Sei sulla pagina 1di 160

IL MATTONE RITROVATO

Manuale per la gestione


dei rifiuti da costruzione e
demolizione in
Provincia di Bologna
in applicazione
dell’Accordo di Programma
a cura di Ernesto Antonini e Vincenzo Donati

Prefazione di Edo Ronchi


Questo Manuale fornisce le informazioni e gli strumenti essenziali per l’applicazione dell’Accordo di Programma per il recupero
dei residui da costruzione e demolizione della Provincia di Bologna, approvato dal Consiglio Provinciale con Delibera n. 70 del
24/07/2001 e successivamente integrato con Delibera n. 90 del Consiglio Provinciale del 23/07/2002.
Il Manuale contiene:
 il testo completo dell’Accordo di Programma;
 le sintesi delle Direttive e Specifiche Tecniche di attuazione dell’Accordo.
Il testo integrale delle Direttive e Specifiche Tecniche di attuazione dell’Accordo (approvate dal Comitato Tecnico di attuazione
dell’Accordo il 31.03.2003) e ulteriori informazioni e aggiornamenti sull’attuazione dell’Accordo stesso e sui sottoscrittori sono
disponibili sul sito web della Provincia di Bologna, all’indirizzo: www.provincia.bologna.it/ambiente/osservatoriorifiuti
Il manuale è stato elaborato a cura dell’Osservatorio Provinciale Rifiuti, con il contributo di: Dipartimento DIEM e DICMA della Facoltà
di Ingegneria dell’Università di Bologna, ANPAR, QUASCO.
I testi sono tratti dalle Direttive e Specifiche Tecniche di attuazione dell’Accordo, elaborate da Alfonso Andretta, Ernesto Antonini,
Alessandra Bonoli, Vincenzo Donati, Carlo Foresti, Sante Fabbri;
Le direttive tecniche sono state approvate dal Comitato Tecnico così costituito:
Presidente Forte Clò, Assessore all’ambiente Prov. di Bologna 1999-2004
Segretario Vincenzo Donati
Provincia di Bologna Giancarlo Frè, Gianpaolo Soverini, Claudio Benni
Comune di Bologna Roberta Mazzetti
Comune di Imola Massimiliano Stagni
Comune di San Giovanni in Persiceto Marilena Gozzi
Comune di Vergato Gianpaolo Zaccanti
CCIAA Francesco Stefani
ATO5 Marco Morselli
Collegio Costruttori Carlo Barbieri, Lorenzo Desole
Assindustria Nerio Turra, Cristiana Calabritto
ANPAR Tito Cuoghi , Marino Capra
API Andrea Giacominelli, Carlo Alfei
CNA Ivo Maldina, Elena Giusti
Confartigianato Emanuele Monaci, Giampaolo Mengoli
Legacoop Mirco Mascagni, Tiziano Tassoni
Confcooperative Dante Lorenzini
ASCOM Massimo Restani, Andrea Zanini
Confesercenti Roberto Ramina
ANAB Stefano Delli
UPPI Alberto Zanni
ANACI Guia Guerzoni
Ordine Ingegneri Jgor Di Sabato
Ordine Architetti Gionata Bonatelli
Ordine Geologi Luca Grillini
Collegio dei Geometri Giuseppe De Laurentis
Collegio dei Periti Ivano Manara
Ordine Agronomi Maria Luisa Boriani
Hera Bologna Franco Gotti
Hera Imola Luca Bartolucci
Cosea Valentino Bonucchi
Geovest Florio Cavani

Copyright © 2004 Provincia di Bologna Il manuale è stato redatto da:


Strada Maggiore, 80 Bologna  Vincenzo Donati Responsabilità e coordinamento generale
 Ernesto Antonini Coordinamento editoriale e consulenza tecnica
 Paolo Gironi Coordinamento redazionale
 Matteo Collini Supporto tecnico
Progetto grafico: Vincenzo Corvaglia, realizzazione Hemingway s.r.l.

La proprietà letteraria e tutti i diritti sono riservati. La struttura e il contenuto del presente volume non possono essere riprodotti, neppure parzialmente,
salvo espressa autorizzazione.
Benché gli autori e l’editore abbiano curato con la massima attenzione la preparazione della presente raccolta normativa, declinano ogni responsabilità
per possibili errori e/o omissioni, nonché per eventuali danni derivanti dall’uso improprio delle informazioni ivi contenute.
Indice generale

Prefazione 9

Presentazione 11

Introduzione 13

L’ ACCORDO DI PROGRAMA 17

UNA COLLABORAZIONE ATTIVA FRA PUBBLICO E PRIVATO 18

IL RECUPERO DEI RESIDUI DA COSTRUZIONE 18


E DEMOLIZIONE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA
Le finalità dell’Accordo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
Il campo di applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
I Sottoscrittori e gli Aderenti all’Accordo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
Il funzionamento e gli Organismi dell’Accordo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
Le azioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
Gli obiettivi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23

MODALITÀ DI GESTIONE DEI RIFIUTI PREVISTE DALL’ACCORDO 24


Demolizione selettiva. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
Deposito temporaneo dei rifiuti da costruzione e demolizione . . . . . . . . . . . . . . . . 24
Centri di raccolta di rifiuti di costruzione e demolizione e loro conferimento . . . 25
Riutilizzo dei materiali e componenti edilizi derivanti dalla demolizione . . . . . . . 25
Riutilizzo del fresato derivante dalla scarifica stradale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
Riutilizzo dei materiali inerti da C&D. nello stesso cantiere di produzione . . . . . . 25
Utilizzo di terre e rocce di scavo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
Gestione degli impianti di recupero di rifiuti inerti di costruzione e demolizione . 26
Recupero di rifiuti inerti diversi da quelli derivanti da costruzione e demolizione 26
Direttive e Specifiche Tecniche di attuazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
4 INDICE GENERALE

1 DIRETTIVA TECNICA 1 29
RIFIUTI OGGETTO DELL’ACCORDO
1.1. Fonti e riferimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
1.2. Finalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
1.3. Elenco A - Rifiuti derivanti dalle attività di costruzione e demolizione di edifici e
infrastrutture . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
1.4. Elenco B - Rifiuti derivanti da attività produttive di cui all’allegato 1,
sub-allegato 1 del D.M. 05.02.98, recuperabili nella produzione di
materiali da costruzione nel rispetto delle norme ivi contenute . . . . . . . . . . . . . . . 32

2. DIRETTIVA TECNICA 2 35
LINEE GUIDA E ISTRUZIONI TECNICHE PER LA DEMOLIZIONE
E LA DIFFERENZIAZIONE IN FRAZIONI OMOGENEE DEI RESIDUI ALL’ORIGINE
2.1. Fonti e riferimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
2.2. Differenziare e separare. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
2.3. Come si fa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
2.4. La demolizione selettiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
2.5. Soggetti coinvolti e i loro compiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
2.6 . Chi fa cosa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40

3. DIRETTIVA TECNICA 3 41
SPECIFICHE TECNICHE PER LA GESTIONE DEI MATERIALI
E COMPONENTI DIRETTAMENTE RIUSABILI
3.1. Fonti e riferimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
3.2. Componenti riusabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
3.3. Valutazione delle possibilità di riuso dei componenti: schede tecniche . . . . . . . . 42
• Trave in legno, tavolato in legno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
• Tavella in laterizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
• Mattone in laterizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
• Concio in pietra naturale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
• Trave in ferro (acciaio) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
• Coppi in laterizio, tegole in laterizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
• Scandola in legno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
• Lastre ondulate per coperture in materiale plastico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
• Comignolo in laterizio (monolitico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
• Canale di gronda, pluviale (in lamiera metallica) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
• Piastrelle in ceramica smaltate (per pavimentazioni e rivestimenti). . . . . . . . . 54
• Piastrelle in ceramica non smaltate greificate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
• Lastra da pavimentazione o rivestimento in pietra naturale . . . . . . . . . . . . . . . 56
• Listoni, listelli, doghe in legno da parquet . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
• Caminetto in pietra naturale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
• Battiscopa in legno. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
• Davanzale, soglia, gradino in marmo o pietra naturale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60
• Ante, persiane oscuranti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
• Finestre e porte finestre . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62
INDICE GENERALE 5

• Porte esterne e portoni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63


• Porte interne. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
• Lucernari, abbaini, ecc . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
• Parapetti, balaustre, inferriate e recinzioni in profilati di acciaio saldati o chiodati 66
• Apparecchi sanitari (lavello/lavabo, bidet, vasca, piatto doccia, WC). . . . . . . . . 67
• Rubinetteria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
• Corpo scaldante (radiatore, convettore) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69

4. DIRETTIVA TECNICA 4 71
MODALITÀ DI GESTIONE DEI DEPOSITI TEMPORANEI A SERVIZIO DI PIÙ
CANTIERI DELLA STESSA IMPRESA E DEI DEPOSITI TEMPORANEI
COLLETTIVI A SERVIZIO DI PIÙ IMPRESE
4.1. Fonti e riferimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
4.2. Deposito temporaneo a servizio di più cantieri della stessa impresa . . . . . . . . . . . 72
• Definizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
• Localizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
• Modalità di attivazione e di gestione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
• Modulo di attivazione del deposito a servizio di più cantieri della stessa impresa 75
4.3. Depositi temporanei collettivi a servizio di più cantieri della stessa impresa . . . 77
• Definizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
• Localizzazione e diffusione impianti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 78
• Attivazione del deposito temporaneo collettivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 78
• Attrezzature, impiantistica e macchinari: standard minimi . . . . . . . . . . . . . . . . . 78
• Requisiti gestionali minimi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
• Modulo di adesione al Deposito Temporaneo Collettivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84
• Schema di delibera di costituzione di consorzio e/o associazione finalizzata
alla costituzione del deposito temporaneo collettivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86
• Bozza di convenzione tra l’Associazione (...) e l’impianto autorizzato,
incaricato alla gestione del deposito temporaneo collettivo . . . . . . . . . . . . . . . 88
• Bozza di bollettario di conferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
4.4. Tipologie di rifiuti ammessi nei depositi temporanei . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91

5. DIRETTIVA TECNICA 5 93
LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI RICICLAGGIO
DEI RIFIUTI INERTI
5.1. Fonti e riferimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94
5.2. Impianti di riciclaggio di rifiuti inerti da c&d . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94
5.3. Localizzazione degli impianti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
5.4. Rifiuti in ingresso agli impianti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
5.5. Layout e organizzazione funzionale del processo di recupero . . . . . . . . . . . . . . . . . 96
• Layout . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96
• Procedure di accettazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
• Procedure di registrazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99
• Procedure per l’esercizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99
5.6. Attrezzature, impiantistica e macchinari: standard minimi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 100
5.7. Requisiti gestionali minimi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
6 INDICE GENERALE

6. DIRETTIVA TECNICA 6 105


SPECIFICHE TECNICHE PER L’IDENTIFICAZIONE DELLE CARATTERISTICHE
E DEGLI STANDARD QUALITATIVI DEI MATERIALI PRODOTTI DAL RICICLAGGIO
E DESTINATI AD IMPIEGHI NELLE COSTRUZIONI
6.1. Fonti e riferimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106
6.2. Premessa. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106
6.3. Campionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106
6.4. I prodotti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 107
6.5. Descrizione delle principali prove: schede tecniche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106
• Il test di cessione D.M. 05/02/1998 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111
• Determinazione della massa volumica apparente in cumulo. . . . . . . . . . . . . . . 112
• Prova per la determinazione della umidità naturale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
• Analisi granulometriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
- Analisi granulometrica per setacciatura
- Analisi granulometrica per sedimentazione
- Analisi granulometrica con granulometro laser
• Limiti di Atterberg, plasticità. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115
• Prova di determinazione dell’equivalente in sabbia ES ASTM 2419 . . . . . . . . . 115
• Classificazione UNI-CNR 10006 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116
• Prova di compattazione Proctor modificata ASTM d 698-42 t . . . . . . . . . . . . . . 116
• Determinazione dell’indice C.B.R. (California Bearing Ratio) ASTM D 1883. . . . . . 117
• R.I.H.N. indice di resistenza all’impatto della roccia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 118
• Point load test . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 118

7. DIRETTIVA TECNICA 7 119


LINEE DI INDIRIZZO PER I COMUNI
7.1. Fonti e riferimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
7.2. Azioni e strumenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
7.3. Gli impegni per i comuni previsti nell’Accordo di Programma . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
7.4. Regolamento edilizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 121
• Adeguamento del Regolamento Edilizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122
7.5. Regolamento rifiuti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122
• Adeguamento del regolamento per la gestione dei rifiuti urbani. . . . . . . . . . . 124
- Possibilità di conferimento dei rifiuti inerti domestici derivanti dal “fai da te”
- Gestione di piccoli quantitativi di rifiuti in cemento-amianto
- Controllo degli abbandoni e dei depositi incontrollati
- Rimozione dei rifiuti da C&D abbandonati
- Depositi temporanei dei rifiuti presso i cantieri di costruzione e demolizione
7.6 Regolamento per l’occupazione di suolo e di aree pubbliche. . . . . . . . . . . . . . . . . 126
• Adeguamento del Regolamento per l’occupazione di suolo e di aree pubbliche 126
7.7. Capitolati di appalto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126
Adeguamento dei capitolati di appalto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126
• Prescrizioni riguardanti la fase di produzione dei residui . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127
• Voci relative alla utilizzazione nelle lavorazione di prodotti derivanti da residui C&D 127
7.8. Pianificazione urbanistica comunale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 128
• Adeguamento degli strumenti urbanistici comunali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 128
INDICE GENERALE 7

ALLEGATO A - Testo coordinato dell’Accordo di Programma e moduli per l’adesione


per le imprese e i professionisti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 129
• Modulo di adesione all’Accordo per le imprese . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147
• Modulo di adesione all’Accordo per i professionisti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 148
ALLEGATO B - Elenco e localizzazione degli impianti di recupero . . . . . . . . . . . . . . . . 149
ALLEGATO C - Elenco dei Sottoscrittori all’Accordo di Programma . . . . . . . . . . . . . . . 153
8
9

Prefazione

La qualità ambientale può diventare una leva formidabile,


oggi la più significativa, dell’innovazione delle produzione e
delle tecnologie, del rilancio dello sviluppo, di una concreta
risposta ai rischi di declino economico dell’Italia, nell’attuale
contesto della globalizzazione crescente dei mercati.
Di uno sviluppo di qualità, sostenibile e durevole, che è anche
una delle vie da privilegiare per un Paese come l’Italia che
vede le sue presenze più significative, ed ancora oggi più
promettenti sui mercati, legate sia ad un’immagine di qualità
e bellezza, sia a produzioni coerenti con tale immagine
consolidata.
L’elevata qualità ambientale, se perseguita con innovazione
tecnologica di processo e di prodotto, con aumento
dell’efficienza e della produttività delle risorse naturali,
dell’energia e dei materiali, e con rinnovate capacità di
gestione, anziché un vincolo diventa un’effettiva opportunità
anche economica.
Può portare una prospettiva “win-win”, dove molti possano
risultare vincitori, dove si possano ottenere doppi vantaggi:
ambientali ed economici.
Una strategia che richiede, non mi stancherò mai di ripeterlo
in ogni occasione, partecipazione di tutti gli attori interessati,
politici e sociali, in particolare di quelli economici.
La partecipazione dei soggetti economici alle politiche di
sviluppo sostenibile si basa su due presupposti: un interesse
comune che richiede regole da condividere (si partecipa per
condividere questo interesse comune e assicurare il rispetto
delle regole che lo tutelano); vantaggi aggiuntivi che non vi
sarebbero o che sarebbero minori senza tale partecipazione.
Una gestione ecoefficiente dei rifiuti da costruzione e
demolizione, promossa dall’Accordo di Programma e da
questo Manuale tecnico elaborato dall’Osservatorio Rifiuti
della Provincia di Bologna, può essere una applicazione di
questa strategia che ispira la normativa del settore, a partire
dal D.lvo 22/97: dall’ambiente alla qualità dello sviluppo, dal
rifiuto alla risorsa.
I rifiuti derivanti da attività di costruzione, demolizione e
scavo sono quantità ingenti. Secondo i dati ufficiali (ANPA,
10

2001) 19,4 milioni di tonnellate di tali rifiuti sono gestiti in


maniera controllata: di questi il 66% è destinato ad operazioni
di recupero ed il 34% viene ancora smaltito in discarica. Ma
quanti sono i rifiuti da demolizione e costruzione che escono
dal circuito controllato e finiscono ancora oggi in abbandoni
e discariche abusive?
Lo smaltimento in discarica di questi rifiuti non è solo un
costo ambientale diretto, quello della discarica, ma è anche
una potenziale premessa per l’abbandono e allo smaltimento
abusivo.
Per diverse ragioni: se il rifiuto è da buttare, e non da
riutilizzare, lo si butta; la discarica può essere lontana, il
trasporto costa e fa perdere tempo.
Il modo migliore per contrastare gli abbandoni e gli smaltimenti
illeciti è quello di costruire un ciclo di recupero dei rifiuti ben
funzionante, efficace ed economico.
La situazione in Provincia di Bologna è decisamente migliore
della media nazionale con circa 470 mila tonnellate di
recupero e solo 450 avviate a smaltimento. Ma anche qui
è probabile che una quota importante di tali rifiuti sfugga
dal controllo. Partendo da un sistema di recupero già ben
avviato, con numerosi operatori economici già presenti nel
settore, è possibile, incoraggiando buone pratiche, buone
tecnologie e gestioni più efficienti, non solo recuperare una
quota maggiore dei rifiuti prodotti che sfuggono ai controlli,
ma migliorare efficacia e redditività economica delle attività
di recupero, ottenendo maggiori prodotti riutilizzabili e
prodotti di migliore qualità che consentono un doppio
vantaggio: sostituire effettivamente materie prime vergini,
con risparmio di cave e di territorio, spuntare prezzi migliori e
una significativa capacità di affermarsi sul mercato.
Questo manuale può dare una mano concreta e importante
in questa direzione perché è ben fatto e perché può favorire
la crescita di una esperienza, gestionale e produttiva, di
eccellenza, in questo settore, in Provincia di Bologna.

Edo Ronchi
11

Presentazione

Questa pubblicazione è il frutto di un lavoro condotto ormai


da alcuni anni dagli uffici della Provincia, con la preziosa
collaborazione delle Associazioni di categoria e degli Ordini
professionali. La sua finalità è quella di sistematizzare,
rendendoli facilmente applicabili, i contenuti dell’Accordo
di Programma per il recupero dei residui da costruzione e
demolizione, in vigore dal 2001 e la cui discussione è iniziata
dal 1999.
Nelle pagine di questo manuale sono stati raccolti, classificati
e illustrati tutti gli strumenti tecnici ed operativi, concordati
tra l’amministrazione e gli operatori del settore edile (imprese,
professionisti e committenti) per mettere in pratica una gestione
ecocompatibile dei rifiuti da costruzione e demolizione.
L’accezione di compatibilità ambientale che sta alla base di
questo “manuale” dimostra che il rispetto dell’ambiente può
incontrare, in un percorso sinergico, l’interesse economico
di un settore articolato come è quello delle costruzioni edili.
Questo aggiunge un altro tassello al quadro che negli ultimi
anni è venuto delineandosi con sempre maggiore chiarezza in
fatto di politiche di salvaguardia dell’ambiente; il traguardo
della compatibilità ambientale non solo è al servizio degli
interessi di tutti, ma può esserlo anche per un singolo comparto
economico e per i suoi operatori, a patto che siano disposti
ad applicare sistemi di regole condivisi, più efficienti e più
lungimiranti.
Tenere distinte terre e rocce di scavo dagli altri materiali di
risulta, separare i materiali lapidei inerti dagli altri prodotti da
demolizioni (metalli, legno ecc.), perseguire cioè la demolizione
selettiva, significa recuperare una buona parte di ciò che fino
a ieri era solo rifiuto, per riutilizzarla come nuova materia
prima e quindi come un bene che ha un valore. Dai rifiuti
di costruzione e demolizione si ricavano eccellenti materiali
inerti riciclati, che possono essere efficacemente impiegati
in sostituzione di quelli naturali in molte opere, pubbliche
e private. Lo stesso vale per altri rifiuti, come ad esempio
quelli lignei (infissi, travi ecc.), da cui si recupera materia per
realizzare prodotti a base di legno riciclato (come i pannelli in
truciolare) o energia, bruciandoli in appositi impianti.
12

A ciò si aggiungono altri due fondamentali vantaggi: il


risparmio di territorio, per la mancata realizzazione di
nuove cave e discariche, ed il risparmio energetico e idrico.
La produzione di inerte riciclato richiede infatti un minore
impiego di energia e di acqua, oltre alla riduzione della
necessità di trasporti con mezzi pesanti.
Raccoglieremo dunque, da qui in avanti, i buoni frutti di un
lavoro, iniziato nel mandato precedente, che è mia intenzione,
assieme alla nuova Giunta, continuare a sostenere con
dedizione ed impegno.

Emanuele Burgin
Assessore all’Ambiente della Provincia di Bologna
13

Introduzione

L’ACCORDO DI PROGRAMMA
Con il decreto legislativo 5 febbraio 1997 n. 22 (“Decreto
Ronchi”), la normativa italiana sui rifiuti è stata completamente
riformata, adeguandola alle direttive europee
La nuova normativa considera la gestione dei rifiuti un
aspetto fondamentale delle politiche di tutela dell’ambiente
e stabilisce che tutti i soggetti coinvolti nel ciclo dei rifiuti
– cittadini, imprese e pubbliche amministrazioni – devono
fare responsabilmente la loro parte, cooperando fra loro per
ottenere i migliori risultati, in nome dell’interesse comune a
vivere in un ambiente sano e protetto.
Per promuovere la leale collaborazione fra pubbliche
amministrazioni, soggetti privati ed associazioni di categoria,
il “Decreto Ronchi” ha previsto la possibilità che vengano
stipulati accordi di programma su base volontaria, che
consentono di adeguare l’applicazione delle norme alle
specifiche situazioni e condizioni produttive locali. Possono
così essere trovate le soluzioni più efficaci per superare le
difficoltà interpretative legate alla attuazione delle norme e per
dare concreta operatività all’impegno comune di trasformare
i rifiuti da problema per l’ambiente a risorsa per la collettività
e per gli operatori economici.
In questo spirito, la Provincia di Bologna ha promosso
l’Accordo di Programma per la gestione dei residui da
costruzione e demolizione, operativo dal 2002 con l’obiettivo
di favorire una gestione efficace, efficiente, economica e
trasparente di detti residui, basata sulla cooperazione di tutti
i soggetti pubblici e privati coinvolti nel ciclo dei rifiuti.
L’Accordo di Programma comprende un insieme azioni che
i Sottoscrittori si impegnano ad attuare in tutte le fasi del
ciclo dei rifiuti, per minimizzare la pericolosità, ridurre la
quantità ed aumentare il recupero e il riciclaggio. Per rendere
operativi questi impegni, semplificare l’applicazione della
normativa e promuovere il conseguimento degli obiettivi di
tutela dell’ambiente che lo ispirano, l’Accordo di Programma
specifica le modalità e le procedure da adottare per la corretta
esecuzione di alcune fasi particolarmente significative della
14

gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione.


Queste modalità e procedure costituiscono le “Direttive e
Specifiche Tecniche di attuazione dell’Accordo di Programma”,
che sono state messe a punto da un Comitato Tecnico
appositamente costituito, quindi esaminate ed approvate
dall’Assemblea dell’Accordo.
QUESTO MANUALE
Demolire in modo selettivo; raggruppare e movimentare i rifiuti
separati per tipologie; avviare ogni frazione al recupero più
idoneo o allo smaltimento corretto; far funzionare in maniera
efficiente gli impianti di trattamento dei rifiuti, per ottenere
riciclati di qualità; utilizzare quanto più possibile materiali
recuperati e riciclati per realizzare le nuove lavorazioni: se
applicate con attenzione da tutti i soggetti coinvolti, queste
poche regole permettono di ridurre drasticamente gran parte
degli impatti ambientali prodotti dai rifiuti da costruzione
e demolizione. Con vantaggi per l’ambiente e senza costi
aggiuntivi per gli operatori economici dell’edilizia. Che anzi
potranno ottenere solo vantaggi: organizzando i loro processi
produttivi in modo più efficiente; producendo minori scarti
e quindi evitando pesanti oneri di trasporto e smaltimento;
imparando a recuperare quello che è riusabile e ad utilizzare
materiali riciclati, con risparmi significativi sui costi di
approvvigionamento.
É proprio la generale applicazione di queste semplici regole
di comportamento che l’Accordo di Programma si propone di
ottenere, tramite le sue Direttive Tecniche, che si occupano di
rendere tutto ciò possibile e tecnicamente funzionale.
Questo manuale è stato realizzato con lo scopo di favorire
la conoscenza e di promuovere l’applicazione dell’Accordo di
Programma e delle relative Direttive Tecniche di attuazione
presso tutti gli Operatori coinvolti nel ciclo dei rifiuti da
costruzione e demolizione.
Nella convinzione che diffondere quanto più possibile le buone
pratiche che l’Accordo prevede possa accelerare l’adozione
generalizzata di modelli di gestione dei rifiuti ambientalmente
corretti, tecnicamente efficienti ed economicamente sostenibili,
se non addirittura convenienti
Nel Manuale sono presentati in modo ordinato i contenuti
e le modalità di attuazione dell’Accordo, riportati in
forma semplificata per renderne più rapida e immediata la
consultazione.
In particolare, il Manuale rende disponibile una versione
sintetica di tutte le Direttive e Specifiche Tecniche di attuazione
dell’Accordo, corredate da note e commenti.
Oltre al Testo dell’Accordo e alla Lista dei Sottoscrittori,
il Manuale fornisce altre informazioni utili alla pratica
15

applicazione dell’Accordo stesso: formulari e modelli di


documenti e dichiarazioni; riferimenti normativi; l’elenco
dei centri di recupero e trattamento di rifiuti da costruzione
e demolizione attivi in ambito provinciale con i relativi
recapiti.
Il Manuale dunque è uno strumento di lavoro destinato a
rendere effettivo e applicato l’Accordo di Programma,
fornendo tutte le informazioni necessarie agli Operatori che
hanno sottoscritto l’Accordo, ne condividono le finalità e gli
obiettivi e cercano di realizzarli nella loro attività di ogni
giorno.

Ernesto Antonini
16
L’Accordo
di Programma
18 L’Accordo di Programma

UNA COLLABORAZIONE ATTIVA FRA PUBBLICO E PRIVATO

Con il decreto legislativo 5 febbraio 1997 n. 22 (“Decreto Ronchi”), la normativa italiana per la
gestione dei rifiuti è stata completamente riformata, adeguandola alle direttive europee e fissando
gli obiettivi fondamentali di
 “assicurare un’elevata protezione dell’ambiente e controlli efficaci” (art. 2),
 favorire la “prevenzione della produzione dei rifiuti” (art. 3),
 ridurre la quota dei rifiuti avviati allo smaltimento, privilegiando il “reimpiego”,il “riciclaggio” ed il
“recupero” (art. 4).
La nuova normativa considera la gestione dei rifiuti un aspetto fondamentale delle politiche di tutela
dell’ambiente e stabilisce che tutti i soggetti coinvolti nel ciclo dei rifiuti (cittadini, imprese e pubbliche
amministrazioni) devono fare responsabilmente la loro parte, cooperando fra loro per ottenere i
migliori risultati, in nome del diritto e dell’interesse comune a vivere in un ambiente sano e protetto.
Per facilitare l’applicazione della nuova legislazione nel settore del recupero, smaltimento e riutilizzo
dei rifiuti, il Decreto ha previsto la possibilità che fra autorità competenti ed operatori economici
vengano stipulati accordi di collaborazione su base volontaria, ispirati ad un approccio condiviso e
concertato fra tutti i sottoscrittori.
Promuovere e favorire le azioni coordinate di pubbliche amministrazioni, soggetti privati ed associazioni
di categoria, in spirito di leale collaborazione, è lo scopo degli “accordi di programma”, che consentono di
adeguare l’applicazione delle norme alle specifiche situazioni e condizioni produttive locali, e di trovare
le soluzioni più efficaci per superare le difficoltà interpretative e operative che possono ostacolare la
volontà delle aziende di destinare i rifiuti al recupero.1
In particolare, gli accordi di programma sono finalizzati:
 alla riduzione della quantità e della pericolosità dei rifiuti, al loro recupero, riutilizzo e riciclaggio ed al
conseguimento di livelli ottimali di utenza raggiunta dai servizi di raccolta;
 a favorire il riutilizzo, il riciclaggio ed il recupero dei rifiuti prodotti, con la possibilità di prevedere a questo fine
semplificazioni di adempimenti anche amministrativi, nel rispetto dei principi e degli obiettivi stabiliti dalle
norme nazionali e comunitarie in materia di rifiuti;
 aumentare la conoscenza del flusso dei rifiuti e di conseguenza il loro controllo;
 promuovere la ricerca, l’innovazione e l’utilizzo di materie prime alternative.

L’Accordo di Programma per il recupero dei residui da costruzione e demolizione della


Provincia di Bologna dà concreta attuazione a questi principi in un settore caratterizzato da
grandi quantità di materiali in gioco, dalla peculiare organizzazione produttiva dell’impresa
edile e da grandi potenzialità di riciclaggio.
Un settore che richiede quindi un impegno particolare, per accompagnare in modo efficace
l’attuazione della normativa sulla gestione dei rifiuti.

IL 2.
RECUPERO DEI
L’ACCORDO DI RESIDUI DA COSTRUZIONE
PROGRAMMA PER IL RECUPEROEDEI
DEMOLIZIONE DELLA
RESIDUI DA COSTRUZIONE E
PROVINCIA DI BOLOGNA
DEMOLIZIONE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

Il processo di formazione dell’Accordo, promosso dalla Provincia di Bologna, ha coinvolto in un


ampio dibattito le Istituzioni, gli operatori del settore e le loro Associazioni.
Nel corso del 2000 sono state approvate le “Linee di indirizzo” e si è costituito il gruppo di lavoro
tecnico/scientifico che ha predisposto una prima bozza di discussione, presentata al Convegno
di Imola il 25 maggio 2001. Di questo Convegno è disponibile una videocassetta presso la sede
L’Accordo di Programma 19

dell’Osservatorio Provinciale sui Rifiuti.


L’Accordo è entrato in vigore ufficialmente il 22 ottobre 2002, con la sua sottoscrizione da
parte Enti, Associazioni di categoria ed Ordini professionali, dopo che il testo aveva ottenuto
l’approvazione dell’Amministrazione Provinciale (Delibere n.70 del 24.07.01 e n.90 del 23.7.02).
L’Accordo conta oltre cinquanta Sottoscrittori, che rappresentano la quasi totalità dei Soggetti
coinvolti nella gestione dei Rifiuti da C&D a livello provinciale.
Le numerose azioni intraprese nel tempo dalla Provincia per affermare una politica di qualità
nella gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione trovano nell’Accordo un quadro organico
di riferimento, caratterizzato da un’importante convergenza di tutti gli Operatori del settore delle
costruzioni verso comportamenti responsabili e attivi di tutela dell’ambiente e delle risorse.

Le finalità dell’Accordo
Obiettivo dell’Accordo di programma è una gestione dei residui da costruzione e demolizione
efficace, efficiente, economica e trasparente, basata sulla cooperazione di tutti i soggetti pubblici
e privati coinvolti nel ciclo dei rifiuti.
Le specifiche finalità dell’Accordo sono:
 conoscere in modo organico e completo il reale flusso dei rifiuti da costruzione e demolizione
in ambito provinciale;
 ridurre la quantità e la pericolosità dei rifiuti da costruzione e demolizione, attraverso l’adozione
di specifiche misure preventive da adottare in sede di progettazione e di demolizione degli
edifici;
 ridurre la quantità di rifiuti smaltiti in discarica, assicurando che ciò avvenga con modalità
efficaci e col minimo impatto sull’ambiente;
 promuovere il corretto recupero dei rifiuti da costruzione ed aumentare la quantità dei rifiuti
recuperati nel rispetto dell’ambiente, in particolare di quelli passibili di essere riutilizzati come
inerti da costruzione;
 eliminare lo smaltimento abusivo, il ricorso a modalità di recupero e di trattamento inadeguate,
il riutilizzo dei rifiuti “tal quali”, intensificando la vigilanza ;
 migliorare la qualità dei materiali riciclati in modo da renderli sempre più concorrenziali rispetto
alle materie prime vergini corrispondenti e promuovere condizioni di mercato favorevoli alla
loro diffusione.
In base al principio della responsabilità condivisa e della collaborazione, l’Accordo di Programma
prevede che ciascuno degli Operatori coinvolti si comporti in modo coerente con le finalità
dell’Accordo e faccia quanto è in suo potere per conseguire i migliori risultati.

Il campo di applicazione

L’Accordo di Programma si applica nell’ambito territoriale della Provincia di Bologna:


 alle attività di produzione, gestione, trattamento, riutilizzo o recupero dei residui delle attività
di costruzione e demolizione di edifici e infrastrutture;
 al recupero di rifiuti provenienti da altre attività produttive, limitatamente a quelli passibili di
essere impiegati, quali materiali da costruzione in sostituzione degli inerti naturali, in base
alla normativa vigente2 e previo idoneo trattamento.
20 L’Accordo di Programma

I Sottoscrittori e gli Aderenti all’Accordo


L’Accordo di Programma per il recupero dei residui da costruzione e demolizione della Provincia
di Bologna è un “patto” di collaborazione volontaria fra Amministrazioni pubbliche, Operatori
privati del settore e loro Associazioni, come previsto dall’ art. 4, comma 4, del D.Lgs 22/97, che ne
costituisce il presupposto giuridico3.
Le “Parti contraenti” dell’accordo sono:
 i Sottoscrittori dell’Accordo. Ovvero i Soggetti portatori di interessi diffusi che hanno
partecipato alla formazione dell’Accordo e l’hanno stipulato all’atto della sua entrata in
vigore, ovvero che lo hanno sottoscritto successivamente:
 Soggetti istituzionali: Provincia di Bologna, Comuni, CCIAA, ANCI, UPI
 Associazioni di imprese: Collegio costruttori, Assindustria, ANPAR, API, CNA,
Confartigianato, Lega Cooperative, Confcooperative, Associazione Generale delle
Cooperative, ASCOM, Confesercenti
 Ordini e Collegi Professionali: Ingegneri, Architetti, Geologi, Geometri, Periti Industriali,
Dottori Agronomi e Forestali
 Aziende di Servizio: HERA, COSEA, Geovest;
 Consorzi di filiera: CONAI, COBAT, COOU
 Altre Associazioni: AIPI, ANAB, ANACI, ASPPI, CONFAPI, UPPI
L’elenco completo dei Sottoscrittori è riportato nell’Allegato C.
 gli Aderenti all’Accordo, cioè i soggetti che manifestano formalmente la loro adesione
all’Accordo in essere. Ovvero gli Operatori del settore che, in seguito all’entrata in vigore
dell’Accordo, dichiarano di condividerne i contenuti e si impegnano ad osservarli
sottoscrivendo l’atto di adesione all’Accordo.
L’adesione all’Accordo può essere manifestata da parte di singoli Operatori professionali
delle Costruzioni (Imprese, Liberi Professionisti singoli o associati), anche aventi sede legale
fuori provincia, purchè operanti nel territorio provinciale.
L’adesione del singolo Operatore avviene normalmente per il tramite della sua Associazione
di Categoria o dell’Ordine professionale cui appartiene, secondo una semplice procedura
stabilita dall’accordo stesso.
Le modalità di adesione e la relativa modulistica sono riportati nell’Allegato A.
L’Accordo di Programma 21

ll funzionamento e gli Organismi dell’Accordo

La gestione dell’Accordo di Programma è demandata:


 all’Assemblea dei Sottoscrittori, che si riunisce almeno una volta all’anno;
 al Presidente dell’Accordo, eletto a maggioranza dall’Assemblea e alla Segreteria organizzativa.
Il Presidente ha la responsabilità della conservazione e dell’aggiornamento dell’elenco degli
Aderenti.
Il Presidente e la Segreteria Organizzativa sono incaricati della verifica e del monitoraggio della
corretta applicazione dell’Accordo: per esercitare questo compito, sono affiancati da un Comitato
Tecnico i cui Membri sono designati dai Sottoscrittori, secondo criteri stabiliti dall’Accordo.
Il Comitato Tecnico è incaricato di predisporre e successivamente di aggiornare le procedure, le
linee guida e le istruzioni destinate a dare concreta attuazione agli obiettivi dell’accordo.

Le Azioni

Per dare contenuto operativo agli Obiettivi fissati dall’Accordo, i Sottoscrittori hanno individuato
una serie di misure ed azioni, che sono parte integrante degli impegni assunti e definiscono le
modalità attuative dell’Accordo:
 la demolizione selettiva degli edifici ed ogni altra misura utile a produrre frazioni di residui
il più possibile omogenee per composizione, con particolare riguardo alla separazione di
rifiuti pericolosi;
 l’adozione, in sede di progettazione, commissione ed esecuzione delle opere, di tecniche
costruttive che limitano il ricorso alle materie vergini e privilegiano l’utilizzo di materiali che
non producono rifiuti pericolosi alla fine del loro ciclo di vita;
 le iniziative utili ad aumentare la quota di rifiuti conferiti ad idonei centri di trattamento
e riciclaggio, tramite la creazione di reti efficienti e diffuse di centri di raccolta a servizio
delle imprese e tramite la razionalizzazione ed il potenziamento della rete degli impianti
di trattamento attivi, concepiti e gestiti in modo da minimizzarne l’impatto ambientale e
opportunamente e razionalmente dislocati sul territorio;
 la selezione e avvio a riutilizzo dei residui che, senza pregiudizio per l’ambiente e nel rispetto
delle norme vigenti, possano essere utilmente re-impiegati quali materiali e componenti di
nuovi processi di costruzione;
 la predisposizione di modalità operative più efficaci per migliorare la gestione dei depositi
di rifiuti a servizio dei cantieri e delle imprese, nel rispetto della normativa vigente
 le iniziative utili a garantire che la massima quantità possibile di materiali riciclati prodotti dal
trattamento dei rifiuti e destinati all’utilizzo nelle attività del settore costruzioni presentino
caratteristiche e livelli di prestazione, attestati e documentati, simili a quelli della materia
prima vergine che possono sostituire;
 l’adozione di prescrizioni tecniche, voci di capitolato e prescrizioni contrattuali che
prevedano l’uso di materiali riciclati in sostituzione degli inerti naturali da costruzione, per
tutti gli impieghi a cui questi ultimi si dimostrino idonei;
 controlli mirati a contrastare la non corretta gestione dei rifiuti c&d e l’impiego di rifiuti “tal
quali” utilizzati impropriamente quali materiali da costruzione;
 iniziative di ricerca, sperimentazione, documentazione e formazione, finalizzate in particolare
alla riduzione delle quantità dei rifiuti da costruzione e demolizione ed alla massimizzazione
del loro riciclaggio;
22 L’Accordo di Programma

 lo sviluppo di standard qualitativi dei prodotti derivanti dal recupero e dal riciclaggio dei
rifiuti inerti;
 la realizzazione di un sistema di monitoraggio del flusso di rifiuti generato dalla attività di
costruzione e demolizione.
I Sottoscrittori si impegnano inoltre a realizzare ulteriori azioni, differenziate in relazione alle
proprie specifiche competenze, come indicato in dettaglio nel testo dell’Accordo:
 impegni specifici della Provincia (Art. 7)
 impegni specifici dei Comuni (Art. 8)
 impegni specifici delle Associazioni delle Imprese e degli altri Operatori economici (Art. 9)
 impegni specifici degli Ordini professionali (Art. 10)
 impegni specifici della C.C.I.A.A. (Art. 11).
Il Testo integrale dell’Accordo di Programma è riportato nell’Allegato A.

Gli impegni della Gli impegni dei Professionisti


singola Impresa  Progettare gli edifici utilizzando materiali e componenti che producano
Con l’adesione, la singola impresa conviene nell’immediato e in futuro rifiuti in minore quantità e di minore pericolosità;
con le indicazioni e gli indirizzi contenuti
nell’Accordo e si impegna, per quanto possibile,  Tenere conto delle esigenze di corretta gestione dei rifiuti nel cantiere,
ad attuare: adottando le misure idonee in sede di progettazione e di direzione dei lavori

 La demolizione selettiva degli edifici;  Pianificare le attività di demolizione e predisporre la documentazione sulla
gestione dei rifiuti che si prevede di produrre e sulla loro destinazione
 La differenziazione all’origine dei rifiuti (consegnandola ai Comuni dove è richiesta)
C&D;
 Predisporre l’apposito elaborato relativo al deposito temporaneo, quando la
 Il conferimento dei rifiuti inerti ai centri di tipologia dei lavori e le condizioni del cantiere lo richiedono
raccolta o di recupero autorizzati
 Inserire nei Capitolati Speciali di appalto il ricorso a inerti riciclati
 Il conferimento degli altri rifiuti a impianti di
recupero e/o smaltimento più appropriati;
 L’utilizzo in qualità dei materiali e dei
componenti riutilizzabili;
 L’impiego di materiali riciclati per tutti gli
usi a cui essi risultano adeguati Gli impegni dei Comuni
 Prevedere nei regolamenti edilizi l’obbligo per il Committente di
presentare un elaborato progettuale che riporti tutte le informazioni
relative alle modalità di gestione dei rifiuti da C&D (quantità stimate,
Gli impegni dei Gestori degli impianti modalità di deposito temporaneo, previste destinazioni finali, ecc);
di recupero e centri di raccolta  Prevedere, nei regolamenti dei rifiuti, la possibilità di conferimento alle
 Gestire gli impianti e produrre inerte riciclato nel stazioni ecologiche dei rifiuti inerti domestici derivanti dal “fai da te” ;
rispetto degli indirizzi contenuti nell’Accordo;  Prevedere forme di incentivazione delle pratiche di gestione dei rifiuti
 Adottare una procedura di accettazione dei rifiuti conformi alle modalità del l’Accordo di programma;
inerti tale da garantire le migliori caratteristiche del  Eliminare dai propri capitolati d’appalto eventuali clausole
prodotto finale; ostative all’impiego dei materiali riciclati, a parità di caratteristiche
 Sottoporre a certificazione l’inerte riciclato sia per le prestazionali;
prestazioni tecniche che per quelle ambientali;  Provvedere alla tempestiva rimozione dei rifiuti abbandonati ed
 Fornire in tempo reale all’Osservatorio Rifiuti i dati adottare efficaci misure di prevenzione e controllo;
sui rifiuti trattati e i riciclati prodotti  Individuare luoghi idonei per l’attività di recupero e messa in riserva
dei rifiuti da C&D.
L’Accordo di Programma 23

Gli obiettivi

I Sottoscrittori dell’Accordo hanno assunto congiuntamente l’impegno di conseguire i


seguenti obiettivi:
 ridurre la quantità di rifiuti prodotti e la loro pericolosità, mediante l’adozione delle
modalità e tecniche individuate dall’Accordo;
 incrementare la frazione di residui da costruzione e demolizione avviati a riutilizzo,
riciclaggio e recupero;
 diminuire, fino al sostanziale azzeramento, il quantitativo di rifiuti inerti da costruzione e
demolizione smaltiti in discarica;
 ridurre, fino alla completa eliminazione, il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti da
costruzione e demolizione ovvero del loro riutilizzo, recupero e smaltimento con modalità
in contrasto con la normativa vigente e con quanto sancito dall’Accordo;
 migliorare la qualità dei materiali inerti riciclati, sottoponendoli ad attestazione delle loro
caratteristiche in base alle procedure stabilite.

Recupero e smaltimento di materiali inerti:


ton. risultati raggiunti

600.000

500.000
482.648 473.605
470.715
400.000 a smaltimento
391.483 a recupero
300.000
300.000

200.000

100.000
34.341 32.039 31.835 17.113
453
0
1999 2000 2001 2002 2003 anni
24 L’Accordo di Programma

MODALITÀ MODALITÀ DIDEI


DI GESTIONE GESTIONE
RIFIUTI DEI RIFIUTIDALL’ACCORDO
PREVISTE PREVISTE DALL’ACCORDO

L’Accordo di Programma definisce specifiche modalità di attuazione di una serie di prescrizioni


fissate dalla normativa vigente sulla gestione dei rifiuti, come di seguito specificato.

Demolizione selettiva Demolizione selettiva

Vengono stabilite alcune semplici procedure da adottare in fase di demolizione, che consistono
in:
 separazione preventiva dei rifiuti pericolosi eventualmente presenti e loro conferimento
differenziato al più appropriato recupero e/o smaltimento;
 successivo smontaggio di elementi e componenti edilizi dotati di residuo valore d’uso e
quindi passibili di reimpiego diretto;
 differenziazione dei rifiuti inerti lapidei dagli altri rifiuti da costruzione e demolizione, per il
loro avvio al recupero finalizzato alla produzione di inerte riciclato di qualità certificabile;
 quando opportuno, differenziazione ulteriore della frazione inerte in 2 classi: materiali a
matrice laterizia e materiali a matrice cementizia;
 differenziazione della restante quantità di rifiuto in frazioni omogenee (legno, materie
plastiche, materiali metallici, vetro, carta e cartone) da avviare separatamente a recupero
anche tramite specifici impianti di selezione;
 invio dei rifiuti non altrimenti recuperabili al loro più appropriato smaltimento.

Deposito
Deposito temporaneo dei rifiuti temporaneo deierifi
da costruzione uti da costruzione e demolizione
demolizione
Viene introdotta la facoltà da parte delle Imprese di costruzione aderenti all’Accordo, di eleggere
a deposito temporaneo dei propri rifiuti uno o più depositi a servizio di più cantieri della stessa
impresa, fermo restando il rispetto delle prescrizioni del deposito temporaneo previste all’art. 6),
lettera m), del D.Lgs 22/97, a condizione che la singola Impresa che intende avvalersi di questa
facoltà sottoscriva specifico documento attestante il rispetto delle condizioni previste dalla
Direttiva Tecnica DT4, utilizzando l’apposita modulistica.
La movimentazione dei rifiuti dai singoli cantieri alla sede del deposito temporaneo viene in tal
modo configurata come raggruppamento dei rifiuti prodotti dalla attività dell’Impresa, prima
del loro avvio a recupero, e come tale non soggetta all’obbligo del formulario di identificazione
dei rifiuti previsto dall’articolo 15 del D. Lgs. 22/97.
Possono avvalersi di questa soluzione esclusivamente le Imprese di costruzione aderenti
all’Accordo, per i soli rifiuti non pericolosi prodotti nell’ambito dei propri cantieri siti sul territorio
della Provincia di Bologna, movimentati con mezzo proprio destinati al proprio deposito
localizzato comunque nel rispetto delle norme urbanistiche e edilizie.
Allo stesso fine e operando con analoghe modalità, è prevista la facoltà a più aziende
appositamente “consorziate” e/o associate tra di loro di effettuare il deposito temporaneo dei
propri rifiuti presso un centro di raccolta comune (deposito temporaneo collettivo).
Finalità di questa prescrizione è di permettere a più imprenditori, tra di loro consorziati e/o associati
di svolgere l’attività di deposito temporaneo dei propri rifiuti da costruzione e demolizione
presso un centro di raccolta comune (deposito temporaneo collettivo) autorizzato.
L’Accordo di Programma 25

Centri di raccolta di rifiuti di costruzione e demolizione e loro conferimento

Oltre al conferimento negli impianti di recupero (R5), viene favorita la possibilità che il detentore
conferisca i propri rifiuti da costruzione e demolizione, differenziati per tipi distinti, anche in centri
di raccolta (messa in riserva R13), autorizzati ai sensi dell’art. 33 del DL 22/97 e realizzati presso le
rivendite di materiali edili nonché presso centri di raccolta comunali appositamente autorizzati,
per essere poi conferiti presso idonei impianti di recupero, nel rispetto delle norme vigenti.

Riutilizzo dei materiali e componenti edilizi derivanti dalla demolizione

Vengono esclusi dal regime normativo dei rifiuti i materiali e i componenti derivanti dallo
smontaggio dell’edificio e/o delle sue parti (es: tegole, coppi, travi in legno e in ferro, porte,
finestre, ecc) e gli stock inutilizzati dall’attività di costruzione, a condizione che essi siano idonei
ad un successivo reimpiego - immediato o differito nel tempo - eventualmente anche a seguito
di interventi di riparazione.
I requisiti minimi che determinano l’idoneità al reimpiego dei componenti sono fissati dalle
Direttive e Specifiche Tecniche di attuazione dell’Accordo.

Riutilizzo del fresato derivante dalla scarifica stradale

Viene precisato che i materiali derivanti dalla scarifica stradale mediante fresatura a freddo si
intendono riutilizzati nello stesso luogo di produzione per la realizzazione di pavimentazioni
quando:
 sono conformi alle norme e alle specifiche prestazionali che ne regolamentano l’impiego;
 sono riutilizzati in cantieri appartenenti allo stesso proprietario o committente (rete stradale
della Provincia, rete stradale del Comune e/o di Comuni consorziati, tratto autostradale
definito, ecc) o alla stessa impresa, singola o associata;
L’applicazione di questa procedura potrà avvenire a condizione che vengano adottate le
procedure e le modalità di riutilizzo fissate dalle Direttive e Specifiche Tecniche di attuazione
dell’Accordo.

