Sei sulla pagina 1di 61

Introduzione

Cosa studia la microbiologia?


Studio dei microrganismi

Cosa sono i microrganismi?


Cellule viventi
I virus sono subcellulari

Come vivono in natura i microrganismi?


In aggregazione: popolazione
Introduzione
Dove vivono i microrganismi?
Luogo: Habitat

Le popolazioni microbiche non vivono isolatamente


Interazione tra popolazioni: comunita microbiche

Organismi viventi considerati con le caratteristiche fisico-


chimiche dell ambiente
Ecosistema
PROPRIETA’ CHE CARATTERIZZANO E ACCOMUNANO GLI ORGANISMI VIVENTI
PROPRIETA’ CHE CARATTERIZZANO E ACCOMUNANO GLI ORGANISMI VIVENTI
PROPRIETA’ CHE CARATTERIZZANO E ACCOMUNANO GLI ORGANISMI VIVENTI
PROPRIETA’ CHE CARATTERIZZANO E ACCOMUNANO GLI ORGANISMI VIVENTI

Figura 1.2 PROPRIETÀ CHE CARATTERIZZANO E ACCOMUNANO GLI ORGANISMI VIVENTI.


Dehò-Galli 2014 –Ed CEA
LA CELLULA E’ L’UNITA’ DI BASE DI TUTTI GLI ORGANISMI

•Nel 1838-39 Schleiden e Schwann, un botanico ed uno zoologo per primi


osservarono la similarita’ tra tessuti animali e vegetali ed ipotizzarono che
tutti gli organismi viventi sono costituiti da cellule
• Rudolph Virchow's, nel 1858, affermo’ che le cellule potevano formarsi
solo per divisione di una cellula preesistente: "Omnis cellula e cellula"...

• Sviluppo della TEORIA CELLULARE, che afferma che:

1) tutti i viventi sono formati da una o più cellule

2) le cellule costituiscono le unità fondamentali di ciascun


organismo

3) tutte le cellule derivano da altre cellule


LE DIMENSIONI DELLE STRUTTURE DEI VIVENTI

1 millimetro = 10-3 metri


CELLULE 1 micrometro = 10-6 metri
1-100 μm 1 nanometro = 10-9 metri
Cenni storici
e
Campi di applicazione
della microbiologia
LA SCOPERTA DEL MONDO MICROBICO

Resa possibile dallo sviluppo del


microscopio

Robert Hooke (1635-1703) e Antony van Leeuwenhoek (1632-1723)

Inizio delle osservazioni coincide con la fondazione della Royal


Society il cui scopo era la diffusione e la pubblicazione dei lavori
scientifici
IL MICROSCOPIO

1. Lente tra due piastre


metalliche

2. Messa a fuoco mediante viti

3. Osservazione con lo
strumento vicino all’occhio

4. 50-300 ingrandimenti
ROBERT HOOKE E I CORPI MINUTI (corpi fruttiferi dei funghi).
Dehò-Galli 2014 CEA
Antony van Leeuwenhoek

- Mercante di stoffe

- fu il primo ad osservare e descrivere i batteri

Ma ci vollero altri 200 anni perche’ la loro


esistenza venisse accettata
Scoprì l’esistenza di:

• Spermatozoi
• Globuli rossi
• Circolazione capillare
• Struttura dei semi e delle piante
• Animalcules e loro incredibile
abbondanza

IL CONTRIBUTO DI LEEUWENHOEK ALLA MICROBIOLOGIA.


Dehò-Galli 2014 CEA
CONTROVERSIA SULLA GENERAZIONE
SPONTANEA

• Qual è l’origine degli “animalcules” ?


– si formano spontaneamente da materia inerte
– si formano da semi o germi sempre presenti nell’aria
• Esperimenti di Francesco Redi (1665) sulle larve
che si sviluppano sulla carne in putrefazione

• Coloro che non credevano alla generazione


spontanea si trovarono nella posizione difficile di
dover dimostrare una tesi negativa
LAZZARO SPALLANZANI

L’ESPERIMENTO DI SPALLANZANI
Dehò-Galli 2014 CEA.
LAZZARO SPALLANZANI (1729-1799)
• dimostra che riscaldando un infuso
dopo averlo sigillato in un recipiente
si previene la comparsa di
animalcules (1776)
• Conclusione: gli animalcules
penetrano negli infusi attraverso
l’aria
• Si sviluppavano animalcules se i
palloni si incrinavano (penetrava
nuova aria)
• Concetto di sterilità
• Critica dei difensori della
generazione spontanea: in assenza
di ossigeno la vita non si sviluppa
GLI ESPERIMENTI DI PASTEUR (1822-1895)

