. 37 in
Alessandria realizzati dalla ditta Chiappino

faldone 31.2 s.d.


Palazzo Maria Perego Lavagetto: quattro fotografie dei danni
causati dal bombardamento e dei lavori di ricostruzione

faldone 31.3 s.d.


Palazzo Maria Perego Lavagetto: quaderni e appunti dei lavori

cartella 101 “Lavagetto”


Tavole relative alla casa Lavagetto, in corso Roma 37 in Ales-
sandria

cartella 102 “Lavagetto 2”


Tavole relative al nuovo negozio della ditta P.M. di Alessandria,
alla scala del Magazzino di casa Lavagetto, del palazzo Vittoria
e Salera di proprietà di Maria Perego Lavagetto

cartella 103 “Lavagetto 3”


Raccolta di tavole relative alla casa Lavagetto di corso Roma e
del palazzo Vittoria e Salera di Maria Perego Lavagetto. Con-
tiene anche gli schizzi per una lampada per l’atrio

cartella 104 “Perego Lavagetto - Magazzino”


Tavole relative al nuovo negozio della ditta P.M. di Alessandria

cartella 105 “1952 - e portineria Lavagetto”


Tavole relative al Cinema “Galleria” e progetto per la casa
Lavagetto
66 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

Sottoserie 1.2.4 - Aziende e attività commerciali

faldone 31.4 [1907]


Berrettificio società Alessandria, proprietà Cortona: disegni del
progetto per alcuni lavori

faldone 31.5 1916


Calzaturificio della ditta Natale Caretti sito in via Santa Maria
di Castelli n. 13 in Alessandria: lavori di ampliamento

faldone 31.6 1922 - 1923


Società A. Cesa & C. con stabilimento in Alessandria: lavori di
costruzione di un nuovo stabilimento in circonvallazione
Liguria all’angolo con via Wagner (ex Pista)

faldone 32.1 1929


Calzaturificio Guerci Gandini & C. in Alessandria: primo e
secondo preventivo per la costruzione nell’area di proprietà
della Società successori Bima, posta nelle vicinanze della for-
nace municipale, lettera di invito alle ditte per la costruzione,
capitolato e disegni
Nota: danni causati dall’umidità

faldone 33.1 1934 - 1937


Albergo diurno e bar Porcelli presso il piazzale della Stazione:
progetto di costruzione e progetto di bar in prossimità dei
Bagni municipali realizzato per Maria Giraudi
Segnatura originale del primo progetto di costruzione: 136

faldone 33.2 1935 - 1937


Garage Fiat dei fratelli Grignolio: acquisto del terreno a margi-
ne della nuova piazza sull’asse della via Marengo della batta-
glia e lavori di costruzione dello stabile

faldone 33.3 1936 - 1937


Opera pia Borsalino Veglio in via Ghilini n. 26 in Alessandria
progettata dall’ingegnere Guido Montel di Torino e collaudo
delle opere in cemento armato fatto da Venanzio Guerci che si è
occupato anche delle pratiche per l’abitabilità

faldone 33.4 1939 - 1943


Fabbricato ad uso rimessa dei fratelli Giuseppe, Bruno e
Vittorino Grignolio in via Marengo n. 16 in Alessandria: perizie
di stima, computi metrici e piante
L’archivio di Venanzio Guerci 67
faldone 34.1 1941 - 1947
Società anonima Pivano & C. con stabilimento in Alessandria:
lavori di costruzione di un nuovo stabilimento, acquisto di un
terreno dal Comune confinante con il previsto prolungamento
di via Giulia Claro (1941 – 1942) e carteggio riguardante la
liquidazione dell’onorario (1946 – 1947)

faldone 34.2 1947 - 1949


Società anonima estrazione sabbia di Ivaldi: lavori di costruzio-
ne di un silos in cemento armato in prossimità della stazione
ferroviaria di Sezzadio e a breve distanza dal letto del torrente
Bormida realizzato dall’impresa Mario Gasparini. Contiene
anche note di altri lavori fra cui l’impianto di frantumazione di
ciottolame del torrente Orba costruito dall’impresa dei cugini
Dellacà di Tortona per la ditta Perino & C. di Genova in porta
nuova ad Alessandria (1935)

faldone 35.1 1952 - 1953


Società per azioni Paolo Morassutti, negozio PM: lavori di si-
stemazione del nuovo magazzino e dell’alloggio del direttore
collocato nello stabile di Perego Lavagetto in corso Roma n. 37
in Alessandria affidati alla ditta Chiappino

faldone 35.2 s.d.


Casa e farmacia di Clemente Castoldi in via Dante, angolo via
Tripoli in Alessandria: convenzione d’appalto e progetto

faldone 35.3 s.d.


Bar pasticceria Maggiora e Tomalini in via Umberto I n. 17 in
Alessandria: progetto dei locali e dell’allestimento
Segnatura originale: 136

faldone 35.4 s.d.


Lavanderia Ugo Pezzi in Alessandria: disegno del fronte dell’e-
dificio

faldone 35.5 s.d.


Laboratorio e magazzino del signor Tizzani in via Savonarola
in Alessandria: progetto di rifacimento del soffitto su colonne

faldone 35.6 s.d.


Comune di Alessandria, società igienica
“Progetto per l’aspirazione della fumana”
68 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

rotolo 127 “Frigoriferi Taverna”


Magazzino frigoriferi e fabbrica del ghiaccio in Alessandria
della società Astori, Taverna e Castagnotti
2 lucidi

rotolo 128 “Officina volante. Locali lungo Tanaro. Borsalino”


5 lucidi

rotolo 129 “Stabilimento Pivano”


Progetto per la sistemazione dello stabilimento Pivano in
Alessandria
27 lucidi - 5 carte

rotolo 130 “Garage Grignolio”


Garage sul Lungo Tanaro in Alessandria, 1939
Nota: un rotolo è fasciato da una planimetria del “Castellaccio”
3 rotoli: 7 + 5 + 8 = 20 lucidi

rotolo 131 “Garage Ivaldi”


Casa e garage Ivaldi in via Piacenza in Alessandria
5 veline

rotolo 132 “Calzaturificio”


Calzaturificio Guerci, Gandini & C. in Alessandria
14 lucidi

rotolo 133 “Albergo Diurno - Bar Porcelli”


2 lucidi

rotolo 134 “Istituto Coniglicoltura di Alessandria”


5 lucidi

rotolo 135 “Unione Commercio Marmi”


7 lucidi

rotolo 136 “Frigorifero Ing. Taverna”


Società Astori - Taverna - Castagnotti
Magazzini Frigoriferi e Fabbrica di ghiaccio in Alessandria
Nota: non si può srotolare

rotolo 137 “Frigorifero Ing. Taverna”


5 lucidi

rotolo 138 “Albergo diurno Porcelli”


Nota: apribile solo in parte
carte e lucidi
L’archivio di Venanzio Guerci 69
cartella 106 “Grande Garage Grignolio”
Tavole relative all’autorimessa Grignolio in Alessandria [1935]

cartella 107 “Garage Grignolio”


Tavole relative al progetto per il Garage Grignolio. La cartella
contiene progetti relativi ad autorimesse diverse quali:
- Schizzo dimostrativo d’insieme dello studio d’installazione di
riscaldamento a vapore bassa pressione per il Garage Fiat in
Tortona dell’Ufficio Tecnico industriale Ing. Daglio e Trivero,
Alessandria
- Progetto di riscaldamento a vapore a bassa pressione con ven-
tilazione combinata per la carrozzeria Mario Casaro di Torino
della ditta Luigi Voglino di Acqui
- Progetto autorimessa Fiat di Alessandria in via Marengo della
Battaglia

cartella 108 “Frigorifero ing. Taverna e F.lli”. Tavole relative sia alla casa
dei fratelli Taverna sita in Via del Demanio 15, sia ai locali
della Centrale del latte.

cartella 109 “Cavallero - Mobili del negozio”


Tavole e disegni relative ai mobili per il negozio Cavallero in
Alessandria

cartella 110 Calzaturificio della ditta Natale Caretti: progetto della casa per
il portinaio

Serie 1.3 – Altri Comuni

Sottoserie 1.3.1 - Comune di Acqui Terme

faldone 36.1 1921 - 1929


Comune di Acqui Terme, lavori diversi
Corrispondenza con il geometra Carlo Ghiazza, capo dell’Uffi-
cio tecnico comunale, riferita a diversi lavori fra cui l’acquedot-
to comunale, il fabbricato delle terme, la strada del cimitero, il
lavatoio pubblico, il cimitero urbano e ancora ad altri lavori

faldone 36.2 1929


Comune di Acqui Terme, acquedotto comunale
Collaudo dei lavori di costruzione dell’acquedotto comunale
70 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

costruito dalla società anonima Condotta acque potabili di


Torino

faldone 36.3 1933


Comune di Acqui Terme, piscina termale
Collaudo dei lavori di costruzione della piscina termale e del
suo trampolino in cemento armato. Contiene la trascrizione dat-
tiloscritta del testo di Filippo Meda, deputato al parlamento,
intitolato “Le terme di Acqui” e pubblicato ad Acqui dalla
libreria Righetti nel 1916 e l’estratto dal volume “Acqui: le sue
terme, i suoi dintorni. Guida per il medico e per il balneare” del
dottore Domenico de Alessandria e stampato ad Acqui presso
Paolo Borghi nel 1879

faldone 36.4 1934


Comune di Acqui Terme, piano regolatore
Relazioni, tavole e disegni del piano regolatore anche riferiti ad
alcuni muri di sostegno, cancellate e marciapiedi. Contiene nu-
merose fotografie delle tavole allegate al piano regolatore raffi-
guranti prospettive e luoghi diversi della città di Acqui Terme

faldone 36.5 [1937]


Comune di Acqui Terme, case popolari
Progetto per la costruzione di tre fabbricati popolari “tipo
semintensivo” (lotto A) e di due fabbricati popolari “tipo semi-
rurale” (lotto B)

faldone 36.6 1939


Comune di Acqui Terme, case popolari
Corrispondenza con il geometra Carlo Ghiazza, capo dell’Uf-
ficio tecnico comunale, riferita alla costruzione di case popolari
semirurali e ad altri lavori

faldone 37.1 1940


Comune di Acqui Terme, cimitero urbano e monumento ai
caduti
Collaudo dei lavori di ampliamento del cimitero urbano esegui-
ti dall’impresa Mario Mentigassa e numerosi disegni di proget-
to raffiguranti soprattutto la facciata, l’ingresso e l’atrio del
cimitero e del monumento ai caduti. Contiene due fotografie
del progetto della facciata

faldone 37.2 1940 - 1941


Comune di Acqui Terme, torrente Ravanasco
Collaudo dei lavori di sistemazione e copertura del torrente
Ravanasco
L’archivio di Venanzio Guerci 71
faldone 37.3 1943
Comune di Acqui Terme, ricovero antiaereo
Progetto per la costruzione di una galleria sotto i giardini del
castello da utilizzarsi come ricovero antiaereo del borgo Pi-
sterna: relazioni, capitolato, prezzi e preventivo. Contiene do-
cumentazione varia sui ricoveri antiaerei delle città di Ales-
sandria e Genova

faldone 37.4 1947 - 1948


Comune di Acqui Terme, cimitero di Lussito
Collaudo dei lavori di ampliamento del cimitero di Lussito ese-
guiti dall’impresa Ivaldi. Contiene numerose carte riferite ad un
progetto per la sistemazione della strada di Lussito realizzato
dal geometra Giuseppe Bruno di Acqui Terme e le competenze
a lui spettanti (1947)

faldone 37.5 s.d.


Comune di Acqui Terme, portici sul corso Bagni
Collaudo dei lavori di costruzione dei portici sul corso Bagni
fra le nuove terme e il teatro Garibaldi

faldone 37.6 s.d.


Comune di Acqui Terme, palestra
Progetto per la costruzione di una palestra per la ginnastica

rotolo 139 Piano regolatore della città di Acqui Terme: carte per il piano
regolatore e disegni per i marciapiedi
8 lucidi

rotolo 140 Lucidi raffiguranti visioni prospettiche e piante della Città di


Acqui prodotte in occasione della stesura del piano regolatore.
In archivio esistono le foto di alcuni di questi disegni
Nota: apribile solo in parte

rotolo 141 Lucidi raffiguranti la pianta della città di Acqui Terme


15 lucidi

rotolo 142 “Piano quotato della città di Acqui”


Piano quotato della città e del territorio di Acqui e lucidi di
alcuni particolari
7 lucidi - 1 carta

rotolo 143 “Ospedale vecchio Acqui. Cancellata”


6 lucidi
72 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

rotolo 144 [“Ospedale Vecchio - Acqui”]


Nota: apribile solo in parte

rotolo 145 “Cimitero di Acqui. Vecchio tipo”


Nota: non si può srotolare

rotolo 146 “Acqui palestra”


Disegno a carboncino su carta velina del fascio littorio con l’in-
dicazione “1930 anno IX”
1 velina

rotolo 147 “Chiesina Acqui”


4 lucidi

rotolo 148 “Copertura Ravanasco”


Municipio di Acqui: progetto di sistemazione del torrente
Ravanasco
3 lucidi

rotolo 149 “Copertura Ravanasco”


Municipio di Acqui: progetto di sistemazione del torrente
Ravanasco
5 lucidi

rotolo 150 “Copertura Ravanasco”


Municipio di Acqui: progetto di sistemazione del torrente
Ravanasco
11 lucidi

rotolo 151 “Archi portico Acqui”


Nota: non si può srotolare

rotolo 152 “Casa geom. Ghiazza di Acqui”


6 lucidi

cartella 111 “Piano regolatore Acqui”


Raccolta di tavole riguardanti il piano regolatore di Acqui
Terme

cartella 112 “Comune di Acqui. Nuove terme”


Tavole relative al progetto delle nuove Terme di Acqui. La car-
tella contiene due disegni del “portale sotto il loggiato del pian-
terreno del vecchio Ospedale”, la pianta della Casa operaia di
proprietà del cotonificio Valbormida, e una lettera del cav. Chiaz-
za relativa al preventivo per un tetto e al sottostante soffitto
Segnatura precedente parziale riordino: 39
L’archivio di Venanzio Guerci 73
cartella 113 “Chiese e cappelle - Acqui - Cimitero e varie”
Tavole relative a cappelle e chiese del cimitero di Acqui Terme
Segnatura precedente parziale riordino: 19

Sottoserie 1.3.2 - Comune di Asti

faldone 38.1 1916


Comune di Asti, asilo infantile
Progetto per la costruzione dell’edificio per la nuova sede del-
l’asilo infantile di Asti

faldone 38.2 1930 - 1939


Comune di Asti
Ospizio dei cronici e Casa di riposo Umberto I: perizia sui
lavori eseguiti (1930). Partecipazione alla Commissione giudi-
catrice al posto di ingegnere capo della città di Asti (1931).
Ente provinciale per il turismo: concorso per la sistemazione
turistica della zona di via Tosto (1939). Appunti sulla città di
Asti, con particolare riferimento alla Cattedrale, raccolti in pre-
parazione della visita illustrativa e artistica del 6 giugno 1939
guidata da Venanzio Guerci, unitamente al professore Giovanni
Rosa. Copia della pianta della città 1:2000 (s.d.)

faldone 38.3 s.d.


Comune di Asti, torre Troiana: disegno e pianta dell’angolo fra
piazza Medici e via Cattedrale realizzato dall’ingegnere N.
Ballario

faldone 38.4 s.d.


Comune di Asti, clinica
Progetto di ampliamento della clinica privata di Asti

faldone 38.5 s.d.


Comune di Asti, cappella Baudoin
Progetto per la costruzione della cappella della famiglia
Baudoin nel cimitero di Asti

faldone 38.6 1930


Cassa di risparmio di Asti: impianto delle cassette di sicurezza
e del tesoro. Corrispondenza con alcune altre banche per racco-
gliere informazioni e documentazione, cataloghi della ditta
Antonio Parma & figli di Saronno, cinque fotografie dei caveau
di alcune banche di Roma e di Napoli, corrispondenza con la
ditta Lisp – Vago di Milano e notizie sui nuovi impianti per la
custodia di valori della Cassa di risparmio di Bologna
74 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

faldone 38.7 1930 - 1932


Cassa di risparmio di Asti: progetto, computi e relazioni per i
lavori di manutenzione e ampliamento della sede

faldone 39.1 1931 - 1934


Cassa di risparmio di Asti: contratto, progetto e carteggio per la
costruzione dell’impianto di riscaldamento e ventilazione

cartella 114 “Cassa di Risparmio di Asti 1930/31”


Tavole relative al progetto di sistemazione del palazzo che è
sede della Cassa di risparmio di Asti [1929 - 1932]
Segnatura precedente parziale riordino: 40

Sottoserie 1.3.3 - Comune di Boscomarengo

faldone 40.1 [1911 - 1914]


Comune di Boscomarengo, cimitero
Relazioni, progetto e planimetria della zona per la costruzione
del nuovo cimitero nella località delle Ghiare. Contiene il rego-
lamento per la distribuzione delle acque della roggia di Bosco-
marengo (1896)

faldone 40.2 [1919 - 1920]


Comune di Boscomarengo, municipio ed edificio scolastico
Relazione per il risanamento dei locali adibiti ad uso scolastico,
progetto per i lavori di ristrutturazione del palazzo del Comune
e delle scuole e carteggio relativo

faldone 40.3 1935


Comune di Boscomarengo, cimitero
Carte riguardanti il ricorso inoltrato contro il Comune di Bo-
scomarengo verso la richiesta economica fatta ai concessionari
di sepolture particolari nel vecchio cimitero per ottenere le aree
cimiteriali anche nel nuovo

rotolo 153 “Scuole di Bosco Marengo”


Nota: non si può srotolare

rotolo 154 “Cimitero di Bosco Marengo”


Progetti delle cappelle
Nota: apribile solo in parte
L’archivio di Venanzio Guerci 75
Sottoserie 1.3.4 - Comune di Bruno

faldone 40.4 s.d.


Comune di Bruno, municipio
Progetto per la costruzione del palazzo comunale

rotolo 155 “Comune di Bruno”


Nota: non si può srotolare
lucidi

Sottoserie 1.3.5 - Comune di Caldirola

faldone 40.5 1934


Comune di Caldirola, villetta Poggio
Preventivo e disegni

faldone 40.6 1936 - 1937


Comune di Caldirola, colonia alpina
Colonia alpina per i paesi di media montagna, denominata
“Villaggio Dux”, progettata per la Federazione dei Fasci di
combattimento di Alessandria: relazione illustrativa del proget-
to dell’ottobre 1936, preventivo di spesa, computi diversi, cor-
rispondenza, pianta generale e piante dei padiglioni denominati
Acqui, Asti, Casale, Novi e Tortona

rotolo 156 “Villaggio Dux”


Colonia Alpina in Caldirola
Nota: non si può srotolare
2 rotoli

cartella 115 “Villaggio Alpino Dux”


Tavole relative al progetto del Villaggio alpino Dux in
Caldirola
Segnatura precedente parziale riordino: 49

Sottoserie 1.3.6 - Comune di Cantalupo

faldone 40.7 1938 - 1951


Comune di Cantalupo, oleificio e saponificio
Oleificio e saponificio di Cantalupo della Società Morteo &
Gianolo e della Società commerciale di Alessandria ora in parte
di proprietà della signora Maria Perego Lavagetto, figlia adotti-
76 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

va del fu conte Morteo deceduto nel 1949 (?): corrispondenza e


carteggio con soggetti diversi riguardante l’eredità e il calcolo
del suo valore. Contiene un atto di trasformazione della società
(maggio 1938), l’atto di continuazione della società (28 giugno
1947) e il bilancio al 31 dicembre 1949.
Nei documenti non compare il nome dell’arch. Guerci anche se i
numerosi appunti manoscritti potrebbero essere a lui attribuiti. In ogni
caso Venanzio Guerci si è occupato a lungo, negli anni dell’immediato
secondo dopoguerra, dei beni Lavagetto

Sottoserie 1.3.7 - Comune di Casalbagliano

faldone 40.8 s.d.


Comune di Casalbagliano, pianta del castello

Sottoserie 1.3.8 - Comune di Casalcermelli

faldone 41.1 1932 - 1934


Comune di Casalcermelli, edificio scolastico
Capitolato d’appalto e progetto per i lavori di costruzione del-
l’edificio scolastico
Nota: evidenti danni causati dall’umidità

Sottoserie 1.3.9 - Comune di Casale Monferrato

faldone 41.2 s.d.


Comune di Casale Monferrato, villino
Progetto di villino con stabilimento industriale denominato, a
matita, palazzina Grignolio

Sottoserie 1.3.10 - Comune di Cassine

faldone 41.3 1937 - 1938


Comune di Cassine, edifici religiosi
Chiesa di San Francesco: due viste della Chiesa (geom. Benzi,
1930), quattro cartoline, relazione “Cassine artistica” e corri-
spondenza varia intercorsa fra Benzi e Guerci (1937). Chiesa
del Cimitero di Santa Maria dei servi: progetto e appunti per i
lavori di risanamento (1938). Chiesa di Santa Caterina: schizzi
e disegni per gli arredi e di diversi particolari architettonici
(s.d.). Contiene la copia dell’atto di vendita del convento di
L’archivio di Venanzio Guerci 77
Cassine fatto dai sacerdoti ad Alice Montel di Frugarolo (17
marzo 1909)
Nota: danni causati dall’umidità al carteggio della Chiesa di Santa
Caterina

faldone 41.4 1939 - 1941


Comune di Cassine, cimitero
Capitolato d’appalto, progetto e atti diversi per i lavori di am-
pliamento del cimitero comunale e di costruzione di colombari

faldone 41.5 1951 - 1952


Casa Zoppi a Cassine: disegni e carteggio per i lavori di ripara-
zione alla casa con particolare riferimento al locale con tre
archi del piano terreno. Contiene la relazione “Michelino da
Besozzo e gli affreschi di Casa Zoppi”

rotolo 157 “Cassine”


Nota: non si può srotolare

rotolo 158 “Cappella Zoppi - Cassine”


Nota: non si può srotolare

cartella 116 “Casa Zoppi Cassine”


Tavole relative alla casa del conte Zoppi in Cassine

Sottoserie 1.3.11 - Comune di Castelceriolo

faldone 41.6 1935 - 1938


Comune di Castelceriolo, filanda cav. Pasqué
Relazione di visita e considerazioni e proposte circa la situazio-
ne dei locali e sui lavori di sistemazione da fare e tavola di
“studio di massima di dissipazione della fumana”
Segnatura precedente: 19

rotolo 159 “Filanda Castelceriolo”


Nota: non si può srotolare

Sottoserie 1.3.12 - Comune di Castelferro

faldone 41.7 1913 - 1924


Comune di Castelferro, chiesa parrocchiale
Preventivo di massima, corrispondenza e progetto per la costru-
zione della nuova chiesa parrocchiale
Nota: danni causati dall’umidità
78 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

rotolo 160 “Chiesa di Castelferro”


Progetto per la nuova chiesa di Castelferro
6 lucidi

cartella 117 “Chiesa Castelferro”


Tavole relative al progetto per la nuova Chiesa di Castelferro
Segnatura precedente parziale riordino: 21

Sottoserie 1.3.13 - Comune di Castellazzo Bormida

faldone 42.1 1928 - 1950


Comune di Castellazzo Bormida, fognatura
Progetto per la costruzione della rete fognaria dell’abitato, rela-
zioni, varianti e corrispondenza

faldone 42.2 1929 - 1930


Comune di Castellazzo Bormida, cimitero
Progetto per il cimitero di Castellazzo. Sul frontespizio compa-
re la scritta “copia non ufficiale appartenente all’ing. Guerci”,
per cui si può desumere che sia stata acquisita per un collaudo
o una perizia

faldone 42.3 1930


Comune di Castellazzo Bormida, acquedotto
Relazione, computi, prezzi, capitolato d’appalto e progetto per
la costruzione dell’acquedotto comunale e la trivellazione di un
pozzo tubolare. Contiene il capitolato speciale d’appalto per la
posa in opera delle condotte del tronco Vignale - Castelletto
Scazzoso dell’acquedotto del Monferrato

faldone 42.4 1930


Comune di Castellazzo Bormida, campo sportivo
Pianta del campo sportivo del Littorio di Castellazzo Bormida

faldone 42.5 1931 - 1933


Comune di Castellazzo Bormida, santuario
Lavori di manutenzione e consolidamento mediante costruzio-
ne di tre armature a sostegno degli archi e altri interventi nella
chiesa della Madonna delle Grazie

rotolo 161 “Fogli catastali Castellazzo”


6 carte

rotolo 162 “Fognatura di Castellazzo Bormida”


2 lucidi
L’archivio di Venanzio Guerci 79
rotolo 163 Comune di Castellazzo: progetto della fognatura e piano gene-
rale dell’abitato
1 lucido

rotolo 164 “Cimitero Castellazzo”


Nota: srotolabile solo in parte

rotolo 165 “Casa sociale Castellazzo”


Nota: non si può srotolare

Sottoserie 1.3.14 - Comune di Castelnuovo Bormida

faldone 43.1 1913 - 1914


Comune di Castelnuovo Bormida, cimitero
Piante, disegni e corrispondenza per i lavori di ampliamento del
cimitero comunale

faldone 43.2 1922


Comune di Castelnuovo Bormida, municipio ed edificio scola-
stico
Progetto per la costruzione dell’edificio scolastico e del palazzo
comunale, oltre alle due strade che conducono all’erigendo edi-
ficio (verso via Airaldi e verso via Barrocchio) e la strada co-
munale di accesso alla stazione ferroviaria di Mombaldone.
Contiene anche alcune carte del 1911 - 1912

faldone 43.3 1928


Comune di Castelnuovo Bormida, castello
Corrispondenza con il marchese Ferrari, con il geometra Bensi
e altri e numerosi disegni per i lavori fatti al Castello di Castel-
nuovo Bormida con particolare riferimento alla costruzione di
un’arancera. Contiene una cartolina illustrata del castello

faldone 44.1 1933 - 1934, 1946 - 1947


Comune di Castelnuovo Bormida, municipio ed edificio scola-
stico
Progetto per la costruzione di un edificio da utilizzarsi come
scuola e casa comunale

Sottoserie 1.3.15 - Comune di Felizzano

faldone 44.2 s.d.