Riutilizzo dei rifiuti inerti da C. & D. nello stesso cantiere di produzione

Viene ammesso il riutilizzo dei rifiuti inerti presso il cantiere in cui essi sono stati prodotti, a
condizione che siano soddisfatte contemporaneamente tutte le seguenti condizioni:
 i rifiuti non provengano da siti soggetti a bonifiche ai sensi dell’art. 17 del D.Lgs. n. 22/97;
 i rifiuti siano utilizzati per la realizzazione di opere previste dal progetto approvato (sottofondi
per piazzali, parcheggi ecc.) e ad esso sicuramente riconducibili e/o di opere di servizio al
cantiere (piste di cantiere, piazzali temporanei ecc.).
 preventivamente al loro utilizzo, i materiali siano stati assoggettati ad idoneo trattamento
in modo da renderli idonei, dal punto di vista tecnico-prestazionale, agli impieghi a cui sono
destinati, in conformità con le indicazioni progettuali che dovranno essere attestate dal
Direttore dei lavori.
Le procedure adottate e i requisiti minimi che determinano l’idoneità del materiale sono fissati
dalle Direttive e Specifiche Tecniche di attuazione dell’Accordo.
26 L’Accordo di Programma

Utilizzo di terre e rocce di scavo Utilizzo di terre e rocce di scavo

Le terre e le rocce di scavo destinate all’effettivo utilizzo per re-interri, riempimenti, rilevati e macinati
sono escluse dal regime normativo dei rifiuti, ai sensi dell’art. 8, comma 1, lettera f) bis del D. Lgs.
N. 22/97, così come integrato dall’art. 10 della L. 93/2001 e successive modifiche ed integrazioni , a
condizione che non provengano da siti inquinati ai sensi dell’art. 17 del D. Lgs. n. 22/97.
A tal fine, gli aderenti all’ Accordo si impegnano a:
 adottare, in fase di esecuzione delle opere, tutte le misure e le precauzioni idonee per
tenere distinte le terre e le rocce di scavo dai rifiuti derivanti da costruzione e demolizione di
manufatti;
 evitare che le terre e le rocce di scavo contengano rifiuti c&d quali: macerie, asfalto, residui di
lavorazioni di cantiere, frammenti di imballaggi;
 utilizzare (secondo le modalità tecniche previste dal presente Accordo) tali terre e rocce di
scavo, per re-interri, riempimenti, rilevati e per la realizzazione di opere edilizie infrastrutturali
approvate e/o autorizzate dagli enti preposti, oppure avviarle al ri-tombamento di cave
debitamente autorizzate, ai sensi delle norme in materia della attività estrattiva, per il ripristino
ambientale delle stesse, ovvero avviarle all’impiego nella normale pratica agricola o ancora,
utilizzate per macinati.

GestioneGestione degli impianti


degli impianti di recupero
di recupero di rifiutidiinerti
rifiutidiinerti di costruzione
costruzione e demolizione
e demolizione
Al fine di dare efficace attuazione a quanto previsto al punto 7.1. del D.M.05.02.98, i gestori degli
impianti di recupero dei rifiuti inerti da costruzione e demolizione dovranno:
 adottare una procedura di accettazione dei rifiuti conferiti tale da garantirne le migliori
caratteristiche al fine del loro successivo recupero, verificando che essi non provengano da siti
contaminati da bonificare né siano contaminati e che siano privi da altri rifiuti;
 adottare procedimenti e metodi di riciclaggio tali da assicurare l’ottenimento di materiali
con caratteristiche merceologiche conformi a quelle prescritte dalla normativa tecnica per il
materiale corrispondente ottenuto dalla lavorazione delle materie prime vergini.
I criteri per la gestione degli impianti e i requisiti minimi dei riciclati prodotti sono fissati dall’
apposita direttiva tecnica di attuazione.

RecuperoRecupero di rifiuti
di rifiuti inerti inertida
diversi diversi daderivanti
quelli quelli derivanti da costruzione
da costruzione e demolizione
e demolizione
La produzione di riciclati destinati a formazione di rilevati e sottofondi stradali potrà essere effettuata
anche con il recupero di rifiuti inerti derivanti da attività produttive di cui all’allegato 1, sub-allegato
1 del D.M. 5.2.98, quando ricorrono le seguenti condizioni:
 dei rifiuti oggetto del recupero deve essere certificata la conformità a quanto prescritto
dall’allegato 1 sub allegato 1 e dall’allegato 3 (test di cessione) del D.M. 05.02.1998; la
certificazione deve essere acquisita preventivamente al conferimento del rifiuto stesso
nell’impianto e deve essere rinnovata per ogni produttore conferente almeno ogni due
anni ed ogni qualvolta viene modificato il ciclo produttivo che origina il rifiuto;
 le specifiche tecniche e merceologiche del materiale che s’intende produrre (con riferimento
alle norme CNR - UNI 10006 sulle caratteristiche delle terre ed alle altre norme tecniche in
materia) devono essere preliminarmente definite;
 la conformità dei riciclati prodotti a quanto prescritto dall’allegato 3 (test di cessione) del D.M.
L’Accordo di Programma 27

Schema di gestione dei residui da costruzione e demolizione

Discarica 2A
Rifiuti Riciclato di
Tradizionale indifferenziati Trattamento
bassa qualità

Rifiuti inerti Riciclato di


demolizione e lapidei Trattamento
qualità
costruzione
Carta e cartone
Legno
Metalli A recupero di
Con l’Accordo materia
Vetro
Plastica

Componenti riusabili
(Infissi, radiatori, ecc.) A riutilizzo

Rifiuti non recuperabili A smaltimento appropriato

A.d.P. per il recupero dei residui da C&D

05.02.1998 deve essere certificata, per ogni tipologia di materiale prodotto, almeno ogni due
anni ed ogni qualvolta viene modificato il processo di recupero dei rifiuti.
All’atto della comunicazione di inizio dell’attività ai sensi dell’art 33 del D.Lgs. n. 22/97 dovrà essere
allegata una relazione tecnica contenente la descrizione dettagliata delle modalità e delle procedure
adottate nella gestione dell’impianto per garantire le condizioni sopraindicate e l’indicazione delle
specifiche tecniche del materiale riciclato che si intende produrre.

Direttive e Specifiche Tecniche di attuazione

Per facilitare l’applicazione di queste misure, il Comitato Tecnico costituito nell’ambito dell’Accordo
ha predisposto dei documenti tecnici (“Direttive e Specifiche Tecniche di attuazione”) che forniscono
gli strumenti operativi da utilizzare nella pratica applicazione dei contenuti dell’Accordo stesso.
Le Direttive, approvate il 31 marzo 2003 dal Comitato Tecnico, riguardano gli argomenti elencati di
seguito.
28 L’Accordo di Programma

Nei successivi capitoli di questa Guida ciascuna di esse viene illustrata in dettaglio.
Il testo integrale delle Direttive può essere scaricato dal sito web della Provincia di Bologna, collegandosi
all’indirizzo: http://www.provincia.bologna.it/ambiente/osservatoriorifiuti/
Direttiva Tecnica 1. Rifiuti oggetto dell’Accordo;
Direttiva Tecnica 2. Linee guida e istruzioni tecniche per la demolizione e la differenziazione in
frazioni omogenee dei residui all’origine;
Direttiva Tecnica 3. Specifiche tecniche per la gestione dei materiali e componenti direttamente
riusabili (esclusi dal campo di applicazione della normativa sui rifiuti);
Direttiva Tecnica 4. Modalità di gestione dei depositi temporanei a servizio di più cantieri della
stessa impresa e dei depositi temporanei collettivi a servizio di più imprese;
Direttiva Tecnica 5. Linee guida per la gestione degli impianti di riciclaggio rifiuti inerti;
Direttiva Tecnica 6. Specifiche tecniche per l’identificazione delle caratteristiche e degli standard
qualitativi dei materiali prodotti dal riciclaggio e destinati ad impieghi nelle
costruzioni;
Direttiva Tecnica 7. Linee di indirizzo per i Comuni;

Note
1
<<E’ lo stesso D.Lgs.22/97 a fornire lo strumento giuridico idoneo ad affrontare le difficoltà attuative in uno spirito di leale
collaborazione fra autorità competenti ed operatori economici.Tale strumento è costituito dal cosiddetto“Accordo di programma”,
del quale si occupano diverse disposizioni del D. Lgs. 22/97 ed in particolare:
- l’art. 2, comma 4, ai sensi del quale: “Lo Stato, le Regioni e gli Enti locali, nell’ambito delle rispettive competenze e in
conformità alle disposizioni che seguono, adottano ogni opportuna azione avvalendosi, anche mediante accordi e contratti
di programma di soggetti pubblici e privati qualificati”,
- l’art. 3, comma 1, lettera f), ai sensi del quale:“ le Autorità competenti adottano iniziative dirette a favorire in via prioritaria:
la promozione di accordi e contratti di programma finalizzati alla prevenzione ed alla riduzione della quantità e della
pericolosità dei rifiuti”,
- l’art. 4, comma 4, ai sensi del quale:“le Autorità competenti promuovono e stipulano accordi e contratti di programma con
i soggetti economici interessati al fine di favorire il riutilizzo il riciclaggio e il recupero dei rifiuti, con particolare riferimento
al reimpiego delle materie prime e dei prodotti ottenuti dalla raccolta differenziata con la possibilità di stabilire procedure
semplificate ed il ricorso a strumenti economici”,
- l’art. 25 recante il titolo:“accordi e contratti di programma, incentivi”.
Una concezione tanto privilegiata degli accordi di programma è del resto conforme alla giurisprudenza del Consiglio di
Stato che, già negli anni scorsi ( e talora in contrasto con più tradizionali orientamenti di altre Corti), ha affermato essere
l’accordo di programma “una linea di tendenza del legislatore che si concreta in uno strumento agevole ed efficace rivolto
alla semplificazione di una molteplicità di procedimenti” (Cons. Stato Sez. VI 7 febbraio 1996 n. 182); alle istanze formulate
a livello comunitario in favore della conclusione di accordi negoziati tra soggetti pubblici e privati in materia di gestione e
tutela dell’ambiente (cfr. in particolare la comunicazione della Commissione al Consiglio ed al Parlamento in tema di accordi
ambientali del 15 novembre 1996, Com. (96) 561/4, allegata al documento Com. (96) 561/3 negli atti del Segretario Generale
della Commissione Europea)>>
Regione Emilia-Romagna; Giunta Regionale, Delibera- n.80/99 del 01/02/1999 <<approvazione del contratto quadro di
programma in materia di gestione di alcune tipologie di rifiuti speciali D. Lgs 5 febbraio N° 22>>
2
I rifiuti passibili di essere recuperati per essere riutilizzati quali materiali da costruzione in sostituzione degli inerti naturali sono
identificati dal DM 5 febbraio 1998, che stabilisce anche le modalità di trattamento e i requisiti di idoneità all’impiego.
3
<<Le autorità competenti promuovono e stipulano accordi e contratti di programma con i soggetti economici interessati al fine
di favorire il riutilizzo, il riciclaggio ed il recupero dei rifiuti, con particolare riferimento al reimpiego di materie prime e di prodotti
ottenuti dalla raccolta differenziata con la possibilità di stabilire agevolazioni in materia di adempimenti amministrativi nel rispetto
delle norme comunitarie ed il ricorso a strumenti economici.>>.
D.Lgs. 22/97, Art, 4, comma 4
Direttiva Tecnica 1

Rifiuti
oggetto dell’Accordo
30 Direttiva tecnica 1

1. 1. FONTI E RIFERIMENTI
FONTI E RIFERIMENTI
Il presente documento costituisce una sintesi della Direttiva Tecnica di attuazione n. 1
dell’Accordo di Programma per il recupero dei residui da costruzione e demolizione della
Provincia di Bologna e contiene l’elenco dei Rifiuti oggetto dell’Accordo di Programma.
Il testo della Direttiva è stato predisposto dall’Ing. Alfonso M.F. Andretta su incarico della
Provincia di Bologna ed è stato definitivamente approvato dal Comitato Tecnico dell’Accordo
di Programma, il 31 marzo 2003.
Il testo integrale della Direttiva Tecnica di attuazione n. 1 può essere scaricato dal sito
web della Provincia di Bologna, collegandosi all’indirizzo: http://www.provincia.bologna.it/
ambiente/osservatoriorifiuti

1. 2. FINALITÀ
FINALITÀ DEL PRESENTE DOCUMENTO

Come sancito dal testo approvato, l’Accordo di Programma per il recupero dei residui da
costruzione e demolizione della Provincia di Bologna si applica:
 alle attività di produzione, gestione, trattamento, riutilizzo, recupero dei residui delle
attività di costruzione e demolizione di edifici e infrastrutture;
 alle attività di recupero di rifiuti provenienti da altre attività produttive, limitatamente a
quelli che in base alla normativa vigente possono essere qualificati come“inerti” e che sono
passibili di essere impiegati, previo idoneo trattamento, quali materiali da costruzione in
sostituzione degli inerti naturali.
I rifiuti passibili di essere recuperati per essere riutilizzati quali materiali
I RIFIUTI DA COSTRUZIONE da costruzione in sostituzione degli inerti naturali sono identificati dal
E DEMOLIZIONE
DM 5 febbraio 1998, che stabilisce anche le modalità di trattamento e
Sono rifiuti tutti i residui prodotti dalle attività di
costruzione e demolizione, con la sola eccezione
i requisiti di idoneità all’impiego.
delle terre e rocce di scavo e dei componenti Si ricorda che, al momento, l’unica definizione (seppure dai confini
riusabili, a condizione che ciascuna di queste labili e di interpretazione pratica non sempre agevole) di rifiuto
due tipologie di materiali sia accuratamente
mantenuta separata dagli altri rifiuti e sia avviata
inerte la si ritrova alla lettera e) dell’art. 2, Definizioni, della Direttiva
al riutilizzo secondo le modalità e specifiche del Consiglio 1999/31/CE, del 26 aprile 1999, relativa alle discariche
tecniche indicate nell’Accordo di Programma. di rifiuti, dove si legge quanto segue “«rifiuti inerti»: i rifiuti che non
Per essere considerate tali e potere quindi subiscono alcuna trasformazione fisica, chimica o biologica significativa.
essere utilmente impiegate per ripristini
ambientali, ritombamento di cave e riempimenti
I rifiuti inerti non si dissolvono, non bruciano né sono soggetti ad altre
in interventi edili e/o stradali autorizzati, le terre reazioni fisiche o chimiche, non sono biodegradabili e, in caso di contatto
e rocce di scavo devono essere prive di materiali con altre materie, non comportano effetti nocivi tali da provocare
di demolizione.
inquinamento ambientale o danno alla salute umana. La tendenza a dar
Nelle aree precedentemente occupate da
manufatti edili o stradali si dovrà quindi prevedere
luogo a colaticci e la percentuale inquinante globale dei rifiuti nonché
prima una fase di demolizione dei manufatti l’eco-tossicità dei colaticci devono essere trascurabili e in particolare, non
preesistenti, comprese le loro fondazioni, e solo danneggiare la qualità delle acque superficiali e/o freatiche;”
successivamente si procederà allo scavo vero e
proprio.
Al fine di semplificare e rendere immediata l’identificazione del
campo di applicazione dell’Accordo, il presente Documento fornisce
gli elenchi dettagliati dei materiali che rispondono ai criteri sopra indicati:
 l’Elenco A include i rifiuti delle attività di costruzione e demolizione di edifici e infrastrutture
che rientrano nel campo di applicazione dell’Accordo;
 l’Elenco B include i rifiuti provenienti da altre attività produttive, che rientrano nel campo
di applicazione dell’Accordo a condizione che siano destinati ad essere impiegati quali
materiali da costruzione.
Rifiuti oggetto dell’Accordo 31

ELENCO A - Rifiuti derivanti dalle attività di costruzione 2. 3.


e demolizione di edifici e infrastrutture

L’elenco comprende:
 i rifiuti delle operazioni di costruzione e demolizione, aventi codici CER 17.00.00, escluso
il terreno proveniente da siti contaminati in quanto regolato dalla specifica norma sulle
bonifiche, ex D.M. 471/9 9:
 i rifiuti, aventi codici CER diversi dai 17.00.00, che possono essere prodotti nelle normali attività
di costruzione e demolizioni (esempio, i rifiuti da imballaggi);
 i rifiuti speciali pericolosi derivanti da attività di costruzione e demolizione, singolarmente
individuati e regolamentati, come ad esempio l’amianto in matrice cementizia o polimerica.

N Codice CER Sottocategoria Denominazione


Rifiuti da costruzione e demolizione
1 170101 cemento
2 170102 cemento, mattoni, mattonelle mattoni
3 170103 e ceramiche mattonelle e ceramica
4 170107 miscugli o scorie di cemento, mattoni, mattonelle e ceramiche, diverse da quelle di cui alla voce 170106
5 170201 legno
6 170202 legno, vetro e plastica vetro
7 170203 plastica
8 170302 miscele bituminose, miscele bituminose diverse da quelle di cui alla voce 170301
9 170401 rame, bronzo, ottone
10 170402 alluminio
11 170403 piombo
12 170404 zinco
metalli (incluse le loro leghe)
13 170405 ferro e acciaio
14 170406 stagno
15 170407 metalli misti
16 170411 cavi, diversi da quelli di cui alla voce 170410
17 170504 terra e rocce, diverse da quelle di cui alla voce 170503
Terre, rocce e fanghi di
18 170506 fanghi di dragaggio, diversi da quelli di cui alla voce 170505
dragaggio
19 170508 pietrisco per massicciate ferroviarie, diverso da quello di cui alla voce 170507
20 170604 materiali isolanti altri materiali isolanti diversi da quelli di cui alle voci 170601 e 170603
21 170802 materiali da costruzione a base di gesso diversi da quelli di cui alla voce 170801
altri rifiuti dell’attività di costruz. rifiuti misti dell’attività di costruzione e demolizione, diversi da quelli di cui alle voci 170901, 170902 e
22 170904
e demoliz. 170903
Rifiuti di imballaggio, assorbenti, stracci, materiali filtranti e indumenti protettivi (non specificati altrimenti)
79 150101 imballaggi in carta e cartone
80 150102 imballaggi in plastica
81 150103 imballaggi (compresi i imballaggi in legno
82 150104 rifiuti urbani di imballaggio imballaggi metallici
oggetto di raccolta
83 150106 imballaggi in materiali misti
differenziata)
84 150107 imballaggi in vetro
85 150109 imballaggi in materia tessile
Rifiuti urbani (rifiuti domestici e assimilabili prodotti da attività commerciali e industriali nonché dalle istituzioni, inclusi i rifiuti della
raccolta differenziata)
Frazioni oggetto di raccolta
200301 Inerti domestici
differenziata (tranne 1501)

L’elenco si intende non esaustivo e, in particolare, potrà essere integrato da altre tipologie
di rifiuti, anche pericolosi, per le quali siano approvate le specifiche modalità di gestione da
parte del Comitato Tecnico dell’Accordo e dei competenti Uffici provinciali.
32 Direttiva tecnica 1

1. 4. ELENCO B - Rifiuti derivanti da attività produttive di cui all’allegato 1, sub-


allegato 1 del D.M. 05.02.98, recuperabili nella produzione di materiali
da costruzione nel rispetto delle norme ivi contenute
Per ogni tipologia di rifiuto dovrà essere certificato, che:
 la provenienza, le caratteristiche del rifiuto, l’attività di recupero e le caratteristiche delle
materie prime secondarie e/o dei prodotti ottenuti siano conformi alle prescrizioni
contenute nello specifico punto del citato allegato 1 sub allegato 1 del 05.02.98;
 quando richiesto sia stato eseguito il test di cessione di cui all’allegato 3 dello stesso
decreto e vengano rispettati i relativi limiti;
 i prodotti, le materie prime e le materie prime secondarie ottenuti, derivanti da ogni
specifica attività di recupero, come prescritto dall’articolo 3 del 05.02.98, abbiano
caratteristiche merceologiche conformi alla normativa tecnica di settore e non presentino
caratteristiche di pericolo superiori a quelle dei prodotti e delle materie ottenuti dalla
lavorazione delle materie prime;
 per l’attività di messa in riserva (R 13), siano rispettati specificatamente gli artt. 1, 6, 7 e 8
del D.M. 05.02.98, con particolare riferimento alle norme tecniche in merito alle modalità
di deposito e alle quantità massime da rispettare, di cui rispettivamente agli art. 6 e 7 del
citato decreto;
 siano altresì rispettati i valori limite e le prescrizioni per le emissioni convogliate in
atmosfera di cui all’allegato 1 sub allegato 2 del D.M. 05.02.98.

Rifiuti inerti di cui all’Allegato 1 sub-allegato 1 del DM 05.02.98 che possono essere utilmente
utilizzati per la produzione di MPS per l’edilizia
Classi di rifiuto Tipologie di rifiuto
rifiuti ceramici ed inerti 7.1

Rifiuti inerti di cui all’Allegato 1 sub-allegato 1 del DM 05.02.98 che possono essere utilmente utilizzati per la
produzione di materiale per rilevati e sottofondi stradali
Classi di rifiuto Tipologie di rifiuto
Rifiuti di vetro in forma non dispersibile 2.1.3.c
Rifiuti contenenti metalli derivanti dalla fonderia, 4.1.3.h - 4.4.3.e
fusione e raffinazione dei metalli
Altri rifiuti contenenti metalli 5.17.3.e - 5.18.3.d
rifiuti ceramici ed inerti 7.2.3.f - 7.5.3.c - 7.6.3.b - 7.10.3.e - 7.11.3.d - 7.16.3.d - 7.17.3.e - 7.18.3.d
- 7.24.3.e - 7.25.3.i
fanghi 12.2.3.a - 12.3.3.e - 12.4.3.e - 12.5.3.b - 12.9.3.b - 12.11.3.e - 12.15.3.a
rifiuti contenenti principalmente costituenti 13.2.3.d - 13.6.3.c - 13.11.3.f
inorganici

Detto utilizzo potrà avvenire esclusivamente alle condizioni di cui al punto 9 dell’allegato 2 “Modalità di gestione dei rifiuti da
costruzione e demolizione” sezione 1: “generalità” di seguito riportate.
“La produzione di materiali per la formazione di rilevati e sottofondi stradali potrà essere effettuata anche con altri rifiuti inerti, derivanti
da attività produttive di cui all’allegato 1, sub-allegato 1 del D.M. 5.2.98, quando ne venga preventivamente dimostrata l’utilità al fine
del raggiungimento degli standard merceologici del prodotto finito definiti nelle Direttive e specifiche tecniche di attuazione di cui
all’Allegato 2, Sezione 2”;
In tal caso l’effettuazione delle attività di recupero di rifiuti inerti per la formazione di rilevati e sottofondi stradali e di altri impieghi
edilizi, previste dall’allegato 1 sub allegato 1 al D.M. 05.02.1998 viene considerata a tutti gli effetti attività di produzione di materiali
e/o prodotti per la formazione di rilevati e sottofondi stradali quando ricorrono le seguenti condizioni:
- è preventivamente acquisita, per ogni produttore conferente almeno ogni due anni ed ogni qualvolta viene modificato il ciclo
Rifiuti oggetto dell’Accordo 33

produttivo che origina il rifiuto dello stesso produttore, la certificazione, ove necessaria analitica, attestante che le caratteristiche
dei rifiuti sono quelle indicate nei rispettivi punti dell’allegato 1 sub allegato 1 al D.M. 05.02.1998;
- è preventivamente effettuato, per ogni produttore conferente almeno ogni due anni ed ogni qualvolta viene modificato il ciclo
produttivo che origina il rifiuto dello stesso produttore, il test di cessione di cui all’allegato 3 del D.M. 05.02.1998 attestante che il
rifiuto stesso rispetta i limiti di concentrazione ivi previsti;
- sono preliminarmente definite le specifiche tecniche e merceologiche al materiale che s’intende produrre in riferimento alle norme
CNR - UNI 10006 sulle caratteristiche delle terre ed alle altre norme tecniche in materia e alle indicazioni del presente Accordo
di Programma.
- è certificato almeno ogni due anni o in caso di modifica del processo di recupero dei rifiuti, per ogni tipologia di materiale prodotto per
la formazione di rilevati e sottofondi stradali in uscita, il rispetto del test di cessione di cui all’allegato 3 del D.M. 05.02.1998;
La Ditta che effettua l’attività di recupero dovrà, all’atto della comunicazione di inizio dell’attività effettuata ai sensi dell’art 33 del D.Lgs.
n. 22/97 presentare una relazione tecnica, contenete le modalità e le procedure adottate per garantire le condizioni sopraindicate.
Rifiuti di cui all’Allegato 1 sub-allegato 1 del DM 05.02.98 che possono essere utilmente
utilizzati per la produzione di conglomerati cementizi
Classi di rifiuto Tipologie di rifiuto
Classi di rifiuto Tipologie di rifiuto
Rifiuti contenenti metalli derivanti dalla fonderia, fusione e 4.1.3.f - 4.4.3.b
raffinazione dei metalli
Altri rifiuti contenenti metalli 5.17.3.c - 5.18.3.c
rifiuti ceramici ed inerti 7.2.3.b - 7.5.3.b - 7.8.3.c - 7.9.3.d - 7.17.3.b - 7.24.3.b - 7.25.3.i
fanghi 12.1.3.d - 12.3.3.a - 12.4.3.b - 12.5.3.b - 12.9.3.b - 12.11.3.c -
rifiuti contenenti principalmente costituenti inorganici 13.1.3.b - 13.2.3.a - 13.11.3.b

Rifiuti di cui all’Allegato 1 sub-allegato 1 del DM 05.02.98 che possono essere utilmente
utilizzati per la produzione di conglomerati bituminosi
Classi di rifiuto Tipologie di rifiuto
Altri rifiuti contenenti metalli 5.17.3.c
rifiuti ceramici ed inerti 7.8.3.c - 7.9.3.d - 7.23.3.b - 7.27.3.f

Rifiuti di cui all’Allegato 1 sub-allegato 1 del DM 05.02.98 che possono essere utilmente
utilizzati nell’industria della ceramica
Classi di rifiuto Tipologie di rifiuto
rifiuti ceramici ed inerti 7.3.3.a - 7.4.3.b - 7.19.3.a - 7.31.3.a
fanghi 12.4.3.d

Rifiuti di cui all’Allegato 1 sub-allegato 1 del DM 05.02.98 che possono essere utilmente
utilizzati nell’industria dei laterizi
Classi di rifiuto Tipologie di rifiuto
rifiuti ceramici ed inerti 7.3.3.a - 7.4.3.b - 7.15.3. a - 7.19.3.b - 7.25.3.d - 7.27.3.c - 7.31.3.a
fanghi 12.1.3.b - 12.4.3.c - 12.7.3.a - 12.8.3.b - 12.11.3.d - 12.12.3.c
rifiuti contenenti principalmente costituenti inorganici 13.1.3.c - 13.16.3b

Rifiuti di cui all’Allegato 1 sub-allegato 1 del DM 05.02.98 che possono essere utilmente utilizzati nei cementifici
Classi di rifiuto Tipologie di rifiuto
7.4.3.a - 7.7.3 - 7.8.3.a - 7.9.3.c - 7.12.3.a - 7.13.3 - 7.14.3.a - 7.15.3.c
rifiuti ceramici ed inerti
- 7.21.3 - 7.22.3.a - 7.23.3.b - 7.27.3.a - 7.28.3 - 7.29.3 - 7.30.3.a
fanghi 12.3.3.c - 12.4.3.a - 12.5.3.a - 12.7.3.b - 12.8.3.a - 12.12.3.a
rifiuti contenenti principalmente costituenti inorganici 13.1.3° - 13.3.3 - 13.7.3.a - 13.9.3 - 13.16.3.a
34 Direttiva tecnica 1
Direttiva Tecnica 2 35

Linee guida e
istruzioni tecniche per la
demolizione
e la differenziazione in
frazioni omogenee
dei residui all’origine
36 Direttiva tecnica 2

FONTI E RIFERIMENTI
2. 1. FONTI E RIFERIMENTI

Il presente documento costituisce una sintesi della Direttiva Tecnica di attuazione n. 2


dell’Accordo di Programma per il recupero dei residui da costruzione e demolizione della
Provincia di Bologna e contiene le Linee guida ed istruzioni tecniche per la demolizione e la
differenziazione in frazioni omogenee dei residui all’origine.
Il testo della Direttiva è stato predisposto da QUA.S.CO s.c.a r.l. su incarico della Provincia di
Bologna ed è stato definitivamente approvato dal Comitato Tecnico dell’Accordo di programma
il 31 marzo 2003.
Il testo integrale della Direttiva Tecnica di attuazione n. 2 può essere scaricato dal sito
web della Provincia di Bologna, collegandosi all’indirizzo: http://www.provincia.bologna.it/
ambiente/osservatoriorifiuti

2. 2. DIFFERENZIARE EESEPARARE
DIFFERENZIARE SEPARARE
Come avviene anche in altri settori produttivi e come impone la normativa, anche nelle
costruzioni per ridurre gli impatti ambientali causati dallo smaltimento dei rifiuti sono necessarie
due azioni fondamentali:
 limitare la quantità di rifiuti, adottando comportamenti attenti ad eliminare gli sprechi e
selezionando prodotti e tecniche di lavorazione che generano meno residui;
 fare in modo che i rifiuti prodotti abbiano caratteristiche tali da renderli facilmente ed
economicamente riciclabili ed evitare di “disfarsi”, trasformandoli così in rifiuti, di tutti i
materiali che ancora possono essere utilmente re-impiegati.
Ridurre la quantità totale di rifiuti e aumentare la quota di residui riusabili e riciclabili è un risultato
che può essere efficacemente conseguito in ogni cantiere, progettando ed eseguendo le demolizioni
secondo alcune semplici regole di comportamento.
Sono comportamenti che permettono di ridurre l’impatto ambientale prodotto dalle attività di
costruzione e demolizione, con l’evidente vantaggio sociale di vivere tutti in un ambiente meno inquinato
e che, insieme, hanno anche interessanti effetti economici sulla gestione dell’intervento edilizio. Infatti
limitano la necessità di ricorrere allo smaltimento in discarica (sempre più costoso e complesso a causa
dell’aumento degli oneri per il conferimento e di una progressiva limitazione delle discariche attive sul
territorio) e favoriscono la creazione di un mercato di materiali riutilizzabili e di prodotti riciclati.

2. 3. COME
COME SI FA
SI FA

Il concetto è semplice. Dopo aver provveduto


a togliere dall’edificio gli eventuali elementi
pericolosi (ad es: amianto, trasformatori
contenenti PCB, residui di sostanze chimiche
come vernici e solventi, ecc.) che devono
essere avviati allo smaltimento appropriato, si
tratta di selezionare i molti e diversi materiali
che vengono prodotti dalla demolizione,
differenziandoli per tipi omogenei, ciascuno
dei quali può così essere avviato al riutilizzo o
Linee guida e istruzioni tecniche per la demolizione e la 37
differenziazione in frazioni omogenee dei residui all’origine

al processo di recupero più idoneo, che sarà tanto più conveniente quanto più il materiale da
trattare è omogeneo e privo di sostanze indesiderate.
E’ evidente a tutti, infatti, che un insieme eterogeneo di materiali diversi (dalle finestre, alle
macerie, ai tubi di plastica) non può essere riciclato se non separando i diversi “ingredienti” e
trattando ciascuno di essi con le tecniche adatte a ricavare prodotti riciclati che possano avere
un utile impiego.
Separare questi materiali dividendo i diversi tipi dopo che sono stati tutti mescolati in un insieme
eterogeneo è difficile e costoso: per questo la separazione non può avvenire successivamente e
indipendentemente dalla demolizione.
La soluzione più logica e più conveniente è di evitare di mescolare materiali diversi.
Bisogna quindi demolire l’edificio in modo da tenere i materiali che vengono progressivamente
rimossi il più possibile distinti, e raccoglierli ordinatamente in modo differenziato.
Il recupero della massima quantità possibile di residui, quindi, dipende direttamente da come si
demolisce e da come si organizza il cantiere di demolizione.
Ovviamente l’omogeneità da ottenere non deve essere
intesa come la separazione di tutti i materiali in tutti gli
“ingredienti” base che li compongono. Questa soluzione
sarebbe inutilmente complessa e costosa, oltre che
spesso tecnicamente impossibile: ogni elemento di
un edificio è il risultato di una serie di lavorazioni che
hanno combinato tra loro materiali diversi, in molti casi
con tecniche che rendono il processo irreversibile. Cioè
tecniche che non permettono di “tornare indietro” alla
situazione di partenza. Ad esempio, dopo che ha fatto
presa, da una malta non si riesce più a separare la sabbia e
il cemento che sono stati miscelati insieme per formarla.
Un concetto realistico ed efficiente è quello che si
propone di ottenere dalla differenziazione residui
suddivisi in tanti tipi diversi quanti sono i possibili recuperi verso cui avviare questi materiali.

LA DEMOLIZIONE SELETTIVA 2. 4.

Le migliori esperienze di demolizione selettiva realizzate con successo nel mondo suggeriscono
il metodo più efficace da seguire, ossia separare e poi stoccare i materiali operando la demolizione
in quattro fasi successive:
 materiali e componenti pericolosi: per evitare di provocare inquinamenti e per proteggere gli
operatori del cantiere dal rischio di manipolare in modo improprio sostanze nocive, prima
di tutto è indispensabile verificare se nell’edificio sono presenti materiali e componenti
pericolosi (es: materiali contenenti amianto, interruttori contenenti PCB ecc.). Una volta
identificati e localizzati questi materiali (con l’aiuto del progettista o di un tecnico esperto),
si procederà a bonificare l’edificio, rimuovendoli e quindi smaltendoli nel rispetto delle
modalità previste dalle specifiche norme.
 componenti riusabili: dopo la bonifica dagli eventuali materiali pericolosi, si passerà allo
smontaggio di tutti quegli elementi che possono essere impiegati di nuovo. In molti casi,
mattoni, coppi, tegole, travi, elementi inferriate e parapetti, serramenti ecc., se smontati con
cura e senza essere danneggiati, possono essere riutilizzati. Cioè possono andare a svolgere
38 Direttiva tecnica 2

(nello stesso edificio da cui provengono o in un nuovo cantiere) le stesse funzioni che hanno
assicurato fino ad oggi. Riutilizzati tali e quali, oppure, dopo semplici trattamenti (pulitura,
revisione del funzionamento, riparazione, verniciatura) che li adattano al un nuovo utilizzo.
Non c’è nessuna ragione per cui questi materiali debbano essere trattati come rifiuti o,
peggio ancora, fatti diventare rifiuti a causa di modalità di demolizione distruttive. Con la
stessa logica con cui nessuno prende a martellate la propria automobile solo perché ha
deciso di sostituirla, ma tutti cerchiamo invece di trovarle un nuovo utilizzo immettendola
sul mercato dell’usato.
 materiali riciclabili: una volta asportati i materiali pericolosi e i componenti riusabili, si
può continuare il lavoro demolendo la parti di edificio costituite da materiali o aggregati
riciclabili.Riciclabili significa che questi materiali, sottoposti a trattamenti adeguati, possono
servire a produrre nuovi materiali, con funzioni ed utilizzazioni anche diverse da quelle dei
residui originari. Ad esempio frammenti e macerie di laterizi o calcestruzzo, anche misti,
che a seguito di frantumazione, miscelazione, vagliatura o altri trattamenti costituiscono
materiali idonei alla realizzazione di rilevati, re-interri, riempimenti, sottofondazioni. Oppure
residui di legno che triturati, essiccati e incollati in impianti industriali idonei possono
trasformarsi in pannelli di truciolare.
 rifiuti non riciclabili: tutto quello che resta dopo le selezioni è l’insieme di quei materiali
che tecnicamente o economicamente (o per la eventuale presenza di elementi estranei
o eterogenei) non è possibile valorizzare. Materiali che quindi devono necessariamente
essere avviati allo smaltimento.
L’edificio non è stato costruito con un solo gesto: è il risultato di una serie di lavorazioni che
hanno combinato e collegato tra loro materiali e componenti diversi, in una lunga successione
di azioni. Una buona demolizione non pretende di eliminare tutto questo in poche ore a colpi
di martello e senza nessuna attenzione: per ottenere il massimo dell’efficienza, la demolizione
va eseguita ripercorrendo in ordine inverso il processo che è stato realizzato al momento della
costruzione dell’edificio. Un passo dopo l’altro.
Perciò, come una buona costruzione, anche una buona demolizione ha bisogno di essere progettata:
cioè non eseguita alla meglio procedendo in modo occasionale, ma organizzata in fasi di lavoro
attraverso precise indicazioni sulle tecnologie, sulla sequenza, e sulle modalità dello smontaggio.
Programmando tempi, attrezzature e procedure specifiche, adatte all’edificio da demolire e alle
condizioni del cantiere.

2. 5. SOGGETTI COINVOLTI E I LORO


SOGGETTI COMPITI
COINVOLTI E I LORO COMPITI

Per essere realizzata efficacemente, una demolizione selettiva richiede decisioni coerenti e
coordinate da parte dei diversi soggetti che partecipano al processo edilizio.
Spetta al committente impartire ai progettisti e alle imprese coinvolte nel processo istruzioni
chiare ed esplicite riguardo le modalità di demolizione che egli intende che vengano adottate
nell’esecuzione dell’intervento. In particolare, è opportuno che:
 nel disciplinare di incarico al progettista:
 vengano indicati fra gli “obiettivi” che il committente intende conseguire e che assegna
al progettista la riduzione dei rifiuti prodotti dalla demolizione e la loro differenziazione
in classi omogenee, tramite procedure di demolizione selettiva;
 venga esplicitamente prescritta la ricognizione dei materiali e componenti pericolosi
eventualmente presenti nell’edificio da demolire e la loro corretta rimozione e
Linee guida e istruzioni tecniche per la demolizione e la 39
differenziazione in frazioni omogenee dei residui all’origine

smaltimento, nel rispetto delle specifiche norme;


 siano esplicitamente incluse come prestazioni facenti parte dell’incarico stesso sia l’attività
di progettazione della demolizione, sia l’emanazione di apposite specifiche da includere
nel capitolato di appalto, finalizzate a regolare l’esecuzione della demolizione selettiva,
la differenziazione dei rifiuti in frazioni omogenee e la limitazione del conferimento in
discarica;
 in linea di massima,è opportuno che venga prescritta la redazione, da parte del progettista,
di almeno di un elaborato preliminare che definisca:
- dimensioni e caratteristiche strutturali o legate alla tipologia costruttiva dell’edificio
da demolire che ne possano influenzare la demolizione o che richiedano l’applicazioni
di tecniche particolari;
- ubicazione dell’opera da demolire con particolare riferimento alla presenza di
vincoli sul territorio e alla presenza di impianti di trattamento/riciclaggio con relative
indicazioni su distanze/percorsi e modalità di conferimento;
- individuazione della presenza di materiali pericolosi da sottoporre a trattamenti
speciali e indicazione sulle cautele e le modalità di trattamento da adottare;
- individuazione delle tecniche di demolizione e/o smontaggio dei principali elementi
tecnici dell’edificio e delle tipologie di frazioni omogenee o rifiuti da esse derivanti;
- elenco delle tipologie dei materiali da selezionare nel corso della demolizione e delle
destinazioni a cui vanno avviati, suddivise in classi relative a componenti riusabili,
materiali riciclabili e frazione residua non valorizzabile da avviare allo smaltimento;
- modalità di deposito in cantiere delle diverse classi di materiali residui rifiuti e dei
materiali e dei componenti riutilizzabili.
 nel contratto e nel capitolato di appalto dei lavori all’impresa esecutrice:
 sia esplicitamente esclusa l’esecuzione della demolizione indifferenziata e sia
tassativamente prescritta l’esecuzione della demolizione secondo quanto indicato nel
progetto;
 sia raccomandata l’adozione di tutte le possibili cautele e accorgimenti che limitano la
produzione di rifiuti e favoriscono il loro recupero.
Spetta al progettista dare contenuto alle indicazioni impartite dal committente, operando in
particolare per:
 formulare almeno un progetto di massima della demolizione che fissi i criteri da seguire per
la sua esecuzione, in modo che sia evitata l’esecuzione della demolizione indifferenziata,
siano individuate almeno le principali tipologie di rifiuti da separare e siano prescritte le
modalità di demolizione idonee ad ottenere residui quanto più possibile riciclabili;
 evitare di includere nel capitolato di appalto e/o nell’elenco prezzi voci che prescrivano o
consentano la demolizione indifferenziata e il conferimento di tutto il materiale demolito
in discarica senza separazione preventiva all’origine;
 includere invece nel capitolato e/o nell’elenco prezzi le voci che prevedono l’esecuzione
della demolizione secondo i criteri fissati nel progetto e comunque prescrivere la
differenziazione e il conferimento separato finalizzato al recupero di quante più frazioni
possibili;
 nell’ambito del progetto degli allestimenti di cantiere, prevedere la localizzazione delle
aree separate di deposito sia delle diverse rifiuti di cui si prevede la produzione, sia dei
materiali e componenti riutilizzabili.
È compito delle imprese esecutrici eseguire diligentemente le prescrizioni impartite al fine di
limitare la quantità di rifiuti ed aumentarne la riciclabilità, operando in particolare per:
40 Direttiva tecnica 2

• organizzare le fasi e le lavorazioni nel modo più adeguato, cercando di migliorare


l’efficienza della demolizione selettiva grazie all’adozione delle tecniche e delle modalità
esecutive più idonee allo scopo, dotandosi per tempo di quelle strumentazioni e
competenze eventualmente non ancora disponibili presso l’impresa;
• prevedere e organizzare gli spazi di servizio del cantiere in modo da poter stoccare
separatamente le diverse frazioni di residui e provvedere al posizionamento dei
contenitori idonei, per caratteristiche e dimensioni, alle diverse tipologie di materiali;
• selezionare per tempo i recuperatori e/o smaltitori autorizzati a cui conferire le diverse
frazioni separate, fissando per ciascuna di esse le modalità e le tempistiche di trasporto
più convenienti e stipulando i necessari accordi per il trasporto e il conferimento.

2. 6. CHI FA COSA

PROGETTISTA
COMMITTENTE IMPRESA ESECUTRICE
E DIRETTORE DEI LAVORI
PRELIMINARE

- Individua gli
obiettivi della
FASE

demolizione
- Incarica un
progettista

- Redige il progetto di demolizione e le


corrispondenti voci di capitolato d’appalto:
- tecnologie, durata, tempi e costi della
demolizione
PROGETTAZIONE

- corretta rimozione e smaltimento,


dei materiali e componenti pericolosi
eventualmente presenti nell’edificio
- frazioni omogenee ottenibili e le
modalità di riciclo
- elenco dei componenti riusabili e
modalità di valorizzazione
- elenco rifiuti riciclabili
- elenco rifiuti destinati allo smaltimento
- modalità di deposito dei rifiuti prodotti e
dei materiali e componenti riutilizzabili.
- Dichiara la propria disponibilità di attrezzature e
maestranze
- Concorda con il progettista e con il coordinatore
AFFIDAMENTO
DEI LAVORI

Sceglie ed incarica della Sicurezza le modalità di esecuzione


dell’intervento di demolizione, la durata, le
l’impresa o le
imprese esecutrici attrezzature e le maestranze necessarie
- Predispone le condizioni idonee all’esecuzione
delle lavorazioni prescritte (organizzazione
del cantiere, aree di stoccaggio, attrezzature,
selezione e incarichi ai trasportatori e ai
recuperatori)
- Informa ed istruisce gli addetti sulla separazione
- Nomina un delle frazioni omogenee individuate
- Esegue la demolizione secondo quanto
ESECUZIONE

Direttore dei lavori


- Verifica l’esecuzione della demolizione con concordato con il progettista (progetto) ed il
- Nomina un le modalità e le procedure prescritte da coordinatore della sicurezza (POS)
Coordinatore della parte degli esecutori - Esegue la demolizione
Sicurezza in fase - Provvede al deposito dei rifiuti prodotti e dei
di esecuzione materiali e componenti riutilizzabili.
- Provvede al conferimento delle frazioni separate
ai recuperi e agli smaltimenti prescritti
Direttiva Tecnica 3

Specifiche tecniche
per la gestione dei
materiali e componenti
direttamente riusabili
42 Direttiva tecnica 3

3. 1. FONTI E RIFERIMENTI
FONTI E RIFERIMENTI
Il presente documento costituisce una sintesi della Direttiva Tecnica di attuazione n. 3 dell’Accordo
di Programma per il recupero dei residui da costruzione e demolizione della Provincia di Bologna e
contiene “Specifiche tecniche per la gestione dei materiali e componenti direttamente riusabili”.
Il testo della Direttiva è stato predisposto da QUA.S.CO s.c.a.r.l.su incarico della Provincia di Bologna ed è
stato definitivamente approvato dal Comitato Tecnico dell’Accordo di Programma il 31 marzo 2003.
Il testo integrale della Direttiva Tecnica di attuazione n. 3 può essere scaricato dal sito web
della Provincia di Bologna, collegandosi all’indirizzo: http://www.provincia.bologna.it/ambiente/
osservatoriorifiuti

3. 2. I COMPONENTI RIUSABILI
COMPONENTI RIUSABILI

Questo documento fornisce i criteri e le modalità per valutare l’idoneità ad un successivo re-impiego
di materiali e componenti edilizi dismessi da un edificio esistente.
Gli elementi che abbiano superato positivamente questa verifica possono essere esclusi dal regime
normativo dei rifiuti e considerati alla stregua di qualunque materiale da costruzione nuovo, se
gestiti con le modalità previste dalla Direttiva.
I componenti riusabili sono residui (cioè elementi costruttivi dismessi da un edificio esistente) che
possono essere riadattati ad un nuovo impiego nelle costruzioni senza modificarne sostanzialmente
la caratteristiche geometriche. È il caso tipico degli elementi edilizi che (grazie a loro proprietà
intrinseche e a modalità di assemblaggio sufficientemente “reversibili”) possono essere “smontati”
o “disassemblati” restando integri: elementi strutturali in legno o metallo; mattoni e blocchi da
muratura; tegole, coppi e lastre di copertura; serramenti; apparecchi sanitari; parapetti ringhiere e
inferriate; gradini, soglie, davanzali ecc.
Essi possono così essere riutilizzati facendo loro svolgere in una nuova situazione le stesse
funzioni assolte in precedenza oppure declassandoli a funzioni analoghe ma di minore impegno
prestazionale (da mattone per muratura a mattone da paramento, da trave per orditura primaria a
trave per orditura secondaria, da grande luce a luce più ridotta ecc.).
Il riutilizzo integrale di elementi edilizi è la procedura di recupero più vantaggiosa dal punto di vista
ambientale, poiché è quella che permette di valorizzare tutte le risorse “incorporate” nell’elemento
(dalla materia di cui esso è costituito all’energia che è stata consumata utilizzata per realizzarlo)
producendo il minimo di scarto e senza necessità, per riciclarlo, di sottoporlo ad una nuova
lavorazione, se non a piccoli interventi di pulitura o riparazione e ripristino.
Questa pratica può essere efficacemente adottata solo a condizione che le caratteristiche di ciascun
elemento smontato da una precedente collocazione siano compatibili con il suo nuovo impiego.
Il criterio utilizzato per valutare questa idoneità è quello della “prestazione residua”, cioè la verifica
delle proprietà che l’elemento smontato possiede ancora.

3. 2. VALUTAZIONE DELLA
VALUTAZIONE DELLAPOSSIBILITÀ
POSSIBILITÀ DIDI RIUSO
RIUSO DEI COMPONENTI:SCHEDETECNICHE
DEI COMPONENTI: SCHEDE TECNICHE
Per i materiali o componenti riusabili di più frequente reperimento questo documento fornisce
i criteri per la valutazione della prestazione residua. Se, applicata al singolo caso, la verifica
prevista da ciascuna scheda dà esito favorevole, il componente può essere ritenuto “riusabile”,
cioè idoneo ad un successivo re-impiego (immediato o differito nel tempo) eventualmente
Specifiche tecniche per la gestione dei materiali 43
e componenti direttamente riusabili

anche a seguito di interventi di riparazione.


Ciò significa che questo materiale derivante dallo smontaggio dell’edificio e/o delle sue parti
(come ad esempio:tegole,coppi,travi in legno e in ferro,porte,finestre ecc.) o derivante dall’attività
di costruzione (come ad esempio: stock inutilizzati ecc.) è escluso dal regime normativo dei
rifiuti e può essere considerato alla stregua di qualunque materiale da costruzione nuovo.
Un elemento riusabile dovrà essere smontato in modo da preservarne e non peggiorarne le
prestazioni residue e dovrà essere movimentato e stoccato con modalità simili a quelle del
corrispondente materiale nuovo, in modo da non comprometterne le funzionalità. In particolare
il deposito, trasporto e immagazzinamento non dovranno, di norma, essere effettuati alla
rinfusa e l’accatastamento dovrà essere regolare e accurato.
La tabella che segue contiene l’elenco, da considerare non esaustivo, dei materiali o componenti
riusabili di più frequente reperimento nelle demolizioni di edifici correnti, per i quali nelle
pagine seguenti di questo documento vengono fornite le specifiche tecniche dettagliate per lo
smontaggio destinato a consentirne un re-impiego ottimale.

Scheda COMPONENTE:
1 Trave in legno, tavolato in legno
2 Tavella in laterizio
3 Mattone in laterizio
4 Concio in pietra naturale
5 Trave in ferro (acciaio)
6 Coppi in laterizio, tegole in laterizio
7 Scandola in legno
8 Lastre ondulate per coperture in materiale plastico
9 Comignolo in laterizio (monolitico)
10 Canale di gronda, pluviale (in lamiera metallica)
11 Piastrelle in ceramica smaltate (pavimentazioni e rivestimenti)
12 Piastrelle in ceramica non smaltate
13 Elementi da pavimentazione o rivestimento in pietra naturale
14 Listoni, listelli, doghe in legno da parquet
15 Caminetto in pietra naturale
16 Battiscopa in legno
17 Davanzale, soglia, gradino in marmo
18 Ante, persiane oscuranti
19 Finestre e porte finestre
20 Porte esterne e portoni
21 Porte interne
22 Lucernari, abbaini, ecc…
23 Parapetti, balaustre, inferriate e recinzioni in profilati di acciaio saldati o chiodati
24 Apparecchi sanitari (lavello/lavabo, bidet, vasca, piatto doccia, WC)
25 Rubinetteria
26 Corpo scaldante (radiatore, convettore)

Nelle Schede tecniche seguenti,per ogni materiale vengono riportate alcune indicazioni di massima
utili alla determinazione alla diagnosi dello stato di conservazione e della prestazione residua. Nelle
schede inoltre è inserita una tabella in cui sono indicati le caratteristiche fondamentali, i requisiti e
le prestazioni corrispondenti, i principali metodi di valutazione del componente.
44 Direttiva tecnica 3

Trave in legno, tavolato in legno 1


Gli elementi strutturali in legno impiegati per tetti e solai sono in genere sollecitati a flessione retta: devono quindi essere particolarmente valutate
le eventuali deformazioni/lesioni nelle zone tese (intradosso delle travi). Le travi di copertura possono essere state esposte all’acqua a causa
della mancata tenuta dei manti: le zone che presentano tracce di infiltrazione devono quindi essere esaminate attentamente per valutare eventuali
fenomeni di putrefazione localizzata.

