Sei sulla pagina 1di 9

Realtà organismo unitario (Assoluto/Infinito), in cui tutto ciò che esiste

è una manifestazione del tutto.


ASSOLUTO (identità di ragione e realtà, oggetto e soggetto, finito e
infinito) continuo divenire, processo dinamico di realizzazione che si
esplica attraverso 3 momenti dell’IDEA

IDEA in sé e per sé (TESI)


Considerata in se stessa, IDEA fuori di sé (ANTITESI)
prescindendo dalla sua Il suo essere altro da sé
realizzazione nel mondo
Alienazione dell’idea nella natura
(Dio nella sua massima
purezza/struttura logico-razionale
realtà)
IDEA che torna in sé (SINTESI)
È lo SPIRITO che dopo essersi alienato nella
natura, acquista coscienza di sé nell’uomo
Triade non cronologica ma ideale lo Spirito che esiste nella realtà è
1
coeterno alla natura e alla struttura logico-razionale
Ai 3 momenti dell’Idea corrispondono le 3 sezioni del sapere filosofico

Dottrina dell’Essere FILOSOFIA DELLA Meccanica


LOGICA NATURA
Dell’Essenza Fisica
(studia l’idea (studio Idea nel
in sé ) Del concetto suo alienarsi nella organica
natura)

Antropologia
Fenomenologia
Soggettivo
FILOSOFIA Psicologia
DELLO SPIRITO
Studia l’idea Diritto
che torna in
Morale
sé, nelle forme Oggettivo
Eticità
di Spirito

Arte
Assoluto Religione
Filosofia 2
DIALETTICA
L’Assoluto è divenire  continuo, processo dinamico di realizzazione
che si esplica attraverso 3 momenti dell’IDEA
La legge che regola il divenire è la dialettica  è legge logica
(permette di comprendere come si sviluppa la realtà) e ontologica (è
la legge che struttura il divenire storico)
Hegel applica la dottrina del divenire dialettico a qualunque
elemento della realtà; ogni aspetto della realtà si afferma, si nega e si
supera.
La trasformazione è una legge universale, regolata dai tre momenti.
Per esistere ogni cosa deve trasformarsi, cambiare e questo implica
che ogni cosa debba negare se stessa, divenire l’opposto di se stessa
per poi trovare una sintesi.
Pensare la realtà significa pensarla dialetticamente, interpretarla
come una totalità processuale che procede secondo lo schema
triadico di tesi, antitesi e sintesi
3
Anche il pensiero umano segue la legge della dialettica
DIALETTICA
3 momenti
1. Astratto o intellettuale (tesi)il pensiero afferma un concetto
astratto e limitato - concepisce la realtà come una molteplicità si
cose separate e considerate solo in base alle loro differenze.
Il pensiero intellettuale è rigido e riconosce solo opposizioni
2. Dialettico o negativo-razionale (antitesi)nega il concetto della
tesi e lo mette in relazione con un concetto opposto (es. il
concetto di uno richiama quello di molti, bene/male…)
3. Speculativo o positivo-razionale (sintesi)  ricompone
sinteticamente le opposizioni, cogliendo l’unità, superando i due
momenti astratti in una sintesi che coglie e comprende quanto di
vero esisteva della tesi, dell’antitesi e della loro lotta
È possibile grazie alla RAGIONE che pensa in modo dinamico ed è in grado di
cogliere l’unità degli opposti in una sintesi superiore – l’INTELLETTO pensa in
modo statico, considerando le determinazioni solo nella loro reciproca 4
esclusione
DIALETTICA
- Intelletto, ragione dialettica, ragione speculativa non vanno intesi
come facoltà mentali diverse l’intelletto è sempre ragione ma che si
irrigidisce nelle distinzioni
Che significato ha la dialettica hegeliana?
- È un movimento circolare e a spirale in cui ogni sintesi diviene un
ulteriore prima tesi, cui si oppone un’antitesi, superata dal momento
di sintesi …fino al compimento del processo globale dell’Assoluto 
movimento che illustra una delle tesi del pensiero hegeliano – la
risoluzione del finito nell’infinito – ogni spicchio di realtà non ha vita
autonoma e può esistere solo in un contesto di rapporti
-Esprime il processo con cui le varie determinazioni della realtà
perdono la loro rigidità e diventano “momenti” di un’idea unica e
infinita
-Esprime una concezione ottimistica perché molteplicità e conflitti,
5
anche se reali, sono momenti di passaggio destinati a essere pacificati
Movimento circolare, a spirale,
dinamico (il finito esiste solo in un
contesto di rapporti in cui costituisce
un momento dell’Idea)

Dialettica
Conflitti e negatività come momenti
di passaggio di un’evoluzione con
esito positivo

Sintesi finale chiusa  ha un punto di


arrivo (lo Spirito che arriva al pieno
possesso di sé)

6
Struttura triadica
Influenza della teologia cristiana e della mistica tedesca
protestante?

Dio nega la sua infinità facendosi


uomo

muore come uomo,


negando la negazione dell’infinità
e tornando infinità

Padre - figlio - spirito santo


7
Hegel vs Illuministi considerano la ragione come intelletto
astratto (finito e parziale), strumento adatto solo a
esprimere le aspirazioni degli individui.
La Ragione degli Illuministi pretende di giudicare la storia
mentre
la realtà per Hegel è sempre come dovrebbe essere

Hegel vs Kant  che ha costruito una filosofia del finito,


creando antitesi tra finito e infinito, fenomeno e noumeno,
essere e dovere essere
Per Hegel la realtà è una, fenomeno e noumeno
coincidono, la realtà è ragione

8
Hegel vs Romantici
- contesta il primato conferito al sentimento, all’arte e alla fede,
come vie immediate per cogliere l’Infinito (a scapito della
ragione)
- contesta l’individualismo e il narcisismo che impediscono di
cogliere il corso della storia e la razionalità delle istituzioni
esistenti

Figlio della cultura romantica (tematiche in comune -


infinito/sviluppo provvidenziale storia) ma esito differente

Potrebbero piacerti anche