Sei sulla pagina 1di 103

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

«CADUTI DI MARZABOTTO – GIULIO CESARE»


www.armillaweb.it

Anno Scolastico 2007 - 2008


INDICE

Introduzione ......................................................................................................................... 1
Premessa .............................................................................................................................. 3

1. Contesto territoriale
1.1. Il contesto socio-economico .............................................................................. 4
1.2. Quartieri in cui opera la Scuola Sec. di I grado “C. di Marzabotto - G. Cesare” ...... 5
1.3. Risorse del territorio .......................................................................................... 6
1.4. Mappa potenziale di sinergie “Scuola – territorio” ........................................... 8
1.5. Altre Risorse, Competenze e Realtà Produttive................................................. 9

2. Fisionomia della Scuola


2.1. La storia........................................................................................................... 10
2.2. Gli allievi......................................................................................................... 11
2.3. La famiglia ...................................................................................................... 16

3. Le risorse della scuola


3.1. Risorse umane e professionali. ........................................................................ 19
3.2. Risorse della scuola ......................................................................................... 25
3.3. Funzionigramma di Istituto ............................................................................. 26
3.4. Le risorse strutturali. ....................................................................................... 27
3.5. Le risorse strumentali ...................................................................................... 28
3.6. Risorse finanziarie ........................................................................................... 29
3.7. Punti di forza e di debolezza ........................................................................... 30

4. La proposta educativo – didattica


4.1. Analisi dei bisogni........................................................................................... 31
4.2. Le scelte educative .......................................................................................... 31
4.3. Finalità ed obiettivi ......................................................................................... 32
4.4. Specificazione dell’offerta formativa .............................................................. 34
4.5. L’uso delle tecnologie informatiche ................................................................ 34
4.6. Handicap e svantaggio .................................................................................... 34
4.7. Curricolo della scuola ..................................................................................... 35
4.8. Curricolo flessibile .......................................................................................... 36
4.9. Portfolio delle competenze individuali ........................................................... 37
4.10. I saperi irrinunciabili ....................................................................................... 37
4.11. Obiettivi formativi CLASSE I ..................................................................... 39
4.12. Obiettivi formativi CLASSE II ..................................................................... 40
4.13. Obiettivi formativi CLASSE III .................................................................... 42
4.14. Percorso disciplinare dell’alunno .................................................................... 44
4.15. Saperi facoltativi ............................................................................................. 45
4.16. Scelte metodologiche ...................................................................................... 46
4.17. Verifica e valutazione dell’attività didattica ................................................... 46
4.18. Processi di verifica e valutazione .................................................................... 47

5. Interventi Progettuali ........................................................................................... 48


5.1. Progetto Educazione alla convivenza civile. ................................................... 50
5.2. Progetto Recupero, integrazione e potenziamento .......................................... 51
5.3. Progetto Accoglienza, Continuità, Orientamento ........................................... 51
5.4. Progetto Creatività espressiva ......................................................................... 52
5.5. Progetto Cultura, tempo libero. ....................................................................... 52
5.6. Progetto Formazione e aggiornamento. .......................................................... 53
5.7. Progetto Centro Risorse ................................................................................ 53
5.8. Progetto Sicurezza .......................................................................................... 54
5.9. Progetto Valutazione d’Istituto ...................................................................... 54

I
5.10. Valutazione delle attività progettuali .............................................................. 55
5.10.1. Valutazione con valenza preventiva (Rilevanza) ................................. 56
5.10.2. Valutazione con valenza preventiva (Coerenza) .................................. 56
5.10.3. Valutazione sulla “Produttività dell’intervento” (Efficienza) ............. 57
5.10.4. Valutazione sulla “Produttività dell’intervento” (Efficacia) ................ 58

6. Contratto Formativo
6.1. Il Contratto Formativo..................................................................................... 59
6.2. Il regolamento di Istituto ................................................................................ 60
6.3. Il regolamento di disciplina ............................................................................. 62

7. Carta dei servizi scolastici


7.1. Principi Fondamentali ..................................................................................... 64
7.2. Area Didattica ................................................................................................. 65
7.3. I Servizi Amministrativi .................................................................................. 66
7.3.1. Principi .......................................................................................... 66
7.3.2. Ordinamento Servizi Personale A.T.A. ............................................... 67
7.3.3. Segreteria ... .......................................................................................... 68
7.3.4. Procedura dei Reclami.......................................................................... 68

8. Valutazione d’Istituto
8.1. Il sistema qualità ............................................................................................. 69
8.2. Valutazione di sistema .................................................................................... 70
8.3. Valutazione dell’ultimo triennio ..................................................................... 70
8.4. Indici di soddisfazione e di percezione del servizio da parte delle
famiglie degli alunni anno scolastico 2006 - 2007.......................................... 73

9. Criteri per l’attuazione delle riforme


9.1. Percorso formativo - Organizzazione delle attività ......................................... 80
9.2. Profilo dello studente (Pecup) ......................................................................... 92
9.3. Portfolio delle competenze individuali ........................................................... 94

10. Criteri e regolamenti


10.1. Criteri per la formazione Classi I .................................................................... 95
10.2. Criteri per i viaggi d’istruzione ...................................................................... 95
10.3. Regole di comportamento in caso di sciopero (docenti - genitori) ................. 96
10.4. La Biblioteca d’Istituto ................................................................................... 97
10.5. Regolamento Laboratori d’informatica ........................................................... 98
10.6. Regolamento attività sportive.......................................................................... 99
10.7. Norme varie ................................................................................................... 100

II
Introduzione
Nel riformismo che da tempo investe la Scuola Italiana c’è bisogno, per operatori ed utenza,
di direttrici orientative, ancor più nella complessità dell’odierno contesto. Direttrici che facciano
uscire dalle perniciose contingenze di interventi provvisori e spesso contraddittori: la posta in
gioco, la formazione, non può essere gestita “alla giornata”, “a vista”.
Ove, comunque, non soccorre il quadro generale, - tanto che due illustri e ‘diversi’ consiglieri
arrivavano, pessimisticamente, ad affermare: “il pendolo delle maggioranze ci distruggerà”
(Bertagna — Maragliano) -, agisce il ‘particulare’, la scuola ‘ di trincea ’, ‘ di contesto ’: qui,
l’ottica sistemica vede ormai coinvolti nell’offerta formativa i collegi dei docenti, gli operatori
tutti della Scuola, le famiglie e le varie agenzie territoriali.
Posta ad esigenza fondante “insegnare per includere” quello che segue è proprio il frutto di
riflessione e soprattutto di azione di una realtà scolastica che, senza enfasi alcuna né mire
‘tipologiche’ e soprattutto con l’apertura mentale della disponibilità alla quotidiana ‘messa in
discussione’ e ‘falsificabilità’ di popperiana memoria, dà forma al suo itinerario. Sia ben chiaro,
è materiale ad uso ‘interno’, che si snoda attorno ad alcuni nuclei essenziali, che reputiamo di
primaria importanza nell’attuale momento:

1. Educare alla socialità e alla convivenza civile


“Per i giovani le Istituzioni si presentano con il volto della Scuola. E’ necessario allora che la
Scuola offra ai giovani l’immagine coerente di “luogo” dove i diritti e le libertà di tutti, nel
reciproco rispetto, trovano spazio di realizzazione, dove le aspettative dei ragazzi ad un
equilibrato sviluppo culturale e civile non vengono frustrate.” (Circolare Ministeriale 302/93)
2. Istruire ai saperi fondamentali e alle conoscenze irrinunciabili
“La cultura di base è umanistica, scientifica e tecnologica. L’evoluzione delle tecnologie e dei
processi produttivi rende indispensabile l’acquisizione sui banchi di scuola dell’attitudine a
rendere operative le conoscenze. Questi orientamenti sono ormai condivisi in campo europeo.”
(C. Callieri)
3. Incentivare allo studio delle lingue, strumenti primari della comunicazione
“La Scuola è chiamata a svolgere il ruolo di laboratorio e di fucina in quanto è suo compito
fornire ai nuovi Cittadini Europei gli strumenti della comunicazione e il sapere necessario per
consentire un confronto proficuo tra le diverse culture, ma anche di promuovere l’incontro
culturale e la civile convivenza tra i Cittadini Europei.” (V. Consiglio)
4. Avviare al linguaggio informatico e multimediale
“La Scuola deve aiutare i giovani a fronteggiare le esigenze connesse alla rapidità dei
cambiamenti tecnologici e sociali, fornendo gli strumenti necessari per sostenere la loro capacità
di apprendere, di orientarsi e di inserirsi nella vita attiva.” (Direttiva Ministero Pubblica
Istruzione 331/97)
Si aggiungono, a meglio esplicitare il percorso, gli snodi critici sui quali si va ponendo
l’attenzione:
1. La valutazione di sistema
Dall’anno scolastico 2002/03 al 2005/06 la Scuola è stata monitorata dall’INValSI (Istituto
Nazionale per la Valutazione del Sistema dell’Istruzione,). In attesa di una ridefinizione del
sistema di valutazione si continua a lavorare in modo da uscire dall’autoreferenzialilà ed avere
un confronto che stimoli a migliorare costantemente la qualità del servizio.

1
2. Gli Standard e la certificazione delle competenze
E’ senza dubbio il punto più delicato del sistema d’istruzione, non solo nazionale: qui si gioca la
sostanza di ogni insegnamento, perché rileva l’efficacia e l’efficienza del diuturno lavoro, che
deve sostanziarsi in acquisizione di abilità individualmente adeguate e socialmente spendibili.
3. La Formazione
Per supportare il complesso lavoro necessita un aggiornamento/formazione costante e a largo
spettro di tutto il personale per esaltarne la professionalità. L’ottica generale resta la
valutazione di sistema declinata in maniera da comprendere l’innovazione e la sicurezza,
tematiche pedagogico-didattiche e strategie organizzative..., coinvolgendo, all’occasione, i
genitori ed il territorio per contribuire al globale miglioramento.
Il Pof include poi varie esperienze, che dicono della ricchezza propositiva di una realtà
scolastica che mira alla qualità innovando per conseguire mete culturali e di cittadinanza cui è
chiamata, ispirandosi alle “Indicazione per il curricolo” di ultima emanazione, ove vengono
sintetizzate, come segue le piste dell’educare istruendo:
consegnare il patrimonio culturale che ci viene dal passato perché non vada disperso e
possa essere messo a frutto;
preparare al futuro introducendo i giovani alla vita adulta, fornendo loro quelle
competenze indispensabili per essere protagonisti all’interno del contesto economico e
sociale in cui vivono;
accompagnare il percorso di formazione personale che uno studente compie sostenendo
la sua ricerca di senso e il faticoso processo di costruzione della propria personalità.
Piste che ci paiono consone al lavoro in atto.
Oltre all’intero collegio, doverosamente si ringraziano: per la collaborazione e la revisione le
Funzioni Strumentali e il Personale ATA per quanto di pertinenza.
L’auspicio è che le pagine che seguono possano, in qualche modo, orientare nella sempre più
ardua impresa dell’educare, coscienti, come siamo, che, come affermato dal Governatore della
Banca d’Italia: “l’istruzione è uno dei più importanti capitoli di un’azione di riforma volta a
modificare il contesto in cui è inserito il sistema”.

Brindisi, 29/10/2007

IL DIRIGENTE SCOLASTICO
(Prof. Domenico Casale)

2
Premessa
Il Piano dell’Offerta Formativa costituisce il documento fondamentale dell’identità
culturale e progettuale della scuola ed esplicita la progettazione didattico-formativa ed
organizzativa al fine di rendere il processo d’insegnamento-apprendimento sempre più
rispondente alle esigenze dell’attuale società “...ed alle caratteristiche specifiche dei soggetti
coinvolti, al fine di garantire loro il successo formativo, coerentemente alle finalità e agli obiettivi
generali del sistema d’istruzione” (D.P.R. 275/99 Reg. Autonomia).

. . . - ! " " # $% %&'( )

! %)) # $ % & & )) (

* &

( $) )) " )

& +

,
* ,

3
1. Contesto territoriale

1.1. Il contesto socio-economico


La Scuola Secondaria di I grado “Caduti di Marzabotto - Giulio Cesare” opera in una città
che presenta molteplici problematiche socio-strutturali, frutto di uno sviluppo a singhiozzi,
poco regolare e organizzato nel tempo.
I disagi economici di gran parte dei cittadini non trovano risposte in opportunità
occupazionali che, al contrario, vanno riducendosi, a partire dagli anni Ottanta, per la crisi
delle piccole e grandi industrie operanti nel territorio. Queste erano sorte negli anni Cinquanta
senza una programmazione legata alla “vocazione” lavorativa dei Brindisini. L’agricoltura, la
pesca, l’artigianato e il commercio che avevano caratterizzato per lunghi anni la vita
economica della città, hanno subito un arresto sensibile.
Le problematiche sociali si sono acuite come in tante altre città del Meridione d’Italia: c’è
carenza di strutture e di servizi sociali; opere iniziate ma lente nel compiersi; sviluppo urbano
selvaggio, spesso abusivo; collegamenti insufficienti tra i punti nodali della città ed in
particolare tra centro e periferia e tra periferie; assenza non sempre giustificata delle
Istituzioni e non.
In questo contesto, senza alcuna difficoltà, hanno attecchito il contrabbando e la
criminalità nelle sue varie manifestazioni: dalla criminalità comune a quella giovanile, a
quella organizzata, a quella che si regge sulle tangenti, le rapine, le estorsioni, le bombe, gli
omicidi ed i regolamenti di conto. Proliferano attualmente il racket e l’usura.
Disoccupazione, criminalità, illegalità, si condizionano a vicenda e alimentano uno lo
sviluppo dell’altro. Vanno scomparendo i piccoli esercizi commerciali, soprattutto nel centro
storico, che erano una risorsa occupazionale per molte famiglie; vanno riducendosi
sensibilmente i laboratori artigianali; i giovani si tengono lontani dal lavoro legato
all’agricoltura e, se non frequentano la scuola, per la gran parte vagabondano per le vie della
città o trascorrono molto tempo nelle sale da gioco o si “divertono” nel compiere atti
vandalici, piccoli furti ed estorsioni.
Questo aspetto della vita cittadina costituisce un problema che turba la società civile e che
deve essere affrontato dalle Istituzioni, compresa la Scuola, secondo il proprio ruolo e
competenza.
Brindisi, inoltre, si presenta come una “città di frontiera” non solo per i rapporti turistici e
commerciali marittimi, ma anche e soprattutto per l’esodo dei popoli dell’est europeo
travagliati da crisi politiche ed economiche e che si riversano in Italia e nell’Europa in cerca
di migliori condizioni lavorative che, a volte, sfociano in attività illegali che alimentano la
delinquenza locale.
Insieme ad altre città della Puglia situate sulle coste dell’Adriatico meridionale, sin dal
1991 ha il costante problema dell’accoglienza e del controllo dei clandestini albanesi, turchi,
curdi che spesso rischiano la vita a causa di incoscienti e cinici “traghettatori” di uomini e di
droga.
Il porto di Brindisi lega l’Italia e l’Europa alla Grecia, all’Albania e alla Turchia.
Geograficamente strategico, grande ricchezza naturale, è usato poco e male. Tentativi di
sviluppo s’intersecano con interessi locali e di altre città portuali vicine che ne vogliono
arrestare il processo. Anche l’aeroporto, struttura dalle grandi potenzialità, che potrebbe
servire tutto il Salento, è penalizzato dalla servitù militare e dallo scarso interesse della società
che lo gestisce.
Ciò che caratterizza Brindisi, invece, sono le due centrali termoelettriche che funzionando
a carbone costituiscono per la città e per tutto il Salento, a causa dei fumi, ceneri e piogge
acide, fonte d’inquinamento nocivo per la salute. Da fonti ufficiali infatti è emerso che è

4
aumentato il numero di ammalati di tumore alle vie respiratorie, cosi come aumentano nei
soggetti a rischio, bambini ed anziani, casi di asma bronchiale ed allergie varie.
Le campagne facenti parte del territorio brindisino sono molto fertili. Si coltivano per la
maggior parte viti, pomodori e carciofi. Mancano però industrie conserviere e di
trasformazione. Il mare, una volta molto pescoso, per l’inquinamento causato dagli scarichi
urbani ed industriali, offre pesca meno abbondante ed i pochi pescatori rimasti devono
allontanarsi molto dalla costa e spesso ricorrono alla pesca di frodo.
A causa delle scarse risorse occupazionali molti lavoratori da Brindisi si trasferiscono in
altri Comuni italiani, soprattutto del nord, in cerca di lavoro. I giovani che si allontanano dalla
città per gli studi universitari, difficilmente ritornano, perché il territorio non offre possibilità
di occupazione. Ciò costituisce una grave perdita per la città perché perde le migliori risorse
umane e professionali di cui potrebbe disporre per un rilancio dell’economia.
I quartieri della città si presentano alquanto poveri di luoghi aggreganti, sia a livello socio
– culturale sia a livello sportivo e ricreativo. Un ruolo decisamente centrale viene svolto dalle
Parrocchie.
La città di Brindisi vive nella contraddizione: non è un piccolo centro dove la piazza, le
strade, i bar costituiscono abitualmente il luogo d’incontro dei cittadini e non è nemmeno un
grande centro con le strutture tipiche della grande città urbana. Di conseguenza il territorio in
sé non aggrega neanche nei quartieri periferici.
Da un’indagine condotta attraverso un questionario dato alle famiglie è risultato che il
25% ritiene che nel proprio quartiere non esista alcun centro aggregativo importante e
significativo. Il 4% risponde che è il bar un centro d’incontro, il 10% indica la piazza e le
strade, il 3% il circolo ricreativo, lo 0,5% il circolo culturale, il 6,5% il circolo sportivo, il
48,8% la Parrocchia, il 2,2% risponde altro.

1.2. Quartieri in cui opera la Scuola Secondaria di I grado “C. di Marzabotto - G. Cesare”

“Commenda” e “Bozzano”
La Commenda fino al 1950 non era altro che una zona agricola a ridosso della città adibita
alla coltura di vigneto, oliveto, seminativo e pascolo. Di tanto in tanto s’incontrava qualche
casa colonica: un piano terra a tegole, aia sul davanti, ovile nella parte retrostante.
Il nome “commenda” non era casuale, infatti, originariamente, secondo il Diritto
Ecclesiastico, si trattava di un privilegio o forma contrattuale in uso nel Medioevo,
tipicamente attuato in città marittime.
Le zone prescelte quali “commende” venivano affidate alle cure del Vescovo più vicino
fino a quando non si fosse provveduto a un Rettore; la “commenda” quindi rappresentava un
beneficio ecclesiastico. Nel caso di Brindisi, ad essere commendatari (fruitori della proprietà
e dei frutti) erano i canonici regolari del Santo Sepolcro di Barletta.
Col trascorrere del tempo, intorno alla seconda metà del 1700, avvenne l’eversione dei
beni ecclesiastici: la Commenda di Brindisi fu acquisita prima dal demanio, successivamente
dal Comune. Il processo di urbanizzazione della zona che vide la città estendersi per motivi di
crescita della popolazione a causa dell’insediamento delle industrie e della base NATO,
cominciò ad avvenire tra il 1950 ed il 1955.
Costruzioni di edilizia GESCAL e di Cooperative fecero esplodere il quartiere Commenda
che nel 1962 fu unito al Centro storico della città dal cavalcavia De Gasperi. Ora si estende
verso Sant’Elia, formando le zone di Santa Chiara e Sant’Angelo.

5
Attualmente è un quartiere attivo e popoloso (circa 30.000 abitanti), viene considerato il
centro cittadino dei servizi, in quanto vi ha sede il Provveditorato agli Studi, la Biblioteca
Provinciale, con annesso Consorzio dell’Università, la ASL, la sede dell’ENEL, uffici
finanziari, molte banche, diverse scuole, cinema, sale da gioco e palestre private, studi vari di
professionisti.
Dal quartiere Commenda, superando con un cavalcavia il Canale Patri (detto
“Canalicchio”) si giunge al rione Bozzano sorto intorno agli anni sessanta come quartiere
residenziale; in realtà è un quartiere dormitorio. Ci sono palazzi moderni e funzionali, ma
mancano uffici e servizi. Negli ultimi anni si sono aggiunti grandi complessi popolari. Il
sorgere di una Parrocchia e di un centro sportivo, la costruzione della Scuola Elementare e
della Scuola Materna, l’apertura di un Ufficio Postale, di un Istituto Bancario ed di una
Multisala, la presenza di una farmacia e di ambulatori medici, fanno sperare nel
miglioramento ed incremento dei servizi di cui necessita.

1.3. Risorse del territorio

Il territorio della città di Brindisi e del quartiere in cui è allocata la Scuola Secondaria di I
grado “Caduti di Marzabotto - Giulio Cesare” offre varie risorse riconducibili ad Enti pubblici
ed Istituzioni, Associazioni di volontariato e di categoria, Parrocchie, laboratori artigianali,
attività di liberi professionisti, ecc.

- Enti pubblici ed Istituzioni:


Circoscrizione
Comune
Provincia
Uffici regionali periferici
Azienda sanitaria locale
Vari corpi militari
Polizia municipale
Polizia di Stato
Camera di Commercio
VV.FF.
Scuole elementari
Scuole superiori
- Associazioni di volontariato:
WWF
AIL
ANT
LEGAMBIENTE
UNICEF
ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA
- Altre risorse e competenze:
Biblioteca Provinciale
Biblioteca Arcivescovile “De Leo”
Archivio di Stato
Museo Provinciale
Università degli Studi di Lecce
Università degli Studi di Bari
Parrocchie
6
- Realtà produttive:
ENEL
Industrie
Imprese artigiane
Centri commerciali
Aziende agricole e di trasformazione alimentare
Laboratori per la ricerca scientifica
Impianti di alta tecnologia
Sedi di giornali e di mezzi di produzione radio-televisiva.
La Scuola Secondaria di I grado “Caduti di Marzabotto - Giulio Cesare”, in base ad
esperienze già collaudate, allaccia e/o gestisce rapporti con le agenzie coinvolte nella
formazione dei ragazzi, condivide e accetta reciproche proposte/progetti, realizza e
verifica le varie situazioni formative che devono sempre essere coerenti con il Piano
dell’Offerta Formativa d’Istituto e con le Finalità educative e didattiche che si propone di
raggiungere.

7
1.4. Mappa potenziale di sinergie “Scuola – territorio”
per la realizzazione del POF

ENTI PUBBLICI ed ISTITUZIONI

ISTITUTI
SUPERIORI
S. P. 4o e 5° Circolo STP
“COLLODI” e
“CRUDOMONTE”

Scuola Secondaria di I grado POLIZIA


ASL
“C. di MARZABOTTO- MUNICIPALE E
G. CESARE” CORPI MILITARI

ENTI
LOCALI ONU
POLO
UNIVERSITARIO

ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO

ANT
WWF AIL

Scuola Secondaria di I grado


“C. di MARZABOTTO- LEGAMBIENTE
PET - TAC
G. CESARE”

ASSOCIAZIONI AFS
di CATEGORIA INTERCULTURA

8
1.5. ALTRE RISORSE E COMPETENZE & REALTÀ PRODUTTIVE

UNIVERSITÀ
BIBLIOTECA degli Studi di
PROVINCIALE
INDUSTRIE
LECCE e di BARI

BLIBLIOTECA IMPRESE
ARCIVESCOVILE ARTIGIANE
“DE LEO”

CENTRI
ARCHIVIO DI COMMERCIALI
STATO
Scuola Secondaria di I grado
“C. di MARZABOTTO- AZIENDE
MUSEO AGRICOLE O DI
PROVINCIALE G. CESARE” TRASFORMAZIONE
COMMERCIALE

LABORATORI
PARROCCHIA
PER LA RICERCA
SCIENTIFICA

SEDI DI GIORNALI E DI
MEZZI DI PRODUZIONE
RADIO - TELEVISIVA
ENEL

9
2. Fisionomia della Scuola

2.1. La storia.
La S.S.di I grado “Caduti di Marzabotto – Giulio Cesare ” di Brindisi è ubicata nel
quartiere Commenda, tra Viale A. Moro, Via Tirolo e Via Carnaro. Nasce, con l’autonomia
scolastica, dall’unificazione delle due scuole medie, la S. M . S. “Giulio Cesare” e la S. M. S.
“Caduti di Marzabotto”, che già occupavano lo stesso edificio.
Nell’anno scolastico 1959/’60 entrò in funzione, al rione Commenda, la Scuola Media
“Giulio Cesare”, come seconda scuola media di Brindisi e prima scuola di periferia.
Inizialmente la Scuola Media Statale “Giulio Cesare”, raccoglieva l’utenza del rione
Commenda, caratterizzato da un tessuto socio-culturale modesto che è andato, pian piano,
modificandosi a partire dalla seconda metà degli anni sessanta con la nascita di consistenti
complessi condominiali. Lo sviluppo edilizio ha comportato, di conseguenza, l’incremento
della popolazione scolastica ed una modificazione del tessuto socio-economico che è
divenuto così eterogeneo.
Dopo dodici anni di attività didattica, e precisamente nell’anno scolastico 1971/’72, a
causa del notevole aumento degli alunni, si staccò dal primo nucleo la Scuola Media Statale
“Caduti di Marzabotto”. Alla “nuova” scuola fu assegnata una parte dello stesso edificio.
Pur avendo operato separatamente, ma a volte anche insieme, le due scuole hanno avuto,
sia pure con le debite eccezioni, la stessa storia.
In seguito alla liberalizzazione delle iscrizioni si sono riversati nella la S. M. S. “G.Cesare”,
e nella S. M. S. “Caduti di Marzabotto” anche alunni provenienti dai quartieri limitrofi: Santa
Chiara, Sant’Angelo, Sant’Elia. Nello stesso tempo non sono mancati gli alunni di altri
quartieri della città: Cappuccini, Centro, La Rosa.
In tempi più recenti, le due scuole hanno raccolto soprattutto l’utenza del rione Commenda
e del quartiere Bozzano che, sviluppatosi a partire dalla seconda metà degli anni Settanta, è
caratterizzato da una realtà socio-economica di tipo medio, per la presenza di un gran numero
di impiegati, insegnanti, professionisti e dipendenti pubblici e privati.
Nel corrente anno scolastico, la scuola risulta costituita da 36 classi: undici prime, dodici
seconde e tredici terze, per un numero complessivo di 873 alunni. Vi si registra una presenza
rilevante di alunni disabili, in numero complessivo di 22, per i quali sono stati predisposti
interventi ed anche ambienti idonei allo svolgimento di attività individualizzate. (Grafici 1-2)

Scuola Secondaria di I grado "C. di MARZABOTTO - G. CESARE"


A.S. 2007/2008
n. classi 36

11
13
classi prime
classi seconde
classi terze

12
Grafico n. 1

10
Totale alunni 873

alunni
22
alunni disabili

851

Grafico n. 2

2.2. Gli allievi


L’età media degli allievi che frequentano la Scuola Secondaria di I grado. “Caduti di
Marzabotto – Giulio Cesare” è per la gran parte regolare rispetto al livello di classe
frequentata; solo il 3,6% degli alunni, a causa della ripetenza nel corso della scuola
elementare (raramente) o della scuola media, non risulta regolare. Il tasso medio di ripetenza
negli anni 2003-’04, 2004-’05, 2005-’06 è stato dell’1,24%. La non ammissione alla classe
successiva si è verificata in maniera più significativa nella seconda classe (6,46%), meno
nella prima (3,6%) e nella terza (1,2%). (Grafici 3-4-5)
Nell’anno scolastico 2005-2006 il tasso medio di ripetenza si è notevolmente ridotto
grazie agli interventi di recupero individualizzati che sono stati messi in atto. Infatti il tasso
medio è dello 0,70%. In particolare per le prime è dello 0,6%, per le seconde dell’ 1,53%, per
le terze dello 0%. (Grafici 6-7)
La frequenza è prevalentemente assidua ed i casi di frequenza sporadica sono inferiori al
2%. Non vi sono casi di evasione dall’obbligo scolastico.