Risolve la controversia sulla


generazione spontanea usando
palloni a collo di cigno: anche se il
recipiente non è sigillato dopo il
riscaldamento l’infuso rimane
sterile
ALTRI CONTRIBUTI DI PASTEUR

• Scopre la fermentazione come processo


biologico studiando il fenomeno della
vinificazione per conto di Napoleone III
– ruolo dei microrganismi nella
trasformazione della sostanza organica
– anaerobiosi
• Processo di pasteurizzazione
• Scopre il processi di attenuazione a scopo
vaccinale (rabbia, antrace, colera)
GLI ESPERIMENTI DI TYNDALL (1820-1893)
• Ripete gli esperimenti di Pasteur, ma non ottiene gli
stessi risultati con infusi da fieno secco
• La bollitura non è più sufficiente per “sterilizzare”
• Riprendono forza i sostenitori della g.s.
• Tyndall capisce che il fieno secco contiene batteri
che sono di gran lunga più resistenti al calore dei
microrganismi coi quali aveva condotto gli
esperimenti fino allora e pone le basi per la scoperta
delle endospore termoresistenti (Fernand Cohn,
1877)
• Tindalizzazione: riscaldamento frazionato
LA SCOPERTA DEL RUOLO DEI MICRORGANISMI
COME AGENTI DI MALATTIE

• Joseph Lister (metà ‘800), giovane


chirurgo inglese, decide la sterilizzazione
degli strumenti chirurgici intuendo che i
microorganismi presenti nell’aria erano
causa della sepsi chirurgica

• Ignatz Semmelweis individuo’ la


trasmissione indiretta attraverso le mani
non disinfettate
LA STORIA DI IGNATZ SEMMELWEIS

Padiglione “Klin” Padiglione “Bartch”

con gli studenti con le levatrici

•Incidenza della febbre puerperale (1842) presso Klin : Agosto 27%


Ottobre 20%
Dicembre 33%

• Le levatrici che facevano tirocinio da Bartch vengono scambiate con gli


studenti di Klin: Le morti seguono gli studenti

(da “Il dottor Semmelweis” di Louis-Ferdinand Céline, ADELPHI, 2000)


L’età dell’oro della Microbiologia
(1857-1914)

• Sono stati identificati molti organismi che producono


malattie
• È stato intrapreso lo studio del metabolismo
microbico
• Sono state raffinate le tecniche Microbiologiche
• È stata migliorata la comprensione del ruolo
dell’immunità e di come controllare e prevenire le
infezioni microbiche
Microbi e malattie
Robert Koch (1843-1910), nel 1876 introduce il concetto di
eziologia.

Molte malattie sono causate da infezioni virali, batteriche,


fungine e protozoarie.

Stabilisce la relazione fra Bacillus anthracis e antrace.

Usa i criteri sviluppati dal suo maestro Jacob Henle (1809-1895)

Questi criteri sono oggi noti come i postulati di Koch


Usati ancora oggi per stabilire il legame fra una particolare
microrganismo ed una particolare malattia
Postulati di Koch

Dehò-Galli2014 CEA.
• Il lavoro di Koch ha permesso
la scoperta e lo sviluppo
delle tecniche per studiare i
batteri patogeni:
– agar
– piastre di petri
– nutrient broth e nutrient
agar
– metodi per isolare i
microrganismi
Morfologia delle colonie batteriche

Serratia marcescens Pseudomonas aeruginosa

Shigella flexneri
Morfologia delle colonie batteriche

Colonia è una massa visibile di cellule batteriche formatasi


per successive divisioni di una o più cellule.
I postulati di Koch non sono assoluti
Max von Pettennkofer bevve una cultura pura di V. Cholareae e sviluppò solo una lieve
diarrea.

