Sei sulla pagina 1di 368

MANUALE DI PROGETTAZIONE

PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 2 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

INDICE
SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE ................................................................................................................................ 8
DOCUMENTAZIONE DI RIFERIMENTO ......................................................................................................................... 9
4.2.1 Normativa nazionale ................................................................................................................................................................ 9
4.2.2 Normativa europea ................................................................................................................................................................. 10
4.2.3 Normativa ferroviaria ............................................................................................................................................................. 11
4.2.4 Documentazione tecnica ........................................................................................................................................................... 11
DEFINIZIONI ............................................................................................................................................................................. 14
ABBREVIAZIONI ...................................................................................................................................................................... 18
PRESCRIZIONI PER LA PROGETTAZIONE .................................................................................................................. 19
4.5.1 Compiti del progettista ............................................................................................................................................................. 19
4.5.2 Documentazione prioritaria da utilizzare nella progettazione delle gallerie ...................................................................... 19
4.5.2.1 Progetto di livello inferiore ............................................................................................................................................................. 19
4.5.2.2 Elementi per la definizione del tracciato .................................................................................................................................... 19
4.5.2.3 Elementi per la definizione della trazione elettrica ................................................................................................................. 19
4.5.2.4 Sezione trasversale completa del profilo d’intradosso della galleria ................................................................................. 20
4.5.2.5 Cartografie e tracciati ........................................................................................................................................................................ 20
4.5.2.6 Geologia, idrogeologia e geotecnica ............................................................................................................................................ 20
4.5.3 Documentazione di riferimento ............................................................................................................................................ 20
4.5.3.1 Progetto di fattibilità tecnica ed economica ............................................................................................................................... 21
4.5.3.1.1 Relazione tecnico illustrativa ................................................................................................................................................. 21
4.5.3.1.2 Corografia generale di inquadramento ................................................................................................................................ 22
4.5.3.1.3 Planimetria generale ................................................................................................................................................................ 22
4.5.3.1.4 Profilo generale ........................................................................................................................................................................ 22
4.5.3.1.5 Carta geologica, geomorfologica e idrogeologica .............................................................................................................. 22
4.5.3.1.6 Profilo geologico/idrogeologico ........................................................................................................................................... 23
4.5.3.1.7 Profilo geotecnico/geomeccanico ........................................................................................................................................ 23
4.5.3.1.8 Sezioni trasversali della galleria ............................................................................................................................................. 24
4.5.3.1.9 Stima dei costi ........................................................................................................................................................................... 24
4.5.3.2 Progettazione definitiva ...................................................................................................................................................................... 25
4.5.3.2.1 Elaborati generali ..................................................................................................................................................................... 27
4.5.3.2.2 Elaborati di geologia................................................................................................................................................................ 29
4.5.3.2.3 Elaborati di geotecnica............................................................................................................................................................ 31
4.5.3.2.4 Elaborati specifici di gallerie naturali con scavo tradizionale .......................................................................................... 33
4.5.3.2.5 Elaborati specifici di gallerie naturali con scavo meccanizzato ...................................................................................... 39
4.5.3.2.6 Elaborati specifici di gallerie artificiali ................................................................................................................................. 45
4.5.3.2.7 Elaborati del monitoraggio .................................................................................................................................................... 48
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 3 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.5.3.2.8 Elaborati relativi alla “sicurezza in galleria”........................................................................................................................ 49


4.5.3.3 Progettazione esecutiva ....................................................................................................................................................................... 50
4.5.3.3.1 Elaborati generali ..................................................................................................................................................................... 53
4.5.3.3.2 Elaborati di geologia................................................................................................................................................................ 55
4.5.3.3.3 Elaborati di geotecnica............................................................................................................................................................ 57
4.5.3.3.4 Elaborati specifici di gallerie naturali con scavo tradizionale .......................................................................................... 58
4.5.3.3.5 Elaborati specifici di gallerie naturali con scavo meccanizzato ...................................................................................... 66
4.5.3.3.6 Elaborati specifici di gallerie artificiali ................................................................................................................................. 79
4.5.3.3.7 Elaborati del monitoraggio .................................................................................................................................................... 83
4.5.3.3.8 Elaborati relativi alla “sicurezza in galleria”........................................................................................................................ 84
CRITERI DI PROGETTAZIONE FUNZIONALE ........................................................................................................... 87
4.6.1 Premessa ................................................................................................................................................................................. 87
4.6.2 Linea di intradosso ................................................................................................................................................................. 88
4.6.3 Vincoli di tracciato.................................................................................................................................................................. 88
4.6.4 Sagoma limite e pmo ............................................................................................................................................................... 89
4.6.5 Sede ferroviaria........................................................................................................................................................................ 90
4.6.5.1 Interasse linee a D.B. ........................................................................................................................................................................... 90
4.6.5.2 Armamento............................................................................................................................................................................................ 90
4.6.5.3 Marciapiedi ............................................................................................................................................................................................ 91
4.6.6 Aerodinamica ......................................................................................................................................................................... 94
4.6.7 Impianti t.e. ............................................................................................................................................................................ 97
4.6.8 Opere complementari ............................................................................................................................................................... 97
4.6.8.1 Nicchie di ricovero personale in galleria .......................................................................................................................................... 98
4.6.8.2 Nicchie tecnologiche ........................................................................................................................................................................... 99
SICUREZZA IN GALLERIA ................................................................................................................................................. 100
4.7.1 Quadro normativo di riferimento ........................................................................................................................................... 100
4.7.2 Modalita’ di applicazione della normativa di riferimento ....................................................................................................... 101
4.7.3 Processi autorizzativi specifici per le gallerie ........................................................................................................................... 102
4.7.3.1 Segnalazione certificata di inizio attivita’ .......................................................................................................................................102
4.7.3.1.1 Termini per la presentazione della SCIA ..........................................................................................................................102
4.7.3.2 Piani di emergenza e Soccorso ........................................................................................................................................................103
4.7.3.3 Documentazione di sicurezza prevista dal DM 28/10/2005 ....................................................................................................103
4.7.4 Predisposizioni di sicurezza ................................................................................................................................................... 104
4.7.4.1 Definizione di galleria ........................................................................................................................................................................104
4.7.4.2 Scenari di rischio.................................................................................................................................................................................104
4.7.4.3 Misure di sicurezza .............................................................................................................................................................................104
4.7.4.3.1 Impedire l’accesso non autorizzato alle uscite di emergenza e ai locali tecnici .........................................................104
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 4 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.7.4.3.2 Resistenza al Fuoco delle Strutture ....................................................................................................................................105


4.7.4.3.3 Reazione al fuoco del materiale da costruzione ...............................................................................................................105
4.7.4.3.4 Area di Sicurezza ....................................................................................................................................................................106
4.7.4.3.5 Accesso all’Area di Sicurezza ...............................................................................................................................................106
4.7.4.3.6 Illuminazione di emergenza nelle vie di esodo ................................................................................................................109
4.7.4.3.7 Segnaletica di emergenza ......................................................................................................................................................109
4.7.4.3.8 Marciapiedi per l’esodo .........................................................................................................................................................113
4.7.4.3.9 Punti Antincendio ..................................................................................................................................................................114
4.7.4.3.10 Fabbricato Tecnologico ........................................................................................................................................................117
LINEE GUIDA DI PROGETTAZIONE STRUTTURALE ........................................................................................... 119
4.8.1 Premessa ............................................................................................................................................................................... 119
4.8.2 Metodologia di progettazione.................................................................................................................................................. 119
4.8.2.1 Caratterizzazione geologica e geotecnica .......................................................................................................................................121
4.8.2.2 Analisi preliminare e previsione del comportamento allo scavo ..............................................................................................123
4.8.2.3 Individuazione delle modalità di scavo ..........................................................................................................................................124
4.8.2.3.1 Scavo con TBM ......................................................................................................................................................................124
4.8.2.3.2 Scavo in tradizionale..............................................................................................................................................................127
4.8.2.4 Classi strutturali di riferimento ........................................................................................................................................................128
4.8.2.5 Analisi progettuali e verifiche ...........................................................................................................................................................132
4.8.2.6 Modifica della sezione tipo in fase realizzativa: linee guida di applicazione ...........................................................................133
4.8.3 Interventi di stabilizzazione dei terreni .................................................................................................................................. 135
4.8.3.1 Premesse...............................................................................................................................................................................................135
4.8.3.2 Metodi di miglioramento ..................................................................................................................................................................135
4.8.3.2.1 Iniezioni ...................................................................................................................................................................................135
4.8.3.2.2 Chiodatura del fronte con elementi in VTR .....................................................................................................................136
4.8.3.2.3 Jet grouting ..............................................................................................................................................................................136
4.8.3.2.4 Congelamento.........................................................................................................................................................................136
4.8.3.2.5 Drenaggi ..................................................................................................................................................................................137
4.8.3.3 Interventi di precontenimento e presostegno ...............................................................................................................................137
4.8.3.3.1 Infilaggi ....................................................................................................................................................................................138
4.8.3.3.2 Colonne di jet grouting sub orizzontale ............................................................................................................................138
4.8.3.3.3 Chiodatura longitudinale con tubi o elementi strutturali in VTR ................................................................................138
4.8.3.4 Prerivestimento ...................................................................................................................................................................................138
4.8.3.4.1 Bulloni di ancoraggio ............................................................................................................................................................139
4.8.3.4.2 Centine metalliche .................................................................................................................................................................140
4.8.3.4.3 Calcestruzzo proiettato .........................................................................................................................................................140
4.8.4 Metodi di analisi progettuale ................................................................................................................................................. 140
4.8.4.1 Premesse...............................................................................................................................................................................................140
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 5 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.8.4.2 Generalità .............................................................................................................................................................................................140


4.8.4.3 Analisi preliminari ..............................................................................................................................................................................142
4.8.4.3.1 Metodo delle curve caratteristiche ......................................................................................................................................143
4.8.4.3.2 Metodo di Tamez-Cornejo ..................................................................................................................................................149
4.8.4.3.3 Metodo di Broms e Bennermark ........................................................................................................................................153
4.8.4.3.4 Metodo del tasso di deconfinamento critico E ..............................................................................................................153
4.8.4.3.5 Predimensionamento rivestimento di prima fase con il metodo delle reazioni iperstatiche ...................................154
4.8.4.3.6 Dimensionamento rivestimento definitivo .......................................................................................................................157
4.8.4.4 Analisi progettuali e verifiche definitive ........................................................................................................................................158
4.8.4.4.1 Metodo degli elementi finiti (FEM) ...................................................................................................................................162
4.8.4.4.2 Metodo alle differenze finite (FDM)..................................................................................................................................162
4.8.4.4.3 Metodo degli elementi al contorno (BEM).......................................................................................................................162
4.8.4.4.4 Metodo ad elementi distinti (DEM) ...................................................................................................................................162
4.8.4.4.5 Metodi ibridi ...........................................................................................................................................................................162
4.8.4.5 Generalità sui codici di calcolo ........................................................................................................................................................163
4.8.4.5.1 Dimensioni del dominio e condizioni al bordo ...............................................................................................................163
4.8.4.5.2 Influenza della dimensione della mesh ..............................................................................................................................165
4.8.4.5.3 Modellazione 2D ....................................................................................................................................................................165
4.8.4.5.4 Stress reduction method .......................................................................................................................................................166
4.8.4.5.5 Simulazione del metodo di scavo tradizionale in condizioni 3D .................................................................................167
4.8.4.6 Analisi delle subsidenze indotte dallo scavo delle gallerie ..........................................................................................................168
4.8.4.6.1 Metodi analitici e semiempirici ............................................................................................................................................169
4.8.4.6.2 Effetti dei cedimenti sulle preesistenze .............................................................................................................................171
4.8.5 Gestione delle Rocce e terre da scavo ....................................................................................................................................... 178
4.8.5.1 Progetto di fattibilità tecnica ed economica .............................................................................................................................178
4.8.5.2 Progetto definitivo .............................................................................................................................................................................179
4.8.5.3 definizione degli schemi dei contratti di appalto..........................................................................................................................179
RESISTENZA DELLE GALLERIE AGLI INCENDI .................................................................................................... 180
4.9.1 Introduzione .......................................................................................................................................................................... 180
4.9.2 Considerazioni ed indicazioni su aspetti normativi................................................................................................................. 180
4.9.3 Criteri di verifica ................................................................................................................................................................... 183
MONITORAGGIO ............................................................................................................................................................. 187
4.10.1 Premesse ................................................................................................................................................................................ 187
4.10.2 Generalità ............................................................................................................................................................................. 187
4.10.3 Strumenti di misura .............................................................................................................................................................. 188
4.10.3.1 Misure dall'interno del cavo (in corso d'opera) ......................................................................................................................189
4.10.3.1.1 Misure di convergenza con mire ottiche ...........................................................................................................................189
4.10.3.1.2 Misure estensimetriche con estensimetri monobase o multibase.................................................................................189
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 6 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.10.3.1.3 Determinazione della pressione di contatto terreno-struttura (celle di pressione) ...................................................189


4.10.3.1.4 Determinazione della pressione sul rivestimento provvisorio (celle di carico) .........................................................190
4.10.3.1.5 Misure di estrusione del fronte di scavo ............................................................................................................................190
4.10.3.2 Misure dall'interno del cavo (in esercizio) ...............................................................................................................................190
4.10.3.2.1 Misure di deformazione (estensimetri da calcestruzzo) .................................................................................................190
4.10.3.2.2 Determinazione della sollecitazione in parete (martinetto piatto) ...............................................................................190
4.10.3.3 Misure dall'esterno del cavo (in corso d'opera e in esercizio) .............................................................................................190
4.10.3.3.1 Misure assestimetriche ..........................................................................................................................................................190
4.10.3.3.2 Misure topografiche ..............................................................................................................................................................190
4.10.3.3.3 Misure inclinometriche .........................................................................................................................................................191
4.10.3.3.4 Misure estenso-inclinometriche ..........................................................................................................................................191
4.10.3.3.5 Misure della pressione interstiziale e del livello di falda .................................................................................................191
4.10.4 Monitoraggio in corso d’opera ................................................................................................................................................ 191
4.10.4.1 Stazioni per gli imbocchi e per gallerie superficiali................................................................................................................192
4.10.4.2 Stazioni fondamentali ..................................................................................................................................................................194
4.10.4.3 Stazioni principali .........................................................................................................................................................................195
4.10.4.4 Stazioni secondarie ......................................................................................................................................................................197
4.10.4.5 Stazioni al fronte di scavo ..........................................................................................................................................................197
4.10.5 Interpretazione e verifica dei dati in corso d'opera ................................................................................................................... 198
4.10.5.1 Soglie di Attenzione e allarme ...................................................................................................................................................199
4.10.6 Monitoraggi in fase di esercizio .............................................................................................................................................. 200
4.10.6.1 Stazioni per gli imbocchi e per gallerie superficiali urbane ed extraurbane ......................................................................201
4.10.6.2 Stazioni fondamentali ..................................................................................................................................................................201
4.10.6.3 Stazioni principali .........................................................................................................................................................................203
4.10.6.4 Stazioni per gallerie in conci prefabbricati ..............................................................................................................................204
4.10.7 Interpretazione e verifica in esercizio ...................................................................................................................................... 204
4.10.8 Monitoraggio dei fabbricati interferiti ..................................................................................................................................... 205
4.10.8.1 Fabbricato tipo “A” .....................................................................................................................................................................206
4.10.8.2 Fabbricato tipo “B” .....................................................................................................................................................................207
4.10.8.3 Fabbricato tipo “C” .....................................................................................................................................................................207
GALLERIE ARTIFICIALI ................................................................................................................................................ 209
4.11.1 Premessa ............................................................................................................................................................................... 209
4.11.2 Generalità ............................................................................................................................................................................. 209
4.11.2.1 Geometria ......................................................................................................................................................................................209
4.11.2.2 Regimi di spinta ............................................................................................................................................................................210
4.11.2.3 Condizioni di vincolo ..................................................................................................................................................................211
4.11.3 Metodologia di progettazione.................................................................................................................................................. 211
4.11.4 Monitoraggio ......................................................................................................................................................................... 212
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 7 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.11.5 Azioni di calcolo ................................................................................................................................................................... 214


4.11.6 Meccanismi di rottura ........................................................................................................................................................... 215
4.11.7 Gallerie artificiali classiche .................................................................................................................................................... 217
4.11.8 Casserate e gettate in opera .................................................................................................................................................... 217
4.11.8.1 Scatolari ..........................................................................................................................................................................................218
4.11.8.2 Policentriche..................................................................................................................................................................................218
4.11.9 Gallerie con paratie di pali o di diaframmi e solettoni ............................................................................................................ 218
4.11.9.1 Tecniche costruttive per gallerie con scavo a sezione obbligata .........................................................................................219
4.11.9.2 Bottom up .....................................................................................................................................................................................219
4.11.9.3 Top down (Metodo Milano) ......................................................................................................................................................220
4.11.9.4 Soluzioni per l’impermeabilizzazione del rivestimento ........................................................................................................220
4.11.9.5 Soluzioni per l’impermeabilizzazione del fondo scavo.........................................................................................................221
4.11.10 Gallerie artificiali di imbocco ........................................................................................................................................... 221
4.11.10.1 Imbocchi in ammassi rocciosi ...................................................................................................................................................222
4.11.10.2 imbocchi in terreni difficili .........................................................................................................................................................222
4.11.11 Gallerie paramassi ........................................................................................................................................................... 223
4.11.11.1 Fenomeno della caduta massi ....................................................................................................................................................223
4.11.11.2 simulazioni numeriche ................................................................................................................................................................224
4.11.11.3 Calibratura del modello ...............................................................................................................................................................225
4.11.11.4 Verifiche da effettuarsi su una galleria paramassi ..................................................................................................................225
4.11.11.5 Tipologie di gallerie artificiali paramassi ..................................................................................................................................226
SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI................................................................................................................. 227
4.12.1 Indice degli elaborati .............................................................................................................................................................. 227
SEZIONI TIPO STRUTTURALI ..................................................................................................................................... 354
ALLEGATI ............................................................................................................................................................................ 367
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 8 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE


La presente sezione del Manuale di Progettazione delle Opere Civili (RFI DTC SI GA MA IFS 001 A)
aggiorna il precedente “Manuale di Progettazione Gallerie” RFI DINIC MA GA GN 00 001 B del
19/12/2003. Essa riunisce in un unico documento le specifiche progettuali di settore emanate da
FERROVIE nel corso degli ultimi anni apportandovi i necessari correttivi e le indispensabili integrazioni allo
scopo di rendere il documento in linea con l’attuale normativa nazionale ed europea e di convogliare le
esperienze derivanti dalle applicazioni nel frattempo effettuate. Essa pertanto annulla e sostituisce le seguenti
specifiche:
- Manuale di progettazione gallerie RFI DINIC MA GA GN 00 001 A del 19\12\2003;
- Criteri progettuali per la realizzazione degli impianti idrico antincendio, elettrico e illuminazione,
telecomunicazione, supervisione (Divisione Infrastruttura Aprile 2000);
- Criteri progettuali per la realizzazione di piazzali di emergenza, le strade di accesso e le aree di atterraggio
degli elicotteri ai fini della sicurezza delle gallerie ferroviarie (ASA RETE Servizi Tecnici Agosto 1998);
- RFI DTC ICI GA 001 A: Specifica tecnica della “Segnaletica di emergenza per la sicurezza nelle gallerie
ferroviarie”;
- RFI DTC INC LG IFS 009 A: “Linee Guida per la redazione del piano di emergenza interno” del
marzo 2011.

Il nuovo testo garantisce il rispetto del Decreto Ministeriale del Ministro delle Infrastrutture del 14.1.2008
“Approvazione delle nuove norme tecniche per le costruzioni”, del Regolamento (UE) n. 1299/2014 della
Commissione del 18 novembre 2014 relativo alle Specifiche Tecniche di Interoperabilità (S.T.I.) per il
Sottosistema Infrastruttura del sistema ferroviario dell’Unione Europea, del Regolamento (UE) n. 1303/2014
relativo alla Specifica Tecnica di Interoperabilità concernente la sicurezza nelle gallerie ferroviarie del sistema
ferroviario dell’Unione Europea e del DM 28\10\2005 “Sicurezza nelle gallerie”, per quanto applicabile in
base alla legge n° 27/2012.
Nel seguito con il termine “gallerie” si intende uno scavo o una costruzione intorno ai binari di lunghezza
non inferiore a 0.1 km mediante cui si consente alla ferrovia di passare, per esempio, sotto terreni, edifici o
corsi d'acqua sovrastanti.; le gallerie naturali sono quelle realizzate a foro cieco in sotterraneo, mentre le
gallerie artificiali sono costituite da manufatti realizzati, totalmente o parzialmente, a cielo aperto e
successivamente ritombati.
I contenuti del presente Manuale di Progettazione sono applicabili alla progettazione delle nuove gallerie della
Rete Ferroviaria Italiana. Per gli interventi di rinnovo/ristrutturazione delle gallerie esistenti i contenuti del
MdP potranno applicarsi in tutto o in parte in base a specifiche indicazioni fornite dal gestore del progetto
previa condivisione della SO di RFI competente sull’emissione del presente manuale.
Si rappresenta che per le costruzioni e le opere infrastrutturali iniziate nonché per quelle per le quali sono stati
affidati i lavori o avviate le progettazioni definitive o esecutive prima dell’entrata in vigore del presente
Manuale, si possono continuare ad applicare le specifiche ferroviarie già utilizzate per la redazione dei
progetti, fino all’ultimazione dei lavori e al collaudo.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 9 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

DOCUMENTAZIONE DI RIFERIMENTO
I lavori saranno eseguiti in accordo alle norme di legge, istruzioni e normative tecniche applicabili, nonché a
tutte quelle indicate nel presente documento e nelle sezioni di Capitolato richiamate nel testo.
Si elencano di seguito la principale normativa e documentazione di riferimento.

4.2.1 NORMATIVA NAZIONALE


 Circolare esplicativa del 2 febbraio 2009 n.617/C.S.LL.PP;
 Nuove norme tecniche per le costruzioni DM Infrastrutture 14/1/2008;
 Decreto Ministeriale 28/10/2005. Sicurezza nelle gallerie ferroviarie.
 DPR 380/2001 "Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia"
 Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3431 del 3/05/05. Ulteriori modifiche ed
integrazioni all’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3274.
 Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3274 del 20/03/2003. Primi elementi in materia di
criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per le
costruzioni in zona sismica.
 Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3316 del 2/10/2003. Modifiche ed integrazioni
all’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3274 del 20/03/2003.
 Decreto Ministeriale LL.PP. 16/01/1996. Norme tecniche relative ai “Criteri generali per la verifica della
sicurezza delle costruzioni e dei carichi e sovraccarichi”.
 Decreto Ministeriale LL.PP. 16/01/1996. Norme tecniche per le costruzioni in zone sismiche.
 Decreto Ministeriale LL.PP. 9/01/1996. Norme tecniche per il calcolo, l’esecuzione ed il collaudo delle
strutture in cemento armato, normale e precompresso e per le strutture metalliche.
 Decreto Ministeriale LL.PP. 11/03/1988. Norme tecniche riguardanti le indagini sui terreni e sulle rocce,
la stabilità dei pendii naturali e delle scarpate, i criteri generali e le prescrizioni per la progettazione,
l’esecuzione e il collaudo delle opere di sostegno delle terre e delle opere di fondazione.
 Legge 5/11/1071 n.1086 "Norme per la disciplina delle opere in conglomerato cementizio armato, normale e
precompresso ed a struttura metallica."
 UNI 11076/2003 - Modalità di prova per la valutazione del comportamento di protettivi applicati a soffitti
di opere sotterranee, in condizioni di incendio;
 Legge 24 marzo 2012, n. 27, Conversione, con modificazioni, del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1:
Misure urgenti in materia di concorrenza, liberalizzazioni e infrastrutture
 Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 06/04/2006 - “Direttiva per il coordinamento delle
iniziative e delle misure finalizzate a disciplinare gli interventi di soccorso e di assistenza alla popolazione in occasione di
incidenti stradali, ferroviari, aerei ed in mare, di esplosioni e crolli di strutture e di incidenti con presenza di sostanze
pericolose”
 Comunicato del Dipartimento della Protezione Civile del 04/05/2006 - “Indicazioni per il coordinamento
operativo di emergenze dovute a:
- Incidenti ferroviari con convogli passeggeri - Esplosioni o crolli di strutture con coinvolgimento di persone - Incidenti
stradali che coinvolgono un gran numero di persone.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 10 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

- Incidenti in mare che coinvolgono un gran numero di persone.


- Incidenti aerei.
- Incidenti con presenza di sostanze pericolose”
 Decreto del Presidente della Repubblica n. 151 del 1 agosto 2011 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 221
in data 22 settembre 2011 - "Regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi, a norma
dell'articolo 49 comma 4-quater, decreto legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito con modificazioni, dalla legge 30 luglio
2010, n. 122"
 Decreto ANSF n. 4/2012 del 09 Agosto 2012 - "Attribuzioni in materia di sicurezza della circolazione ferroviaria",
del "Regolamento per la circolazione ferroviaria" e "Norme per la qualificazione del personale impiegato nelle attività di
sicurezza della circolazione ferroviaria".
 Legge 9 agosto 2013, n. 98, recante la conversione in legge del Decreto Legge 69/2013 “Disposizioni urgenti
per il rilancio dell’economia”
 Legge 27 febbraio 2015, n. 11, recante la conversione in legge del Decreto Legge 31 dicembre 2014, n.192
(c.d. Decreto Mille Proroghe)
 Decreto Legislativo n° 50 del 2016,Attuazione delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE
sull'aggiudicazione dei contratti di concessione, sugli appalti pubblici e sulle procedure d'appalto degli enti
erogatori nei settori dell'acqua, dell'energia, dei trasporti e dei servizi postali, nonché per il riordino della
disciplina vigente in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture.

4.2.2 NORMATIVA EUROPEA


 Regolamento (UE) N. 1299/2014 del 18 novembre 2014 - Specifiche tecniche di interoperabilità per il
sottosistema «Infrastruttura» del sistema ferroviario dell'Unione europea (STI INFRA);
 Regolamento (UE) N. 1303/2014 del 18 novembre 2014 - Specifica tecnica di interoperabilità concernente
la «sicurezza nelle gallerie ferroviarie» del sistema ferroviario dell'Unione Europea (STI SRT);
 UNI EN 12111:2010 : Macchine per scavo meccanizzato di gallerie – Frese, minatori continui e impacts
rippers - Requisiti di sicurezza.
 UNI EN 12336:2009 : Macchine per scavo meccanizzato di gallerie – Scudo meccanizzato, spingitubo
meccanizzato, spingitubo meccanizzato con estrattore a coclea, erettori di conci – Requisiti di sicurezza.
 EVS-EN 815:1999+A2:2008: Safety of unshield Tunnel Boring Machines and rodless Shaft Boring
Machines for rock (Specifies the essential safety requirements for design, construction and maintenance
when used in non-explosive atmospheres, together with methods of verification).
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 11 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.2.3 NORMATIVA FERROVIARIA


 COP 316/RFI – Procedura operativa “La Direzione dei Lavori negli appalti gestiti da RFI”. RFI DPR PD IFS
005D del 29/7/14.
 Specifica per la progettazione geotecnica delle opere ferroviarie. RFI DTC INC CS SP IFS 001A del
21/12/11.
 Istruzione 44 G Istruzioni per l’applicazione delle norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M.
14.01.08 alla progettazione geotecnica delle opere ferroviarie.

4.2.4 DOCUMENTAZIONE TECNICA

Generale
 Baldovin (1993)- "Aspetti tecnico-economici nelle opere in sotterraneo". XVIII Convegno Nazionale di
Geotecnica, AGI, Rimini 11-13 maggio 1993
 Baria G.; Jarre P. (1986b). "Metodi numerici e metodo degli elementi finiti nel calcolo di gallerie". 1° Ciclo
Conf. di Meccanica e Ingegneria delle Rocce, MIR '86, Torino, Paper 13 (ed. G. Baria)
 Baria G.; Jarre P.; Parisi D. (1992). "La formulazione della previsione nel progetto di gallerie e cavità
sotterranee". 4° Ciclo Conf. di Meccanica e Ingegneria delle Rocce, MIR '92, Torino, Paper13(ed. G.
Barla)
 Barton N.; Lien R.; Lunde J. (1974). "Engineering classification of rock masses for the design of tunnel
support". Rock Mechanics, 6, 4, 183-236
 Bieniawski Z. T. (1973). "Engineering classification of jointed rock masses". Transactions, South Africa
lnstitution of Civil Engineers, 15, 12, 335-344
 C.B.M. Blom (2002) – “Design philosophy of concrete linings for tunnels in soft soils”. Phd Thesis, Delft
University.
 Graziani A.; Ribacchi R. (1993). "Stato di sforzo e di deformazione intorno ad una galleria sostenuta con
barre passive". XVIII Convegno Nazionale di Geotecnica, AGI, Rimini 11-13 maggio 1993
 ITA (1988) – “Guidelines for the design of tunnels”. Tunneling and Underground Space Technology, vol.
3/3, pp. 237-249.
 Lombardi G. (1975) – “Nuovi concetti sulla statica delle gallerie”. Ingegneria Ferroviaria, no. 2.
 Lunardi P. , Barla G. (2014), “Full face excavation in difficult ground”. Geomechanics and Tunnelling n 5
, 2014
 Moller S. (2006) – “Tunnel induced settlements and structural forces in linings”. Phd Thesis, IGS.
 Moller S., P.A. Vermeer (2008) – “On numerical simulation of tunnel installation”. Tunneling and
Underground Space Technology, vol. 23, pp. 461-475.
 Panet M. (1995). "Calcul des tunnels par la méthode convergence-confinement". Presses de l'école
national des Ponts e Chaussées, Paris
 Pelia D., S. Pellizza (2003) – “Ground reinforcing and steel pipe umbrella system in tunnelling”. Advances
in Geotechnical Engineering and Tunnelling, Editor D. Kolimbas, pp.93-132.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 12 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

 Ribacchi R. (1993). "Recenti orientamenti nella progettazione statica delle gallerie". XVIII Convegno
Nazionale di Geotecnica, AGI, Rimini, 11-13 maggio 1993
 Tanzini M. – “Gallerie: Aspetti geotecnici nella progettazione e costruzione”. Collana di Ingegneria
Geotecnica, Dario Flaccovio Editore.

Avanzamento con scavo tradizionale


 AICAP-AGI (2012). Ancoraggi nei terreni e nelle rocce. Raccomandazioni
 AGI (2012). Jet Grouting. Raccomandazioni.
 SIG (1997). Linee guida per la progettazione, l’appalto e la costruzione di opere in sotterraneo.
 AGI (1994). Raccomandazioni sulle prove geotecniche di laboratorio.
 AFTES - Groupe de travail n°7, Tunnel support and lining. Recommendations for use of convergence –
confinement method.
 ITA (1988). Guidelines for the design of tunnels.
 AGI (1977). Raccomandazioni sulla programmazione ed esecuzione delle indagini geotecniche.

Avanzamento con scavo meccanizzato


 ITA/AITES – International Tunnelling Association: Recommendations and Guidelines for Tunnel
Boring Machines (TBMs) Year 2000 - Working Group : WG 14 « Mechanized Tunnelling »
 SIG – Linee guida per la scelta delle TBM (5/1997)
 DAUB - German Tunnelling Commitee (ITA/AITES): Recommendations for selecting tunnel boring
machines (10/2010)
 DAUB - German Tunnelling Commitee (ITA/AITES): Recommendations for Design and Operation of
Shield Machines (6/2000)
 DAUB - German Tunnelling Commitee (ITA/AITES): Recommendations for selecting and evaluating
tunnel boring machines (5/1997)
 STUVA - (Germany - Studiengesellschaft für unterirdische Verkehrsanlagen – Società per lo studio
infrastrutture sotterranee) : Recommendations for the Use of Gaskets for sealing segmental Linings
(2/2006)
 STUVA - (Germany - Studiengesellschaft für unterirdische Verkehrsanlagen - Società per lo studio
infrastrutture sotterranee): Recommendations for Testing and Application of sealing Gaskets in segmental
Linings (8/2005).

Sicurezza
 Nota prot. 23521 del 27/05/2010 del M.I.T. avente ad oggetto “Adempimenti per il rispetto della normativa in
materia di Sicurezza nelle gallerie ferroviarie”
 Circolare del Ministero dell’Interno prot. 7004/M/GAB del 27/04/2011 avente ad oggetto “Piani di
emergenza esterna alle gallerie ferroviarie”
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 13 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

 Nota prot. 7182 del 24/05/2012 della Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica del
Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile avente ad oggetto “D.M.
28 ottobre 2005 - Sicurezza nelle gallerie ferroviarie - Allegata secondo, punto 1.2.1. - reazione al fuoco”
 Nota prot. RFI-DTC\A0011\P\2014\2339 del 08/08/2014 avente ad oggetto “D.M. 28/10/2005
“Sicurezza nelle gallerie ferroviarie. Relazione generale annuale sullo stato della sicurezza delle gallerie relativa all’anno
2013”
 Circolare del Ministero dell’Interno prot. 17004/116/1 Gab. Uff. III – Prot. Civ. del 14/08/2014 avente
ad oggetto “DM 28/10/2005 - Piani di emergenza esterna alle gallerie ferroviarie”
 Nota prot. RFI-DTC-SICS\A0011\P\2015\1227 del 04/08/2015 avente ad oggetto “D.M. 28/10/2005
“Sicurezza nelle gallerie ferroviarie. Relazione generale annuale sullo stato della sicurezza delle gallerie relativa all’anno
2014”
 Nota prot. RFI-DTC \A0011\P\2016\1559 del 10/08/2016 avente ad oggetto “D.M. 28/10/2005
“Sicurezza nelle gallerie ferroviarie. Relazione generale annuale sullo stato della sicurezza delle gallerie relativa all’anno
2015”
 “Linee guida per l’applicazione dell’analisi del rischio estesa alle gallerie ferroviarie - DM 28/10/2005” - RFI DSR
SIGS LG 01 1 0
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 14 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

DEFINIZIONI
Ammasso roccioso: roccia in sito, considerata assieme alle discontinuità strutturali proprie delle condizioni
naturali.
Arco rovescio: arco in calcestruzzo semplice o armato che chiude l'anello di rivestimento definitivo.
Avanzamento: scavo al fronte con eventuali interventi di stabilizzazione eseguiti sul contorno del cavo o
davanti al fronte.
Bentonite: materiale impiegato per rendere il fronte di scavo impermeabile all’aria compressa, per sopperire
alle eventuali carenze di frazione granulometrica fine del terreno, per lubrificare gli utensili di scavo.
Bullone di ancoraggio: tipico ancoraggio da roccia. È caratterizzato da un elemento resistente a trazione
(armatura) costituito da barre in acciaio o vetroresina, non connesso strutturalmente al terreno nel tratto
libero, posto generalmente in opera in senso radiale alla sezione di scavo.
Campo di variazione di un parametro: intervallo di valori entro il quale varia un parametro geotecnico
riferibile ad una zona geotecnicamente omogenea. Entro tale campo sono compresi il valore atteso ed i valori
limite, superiore ed inferiore.
Caratterizzazione geotecnica: individuazione, lungo il tracciato della galleria, delle zone geotecnicamente
omogenee e dei parametri geotecnici significativi che si prevede di utilizzare per il progetto e per il controllo
dell'opera nel suo insieme ed in rapporto al terreno.
Chiodo di ancoraggio: ancoraggio costituito da barre integralmente connesse al terreno ed operanti·in un
dominio di trazione e taglio; le barre sono in acciaio o in altri idonei materiali (ad esempio, vetroresina, fibre
di carbonio o similari); la connessione al terreno può essere ottenuta con cementazione mediante miscele
cementizie o chimiche o con mezzi meccanici.
Coda scudo: parte terminale del mantello dello scudo dove avviene la posa del rivestimento.
Conci: segmenti prefabbricati in calcestruzzo armato che assemblati costituiscono l’anello di rivestimento.
Consolidamento : insieme degli interventi di stabilizzazione dei terreni.
Convergenza: deformazione del terreno a seguito dello scavo, in senso radiale, verso l'interno della galleria;
esprime la variazione di distanza tra due punti sulle pareti opposte del cavo.
Cunicolo: galleria di piccola sezione. Il termine è in utilizzato genere riferito al cunicolo pilota, quando
questo precede l'allargamento alla sezione di scavo della galleria in progetto.
Drenaggio: intervento volto a modificare il regime delle pressioni neutre nel terreno intorno alla sezione di
scavo; è da attuare rispettivamente in direzione radiale rispetto alla sezione di scavo o in avanzamento davanti
al fronte.
Durabilità (della galleria): requisito della struttura che, per il periodo di vita richiesto, esplica le sue funzioni
risultando resistente e stabile, quindi idonea all'esercizio.
Earth Pressure Balance Shield (EPBs): macchina che realizza una contropressione attiva nella camera di
scavo attraverso lo stesso materiale scavato che è mantenuto in pressione attraverso i martinetti di spinta dello
scudo che trasferiscono la pressione al diaframma di separazione tra scudo e camera di scavo e quindi al
terreno scavato. Durante lo scavo vengono iniettati attraverso degli ugelli posti sul diaframma e sulla testa
fresante degli additivi quali bentonite o schiume per realizzare una membrana impermeabile sul fronte di
scavo e rendere plastico il terreno scavato. L’estrazione del terreno avviene per mezzo di una coclea. Il campo
di impiego è costituito dai terreni con un’alta percentuale di argilla o limo e bassa permeabilità all’acqua.
Estrusione: fenomeno di deformazione del fronte di avanzamento, caratterizzato da un movimento del
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 15 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

fronte di scavo, in senso longitudinale verso l'interno dello scavo.


Frantoio: dispositivo eventuale collocato nella parte bassa della camera di scavo degli Slurry/Hydroshield
utilizzato per frantumare blocchi di dimensioni tali da non passare attraverso la tubazione di aspirazione dello
smarino.
Gripper: organi di propulsione e contrasto costituiti da una o più coppie di piastre, le quali vengono spinte
dai rispettivi martinetti idraulici (facenti parte del corpo della macchina) contro le pareti della galleria (che
ovviamente risulta di sezione circolare). Sono applicate alle TBM aperte da roccia.
Indagini geognostiche: metodologie di acquisizione dei dati geologici e geotecnici necessari per integrare le
conoscenze acquisite preliminarmente e volte alla ricostruzione del modello geologico e geotecnico.
lnfilaggio: intervento di presostegno del cavo realizzato in avanzamento, con tubi metallici o in vetroresina,
a partire da fronte di scavo.
Jet-grouting sub-orizzontale: intervento di stabilizzazione da attuare in avanzamento davanti al fronte; le
colonne di jet-grouting possono essere eseguite: (a) al contorno della sezione di scavo, a costituire un arco di
terreno consolidato a geometria tronco-conica; (b) isolate, a consolidare il terreno al fronte; (c) subverticali, al
piede delle murette o al di sotto dell'arco rovescio. L'intervento non è utilizzato in terreni francamente
argillosi e/o a comportamento rigonfiante.
Luce libera di scavo: massima lunghezza, non sostenuta, di scavo in avanzamento.
Metodo di scavo: tecnologia esecutiva finalizzata all’esecuzione di scavi a foro cieco in terreni e rocce.
Miglioramento: modificazione della costituzione e delle caratteristiche fisico-meccaniche del terreno
ottenibile con o senza materiale di apporto.
Modello geotecnico: schema rappresentativo delle condizioni stratigrafiche, del regime delle pressioni
interstiziali e della caratterizzazione fisico-meccanica dei terreni e delle rocce comprese nel volume
significativo finalizzato all’analisi quantitativa di uno specifico problema geotecnico.
Monitoraggio: attività di controllo e misurazione del comportamento tensio-deformativo del terreno e dei
rivestimenti, a seguito dello scavo. Comporta l'installazione di strumenti di misura sia in fase di scavo che di
esercizio della galleria, tanto al suo interno che esternamente; sono comprese la lettura, l'interpretazione dei
dati e l'archiviazione informatica dei dati stessi.
Precontenimento: (intervento di): intervento di stabilizzazione eseguito davanti al fronte di scavo; esempio
tipico di intervento di precontenimento è quello effettuato con tubi o elementi strutturali in VTR
(semplicemente cementati o iniettati) o con colonne di jet grouting sub orizzontali.
Prerivestimento: insieme degli elementi resistenti (bulloni, centine e calcestruzzo proiettato, di regola
armato con rete elettrosaldata o fibre metalliche) posto in opera subito dopo lo scavo. Ha funzioni strutturali
e inibisce l’alterazione dell'ammasso roccioso contribuendo a preservarne le caratteristiche meccaniche.
Presostegno: (intervento di): intervento di sostegno eseguito davanti al fronte di scavo; esempio tipico di
intervento di presostegno è quello degli infilaggi davanti al fronte di avanzamento.
Profilo geotecnico/geomeccanico: elaborato che sintetizza le determinazioni progettuali a partire dalla
fase di caratterizzazione geotecnico/geomeccanica fino alla definizione delle sezioni tipo di avanzamento per
tratta omogenea di galleria.
Raggio plastico: distanza dal centro della galleria, in senso radiale, del confine fra zona a comportamento
plastico e zona in condizioni elastiche.
Rivestimento definitivo: anello di rivestimento in conglomerato cementizio, armato o non armato, gettato
in opera o eseguito in conci prefabbricati, in ragione della funzione strutturale prevista in sede di progetto.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 16 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Rock Quality Designation (RQD): indice che misura l’integrità della roccia, previa esecuzione di carotaggi.
È definito dalla percentuale di recupero del carotaggio, riferita alla somma degli spezzoni di carota che
presentano lunghezza l ≥ 10 cm.
Scavi: insieme delle tecnologie esecutive finalizzate alla effettuazione di scavi foro cieco in terreni, rocce o
materiali di qualsiasi natura.
Scavo meccanizzato con fresa a piena sezione: scavo a foro cieco con attrezzatura completamente
meccanizzata a piena sezione con sostegno delle pareti mediante scudo metallico, eventuale presostegno del
fronte e posa del rivestimento in segmenti prefabbricati in c.a.
Scavo in modalità aperta: scavo che avviene senza realizzare nella camera di lavoro una contropressione
attiva sul fronte.
Scavo in modalità chiusa: scavo che avviene realizzando nella camera di lavoro una contropressione attiva
sul fronte.
Shield Machines: macchine scudate in cui l’abbattimento del fronte e lo scavo avvengono con l’impiego di
uno o più mezzi puntuali.
Sezione tipo: insieme degli interventi che definiscono la modalità di avanzamento della galleria
(preconsolidamenti, scavo, rivestimenti).
Smarino: materiale di risulta proveniente dallo scavo della galleria.
Sostegno (intervento di): insieme degli interventi eseguiti sul contorno del cavo in modo "passivo”, che
impediscono lo sviluppo di una risposta deformativa non controllata.
Spritzbeton: conglomerato cementizio proiettato.
Stabilità del fronte di scavo: condizione individuata in relazione allo sviluppo di possibili fenomeni di
instabilità per estrusione o scivolamento lungo superfici di geometria più o meno complessa.
Stabilizzazione dei terreni (intervento di): insieme degli interventi di precontenimento e di miglioramento.
Terreno: terra o roccia nella sua sede naturale, entro cui viene scavata la galleria.
Tirante di ancoraggio: elemento strutturale in barre o trefoli operante in trazione.
Tunnel Boring Machines: macchine scudate o non scudate dotate di una testa rotante di scavo a piena
sezione.
Tunnelling Machines: tutte le macchine per lo scavo a piena sezione di gallerie.
Vita di esercizio: periodo di tempo entro il quale non dovranno manifestarsi riduzioni significative della
funzionalità dell'opera, in termini di integrità o tali da comportare il ricorso a eccessive manutenzioni.
Zone geotecnicamente omogenee: tratti di galleria con caratteristiche considerate omogenee in termini di
copertura, caratteristiche geolitologiche, stratigrafiche e tettoniche, stato di sollecitazione naturale e modello
geotecnico.
Capacità portante in caso di incendio: Attitudine delle strutture a conservare una sufficiente “resistenza
meccanica” sotto l’azione del fuoco.
Resistenza al fuoco: La resistenza al fuoco è la capacità di una costruzione, di una parte di essa o di un
elemento costruttivo di mantenere, per un tempo prefissato, la capacità portante, l'isolamento termico e la
tenuta alle fiamme, ai fumi ed ai gas della combustione nonché tutte le altre prestazioni se richieste.
Classi di resistenza al fuoco: Le “classi di resistenza al fuoco” nei confronti della “Capacità portante” in
caso di incendio sono espresse dai simboli R15, R20, R 30, R45, R60, R90, R120, R180, R240, dove la lettera
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 17 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

R rappresenta il requisito di capacità portante ed il numero esprime il tempo, espresso in minuti primi, per il
quale il requisito stesso viene garantito.
Curve temperatura/tempo nominali: Curva che definisce l’incendio di progetto e che rappresenta
l’andamento, in funzione del tempo, della temperatura media dei gas di combustione nell’intorno della
superficie dei rivestimenti. Tale tipo di curva viene utilizzata per la classificazione / verifica convenzionale
della resistenza al fuoco.
Curve temperatura/tempo naturale: Curva che definisce l’incendio di progetto determinata in base a
modelli d’incendio e a parametri fisici che definiscono le variabili di stato all’interno di un compartimento
(galleria). In generale possono essere determinate con modelli di calcolo di comprovata attendibilità che
tengano conto delle caratteristiche del combustibile e di quelle del compartimento in esame.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 18 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

ABBREVIAZIONI
AFSS: Additional Face Support System
BTS: Base Transceiver Station
CF: Concentration Factor
CLS: calcestruzzo
CSM: Convertible Shield Machine
DB: Doppio Binario
DL: Direzione Lavori
DSM: Double Shield Machine
EPBs: Earth Pressure Balance Support
ETBM: Extension Tunnel Boring Machine
FIR: Foam Injection Rate
G: Gabarit
HS: Hydroshield
INFRA : Infrastruttura
Mdp : Manuale di Progettazione
PEI : Piani Emergenza Interna
PES: Piani di Emergenza e Soccorso
PMO: Profilo minimo ostacoli
REI: Resistenza, Ermeticità, Isolamento
RMR: Rock Mass Rating
RD: RQD medio tra due sondaggi
RQD: Rock Quality Designation
SB: Singolo Binario
SCIA: Segnalazione Certificata di Inizio Atività
SM-C: Shield Machine partial excavation
SRT: Saefty Railway Tunnel
ST: Specifica tecnica Interoperabilità
TBM: Tunnel Boring Machine
TE : Trazione Elettrica
TES: Trasporto Eccedente Sagoma
TM: Tunnelling Machines
VP: Velocita’ onde sismiche primarie
VTR: vetroresina
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 19 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

PRESCRIZIONI PER LA PROGETTAZIONE


In questa sezione è riportata la documentazione di riferimento necessaria per la redazione di un
progetto – di fattibilità tecnica ed economica, definitivo esecutivo - di opere quali gallerie naturali e/o
artificiali.

4.5.1 COMPITI DEL PROGETTISTA


Il Progettista redigerà il progetto delle gallerie sulla base della specificità tipiche della progettazione in
corso.
Il Progettista oltre a far riferimento a quanto indicato nella sezione “Criteri di progettazione
strutturale” dovrà tenere in conto delle regole e delle norme tecniche stabilite dalle disposizioni
vigenti in materia.
Nella redazione del progetto sarà necessario tenere in conto anche dell’accessibilità dell’opera oggetto
della progettazione in corso e della manutenzione dell’opera stessa nonché degli impianti e dei servizi
esistenti.

4.5.2 DOCUMENTAZIONE PRIORITARIA DA UTILIZZARE NELLA


PROGETTAZIONE DELLE GALLERIE
Progettista in particolare dovrà verificare la disponibilità dei seguenti elementi forniti dal
Committente.

4.5.2.1 PROGETTO DI LIVELLO INFERIORE


Prima di procedere all’elaborazione del progetto definitivo/esecutivo della galleria, oggetto del
presente Manuale, si dovrà esaminare e verificare il progetto di livello inferiore.
Qualora si riscontrassero delle incongruenze potranno essere proposti al Committente dei progetti
alternativi.

4.5.2.2 ELEMENTI PER LA DEFINIZIONE DEL TRACCIATO


Il tracciato ferroviario deve essere progettato secondo le indicazioni fornite dalle “linee guida per la
realizzazione e manutenzione dei binari su base assoluta con tracciati riferiti a punti fissi in coordinate
topografiche” RFI TCAR ST AR 01 002 A del 18/12/2001
Devono essere forniti:
- Planimetria di progetto,
- Profilo longitudinale;
- Raggio minimo di curvatura;
- Velocità massima;
- Interasse;
- Disassamento dell’asse della galleria rispetto al tracciato.

4.5.2.3 ELEMENTI PER LA DEFINIZIONE DELLA TRAZIONE ELETTRICA


Devono essere forniti:

- Tipo di alimentazione;
- Altezza linea di contatto;
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 20 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

- Tipo di sospensione (distanza corda portante/linea di contatto, franchi elettrici).

4.5.2.4 SEZIONE TRASVERSALE COMPLETA DEL PROFILO D’INTRADOSSO DELLA


GALLERIA
Devono essere forniti:

- Sopraelevazione massima;
- Accelerazione non compensata;
- Profilo degli ostacoli del Gabarit di progetto;
- Sezione della galleria tipo da adottare;
- Geometria del binario (rotaie, traverse, spessore di ballast etc.).

4.5.2.5 CARTOGRAFIE E TRACCIATI


Devono essere forniti:
- Tracciato plano-altimetrico su base cartografica digitalizzata con restituzione in scala da
- 1:5.000 a 1:1.000;
- Rilievi celerimetrici di dettaglio in corrispondenza delle zone d’imbocco delle gallerie con restituzione in
scala da 1:500 a 1:200.

4.5.2.6 GEOLOGIA, IDROGEOLOGIA E GEOTECNICA


Compatibilmente con il livello progettuale commissionato dovranno essere acquisiti tutti i risultati
degli studi e delle campagne d’indagine eseguiti sia per la fase di progettazione in esame sia per quelle
precedenti, per cui con i limiti di cui sopra è necessario disporre di tutti i dati d’indagine originali, in
particolare:
- Stratigrafie di sondaggi geognostici;
- Grafici di prove penetrometriche e dilatometriche;
- Risultati delle prove in sito;
- Misure dei livelli piezometrici certificati delle prove di laboratorio;
- Schede dei rilievi geomeccanici di superficie;
- Risultati delle indagini geofisiche.
Tutti i dati disponibili dovranno essere attentamente esaminati per valutarne l’adeguatezza e disporre
le eventuali integrazioni.

4.5.3 DOCUMENTAZIONE DI RIFERIMENTO


Gli elaborati e i contenuti degli stessi dovranno essere conformi a quanto stabilito dalle disposizioni
di legge secondo il livello di approfondimento progettuale (progettazione di fattibilità tecnica ed
economica, progettazione definitiva e progettazione esecutiva).
In particolare:
Progetto di fattibilità tecnica ed economica: Il progetto di fattibilità tecnica ed economica definisce le
caratteristiche qualitative e funzionali dell’opera, la sua fattibilità amministrativa e tecnica, accertata
attraverso le indispensabili indagini di prima approssimazione, e i costi dell’intervento.
Progetto definitivo: Il progetto definitivo, redatto sulla base delle indicazioni del progetto di fattibilità
tecnica ed economica approvato, contiene tutti gli elementi necessari alla definizione delle
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 21 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

caratteristiche tecniche e di costo dell’opera e all’ottenimento delle autorizzazioni e approvazioni da


parte degli enti competenti.
Progetto esecutivo: Il progetto esecutivo, redatto in conformità del progetto definitivo, costituisce la
ingegnerizzazione di tutte le lavorazioni definendo quindi ogni particolare architettonico, strutturale e
impiantistico dell’intervento.
Nei paragrafi successivi viene riportata la documentazione minima di riferimento per i tre livelli di
progettazione sopra evidenziati.

4.5.3.1 PROGETTO DI FATTIBILITÀ TECNICA ED ECONOMICA


Il progetto di fattibilità tecnica ed economica definisce le caratteristiche qualitative e funzionali dei lavori,
evidenzia le aree impegnate, le relative eventuali fasce di rispetto e le occorrenti misure di salvaguardia,
nonché le specifiche funzionali ed i limiti di spesa delle opere da realizzare.
Gli elaborati minimi di riferimento per la progettazione di fattibilità tecnica ed economica di gallerie
naturali e/o artificiali sono:
- Relazione tecnico – illustrativa;
- Corografia generale di inquadramento;
- Planimetria generale;
- Profilo generale;
- Carta geologica, geomorfologica e idrogeologica;
- Profilo geologico/idrogeologico con caratterizzazione geotecnica/geomeccanica;
- Sezioni trasversali della galleria;
- Stima dei costi.

4.5.3.1.1 Relazione tecnico illustrativa


Descrizione:
La relazione deve contenere l’inquadramento dell’opera nel contesto territoriale, le caratteristiche generali
dell’opera stessa e le eventuali problematiche di realizzazione.
Dati contenuti:
- Norme di riferimento;
- Descrizione dell’opera con localizzazione geografica;
- Inquadramento geologico e idrogeologico;
- Sismica;
- Caratteristiche geometriche del tracciato e delle sezioni tipo di intradosso e di scavo;
- Tecnica di scavo adottata;
- Possibili criticità in fase di realizzazione legate a problemi geologici e/o idrogeologici;
- Calcolo sommario di dimensionamento;
- Individuazioni delle predisposizioni di sicurezza necessarie ai fini della sicurezza in galleria;
- Censimento delle interferenze;
- Piano di gestione dei materiali;
- Programma per il monitoraggio in corso d’opera;
- Cantierizzazione;
- Stima dei tempi di realizzazione.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 22 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.5.3.1.2 Corografia generale di inquadramento


Descrizione:
L’elaborato deve contenere l’inquadramento dell’opera nel territorio
Scala: 1:100.000 - 1:50.000
Dati contenuti:
- Schema planimetrico dell’asse del tracciato e/o dell’asse della galleria
- Dati necessari per l’ubicazione dell’opera (imbocchi, origine e destinazione della linea)

4.5.3.1.3 Planimetria generale


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le indicazioni per definire l’ubicazione dell’opera lungo la linea ferroviaria
Scala: 1:5.000
Dati contenuti:
- Elementi topografici, idrografici e manufatti preesistenti;
- Dati necessari all’ubicazione dell’opera:
o Progressiva degli imbocchi;

o Origine e destinazione della linea;

- Ubicazione delle opere prevista nelle zone di imbocco per la sistemazione definitiva (muri, paratie,
gallerie artificiali, ecc);
- Indicazione delle eventuali interferenze con manufatti preesistenti (edifici, strade, sottoservizi, ecc);
- Schema planimetrico asse tracciato e asse galleria con eventuale disassamento.

4.5.3.1.4 Profilo generale


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le indicazioni per definire le caratteristiche altimetriche dell’opera e le
caratteristiche delle opere sovrastanti
Scala: 1:5.000/500
Dati contenuti:
- Dati necessari all’ubicazione dell’opera:
o Progressiva degli imbocchi

o Quote di progetto e del p.c.;

- Livellette, pendenze di progetto, raggi di curvatura;


- Indicazione delle eventuali interferenze con manufatti preesistenti (edifici, strade, sottoservizi, ecc).

4.5.3.1.5 Carta geologica, geomorfologica e idrogeologica


Descrizione:
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 23 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

L’elaborato deve contenere le indicazioni geologiche, geomorfologiche e idrogeologiche delle formazioni


geologiche interessate dall’opera.
Scala: 1:10.000/1000
Dati contenuti:
- Caratteristiche litografiche e tettoniche;
- Discontinuità minori;
- Eventuali situazioni di dissesto idrogeologico;
- Elementi relativi alla rete idrografica;
- Caratteristiche di permeabilità delle diverse unità litostratigrafiche;
- Possibile deflusso sotterraneo.

4.5.3.1.6 Profilo geologico/idrogeologico


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le indicazioni per la definizione del quadro geolitologico in cui l’opera è inserita.
Scala: 1:10.000/1000
Dati contenuti:
- Indicazione delle unità litostratigrafiche rilevate;
- Descrizione delle unità rilevate;
- Simboli tettonici;
- Superficie piezometrica;
- Simbolismi delle verticali di sondaggio;
- Simbolismi delle verticali di prove penetrometriche.

4.5.3.1.7 Profilo geotecnico/geomeccanico


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le indicazioni delle unità stratigrafiche omogenee sotto il profilo meccanico,
delle principali grandezze fisiche e proprietà indice, nonché del regime delle pressioni interstiziali, al fine di
individuare in via preliminare le problematiche connesse con la realizzazione del cavo.
Scala: 1:10.000/1000
Dati contenuti:
- Indicazione delle unità litostratigrafiche rilevate;
- Simboli tettonici;
- Superficie piezometrica;
- Simbolismi delle verticali di sondaggio;
- Simbolismi delle verticali di prove penetrometriche;
- Geotecnica:
o parametri geotecnici di progetto determinati per tratte omogenee;
o indicazione delle principali problematiche previste per lo scavo (gas, venute d’acqua, zone
tettonizzate,…);
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 24 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

o caratterizzazione geomeccanica di previsione con indicazione della classe di scavo e previsione


del comportamento della galleria con riferimento al comportamento del fronte-nucleo per tratte
omogenee;
o indicazione dei principali interventi di precontenimento (fronte e cavo), presostegno,
mitigazione interferenza idraulica, tipologia di prerivestimento, rivestimento definitivo e tecnica
di scavo per tratte omogenee;
o indicazione con progressiva, della sezione tipo prevista per tratte omogenee;
o monitoraggio.

4.5.3.1.8 Sezioni trasversali della galleria


Descrizione:
L’elaborato deve rappresentare le caratteristiche geometriche delle sezioni correnti di galleria
Scala: 1:200
Dati contenuti:
- Quota di riferimento e progressiva della sezione
- Sezione trasversale della galleria con indicazione della quota del piano del ferro, del gabarit di
riferimento, dell’asse della galleria e /o dell’asse di tracciamento.

4.5.3.1.9 Stima dei costi


Descrizione:
L’elaborato deve contenere una stima dei costi dell’opera generalmente ricavata con metodi parametrici.
Dati contenuti:
- Stima parametrica dei costi delle opere.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 25 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.5.3.2 PROGETTAZIONE DEFINITIVA


Il progetto definitivo, redatto sulla base delle indicazioni del progetto di fattibilità tecnica ed economica
approvato, contiene tutti gli elementi necessari ai fini del rilascio di specifici atti autorizzativi; inoltre sviluppa
gli elaborati grafici e descrittivi, nonché i calcoli, ad un livello di definizione tale che nella successiva
progettazione esecutiva non si abbiano apprezzabili differenze tecniche e di costo.
Gli elaborati minimi di riferimento per la progettazione definitiva di gallerie naturali e/o artificiali sono:
4.5.3.2.1 Elaborati generali
4.5.3.2.1.1 Relazione tecnica generale
4.5.3.2.1.2 Relazione sulla gestione delle materie
4.5.3.2.1.3 Corografia di inquadramento
4.5.3.2.1.4 Planimetria generale
4.5.3.2.1.5 Profilo generale
4.5.3.2.1.6 Sezioni di intradosso della galleria
4.5.3.2.1.7 Elenco dei prezzi unitari
4.5.3.2.1.8 Computo metrico
4.5.3.2.1.9 Computo metrico estimativo
4.5.3.2.2 Elaborati di geologia
4.5.3.2.2.1 Relazione geologica e idrogeologica
4.5.3.2.2.2 Carta geologica
4.5.3.2.2.3 Carta idrogeologica
4.5.3.2.2.4 Planimetria con ubicazione delle indagini geognostiche
4.5.3.2.2.5 Profilo geologico e idrogeologico
4.5.3.2.3 Elaborati di geotecnica
4.5.3.2.3.1 Relazione geotecnica
4.5.3.2.3.2 Profilo geotecnico-geomeccanico
4.5.3.2.4 Elaborati specifici di gallerie naturali con scavo tradizionale
4.5.3.2.4.1 Relazione di calcolo
4.5.3.2.4.2 Elaborati di interventi tipologici per gallerie naturale con scavo tradizionale
4.5.3.2.4.2.1 Sezioni tipo Carpenteria, scavo e consolidamenti
4.5.3.2.4.2.2 Fasi costruttive generali: Planimetria, sezioni e schemi grafici
4.5.3.2.4.3 Elaborati relativi agli imbocchi di gallerie naturale con scavo tradizionale: Fase
provvisoria
4.5.3.2.4.3.1 Relazione geotecnica e di calcolo
4.5.3.2.4.3.2 Planimetria
4.5.3.2.4.3.3 Profilo longitudinale e sviluppata
4.5.3.2.4.3.4 Sezioni trasversali
4.5.3.2.4.3.5 Dima e Concio d’attacco – Carpenteria
4.5.3.2.4.4 Elaborati relativi agli imbocchi di gallerie naturale con scavo tradizionale: Fase definitiva
4.5.3.2.4.4.1 Planimetria
4.5.3.2.4.4.2 Profilo longitudinale
4.5.3.2.4.4.3 Sezioni trasversali
4.5.3.2.4.4.4 Galleria Artificiale e Portale d’imbocco – Carpenteria Pianta e Profilo
4.5.3.2.4.4.5 Galleria Artificiale e Portale d’imbocco – Carpenteria Sezioni
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 26 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.5.3.2.5 Elaborati specifici di gallerie naturali con scavo meccanizzato


4.5.3.2.5.1 Analisi del rischio
4.5.3.2.5.2 Relazione di calcolo
4.5.3.2.5.3 Relazione scavo meccanizzato
4.5.3.2.5.4 Elaborati delle strutture delle gallerie naturale con scavo meccanizzato
4.5.3.2.5.4.1 Rivestimento conci prefabbricati - Piano Sinottico
4.5.3.2.5.4.2 Rivestimento conci prefabbricati - Dettagli costruttivi
4.5.3.2.5.4.3 Impianto smaltimento acque - Profilo canalette e dettagli
4.5.3.2.5.5 Elaborati relativi all’imbocco di gallerie naturale con scavo meccanizzato
4.5.3.2.5.5.1 Planimetria generale
4.5.3.2.5.5.2 Profilo longitudinale e Sviluppata
4.5.3.2.5.5.3 Sezioni trasversali
4.5.3.2.5.5.4 Relazione di Calcolo - Elemento di spinta
4.5.3.2.5.5.5 Paratia di Imbocco: Carpenteria
4.5.3.2.5.5.6 Struttura metallica di spinta - Carpenteria anello di irrigidimento
4.5.3.2.5.5.7 Struttura metallica di spinta - Carpenteria telaio di contrasto
4.5.3.2.6 Elaborati specifici di gallerie artificiali
4.5.3.2.6.1 Relazione di calcolo
4.5.3.2.6.2 Pianta, profilo e sezioni
4.5.3.2.6.3 Pianta scavi
4.5.3.2.6.4 Planimetria di tracciamento
4.5.3.2.6.5 Carpenteria
4.5.3.2.6.6 Fasi costruttive
4.5.3.2.6.7 Opere di consolidamento del terreno – planimetria di progetto e di tracciamento
4.5.3.2.6.8 Opere di consolidamento – sezioni trasversali
4.5.3.2.6.9 Opere provvisionali – planimetria di tracciamento e di progetto
4.5.3.2.6.10 Opere provvisionali sezioni trasversali
4.5.3.2.7 Elaborati del monitoraggio
4.5.3.2.7.1 Relazione piano di monitoraggio
4.5.3.2.7.2 Sezioni trasversali di monitoraggio (imbocchi e zone accessibili)
4.5.3.2.7.3 Planimetria sezioni strumentate di monitoraggio (imbocchi e zone accessibili)
4.5.3.2.8 Elaborati relativi alla Sicurezza in galleria
4.5.3.2.9.1 Relazione sulle predisposizioni di sicurezza ai fini della “sicurezza in galleria”
4.5.3.2.9.2 Schema delle predisposizioni di sicurezza relativi alle opere civili ai fini della sicurezza in
galleria
4.5.3.2.9.3 Schema delle predisposizioni di sicurezza relativi agli impianti ai fini della “sicurezza in
galleria”
4.5.3.2.9.4 Elaborati descrittivi delle predisposizioni di sicurezza ai fini della “sicurezza in galleria”
(punto antincendio, uscite e accessi,…)
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 27 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.5.3.2.1 Elaborati generali

4.5.3.2.1.1 Relazione tecnica generale


Descrizione:
La relazione deve contenere l’inquadramento dell’opera nel contesto territoriale, le caratteristiche generali
dell’opera stessa e le problematiche di realizzazione.
Dati contenuti:
- Norme e riferimenti.
- Localizzazione geografica dell’opera.
- Caratteristiche geometriche del tracciato e delle sezioni tipo d’intradosso e di scavo.
- Eventuali interferenze con manufatti preesistenti presenti lungo il tracciato
- Tecnica di scavo adottata e criteri di scelta.
- Fasi costruttive.
- Criteri di calcolo.
- Subsidenze indotte (analisi e previsione di intervento).
- Cantierizzazione (sistemazione imbocchi e aree dedicate, accessi, mitigazioni ambientali).
- Monitoraggio ambientale in corso d’opera.
- Operazioni di recupero discariche smarino.
- Programma di manutenzione.
- Programma per il monitoraggio in corso d’opera.
- Predisposizioni civili per la sicurezza in galleria .
- Stima dei tempi di realizzazione.

4.5.3.2.1.2 Relazione sulla gestione dei materiali


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le indicazioni per una corretta gestione dei materiali provenienti dallo scavo.
Dati contenuti:
- Descrizione degli esuberi di materiali di scarto provenienti dagli scavi.
- Individuazione delle aree di deposito per lo smaltimento delle terre di scarto.
- Descrizione delle sistemazioni finali proposte.

4.5.3.2.1.3 Corografia di inquadramento


Descrizione:
La relazione deve contenere l’inquadramento dell’opera nel contesto territoriale, le caratteristiche generali
dell’opera stessa e le problematiche di realizzazione.
Scala: 1:25000
Dati contenuti:
- Schema planimetrico dell’asse del tracciato e/o dell’asse della galleria
- Dati necessari per l’ubicazione dell’opera (imbocchi, origine e destinazione della linea)
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 28 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.5.3.2.1.4 Planimetria generale


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le indicazioni per definire l’ubicazione dell’opera lungo la linea ferroviaria.
Scala: da 1:5000 a 1:2000
Dati contenuti:
- Elementi topografici, idrografici e manufatti preesistenti.
- Dati necessari all’ubicazione dell’opera:
o progressiva degli imbocchi;
o origine e destinazione della linea.
- Ubicazione di tutte le opere previste nelle zone d’imbocco per la sistemazione definitiva (muri, paratie,
gallerie artificiali, ecc.).
- Indicazione delle eventuali interferenze con manufatti preesistenti (edifici, strade, sottoservizi, ecc).
- Schema planimetrico asse tracciato e asse galleria con eventuale disassamento.

4.5.3.2.1.5 Profilo generale


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le indicazioni per definire le caratteristiche altimetriche dell’opera e le
caratteristiche delle opere sovrastanti.

Scala: 1:5000/500
Dati contenuti:

- Dati necessari all’ubicazione dell’opera:


o progressiva degli imbocchi. quote di progetto e del p.c..
o Livellette, pendenze di progetto, raggi di curvatura.
- Indicazione delle eventuali interferenze con manufatti preesistenti (edifici, strade, sottoservizi, ecc).

4.5.3.2.1.6 Sezioni di intradosso della galleria


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le indicazioni per definire le caratteristiche geometriche della sezione tipo e i
dettagli delle opere di completamento.
Scala: 1:50
Dati contenuti:
A) Nella sezione corrente in retto ed agli imbocchi:
a. Progressive e quote della rotaia bassa
b. Sezione tipo con spessore corrente con sagome di ingombro, particolari della canaletta di
raccolta delle acque, del pozzetto porta cavi e della nicchia di ricovero.
c. Carpenteria del marciapiede in corrispondenza dei pozzetti porta cavi.
d. Particolare del mancorrente all’interno della nicchia di ricovero.
B) Nella sezione in curva
a. Quanto indicato al punto A
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 29 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

b. Eventuale disassamento asse galleria – asse tracciato (per centraggio sagoma e miglioramento
margini manutentivi).
c. Progressive a inizio e fine soprelevazione con valore quota della rotaia bassa e valore di
sopraelevazione.

4.5.3.2.1.7 Elenco dei prezzi unitari


Descrizione:
L’elaborato deve contenere tutte le voci del prezzario coinvolte nei lavori previsti per la realizzazione
dell’opera e i relativi prezzi unitari da impiegare nel computo metrico estimativo.
Dati contenuti:
- Descrizioni, unità di misura e prezzi unitari delle lavorazioni.

4.5.3.2.1.8 Computo metrico


Descrizione:
L’elaborato deve contenere indicazioni per la stima del costo di costruzione dell’opera.
Dati contenuti:
- Designazioni e dimensioni delle lavorazioni.

4.5.3.2.1.9 Computo metrico estimativo


Descrizione:
L’elaborato deve contenere la stima del costo di costruzione dell’opera.
Dati contenuti:
- Designazioni, dimensioni e importi delle lavorazioni.