Comune di Felizzano, chiesa di San Pietro
Alcuni disegni e una fotografia della chiesa Parrocchiale di San
Pietro in Felizzano
80 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

faldone 44.3 1945


Cassa di risparmio di Alessandria, filiale di Felizzano: rendi-
conti economici delle opere eseguite per la sistemazione dei
nuovi locali

Sottoserie 1.3.16 - Comune di Francavilla

faldone 45.1 1945 - 1946


Comune di Francavilla Bisio, chiesa parrocchiale e sacrario.
Progetto della nuova chiesa parrocchiale sotto il titolo di N. S.
delle Grazie e fabbricati annessi a firma dell’ing. Trucco e del
dott. Cassottana di Novi Ligure (1945) e altri disegni e docu-
menti di Venanzio Guerci sulla stessa chiesa (1946). Contiene
due fotografie

rotolo 166 “Chiesa di Francavilla”


Parrocchiale di Francavilla Bisio
19 lucidi - 4 carte

Sottoserie 1.3.17 - Comune di Gamalero

faldone 45.2 s.d.


Comune di Gamalero, cimitero
Fotografia dell’ingresso del cimitero di Gamalero, progettato
dall’ingegnere Andrea Sardi

cartella 118 “Gamalero - Don Traverso”


Progetti relativi alla sistemazione della Chiesa parrocchiale di
Gamalero

Sottoserie 1.3.18 - Comune di Garbagna

faldone 45.3 [1932]


Comune di Garbagna, tomba privata
Relazione, valutazione dei costi e progetto per la cappella di
Caterina Alvigini collocata nel cimitero di Garbagna.
L’anno 1932 è presunto in quanto l’unico documento datato
riporta “25 marzo 2”
L’archivio di Venanzio Guerci 81
Sottoserie 1.3.19 - Comune di Gattinara

faldone 45.4 1914 - 1916


Comune di Gattinara, fognatura
Progetto per la rete fognaria di Gattinara. Contiene il Rego-
lamento d’Igiene del Comune (1898)
Nota: danni causati dall’umidità

rotolo 167 “Scuole Gattinara”


Modifiche all’alloggio del bidello nell’edificio scolastico fem-
minile
1 lucido - 1 carta

Sottoserie 1.3.20 - Comune di Incisa Belbo

faldone 46.1 1917


Comune di Incisa Belbo, ospedale
Progetto per la costruzione di un ospedale su incarico del-
l’Opera Pia Ferrero

faldone 46.2 1917 - 1919


Comune di Incisa Belbo, cimitero
Preventivo, relazioni, planimetria e progetto per la costruzione
del nuovo cimitero nella regione Fornace

faldone 46.3 1919


Comune di Incisa Belbo, edificio scolastico
Preventivo dei lavori e progetto di costruzione

rotolo 168 “Ospedale di Incisa Belbo”


Opera pia Ferraro di Incisa Belbo: progetto di ospedale
6 lucidi

rotolo 169 Incisa Belbo. Nuovo cimitero


Nota: non si può srotolare

rotolo 170 “Cimitero di Incisa Belbo”


Comune di Incisa Belbo. Progetto di nuovo cimitero nella
regione detta “Fornace”
Nota: non si può srotolare
82 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

Sottoserie 1.3.21 - Comune di Isola Sant’Antonio

faldone 46.4 1929 - 1936


Comune di Isola Sant’Antonio e Comune di Guazzora, tenuta
Paradiso.
Planimetria dei fondi costituenti il tenimento “Paradiso” di Ro-
mualdo Tartara, stima del valore della tenuta, ed elenchi dei
beni presenti, atto di vendita da Tartara alla Società immobilia-
re “Tenuta Paradiso” relazione di perizia del 3 novembre 1931
(ingegneri Guerci, Ferretti e Rondelli)
Segnatura precedente: 52

Sottoserie 1.3.22 - Comune di Lozzolo

faldone 46.5 1913


Comune di Lozzolo (NO), edificio scolastico
Relazione e progetti dell’edificio scolastico rurale per il
Comune di Lozzolo. Su molti documenti compare il timbro
dell’Ufficio tecnico di Gattinara

Sottoserie 1.3.23 - Comune di Lu

faldone 46.6 s.d.


Comune di Lu Monferrato, edificio scolastico
Progetto per la sistemazione e l’ampliamento delle scuole

Sottoserie 1.3.24 - Comune di Malvicino

faldone 46.7 1942


Comune di Malvicino, municipio ed edificio scolastico
Relazione al progetto, computo metrico ed estimativo e disegni
per il nuovo edificio da adibirsi a municipio e scuola

Sottoserie 1.3.25 - Comune di Masoero

faldone 46.8 s.d.


Comune di Masoero
Disegno a matita di un edificio senza data o altre indicazioni
L’archivio di Venanzio Guerci 83
Sottoserie 1.3.26 - Comune di Mombaruzzo

faldone 47.1 1912


Comune di Mombaruzzo, municipio
Lavori di costruzione dell’impianto di riscaldamento nel palaz-
zo comunale
Nota: danni causati dall’umidità

faldone 47.2 1937


Comune di Mombaruzzo, cantina sociale
Progetto per la costruzione delle tinaie, o vasche in cemento
armato, della Cantina sociale cooperativa di Mombaruzzo

Sottoserie 1.3.27 - Comune di Monastero Bormida

faldone 47.3 1927 - 1929


Comune di Monastero Bormida, ponte
Progetto per la costruzione di un ponte a tre arcate sul fiume
Bormida, numerosa corrispondenza, capitolati d’appalti, elen-
chi e analisi dei prezzi e sottoscrizione pubblica (1938)

Sottoserie 1.3.28 - Comune di Novi Ligure

faldone 48.1 1930 - 1933


Comune di Novi Ligure, edificio scolastico
Collaudo dei lavori di costruzione del nuovo edificio delle
scuole elementari: nomina a collaudatore, relazioni, progetti,
contratto per gli impianti di riscaldamento e corrispondenza

faldone 48.2 1933


Comune di Novi Ligure, monumento e ossario
Verbale di visita e relazione e certificato di collaudo dei lavori
di costruzione del Monumento - Ossario ai Caduti per la Patria
nel cimitero urbano eseguiti dall’impresa dell’architetto Gian
Serra

faldone 48.3 1933


Comune di Novi Ligure, bagni popolari
Costruzione dell’impianto di riscaldamento e di ventilazione e
dell’impianto di illuminazione e di campanelli elettrici nell’edi-
ficio dei bagni popolari
84 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

faldone 48.4 1934 - 1936


Comune di Novi Ligure, rete fognaria
Progetto per la fognatura cittadina elaborato dallo studio del-
l’ingegnere Rivera di Novi Ligure

cartella 119 “Edificio scolastico di Novi Ligure”.


Tavole relative al progetto di Scuola elementare e Biblioteca
civica per la città di Novi Ligure
Segnatura precedente parziale riordino: 36

cartella 120 Novi Ligure, Cinema teatro “Italia”


Piante e disegni relativi ai lavori di ristrutturazione

Sottoserie 1.3.29 - Comune di Oulx

faldone 48.5 s.d.


Comune di Oulx, capannone
Progetto per la costruzione di un capannone in cemento armato
tipo Palmanova. Contiene la fotografia di un capannone simile

Sottoserie 1.3.30 - Comune di Ovada

faldone 48.6 s.d.


Comune di Ovada, ponte sull’Orba
Relazioni tecniche e capitolato per il progetto di costruzione di
un ponte sull’Orba e strada raccordante la Stazione e il centro
abitato di Ovada con la Frazione di Grillano e Guardia e con i
Comuni di Carpeneto, Montaldo e Trisobbio

Sottoserie 1.3.31 - Comune di Pecetto di Valenza

faldone 48.7 1939 - 1944


Comune di Pecetto di Valenza, cimitero
Progetto per la costruzione di loculi privati nel cimitero realiz-
zato dal geometra Emanuelli di Pecetto. Contiene numerose
carte riguardanti le perizie di stima per l’eredità Fossati e
Biscossi di Valenza, la divisione tra gli eredi di Domenico
Lanza, deceduto a Pecetto nel 1926, e della moglie, morta a
Valenza nel 1940, e della cascina Pellizzari

faldone 48.8 1952 - 1954


Comune di Pecetto, cimitero
L’archivio di Venanzio Guerci 85
Piano regolatore del Cimitero e progetti per lavori diversi (scala
di accesso, nuovo ingresso, muro di sostegno, ecc.)

Sottoserie 1.3.32 - Comune di Pegli

faldone 49.1 s.d.


Comune di Pegli, villini
Progetti e preventivi per la costruzione di numerosi villini su
incarico della Società “La Familiare” di Pegli
Nota: danni causati dall’umidità

rotolo 171 “Villini Pegli”


3 lucidi

Sottoserie 1.3.33 - Comune di Pietra Marazzi

faldone 49.2 1946


Comune di Pietra Marazzi, oratorio di San Bernardo
Relazione e disegni del progetto di decorazione dell’Oratorio di
San Bernardo

Sottoserie 1.3.34 - Comune di Pontecurone

faldone 49.3 s.d.


Comune di Pontecurone, edificio scolastico
Relazione al progetto e analisi dei prezzi

Sottoserie 1.3.35 - Comune di Predosa

faldone 49.4 1943 - 1944


Comune di Predosa, cimitero
Corrispondenza e progetto per la costruzione di colombari nel
cimitero comunale. Contiene il progetto dello studio Bigatti e
Bistolfi di Alessandria per la costruzione di colombari e ossari
nel cimitero (1937) e il collaudo di questi ultimi lavori eseguito
nel 1938 dall’ingegnere Francesco Moretta di Bassignana

rotolo 172 Cimitero di Predosa: progetto di colombai


Nota: non si può srotolare
86 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

Sottoserie 1.3.36 - Comune di Quargnento

faldone 50.1 1913


Comune di Quargnento, campanile
Relazione dell’ingegnere Crescentino Caselli di Fubine per il
lavoro di restauro al campanile

faldone 50.2 1914 - 1915


Comune di Quargnento, edificio scolastico
Capitolato, progetto, relazioni e atti relativi per l’ampliamento
dell’edificio scolastico. Contiene anche il disegno e le misure
per le cattedre e i banchi
Nota: gravi danni causati dall’umidità

faldone 50.3 1935 - 1942


Comune di Quargnento, cappella Bellana
Carteggio riguardante il passaggio della cappella Bellana, lega-
ta per testamento alle Opere pie ospedaliere di Alessandria,
dalla famiglia Bellana alla famiglia Reposi

faldone 50.4 1937 - 1940


Comune di Quargnento, cimitero, edificio scolastico e parco
della rimembranza
Piano regolatore del cimitero comunale e carte riguardanti altri
lavori fra cui il Parco della rimembranza e il miglioramento
igienico - sanitario dell’edificio scolastico

faldone 51.1 1938


Comune di Quargnento, edificio scolastico
Progetto, relazione, computi metrici e disegni per la sistemazio-
ne dell’edificio

faldone 51.2 1939 - 1945


Comune di Quargnento, strada del Boschetto
Lavori di sistemazione della strada comunale denominata “del
Boschetto” tendente a San Salvatore Monferrato

faldone 51.3 s.d.


Comune di Quargnento
Progetti diversi per il Dopolavoro, per alcuni selciati stradali,
per le scuole Motta, per il Municipio e per i lavori di sistema-
zione del piazzale e della gradinata

rotolo 173 “Piazza Quargnento”


Nota: non si può srotolare
L’archivio di Venanzio Guerci 87
rotolo 174 “Casa del Fascio. Quargnento”
Nota: non si può srotolare

rotolo 175 “Cimitero di Quargnento”


26 lucidi

rotolo 176 Comune di Quargnento. Parco della Rimembranza.


Progetti nuovi colombari
Nota: non si può srotolare

cartella 121 “Quargnento - Cimitero”


Tavole relative al progetto di ampliamento

Sottoserie 1.3.37 - Comune di Refrancore

faldone 51.4 1922


Comune di Refrancore, cimitero
Capitolato, note dei prezzi e disegni per i lavori di avviamento
del cimitero e di sistemazione delle cappelle. Contiene alcuni
documenti e disegni riferiti ai cimiteri di Casale Monferrato,
Castiglione d’Asti, Castelnuovo d’Asti (ora Don Bosco), Serra-
valle Scrivia, Variglie e Incisa Belbo probabilmente utilizzati
come riferimenti (uno solo datato 1924 gli altri senza data)

faldone 51.5 1924 - 1927


Comune di Refrancore, cappella votiva
Costruzione di una cappella votiva per i Caduti in guerra di
Refrancore e raccolta della corrispondenza intercorsa con il
comitato promotore
Nota: danni causati dall’umidità

faldone 51.6 s.d.


Comune di Refrancore, monumento in memoria dei caduti in
guerra
Due fotografie del progetto presentato dall’ingegnere Guerci,
dal geometra U. Pasino e dal pittore Luigi Gambini

rotolo 177 “Cimitero di Refrancore”


Progetto di ampliamento
Nota: non si può srotolare
88 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

Sottoserie 1.3.38 - Comune di Rivalta

faldone 52.1 1912 - 1916


Comune di Rivalta Bormida, edificio scolastico
Preventivo, progetto e disegni per la costruzione dell’edificio
delle Scuole maschili e femminili di Rivalta Bormida

rotolo 178 Rivalta Bormida: progetto per la costruzione dell’edificio sco-


lastico
1 lucido - 2 carte

rotolo 179 “Scuole Rivalta”


3 lucidi

rotolo 180 “Scuole di Rivalta”


Edificio scolastico di Rivalta Bormida
10 lucidi

Sottoserie 1.3.39 - Comune di Roasio

faldone 52.2 s.d.


Comune di Roasio, edificio scolastico
Disegni del progetto per la costruzione dell’edificio scolastico
nella frazione di Santa Maria
Nota: danni causati dall’umidità

rotolo 181 “Lucidi di Roasio”


Comune di Roasio. Progetto di edificio scolastico.
8 lucidi

Sottoserie 1.3.40 - Comune di San Giuliano Piemonte

faldone 52.3 1936


Comune di San Giuliano Piemonte, molino Moccagatta
Corrispondenza circa il problema dell’eliminazione dell’odore
dovuto alla fermentazione delle acque di lavaggio del grano nel
mulino della Società anonima di San Giuliano Piemonte con
sede in Tortona del signor Moccagatta
L’archivio di Venanzio Guerci 89
Sottoserie 1.3.41 - Comune di San Salvatore Monferrato

faldone 52.4 1949


Comune di San Salvatore Monferrato, collaudi
Collaudo dei lavori di costruzione di nuovi loculi su progetto
dell’ingegnere Vittorio Tornielli di Casale Monferrato (1949).
Disegni della Colonia solare e dei ricoveri antiaerei, forse rac-
colti per collaudi o perizie (s.d.)

Sottoserie 1.3.42 - Comune di Sezzadio

faldone 52.5 1949 - 1952


Comune di Sezzadio
Lavori di costruzione di alcuni silos di ghiaia e sabbia presso il
torrente Bormida e corrispondenza con l’ingegnere Ivaldi
riguardante anche altra contabilità

Sottoserie 1.3.43 - Comune di Spinetta Marengo

faldone 52.6 1937


Comune di Spinetta Marengo, cappella della famiglia cav.
Monti
Tavole per la costruzione della cappella cimiteriale

rotolo 182 “Cappellina Spinetta Marengo”


Nota: non si può srotolare

cartella 122 “Cappellina di Spinetta M.”


Si tratta di nove carte e otto lucidi relativi alla Cappellina di
Spinetta. Contiene quattro foto di una piccola cappella campe-
stre e un articolo di giornale relativo a una statua della
Madonna eretta sulla cupola della Chiesa parrocchiale N.S.
delle Grazie in Sanpierdarena (1940)
Segnatura precedente parziale riordino: 18

Sottoserie 1.3.44 - Comune di Tagliolo

faldone 52.7 1934 - 1935


Comune di Tagliolo Belforte, acquedotto
Relazione tecnica e progetto per la costruzione dell’acquedotto
comunale
90 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

faldone 53.1 1942


Comune di Tagliolo Belforte, castello
Progetti per la casa colonica, il forno, la conigliera, il porcile,
l’acquedotto e altri lavori per l’Azienda agricola del Castello di
Tagliolo e planimetria della Riserva di caccia consorziale.
Contiene anche carte del 1938

faldone 53.2 s.d.


Comune di Tagliolo Belforte, edificio scolastico
Disegni per la costruzione dell’edificio scolastico

rotolo 183 “Scuole di Tagliolo”


Edificio scolastico di Tagliolo Belforte
19 lucidi - 1 carta

Sottoserie 1.3.45 - Comune di Tortona

faldone 54.1 1933 - 1936


Comune di Tortona, ospedale civile
Collaudo dei lavori di ampliamento dell’ospedale civile, della
costruzione di un muro di cinta, dell’installazione dell’impianto
di riscaldamento e di altri lavori e opere murarie presso l’ospe-
dale su incarico della Congregazione di Carità di Tortona
Segnatura originale: 58

faldone 54.2 1933 - 1937


Comune di Tortona, collaudi
Collaudo dei lavori di tubazione di mandata al serbatoio della
frazione Vho (1933 – 1934); collaudo dei lavori di costruzione
della casermetta del Distretto militare (1934); collaudo dei la-
vori di drenaggio eseguiti per il risanamento del cimitero urba-
no (1935); collaudo dei lavori di ampliamento della rete di
distribuzione del civico acquedotto (1936); collaudo dei lavori
di pavimentazione di via Emilia contenente le osservazioni e le
proposte per la sua sistemazione (1937)

faldone 54.3 1934


Comune di Tortona, “casa di reddito”
Preventivo di spesa e disegno per la costruzione di una casa di
reddito nell’isolato di San Francesco

faldone 54.4 1934


Comune di Tortona, nido d’infanzia
Preventivo di spesa per la costruzione di un nido d’infanzia a
L’archivio di Venanzio Guerci 91
Tortona. Tavole del progetto per la costruzione dell’Asilo infan-
tile, computi metrici e calcoli per la verifica della stabilità delle
costruzioni in cemento armato

faldone 54.5 1934


Comune di Tortona, piano regolatore
Concorso per la stesura del piano regolatore della zona collina-
re del castello: relazione della Commissione giudicatrice della
quale faceva parte anche Venanzio Guerci e numerosi disegni
del primo piano regolatore classificato contraddistinto dal
motto “Tentar non nuoce”

rotolo 184 “Lucidi Asilo di Tortona”


Progetto di Asilo Infantile per la città di Tortona
11 tavole (lucidi e carta velina)

rotolo 185 “Banca di Tortona”


Progetto di riattamento della sede della Banca popolare agrico-
la commerciale di Tortona
18 lucidi - 4 carte

cartella 123 “Banca popolare di Tortona”


Si tratta di quattordici tavole numerate relative al progetto di
riattamento della sede della Banca popolare agricola commer-
ciale di Tortona

Sottoserie 1.3.46 - Comune di Valenza

faldone 55.1 1910


Comune di Valenza, ditta Bassone - Gervaso
Disegni del progetto di ampliamento e subalzamento dell’orefi-
ceria Bassone e fratelli Gervaso di Valenza

faldone 55.2 1914 - 1921


Comune di Valenza, edificio scolastico
Progetto per la costruzione all’edificio scolastico

faldone 56.1 1933 - 1936


Comune di Valenza, mercato coperto
Relazioni, progetto, corrispondenza e contabilità relative ai
lavori per la costruzione del mercato coperto per ortaggi e com-
mestibili nella città di Valenza
92 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

faldone 57.1 1934


Comune di Valenza, edificio scolastico
Lavori di costruzione dell’edificio scolastico: progetto originale
in data 15 maggio 1934 (due copie)

faldone 58.1 1934 - 1942


Comune di Valenza, edificio scolastico
Lavori di costruzione dell’edificio scolastico: fornitura dell’ar-
redo, illuminazione, porte antisoffio, serramenti in ferro e in
legno, riscaldamento e avvolgibili

faldone 59.1 1934 - 1942


Comune di Valenza, edificio scolastico
Opere murarie per la costruzione dell’edificio scolastico: revi-
sioni e analisi dei prezzi, computo metrico e relazioni di stima

faldone 60.1 1934 - 1944


Comune di Valenza, edificio scolastico
Lavori di costruzione all’edificio scolastico: progetto, memorie
e corrispondenza

faldone 61.1 1939 - 1941


Comune di Valenza, edificio scolastico
Lavori di costruzione dell’edificio scolastico: registri di conta-
bilità dal n. 13 al n. 24

faldone 62.1 s.d.


Comune di Valenza, edificio scolastico
Lavori di costruzione all’edificio scolastico: disegni diversi

faldone 62.2 s.d.


Comune di Valenza, edificio scolastico
Lavori di costruzione all’edificio scolastico: verbali di collaudo
e due vedute d’insieme del progetto

faldone 63.1 1957


Comune di Valenza, casa Tullio Accatino
Progetto per la costruzione della casa in regione Noce in
Valenza

rotolo 186 “Scuole Valenza”


8 lucidi

rotolo 187 “Scuole di Valenza”


2 lucidi - 1 carta
L’archivio di Venanzio Guerci 93
rotolo 188 “Scuole di Valenza, 1940”
4 lucidi

rotolo 189 “Scuole di Valenza. Progetti vecchi”


9 lucidi

rotolo 190 “Valenza scuole. Abbandonato”


Vecchio progetto poi abbandonato per la costruzione dell’edifi-
cio scolastico di Valenza
9 lucidi

rotolo 191 “Scuole Valenza. Variante 25.2.1934”


7 lucidi

rotolo 192 “Mercato di Valenza”


Mercato coperto in Valenza
4 rotoli: 16 + 3 + 8 + 7 = 34 lucidi

cartella 124 “Valenza - Scuole - Progetti vecchi”


Si tratta di numerose tavole e lucidi relativi alle Scuole di Va-
lenza

cartella 125 “Valenza. Scuole”


Tavole relative al progetto per le nuove Scuole elementari. “Di-
segni vecchi”

cartella 126 “Scuole di Valenza. Cemento armato”


Tavole relative ai lavori in cemento armato progettati dall’ing. A.
Giberti di Torino e firmati dall’ing. Guerci, quale direttore dei la-
vori

cartella 127 “Valenza - Mercato”


Tavole relative al progetto di Mercato coperto della città di
Valenza

cartella 128 “Mercato di Valenza”


Tavole relative al progetto per il Mercato coperto della città di
Valenza

Sottoserie 1.3.47 - Comune di Valmadonna

faldone 63.2 1934 - 1937


Comune di Valmadonna, villa Remotti
Preventivi, contabilità e corrispondenza per i lavori murari alla
Villa Rolando - Remotti in Valmadonna e disegni
94 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

faldone 63.3 1946


Comune di Valmadonna, molino Guerci
Lavori di sopraelevazione del molino eseguiti dall’impresa
Corrado Panizza

faldone 63.4 1946


Comune di Valmadonna, edificio sociale
Progetto e corrispondenza riguardante la sistemazione del fab-
bricato della Società di mutuo soccorso di Valmadonna

faldone 63.5 s.d.


