Sei sulla pagina 1di 2

ABBREVIAZIONI

Le forme tra parentesi tonda sono per il plurale.

a cura di a c.
ad locum ad loc.
capitolo cap. (capp.)
capoverso cpv. (cpvv.)
carta c. (cc.)
circa ca.
citato cit. (citt.)
codice cod. (codd.)
colonna col. (coll.)
confronta cfr.

Eadem (Eaedem) EAD. (EAED.) [indica l’autrice citata subito prima]


eccetera ecc. [mai preceduto da virgola]
edizione ed. (edd.)
esempio es. (ess.)
estratto estr.
exeunte ex.
explicit expl.

fascicolo fasc. (fascc.)


figura fig. (figg.)
foglio f. (ff.)
fuori testo f.t.

ibidem ibid. [per rinviare alla stessa opera e alla stessa pagina (o alle
stesse pagine) citata subito prima]
Idem (Iidem) ID. (IID.) [indica l’autore citato subito prima]
illustrazione ill.
incipit inc.
ineunte in.
Introduzione Intr.
ivi [per rinviare a opere citate subito prima, ma con riferimento a
pagine diverse]

libro l. (ll.)
luogo citato loc. cit.

manoscritto ms. (mss.)


Miscellanea Misc.

nota n. (nn.)
numero n° ni
nuova serie n.s.

omesso, omissione om.


opera citata Op. cit.

pagina p. (pp.)
paragrafo § (§§) [nel corpo del testo par. (parr.)]
passim [per indicare che l’argomento cui ci si riferisce è trattato in vari
luoghi dell’opera citata]
Prefazione Pref.
recensione rec.
recto r [senza punto e attaccato al numero della carta]
rigo r. (rr.)
ristampa rist.

scilicet scil.
secolo sec. (secc.)
seguente s. (ss.) [attaccato al numero, se riferito a pagina; sg. (sgg.)
negli altri casi]
senza data s.d.
senza editore s.e.
senza luogo di pubblicazione s.l.
senza note tipografiche s.n.t.
serie s.
sub voce s.v.
supplemento suppl.

tavola tav. (tavv.)


titolo tit. (titt.)
tomo t. (tt.)
tradotto, traduzione trad.

vedi vd.
verso [opposto a recto] v [senza punto e attaccato al numero della carta]
verso v. (vv.)
versus vs
volume vol. (voll.)

N.B.: Se le abbreviazioni expl., inc. e scil. sono seguite da termini di riferimento in corsivo, andranno scritte
in tondo.

Le opere di Dante, se abbreviate, dovranno essere citate nel seguente modo:

Inf. = Inferno Purg. = Purgatorio Par. = Paradiso


Rime: per esteso VN = Vita Nova Conv. = Convivio
DVE = De vulgari eloquentia Mon. = Monarchia Ep. = Epistole
Egl. = Egloghe Questio = Questio de aqua et terra.

La numerazione delle varie opere seguirà il seguente schema:


Inf. X 35; Purg. XVI 86-90; Par. XXVII 103-14 (canto in romano maiuscoletto e versi in numeri arabi);
Rime 10 71-84 (numero della poesia e dei versi a numerazione araba se si cita l’ed. De Robertis; se si fa
riferimento all’ed. Barbi per la poesia si usa il numero romano);
VN 8 41 (libro e paragrafo in numeri arabi se si cita l’ed. Gorni; se si fa riferimento all’ed. Barbi per il
paragrafo si usa il numero romano);
Conv. III IX 2 8; DVE I XII 6-7; Mon. II X 1-2 (libro in romano maiuscolo, capitolo in romano
maiuscoletto e paragrafo in arabo);
Ep. II 3 (numero dell’epistola in romano maiuscoletto e paragrafo in arabo);
Egl. IV 35-36 (numero dell’egloga in romano maiuscoletto e versi in arabo);
Questio 48 (numero del paragrafo in arabo).