4.5.3.2.2 Elaborati di geologia

4.5.3.2.2.1 Relazione geologica e idrogeologica


Descrizione:
La relazione deve fornire, in base a tutti gli studi e indagini eseguite, sia per l’attuale fase di progettazione
che in precedenza, la caratterizzazione geologica e idrogeologica dei terreni interessati ad evidenziare
situazioni che possano risultare critiche ai fini dello scavo e/o del comportamento a lungo termine
dell’insieme terreno struttura.
Dati contenuti:
- Localizzazione geografica dell’opera.
- Inquadramento geologico e idrogeologico locale (stratigrafia e tettonica, idrografia superficiale e
profonda).
- Descrizione della cartografia geologica e idrogeologica prodotta.
- Possibili criticità in fase di realizzazione legate a problemi geologici e idrogeologici.
- Descrizione dettagliata delle indagini geologiche (rilevamenti), idrogeologiche (pozzi, prove di
permeabilità, emungimento, ecc.) e geofisiche, nonché di tutte le altre indagini mirate alla
caratterizzazione litostratigrafia e tecnica dei terreni, (sondaggi, prove penetrometriche).
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 30 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

- Caratteristiche geologiche e idrogeologiche dei terreni interessati (immersione e inclinazione degli strati,
spessore, eteropie, discontinuità tettoniche, presenza di anticlinali, sinclinali, monoclinali, stato di
fratturazione, alterazione, permeabilità, ecc.).
- Ricostruzione delle caratteristiche delle falde.
- Analisi del tracciato dal punto di vista geologico e idrogeologico.
- Zonizzazione geologica e idrogeologica lungo il tracciato.

4.5.3.2.2.2 Carta geologica e idrogeologica


Descrizione:
L’elaborato deve contenere una sintesi di tutte le informazioni di carattere geologico.
Scala: 1:5000
Dati contenuti:
- Elementi contenuti nelle planimetrie generali.
- Descrizione delle unità litostratigrafiche presenti, distinte secondo l’ordine cronologico.
- Definizione della natura dei contatti tra le diverse unità individuate (continuità, tettonici, eteropie, ecc.).
- Descrizione dell’assetto tettonico dell’area con indicazione degli elementi strutturali maggiori (faglie,
pieghe, sovrascorrimenti) e minori (fratture e faglie minori) e del rilievo degli elementi stratimetrici
fondamentali (giacitura degli strati, scistosità, diveggio.
- Indicazione delle principali forme morfologiche (conoidi, aree in frana, ecc).

4.5.3.2.2.3 Carta idrogeologica


Descrizione:
L’elaborato deve contenere una sintesi di tutte le informazioni di carattere idrogeologico utili al fine di
valutare l’impatto sullo scavo e sull’ambiente circostante.
Scala: 1:5000
Dati contenuti:
- Elementi contenuti nelle planimetrie generali.
- Caratterizzazione delle unità litostratigrafiche in base alla loro permeabilità primaria e secondaria e
valutazione numeriche delle stesse.
- Caratteristiche della rete idrografica superficiale.
- Linee isopiezometriche suddivise in falda superficiale e falda profonda.

4.5.3.2.2.4 Planimetria con ubicazione delle indagini geognostiche


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le indicazioni necessarie a individuare l’ubicazione delle indagini geognostiche
eseguite.
Scala: 1:5000
Dati contenuti:
- Elementi contenuti nelle planimetrie generali.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 31 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

- Dati necessari all’ubicazione dell’opera:


o progressiva degli imbocchi;
o origine e destinazione della linea;
- Ubicazione e definizione di tutte le opere previste nelle zone d’imbocco (muri, paratie, gallerie artificiali,
ecc.).
- Indicazione con appropriata simbologia delle indagini eseguite:
o ubicazione delle indagini geognostiche eseguite (sondaggi, geofisica, prove in situ, ecc.)
evidenziando le eventuali diverse campagne di esecuzione;
o ubicazione delle stazioni geomeccaniche eseguite;
o traccia delle stese di indagini geofisiche.

4.5.3.2.2.5 Profilo geologico e idrogeologico


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le indicazioni per la definizione del quadro geolitologico in cui è inserita l’opera.
Scala: 1:5000/500
Dati contenuti:
- Elementi topografici e di tracciato contenuti nel profilo longitudinale generale
- Indicazione delle unità litostratigrafiche rilevate suddivise per ambiente deposizionale (marine,
continentali) e facies (sedimentazione, ignee, metamorfiche).
- Descrizione delle unità rilevate (età, caratteristiche granulometriche, mineralogiche, petrografiche,
spessore degli strati, strutture sedimentarie e tettoniche).
- Simbolismi tettonici (faglie, faglie presunte, pieghe).
- Limiti delle formazioni (continuità, eteropie, contatti tettonici, trasgressioni,…). Superficie piezometrica
(falda superficiale, falda profonda).
- Simbolismi delle verticali di sondaggio, con indicazione delle quote assolute della testa sondaggio e
distanza planimetrica rispetto all’asse,.
- Simbolismi delle verticali di prove penetrometriche con indicazione di quota inizio prova e del grafico
delle resistenza all’avanzamento della punta.

4.5.3.2.3 Elaborati di geotecnica

4.5.3.2.3.1 Relazione geotecnica


Descrizione:
In fase di progettazione definitiva all’interno dell’elaborato “Relazione geotecnica della galleria” devono
essere definiti i criteri generali per l’applicazione delle sezioni tipo con riferimento al contesto geotecnico e
ai valori attesi della risposta deformativa. In particolare, in funzione dei risultati delle verifiche numeriche
delle sezioni tipo (e sulla base di esperienze in contesti analoghi), devono essere individuati i valori attesi dei
fenomeni deformativi, indicando, per ogni sezione tipo strutturale utilizzata, i valori attesi in termini di
convergenza radiale e di estrusione. Nella relazione devono essere stabiliti, in base a tutte le indagini
eseguite, sia in sito che in laboratorio, i parametri geotecnici di dettaglio dei materiali interessati dagli scavi.
La relazione deve inoltre contenere i calcoli per il dimensionamento geotecnico delle opere, la descrizione
delle fasi e delle modalità costruttive.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 32 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Dati contenuti:
- Descrizione delle indagini e prove eseguite; analisi e interpretazione delle stesse con indicazione delle
formulazioni adottate per ricavare i parametri fisico- meccanici fondamentali.
- Descrizione delle caratteristiche geotecniche dei litotipi interessati (granulari, coesivi, lapidei, caotici,
ecc.).
- Diagrammi granulometrici per ogni zona omogenea.
- Diagrammi profondità/limiti di Atterberg e contenuto nat.le di acqua per ogni zona omogenea.
- Caratteristiche di plasticità con carta di Casagrande per ogni zona omogenea. Zonizzazione geotecnica di
dettaglio (criterio di zonizzazione, variabilità orizzontale e verticale dei parametri fisico-meccanici).
- Caratterizzazione geotecnica per ogni zona omogenea con trattamento dei dati delle indagini attraverso
metodi statistico-probabilistici, anche mediante confronto tra diverse metodologie e associazione più
affidabile prova-parametro.
- Parametrizzazione geotecnica con valori caratteristici, campo di variabilità, leggi di variazione con lo
stato tensionale indotto e con il livello deformativo.
- Modello di comportamento (continuo, continuo equivalente, discontinuo) alla scala dell’opera.
- problematiche di comportamento allo scavo (stabilità del fronte e del cavo, subsidenza, regime delle
falde, carico idraulico, moti di filtrazione, ecc.)
- Indicazioni sulle tecniche di back-analysis per la taratura dei parametri geotecnici dal monitoraggio in
corso d’opera
- Indicazione del più probabile comportamento del cavo e del fronte per ogni zona omogenea
(deformazioni attese, luce libera di scavo, gradiente di deformazione accettabile)
- Diagrammi con andamento delle seguenti principali caratteristiche:
o per i terreni granulari:
 φ/profondità (da prova SPT), modulo elastico (da prove SPT, prove
pressiometriche)/profondità;
o per i terreni coesivi:
 cu/profondità, modulo elastico (da prove CPT e dilatometriche)/profondità;
o per tutti i terreni
 Ko, OCR, modulo di taglio dinamico (da prove SPT, prove cross-
hole)/profondità;
- Dimensionamento e verifica delle opere geotecniche;
- Descrizione delle fasi e delle modalità costruttive.

4.5.3.2.3.2 Profilo geotecnico-geomeccanico


Descrizione:
L’elaborato deve definire la situazione geotecnica dell’area interessata dall’opera, individuare le
problematiche connesse con la realizzazione del cavo, individuare le problematiche connesse alle soluzioni
progettuali.
Scala: 1:5000/500
Dati contenuti:
- Elementi topografici e di tracciato contenuti nel profilo longitudinale generale.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 33 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

- Geotecnica:
o simbolismi delle verticali di sondaggio con indicazione delle quote assolute della testa sondaggio
e distanza planimetrica rispetto all’asse, ed indicazione delle quote di esecuzione delle prove in
foro, di prelievo dei campioni, dei livelli piezometrici e degli eventuali strumenti installati in
foro, simbolismi delle verticali delle prove penetrometriche;
o litologie e formazioni interessate dalla galleria;
o parametri geotecnici di progetto determinati per tratte omogenee;
o indicazione delle principali problematiche previste per lo scavo (gas, venute d’acqua, zone
tettonizzate,…);
o caratterizzazione geomeccanica di previsione con indicazione della classe di scavo e previsione
del comportamento della galleria con riferimento al comportamento del fronte-nucleo per tratte
omogenee;
o indicazione dei principali interventi di precontenimento (fronte e cavo), presostegno, tipologia
di prerivestimento e rivestimento definitivo per tratte omogenee;
o indicazione con progressiva, della sezione tipo prevista per tratte omogenee;
o monitoraggio.

4.5.3.2.4 Elaborati specifici di gallerie naturali con scavo tradizionale

4.5.3.2.4.1 Relazione di calcolo


Descrizione:
Nella Relazione di Calcolo deve essere eseguita una verifica del grado di stabilità in condizioni intrinseche
(senza tenere conto dei sostegni e rivestimenti), un dimensionamento degli interventi di miglioramento,
rinforzo e stabilizzazione, nonché dei sostegni di prima fase e definitivi. Inoltre, nel caso di gallerie
superficiali, occorre una valutazione delle subsidenze. Devono essere quindi eseguite verifiche di prestazioni
e di sicurezza rispetto a stati limiti ultimi e di esercizio, così come definiti nella normativa tecnica vigente
(DM 14/01/2008 e Circolare 02/02/2009 n.617).
Dati contenuti:
- Descrizione dei metodi di calcolo utilizzati individuazione delle sezioni di calcolo;
- Verifiche di stabilità del cavo con metodi numerici (FEM, BEM, FDM, DEM) bidimensionali con ausilio
di analisi assialsimmetriche per valutazione della situazione al fronte;
- Verifica della stabilità del fronte con metodi numerici – FEM, FDM, DEM - bidimensionali con ausilio
di analisi assialsimmetriche per valutazione effetto fronte o curve di rilassamento da letteratura
- Dimensionamento e verifica degli interventi di miglioramento, rinforzo e stabilizzazione del fronte e del
cavo, nonché dei sostegni di prima fase;
- Dimensionamento e verifica del rivestimento definitivo;
- Valutazione della subsidenza indotta dallo scavo e degli effetti sulle preesistenze interferenti con metodi
analitici in forma chiusa e con modellazioni numeriche bidimensionali a supporto. Indicazioni sulla
necessità di intervento sulle preesistenze maggiormente interessate e predisposizione di un eventuale
piano di monitoraggio.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 34 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.5.3.2.4.2 Elaborati di interventi tipologici per gallerie naturale con scavo tradizionale

4.5.3.2.4.2.1 Sezioni tipo: Carpenteria, scavi e consolidamento


Descrizione:
Gli elaborati devono contenere le indicazioni per la definizione degli interventi previsti per lo scavo e la
stabilizzazione provvisoria del cavo e del fronte, oltre agli elementi per la definizione della carpenteria.
Scala: 1:50
Dati contenuti:
- Dati geometrici per la completa definizione dell’area di scavo.
- Descrizione degli interventi di consolidamento del fronte con indicazione del numero e della disposizione
dei consolidamenti previsti:
o Elementi strutturali di rinforzo (tipo, lunghezza, tipo di cementazione o ancoraggio, area di
incidenza, interasse sovrapposizione, inclinazione);
o Jet grouting (numero di colonne, diametro, lunghezza, sovrapposizione, inclinazione).
- Descrizione degli interventi di consolidamento dell’ammasso:
o Chiodi e bulloni (tipo di chiodo/bullone, lunghezza, tipo di ancoraggio, interasse,
sovrapposizioni);
o Jet grouting (numero di colonne, diametro, lunghezza, sovrapposizione, inclinazione,
caratteristiche dell’eventuale armatura);
o Infilaggi (numero, diametro, spessore del tubo, diametro della perforazione, lunghezza,
sovrapposizione, inclinazione, tipo di cementazione);
o Iniezioni (tipo di tubo per iniezione, modalità di iniezione, miscela impiegata);
o Altri interventi;
o Schema di disposizione dei drenaggi (tipo di tubi, lunghezza, sovrapposizione, diametro di
perforazione, indicazione della direzione e dell’inclinazione, tipo di rivestimento).
- Sostegno delle pareti dello scavo:
o Indicazione delle eventuali centine (tipo, interasse longitudinale);
o Betoncino proiettato (spessore del rivestimento).
- Indicazione delle fasi di scavo e consolidamento.
- Carpenteria della sezione trasversale del rivestimento definitivo.
- Dettagli dell’impermeabilizzazione, dei tubi e della canaletta di raccolta acque.
- Tabella dei materiali con descrizione delle caratteristiche di qualità e resistenza dei materiali utilizzati.

4.5.3.2.4.2.2 Fasi costruttive generali: Planimetria, sezioni e schemi grafici


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le descrizioni delle sequenze di fasi costruttive previste.
Scala: 1:500
Dati contenuti:
- Planimetrie e sezioni per ciascuna fase di lavorazione nella successione prevista dal ciclo contenente la
descrizione delle singole lavorazioni
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 35 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.5.3.2.4.3 Elaborati relativi agli imbocchi di gallerie naturale con scavo tradizionale: Fase provvisoria

4.5.3.2.4.3.1 Relazione geotecnica e di calcolo


Descrizione:
Nella relazione deve essere contenuto un inquadramento delle problematiche geotecniche relative alle opere
d’imbocco, la parametrizzazione geotecnica di dettaglio dei terreni interessati e le verifiche degli interventi di
sostegno e delle gallerie artificiali.
Dati contenuti:
- Descrizione delle indagini eseguite agli imbocchi.
- Parametrizzazione geotecnica dei terreni e delle rocce interessati dalle opere.
- Descrizione dei metodi di calcolo utilizzati per gli interventi previsti.
- Verifiche dei principali elementi delle opere provvisionali.
- Verifica di stabilità complessiva delle opere di imbocco.
- Calcoli e verifiche strutturali delle gallerie artificiali.

4.5.3.2.4.3.2 Planimetria
Descrizione:
L’elaborato deve contenere gli elementi per la definizione planimetrica degli scavi e delle opere provvisionali
previste in corrispondenza dell’imbocco comprese le dimensioni della dima, intendendo con questa la
struttura provvisoria di imbocco.
Scala: 1:200
Dati contenuti:
- Elementi cartografici originari con asse di tracciamento. Limiti degli scavi provvisori.
- Vista planimetrica delle opere di sostegno quotate rispetto all’asse di tracciamento.
- Progressive di imbocco galleria naturale, inizio e fine della dima e concio d’attacco, della galleria
artificiale, del portale d’imbocco o del becco di flauto (tratteggiato).
- Indicazione delle sezioni trasversali.

4.5.3.2.4.3.3 Profilo longitudinale e sviluppata


Descrizione:
L’elaborato deve contenere la descrizione delle opere provvisionali d’imbocco, per mezzo di un prospetto
longitudinale e della proiezione della sezione trasversale in asse paratia su un piano perpendicolare all’asse.
Scala: 1:200
Dati contenuti:
- Profilo longitudinale
o Indicazione delle opere di sbancamento.
o Disegno con indicazione di lunghezze e progressive delle
seguenti opere(tratteggiato):
 becco di flauto;
 galleria artificiale;
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 36 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

 dima e concio d’attacco.


o Indicazione della progressiva di inizio della galleria naturale. Quotatura del piano ferro, dei
piani di scavo.
o Indicazione degli interventi di consolidamento.
o Schema della disposizione dei drenaggi, dei tiranti, dei chiodi.
o Indicazione delle quote del terreno originario e di progetto. .
o Indicazione delle sezioni trasversali.
- Sviluppata in asse paratia:
o Schema della disposizione dei drenaggi, dei tiranti, dei chiodi.
o Geometria della sezione d’attacco della galleria, con relative dimensioni. Descrizione del tipo
di paratia:
 paratia di pali (tipo di pali);
 paratia in jet-grouting (numero e diametro delle colonne; eventuale armatura);
o Quote necessarie per l’individuazione della trave di testata.
o Profondità di infissione della paratia.
o Definizione delle caratteristiche geometriche dei tiranti e dei chiodi.

4.5.3.2.4.3.4 Sezioni trasversali


Descrizione:
L’elaborato deve contenere la descrizione dell’andamento del terreno in corrispondenza di alcune
progressive significative, con l’indicazione della geometria degli scavi e delle opere provvisionali.
Scala: 1:200
Dati contenuti:
- Quota di riferimento. Progressiva della sezione.
- Profilo altimetrico del terreno originario.
- Sezione trasversale della galleria con indicazione della quota del piano ferro, del gabarit di riferimento,
dell’asse della galleria e/o dell’asse di tracciamento.
- Descrizione delle strutture provvisorie di sostegno. Descrizione della geometria degli scavi.

4.5.3.2.4.3.5 Dima e concio d’attacco – Carpenteria


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le indicazioni per la definizione dei dettagli costruttivi della carpenteria della
dima e del concio d’attacco.
Scala: 1:50
Dati contenuti:
- Carpenteria della sezione trasversale e longitudinale della dima con l’indicazione di tutti gli elementi
necessari alla completa definizione della geometria, compresa la sezione in corrispondenza di
un’eventuale nicchia presente nel concio d’attacco.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 37 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

- Carpenteria della sezione trasversale e longitudinale del concio d’attacco con l’indicazione di tutti gli
elementi necessari alla completa definizione della geometria compresa l’ubicazione rispetto ai giunti di
calotta di un eventuale nicchia presente.
- Indicazione delle riprese di getto previste dalle diverse fasi di lavorazione. Dettagli
dell’impermeabilizzazione, dei tubi e della canaletta di raccolta acque.
- Tabella dei materiali con descrizione delle caratteristiche di qualità e di resistenza di tutti i materiali
utilizzati.

4.5.3.2.4.4 Elaborati relativi agli imbocchi di gallerie naturale con scavo tradizionale: Fase definitiva

4.5.3.2.4.4.1 Planimetria
Descrizione:
L’elaborato deve contenere gli elementi per la definizione planimetrica delle opere previste per la
sistemazione definiva della zona d’imbocco.
Scala: 1:200
Dati contenuti:
- Elementi cartografici originari con asse di tracciamento.
- Vista planimetrica delle opere d’imbocco definitive, del portale, dei muri di sostegno, dei marciapiedi.
- Ubicazione e dimensioni delle canalette con indicazione del percorso seguito dalle acque per mezzo di
frecce.
- Progressive, ubicazione e dimensioni dei pozzetti di raccolta delle acque.
- Progressive di imbocco della galleria naturale, inizio e fine della dima e concio d’attacco, della galleria
artificiale, del portale d’imbocco.

4.5.3.2.4.4.2 Profilo longitudinale


Descrizione:
L’elaborato deve contenere la descrizione delle opere definitive per la sistemazione finale dell’imbocco per
mezzo di una prospetto longitudinale.
Scala: 1:200
Dati contenuti:
- Disegno con indicazione di lunghezze e progressive delle seguenti opere:
o Portale o becco di flauto;
o galleria artificiale;
o dima e concio d’attacco.
- Indicazione della progressiva di inizio della galleria naturale. Quotatura del piano ferro.
- Indicazione degli interventi di consolidamento. Indicazione dei fossi di guardia.
- Indicazione del terreno di ritombamento.
- Indicazione delle quote del terreno originario e di progetto.
- Indicazione delle sezioni.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 38 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.5.3.2.4.4.3 Sezioni trasversali


Descrizione:
L’elaborato deve contenere la descrizione dell’andamento del terreno in corrispondenza di alcune
progressive significative, con l’indicazione delle opere di sbancamento e di ritombamento del terreno e della
geometria essenziale della sezione della galleria.
Scala: da 1:200
Dati contenuti:
- Quota di riferimento. Progressiva della sezione finale.
- Profilo altimetrico del terreno originario.
- Sezione trasversale della galleria con indicazione della quota del piano ferro, dell’asse della galleria e
dell’asse di tracciamento.
- Descrizione delle strutture provvisorie di sostegno. Descrizione della geometria degli scavi.

4.5.3.2.4.4.4 Galleria artificiale e Portale di imbocco – Carpenteria Pianta e Profilo


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le indicazioni per la definizione della geometria della galleria artificiale e del
portale d’imbocco.
Scala: 1:100
Dati contenuti:
- Vista planimetrica e sezione prospettica corrispondente della galleria artificiale e del portale.
- Descrizione del sistema di raccolta dell’acqua. Quotature e progressive relative alle seguenti opere:
o dima e concio d’attacco; galleria artificiale; portale;
o muri di raccordo;

4.5.3.2.4.4.5 Galleria artificiale e Portale di imbocco – Carpenteria Sezioni


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le indicazioni per la definizione dei dettagli costruttivi del rivestimento
definitivo delle sezioni tipo della galleria artificiale e del portale.
Scala: 1:50
Dati contenuti:
- Carpenteria delle sezioni trasversali tipo della galleria artificiale e dell’imbocco con l’indicazione di tutti gli
elementi necessari alla completa definizione della geometria.
- Indicazione delle riprese di getto previste dalle diverse fasi di lavorazione. Dettagli
dell’impermeabilizzazione, dei tubi e della canaletta di raccolta acque.
- Tabella dei materiali con descrizione delle caratteristiche di qualità e di resistenza di tutti i materiali
utilizzati.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 39 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.5.3.2.5 Elaborati specifici di gallerie naturali con scavo meccanizzato

4.5.3.2.5.1 Analisi di rischio


Descrizione:
Nella relazione deve essere illustrata un’analisi dei rischi connessi alla tecnologia di scavo da impiegare,
confrontando le stime dei costi di realizzazione della galleria e degli interventi necessari ad evitare eventuali
danni che possono essere arrecati alle opere preesistenti, valutati in base a metodi e considerazioni di tipo
probabilistico e avvalendosi di esperienze già maturate nel corso di precedenti realizzazioni.
Dati contenuti:
- Ubicazione della galleria.
- Caratteristiche geologiche, idrogeologiche e geotecniche dei terreni attraversati.
- Condizioni di copertura.
- Condizioni urbane (principali interferenze).
- Numero delle macchine di scavo in funzione delle condizioni presenti.
- Volumi persi e cedimenti indotti.
- Necessità di consolidamenti.
- Velocità di avanzamento.
- Problemi di manutenzione e/o riparazione, misure ausiliarie.
- Identificazione dei rischi per la tecnologia di scavo meccanizzato:
o stima dei volumi persi e dei cedimenti indotti;
o frane e fornelli indotti (cause ed effetti);
- Valutazione economica dei rischi per la tecnologia di scavo meccanizzato:
o costi dello scavo;
o costi per gli interventi esterni durante la manutenzione;
o costi per ridurre gli effetti dovuti ai cedimenti;
o costi per interventi di consolidamento delle opere di attraversamento (sottovia, cavalcavia,
viadotti);
o costi dovuti ad eventi di crollo;
o costi relativi al numero di macchine impiegate.
- Analisi dei rischi:
o metodologia;
o casi studiati (differenti scenari);
o risultati dell’analisi probabilistica per ognuno dei differenti scenari.
- Conclusioni.
- In allegato:
o diagrammi e tabelle con i risultati dell’analisi probabilistica;
o tabella costi delle variabili per ognuna delle zone omogenee (valori minimi, massimi e medi
dei costi di costruzione diretti, costi di consolidamenti e sostegni per evitare crolli,
consolidamenti per cedimenti, costi e probabilità di frane e fornelli, ecc.);
o diagrammi costi di scavo - probabilità senza costi addizionali;
o diagrammi costi di scavo - probabilità cumulativa senza costi addizionali diagrammi costi di
scavo - probabilità con costi addizionali;
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 40 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

o diagrammi costi di scavo - probabilità cumulativa con costi addizionali.

4.5.3.2.5.2 Relazione di calcolo


Descrizione:
Nella Relazione di Calcolo Strutturale devono figurare i criteri e le principali formulazioni adottate, con le
verifiche strutturali nel dettaglio, anche con metodi alternativi, nonché una discussione ragionata dei
risultati.
Dati contenuti:
- Descrizione dei metodi di calcolo utilizzati.
- Individuazione delle sezioni di calcolo.
- Verifiche di stabilità del cavo con metodi numerici (FEM,FDM,DEM) bidimensionali con ausilio di
analisi per la valutazione della pressione necessaria alla stabilizzazione del fronte di scavo.
- Simulazione delle fasi di scavo e delle fasi costruttive.
- Problematiche di comportamento allo scavo (stabilità del fronte e del cavo, subsidenza, regime delle
falde, carico idraulico, moti di filtrazione, ecc.).
- Indicazione del più probabile comportamento del cavo e del fronte per ogni zona omogenea
(deformazioni attese, luce libera di scavo, gradiente di deformazione accettabile).
- Stima del campo di variazione della pressione di sostegno da applicare al fronte di scavo.
- Dimensionamento e verifica del rivestimento definitivo in relazione alle fasi realizzative.
- Valutazione della subsidenza indotta dallo scavo e degli effetti sulle preesistenze interferenti con metodi
analitici in forma chiusa e con modellazioni numeriche bidimensionali a supporto. Indicazioni sulla
necessità di intervento sulle preesistenze maggiormente interessate e predisposizione di un eventuale
piano di monitoraggio.
- Indicazioni sulle tecniche di back-analysis per la taratura dei parametri geotecnici dal monitoraggio in
corso d’opera.

4.5.3.2.5.3 Relazione Scavo Meccanizzato


Descrizione:
Nella relazione deve essere analizzata la tecnologia di scavo tenendo conto sia delle problematiche di scavo
che di eventuali danni che possono essere arrecati alle opere preesistenti, facendo riferimento anche
all’Analisi dei Rischi e trattando le principali problematiche legate alla tecnica meccanizzata.

Dati contenuti:
- Descrizione delle possibili tecniche di scavo meccanizzato per le condizioni in oggetto e rispettive
criticità.
- Problematiche in corso di scavo distinte in base alla zonizzazione geotecnica con particolare riguardo ai
parametri che maggiormente influiscono sulla scelta della macchina.
- Riferimenti all’Analisi dei Rischi confrontando tutti i possibili scenari.
- Indicazione dei possibili scenari geologici, idrogeologici e geotecnici che si possono incontrare in fase
esecutiva ai fini della definizione dell’imprevisto geologico.
- Cantierizzazione per lo scavo meccanizzato.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 41 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

- Impatti in fase realizzativa.


- In allegato :
o diagrammi utilizzabili per la scelta della macchina:
o classificazione del tempo di autosostegno (Heuer);
o sostegno con aria compressa (Milligan); metodologia di scavo sopra falda;
o campo di applicazione scavi meccanizzati;
o limiti di drenaggio (Powers); limiti di iniettabilità; diagramma di collosità;
o formazione di palline di argilla;
o impiegabilità EPBS;
o caratteristiche mineralogico-petrografiche, di resistenza e deformabilità dei materiali litoidi
con diagrammi relativi alle valutazioni sui consumi di utensili.

4.5.3.2.5.4 Elaborati delle strutture delle gallerie naturale con scavo meccanizzato

4.5.3.2.5.4.1 Rivestimento conci prefabbricati – Piano sinottico


Descrizione:
Nell’elaborato sono rappresentate la sezione normale di un anello di conci prefabbricati, le posizioni degli
anelli e lo sviluppo degli anelli in curva
Scala: 1:100
Dati contenuti:
- Sezione normale (sezione di un anello di conci sul piano normale all’asse di avanzamento, con riportati i
principali assi di simmetria dell’anello, l’asse della chiave, gli assi per le superfici di contatto tra i conci).
- Sviluppata schematica con indicazione giunzioni (sezioni in posizione di curva sinistra e destra, di anelli di
conci sul piano normale all’asse di avanzamento, con riportati gli assi principali dell’anello e l’asse della
chiave, e sezioni sul piano contenente l’asse di avanzamento).
- Sviluppo anelli in curva (sezione in posizione di curva sinistra o destra di due anelli affiancati nel verso di
avanzamento, con schematico dei conci e di particolari per l’innesto e il trasporto).
- Rivestimento conci prefabbricati.

4.5.3.2.5.4.2 Rivestimento conci prefabbricati – Carpenteria e Dettagli costruttivi


Descrizione:
Nell’elaborato sono rappresentate le viste interne (piante), le sezioni, i prospetti e le carpenterie dei conci e
della chiave, con dettagli costruttivi.
Scala: varie
Dati contenuti:
- Vista interna - pianta del concio o della chiave con riportate le dimensioni e le quote dei diversi
particolari, le posizioni degli organi di attacco (bulloni), delle aperture per iniezioni, del cono per il gancio
di sicurezza.
- Alzata laterale del concio o della chiave con riportate le dimensioni e le quote di particolari riguardanti
scanalature per guarnizioni, strisce di materiale per la trasmissione degli sforzi tra i conci, ecc..
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 42 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

- Sezioni trasversali e longitudinali delle zone di contatto tra due conci di uno stesso anello o di due anelli
diversi, con particolari riguardanti gli organi di attacco e la superficie di aderenza tra i conci (bullone di
ancoraggio, strisce di materiale per la trasmissione degli sforzi, ecc.).

4.5.3.2.5.4.3 Impianto smaltimento acque – Profilo canalette e dettagli


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le caratteristiche geometriche per la definizione della canaletta di raccolta delle
acque di drenaggio.
Scala: da 1:5000 a 200
Dati contenuti:
- Profilo con l’indicazione della quota di fondo e della pendenza della canaletta e con la quota di progetto e
la pendenza del piano ferro.
- Sezioni trasversali della canaletta.

4.5.3.2.5.5 Elaborati relativi all’imbocco di gallerie naturali con scavo meccanizzato

4.5.3.2.5.5.1 Planimetria generale


Descrizione:
L’elaborato deve contenere gli elementi per la definizione planimetrica degli scavi e delle opere provvisionali
previste in corrispondenza dell’imbocco.
Scala: 1:200
Dati contenuti:
- Elementi cartografici originari con asse di tracciamento.
- Vista planimetrica delle opere d’imbocco definitive, del portale, dei muri di sostegno, dei marciapiedi.
- Ubicazione e dimensioni delle canalette con indicazione del percorso seguito dalle acque per mezzo di
frecce.
- Progressive, ubicazione e dimensioni dei pozzetti di raccolta delle acque.
- Progressive di imbocco della galleria naturale, inizio e fine della dima e concio d’attacco, della galleria
artificiale, del portale d’imbocco.

4.5.3.2.5.5.2 Profilo longitudinale e Sviluppata


Descrizione:
L’elaborato deve contenere la descrizione delle opere provvisionali e definitive d’imbocco, per mezzo di una
prospetto longitudinale e della proiezione della sezione trasversale in asse paratia su un piano perpendicolare
all’asse.
Scala: 1:200
Dati contenuti:
- Profilo longitudinale:
o Indicazione delle opere di sbancamento.
o Disegno con indicazione di lunghezze e progressive delle seguenti opere:
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 43 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

 becco di flauto;
 galleria artificiale;
 dima e concio d’attacco.
o Indicazione della progressiva di inizio della galleria naturale. Quotatura del piano ferro, dei
piani di scavo.
o Indicazione degli interventi di consolidamento.
o Schema della disposizione dei drenaggi, dei tiranti, dei chiodi. Indicazione delle quote del
terreno originario e di progetto. Indicazione delle sezioni trasversali.
- Sviluppata in asse paratia:
o Schema della disposizione dei drenaggi, dei tiranti, dei chiodi.
o Geometria della sezione d’attacco della galleria, con relative dimensioni. Descrizione del tipo
di paratia:
 paratia di pali (tipo di pali);
 paratia in jet-grouting (numero e diametro delle colonne; eventuale armatura);
o Quote necessarie per l’individuazione della trave di testata.
o Profondità di infissione della paratia.
o Definizione delle caratteristiche geometriche dei tiranti e dei chiodi.

4.5.3.2.5.5.3 Sezioni Trasversali


Descrizione:
L’elaborato deve contenere la descrizione dell’andamento del terreno in corrispondenza di alcune
progressive significative, con l’indicazione della geometria degli scavi e delle opere provvisionali.
Scala: 1:200
Dati contenuti:
- Quota di riferimento. Progressiva della sezione.
- Profilo altimetrico del terreno originario.
- Sezione trasversale della galleria con indicazione della quota del piano ferro, dell’asse della galleria e
dell’asse di tracciamento.
- Descrizione delle strutture provvisorie di sostegno. Descrizione della geometria degli scavi.

4.5.3.2.5.5.4 Relazione di calcolo – Elemento di spinta


Descrizione:
Nella relazione devono essere contenuti e descritti i calcoli relativi alla struttura di contrasto necessaria per
consentire la fase di avviamento della fresa.
Dati contenuti:
- Normative di riferimento.
- Caratteristiche dei materiali.
- Valutazione dei carichi agenti.
- Caratteristiche geometriche della sezione resistente dell’anello di irrigidimento, schematizzazione della
struttura, verifica sezione e bullonature.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 44 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

- Caratteristiche geometriche del telaio di contrasto, calcolo delle sollecitazioni, verifica delle aste, del telaio
trasversale , dei controventi e dei puntoni.
- Sella di fondazione: schematizzazione della struttura e dell’interazione con il terreno, sollecitazioni
indotte dal telaio, dall’anello di contrasto e dai carichi permanenti, verifica delle sezioni e allo
scorrimento.

4.5.3.2.5.5.5 Paratia di Imbocco: Carpenteria


Descrizione:
L’elaborato deve contenere i dettagli costruttivi relativi alla paratia di imbocco.
Scala: 1:200
Dati contenuti:
- Carpenteria della paratia in pianta e sezione con l’indicazione di tutti gli elementi necessari alla completa
definizione della geometria.
- Sezione della paratia con disposizione dei tiranti. Tiranti: dettagli e particolari dell’ancoraggio.
- Tabella dei materiali con descrizione delle caratteristiche di qualità e di resistenza di tutti i materiali
utilizzati.

4.5.3.2.5.5.6 Struttura metallica di spinta: Carpenteria anello di irrigidimento


Descrizione:
L’elaborato deve contenere i dettagli costruttivi relativi all’anello di irrigidimento
Scala: varie
Dati contenuti:
- Carpenteria metallica dell’anello di irrigidimento in pianta e sezioni.
- Particolari della sella di appoggio.
- Particolare posizione martinetto.
- Schema disposizione martinetti di spinta.
- Tabella dei materiali con descrizione delle caratteristiche di qualità e di resistenza di tutti i materiali
utilizzati.

4.5.3.2.5.5.7 Struttura metallica di spinta: Carpenteria telaio di contrasto


Descrizione:
L’elaborato deve contenere i dettagli costruttivi relativi al telaio di contrasto.
Scala: 1:50
Dati contenuti:
- Carpenteria metallica del telaio di contrasto in piante e sezioni particolari longitudinali e trasversali.
- Tabella dei materiali con descrizione delle caratteristiche di qualità e di resistenza di tutti i materiali
utilizzati.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 45 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.5.3.2.6 Elaborati specifici di gallerie artificiali

4.5.3.2.6.1 Relazione di calcolo


Descrizione:
La relazione deve fornire la descrizione e il dimensionamento dell’opera e la giustificazione tecnica delle
scelte progettuali ad essa inerenti.
Dati contenuti:
- L’ inquadramento generale dei terreni interessati dalla Galleria indicando i vincoli esterni e/o le
soggezioni alle quali la stessa può essere sottoposta.
- Il quadro delle indagini geotecniche eseguite per la caratterizzazione fisico-meccanica dei terreni e per la
definizione dei modelli geotecnici di sottosuolo necessari al dimensionamento della Galleria.
- La caratterizzazione geotecnica adottata per le verifiche e per il calcolo delle azioni esercitate dai terreni
presenti.
- L’ubicazione rispetto agli allineamenti del rilievo celerimetrico e l’identificazione attraverso progressiva
chilometrica.
- La descrizione la giustificazione delle scelte relative alle ipotesi di calcolo, agli schemi di calcolo e alle
condizioni di vincolo (la descrizione sarà completata da figure);
- Le sezioni di calcolo.
- Le fasi costruttive con particolare riguardo alle soggezioni e ai vincoli esterni che possono condizionarne
la realizzazione. In particolare dovrà essere valutato se l’ingombro dei macchinari utilizzati per la
realizzazione della Galleria è compatibile con i vincoli esterni.
- Riportare, nel caso di utilizzo di programmi di calcolo la descrizione del programma utilizzato ed il suo
modo di operare (FEM,BEM,FDM,DEM), unitamente ai dati di input e di output (es. nel caso di
elementi finiti verranno descritte le numerazioni dei nodi le posizioni dei carichi e dei vincoli esterni).
- Indicare i carichi che gravano sulla Galleria: carichi permanenti, sovraccarichi permanenti e carichi
accidentali. Nel caso di ripartizione dei carichi dovrà essere esplicitata e descritta l’area sulla quale
effettuare la ripartizione.
- Definire e giustificare i coefficienti di sicurezza adottati, sulla base del grado di affidabilità dei dati
disponibili e del modello di calcolo utilizzato.
- Valutazione della subsidenza indotta dallo scavo e degli effetti sulle preesistenze interferenti con metodi
analitici in forma chiusa e con modellazioni numeriche bidimensionali a supporto. Indicazioni sulla
necessità di intervento sulle preesistenze maggiormente interessate e predisposizione di un eventuale
piano di monitoraggio.
- Riportare tutte le verifiche strutturali delle sezioni e quelle di fessurazione, dove richiesto.

4.5.3.2.6.2 Pianta, profilo e sezioni


Descrizione:
Individuazione dell’entità, la geometria e il posizionamento della galleria artificiale.
Scala: 1:500
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 46 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Dati contenuti:
- Stralcio della planimetria dello stato attuale 1:500.
- Stralcio della planimetria con l’ubicazione dell’opera 1:500.
- Pianta profilo e sezione della galleria artificiale inserita nel contesto nel quale è ubicata, con indicate le
dimensioni, le quote rispetto alla rotaia bassa e/o all’estradosso della pavimentazione stradale, e gli
eventuali interventi di consolidamento.

4.5.3.2.6.3 Pianta scavi


Descrizione:
Individuazione dell’entità, la geometria e il posizionamento degli scavi.
Scala: 1:200
Dati contenuti:
- Geometria degli scavi.
- Coordinate di tracciamento degli scavi nel sistema di riferimento adottato indicazione e tracciamento
delle eventuali opere di sostegno provvisorio pendenza delle scarpate degli scavi.
- Eventuali interventi di consolidamento.

4.5.3.2.6.4 Planimetria di tracciamento


Descrizione:
Individuazione dell’ubicazione dell’opera.
Scala: 1:200
Dati contenuti:
- Geometria dell’opera.
- Coordinate di tracciamento delle fondazioni nel sistema di riferimento adottato.

4.5.3.2.6.5 Carpenteria
Descrizione:
Definizione delle caratteristiche e delle dimensioni degli elementi e dei particolari costruttivi.
Scala: 1:50
Dati contenuti:
- Carpenteria delle fondazioni, elevazioni e copertura definite in pianta, sezione trasversale passante per
l’asse longitudinale e traversale con l’indicazione delle dimensioni dell’opera e del magrone.
- Indicazione delle quote di intradosso ed estradosso dello scatolare e intradosso del magrone, nel sistema
di riferimento adottato.

4.5.3.2.6.6 Fasi costruttive


Descrizione:
Definizione delle fasi costruttive.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 47 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Scala: 1:100
Dati contenuti:
- Indicazione delle fasi costruttive.
- Quote e dimensioni.

4.5.3.2.6.7 Opere di consolidamento del terreno – planimetria di progetto e di tracciamento


Descrizione:
Individuazione degli interventi previsti e della loro fascia di ingombro.
Scala: 1:1000
Dati contenuti:
- Pianta degli interventi di consolidamento.
- Indicazione delle dimensioni, interassi etc..
- Dati di tracciamento degli interventi di consolidamento.
- Indicazioni delle sezioni.

4.5.3.2.6.8 Opere di consolidamento – sezioni trasversali


Descrizione:
Sezioni atte ad individuare gli interventi previsti.
Scala: 1:200
Dati contenuti:
- Materiali utilizzati.
- Indicazione delle dimensioni degli interventi.
- Definizione degli interventi di consolidamento previsti in relazione alle opere in progetto.
- Distanze degli interventi di consolidamento dalle opere in progetto.

4.5.3.2.6.9 Opere provvisionali – planimetria di tracciamento e di progetto


Descrizione:
Definizione particolare degli interventi.
Scala: 1:50
Dati contenuti:
- Piante.
- Sezioni longitudinali.
- Sezioni trasversali.
- Particolari costruttivi.
- Materiali utilizzati.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 48 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.5.3.2.6.10 Opere provvisionali sezioni trasversali


Descrizione:
Individuazione delle opere provvisionali.
Scala: 1:200
Dati contenuti:
- Pianta delle opere provvisionali.
- Indicazione delle dimensioni, interassi etc..
- Dati di tracciamento riferito al sistema di riferimento adottato indicazioni delle sezioni.

4.5.3.2.7 Elaborati del monitoraggio

4.5.3.2.7.1 Relazione piano di Monitoraggio


Descrizione:
L’elaborato deve contenere i criteri adottati per la progettazione del sistema di monitoraggio, i tipi di
strumenti ed il piano delle misure da eseguire.
Dati contenuti:
- Obiettivi del piano di monitoraggio.
- Grandezze monitorate.
- Classi di danno o di rischio e soglie di attenzione.
- Tipologia delle sezioni tipo (di taratura e di controllo).
- Strumentazione (descrizione strumento, caratteristiche costruttive, specifiche di installazione, e di lettura).
- Raccolta, trasmissione ed elaborazione dati.
- Piano delle misure.
- Tavole con l’ubicazione delle strumentazioni.
- Schema a blocchi del sistema di monitoraggio e controllo.

4.5.3.2.7.2 Sezioni trasversali di Monitoraggio


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le indicazioni con ubicazione e tipologia del monitoraggio lungo lo sviluppo
della galleria per sezioni trasversali.
Scala: 1:200
Dati contenuti:
- Sezioni trasversali quotate con indicazione delle verticali di monitoraggio.
- Progressive delle sezioni di monitoraggio, con il numero della sezione e la quota della rotaia bassa.
- Tipologia degli strumenti da impiegare.

4.5.3.2.7.3 Planimetria sezioni strumentate di Monitoraggio


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le indicazioni per l’ubicazione planimetrica delle sezioni strumentate di
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 49 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

monitoraggio.
Scala: 1:1000
Dati contenuti:
- Base planimetrica quotata e aggiornata, conforme al resto del progetto, con indicazioni di facile
riferimento in sito.
- Legenda tipologia strumentazione da istallare.
- Indicazione planimetrica singole sezioni strumentate con evidenziazione delle interferenze da monitorare
e dei sottoservizi vicini.

4.5.3.2.8 Elaborati relativi alla “sicurezza in galleria”

4.5.3.2.8.1 Relazione sulle predisposizioni di sicurezza ai fini della “Sicurezza in galleria”


Descrizione:
Nell’elaborato deve essere data evidenza delle predisposizioni di sicurezza adottate per la galleria al fine di
gestire un’eventuale emergenza legata a un incidente avvenuto in ambiente confinato.
Dati contenuti:
- Descrizione della galleria.
- Contesto normativo di riferimento.
- Dati di traffico.
- Individuazione degli scenari di rischio.
- Elenco delle predisposizioni di sicurezza previste.
- Verifica di rispondenza alla normativa vigente in materia di sicurezza in galleria.

4.5.3.2.8.2 Schema delle predisposizioni di sicurezza relative alle opere civili ai fini della “sicurezza in
galleria”
Descrizione:
Nell’elaborato devono essere rappresentate in maniera schematica le predisposizioni di sicurezza adottate per
la galleria al fine di gestire un’eventuale emergenza legata a un incidente avvenuto in ambiente confinato.
Scala: varie
Dati contenuti:
- Posizionamento punti antincendio.
- Accessibilità delle squadre di soccorso.
- Indicazione di finestre utilizzate per l’esodo/accesso.
- Individuazione delle riserve idriche.
- Individuazione delle MATS.
- Individuazione dei segnali di protezione per la determinazione del numero di treni presenti nelle gallerie.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 50 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.5.3.2.8.3 Schema delle predisposizioni di sicurezza relative agli impianti ai fini della “sicurezza in
galleria”
Descrizione:
Le predisposizioni di sicurezza relativi agli impianti, inerenti la sicurezza in galleria dovranno essere redatti
mediante disegni di dettaglio con stralci plano-altimetrici e redazione di piante, sezioni.
Dati contenuti:
- Schematico dell’impianto lfm.
- Schematico dell’impianto MATS.
- Schematico dell’impianto di controllo fumi.
- Schematico dell’impianto idrico antincendio del punto antincendio.

4.5.3.2.8.4 Elaborati descrittivi delle predisposizioni di sicurezza ai fini della “sicurezza in galleria”
(punto antincendio, uscite e accessi,…)
Descrizione:
Le predisposizioni di sicurezza relativi alle opere civili, inerenti la sicurezza in galleria dovranno essere
redatti mediante disegni di dettaglio con stralci plano-altimetrici e redazione di piante, sezioni.
Dati contenuti:
- Rappresentazione delle uscite/accessi con individuazione dei percorsi di esodo e degli eventuali percorsi
carrabili.
- Rappresentazione dei collegamenti trasversali.
- Rappresentazione dei punti antincendio esterni con individuazione:
o della viabilità di accesso;
o dell’area destinata alla sosta del treno;
o dell’area sicura e dei percorsi utilizzabili per raggiungerla;
o della riserva idrica;
o delle predisposizioni impiantistiche previste (torre faro, MATS,…).
- Rappresentazione dei punti antincendio interni con individuazione:
o dell’area destinata alla sosta del treno;
o dell’area sicura dei percorsi di esodo verso l’area sicura;
o delle modalità di uscita verso l’esterno.

4.5.3.3 PROGETTAZIONE ESECUTIVA


Il progetto esecutivo costituisce l’ingegnerizzazione di tutte le lavorazioni e pertanto definisce
compiutamente, in ogni particolare architettonico strutturale ed impiantistico, l’intervento da realizzare. Il
progetto deve essere realizzato nel pieno rispetto del progetto definitivo nonché delle prescrizioni di cui alla
conferenza dei servizi ex art.4 D. Lgs. 190/2002.
Gli elaborati minimi di riferimento per la progettazione esecutiva di gallerie naturali e/ artificiali sono:
4.5.3.3.1 Elaborati generali
4.5.3.3.1.1 Relazione tecnica generale
4.5.3.3.1.2 Planimetria generale
4.5.3.3.1.3 Profilo generale
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 51 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.5.3.3.1.4 Sezioni di intradosso della galleria


4.5.3.3.1.5 Elenco dei prezzi unitari
4.5.3.3.1.6 Computo metrico
4.5.3.3.1.7 Computo metrico estimativo
4.5.3.3.2 Elaborati di geologia
4.5.3.3.2.1 Relazione geologica e idrogeologica
4.5.3.3.2.2 Carta geologica
4.5.3.3.2.3 Carta idrogeologica
4.5.3.3.2.4 Planimetria con ubicazione delle indagini geognostiche
4.5.3.3.2.5 Profilo geologico e idrogeologico
4.5.3.3.3 Elaborati di geotecnica
4.5.3.3.3.1 Relazione geotecnica
4.5.3.3.3.2 Profilo geotecnico-geomeccanico
4.5.3.3.4 Elaborati specifici di gallerie naturali con scavo tradizionale
4.5.3.3.4.1 Relazione di calcolo
4.5.3.3.4.2 Elaborati di interventi tipologici per gallerie naturale con scavo tradizionale
4.5.3.3.4.2.1 Scavo e consolidamenti – Interventi di stabilizzazione e consolidamento del
cavo
4.5.3.3.4.2.2 Interventi di consolidamento del fronte di scavo
4.5.3.3.4.2.3 Carpenteria e particolari costruttivi
4.5.3.3.4.2.4 Armature
4.5.3.3.4.2.5 Fasi costruttive
4.5.3.3.4.3 Elaborati relativi agli imbocchi di gallerie naturale con scavo tradizionale: Fase
provvisoria
4.5.3.3.4.3.1 Relazione geotecnica e di calcolo
4.5.3.3.4.3.2 Planimetria
4.5.3.3.4.3.3 Profilo longitudinale e sviluppata
4.5.3.3.4.3.4 Sezioni trasversali
4.5.3.3.4.3.5 Dima e Concio d’attacco – Carpenteria
4.5.3.3.4.3.6 Dima e Concio d’attacco – Armature
4.5.3.3.4.3.7 Carpenteria, Armature, Particolari costruttivi
4.5.3.3.4.4 Elaborati relativi agli imbocchi di gallerie naturale con scavo tradizionale: Fase definitiva
4.5.3.3.4.4.1 Planimetria
4.5.3.3.4.4.2 Profilo longitudinale
4.5.3.3.4.4.3 Sezioni trasversali
4.5.3.3.4.4.4 Galleria Artificiale e Portale d’imbocco – Carpenteria Pianta e Profilo
4.5.3.3.4.4.5 Galleria Artificiale e Portale d’imbocco – Carpenteria Sezioni
4.5.3.3.4.4.6 Galleria Artificiale e Portale d’imbocco – Armatura Sezione
4.5.3.3.5 Elaborati specifici di gallerie naturali con scavo meccanizzato
4.5.3.3.5.1 Relazione di calcolo
4.5.3.3.5.2 Relazione scavo meccanizzato
4.5.3.3.5.3 Specifiche tecniche
4.5.3.3.5.4 Monitoraggio in macchina e in avanzamento nello scavo meccanizzato
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 52 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.5.3.3.5.5 Elaborati delle strutture delle gallerie naturale con scavo meccanizzato
4.5.3.3.5.5.1 Rivestimento conci prefabbricati - Piano Sinottico
4.5.3.3.5.5.2 Rivestimento conci prefabbricati - Dettagli costruttivi
4.5.3.3.5.5.3 Rivestimento conci prefabbricati - Armature
4.5.3.3.5.5.4 Tolleranze dei conci
4.5.3.3.5.5.5 Impianto smaltimento acque - Profilo canalette e dettagli
4.5.3.3.5.6 Elaborati relativi all’imbocco di gallerie naturale con scavo meccanizzato
4.5.3.3.5.6.1 Relazione di calcolo – Elemento di spinta
4.5.3.3.5.6.2 Planimetria generale
4.5.3.3.5.6.3 Profilo longitudinale e Sviluppata
4.5.3.3.5.6.4 Sezioni trasversali
4.5.3.3.5.6.5 Fasi costruttive
4.5.3.3.5.6.6 Paratia di Imbocco: Carpenteria e Armature
4.5.3.3.5.6.7 Struttura metallica di spinta - Carpenteria anello di irrigidimento
4.5.3.3.5.6.8 Struttura metallica di spinta - Carpenteria telaio di contrasto
4.5.3.3.5.6.9 Sella di alloggiamento Fresa – Carpenteria, Armature, Particolari costruttivi
4.5.3.3.6 Elaborati specifici di gallerie artificiali
4.5.3.3.6.1 Relazione di calcolo
4.5.3.3.6.2 Pianta, profilo e sezioni
4.5.3.3.6.3 Pianta scavi
4.5.3.3.6.4 Planimetria di tracciamento
4.5.3.3.6.5 Carpenteria
4.5.3.3.6.6 Armatura
4.5.3.3.6.7 Particolari costruttivi
4.5.3.3.6.8 Fasi costruttive
4.5.3.3.6.9 Opere di consolidamento del terreno – planimetria di progetto e di tracciamento
4.5.3.3.6.10 Opere di consolidamento – sezioni trasversali
4.5.3.3.6.11 Opere di consolidamento – particolari costruttivi
4.5.3.3.6.12 Opere provvisionali – planimetria di tracciamento e di progetto
4.5.3.3.6.13 Opere provvisionali sezioni trasversali
4.5.3.3.6.14 Opere provvisionali particolari costruttivi
4.5.3.3.7 Elaborati del monitoraggio
4.5.3.3.7.1 Relazione piano di monitoraggio
4.5.3.3.7.2 Sezioni trasversali di monitoraggio (imbocchi e zone accessibili)
4.5.3.3.7.3 Planimetria sezioni strumentate di monitoraggio (imbocchi e zone accessibili)
4.5.3.3.8 Elaborati relativi alla Sicurezza in galleria
4.5.3.3.9.1 Relazione sulle predisposizioni di sicurezza ai fini della “sicurezza in galleria”
4.5.3.3.9.2 Schema delle predisposizioni di sicurezza relativi alle opere civili ai fini della sicurezza in
galleria
4.5.3.3.9.3 Schema delle predisposizioni di sicurezza relativi agli impianti ai fini della “sicurezza in
galleria”
4.5.3.3.9.4 Elaborati descrittivi delle predisposizioni di sicurezza ai fini della “sicurezza in galleria”
(punto antincendio, uscite e accessi,…)
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 53 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.5.3.3.1 Elaborati generali

4.5.3.3.1.1 Relazione tecnica generale


Descrizione:
La relazione deve contenere l’inquadramento dell’opera nel contesto territoriale, le caratteristiche generali
dell’opera stessa e le problematiche di realizzazione.
Dati contenuti:
- Norme e riferimenti.
- Localizzazione geografica dell’opera.
- Caratteristiche geometriche del tracciato e delle sezioni tipo d’intradosso e di scavo.
- Eventuali interferenze con manufatti preesistenti presenti lungo il tracciato indicando se rientrano nei
casi di attraversamento di cui al DM 2445/71 e le eventuali approvazioni in deroga.
- Tecnica di scavo adottata e criteri di scelta.
- Fasi costruttive.
- Criteri di calcolo.
- Subsidenze indotte (analisi e previsione di intervento).
- Cantierizzazione (sistemazione imbocchi e aree dedicate, accessi, mitigazioni ambientali).
- Monitoraggio ambientale in corso d’opera.
- Operazioni di recupero discariche smarino.
- Programma di manutenzione.
- Programma per il monitoraggio in corso d’opera.
- Predisposizioni civili per la sicurezza in galleria .
- Stima dei tempi di realizzazione.

4.5.3.3.1.2 Planimetria generale


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le indicazioni per definire l’ubicazione dell’opera lungo la linea ferroviaria.
Scala: da 1:5000 a 1:2000
Dati contenuti:
- Elementi topografici, idrografici e manufatti preesistenti.
- Dati necessari all’ubicazione dell’opera:
o progressiva degli imbocchi;
o origine e destinazione della linea.
- Ubicazione di tutte le opere previste nelle zone d’imbocco per la sistemazione definitiva (muri, paratie,
gallerie artificiali, ecc.).
- Indicazione delle eventuali interferenze con manufatti preesistenti (edifici, strade, sottoservizi, ecc).
- Schema planimetrico asse tracciato e asse galleria con eventuale disassamento.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 54 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.5.3.3.1.3 Profilo generale


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le indicazioni per definire le caratteristiche altimetriche dell’opera e le
caratteristiche delle opere sovrastanti.

Scala: 1:5000/500
Dati contenuti:

- Dati necessari all’ubicazione dell’opera:


o progressiva degli imbocchi. quote di progetto e del p.c.;
o livellette, pendenze di progetto, raggi di curvatura.
- Indicazione delle eventuali interferenze con manufatti preesistenti (edifici, strade, sottoservizi, ecc).

4.5.3.3.1.4 Sezioni di intradosso della galleria


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le indicazioni per definire le caratteristiche geometriche della sezione tipo e i
dettagli delle opere di completamento.
Scala: da 1:50 a 1:20
Dati contenuti:
C) Nella sezione corrente in retto ed agli imbocchi:
a. Progressive e quote della rotaia bassa.
b. Sezione tipo con spessore corrente con sagome di ingombro, particolari della canaletta di
raccolta delle acque, del pozzetto porta cavi e della nicchia di ricovero.
c. Carpenteria del marciapiede in corrispondenza dei pozzetti porta cavi.
d. Particolare del mancorrente all’interno della nicchia di ricovero.
D) Nella sezione in curva:
a. Quanto indicato al punto A.
b. Eventuale disassamento asse galleria – asse tracciato (per centraggio sagoma e miglioramento
margini manutentivi).
c. Progressive a inizio e fine soprelevazione con valore quota della rotaia bassa e valore di
sopraelevazione.

4.5.3.3.1.5 Elenco dei prezzi unitari


Descrizione:
L’elaborato deve contenere tutte le voci del prezzario coinvolte nei lavori previsti per la realizzazione
dell’opera e i relativi prezzi unitari da impiegare nel computo metrico estimativo.
Dati contenuti:
- Descrizioni, unità di misura e prezzi unitari delle lavorazioni.

4.5.3.3.1.6 Computo metrico


Descrizione:
L’elaborato deve contenere indicazioni per la stima del costo di costruzione dell’opera.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 55 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Dati contenuti:
- Designazioni e dimensioni delle lavorazioni.

4.5.3.3.1.7 Computo metrico estimativo


Descrizione:
L’elaborato deve contenere indicazioni per la stima del costo di costruzione dell’opera.
Dati contenuti:
- Designazioni, dimensioni e importi delle lavorazioni.

4.5.3.3.2 Elaborati di geologia

4.5.3.3.2.1 Relazione geologica e idrogeologica


Descrizione:
La relazione deve fornire, in base a tutti gli studi e indagini eseguite, sia per l’attuale fase di progettazione
che in precedenza, la caratterizzazione geologica e idrogeologica dei terreni interessati ad evidenziare
situazioni che possano risultare critiche ai fini dello scavo e/o del comportamento a lungo termine
dell’insieme terreno struttura.
Dati contenuti:
- Localizzazione geografica dell’opera.
- Inquadramento geologico e idrogeologico locale (stratigrafia e tettonica, idrografia superficiale e
profonda).
- Descrizione della cartografia geologica e idrogeologica prodotta.
- Possibili criticità in fase di realizzazione legate a problemi geologici e idrogeologici.
- Descrizione dettagliata delle indagini geologiche (rilevamenti), idrogeologiche (pozzi, prove di
permeabilità, emungimento, ecc.) e geofisiche, nonché di tutte le altre indagini mirate alla
caratterizzazione litostratigrafia e tecnica dei terreni, (sondaggi, prove penetrometriche).
- Caratteristiche geologiche e idrogeologiche dei terreni interessati (immersione e inclinazione degli strati,
spessore, eteropie, discontinuità tettoniche, presenza di anticlinali, sinclinali, monoclinali, stato di
fratturazione, alterazione, permeabilità, ecc.).
- Ricostruzione delle caratteristiche delle falde.
- Analisi del tracciato dal punto di vista geologico e idrogeologico.
- Zonizzazione geologica e idrogeologica lungo il tracciato.

4.5.3.3.2.2 Carta geologica


Descrizione:
L’elaborato deve contenere una sintesi di tutte le informazioni di carattere geologico.
Scala: da 1:5000 a 1:2000
Dati contenuti:
- Elementi contenuti nelle planimetrie generali.
- Descrizione delle unità litostratigrafiche presenti, distinte secondo l’ordine cronologico.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 56 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

- Definizione della natura dei contatti tra le diverse unità individuate (continuità, tettonici, eteropie, ecc.).
- Descrizione dell’assetto tettonico dell’area con indicazione degli elementi strutturali maggiori (faglie,
pieghe, sovrascorrimenti) e minori (fratture e faglie minori) e del rilievo degli elementi stratimetrici
fondamentali (giacitura degli strati, scistosità, diveggio.
- Indicazione delle principali forme morfologiche (conoidi, aree in frana, ecc).

4.5.3.3.2.3 Carta idrogeologica


Descrizione:
L’elaborato deve contenere una sintesi di tutte le informazioni di carattere idrogeologico utili al fine di
valutare l’impatto sullo scavo e sull’ambiente circostante.
Scala: da 1:5000 a 1:2000
Dati contenuti:
- Elementi contenuti nelle planimetrie generali.
- Caratterizzazione delle unità litostratigrafiche in base alla loro permeabilità primaria e secondaria e
valutazione numeriche delle stesse.
- Caratteristiche della rete idrografica superficiale.
- Linee isopiezometriche suddivise in falda superficiale e falda profonda.

4.5.3.3.2.4 Planimetria con ubicazione delle indagini geognostiche


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le indicazioni necessarie a individuare l’ubicazione delle indagini geognostiche
eseguite.
Scala: da 1:5000 a 1:2000
Dati contenuti:
- Elementi contenuti nelle planimetrie generali.
- Dati necessari all’ubicazione dell’opera:
o progressiva degli imbocchi;
o origine e destinazione della linea.
- Ubicazione e definizione di tutte le opere previste nelle zone d’imbocco (muri, paratie, gallerie artificiali,
ecc.).
- Indicazione con appropriata simbologia delle indagini eseguite:
o ubicazione delle indagini geognostiche eseguite (sondaggi, geofisica, prove in situ, ecc.)
evidenziando le eventuali diverse campagne di esecuzione;
o ubicazione delle stazioni geomeccaniche eseguite;
o traccia delle stese di indagini geofisiche.

4.5.3.3.2.5 Profilo geologico e idrogeologico


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le indicazioni per la definizione del quadro geolitologico in cui è inserita l’opera.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 57 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Scala: da 1:5000/500 a 1:2000/200


Dati contenuti:
- Elementi topografici e di tracciato contenuti nel profilo longitudinale generale.
- Indicazione delle unità litostratigrafiche rilevate suddivise per ambiente deposizionale (marine,
continentali) e facies (sedimentazione,ignee,metamorfiche).
- Descrizione delle unità rilevate (età, caratteristiche granulometriche, mineralogiche, petrografiche,
spessore degli strati, strutture sedimentarie e tettoniche).
- Simbolismi tettonici (faglie, faglie presunte, pieghe).
- Limiti delle formazioni (continuità, eteropie, contatti tettonici, trasgressioni,…). Superficie piezometrica
(falda superficiale, falda profonda).
- Simbolismi delle verticali di sondaggio, con indicazione delle quote assolute della testa sondaggio e
distanza planimetrica rispetto all’asse.
- Simbolismi delle verticali di prove penetrometriche con indicazione di quota inizio prova e del grafico
delle resistenza all’avanzamento della punta.

4.5.3.3.3 Elaborati di geotecnica

4.5.3.3.3.1 Relazione geotecnica


Descrizione:
Nella relazione devono essere stabiliti, in base a tutte le indagini eseguite, sia in sito che in laboratorio, i
parametri geotecnici di dettaglio dei materiali interessati dagli scavi.
Dati contenuti:
- Descrizione delle indagini e prove eseguite; analisi e interpretazione delle stesse con indicazione delle
formulazioni adottate per ricavare i parametri fisico- meccanici fondamentali.
- Descrizione delle caratteristiche geotecniche dei litotipi interessati (granulari, coesivi, lapidei,
caotici,ecc.).
- Diagrammi granulometrici per ogni zona omogenea.
- Diagrammi profondità/limiti di Atterberg e contenuto nat.le di acqua per ogni zona omogenea.
- Caratteristiche di plasticità con carta di Casagrande per ogni zona omogenea. Zonizzazione geotecnica di
dettaglio (criterio di zonizzazione, variabilità orizzontale e verticale dei parametri fisico-meccanici).
- Caratterizzazione geotecnica per ogni zona omogenea con trattamento dei dati delle indagini attraverso
metodi statistico-probabilistici, anche mediante confronto tra diverse metodologie e associazione più
affidabile prova-parametro.
- Parametrizzazione geotecnica con valori caratteristici, campo di variabilità, leggi di variazione con lo
stato tensionale indotto e con il livello deformativo.
- Modello di comportamento (continuo, continuo equivalente, discontinuo) alla scala dell’opera.
- problematiche di comportamento allo scavo (stabilità del fronte e del cavo, subsidenza, regime delle
falde, carico idraulico, moti di filtrazione, ecc.).
- indicazioni sulle tecniche di back-analysis per la taratura dei parametri geotecnici dal monitoraggio in
corso d’opera.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 58 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

- indicazione del più probabile comportamento del cavo e del fronte per ogni zona omogenea
(deformazioni attese, luce libera di scavo, gradiente di deformazione accettabile).
- Diagrammi con andamento delle seguenti principali caratteristiche:
o per i terreni granulari:
 φ/profondità (da prova SPT), modulo elastico (da prove SPT, prove
pressiometriche)/profondità.
o per i terreni coesivi:
 cu/profondità, modulo elastico (da prove CPT e dilatometriche)/profondità.
o per tutti i terreni:
 Ko, OCR, modulo di taglio dinamico (da prove SPT, prove cross-
hole)/profondità.

4.5.3.3.3.2 Profilo geotecnico-geomeccanico


Descrizione:
L’elaborato deve definire la situazione geotecnica dell’area interessata dall’opera, individuare le
problematiche connesse con la realizzazione del cavo, individuare le problematiche connesse alle soluzioni
progettuali.
Scala: 1:5000/500
Dati contenuti:
- Elementi topografici e di tracciato contenuti nel profilo longitudinale generale.
- Geotecnica:
o simbolismi delle verticali di sondaggio con indicazione delle quote assolute della testa sondaggio
e distanza planimetrica rispetto all’asse, ed indicazione delle quote di esecuzione delle prove in
foro, di prelievo dei campioni, dei livelli piezometrici e degli eventuali strumenti installati in
foro, simbolismi delle verticali delle prove penetrometriche;
o litologie e formazioni interessate dalla galleria;
o parametri geotecnici di progetto determinati per tratte omogenee;
o indicazione delle principali problematiche previste per lo scavo (gas, venute d’acqua, zone
tettonizzate,…);
o caratterizzazione geomeccanica di previsione con indicazione della classe di scavo e previsione
del comportamento della galleria con riferimento al comportamento del fronte-nucleo per tratte
omogenee;
o indicazione dei principali interventi di precontenimento (fronte e cavo), presostegno, tipologia
di prerivestimento e rivestimento definitivo per tratte omogenee;
o indicazione con progressiva, della sezione tipo prevista per tratte omogenee;
o monitoraggio.

4.5.3.3.4 Elaborati specifici di gallerie naturali con scavo tradizionale

4.5.3.3.4.1 Relazione di calcolo


Descrizione:
Nella Relazione di Calcolo deve essere eseguita una verifica del grado di stabilità in condizioni intrinseche
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 59 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

(senza tenere conto dei sostegni e rivestimenti), un dimensionamento degli interventi di miglioramento,
rinforzo e stabilizzazione, nonché dei sostegni di prima fase e definitivi. Inoltre, nel caso di gallerie
superficiali, occorre una valutazione delle subsidenze. Devono essere quindi eseguite verifiche di prestazioni
e di sicurezza rispetto a stati limiti ultimi e di esercizio, così come definiti nella normativa tecnica vigente
(DM 14/01/2008 e Circolare 02/02/2009 n.617).
Dati contenuti:
- Descrizione dei metodi di calcolo utilizzati individuazione delle sezioni di calcolo.
- Verifiche di stabilità del cavo con metodi numerici (FEM,BEM,FDM,DEM) bidimensionali con ausilio di
analisi assialsimmetriche per valutazione della situazione al fronte.
- Verifica della stabilità del fronte con metodi numerici – FEM, FDM, DEM - bidimensionali con ausilio
di analisi assialsimmetriche per valutazione effetto fronte o curve di rilassamento da letteratura.
- Dimensionamento e verifica degli interventi di miglioramento, rinforzo e stabilizzazione del fronte e del
cavo, nonché dei sostegni di prima fase.
- Dimensionamento e verifica del rivestimento definitivo.
- Valutazione della subsidenza indotta dallo scavo e degli effetti sulle preesistenze interferenti con metodi
analitici in forma chiusa e con modellazioni numeriche bidimensionali a supporto. Indicazioni sulla
necessità di intervento sulle preesistenze maggiormente interessate e predisposizione di un eventuale
piano di monitoraggio.

4.5.3.3.4.2 Linee guida per l’applicazione delle sezioni tipo (progetto esecutivo)
Descrizione:
Il documento definisce e dettaglia i criteri di gestione delle sezioni tipo dovendo rappresentare lo strumento
operativo per la verifica e l’ottimizzazione del progetto in fase costruttiva, consentendo di:
- confermare le sezioni tipo previste per le tratte omogenee, come da profilo geotecnico, secondo i criteri
di applicazione definiti in progetto;
- definire le variazioni degli interventi da effettuarsi nell’ambito delle variabilità previste in progetto sulla
base di quanto riscontrato in fase di scavo;
- definire il passaggio tra una sezione tipo ed un’altra presente nel progetto all’interno delle tratte
omogenee.
Dati contenuti:
- Descrizione dei parametri di riferimento, oggettivi e riscontrabili/misurabili in fase di scavo, e i relativi
valori attesi. I parametri di riferimento possono essere sia deformativi (ad es. convergenza, estrusione)
che geotecnici, quali, ad esempio, la litologia, l’indice GSI, o il grado di cementazione, o la giacitura delle
discontinuità.
- Definizione delle soglie di attenzione e di allerta che guidano nell’applicazione delle previste variabilità.

