Sei sulla pagina 1di 3

il passato di un paladino

Marcus!

l ultima cosa che sentii priva di perdere i sensi..... marcus era solo un bambino quando il villaggio fu attaccato dai banditi per essere
depredato, e purtoppo in un paesino di campagna come quello non c'erano forze armate o guardie del villaggio. I banditi la facevano da
padrone chiedendo riscatti o tassi per la protezione ma questa volta era diverso, questa volta volevano chiudere il conto.

il padre di marcus era il capovillaggio e spesso aveva richiesto alla città di nerverwinter aiuto per fermare i continui abusi dei banditi, ma essi
era come sapessero quando ci sarebbero state le guardie cittadine della città per la perlustrazione e montare la guardia, infatti l'attacco
avvenne proprio il giorno successivo al ritorno delle guerdie in città e nell'arco di tempo del cambio delle guardie i banditi attaccarono per
finire l'opera e spostarsi,il tutto di mattina presto.

La sua casa fu una delle prime ad essere attaccata e saccheggiata, i suoi genitori erano inermi di fronte alla forza dei banditi ed erani stati
immobilizzati a terra mentre i banditi frugavano fra i loro averi, mentre marcus era stato nascosto dal padre dentro un piccolo guardaroba da
cui spiava la situazione paralizzato dal terrore.

Visto che era un villaggio povero e veniva tartassto dagli stessi banditi ,gli abitanti non avevano rimasto molto da saccheggiare e i banditi
furiosi iniziarono a radunare la gente nella piazza cittadina e legarono 6 uomini di fronte a tutti come fosse un plotone d'esecuzione,e i
malviventi iniziarono a minacciare e malmenare i 6 disgraziati per farsi dire dagli altri abitanti dove fossero tutte le provviste del villaggio e di
farsi consegnare tutti gli oggetti di valore che possedevano.

inizialmente le mogli degli uomini legati implorarono e diedero tutti i loro gioielli anche se di poco valore ,ma ai banditi non bastava egli altri
membri del villaggio erano terrorizzati da risultare paralizzati.

Ad un certo punto il capo dei banditi brandì la sua spada e la punto alla gola di uno degli uomini, era il padre di marcus, che nel frattempo
raccolto un pò di coraggio usci dal guardaroba e si nascose dietro adei barili guardando suo padre mentre veniva interrogato.

il bandito stanco della perdità di tempo e delle poche provviste e beni raccolti esclamò"bastafacciamola finita e lasciamo questo posto di merda", alzò la
spada per uccidere il padre di marcus quando in egli scattò qualcosa e superando la paura si mosse,tirò fuori il suo pugnale che gli regalò ilpadre per
scuoiare gli animali per quando andavano a caccia e lo conficcò nel costato del bandito.

Tutti rimasero sorpresi da qull'azione di qul bambino che sbucò dal nulla.... il bandito gridò per il dolre e con l'elsa della spada colpi in piena testa marcus
facendolo cadere all'indietro e ferendolo,marcus intontito cercò di rianzarsi ma la sua vista si arrossò per il sangue che colava dalla ferita in testa e
svenne,nel frattempo che il padre gridava il suo nome.

Durante il sonno di marcus un miracolo ha ascoltato le preghiere degli abitanti, un paladino che si stava dirigendo never winter ha visto il villaggio
assediato e con una furia divina ha attaccato e sconfitto i banditi,tra cui il capo dei banditi che stava per uccidere il padre di marcus ,uccidendolo per primo
col lancio di un giavellotto e caricando e prendendo alla sprovvista i rimanenti banditi.

Al suo risveglio marcus era quasi accecato dalla luce,ma era una luce bevevola e che dava un tepore confortevole, e abiutandosi alla luce eguardando
meglio vide le mani del paladino che proiettavano quella luce cosi piacevole. Il paladino allontanò le mani sul piccolo e disse ai suoi genitori che era tutto a
posto.

i genitori iniziarono a piangere e ringraziare il paladino per aver salvato il figlio e l'intero villaggio,mentre marcus lo scrutava con meraviglia e occhi che
esprimevano l'ammirazione che si da ad un eroe,ed ad un certo punto marcus abbracciò alla vita il paladino ringraziandolo come fecero i genitori.

Ad un certo punto i genitori e gli altri abitanti chiesero come potevano mai ricompensare il paladino per il salvataggio ma egli non vollenulla, a parte un
posto per riposare e dormire per la notte e gli abitanti furono più che contenti di dargli vitto e alloggio. Fu accolto nella dimora di marcus dove egli
tormentava il paladino di domande e di attenzioni, cercando anche di imitarlo e scatenando le risate dele genitori e del paladino.

Dopo aver preso un po di confidenza marcus chiese al paldino come si chiamava e perche era in viaggio,e il paladino sorpreso dalla sua stessa
maleducazione nel non essersi presentato disse: scusatemi nella foga ancora non mi sono presentato, io sono il paladino Kreyton devoto servo di TYR ( dio
della giustizia) e seguace di Bahamut ( drago della giustizia),piacere di conoscervi, e sono in viaggio per cercare un apprendista paladino che mi sussegua il
compito del mio ordine . Davanti a quelle parole gli occhi di marcus brillarono e disse: scegli me! scegli me!.

il paladino sorrise e disse"beh saresti un candidato perfetto dopo quello che hai fatto oggi e non avevo mai trovato qualcuno con cosi tanto entusiamo !" e
scoppio a ridere...... mentre il padre e la madre si lanciarono uno sguardo di intesa a cui segui uno sguardo malinconico.

il giorno seguente il paladino era pronto per partire quando i genitori lo fermarono e gli chiesero" Mi scusi kreyton,davvero nostro figlio potrebe diventare
un paladino? " lui rispose" certo!ho gia visto che ha una grande forza di volontà,è un pò troppo piccolo ma prima si incomincia meglio è"e rise....lo disse
con sarcasmo,certo il ragzzo prometteva bene ma non avrebbe mai chiesto di portare via il bambino dalla propria famiglia.