Età me dia de gli allie v i


L’età non è
regolare a
Alunni non causa della
in regola ripetenza di 1
con l'età 3,6% o2 anni nel
corso della
Alunni in
scuola
regola con
l'età elementare o
della scuola
media
96,4%

Grafico 3

11
Tasso medio di ripetenza negli anni dal 2003/'04 al 2005/'06

1,24%
Tasso
medio
Ripetenza

98,76%

Grafico 4

Non ammissione alle classi successive


negli anni dal 2003/'04 al 2005/'06

88,75%

Prima classe 3,60%


Seconda classe
6,45%
Terza classe 1,20%

Grafico 5

Anno Scolastico 2005 - 2006


Tasso medio di ripetenza

0,70%

Tasso medio ripetenza


Ammessi

99,30% Grafico 6

Anno Scolastico 2005 - 2006


Non ammissione alle classi successive

97,83%
Prima classe

Seconda classe

Terza classe
0,60%
1,57%
0,00%
Grafico 7

12
Anno Scolastico 2006- 2007
Tasso medio di ripetenza

0,44%
Tasso medio ripetenza
Ammessi

99,56%
Grafico 8

Anno Scolastico 2006 - 2007


Non ammissione alle classi successive

98,68%
Prima classe

Seconda classe

Terza classe
0,36%
0,64%
0,32% Grafico 9

13
Dai questionari somministrati agli alunni risulta che nel tempo libero ben il 42% pratica
sport (in particolare calcio, basket, pallavolo, danza, aerobica), mentre il 28,2% si dedica a
“giochi vari”. Molto amati, ovviamente, la TV (36,6%) ed i videogames\computer (25,1%).
Solo il 9,9% trascorre il tempo libero con gli amici, ancor meno sono coloro che si dedicano
alla lettura (9,1%), alla musica (6,1%), al disegno (3,8%) o semplicemente a passeggiare a
piedi o in bici (4,5%).
Che lo sport sia l’attività più amata e diffusa tra i nostri ragazzi si evince anche dalle
risposte date alle domande riguardanti il tipo di associazioni frequentate. Al primo posto
infatti vi sono quelle sportive (37%) seguite da quelle religiose (intendendo quasi
esclusivamente l’oratorio, 30%). Seguono le altre associazioni (11%). Il 22% non frequenta
alcuna associazione. (Grafici 8-9).
I luoghi d’incontro con i coetanei sono prevalentemente il cortile (38,9%), la strada
(25%), la propria abitazione (8%). Altri punti di riferimento sono l’oratorio (3,8%) ed i campi
sportivi (calcio, basket, 3%). Il 21,3% dei ragazzi il pomeriggio o nel tempo libero non
s’incontra con i propri coetanei. In famiglia si leggono prevalentemente quotidiani (53,2%) e
settimanali (29,1%) mentre, in linea con la tendenza nazionale, poco diffusi risultano i libri
(5,6%).Il 12,1%, infine, dichiara di non effettuare alcuna lettura. (Grafici 10-11). A scuola
sono in grado di comunicare e, in molti casi, di relazionarsi correttamente. Nei rapporti sociali
comunicano con estrema facilità tra pari.
Alcuni sanno assumere responsabilità rispetto alle regole del gruppo, altri risultano più
gregari e/o non sono in grado di esprimere la propria posizione personale. In situazioni di
studio e/o di lavoro, sanno elaborare un programma quasi esclusivamente con la guida di un
adulto e talvolta incontrano difficoltà a tradurre le informazioni ricevute in azioni. I
riferimenti socio-culturali degli allievi si possono ricondurre prevalentemente alla famiglia e
al gruppo di amici. In famiglia si confidano prevalentemente con la madre (46,8%), solo nel
6,3% dei casi con il padre, il 14,2% con fratelli/sorelle, il 3% con gli amici; il 29,7% dichiara,
tuttavia, di parlare indifferentemente ai genitori dei loro problemi. (Grafico 12)

Attività svolte dagli alunni nel tempo libero

45% 42,0%

40% 36,6%

35%
28,2%
30%
25,1%
25%
20%
15%
9,9%
10% 9,1%
6,1% 4,5%
5% 3,8%

0%
TV

ra
t

ri

a
e

no
or

e
ic
va

ic
m

at
ttu
am
Sp

us

eg
a

gi
hi

Le
og

eg

is
c

on
io

D
de

ss
C
G

Vi

Pa

Grafico 8

14
Associazione frequentate dagli alunni

22%
Associazioni sportive 37%
Ass. religiose (oratorio)
Altre 11%
Nessuna associazione 30%

Grafico 9

Luoghi di incontro alunni con coetanei

21,3%
Cortile
Strada 38,9%
3,0%
Abitazione
Oratorio 3,8%
Campi sportivi 8,0%
Nessun incontro
25,0%
Grafico

Letture in famiglia

53,2%

Quotidiani

Settimanali
29,1%
Libri
12,1% 5,6%
Nessuna lettura

Grafico 11

15
Rife rime nti socio-culturali de gli allie v i

Si confidano con
la m adre
29,7%
con il padre 46,8%

con fratelli/s orelle


3,0%
con am ici 14,2% 6,3%
entram bi i genitori

Grafico 12

2.3. La famiglia
Dai dati elaborati è emerso che gli alunni vivono prevalentemente con entrambi i genitori
in nuclei familiari composti per il 56% da quattro componenti e per il 21% da cinque.
Seguono i nuclei con tre membri per il 10%, con sei per il 5%, con sette per il 4%, con due
per il 2%, con otto per il 2%. (Grafico 13)
È la madre, nella maggioranza dei casi, che segue i figli nello studio pomeridiano (46%)
mentre il padre svolge questo compito solo nel 10%. Il 15% degli alunni dichiara di essere
seguito da entrambi i genitori. L’8% degli alunni viene seguito da altre persone (fratelli,
nonni, insegnanti,ecc.). C’è poi il 23% che, invece, non riceve aiuto da nessuno. Molto
significativo per la scuola è questo ultimo dato ai fini della sua progettazione per gli interventi
di sostegno e recupero.(Grafico 14)
Relativamente all’attività del padre le voci più frequenti sono quelle di operaio–artigiano
(30,5%) e di impiegato (26,6%). Al terzo posto si attestano commercianti e vigili (6,2%)
seguiti da liberi professionisti (in prevalenza medici ed avvocati 6,7%), militari (4,8%),
piccoli imprenditori e contadini (4,5%), insegnanti 2,5%. I disoccupati rappresentano il 12,5%
dei casi, mentre si registra, dato da non sottovalutare, il 5,7% delle “non risposte”. Tra le
madri, invece, l’attività prevalente è quella di casalinga (66,2%); seguono le impiegate
(17,5%) e le insegnanti (9,6%) mentre le collaboratrici domestiche rappresentano il 6,7% dei
casi. (Grafici 15-16)
Il titolo di studio più diffuso, per entrambi i genitori, è la licenza media (51,2% dei padri e
49,3% delle madri) seguita dal diploma di scuola superiore (28,2% dei padri e 31,2% delle
madri). Stessa percentuale (7,6%) per la licenza elementare, mentre i laureati sono per il 6,1%
di sesso maschile e il 5,0% di sesso femminile. Numerose e, anche in questo caso, indicative
le “non risposte” (6,9%).(Grafico 17)
Le problematiche di disgregazione familiare (separazione, mancanza di un genitore,
lontananza del padre per lavoro, incompatibilità, ecc.) che influiscono sulla condizione
affettiva degli allievi, sono abbastanza frequenti. I principali problemi dei nuclei familiari
sono il reddito modesto, la disoccupazione, la carenza di legame affettivo e la deprivazione
culturale. Queste situazioni si ripercuotono naturalmente in senso negativo sugli alunni e
rendono meno collaborativi i genitori nei confronti della scuola cui delegano l’educazione dei
figli. Fortunatamente c’è una buona fascia di famiglie regolari che seguono con attenzione i
figli e collaborano con la scuola.

16
Composizione nuclei familiari alunni

2 componenti 56%
3 comp.
4 comp.
21%
5 comp.
10% 5%
6 comp.
2% 4%
7 comp. 2%
8 comp.
Grafico 13

Durante lo studio pomeridiano gli alunni vengono


seguiti da:

Nessuno
21%
Madre
46%
Altre persone
8%
Entrambi i
genitori Padre
15% 10%
Grafico 14

Attività lavorativa del padre

Non rispondono Operaio-artigiano


5,7% 30,5%

disoccupati
12,5%
Impiegato
26,6%
insegnanti
2,5%

Imprenditori e Commercianti e
contadini vigili
4,5% 6,2%
Militari Liberi
4,8% professionisti
6,7%
Grafico 15

17
Attività lavoratriva della madre

Impiegate
17,5%

Insegnanti
9,6%
Casalinghe
66,2%
Collaboratrici
domestiche
6,7%
Grafico 16

Titolo di studio dei genitori


60,0%
50,0% Padre
40,0%
Madre
30,0%
20,0%
10,0%
0,0%
Licenza Lic.
Diploma Laureati Non risponde
media elementare

Padre 51,2% 28,2% 7,6% 6,1% 6,9%


Madre 49,3% 31,2% 7,6% 5,0% 6,9% Grafico 17

18
3. Le risorse della scuola

3.1. Risorse umane e professionali.


Nel corso degli ultimi anni si è affermata nella scuola una cultura progettuale, sono state
introdotte innovazioni metodologiche e didattiche e sono stati realizzati validi progetti
formativi.
A partire dall’a.s. 1999/2000 il patrimonio professionale dei docenti viene valorizzato con
l’attivazione di “funzioni strumentali” al piano dell’offerta formativa.
Nell’anno scolastico 2006/2007, per la realizzazione delle finalità istituzionali della scuola
in regime di autonomia sono stati individuati n. 6 responsabili delle funzioni – strumentali:
Funzione n. 1: Gestione del POF. (prof.ssa Clara Calbi)
(Raggiungimento degli obiettivi e coordinamento della didattica)
Il docente demandato ad assolvere alla funzione strumentale sopra indicata curerà in
particolare:
Coordinamento della progettazione, attuazione e verifica del P.O.F.
Collaborazione con il Dirigente per la valutazione ed autovalutazione della scuola.
Coordinamento delle attività di progettazione e di programmazione favorendo un
clima di attiva collaborazione, suggerendo modalità operative ed individuando criteri
per la costituzione di nuclei di supporto.
L’analisi dei bisogni formativi, nonché la definizione e la gestione del Piano di
formazione e di aggiornamento.
L’accoglienza dei nuovi docenti.
La produzione di materiali didattici.
Il coordinamento dei docenti al fine di favorire modelli di programmazione
multidisciplinare e comunque tali da consentire il processo di composizione unitaria
dei saperi, in quanto funzionali alla crescita consapevole ed autonoma dell’allievo.
L’archiviazione della documentazione relativa all’attività formativa della scuola.
L’accesso all’informazione utile all’esercizio della funzione docente.
Attivazione di iniziative per favorire i processi di autonomia e innovazione in atto ed il
potenziamento e miglioramento delle qualità professionali.
Funzione n. 2: Sostegno al lavoro dei docenti (proff. G. Faggiano e P. Martina)
(Comunicazione e servizi in rete informatica)
Il docente incaricato della funzione strumentale dovrà assicurare:
L’accesso all’informazione in rete informatica a quanti tra i docenti dovessero farne
esplicita richiesta.
La diffusione della cultura della comunicazione, assicurando la sistematica
veicolazione dell’informazione utile alla realizzazione e gestione del Piano.
La formazione (informatica) in servizio dei docenti.
L’attuazione di un archivio di facile consultazione che consenta un sistematico e
corretto monitoraggio in materia di domanda e di offerta formativa.
La catalogazione di materiale anche con il concorso di informazioni acquisite via
Internet.
La somministrazione ai Docenti di griglie relative a tutti i processi in atto nella scuola
con relativa distribuzione e raccolta.
La tabulazione dei dati.
Il monitoraggio dei processi e la tabulazione.
Operazioni di informatizzazione dei risultati degli scrutini del primo e del secondo
quadrimestre.

19
Funzione n. 3: Interventi e servizi per gli studenti (proff. D. Fiorentini e A. M. Simeone)
(Accoglienza, Orientamento, Recupero e Potenziamento)
Il docente demandato ad assolvere alla funzione strumentale sopra indicata dovrà assicurare:
Definizione delle attività curricolari e laboratoriali coerenti con la Riforma.
Definizione di un piano di accoglienza degli allievi nella scuola che consenta, per un
verso, ai docenti di conoscere gli stessi relativamente alle loro capacità, abilità e
competenze e, per altro verso, agli studenti di acquisire informazioni dettagliate circa
il percorso formativo da compiere e quindi avere conoscenza degli obiettivi didattici,
degli strumenti e delle tecniche di valutazione, della metodologia di lavoro, delle
attività extracurricolari.
Assicurare il raccordo fra scuola e territorio attivando iniziative finalizzate alla
interazione fra formazione e lavoro, anche attraverso il coinvolgimento degli Enti
locali e territoriali (Orientamento).
Cura delle fasi di monitoraggio e valutazione.
Monitoraggio dei ragazzi in difficoltà e coordinamento delle attività di
recupero/potenziamento.
Coordinamento attività extracurricolari.
Progetto integrato di area territoriale, utilizzando fondi per il diritto allo studio, per
l’allestimento di laboratori (laboratorio linguistico, laboratorio musicale, laboratorio
teatrale, ecc...).
L’organizzazione dei servizi connessi all’utilizzazione della biblioteca, dei laboratori
e delle aule speciali.
Funzione n. 4: Attuazione di progetti formativi con Enti e Istituzioni esterne alla scuola
(prof. G. Rinelli) (Ambiente formativo integrato)
Il docente incaricato della funzione strumentale dovrà assicurare:
Sostegno all’innovazione, anche attraverso la sistematica veicolazione di informazioni
relative alla funzione sociale della scuola in regime di autonomia, alle finalità
formative che essa deve perseguire, agli strumenti e criteri di valutazione dei risultati
raggiunti ed alle iniziative di formazione ed aggiornamento vagliando e proponendo al
Collegio dei docenti quelle meglio rispondenti all’impianto concettuale ed alle
modalità organizzative del piano formativo predisposto.
Diffusione del piano dell’offerta formativa prevedendo incontri sia con i
rappresentanti degli enti locali e del mondo del lavoro sia con le famiglie e gli
studenti, nell’intento di promuovere forme di sempre più stretta collaborazione fra la
società civile e la scuola.
Creazione e gestione di un sito informatico.
Interazione con stampa e mezzi di comunicazione.
Coordinamento nell’elaborazione del giornale e del TG d’Istituto.
Attuazione di progetti formativi con Enti e Istituzioni esterne alla scuola (Consiglio
comunale, “Città dei ragazzi”, ...).
Utilizzazione siti didattici.
Coordinamento Progetto “Portale Nazionale della Scuola”.

Nel corrente anno, il corpo docente risulta costituito da 79 docenti di cui 71 con contratto a
tempo indeterminato.
La maggioranza è di sesso femminile. Sono presenti 25 docenti di lettere, 13 di Scienze, 6
d’Inglese, 6 di Francese, 6 di Educazione tecnica, 4 di Educazione artistica, 4 di Educazione
musicale, 4 di Educazione fisica e 9 di sostegno con titolo di specializzazione e 2 di
Educazione religiosa. Sono presenti 2 assistenti per alunni disabili gravi.

20
La Segreteria dispone di un Direttore amministrativo e di 5 Assistenti amministrativi + 1
Utilizzato. Il personale ausiliario è costituito da 13 unità.
Il Collegio dei docenti è articolato in gruppi e commissioni per aree specifiche: gruppi per
discipline (dipartimenti), gruppo H e “gruppi di progetto”.
Ogni gruppo è presieduto da un referente che ha la funzione di coordinare le attività.
I referenti dei progetti saranno le “funzioni strumentali” che cureranno l’andamento
generale, l’organizzazione e la valutazione finale dei singoli progetti:

- Funzione 1: Prof.ssa C. Calbi – Gestione del POF (Progetti n° 1-6-7-8-9)


- Funzione 2: Proff. G. Faggiano, P. Martina – Sostegno al lavoro dei docenti (Progetti n° 1-9)
- Funzione 3: Prof.ssa D. Fiorentini , Prof.ssa A. M. Simeone – Interventi e servizi per gli
studenti (Progetti n° 1-2-3-4-5-8-9)
- Funzione 4: Prof. G. Rinelli – Attuazione di progetti formativi con Enti e Istituzioni esterne
alla Scuola (Progetti n° 1-9)

Vengono poi designati i responsabili dei subprogetti:


Progetto n° 1: Educazione alla convivenza civile.
- Educazione alla cittadinanza (Responsabile prof.ssa CATALANO)
- Educazione stradale (Responsabile prof.ssa DIGIACOMO)
“Patentino a scuola”
- Educazione ambientale (Responsabile prof.ssa FUMAROLA)
- Educazione all’affettività e alla salute (Responsabile prof.ssa MASSAGLI)
Progetto n° 2: Recupero e potenziamento.
RECUPERO
- Progetto “Dispersione”: “Ci sono anch’io” (Responsabile prof.ssa GENTILE)
POTENZIAMENTO
- Latino (Responsabile prof.ssa ATTOLINI)
- Matematica (Responsabile prof.ssa BRUNO)
- Informatica (Responsabile prof. BUCCI)
- Lingue straniere (Responsabili prof.sse TIRONI e TODISCO)
Progetto DELF A1 (Francese)
Progetto KET (Inglese)
Corso di Spagnolo
Progetto Intercultura
Progetto n° 3: Accoglienza, continuità, orientamento.
Iniziative curricolari, extracurricolari e
Stages con le Scuole Elementari e
con le Scuole Superiori del territorio. (Responsabili prof.sse FIORENTINI e SIMEONE)
Progetto n° 4: Creatività espressiva.
- Musica - Teatro (Responsabile prof.ssa PEZZUTO A.)
- Pittura – Manipolazione (Responsabile prof.ssa DE GIORGI)
Progetto n° 5: Cultura, tempo libero.
- Attività sportiva (Responsabile prof.ssa VITALE)
- Visite - Spettacoli (Responsabili prof.sse DE FLORIO E LOPARCO)
Progetto “Visite guidate - Viaggi di Istruzione”
- Giornale d’Istituto - TG (Responsabile prof.ssa FINIZZI)
- Progetto “Biblioteca” (Responsabile prof.ssa LEUCCI)

21
Progetto n° 6: Formazione e aggiornamento.
- “Indicazioni per il curricolo”
- Progettualità varia (“Dispersione”, PON FSE…)
Progetto n° 7: Centro Risorse Territoriali (C.R.T.)
(Responsabile prof.ssa TODISCO)
Progetto n° 8: Sicurezza/Privacy
Progetto “Sicurezza a scuola” (Referente prof. PAGANO)
Progetto n° 9: Progetto Qualità: Valutazione d’Istituto
“La valutazione esterna e l’autovalutazione degli apprendimenti
e della progettualità”

22
FI G URE DI RI FE RI M ENT O

- FUNZIONI STRUMENTALI:
• Funzione 1: Prof.ssa C. Calbi – Gestione del POF (Progetti n° 1-6-7-8-9)
• Funzione 2: Proff. G. Faggiano, P. Martina – Sostegno al lavoro dei docenti (Progetti n° 1-9)
• Funzione 3: Prof.ssa D. Fiorentini , Prof.ssa A. M. Simeone – Interventi e servizi per gli studenti (Progetti n°
1-2-3-4-5-8-9)
• Funzione 4: Prof. G. Rinelli – Attuazione di progetti formativi con Enti e Istituzioni esterne alla Scuola
(Progetti n° 1-9)

- COMITATO DI VALUTAZIONE:
Proff.sse A. Cesaria, S. Greco, C. Massagli, V. R. Valentini.

- COMMISSIONE CONTINUITÀ ( F O R M A Z I O N E C L A S S I ):
Proff.sse M. Bruno, C. Calbi, A. Cesaria, E. De Pascalis, A. Gentile, A. Petrelli, G. Rodi, V. R. Valentini, M.F.
Inglese, E. Gatto, A. Catalano, M.T. Finizzi.

- COMMISSIONE GITE:
Proff.sse A. R. De Florio, M. G. Loparco.

- COORDINATORI DEI DIPARTIMENTI E DEI LABORATORI:


• Italiano (Coordinatore: prof.ssa Silvana Greco)
• Storia e Geografia (Coordinatore: prof. ssa Elda De Pascalis)
• Matematica e Scienze (Coordinatore: prof. ssa Grazia Russo)
• Lingua Inglese (Coordinatore: prof. ssa Grazia Todisco)
• Lingua Francese (Coordinatore: prof. ssa Albina Tironi)
• Tecnologia (Coordinatore: prof. ssa M. Fedela Digiacomo)
• Arte ed Immagine (Coordinatore: prof.ssa M. Elisabetta De Giorgi)
• Musica (Coordinatore: prof. ssa Antonietta Pezzuto)
• Scienze Motorie e Sportive (Coordinatore: prof. ssa Margherita Vitale)
• Religione (Coordinatore: prof. ssa Anna Rita D’Amici)
• Sostegno (Coordinatore: prof. ssa Gabriela Rodi)
• Laboratorio scientifico (prof.ssa Costanza Longobardo)
• Laboratorio musicale (prof. Antonio Sempliciano)
• Laboratorio Linguistico (C.R.T.) (prof.ssa Grazia Todisco)
• Progetto Intercultura (prof.ssa Albina Tironi)

- COORDINATORI E SEGRETARI DEI CONSIGLI DI CLASSE:

CL. COORDINAT. SEGRETARI CL. COORDINAT. SEGRETARI CL. COORDINAT. SEGRETARI


1A SIMEONE TIRONI 2A GUERRIERO DE GIORGI M.E. 3A INGLESE CHETTA
1B LONGOBARDO RINELLI 2B ANGIULI PEZZUTO A. 3B PERRONE VITALE
1C PELLEGRINO ANCORA 2C DE PASCALIS LISI 3C ANDRIANI SEMPLICIANO
1D BRUNO PACE 2D FERRUCCI ZITO 3D COBIANCHI DIGIACOMO
1E FIORENTINI SPALLUTO 2E FINIZZI PETESE 3E LEUCCI PETROLO
1F LUPO D’AMICI 2F CESARIA SERIO 3F ROSIELLO RODI
1G FAGGIANO TODISCO 2G PANUNZIO GIAMPORCARO 3G PETRELLI VILARDI
1H CASCIONE DE FLORIO 2H VALENTINI TOTARO 3H CALÌ LOPARCO
1I FUMAROLA PEZZUTO V. 2I ATTOLINI RIZZO R. 3I GATTO RINI
1L AMODIO NAPOLITANO 2L CALBI RIZZO G. 3L GRECO LAPOMARDA G.
1N RUSSO BUCCI 2M MASSAGLI TAGLIAFERRO 3M TEDESCO AGRIPPA
2N CATALANO FAZIO 3N PETRUCCELLI SARACINO
3O GENTILE A. LAPOMARDA R.

23
CRITERI DI IMPOSTAZIONE DELLE ATTIVITÀ INTEGRATIVE E FACOLTATIVE

- Tutte le attività integrative e facoltative da attuare nel corso dell’a. s. 2005/2006 costituiscono
parte integrante del P.O.F.
- Le suddette attività devono essere regolate da quanto fissato in fase progettuale (progetti e
subprogetti).
- Ogni progetto e/o subprogetto ha come destinatari gli alunni della scuola e, ove richiesto, il
personale scolastico e/o le famiglie.
- Ogni consiglio di classe deve inserire nella sua programmazione i subprogetti di “Educazione
alla Convivenza civile”.
- Coordinatori dei progetti sono le funzioni strumentali; ogni subprogetto ha un suo
responsabile; in ogni classe referente è il coordinatore.
- Il monte ore per ciascun progetto e/o subprogetto è subordinato alla disponibilità finanziaria
della scuola ed è stabilito dagli Organi collegiali.

RUOLO DEL COORDINATORE DI PROGETTO (FUNZIONE STRUMENTALE)


- Cura la stesura del progetto e la sua articolazione nei vari subprogetti.
- Cura i rapporti con i responsabili dei subprogetti nelle varie fasi (di avvio – in itinere – finali).
- Fornisce chiarimenti ed indicazioni per l’attivazione e lo svolgimento dei subprogetti.
- Recepisce i dati delle verifiche finali al fine di procedere alla valutazione dei singoli
subprogetti (come ricaduta sugli alunni e come grado di soddisfazione del servizio da parte
delle famiglie).

COMPITI DEL RESPONSABILE DI SUBPROGETTO.


- Cura la stesura del subprogetto e della scheda di sintesi.
- Cura la diffusione del subprogetto attraverso la figura del referente del Consiglio di Classe.
- Segue “in itinere” lo svolgimento del subprogetto secondo la scansione prefissata.

COMPITI DEL REFENTE DI CLASSE, IL COORDINATORE.


- Il referente del subprogetto del Consiglio di Classe deve stabilire un raccordo con il
responsabile di subprogetto.
- Cura la diffusione del subprogetto nel Consiglio di Classe.
- Cura lo svolgimento del subprogetto nella classe.
- Per le classi prime con il docente di italiano e con il segretario, per le classi seconde con i
segretari della classe seconda e della classe terza cura la tenuta del Portfolio sperimentale.

COMPITI DEL COORDINATORE DEL DIPARTIMENTO.


- Cura il coordinamento dei lavori di gruppo e relaziona sulle opzioni.
- Cura la stesura finale delle Unità di Apprendimento e delle Attività laboratoriali.

24
3. 2. R I S O R S E D E L L A S C U O L A
(Organigramma e Funzionigramma )

ORGANIGRAMMA DI ISTITUTO

FUNZIONI
STRUMENTALI DIRIGENTE
1. Gestione P.O.F.
2. Sostegno docenti SCOLASTICO
(Comunicazione e UFFICIO SEGRETERIA
servizi in rete Direttore Amministrativo
informatica) 5 Assistenti + 1Utilizzata
3. Servizio studenti
(Continuità e 2 Collaboratori
orientamento) CONSIGLIO ISTITUTO
4. Progetti formativi con n. 8 docenti
Enti (Ambiente n. 8 genitori
formativo integrato) n. 2 per. ATA GIUNTA
ESECUTIVA
GRUPPO 6 membri
ORGANO DI
COLLEGIO DOCENTI H GARANZIA
Doc. di lettere 25 2 docenti
Doc. di scienze 13 2 genitori
Doc. di Inglese 6
Capo d’Istituto
Doc. di Francese 6
Doc. di Tecnologia 6
Doc. di Arte ed immagine 4 COMITATO
Doc. di Musica 4
VALUTAZ. SERVIZIO
Doc. di Scienze motorie 4
Doc. 4+2 doc. supplenti RESPONSABILE
Doc. di Religione 2
Doc. di sostegno 9
SICUREZZA
Totale docenti 79 PRIVACY
Rappr. lavoratori
DIPARTIMENTI Figure sensibili
RSU
(tutti i docenti)
3 doc.
∗ Area linguistico – artistico - espressiva
∗ Area storico – geografica
∗ Area matematico – scientifico –
- tecnologica

∗ GRUPPI DI PROGETTO
∗ Educazione alla convivenza civile.
∗ Recupero, integrazione e
potenziamento. FIGURE DI RIFERIMENTO
∗ Accoglienza, continuità, orientamento.
∗ Creatività espressiva. Responsabile Biblioteca
∗ Cultura, tempo libero.
∗ Formazione e aggiornamento.
Responsabile Laboratorio
∗ Centro Risorse scientifico
∗ Sicurezza Responsabile Laboratorio
∗ Valutazione d’Istituto musicale
Responsabili Laboratori
informatici
Responsabili Palestre

25
3. 3. FUNZIONIGRAMMA DI ISTITUTO

Rappresentanza legale
Istituto – Garante
istituzionale
Gestione/coordinamento Gestione amministrativa –
Valorizzazione risorse per certificazioni – atti – gestione
la realizzazione del POF. personale. Gestione economica-
Coordinamento finanziaria.
aree specifiche
SUPPORTO di
del POF Indirizzi generali POF-
Coordinamento
organizzativi –
economico - gestionali
Gestione
economico -
Definizione finanziarie
Disciplina
linee
studenti
Programmazione educ.- didattica integrazione
Elaborazione POF
Programmazione attività Coordinamento
extracurriculare – ampliamentoiniziative
offerta laboratoriali di
Valutazione – Proposte agli riferimento
organi deliberanti
VALUTAZIONE INSS
Proposte gestione risorse –
Valorizzazione risorse
Formazione e aggiornamento - Sicurezza e
adempimenti relativi
- Privacy

Definizione attività didattiche Relazioni


Definizione attività funzionali sindacali
all’insegnamento
Programmazione,
organizzazione, pianificazione,
valutazione delle attività.