4.5.3.3.4.3 Elaborati di interventi tipologici per gallerie naturale con scavo tradizionale

4.5.3.3.4.3.1 Scavo e consolidamenti – Interventi di stabilizzazione e consolidamento del cavo


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le indicazioni per la definizione dei dettagli costruttivi degli interventi previsti
per lo scavo e la stabilizzazione provvisoria del cavo, ad esclusione (eventuale) di interventi previsti per la
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 60 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

stabilizzazione del fronte, che potranno essere contenuti in un elaborato apposito.


Scala: da 1:50 a 1:20
Dati contenuti:
- Dati geometrici per la completa definizione dell’area di scavo.
- Sostegno delle pareti dello scavo:
o indicazione delle eventuali centine (tipo, interasse longitudinale, tipo di collegamento
longitudinale);
o betoncino proiettato (spessore del rivestimento, se fibrorinforzato, indicazione della quantità
di fibre a m3);
o rete di protezione.
- Indicazione della fasi di scavo e consolidamento, con quotatura dei piani di scavo provvisori.
- Descrizione degli interventi di consolidamento dell’ammasso:
o chiodi e bulloni (tipo di chiodo/bullone, lunghezza, tipo di ancoraggio, interasse);
o jet-grouting (numero di colonne, diametro, lunghezza,
sovrapposizione, inclinazione, caratteristiche dell’eventuale armatura);
o infilaggi (numero, diametro, spessore del tubo, diametro della perforazione, lunghezza,
sovrapposizione, inclinazione, tipo di cementazione);
o iniezioni (tipo di tubo per iniezione, n° di valvole/ml , modalità di iniezione, miscela
impiegata);
o altri interventi.
- Schema di disposizione dei drenaggi (tipo di tubi, lunghezza, sovrapposizione, diametro di perforazione,
indicazione della direzione e dell’inclinazione, tipo di rivestimento del dreno).
- Tabella dei materiali con descrizione delle caratteristiche di qualità e di resistenza di tutti i materiali
utilizzati.

4.5.3.3.4.3.2 Interventi di consolidamento del fronte di scavo


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le indicazioni per la definizione dei dettagli costruttivi degli interventi previsti
per il consolidamento del fronte di scavo, qualora questi non siano contenuti nell’elaborato “Scavo e
consolidamenti”
Scala: da 1:50 a 1:20
Dati contenuti:
- Descrizione degli interventi di consolidamento del fronte, con il numero e la disposizione dei
consolidamenti previsti, singolarmente numerati per tipologia:

o chiodi (tipo di chiodo, lunghezza, tipo di cementazione o ancoraggio, interasse


sovrapposizione, inclinazione);
o jet-grouting (numero di colonne, diametro, lunghezza,
sovrapposizione, inclinazione).
- Tabella dei materiali con descrizione delle caratteristiche di qualità e di resistenza di tutti i materiali
utilizzati.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 61 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.5.3.3.4.3.3 Carpenteria e particolari costruttivi


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le indicazioni per la definizione dei dettagli costruttivi del rivestimento
definitivo della sezione tipo.
Scala: da 1:50 a 1:20
Dati contenuti:
- Carpenteria della sezione trasversale del rivestimento definitivo con l’indicazione di tutti gli elementi
necessari alla completa definizione della geometria.
- Carpenteria della sezione longitudinale del rivestimento definitivo con dimensione dei conci di getto
(muretta, arco rovescio, calotta) in funzione dei casseri utilizzati.
- Indicazione delle riprese di getto previste dalle diverse fasi di lavorazione;
- Indicazione se il getto di arco rovescio viene previsto realizzato in unico getto con la muretta od anche se
viene previsto gettato unitamente al calcestruzzo di riempimento fino a piano piattaforma.
- Dettagli dell’impermeabilizzazione, dei tubi e della canaletta di raccolta acque.
- Tabella dei materiali con descrizione delle caratteristiche di qualità e di resistenza di tutti i materiali
utilizzati.

4.5.3.3.4.3.4 Armature
Descrizione:
L’elaborato deve contenere le indicazioni per la definizione dei dettagli costruttivi del rivestimento
definitivo della sezione tipo.
Scala: da 1:50 a 1:20
Dati contenuti:
- Armatura della sezione trasversale e longitudinale della galleria con indicazione di tutti i ferri delle
armature trasversali, longitudinali, staffe, spilli, cavallotti ecc.
- Eventuali ferri aggiuntivi di sostegno per water-stop.
- Esploso dei ferri con indicazione delle piegature, sovrapposizioni e lunghezze parziali.
- Tabella dei materiali con descrizione delle caratteristiche di qualità e di resistenza di tutti i materiali
utilizzati.

4.5.3.3.4.3.5 Fasi esecutive


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le descrizione della sequenza delle fasi costruttive previste per ogni ciclo di
lavorazione completo, qualora queste non siano direttamente ricavabili dalle altre tavole di progetto.
Scala: da 1:200 a 1:100
Dati contenuti:
- Serie di sezioni prospettiche per ciascuna significativa fase di lavorazione nella successione prevista dal
ciclo.
- Descrizione delle singole lavorazioni.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 62 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

- Indicazione delle distanze minime e massime dal fronte previste per le diverse lavorazioni, sia per i
rivestimenti provvisori che per i rivestimenti definitivi differenziate in particolare per muretta, arco
rovescio e calotta.

4.5.3.3.4.4 Elaborati relativi agli imbocchi di gallerie naturale con scavo tradizionale: Fase provvisoria

4.5.3.3.4.4.1 Relazione geotecnica e di calcolo


Descrizione:
Nella relazione deve essere contenuto un inquadramento delle problematiche geotecniche relative alle opere
d’imbocco, la parametrizzazione geotecnica di dettaglio dei terreni interessati e le verifiche degli interventi di
sostegno e delle gallerie artificiali.
Dati contenuti:
- Descrizione delle indagini eseguite agli imbocchi.
- Parametrizzazione geotecnica dei terreni e delle rocce interessati dalle opere.
- Descrizione dei metodi di calcolo utilizzati per gli interventi previsti.
- Verifiche dei principali elementi delle opere provvisionali.
- Verifica di stabilità complessiva delle opere di imbocco.
- Calcoli e verifiche strutturali delle gallerie artificiali.

4.5.3.3.4.4.2 Planimetria
Descrizione:
L’elaborato deve contenere gli elementi per la definizione planimetrica degli scavi e delle opere provvisionali
previste in corrispondenza dell’imbocco comprese le dimensioni della dima, intendendo con questa la
struttura provvisoria di imbocco.
Scala: 1:200
Dati contenuti:
- Elementi cartografici originari con asse di tracciamento. Limiti degli scavi provvisori.
- Vista planimetrica delle opere di sostegno quotate rispetto all’asse di tracciamento.
- Progressive di imbocco galleria naturale, inizio e fine della dima e concio d’attacco, della galleria
artificiale, del portale d’imbocco o del becco di flauto (tratteggiato).
- Indicazione delle sezioni trasversali.

4.5.3.3.4.4.3 Profilo longitudinale e sviluppata


Descrizione:
L’elaborato deve contenere la descrizione delle opere provvisionali d’imbocco, per mezzo di un prospetto
longitudinale e della proiezione della sezione trasversale in asse paratia su un piano perpendicolare all’asse.
Scala: 1:200
Dati contenuti:
- Profilo longitudinale
o Indicazione delle opere di sbancamento.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 63 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

oDisegno con indicazione di lunghezze e progressive delle


seguenti opere(tratteggiato):
 becco di flauto;
 galleria artificiale;
 dima e concio d’attacco.
o Indicazione della progressiva di inizio della galleria naturale. Quotatura del piano ferro, dei
piani di scavo.
o Indicazione degli interventi di consolidamento.
o Schema della disposizione dei drenaggi, dei tiranti, dei chiodi.
o Indicazione delle quote del terreno originario e di progetto.
o Indicazione delle sezioni trasversali.
- Sviluppata in asse paratia:
o Schema della disposizione dei drenaggi, dei tiranti, dei chiodi.
o Geometria della sezione d’attacco della galleria, con relative dimensioni. Descrizione del tipo
di paratia:
 paratia di pali (tipo di pali);
 paratia in jet-grouting (numero e diametro delle colonne; eventuale armatura).
o Quote necessarie per l’individuazione della trave di testata.
o Profondità di infissione della paratia.
o Definizione delle caratteristiche geometriche dei tiranti e dei chiodi.

4.5.3.3.4.4.4 Sezioni trasversali


Descrizione:
L’elaborato deve contenere la descrizione dell’andamento del terreno in corrispondenza di alcune
progressive significative, con l’indicazione della geometria degli scavi e delle opere provvisionali.
Scala: 1:200
Dati contenuti:
- Quota di riferimento. Progressiva della sezione.
- Profilo altimetrico del terreno originario.
- Sezione trasversale della galleria con indicazione della quota del piano ferro, del gabarit di riferimento,
dell’asse della galleria e/o dell’asse di tracciamento.
- Descrizione delle strutture provvisorie di sostegno. Descrizione della geometria degli scavi.

4.5.3.3.4.4.5 Dima e concio d’attacco – Carpenteria


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le indicazioni per la definizione dei dettagli costruttivi della carpenteria della
dima e del concio d’attacco.
Scala: 1:50

Dati contenuti:
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 64 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

- Carpenteria della sezione trasversale e longitudinale della dima con l’indicazione di tutti gli elementi
necessari alla completa definizione della geometria, compresa la sezione in corrispondenza di
un’eventuale nicchia presente nel concio d’attacco.
- Carpenteria della sezione trasversale e longitudinale del concio d’attacco con l’indicazione di tutti gli
elementi necessari alla completa definizione della geometria compresa l’ubicazione rispetto ai giunti di
calotta di un eventuale nicchia presente.
- Indicazione delle riprese di getto previste dalle diverse fasi di lavorazione. Dettagli
dell’impermeabilizzazione, dei tubi e della canaletta di raccolta acque.
- Tabella dei materiali con descrizione delle caratteristiche di qualità e di resistenza di tutti i materiali
utilizzati.

4.5.3.3.4.4.6 Dima e concio d’attacco – Armature


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le indicazioni per la definizione dell’armatura della dima e del concio d’attacco.
Scala: 1:50
Dati contenuti:
- Armatura della sezione trasversale con indicazione di tutti i ferri delle armature trasversali e longitudinali.
- Esploso dei ferri con indicazione delle piegature, sovrapposizioni e lunghezze parziali.
- Tabella dei materiali con descrizione delle caratteristiche di qualità e di resistenza di tutti i materiali
utilizzati.

4.5.3.3.4.4.7 Carpenteria, Armature, Particolari costruttivi


Descrizione:
L’elaborato deve contenere i dettagli costruttivi relativi alle opere provvisionali d’imbocco.
Scala: 1:50
Dati contenuti:
- Carpenteria ed armatura delle travi di coronamento delle paratie provvisionali. Particolari delle testate dei
tiranti.
- Sezione trasversale della paratia con descrizione degli elementi strutturali.
- Tabella dei materiali con descrizione delle caratteristiche di qualità e di resistenza di tutti i materiali
utilizzati.

4.5.3.3.4.5 Elaborati relativi agli imbocchi di gallerie naturale con scavo tradizionale: Fase definitiva

4.5.3.3.4.5.1 Planimetria
Descrizione:
L’elaborato deve contenere gli elementi per la definizione planimetrica delle opere previste per la
sistemazione definiva della zona d’imbocco.
Scala: 1:100
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 65 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Dati contenuti:
- Elementi cartografici originari con asse di tracciamento.
- Vista planimetrica delle opere d’imbocco definitive, del portale, dei muri di sostegno, dei marciapiedi.
- Ubicazione e dimensioni delle canalette con indicazione del percorso seguito dalle acque per mezzo di
frecce.
- Progressive, ubicazione e dimensioni dei pozzetti di raccolta delle acque.
- Progressive di imbocco della galleria naturale, inizio e fine della dima e concio d’attacco, della galleria
artificiale, del portale d’imbocco.

4.5.3.3.4.5.2 Profilo longitudinale


Descrizione:
L’elaborato deve contenere la descrizione delle opere definitive per la sistemazione finale dell’imbocco per
mezzo di una prospetto longitudinale.
Scala: 1:100
Dati contenuti:
- Disegno con indicazione di lunghezze e progressive delle seguenti opere:
o portale o becco di flauto;
o galleria artificiale;
o dima e concio d’attacco.
- Indicazione della progressiva di inizio della galleria naturale. Quotatura del piano ferro.
- Indicazione degli interventi di consolidamento. Indicazione dei fossi di guardia.
- Indicazione del terreno di ritombamento.
- Indicazione delle quote del terreno originario e di progetto.
- Indicazione delle sezioni.

4.5.3.3.4.5.3 Sezioni trasversali


Descrizione:
L’elaborato deve contenere la descrizione dell’andamento del terreno in corrispondenza di alcune
progressive significative, con l’indicazione delle opere di sbancamento e di ritombamento del terreno e della
geometria essenziale della sezione della galleria.
Scala: da 1:100
Dati contenuti:
- Quota di riferimento. Progressiva della sezione finale.
- Profilo altimetrico del terreno originario.
- Sezione trasversale della galleria con indicazione della quota del piano ferro, dell’asse della galleria e
dell’asse di tracciamento.
- Descrizione delle strutture provvisorie di sostegno. Descrizione della geometria degli scavi.

4.5.3.3.4.5.4 Galleria artificiale e Portale di imbocco – Carpenteria Pianta e Profilo


MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 66 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Descrizione:
L’elaborato deve contenere le indicazioni per la definizione della geometria della galleria artificiale e del
portale d’imbocco.
Scala: 1:50
Dati contenuti:
- Vista planimetrica e sezione prospettica corrispondente della galleria artificiale e del portale.
- Descrizione del sistema di raccolta dell’acqua. Quotature e progressive relative alle seguenti opere:
o dima e concio d’attacco; galleria artificiale; portale;
o muri di raccordo.

4.5.3.3.4.5.5 Galleria artificiale e Portale di imbocco – Carpenteria Sezioni


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le indicazioni per la definizione dei dettagli costruttivi del rivestimento
definitivo delle sezioni tipo della galleria artificiale e del portale.
Scala: 1:50
Dati contenuti:
- Carpenteria delle sezioni trasversali tipo della galleria artificiale e dell’imbocco con l’indicazione di tutti gli
elementi necessari alla completa definizione della geometria.
- Indicazione delle riprese di getto previste dalle diverse fasi di lavorazione. Dettagli
dell’impermeabilizzazione, dei tubi e della canaletta di raccolta acque.
- Tabella dei materiali con descrizione delle caratteristiche di qualità e di resistenza di tutti i materiali
utilizzati.

4.5.3.3.4.5.6 Galleria artificiale e Portale di imbocco – Armatura Sezioni


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le indicazioni per la definizione dei dettagli costruttivi delle armature della
sezione tipo della galleria artificiale e del portale d’imbocco.
Scala: 1:20
Dati contenuti:
- Armatura della sezione trasversale con indicazione di tutti i ferri delle armature trasversali e longitudinali.
- Esploso dei ferri con indicazione delle piegature, sovrapposizioni e lunghezze parziali.
- Tabella dei materiali con descrizione delle caratteristiche di qualità e di resistenza di tutti i materiali
utilizzati.

4.5.3.3.5 Elaborati specifici di gallerie naturali con scavo meccanizzato


Alcuni ‘Elaborati specifici di gallerie naturali con scavo meccanizzato’ previsti per la progettazione esecutiva
sono compresi tra quelli previsti per la progettazione definitiva di gallerie naturali e/o artificiali (§ 4.5.3.2.5).
I contenuti di tali elaborati saranno tuttavia opportunamente integrati e/o modificati rispetto al progetto
definitivo.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 67 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.5.3.3.5.1 Relazione di calcolo


Descrizione:
Nella Relazione di Calcolo Strutturale devono figurare i criteri e le principali formulazioni adottate, con le
verifiche strutturali nel dettaglio, anche con metodi alternativi, nonchè una discussione ragionata dei
risultati.
Dati contenuti:
- Descrizione dei metodi di calcolo utilizzati.
- Individuazione delle sezioni di calcolo.
- Verifiche di stabilità del cavo con metodi numerici (FEM,FDM,DEM) bidimensionali con ausilio di
analisi per la valutazione della pressione necessaria alla stabilizzazione del fronte di scavo.
- Simulazione delle fasi di scavo e delle fasi costruttive.
- Problematiche di comportamento allo scavo (stabilità del fronte e del cavo, subsidenza, regime delle
falde, carico idraulico, moti di filtrazione, ecc.).
- Indicazione del più probabile comportamento del cavo e del fronte per ogni zona omogenea
(deformazioni attese, luce libera di scavo, gradiente di deformazione accettabile).
- Stima del campo di variazione della pressione di sostegno da applicare al fronte di scavo.
- Dimensionamento e verifica del rivestimento definitivo in relazione alle fasi realizzative.
- Valutazione della subsidenza indotta dallo scavo e degli effetti sulle preesistenze interferenti con metodi
analitici in forma chiusa e con modellazioni numeriche bidimensionali a supporto. Indicazioni sulla
necessità di intervento sulle preesistenze maggiormente interessate e predisposizione di un eventuale
piano di monitoraggio.
- Indicazioni sulle tecniche di back-analysis per la taratura dei parametri geotecnici dal monitoraggio in
corso d’opera.

4.5.3.3.5.2 Relazione Scavo Meccanizzato


Descrizione:
Nella relazione deve essere analizzata la tecnologia di scavo tenendo conto sia delle problematiche di scavo
che di eventuali danni che possono essere arrecati alle opere preesistenti, facendo riferimento anche
all’Analisi dei Rischi e trattando le principali problematiche legate alla tecnica meccanizzata.

Dati contenuti:
- Descrizione delle possibili tecniche di scavo meccanizzato per le condizioni in oggetto e rispettive
criticità.
- Problematiche in corso di scavo distinte in base alla zonizzazione geotecnica con particolare riguardo ai
parametri che maggiormente influiscono sulla scelta della macchina.
- Riferimenti all’Analisi dei Rischi confrontando tutti i possibili scenari.
- Indicazione dei possibili scenari geologici, idrogeologici e geotecnici che si possono incontrare in fase
esecutiva ai fini della definizione dell’imprevisto geologico.
- Cantierizzazione per lo scavo meccanizzato.
- Impatti in fase realizzativa.
- In allegato :
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 68 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

o diagrammi utilizzabili per la scelta della macchina;


o classificazione del tempo di autosostegno (Heuer); sostegno con aria compressa (Milligan);
metodologia di scavo sopra falda;
o campo di applicazione scavi meccanizzati;
o limiti di drenaggio (Powers);
o limiti di iniettabilità;
o diagramma di collosità;
o formazione di palline di argilla;
o impiegabilità EPBS;
o caratteristiche mineralogico-petrografiche, di resistenza e deformabilità dei materiali litoidi
con diagrammi relativi alle valutazioni sui consumi di utensili.

4.5.3.3.5.3 Specifiche Tecniche


Descrizione:
Nelle specifiche vengono fornite le prescrizioni sui requisiti della macchina di scavo, sul sistema di gestione
e controllo della stessa durante lo scavo, nonché sul sistema di rivestimento, definite sulla base di precedenti
esperienze tenendo conto delle condizioni geologiche- geotecniche e di interferenza presenti.
Dati contenuti:
- situazione presente:

o ubicazione urbana;

o caratteristiche geometriche del tracciato;

o situazione geologica, idrogeologica e geotecnica.

- metodo di scavo e relative misure per tratte omogenee:

o metodologia di scavo più adatta;

o provvedimenti da adottare durante le fasi di scavo e manutenzione per ridurre i rischi sia nei
confronti dello scavo che di opere interferenti.

- requisiti del sistema di scavo:

o limitazione dei cedimenti (volumi persi e relativi cedimenti, interventi);

o misure contro frane e crolli (localizzazione delle tratte interessate, interventi);

o zone di imbocco e uscita fresa (diaframma e concio di attacco, diaframma di sbocco).

- rivestimento:

o tipo di rivestimento (conci, bullonatura, guarnizioni, tolleranze, procedure di controllo);

o iniezioni a tergo del rivestimento (tipo di iniezione, modalità e tempi di esecuzione);


MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 69 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

o procedure di scavo e di sostegno del fronte.

- specifiche per gli scudi meccanizzati:

o requisiti generali;

o modalità di funzionamento dello scudo nelle diverse tratte (come TBM in roccie litoidi,
EPBS semi-aperto, EPBS chiuso, EPBS con uso di schiume polimeriche, Slurry shield, etc.);

o ulteriori requisiti del sistema di scavo (back-up trailer, sistema di alimentazione aria
compressa, acqua, energia, altri mezzi).

- condizioni geotecniche particolari:

o localizzazione della tratte interessate;

o tipo di scudo (TBM, EPBS, Slurry shield), modalità di impiego (aperto, semi- aperto,
chiuso) e ulteriori caratteristiche (utensili, modalità di estrazione del marino, impiego di
schiume, etc., ).

- tipologia dello scudo:

o esigenze di impiego (es. da TBM con dischi a EPBS, etc.);

o interventi di manutenzione;

o camera semplice o doppia.

- sostegno del fronte di scavo:

o pressioni di sostegno;

o misura delle pressioni di terra durante l’avanzamento (in calotta, in asse, in arco rovescio, in
almeno tre punti lungo il convogliatore a coclea).

- requisiti della ruota di scavo e varie:

o tipo di utensili in dotazione;

o possibilità di sovrascavo variabile, con posizionamento dell’overcutter mediante sistema


idraulico asistito dall’esterno (senza personale nella camera di lavoro);

o modalità di esecuzione del cambio utensili (dall’interno della camera di lavoro ma non
davanti alla ruota);

o spinta e torsione.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 70 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

o pressione massima e media di sostegno del fronte; spinta esercitata dai martinetti della ruota
al fronte; spinta esercitata dei martinetti dello scudo sui conci; momento torcente minimo
della ruota di taglio;

o requisiti di dischi e utensili (distanza tra i dischi e sporgenza, aperture sulla ruota, altri
utensili etc.).

- lavori di manutenzione ed interventi in camera di lavoro (piano degli interventi, modalità di esecuzione):

o requisiti dello scudo (camera semplice o doppia, camera iperbarica);


o accesso del personale nella camera di lavoro;
o pianificazione degli interventi;

o controllo del personale;


o programma con modalità e fasi di lavoro durante le entrate del personale in camera di
lavoro;

o verifica, monitoraggio e restituzione grafica delle perdite d’aria compressa durante gli accessi
con acquisizione; dei dati durante l’avanzamento, elaborazione e restituzione in tempo reale.

- monitoraggio del sistema guida e sistema gestione dati:

o sistema guida: lo scudo deve essere fornito di un sistema guida con misura della sua
posizione assoluta visionabile in tempo reale; devono essere fornite almeno le seguenti
informazioni:

 posizione dell’asse relativamente alla posizione teorica; inclinazione verticale e


orizzontale relativamente all’asse teorico; rullaggio dello scudo (rotazione intorno al
proprio asse);

 planarità dell’anello;

 tutti i dati devono essere registrati sul sistema di acquisizione dati ed evidenziati i
valori di soglia, di attenzione e di allarme;

 sistema acquisizione e gestione dati: i dati del monitoraggio devono essere registrati
in tempo reale con una frequenza idonea per ogni tipologia. Devono essere
registrati almeno i seguenti parametri;

 momento torcente della ruota di taglio;

 spinta sulla ruota di scavo (per gruppi di martinetti e totale);

 spinta dei martinetti (per gruppi e totale) sui conci;

 pressione dell’aria nella camera iperbarica;


MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 71 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

 pressione di terra misurata in camera di lavoro su almeno tre livelli (calotta, asse
scudo, arco rovescio);

 quantità di marino asportato dal convogliatore a coclea;

 quantità di additivi e acqua aggiunti;

 pressione di iniezione in corrispondenza di ogni punto di iniezione dalla coda dello


scudo.

- rivestimento

o conci in calcestruzzo prefabbricato:

 spessore;

 lunghezza media anello;

 numero minimo dei conci;

 tipologie di anelli;

 per ogni concio (esclusa la chiave) valvola per iniezione della malta.

o calcestruzzo (resistenza minima, rapporto acqua/cemento, qualità dei componenti il


calcestruzzo);
o casseforme (in acciaio) e precisione dei conci:
o deviazioni limite a temperatura di 15° C (rialzo, larghezza, scanalature per guarnizioni, raggi,
corda dell’arco, lunghezza dell’arco, pezzi infissi, cassette, spessore dei conci);
o tolleranze principali (planarità, forma, dimensioni, larghezza);
o modalità di controllo;

o getto e maturazione dei conci:


 misure di “curing” del calcestruzzo;
 protezione contro l’asciugamento e maturazione a vapore;

 temperature massime durante la maturazione.


o controllo dei conci (sistema di misura e precisione); armatura (posizione dell’armatura,
copriferro);
o superficie di contatto e bullonatura;

o verifiche delle sollecitazioni trasmesse ai conci;


o guarnizioni per la tenuta stagna;
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 72 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

o guarnizioni in gomma piuma;


o strati di compensazione delle deformazioni e di distribuzione degli sforzi;
o trasporto ed erezione dei conci;

o produzione e fornitura dei conci.

- specifiche per l’iniezione del vuoto di coda:

o malta;

o sistemi di iniezione.

4.5.3.3.5.4 Monitoraggio in macchina e in avanzamento nello scavo meccanizzato


Descrizione:
L’elaborato deve contenere la descrizione delle caratteristiche minime del monitoraggio del sistema di guida
e del sistema di acquisizione e gestione dati.
Dati contenuti:
- Descrizione delle caratteristiche di monitoraggio del sistema guida:

o misura della posizione assoluta dello scudo visionabile in tempo reale;

o posizione dell’asse relativamente alla posizione teorica; inclinazione verticale e orizzontale


relativamente all’asse teorico; rullaggio dello scudo (rotazione intorno al proprio asse);

o planarità dell’anello;

o registrazione dei dati sul sistema di acquisizione ed evidenziazione dei valori di soglia, di
attenzione e di allarme.

- Descrizione delle caratteristiche del sistema di acquisizione e gestione dati:

o misura dei dati del monitoraggio in tempo reale con frequenza idonea alla tipologia del dato;

o possibilità di elaborazioni matematiche sui valori misurati;

o possibilità di registrazione in continuo in tempo reale mediante trasmissione in rete;

o parametri minimi da registrare;

o momento torcente della ruota di scavo;

o spinta della ruota di scavo (per gruppi di martinetti e totale);

o spinta dei martinetti (per gruppi e totale) sui conci;

o pressione dell’aria nella camera iperbarica;


MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 73 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

o pressione di terra o pressione dei fanghi misurata in camera di lavoro su almeno tre livelli
(in calotta, in asse scudo e in arco rovescio);

o quantità di marino asportato dal convogliatore a coclea o da condutture idrauliche;

o quantità di additivi e acqua aggiunti;

o pressione di iniezione in corrispondenza di ogni punto di iniezione dalla coda dello scudo.

- Descrizione delle caratteristiche di monitoraggio in avanzamento:

o esecuzione dei sondaggi suborizzontali;

o misura del livello di falda.

4.5.3.3.5.5 Elaborati delle strutture delle gallerie naturale con scavo meccanizzato

4.5.3.3.5.5.1 Rivestimento conci prefabbricati – Piano sinottico


Descrizione:
Nell’elaborato sono rappresentate la sezione normale di un anello di conci prefabbricati, le posizioni degli
anelli e lo sviluppo degli anelli in curva.
Scala: 1:50
Dati contenuti:
- Sezione normale (sezione di un anello di conci sul piano normale all’asse di avanzamento, con riportati i
principali assi di simmetria dell’anello, l’asse della chiave, gli assi per le superfici di contatto tra i conci);
- Sviluppata schematica con indicazione giunzioni (sezioni in posizione di curva sinistra e destra, di anelli di
conci sul piano normale all’asse di avanzamento, con riportati gli assi principali dell’anello e l’asse della
chiave, e sezioni sul piano contenente l’asse di avanzamento);
- Sviluppo anelli in curva (sezione in posizione di curva sinistra o destra di due anelli affiancati nel verso di
avanzamento, con schematico dei conci e di particolari per l’innesto e il trasporto);
- Rivestimento conci prefabbricati.

4.5.3.3.5.5.2 Rivestimento conci prefabbricati – Carpenteria e Dettagli costruttivi


Descrizione:
Nell’elaborato sono rappresentate le viste interne (piante), le sezioni, i prospetti e le carpenterie dei conci e
della chiave, con dettagli costruttivi.
Scala: varie
Dati contenuti:
- Vista interna - pianta del concio o della chiave con riportate le dimensioni e le quote dei diversi
particolari, le posizioni degli organi di attacco (bulloni), delle aperture per iniezioni, del cono per il gancio
di sicurezza.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 74 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

- Alzata laterale del concio o della chiave con riportate le dimensioni e le quote di particolari riguardanti
scanalature per guarnizioni, strisce di materiale per la trasmissione degli sforzi tra i conci, ecc..
- Sezioni trasversali e longitudinali delle zone di contatto tra due conci di uno stesso anello o di due anelli
diversi, con particolari riguardanti gli organi di attacco e la superficie di aderenza tra i conci (bullone di
ancoraggio, strisce di materiale per la trasmissione degli sforzi, ecc.).

4.5.3.3.5.5.3 Rivestimento conci prefabbricati – Armature


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le indicazioni per la definizione dei dettagli costruttivi riguardanti l’armatura dei
conci.
Scala: varie
Dati contenuti:
- vista interna 1:10 - pianta di un concio con riportate le posizioni dei ferri di armatura con l’indicazione
per ogni tipologia del numero di ferri, del diametro, della distanza tra i ferri; è inoltre riportata la
posizione delle diverse sezioni di concio;

- sezioni 1:10/1:5 - sezioni longitudinali e trasversali di concio con riportate le posizioni dei ferri di
armatura con l’indicazione per ogni tipologia del numero, del diametro, della distanza tra i ferri e uno
schema di come vanno piegati;

- tabella ferri, con riportata per ogni tipologia di ferro di armatura il numero della posizione, il numero di
ferri, il diametro, la lunghezza, la lunghezza totale di tutti i ferri impiegati, uno schema di come vanno
piegati;

- tabella ferri riassuntiva con riportate, le quantità dei ferri impiegati distinte per ogni tipologia di ferro, e la
quantità totale;

- tabella dei materiali con caratteristiche di qualità e di resistenza di tutti i materiali utilizzati.

4.5.3.3.5.5.4 Rivestimento conci prefabbricati – Tolleranze dei conci


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le indicazioni per la definizione delle tolleranze dei dettagli costruttivi
riguardanti la carpenteria dei conci.
Scala: varie
Dati contenuti:
- conci sezione sinottica 1:100 - sezione di un anello di conci, con riportate le posizioni dei conci e della
chiave;

- vista interna 1:20 - pianta di un concio con riportate le dimensioni dei lati e le tolleranze previste;

- sezioni 1:20 - 1:10 - sezioni longitudinali e trasversali di concio con riportate le dimensioni dei lati e degli
spessori e le tolleranze previste;
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 75 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

- tabella con le deviazioni limite e le tolleranze riguardanti il rialzo, la larghezza, le scanalature per
guarnizione, i raggi, la corda dell’arco, gli archi, i pezzi infissi, le cassette, lo spessore dei conci.

4.5.3.3.5.5.5 Impianto smaltimento acque – Profilo canalette e dettagli


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le caratteristiche geometriche per la definizione della canaletta di raccolta delle
acque di drenaggio.
Scala: da 1:2000 a 100
Dati contenuti:
- Profilo con l’indicazione della quota di fondo e della pendenza della canaletta e con la quota di progetto e
la pendenza del piano ferro.
- Sezioni trasversali della canaletta.

4.5.3.3.5.6 Elaborati relativi all’imbocco di gallerie naturali con scavo meccanizzato

4.5.3.3.5.6.1 Relazione di calcolo – Elemento di spinta


Descrizione:
Nella relazione devono essere contenuti e descritti i calcoli relativi alla struttura di contrasto necessaria per
consentire la fase di avviamento della fresa.
Dati contenuti:
- Normative di riferimento.
- Caratteristiche dei materiali.
- Valutazione dei carichi agenti.
- Caratteristiche geometriche della sezione resistente dell’anello di irrigidimento, schematizzazione della
struttura, verifica sezione e bullonature.
- Caratteristiche geometriche del telaio di contrasto, calcolo delle sollecitazioni, verifica delle aste, del telaio
trasversale , dei controventi e dei puntoni.
- Sella di fondazione: schematizzazione della struttura e dell’interazione con il terreno, sollecitazioni
indotte dal telaio, dall’anello di contrasto e dai carichi permanenti, verifica delle sezioni e allo
scorrimento.

4.5.3.3.5.6.2 Planimetria generale


Descrizione:
L’elaborato deve contenere gli elementi per la definizione planimetrica degli scavi e delle opere provvisionali
previste in corrispondenza dell’imbocco.
Scala: 1:100
Dati contenuti:
- Elementi cartografici originari con asse di tracciamento.
- Vista planimetrica delle opere d’imbocco definitive, del portale, dei muri di sostegno, dei marciapiedi.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 76 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

- Ubicazione e dimensioni delle canalette con indicazione del percorso seguito dalle acque per mezzo di
frecce.
- Progressive, ubicazione e dimensioni dei pozzetti di raccolta delle acque.
- Progressive di imbocco della galleria naturale, inizio e fine della dima e concio d’attacco, della galleria
artificiale, del portale d’imbocco.

4.5.3.3.5.6.3 Profilo longitudinale e Sviluppata


Descrizione:
L’elaborato deve contenere la descrizione delle opere provvisionali e definitive d’imbocco, per mezzo di una
prospetto longitudinale e della proiezione della sezione trasversale in asse paratia su un piano perpendicolare
all’asse.
Scala: 1:100
Dati contenuti:
- Profilo longitudinale:
o Indicazione delle opere di sbancamento.
o Disegno con indicazione di lunghezze e progressive delle seguenti opere:
 becco di flauto;
 galleria artificiale;
 dima e concio d’attacco.
o Indicazione della progressiva di inizio della galleria naturale. Quotatura del piano ferro, dei
piani di scavo.
o Indicazione degli interventi di consolidamento.
o Schema della disposizione dei drenaggi, dei tiranti, dei chiodi. Indicazione delle quote del
terreno originario e di progetto. Indicazione delle sezioni trasversali.
- Sviluppata in asse paratia:
o Schema della disposizione dei drenaggi, dei tiranti, dei chiodi.
o Geometria della sezione d’attacco della galleria, con relative dimensioni. Descrizione del tipo
di paratia:
 paratia di pali (tipo di pali);
 paratia in jet-grouting (numero e diametro delle colonne; eventuale armatura).
o Quote necessarie per l’individuazione della trave di testata.
o Profondità di infissione della paratia.
o Definizione delle caratteristiche geometriche dei tiranti e dei chiodi.

4.5.3.3.5.6.4 Sezioni Trasversali


Descrizione:
L’elaborato deve contenere la descrizione dell’andamento del terreno in corrispondenza di alcune
progressive significative, con l’indicazione della geometria degli scavi e delle opere provvisionali.
Scala: 1:100
Dati contenuti:
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 77 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

- Quota di riferimento. Progressiva della sezione.


- Profilo altimetrico del terreno originario.
- Sezione trasversale della galleria con indicazione della quota del piano ferro, dell’asse della galleria e
dell’asse di tracciamento.
- Descrizione delle strutture provvisorie di sostegno. Descrizione della geometria degli scavi.

4.5.3.3.5.6.5 Fasi costruttive


Descrizione:
Nell’elaborato vengono riportate le principali fasi costruttive dell’imbocco.
Scala: 1:500
Dati contenuti:
- Ognuna delle diverse fasi costruttive è rappresentata su uno stralcio planimetrico della zona di imbocco,
con la schematizzazione degli interventi principali che comprendono:

o Fase 1: esecuzione del piano di lavoro, realizzazione dei pali e del cordolo di collegamento
al perimetro dell’area di imbocco, esecuzione dei pali plastici.

o Fase 2: esecuzione per fasi progressive dello scavo e della tesatura tiranti fino a quota fondo
scavo, demolizione dei pali in cls per la superficie di ingombro della fresa per la galleria
naturale.

o Fase 3: esecuzione del piano di lavoro a quota fondo scavo, realizzazione della struttura di
contrasto della fresa per la galleria naturale, realizzazione delle opere di smaltimento acque.

o Fase 4: posa dello scudo nella sella di alloggiamento, montaggio fresa e back-up.

o Fase 5: avanzamento fresa con contrasto anelli di rivestimento esterni.

o Fase 6: demolizione degli anelli di rivestimento esterni ad esclusione dell’ultimo anello,


collegamento con la galleria artificiale.

4.5.3.3.5.6.6 Paratia di Imbocco: Carpenteria e Armature


Descrizione:
L’elaborato deve contenere i dettagli costruttivi relativi alla paratia di imbocco.
Scala: varie
Dati contenuti:
- Carpenteria della paratia in pianta e sezione con l’indicazione di tutti gli elementi necessari alla completa
definizione della geometria.

- Sezione della paratia con disposizione dei tiranti. Tiranti: dettagli e particolari dell’ancoraggio.

- Armatura dei pali in sezione longitudinale e trasversale, e particolare del cordolo in cls.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 78 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

- Tabella dei materiali con descrizione delle caratteristiche di qualità e di resistenza di tutti i materiali
utilizzati.

4.5.3.3.5.6.7 Struttura metallica di spinta: Carpenteria anello di irrigidimento


Descrizione:
L’elaborato deve contenere i dettagli costruttivi relativi all’anello di irrigidimento.
Scala: varie
Dati contenuti:
- Carpenteria metallica dell’anello di irrigidimento in pianta e sezioni.
- Particolari della sella di appoggio.
- Particolare posizione martinetto.
- Schema disposizione martinetti di spinta.
- Tabella dei materiali con descrizione delle caratteristiche di qualità e di resistenza di tutti i materiali
utilizzati.

4.5.3.3.5.6.8 Struttura metallica di spinta: Carpenteria telaio di contrasto


Descrizione:
L’elaborato deve contenere i dettagli costruttivi relativi al telaio di contrasto.
Scala: 1:50
Dati contenuti:
- Carpenteria metallica del telaio di contrasto in piante e sezioni particolari longitudinali e trasversali.
- Tabella dei materiali con descrizione delle caratteristiche di qualità e di resistenza di tutti i materiali
utilizzati.

4.5.3.3.5.6.9 Sella di alloggiamento Fresa – Carpenteria, Armature, Particolari costruttivi


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le indicazioni per la definizione dei dettagli costruttivi della carpenteria della
sella di alloggiamento della fresa per le operazioni di partenza può essere dettagliato nel progetto di
dettaglio.
Scala: 1:100
Dati contenuti:
- Pianta dell’intervento e dell’alloggiamento fresa.

- Carpenteria della sezione trasversale e longitudinale della sella con l’indicazione di tutti gli elementi
necessari alla completa definizione della geometria.

- Armatura della sezione trasversale con indicazione di tutti i ferri delle armature trasversali e longitudinali.

- Esploso dei ferri con indicazione delle piegature, sovrapposizioni e lunghezze parziali.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 79 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

- Tabella dei materiali con descrizione delle caratteristiche di qualità e di resistenza di tutti i materiali
utilizzati.

4.5.3.3.6 Elaborati specifici di gallerie artificiali

4.5.3.3.6.1 Relazione di calcolo


Descrizione:
La relazione deve fornire la descrizione e il dimensionamento dell’opera e la giustificazione tecnica delle
scelte progettuali ad essa inerenti.
Dati contenuti:
- L’ inquadramento generale dei terreni interessati dalla Galleria indicando i vincoli esterni e/o le
soggezioni alle quali la stessa può essere sottoposta.
- Il quadro delle indagini geotecniche eseguite per la caratterizzazione fisico-meccanica dei terreni e per la
definizione dei modelli geotecnici di sottosuolo necessari al dimensionamento della Galleria.
- La caratterizzazione geotecnica adottata per le verifiche e per il calcolo delle azioni esercitate dai terreni
presenti.
- L’ubicazione rispetto agli allineamenti del rilievo celerimetrico e l’identificazione attraverso progressiva
chilometrica.
- La descrizione la giustificazione delle scelte relative alle ipotesi di calcolo, agli schemi di calcolo e alle
condizioni di vincolo (la descrizione sarà completata da figure).
- Le sezioni di calcolo.
- Le fasi costruttive con particolare riguardo alle soggezioni e ai vincoli esterni che possono condizionarne
la realizzazione. In particolare dovrà essere valutato se l’ingombro dei macchinari utilizzati per la
realizzazione della Galleria è compatibile con i vincoli esterni.
- Riportare, nel caso di utilizzo di programmi di calcolo la descrizione del programma utilizzato ed il suo
modo di operare (FEM, BEM, FDM, DEM), unitamente ai dati di input e di output (es. nel caso di
elementi finiti verranno descritte le numerazioni dei nodi le posizioni dei carichi e dei vincoli esterni).
- Indicare i carichi che gravano sulla Galleria: carichi permanenti, sovraccarichi permanenti e carichi
accidentali. Nel caso di ripartizione dei carichi dovrà essere esplicitata e descritta l’area sulla quale
effettuare la ripartizione.
- Definire e giustificare i coefficienti di sicurezza adottati, sulla base del grado di affidabilità dei dati
disponibili e del modello di calcolo utilizzato.
- Valutazione della subsidenza indotta dallo scavo e degli effetti sulle preesistenze interferenti con metodi
analitici in forma chiusa e con modellazioni numeriche bidimensionali a supporto. Indicazioni sulla
necessità di intervento sulle preesistenze maggiormente interessate e predisposizione di un eventuale
piano di monitoraggio.
- Riportare tutte le verifiche strutturali delle sezioni e quelle di fessurazione, dove richiesto.

4.5.3.3.6.2 Pianta, profilo e sezioni


Descrizione:
Individuazione dell’entità, la geometria e il posizionamento della galleria artificiale
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 80 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Scala: 1:500
Dati contenuti:
- Stralcio della planimetria dello stato attuale 1:500
- Stralcio della planimetria con l’ubicazione dell’opera 1:500
- Pianta profilo e sezione della galleria artificiale inserita nel contesto nel quale è ubicata, con indicate le
dimensioni, le quote rispetto alla rotaia bassa e/o all’estradosso della pavimentazione stradale, e gli
eventuali interventi di consolidamento.

4.5.3.3.6.3 Pianta scavi


Descrizione:
Individuazione dell’entità, la geometria e il posizionamento degli scavi.
Scala: 1:200
Dati contenuti:
- Geometria degli scavi.
- Coordinate di tracciamento degli scavi nel sistema di riferimento adottato indicazione e tracciamento
delle eventuali opere di sostegno provvisorio pendenza delle scarpate degli scavi.
- Eventuali interventi di consolidamento.

4.5.3.3.6.4 Planimetria di tracciamento


Descrizione:
Individuazione dell’ubicazione dell’opera.
Scala: 1:200
Dati contenuti:
- Geometria dell’opera.
- Coordinate di tracciamento delle fondazioni nel sistema di riferimento adottato.

4.5.3.3.6.5 Carpenteria
Descrizione:
Definizione delle caratteristiche e delle dimensioni degli elementi e dei particolari costruttivi.
Scala: 1:50
Dati contenuti:
- Carpenteria delle fondazioni, elevazioni e copertura definite in pianta, sezione trasversale passante per
l’asse longitudinale e traversale con l’indicazione delle dimensioni dell’opera e del magrone.
- Indicazione delle quote di intradosso ed estradosso dello scatolare e intradosso del magrone, nel sistema
di riferimento adottato.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 81 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.5.3.3.6.6 Armatura
Descrizione:
Definizione delle caratteristiche, delle dimensioni degli elementi, delle armature e dei particolari costruttivi.
Scala: 1:50
Dati contenuti:
- armatura delle fondazioni, elevazioni e copertura definite in pianta, sezione trasversale passante per l’asse
longitudinale e traversale con l’indicazione delle dimensioni dell’opera e del magrone;

- materiali adottati;

- armature esplose, con l’indicazione delle lunghezze di ogni singolo tratto, delle lunghezze totali e della
posizione nelle sezioni;

- indicazione delle quote di intradosso ed estradosso dello scatolare e intradosso del magrone, nel sistema
di riferimento adottato;

- indicazione dell’ultima posizione dei ferri indicati nella tavola indicazione del copri ferro.

4.5.3.3.6.7 Particolari costruttivi


Descrizione:
Definizione dei particolari costruttivi.
Scala: 1:20
Dati contenuti:
- pianta e sezioni dei particolari costruttivi;

- materiali adottati;

- eventuali apparecchi di appoggio, giunti, drenaggi etc..

4.5.3.3.6.8 Fasi costruttive


Descrizione:
Definizione delle fasi costruttive.
Scala: 1:100
Dati contenuti:
- Indicazione delle fasi costruttive.
- Quote e dimensioni.

4.5.3.3.6.9 Opere di consolidamento del terreno – planimetria di progetto e di tracciamento


Descrizione:
Individuazione degli interventi previsti e della loro fascia di ingombro.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 82 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Scala: 1:500
Dati contenuti:
- Pianta degli interventi di consolidamento.
- Indicazione delle dimensioni, interassi etc..
- Dati di tracciamento degli interventi di consolidamento.
- Indicazioni delle sezioni.

4.5.3.3.6.10 Opere di consolidamento – sezioni trasversali


Descrizione:
Sezioni atte ad individuare gli interventi previsti.
Scala: 1:200
Dati contenuti:
- Materiali utilizzati.
- Indicazione delle dimensioni degli interventi.
- Definizione degli interventi di consolidamento previsti in relazione alle opere in progetto.
- Distanze degli interventi di consolidamento dalle opere in progetto.

4.5.3.3.6.11 Opere di consolidamento – particolari costruttivi


Descrizione:
Definizione particolare degli interventi.
Scala: da 1:50 a 1:20
Dati contenuti:
Interventi definiti con:
- Piante;
- sezioni longitudinali sezioni trasversali particolari costruttivi materiali utilizzati.

4.5.3.3.6.12 Opere provvisionali – planimetria di tracciamento e di progetto


Descrizione:
Definizione particolare degli interventi.
Scala: 1:50
Dati contenuti:
- Piante.
- Sezioni longitudinali.
- Sezioni trasversali.
- Particolari costruttivi.
- Materiali utilizzati.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 83 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.5.3.3.6.13 Opere provvisionali sezioni trasversali


Descrizione:
Individuazione delle opere provvisionali.
Scala: 1:200
Dati contenuti:
- Pianta delle opere provvisionali.
- Indicazione delle dimensioni, interassi etc.
- Dati di tracciamento riferito al sistema di riferimento adottato indicazioni delle sezioni.

4.5.3.3.6.14 Opere provvisionali particolari costruttivi


Descrizione:
Definizione particolare degli interventi.
Scala: da 1:50 a 1:20
Dati contenuti:
Interventi definiti con:
- piante
- sezioni longitudinali sezioni trasversali particolari costruttivi materiali utilizzati

4.5.3.3.7 Elaborati del monitoraggio


Gli ‘Elaborati del monitoraggio’ previsti per la progettazione esecutiva sono compresi tra quelli previsti per
la progettazione definitiva di gallerie naturali e/o artificiali (§4.5.3.2.7). I contenuti di tali elaborati saranno
tuttavia opportunamente integrati e/o modificati rispetto al progetto definitivo.

4.5.3.3.7.1 Relazione piano di Monitoraggio


Descrizione:
L’elaborato deve contenere i criteri adottati per la progettazione del sistema di monitoraggio, i tipi di
strumenti ed il piano delle misure da eseguire.
Dati contenuti:
- Obiettivi del piano di monitoraggio.
- Grandezze monitorate.
- Classi di danno o di rischio e soglie di attenzione.
- Tipologia delle sezioni tipo (di taratura e di controllo).
- Strumentazione (descrizione strumento, caratteristiche costruttive, specifiche di installazione, e di lettura).
- Raccolta, trasmissione ed elaborazione dati.
- Piano delle misure.
- Tavole con l’ubicazione delle strumentazioni.
- Schema a blocchi del sistema di monitoraggio e controllo.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 84 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.5.3.3.7.2 Sezioni trasversali di Monitoraggio


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le indicazioni con ubicazione e tipologia del monitoraggio lungo lo sviluppo
della galleria per sezioni trasversali.
Scala: 1:200
Dati contenuti:
- Sezioni trasversali quotate con indicazione delle verticali di monitoraggio.
- Progressive delle sezioni di monitoraggio, con il numero della sezione e la quota della rotaia bassa.
- Tipologia degli strumenti da impiegare.

4.5.3.3.7.3 Planimetria sezioni strumentate di Monitoraggio


Descrizione:
L’elaborato deve contenere le indicazioni per l’ubicazione planimetrica delle sezioni strumentate di
monitoraggio.
Scala: 1:1000
Dati contenuti:
- Base planimetrica quotata e aggiornata, conforme al resto del progetto, con indicazioni di facile
riferimento in sito.
- Legenda tipologia strumentazione da istallare.
- Indicazione planimetrica singole sezioni strumentate con evidenziazione delle interferenze da monitorare
e dei sottoservizi vicini.

4.5.3.3.8 Elaborati relativi alla “sicurezza in galleria”

4.5.3.3.8.1 Relazione sulle predisposizioni di sicurezza ai fini della “Sicurezza in galleria”


Descrizione:
Nell’elaborato deve essere data evidenza delle predisposizioni di sicurezza adottate per la galleria al fine di
gestire un’eventuale emergenza legata a un incidente avvenuto in ambiente confinato.
Dati contenuti:
- Descrizione della galleria.
- Contesto normativo di riferimento.
- Dati di traffico.
- Individuazione degli scenari di rischio.
- Elenco delle predisposizioni di sicurezza previste.
- Descrizione tecnica-funzionale delle predisposizioni di sicurezza.
- Descrizione tecnica degli impianti previsti ai fini della sicurezza in galleria.
- Verifica di rispondenza alla normativa vigente in materia di sicurezza in galleria.
-
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 85 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.5.3.3.8.2 Schema delle predisposizioni di sicurezza relativi alle opere civili ai fini della sicurezza in
galleria
Descrizione:
Nell’elaborato devono essere rappresentate in maniera schematica le predisposizioni di sicurezza adottate
per la galleria al fine di gestire un’eventuale emergenza legata a un incidente avvenuto in ambiente confinato.
Scala: varie
Dati contenuti:
- Posizionamento punti antincendio.
- Accessibilità delle squadre di soccorso.
- Indicazione di finestre utilizzate per l’esodo/accesso.
- Individuazione delle riserve idriche.
- Individuazione delle MATS.
- Individuazione dei segnali di protezione per la determinazione del numero di treni presenti nelle gallerie.

4.5.3.3.8.3 Schema delle predisposizioni di sicurezza relativi agli impianti ai fini della “sicurezza in
galleria”
Descrizione:
Le predisposizioni di sicurezza relativi agli impianti, inerenti la sicurezza in galleria dovranno essere redatti
mediante disegni di dettaglio con stralci plano-altimetrici e redazione di piante, sezioni.
Dati contenuti:
- Schematico dell’impianto lfm.
- Schematico dell’impianto MATS.
- Schematico dell’impianto di controllo fumi.
- Schematico dell’impianto idrico antincendio del punto antincendio.

4.5.3.3.8.4 Elaborati descrittivi delle predisposizioni di sicurezza ai fini della “sicurezza in galleria”
(punto antincendio, uscite e accessi,…)
Descrizione:
Le predisposizioni di sicurezza relativi alle opere civili, inerenti la sicurezza in galleria dovranno essere
redatti mediante disegni di dettaglio con stralci plano-altimetrici e redazione di piante, sezioni.
Dati contenuti:
- Rappresentazione delle uscite/accessi con individuazione dei percorsi di esodo e degli eventuali percorsi
carrabili.
- Rappresentazione dei collegamenti trasversali.
- Rappresentazione dei punti antincendio esterni con individuazione:
o della viabilità di accesso ;
o dell’area destinata alla sosta del treno;
o dell’area sicura e dei percorsi utilizzabili per raggiungerla;
o della riserva idrica;
o delle predisposizioni impiantistiche previste (torre faro, MATS,…);
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 86 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

- Rappresentazione dei punti antincendio interni con individuazione:


o dell’area destinata alla sosta del treno;
o dell’area sicura dei percorsi di esodo verso l’area sicura;
o delle modalità di uscita verso l’esterno.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 87 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

CRITERI DI PROGETTAZIONE FUNZIONALE

4.6.1 PREMESSA
Il progetto di una galleria ferroviaria si sviluppa attraverso un percorso logico che deve contemperare una
serie di vincoli, da un lato rispondendo alle esigenze del sistema treno, ovvero le problematiche e gli aspetti
peculiari connessi al trasporto su rotaia, dall'altra considerando le richieste del contesto esterno in cui l'opera
si inserisce, che possono condizionare le scelte di tracciato.

PROGETTO DELLA GALLERIA FERROVIARIA

SISTEMA TRENO SISTEMA AMBIENTALE

PROGETTO FUNZIONALE

PROGETTO STRUTTURALE

Al termine di questa fase di analisi vengono definite le caratteristiche fondamentali, geometriche e funzionali
che deve avere l'opera, il cui progetto strutturale rappresenta solo l’ultima fase del percorso progettuale.
Il sistema treno impone l'esame di tutta una serie di problematiche per consentire la transitabilità dei sistemi
di trasporto programmati e garantire le prestazioni richieste sulla linea, nel rispetto degli standard di comfort
voluti. Il progetto di una galleria ferroviaria deve inoltre traguardare il livello di sicurezza desiderato e
consentire l'esercizio della linea nel modo più regolare ed economico.
La scelta del tracciato è condizionato da numerosi fattori, quali la topografia, le caratteristiche di
urbanizzazione, gli aspetti ambientali, la geologia, l’idrologia, gli aspetti finanziari, ecc.
La scelta dell’andamento plano-altimetrico del tracciato deve ovviamente traguardare anche il grado di
prestazione della linea, considerando una serie di vincoli più intrinsecamente progettuali e legati a:
- velocità di progetto, che ha dirette ripercussioni sul raggio di curvatura minimo, stanti le limitazioni imposte,
per motivi di comfort, al valore dell’accelerazione non compensata.;
- tipologia di traffico, che condiziona le massime pendenze longitudinali accettabili. Peraltro esistono
condizionamenti anche sulla pendenza longitudinale minima che, ove possibile, deve consentire all’acqua
di drenaggio di defluire verso i portali in condotte a pelo libero.
Per quanto riguarda la scelta realizzativa di galleria a singola canna piuttosto che a doppia canna, poiché le
norme vigenti in materia di sicurezza in galleria prevedono per entrambe le soluzioni progettuali specifiche
predisposizioni che garantiscono il livello di sicurezza previsto, il progettista dovrà effettuare un’analisi
tecnico/ambientale/economica per individuare la soluzione più adatta. In particolare la scelta della tipologia
di galleria dovrà essere effettuata con riferimento al rapporto benefici/costi per la realizzazione dello scavo,
per lo smaltimento del materiale, per la realizzazione delle predisposizioni di sicurezza e per la salvaguardia
ambientale/territoriale.
Per rispondere alle esigenze sopra rappresentate, il progetto funzionale delle gallerie ferroviarie ha da tempo
individuato alcuni filoni specialistici di riferimento, mutuamente interrelati.
La progettazione delle gallerie deve essere eseguita evitando che i cambi di pendenza del profilo longitudinale
realizzino gallerie con andamento altimetrico così detto a “corda molle”.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 88 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

La progettazione delle gallerie a doppia canna deve essere eseguita garantendo la continuità della sezione sin
dall’imbocco, evitando soluzioni progettuali che prevedano imbocchi a singola canna/doppio binario a
servizio di gallerie il cui sviluppo è del tipo a doppia canna/singolo binario.
Nei successivi paragrafi saranno analizzati gli aspetti salienti di questi settori specialistici, con la sola eccezione
della sicurezza in galleria che verrà trattata nell’apposito capitolo 4.7, ad essa dedicato.
Le considerazioni illustrate nei paragrafi successivi sono finalizzate all’individuazione delle sezioni tipologiche
funzionali riportate negli elaborati grafici del successivo capitolo 4.12.
Tali sezioni sono state raccolte, per i diversi intervalli di velocità considerati, con riferimento sia alle gallerie
artificiali scatolari che alle gallerie naturali, sia in tradizionale (sezione policentrica) che in meccanizzato
(sezione circolare); per tutte le casistiche analizzate sono state rappresentate le sezioni a singolo e doppio
binario.

4.6.2 LINEA DI INTRADOSSO


La forma e le dimensioni della linea di intradosso della galleria sono determinate, sulla scorta degli standard
minimi previsti per la sede ferroviaria allo scoperto, per rispondere alle specifiche esigenze, strutturali e
geometriche, della galleria stessa.
Più specificamente il profilo di intradosso della galleria è influenzato da una serie di fattori, dei quali si
riportano di seguito i più significativi:
a. velocità e geometria del tracciato (numero dei binari, raggi di curvatura, sopraelevazione);
b. sagoma limite e profilo minimo degli ostacoli (PMO);
c. sede ferroviaria (interasse dei binari, lunghezza traverse, spazio traversa-marciapiede, dimensioni
marciapiede, spessore della massicciata ovvero dimensioni del sistema di armamento senza massicciata,
disassamento massimo in curva);
d. aerodinamica;
e. impianti tecnologici:
- T.E. (profilo degli ostacoli relativo al pantografo e franchi elettrici dai conduttori in tensione);
- segnalamento;
f. opere complementari;
g. sicurezza;
Ovviamente tutti gli argomenti sopra trattati devono confrontarsi con le tecniche costruttive adottate e le
specifiche modalità realizzative.
Nei paragrafi seguenti verranno sinteticamente approfonditi gli aspetti relativi ai punti a ÷ f. Come anticipato
sopra, le problematiche connesse alla sicurezza in galleria (punto g) sono trattate nel capitolo 4.7.

4.6.3 VINCOLI DI TRACCIATO


Nel seguito vengono sommariamente riassunti i vincoli imposti dal tracciato al progetto di una galleria.
Tali vincoli seguono gli standard consolidati della progettazione ferroviaria, nel rispetto delle indicazioni
normative più recenti; in particolare è stato utilizzato come riferimento il Regolamento (UE) n. 1299/2014
del 18 novembre 2014, relativo alle Specifiche Tecniche di Interoperabilità per il sottosistema «infrastruttura»
del sistema (STI INFRA).
Nei successivi paragrafi verranno affrontati gli aspetti richiamati nella STI INFRA ai punti 4.2.3.1 (sagoma
limite) e 4.2.3.2 (interasse dei binari). Per quanto riguarda il rispetto dei requisiti indicati ai punti 4.2.3.3
(pendenze massime), 4.2.3.4 (raggi minimi di curvatura orizzontale) 4.2.3.5 (raggi minimi di curvatura
verticale), si ritiene che essi non risultino impattanti per le gallerie di nuova progettazione.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 89 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Quindi, ai fini dell’individuazione delle sezioni tipologiche funzionali illustrate nel capitolo 4.12, i parametri
più significativi presi a riferimento riguardano:
- la condizione di sopraelevazione massima, che è stata posta pari a 160 mm per tutti i campi di velocità
considerati, sia per armamento tradizionale che per armamento su piastra;
- la ripartizione in campi di velocità, che si riportano successivamente nella Tabella 4.6.5.1.

4.6.4 SAGOMA LIMITE E PMO


Prima di approfondire i vincoli imposti dalle sagome di riferimento sulla sezione di galleria, è utile introdurre i
concetti di sagoma limite e di profilo minimo degli ostacoli.
La Sagoma limite (in sede internazionale denominata Gabarit) rappresenta il profilo di riferimento ( reference
profile ) al quale vengono applicati degli allargamenti per consentire la definizione del profilo minimo
dell’infrastruttura che possa garantire il passaggio di tutte le tipologie di materiale rotabile contenute
all’interno di quello specifico profilo.
A partire da tale contorno è quindi possibile calcolare il profilo minimo degli ostacoli (PMO) che rappresenta il
profilo che consente di far transitare la sagoma di riferimento, costituendo il limite inferiore di esercizio; tutti
gli ostacoli della nuova costruzione vanno quindi posti all'esterno del PMO.
Contestualmente, a partire dal profilo di riferimento, si ricava il massimo profilo costruttivo che può avere un
rotabile per essere associato ad esso, che risulta variabile in funzione della lunghezza e di altre caratteristiche
meccaniche.I profili degli ostacoli, tengono conto, oltre che della dimensione dei Gabarit di riferimento e dei
pantografi, anche di tutti gli spazi necessari al libero transito degli stessi connessi a:
• raggi di curva planimetrici e raccordi altimetrici;
• iscrizione del veicolo in curva;
• rototraslazioni dovute al molleggio del veicolo per effetto della sopraelevazione o dell'accelerazione non
compensata;
• franchi di posizionamento del binario connessi alla manutenzione;
• decentramento del carico;
• giochi tra sala e binario;
• fenomeni relativi al serpeggio ed ad altri moti indesiderati.
Per permettere la circolazione del materiale rotabile nelle gallerie ferroviarie è necessario che le distanze degli
ostacoli, presenti in galleria, rispondano ad almeno due condizioni essenziali:
• la prima condizione impone che tra il profilo di intradosso della galleria ed il profilo minimo degli
ostacoli sussista un margine che non diventi mai negativo, in conseguenza agli spostamenti del binario (o
per altre cause), al fine di evitare interferenze tra i due profili. Pertanto il profilo di intradosso della
galleria, o di altro ostacolo, deve essere posto ad una distanza pari a quello del profilo degli ostacoli di
nuovo impianto, maggiorato delle tolleranze di costruzione.
• la seconda condizione, in ottemperanza a disposizioni di antinfortunistica, impone, indipendentemente
dal gabarit utilizzato, che gli ostacoli fissi siano posti ad opportuna distanza di sicurezza rispetto al
binario.
Inoltre per linee A.V. al gabarit è associata anche un’area di riferimento per le verifiche aerodinamiche. Tali
elementi condizionano la definizione del profilo di intradosso della galleria.
Per quanto riguarda le sagome limite prese a riferimento per la progettazione, concordemente con quanto
riportato nel Regolamento (UE) n. 1299/2014 al punto 4.2.3.1 (‘Sagoma limite’), esse sono definite in accordo
alle regole individuate nella Euronorma EN 15273 “Railway applications – Gauges”, con specifico
riferimento alla Parte 3 “Structure gauges”.
Per ulteriori approfondimenti in materia si rimanda alla sezione VI del presente Manuale di Progettazione
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 90 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

“Sagome e Profilo minimo degli ostacoli” dove sono contenute sia le formule necessarie al calcolo degli
allargamenti da applicare al profilo di riferimento, che le tabelle da utilizzare per sviluppare le verifiche di
sagoma relative a ciascun PMO.

4.6.5 SEDE FERROVIARIA


Nel seguito verranno descritti gli elementi più significativi della sede ferroviaria, con particolare riferimento al
catalogo di sezioni tipologiche funzionali rappresentato nel capitolo 4.12

4.6.5.1 INTERASSE LINEE A D.B.


Nel caso di linee a più binari, si è fatto riferimento a valori dell’interasse consolidati, nel rispetto di quanto
previsto al punto 4.2.3.2 del Regolamento UE n. 1299/2014 (‘Interasse nominale minimo dei binari’).
In particolare nel dimensionamento delle sezioni tipo a doppio binario sono stati utilizzati i valori di interasse
riportati nella Tabella 4.6.5.1:

Campi di velocità (km/h) Interasse (m)

v ≤ 160 4.00

160 < v ≤ 200 4.00

200 < v ≤ 250 4.20

250 < v ≤ 300 4.50

Tabella 4.6.5.1 - Campi di velocità e interasse linee a doppio binario

4.6.5.2 ARMAMENTO
Ai fini di standardizzare, per quanto possibile, l’applicazione delle sezioni tipo la presente revisione del
Manuale di Progettazione delle gallerie prevede la standardizzazione delle soluzioni tipologiche per
l’armamento.
In particolare è stata unificata la soluzione utilizzata per la vasca di armamento su ballast, valida per tutti i
campi di velocità e per tutte le tipologie realizzative considerate, come indicato nella seguente Tabella 4.6.5.2:
distanza minima
lunghezza traversa spessore minimo
Velocità (km/h) traversa - ciglio
c.a.p (cm) sottotraversa* (cm)
marciapiede (cm)
v ≤ 200 240 65

200 ≤ v < 250 240/260 35 65/55

250 ≤ v < 300 260 55

Tabella 4.6.5.2 - Valori di riferimento per l’armamento su ballast


MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 91 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

* Lo spessore minimo sottotraversa deve essere misurato in corrispondenza della rotaia bassa.
Per quanto riguarda la soluzione prevista per l’armamento su piastra, non sussistendo le necessità
manutentive richieste dall’armamento tradizionale, è stata considerata una dimensione pari a 60 cm per lo
spessore del pacchetto complessivo (da p.f. a intradosso piastra). Tale dimensione è fissa per tutti i campi di
velocità considerati, fermo restando che la lunghezza della traversa segue le regole previste per l’armamento
tradizionale.

4.6.5.3 MARCIAPIEDI
Le attuali regole di progettazione dei marciapiedi in galleria prevedono che i camminamenti abbiano larghezza
non inferiore a 120 cm (doppio modulo italiano).
Tradizionalmente l’altezza dei camminamenti in galleria era fissa rispetto alla quota della rotaia bassa, in
qualunque situazione trasversale del binario. Tale impostazione, concepita essenzialmente in funzione della
facilitazione delle operazioni manutentive sull’armamento, è stata superata dal più recente orientamento di
privilegiare la funzionalità del marciapiede come percorso di esodo dei viaggiatori in caso di incidente/avaria
del treno.
L’indirizzo progettuale seguito nel presente MdP per il dimensionamento dei marciapiedi traguarda quindi la
facilitazione della discesa dal treno in caso di arresto in condizioni di emergenza come principale obiettivo.
Da tale impostazione deriva un andamento del ciglio variabile in funzione della quota del binario attiguo, per
lasciare inalterata la distanza tra ciglio del marciapiede e ultimo predellino, in funzione della locale geometria
dell’armamento.
Sono state quindi individuate due soluzioni tipologiche, valide per tutti i campi di velocità, distinte
unicamente in funzione della soluzione di armamento adottata:
1) armamento tradizionale su ballast:
- Altezza del ciglio pari a + 55 cm, misurata perpendicolarmente al piano di rotolamento del binario
attiguo;
- Distanza del ciglio dal bordo interno della più vicina rotaia pari a 113 cm, misurata parallelamente al
piano di rotolamento.

2) armamento su piastra:
- Altezza del ciglio pari a + 25 cm, misurata perpendicolarmente al piano di rotolamento del binario
attiguo;
- Distanza del ciglio dal bordo interno della più vicina rotaia pari a 90 cm, misurata parallelamente al piano
di rotolamento.

Per la realizzazione del ciglio dei marciapiedi dovranno essere rispettate le seguenti tolleranze costruttive
orizzontali:
- armamento tradizionale su ballast: - 0 , +20 mm rispetto alla rotaia accosta
- armamento su piastra: - 0 , +10 mm rispetto alla rotaia accosta
La diversificazione delle regole geometriche che determinano l’andamento del ciglio dei marciapiedi sono
originate dalle differenti esigenze manutentive dell’armamento su ballast, che richiede un maggior franco
orizzontale tra rotaia accosta e marciapiede, rispetto alla soluzione su piastra. Tale diversificazione ha reso
necessario, limitatamente al caso di armamento su ballast l’incremento dell’altezza del marciapiede, per
agevolare la discesa dal rotabile in caso di arresto di emergenza.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 92 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Nelle figure Figura 4.6.5.1 Figura 4.6.5.2 sono riportati gli schemi generali delle suddette prescrizioni.

Figura 4.6.5.1 – Schema marciapiede a geometria variabile – armamento su ballast

Figura 4.6.5.2 – Schema marciapiede a geometria variabile – armamento su piastra


MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 93 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Il marciapiede dovrà essere progettato per sopportare un carico accidentale uniformemente distribuito pari a
10 kN/mq. Il carico dovrà essere applicato in modo da dare luogo agli effetti locali più sfavorevoli.