Prestazione residua
Per determinare la prestazione residua devono essere valutati:
 Funzionalità: resistenza meccanica;
 Aspetto: assenza di vernici;
 Geometria: planarità, rettilineità, ortogonalità delle facce (profili e sezione quadrangolari); regolarità (tutti i profili , anche a sezione
circolare).
Diagnosi
L’ispezione visiva deve innanzitutto valutare l’eventuale presenza di fessurazioni trasversali, che possono pregiudicare l’idoneità a sostenere i carichi.
Le alterazioni che si manifestano con variazioni della consistenza del legno (anche localizzate) possono essere verificate incidendo la trave con una
lama. La superficie della trave va percossa completamente allo scopo di poter dedurre, da eventuali rumori sordi, la presenza di gallerie di insetti. Va
inoltre verificata la presenza di difetti intrinseci, come la deviazione dalla fibratura, cretti da gelo ecc. Un ulteriore controllo può essere effettuato con
la trivella di Pressler; questo strumento permette di estrarre “carote” di legno dall’interno della trave e di controllare lo stato del materiale nella parte
interna della sezione.
Trattamenti a base di vernici coprenti o filmanti possono pregiudicare sensibilmente l’aspetto ed è quindi preferibile che non siano presenti.
Geometricamente l’elemento deve essere integro, cioè non deve presentare scostamenti né curvature, sia nel senso longitudinale che trasversale,
causati da deformazioni sotto carico. Bisogna quindi valutare la rettilineità in senso longitudinale, l’assenza di curvature ed inflessioni rispetto al
piano orizzontale/longitudinale e la regolarità di sezione.
Bibliografia
AIMAT, Manuale dei materiali per l’ingegneria, McGraw-Hill ,1996, pagg.866-872.

OGGETTO ESIGENZA REQUISITO PRESTAZIONE METODO


Assenza di difetti intrinseci, di Vista + Test di incisione +
Funzionalità Resistenza meccanica attacchi da parte di insetti e di Test di percussione sonora
fessurazioni trasversali + Controllo trivella Pressler
Trave in legno Aspetto Omogeneità superficie Assenza di vernici Vista
Integrità/regolarità dei profili e della sezione
Geometria
Integrità/regolarità dimensionale delle facce Assenza deformazioni e curvature Vista
Assenza di difetti intrinseci, di
Vista + Test di incisione +
Funzionalità Resistenza meccanica attacchi da parte di insetti e di
Test di percussione sonora
fessurazioni trasversali
Tavolato in legno Aspetto Omogeneità superficie Assenza di vernici Vista
Integrità/regolarità dei profili Rettilineità
Geometria
Integrità/regolarità dimensionale delle facce Assenza deformazioni e curvature Vista
Specifiche tecniche per la gestione dei materiali 45
e componenti direttamente riusabili

2 Tavella in laterizio
Le tavelle o pianelle sono elementi laterizi pieni a forma parallelepipeda con altezza minore o uguale a 4 cm, utilizzate in genere come materiali da
pavimentazione o come elementi interposti (non collaboranti) nei solai in legno. Nel primo caso (pavimento) sono in genere posate su letti di sabbia
(o sabbia e calce), nel secondo caso sono semplicemente appoggiate e sigillate con malta sui bordi. I laterizi utilizzati per questo impiego sono in
genere di buona fattura, compatti e omogenei. A causa della buona cottura e dello spessore relativamente ridotto, essi possono presentare qualche
irregolarità geometrica, specialmente una leggera incurvatura longitudinale che rende non perfettamente planare la faccia principale.
L’analisi delle caratteristiche della prestazione residua si applica quando si prevede che le operazioni di smontaggio non pregiudichino in maniera
significativa l’integrità dell’elemento. I criteri in pratica sono pensati per componenti posati a secco o su malta di allettamento a debole presa, ovvero
su lotti già smontati.
Con la stessa denominazione di “tavella” sono identificati anche elementi forati in laterizio di produzione industriale ottenuti per estrusione, utilizzati per
vari impieghi, che tuttavia non sono oggetto della presente scheda.
Prestazione residua
Per determinare la prestazione residua devono essere valutati:
 Funzionalità: resistenza meccanica;
 Aspetto: assenza di difetti e irregolarità geometriche;
 Geometria: planarità, rettilineità.
Diagnosi
La buona resistenza si verifica con la percussione: la risposta sonora deve essere cristallina e metallica. Un suono grave e sordo è indizio di una
compattezza non ottimale e presumibilmente di inferiori prestazioni di resistenza meccanica. Controllare che non siano presenti fenomeni di condensa,
individuabili dalla comparsa di macchie chiare dovute alla migrazione di sali; che potrebbe aver compromesso la resistenza meccanica.
Esaminare la presenza di eventuali forme di degrado sulle superfici (efflorescenze, decoesione, lesionature, disgregazioni superficiali, rotture).
Verificare la presenza di discontinuità come fessure (sottili crepe del materiale che ne compromettono la continuità), protuberanze (irregolarità della
superficie determinate da rigonfiamenti locali di massa), scagliature (leggero distacco superficiale del materiale), sbavature e macchie all’interno del
laterizio (cuore nero).
Accertarsi che l’elemento presenti una sufficiente regolarità di aspetto (assenza di macchie e di vistose variazioni della colorazione). Valutare anche
l’omogeneità cromatica degli elementi appartenenti alla partita, considerando tuttavia che leggere differenze di tonalità non costituiscono un difetto.
Geometricamente l’elemento deve presentarsi di forma abbastanza regolare, con dimensioni sufficientemente costanti, facce planari, lati ortogonali e
spigoli privi di eccessive sbeccature.
Bibliografia
Giorgio Bonaga, Dizionario dei materiali e dei prodotti, UTET,1998.

OGGETTO ESIGENZA REQUISITO PRESTAZIONE METODO


Compattezza al tatto ed alla Test di percussione
Funzionalità Resistenza meccanica percussione sonora
Planarità e assenza di difetti Vista
Tavella in laterizio
Assenza di deformazioni, di
Aspetto Integrità superficiale Vista
protuberanze e di scagliature
Geometria Omogeneità cromatica Assenza di macchie (cuore nero) Vista
Regolarità dimensionale Planarità, rettilineità Vista
46 Direttiva tecnica 3

Mattone in laterizio 3
Sono chiamati mattoni gli elementi in laterizio avente generalmente forma parallelepipeda.
In base alla percentuale di foratura si parla di mattoni pieni (percentuale di foratura minore o uguale al 15%), mattoni semipieni (percentuale di foratura compresa
tra il 15% e il 55%) e mattoni forati (percentuale di foratura maggiore del 55%).
L’impiego prevalente è la realizzazione di murature, portanti e non portanti, che utilizzano le buone proprietà di resistenza a compressione del materiale.
L’analisi delle caratteristiche della prestazione residua si applica quando si prevede che le operazioni di smontaggio non pregiudichino in maniera significativa
l’integrità dell’elemento. I criteri in pratica sono pensati per componenti posati a secco o su malta di allettamento a debole presa, ovvero su lotti già smontati.
I mattoni forati si recuperano difficilmente poiché non è agevole rimuoverli mantenendoli integri. I mattoni pieni sono più semplici da riutilizzare, specialmente
quando la malta di allettamento utilizzata per realizzare la muratura presenta tenacità e resistenza a trazione inferiore a quella del mattone stesso (malte di calce
aerea, malte di calce idraulica a basso dosaggio).
Prestazione residua
Per determinare la prestazione residua devono essere valutati:
 Funzionalità: resistenza meccanica;
 Aspetto: assenza di difetti e di irregolarità geometriche;
 Geometria: planarità e rettilineità delle facce; regolarità degli spigoli
Diagnosi
La buona resistenza di un mattone si verifica con la percussione: la risposta sonora deve essere cristallina e metallica. Un suono grave e sordo è indizio di
una compattezza non ottimale e presumibilmente di inferiori prestazioni di resistenza meccanica. Controllare che non siano presenti fenomeni di condensa,
individuabili dalla comparsa di macchie chiare dovute alla migrazione di sali; che potrebbe aver compromesso la resistenza meccanica.
Esaminare la presenza di eventuali forme di degrado sulle superfici (efflorescenze, decoesione, lesionature, disgregazioni superficiali, rotture). Se sono
presenti efflorescenze (ossia la comparsa sulla superficie dei laterizi di una patina generalmente biancastra e polverosa) occorre determinarne il grado. Questa
operazione può essere fatta ad occhio nudo (la norma Uni 8942 prevede 4 classi di efflorescenza: nulla, leggera, media e forte) o tramite specifica procedura
di prova. Protuberanze o scagliature non devono essere presenti: tali difetti vengono rilevati visivamente, eventualmente bagnando la superficie con acqua per
evidenziare le irregolarità.
Geometricamente il mattone deve essere planare, cioè deve rispettare gli spessori minimi complessivi delle pareti e, nel caso di mattoni forati, anche dei setti;
bisogna inoltre che siano rispettate le limitazioni sulle percentuali di foratura, sulla dimensione massima dei fori e le tolleranze dimensionali previste dalla UNI
8942/2 (riportati di seguito). A seconda dell’impiego, possono essere accettati più o meno ampi scostamenti rispetto alle dimensioni nominali, che tuttavia è buona
norma non superino comunque la metà della dimensione (spessore) prevista per il letto di malta di allettamento.
Bibliografia
Giorgio Bonaga, Dizionario dei materiali e dei prodotti, UTET,1998.
G. Zanarini, I quaderni del Consorzio Alveolater, Le murature dall’A alla Z, 1993.
G. Zanarini e N. Tubi, I quaderni del Consorzio Alveolater, Le prestazioni delle murature, 1994.
P. Giacalone, F. Laner, A. Pala, Murature faccia a vista – Patologie e rimedi, Franco Angeli, 1997

OGGETTO ESIGENZA REQUISITO PRESTAZIONE METODO


Compattezza al tatto ed alla percussione Test di percussione sonora
Funzionalità Resistenza meccanica
Assenza fenomeni di condensa Vista
Integrità superficiale Assenza di lesionature disgregazioni e Vista
Mattone in Aspetto rotture
laterizio
Omogeneità cromatica Assenza di macchie e efflorescenze Vista + Prova grado di efflorescenza
Rettilineità/Ortogonalità degli spigoli Assenza di sbeccature sui bordi Vista
Geometria
Regolarità dimensionale Planarità delle facce

Di seguito vengono schematicamente riportati i limiti e/o tolleranze inderogabili previsti dalla norma UNI 8942/2 per le dimensioni dei vari tipi di prodotti
in laterizio per murature portanti e non portanti e per rivestimento:

Caratteristica Prodotti con massa Prodotti da rivestimento Prodotti rettificati Prodotti con massa
normale calibrati a secco alveolata
Limite e/o tolleranza
Lunghezza nel senso del foro ± 4% (max ± 8 mm) ± 3% (max ± 3 mm) ± 1% (max ± 5 mm) ± 4% (max ± 8 mm)
± 3% (max ± 6 ± 3% (max ± 6
Altre dimensioni mm) ± 2% (max ± 5 mm) ± 1% (max ± 1 mm) mm)
Stessi limiti a
Spessore pareti: 6 mm min. 6 mm min. seconda che 7 mm min.
interne / esterne 7 mm min 15 mm min siano comuni o da 10 mm min
rivestimento
foratura (%) Nominale ± 2/5 Nominale ± 2/5 Nominale ± 2/5 Nominale ± 2/5
Specifiche tecniche per la gestione dei materiali 47
e componenti direttamente riusabili

4 Concio in pietra naturale


Si definisce pietra ogni roccia non lucidabile.Col termine “concio di pietra” si identifica quindi una gamma molto estesa di elementi in materiale
lapideo, diversi per composizione, compattezza, colorazione e sagomati in forme differenziate, tipicamente parallelepipedi di varie dimensioni (blocchi
squadrati per murature; architravi monolitici) o elementi tronco-piramidali a base quadrata o rettangolare (conci per archi e volte).
Le pietre sono più o meno sensibili all’azione degli agenti aggressivi. Le più vulnerabili sono le pietre calcaree che possono degradarsi per
carbonatazione o per penetrazione d’acqua, presentando così forme di alterazione quali alveolizzazioni o desquamazioni, a volte estese e profonde
fino a manifestarsi con la disgregazione di estese porzioni del materiale.
L’analisi delle caratteristiche della prestazione residua si applica quando si prevede che le operazioni di smontaggio non pregiudichino in maniera
significativa l’integrità dell’elemento. I criteri in pratica sono pensati per componenti posati a secco o su malta di allettamento a debole presa, ovvero
su lotti già smontati.
La struttura molecolare è un fattore condizionante, tanto che il grado di gelività di una pietra è in stretta relazione con le sue caratteristiche intrinseche
di porosità. La pietra può inoltre acquisire nel tempo una protezione naturale in superficie. Tale protezione, il “calcino”, è costituita da una crosta di
carbonato di calcio dello spessore di qualche millimetro che limita la quantità d’acqua assorbita fino ad un terzo del livello normale.
Prestazione residua
Per determinare le prestazione residua devono essere valutati:
 Funzionalità: resistenza meccanica;
 Aspetto: assenza di difetti e deformazioni;
 Geometria: regolarità dimensionale.
Diagnosi
Verificare che l’effetto dell’azione dei carichi e degli agenti fisici e chimici non pregiudichi il possibile riutilizzo del materiale, in particolare rispetto alla
sua resistenza meccanica. Eseguire una prova per percussione e valutare la risposta sonora.
Esaminare con attenzione il pezzo per individuare eventuali lesioni, cricche o crepe che possono pregiudicare l’integrità dell’elemento.
Controllare la presenza di alterazioni quali alveolizzazioni o desquamazioni ed attacchi di microrganismi, che si rivelano con la comparsa di muschi
e funghi.
Valutare l’accettabilità delle eventuali irregolarità geometriche in tutte le direzioni (ortogonalità delle facce, planarità, regolarità dei bordi).
Lo stato di conservazione del concio deve essere tale da garantire l’assenza di macchie vistose e una sufficiente omogeneità di aspetto e colorazione,
sia rispetto alla superficie di ciascun concio, sia in relazione agli altri conci della partita.
Bibliografia
Frédéric Offenstein, Compatibilità dei materiali, UTET, 1995.

OGGETTO ESIGENZA REQUISITO PRESTAZIONE METODO


Compattezza e omogeneità
Funzionalità Resistenza meccanica Test di percussione sonora
dell’elemento
Assenza deformazioni e attacchi di
Aspetto Integrità superficiale microrganismi Vista
Concio in pietra naturale Regolarità di aspetto e colorazione
Assenza lesioni, cricche e crepe Vista
Geometria Regolarità dimensionale Planarità e ortogonalità delle facce,
Vista
regolarità degli spigoli
48 Direttiva tecnica 3

Trave in ferro (acciaio) 5


Come ogni elemento metallico, le travi in ferro sono generalmente affette da fenomeni di corrosione. Si può parlare di alterazione o degradazione
a seconda del grado di estensione e di profondità dell’attacco aggressivo. La corrosione può presentarsi in forma localizzata (pitting, vaiolatura),
selettiva (ad esempio, l’attacco a uno dei componenti di una lega) o generalizzata (corrosione estesa più o meno omogeneamente su tutta la
superficie esterna dell’elemento).
Gli elementi strutturali metallici inflessi possono avere subito carichi eccessivi (a flessione o a torsione) che li hanno deformati in modo permanente:
non è opportuno riutilizzare elementi deformati, neppure se appare possibile ripristinare l’originaria regolarità geometrica
Prestazione residua
Per determinare la prestazione residua devono essere valutati:
 Funzionalità: forme di corrosione;
 Aspetto: omogeneità di aspetto;
 Geometria: planarità, rettilineità.
Diagnosi
Si valuta in primo luogo la morfologia dell’attacco corrosivo. La valutazione delle varie forme di corrosione viene in genere compiuta su base
morfologica, distinguendo i fenomeni generalizzati da quelli localizzati e da quelli selettivi.
Bisogna valutare la presenza di punti di spillo, ulcere, crateri o caverne dovuti a corrosione per vaiolatura (pitting corrosion). Si tratta di una forma di
attacco localizzato, perforante, in cui le dimensioni dei punti di attacco sono in genere comprese tra 0.1 e 2 mm di diametro. Nei punti di giunzione fra
due lamiere metalliche creanti interstizi (saldature incomplete, rivettature, filettature) o in corrispondenza di sovrapposizioni occorre verificare che
non sia presente corrosione interstiziale, che si presenta sotto forma di caverne. Non devono esserci cricche di tipo intergranulare, transgranulare,
semplici o ramificate dovute a corrosione sotto sforzo (stress corrosion craking). Si tratta di un attacco localizzato fessurante, che si manifesta per
l’azione contemporanea di una sollecitazione meccanica nel senso della trazione e di un ambiente scarsamente corrosivo. Nei materiali metallici
la cui resistenza è legata alla presenza di un film superficiale protettivo (profili zincati, nichelati, ecc.) è necessario valutare la presenza/assenza di
ondulazioni, crateri e veri e propri canalicoli nel trattamento superficiale, il cui danneggiamento provoca l’innesco della corrosione - erosione.
Nell’aspetto la trave di ferro non deve presentare zone troppo disomogenee (parti trattate e parti non trattate, zone con superficie molto ossidata e
zone integre).
Geometricamente è necessario che l’elemento sia integro e uniforme, privo cioè di avvallamenti o deformazioni e comunque di evidenti discontinuità,
anche localizzate, del suo profilo geometrico, in tutte le direzioni e in ogni punto della sezione.
Bibliografia
AIMAT, Manuale dei materiali per l’ingegneria, McGraw-Hill ,1996, pagg. 329-345.

OGGETTO ESIGENZA REQUISITO PRESTAZIONE METODO


Presenza/assenza forme di Vista
Funzionalità Assenza di punti di spillo, ulcere, crateri, caverne e cricche
corrosione

Aspetto Omogeneità di aspetto Assenza di zone tra loro disomogenee Vista


Trave in ferro
Integrità/regolarità dei profili Rettilineità, ortogonalità Vista
Geometria
Integrità/regolarità
Assenza avvallamenti e deformazioni Vista
dimensionale delle facce
Specifiche tecniche per la gestione dei materiali 49
e componenti direttamente riusabili

6 Coppi in laterizio, tegole in laterizio


I coppi e le tegole sono elementi in laterizio destinati alla realizzazione dello strato di tenuta dei manti di copertura. I coppi sono ottenuti per formatura
entro uno stampo (pressatura) o per estrusione. Il coppo tradizionale (pressato) ha la tipica forma rastremata in senso longitudinale (un estremità è
più “stretta” di quella opposta).
Le caratteristiche meccaniche, fisiche e chimiche sono in pratica quelle dei laterizi della migliore qualità, con impasti regolari, compatti e relativamente
poco porosi. La tegola/coppo in laterizio è in genere caratterizzata da un buon livello di durata a cui si unisce una sufficiente resistenza meccanica,
che diminuisce in presenza di acqua.
La lunga esposizione agli agenti atmosferici può avere sensibilmente deteriorato gli elementi in laterizio: i pezzi che continuano a presentare
caratteristiche accettabili possono essere considerati di buona qualità.
Prestazione residua
Per determinare la prestazione residua devono essere valutati:
 Funzionalità: caratteristiche meccaniche;
 Aspetto: assenza di difetti superficiali;
 Geometria: regolarità dimensionale (mantenimento caratteristiche geometriche).
Diagnosi
Se percossa la tegola/coppo, il suono deve risultare chiaro e metallico.
La tegola in laterizio ha una buona tenuta anche se il materiale presenta un certo grado di porosità (la porosità consente benefici sotto il profilo
igrotermico), in ogni modo una porosità eccessiva è sconsigliabile dato che può comportare, oltre al passaggio dell’acqua, la rottura per gelo.
Bisogna verificare la presenza che le patine dovute al deposito di pulviscolo atmosferico, fuliggine, sostanze inquinanti, muffe o funghi dovuti non
presentino spessore né estensione eccessive.
Una buona tegola deve avere una superficie liscia ed uniforme; bisogna quindi verificare che non siano presenti rotture, fessurazioni, protuberanze,
scagliature e micro-fessurazioni provocate dal gelo o altre alterazioni superficiali diffuse o concentrate, imputabili all’azione dagli agenti atmosferici,
che comportino mutamenti di aspetto.
Geometricamente la tegola/coppo deve essere integra e regolare, cioè non deve presentare né sbeccature sui bordi né curvature e mostrare un
aspetto relativamente omogeneo sulla superficie di ciascun elementi e fra gli elementi di una stesa partita.
Bibliografia
Guida alla progettazione – Le coperture discontinua, BE-MA Editrice, Milano, 1987.
Enrico Mandolesi, Edilizia, UTET, 1991, pagg.161-171.

OGGETTO ESIGENZA REQUISITO PRESTAZIONE METODO

Compattezza al tatto ed alla percussione;


Funzionalità Resistenza meccanica Vista + Test di percussione sonora
assenza di fratture e incrinature

Aspetto Omogeneità cromatica Assenza di macchie e efflorescenze Vista + Prova grado di efflorescenza
Coppi in
laterizio
Integrità/regolarità dei profili Assenza di sbeccature sui bordi Vista
Geometria
Lmax<1.2*Lmedia
Regolarità dimensionale Lmin>1.2*Lmedia Misura su campione
(campione 20 pezzi)

Compattezza al tatto ed alla percussione;


Funzionalità Resistenza meccanica Vista + Test di percussione sonora
assenza di fratture e incrinature

Aspetto Omogeneità cromatica Assenza di macchie e efflorescenze Vista + Prova grado di efflorescenza
Tegole in
laterizio
Integrità/regolarità dei profili Assenza di sbeccature sui bordi Vista
Geometria
Lmax<1.2*Lmedia
Regolarità dimensionale Lmin>1.2*Lmedia Misura su campione
(campione 20 pezzi)
50 Direttiva tecnica 3

Scandola in legno 7
Le scandole sono elementi in legno utilizzati per realizzare manti di copertura. Si distinguono secondo la specie legnosa, secondo il tipo di
fabbricazione (spaccate o segate) e secondo la forma. Per la produzione di scandole vengono impiegate soprattutto le specie resinose europee
– abete rosso e larice (durame) - e alcune specie non europee.
Spesso, ai fini della tenuta, vengono impregnate con sostanze impermeabilizzanti per proteggerle dall’azione degli agenti atmosferici (vernici, resine
sintetiche).
Prestazione residua
Per determinare la prestazione residua devono essere valutati:
 Funzionalità: prestazioni statiche;
 Aspetto: assenza di vernici;
 Geometria: planarità, rettilineità, ortogonalità delle facce (profili e sezione quadrangolari).
Diagnosi
L’ispezione visiva deve innanzitutto valutare l’eventuale presenza di fessurazioni trasversali, che possono pregiudicare l’idoneità a sostenere i
carichi. Le alterazioni che si manifestano con variazioni della consistenza del legno possono essere verificate incidendo la scandola con una lama. E’
necessario fare attenzione alle parti parzialmente inaccessibili, in ombra o difficilmente ventilate tali da mantenere l’umidità. Sotto il manto del tetto le
orditure lignee nei loro incastri e nelle parti a contatto con altri materiali (soprattutto metallici) possono determinare processi di ossidazione (ruggine)
se vi è umidità costante.
Bisogna controllare che non si siano verificati ritiri di superficie, dovuti alla cosiddetta “cavia marrone”, imputabili ad un deterioramento dell’interno
(anche se visibilmente il legno è quasi intatto). Polvere o buchi recenti indicano la presenza di insetti in attività.
La presenza eccessiva di macchie indica un deterioramento ad opera dell’umidità. Macchie di ruggine in superficie indicano che chiodi o altro hanno
portato l’umidità all’interno.
Verificare che non siano presenti trattamenti a base di vernici o resine sintetiche.
Geometricamente l’elemento deve essere intatto, cioè non deve presentare né avvallamenti né curvature, sia nel senso longitudinale che
trasversale.
Bibliografia
AIMAT, Manuale dei materiali per l’ingegneria, McGraw-Hill ,1996, pagg.866-872.
Enrico Mandolesi, Edilizia, UTET, 1991, pagg.155-156.
Recupero Edilizio 2, Edizioni Ente Fiere Bologna,1983, pagg.279-284.

OGGETTO ESIGENZA REQUISITO PRESTAZIONE METODO


Compattezza al tatto; assenza fessurazioni trasversali, ruggine,
Vista
Funzionalità Prestazioni statiche polvere o buchi prodotti da insetti, macchie e ritiri di superficie
+ Test di incisione
(cavia marrone)

Scandola Omogeneità dei trattamenti


Aspetto Buono stato di conservazione delle vernici/resine Vista
in legno superficiali

Geometria Regolarità dimensionale Assenza avvallamenti e curvature Vista


Specifiche tecniche per la gestione dei materiali 51
e componenti direttamente riusabili

8 Lastre ondulate per coperture in materiale plastico


Le lastre ondulate per copertura vengono realizzate PRFV (poliestere rinforzato con fibre di vetro, nome commerciale “ondulux”), e in questo caso
presentano caratteristiche meccaniche variabili con la composizione della mescola o in PVC (cloruro di polivinile), con spessore variabile da 1 a 10
mm.
Vengono in genere utilizzate laddove non è richiesto l’isolamento termico (e acustico), come ad esempio nel caso di magazzini, depositi, tettoie,
pensiline, ecc
L’esposizione agli agenti atmosferici ne causa una relativamente precoce degradazione delle caratteristiche estetiche e delle proprietà ottiche, a
che tuttavia non pregiudicano – specialmente per le lastre in PRFV – le prestazioni meccaniche né quelle di tenuta.
Prestazione residua
Per determinare la prestazione residua devono essere valutati:
 Funzionalità: resistenza meccanica;
 Aspetto: assenza di patine e di muffe;
 Geometria: regolarità dimensionale.
Diagnosi
Controllare la presenza di zone opacizzate, dovute all’azione degli agenti atmosferici, rilevando variazioni di colore che, accompagnate dalla
formazione di patine o muffe, in forme più o meno localizzate, possono compromettere la funzionalità e le prestazioni meccaniche della lastra.
Verificare l’integrità geometrica, ossia la presenza/assenza di forme localizzate o concentrate di difetti ed irregolarità quali rotture, scalfitture, buchi,
crepe, fessurazioni e spaccature.
Controllare con attenzione che le zone in corrispondenza dei fissaggi non presentino fenomeni accentuati di degrado tali da pregiudicare
sensibilmente la resistenza meccanica della lastra.
Bibliografia
Enrico Mandolesi, Edilizia, UTET, 1991, pag.180.

OGGETTO ESIGENZA REQUISITO PRESTAZIONE METODO

Funzionalità Resistenza meccanica Compattezza al tatto; assenza di fratture Vista

Lastre ondulate per copertura


Aspetto Omogeneità cromatica Assenza di patine e muffe Vista
in materiale plastico

Geometria Regolarità dimensionale Assenza di rotture, buchi, crepe e fessurazioni Vista


52 Direttiva tecnica 3

Comignolo in laterizio (monolitico) 9


Il comignolo monolitico è un elemento in laterizio di sezione circolare o retta (quadrata, rettangolare), di dimensioni in pianta comprese fra 10x10 e
30x30 e di lunghezza da 40 a 70 cm.
Il “cappello” può essere costituito da un elemento in laterizio, fissato con malta al comignolo, o in elemento metallico fisso o mobile (con alette
segnavento che si muovono con il vento, realizzando un’aspirazione).
Il comignolo è in genere costituito da laterizio a sezione piena, più raramente presenta una doppia parete realizzata da due cartelle sottili collegate
tra loro da setti trasversali.
Prestazione residua
Per determinare la prestazione residua devono essere valutati:
 Funzionalità: resistenza meccanica, corretta aspirazione dei gas di scarico (tiraggio) e resistenza al vento;
 Aspetto: assenza di difetti e di irregolarità geometriche;
 Geometria: regolarità dimensionale.
Diagnosi
Verificare che non ci siano crepe, irregolarità della superficie, distacchi di materiale e fessurazioni.
Verificare che il piede presenti una sagoma idonea al sicuro fissaggio alle tegole (presenza del bordo o risvolto) in modo da assicurare la resistenza
al vento.
Valutare l’eventuale presenza di macchie scure (cuore nero) all’interno del laterizio, che sebbene non influenzino le caratteristiche di comportamento
producono comunque una forte alterazione dell’aspetto esteriore.
Sulla superficie esterna devono esserci “baffi” generati dall’emissione dei fumi.
Geometricamente l’elemento deve essere integro, cioè deve presentarsi regolare ed uniforme, planare e privo di difetti visibili come crepe, buchi,
fessurazioni e spaccature.
Bibliografia
Supplemento a “Il Tetto” rivista di informazione e tecnica edilizia, Il Sistema Tetto, VECOM, Verona, 1981.

OGGETTO ESIGENZA REQUISITO PRESTAZIONE METODO

Resistenza meccanica Coesione del materiale, assenza di crepe e lesioni Vista


Funzionalità
Resistenza al vento Sagoma del piede Vista
Comignolo in laterizio
Aspetto Integrità superficiale Assenza forme di difetti Vista

Geometria Regolarità dimensionale Assenza buchi e fessurazioni Vista


Specifiche tecniche per la gestione dei materiali 53
e componenti direttamente riusabili

10 Canale di gronda, pluviale (in lamiera metallica)


I canali di gronda da e i relativi pluviali sono generalmente realizzati in lamiera di acciaio zincata (in spessori di 4, 5 o 6 decimi di mm) o in lamiera di
rame (da 6 o 8 decimi) o in lamiera di acciaio inossidabile (6 decimi): in tutti i casi, i profili sono ottenute per piegatura a freddo, le giunzioni realizzate
per sovrapposizione (sormonto) e rivettatura, sigillate con brasatura a stagno o mastici siliconici.
Il canale di gronda può essere fissato a sbalzo rispetto alla zona terminale della copertura o essere incassato in un apposito alloggiamento realizzato
nel cornicione.
Nel primo caso è trattenuto da appositi elementi metallici di sostegno (cicogne), costituiti da un piatto metallico sagomato o fissato al canale a distanza
regolare.
Nel secondo caso il canale è semplicemente appoggiato nell’alloggiamento presente nel cornicione di gronda.
I pluviali sono usualmente fissati tramite staffe metalliche all’esterno della muratura, per tutta la loro lunghezza o fino a qualche metro da terra, nel
caso l’ultimo tratto verticale sia incassato.
La disposizione “in vista” lascia le tubazioni esposte agli agenti atmosferici, quindi più elevata è la probabilità di trovare fratture e schiacciamenti
rispetto ai pluviali “incorporati”, che, invece, presentano il vantaggio di una maggiore protezione, anche se devono essere realizzati con giunzioni a
perfetta tenuta.
Il principale fenomeno di degrado e legato all’ossidazione, particolarmente aggressiva nel caso degli elementi in lamiera zincata.
Prestazione residua
Per determinare la prestazione residua devono essere valutati:
 Funzionalità: corretto deflusso delle acque, forme di corrosione;
 Aspetto: omogeneità cromatica;
 Geometria: regolarità dimensionale.
Diagnosi
Verificare la regolarità della sezione, visto che variazioni di dimensione e forma potrebbero pregiudicare il corretto deflusso delle acque e comportare
quindi ristagni e debordamenti.
Verificare l’estensione e la profondità delle eventuali forme di corrosione, considerare la possibilità di eliminare le zone degradate, nel caso di
danneggiamenti localizzati.
Particolare attenzione va posta circa la presenza di rotture o lesioni, dovute all’azione del gelo o ad urti (grandine), che possono pregiudicare la
tenuta.

Bibliografia
Enrico Mandolesi, Edilizia, UTET, 1991, pagg.197-198.

OGGETTO ESIGENZA REQUISITO PRESTAZIONE METODO


Vista
Funzionalità Corretto deflusso delle acque Regolarità della sezione

Vista
Canale di gronda Aspetto Integrità superficiale Assenza forme di corrosione

Vista
Geometria Regolarità dimensionale Assenza di rotture, crepe e fessure

Vista
Funzionalità Corretto deflusso delle acque Regolarità della sezione

Vista
Pluviale Aspetto Integrità superficiale Assenza forme di corrosione

Vista
Geometria Regolarità dimensionale Assenza di rotture, crepe e fessure
54 Direttiva tecnica 3

Piastrelle in ceramica smaltate (per pavimentazioni e rivestimenti) 11


L’analisi delle caratteristiche della prestazione residua si applica quando si prevede che le operazioni di smontaggio non pregiudichino in maniera
significativa l’integrità della piastrella. I criteri in pratica sono pensati per componenti posati a secco o su malta di allettamento a debole presa, ovvero
su lotti già smontati.
Bisogna ricordare che la piastrella è un elemento modulare e per questo motivo tutte le differenze dimensionali e la planarità della superficie, che
possono pregiudicarne l’effetto visivo e d’insieme, sono da considerare in generale come difetti. Le irregolarità dimensionali sono difetti solo se
rilevanti dal punto di vista estetico e funzionale, quindi piccole irregolarità della superficie, riscontrabili solo con una osservazione ravvicinata, si
possono non considerare difetti.
Prestazione residua
Per determinare la prestazione residua devono essere valutati:
 Funzionalità: resistenza meccanica;
 Aspetto: assenza di difetti ed irregolarità geometriche;
 Geometria: planarità, rettilineità.
Diagnosi
Le piastrelle smaltate sono elementi di ceramica sulla cui faccia vista è applicato uno smalto vetroso.
Le resistenza meccanica si verifica con il test di percussione sonora: la risposta deve essere cristallina; se invece risulta grave e sorda significa che
c’è qualcosa che non và.
Le caratteristiche meccaniche delle piastrelle smaltate dipendono dalla composizione e dalla microstruttura dello smalto, le quali condizionano anche
la durabilità di esercizio. Lo smalto deve aver resistito all’usura superficiale senza vere perso la lucentezza di aspetto.
La fondamentale verifica deve riguardare lo stato di conservazione della piastrella, intesa come verifica della presenza o assenza di alterazioni e la
regolarità geometrica della superficie di calpestio.
La superficie visibile deve essere integra, priva di difetti, come fratture, cavilli, ritiri di smalto, crateri, buchi, punti e macchie, difetti dello smalto, bolle,
fessurazioni (causate dal ritiro, durante la fase di presa, della malta), sfogliazioni, che possono dar luogo a problemi di pulibilità e quindi di igienicità.
Controllare inoltre la rettilineità degli spigoli e l’ortogonalità.
Bibliografia
Catalogo Edile - Finiture Tecniche e Pavimentazioni, BE-MA editrice, Aprile 1991.
AIMAT, Manuale dei materiali per l’ingegneria, McGraw-Hill ,1996, pagg. 413-416.
A. Tenaglia, G. Timellini, C. Palmonari, Le Piastrelle di Ceramica, Centro Ceramico, Bologna, 1995.

OGGETTO ESIGENZA REQUISITO PRESTAZIONE METODO

Test di
Funzionalità Resistenza meccanica Compattezza alla percussione
percussione

Assenza di fratture, buchi, punti


Integrità superficiale e macchie, difetti dello smalto e Vista
fessurazioni
Aspetto
Piastrelle in ceramica Omogeneità cromatica Assenza di sbiadimenti Vista

Rettilineità/Ortogonalità degli
Assenze di sbeccature sugli bordi Vista
spigoli
Geometria
Regolarità dimensionale Planarità delle facce Vista
Specifiche tecniche per la gestione dei materiali 55
e componenti direttamente riusabili

12 Piastrelle in ceramica non smaltate greificate


Le piastrelle non smaltate sono elementi in ceramica da pavimentazione o rivestimento, ottenute per cottura di un impasto omogeneo, senza
trattamenti superficiali di smaltatura. Elevate temperature di cottura consentono di ottenere la completa greificazione dell’impasto, che presenta quindi
consistenza compatta e quasi “vetrosa”, con bassi o bassissimi livelli di assorbimento d’acqua. A temperature più ridotti e con impasti più poveri la
consistenza è invece meno compatta e la porosità più elevata.
Tutte le differenze dimensionali e le irregolarità di aspetto (come fratture, disuniformità, crateri, buchi, punti e macchie, tonalità, scagliature di bordi,
scagliature di angoli) che in qualche modo alterano o disturbano l’armonia dell’orditura del piastrellato e la planarità della superficie, pregiudicandone
l’effetto visivo e tattile di insieme, sono da riguardare come difetti.
Le irregolarità dimensionali sono difetti solo se rilevanti dal punto di vista estetico e funzionale, quindi piccole irregolarità della superficie, rilevabili
solo con una osservazione ravvicinata, non si possono considerare difetti.
Prestazione residua
Per determinare la prestazione residua devono essere valutati:
 Funzionalità: resistenza meccanica;
 Aspetto: assenza di difetti ed irregolarità geometriche;
 Geometria: planarità, rettilineità.
Diagnosi
Verificare il grado di rimozione parziale dello strato superficiale superiore generato da un’azione abrasiva intensa e prolungata. L’abrasione comporta
infatti un progressivo consumo e la conseguente alterazione delle caratteristiche estetiche e l’alterazione delle caratteristiche funzionali della
superficie, quali ad esempio la resistenza all’attacco chimico o alle macchie e la pulibilità.
Valutare l’eventuale presenza di fratture o scagliature ti tipo conoide, imputabili all’azione del gelo.
Per i pavimenti posati in ambienti esterni ed esposti quindi a prolungate condizioni di insolazione, devono essere valutate eventuali variazioni
di intensità o della tonalità cromatica. Tali alterazioni sono dannose in quanto non solo comportano una variazione complessiva di aspetto della
superficie, ma soprattutto in quanto possono evidenziare col tempo disuniformità cromatiche inestetiche.
Geometricamente l’elemento deve risultare regolare e uniforme, cioè non deve presentare né sbeccature sui bordi né curvature. Controllare la
rettilineità degli spigoli e l’ortogonalità.
Bibliografia
Carlo Palmonari, Il gres porcellanato, 1989, pagg. 36-78.

OGGETTO ESIGENZA REQUISITO PRESTAZIONE METODO

Funzionalità Resistenza meccanica Compattezza alla percussione Test di percussione

Integrità superficiale Assenza di fratture e scalfitture Vista


Aspetto
Marmetta in cotto e
Omogeneità cromatica Assenza sbiadimenti Vista
gerificati
Rettilineità/Ortogonalità Assenze di sbeccature sugli
Vista
degli spigoli bordi
Geometria
Regolarità dimensionale Planarità delle facce Vista
56 Direttiva tecnica 3

Lastra da pavimentazione o rivestimento in pietra naturale 13


La materia riguardante le pietre naturali e le prove relative fa riferimento in Italia al R.D. 2232 (Norme per l’accettazione delle pietre naturali
da costruzione) e al R.D. 2234 (Norme per l’accettazione dei materiali da pavimentazione) del 16/11/1939. Per la definizione terminologica, la
classificazione, la determinazione delle caratteristiche dei materiali lapidei si fa inoltre riferimento alle norme UNI.
Naturalmente la composizione mineralogica riveste un ruolo determinante nella durabilità del materiale lapideo: i materiali a struttura compatta
ed omogenea, come i graniti, risentono meno dei fattori disgregativi, offrendo una forte resistenza. Al contrario materiali a struttura porosa o non
omogenea, come calcari, tufi e brecce ne sono attaccati in maniera più rapida e devastante.
L’analisi delle caratteristiche della prestazione residua si applica quando si prevede che le operazioni di smontaggio non pregiudichino in maniera
significativa l’integrità della piastrella. I criteri in pratica sono pensati per componenti posati a secco o su malta di allettamento a debole presa, ovvero
su lotti già smontati.
Prestazione residua
Per determinare la prestazione residua devono essere valutati:
 Funzionalità: durabilità;
 Aspetto: assenza di difetti;
 Geometria: regolarità dimensionale.
Diagnosi
Valutare l’eventuale presenza di difetti di natura meccanica nel materiale lapideo dovuti a cause di origine naturale oppure alle lavorazioni subite. La
presenza di micro-fessurazioni, di diaclasi o piani di frattura, può comprometterne la resistenza e la durabilità.
Alle prime alterazioni di natura cromatica ed estetica, fanno seguito modificazioni più rilevanti che interessano le proprietà fisiche, chimiche e
meccaniche del materiale, che risulta indebolito e degradato.
I materiali lapidei posti all’aperto vanno incontro a processi di invecchiamento conseguenti ad un insieme di azioni chimiche e fisiche prodotte dagli
agenti atmosferici ed aggravati dalle condizioni locali di inquinamento.
Guardare con attenzione l’usura dei materiali, che si manifesta con una perdita di spessore.
Geometricamente la lastra in pietra naturale deve essere regolare ed uniforme, cioè non deve presentare bruschi salti di quota, dimagrimenti e
rigonfiamenti eccessivi, che devono essere considerati difetti inaccettabili.
Bibliografia
Andrea Boeri, Pietre naturali nelle costruzioni, Hoeply, 1996, pagg.25-74.

OGGETTO ESIGENZA REQUISITO PRESTAZIONE METODO

Funzionalità Durabilità Compattezza al tatto e resistenza all’usura Vista

Lastra lapidea in pietra


Aspetto Integrità superficiale Assenza di diaclasi, micro-fessurazioni e salti di quota Vista
naturale
Regolarità
Geometria Assenza di dimagrimenti e rigonfiamenti Vista
dimensionale
Specifiche tecniche per la gestione dei materiali 57
e componenti direttamente riusabili

14 Listoni, listelli, doghe in legno da parquet


I requisiti che una pavimentazione deve soddisfare sono definiti dalla norma UNI 7999 Edilizia: Pavimentazioni. Analisi dei requisiti, che fornisce un
elenco di requisiti per la definizione delle specifiche di prestazione e delle modalità di verifica per le pavimentazioni, in relazione alle condizioni d’uso.
Le funzioni richieste alle pavimentazioni dipendono sia dalle azioni che l’ambiente circostante ha sulle pavimentazioni, sia dalle azioni indotte dalla
pavimentazione stessa dell’ambiente, in relazione all’uso del locale in cui la pavimentazione è collocata.
Bisogna ricordare che è normale che il legname presenti in una certa misura anomalie naturali quali nodi, fessurazioni da ritiro, smussi laterali. Esso
tuttavia deve apparire nell’insieme sano e compatto.
L’analisi delle caratteristiche della prestazione residua si applica quando si prevede che le operazioni di smontaggio non pregiudichino in maniera
significativa l’integrità dell’elemento. I criteri in pratica sono pensati per componenti posati a secco (semplice appoggio, chiodatura su magatelli o
listelli), ovvero su lotti già smontati.
Prestazione residua
Per determinare la prestazione residua devono essere valutati:
 Funzionalità: prestazioni statiche;
 Aspetto: assenza di difetti e di trattamenti superficiali;
 Geometria: planarità, rettilineità.
Diagnosi
L’ispezione visiva deve determinare lo stato di conservazione del materiale legnoso: la punta di un cacciavite deve penetrare con difficoltà per al
massimo un qualche millimetro nel legno se spinta col palmo della mano. Valutare la presenza di imperfezioni quali inclinazioni, rugosità; abrasioni,
incisioni, scheggiature, lacerazioni dovute al traffico pedonale, al trascinamento di oggetti o ad urti; variazioni dimensionali, rammollimenti,
fessurazioni, rotture imputabili ad agenti igrometrici (variazioni di temperatura e di umidità). Valutare quindi la presenza di alterazioni cromatiche e
di aspetto (macchie) dovute a fattori ottici o agenti chimici e la presenza di funghi o insetti che sviluppano il proprio attacco in determinate condizioni
ambientali ed in assenza di adeguati trattamenti preventivi del materiale.
E’ importante che non siano presenti trattamenti a base di vernici o altro materiale, ovvero che essi risultino facilmente removibili per levigatura.
Nel caso di rivestimento verticale in ambiente esterno bisogna controllare che gli eventuali fenomeni di degrado non abbiano generato ingiallimento o
abbrunimento, accompagnato da attacchi fungini, con produzione di pigmentazione scura.
Valutare la regolarità geometrica dell’elemento e valutare con particolare attenzione la sagoma e lo stato di conservazione dei bordi, compresi le
eventuali scanalature o maschiature destinate a realizzare le connessioni longitudinali fra elementi contigui.
Bibliografia
Consorzio Legnolegno, FNALA-CNA, Guida alle tipologie, requisiti e manutenzione dei prodotti in legno, 1996.
Centro Legno, Rivestimenti Esterni, 1990.

OGGETTO ESIGENZA REQUISITO PRESTAZIONE METODO


Vista
Funzionalità Prestazioni statiche Compattezza al tatto + Test di
incisione
Assenza di rotture, fessurazioni, incisioni,
Aspetto Integrità superficiale scheggiature; assenza di attacchi fungini e di Vista
insetti; assenza di vernici
Parquet o pannello in legno
Omogeneità cromatica Assenza di macchie e di zone gialle e brune Vista

Geometria Regolarità dimensionale Planarità Vista


58 Direttiva tecnica 3

Caminetto in pietra naturale 15


Ai fini del loro riutilizzo, per “caminetto” si intende un insieme di elementi decorativi in pietra naturale, o in laterizio, collocati intorno al perimetro
esterno della bocca del focolare e normalmente costituiti da due colonne verticali, con trave o traversa orizzontale e eventuale zoccolo o basamento.
Tali elementi possono essere realizzati in forma monolitica, oppure ottenuti per assemblaggio di singoli conci.
Di regola gli elementi decorativi sono fissati con malta alla struttura del caminetto propriamente detto, solitamente realizzato in muratura.
Particolare cura va posta, quindi, nello smontaggio, che deve essere eseguito in modo da non pregiudicare l’integrità degli elementi decorativi.
Prestazione residua
Per determinare la prestazione residua devono essere valutati:
 Funzionalità: durabilità;
 Aspetto: assenza di difetti;
 Geometria: regolarità dimensionale.
Diagnosi
Valutare l’eventuale presenza di difetti di natura meccanica nel materiale lapideo dovuti a cause di origine naturale oppure alle lavorazioni subite. La
presenza di micro-fessurazioni, di diaclasi o piani di frattura, può comprometterne la resistenza e la durabilità.
Alle prime alterazioni di natura cromatica ed estetica, fanno seguito modificazioni più rilevanti che interessano le proprietà fisiche, chimiche e
meccaniche del materiale, che risulta indebolito e degradato.
I materiali lapidei posti all’aperto vanno incontro a processi di invecchiamento conseguenti ad un insieme di azioni chimiche e fisiche prodotte dagli
agenti atmosferici ed aggravati dalle condizioni locali di inquinamento.
Guardare con attenzione l’usura dei materiali, che si manifesta con una perdita di spessore.
Geometricamente l’elemento deve essere regolare ed uniforme, cioè non deve presentare bruschi salti di quota, dimagrimenti e rigonfiamenti
eccessivi, che devono essere considerati difetti inaccettabili.
Bibliografia
Andrea Boeri, Pietre naturali nelle costruzioni, Hoepli, 1996, pagg.25-74.

OGGETTO ESIGENZA REQUISITO PRESTAZIONE METODO

Funzionalità Durabilità Resistenza all’usura Vista

Assenza di diaclasi, micro-fessurazioni e


Caminetto in pietra naturale Aspetto Integrità superficiale Vista
salti di quota

Geometria Regolarità dimensionale Assenza di dimagrimenti e rigonfiamenti Vista


Specifiche tecniche per la gestione dei materiali 59
e componenti direttamente riusabili

15 Battiscopa in legno
Il battiscopa è un elemento di finitura realizzato con una doga o listello di legno massello, o in qualche caso nobilitato da una impiallacciatura nella
faccia a vista, e di regola finito con una verniciatura.
Il fissaggio alla parete e realizzato normalmente con chiodi o viti, in qualche caso con colla.
Prestazione residua
Per determinare la prestazione residua devono essere valutati:
 Funzionalità.
 Aspetto: assenza difetti e vernici;
 Geometria: planarità, rettilineità.
Diagnosi
Valutare la presenza di imperfezioni quali inclinazioni, rugosità, abrasioni, incisioni, scheggiature, lacerazioni dovute al trascinamento di oggetti o ad
urti e variazioni dimensionali, rammollimenti, fessurazioni, rotture imputabili ad agenti igrometrici (variazioni di temperatura e di umidità). Verificare la
presenza di alterazioni cromatiche e di aspetto (macchie) dovute a fattori ottici o agenti chimici e la presenza di funghi o insetti che sviluppano il proprio
attacco in determinate condizioni ambientali ed in assenza di adeguati trattamenti preventivi del materiale.
Se il legno è stato trattato con vernici bisogna verificare l’integrità dello strato protettivo.
Valutare la regolarità geometrica dell’elemento; ad un’attenta osservazione il battiscopa deve risultare planare e rettilineo.
Bibliografia
Consorzio Legnolegno, FNALA-CNA, Guida alle tipologie, requisiti e manutenzione dei prodotti in legno, 1996.