poliovirus causa paralisi solo in alcuni soggetti

Si tratta di una visione limitata che è stata molto utile ma e’


superata soprattutto per le infezioni virali

•Non tutti gli individui suscettibili in una popolazione vengono


infettati;
•Non tutti i soggetti infettati sviluppano la malattia;
•La malattia può avere presentazioni e complicazioni
differenti.
•La malattia deriva dalle interazioni fra diversi determinanti.
Microbiologia e studi immunologici
• Edward Jenner (ca. 1798)
– Ha usato la vaccinazione per proteggere le persone dallo
smallpox
NOTA: prima dell’identificazione del ruolo dei microrganismi
nelle malattie

• Pasteur e Roux
– Hanno scoperto che la lunga incubazione di colture prima del
trasferimento nell’ospite provocava nel patogeno la perdita della
capacità di provocare la malattia (attenuazione)
• Pasteur e collaboratori
– Hanno sviluppato il vaccino contro il colera dei polli, antrace e
rabbia
• Elie Metchnikoff (1845-1916)
– Hanno sviluppato un’antitossina contro difterite e tetano
– Hanno fornito evidenze di un’immunità umorale
– Ha fornito evidenze di un’immunità cellulare
Lo sviluppo della Microbiologia
industriale e dell’Ecologia microbica
• Louis Pasteur
– Ha dimostrato che sia la fermentazione alcolica che altre
fermentazioni erano il risultato di attività microbica
– Ha sviluppato il processo di pastorizzazione per
conservare il vino

• Sergei Winogradsky (1856-1953) e Martinus Beijerinck


(1851-1931)
– Hanno studiato i microrganismi del suolo e scoperto molti
processi metabolici interessanti (es.: la fissazione
dell’azoto)
– hanno aperto la strada all’uso di colture arricchite e ai
terreni selettivi
G. Dehò, E. Galli Biologia dei
Microrganismi Copyright 2012 C.E.A. Casa Editrice Ambrosiana
Ricapitolando……

§ Da Antony van Leeuwenhoek (1632-1723) che scopre gli


“animalcules” grazie al suo microscopio….ai giorni d’oggi…..
Impatto storico della microbiologia
Impatto storico sul benessere delle societa e degli individui

Nel passato grande influenza sulla resistenza degli eserciti


e quindi sugli esiti di conflitti bellici

Alcuni esempi:

Declino di Roma sotto Giustiniano

Peste bubbonica insorta in Cina nel 1331 e


giunta in Europa attraverso le vie della seta nel 1346

Caduta di Napoleone
Campi di applicazione
della microbiologia
Campi di applicazione della microbiologia
Microorganismi costituiscono circa 1/3 della
biomassa terrestre

Medicina umana e veterinaria


Immunologia
Sanita pubblica
Agricoltura
Alimentazione
Ambiente
Industriale (produzione di farmaci, prodotti chimici)
Biotecnologie
Scienze di base, genetica, biologia molecolare
Importanza e ruolo dei microrganismi

I microrganismi sono coinvolti in importanti cicli


della materia, trasformazioni geochimiche e
processi biologici

– Primi organismi viventi del pianeta


– Diffusi ovunque sia possibile la vita
– Più numerosi di qualsiasi altro organismo
– L’ecosistema globale dipende dalla loro attività
• Hanno un ruolo fondamentale nel riciclo degli elementi
essenziali
• Fonte di nutrienti. Alcuni capaci di fotosintesi
– Influenzano la società umana in molti modi
Impatto dei microorganismi
Agricoltura

Fissazione dell azoto nelle radici delle piante


azoto atmosferico in azoto fissato

Processi digestivi nei ruminanti

Riciclo carbonio, azoto, zolfo


conversione in suolo e acque per
accessibilita alle piante
Impatto dei microrganismi
Alimentazione
Industria alimentare
Preparazione per evitare deterioramento da
microrganismi
Malattie provocate da alimenti

Attivita microbica nella maturazione degli alimenti


Lievitazione
Fermentazione
Impatto dei Microrganismi
Energia e ambiente
Produzione del metano nel sottosuolo

Biorisanamento
Impatto dei Microrganismi
Biotecnologie

Utilizzo dei microroganismi geneticamente


Modificati in processi industriali di larga scala

Utilizzo dell’ ingegneria genetica


Impatto dei Microrganismi …riassumendo…
Impatto dei Microrganismi
Patologia

• Successo nel controllo dei microrganismi


• Patogeni emergenti
• Bioterrorismo
In conclusione……
La microbiologia è
una disciplina molto
vasta .
La microbiologia di
base studia gruppi
individuali di
microbi, fisiologia,
genetica, biologia
molecolare e
tassonomia
microbica
La microbiologia
applicata affronta
problemi pratici:
malattie, acqua,
cibo, e
microbiologia
G. Dehò, E. Galli 2014 cea
industriale
Che cosa sono i microrganismi
Esistono due tipi fondamentalmente
differenti di cellule microbiche: quelle
procariotiche e quelle eucariotiche.
Quali sono I diversi tipi di microrganismi