Al di fuori dello spazio minimo del marciapiede, dovrà essere installato, ad un’altezza compresa tra 80 cm e
110 cm, un corrimano in materiale plastico la cui funzione è quello di guida verso l’area di sicurezza.
Di norma, il corrimano dovrà distare dal paramento della galleria almeno 4 cm e dovrà risultare il più
possibile parallelo all’asse della galleria, con la possibilità di avere deviazioni comprese tra 30° e 40°, qualora
siano presenti ostacoli lungo il marciapiede.
L’eventuale ingombro sul marciapiede fino a un valore di 8 cm può considerarsi incluso nella larghezza utile
del camminamento.
Il corrimano dovrà essere realizzato con materiale resistente, presentare forma rotondeggiante, essere privo di
spigoli taglienti, essere facilmente afferrabile e di facile pulizia. Le parti terminali dovranno essere arrotondate
per non costituire pericolo per le persone.
Il montaggio dovrà essere diretto a parete e realizzato mediante supporti aventi superfici arrotondate, idonei a
sopportare un carico orizzontale di 1,5 kN/m e un carico verticale di 0,7 kN/m. I supporti dovranno essere
posizionati nella parte inferiore del mancorrente in modo da non creare ostruzioni durante l’utilizzo da parte
degli esodanti.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 94 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.6.6 AERODINAMICA
Col progressivo incremento della velocità delle nuove linee ferroviarie il transito dei treni in galleria genera
effetti aerodinamici sempre più rilevanti, causando perturbazioni della pressione atmosferica che si propagano
lungo il tunnel e permangono al suo interno per un certo lasso di tempo. L’aerodinamica è quindi uno degli
elementi che devono essere presi in considerazione nel progetto delle gallerie con velocità di esercizio pari o
superiori a 200 km/h, con particolare riferimento al confort dei passeggeri.
In condizioni normali, all’interno di una galleria la pressione dell’aria è sostanzialmente coincidente con la
pressione atmosferica esterna; piccole escursioni dei valori barici sono imputabili alla differenze di quota tra
gli imbocchi oppure al vento. In assenza del treno l’aria all’interno di una galleria ferroviaria si può quindi
generalmente considerare, con buona approssimazione, in condizione di equilibrio stazionario.
Il transito di uno o più convogli all’interno della galleria determina la formazione di onde di pressione
(compressione o depressione), che in particolare vengono generate quando:
- un treno entra nel tunnel;
- un treno esce dal tunnel;
- due treni si incrociano (nel caso di tunnel a doppio binario).
Quando un treno entra in galleria si genera un’onda di compressione, il cui fronte si muove alla velocità del
suono. Il passaggio del treno determina una fluttuazione della pressione nel tunnel a causa della brusca caduta
di pressione alla testa e della diminuzione di pressione lungo il treno
Avanzando lungo la galleria, la perturbazione viene attenuata dai fenomeni dissipativi causati dall’attrito con le
diverse superficie incontrate: rivestimento, massicciata, eventuali nicchie, organi della T.E., ecc.. Nel
momento in cui giunge all’imbocco opposto l’onda, non essendo più confinata, si espande rapidamente e
viene così generata un’onda riflessa di decompressione che si propaga all’interno della galleria in verso
opposto a quello dell’onda di compressione iniziale. Il fenomeno si ripete nuovamente e dal lato opposto e si
verifica così una successione di onde di compressione e rarefazione le cui ampiezze vanno via via diminuendo
per effetto dei fenomeni dissipativi. Dopo un certo lasso di tempo il sistema ritorna nella condizione di
equilibrio. Nella realtà il fenomeno è più articolato, poiché la coda del treno genera a sua volta un’onda (in
questo caso di decompressione) che a sua volta da luogo ad una successione di onde di compressione e
rarefazione. La sovrapposizione delle onde di pressione, e delle relative perturbazioni riflesse, determina
variazioni bariche abbastanza complesse all'interno del tunnel.
La Figura 4.6.6.1 mostra la cosiddetta ‘impronta aerodinamica’ del treno, come riportata dalla norma EN
14067, in un punto arbitrario nella tunnel.

Figura 4.6.6.1 - Impronta aerodinamica


MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 95 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

1) L’ingresso del treno genera un'onda di compressione, con un rapido aumento della pressione.
2) Ulteriore incremento della pressione dovuta all'attrito dell'aria sulla superficie del treno.
3) L’ingresso della coda del treno genera un'onda di espansione.
Le onde di pressione (1), (2) e (3) viaggiano attraverso il tunnel alla velocità del suono e si riflettono
all'imbocco opposto (le riflessioni non sono visualizzate).
4) Brusca caduta di pressione dovuta al passaggio della testa del treno.
5) Ulteriore diminuzione della pressione, durante il passaggio del treno, quasi inversa all’andamento del
tratto 2).
l passaggio del treno in galleria genera quindi un campo di pressione non stazionario che interessa tutti i
volumi interni della galleria; le diverse componenti della perturbazione interferiscono fra loro in modo
complesso.
L'entità delle variazioni di pressione dipende da diversi parametri. I più importanti sono:
- lunghezza della galleria,
- velocità e lunghezza del treno,
- rapporto di bloccaggio (Atreno / Agalleria),
- perimetro bagnato della galleria,
- conformazione della testa del treno (Cx)
- posizione della sezione di galleria in cui il fenomeno viene osservato.
Normalmente, le ampiezze di pressione più rilevanti sono generate all'ingresso del treno. Ma, per gallerie
relativamente brevi, sono da prendere in considerazione anche le onde di pressione riflesse. Di fatto la
massima ampiezza di variazione della pressione è funzione principalmente della lunghezza del tunnel.
Si definisce 'lunghezza critica del tunnel' la lunghezza teorica in corrispondenza della quale, a parità degli altri
parametri aerodinamici significativi (velocità e Cx del treno, rapporto di bloccaggio, ecc.), viene rilevata la più
alta variazioni di pressione indotta dalle possibili condizioni di transito dei convogli.
Nel caso di linee a doppio binario, l'indagine sulla lunghezza critica del tunnel deve considerare l’impegno
contemporaneo di due treni in galleria, che in opportune condizioni, determina la somma dei rispettivi campi
di pressione. In particolare è da considerare come critica la condizione di incrocio.
L'impatto di variazioni di pressione in galleria è di grande importanza per gli impianti e le attrezzature
(armadi, cavidotti, porte, ecc.) presenti in galleria. Inoltre, l’onda di pressione potrebbe avere effetto sugli
elementi di separazione tra la galleria ed eventuali volumi adiacenti (vani tecnici, by-pass, uscite di emergenza,
ecc.). In particolare le porte e le serrande devono essere in grado di sostenere i carichi aerodinamici
determinati dal passaggio dei convogli.
Dal punto di vista normativo, le prescrizioni sugli effetti aerodinamici sono contenute nel regolamento
n.1299/2014 di applicazione delle STI INFRA. Nel paragrafo 4.2.10.1 (“Variazione massima della pressione
nelle gallerie”) viene stabilito che:
(1) Tutte le gallerie o strutture sotterranee destinate alla circolazione a velocità superiori o uguali a 200
km/h devono garantire che la variazione della pressione massima in galleria, causata dal passaggio di un
treno che viaggia alla velocità massima consentita, non sia superiore a 10 kPa durante il tempo che il
treno impiega a percorrere la galleria.
(2) Tale requisito deve essere rispettato lungo l'esterno di qualsiasi treno conforme alle STI «Locomotive e
materiale rotabile per il trasporto di passeggeri».
Nel caso di gallerie a singolo binario il calcolo della componente p richiede la valutazione della variazione di
pressione generata dal transito del singolo treno che percorre la galleria alla massima velocità prevista sulla
linea.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 96 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Nel caso di gallerie a doppio binario deve essere invece considerata la variabile t (intervallo di tempo tra l’ingresso
del primo e del secondo treno).
In entrambi i casi (singolo e doppio binario), nelle verifiche si deve far riferimento a treni interoperabili. Si
tratta di treni fittizi la cui impronta aerodinamica costituisce un inviluppo di quelle relative a tutti i treni reali
appartenenti alla stessa categoria.
Per la verifica aerodinamica delle sezioni tipologiche riportate nel capitolo 4.12 è stato utilizzato un un
software dedicato, la cui validità è stata opportunamente comprovata da test su scala reale nella rete A.V., per
simulare l’evoluzione spazio temporale delle grandezze fluidodinamiche in correnti monodimensionali, non
stazionarie, all’interno dei tunnel.
È stato effettuato il calcolo delle variazioni di pressione (singolo e doppio binario), ricercando le condizione
peggiore di incrocio e indagando la lunghezza critica per tutte le tipologie in uso.
Le verifiche risultano sempre soddisfatte.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 97 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.6.7 IMPIANTI T.E.


L'altezza della linea di contatto e la scelta del tipo di sospensione con i relativi ingombri e franchi elettrici
determinano l'altezza massima della calotta della galleria sul piano del ferro.
Per quanto riguarda la distanza del piano teorico di contatto dal piano del ferro sono stati individuati i valori
riepilogati nella tabella sotto riportata, in funzione del tipo di elettrificazione impiegata e della velocità di
progetto.
distanza piano teorico di
Velocità (km/h) Tipo elettrificazione
contatto – piano ferro (m)

v ≤ 160 3 kV 5

160 < v ≤ 200 3 kV 5.10

200 < v ≤ 250 3 kV - 25 kV 5.10 – 5.30

250 < v ≤ 300 25 kV 5.30

Figura 4.6.7.1 - Distanza piano teorico di contatto


Nella definizione delle sezioni di galleria, per gli aspetti riguardanti l’alimentazione elettrica, sono state
adottate sospensioni già omologate dalle ferrovie italiane e i relativi franchi elettrici sono quelli dettati dalla
normativa in vigore.

4.6.8 OPERE COMPLEMENTARI


Le principali opere complementari presenti in galleria sono sostanzialmente riconducibili a tre tipologie di
oggetti: nicchie, collegamenti trasversali (by-pass) nel caso di gallerie bitubo o verso l’esterno, sistema di
drenaggio delle acque di piattaforma.
Per quanto riguarda il secondo aspetto, essendo legato prevalentemente a problematiche di sicurezza in
galleria, si rimanda al capitolo 4.7.
Tradizionalmente la progettazione delle gallerie ferroviarie ha previsto diverse tipologie di nicchia,
specializzate a seconda della funzione (per ricovero personale, per attrezzaggio ai fini della sicurezza, di
deposito, impiantistiche).
L’orientamento progettuale attuale traguarda l’obiettivo di limitare il più possibile la realizzazione di nicchie in
galleria, per le note problematiche di tipo costruttivo1, manutentivo2 e funzionale3 che esse comportano. Nel

1 le nicchie hanno un notevole costo e costituiscono una importante soluzione di continuità nella realizzazione sia del
rivestimento definitivo, sostanzialmente cilindrico, che dell’impermeabilizzazione.
2 Tali soluzioni di continuità strutturale nel tempo ha spesso favorito l’insorgenza di dissesti ed infiltrazioni,
determinando la necessità di interventi di manutenzione straordinaria.
3 Nel caso di gallerie realizzate con scavo meccanizzato, per evitare la sistematica distruzione dei conci di rivestimento
armati già posti in opera, la soluzione di progetto si è indirizzata su nicchie realizzate in aggetto sul camminamento
interno della galleria. Tale soluzione comporta la necessità di sovradimensionare la sezione e rappresenta una
discontinuità dei percorsi di esodo e del corrimano.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 98 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

seguito si descrivono i nuovi orientamenti e gli indirizzi progettuali maturati.

4.6.8.1 NICCHIE DI RICOVERO PERSONALE IN GALLERIA


Storicamente l’istituzione delle nicchie di ricovero personale in galleria discende delle piccole dimensioni della
sezione trasversale e dai percorsi pedonali di larghezza limitata (usualmente 50 cm), che determinavano una
distanza di sicurezza dal binario adiacente al camminamento ridotta rispetto allo standard normativo. In
particolare la Legge 191/74 e l’art. 6 del DPR 469/79 stabiliscono le caratteristiche geometriche dei percorsi
pedonali lungo linea, indicando la larghezza minima dei camminamenti e le distanze minime rispetto all’asse
del binario, in funzione della velocità di esercizio.
Di fatto la presenza delle nicchie tendeva a ristabilire la distanza di sicurezza, sia pure in modo discontinuo, in
modo da potersi ricoverare in caso di transito del treno in galleria.
Coerentemente con tale impostazione la precedenti prescrizioni progettuali prevedevano l’adozione di nicchie
di ricovero del personale con interasse medio pari a 25 metri (in ogni caso mai superiore a 30 metri).
Negli ultimi anni il notevole incremento della velocità dei convogli ha determinato importanti ripercussioni
sull’organizzazione delle attività manutentive in galleria. Nel contempo una serie di motivazioni
tecnico/economiche convergono sulla necessità di una valutazione costi/benefici per la realizzazione di
nicchie di ricovero del personale per gallerie di futura progettazione.
I recenti sviluppi normativi (limitano l’accesso del personale ferroviario in galleria, prevedendo generalmente
condizioni di assenza di circolazione treni sul binario adiacente al camminamento e limitazioni di velocità
sull’eventuale binario attiguo.
Considerato che le linee di nuova progettazione sono, di regola, banalizzate, queste limitazioni alla
circolazione durante le attività manutentive sono da considerarsi come assodate. D’altra parte semplici
considerazioni geometriche sulle dimensioni dei marciapiedi e delle sezioni trasversali delle gallerie, assai più
ampie che in passato, conduce a considerare la non sussistenza di elementi ostativi rispetto al transito del
convoglio (con abbattimento di codice) sul binario non accosto al camminamento impegnato dal
manutentore.
Dal combinato disposto di tali considerazioni appare quindi logica conseguenza non prevedere più le nicchie
di ricovero personale in galleria come standard realizzativo per le gallerie di nuova progettazione.
Qualora situazioni peculiari e/o particolari necessità di gestione manutentiva richiedessero ancora la presenza
di nicchie di ricovero personale, in ogni caso non aggettanti sul camminamento, sarà comunque possibile
studiare soluzioni “ad hoc” in funzione della tipologica costruttiva (a s.b. o a d.b. ) e realizzativa (con scavo
tradizione o in meccanizzato) della galleria di progetto.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 99 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.6.8.2 NICCHIE TECNOLOGICHE


In galleria sono presenti diverse tipologie di nicchie specializzate, per rispondere alle esigenze impiantistiche e
di sicurezza.
In generale le nicchie tecnologiche accolgono funzionalità relative principalmente ai sistemi sotto elencati:
A. Apparati BTS (interasse 2-3 km)
B. Telefonia selettiva (ogni 1000 metri)
C. Quadri di tratta (250 metri)
D. Contrappesi T.E.
Stanti le necessità di limitare il più possibile la costruzione di nicchie, specialmente nelle gallerie realizzate con
scavo meccanizzato, per accogliere i quadri di tratta saranno previste apposite nicchie tecnologiche, con passo
250 metri, di dimensioni adeguate.
Per gli apparati BTS e la telefonia selettiva (punti A e B), in considerazione del notevole passo richiesto, si
valuteranno soluzioni “ad hoc” comunque compatibili con le scelte realizzative.
Per quanto riguarda le nicchie per contrappesi TE (punto D) l’indirizzo è quello di adottare contrappesi del
tipo “a sogliola”, soluzione già sperimentata sulla linea Alta Velocità, che resta confinata all’interno della
sezione, non determinando la necessità di prevedere scassi all’interno del rivestimento definitivo della galleria.
Ciò consente di evitare problematiche di tipo costruttivo, semplificando il coordinamento tra le opere civili e
quelle impiantistiche.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 100 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

SICUREZZA IN GALLERIA
La sicurezza nelle gallerie ferroviarie si basa sul principio che il conseguimento di prefissati livelli di sicurezza
- in relazione ad alcuni scenari incidentali di riferimento (incendio, deragliamento e collisione) - è il risultato di
una combinazione ottimale di requisiti/misure/predisposizione di sicurezza da applicare ai Sottosistemi
“Infrastruttura”, “Materiale rotabile” e “Procedure operative”.
Nel corso dell’ultimo ventennio, il tema è stato oggetto di un’intensa attività normativa che, cominciata a
metà degli anni 90, ancora oggi vede il proliferare di provvedimenti nazionali ed europei non sempre coerenti
tra loro.

4.7.1 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO


Fatta eccezione delle “Linee guida per il miglioramento della sicurezza nelle gallerie ferroviarie”, emanate con DM
03/96 dalla Direzione Generale della Protezione Civile e dei Servizi Antincendio del Ministero dell’Interno di
concerto con le Ferrovie dello Stato, il primo testo normativo finalizzato a regolamentare in modo sistemico
l’approccio alla sicurezza in galleria da parte di quanti - utenti, imprese di trasporto, gestori di rete ed enti
preposti al soccorso - risultano a vario titolo coinvolti, è il Decreto Ministeriale 28/10/2005 “Sicurezza nelle
gallerie ferroviarie” (di seguito anche DM 28/10/2005), pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 83 dell’8 aprile
2006.
Il Decreto Ministeriale 28/10/2005 descrive le misure/predisposizioni di sicurezza (requisiti minimi e
integrativi) di natura preventiva, mitigativa e facilitativa dell’esodo e/o del soccorso da adottare nelle varie fasi
di costruzione, esercizio e manutenzione delle gallerie, nonché per il materiale rotabile nuovo e in esercizio. Il
suo campo di applicazione è quello delle gallerie ferroviarie di lunghezza superiore a 1000 m ubicate
sull’infrastruttura ferroviaria e sulle reti regionali non isolate. Si applica inoltre anche alle gallerie di lunghezza
compresa tra 500 e 1000 m sebbene limitatamente ad alcuni requisiti ritenuti necessari: l’illuminazione, la
segnaletica di emergenza e i marciapiedi.
Successivamente, in ambito europeo, è stata pubblicata la Specifica Tecnica di Interoperabilità “Safety in
railway tunnels” (STI-SRT), approvata con Decisione della Commissione Europea del 20 dicembre 2007
(GUCE del 07/03/2008), entrata in vigore negli Stati membri dell’UE dal 1° luglio 2008 e successivamente
aggiornata con il Regolamento (UE) n. 1303/2014 della Commissione del 18/11/2014, in vigore dal 1°
gennaio 2015. La norma indica i requisiti di sicurezza essenziali per l’armonizzazione su scala europea delle
condizioni di sicurezza in galleria. Il suo campo di applicazione è quello dei tunnel ferroviari di lunghezza
superiore a 100 m.
L’entrata in vigore della STI SRT nel 2008 ha pertanto dato vita in Italia ad un doppio regime normativo: da
un lato la Specifica Tecnica di Interoperabilità, da applicare, ai sottosistemi nuovi, ristrutturati o rinnovati
della rete ferroviaria europea, dall’altro il DM 28/10/2005, da applicare ai sottosistemi nuovi e a quelli già in
esercizio alla entrata in vigore del Decreto.
La coesistenza di entrambe le norme ha inoltre creato sovrapposizioni e disallineamenti non indifferenti che
riguardano il differente approccio metodologico alla sicurezza e i requisiti di sicurezza da realizzare.
In merito al primo aspetto (differente approccio metodologico alla sicurezza), si evidenzia che mentre il DM è
caratterizzato da un approccio di tipo prescrittivo/prestazionale e da un’impronta fortemente retroattiva, la
STI SRT è caratterizzata da un approccio di tipo prescrittivo e da un’impronta prevalentemente non
retroattiva
- In particolare: il decreto prevede un’applicazione integrale di tutti i requisiti di sicurezza prescritti sia alle
infrastrutture e materiale rotabile di nuova realizzazione che a quelli esistenti;
- la STI-SRT, di contro, prevede un’applicazione integrale delle misure di sicurezza prescritte soltanto nel
caso di gallerie/materiale rotabile di nuova realizzazione; per le gallerie/materiale rotabile esistenti,
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 101 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

invece, prevede una strategia di graduale implementazione del livello di sicurezza da attuarsi, sin da
subito, mediante l’introduzione di procedure operative (piani di emergenza ed esercitazioni) e
successivamente mediante l’impiego di materiali rotabili interoperabili e interventi sulle infrastrutture da
realizzare in occasione di progetti di rinnovo e/o ristrutturazione(4).
In merito al secondo aspetto (requisiti da applicare), le principali differenze sono relative:
- per quanto attiene al Sottosistema “Infrastruttura”, alle uscite e gli accessi laterali di emergenza,
all’impianto idrico antincendio interno alle gallerie, alla resistenza al fuoco delle strutture, all’impianto
telefonico di emergenza (viva/voce) e di diffusione sonora, all’area di triage, alle piazzole per l’elisoccorso
e alla disponibilità di attrezzature di soccorso;
- per quanto attiene al Sottosistema “Materiale Rotabile”, alla capacità di movimento (running capability) e
agli impianti fissi antincendio.
Infine, il quadro normativo di riferimento è stato ulteriormente modificato dalle disposizioni emanate nel
2012 col Decreto Legge 24/01/2012 n. 1 recante “Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle
infrastrutture e la competitività”.
Successivamente convertito nella Legge 27/03/2012 n. 27, al comma 2 e 4 dell’art. 53 sulle “disposizioni in
merito all’allineamento alle norme europee della regolazione progettuale delle infrastrutture ferroviarie e stradali e disposizioni in
materia di gallerie stradali”, infatti, il Decreto Legge 24/01/2012 n. 1 sancisce per le infrastrutture ferroviarie e
per quelle stradali il principio generale dell’allineamento della progettazione nazionale ai parametri e standard
tecnici previsti dalle norme europee.
In particolare l’art. 53.2 riporta: “Non possono essere applicati alla progettazione e costruzione delle nuove infrastrutture
ferroviarie nazionali nonché agli adeguamenti di quelle esistenti, parametri e standard tecnici e funzionali più stringenti rispetto a
quelli previsti dagli accordi e dalle norme dell'Unione Europea.”

4.7.2 MODALITA’ DI APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA DI RIFERIMENTO


Considerati le sovrapposizioni e i disallineamenti esistenti all’interno del quadro legislativo di riferimento
vigente, Rete Ferroviaria Italiana - al fine di superare i dubbi interpretativi nell’applicazione delle norme
inerenti la sicurezza nelle gallerie ferroviarie - ha adottato alcune linee di indirizzo per la
progettazione/realizzazione delle nuove gallerie ferroviarie e per quelle esistenti in caso di rinnovo o
ristrutturazione.
Gli indirizzi operativi sono relativi a:
- requisiti sicurezza per i quali il DM 28/10/2005 e la STI SRT prevedono indicazioni differenti;
- requisiti di sicurezza per i quali il DM 28/10/2005 prescrive indicazioni più stringenti rispetto a quelli
previsti dal STI SRT.

Indirizzi relativi a requisiti sicurezza per i quali il DM e la STI SRT prevedono indicazioni differenti

1 La Direttiva Europea 2008/57/CE definisce:


 “ristrutturazione”: lavori importanti di modifica di un sottosistema o di una sua parte che migliora l’insieme delle prestazioni
del sottosistema;
 “rinnovo”: lavori importanti di modifica di un sottosistema o di una sua parte che non modificano l’insieme delle prestazioni del
sottosistema.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 102 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Per le predisposizione di sicurezza per le quali il DM 28/10/2005 e la STI SRT contengono indicazioni
differenti (impianto idrico antincendio interno alle gallerie, resistenza al fuoco delle strutture, reazione al
fuoco dei materiali da costruzione, aree di sicurezza e uscite/accessi), dovranno essere applicate le misure
previste dalle norme tecniche di interoperabilità ferroviaria tenendo eventualmente conto di ulteriori
specifiche/indicazioni riportate nella presente sezione del Manuale di Progettazione.

Indirizzi relativi a requisiti di sicurezza per i quali il DM prescrive indicazioni più stringenti rispetto a quelli previsti dal STI
SRT
In applicazione all’art. 53.2 della Legge n. 27 del 24 marzo 2012 e come già comunicato al Ministero delle
Infrastrutture e dei Trasporti con note prot. RFI-DTC\A0011\P\2014\2339 del 08/08/2014 e prot. RFI-
DTC-SICS\A0011\P\2015\1227 del 04/08/2015 e RFI-DTC\A0011|P\2016\1559 del 10/08/2016, le
predisposizioni di sicurezza previste dal DM ma non dalla STI SRT (impianti telefonici di emergenza e di
diffusione sonora, aree di triage, piazzole per l'elisoccorso, disponibilità attrezzature di soccorso) non saranno
incluse nella progettazione di nuove gallerie a meno che non intervenga la prevista armonizzazione delle due
norme i cui indirizzi, in tal caso, dovranno essere recepiti con effetto immediato.

4.7.3 PROCESSI AUTORIZZATIVI SPECIFICI PER LE GALLERIE

4.7.3.1 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA’


Le gallerie ferroviarie di lunghezza superiore a 2000 m rientrano tra le attività di categoria “A” soggette alla
disciplina della prevenzione incendi di cui al "Regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione
incendi, a norma dell'articolo 49 comma 4-quater, decreto legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito con modificazioni, dalla legge
30 luglio 2010, n. 122", adottato con Decreto del Presidente della Repubblica n. 151 del 1 agosto 2011 e
pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 221 in data 22 settembre 2011.
Per tali attività il D.P.R. 151/2011 prevede che il competente gestore presenti una Segnalazione Certificata di
Inizio Attività (SCIA) corredata dalla documentazione prevista dal D.M. 7 agosto 2012 “Disposizioni relative alle
modalità di presentazione delle istanze concernenti i procedimenti di prevenzione incendi e alla documentazione da allegare, ai
sensi dell'arti-colo 2, comma 7, del decreto del Presidente della Repubblica 1° agosto 2011, n. 151”.

4.7.3.1.1 Termini per la presentazione della SCIA


I termini per la presentazione della SCIA sono differenti a seconda che si tratti di tratti di attività esistenti alla
data di entrata in vigore del D.P.R. 151/11 o di nuove attività.
Gallerie esistenti alla data di entrata in vigore del D.P.R. 151/2011
Il termine per la presentazione della SCIA - inizialmente previsto al 7 ottobre 2012 dal D.P.R. 151/2001 e
successivamente posticipato al 7 ottobre 2014 dall’art. 38.2 della Legge 9 agosto 2013, n. 98, recante la
conversione in legge del Decreto Legge 69/2013 “Disposizioni urgenti per il rilancio dell’economia” e,
successivamente - è stato definitivamente fissato al 7 ottobre 2016 dall’art. 4.2 bis della Legge 27 febbraio
2015, n. 11, recante la conversione in legge del Decreto Legge 31 dicembre 2014, n.192 (c.d. Decreto Mille
Proroghe).
Fanno eccezione le gallerie sprovviste dei requisiti di sicurezza previsti dal DM 28/10/2005 per le quali, con
l’art. 7.1 della Legge 7 agosto 2012 n. 134, recante la conversione in Legge del Decreto Legge 83/2012 “Misure
urgenti per la crescita del Paese”, il normatore ha disposto che “…..gli adempimenti amministrativi stabiliti dal nuovo
regolamento siano espletati entro i sei mesi successivi al completamento degli adeguamenti previsti nei termini disciplinati
dall'articolo 55, comma 1-bis, del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni dalla legge 24 marzo 2012,
n.27” e cioè entro sei mesi dal completamento degli interventi di adeguamento prescritti dal DM 28/10/2005.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 103 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Gallerie attivate dopo l’entrata in vigore del D.P.R. 151/2011


La presentazione della SCIA - coerentemente con quanto prescritto dall’art. 4 del D.P.R. 151/2011. - dovrà
avvenire almeno entro 120 giorni prima della data attivazione della galleria.

4.7.3.2 PIANI DI EMERGENZA E SOCCORSO


Ai sensi del requisito minimo 3.3.1 di cui all’allegato II del DM 28/10/2005 e del punto 4.4.2 della vigente
STI SRT, per tutte le gallerie di lunghezza superiore a 1000 m dovranno essere approntate con le Autorità
Locali competenti e con le Imprese Ferroviarie che effettuano servizio sulle tratte in cui esse ricadono le
relative procedure per la gestione dell’emergenza (Piani di Emergenza e Soccorso - PES).
Tali procedure, predisposte prendendo a riferimento - oltre alle norme richiamate nel par. 4.7.1. - anche i
seguenti decreti e/o documenti condivisi col Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco:
- Comunicato del Dipartimento della Protezione Civile del 04/05/2006,
- Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 06/04/2006,
- Linee Guida per la redazione del Piano Generale di Emergenza di una lunga galleria ferroviaria del 1998,
allegato 1 alla presente sezione del Manuale,
dovranno, per ciascuno degli scenari incidentali ragionevolmente credibili in esse ipotizzati:
- definire i compiti e le responsabilità dei diversi Enti a vario titolo coinvolti;
- essere coerenti con le predisposizioni di sicurezza disponibili per l'autosoccorso, l'evacuazione, le attività
antincendio e il soccorso;
- essere coerenti con le pianificazioni di emergenza interne predisposte da ciascun Ente e in particolar
modo con i piani di emergenza interni (PEI) predisposti dal Gestore Infrastruttura sulla base della
vigente Linea Guida per la redazione del Piano di Emergenza Interno, allegato 2 alla presente sezione del
Manuale.
Per le gallerie di nuova realizzazione, al fine di giungere in tempo utile all’approntamento dei suddetti PES, i
relativi PEI dovranno essere predisposti per il successivo inoltro alle competenti Prefetture almeno 90 giorni
prima della loro attivazione.

4.7.3.3 DOCUMENTAZIONE DI SICUREZZA PREVISTA DAL DM 28/10/2005


I progetti delle gallerie dovranno essere approvati dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti secondo
quanto previsto dall’allegato IV del DM 28/10/2005, predisponendo la cosiddetta “Documentazione di
Sicurezza” di cui al paragrafo 7 dello stesso allegato IV al decreto.
Tale documentazione, che è parte integrante del progetto, dovrà contenere tra gli altri documenti anche
l’analisi di rischio da predisporre ai sensi delle “Linee guida per l’applicazione dell’analisi del rischio estesa alle gallerie
ferroviarie - DM 28/10/2005” - RFI DSR SIGS LG 01 1 0.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 104 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.7.4 PREDISPOSIZIONI DI SICUREZZA

4.7.4.1 DEFINIZIONE DI GALLERIA


Ai sensi del Regolamento (UE) n. 1303/2014, una galleria è uno scavo o una costruzione intorno ai binari di
lunghezza non inferiore a 0.1 km mediante cui si consente alla ferrovia di passare, per esempio, sotto terreni,
edifici o corsi d'acqua sovrastanti.
La lunghezza di una galleria è definita come la lunghezza della sezione completamente chiusa, misurata al
livello del piano del ferro. Inoltre, le stazioni e le fermate sotterranee non rappresentano un intervallo ai fini
della determinazione della lunghezza delle gallerie.

4.7.4.2 SCENARI DI RISCHIO


Ai fini dell'individuazione degli scenari incidentali di rischio da prendere in considerazione nella progettazione
della sicurezza delle gallerie ferroviarie si fa riferimento alle indicazioni di cui al punto 2.2 dell'allegato al
Regolamento (UE) N. 1303/2014 della Commissione del 18 novembre 2014:
- scenari caldi (incendio, esplosione seguita da incendio, emissione di fumo o gas tossici);
- scenari freddi (collisione, deragliamento);
- sosta prolungata.
Relativamente agli scenari caldi, l’ambiente confinato della galleria può determinare un incremento del
rischio per i passeggeri a causa del brusco innalzamento della temperatura e dei prodotti della combustione
che rendono difficoltosa la sopravvivenza. Per fare fronte a tale tipo di scenari la norma prevede delle
predisposizioni di sicurezza per il sottosistema “Materiale Rotabile” (per esempio la capacità di movimento),
per il sottosistema “Infrastruttura” (per esempio resistenza la fuoco delle strutture, uscite, punti antincendio,
illuminazione, …) e per il sottosistema funzionale “Esercizio” (procedure operative quali per esempio i piani
di emergenza).
Relativamente agli scenari freddi, la galleria non comporta necessariamente un incremento del rischio per i
passeggeri. Per fare fronte a tale tipo di scenario la norma prevede delle predisposizioni di sicurezza
prevalentemente legate ai sottosistemi “Infrastruttura” ed “Esercizio” finalizzate in particolar modo alla
facilitazione di intervento da parte delle squadre dei soccorsi.
Infine, per sosta prolungata si intende una sosta non programmata in galleria, in assenza di uno scenario
caldo o freddo, che si protrae in galleria per una durata superiore a 10 minuti. Tale evento - pur non
costituendo di per sé, un pericolo per i passeggeri e il personale - può tuttavia dare adito a fenomeni di panico
e portare a una evacuazione spontanea e non controllata che può esporre le persone ai pericoli presenti in
galleria.

4.7.4.3 MISURE DI SICUREZZA


Nel seguito vengono riportate le principali prescrizioni sulle predisposizioni di sicurezza di tipo
infrastrutturale da attuare nella progettazione/realizzazione delle gallerie ferroviarie al fine di prevenire
l’insorgere degli scenari incidentali su descritti e di mitigarne - in caso di accadimento - gli effetti.

4.7.4.3.1 Impedire l’accesso non autorizzato alle uscite di emergenza e ai locali tecnici
Tale requisito si applica a tutte le gallerie di lunghezza superiore a 100 m.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 105 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

In corrispondenza degli imbocchi delle gallerie, degli eventuali ulteriori uscite/accessi e dei locali tecnici dovrà
essere previsto un sistema di protezione e controllo realizzato secondo quanto previsto nelle specifiche
tecniche e funzionali di seguito elencate:
- “Specifica funzionale per il sistema di protezione e controllo accessi delle gallerie ferroviarie” - RFI DPO PA LG A
- “Specifica tecnica per il sistema di controllo accessi delle gallerie ferroviarie e relativa supervisione/diagnostica TT 603” -
RFI TCTS ST TL 05 004 A.

4.7.4.3.2 Resistenza al Fuoco delle Strutture


Tale requisito si applica a tutte le gallerie di lunghezza superiore a 100 m.
Le strutture portanti delle gallerie dovranno avere caratteristiche di resistenza al fuoco tali da consentire
l’autosoccorso dei passeggeri e l’intervento delle squadre di intervento dei Vigili del Fuoco in sicurezza. A tal
fine dovrà essere effettua una verifica di resistenza al fuoco dei rivestimenti delle gallerie alla temperatura di
450 °C (massima temperatura in calotta ritenuta ammissibile per l’intervento delle squadre di soccorso) per
una durata almeno pari a 120 minuti.
Solo per le situazioni in cui il crollo delle gallerie potrebbe coinvolgere strutture in superficie o in adiacenza è
necessario che le strutture portanti delle gallerie siano verificate mediante curve d’incendio rappresentative
della tipologia di traffico ammesso a circolare sulle tratte in cui le gallerie ricadono.
Nel paragrafo 4.9 sono riportate le prescrizioni per le verifiche di resistenza al fuoco della strutture per i due
casi sopra descritti.

4.7.4.3.3 Reazione al fuoco del materiale da costruzione


Tale requisito si applica a tutte le gallerie di lunghezza superiore a 100 m.
Il materiale da costruzione e i pannelli non strutturali e le altre attrezzature dovranno soddisfare
rispettivamente i requisiti A2 e B del sistema di classificazione europeo di cui al DM 10/03/2005 “Classi di
reazione al fuoco per i prodotti da costruzione da impiegarsi nelle opere per le quali è prescritto il requisito della sicurezza in caso
di incendio”.
Come specificato dalla Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica del Dipartimento dei
Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile con nota prot. 7182 del 24/05/2012 (allegato 3
alla presente sezione del Manuale), il requisito di sicurezza sulla reazione al fuoco del materiale da costruzione
dovrà essere applicato - oltre che al materiale da costruzione - anche alle apparecchiature e agli impianti che
sono presenti in galleria in quantità tali da costituire pericolo di incendio in caso di fonti di innesco nonché
contribuire alla propagazione dell’incendio stesso.
Sono pertanto da ritenersi esclusi dall’obbligo di classificazione ai fini della reazione al fuoco le
apparecchiature quali lampade, interruttori, pantografi, antenne, centraline, scatole di controllo, segnali
indicatori, cassette di derivazione, telecamere, semafori, manichette, segnali di sicurezza, idranti e tubazioni
antincendio (laddove previste), ventilatori e tutti gli impianti o apparecchiature che possono essere considerati
elementi puntiformi rispetto allo sviluppo della galleria.
Tali apparecchiature devono essere individuati, elencati e trasmessi al Organismo Notificato in fase di verifica
CE/nazionale.
Sono invece soggetti ad obbligo di classificazione elementi quali canalizzazioni per cavi, canalizzazioni di
ventilazione e corrimani che racchiudano elementi luminosi, anche di tipo a led.
I materiali con obbligo di classificazione, qualora rientrino nel campo di applicazione di una specifica tecnica
armonizzata, potranno essere istallati solo qualora siano in possesso di marcatura CE che ne attestati la classe
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 106 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

di reazione al fuoco.

4.7.4.3.4 Area di Sicurezza


Tale requisito si applica a tutte le gallerie di lunghezza superiore a 1000 m.
Nelle gallerie dovrà essere garantito l’accesso, secondo le specifiche riportate al paragrafo successivo, ad
un’area sicura che tra l’altro deve:
- avere dimensioni tali da consentire l’esodo di tutti i passeggeri del treno di massima capacità ammesso a
circolare sulle tratte in cui le gallerie si trovano;
- garantire le condizioni di sopravvivenza per i passeggeri esodanti verso l’esterno per un tempo necessario
alla completa evacuazione dall’area di sicurezza al luogo sicuro finale.
Area di sicurezza per gallerie a singola canna
L’area di sicurezza nelle gallerie a singola canna sarà costituita dalla parte di uscita/accesso laterale posta oltre
la “camera di transizione” in sovrappressione (di cui al successivo par. 4.7.4.3.5) e dallo slargo/piazzale
realizzato in superficie al termine della/o stessa/o uscita/accesso laterale.
Tale area dovrà avere una superficie almeno pari a 500 m2.
Nel caso di gallerie a doppio binario, l’accesso all’area di sicurezza dal binario opposto alla stessa area dovrà
avvenire attraverso un sottopassaggio pedonale. Nel caso in cui ciò non fosse possibile si dovrà realizzare un
passaggio pedonale a raso in gomma ignifuga della lunghezza di 10 m e prevedere specifiche procedure
operative per regolare la discesa dal treno fermo in emergenza e il successivo attraversamento del passaggio
pedonale, verificando la compatibilità della tempistica dell'esodo con l'analisi di rischio.
Aree di sicurezza per gallerie a doppia canna (canne indipendenti adiacenti dotate di collegamenti trasversali)
L’area di sicurezza nelle gallerie a doppia canna dotate di collegamenti trasversali sarà costituita dalla canna
adiacente a quella sede dell’incidente. Come nel caso precedente (area di sicurezza per gallerie a singola canna
a doppio binario), l’accesso a tale area dovrà essere normata da specifiche procedure operative, verificando la
compatibilità della tempistica dell'esodo con l'analisi di rischio.
Area di sicurezza per punto Antincendio
Relativamente all’area di sicurezza presente all’interno dei punti antincendio si veda quanto riportato nel
paragrafo 4.7.4.3.9.

4.7.4.3.5 Accesso all’Area di Sicurezza


Il requisito sull’accesso all’area di sicurezza si applica a tutte le gallerie di lunghezza superiore a 1000 m.
Uscite/Accessi laterali e/o verticali verso la superficie
Le gallerie a singola canna dovranno essere dotate di uscite/accessi laterali e/o verticali verso l’esterno ogni
1000 m per consentire l’esodo dei passeggeri e l’intervento delle squadre di soccorso. Tali uscite/accessi
potranno essere del tipo pedonale (tavola 115) e/o carrabile (tavola 116).
Per gallerie di lunghezza superiore a 4 km dovrà essere realizzata una uscita/accesso di tipo carrabile con un
passo pari a circa 4 km.
Le uscite/accessi di tipo pedonale - che avranno una piattaforma di larghezza pari a 3.00 m e un’altezza in
chiave di 3.00 m - saranno accessibili dalla galleria attraverso 2 porte REI 120 della larghezza di 90 cm e
dell’altezza di 200 cm.
Le uscite/accessi di tipo carrabile - che avranno una piattaforma di larghezza pari a 6.00 m e un’altezza in
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 107 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

chiave di 6.00 m - saranno accessibili dalla galleria attraverso 3 porte REI 120 della larghezza di 90 cm e
dell’altezza di 200 cm.
Per le uscite/accessi di tipo pedonale dovrà prevedersi, nella parte terminale lato galleria, una zona più larga
dotata di impianto per il controllo dei fumi - denominata “camera di transizione” - delle dimensioni minime
pari a 3 m x 3 m. Per permettere l’esodo dei passeggeri dalla camera di transizione verso la finestra e l’accesso
delle squadre dei Vigili del Fuoco dalla finestra alla camera di transizione, la suddetta camera dovrà essere
dotata di 2 porte della larghezza di 90 cm.
Per le uscite/accessi di tipo carrabile dovrà prevedersi, nella parte terminale lato galleria, una zona più larga
dotata di impianto per il controllo dei fumi - denominata “camera di transizione” - delle dimensioni minime
pari a 15 m x 15 m atta a consentire l’inversione di marcia dei veicoli di soccorso. Per permettere l’esodo dei
passeggeri dalla camera di transizione verso la finestra e l’accesso delle squadre dei Vigili del Fuoco dalla
finestra alla camera di transizione, la suddetta camera dovrà essere dotata di 2 porte della larghezza di 90 cm e
di una porta di tipo carrabile della larghezza di 300 cm.
Le sezioni delle uscite/accessi su riportate potranno essere ottimizzate in funzione sia della tipologia di
galleria ferroviaria (semplice/doppio binario) sia della razionalizzazione degli impianti e predisposizioni di
sicurezza presenti nelle stesse uscite/accessi.
Le suddette “camera di transizione” saranno mantenute in sovrappressione a 30 Pa mediante un impianto di
controllo fumi.
Lungo le finestre di tipo carrabile il percorso pedonale (larghezza 1.50 m) dovrà essere opportunamente
indicato e reso individuabile/distinto rispetto a quello carrabile.
Qualora a valle di verifiche condotte risultasse necessario, lungo le uscite/accessi dovranno essere realizzati
setti intermedi per limitare/contrastare l’“effetto camino” che si instaura naturalmente negli stessi e che
potrebbe inficiare il funzionamento dell’impianto di controllo fumi.
Al fine di essere fruibili come vie di esodo per i viaggiatori e come vie di accesso per le squadre di soccorso, le
uscite/accessi dovranno essere attrezzate con:
- un impianto di illuminazione in grado di consentire un livello di illuminazione pari a 5 lux a 100 cm dal
piano di calpestio, attivabile da almeno 2 interruttori posti in adiacenza agli ingressi delle uscite/accessi;
- un impianto per le radio comunicazione delle squadre di soccorso;
- un impianto per la messa a terra della linea di contatto;
- un impianto di controllo fumi;
- un impianto di ventilazione sanitaria (qualora necessario e limitatamente al caso delle finestre carrabili);
- segnaletica di emergenza.

Collegamenti trasversali
Le gallerie a doppia canna dovranno essere dotate di collegamenti trasversali (by-pass) in sovrappressione
(mediante impianto di controllo fumi in grado di garantire 30 Pa) posti ad un distanza non superiore a 500 m
al fine di accedere, in caso di incidente, alla canna adiacente, luogo sicuro rispetto all’altra.
I by-pass dovranno essere accessibili dalla galleria attraverso 2 porte REI 120 della larghezza di 90 cm e
dell’altezza di 200 cm.
Le dimensioni trasversali dei bypass (tavola 117) dovranno essere tali da garantire l’esodo dei passeggeri.
- una piattaforma di larghezza pari a 3.00 m;
- un’altezza in chiave di 3.00 m.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 108 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Al fine di essere fruibili come vie di esodo per i viaggiatori, i bypass dovranno essere attrezzati con:
- un impianto di illuminazione in grado di consentire un livello di illuminazione pari a 5 lux a 100 cm dal
piano di calpestio, attivabile da almeno 2 interruttori posti in adiacenza agli ingressi dei bypass;
- un impianto per le radio comunicazione delle squadre di soccorso;
- un impianto di controllo fumi;
- segnaletica di emergenza.

Strade per l’accesso alle uscite/accessi laterali e/o verticali


Per la viabilità di accesso alle uscite/accessi laterali e/o verticali dovrà essere adottata la piattaforma prevista
dal D.M. 5 Novembre 2001 “Norme funzionali e geometriche per la costruzione delle strade” per le strade locali di
categoria F (soluzione base a due corsie di marcia; ambito urbano; velocità di progetto massima di 60 km/h)
priva delle banchine laterali, per una larghezza trasversale complessiva di 6.5 m.
Qualora non fosse possibile rispettare i criteri progettuali contenuti nel D.M. 5 Novembre 2001, come ad
esempio nel caso di strade di montagna collocate su terreni morfologicamente difficili, dovranno in ogni caso
essere rispettate le seguenti caratteristiche:
- larghezza non inferiore a 4 m con allarghi a 6 m ogni 250 m per permettere l’incrocio dei mezzi di
soccorso;
- pendenza inferiore al 16%;
- raggio di curvatura maggiore o uguale a 11 m.

La suddetta viabilità dovrà essere costituita da:


- strato di usura in conglomerato bituminoso chiuso dello spessore finito non inferiore a 3 centimetri,
- strato di collegamento (binder) in conglomerato bitumoso semiaperto dello spessore finito non inferiore a
4 centimetri,
- strato di base in conglomerato bitumoso aperto dello spessore finito non inferiore a 8 centimetri;
- strato di fondazione di inerti stabilizzati all’acqua e compattati dello spessore finito non inferiore a 20
centimetri;
- corpo del rilevato;
- strato anticapillare di sottofondazione in pietrischetto dello spessore minimo di 50 cm,
- strato di eventuale bonifica.
Saranno inoltre realizzate idonee opere per la captazione e lo smaltimento delle acque piovane. A tale scopo,
contemporaneamente alla formazione della sede stradale, saranno predisposte apposite cunette, pozzetti di
raccolta e relativi imbocchi di raccordo. Tali opere saranno realizzate in conglomerato cementizio vibrato e
avranno caratteristiche tali da minimizzare gli interventi di manutenzione.
Ove necessario saranno previste apposite barriere di sicurezza omologate
in acciaio zincato costituite da una fascia orizzontale avente sezione sagomata, fissata a montanti di profilato
metallico fondati su manufatti in calcestruzzo.
La viabilità di accesso a servizio della galleria dovrà essere corredata da segnaletica stradale di tipo orizzontale
e verticale le cui caratteristiche e la cui collocazione dovrà essere conforme a quanto previsto dal Codice della
Strada (C.d.S.) e dal relativo Regolamento di attuazione.
In particolare la segnaletica di emergenza posta in prossimità del cancello separazione dalla viabilità ordinaria
comunale/provinciale sarà costituita da cartelli riportanti le seguenti diciture:
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 109 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

- “Accesso di emergenza”;
- “Divieto di transito ai veicoli non autorizzati”;
- “Divieto permanente di sosta e di fermata”;
- “Proprietà di RFI”.

In prossimità della uscita/accesso laterale si dovrà prevedere uno slargo di area pari a 200 m2 per consentire le
operazioni di manovra dei mezzi. Le dimensioni di tale slargo potranno essere incrementate al fine di
garantire una superficie almeno pari a 500 m2 per l’area di sicurezza di cui al par. 4.7.4.3.4.
Lo slargo per la manovra dovrà essere separato dalla viabilità di accesso attraverso un cancello in acciaio
zincato della larghezza minima pari a 4.00 m e dell’altezza minima pari a 2.00 m.

4.7.4.3.6 Illuminazione di emergenza nelle vie di esodo


Tale requisito si applica a tutte le gallerie di lunghezza superiore a 500 m.
In galleria, lungo le vie di esodo, al fine di garantire un congruo livello di illuminazione, dovrà essere
realizzato un impianto di illuminazione di emergenza secondo quanto previsto dalla specifiche tecniche di
seguito elencate:
- “Miglioramento della sicurezza in galleria impianti luce e forza motrice di emergenza per gallerie oltre i 1000 m” - RFI
DPRIM STC IFS LF610 C;
- “Miglioramento della sicurezza in galleria impianti luce e forza motrice di emergenza per gallerie lunghe tra i 500 e 1000
m” - RFI DPRIM STC IFS LF611 B.

4.7.4.3.7 Segnaletica di emergenza


Tale requisito si applica a tutte le gallerie di lunghezza superiore a 100 m.
Scopo della segnaletica
Scopo della segnaletica di emergenza è quello di attirare l'attenzione in modo rapido e facilmente
comprensibile, mediante l’uso di cartelli, su oggetti, situazioni e comportamenti che hanno rilevanza ai fini
della sicurezza.
I cartelli possono essere di 2 tipi:
1) cartelli per la facilitazione dell’esodo dei viaggiatori:
- cartelli con l’indicazione della distanza delle uscite più vicine;
- cartelli con l’indicazione delle uscite dalla galleria ferroviaria, situate in corrispondenza degli eventuali
accessi intermedi e dei collegamenti trasversali nel caso di gallerie a doppia canna;
2) cartelli per l’individuazione delle predisposizioni di emergenza che interessano le squadre di soccorso:
- cartelli con l’indicazione dei dispositivi di protezione per i viaggiatori in caso di esodo (mascherine
antifumo);
- cartelli con l’indicazione delle attrezzature di emergenza a disposizione delle squadre di soccorso;
- cartelli con l’indicazione dei punti di alimentazione degli apparati elettrici;
- cartelli con l’indicazione del complesso idrico antincendio (laddove presente);
- cartelli con l’indicazione dei pulsanti di accensione dell’illuminazione di emergenza in galleria;
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 110 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

- cartelli con l’indicazione dei dispositivi di messa a terra della linea di contatto.
Caratteristiche e dimensioni dei cartelli
La segnaletica non dovrà mai essere realizzata mediante corpi illuminanti che costituiscano sorgenti luminose.
Dovranno essere realizzati su supporti di alluminio, rispondenti alla norma UNI 7543 (P - ALP 99,5 h 70),
avente uno spessore minimo di 20/10 mm, salvo situazioni particolari che potranno richiedere materiali di
supporto con caratteristiche prestazionali equivalenti o superiori.
I cartelli segnalanti le varie predisposizioni di emergenza posti in cassetta/contenitori presenti in nicchia
(laddove presenti) dovranno essere realizzati, qualora sia possibile, mediante pellicole aderenti poste sopra gli
sportelli delle cassette/contenitori onde ridurre la copertura della superficie della nicchia ai fini di consentirne
una agevole ispezione e manutenzione.
La segnaletica dovrà essere installata, lungo le pareti della galleria, mediante idonei tasselli in funzione della
tipologia/composizione delle pareti della galleria ovvero della struttura di sostegno.
Per il sistema di fissaggio dovrà essere utilizzata una tipologia omogenea di tasselli facilmente reperibili sul
mercato, che possano assicurare un’agevole manutenzione /sostituzione dei cartelli.
Le caratteristiche e il numero dei tasselli dovranno permettere ai cartelli di rimanere saldamente fissati alla
parete/supporto in presenza delle azioni indotte dal transito dei treni, tenendo conto degli effetti aerodinamici.
I cartelli dovranno essere di tipo fotoluminescente, cioè ricoperti di una pellicola che consenta la visibilità del
cartello, oltre che nelle condizioni normali di illuminazione, anche in condizioni di oscurità secondo la norma
DIN 6751.
Posizionamento dei cartelli
Durante la progettazione della segnaletica si dovrà:
- garantire un numero adeguato di cartelli, la loro corretta distribuzione e collocazione;
- evitare l'affollamento dei cartelli;
- evitare la contemporaneità dei cartelli simili;
- garantire un adeguato contrasto fra la superficie di applicazione e i cartelli;
- garantire condizioni agevoli per la relativa manutenzione, pulizia, revisione ed eventuale sostituzione.
Ogni cartello dovrà essere posto in posizione tale da essere ben visibile all’accensione delle luci di emergenza.
La segnaletica dovrà essere collocata in modo da essere visibile tenendo conto di eventuali ostacoli.
I cartelli dovranno essere posti longitudinalmente in aderenza alle pareti della galleria.
Normalmente tutti i cartelli posti sui piedritti della galleria dovranno essere posizionati con il bordo inferiore a
circa 1.50 m dal piano di calpestio.
Qualora in galleria siano presenti nicchie e/o nicchioni, eventuali predisposizioni di sicurezza in essi presenti
dovranno essere segnalati con cartelli posti sia all’esterno della nicchie che sui piedritti della galleria.
Nella tabella seguente viene riportata la descrizione dei singoli cartelli con le rispettive dimensioni.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 111 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

I cartelli per l’esodo dei viaggiatori


dovranno essere scritti in lingua italiana
e inglese e per le gallerie di confine
anche nella lingua del paese confinante.
Dovranno riportare oltre al
pittogramma tipico anche l’indicazione
della distanza
delle uscite più prossime.
Tali cartelli saranno posizionati con
passo non superiore a 50 m e dovranno
essere sfalsati rispetto all’altro
Cartelli per l’esodo e di uscita camminamento nel caso di gallerie a
doppio binario.

In corrispondenza delle uscite dalla


galleria ferroviaria, situate negli
eventuali accessi intermedi (come le
Uscite di emergenza sulla porta finestre e i pozzi), e nei collegamenti
trasversali nel caso di gallerie a doppia
canna, andranno posti i cartelli di uscita
di emergenza, previsti rispettivamente
per il posizionamento sopra l’uscita e a
parete.

Uscite di emergenza a parete


MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 112 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

L’ubicazione dei dispositivi di


protezione come le mascherine
antifumo a protezione delle vie
respiratorie, del tipo usa e getta, dovrà
essere segnalata tramite un cartello
come quello riportato di fianco.
Qualora l’armadio contenente le
mascherine fosse collocato nelle nicchie
(laddove previste), il cartello dovrà
essere disposto
all’esterno ed all’interno della nicchia.

Mascherine antifumo

In corrispondenza di eventuali armadi


contenenti le attrezzature di emergenza
a disposizione delle squadre di soccorso
andranno posti cartelli come quello
riportato di fianco.

Attrezzature per le squadre di soccorso

Per segnalare la presenza della presa


elettrica per l’alimentazione degli
apparati elettrici in uso alle squadre di
soccorso andrà posizionato un cartello
come quello di seguito riportato.

Prese elettrica per le squadre di soccorso


MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 113 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.7.4.3.8 Marciapiedi per l’esodo


Tale requisito si applica a tutte le gallerie di lunghezza superiore a 500 m.
Lungo le gallerie dovranno essere realizzati marciapiedi per l’esodo dei viaggiatori di larghezza di norma pari a
120 cm, posti su un singolo lato del tunnel nel caso di gallerie a singolo binario o su entrambi i lati nel caso di
gallerie a due o più binari.
Nel caso di gallerie con più di 2 binari, l’esodo dai binari intermedi dovrà essere garantito realizzando
marciapiedi di larghezza minima pari a 80 cm.
I marciapiedi dovranno essere realizzati garantendo una superficie di calpestio priva di elementi di
discontinuità.
Il livello del marciapiede rispetto al piano del ferro dovrà essere tale da consentire un’agevole fruizione da
parte dei passeggeri in discesa dal treno. In particolare, i marciapiedi (Figura 4.7.4.1) dovranno avere:
- un’altezza di:
 +55 cm misurata perpendicolarmente al piano di rotolamento del binario attiguo lungo l’intero sviluppo
longitudinale della galleria nel casi di armamento tradizionale;
 +25 cm misurata perpendicolarmente al piano di rotolamento del binario attiguo lungo l’intero sviluppo
longitudinale della galleria nel casi di armamento su piastra;
- una distanza del ciglio dal bordo interno della più vicina rotaia pari a:
 113 cm misurata parallelamente al piano di rotolamento nel caso di armamento tradizionale;
 90 cm misurata parallelamente al piano di rotolamento nel caso di armamento su piastra.

Figura 4.7.4.1 - Marciapiedi in galleria


MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 114 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.7.4.3.9 Punti Antincendio


Il requisito sui punti antincendio si applica a tutte le gallerie di lunghezza superiore a 1000 m.
La lunghezza della galleria, limitatamente a tale requisito, dovrà essere calcolata considerando che due o più
gallerie - di lunghezza anche inferiore a 1 km - che si susseguono a breve distanza l’una dall’altra devono
essere considerate come un'unica galleria consecutiva a meno che non siano soddisfatte entrambe le
condizioni indicate di seguito:
1) la separazione tra le gallerie nel tratto all'aperto è superiore alla lunghezza massima del treno destinato a
circolare sulla linea incrementato di 100 metri;

2) lo spazio all'aperto e la situazione dei binari in prossimità della separazione tra le gallerie permettono ai
passeggeri di allontanarsi dal treno lungo uno spazio sicuro. Lo spazio sicuro deve contenere tutti i
passeggeri della capacità massima del treno destinato a circolare sulla linea.

Tale requisito prevede che, nelle gallerie dovranno essere realizzate apposite zone in cui arrestare il treno
incendiato al fine di consentire l’esodo dei passeggeri, l’intervento delle squadre di soccorso dei Vigili del
Fuoco, la messa a terra della linea di contatto mediante dispositivi fissi (Sistema di Messa a Terra della Linea
di Contatto in Sicurezza - STES) e il trattamento antincendio del treno stesso.
Tali zone - denominate Punti Antincendio - dovranno essere realizzate agli imbocchi delle gallerie (tavola 118)
ed all’interno delle stesse con un passo di 20 km (tavola 119).
La posizione dei Punti Antincendio dovrà essere riportata all’interno dei Fascicoli Linee, emanati dalle
Direzioni Territoriali Produzione competenti.
L’esodo dei passeggeri dovrà avvenire attraverso un marciapiede caratterizzato da:
- caratteristiche geometriche: larghezza di 2 m ed altezza come definita al precedente punto 4.7.4.3.8
(Marciapiedi per l’esodo);
- lunghezza pari alla lunghezza del treno di massima capacità ammesso a circolare sulle tratte in cui la
galleria si trova.
Sul marciapiedi inoltre sarà presente un impianto idrico antincendio a idranti - che potrà essere a secco o ad
“acqua morta” - costituito da:
- una rete idranti UNI 45 disposti sul marciapiedi parallelamente alla galleria con un passo di 125 m;
- una condotta di adduzione primaria in materiale plastico annegata nel marciapiedi e protetta REI 60;
- condotte di derivazione per l’alimentazione degli idranti;
- saracinesche di intercettazione ad ogni derivazione per l’alimentazione degli idranti;
- sfiati, ammortizzatori per le sovrappressioni, valvole di scarico, valvole di non ritorno, accessori e
valvolame vario;
- attacchi motopompa VVF del tipo UNI 70/UNI 100.
Nel caso di impianto ad “acqua morta”, la condotta dovrà essere opportunamente protetta per evitare il
rischio di elettrocuzione in caso di rottura della stessa.
L’impianto sarà alimentato da una riserva idrica di 100 m3 in grado di garantire una portata complessiva di 800
l/min per 2 ore ed una pressione minima di 2 bar per l’idrante posto nelle condizioni più sfavorevoli.
La riserva sarà dotata di:
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 115 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

- una tubazione di carico/reintegro della vasca;


- una sonda di allarme di basso livello dell’acqua;
- una valvola a galleggiante indicante il livello massimo di riempimento;
- una tubazione di scarico di fondo della vasca;
- una tubazione di alimentazione dell’impianto antincendio, che preleverà l’acqua ad un’altezza di circa 15
- centimetri dal fondo della vasca, dotata di filtro;
- una tubazione di sfiato;
- tubazione di scarico di troppo pieno;
- un indicatore di livello.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 116 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Punti Antincendio agli imbocchi delle gallerie


In prossimità dei Punti Antincendio posti agli imbocchi della galleria sarà realizzato un piazzale a piano del
ferro avente una superficie minima di 500 m2 dove allocare la riserva idrica per l’alimentazione della rete di
idranti su descritta.
Il piazzale dovrà essere opportunamente illuminato, per gli interventi nelle ore notturne, attraverso il
posizionamento di uno o più pali dotabili di fari, realizzati secondo quanto riportato nella specifica tecnica RFI
DMA IM LA SP IFS 600 A “Torri Faro a Corona Mobile”. Il numero di torri fari e la loro disposizione sul
piazzale dovrà garantire un livello di illuminazione tale da effettuare tutte le operazioni per la gestione
dell’emergenza in sicurezza e comunque non inferiore a quello realizzato in galleria lungo le vie di esodo.
Nel piazzale sarà presente anche un pozzetto stagno contenente l’interruttore e più prese per l’energia elettrica
con alimentazione monofase a 220 V ed una potenza di almeno 4 kW.
In ordine alle caratteristiche geometriche e planoaltimetriche del piazzale, della ubicazione dei dispositivi sopra
citati, nonché delle caratteristiche dei mezzi previsti per l’emergenza, dovranno essere individuate e segnalate -
anche sulla base di quanto riportato nelle pianificazioni per la gestione dell’emergenza - le seguenti zone:
- area di stazionamento dei mezzi di soccorso e di relativa manovra;
- corridoio per il transito di un eventuale veicolo bimodale;
- area per il trattamento sanitario dei feriti (Posto Medico Avanzato - PMA);
- area per la sosta dei passeggeri esodanti;
- area in cui posizionare il Posto di Comando Avanzato (PCA).
Sul piazzale troveranno, inoltre, collocazione il fabbricato tecnologico (qualora previsto) in cui collocare la
postazione per il comando, la diagnostica e manutenzione delle predisposizioni di sicurezza nonché il
fabbricato a servizio della rete di idranti e la riserva idrica su menzionata (tavole 120 e 121).
Saranno inoltre realizzate idonee opere per la captazione e lo smaltimento delle acque piovane. A tale scopo,
contemporaneamente alla formazione della sede stradale, saranno predisposte apposite cunette, pozzetti di
raccolta e relativi imbocchi di raccordo. Tali opere saranno realizzate in conglomerato cementizio vibrato e
avranno caratteristiche tali da minimizzare gli interventi di manutenzione.
Limitatamente alle gallerie di lunghezza superiore a 5000 m, dal piazzale di emergenza dovrà essere possibile
l’accesso alla sede ferroviaria, attraverso un opportuno piano a raso in elementi prefabbricati in gomma che
consenta il posizionamento di un eventuale mezzo bimodale sul binario e l’attraversamento dei binari da parte
di mezzi gommati.
Tale piano dovrà avere lunghezza minima non inferiore a 20 metri. L’accesso dal piazzale al piano a raso dovrà
essere opportunamente protetto con una idonea barriera fisica amovibile.
Il piano a raso dovrà essere realizzato in modo tale da interessare oltre il tratto compreso tra le due rotaie del
binario anche l’intervia e/o la parte esterna al binario.
Gli elementi prefabbricati in gomma dovranno essere ignifughi e avere caratteristiche tali da consentire sia la
regolare manutenzione degli stessi che la rincalzatura, il risanamento e il rinnovamento del binario.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 117 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Punti Antincendio all’interno delle gallerie


Il Punto Antincendio interno alla galleria sarà collegato all’area di sicurezza di cui al par. 4.7.4.3.4 attraverso
un numero di accessi tale da assicuri l’esodo di tutti i viaggiatori del treno di massima capacità in un tempo
definito dal paragrafo 4.2.3.4.1 della STI LOC&PAS.
A livello puramente indicativo, il numero di accessi sarà pari a:
- 3 della larghezza di 120 cm e dell’altezza di 200 cm (protetti con porte REI 120), nel caso di treni di
lunghezza pari a 200 m,

- 5 della larghezza di 120 cm e dell’altezza di 200 cm (protetti con porte REI 120), nel caso di treni di
lunghezza pari a 400 m.

Il Punto Antincendio sarà collegato con l’esterno mediante una finestra carrabile le cui caratteristiche sono
descritte nel paragrafo 4.7.4.3.5.
All’imbocco esterno della finestra dovrà essere previsto un piazzale di 500 m 2 avente le caratteristiche su
menzionate.

Strade per l’accesso ai punti antincendio


Per la viabilità di accesso ai punti antincendio interni o esterni che essi siano, si veda quanto riportato al
4.7.4.3.5.
Tali viabilità - qualora a servizio degli imbocchi delle gallerie - dovranno arrivare il più possibile in prossimità
dei portali delle gallerie e a quota del piano del ferro.

4.7.4.3.10 Fabbricato Tecnologico


I fabbricati tecnologici contenenti le postazioni per il comando, la diagnostica e manutenzione delle
predisposizioni di sicurezza presenti in galleria, di norma posti all’/agli imbocco/imbocchi della/delle gallerie
più lunghe di 1000 m, saranno costituiti - nella configurazione più completa (con cabina di trasformazione
Media/Bassa tensione) e salvo diverse esigenze legate alla specifica galleria - da manufatti ad un piano fuori
terra con copertura piana e pianta rettangolare di dimensioni pari a 6,00 m x 24,00 m (tavola 120).
Tali manufatti - in linea di massima realizzati con strutture intelaiate in cemento armato, murature in blocchi di
cls intonacati all’interno e rivestiti all’esterno e coperture piane in latero cemento - saranno composti dai
seguenti locali:
- locale comando e controllo (dimensioni di riferimento: 32,00 m2);
- locale TLC (dimensioni di riferimento: 16,20 m2);
- locale batterie (dimensioni di riferimento: 7,50 m2);
- locale quadri (dimensioni di riferimento: 5,70 m2);
- locale cabina di trasformazione Media/Bassa Tensione (dimensioni di riferimento: 44,80 m2);
- cabine Enel (dimensioni di riferimento: 4,50 m2 + 8,70 m2).
Le dimensioni dei manufatti su riportate potranno essere ottimizzate in funzione sia della tipologia di galleria
ferroviaria (semplice/doppio binario) sia della razionalizzazione degli impianti e predisposizioni di sicurezza
presenti nelle stesse uscite/accessi.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 118 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Impianti a servizio del fabbricato tecnologico


Il fabbricato tecnologico sarà dotato dei seguenti impianti:
- impianto elettrico;
- impianto di messa a terra e protezione;
- impianto di rilevazione incendi;
- impianto anti-allagamento;
- impianto anti-intrusione e controllo accessi;
- impianto di ventilazione per locale cabina di trasformazione MT/BT;
- impianti di condizionamento.

Fabbricati per gallerie più corte di 1000 m


Per le gallerie più corte e in particolare per quelle di lunghezza non superiore a 1000 m, in luogo dei fabbricati
tecnologici, potranno essere realizzati uno o più shelter contenente i quadri elettrici e gli altri eventuali
dispositivi a servizio degli impianti di sicurezza in galleria.
Per tali gallerie l’accesso per motivi manutentivi alle apparecchiature disposte agli imbocchi sarà garantito
attraverso la linea ferroviaria.
Nei casi in cui fosse indispensabile un fabbricato per locali MT/BT in prossimità di un imbocco della galleria
(ovvero uno shelter per i quadri B.T. per consegna ENEL) sarà necessario prevedere un collegamento (se
possibile pedonale di larghezza pari almeno a 1,5 m e con una servitù di passaggio) dal fabbricato alla più
vicina strada pubblica per consentire l’accesso agli operatori di Terna/Enel.
Inoltre, in corrispondenza del fabbricato MT/BT dovrà essere previsto un collegamento alla piattaforma
ferroviaria percorribile dai mezzi di manutenzione per poter operare il trasporto dei trasformatori e dei
componenti elettrici necessari per le attività di gestione e manutenzione del fabbricato medesimo; qualora tale
collegamento rendesse troppo difficoltoso il trasporto di materiali dalla sede ferroviaria al fabbricato ovvero,
se economicamente più conveniente, si dovrà prevedere una strada carrabile esterna di dimensioni le più
contenute possibili.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 119 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

LINEE GUIDA DI PROGETTAZIONE STRUTTURALE

4.8.1 PREMESSA
Nel presente capitolo ‘Linee guida di progettazione strutturale’ sono definiti i principi e le metodologie da
adottare per la progettazione strutturale delle nuove opere ferroviarie in sotterraneo, quali gallerie e cameroni.
Sarà quindi descritto il percorso metodologico da utilizzare per l’analisi delle condizioni di stabilità della
galleria ed il suo comportamento tenso-deformativo, in assenza ed in presenza di interventi con
l’individuazione del modello di interazione terreno/struttura più opportuno. Successivamente, si procederà
alla progettazione della sezione tipo utilizzando la classificazione esposta al paragrafo 4.8.2.4, che adotta la
suddivisione in Classi, Famiglie e Sezioni tipo strutturali come di seguito riportato in Figura 4.8.1.1. Infine
sono stati sinteticamente descritti i metodi analitici di utilizzo più comune, distinguendo tra metodi analitici
semplificati, frequentemente adottati in fase preliminare, e procedimenti numerici, da tempo divenuti lo
standard per il dimensionamento definitivo.

CLASSI FAMIGLIE SEZIONI TIPO

R10
SEZIONI TIPO
CLASSE R1 IDENTIFICATE
R11 DAL
PROGETTISTA
R12

R20
SEZIONI TIPO
R21
IDENTIFICATE
CLASSE R2 DAL
R22
PROGETTISTA
R22p

T1
SEZIONI TIPO
CLASSE T IDENTIFICATE
T2 DAL
PROGETTISTA
T2

Figura 4.8.1.1 - Suddivisione delle Sezioni tipo

4.8.2 METODOLOGIA DI PROGETTAZIONE


Ultimata la definizione dei requisiti funzionali della galleria (capitolo 4.6), si procede alla fase di progettazione
strutturale dell’opera.
La progettazione si articola generalmente in una successioni di fasi così schematizzabili:
- caratterizzazione e modellazione geologica ↔ geotecnica;
- analisi preliminare del comportamento allo scavo;
- scelta preliminare della metodologia di scavo e delle sezioni tipo strutturali, per tratte geotecnicamente
omogenee;
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 120 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

- analisi progettuale e verifica delle sezioni tipo adottate;


- eventuale modifica delle sezioni tipo, qualora queste non risultino verificate in fase di analisi/verifica;
- definizione del progetto esecutivo;
- (in fase di costruzione) eventuale modifica delle sezioni tipo adottate, secondo quanto riportato nelle
linee guida di applicazione.
Lo schema metodologico della progettazione è riportato graficamente in Figura 4.8.2.1.