"allora vorremmo chiederle un ultimo favore,potrebbe portarlo con se? certamente noi non potremmo offrirgli molto di più ma vedendo come si è
illuminato il suo volto e la prospettiva di una vita migliore di quello del conatadino,crediamo sia la cosa giusta."

interdetto da quello parole il paladino diventò serio e parlarono della vita di un paladino e dei suoi doveri.

al suo risveglio marcus trovò i suoi genitori attorno alui che lo coccolavano e abbracciavano,per poi intervenire il padre"marcus, ti piacerebbe andare con
kreyton?" marcus rispose" certo andiamo a sconfiggere i mostri!" ,davanti a quella innocenza il padre diventò un po più serio e parlarono.

Dopo vari discorsi,pianti e addii marcus si dirigette a neverwinter col paladino per diventare il suo apprendista.

Nel corso degli anni crebbe e si allenò all'uso delle armi e armature, stdiò cosa signifca essere un paladino e intraprese quel cammino. ogni tanto andava a
trovare la sua famiglia per raccontargli i suoi progressi e quelli furono gli anni più belli della sua vita.

una volta diventato paladino,kreyton lo portò a Istryd per fare il giuramento e completare il suo addestramento, ma la notte prima di esso ci fù un
splosione al centro della città,una nube nera,più oscura della notte si levo dal centro dell' esplosione,da quell'ombra uscì un drago ! ma aveva qualcosa di
diverso,era come avvolto lui stesso da quell'ombra nera quasi come se la emanasse lui.

il drago senza troppe attese iniziò ad attaccare i cittadini e col suo soffio ne sterminò a centinaia....suonato l'allarme la guardia cittadina e i paladini
presenti iniziarono ad evacuare la città e una controoffensiva al drago, fatta la prima linea difensiva con 2 paladini e 8 guardie attaccarono il drago ma quasi
senza scalfirlo,era come se in parte fosse fatto d'ombra e non tangibile,ma la luce sacra dei paladini sembrava avere una sorta di effetto. Ad un certo punto
il drago fece un soffio d'ombra che avvolse le guardie e sotto le urla di dolore le uccise mentre i 2 paladini resistetterò per miracolo.

Fu li che mentre i 2 paladini preparavano il loro attacco contro il drago, dai cadaveri delle guardie si levarono delle ombre che attaccarono i paladini....colti
di sopresa non fecero in tempo a contrattaccare che perirono per mano loro.

kreyton e marcus assistetterò alla scena dalla seconda linea di difesa e furono increduli da qualla visione e mentre il drago avanzava sprigionando un aura
di terrore e ombra marcus iniziò a tremare,kreyton invece si preparò con un canto e lancio un incantesimo contro il drago e le ombre, l'incantesimo era
una specie di luce divina che ebbe un effetto incredibile sulle ombre mentre sul drago non fu cosi efficacie come sperava. il drago stizzito dalla luce divina di
quel paladino caricò i 2 e le guardie attorno.....con un artiglio risucì a sterminare le guardie ,con un morso divorò in un attimo le 2 guardie rimanenti
.....alla visone di ciò marcus andò in panico e si paralizzo,gli venne in mente quel giorno dell'attacco dei banditi e un senso di impotenza lo pervase.

il drago sferrò un altro attacco con gli artigli verso marcus, ma il poveretto era paralizzato, ma per fortuna intervenne kryton che con lo scudo parò l'attacco
diretto e scagliò via i 2..... kreyton si ruppe un braccio sotto la potenza del colpo e i 2 erano davntial drago quasi inermi.il drago con un ghigno emesse un
altro respiro d'ombra verso i 2.

Vedendo la situazione critica e Marcus in quelle condizioni capì che non c'era via di uscita,ildrago era troppo potente però kreyton non voleva che marcus
morisse li cosi,dopotutto aveva promesso di proteggerlo alla sua famiglia e ormai lo vedeva come un figlio e con un ultimo sforzo spostò marcus fuori dal
soffio e con la sua spada intrisa dal potere della sua luce iniziò una controversia tra la luce della spada e l'oscurità del soffio.

quando marcus dopo la psinta rivolse lo sguardo a ciò che stava accadendo vide il suo eroe,mentore,amico resistere a quella a quell'ombra , sorridergli e
venire travolto dall'oscurità.....una volta finita quell'esalazione il corpo di kreyton cadde al suolo e pochi secondi dopo un ombra levarsi da esso,inorridito
da quella visuale marcus fece un grido di dolore e disperazione ....

il drago e l'ombra stavano per dare il colpo di grazia a marcus quando dal cielo caddero dei giavellotti intrisi del potere divino, erano dei paladini sui dei
pegasi arrivati in soccorso mentre stavano rientrando da una pattuglia.

Grazie al loro intervento Marcus ebbe salva la vita e il drago venne scacciato anche se porto distruzione ovunque passasse,egli si avvicinò al cadavere del
suo mentore piangendo, raccolse la spada che sispezzò appena la tirò su ein quel momento fece il suo giuramento....il giuramento di vendetta!

vendetta per la creatura che ha causato tale distruzione e ucciso il suo amico.

Da li in poi Marcus girò per il continente cercando informazioni su dove sia andato,che tipologia di drago è , di armi per poterlo sconfiggere e di possibili
alleati.
durante i suoi viaggi sembra aver trovato degli avventurieri promettenti e con cui sta bene, inoltre con loro è riuscito ad avviicinarsi un po di più alla sua
vendetta...trovando la leggendaria spada Amazzadraghi.