OGGETTO ESIGENZA REQUISITO PRESTAZIONE METODO

Funzionalità

Assenza di rugosità, abrasioni, incisioni, scheggiature


Integrità superficiale Vista
e lacerazioni; assenza di attacchi fungini e di insetti

Battiscopa in legno Aspetto Omogeneità cromatica Assenza di macchie Vista

Integrità strato protettivo Assenza zone prive di vernice Vista

Geometria Regolarità dimensionale Planarità, rettilineità Vista


60 Direttiva tecnica 3

Davanzale, soglia, gradino in marmo o pietra naturale 17


Le rocce impiegate in edilizia ad uso ornamentale e da costruzione vengono classificate dalla norma UNI 8458 “Prodotti lapidei – Terminologia e
classificazione”.
E’ definito marmo ogni roccia cristallina, compatta e lucidabile, prevalentemente costituita da minerali di durezza media.
L’applicazione in esterni non è sempre ottimale la presenza di variazioni di umidità, temperatura, esposizione agli agenti atmosferici può avere causato
danni più o meno grandi.
Gli elementi decorativi in marmo sono di regola posati con malta: lo smontaggio deve essere eseguito con cura per evitare di provocare danni o rotture.
Prestazione residua
Per determinare la prestazione residua devono essere valutati:
 Funzionalità: durabilità;
 Aspetto: assenza di difetti ed irregolarità geometriche;
 Geometria: regolarità dimensionale.
Diagnosi
Valutare l’eventuale presenza di difetti di natura meccanica nel materiale lapideo dovuti a cause di origine naturale oppure alle lavorazioni subite. La
presenza di micro-fessurazioni, di diaclasi o piani di frattura, può comprometterne la resistenza e la durabilità.
La presenza nell’impasto di componenti instabili può provocare variazioni di tonalità. In seguito all’esposizione agli agenti atmosferici si possono produrre
macchie giallastre.
Controllare la presenza di eventuali inclusioni nella struttura della roccia, che costituiscono disomogeneità che possono produrre effetti differenti.
Inclusioni di minerali duri in impasti poco resistenti portano il materiale ad usurarsi in maniera differenziata. I noduli interclusi e gli elementi duri, poco
sensibili all’abrasione, possono rimanere in rilievo rispetto al resto del materiale, compromettendo la planarità complessiva. Inclusioni di materiali teneri
in impasti resistenti risentono maggiormente dell’abrasione e tendono a formare avvallamenti o vere e proprie cavità.
Verificare che non ci siano macchie causate dall’ossidazione di elementi metallici.
Geometricamente l’elemento deve essere regolare ed uniforme, cioè non deve presentare bruschi salti di quota, dimagrimenti e rigonfiamenti eccessivi,
che devono essere considerati difetti inaccettabili.
Bibliografia
Andrea Boeri, Pietre naturali nelle costruzioni, Hoepli, 1996, pagg.25-74.

OGGETTO ESIGENZA REQUISITO PRESTAZIONE METODO

Funzionalità Durabilità Compattezza al tatto e resistenza all’usura Vista

Assenza di piani di frattura, diaclasi, micro-fessurazioni,


Aspetto Integrità superficiale Vista
incrostazioni e disomogeneità
Davanzale, soglia, gradino
Omogeneità cromatica Assenza di macchie Vista

Geometria Regolarità dimensionale Uniformità Vista


Specifiche tecniche per la gestione dei materiali 61
e componenti direttamente riusabili

18 Ante, persiane oscuranti


I serramenti sono una famiglia di componenti edilizi, classificabili secondo diversi criteri.
Rispetto alla loro collocazione nell’edificio, si suddividono in:
 serramenti esterni;
 serramenti interni.
Rispetto alla loro posizione si suddividono in:
 orizzontali o inclinati (lucernari, finestre da tetto);
 verticali (finestre, porte ecc…).
Rispetto al loro comportamento nei confronti della luce, si suddividono in opachi e trasparenti.
Dal punto di vista costruttivo, sono utilizzati serramenti realizzati con diverse configurazioni e con l’impiego di vari materiali. Per semplicità, la
classificazione adottata è la seguente:
 ante, persiane oscuranti;
 finestre e porte finestre;
 porte esterne e portoni;
 porte interne;
 lucernari, abbaini ecc….
Prestazione residua
Per determinare la prestazione residua devono essere valutati:
 Funzionalità: resistenza meccanica;
 Aspetto: assenza di difetti ed integrità film protettivo;
 Geometria.
Diagnosi
Le ante e le persiane oscuranti devono resistere alle sollecitazioni meccaniche (in particolare azioni flessionali), alla chiusura brutale, alle scosse,
ai colpi e alla penetrazione dei corpi, non vibrare né produrre rumori sotto l’azione degli spostamenti d’aria. Esaminare la perfetta chiusura e tenuta
del serramento; l’anta e/o persiana deve avere un corretto appoggio su tutte le battute del telaio, in caso contrario occorre controllare le modalità
di accoppiamento tra anta e telaio: esso deve risultare complanare (la battuta dell’anta deve toccare il telaio fisso in tutta la sua lunghezza, senza
forzature) ed ortogonale, non deve esistere una differenza d’angolatura tra le ante e tra queste ed il telaio fisso.
Guardare le cerniere e le guide e verificare che assicurino una sufficiente resistenza a spostamenti e/o disallineamenti delle ante.
Controllare l’integrità della pellicola protettiva nei punti di più facile usura (quelli di contatto tra anta e telaio). Lo stato della ferramenta di chiusura deve
essere ben salda e non deteriorata o usurata; maniglie, serrature, catenacci non devono presentare forme di ossidazione; i cardini devono essere in
buone condizioni, cioè non devono presentare forme profonde di corrosione.
Le maniglie devono garantire facilità di manovra, cioè la chiusura dell’anta e/o persiana deve poter essere bloccata e sbloccata con facilità.
Bibliografia
Enrico Mandolesi, Edilizia, UTET, Torino, 1983, pagg. 72-91.
Luigi Prestinenza Pugliesi, Manuale di Qualità per la Ristrutturazione, DEI, 1994, pagg. 245-281.
Manuale Tecnico, Legno e Arredamento, FNALA-CNA, Roma, 1993.
Gabriele Bellingeri, La Ristrutturazione della casa unifamiliare, NIS, 1997.
Atti del 1° Convegno SI-PVC al SAIEDUE 87, Aspetti prestazionali di serramenti in PVC, Bologna, 1987.

OGGETTO ESIGENZA REQUISITO PRESTAZIONE METODO


Funzionalità Resistenza meccanica

Assenza difetti Vista


Ante, persiane oscuranti Aspetto
Integrità film protettivo Vista

Geometria
62 Direttiva tecnica 3

Finestre e porte finestre 19


I serramenti sono una famiglia di componenti edilizi, classificabili secondo diversi criteri.
Rispetto alla loro collocazione nell’edificio, si suddividono in:
 serramenti esterni;
 serramenti interni.
Rispetto alla loro posizione si suddividono in: orizzontali o inclinati (lucernari, finestre da tetto) e verticali (finestre, porte, ecc…).
Rispetto al loro comportamento nei confronti della luce, si suddividono in opachi e trasparenti.
Dal punto di vista costruttivo, sono utilizzati serramenti realizzati con diverse configurazioni e con l’impiego di vari materiali. Per semplicità, la
classificazione adottata è la seguente:
 ante, persiane oscuranti;
 finestre e porte finestre;
 porte esterne e portoni;
 porte interne;
 lucernari, abbaini ecc….
Prestazione residua
Per determinare la prestazione residua devono essere valutati:
 Funzionalità: resistenza meccanica;
 Aspetto: assenza di difetti ed integrità film protettivo;
 Geometria.
Diagnosi
Le finestre devono resistere alle sollecitazioni meccaniche (in particolare azioni flessionali), alla chiusura brutale, alle scosse, ai colpi e alla
penetrazione dei corpi, non vibrare né produrre rumori sotto l’azione degli spostamenti d’aria. Esaminare la perfetta chiusura e tenuta del serramento;
l’anta deve avere un corretto appoggio su tutte le battute del telaio, in caso contrario occorre controllare le modalità di accoppiamento tra anta e telaio:
esso deve risultare complanare (la battuta dell’anta deve toccare il telaio fisso in tutta la sua lunghezza, senza forzature) ed ortogonale, non deve
esistere una differenza d’angolatura tra le ante e tra queste ed il telaio fisso. Guardare le cerniere e le guide e verificare che assicurino una sufficiente
resistenza a spostamenti e/o disallineamenti delle ante.
Verificare che il sigillante utilizzato per chiudere le fessure tra telaio fisso ed il contorno murario sia intatto.
Controllare l’integrità della pellicola protettiva nei punti di più facile usura (quelli di contatto tra anta e telaio). Lo stato della ferramenta di chiusura
deve essere ben salda e non deteriorata o usurata; maniglie, serrature, catenacci non devono presentare gravi forme di ossidazione; i cardini devono
essere in buone condizioni. Le maniglie devono garantire facilità di manovra, cioè la chiusura della finestra deve poter essere bloccata e sbloccata
con facilità. Per le finestre in metallo o PVC bisogna verificare eventuali forme di dilatazione termica, di condensa sul telaio (in particolare se di
alluminio) dovute alla elevata conduttività dei materiali, di rammollimento legate all’esposizione solare (le situazioni più sfavorevoli si registrano con
serramenti scuri) e di sbiancamento imputabile ai processi di condensazione e di evaporazione di umidità nei micropori di superficie. Per i profilati
in PVC colorati, il sottilissimo film danneggiato può comportare uno schiarimento più o meno visibile, al quale però, nella maggior parte dei casi,
l’utilizzatore non attribuisce alcuna importanza. Per le finestre in legno controllare che non ci siano fessurazioni o deformazioni causate da variazioni
igrotermiche, scolorimenti causati dal sole o dai materiali usati per la pulizia e deterioramento, come scrostamenti, delle vernici dovuto all’azione dei
raggi ultravioletti o dell’acqua.
Bibliografia
Enrico Mandolesi, Edilizia, UTET, Torino, 1983, pagg. 72-91.
Luigi Prestinenza Pugliesi, Manuale di Qualità per la Ristrutturazione, DEI, 1994, pagg. 245-281.
Manuale Tecnico, Legno e Arredamento, FNALA-CNA, Roma, 1993.
Gabriele Bellingeri, La Ristrutturazione della casa unifamiliare, NIS, 1997.
Atti del 1° Convegno SI-PVC al SAIEDUE 87, Aspetti prestazionali di serramenti in PVC, Bologna, 1987.

OGGETTO ESIGENZA REQUISITO PRESTAZIONE METODO

Funzionalità Resistenza meccanica

Assenza difetti Vista


Finestre e porte finestre Aspetto
Integrità film protettivo Vista

Geometria
Specifiche tecniche per la gestione dei materiali 63
e componenti direttamente riusabili

20 Porte esterne e portoni


I serramenti sono una famiglia di componenti edilizi, classificabili secondo diversi criteri.
Rispetto alla loro collocazione nell’edificio, si suddividono in:
 serramenti esterni;
 serramenti interni.
Rispetto alla loro posizione si suddividono in:
 orizzontali o inclinati (lucernari, finestre da tetto);
 verticali (finestre, porte ecc…).
Rispetto al loro comportamento nei confronti della luce, si suddividono in opachi e trasparenti.
Dal punto di vista costruttivo, sono utilizzati serramenti realizzati con diverse configurazioni e con l’impiego di vari materiali. Per semplicità, la
classificazione adottata in questa scheda è la seguente:
 ante, persiane oscuranti;
 finestre e porte finestre;
 porte esterne e portoni;
 porte interne;
 lucernari, abbaini ecc….
Prestazione residua
Per determinare la prestazione residua devono essere valutati:
 Funzionalità: resistenza meccanica;
 Aspetto: assenza di difetti ed integrità film protettivo;
 Geometria.
Diagnosi
Le porte devono resistere alle sollecitazioni meccaniche (in particolare azioni flessionali), alla chiusura brutale, alle scosse, ai colpi e alla penetrazione
dei corpi, non vibrare né produrre rumori sotto l’azione degli spostamenti d’aria. Esaminare la perfetta chiusura e tenuta del serramento; l’anta deve
avere un corretto appoggio su tutte le battute del telaio, in caso contrario occorre controllare le modalità di accoppiamento tra anta e telaio: esso deve
risultare complanare (la battuta dell’anta deve toccare il telaio fisso in tutta la sua lunghezza, senza forzature) ed ortogonale, non deve esistere una
differenza d’angolatura tra le ante e tra queste ed il telaio fisso. Guardare le cerniere e le guide e verificare che assicurino una sufficiente resistenza
a spostamenti e/o disallineamenti delle ante.
Controllare l’integrità della pellicola protettiva nei punti di più facile usura (quelli di contatto tra anta e telaio). Lo stato della ferramenta di chiusura deve
essere ben salda e non deteriorata o usurata; maniglie, serrature, catenacci non devono presentare gravi forme di ossidazione; i cardini devono essere
in buone condizioni, cioè non devono presentare forme profonde di corrosione. Le maniglie devono garantire facilità di manovra, cioè la chiusura della
finestra deve poter essere bloccata e sbloccata con facilità. Per porte in metallo bisogna verificare eventuali forme di dilatazione termica, di condensa
sul telaio (in particolare se di alluminio) dovute alla elevata conduttività dei materiali, di rammollimento legate all’esposizione solare (le situazioni più
sfavorevoli si registrano con serramenti scuri) e di sbiancamento imputabile ai processi di condensazione e di evaporazione di umidità nei micropori
di superficie. Per le porte in legno controllare che non ci siano fessurazioni o deformazioni causate da variazioni igrotermiche, scolorimenti causati dal
sole o dai materiali usati per la pulizia e deterioramento, come scrostamenti, delle vernici dovuto all’azione dei raggi ultravioletti o dell’acqua.
La vetratuta deve essere integra, senza imperfezioni.
Bibliografia
Enrico Mandolesi, Edilizia, UTET, Torino, 1983, pagg. 72-91.
Luigi Prestinenza Pugliesi, Manuale di Qualità per la Ristrutturazione, DEI, 1994, pagg. 245-281.
Manuale Tecnico, Legno e Arredamento, FNALA-CNA, Roma, 1993.
Gabriele Bellingeri, La Ristrutturazione della casa unifamiliare, NIS, 1997.
Atti del 1° Convegno SI-PVC al SAIEDUE 87, Aspetti prestazionali di serramenti in PVC, Bologna, 1987.

OGGETTO ESIGENZA REQUISITO PRESTAZIONE METODO

Funzionalità Resistenza meccanica

Assenza difetti Vista


Porte esterne e portoni Aspetto
Integrità film protettivo Vista

Geometria
64 Direttiva tecnica 3

Porte interne 21
I serramenti sono una famiglia di componenti edilizi, classificabili secondo diversi criteri.
Rispetto alla loro collocazione nell’edificio, si suddividono in:
 serramenti esterni;
 serramenti interni.
Rispetto alla loro posizione si suddividono in:
 orizzontali o inclinati (lucernari, finestre da tetto);
 verticali (finestre, porte ecc…).
Rispetto al loro comportamento nei confronti della luce, si suddividono in opachi e trasparenti.
Dal punto di vista costruttivo, sono utilizzati serramenti realizzati con diverse configurazioni e con l’impiego di vari materiali. Per semplicità, la
classificazione adottata è la seguente:
 ante, persiane oscuranti;
 finestre e porte finestre;
 porte esterne e portoni;
 porte interne;
 lucernari, abbaini ecc….
Prestazione residua
Per determinare la prestazione residua devono essere valutati:
 Funzionalità: resistenza meccanica;
 Aspetto: assenza di difetti ed integrità film protettivo;
 Geometria.
Diagnosi
Le porte devono resistere alle sollecitazioni meccaniche (in particolare azioni flessionali), alla chiusura brutale, alle scosse, ai colpi e alla penetrazione
dei corpi, non vibrare né produrre rumori sotto l’azione degli spostamenti d’aria. Esaminare la perfetta chiusura e tenuta del serramento; l’anta deve
avere un corretto appoggio su tutte le battute del telaio, in caso contrario occorre controllare le modalità di accoppiamento tra anta e telaio: esso deve
risultare complanare (la battuta dell’anta deve toccare il telaio fisso in tutta la sua lunghezza, senza forzature) ed ortogonale, non deve esistere una
differenza d’angolatura tra le ante e tra queste ed il telaio fisso. Guardare le cerniere e le guide e verificare che assicurino una sufficiente resistenza
a spostamenti e/o disallineamenti delle ante.
Controllare l’integrità della pellicola protettiva nei punti di più facile usura (quelli di contatto tra anta e telaio). Lo stato della ferramenta di chiusura
deve essere ben salda e non deteriorata o usurata; maniglie, serrature, catenacci non devono presentare gravi forme di ossidazione; i cardini
devono essere in buone condizioni. Le maniglie devono garantire facilità di manovra, cioè la chiusura della finestra deve poter essere bloccata e
sbloccata con facilità. Per porte in metallo o PVC bisogna verificare eventuali forme di dilatazione termica, di condensa sul telaio (in particolare se di
alluminio) dovute alla elevata conduttività dei materiali, di rammollimento legate all’esposizione solare (le situazioni più sfavorevoli si registrano con
serramenti scuri) e di sbiancamento imputabile ai processi di condensazione e di evaporazione di umidità nei micropori di superficie. Per le porte in
legno controllare che non ci siano fessurazioni o deformazioni causate da variazioni igrotermiche, scolorimenti causati dal sole o dai materiali usati
per la pulizia e deterioramento, come scrostamenti, delle vernici dovuto all’azione dei raggi ultravioletti o dell’acqua.
Bibliografia
Enrico Mandolesi, Edilizia, UTET, Torino, 1983, pagg. 72-91.
Luigi Prestinenza Pugliesi, Manuale di Qualità per la Ristrutturazione, DEI, 1994, pagg. 245-281.
Manuale Tecnico, Legno e Arredamento, FNALA-CNA, Roma, 1993.
Gabriele Bellingeri, La Ristrutturazione della casa unifamiliare, NIS, 1997.
Atti del 1° Convegno SI-PVC al SAIEDUE 87, Aspetti prestazionali di serramenti in PVC, Bologna, 1987.

OGGETTO ESIGENZA REQUISITO PRESTAZIONE METODO

Funzionalità Resistenza meccanica

Aspetto Assenza difetti Vista


Porte interne
Integrità film protettivo Vista

Geometria
Specifiche tecniche per la gestione dei materiali 65
e componenti direttamente riusabili

22 Lucernari, abbaini, ecc…


I lucernari e gli abbaini sono particolari serramenti posti sulle coperture e destinati ad illuminare e ventilare i locali sottostanti. Si tratta in
genere di serramenti a struttura metallica o in legno, vetrati, con o senza ante mobili.
La posizione in cui sono collocati li espone all’aggressione degli agenti atmosferici e ne rende in genere disagevole la manutenzione: essi si
trovano quindi spesso in forti condizioni di degrado.
Prestazione residua
Per determinare la prestazione residua devono essere valutati:
 Funzionalità: resistenza meccanica;
 Aspetto: assenza di difetti ed integrità film protettivo;
 Geometria.
Diagnosi
L’elemento deve resistere alle sollecitazioni meccaniche (in particolare azioni flessionali), alla chiusura brutale, alle scosse, ai colpi e alla penetrazione
dei corpi, non vibrare né produrre rumori sotto l’azione degli spostamenti d’aria. Esaminare la perfetta chiusura e tenuta del serramento; l’anta deve
avere un corretto appoggio su tutte le battute del telaio, in caso contrario occorre controllare le modalità di accoppiamento tra anta e telaio: esso deve
risultare complanare (la battuta dell’anta deve toccare il telaio fisso in tutta la sua lunghezza, senza forzature) ed ortogonale, non deve esistere una
differenza d’angolatura tra le ante e tra queste ed il telaio fisso.
Guardare le cerniere e le guide e verificare che assicurino una sufficiente resistenza a spostamenti e/o disallineamenti delle ante.
Controllare l’integrità della pellicola protettiva nei punti di più facile usura (quelli di contatto tra anta e telaio). Lo stato della ferramenta di chiusura deve
essere ben salda e non deteriorata o usurata; non deve presentare forme di ossidazione; i cardini devono essere in buone condizioni, cioè non devono
presentare forme profonde di corrosione.
Controllare che non ci siano fessurazioni o deformazioni causate da variazioni igrotermiche, scolorimenti causati dal sole o dai materiali usati per la
pulizia e deterioramento, come scrostamenti, delle vernici dovuto all’azione dei raggi ultravioletti o dell’acqua.
Bibliografia
Enrico Mandolesi, Edilizia, UTET, Torino, 1983, pagg. 72-91.
Luigi Prestinenza Pugliesi, Manuale di Qualità per la Ristrutturazione, DEI, 1994, pagg. 245-281.
Manuale Tecnico, Legno e Arredamento, FNALA-CNA, Roma, 1993.
Gabriele Bellingeri, La Ristrutturazione della casa unifamiliare, NIS, 1997.

OGGETTO ESIGENZA REQUISITO PRESTAZIONE METODO

Funzionalità Resistenza meccanica

Aspetto Assenza difetti Vista


Lucernari, abbaini, ecc…
Integrità film protettivo Vista

Geometria
66 Direttiva tecnica 3

Parapetti, balaustre, inferriate e recinzioni in profilati di acciaio saldati o chiodati 23


Recinzioni, inferriate, parapetti in profilati metallici ecc. costituiscono un insieme di componenti applicati all’esterno o all’interno degli edifici in genere
con funzione di protezione dalle cadute e/o dalle intrusioni. Questi componenti sono di regola prodotti fuori opera e fissati in opera tramite zanche
murate con malta agli elementi edilizi.
Le recinzioni, come ogni elemento metallico, sono generalmente affette da fenomeni di corrosione. Si può parlare di fenomeni di alterazione o
degradazione a seconda del grado di estensione e di profondità dell’attacco aggressivo. La corrosione può presentarsi in forma localizzata (pitting,
vaiolatura) e selettiva; quest’ultima si presenta come attacco a uno dei componenti di una lega.
Prestazione residua
Per determinare la prestazione residua devono essere valutati:
 Funzionalità: forme di corrosione;
 Aspetto: omogeneità di aspetto;
 Geometria.
Diagnosi
Si valuta in primo luogo la morfologia dell’attacco corrosivo. La valutazione delle varie forme di corrosione viene in genere compiuta su base
morfologica, distinguendo i fenomeni generalizzati da quelli localizzati e da quelli selettivi. Occorre quindi verificare che non ci siano forme troppo
profonde di corrosione, tali cioè da precludere qualsiasi forma di riutilizzo.
I punti di aggancio non devono aver provocato svergolamenti e deformazioni.
Il rivestimento delle resine colorate termoindurenti deve essere integro.
Geometricamente la recinzione non deve presentare deformazioni tali da pregiudicarne l’utilizzo.
Bibliografia
AIMAT, Manuale dei materiali per l’ingegneria, McGraw-Hill ,1996, pagg. 329-345.

OGGETTO ESIGENZA REQUISITO PRESTAZIONE METODO


Assenza di forme di corrosione troppo profonde e di deformazioni
Funzionalità Integrità punti di aggancio Vista
e svergolamenti

Recinzione Aspetto Integrità superficiale Assenza forme di corrosione Vista

Geometria Regolarità geometrica Assenza deformazioni Vista


Specifiche tecniche per la gestione dei materiali 67
e componenti direttamente riusabili

24 Apparecchi sanitari (lavello/lavabo, bidet, vasca, piatto doccia, WC)


Gli apparecchi sanitari possono essere suddivisi in due gruppi, cioè apparecchi ad uso domestico (quelli presenti nel bagno e nella cucina delle
abitazioni) e apparecchi ad uso collettivo.
Lavelli (cucina), lavatoi, piatti doccia possono essere costituiti da ceramica, metalli porcellanati o graniglie; WC, bidet, lavabi sono di solito fatti di
ceramica, mentre per le vasche si utilizza tradizionalmente il metallo porcellanato (ghisa o acciaio) e dagli anni ’80 il PMMA (polimetilmetacrilato)
stampato.
I controlli da eseguire riguardano sia le proprietà del materiale, sia le prestazioni del componente.
La specifica tecnica richiesta agli apparecchi sanitari è, per tutti i tipi, relativamente severa, così come lo sono le condizioni di esercizio.
Prestazione residua
Per determinare la prestazione residua devono essere valutati:
 Funzionalità: connessioni idrauliche e meccaniche;
 Aspetto: assenza di difetti;
 Geometria.
Diagnosi
Bisogna controllare che i raccordi per le connessioni idrauliche siano sani e che i dispositivi predisposti per il fissaggio meccanico dell’elemento a
terra/a parete siano idonei all’uso. Gli attacchi per le viti del sedile del WC devono essere integri.
La superficie visibile deve essere uniforme, priva cioè di abrasioni o fessurazioni, che possono dar luogo a problemi di pulibilità (igienicità).
L’elemento deve essere geometricamente integro.
Bibliografia:
Catalogo Edile – Impianti, BE-MA editrice, volume 6, 1991.
AIMAT, Manuale dei materiali per l’ingegneria, McGraw-Hill ,1996, pagg. 416-421.

OGGETTO ESIGENZA REQUISITO PRESTAZIONE METODO


Idoneità connessioni idrauliche e meccaniche Integrità dei raccordi Vista
Funzionalità
Idoneità viti del sedile Integrità delle viti Vista
Apparecchi sanitari
Aspetto Integrità superficiale Assenza di abrasioni e fessurazioni Vista

Geometria Regolarità geometrica Vista


68 Direttiva tecnica 3

Rubinetteria 25
La rubinetteria è una famiglia di componenti degli impianti idraulici a cui appartengono tutti i dispositivi terminali con i quali è possibile realizzare una
regolazione dell’erogazione del fluido.
Appartengono a questa famiglia i rubinetti di ogni genere; i miscelatori ed i relativi accessori: si tratta normalmente di componenti realizzati in leghe
metalliche non ferrose (ottone), con o senza trattamenti protettivi superficiali di finitura al cromo o a base di resine sintetiche.
I rubinetti sono collegati meccanicamente all’impianto tramite un raccordo a vite.
Prestazione residua
Per determinare la prestazione residua devono essere valutati:
 Funzionalità: raccordabilità, tenuta e regolabilità della portata;
 Aspetto: assenza di difetti;
 Geometria.
Diagnosi
Valutare la raccordabilità e la tenuta dell’elemento. Il rubinetto in normali condizioni d’uso non deve sgocciolare e deve potere garantire una portata
regolabile. Azionato a vuoto (senza acqua) l’organo mobile deve poter percorrere tutta la sua corsa senza inceppamenti né deragliamenti. Nell’intero
tratto della corsa deve presentare un progressivo indurimento in chiusura, fino a raggiungere la posizione di stop (fine corsa).
La superficie visibile deve essere integra, o quanto meno priva di scalfitture e abrasioni. Per la rubinetteria cromata o verniciata degli impianti sanitari
controllare che il film cromato protettivo non sia degradato né presenti distacchi.
L’elemento deve essere geometricamente integro. Il raccordo filettato deve essere integro.
Bibliografia
AIMAT, Manuale dei materiali per l’ingegneria, McGraw-Hill ,1996, pagg. 329-345, pagg. 379-380.

OGGETTO ESIGENZA REQUISITO PRESTAZIONE METODO


Funzionalità Raccordabilità Tenuta del rubinetto Prova su rubinetto

Rubinetteria Aspetto Integrità superficiale Assenza di scalfitture e abrasioni; integrità film protettivo Vista

Geometria Regolarità geometrica Vista


Specifiche tecniche per la gestione dei materiali 69
e componenti direttamente riusabili

26 Corpo scaldante (radiatore, convettore)


I fenomeni di corrosione interna, relativi cioè alle superfici metalliche a contatto con l’acqua, sono quelli che rivestono la maggiore importanza ma,
essendo dovuti alla circolazione dell’acqua, sono una conseguenza dell’uso del corpo scaldante e della “aggressività” dell’acqua (intesa come
concentrazione di sali disciolti).
La perdita di prestazione dovuta a questo fenomeno non è in genere visibile dall’esterno, ma può essere valutata solo sottoponendo l’impianto a
valori di pressione doppi rispetto a quelli previsti per il funzionamento, per la durata di circa 10 minuti.
Possono invece essere percepite a vista tutte le degradazioni subite dalla superficie esterna dell’elemento, così come l’integrità dei dispositivi di
raccordo dell’elemento alla rete impiantistica di alimentazione.
Prestazione residua
Per determinare la prestazione residua devono essere valutati:
 Funzionalità: raccordabilità degli attacchi;
 Aspetto: assenza di difetti;
 Geometria: regolarità dimensionale.
Diagnosi
Controllare che gli attacchi siano standardizzati.
Verificare l’integrità del film protettivo esterno, dal momento che durante il periodo di esercizio dei radiatori si possono innescare fenomeni corrosivi
locali in corrispondenza di graffiature, scalfitture dello strato di pitturazione o in condizioni di umidità relativa elevata (es. stanze da bagno o cucine).
Controllare che l’aggancio di evaporatori ai radiatori non abbia causato attacchi corrosivi locali, in corrispondenza della superficie metallica investita
dall’evaporazione.
Verificare l’integrità dei raccordi idraulici.
Bibliografia
Recupero Edilizio 2, Edizioni Ente Fiere Bologna,1983, pagg.263-269.

OGGETTO ESIGENZA REQUISITO PRESTAZIONE METODO


Funzionalità Raccordabilità Attacchi idonei per l’inserimento a parete
Integrità film protettivo Assenza di zone scrostate Vista
Corpo scaldante Aspetto
Integrità superficiale Assenza di scalfitture, abrasioni e graffiature Vista
Geometria Regolarità dimensionale Uniformità Vista
70
Direttiva Tecnica 4

Modalità di gestione dei


depositi temporanei a
servizio di più cantieri
della stessa impresa e
dei depositi temporanei
collettivi a servizio
di più imprese
72 Direttiva tecnica 4

1. FONTI E RIFERIMENTI
4. 1. FONTI E RIFERIMENTI
Il presente documento costituisce una sintesi della Direttiva Tecnica di attuazione n. 4
dell’Accordo di Programma per il recupero dei residui da costruzione e demolizione della
Provincia di Bologna e contiene le Linee guida per la gestione dei depositi temporanei a servizio
di più cantieri della stessa impresa e dei depositi temporanei collettivi a servizio di più imprese.
Il testo della Direttiva è stato predisposto dall’Ing. Alfonso M.F. Andretta su incarico della
Provincia di Bologna ed è stato definitivamente approvato dal Comitato Tecnico dell’Accordo
di Programma il 31 marzo 2003.
Il testo integrale della Direttiva Tecnica di attuazione n. 4 può essere scaricato dal sito
web della Provincia di Bologna, collegandosi all’indirizzo http://www.provincia.bologna.it/
ambiente/osservatoriorifiuti

4. 2. DEPOSITO TEMPORANEO
2. DEPOSITO TEMPORANEO A A SERVIZIO
SERVIZIO DI PIU’DI PIÙ CANTIERI
CANTIERI DELLA STESSADELLA
IMPRESA
STESSA IMPRESA

Definizioni2.1 Definizioni

La definizione di deposito temporaneo a servizio di più cantieri della stessa impresa è


contenuta nell’Allegato 2 (“Modalità di gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione”), punto
2 (“Deposito temporaneo dei rifiuti da costruzione e demolizione”) del testo dell’Accordo di
Programma, che stabilisce quanto segue:
“Al fine di favorire la raccolta differenziata dei rifiuti e la loro più corretta destinazione nel rispetto
delle finalità del presente accordo, è prevista la facoltà di eleggere a deposito temporaneo dei
propri rifiuti uno o più depositi a servizio di più cantieri della stessa impresa secondo le modalità
previste nelle direttive tecniche di attuazione dell’accordo.”
Finalità di questa prescrizione è di consentire ad un’impresa di costruzioni che abbia più
cantieri contemporaneamente attivi nel territorio della Provincia di Bologna, di individuare
un sito presso il quale concentrare il deposito temporaneo dei rifiuti da costruzione e
demolizione provenienti dai suoi diversi cantieri per il loro raggruppamento per ottimizzarne
il conferimento ad impianti di recupero/e o smaltimento autorizzati.
Tale possibilità è subordinata al verificarsi di tutte le seguenti condizioni:
 il deposito temporaneo deve presentare caratteristiche tali da renderlo idoneo a tale utilizzo
e in particolare deve risultare compatibile con la vigente normativa urbanistica ed edilizia;
 il deposito temporaneo dovrà essere effettuato nel rispetto delle norme di cui al comma 1,
lettera m), dell’art. 6, del D. Lgs n. 22/97;
 la gestione del deposito temporaneo dovrà essere effettuata senza determinare rischi per
l’acqua, l’aria, il suolo e per la fauna e la flora, senza causare inconvenienti da rumori o odori
e senza causare danni per l’ambiente e per la salute e la sicurezza dei lavoratori;
 possono essere avviati a deposito temporaneo esclusivamente i rifiuti da costruzione e
demolizione di elencati nella tabella di seguito allegata;
 all’interno delle aree in cui si realizza il deposito temporaneo di rifiuti a servizio di più cantieri
della stessa impresa è possibile effettuare il raggruppamento dei rifiuti, al solo ed esclusivo
fine di semplificarne il conferimento ai successivi impianti di recupero e/o di smaltimento
autorizzati.
Modalità di gestione dei depositi temporanei a servizio di più cantieri della 73
stessa impresa e dei depositi temporanei collettivi a servizio di più imprese

Localizzazione

Il deposito temporaneo a servizio di più cantieri della stessa impresa,di cui al precedente paragrafo, deve
essere ubicato in modo da risultare quanto più possibile baricentrico rispetto ai cantieri serviti, in modo
da limitare effettivamente le attività di trasporto dei rifiuti stessi.
Il sito utilizzabile come deposito a servizio di più cantieri può essere individuato, nel rispetto di quanto
precisato al precedente paragrafo, e a condizione che sia dotato di spazi sufficienti a garantire il corretto
depositoe movimentazione dei rifiuti stessi:
 presso il magazzinodeposito dei materiali edili dell’azienda;
 presso la sede di impianti aziendali di trattamento degli inerti e/o di betonaggio e/o di produzione di
calcestruzzo;
 nell’area di un cantiere in cui l’impresa é attiva, per la durata del cantiere stesso e comunque non
oltre la fine dei lavori.

Modalità di attivazione e di gestione

L’attivazione del deposito temporaneo a servizio di più cantieri della stessa impresa è subordinato alla
presentazione di specifica formale comunicazione ad una delle Associazioni di categoria che hanno
sottoscritto l’Accordo. L’Associazione provvederà all’inoltro periodico delle comunicazioni alla Provincia.
Nella comunicazione, a firma del legale rappresentante dell’impresa che intende attivare il deposito
temporaneo, devono essere indicati:
 i cantieri aperti al servizio dei quali il deposito temporaneo viene attivato;
 l’ubicazione del deposito temporaneo, indicandone la denominazione e l’esatto indirizzo anagrafico
del punto di accesso;
 il nome, la qualifica e un recapito telefonico del responsabile del deposito temporaneo;
 che detto deposito temporaneo ha le caratteristiche previste al comma 1, lett. m), dell’art. 6 del D.Lgs
n. 22/97
 che per il conferimento dei rifiuti al deposito collettivi si utilizzano i mezzi di trasporto di proprietà e/o
disponibilità esclusiva dell’impresa, elencati nella comunicazione;
 che sono rispettati i requisiti tecnici previsti dall’Accordo di Programma e che, in particolare, sono
rispettate le norme urbanistiche ed edilizie;
 che le operazioni di deposito sono effettuate senza determinare rischi per l’acqua, l’aria, il suolo e per
la fauna e la flora,senza causare inconvenienti da rumori o odori e senza causare danni per l’ambiente
e per la salute e la sicurezza dei lavoratori;
 che i rifiuti così raggruppati, una volta raggiunta la capienza di un carico, verranno avviati ad impianti
di recupero e/o smaltimento autorizzati.
Alla comunicazione deve essere allegata una adeguata cartografia che evidenzi la localizzazione
del deposito e la sua organizzazione planimetrica, rappresentata in scala idonea e opportunamente
quotata.
Nel caso di deposito temporaneo superiore a 20 metri cubi, la documentazione di cui sopra deve essere
integrata con:
 una dichiarazione del legale rappresentante dell’impresa che precisi il volume del deposito e
attesti che tale volume è il minimo indispensabile alle esigenze logistiche e produttive dell’azienda,
fornendone adeguata giustificazione;
 una relazione,firmata da un tecnico abilitato,che descriva le caratteristiche del deposito e le modalità
della sua gestione.
74 Direttiva tecnica 4

Una volta attivato il deposito temporaneo a servizio


di più cantieri della stessa impresa, il conferimento
MOVIMENTAZIONE E TRASPORTO DEI RIFIUTI
dai singoli cantieri a questo deposito di rifiuti non
pericolosi effettuato da parte dell’impresa titolare,
Nel trasporto ai centri di recupero/smaltimento autorizzati i rifiuti
tramite mezzo proprio, potrà avvenire senza il
da costruzione e demolizione devono essere accompagnati dal
formulario di identificazione dei rifiuti previsto
formulario di identificazione di cui all’art. 15 del Dlgs 22/97, salvo
dall’articolo 15 del D. Lgs. 22/97, configurandosi tale
le semplificazioni introdotte dall’Accordo di Programma per alcuni
operazione come raggruppamento dei rifiuti prodotti
specifici e limitati casi.
dalla propria attività prima dell’avvio, mediante
I materiali e componenti riusabili, così come le terre e rocce di scavo,
trasporto, al loro recupero e/o smaltimento.
non sono soggetti a tale obbligo (poiché destinati al recupero e quindi
Il formulario di identificazione potrà essere sostituito
esclusi dal regime normativo dei rifiuti) ma è tuttavia opportuno che
da copia dell’attestazione di adesione all’Accordo
comunque viaggino accompagnati da una documentazione (bolletta,
al fine dell’attivazione del deposito temporaneo a
contratto, ecc.) che ne attesti le caratteristiche, la provenienza e la
servizio di più cantieri della stessa impresa, conforme
edestinazione.
all’originale, depositato presso una delle associazioni
di categoria che hanno sottoscritto l’Accordo.
I rifiuti ammessi alle semplificazioni per il deposito
di cui sopra, sono solo ed esclusivamente quelli
individuati dall’Accordo di Programma ed elencati IL DEPOSITO TEMPORANEO DEI RIFIUTI
nella successiva tabella, a condizione che siano
prodotti dalla attività dell’impresa titolare del I residui derivanti dalla attività di costruzione e demolizione devono
deposito. essere stoccati, conformemente alle indicazioni progettuali, in una
Il conferimento dei propri rifiuti dovrà essere area del cantiere appositamente predisposta (zona di deposito
effettuato con le modalità ed alle condizioni previste temporaneo). Nel deposito temporaneo:
dall’Accordo di Programma, in particolare senza - devono essere rispettate le norme tecniche in materia di deposito;
causare sversamenti, emissioni di polveri e comunque - i rifiuti devono essere tenuti distinti per tipologia;
senza causare danni all’ambiente. - deve essere posizionata una adeguata segnaletica con l’indicazione
Il trasporto di più tipologie di rifiuti deve essere del rifiuto in deposito
effettuato per tipi omogenei distinti in appositi ed - nel caso siano presenti rifiuti pericolosi, devono essere rispettate le
adeguati contenitori e comunque in modo tale che norme sulla etichettatura delle sostanze pericolose.
sia evitato il mescolamento dei rifiuti trasportati. I materiali e componenti riusabili devono essere depositati con le
stesse cautele che si adotterebbero per i materiali nuovi, curando di
porli al riparo dalle intemperie e di proteggerli da urti che potrebbero
danneggiarli.
Le terre e rocce di scavo così come le macerie possono essere
accumulate separatamente anche sul suolo in terra battuta, purché
sagomato con adeguate pendenze in modo da evitare ristagni di
acque meteoriche.
Gli altri rifiuti (legno, metalli, cartoni, plastica ecc.) è bene siano posti
in adeguati contenitori e/o cassonetti.
Per i rifiuti non pericolosi i limiti temporali del deposito temporaneo
sono:
- un anno se la quantità di rifiuti prodotta è inferiore a 20 mc/anno;
- tre mesi se la quantità di rifiuti è superiore a 20 mc/anno.
Per i rifiuti pericolosi i limiti temporali del deposito temporaneo sono:
- un anno se la quantità di rifiuti prodotta è inferiore a 10 mc;
- due mesi se la quantità di rifiuti è superiore a10 mc/anno.
Modalità di gestione dei depositi temporanei a servizio di più cantieri della 75
stessa impresa e dei depositi temporanei collettivi a servizio di più imprese

ACCORDO DI PROGRAMMA
PER IL RECUPERO DEI RESIDUI DA COSTRUZIONE E
DEMOLIZIONE NELLA PROVINCIA DI BOLOGNA
delibere del Consiglio Provinciale n. 70 del 24.07.2001 e n. 90 del
23.07.2002

DEPOSITO TEMPORANEO A SERVIZIO DI PIU’ CANTIERI DELLA STESSA IMPRESA

Al fine di favorire la raccolta differenziata dei rifiuti e la loro più corretta destinazione, nel rispetto delle finalità
del presente Accordo, è prevista la facoltà di eleggere a deposito temporaneo dei propri rifiuti uno o più
depositi a servizio di più cantieri della stessa impresa secondo le modalità previste nelle direttive tecniche di
attuazione dell’Accordo.
In tal caso, per lo spostamento con mezzo proprio dei propri rifiuti non pericolosi dai singoli cantieri alla sede
del deposito temporaneo, non sarà necessario il formulario di identificazione dei rifiuti previsto dall’articolo 15
del D. Lgs. 22/97 (configurandosi tale operazione come raggruppamento dei rifiuti prodotti dalla propria
attività prima dell’avvio, mediante trasporto, al loro recupero e/o smaltimento) che potrà essere sostituito
dalla attestazione di adesione all’Accordo e da copia del presente atto entrambi depositati presso una delle
associazioni di categoria che hanno sottoscritto l’Accordo.

Pertanto il sottoscritto
in qualità di legale rappresentante della ditta
con sede legale in via, n
C.A.P. comune Prov.
partita IVA o codice fiscale

DICHIARA
- che i rifiuti edili ammessi alle semplificazioni per il deposito di cui sopra sono solo ed esclusivamente
quelli prodotti dalla propria attività individuati dall’Accordo di Programma di cui alle delibere del Consiglio
Provinciale n. 70 del 24.07.2001 e n. 90 del 23.07.2002;

- che il conferimento dei propri rifiuti è effettuato con le modalità ed alle condizioni previste
dall’Accordo di Programma, in particolare senza causare sversamenti, emissioni di polveri e comunque
senza causare danni all’ambiente;

- il trasporto di più tipologie di rifiuti deve essere effettuato per tipi omogenei distinti in appositi ed
adeguati contenitori e/o comunque in modo tale che sia evitato il mescolamento dei rifiuti trasportati

- che attualmente ha aperto i seguenti cantieri: *_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _


_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ __ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ __ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ __ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ __ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

- di utilizzare, a servizio dei suddetti cantieri e di quelli che saranno aperti successivamente il seguente
deposito temporaneo:

Comune di _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, via _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, cantiere


denominato _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, Capocantiere sig._ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
a servizio delle seguenti zone:_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
_
76 Direttiva tecnica 4

* Dato riferito al momento dell’adesione


- che detto deposito temporaneo ha le caratteristiche previste al comma 1, lett. m), dell’art. 6 del D.Lgs n.
22/97, che sono rispettati i requisiti tecnici previsti dall’Accordo di Programma e che, in particolare, sono
rispettate le norme urbanistiche ed edilizie;
- che le operazioni di deposito sono effettuate senza determinare rischi per l’acqua, l’aria, il suolo e
per la fauna e la flora, senza causare inconvenienti da rumori o odori e senza causare danni per
l’ambiente e per la salute e la sicurezza dei lavoratori;

- che i rifiuti così raggruppati, una volta raggiunta la capienza di un carico, verranno avviati ad impianti
di recupero e/o smaltimento autorizzati;

- che per il suddetto conferimento di rifiuti si utilizzano i seguenti mezzi di trasporto di proprietà e/o
disponibilità esclusiva (*) dell’impresa:

mezzo _ _ _ _ _ _ _ _ _ targa _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ mezzo _ _ _ _ _ _ _ _ _ targa _ _ _ _ _ _ _ _ _ _


__ __ __ __
mezzo _ _ _ _ _ _ _ _ _ targa _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ mezzo _ _ _ _ _ _ _ _ _ targa _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
__ __ __ __

Bologna, li
/ /

Autorizza il trattamento dei dati raccolti nel presente modulo, ai sensi della Legge sulla Privacy (Legge
31.12.1996, n. 675), ai soli fini dell’Accordo.

Si allega:
- planimetria con la individuazione del deposito temporaneo in scala adeguata 1: …………
- nel caso di deposito temporaneo superiore a 20 metri cubi: specifica documentazione, a firma del legale
rappresentante dell’impresa edile e/o suo tecnico, sulle caratteristiche del deposito e sulle modalità della sua
gestione e che il volume richiesto è il minimo indispensabile alle esigenze logistiche produttive dell’azienda.

In fede

_______________________________
_

(*) in tal caso allegare il titolo comprovante la disponibilità


Modalità di gestione dei depositi temporanei a servizio di più cantieri della 77
stessa impresa e dei depositi temporanei collettivi a servizio di più imprese

DEPOSITI TEMPORANEI COLLETTIVI A SERVIZIO DI PIÙ IMPRESE 4. 3.

Definizioni

La definizione di deposito temporaneo a collettivo di rifiuti da costruzione e demolizione è


contenuta nell’Allegato 2 (“Modalità di gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione”), punto 2
(“Deposito temporaneo dei rifiuti da costruzione e demolizione”) del testo dell’Accordo di Programma,
che stabilisce quanto segue:
“Al fine di favorire la raccolta differenziata dei rifiuti e la loro più corretta destinazione nel rispetto delle
finalità del presente accordo, … è prevista la facoltà a più aziende appositamente consorziate tra di
loro di effettuare il deposito temporaneo dei propri rifiuti presso un centro di raccolta comune (deposito
temporaneo collettivo), secondo le modalità previste nelle direttive tecniche di attuazione dell’accordo.”
Finalità di questa prescrizione è di permettere a più imprenditori, tra di loro consorziati e/o associati
di svolgere l’attività di deposito temporaneo dei propri rifiuti da costruzione e demolizione presso
un centro di raccolta comune (deposito temporaneo collettivo) autorizzato ai sensi di legge.
La movimentazione dei rifiuti dai singoli cantieri alla sede del deposito temporaneo viene in tal
modo configurata come raggruppamento dei rifiuti prodotti dalla attività dell’Impresa, prima del
loro avvio a recupero, e come tale non soggetta all’obbligo del formulario di identificazione dei
rifiuti previsto dall’articolo 15 del D. Lgs. 22/97.
Tale possibilità è subordinata al verificarsi di tutte le seguenti condizioni:
 il sito destinato ad ospitare il deposito temporaneo collettivo deve essere autorizzato ai sensi
della normativa vigente in materia di rifiuti (Art. 27/28 e/o art. 31 e 33 del D. Lgs n. 22/97)
 i rifiuti che possono essere avviati a deposito temporaneo collettivo sono solo i rifiuti da
costruzione e demolizione di cui alla seguente tabella, se ed in quanto esplicitamente indicati
nell’Autorizzazione di cui sopra;
Per “aziende appositamente consorziate tra di loro” si intende:
 aziende aderenti ad un Consorzio o ad una Associazione Temporanea il cui statuto preveda
espressamente la gestione di un deposito temporaneo collettivo di rifiuti da costruzione e
demolizione con le finalità di cui all’art. 2 dell’Accordo di Programma e con gli obiettivi di cui
agli articoli 5, 6 e 9 dell’Accordo stesso;
 in via transitoria, si potranno intendere anche quelle imprese associate sulla base di un atto
unilaterale appositamente sottoscritto, nel quale siano riportate esplicitamente le finalità
dell’Accordo di Programma nonché espressamente dichiarato l’impegno a perseguire dette
finalità con particolare riferimento all’art. 5, 6 e 9 dell’Accordo stesso.
Al fine di favorire la realizzazione dei depositi temporanei collettivi, i consorzi e/o associazioni
appositamente costituiti potranno delegarne la gestione, tramite apposita convenzione, a Ditte
di fiducia aventi idonee caratteristiche ed autorizzate ai sensi della vigente normativa in materia.
La convenzione potrà configurare esclusivamente il trasferimento delle mere attività strumentali
finalizzate alla gestione del deposito, restando a tutti gli effetti il consorzio o l’associazione
responsabili delle attività che si svolgono nel deposito stesso.
78 Direttiva tecnica 4

3.2. Localizzazione
Localizzazione e diffusione e diffusione degli impianti
degli impianti
I siti dove saranno collocati i depositi temporanei collettivi dovranno essere autorizzati ai sensi di
legge, e saranno di preferenza localizzati in modo da assicurare un facile accesso ed una omogenea
distribuzione sul territorio provinciale.
Le localizzazioni più idonee dovranno essere individuate per quanto possibile:
 all’interno di impianti di recupero e/o stoccaggio (R5 - R13) esistenti che abbiano la disponibilità
di aree ed attrezzature necessarie;
 in posizioni che risultino prossime e facilmente accessibili rispetto alle attività produttive
interessate all’iniziativa;
 nell’ambito o in prossimità di centri di vendita di prodotti edili;
 nei siti di cave dismesse e/o di cave in fase di esaurimento nell’ambito di insediamenti industriali-
artigianali dismessi.
Potranno essere individuate anche aree non comprese nelle tipologie sopra indicate, la cui idoneità
sarà valutata in sede di autorizzazione e/o iscrizione.
Saranno in ogni caso da evitare le localizzazioni in prossimità di aree densamente abitate e zone di
difficile accessibilità.

