Sei sulla pagina 1di 2

Petrolio e gas naturale

Una particolare tecnica estrattiva di petrolio e gas naturale è chiamata “Fracking”,


utilizzata per la prima volta in America nel 1947 dalla compagnia Halliburton e
perfezionata in Texas nei decenni successivi. Questo metodo sfrutta la pressione dei
liquidi per provocare delle fratture negli strati rocciosi più profondi del terreno, è
conosciuto anche con il nome di ‘fratturazione idraulica’ o “hydrofracking”, ed è
impiegato per agevolare la fuoriuscita del petrolio o dei gas presenti nelle formazioni
rocciose per consentirne un recupero più rapido e completo. Le fratture create nel
terreno possono essere sia naturali che artificiali: in quest’ultimo caso è l’uomo a
creare delle ‘fessure’ in determinati strati di roccia presenti nei giacimenti petroliferi.
Fessure che poi vengono allargate, immettendo grandi quantitativi di acqua sotto
pressione e mantenute aperte con sabbia, ghiaia e granuli di ceramica.
Le diverse fasi che caratterizzano la tecnica del fracking sono tre:
1. Trivellazione: il pozzo viene perforato orizzontalmente ad una profondità di
circa 3.000 metri. Il canale così creato viene rivestito con un tubo di cemento
all’interno del quale vengono fatte slanciare delle piccole cariche esplosive per
creare dei fori che lasceranno poi passare i liquidi e le sostanze chimiche nel
terreno.
2. Pompaggio: completato il pozzo, vengono pompati nel terreno fino a 16.000
litri di liquidi sotto pressione al minuto, addizionati da agenti chimici e sabbia.
L’immissione dei liquidi crea delle ‘spaccature’ nelle rocce liberando così i gas
che risalgono rapidamente il tubo.
3. Raccolta: una volta fuoriuscito, il gas viene immagazzinato nei gasdotti e
avviato alla raffinazione.
Questa tecnica può essere invasiva, pericolosa e devastante tanto che viene definita
“non convenzionale” utilizzata soprattutto per estrarre il metano, gas non facilmente
estraibile con le tecniche tradizionali a trivellazione verticale. Con il tracking, i fluidi
e le miscele chimiche vengono direzionate orizzontalmente e pompate ad una
pressione tale da innescare micro-sismi che frantumano la roccia. Ci sono anche dei
rischi che l’uomo e l’ambiente subiscono: innanzi tutto la contaminazione delle falde
acquifere, dell’aria e del terreno causata dalla mescolanza di agenti chimici e liquidi
inquinanti utilizzati per spaccare, impermeabilizzare e tenere aperte le rocce. Sono
presenti sostanze tossiche e cancerogene tra le principali: naftalene, benzene, toluene,
xylene, piombo, diesel, acido solforico, cloruro di benzile, ma sono presenti anche
sostanze radioattive. Alcuni casi confermano la pericolosità del fracking nonostante i
tentativi delle compagnie petrolifere di rassicurare l’opinione pubblica promuovendo
l’affidabilità della tecnica. La radioattività sarebbe arrivata anche alle acque che
confluiscono nei fiumi, spesso gli stessi che riforniscono di acqua potabile gli
impianti di depurazione pubblici, con casi conclamati di intossicazione e patologie
diffuse tra la popolazione Oltre alla contaminazione dell’acqua, il fracking è causa
diretta anche dell’inquinamento atmosferico causato dal gas naturale sprigionato
durante la perforazione. Infine c’è il problema connesso allo smaltimento dei rifiuti
prodotti e quello relativo alla generazione di micro-sismi connessi all’attività di
fratturazione che, sebbene localizzati e limitati, preoccupano gli esperti per il grado di
instabilità a cui espongono gli strati più profondi della terra. Gli interessi economici
sono tanti, e benché la questione abbia aperto un scontro globale sull’opportunità di
vietare l’uso della tecnica, le compagnie energetiche sono sempre più disposte a dare
battaglia per ottenere il diritto di continuare a perforare e accedere agli enormi
giacimenti bloccati nelle viscere della terra. Mentre, in Europa, è vietato dalla legge,
ma molti Paesi come Polonia, Gran Bretagna, Argentina, Cina, Brasile hanno avviato
degli studi per testare e utilizzare la tecnica nonostante il forte rischio ambientale.

Potrebbero piacerti anche