3.4. Le risorse strutturali.


La scuola, costituita da un edificio di due piani e piano terra, comprende i seguenti locali:
- un ufficio di presidenza,
- numero 4 uffici di segreteria (Direttore Amm. – Sezione didattica – Sezione docenti)
26
- un aula polifunzionale al primo piano e l’Aula Magna “Valentini”, al piano terra,
- una Sala lettura, Biblioteca,
- una Sala professori,
- numero 36 aule,
- numero 13 aule di laboratorio (n. 1 di Educazione musicale, n.2 di proiezione, n.1 di
Scienze + 1 laboratorio scientifico, n. 1 di manipolazione, n. 4 di Educazione artistica e n.
3 di Informatica),
- numero 9 aule speciali (interventi individualizzati di sostegno e recupero),
- un aula per le risorse territoriali – lingue comunitarie,
- una sala medica,
- numero 4 spogliatoi (due per i ragazzi e due per le ragazze)
- numero 2 palestre,
- numero 3 locali adibiti ad archivio,
- numero 5 depositi piccoli,
- numero 37 servizi igienici per alunni,
- numero 35 servizi igienici per alunne,
- numero 17 servizi igienici per adulti.
Non mancano spazi esterni per le attività sportive e un’area verde.
I locali sono provvisti di norme per lo sfollamento in caso di incendio, di planimetrie e di cartelli
esplicativi.
L’ambiente scolastico è pulito, accogliente e sicuro.
L’Istituto garantisce i seguenti standard di sicurezza, igiene ed accoglienza:
• La sicurezza degli alunni, all’interno del complesso scolastico, è garantita con adeguate
forme di vigilanza da tutto il personale della scuola.
• Il cortile interno della scuola consente la sosta ai ragazzi in attesa dell’inizio delle lezioni,
tenendoli lontani dal pericolo della strada.
• Le condizioni di igiene e sicurezza sono tali da consentire una permanenza confortevole a
scuola per gli insegnanti, il personale e gli allievi.
• Il personale ausiliario, in numero adeguato, si adopera costantemente per garantire l’igiene
dei servizi, delle aule e di tutti i locali.
• In ogni glasse è esposto, oltre al regolamento interno dell’Istituto, anche il piano di
evacuazione, con relativo percorso.
Alla luce di quanto sopra illustrato, le condizioni ambientali della scuola, l’organizzazione delle
attività, le informazioni fornite all’utenza, fanno ritenere sicura l’attività svolta nei locali della
scuola.

N.B.: Si precisa che l’adeguamento alle norme di sicurezza, come gli interventi strutturali e le
dotazioni, sono di pertinenza dell’Ente proprietario, il Comune.

3.5. Le risorse strumentali


Ogni inizio di anno viene fatto l’inventario dei beni in dotazione della Scuola.

27
Allo stato attuale la Scuola risulta dotata dei seguenti beni, che sono di utile supporto alle
attività didattiche:
- lavagna interattiva
- n.1 computers portatili,
- dotazione libraria (circa 2000 volumi),
- 3 fotocopiatrici,
- 45 computers, 8 stampanti, 3 scanners, 2 macchine fotografiche, di cui una digitale; una
videocamera;
- 4 amplificatori con mixer, 6 casse, 8 microfoni con asta e 6 “cimici”; 1 microfono senza
filo;
- 3 karaoke,13 registratori per cassette e lettori CD, un lettore DVD, 1 impianto stereo con
diversi CD e cassette;
- 2 pianoforti, 1 batteria, 4 tastiere, strumentini a percussione, 2 xilofoni;
- 3 videoproiettori, 4 televisori, 4 videoregistratori, adeguata videoteca;
- 1 cinepresa sonora, 1 proiettore sonoro;
- 2 lavagne luminose, 1 epidiascopio, 1 proiettore per diapositive con numerose serie di
diapositive;
- 1 microscopio con vetrini;
- materiale per laboratorio scientifico: 2 tronchi umani con organi estraibili, 1 occhio
smontabile, 1 scatola di mineralogia, attrezzatura per esperimenti sulle leve e sulla spinta di
Archimede, attrezzatura per esperimenti sul piano inclinato e carrucole, attrezzatura per
esperimenti sui vasi comunicanti, amperometro, 5 modelli schematici (botanica), 1 modello
anatomico, 2 bilance , oscilloscopio, vetreria varia, 2 diapason, 1 calamita, modelli di solidi.
- attrezzatura per palestra: ritti, spalliere, asse di equilibrio, ostacoli, pedana per il salto in
alto, cerchi, appoggi, clavette, bacchette, palle mediche, rete per pallavolo, palloni per vari sport
di squadra, varie serie di magliette per basket, calcio e pallavolo, materassi vari, corde per saltelli;
- laboratorio medico con attrezzatura;
- forno per cottura della ceramica.

Nel 2008, grazie ai Fondi Strutturali è stato allestito un laboratorio scientifico, dotato, oltre
all’arredamento, della seguente strumentazione:
- Set vetreria,
- n. 1 stazione meteorologica computerizzata,
- n. 1 microscopio trinoculare,
- n. 4 monoculare per allievi,
- n. 1 microvideocamera per microscopi,
- n. 1 collezione modelli molecolari di chimica organica ed inorganica,
- n. 1 collezione di modelli molecolari di biochimica,
- n. 1 bilancia tecnica di precisione,
- n. 1 pesiera da 200 g,
- n. 1 tester digitale,
- n. 1 set di statica,
- n. 1 set di statica le forze,
- n. 1 apparecchio vasi comunicanti
- n. 1 diavoletto di Cartesio,
- n. 1 doppio cilindro di Archimede
- n. 1 dilatoscopio cubico – Apparecchio di Gravesande
- n. 1 apparecchio di Torricelli,
- n. 1 baroscopio,
- n. 1 serie di accessori per esperimenti di elettrostatica,
- n. 1 kit di elettricità di base,

28
- n. 1 fornello elettrico.

Ogni docente utilizza, ad uso didattico, sussidi e strumentazioni in possesso della scuola ed
è responsabile di quanto prelevato.

3.6. Risorse finanziarie


Le risorse finanziarie della scuola sono costituite prevalentemente dai fondi dello Stato e di
Enti pubblici (Comune e Regione). Data l’esiguità delle risorse economiche, la Scuola si attiverà
nell’aderire alle varie progettualità (Ad esempio, PON – Fondi Strutturali, privati, ecc.) al fine di
dotare la stessa di attrezzature e sussidi che ne migliorino il servizio e di legare con un rapporto
più stretto la stessa scuola al territorio in cui opera interpretandone i bisogni.

29
3.7. Punti di forza e di debolezza

PUNTI DI FORZA PUNTI DI DEBOLEZZA

Adesione PON. 1) FSE 2)FESR Difficoltà programmatorie per continui e


Lavoro in rete nuovi interventi normativi a livello
metodologico – pedagogico e gestionale.
Variegata strumentazione comunicativa:
giornale, TG, sito. Arredi insufficienti.
Adeguate risorse strutturali. Limitati rapporti tra gli alunni e le forme di
aggregazione socio – economica e culturale
Centro Risorse Territoriali per le Lingue presenti sul territorio.
Comunitarie.
Forze produttive del territorio poco sensibili
Ampliamento ed ottimizzazione della rete ad investire nella scuola.
telematica.
Mentalità assistenzialistica da parte di molte
Competenze diversificate delle risorse famiglie.
umane.
Valida e diversificata Offerta Formativa
della Scuola (programmi didattici, attività
pomeridiane, corsi di recupero, di
potenziamento e di creatività espressiva).
Adeguata organizzazione della scuola
rispetto alle esigenze degli alunni e delle
famiglie (rapporti relazionali, diffusione
delle informazioni, controllo, supporti
didattici).
Gruppo polifonico strumentale.
Gruppo sportivo.
Progetto Musica in collaborazione con il
Teatro Politeama di Lecce.
Consolidato rapporto di collaborazione
progettuale con la Polizia Urbana e con la
Polizia di Stato.

30
4. LA PROPOSTA EDUCATIVO – DIDATTICA

4.1. Analisi dei bisogni

Il nostro contesto socio-economico-culturale, caratterizzato da rapidi cambiamenti,


fortemente pluralistico, ricco di elementi che possono, a seconda dei casi, influire negativamente
o positivamente sui bambini, ci porta a registrare da un lato una tendenza alla nuclearizzazione,
dall’altro sembra aumentare la consapevolezza delle responsabilità educative dei genitori nei
confronti dei figli e la capacità di lettura dei loro bisogni, anche se tutto ciò è accompagnato da
sensi di insicurezza, di insufficienza, di angoscia e talvolta da un iperinvestimento emotivo-
affettivo che può sfociare in un atteggiamento di chiusura-isolamento che incide negativamente
nelle dinamiche relazionali dei bambini che sono amati, iperprotetti, contesi, strumentalizzati.
In particolare, dalle indagini socio-economiche svolte attraverso la somministrazione di
questionari rivolti a tutte le famiglie del nostro Circolo, sono emersi i seguenti bisogni:

• Bisogno di identità
• Bisogno del rispetto delle regole
• Bisogno di relazioni positive
• Bisogno di uguaglianza di opportunità formativa
• Bisogno di contenuti educativo-didattici più aderenti alla realtà contemporanea

L’ipotesi che emerge è quella di un curricolo con ampi margini di flessibilità che integra tra loro
il nucleo essenziale, l’area opzionale e le attività di arricchimento, in modo da mettere a punto la
nostra Offerta Formativa calibrata sulla domanda emergente dal contesto territoriale e
personalizzata in rapporto ai bisogni educativi dei singoli.
Rispondere ai bisogni specifici dei nostri bambini significa integrarsi nel territorio utilizzandolo
come campo di apprendimento e intendendolo come complesso di risorse culturali, linguaggi,
sistemi simbolici vecchi e nuovi, ma anche interessi e tecnologie, modi di utilizzare il tempo
libero.
Un curricolo, inteso come percorso formativo non può ignorare i bisogni affettivi, relazionali,
sociali che sono fortemente implicati nel processo di apprendimento.
La stessa finalità della nostra scuola è indirizzata al valore della “cittadinanza”,
dell’approfondimento della propria identità culturale, della responsabilità e della capacità di
convivenza con gli altri e con le altre culture, aspetti non meno essenziali di quelli che riguardano
l’educazione intellettuale.

4.2. Le scelte educative

Il Collegio dei Docenti per agevolare la crescita personale di ogni alunno, tenendone
presenti le esigenze formative e culturali, individua come prioritari i seguenti percorsi formativi
privilegiandoli allo scopo di raggiungere le finalità educative e culturali della Scuola Secondaria
di primo grado.
1. Educare alla socialità e alla convivenza civile
“Per i giovani le Istituzioni si presentano con il volto della Scuola. E’ necessario allora che la
Scuola offra ai giovani l’immagine coerente di “luogo” dove i diritti e le libertà di tutti, nel
reciproco rispetto, trovano spazio di realizzazione, dove le aspettative dei ragazzi ad un
equilibrato sviluppo culturale e civile non vengono frustrate.” (Circolare Ministeriale 302/93)

31
2. Istruire ai saperi fondamentali e alle conoscenze irrinunciabili
“La cultura di base è umanistica, scientifica e tecnologica. L’evoluzione delle tecnologie e dei
processi produttivi rende indispensabile l’acquisizione sui banchi di scuola dell’attitudine a
rendere operative le conoscenze. Questi orientamenti sono ormai condivisi in campo europeo.”
(C. Callieri)
3. Incentivare allo studio delle lingue, strumenti primari della comunicazione
“La Scuola è chiamata a svolgere il ruolo di laboratorio e di fucina in quanto è suo compito
fornire ai nuovi Cittadini Europei gli strumenti della comunicazione e il sapere necessario per
consentire un confronto proficuo tra le diverse culture, ma anche di promuovere l’incontro
culturale e la civile convivenza tra i Cittadini Europei.” (V. Consiglio)
4. Avviare al linguaggio informatico e multimediale
“La Scuola deve aiutare i giovani a fronteggiare le esigenze connesse alla rapidità dei
cambiamenti tecnologici e sociali, fornendo gli strumenti necessari per sostenere la loro capacità
di apprendere, di orientarsi e di inserirsi nella vita attiva.” (Direttiva Ministero Pubblica
Istruzione 331/97)

4.3. Finalità ed obiettivi

La Scuola Secondaria di 1° “C. di Marzabotto - G. Cesare”, individuati i bisogni


formativi dei propri alunni attraverso l’analisi condotta sulla condizione socio - ambientale di
provenienza e sulla loro precedente esperienza educativa, individuate inoltre le istanze che
provengono dal contesto socio – economico – culturale del territorio, si impegna, attraverso
l’apporto dei docenti e la collaborazione delle famiglie a promuovere lo sviluppo armonico della
personalità dei suoi alunni.
Individua metodologie, strumenti e attività educative e didattiche mirate a sviluppare negli
allievi una coscienza civile e democratica ed una conoscenza consapevole delle responsabilità
personali relative alle varie situazioni in cui ciascuno potrà trovarsi ed ai differenti ruoli che potrà
svolgere nell’arco della vita.
A tal fine l’azione formativa mirerà a:
costruire e strutturare l’identità delle persone attraverso le esperienze;
attrezzare i ragazzi di conoscenze trasferibili dalle situazioni scolastiche alla vita sociale;
educare alla socialità e alla convivenza civile;
sviluppare competenze strategiche forti, soprattutto in relazione all’acquisizione ed alla
gestione del sapere;
istruire ai saperi fondamentali e alle conoscenze irrinunciabili;
favorire l’esercizio di una progettualità esistenziale, sostenuta da uno sperimentarsi
consapevole attuato attraverso lo studio e le esperienze extrascolastiche valorizzate dalla
scuola.
incentivare allo studio delle lingue strumenti primari della comunicazione;
avviare al linguaggio informatico e multimediale;
maturare capacità di scelte autonome e consapevoli in una società complessa;
educare al lavoro come espressione, valorizzazione e sperimentazione di sé;
creare occasione per recuperare le radici territoriali, l’affetto ed il senso di appartenenza per il
proprio territorio;
educare ai valori;
educare all’intercultura, all’accoglienza ed al rispetto degli immigrati;
orientare.

32
Le finalità, caratterizzanti la proposta culturale della scuola, saranno rese significative facendo
raggiungere a tutti, a conclusione della scuola media, qualunque sia la scelta successiva, almeno
gli obiettivi che seguono:
comprendere e produrre testi e formulari di vario tipo;
comunicare ad altri idee e dati, in diverse forme parlate o scritte, organizzando le
informazioni;
elaborare ed interpretare dati quantitativi usando tecniche di tipo matematico;
impostare, analizzare e risolvere problemi utilizzando anche la manualità e/o gli strumenti e i
mezzi tecnologici del nostro tempo;
lavorare e collaborare con gli altri in modo produttivo, critico e non conformistico,
valorizzando le proprie e le altrui competenze anche per assumere decisioni consapevoli;
disporre di strumenti e pratiche di fruizione e produzione di arte, musica, teatro, poesia,
letteratura;
scoprire e potenziare le attitudini motorie personali;
imparare a imparare, a voler continuare a imparare e a insegnare ad altri in diversi contesti
sociali.

che conquista la
che ama il proprio propria identità
paese ed è aperto personale che apprende e sa
al dialogo organizzare ciò che
interculturale apprende

che crede nei


valori di una che sa orientarsi
società civile e per progettare il
democratica suo futuro

che trasferisce le
che considera il
conoscenze e le
lavoro espressione e
che opera scelte competenze nella
realizzazione di sé
autonome in una vita sociale
società complessa

33
4.4. Specificazione dell’offerta formativa

Il Piano dell’offerta formativa contiene la proposta di percorsi formativi funzionali alla


realizzazione del diritto ad apprendere ed alla crescita educativa di tutti gli alunni.
Tali percorsi formativi sono individuati in funzione di esiti attesi (sapere, saper fare, saper essere)
per soddisfare i bisogni degli allievi che richiedono apprendimenti necessari per la loro
formazione di uomini e di cittadini ma ad alcune condizioni.
È necessario innanzitutto che, sulla base di un’attenta analisi dei bisogni formativi degli
allievi, si individuino percorsi in vista dei cambiamenti prospettati per i prossimi anni nei vari
settori delle attività umane. In altri termini, non si può risolvere lo studio e la formazione in un
sapere, inteso anche come saper fare e saper essere, esclusivamente “scolastico”. È
assolutamente indispensabile, invece, progettare situazioni formative in cui i ragazzi, oltre che i
loro insegnanti, possano sperimentare il gusto e la difficoltà di arrivare ad un risultato culturale e
sociale motivante e visibile per i genitori e per la “comunità circostante”.
Per sviluppare negli allievi le abilitazioni necessarie all’esercizio di una determinata attività si
progetteranno situazioni formative centrate su “compiti di realtà”.
Le situazioni formative da privilegiare saranno quelle in cui gli apprendimenti degli allievi
abbiano carattere di urgenza e rilevanza formativa, presentino carattere di necessità persistente
nel tempo e di frequenza nel corso della vita, siano trasferibili ad altre situazioni ed in altri
contesti extrascolastici.
Nell’area della didattica del Piano vengono indicate le competenze che la scuola
dell’autonomia, attraverso il POF, intende sviluppare nei ragazzi affinché, nonostante i limiti
determinati dalla giovane età e dalla non raggiunta autosufficienza economica, essi abbiano il
diritto di essere soggetti sociali attivi e, come tali, individui legittimati a compiere scelte capaci di
attribuire valori e significati alla propria esistenza.

4.5. L’uso delle tecnologie informatiche


Un aiuto per chi fatica, uno stimolo per chi riesce bene

L’importanza e la pervasività che le tecnologie assumono sempre più nella vita lavorativa e
quotidiana ci inducono a riflettere sulla necessità che queste assumano anche una valenza
significativa nei processi di insegnamento/apprendimento.
Il testo scritto da solo non garantisce più e non governa il territorio della metacognizione.
La multimedialità offre una metacognizione di tipo immersivo e reticolare perché più che andare
al fondo delle cose collega e integra gli oggetti e offre la possibilità di manipolare non soltanto
segni di scrittura ma anche dati sonori e visivi.
Il che significa che le attività formative condotte con l’uso integrato dei supporti tecnologici
possono costituire la strategia più idonea per permettere agli alunni di raggiungere in tempi più
rapidi e con maggiore efficacia gli obiettivi loro proposti. Pertanto l’obiettivo della nostra scuola
non è solo quello di offrire una prima alfabetizzazione in campo informatico, ma di offrire agli
alunni l’opportunità di sviluppare abilità di progettazione e ricostruzione del sapere attraverso
l’uso laboratoriale del mezzo informatico e multimediale.

4.6. Handicap e svantaggio


Nella scuola sono inseriti 22 alunni portatori di handicap (16 maschi e 6 femmine) con deficit
psicofisico (sia di tipo lieve che medio e grave). Tre di essi presentano handicap grave, 11
handicap medio e 8 handicap lieve.
Cinque alunni frequentano la prima classe, 7 sono iscritti in seconda e 10 in terza.
Oltre ai succitati alunni portatori di handicap si registra anche la presenza di un certo numero di

34
alunni svantaggiati ed in situazione di ritardo nell' apprendimento che, spesso, in assenza di
opportune strategie metodologiche, vanificano o rallentano l' azione educativa della scuola,
moltiplicando le situazioni di insuccesso scolastico ed impedendo una piena integrazione dei
soggetti in maggiore difficoltà.
Indispensabile appare, in questa situazione, offrire ai ragazzi caratterizzati da una preparazione
culturale inadeguata un sistematico ed efficace intervento di recupero che riguardi tutte le aree
disciplinari e che venga regolarmente attuato nel corso di tutto l' anno scolastico, senza tuttavia
penalizzare gli alunni più preparati (presenti in numero considerevole) rallentandone le attività di
studio od ostacolando il processo di socializzazione e di integrazione all' interno delle classi.
Va ricordato, infatti, che il principio della individualizzazione che riguarda, ovviamente, tutti gli
alunni è la sola "garanzia di effettiva soddisfazione del diritto allo studio". Per quanto riguarda,
in particolare, gli alunni svantaggiati o portatori di handicap, la loro presenza nella classe impone
innanzitutto, il rispetto, "più attento” della loro differente situazione e di conseguenza la
puntuale e sistematica programmazione di appropriati interventi educativi e didattici.
Consapevoli, tuttavia, che per consentire nel preadolescente lo sviluppo di una formazione
globale non basta il recupero delle abilità cognitive, agli alunni in difficoltà la scuola intende
offrire ulteriori possibilità di recupero e di integrazione al fine di rafforzare la socializzazione e
sviluppare l' autostima. Ripropone, quindi, l' allestimento di laboratori a carattere curriculare ed
extracurriculare in cui vengano privilegiati la manipolazione e l' insegnamento delle autonomie,
volto quest' ultimo allo sviluppo delle abilità sociali (uso dell' orologio, del calendario, del
telefono, del denaro, compilazione di moduli, ecc.).

4.7. Curricolo della scuola

Nell’ambito dell’autonomia scolastica, la Scuola Secondaria di I grado “C. di MARZABOTTO


- G. CESARE”, tenendo conto delle istanze che provengono dalle famiglie e dal contesto
territoriale, ha voluto cogliere lo spirito dell’innovazione che permette di differenziare l’attività
curricolare in relazione agli interessi, alle motivazioni ed agli apprendimenti pregressi degli
alunni, garantendo a tutti non solo i saperi fondamentali ed obbligatori ma anche quei saperi
facoltativi ed integrativi che favoriscono una crescita armonica in relazione e a completamento di
quanto offrono agenzie educative ed istituzioni esterne alla scuola stessa.
Pertanto il curricolo necessariamente deve considerarsi un curricolo flessibile che si prefigge
l’ampliamento del successo formativo, l’innalzamento degli standard e l’orientamento personale
e scolastico.

35
4.8. URRIC
CUR RICOLO
OLO FLESSIBILE
ILE

CURRICOLO INTEGRATIVO
CURRICOLO ESSENZIALE
E OPZIONALE

& ' % ' " '


& '

! " ! "
" & !
)
' "
! "
! )
"

! "
&

* ! &
!' ' " #
! " & !
$ & !
!&

! " &
# &' # ' !
"
' "

! " * (
) )
) &'
&'
&& &&
( !& '
)
!'

36
4.9. Portfolio delle competenze individuali

Per confermare la centralità dell’allievo e il principio della cooperazione educativa tra le


diverse agenzie educative sarà curato per gli allievi delle seconde e terze classi un fascicolo teso a
promuovere uno scambio di informazioni nel passaggio tra i diversi ordini di scuola:

• Questionario conoscitivo da far compilare agli alunni e famiglie.


• Scheda personale per il passaggio dalla scuola media alla scuola superiore.
• Attestati di partecipazione ai corsi di potenziamento offerti dalla Scuola.
• Attestati di partecipazione a Concorsi.
• Attestati di partecipazione a gare sportive provinciali e regionali.

4.10. I saperi irrinunciabili

Area linguistica
L1
• Comprensione di vari tipi di testo: narrativo, descrittivo, cronachistico, poetico e
argomentativo.
• Produzione di testi rispondenti alle diverse funzionalità comunicative: racconto,
descrizione, parafrasi, riassunto, commento, relazione e argomentazione.
• Padronanza di un lessico tale da consentire la comprensione di varie esperienze, di testi
disciplinari e il reimpiego.
• Rispetto dell'ortografia.
• Corretto uso della punteggiatura.
• Corretto uso della morfo-sintassi in relazione al contesto comunicativo

L2
• Comprensione orale e scritta di semplici testi narrativi descrittivi, giornalistici storico-
geografici.
• Produzione orale e scritta di semplici testi relativi a situazioni della vita quotidiana.
• Conoscenza e uso delle principali funzioni della comunicazione linguistica.
• Lessico relativo alla vita quotidiana.
• Conoscenza ed uso delle frasi idiomatiche più comuni.

Area storico-geografica
Storia - Ed.Civica
• Conoscenza degli eventi principali che hanno caratterizzati le diverse epoche storiche.
• Capacità di collocare le vicende nello spazio e nel tempo.
• Saper contestualizzare un fatto nella dimensione politica, sociale, economica e culturale.
• Conoscere e saper applicare in contesti diversi i concetti chiave della storia.
• Capacità di stabilire relazioni tra fatti
• Padronanza del lessico specifico e capacità di reimpiego.
• Lettura e decodificazione degli strumenti disciplinari

37
Geografia
• Conoscenza delle caratteristiche fisiche e umane di un territorio.
• Consapevolezza delle relazioni esplicite e implicite tra ambiente fisico e aspetti umani.
• Capacità di confrontare diverse realtà socio-ambientali
• Padronanza del lessico specifico e capacità di reimpiego
• Lettura e decodificazione e costruzione di carte, grafici e tabelle .

Area tecnico-scientifica
• Conoscenza dell' insieme dei numeri, dei successivi ampliamenti e delle operazioni man mano
possibili.
• Conoscenza ed uso degli strumenti e dei sistemi di misura.
• Conoscenza delle proprietà caratteristiche delle figure geometriche.
• Capacità di lettura e di soluzione di un problema aritmetico o geometrico.
• Conoscenza dei meccanismi di funzionamento della natura e della realtà tecnologica
(struttura e funzione dei viventi, relazioni tra i vari componenti di un ambiente, equilibri
ecologici, risorse energetiche rinnovabili e non).
• Conoscenza dei materiali usati dall' uomo per soddisfare i propri bisogni.
• Conoscenze tecniche e tecnologiche del mondo produttivo.
• Capacità di osservare, organizzare una raccolta di dati e interpretarli.
• Capacità di problematizzare, fase previsioni e interpretare criticamente i risultati ottenuti.
• Capacità di astrarre, organizzare e sistemare conoscenze secondo un ordine logico, progettare
semplici esperienze operative.
• Uso delle coordinate e delle rappresentazioni grafiche di vario tipo in situazioni concrete.
• Comprensione ed uso dei linguaggi specifici.

Area linguaggi non verbali

Ed. Musicale
• Conoscenza della terminologia ed uso della stessa per decodificare un messaggio musicale.
• Elaborare testi ritmici o melodici.
• Produzione di elaborati monodici e polifonici(con tecnica vocale e strumentale),finalizzate a
comunicare in modo universale stati d'animo e sensazioni.
• Lettura del prodotto musicale (opere descrittive popolari sinfoniche, liriche, da camera,
contemporanee), comprensione delle tematiche della forma e del linguaggio.
• Contestualizzazione storico-sociale del fatto musicale.

Ed. Artistica
• Lettura dei messaggi visivi provenienti dall'ambiente.
• Conoscenza delle strutture del lingua io visuale: luce, colore, tecniche di composizione.
• Osservazioni sulla figura umana e sull'ambiente naturale e antropico.
• Produzione di messaggi attraverso attività grafiche e pittoriche.
• Conoscenza delle tappe fondamentali dell' arte italiana.
• Uso di una terminologia specifica.
• Lettura di un'
opera d' arte: composizione, linea, colori, proporzioni., tecnica e supporti.

38
Ed. Fisica
• Sviluppo di una più matura coscienza del proprio corpo e delle sue potenzialità motorie ed
espressive, in rapporto alla dimensione spazio-temporale sia individualmente che in gruppo.
• Progressivo potenziamento della mobilità articolare, della forza, della velocità e della
resistenza.
• Acquisizione di abitudini di prevenzione e di tutela della salute: igiene personale, alimentare
e dello sport.
• Conoscenza delle regole dei vari sport e dei corretti comportamenti individuali e di gruppo
anche in situazioni competitive.