Attivazione3.3
del deposito temporaneo
Documentazione collettivo
necessaria per attivare un impianto di deposito collettivo

Al fine di attivare un deposito temporaneo collettivo di rifiuti speciali provenienti da


MODALITÀ DI REGISTRAZIONE
attività di costruzione e demolizione è necessario:
DEI CONFERIMENTI
 che l’impianto sia dotato degli standard minimi richiesti;
Il titolare del deposito temporaneo  che il consorzio che intende attivare il deposito ne dia comunicazione, ai sensi
collettivo ha l’obbligo di registrare dell’art. 33 del D. Lgs n. 22/97, all’Amministrazione provinciale di Bologna, per il
i singoli conferimenti e di rilasciare tramite dello sportello unico del Comune in cui il deposito avrà sede.
al conferente un’attestazione  nel caso che il deposito temporaneo collettivo venga attivato presso un impianto
indicante: data, tipologia e quantità di recupero già autorizzato, che sia presentata una specifica integrazione
(ved. modulo allegato). all’autorizzazione da cui si evinca che l’attività di deposito temporaneo collettivo è
La registrazione dei rifiuti conferiti compatibile con l’attività in essere;
nel registro di carico e scarico  che, oltre alla apposita modulistica predisposta dall’Amministrazione provinciale
potrà avvenire immediatamente e
di Bologna, insieme alla comunicazione venga trasmessa la seguente
singolarmente, oppure con un’unica
documentazione:
registrazione complessiva a fine
giornata.
 atto di adesione all’Accordo di Programma;
In questo ultimo caso, nel registro di  statuto del consorzio dal quale si evinca in maniera chiara ed inequivocabile
carico e scarico verrà indicato come che tra le attività del consorzio vi è quella della gestione collettiva del deposito
soggetto conferente “Accordo di temporaneo;
Programma Provincia di Bologna”, L’Amministrazione provinciale può verificare l’effettiva rispondenza dell’impianto ai
annotando gli estremi della ricevuta requisiti sopraindicati.
delle relative attestazioni di L’attività potrà essere avviata una volta ottenuta l’autorizzazione.
conferimento (CF 300000000007).

Attrezzature, impiantistica e macchinari: standard minimi


Premesso che in ogni caso i depositi temporanei collettivi devono essere specificatamente
autorizzati, nelle seguenti tabelle sono riportati gli standard minimi richiesti ed in particolare:
 nella tab. 5.1 sono riportate indicazioni circa le caratteristiche generali dei depositi;
Modalità di gestione dei depositi temporanei a servizio di più cantieri della 79
stessa impresa e dei depositi temporanei collettivi a servizio di più imprese

 nella tab. 5.2 sono riportate indicazioni circa le attrezzature complementari, i servizi e gli
interventi di mitigazione degli impatti;
 nella tab. 5.3, infine, sono riportate indicazioni circa le attrezzature e le modalità di stoccaggio
(tali standard sono da applicarsi anche ai depositi a servizio di più cantieri della stessa
impresa).

Caratteristiche generali dei depositi collettivi: standard minimi richiesti Tab. 4.1

Caratteristiche generali STANDARD


N. dei depositi Descrizione MINIMO
1 Recinzione Recinzione con rete metallica di altezza pari ad almeno 2 m, interrotta da un cancello munito SI
di idonea chiusura
2 Telecamere per controllo All’ingresso vi può essere un primo controllo di qualità con telecamere. Preferibile
all’ingresso
3 Pesa Gli impianti di dimensioni maggiori possono essere dotati di pesa per autocarri. SI
4 Pesa di piccole dimensioni Gli impianti di dimensioni minori possono essere dotati di pesa di piccole dimensioni. SI
La pala serve per movimentare i rifiuti stoccati nell’impianto ed in particolare i materiali inerti
5 Pala meccanica da demolizione.
Preferibile
I muletti possono essere utilizzati per la movimentazione dei rifiuti stoccati in contenitori e/o
6 Muletti su pallett.
Preferibile
Prefabbricato ad uso guardiania dotato di:
7 Zona ricezione utenze 1. box ufficio. Nell’ufficio deve essere conservata la documentazione relativa alle attività SI
svolte;
2. servizi igienici.
Presenza di un responsabile A
meno di diverse forme di organizzazione, il deposito, al fine di facilitare le operazioni svolte
8 di deposito dalle utenze, dove essere gestito da un responsabile che assicuri la propria presenza durante SI
gli orari di apertura.
Attrezzature complementari Attrezzature per rilevamento automatico ed informatizzazione delle operazioni di scarico al fine
9 nella zona ricezione utenze della determinazione delle tariffe interne.
Preferibile

10 Magazzino di ridotte Box magazzino per alloggiamento contenitori per rifiuti particolari prodotti in proprio (rifiuti SI
dimensioni etichettati T e/o F, batterie, ecc.)
Magazzino per l’alloggio di:
1. contenitori a tenuta ed altri contenitori destinati allo stoccaggio di rifiuti come rifiuti
11 Edificio o capannone chiuso etichettati T e/o F, batterie da autoveicoli, oli esausti, etc., Preferibile
2. trituratori e presse di piccole dimensioni per la compattazione di materiali come carta e/o
legno.
Zona stoccaggio per Zona non asfaltata, superiormente scoperta e destinata al posizionamento di cassonetti e/o
12 cassonetti e/o campane
campane e/o container per la raccolta di specifiche tipologie di rifiuti prodotte in piccole quantità SI
(per le tipologie vedi tab. 5.3).
Zona scoperta, non tamponata lateralmente, dove alloggiare contenitori (cassoni e/o container)
di grande dimensione (5÷30 m³) per la raccolta di specifiche tipologie di rifiuti prodotte in
13 Zona stoccaggio per cassoni quantità elevate (per le tipologie vedi tab. 5.3). In alternativa la zona può essere realizzata SI
e/o container predisponendo rampe sopraelevate e sottostanti zone tamponate lateralmente dove alloggiare
i container in box separati. Tale soluzione facilita lo scarico dei rifiuti da parte degli automezzi.
Zona coperta con tettoia destinata all’alloggiamento di contenitori (cassonetti e/o campane e/o
14 Zona stoccaggio coperta con cassoni e/o container e/o cisterne) per particolari tipologie di rifiuti (per le tipologie vedi tab. SI
tettoia 5.3). In alternativa è possibile utilizzare teli impermeabili per la copertura dei cassoni e/o dei
container.
Pavimentazione di particolari Per particolari tipologie di rifiuti (per le tipologie vedi tab. 5.3). Tale area dovrà essere
15 zone di stoccaggio
impermeabilizzata con pavimentazione in conglomerato bituminoso o cementizio al fine di SI
consentirne una rapida ed efficace pulizia anche con mezzi meccanici
Zona per lo stoccaggio Nel caso in cui non vengano adottati container scarrabili, la zona di stoccaggio dei cumuli di
16 di rifiuti inerti e e relativa rifiuti deve essere dotata di pavimentazione (realizzata ad esempio con inerte frantumato). SI
pavimentazione
Umidificazione delle zone
17 di stoccaggio dei cumuli di Utilizzo di innaffiatori al fine di permettere l’umidificazione dei cumuli con acqua. SI
rifiuti inerti provenienti da
demolizione
80 Direttiva tecnica 4

Tab. 4.2 Attrezzature complementari, servizi e interventi di mitigazione degli impatti

STANDARD
N. Descrizione della procedura
MINIMO
Rete fognaria per la raccolta delle acque meteoriche incidenti sulle superfici pavimentate e delle acque di scarico dei servizi
1 SI
igienici, collegata, se possibile, a rete fognaria.
Collettamento delle acque di scarico e di lavaggio provenienti dal locale di stoccaggio dei RUP ad un pozzetto di controllo per
2 SI
consentire la duplice opzione dello scarico in fognatura, se compatibile, o dell’evacuazione indipendente.
3 Sistemi idonei di illuminazione, sicurezza, antincendio. SI
Impianto elettrico necessario per:
1. l’illuminazione delle aree esterne,
4 SI
2. il riscaldamento del box utilizzato per la guardiania,
3. l’alimentazione di eventuali attrezzature quali la pesa, le presse per il condizionamento volumetrico dei materiali.
5 Schermature esterne ad esempio mediante siepi in essenze sempreverdi SI
6 Allacciamento alla rete idrica per la fornitura di acqua potabile per servizi igienici, lavaggio ed antincendio SI
Nei cartelli esposti all’esterno deve essere indicato l’utilizzo dell’area come deposito temporaneo e deve essere esposto il
regolamento del deposito.
7 All’interno devono essere utilizzati cartelli mobili da posizionare davanti ai contenitori per indicare le tipologie dei materiali. SI
Cartellonistica esterna per la segnalazione dell’area, dell’insegna impianto e e la dotazione di cartelli mobili per uso interno da
posizionare davanti ai contenitori per indicare le tipologie dei materiali.
Modalità di gestione dei depositi temporanei a servizio di più cantieri della 81
stessa impresa e dei depositi temporanei collettivi a servizio di più imprese

Attrezzature e modalità di stoccaggio: standard minimi richiesti Tab. 4.3

Caratteristiche zone di
Contenitori Pretrattamenti
stoccaggio
Standard minimi richiesti opzionali
Standard minimi richiesti

Recipienti chiusi a tenuta

Box con setti verticali e/o


Campane e/o cassonetti

Tettoia o copertura con


Pavimentazione con
o recipienti speciali
Codice

Presse e/o piccoli


misto stabilizzato

teli impermeabili
Pavimentazione
Tipo rifiuti

Locale chiuso

impermeabile

compatta-tori
CER

Tritura-tori
Container

cumuli
170101 Cemento NO SI NO SI NO NO SI NO NO NO
170102 Mattoni NO SI NO SI NO NO SI NO NO NO
170103 Mattonelle e ceramica NO SI NO SI NO NO SI NO NO NO
Miscugli o scorie di cemento, mattoni,
170107 mattonelle e ceramiche, diverse da quelle di NO SI NO SI NO NO SI NO NO NO
cui alla voce 170106
170201 Legno NO SI NO SI NO NO NO SI NO SI
170202 Vetro SI SI NO NO NO NO NO NO NO NO
170203 Plastica SI SI NO NO NO NO NO NO NO SI
Miscele bituminose diverse da quelle di cui
170302 NO SI NO NO NO NO SI NO NO NO
alla voce 170301
170401 Rame, bronzo, ottone NO SI NO SI NO NO SI NO SI NO
170402 Alluminio NO SI NO SI NO NO SI NO SI NO
170403 Piombo NO SI NO SI NO NO SI NO SI NO
170404 Zinco NO SI NO SI NO NO SI NO SI NO
170405 Ferro e acciaio NO SI NO SI NO NO SI NO SI NO
170406 Stagno NO SI NO SI NO NO SI NO SI NO
170407 Metalli misti NO SI NO SI NO NO SI NO SI NO
170411 Cavi, diversi da quelli di cui alla voce 170410 NO SI NO SI NO NO SI NO NO NO
Terra e rocce, diverse da quelle di cui alla
170504 NO SI NO SI NO NO SI NO NO SI
voce 170503
Fanghi di dragaggio, diversi da quelli di cui
170506 NO SI NO NO NO NO NO NO NO NO
alla voce 170505
Pietrisco per massicciate ferroviarie, diverso
170508 NO SI NO SI NO NO SI NO NO SI
da quello di cui alla voce 170507
Altri materiali isolanti diversi da quelli di cui
170604 NO SI NO SI NO SI NO SI NO NO
alle voci 170601 e 170603
Materiali da costruzione a base di gesso
170802 NO SI NO SI NO NO SI NO NO NO
diversi da quelli di cui alla voce 170801
Rifiuti misti dell’attività di costruzione e
170904 demolizione, diversi da quelli di cui alle voci NO SI NO NO NO NO NO NO NO NO
170901, 170902 e 170903
150101 Imballaggi in carta e cartone SI SI NO SI NO NO NO SI SI NO
150102 Imballaggi in plastica SI SI NO SI NO NO NO NO SI NO
150103 Imballaggi in legno SI SI NO SI NO NO NO SI NO SI
150104 Imballaggi metallici SI SI NO SI NO NO NO NO NO NO
150106 Imballaggi in materiali misti SI SI NO SI NO NO NO NO NO NO
150107 Imballaggi in vetro SI SI NO SI NO NO NO NO NO NO
150109 Imballaggi in materia tessile SI SI NO SI NO NO NO SI SI NO
82 Direttiva tecnica 4

5.3. Requisiti
Requisiti gestionali gestionali minimi
minimi

La gestione dei depositi temporanei collettivi dovrà essere realizzata nel rispetto delle
prescrizioni descritte nelle tabelle seguenti, in particolare per quanto concerne:
 gestione dei depositi collettivi (v. tab. 5.4);
 manutenzione dei depositi collettivi (v. tab. 5.5).

Tab. 4.4 Tabella riepilogativa: procedure per la corretta gestione dei depositi collettivi (continua nella pag. successiva)

STANDARD
N. Procedura gestionale Descrizione della procedura
MINIMO
Il gestore dell’impianto fornisce ai propri utenti corrette informazioni sia tramite apposita
cartellonistica e sia tramite documentazione cartacea in merito a:
Informazioni fornite dal 1. orari di accesso all’impianto;
1 SI
gestore dell’impianto 2. modalità di accettazione dei rifiuti;
3. codici e caratteristiche dei rifiuti trattati;
4. listini prezzi.
Nomina e funzioni del Il Consorzio nomina un responsabile del deposito. Il compito del responsabile è quello della
2 SI
responsabile del deposito corretta organizzazione e gestione delle operazioni di stoccaggio.
Controllo visivo all’ingresso
3 da parte del responsabile Il materiale addotto all’impianto sarà preventivamente visionato dal responsabile del deposito.* SI
del deposito
Non accettazione del Nel caso in cui il responsabile del deposito, sulla base delle verifiche visive e/o degli ulteriori
4 carico da parte del controlli effettuati, accerti che il rifiuto non corrisponde alle caratteristiche previste, non accetta il SI
responsabile del deposito carico.*
Al termine delle operazioni di accettazione, tenendo conto delle possibilità di utilizzo, il materiale
Definizione della zona di
5 in ingresso deve essere classificato dal responsabile al fine di individuare il cumulo o la zona di SI
stoccaggio
stoccaggio a cui destinarlo.*
Nel caso in cui il carico venga accettato, l’autista dell’automezzo in ingresso procederà
all’interno dell’impianto seguendo la viabilità interna opportunamente segnalata portandosi in
6 Pesatura automezzo carico SI
corrispondenza della pesa.
L’operatore dell’impianto provvederà alla pesa dell’automezzo carico.*
Terminate le operazioni di pesatura, l’automezzo in ingresso procederà all’interno dell’impianto
Percorso interno seguendo la viabilità interna opportunamente segnalata e rispettando le indicazioni fornite
7 SI
all’impianto dall’operatore dell’impianto in merito all’ubicazione del cumulo o della zona di stoccaggio a cui il
carico è stato destinato.*
L’automezzo deve scaricare il proprio carico in corrispondenza del cumulo preventivamente
8 Scarico automezzo SI
indicato dagli operatori.*
Pulizia ruote automezzo Nel caso in cui la fase di scarico e l’attraversamento della viabilità interna comportino l’accumulo
9 Preferibile
in uscita di fango sulle ruote degli automezzi, occorre prevedere sistemi di pulizia delle ruote.*
Pesatura automezzo Terminate le operazioni di accettazione e di scarico dei materiali l’automezzo che ha effettuato lo
10 SI
scarico scarico deve essere pesato in uscita dall’impianto.*
Tale modalità di raccolta è comprovata dalla attestazione di adesione all’accordo. Copia di tale
documento dovrà essere presente a bordo degli automezzi che effettuano il conferimento dai
cantieri al deposito temporaneo.
Documentazione utilizzata Come previsto nell’Accordo di Programma, per lo spostamento con mezzo proprio dei propri
per il conferimento dei rifiuti non pericolosi dai singoli cantieri alla sede del deposito temporaneo, non è necessario il
11 SI
rifiuti speciali presso il formulario di identificazione dei rifiuti previsto dall’articolo 15 del D. Lgs. 22/97.
deposito temporaneo L’azienda al fine di utilizzare tale modalità di deposito temporaneo deve avere presentato il
modulo di adesione contenente, tra l’altro, l’indicazione del sito o dei siti da utilizzare come
deposito temporaneo a servizio dei suoi cantieri. Copia di detto modulo, timbrato per ricevuta
dalla associazione, costituirà, per l’impresa, attestato di adesione all’Accordo di Programma.
Modalità di gestione dei depositi temporanei a servizio di più cantieri della 83
stessa impresa e dei depositi temporanei collettivi a servizio di più imprese

Tabella riepilogativa: procedure per la corretta gestione dei depositi collettivi (continua dalla pag. precedente) Tab. 4.4

STANDARD
N Procedura gestionale Descrizione della procedura.
MINIMO
Rilasciare all’imprenditore che conferisce i propri imballaggi o rifiuti un «attestato di consegna»,
Documentazione fornita
conforme a quello riportato nella direttiva relativa alla modulistica. L’attestato è redatto in duplice
12 dal responsabile del SI
copia: la prima, sottoscritta dal gestore, viene consegnata al conferitore, la seconda, firmata da
deposito al produttore
quest’ultimo, è conservata agli atti ed utilizzata per la compilazione del registro di carico.
Registro redatto dal Il responsabile del deposito deve provvedere alla tenuta del registro di carico e scarico, di cui
13 SI
responsabile del deposito all’articolo 12 del D.Lgs. n. 22/97.
Compilazione Il responsabile del deposito deve provvedere alla compilazione del formulario di identificazione
14 del formulario di che accompagna il trasporto dei rifiuti dal deposito agli impianti di smaltimento e/o recupero a SI
identificazione norma di quanto disposto in proposito dal D.Lgs. n. 22/97
Comunicazione al catasto Il consorzio deve effettuare annualmente la comunicazione al catasto dei rifiuti, secondo quanto
15 SI
dei rifiuti disposto dall’articolo 11, comma 3° del D.Lgs. n. 22/97.
*Nota: nel caso in cui non sia adottabile una presenza continuativa del responsabile del deposito, occorre che tutti gli utenti ricevano una
formazione sufficiente per l’utilizzo corretto ed autonomo delle strutture del deposito

Tabella riepilogativa: procedure per la corretta manutenzione dei depositi collettivi Tab. 4.5

STANDARD
N. Procedura gestionale Descrizione della procedura
MINIMO
Occorre gestire in maniera corretta la fase di stoccaggio del materiale da trattare.
In tal senso è importante utilizzare una distribuzione dei cumuli nei piazzali che permetta di:
1. mantenere separati i materiali non omogenei,
Corretta gestione dei
1 2. faciliti le operazioni di movimentazione, SI
cumuli di materiale inerte
3. non crei problemi di sicurezza,
4. di rispettare le eventuali prescrizioni autorizzative relative, ad esempio, all’altezza massima
dei cumuli, alle distanze di questi dai confini dello stabilimento, ecc.
Questi materiali − già selezionati presso il cantiere di provenienza o provenienti dalla fase di
trattamento dei rifiuti svolta all’interno dell’impianto − saranno posizionati presso apposite zone
Corretta gestione dei dell’impianto (eventualmente in box prefabbricati).
cumuli di altri materiali in Le procedure gestionali saranno le seguenti:
2 SI
ingresso (plastica, legno 1. periodico svuotamento del box e invio del materiale a recupero/smaltimento a seconda
e ferro) della sua tipologia;
2. periodica pulizia delle pavimentazioni dei box (in occasione dello svuotamento di cui al
punto precedente).
Per una corretta gestione dell’impianto si provvederà a:
1. mantenere la viabilità interna pulita e sgombra da rifiuti e/o da altri oggetti che possano
Corretta manutenzione
intralciare le operazioni di movimentazione rifiuti all’interno dell’impianto;
3 delle aree di stoccaggio e SI
2. umidificare i cumuli e i piazzali soprattutto in periodi secchi e ventosi e ciò al fine di limitare
della viabilità interna
al massimo il trasporto eolico di materiale polverulento;
3. limitare al massimo le attività in giornate particolarmente ventose.
Saranno effettuate dagli operatori delle visite periodiche al fine di verificare:
1. il corretto funzionamento delle attrezzature utilizzate;
Periodiche verifiche
4 2. le caratteristiche dei materiali ottenuti dal trattamento; SI
sull’impianto
3. il rispetto delle procedure interne eventualmente adottate;
4. il rispetto delle prescrizioni autorizzative
84 Direttiva tecnica 4

ACCORDO DI PROGRAMMA
PER IL RECUPERO DEI RESIDUI DA
COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE NELLA
PROVINCIA DI BOLOGNA
delibere del Consiglio Provinciale n. 70 del 24.07.2001 e n. 90 del
23.07.2002

DEPOSITO TEMPORANEO COLLETTIVO A SERVIZIO DI PIU’ AZIENDE


APPOSITAMENTE CONSORZIATE E/O ASSOCIATE TRA LORO.

Al fine di favorire la raccolta differenziata dei rifiuti e la loro più corretta destinazione, nel rispetto delle finalità del
presente Accordo, è prevista la facoltà a più aziende appositamente consorziate e/o associate tra di loro di effettuare il
deposito temporaneo dei propri rifiuti presso un centro di raccolta comune (deposito temporaneo collettivo), secondo le
modalità previste nelle direttive tecniche di attuazione dell’Accordo. In tal caso per il trasporto con mezzi propri di
propri rifiuti non pericolosi il formulario di identificazione dei rifiuti di cui all’art. 15 del D.Lgs. 22/97 potrà essere
sostituito dalla copia dello statuto del Consorzio e/o della Delibera della Associazione appositamente costituita di cui fa
parte e da copia del presente atto di adesione al sottodescritto deposito temporaneo collettivo depositato presso il centro
di raccolta sotto-indicato che ha aderito all’Accordo.

Pertanto il sottoscritto
in qualità di legale rappresentante della ditta
con sede legale in via, n
C.A.P. comune Prov.
partita IVA o codice fiscale

DICHIARA
- che i rifiuti edili ammessi alle semplificazioni per il deposito temporaneo collettivo di cui sopra sono
solo ed esclusivamente quelli prodotti dalla propria attività individuati dall’Accordo di Programma di cui alle
delibere del Consiglio Provinciale n. 70 del 24.07.2001 e n. 90 del 23.07.2002;
- che il conferimento dei propri rifiuti è effettuato con le modalità ed alle condizioni previste
dall’Accordo di Programma, in particolare senza causare, sversamenti di materiali, emissioni di polveri e
comunque senza causare danni all’ambiente;
- il trasporto di più tipologie di rifiuti deve essere effettuato per tipi omogenei distinti in appositi ed
adeguati contenitori e/o comunque in modo tale che sia evitato il mescolamento dei rifiuti trasportati
- che attualmente ha aperto i seguenti cantieri: * _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ __ _ _ _ _ ___ _ _ _

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ __ __ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ __ _ _ __ __ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
- di utilizzare, a servizio dei suddetti cantieri e di quelli che saranno aperti successivamente il seguente
centro di raccolta (deposito temporaneo collettivo) che ha i requisiti tecnici previsti dall’Accordo di
Programma e le caratteristiche previste al comma 1, lett. m), dell’art. 6 del D.Lgs n. 22/97:
Consorzio e/o Associazione responsabile del Centro di raccolta: _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ __ _ _ _ _ _ _ _ _
Gestore del centro di raccolta incaricato dall’Associazione (ragione sociale): _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ __ _
Centro di raccolta sito in: Comune di _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _, Località: _ _ _ _ _ _ _ __ _ _ _ _
Via _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

- che la Ditta è appositamente consorziata e/o associata allo scopo al Consorzio e/o Associazione:
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ __ _ _ _ _ _ _ _ _ ;
di cui si allega copia dello statuto e/o delibera istitutiva

* Dato riferito al momento dell’adesione


Modalità di gestione dei depositi temporanei a servizio di più cantieri della 85
stessa impresa e dei depositi temporanei collettivi a servizio di più imprese

- che per il suddetto conferimento di rifiuti si utilizzano i seguenti mezzi di trasporto di proprietà e/o
disponibilità esclusiva (**) dell’impresa:

mezzo _ _ _ _ _ _ _ _ _ targa _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ mezzo _ _ _ _ _ _ _ _ _ targa _ _ _ _ _ _ _ _ _ _


__ __ __ __
mezzo _ _ _ _ _ _ _ _ _ targa _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ mezzo _ _ _ _ _ _ _ _ _ targa _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
__ __ __ __

- di prevedere il conferimento delle seguenti tipologie e quantità di rifiuti non pericolosi:

Tipologia Quantità presunta annuale


170101 cemento
170102 mattoni
170103 mattonelle e ceramiche
170107 miscugli o scorie di cemento, mattoni, mattonelle e
ceramiche
170201 – 150103 legno e imballaggi in legno
170202 – 150107 vetro e imballaggi in vetro
170201 – 150102 plastica e imballaggi in plastica
200101 – 150101 carta e cartone e imballaggi in carta e
cartone
150106 imballaggi in materiali misti
150109 imballaggi in materia tessile
170302 miscele bituminose
170401 -170402 - 170403 - 170404 Metalli non ferrosi
170405 – 170406 Metalli ferrosi
170407 Metalli misti
170411 cavi
170802 materiali da costruzione a base di gesso
170904 rifiuti misti dalla attività di costruzione e
demolizione

Bologna, li
/ /
Autorizza il trattamento dei dati raccolti nel presente modulo, ai sensi della Legge sulla Privacy (Legge
31.12.1996, n. 675), ai soli fini dell’Accordo.

Firma del conferente


……………………………………..
Firma per accettazione
del gestore del centro di raccolta

……………………………………..

(**) in tal caso allegare il titolo comprovante la disponibilità

Allegata copia dello statuto o delibera del Consorzio e/o della Associazione appositamente costituita
86 Direttiva tecnica 4

Schema di delibera di costituzione di consorzio e/o associazione finalizzata


3.7 Schema
alla costituzione di deliberatemporaneo
del deposito di costituzionecollettivo
di consorzio e/o associazione appositamente
costituita al fine della costituzione di deposito temporaneo collettivo

PREMESSO CHE
- L’Associazione ……………… di Bologna è da sempre attenta ai temi inerenti la tutela
dell’ambiente nonché allo sviluppo ed alla promozione dei progetti che mirano alla
salvaguardia della tutela ambientale con riflessi positivi anche sul piano più propriamente
economico.

- In tale ottica L’Associazione ……………… pone particolare attenzione al concetto di


“sviluppo sostenibile”, definito come quello sviluppo che fa fronte alle necessità del presente
senza compromettere la capacità delle future generazioni di soddisfare le proprie esigenze”.

- A tal fine L’Associazione ……………… ha sottoscritto un Accordo di Programma con


la Provincia di Bologna avente ad oggetto una corretta ed efficace gestione dei residui
da costruzione e demolizione attraverso il quale garantire un elevato livello di tutela
ambientale.

- la L’Associazione ……………… si è impegnata a favorire la realizzazione delle finalità


dell’Accordo ed in particolare la conoscenza organica e completa del reale flusso dei rifiuti
da costruzione e demolizione; la riduzione delle quantità di rifiuti di prodotti e della loro
pericolosità; il riutilizzo, riciclaggio e recupero della massima quantità possibile di rifiuti; la
riduzione della quantità dei rifiuti avviati in discarica ed il corretto smaltimento della frazione
residua non altrimenti valorizzabile; la prevenzione e la repressione dell’abbandono dei
rifiuti e di altri comportamenti illeciti a danno dell’ambiente e della salute dei cittadini; il
miglioramento della qualità dei materiali inerti riciclati e la creazione delle condizioni di
mercato favorevoli al loro utilizzo.

- con la sottoscrizione del suddetto Accordo di Programma L’Associazione ……………… si


è impegnata al raggiungimento degli obiettivi espressamente indicati all’art. 5 assumendosi
gli impegni di cui agli articoli 6 e 9 dell’Accordo.

Tutto ciò premesso, visti gli art. 2, 4, 5 , 6 e 9 dell’Accordo di Programma sopra citato,
l’Associazione ………………….., in attuazione dell’Accordo di Programma già sottoscritto
con la Provincia;

DELIBERA
di eleggere, in nome e per conto delle imprese associate che sottoscriveranno l’Accordo di
Programma e la presente delibera, quale deposito temporaneo al loro servizio, solo imprese
già autorizzate dalla Provincia di Bologna per il recupero dei rifiuti da C & D.

La scelta di eleggere degli spazi con funzioni di deposito temporaneo gestiti da aziende già
Modalità di gestione dei depositi temporanei a servizio di più cantieri della 87
stessa impresa e dei depositi temporanei collettivi a servizio di più imprese

autorizzate dalla Provincia è a tutela della salvaguardia dell’ambiente, in quanto tali aziende
sono qualificate e già operanti nel settore di recupero dei rifiuti da costruzione e demolizione
da alcuni anni.

La gestione e la responsabilità del deposito temporaneo a servizio di più imprese verrà affidata
al legale rappresentante dell’azienda presso la quale è ubicato il deposito temporaneo, tramite
apposita convenzione.
L’Associazione ……………… si riserva di revocare unilateralmente l’elezione a deposito
temporaneo a servizio di più imprese alle aziende che non si atterranno alle disposizioni
contenute nell’Accordo di Programma.

In seguito verrà stipulata in seguito apposita convenzione per l’affidamento in gestione del
deposito temporaneo ad azienda già autorizzata.
88 Direttiva tecnica 4

Bozza di convenzione tra l’Associazione (...) e l’impianto autorizzato, incaricato


alla gestione del deposito temporaneo collettivo

L’anno …… il giorno ………………… del mese di …………….…………

Tra l’Associazione………………………….., con sede in Bologna via ………………, in persona del


………………………………..;
e
il Centro di raccolta ……………………………, con sede in …………………,
C.F. …………………., in persona del legale rappresentante Sig. ……………

Visto
l’Accordo di Programma siglato dalla Provincia con delibera n. 70 del 24/07/2001 e successivamente modificato ed
integrato con delibera n. 90 del 23/07/2002

Viste
le Direttive e Specifiche Tecniche di attuazione dell’Accordo stesso approvate dal Comitato Tecnico nella seduta del
31.03.2004

Premesso che

con apposita delibera assunta in data 31/03/2003 l’Associazione ……………………si è attivata per la elezione di un
deposito temporaneo collettivo a servizio di più imprese;

tra gli obiettivi e strumenti dell’accordo, è stata definita l’individuazione di una rete di centri di raccolta dei residui da C
& D a servizio delle imprese edili e delle altre attività artigianali connesse con l’attività edile;

che ai sensi del punto 2 della Sezione 1 dell’allegato 2 all’Accordo e del punto 4 della Sezione 2 dello stesso allegato
“Direttive e specifiche tecniche di attuazione” il Consorzio e/o Associazione può affidare a soggetti qualificati la gestione
dei depositi temporanei collettivi;

che l’Associazione …………………… intende attivare tali centri di raccolta per il deposito temporaneo collettivo
dei residui da costruzione e demolizione ai fini della loro successiva raccolta, recupero e smaltimento presso impianti
autorizzati, uno di questi è identificato presso la Ditta…………….;

che la Ditta…………… risulta regolarmente autorizzato ai sensi della normativa vigente sui rifiuti per l’attività di
recupero R5 per rifiuti inerti e corrisponde alle indicazioni tecniche previste dall’accordo;

che al punto 4 delle citate “Direttive e Specifiche Tecniche di attuazione” sono indicate le modalità di gestione dei
suddetti deposti temporanei collettivi.

Tutto ciò premesso si conviene quanto segue:

Art. 1
Le premesse costituiscono parte integrante della presente convenzione.

Art. 2
L’Associazione …………………… affida alla Ditta …………. che accetta, la gestione del deposito temporaneo a
servizio di più imprese (Centro di Raccolta) ubicato presso il comune di ……….……. Via …………..……..; sollevando
Modalità di gestione dei depositi temporanei a servizio di più cantieri della 89
stessa impresa e dei depositi temporanei collettivi a servizio di più imprese

l’Associazione …………………… da ogni qualsivoglia responsabilità di natura civile e penale relativa alla non corretta
osservanza delle previsioni di Legge e dell’Accordo di Programma relative alla gestione del Centro di Raccolta.
Rimane invece a carico dei suoi soci dell’Associazione ……………………, sottoscrittori della delibera, l’impegno
al corretto conferimento dei rifiuti, nel rispetto della normativa vigente e delle indicazioni contenute nell’Accordo di
Programma e nelle sue Direttive e Specifiche Tecniche di attuazione.
Per facilitare il compito del centro di raccolta, l’Associazione ……………………, si impegna ad organizzare sedute
informative presso la/e sede/i dell’Associazione durante le quali verranno illustrate le tematiche, le finalità e le modalità
di gestione e fruizione dei depositi temporanei collettivi per i residui da costruzione e demolizione.

Art. 3
L’Associazione …………………… si riserva di revocare l’affidamento della gestione del deposito temporaneo qualora
venissero accertate irregolarità, sia nella gestione del deposito temporaneo che l’omissione dei controlli da parte dei
gestori dei depositi, relativamente al possesso da parte delle imprese che intendono usufruire dell’apposita dei requisiti
per potervi accedere di seguito elencati:
1- sottoscrizione modulo di adesione dell’impresa edile ed affine all’Accordo;
2- sottoscrizione della delibera assunta dall’Associazione … per l’attuazione dell’Accordo;
3- sottoscrizione del modulo di adesione al centro di raccolta/deposito temporaneo collettivo individuato e
convenzionato con l’Associazione

Art. 4
La Ditta ………….. si impegna
- Ad accettare presso il suo centro di raccolta,individuato quale deposito temporaneo ai sensi dell’Accordo di Programma,
esclusivamente le aziende che vi avranno preliminarmente aderito attraverso la sottoscrizione dei documenti di cui
all’art. 3;
- Ad accettare il conferimento dei rifiuti con le modalità indicate nell’Accordo e nelle “Direttive e Specifiche Tecniche di
attuazione”“(i residui da costruzione e demolizione dovranno essere - per quanto possibile - di dimensioni contenute e
comunque atti ad essere introdotti nelle macchine frantumatrici).

- A gestire il Centro di raccolta secondo le modalità previste dalle direttive tecniche indicate nell’Accordo e nelle
“Direttive e Specifiche Tecniche di attuazione”.In tal caso si impegna a compilare apposito documento di conferimento
sottoscritto dalle parti (gestore del Centro e conferente) e a rilasciarne una copia al conferente.

- A tenere in archivio, per 5 anni, a disposizione degli organi di controllo dell’Associazione e della Provincia di Bologna i
documenti relativi all’accettazione dei rifiuti.

- A fornire alla Provincia periodicamente i dati dei rifiuti raccolti tramite l’Accordo di Programma entro trenta giorni
dalla richiesta della Provincia e comunque entro il 31 gennaio di ogni anno:
- Gli oneri dei conferimento sono stabiliti in misura di . . .
- Gli oneri di accesso al Centro sono fissati in base ai seguenti criteri. . .
- Le tipologie dei rifiuti conferibili sono le seguenti . . .

La presente convenzione ha validità annuale con scadenza il …………… ed è tacitamente prorogata salvo disdetta da
comunicarsi a mezzo lettera raccomandata entro tre mesi dalla scadenza.

Bologna il ……………………

Associazione di Bologna Ditta titolare del Centro di Raccolta


90 Direttiva tecnica 4

Bozza di bollettario di conferimento

DEPOSITO TEMPORANEO COLLETTIVO A SERVIZIO DI PIU’ AZIENDE


APPOSITAMENTE CONSORZIATE E/O ASSOCIATE TRA DI LORO.
DATI DEL GESTORE DEL CENTRO DI RACCOLTA
______________________________________________

Data: N.
Bollettario
__________

DATI PRODUTTORE EDILE


________________________________________________________________________________________________
______

LUOGO DI PRODUZIONE DEI RIFIUTI ________________________________________________

MEZZO DI TRASPORTO UTILIZZATO ___________________________________ TARGA


__________________

TIPOLOGIE E QUANTITÀ DI RIFIUTI NON PERICOLOSI CONFERITI:


Codice Rifiuto Tipologia di rifiuto Quantità in KG.
170101 cemento
170102 mattoni
170103 mattonelle e ceramiche
170107 miscugli o scorie di cemento, mattoni, mattonelle e
ceramiche
170201 – 150103 legno e imballaggi in legno
170202 – 150107 vetro e imballaggi in vetro
170201 – 150102 plastica e imballaggi in plastica
200101 – 150101 carta e cartone e imballaggi in carta e cartone
150106 imballaggi in materiali misti
150109 imballaggi in materia tessile
170302 miscele bituminose
170401 -170402 - 170403 - 170404 Metalli non ferrosi
170405 – 170406 Metalli ferrosi
170407 Metalli misti
170411 cavi
170802 materiali da costruzione a base di gesso
170904 rifiuti misti dalla attività di costruzione e demolizione
TOTALE KG.

Data di arrivoi ora di arrivo: ____________


/ /

Firma del conferente Firma per accettazione del Pagato (segue fattura)
gestore
Modalità di gestione dei depositi temporanei a servizio di più cantieri della 91
stessa impresa e dei depositi temporanei collettivi a servizio di più imprese

TIPOLOGIE DI RIFIUTI AMMESSI NEI DEPOSITI TEMPORANEI 4. 4.

Nelle tabelle seguenti è riportato l’elenco dei rifiuti che possono essere stoccati nei depositi
temporanei a servizio di più cantieri della stessa impresa e nei depositi temporanei collettivi,
fermo restando che le autorizzazioni all’esercizio dei depositi temporanei collettivi possono
limitare la possibilità di conferimento a specifiche tipologie di rifiuti.
Come si evince dalle tabelle, tali rifiuti, opportunamente selezionati, appartengono a due
macro-classi:
 rifiuti speciali non pericolosi delle operazioni di costruzione e demolizione;
 rifiuti speciali non pericolosi di imballaggio.

Rifiuti delle operazioni di costruzione e demolizione

Sottocategoria N Codice CER Denominazione


1 170101 cemento
cemento, mattoni, 2 170102 mattoni
mattonelle e 3 170103 mattonelle e ceramica
ceramiche miscugli o scorie di cemento, mattoni, mattonelle e ceramiche, diverse da quelle
4 170107
di cui alla voce 170106
5 170201 legno
legno, vetro e
6 170202 vetro
plastica
7 170203 plastica
miscele bituminose,
catrame di carbone
8 170302 miscele bituminose diverse da quelle di cui alla voce 170301
e prodotti contenenti
catrame
9 170401 rame, bronzo, ottone
10 170402 alluminio
11 170403 piombo
metalli (incluse le 12 170404 zinco
loro leghe) 13 170405 ferro e acciaio
14 170406 stagno
15 170407 metalli misti
16 170411 cavi, diversi da quelli di cui alla voce 170410
17 170504 terra e rocce, diverse da quelle di cui alla voce 170503
Terre, rocce e fanghi
18 170506 fanghi di dragaggio, diversi da quelli di cui alla voce 170505
di dragaggio
19 170508 pietrisco per massicciate ferroviarie, diverso da quello di cui alla voce 170507
materiali isolanti 20 170604 altri materiali isolanti diversi da quelli di cui alle voci 170601 e 170603
21 170802 materiali da costruzione a base di gesso diversi da quelli di cui alla voce 170801
altri rifiuti dell’attività rifiuti misti dell’attività di costruzione e demolizione, diversi da quelli di cui alle
22 170904
di costruz.e demoliz. voci 170901, 170902 e 170903

Rifiuti di imballaggio, assorbenti, stracci, materiali filtranti e indumenti protettivi (non specificati altrimenti)

Sottocategoria Codice CER Denominazione


150101 imballaggi in carta e cartone
150102 imballaggi in plastica
imballaggi (compresi 150103 imballaggi in legno
i rifiuti urbani di
150104 imballaggi metallici
imballaggio oggetto di
raccolta differenziata) 150106 imballaggi in materiali misti
150107 imballaggi in vetro
150109 imballaggi in materia tessile
92
Direttiva Tecnica 5

Linee guida per la


gestione degli impianti
di riciclaggio dei
rifiuti inerti
94 Direttiva tecnica 5

5. 1. FONTI E RIFERIMENTI
FONTI E RIFERIMENTI
Il presente documento costituisce una sintesi della Direttiva Tecnica di attuazione n. 5
dell’Accordo di Programma per il recupero dei residui da costruzione e demolizione della
Provincia di Bologna e contiene le Linee guida per la gestione degli impianti di riciclaggio dei
rifiuti inerti.
Il testo della Direttiva è stato predisposto dall’Ing. Alfonso M.F. Andretta su incarico della
Provincia di Bologna ed è stato definitivamente approvato dal Comitato Tecnico dell’Accordo
di Programma il 31 marzo 2003.
Il testo integrale della Direttiva Tecnica di attuazione n. 5 può essere scaricato dal sito
web della Provincia di Bologna, collegandosi all’indirizzo http://www.provincia.bologna.it/
ambiente/osservatoriorifiuti

5. 2. IMPIANTI
IMPIANTIDI
DI RICICLAGGIO DI RIFIUTI
RICICLAGGIO DI RIFIUTI INERTI
INERTI DA C&D
DA C&D

Negli impianti di riciclaggio si compiono i processi tecnologici che trasformano i rifiuti


provenienti dalle attività di costruzione e demolizione in aggregati riciclati riusabili nel
settore edilizio.
I gestori degli impianti che aderiscono al presente Accordo si impegnano ad adottare sistemi
tecnologici e gestionali che:
 minimizzino gli impatti ambientali prodotti dalla propria attività;
 permettano di documentare la provenienza dei materiali trattati, nel pieno rispetto delle
normative vigenti ;
 producano dei materiali riciclati rispondenti ai requisiti tecnici fissati dalla UNI 10006 e dal
CEN (norma CEN 13242) per la marcatura CE degli aggregati riciclati.
Linee guida per la gestione degli impianti 95
di riciclaggio dei rifiuti inerti

LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI 5. 3.

Per poter intercettare la maggiore quantità possibile di rifiuti da avviare a corretto recupero presso
impianti dedicati, così come indicato dalla Deliberazione della Giunta Regionale n. 1620 del 31 luglio
2001, la Provincia di Bologna promuove la creazione di una adeguata rete di impianti sul territorio,
favorendone la collocazione anche in aree con destinazione agricola.

RIFIUTI IN INGRESSO AGLI IMPIANTI 5. 4.

Presso tali impianti possono essere conferite e trattate due tipologie di rifiuti, che tuttavia devono
rimanere sempre ben distinte, sia nella fase di trasporto verso l’impianto, sia all’interno dell’impianto
stesso:
A) i rifiuti provenienti dai cantieri di costruzione o demolizione passibili di essere recuperati al fine
di produrre materiali inerti riciclati destinati alle attività del settore costruzioni, in conformità
con quanto previsto dalla normativa vigente;
B) quei rifiuti speciali (es.: sabbie esauste, conglomerati bituminosi, ecc.) che, se miscelati durante
il processo di recupero ai rifiuti inerti della tipologia A), possono migliorare le prestazioni degli
aggregati riciclati prodotti nell’impianto.
La tipologia A) costituisce il flusso principale di rifiuti conferiti all’impianto nel quale si svolgono le
attività di cui al punto 7.1 del D.M. 5 febbraio 1998, che consistono nel recupero di “rifiuti costituiti
da laterizi, intonaci e conglomerati di cemento armato e non…”.
Negli impianti possono essere conferiti e trattati rifiuti della tipologia B), che nel corso del processo
saranno miscelati a quelli della tipologia A) al solo scopo di migliorare la qualità e le prestazioni dei
riciclati prodotti e in ragione della effettiva capacità di conseguire tale risultato.
Il conferimento agli impianti di rifiuti della tipologia B) è subordinato ad apposita autorizzazione da
parte della Provincia. Nell’autorizzazione viene precisata la natura, la provenienza e le caratteristiche
dei rifiuti ammessi, così come le modalità di lavorazione e i dosaggi consentiti.
Al solo scopo di facilitare i trasporti di rifiuti da parte delle imprese edili, è ammessa la possibilità,
previa autorizzazione, di accogliere e di stoccare presso gli impianti quantità minime di una terza
96 Direttiva tecnica 5

tipologia di rifiuti, la seguente:


C) materiali non lapidei provenienti dalle attività di costruzione e demolizione (legno, plastica,
ferro, carta e cartone, ecc.).
I rifiuti della tipologia C) potranno essere conferiti e stoccati negli impianti solo a seguito di
apposita autorizzazione da parte della Provincia. Nell’autorizzazione vengono precisate la natura,
la provenienza, le caratteristiche e le quantità ammesse, nonché le modalità di stoccaggio.
In ogni caso i rifiuti della tipologia C) conferiti agli impianti di riciclaggio di rifiuti inerti da c&d
dovranno essere:
 tenuti accuratamente differenziati fra loro e separati dagli altri rifiuti conferiti all’impianto, in
tutte le fasi del processo;
 stoccati in contenitori scarrabili o in box chiusi prima di venire trasportati ad impianti di recupero
adeguati.

5. 5. LAYOUTEEORGANIZZAZIONE
LAYOUT ORGANIZZAZIONE FUNZIONALE DEL PROCESSO
FUNZIONALE DI RECUPERO
DEL PROCESSO DI RECUPERO
Layout
Layout
Lo schema logico di funzionamento del processo prevede 3 principali fasi operative da
realizzare in sequenza.
Il punto di inizio del processo fisico coincide con il momento in cui i rifiuti (dopo aver superato
i controlli di accettazione e le procedure di registrazione) procedono alla zona di scarico, per
essere stoccati in attesa di essere immessi alla fase di lavorazione.
La fase di “core” del ciclo è costituita dalla lavorazione dei rifiuti, che consiste essenzialmente
in una frantumazione meccanica attraverso l’utilizzo di appositi mulini, in una vagliatura in
grado di separare le frazioni indesiderate leggere (legno, carta e plastiche) e nella successiva
fase di vagliatura del prodotto ottenuto nelle diverse fasce granulometriche.
Il punto terminale del ciclo corrisponde con l’immagazzinamento del materiale riciclato,
pronto per uscire dall’impianto ed essere avviato agli impieghi previsti.

INGRESSO

IMPIANTO
Preparazione e classificazione dei rifiuti in ingresso

Frantumazione e vagliatura

Classificazione e cumulo del materiale riciclato prodotto

USCITA
Linee guida per la gestione degli impianti 97
di riciclaggio dei rifiuti inerti

Ciascuna delle fasi principali si compone a sua volta di alcune attività, che devono essere
realizzate per dare esecuzione compiuta al ciclo produttivo. La scomposizione in sottofasi è
riassunta nella tabella seguente.

Fase Obiettivo Strumento

Scarico, eliminazione rifiuti non Eliminare ed allontanare i rifiuti ingombranti non


idonei (Primo controllo di qualità), idonei al processo di trattamento.
accumulo separato per macro- Pala gommata
frazioni (Secondo controllo di Separare i rifiuti in tipologie omogenee sulla base
Separazione manuale
qualità), stoccaggio temporaneo della composizione prevalente per l’ottimizzazione
rifiuti del prodotto in uscita

Alimentazione impianto Immettere i rifiuti nella tramoggia di carico. Pala gommata


Frantumazione meccanica Ridurre granulometricamente i rifiuti Mulino di frantumazione
Separazione frazione ferrosa Recuperare metalli ferrosi da avviare a riciclo Separatori magnetici
Separazione preferibilmente balistica,
Separare ed allontanare elementi di carta e
Eliminazione di frazioni leggere aerodinamica, meccanica e solo in
cartone, plastica, legno
casi eccezionali manuale
Separazione granulometrica Selezionare dimensionalmente il materiale prodotto Vagli meccanici
Formazione di cumuli (Stoccaggio)
Nastri trasportatori e Pala meccanica
suddivisi nelle diverse Stoccare i prodotti finali pronti per la vendita
gommata
granulometrie

Lo schema a blocchi sotto riportato rappresenta la sequenza delle fasi di processo.

Separazione
Ingresso Controllo Stoccaggio Controllo Alimentazione
Fraz ioni Frantumazione
R ifiuti Qualità 1 Temporaneo Qualità 2 Impianto
Leggere

Esc lusione
Materiali
Non Idonei

Separazione
Frazioni
Leggere

Stoc caggio Prodotto 1

Uscita
Selez ione 1
Riciclati

Stoc caggio Prodotto 2


98 Direttiva tecnica 5

Dal punto di vista operativo, il processo è così articolato:


 accettazione del carico all’ingresso dell’impianto tramite semplice controllo visivo diretto
e/o con l’ausilio di videocamere;
 scarico dei rifiuti nella zona di stoccaggio, accumulando separatamente i materiali in
ragione della composizione prevalente (laterizi, lapidei, cementiti, misti, eventuali frazioni
indesiderate). Lo scarico avviene direttamente dal mezzo che ha conferito i rifiuti (pianale
ribaltabile o cassonetto a fondo apribile, movimentato dalla gru a braccio del camion).
In tale fase è possibile effettuare un secondo controllo di qualità che potrà comportare
anche l’eventuale rifiuto del carico in ingresso;
 movimentazione dei rifiuti dalla zona di stoccaggio alla tramoggia di carico dell’impianto,
tramite pala meccanica gommata;
 frantumazione mediante mulini meccanici;
 separazione delle frazioni leggere indesiderate mediante apparecchiature meccaniche e
solo eventualmente come finissaggio attraverso la separazione manuale;
 vagliatura meccanica del prodotto in uscita e stoccaggio a cumulo dei materiali suddivisi
nelle diverse classi granulometriche;
 carico del materiale riciclato sui mezzi di trasporto verso i luoghi di riutilizzo.