Comune di Valmadonna, villino Iachino
Disegni per la costruzione del villino dell’avvocato C. Iachino
in Valmadonna

Sottoserie 1.3.48 - Comune di Vercelli

faldone 63.6 1921


Comune di Vercelli, abbazia di Sant’ Andrea
“Note sulle condizioni di stabilità del frontone e sui mezzi per
attuarne il definitivo consolidamento”

Sottoserie 1.3.49 - Comune di Viatosto

faldone 63.7 1939


Comune di Viatosto, chiesa
Carte diverse riguarda la chiesa della Madonna di Viatosto

Sottoserie 1.3.50 - Comune di Viguzzolo

faldone 63.8 1923


Comune di Viguzzolo, casa Butteri ad uso Asilo infantile
Preventivo e primi studi per la costruzione dell’Asilo infantile
dell’Opera pia Butteri

faldone 64.1 1924 - 1950


Comune di Viguzzolo, cimitero
Progetto per i lavori al cimitero di Viguzzolo nell’ex parco
della rimembranza. Si tratta di sei cartelle numerate e altri
documenti contenenti carte e disegni dal 1924 al 1950 riguar-
danti le cappelle, i colombari, la casa del custode e l’ingresso.
L’archivio di Venanzio Guerci 95
Contiene anche la sezione trasversale della condotta della rete
fognaria di Viguzzolo probabilmente utilizzata per il progetto
del Cimitero

faldone 64.2 1952 - 1953


Comune di Viguzzolo, cimitero
Verbale di visita, relazione e certificato di collaudo dei lavori di
costruzione di ottantaquattro nuovi colombari nel cimitero ex
Parco della Rimembranza, eseguiti dall’impresa Fornasari di
Tortona

rotolo 193 “Cimitero di Viguzzolo”


Nota: non si può srotolare

rotolo 194 “Cimitero di Castellar Guidobono - Viguzzolo”


Cimitero di Castellar Guidobono: costruzione di cappelle
5 lucidi

Sottoserie 1.3.51 - Comune di Vinchio

faldone 64.3 s.d.


Comune di Vinchio, edificio scolastico
Relazione e progetto per l’edificio scolastico Noche di Vinchio

faldone 64.4 s.d.


Comune di Vinchio, cimitero
Relazione e planimetria per l’ampliamento del cimitero

- Disegni in cartella e arrotolati non riferiti a documentazione fascicolata

rotolo 195 “… di Arquata Scrivia”


Nota: non si può srotolare

cartella 129 “Preventorio - Limone Piemonte”


Tavole relative al Preventorio infantile della C.R.I. di Limone
Piemonte (Cuneo)
96 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

Serie 1.4 – Progetti vari

Sottoserie 1.4.1 - Ponti e canali

faldone 65.1 1909 - 1910


Ponte in cemento armato sul torrente Borbone presso Asti: rela-
zioni, prove di carico e carteggio

faldone 65.2 1915


Ponte in cemento armato sul torrente Bormida di Spigno: pro-
getto per la costruzione realizzato per il Comune di Monastero
Bormida dall’ingegnere Giovanni Devoto & C. di Genova

faldone 65.3 1915 - 1916


Ponte in cemento armato sul torrente Grue presso la località
detta “La palazzina” sulla strada provinciale n. 54 da Tortona
verso Garbagna: relazioni, prove di carico e carteggio

faldone 65.4 1916


Canale navigabile da Torino a Casale Monferrato a Pavia: pro-
getto di massima, variante proposta dalla Provincia di Ales-
sandria per il tratto compreso tra il ponte sul Po a Valenza e il
ponte di Pieve del Cairo approntata da un collegio di tecnici al
quale partecipa anche l’ingegnere Guerci

faldone 66.1 1917


Ponte sul torrente Bormida presso Maranzana tra Alessandria e
Castellazzo Bormida: relazione del collaudatore sulle riserve
dell’impresa Vincenzo Remotti

faldone 66.2 1922


Ponte in muratura sul torrente Ravanasco lungo la strada pro-
vinciale n. 15 tra Novi Ligure e Acqui Terme, tronco II in terri-
torio di Acqui Terme: collaudo dei lavori realizzati dall’impresa
Celestino Stella

faldone 66.3 1924 - 1925


Ponte sul rio Gaminella presso Quattordio sulla strada provin-
ciale n. 1 da Alessandria a Torino: collaudo dei lavori di costru-
zione in muratura realizzati dall’impresa Alessandro Dellacà

faldone 66.4 1926 - 1927


Ponte sul torrente Bormida presso Terzo d’Acqui sulla strada
L’archivio di Venanzio Guerci 97
provinciale n. 4 da Alessandria a Savona: ponte provvisorio in
legno e successivi lavori di costruzione di un ponte in muratura
e collaudo del lavoro realizzato dalla ditta Attilio Bagnara di
Genova

faldone 66.5 1928


Progetto di strada con un ponte sul torrente Orba raccordante la
stazione e il centro abitato di Ovada con le frazioni Guardia e
Grillano e i Comuni di Carpeneto, Cremolino, Montaldo e Tri-
sobbio

faldone 66.6 1928


Tavola del progetto di ponte sul torrente Stura a Bersezio, rea-
lizzato dall’ingegnere Emilio Virando (?)

faldone 66.7 1936


Ponte sul torrente Orba ad Ovada: progetto

faldone 66.8 s.d.


Ponti: raccolta di tavole diverse del ponte sul Tanaro e di altri
ponti. Contiene un disegno scolastico di Venanzio Guerci del
prospetto generale di un ponte in ferro

rotolo 196 “Ponte in legno Carrega - Torriglia”


Ponte in legno e strada fra i Comuni di Carrega Ligure e Tor-
riglia
7 tavole

rotolo 197 “Ponte in legno”


Ponte fra Cabella Ligure e Carrega Ligure
3 lucidi

rotolo 198 “Ponte in legno”


Ponte a tre arcate sul fiume Bormida presso il Comune di
Monastero Bormida
11 lucidi

rotolo 199 Ponte in cemento armato sul torrente Grue sulla strada provin-
ciale da Tortona a Garbagna
4 carte

rotolo 200 Mappa del tratto del fiume Bormida fra i Comuni di Cassine e
Castellazzo Bormida con l’indicazione del canale Carlo Alberto
1 lucido - 1 carta
98 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

rotolo 201 “Canale navigabile”


Variante prevista dalla Provincia di Alessandria al canale navi-
gabile tra Torino, Casale Monferrato e Pavia
Nota: srotolabile solo in parte
carta e carta telata

rotolo 202 “Ponticello Balduzzi”


Ponte pedonale presso il Castello Medici di Vascello in
Costigliole d’Asti
3 lucidi

Sottoserie 1.4.2 - Mercati

faldone 67.1 s.d.


“Mercati”
Mercato coperto per la vendita all’ingrosso della frutta e verdu-
ra della città di Alessandria: concorso, relazioni, capitolato d’o-
neri per la costruzione, progetto per lo sfruttamento dell’area
disponibile e corrispondenza. Contiene anche documenti e note
riguardanti i mercati di Novi Ligure, Valenza e Torino (1933 –
1934)

faldone 67.2 1925 - 1936


“Mercati”
Regolamenti per i mercati ortofrutticoli dei Comuni di Genova
(1925), Verona (1929), Milano (1934), Piacenza (1934) Padova
(1936) e Torino (1935) e illustrazione dei Magazzini generali e
del mercato coperto di Padova (1934)

faldone 67.3 1937 - 1938


“Mercati”
Mercato coperto per la vendita all’ingrosso della frutta e verdu-
ra della città di Alessandria: computo metrico, computo estima-
tivo, corrispondenza e appunti

Sottoserie 1.4.3 - Progetti vari (serie originale)

Raccolta originale di piccoli progetti, schizzi e disegni e rarissima corrispondenza


riguardante lavori diversi ritenuti da Venanzio Guerci, forse, di non grande importanza.
Si tratta di documenti sui quali solo poche volte compare una data e per almeno un terzo
del contenuto di ciascuna cartella non è stato possibile identificare il progetto di lavoro.
In taluni casi sono presenti anche disegni appartenenti ad alcuni progetti già conservati a
parte.
L’archivio di Venanzio Guerci 99
faldone 68.1 “Progetti vari n. 1”
- progetto di case con portici senza ammezzati da erigersi nella
vecchia piazza d’armi
- nuovo terreno della Società del gaz
- Casale Monferrato
- casa Albini in via Savonarola in Alessandria
- scuole di corso Spagna in Alessandria
- ampliamento delle scuole “G. Bovio” in Alessandria
- prolungamento di corso Roma in Alessandria (compare Carlo
Guerci)
- casa Enrico Cortona in via Nostra Signora in Alessandria
- Milano, eredi Ferrari
- dottor Piccione, frati di San Giacomo in via Della Vittoria in
Alessandria
- casa Luigi Maso in Valenza
- divisione eredità Giuseppina e Giuseppe Durand
- casa Simonelli in via XX Settembre in Alessandria
- progetto casa Guerci – Laveggio in strada al Cristo in Ales-
sandria
- appezzamento venduto da Giovanni Metelli a Ottone
- casa Montel
- proprietà in Valle San Bartolomeo dei signori Rossi, Bottino e
Garavelli

faldone 68.2 “Progetti vari n. 2”


- Bellani
- casa Tito Ferrari in via Galileo Galilei e via Trento in Ales-
sandria
- mulino sul rivo Loreto a Valmadonna della ditta Alessandro
Varvello e figli (1926 – 1933)
- Firpo Ricci
- casa eredi G. Mastretti in via Lanza e via Merula
- proprietà della Croce Rossa in piazza Garibaldi in Ales-
sandria
- casa Oreste Vitale
- progetto del “Cinematografo teatro Excelsior”
- proprietà fratelli Viale nel sobborgo Orti in Alessandria
- nuova sede della Croce Verde in via Tripoli in Alessandria
- casa Luigi Rolando in via Modena e via San Lorenzo in Ales-
sandria (1934)
- casa Iachino in Valmadonna
- casa Francesco e Margherita Castelli in via Malta angolo via
Galileo Ferraris in Alessandria
- casa fratelli Rolando (1934)
- casa coniugi Verzetti – Molettone in via Donizzetti in
Alessandria
100 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

- Credito Italiano in Alessandria


- proprietà Pietro Melchionni (1940)

faldone 68.3 “Progetti vari n. 3”


- casa Gallo, ora Massobrio in via Milano in Alessandria
- angolo via Lodi e varie Ospedale militare
- casa Belleria (?) ora Boidi
- casa Pugliese in via Migliara in Alessandria
- Banco di Napoli
- casa Valle Bona in Novi Ligure
- caseggiato in corso Roma, via Piacenza e via Trotti in Ales-
sandria (Albergo Londra e Trattoria Acqui)
- casa notaio Viazzi in Alessandria
- casa Pastorino in Valmadonna
- scuole femminili nel Comune di Gattinara
- eredi Achille Giovannino in via Migliara in Alessandria
- casa Fiori
- ditta Baj, succursale di Genova
- casa Domenico Amilotti in piazza Valfrè in Alessandria
- casa Giovanni Bonelli in via Torino n. 13 in Alessandria
- casa Agata Marelli in Bonelli, già Margherita Marelli in via
Torino n. 13 in Alessandria
- campanile di San Giovanni decollato
- Bruni

faldone 69.1 “Progetti vari”


- orfanotrofio (1930)
- magazzini generali
- garage (1926)
- casa eredi Rossi in via Mazzini in Alessandria
- casa Rocco
- officina Volante
- casa Cortona (1888)
Nota: danni causati dall’umidità

faldone 69.2 “Progetti vari” rilegati


- casa Giulio Bosco
- casa dottor Cortona
- casa Caria
- casa Bellomo
- casa Rocco (1909)
- casa Chiaraviglio
- casa già Guerci in via Pontida in Alessandria
- palazzo dell’Istituto nazionale delle assicurazioni in Ales-
sandria
L’archivio di Venanzio Guerci 101
- alloggi marchese Serra
- subalzamento casa in via Mazzini angolo via Roma in Ales-
sandria (1925)
- casa Biagio Ghiazza
- casa Giorgio Flore (1909)
- alloggi Ernesto in Torino
- casa Trotti in Frugarolo
- casa Vegezzi (1886 – 1887)
- don Piccioni
- case economiche in via Dante angolo circonvallazione in
Alessandria
- casa verso l’Albergo Bagni in Acqui Terme (1855)
- casa Orsolini a Torino
- casa Civalieri
- casa Giovanni De Petris nel sobborgo Cristo in Alessandria
(1933)
- casa Irma Camerano
- Croce Verde
- posta in via Cavour in Alessandria
- casa Sardi e Buffa (1931)
- casa Florindo Ferraris
- casa Maria Cavalchini
- Asilo infantile in piazzetta Monserrato in Alessandria
- casa Francesco Rebora in Castellazzo Bormida
- Casa dei Commercianti in Alessandria
- Magazzini militari in via Parma in Alessandria
- casa Morato in via XX Settembre in Alessandria
- casa di corso Lamarmora in Alessandria (1935)
- casa Ernesto De Paolini in via Felice Cavallotti n. 9 in Ales-
sandria
- case popolari in Alessandria

faldone 69.3 “Progetti vari”


- ponticello sul rio Salso in Castelnuovo Bormida (1948)
- casa Adolfo Benedetti in via Aspromonte in Alessandria
- casa di salute – clinica privata in via Carlo Emanuele in Asti
- casa Braggio in Strevi
- Ina – Casa di Asti (1938)
- casa Amisano
- casa Vitale in piazza Garibaldi in Alessandria
- casa Armando Veronese in via 1821 in Alessandria (1935)
- casa in via XX Settembre n. 7 in Alessandria
- villa Pezzi
- politeama Verdi
- casa Scarzella in via Umberto I n. 17 in Alessandria
102 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

- Cassa di risparmio di Asti


- muraglia nella villa di Giuseppe Borsalino

faldone 70.1 “Progetti vari”


- casa Caria in via Urbano e Nuova Legnano in Alessandria
- casa Cortona
- casa parrocchiale e chiesa della Novalesa
- Croce Verde (1927 – 1928)
- cancellata della Società agricola operaia di mutuo soccorso di
Castellazzo Bormida
- casa Angeleri e Borra in via Cavour in Alessandria
- casa Ponzano nel sobborgo Cristo in Alessandria
- progetto (non di Guerci) per la costruzione di un nuovo fab-
bricato ad uso di “magazzino infrascamento e fabbricazione
dei sali medicinali” (1903)

faldone 70.2 “Disegni vari”


- villino Guidobono in Viguzzolo
- lavanderia
- fonderia Giuseppe Ratti
- laboratorio e magazzino Tizzani in via Savonarola in Ales-
sandria
- Croce Verde in via Tripoli in Alessandria
- Girardi (1901)
- ospedale dell’Opera pia Ferraro di Incisa Belbo
- stabilimento Barberis & C.
- casa Gallo e Barberis
- casa cugini Sardi e Buffa
- casa Beltrami
- castello di Castelnuovo Bormida

Sottoserie 1.4.4 - Progetti vari

faldone 71.1 “Esposizioni e teatri”


Raccolta di parti di progetti diversi riguardanti prevalentemente
abitazioni private, appunti e alcuni ritagli di giornale. In parti-
colare sono presenti lo stabilimento Lima e il villino di Ernesto
Frumento.
In origine la cartella conteneva anche numeroso materiale
riguardante il Battistero del Duomo di Alessandria poi estratto e
ricollocato

faldone 71.2 “Strade. Capitolati e progetti”


Raccolta di progetti e documenti relativi a diversi lavori in co-
L’archivio di Venanzio Guerci 103
pia a stampa o manoscritta: strada d’accesso dal comune di
Roccaverano e frazioni alla stazione ferroviaria di Mombaldone
(1912), memoriale del tracciato da Roccaverano – Denice alla
stazione ferroviaria Montechiaro – Denice, progetto di un’ipo-
tetica strada dall’abitato del Comune A a quello del Comune C
elaborato da Venanzio Guerci durante la frequenza della Regia
Scuola d’applicazione per gli ingegneri di Padova (1898), ap-
punti scolastici riguardanti la costruzione di ponti in ferro e ta-
vole per la progettazione di canali industriali (a.s. 1898 – 1899)

faldone 71.3 “Casa colonica”


Programma di concorso per quattro tipi di costruzioni rurali
indetto dal Sindacato provinciale fascista degli ingegneri di
Alessandria nel gennaio 1937, note dattiloscritte sull’igiene
dell’abitato rurale, appunti riguardanti dell’ingegnere Benzi,
vincitore del concorso per una casa colonica tipo per la provin-
cia di Asti e rassegna stampa relativa al tema.
In origine la cartella conteneva anche numeroso materiale
riguardante l’azienda agricola del Castello di Tagliolo poi
estratto e ricollocato

faldone 71.4 Disegni di progetti non identificabili

rotolo 203 “Cartelle decorative. Scudi e targhe”


Quattro grandi disegni a mano libera raffiguranti motivi floreali
e altre decorazioni
4 carte

rotolo 204 “Teatro”


Progetto in un teatro non identificato
15 lucidi

rotolo 205 “Parrocchiale di Novalesa”


2 carte

rotolo 206 Progetto per la chiesa di N. S. della Guardia da erigere in


Roma. Ing. Ferrari 1 lucido - 2 carte

rotolo 207 “Serbatoio in cemento armato”


Nota: non si può srotolare

rotolo 208 Le cattive condizioni dei lucidi non hanno permesso di indivi-
duare l’edificio a cui si riferisce il progetto; l’unico indizio a
disposizione è la parola “circonvallazione”
Nota: non si può srotolare
104 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

rotolo 209 Profilo longitudinale e sezione trasversale per la costruzione di


un nuovo tratto di strada non identificabile
3 carte

rotolo 210 Edificio non identificabile (si legge solo urbano)


1 lucido

rotolo 211 Progetto non identificabile


Nota: non si può srotolare

rotolo 212 Progetti di edificio non identificabile


2 carte

rotolo 213 Edificio civile non identificabile


2 lucidi

rotolo 214 Edificio non identificabile


2 lucidi

rotolo 215 Edificio non identificabile


1 carta

cartella 130 “Vecchi progetti papà, Francesco e vari”


Si tratta di una raccolta di tavole di Venanzio e Francesco
Guerci. Sono presenti tra gli altri:
- Casa del sig. Testa Giò, fuori Porta Ravanale, Alessandria (F.
Guerci, aprile 1882)
- Casa sig. Testa, via Verona (F. Guerci)
- Casa Testa, via Guasco (F. Guerci, 1883)
- Progetto di casa per Ferrero avv. Carlo, angolo vie Guasco e
Savonarola
- Casa Jacquier (Giuseppe Sola, 21 novembre 1866)
- Stabilimento Nuove terme di Acqui
- Pianta della casa cav. Bocca
- Progetto di riordinamento di casa Straneo (F. Guerci)
Segnatura precedente parziale riordino: 6

cartella 131 “Progetti del Francesco”


Cartella contenente i progetti del geom. Francesco Guerci.
Sono presenti:
- Casa Pesce (1891)
- Casa Guerci Giovanni, via Pontida n. 2 in Alessandria (1889)
- Casa Albergo d’Italia (1889)
- Casa Castagnotti Giuseppe, via Arnaldo in Alessandria (1882)
- Casa Torre Salomone, via Palestro in Alessandria (1879)
L’archivio di Venanzio Guerci 105
- Casa Gatti
- Casa Pipino Pietro sita tra via Inviziati e piazzetta Monferrato
(1879)
- Casa Bellana, via Arnaldo in Alessandria
- Casa Manara (1891 - 1892)

cartella 132 “Edifici pubblici. Piani regolatori”


Si tratta di una raccolta di tavole relative a progetti diversi di
Venanzio Guerci, Francesco Guerci e altri. Sono presenti tra gli
altri:
- Pianta della Cantina sociale
- Progetto di Galleria tra corso Roma e piazza Vittorio Emanue-
le (Gatti geom. Antonio e Guerci geom. Francesco, 1877)
- Chiesa parrocchiale di S. Pietro in Felizzano
- Santuario della Madonna di Castellazzo
- Planimetria generale della piazza del Nuovo palazzo del
comune di Novi Ligure
- Progetti dei Bagni popolari di Alessandria (1924)
- Facciata della Stazione ferroviaria di Veneria (9 giugno 1867)
- Progetto per dotare di portico esterno il Casino daziario pres-
so lo scalo ferroviario
- Edificio scolastico in piazza Vittorio Veneto
- Planimetria di Novara
- Piano regolatore di Casale
Segnatura precedente parziale riordino: 42

cartella 133 “Stabilimenti Industriali”


Raccolta di tavole relative a progetti di diversi stabilimenti
industriali quali:
- Nuovo fabbricato di ampliamento della ditta G.B. Borsalino
fu Lazzaro in Alessandria
- Mercato frutta in piazza Genova, Alessandria
- Laboratorio e magazzeno del sig. Tizzani in via Savonarola
- Calzaturificio Bima in Alessandria
- Laboratorio Moruzzi Abbigliamento (confezioni abiti per
bambini, via XXIV Maggio n. 18)
- Berrettificio Società Alessandria
Segnatura precedente parziale riordino: 33

cartella 134 “Chiese e cappelle”


Raccolta di disegni relative a chiese la maggior parte delle
quali non ha alcuna indicazione. Sono presenti tra gli altri:
- Cappella mortuaria del cav. Luigi Ferraro in Incisa Belbo
- Edicola funeraria (stile gotico italiano XIV sec. Ferrara, 4
dicembre 1904)
106 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

- Cappella Pellizzari in Cassine


- Progetto della cappella votiva da costruirsi in Refrancore in
memoria dei caduti di guerra
- Tavole e sette fotografie relative alla cappella della famiglia
Baudoin nel cimitero di Asti
- Cappella Manara in Alessandria (1874)
- Cappella Badò (1886)
- Cappella Garbarino
- Cappella della famiglia del cav. Monti nel cimitero di Spinetta
Marengo
- Cappella Menghi
- Dettaglio della decorazione della facciata S. Annunziata in S.
Secondo (Parma) - tav. 9
Segnatura precedente parziale riordino: 22

cartella 135 “Chiese e cappelle”


Tavole relative ai progetti di diverse chiese e cappelle molte
delle quali senza alcuna indicazione. Sono presenti tra gli altri:
- Progetto relativo al cimitero di Castellazzo Bormida
- Cappella mortuaria per il cav. Luigi Ferraro in Incisa Belbo
(pubblicazione del Collegio degli Ingegneri di Alessandria,
1882)
- Cappella del cav. Monti nel cimitero di Spinetta Marengo
- Cappella votiva da costruirsi in Refrancore in memoria dei
caduti di guerra
Segnatura precedente parziale riordino: 20

cartella 136 “Albergo”


Tavole relative al Grand Hotel Terminus a Bagni di Montecatini

cartella 137 “Lungo Canale Carlo Alberto”


Raccolta di progetti diversi molti dei quali presentano solo l’in-
dicazione della via in cui è ubicato l’edificio. La cartella contie-
ne tra gli altri le tavole relative a:
- Cascina Fornace e terreni annessi di proprietà di Taverna
Luigi, siti in Alessandria, fuori Porta Savona
- Chiesa di Santa Maria di Castello
- Progetto di edificio da costruirsi in Piacenza
- Casa f.lli Taverna
- Fabbrica di ghiaccio e frigoriferi Società Astori - Taverna
Segnatura precedente parziale riordino: 32

cartella 138 “Edifici scolastici”


Cartella contenente una raccolta di progetti di edifici scolastici
diversi. Contiene tra gli altri i progetti relativi a:
L’archivio di Venanzio Guerci 107
- Edificio scolastico di Valenza
- Scuole frazioni Cornaglie e Valle Quarta
- Scuole di Rivalta Bormida
- Scuole di San Giorgio Monferrato
- Scuole di San Salvatore
- Scuole di Corno Giovine
- Asilo infantile di Tortona
- Scuole di Castelnuovo Bormida

cartella 139 “Case in condominio”


Si tratta di numerose tavole, molte senza indicazione, relative a
condomini. Sono presenti in particolare i progetti per la Coo-
perativa della Cassa di risparmio in via Donizzetti e del fabbri-
cato condominiale in via Piave del quale sono altresì presenti i
preventivi di spesa [1943]

cartella 140 “Disegni vari”