4.11. Obiettivi formativi CLASSE I

Premessa
Il programma educativo delle prime classi si pone nella prospettiva dell’intero triennio in
vista del raggiungimento delle finalità culturali e formative della scuola media.
È indubbio che il primo periodo di scuola é quasi sempre vissuto dagli alunni
delle prime classi in un clima di attesa, di novità, di scoperta ma anche di disordine. In tale clima
vengono stabiliti confronti con le precedenti esperienze scolastiche e si realizzano i primi
approcci relazionali con nuovi compagni e docenti. Gli alunni inoltre, provenendo da classi
elementari diverse, sono in possesso di una preparazione abbastanza diversificata sia rispetto ai
contenuti che alle metodologie e ai ritmi di apprendimento. Non va ignorato poi il disagio
psicologico che ogni esperienza di passaggio comporta.
I Consigli di Classe nella prima fase di lavoro si adopereranno, pertanto, a fornire agli alunni
chiarimenti sulle prestazioni e sui comportamenti che ci si attendono da loro e ad indicare finalità
e contenuti del nuovo corso di studi.
Le proposte educative nelle prime classi mireranno soprattutto al consolidamento di
conoscenze e competenze già acquisite dagli alunni nel ciclo della scuola elementare con la quale
si è realizzato un indispensabile e stretto rapporto di continuità educativa.
Il programma educativo sarà quindi di tipo “verticale” (scuola elementare – scuola media) e
di tipo “orizzontale” e che veda impegnate scuola, famiglie, enti locali ed istituzioni del
territorio.

Obiettivi metacognitivi:
In piena concordanza con quanto già avviato nella scuola elementare, si continuerà a:
- far comprendere agli alunni l' importanza che assume la cura della propria
persona nel sentirsi bene con se stessi e a proprio agio con gli altri;
- fargli acquisire l'
abitudine all'uso di un linguaggio rispettoso ed appropriato
alle varie circostanze;
- continuare ad educarli al colloquio, al confronto produttivo, alla solidarietà;
- sviluppare in loro il senso del dovere e della correttezza nell'
assolvimento degli
incarichi;
- fargli acquisire consapevolezza del proprio ambiente.

39
Obiettivi cognitivi:

AREA CREATIVO-ESPRESSIVA E DELLA COMUNICAZIONE


Si continuerà a guidare ciascun alunno ad/a:
- ascoltare in modo fruitivo;
- leggere con corretta dizione ortografica;
- saper comprendere semplici messaggi scritti ed orali ed a rispondere in modo pertinente;
- saper comunicare in modo chiaro e preciso utilizzando un lessico adeguato;
- sapersi esprimere utilizzando i diversi linguaggi non verbali;
- saper produrre elaborati semplici e corretti utilizzando i linguaggi simbolici delle varie
discipline.

AREA DELLA LOGICA


Si continuerà a guidare gli alunni ad/a:
- osservare e descrivere;
- saper organizzare il proprio pensiero;
- cogliere semplici relazioni e differenze;
- sapersi orientare nel tempo e nello spazio.

AREA DELLA RICERCA E DELLA OPERATIVITÀ


Si continuerà a guidare gli alunni ad acquisire:
- adeguate capacità organizzative;
- un giusto e continuo uso di tutti gli strumenti delle varie discipline;
- precisione nel lavoro;
- metodo di studio e di lavoro.

AREA MOTORIA
Si continuerà a guidare gli a:
- consolidare e coordinare adeguatamente gli schemi motori di base.

4.12. Obiettivi formativi CLASSE II

Premessa
Il programma educativo delle seconde classi proseguirà ed amplierà le proposte educative
dell'
anno precedente e che saranno articolate in base alla realtà degli alunni che cambia e si
evolve continuamente.
Il programma educativo sarà pertanto finalizzato ad una continuità
dinamica di metodologie e di contenuti che vedrà da una parte il consolidamento della
preparazione e degli obiettivi conoscitivi ed operativi, il rafforzamento delle abilità di base e
dall'
altra la promozione di competenze, di abilità e di funzioni logiche ancora più complesse,
nonché una più completa maturazione della coscienza di se e del proprio rapporto con il mondo
esterno ed una più sicura e consapevole motivazione ad apprendere.

40
Obiettivi metacognitivi:

- continuare a sensibilizzare gli alunni sull'importanza che assume la cura della propria
persona nel sentirsi bene con se stessi e a proprio agio con gli altri;
- stimolare costantemente gli alunni all' uso di un linguaggio rispettoso ed appropriato alle
varie circostanze;
- continuare ad educarli al colloquio, al rispetto reciproco e alla solidarietà;
- migliorare il senso del dovere e della correttezza nell’assolvimento degli incarichi;
- fare acquisire maggiore consapevolezza del valore delle cose e del proprio ambiente.

Obiettivi cognitivi:

AREA CREATIVO-ESPRESSIVA E DELLA COMUNICAZIONE


- saper ascoltare in modo fruitivo;
- saper leggere con scorrevolezza ed espressività;
- saper comprendere testi via via sempre più complessi;
- saper comprendere i messaggi scritti ed orali e rispondere in modo pertinente;
- saper comunicare in modo chiaro e preciso utilizzando un lessico sufficientemente ricco;
- sapersi esprimere utilizzando i linguaggi non verbali;
- saper produrre elaborati corretti ed organici utilizzando i linguaggi delle varie discipline.

AREA DELLA LOGICA


- saper osservare e descrivere in modo preciso ed organico;
- saper analizzare in modo completo e sintetizzare in modo efficace;
- saper organizzare le proprie conoscenze;
- saper stabilire relazioni, cogliendo analogie e differenze;
- saper formulare semplici ipotesi e proporre adeguate soluzioni a problemi.

AREA DELLA RICERCA E DELLA OPERATIVITÀ


- migliorare le proprie capacità organizzative;
- continuare ad usare razionalmente tutti gli strumenti delle varie discipline;
- acquisire una maggiore precisione nel lavoro;
- migliorare il proprio metodo di studio e di lavoro;
- acquisire autonomia operativa.

AREA MOTORIA
- consolidare e coordinare ulteriormente gli schemi motori di base.

41
4.13. Obiettivi formativi CLASSE III

Premessa

Il programma educativo delle terze classi concluderà le proposte degli anni precedenti che
saranno articolati in relazione della mutata realtà degli alunni che si trovano in una particolare
fase dell’età evolutiva.
I ragazzi giunti in terza, iniziano a mutare atteggiamento nei confronti della scuola sia perché
iniziano a sentire la scadenza rappresentata dagli esami e sia perché comincia a delinearsi in un
ormai prossimo futuro l’ingresso nella scuola secondaria superiore.
Nel corso dell’anno scolastico il ragazzo dovrà essere in grado di stabilire relazioni
interpersonali nuove e di decidere in modo consapevole come e dove continuare gli studi.
Ciascun ragazzo dovrà quindi essere in grado di individuare l’area disciplinare o l’attività verso la
quale nutre il maggior interesse, di valutare le competenze acquisite, le abilità maturate in
riferimento agli obiettivi previsti e i risultati conseguiti nel tempo.

Obiettivi metacognitivi:

- sensibilizzare ulteriormente gli alunni sull’importanza che assume la cura della propria
persona nel sentirsi bene con se stessi e con gli altri;
- stimolare ulteriormente gli alunni all’uso di un linguaggio rispettoso ed appropriato alle
varie circostanze;
- continuare ad educarli al colloquio, al confronto produttivo alla solidarietà;
- potenziare in ciascuno di loro il senso del dovere e della correttezza nell’assolvimento degli
incarichi;
- fare acquisire stabilmente la consapevolezza del valore delle cose e del proprio ambiente ed
incentivare una positiva interazione con esso;
- fare acquisire informazioni sui diritti e doveri dei cittadini sulle istituzioni e sui servizi ad
essi collegati.

Obiettivi cognitivi:

AREA CREATIVO - ESPRESSIVA E DELLA COMUNICAZIONE.


- potenziare ulteriormente la capacità di ascoltare in modo fruitivo;
- saper leggere con scorrevolezza ed espressività;
- saper comprendere testi sempre più complessi;
- saper comprendere i messaggi scritti ed orali e rispondere in modo pertinente;
- saper comunicare in modo chiaro e preciso utilizzando un lessico abbastanza ricco;
- sapersi esprimere utilizzando i linguaggi non verbali;
- saper produrre elaborati corretti, organici ed esaurienti, utilizzando i linguaggi delle varie
discipline.

AREA DELLA LOGICA


- saper osservare e descrivere in modo preciso ed organico;
- saper analizzare in modo completo e sintetizzare in modo efficace;
- saper rielaborare i contenuti delle varie discipline e quando possibile stabilire collegamenti
tra queste;

42
- saper stabilire relazioni anche complesse, cogliendo analogie e differenze;
- saper formulare ipotesi e proporre soluzioni a problemi anche complessi;
- saper astrarre.

AREA DELLA RICERCA E DELLA OPERATIVITÀ


- potenziare le proprie capacità organizzative;
- continuare ad usare razionalmente tutti gli strumenti delle varie discipline;
- acquisire stabilmente precisione nel lavoro;
- potenziare il proprio metodo di studio e di lavoro;
- acquisire piena autonomia operativa.

AREA MOTORIA
- consolidare e coordinare ulteriormente gli schemi motori di base.

43
4.14. Percorso disciplinare obbligatorio dell’alunno

MODULO
DI BASE

Risultato Risultato Risultato


negativo positivo medio positivo alto

ripetenza Consolida- Approfondi-


modulo base mento mento

esito esito esito

negativo positivo medio buono alto eccellente

non buono
sufficiente sufficiente distinto ottimo
sufficiente

recupero

negativo positivo

debito non sufficiente


colmato

44
con
funzione

integrativa orientativa

&

Competenze
raggiunte
con

risultato

negativo Positivo Positivo


medio alto

costituisce costituisce
non costituisce
credito formativo credito formativo
debito formativo
medio alto

45
4.16. Scelte metodologiche
Nella attività ordinaria della scuola vengono utilizzate varie modalità e strategie di formazione
da cui è possibile individuare ed indicare le metodologie dell’attività quotidiana che risultano
essere: metodo esperienziale, apprendimento attivo, analisi dei problemi, analisi del compito,
dibattiti e conversazioni guidate, ricerca-azione, attività pluridisciplinari ed interdisciplinari,
metodo induttivo e deduttivo, visite guidate, apprendimento per padronanza, uso corretto dei
materiali didattici.
Per la realizzazione dell’elevamento dell’obbligo scolastico e del successo formativo sono
state inoltre attivate le seguenti iniziative: flessibilità nell’articolazione dei gruppi classe,
laboratori, osservazione sul campo, uso di strumenti per la registrazione verbale e visuale,
collaborazione di esperti e di Enti pubblici, rapporti con il mondo produttivo per una cultura del
lavoro, misure e attività particolari ed individualizzate per l’inserimento di portatori di handicap o
per il recupero di ritardi culturali, compresenze, interesse per la vita socio-emotiva-affettiva e
familiare degli alunni, attività di orientamento fin dalla prima classe, fruizione critica dei mass-
media, interiorizzazione delle norme e del valore della vita attraverso attività mirate, lavoro di
gruppo per favorire lo spirito di collaborazione e rispetto dell’altro e delle idee altrui,
utilizzazione dell’informatica, lezioni pomeridiane, coinvolgimento delle famiglie, flessibilità
dell’orario scolastico finalizzata alla possibilità di lavorare con classi aperte e secondo la didattica
modulare ancora sperimentale per alcune classi e discipline.

4.17. Verifica e valutazione dell’attività didattica

La programmazione stabilisce un rigoroso rapporto tra i contenuti e gli obiettivi


dell'educazione per cui una strategia dell' istruzione deve programmare un'azione multilaterale
che agisca sulla dimensione individuale e su quella della collettività, sulle convinzioni e sui
comportamenti umani, sulla determinazione di una visione generale dei problemi, sulla
determinazione dei contenuti disciplinari e dei modi di apprendimento degli stessi.
Nel lavoro di programmazione si procede ad individuare:
a) fondamenti o basi collegati alla realtà scolastica;
b) scopi da perseguire ed obiettivi didattici ed educativi;
c) linee di sviluppo ed interventi operativi;
d) verifica e valutazione dell' attività didattica.
I vari aspetti della programmazione costituiscono le dimensioni di una struttura che risulta
necessaria per promuovere l' unità del processo educativo e l' individualizzazione
dell'apprendimento.
La programmazione educativa e didattica si concretizza attraverso obiettivi a
lungo, medio e breve termine, sulla base degli standard prefissati, che devono essere tradotti in
termini di comportamento e di abilità atti a rivelare ciò che gli alunni dovrebbero saper fare come
risultato di una strategia educativa.
Ogni operazione didattica ed educativa sarà sottoposta a verifica e valutazione. I soggetti di
tale verifica e di tale valutazione saranno sia i docenti che gli alunni. I docenti procederanno ad
un'azione di autovalutazione intesa come puntuale valutazione dell' efficacia del proprio operato.
Provvederanno a relazionare periodicamente sulle attività svolte in modo da consentire un' azione
di monitoraggio. Sottoporranno gli alunni a verifiche formative (frequenti ed analitiche) e
sommative (periodiche), facendo in modo che vengano vissute senza ansia e anzi favorendo la
nascita di un atteggiamento autovalutativo, sereno, basato sulla fiducia di possibili, continue
modificazioni positive.

46
4.18. Processi di verifica e valutazione
La verifica verrà effettuata dai docenti secondo le seguenti operazioni:
a) determinazione dei tempi, una volta stabilito l' oggetto della verifica;
b) tabulazione dei dati;
c) interpretazione dei dati (secondo criteri di lettura concordati)
d) confronto longitudinale dei dati;
e) raccolta e confronto dei dati provenienti da componenti extrascolastiche;
f) confronto dei dati rilevati;
g) rapporto tra i dati e l'operare del consiglio di classe;
h) elaborazione dei dati.
La verifica si varrà dei seguenti strumenti: schede, questionari, elaborati grafici, colloqui,
uscite guidate, proiezioni, letture, lavori di gruppo, lavori individuali e individualizzati.
La valutazione verrà effettuata secondo le seguenti operazioni:
utilizzo delle verifiche per il confronto dei dati emersi con i risultati attesi;
analisi dei risultati ottenuti in relazione a ciascun obiettivo e al processo di apprendimento e
di formazione di ogni allievo;
indicazione del grado di accettabilità del processo di apprendimento e di formazione in
positivo o in negativo in rapporto agli obiettivi prefissati.
La valutazione si avvarrà dei seguenti strumenti: individuazione corretta dei bisogni reali, scelta
di obiettivi a medio e lungo termine, metodologie usate, riformulazione eventuale della
programmazione e revisione dell' operato dei docenti.
In conclusione, i sistemi di valutazione degli esiti e dei processi prevedono:
verifiche sugli standard di apprendimento degli alunni per classi parallele validi a livello di
istituto;
verifiche sul profilo formativo (conoscenze e competenze) da garantire al termine del
percorso di studi;
criteri di valutazione ed eventuali prove di verifica comuni per dipartimenti disciplinari o
discipline affini;
informazioni alla famiglie e agli allievi circa i tempi, le modalità e i criteri di valutazione che
verranno seguiti nel corso dell' anno scolastico;
prove di autovalutazione da parte dei singoli allievi;
strumenti di autovalutazione dell' insegnamento, a livello personale e di gruppo;
raccolta di informazioni idonee a fornire elementi di validazione degli esiti conseguiti dagli
alunni in uscita;
documentazione delle valutazioni degli apprendimenti e degli insegnamenti e
pubblicizzazione dei risultati.

47
5. INTERVENTI PROGETTUALI:
(percorsi integrativi, di approfondimento e di ampliamento delle esperienze curricolari di base)

PROGETTI ANNO SCOLASTICO 2007 - 2008

P ro g etto n° 1: Edu cazion e alla con viven za civile.


- Educazione alla cittadinanza
- Educazione stradale
- Educazione ambientale
- Educazione all’affettività e alla salute

P ro g etto n° 2: Rec u pero e p oten ziame nto.


RECUPERO
- Progetto “Dispersione”: “Ci sono anch’io”
POTENZIAMENTO
- Latino
- Matematica
- Informatica
- Lingue straniere

P ro g etto n° 3: Acc oglien za, con tin u ità, orien tam en to.
Iniziative curricolari, extracurricolari e
Stages con le Scuole Elementari e
con le Scuole Superiori del territorio.

P ro g etto n° 4: Cre atività esp ressiva.


- Musica - Teatro
- Pittura – Manipolazione

P ro g etto n° 5: Cu ltu ra, temp o libero.


- Attività sportiva
- Visite - Spettacoli
- Giornale d’Istituto - TG
- Progetto “Biblioteca”

P ro g etto n° 6: For mazion e e aggiorn a men to.


- “Indicazioni per il curricolo”
- Progettualità varia

P ro g etto n° 7: Cen tro Risorse T erritoriali (C.R.T .)

P ro g etto n° 8: S icu rezza/P rivacy


Progetto “Sicurezza a scuola”

P ro g etto n° 9: P ro getto Q u a lità: Valu tazion e d’ Istitu to


“La valutazione esterna e l’autovalutazione degli apprendimenti
e della progettualità”

48
PROGETTI SPECIALI

1. FONDI STRUTTURALI 2007 – 2013


1.1. PON FSE: Obiettivo C/Migliorare i livelli di conoscenza e competenza dei giovani (Azione 1/Interventi
per lo sviluppo delle competenze scientifiche e tecnologiche:”Sperimentare per apprendere” ).
PON FSE: Obiettivo F/Promuovere il successo scolastico e l’inclusione sociale (Azione 1/
Esperienze di cittadinanza attiva: “A scuola insieme” - alunni/genitori).
1.2. PON FESR: Costituzione di un laboratorio scientifico – tecnologico.
2. FONDI REGIONALI
2.1. LEGGE REGIONALE 42/1980 ART. 10: PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE “Esploriamo il nostro
territorio”.
2.2. PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE “Crea il tuo percorso”.
3. PROGETTI SPECIALI
3.1. PROGETTO BIBLIOTECA “Promozione della biblioteca scolastica come centro di risorse multimediali”.
Accordo di rete con IV Circolo Didattico “Collodi” e con V Circolo Didattico “Bozzano - Crudomonte”.
3.2. PROGETTO MUSICA “Rete per la formazione di competenze musicali”.
Accordo di rete con IV Circolo Didattico “Collodi” e con Liceo Artistico Musicale “Simone”.
3.3. PROGETTO S.E T. “Osservare e sperimentare: dalle trasformazioni fisiche e chimiche della materia alle
trasformazioni energetiche”.
Accordo di rete con I.T.I.S. “Majorana”, con IV Circolo Didattico “Collodi” e con V Circolo Didattico
“Bozzano - Crudomonte”.
4. PROGRAMMA NAZIONALE “SCUOLE APERTE”
4.1. PROGETTO MUSICA: “Entriamo… nel mondo dell’opera lirica”
Accordo di rete con IV Circolo Didattico “Collodi”, con V Circolo Didattico “Bozzano - Crudomonte” e
con Liceo Artistico Musicale “Simone”.
4.2. PROGETTO “Il giornale, il TG e la pagina WEB d’Istituto”.
Accordo di rete con IV Circolo Didattico “Collodi” e con V Circolo Didattico “Bozzano - Crudomonte”.
4.3. PROGETTO “Uniti nello sport”.
Accordo di rete con 3° Circolo Didattico “Cappuccini”.
5. PROGETTI DISPERSIONE E INTEGRAZIONE
5.1. PROGETTO DISPERSIONE: “www.Fantascienza.it”
Accordo di rete con V Circolo Didattico “Bozzano - Crudomonte”
5.2. PROGETTO INTEGRAZIONE: “Compagni di mondo”.
Accordo di rete con V Circolo Didattico “Bozzano - Crudomonte”
6. PROGETTI CON L’ENTE LOCALE
6.1. PROGETTO INTERREGIONALE III A GRECIA – ITALIA 2000/2006 “La scena dei ragazzi”.
6.2. LABORATORIO EUROPA.
7. AFS INTERCULTURA
7.1. SCAMBI DI CLASSE.
8. PROGETTUALITÀ VARIA
8.1. MPI “Amico libro”
8.2. MPI PROGETTO QUALITÀ: “Qualità nella scuola pugliese”
8.3. PATENTINO A SCUOLA.

49
' + Progettazione Risorse Risorse
Obiettivi formativi
, offerta formativa del territorio interne
Guidare gli alunni al • Educazione • C I F - BR • Dirigente
riconoscimento della all’affettività • Associazione scolastico
propria identità Percorsi
personale attraverso: • Educazione • Referenti figure
alimentare • Studio Ricerche strumentali
• la conoscenza e la Nutrizionali -
cura del proprio
• Raccolta - Mesagne (BR) • Docenti
corpo;
differenziata • Lega ambiente responsabili dei
rifiuti • VV. Fuoco -BR sub progetti
• la scoperta e il
controllo della
5.1. EDUCAZIONE ALLA CONVIVENZA CIVILE

• Educazione • Provveditorato agli • Docenti


propria affettività e Studi -Ufficio
ambientale coordinatori dei
sessualità (riferita al studi e
momento della loro Consigli di
• Educazione alla programmazione Classe
crescita); • WWF Italia
• l’acquisizione di salute
• Autorità portuale • I Consigli di
comportamenti idonei • Archivio di Stato
• Prevenzione Classe
alla sicurezza • Biblioteca
personale, altrui e dipendenza
provinciale
ambientale • Biblioteca “De
• Educazione
Stradale Leo”
• Amministrazione
• Educazione alla Comunale
cittadinanza • Amministrazione
provinciale
• ASL BR/1
• Camera di
commercio
• Capitaneria di
porto
• Ispettorato del
lavoro
• Caritas
• Servizi sociali
• Polizia municipale
• Questura
• Tribunale minori
Avvocati penalisti e
civilisti

50
' + Progettazione Risorse Risorse
Obiettivi formativi
, offerta formativa del territorio interne

• Colmare i divari • Latino • Comune • Docenti


esistenti tra alunni di sostegno
5.2. RECUPERO INTEGRAZIONE E

• Informatica • ASL
• Ampliare il campo
delle attività • Potenziamento • C. S. A. • Docenti
formative e degli Matematica Ufficio Studi e responsabili sub
interessi culturali Programmazione progetti
DISPERSIONE

• Potenziamento
• Potenziare Lingue straniere • Docenti
l’insegnamento responsabili dei
apprendimento delle gruppi di
lingue europee • Università recupero e
• Osservazione del potenziamento
• Sviluppare le Territorio
competenze di • Scuole superiori
educazione
linguistica e le
capacità logiche
(analisi e sintesi)

' + Progettazione Risorse Risorse


Obiettivi formativi
,- offerta formativa del territorio interne

Guidare gli alunni a far • Istituzioni • Dirigente


proprie conoscenze e • Progetto continuità scolastiche: scolastico
competenze trasferibili Scuola Elementare
5.3. ACCOGLENZA CONTINUITA’

nella vita attraverso: • Progetto IV Circolo • Figure


orientamento Didattico; Strumentali
• acquisizione di un Scuola Elementare
ORIENTAMENTO

metodo di studio; • Progetto V Circolo • Coordinatori


Accoglienza Didattico; classi Prime e
• acquisizione di Istituti Superiori Terze
metodi per fare
indagini, ricerche, • Rappresentanti del • Consigli di
repertori e correlare i mondo del lavoro Classe
dati, tabularli ed
interpretarli; • Aziende

• elaborazione di • ANTEA
informazioni sullo
studio e sulle
professioni.

51
' + Progettazione Risorse Risorse
Obiettivi formativi
,. offerta formativa del territorio interne
• Guidare gli alunni a • Musica e Teatro • Teatro città • Dirigente
riconoscere le • Artigianato locale scolastico
proprie attitudini e • Museo a misura di • Teatro – Lecce
livello di creatività ragazzo • Museo Provinciale • Funzioni
5.4. CREATIVITA’ ESPRESSIVA

• Scuole Superiori strumentali


• Rafforzare il livello • Pittura e • Redazioni
di socializzazione manipolazione Giornali locali
attraverso • Docenti di
l’interiorizzazione • Giornalismo Ed. musicale
delle regole e dello
spirito di • Docenti di
collaborazione Ed.artistica

• Recuperare • Docenti di
l’autostima sostegno
• Responsabili dei
• Affinare la sub progetti
coordinazione oculo- • Coordinatori di
manuale, la motricità classe
fine ed il gusto per il
bello.

' + Progettazione Risorse Risorse


Obiettivi formativi
,/ offerta formativa del territorio interne

• Sviluppare e • Attività sportive • C. S. A. • Dirigente


migliorare in modo scolastico
armonico il livello • Partecipazione a • CONI
delle proprie qualità manifestazioni • Docenti
5.5. CULTURA E TEMPO LIBERO

fisiche teatrali e • Museo responsabili sub


cinematografiche provinciale progetti
• Sostenere lo
sviluppo di interessi • Fruizione di beni • Biblioteca
culturali culturali e provinciale • Docenti
ambientali coordinatori
(musei, • Ente Turismo • Consigli di Classe
monumenti,
parchi, ecc) • Agenzie viaggi

• Viaggi • Teatro “Impero”


d’istruzione e Brindisi
visite guidate
• Cinema “Astra”
• Spettacoli
• Teatro (Lecce)
Politeama

52
' + Progettazione Risorse Risorse
Obiettivi formativi
,0 offerta formativa del territorio interne

• Favorire l’uso delle • “ Multimedia • Ministero P.I. • Dirigente


5.6. FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO

nuove tecnologie Scuola” : Corso di • Regione Puglia scolastico


sulla multimedialità formazione a • Provveditore agli
distanza per Studi di Brindisi • Funzioni
• Sviluppare la cultura docenti sull’uso • Assessorato P.I. strumentali
dell’autonomia delle nuove Comune di
tecnologie. Brindisi • Docenti
• Sviluppare • Corso di • Questura responsabili sub
l’attitudine alla aggiornamento • Università di progetti
progettazione per docenti Lecce
• Ministero P.I.
• Potenziare la Rai –Educational • Docenti
capacità di • Università degli coordinatori di
collaborare con le Studi di Bari tutte le classi
varie agenzie
educative

' + Progettazione Risorse Risorse


Obiettivi formativi
,1 offerta formativa del territorio interne

• Regione Puglia • Dirigente


RISORSE TERRITPRIALI

• Provveditore agli scolastico


Studi di Brindisi
• Ministero P.I. • Funzioni
Rai –Educational strumentali

• Docenti
responsabili sub
progetti

• Docenti
coordinatori di
5.7. CENTRO

tutte le classi

53
' + Progettazione Risorse Risorse
,2 Obiettivi formativi offerta formativa del territorio interne

• Rendere informati e • Formazione di • Agenzie di • Dirigente


responsabili i vari tutto il personale formazione scolastico
operatori scolastici sulla sicurezza • Vigili del Fuoco
nell’ambito delle loro • Prefettura • Docenti
5.8. SICUREZZA

funzioni sulla • A.S.L. responsabili sub


sicurezza • Ospedale progetti

• Docenti
coordinatori

• Consigli di Classe

' + Progettazione Risorse Risorse


Obiettivi formativi
,3 offerta formativa del territorio interne

• Agevolare il • Progetto • Centro Risorse • Dirigente


5.9. VALUTAZIONE DI ISTITUTO

confronto con INVALSI • Ministero Pubblica scolastico


l’innovazione Istruzione
• Creare l a cultura • Docenti
della valutazione responsabili sub
• Autovalutazione e progetti
valutazione

• Docenti
coordinatori

• Consigli di Classe

54
5.10. Valutazione delle attività progettuali

La valutazione dei processi che si vogliono attivare attraverso la realizzazione dei progetti in
atto nella scuola mira a:

Valutare la rispondenza e l’opportunità del progetto rispetto ai bisogni e alle attese degli
utenti/clienti riferite al contesto socio – economico – culturale in cui vivono;

Valutare l’evolversi dei percorsi formativi nell’intreccio di progetto, processo, prodotto


d’insegnamento – apprendimento;

Valutare i risultati intermedi e conclusivi sia all’interno che all’esterno nonché la ricaduta
comportamentale negli alunni e nel territorio.

In altri termini si intende indagare sulla “valenza preventiva” intesa come insieme dei risultati
attesi ed inattesi indirettamente conseguiti e sulla “produttività dell’intervento” intesa come
insieme di risultati intenzionalmente conseguiti in quanto obiettivi specifici del progetto.

Sono stabiliti i criteri di valutazione e per ogni criterio gli indicatori di processo e di prodotto,
gli indici, gli strumenti ed i tempi di valutazione.

I criteri di valutazione sono i seguenti:


1. RILEVANZA = Rapporto tra problemi e obiettivi
2. COERENZA = Rapporto tra obiettivi e strumenti
3. EFFICIENZA = Rapporto tra esiti conseguiti e risorse impiegate
4. EFFICACIA = Rapporto tra esiti conseguiti e risultati attesi

55
5.10.1. VALUTAZIONE CON “VALENZA PREVENTIVA”.