Procedure Procedure
di accettazione
di accettazione

Al fine di assicurare, in fase di esercizio dell’impianto, un efficace controllo di accettazione dovranno


essere adottate le seguenti misure:
 Ingresso presidiato: l’area dell’impianto è recintata; l’accesso dei mezzi che conferiscono i rifiuti
avviene tramite cancello presidiato da personale dell’Impresa ed è possibile ed ammesso solo
durante le ore di apertura dell’impianto;
 Verifica del carico: prima di autorizzarne l’accesso all’area di scarico, il personale addetto
procede, nella zona di pesatura e accettazione amministrativa, ad una ispezione visiva del
carico finalizzata ad accertare l’assenza di materiali non ammessi al conferimento, in particolare
rifiuti pericolosi, quali elementi contenti amianto (lastre o frammenti di lastra, tubi o frammenti
di tubi, ecc.), contenitori di sostanze pericolose, anche vuoti o parzialmente vuoti (vernici, colle,
sigillanti, additivi per cls), ecc. Un secondo controllo, più accurato, avviene nella fase di scarico
dell’automezzo nell’area di stoccaggio ad opera del palista.
A seguito del controllo con esito positivo, il carico corrispondente è così considerato come
“accettato” e possono essere realizzate le successive fasi di pesatura e registrazione.
In caso di esito negativo del primo controllo, il carico non è accettato e viene respinto: in questo caso
il mezzo manovra sul piazzale di ingresso e esce dall’impianto, senza avvicinarsi all’area di scarico
e senza che il carico venga
assoggettato alle successive
procedure di registrazione.
In caso di esito negativo del
secondo controllo, il materiale
viene caricato nuovamente
sull’automezzo che viene
fatto uscire dall’impianto con
un’annotazione sui documenti
amministrativi di accettazione.
Linee guida per la gestione degli impianti 99
di riciclaggio dei rifiuti inerti

Procedure di registrazione

Al fine di garantire che il conferimento dei rifiuti all’impianto avvenga conformemente alla
normativa, una volta che sia stata verificata l’ammissibilità del carico che si presenta all’ingresso
dell’impianto devono essere eseguite le procedure di registrazione del conferimento, che
consistono in:
 acquisizione del formulario di trasporto1 e verifica dei dati indicati nel formulario rispetto
alle quantità e tipologie di rifiuti accertati in fase di accettazione;
 annotazione nel registro di carico e scarico2 dell’avvenuto conferimento e restituzione
della quarta copia del formulario al produttore.
Nel caso di trasporto di rifiuti verso “depositi temporanei collettivi a servizio di più imprese”
o verso “depositi temporanei a servizio di più cantieri della stessa impresa”, il formulario è
sostituito dallo specifico modulo di adesione (cfr. Direttiva Tecnica 4).

Procedure per l’esercizio

Il corretto esercizio della fase di lavorazione dei rifiuti prevede una gestione attenta delle attività
operative, particolarmente mirata alla eliminazione dal ciclo di tutte le frazioni indesiderate ed alla
separazione quanto più possibile efficace, per tipologia e caratteristiche, dei materiali processati, in
modo da assicurare altrettanta omogeneità ai prodotti riciclati in uscita.
Per migliorare l’efficienza del processo e la qualità dei materiali prodotti è previsto:
 stoccaggio separato dei rifiuti: la zona di stoccaggio dei materiali in attesa di essere processati è
opportuno che sia suddivisa in zone separate. Sulla base della ispezione del carico effettuata in
fase di accettazione, i materiali conferiti saranno stoccati separatamente in ciascuna delle zone
di stoccaggio ed in ragione della prevalente presenza di, rispettivamente:
 materiali a matrice cementizia (elementi strutturali in cls e loro frammenti, blocchi lastre,
tubi, pali in cls);
 materiali a matrice laterizia (mattoni e blocchi in laterizio, mattonelle da rivestimento i
ceramica, ecc.);
 materiali a matrice lapidea naturale (blocchi da muratura, paramanto o rivestimento, lastre,
soglie, gradini, davanzali, ecc.
 materiale lapidei misti (materiali indifferenziati da demolizione non selettiva).
 deposito separato dei riciclati prodotti: analogamente a quanto predisposto nella zona di
stoccaggio preliminare, anche il deposito dei materiali riciclati sarà suddiviso in zone separate.
A seconda della tipologia di materiali con cui viene alimentato l’impianto, gli aggregati riciclati
verranno quindi stoccati in zone distinte e separate per garantire le necessarie caratteristiche
qualitative dei diversi lotti di produzione.
100 Direttiva tecnica 5

barriera verde

rifiuti non lapidei


ZONA BOX BOX BOX BOX
ACCETTAZIONE
controllo documentazione
controllo visivo
ZONA BOX
PRESTOCCAGGIO

rifiuti non lapidei


PESA
AUTOMEZZI ZONA STOCCAGGIO
( in gresso) rifiuti
lapidei BOX
da C&D

(u scita) rifiuti rifiuti


lapidei lapidei BOX
P da C&D da C&D
U R
L U
I O rifiuti
Z T lapidei
I E da C&D
A riciclati

riciclati
rifiuti
speciali
ZONA utili al
riciclati IMPIANTO processo
TRATTAMENTO
rifiuti
speciali
riciclati utili al
processo

barriera verde

5. 6. ATTREZZATURE, IMPIANTISTICA
ATTREZZATURE, IMPIANTISTICAE MACCHINARI: STANDARD
E MACCHINARI: MINIMI MINIMI
STANDARD
Il trattamento dei rifiuti provenienti da demolizioni è effettuato generalmente in impianti
caratterizzati da:
 tecnologie di trattamento caratterizzate da complessità variabile in funzione del livello di
omogeneità merceologica dei rifiuti;
 macchinari e tecnologie di estrazione del settore minerario e/o delle cave che hanno
tuttavia specificità e logiche progettuali diverse, dovute alla presenza di diverse frazioni
merceologiche e all’assenza di fasi di lavaggio;
 fasi di processo standardizzate, che generalmente, sono:
 una fase di alimentazione;
 una o più fasi di riduzione della pezzatura del materiale trattato;
 una o più fasi di separazione delle frazioni diverse dagli inerti (come ad esempio il ferro)
e/o di altre frazioni indesiderate (frazioni leggere, ecc.).
 una o più fasi di selezione delle frazioni a diversa granulometria.
Linee guida per la gestione degli impianti 101
di riciclaggio dei rifiuti inerti

Fasi di trattamento e macchinari utilizzati

Tipo di apparecchiatura
N. Descrizione STANDARD MINIMO
utilizzata e/o fase
1 1° controllo qualità telecamere All’ingresso vi può essere un primo controllo di qualità con telecamere. PREFERIBILE
2 Pesa L’impianto fisso deve essere dotato di pesa SI
La pala serve per movimentare i rifiuti stoccati nell’impianto e per effettuare
Stoccaggio temporaneo e
il carico della tramoggia. E’ da evitare il carico diretto della tramoggia di
3 movimentazione materiale pala SI
alimentazione in quanto tale modalità di gestione non permette la verifica visiva
meccanica
delle caratteristiche del materiale addotto all’impianto.
Utilizzo di macchine escavatrici Nel caso in cui la pezzatura del materiale inerte sia troppo grande, le macchine in
4 SI
dotate di martello demolitore oggetto permettono di diminuirne il volume.
Per l’alimentazione è necessario adottare sistemi di regolazione automatica di
5 Tramoggia ed alimentatore PREFERIBILE
portata
Nel passaggio dalla tramoggia di carico al comparto di frantumazione, può essere
6 2° controllo qualità telecamera PREFERIBILE
effettuato un controllo qualitativo tramite telecamere
7 Pre-vagliatura Vibrovaglio SI
8 Frantumazione primaria Mulino a martelli o di altro tipo SI
9 Deferrizzazione primaria Deferrizzatore primario SI
10 Deferrizzazione secondaria Deferrizzatore secondario PREFERIBILE
Vibrovaglio per la separazione delle principali classi granulometriche.
11 Vagliatura primaria (Indicativamente possono essere le seguenti: 0/20 mm, 20/30 mm, 30/70 mm, > SI
70 mm)
12 Separazione parti leggere Sistemi per la separazione di frazioni leggere (come scarti di plastica e carta) SI
13 Frantumazione secondaria Fase utilizzabile per la produzione di granulati fini. PREFERIBILE
Ulteriore fase di selezione applicabile ai materiali ottenuti nella frantumazione
14 Vagliatura secondaria PREFERIBILE
secondaria
15 Container SI
Per lo stoccaggio di altre tipologie di rifiuti (come legno, vetro, plastica) o di
Box con setti verticali su platea
16 materie prime ottenute dal trattamento (come ferro) SI
in calcestruzzo
102 Direttiva tecnica 5

Attrezzature complementari, servizi e interventi di mitigazione degli impatti

STANDARD
N Soluzioni adottabili Effetti di mitigazione
MINIMO
L’abbattimento delle polveri sugli impianti deve essere effettuato
nelle zone con maggiore produzione di polvere e con l’utilizzo di
1 Riduzione delle emissioni di polveri SI
cappottature ed eventualmente di sistemi di nebulizzazione ad
acqua o di sistemi equivalenti.
Riduzione:
Realizzazione, lungo tutto il perimetro dell’area, di un rilevato in 1. dell’impatto visivo;
2 PREFERIBILE
terra battuta. 2. dell’impatto acustico;
3. della dispersione eolica delle polveri prodotte.
Realizzazione, lungo tutto il perimetro dell’area, di una fascia Riduzione della dispersione eolica delle polveri
3 PREFERIBILE
verde (in zone pianeggianti) prodotte
Realizzazione di pavimentazione (ad esempio con inerte
frantumato) dell’area destinata alle attività di stoccaggio dei rifiuti Controllo delle acque meteoriche e di lavamento negli
4 SI
ed al traffico degli automezzi di recupero e scarico acque con strati di terreno sottostanti
decantatore /sedimentatore.
Utilizzo di innaffiatori o nebulizzatori di acqua sui cumuli al fine di
Riduzione della dispersione eolica delle polveri
5 permettere la loro umidificazione con impianto fisso e/o utilizzo SI
prodotte
periodico di autobotti
Miglioramento condizioni di sicurezza ed igiene del
8 Locale per uffici dotato di servizi igienici PREFERIBILE
lavoro
Miglioramento condizioni di sicurezza ed igiene del
9 Prefabbricato per uffici dotato di servizi igienici SI
lavoro
Miglioramento condizioni di gestione dei rifiuti
10 Box magazzino per alloggiamento contenitori per rifiuti particolari SI
prodotti

5. 7. Requisiti gestionali minimi

Le principali operazioni svolte all’interno degli impianti di trattamento dei rifiuti provenienti
da attività di costruzione e demolizione dovranno avvenire seguendo le indicazioni e le
procedure descritte di seguito.
In particolare, principali procedure che dovranno essere adottate riguardano le seguenti fasi
del processo:
- accettazione dei rifiuti in ingresso ;
- stoccaggio e trattamento dei rifiuti;
- carico e uscita dei materiali dall’impianto.
Per ognuna delle procedure individuate, sono riportate nel seguito indicazioni in merito ai
requisiti minimi (standard minimi) richiesti o ritenuti preferibili ai sensi del presente Accordo
di Programma.
Linee guida per la gestione degli impianti 103
di riciclaggio dei rifiuti inerti

Procedure per la fase di accettazione dei rifiuti in ingresso

Procedura STANDARD
N Descrizione della procedura
gestionale MINIMO

Il gestore dell’impianto fornisce ai propri utenti corrette informazioni sia tramite apposita cartellonistica e
sia tramite documentazione cartacea in merito a:
Informazioni
1. orari di accesso all’impianto;
1 fornite dal gestore SI
2. modalità di accettazione dei rifiuti;
dell’impianto
3. codici e caratteristiche dei rifiuti trattati;
4. listini prezzi.
Controllo visivo Il materiale addotto all’impianto sarà preventivamente visionato da un operatore dell’impianto.
2 SI
all’ingresso Sono valutati l’aspetto, il colore e l’odore del materiale da costruzione e demolizione.
Controllo
L’operatore provvederà ad una verifica della documentazione di accompagnamento del carico in
3 documentazione di SI
ingresso.
accompagnamento
Nel caso in cui l’operatore, sulla base delle verifiche visive e/o degli ulteriori controlli effettuati, ritenga
Non accettazione
necessario richiedere ulteriori controlli, deve rifiutare il carico e richiedere una analisi chimico-fisica
4 del carico e richiesta SI
da effettuarsi sul materiale a carico del produttore.Il carico in questione potrà essere accettato
di analisi chimiche
successivamente solo previa verifica dei documenti di certificazione chimico-fisici richiesti.
Definizione della Al termine delle operazioni di accettazione, tenendo conto delle possibilità di utilizzo, il materiale in
5 SI
zona di stoccaggio ingresso deve essere classificato al fine di individuare il cumulo o la zona di stoccaggio a cui destinarlo.
Nel caso in cui il gestore dell’impianto verifichi la presenza di un carico di rifiuti misti (appartenenti
Materiale che comunque alle tipologie ammesse nell’impianto) potrà:
necessita di 1. richiedere un costo aggiuntivo per le successive operazioni di separazione delle varie frazioni;
6 SI
una selezione in 2. accettare il carico richiedendo al conferitore di procedere autonomamente alla separazione delle
ingresso varie frazioni di rifiuti in un’area dell’impianto a ciò dedicata;
3. non accettare il carico.
Nel caso in cui il carico venga accettato, l’autista dell’automezzo in ingresso procederà all’interno
Pesatura automezzo
7 dell’impianto seguendo la viabilità interna opportunamente segnalata e portandosi in corrispondenza SI
carico
della pesa. L’operatore dell’impianto provvederà alla pesa dell’automezzo carico.
Terminate le operazioni di pesatura, l’automezzo in ingresso procederà all’interno dell’impianto
Percorso interno seguendo la viabilità interna opportunamente segnalata e rispettando le indicazioni fornite dall’operatore
8 SI
all’impianto dell’impianto in merito all’ubicazione del cumulo o della zona di stoccaggio a cui il carico è stato
destinato.
L’automezzo deve scaricare il proprio carico in corrispondenza del cumulo preventivamente indicato dagli
9 Scarico automezzo SI
operatori
Dopo la fase di scarico, occorre procedere ad un ulteriore controllo visivo del carico al fine di:
Controllo visivo 1. verificare la correttezza di quanto dichiarato in ingresso e la compatibilità del materiale addotto con
10 SI
materiale scaricato le caratteristiche dell’impianto e le indicazioni contenute nell’autorizzazione;
2. la presenza nel carico di parti contaminate nascoste.
Esito negativo dei
In caso in cui l’operatore dell’impianto verifichi la presenza di una sospetta contaminazione dei rifiuti
11 controlli visivi sul SI
scaricati occorre adottare le procedure già riportate ai punti 4, 5, e 6.
materiale scaricato
Pulizia ruote Nel caso in cui la fase di scarico e l’attraversamento della viabilità interna comportino l’accumulo di fango
12 SI
automezzo in uscita sulle ruote degli automezzi, occorre prevedere sistemi di pulizia delle ruote.
Pesatura automezzo Terminate le operazioni di accettazione e di scarico dei materiali l’automezzo che ha effettuato lo scarico
13 SI
scarico deve essere pesato in uscita dall’impianto.
Consegna
Terminate le operazioni di pesatura in uscita deve essere consegnata al trasportatore la documentazione
14 documentazione di SI
prevista dalle norme vigenti e relativa all’avvenuto conferimento presso l’impianto
legge
Oltre a tutte le operazioni previste per la compilazione del registro di carico e scarico bisogna annotare:
1. tutte le operazioni di controllo effettuate sui rifiuti in ingresso, la provenienza, la destinazione d’uso
Registrazione
dell’opera edile di provenienza del materiale;
delle operazioni
15 2. la classificazione in base alla relativa categoria di accettazione; PREFERIBILE
di controllo e
3. le zone di stoccaggio utilizzate.
stoccaggio
Le operazioni di registrazione possono essere effettuate con software appositamente messi a punto e
facilmente reperibili sul mercato.
104 Direttiva tecnica 5

Procedure per la fase di stoccaggio e trattamento dei rifiuti

Procedura gestionale N Descrizione della procedura STANDARD MINIMO

Occorre gestire in maniera corretta la fase di stoccaggio del materiale da


trattare.
In tal senso è importante utilizzare una distribuzione dei cumuli nei piazzali
Corretta gestione dei 1 che permetta di: SI
cumuli di materiale 1. mantenere separati i cumuli costituiti da materiali omogenei,
inerte e di materiale 2. faciliti le operazioni di movimentazione,
trattato 3. non crei problemi di sicurezza.
2 Altezza cumuli massima di 6 m con pendenza limitata SI

3 Ubicazione cumuli ad almeno 3 m dai confini dell’area SI


Per una corretta gestione dell’impianto si provvederà a mantenere la viabilità
4 interna pulita e sgombra da rifiuti e/o da altri oggetti che possano intralciare le SI
Corretta manutenzione operazioni di movimentazione rifiuti all’interno dell’impianto.
delle aree di Per una corretta gestione dell’impianto si provvederà a umidificare i cumuli
stoccaggio e della 5 e i piazzali soprattutto in periodi secchi e ventosi e ciò al fine di limitare al SI
viabilità interna massimo il trasporto eolico di materiale polverulento.
Per una corretta gestione dell’impianto si provvederà a limitare al massimo le
6 SI
attività in giornate particolarmente ventose.
Periodicamente occorre verificare:
Periodiche verifiche 1. il corretto funzionamento delle attrezzature utilizzate;
7 SI
sull’impianto 2. il rispetto delle procedure interne eventualmente adottate;
3. il rispetto delle prescrizioni autorizzative.

8 Implementazione di un sistema di eco-gestione (ISO 14.001 o EMAS) PREFERIBILE

1
Durante il trasporto, i rifiuti devono essere accompagnati da un formulario di identificazione dal quale devono
risultare, in particolare, i seguenti dati:
• nome e indirizzo del produttore e del detentore
• origine, tipologia e quantità del rifiuto
• impianto di destinazione
• data e percorso dell’instradamento, se diverso dal più breve possibile
• nome ed indirizzo del destinatario
Le modalità di compilazione sono quelle stabilite dal DM 1 aprile 1998 n. 145, che sancisce tra l’altro l’esenzione
di responsabilità del produttore dei rifiuti in caso di scorretto smaltimento o recupero, una volta che il formulario
è stato compilato e che la quarta copia gli è stata restituita da chi ha preso in carico i rifiuti per il loro recupero o
smaltimento.
2
Chi effettua attività di recupero di rifiuti ha obbligo di tenere un registro di carico e scarico, con fogli numerati e
vidimati dall’Ufficio del Registro, su cui annotare giornalmente le informazioni qualitative e quantitative dei rifiuti
da utilizzare ai fini della comunicazione annuale al Catasto.
Direttiva Tecnica 6

Specifiche tecniche per


l’identificazione delle
caratteristiche e degli
standard qualitativi dei
materiali prodotti dal
riciclaggio e destinati
ad impieghi nelle
costruzioni
106 Direttiva tecnica 6

6. 1. 1. FONTI E RIFERIMENTI
FONTI E RIFERIMENTI
Il presente documento costituisce una sintesi della DirettivaTecnica di attuazione n.6 dell’Accordo
di Programma per il recupero dei residui da costruzione e demolizione della Provincia di Bologna e
contiene le Specifiche tecniche per l’identificazione delle caratteristiche e degli standard qualitativi dei
materiali prodotti dal riciclaggio e destinati ad impieghi nelle costruzioni.
Il testo della Direttiva - dal Prof. Sante Fabbri e dalla Prof.ssa Alessandra Bonoli della Facoltà di
Ingegneria dell’Università degli Studi di Bologna, su incarico della Provincia di Bologna ed è stato
definitivamente approvato dal Comitato Tecnico il 31 marzo 2003. Il testo integrale della Direttiva
Tecnica di attuazione n. 6 può essere scaricato dal sito web della Provincia di Bologna, collegandosi
all’indirizzo: http://www.provincia.bologna.it/ambiente/osservatoriorifiuti

6. 2. PREMESSA
2. PREMESSA

Le prescrizioni contenute nel presente documento devono essere considerate complementari


(e non sostitutive) di quanto contenuto nella Direttiva CNR - UNI 10006/2002, che si intende qui
completamente richiamata.
Al fine di consentirne il massimo grado di impiego e di ricondurli ad utilizzi specifici, i materiali
riciclati da costruzione e demolizione (C&D) devono essere sottoposti a prove che ne garantiscano
la compatibilità ambientale dell’uso e che ne valutino prestazioni e caratteristiche al fine di
verificarne gli utilizzi più idonei.
Nel presente documento vengono indicate le tipologie di prodotto che si possono ottenere agli
impianti, i possibili campi di impiego e le prove cui devono essere sottoposti i materiali per il loro
migliore utilizzo.
Per garantire un costante e ottimale standard di qualità occorre prevedere prove di caratterizzazione
dei materiali almeno ogni 20.000 m3 di materiale prodotto o, se la produzione dell’impianto è
inferiore ai 2.000 m3/mese, almeno una volta all’anno, salvo condizioni più restrittive dettate dalle
specifiche particolari di impiego.

6. 3. campionamento
CAMPIONAMENTO

I campioni da sottoporre alle prove devono essere rappresentativi della totalità del materiale da
esaminare. La scelta del campione è quindi molto importante e, se non corretta, può alterare i
risultati finali dei test eseguiti.
Quando si ha a che fare con materiali granulari, prima di realizzare la suddivisione occorre eliminare
le rimanenti aggregazioni senza creare fratture tra le singole particelle. Per effettuare ciascuna
prova si deve utilizzare sempre un quantitativo inferiore rispetto a quello prelevato e preparato
tramite il campione. Questo va quindi ricondotto alla quantità desiderata senza compromettere
l’omogeneità e la rappresentatività.
Quantità di campione secondo il diametro di:
 100 g per d < 11,2 mm.
 1.000 g per 11,2 mm < d < 22,4 mm
 2.500 g per d > 22,4 mm
Il campionamento rappresentativo, lo stoccaggio, la lavorazione e la preparazione del campione
vanno comunque eseguiti conformemente alle norme vigenti (cfr. ad es. quaderni IRSA/CNR, DIN
52101). Il prelievo di campioni viene effettuato, di volta in volta, dalle frazioni dopo la vagliatura
Specifiche tecniche per l’identificazione delle caratteristiche e degli standard qualitativi 107
dei materiali prodotti dal riciclaggio e destinati ad impieghi nelle costruzioni

e prima della loro eventuale miscelazione. Tra campionamento e analisi deve trascorrere il minor
tempo possibile.
Prima dell’utilizzo del materiale riciclato deve essere comprovata la sua compatibilità ambientale.
L’esame deve garantire una tutela durevole dei beni suolo ed acqua, proteggendoli da un
progressivo aumento dei valori di base delle sostanze nocive. La valutazione sulla compatibilità
ambientale del materiale da costruzione e demolizione destinato a recupero deve essere verificato
non solo sul prodotto finito, risultante sovente dalla miscelazione con altri materiali aggiuntivi, ma
soprattutto sulle singole frazioni ottenute all’impianto. Non è consentita la miscelazione di prodotti
di riciclaggio, al fine di diluire sostanze inquinanti in essi contenute (divieto di diluizione).

I PRODOTTI 6. 4.

Dal recupero dei materiali C&D è possibile ottenere due frazioni omogenee più una frazione mista,
così classificate:
1. Macerie, costituite da laterizi;
2. Calcestruzzi, costituiti da scarti di conglomerati cementizi anche armati provenienti dalla
demolizione di opere di c.a., da scarti dell’industria di prefabbricazione di manufatti di cemento
anche armato, da traversine ferroviarie in c.a. ecc.;
3. Frazione mista, costituita da mattoni, malta, cemento, pietre naturali, scarti ceramici, sfridi di
lavorazioni edilizie, detriti inerti, residui di sovrastrutture stradali e di conglomerati cementizi
anche armati e in generale da rifiuti misti C&D già definiti nel presente accordo.
In base poi alla tipologia di rifiuto C&D trattato, alle caratteristiche e alle performances degli impianti,
si possono ottenere numerosi diversi prodotti riciclati, aventi destinazioni d’uso differenti (v. tabella
1). Per la caratterizzazione delle diverse frazioni risultanti dalla lavorazione, è necessario valutare,
in vista del loro utilizzo, le caratteristiche primarie delle diverse frazioni ottenute dal processo di
lavorazione. In tabella 2, 3 e 4 sono indicate le tipologie di prova cui sottoporre i materiali destinati
rispettivamente alle costruzioni ferroviarie (tab. 2), alle costruzioni stradali (tab.3) e alle costruzioni
edili (tab.4).
La qualità dei prodotti finiti pronti per l’uso deve essere comprovata, per i diversi specifici impieghi,
attenendosi alle vigenti norme tecniche.

Tab. 1 Tipi di prodotti in uscita dagli impianti

Classificazione Usi:
Tipo Granulometria Costruzioni Costruzioni
N. (normativa CNR- Origine Costruzioni
prodotto (mm) Stradali Edili
UNI 10006) Ferroviarie
1 Stabilizzato 0/20 gruppo A1 Calcestruzzo X X X
2 Stabilizzato 0/40 gruppo A1 Calcestruzzo X X X
3 Stabilizzato 0/80 gruppo A1 Calcestruzzo X X X
Calcestruzzo,Macerie, X X
4 Tout Venant 0/100 gruppo A1 X
Frazione mista X X
Calcestruzzo,Macerie, X X
5 Pietrischetto 20/40 / X
Frazione mista X X
Calcestruzzo,Macerie, X X
6 Pietrischetto 40/70 / X
Frazione mista X X
Calcestruzzo,Macerie, X X
7 Sabbia 0/8 /
Frazione mista X X
Conglomerato
8 varia Calcestruzzo X X X
cementizio
108 Direttiva tecnica 6

Prove sui materiali destinati alle costruzioni ferroviarie Tab. 2

Tipo di controllo o procedura


Descrizione Requisiti minimi Valori e prestazioni
sul materiale riciclato

Assenza di amianto, sostanze pericolose e


Test di cessione Allegato 3, D.M. 05/02/98
nocive e significativi contenuti di gesso.
Classificazione UNI-CNR 10006
Coefficiente Imbibizione Norme CNR
Durabilità (Gelività,
permeabilità, carbonatazione)
CNR. 62/1978
Massa volumica apparente
CNR UNI 10013
CNR. 62/1978
Massa volumica reale
CNR UNI 10013

Umidità naturale o contenuto Norme ASTM D 2216-66


d’acqua CNR Uni 10008

Indice di Resistenza all’impatto Numero di colpi per ridurre il 25% del


(R.I.H.N.) materiale a dimensioni < 0,5 mm.
Resistenza al punzonamento di campioni
informi. Permette di determinare, per via
Point Load Test
indiretta: resistenza a compressione e
resistenza a trazione
ogni 1.800 m3 o almeno una
100% < 70 mm.
Norme DIN, CNR 23/71o volta/anno
Granulometria Dimensione <0,5 mm = maggiore 10%
ASTM e/o come da norma CNR UNI
Dimensione <0,063 mm = minore 15%
10006/2002
< 35 per la frazione di dimensioni maggiori
Indice di appiattimento norma CNR. 95/1984
ai 4 mm.
Rigonfiamento C.B.R.
CNR UNI 10009 < 1%
(California Bearing Ratio)
Limiti di Atterberg e indici di
CNR UNI 10014 I.P. < 6
plasticità
ogni 1.800 m3 o almeno una volta/
Prova Los Angeles o resistenza norme CNR (34/1973) o EN
anno e/o come da norma CNR UNI < 40
all’urto e all’abrasione norme DIN
10006/2002
< 1%
Uni 8520
Contenuto in solfati e solfuri se è prevista una posa in opera a contatto
En 1744-1
con c.a. il limite diventa: < 0,5%
Contenuto Sostanze Organiche
Uni 8520 Secondo norma, parte 14 cat.C
e prova colorimetrica
ogni 1.800 m3 o almeno una volta/
norme DIN, CNR 23/71o
Granulometria anno e/o come da norma CNR UNI Dimensione <0,063 mm = minore 20%
ASTM
10006/2002
Modulo di deformazione Da determinare mediante prova di carico
norma CNR. 146/1992
Md e M’d su piastra
Grado di costipamento CNR Bu 69/78 90-98% a seconda dell’impiego
Specifiche tecniche per l’identificazione delle caratteristiche e degli standard qualitativi 109
dei materiali prodotti dal riciclaggio e destinati ad impieghi nelle costruzioni

Tab. 3 Prove sui materiali destinati alle costruzioni stradali

Tipo di controllo o
procedura sul materiale Descrizione Requisiti minimi Valori e prestazioni
riciclato

Assenza di amianto, sostanze pericolose e


Test di cessione Allegato 3, D.M. 05/02/98
nocive e significativi contenuti di gesso.

Classificazione UNI-CNR 10006


Coefficiente Imbibizione Norme CNR
Durabilità (Gelività,
permeabilità,
carbonatazione)

Massa volumica apparente norma CNR. 62/1978

Massa volumica reale norma CNR. 62/1978

Umidità naturale o Norme ASTM D 2216-66


contenuto d’acqua CNR Uni 10008

norme DIN, CNR 23/71o ogni 1.800 m3 o almeno una volta/anno Dimensione <0,5 mm = maggiore 10%
Granulometria
ASTM e/o come da norma CNR UNI 10006/2002 Dimensione <0,063 mm = minore 15%

Produzione di finissimo
CNR B.U. 69/1978 < 5%
AASHO modificata

Indice di appiattimento norma CNR. 95/1984 < 35 per le frazioni > 4 mm.

Indice di forma UNI EN 933/4 < 35 per le frazioni > 4 mm.

Indice di portanza C.B.R.


CNR UNI 10009
(California Bearing Ratio) o > 30
ASTM D 1883
rigonfiamento

Indice di Resistenza Numero di colpi per ridurre il 25% del


all’impatto (R.I.H.N.) materiale a dimensioni < 0,5 mm.

Resistenza al punzonamento di campioni


informi. Permette di determinare, per via
Point Load Test
indiretta: resistenza a compressione e
resistenza a trazione

Lavorabilità

Limiti di Atterberg e indici di I.P. < 6 per rilevati


CNR UNI 10014
plasticità Non plastico per sottofondi e fondazioni

Prova Los Angeles o


norme CNR (34/1973) o ogni 1.800 m3 o almeno una volta/anno < 45
resistenza all’urto e
EN norme DIN e/o come da norma CNR UNI 10006/2002
all’abrasione
110 Direttiva tecnica 6

Prove sui materiali destinati alle costruzioni edili Tab. 4

Tipo di controllo o
procedura sul materiale Descrizione Requisiti minimi Valori e prestazioni
riciclato
Allegato 3, D.M. Assenza di amianto, sostanze pericolose e
Test di cessione
05/02/98 nocive e significativi contenuti di gesso.
Classificazione UNI-CNR 10006
Coefficiente Imbibizione Norme CNR
Durabilità (Gelività,
permeabilità,
carbonatazione)
Massa volumica apparente norma CNR. 62/1978
Massa volumica reale norma CNR. 62/1978
Norme ASTM D
Umidità naturale o
2216-66
contenuto d’acqua
CNR Uni 10008
norme DIN, CNR ogni 1.800 m3 o almeno una volta/anno e/o Dimensione <0,5 mm = maggiore 10%
Granulometria
23/71o ASTM come da norma CNR UNI 10006/2002 Dimensione <0,063 mm = minore 15%
Produzione di finissimo
CNR B.U. 69/1978 < 5%
AASHO modificata
Indice di
norma CNR. 95/1984 < 35 per le frazioni > 4 mm.
appiattimento
Indice di forma UNI EN 933/4 < 35 per le frazioni > 4 mm.
Indice di portanza C.B.R.
CNR UNI 10009
(California Bearing Ratio) o > 30
ASTM D 1883
rigonfiamento
Indice di Resistenza Numero di colpi per ridurre il 25% del
all’impatto (R.I.H.N.) materiale a dimensioni < 0,5 mm.
Resistenza al punzonamento di campioni
informi. Permette di determinare, per via
Point Load Test
indiretta: resistenza a compressione e
resistenza a trazione
Lavorabilità
Limiti di Atterberg e indici di I.P. < 6 per rilevati
CNR UNI 10014
plasticità Non plastico per sottofondi e fondazioni
Prova Los Angeles o norme CNR (34/
ogni 1.800 m3 o almeno una volta/anno e/o < 45
resistenza all’urto e 1973) o EN norme
come da norma CNR UNI 10006/2002
all’abrasione DIN
norme DIN, CNR ogni 1.800 m3 o almeno una volta/anno e/o
Granulometria Dimensione <0,063 mm = minore 20%
23/71o ASTM come da norma CNR UNI 10006/2002
Grado di costipamento CNR Bu 69/78 90-95% da dettagliare
Lavorabilità inferiori
Prova di compattazione
Norme ASTM D
Proctor modificata ASTM D
698-42 T
698-42 T
Modulo di elasticità
Indice di forma
esame visivo o ogni 1.800 m3 o almeno una volta/anno e/o
dell’aggregato (indice di < 35
norme DIN come da norma CNR UNI 10006/2002
appiattimento)
Ritiro
Potere legante
Specifiche tecniche per l’identificazione delle caratteristiche e degli standard qualitativi 111
dei materiali prodotti dal riciclaggio e destinati ad impieghi nelle costruzioni

DESCRIZIONE DELLE PRINCIPALI PROVE 6. 5.

Il test di cessione D.M. 05/02/1998

Il decreto del 5 febbraio 1998 stabilisce che, qualora siano richiesti, i test di cessione vengono
eseguiti su un campione rappresentativo e nella stessa forma fisica prevista nelle condizioni
finali d’uso del prodotto. Inoltre la procedura da seguire è quella specificata nell’allegato 3
del decreto stesso. I test devono essere effettuati ad ogni inizio di attività e poi ogni due anni
o comunque ogni volta che sopraggiungano modifiche sostanziali nel processo di recupero
dei rifiuti.
L’allegato 3 citato riporta le informazioni riguardanti: il principio del metodo, il materiale da
sottoporre ad analisi, i reagenti, le attrezzature e la strumentazione, la determinazione dei
componenti eluiti dai campioni solidi analizzati.
Il materiale deve essere analizzato con la distribuzione granulometrica corrispondente a
quella di effettivo utilizzo. La frantumazione è consentita solo quando è indispensabile ai fini
dell’analisi.
Visti i sofisticati processi di produzione in uso, i materiali C&D riciclati possono contenere una
vasta gamma di sostanze, tra cui componenti potenzialmente a rischio per l’ambiente, per i
quali vanno rispettati i valori limite riportati in tabella 5.
Il materiale edile riciclato che superi i limiti stabiliti, qualora non risultasse utilizzabile, deve
essere smaltito come rifiuto speciale.
112 Direttiva tecnica 6

Tab. 5 Allegato 3 al DM 05.02.98 – Test di cessione Valori limite

PARAMETRI Unità di misura Concentrazioni Limite


pH 5,5 ÷ 12,0
COD mg/l 30
Nitrati mg/l 50
Fluoruri mg/l 1,5
Solfati mg/l 250
Cloruri mg/l 200
arsenico μg/l 50
Bario μg/l 1000
Berillio μg/l 10
Cobalto μg/l 250
Cadmio μg/l 5
Cromo (totale) μg/l 50
Vanadio μg/l 250
Rame μg/l 50
Mercurio μg/l 1
Piombo μg/l 50
Selenio μg/l 10
Nichel μg/l 10
Zinco μg/l 3000
Amianto mg/l 30

Determinazione
Determinazione della massa della massa
volumica apparente volumica apparente in cumulo
in cumulo
La determinazione della massa volumica apparente dell’inerte secco viene condotta secondo
la norma C.N.R. 62/1978. L’inerte generalmente è facilmente addensabile e poche scosse del
contenitore portano ad aumentre rapidamente il valore del rapporto peso/volume.

Prova per la determinazione dell’umidità naturale


Prova per la determinazione dell’umidità naturale

Il contenuto d’acqua naturale è definito anche come umidità naturale w ed è inteso come il
rapporto tra il peso dell’acqua interstiziale Pw e quello delle particelle che costituiscono lo
scheletro solido Ps:
w = Pw/Ps x 100.
L’acqua a cui ci si riferisce è quella presente nei vuoti detta acqua gravifica e non quella adsorbita
dai minerali argillosi che presenta caratteristiche chimico-fisiche completamente diverse.
L’affidabilità dei risultati di questa prova è strettamente legata al tempo e alla modalità con cui
vengono conservati i campioni. Il materiale, dopo il prelievo, viene chiuso in contenitori stagni e
successivamente viene conservato in ambiente non investito da raggi solari ed a temperature
comprese tra i 3 ed i 30°C. La quantità minima di campione da utilizzare per la prova, nel caso
di materiali coesivi, è di circa 25-30 grammi. La quantità risulterà maggiore nel caso il materiale
presenti delle disomogeneità. Il campione e il contenitore vengono pesati (peso umido lordo, PUL)
e messi in forno a 110°C ad essiccare. Il raffreddamento si esegue poi a temperatura ambiente in
essiccatore determinando il peso lordo secco (PLS).
L’umidità naturale si calcola quindi mediante la seguente formula:
Specifiche tecniche per l’identificazione delle caratteristiche e degli standard qualitativi 113
dei materiali prodotti dal riciclaggio e destinati ad impieghi nelle costruzioni

w = (PUL-PLS)/(PLS-Pt)x100
dove Pt è il peso del contenitore.
Per l’esecuzione di questa prova sono necessari un forno termostatico a temperatura di 110°C
con una tolleranza in difetto e in eccesso di 5°C, una bilancia sensibile al centesimo di grammo, un
essiccatore per il raffreddamento del campione in assenza di umidità e contenitori in alluminio.

Analisi granulometriche

I criteri di classificazione dei materiali si basano principalmente sull’analisi granulometrica, che


ha come obiettivo la classificazione dimensionale in diverse classi di grandezza delle particelle
che costituiscono il materiale. Inoltre si determinano le percentuali in peso di ogni singola classe
riferendole al peso secco del campione iniziale. La caratterizzazione granulometrica in genere
viene eseguita attraverso il ricorso
alle seguenti metodologie:
a) per vagliatura meccanica (a umido o a secco);
b) per sedimentazione (classificazione indiretta, aerometria);
c) con granulometro laser, oggi decisamente preferibile per le granulometrie fini.
La prima è utilizzata per materiali aventi granuli di dimensioni superiori ai 0,075 mm, le altre
per quelli con dimensioni inferiori. Le informazioni che si ottengono dalla classificazione
granulometrica vengono riassunte sotto forma di curve di frequenza e curve cumulative del
passato o del rifiuto. Dalle analisi granulometriche si possono desumere altre informazioni tra
cui:
 Coefficiente di uniformità Cu=d60/d10, dove d60 e d10 sono i diametri equivalenti delle particelle
individuati al 60% e al 10% di passante. Al diminuire di Cu la curva risulta essere più ripida e il
materiale più omogeneo.
 Coefficiente di curvatura Cc=( d30x2)/ d10x d60

Analisi granulometrica per setacciatura


L’analisi granulometrica tramite vagliatura meccanica è limitata ai materiali con granuli di
dimensioni superiori a 0,075 mm. Può essere eseguita per setacciatura a secco o ad umido.
Nella setacciatura a secco il campione viene seccato, pesato e quindi versato all’interno del
setaccio superiore di una serie standard con aperture decrescenti dall’alto verso il basso. Sul
fondo di questa pila deve essere disposta una base di raccolta non forata per raggruppare il
materiale più fine. Per evitare fuoriuscite di materiale si tappa il setaccio superiore con un
coperchio. Grazie ad un agitatore meccanico si procede quindi ad effettuare la vagliatura vera e
propria. Quando separando i singoli vagli non si rileva una quantità apprezzabile di passante, la
prova può ritenersi conclusa.
La setacciatura per via umida si esegue quando il materiale presenta una non trascurabile
percentuale limo argillosa, difficile da separare dalla frazione a grana grossa. Il campione
essiccato e pesato viene posto in acqua per facilitare il distacco delle particelle fini dai grani di
dimensioni maggiori. Ottenuta la completa disgregazione dei grani si setaccia il materiale con il
vaglio 0,075 mm favorendo l’operazione con spruzzi d’acqua sino a quando l’acqua di lavaggio
non esce chiara e limpida. Il materiale ottenuto viene nuovamente essiccato in forno, pesato ed
infine sottoposto ad un’analisi granulometrica a secco. Per eseguire l’analisi granulometrica per
setacciatura occorrono: un squartatore, una serie di setacci standard, una bilancia di sensibilità
0,01 g, un forno termostatico, dei contenitori tarati, un agitatore meccanico.
114 Direttiva tecnica 6

Analisi granulometrica per sedimentazione (metodo del densimetro)


Questa analisi permette di determinare la distribuzione granulometrica dei materiali aventi
particelle con diametri inferiori a 0,075 mm. Le dimensioni delle particelle si ottengono per
via indiretta. Si misura infatti il tempo di sedimentazione all’interno di un cilindro che contiene
una dispersione delle particelle stesse in acqua distillata. Per il calcolo del diametro del singolo
grano si fa riferimento alla legge di Stokes, la quale permette di determinare il diametro di una
sfera, avente peso specifico noto, della quale sia nota la velocità di caduta V (cm/s), all’interno di
un liquido di peso specifico e viscosità conosciuti.
Nel corso della prova si deve quindi misurare la velocità di caduta delle particelle e quindi il
tempo che la singola particella impiega per percorrere una determinata distanza. Le letture di
tale distanza sono effettuate
tramite un densimetro che
viene introdotto nel cilindro che
contiene le particelle in esame.
La distanza a cui si fa riferimento
è quella rappresentata dal
percorso tra il pelo libero della
soluzione e il baricentro del
densimetro stesso.
Vediamo quale è la procedura
della prova. Il campione,
selezionato in quantità variabile
tra 30 e 50 grammi, viene posto
con un fluido antiflocculante
(esametafosfato di sodio) in
quantità di 125 cc ogni 1.000 cc
in acqua in un frullatore elettrico
per circa 20 min. Il contenuto
va poi travasato nel cilindro
graduato dove si aggiunge
acqua fino a raggiungere il
livello di un litro. Si agita il tutto
per 1 minuto e si immerge l’aerometro nella sospensione registrando il peso di volume ad
intervalli di 30 secondi, 1, 2, 5, 10, 20, 40, 80, 240, 1440 minuti. La prova si considera conclusa
quando il peso di volume risulta pressoché uguale a quello dell’acqua.
Con i valori letti dal densimetro ed i valori di temperatura della sospensione si determinano le
percentuali di passante per ogni diametro delle particelle in modo così da costruire la curva
granulometrica relativa al materiale in esame. Per realizzare la classificazione si deve disporre
quindi di un cilindro graduato non inferiore al litro di capacità, di un densimetro, di una vasca
termostatica, di un frullatore elettrico, di antiflocculante (esametafosfato di sodio), acqua
distillata. di un cronometro contasecondi, di una bilancia con sensibilità 0,01 g, un termometro,
un mortaio completo di pestello di ceramica.

Analisi granulometrica con granulometro laser


Si tratta di una prova condotta con strumento laser, estremamente rapida ed efficace per le
granulometrie fini, al di sotto dei 100-150 µm.
Specifiche tecniche per l’identificazione delle caratteristiche e degli standard qualitativi 115
dei materiali prodotti dal riciclaggio e destinati ad impieghi nelle costruzioni

Il materiale da analizzare viene messo all’interno dello


strumento, in una sospensione (concentrazione in solido
del 10-15%), che viene fatta circolare tramite pompa e che
viene colpita da un fascio di raggi laser. Ogni particella
diffrange il raggio secondo un certo angolo di diffrazione
che è proporzionale alla dimensione della particella stessa.
Lo strumento provvede quindi automaticamente e in tempo
reale alla stesura delle curve granulometriche di frequenza
e cumulativa.

Limiti di Atterberg, Plasticità


Si tratta di prove mirate alla caratterizzazione delle componenti ultrafini. In funzione del
contenuto di acqua w il materiale può presentarsi in quattro differenti stati fisici: solido,
semisolido, plastico, liquido, in corrispondenza dei quali i materiali presentano differenti
valori di resistenza al taglio e di compressibilità.
Il limite liquido (wl) è il contenuto d’acqua in corrispondenza del quale il materiale
possiede una resistenza al taglio così piccola che un solco praticato nel campione si
richiude quando il cucchiaio che lo contiene viene sollecitato con un certo numero
di colpi secondo procedura standard. Il limite plastico (wp) è il contenuto d’acqua in
corrispondenza del quale il materiale comincia a perdere il comportamento plastico.
Viene determinato formando dei bastoncini dello spessore di 3,2 mm, manualmente su
una lastra di vetro che iniziano a fessurarsi in corrispondenza del valore di (w p). Il limite di
ritiro (ws) rappresenta il contenuto d’acqua al disotto del quale una perdita d’acqua non
comporta più alcuna riduzione di volume. Viene determinato essicando progressivamente
il provino, di cui vengono di volta in volta misurati il volume e il contenuto d’acqua.

Prova di determinazione dell’equivalente in sabbia ES ASTM 2419

Negli aggregati fini per i quali non è possibile definire il limite di Atterberg è opportuno
far ricorso alla prova dell’equivalente in sabbia .
L’apparecchiatura è costituita da una provetta cilindrica di vetro (diametro=31,7 mm e
altezza =430 mm, con gradazione ogni 2 mm), da un tubo di lavaggio in ottone o rame,
da un pistoncino formato da un’asta lunga circa 460 mm dotata di un dispositivo di
centramento, un recipiente (capacità 88 cm3) ed un agitatore dotato di contacolpi capace
116 Direttiva tecnica 6

di imprimere alla provetta un movimento alternativo secondo l’asse orizzontale di 3 cicli al


secondo in andata e ritorno. Si versa nella provetta una soluzione liquida antiflocculante,
si lascia opportunamente a riposo. Dopodiché si sottopone a una serie di agitazioni pari
a 90 cicli. Si aggiunge il liquido antiflocculante fino a raggiungere il 2° livello. Si lascia
a riposo e si legge il livello superiore raggiunto dal materiale in sospensione (livello
d’argilla). Si introduce quindi il pistone a base conica facendolo scendere lentamente fino
a che la sua superficie inferiore poggi sulla sabbia e si legge il valore raggiunto (lettura
della sabbia).
L’equivalente in sabbia è dato dal rapporto percentuale fra quest’ultima lettura e quella
dell’argilla:
E.S.= 100 (lettura sabbia/lettura argilla)
Nella normativa citata viene richiesto un valore di ES compreso tra 25 e 65.

Classificazione
4.7 UNI-CNR 10006UNI-CNR 10006
Classificazione

I sistemi di classificazione hanno lo scopo di identificare e classificare i campioni di materiali, in


base a diversi parametri. Riferendoci al sistema UNI-CNR 10006, i materiali sono suddivisi in gruppi
(classificazione AASHO mod.), riportati in tabella:

Materiali granulari Limi-Argille


Classificazione generale:
(passante al vaglio n.200 < 35%) (passante al vaglio n.200 < 35%)
Classificazione di gruppo A-1 A-3 A2 A4 A5 A6 A7
A1-a A1-b A2-4 A2-5 A2-6 A2-7 A7-5, A7-6
Analisi granulometrica
% passante:
2mm <50
0,12 mm <30 <50 <51
0,074 mm <15 <25 <10 <35 <35 <35 <35 >36 >36 >36 >36
Ghiaia con
Materiale Sabbia Ghiaia e sabbia limosa o argillosa Limi Argille
sabbia

Prova di compattazione Proctor modificata ASTM D 698-42 T

Per simulare le differenti tecniche riguardanti la produzione in situ di un determinato grado di


compattazione, esistono numerose prove standard di laboratorio. Le più semplici e diffuse sono le
cosiddette prove Proctor a cui fanno riferimento, nella maggior parte dei casi, i capitolati nazionali
ed internazionali. Si distinguono due differenti tipologie di prova:
a) Prova Proctor standard
b) Prova Proctor modificata
La differenza tra le due consiste sostanzialmente per la diversa energia di compattazione.
a) Prova Proctor standard: questa prova si esegue compattando strati successivi di terra (3 strati)
con un pestello standardizzato di 2,5 kg di peso, che viene lasciato cadere ripetutamente da
un’altezza di 305 mm.
b) Prova Proctor modificata: si esegue compattando strati successivi di terra (5 strati) con pestello
standardizzato di 4,5 kg di peso, lasciato cadere ripetutamente da un’altezza di 457 mm.
In base al tipo di prova adottata, si sceglie la corrispondente fustella di prova, che differisce nei
due casi per diametro ed altezza. Si prepara la terra con il contenuto di acqua iniziale previsto
Specifiche tecniche per l’identificazione delle caratteristiche e degli standard qualitativi 117
dei materiali prodotti dal riciclaggio e destinati ad impieghi nelle costruzioni

e lo si dispone nella fustella per strati che vengono compattati singolarmente. L’umidità del
provino, così compattato, può essere controllata a fine prova sottoponendo parte dello stesso
ad una determinazione del contenuto d’acqua come descritto precedentemente. Tutte queste
operazioni vanno ripetute su 5 o 6 provini, preparati incrementando ogni volta il contenuto di
acqua. In corrispondenza di ciascun valore dell’umidità w si ottiene una determinata densità secca
gd che aumenta con w per valori inferiori ala w ottima e decresce all’aumentare di w per valori di w
superiori alla w ottima. Su un piano w-gd posizionando i valori di w e gd caratteristici di ogni singola
determinazione si ottiene quindi una curva a campana. Le coordinate (w,gd) del vertice superiore
di tale curva individuano rispettivamente il contenuto d’acqua ottimo e la densità secca ottima.
La densità massima è direttamente proporzionale alla distribuzione granulometrica del terreno,
mentre la pendenza della curva (e quindi l’influenza del contenuto di acqua) è legata alla prevalenza
delle frazioni fini. Se si aumenta lo sforzo di compattazione e si ripete la procedura della prova come
descritto, la densità ottimale tende a crescere a seguito della maggiore energia di compattazione,
mentre il corrispondente contenuto di acqua diminuisce. Per una certa composizione del materiale
esiste un valore di densità secca massima ed un corrispondente contenuto d’acqua ottimale per
ciascun livello di energia di compattazione applicata. Per eseguire la prova Proctor si deve avere a
disposizione: una fustella cilindrica metallica standardizzata costituita da una base di appoggio, da
un cilindro cavo e da un collare; un pestello cilindrico di acciaio di dimensioni e peso normalizzati;
una bilancia; dei setacci ASTM; l’apparecchiatura completa per la determinazione del contenuto
d’acqua.