Raccolta di progetti vari, sia dell’ing. Guerci che di altri, alcuni
senza indicazione. Sono presenti tra gli altri:
- Case economiche per Ferrovieri
- Cappella Conte in Sestri Ponente
- Cappella Tassara
- Fabbricato per lavanderia e bagni per l’Ospizio di S. Giuseppe
- Proprietà Castoldi
- Casa via Ferrara n. 8
- Caserma dei pompieri in Alessandria
- Argano per il ponte sul Bormida
- Aree demaniali attigue all’ex Canale Carlo Alberto
- Ingresso del Concorso agrario in Alessandria (1883)

cartella 141 Cartella contenente nove fotografie di cui otto raffiguranti una
stessa palazzina e l’indicazione “Fiorentini - Padova”. Una di
queste presenta la seguente dedica “Alla sua Nina, il fratello
ing. Venanzio Guerci 1898 - 1899”

cartella 142 “Chiese. Cappelle”


Raccolte di tavole, schizzi, progetti raccolti per la realizzazione
di chiese o cappelle. Contiene fra gli altri i progetti relativi alla
Chiesa Cavazuccherina, alla Parrocchiale di Felizzano, al
Cimitero di Quargnento, alla Chiesa di San Lorenzo (schizzo
contenente la nomenclatura dei vari pezzi ed elementi di
marmo componenti l’altare), all’Ospizio di S. Marta, alla
Chiesa parrocchiale di Frugarolo (rilievi fatti nell’aprile 1922),
alla Chiesa di Novalesa (parti del progetto per l’ampliamento)
108 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

cartella 143 “Fam. Guerci”


La cartella contiene in realtà non solo tavole relative alle pro-
prietà di famiglia, ma anche quelle di altri progetti realizzati
dall’ingegner Venanzio Guerci molti dei quali senza alcuna
indicazione. Sono presenti tra gli altri:
- Casa comunale e Scuole di Quargnento
- Casa Viora
- Banca popolare di Tortona
- Mercato della frutta e verdura di Alessandria
- Stabilimento grafico Rivera

cartella 144 “Da ordinare 1”


Tavole relative a progetti diversi, molti senza indicazione.
Contiene tra gli altri:
- Casa in condominio, via Marsala 17 in Alessandria

cartella 145 “Da riordinare 2”


Tavole relative a progetti diversi, molti senza indicazione. Con-
tiene tra gli altri:
- Municipio di Volpedo. Peso pubblico
- Colonia Solare - San Salvatore
- Fabbricato in via Lombroso
- Casa cav. Giuseppe Furiani, via Inviziati n. 6
- Ente comunale di assistenza: Asilo notturno e Case popolari
- Casa della madre e del bambino
- Castello di Tagliolo - Marchese Pinelli: progetto di bottiglieria

cartella 146 “Da ordinare 3”


Tavole relative a progetti diversi, molti senza indicazione. Con-
tiene tra gli altri:
- progetto di villino
- planimetria generale della città di Alessandria
- Casa ing. Furiani, via Inviziati n. 6
- Casa in via Marsala
- Casa notaio Jemini, via Aspromonte e via Napoli

Serie 1.5 – Perizie e relazioni

faldone 72.1 Perizie e relazioni diverse (lettera a):


- per Ercole Alerici (1941)
- per il signor Albertino (1951)
L’archivio di Venanzio Guerci 109
faldone 72.2 Perizie e relazioni diverse (lettera b):
- per Bellana (1915)
- per Carlo Bongioanni riguardante l’acquisto della tenuta
Canale San Marzano dei mulini da Viarengo e altri (1918)
- per le signore Barco di via Machiavelli n. 16 in Alessandria
(1929 – 1930)
- per il professore G. Borgatta (1945 – 1946)
- nella causa dei coniugi Bausone e delle sorelle Sardi per alcu-
ni terreni (1946)
- per Giuseppe Bue (1947)
- arbitrato per l’impresa Bastita (s.d.)
- sulla lite della ditta Borsalino contro le officine già Guzzi &
Ravizza di Milano

faldone 72.3 Perizie e relazioni diverse (lettere c - d):


- sulle case e i terreni di Vitale Calliano situati a Gamalero
(cascina Bruciata), a Borgoratto e ad Alessandria (1917)
- per Angiolina De Paolini (1934 – 1938)
- nella causa Cortona contro l’Istituto di Casa Sappa [segnatura
originale 133] (1935 – 1936)
- per la successione di Felice Camera. Contiene un atto di
acquisto del 1910 (s.d.)

faldone 72.4 Perizie e relazioni diverse (lettere f - g):


- per Pietro Grassano (1915 – 1918)
- per Grimaldi di Bellino (1929)
- sui terreni dell’avvocato Fortunato (1930)
- nella causa Guarnaschelli contro De Benedetti [segnatura ori-
ginale 101] (1933 – 1934)
- nella causa Guasco di Bisio contro l’Amministrazione del-
l’Acquedotto del Monferrato (1935 – 1936)
- per la società Fima (1937 – 1938)
- per il dottor Ghiron (1950 – 1952)

faldone 73.1 Perizie e relazioni diverse (lettere l - m):


- per Ernesto Laguzzi per alcune crepe all’albergo Aurora con-
finante con la Banca commerciale italiana (1928)
- per la casa Giovanni Battista Mutti di via Torino n. 6 in
Alessandria (1944)
- nella causa di Beniamino Lagorio (1950)
- per la società Magnadyne di Torino (1952)
- per il dottor Lalli in piazza Matteotti n. 6 in Alessandria (1954)

faldone 73.2 Perizie e relazioni diverse (lettera p):


- nella causa di Vincenzo Poggi contro l’Amministrazione delle
Ferrovie (1919)
110 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

- per la casa dei fratelli Pedemonte (1921)


- per Cesarino Pezza (1949)

faldone 73.3 Perizie e relazioni diverse (lettere r - s):


- nella causa di Guido Ricci contro Luigina Ricci in Mascarino
di Acqui Terme (1942)
- per Giovanni Simonelli di via Ardigò n. 10 in Alessandria
(1944)
- nella causa di Mario Robutti contro la Società immobiliare
piemontese (1951)
- nella causa di Racina contro Barini di Acqui Terme (1953)
- per Riccardi Colomba (s.d.)

faldone 74.1 Perizie e relazioni diverse (lettere t - z):


- per Tizzani contro il Comune di San Salvatore Monferrato
riguardante il cimitero comunale. Contiene il progetto (1889
– 1892) per la costruzione del cimitero (s.d.)
- per Francesca Gallarate vedova Zurletti contro Ugo Pezzi
(1909 – 1910)
- nella causa di Roberto Tannenbaum contro l’Amministrazione
ferroviaria dello Stato (1913)
- per i fratelli Testa (1921 – 1929)
- sulla frana nella proprietà Timossi di Acqui Terme (1928)
- per Visconti di Modrone contro Carlo Besostri (1930)
- per il conte Zoppi di Cassine per alcuni terreni siti nel sobbor-
go Cristo in Alessandria (1939)
- per Romualdo Tartara sulla tenuta Paradiso in Isola
Sant’Antonio (1940, 1944)

faldone 74.2 Perizie e relazioni diverse:


- su un macchinario industriale esistente presso l’impresa
Bagnara di Alessandria (1914)
- per la “confutazione della perizia Straneo” riguardante le
Ferrovie dello Stato (1920)
- sulla camionabile da Genova a Milano a Torino. Contiene
alcuni opuscoli [segnatura originale: 37] (1932 – 1936)
- per il Credito Italiano. Contiene la “relazione peritale degli
stabili della ditta Giuseppe Borsalino e fratello” in
Alessandria [segnatura originale: 51] (1944)
- il collaudo dei lavori dell’impresa Picciau fatti alle strade pro-
vinciali (1951)
- sulla stabilità della sala da bigliardo della trattoria San
Bartolomeo (1954)
L’archivio di Venanzio Guerci 111
faldone 74.3 1946 - 1947
Perizia Riccardi – Colomba: quattro quaderni degli appunti

faldone 74.4 1930


Perizia giudiziaria e atti relativi nella causa Anna Campi e
Massimo Garnero contro Giovanni Battista Giusto, Giacomo e
Natale Veirana, l’ingegnere Martinengo, Felice Murialdi e altri
riguardante un edificio sito in via Cesare Battisti ai numeri 2 e
4 a Savona e difesa dell’ingegnere progettista A. Martinengo.
Contiene carte degli anni dal 1926 al 1930

faldone 74.5 1946 - 1947


Vertenza Lavaltex – Pasero: perizie e carteggio riguardante la
lavanderia situata nello stabile di via Dante n. 14 in Alessandria
112 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

Titolo 2 - Documentazione di lavoro

Serie 2.1 – Capitolati, elenchi dei prezzi e regolamenti (serie originale)

faldone 75.1 “Capitolati, prezzi e preventivi 1”


Raccolta dei capitolati generali e speciali riguardanti lavori
pubblici. In particolare per numerosi lavori del Comune di
Alessandria, per il manicomio di Alessandria, per il palazzo
Marino di Milano, per la ferrovia dell’Alta Italia, per il Genio
militare, per l’ospedale di Canelli, per la strada sul nuovo ponte
alla provinciale di Pavia, per il muro di cinta e cancellata del
palazzo Borsalino e per la Congregazione di carità di
Alessandria
Nota: i volumi intitolati “Capitolati” e numerati da uno a sei
contengono numerosi capitolati e modelli raccolti da Venanzio
Guerci e, forse, anche da suo padre Giovanni riconducibili agli
anni a partire da fine Ottocento

faldone 75.2 “Capitolati imprese 2”


Raccolta dei capitolati generali e speciali riguardanti lavori
pubblici. In particolare per numerosi lavori del Comune di
Alessandria, per lavori fatti a privati, per interventi per
Borsalino e modelli della scuola d’applicazione per gli inge-
gneri di Padova frequentata da Venanzio Guerci

faldone 75.3 “Capitolati imprese 3”


Raccolta dei capitolati generali e speciali riguardanti lavori
pubblici. In particolare per numerosi lavori del Comune di
Alessandria

faldone 76.1 “Capitolati imprese 4”


Raccolta dei capitolati generali e speciali riguardanti lavori
pubblici. In particolare il capitolato speciale d’appalto per la
Casa dei mutilati ed invalidi di Alessandria e gli schemi di capi-
tolato dell’Ente edilizio nazionale per mutilati e invalidi di
guerra, dell’Istituto per le case popolari di Alessandria, del
Commissariato per le riparazioni dei danni di guerra, del
Servizio tecnico della città di Torino e altri
L’archivio di Venanzio Guerci 113
faldone 76.2 “Capitolati imprese 5”
Raccolta dei capitolati generali e speciali riguardanti lavori
pubblici. Condizioni generali per l’appalto dei lavori del Genio
militare e capitolato della Direzione di Alessandria del Genio
militare e capitolati d’appalto per la manutenzione delle strade
provinciali

faldone 76.3 “Capitolato imprese 6”


Raccolta di capitolati generali e speciali riguardanti lavori pub-
blici. In particolare numerosi regolamenti del Comune di
Alessandria, capitolati generali di riferimento per opere diverse,
condizioni di contratto con allegato gli elenchi dei prezzi, per le
case economiche dei ferrovieri di Alessandria, per il berrettifi-
cio “Società Alessandria” e il capitolato speciale d’appalto per
le opere murarie e simili dell’albergo e delle terme nella città di
Acqui. Contiene anche due contratti di lavoro per i lavoratori
edili

faldone 76.4 “Regolamenti edilizi”


Regolamenti edilizi, d’ornato e di polizia dei comuni di Valenza
(1877), Torino (1881 – 1900), Castellazzo Bormida (1896),
Voghera (1901) e Casale Monferrato (1903). Contiene anche la
”Relazione della Commissione incaricata dello studio delle
riforme da apportarsi al regolamento edilizio ed a quello di
igiene della città di Torino” (1910)

faldone 77.1 “Regolamenti d’igiene”


Regolamento di polizia urbana (1896) e regolamento capitolato
per il servizio di assistenza sanitaria e di vigilanza igienica
(1914) entrambi della città di Alessandria. Regolamenti di igie-
ne delle città di Torino (1927), Genova (1929) e Milano (1930)

faldone 77.2 Regolamenti capitolati e tariffe.


Raccolta di regolamenti, capitolati e tariffe diverse non rilegati
e non compilati della città di Alessandria, del Sindacato provin-
ciale degli ingegneri e architetti di Alessandria, del Ministero
dei lavori pubblici e del Genio civile (1925 - 1937)

faldone 77.3 “Prezzi contratti scritture”


Bollettini e listini dei prezzi per lavori edilizi diversi dai primi
anni del Novecento agli anni Venti

faldone 77.4 Direzione di Alessandria del Genio militare: “Elenco generale


dei prezzi delle maestranze, provviste e lavori diversi, colle
relative condizioni generali e particolari d’appalto”. Lo stesso
114 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

documento è presente anche nella cartella intitolata “Capitolati


imprese ”

Serie 2.2 – Documentazione di lavoro (serie originale)

La serie dei cataloghi e di documentazione generale raccoglie al suo interno alcune deci-
ne di cartelle in cartoncino marrone e dorso di tela contenenti, rilegati o no, materiali
diversi suddivisi per argomento, tipologia di prodotto o interesse artistico di Venanzio
Guerci. Le cartelle contengono prevalentemente cataloghi di aziende, società e laborato-
ri artigianali diversi databili, in linea generale, dagli anni da inizio secolo al periodo
immediatamente precedente la seconda guerra mondiale. I raccoglitori hanno al loro
interno, però, anche parti di progetti di Guerci o di altri utilizzati come esempi, disegni e
schizzi diversi e numerosi appunti manoscritti e dattiloscritti. In rare cartelle compare
anche la corrispondenza intercorsa fra Guerci e alcune aziende, avviata soprattutto per
chiedere informazioni sui prodotti e sui loro prezzi. Infine alcune cartelle hanno un
carattere più artistico o culturale che non una valenza tecnica immediatamente ricondu-
cibile alla stesura di progetti particolari. Si tratta, ad esempio, delle cartelle contenenti
biografie di artisti, disegni artistici, decorazioni, stampe e vedute di palazzi e costruzioni
diverse.

faldone 78.1 “Acqua potabile”


Raccolta di studi, progetti e articoli riguardante l’acqua potabile
e diversi acquedotti cittadini. Contiene in particolare il progetto
di condotta d’acqua potabile della città di Tortona del 1908

faldone 78.2 “Acqua potabile di Torino”


Relazioni, studi e tavole per l’acquedotto di Torino e sul conta-
tore d’acqua Kennedy

faldone 78.3 “Apparecchi di illuminazione”


Cataloghi di corpi illuminanti

faldone 78.4 “Architettura”


Raccolta di tavole estratte da “Illustrazione italiana” e numero-
se fotografie di edifici, sculture e particolari architettonici

faldone 78.5 “Architettura”


Tavole, disegni e rassegna stampa riguardanti l’architettura e
particolari costruttivi
Nota: danni causati dall’umidità

faldone 79.1 “Architettura varia”


Tavole, disegni e rassegna stampa riguardanti l’architettura e
particolari costruttivi. Contiene anche numerose fotografie
L’archivio di Venanzio Guerci 115

faldone 79.2 “Arredamenti e decorazioni”


Cataloghi, pubblicità e ritagli diversi di arredi. Contiene due
fotografie della palazzina Rosa del 1931, donate all’ingegnere
Guerci dall’ ingegnere Predassa nel maggio 1933

faldone 79.3 “Avvolgibili. Serrande. Vetro - finestre”


Raccolta rilegata di cataloghi di serramenti, serrande, tende,
avvolgibili e accessori relativi

faldone 80.1 “Biografie di artisti”


Opuscoli, anche incompleti, contenenti notizie biografiche di
architetti antichi e moderni

faldone 80.2 “Caloriferi e termosifoni”


Raccolta rilegata di cataloghi di aziende diverse
Nota: danni causati dall’umidità

faldone 80.3 “Canale Cavour”


Estratti dal progetto generale del canale sussidiario Cavour,
memoria dell’ingegnere Enrico Benazzo (1870), veduta pro-
spettica del canale Cavour a colori e quattro immagini fotogra-
fiche. Contiene anche la pianta del “Canal de Isabel II. Plano
del ante – proyecto de la distribucion de sus aguas en el interior
de Madrid”

faldone 80.4 “Carpenteria”


Tavole riguardanti lavori di carpenteria diversa con riferimento
particolare ad un ponte di Philadelphia negli Stati uniti

faldone 80.5 “Cementi armati”


Raccolta di documentazione diversa riguardante l’utilizzo del
cemento armato e il collaudo delle opere realizzate anche
riguardanti lavori di Alessandria, Acqui Terme e Valenza

faldone 81.1 “Cementi armati”


Raccolta di documentazione diversa riguardante l’utilizzo del
cemento armato e il collaudo delle opere realizzate anche
riguardanti lavori di Alessandria, Spinetta Marengo e Valenza

faldone 81.2 “Cemento armato”


Catalogo dell’impresa fratelli Vender di Milano che illustra
anche numerose progetti realizzati con il sistema dell’ingegnere
F. Leonardi
116 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

faldone 81.3 “Studi e memorie sulla costruzione in cemento armato”


Raccolta rilegata di numerosi opuscoli e studi riguardanti l’uso
del cemento armato in Italia

faldone 81.4 “Colonne. Tubi e travi in ferro”


Raccolta rilegata di cataloghi

faldone 82.1 “Curiosità e varietà”


Fogli sciolti di cataloghi di libri d’antiquariato contenenti ripro-
duzioni di illustrazioni antiche e moderne

faldone 82.2 “Decorazioni di ambienti”


Raccolta rilegata di tavole illustrative tagliate dalle pubblica-
zioni più diverse di ambienti interni arredati con stile antico e
moderno

faldone 82.3 “Decorazioni di soffitti e pavimenti”


Raccolta rilegata di disegni, a matita e a penna, di cui alcuni
colorati e di tavole a stampa contenenti modelli per la decora-
zione di soffitti e pavimenti. La cartella più grande contiene
una cartella più piccola etichettata “Francesco Guerci” conte-
nente numerosi piccoli disegni anche di edifici

faldone 82.4 “Depurazione e chiarificazione delle acque luride”


Appunti manoscritti sui principi scientifici della depurazione
biologica e chimica e di igiene edilizia corredati da alcuni cata-
loghi, studi pubblicati e tavole di progetto

faldone 82.5 “Per la costruzione degli edifici scolastici”


Raccolta rilegata di alcuni regolamenti, dei dati di costo e delle
disposizioni normative sulla costruzione degli edifici scolastici

faldone 83.1 “Ferramenta per porte e finestre e gelosie avvolgibili”


Raccolta di cataloghi di aziende diverse

faldone 83.2 “Fiere ed esposizioni”


Stampe, piante e opuscoli riguardanti esposizioni diverse fra
cui quella di Firenze del 1861, di Philadelphia del 1876, di
Parigi del 1878, di Chicago del 1890 (?), di Torino del 1890 e
del 1898, di Milano (s.d.), di Palermo (s.d.) e di Venezia (s.d.)

faldone 83.3 “Fichet Torino”


Catalogo fotografico della Società italiana fabbrica casseforti
ed affini di Torino, brevetti Fichet
L’archivio di Venanzio Guerci 117
faldone 83.4 “Fognature ed acquedotti”
Raccolta di materiali diversi riguardanti la progettazione di reti
fognarie e acquedotti. Contiene anche carte riguardanti l’acque-
dotto di Tortona (s.d.) e le fognature di Valenza (1861), Tortona
(1932), Acqui (1935), Castellazzo Bormida (s.d.) e Viguzzolo
(s.d.)
Segnatura originale 90/1 (non corrisponde alla tabella originale)

faldone 83.5 “Fognature e fosse per acque luride”


Cataloghi di ditte diverse e preventivi della ditta De Giorgi &
Mengis di Milano per lavori diversi (1929)

faldone 84.1 “Fornace Hoffmann”


Cataloghi e disegni riguardanti il forno anulare Hoffmann e
altre caldaie

faldone 84.2 “Società del Gres ing. Sala & C.”


Catalogo della ditta riguardante la fabbricazione e l’uso del
gres ceramico per fognature, canali, rivestimenti e condutture
industriali

faldone 84.3 “Impianti frigoriferi”


Cataloghi di ditte diverse e alcuni preventivi illustrativi dei pro-
dotti

faldone 84.4 “Impianti termosifoni”


Cataloghi dei prodotti e carteggio riguardante gli impianti di
riscaldamento della palazzina Guerci di Alessandria (1907), del
fabbricato delle scuole elementari di Novi Ligure e del palazzo
del Comune e delle scuole di Viguzzolo (1926)

faldone 84.5 “Lavanderia”


Cataloghi e corrispondenza con numerose ditte avviata per
acquisire i dati tecnici sui prodotti e i prezzi delle lavanderie a
vapore (1906 – 1908)

faldone 85.1 “Lavori in ferro”


Cataloghi, tavole e disegni di lavori diversi in ferro
Nota: danni causati dall’umidità

faldone 85.2 “Lucernari e vetro – cemento”


Raccolta rilegata dei cataloghi dei prodotti di alcune aziende

faldone 85.3 “Macchinari”


Raccolti di cataloghi di macchinari diversi fra cui raffreddatore
118 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

ad acqua, idranti, porta corazzata per banca, ascensori, perfora-


trici, motori a gas, motori elettrici e altro

faldone 86.1 “Magnadyne”


Corrispondenza diversa di Venanzio Guerci riguardante la sua
attività di collaborazione, durata oltre un ventennio, in qualità
di progettista e di direttore responsabile dei lavori con la ditta
Magnadyne di Torino e nota della contabilità (1955 – 1957)

faldone 86.2 “Materiali da costruzione”


Raccolta di cataloghi italiani e stranieri sui materiali da costru-
zione

faldone 86.3 “Memorie Alessandrine”


Raccolta di testi e opuscoli diversi riguardante gli edifici e la
storia della città di Alessandria e di altri Comuni. In particolare
“La chiesa e la santa casa di Loreto”, “Chiesa e convento di
San Matteo”, “Il pittore Caccia detto il Moncalvo”, “La chiesa
parrocchiale di Frugarolo” (relazione, disegni, rilievi e corri-
spondenza 1922), “Parrocchia di Valle San Bartolomeo”, “Mo-
numento al re Umberto I in Alessandria”, “Bollettino del san-
tuario di Castellazzo Bormida”, “Cenni storici dei fabbricati
militari della città di Alessandria” (copia dattiloscritta dall’ori-
ginale dell’aprile 1870), “Elenco generale dei soci che concor-
sero alla fondazione del Casino sociale di Alessandria (1 feb-
braio 1862)”, “Inaugurazione del medaglione a ricordo del IV
centenario della nascita di San Pio V a Boscomarengo (17 gen-
naio 1904)”. Contiene anche sette fotografie di un ponte

faldone 86.4 “Mobili”


Raccolta di cataloghi e di illustrazioni di mobili e arredi diversi

faldone 87.1 “Mobili”


Raccolta di disegni e illustrazioni di mobili e arredi diversi

faldone 87.2 “Mobili ed arredamenti”


Raccolta di cataloghi e illustrazioni di arredi diversi

faldone 87.3 “Mobili di studio e di negozio”


Raccolta di cataloghi e illustrazioni di mobili e arredi per nego-
zi, studi, uffici e scuole

faldone 87.4 “Monografie artistiche”


Monografie di Luigi Serra di Bologna, Giuseppe Rovani di
Milano e altri
L’archivio di Venanzio Guerci 119
faldone 87.5 “Municipi, banche e scuole”
Raccolta di tavole illustrative di progetti per edifici pubblici

faldone 87.6 “Muri di sostegno”


Disegni e calcoli per la costruzione di muri di sostegno anche
riferiti al sig. Ghiazza di Acqui

faldone 88.1 “Nettezza stradale e domestica”


Raccolta di documentazione formata da cataloghi, opuscoli,
regolamenti, disegni e corrispondenza sui rifiuti urbani, i
magazzini generali, i macelli e i mattatoi, gli impianti del fred-
do e le celle frigorifere, i forni a gas e gli inceneritori. Contiene
anche corrispondenza con il cavalier Villata di Asti (1926) e
con la città di Acqui (1931)

faldone 88.2 “Orinatoi e latrine”


Cataloghi e disegni dei prodotti in commercio

faldone 88.3 “Ospedali”


