Sei sulla pagina 1di 7

Introduzione al Corso di

Metodi e Strumenti per la Diagnostica


Programma del corso
Il corso è suddiviso in quattro macro-aree:

- Concetti di affidabilità e diagnostica,

- Elementi di analisi del segnale per la rilevazione di difetti nelle macchine,

- Difetti delle macchine e loro riconoscimento,

- Strumenti e procedure di misura per la diagnostica dei difetti.


Programma del corso
CONCETTI DI AFFIDABILITÀ E DIAGNOSTICA

Verranno enunciate le teorie di base dell’affidabilità e il concetto di guasto.

Si tratterà il concetto di manutenibilità e i criteri di manutenzione.

Saranno presentate le teorie della diagnostica industriale, enucleando i principi


riguardanti:
- Le metodologie per la rilevazione dei segnali contenenti l’informazione sulla presenza
del difetto,
- Le teorie per la classificazione dei segnali (sano/difettato),
- I criteri di decisione per accettare o scartare il pezzo.
Programma del corso
ELEMENTI DI ANALISI DEL SEGNALE PER LA RILEVAZIONE DI DIFETTI NELLE MACCHINE

- Analisi nel dominio del tempo,


- Analisi nel dominio della frequenza,
- Analisi nel dominio delle quefrenze (cepstrum per il riconoscimento di difetti impulsivi
che si presentano come echi nel segnale),
- Analisi tempo-frequenza o analisi degli spettrogrammi per segnali no stazionari (variabili
nel tempo come nel caso di macchine rotanti funzionanti a regimi di rotazione variabili),
- Analisi multi-scala o wavelets,
- Analisi di segnali modulati e analisi dell'inviluppo, per la rilevazioni di difetti che
producono modulazioni di segnali (per esempio i difetti sui cuscinetti a rotolamento)
- Analisi degli ordini nelle macchine rotanti,
- Analisi di dominio 2D: immagini.
Programma del corso
DIFETTI DELLE MACCHINE E LORO RICONOSCIMENTO

Verranno descritte le caratteristiche dello stato di salute delle macchine con riferimento ai
componenti meccanici principali costituenti gli impianti industriali:
- alberi sbilanciati,
- motori elettrici,
- turbomacchine centrifughe e assiali,
- macchine alternative,
- riduttori a ingranaggi,
- trasmissioni a cinghie,
- cuscinetti a rotolamento e cuscinetti lubrificati.

In particolare si presenteranno casistiche di segnali acquisiti in presenza di difetti per


evidenziare i metodi opportuni per la loro diagnosi.
Programma del corso
STRUMENTI E PROCEDURE DI MISURA PER LA DIAGNOSTICA DEI DIFETTI

Verranno presentati alcuni dei più importanti metodi per la diagnostica dei difetti:

- Strumentazione per Prove Non Distruttive (convenzionali e innovative),


- Termografia IR per la diagnostica di difetti e rilevazione di ponti termici,
- Estrazione delle caratteristiche mediante reti neurali.
Struttura del corso e supporti didattici
Il corso si articola in lezioni teoriche e sessioni di studio che contengono:
- approfondimenti o letture integrative,
- esercitazioni in laboratorio,
- esercizi svolti e da svolgere in Matlab

Testi di riferimento:
- E.Doebelin, Strumenti e metodi di misura, ed. Mc Graw Hill
- Primers e Technical review disponibili sul sito: www.bksv.com
- Robert Bond Randall, “Diagnostic Techniques”, 2011 John Wiley & Sons, Ltd