INDICATORI DI INDICATORI DI
CRITERI INDICI STRUMENTI TEMPI
PROCESSO PRODOTTO

Analisi dei bisogni Rapporto tra attese Rapporto Interviste ex ante


formativi degli degli utenti e tra alunni persone in
RILEVANZA
alunni obiettivi del iscritti ed esterne itinere
(Rapporto Attese delle progetto alunni Questionari
tra famiglie Condivisione interessati sui bisogni ed
problemi e operatori interni ed al progetto aspettative
obiettivi) Rilevazione clima
del territorio e esterni Rapporto degli allievi
contesto socio – Ricaduta sul clima tra docenti Test
economico delle relazioni della scuola diagnostici
interne al corpo e docenti sui
Collegialità e disponibili
trasversalità docente e sulle prerequisiti
modalità di a realizzare
l’iniziativa Risorse
collaborazione in umane
seno agli OO. CC. Percentuale
di famiglie Risorse
coinvolte strutturali
favorevoli
al progetto

5.10.2. VALUTAZIONE CON “VALENZA PREVENTIVA”

INDICATORI DI INDICATORI DI
CRITERI INDICI STRUMENTI TEMPI
PROCESSO PRODOTTO

Risorse finanziarie Corrispondenza tra Periodica Questionari di ex ante


Idoneità strutture le risorse finanziarie verifica gradimento in itinere
fisiche e servizi e il fabbisogno per tra tempi, con ex post
(Rapporto
la realizzazione del spese e valutazione da
tra Livello di progetto disponibilit 1a5
obiettivi e competenza delle
Eventuali bisogni à Prove
strumenti) risorse umane
formativi dei finanziaria oggettive
Sinergie del docenti Indici di
territorio Prove
Predisposizione di rilevazione strutturate e
disponibili alla attraverso
collaborazione convenzioni con semistrutturat
soggetti esterni schede e
Verifica del livello numerate da
d’ingresso degli Verifica della 1a5
alunni corrispondenza tra
gli obiettivi e scelte Rapporto
Scelta delle metodologiche e tra
metodologie e didattiche strumenti -
delle tecniche alunni
didattiche Articolazione dei
contenuti

56
5.10.3. VALUTAZIONE SULLA “PRODUTTIVITÀ DELL’INTERVENTO”

INDICATORI DI INDICATORI DI
CRITERI INDICI STRUMENTI TEMPI
PROCESSO PRODOTTO

Distribuzione Stima e Rapporto Questionari ex ante


temporale degli monitoraggio dei tra tempi, in itinere
Schede di
impegni dei costi in base al costi e valutazione ex post
(Rapporto docenti, del budget assegnato al budget
tra esiti personale ATA, progetto complessiv Prove
conseguiti degli esperti e dei o oggettive
e risorse Rilevazione della
corrispettivi Prove
impiegate) produzione Indicazioni
impegni finanziari strutturate e
qualitativa e valutative
Gestione delle quantitativa sui risultati semistrutturat
risorse umane con raggiunti e
Monitoraggio dei
vincoli e priorità risultati conseguiti Gradimento Relazioni e
da rispettare documentazio
dagli alunni con
Corrispondenza valutazione -ne varia
Livello di prodotta dagli
competenza – da 1 a 5
conoscenze e alunni
utilizzo del
competenze
personale raggiunte
Identificazione
Livello di
delle competenze
gradimento degli
da sviluppare negli
utenti interni ed
alunni e dei
esterni
correlativi “tempi
di consegna”

57
5.10.4. VALUTAZIONE SULLA “PRODUTTIVITÀ DELL’INTERVENTO”

INDICATORI DI INDICATORI DI
CRITERI INDICI STRUMENTI TEMPI
PROCESSO PRODOTTO

Collegamento e Sviluppo e Rilevazione Test di in itinere


collaborazione con arricchimento delle di giudizi e profitto ex post
Enti e Istituzioni relazioni della percezioni Test di d’impatto
(Rapporto del territorio scuola con il degli alunni
tra esiti gradimento
Interconnessione territorio attraverso
conseguiti indicazioni Schede
e risultati tra ambiti Sviluppo nuovi
valutative strutturate e
attesi) disciplinari diversi rapporti semistrutturat
Partecipazione professionali tra i Indici
e
attiva degli alunni docenti numerici
sulle Valorizzazion
Livello di
Valutazione degli competenze i attraverso
soddisfazione degli
apprendimenti raggiunte opinioni
utenti/clienti
(conoscenze, qualitative
competenze e Indici di
Livello di Produzione di
abilità conseguite) rilevazione
conoscenze, testi,
dei risultati
Valutazione degli competenze, relazioni,
capacità in termini di qualità
effetti sui percepita drammatizza-
di sapere, saper
comportamenti all’esterno zione finale
fare, saper essere
Capacità di
interagire con altre
culture
Monitoraggio per
ciascun allievo dei
mutamenti di
comportamento
cognitivo e
motivazionale tra il
prima e il dopo la
realizzazione del
progetto
Valorizzazione
competenze
specifiche di alcuni
docenti
Realizzazione di
altre iniziative tra i
docenti delle classi
coinvolte

58
6. CONTRATTO FORMATIVO

6.1. Il Contratto Formativo


Il contratto formativo è lo strumento che rende produttivo il rapporto docente- alunno,
coinvolgendo l' intero Consiglio di Classe, la classe, gli organi dell'
Istituto, i genitori, gli enti
preposti al servizio scolastico. La proposta formativa è finalizzata al raggiungimento degli
obiettivi trasversali educativi e didattici definiti ai diversi livelli istituzionali, che trovano
puntuale riscontro nella programmazione disciplinare.
Nel contratto formativo sono formulati i diritti e doveri dell'
allievo, i diritti e doveri del
docente e i diritti - doveri dei genitori.

DIRITTI E DOVERI DELL'


ALLIEVO
L'
allievo ha il diritto di conoscere:
- gli obiettivi educativi e didattici del suo curricolo;
- il percorso per raggiungerli nelle sue fasi;
- i risultati delle verifiche e della valutazione dopo ogni fase del percorso.

L'
allievo deve :
- rispettare le leggi, i regolamenti, le decisioni democraticamente assunte e le regole della
civile convivenza;
- riconoscere e rispettare l' azione degli insegnanti, del capo d' istituto e del restante personale,
collaborando fattivamente con essi;
- concorrere al proseguimento dei fini formativi individuali e collettivi mediante la frequenza
regolare delle lezioni e delle altre attività scolastiche e con un sentito impegno nello studio.

DIRITTI E DOVERI DEL DOCENTE


Il docente deve:
- esporre gli obiettivi educativi e didattici ed i contenuti disciplinari tendenti a promuovere la
crescita e il corretto orientamento dell'
allievo;
- spiegare e motivare il percorso da seguire nelle sue fasi;
- indicare le strategie, gli strumenti di verifica, i criteri di valutazione;
- far conoscere all' alunno e ai genitori i livelli raggiunti nelle diverse fasi del processo
formativo.

Il docente ha il diritto di :
- esercitare la libertà di insegnamento;
- essere rispettato nella sua funzione docente.

DIRITTI E DOVERI DEI GENITORI


Il genitore ha il diritto-dovere :
- conoscere gli obiettivi educativi e didattici tendenti a promuovere lo sviluppo armonico della
personalità del proprio figlio anche in vista dell'
orientamento;
- esprimere pareri motivati ed avanzare proposte costruttive ed utili alla maturazione globale
dell'allievo;
- essere informato sull' andamento del processo educativo del figlio nei modi e nei tempi
previsti dal regolamento d' Istituto.
- offrire la propria collaborazione nelle varie attività scolastiche;

59
- partecipare, anche attraverso la presenza negli Organi Collegiali, alla vita della scuola, al fine
di rendere il miglior servizio possibile nel pieno rispetto delle competenze delle altre
componenti;
- privilegiare il rapporto diretto docenti-famiglia.

6.2. Il regolamento di Istituto


Il regolamento di Istituto definisce in modo specifico:
- le modalità di comunicazione con i genitori con riferimento ad incontri con i docenti, di
mattina e di pomeriggio ( prefissati e/o per appuntamento);
- le modalità di convocazione e di svolgimento dei Consigli di classe e del Consiglio di Istituto;
- il calendario di massima delle riunioni e la pubblicizzazione degli atti.
- la vigilanza sugli alunni.

Il regolamento inoltre comprende le norme relative a:


- comportamento degli alunni e regolamentazione di ritardi, uscite, assenze, giustificazioni;
- uso degli spazi, dei laboratori e della biblioteca;
- conservazione delle strutture e delle dotazioni.
Copia di tale regolamento viene comunicata alle famiglie entro il mese di ottobre.

A) MODALITA'DI COMUNICAZIONE SCUOLA FAMIGLIA


• Tutti i genitori sono tenuti a ritirare, nella prima settimana di lezione, presso gli uffici di
segreteria, il libretto per la giustifica delle assenze, dopo averlo debitamente firmato.
• In caso di sciopero o di assemblee del personale della scuola, ne viene data tempestiva
comunicazione alle famiglie, potendo il normale orario delle lezioni subire delle variazioni.
• I genitori possono fare richiesta di assegnazione di libri di testo. Le modalità di assegnazione
avverranno secondo la vigente normativa e le indicazioni delle istituzioni competenti
(Regione, Comune).
• Oltre che negli incontri fissati nel piano annuale delle attività, i genitori possono incontrare i
docenti in ore non coincidenti con l' attività didattica, previo appuntamento.
• I genitori eletti, quali rappresentanti di Classe o del Consiglio di Istituto, sono convocati con
apposita comunicazione scritta.
• Il calendario delle riunioni con i genitori è reso pubblico e i genitori ne sono tempestivamente
messi a conoscenza.

B) VIGILANZA SUGLI ALUNNI


Per assicurare l'accoglienza e la vigilanza sugli alunni, i docenti si trovano in classe cinque
minuti prima dell' inizio delle lezioni e accompagnano gli stessi all'uscita.
La vigilanza in classe durante le lezioni è regolata secondo la normativa vigente.
La scuola non assume responsabilità alcuna di somme di denaro o di oggetti di valore portati
dagli alunni nell'edificio scolastico comunque lasciati incustoditi. Rientrano in queste annotazioni
i telefonini che non potranno essere usati durante l’attività didattica: “la violazione di tale dovere
comporta… l’irrogazione delle sanzioni disciplinari…ivi compresa quella del ritiro temporaneo
del telefono cellulare durante le ore di lezione” (MPI prot. n. 30 del 15-03-2007).

C) COMPORTAMENTO DEGLI ALUNNI


Obiettivi educativi:
• Autoregolamentazione: comportamento corretto nei confronti dell'ambiente e del materiale
scolastico, dei compagni, del personale docente e non docente.
• Autovalutazione: consapevolezza del proprio livello relativamente al raggiungimento dei
seguenti obiettivi:

60
autonomia nel lavoro, comprensione, organizzazione ed esecuzione del lavoro, senso critico
ed autocritico, partecipazione e collaborazione.

D) INGRESSO
• L'orario di inizio delle lezioni è fissato alle ore 8,00 per tutte le classi.
Gli allievi entreranno nel plesso scolastico dirigendosi nelle proprie aule, tenendo un
comportamento disciplinato.

E) ASSENZE o RITARDI
PREMESSA: Per chiarezza “l’orario annuale personalizzato include le ore
obbligatorie e quelle facoltative”.
Si precisa che ai sensi dell’art.11 comma 1 del D.L. 59 del 19-02-2004: “Ai fini della validità
dell’anno, per la valutazione degli allievi è richiesta la frequenza di almeno ¾ dell’orario
annuale personalizzato di cui ai commi 1 e 2 dell’art. 10. Per casi eccezionali, le istituzioni
scolastiche possono autonomamente stabilire motivate deroghe al suddetto limite”. Le deroghe
saranno concesse solo se documentate da certificazione medica o da autocertificazione
presentata da un genitore attestante gravi motivi di famiglia, debitamente vagliata
quest’ultima dalla Scuola nelle sue motivazioni.
• Le assenze sono giustificate in classe dall' insegnante della prima ora di lezione.
• Le assenze devono essere giustificate il giorno in cui si torna a scuola e sempre da chi ha
apposto la firma sul libretto.
• L' alunno che è sprovvisto della giustifica è ammesso in classe, ma è tenuto a presentarla il
giorno seguente. Se il secondo giorno ne risulta ancora sprovvisto, è ammesso in classe con
ammonizione scritta sul registro e sul diario personale per la firma dei genitori. Il terzo giorno
sarà ammesso in classe solo se accompagnato da un genitore, altrimenti sarà accompagnato da
un ausiliario in segreteria per i dovuti contatti con la famiglia.
• Le assenze che si protraggono oltre cinque giorni per motivi di famiglia dovranno essere
giustificate personalmente dai genitori; per motivi di salute con certificato medico.
• Ai fini della giustificazione, è assimilata alle assenze dalle lezioni anche la mancata
partecipazione alle visite guidate ed ai viaggi di integrazione culturale.
• Gli alunni ritardatari saranno ammessi in classe dal docente presente in aula, ma sono tenuti a
presentare la relativa giustifica subito o il giorno dopo, salvo che non siano accompagnati dai
genitori.
• A partire dal terzo ritardo gli alunni dovranno essere accompagnati da un genitore.

F) ORE DI LEZIONE
• Gli allievi sono tenuti ad essere forniti del materiale occorrente per le attività scolastiche ivi
compreso un diario per segnare diligentemente l’orario delle lezioni e i compiti assegnati.
• Durante le attività scolastiche sarà permesso loro di uscire dall'aula solo nei casi di necessità
personali e su autorizzazione degli insegnanti.
• Durante la momentanea assenza del docente o al cambio dell' ora gli allievi resteranno in aula
ai propri posti, evitando comportamenti indisciplinati.
• Gli allievi si atterranno a regolamenti specifici riguardanti l' utilizzo della biblioteca, della
palestra e delle altre strutture.
• Negli spostamenti, che dovranno avvenire in modo ordinato, si osserverà il massimo silenzio.
• Gli allievi dovranno aver cura dell' aula e degli arredi, evitando comportamenti che li
danneggino. Di ogni danno o guasto provocato a seguito di comportamento scorretto, i
responsabili saranno tenuti al risarcimento. Non riuscendo ad attribuire responsabilità a
singoli, ne risponderà collettivamente la classe.
• Nei rapporti con i compagni e con gli insegnanti gli allievi :

61
a) eviteranno atteggiamenti e linguaggio offensivi. Eventuali scorrettezze saranno
segnalate ai genitori;
b) gli alunni e le alunne dovranno avere un abbigliamento consono alla dignità
dell’Istituzione Scolastica.
• Non sarà consentito agli allievi di uscire dalla scuola prima della fine delle lezioni, salvo che
non siano prelevati da uno dei genitori o da chi ne fa le veci, previo permesso rilasciato da
uno dei due collaboratori del dirigente scolastico.

G) INTERVALLO
• L'intervallo durerà 15 minuti; avrà inizio alle ore 11,20 e terminerà alle ore 11,35.
• L'intervallo è il momento in cui gli allievi possono consumare la merenda, chiacchierare e
muoversi liberamente nelle rispettive aule, sorvegliati dal docente della terza ora.
• Gli allievi accederanno due alla volta ai servizi loro riservati, previa autorizzazione del
docente, e avranno cura di tornare con sollecitudine in classe.

H) USCITA
• Le lezioni termineranno alle ore 13,30.
Gli allievi, al suono della campanella, si prepareranno e usciranno dalle rispettive aule per
dirigersi all'
uscita in modo ordinato, accompagnati dai docenti dell'
ultima ora.

6.3. Il regolamento di disciplina

Le trasgressioni, le inadempienze e i conseguenti provvedimenti disciplinari sono, nelle


loro articolazioni, in stretta sintonia con gli obiettivi educativi (Autoregolamentazione,
Autovalutazione), che costituiscono la parte iniziale del “Regolamento per gli allievi della Scuola
Secondaria di I grado C. di Marzabotto – G. Cesare”. Tali disposizioni sono in ottemperanza al
D.P.R. 249 del 24-O6-1998 (Regolamento recante lo statuto delle studentesse e degli studenti
della scuola secondaria).
Riguardo alle sanzioni si precisa che quelle previste nei punti I, II, III e IV sono irrogate dai
singoli docenti o dal Preside; quelle contemplate nei punti V, VI, VII, VIII e IX sono comminate
dai singoli consigli di classe. È istituito col presente regolamento l’Organo di garanzia della
scuola, come previsto dal D.P.R. 249, così composto: il Preside che lo presiede, il cui voto vale il
doppio in caso di parità nelle votazioni, il Responsabile amministrativo che curerà la
verbalizzazione, due docenti e due genitori. Il Collegio dei docenti designerà al suo interno due
membri effettivi ed un supplente; procederà parimenti il Consiglio d’Istituto per quanto concerne
la componente genitori. Agli studenti è offerta sempre la possibilità di convertire le sanzioni in
attività in favore della scuola.
Si riporta inoltre la conclusione di un’ultima Circolare del Ministero della Pubblica
Istruzione: “Con l’occasione si ricorda che… gli episodi che configurano ipotesi penalmente
rilevanti, oltre che essere oggetto di accertamenti ispettivi… , dovranno anche costituire oggetto
di immediata informativa sia alle Procure della Repubblica che alle Procure regionali della
Corte dei Conti” (Prot. N. 5393 del 22-03-2007).

62
Trasgressioni
Trasgressioni e inadempienze Provvedimenti disciplinari
Provvedimenti
1.Nei confronti della dignità, dei I - Richiamo verbale
diritti, dell’integrità fisica, della II - Ammonizione scritta docente
proprietà degli alunni. III - Ammonizione scritta Preside
a) Lievi a) = I e II IV - Convocazione dei genitori
b) Reiterate b) = III e IV V - Allontanamento fino a 3 gg.
c) Gravi c) = IV, V eVI VI - Allontanamento fino a 5 gg.
d) Molto gravi d) = VII e VIII VII - Allontanamento fino a 10 gg.
e) Eccezionalmente gravi e) = IX VIII -Allontanamento fino a 15 gg.
2.Nei confronti della dignità, dei IX -Allontanamento oltre i 15 gg.
diritti, dell’integrità fisica, della (Per quanto previsto dall’articolo 4
proprietà del personale. comma 9 D.P.R. 249)
a) Lievi a) = I e II Impugnazioni
b) Reiterate b) = III e IV A) Per l’applicazione dei provvedimenti
c) Gravi c) = IV, V e VI di cui all’art. 4, comma 7 del D.P.R.
d) Molto gravi d) = VII e VIII 249 del 24/06/1998 e per i relativi
e) Eccezionalmente gravi e) = IX ricorsi si applica il D.L. 297 del
3.Nei confronti di se stesso, in 16/04/1994 art. 328 commi 2 e 4.
relazione alla partecipazione, B) Avverso le sanzioni disciplinari
alla puntualità ed alla frequenza. diverse da quelle previste dalla lettera A,
a) Lievi a) = I e II irrogate ai sensi del presente
b) Reiterate b) = III e IV regolamento, è ammesso ricorso
c) Gravi c) = IV, V e VI all’organo di garanzia della scuola
d) Molto gravi d) = VII e VIII
e) Eccezionalmente gravi e) = IX Contro le violazioni del D.P.R. 249 del
4.Nei confronti delle strutture: 24/06/ 98 contenute anche nel presente
uso improprio, danneggiamento, regolamento di istituto è previsto reclamo
appropriazione. al dirigente dell’amministrazione
a) Lievi a) = I e II scolastica periferica, che decide in via
b) Reiterate b) = III e IV definitiva, previo parere vincolante
c) Gravi c) = IV, V e VI dell’organo di garanzia provinciale.
d) Molto gravi d) = VII e VIII
e) Eccezionalmente gravi e) = IX

N.B.: La materia potrà subire modifiche in virtù di un annunciato decreto che ipotizza una
revisione delle sanzioni

63
7. CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

7.1. Principi Fondamentali

La “Carta dei Servizi Scolastici” della Scuola Secondaria di 1° “C. di Marzabotto-G. Cesare”
di Brindisi si ispira agli articoli 3, 33 e 34 della Costituzione Italiana, alle regole generali fissate
nella Legge n. 241 del 1990 e al D: L: n. 29 del 3 febbraio 1993, nell’intento di erogare un
servizio sempre più rispondente alle esigenze dell’utenza, in termini di qualità sia per quanto
concerne l’opera educativa e didattica nei confronti degli alunni, sia per quanto concerne i
rapporti con le famiglie e con quanti altri risultano fruitori del servizio.
Pertanto i principi fondamentali risultano i seguenti:
a) La Scuola si impegna ad accogliere e a offrire uguale servizio scolastico ad alunni di
qualunque razza, sesso, lingua, religione, condizioni socio-economiche e opinioni politiche e
nei limiti delle proprie possibilità e competenze, a rimuovere le cause discriminanti.
Per realizzare queste parità di opportunità formative, la Scuola si attiva attraverso:
- l’utilizzo degli insegnanti in soprannumero;
- la presentazione di appositi progetti;
- l’utilizzo di ore comunque disponibili;
- programmi e sussidi specifici.
b) La Scuola garantisce la regolarità del servizio, la continuità delle attività didattiche anche
durante le agitazioni sindacali, nel rispetto delle disposizioni vigenti in merito ai servizi
pubblici essenziali e nel rispetto dei diritti sindacali dei lavoratori, così come previsto nel
C.C.N.C.S. (contratto collettivo nazionale del comparto scuola).

c) La Scuola, ponendo al centro lo studente quale soggetto fruitore del servizio, ne favorisce
l’accoglienza e l’integrazione, soprattutto nel passaggio dalla Scuola Elementare, curando la
continuità educativa con gli istituti di provenienza e l’orientamento scolastico per una scelta
giusta e favorevole per il prosieguo degli studi.
In particolare per l’accoglienza si segue il seguente percorso:
- visita ai locali scolastici da parte degli alunni di 1a classe;
- informazione sulle materie di studio e presentazione dei relativi docenti;
- regolamento d’istituto e della classe;
- uso del diario e dei libri di testo;
- prove d’ingresso;
- incontro con il Preside.

d) La Scuola accoglie i genitori, ne sollecita la collaborazione per l’educazione e l’istruzione dei


figli, favorisce incontri con i docenti, con il preside, con gli altri genitori sia in assemblee di
classe che di istituto, per affrontare e risolvere problematiche comuni. Offre informazioni
tempestive, anche telefoniche, sulla situazione scolastica dei figli e l’opportunità di colloqui
antimeridiani con i docenti distribuiti durante la settimana.

e) La Scuola s’impegna a rivolgere particolare attenzione agli alunni in situazione di handicap,


agli svantaggiati, agli stranieri, agli assistiti dai servizi sociali o che sono in affidamento
presso istituti privati e/o pubblici.

f) Ogni operatore scolastico si impegna a rispettare i diritti e gli interessi degli alunni.

64
g) La Scuola, ai fini di una scelta consapevole e libera da parte dei genitori, si impegna a
favorire l’informazione circa l’offerta formativa a favore dell’utenza, garantendo la libertà di
scelta, ma, nel rispetto delle istituzioni e dell’organizzazione del lavoro, chiede alle famiglie
stabilità nella scelta dopo l’iscrizione, a meno che non sopravvengano motivazioni, quali il
cambio di residenza della famiglia o del luogo in cui uno dei genitori lavora.
La scuola si impegna a controllare l’adempimento dell’obbligo scolastico. La continuità della
frequenza è sostenuta attraverso un impegno comune con la famiglia ed una costante
sollecitazione nei confronti dello studente. In caso di necessità, la scuola ricorre ai servizi
sociali.

h) La gestione della scuola avviene attraverso la collaborazione di tutte le sue componenti.


L’istituto garantisce modalità organizzative che favoriscono il dialogo scuola - famiglia,
compresa una costante informazione con ciclostilati ed avvisi sul diario.

i) La Scuola si impegna a favorire attività extra scolastiche, offrendo agli Enti locali l’uso delle
strutture fuori orario scolastico, previa garanzia del rispetto sia delle attrezzature che della
pulizia dei locali utilizzati.

j) La Scuola promuove attività culturali aperte al territorio e pone queste al servizio dei giovani
e delle famiglie. Favorisce incontri per dibattiti su argomenti di interesse educativo e sociale,
soprattutto per capire le problematiche giovanili e prevenire i disagi e le devianze.

k) La libertà dei docenti è garantita e si coniuga con il rispetto dell’alunno, nella sua formazione,
nel potenziamento e sviluppo della propria personalità e con il raggiungimento degli obiettivi
educativi e didattici previsti dai vigenti Programmi Ministeriali.

l) Il personale della Scuola e in particolare i docenti si impegnano ad aggiornarsi singolarmente


e collegialmente, per migliorare il servizio ed adeguarlo a nuove esigenze di carattere
formativo e culturale. Pertanto l’aggiornamento, inteso come formazione in servizio, ricerca e
sperimentazione, viene posto alla base della professionalità docente.
Il Collegio si impegna a presentare annualmente i relativi progetti, perché siano inseriti nel
Piano Provinciale del Provveditorato. In mancanza di risorse finanziarie, si promuovono
forme di auto-aggiornamento per gruppi disciplinari omogenei o di materie affini. E’
consentita, compatibilmente con le esigenze organizzative della Scuola, la partecipazione dei
docenti ad iniziative di aggiornamento esterne alla scuola.

7.2. Area Didattica

La Scuola Secondaria di I grado “C. di Marzabotto - G. Cesare” s’impegna, attraverso


l’apporto dei docenti e la collaborazione delle famiglie, a promuovere lo sviluppo armonico della
personalità dell’alunno. Individua metodologie e strumenti per facilitare l’apprendimento ed
approfondire i contenuti; cura la maturazione umana e civica di ciascun alunno per un civile
inserimento nella società in cui vive. Per favorire la continuità educativa promuove:
- incontri dei Gruppi di lavoro S. P. e S. S. 1° finalizzati all’analisi delle Prove d’ingresso;
- incontri dei Gruppi di lavoro S. P. e S. S. 1° finalizzati all’elaborazione di prove di uscita
nelle classi V e di ingresso nella S.S.1° calibrate sulle reali competenze degli allievi, sugli
obiettivi finali della Scuola Primaria e iniziali della Secondaria;
- incontri con i genitori delle classi V, in vista delle iscrizioni alla I Media;

65
- accoglienza delle classi V per una visita della Scuola, dei laboratori e partecipazione a
rappresentazioni teatrali o ad altre attività programmate.
La Scuola cura l’Orientamento dei propri alunni attraverso le seguenti iniziative:
- unità didattiche triennali sulle problematiche dell’orientamento;
- incontri con docenti ed alunni degli Istituti Superiori;
- incontri dei genitori con Esperti ed Organizzatori dei corsi di formazione professionale;
- consiglio di classe per la comunicazione del Consiglio orientativo;
- attività di laboratorio su contenuti curricolari con valenza orientante (Educazione ambientale,
stradale, progettazione di oggetti, educazione sessuale, eccetera);
- progetti sulla conoscenza delle problematiche del territorio da svolgere con altre scuole sotto
il patrocinio del WWF e del Comune di Brindisi.
La scelta dei testi scolastici seguirà i seguenti criteri:
- aggiornamento dei contenuti, dei dati e dell’impostazione didattica;
- lessico accessibile
- struttura del testo ed apparato didattico;
- peso e prezzo equilibrati (vengono preferiti i testi in tre volumi).
La distribuzione dell’orario scolastico e delle attività mira ad equilibrare gli impegni giornalieri
per permettere a ciascun alunno di partecipare ad attività extracurriculari, onde prevenire lo
svantaggio e l’evasione scolastica.
Nel rapporto con gli alunni, ogni docente realizza i seguenti comportamenti:
- rispetto e valorizzazione delle idee;
- coinvolgimento affettivo con gratificazioni, sollecitazioni, incoraggiamenti;
- richiami all’ordine, alla collaborazione, all’impegno;
- notificazioni sul diario e sul registro di classe per segnalare atteggiamenti inadeguati.
Le proposte educative e didattiche, gli itinerari, gli obiettivi, le norme che regolano la vita della
scuola sono ampiamente riportati nei seguenti documenti:
- P. O. F.;
- Contratto formativo;
- Regolamento d’Istituto.
Questi sono stati elaborati ed aggiornati dal Collegio dei docenti per la parte prettamente didattica
e dal Consiglio d’Istituto per quella di sua competenza.
I sopracitati documenti di cui si garantisce l’adozione e la verifica nel corso dell’anno,
soprattutto per l’aspetto didattico, sono a disposizione dell’utenza.
All’inizio di ogni anno nelle assemblee dei genitori saranno ampiamente pubblicizzati.
Di anno in anno saranno valutate eventuali richieste e suggerimenti delle famiglie tendenti al
miglioramento del servizio che potranno modificare quanto contemplato soprattutto nella
presente carta e regolamento d’Istituto.