Raccolta di cataloghi degli arredi e dei materiali per ospedali e
corrispondenza rilegata con le Opere pie ospedaliere di Ales-
sandria (1938 – 1939). Contiene anche l’estratto da
“Alexandria” n. 4/II intitolato “L’ospedale civile di Alessan-
dria”. Contiene inoltre la copia del questionario per gli Istituti
di cura del Ministero dell’Interno dell’Ospedale Sant’Antonio e
Biagio di Alessandria e della “Infermeria misericordia di
Oviglio”

faldone 88.4 “Pavimenti e soffitti”


Raccolta di decorazione a stampa e originali per pavimenti e
soffitti

faldone 89.1 “Pavimenti e solai”


Raccolta di cataloghi dei materiali edili per la costruzione di
pavimenti e solai

faldone 89.2 “Piani regolatori”


Rassegna stampa riguardante diversi piani regolatori
Nota: gravi danni causati dall’umidità

faldone 89.3 “Piani regolatori”


Corrispondenza con diversi colleghi riguardante concorsi
nazionali e la formazione di piani regolatori e rassegna stampa
di urbanistica
120 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

faldone 89.4 “Pittura 2”


Raccolta di immagini diverse (fotografie, ritagli, santini religio-
si, calendari e altre illustrazioni) di opere d’arte e due copie
della fotografia di un ponte

faldone 90.1 “Planimetrie di varie città”


Planimetria dei bagni di Montecatini, qualche illustrazione e
quattro fotografie del progetto di un edificio

faldone 90.2 “Pompe”


Raccolta rilegata di cataloghi di pompe idrauliche centrifughe e
altre

faldone 90.3 “Pompe ed elevatori”


Raccolta di cataloghi di pompe idrauliche

faldone 90.4 “Pompe e turbine”


Raccolta di cataloghi di pompe idrauliche

faldone 90.5 “Pompe e turbine idrauliche”


Raccolta di cataloghi di pompe e turbine idrauliche

faldone 91.1 “Puttini e figure decorative”


Raccolta di stampe e disegni diversi

faldone 91.2 “Ringhiere e cancelli”


Raccolta di disegni, illustrazioni e cataloghi di cancelli e rin-
ghiere in ferro battuto. Da segnalare due disegni acquerellati
originali di cancelli d’entrata in stile liberty

faldone 91.3 “Rivestimenti e isolanti”


Raccolta di disegni e cataloghi

faldone 91.4 “Roma monografie”


Raccolta di piccole pubblicazioni, monografie e stampe riguar-
danti l’architettura a Roma e nel Lazio

faldone 92.1 “Serramenti”


Cataloghi di serramenti in commercio e tavole progettuali dei
serramenti del nuovo ospedale di Tortona e delle scuole di
Valenza

faldone 92.2 “Serramenti in legno”


Tavole a stampa e disegni originali di porte e serramenti in
legno e cataloghi, stampe e fotografie di altri serramenti
L’archivio di Venanzio Guerci 121
faldone 92.3 “Serramenti legno e ferro”
Cataloghi dei serramenti in commercio

faldone 92.4 “Serramenti in legno e in ferro”


Raccolta rilegata di numerosi cataloghi dei prodotti in commer-
cio

faldone 93.1 “Sifoni e condotti. Fosse biologiche”


Raccolta rilegata e disegni delle tubature dei sifoni e delle
vasche prodotte dalle diverse aziende

faldone 93.2 “Solai”


Raccolta rilegata di cataloghi dei materiali edilizi per la costru-
zione dei solai

faldone 93.3 “Solai in cemento armato e laterizi”


Raccolta rilegata dei cataloghi dei prodotti in commercio

faldone 93.4 “Materiali per solai e plafoni”


Cataloghi, tavole e opuscoli dei materiali edilizi per la costru-
zione dei solai

faldone 94.1 “Termotecnica e aerodinamica”


Raccolta rilegata di opuscoli, studi e illustrazioni di prodotti in
commercio riguardanti la conservazione del calore, l’aspirazio-
ne dei fumi, i camini, la ventilazione, gli impianti di riscalda-
mento, le caldaie e i radiatori

faldone 94.2 “Urbanistica”


Rassegna stampa sul tema dell’urbanistica e i parchi pubblici
Nota: danni causati dall’umidità

faldone 94.3 “Urbanistica”


Rassegna stampa, rilegata e no, relativa ai piani regolatori e al
tema dell’urbanistica

faldone 95.1 “Varietà”


Raccolta di stampe, ritagli di giornale e fotografie rappresen-
tanti statue, edifici e opere d’arte in genere

faldone 95.2 “Vasi e fontane”


Disegni, stampe, cartoline e ritagli rappresentanti vasi e fontane
di gusto classico e moderno
Nota: gravi danni causati dall’umidità
122 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

faldone 95.3 “Vasi e fontane”


Disegni, stampe e fotografie di vasi e fontane

faldone 95.4 “Vetrate”


Disegni, stampe e ritagli raccolti come documentazione per la
progettazione di vetrate a carattere religioso e non religioso

Serie 2.3 – Memorie tecniche e particolari costruttivi (serie originale)

faldone 96.1 “Memorie tecniche 1”: raccolta di tariffari, modelli, ritagli


stampa, documenti diversi, corrispondenza e appunti riguardan-
ti procedure, caratteristiche tecniche, prodotti in commercio e
altro ancora da utilizzarsi come riferimento per la stesura dei
progetti. Soprattutto anni Trenta

faldone 96.2 “Memorie tecniche 2”: raccolta di tariffari, modelli, ritagli


stampa, documenti diversi, corrispondenza e appunti riguardan-
ti procedure, caratteristiche tecniche, prodotti in commercio e
altro ancora da utilizzarsi come riferimento per la stesura dei
progetti. Contiene una ricerca dattiloscritta sull’ozono e le sue
applicazioni e alcuni calcoli di acustica. Soprattutto anni Trenta

faldone 96.3 “Memorie tecniche”: raccolta di tariffari, modelli, ritagli stam-


pa, documenti diversi, corrispondenza e appunti riguardanti
procedure, caratteristiche tecniche, prodotti in commercio e
altro ancora da utilizzarsi come riferimento per la stesura dei
progetti. Contiene lo statuto della Società anonima cooperativa
“Gagliaudo 3” per case economiche fra gli impiegati dell’antica
Casa Borsalino. Soprattutto anni Trenta

faldone 97.1 “Memorie tecniche e calcoli di stabilità”: raccolta di tariffari,


modelli, ritagli stampa, documenti diversi, corrispondenza e
appunti riguardanti procedure, caratteristiche tecniche, prodotti
in commercio, parti di relazioni e perizie e altro ancora da uti-
lizzarsi come riferimento per la stesura dei progetti. Soprattutto
anni Trenta

faldone 97.2 “Particolari costruttivi”: raccolta di disegni e dati tecnici riguar-


danti alcuni particolari di costruzione. Soprattutto anni Trenta e
Quaranta
L’archivio di Venanzio Guerci 123

Serie 2.4 – Documentazione di lavoro

faldone 98.1 “Autorimesse”: raccolta di tavole e disegni probabilmente riu-


niti per la stesura di alcuni progetti

faldone 98.2 “Case popolari”: appunti, rassegna stampa, normative e catalo-


ghi. Contiene un progetto di case popolari del Comune di Acqui
Terme

faldone 98.3 “Costruzioni industriali 1”: raccolta di tavole e parti di progetto


a stampa e disegnate a mano di macchinari e costruzioni indu-
striali. Una parte notevole è dedicata ad ascensori, montacarichi
e ruote dentate (dal 1906)

faldone 99.1 Ferrovie: raccolta di pubblicazioni riguardanti ferrovie diverse.


Contiene in particolare il progetto delle guidovie a vapore nel
circondario di Tortona (1878), il tronco di ferrovia da
Alessandria al ponte sul fiume Po (1851) e la direttissima da
Bologna a Firenze a Roma (1888)

faldone 99.2 “Memorie varie”: raccolta di corrispondenza, note e trascrizio-


ne di testi riguardanti argomenti diversi fra cui l’architettura, i
lavori pubblici, l’arte e la storia. Si tratta di documenti soprat-
tutto degli anni Dieci e Venti, ma con carte fino agli anni Cin-
quanta. Contiene anche corrispondenza personale

faldone 99.3 “Ospedali e colonie”: raccolta di tavole raffiguranti ospedali


diversi e alcuni schizzi raccolti probabilmente per la stesura del
progetto dell’Ospedale civile di Alessandria

faldone 99.4 “Varie”: carteggio vario soprattutto degli anni Quaranta

cartella 147 “Giardini”


Stampe, disegni, ritagli di giornali raffiguranti giardini

cartella 148 “Mercati”


Raccolta di pubblicazioni e tavole sui mercati. Contiene in par-
ticolare:
- una pubblicazione corredata dal progetto del Mercato di
Firenze dell’architetto Giuseppe Mengoni
- Progetto del mercato coperto di Valenza
- Progetto del mercato rionale coperto di viale Monza (Milano,
30 novembre 1932)
- Progetto del mercato di Tortona
- Progetto del mercato del bestiame in piazza Tanaro
124 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

- Pianta dell’ammazzatoio generale della città di Torino

cartella 149 “Lavori in legno. Particolari”.


Raccolta di disegni, schizzi e progetti per costruzioni e mobili
in legno

cartella 150 “Lavori in legno. Particolari”


Raccolta di disegni, schizzi e progetti per costruzioni e mobili
in legno

cartella 151 “Mobili in legno e lavori in legno 2”


Tavole con disegni relativi a mobili e lavori in legno. Sono pre-
senti tra gli altri:
- Tipo di banco per il pescivendolo progettato per il mercato
annonario di via San Lorenzo
- Ringhiera d’entrata e i serramenti esterni per la Casa del muti-
lato

cartella 152 “Lavori in ferro 1”


Cartella contenente disegni e schizzi relativi a vari lavori in
ferro

cartella 153 “Lavori in ferro 2”


Si tratta di una raccolta di disegni e progetti relativi a cancelli e
cancellate in ferro

cartella 154 “Lampadari”


Cartella contenente disegni e schizzi relativi a lampadari

cartella 155 “Campanili”


Cartella contenente disegni e schizzi relativi a campanili

cartella 156 “Architettura Classica”


Raccolta di tavole di architettura classica

cartella 157 “Architettura varia”


La cartella contiene alcuni disegni di particolari architettonici e
di statue, sono però anche presenti tavole relative a:
- terreni oggetto della compravendita coniugi Fasolo, Lenti
geom. Giuseppe e signora Guerci
- Fabbricato di S. Martino, Palazzo del Corpo d’armata
- Profilo planimetrico della strada provinciale di Alessandria
L’archivio di Venanzio Guerci 125
cartella 158 “Teatri”
La cartella contiene in realtà tavole e disegni riferiti a edifici
diversi non identificabili

cartella 159 “Costruzioni industriali”


Raccolta di tavole relative a progetti di stabilimenti industriali
quali:
- Garage Grignolio
- Fabrick Vanim di Milano
- Calzaturificio Succ. Bima
- Officina Giraudi
- Stabilimento SIAP
- Officine dell’Union Des Gas di Alessandria
- Stabilimento Miglietta
- Berrettificio Soc. Alessandria
La cartella contiene inoltre ritagli di giornale e fotografie di sta-
bilimenti industriali quali:
- Centrale Tornavento. Strade Ferrate Mediterranee e caldaie
Moltitubolar
- Oneglia. Stabilimento della Siderurgica
- Genève (Ginevra) - Usine de Forces Motrices
- Stabilimento Textor (Beverate)
- Riv. Officine di Villar Perosa
- Lanificio di Pianceri e Torino. Stabilimento di Pianceri
(Biella)

cartella 160 “Sagome - Cornici - Fasce”


Tavole con disegni e schizzi di capitelli, cornicioni e particolari
architettonici vari

cartella 161 “Incisioni varie e arch. Canzio”


Tavole di disegni di particolari architettonici, alcuni firmati dal-
l’arch. Canzio, anche riferiti alla città di Genova

cartella 162 Cartella contenente disegni diversi e schizzi raffiguranti parti-


colari architettonici

cartella 163 Raccolta di veline contenenti schizzi e disegni di particolari


architettonici

cartella 164 “Carte topografiche Asti - Valenza - Acqui - Casale Mon-


ferrato”

cartella 165 Miscellanea di disegni e progetti di vario genere che si trovava-


126 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

no sciolti o che sono stati estratti da cartelle contenenti materia-


le d’altro genere. Sono compresi anche progetti importanti di
Venanzio Guerci, ma in copia doppia e già presenti in altri
fascicoli

cartella 166 Cartella senza indicazione contenente stampe diverse

cartella 167 Cartella contenente disegni diversi e schizzi di ringhiere e parti-


colari architettonici vari

Serie 2.5 – Rassegna stampa (serie originale)

Le cartelle di rassegna stampa contengono ritagli di giornali nazionali e locali di rado


con l’indicazione della testata e della data, collocabili negli anni quaranta e cinquanta e
con notizie di carattere storico culturale a valenza locale e di carattere architettonico e
ingegneristico a valenza anche nazionale.

faldone 99.5 “Vecchia Alessandria”


Rassegna stampa e raccolta di fotografie di Alessandria. Le
fotografie si riferiscono principalmente ad alcune abitazioni
private e ad altri edifici

faldone 100.1 “Torino”


Rassegna stampa riguardante prevalentemente la città di Torino

faldone 100.2 “Varietà. Musica”


Rassegna stampa riguardante alcuni musicisti e la musica in
generale

faldone 100.3 Rassegna stampa


Ritagli di articoli relativi ad argomenti diversi

faldone 101.1 Rassegna stampa


Ritagli di articoli relativi ad argomenti diversi

faldone 101.2 “Da ordinare”


Rassegna stampa contenente biografie e riguardante argomenti
diversi
L’archivio di Venanzio Guerci 127

Titolo 3 - Famiglia e carte personali

Serie 3.1 – Beni e contabilità di famiglia

Fino al 1942 Venanzio Guerci divideva con il fratello Vittorio le mansioni di sorveglian-
za alle riparazioni occorrenti alle case della famiglia. Con la morte di Vittorio tutte le
incombenze si sono riversate su Venanzio e sul personale del suo studio (“prima di tutto
le lunghe discussioni e trattative con gli uffici per le liquidazioni dei danni di guerra e
poi per le riparazioni comuni, le usuali, e necessarie misure, registrazioni, contabilità e
assistenza ai lavori e loro forniture varie”). Nel 1957 Venanzio presenta il conto ai fra-
telli e alle sorelle e afferma che “bisogna determinare ragionevolmente quali furono le
spese da rimborsare al mio studio, in particolare pel lavoro della signora Tanzella, quale
dattilografa, e per lavoro degli assistenti tecnici dell’ufficio e cioè il sig. geom. Orlandi,
il sig. Vinicio Josio, ed altri”. In definitiva Venanzio fa i conti e afferma che la cifra
spesa dal 1946 al 1956 per la gestione delle case Guerci è di 720.000 lire. Lui si accolla
160.000 lire, ma le rimanenti 560.000 sono da dividere fra Nina (160.000), Gina
(160.000), Angiolina (160.000) e Pina (80.000).

Sottoserie 3.1.1 - Fratelli e sorelle. Beni di famiglia

faldone 102.1 1851 - 1894


Atti pubblici di compravendita e cessione relativi all’acquisi-
zione da parte della famiglia Guerci di beni immobili costituiti
da case e terreni, accensione di mutui e atti di lite

faldone 102.2 1853 - 1876, [1904]


Famiglia Guerci: raccolta rilegata di contratti d’appalto, affida-
menti di lavori, atti di compravendita e carte di lite riguardanti
la famiglia Guerci, con particolare riferimento a Francesco
Guerci e Giovanni Guerci, nonno e papà di Venanzio Guerci

faldone 102.3 1857 - 1933


Giuseppe Guerci, via Cavour n. 21 e via Inviziati n. 10 in
Alessandria: il fascicolo contiene numerosi atti riguardanti le
due case e la contabilità personale per gli anni 1932 e 1933. In
particolare: il testamento segreto del conte Luigi Lovera di
Castiglione (1857), il testamento di Vittoria Lovera di
Castiglione (1858), la nomina di Giovanni Guerci a procuratore
128 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

del marchese Carlo Lovera di Cuneo (1866), la quietanza a


favore di Giuseppe Guerci fatta dal parroco della chiesa di
Sant’Andrea e San Siro in Alessandria riguardante la casa di
via Inviziati n. 10 (1867), il mutuo dell’Opera pia San Paolo
fatto a Giuseppe Guerci riguardante la casa di via Cavour n. 21
(1892), l’atto di transazione nella causa di Giuseppe Guerci
contro il Comune di Alessandria riguardante il pagamento del-
l’imposta di famiglia (1914), le cambiali di Venanzio Guerci a
favore del fratello Giuseppe (1918) e la quietanza De Paolini
(1928)

faldone 102.4 1866 - 1895


Atti pubblici di compravendita e cessione relativi all’acquisi-
zione da parte della famiglia Guerci di beni immobili costituiti
da case e terreni, accensione di mutui e atti di lite

faldone 102.5 1871 - 1932


Lorenzo Guerci: atti della causa d’appello di Francesco Guerci
e altri contro Luigi Boris e Ferdinando Guerra e carte riguar-
danti altre liti per lavori e motivi diversi (1871 – 1885), rari
documenti relativi alla casa di via Milano n. 58 in Alessandria
e disegni di una casa in Valle San Bartolomeo (1902)

faldone 103.1 1876 - 1906


Atti pubblici di compravendita e cessione relativi all’acquisi-
zione da parte della famiglia Guerci di beni immobili costituiti
da case e terreni, accensione di mutui e atti di lite

faldone 103.2 1886 - 1942


Carmelo: attestato di promozione delle scuole elementari
(1886), bollette e conti (1933), minuta del contratto di affitto
dei locali di via Piacenza n. 1 all’angolo di via Della Vittoria a
favore della Banca nazionale del credito (1925), accordo poi
non definito sui locali prima affittati ad Alessandro Zanni con
la stessa Banca (carte fino al 1930) e copia del decreto di
approvazione del piano regolatore di risanamento e di sistema-
zione edilizia della zona di Porta Tanaro compresa tra la piazza
Biffi e la piazza Santo Stefano in Alessandria (1942)

faldone 103.3 1908 - 1921


Fratelli e sorelle Guerci: atti di divisione dell’eredità di
Giovanni Guerci. Contiene anche la copia del testamento di
Francesco Guerci del 1878, aperto poi nel 1880
L’archivio di Venanzio Guerci 129
faldone 103.4 1912 - 1958
Ernesto Guerci: carte e fatture per numerose forniture elettri-
che, meccaniche e industriali (1926 – 1929); contabilità, carteg-
gio e note riguardanti il cinema Galleria, la società “Immobili e
ricostruzioni” e i lavori della ditta Chiappino (1947 – 1958);
assicurazioni e successivo fermo dell’automobile Lancia targata
TO 39883 (1933 – 1941); corrispondenza personale a carattere
familiare con Venanzio Guerci e anche con Liana e carte varie
Segnature originali: 1 e 14

faldone 104.1 1918 - 1956


Dichiarazioni dei redditi: carte diverse riguardanti l’accerta-
mento dei redditi e il pagamento delle imposte statali e comu-
nali per i beni della famiglia Guerci

faldone 104.2 1924 - 1933


Libro cassa: comm. P. De Paolini, gestione 1924 - 1933

faldone 104.3 1927 - 1958


Famiglia Guerci: assicurazioni diverse

faldone 104.4 1928 - 1932


Fornace e terreni nel sobborgo Cristo in Alessandria dei fratelli
Guerci: scritture di vendita, atti delle imposte e carte diverse.
Contiene un atto pubblico di vendita fatto dai signori Viale, zio
e nipote, a favore di Giovanni Guerci di alcuni terreni in
Alessandria situati fuori porta Savona, canton Gamondio
(1888) e perizie

faldone 104.5 1931 - 1932


Case dei fratelli Guerci: gestione (Vittorio, Venanzio, Giuseppe,
Lorenzo, Carmelo, Giovannina, Luigina e Angiolina)

faldone 104.6 1932 - 1938


Vittorio Guerci: bollette e contabilità per le case di via San
Giacomo della Vittoria e di via Piacenza n. 3 in Alessandria,
registro degli affitti (1936 – 1937) per gli alloggi di via Malta
n. 11, di corso Virginia Marini n. 4 e di via Piacenza n. 3 in
Alessandria
Nota: danni causati dall’umidità

faldone 105.1 1933 - 1939


“Fratelli e sorelle”: bollette e contabilità
Nota: danni causati dall’umidità
130 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

faldone 105.2 1935 - 1956


Inquilini: note degli affitti e dei conti e carte relative
Segnatura originale: 120

faldone 105.3 1937, 1946 - 1949


Mariuccia o Aurelia Maria Gualino, nipote di Venanzio Guerci:
carte relative ad alcuni lavori in muratura fatti alla casa di via
Santa Maria di Castello in Alessandria (1937), nota della can-
cellata della casa in corso Roma in Alessandria (1949), nota
degli inquilini della casa di via Santa Maria di Castello n. 10 e
atto di vendita di parte dello stesso stabile a favore di Ugo Gaj
di Alessandria

faldone 105.4 1939 - 1940


Libro cassa: case di famiglia

faldone 105.5 1940


Nota delle lapidi all’interno della cappella cimiteriale della
famiglia Guerci e disegno di una decorazione marmorea

faldone 105.6 1942


Paola e Giannino Guerci: disegni e nota dei lavori per la costru-
zione di un caminetto (1942). Il fascicolo contiene una serie di
tavole non datate riferite ad edifici diversi di cui non si capisce
il collegamento con Paola e Giannino Guerci. Contiene la pian-
ta dell’edificio d’angolo di via Dante con il cinematografo, i
disegni dell’edificio di via Parma angolo via Lamarmora in
Alessandria, alcune tavole della palazzina dei signori Scarzella
e Martignone e altri disegni della proprietà di Aristide Massari
in Alessandria

faldone 106.1 1943


Nuovo catasto edilizio urbano della città di Alessandria: tariffe,
normativa e coefficienti per la determinazione del valore degli
immobili

faldone 106.2 1943 - 1945


Libro cassa: case di famiglia

faldone 106.3 1945 - 1946


Lorenzo Guerci, casa in via Malta n. 8 in Alessandria: perizia
dei danni causati dal bombardamento aereo del 5 aprile 1944

faldone 106.4 1945 - 1950


Casa in via Faa di Bruno n. 11 in Alessandria di proprietà di
L’archivio di Venanzio Guerci 131
Venanzio Guerci: perizia dei danni causati dal bombardamento
aereo del 5 aprile 1944, note dei lavori di riparazione e rapporti
con la portinaia Becchini Sabatini

faldone 106.5 1945 - 1954


“Rina ed Emilia. Danni di guerra”: perizie dei danni di guerra
alle case di Barbara Guerci fu Vittorio in via Piacenza n. 3, in
via Malta n. 9 e in corso Del Popolo n. 4 in Alessandria e carte
diverse fra cui atti di vendita, disegni, domande di risarcimento,
contabilità e documenti riferiti a lavori di riparazione

faldone 107.1 1945 - 1962


Casa in via Marsala n. 5 in Alessandria di proprietà di Venanzio
Guerci: perizia dei danni causati dal bombardamento aereo del
5 aprile 1944, note dei lavori di restauro eseguiti dalla ditta
Chiappino a partire dal 1951, mutuo contratto per sostenere l’o-
nere dei lavori, contratti di affitto e altre carte intestate (per gli
anni dal 1959 al 1962) a Ernesto Guerci riguardanti la conclu-
sione del pagamento del mutuo e la gestione dei rapporti di
locazione

faldone 107.2 1946 - 1958


Case dei fratelli Guerci: gestione (Giuseppina, Giovannina,
Luigina e Angiolina)

faldone 108.1 1949 - 1955


Casa in “via Marsala 17”: tre raccoglitori numerati 1, 2 e 3 rife-
riti all’edificio di proprietà Guerci sito in via Marsala n. 17 in
Alessandria. Il primo raccoglitore contiene: capitolato dei lavo-
ri di costruzione del fabbricato con otto alloggi, appalto dei
lavori, contabilità [segnatura originale: 43], corrispondenza e
carte con la Cooperativa edilizia dei dipendenti della Cassa di
risparmio di Alessandria (1951 – 1954). Il secondo raccoglitore
contiene: corrispondenza con l’impresa edile di Alfredo
Rastelli, permessi e denunce, impianto di riscaldamento, pre-
ventivi e disegni (1949 – 1955). Il terzo raccoglitore contiene:
note dei lavori, transazione con la ditta Rastelli, alloggio
Ghiron e Panizza e le “condizioni per la cessione degli alloggi
ai singoli condomini”. Il pacco contiene anche il verbale
dell’Assemblea dei condomini datato 3 luglio 1953 con allega-
to la bozza del regolamento condominiale

faldone 108.2 s.d.