DEFINIZIONE DEI REQUISITI FUNZIONALI E INDIVIDUAZIONE DEI


VINCOLI SOCIO-AMBIENTALI

CARATTERIZZAZIONE E
INDAGINI MODELLAZIONE GEOLOGICA
GEOLOGICHE E
GEOTECNICHE
CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA E
DEFINIZIONE MODELLO
GEOTECNICO

ANALISI PRELIMINARE E PREVISIONE


DEL COMPORTAMENTO ALLO SCAVO

SCELTA/MODIFICA DI:
 METODO DI SCAVO
MODIFICHE
DELLA SEZIONE  SEZIONI TIPO
TIPO

ANALISI PROGETTUALI E VERIFICHE

DEFINIZIONE DEL PROGETTO


ESECUTIVO

MISURE E MODIFICA
CONTROLLI IN SEZIONE TIPO
CORSO D’OPERA COSTRUZIONE (LINEE GUIDA
(MONITORAGGIO) DI
APPLICAZIONE)

Figura 4.8.2.1 - Schema logico della metodologia di progettazione


MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 121 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.8.2.1 CARATTERIZZAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA


In accordo alla suddivisione delle opere in categorie geotecniche riportate nell’Eurocodice 7 e sulla scorta
della definizione delle classi successivamente descritte nel paragrafo 4.8.2.4., la progettazione delle gallerie
avverrà, di norma, nel rispetto dei criteri posti alla base della categoria geotecnica 2 per la classe R1, e della
categoria geotecnica 3 per le classi R2 e T.
Tale suddivisione tiene conto del fatto che le previsioni sulle condizioni geologiche e geotecniche possano
essere caratterizzate da incertezze e che solo in particolari casistiche (gallerie in rocce dure e non fratturate,
non soggette a particolari requisiti di tenuta idraulica) si potrà operare nel rispetto dei criteri posti alla base
della categoria geotecnica 2.
La fase di caratterizzazione geologica e geotecnica inizia con la progettazione e l’esecuzione delle indagini e si
sviluppa attraverso la valutazione dei risultati ottenuti dalla campagna geognostica concludendosi con la
definizione del modello geologico e geotecnico di riferimento.
Per quanto riguarda la definizione della campagna di indagine è utile ricordare che ogni opera presenta
problemi specifici e non risulta quindi possibile individuare uno schema genericamente applicabile.
Indipendentemente dall’articolazione delle indagini, i dati ottenuti devono essere sufficienti a consentire
un’adeguata modellazione geologico/geotecnica dei terreni interessati dall’opera.
Nella fase di progettazione delle indagini è d'altra parte necessario tenere presente che esiste un limite al grado
di approfondimento delle indagini oltre il quale il rapporto imprevisti/costi risulta sconveniente. Come
illustrato nel diagramma di Figura 4.8.2.2, dove i costi delle indagini sono posti in relazione con le possibilità
di acquisire dati, si nota come l'ottimo di tale rapporto si collochi a circa il 60% del massimo teorico possibile
per le indagini. Un’indicazione di letteratura sulla spesa consigliabile per l'esecuzione delle indagini geologiche
e geotecniche espressa come percentuale del costo delle opere è fornita dalla tabella riportata in Figura 4.8.2.3.
Analizzando tale tabella si osserva come, in relazione alla difficoltà delle opere, è spesso opportuno riservare
alla fase di indagine una quota consistente degli investimenti totali previsti per la realizzazione dell’opera.

Figura 4.8.2.2 - Influenza dell'approfondimento delle indagini sui costi delle stesse e sugli imprevisti (Carter)
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 122 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

CONDIZIONI GEOLOGICHE

Non COMPLESSE COMPLESSE

<500m
1.2 1.5-1.8 1.5

COMPLESSE
CONDIZIONI IDROGEOLOGICHE

NON

COPERTURA
>500m
1.5-1.8 1.8-2.5 1.8-2.1
COMPLESSE

<500m
1.5 1.8-2.0 1.8

<2000 >2000m <2000


m m
LUNGHEZZA

Figura 4.8.2.3 - Spesa relativa all'esecuzione delle indagini geologiche e geotecniche, espressa in percentuale
del costo delle opere
Nella caratterizzazione geotecnica, che si sviluppa in continuità alla caratterizzazione geologica, devono essere
individuate le varie zone o tratti di galleria geotecnicamente omogenei che saranno interessati dallo scavo ed i
parametri geotecnici di competenza (deformabilità, resistenza, permeabilità, ...) rilevanti per il progetto.
L’individuazione di tali zone o tratti consente di distinguere le tipologie di interventi da utilizzare e la
conseguente scelta delle sezioni tipo di progetto, come più ampiamente specificato nel successivo paragrafo
4.8.2.4.
La caratterizzazione geotecnica ha come obiettivo l’individuazione del modello geotecnico del terreno e la
conseguente quantificazione dei parametri da utilizzare nelle analisi progettuali. Con riferimento agli ammassi
rocciosi è comprensibile che il loro comportamento discenda sia dalle caratteristiche della matrice lapidea
della roccia intatta, che dalla sua struttura geometrica, ovvero del sistema di discontinuità (giunti e fratture)
che la costituisce.
Come illustrato nella Figura 4.8.2.4 seguente, si fa riferimento alla classica distinzione tra i modelli che si
basano sull'ipotesi di continuo/continuo equivalente e di quelli nei quali si tiene esplicitamente conto delle
soluzioni di continuità, schematizzando l'ammasso roccioso come discontinuo (Barla, 1986; Ribacchi, 1993).

Figura 4.8.2.4 - Schematizzazione dell’ammasso roccioso


Tipicamente il modello continuo equivalente (che comporta la scelta del modello di comportamento del
terreno in termini di una legge costitutiva di carattere più o meno generale) viene utilizzato per i terreni sciolti
o le rocce di pessime caratteristiche e intensamente fratturate. Il modello continuo ed il modello discontinuo
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 123 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

sono adottati alternativamente per la descrizione del comportamento degli ammassi rocciosi. Nel primo caso
(continuo) il modello di comportamento descrive ammassi continui e deve consentire di tenere conto, qualora
fossero presenti alla scala della galleria, dell'effetto delle discontinuità in senso globale; nel secondo caso
(discontinuo) le stesse discontinuità sono parte determinante del modello e sarà necessario, anche per esse,
scegliere una legge costitutiva soddisfacente, che tenga conto anche delle loro caratteristiche geometriche,
come l’orientamento e la spaziatura. L'uso di un modello o dell'altro (continuo o discontinuo) dipende
sostanzialmente dal rapporto tra spaziatura delle discontinuità e dimensioni dello scavo e c'è un ampio campo
di sovrapposizione in cui può essere utile applicare entrambi i modelli e confrontarne i risultati.

CONTINUO Ammassi rocciosi continui o poco fratturati,


Scelta che dipende classe R1
dalla spaziatura delle
discontinuità e dalla
DISCONTINUO Ammassi rocciosi fratturati, classe R2
scala del problema

CONTINUO Terreni sciolti, ammassi di pessime caratteristiche o


EQUIVALENTE intensamente fratturati, classe T

Figura 4.8.2.5 - Relazione tra schematizzazione dell’ammasso e classi di sezioni

4.8.2.2 ANALISI PRELIMINARE E PREVISIONE DEL COMPORTAMENTO ALLO SCAVO


L’analisi preliminare e la previsione del comportamento dello scavo hanno l’obiettivo di stabilire in modo
speditivo la sezione strutturale più appropriata da adottare per tratti geotecnicamente omogenei. Tale scelta,
da effettuare durante la fase di progettazione di fattibilità tecnica ed economica, deve essere eseguita di
norma, per le gallerie scavate in tradizionale, all’interno delle dieci famiglie di sezioni strutturali di riferimento,
successivamente descritte nel capitolo 4.13 (‘Sezioni tipo strutturali’).
Si rimanda a quanto riportato nel successivo paragrafo 4.8.2.4 per una guida all’individuazione della sezione
tipo più adeguata. Tale scelta dovrà essere successivamente verificata nella fase definitiva di progettazione.
In linea generale, nella fase di analisi preliminare, il progetto deve prevedere la valutazione della stabilità della
galleria in condizioni intrinseche (naturali) del terreno, cioè in assenza degli eventuali interventi di
stabilizzazione. Tali interventi sono individuati sulla base dell’analisi di stabilità preliminare, tenendo in
considerazione metodologia di avanzamento e le modalità di costruzione.
In relazione al modello geotecnico scelto si dovranno individuare i possibili scenari di instabilità che possono
riguardare la galleria in progetto. Dovrà essere esaminato l’eventuale sviluppo di zone plastiche sul contorno
del cavo ed al fronte di scavo, l'entità delle deformazioni attese e le potenziali instabilità di cavo e fronte.
Sempre in tale fase dovranno essere valutate possibili condizioni difficili, connesse al comportamento
rigonfiante o spingente dell’ammasso, alla presenza di materiale sciolto, al rinvenimento di acqua e/o gas.
È inoltre possibile far riferimento alle classificazioni geomeccaniche, basate principalmente sulla descrizione e
quantificazione dei macrocaratteri geologico-strutturali
La previsione del comportamento allo scavo potrà essere valutata, nella fase di progettazione di fattibilità
tecnica ed economica, con schemi di calcolo semplificati utilizzando preferibilmente formulazioni analitiche
in forma chiusa e/o semianalitiche (paragrafo 4.8.4.3), che consentano di mettere in evidenza l'effetto delle
varie assunzioni sul modello geotecnico scelto e consentano di condurre analisi parametriche di sensitività,
per esplorare il peso dei vari parametri geotecnici e della loro variabilità.
In fase di progetto definitivo ed esecutivo, rendendosi disponibili indicazioni più complete sui parametri
geotecnici e sul modello geotecnico di riferimento adottato, sarà richiesta una valutazione tenso-deformativa
più accurata e dettagliata, potendo far ricorso ad analisi più complesse, come riportato in seguito..
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 124 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.8.2.3 INDIVIDUAZIONE DELLE MODALITÀ DI SCAVO


La scelta delle modalità di scavo e delle tipologie degli interventi da utilizzare (sezioni tipo strutturali) avverrà
quindi in funzione della definizione del modello geotecnico di riferimento e dell’analisi preliminare del
comportamento dello scavo.
Con riferimento al primo aspetto (modalità di scavo) la principale problematica da affrontare è la scelta tra il
metodo di scavo tradizionale (con abbattimento mediante esplosivo e/o mezzi meccanici) ed il metodo
meccanizzato (con uso di TBM). Tale valutazione sarà effettuata dal progettista sia sulla base di
considerazioni tecnico-economiche, che attraverso analisi di sicurezza, consapevoli del fatto che non è ancora
possibile stabilire una regola fissa.
I fattori che influenzano la scelta sono infatti numerosi:
- la lunghezza della galleria; in genere non avrebbe convenienza l’utilizzo di TBM per estese inferiori a
1.5 - 2 km;
- la geologia: lo scavo tradizionale è più flessibile potendosi adattare al cambiamento delle caratteristiche
della roccia; le macchine di scavo, seppure in continua evoluzione, sono ancora ottimizzate in funzione di
un range di applicazione definito in fase di progetto della macchina, quindi possono non risultare idonee
ad affrontare situazioni che presentino grandi variabilità di comportamento geomeccanico o in cui si
paventi il verificarsi di situazioni impreviste;
- la sezione di scavo (ad oggi i massimi diametri realizzati con TBM si attestano su valori di 14 m, più che
sufficienti per la realizzazione di una galleria ferroviaria a doppio binario, ma non per lo scavo di
eventuali cameroni);
- le produzioni richieste: in condizioni ottimali, una fresa può raggiungere produzioni di picco di 25-30
metri/giorno, più che doppie rispetto a quelle relative alle massime performance di avanzamento in
tradizionale.
- in ultimo, ma certo non meno importante, le predisposizioni infrastrutturali di sicurezza richieste che, come
noto, fanno riferimento alla tipologia di tunnel (bitubo o monocanna) ed alla sua lunghezza.

4.8.2.3.1 Scavo con TBM


Lo scavo meccanizzato per mezzo di frese ad attacco integrale, indicate anche con la sigla T.B.M. (Tunnel
Boring Machines) prevede l’utilizzo di particolari macchine che permettono la meccanizzazione integrale della
costruzione della galleria. Tali attrezzature si dividono in due grandi famiglie:
- TBM non scudate
- TBM scudate
Le TBM non scudate sono applicabili in contesti in cui la qualità della roccia è tale da non richiedere
l’applicazione di un supporto continuo a tergo dello scavo; si tratta quindi di macchine utilizzate
esclusivamente in roccia di buona e ottima qualità ed in assenza di carichi idraulici.
Le TBM scudate sono invece macchine che, a tergo della testa di scavo, sono equipaggiate di uno scudo
cilindrico, all’interno del quale viene installato il rivestimento in conci prefabbricati in modo da garantire il
continuo supporto del contorno di scavo. Questa tipologia di TBM deve essere utilizzata ogniqualvolta il
contesto geomeccanico sia tale da non garantire la stabilità del contorno dello scavo a tergo della testa
fresante ed in presenza di terre sciolte.
Questa categoria di TBM comprende a sua volta due sottocategorie; le TBM a fronte aperto e le TBM a
fronte chiuso.
Le TBM a fronte aperto, pur garantendo il supporto del contorno di scavo, non applicano alcuna pressione di
stabilizzazione al fronte; l’utilizzo di queste attrezzature è perciò consigliato per rocce di media e bassa qualità
essendo comunque applicabili anche per roccia di qualità superiore .
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 125 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Le TBM a fronte chiuso, oltre a garantire il continuo supporto del contorno di scavo, riescono ad isolare il
fronte di scavo dal resto della macchina e quindi ad applicare un’idonea pressione di supporto. La TBM a
fronte chiuso è quindi ad oggi la migliore soluzione applicabile nei contesti in cui per bassa qualità
geomeccanica delle formazioni geologiche incontrate durante lo scavo oppure per la presenza di falde o
battenti idraulici risulti necessario l’isolamento del fronte e l’eventuale applicazione di una pressione di
supporto.
Per una più accurata classificazione delle macchine da scavo con le relative specifiche tecniche si farà
riferimento a quanto riportato nel documento “Capitolato Generale tecnico di appalto delle opere civili -
parte II, sezione 11 - GallerieRFI (DTC SI GA SP IFS 001 A)”.
In generale i principali punti di forza dello scavo meccanizzato sono:
- la conservazione, in fase di scavo, dello stato originale di tensione della roccia, nell’intorno del cavo;
- la minimizzazione del disturbo dell’ammasso circostante, sia per la regolarità dell’avanzamento che per la
forma dello scavo, necessariamente a sezione circolare;
- le convergenze del cavo, inferiori a quelli riscontrabili in analoghe condizioni nello scavo in tradizionale,
per il minor di disturbo recato all’ammasso scavato (il modulo di deformabilità si mantiene più elevato);
- l’evoluzione dello stato tensionale nell’intorno della cavità si evolve con gradualità e non come
conseguenza di uno "shock", come nel caso di uno scavo convenzionale;
- la longevità di una cavità scavata con TBM risulta superiore a quella realizzabile nelle stesse condizioni in
tradizionale (in letteratura sono presenti studi che stimano tale aumento anche in un ordine di grandezza);
- l'impiego di elementi prefabbricati per la formazione del rivestimento;
- la riduzione del numero di addetti ai lavori;
- la possibilità di smaltire lo smarino risultante dallo scavo con nastri trasportatori ed in pezzatura
generalmente più idonea al trasporto in discarica o al riutilizzo diretto, senza necessità di trattamento (ad
esclusione delle TBM a fronte chiuso).
I principali aspetti negativi da valutare saranno invece legati a:
- limitata flessibilità di variazione del diametro di scavo; non risulta quindi possibile l'adattamento della
sezione di scavo ad eventuali aumenti o diminuzioni della sezione qualora richiesto dal progetto
(cameroni);
- lavori supplementari lunghi, difficili e costosi nel caso in cui la TBM dovesse bloccarsi;
- necessità di particolari accorgimenti per consentire il trasporto della macchina di scavo in cantiere.

4.8.2.3.1.1 Scelta delle macchine per lo scavo delle gallerie in roccia

TBM non scudate


L'impiego di una TBM aperta preclude tipicamente l'uso dei conci per il rivestimento. L’utilizzo di tale tipo di
fresa permette l'osservazione immediata delle condizioni geologiche-geomeccaniche del fronte e quindi
l'applicazione di eventuali misure di sicurezza, inoltre nel caso di attraversamento di rocce spingenti è meno
probabile che tale tipo di fresa si blocchi, consentendo quindi di risparmiare sia in termini di tempo che di
costi. Nelle specifiche della macchina dovrà essere prevista la possibilità di eseguire fori ispettivi in
avanzamento (da 30 a 50 m oltre la testa), essendo quest’ultimi fondamentali per l’individuazione delle
caratteristiche geomeccaniche dell’ammasso in avanzamento. La TBM aperta è inoltre equipaggiata con lancie
per la posa in opera di calcestruzzo proiettato, aste per la posa di bulloni e centine nel caso in cui vi fosse il
bisogno di intervenire alla tergo della testa fresante. La TBM aperta risulta quindi essere lo strumento ideale
nel caso di condizioni geologiche eterogenee dove le misure per il sostegno della cavità possono variare
sostanzialmente, permettendo l'adattamento ottimale del rivestimento, il tutto a favore di una riduzione dei
costi e dei tempi di costruzione. Rimane da aggiungere, infine, che per questo tipo di macchina le spinte
applicate alla testa sono trasmesse alla roccia circostante mediante sistemi di ancoraggio meccanici noti come
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 126 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

"gripper". Tali sistemi dovranno essere dimensionati in funzione delle caratteristiche dell’ammasso scavato.
TBM con scudo semplice
Questa tipologia di macchina è in genere utilizzata quando si prevede l’utilizzo di conci di rivestimento, che,
essendo installati all'interno dello scudo, precludono la possibilità di poter osservare le condizioni geologiche-
geomeccaniche della roccia a media scadenza. La necessità di posare i conci di rivestimento tipicamente
comporta un aumento dei tempi di scavo del 30% dato che durante la loro messa in opera la fresa è ferma.
Questi in fase di avanzamento della macchina sono sollecitati dalla spinta dei martinetti idraulici che equilibra
la reazione del terreno scavato al fronte. Le TBM scudate in conclusione sono da prevedersi in condizioni
geologiche omogenee.
TBM a doppio scudo
Le TBM doppio scudo sono utilizzate nelle stesse condizioni delle TBM con scudo semplice, essendo di fatto
una semplice evoluzione di quest’ultime. La peculiarità fondamentale di queste macchine consiste nel fatto
che, essendo dotate di un doppio scudo, la fase di perforazione non è interrotta durante la messa in opera dei
conci di rivestimento. Infatti l’avanzamento è effettuato utilizzando in maniera alternata il sistema di gripper e
di martinetti idraulici di cui è dotata la macchina. Uno svantaggio da evidenziare è che la TBM risulta essere
più lunga di circa 10 – 15 m rispetto alla TBM a scudo semplice, e di conseguenza il rischio di blocco della
stessa è più elevato.

4.8.2.3.1.2 Scelta delle macchine per lo scavo delle gallerie in terra


Per lo scavo di gallerie in terreni sciolti, siano essi di natura granulare o coesiva, saranno di norma scelte
macchine scudate in grado di esercitare una contropressione al fronte tale da bilanciare la spinta del terreno e
di garantire la stabilità del fronte stesso. Le macchine attualmente più utilizzate in grado di operare con tali
modalità sono principalmente le EPB (Earth Pressure Balance) e le Hydroshield. Le specifiche tecniche e le
modalità di scavo di queste due tipologie di macchina sono riportate nel già citato ‘Capitolato Generale
tecnico di appalto’ delle gallerie. I criteri di scelta delle diverse macchine dipenderanno dalle caratteristiche
geotecniche dei terreni interessati dall’opera e dalle condizioni idrauliche previste. Sulla base di numerose
esperienze sono stati preparati alcuni diagrammi con cui è possibile identificare i campi di applicazione delle
diverse tipologie di TBM scudate; tali diagrammi sono riportati di seguito in Figura 4.8.2.6. È di fondamentale
importanza, per una corretta scelta della macchina, che siano noti: al livello dello scavo, il fuso granulometrico
del terreno e, nel caso di terreni coesivi, i limiti di Atterberg, il contenuto naturale d'acqua e l'indice di
liquidità.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 127 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Figura 4.8.2.6 - Campi di utilizzo delle TBM scudate

4.8.2.3.2 Scavo in tradizionale


Le modalità di scavo in tradizionale prevedono l’avanzamento sequenziale tramite abbattimento del fronte
con esplosivo o con mezzi meccanici (martellone, fresa puntuale), messa in opera degli interventi di
stabilizzazione e posa del rivestimento.
In ambito ferroviario l’avanzamento in tradizionale è stato di gran lunga il metodo più utilizzato nel recente
passato; le gallerie naturali di linea della rete AV/AC, ivi comprese quelle della linea DD Roma-Firenze, sono
state realizzate con tale modalità di scavo. Sulla scorta del numero di opere materializzate e dalla varietà delle
situazioni geomeccaniche intercettate è stata maturata nel tempo una significativa esperienza.
Le tecniche utilizzate per la stabilizzazione dell’ammasso sono state progressivamente consolidate e
uniformate, fino ad arrivare ad una sostanziale standardizzazione degli interventi, sia per tipologia che per
dimensionamento. Analogo discorso può essere fatto per i rivestimenti, sia di prima fase, che definitivi, le cui
variazioni dimensionali, in funzione delle diverse situazioni, sono contenute in una intervallo di variabilità
piuttosto ridotto.
Considerata la fase di piena maturazione di tale metodica di avanzamento, per la quale nell’immediato futuro
sono prevedibili marginali miglioramenti ed affinamenti legati all’evoluzione tecnologica ma non evoluzioni
sostanziali (a differenza di quanto avvenuto negli ultimi lustri per le modalità di avanzamento con TBM) si è
deciso di predisporre, a supporto della progettazione, una raccolta di famiglie di sezioni strutturali che
saranno descritte nel successivo capitolo 4.13 “Sezioni tipo strutturali”.
Partendo dall’analisi di un campione significativo delle gallerie ferroviarie a doppio binario, realizzate con
avanzamento in tradizionale negli ultimi 20 anni sull’intero territorio nazionale e dall’individuazione di tutte le
sezioni tipo strutturali in esse applicate, è stato elaborato un percorso di assimilazione e sintesi che ha
condotto all’individuazione di dieci famiglie di sezioni strutturali. L’articolazione di tali famiglie, che risultano
rappresentative di oltre il 95% dell’intero campione selezionato, è calibrata in modo da rispondere in modo
appropriato alla maggior parte delle possibili condizioni riscontrabili sul territorio nazionale.
Tali sezioni rispondono infatti alle situazioni geomeccaniche ‘usuali’, in termini di carichi litostatici e
condizioni di ammasso, riscontrabili nello scavo di una galleria ferroviaria con metodo tradizionale; esse
rappresentano quindi le soluzioni tipologiche di riferimento da adottare in fase di individuazione della sezione
tipo strutturali da applicare per tratte geotecnicamente omogenee.
All’interno di ciascuna famiglia di sezioni è previsto un range di variazione dei singoli componenti elementari,
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 128 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

in modo da poterne graduare l’applicazione.


Nel caso di condizioni complesse (comportamenti spingenti e/o rigonfianti, elevati battenti idraulici, ecc.) è
possibile, motivando opportunamente tale scelta, utilizzare sezioni non riconducibili ad alcuna famiglia
sviluppate ad hoc per il caso specifico che deve quindi presentare caratteristiche non usuali.

4.8.2.4 CLASSI STRUTTURALI DI RIFERIMENTO


In considerazione della complessità della materia, pur limitando il campo di applicazione alle gallerie profonde
realizzate in tradizionale, con geometria policentrica a doppio binario, e alle condizioni geologiche e
geotecniche più frequentemente riscontrabili sul territorio nazionale, non è possibile individuare un’unica
chiave di ingresso per l’adozione della sezione tipo più appropriata all’interno delle famiglie tipologiche di
riferimento.
Come si vedrà meglio nel prosieguo, il processo di scelta passa attraverso la valutazione di un certo numero
di parametri; in generale la scelta, in fase preliminare, è funzione della tipologia di ammasso roccioso
interessato dall’opera e dei parametri attesi in termini di:
• stabilità di fronte e cavo;
• estrusione al fronte;
• convergenza radiale;
• campo in cui è previsto che si sviluppino i fenomeni deformativi (elastico, elastoplastico o plastico);
• rapporto tra carico litostatico e modulo di Young.
Le famiglie di sezioni tipologiche sono suddivise in tre classi principali (R1, R2, T), in funzione sia delle
caratteristiche geomeccaniche dell’ammasso interessato dallo scavo, che del comportamento atteso per il cavo
ed il fronte.
In generale è quindi possibile individuare tre condizioni di ammasso di riferimento:
• R1 → ammassi rocciosi continui o poco fratturati, di buone caratteristiche geomeccaniche;
• R2 → ammassi rocciosi, da fratturati ad intensamente fratturati, di caratteristiche geomeccaniche medio-
basse;
• T → terreni sciolti/debolmente cementati o ammassi rocciosi di scadenti caratteristiche geomeccaniche;
distinguendo tre principali categorie di comportamento:
• R1 → galleria a fronte e cavità stabili, caratterizzata da fenomeni deformativi che evolvono in campo
elastico, immediati e di entità trascurabile;
• R2 → galleria a fronte stabile a breve termine, caratterizzata da fenomeni di tipo elastico presso il fronte
di scavo, che evolvono in campo elasto-plastico con l’avanzamento del fronte;
• T → galleria a fronte e cavità instabili, caratterizzata da fenomeni deformativi di tipo plastico fino al
collasso che coinvolgono anche il fronte di scavo.
Tale schematica suddivisione fa riferimento a situazioni di copertura/battente idraulico normalmente
ricorrenti.
Le dieci famiglie di classi strutturali identificate sono riportate nella Tabella 4.8.2.1Errore. L'origine
riferimento non è stata trovata.; informazioni di maggior dettaglio sono riportate negli elaborati grafici
contenuti nel relativo capitolo 4.13, ad esse dedicato.
Le singole famiglie sono individuate attraverso appositi codici identificativi, a partire dalla classe di
appartenenza: ne sono previste 3 per la classe R1 (R10, R11, R12) 4 per la classe R2 (R20, R21, R22, R22p) e 3
per la classe T (T1, T2, T2P).
Le famiglie di sezioni sono specializzate, dal punto di vista strutturale, in funzione di:
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 129 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

- tipologia degli interventi di miglioramento, precontenimento e presostegno da prevedere al fronte ed al


contorno,
- caratteristiche del rivestimento provvisorio,
- dimensionamento del rivestimento definitivo.
Come meglio dettagliato nel seguito, sia la quantità e le tipologie degli interventi di stabilizzazione, che le
dimensioni dei rivestimenti sono state individuate con l’ipotesi, per tutte le classi strutturali, di avanzamento
a piena sezione.
Gli interventi di stabilizzazione, finalizzati al controllo della risposta deformativa dell’ammasso scavato,
sono stati distinti in due principali categorie: interventi al fronte (chiodature in VTR e microcolonne in jet-
grouting) e interventi al contorno (infilaggi metallici, jet gouting suborizzontali e chiodature longitudinali con
elementi strutturali in VTR).
Nella classe R1 non è previsto alcun tipo di intervento, né al fronte né al contorno, stanti le buone/ottime
caratteristiche dell’ammasso ed il comportamento atteso allo scavo che, mantenendosi in campo elastico,
garantisce condizioni di stabilità a lungo termine.
Nella classe R2 sono generalmente previsti solo interventi al fronte, differenziati in funzione delle
caratteristiche dell’ammasso e delle condizioni di stress del materiale. In tale classe gli interventi al contorno
sono previsti solo in casi particolari, essendo possibile gestire il processo di detensionamento del cavo
attraverso i soli interventi di sostegno.
La classe T, essendo caratterizzata dalle condizioni di stress più severe, con comportamento di tipo plastico
fino al collasso, prevede oltre che al fronte, anche interventi ad ombrello al contorno, differenziati in
elementi in VTR iniettati con malte espansive o jet grouting, a seconda della natura coesiva o meno del
terreno interessato.
Per la quasi totalità delle famiglie di sezioni individuate il prerivestimento si compone di un centinatura
metallica, generalmente aperta e realizzata con profilati accoppiati, e calcestruzzo proiettato.
Nella classe R1 sono talora previste bullonature radiali di ancoraggio; non è mai previsto il sostegno del fronte
con spritz-beton a fine campo.
Nelle classi R2 e T invece l’intervento di sostegno al fronte con calcestruzzo proiettato è sempre presente. In
taluni casi, quando il fattore di stress risulta particolarmente elevato, è prevista la formazione di un anello
centinato, con inserimento anche dell’elemento di chiusura in arco rovescio.
Il rivestimento definitivo prevede la realizzazione di un anello chiuso in calcestruzzo, essendo sempre
presente l’arco rovescio. I campi di variazione di spessore contemplati, sia in calotta che in arco rovescio,
sono stabiliti in relazione al carico che il rivestimento dovrà sopportare a lungo termine. Si ricorda infatti che,
nelle verifiche strutturali del rivestimento definitivo non va tenuto conto, nel lungo periodo, della presenza
del prerivestimento.
Per la classe R1 il rivestimento in cls definitivo assolve essenzialmente a compiti di protezione e garanzia di
durabilità, atteso che i fenomeni deformativi connessi all’avanzamento rimangono in campo elastico e
risultano certamente esauriti all’atto del getto del rivestimento.
L’anello di rivestimento risulta quindi generalmente realizzato in calcestruzzo non armato.
Nelle classi R2 e T, in cui i fenomeni deformativi legati allo scavo evolvono in campo elasto-plastico, l’anello
di rivestimento è generalmente armato; stanti le dimensioni della carpenteria, variabili nel range indicato nella
Tabella 4.8.2.1 - Classi e Famiglie di sezioni tipo strutturale, l’armatura andrà dimensionata in funzione dello
stato tensionale risultante dai calcoli.
Come si vedrà nel prosieguo, dopo aver identificato le famiglie di sezioni più idonee, il progettista provvederà
all’individuazione delle specifiche sezioni tipo strutturali, da adottare per tratti geotecnicamente omogenei,
specificando e precisando quantità e caratteristiche dei singoli interventi. Tali quantità dovranno risultare
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 130 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

contenute all’interno dell’intervallo di variazione previsto nella relativa famiglia di riferimento.


PRERIVESTIMENTO INTERVENTI DI STABILIZZAZIONE RIVESTIMENTO DEFINITIVO CRITERI DI APPLICAZIONE CRITERI DI VERIFICA

Parametri deformativi attesi


arco rovescio calotta Caratteristiche Geomeccaniche SCHEMA
Spessore (dopo gli interventi)
Spessore spritz Centine SEZIONE TIPO
Famiglia di spritz beton Interventi radiali Lunghezza
beton al fronte a (tipo e passo in Interventi al fronte Interventi al contorno
Sezione Tipo al contorno (bulloni) campo (m) Tipologia Condizioni del Fenomeni deformativi Estrusione
fine campo (cm) m) Distanza max Distanza max Convergenze
(cm) Spessore Armatura Spessore Armatura ammasso fronte e del in condizioni limite attesa
getto dal fronte getto dal fronte radiali attese
roccioso/terreno cavo intrinseche al fronte

- 15±5 chiodi radiali


Ammassi rocciosi di
ad ancoraggio Fronte e cavo
ottime caratteristiche
R10 10÷20 - continuo o puntuale - - - 60÷70 cm Non armata Svincolata 50÷60 cm Non armata Svincolata
meccaniche (rocce da
stabile a lungo Campo Elastico Millimetriche -
L=4.5÷6m passo termine
mina)
- 1.00÷1.50m

2IPN160
CLASSE R1

÷
2IPN200 Ammassi rocciosi di
Fronte e cavo
buone caratteristiche
R11 20÷25 - - - - - 70÷80 cm Non armata <6∅ 60÷70 cm Non armata Svincolata
meccaniche (rocce da
stabile a lungo Campo Elastico Millimetriche -
termine
mina)
1.00 ÷ 1.50

2IPN160
÷ 15±5 chiodi radiali
2IPN200 Ammassi rocciosi Fronte e cavo
ad ancoraggio
fratturati di medie globalmente
R12 20÷25 - continuo o puntuale - - - 70÷80 cm Non armata <4∅ 60÷70 cm Non armata Svincolata
caratteristiche stabile a lungo
Campo Elastico Millimetriche -
L=4.5÷6m passo
meccaniche termine
1.00 ÷ 1.50 1.00÷1.50m

0
2IPN180
÷ Campo elastico al
2IPN220 Ammassi rocciosi di fronte di scavo con
Fronte e cavità D/100
Generalmente Generalmente medie caratteristiche evoluzione in campo
R20 20÷25 10 - - - - 80÷100 cm
non armata
<4∅ 70÷90 cm
non armata
Svincolata
meccaniche con presenza
stabile a medio
elastoplastico
- -
termine D/200
di materiali argillosi all'avanzamento del
0.80 ÷ 1.20 fronte

2IPN180
÷ Campo elastico al
40±30% elementi
2IPN220 fronte di scavo con
strutturali in VTR Ammassi Intensamente Fronte stabile a D/100
35±30% tubi metallici Generalmente tronco conica Generalmente evoluzione in campo
R21 20÷25 10÷15 - 6÷12 cementati con miscele 80÷100 cm <2∅ <5∅ fratturati con presenza di breve termine e - ≤5 cm
L=12÷18m sovrapp.=3÷6m armata 50÷115 cm non armata elastoplastico con
cementizie L=12÷24m argilla cavità instabile D/200
CLASSE R2

l'avanzamento del
1,00 sovrapp.=6÷12m
fronte

2IPN180
÷ 50±30% elementi Campo elastico al
2IPN220 strutturali in VTR fronte di scavo con
Ammassi a prevalente Fronte e cavità D/100
cementati con miscele Generalmente Generalmente evoluzione in campo
R22 20÷30 10÷15 - 6÷12 - 90÷110 cm <2∅ 80÷100 cm <5∅ componente argillosa e/o stabili a breve - ≤5 cm
cementizie eventualmente armata non armata elastoplastico con
complessi termine D/200
espansive L=12÷24m l'avanzamento del
0.80 ÷ 1.20 sovrapp.=6÷12m fronte

HEB200 ÷
HEB260 + 60±30% elementi
Ammassi a prevalente
puntone in a.r. strutturali in VTR
componente argillosa e/o Fronte e cavità
cementati con miscele Generalmente Generalmente Campo elastoplastico
R22p 25÷30 10÷15 - 6÷12 - 90÷110 cm <2∅ 80÷100 cm <4∅ complessi con elevate stabili a breve D/100 ≤5-10 cm
cementizie eventualmente armata non armata al fronte e al cavo
coperture, ammassi termine
espansive L=12÷24m
0.80 ÷ 1.20 spingenti e/o rigonfianti
sovrapp.=6÷12m

2IPN180
÷ 40±30% microcolonne in
2IPN220 jet-grouting armate con arco di terreno consolidato
Terreni granulari Campo plastico fino a D/50
tubi in VTR o 40±30% mediante jet-grouting Generalmente tronco conica Generalmente Fronte e cavità
T1 20÷25 10÷20 - 6÷12
elememti strutturali in L=12÷18 m
100÷110 cm
armata
<1.5∅
50÷130 cm armata
<4∅ debolmente cementati o
instabili
collasso anche del - /
sciolti fronte. D/100
VTR L=12÷24m sovrapp.=3÷10m
1,00 sovrapp.=6÷12m

2IPN180
CLASSE T

÷ 50±30% elementi 45±30% elementi strutturali


2IPN220 strutturali in VTR in VTR cementati con
Campo plastico fino a D/50
cementati con miscele miscele cementizie Generalmente Generalmente Terreni coesivi con medie Fronte e cavità
T2 25÷30 10÷20 - 6÷12
cementizie eventualmente eventualmente espansive
100÷110 cm
armata
<1.5∅ 90÷100 cm
armata
<4∅
coperture, terreni sciolti instabili
collasso anche del - ≤10 cm
fronte. D/100
espansive L=12÷24m L=12÷24 m
0.80 ÷ 1.20 sovrapp.=6÷12m sovrapp.=3÷12m

HEB200 ÷
HEB260 + 60±30% elementi 45±30% elementi strutturali
puntone in a.r. strutturali in VTR in VTR cementati con
Terreni coesivi con Campo plastico fino a
cementati con miscele miscele cementizie Generalmente Generalmente Fronte e cavità
T2p 25÷30 10÷20 - 6÷12
cementizie eventualmente eventualmente espansive
100÷110 cm
armata
<1∅ 90÷100 cm
armata
<3∅ elevate coperture, terreni
instabili
collasso anche del <D/50 ≤15 cm
spingenti o rigonfianti fronte.
espansive L=12÷24m L=12÷24 m
0.80 ÷ 1.20 sovrapp.=6÷12m sovrapp.=3÷12m

0 0

Tabella 4.8.2.1 - Classi e Famiglie di sezioni tipo strutturale


MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 132 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.8.2.5 ANALISI PROGETTUALI E VERIFICHE


Una volta completate le fasi di caratterizzazione geotecnica, di analisi preliminare e di scelta della sezione tipo
si procederà all’analisi progettuale e alle verifiche. In tale fase saranno analizzate le condizioni di stabilità del
cavo ed il suo comportamento deformativo, tenendo conto dell'azione esercitata dagli interventi definiti nella
fase precedente. Come già anticipato, all’interno di ciascuna sezione tipo sono presenti intervalli di variabilità
degli interventi da realizzare, all’interno dei quali è possibile spaziare per ottimizzare il processo di verifica.
Qualora le verifiche effettuate non risultino comunque soddisfatte con la sezione tipo adottata, è possibile
rientrare nell’iter progettuale scegliendo un’altra sezione tipo ed eseguendo nuovamente le verifiche.
Per il processo di analisi e verifica sarà possibile ricorrere a metodi di diverso tipo (analitici in forma chiusa,
semianalitici, numerici) facendo riferimento alle metodologie riportate al paragrafo 4.8.4.4.
Durante la fase realizzativa saranno confrontati i risultati dell'analisi con quelli delle misure e delle
osservazioni in corso d'opera, confronto che può portare alla conferma o alla parziale revisione della scelta
progettuale, nonché alla conferma o alla rivalutazione degli stessi parametri del terreno.
Nel valutare lo strumento di calcolo più idoneo da utilizzare per la progettazione deve essere considerato
che:
- poiché tutte le fasi progettuali devono essere considerate in un contesto unitario, le analisi devono
possedere un grado di raffinatezza commisurato a quello adottato per la fase di caratterizzazione del sito;
- in caso di forte dispersione dei dati delle indagini è opportuno procedere all’utilizzo di analisi di sensitività
piuttosto che ad un'unica analisi deterministica per valutare l'effettivo fattore di sicurezza.
Obiettivo determinante dell'analisi progettuale è quello di giungere alla previsione delle condizioni di stabilità
del cavo e del fronte di scavo, attraverso un’ adeguata analisi del comportamento deformativo della galleria in
presenza degli interventi. Questa previsione si esemplifica nella quantificazione dei seguenti parametri
fondamentali:
- luce libera di scavo, intesa come massima lunghezza di scavo non sostenuta
- convergenza totale del cavo ed in particolare rapporto tra la stessa convergenza e la dimensione
equivalente della galleria
- gradiente di deformazione, inteso come convergenza della galleria nell'unità di tempo

In fase di progetto di fattibilità tecnica ed economica, sulla base delle conoscenze del contesto
geomorfologico e di considerazioni di carattere generale, il Progettista dovrà valutare le più idonee
metodologie di scavo, orientando la scelta tra scavo tradizionale o meccanizzato e sviluppando le opportune
analisi di tempi, costi e rischi.
In fase di progetto definitivo, sulla scorta dei risultati delle indagini geognostiche e geotecniche eseguite e
tenendo conto delle incertezze di carattere geologico/geotecnico oltre che dei vincoli esterni, il progettista
dovrà confermare la tecnica di scavo prescelta in fase preliminare, definendo in maggior dettaglio:
- nel caso di scavo meccanizzato il tipo di macchina più adatto e le relative produttività;
- nel caso di scavo tradizionale le famiglie di classi strutturali di riferimento e le relative produttività.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 133 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.8.2.6 MODIFICA DELLA SEZIONE TIPO IN FASE REALIZZATIVA: LINEE GUIDA DI


APPLICAZIONE
Durante la fase realizzativa dell’opera è necessaria una costante e continua verifica della rispondenza tra le
ipotesi progettuali adottate e le condizioni geomorfologiche effettivamente incontrate in situ. E’ bene
ricordare che la progettazione delle gallerie naturali si basa su dati che possono essere affetti da errori e
incertezze derivanti dalla natura intrinseca delle opere in sotterraneo.
È quindi necessario, in corso d’opera verificare il comportamento deformativo del complesso fronte-cavo
per verificare che sussistano le condizioni ipotizzate in progetto, seguendo quanto riportato nell’apposito
documento “linee guida di applicazione”.
In tale documento, che è un elaborato cardine della progettazione esecutiva, sono indicate tutte le specifiche
delle sezioni tipo adottate e i tratti geotecnicamente omogenei a cui le sezioni strutturali sono applicate. Il
documento deve inoltre riportare i criteri che consentono il passaggio da una sezione tipo ad un’altra ed
indicare i valori di soglia che determinano tali passaggi.
Le “linee guida” sono quindi uno strumento che definisce, in sede di progetto esecutivo, quali siano i criteri
da adottare in corso d’opera per:
• confermare la sezione tipo prevista in una determinata tratta e riportate in chiaro nel profilo
geomeccanico di previsione del progetto esecutivo;
• variare gli interventi di consolidamento e preconsolidamento così da tener conto, senza modificare
strutturalmente le caratteristiche finali dell’opera, delle reali condizioni geomeccaniche riscontrate al
fronte di avanzamento, nonché al comportamento estrusivo del fronte stesso e deformativo del
cavo (condizioni che, come noto, sono dipendenti sia dalla natura dell’ammasso in termini
geologici, geomeccanici ed idrogeologici, sia dagli stati tensionali preesistenti, così come da quelli
conseguenti alle operazioni di scavo);
• individuare una diversa sezione tipo, tra quelle previste in quella tratta o comunque previste in
progetto esecutivo nella stessa formazione, qualora le condizioni riscontrate risultino difformi da
quelle ipotizzate.
Per una corretta gestione delle “linee guida di applicazione” delle sezioni tipo è necessaria la conoscenza delle
condizioni geotecniche/geomeccaniche e delle coperture in esame e la messa in atto delle seguenti attività
sistematiche:
- raccolta dei dati geologici e geomeccanici rilevabili al fronte per la completa caratterizzazione
dell’ammasso in esame, in modo da evidenziarne l’intrinseca e peculiare complessità. La
caratterizzazione deve quindi contenere, oltre ai parametri di resistenza e deformabilità, le informazioni
geostrutturali e di carattere qualitativo necessarie a completarne la descrizione ai fini progettuali e di
comprensione del reale comportamento dell’ammasso allo scavo;
- raccolta dei dati riguardanti le deformazioni superficiali e profonde del fronte (estrusioni) e al contorno
del cavo (convergenze) durante l’avanzamento, in modo da valutare la reale risposta tensionale
dell’ammasso all’azione combinata delle operazioni di scavo e degli interventi previsti nella sezione tipo
adottata;
- registrazione di tutte le reali fasi di avanzamento quali ad esempio: distanza dal fronte di messa in opera
dei rivestimenti e successione delle fasi di consolidamento, attraverso osservazioni dirette.
- raccolta dei dati relativi ad eventuali sezioni di monitoraggio esterne (ad esempio nel
sottoattraversamento di edifici in gallerie superficiali).
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 134 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Nelle linee guida dovranno essere analizzati alcuni parametri essenziali, riscontrabili al fronte, che
caratterizzano l’ammasso con riferimento alle classi R1, R2, T esposte al paragrafo 4.8.2.4
In fase realizzativa si dovranno rilevare con continuità tutti i parametri “oggettivi e misurabili” individuati dal
progettista come grandezze rappresentative e confrontarli con quelli attesi ottenuti nella fase di progettazione.
Per ogni sezione tipo dovranno essere definite delle soglie di “attenzione” ed “allarme” relative alle deformazioni
del fronte e del cavo.
Qualora venga oltrepassata la soglia di attenzione, senza che si verifichi il superamento della soglia di allarme,
si potranno modificare gli interventi di miglioramento/rinforzo/stabilizzazione all’interno dei range individuati
per la sezione tipo prevista in progetto.
Al superamento della soglia di allarme andrà valutata l’eventuale variazione di sezione tipo adottata, rimanendo
all’interno di quelle previste per la formazione intercettata.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 135 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.8.3 INTERVENTI DI STABILIZZAZIONE DEI TERRENI

4.8.3.1 PREMESSE
La metodologia di avanzamento è legata ad aspetti di efficacia, sicurezza ed economicità tesi a garantire la
stabilità dell'opera nel tempo.
Generalmente, in assenza di interventi, il complesso fronte/pareti di scavo non presenta, in fase di
avanzamento, caratteristiche di autosostegno tali da garantire un adeguato livello di sicurezza. Di
conseguenza il progetto dell’opera deve individuare l’insieme degli interventi, preventivi e/o in avanzamento,
da utilizzare in ciascuna sezione strutturale per la stabilizzazione dello scavo.
La scelta degli interventi di stabilizzazione da prevedere è funzione della risposta attesa alle azioni di scavo,
che a sua volta dipende dalle caratteristiche intrinseche dei terreni, dallo stato di tensionale in situ e dalle
modalità con cui il terreno viene asportato.
Considerata la stretta correlazione esistente tra convergenze e tempistica di messa in opera degli interventi di
contenimento, il progetto deve definire compiutamente la fasizzazione degli interventi, allo scopo di
mantenere il più possibile l'integrità dell’ammasso al contorno del cavo, evitando al contempo lo sviluppo di
deformazioni incompatibili con le ipotesi di comportamento assunte.
Per tutti gli interventi citati nel seguito dovranno inoltre rispettare le prescrizioni contenute nel “Capitolato
Generale tecnico di appalto delle Opere Civili – Parte II, sezione11 – Gallerie”, in modo da assicurare
l’idoneità di utilizzo della galleria nel lungo termine.
Nel seguito saranno considerati gli interventi di stabilizzazione dei terreni che fanno riferimento alla
metodologia di avanzamento con scavo tradizionale.
Gli interventi di stabilizzazione si suddividono generalmente in :
- miglioramenti;
- interventi di precontenimento e presostegno;
- prerivestimento.

4.8.3.2 METODI DI MIGLIORAMENTO


Si definiscono metodi di miglioramento l’insieme degli interventi volti a migliorare le caratteristiche di
resistenza meccanica, di rigidezza o di permeabilità dell’ammasso roccioso
Appartengono a questa categoria:
• le iniezioni per permeazione;
• la chiodatura del fronte con elementi strutturali in VTR
• i trattamenti con jet grouting;
• il congelamento;
• i drenaggi.

4.8.3.2.1 Iniezioni
Le iniezioni per permeazione modificano le caratteristiche meccaniche e le caratteristiche idrauliche dei
terreni porosi e delle rocce fessurate o fratturate, per effetto dell'immissione nell’ammasso di miscele di fluidi
(sospensioni, soluzioni, emulsioni) che, dopo la penetrazione nel mezzo poroso o fratturato, fanno presa
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 136 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

raggiungendo le caratteristiche meccaniche adeguate agli scopi del trattamento.


Di norma il progetto delle iniezioni dovrà comprendere:
- la composizione e la tipologia delle miscele da introdurre nelle varie fasi di trattamento
- la geometria della maglia di perforazione;
- il tipo ed il fluido di perforazione;
- le distanze fra le valvole del tubo a "manchettes";
- la quantità complessiva di miscela da iniettare nelle varie fasi;
- la sequenza delle fasi;
- la pressione limite;
- il tipo e la distribuzione delle misure di controllo da installare per evitare anomalie e danni;
- la massima dimensione granulometrica degli elementi solidi e la minima dimensione dei vuoti presenti
nel terreno;
- l'eventuale pressione di idrofratturazione necessaria.

4.8.3.2.2 Chiodatura del fronte con elementi in VTR


La chiodatura del fronte con elementi in VTR è un intervento di rinforzo del nucleo di avanzamento. Esso
consiste nel praticare sul fronte di scavo, in direzione subparallela all'asse della galleria e per una profondità
non inferiore al suo diametro, una serie di fori entro cui vengono inseriti ed immediatamente iniettati, con
miscele cementizie a bassa pressione a ritiro controllato, elementi speciali di vetroresina.
A questa fase di consolidamento segue una prima fase di scavo, durante la quale viene demolito un tratto di
nucleo rinforzato. Quando, a seguito dell'avanzamento, la lunghezza degli elementi in VTR non è piu
sufficiente a contenere nei valori previsti i fenomeni estrusivi, se ne mette in opera una nuova serie.

4.8.3.2.3 Jet grouting


Il ‘jet grouting’ è un intervento di miglioramento e consolidamento dei terreni, consistente nella
mescolazione del terreno stesso con leganti cementizi, iniettati a pressioni elevate (40 - 60 MPa) tramite
impiego di sistemi jetting ad uno o più fluidi. Gli elementi ottenuti, qualora previsto dal progetto, possono
essere successivamente armati, utilizzando barre in acciaio ad aderenza migliorata o tubi metallici.
L'inserimento dell'armatura può avvenire a miscela cementizia fresca, per infissione a pressione, oppure
riperforando le colonne con miscele cementizie aventi la stessa composizione della miscela di iniezione.
Colonne di jet grouting non armate sono prevedibili anche come intervento di rinforzo del fronte di scavo.
Il progetto dei trattamenti colonnari con jet grouting comprende generalmente:
- Geometria dell’intervento (spaziatura, diametro reso e lunghezza delle colonne);
- la scelta della tipologia di trattamento (monofluido, bifluido o trifluido);
- requisiti meccanici del materiale trattato (modulo, resistenza a compressione del terreno trattato).

4.8.3.2.4 Congelamento
Il congelamento è una tecnica di miglioramento solitamente utilizzata durante l’esecuzione di scavi
superficiali o di aperture sotterranee, in terreni granulari al di sotto del livello di falda. La tecnica prevede
l’utilizzo di un fluido frigorifero asperso nel terreno mediante sonde congelatrici collocate in apposite
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 137 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

perforazioni.
Il progetto degli interventi con congelamento dovrà comprendere:
- la verifica della fattibilità dell'intervento;
- la definizione della geometria ottimale di perforazione;
- le caratteristiche meccaniche da conferire al terreno in relazione a quelle naturali, tenendo conto delle
deformazioni indotte dal congelamento;
- la scelta tecnica e tecnologica più adatta per conferire al terreno la temperatura necessaria, nei tempi
compatibili con il programma operativo, e per mantenere la temperatura per il periodo previsto,
tenendo conto di un idoneo coefficiente di sicurezza in termini tecnici ed economici;
- il calcolo del processo di congelamento in funzione delle caratteristiche del terreno e della tecnica
adottata;
- la definizione delle caratteristiche del terreno trattato successivamente al decongelamento.

4.8.3.2.5 Drenaggi
Sono tecnologie il cui obiettivo è quello di asportare, anche solo parzialmente, l’acqua degli ammassi
convogliandola in modo controllato verso il cavo.
Per il progetto dei drenaggi è necessario:
- individuare numero, disposizione sul fronte di scavo e orientazione dei drenaggi tale da allontanare
efficacemente l'acqua dal fronte di scavo; la lunghezza dei dreni dovrà essere almeno pari ad un
diametro di scavo e non superiore a 2.5 volte il diametro di scavo stesso, con sovrapposizione
longitudinale di 6-10 m;
Nel caso di interventi di drenaggio per dewatering da piano campagna, si dovrà:
- verificare l'avvenuto abbattimento delle pressioni neutre, attraverso piezometri installati in posizione
opportuna e periodicamente misurati.
- prevedere uno studio dettagliato dell'influenza dei drenaggi sui flussi sotterranei ed i riflessi
sull'ambiente esterno.
Per tutte le tipologie d’intervento sopra descritte dovranno essere indicate le percentuali di miglioramento
ottenute, tenendo conto che queste tecniche sono generalmente ammesse solo per il miglioramento di terreni
caratterizzati da bassi o nulli valori di resistenza coesiva.
Per tutti gli interventi di miglioramento previsti in progetto dovranno essere forniti:
- i valori delle caratteristiche fisico-meccaniche del terreno trattato;
- il nuovo modello geotecnico di comportamento.

4.8.3.3 INTERVENTI DI PRECONTENIMENTO E PRESOSTEGNO


Rientrano in questa categoria gli interventi che prevedono l'inserimento di elementi strutturali sul profilo
della galleria, in avanzamento rispetto al fronte e preventivamente alle operazioni di scavo, in modo da creare
una struttura protettiva del nucleo. È opportuno sottolineare che per interventi di presostegno si intendono
quelle soluzioni tecnologiche che, dopo lo scavo del nucleo cui sono stati applicati, forniscono anche un
contributo significativo al sostegno del cavo; viceversa gli interventi di precontenimento sono da considerarsi
esclusivamente come una protezione del nucleo in avanzamento.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 138 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Il progetto delle strutture di precontenimento/presostegno dovrà fornire le prescrizioni tecniche esecutive e


di controllo al fine di verificarne il comportamento in corso d'opera. A tal fine dovrà essere dettagliatamente
studiato:
- il comportamento del singolo elemento strutturale, che dovrà operare non come elemento a mensola,
ma come trave vincolata al terreno e all'ultima centina, fornendo i limiti di cedimento dei vincoli stessi
per evitare l'instabilità globale dell'intervento (presostegno)
- il comportamento dell'insieme degli elementi strutturali, che dovrà tendere ad un comportamento a
volta continua vincolata al piede (precontenimento).
In tutti i casi nel progetto dovrà essere indicata, sotto diverse possibili condizioni di carico, la deformabilità
della struttura ad ombrello e le deformazioni critiche di collasso con le modalità di controllo in corso d'opera.
Per il dimensionamento degli interventi al fronte dovrà essere definito tipo ed entità delle deformazioni del
fronte in condizioni naturali (senza interventi) ed in presenza degli stessi elementi. L'entità dell'intervento
dovrà essere giustificata e dovrà essere indicato il comportamento strutturale del singolo elemento
verificando il miglioramento delle caratteristiche di del terreno con prove in sito e il comportamento generale
dell'intervento mediante opportuno monitoraggio del fronte.
Appartengono a tale categoria:
• gli infilaggi metallici (presostegno);
• le colonne di jet grouting prive di armatura al contorno dello scavo (precontenimento);
• la chiodatura longitudinale con tubi o elementi strutturali in VTR (precontenimento).

4.8.3.3.1 Infilaggi
L’intervento con infilaggi prevede il posizionamento di tubi portanti iniettati, posti in opera sull'estradosso
della sezione di avanzamento in calotta preventivamente dal fronte di scavo.
I tubi sono collegati al terreno dapprima mediante iniezione a bassa pressione nella cavità anulare tra il tubo e
le pareti del preforo e successivamente, iniettati in più fasi attraverso le valvole interne ai tubi.

4.8.3.3.2 Colonne di jet grouting sub orizzontale


L’intervento consiste nella realizzazione in calotta di un ombrello tronco conico di colonne di jet grouting,
armate, generalmente di diametro nominale pari a 60 cm, realizzate con getto-iniezione monofluida. Tale
tecnica è solitamente utilizzata nel caso di scavi in terreni con caratteristiche geomeccaniche scadenti che
necessitano di interventi massivi durante la fase di scavo.
Le modalità di realizzazione, in aggiunta alle prescrizioni di progetto, sono descritte nella sezione 10 del
Capitolato di costruzione “Opere di miglioramento, rinforzo e stabilizzazione”.

4.8.3.3.3 Chiodatura longitudinale con tubi o elementi strutturali in VTR


La chiodatura longitudinale è realizzata mediante tubi in vetroresina forniti e posti in opera al contorno in
prefori eseguiti in avanzamento ed inghisati con iniezioni di miscele cementizie a bassa pressione.
La vetroresina, come noto, è un materiale fortemente anisotropo e quindi si dovrà tener conto, per il corretto
impiego, della disposizione delle fibre di rinforzo.

4.8.3.4 PRERIVESTIMENTO
La realizzazione del prerivestimento, immediatamente successiva allo scavo, è necessaria per sostenere
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 139 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

temporaneamente lo scavo in attesa del getto del rivestimento definitivo ed evitare problemi di rilascio di
materiale della calotta.
Il prerivestimento viene generalmente realizzato attraverso la posa in opera di
- bulloni di ancoraggio;
- centine metalliche;
- calcestruzzo proiettato (eventualmente armato con rete elettrosaldata o fibre).

4.8.3.4.1 Bulloni di ancoraggio


Sono elementi strutturali sollecitati a trazione, e che sono in grado di assorbire anche eventuali sollecitazioni
di taglio; sono caratterizzati dall'assenza di guaine e da una lunghezza generalmente non superiore a 12 metri.
Le tipologie di bullone usualmente adottate possono essere generalmente suddivisi in:
- ad aderenza continua in barre d'acciaio, realizzati mediante barre in acciaio e cementate per tutta la
lunghezza mediante iniezioni di boiacca di cemento antiritiro o con resina epossidica.
- ad espansione meccanica con tubo di acciaio sagomato ad "omega"; i bulloni ad espansione meccanica
sono realizzati con un tubo di acciaio espandibile, preresinato e sagomato ad omega, alloggiati in un
foro di diametro opportuno. L'espansione del tubo avviene con acqua iniettata a pressione.
- ad ancoraggio meccanico con barra di acciaio e testa di ancoraggio espandibile, realizzati con barre di
acciaio. L'intasamento del foro è operato generalmente con iniezioni di malte cementizie o altre miscele
idonee.
- bulloni costituiti da lamiere, barre o profilati infisse a pressione (senza perforazione preventiva) a spinta
continua tramite idonei macchinari che impediscono lo svergolamento del bullone stesso, durante
l'infissione.
- i chiodi, costituiti da barre integralmente connesse al terreno (per attrito o per cementazione) ed
operanti in un regime tensionale di trazione e taglio.
Tutti gli elementi appartenenti a questa categoria sono installati in senso radiale e la loro utilizzazione deve
essere giustificata in termini di entità di miglioramento delle condizioni di stabilità temporanea del cavo:
dovrà quindi essere indicata l'aliquota di pressione di sostegno applicata che potrà essere utilizzata per il
calcolo delle azioni sui rivestimenti (di prima fase e definitivo).
Il progetto del rinforzo tramite chiodi e bulloni, ed in genere per tutti gli elementi strutturali posti in opera in
senso radiale dopo le operazioni di scavo, non può essere basato su considerazioni empiriche, ma dovrà
comprendere l'analisi delle sollecitazioni e delle deformazioni nel terreno e nelle barre, tenendo conto dei
fenomeni di interazione fra i due mezzi.
Il progetto di intervento dovrà quantificare il supporto fornito al cavo in termini di:
- riduzione dei carichi agenti sui rivestimenti (di prima fase e definitivo);
- riduzione degli spostamenti radiali del cavo;
- limitazione del raggio plastico.
Dovrà inoltre essere verificata la sicurezza dell'intervento nei riguardi della rottura del materiale costituente il
chiodo ed in relazione all'estensione della zona di eventuale rottura dell'interfaccia chiodo-terreno.
Il progetto dovrà inoltre mirare all'ottimizzazione tecnico-economica con varie ipotesi di geometria di
intervento (diametro, lunghezza e spaziatura della chiodatura) e con la valutazione degli effetti
sull'andamento tenso-deformativo nel terreno e nei rivestimenti (di prima fase e definitivo).
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 140 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.8.3.4.2 Centine metalliche


Le centine sono costituite da elementi in carpenteria metallica sagomati e collegati nei punti di giunzione con
piastre saldate/bullonate. Salvo diverse prescrizioni di progetto, le centine devono essere montate in
posizione verticale e collegate con le catene distanziatori alle centine adiacenti con il passo previsto in
progetto.
Per assicurare il sostegno e corretta messa in carico della centina deve essere ben studiato il
dimensionamento della piastra di appoggio al piede.
Quando le centine metalliche sottendono l'armatura troncoconica costituita da infilaggi o trattamenti
colonnari armati dovranno essere posizionate a contatto delle armature e pertanto dovranno essere
calandrate a profilo variabile, anche a gruppi, per assicurare una adeguata trasmissione dei carichi.

4.8.3.4.3 Calcestruzzo proiettato


Lo spritzbeton, o calcestruzzo proiettato, è correntemente utilizzato per la formazione del guscio di
prerivestimento delle gallerie, effettuando un’azione di contenimento del cavo.
Lo strato di pre-spritz risponde anche alla finalità di aumentare artificialmente la coesione superficiale degli
ammassi rocciosi, evitando l’allentamento, il rilascio e la caduta di cunei, prevenendo l’ossidazione delle
superficie scavate e esposte all’aria, oltre che per permettere il trasferimento delle sollecitazioni alle centine, al
fine di fornire un comportamento strutturale d’insieme.

4.8.4 METODI DI ANALISI PROGETTUALE

4.8.4.1 PREMESSE
Il presente paragrafo descrive i metodi di analisi cui ricorrere per valutare il comportamento della galleria allo
scavo sia in condizioni intrinseche (assenza di interventi), che in presenza degli interventi di stabilizzazione
per la stabilizzazione del terreno e dell’installazione del rivestimento temporaneo e definitivo.

4.8.4.2 GENERALITÀ
Il metodo di analisi utilizzato farà riferimento alle ipotesi di continuo/continuo equivalente o discontinuo,
già discusse in precedenza.
Il metodo di analisi dovrà consentire di esaminare le condizioni di stabilità della galleria ed il suo
comportamento tensionale e deformativo, in presenza ed in assenza degli interventi, in modo che l'azione
degli stessi possa essere esplicitamente considerata, a seconda del modello di interazione terreno-struttura
prescelto.
In sede di analisi dovrà essere fatto riferimento al metodo di scavo utilizzato ed alla sequenza costruttiva,
nonché ai sistemi di miglioramento, rinforzo e stabilizzazione proposti, sia preventivamente allo scavo che in
concomitanza con lo stesso.
Le analisi saranno svolte con esplicito riferimento alle sezioni tipo individuate lungo il tracciato della galleria
per tratti geotecnicamente omogenei, tenendo conto delle caratteristiche geometriche e funzionali della
galleria da realizzare, dei vincoli ambientali, ecc.
In fase realizzativa, laddove il comportamento della galleria si riveli diverso da quello previsto in progetto (ed
in particolare più sfavorevole), i risultati ottenuti dalle analisi progettuali potranno essere rivisti alla luce dei
dati delle misure effettuate in situ. In tal caso è possibile ridefinire i valori geotecnici caratteristici della
matrice interessata da quel tratto di opera ed effettuare nuovamente le analisi progettuali, valutando la
modifica degli interventi di stabilizzazione all’interno della medesima sezione strutturale tipo; laddove ciò
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 141 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

non risulti sufficiente, si adotterà una diversa sezione strutturale.


È utile ricordare che le variazioni dello stato di sforzo nell’ammasso a seguito dello scavo di una galleria sono
in generale di tipo tridimensionale; questo vale in particolare in corrispondenza del fronte di scavo. Per tale
motivo è lecito considerare condizioni rigorosamente bidimensionali solo per le analisi e verifiche
preliminari; in fase progettuale di analisi e verifica definitiva si dovrà sempre tener conto dell'effetto
tridimensionale relativo al fronte.
In talune circostanze particolari (come ad esempio la presenza di faglie, disturbi tettonici, intersezioni,
aperture laterali, ecc.) anche il rivestimento definitivo in calcestruzzo armato dovrà essere dimensionato, per
la definizione delle armature longitudinali e trasversali, tenendo conto degli effetti tridimensionali.
Le analisi progettuali saranno condotte con grado di approfondimento differente a seconda della fase
progettuale affrontata (definitiva o esecutiva) seguendo metodi e procedimenti di calcolo codificati, che
dovranno essere indicati e giustificati, e con riferimento a soluzioni note ed a casi documentati nella
letteratura tecnica.
Di norma in fase di analisi si procederà allo studio di:
• problemi di stabilità della galleria, con particolare riguardo al fronte ed alla zona retrostante
• spostamenti indotti al contorno del cavo, nel terreno circostante e, nel caso di gallerie superficiali, al
piano campagna (subsidenza indotta)
• deformazioni e sollecitazioni indotte nel terreno e nelle strutture, in relazione con le fasi di scavo, di
attuazione degli interventi di miglioramento, rinforzo e stabilizzazione, e posa in opera dei rivestimenti
(di prima fase e definitivo)
• dimensionamento e verifiche dei rivestimenti (di prima fase e definitivo).
Preliminarmente all'esecuzione delle analisi progettuali è necessario distinguere tra le seguenti due principali
situazioni, in relazione alla profondità della galleria rispetto alla superficie del suolo ed alle caratteristiche di
resistenza del terreno (Figura 4.8.4.1 - Gallerie superficiali e profonde):
 Gallerie superficiali, con bassa copertura; tale condizione viene definita in modo orientativo per
C ≤ 2.5 B, per terre o rocce tenere e C ≤ 2.5 D, per rocce non tenere, dove C rappresenta la
copertura della galleria, B la sua larghezza caratteristica secondo Terzaghi e D il suo diametro (per
una sezione circolare) o la sua massima dimensione (per una sezione diversa dalla circolare).
 Gallerie profonde, ove la stessa copertura C è definita da C > 2.5 B, per terre o rocce tenere e
C > 2.5 D, per rocce non tenere.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 142 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Figura 4.8.4.1 - Gallerie superficiali e profonde

È importate ricordare che le analisi preliminari eseguite con i metodi semplificati esposti al successivo
paragrafo 4.8.4.3 ed in particolare quelle effettuate secondo il metodo delle curve caratteristiche, non saranno
applicabili ai casi di gallerie superficiali o laddove i terreni interessati dall’opera siano classificabili come
sciolti.
Più in generale le gallerie superficiali fanno spesso riferimento a condizioni di interferenza con ambiti
antropizzati (gallerie urbane), mentre le gallerie extraurbane sono generalmente associate alla condizione di
gallerie profonde.
Poiché le problematiche connesse a tali casistiche presentano caratteri distintivi, in fase di progetto dovrà
essere approfondita l'analisi dei fenomeni di interazione, in relazione a quanto di seguito riportato.
Si nota infatti che:
- nel caso delle gallerie urbane la massima attenzione deve essere posta alla valutazione delle subsidenze,
ovvero alle deformazioni indotte nel terreno circostante, fino alla superficie, e dei conseguenti effetti
sulle strutture preesistenti.
- Per le gallerie extraurbane il principale problema della fase costruttiva è invece quello di assicurare la
stabilità del terreno al fronte e sul contorno del cavo.
Le analisi sono concettualmente distinte in:
• analisi e previsioni preliminari;
• analisi progettuali e verifiche definitive;

4.8.4.3 ANALISI PRELIMINARI


Le analisi preliminari sono finalizzate alla scelta delle sezioni tipo da adottare nella prima fase del processo
progettuale e possono essere eseguite con metodi numerici avanzati (elementi finiti/differenze finite) o con
metodi semplificati (metodi analitici con soluzioni in forma chiusa). Qualora si optasse per l’utilizzo dei
metodi semplificati, un valido supporto alla progettazione di fattibilità tecnica ed economica è ancora
offerto dalle soluzioni in forma chiusa (Brown et al., 1983; Panet, 1993) ed in particolare dal metodo delle
“curve caratteristiche" (Panet, 1995). Nell’applicazione dei metodi rappresentati è opportuno fare riferimento
alla fonte bibliografica utilizzata, per riscontrarne limiti, ipotesi e approssimazioni.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 143 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.8.4.3.1 Metodo delle curve caratteristiche


Il metodo delle curve caratteristiche, noto anche come ‘metodo convergenza-confinamento’ (AFTES) è un
metodo di calcolo che consente l’analisi 3D semplificata dello scavo di gallerie, ponendo in relazione la
deformazione dell'ammasso all’intorno del cavo (convergenza) con le pressioni radiali gravanti sull’anello di
prerivestimento che, contrastandone la chiusura, esercita una pressione di confinamento.
Tale metodo si basa su ipotesi semplificative che considerano lo scavo della galleria in un mezzo omogeneo
ed isotropo, in condizioni ideali di assialsimmetria e di stato di deformazione piano. L’ideale campo di
applicazione è quindi costituito da gallerie profonde a sezione circolare.
La linea caratteristica della cavità è definita come la curva che lega lo stato tensionale dell’intorno agli
spostamenti radiali al suo contorno. Lo scavo è rappresentato come una graduale riduzione di una pressione
fittizia “p” applicata alle pareti della galleria, tramite cui si simula il progressivo deconfinamento del terreno
prodotto dall’avvicinarsi del fronte di scavo alla sezione di calcolo e al successivo avanzamento del fronte
stesso, cui corrisponde una convergenza radiale “u” crescente in funzione delle caratteristiche dell’ammasso.
Esse possono quindi essere utilizzate, oltre che per valutare il comportamento dell'ammasso allo scavo,
anche per determinare lo stato di sollecitazione sui diversi interventi costituenti la galleria, mediante la
sovrapposizione degli effetti delle curve caratteristiche della cavità e dei singoli interventi che la
costituiscono.