7.3. I Servizi Amministrativi

7.3.1. Principi

La Scuola Secondaria di I grado “Caduti di Marzabotto – G. Cesare” individua i seguenti


fattori di qualità dei servizi amministrativi e ne garantisce l’osservanza e il rispetto:

Celerità delle procedure e tempi di attesa agli sportelli:


La distribuzione dei moduli di iscrizione è effettuata a "vista" nei giorni previsti.
La segreteria garantisce lo svolgimento della procedura di iscrizione alle classi in un massimo
di dieci minuti dalla consegna delle domande.

66
Il rilascio di certificati è effettuato nel normale orario di apertura della segreteria al pubblico,
entro il tempo massimo di tre giorni lavorativi per quelli di iscrizione e frequenza e di cinque
giorni per quelli con giudizi.
Gli attestati e i documenti sostitutivi del diploma di licenza sono consegnati a "vista" a partire
dal giorno lavorativo successivo alla pubblicazione dei risultati finali.
I documenti di valutazione degli alunni sono consegnati direttamente dal capo di Istituto o da
personale incaricato entro cinque giorni dal termine delle operazioni generali di scrutinio.

Trasparenza:
La Scuola assicura all' utente la tempestività del contatto telefonico, stabilendo al proprio
interno modalità di risposta che comprendano il nome dell' Istituto, il nome e la qualifica di
chi risponde, la persona o l'
ufficio in grado di fornire le informazioni richieste.

Per l'informazione vengono seguite i seguenti criteri:


La Scuola assicura spazi ben visibili adibiti all'
informazione, in particolare sono predisposti:
- tabella dell' orario di lavoro dei dipendenti
- organigramma degli uffici
- organigramma degli organi collegiali
- organico del personale docente e A.T.A.
- albi di Istituto
- bacheca sindacale
Presso l' ingresso e presso gli uffici sono presenti e riconoscibili (cartellino di
identificazione) operatori scolastici in grado di fornire le prime informazioni per la fruizione del
servizio.

Informatizzazione dei servizi di segreteria


Sono attivati i programmi di gestione alunni , personale , contabilità generale , bilancio,
inventario, fisco, ecc..
Il personale di Segreteria partecipa regolarmente ai corsi di formazione organizzati dal
Ministero.

Flessibilità degli orari degli Uffici a contatto con il pubblico:


Gli Uffici di segreteria, compatibilmente con la dotazione organica di personale
amministrativo, garantiscono un orario di apertura al pubblico di mattina e di un pomeriggio.
L'Ufficio di presidenza riceve il pubblico sia su appuntamento telefonico sia secondo un
orario di apertura comunicato con appositi avvisi.

7.3.2. Ordinamento Servizi Personale A.T.A.

COLLABORATORI SCOLASTICI
1. Orario di servizio: dalle ore 7,45 alle ore 13,45, con flessibilità di orario nei limiti di 15
minuti.
2. assegnazione dei reparti e luoghi scolastici come da prospetto in calce;
3. assenze: il reparto del collaboratore scolastico assente sarà affidato a turno, per piano,
secondo un calendario stabilito di volta in volta; per l’espletamento di tale servizio verrà
riconosciuto lavoro straordinario di un’ora e trenta, da distribuire tra i componenti la
sostituzione.

67
4. pulizia : tutti i reparti e luoghi assegnati ad ogni collaboratore scolastico dovranno essere
curati prima dell' ingresso degli alunni, dopo la ricreazione, durante le ore di educazione fisica
e dopo l’uscita degli alunni.
5. sorveglianza e assistenza : dovrà essere attiva in ogni momento della giornata ;
6. assenze degli alunni: ogni collaboratore scolastico avrà cura di rilevare per ogni classe
affidata, i nominativi degli alunni assenti e segnalarli in segreteria;
7. il servizio postale ed il servizio esterno è affidato per turno e secondo le disponibilità, al
collaboratore scolastico più libero al momento;
8. per altri compiti e mansioni dovuti si fa riferimento alle norme contenute nel C.C.N.L. e nella
contrattazione decentrata.

UFFICIO DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO

1. Orario di servizio dalle ore 7,45 alle ore 13,45 con flessibilità di orario secondo le richieste
del servizio e le esigenze dell’utenza.
Condizioni generali di tutto il personale A.T.A. : nei giorni prefestivi, durante le sospensioni delle
lezioni, e i sabato dei periodi estivi, si potrà decidere la chiusura della Scuola contabilizzando
dette ore nell’anno scolastico successivo.

7.3.3. La Segreteria
Il Rag. Ivano Cordella è il responsabile degli Uffici di Segreteria ed è coadiuvato da sei
assistenti amministrativi.
Gli Uffici di Segreteria sono aperti al pubblico dalle ore 8.00 alle ore 9.00 e dalle ore 11.00
alle ore 13.00 di ogni giorno feriale e in ore pomeridiane a seconda del piano annuale delle
attività .

7.3.4. Procedura dei Reclami

Procedura dei reclami

I reclami possono essere espressi in forma orale, scritta, telefonica, via fax e devono
contenere generalità, indirizzo e reperibilità del proponente. I reclami orali e telefonici debbono,
successivamente, essere sottoscritti. I reclami anonimi non sono presi in considerazione, se non
circostanziati.
Il Capo d’Istituto, dopo aver esperito le necessarie indagini in merito, risponderà in forma
scritta (non oltre quindici giorni) e si attiverà per rimuovere le cause che hanno provocato il
reclamo. Qualora il reclamo non sia di competenza del Capo d’Istituto, al reclamante saranno
fornite indicazioni circa il corretto destinatario.
Annualmente il Capo d’Istituto formulerà per il Consiglio una relazione analitica dei reclami
e dei successivi provvedimenti.

68
8. VALUTAZIONE D’ISTITUTO

8.1. Il sistema qualità


La Scuola si propone l' obiettivo del miglioramento continuo e progressivo del servizio
scolastico attraverso un' autoanalisi interna annuale in relazione a :
- Grado di soddisfacimento delle aspettative dell' utenza sul piano amministrativo e didattico;
- Efficacia delle attività di laboratorio finalizzate alla rilevazione degli interessi e delle
attitudini degli allievi;
- Efficacia delle attività di recupero, sostegno e potenziamento;
- Efficacia delle iniziative sull'orientamento scolastico;
- Livello di soddisfacimento della domanda di aggiornamento degli operatori;
- Tassi di utilizzazione di attrezzature, laboratori, patrimonio librario;
- Capacità di utilizzazione piena delle risorse finanziarie (Fondo di Istituto, fondi statali su
progetti specifici);
- Efficienza della rete informativa (tempestività nella socializzazione delle informazioni, nella
distribuzione delle circolari, nell'offerta di attività extra-scolastiche da parte di soggetti
esterni, ecc.).
Tale valutazione si ispirerà al principio dell' autodiagnosi ed avrà come finalità la
programmazione.
Gli elementi per la valutazione del servizio riguarderanno le strutture , i processi, gli
organismi, le competenze disciplinari, le competenze pedagogiche e metodologico-didattiche dei
docenti, le competenze relazionali e gestionali, il prodotto.
Le Commissioni di lavoro elaboreranno questionari sul gradimento dei servizi organizzativi,
amministrativi e didattici, da sottoporre all' approvazione del Collegio dei Docenti e del Consiglio
di Istituto prima della somministrazione.
Le domande dei questionari, diversi secondo i destinatari, prevedranno risposte graduate e
possibilità di specifiche proposte. Destinatari dei questionari sono: personale docente e ATA
della Scuola, studenti, genitori.
La valutazione delle strutture riguarderà:
- lo stato di manutenzione dell' edificio e degli arredi,
- l' esistenza di adeguate soluzioni architettoniche per disabili,
- lo stato di manutenzione degli spazi esterni,
- lo stato di efficienza dei piani di evacuazione in caso di calamità naturali o di incendio,
- la consistenza ed efficacia dei laboratori, della palestra e delle relative attrezzature sportive,
della biblioteca e delle riviste,
- la congruità dei servizi igienici e il loro stato d' uso in termini di igiene, efficienza, rapporto
con numero utenti.
La valutazione dei processi riguarderà i livelli di consistenza della dispersione scolastica, le
ripetenze e gli abbandoni, i tassi di frequenza scolastica degli alunni, i tassi di assenza dal
servizio degli operatori docenti e non, il funzionamento degli organismi di programmazione
(Commissioni di lavoro, Collegio dei Docenti, Consigli di Classe ), Consiglio di Istituto, Giunta
esecutiva.
La valutazione delle competenze disciplinari del personale docente riguarderà:
- la conoscenza aggiornata dei contenuti disciplinari;
- le competenze pedagogiche e metodologico - didattiche;
- il livello di competenza maturato sul fronte dell' auto aggiornamento;
- le competenze gestionali e relazionali;
- la competenza sul terreno della progettazione e su quello della programmazione.
La valutazione del prodotto riguarderà l' analisi del rapporto tra studenti in entrata e studenti
in uscita a fine ciclo, il proseguimento degli studi superiori.

69
Il Collegio dei docenti alla fine di ciascun anno scolastico redigerà una relazione generale
sull'
attività formativa e la invierà al Consiglio d'
Istituto per gli adempimenti di competenza.
A fine anno verrà elaborato un rapporto sulla soddisfazione dei clienti.

La Scuola è inserita nel “Polo Qualità Puglia” gestito dall’Ufficio Scolastico Regionale.
Detto progetto, oltre ad informare e diffondere condizioni di miglioramento sul piano
organizzativo e metodologico – didattico, mira all’avvio di una sperimentazione reticolare
per implementare processi sistemici che coinvolgono tutti gli attori del sistema formativo
che meglio risponda a migliorare l’erogazione del servizio scolastico. Il progetto risponde
all’attuazione di linee – guida emanate dal Ministero della Pubblica Istruzione (v. nota prot.
6597 del 6-7-2005 dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia. Ufficio I).

8.2. Valutazione di sistema


Al termine di ogni anno scolastico, vengono proposti agli utenti due questionari relativi a:
a) efficacia del servizio nell’area educativo – didattica, con particolare riferimento a:
- applicazione del Regolamento d’Istituto;
- iniziative formative;
- comunicazione e trasparenza;
- procedure valutative adottate;
- materiali e sussidi utilizzati,
- attività di orientamento;
- modalità di partecipazione dei genitori alla vita della Scuola (colloqui, assemblee di
classe, OO. CC.);
b) efficacia del servizio nell’area amministrativa con particolare riferimento a:
- orario di apertura al pubblico;
- rilascio atti amministrativi;
- rapporti con l’utente (stile comunicativo);
- pulizia, ordine e cura dei locali;
- collaborazione con gli insegnanti nella vigilanza sugli alunni e nell’azione educativa.
Il Collegio dei docenti, inoltre, nel suo seno compila una relazione sull’attività formativa della
Scuola, che sottopone all’attenzione del Consiglio d’Istituto.

8.3. Valutazione dell’ultimo triennio


Nel corso degli ultimi tre anni, dopo l’unificazione della Scuola Media “Caduti di
Marzabotto” con la Scuola Media “Giulio Cesare” nella attuale realtà scolastica, certamente più
complessa, si è proceduto al monitoraggio delle attività facoltative ed aggiuntive svolte in orario
pomeridiano. Esso ha coinvolto gli stessi alunni e le famiglie per una valutazione della scuola
finalizzata alla rilevazione della “qualità” del servizio educativo e didattico offerto all’utenza.
Non è mancata la valutazione della Scuola da parte dei docenti e i dati emersi dalle risposte dei
soggetti della relazione educativa sono stati utili per l’individuazione dei punti di forza e di
debolezza della stessa. In particolare negli ultimi anni scolastici si è proceduto alla rilevazione del
grado di soddisfazione degli utenti (genitori) nei confronti del servizio erogato con particolare
riferimento alle attività facoltative ed aggiuntive offerte dalla scuola. L’analisi dei dati emersi
dalle risposte delle famiglie conduce a giudizi molto positivi.

70
Quasi tutti i genitori hanno espresso, in particolare, un giudizio altamente positivo sia per la
serenità e la correttezza dei rapporti fra docenti e alunni (4,58/5) sia per la chiarezza e l’efficacia
delle lezioni (4,36/5). Elevata è stata anche la valutazione complessiva dell’attività svolta
(4,22/5). Buono il livello di soddisfazione sulla adeguatezza dei supporti didattici usati (3,95/5).
Qualche perplessità, da tenere certamente in considerazione per il futuro, è emersa in ordine
alla completezza delle informazioni rese alle famiglie riguardanti l’attività svolta (3,61/5),
all’adeguatezza della durata del corso rispetto agli obiettivi (3,61/5) e per quanto concerne la
compatibilità dei rientri pomeridiani con gli altri impegni di studio (3,70/5). Nel complesso, però,
anche su questi aspetti i giudizi espressi dalle famiglie risultano buoni. Alle varie perplessità sono
da collegarsi suggerimenti e proposte dei genitori. Alcuni suggerimenti, comuni a quasi tutte le
attività svolte, sono:
a) ripetere l’esperienza nel prossimo anno scolastico;
b) estendere i corsi a tutto il triennio;
c) anticipare l’inizio dei corsi e prolungarne la durata;
d) potenziare, in alcuni casi, l’esercizio discorsivo;
e) prevedere una maggiore adeguatezza dei supporti didattici.
A titolo esemplificativo, è stata proposta agli alunni coinvolti nel Progetto “Guida allo studio.
Insegnare ad apprendere” (classi prime 160 alunni) la compilazione di una scheda di valutazione
finale. L’analisi dei dati ha fornito interessanti considerazioni sull’efficacia e sui risultati delle
attività previste dal progetto.
Dalle risposte alla prima domanda è emerso che gli alunni coinvolti hanno affrontato le
attività dello “studi guidato” con impegno (50%), con interesse (31%), con entusiasmo (9%) e
con partecipazione (8%). Solo una minima percentuale (2%) ha denunciato “superficialità”.
Quasi tutti gli alunni (88%) hanno ritenuto che le attività svolte nel “corso” siano state “molto
utili”. Gli altri (12%) le hanno comunque considerate “utili”.
Gli alunni, poi, in riferimento alla disponibilità dei docenti del corso, hanno evidenziato che i
docenti sono stati disponibili alle loro richieste (96%). Solo per un esiguo numero (4%) sono stati
“poco disponibili”.
Il modo di fare degli insegnanti è stato valutato molto bene. Per quasi tutti gli alunni (98%) i
docenti sono stati chiari nelle spiegazioni e solo per qualcuno (2%) non c’è stata abbastanza
chiarezza nelle lezioni.
Tutti gli alunni (100%) hanno ritenuto che l’esperienza fatta abbia permesso loro di acquisire
un “metodo di studio” ed una maggior sicurezza. Non tutti gli alunni però, si mostrano entusiasti
a ripetere l’esperienza. Un buon numero (73%) la rifarebbe, altri (23%) invece, sono di parere
contrario. Ci sono anche gli indecisi (4%) che, sul questionario, hanno aggiunto, di proprio
pugno, la risposta “non so”.
Una indagine particolarmente significativa, perché condotta subito dopo l’unificazione, ha poi
interessato la valutazione della scuola da parte dei docenti (65/77) nell’ambito del “Progetto
Qualità”.
I docenti della S. S. di I grado “Caduti di Marzabotto - Giulio Cesare” sono molto favorevoli
ad una valutazione della scuola (85%), per misurare l’efficienza della sua azione educativa e
didattica (25%), per migliorare l’azione educativa e didattica (22%), per individuare i punti
“deboli” della scuola ed intervenire con un’azione mirata ed efficace (21%) e per indurre i
docenti ad una autovalutazione del proprio operato (15%).
Per quanto riguarda il “clima” della scuola, essi ritengono che non vi sia abbastanza stima
reciproca tra colleghi perché manca nei docenti una medesima disponibilità al lavoro (20%),
perché mancano le occasioni per confrontarsi e di collaborare (18%), perché c’è un eccessivo
individualismo (15%) e perché non ci si conosce abbastanza (14%). La situazione negativa si può
superare favorendo momenti ed occasioni di confronto e collaborazione (26%), restituendo al
Consiglio di classe la sua funzione di strumento di programmazione e di verifica (16%),

71
socializzando le attività svolte nelle singole classi, mediante un’attività di coordinamento (figure
obiettivo) (12%) e modificando i criteri di formazione delle classi (10%).
Per rendere più chiari compiti e obiettivi si suggerisce di distribuire ai docenti materiale in cui
siano illustrati in modo analitico (27%), di organizzare in modo diverso i Consigli di classe
(23%), di organizzare in modo diverso il Collegio dei Docenti (19%) e di favorire incontri
periodici per illustrarli, analizzarli e commentarli (19%).
In riferimento alle procedure relative al lavoro didattico, è possibile renderle più funzionali
snellendole (31%), favorendone la conoscenza e l’uso (29%), con una maggiore trasparenza
(20%) e pubblicizzando l’operato del Consiglio di Istituto e della Giunta (11%).
Per rendere tutti i docenti ugualmente responsabili dell’efficacia dell’attività della scuola si
indicano: maggiore gratificazione per l’operato dei docenti (35%), maggiore coinvolgimento
(18%), potenziamento del senso di responsabilità individuale (14%) e distribuzione di incarichi
all’interno della scuola (14%).
L’accordo sulle decisioni didattiche può essere favorito, secondo i docenti, proponendole ai
docenti almeno una settimana prima del Collegio (40%), con incontri frequenti tra docenti (28%),
sottoponendole in forma scritta all’attenzione dei docenti (14%) e con incontri frequenti tra
Preside e docenti (14%).
Altrettanto interessanti si rivelano le successive indicazioni. I rapporti tra docenti, perché si
sentano alla “pari”, per esempio, si possono migliorare abbandonando atteggiamenti improntati
ad individualismo o scetticismo (21%), coinvolgendo tutti i docenti nell’attività della scuola
(15%), con collaborazione e disponibilità reciproca (16%).
Si può dare, quindi, ai docenti la consapevolezza che tutti “contano”, indipendentemente dal
contributo che possono dare, valorizzando il lavoro di tutti i docenti (25%), creando i presupposti
per una maggiore collaborazione tra i docenti (19%), valorizzando l’importanza di tutte le
discipline (16%) e insistendo sul principio che tutti i docenti “fanno” la scuola (13%).
Negli anni scolastici precedenti il monitoraggio ha interessato le famiglie in ordine alla
soddisfazione per il servizio erogato, alla serenità e alla correttezza dei rapporti fra docenti ed
alunni, alla chiarezza ed alla efficacia delle lezioni ed alla adeguatezza dei supporti didattici. Le
famiglie si sono dichiarate abbastanza soddisfatte della durata dei corsi e dei rapporti relazionali
con la scuola sulle attività svolte.
L’attività valutativa realizzata nell’anno scolastico 2003 – 2004 ha utilizzato come efficace
strumento il “questionario di valutazione e di percezione del servizio” che ha raccolto punti di
vista e valutazioni dei vari soggetti coinvolti/interessati al servizio scolastico sul funzionamento,
le relazioni e la qualità dell’offerta formativa.
Il questionario è stato correttamente compilato e restituito dalle famiglie degli alunni delle
prime, seconde e terze classi.

72
8.4. Indici di soddisfazione e di percezione del servizio da parte delle famiglie degli alunni
a.s. 2006 - 2007
L’obiettivo del miglioramento continuo e progressivo del servizio attraverso un’autoanalisi
interna annuale finalizzata alla valutazione costituisce l’elemento di forza del “sistema qualità”
della scuola.
Un efficace strumento di valutazione per migliorarsi è costituito dal “Questionario di
valutazione e percezione del servizio” che raccoglie punti di vista e valutazioni dei vari soggetti
coinvolti/interessati al servizio scolastico, sul funzionamento, le relazioni e la qualità dell’offerta
formativa.
Per rilevare i livelli di gradimento del servizio è stato proposto ai genitori degli alunni di
alcune classi campione, nell’ultima parte dell’anno scolastico, un questionario preceduto da una
lettera dell’ufficio di presidenza con la quale viene chiarito il senso dell’iniziativa.
Il questionario è stato correttamente compilato e restituito dalle famiglie degli alunni delle
prime, seconde e terze classi.
I risultati, ben evidenziati dai grafici allegati, appaiono molto soddisfacenti. Abbastanza
adeguata risulta, per esempio, l’organizzazione della scuola rispetto alle esigenze degli alunni e
valida viene considerata 1’offerta formativa proposta dalla scuola (programmi didattici, attività
pomeridiane, corsi di recupero, ecc...). Interessanti alcune proposte: corsi di ceramica e di
recitazione, corsi facoltativi di latino e di informatica a partire dal primo anno, svolgimento dei
corsi pomeridiani prevalentemente nel primo quadrimestre, incremento dei corsi di recupero. Di
particolare rilievo è l’invito a coordinare un più stretto rapporto tra gli alunni e le varie forme di
aggregazione socio-economica e culturale presenti sul territorio. Molto confortanti si rivelano,
infine, le affermazioni di genitori che dichiarano di non avere proposte da fare in quanto “la
scuola è già ben organizzata”.

73
RISULTATI del QUESTIONARIO di RILEVAZIONE della SODDISFAZIONE dell'UTENTE
Monitoraggio effettuato per le classi: I (B-E-I), II (D-F-L), III (A-H-N) (Totale schede n. 197)

1. Mio/a figlio/a frequenta la scuola volentieri

Totale 1B 1E 1I 2D 2F 2L 3A 3H 3N
Per niente 3 0 1 0 1 0 0 0 1 0
Poco 12 1 1 1 0 2 3 0 3 1
Abbastanza 65 6 3 7 3 11 5 8 9 13
Molto 74 12 5 12 9 4 9 8 9 6
Moltissimo 42 5 9 6 6 3 5 6 1 1
Non risponde 1 1

2. Gli insegnanti hanno informato mio/a figlio/a sugli obiettivi da conseguire, sugli strumenti
di valutazione e sulla metodologia didattica adottata.

Totale 1B 1E 1I 2D 2F 2L 3A 3H 3N
Per niente 1 0 0 0 0 0 0 0 1 0
Poco 10 2 0 2 1 2 2 1 0 0
Abbastanza 69 7 7 7 7 4 10 5 12 10
Molto 72 8 7 9 10 5 7 10 7 9
Moltissimo 44 7 5 8 1 8 4 6 3 2
Non risponde 1 1

74
3. Sono soddisfatto dei progressi di mio/a figlio/a

Totale 1B 1E 1I 2D 2F 2L 3A 3H 3N
Per niente 4 1 0 0 1 0 1 0 1 0
Poco 17 1 2 1 2 2 3 0 5 1
Abbastanza 63 9 6 7 4 8 5 6 11 7
Molto 70 10 7 11 7 6 9 5 3 12
Moltissimo 43 3 4 7 5 4 5 11 3 1

4. Mi sento a mio agio a discutere con gli insegnanti i problemi di apprendimento,


di comportamento e personali di mio/a figlio/a.

Totale 1B 1E 1I 2D 2F 2L 3A 3H 3N
Per niente 4 0 0 0 1 0 1 1 1 0
Poco 4 1 1 0 0 0 0 0 0 2
Abbastanza 61 11 5 7 6 7 6 4 7 8
Molto 72 6 7 9 8 7 9 7 13 6
Moltissimo 56 6 6 10 4 6 7 10 2 5

75
5. Gli incontri docenti - genitori raggiungono lo scopo di coinvolgere le famiglie sui
problemi di formazione degli allievi.

Totale 1B 1E 1I 2D 2F 2L 3A 3H 3N
Per niente 3 0 0 0 1 0 0 1 1 0
Poco 9 2 1 1 1 2 0 2 0 0
Abbastanza 71 7 8 10 7 5 9 9 7 9
Molto 70 11 6 11 8 5 7 4 14 4
Moltissimo 44 4 4 4 2 8 7 6 1 8

6. Sono soddisfatto dell'offerta formativa proposta dalla scuola (attività didattiche,


attività laboratoriali, corsi pomeridiani, ecc…).

Totale 1B 1E 1I 2D 2F 2L 3A 3H 3N
Per niente 1 0 0 0 0 1 0 0 0 0
Poco 9 2 1 2 0 1 0 1 0 2
Abbastanza 71 8 6 6 8 8 9 7 11 8
Molto 69 9 8 8 9 5 8 7 9 6
Moltissimo 46 5 4 10 2 5 6 7 2 5
Non risponde 1 1

76
7. Le informazioni sono puntuali e chiare.

Totale 1B 1E 1I 2D 2F 2L 3A 3H 3N
Per niente 2 0 1 0 0 0 0 0 1 0
Poco 8 1 1 1 1 2 0 1 1 0
Abbastanza 47 5 3 1 5 8 5 8 5 7
Molto 93 10 7 14 12 10 12 9 13 6
Moltissimo 47 8 7 10 1 0 6 4 3 8

8. Le strutture generali sono adeguate.

Totale 1B 1E 1I 2D 2F 2L 3A 3H 3N
Per niente 1 0 1 0 0 0 0 0 0 0
Poco 13 0 1 1 1 2 3 1 2 2
Abbastanza 110 14 10 10 13 11 13 11 17 11
Molto 53 6 5 11 3 6 7 8 2 5
Moltissimo 18 4 2 4 1 1 0 2 2 2
Non risponde 2 1 1

77
9. Il personale ausiliario e amministrativo è disponibile.

Totale 1B 1E 1I 2D 2F 2L 3A 3H 3N
Per niente 2 0 1 0 0 0 0 0 0 1
Poco 6 0 0 1 0 0 0 2 2 1
Abbastanza 90 12 7 12 9 9 9 8 17 7
Molto 71 10 9 8 9 5 11 8 2 9
Moltissimo 28 2 2 5 1 6 3 4 2 3

10. Preside e collaboratori del Preside sono disponibili, all'occasione, a discutere


dei problemi ed ad offrire il loro aiuto per la soluzione.

Totale 1B 1E 1I 2D 2F 2L 3A 3H 3N
Per niente 1 0 0 0 0 0 0 0 1 0
Poco 11 0 2 1 1 0 0 4 2 1
Abbastanza 77 12 5 9 4 12 5 8 12 10
Molto 64 7 8 11 9 3 10 5 6 5
Moltissimo 40 5 3 5 5 5 7 4 2 4
Non risponde 4 0 1 0 1 1 1

78
11. Iscriverei di nuovo mio figlio a questa scuola?

Totale % 1B 1E 1I 2D 2F 2L 3A 3H 3N
Si 156 79,2% 19 14 23 15 17 19 18 18 13
Probabilmente Si 30 15,2% 4 3 2 2 2 4 3 4 6
Non lo so 8 4,1% 1 2 1 2 1 0 0 0 1
No 1 0,5% 0 0 0 0 0 0 1 0 0
Non risponde 2 1,0% 1 1

79
9. CRITERI PER L’ATTUAZIONE DELLE RIFORME

In applicazione della Legge 53/2003 e delle nuove “Indicazioni per il curricolo” si riportano
le integrazioni al POF.

9.1. Percorso Formativo


Ogni Consiglio di classe stilerà un Percorso Formativo attenendosi agli elementi seguenti:
1. La rilevazione della situazione di partenza.
Il Consiglio di classe dovrà definire i livelli di competenza secondo le consuete fasce del
potenziamento, del consolidamento e del recupero. Detta rilevazione verrà riportata, a sintesi,
sull’Allegato 1.

2. Criteri generali.
Il percorso formativo si articolerà intorno ai criteri generali come indicato nell’ Allegato 2.

3. Le Unità di Apprendimento disciplinari e interdisciplinari.


In particolare ogni Consiglio di classe dovrà precisare, in fase di Progettazione le tematiche
comuni delle attività interdisciplinari secondo l’Allegato 3.