Condominio di via Donizzetti, angolo viale Michel in Ales-
sandria: computi metrici per la costruzione e appunti diversi
132 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

rotolo 216 “Cappella Guerci”


2 lucidi

rotolo 217 Guerci Vittorio


Nota: non si può srotolare

cartella 168 “Famiglia Guerci - Cappella”


Tavole relative alla Cappella di Famiglia
Segnatura precedente parziale riordino: 8

cartella 169 “Disegni vecchi e nuovi - via Marsala, 5”


Tavole relative al progetto di casa Guerci sita in via Marsala n.
5 in Alessandria

cartella 170 “Via Marsala, 17”


Tavole relative al progetto della casa in via Marsala n. 17 di
proprietà della famiglia Guerci

cartella 171 “Guerci e Taverna”


Tavole relative al nuovo fabbricato di piazza Garibaldi
Segnatura precedente parziale riordino: 5

cartella 172 “Cav. Vittorio Guerci”


Tavole relative ai progetti delle case di Vittorio Guerci in via
Malta n. 9 e in via Bergamo n. 43
Segnatura precedente parziale riordino: 10

cartella 173 “Casa del Carmelo”


Tavole utilizzate per il rilievo fatto dal geom. Orlandi per l’in-
filtrazione d’acqua presente in corrispondenza del caminetto
della portineria della casa di via Verona di proprietà di Carmelo
Guerci (1951). Nella cartella è presente il tipo regolare della
suddetta casa (Alessandria, dicembre 1879) e la lettera, proba-
bilmente dell’ing. Guerci, indirizzata a Carmelo Guerci conte-
nente il risultato della perizia
Segnatura precedente parziale riordino: 17

cartella 174 “Ernesto”


Le tavole, di cui una colorata, non presentano né l’indicazione
dell’edificio né del proprietario. Solo due tavole riportano il
nome delle vie “corso Regina Margherita - via Avellino” e “S.
Ambrogio - S. Antonino”

cartella 175 “Lorenzo”


Tavole relative all’edificio situato in via Malta n. 8 in Alessan-
dria
L’archivio di Venanzio Guerci 133
cartella 176 “Case vendute”
Tavole relative alle proprietà dei fratelli Guerci poi vendute

Sottoserie 3.1.2 - Giovannina Guerci in Beretta

faldone 109.1 1932 - 1939


Giovannina Guerci in Beretta: bollette e contabilità per le case
di via Piacenza n. 5 e via Inviziati n. 8 in Alessandria
Nota: danni causati dall’umidità

faldone 109.2 1940 - 1955


Giovannina Guerci in Beretta: carte diverse fra cui contratti e
atti di locazione, conti diversi, note di alcuni lavori fatti alla
casa, corrispondenza privata e corrispondenza relativa all’affit-
to degli alloggi. Contiene la nota della sostituzione della can-
cellata in ferro nella villa Beretta di via Romera a Spinetta
Marengo (1940) e il carteggio sui danni subiti a causa del bom-
bardamento aereo del 5 aprile 1944 dallo stabile di via Piacenza
n. 5 in Alessandria comprensivo dell’elenco dei mobili andati
distrutti e della liquidazione delle spettanze (1954)
Segnature originali: 32 e 86

faldone 109.3 1945 - 1957


Giovannina Guerci in Beretta: imposte

Sottoserie 3.1.3 - Luigina Guerci in Montanaro

faldone 110.1 1880 - 1951


Luigina Guerci in Montanaro: raccolta di documenti e corri-
spondenza riguardante i beni e la situazione finanziaria della
sorella di Venanzio Guerci e numerose carte riferite alla
Galleria Guerci comprensive anche di note dei lavori. Contiene
alcuni atti dell’Ottocento riguardanti le case di via Ferrara n. 8
e di via San Lorenzo in Alessandria. Contiene anche un atto
datato 1878 riferito all’acquisto della casa di via Milano n. 30
in Alessandria. Contiene infine l’atto di vendita della casa di
via del Castello n. 5 (1945) e l’atto di vendita della casa di via
Milano n. 30 entrambe in Alessandria

faldone 110.2 1932 - 1938


Luigina Guerci in Montanaro: bollette e contabilità personale
Nota: danni causati dall’umidità
134 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

faldone 110.3 1940 - 1956


Luigina Guerci in Montanaro: note dei lavori fatti all’immobile
di via Ferrara n. 8 in Alessandria, contratti di affitto con
l’Istituto nazionale di previdenza e credito delle comunicazioni
(1940) e subaffitto dei locali ad Augusto Meardi ad uso negozio
e pasticceria “Gran caffè galleria”. Contiene anche alcuni dise-
gni della Galleria Guerci

faldone 110.4 1942 - 1950


Luigina Guerci in Montanaro: bollette e contabilità personale.
Contiene carte riferite ai danni di guerra subiti dagli stabili di
sua proprietà

faldone 110.5 1944 - 1957


Luigina Guerci in Montanaro: imposte

faldone 110.6 1946 - 1947


Luigina Guerci in Montanaro: perizie e domande di risarcimen-
to per i danni di guerra patiti dall’edificio di via Ferrara n. 8 in
Alessandria durante l’incursione aerea del 5 aprile 1945

faldone 110.7 1948 - 1953


Luigina Guerci, vedova Montanaro: scrittura di locazione di
cinque vani e servizi nella Galleria Guerci al signor Filiberto ad
uso abitazione e parrucchiere per signora (1948) e note relative
al pagamento dell’affitto e delle morosità con l’intermediazione
dell’avvocato Enrico Cassinelli

cartella 177 “Luigina”


Tavole relative alla casa in via Ferrara n. 8 di proprietà di
Luigina Guerci. All’interno è presente una lettera datata 28 feb-
braio 1952 e i preventivi per l’impianto di riscaldamento ad
acqua calda indirizzata al dott. Gino Montanaro, via Ferrara

Sottoserie 3.1.4 - Angiolina Guerci in Ollearo

faldone 111.1 1932 - 1938


Angiolina Guerci in Ollearo: bollette e contabilità per la casa di
via della Vittoria n. 3 e 5 in Alessandria
Nota: danni causati dall’umidità

faldone 111.2 1938 - 1957


Angiolina Guerci in Ollearo: imposte
L’archivio di Venanzio Guerci 135
faldone 111.3 [1940 - 1948]
Casa Angiolina Guerci in Ollearo in viale Tivoli in regione
Cristo in Alessandria: lavori di sistemazione

faldone 111.4 1945 - 1952


Angiolina Guerci: gestione delle case di via della Vittoria e di
via Piacenza in Alessandria e inventario dei beni personali

faldone 111.5 1946 - 1954


Perizia per Angiolina Guerci in Ollearo riguardante i danni di
guerra causati dall’incursione aerea del 5 aprile 1944 alla casa
in viale Tivoli numeri 1, 2 e 5 in Alessandria

cartella 178 “Angiolina”


Tavole relative alle piante delle case di Giovanni Guerci in via
della Vittoria, 3 - 5 (1880 - 1893) facenti parte della divisione
fra Testa Giovanni fu Guido e Guerci Giovanni fu Francesco,
probabilmente ereditate da Angiolina Guerci in quanto sono
presenti tavole successive , non datate, con l’indicazione “Casa
Angiolina” e “Via della Vittoria”

Sottoserie 3.1.5 - Giuseppina Malvarosa ved. Guerci

faldone 112.1 [1888]


Album contenente numerosi disegni e note dei lavori fatti alla
cascina di Valmadonna. Si tratta probabilmente della cascina
detta “La Madonnina” che diventerà poi di proprietà di
Giuseppina Malvarosa ved. Guerci

faldone 112.2 1927 - 1959


Giuseppina Malvarosa vedova Guerci: polizze assicurative
(1927 – 1957), corrispondenza, ricevute di pagamenti fatti, note
di alcuni lavori (1953 – 1959) e atti diversi riguardanti la vendi-
ta della cascina detta “La Madonnina del freddo” sita in Valma-
donna a favore del signor Bue (1947)

faldone 112.3 1928 - 1952


Giuseppina Malvarosa vedova Guerci: cinque raccoglitori
numerati 1, 2, 3, 4 e 5 contenenti materiale diverso riferito ai
beni immobili e alla contabilità personale di Giuseppina
Malvarosa. Il primo raccoglitore contiene: amministrazione
generale, gestione delle case, note delle spese, corrispondenza e
memorie e note dei lavori fatti dal capomastro Mario Gasparino
alla casa in via Inviziati n. 10 in Alessandria (1928 – 1931). Il
136 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

secondo raccoglitore contiene: gestione delle case, contrattazio-


ne di un mutuo nel 1933 per far fronte alle spese incontrate per
i lavori nella cascina detta “Della Madonnina” e in altre case
(1932 – 1939). Il terzo raccoglitore contiene: gestione delle
case, spese diverse [segnatura originale: 124], (1931 – 1945). Il
quarto raccoglitore contiene: gestione delle case fra cui quella
in via Cavour n. 17 in Alessandria e scritture private di affitto
della casa in via Inviziati n. 10 in Alessandria (1946 – 1947). Il
quinto raccoglitore contiene: situazione della gestione delle
case (1930 – 1931), amministrazione degli immobili e defini-
zione del rapporto di lavoro con alcuni custodi (1944 – 1952)

faldone 113.1 1932 - 1955


Giuseppina Malvarosa vedova Guerci: imposte

faldone 113.2 1934 - 1939


Giuseppina Malvarosa vedova Guerci: bollette e contabilità
Nota: danni causati dall’umidità

faldone 113.3 1952 - 1953


Casa in via Cavour n. 17 in Alessandria di proprietà di Giusep-
pina Malvarosa ved. Guerci: note e disegni per alcuni lavori
(1952) e carte riguardanti il muro divisorio con la casa degli
eredi Borsalino (1953)

faldone 113.4 [1955]


Giuseppina Malvarosa vedova Guerci: piante e disegni delle
case di via Inviziati n. 10 in Alessandria riferite ad alcuni lavori
fatti nello stabile per la costruzione del garage e altri interventi
e un atto di locazione datato 1955

rotolo 218 “Villa Gualino Guerci a Valmadonna”


Nota: non si può srotolare

cartella 179 “Giuseppina”


Tavole relative alla casa di Giuseppina Guerci in via Cavour, 17
e della casa in via Inviziati, 10
L’archivio di Venanzio Guerci 137

Serie 3.2 – Beni e contabilità di Venanzio Guerci

Sottoserie 3.2.1 - Beni e contabilità personale

faldone 114.1 1891 - 1925


“Venanzio [Guerci]. Atti notarili e memorie”

faldone 114.2 1926 - 1959


Contratti e carteggio per le forniture di energia elettrica e del-
l’acqua potabile e per l’allacciamento del telefono

faldone 114.3 1927 - 1967


Accensione di due mutui: il primo di £. 1.700.000 nel 1951 e il
secondo di £. 2.500.000 nel 1955. A corredo degli atti dei mutui
sono presenti alcune polizze assicurative contro gli incendi dal
1927 al 1957

faldone 114.4 1928 - 1937


Raccolte rilegate delle fatture ricevute dai fornitori per lavori
diversi
Segnatura originale: 72
Nota: danni causati dall’umidità

faldone 114.5 1931, 1947 - 1951


Ricevute degli affitti delle case in via Faa di Bruno n. 11 e in
via Marsala n. 5 in Alessandria

faldone 114.6 1932 - 1939


Venanzio Guerci: bollette e contabilità
Nota: danni causati dall’umidità

faldone 115.1 1937 - 1940


Raccolta rilegata delle fatture e dei conti ricevuti da Venanzio
Guerci

faldone 115.2 1937 - 1958


Cartoleria Giulio Caniggia: fatture per l’acquisto di carta luci-
da, per la fornitura di altro materiale e per la riproduzione dei
disegni dello Studio Guerci

faldone 115.3 1941 - 1959


Ricevute, estratti conto e note dei depositi presso la filiale di
Alessandria del Credito italiano
Segnatura originale: 90/2
138 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

faldone 115.4 1943 - 1959


Venanzio Guerci: imposte e dichiarazioni dei redditi

faldone 116.1 1946 - 1958


Venanzio Guerci: raccolte di bollette e contabilità cucita in un
album e sciolta relativa all’amministrazione personale, dei beni
immobili e dello studio

faldone 116.2 1956, 1958


Contabilità

faldone 116.3 1959


Venanzio Guerci: raccolta delle fatture dell’ospedale di Ales-
sandria per le cure mediche prestate a Venanzio Guerci e nota
delle spese affrontate per il suo funerale

faldone 116.4 1959 - 1966


Raccolta delle bollette, delle fatture, delle note di spesa e di
carte diverse riguardanti la gestione dei beni di Venanzio
Guerci dopo la sua morte

faldone 117.1 1959


Elenchi dei quadri e delle opere d’arte presenti nella casa del-
l’ingegnere Venanzio Guerci in via Faa di Bruno n. 20 in Ales-
sandria con qualche annotazione della divisione fatta fra gli
eredi. Il fascicolo contiene anche i disegni di alcuni mobili post

cartella 180 “Casa nostra. Anno 1957 - Progetti superati ”


Si tratta dei lucidi e delle tavole dell’edificio in via Faà di
Bruno, angolo via Marsala e via Tripoli in Alessandria

cartella 181 “Casa Nostra”


Si tratta delle tavole relative alla casa in via Marsala n. 5 in
Alessandria

cartella 182 “Casa in via Faà di Bruno”


Tavole relative al progetto della casa situata in via Faà di Bruno
n. 26 in Alessandria. Sull’interno della cartella si trova incollata
la fotografia della suddetta casa

cartella 183 “Maria Guerci in Gualino e Anna Maria Gualini”


Tavole relative alla casa di Maria Guerci in via Santa Maria di
Castello n. 10 in Alessandria
L’archivio di Venanzio Guerci 139
Sottoserie 3.2.2 - Collaboratori e personale dello studio

faldone 117.2 1939 - 1945


Personale dello studio: contributi, assicurazioni e indennità

faldone 117.3 1945 - 1959


Collaboratori: definizione dei rapporti economici e di collabo-
razione con Iosio Vinicio (1945, 1949 – 1956), con il geometra
Adolfo Orlandi di Alessandria (1946 – 1959) e con il disegna-
tore Archimede Patri (1957 – 1959) in occasione della chiusura
dello studio avvenuta nel 1958

Serie 3.3 – Corrispondenza e documenti personali e di lavoro

Sottoserie 3.3.1 - Corrispondenza e documenti di carattere personale

faldone 118.1 1901 - 1957


“Cariche ed incarichi”: cartella contenente numerose lettere e
alcuni attestati che conferiscono a Venanzio Guerci incarichi
diversi. In particolare: i documenti di nomina a diverse
Commissioni edilizie e sanitarie comunali e provinciali, alla
Commissione di vigilanza sulla biblioteca e pinacoteca civica, a
Comitati vari per le onoranze ai caduti e all’Ond di Alessandria,
molte lettere diverse di ringraziamento, le partecipazioni di
nomina al Consiglio di sanità (1913 – 1930), la nomina a com-
ponente della Commissione artistica della Società del casino di
Alessandria (1922), la nomina a socio vitalizio del Touring club
italiano (1924), il diploma di benemerenza della Società Croce
verde di Alessandria per aver eseguito gratuitamente il progetto
e per aver assunto la direzione dei lavori di costruzione della
nuova sede senza alcun compenso (1930), la nomina a deputato
della R. Deputazione subalpina di storia patria (1938), il diplo-
ma di conferimento dell’onorificenza di Cavaliere dell’ordine
della Corona d’Italia (1940), la nomina ad amministratore
dell’Orfanotrofio San Giuseppe (1945), la nomina a vice presi-
dente per la Commissione di arte della Consulta della Società
di storia arti e archeologia della Provincia di Alessandria e di
Asti (1955), il diploma e comunicazione della concessione del-
l’onorificenza di Ufficiale dell’Ordine “al merito della Repub-
blica italiana” (1957). Contiene anche il diploma di laurea ad
ingegnere civile rilasciato dall’Università di Padova l’8 maggio
140 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

1901 e il passaporto per l’interno del 1918 di Venanzio Guerci

faldone 118.2 1917


Corrispondenza con il signor Lattes dell’omonima casa editrice
di Torino circa la pubblicazione del libro di Vittoria Zoppi
(dama infermiera) e di Lorenzo Gualino (direttore dell’Ospe-
dale della Croce rossa di Cassine) dal titolo “Anime in guerra.
Appunti psicologici”. Contiene anche la nota delle somme rica-
vate dalla vendita del libro e la corrispondenza con la tipografia
Giuseppe Lavagno di Casale Monferrato che ha stampato il
volume. Contiene infine note circa alcuni scritti di Venanzio
Guerci fra cui l’articolo (di cui si fa solo cenno) intitolato “Ani-
me di soldati”

faldone 118.3 anni Trenta, Quaranta e Cinquanta


“Memorie private”: cartella contenente corrispondenza a carat-
tere prevalentemente privato che comprende al suo interno altre
due cartelle intitolate “Epigrafi e motti” e “Amici”

faldone 118.4 1941, 1942, 1950


“Liana in Acqui”, Liana Ronchino in Guerci, nuora di Venanzio
Guerci: corrispondenza riguardante alcuni soggiorni ad Acqui
Terme

faldone 118.5 anni Quaranta e Cinquanta


“G. U. Arata”: cartella contenente la corrispondenza con G.
Arata diretta a Roma e a Parma e con altri. Contiene una ricca
rassegna stampa su Leonardo Da Vinci (di cui si è occupato
anche Arata) e numerosi documenti e lettere in ricordo di
Francesco Pastonchi, amico e collega di Venanzio Guerci

faldone 118.6 1951 - 1958


“Venanzio. Corrispondenza e appunti”: cartella contenente cor-
rispondenza a carattere prevalentemente privato, ma anche rife-
rita ad alcuni lavori e alla contabilità familiare. Contiene fra
l’altro un elenco delle strade di Alessandria del 1873 e la nota
degli oggetti personali d’oro di Venanzio Guerci

faldone 118.7 1955 - 1958


“Da ordinare”: raccolta di corrispondenza a carattere personale
e di lavoro riferita prevalentemente agli anni dal 1955 al 1958,
ma anche ad anni precedenti

faldone 118.8 1956 - 1959


“Amici di papà”: corrispondenza personale di Venanzio Guerci.
L’archivio di Venanzio Guerci 141
Contiene anche dieci fotografie dell’ingegnere che lo ritraggo-
no in quattro immagini differenti, ma, apparentemente, alla
stessa età

cartella 184 “Progetti di scuola”.


Disegni di Ernesto Guerci realizzati durante la frequenza della
Regia Scuola d’ingegneria di Torino

cartella 185 “Progetti Scuola. 1”.


Si tratta di progetti realizzati dall’ing. Venanzio Guerci durante
la frequenza per la Scuola d’applicazione per gli ingegneri di
Padova

cartella 186 “Tema di laurea e progetti di scuola. 2”


Si tratta di progetti realizzati dall’ing. Venanzio Guerci durante
la frequenza per la Scuola d’applicazione per gli ingegneri di
Padova

Sottoserie 3.3.2 - Corrispondenza e documenti di lavoro, ordini professionali e associa-


zioni

faldone 119.1 s.d.


“Papà Guerci”: cartella contenente numerosi documenti a parti-
re dalla metà dell’Ottocento fino ai primi anni del Novecento
riferiti all’attività lavorativa di Giovanni Guerci. Il fascicolo
contiene anche il diploma di Cavaliere dell’ordine della Corona
d’Italia attribuito a Giovanni Guerci nel 1884 corredato da
numerose lettere e dalla comunicazione stampa del periodico
“Avvisatore alessandrino”. Contiene anche numerosi atti e
scritture private relativi alla società di costruzioni, alle attività
industriali, alle fornaci e ad alcune liti

faldone 119.2 1919


Sottocommissione trasporti e lavori pubblici della Deputazione
provinciale di Alessandria: carte, documentazione e rassegna
stampa circa la navigazione interna e i canali navigabili con
riferimento al canale da Torino a Casale Monferrato a Pavia

faldone 119.3 1927 - 1959


Ordine degli ingegneri della Provincia di Alessandria: circolari
e albi provinciali

faldone 119.4 1935 - 1936


Comune di Alessandria, sezione del Rotary club italiano
142 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

Cartella dell’Amministrazione provinciale di Alessandria con-


tenente la corrispondenza intercorsa con la sezione di Milano
del Rotary club per la costituzione di una sezione in
Alessandria. Il fascicolo contiene anche due elenchi di eventua-
li soci, ma il nome di Venanzio Guerci non compare

faldone 119.5 1941


Federazione nazionale dei proprietari di case: note riguardanti
il costo per la gestione delle case

faldone 119.6 1949 - 1955


Collegio dei costruttori edili della Provincia di Alessandria: cir-
colari e notiziari

Sottoserie 3.3.3 - Carte relative ai monumenti e ai beni culturali nell’alessandrino

faldone 120.1 1895 - 1938


Commissione per la conservazione dei monumenti della città di
Alessandria: raccolta rilegata delle carte ricevute da Venanzio
Guerci quale componente della Commissione (1919 – 1927) e
altre non rilegate dal 1895 al 1938. In particolare vengono citati
i seguenti monumenti e oggetti artistici: gli antifonari di
Boscomarengo, la chiesa di Santo Stefano, la chiesa di San
Francesco in Cassine, il palazzo Dal Pozzo, la colonna comme-
morativa della battaglia di Marengo, le bellezze naturali e pae-
saggistiche in genere, la toponomastica di Villanova d’Asti, la
chiesa di Santa Maria di Castello in Alessandria, l’arco trionfa-
le di via Dante, la casa Traversa Migone e la colonna antistante
in Cassine, la chiesa dei SS. Barnaba e Rocco in Alessandria, la
Torre dei Gamberini in Alessandria, la chiesa di San Pietro a
Mongiardino Ligure, la chiesa parrocchiale di Castellazzo
Bormida, la chiesa di San Giacomo a Cassine e alcune tombe
antiche rinvenute presso Marengo. Contiene il “regolamento
per la pinacoteca viecha” di Alessandria (?) del 1903

faldone 120.2 1923 - 1926


Beni monumentali a Cassine: carteggio, relazioni e programmi
di lavoro riguardanti la chiesa di San Francesco e la chiesa di
Santa Maria dei Servi. Contiene la relazione intitolata “Il re-
stauro del tempio di San Francesco in Cassine” (1925) e una
nota relativa ai restauri “della piscina” in San Francesco (s.d.)

faldone 120.3 1924 - 1933


Sovrintendenza ai monumenti: carte e appunti relativi a nume-
L’archivio di Venanzio Guerci 143
rosi documenti fra cui, in particolare alcuni relativi alla chiesa
di San Giovanni di Saluzzo e alla cappella funeraria “dei mar-
chesi” del prof. Vacchetta

faldone 120.4 1928 - 1933


Municipio di Alessandria: relazioni e carte riguardanti la
Commissione per la conservazione del museo e della pinacote-
ca e altre lettere relative a diversi argomenti fra cui la costru-
zione della sede della Croce verde e l’ipotesi di acquisto del
cortiletto della canonica del Duomo

faldone 120.5 [1946]


Beni monumentali e aspetti diversi della città di Alessandria:
appunti e promemoria riguardanti il palazzo vescovile, i canali
navigabili e il porto, il teatro, i viali e i giardini, i sobborghi e i
piani di ampliamento della città, il mercato dei bovini, la viabi-
lità e altro ancora

faldone 120.6 1949


Relazione firmata dall’ingegnere Venanzio Guerci unitamente
all’architetto Colivicchi della visita fatta a Villa del Foro per
esaminare, con il sindaco di Alessandria Basile, alcuni ritrova-
menti archeologici venuti alla luce durante la realizzazione dei
lavori di arginatura sulla riva destra del fiume Tanaro, ritagli
stampa e appunti relativi

faldone 120.7 [1949]


Comune di Alessandria, palazzo Ghilini
Cenni storici su casa Ghilini e sui palazzi settecenteschi di
Alessandria colpiti dai bombardamenti aerei, piante e prospetti
diversi. Contiene anche altre relazioni sulla chiesa della Con-
fraternita di Santa Croce, per la riforma del teatro municipale e
della piazza della Libertà e appunti diversi, a volte scritti su
documenti precedenti o parti di vecchi progetti

Serie 3.4 – Agende e rubriche di Venanzio Guerci

Raccolta di agende annuali presumibilmente di Venanzio Guerci, contenenti numerosi


appunti di lavoro e alcune note di carattere personale.

faldone 121.1 Raccolte e rubriche di indirizzi personali e di lavoro


144 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

faldone 121.2 1900 - 1902


Agenda annuale

faldone 121.3 1928


Agenda annuale

faldone 121.4 1938


Agenda annuale

faldone 121.5 1941


Agenda annuale

faldone 121.6 1941


Agenda annuale dedicata ai lavori della Casa della madre e del
bambino in Alessandria

faldone 121.7 1953


Agenda annuale

faldone 121.8 1953


Agenda annuale

faldone 121.9 1954


Agenda annuale

faldone 121.10 1955


Agenda annuale

faldone 121.11 1956


Agenda annuale

faldone 121.12 s.d.