Figura 4.8.4.2 - Curve caratteristiche del cavo e dei rivestimenti


Per ogni galleria è possibile costruire due curve caratteristiche principali:
• la linea caratteristica del cavo, valida per qualsiasi sezione sufficientemente lontana dal fronte, detta
curva caratteristica della cavità, per la quale lo stato di tensione può considerarsi piano. In generale, ove
la curva caratteristica non intersechi in un valore finito l'asse delle deformazioni radiali, la galleria risulta
instabile senza adeguati interventi di stabilizzazione. Se la galleria è scavata in assenza di sostegni, il
valore finale della pressione di confinamento è pari a 0; in caso contrario allo stato finale è presente una
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 144 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

pressione di confinamento > 0 che rappresenta la pressione di equilibrio del cavo ottenuta
dall’intersezione della curva caratteristica della cavità e dei rivestimenti impiegati come spiegato nel
seguito in dettaglio. Sulla base delle elaborazioni effettuate, è quindi possibile esprimere delle
considerazioni sul comportamento dell’ammasso allo scavo, con particolare riguardo alla prevedibile
entità dei fenomeni deformativi del fronte e del cavo e all’estensione dell’eventuale fascia di materiale al
contorno della cavità in cui il livello tensionale supera il limite elastico.
• la linea caratteristica del fronte, valida presso il fronte di scavo, detta curva caratteristica del fronte, che
tiene conto dell'effetto tridimensionale delle tensioni vicino ad esso e che permette di risalire, mediante
considerazioni sulla resistenza del nucleo, all'entità della convergenza già subita dalla galleria nella
sezione in corrispondenza al fronte di scavo,
In generale il Metodo delle Linee Caratteristiche è valido nei casi in cui si ritenga lecito ipotizzare che
l’andamento delle sollecitazioni indotte dallo scavo, sotto l’azione delle spinte di montagna, sia di tipo
idrostatico; ciò si verifica generalmente per gallerie profonde con coperture pari almeno a H > 3D
(D = diametro di scavo della galleria); valori di copertura inferiori conducono a un risultato poco
rappresentativo dell’effettivo comportamento dell’ammasso roccioso.
Tra le soluzioni analitiche o semianalitiche disponibili nella letteratura specifica per ricavare le linee
caratteristiche di una galleria circolare in condizioni assialsimmetriche, si useranno di norma quelle valide per
un mezzo la cui legge di resistenza è data dal criterio di Mohr-Coulomb (Salençon, 1969; Ribacchi e Riccioni,
1977) o dal criterio di Hoek-Brown (Hoek, 1980; Brown et al., 1983), ed il comportamento è di tipo
idealmente plastico o idealmente fragile. Tali soluzioni vengono riportate di seguito per un opportuno
riferimento.
a) Criterio di Mohr-Coulomb
Se si assume per il terreno il criterio di Mohr-Coulomb e se si calcolano le deformazioni plastiche facendo
riferimento ad un potenziale plastico 𝑔𝑠𝑀𝐶 avente una legge formalmente analoga, caratterizzata da un
angolo di dilatanza 𝜓 costante e minore od uguale all'angolo di attrito, si ottiene (Ribacchi e Riccioni, 1977):
- per il raggio plastico 𝑅𝑝𝑙 :
1
(𝜎0 + 𝑐𝑟 𝑐𝑜𝑡𝑔𝜑𝑟 ) − (𝜎0 + 𝑐𝑝 𝑐𝑜𝑡𝑔𝜑𝑝 )𝑠𝑖𝑛𝜑𝑝 𝑁(𝑟) −1
𝑅𝑝𝑙 = 𝑅( ) 𝜙
𝑝𝑖 + 𝑐𝑟 𝑐𝑜𝑡𝑔𝜑𝑟
(Formula 4.8.1)
(𝑟) 1+𝑠𝑖𝑛𝜑𝑟
Con: 𝑁𝜙 = 1−𝑠𝑖𝑛𝜑𝑟

- per la pressione radiale critica 𝑝𝑐𝑟 cui corrisponde la formazione della zona plastica intorno al cavo:
𝑝𝑐𝑟 = 𝜎0 (1 − 𝑠𝑖𝑛𝜑𝑝 ) − 𝑐𝑝 𝑐𝑜𝑠𝜑𝑝

- per lo spostamento radiale 𝑢𝑟 , nella zona elastica (𝑟 ≥ 𝑅𝑝𝑙 )


2
1+ν 𝑅𝑝𝑙
𝑢𝑟 = (𝜎0 − 𝑝𝑐𝑟 )
𝐸 𝑟
- per lo spostamento radiale 𝑢𝑟 , nella zona plastica (𝑅 < 𝑟 < 𝑅𝑝𝑙 )
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 145 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

′ ′
1 + 𝜈 𝑅𝑝𝑙𝐾 +1 𝐾 +1
𝑅𝑝𝑙
𝑢𝑟𝑙 = ′ (𝜎0 + 𝑐𝑝 𝑐𝑜𝑡𝑔𝜑𝑝 )𝑠𝑖𝑛𝜑𝑝 + (𝜎0 + 𝑐𝑟 𝑐𝑜𝑡𝑔𝜑𝑟 )(1 − 2𝜈) ( ′ − 𝑟)
𝐸 𝑟𝐾 𝑟𝐾
(
(𝑟)
(𝑟) (𝑟) 𝑁 +𝐾′
[1 + 𝑁𝜙 𝐾 ′ − 𝜈(𝐾 ′ + 1)(𝑁𝜙 + 1)] (𝑝𝑖 + 𝑐𝑟 𝑐𝑜𝑡𝑔𝜑𝑟 ) 𝑅𝑝𝑙𝜙 (𝑟)
𝑁𝜙
− (𝑟) ( ′ −𝑟 )
(𝑟) 𝑁 −1
(𝑁𝜙 + 𝐾′) 𝑅 𝜙 𝑟𝐾
)
(Formula 4.8.2)
1+𝑠𝑖𝑛𝜓
Con: 𝐾 ′ = 1−𝑠𝑖𝑛𝜓

Per valori della pressione radiale 𝑝𝑖 sul contorno del cavo maggiori od uguali a 𝑝𝑐𝑟 (cioè sino quando la
pressione di stabilizzazione è superiore ad un valore critico), il terreno è in condizioni elastiche, e la formula
4.8.1 consente di calcolare (per 𝑟 = 𝑅 = 𝑅𝑝𝑙 ) il tratto rettilineo della curva caratteristica della galleria
(Figura 4.8.4.2). Per valori della pressione 𝑝𝑖 inferiori a 𝑝𝑐𝑟 , la curva caratteristica è invece espressa dalla
formula 4.8.2, per 𝑟 = 𝑅 e presenta una concavità rivolta verso l'alto.
b) Criterio di Hoek-Brown:
Se invece si fa riferimento per l'ammasso roccioso intorno al cavo al criterio di Hoek-Brown si hanno le
seguenti espressioni (Brown et al.1983):
- per il raggio plastico 𝑅𝑝𝑙
2
𝑅𝑝𝑙 = 𝑅 𝑒𝑥𝑝 [𝑁 − √𝑚𝑟𝑒𝑠 𝜎𝑐 𝑝𝑖 + 𝑠𝑟𝑒𝑠 𝜎𝑐2 ]
𝑚𝑟𝑒𝑠 𝜎𝑐
con

1 𝑚𝑏 2 𝑚𝑏 𝜎0 𝑚𝑏
𝑀= √( ) + + 𝑠𝑝 −
2 4 𝜎𝑐 8

2
𝑁= √𝑚𝑟𝑒𝑠 𝜎𝑐 𝜎0 + 𝑠𝑟𝑒𝑠 𝜎𝑐2 − 𝑚𝑟𝑒𝑠 𝜎𝑐2 𝑀
𝑚𝑟𝑒𝑠 𝜎𝑐
- per pressione radiale critica 𝑝𝑐𝑟
𝑝𝑐𝑟 = 𝜎0 − 𝑀𝜎𝑐

- per lo spostamento radiale 𝑢𝑟 nella zona elastica (𝑟 > 𝑅𝑝𝑙 ):


2
1+ν 𝑅𝑝𝑙
𝑢𝑟 = (𝜎0 − 𝑝𝑐𝑟 )
𝐸 𝑟

- per lo spostamento radiale 𝑢𝑟 nella zona elastica (𝑅 ≤ 𝑟 ≤ 𝑅𝑝𝑙 ):

𝑀𝜎𝑐 2(1 + ν) (𝑓 − 1) 𝑅𝑝𝑙 𝑓+1


𝑢𝑟 = [ + ( ) ]𝑟
𝐸(𝑓 + 1) 2 𝑟
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 146 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

dove il parametro 𝑓 di proporzionalità tra la deformazione totale principale massima e la deformazione totale
principale minima (Figura 4.8.4.3), in zona plastica, vale (Brown et al, 1983):
𝑚𝑏
𝑓 =1+
𝑚 𝑝
2√ 𝑏𝜎 𝑐𝑟 + 𝑠
𝑐

Figura 4.8.4.3 - Legge sforzo-deformazione adottate nel derivare l’equazione dello spostamento radiale in
zona plastica utilizzando per ammasso roccioso il criterio di Hoek-Brown (Brown et al., 1983)
Il procedimento di analisi preliminare prevede che venga determinata la "curva caratteristica del cavo
non sostenuto", ricorrendo ad una delle soluzioni presentate precedentemente, valide per una galleria
circolare con stato di sforzo iniziale isotropo. Si determina quindi la "curva caratteristica del
rivestimento" che, nel caso di comportamento elastico lineare, è individuata dalla rigidezza K e data
dalla seguente espressione:

𝑝𝑖
𝑢𝑟 = 𝑢𝑟𝑎 + 𝑅
𝐾𝑠
(Formula 4.8.3)
in cui 𝑢𝑟𝑎 è lo spostamento radiale già avvenuto al momento della messa in opera del rivestimento,
effettuata ad una certa distanza dal fronte. La condizione di equilibrio, che corrisponde ad uno
spostamento radiale 𝑢𝑟𝑒 ed a una pressione di stabilizzazione pe viene determinata come intersezione
della curva caratteristica del terreno e di quella del "rivestimento".
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 147 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Figura 4.8.4.4 - Pressione sull’anello di prerivestimento in spritz.-beton

Nel caso di "rivestimento" costituito da un guscio di calcestruzzo proiettato, eseguito in una galleria
circolare con raggio di scavo 𝑅 (Figura 4.8.4.4), si avrà per la corrispondente rigidezza 𝐾𝑠 :
𝐸𝑐 (𝑅 2 − 𝑅𝑖2 )
𝐾𝑠 =
(1 + 𝜈)[(1 − 2𝜈)𝑅2 𝑅𝑖2 ]
Mentre la pressione limite 𝜎𝑟𝑢𝑠 del rivestimento è pari a:
1 𝑅𝑖2
𝜎𝑟𝑢𝑠 = 𝜎𝑐 ( 2 )
2 𝑅

con:
𝐸𝑐 , 𝜎𝑐 = modulo elastico e resistenza a compressione limite del calcestruzzo proiettato;
𝑅𝑖 = raggio interno del rivestimento.

Nel caso di centine forzate contro il terreno, la rigidezza 𝐾𝑐 risulta:

1 𝑖𝑅 𝑖𝑅 3 𝜃(𝜃 + sin 𝜃 cos 𝜃) 2𝑖𝜃𝑑


= + [ 2
− 1] +
𝐾𝑐 𝐸𝑎 𝑆 𝐸𝑎 𝐼 2 sin 𝜃 𝐸𝑏 𝑏 2

La pressione limite 𝜎𝑟𝑢𝑐 è data da:

3 𝑆 𝐼 𝜎𝑎
𝜎𝑟𝑢𝑐 =
2 𝑖 𝑅 𝜃 {3 𝑖 + ℎ 𝑆[𝑅 − (𝑑 + 0.5ℎ)](1 − cos 𝜃)}

con:
𝑖 = interasse longitudinale tra le centine;
ℎ = altezza della centina;
𝑆 = area della sezione trasversale della centina;
𝑙 = momento d'inerzia della centina;
𝐸𝑎 = modulo elastico dell'acciaio;
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 148 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

𝜎𝑎 = tensione limite dell'acciaio;


𝜃 = mezzo angolo tra i blocchi;
𝑏 = larghezza dei blocchi;
𝑑 = spessore dei blocchi;
𝐸𝑏 = modulo elastico del materiale costituente i blocchi.

Nel caso di collegamento continuo con calcestruzzo proiettato si ha:

1 𝑖𝑅 𝑑
= +
𝐾𝑐 𝐸𝑎 𝑆 𝐸𝑐 𝑅

in cui:
𝑑 = dimensione media del fuori-sagoma (rettificato con il calcestruzzo proiettato);
𝐸𝑐 = modulo elastico del calcestruzzo proiettato.
la pressione limite 𝜎𝑟𝑢𝑐 risulta:
𝑆 𝜎𝑎
𝜎𝑟𝑢𝑐 =
𝑅𝑖

Nel caso di bulloni di ancoraggio, la rigidezza 𝐾𝑏 di un sistema di bulloni è pari a:

1 𝑖𝑙 𝑖𝑡 4𝑙𝑏
= ( + 𝑄)
𝐾𝑏 𝑅 𝜋𝑑𝐸𝑎

in cui è posto:
𝑖𝑙 = interasse longitudinale dei bulloni;
𝑖𝑡 = -interasse trasversale dei bulloni;
𝑙𝑏 = = lunghezza del bullone;
𝐸𝑎 = modulo elastico dell'acciaio dei bulloni;
𝑄 = costante che tiene conto della deformazione dell'ancoraggio e della piastra diripartizione.
Il valore di 𝑄 può essere determinato con prove di carico in sito; in assenza di tali prove si può assumere
𝑄 = 0.006 𝑚/𝑀𝑁 per bulloni con ancoraggio meccanico e 𝑄 = 0.02 𝑚/𝑀𝑁 per bulloni con ancoraggio
ripartito mediante cementazione;

la massima pressione applicata alle pareti della galleria risulta:

𝑇
𝜎𝑟𝑢𝑏 =
𝑖𝑙 𝑖𝑡

in cui:
𝑇 = carico limite di un bullone di ancoraggio.
Nel caso che il rivestimento sia costituito da più elementi strutturali, la rigidezza è data dalla somma della
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 149 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

rigidezza dei singoli elementi (gli elementi strutturali sono in parallelo):


𝐾𝑒𝑞 = 𝐾𝑠 + 𝐾𝑐 + 𝐾𝑏
e la massima pressione è data dalla somma della pressione limite dei singoli elementi strutturali:
𝜎𝑟𝑢 = 𝜎𝑟𝑢𝑠 + 𝜎𝑟𝑢𝑐 + 𝜎𝑟𝑢𝑏

Figura 4.8.4.5 - Metodi di valutazione dello


spostamento radiale ura già avvenuto al momento
della messa in opera del "rivestimento" (Panet,
1995)

Per valutare lo spostamento radiale 𝑢𝑟𝑎 nella Formula 4.8.3, si può fare ad esempio riferimento ad uno dei
metodi illustrati da Panet (1995), che comportano in alternativa di:
a) calcolare la curva 𝑢𝑟 (𝑥) che rappresenta l'andamento dello spostamento radiale in funzione della distanza
x dal fronte, per una galleria non rivestita (Figura 4.8.4.5);
b) determinare lo spostamento radiale, in condizioni di deformazione piana, conseguente ad una quota di
rilascio dello stato tensionale iniziale 𝜎0 , in presenza di una pressione fittizia 𝑃𝑖 = (1 − 𝜆)𝜎0 (Figura 4.8.4.5).
Con riferimento alle analisi di interazione ed in particolare all'esigenza di valutare in sede progettuale
l'efficacia degli interventi di rinforzo attuati in direzione radiale, a partire dal perimetro di scavo, mediante
barre integralmente connesse al terreno (barre cementate, bulloni ad attrito), si potrà ricorrere a soluzioni
analitiche relativamente semplici, tipo quelle considerate con il metodo delle curve caratteristiche (vedasi ad
esempio: Stille et al., 1989; Graziani e Ribacchi, 1993). In queste soluzioni l'effetto degli elementi di rinforzo
viene mediato sull'intero volume di terreno interessato, ottenendo un materiale "equivalente", avente
caratteristiche di deformabilità e resistenza migliorate, diverse da quelle del terreno naturale non rinforzato.

4.8.4.3.2 Metodo di Tamez-Cornejo


La valutazione della stabilità del fronte di scavo può essere condotta in via preliminare mediante l’impiego di
metodi analitici semplificati all’equilibrio limite. In particolare si fa riferimento alle teorie di Tamez e Cornejo
che ipotizzano l’esistenza di prismi di terreno in distacco secondo sezioni longitudinali, giungendo a definire
un coefficiente di sicurezza FSF nei confronti della stabilità del fronte di scavo. Il metodo dell’equilibrio
limite proposto da Tamez tiene conto della riduzione dello stato di confinamento triassiale del nucleo di
terreno oltre il fronte per mezzo di un meccanismo di rottura del tipo effetto volta, con il quale il volume di
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 150 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

terreno gravante sulla corona della galleria è definito da un paraboloide, approssimato mediante tre solidi
prismatici, come illustrato nelle figure seguenti.

Figura 4.8.4.6 - Metodo di Tamez-Cornejo


In questo modo si determinano le massime tensioni tangenziali che si possono sviluppare sulle facce di ogni
prisma senza che avvengano scorrimenti (forze resistenti) e le forze di massa di ogni prisma (forze agenti). Il
rapporto tra i momenti delle forze resistenti e delle forze agenti fornisce un coefficiente di sicurezza del
fronte, denominato FSF (face security factor).

2∙(𝜏𝑚2 −𝜏𝑚3 ) ℎ1 2∙𝜏𝑚3 ℎ1 3.4∙𝑐


[ 𝑎 2
+ 2 ∙ 𝜏𝑚3 ] ∙ 𝑏
+ 𝑎 ∙ ℎ
+ 𝑎 2
(1+ ) (1+ )∙√𝐾𝐴 (1+ ) ∙√𝐾𝐴
𝑙 𝑙 𝑙
𝐹𝑠 =
2∙ℎ
[1 + 𝑎 2
] ∙ [𝛾 ∙ 𝑍 − 𝑃𝐸 ]
3∙𝑍∙(1+ )
𝑙

dove:
𝑏 = larghezza della galleria
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 151 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

ℎ = altezza della galleria


𝑐 = coesione dell’ammasso
𝑍 = copertura della galleria

Il valore di ℎ1 viene assunto pari a:


𝐵
per ℎ1 < 𝑍: ℎ1 = 2𝑓

per ℎ1 > 𝑍: ℎ1 = 𝑍
Tamez ha preso in esame i seguenti casi:
1. Terreni e rocce tenere che possono essere considerati isotropi ed omogenei (indicati dall’autore con
la sigla T-1) che a sua volta comprende tre sottocasi: terreni o rocce tenere caratterizzati da coesione
e angolo di resistenza al taglio (indicati con la sigla CF), terreni a grana grossa senza coesione
(indicati con F) e terreni a grana fine (indicati con C).
2. Terreni stratificati e rocce tenere caratterizzati da proprietà geotecniche variabili con la profondità
(indicati con T-2) a sua volta suddivisi in terreni e rocce tenere caratterizzati con coesione e angolo
di resistenza al taglio (CF), terreni granulari senza coesione (F) e terreni coesivi (C).
Nel caso di un mezzo con coesione e angolo di attrito (gruppo T-1-CF), si può avere, con riferimento alla
Figura 4.8.4.7 – Stabilità del fronte scavo nel caso di un mezzo con coesione e angolo di attrito, che la
stabilità del prisma (3) sia più critica dell’insieme dei tre prismi e il coefficiente di sicurezza dovrebbe essere
assunto considerando il più piccolo fra il coefficiente di sicurezza dell’espressione precedente e quello di
seguito riportato relativo alla rottura del solo prisma (3):

2 ∙ 𝜏𝑚3 ℎ1 𝑏
𝐹𝑠3 = ∙ [ ] [1 + ]
𝛾 ∙ 𝑍 − 𝑝𝐸 𝑏 𝑎

Figura 4.8.4.7 – Stabilità del fronte scavo nel caso di un mezzo con coesione e angolo di attrito
Al fine della valutazione della stabilità del fronte, si prende a riferimento il valore del fattore di sicurezza al
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 152 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

fronte:
- 𝑭𝑺𝑭 > 2; fronte stabile
- 1 < 𝑭𝑺𝑭 < 2; fronte stabile a breve termine
- 𝑭𝑺𝑭 < 1; fronte instabile

Qualora le condizioni di stabilità del fronte risultassero insoddisfacenti, è possibile metter in opera interventi
di stabilizzazione.
Nel caso di presenza di trattamenti di rinforzo del fronte (VTR, jet-grouting ecc.) posti in opera in
avanzamento, il loro effetto stabilizzante può utilmente essere tenuto in conto incrementando la resistenza
coesiva dell’ammasso.
Infatti la chiodatura esercita un’azione di contenimento passivo del fronte, rappresentabile, nel caso di
impiego di elementi strutturali in VTR, da una tensione di confinamento σ3vVTR fittizia, funzione dei
parametri tecnici del trattamento secondo le equazioni:
𝜏𝐴 𝐿𝐴 2𝑝𝐴
σ3 vAvtr =
𝐴𝑖
𝜎𝑇 𝐴 𝑇
σ3 vBvtr =
𝐴𝑖
σ3 v vtr = 𝑚𝑖𝑛𝑖𝑚𝑜(𝜎3 v𝐴𝑉𝑇𝑅 , 𝜎3 v𝐵𝑉𝑇𝑅 )

Dove:
𝜏𝐴 = tensione di aderenza ammasso-fondazione
𝐿𝐴 = semi-lunghezza dell’elemento di rinforzo (si assume che mezzo elemento costituisca la
fondazione)
2𝑝𝐴 = perimetro della sezione reagente a sfilamento
𝜎𝑇 = resistenza a trazione dell’elemento di rinforzo
𝐴𝑖 = Area di influenza dell’elemento strutturale
𝐴 𝑇 = sezione dell’elemento strutturale resistente a trazione

L’effetto di σ3 v vtr può essere considerato come incremento di coesione dell’ammasso:

𝜎3𝑉𝑇𝑅
∆σfronte
c = √𝐾𝑝
2
Se il fronte di scavo è rinforzato con trattamenti colonnari in jet-grouting, allora i parametri di coesione sono
migliorati specificando un incremento della coesione di picco pari alla differenza tra la coesione dell’ammasso
non trattato e quella dell’ammasso trattato; quest’ultima è valutata come media pesata della coesione
originaria del terreno e di quella del trattamento:
𝑐𝑗𝑒𝑡 𝐴𝑗𝑒𝑡 + 𝑐𝑎𝑚𝑚𝑎𝑠𝑠𝑜 𝐴𝑎𝑚𝑚𝑎𝑠𝑠𝑜
∆c = 𝑐𝑎𝑚𝑚𝑎𝑠𝑠𝑜 𝑡𝑟𝑎𝑡𝑡𝑎𝑡𝑜 − 𝑐𝑎𝑚𝑚𝑎𝑠𝑠𝑜 = − 𝑐𝑎𝑚𝑚𝑎𝑠𝑠𝑜
𝐴𝑡𝑜𝑡
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 153 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Dove:
𝐶𝑗𝑒𝑡 = coesione dei trattamenti colonnari in jet grouting
𝑐𝑎𝑚𝑚𝑎𝑠𝑠𝑜 = coesione dell’ammasso senza trattamenti
𝐴𝑗𝑒𝑡 , 𝐴𝑎𝑚𝑚𝑎𝑠𝑠𝑜 , 𝐴𝑡𝑜𝑡 = sono le aree, rispettivamente, dei trattamenti colonnari, della sezione di scavo al
netto dei trattamenti e della sezione di scavo

4.8.4.3.3 Metodo di Broms e Bennermark


Un secondo metodo per valutare la stabilità del fronte, in terreni coesivi in condizioni non drenate, è basato
sulla definizione del rapporto di stabilità definito da Broms e Bennermark nella seguente maniera:

𝜎𝑠 + 𝛾𝑧 − 𝜎𝑇
𝑁=
𝑐𝑢 𝑁
dove:
𝛾 = peso dell’unità di volume del terreno
𝑧 = profondità dell’asse della galleria
𝜎𝑠 = sovraccarico eventualmente presente in superficie
𝜎𝑇 = eventuale pressione di sostegno applicata al fronte
𝑐𝑢 = resistenza non drenata, alla profondità della galleria.

Sulla base di prove di estrusione eseguite in laboratorio e di osservazioni in sito, Broms Bennermark (1967)
hanno concluso che il valore del rapporto di stabilità critico Nc perché si manifesti il collasso è pari a circa 6.
A conclusioni simili giunse Peck (1969).
Il rapporto di stabilità definito da Broms e Bennermark può ovviamente essere visto come un coefficiente di
sicurezza, ma tenendo tuttavia in conto che un valore del rapporto di stabilità più elevato corrisponde ad un
coefficiente di sicurezza più basso e pertanto il margine di sicurezza non è facilmente definibile.
La seguente Tabella 4.8.4.1 fornisce una indicazione della relazione fra il numero di stabilità e le
deformazioni attese (P.B. Attewell in Geddes, 1978).

N Deformazioni
<1 Trascurabili
1–2 Elastiche
2–4 Elasto-plastiche
4-6 Plastiche
>6 Collasso
Tabella 4.8.4.1 - P.B. Attewell in Geddes, 1978

4.8.4.3.4 Metodo del tasso di deconfinamento critico E


Il metodo convergenza-confinamento proposto da Panet permette di analizzare l’interazione fra lo scavo ed
il sostegno in funzione dell’avanzamento del fronte.
Il suo campo di applicazione è relativo soprattutto agli ammassi rocciosi a debole resistenza e suppone la
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 154 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

definizione di un mezzo continuo equivalente al quale attribuire un comportamento elastoplastico


rammollente. In questi ammassi, lo scavo di una galleria situata a profondità tali da sviluppare la resistenza
massima (gallerie profonde 𝐻 > 2𝐷), provoca elevate convergenze legate alla formazione di una zona
decompressa attorno al cavo.
Sotto queste ipotesi, il criterio di Panet consente di verificare le condizioni di stabilità del cavo in funzione
del valore critico del tasso di deconfinamento (𝜆𝑒 ) del materiale (valore cui si manifestano le prime
plasticizzazioni). Tale indice, in relazione al criterio di rottura di Mohr-Coulomb, è funzione
del coefficiente di spinta passiva 𝐾𝑝 e del fattore di stabilità 𝑁 secondo la formula:
1 2
𝜆𝑒 = 𝐾 [𝐾𝑝 − 1 + 𝑁]
𝑝 +1

2𝜎𝑧
dove 𝑁 = 𝜎𝑐

Nel caso di una galleria priva di rivestimento, se 𝑁 < 1, non si raggiunge mai la resistenza massima
dell’ammasso roccioso. Raggiunto il limite di rottura (𝑁 > 1) l’autore suggerisce i seguenti valori limite del
tasso di deconfinamento, ai quali corrispondono determinate condizioni di stabilità del fronte:
• se 0,6 < 𝜆𝑒 < 1 il fronte di scavo è stabile; le pressioni raggiungono il valore massimo di esistenza
dell’ammasso a tergo del fronte;
• se 0,3 < 𝜆𝑒 < 0,6 il fronte di scavo è stabile a breve termine; al fronte di scavo le pressioni
raggiungono il valore di resistenza massima prima in vicinanza del bordo poi verso il nucleo;
• se 𝜆𝑒 < 0,3 il fronte di scavo è instabile; il fronte di scavo è in condizioni di instabilità per cui necessita
di interventi preventivi di consolidamento.

4.8.4.3.5 Predimensionamento rivestimento di prima fase con il metodo delle reazioni


iperstatiche
Con riferimento al dimensionamento del rivestimento di prima fase, ove questo sia in particolare costituito
da calcestruzzo proiettato, armato con rete o fibre in acciaio, e centine metalliche, nella fase di analisi
preliminare volta ad individuare la sezione tipo di riferimento, si può ricorrere a semplici schemi strutturali ad
elementi finiti, rappresentando con elementi di contorno ("molle alla Winkler") la reazione passiva del
terreno. In questo caso i carichi (verticali, in corona, ed orizzontali, ai piedritti), agenti sul rivestimento, sono
valutati in base a formule di tipo empirico, derivate tenendo conto delle proprietà meccaniche del terreno, o
facendo riferimento, per quanto riguarda gli ammassi rocciosi, all'allentamento di volumi rocciosi, in
presenza di discontinuità sfavorevolmente orientate.
Tale metodo è chiamato delle "reazioni iperstatiche" e comporta come primo passo la discretizzazione della
struttura di rivestimento in elementi finiti, mediante elementi strutturali tipo "trave" o mediante elementi
bidimensionali, aventi appropriate funzioni di forma; successivamente si definiranno, in corrispondenza dei
nodi, elementi monodimensionali "di contorno", atti a rappresentare la "risposta" del terreno. Nella relazione
di calcolo, dovrà essere riportato lo schema strutturale adottato, con la numerazione dei nodi e/o degli
elementi, avendo cura di precisare il tipo di elemento scelto per simulare il comportamento strutturale del
rivestimento.
Il carico attivo verticale (rappresentato dal carico verticale per unità di superficie, 𝑝𝑣 assunto di norma con
distribuzione uniforme) ed il carico attivo orizzontale (rappresentato dal carico orizzontale per unità di
superficie 𝑝𝑡 assunto variabile linearmente con la profondità, tra calotta ed arco rovescio) saranno definiti
con riferimento al modello geotecnica scelto per il terreno, le condizioni di copertura (galleria superficiale o
profonda) e la tempistica di posa in opera del rivestimento definitivo. Si farà generalmente uso delle relazioni
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 155 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

di seguito riportate.
Per basse coperture/gallerie superficiali il carico attivo verticale 𝑝𝑣 sarà calcolato con riferimento alle
seguenti ipotesi.
(a) per coperture inferiori a 𝐷 (diametro equivalente della galleria), si adotterà l'intero carico geostatica;
(b) per coperture superiori a 𝐷, nel caso di terreni sciolti o rocce tenere, il carico verticale 𝑝𝑣 sarà calcolato
con la formula proposta da Terzaghi (1943) per i terreni:
𝟐𝒄 𝟐𝑯𝒕𝒈𝝋
𝑩(𝜸− 𝑩 )
𝒑𝒗 = (𝟏 − 𝒆− 𝑩 ) (formula 4.8.4)
𝟐𝒕𝒈𝝋

in cui:
𝜋 𝜑
𝐵 = 𝑏 + 2ℎ 𝑡𝑔 ( 4 − 2 ) = dimensione caratteristica della galleria (vedi Figura 4.8.4.8)

𝑏 = larghezza della galleria;


ℎ = altezza della galleria;
𝛾 = peso per unità di volume del terreno;
𝑐 𝑒 𝜑 = parametri di resistenza del terreno secondo il criterio di Mohr-Coulomb;
𝐻 = copertura della galleria;

 + /2

Figura 4.8.4.8 - Definizione dei fattori utilizzati nella formula di Terzaghi (1943)
(c) per coperture superiori a 𝐷, nel caso di rocce ad esclusione di quelle tenere, il carico verticale sarà
calcolato con la correlazione proposte da Bieniawski (1984):
100−RMR
pv = γb ( ) Formula 4.8.5
100

o da Barton et al. (1974):


MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 156 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

1

0.2−Q 3
pv = ( J ) Formula 4.8.6
r

in cui:
𝛾 = peso per unità di volume dell'ammasso roccioso;
𝑏 = larghezza della galleria;
𝑅𝑀𝑅 = indice della classificazione di Bieniawski (1984);
𝑄 = indice della classificazione di Barton et al. (1974);
Jr = coefficiente di scabrezza del giunto secondo la classificazione di Barton et al. (1974).
Per alte coperture/gallerie profonde il carico attivo verticale pv sarà valutato come segue:
(a) per terreni sciolti o rocce tenere, si farà ricorso alla Formula 4.8.4;
(b) per gli ammassi rocciosi, ad esclusione delle rocce tenere, si adotteranno le sopracitate relazioni Formula
4.8.5 e Formula 4.8.6.
Il carico orizzontale ph sarà assunto proporzionale al carico verticale pv adottando per i terreni sciolti il
coefficiente di spinta k 0 = ph ⁄pv come valore compreso tra il valore di spinta attiva e quello di spinta a
riposo, in funzione della prevista interazione terreno-struttura. Per gli ammassi rocciosi si farà invece
preferenzialmente riferimento alle correlazioni proposte da Barton et al. (1974), quale ad esempio:
1

0.2Qp 3
ph = Jr

dove:
𝑄𝑃 = indice della classificazione di Barton per il calcolo del carico orizzontale, pari a:
5𝑄 per 𝑄 > 10;
2.5 𝑄 per 0.1 < 𝑄 < 10;
𝑄 per 𝑄 < 0,1.
Nel caso di terreni rigonfianti e/o spingenti i carichi verticali e orizzontali saranno valutati in modo da
riprodurre le effettive condizioni di carico, tenuto conto dei fenomeni di comportamento reologico. Per
queste condizioni difficili le previsioni progettuali saranno comunque subordinate ad un'accurata validazione
in fase definitiva e a misure ed osservazioni in corso d'opera.
Gli elementi strutturali avranno di norma comportamento elastico lineare; le rigidezze saranno definite in
base agli spessori della struttura ed alle caratteristiche di deformabilità dei materiali.
Gli elementi di contorno dovranno permettere di schematizzare l'interazione terreno-struttura sia in
direzione normale che tangente all'asse degli elementi strutturali. A ciascuno degli elementi di contorno
saranno assegnate rigidezze derivanti dal valore del coefficiente di sottofondo adottato e dall'area di
competenza.
Qualora consentito dal codice di calcolo adottato per l'analisi, si assegneranno agli elementi di contorno le
seguenti leggi di comportamento:
(a) elastico perfettamente plastico a compressione, e con limite a trazione nullo, per gli elementi di contorno
in direzione normale;
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 157 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

(b) elastico perfettamente plastico, in entrambe le direzioni di interazione, per gli elementi di contorno in
direzione tangente, con controllo della trasmissione degli sforzi di taglio al contatto (t) in base alla seguente
espressione.

τ ≤ τlim = σn tgδ

dove:
σn = sforzo normale;
δ = angolo di attrito terreno-struttura.
Il coefficiente di sottofondo in direzione normale alla struttura 𝐾𝑛 sarà valutato con:
Ed
Kn = R
eq (1−ν)

essendo:
Ed = modulo di deformabilità del terreno;
ν = coefficiente di Poisson del terreno;
R eq = raggio equivalente della galleria;
o con altre correlazioni disponibili nella letteratura tecnica, qualora il Progettista le ritenga più idonee sulla
base dello schema strutturale assunto e del calcolo effettuato e ne dia giustificazione.
Il coefficiente di sottofondo in direzione tangente alla struttura K t sarà posto pari a 0,1 ÷ 0,01 K n .
Il Progettista dovrà valutare l'opportunità di definire dei coefficienti correttivi dell'area di competenza o dei
coefficienti di sottofondo, per permettere una migliore simulazione dell'effettiva interazione terreno-
struttura; sarà importante tenere conto delle possibili differenze derivanti dalla schematizzazione geometrica
rispetto alla reale geometria del rivestimento adottata nel modello strutturale (sull'appoggio del piedritto).
Nel caso di strutture aperte, quali quelle costituite dal rivestimento di prima fase prima della posa in opera
dell'arco rovescio definitivo o provvisorio, sull'appoggio del piedritto sarà adottato uno schema di vincolo
cedevole o in alternativa saranno definite delle rigidezze degli elementi di sottofondo tali da simulare il
presumibile comportamento dell'insieme fondazione-terreno.

4.8.4.3.6 Dimensionamento rivestimento definitivo


In analogia a quanto detto per le strutture di rivestimento di prima fase, in sede di progetto analisi
preliminare, il dimensionamento del rivestimento definitivo può essere condotto ricorrendo ad analisi con il
metodo delle "reazioni iperstatiche" dove, adottando il FEM, la struttura di rivestimento viene discretizzata
mediante elementi strutturali tipo "trave" o elementi bidimensionali e si tiene conto, con l'introduzione di
elementi monodimensionali di contorno, dell'azione del terreno e si ricorre quindi a:
a) definizione delle azioni esercitate dal terreno sul rivestimento (carichi esterni ed eventuali reazioni);
b) calcolo, con schema strutturale FEM, dello stato di sollecitazione nel rivestimento e verifiche.
Il carico attivo verticale pv e quello orizzontale ph , saranno valutati tenendo conto del modello geotecnico
del terreno, le condizioni di copertura (galleria superficiale o profonda) e la tempistica di posa in opera del
rivestimento, con riferimento alle situazioni di seguito riportate.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 158 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Per basse coperture/gallerie superficiali il carico verticale pv sarà calcolato in accordo alle seguenti ipotesi:
(a) per coperture inferiori a 𝐵 (dimensione caratteristica della galleria secondo quanto definito in Figura
4.8.4.1, per i terreni sciolti e le rocce tenere si adotterà l'intero carico geostatico;
(b) per coperture comprese tra 𝐵 e 2.5 𝐵, per i terreni sciolti e le rocce tenere si adotterà la formula 4.8.4 di
Terzaghi, assumendo comunque come valore minimo pv = 𝛾𝐵;
(c) per coperture inferiori a 𝐷 (diametro equivalente della galleria), per gli ammassi rocciosi si adotterà l'intero
carico geostatico;
(d) per coperture superiori a 𝐷, per gli ammassi rocciosi si ricorrerà alle stesse correlazioni adottate per le alte
coperture.
Per alte coperture/gallerie profonde il carico attivo verticale pv sarà valutato come segue:
(a) per terreni sciolti o rocce tenere, si utilizzerà la (8.35);
(b) per gli ammassi rocciosi, si ricorrerà alle relazioni (8.36) e (8.37).

Il carico orizzontale pv , è generalmente assunto proporzionale al carico verticale pv.


Per i terreni sciolti il coefficiente di spinta k 0 = ph ⁄pv avrà valore compreso tra quello del coefficiente di
spinta attiva e quello di spinta a riposo, in funzione della prevista interazione terreno-struttura. Per gli
ammassi rocciosi si farà invece preferibilmente riferimento alle correlazioni basate sui metodi di
classificazioni, quali ad esempio quelle proposte da Barton et al. (1974); come indicato dalla (8.38).
Nel caso di terreni rigonfianti e/o spingenti, come già esposto al precedente paragrafo 4.8.4.3.5, i carichi
verticali e orizzontali saranno valutati in modo da riprodurre le effettive condizioni di carico, tenuto conto
dei fenomeni di comportamento reologico. Per queste condizioni difficili le previsioni progettuali saranno
comunque subordinate ad un'accurata validazione in fase definitiva e a misure ed osservazioni in corso
d'opera.
Gli elementi strutturali avranno di norma comportamento elastico lineare; le relative rigidezze saranno
definite in base agli spessori della strutture ed alle caratteristiche di deformabilità dei materiali.
Per la definizione delle caratteristiche degli elementi di contorno, volti a schematizzare l'interazione terreno-
struttura sia in direzione normale che tangente all'asse degli elementi strutturali, si seguiranno gli stessi criteri
riportati al precedente paragrafo 4.8.4.3.5.

4.8.4.4 ANALISI PROGETTUALI E VERIFICHE DEFINITIVE


Nella fase di “analisi progettuale definitiva” verranno svolte le verifiche sulle sezioni strutturali scelte nella
precedente fase di “progettazione di fattibilità tecnica ed economica”. Le analisi tenso­deformative
saranno eseguite tenendo conto del comportamento del terreno naturale sottoposto agli interventi di
miglioramento, rinforzo e stabilizzazione previsti per la sezione tipo identificata e della messa in opera del
rivestimento sia di prima fase che definitivo. Queste analisi dovranno essere condotte adottando valori
cautelativi dei parametri caratteristici dei terreni e le verifiche dovranno determinare lo stato tensionale e
deformativo del terreno attraverso l’uso di metodi numerici avanzati.
I metodi di calcolo più frequentemente utilizzati per la modellazione delle gallerie individuano approcci
diversi in base alla loro capacità di considerare la presenza di discontinuità consentendo in tal modo la
modellazione di sistemi continui e discontinui. L’adozione di tali modelli e la corrispondenza con le classi
riportate al paragrafo 4.8.2.4 è riportata nella successiva Figura 4.8.4.9.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 159 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Classe T Classe R2 Classe R1

Figura 4.8.4.9 - Modelli di ammasso e metodi numerici


Tra i modelli esposti in Figura 4.8.4.9, il modello continuo sarà applicato nei casi in cui l’ammasso roccioso
interessato dall’opera possa essere considerato intatto o laddove il sistema di discontinuità sia di dimensioni
molto maggiori delle dimensioni dell'opera; in questi casi la risposta deformativa dell'ammasso roccioso sarà
gestita solamente dalle caratteristiche intrinseche della matrice rocciosa.
Quando ci si trovi a realizzare l’opera in materiali classificabili come sciolti, sia granulari che coesivi, il cui
comportamento sia riconducibile ai classici schemi di meccanica delle terre, il modello applicabile sarà invece
quello continuo equivalente.
Il modello discontinuo sarà invece utilizzato in quelle situazioni in cui il comportamento tenso-deformativo
sia governato, principalmente, dalla presenza dei sistemi di discontinuità.
Utilizzando il modello continuo, l’analisi progettuale deve essere condotta mediante soluzioni numeriche, che
a seconda delle ipotesi fatte, possono essere suddivise in metodi di contorno e metodi di dominio. I metodi
di contorno comprendono diversi Metodi ad Elementi di Contorno (BEM) ed implicano la suddivisione del
contorno dello scavo in elementi mentre l'ammasso roccioso viene rappresentato come un continuo
indefinito. I metodi di dominio, che includono il Metodo degli Elementi Finiti (FEM) e il Metodo delle
Differenze Finite (FDM), simulano invece il problema fisico discretizzano tutta la regione di studio in zone o
elementi.
In presenza di un numero limitato di discontinuità che isolino un insieme di volumi rocciosi di dimensioni
confrontabili con le dimensioni dell'opera, si ricorrerà preferibilmente a metodi del discontinuo analitici o
numerici. Le soluzioni analitiche suddividono l'ammasso roccioso in volumi elementari rigidi, ed i calcoli
saranno condotti con il metodo dell'Equilibrio Limite (LEM) capaci di valutare il comportamento dei
potenziali volumi instabili sul contorno del cavo, considerando l'effettivo stato di sollecitazione agente sulle
discontinuità e le relative caratteristiche tenso-deformative.
Quando il fenomeno fisico predominante è costituito dalla possibilità di movimento dei singoli volumi
costituenti l'ammasso roccioso (rotazione, traslazione, scorrimento e distacco) sarà necessario ricorrere a
modellazioni numeriche. I metodi di modellazione capaci di tener conto in modo esplicito della presenza
delle discontinuità sono diversi e in particolare si potrà fare riferimento ai seguenti metodi:
• Metodo degli Elementi Distinti (DEM)
• Metodo dei Blocchi (BT)
• Metodo degli Elementi Finiti (FEM)
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 160 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

• Metodo di Shi (Discontinuous Deformation Analysis Method)


• Metodo degli Elementi Finiti Discreti (DFEM)
La scelta tra modello continuo e discontinuo dipende da molti fattori e, prevalentemente, dalla scala del
problema e dalla geometria del sistema di fratturazione. Per scegliere il metodo di analisi che meglio coglie la
risposta dell'ammasso roccioso allo scavo della galleria è possibile riferirsi alle classi identificate al paragrafo
4.8.2.4 o a valori dall'indice di qualità dell'ammasso roccioso.
Con riferimento alle classi riportate nel paragrafo 4.8.2.4 si avrà:
Classe R1: è prevedibile una risposta in campo elastico lineare dell'ammasso roccioso ed i carichi sulle
strutture sono per lo più legati all'eventuale instabilità locale di volumi rocciosi elementari. Il modello
geotecnico di riferimento sarà quindi quello continuo se l’ammasso non presenta un sistema di discontinuità
di dimensioni confrontabili con le dimensioni dell'opera, o discontinuo laddove la presenza e le dimensioni
del reticolo delle discontinuità governino in modo predominante la risposta deformativa dell'ammasso. I
metodi di analisi numerica preferibilmente adottabili sono quelli FEM / BEM nel caso del modello continuo
e DEM (eventualmente affiancato da analisi effettuate con metodi all'equilibrio limite) nel caso di modello
discontinuo.
Classe R2: i fenomeni deformativi previsti potranno svilupparsi sia in campo elastico che in campo
elastoplastico. Il numero e le condizioni delle discontinuità fa sì che il modello geotecnico considerato possa
essere quello discontinuo o quello continuo equivalente. Il metodo di analisi numerica sarà scelto in funzione
della risposta deformativa attesa dell'ammasso roccioso; potrà risultare opportuno adottare il modello
discontinuo (DEM), laddove il comportamento deformativo sia governato principalmente dalla presenza
delle discontinuità, o modello continuo (FEM o FDM) laddove la condizione dell’ammasso sia assimilabile
ad un continuo equivalente. Nel caso specifico delle sezioni tipologiche R22p o nei casi in cui siano previste
rocce spingenti dovrà essere adottato un modello numerico che consenta l’adozione di modelli costitutivi dei
terreni in grado di riprodurre i fenomeni reologici previsti.
Classe T: in presenza di terreni sciolti, coesivi o granulari, è prevedibile una risposta deformativa in campo
plastico ed il modello geotecnico da adottare sarà quello continuo/continuo equivalente. Il metodo di analisi
numerica da adottare potrà essere scelto tra FEM e FDM e dovrà consentire l’adozione di modelli costitutivi
avanzati capaci di tener in considerazione i comportamenti tipici dei terreni.
Particolare attenzione dovrà essere dedicata nel corso delle analisi numeriche alla simulazione delle fasi di
scavo e delle fasi di costruzione (comprese quelle riguardanti la realizzazione degli interventi di
stabilizzazione per la stabilizzazione del terreno e la posa del rivestimento di prima fase).
Con riferimento alle fasi di costruzione, nella relazione di calcolo, dovrà essere descritto nel dettaglio il
procedimento numerico adottato per simulare l'intervento preso in considerazione. Per la modellazione degli
interventi di miglioramento del terreno potranno essere adottati metodi "discreti" o metodi basati sul
concetto di "materiale equivalente omogeneizzato". Nel primo caso il modello di calcolo comprende la
descrizione in termini quantitativi della geometria e delle proprietà meccaniche degli elementi e dei materiali
che compongono l'intervento in esame mentre nel secondo l'effetto dei singoli elementi di rinforzo,
compresa l'azione degli eventuali interventi di miglioramento, viene considerato introducendo nel modello
un materiale migliorato, caratterizzato da leggi costitutive diverse dal terreno naturale.
In entrambi i casi, indipendentemente dal tipo di modellazione adottata (FEM, FDM, DEM), nella relazione
di calcolo dovranno essere riportati esempi di validazione quantitativa dei metodi adottati in sede di analisi
progettuale. A questo fine si potranno stabilire confronti con soluzioni analitiche in forma chiusa, ove
disponibili, o casi di studio precedenti, ove si disponga di risultati di osservazioni e misure in sito.
Le verifiche statiche del rivestimento definitivo saranno condotte sulla base dei risultati di analisi
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 161 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

d’interazione terreno­struttura. I metodi di calcolo da usare devono quindi consentire di riprodurre il


comportamento tenso-deformativo del rivestimento in funzione delle condizioni geostrutturali e geotecniche
in esame e delle modalità di scavo e costruzione adottate.
Considerando che il getto del rivestimento definitivo avviene a seguito della posa in opera del rivestimento di
prima fase e dell'installazione degli eventuali interventi di stabilizzazione preventivi e/o concomitanti allo
scavo, è indispensabile che il metodo di analisi consenta di:
• considerare la ridistribuzione dello stato di sforzo iniziale nel terreno, in dipendenza delle
deformazioni che si verificano al fronte e nella zona retrostante;
• tenere conto del comportamento tenso-deformativo del rivestimento di prima fase e dello stesso
rivestimento definitivo;
• analizzare, ove necessario, la variazione delle pressioni neutre nel terreno, tra le condizioni iniziali,
all'atto dello scavo, e quelle di lungo termine;
• tenere conto del comportamento reologico del terreno, in particolare in condizioni di rigonfiamento
o di mezzo spingente.
In sede di progettazione esecutiva, si procederà al dimensionamento del rivestimento definitivo ricorrendo,
per il calcolo delle deformazioni e delle sollecitazioni indotte nel terreno e nelle strutture, ai metodi di analisi
numerica (FEM, FDM, DEM), tenendo in particolare conto dei criteri generali e delle modalità operative. Di
norma si ricorrerà ad analisi bidimensionali (considerando l'effetto di tridimensionalità dovuto al fronte di
scavo), non essendo tuttavia da escludere l'impiego di analisi tridimensionali ove le condizioni geologico-
strutturali e geotecniche lo richiedano e siano disponibili valori sufficientemente affidabili dei parametri di
calcolo.
Per le gallerie superficiali scavate entro terreni con copertura inferiore o uguale a B, indipendentemente dalle
fasi di analisi effettuate per valutare le condizioni di stabilità del cavo e/o del fronte, ed i fenomeni di
subsidenza indotta, il calcolo dello stato di sollecitazione nel rivestimento definitivo della galleria, su cui
saranno basate le verifiche, avverrà in accordo alle seguenti 2 fasi (ove siano adottati modelli bidimensionali
FEM/FDM):
• fase 1: si "inizializza" il modello e si definisce lo stato tensionale iniziale, tenendo conto del peso per
unità di volume del terreno, dell'eventuale presenza di falda, nonché della presenza di costruzioni,
manufatti, edifici, ecc.
• fase 2: consiste nel "disattivare" gli elementi posti all'interno della galleria, mentre vengono
contemporaneamente "attivati" gli elementi strutturali che rappresentano il rivestimento e viene
applicato, sull'estradosso dello stesso, la totalità delle "forze di scavo".

Nella fase 2 si dovrà considerare una perdita di funzionalità almeno parziale degli interventi di
miglioramento, rinforzo e stabilizzazione e del rivestimento di prima fase, con una conseguente
ridistribuzione dello stato tenso-deformativo nel rivestimento definitivo e nel terreno intorno al cavo.
Gli sforzi agenti nel rivestimento, una volta valutati in termini di sollecitazioni globali (sforzo normale, sforzo
di taglio e momento flettente), danno risultati certamente conservativi; essi sono tuttavia più soddisfacenti
rispetto ai calcoli con il metodo delle reazioni iperstatiche, in quanto sono derivati da soluzioni numeriche
che meglio descrivono l'interazione terreno-struttura.
Per le gallerie profonde si ricorrerà ad analisi effettuate in sequenza in modo da simulare le successive fasi di
scavo mediante "disattivazione" degli elementi di terreno e “attivazione" degli elementi di rivestimento (di
prima fase e definitivo). Potranno essere condotte analisi bidimensionali, tenendo conto dell'influenza del
fronte di scavo utilizzando un modello piano ed uno assialsimmetrico, o tridimensionali in modo da poter
mettere in vista, ove necessario, la eventuale variazione in senso longitudinale dello stato di sforzo nel
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 162 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

rivestimento.

4.8.4.4.1 Metodo degli elementi finiti (FEM)


Nel metodo degli elementi finiti FEM (Finite Element Method), il continuo è suddiviso in un certo numero
d'elementi e la variabile fondamentale è lo spostamento di un numero finito di punti nodali. Il metodo è
adatto a modellare oltre che geometrie complesse, materiali disomogenei con leggi costitutive complesse. Un
problema non lineare (tipicamente un problema elastoplastico) è ricondotto ad una serie di problemi lineari;
ad esempio si possono applicare in modo incrementale i carichi e modificare, ad ogni incremento, la "matrice
di rigidezza" degli elementi. La maggior parte dei codici di calcolo adotta una tecnica di soluzione "implicita",
che sostanzialmente consiste nell'assemblare un sistema d'equazioni dalle caratteristiche dei singoli elementi e
nel risolvere tale sistema (caratterizzato da matrici non completamente riempite) con una delle tecniche
matriciali standard.

4.8.4.4.2 Metodo alle differenze finite (FDM)


Nel metodo alle differenze finite (FDM: Finite Difference Method), il continuo è discretizzato in una maglia
di punti avendosi pertanto una struttura d'equazioni analoga a quella di un codice agli elementi finiti. Nelle
tecniche di soluzione "esplicita", la soluzione si sviluppa esplicitamente nel tempo: le forze sbilanciate
applicate su alcuni nodi determinano le accelerazioni delle masse associate ai punti stessi, dalle accelerazioni
si determinano gli spostamenti incrementali, e introducendo le relazioni costitutive si può determinare un
nuovo sistema di forze e così via procedendo nei successivi passi temporali.

4.8.4.4.3 Metodo degli elementi al contorno (BEM)


Il metodo degli elementi al contorno (BEM: Boundary Element Method) discretizza le frontiere del modello
geomeccanico, cioé i contorni dello scavo ed eventuali superfici di contatto tra i diversi materiali. Il metodo
degli elementi al contorno è basato su una soluzione ottenuta per via analitica. La soluzione è integrata
sull'elemento al contorno (lineare o superficiale a seconda che si tratti di problemi 2D o 3D), e si stabilisce
una relazione fra le condizioni del singolo elemento e quella di tutto il continuo. Come per il metodo degli
elementi finiti, è assemblato un sistema di equazioni lineari, la cui matrice è in genere completamente
popolata. La soluzione è determinata solamente sulla base delle condizioni sul contorno dello scavo, poiché
le condizioni all'infinito sono automaticamente soddisfatte. Non sorgono quindi i problemi legati alla scelta
della dimensione della maglia, che s'incontrano normalmente nell'utilizzo dei metodi FEM.

4.8.4.4.4 Metodo ad elementi distinti (DEM)


In molti codici di calcolo ad elementi finiti la presenza di discontinuità o di giunti può essere rappresentata
utilizzando o elementi convenzionali con spessore molto più piccolo della loro estensione o elementi speciali
di giunto di spessore nullo. Per le situazioni in cui l'ammasso roccioso può essere considerato costituito da
un insieme di blocchi delimitati da giunti, e diventano significativi gli scorrimenti o le aperture in
corrispondenza dei giunti stessi, è opportuno utilizzare metodi diversi, noti con il nome di metodi ad
elementi distinti (DEM: Discrete Element Method). Ciascun blocco è considerato individualmente, tenendo
conto delle interazioni con gli altri blocchi, che possono essere di tipo faccia-spigolo o faccia-faccia.
L'interazione può essere rappresentata con un modello elastoplastico. La soluzione del problema è ottenuta
con una tecnica "esplicita", integrando nel tempo le equazioni di moto di ciascun blocco.

4.8.4.4.5 Metodi ibridi


Tali metodi accoppiano, prevalentemente, codici FEM con codici BEM, discretizzando con il FEM le zone
più prossime allo scavo dove sono, prevedibilmente, concentrate le disomogeneità e le condizioni di non
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 163 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

linearità e tenendo conto con il metodo BEM della regione esterna, che sostanzialmente diviene un
superelemento. Non si hanno in questo caso i problemi d'estensione della maglia, tipici degli elementi finiti.

4.8.4.5 GENERALITÀ SUI CODICI DI CALCOLO

La maggior parte dei codici di calcolo agli elementi finiti presenti oggi sul mercato consente di simulare la
realizzazione di un’opera in sotterraneo riconducendosi a condizioni di deformazione piane (plain strain) o
assialsimmetriche (axisymmetric). La scelta di tali condizioni sarà effettuata dal progettista sulla base della
geometria del problema e delle condizioni geomorfologiche dell’ammasso.

Figura 4.8.4.10 - Esempio di stato piano di deformazione e di assialsimmetria

Il primo step per eseguire un’analisi agli elementi finiti sarà la creazione del modello, definendo le dimensioni
geometriche e le condizioni al contorno, le geometrie degli elementi da analizzare, il modello costitutivo e le
proprietà dei materiali utilizzati (sia strutturali che del terreno) e le eventuali sollecitazioni esterne che
interagiscono con il problema in esame.
Il secondo step sarà la generazione di una mesh adeguata di elementi finiti. Usualmente la mesh viene
generata automaticamente in base all’input del modello geometrico ma è possibile tuttavia modificarla,
infittendola dove necessario e diradandola laddove si ritenga opportuno, al fine di ottimizzarne i risultati
senza appesantire eccessivamente le procedure di calcolo.
Il terzo step, che costituisce la procedura di calcolo vera e propria, comporta, una volta definite le condizioni
litostatiche iniziali attraverso la generazione delle pressioni neutre e delle tensioni efficaci iniziali, la
simulazione di tutte le singole fasi realizzative dell’opera.

4.8.4.5.1 Dimensioni del dominio e condizioni al bordo

Nella maggior parte dei casi di scavo in sotterraneo, data la simmetria della sezione trasversale della galleria (e
nell’ipotesi che le condizioni dell’ammasso siano omogenee), il dominio potrà includere soltanto una metà
del problema geometrico, con uno dei bordi laterali che taglia la sezione della galleria in corrispondenza
dell’asse della stessa.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 164 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Figura 4.8.4.11 - Dominio di analisi di un problema simmetrico in 2D (a sinistra) in 3D (a destra) (Moller,


2006)
In queste condizioni, sarà necessario adottare un dominio trasversale di dimensioni tali che lo scavo della
sezione della galleria non influenzi lo stato tensionale e deformativo dei bordi.
La scelta delle dimensioni del modello avverrà a discrezione del progettista che potrà avvalersi di uno dei
metodi di seguito riportati consigliati da vari autori:
 Meissner, consiglia di adottare una distanza di (4 − 5)𝐷 dall’asse della galleria al bordo laterale ed una
distanza di (2 − 3)𝐷 dal centro della galleria al contorno inferiore.
 Moller (2006) suggerisce di assegnare le dimensioni del dominio in modo tale che il massimo cedimento
che si genera ai bordi non ecceda l’1% del massimo cedimento in asse alla galleria. Questo tipo di
approccio risulta, ovviamente, funzione del modello costitutivo adottato per il terreno e dei parametri
ad esso assegnati (per il valore dei quali si rimanda a Moller, 2006).

Facendo variare il diametro 𝐷 della galleria e la copertura della stessa in analisi bidimensionali e
tridimensionali con un modello costitutivo per il terreno di tipo Hardening Soil, l’autore giunge alla relazione:
𝐻
𝑤 = 2𝐷 (1 + )
𝐷
essendo 𝑤 la larghezza del dominio ed 𝐻 la copertura della galleria
La correlazione che esiste con il rapporto 𝐻/𝐷 è logica: più la galleria è profonda, più è ampia la zona
interessata dai cedimenti.
In un dominio tridimensionale è necessario assegnare, però, anche una terza dimensione: la lunghezza.
Moller (2006) dimostra come anche quest’ultima sia funzione del rapporto 𝐻/𝐷 secondo la relazione:
11 𝐻
𝑙 = 𝐷 (13 + ∙ )
3 𝐷

 Franzius e Potts (2005) analizzano l’influenza della distanza longitudinale dei bordi del dominio in una
serie di analisi tridimensionali. Essi dimostrano che, assegnata la posizione del fronte, la distanza
minima, che consente di non risentire della presenza del bordo, tra il fronte stesso ed il piano posteriore
è di almeno 13𝐷.
 Vermeer et al. (2002) asseriscono che, per osservare il raggiungimento delle condizioni stazionarie, è
necessario posizionarsi ad una distanza di almeno 5𝐷 dietro il fronte di scavo
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 165 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

 Franzius e Potts aumentano tale distanza a 7𝐷, dimostrando che tale dimensione è fortemente
influenzata dal valore assunto da k 0
Definita l’ampiezza del dominio, sarà necessario fornire per ognuno dei suoi bordi una condizione
cinematica al contorno. Molti programmi FEM presenti sul mercato consentono di adottare condizioni al
contorno standardizzate e già automaticamente implementate nel software. In generale si potrà fare
riferimento ai molti casi di letteratura (Kielbassa e Duddeck, 1991; Muniz de Farias et al. 2004; Yu e Dinis da
Gama, 2004; Moller, 2006; Vermeer et al., 2002; Moller e Vermeer, 2007) in cui i vincoli assegnati sono quelli
riportati sotto in Figura 4.8.4.12.

Figura 4.8.4.12 - Condizioni al bordo del dominio di analisi bidimensionali (Moller, 2006)
Per le facce laterali, gli spostamenti verticali sono liberi mentre quelli orizzontali risultano controllati. Il
vincolo per il quale gli sforzi tangenziali debbano essere nulli soddisfa la condizione che la faccia laterale
destra risulta essere l’asse di un problema simmetrico. Per il rivestimento della galleria, la condizioni che le
rotazioni sono impedite permette la nascita di momenti flettenti.
Il bordo inferiore presenta sia spostamenti orizzontali che verticali bloccati, in modo da ammettere che esista
un substrato rigido per il quale le deformazioni indotte dallo scavo possano essere trascurate.
Il contorno superiore, che rappresenta il piano campagna, è invece un bordo libero.

4.8.4.5.2 Influenza della dimensione della mesh


La soluzione del metodo agli elementi finiti converge alla soluzione reale all’aumentare del numero di nodi.
Tuttavia, tale aumento si riflette anche in un rapido incremento del tempo di calcolo connesso con la
simulazione. Sarà quindi compito del progettista riuscire a conciliare una buona approssimazione del
problema con un tempo di calcolo ragionevole e scegliere una discretizzazione del dominio adatta a tale
scopo. Particolare attenzione dovrà essere posta nel momento in cui sia necessario discretizzare una galleria a
sezione non circolare con angoli particolarmente accentuati; in queste situazioni è infatti possibile la
creazione di grandi concentrazioni di sforzi (Yu e Dinis Da Gama,2004), talmente elevate da creare zone di
collasso locale. I valori degli sforzi nei punti angolosi risultano infatti sia funzione delle condizioni iniziali e
delle proprietà meccaniche dell’ammasso, sia della dimensione della mesh e del numero dei poligoni di
discretizzazione. Ciò comporta che elementi più piccoli, e dunque una maglia più fitta generano, in tali punti,
più alti valori degli sforzi.

4.8.4.5.3 Modellazione 2D
Sebbene la costruzione di una galleria sia un problema chiaramente tridimensionale e dallo svilupparsi di
fenomeni prettamente tridimensionali dipendano sia le condizioni di stabilità che gli stati di sforzo nei
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 166 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

rivestimenti, è possibile tuttavia utilizzare, seguendo specifici accorgimenti, modelli bidimensionali.


L’adozione di modelli 2D è caratterizzata da una maggiore semplicità esecutiva e da un minor costo di
calcolo, trascurando però aspetti del problema, quali l’effettiva distribuzione dello sforzo iniziale e la
tridimensionalità della geometria della zona del fronte e della sezione di posa in opera del rivestimento, che
spesso influenzano in maniera determinante lo stato di sforzo finale nel rivestimento e nel mezzo circostante.
Infatti, nel caso di analisi piana, in cui le forze di scavo siano applicate integralmente al sistema, le
deformazioni sostenute dal rivestimento risulteranno decisamente maggiori di quelle valutate con il modello
tridimensionale. Nelle analisi bidimensionali, tale comportamento potrà essere simulato tramite espedienti
numerici, quali la riduzione di rigidezza del rivestimento o la riduzione dei carichi. Queste approssimazioni
sono tese a riflettere le deformazioni che nascono nell’intervallo di tempo tra cui il terreno viene scavato ed il
rivestimento messo in opera diviene staticamente attivo.
Diversi sono i metodi suggeriti in letteratura (Moller, 2006); in questa sede, si richiama il cosiddetto “metodo
𝛽” (stress reduction method) che, con le dovute accortezze, può essere ben utilizzato per simulare in
condizioni piane entrambe le tipologie di scavo (convenzionale e meccanizzato).

4.8.4.5.4 Stress reduction method


La riduzione dello stato tensionale dovuto al ritardo d’installazione del rivestimento in una galleria a scavo
convenzionale può essere facilmente riprodotta attraverso due distinte fasi esecutive: nella prima, gli elementi
di terreno interni alla sezione di scavo vengono disattivati e le forze di scavo 𝐹𝑆 vengono ridotte al valore
𝛽𝐹𝑆 ; nella seconda, il rivestimento viene attivato e la porzione di carico (1 − 𝛽)𝐹𝑆 viene applicata al sistema
terreno-rivestimento. Se il cedimento finale risulta essere la somma dei cedimenti sviluppatisi nelle due
diverse fasi, le sollecitazioni all’interno del rivestimento si sviluppano, ovviamente, solo nella seconda fase. Il
fattore 𝛽 (0 < 𝛽 ≤ 1) viene assunto pari al valore che assume la funzione 𝑓(𝜆) nella sezione di posa in
opera del rivestimento (Panet, 1995).
La bontà della soluzione dipende fortemente dalla conoscenza della funzione 𝑓(𝜆), alla quale è legato lo
stato tensio-deformativo del mezzo al momento della posa in opera del rivestimento e che condiziona la
parte di carico che grava sul rivestimento. In generale i fattori che influenzano la funzione 𝑓(𝜆) sono il
rapporto tra le rigidezze del mezzo e del rivestimento, la distanza tra il fronte di scavo e la sezione di posa in
opera del rivestimento, lo stato di sforzo preesistente lo scavo e la resistenza del materiale.
Wood suggerisce di prendere in considerazione solo il 50% del carico come agente sul rivestimento; in tal
modo il valore di 𝛽 adottato è pari a 0.5.
Baudendistel fornisce i valori del parametro per uno scavo a sezione piena di forma non circolare e per
differenti valori della distanza non sostenuta.

d 1.5D D 0.5D 0.25D 0.125D 0


β 0.0 0.02 0.11 0.23 0.41 0.72

Tabella 4.8.4.2 - Parametro β per scavo a sezione piena di forma non circolare.
Dal confronto dei risultati numerici con le misure di sito, la migliore correlazione in termini di conca di
subsidenza produce valori di 𝛽 compresi tra 0.4 e 0.3.
Tuttavia, l’uso di bassi valori di 𝛽 non genera risultati realistici in termini di sollecitazioni interne al
rivestimento; qualora il fine ultimo della simulazione sia quello di ritrovare i valori delle sollecitazioni nel
rivestimento è necessario utilizzare un campo di variazione compreso tra 0.5 e 0.7.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 167 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Il valore da assegnare al parametro di riduzione dei carichi, non solo è incognito e richiede una dettagliata
calibrazione, ma risulta anche funzione dello scopo dell’analisi numerica.
Per uno scavo di tipo meccanizzato, il fattore 𝛽 viene utilizzato più che per simulare l’intervallo temporale
che intercorre tra lo scavo e la messa in opera del rivestimento, la perdita di volume di terreno (nota come
volume loss) che si genera nelle fasi esecutive che accompagnano l’avanzamento della TBM e l’uscita dallo
scudo dei conci degli anelli del rivestimento.
Il metodo, come suggerito da Addenbrooke (1997), è tanto più efficace quanto più è possibile ritenere valida
l’assunzione di comportamento non drenato, di modo tale da poter ritenere che il volume della conca di
subsidenza sia pari al volume perso nell’intorno della galleria durante lo scavo. Il fattore 𝛽 viene ad essere
così calibrato in base alle misure di cedimento al piano campagna. È necessario, però, considerare che, se il
fine ultimo dell’analisi è lo studio delle sollecitazioni, nella fase di attivazione del rivestimento, a causa della
deformabilità della struttura stessa, è possibile che si generi una ulteriore aliquota di cedimento rispetto quella
calcolata nella fase precedente. Questa aliquota, generalmente comunque di modesta entità, potrebbe
ricondurre ad una ricalibrazione del fattore 𝛽, al fine di far coincidere il volume perso nell’intorno dello
scavo con quello della conca di subsidenza.

4.8.4.5.5 Simulazione del metodo di scavo tradizionale in condizioni 3D


Nella simulazione 3D con metodi numerici è estremamente importante rappresentare in modo opportuno
tutte le diverse fasi costruttive dell’opera considerando:
 la messa in opera di eventuali interventi di miglioramenti al fronte ed in calotta;
 lo scavo;
 la messa in opera del rivestimento provvisorio;
 la messa in opera del rivestimento definitivo.

Per simulare la fase di scavo si adotta la cosiddetta procedura “Step by Step” (Moller, 2006).
Dopo aver generato lo stato tensionale iniziale (condizioni pre-opera) e aver attivato gli eventuali elementi di
miglioramento al fronte e al contorno attraverso il miglioramento delle caratteristiche del terreno interessato,
dovranno essere disattivati gli elementi interni alla sezione della galleria per simulare lo scavo non sostenuto
per una certa distanza di avanzamento 𝑑 (Figura 4.8.4.13). Nella fase successiva va attivato il rivestimento
provvisorio tramite l’introduzione di un elemento strutturale (per simulare ad esempio la posa in opera di una
centina) o attraverso una variazione delle caratteristiche del materiale costituente la zona interessata (per
simulare la posa in opera di un rivestimento in calcestruzzo proiettato). La fase finale di posa in opera del
rivestimento definitivo sarà modellata attivando ad una certa distanza dal fronte un elemento strutturale
anulare con le caratteristiche di rigidezza proprie del rivestimento scelto. In tale fase saranno
contemporaneamente disattivati gli elementi che simulavano il rivestimento provvisorio affinché gli sforzi
agenti sul rivestimento definitivo non tengano conto del contributo degli interventi di prima fase.
Quanto appena illustrato si riferisce ad uno scavo a sezione piena; nel caso in cui la procedura esecutiva
preveda uno scavo a sezione parzializzata, la tecnica di disattivazione dei cluster può essere adattata cercando
di seguire la sequenza della tecnica esecutiva prescelta.
Tale approccio si utilizza sia per calcolare gli spostamenti superficiali sia lo stato di sollecitazione nei
rivestimenti di gallerie costruite secondo diverse fasi esecutive.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 168 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Figura 4.8.4.13 - Metodo di avanzamento Step by Step per analisi tridimensionali del metodo di scavo
convenzionale (Moller, 2006)

4.8.4.6 ANALISI DELLE SUBSIDENZE INDOTTE DALLO SCAVO DELLE GALLERIE


La subsidenza è il risultato dell’inevitabile e complessa interazione tra terreno e struttura che si genera
durante la realizzazione di un’opera in sotterraneo. Per questo motivo, l’impostazione della progettazione
deve essere orientata al controllo delle deformazioni del terreno, sia per limitare la subsidenza di superficie,
sia per ottimizzare gli interventi di sostegno nelle varie fasi della costruzione. La necessità del controllo delle
subsidenze dovrà essere quindi orientata a:
• evitare il danneggiamento delle infrastrutture e degli edifici in superficie;
• garantire la sicurezza dei lavoratori in tutte le fasi di lavoro
• controllare l’incremento delle sollecitazioni nel rivestimento provvisorio che può risultare dal
decadimento dei parametri di resistenza dei terreni, da carichi asimmetrici (dovuti alla
geomorfologia, in prossimità di un’altra cavità), ed eterogeneità del terreno;
• evitare l’innesco e la ri-mobilitazione di fenomeni di instabilità di versante.