Determinazione dell’indice C.B.R. (California Bearing Ratio) ASTM D 1883

Per determinare l’indice di portanza C.B.R. di un materiale, a densità ed umidità note, lo si deve
sottoporre ad una prova di penetrazione. La prova consiste nel far penetrare, a velocità prefissata,
un pistone cilindrico standardizzato in un campione di materiale e nel registrare le forze F1 ed F2,
corrispondenti rispettivamente ad un avanzamento del pistone di 2,5 e 5 mm. Si risale all’indice
C.B.R. tramite un confronto tra le forze così ottenute F1 ed F2 con quelle che si ottengono con una
prova di riferimento standard. In genere si effettua questa prova quando si vuole stabilire l’idoneità
di un materiale ad essere utilizzato per realizzare strati di base e di fondazione di pavimentazioni
flessibili sia in ambito stradale che aeroportuale.La prova può essere eseguita in laboratorio oppure
in loco in fase di verifica dei dati di progetto. Se nella realtà il materiale in esame sarà impiegato
in condizioni di completa saturazione si procede all’imbibizione. Sul provino che viene preparato
nella apposita fustella si applica un sovraccarico e si misura il suo rigonfiamento durante la fase
di saturazione (96 ore).Trascorso questo tempo l’acqua viene fatta defluire e sono rimossi i pesi.
A questo punto il campione viene posizionato sulla pressa e il pistone viene fatto penetrare con
una velocità di avanzamento di 1,27 mm/min. Si registrano le forze verticali applicate al pistone
ogni 0.5 mm di penetrazione sino alla profondità di 9-10 mm. I risultati della prova sono infine
diagrammati in un piano cartesiano “penetrazione [mm]-forza verticale[kg]. Individuate le forze F1
ed F2 si calcolano i corrispondenti indici di penetrazione C.B.R.
Per l’esecuzione della prova si deve disporre di un’apparecchiatura necessaria per la prova di
compattazione Proctor e per la determinazione del contenuto d’acqua, di una fustella metallica
provvista di collare rigido e di un basamento metallico forato, di una pressa di capacità non
inferiore a 4 t e in grado di mantenere una velocità di avanzamento del pistone costante pari
a 1,27 mm/min, di un disco spaziatore metallico, di un pistone metallico di penetrazione, di un
comparatore centesimale per misurare il rigonfiamento e di una serie di pesi di forma anulare.
118 Direttiva tecnica 6

4.10 di resistenza
R.I.H.N. Indice R.I.H.N. Indice di resistenzadella
all’impatto all’impatto
rocciadella roccia

Il R.I.H.N. fornisce per via speditiva utili informazioni sulla resistenza dei materiali rocciosi o derivati
da demolizione ed è stato proposto in sostituzione dell’indice Protodyakonov.
Un campione di roccia, detto carica, viene colpito 5 ÷ 25 volte, a seconda della resistenza della
roccia, da una massa di acciaio di 2,4 kg fatta cadere in caduta libera da una altezza di 0,64 m in un
mortaio cilindrico normalizzato.
Il frantumato, ottenuto da ciascuna determinazione, viene fatto passare attraverso le maglie di un
vaglio con apertura di 0,5 mm.
Partendo dallo stesso quantitativo di materiale“carica”,si fa variare il numero dei colpi fino a quando,
nel corso della prova si ottiene un passato al vaglio pari al 30 % del peso originario del campione.
Per la determinazione dell’indice di resistenza è sufficiente individuare il numero di colpi in grado
di ridurre il 25 % del materiale, detto carica, a dimensioni tali da passare attraverso un vaglio con
un’apertura di 0,5 mm.
L’indice individua il numero di colpi in grado di ridurre il 25 % del materiale a dimensioni tali da
passare attraverso un vaglio con un’apertura di 0,5 mm.
I campioni, di forma regolare o no ma con spigolo maggiore di 1,5 cm, devono avere un volume
pari a quello del cilindro standard cioè 24,54 cm3 (D = 2,5 cm e L = 5 cm), in questo modo il R.I.H.N.
risulta indipendente dalla geometria dei campioni di prova.
Per mezzo di formule ricavate dalla letteratura, l’indice RIHN può essere correlato alla resistenza a
trazione σT ed a compressione σC.

Per confronto si riportano alcuni valori di RIHN di alcuni litotipi:


Litotipo RIHN
Tufo 5,4
Peperino 7,8 – 10
Marna 20 – 40
Porfido quarzifero 72,9
Basalto 75

Point Load4.11
Test Point Load Test

Il Point Load è una prova di punzonamento ed è stata introdotta inizialmente per la previsione della
resistenza a compressione uniassiale, se condotta correttamente rappresenta una prova di facile e
veloce realizzazione infatti, la prova può essere effettuata in situ su spezzoni informi di roccia.
La sua correlazione con la resistenza a compressione uniassiale C0 risulta circa 20 ÷ 25 volte la
resistenza a punzonamento Is(50). In realtà questo rapporto può variare tra 15 e 50 specialmente in
rocce anisotrope.
L’Is(50) è approssimativamente pari 0,8 volte la resistenza a trazione diretta o indiretta misurata con
la prova brasiliana.
I vantaggi del Point Load test rispetto alla compressione semplice:
 la rottura del provino avviene per carichi decisamente inferiori a quelli della prova di
compressione monoassiale;
 i provini possono avere forma qualsiasi;
 correlazione fra resistenza a compressione monoassiale e resistenza a trazione.
Direttiva Tecnica 7

Linee di indirizzo
per i Comuni
120 Direttiva tecnica 7

7. 1. FONTI E RIFERIMENTI
. FONTI E RIFERIMENTI

Il presente documento costituisce una sintesi della Direttiva Tecnica di attuazione n. 7


dell’Accordo di Programma per il recupero dei residui da costruzione e demolizione della
Provincia di Bologna e contiene Linee di indirizzo per i Comuni.
Il testo della Direttiva è stato predisposto dall’Ing. Alfonso M.F. Andretta su incarico
della Provincia di Bologna ed è stato definitivamente approvato dal Comitato Tecnico
dell’Accordo di Programma il 31 marzo 2003.
Il testo integrale della Direttiva Tecnica di attuazione n. 7 può essere scaricato dal sito
web della Provincia di Bologna, collegandosi all’indirizzo http://www.provincia.bologna.
it/ambiente/osservatoriorifiuti

7. 2. AZIONI E STRUMENTI
2. AZIONI E STRUMENTI

Obiettivo dell’Accordo di Programma per il recupero dei residui da costruzione e demolizione


della Provincia di Bologna è una gestione dei residui da costruzione e demolizione efficace,
efficiente, economica e trasparente, basata sulla cooperazione di tutti i soggetti pubblici e
privati coinvolti nel ciclo dei rifiuti.
In questo quadro, il ruolo dei Comuni è decisivo: spetta ad essi, infatti (in particolare
nell’ambito delle loro competenze regolamentari in materia di urbanistica, edilizia e
gestione dei rifiuti), di creare condizioni favorevoli e di stimolare gli operatori privati ad
adottare pratiche di demolizione corrette ed efficaci, che permettano di conseguire il
massimo degli effetti previsti dall’Accordo di Programma.
Le azioni che i Comuni possono adottare a questo fine si articolano in diverse misure, che
fanno capo a cinque principali strumenti di intervento:
 la regolamentazione dell’attività edilizia privata, finalizzata alla incentivazione delle
pratiche di demolizione selettiva e riciclaggio dei rifiuti da demolizione;
 la regolamentazione della gestione dei rifiuti, finalizzata a favorire il conferimento dei
rifiuti inerti domestici;
 la vigilanza sulla gestione dei rifiuti, finalizzata: 1) a rilevare e sanzionare le pratiche di
smaltimento abusivo; 2) a mettere in atto comunque la tempestiva rimozione dei rifiuti
abbandonati, avviandoli allo smaltimento corretto; 3) a vigilare sulla corretta gestione
dei depositi temporanei dei rifiuti;
 nelle realizzazione delle opere pubbliche di competenza comunale, l’adozione di
prescrizioni tecniche favorevoli alla demolizione selettiva e all’impiego di materiali da
costruzione riciclati;
 nell’ambito della definizione degli strumenti urbanistici, l’individuazione di aree del
territorio comunale idonee alla localizzazione di attività funzionali alla realizzazione
degli obiettivi dell’Accordo, in particolare finalizzate a favorire la creazione di centri di
recupero e/o messa in riserva di rifiuti da c&d.

7. 3. GLI
3. IMPEGNI PER
GLI IMPEGNI PERI COMUNI PREVISTINELL’ACCORDO
I COMUNI PREVISTI NELL’ACCORDO DI PROGRAMMA
DI PROGRAMMA

Gli impegni assunti dai Comuni sottoscrittori (descritti all’’Art. 8, Impegni dei Comuni, del
Testo dell’Accordo di Programma e riportate nel seguito) definiscono concretamente le
azioni da adottare per conseguire le finalità previste dall’Accordo stesso:
Linee di indirizzo per i Comuni 121

“I Comuni si impegnano a:
a) valutare l’opportunità di prevedere, nei propri regolamenti edilizi, la presentazione di un
apposito elaborato progettuale, firmato da tecnico abilitato e redatto sulla base delle
direttive tecniche elaborate ai sensi dell’art. 14, riportante la stima dei rifiuti che verranno
prodotti, le modalità adottate per una corretta gestione dei rifiuti c&d , le modalità del loro
deposito temporaneo dei propri rifiuti e le previste destinazioni finale di detti rifiuti, all’atto
della richiesta di concessione edilizia ovvero della denuncia di inizio attività (DIA);
b) prevedere, nei propri regolamenti dei rifiuti urbani, la possibilità del conferimento dei
rifiuti inerti domestici, derivanti dal fai da te alle stazioni ecologiche comunali, fornendo
ai cittadini, a tal fine, l’informazione necessaria ed attuare le azioni utili per favorire il
conferimento di modiche quantità di rifiuti in cemento-amianto (rifiuti domestici) derivanti
dal “fai da te”;
c) revedere forme di incentivazione, anche attraverso la riduzione e/o l’esenzione dalla tassa
per l’occupazione di suolo pubblico, per le attrezzature di raccolta dei rifiuti inerti e/o
degli altri rifiuti raccolti separatamente, destinati ad essere avviati a recupero in centri di
trattamento autorizzati secondo le modalità del presente Accordo di Programma;
d) eliminare dai propri capitolati d’appalto eventuali clausole ostative all’uso dei materiali
riciclati che abbiano le stesse caratteristiche delle materie prime corrispondenti e prevedere
la promozione del loro impiego;
e) provvedere alla tempestiva rimozione dei rifiuti abbandonati ed adottare efficaci misure di
controllo degli abbandoni abusivi e i depositi incontrollati di rifiuti;
f) individuare, valutato il pubblico interesse di tale attività, luoghi idonei per l’attività di
recupero e messa in riserva dei rifiuti inerti da c&d in osservanza alle disposizioni del
Piano Generale Rifiuti della Provincia di Bologna, adeguando in tal senso i propri strumenti
urbanistici.”
Al fine di fornire un supporto ai Comuni e per rendere operativi gli impegni sopra riportati, qui
di seguito si riportano alcune indicazioni utili a dare efficace contenuto agli impegni assunti
con l’adesione all’Accordo.
Per facilitarne la pratica utilizzazione, le seguenti istruzioni sono ordinate per strumenti di
intervento, in modo che i contenuti destinati alla modifica del Regolamento Edilizio si ritrovino
raggruppati in un solo capitolo, lo stesso per i contenuti destinati ad integrare il Regolamento
rifiuti e così via di seguito.

REGOLAMENTO EDILIZIO 7. 4.

Sulla base di quanto previsto nell’Accordo di Programma, i Comuni sottoscrittori si impegnano


a valutare l’opportunità di prevedere, nei propri regolamenti edilizi, una procedura che impone
ai committenti di opere, all’atto della richiesta di concessione edilizia ovvero della denuncia di
inizio attività (DIA), la predisposizione e la presentazione di un apposito elaborato progettuale,
firmato da tecnico abilitato e riportante:
1. la stima dei rifiuti che verranno prodotti, suddivisi per tipologie;
2. la descrizione delle modalità che verranno adottate per una corretta gestione dei rifiuti
c&d;
3. la descrizione delle modalità del deposito temporaneo delle diverse tipologie di rifiuti
prodotti;
4. l’indicazione delle destinazioni finali previste per ciascuna delle tipologie di tali rifiuti.
122 Direttiva tecnica 7

4.2 Adeguamento del Regolamento Edilizio


Adeguamento del Regolamento Edilizio
Nella Tabella 1 seguente è riportato uno schema dell’elaborato progettuale di cui inserire nel
Regolamento Edilizio la presentazione obbligatoria da parte del Committente delle opere
edili.
A tal fine, il testo del Regolamento edilizio comunale dovrà essere
PIANO DI GESTIONE DEI RIFIUTI
modificato in modo da prevedere:
Le modalità di gestione dei residui derivanti
• l’obbligo a carico dei privati che avviano un’attività edilizia
dalla attività del cantiere devono essere (richiedenti una concessione edilizia o presentatori di D.I.A.) di
previste fin dalla progettazione dell’opera, predisporre e presentare contestualmente il piano di gestione
predisponendo un Piano di gestione dei dei residui secondo le indicazioni di cui alla Tabella 1 seguente;
rifiuti costituito da un apposito capitolo nella
relazione tecnica e uno specifico elaborato
• l’indicazione esplicita che la mancata osservanza di tale obbligo
progettuale in cui siano specificati: giustifica il diniego di rilascio della concessione edilizia;
- gli interventi di bonifica eventualmente • la procedura per la sospensione della procedura di D.I.A. al
necessari (art. 17 del D.Lgs. n. 22/97 e DM presentatore che non abbia ottemperato all’obbligo di deposito
471/99). contestuale del Piano di gestione dei residui;
- le modalità di demolizione da adottare, • le eventuali riduzioni degli oneri di urbanizzazione nei casi di
nel caso l’intervento preveda opere di
cantieri edili in cui si effettua la raccolta differenziata dei rifiuti
demolizione
inerti e/o degli altri rifiuti provenienti da attività di demolizione
- la lista dei rifiuti che si prevede di produrre,
distinti nelle principali tipologie: terre e e costruzione secondo le modalità previste dall’Accordo di
rocce di scavo, componenti riusabili e rifiuti, Programma e dalle Direttive
separati almeno fra rifiuti pericolosi e non; tecniche, precisando altresì la GLI INTERVENTI DI
- la localizzazione, all’interno del cantiere, misura e le condizioni con cui BONIFICA
delle zone destinate al deposito temporaneo il privato potrà avvalersi di tali La bonifica dell’area su cui
di ciascuna tipologia di rifiuti che si prevede
di produrre durante l’intervento. agevolazioni, in aggiunta ovvero si prevede di intervenire è
in alternativa a quelle previste dal necessaria quando ci si trova
in presenza di inquinamento
Regolamento dei rifiuti e/o dal del suolo, quando cioè sono
“Regolamento per l’occupazione superate le concentrazioni
di suolo e di aree pubbliche”, di cui limite previste dalla Tab A del
ai successivi paragrafi. DM 471/99.

7. 5. REGOLAMENTO RIFIUTI REGOLAMENTO RIFIUTI

Sulla base di quanto previsto nell’Accordo di Programma, i Comuni sottoscrittori si impegnano a


 prevedere, nei propri regolamenti dei rifiuti urbani, la possibilità del conferimento dei
rifiuti inerti domestici, derivanti dal fai da te, alle stazioni ecologiche comunali, fornendo
ai cittadini, a tal fine, l’informazione necessaria;
 attuare le azioni utili per favorire il conferimento di modiche quantità di rifiuti in
cemento-amianto (rifiuti domestici) derivanti dal “fai da te”, ad appositi centri di raccolta
convenzionati coi Comuni stessi e/o alle stazioni ecologiche comunali allo scopo
attrezzate, fornendo ai cittadini le informazioni necessarie;
 adottare efficaci misure di controllo degli abbandoni abusivi e dei depositi incontrollati
di rifiuti e dei depositi temporanei;
 consentire che presso i cantieri di c&d venga realizzato il deposito temporaneo dei rifiuti
di c&d, per la durata massima di 1 anno, subordinato a specifiche condizioni;
 provvedere alla tempestiva rimozione dei rifiuti da c&d abbandonati.
Tab. 1 - Schema dell’apposito elaborato progettuale
N. Dati richiesti Descrizione
A Dati identificativi del cantiere e della proprietà

B Sintetica descrizione dello stato delle eventuali


strutture da demolire*
C Sintetica descrizione delle opere da realizzare*

D Sintetica descrizione delle principali attività di


cantiere previste**
E Sintetica descrizione delle modalità di gestione
dei rifiuti prodotti e del loro deposito
temporaneo *
*NOTA: è possibile fare riferimento ad elaborati progettuali
Linee di indirizzo per i Comuni

**NOTA: è possibile fare riferimento alla documentazione elaborata ai sensi del D.Lgs. 494/96 e successivi aggiornamenti e ad altri elaborati
Caratteristiche dei residui provenienti da demolizioni e da Prevista destinazione finale dei residui Gestione in cantiere dei rifiuti
costruzioni (si presume che ciascun materiale abbia una unica Deposito temporaneo
N. Tipo di residui Componenti Rifiuti Rifiuti da Destinazione Modalità di Superficie Capacità
riutilizzabili recuperabili smaltire finale stoccaggio occupata del
*** deposito in
Kg. Kg. Kg. m2 m3
1
2
3
4
5

TOTALE
*** NOTA: Cassonetti, contenitori scarrabili, in cumulo, ecc. In caso di deposito in cumulo indicare le caratteristiche della pavimentazione
Allegati obbligatori:
- Elaborato cartografico con l’indicazione dell’ubicazione e del dimensionamento del deposito temporaneo e descrizione delle sue caratteristiche;
- Relazione tecnica sulle modalità di gestione dei rifiuti prodotti e del loro deposito temporaneo.
123
124 Direttiva tecnica 7

Adeguamento
Adeguamento del regolamento dellaregolamento
per gestione dei per la urbani
rifiuti gestione dei rifiuti urbani

Possibilità di conferimento dei rifiuti inerti domestici derivanti “fai da te”


Al fine di evitare fenomeni di abbandono ed al fine di consentire una corretta gestione dei
rifiuti inerti provenienti da attività domestiche ed in particolare da interventi “fai da te” (non
realizzati da imprese edili, ma da semplici cittadini presso le proprie abitazioni) è opportuno che
il regolamento per la gestione dei rifiuti urbani preveda:
1. la possibilità di effettuare il trasporto in conto proprio da parte dei privati di modesti
quantitativi di tali rifiuti (al massimo 200÷500 kg.) o presso le stazioni ecologiche comunali
o, in assenza di queste ultime, presso impianti privati convenzionati con il Comune ed in
grado di trattare tali materiali ai fini del riutilizzo. A questo fine, il Comune selezionerà
gli impianti idonei e stipulerà con essi un’apposita convenzione, curando che vengano
assicurate adeguate modalità di accesso (localizzazione, orari ecc.;
2. la possibilità di organizzare un sistema di raccolta su chiamata per il conferimento di un
quantitativo maggiore di tali rifiuti (fino a 0,5 m3), nell’ambito della gestione delle stazioni
ecologiche, ovvero nel quadro della convenzione con i gestori privati.
Per quanto possibile, le predette operazioni devono essere effettuate gratuitamente le prime, a
costi ridotti e/o convenzionati le seconde.

Gestione di piccoli quantitativi di rifiuti in cemento-amianto


Al fine di evitare fenomeni di abbandono e/o di scarico abusivo ed al fine di consentire una
corretta gestione di modesti quantitativi di rifiuti in cemento-amianto (al massimo 30 kg)
costituiti da materiali non più in opera ma già dismessi, è opportuno che il regolamento per la
gestione dei rifiuti urbani preveda:
1. la possibilità di fornire, sia attraverso lo sportello dell’URP del Comune e sia attraverso
l’ufficio informazioni del gestore del servizio pubblico di raccolta rifiuti le necessarie
informazioni ai fini dello svolgimento delle attività di smaltimento;
2. la possibilità per il singolo cittadino di conferire in conto proprio modesti quantitativi
di tali rifiuti (al massimo 30 kg di manufatti in cemento amianto) presso centri di
raccolta all’uopo attrezzati che potranno essere costituiti anche da stazioni ecologiche
comunali appositamente attrezzate o, in assenza di queste ultime, presso impianti privati
convenzionati con il Comune ed in grado di stoccare tali rifiuti. In tal caso, il singolo
cittadino dovrà provvedere al corretto confezionamento di tali rifiuti secondo le istruzioni
impartite dal gestore dello stesso centro di raccolta. Presso tali centri, infatti, dovranno
essere disponibili l’apposito kit contenente le istruzioni, il fac-simile di dichiarazione e le
attrezzature necessarie (mascherina, soluzione impregnante, teli e sacco) per confezionare
in sicurezza i rifiuti di cemento-amianto;
3. la possibilità di organizzare un sistema di raccolta su chiamata, o tramite il servizio pubblico
e/o tramite convenzioni con imprese private debitamente autorizzate, per il conferimento
di meno di 300 kg presso gli stessi impianti di cui al punto precedente, a costi ridotti e/o
convenzionati.

Controllo degli abbandoni e dei depositi incontrollati


Al fine di acquisire tempestivamente informazioni in merito alla presenza nel territorio comunale
di depositi incontrollati di rifiuti, i Comuni possono:
1. attivare presso il proprio sportello dell’URP un servizio in grado di ricevere dai cittadini
Linee di indirizzo per i Comuni 125

segnalazioni e/o comunicazioni in merito alla presenza sul territorio comunale di depositi
incontrollati di rifiuti. A tale fine potranno essere resi disponibili anche appositi modelli
di comunicazione, elaborati in forma semplice e sintetica. Tali modelli potranno essere
resi disponibili anche sui siti Internet dei comuni stessi e dovranno contenere almeno
indicazioni in merito alla localizzazione dell’accumulo, una sommaria descrizione dei rifiuti
e dei presunti quantitativi stoccati. In alternativa, tali documenti potranno essere compilati
dagli addetti dell’URP contattati telefonicamente dai cittadini;
2. richiedere al gestore del servizio pubblico di raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani di
effettuare i controlli necessari a verificare i contenuti delle comunicazioni, di cui al punto
precedente, pervenute presso l’URP;
3. disporre la vigilanza sull’abbandono dei rifiuti e la gestione dei depositi temporanei.

Rimozione dei rifiuti da C&D abbandonati


Nei contratti di gestione del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani e nel regolamento
per la gestione dei rifiuti urbani potranno essere inserite apposite voci che prevedano la
tempestiva rimozione dei rifiuti da C&D abbandonati sulle strade ed aree pubbliche o sulle
strade ed aree private comunque soggette ad uso pubblico e sulle rive dei corsi d’acqua e dei
laghi.
Tali interventi dovranno essere effettuati direttamente dal Gestore del Servizio con le proprie
strutture o con l’eventuale ausilio di ditte autorizzate che abbiano aderito al presente Accordo
di Programma.
Nei contratti di gestione del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani e nel regolamento
per la gestione dei rifiuti urbani di gestione potranno essere inserite apposite voci che prevedano
la tempestiva rimozione delle lastre e di altri rifiuti contenenti cemento amianto abbandonati
sulle strade ed aree pubbliche, sulle strade ed aree private soggette ad uso pubblico, o sulle rive
dei corsi d’acqua e dei laghi.
Tali interventi dovranno essere effettuati direttamente dal Gestore del Servizio con le proprie
strutture o con l’eventuale ausilio di ditte autorizzate anche alla dismissione del cemento
amianto che abbiano, possibilmente, aderito al presente Accordo di Programma.
In tal caso il servizio dovrà essere effettuato da Ditte e personale specializzato nella bonifica,
raccolta e trasporto dei rifiuti contenenti amianto, previa presentazione alla Azienda Sanitaria
territorialmente competente, da parte di tecnico competente ed abilitato, di un piano
generale annuale di intervento contenente le misure di sicurezza previste al punto 7/b del DM
06.09.1994.

Depositi temporanei dei rifiuti presso i cantieri di costruzione e demolizione


Al fine di facilitare la gestione dei rifiuti è opportuno che il Regolamento Comunale per la
gestione dei rifiuti urbani venga integrato con una specifica norma che autorizza il deposito
temporanei dei residui da c&d effettuato presso il cantiere edile in cui essi sono stati prodotti, a
condizione che:
 le specifiche modalità tecniche di gestione di tale deposito siano descritte in apposito
elaborato facente parte del progetto edilizio approvato;
 il deposito non superi comunque la durata di 1 anno;
 la tempistica e le quantità depositate siano registrate in un registro di cantiere, a cura del
Direttore dei lavori.
126 Direttiva tecnica 7

7. 6. REGOLAMENTO PER L’OCCUPAZIONE


REGOLAMENTO DI SUOLO
PER L’OCCUPAZIONE E DI AREE
DI SUOLO E DI PUBBLICHE
AREE PUBBLICHE

Sulla base di quanto previsto nell’Accordo di Programma, i Comuni sottoscrittori si impegnano


ad introdurre delle forme di incentivazione come la riduzione e/o l’esenzione dalla tassa per
l’occupazione di suolo pubblico, nei casi di cantieri edili in cui si effettua la raccolta differenziata
dei rifiuti inerti e/o degli altri rifiuti provenienti da attività di demolizione e costruzione secondo le
modalità previste dall’Accordo di Programma e dalle Direttive tecniche.

Adeguamento del Regolamento


Adeguamento per l’occupazione
del Regolamento di suolo
per l’occupazione diesuolo
di aree
e dipubbliche
aree pubbliche

Nel Regolamento per l’occupazione di suolo pubblico e per l’applicazione del relativo canone
potranno essere introdotte agevolazioni per le imprese edili che hanno aderito al presente Accordo
di Programma e che gestiscono cantieri di costruzioni e demolizione effettuando:
1. la raccolta differenziata delle principali tipologie di rifiuti prodotti;
2. la demolizione selettiva
3. il conferimento dei rifiuti inerti da demolizione agli impianti di riciclaggio.
Tali agevolazioni potranno prevedere ad esempio l’esenzione o la parziale riduzione del canone
di occupazione delle aree pubbliche per le aree occupate dai contenitori utilizzati per la raccolta
differenziata dei rifiuti a servizio dei cantieri di costruzione e demolizione che operano la
demolizione selettiva.
In aggiunta e/o in alternativa, allo stesso fine e con analoga procedura potranno essere riconosciuti
riduzioni degli oneri di urbanizzazione: le conseguenti necessarie modifiche al Regolamento
edilizio sono descritte nel precedente Paragrafo.
L’impresa che gestisce il cantiere secondo le modalità sopra riportate dovrà richiedere le previste
agevolazioni all’atto della richiesta di concessione edilizia ovvero all’atto della presentazione della
D.I.A:, allegando la documentazione di cui al precedente paragrafo. In tale documento dovranno
essere riportate le informazioni necessarie al calcolo dell’agevolazione prevista (superficie del
cantiere e superficie occupata dai contenitori utilizzati per la raccolta differenziata dei rifiuti).
La concessione della agevolazione sarà subordinata alla presentazione dell’autocertificazione
dell’avvenuto corretto conferimento dei rifiuti e della loro quantità .

7. 7. CAPITOLATI D’APPALTO CAPITOLATI D’APPALTO

Sulla base di quanto previsto nell’Accordo di Programma, i Comuni sottoscrittori si impegnano:


 ad eliminare dai propri Capitolati d’appalto eventuali clausole ostative all’uso di materiali riciclati
che abbiano le caratteristiche analoghe alle materie prime vergini correntemente utilizzate, e
comunque idonee per quell’impiego;
 a promuoverne l’impiego di materiali riciclati nella realizzazione delle Opere pubbliche di
competenza, tramite l’introduzione di apposte voci e clausole nei relativi Capitolati speciali di
appalto.

Adeguamento dei capitolati di appalto Adeguamento dei capitolati di appalto

Al fine di adeguare i propri capitolati d’appalto, i Comuni potranno fare riferimento alle
direttive tecniche allegate all’Accordo di Programma ed particolare alle Specifiche tecniche
Linee di indirizzo per i Comuni 127

per l’identificazione delle caratteristiche e degli standard qualitativi dei materiali prodotti dal
riciclaggio destinati ad impieghi nelle costruzioni.
Oltre a non contenere vincoli né limitazioni all’utilizzo di materiale riciclato, i Capitolati potranno,
a parità di caratteristiche prestazionali e di prezzo, favorirne l’utilizzo, in applicazione di quanto
previsto dalla L. 203/2003 concernente l’obbligo dell’utilizzo di almeno il 30% di riciclato nelle
opere pubbliche.
Al fine di facilitarne l’adozione, vengono di seguito fornite alcune voi-tipo di capitolato che
possono essere utilizzate per modificare o integrare quelle previste dal capitolato-tipo per
l’esecuzione di lavori pubblici di competenza comunale e l’elenco prezzi relativo, quando
esistenti, ovvero che potranno essere utilizzate direttamente per formulare le specifiche nei
singoli Capitolati speciali di appalto al momento della loro redazione.

Prescrizioni riguardanti la fase di produzione dei residui

a) Voce da inserire nei Capitolati, Parte Prima, “Norme generali dell’Appalto”:


“Il presente Capitolato Speciale d’Appalto è stato redatto avuto presente quanto stabilito
dall’Accordo di Programma per il recupero dei residui da costruzione e demolizione nella Provincia
di Bologna approvato dal Consiglio Provinciale con delibera n°70 del 24.07.2001 e modificato
con delibera n°90 del 23.07 2002, e dalle successive precisazioni del Comitato Tecnico riguardo
le Direttive e specifiche tecniche di attuazione.”

b) Voce da inserire nei Capitolati, alla voce Demolizioni in sostituzione o in aggiunta


delle voci che impongono l’obbligo per l’appaltatore di avvio dei materiali di risulta a
discarica:
“ I residui derivanti dalle demolizioni dovranno essere avviati a cura e spese dell’appaltatore,
agli appositi impianti per il loro recupero, secondo le “Direttive e specifiche tecniche di attuazione”
a corredo dell’Accordo di Programma di cui all’ art. _____ del presente Capitolato Speciale, e
secondo le specifiche indicazioni della D.L., essendo ogni relativo onere già stato compreso
nelle relative voci dell’ elenco prezzi allegato (oppure :”… nel prezzo dell’appalto”)”.

Voci relative alla utilizzazione nelle lavorazione di prodotti derivanti da residui C&D

a) Voce da inserire nel Capitolato d’Appalto, Parte Prima, “Norme generali dell’Appalto:
Accettazione dei materiali”.
“ In singole specifiche lavorazioni comprese nelle voci dell’allegato Elenco dei prezzi unitari,
può essere stato indicato l’impiego di materiali derivanti dal recupero di residui di costruzione
e demolizione ( C&D ). Tali materiali potranno essere accettati dalla Stazione Appaltante
solo previa verifica che la loro produzione sia conforme a quanto stabilito dall’Accordo di
Programma per il recupero dei residui da costruzione e demolizione nella Provincia di Bologna di
cui all’art ____ del presente Capitolato Speciale e delle successive precisazioni del Comitato
Tecnico riguardo le Direttive e specifiche tecniche di attuazione. In particolare l’appaltatore
dovrà fornire alla D.L. prima della fornitura tutte le certificazioni relative alla provenienza e
agli impianti di produzione, nonché quelle relative alle caratteristiche tecniche ( meccaniche,
di resistenza, purezza, ecc…) dei materiali stessi. La D.L. potrà a sua volta richiedere, a corredo
della documentazione stessa e prima dell’accettazione, ulteriori prove ed analisi, a norma
dell’art.15 , comma 8 del Capitolato Generale delle Opere Pubbliche, nel numero strettamente
128 Direttiva tecnica 7

necessario a stabilire l’idoneità dei materiali stessi”.


b) Voce da inserire di seguito alla precedente, solo se ne ricorre il caso
“ Per le voci riguardanti Riempimenti e Sottofondi in cui si preveda l’utilizzo materiali provenienti
dal recupero dei residui da C&D, limitatamente alle opere stradali, si farà riferimento a quanto
indicato dalla norma CNR UNI 10006/2002”

7. 8. PIANIFICAZIONE URBANISTICA COMUNALE


PIANIFICAZIONE URBANISTICA COMUNALE

Sulla base di quanto previsto nell’Accordo di Programma, i Comuni sottoscrittori si impegnano ad


individuare, valutato il pubblico interesse di tale attività, luoghi idonei per l’attività di recupero e
messa in riserva dei rifiuti inerti da c&d in osservanza alle disposizioni del Piano Generale Rifiuti
della Provincia di Bologna ed adeguando in tal senso i propri strumenti urbanistici.

Adeguamento degli strumenti urbanistici comunali degli strumenti urbanistici comunali


Adeguamento

Al fine di razionalizzare e potenziare la rete degli impianti di trattamento dei rifiuti da C&D,
nella definizione del proprio Piano strutturale comunale (PSC, previsto all’ Art. 28 della Legge
Regionale n° 20 del 24/03/2000, “Disciplina generale sulla tutela e l’uso del territorio”) i Comuni
potranno definire all’interno del proprio territorio gli ambiti specializzati per attività produttive
(Art. A-13 dell’allegato alla Legge Regionale n. 20/2000) da destinarsi alla realizzazione di
impianti di trattamento dei rifiuti da C&D ed alla realizzazione di Centri di raccolta.
Per la definizione di tali aree occorre:
1. per quanto attiene la pianificazione, tenere presente quanto riportato:
a) dagli indirizzi e delle direttive contenuti nei piani territoriali sovra-ordinati (v. a tale
proposito la già citata legge regionale n. 20/2000) e dal P.T.C.P;
b) dalla Revisione ed aggiornamento del Piano Infra-regionale di Smaltimento dei rifiuti
urbani e speciali della Provincia di Bologna del 1997 (a tale proposito vedi anche la
bozza di direttiva tecnica del presente accordo relativa alla gestione degli impianti
di riciclaggio);
c) dall’Accordo di Programma sugli inerti.
2. per quanto riguarda la destinazione urbanistica di tali aree, riferirsi al punto 2.6, la
Deliberazione della Giunta Regionale della Regione Emilia-Romagna n° 1620 del 31/07/2001
Approvazione dei criteri ed indirizzi regionali per la pianificazione e la gestione dei rifiuti, che ne
suggerisce la localizzazione in aree con destinazione agricola.
Allegato “A” 129

Testo coordinato
dell’Accordo
di Programma
e moduli di adesione
per le imprese
e i professionisti
130 Allegato “A”

ACCORDO DI PROGRAMMA PER IL RECUPERO DEI RESIDUI DA COSTRUZIONE E


DEMOLIZIONE NELLA PROVINCIA DI BOLOGNA
Testo coordinato
Approvato dal Consiglio Provinciale con Delibera n 70 del 24.07.2001
e modificato con Delibera consiliare n. 90 del 23.07.2002

L’anno 2002 il giorno 22 del mese di Ottobre in Bologna presso la Provincia di Bologna

Fra la Provincia di Bologna

I Comuni della Provincia di Bologna

ANCI - Emilia Romagna

UPI – Emilia Romagna

Associazioni di imprese produttive e commerciali


Collegio Costruttori Edili e Imprenditori Affini;
Assindustria Bologna;
A.N.P.A.R.
A.P.I. Associazione Piccole Imprese;
CNA Confederazione Nazionale Artigiani;
Confartigianato;
Lega Cooperative
Confcooperative
ASCOM
Confesercenti
Associazione Nazionale Architettura Bioecologica

Ordini professionali
Ordine degli Ingegneri;
Ordine degli Architetti;
Ordine dei Geologi;
Collegio dei Geometri;
Collegio dei Periti Industriali
Ordine Dottori Agronomi e Dottori Forestali

Aziende di Servizio Rifiuti


HERA
COSEA;
GEOVEST;

CCIAA

Associazioni della proprietà edilizia


ASPPI (Associazione Sindacale Piccoli Proprietari Immobiliari
Testo coordinato dell’Accordo di Programma 131
e moduli di adesione per le imprese e i professionisti

UPPI (Associazione Piccoli Proprietari Immobiliari)


CONFAPPI (Confederazione della Piccola Proprietà Immobiliare)
AIPI (Associazione Italiana Proprietari Immobiliari)

Associazione Amministratori di Condominio


ANACI

Consorzi Obbligatori e volontari


COBAT
COOU
CONAI

PREMESSO

• Che la Provincia di Bologna si è impegnata, con Del.C.P. n. 18 del 7.3.2001 ad aderire alla “Carta delle
città europee per uno sviluppo durevole e sostenibile” e alla campagna europea per le città sostenibili,
applicando i principi espressi dalla Conferenza di Rio e dal documento “Agenda 21” che ha promosso il
concetto di sviluppo sostenibile definito dal Rapporto Bruntland come quello sviluppo “che fa fronte alle
necessità del presente senza compromettere la capacità delle future generazioni di soddisfare le proprie
esigenze”.

• Che negli impegni della Agenda 21 locale in corso di predisposizione è individuato, tra gli altri, prioritario
un intervento per il recupero dei rifiuti da costruzione e demolizione che rappresentano oltre il 30% di
tutti i rifiuti prodotti per l’evidente effetto positivo che si avrebbe sia sul piano economico che sul piano
ambientale.

• che il decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 e successive modifiche ed integrazioni, d’ora in poi “d.
lgs. 22/97”, prevede:
all’articolo 2 (Finalità) che l’attività di gestione dei rifiuti costituisce attività di pubblico interesse e deve
assicurare una elevata protezione dell’ambiente e controlli efficaci, che i rifiuti devono essere recuperati o
smaltiti senza pericolo per la salute dell’uomo e senza usare procedimenti o metodi che potrebbero recare
pregiudizio all’ambiente, che la gestione dei rifiuti si conforma ai principi di responsabilizzazione e di
cooperazione di tutti i soggetti coinvolti nel ciclo dei rifiuti e che per il conseguimento delle finalità del
decreto Ronchi le istituzioni preposte adottano ogni opportuna azione avvalendosi, anche mediante accordi
di programma, di soggetti pubblici e privati qualificati;
- all’articolo 3 (Prevenzione della produzione di rifiuti) che le autorità competenti adottano, ciascuna
nell’ambito delle proprie attribuzioni, iniziative dirette a favorire, in via prioritaria, la prevenzione e la
riduzione della produzione e della pericolosità dei rifiuti, mediante, fra l’altro: lo sviluppo di tecnologie
pulite, la promozione di strumenti economici, la determinazione di condizioni di appalto che valorizzano
le capacità e le competenze tecniche in materia di prevenzione della produzione di rifiuti, la promozione
di accordi e contratti di programma finalizzati alla prevenzione ed alla riduzione della quantità e della
pericolosità dei rifiuti;
- all’articolo 4 (Recupero dei rifiuti) che le medesime autorità competenti favoriscono la riduzione dello
smaltimento dei rifiuti attraverso: il re-impiego e il riciclaggio, le altre forme di recupero per ottenere
materia prima dai rifiuti, l’adozione di misure economiche e le determinazioni di condizioni d’appalto
che prevedano l’impiego dei materiali recuperati dai rifiuti al fine di favorire il mercato dei materiali
132 Allegato “A”

medesimi in particolare ai sensi dell’art. 4, comma 4, del D.Lgs 22/97, le autorità competenti promuovono
e stipulano accordi e contratti di programma con i soggetti economici interessati al fine di favorire il
riutilizzo, il riciclaggio e il recupero dei rifiuti, con la possibilità di stabilire agevolazioni in materia
di adempimenti amministrativi nel rispetto delle norme comunitarie e fermo restando l’attuazione dei
principi e degli obiettivi stabiliti dal predetto D.Lgs. 22/97;

- all’articolo 5 (Smaltimento dei rifiuti), comma 6 del D.Lgs. 22/97 così come modificato dalla L. 25.02.00
n. 33, che dal 16 luglio 2001 è consentito smaltire in discarica solo i rifiuti inerti, quelli disciplinati da
specifiche norme tecniche nonché i rifiuti che residuano dalle operazioni di riciclaggio, recupero e
smaltimento dei medesimi;

• Che la legge 146/94 concernente “Disposizioni per l’adempimento di obblighi derivanti dall’appartenenza
dell’Italia alla Comunità Europea” per i criteri di delega della materia rifiuti prevede all’art. 38 co
1 lett. f) che “i rifiuti inerti provenienti da costruzioni e da demolizioni non possano essere riutilizzati
attraverso l’immissione diretta nell’ambiente senza trattamento o preselezione effettuati mediante impianti
regolarmente autorizzati.

• Che la legge quadro sulle opere pubbliche 11.2.94 n. 109 all’art. 16 ha previsto l’utilizzo di materiali
provenienti dall’attività di riuso e riciclaggio;

• Che la Legge 28 dicembre 1995, n. 549 art 3 commi da 24 a 41 ha istituito il tributo speciale per il deposito
in discarica dei rifiuti solidi che è stato successivamente disciplinato con la Legge Regionale 19 agosto
1996, n. 31 “Disciplina del tributo speciale per il deposito in discarica dei rifiuti solidi”;

• Che il decreto ministeriale 5 febbraio 1998, individua “i rifiuti non pericolosi sottoposti alle procedure
semplificate di recupero ai sensi degli articoli 31 e 33 del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n.22”, ed
elenca 46 tipologie di rifiuti inerti dell’allegato I, sub allegato I (vedi allegato) per i quali è possibile il
recupero in regime semplificato nel rispetto delle norme tecniche ivi dettate per ciascuno di essi;

• Che la Legge 23 marzo 2001 n. 93 “Disposizioni in campo ambientale”, ha apportato modifiche all’art. 8
del D. Lgs. N. 22/97 in riferimento alle terre e rocce di scavo non inquinate destinate all’effettivo utilizzo
per re-interri, riempimenti, rilevati e macinati;

• Che le norme CNR-UNI 10006 “Costruzione e manutenzione delle strade”, CNR 176 “Requisiti di
accettazione e posa in opera di misti granulari non legati, naturali o corretti o di frantumazione per strati
di fondazione e di base” e la CNR 139 “Criteri e requisiti di accettazione degli aggregati impiegati nelle
sovrastrutture stradali” permettono l’utilizzo di materiali inerti provenienti da attività di recupero;

• Che le linee guida sulla demolizione selettiva “Riduzione dell’impatto ambientale dei rifiuti da costruzione:
terminologia e linee guida” sono state pubblicate dall’UNI;

• Che le tecniche di demolizione selettiva possono consentire l’ottenimento di aggregati di riciclo che
necessitano di trattamenti meno complessi e una maggiore valorizzazione, come dimostrato dalle diverse
esperienze condotte sia in Italia che negli altri paesi europei e il recupero di altri componenti nonché la
diminuzione della pericolosità dei rifiuti prodotti per il successivo miglior recupero o smaltimento più
sicuro;
Testo coordinato dell’Accordo di Programma 133
e moduli di adesione per le imprese e i professionisti

VISTO
- l’art. 4, comma 4, del D.Lgs 22/97, secondo cui le autorità competenti promuovono e stipulano
accordi e contratti di programma con i soggetti economici interessati al fine di favorire il riutilizzo, il
riciclaggio e il recupero dei rifiuti, con la possibilità di stabilire agevolazioni in materia di adempimenti
amministrativi nel rispetto delle norme comunitarie e fermo restando l’attuazione dei principi e degli
obiettivi stabiliti dal predetto D.Lgs. 22/97;

- l’art. 20, comma 1, lettera a), del D.Lgs 22/97, che affida alle Province le competenze in merito alle
funzioni amministrative concernenti la programmazione e l’organizzazione dello smaltimento dei rifiuti
a livello provinciale;

Considerato:
che la Regione Emilia Romagna, nell’ambito delle proprie competenze, ha promosso un contratto di programma
quadro con il quale vengono fissate le linee guida ed i criteri di indirizzo e coordinamento per l’applicazione in
sede locale di specifici accordi o contratti di programma per la corretta gestione dei rifiuti;
si è valutata l’opportunità, unitamente alle associazioni aderenti al tavolo regionale dell’imprenditoria,
di definire attraverso un Accordo di Programma locale, un sistema integrato di gestione dei rifiuti con la
partecipazione di tutti i soggetti pubblici e privati a vario titolo coinvolti , con lo scopo al tempo stesso di:
- aumentare l’efficacia dei controlli pubblici;
- semplificare gli oneri burocratici a carico delle imprese;
- diminuire la quantità di rifiuti destinati allo smaltimento in discarica;
- favorire la raccolta differenziata, in coerenza con gli obiettivi espressi dalla L.R. n. 27/94 e l’organizzazione
dell’utenza dei servizi di smaltimento e recupero dei rifiuti;

Preso atto che la Regione Emilia Romagna col progetto DOMINA e VAMP ha confermato la possibilità, sulla
base di concrete tecniche prestazionali, del recupero dei materiali da costruzione e da demolizione;

Ritenuto:
• Che ai fini di una migliore applicazione del presente Accordo di Programma occorre coinvolgere le diverse
categorie economiche interessate all’estrazione, l’utilizzo e il recupero dei materiali, dei rifiuti inerti, e
degli altri rifiuti provenienti dall’attività edile e della costruzione delle grandi opere pubbliche;

Visto il Piano Infra-regionale Rifiuti della Provincia di Bologna approvato con Deliberazione Regionale
n. 349 del 23.03.1999, punti 7.2.6 e 7.2.7 della Relazione Generale relativi, rispettivamente, ai compiti, al
funzionamento e l’organizzazione dell’Osservatorio Rifiuti e agli Accordi di Programma;

Tutto ciò considerato, visto e premesso, le parti del presente accordo, come sopra rappresentate,
convengono

di stipulare il seguente Accordo di Programma.


134 Allegato “A”

Titolo I
Scopo, obiettivi e campo di applicazione

Art.1
Contenuti e metodologia

Il presente Accordo di Programma si compone di:


1. L’articolato, costituito dalla premessa e dagli articoli seguenti;
2. l’Allegato 1: “Definizioni dei termini utilizzati”
3. l’Allegato 2: Modalità di gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione

Art.2
Scopo e finalità dell’Accordo

Scopo del presente Accordo è la definizione di uno strumento organico per una corretta ed efficace gestione
dei residui da costruzione e demolizione nella Provincia di Bologna, formulato sulla base della responsabilità
condivisa di tutti i soggetti pubblici e privati coinvolti nel ciclo di gestione di detti rifiuti, attraverso il quale
garantire un elevato livello di tutela ambientale e raggiungere le seguenti finalità specifiche:
- la conoscenza organica e completa del reale flusso dei rifiuti da costruzione demolizione;
- la riduzione delle quantità di rifiuti prodotti e della loro pericolosità;
- il riutilizzo, riciclaggio e recupero della massima quantità possibile di rifiuti;
- la riduzione della quantità dei rifiuti avviati in discarica e corretto smaltimento della frazione residua non
altrimenti valorizzabile;
- la prevenzione e repressione dell’abbandono dei rifiuti e di altri comportamenti illeciti a danno dell’ambiente
e della salute dei cittadini;
- il miglioramento della qualità dei materiali inerti riciclati e la creazione delle condizioni di mercato
favorevoli al loro utilizzo.

Art.3
Campo e criteri di applicazione

Il presente Accordo di Programma si applica, nell’ambito territoriale della provincia di Bologna, alle attività
di produzione, gestione, trattamento, riutilizzo o recupero dei residui prodotti da attività di costruzione e
demolizione di edifici e infrastrutture, ed all’attività di recupero di rifiuti inerti provenienti da altre attività
produttive destinati ad essere impiegati quali materiali da costruzione.

Art.4
Parti contraenti

Il presente Accordo di Programma costituisce impegno volontario, liberamente stipulato fra le parti contraenti,
ai sensi dell’art. 4, comma 4, del D.Lgs 22/97 .
Al fine del presente Accordo, si definiscono Parti contraenti i soggetti che manifestano formalmente la loro
adesione all’Accordo, con le modalità e le procedure stabilite nel successivo art. 14.
Testo coordinato dell’Accordo di Programma 135
e moduli di adesione per le imprese e i professionisti

Le Parti contraenti sono registrate in un Elenco costituito, aggiornato, mantenuto e reso pubblico con le
modalità stabilite nel successivo art. 14.