I microrganismi sono esseri viventi unicellulari e pluricelluari e subcellulari


con caratteristiche molto varie.
Questa categoria comprende: virus (subcellulari), batteri, funghi, protozoi ed
alcuni tipi di alghe.
:

un protozoo
batteri (regno
(regno protisti, una muffa
monere, eucarioti) (regno funghi,
procarioti) eucarioti)
Anche i virus e i prioni sono considerati microrganismi.
Evoluzione degli organismi uni e pluricellulari

Figura 1.18 ALBERO FILOGENETICO UNIVERSALE.


Scala temporale geologica ed evolutiva
EVOLUZIONE DEI
SISTEMI DI
CLASSIFICAZIONE
DEGLI ORGANISMI
VIVENTI

Organismi unicellulari:
archebatteri, eubatteri,
alghe azzurre e i
protisti

Organismi
pluricellulari: funghi
pluricellulari, piante,
animali

G. Dehò, E. Galli Biologia dei


Microrganismi Copyright 2012 C.E.A. Casa Editrice Ambrosiana
I Cinque Regni

si basano su tre parametri:

i) tipo cellulare:
(eucariota, procariota);

i) livello di organizzazione
cellulare:
(unicellulare,
unicellulare a colonia,
pluricellulare);

i) tipo di nutrizione: (fotosintesi,


assorbimento, ingestione,
combinazione di queste forme)
Criteri tassonomici
• Morfologici
• Biochimici
• Sierologici
• Di sequenza
TASSONOMIA MICROBICA

• Impossibilità
di classificare i batteri in base alle relazioni
filogenetiche

• Valido il metodo classificativo “fenetico” riportato nel

“Bergey’s Manual of Sistematic Bacteriology”

• 4 volumi in 33 sezioni. Punto di riferimento, consenso generale.

• notevoli discordanze rispetto alle relazioni filogenetiche,


ma grande importanza pratica
TASSONOMIA MICROBICA

1. E’ la scienza della classificazione biologica; suo scopo è di capire il


significato della diversità

2. Opportunità di catalogare e ordinare i microrganismi in gruppi a


seconda delle loro reciproche somiglianze

4. Le classificazioni si basano su un’analisi delle possibili relazioni


evolutive (classificazione filetica) o somiglianze fenotipiche
(classificazione fenetica)

5. Nella tassonomia risultano particolarmente utili le caratteristiche


morfologiche, fisio-metaboliche, ecologiche e genetiche. Il migliore
parametro di relazione è l’acido nucleico
…….ancora TASSONOMIA MICROBICA

6. Gli organismi possono essere collocati in uno dei regni in base al


tipo di cellula, al livello di organizzazione

7. L’unità tassonomica fondamentale è rappresentata dalla specie.


Sistema di classificazione binomiale (botanico svedese Carolus
Linneaus). Esempio: Escherichia coli.

8. La tassonomia batterica è soggetta a rapide modificazioni a causa


della acquisizione di nuovi dati (impiego di tecniche molecolari)
TASSONOMIA CONSISTE IN…..

• CLASSIFICAZIONE – ordinamento degli organismi in gruppi (taxa)

• NOMENCLATURA – assegnazione di un nome al gruppo

• IDENTIFICAZIONE – permette l’assegnazione di un isolato ad un gruppo


ORDINAMENTO GERARCHICO NELLA
TASSONOMIA

…secondo Bergey’s Manual


ESEMPIO DI ORDINAMENTO GERARCHICO E
NOMENCLATURA DEI BATTERI

Regno Procaryotae
Divisione (phylum) Tenericutes
Classe Mollicutes
Ordine Mycoplasmatales
Famiglia Mycoplasmataceae
Genere Mycoplasma
Specie Mycoplasma pneumoniae
L’albero dei batteri

Rappresentazione dei principali


gruppi di batteri patogeni. Non
rappresenta un albero
tassonomico o filogenetico