Per definire in particolare il livello d’interferenza fra lo scavo di una galleria e le strutture presenti in
superficie o in sotterraneo, sarà necessario, da un lato, valutare la subsidenza indotta e, dall’altro, definire i
valori del cedimento ammissibile in relazione alla tipologia ed alla finalità d’uso dell’opera interessata dal
movimento. Per la valutazione dei cedimenti potranno essere adottate le metodologie di seguito illustrate
mentre i valori di cedimento ammissibile saranno valutati in base alle classi di danno riportate nel paragrafo
4.10 del presente manuale.
I generale è bene ricordare che, oltre ai movimenti locali ed immediati dovuti alla rottura dell’equilibrio
naturale, come l’apertura di superfici di discontinuità presenti nelle formazioni rocciose, esistono movimenti
“generali” legati alle caratteristiche dei terreni e all’interazione tra il suolo ed il rivestimento. Questi ultimi,
più facilmente quantificabili, sono altresì attribuibili alle seguenti cause:
• abbassamento della falda acquifera, con conseguente cessazione della spinta idrostatica sugli
strati di copertura ed innesco, nel caso, di processi di consolidazione;
• “perdita di terreno”, conseguente allo scavo, a cui fa seguito una redistribuzione delle pressioni
nel suolo sia esso una formazione rocciosa o un terreno;
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 169 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

• comportamento viscoso della formazione di copertura (fenomeno chiaramente reologico).

Gli spostamenti, orizzontali e verticali, che materializzano il bacino di subsidenza, potranno essere calcolati
sia per via numerica (con i metodi riportati al paragrafo 4.8.4.4) che per via analitica, in relazione alla fase
progettuale e al grado di approfondimento previsto.
In generale, i metodi numerici risulteranno i più accurati in quanto, oltre a valutare l’effettiva evoluzione della
galleria nel tempo considerando le reali fasi costruttive dell’opera, consentono l’adozione di modelli
costitutivi avanzati capaci di modellare il reale comportamento del terreno sottoposto agli stati tenso-
deformativi causati dalle singole fasi realizzative dell’opera.
I metodi analitici e semiempirici risultano invece speditivi e più semplici da applicare garantendo al
contempo, per la valutazione dell'entità degli spostamenti, una precisione che può comunque risultare
adeguata ad una valutazione preliminare.

4.8.4.6.1 Metodi analitici e semiempirici


Tra i metodi “semplificati” per caratterizzare l'ampiezza della zona interessata dalle deformazioni, Peck
propose d'interpolare la deformata della superficie topografica con una curva di Gauss e di assumere quale
dimensione caratteristica la distanza 𝑖 misurata in orizzontale fra l'asse della galleria e il punto di flesso della
curva (Figura 4.8.4.14).

Figura 4.8.4.14 - Curva di subsidenza

La formulazione di tale curva è stata ripresa successivamente da Attewell et al. (1986) che valutarono l’entità
dei cedimenti indotti a breve termine in senso trasversale all'asse della galleria in condizioni “green field”
(superficie libera) attraverso la seguente equazione:

0.313𝑉𝑝 𝜙 2 (−𝑦22 )
𝑆𝑣 = 𝑒 2𝑖
(𝑘𝑧0 )
Dove:
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 170 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

𝑆𝑣 = cedimento verticale nel punto posto alla distanza 𝑦 dall’asse della galleria
𝑉𝑝 = volume perso in superficie, durante lo scavo, per unità di lunghezza (viene espresso come percentuale
nominale del volume teorico di scavo. Rappresenta l'area sottesa tra la curva dei cedimenti del piano
campagna e la sua superficie indeformata)
𝛷 = diametro della galleria
𝑘 = coefficiente adimensionale dipendente dalla natura dei terreni attraversati
𝑧0 = profondità dell’asse longitudinale della galleria da p.c.
𝑦 = coordinata del punto (di cui si vuole definire il cedimento) misurata rispetto all’asse della galleria
𝑖 = 𝑘 ∙ 𝑧0 = distanza fra il punto di flesso della curva e l’asse della galleria

La curva dei cedimenti indotti a lungo termine in senso longitudinale all'asse della galleria in condizioni
“green field” (superficie libera), nel caso di una galleria superficiale, è schematizzabile con buona
approssimazione con la curva integrale della funzione di Gaussiana utilizzata per la definizione dei cedimenti
trasversali. La curva è caratterizzata da un parametro 𝑖 uguale a quello adottato per la sezione trasversale, e
con valore di cedimento in corrispondenza del fronte della galleria pari al 50% del valore massimo di
subsidenza trasversale (Attewell et al. 1986).
Per individuare i limiti del bacino di subsidenza, oltre i quali gli spostamenti verticali risultano irrilevanti, in
letteratura è riportata la convenzione di considerare nulli gli spostamenti verticali quando questi sono
inferiori ad una frazione dello spostamento massimo, ossia, se 𝑆𝑣 ≤ 0.044𝑆𝑀𝐴𝑋 , allora 𝑆𝑣 = 0. Il limite del
bacino di subsidenza si ottiene quindi laddove 𝑆𝑣 = 0.044𝑆𝑀𝐴𝑋 (Mair, Taylor, Burland, 1996). Per le
proprietà della curva Gaussiana, questa condizione si realizza in 𝑦 ≈ ± 2.5 − 3 𝑖.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 171 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Figura 4.8.4.15 - Campo di spostamenti indotti dallo scavo di una galleria (Attewell et al. 1986)
Per l’analisi della subsidenza indotta dalle due gallerie appaiate si potrà operare, in maniera conservativa, con
la sovrapposizione degli effetti.

4.8.4.6.2 Effetti dei cedimenti sulle preesistenze


Una volta identificata l’area e l’entità del bacino di subsidenza, la stima degli effetti che i cedimenti causano
sulle strutture presenti viene normalmente ricondotta, almeno in fase di progettazione di fattibilità tecnica
ed economica, allo studio di alcuni parametri fondamentali quali la distorsione angolare o la rotazione
relativa del terreno (e quindi delle fondazioni) ed il valore assoluto dello spostamento verticale massimo. Per
la fase di progettazione definitiva sarà invece necessario valutare gli effetti dei cedimenti sulle strutture,
adottando modelli numerici avanzati che consentano di determinare il completo stato tensionale e
deformativo agente sulle stesse.
Di seguito saranno riportate le indicazioni relative alla valutazione degli effetti dei cedimenti sulle strutture
preesistenti valide per la fase di progettazione di fattibilità tecnica ed economica.
In generale il calcolo della distorsione angolare massima, mostrato in Figura 4.8.4.16, si basa sulla lunghezza
tipica degli edifici, ossia la distanza tra due plinti o la lunghezza della trave di fondazione, e sulla massima
pendenza del profilo del cedimento. I valori ottenuti dovranno essere confrontati con i relativi valori
ammissibili valutati nella fase di progettazione, o qualora non siano state eseguite analisi specifiche, con i
valori consigliati dall’Eurocodice 7 o dalla letteratura (esempio di Tabella 4.8.4.3). Nel caso in cui i valori di
previsione fossero superiori ai limiti consentiti, occorre in fase di progetto, prevedere ulteriori interventi di
contenimento che permettano un più efficace controllo delle deformazioni indotte al piano campagna.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 172 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

In base alla classe di danno attesa, i manufatti ricadenti nell’area del bacino di subsidenza saranno poi
suddivisi in tipologie di interferenza (Fabbricati tipo “A”, ”B” e “C”), secondo quanto riportato al capitolo
4.10 del presente documento.

Figura 4.8.4.16 - Idealizzazione di edifici come travi elastiche e rappresentazione della deflessione relativa D
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 173 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Deformazione
Categoria di limite di
Descrizione
danno allungamento
εlim (%)
0 Fessure capillari con apertura ≤ 0.1 mm 0.00 - 0.05
Fessure sottili cui si rimedia facilmente con lavori di tinteggiatura. Il
danno in genere è limitato agli intonaci delle pareti interne. Fessure alle 0.05 - 0.075
1 pareti esterne rilevabili con attento esame. Tipica apertura delle lesioni ≤1
mm
Fessure facilmente stuccabili, tinteggiatura necessaria. Le fessure
ricorrenti possono essere mascherate con opportuni rivestimenti. Fessure
2 visibili anche all’esterno: può essere necessaria qualche ripresa della 0.075 – 0.15
stillatura per garantire l’impermeabilità. Possibili difficoltà nell’apertura di
porte e finestre. Tipica apertura delle lesioni ≤ 5 mm
Le fessure richiedono cuci e scuci della muratura. Anche all’esterno sono
necessari interventi sulla muratura. Possibile blocco di porte e finestre.
3 Rottura di tubazioni. Spesso l’impermeabilità non è garantita. 0.15 – 0.30
Tipica apertura delle lesioni 5 − 15 mm oppure numero elevato di lesioni
con apertura ≤ 3 mm
Necessarie importanti riparazioni, compresa demolizione e ricostruzione
di parti di muri, specie al di sopra di porte e di finestre. I telai di porte e di
finestre si distorcono: percepibile pendenza dei pavimenti. Muri inclinati
4 o spanciati; qualche perdita d’appoggio di travi. Tubazioni distrutte. ≥0.30
Tipica apertura delle lesioni 15 − 25 mm, dipendente anche dal numero
delle lesioni
Richiesti importanti lavori con parziale o totale demolizione e
ricostruzione. Le travi perdono l’appoggio, i muri si inclinano fortemente
5 e richiedono puntellatura. Pericolo di instabilità. Tipica apertura delle ≥0.30
lesioni ≤ 25 mm, dipendente anche dal numero delle lesioni

Tabella 4.8.4.3 - Categorie di danno e deformazioni limite


Schematizzazione dei fabbricati interferiti
I fabbricati interferiti potranno essere schematizzati come semplici travi elastiche prive di peso aventi altezza
𝐻 e lunghezza 𝐿 pari a quelle della sezione dell’edificio analizzato (Burland, 1997).
La dimensione 𝐿 (lunghezza) sarà considerata secondo lo schema riportato di seguito (si veda la Figura
4.8.4.17 - Schematizzazione degli edifici interferiti):
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 174 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Figura 4.8.4.17 - Schematizzazione degli edifici interferiti


Prendendo in considerazione i movimenti del terreno sul piano trasversale alla galleria, la curva dei cedimenti
si suddivide in tre zone (vedi Figura 4.8.4.18 - Calcolo delle deformazioni di trazione secondo Mai, Taylor,
Burland):
- due zone con concavità verso il basso – zone “hogging”, dove le strutture che poggiano sul p.c. sono
sottoposte a trazione, per la presenza di deformazioni superficiali di estensione e per il contributo della
curvatura del p.c. Questa zona è compresa nell’intervallo:
𝑦 > +𝑖 e 𝑦 < −𝑖
- una zona con concavità verso l’alto – zona “sagging”, dove le strutture che poggiano sul p.c. sono
sottoposte a compressione, per la presenza di deformazioni superficiali di compressione oltre che per il
contributo della curvatura del p.c. Questa zona è compresa nell’intervallo:
−𝑖 < 𝑦 < +𝑖
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 175 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Figura 4.8.4.18 - Calcolo delle deformazioni di trazione secondo Mai, Taylor, Burland
Per la definizione delle deformazioni indotte si potrà considerare di imprimere alla trave equivalente
all’edificio la stessa deformata “green field”. Il bacino di subsidenza sarà limitato ad una fascia compresa
tra +2.5𝑖 e – 2.5𝑖 (𝑖 = distanza fra il punto di flesso della curva di subsidenza e l’asse della galleria) posta
a cavallo dell’asse della galleria e saranno assunte le seguenti condizioni:
 gli spostamenti orizzontali e verticali di punti esterni ai limiti del bacino sono nulli,
 la porzione di edificio interessata dalle deformazioni è quella compresa tra i suddetti estremi.
 la nuova configurazione della trave (equivalente all’edificio) implica la mobilitazione di sollecitazioni
flessionali e di taglio e corrispondenti deformazioni.

Le deformazioni indotte si potranno calcolare mediante le seguenti equazioni:

∆/𝐿𝑖
𝜀𝑓 = 𝐿𝑖 3𝐼𝐸
[12𝑡+ 2𝑡𝐿 𝐻𝐺 ]
𝑖
∆/𝐿𝑖
𝜀𝑡 =
𝐻𝐿2𝑖 𝐺
[1 + 18𝐼𝐸
]
dove:
𝜀𝑓 = deformazione flessionale
𝜀𝑡 = deformazione di taglio
∆/𝐿𝑖 = rapporto di inflessione
𝐿𝑖 = porzione (≤ 𝐿 = lunghezza edificio) di edificio ricadente nella zona analizzata
𝐼 = modulo di inerzia (𝐻 3 /12 in zona sagging ; 𝐻 3 /3 in zona hogging)
𝐸/𝐺 = rapporto tra il modulo di elasticità longitudinale e tangenziale (12.5 per fabbricati in c.a. e 2.6 per
fabbricati in muratura)
𝑡 = distanza dell’asse neutro dal bordo teso della trave (𝐻/2 in zona sagging ; 𝐻 in zona di hogging)
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 176 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Figura 4.8.4.19 - Schema dei punti per valutare i cedimenti di una struttura

Oltre a queste deformazioni, si dovrà tenere conto degli effetti delle deformazioni orizzontali 𝜀ℎ del
terreno. Il valore di 𝜀𝑦 è ricavabile dalla seguente equazione:

∆𝑆ℎ
𝜀𝑦 =
𝐿𝑖
Dove:
𝑆ℎ = (𝑦⁄𝑧0 ) ∙ 𝑆𝑣 = spostamento orizzontale nel punto posto alla distanza 𝑦 dall’asse della galleria
𝑆𝑣 = cedimento verticale nel punto posto alla distanza y dall’asse della galleria
∆𝑆ℎ = differenza tra gli spostamenti orizzontali dei due estremi della struttura (punti A, D di Figura 4.8.4.19 -
Schema dei punti per valutare i cedimenti di una struttura)

Deformazioni indotte sui fabbricati interferiti – analisi longitudinali all’asse della galleria
Per gli edifici caratterizzati da una disposizione ed uno sviluppo dimensionale parallelo all’asse della galleria e
comparabile con l’estensione del bacino di subsidenza, dovranno essere eseguite valutazioni di danno
prodotte dai cedimenti differenziali in senso longitudinale.
Prendendo in considerazione i movimenti del terreno sul piano trasversale alla galleria, in riferimento
all’immagine seguente, per la valutazione degli spostamenti verticali e orizzontali potranno essere utilizzate
le espressioni sotto riportate
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 177 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Figura 4.8.4.20 - Vista in pianta della galleria in costruzione. Dominio bidimensionale per la stima dei
cedimenti

𝟏 𝑨 ̅ −𝒙)𝟐
−(𝒙
𝑆𝑣 (𝑥̅ , 𝐴) = 𝑆𝑉,𝑀𝐴𝑋 ∫ 𝒆 𝟐𝒊𝟐 𝒅𝒙
𝒊√𝟐𝝅 −∞

L’espressione riportata per il cedimento verticale descrive la curva integrale della funzione Gaussiana,
caratterizzata da un parametro 𝑖 uguale a quello adottato per la sezione trasversale e con valore di cedimento
in corrispondenza del fronte della galleria pari al 50% del valore massimo di subsidenza trasversale.
Il cedimento orizzontale 𝑆𝑥 su dominio monodimensionale 𝑥,
̅ 𝑦̅ = 0 potrà essere valutato per diverse
posizioni del fronte (A) secondo le seguenti equazioni:
𝑘 ̅ −𝐴)2
−(𝑥
𝑆𝑥 (𝑥̅ , 𝐴) = −𝑆𝑉,𝑀𝐴𝑋 𝑒 2𝑖2 𝑝𝑒𝑟 𝑥̅ > 𝐴
√2𝜋
𝑘
𝑆𝑥 (𝑥̅ , 𝐴) = −𝑆𝑉,𝑀𝐴𝑋 𝑝𝑒𝑟 𝑥̅ ≤ 𝐴
√2𝜋

L’espressione riportata per il cedimento orizzontale deriva dalle stesse assunzioni fatte per la stima dei
cedimenti verticali, aggiungendo l’ipotesi che gli spostamenti del p.c., per un determinato piccolo
avanzamento del fronte di scavo, siano in direzione del fronte di scavo stesso.
Analogamente all’analisi trasversale, s’individuano le zone di hogging e di sagging, e vengono così stimate le
deformazioni di trazione impresse alla trave equivalente con cui è schematizzato il fabbricato. L’analisi dovrà
essere svolta sia considerando le deformazioni orizzontali che trascurandole, considerando poi il caso più
sfavorevole.
L’analisi sarà svolta ripetutamente per diverse posizioni del fronte, fino ad individuare la condizione più
sfavorevole.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 178 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.8.5 GESTIONE DELLE ROCCE E TERRE DA SCAVO


In fase progettuale dovranno essere studiate soluzioni atte a massimizzare il riutilizzo del materiale da scavo
come sottoprodotto e a limitarne quanto possibile la gestione come rifiuto, valutando comunque le scelte
anche sotto il profilo della sostenibilità economica.
Nella gestione delle terre e rocce da scavo come sottoprodotto, al fine di garantire il requisito di norma
relativo alla “certezza del riutilizzo”, è opportuno che la disponibilità dei siti di conferimento esterni al cantiere
sia acquisita in fase di progettazione.

4.8.5.1 PROGETTO DI FATTIBILITÀ TECNICA ED ECONOMICA


Per le opere soggette a valutazione d’impatto ambientale comprese nel campo di applicazione della “Legge
Obiettivo”, il progetto di fattibilità tecnica ed economica dovrà prevedere:
1. l’individuazione dei siti disponibili e potenzialmente idonei al conferimento dei materiali da scavo,
estendendo la ricerca in un raggio minimo di 20 km dal luogo di esecuzione dell’intervento e comunque
in misura tale da individuare, in applicazione dell’articolo 27 del D.Lgs. n.163/2006, almeno cinque
possibili soggetti da invitare a presentare offerta per l’utilizzo del proprio sito. Tale operazione sarà
eseguita tramite la verifica degli strumenti di pianificazione di settore e richiedendo formalmente agli
Enti interessati e/o interferiti dall’opera (Regioni, Provincie, Comuni) la disponibilità di siti pubblici e,
in subordine di siti privati, a ricevere il materiale da scavo.
2. un’analisi di comparazione multicriteria dei siti individuati, al fine di selezionare quelli idonei e
potenzialmente utilizzabili, basata almeno sui seguenti parametri:
- complessità dell’iter autorizzativo da intraprendere,
- distanza dei siti di conferimento dal luogo di lavoro,
- accessibilità dei siti di conferimento,
- compatibilità geologica/geotecnica/idrogeologica del materiale da scavo con l’intervento di
riqualificazione previsto,
- presenza di aree protette o tutelate e, in generale, di vincoli paesaggistici e ambientali,
- compatibilità urbanistica dei siti di conferimento,
- stima dei costi per l’acquisizione del diritto di conferire i materiali nei siti; si potrà anche prendere in
considerazione la possibilità di acquisire la proprietà dei siti, nel qual caso si dovranno anche valutare
le modalità della successiva gestione e i relativi oneri.
3. la verifica della compatibilità ambientale del materiale da scavo con i siti di conferimento selezionati;
4. la stipula con Enti e/o privati, a valle di un confronto tra un numero minimo di cinque offerte, di un
accordo preliminare a titolo non oneroso avente ad oggetto l’acquisizione del diritto di conferire i
materiali da scavo nei siti prescelti (o di un contratto preliminare per l’acquisto della proprietà). In ogni
caso, i contratti, in questa fase, dovranno espressamente riportare le seguenti condizioni risolutive al
verificarsi delle quali decade l’obbligo (ma non la facoltà) per RFI di stipulare il contratto definitivo:
- la circostanza per cui il Piano di Utilizzo (o una sua modifica) non venga approvato o non preveda
più il sito in oggetto tra quelli di destinazione;
- la circostanza per cui, prima della stipula del contratto definitivo, non si sia concluso il procedimento
di approvazione del progetto di riqualifica del sito.
Gli atti stipulati confluiranno nel Piano di Utilizzo (PUT) redatto nella fase di progettazione di fattibilità
tecnica ed economica nell’ambito dello Studio di Impatto Ambientale.
E’ necessario prevedere inoltre che i siti di deposito temporaneo (preliminare) individuati nei PUT e nei
correlati documenti di progetto soggetti ad autorizzazioni ambientali, siano idonei ad accogliere materiale
anche qualora non fosse possibile utilizzare i siti di conferimento precedentemente individuati e oggetto di
contratti già siglati con i rispettivi proprietari, a causa di eventuali imprevisti all'atto delle lavorazioni. Tali siti
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 179 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

di deposito temporaneo dovranno in particolare assicurare la capacità di accogliere anche il materiale


prodotto nel tempo necessario per attivare altri contratti per siti di conferimento sostitutivi e per espletare le
eventuali necessarie procedure autorizzative. I siti di deposito preliminare dovranno essere anche inseriti nel
piano particellare di esproprio ai fini della relativa occupazione temporanea ai sensi dell’art.49 del DPR
n.327/2001.

4.8.5.2 PROGETTO DEFINITIVO


Per le opere soggette a valutazione di impatto ambientale comprese nel campo di applicazione della “Legge
Obiettivo”, in fase di progetto definitivo dovranno essere stipulati:
 i contratti definitivi per il conferimento del materiale ovvero i contratti di acquisto della proprietà o
di altro diritto reale con i soggetti titolari della proprietà o del diritto reale sul sito. Qualora i siti non
fossero più disponibili, si procederà alla predisposizione di un nuovo Piano di Utilizzo attraverso
l’individuazione di nuove aree;
 nel caso di acquisto, gli eventuali accordi con i Comuni o con altri enti pubblici eventualmente
interessati per il trasferimento della proprietà del sito, a valle delle operazioni di riqualifica previste.
Per le altre realizzazioni, le attività sopra descritte per la fase della progettazione di fattibilità tecnica ed
economica e definitiva delle opere di “Legge Obiettivo”, dovranno essere svolte, con gli opportuni
adattamenti, nella fase di progettazione definitiva.

4.8.5.3 DEFINIZIONE DEGLI SCHEMI DEI CONTRATTI DI APPALTO


In coerenza a quanto sopra previsto, il contratto di appalto per la realizzazione di un progetto che comporta
la produzione di terre e rocce da scavo, deve essere impostato prevedendo a carico dell'Appaltatore, per
quanto possibile, il solo trasporto di tali materiali:
 ai siti di conferimento precedentemente individuati e oggetto di contratti già siglati con i rispettivi
proprietari;
 ai siti di deposito temporaneo, anch'essi individuati nel progetto approvato e anche in caso di
imprevisti all'atto delle lavorazioni che rendano inutilizzabili i suddetti siti di conferimento.
Nel contratto dovranno essere richiamate le vigenti tariffe di RFI per la gestione dei materiali da scavo in
regime di rifiuti (avvio a un impianto di recupero, a una discarica per rifiuti inerti, a una discarica per rifiuti
non pericolosi) e per il relativo trasporto, da adottare per corrispondere a misura eventuali ulteriori
prestazioni non previste e imprevedibili al momento della progettazione.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 180 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

RESISTENZA DELLE GALLERIE AGLI INCENDI

4.9.1 INTRODUZIONE
Come indicato nel precedente capitolo 4.7 “La sicurezza in galleria”, le recenti evoluzioni normative hanno
considerato possibili scenari incidentali caldi, chiedendo il rispetto del requisito di resistenza al fuoco per le
gallerie ferroviarie. Tale indirizzo è stato intrapreso anche sulla scorta di eventi incidentali occorsi in tempi
relativamente recenti, sia in gallerie stradali (Monte Bianco) che in tunnel ferroviari delle reti estere
(Eurotunnel, Sempione e Great Belt).
Oltre alla salvaguardia della vita umana, le prime normative sembravano implicitamente considerare anche la
protezione dei beni infrastrutturali, in considerazioni dei costi legati all’interruzione dell’esercizio ferroviario
e alle tempistiche di ripristino dell’infrastruttura. A tale riguardo va osservato che l’esito di un incendio in una
galleria ferroviaria, di entità tale da danneggiare le strutture, comporta certamente un livello di danno delle
dotazioni impiantistiche proprie del sistema ferroviario (trazione elettrica, armamento, cavidotti, ecc.) tale da
portare ad un periodo di fuori servizio dell’infrastruttura, in ogni caso non trascurabile.
L’orientamento normativo più recente invece realizza un collegamento diretto tra il requisito prestazionale di
resistenza al fuoco che le strutture devono garantire e gli scenari di evacuazione, necessari a garantire la
salvaguardia della vita umana, ammettendo il collasso strutturale al termine della gestione dell’emergenza.
Nel seguito verranno quindi fornite indicazioni generali sulle logiche da seguire per ottemperare alle richieste,
in tale ambito, dei più recenti disposti normativi. Saranno altresì sinteticamente illustrati, come tracciati in
ambito normativo nazionale ed europeo, i procedimenti di analisi e di verifica da adottare per il
soddisfacimento del requisito di resistenza al fuoco delle gallerie sottoposte all’azione incendio.

4.9.2 CONSIDERAZIONI ED INDICAZIONI SU ASPETTI NORMATIVI


Si riportano a seguire alcune considerazioni sulla differente impostazione attualmente riscontrabile nella
normativa di settore, a livello nazionale ed europeo. Mentre infatti la più datata normativa nazionale (DM
28/10/2005) richiede il soddisfacimento di condizioni deterministiche, imponendo alle strutture delle gallerie
ferroviarie caratteristiche di resistenza al fuoco non inferiori a R120, da valutare con la curva di incendio
11076 (RWS), a livello europeo la più recente incarnazione delle Specifiche tecniche di interoperabilità (STI
SRT - Reg. UE n. 1303/2014) sposta l’attenzione sugli scenari di evacuazione e di emergenza, commisurando
a questi le caratteristiche di resistenza al fuoco dei tunnel ferroviari.
Anche i campi di applicazione delle due norme non risultano direttamente sovrapponibili; infatti il DM 28-
10-2005 si applica a tutte le gallerie di lunghezza superiore ai 2 km, mentre le STI SRT 2014 fanno
riferimento solo a gallerie nuove e ristrutturate, di lunghezza superiore a 100 metri.
Nelle more di una compiuta armonizzazione della normativa di settore nazionale e sovranazionale, la già
citata legge 27/2012 ha stabilito che non possono essere applicati alla progettazione e costruzione delle
nuove infrastrutture ferroviarie nazionali parametri e standard tecnici e funzionali più stringenti rispetto a
quelli previsti dagli accordi e dalle norme dell’Unione Europea.
Ciò premesso, nel prosieguo si farà riferimento soprattutto alle indicazioni contenute nel più recente
disposto normativo delle STI SRT 2014, ritenuto ad oggi il principale riferimento disponibile. Per il requisito
di resistenza al fuoco essa richiede, al p.to 4.2.1.2, il rispetto di due principali condizioni riferite
esclusivamente alla salvaguardia delle vite umane:
a) “l’integrità del rivestimento definitivo deve mantenersi (punto 6.2.7.2 - ‘a una temperatura di 450°C a livello del soffitto’)
per un periodo di tempo sufficientemente lungo da consentire l’autosoccorso e l’evacuazione dei passeggeri e del personale, nonché
l’intervento delle squadre di emergenza. Tale periodo di tempo deve essere conforme agli scenari di evacuazione considerati e essere
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 181 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

indicato nel piano di emergenza. ”


b) “Nel caso di gallerie sommerse o di gallerie che possano causare il cedimento di importanti significative strutture adiacenti, la
struttura principale della galleria deve resistere alla temperatura dell'incendio (p.to 6.2.7.2 – ‘conformemente a un'idonea curva
di incendio scelta dal richiedente’) per un periodo di tempo sufficiente a consentire l'evacuazione delle zone a rischio della galleria
e delle strutture adiacenti. Tale periodo di tempo deve essere indicato nel piano di emergenza.”
Si nota che, a differenza di quanto riportato nel DM 28-10-2005 dove curva di incendio e durata del cimento
termico sono prefissati, tali parametri non sono stabiliti univocamente.
Sarà, quindi, compito del progettista definire la curva di incendio tempo-Temperatura ed ‘il periodo di
tempo’ da considerare nelle verifiche, che dovrà essere calibrato in funzione dello scenario di evacuazione e
riportato nel piano di emergenza.
In particolare:
- per tutte le gallerie ricadenti nel caso a) risulta plausibile ipotizzare (con riferimento anche a
norme di altri stati europei) che la soglia di temperatura indicata (450°C) venga utilizzata, solo ai fini
della valutazione dell’integrità del rivestimento, salvaguardando quindi l’esodo dei passeggeri e
l’intervento delle squadre di soccorso. Pertanto la verifica delle strutture della galleria deve essere
eseguita con una curva di incendio tempo-Temperatura che avrà il tratto iniziale con pendenza pari
e/o similare alle curve nominali, di cui alla successiva Figura 4.9.2.2 - Principali curve di incendio
nominali, fino a 450°C per poi rimanere costante a tale temperatura per tutta la durata di verifica,
fissata generalmente in 120 minuti a meno che dal piano di emergenza della galleria emergano
differenti indicazioni. L’andamento descritto è graficizzato nella successiva Figura 4.9.2.1.

Figura 4.9.2.1 – Curva di incendio per le gallerie ricadenti nel caso “a”
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 182 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

- per tutte le gallerie ricadenti nel caso b) la norma consente di verificare la resistenza delle strutture
con una curva di incendio tempo-Temperatura idonea, scelta caso per caso in ragione dello scenario di
incendio specifico. Tale verifica andrà condotta per una durata generalmente pari a 120 minuti, a meno
che dal piano di emergenza e coordinamento della galleria emergano differenti indicazioni.
Nella figura seguente sono riportate le curve nominali con l’indicazione delle specifiche norme di
riferimento.

Curva ISO 834 Curve HC (NTC 2008) Curva Eureka (STI SRT 2007) Curva HCM (C.I. 2000-63) Curva RWS (DM 28-10-2005)
Figura 4.9.2.2 - Principali curve di incendio nominali

Per le gallerie ferroviarie, salvo indicazione specifiche, si adotterà la curva nominale RWS (DM 28 ottobre 2005).
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 183 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.9.3 CRITERI DI VERIFICA


Come noto le “Norme tecniche per le costruzioni” (D.M. 14.01.2008), cui si rimanda, disciplinano le azioni
sulle costruzioni, considerando tra le altre anche la condizione di incendio.
Pertanto, come indicato al p.to 3.6.1.5 “Procedimento di analisi della resistenza al fuoco” delle sopra citate NTC
2008 il procedimento di analisi e verifica da adottare per il soddisfacimento del requisito di resistenza al
fuoco delle gallerie è sintetizzabile come segue:
 individuazione dell’incendio di progetto
da effettuarsi, nelle diverse situazioni, con riferimento a quanto indicato al precedente capitolo 4.9.2.
 analisi dell’evoluzione della temperatura all’interno degli elementi strutturali
«…il campo termico all’interno dei componenti della struttura viene valutato risolvendo il
corrispondente problema di propagazione del calore…»
 analisi del comportamento meccanico delle strutture;
«…il comportamento meccanico della struttura viene analizzato tenendo conto della riduzione della
resistenza meccanica dei componenti dovuta al danneggiamento dei materiali per effetto
dell’aumento di temperatura. L’analisi del comportamento meccanico deve essere effettuata per lo
stesso periodo di tempo usato nell’analisi dell’evoluzione della temperatura. Si deve tenere conto
della presenza delle azioni permanenti e di quelle azioni variabili che agiscono contemporaneamente
all’incendio secondo la combinazione eccezionale. Non si prende in considerazione la possibilità di
concomitanza dell’incendio con altre azioni eccezionali e con le azioni sismiche. Si deve tener conto,
ove necessario, degli effetti delle sollecitazioni iperstatiche dovute alle dilatazioni termiche
contrastate, ad eccezione dei seguenti casi:
- è riconoscibile a priori che esse sono trascurabili o favorevoli;
- sono implicitamente tenute in conto nei modelli semplificati e conservativi di comportamento
strutturale in condizioni di incendio…»
 verifiche di sicurezza.
«…la verifica della resistenza al fuoco viene eseguita controllando che la resistenza meccanica venga
mantenuta per il tempo corrispondente alla classe di resistenza al fuoco della struttura con
riferimento alla curva nominale di incendio…»
Il procedimento sopra esposto andrà percorso anche valutando l’influenza del fenomeno dello spalling sulla
risposta strutturale. A tal proposito, infatti, l’Eurocodice 2 [2] (UNI EN 1992-1-2 - Progettazione delle
strutture di calcestruzzo - Parte 1-2 - Regole generali - Progettazione strutturale contro l’incendio, Sezione 4
Procedure di progettazione, p.to 4.1 Generalità) richiede che “...il distacco del calcestruzzo deve essere
evitato per mezzo di misure appropriate oppure si deve tenere conto della sua influenza sui requisiti
prestazionali (R e/o E I)…”.
Pertanto, al fine di quantificare l’entità dello spalling da considerare nelle analisi, si potrà far riferimento al
criterio sviluppato, per conto di RFI, nel documento “Considerazioni sul fenomeno dello spalling ai fini
dell’esecuzione delle verifiche in condizioni di incendio delle strutture di rivestimento di opere in
sotterraneo” (E. Cartapati - maggio 2012).
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 184 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Tale criterio, basato su evidenze sperimentali e di incendi realmente avvenuti, che hanno coinvolto strutture
prive di accorgimenti nei riguardi dei fenomeno dello spalling, definisce che:
 per le strutture non armate la riduzione media di spessore da utilizzare nelle analisi e verifiche può
essere valutata pari a 15 cm;
 per le strutture armate la riduzione media di spessore da utilizzare nelle analisi e verifiche è ricavabile
dalla formula:
s = c + r + f + i/10

dove c è il copriferro e i l’interasse delle armature di forza; r e f sono rispettivamente i diametri


delle armature di ripartizione (r) e di forza (f)
Tale valore è determinato dalla somma di diversi contributi:
- distacco del calcestruzzo per tutto lo spessore del copriferro,
- distacco del calcestruzzo per tutto lo spessore corrispondente all’ingombro delle armature
(somma dei diametri dei due ordini di armature: principali e trasversali),
- spessore medio aggiuntivo che tiene conto del possibile distacco di schegge di calcestruzzo non
contrastato dalla presenza delle barre di armatura; tale spessore aggiuntivo può essere valutato
mediamente dell’ordine di 1/10 dell’interasse fra le armature principali,
La profondità massima non può essere superiore a quella di sezioni non armate (s ≤ 150 mm).
L’applicazione del criterio presuppone che l’armatura principale abbia un comportamento
favorevole, ovvero armatura sufficientemente ripartita ed efficacemente trattenuta da staffe e
spillature dirette verso l’interno della sezione. La validità del criterio è riferita ad un intervallo di
variabilità dell’interasse fra le armature dell’ordine di 100 ÷ 250 mm; per interassi superiori a 200 mm
è opportuno incrementare (fino al 50%) il contributo dello spessore medio aggiuntivo.

Figura 4.9.3.1 - Schema per la valutazione della profondità di “spalling” per sezioni armate
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 185 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Le esperienze fin qui effettuate per i rivestimenti definitivi delle gallerie circolari o policentriche, rendono
confidenti del fatto che le verifiche condotte in assenza di spalling siano in realtà più gravose, nella maggior
parte delle casistiche, di quelle effettuate considerando l’eventuale sviluppo del fenomeno.
Tuttavia per casi particolari e/o per gallerie con sezione sezioni scatolari dove la condizione di verifica con
spalling risultasse non solo quella più severa, ma tale da determinare il mancato soddisfacimento delle
prestazioni richieste, dovranno essere valutati tra gli accorgimenti possibili quelli tecnicamente ed
economicamente più vantaggiosi. Ad esempio è possibile valutare l’introduzione delle seguenti misure
mitigative:
- prevedere un conglomerato cementizio con un appropriato mix-design per aumentare la
permeabilità;
- prevedere un rinforzo di armatura, unitamente ad un maggior copriferro, per contrastare l’effetto di
riduzione della sezione resistente;
- prevedere un incremento del copriferro;
Per l’eventuale adozione di una tra le misure sopra indicate dovrà essere condotta una apposita valutazione
tecnico-economica per giustificare la scelta effettuata.
E’ necessario infine spendere qualche parola sull’uso fibre in polipropilene che spesso vengono proposte,
come additivo del calcestruzzo nei conci prefabbricati, per un utilizzo finalizzato alla riduzione dello spalling.
Di fatto tali filamenti, sublimando a temperature relativamente basse, creano una rete di canalicoli
comunicanti che possono costituire una via preferenziale per l’uscita del vapore, riducendo in tal modo le
pressioni interstiziali e contribuendo a mitigare in qualche modo l’effetto spalling.
Recenti esperienze condotte su elementi prefabbricati in scala reale hanno evidenziato come tale soluzione,
sia pur interessante dal punto di vista teorico, non rappresenti a tutt’oggi una soluzione standardizzabile,
perché non è possibile definirne a priori né la tipologia né il relativo dosaggio. Di fatto, il prodotto a tutt’oggi
non risulta compiutamente ingegnerizzato e la sua adozione richiederebbe, caso per caso, apposite ed
onerose campagne di sperimentazione e di controlli in cantiere, di non agevole esecuzione e non effettuabili
in fase progettuale.

Riepilogando, per le gallerie ferroviarie ricadenti nel caso b) del punto 4.2.1.2 delle STI SRT 2014, le verifiche
di resistenza al fuoco dei rivestimenti in cls dovranno seguire la seguente articolazione:
a) Individuazione dell’azione incendio di progetto da considerare, definito attraverso la relativa curva di
incendio, e del tempo di riferimento dell’analisi;
b) Mappatura termica delle sezioni strutturali sottoposte al cimento termico sotto l’azione incendio,
ovvero analisi dell’evoluzione della temperatura all’interno degli elementi strutturali.
c) Analisi del comportamento meccanico delle strutture esposte al fuoco, ovvero determinazione delle
caratteristiche meccaniche ridotte delle sezioni in termini di rigidezza assiale e flessionale, in accordo
alle leggi costitutive variabili dei materiali, nonché valutazione delle sollecitazioni di coazione. Il
procedimento dovrà prevedere il decadimento delle caratteristiche fisico-meccaniche dei materiali,
espresse in termini di rigidezza assiale e flessionale, in accordo alle leggi costitutive dei materiali
variabili con la temperatura previsti dalla normativa.;
d) Identificazione del modello di calcolo della struttura del rivestimento definitivo, attraverso la
opportuna combinazione, secondo normativa, delle azioni statiche di esercizio utilizzate nel calcolo
‘a freddo’, con l’azione incendio considerata. Nel combinare l’azione termica con le azioni statiche di
esercizio si deve tener conto che, nell’ambito delle sezioni di gallerie considerate in progetto, la
combinazione più gravosa delle azioni a ‘caldo’ e a ‘freddo’, non corrisponde alla condizione risultata
dimensionante nell’analisi a freddo.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 186 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

e) Verifica di resistenza al fuoco vera e propria, ovvero determinazione della capacità di prestazione
delle sezioni per il tempo di esposizione richiesto dalla normativa, ottenuta confrontando le
sollecitazioni con i relativi domini di interazione M-N, tenendo conto delle resistenze ridotte dei
materiali in accordo al campo termico prima determinato. Essendo le verifiche in condizioni agli
s.l.u. si può ammettere la formazione di cerniere plastiche, controllando la capacità deformativa della
struttura oltre il limite elastico e verificando che non si verifichi una situazione di labilità in rapporto
alle condizioni di vincolo fornite dal terreno circostante.

[Nel caso di anelli di rivestimento prefabbricati]


f) Analisi, nelle sezioni strutturali dei conci, della presenza dei giunti, valutandone la reale geometria
all’interno della struttura e considerando anche in questo caso la riduzione di resistenza dei materiali,
causata dall’aumento di temperatura a seguito dell’incendio.

Le verifiche andranno condotte sia considerando l’effetto spalling, sia trascurandolo.

Per le verifiche delle gallerie ferroviarie ricadenti nel caso a) del punto 4.2.1.2 delle STI SRT 2014, sarà
possibile utilizzare procedure semplificate.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 187 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

MONITORAGGIO

4.10.1 PREMESSE
Di seguito sarà trattato il monitoraggio delle gallerie di nuova realizzazione e delle eventuali opere accessorie
facendo espressamente riferimento a due fasi ben distinte della vita dell’opera identificando i “monitoraggi in
corso d’opera” ed i “monitoraggi in fase di esercizio”.
L’obiettivo del monitoraggio in corso d’opera sarà quello di controllare la reale rispondenza tra le condizioni
considerate in fase di progettazione e quelle effettivamente riscontrate in situ al fine di verificare ed
ottimizzare gli interventi previsti in progetto, mentre il monitoraggio in fase di esercizio sarà finalizzato al
controllo in continuo dell’opera durante tutta la sua vita utile.
Il monitoraggio in corso d’opera sarà perciò sempre previsto e rappresenterà una fase fondamentale del
percorso progettuale costituendone di fatto il completamento, mentre il monitoraggio in fase di esercizio sarà
una fase accessoria e sarà previsto solo se espressamente richiesto dalla committenza.

4.10.2 GENERALITÀ
La verifica della rispondenza tra fase progettuale e costruttiva si realizza attraverso il controllo di alcune
grandezze fisiche individuate come rappresentative, in funzione della litologia interessata dallo scavo, della
sezione strutturale adottata e dall’articolazione delle fasi realizzative.
Generalmente le attività del monitoraggio in corso d’opera saranno volte ad indagare:
- le deformazioni indotte durante lo scavo nel terreno (naturale e migliorato, in seguito ad eventuali
interventi) ed eventualmente i valori e le variazioni delle pressioni neutre;
- le deformazioni e le tensioni agenti nelle strutture di rivestimento (di prima fase e definitivo), e negli
elementi di rinforzo e stabilizzazione;
- eventuali effetti indotti, nelle strutture limitrofe, dalla realizzazione dell’opera ferroviaria
L’attività di monitoraggio in fase di esercizio sarà invece finalizzata a controllare l’evoluzione nel tempo del
comportamento delle opere e della sovrastruttura ferroviaria, fornendo le misure ed eventualmente le
segnalazioni automatiche di allerta al superamento di valori di guardia prefissati. Tali dati possono costituire
informazioni fondamentali fornendo un valido sostegno per le attività di manutenzione ordinaria e
straordinaria durante la vita utile dell’opera.
Il progetto dovrà quindi prevedere un “Piano di Monitoraggio in corso d’opera” finalizzato al controllo della
fase realizzativa. Per quanto riguarda la fase di esercizio, il piano di Monitoraggio potrà essere previsto
laddove, per la sensibilità delle preesistenze interferite o la particolarità delle situazioni di ammasso
incontrate, la committenza lo ritenga necessaria.
La raccolta, l'analisi e l'interpretazione dei dati derivati dalle misure, sia in corso d'opera che durante
l'esercizio, dovranno essere condotti con sistematicità e cura in modo da consentire l'archiviazione remota
dei dati e la conseguente creazione di un "data base" utile, oltre che come ‘cartella clinica’ dell’opera, anche
come supporto informativo per le opere di futura realizzazione.
In generale saranno oggetto di monitoraggio i seguenti manufatti:
- gallerie naturali ed artificiali.
- opere di sostegno e di presidio.
- opere, edifici ed installazioni preesistenti al contorno della linea.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 188 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

I parametri generalmente oggetto di monitoraggio sono indicati nella Tabella 4.10.2.1, suddivisi per le
tipologie applicative:

Gallerie naturali e gallerie Opere di sostegno e di Opere, edifici ed


artificiali presidio installazioni preesistenti
deformazioni della sezione Livelli idrici nel sottosuolo accelerazioni e vibrazioni
(ad es. misure di indotte dal passaggio dei
convergenza) convogli
carichi sull'interfaccia spostamenti superficiali e spostamenti superficiali e
terreno-struttura profondi profondi
comportamento delle opere spostamenti orizzontali livelli idrici nel sottosuolo
di contenimento e/o
drenaggio
carichi agenti sugli elementi assestamenti verticali spostamenti orizzontali
strutturali e di ancoraggio
spostamenti relativi dei assestamenti verticali
giunti e fessurazioni
deformazioni dell'ammasso
al contorno
spostamenti orizzontali
dell'ammasso
stato di tensione all’interno
dell'ammasso
comportamento di
eventuali elementi di
rinforzo (chiodature,
centinature ecc.)
livelli della falda e pressioni
idriche all’interfaccia
rivestimento-terreno
Tabella 4.10.2.1

Nel seguito verranno analizzati principalmente i monitoraggi relativi alle gallerie naturali e artificiali realizzate
in tradizionale e agli edifici potenzialmente interessati dal bacino di subsidenza indotto dalla realizzazione
dell’opera facendo espressamente riferimento ai due momenti fondamentali del monitoraggio identificati
precedentemente (monitoraggi in corso d'opera ed in fase di esercizio).

4.10.3 STRUMENTI DI MISURA


Gli strumenti di misura e le sezioni strumentate da adottare dipendono dalla complessità della situazione
geologico-geotecnica, con particolare riguardo alle specifiche condizioni geostrutturali, morfologiche ed
idrogeologiche, nonché al previsto comportamento tenso-deformativo del terreno e delle strutture. La
rapidità e la correttezza delle misure in corso d’opera assumono fondamentale importanza ed impongono la
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 189 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

presenza costante in cantiere di personale qualificato.


La decisione sulle eventuali variazioni da introdurre rispetto a quanto previsto in progetto ed in particolare su
eventuali interventi integrativi da adottare dovranno essere assunte rapidamente e dovranno derivare da
un'accurata analisi ed interpretazione dei dati.
Il progetto di monitoraggio deve tener conto dell'affidabilità degli strumenti da utilizzare, della semplicità
d'installazione e di manutenzione, della facilità di misura, della robustezza e non ultimo, di minimizzare i
possibili disagi che l'allestimento delle sezioni strumentate comporta all'intera organizzazione di cantiere.
I sistemi di acquisizione dei dati dalle strumentazioni posti nelle sezioni di misura potranno essere di tipo
continuo (automatizzato) o discreto in relazione alla prevedibile evoluzione temporale dei fenomeni sotto
osservazione. Ove possibile l'acquisizione dei dati dovrà avvenire con modalità automatica, centralizzando le
informazioni provenienti dei sensori della sezione di misura.
Per ciascuno strumento il Progettista dovrà definire in quale momento procedere alla "lettura di zero", e cioè
alla taratura della configurazione di riferimento rispetto alla quale confrontare tutti i valori che andranno
rilevati in seguito. La lettura degli strumenti e l'interpretazione delle misure dovranno essere eseguite da
personale qualificato. Di seguito si riporta una descrizione sintetica delle principali tipologie di misurazione,
cui di norma si ricorre per il monitoraggio in galleria.

4.10.3.1 MISURE DALL'INTERNO DEL CAVO (IN CORSO D'OPERA)

4.10.3.1.1 Misure di convergenza con mire ottiche


Consistono nel determinare la variazione in valore assoluto della distanza di uno o più punti di misura
posizionati sulle pareti (opposte) del cavo oppure sul fronte di avanzamento (misure di estrusione). I punti di
misura sono costituiti da prismi ottici o da mire ottiche reticolate traguardate mediante un teodolite o
distanziometro. La misura si effettua come una normale triangolazione di precisione. La precisione della
misura deve essere almeno pari ad 1 mm. L'elaborazione dei dati consente di risalire alla deformata del
profilo di scavo ed agli spostamenti del fronte, nonché di valutarne l'evoluzione nel tempo.

4.10.3.1.2 Misure estensimetriche con estensimetri monobase o multibase


Consistono nel determinare la distribuzione delle deformazioni nel terreno. L'estensimetro è costituito da
una testa di riferimento posta a boccaforo e da uno o più basi collegate con la testa di riferimento mediante
barrette o astine, installate in un foro di piccolo diametro realizzato nel terreno al contorno del cavo. Le
misure degli spostamenti tra le barrette o astine, solidali con le basi, e la testa di riferimento sono effettuate
per mezzo di un comparatore meccanico o altro strumento di pari precisione (per es. un trasduttore di
spostamento LVDT o a corda vibrante). La precisione dello strumento di misura deve risultare pari ad
almeno 0,5% del fondo scala.

4.10.3.1.3 Determinazione della pressione di contatto terreno-struttura (celle di pressione)


Si determina la pressione di contatto tra il terreno, al contorno del cavo, e le strutture ovvero tra i
rivestimenti di prima fase e quelli definitivi. Le celle di pressione sono formate da due piastre saldate tra loro
lungo il perimetro. Lo spazio tra di esse è riempito di liquido ed è collegato ad un trasduttore di misura. Il
carico agente sulle piastre viene trasmesso al trasduttore, trasformando le variazioni di pressione in
spostamenti o deformazioni di una membrana. La misura viene eseguita usando un comparatore meccanico,
un trasduttore di spostamento o un trasduttore di pressione. Le celle di pressione possono essere installate
sia per le misure di sforzi radiali che tangenziali. La precisione dello strumento deve essere pari almeno a
0.5% del fondo scala.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 190 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.10.3.1.4 Determinazione della pressione sul rivestimento provvisorio (celle di carico)


Il funzionamento delle celle di carico è del tutto analogo a quello delle celle di pressione ma dovendo
sopportare carichi maggiori risultano strutturalmente più robuste. Si possono suddividere in celle di carico
piatte e toroidali. Le celle di carico piatte vengono solitamente utilizzate per valutare il carico assiale agente
sulle centine e possono essere installate fra le piastre di giunzione delle centine nella zona di calotta e in arco
rovescio. Le celle di carico toroidali invece, vengono utilizzate per la valutazione del carico agente su un
chiodo o su una barra di ancoraggio e vengono usualmente installate fra la piastra e il dado di fissaggio
fornendo il carico esercitato dall’ammasso sulla testa del bullone.

4.10.3.1.5 Misure di estrusione del fronte di scavo


Consentono di rilevare in continuo gli spostamenti assiali relativi di una serie di basi di misura. Le misure
vengono effettuate in un tubo in PVC munito di appositi ancoraggi anulari a distanza di 1 m l'uno dall'altro,
che vengono resi solidali con il terreno circostante tramite un'iniezione di malta espansiva. Le misure delle
variazioni di distanza tra le coppie di ancoraggi adiacenti vengono effettuate mediante una sonda munita di
due teste sferiche che, durante il passaggio nel foro, vanno in battuta contro gli ancoraggi conici. La
precisione è del decimo di mm.

4.10.3.2 MISURE DALL'INTERNO DEL CAVO (IN ESERCIZIO)

4.10.3.2.1 Misure di deformazione (estensimetri da calcestruzzo)


Consistono nella misura delle deformazioni che avvengono nei rivestimenti definitivi e della loro evoluzione
nel tempo. Gli estensimetri possono essere del tipo a resistenza elettrica oppure a corda vibrante e vanno
collegati ad una centralina di misura. L'installazione va effettuata in più punti all'interno del rivestimento. Gli
estensimetri devono essere montati a coppie in direzione tangenziale alla superficie della galleria prima del
getto del rivestimento definitivo. La precisione è 0.5% del fondo scala.

4.10.3.2.2 Determinazione della sollecitazione in parete (martinetto piatto)


Col questo metodo si determina la sollecitazione circonferenziale agente su una porzione di rivestimento
definitivo. Il rilascio delle tensioni, provocato da un intaglio eseguito in direzione normale alla superficie della
struttura, determina una parziale chiusura dell'intaglio stesso, che viene rilevata tramite misure di
spostamento. Viene quindi inserito nell'intaglio uno speciale martinetto piatto, la cui pressione interna viene
gradualmente aumentata fino ad annullare lo spostamento prima misurato (cioè ripristinando lo stato
tensionale preesistente). Le misure di spostamento vengono eseguite su diverse basi mediante estensimetro
meccanico rimovibile oppure trasduttori elettrici di spostamento. La precisione della lettura è pari a 0.1% del
fondo scala.

4.10.3.3 MISURE DALL'ESTERNO DEL CAVO (IN CORSO D'OPERA E IN ESERCIZIO)

4.10.3.3.1 Misure assestimetriche


Consistono nel determinare le deformazioni indotte nei terreni di copertura della galleria a seguito dello
scavo. L'assestimetro è costituito da una serie di barre a diversa lunghezza installate e rese solidali con il
terreno in un foro di sondaggio realizzato dal piano campagna. Le misure di spostamento sono effettuate per
mezzo di un comparatore meccanico. La precisione è 0.25% del fondo scala.

4.10.3.3.2 Misure topografiche


Consistono nel determinare in concomitanza con lo scavo delle gallerie le variazioni di quota di punti ubicati
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 191 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

sul piano campagna. Le misure sono effettuate attraverso una livellazione topografica e triangolazione di
precisione. La precisione è 1 mm.

4.10.3.3.3 Misure inclinometriche


Consistono nel determinare il decorso, nel tempo, degli spostamenti del terreno nell'intorno della galleria in
seguito allo scavo. Le misure sono effettuate mediante una sonda inclinometrica fatta scorrere in un tubo
scanalato reso solidale con il terreno all'interno di un foro di sondaggio. La precisione è 0.2 mm/m.

4.10.3.3.4 Misure estenso-inclinometriche


Consistono nel determinare, nel tempo, gli spostamenti del terreno, secondo tre direzioni tra di loro
ortogonali, nell'intorno della galleria in seguito allo scavo. Le misure sono effettuate mediante una sonda
estenso-inclinometrica fatta scorrere in un apposito tubo munito di ancoraggi posti a distanza di 1 m l'uno
dall'altro. Il tubo è reso solidale con il terreno all'interno di un foro di sondaggio che non deve scostarsi più
di 3° dalla verticale. La precisione della funzione estensimetrica è pari a 0.003 mm/m. La precisione della
funzione inclinometrica è di 0.05 mm/m.

4.10.3.3.5 Misure della pressione interstiziale e del livello di falda


Consistono nella determinazione della pressione interstiziale nel terreno. Le misure sono effettuate mediante
piezometri installati in foro: a tubo aperto, del tipo Casagrande, o muniti di celle (elettriche, a corda vibrante,
pneumatiche). La precisione è 0.2+0.5% del fondo scala. La scelta del tipo di piezometro è strettamente
vincolata alla natura del terreno.

4.10.4 MONITORAGGIO IN CORSO D’OPERA


I monitoraggi in corso d’opera prevedono l'installazione di una serie di strumenti, sia all'esterno che
all'interno della galleria, così che durante l'esecuzione dei lavori si possa:
- verificare le ipotesi progettuali riguardanti la caratterizzazione geotecnica dei terreni;
- misurare le componenti di spostamento, le deformazioni e le sollecitazioni indotte nel terreno e nelle
strutture, che dovranno essere confrontate con quelle previste in progetto;
- accertare l’eventuale necessità, in tratti ove il comportamento risulti non conforme a quello di progetto,
di applicare modifiche o adottare interventi aggiuntivi a quelli previsti;
- procedere alla ottimizzazione degli interventi di rinforzo, miglioramento e stabilizzazione delle strutture
di rivestimento (di prima fase e definitivo), anche attraverso la rivalutazione dei parametri geotecnici
individuati in sede di progetto;
- analizzare i riflessi dell'opera sull'ambiente esterno e documentare l'influenza statica della costruzione,
anche per la risoluzione di eventuali controversie legali, specie nel caso di interferenze con opere
preesistenti;
- garantire la sicurezza del cantiere.
In base agli obiettivi posti ed alle finalità sopra indicate dovranno essere individuate alcune posizioni
significative dove installare sezioni strumentate/stazioni di misura che, nelle varie tratte da analizzare,
forniranno i dati necessari per le decisioni operative da assumere durante l'esecuzione dei lavori. A tale scopo
l'analisi strumentale, corredata dalle osservazioni e dai controlli che saranno condotti contestualmente nei
riguardi delle condizioni geotecniche, dovrà consentire di valutare i seguenti parametri:
- convergenza totale del cavo;
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 192 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

- gradiente di deformazione;
- stabilità del fronte di scavo.
In linea generale le stazioni di misura saranno suddivise in:
- stazioni per gli imbocchi e per le gallerie superficiali (urbane ed extraurbane);
- stazioni fondamentali;
- stazioni principali;
- stazioni secondarie;
- stazioni al fronte di scavo.
Di seguito verranno definite le composizioni ottimali pertinenti ad ogni singola stazione tipo e gli obiettivi
che dovranno essere conseguiti attraverso le misure. Il numero, l'ubicazione e gli ulteriori strumenti che si
dovessero ritenere necessari potranno essere indicati dal Progettista anche in sede operativa, ferme restando
la qualità delle misure e la loro interpretazione, che dovrà comunque garantire gli scopi per i quali gli stessi
strumenti sono stati predisposti.

4.10.4.1 STAZIONI PER GLI IMBOCCHI E PER GALLERIE SUPERFICIALI


Queste stazioni dovranno essere predisposte, anche ai fini di verificare le condizioni di stabilità dei versanti,
prima dell'inizio delle operazioni di scavo. A tale scopo gli strumenti di misura, posizionati dal piano
campagna, dovranno essere installati a profondità sufficiente da indagare il comportamento
tenso-deformativo del terreno e le relative condizioni piezometriche, anche nella zona sottostante la galleria,
tenendo sempre conto delle previsioni al riguardo formulate in sede di progetto.
Tale stazione sarà composta, di norma, come riportato di seguito.
• all'interno del cavo:
- n. 5 mire ottiche removibili, sul profilo della galleria, tali da consentire la lettura mediante strumento
topografico di precisione: le letture dovranno essere condotte immediatamente prima dell'esecuzione
degli eventuali interventi e ad ogni sfondo;
- n. 2 celle di carico idrauliche, installate al di sotto del piede delle centine e finalizzate a valutare il carico
sul rivestimento di prima fase durante gli avanzamenti. L'installazione delle celle sarà preceduta dalla
realizzazione di uno strato di magrone come piano di posa delle centine (che dovranno avere una
piastra non inferiore a 30x30 cm), sopra il quale verranno posizionate le celle di carico; la lettura di
"zero" andrà effettuata quando la centina stessa sarà collegata con tutte le catene alla centina adiacente e
subito dopo la posa dello spritz beton;
- n. 5 celle di pressione radiali, poste a contatto tra il terreno ed il rivestimento di prima fase: le celle
saranno messe in opera nello spazio compreso tra due centine; la lettura di "zero" andrà effettuata non
prima di 8 ore dalla posa in opera dello spritz beton; le successive letture andranno effettuate ad ogni
sfondo completo.
• all'esterno del cavo:
- n. 3 assestimetri multibase: la quota assoluta della testa degli assestimetri deve essere rilevata mediante
livellazione di precisione; la lettura di "zero" dovrà essere eseguita non prima di 10 giorni dalla
cementazione dei tubi di misura; prima di ogni serie di misure ed al termine di esse dovrà essere
effettuata una misura di calibrazione con l'apposito dispositivo di taratura;
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 193 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

- n. 1 inclinometro: la quota assoluta della testa del tubo inclinometrico deve essere rilevata mediante
livellazione di precisione con frequenza minima ad ogni sfondo e, una volta passato il fronte, che avrà
raggiunto una distanza almeno pari a 5 volte il diametro della galleria, con frequenza maggiore, da
definire in base al comportamento emerso;
- n. 1 piezometro: la quota della falda deve essere misurata tutti i giorni per tutta la durata del cantiere.
• al piano campagna (monitoraggio per strutture esistenti)
- stazione di tipologia A, B, C in base alla sensibilità della struttura da monitorare
Lo schema grafico di questa sezione tipologica è riportato in Figura 4.10.4.1 - Stazione di monitoraggio per
gli imbocchi e per le gallerie superficiali in corso d’opera.
Per garantire il controllo dei cedimenti indotti al piano campagna, sia a breve che a lungo termine, sui
fabbricati e sulle preesistenze ricadenti nelle aree di subsidenza eventualmente causate dalla realizzazione
dell’opera, saranno predisposte particolari stazioni di monitoraggio. Le tipologie di strutture da monitorare, la
strumentazione da utilizzare e le caratteristiche delle sezioni tipo saranno trattate al paragrafo 4.10.8 del
presente documento.

Figura 4.10.4.1 - Stazione di monitoraggio per gli imbocchi e per le gallerie superficiali in corso d’opera
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 194 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.10.4.2 STAZIONI FONDAMENTALI


La stazione fondamentale dovrà permettere di valutare, analizzare e controllare il comportamento del terreno
nell'intorno del cavo, durante tutte le fasi di lavoro, prima, durante e dopo il passaggio del fronte di scavo
sulla stessa stazione di misura, fino al completamento della galleria ed eventualmente durante il suo esercizio.
Essa potrà infatti essere mantenuta operativa anche in fase di esercizio collegando opportunamente la
centralina di lettura della strumentazione con l'esterno o in una nicchia adiacente.
La messa in opera degli strumenti all'interno del cavo verrà eseguita immediatamente dopo il passaggio del
fronte di scavo con lettura immediata di "zero". Le letture proseguiranno con cadenze che saranno definite in
relazione alle modalità operative ed alle verifiche da effettuare, nonché ai dati che si intende raccogliere. La
stazione sarà composta, di norma e quando la copertura (h) lo consenta {h < 60+70 m), nel seguente modo:
• all'esterno del cavo:
- n. 3 assestimetri multibase: la quota assoluta della testa degli assestimetri deve essere rilevata mediante
livellazione di precisione; la lettura di "zero" dovrà essere eseguita non prima di 10 giorni dalla
cementazione dei tubi di misura; prima di ogni serie di misure ed al termine di esse dovrà essere
effettuata una misura di calibrazione con l'apposito dispositivo di taratura;
- n. 1 inclinometro: la quota assoluta della testa del tubo inclinometrico deve essere rilevata mediante
livellazione di precisione con frequenza minima ad ogni sfondo e, una volta passato il fronte, che avrà
raggiunto una distanza almeno pari a 5 volte il diametro della galleria, con frequenza maggiore, da
definire in base al comportamento emerso;
- n. 1 piezometro: la quota della falda deve essere misurata tutti i giorni per tutta la durata del cantiere.
• all'interno del cavo:
- n. 5 mire ottiche removibili;
- n. 3 estensimetri multibase (se del tipo cementato in foro, la lettura di "zero" dovrà essere eseguita non
prima di 10 giorni dalla cementazione);
- n. 2 celle di carico idrauliche installate al di sotto del piede delle centine;
- n. 4 celle di pressione radiali;
- n. 1 sondaggio a carotaggio continuo in avanzamento (eventuale), di lunghezza almeno pari a 60 metri.
Lo schema grafico di questa sezione tipologica è riportato in Figura 4.10.4.2 - Stazione di monitoraggio
“Fondamentale” in corso d’opera.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 195 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Figura 4.10.4.2 - Stazione di monitoraggio “Fondamentale” in corso d’opera

4.10.4.3 STAZIONI PRINCIPALI


La stazione sarà di norma così composta:
- n. 5 mire ottiche removibili;
- n. 2 celle di carico idrauliche installate al di sotto del piede delle centine;
- n. 5 celle di pressione radiali.
Lo schema grafico di questa sezione tipologica è riportato in Figura 4.10.4.3 - Stazione di monitoraggio
“Principale” in corso d’acqua.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 196 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Figura 4.10.4.3 - Stazione di monitoraggio “Principale” in corso d’acqua


MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 197 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.10.4.4 STAZIONI SECONDARIE


La stazione sarà di norma così composta:
- n. 5 mire ottiche removibili
Lo schema grafico di questa sezione tipologica è riportato in Figura 4.10.4.4 - Stazione di monitoraggio
”Secondaria” in corso d’opera

Figura 4.10.4.4 - Stazione di monitoraggio ”Secondaria” in corso d’opera

4.10.4.5 STAZIONI AL FRONTE DI SCAVO


La stazione dovrà essere, di norma, così composta:
- n. 9 mire ottiche removibili, posizionate quando si verifica un fermo cantiere di almeno 24-36 ore; la
lettura di "zero" dovrà essere effettuata immediatamente, in modo che le successive letture siano
condotte con frequenza di 1 lettura almeno ogni 2 ore; le mire ottiche andranno riposizionate sul fronte
di scavo ad ogni fermo cantiere;
- n. 1 estensimetro per le misure di estrusione del fronte di scavo, di lunghezza 30 m, con punti di misura
ogni metro, inserito in posizione orizzontale al centro del fronte, immediatamente dopo l'eventuale
intervento di stabilizzazione, in direzione parallela all'asse della galleria.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 198 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Figura 4.10.4.5 - Stazione di monitoraggio “Fronte di scavo” in corso d’opera

4.10.5 INTERPRETAZIONE E VERIFICA DEI DATI IN CORSO D'OPERA


In corso d'opera, sulla base dei dati di monitoraggio, dovrà essere sistematicamente analizzata e documentata
la corrispondenza con le ipotesi progettuali. L'elaborazione dei dati e la loro interpretazione dovrà condurre
ad una verifica delle condizioni previste in progetto e ad una taratura degli interventi attribuiti alle singole
sezioni di scavo.
A tal fine i monitoraggi dovranno consentire di:
- determinare l’effettiva corrispondenza tra le condizioni geomorfologiche attese e le reali condizioni in
situ;
- verificare che i livelli di deformazione, di gradiente di deformazione e di stabilità del fronte siano
corrispondenti a quelli definiti in fase di progetto;
- verificare che la sezione caratteristica adottata in fase di progettazione possa garantire la stabilità della
galleria e gli standard di sicurezza attesi;
- decidere, qualora si ravvisi che le scelte progettuali adottate non siano adeguate alle effettive condizioni
incontrate, gli eventuali provvedimenti operativi da assumere, in tempi compatibili con la gestione
dell’avanzamento.
Nella successiva Tabella 4.10.5.1 - Distribuzione delle sezioni di monitoraggio e frequenze di lettura dati, alla
quale si può fare riferimento in via orientativa, sono indicati gli obiettivi, la frequenza del posizionamento
delle sezioni, la frequenza delle letture e la durata di installazione e lettura delle singole stazioni.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 199 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Stazione Obiettivo Posizione Letture Durata


Controllo stabilità Per ogni Per tutta la durata del
1 Imbocchi Giornaliera
globale imbocco cantiere
Controllo ogni 100m o Giornaliera o Per tutta la durata del
1 Gallerie superficiali urbane
cedimenti meno inferiore cantiere
2 Gallerie superficiali Controllo ogni 250m o Giornaliera o Per tutta la durata del
extraurbane cedimenti meno inferiore cantiere
Giornaliera (se
ogni 1.000 m o Fino al collaudo
2 Fondamentali Analisi a ritroso significativa) o
meno (strum. esterna)
superiore
Oltre il passaggio del
Analisi a ritroso
500 m o fronte (≥5 Ø) o fino
3 Principali + verifica sezioni Giornaliera
meno al getto del riv.to
tipo adottate
definitivo
Verifica sezioni Oltre il passaggio del
tipo adottate ogni 50 m o Giornaliera o fronte (3 Ø) o fino al
4 Secondarie
+ Variazione meno inferiore getto del riv.
lavorazioni definitivo
Ogni campo di Ogni fase Fino al getto del
Variazione
5. Monitoraggio al fronte lavorativa o rivestimento
lavorazioni lavoro
inferiore definitivo

6 Rilievo del fronte di scavo Documentazione/ Ogni sfondo o Ogni sfondo o


(terreni sciolti e lapidei) Archivio campo di lavoro campo di lavoro -----

Tabella 4.10.5.1 - Distribuzione delle sezioni di monitoraggio e frequenze di lettura dati


Per le misure topografiche con mire ottiche removibili e per le misure di convergenza vale quanto segue:
- le deformazioni attese si riferiscono ad una qualsiasi delle basi di misura;
- il gradiente di deformazione si riferisce alla velocità di deformazione di una qualsiasi delle basi di misura;
- le mire ottiche utilizzate per il controllo delle convergenze del cavo devono essere posizionate a
distanza non superiore a 100 cm dal fronte di scavo;
- la lettura di "zero" dovrà essere immediata;
- la frequenza delle letture sarà funzione delle fasi lavorative e delle tecniche adottate e comunque sarà di
norma così definita: 0 - 4h - 8h - 16h - 24h - 36h - 48h - 72h;
i chiodi di convergenza dovranno essere lunghi almeno 1 m e resi solidali con il terreno al contorno.

4.10.5.1 SOGLIE DI ATTENZIONE E ALLARME


Il progettista dovrà stabilire, per ciascuna sezione tipo adottata, i valori delle soglie di attenzione e di allarme
relative alle grandezze scelte come rappresentative. Usualmente, in fase di realizzazione, si adotteranno come
grandezze rappresentative i valori di convergenza del cavo e di estrusione del fronte di scavo. Sulla base del
controllo di tali grandezze, con riferimento ai valori delle soglie stabilite, sarà possibile, in corso d’opera,
verificare le scelte progettuali ed ottimizzare gli interventi nell’ambito delle variabilità previste dalle sezioni
tipo riportate nel paragrafo 4.13 o qualora strettamente necessario, valutare l’adozione di una sezione
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 200 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

strutturale diversa da quella prevista in fase di progetto.