Art.5
Obiettivi e strumenti dell’Accordo

Le parti, ognuna secondo il proprio specifico ambito di competenza, si impegnano per il raggiungimento dei
seguenti obiettivi:
1. riduzione della quantità di rifiuti prodotti e della loro pericolosità mediante l’adozione di modalità e
tecniche costruttive effettuate secondo quanto previsto nel presente accordo per almeno il 30% degli
interventi effettuati annualmente nel territorio provinciale;
2. incremento della frazione di residui da costruzione e demolizione avviati a riutilizzo, riciclaggio e
recupero secondo quanto previsto nel presente accordo nella misura minima del 20% entro tre anni dalla
sottoscrizione del presente accordo;
3. diminuzione del quantitativo totale di rifiuti inerti da costruzione e demolizione avviati a discarica nella
misura minima del 50% entro tre anni dalla sottoscrizione del presente Accordo di Programma;
4 riduzione, fino alla eliminazione, del fenomeno dell’abbandono dei rifiuti da costruzione e demolizione
ovvero del loro riutilizzo, recupero e smaltimento con modalità in contrasto con la normativa vigente e con
il presente Accordo;
5 il miglioramento della qualità dei materiali inerti riciclati previa attestazione delle loro caratteristiche nel
rispetto delle indicazioni contenute nel presente Accordo di Programma nella misura di almeno l’80 % del
materiale prodotto complessivamente nella Provincia di Bologna;

Detti obiettivi saranno annualmente verificati ed aggiornati dall’Assemblea dell’Accordo di Programma di cui
all’art. 13.
Gli obiettivi sopra elencati saranno attuati tramite la realizzazione delle seguenti misure ed azioni:
A) la demolizione selettiva degli edifici ed ogni altra misura utile a produrre frazioni di residui il più possibile
omogenee per composizione (con particolare riguardo alla separazione di rifiuti pericolosi) procedendo a
tal fine sulla base dei criteri e con le procedure descritte all’Allegato 2;
B) la differenziazione dei rifiuti da costruzione all’origine, con la separazione dei rifiuti pericolosi e la
suddivisione in frazioni merceologiche omogenee degli altri rifiuti non pericolosi;
C) L’adozione, in sede di progettazione, commissione ed esecuzione delle opere, di tecniche costruttive
che facciano minor ricorso alle materie vergini e prevedano l’utilizzo di materiali che diminuiscano la
quantità e la pericolosità dei rifiuti prodotti in caso di successivi interventi di ristrutturazione e/o eventuale
demolizione;
D) iniziative utili ad aumentare la quota di rifiuti conferiti ad idonei centri di trattamento e riciclaggio,
tramite la creazione di reti efficienti e diffuse di centri di raccolta a servizio delle imprese e tramite la
razionalizzazione ed il potenziamento della rete degli impianti di trattamento attivi, concepiti e gestiti in
modo da minimizzarne l’impatto ambientale e opportunamente e razionalmente dislocati sul territorio;
E) la selezione e avvio a riutilizzo dei residui che, senza pregiudizio per l’ambiente e nel rispetto delle
norme vigenti, possano essere utilmente re-impiegati quali materiali e componenti di nuovi processi di
costruzione, procedendo a tal fine sulla base dei criteri e con le procedure descritte all’Allegato 2;
F) predisposizione di modalità operative, nel rispetto della normativa vigente, per la migliore gestione dei
depositi di rifiuti a servizio dei cantieri e delle imprese procedendo a tal fine sulla base dei criteri e delle
procedure descritte all’Allegato 2;
G) le iniziative utili a garantire che la massima quantità possibile di materiali riciclati prodotti dal trattamento
136 Allegato “A”

dei rifiuti e destinati all’utilizzo nelle attività del settore costruzioni presentino caratteristiche e livelli di
prestazione, attestati e documentati, simili a quelli della materia prima corrispondente;
H) l’adozione di prescrizioni tecniche, voci di capitolato e prescrizioni contrattuali che prevedano l’uso di
materiali riciclati in sostituzione degli inerti naturali da costruzione, per tutti gli impieghi a cui questi ultimi
si dimostrino idonei, procedendo a tal fine sulla base dei criteri e con le procedure descritte all’Allegato 2;
I) controlli mirati a contrastare la non corretta gestione dei rifiuti c&d e l’impiego di rifiuti “tal quali”
utilizzati impropriamente quali materiali da costruzione
J) iniziative di ricerca, sperimentazione, documentazione e formazione, finalizzate in particolare
- alla realizzazione di attività di ricerca e sperimentazione in materia di riduzione delle quantità dei
rifiuti da costruzione e demolizione e/o di massimizzazione del riciclaggio degli stessi; sviluppo di
standard qualitativi dei prodotti derivanti dal recupero e dal riciclaggio dei rifiuti inerti; individuazione
di nuove destinazioni d’uso dei materiali riciclati;
- all’organizzazione di iniziative di informazione, formazione e promozione dei contenuti e delle finalità
del presente Accordo;
- alla realizzazione di un sistema di monitoraggio del flusso di rifiuti generato dalla attività di costruzione
e demolizione.
K) lo sviluppo del mercato dei materiali inerti riciclati utilizzando anche gli strumenti predisposti dal Progetto
VAMP e dal Progetto DOMINA

Titolo II
Impegni delle parti

Art. 6
Impegni generali delle parti.

I sottoscrittori si impegnano a:
- promuovere e favorire, ciascuno per le parti di propria competenza, la realizzazione degli obiettivi del
presente Accordo;
- realizzare campagne di comunicazione, opuscoli informativi e corsi di formazione e addestramento che
facilitano l’applicazione delle misure previste dal presente Accordo;
- monitorare lo stato di attuazione del presente accordo e a scambiarsi reciprocamente le informazioni
acquisite;
- promuovere l’avvio dei rifiuti a recupero in impianti idonei a valorizzarli al massimo livello possibile
- promuovere l’applicazione di tecniche di demolizione selettiva degli edifici e/o parti di edifici in
conformità con le istruzioni tecniche di cui all’Allegato 2 del presente Accordo
- promuovere l’applicazione di tecniche di costruzione e/o demolizione che consentano di ridurre la
produzione di rifiuti, soprattutto pericolosi, anche con l’avvio diretto al riutilizzo dei materiali e dei
componenti idonei a tal fine, secondo le modalità tecniche definite nell’Allegato 2
- prescrivere nei capitolati d’appalto di propria competenza il ricorso all’utilizzo di materiali inerti da
recupero secondo le modalità tecniche definite ai sensi dell’art.14 del presente Accordo e ad utilizzare
nell’esecuzione delle opere, in sostituzione degli inerti naturali da costruzione, materiali riciclati idonei
- promuovere l’applicazione, nella gestione e nella movimentazione dei rifiuti fino ai luoghi di trattamento
e smaltimento, delle prescrizioni normative vigenti e della disciplina di cui all’Allegato 2
- promuovere l’impiego di un trattamento dei rifiuti che consenta il raggiungimento di un elevato standard
qualitativo secondo specifiche tecniche (fisiche, chimiche e meccaniche) definite ai sensi dell’art. 13 del
Testo coordinato dell’Accordo di Programma 137
e moduli di adesione per le imprese e i professionisti

presente Accordo. Tali linee guida dovranno fornire indicazioni sulla qualità merceologica del prodotto
e sul rispetto dell’ambiente e tendere alla qualificazione sia del processo produttivo che del prodotto
finale mediante apposita certificazione;
- adottare efficaci misure di controllo verso il corretto impiego di rifiuti da costruzione e demolizione;
- adottare, in sede di progettazione, commissione ed esecuzione delle opere, l’utilizzo di materiali meno
inquinanti e più facilmente recuperabili alla fine del loro ciclo di vita.
- verificare periodicamente, all’interno dell’Assemblea degli aderenti all’Accordo di Programma di cui
all’articolo 13, lo stato di attuazione di quanto stipulato, valutando eventuali integrazioni e/o modifiche
da apportare

Art 7
Impegni della Provincia

La Provincia si impegna a:
a) predisporre modalità operative al fine di coadiuvare, laddove ritenuto necessario, l’applicazione della
normativa vigente
b) predisporre opportune semplificazioni degli adempimenti amministrativi richiesti alle imprese, in
ottemperanza alla normativa vigente;
c) promuovere lo sviluppo sul territorio degli impianti di riciclo dei rifiuti inerti conformi alle norme tecniche
in materia;
d) prevedere nel Piano Provinciale dei Rifiuti indirizzi specifici sulla gestione dei rifiuti inerti da c&d, conformi
alle finalità del presente Accordo;
e) prevedere nel Piano Provinciale delle Attività Estrattive un minor ricorso alle risorse vergini ed un
proporzionale aumento dell’utilizzo di inerti da riciclo;
f) promuovere e finanziare attraverso i Piani Provinciali delle attività per la realizzazione delle politiche della
formazione e del lavoro, i progetti finalizzati all’attuazione degli obiettivi ed indicazioni contenute nel
presente accordo;
g) promuovere e incentivare, attività di impresa che perseguono ed attuano gli obiettivi e le indicazioni contenute
nel presente accordo;
h) adottare più efficaci misure di controllo contro gli scarichi abusivi e il deposito incontrollato dei rifiuti;
i) adottare più efficaci misure di controllo contro chi esercita in modo illecito il commercio e l’impiego di rifiuti
inerti “tal quali” senza il loro preventivo trattamento nel rispetto delle norme vigenti e del presente Accordo
di Programma;
j) eliminare dai propri capitolati d’appalto eventuali clausole ostative all’uso dei materiali riciclati aventi le
stesse caratteristiche delle materie prime corrispondenti e prevedere un sempre maggior ricorso al loro
impiego;
k) definire criteri per l’individuazione di bacini per l’ottimale dislocazione sul territorio provinciale degli
impianti di recupero che, tenuto conto della distribuzione esistente, tenda a realizzare una rete di impianti
tale da soddisfare gli obiettivi di riciclaggio fissati dal presente accordo;
l) ricevere ed elaborare, tramite l’Osservatorio Provinciale Rifiuti, i dati che gli aderenti all’accordo faranno
pervenire nel quadro degli impegni ivi assunti;
m) favorire ed incentivare, con ogni possibile azione, l’uso di materiali inerti recuperati;
n) favorire l’introduzione, tra gli operatori del settore, di sistemi volontari di eco-gestione e di qualità;
o) predisporre il logo di identificazione dell’Accordo di Programma che sarà approvato dall’Assemblea di cui
all’art.13.
138 Allegato “A”

Art. 8
Impegni dei Comuni

I Comuni si impegnano a:
a) valutare l’opportunità di prevedere, nei propri regolamenti edilizi, la presentazione di un apposito
elaborato progettuale, firmato da tecnico abilitato e redatto sulla base delle direttive tecniche elaborate
ai sensi dell’art. 14, riportante la stima dei rifiuti che verranno prodotti, le modalità adottate per una
corretta gestione dei rifiuti c&d , le modalità del loro deposito temporaneo dei propri rifiuti e le previste
destinazioni finale di detti rifiuti, all’atto della richiesta di concessione edilizia ovvero della denuncia di
inizio attività (DIA);
b) prevedere, nei propri regolamenti dei rifiuti urbani, la possibilità di conferimento dei rifiuti inerti domestici
e di modiche quantità di rifiuti in eternit, derivanti dal fai da te alle stazioni ecologiche comunali, fornendo
ai cittadini, a tal fine, l’informazione necessaria;
c) prevedere forme di incentivazione, anche attraverso la riduzione e/o l’esenzione dalla tassa per l’occupazione
di suolo pubblico, per le attrezzature di raccolta dei rifiuti inerti e/o degli altri rifiuti raccolti separatamente,
destinati ad essere avviati a recupero in centri di trattamento autorizzati secondo le modalità del presente
Accordo di Programma;
d) eliminare dai propri capitolati d’appalto eventuali clausole ostative all’uso dei materiali riciclati che
abbiano le stesse caratteristiche delle materie prime corrispondenti e prevedere la promozione del loro
impiego;
e) provvedere alla tempestiva rimozione dei rifiuti abbandonati ed adottare efficaci misure di controllo degli
abbandoni abusivi e i depositi incontrollati di rifiuti;
f) individuare, valutato il pubblico interesse di tale attività, luoghi idonei per l’attività di recupero e messa in
riserva dei rifiuti inerti da c&d in osservanza alle disposizioni del Piano Generale Rifiuti della Provincia
di Bologna, adeguando in tal senso i propri strumenti urbanistici.

Art. 9
Impegni delle Associazioni di Categoria

Le Associazioni di categoria che sottoscrivono il presente accordo si impegnano a:


a) sensibilizzare i propri aderenti, diffondendo il presente Accordo presso tutti gli operatori economici
interessati alla sua attuazione;
b) promuovere e raccogliere l’adesione dei propri aderenti al presente Accordo;
c) promuovere fra i propri aderenti l’adozione di capitolati di appalto in cui siano eliminate le clausole
ostative all’uso dei materiali riciclati aventi le stesse caratteristiche delle materie prime corrispondenti
d) organizzare corsi di formazione sui temi della corretta gestione dei residui da c&d, della demolizione
selettiva, del recupero e riciclaggio dei rifiuti da c&d, ecc. secondo le finalità e gli indirizzi contenuti nel
presente accordo;
e) favorire l’acquisizione dei dati necessari alla verifica del buon andamento dell’accordo e del raggiungimento
degli obiettivi definiti all’art. 3 del presente accordo e comunicare periodicamente, tramite il Presidente
della Assemblea, all’Osservatorio Provinciale Rifiuti i dati in proprio possesso;
f) promuovere presso gli associati e i loro clienti l’utilizzo dei materiali riciclati in alternativa alle materie
prime vergini;
g) promuovere la costituzione, presso le rivendite di materiali edili o ove tecnicamente possibile, di centri di
messa in riserva e/o deposito preliminare di rifiuti da c&d;
h) sensibilizzare i gestori degli impianti di trattamento dei rifiuti inerti da c&d ed i gestori degli impianti di
Testo coordinato dell’Accordo di Programma 139
e moduli di adesione per le imprese e i professionisti

recupero di inerti, nel ciclo di produzione di prodotti edili, affinché aderendo all’accordo, si impegnino a
gestire i propri impianti nel rispetto delle norme del DM 05.02.98 e degli indirizzi contenuti nel presente
Accordo di Programma.

Art. 10
Impegni degli Ordini professionali

Gli Ordini professionali degli ingegneri, degli architetti, dei geologi, dei geometri e dei periti industriali, si
impegnano a:
a) diffondere i contenuti del presente accordo fra i propri iscritti per promuoverne l’applicazione nei progetti
delle opere da loro elaborati.
b) organizzare specifici corsi per i propri associati.
c) fornire ai propri associati le informazioni e le istruzioni necessarie per la corretta redazione del piano di
gestione dei rifiuti di cui al punto 2, dell’allegato 2 al presente accordo, con indicate le quantità previste di
rifiuti prodotti, la loro destinazione finale e le zone di deposito temporaneo degli stessi presso il cantiere
certificandone la corrispondenza all’art.6 lett. m del D.Lgs. 22/97;
d) favorire la raccolta dei dati necessari alla verifica del raggiungimento degli obiettivi definiti all’art. 3 del
presente accordo
e) promuovere e raccogliere l’adesione dei propri aderenti al presente Accordo;

Art. 11
Impegni della .C.C.I.A.A.

La C.C.I.A.A. si impegna a:
a) inserire nuove voci relative ai materiali riciclati nei prezziari delle opere edili
b) favorire la raccolta dei dati necessari alla verifica del raggiungimento degli obiettivi definiti all’art. 5 del
presente accordo

Titolo III
Gestione dell’accordo

Art. 12

Assemblea dell’Accordo di Programma

La gestione dell’Accordo di Programma è demandata all’Assemblea dell’Accordo di Programma.


L’assemblea:
a) è costituita da tutte le parti, indicate in premessa, che hanno sottoscritto l’Accordo;
b) si riunisce almeno una volta all’anno;
c) è regolarmente costituita se è presente almeno un terzo dei sottoscrittori e
d) delibera a maggioranza dei 2/3 dei presenti.
e) elegge un proprio presidente e una segreteria organizzativa con i compiti di provvedere alla gestione, alla
verifica ed al monitoraggio della corretta applicazione dell’Accordo di Programma;
140 Allegato “A”

f) approva il proprio regolamento, che stabilisce, fra l’altro, la composizione e le modalità di funzionamento
della segreteria organizzativa;
g) definisce le modalità di funzionamento del Comitato tecnico di cui al successivo art. 14;
h) propone alla Provincia di Bologna le misure che si ritengono opportune per una migliore applicazione e/o
eventuale integrazione e/o aggiornamento e/o revisione dell’Accordo di Programma;
i) approva il testo degli Allegati al presente Accordo, e le eventuali modifiche, rettifiche o integrazioni;
j) definisce le modalità con le quali procedere alla suddivisione delle eventuali spese di gestione del presente
accordo;
k) L’Assemblea degli aderenti all’Accordo di Programma persegue una politica di qualità nell’ambito della
gestione dei rifiuti derivanti dall’attività di costruzione e demolizione.

Art 13
Comitato tecnico

Nello svolgimento delle proprie funzioni, Il presidente e la segreteria di cui all’art. 12, sono affiancati da un
comitato tecnico rappresentativo delle varie istanze, i cui Membri sono designati dai promotori dell’Accordo.
Il presidente dell’assemblea è anche coordinatore del comitato tecnico che è composto da:
a) 7 rappresentanti istituzionali aderenti all’accordo (3 Provincia, 4 Comuni);
b) da 2 rappresentanti per ogni Associazione di categoria delle imprese produttive e commerciali aderenti
all’Accordo;
c) da un rappresentante per ogni Ordine professionale aderente all’Accordo;
d) da un rappresentante di ognuna delle seguenti Aziende di servizio rifiuti (AMI, COSEA e SEABO)*;
e) da un rappresentante della CCIAA;
f) 1 rappresentante della grande committenza;
g) da un rappresentante delle Associazioni della proprietà edilizia;
h) da un rappresentante delle Associazioni degli Amministratori di condominio;

Compiti del comitato tecnico sono quelli di:


1) organizzare ed interpretare i dati forniti dalle Associazioni e dai sottoscrittori dell’accordo al fine di
monitorare il raggiungimento degli obiettivi fissati;
2) predisporre, nei termini fissati dall’assemblea dei sottoscrittori di cui all’art. 12, le direttive tecniche di
attuazione del presente accordo indicativamente elencate nell’allegato 2;
3) predisporre annualmente rapporti di sintesi relativi ai dati di cui al punto 1, al fine di permettere la diffusione
e comunicazione dei risultati raggiunti;
4) accettare successive iscrizioni di associazioni e/o ordini all’accordo

Il comitato tecnico, per l’espletamento dei propri compiti, potrà avvalersi del supporto tecnico scientifico di
qualificati esperti del settore.

* N.d.r. - attualmente HERA spa, COSEA, GEOVEST


Testo coordinato dell’Accordo di Programma 141
e moduli di adesione per le imprese e i professionisti

Art. 14

Modalità di adesione all’Accordo


1. Le singole imprese, anche aventi sede legale fuori provincia, ed i soggetti interessati aderiscono all’Accordo
di Programma mediante domanda, utilizzando apposito modulo, da presentarsi ad una delle associazioni di
categoria sottoscrittrici dell’accordo
2. Con il suddetto modulo di adesione il sottoscrittore dichiara di aver letto interamente l’Accordo di
Programma e conviene con le indicazioni ed indirizzi ivi contenuti che si impegna a rispettare e a far
rispettare.
3. Il Presidente dell’Assemblea di cui all’art.12, con la collaborazione delle Associazioni e degli uffici della
Amministrazione Provinciale, ha la responsabilità della conservazione e aggiornamento dell’elenco degli
Aderenti
4. L’adesione all’Accordo di Programma, con la formale accettazione di tutte le sue indicazioni e condizioni,
dà diritto all’utilizzo, da parte delle imprese aderenti, del logo identificativo che sarà a tal fine predisposto
dal Comitato tecnico di cui all’art. 13.
Ogni associazione sottoscrittrice dell’accordo s’impegna a:
a) detenere l’elenco delle aziende aderenti all’accordo che annualmente invia al Presidente;
b) distribuire agli operatori economici aderenti l’attestato di adesione all’Accordo e il logo utilizzabile dalle
imprese con l’attestazione di adesione.

Art. 15
Norme finali

1. Il presente Accordo ha validità di tre anni dalla data della sua sottoscrizione. Esso si intende tacitamente
rinnovato per ulteriori tre anni nel caso in cui nessuna delle parti aderenti lo abbia disdetto entro 3 mesi
dalla scadenza di esso.
2. Le premesse, i visti, i considerata e gli allegati formano parte essenziale ed integrante del presente
Accordo.

ALLEGATO 1
DEFINIZIONI

Ai fini del presente accordo, si definiscono:


- attività di costruzione e demolizione (ovvero: attività c&d). l’insieme delle attività di costruzione,
manutenzione demolizione di edifici e infrastrutture e delle attività di scavo, sbancamento e movimento
terra connesse;
- residui da costruzione e demolizione (ovvero: residui c&d): materiali di risulta prodotti dall’esercizio delle
attività di costruzione e demolizione di edifici e infrastrutture, comprendenti sia i rifiuti da costruzione e
demolizione, sia i materiali e componenti riusabili
- materiali e componenti riusabili: la frazione dei residui prodotti dalle attività c&d costituita da materiali e
componenti passibili di re-impiego;
- rifiuti da costruzione e demolizione (ovvero: rifiuti c&d): tutti i rifiuti comunque prodotti dall’esercizio
delle attività c&d, elencati nell’allegato tecnico al presente accordo (3);
- frazione inerte dei rifiuti c&d: la frazione dei rifiuti da costruzione e demolizione suscettibile di essere
utilizzata, previo idoneo trattamento, come inerti da costruzione;
142 Allegato “A”

- inerti da costruzione: i materiali così definiti ai sensi del R.D. 29.07.27


- rifiuti inerti c&d “tal quali”: la frazione inerte dei rifiuti c&d non sottoposta ad alcun trattamento;
- materiale inerte di recupero (ovvero: inerti di recupero; ovvero: inerti riciclati): gli inerti da costruzione
prodotti dal trattamento della frazione inerte dei rifiuti c&d effettuato con le modalità tecnico operative
previste dal D.M. 05.02.98 e dal presente accordo;
- sottoscrittore dell’Accordo di Programma (ovvero: firmatario): gli enti, le associazioni di categoria e le
imprese che hanno sottoscritto il presente Accordo di Programma;
- aderente all’accordo l’impresa che aderisce all’accordo sulla base dell’impegno a rispettare tutte le
clausole ivi contenute, presentando l’apposito modulo di adesione, tramite l’associazione, al Presidente;
- deposito a servizio di più cantieri della stessa impresa: il deposito di rifiuti a servizio dei cantieri della stessa
impresa, da cui tali cantieri dipendono operativamente, effettuato con le modalità previste dall’allegato
tecnico al presente accordo;
- deposito temporaneo collettivo: il deposito di rifiuti a servizio di più aziende consorziate, effettuato con le
modalità previste dall’allegato tecnico al presente accordo.
Testo coordinato dell’Accordo di Programma 143
e moduli di adesione per le imprese e i professionisti

ALLEGATO 2
MODALITA’ DI GESTIONE DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE
SEZIONE 1: GENERALITA’

1) Demolizione selettiva
Le imprese aderenti al presente accordo s’impegnano ad attuare la demolizione degli edifici e delle infrastrutture
provvedendo per quanto possibile:

a) a verificare preventivamente la presenza di tettoie in eternit e/o di altro materiale contenente amianto e, in
tale caso, ad effettuarne la messa in sicurezza e/o la bonifica nel rispetto delle norme in materia;
b) allo smontaggio delle parti dell’edificio (come ad esempio: tegole, coppi, travi in legno e in ferro, porte,
finestre, ecc.), aventi ancora un valore d’uso e quindi destinati al re-impiego/riuso;
c) alla raccolta separata dei rifiuti pericolosi o di quei rifiuti che richiedono particolari cautele nel rispetto
delle specifiche normative di legge (lastre e tubazioni in eternit, vernici e altre sostanze pericolose);
c) alla raccolta differenziata dei rifiuti speciali non inerti recuperabili in appositi distinti contenitori (legno,
plastica, metalli ferrosi e non, vetro, carta e cartone, ecc.);
c) alla suddivisione, là dove utile e possibile, dei rifiuti inerti in: rifiuti inerti costituiti da laterizi e da rifiuti inerti
costituiti da calcestruzzo.
d) alla raccolta distinta degli altri rifiuti destinati allo smaltimento.

In caso di accertato superamento delle concentrazioni di cui alla colonna A della tabella 1 del D.Lgs. n.
471/99 occorre effettuare la demolizione tenendo conto degli eventuali interventi di bonifica e/o di messa in
sicurezza dei terreni;

2) Deposito temporaneo dei rifiuti da costruzione e demolizione.


(Deposito a servizio di più cantieri della stessa impresa e deposito temporaneo collettivo)

Il deposito temporaneo dei rifiuti da costruzione e demolizione dovrà rispettare le modalità tecniche previste all’art.
6), lettera m), del D.Lgs 22/97 nonché le modalità indicate nelle direttive tecniche di attuazione dell’accordo.
Al fine di favorire la raccolta differenziata dei rifiuti e la loro più corretta destinazione, nel rispetto delle finalità
del presente accordo, è prevista la facoltà di eleggere a deposito temporaneo dei propri rifiuti uno o più depositi
a servizio di più cantieri della stessa impresa secondo le modalità previste nelle direttive tecniche di attuazione
dell’accordo.
In tal caso, per lo spostamento con mezzo proprio dei propri rifiuti non pericolosi dai singoli cantieri alla sede del
deposito temporaneo, non sarà necessario il formulario di identificazione dei rifiuti previsto dall’articolo 15 del D.
Lgs. 22/97, configurandosi tale operazione come raggruppamento dei rifiuti prodotti dalla propria attività prima
dell’avvio, mediante trasporto, al loro recupero e/o smaltimento. Tale modalità di raccolta deve essere comprovata
dalla attestazione di adesione all’Accordo. Allo scopo l’azienda avrà presentato il modulo di adesione, compilato
secondo le modalità indicate nelle direttive tecniche dell’accordo con l’indicazione, tra l’altro, del sito o dei siti
da utilizzare come deposito temporaneo a servizio dei suoi cantieri. Copia di detto modulo, timbrato per ricevuta
dalla associazione, costituirà, per l’impresa, attestato di adesione all’Accordo di Programma.
Allo stesso fine, è prevista la facoltà a più aziende appositamente consorziate tra di loro di effettuare il deposito
temporaneo dei propri rifiuti presso un centro di raccolta comune (deposito temporaneo collettivo), secondo le
modalità previste nelle direttive tecniche di attuazione dell’accordo. In tal caso per il trasporto con mezzi propri di
propri rifiuti non pericolosi il formulario di identificazione dei rifiuti di cui all’art. 15 del D.Lgs. 2/97 potrà essere
sostituito da dalla attestazione di adesione all’Accordo rilasciata dalle associazioni di categoria e redatta secondo
le modalità indicate nelle direttive tecniche di attuazione dell’Accordo. Il modulo di adesione all’Accordo di
144 Allegato “A”

Programma dovrà prevedere, tra l’altro, l’indicazione del centro di raccolta comune (deposito temporaneo
collettivo) individuato dalle aziende consorziate nonché l’indicazione dell’atto costitutivo del consorzio.
In ogni caso, il deposito temporaneo è limitato ai rifiuti da costruzione e demolizione prodotti nell’ambito
territoriale della Provincia di Bologna e deve trovare ubicazione all’interno del territorio della stessa.

3) Centri di raccolta di rifiuti di costruzione e demolizione e loro conferimento.

I rifiuti da costruzione e demolizione, depositati per tipi distinti saranno conferiti dal detentore adi impianti di
trattamento e recupero o a centri di stoccaggio provvisorio dei rifiuti, autorizzati ai sensi del D.lgs.22/97 e/o del
D.M. del 5 febbraio 1998 e successivi aggiornamenti.
Oltre agli impianti di recupero (R5) di cui al punto precedente potranno essere realizzati centri di raccolta (messa
in riserva R13) di rifiuti inerti, autorizzati ai sensi dell’art. 33 del DL 22/97, anche in altri luoghi in coerenza col
presente accordo e presso le rivendite di materiali edili nonché presso centri di raccolta comunali, per essere poi
conferiti presso idonei impianti di trattamento e recupero, nel rispetto delle norme vigenti.
Al fine di favorire la raccolta differenziata dei rifiuti speciali non pericolosi diversi dai rifiuti inerti, presso gli
impianti di recupero e/o messa in riserva di cui al 1° comma, potrà essere consentita la raccolta, all’interno di
appositi contenitori dei rifiuti costituiti da legno, metalli ferrosi e non ferrosi, plastica, carta e cartone, previa
l’apposita autorizzazione semplificata ai sensi dell’art. 33 del D.Lgs. n. 22/97
Ogni materiale proveniente da attività di recupero deve essere utilizzato in processi produttivi compatibili col
materiale stesso e con le norme tecniche che ne regolamentano l’impiego.

4) Riutilizzo dei materiali e componenti edilizi derivanti dalla demolizione

I materiali e i componenti derivanti dallo smontaggio dell’edificio e/o delle sue parti (come ad esempio: tegole,
coppi, travi in legno e in ferro, porte, finestre, ecc) e quelli derivanti dall’attività di costruzione (come ad esempio:
stock inutilizzati, ecc.) sono esclusi dal regime normativo dei rifiuti se, nel rispetto delle norme in materia, tali
materiali sono idonei ad un successivo reimpiego - immediato o differito nel tempo - eventualmente anche a
seguito di interventi di riparazione.
Al fine di meglio individuare detti materiali e componenti ne verranno descritte le caratteristiche tecniche e
modalità/possibilità di riutilizzo dei più comuni nella apposito allegato tecnico al presente accordo.

5) Riutilizzo del fresato derivante dalla scarifica stradale

I materiali derivanti dalla scarifica stradale mediante fresatura a freddo si intendono riutilizzati nello stesso luogo
di produzione per la realizzazione di pavimentazioni quando:
- sono riutilizzati in cantieri appartenenti allo stesso proprietario o committente (rete stradale della
Provincia, rete stradale del Comune e/o di Comuni consorziati, tratto autostradale definito, ecc) o impresa,
secondo le modalità operative indicate nelle direttive tecniche di attuazione dell’accordo predisposte dal
comitato tecnico e approvato dall’assemblea degli aderenti all’Accordo di Programma sulla base degli
indirizzi contenuti nel presente Accordo e sono conformi alle norme e alle specifiche prestazionali che
ne regolamentano l’impiego,

6) Riutilizzo dei materiali inerti di c. & d. nello stesso cantiere di produzione.


L’utilizzo dei materiali inerti di c&d presso il cantiere di produzione è ammesso a condizione che siano soddisfatte
contemporaneamente tutte le seguenti condizioni:
- i materiali non provengano da siti inquinati inclusi nella “anagrafe dei siti da bonificare” di cui
all’articolo 17 del DM 25 ottobre 1999, n. 471 o da bonifiche, a meno che non sia dimostrato con
Testo coordinato dell’Accordo di Programma 145
e moduli di adesione per le imprese e i professionisti

adeguata documentazione analitica che il materiale di scavo non presenta concentrazioni di inquinanti
superiori ai limiti di cui alla tabella 1 colonna A del D.M. 471/99.
- siano utilizzati per la realizzazione di opere di servizio al cantiere (piste di cantiere) o di opere previste
dal progetto approvato (sottofondi per piazzali, parcheggi ecc.) e ad esso sicuramente riconducibili.
- preventivamente al loro utilizzo, i materiali siano assoggettati ad idoneo trattamento per gli impieghi a cui
sono destinati, in conformità degli indirizzi contenuti nelle direttive tecniche di attuazione dell’accordo,
di cui all’apposito allegato che sarà elaborato dal comitato tecnico scientifico e approvato dall’assemblea
degli aderenti all’Accordo di Programma, attestate dal Direttore dei lavori;

7) Utilizzo di terre e rocce di scavo.


Le terre e le rocce di scavo destinate all’effettivo utilizzo per re-interri, riempimenti, rilevati e macinati sono
escluse dal regime normativo dei rifiuti, ai sensi dell’art. 8, comma 1, lettera f) bis del D-Lgs. N. 22/97, così come
integrato dall’art. 10 della L. 93/2001, a condizione che non provengano da siti inquinati inclusi nella “anagrafe
dei siti da bonificare” di cui all’articolo 17 del DM 25 ottobre 1999, n. 471 o da bonifiche, a meno che non
sia dimostrato con adeguata documentazione analitica che il materiale di scavo non presenta concentrazioni di
inquinanti superiori ai limiti di cui alla tabella 1 colonna A del D.M. 471/99.
A tal fine gli aderenti all’Accordo si impegnano a:
- adottare, in fase di esecuzione delle opere, tutte le misure e le precauzioni idonee per tenere distinte le
terre e le rocce di scavo dai rifiuti derivanti da costruzione e demolizione di manufatti;
- evitare che le terre e le rocce di scavo contengano rifiuti c&d quali: macerie, asfalto, residui di lavorazioni
di cantiere, frammenti di imballaggi;
- utilizzare - secondo le modalità tecniche previste dal presente Accordo – tali terre e rocce di scavo, per
re-interri, riempimenti, rilevati e per la realizzazione di opere edilizie o infrastrutturali approvate e/o
autorizzate dagli enti preposti, oppure avviarle al ritombamento di cave debitamente autorizzate, ai sensi
delle norme in materia della attività estrattiva, per il ripristino ambientale delle stesse, ovvero avviarle
all’impiego nella normale pratica agricola o ancora, utilizzate per macinati;
- adottare le modalità operative delle direttive tecniche di attuazione, che saranno elaborate dal comitato
tecnico scientifico e approvato dall’assemblea degli aderenti all’Accordo di Programma.

8) Gestione degli impianti di recupero di rifiuti inerti di costruzione e demolizione


I gestori degli impianti di recupero dei rifiuti inerti derivanti da c e d di cui al punto 7.1. del D.M. 05.02.98,
s’impegnano alla gestione dei loro impianti nel rispetto delle norme del DM 05.02.98 e secondo gli indirizzi
contenuti nel presente Accordo di Programma.
In particolare le attività, i procedimenti e i metodi di riciclaggio e di recupero dei rifiuti inerti dovranno garantire
l’ottenimento di materiali con caratteristiche merceologiche conformi alla normativa tecnica di settore ed alle
specifiche tecniche contenute nell’apposito allegato al presente Accordo di Programma e non dovranno avere
caratteristiche di pericolo superiori a quelle del materiale corrispondente ottenuto dalla lavorazione delle materie
prime vergini.
I gestori degli impianti di recupero dei rifiuti inerti s’impegnano inoltre ad adottare una procedura di accettazione
dei rifiuti tale da garantirne le migliori caratteristiche al fine del loro successivo recupero. In particolare dovrà
essere preventivamente accertato che i rifiuti inerti non provengono da siti contaminati da bonificare e/o siano
contaminati e che siano scevri da altri rifiuti.

9) Gestione degli impianti di recupero di altri rifiuti inerti diversi da quelli derivanti da costruzione e
demolizione
“La produzione di materiali per la formazione di rilevati e sottofondi stradali potrà essere effettuata anche con
altri rifiuti inerti, derivanti da attività produttive di cui all’allegato 1, suballegato 1 del D.M. 5.2.98, quando ne
146 Allegato “A”

venga preventivamente dimostrata l’utilità al fine del raggiungimento degli standard merceologici del prodotto
finito definiti nelle Direttive e specifiche tecniche di attuazione di cui all’Allegato 2, Sezione 2”;
In tal caso l’effettuazione delle attività di recupero di rifiuti inerti per la formazione di rilevati e sottofondi stradali
e di altri impieghi edilizi, previste dall’allegato 1 sub allegato 1 al D.M. 05.02.1998 viene considerata a tutti gli
effetti attività di produzione di materiali e/o prodotti per la formazione di rilevati e sottofondi stradali quando
ricorrono le seguenti condizioni:
- è preventivamente acquisita, per ogni produttore conferente almeno ogni due anni ed ogni qualvolta viene
modificato il ciclo produttivo che origina il rifiuto dello stesso produttore, la certificazione, ove necessaria
analitica, attestante che le caratteristiche dei rifiuti sono quelle indicate nei rispettivi punti dell’allegato 1 sub
allegato 1 al D.M. 05.02.1998;
- è preventivamente effettuato, per ogni produttore conferente almeno ogni due anni ed ogni qualvolta viene
modificato il ciclo produttivo che origina il rifiuto dello stesso produttore, il test di cessione di cui all’allegato
3 del D.M. 05.02.1998 attestante che il rifiuto stesso rispetta i limiti di concentrazione ivi previsti;
- sono preliminarmente definite le specifiche tecniche e merceologiche al materiale che s’intende produrre in
riferimento alle norme CNR - UNI 10006 sulle caratteristiche delle terre ed alle altre norme tecniche in materia
e alle indicazioni del presente Accordo di Programma.
- è certificato almeno ogni due anni o in caso di modifica del processo di recupero dei rifiuti, per ogni tipologia di
materiale prodotto per la formazione di rilevati e sottofondi stradali in uscita, il rispetto del test di cessione di
cui all’allegato 3 del D.M. 05.02.1998;
La Ditta che effettua l’attività di recupero dovrà, all’atto della comunicazione di inizio dell’attività effettuata ai
sensi dell’art 33 del D.Lgs. n. 22/97 presentare una relazione tecnica, contenete le modalità e le procedure adottate
per garantire le condizioni sopraindicate.

SEZIONE.2: DIRETTIVE E SPECIFICHE TECNICHE DI ATTUAZIONE.

Per l’attuazione del presente Accordo di Programma il Comitato tecnico di cui all’art. 14 predisporrà le seguenti
direttive:
- 1: Elenco rifiuti;
- 2: Linee-guida e istruzioni tecniche per la demolizione e la differenziazione in frazioni omogenee dei
residui all’origine;
- 3: Specifiche tecniche per la gestione dei materiali e componenti direttamente riusabili (esclusi dal
campo di applicazione della normativa sui rifiuti);
- 4: Modalità di gestione dei depositi temporanei a servizio di più cantieri della stessa impresa e dei
depositi temporanei collettivi a servizio di più imprese;
- 5: Linee-guida per la gestione degli impianti di riciclaggio rifiuti inerti;
- 6: Specifiche tecniche per l’identificazione delle caratteristiche e degli standard qualitativi dei materiali
prodotti dal riciclaggio e destinati ad impieghi nelle costruzioni;
- 7: linee di indirizzo per i comuni;
- 8: modulistica per l’attuazione dell’Accordo.
Testo coordinato dell’Accordo di Programma 147
e moduli di adesione per le imprese e i professionisti

ACCORDO DI PROGRAMMA
PER IL RECUPERO DEI RESIDUI DA COSTRUZIONE E
DEMOLIZIONE NELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

MODULO DI ADESIONE DITTE


Adesione n° del / /

Il sottoscritto
in qualità di legale rappresentante della ditta
con sede legale a
in via n°
C.A.P. comune Prov.
partita IVA o codice fiscale

DICHIARA
- di aver ricevuto copia e preso visione del testo dell’Accordo di Programma per il recupero dei
residui da costruzione e demolizione della Provincia di Bologna, dei suoi allegati e del
Regolamento di Funzionamento dello stesso;
- di impegnarsi, nell’ambito delle proprie attività, a rispettare e far rispettare al personale
incaricato, nell’ambito delle medesime attività, gli indirizzi e le disposizioni in esso individuati;
- di operare, nell’ambito delle proprie attività, per l’incremento della frazione di residui da
costruzione e demolizione avviati a riutilizzo, riciclaggio e recupero secondo quanto previsto
nel presente accordo;
- di operare, nell’ambito delle proprie attività, per la diminuzione del quantitativo totale di rifiuti
inerti da costruzione e demolizione avviati a discarica;
- di operare, nell’ambito delle proprie attività, per la riduzione della quantità di rifiuti prodotti e
della loro pericolosità mediante l’adozione delle modalità e tecniche costruttive previste nel
presente accordo e nei suoi allegati;

CHIEDE

Di aderire all’Accordo di Programma per il recupero dei residui da costruzione e demolizione della
Provincia di Bologna e di essere pertanto incluso nell’Elenco degli Aderenti all’Accordo.

Bologna, li / / In fede

Autorizza il trattamento dei dati raccolti nel presente modulo, ai sensi della Legge sulla Privacy
(Legge 31.12.1996, n. 675), ai soli fini dell’Accordo.
In fede
148 Allegato “A”

ACCORDO DI PROGRAMMA
PER IL RECUPERO DEI RESIDUI DA COSTRUZIONE E
DEMOLIZIONE NELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

MODULO DI ADESIONE LIBERI PROFESSIONISTI


Adesione n° del / /

Il sottoscritto
in qualità di libero professionista inscritto all’Ordine/Albo dei/degli
della Provincia di con numero
con partita IVA o codice fiscale

DICHIARA
- di aver preso visione del testo dell’Accordo di Programma per il recupero dei residui da
costruzione e demolizione della Provincia di Bologna, dei suoi allegati e del Regolamento di
Funzionamento dello stesso;
- di impegnarsi, nell’ambito delle proprie attività, a rispettare gli indirizzi e le disposizioni in
esso individuati;
- di operare, nell’ambito delle proprie attività, per l’incremento della frazione di residui da
costruzione e demolizione avviati a riutilizzo, riciclaggio e recupero secondo quanto previsto
nel presente accordo;
- di operare, nell’ambito delle proprie attività, per la diminuzione del quantitativo totale di rifiuti
inerti da costruzione e demolizione avviati a discarica;
- di operare, nell’ambito delle proprie attività, per la riduzione della quantità di rifiuti prodotti e
della loro pericolosità mediante l’adozione delle modalità e tecniche costruttive previste nel
presente accordo e nei suoi allegati;

CHIEDE

Di aderire all’Accordo di Programma per il recupero dei residui da costruzione e demolizione della
Provincia di Bologna e di essere pertanto incluso nell’Elenco degli Aderenti all’Accordo.

Bologna, li / / In fede

Autorizza il trattamento dei dati raccolti nel presente modulo, ai sensi della Legge sulla Privacy
(Legge 31.12.1996, n. 675), ai soli fini dell’Accordo.
In fede
Allegato “B” 149

Elenco
e localizzazione
degli impianti
di recupero
150 Allegato “B”

RAGIONE SOCIALE Comune Indirizzo

Impianti di produzione di aggregati inerti da costruzione


1 Barzanti Mirio Mordano lott. Zaniolo Sud
2 C.a.r. S.r.l. Imola via Laguna, 27/a
3 Castiglia Inerti San Lazzaro di Savena via Maceri, 2/a
4 Cave Misa Marzabotto via Porrettana Nord, 36 - Panico
5 Cave Nord S.r.l. Calderara di Reno via S. Anna,
6 Cesi s.c.r.l. Imola via Sabbatani, 14
7 Consorzio Cave S.c.r.l. Bologna via Zanardi, 526
8 Coop. Trasporti Imola S.c.r.l. - C.T.I. - (Viara) Castel San Pietro Terme via Viara, 3621
9 Coop. Trasporti Imola S.c.r.l. - C.T.I. - (Zello) Imola via Zello, 18
10 Coop. Trasporti Imola S.c.r.l. - C.T.I. - (Sbago) Imola via Sbago, 19
11 Coop. Bruni Riuniti Zola Predosa via Risorgimento, 348
12 Costruzioni Sic S.r.l. Zola Predosa via Madonna Prati, Km. 0+450
13 Cremonini S.n.c. Imola via Pila Cipolla, 6
14 Ecofelsinea Bologna via Cristoforo Colombo, 38
15 Fratelli Pressi S.r.l. Bologna via Caduti di Casteldebole, 122/c
16 Granulati Bologna S.r.l. San Lazzaro di Savena via Pedagna, 6
17 Gubellini Franco Crevalcore via Riga Bassa, 1134 - Bevilacqua
18 Livabeton Castenaso via Romitino, 9
19 Mazzoni Monteveglio via Acquafredda,
20 Migliori Bruno Savigno Via dei Mulini
21 Mo.Te.M S.n.c. Castiglione dei Pepoli loc. Cà Lupi
22 Riam S.r.l. Argelato via F.lli Chiarini, 4 - Funo
23 S.A.F. S.r.l. Bologna via Casteldebole, 2
24 S.A.F.A.C. S.c.r.l. S.Agata Bolognese via Lunga,
25 Sabattini Costruzioni S.n.c. Galliera via Castello,
26 Sepla S.n.c. Vergato loc. Quaderna
27 Trascavi S.r.l. San Giovanni in Persiceto via Castelfranco, 31
28 Trasporti Valsamoggia S.c.r.l. Crespellano via Moretto
Impianti di produzione di conglomerati bituminosi
29 PAVIMENTAL S.p.A. Zola Predosa via Prati, 25
30 S.A.P.A.B.A. S.p.A. Sasso Marconi via Pila, 8
31 S.A.S.I.S.I. S.a.s. Ozzano Emilia via Marconi, 26
32 SINTEXCAL S.p.A. Bologna via Agucchi, 82
Elenco e localizzazione degli impianti di trattamento 151

Centro di raccolta
Potenzialità Impianto Tonn/ Aderenti all’Accordo di
Tel. Deposito Temporaneo
anno Programma
Collettivo

0542.56149 3.600 SI
0542.640361 199.000 SI SI
051.6258182 35.000 SI SI
051.932769 10.000 SI
051.6467012 240.000 SI SI
0542.623111 59.500 SI
051.700696 14.500
051.949620 19.200
0542.609500 18.200
0542.684137 48.500
051.6720030 2.000 SI
0535.84115 3.000
0542.666381 10.000
051.327842 100.000 SI SI
051.6131351 10.550 SI
051.6255048 5.000 SI
051.6827102 39.000 SI
051.788056 55.000
051.831862 20.000
051.6708045 2.900 SI
0534.91270 2.488 SI SI
051.6646934 4.000
051.962092 30.000
051.981237 17.300 SI
051.815184 1.800 SI
051.910226 3.000
051.822075 12.000 SI
051.831300 14.000

051.756629 100.000
051.846127 7.000
051.798150 12.000
051.381411 45.000
152 Allegato “B”
Allegato “C” 153

Elenco dei
Sottoscrittori
all’Accordo
di Programma
154 Allegato “C”

Istituzioni
V. Zamboni, 13
Provincia di Bologna
40126 Bologna

I Comuni della Provincia di Bologna *


V. Malvasia,6
ANCI - Emilia Romagna
40131 Bologna
V. Malvasia,6
UPI – Emilia Romagna
40131 Bologna
V. S. Donato,82
ATO 5
Bologna
Palazzo della Mercanzia,4
CCIAA
40125 Bologna
Associazioni di imprese produttive e commerciali
Collegio Costruttori Edili e V. S. Domenico,4
Imprenditori Affini 40124 Bologna
V. S. Domenico,4
Assindustria Bologna
40124 Bologna
V. Vigoni,5
A.N.P.A.R.
20122 Milano
A.P.I. Associazione Piccole V. S. Serio,26
Imprese 40128 Bologna
CNA Confederazione Nazionale V.le A. Moro,22
Artigiani 40127 Bologna
V. Papini,18
Confartigianato
40129 Bologna
V. A. Moro,16
Lega Cooperative
40127 Bologna
V. Calzoni,1/3
Confcooperative
40128 Bologna
Str. Maggiore, 23
ASCOM
40128 Bologna
V. Comm. Assoc.,30
Confesercenti
40127 Bologna
Associazione Nazionale V. Frassinago, 21
Architettura Bioecologica sez. Bo 40122 Bologna
Ordini professionali
V. Sargozza,175
Ordine degli Ingegneri - BO
40135 Bologna
Str. Maggiore,24
Ordine degli Architetti - BO
40125 Bologna
Testo coordinato dell’Accordo di Programma 155
e moduli di adesione per le ditte e le imprese

V. Belfiore,3
Ordine dei Geologi - BO
40123 Bologna
V. del Monte,8
Collegio dei Geometri - BO
40126 Bologna
V. S. Giorgio,4
Collegio dei Periti Industriali - BO
40121 Bologna
Ordine dei Dottori Agronomi e dei V. Leopardi, 6
Dottori Forestali - BO 40122 Bologna
Aziende di Servizio
V.le Berti Pichat,2/4
HERA
40127 Bologna
V. Berzantina,30/10
COSEA
40030 C. di Casio (BO)
V. B. Cairoli,43
GEOVEST
40014 Crevalcore (BO)
Associazioni della proprietà edilizia
ASPPI (Associazione Sindacale V. A. Testoni,5
Piccoli Proprietari Immobiliari 40123 Bologna

UPPI (Associazione Piccoli P.zza S. Francesco,10


Proprietari Immobiliari) 40122 Bologna

CONFAPPI (Confederazione della V. Marconi, 41


Piccola Proprietà Immobiliare) 40122 Bologna

AIPI (Associazione Italiana Galleria del Toro,3


Proprietari Immobiliari) 40121 Bologna

V. Monrtegrappa, 3
ANACI
40121 Bologna
V. Rivareno, 17
AGCI
40122 Bologna

* I comuni della Provincia di Bologna che hanno aderito sono:


Anzola dell’Emilia, Bologna, Budrio, Calderara di Reno, Casalecchio di Reno, Castelmaggiore,
Crevalcore, Galliera, Imola,Malalbergo, Medicina, Minerbio, Monghidoro, Monterenzio, Monte San
Pietro, Mordano, Pieve di Cento, Sala Bolognese, Sant’Agata Bolognese, San Giorgio di Piano,
San Giovanni in Persiceto, San Lazzaro di Savena, San Pietro in Casale, Sasso Marconi
8
Copertina: www.aslay.com - Rastignano (BO)

Stampato su carta (100% riciclata)

Finito di stampare in ottobre 2004

Stampa: Labanti e Nanni - Bologna


8
8
Hanno contribuito alla stampa, tra l’altro: Comune di S. Giovanni in Persiceto, Collegio Costruttori di Bologna, API
di Bologna, Assindustria di Bologna, CNA di Bologna, Confartigianato di Bologna, Lega Cooperative di Bologna,
GeoVest, CoseAmbiente, Cosea Consorzio, ARPA sezione di Bologna, ATO5, Collegio Periti Industriali di Bologna,
Collegio Geometri di Bologna, Ordine Geologi di Bologna, Ordine Agronomi di Bologna, Ordine Architetti di
Bologna, Ordine Ingegneri di Bologna, Anaci di Bologna, IIPLE, Cave Nord, CAR, Concave, Ecofelsinea,
Livabeton, Castiglia Inerti, Fratelli Pressi, SAPABA.