Sei sulla pagina 1di 2

12/03/2018

Come si determinano i sintomi (nevrotici)

→ sono una forma camuffata di soddisfazione di pulsioni dell’es, censurate dal super-io

L’aspetto problematico di questo discorso sta nel fatto che si tratta di un conflitto, di una contrapposizione di una
dinamica inconscia ( il soggetto non è consapevole)

Sintomi che appartengono alla vita psichica, quindi sono propri dell’uomo

Tanto che nello scritto intitolato “PSICOPATOLOGIA”, questa sofferenza della vita quotidiana, dove Freud va a
prendere in considerazione situazioni familiari a chiunque/comuni

→ lapsus verbale, atto mancato, sogni …

SOGNO, la cui produzione viene concepita da Freud come esisto di un vero e proprio lavoro onirico (di tipo inconscio)
 pulsioni dell’es che pretendono essere soddisfatte e il sogno altro non è che un sintomo, cioè una forma camuffata di
soddisfacimento di una pulsione dell’es

Camuffata – perché si tratta di ingannare la severa vigilanza del super-io

Motivo per cui nel sogno c’è da distinguere tra:

- Il contenuto MANIFESTO: quello che il soggetto effettivamente ricorda del sogno


- Il contenuto LATENTE: quello nascosto, che va interpretato

Attenzione particolare ai sogni tanto da dedicarne un lavoro specifico “L’interpretazione dei sogni”  perché tra i vari
sintomi è la regina, più efficace per l’analista per accedere a questo mondo interiore, così nascosto/inconscio, del
soggetto

Freud è il primo che introduce alla psicoterapia ma non è l’unico!

F. si è reso conto che la natura, la qualità delle pulsioni dell’es è di tipo SESSUALE, tanto da chiamare questa gamma
di pulsioni che caratterizza l’es viene chiamata LIBIDO

→ dal punto di vista culturale questa è una grande sfida che Freud ha lanciato agli intellettuali del tempo, tanto da
incontrare grandi critiche:

Perché Freud sta di fatto smentendo un altro dei capisaldi più tradizionali della cultura occidentale che vedeva la
sessualità come prerogativa dell’uomo adulto, sessualità identificata con la procreazione e soprattutto Freud sta dicendo
che la sessualità è già propria del bambino, sta smentendo un immagine secolare/millenaria di un bambino
innocente/puro:

 sessualità, quindi libido, che è ORIGINARIA e segue un suo PERCORSO EVOLUTIVO  in cui il momento
cruciale è costituito dal COMPLESSO DI EDIPO (per la bambina : complesso di Elettra)

- Complesso: un insieme ben costituito di sentimenti, stati d’animo, immagini, vissuti


- Edipo: era il protagonista di una tragedia greca, gli era successo di macchiarsi tragicamente di essere patricida
e incestuoso

ANTEFATTO:

La LIBIDO, cioè quelle pulsioni sessuali che costituiscono l’es, scopre Freud che hanno una doppia natura: (in quanto
ci sono)

- Pulsioni d’amore EROS  bisogno di volere l’altro, di affermare l’altro


- Pulsioni di morte

Cosa succede tecnicamente?


Il bambino inizia ad innamorarsi del genitore del sesso opposto e ad odiare quello dello stesso sesso.
È una situazione cruciale perché tutto lo sviluppo sano, equilibrato della vita psichica dipende dallo svolgimento, dalla
soluzione o meno di questa situazione
Nello stesso tempo il C.D.E. è fondamentale perché è la condizione imprescindibile attraverso cui il bambino
introietta/apprende/assimila il modello educativo del genitore

Il mancato svolgimento, superamento di questa situazione è  alla base di ogni patologia clinica (per cui diventa
necessaria una terapia psicoanalitica)

Perché (sempre inconsciamente) se non si risolve questa situazione, il soggetto vive un perenne complesso di colpa che
è di fatto un po’ la radice di tutte le patologie

Da un lato c’è il desiderio inconscio di uccidere il padre, di cui il super-io non è “contento”  resta questa conflittualità
inconscia, che poi determina le varie patologie
COMPLESSO DI EDIPO:
In che cosa consiste il metodo (soprattutto a livello di terapia)? Come momento cruciale dello
sviluppo della personalità, della
Non c’è dialogo?, il paziente è sdraiato psiche

La patologia è nata in un rapporto, in un rapporto si deve analizzare (= non ci si può auto psicanalizzare)

La psicanalisi non è una scienza

Cosa può interpretare l’analista:

- Le libere associazioni
- i sogni

Quando ci svegliamo abbiamo già censurato parte del sogno

Attraverso queste situazioni dovrebbe succedere il fenomeno del TRANSFER – il paziente deve rivivere quelle
esperienze finora inconsce, che stanno causando le sue patologie proprio nel rapporto con lo psicoanalista (quindi
portarle al livello di coscienza e risolverle)

Freud, 1. voce che sentiamo di una radicale smentita di quel modello di uomo ragione che si è affermato dall’età
moderna (illuminismo) e come tale in grado di comprendere tutto e dominare la realtà

(Rousseau è stato epocale perché ha teorizzato l’originaria bontà, perfezione della natura umana)

L’IO è il servitore di tre padroni:

- deve servire le pulsioni dell’es, la censura del super-io, la realtà e soprattutto non è padrone neanche di sé
stesso

Freud è UN’espressione della reazione antipositivista

La psicoanalisi segue un metodo completamente diverso da quello scientifico, perché qui tutta l’arte è l’interpretazione
(non misuri, non sperimenti)

E allo stesso tempo ( abbiamo visto con Bergson) questa attenzione ch ela cultura esprime all’interiorità/ al mondo
interiore

La PSICOANALISI è anche un’interpretazione della letteratura, della storia - una chiave di interpretazione della cultura
in generale, anche dei fenomeni storici

≠ in alternativa alla psicologia sperimentale di tipo positivista che evidentemente non incontra l’entusiasmo di gran
parte degli intellettuali del momento.

(se non sognassimo, non potremmo dormire)