Piccola agenda 1953 quasi completamente in bianco
Quadernetto di appunti del 1955
Rubrica alfabetica degli anni Cinquanta contenente riferimenti
legislativi e note tecniche
L’archivio di Venanzio Guerci 145

Serie 3.5 – Biblioteca Guerci

Sottoserie 3.5.1 - Cataloghi dei libri

faldone 122.1 “Catalogo dei libri dal 1 al 7”


Elenchi rilegati dei libri della biblioteca Guerci
Segnatura originale 1

faldone 122.2 “Catalogo dei libri dal 8 al 13”


Elenchi rilegati dei libri della biblioteca Guerci
Segnatura originale 2

faldone 122.3 “Catalogo dei libri dal 13 al 18”


Elenchi rilegati dei libri della biblioteca Guerci
Segnatura originale 3

faldone 122.4 “Catalogo dei libri dal 19 al 29”


Elenchi rilegati dei libri della biblioteca Guerci
Segnatura originale 4

faldone 122.5 “Catalogo dei libri dal 30 al 35”


Elenchi rilegati dei libri della biblioteca Guerci
Segnatura originale 5

faldone 122.6 “Catalogo dei libri dal 36 al 45”


Elenchi rilegati dei libri della biblioteca Guerci
Segnatura originale 6

faldone 123.1 “Catalogo dei libri dal 46 al 50 vari”


Elenchi rilegati dei libri della biblioteca Guerci
Segnatura originale 7

Sottoserie 3.5.2 - Biblioteca e archivio Guerci

faldone 123.2 1950 - 1955


“Rizzi”
Corrispondenza con il libraio Renzo Rizzi di Milano ed elenchi
di libri
Segnatura originale 1

faldone 123.3 1955 - 1957


“Renzo Rizzi”
146 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

Corrispondenza con il libraio Renzo Rizzi di Milano ed elenchi


di libri
Segnatura originale 2

faldone 123.4 1954 - 1955


“Libri corrispondenza”
Biblioteca Guerci: corrispondenza diversa con librai ed editori
Segnatura originale 3

faldone 123.5 s.d.


“Libri per materie”
Biblioteca Guerci: cataloghi ed elenchi di libri organizzati per
argomento e data di edizione
Segnatura originale 4

faldone 123.6 s.d.


“Elenco libri”
Biblioteca Guerci: cataloghi ed elenchi di libri organizzati per
argomento e data di edizione
Segnatura originale 5

faldone 124.1 s.d.


“Libri per materie”
Biblioteca Guerci: cataloghi ed elenchi di libri organizzati per
numero d’ordine e scaffale e raccolta dei “prezzi dei libri dei
vari cataloghi”
Segnatura originale 6

faldone 124.2 s.d.


“Libri 1”
Biblioteca Guerci: cataloghi ed elenchi di libri organizzati per
numero d’ordine e scaffale
Segnatura originale 7

faldone 124.3 s.d.


“Libri”
Biblioteca Guerci: cataloghi ed elenchi di libri organizzati per
numero d’ordine
Segnatura originale 8

faldone 124.4 1955


Biblioteca Guerci
Elenco dei libri dal n. 1 al 1607 in copia manoscritta e dattilo-
scritta (le due copie corrispondono solo fino ad un certo punto e
quella manoscritta arriva fino al numero 1637)
Segnatura originale 9
L’archivio di Venanzio Guerci 147
faldone 124.5 s.d.
Biblioteca Guerci
Elenchi e appunti diversi riguardanti la biblioteca di famiglia e
i libri dello studio

faldone 124.6 [anni Cinquanta]


Rubrica alfabetica delle cartelle contenute nell’archivio Guerci
Indici
L’archivio di Venanzio Guerci 151

Indice dei nomi di persona

Negli indici sono compresi tutti i nomi di persona e tutti i toponimi che sono
stati rilevati in sede di schedatura dell’archivio e che sono presenti nel testo del-
l’inventario. Sono stati esclusi solamente il nome di Venanzio Guerci e l’indica-
zione dei palazzi alessandrini (poiché già precisati nei titoli delle serie di ordina-
mento); anche l’indicazione della città di Alessandria (che nell’inventario è
spesso sottointesa) non è stata riportata in indice.
In taluni casi sono state riscontrate notevoli difficoltà di lettura dei documenti
originali, pertanto alcuni termini potrebbero non essere corretti o presentare
varianti. Ad alcuni cognomi di persona non è stato possibile affiancare un nome
di battesimo.

Accanto a ciascun nome presente nei due indici è riportato il numero del fal-
done e del fascicolo al suo interno (f.), del rotolo (r.) e della cartella (c.) nella
cui descrizione è presente il medesimo termine.

Accatino c. 98
Accatino Tullio f. 26.11, 63.1; c. 88
Agnelli r. 117
Aimone f. 25.5; c. 71
Albertino f. 72.1
Albini f. 68.1
Alerici Ercole f. 72.1
Alessandro Levi de Veale, barone c. 75
Alfa Lavat, società di Milano c. 63
Alvigini Caterina f. 45.3
Amilotti Domenico f. 68.3
Amisano f. 69.3
Angeleri f. 70.1
Annaratone Teresa f. 29.10
Arata G. f. 118.5
Astori r. 127
Astori Taverna, società c. 137
Astuti e Forni, impresa f. 22.3
Avalle f. 25.8; c. 98
Avalle Cesare Annibale f. 25.1
152 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

Azeglio Castagnotti Francesca f. 26.7-8


Azeglio Castagnotti Valentina f. 26.7-8
Badò f. 24.1; c. 134
Bagnara Attilio, ditta f. 66.4
Bagnara, impresa di Alessandria f. 74.2
Bagnasco & Florio, impresa r. 65, 110, 119, 202
Baj, ditta f. 68.3
Balduzzi Oreste, ing. f. 22.2; r. 104
Ballario N., ing. f. 38.3
Ballerio Augusto c. 97
Ballerio Carlo c. 97
Ballestrero f. 24.1
Balza r. 120
Barberis f. 70.2
Barberis & C., stabilimento f. 70.2
Barco f. 24.9; r. 107
Barco sorelle f. 72.2
Barini f. 73.3
Basile, sindaco di Alessandria f. 120.6
Bassone e Gervaso, oreficeria di Valenza f. 55.1
Bastita, impresa f. 72.2
Baudoin f. 38.5; c. 134
Bausone f. 72.2
Becchini Sabatini f. 106.4
Bellana f. 50.3, 72.2; c. 131
Bellani f. 68.2
Belleria f. 68.3
Bellino Grimaldi f. 72.4
Bellomo f. 69.2
Belloni, caffè teatro r. 70
Bellotti Dina (opere artistiche) f. 13.1
Beltrami f. 70.2
Benazzo Enrico, ing. f. 80.3
Benedetti Adolfo f. 69.3
Benzi, geom. f. 41.3, 43.3
Benzi, ing. f. 71.3
Beretta Giovannina f. 109.1-3
Bertone f. 24.1
Besostri Carlo f. 74.1
Bianchetti r. 101
Bigatti e Bistolfi, studio f. 49.4
Bima, calzaturificio in Alessandria c. 133, 159
Bima, società f. 32.1
Biscossi f. 48.7
Bisio Guasco f. 72.4
L’archivio di Venanzio Guerci 153
Bistolfi e Bigatti, studio f. 49.4
Bistolfi, ing. c. 81
Bocca, avv. c. 130
Boidi f. 68.3
Bonelli Giovanni f. 68.3
Bonelli Marelli Agata f. 68.3
Bongioanni Carlo f. 72.2
Bonicelli E., ing. c. 40
Borgatta G., prof. f. 72.2
Borghi Paolo f. 36.3
Boris Luigi f. 102.5
Borra f. 70.1
Borsalino f. 75.1-2, 96.3, 113.3; r. 128
Borsalino G. B. c. 133
Borsalino Giuseppe f. 69.3, 74.2; c. 68
Borsalino Lazzaro c. 133
Borsalino Veglio, opera pia di Alessandria f. 33.3
Borsalino, ditta f. 72.2, 74.2
Bosco Giulio f. 69.2
Bottazzi Gatti Elena c. 78
Bottino f. 68.1
Bracco Maria ved. Debernardi f. 26.7-8
Braggio f. 69.3
Broglio Alberto, assistente ai lavori f. 13.1
Bruni f. 68.3
Bue f. 112.2
Bue Giuseppe f. 72.2
Buffa f. 69.2, 70.2; r. 122
Bulla, ditta f. 30.5
Butteri f. 63.8
Cafassi Alberto (opere artistiche) f. 13.1
Callegaris r. 105
Calliano Vitale f. 72.3
Camera r. 99
Camera Felice f. 72.3
Camerano Irma f. 69.2
Campi Anna f. 74.4
Canepa c. 98
Canestri Giuseppe (opere artistiche) f. 13.1
Caniggia r. 79; c. 98
Caniggia F. c. 89
Caniggia Giulio, cartoleria f. 115.2
Canzio, architetto c. 161
Capurro Mario, geom. f. 21.5
Carca c. 98
154 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

Caretti Natale, calzaturificio di Alessandria f. 31.5


Caria f. 69.2, 70.1
Casaro Mario, carrozzeria di Torino c. 107
Caselli Crescentino, ing. di Fubine f. 50.1
Caselli Vincenzo c. 97
Cassottana f. 45.1
Castagnotti r. 127, 136
Castagnotti Azeglio Francesca f. 26.7-8
Castagnotti Azeglio Valentina f. 26.7-8
Castagnotti Giuseppe c. 131
Castelli Alfredo, costruttore di Alessandria f. 28.1
Castelli Enrico, avv. f. 110.7
Castelli Francesco f. 68.2
Castelli Margherita f. 68.2
Castoldi r. 73; c. 140
Castoldi Clemente f. 35.2
Cavalchini Maria f. 69.2
Cavallero r. 84; c. 93, 109
Cavallero Oreste f. 29.10
Ceretti natale, calzaturificio c. 110
Cesa & C., società di Alessandria f. 31.6
Chiappino f. 103.4, 107.1
Chiappino, ditta di Alessandria f. 5.1, 19.2, 21.3-4, 29.3, 29.6-7,
31.1
Chiaraviglio f. 69.2
Chiazza (o Ghiazza), cav. c. 112
Chierico Angelo, ing. di Alessandria f. 10.4
Chiesa Antonio, ditta di Alessandria f. 11.1
Civalieri f. 69.2
Coggiola f. 26.5
Colaruto f. 24.9
Colivicchi, architetto f. 120.6
Colla, impresario f. 26.6
Colomba f. 74.3
Corradi r. 87, 108
Corradi fratelli f. 26.12
Cortona f. 69.1-2, 70.1, 72.3
Cortona Cesare f. 24.5
Cortona Enrico f. 68.1
Cortona, berrettificio di Alessandria f. 31.4
Cresta Domenico f. 25.6
Cuniberti c. 98
Daglio, ing. c. 107
De Benedetti f. 72.4
De Giorgis & Mengis, ditta di Milano f. 83.5
L’archivio di Venanzio Guerci 155
De Paolini Angiolina f. 72.3
De Paolini Ernesto f. 69.2
De Paolini Pietro, cav. f. 25.10, 27.1, 102.3, 104.2; r. 74
De Paolini, com. c. 77
De Petris Giovanni f. 69.2
Del Signore f. 25.7; c. 98
Dellacà Alessandro, impresa f. 66.3
Dellacà cugini, impresa di Tortona f. 34.2
Devoto Giovanni, ing. f. 65.2
Di Colloredo F., ing. r. 59
Doglio c. 84
Durand Giuseppe f. 68.1
Durand Giuseppina f. 68.1
Emanuelli, geom. f. 48.7
Esposito Giuseppe, ing. f. 2.2
Ettore ? r. 94
Fasolo c. 157
Fassio, prof. f. 24.2
Ferrara c. 98
Ferrari f. 26.17
Ferrari Alberti, ditta di Alessandria f. 9.1
Ferrari Tito, geom. f. 68.2; c. 96
Ferrari, ing. r. 206
Ferrari, marchese f. 43.3
Ferrari, prof. r. 118
Ferrari/a Tito, geom. r. 77, 82
Ferraris Florindo f. 69.2
Ferraris fratelli, ditta di Castellazzo Bormida f. 16.4
Ferraro Luigi, cav. c. 134, 135
Ferrero Carlo, avv. c. 130
Ferrero, opera pia di Incisa Belbo f. 46.1
Filiberto ? f. 110.7
Fima, società f. 72.4
Fiorentini c. 141
Fiori f. 68.3
Flore Giorgio f. 69.2
Florio & Bagnasco, impresa r. 65
Fornasari, impresa di Tortona f. 64.2
Forni e Astuti, impresa f. 22.3
Fortunato Carlo, avv. f. 25.11; c. 75
Fortunato Enrico, avv. f. 26.1
Fortunato, avv. f. 72.4
Fossati f. 48.7
Fossati Renato f. 27.6
Frova Ettore f. 24.4
156 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

Frumento Ernesto f. 71.1; c. 97


Furiani Giuseppe, cav. c. 145
Furiani, ing. c. 146
Gai Ugo f. 105.3
Gallarate Francesca ved. Zurletti f. 74.1
Gallo f. 68.3, 70.2
Gambini Luigi, pittore f. 51.6
Gandini, Guerci & C., calzaturificio di Alessandria f. 32.1; r. 132
Garavelli f. 68.1
Garbarino c. 134
Garnero Massimo f. 74.4
Gasparini Mario, ditta f. 24.8, 34.2; r. 92
Gasparino Mario, capomastro f. 112.3
Gastini Luigi, ing. f. 6.4; c. 85
Gatti f. 28.3; c. 131
Gatti Antonio, geom. c. 51, 132
Gatti Bottazzi Elena c. 78
Gatti, ditta f. 30.5
Gervaso e Bassone, oreficeria di Valenza f. 55.1
Ghiazza Biagio f. 69.2
Ghiazza Carlo, geometra di Acqui Terme f. 26.6, 36.1, 36.6, 87.6; r. 152;
c. 82
Ghilini f. 120.7
Ghiron, ditta f. 72.4, 108.1
Giacchero sorelle f. 29.5
Giberti Antonio, ing. di Torino f. 10.4; c. 126
Giovannina Guerci Giovannina in Beretta f. 109.1-3
Giovannino Achille f. 68.3
Girardi f. 70.2
Giraudi Maria f. 33.1
Giraudi, officina c. 159
Giuliano ? f. 26.10
Gramegna Luigi c. 97
Grassano Pietro f. 72.4
Grignolio f. 41.2; r. 130; c. 106, 107
Grignolio Bruno f. 33.4
Grignolio fratelli, garage di Alessandria f. 33.2; r. 85; c. 159
Grignolio Giuseppe f. 33.4
Grignolio Vittorino f. 33.4
Grimaldi di Bellino f. 72.4
Gualini Anna Maria c. 183
Gualino r. 218
Gualino Aurelia Maria f. 105.3
Gualino Guerci Maria c. 183
Gualino Lorenzo f. 118.2
L’archivio di Venanzio Guerci 157
Gualino Maria Aurelia f. 105.3
Gualino Mariuccia f. 105.3
Guarci Vittorio f. 106.5
Guarnaschelli f. 72.4
Guasco di Bisio f. 72.4
Guasco Gallarati principe, marchese di Bisio f. 2.4
Guasco, conte r. 9
Guazzone Giovanni f. 24.3
Guazzone, conte di Passalacqua f. 7.3; r. 40, 41
Guazzoni c. 98
Guerci f. 68.1, 69.2; c. 157, 168-171, 176
Guerci Angiolina in Ollearo f. 104.5, 107.2, 111.1-5; c. 178
Guerci Barbara f. 106.5
Guerci Carlo f. 68.1
Guerci Carmelo c. 173
Guerci Emilia f. 106.5
Guerci Ernesto f. 69.2, 103.4, 107.1; c. 48, 174, 184
Guerci Francesco f. 82.3, 102.2, 102.5, 103.3; c. 51,
94, 97, 130-132, 178
Guerci Giannino f. 105.6
Guerci Giovanni f. 75.1,
Guerci Giovanni f. 102.2-3, 103.3, 104.4, 119.1; c. 131,
178
Guerci Giovannina f. 104.5, 107.2
Guerci Giuseppe f. 102.3, 104.5
Guerci Giuseppina f. 107.2, 112.1-3, 113.1-4; c. 179
Guerci Liana Ronchino f. 103.4, 118.4
Guerci Lorenzo f. 102.5, 104.5, 106.1; c. 175
Guerci Luigina in Montanaro f. 104.5, 107.2, 110.1-7; c. 177
Guerci Maria in Gualino c. 183
Guerci Nina c. 141
Guerci Paola f. 105.6
Guerci Rina f. 106.5
Guerci Vincenzo f. 104.5
Guerci Vittoria c. 102, 103
Guerci Vittorio f. 104.5-6; r. 217; c. 172
Guerci, Gandini & C., calzaturificio di Alessandria f. 32.1; r. 132
Guerci, molino f. 63.3
Guerra Ferdinando f. 102.5
Guidobono f. 70.2
Guzzi & Ravizza, ditta di Milano f. 72.2
Iachino C., avv. f. 26.14, 63.5, 68.2; r. 86
Iosio Vinicio f. 117.3
Ivaldi, ing. f. 52.5; r. 98, 131
Jachino c. 98
158 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

Jacquier c. 130
Jemini, notaio c. 98, 146
Lagorio Beniamino f. 73.1
Lagostena Pietro (opere artistiche) f. 13.1
Laguzzi Ernesto f. 73.1
Lalli, dott. f. 73.1
Lanza Domenico f. 48.7
Lanzavecchia f. 26.15
Lattes, casa editrice di Torino f. 118.2
Lavagetto f. 68.1; c. 101-105
Lavagetto Maria in Perego f. 21.3, 29.1-7, 30.1-.3, 31.2-3,
40.7; c. 102-104
Lavagetto Perego f. 30.5, 31.1, 35.1
Lavagno Giuseppe, tipografia di Casale Monferrato f. 118.2
Lavaltex, ditta f. 74.5
Lento Giuseppe, geom. c. 157
Leonardi F., ing. f. 81.2
Lima, stabilimento f. 71.1
Lips Vago, ditta di Milano f. 38.6
Lovera Carlo di Cuneo, marchese f. 102.3
Lovera Luigi di Castiglione, conte f. 102.3
Lovera Vittoria di Castiglione f. 102.3
Lugano r. 112
Luigi r. 94
Macario Albano & C., ditta di Torino f. 21.2
Macchiavelli Bruna A. r. 89
Maggi c. 94
Maggiora, pasticceria f. 35.3; r. 109
Magnadyne, ditta di Torino f. 73.1, 86.1
Malvarosa Giuseppina ved. Guerci f. 112.1-3, 113.1-4
Manara c. 131, 134
Marelli Agata in Bonelli f. 68.3
Marelli Margherita f. 68.3
Martignone f. 105.6
Martinengo A., ing. f. 74.4
Martini Carlo, ditta di Alessandria f. 9.1
Mascarino Ricci Luigina f. 73.3
Maso Luigi f. 68.1
Masoero Giovanni f. 26.13; r. 81, 106
Massari Aristide f. 105.6
Massobrio f. 68.3
Mastreti, ing. f. 9.4
Mastretti G. f. 68.2
Meardi Augusto f. 110.3
Meda Filippo f. 36.3
L’archivio di Venanzio Guerci 159
Melchionni Pietro f. 68.2
Melis A., architetto c. 11
Menghi f. 26.4; c. 83, 134
Menghi Isacco Giovanni f. 25.10, 27.1
Mengis & De Giorgis, ditta di Milano f. 83.5
Mengoni Giuseppe, architetto c. 148
Mentigassa Mario, impresa f. 37.1
Metelli Giovanni f. 68.1
Miglietta, stabilimento c. 159
Migone f. 120.1
Mira c. 72
Mirone f. 26.15
Moccagatta f. 52.3
Modrone Visconti f. 74.1
Molettone f. 68.2
Molino f. 26.3
Montanaro Gino, dott. c. 177
Montanaro Luigina f. 110.1-7
Montel f. 68.1
Montel Alice f. 41.3
Montel Guido, ing. di Torino f. 33.3
Monti, cav. f. 52.6; c. 134, 135
Morando Pietro (opere artistiche) f. 13.1
Morassuti Paolo f. 35.1
Morassutti, società di Alessandria f. 31.1
Morato f. 69.2
Moretta Francesco, ing. di Bassignana f. 49.4
Mornacco f. 21.3
Moro f. 26.6
Morteo & Gianolo, società f. 40.7
Moruzzi, laboratorio di abbigliamento c. 133
Murialdi Felice f. 74.4
Mutti r. 100
Mutti Giovanni Battista f. 73.1; c. 76
Nani f. 26.3
Oliverio, architetto c. 64
Ollearo Angiolina f. 111.1-5
Orgero r. 115
Orgero Carlo f. 25.9
Orgero Eugenio f. 25.9
Orgero Luigi f. 25.9
Orgero Teresa f. 25.9
Orlandi Adolfo, geom. di Alessandria f. 117.3; c. 173
Orsolini f. 69.2
Orsolini Gaetano, scultore f. 4.1
160 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

Ottolenghi Emilio, conte c. 94


Ottone f. 68.1
Panelli Angelo, ditta di Alessandria f. 16.4
Panizza f. 108.1
Panizza Corrado, impresa f. 63.3
Parini f. 26.9
Parma Antonio & figli, ditta di Saronno f. 38.6
Parodi c. 98
Pasero f. 74.5
Pasini Mario, impresa f. 7.6
Pasino U., geom. f. 51.6
Pasquarelli f. 24.1
Pasqué, cav. f. 41.6
Pastonchi Francesco f. 118.5
Pastorino f. 68.3
Patri Archimede, disegnatore f. 117.3
Pedemonte fratelli f. 25.5, 73.2
Pedemonte, cav. c. 71
Pellizzari r. 121; c. 134
Pellizzari, cascina f. 48.7
Perego Guido, com. f. 21.3
Perego Lavagetto f. 30.5, 31.1, 35.1
Perego Lavagetto Maria f. 21.3, 29.1-7, 30.1-3, 31.2-3, 40.7;
c. 102-104
Perino & C., ditta di Genova f. 34.2
Perri Ugo f. 27.5
Pesce c. 131
Petrini f. 26.15
Pezza Cesarino f. 73.2
Pezzi f. 26.16, 69.3; r. 90, 95
Pezzi Ugo, lavanderia f. 35.4; c. 79
Picciau, impresa f. 74.2
Piccioni f. 69.2
Pietrantonio Matilde c. 93
Pietrasanta r. 80
Pietrasanta Maria f. 24.6
Pinelli, marchese c. 145
Pipino Pietro c. 131
Pivano & C., stabilimento in Alessandria f. 34.1; r. 129
Poggi Vincenzo f. 73.2
Poggio f. 40.5; r. 111
Ponzano f. 70.1
Ponzano Giuliana f. 21.3
Porcelli, albergo diurno e bar f. 33.1; r. 133, 138
Possenti c. 87, 98
L’archivio di Venanzio Guerci 161
Pozzi Biginelli Egle (opere artistiche) f. 13.1
Pozzoli, ditta f. 21.3
Predassa, ing. f. 79.2
Pugliese f. 68.3
Racina f. 73.3
Rasore, dott. f. 26.1
Rastelli Alfredo, ditta f. 27.3, 108.1
Rastelli Ernesto, ditta f. 22.5
Ratti A., ing. di Alessandria f. 13.3, 13.4
Ratti Giuseppe, fonderie f. 70.2
Ravizza & Guzzi, ditta di Milano f. 72.2
Rebora Francesco f. 69.2
Remotti f. 63.2; r. 91, 113; c. 73
Remotti Vincenzo, impresa f. 66.1
Reposi f. 50.3
Riccardi f. 74.3
Ricci Firpo f. 68.2
Ricci Guido f. 73.3
Ricci Luigina in Mascarino f. 73.3
Righetti, libreria f. 36.3
Rigotti, ing. c. 11
Rivera, ing. f. 48.4; c. 143
Rizzi Renzo, di Milano f. 123.2, 123.3
Robutti Mario f. 73.3; c. 84
Rocco f. 69.1, 69.2
Rolando f. 24.7, 27.1, 63.2; r. 78, 83, 93, 94,
113, 114, 124, 125; c. 73, 86, 92
Rolando Carlo f. 26.2; r. 72; c. 74
Rolando Elvira r. 94
Rolando Ettore f. 17.1; r. 72
Rolando fratelli f. 68.2
Rolando Luigi f. 68.2; r. 94
Rolando Teresa r. 94
Rolando, com. f. 17.1
Ronchino Liana in Guerci f. 118.4
Ronco f. 27.2
Rondelli A., ing. c. 11
Rosa f. 79.2
Rosa Giovanni f. 38.2
Rossi f. 68.1, 69.1; c. 90, 98
Rossi Egidio f. 27.3
Rovani Giuseppe, di Milano f. 87.4
Sabatini Becchini f. 106.4
Sacerdote Umberto, collaudatore f. 7.6
Saint Gobain, ditta f. 21.2
162 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