4. Organizzazione delle attività.


Si precisano la scansione oraria e l’elenco delle attività laboratoriali previste per le varie
classi nel corrente anno scolastico: ogni Consiglio di classe espliciterà quelle di pertinenza.
Vedi Allegati 4; 4.1 per le prime, 4.2 per le seconde, 4.3 per le terze.

5. Metodologia e valutazione.
Si precisa che il Percorso Formativo dovrà contenere anche gli altri elementi per la
definizione di una corretta Programmazione: metodi – verifiche – valutazione, avendo a
riferimento quanto definito nel POF integrato da elementi tratti dalle “Indicazioni per il
curricolo” (Allegato 5).

6. Indicatori degli apprendimenti.


Per conoscenza e riferimento si allega l’elenco degli indicatori degli apprendimenti attesi
(Allegato 6.1 per il biennio, allegato 6.2 per il terzo anno): si consiglia comunque di
consultare, per un primo confronto in attesa di una migliore definizione, gli obiettivi di
apprendimento e i traguardi definiti per le singole discipline nelle “Indicazioni per il
curricolo” (da pag. 47 a pag. 111).

80
ALLEGATO 1

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PIANO DI STUDI PERSONALIZZATO


“C. DI MARZABOTTO – G. CESARE” CLASSE .

Anno scolastico 2007 - 2008

SITUAZIONE DI PARTENZA
Livello di classe Tipologia della classe Osservazioni (individuazione del contesto socio-culturale)
vivace
Medio alto …………………………………………. .………………… .

tranquilla
Medio …………………………………….….………………………
collaborativi
Medio basso ………………………………………..…….………………..
passiva
basso ………………………………………..………………………
problematica

Fasce di livello
Individuate sulla base di Prove di ingresso
Griglie di osservazione opportunamente predisposte dai docenti
Osservazioni sistematiche
Informazioni fornite dalla scuola elementare

1. POTENZIAMENTO………………………………………………………………..
……………………………………………………………………………….……… N. % .

……………………………………………………………………………………….
……………………………………………………………………………………….

2. CONSOLIDAMENTO……………………………………………………………..
……………………………………………………………………………….……… N. % .

……………………………………………………………………………………….
……………………………………………………………………………………….

3. RECUPERO………………………………………………………………………..
……………………………………………………………………………….……… N. % .

……………………………………………………………………………………….
……………………………………………………………………………………….

Casi particolari
Cognome nome Motivazioni Cause

1. ……………….……. …………………………………… …………………………………


2. …………………….. …………………………………… …………………………………
3. ………………..…… …………………………………… ………………………………….
4. ……………..……… …………………………………… …………………………………
5. …………………….. …………………………………… ………………………………….
Legenda motivazioni Legenda presumibili cause
A. gravi difficoltà di apprendimento 1. ritmi di apprendimento lenti
B. difficoltà linguistiche (stranieri) 2. situazione familiare difficile
C. disturbi comportamentali 3. motivi di salute
D. portatore di H 4. svantaggio socio-culturale
E. altro…………………..……………………………… 5. scarsa motivazione allo studio
6. difficoltà di relazione con coetanei e/o adulti

81
ALLEGATO 2

CRITERI GENERALI

1. PROCESSO FORMATIVO
Il percorso educativo si articolerà intorno alle seguenti direttrici:
(a) Centalità della persona
Lo studente è posto al centro dell’azione educativa in tutti i suoi aspetti: cognitivi, affettivi, relazionali,
corporei, estetici, etici, spirituali, religiosi. In questa prospettiva, i docenti dovranno pensare e realizzare i
loro progetti educativi e didattici non per individui astratti, ma per persone che vivono qui e ora, che
sollevano precise domande esistenziali, che vanno alla ricerca di orizzonti di significato.
(b) Cittadinanza:
insegnare le regole del vivere e del convivere è per la scuola un compito oggi ancora più ineludibile
rispetto al passato, perché sono molti i casi nei quali le famiglie incontrano difficoltà più o meno grandi
nello svolgere il loro ruolo educativo.
La scuola si apre alle famiglie e al territorio circostante.
Il sistema educativo deve formare cittadini in grado di partecipare consapevolmente alla costruzione di
collettività più ampie e composite, siano esse quella nazionale, quella europea, quella mondiale.
(c) Nuovo umanesimo
È quindi decisiva una nuova alleanza fra scienza, storia, discipline umanistiche, arti e tecnologia, in
grado di delineare la prospettiva di un nuovo umanesimo. In tale prospettiva, la scuola potrà perseguire
alcuni obiettivi, oggi prioritari:
Insegnare a ricomporre i grandi oggetti della conoscenza – l’universo, il pianeta, la natura, la vita,
l’umanità, la società, il corpo, la mente, la storia – in una prospettiva complessa, volta cioè a superare la
frammentazione delle discipline e a integrarle in nuovi quadri d’insieme.
Promuovere i saperi propri di un nuovo umanesimo: la capacità di cogliere gli aspetti essenziali dei
problemi; la capacità di comprendere le implicazioni, per la condizione umana, degli inediti sviluppi
delle scienze e delle tecnologie; la capacità di valutare i limiti e le possibilità delle conoscenze; la
capacità di vivere e di agire in un mondo in continuo cambiamento.
Diffondere la consapevolezza che i grandi problemi dell’attuale condizione umana (il degrado
ambientale, il caos climatico, le crisi energetiche, la distribuzione ineguale delle risorse, la salute e la
malattia, l’incontro e il confronto di culture e di religioni, i dilemmi bioetici, la ricerca di una nuova
qualità della vita) possono essere affrontati e risolti attraverso una stretta collaborazione non solo fra le
nazioni, ma anche fra le discipline e fra le culture.
E pertanto vengono specificate le generali finalità:
offrire agli studenti occasioni di apprendimento dei saperi e dei linguaggi culturali di base;
far sì che gli studenti acquisiscano gli strumenti di pensiero necessari per apprendere a selezionare le
informazioni;
promuovere negli studenti la capacità di elaborare metodi e categorie che siano in grado di fare da
bussola negli itinerari personali;
favorire l’autonomia di pensiero degli studenti, orientando la propria didattica alla costruzione di saperi a
partire da concreti bisogni formativi.
(dalle indicazioni per il curricolo pp. 15 - 22)

2. COMPETENZE DA RAGGIUNGERE
L’alunno saprà:
esprimere un personale modo di essere e proporlo agli altri;
interagire con l' ambiente naturale e sociale che lo circonda e influenzarlo positivamente;
risolvere i problemi che di volta in volta incontra;
riflettere su se stesso e gestire il proprio processo di crescita, anche chiedendo aiuto, quando occorre;
comprendere, per il loro valore, la complessità dei sistemi simbolici e culturali;
maturare il senso del bello;
conferire senso alla vita.
A questo punto l' alunno sarà capace:
di attivare le proprie competenze in situazioni differenti da quelle originarie (trasferimento analogico);
di cogliere caratteristiche comuni in contesti diversi (principio dell'astrazione);
di risolvere in maniera operativa i vari problemi facendo interagire analogia e astrazione (operatività
della competenza).

82
ALLEGATO 3
ATTIVITÀ TRASVERSALI

CLASSE . SEZ. . CONSIGLIO DI CLASSE DEL .

ED. ALLA
DISCIPLINA CITTADINANZA ED. STRADALE ED. AMBIENTALE ED. ALLA SALUTE ED. ALIMENTARE ED. ALL’AFFETTIVITÀ ALTRO

RELIGIONE
CATTOLICA

ITALIANO

INGLESE

SECONDA
LINGUA

STORIA
GEOGRAFIA

MATEMATICA
SCIENZE

TECNOLOGIA

MUSICA

ARTE E
IMMAGINE

SCIENZE
MOTORIE

83
ALLEGATO 4

ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ

Il Collegio dei docenti, in attuazione della legge delega n. 53 del 28 marzo 2003,
considerato il primo Decreto Legislativo attuativo n. 59 del 19 febbraio 2004 e la C. M. n. 29 del
5 marzo 2004 (indicazioni sull’attuazione del D. Leg.vo N. 59/04), propone per le classi prime,
seconde e terze un orario annuale composto da 957 ore obbligatorie e da 132 ore annue
facoltative aggiuntive “al fine di realizzare la personalizzazione del piano di studi con attività ed
insegnamenti coerenti con il profilo educativo” (art. 10, comma 2, d. lgs. n. 59/2004).
Le 957 ore annue obbligatorie vengono ripartite tra le diverse discipline, come risulta dalle
Indicazioni Nazionali - allegato C del D. Leg.vo. di cui sopra. Considerato che le stesse
“Indicazioni Nazionali” permettono possibili compensazioni tra le discipline, nel rispetto del
monte ore annuo obbligatorio complessivo (957 ore), l’Istituzione Scolastica ha optato nell’a. s.
2006/07 per l’orario annuo “medio” con un’unica modifica, la sottrazione alle scienze di 14 ore
che vengono così redistribuite:

TAB. 1
Italiano............................. 204 ore
Storia + geografia ............ 111 ore
Matematica ...................... 198 ore
Inglese ............................... 99 ore
Francese............................. 66 ore
Tecnologia ......................... 66 ore
Musica ............................... 60 ore
Arte .................................... 60 ore
Scienze Motorie................. 60 ore
Religione ........................ ...33 ore
TOTALE ................. 957 ore

Il Consiglio di Istituto e il Collegio dei docenti, sentito anche il parere favorevole dei
genitori, considerata positiva l’esperienza del bilinguismo in cui già si attuavano 33 ore in orario
antimeridiano, decide di collocare gli insegnamenti obbligatori e quelli facoltativi nell’orario
antimeridiano, dalle ore 8.00 alle ore 13.30. Gli alunni che dovessero comunque optare per le 29
ore (solo l’orario obbligatorio) avranno due uscite alle ore 13.30, e quattro uscite alle ore 12.30.
Le attività facoltative aggiuntive ripartite tra le varie discipline, come risulta dalla tabella 2,
rispecchiano le scelte operate dai genitori e tengono conto delle risorse professionali a
disposizione dell’istituzione scolastica. Ferma restando la libertà di scelta dei genitori circa il
monte ore annuo di lezione (I opzione: 957 ore - II opzione: 957 ore + 132 ore aggiuntive), gli
organi collegiali della scuola ritengono la seconda opzione più coerente con gli obiettivi formativi
indicati come prioritari nel P.O.F. e più efficace al conseguimento degli stessi.

84
Infatti nell’individuazione delle attività laboratoriali da proporre agli alunni, i docenti
hanno fatto preciso riferimento ai percorsi formativi indicati dalla scuola come prioritari che qui
di seguito vengono ricordati:
a. Educare alla socialità e alla convivenza civile.
b. Istruire ai saperi fondamentali e alle conoscenze irrinunciabili.
c. Incentivare allo studio delle lingue, strumenti primari della comunicazione.
d. Avviare al linguaggio informatico e multimediale.
Le attività laboratoriali avranno scansione settimanale, saranno complessivamente tre nel
primo quadrimestre; nel secondo quadrimestre saranno due per le prime e seconde e tre per le
classi terze.
In conformità a quanto previsto dal Decreto Legislativo n. 59 del 19/02/’04, applicativo
della legge delega n. 53 del 28/03/’03, si vanno attuando nelle classi prime, seconde e terze del
nostro Istituto le attività laboratoriali per complessive 132 ore annue (quattro ore settimanali).
Questa offerta formativa facoltativa aggiuntiva, complementare al monte ore annuale
obbligatorio, è anch’essa finalizzata alla realizzazione del Profilo educativo, culturale e
professionale dello studente. Le attività laboratoriali sono state definite facendo riferimento sia ai
percorsi formativi indicati nel POF, sia alle scelte prevalenti delle famiglie.
L’attività laboratoriale fa parte integrante del curricolo “nell’unitarietà del percorso
formativo in cui confluiscono insegnamenti obbligatori e facoltativi”: in ogni laboratorio viene
salvaguardata l’unità del gruppo classe, così come previsto nella C. M. n. 1383 del 25/06/’04.
La frequenza di tali attività è obbligatoria e si ricorda che l’insegnamento/apprendimento
avviene nell’ambito del laboratorio.
Tenendo conto delle scelte prioritarie operate dalle famiglie, in conformità con i laboratori
proposti, si è definito il seguente piano delle attività facoltative.

• Area linguistica e storico – geografica :


- laboratorio storico – geografico (21 ore);
- laboratorio linguistico – espressivo (27 ore).
• Area linguistica:
- laboratorio di lingua francese (33 ore).
• Area tecnico – scientifica:
- laboratorio di alfabetizzazione informatica (33 ore) (classi prime seconde, terze);

85
ALLEGATO 4.1

ATTIVITÀ LABORATORIALI
ANNO SCOLASTICO 2007 — 2008

CLASSI PRIME

I QUADRIMESTRE

• Laboratorio storico - geografico (21 ore):


- “Vita quotidiana nel Medioevo” Corsi: A – C – D – F – H
- “Brindisi nel Medioevo” Corso: B
- “La Via Francigena” Corsi: E
- “I monumenti medievali di Brindisi” Corso: G
- “Metereologia” Corso: I
- “Percorso di conoscenza dalla mia regione all’Europa” Corso: L
- “Il Medioevo a Brindisi” Corso: N
• Laboratorio linguistico - espressivo (27 ore):
- “Fiabe, miti e leggende dal mondo” Corsi: tutti
• Laboratorio tecnico - scientifico (16 ore):
- “Alfabetizzazione informatica” Corsi: tutti

II QUADRIMESTRE

• Laboratorio di lingua straniera (francese - 33 ore):


- “Attività ludiche: dall’ascolto all’interazione” Corsi: tutti
• Laboratorio tecnico - scientifico (17 ore):
- “Alfabetizzazione informatica” Corsi: tutti

I docenti di “Arte ed immagine”, “Musica”, “Scienze motorie e sportive” interagiranno, per le


ore di laboratorio, con le suddette attività.

86
ALLEGATO 4.2

ATTIVITÀ LABORATORIALI
ANNO SCOLASTICO 2007 — 2008

CLASSI SECONDE

I QUADRIMESTRE

• Laboratorio storico - geografico (21 ore):


- “La rivoluzione industriale” Corsi A - E - I – N
- “Storia e Stati dell’U.E.” Corso B
- “La Rivoluzione Partenopea e Ignazio Ciaia” Corso C
- “L’U.E. e la sua storia” Corsi D - F - M
- “L’Italia nell’Unione Europea” Corso G
- “Il Danubio” Corso H
- “Le zone protette in Europa – I Parchi marini” Corso L
• Laboratorio di lingua straniera (francese - 33 ore):
- “Parigi in tour: tra cultura ed espressività” Corsi: tutti

• Laboratorio tecnico - scientifico (16 ore)


- “Informatica” Corsi: tutti

II QUADRIMESTRE

• Laboratorio linguistico - espressivo (27 ore):


- “Il testo narrativo” Corsi: tutti
• Laboratorio tecnico - scientifico (17 ore)
- “Informatica” Corsi: tutti

I docenti di “Arte ed immagine”, “Musica”, “Scienze motorie e sportive” interagiranno, per le


ore di laboratorio, con le suddette attività.

87
ALLEGATO 4.3

ATTIVITÀ LABORATORIALI
ANNO SCOLASTICO 2007 — 2008

CLASSI TERZE

I QUADRIMESTRE

• Laboratorio linguistico - espressivo (27 ore):


- “Il piacere della lettura: scrittori contemporanei per ragazzi” Corsi: tutti

• Laboratorio di lingua straniera (francese - 33 ore):


- “Francofonia e intercultura” Corsi: tutti

• Laboratorio tecnico - scientifico (16 ore)


- “Informatica” Corsi: tutti

II QUADRIMESTRE

• Laboratorio storico - geografico (21 ore):


- “Sviluppo e sottosviluppo: la condizione dei minori oggi” Corsi: A – B – C – D – F
– G–H–I –L–M–
N

- “Il lavoro dello storico” Corsi: E – O

• Laboratorio di lingua straniera (inglese - 33 ore)


- “Analisi strutturale di testi in lingua” Corsi: tutti

• Laboratorio tecnico - scientifico (17ore)


- “Informatica” Corsi: tutti

I docenti di “Arte ed immagine”, “Musica”, “Scienze motorie e sportive” interagiranno, per le


ore di laboratorio, con le suddette attività.

88
ALLEGATO 5
Scelte metodologiche
Il primo ciclo, nella sua articolazione di scuola primaria e secondaria di primo grado, persegue efficacemente le
finalità che le sono assegnate nella misura in cui si costituisce come un contesto idoneo a promuovere apprendimenti
significativi e a garantire il successo formativo per tutti gli alunni.
A tal fine è possibile individuare, nel rispetto della libertà di insegnamento, alcune impostazioni metodologiche
di fondo:
“valorizzare l’esperienza e le conoscenze degli alunni, per ancorarvi nuovi contenuti”;
“attuare interventi adeguati nei riguardi delle diversità, per fare in modo che non diventino disuguaglianze”;
“favorire l’esplorazione e la scoperta,al fine di promuovere la passione per la ricerca di nuove conoscenze”;
“incoraggiare l’apprendimento collaborativo;
“promuovere la consapevolezza del proprio modo di apprendere, al fine di imparare ad apprendere”;
“realizzare percorsi in forma di laboratorio, per favorire l’operatività e allo stesso tempo il dialogo e la
riflessione su quello che si fa”.
Processi di verifica e valutazione
Valutazione
Agli insegnanti compete la responsabilità della valutazione e la cura della documentazione didattica, nonché la
scelta dei relativi strumenti nel quadro dei criteri deliberati dai competenti organi collegiali. La valutazione
precede, accompagna e segue i percorsi curricolari. Attiva le azioni da intraprendere, regola quelle avviate,
promuove il bilancio critico su quelle condotte a termine. Assume una preminente funzione formativa, di
accompagnamento dei processi di apprendimento e di stimolo al miglioramento continuo.
La verifica verrà effettuata dai docenti secondo le seguenti operazioni:
a) determinazione dei tempi, una volta stabilito l' oggetto della verifica;
b) tabulazione dei dati;
c) interpretazione dei dati (secondo criteri di lettura concordati)
d) confronto longitudinale dei dati;
e) raccolta e confronto dei dati provenienti da componenti extrascolastiche;
f) confronto dei dati rilevati;
g) rapporto tra i dati e l'
operare del consiglio di classe;
h) elaborazione dei dati.
La verifica si varrà dei seguenti strumenti: schede, questionari, elaborati grafici, colloqui, uscite guidate,
proiezioni, letture, lavori di gruppo, lavori individuali e individualizzati.
La valutazione verrà effettuata secondo le seguenti operazioni:
utilizzo delle verifiche per il confronto dei dati emersi con i risultati attesi;
analisi dei risultati ottenuti in relazione a ciascun obiettivo e al processo di apprendimento e di formazione di
ogni allievo;
indicazione del grado di accettabilità del processo di apprendimento e di formazione in positivo o in negativo in
rapporto agli obiettivi prefissati.
La valutazione si avvarrà dei seguenti strumenti: individuazione corretta dei bisogni reali, scelta di obiettivi a medio
e lungo termine, metodologie usate, riformulazione eventuale della programmazione e revisione dell' operato dei
docenti.
In conclusione, i sistemi di valutazione degli esiti e dei processi prevedono:
verifiche sugli standard di apprendimento degli alunni per classi parallele validi a livello di istituto;
verifiche sul profilo formativo (conoscenze e competenze) da garantire al termine del percorso di studi;
criteri di valutazione ed eventuali prove di verifica comuni per dipartimenti disciplinari o discipline affini;
informazioni alla famiglie e agli allievi circa i tempi, le modalità e i criteri di valutazione che verranno seguiti
nel corso dell' anno scolastico;
prove di autovalutazione da parte dei singoli allievi;
strumenti di autovalutazione dell' insegnamento, a livello personale e di gruppo;
raccolta di informazioni idonee a fornire elementi di validazione degli esiti conseguiti dagli alunni in uscita;
documentazione delle valutazioni degli apprendimenti e degli insegnamenti e pubblicizzazione dei risultati.
Alle singole istituzioni scolastiche spetta poi la responsabilità dell’autovalutazione, che ha la funzione di
introdurre modalità riflessive sull’intera organizzazione dell’offerta educativa e didattica della scuola, ai fini del
suo continuo miglioramento, anche attraverso dati di rendicontazione sociale o dati che emergono da valutazioni
esterne.
L’Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e formazione (INVALSI) ha il compito
di rilevare la qualità dell’intero sistema scolastico nazionale, fornendo alle scuole, alle famiglie e alla comunità
sociale, al Parlamento e al Governo elementi di informazione essenziali circa la salute e le criticità del nostro
sistema di istruzione, e questo all’interno di un confronto internazionale che oggi va assumendo sempre più
rilevanza.
(Dalle “Indicazioni per il curricolo” pagina 24)

89
ALLEGATO 6.1

Allegato al documento di Valutazione dell’alunno .


Si comunicano gli Indicatori degli Apprendimenti (conoscenze ed abilità) previsti
per il BIENNIO della Scuola Secondaria di Primo Grado

Comprendere testi d’uso quotidiano e non, riorganizzare le informazioni raccolte in appunti, schemi, tabelle, testi di sintesi vari.
Comprendere ed interpretare in forma guidata e/o autonoma testi letterari e non (espositivi, narrativi, descrittivi regolativi, ecc.).
ITALIANO Produrre testi scritti e orali, a seconda degli scopi e dei destinatari, espositivi, epistolari, espressivi, poetici, regolativi,
informativi, testi d’uso. Svolgere progetti tematici e produrre testi adeguati sulla base di un progetto stabilito. Individuare la
natura e la funzione delle singole parole (analisi grammaticale) e analizzare la struttura della frase semplice (analisi logica).
Comprendere il senso globale e semplici informazioni esplicite in messaggi orali e scritti di varia tipologia. Interagire in brevi
dialoghi riguardanti la sfera personale e la vita quotidiana. Produrre brevi testi scritti in forma dialogica e descrittiva usando
INGLESE lessico adeguato, funzioni comunicative appropriate e strutture linguistiche corrette. Riconoscere le caratteristiche significative di
alcuni aspetti della cultura anglosassone e operare confronti con la propria.
Comprendere globalmente le informazioni principali di brevi messaggi su argomenti di vita quotidiana. Comprendere brevi testi
SECONDA LINGUA scritti di diversa tipologia. Produrre brevi testi orali su argomenti di vita quotidiana. Produrre espressioni e frasi scritte, collegate
COMUNITARIA da semplici connettivi.
Costruire “quadri di civiltà” in base ad indicatori dati. Utilizzare i termini specifici del linguaggio disciplinare. Individuare i
STORIA rapporti di interdipendenza tra i fatti storici. Distinguere e selezionare vari tipi di fonte storica, ricavandone informazioni.
Orientarsi con l’uso delle carte geografiche. Riconoscere le trasformazioni apportate dall’uomo sul territorio, utilizzando carte ed
GEOGRAFIA immagini. Analizzare, mediante osservazione diretta/indiretta, un territorio per conoscere e comprendere la sua organizzazione.
Comprendere ed usare il linguaggio specifico e gli strumenti propri della disciplina.
Leggere la realtà e risolvere problemi concreti e significativi. Raccogliere, organizzare, rappresentare e interpretare dati
MATEMATICA significativi. Possedere i concetti fondamentali della matematica e riflettere sui principi e sui metodi applicati. Usare il
linguaggio ed i simboli matematici.
Osservare la realtà per rilevare i dati necessari in relazione ai fenomeni proposti. Organizzare le conoscenze attraverso procedure
di: analogie, differenze e relazioni varie. Rispondere in maniera coerente alle problematiche proposte attraverso ragionamenti
SCIENZE logici, osservazioni e / o esperimenti. Comprendere ed usare il linguaggio scientifico. Acquisire comportamenti corretti e
responsabili nelle varie situazioni della vita di relazione.
Riconoscere, analizzare e descrivere prodotti, oggetti e relativi processi di produzione. Riconoscere semplici sistemi tecnici
TECNOLOGIA (utensili, macchine e impianti), individuandone la funzione e descrivendone le caratteristiche. Riconoscere ed analizzare il
settore produttivo di provenienza di oggetti presi in esame.
Utilizzare programmi specifici per presentazioni e comunicazioni di idee, contenuti, immagini, ecc. Utilizzare computer e
INFORMATICA software specifici per approfondire o recuperare aspetti disciplinari e interdisciplinari. Utilizzare le risorse reperibili in Internet
e/o negli archivi locali.
Utilizzare il mezzo vocale con intonazione per riprodurre brani corali per imitazione o lettura dello spartito. Possedere le
elementari tecniche esecutive degli strumenti didattici ed eseguire semplici brani ritmici e melodici. Registrare graficamente i
MUSICA suoni mediante segni convenzionali ed analizzare con linguaggio appropriato le elementari strutture di una frase musicale.
Riconoscere le funzioni espressive dei messaggi musicali rilevando analogie e differenze stilistiche di epoche e generi musicali
diversi.
Leggere e interpretare i contenuti di messaggi visivi rapportandoli ai contesti in cui sono stati prodotti. Inventare e produrre
ARTE E messaggi visivi con l’uso di tecniche e materiali diversi. Individuare e classificare simboli e metafore utilizzate nel campo
IMMAGINE dell’arte e della pubblicità. Riconoscere e leggere le tipologie principali dei beni artistico - culturali.
Utilizzare consapevolmente le capacità coordinative in situazioni di normale difficoltà (equilibrio, coordinazione, percezione
SCIENZE MOTORIE spazio-temporale). Utilizzare efficacemente le capacità condizionali (resistenza, velocità, forza, mobilità articolare). Usare
E SPORTIVE coerentemente le tecniche e le regole delle discipline sportive praticate. Riconoscere il corretto rapporto tra benessere psico-fisico
e utilizzo degli attrezzi.
Manifestare il proprio punto di vista e le esigenze personali in forme corrette e argomentate. Conoscere e apprezzare il dialogo tra
CONVIVENZA culture e sensibilità diverse. Essere consapevole dell’importanza di adottare comportamenti sani e corretti. Approfondire la
CIVILE conoscenza e l’accettazione di sé, rafforzando t’autostima anche apprendendo dai propri errori. Esercitare la responsabilità
personale in attività che richiedano assunzione di compiti.
Conoscere gli elementi specifici della dottrina, del culto e dell’etica di altre religioni, in particolare Ebraismo e Islam. Individuare
RELIGIONE il messaggio centrale di alcuni testi biblici. Documentare come le parole e le opere di Gesù abbiano ispirato scelte di vita fraterna,
CATTOLICA di carità e di riconciliazione nella storia dell’Europa e del mondo. Riconoscere i principali fattori del cammino ecumenico e
l’impegno delle Chiese per la pace, la giustizia e la salvaguardia del creato.
Portare a termine con affidabilità gli impegni presi. Contribuire a rendere più accogliente l’ambiente scolastico e di vita. Curare
la propria persona. Aiutare i compagni nel superare le difficoltà. Utilizzare in modo corretto strutture e sussidi della scuola.
Rispettare le regole convenute. Utilizzare le risorse personali di cui si dispone nella realizzazione di un compito. Riflettere
COMPORTAMENTO criticamente sul proprio percorso di apprendimento: analizzare le proprie strategie di successo, esplicitare i nodi problematici che
esse presentano, individuare modalità per superare le difficoltà. Valorizzare le potenzialità del gruppo di lavoro, assumendo un
ruolo positivo all’interno del gruppo. Trovare le soluzioni per valorizzare le diversità esistenti nel gruppo. Assumersi la
responsabilità dei propri doveri di alunno e nei diversi contesti educativi.

90
ALLEGATO 6.2

Allegato al documento di Valutazione dell’alunno .


Si comunicano gli Indicatori degli Apprendimenti (conoscenze ed abilità) previsti
per il TERZO ANNO della Scuola Secondaria di Primo Grado

Intervenire nelle conversazioni e nelle discussioni argomentando opportunamente. Comprendere e interpretare


ITALIANO autonomamente/con guida testi, non solo letterari, di tipologie diverse. Descrivere, argomentando le scelte che si intendono fare
per realizzare il proprio futuro. Produrre testi scritti o orali, usando un linguaggio oggettivo e un registro adeguato.
Comprendere in modo globale e dettagliato messaggi orali e scritti di tipo dialogico, descrittivo, narrativo. Interagire in
INGLESE conversazioni semplici su argomenti di varia tipologia e genere. Produrre brevi testi scritti di vario tipo usando funzioni e
strutture linguistiche appropriate. Confrontare e rispettare realtà socio – culturali diverse.
Comprendere in modo globale e dettagliato brevi messaggi orali e testi scritti, riguardanti l’ambito personale e la quotidianità.
SECONDA LINGUA Produrre testi orali e scritti di varia tipologia attinenti alla sfera personale e alla vita quotidiana. Interagire in brevi conversazioni
COMUNITARIA su temi noti e non riguardanti gli ambiti personali e la vita quotidiana.
Individuare i rapporti di interdipendenza tra i fatti storici. Mettere a confronto fonti documentarie e storiografiche relative ad un
STORIA fatto, problema e personaggio. Utilizzare i termini specifici del linguaggio disciplinare. Usare il passato per rendere
comprensibile il presente.
Analizzare mediante osservazione un tema geografico e/o un territorio per conoscere e comprendere la sua organizzazione.
GEOGRAFIA Individuare connessioni con situazioni storiche, economiche e politiche. Riconoscere le trasformazioni apportate dall’uomo sul
territorio, utilizzando carte ed immagini. Comprendere ed usare il linguaggio specifico e gli strumenti propri della disciplina.

MATEMATICA
SCIENZE
Formulare ipotesi per il risparmio energetico ed analizzare le tecnologie esistenti già in grado di attuarlo. Rappresentare in
TECNOLOGIA modelli semplificati le principali tipologie di generatori di energia. Riconoscere ed analizzare il settore produttivo di provenienza
di oggetti presi in esame. Utilizzare il disegno tecnico per la progettazione di modelli di oggetti in generale.
Utilizzare in modo approfondito ed estensivo i programmi applicativi per la gestione dei documenti, l’elaborazione dei testi, la
INFORMATICA raccolta, presentazione e archiviazione dei dati. Realizzare presentazioni. Padroneggiare la realizzazione di ipertesti e l’uso delle
reti, utilizzando anche banche dati rilevate dal web.
Utilizzare il mezzo vocale per interpretare in modo personale ed espressivo brani corali e solistici per imitazione o lettura dello
spartito. Possedere la tecnica esecutiva degli strumenti didattici per interpretare brani ritmico - melodici di vario genere nel
MUSICA rispetto di appropriate indicazioni dinamiche ed agogiche. Sa leggere correttamente una partitura analizzando, con linguaggio
specifico, la struttura formale del brano. Rilevare analogie, differenze e peculiarità stilistiche di epoche e generi musicali diversi
individuando rapporti tra musica ed altri linguaggi.
Comprendere le relazioni tra la realtà e le diverse forme di raffigurazione. Riconoscere ed applicare le metodologie operative
ARTE E delle differenti tecniche artistiche. Analisi di opere d’arte del periodo storico considerato, attraverso le varie componenti della
IMMAGINE comunicazione visiva, i fattori che determinano soluzioni rappresentative e compositive, il contesto sociale, le tecniche. Leggere i
documenti visivi e le testimonianze del patrimonio artistico – culturale, riconoscendone le funzioni.
Utilizza le capacità coordinative in situazioni diverse e di media difficoltà (equilibrio, orientamento, ritmo, percezione spazio-
SCIENZE MOTORIE temporale). Utilizza efficacemente le capacità condizionali (resistenza, velocità, forza, mobilità articolare). Usa consapevolmente
E SPORTIVE il linguaggio del corpo utilizzando i vari codici espressivi. Rispetta attivamente il codice deontologico dello sportivo e le regole
delle discipline sportive praticate e applica correttamente i principi dell’allenamento per mantenere un buon stato di salute.
Manifestare il proprio punto di vista e le esigenze personali in forme corrette e argomentate. Conoscere e apprezzare il dialogo tra
CONVIVENZA culture e sensibilità diverse. Essere consapevole dell’importanza di adottare comportamenti sani e corretti. Approfondire la
CIVILE conoscenza e l’accettazione di sé, rafforzando t’autostima anche apprendendo dai propri errori. Esercitare la responsabilità
personale in attività che richiedano assunzione di compiti.
Riconoscere le dimensioni fondamentali dell’esperienza di fede di alcuni personaggi biblici. Confrontare le spiegazioni religiose
RELIGIONE e scientifiche del mondo e della vita. Individuare nelle testimonianze di vita evangelica scelte di libertà per un proprio progetto di
CATTOLICA vita. Motivare le risposte del cristianesimo ai problemi della società di oggi.
Portare a termine con affidabilità gli impegni presi. Contribuire a rendere più accogliente l’ambiente scolastico e di vita. Curare
la propria persona. Aiutare i compagni nel superare le difficoltà. Utilizzare in modo corretto strutture e sussidi della scuola.
Rispettare le regole convenute. Utilizzare le risorse personali di cui si dispone nella realizzazione di un compito. Riflettere
COMPORTAMENTO criticamente sul proprio percorso di apprendimento: analizzare le proprie strategie di successo, esplicitare i nodi problematici che
esse presentano, individuare modalità per superare le difficoltà. Valorizzare le potenzialità del gruppo di lavoro, assumendo un
ruolo positivo all’interno del gruppo. Trovare le soluzioni per valorizzare le diversità esistenti nel gruppo. Assumersi la
responsabilità dei propri doveri di alunno e nei diversi contesti educativi.

91
9.2. Profilo dello studente (pecup)

Il profilo educativo, culturale e professionale dello studente alla fine del primo ciclo di
istruzione ( 6 - 14 anni), denominato PECUP, è un documento che indica ciò che l' allievo
dovrebbe "sapere, fare ed essere" al termine del primo ciclo scolastico.
Lo studente, sempre al centro di ogni azione educativa e didattica, avrà raggiunto il traguardo
quando le capacità personali saranno diventate competenze grazie alle conoscenze (il sapere) ed
alle abilità (saper fare).

COMPETENZE DA RAGGIUNGERE:
• esprimere un personale modo di essere e proporlo agli altri;
• interagire con l' ambiente naturale e sociale che lo circonda, e influenzarlo
positivamente;
• risolvere i problemi che di volta in volta incontra;
• riflettere su se stesso e gestire il proprio processo di crescita, anche chiedendo aiuto,
quando occorre;
• comprendere, per il loro valore, la complessità dei sistemi simbolici e culturali;
• maturare il senso del bello;
• conferire senso alla vita.

OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO


Promuovere lo sviluppo integrale della persona:
1. conoscersi per essere;
2. conoscersi per collocarsi nel mondo;
3. sapersi relazionare con gli altri;
4. sapersi orientare nella vita.
A questo punto l' alunno sarà capace:
di attivare le proprie competenze in situazioni differenti da quelle originarie
(trasferimento analogico);
di cogliere caratteristiche comuni in contesti diversi (principio dell'
astrazione);
di risolvere in maniera operativa i vari problemi facendo interagire analogia e astrazione
(operatività della competenza).
Il percorso educativo si articolerà intorno al concetto di identità come:
(d) conoscenza di sé: l' allievo prende coscienza delle dinamiche che portano
all'affermazione della propria identità;
(e) relazione con gli altri : impara ad interagire e cooperare con i compagni e con gli adulti;
(f) orientamento : è in grado di pensare al proprio futuro, dal punto di vista umano, sociale
e professionale.

Alla fine del Primo Ciclo di istruzione, grazie alla maturazione della propria identità e delle
competenze culturali, il ragazzo è consapevole di essere titolare di diritti, ma anche soggetto
a doveri per lo sviluppo qualitativo della convivenza civile.

Obiettivi specifici di apprendimento (OSA)


Nella prospettiva della maturazione del PECUP , il percorso educativo utilizza gli obiettivi
specifici di apprendimento, indicati sia per le discipline che per le educazioni, per progettare
le unità di apprendimento.
Le conoscenze (il sapere) e le abilità (il saper fare ), che costituiscono gli obiettivi specifici
di apprendimento delle Indicazioni Nazionali, hanno il compito di trasformare le capacità
individuali in competenze personali.

92
Obiettivi formativi (OF)
Gli obiettivi formativi caratterizzano le unità di apprendimento e sono formulati dal docente
facendo riferimento al PECUP, agli OSA, ai bisogni e alle capacità degli alunni. Per ogni
Obiettivo Formativo si dovrà indicare lo standard di apprendimento, cioè il livello di
approfondimento previsto (accettabilità, consolidamento, eccellenza), nell'acquisizione delle
conoscenze e delle abilità per il raggiungimento della competenza attesa.

Unità di Apprendimento (UA)


Le unità di apprendimento rappresentano il cuore del processo educativo e sono costituite
dalla progettazione:
- di uno o più obiettivi formativi tra loro integrati;
- delle attività educative e didattiche unitarie, dei metodi, delle soluzioni organizzative
necessarie per concretizzare gli O.F. formulati;
- delle modalità con cui verificare sia i livelli delle conoscenze e delle abilità acquisite, sia
se e quanto tali conoscenze e abilità si sono trasformate in competenze personali di
ciascuno.

La nostra scuola progetterà le UA (individuali, di gruppi di livello, di compito o elettivi o di


gruppo classe) a livello disciplinare e a livello di consiglio di classe sempre nell' ottica
dell'unità della persona e dell'
unitarietà del sapere.
E'opportuno sottolineare che la centralità delle UA è l' apprendimento e non l'insegnamento:
è importante il modo in cui i contenuti disciplinari suscitano l'
apprendimento personale e, poi,
la competenza .
L'apprendimento, in questo caso, non è la sommatoria di conoscenze e abilità, ma è un
apprendimento formativo perché non è sufficiente che le conoscenze e le abilità siano
acquisite ed imparate dall'alunno, occorre anche che siano assimilate e personalizzate.
L'U.A. ha una duplice funzione:
a) formativa: è in grado di maturare le capacità di ciascuno trasformandole in competenze;
b) didattica: promuove la funzione formativa attraverso l' acquisizione di conoscenze e abilità.

Piani di Studio Personalizzati (P.S.P.)


"L' insieme delle Unità di Apprendimento effettivamente realizzate, con le eventuali
differenziazioni che si fossero rese opportune per singoli alunni, dà origine al Piano di Studio
Personalizzato".
Le U.A. sono centrate sull' apprendimento che, a differenza dell' uniformità dell'
insegnamento, è
qualcosa di profondamente personale. La molteplicità dei bisogni e dei percorsi d' apprendimento
dei singoli alunni porta ad una diversificazione nell' acquisizione delle conoscenze e delle abilità
per cui si rende necessario procedere , all'interno dei singoli O.F., ad una precisa definizione degli
standard di apprendimento .
La finalità del PSP è quella di favorire il processo formativo e la crescita della persona facendo,
comunque, sempre riferimento al PECUP. In questa visione l' alunno è visto come destinatario,
ma soprattutto , come protagonista del proprio percorso didattico- educativo.
"Il Piano di Studio Personalizzato resta a disposizione delle famiglie e da esso si ricava anche la
documentazione utile per la compilazione del Portfolio delle competenze individuali".
All' interno del PSP va inserito anche il piano delle attività facoltative frequentate dall' allievo
nell'arco del triennio.

93
9.3. Portfolio delle competenze individuali

Ogni studente nel suo percorso scolastico sarà accompagnato da un portfolio delle
competenze individuali che attesterà il suo itinerario educativo – didattico.
Il portfolio avrà la funzione di:
• stimolare lo studente alla conoscenza di sé;
• corresponsabilizzare i genitori nel processo educativo;
• documentare la “storia” dello studente mediante la certificazione delle competenze
raggiunte;
• promuovere la continuità educativa con i docenti della Scuola Primaria e con quelli del
secondo ciclo d’istruzione.
In concreto il portfolio conterrà:
• questionario conoscitivo da far compilare agli alunni e alle famiglie in ordine alla
personalità, alle attitudini personali, agli interessi più manifesti;
• crediti formativi acquisiti con la partecipazione ad attività extracurricolari organizzate dalla
scuola;
• attestati di partecipazione a concorsi;
• attestati di partecipazione a gare sportive provinciali, regionali, nazionali;
• consiglio orientativo per la scelta del corso di studi successivo;
• certificazione delle competenze al termine della Scuola Secondaria di I grado

94
10. CRITERI E REGOLAMENTI

10.1. CRITERI PER LA FORMAZIONE CLASSI I

1. Formazione di una COMMISSIONE DI CONTINUITÀ, costituita da docenti disponibili e


motivati che si incontrerà periodicamente (scadenza trimestrale) con gli insegnanti della Scuola
elementare delle V classi e provvederà all’analisi degli alunni in ingresso per la formazione delle
classi prime che rispetterà i seguenti criteri:
a. Numero per classe: totale iscritti equamente (matematicamente) distribuito per n. classi.
Se è presente alunno diversamente abile (H) il n. deve essere inferiore alla media stabilita
proporzionalmente alla gravità, nel rispetto della vigente normativa. I ripetenti
rimangono nel medesimo corso, salvo casi particolari valutati dal Dirigente scolastico.
b. Inserimento alunni diversamente abili (H): si dovrà seguire il principio della rotazione.
c. Eterogeneità: si garantisce, con incontri con le maestre di V e con una valutazione attenta
delle Schede (per profitto e comportamento), la suddivisione per livelli con equa
distribuzione dei medesimi a cominciare dal livello più basso; e per ogni livello
distribuendo in ogni corso gli alunni che presentano problematiche di vario genere
(famigliari, relazionali, comportamentali, ecc.) e che necessitano quindi di particolari
attenzioni.
Fatti salvi i principi sopraelencati si terranno presenti le richieste dei genitori:
I. Frequenza di fratelli o sorelle nell’anno in corso o negli anni precedenti;
II. Gruppi di alunni provenienti dal1a stessa V classe potranno essere inseriti in una I classe
richiesta solo se non numerosi e se compatibili con l’equa distribuzione (vedi punto c);
III. Le richieste in esubero per i vari corsi saranno canalizzate nei limiti del possibile nei corsi
paralleli;
IV. In ultima analisi sempre per gli esuberi si farà ricorso al sorteggio.
V. Eventuali segnalazioni e/o richieste da parte dei docenti della Scuola saranno tenute in
considerazione nel rispetto dei precedenti criteri.

10.2. CRITERI PER I VIAGGI D’ISTRUZIONE

1. Le visite e i viaggi di Istruzione debbono essere strettamente complementari ai programmi e


alle attività che la scuola ha svolto, svolge o ha in animo di svolgere in base al POF e ai
Programmi istituzionali. (v. Progetto)
2. Le visite e i viaggi di Istruzione sono deliberati dagli Organi di autogoverno della Scuola, nel
rispetto delle competenze loro attribuite dalla normativa vigente e tenuto conto di quanto
prevede la C.M. n 291 del 14/10/1992 e lo schema di capitolato d’oneri tra scuole e agenzie di
viaggio.
3. Le visite nel territorio, effettuate con pulmini del Comune o a pagamento, sono deliberate dal
Consiglio di Istituto e dal Collegio dei docenti, quando prevedono il pernottamento. Sono
autorizzate preventivamente n. 2 visite per classe nel territorio circostante (salvo uscite
particolari previste nei progetti laboratoriali).

95
4. La partecipazione degli alunni deve corrispondere ad almeno due terzi degli iscritti della
classe stessa (non sono consentite deroghe al limite minimo):
- nessun alunno deve essere escluso per motivi economici;
- possono essere esclusi alunni già colpiti da provvedimenti disciplinari;
- per alunni non partecipanti i docenti propongono attività alternative.
5. Accompagnatori degli alunni sono i docenti della classe o in ogni caso della scuola:
- è previsto un accompagnatore ogni 10/15 alunni;
- in caso di alunni in situazione di handicap si designa, in aggiunta al numero degli
accompagnatori, anche l’insegnante di sostegno o altro docente del Consiglio di classe per
garantire una sorveglianza più mirata.
6. Tutti i partecipanti (alunni e docenti) devono essere coperti da polizza assicurativa;
7. La scelta dei Docenti accompagnatori è determinata dalla dichiarata disponibilità
dell’interessato, dall’appartenenza alle classi degli alunni partecipanti, dalla rotazione o
avvicendamento dei docenti del Consiglio di classe.

Il docente accompagnatore:
1. Dichiara la propria disponibilità e si assume la responsabilità dell’assistenza agli alunni.
2. Compila e condivide il progetto con gli accompagnatori anche delle classi gemellate.
3. Presenta il progetto agli alunni e attiva ricerche e approfondimenti sulle mete stabilite.
4. Presenta il progetto ai genitori con indicazioni precise e puntuali dell’itinerario scelto e della
tempistica relativa alle diverse attività.
5. Invia con il progetto anche modulo per l’autorizzazione da firmare con relativa liberatoria per
la scuola e copia del regolamento di disciplina relativo ai viaggi.
6. Raccoglie le autorizzazioni.
7. Somministra questionario conclusivo agli alunni.
8. Stende la relazione finale.

10.3. REGOLE DI COMPORTAMENTO IN CASO DI SCIOPERO


DOCENTI
1. Una volta pervenuta alla scuola la comunicazione ufficiale da parte delle OO.SS., in breve
tempo verrà richiesta al personale la comunicazione facoltativa di adesione.
2. In base a dette comunicazioni la scuola farà una previsione sulla possibile percentuale di
partecipanti al fine di predisporre una serie di comportamenti che, nel rispetto del diritto di
sciopero, permettano un corretto funzionamento della scuola.
3. In previsione di un’alta partecipazione il Dirigente inviterà tutto il personale non scioperante
ad essere presente a scuola alla prima ora (ore 7.55), se trattasi di personale docente,
richiedendo inoltre a tutto il personale la massima puntualità per predisporre l’emergenza.
4. Qualora le adesioni dovessero risultare di scarsa entità, al personale insegnante
impegnato alla prima ora di lezione verrà richiesta la presenza a scuola non oltre le ore
7.55, a quelli impegnati nelle ore successive si chiederà di comunicare, entro le ore 7.45
del giorno dello sciopero, l’eventuale adesione allo stesso; in mancanza di comunicazione
detti insegnanti saranno considerati regolarmente in servizio.

96
5. Il personale di segreteria non scioperante dovrà puntualmente presentarsi in servizio al fine di
ricevere le eventuali comunicazioni di cui al punto 4 e di collaborare con tutto il personale
alla corretta effettuazione del servizio di emergenza.
GENITORI
1. Almeno 5 giorni prima della data fissata per lo sciopero, salvo impedimenti non dipendenti
dalla volontà della scuola, le famiglie saranno informate delle previsioni di adesione alla
sciopero e della probabile impossibilità della scuola di assicurare totalmente il servizio.
Inoltre verranno indicati i comportamenti da assumere per la circostanza.
2. Il giorno dello sciopero i docenti non scioperanti in servizio alla prima ora accompagneranno
alle ore 8 in aula le rispettive classi, che saranno informate nel più breve tempo possibile e
non oltre la prima ora dell’orario d’uscita.
3. Le rimanenti classi, nel più breve tempo possibile e comunque non oltre la prima ora,
conosceranno l’orario di ingresso e di uscita.
4. I genitori impossibilitati a ricevere di persona la comunicazione circa l’orario di
funzionamento del servizio potranno contattare telefonicamente gli uffici di segreteria della
scuola.

10.4. LA BIBLIOTECA DI ISTITUTO

Tra i vari progetti attivati nella nostra Scuola nel corrente anno scolastico il “Progetto
Lettura” è, senza dubbio, tra i più interessanti.
In un contesto culturale come quello attuale, in cui i sistemi di comunicazione televisiva,
filmica, informatica e telematica sembrano voler esaurire completamente i bisogni di conoscenza,
l’Educazione alla Lettura assume un ruolo fondamentale.
La lettura rimane, ancora oggi, una risorsa insostituibile per la crescita culturale delle
giovani generazioni. Pienamente convinti della bontà di tale asserzione, si va attrezzando, in
spazio adeguato, la Biblioteca di Istituto quale centro propulsore di iniziative e di incontri
culturali volti a valorizzare e ad esaltare il gusto della lettura. È però importante sottolineare che
l’Educazione alla lettura non considera il libro come realtà contrapposta e alternativa agli altri
media, ma anzi individua tutte le possibili connessioni tra il libro e gli altri ambiti comunicativi,
sia che utilizzino i linguaggi verbali come il giornale, sia che si tratti di codici misti o
audiovisuali.
La promozione di una Biblioteca di Istituto, come centro multimediale di risorse per
l’apprendimento, costituisce un bisogno fondamentale per la nostra Scuola in considerazione
dell’elevato numero degli allievi e della necessità di rendere fruibile, in modo più razionale e più
funzionale, il patrimonio di consultazione già esistente. Di non minore importanza è la particolare
collocazione della scuola che risulta essere al centro di un’area di confluenza di popolosi quartieri
della città di Brindisi per cui la costituenda Biblioteca si propone non solo come laboratorio

97
culturale al servizio della didattica, ma anche come centro multimediale aperto alle istanze del
territorio.
La Biblioteca possiede attualmente circa 2000 documenti realmente utilizzabili: 1500 libri a
stampa, 200 volumi di pregio, opuscoli prodotti dagli alunni e altro materiale di vario genere.

10.5. REGOLAMENTO LABORATORI D'INFORMATICA

NORME GENERALI
1. L’accesso ai laboratori è consentito alle classi e/o agli alunni, se accompagnati da un docente,
ed ai docenti per l’aggiornamento personale, per preparare le lezioni o per familiarizzare con i
programmi.
2. Il laboratorio deve essere utilizzato esclusivamente per attività didattiche. Qualsiasi uso
improprio degli elaboratori è vietato.
3. I progetti che prevedono l’uso del laboratorio devono essere preventivamente concordati con
il responsabile dei laboratori.
4. Sui Personal Computer non possono essere caricati programmi senza la preventiva
autorizzazione del responsabile dei laboratori. L’utilizzo abusivo di software, per il quale non
risulti regolarmente acquisita agli atti della scuola relativa licenza - come prescritto dalla
legge (L. 633/41 art. 171 e 171-bis), comporta sanzioni penali a carico dei responsabili. Si
precisa, inoltre, che è assolutamente vietato l'
utilizzo di dischetti o programmi non autorizzati:
l'
uso di software non testato può danneggiare gravemente il computer.
5. E’ assolutamente vietato effettuare copie dei programmi presenti sugli hard disk come
stabilito nel Decreto Legislativo n. 518/92 “tutela legale del software”.
6. Per quanto non espresso si fa riferimento al Documento Programmatico sulla Sicurezza
previsto dal D. Lgs. 30-06-2003, n. 196, agli atti della scuola.

ADEMPIMENTI DEI DOCENTI


1. Le classi devono utilizzare i laboratori secondo l’orario settimanale del “Laboratorio di
informatica”: gli insegnanti che desiderano utilizzare il laboratorio oltre il predetto orario
potranno farlo previa prenotazione.
2. Il Docente si assume tutte le responsabilità civili e penali durante le ore di utilizzo del
laboratorio ovviamente anche per il download (to download = scaricare) di materiale e la
visita di siti non connessi all’attività didattica durante la navigazione su internet.
3. Per accedere ai laboratori i docenti devono prelevare le chiavi dalla segreteria e firmare
l’apposito registro.
4. I docenti non possono delegare gli alunni a svolgere da soli attività nei laboratori.
5. I docenti, all’inizio delle attività, assegnano ad ogni alunno il posto nell’aula, tale posto non
potrà essere cambiato senza autorizzazione; inoltre compilano una piantina del laboratorio con
i nomi degli alunni della classe che lavorano nelle postazioni e questa disposizione dovrà
essere rispettata per tutto l'
anno scolastico al fine di individuare eventuali responsabilità.
6. Prima di lasciare il laboratorio, i docenti sono pregati di assicurarsi che i computer e le
stampanti vengano spenti utilizzando la giusta procedura. Sono altresì tenuti a controllare che

98
tutto sia in ordine, a chiudere il laboratorio e a restituire le chiavi al personale addetto di
segreteria.
7. I docenti segnaleranno ai responsabili con sollecitudine eventuali guasti o anomalie
riscontrati sulle postazioni o sugli arredi (scritte, ecc.).

ADEMPIMENTI DEGLI ALUNNI


1. Gli alunni devono portare nei laboratori soltanto il materiale necessario per lo svolgimento
della lezione. Non si possono portare merendine e bevande. È altresì severamente vietato
consumare gomme da masticare, caramelle ed altro. Solo all’ultima ora di lezione le
cartelle saranno tollerate se disposte in un angolo all’ingresso dei laboratori.
2. Gli alunni devono seguire scrupolosamente le istruzioni dei loro docenti per evitare
operazioni incongrue che possano danneggiare gli elaboratori.
3. Gli alunni non devono assolutamente cambiare la configurazione dei computer come, per
esempio, modificare lo sfondo del desktop, inserire salvaschermo, ecc.. I menu di Office non
devono subire variazioni: devono restare attive le barre dei menu standard e di formattazione.
La posizione delle icone deve rimanere invariata.
4. Ogni alunno è responsabile della postazione usata durante l’ora di lezione ed è tenuto a
segnalare immediatamente all’insegnante qualsiasi guasto o disfunzione riscontrata oltre che
la presenza di scritte rilevate sulla postazione stessa.
5. Gli alunni che si saranno resi responsabili di danni saranno tenuti a rifondere le spese.

10.6. REGOLAMENTO ATTIVITÀ SPORTIVE

1. La classe deve recarsi in palestra ordinatamente in fila per due ed in silenzio.


2. E’ severamente proibito introdursi negli spogliatoi non assegnati o mostrare incuria nei
confronti degli stessi.
3. L’abbigliamento non deve essere sintetico e la maglietta, per ragioni igienico — pratiche,
possibilmente bianca.
4. E’ possibile introdursi in palestra solo quando l’insegnante lo consente. Una volta avuto
accesso bisogna disporsi ordinatamente sulla linea di base.
5. Portare sempre il ricambio: lavarsi e cambiarsi prima di rientrare in classe. A tale scopo si
consiglia dl disporre sempre di un piccolo asciugamano.
6. Utilizzare le scarpe sportive solo per l’attività motoria: indossarle negli spogliatoi e cambiarle
prima dl rientrare in classe.
7. Gli alunni che non rispetteranno il punto 1, 2 e 4 saranno segnalati sul registro personale.
8. Per chi faccia uso di occhiali si richiede di toglierli prima dell’inizio dello svolgimento
dell’attività.
9. E’ proibito introdurre oggetti di valore in palestra. La scuola non si ritiene responsabile di
eventuali furti, smarrimenti, danneggiamenti.
10. E’ severamente proibito allontanarsi dal luogo dello svolgimento dell’attività senza permesso.
Chi non dovesse partecipare all’attività motoria dovrà essere giustificato per iscritto da un
genitore, dovrà comunque assistere alla lezione e rendersi partecipe seguendo le indicazioni
dell’insegnante.

99
10.7. NORME VARIE

1) ORARIO DELLE LEZIONI


L’orario d’ingresso è fissato per le ore 8.00. Alle 13.30 l’uscita.
Si raccomanda la massima puntualità e si precisa che “ai fini della validità dell’anno, per la
valutazione degli allievi è richiesta la frequenza di almeno ¾ dell’orario annuale
personalizzato di cui ai commi 1 e 2 dell’art. 10”.
2) MODALITÀ ORDINARIE DI COLLOQUIO
Per colloquiare con i Docenti, oltre ai previsti incontri fissati nel Piano Annuale delle
Attività, i genitori possono richiedere, attraverso il diario, appuntamento. I Docenti lo
concederanno in ore non coincidenti con attività didattica.
3) SPORTELLO FRONT – OFFICE
ore 8.00 – 9.00
L’orario dello sportello front-office c/o segreteria è:
ore 11.00 – 13.00
I genitori si atterranno scrupolosamente agli orari indicati.
4) USCITA ANTICIPATA ALUNNI
Per l’uscita anticipata i genitori degli alunni da prelevare dovranno recarsi in Segreteria e
compilare il richiesto permesso: attenderanno che il ragazzo/a venga loro consegnato/a.
Nel caso l’alunno/a debba essere prelevato da persona delegata, è doveroso, da parte dei
genitori, depositare delega sottoscritta c/o la segreteria della scuola.
5) SERVIZIO TELEFONICO
I genitori sono invitati a fornire recapiti di telefonia fissa. Dagli Uffici scolastici solo in caso
eccezionale si potranno effettuare chiamate a numeri di telefonia mobile.

6) REGOLE GENERALI
I genitori degli alunni sono tenuti a rispettare scrupolosamente le norme contenute nel
“Contratto formativo”.

100