Sala & C., ditta f. 84.2


Salera c. 102, 103
Sappa, istituto f. 72.3
Sardi f. 69.2, 70.2
Sardi Andrea, ing. f. 45.2; r. 122
Savina c. 71, 98
Savio c. 72, 97
Scarzella f. 69.3, 105.6
Serra Gian, architetto f. 3.4, 48.2
Serra Luigi, di Bologna f. 87.4
Serra, marchese f. 69.2
Siap, stabilimento c. 159
Simonelli f. 68.1; c. 95
Simonelli Andrea, ditta di Alessandria f. 1.3, 10.1
Simonelli Augusto, geom. c. 96
Simonelli Giovanni f. 73.3
Società “Immobiliare e ricostruzioni” f. 19.2
Sola Giuseppe c. 130
Spinetta r. 88
Stella Celestino, impresa f. 66.2
Straneo f. 74.2; c. 130
Suardi sorelle f. 72.2
Tannenbaum Roberto f. 74.1
Tartara f. 46.4
Tartara Romualdo f. 74.1
Tassara c. 140
Taverna r. 127, 136, 137; c. 108, 171
Taverna Astori, società c. 137
Taverna fratelli c. 137
Taverna Giovanni f. 25.3
Taverna Luigi, cav. c. 75, 137
Taverna Plinio f. 25.3
Termignone r. 96
Testa c. 130
Testa fratelli f. 74.1
Testa Giovanni c. 130, 178
Testa Guido c. 178
Testone, ing. c. 6
Timossi f. 74.1
Tizzani f. 74.1; c. 133
Tizzani, laboratorio in Alessandria f. 35.5, 70.2
Tomalini, pasticceria f. 35.3; r. 109
Torchio c. 98
Tornielli Vittorio, ing. di Casale Monferrato f. 52.4
Torre Salomone c. 131
L’archivio di Venanzio Guerci 163
Torriano Claudio f. 25.4
Torta f. 29.5
Traversa f. 120.1
Traverso, sacerdote c. 118
Trivero, ing. c. 107
Trotti f. 69.2
Trucco, ing. f. 45.1
Vacchetta, prof. f. 120.3
Valbormida, cotonificio c. 112
Valle Bona f. 68.3
Vanni Mario, ing. f. 22.2
Varvello Alessandro, ditta f. 68.2
Vegezzi f. 69.2
Veglio Borsalino, opera pia di Alessandria f. 33.3
Veirana Giacomo f. 74.4
Veirana Giovanni Battista Giusto f. 74.4
Veirana Natale f. 74.4
Verder fratelli, impresa di Milano f. 81.2
Verdi, politeama f. 69.3
Veronese f. 26.10
Veronese Armando f. 69.3
Verzetti f. 68.2; c. 94
Viale Carlo f. 3.1
Viale fratelli f. 68.2
Viarengo f. 72.2
Viazzi, notaio f. 27.4, 68.3
Vietti Ernesto f. 24.8; c. 91
Vietti Virginia f. 24.8
Villata, cav. di Asti f. 88.1
Viora r. 126; c. 143
Viora Emilia f. 28.1-4
Viora Mario, prof. f. 27.7-8, 28.1-.4; c. 99, 100
Virando Emilio, ing. f. 66.6
Visconti di Modrone f. 74.1
Vitale f. 29.5, 69.3
Vitale Oreste f. 68.2
Voglino Luigi, ditta c. 107
Volante, officina f. 69.1
Zaegna, conte c. 98
Zanni Alessandro f. 103.2
Zerbino Mario c. 96
Zoccola r. 103
Zoccola Francesco c. 80
Zoppi f. 41.5; r. 158; c. 81
Zoppi Vittoria f. 118.2
164 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

Zoppi, conte f. 74.1; c. 116


Zurletti Gallarate Francesca f. 74.1
L’archivio di Venanzio Guerci 165

Indice dei nomi di luogo

Acqui Terme, comune f. 36.1-6, 37.1-6, 66.2, 69.2, 73.3,


74.1, 76.3, 80.5, 88.1, 98.2, 118.4;
r. 139-152; c. 82, 107, 111-113, 130,
164
Albenga, comune f. 15.2
Alessandria, canton Gamondio f. 104.4
Alessandria, cascina Fornace c. 137
Alessandria, chiesa dei SS. Barnaba e Rocco f. 120.
Alessandria, chiesa di S. Andrea f. 102.3
Alessandria, chiesa di S. Francesco f. 22.1
Alessandria, chiesa di S. Maria di Castello f. 120.1; c. 11-15, 137
Alessandria, chiesa di S. Siro f. 102.3
Alessandria, circonvallazione f. 25.4, 69.2; c. 37
Alessandria, circonvallazione Liguria f. 31.6
Alessandria, cittadella f. 22.1
Alessandria, corso Crimea f. 4.1; c. 95
Alessandria, corso del Popolo f. 106.5
Alessandria, corso IV Novembre f. 12.4-5
Alessandria, corso Lamarmora f. 30.5, 69.2
Alessandria, corso Marini f. 104.6
Alessandria, corso Regina Margherita c. 174
Alessandria, corso Roma f. 1.2, 21.3, 31.1, 35.1, 68.1, 68.3,
105.3; c. 6, 7, 8, 81, 85, 94, 101,
103, 132
Alessandria, corso Spagna f. 68.1
Alessandria, corso XX Settembre c. 37
Alessandria, ex piazza d’Armi c. 37
Alessandria, frazione Cornaglie (S. Michele) f. 14.3
Alessandria, lungo Tanaro r. 103, 128, 130
Alessandria, manicomio f. 75.1
Alessandria, piazza Biffi f. 103.2; c. 58, 69
Alessandria, piazza D’Annunzio r. 100
Alessandria, piazza della Libertà f. 29.10, 120.7
Alessandria, piazza Garibaldi f. 68.2-3; c. 171
Alessandria, piazza Genova c. 62, 133
Alessandria, piazza Ghilini f. 18.3
Alessandria, piazza Goito c. 18
166 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

Alessandria, piazza Matteotti f. 73.1


Alessandria, piazza S. Stefano f. 103.2; c. 58, 69
Alessandria, piazza Tanaro c. 148
Alessandria, piazza Valfré f. 68.3
Alessandria, piazza Vittorio Emanuele f. 24.3, 25.10, 27.1; c. 6, 132
Alessandria, piazza Vittorio Veneto f. 15.4; r. 31; c. 132
Alessandria, piazzale della stazione f. 33.1
Alessandria, piazzetta della Lega f. 1.2, 16.4, 17.1, 24.7; r. 78, 125;
c. 6, 8, 11, 92
Alessandria, piazzetta Monferrato c. 131
Alessandria, piazzetta Monserrato f. 14.7, 69.2
Alessandria, Porta Marengo c. 58
Alessandria, Porta Ravanale c. 130
Alessandria, Porta Savona f. 104.4; c. 137
Alessandria, Porta Tanaro f. 103.2; c. 11, 54, 69
Alessandria, rione Pista f. 14.5, 31.6
Alessandria, sobborgo Cristo f. 26.17, 27.3, 69.2, 70.1, 74.1,
104.4, 111.3; r. 52; c. 29, 75, 90
Alessandria, sobborgo Orti f. 3.1, 68.2
Alessandria, spalto Gamondio f. 2.3, 2.5, 26.2; c. 74, 75
Alessandria, spalto Marengo f. 23.4
Alessandria, spalto Rovereto f. 26.10; c. 58
Alessandria, strada al Cristo f. 68.1
Alessandria, strada per Casalbagliano f. 27.3
Alessandria, strada per Valenza c. 96
Alessandria, Torre dei Gamberini f. 120.1
Alessandria, via 1821 f. 69.3
Alessandria, via Alessandro III f. 17.1; r. 125
Alessandria, via Ardigò f. 73.3
Alessandria, via Arnaldo da Brescia c. 95, 131
Alessandria, via Arnaldo Mussolini c. 95
Alessandria, via Aspromonte f. 69.3; c. 146
Alessandria, via Avellino c. 174
Alessandria, via Bergamo f. 25.5; c. 172
Alessandria, via Bologna f. 26.3
Alessandria, via Buonarroti c. 97
Alessandria, via Burgonzio f. 26.13; r. 81
Alessandria, via Caniggia f. 21.3
Alessandria, via cardinale Massaia f. 26.7, 26.8
Alessandria, via Cavour f. 26.15, 69.2, 102.3, 112.3, 113.3;
c. 179
Alessandria, via Cavour f. 70.1
Alessandria, via Chenna f. 24.8; c. 91
Alessandria, via Claro f. 25.1, 26.13, 34.1; r. 81
Alessandria, via Coniglio f. 25.3
L’archivio di Venanzio Guerci 167
Alessandria, via Cordara f. 25.4
Alessandria, via Dalmazzo r. 18
Alessandria, via Dante f. 18.3, 35.2, 69.2, 74.5, 105.6,
120.1; c. 37, 47
Alessandria, via dei Martiri c. 93
Alessandria, via del Castello f. 110.1
Alessandria, via del Corso c. 71
Alessandria, via del Demanio f. 25.3; r. 97; c. 108
Alessandria, via della Vittoria f. 103.2, 111.1, 111.4; c. 178
Alessandria, via dell’Ospedale Militare f. 24.4
Alessandria, via Donizzetti f. 68.2, 108.2; c. 139
Alessandria, via Faa di Bruno f. 26.15, 106.4, 114.5, 117.1; r. 31,
32, 76, 105; c. 78, 180, 182
Alessandria, via Felice Cavallotti f. 1.1, 69.2; r. 1
Alessandria, via Ferrara f. 110.1, 110.3, 110.6; c. 140, 177
Alessandria, via Ferrufini r. 101
Alessandria, via Galileo Ferraris f. 68.2
Alessandria, via Galileo Galilei f. 68.2
Alessandria, via Ghilini f. 33.3
Alessandria, via Gramsci f. 26.7-8
Alessandria, via Guasco f. 2.4, 25.10; r. 9, 101; c. 130
Alessandria, via Inveraldi f. 27.3
Alessandria, via Inviziati f. 102.3, 109.1, 112.3, 113.4; c. 91,
131, 145, 179
Alessandria, via Lamarmora f. 105.6
Alessandria, via Lanza f. 68.2
Alessandria, via Legnano f. 21.3
Alessandria, via Liguria f. 24.5
Alessandria, via Lodi f. 68.3
Alessandria, via Lombroso c. 76, 145
Alessandria, via Macchiavelli f. 24.9, 72.2; r. 105
Alessandria, via Malta f. 68.2, 104.6, 106.1; c. 172, 175
Alessandria, via Marengo della Battaglia f. 33.2, 33.4; r. 85; c. 107
Alessandria, via Marsala f. 24.9, 30.5, 107.1, 108.1, 114.5;
r. 31, 32, 76, 123; c. 144, 146, 169,
170, 180, 181
Alessandria, via Martiri f. 29.10
Alessandria, via Mazzini f. 69.1-2
Alessandria, via Mazzoni f. 25.1
Alessandria, via Merula f. 68.2
Alessandria, via Messina f. 24.5
Alessandria, via Migliara f. 68.3; c. 91
Alessandria, via Milano f. 27.1, 68.3, 102.5, 110.1; r. 94;
c. 92
Alessandria, via Modena f. 68.2; r. 93; c. 71
168 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

Alessandria, via Montegrappa f. 26.9


Alessandria, via Napoli f. 2.3, 27.6; c. 146
Alessandria, via Nostra Signora f. 68.1
Alessandria, via Nuova Legnano f. 70.1
Alessandria, via Palestro c. 131
Alessandria, via Parma f. 69.2, 105.6, 106.5; r. 79, 92
Alessandria, via Pastrengo f. 25.6
Alessandria, via Piacenza f. 1.1, 2.2, 68.3, 103.2, 104.6,
106.5, 109.1-2, 111.4; r. 1, 131
Alessandria, via Pio V r. 25
Alessandria, via Plana f. 14.8
Alessandria, via Pontida f. 24.6, 26.12, 69.2; r. 80; c. 131
Alessandria, via Rattazzi r. 120
Alessandria, via Roma f. 69.2
Alessandria, via S. Ambrogio c. 174
Alessandria, via S. Antonino c. 174
Alessandria, via S. Giacomo della Vittoria f. 25.3, 104.6
Alessandria, via S. Lorenzo f. 23.3, 25.7, 68.2, 110.1; c. 6, 8,
Alessandria, via S. Maria di Castello f. 31.5, 105.3; c. 183
Alessandria, via Savona f. 26.2
Alessandria, via Savonarola f. 21.3, 35.5, 68.1, 70.2; c. 130, 133
Alessandria, via Torino f. 68.3, 73.1
Alessandria, via Trento f. 68.2
Alessandria, via Tripoli f. 24.6, 35.2, 68.2, 70.2; r. 2831, 32,
76, 79; c. 180
Alessandria, via Trotti f. 25.5, 68.3; r. 7; c. 94
Alessandria, via Umberto I f. 27.1, 29.10, 35.3, 69.3; r. 94, 109
Alessandria, via Urbano f. 70.1
Alessandria, via Venezia f. 25.11, 26.1
Alessandria, via Verdi f. 25.10
Alessandria, via Verona c. 94, 130
Alessandria, via Verona c. 173
Alessandria, via Viotti r. 98
Alessandria, via Vittoria f. 25.2
Alessandria, via Vocchieri f. 28.1-4; r. 94; c. 92
Alessandria, via Wagner f. 31.6
Alessandria, via XX Settembre f. 24.2, 68.1, 69.2-3
Alessandria, via XXIV Maggio c. 133
Alessandria, viale Michel f. 108.2
Alessandria, viale Molino c. 37
Alessandria, viale Tivoli f. 111.3, 111.5
Alessandria, vicolo Dal Verme f. 14.6
Alessandria, vicolo Valle f. 25.9
Arquata Scrivia, comune r. 195
L’archivio di Venanzio Guerci 169
Asti, comune f. 38.1-7, 39.1, 65.1, 69.3, 71.3,
118.1; r. 117; c. 114, 134, 164
Bersezio f. 66.6
Beverate, comune c. 159
Biella, comune c. 159
Bologna, comune f. 99.1
Borbone, torrente f. 65.1
Borgoratto Alessandrino, comune f. 72.3
Bormida, torrente f. 34.2, 65.2, 66.1; r. 198, 200;
c. 140
Bosco Marengo, comune f. 40.1-3, 86.3, 120.1; r. 153, 154
Bruno, comune f. 40.4; r. 155
Cabella Ligure, comune r. 197
Caldirola, comune f. 40.5-6; r. 156; c. 115
Canale Carlo Alberto f. 25.3; r. 200, 201; c. 137, 140
Canale Cavour f. 80.3
Canelli, comune f. 75.1
Cantalupo, comune f. 40.7
Carpeneto, comune f. 48.6, 66.5
Carpeneto, comune f. 66.5
Carrega Ligure, comune r. 196, 197
Casalbagliano, comune f. 40.8
Casalcermelli, comune f. 41.1
Casale Monferrato, comune f. 41.2, 51.4, 65.4, 68.1, 76.4, 118.2,
119.2; r. 201; c. 132, 164
Cassine, comune f. 41.3-5, 74.1, 118.2, 120.1, 120.2;
r. 157, 158, 200; c. 116, 134
Castelceriolo, comune f. 41.6; r. 159
Castelferro, comune f. 41.7; r. 160; c. 117
Castellar Guidobono, comune r. 194
Castellazzo Bormida, comune f. 42.1-5, 66.1, 69.2, 70.1-2, 76.4,
86.3, 120.1; r. 161-165, 200; c. 132,
135
Castelnuovo Bormida, comune f. 43.1-3, 44.1, 69.3; c. 138
Castelnuovo d’Asti (ora Don Bosco), comune f. 51.4
Castiglione d’Asti, comune f. 51.4
Chicago f. 83.2
Chivasso, comune f. 27.8
Cornaglie, frazione c. 138
Corno Giovine c. 138
Costigliole d’Asti, comune r. 202
Cremolino, comune f. 66.5
Cuneo, comune c. 35
Denice, comune f. 71.2
170 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

Felizzano, comune f. 44.2-3; c. 132, 142


Firenze, comune f. 83.2, 99.1; c. 148
Francavilla, comune f. 45.1; r. 166
Frugarolo, comune f. 69.2, 86.3; c. 142
Gamalero, comune f. 45.2, 72.3; c. 118
Gaminella, rio f. 66.3
Garbagna, comune f. 45.3, 65.3; r. 199
Gattinara, comune f. 45.4, 46.5, 68.3; r. 167
Genova Sanpierdarena r. 55
Genova, comune f. 65.2, 66.4, 67.2, 68.3, 74.2, 77.1;
c. 161
Ginevra c. 159
Grillano, frazione di Ovada f. 48.6
Grue, torrente f. 65.3; r. 199
Guardia, frazione di Ovada f. 48.6
Guazzora, comune f. 46.4
Incisa Belbo, comune f. 46.1-3, 51.4, 70.2; r. 168-170;
c. 134, 135
Isola S. Antonio, comune f. 46.4, 74.1
Limone Piemonte, comune c. 129
Loreto, rio f. 68.2
Lozzolo, comune f. 46.5
Lu, comune f. 46.6
Madrid f. 80.3
Malvicino, comune f. 46.7
Maranzana, comune f. 66.1
Marengo f. 120.1
Masoero, comune f. 46.8
Milano, comune f. 67.2, 72.2, 74.2, 75.1, 77.1, 83.2,
119.4; c. 97, 148, 159
Mombaldone, comune f. 71.2,
Mombaruzzo, comune f. 47.1, 47.2,; c. 84
Monastero Bormida, comune f. 47.3, 65.2; r. 198
Mongiardino Ligure, comune f. 120.1
Montaldo, comune f. 48.6, 66.5
Montecatini, comune f. 90.1; c. 136
Montechiaro d’Asti, comune f. 71.2
Novalesa, chiesa r. 205
Novara, comune c. 64, 132
Novi Ligure, comune f. 48.1-4, 66.2, 67.1, 68.3, 84.4;
c. 119, 120, 132
Oneglia, comune c. 159
Orba, torrente f. 34.2, 48.6, 66.5, 66.7
Oulx, comune f. 48.5
Ovada, comune f. 48.6, 66.5, 66.7
L’archivio di Venanzio Guerci 171
Oviglio, comune f. 88.3
Padova, comune f. 71.2, 67.2, 118.1; c. 141, 185, 186
Palermo, comune f. 83.2
Parigi f. 83.2
Parma, comune f. 118.5; c. 134
Pavia, comune f. 65.4, 119.2; r. 201
Pecetto di Valenza, comune f. 48.7, 48.8
Pegli, comune f. 49.1; r. 171
Philadelphia f. 80.4, 83.2
Piacenza, comune f. 67.2; c. 137
Pietramarazzi, comune f. 49.2
Pieve del Cairo, comune f. 65.
Po, fiume f. 65.4, 99.1
Pontecurone, comune f. 49.3
Predosa, comune f. 49.4; r. 172
Quargnento, comune f. 50.1-4, 51.1-3; r. 173-176; c. 121,
142, 143
Quattordio, comune f. 66.3
Ravanasco, torrente f. 37.2, 66.2
Refrancore, comune f. 51.4-6; r. 177; c. 134, 135
Rivalta Bormida, comune f. 52.1; r. 178-180; c. 138
Roasio, comune f. 52.2; r. 181
Roccaverano, comune f. 71.2
Roma, comune f. 99.1, 118.5; r. 206
Salso, rio f. 69.3
Saluzzo, comune f. 120.3
San Giorgio Monferrato, comune c. 138
San Giuliano Piemonte, comune f. 52.3
San Salvatore Monferrato, comune f. 51.2, 52.4, 74.1; c. 138, 145
Sanpierdarena r. 55
Savona, comune f. 66.4, 74.4
Serravalle Scrivia, comune f. 51.4
Sestri Ponente, comune c. 140
Sezzadio, comune f. 34.2, 52.5
Spigno, comune f. 65.2
Spinetta Marengo, comune f. 52.6, 81.1, 109.2; r. 182; c. 122,
134, 135
Strevi, comune f. 69.3
Stura, torrente f. 66.6
Tagliolo, comune f. 52.7, 53.1, 53.2, 71.3; r. 183;
c. 145
Tanaro, fiume f. 66.8, 120.6
Terzo d’Acqui, comune f. 66.4
Torino, comune f. 65.4, 66.3, 67.1-2, 69.2, 73.1,
74.2, 76.1, 76.4, 77.1, 78.2, 83.2,
172 Dimitri Brunetti, Daniela Cabella

100.1, 119.2 ; r. 201; c. 40, 6297,


107, 148, 159, 184
Torriglia, comune r. 196
Tortona, comune f. 54.1-5, 65.3, 78.1, 92.1, 99.1;
r. 184, 185, 199; c. 123, 138, 143,
148
Trisobbio, comune f. 48.6, 66.5
Valenza, comune f. 55.1-2, 56.1, 57.1, 58.1, 59.1,
60.1, 61.1, 62.1-2, 63.1, 65.4 67.1,
68.1, 76.4, 80.5, 81.1, 92.1; r. 186-
192; c. 88, 124-128, 138, 148, 164
Valle Quarta, frazione c. 138
Valle San Bartolomeo, comune f. 68.1, 86.3, 102.5; c. 77
Valmadonna, cascina “La Madonnina” f. 112.1-3
Valmadonna, comune f. 63.2-5, 68.2-3; r. 218
Variglie, comune f. 51.4
Venaria (Veneria), comune c. 132
Venezia, comune f. 83.2
Vercelli, comune f. 63.6
Verona, comune f. 67.2
Vho, frazione di Tortona f. 54.2
Viatosto, comune f. 63.7
Viguzzolo, comune f. 63.8, 64.1-2, 70.2, 84.4; r. 193,
194
Villa del Foro f. 120.6
Villanova d’Asti, comune f. 120.1
Villar Perosa, comune c. 159
Vinchio, comune f. 64.3, 64.4
Voghera, comune f. 76.4
Volpedo, comune c. 145
Indice

Introduzione
Una famiglia di costruttori alessandrini: i Guerci e il loro contributo
al rinnovamento urbanistico di Alessandria alla fine del secolo XIX V
di Gian Maria Panizza

L’archivio di Venanzio Guerci ingegnere alessandrino 1


di Dimitri Brunetti e Daniela Cabella

Nota alla pubblicazione dell’inventario 3

Introduzione all’inventario 5
L’archivio Guerci all’avvio del riordino 5
Cenni di metodologia del lavoro e descrizione
della struttura del fondo 6
Il condizionamento dell’archivio 8
Guida alla lettura degli inventari 9

Schema di ordinamento 11

Inventario 17
Titolo 1 – Progetti, collaudi, perizie e lavori diversi 19
Titolo 2 – Documentazione di lavoro 112
Titolo 3 – Famiglia e carte personali 127

Indici 149
Indice dei nomi di persona 151
Indice dei nomi di luogo 165
Finito di stampare nel giugno 2004
da Ideanet s.r.l. in Torino
per conto delle Edizioni dell’Orso