Nel caso di superamento delle soglie di attenzione l’Appaltatore dovrà:
- avvertire la DL entro 12 ore dall’avvenuta verifica e validazione dei dati di monitoraggio
- eseguire sopralluoghi congiuntamente alla DL
- aumentare, se richiesto, la frequenza di acquisizione e restituzione dati alla DL
Al superamento delle soglie di allarme l’Appaltatore dovrà:
- Informare immediatamente la DL
- Mettere in atto tutti gli interventi eventualmente necessari per arrestare l’evoluzione dei fenomeni
deformativi
- Eseguire sopralluoghi congiuntamente alla DL
- Riesaminare le modalità di scavo avanzando proposte di modifica in riunioni congiunte con la DL
In tutti i casi di superamento delle soglie dovrà essere indotta una riunione tra DL e appaltatore per l’esame
dei dati di monitoraggio e delle risultanze dei sopralluoghi effettuati. In tale riunione potranno essere stabilite
eventuali azioni correttive volte ad ottimizzare le scelte progettuali adottate seguendo quanto riportato nel
documento “Linee guida per l’applicazione delle sezioni tipo”.

4.10.6 MONITORAGGI IN FASE DI ESERCIZIO


Come già precedentemente esposto al paragrafo 4.10.1 si ricorda che il monitoraggio in fase di esercizio sarà
previsto solo laddove, per la sensibilità delle preesistenze interferite o la particolarità delle situazioni di
ammasso incontrate, la committenza lo ritenga necessario.
Le stazioni di misura da utilizzare in fase di esercizio, installate sia all'esterno che all'interno della galleria,
sono volte a determinare:
- le deformazioni nel terreno intorno al cavo;
- le sollecitazioni nel rivestimento definitivo;
- le pressioni neutre nel terreno.
In linea generale tali obiettivi si conseguono attraverso:
- misure topografiche;
- misure estensimetriche;
- misure inclinometriche;
- misure tensionali;
- misure piezometriche.
Le stazioni di misura verranno articolate come segue:
- Stazioni per gli imbocchi e per gallerie superficiali urbane ed extraurbane
- Stazioni fondamentali
- Stazioni principali
- Stazioni per gallerie rivestite in conci prefabbricati.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 201 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.10.6.1 STAZIONI PER GLI IMBOCCHI E PER GALLERIE SUPERFICIALI URBANE ED


EXTRAURBANE
La stazione dovrà essere, di norma, così composta:
- n. 5 celle di pressione radiali;
- n.12 estensimetri da calcestruzzo, da installare in direzione circonferenziale; le misure saranno effettuate
per mezzo di apposita centralina a registrazione automatica dei dati;
gli estensimetri dovranno inoltre essere dotati di idonea apparecchiatura per il contemporaneo rilievo della
temperatura.
Lo schema ti tale sezione è riportato nella successiva Figura 4.10.6.1 - Stazione di monitoraggio per gli
imbocchi e per le gallerie superficiali in fase d’esercizio.

Figura 4.10.6.1 - Stazione di monitoraggio per gli imbocchi e per le gallerie superficiali in fase d’esercizio

4.10.6.2 STAZIONI FONDAMENTALI


MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 202 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

La stazione dovrà essere, di norma, così composta:


- n. 4 martinetti piatti, incluso un taglio longitudinale in chiave
Per la strumentazione all'esterno del cavo, dove le coperture lo consentano h = 60 - 70 m potrà fare
riferimento a quanto riportato al paragrafo 4.10.4.1.
Per la strumentazione dall'interno del cavo, si veda la seguente Errore. L'origine riferimento non è stata
rovata..

Figura 4.10.6.2 - Stazione di monitoraggio “Fondamentale” in fase di esercizio


MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 203 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.10.6.3 STAZIONI PRINCIPALI


La stazione dovrà essere, di norma, così composta:
- n. 12 estensimetri da calcestruzzo.

Figura 4.10.6.3 - Stazione di monitoraggio “Principale” in fase d’esercizio


MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 204 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.10.6.4 STAZIONI PER GALLERIE IN CONCI PREFABBRICATI


Nel caso la galleria venga scavata con macchine scudate a piena sezione ed impiego di conci prefabbricati, al
fine di controllare nel tempo lo stato tensionale nel rivestimento, dovrà essere previsto un apposito piano di
monitoraggio dei conci stessi che, in linea generale, dovrà prevedere l'installazione, in ognuno dei conci
prefabbricati che compongono l'anello completo della galleria finita, di n. 2 estensimetri da calcestruzzo
tangenziali; le misure saranno effettuate per mezzo di apposita centralina a registrazione automatica dei dati.
Gli estensimetri dovranno inoltre essere dotati di idonea apparecchiatura per il contemporaneo rilievo della
temperatura al fine di evidenziare le deformazioni di ritiro.

Figura 4.10.6.4 - Stazione di monitoraggio per gallerie scavate con metodo Meccanizzato

4.10.7 INTERPRETAZIONE E VERIFICA IN ESERCIZIO


L'interpretazione delle misure effettuate sui rivestimenti definitivi, in base al complesso delle prove eseguite,
dovrà permettere di definire il campo tensodeformativo esistente nella struttura stessa ed il più verosimile
sistema di carichi esterni che lo determinano.
A tale scopo l'interpretazione si dovrà articolare come segue:
- determinazione dei legami funzionali tra i risultati di prova e lo stato tensodeformativo nella struttura;
- determinazione dei legami funzionali tra situazione tensodeformativa e carichi esterni, ipotizzando per il
rivestimento un comportamento di tipo elastico lineare;
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 205 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

- analisi numerica dei risultati delle misure al fine di determinare la configurazione dei carichi esterni
agenti sul rivestimento e il campo tensodeformativo ad essa associato;
- valutazione delle condizioni di sicurezza della galleria.
Le procedure per le letture, la frequenza delle stazioni e le fasi operative per la migliore interpretazione dei
dati, i cui livelli minimi sono comunque previsti nella Tabella 2, dovranno essere indicate dal Progettista che,
negli elaborati progettuali, dovrà indicare le sollecitazioni ammissibili sui rivestimenti. Dovranno inoltre
essere preventivamente definite le ulteriori verifiche necessarie e gli interventi successivi da eseguire nel caso
dette sollecitazioni risultino incompatibili con i limiti delle norme e con quanto indicato dal Progettista.
Gli obiettivi, la frequenza del posizionamento delle sezioni, la frequenza e durata di installazione e lettura
delle singole stazioni sono schematizzate nella Tabella 4.10.7.1 - Distribuzione delle sezioni di monitoraggio
e frequenze di lettura dati.

Stazione Obiettivo Posizione Letture (*) Durata (*)


Controllo della Per ogni Per tutta la durata
Imbocchi stabilità globale Giornaliera
imbocco del cantiere
e analisi a ritroso
Gallerie superficiali Controllo dei Giornaliera o
urbane cedimenti e 100m o meno Fino al collaudo
inferiore
analisi a ritroso
Gallerie superficiali Controllo dei Giornaliera o
extraurbane cedimenti e 250m o meno Fino al collaudo
inferiore
analisi a ritroso
Giornaliera (se
1.000 m o
Fondamentali Analisi a ritroso significativa) o Fino al collaudo
meno
superiore
Principali Analisi a ritroso 500 m o meno Giornaliera Fino al collaudo
Giornaliera o
Monitoraggio conci Analisi a ritroso 100m o meno Fino al collaudo
inferiore

Tabella 4.10.7.1 - Distribuzione delle sezioni di monitoraggio e frequenze di lettura dati


(*) Letture da effettuare, dopo il collaudo, con frequenza semestrale o inferiore, per la vita dell'opera

4.10.8 MONITORAGGIO DEI FABBRICATI INTERFERITI


Le operazioni di scavo, in particolare per le gallerie superficiali o in prossimità degli imbocchi, possono
causare risentimenti al piano campagna tali da interessare le strutture ricadenti nel bacino di subsidenza
indotto.
In fase di progetto dovranno essere svolte una serie di analisi per la previsione delle deformazioni indotte
sugli edifici interferiti. Tali deformazioni dovranno essere confrontate, in fase realizzativa, con i dati ottenuti
dal monitoraggio. In ogni caso tali edifici dovranno essere sottoposti a testimoniale di stato, per certificare lo
stato ‘ex quo ante’.
Le analisi effettuate nella fase progettuale devono permettere, per ogni fabbricato interferito, la stima delle
deformazioni indotte e la conseguente assegnazione della categoria di danno. La stima delle categorie di
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 206 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

danno va definita dal progettista in funzione del contesto geotecnico e delle condizioni al contorno; un
valido supporto può comunque essere considerata la classificazione riportata in Tabella 4.10.8.1 - Categoria
di danno e corrispondenti deformazioni limite (M.D. Boscardin e E.G. Cording, 1989). Le procedure per la
stima delle deformazioni attese e per la definizioni delle categorie di danno dovranno seguire le metodologie
esposte al paragrafo 4.8.4.6 del presente manuale.

Deformazione limite di
Categoria di danno Intensità del danno
allungamento lim (%)
0 Trascurabile 0.00 ÷ 0.05
1 Molto lieve 0.05 ÷ 0.075
2 Lieve 0.075 ÷ 0.15
3 Moderata 0.15 ÷ 0.30
4o5 Da severa a molto severa > 0.30

Tabella 4.10.8.1 - Categoria di danno e corrispondenti deformazioni limite (M.D. Boscardin e E.G. Cording,
1989)
Sulla base della classificazione in categorie di danno è possibile suddividere i fabbricati interessati in 3
tipologie:
Fabbricati tipo “A”: sono quelli che rientrano all’interno del bacino di subsidenza, ma a seguito delle
analisi condotte presentano una categoria di danno inferiore a 2 ( 0 o 1 ) per Vp = 1%. Tali fabbricati
saranno dotati di almeno 3 mire ottiche per ogni parete perimetrale libera.

Fabbricati tipo “B”: questi fabbricati ricadono all’interno del bacino di subsidenza e presentano una
categoria di danno uguale a 2 per Vp = 1%. Saranno dotati di un numero di mire che è funzione della
lunghezza e della tipologia stessa del fabbricato, secondo quanto meglio dettagliato nel seguito.

Fabbricati tipo “C”: sono quelli per cui è previsto un intervento di mitigazione preventiva, per
posizione rispetto al tracciato delle gallerie o per condizioni intrinseche del fabbricato stesso. Per tali
fabbricati, oltre a quanto previsto per i fabbricati di tipo “B”, il monitoraggio deve essere integrato con un
sistema di acquisizione in continuo secondo quanto dettagliato nei prossimi paragrafi.

L’installazione delle mire ottiche e il rilievo degli spostamenti dovranno essere effettuati lungo muri
perimetrali accessibili. Dovrà, inoltre, essere prevista l’integrazione del monitoraggio mediante fessurimetri
nel caso in cui vengano riscontrate (durante testimoniali di stato) fessure preesistenti o qualora queste siano
indotte durante gli scavi

4.10.8.1 FABBRICATO TIPO “A”


Questa tipologia di edifici deve essere monitorata con l’installazione di mire ottiche disposte sulle pareti
perimetrali degli edifici e capisaldi per fessurimetri manuali.

Mire ottiche
Saranno posizionate lungo i muri perimetrali degli edifici e dovranno permettere il rilievo degli spostamenti
spaziali da utilizzare per il calcolo del rapporto di inflessione. Il loro numero dovrà comunque rispettare le
seguenti condizioni di base:
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 207 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

- nel caso di strutture a telaio in c.a. dovrà essere installata almeno una mira in corrispondenza di ciascun
elemento verticale visibile o comunque rilevabile,
- nel caso di edifici in muratura si dovrà installare una mira ogni 3 m di muratura,
- in presenza di edifici in adiacenza in prossimità della zona di contatto si dovrà porre in opera una mira
su ciascun edificio,
- in ogni caso il numero minimo di mire installate dovrà essere sempre 3, in modo da poter valutare il
valore di rapporto di inflessione corrispondente.

Capisaldi per fessurimetri manuali


Saranno posizionati a cavallo delle preesistenti fessure degli edifici e su quelle che si potrebbero generare a
seguito dello scavo delle gallerie. Queste permettono, tramite la lettura manuale, il rilievo degli spostamenti
relativi tra i lembi della fessura.

4.10.8.2 FABBRICATO TIPO “B”


Questi fabbricati sono indagati attraverso l’installazione, oltre che di mire ottiche sulle pareti perimetrali e di
capisaldi per fessurimetri, anche di clinometri da parete

Mire ottiche
Saranno posizionate lungo i muri perimetrali degli edifici e dovranno permettere il rilievo degli spostamenti
spaziali necessari per il calcolo del rapporto di inflessione. Il loro numero dovrà essere funzione dei seguenti
fattori:
- lunghezza edificio da monitorare,
- posizione edificio da monitorare (se in zona hogging o in zona sagging o in entrambe)
- possibilità pratica di rilievo
Le condizioni base riportate per i fabbricati di tipo “A” al paragrafo 4.10.8.1 dovranno essere comunque
sempre rispettate anche per i fabbricati di tipo “B”.

Capisaldi per fessurimetri manuali


Saranno posizionati a cavallo delle preesistenti fessure degli edifici e su quelle che si potrebbero generare a
seguito dello scavo delle gallerie. Queste permettono, tramite la lettura manuale, il rilievo degli spostamenti
relativi tra i lembi della fessura.

Clinometri da parete
Saranno posizionati sui fabbricati al fine di monitorare eventuali spostamenti orizzontali attraverso la
misurazione dell’angolo di inclinazione rispetto all’asse verticale lungo 2 piani ortogonali. Qualora si ritenesse
opportuno, si ricorda che gli spostamenti orizzontali risultano valutabili anche con strumenti di carattere
topografico.

4.10.8.3 FABBRICATO TIPO “C”


I fabbricati per i quali sono previste opere di presidio saranno monitorati con la stessa tipologia strumentale
dei fabbricati tipo “B” e con l’ausilio di un sistema di acquisizione in continuo dei dati (“ad esempio tazze
livellometriche ”).
Il sistema avrà la finalità di monitorare in continuo il fabbricato durante le fasi di realizzazione dell’opera di
presidio e dovrà essere dimensionato in modo tale da garantire il controllo degli eventuali cedimenti e
distorsioni indotte sui fabbricati dalle attività di consolidamento. In caso di monitoraggio mediante tazze
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 208 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

livellometriche il sistema dovrà essere dimensionato a partire da un minimo di copertura sulle due facciate
adiacenti più vicine all’intervento sino ad una completa copertura del fabbricato, comprese gli elementi
strutturali interni al perimetro dell’edificio.
Il sistema di acquisizione dei dati dovrà essere mantenuto attivo per tutta la durata dell’esecuzione dell’opera
di presidio sino ad almeno 60 giorni dopo la realizzazione della/e galleria/e ed in ogni caso fino alla
completa stabilizzazione del fenomeno deformativo.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 209 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

GALLERIE ARTIFICIALI

4.11.1 PREMESSA
Nel presente capitolo verranno analizzate le principali problematiche relative alla progettazione delle gallerie
artificiali. Si definiscono ‘gallerie artificiali’ i manufatti costruiti in conglomerato cementizio armato, con
operazioni di scavo effettuate completamente o parzialmente a cielo aperto e successivamente ritombate.
Per le caratteristiche di analogia realizzativa si potrà far riferimento alle indicazioni sulle strutture scatolari e
sulle paratie/strutture di sostegno contenute nel presente Manuale di Progettazione nella sezione “Corpo
Stradale”, ad eccezione delle azioni di progetto, che prevedono una differente posizione del treno rispetto
alla struttura.
Nel seguito sono riportate indicazioni di carattere generale per lo sviluppo di un corretto iter progettuale, che
consideri i principali aspetti critici nella progettazione di una galleria artificiale e le relative scelte da
intraprendere.
In analogia a quanto illustrato nei precedenti paragrafi sulle gallerie naturali, sarà compito del progettista
valutare la tipologia ottimale oltre che le caratteristiche strutturali dell’opera, a partire dall’ambito di
inserimento, dai requisiti funzionali e dalla caratterizzazione del contesto geotecnico.

4.11.2 GENERALITÀ
Usualmente le gallerie artificiali vengono differenziate a seconda delle modalità costruttive o in base a logiche
di carattere funzionale.
In base alla modalità costruttiva, il “Capitolato delle Opere Civili” di RFI (cfr paragrafo 11.7.1) suddivide le
gallerie artificiali in:
 artificiali casserate e gettate in opera (policentriche e scatolari);
 artificiali con paratie di pali (o diaframmi) e solettoni.

La suddivisione “funzionale” distingue invece le gallerie artificiali in:


 artificiali isolate;
 artificiali di imbocco;
 gallerie paramassi

4.11.2.1 GEOMETRIA
La scelta della sezione trasversale sarà operata in base a criteri tecnici e di economicità tenendo conto delle
peculiarità dell’opera, sia dal punto di vista strutturale che funzionale. Le forme più comunemente usate per
le sezioni trasversali sono quella ‘scatolare’ e quella ‘policentrica’.
Per quanto riguarda la corretta geometria interna delle gallerie artificiali, si potrà far riferimento a quanto
previsto nella sezione 4.12 del presente manuale ‘Sezioni tipo e schemi funzionali’, con l’accortezza di tener
presente che per le gallerie artificiali propriamente dette, è stata indicata per semplicità la sola geometria
scatolare, mentre per la sezione interna policentrica ci si potrà riferire a quella indicata per le gallerie naturali
omologhe, per le diverse classi di velocità considerate (sia a semplice che a doppio binario).
In generale si può affermare che le sezioni trasversali di forma scatolare, di più agevole realizzazione,
risultano strutturalmente meno idonee a sostenere carichi verticali elevati per il loro meccanismo di resistenza
a carattere prevalentemente flessionale, mentre le sezioni policentriche, generalmente utilizzate nei tratti in
artificiale di imbocco delle gallerie naturali, risultano strutturalmente più robuste, anche se presentano
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 210 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

maggiori oneri costruttivi.


Si prediligerà quindi la geometria policentrica nei tratti di imbocco, in presenza di forti coperture o di carichi
particolari (configurazioni di carico asimmetrico ecc.), mentre per basse coperture e carichi limitati è invece
preferibile utilizzare sezioni di tipo scatolare. Il limite convenzionale di passaggio tra le due soluzioni è
generalmente individuato per un valore della copertura pari a 6 metri.
È opportuno evitare tracciati orizzontali e/o “a corda molle”, al fine di garantire sempre un flusso a gravità
verso almeno uno degli imbocchi; qualora ciò non fosse possibile, devono essere previsti impianti di
sollevamento delle acque raccolte dal sistema di drenaggio opportunamente dimensionati.

4.11.2.2 REGIMI DI SPINTA


Per quanto riguarda gli spessori del rivestimento e le quantità di armature presenti, resta compito del
progettista dimensionare la struttura affinché risponda ai requisiti richiesti dalle normative vigenti. La
valutazione delle azioni del terreno sulla struttura, dovrà essere sviluppata con le classiche teorie delle spinte
delle terre riportate nelle normative e richiamate nelle sezioni II e III del presente MdP.
Qualora il terreno di imposta della galleria artificiale risulti di caratteristiche geomeccaniche insufficienti o nel
caso di rilevanti sottospinte idrauliche, si potrà valutare la possibilità di agire con interventi di miglioramento
del terreno di fondazione, come ad esempio l’adozione di un tampone di fondo con colonne compenetrate di
jet-grouting, o altre tipologie di consolidamento.
Nel calcolo delle pareti deve essere considerata agente anche la spinta dell’acqua qualora galleria sia in falda.
Se è prevista una fodera interna, questa deve essere dimensionata con riferimento alla pressione idrostatica,
conducendo valutazioni cautelative sul livello di falda di progetto. Qualora sia previsto il drenaggio dell’acqua
a tergo della fodera interna attraverso l’uso di idoneo materiale drenante, le fodere interne devono essere
progettate ipotizzando comunque un funzionamento non ottimale del sistema di drenaggio e il progetto
dovrà considerare la presenza di sistemi di raccolta dell’acqua e di presidio (ad es. barbacani) al fine di evitare
l’accumulo dell’acqua a tergo delle fodere.
Il progetto dovrà inoltre individuare un idoneo sistema d’impermeabilizzazione del cavo della galleria:
devono essere previsti giunti water-stop fra i conci, sia orizzontali che verticali, e idonei presidi contro
l’ingresso dell’acqua, anche in corrispondenza dei giunti costruttivi.
Nel caso di utilizzo di wellpoint, dovranno essere condotte valutazioni sugli effetti determinati dalla
perturbazione del regime idraulico nell’area di intervento, per l’intera durata prevista per le lavorazioni.

Le caratteristiche del materiale di riempimento, nel rispetto delle prescrizioni del Capitolato, dovranno
risultare idonee a garantire un agevole dissipazione delle sovrappressioni neutre e drenaggio delle acque
superficiali, in modo da minimizzare l’aggravio delle spinte idrauliche sull’opera.
Infine, per le strutture realizzate all’interno di opere di sostegno, è da prestare particolare attenzione alle
possibili soluzioni di continuità tra due getti realizzati in tempi differenti, per evitare la possibile formazione
di giunti freddi, con conseguente fessurazione e creazione di eventuali vie d’acqua.
Come verrà meglio specificato nel seguito, dovranno sempre essere previste idonee soluzioni di
impermeabilizzazione per garantire la tenuta idraulica e, conseguentemente, la durabilità e la manutenibilità
delle opere.
Il progetto delle gallerie artificiali dovrà inoltre prevedere il ripristino della rete di scolo esistente. Tale
ricucitura può essere realizzata riconnettendo le singole vie d’acqua al di sopra del solettone di copertura,
oppure riorganizzando il sistema idraulico di superficie. Devono inoltre essere studiate le fasi di realizzazione
al fine di garantire la continuità idraulica durante lo svolgimento delle lavorazioni.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 211 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

La salvaguardia idraulica della piattaforma all’interno delle gallerie artificiali viene generalmente presidiata con
l’adozione di opportune canalizzazioni, utili a raccogliere le acque di infiltrazione, le acque di lavaggio della
piattaforma, e le eventuali acque meteoriche provenienti dalle trincee di imbocco. Relativamente a questo
ultimo contributo, è buona norma progettuale quella di minimizzarlo attraverso la corretta definizione delle
livellette di progetto e della sistemazione idraulica esterna; il calcolo della portata di questo contributo deve
essere effettuato con riferimento ad un periodo di ritorno di 100 anni.
Il piano di posa delle fondazioni dovrà essere regolarizzato con una soletta di calcestruzzo magro di spessore
non inferiore a 10 cm.

4.11.2.3 CONDIZIONI DI VINCOLO


La tipologia di vincolo preferenziale per i nodi strutturali dovrà essere quella di incastro, per realizzare le
necessarie garanzie di continuità e assicurare il completo trasferimento dei carichi alla struttura.
Nel caso di strutture scatolari tale indicazione dovrà essere seguita con specifico riguardo al collegamento tra
l’impalcato di copertura e i piedritti della galleria artificiale; in particolare, qualora tali elementi siano realizzati
in fasi differenti, non si ritiene accettabile l’utilizzo di tubi o profilati metallici come soluzione idonea ad
assicurare il vincolo di continuità del nodo strutturale.
In generale sono da prevedere tutti gli accorgimenti esecutivi e tecnologici che garantiscano la
corrispondenza tra la tipologia di vincolo ipotizzata in fase di modellazione della struttura e la soluzione
costruttiva adottata.
Si dovrà altresì garantire il vincolo di continuità in corrispondenza delle riprese di getto o in presenza di
strutture costituite da accostamento di elementi di natura differente tra loro (collegamento tra pali o
diaframmi e soletta di copertura/di fondazione).
Infine, per garantire il confinamento degli elementi strutturali, non si ritiene adeguato affidare l’assorbimento
delle azioni taglianti esclusivamente ad elementi ‘aperti’ (spilli o staffe senza idonea legatura) o in generale ad
elementi non previsti dalla normativa vigente a tale scopo.
Le relazioni di calcolo dovranno contenere le verifiche richieste dalla normativa vigente sugli elementi
strutturali, nelle configurazioni che vanno a massimizzare le azioni agenti sugli stessi; dovranno inoltre essere
previste tutte le verifiche geotecniche dell'opera nelle condizioni più sfavorevoli.
Gli schemi statici utilizzati nelle verifiche dovranno riportare l'indicazione dei carichi applicati, la tipologia di
verifica con la descrizione della combinazione e dell'approccio utilizzato. Dovrà infine essere riportato il
confronto tra ciascuna tipologia di sollecitazione agente e il corrispondente valore di resistenza.
Qualora le condizioni geomorfologiche lo richiedano, dovranno essere previste anche le verifiche di stabilità
globale dell’opera.

4.11.3 METODOLOGIA DI PROGETTAZIONE


In analogia allo schema metodologico proposto nel paragrafo 4.8.2 per le gallerie naturali, anche per le
gallerie artificiali l’iter progettuale si articola generalmente in una successioni di fasi, schematizzate di seguito:
 caratterizzazione e modellazione geotecnica;
 scelta della metodologia costruttiva ottimale in funzione del contesto geotecnico, naturale ed antropico;
 individuazione delle fasi costruttive e loro successione cronologica;
 analisi progettuale e verifica delle sezioni strutturali adottate;
 eventuale modifica delle sezioni tipo, qualora non risultino verificate;
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 212 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Le fasi appena descritte, necessarie per un corretto processo di progettazione sono sintetizzate e correlate nel
seguente schema metodologico

0) DEFINIZIONE DEI REQUISITI FUNZIONALI ( INDIVIDUAZIONE DEI


VINCOLI SOCIO-AMBIENTALI)

2) CARATTERIZZAZIONE E
1) INDAGINI MODELLAZIONE GEOLOGICA
GEOLOGICHE E
GEOTECNICHE
3) CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA E
DEFINIZIONE MODELLO GEOTECNICO

4) SCELTA DELLA TIPOLOGIA DI


GALLERIA ARTIFICIALE

5) DETERMINAZIONE DELLE
SOLLECITAZIONI DI CALCOLO

6) ANALISI PROGETTUALI E VERIFICHE

7) DEFINIZIONE DEL PROGETTO


ESECUTIVO

9) MISURE E
CONTROLLI IN
CORSO D’OPERA 8) COSTRUZIONE
(MONITORAGGIO)

Tabella 4.11.3.1 - Schema logico della metodologia di progettazione

4.11.4 MONITORAGGIO
Il progetto potrà inoltre prevedere l’installazione di strumentazioni idonee per il monitoraggio, sia in corso
d'opera che a strutture ultimate, delle principali grandezze sensibili (spostamenti dell'opera e di eventuali
fabbricati adiacenti, stato tensionale degli elementi resistenti e misura delle pressioni interstiziali).
In particolare l’elaborato di progetto ‘Piano di Monitoraggio’ dovrà indicare, per ogni grandezza da
monitorare:
 le strumentazioni impiegate ed il relativo grado di precisione;
 l'ubicazione dell’installazione;
 la frequenza delle letture;
 l’intervallo dei valori attesi in ogni fase del processo costruttivo;
 gli interventi preventivi da eseguire in caso di superamento dei corrispondenti valori di soglia.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 213 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

Per gli aspetti legati al corretto monitoraggio dell'opera si faccia riferimento al capitolo 4.10 del presente
Manuale di Progettazione. In particolare, per le gallerie artificiali dovranno essere monitorati i parametri
indicati nellaTabella 4.10.2.1; per quanto riguarda invece le diverse configurazioni delle sezioni strumentate e
il posizionamento della relativa strumentazione da predisporre, valgono le indicazioni presenti nei capitoli
4.10.4.1 (per la fase di costruzione) e 4.10.6.1 (per la fase di esercizio).
Per le frequenze di misurazione, possono essere prese a riferimento le indicazioni riportate per “gli
imbocchi” e “le gallerie superficiali” presentate nella Tabella 4.10.7.1.
Particolare attenzione è da prestare infine al monitoraggio delle eventuali preesistenze per scongiurare il
superamento di determinate soglie di deformazioni alle quali sono associate differenti categorie di danno
strutturale. Il riferimento, a tale riguardo, è illustrato nel capitolo 4.10.8.
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 214 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.11.5 AZIONI DI CALCOLO


Per quanto riguarda le azioni da considerare per il dimensionamento delle opere di sostegno e degli elementi
strutturali delle gallerie artificiali è opportuno far riferimento alla classificazione adottata nelle “Norme
tecniche per le costruzioni – DM 2008” e a quanto riportato all’interno della sezione II ”Ponti e Strutture”
del presente MdP.
E’ opportuno notare che l’analisi dei carichi differisce in funzione della modalità costruttiva della galleria
artificiale e che, per ogni fase realizzativa, devono essere eseguite le opportune verifiche considerando i
carichi effettivamente agenti.
Le azioni si distinguono in:
- permanenti, che comprendono il peso proprio degli elementi strutturali e del terreno di ritombamento, le
spinte dovute al terreno e all’eventuale presenza di acqua, la sottospinta idraulica e gli eventuali carichi
permanenti agenti sul piano di campagna;
- variabili, comprendenti i carichi variabili agenti sul piano di campagna, tra cui i sovraccarichi in fase di
costruzione e i carichi dovuti al traffico;
- eccezionali, in particolare va ricordata l’azione incendio;
- sismiche.
Altre azioni da tenere in considerazione sono quelle dovute al ritiro ed all’effetto termico.
Nelle gallerie artificiali il terreno di tombamento è da considerare come un carico permanente gravante
sull’opera in ragione del suo peso specifico. Esso rappresenta, a tutti gli effetti, un carico ‘morto’ poiché non
sussistono i necessari presupposti per considerare il possibile innesco dell’effetto arco.
Per quanto riguarda invece il terreno a tergo delle parati verticali, esso dovrà essere considerato come un
azione, in analogia a quanto avviene nel campo delle opere di sostegno. Di conseguenza dovrà essere valutata
anche l’eventuale presenza di un campo di pressioni idrostatiche/idrodinamiche.
Per il calcolo delle corrispondenti spinte, valgono quindi le formulazioni presenti in questo MdP, con
particolare riferimento alle indicazioni contenute nel capitolo relativo alle “Opere di Sostegno” della sez. III.
Successivamente alla definizione dei carichi, in accordo a quanto prescritto dal DM 2008 (nonché nella
sezione II del presente Manuale di Progettazione) si individueranno le opportune combinazioni di carico per
le verifiche agli stati ultimi e di esercizio sia in condizioni statiche che sismiche. Per le verifiche in condizioni
di incendio è invece possibile fare riferimento al paragrafo 4.9 sez. IV del presente Manuale.
Per le gallerie in falda dovranno essere condotte valutazioni cautelative sui livelli di falda di progetto, con
particolare riferimento alle verifiche di sicurezza al sollevamento; queste devono contemplare sia lo scenario
di lungo termine che quello in fase di costruzione considerando assenti i carichi permanenti portati
(riempimento e ballast).
MANUALE DI PROGETTAZIONE
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE
Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 215 di 368
PARTE II – SEZIONE 4

4.11.6 MECCANISMI DI ROTTURA


Il comportamento strutturale delle gallerie artificiali è strettamente dipendente dall’interazione tra struttura,
terreno imposto e materiale di ritombamento. Ne consegue che, oltre alle valutazioni sulle condizioni di
stabilità locale, dovranno in talune situazioni essere indagate anche le condizioni di stabilità globale.
I potenziali meccanismi di rottura possono essere riconducibili sia alle parti strutturali che alle componenti di
natura più propriamente geotecnica.
Nel seguito sono schematizzati alcune possibili schemi di rottura; tale elenco non intende essere ovviamente
esaustivo ma solo offrire una panoramica sui meccanismi più frequentemente riscontrati nella casistica
generale:

scorrimento o plasticizzazione del terreno di rinfianco

superamento della capacità portante del terreno di fondazione

meccanismo di rottura globale con comportamento duttile (formazione di cerniere plastiche)

meccanismo di rottura locale con comportamento fragile di una parte della struttura
Figura 4.11.6.1 - Possibili modalità di rottura
MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 216 di 368


PARTE II – SEZIONE 4

Il progettista deve pertanto valutare i possibili meccanismi di rottura, prendendo in esame sia la
configurazione finale, che le fasi intermedie ritenute critiche.
Per ciascun meccanismo di rottura, è necessario dapprima distinguere le zone di terreno che agiscono come
carichi attivi sulla struttura e le zone identificabili come passive, che costituiscono invece una componente
stabilizzante per il meccanismo di rottura identificato.
La definizione delle zone attive e passive risulta fortemente dipendente dal livello di deformazione
ammissibile dalla struttura, oltre che dalle modalità di rottura attesa.
Esistono due modalità con le quali può essere determinata la deformata della struttura, al fine di identificare le
zone attive e passive:
- sulla base del cinematismo della modalità di rottura in esame, ovvero dapprima ipotizzando e
successivamente verificando il posizionamento delle cerniere plastiche;
- determinando una deformata compatibile con la modalità di rottura.
Qualora i carichi siano asimmetrici, le condizioni sono usualmente riconducibili alla configurazione riportata
in Figura 4.11.6.2.a, mentre per carichi simmetrici si potrà far riferimento ai casi riportati nelle Figura
4.11.6.2.b e Figura 4.11.6.2.c.
In generale si cercherà di adottare forme geometriche e caratteristiche strutturali tali da massimizzare le zone
di resistenza passiva e di minimizzare le zone di spinta attiva. L’identificazione delle zone attive e passive resta
in ogni caso compito esclusivo del progettista.

a
)

b
)

c
)

Figura 4.11.6.2 - Modalità di rottura attese: a) sbancamento laterale; b) rinterro in corrispondenza


della calotta; c) sbancamento in corrispondenza della calotta
MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 217 di 368


PARTE II – SEZIONE 4

4.11.7 GALLERIE ARTIFICIALI CLASSICHE


Rientrano in questa categoria le gallerie artificiali che prevedono, successivamente alle fasi realizzative, il
completo rinterro della struttura.
L’entità del ricoprimento, e quindi dei carichi applicati, condiziona inevitabilmente la tipologia di sezione
adottata: come già detto le sezioni scatolari sono in grado di sopportare carichi inferiori rispetto a quelli di
una policentrica; il carico litostatico gravante sulla soletta di copertura si traduce infatti in sollecitazioni
flessionali assorbibili solo entro certi limiti con gli usuali dimensionamenti, in termini di spessori e incidenza
di armatura.
La geometria policentrica, di contro, permette lo sviluppo di un meccanismo resistente “a guscio” che consente
di incassare sollecitazioni ben superiori, a parità di spessore di rivestimento, rispetto ad una scatolare
equivalente.
In caso di strutture di imbocco la policentrica consente inoltre una soluzione di raccordo più agevole con la
geometria della galleria naturale, usualmente anch’essa policentrica.

4.11.8 CASSERATE E GETTATE IN OPERA


Le gallerie artificiali casserate e gettate in opera prevedono lo sbancamento completo del piano campagna
fino al raggiungimento del piano di posa della galleria. Laddove non siano previste opere complementari di
sostegno quali paratie o muri, lo sbancamento si eseguirà con pendenze tali da consentire l’autosostentamento
del terreno.
La particolare geometria di scavo impone un’occupazione degli spazi notevole che di fatto limita
l’applicazione di tale tecnologia costruttiva a contesti extra urbani o comunque laddove siano presenti
interferenze molto limitate e non ci siano vincoli stringenti di natura ambientale.
Alla fase di sbancamento seguono le fasi di casseratura e di getto in opera delle strutture della galleria. Per
tale fase, eseguita completamente fuori terra, si può far riferimento alle indicazioni riportate nelle relative
sezioni di “Corpo stradale” e “Ponti e strutture” del presente Manuale.
Particolare attenzione andrà posta alle operazioni di impermeabilizzazione ed alle successive fasi di rinterro.
Per le procedure ed i materiali da adottare per la posa dell’impermeabilizzazione e per le operazioni di rinterro
si farà riferimento a quanto riportato nel “Capitolato Tecnico di appalto delle opere civili” nell’omologo
capitolo.
Le tipiche fasi realizzative di una galleria artificiale realizzata con scavo in trincea e rinterro prevedono
schematicamente:
 operazioni di sbancamento dell’area interessata dalla realizzazione dell’opera. Si dovrà garantire la stabilità
delle scarpate in ragione delle caratteristiche del terreno presente; qualora lo scavo debba approfondirsi è
da privilegiare la realizzazione “a gradoni” per migliorarne la stabilità oltre che facilitare le lavorazioni e la
movimentazione di mezzi d’opera e maestranze;
 casseratura e getto dei differenti elementi di cui l’opera si compone;
 realizzazione dell’impermeabilizzazione e dei drenaggi;
 tombamento della galleria;
 ripristino delle interferenze qualora sia stato necessario deviarle o metterle fuori servizio per consentire le
attività lavorative.
La realizzazione del solettone (o degli eventuali orizzontamenti), per la quale sono da preferire getti
monolitici, potrà essere effettuata nel caso di luci ragguardevoli, anche con l’ausilio di travi prefabbricate
giustapposte e con il successivo getto di completamento. Sono da evitare elementi di alleggerimento ‘cavi’ (ad
esempio con elementi in pvc) o in materiali degradabili, che potrebbero alterare le proprie caratteristiche nel
tempo o favorire possibili accumuli d’acqua.
In linea di principio per la formazione degli orizzontamenti non sono ammesse soluzioni che prevedano
MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 218 di 368


PARTE II – SEZIONE 4

l’adozione di elementi precompressi, per motivi legati alla durabilità e manutenibilità nel particolare contesto
di inserimento, da considerare aggressivo a causa del contatto con il terreno e per la possibile presenza di
correnti vaganti legati agli elementi della T.E.
In particolari e ben circoscritte casistiche (presenza di luci particolarmente ampie, particolari condizioni di
carico, ecc..) potrà comunque essere valutato, previo assenso della Committenza, l’uso di travi precompresse,
esclusivamente della tipologia a “fili aderenti”.

4.11.8.1 SCATOLARI
Questa soluzione è di norma utilizzata nei casi in cui lo spessore del terreno di ricoprimento (distanza fra
l'estradosso della copertura e la quota di sistemazione del piano di campagna di progetto) non risulti superiore
a 6 metri. Per la progettazione delle gallerie scatolari valgono le prescrizioni per le strutture scatolari
contenute nella sezione II ”ponti e strutture” del presente MdP.

4.11.8.2 POLICENTRICHE
Questa soluzione è generalmente adottata nei casi in cui lo spessore del terreno di ricoprimento (distanza fra
l'estradosso della copertura e la quota di sistemazione del piano di campagna di progetto) sia superiore a
6 metri o laddove gli spessori della soletta e le incidenze dell’armatura della equivalente galleria scatolare
risultino eccessivi o tecnologicamente poco attuabili.

4.11.9 GALLERIE CON PARATIE DI PALI O DI DIAFRAMMI E SOLETTONI


Nel presente paragrafo si tratta delle gallerie artificiali realizzate tra opere di sostegno quali paratie di pali o
diaframmi; tale metodologia nasce con l’obiettivo di minimizzare l’area interessata dallo scavo di
sbancamento.
La scelta di questo metodo trova quindi maggior utilizzo nei contesti urbani e in aree con vincoli di natura
ambientale o di interferenze con altre infrastrutture e sottoservizi.
In considerazione delle altezze di scavo, usualmente di notevole entità, le opere di sostegno risultano
generalmente multiancorate, attraverso l’utilizzo di tiranti o di puntoni.
Per i primi, si ricorda che non sono ammessi soluzioni che prevedano la funzionalità dei tiranti a lungo
termine; quindi la loro azione di progetto sarà considerata efficace solo limitatamente alle fasi costruttive. Per
quanto riguarda i puntoni, soggetti prevalentemente a sforzi di compressione, dovranno sempre essere
condotte verifiche di stabilità presso-flessionale per evitare la possibile instabilizzazione per carico di punta.
Nel caso di scavi particolarmente profondi può rendersi necessaria l’introduzione di una o più solette
intermedie, in modo da realizzare una galleria artificiale a più altezze. La geometria della sezione sarà anche in
questo caso studiata in modo da ottimizzarne lo spessore in funzione dello stato tensionale a contorno e delle
azioni gravanti su di essa al fine di minimizzare il campo di sollecitazioni generato al suo interno.
In tale caso saranno da preferire soluzioni progettuali che garantiscano vincoli di continuità strutturale dei
nodi; inoltre dovranno essere utilizzati tutti gli accorgimenti (con particolare riferimento alle soluzioni di
impermeabilizzazione/drenaggio) utili ad evitare la stagnazione di acqua.
Se necessario, dovrà essere valutata l’opportunità di abbattimento della falda mediante pompe o altri sistemi
di emungimento (ad es. wellpoint) opportunamente dimensionati al fine di garantire la sicurezza delle
lavorazioni, l'accesso e la movimentazione dei mezzi d'opera e l'esecuzione a regola d'arte delle lavorazioni
previste. Come già detto, in sede di progetto dovranno essere condotte le necessarie valutazioni sulla
perturbazione del regime idraulico potenzialmente indotta nell’area di intervento, per l’intera durata prevista
per le lavorazioni.
Per quanto riguarda la descrizione dettagliata delle varie tipologie di strutture di sostegno, gli aspetti legati
MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 219 di 368


PARTE II – SEZIONE 4

all'interazione terreno-struttura e i criteri di analisi per il loro corretto dimensionamento si rimanda alla sez.
III “Corpo Stradale” del presente MdP.

4.11.9.1 TECNICHE COSTRUTTIVE PER GALLERIE CON SCAVO A SEZIONE OBBLIGATA


Nei contesti descritti precedentemente sono molto utilizzate le tecniche costruttive “bottom-up” e “top-
down”, brevemente descritte nel seguito.
Entrambe le tecniche esecutive riducono i volumi interessati dagli sbancamenti e sono caratterizzati dal fatto
che l’opera viene realizzata entro uno scavo confinato tra pareti verticali.
Le soluzioni più frequenti sono quelle che prevedono la realizzazione di paratie di pali o diaframmi in
calcestruzzo in anticipo rispetto allo scavo della porzione di terreno confinata dalle stesse; durante lo scavo gli
elementi verticali contrastano la spinta laterale del terreno grazie alla loro rigidezza flessionale e all’infissione
nel terreno.
Tali strutture reagiscono all’azione dei carichi con meccanismo a ‘trave’ o a ‘mensola’ e dove tale effetto risulti
insufficiente, si ricorrerà ad ancoraggi (tiranti o puntoni) come vincoli strutturali, a quote opportune.
In merito alle prescrizioni per la realizzazione del solettone di copertura/orizzontamenti intermedi, si
ribadisce quanto già riportato nel paragrafo 4.11.8.
Nel caso di getti contro terra, sarà da prevedere l’adozione di accorgimenti costruttivi (massetti di regolazione,
teli di polietilene) atti a garantire la rispondenza dell’elemento strutturale alle prescrizioni di progetto.
Nei casi in cui, per motivi di tempo o condizioni a contorno particolarmente vincolanti, l’avanzamento delle
lavorazioni debba essere svincolato dallo stato di maturazione dell’elemento, si può far ricorso all’uso di
predalle ed elementi prefabbricati, di cui dovrà in ogni caso essere accuratamente verificata la funzionalità a
lungo termine e la durabilità. Infatti pur essendo la loro efficacia limitata al contenimento del peso del getto
del solettone nel periodo di maturazione, tali elementi non vengono generalmente rimossi in fase definitiva e
quindi risultano essere a tutti gli effetti una componente, seppur non strutturale, del sistema.

4.11.9.2 BOTTOM UP
Secondo il metodo “bottom-up”, dopo avere eseguito le opere di sostegno perimetrali si procede con lo
scavo completo fino alla quota di imposta delle fondazioni. La galleria artificiale seguirà quindi una sequenza
costruttiva dal basso verso l'alto (da cui il nome); in questo caso le operazioni si eseguono a cielo aperto ed in
costi più contenuti. Con tale modalità realizzativa, le fasi di scavo risultano completamente separate da quelle
di costruzione della struttura.
Una volta raggiunto il livello di fondazione, si procede alla realizzazione della soletta di base, previa eventuale
impermeabilizzazione, dei piedritti e del solettone di copertura.
Tali elementi strutturali devono essere opportunamente solidarizzati per rendere l’opera monolitica; al
contempo dovranno essere previste opportune soluzioni di impermeabilizzazione, prima di procede al
rinterro della galleria con idoneo materiale di riempimento.
La metodologia ‘Bottom up’ trova prevalente impiego in condizioni di bassa copertura e in presenza di terreni
dalle scarse caratteristiche geomeccaniche; talvolta è prevista per la costruzione dei portali d'imbocco delle
gallerie, dove i più comuni metodi di sostegno del terreno non risultino sufficienti per affrontare problemi di
instabilità su piccola scala.
In sintesi, il metodo "bottom up" è preferibile in contesti fortemente antropizzati, all'avvio di uno scavo
sotterraneo con una bassa copertura e/o in formazioni di scadenti caratteristiche geotecniche, in cui si paventi
una possibile condizione di instabilità.
MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 220 di 368


PARTE II – SEZIONE 4

4.11.9.3 TOP DOWN (METODO MILANO)


Il metodo “top-down” o metodo “Milano” (la denominazione è dovuta ad una delle prime applicazioni, che si
effettuò durante la realizzazione della metropolitana milanese) prevede in prima fase la realizzazione delle
opere di sostegno perimetrali e del solettone di copertura e solo successivamente la formazione delle strutture
interne, previo raggiungimento della quota di imposta con scavo confinato a ‘foro cieco’. Il verso di
avanzamento delle lavorazioni segue quindi la direzione alto-basso, da cui il nome. Rispetto al sistema
“bottom-up”, tale metodologia prevede una contemporaneità di lavorazione tra scavo e la costruzione delle
strutture interne.
Per scavi molto profondi può essere necessario un preventivo approfondimento (prescavo); in tal modo
l’orizzontamento di copertura si troverà ad una quota più bassa di quella del piano campagna, rimanendo
comunque fermi i vincoli già indicati per quanto riguarda il livello di ricoprimento massimo da prevedersi in
tali casi (cfr. par. 4.11.2.1).
Gli elementi di contrasto possono essere costituiti da travi in c.a. e/o soletta continua in c.a. (gettata in opera
o prefabbricata), nel caso di strutture definitive; nel caso di strutture provvisorie si fa generalmente ricorso a
puntonature con elementi metallici.
Nel caso in cui gli elementi di sostegno siano costituiti da diaframmi, dovrà essere previsto (preventivamente
al getto) l'inserimento all'interno delle gabbie di armatura di apposite tasche di predisposizioni per il
successivo collegamento con le travi di contrasto intermedie ed i cordoli di ripartizione.

4.11.9.4 SOLUZIONI PER L’IMPERMEABILIZZAZIONE DEL RIVESTIMENTO


Uno dei principali requisiti che devono essere garantiti dalle gallerie artificiali è quello di protezione dalle
infiltrazioni d’acqua.
Le scelte progettuali maggiormente diffuse per garantire l’impermeabilizzazione di ambienti interrati si
possono riassumere all’interno di tre sistemi di protezione:
- protezione ad "anello";
- protezione a “strutturale integrale”;
- protezione a “ cavità drenata”.
Con protezione “ad anello” si intende un involucro impermeabile e continuo, realizzato esternamente
all’ambiente da proteggere. L'anello è, di regola, esterno alle parti strutturali ed alla soletta di base.
Questo sistema è indicato per strutture monolitiche giuntate, in cui siano prevedibili minimi aggiustamenti
relativi; a tal riguardo, è da prevedersi l’inserimento cadenzato di elementi water-stop lungo lo sviluppo
longitudinale della galleria. L’estremità libera di tali elementi di giunzione deve risultare completamente
ammorsato nel getto ed adeguatamente confinata dalle armature.
L’impermeabilizzazione deve estendersi fino ad una quota superiore a quella massima prevista per la falda.
Per la protezione ad anello si utilizzano, di regola, i seguenti materiali:
- membrane termoplastiche impermeabile a doppio strato in PVC;
- membrane bituminose prefabbricate.
La protezione a “struttura integrale” affida interamente la protezione alla struttura stessa che si prefigura
come un involucro chiuso e stagno, a scatola, che deve essere realizzato con calcestruzzi ad alta qualità e
additivi impermeabilizzanti (fumo di silice, cementi osmotici, ecc.). Una cura particolare deve essere riposta
nella progettazione dei giunti e dei particolari dei “waterstop” in PVC; solo in casi eccezionali potranno essere
adottati waterstop idroespansivi (cordoni bentonitici ecc.).
MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 221 di 368


PARTE II – SEZIONE 4

Il sistema a “cavità drenata” prevede invece la possibile filtrazione dell’acqua attraverso il rivestimento
direttamente a contatto con il terreno; essa va quindi drenata e raccolta per essere infine definitivamente
allontanata.
Si rimanda alla sezione del “Capitolato delle Opere civili” per approfondimenti circa le specifiche lavorazioni,
caratteristiche prestazionali dei materiali e controlli da eseguire per garantire l'efficacia dell'intervento di
impermeabilizzazione previsto.

4.11.9.5 SOLUZIONI PER L’IMPERMEABILIZZAZIONE DEL FONDO SCAVO


In presenza di falda dovrà essere valutata la possibilità di abbattere la quota di falda; in tale contesto è di
primaria importanza garantire la stabilità dell’opera al sollevamento del fondo dello scavo o evitare
un’eventuale innesco del fenomeno del “sifonamento”.
A garanzia della tenuta idraulica, per gallerie artificiali realizzate con i metodi “top down” e “bottom up” può
essere necessario ricorrere all’adozione di tamponi di fondo, generalmente previsti in jet-grouting
compenetrati, che possono, in casi particolari, estendersi anche oltre la base delle paratie.
Lo spessore del trattamento deve essere dimensionato in modo che il tampone di fondo possa contrastare
efficacemente la spinta idrostatica o idrodinamica qualora sia presente un moto di filtrazione all’interno del
sistema. Per il dimensionamento del tappo di fondo in jet-grouting si dovrà, di norma, fare affidamento
all’attrito laterale e tener conto dell’aumento del peso specifico del terreno trattato rispetto a quello del
terreno originario. Per il calcolo dell’attrito tampone-paratia dovrà essere interamente considerata la pressione
orizzontale dell’acqua relativa al posizionamento della piezometrica di calcolo, nonché la spinta orizzontale
del terreno con opportuno coefficiente di sicurezza.
Nei rari casi in cui la sottospinta idraulica non risulti completamente contrastata dal peso proprio del
tampone, può risultare necessaria, per garantire la stabilità del sistema, la realizzazione di pali tirante collegati
al tappo di fondo.

4.11.10 GALLERIE ARTIFICIALI DI IMBOCCO


Gli imbocchi delle gallerie naturali rappresentano, dal punto di vista tecnico, opere particolarmente complesse
poiché si inseriscono in contesti caratterizzati spesso da particolari condizioni geomorfologiche e geotecniche
(basse coperture e/o acclività elevate, materiali di scarse caratteristiche meccaniche o fortemente degradati).
Dal punto di vista costruttivo la preparazione del piazzale di imbocco e della parete di attacco richiede spesso
l’esecuzione di interventi di preconsolidamento che, a seconda delle caratteristiche geomorfologiche del
contesto, possono comportare notevoli problematiche sia progettuali che realizzative. Infatti, se in terreni
rocciosi di buone caratteristiche meccaniche è possibile eseguire solo limitati interventi preliminari relativi
esclusivamente alla parete di attacco ed alle zone immediatamente limitrofe, nel caso di imbocchi realizzati in
rocce di scarse caratteristiche meccaniche o in terreni sciolti, tali interventi possono risultare estremamente
impegnativi e coinvolgere, oltre che la parete di attacco propriamente detta anche i versanti e le aree
circostanti all’imbocco.
È inoltre importante considerare che, specialmente per gallerie realizzate in ambito urbano o in zone di
particolare pregio artistico e/o ambientale, risulta necessario valutare accuratamente gli aspetti di carattere
architettonico dei portali per minimizzare l’impatto ambientale e favorire l’inserimento architettonico
dell’opera nel contesto socio/ambientale circostante.
Nei casi in cui le caratteristiche geomeccaniche dei terreni imposti risultino inadeguate o le coperture risultino
particolarmente ridotte, magari in presenza di manufatti limitrofi, possono essere previsti trattamenti con
iniezioni o altre tipologie di interventi di miglioramento del terreno.
MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 222 di 368


PARTE II – SEZIONE 4

4.11.10.1 IMBOCCHI IN AMMASSI ROCCIOSI


Gli imbocchi realizzati in ammassi rocciosi di buone caratteristiche meccaniche richiedono usualmente
consolidamenti di limitata estensione volti soprattutto alla messa in sicurezza “locale” della parete di attacco e
delle zone immediatamente limitrofe ad essa.
Le opere di consolidamento per tale tipologia di imbocco sono costituite il più delle volte da interventi di
stabilizzazione della parete con chiodature e/o bullonature. È inoltre possibile, laddove le caratteristiche dei
materiali in affioramento risultano buone o addirittura eccellenti, sagomare la parete di attacco con pendenze
sub verticali o aprire una trincea (eventualmente anche mediante l’uso di esplosivi) da cui far partire la galleria
che sarà scavata interamente a foro cieco.
Gli aspetti fondamentali da valutare per la realizzazione degli imbocchi in ammassi rocciosi di buone
caratteristiche meccaniche sono legati principalmente alla valutazione della stabilità del pendio roccioso in cui
si va ad inserire l’opera. Particolare attenzione andrà posta alla valutazione della stabilità di elementi lapidei
isolati dalle discontinuità o già distaccati e presenti sul versante e al controllo delle vibrazioni indotte per
prevenire l’instabilizzazione di elementi lapidei del versante e minimizzare l’effetto su eventuali manufatti
limitrofi.
Sono normalmente da prevedere operazioni di disgaggio delle porzioni di roccia che non garantiscano una
configurazione stabile.
In questo contesto si può intervenire, sia con tecniche “attive” per impedire movimenti e distacchi di porzioni
di roccia che con tecniche “passive” volte ad intercettare i blocchi già in movimento.
Gli interventi di tipo attivo ricadono nel campo della stabilità dei pendii e della meccanica delle rocce e
necessitano di un preventivo studio geologico sulla presenza e disposizione delle famiglie di discontinuità che
interessano l’ammasso al fine di individuare i cunei di roccia potenzialmente instabili. Individuati tali elementi
si agisce generalmente con l’impiego di chiodature, bullonature e tiranti che possano garantire l’ancoraggio dei
cunei alla parte stabile della parete.
Gli interventi di tipo passivo sono rappresentati invece dall’insieme degli accorgimenti utili alla protezione
della infrastruttura in virtù della propria resistenza meccanica.
Tali interventi sono costituiti da reti o barriere paramassi, che dovranno periodicamente essere verificate sia
per valutarne l’efficienza che per il controllo delle porzioni di materiale intercettate, in modo da poter
condurre in itinere valutazioni sul livello di alterazione della roccia e del grado di stabilità globale.

4.11.10.2 IMBOCCHI IN TERRENI DIFFICILI


La realizzazione di opere di imbocco di galleria comporta spesso la necessità di risolvere problemi progettuali
e costruttivi strettamente connessi alla morfologia del terreno da attaccare, all’eventuale esistenza di
costruzioni nelle vicinanze, alla geometria delle opere da realizzare e alla tipologia del materiale in situ. Tali
difficoltà vengono risolte mediante la creazione di una struttura di precontenimento del terreno a protezione
dello scavo; a tale scopo vengono generalmente adottati diaframmi o e paratie di pali, eventualmente tirantati,
berlinesi, o anche pareti in jet-grouting. Per quanto riguarda tali elementi si rimanda a quanto descritto nella
sezione III del presente Manuale.
Un’ulteriore soluzione è costituite da opere di sostegno in terre rinforzate con geocompositi di adeguate
caratteristiche di resistenze a trazione; tali interventi garantiscono la stabilità dei fronti di scavo consentendo
angoli di inclinazione delle scarpate assai maggiori rispetto a quelli naturali. Va ricordato che tale tecnica
rientra, assieme alle terre armate, ai muri a gabbioni ed ai muri verdi, nell’ambito delle tecniche speciali
ammesse solo in casi particolari e previo parere favorevole del Gestore dell’Infrastruttura seguendo in ogni
caso le indicazioni riportare nella sezione III del presente MdP.
MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 223 di 368


PARTE II – SEZIONE 4

4.11.11 GALLERIE PARAMASSI


Le gallerie artificiali paramassi sono particolari opere realizzate a protezione della sede ferroviaria quando le
condizioni morfologiche del versante e le condizioni geotecniche e geologiche non rendono applicabili le
soluzioni “standard” quali barriere paramassi, fossati o rilevati di guardia. La struttura dovrà essere realizzata in
modo da permettere una protezione efficacie della sede ferroviaria dai massi senza subire danneggiamenti
strutturali.
Contrariamente alle gallerie artificiali usuali, non risultano quindi interamente ritombate, ma presentano una
configurazione peculiare in cui il lato di valle è solitamente formato da una parete finestrata a sostegno della
copertura, mentre sul lato a contatto con la parete rocciosa è previsto. un muro di controripa.
Sulla soletta di copertura della galleria è usualmente posto uno strato di materiale detritico che, oltre a favorire lo
sviluppo della vegetazione spontanea e migliorare l’inserimento dell’opera nel contesto naturale ed ambientale
circostante, ha la principale funzione di assorbire, almeno parzialmente, gli urti generati da materiale roccioso
staccatosi dal fronte. Nelle zone dove questo rischio risulta essere maggiormente elevato, la galleria è completata
dalla realizzazione, sul versante a monte, di una o più file di barriere paramassi così come nell’area prospiciente
l'imbocco.
Generalmente le gallerie paramassi sono realizzate in calcestruzzo armato gettato in opera o in elementi
prefabbricati in calcestruzzo armato.
Il dimensionamento di tali opere deve garantire le specifiche tecniche riportate nel “Capitolato Generale Tecnico
di appalto delle opere civili” di RFI, nel rispetto della normativa vigente.
Queste strutture di difesa sono catalogabili come sistemi passivi in quanto non sono funzionali a modificare la
probabilità di innesco del fenomeno gravitativo, quanto a minimizzare il danno ad esso associato.
Realizzate a protezione della linea hanno l’obiettivo primario di deviare o intercettare la traiettoria del masso
portandolo, quando possibile, al suo arresto. Le opere in oggetto sono poste comunemente in prossimità di pareti
subverticali in roccia e di conseguenza l’impatto che le interessa interrompe quella che è definita fase di caduta
libera.

4.11.11.1 FENOMENO DELLA CADUTA MASSI


Per caduta massi (rockfalls) s’intende il fenomeno che comporta il distacco, volumetricamente limitato, di blocchi
rocciosi isolati, di dimensioni variabili, da pendii o fronti di scavo, ed il loro successivo movimento per caduta
libera, rimbalzo, rotolamento o scivolamento lungo il versante fino all’arresto. Il crollo di blocchi rocciosi non è
quindi una comune forma di frana, ma si contraddistingue per il distacco e la successiva caduta di un masso o di
più blocchi che interessano una singola porzione di roccia, dove il comportamento dinamico delle singole
porzioni è sostanzialmente indipendente l’una dalle altre.
Le principali cause che possono provocare il distacco iniziale sono:
 il flusso d’acqua nelle discontinuità;
 le vibrazioni indotte da un sisma o quelle generate dall’utilizzo di esplosivo;
 le pressioni indotte nelle discontinuità dalle pressioni idrauliche o dalla formazione di ghiaccio;
 le operazioni di scavo o l’applicazione di carichi sul pendio.
La presenza di giunti di una certa persistenza, la loro intersezione ed orientazione secondo la direzione del
versante, nonché i valori delle aperture che caratterizzano i sistemi principali contestualmente alle principali cause
sopra descritte, possono isolare porzioni rocciose instabili o in equilibrio precario potenzialmente mobilizzabili
secondo movimenti di scivolamento planare e ribaltamento.
Lo studio del fenomeno del distacco di blocchi rocciosi ed il loro successivo movimento comprende le seguenti
fasi:
 Indagine per la determinazione della frequenza storica di caduta massi;
 Rilievo topografico del pendio, rilevamento geomorfologico di dettaglio e analisi dei parametri ambientali
(tipo di copertura vegetale e condizioni climatiche);
 Rilevamento geologico e geolitologico;
MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 224 di 368


PARTE II – SEZIONE 4

 Rilievi geostrutturali e geomeccanici di dettaglio;


 Rilievo dei distacchi avvenuti in passato e delle impronte da impatto lungo i percorsi di caduta laddove
presenti e distribuzione dei blocchi al piede del versante;
 Caratterizzazione geotecnica del materiale tramite prove in situ e di laboratorio;
 Definizione del modello matematico per la simulazione numerica delle masse/blocchi in movimento e
delle interazioni con il pendio;
 Calibrazione del modello scelto, in funzione di tutti i parametri rilevati sul pendio, ed esecuzione delle
verifiche tramite specifiche simulazioni numeriche.
Per una descrizione dettagliata delle fasi sopra elencate si deve far riferimento a quanto riportato nel “Capitolato
Generale Tecnico di Appalto delle Opere Civili, Parte II - Sezione 3, Rilievi Geologici ed Indagini Geognostiche”.
Lo studio del fenomeno di caduta massi ha lo scopo di individuare con una approssimazione accettabile:
 possibili percorsi di caduta lungo il versante;
 altezze delle traiettorie di caduta rispetto alla superficie del pendio, velocità ed energie assunte dai blocchi
lungo i percorsi di caduta;
 massime distanze raggiunte dai massi e zone di espandimento a valle;
 eventuali interazioni delle masse in movimento con altre porzioni del pendio o opere d’arte esistenti;
 la massima energia d'impatto che dovrà essere assorbita dalla singola opera di difesa.

4.11.11.2 SIMULAZIONI NUMERICHE


A partire dal modello topografico e geomeccanico del pendio è possibile integrare un modello numerico
opportunamente calibrato, in grado di simulare in termini di traiettorie e punti di arresto il fenomeno della caduta
massi che potrebbe potenzialmente interferire con la sede ferroviaria.
Un approccio rigoroso al problema di caduta massi non può prescindere dalla forma e dalle dimensione del
blocco, dalle leggi costitutive che ne regolano il comportamento in presenza di sollecitazioni esterne, dalla natura
e dalla granulometria del materiale di copertura.
I fattori che regolano il fenomeno sono molteplici e fortemente aleatori, e in sede di calcolo risultano
difficilmente quantificabili in maniera deterministica. Ciò premesso l’approccio al problema deve essere
necessariamente di tipo parametrico e probabilistico.
Il moto di caduta di un blocco lungo una scarpata dipende infatti, da numerosi fattori non facili da esprimere
compiutamente in via numerica. La traiettoria dei blocchi dipende dalla geometria della scarpata, dalla forma del
blocco, dalla sua velocità e dall’entità dell’energia dissipata per effetto degli urti durante la caduta.
Il moto di caduta, peraltro, è solitamente una combinazione di moti di scivolamento, rotolamento e strisciamento.
Il movimento dei blocchi può essere descritto da modelli matematici, che applicano le equazioni del moto di un
corpo ed utilizzano il principio di conservazione dell’energia totale.
Inoltre i modelli possono essere bidimensionali, con il pendio discretizzato in una serie di segmenti o
tridimensionali qualora si disponga di un modello digitale del terreno (DTM). Il masso inoltre, a seconda del
modello scelto può essere supposto puntiforme, considerando cioè solo il moto del suo baricentro, schematizzato
come una sfera, come cilindro o ellissoide.
Altro fattore discriminante tra i differenti modelli è la tipologia di moto che il masso compie. Esso può essere
puramente traslazionale, di rotolamento o prevedere l’accoppiamento di questi, pertanto la scelta della tipologia di
moto vedrà l’applicazione di differenti sistemi di equazioni che regolano e modellano l’intero fenomeno.
I risultati che derivano da tale approccio numerico, consistono nella determinazione delle velocità e delle altezze
di rimbalzorispetto alla superficie del pendio, durante il percorso di caduta di un masso
Simulando un numero di lanci di prova che portano a far ritenere i risultati statisticamente attendibili si potranno
ottenere i seguenti grafici:
- l’altezza massima raggiunta dalle traiettorie del blocco roccioso in movimento in funzione dell’ascissa del
profilo del terreno;
- l’energia cinetica posseduta dal masso;
- velocità massima d’impatto del masso sull’opera,
MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 225 di 368


PARTE II – SEZIONE 4

- punto di arresto del blocco.


E’ importante sottolineare che l’analisi di un fenomeno di crollo non può prescindere dall’applicazione e dal
confronto di diversi modelli previsionali, al fine di non commettere errori grossolani non solo in termini di
sovrastima, ma soprattutto in termini di sottostima del fenomeno stesso.

4.11.11.3 CALIBRATURA DEL MODELLO


La calibratura del modello va effettuata sulla base dei dati acquisiti in sede di rilievo e non può essere considerata
accettabile, se non è in grado di riprodurre fedelmente la situazione reale osservata.
Una volta definite le zone di distacco/innesco e le condizioni iniziali del moto, assunte variabili statisticamente, la
calibrazione del modello numerico procede alla definizione di due parametri, l’angolo d’attrito masso-versante (ϕ)
e il coefficiente di restituzione che definiscono l’interazione tra il blocco roccioso e il versante. .
I coefficienti sono principalmente funzione della litologia, della copertura vegetale del versante e delle asperità del
terreno in relazione alle dimensioni del masso.

Angolo d'attrito masso-versante


Nei tratti di pendio in cui il masso si muove rotolando o scivolando, l'energia cinetica viene dissipata attraverso
l'attrito che si sviluppa fra blocco e versante. Quest'attrito viene considerato nel calcolo attraverso il parametro
“angolo d'attrito masso-versante” che ingloba in esso i complessi fenomeni che vi risiedono.

Rimbalzo:
Esso richiede la conoscenza delle forze interne e d’interazione che si scambiano i corpi, classificando l’urto come
elastico o anaelastico a seconda che conservi o meno l’energia cinetica.
Vista la complessità del problema si può ricorrere all’utilizzo di modelli semplificati che propongono dei
coefficienti di restituzione variabili tra i valori 0 e 1 per esprimere la dissipazione dell’energia cinetica a seguito
del rimbalzo. I valori estremi del parametro sono corrispondenti rispettivamente ad un urto puramente elastico e
a quello totalmente anaelastico.

4.11.11.4 VERIFICHE DA EFFETTUARSI SU UNA GALLERIA PARAMASSI


Valutata la distribuzione delle traiettorie dei massi lungo il pendio tramite simulazioni numeriche, si procede ad un
primo dimensionamento dell’opera di difesa che al fine di preservare la sede ferroviaria, deve essere in grado di
intercettare i blocchi rocciosi in caduta e resistere alle sollecitazioni prodotte dagli impatti.
A tal fine vanno effettuate due tipi di verifiche:

 Verifica al superamento per proiezione


Viene eseguita mediante l’esame della distribuzione degli arrivi dei massi attraverso l’analisi delle traiettorie.

 Verifica al superamento per sfondamento


L’opera di difesa deve essere in grado sia di resistere alla forza impattante di progetto derivante dall'energia
cinetica posseduta dal masso in caduta sia di dissipare l’energia cinetica posseduta dal masso.
Il progettista deve quindi valutare, lungo i potenziali percorsi dei blocchi, le entità delle energie cinetiche assunte e
quindi il valore di quello che, in corrispondenza della zona di posizionamento dell’opera di protezione, diventa
“l’urto di progetto”. La zona va scelta in modo da ottimizzare dal punto di vista tecnico-economico la
realizzazione dell’intervento.
MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 226 di 368


PARTE II – SEZIONE 4

4.11.11.5 TIPOLOGIE DI GALLERIE ARTIFICIALI PARAMASSI


E’ possibile distinguere le seguenti categorie di paramassi:

Gallerie tradizionali a portale


Caratterizzate lungo l’asse longitudinale dalla presenza di un muro in cemento armato continuo contro terra,
mentre sul lato di valle generalmente sono realizzati una successione di archi e pilastri piuttosto che un muro
continuo analogo a quello realizzato lato monte.
In genere la struttura è protetta mediante uno strato ammortizzante costituito per lo più da materiale di risulta
delle fasi di realizzazione della struttura, opportunamente macinato e disgregato. Tale strato ha lo scopo di
ripartire l’azione dell’eventuale blocco in caduta sulla sottostante struttura, da dimensionare opportunamente, sia
in termini di spessore che di caratteristiche meccaniche. Spesso lo strato ammortizzante è coperto da terreno
coltivo che permette anche il successivo rinverdimento dell’opera. In pratica, la rigidezza della struttura è
assicurata dalla presenza degli appoggi pressoché continui laterali e dalla rigidezza della soletta in cemento armato
che assolve la funzione di piastra.
A tergo della galleria qualora ci sia spazio sufficiente viene solitamente realizzato un rilevato paramassi, a sua
volta, ha anch’esso il compito deviare o bloccare l’azione impattante di un eventuale impatto.

Gallerie policentriche
In questo caso l’opera finita è praticamente un tunnel completamente interrato. La galleria è accostata alla parete
in roccia ma, una volta rinverdito il pendio artificiale, il suo impatto ambientale è praticamente nullo. La
particolarità di questa struttura consiste nella geometria anulare e nell’impossibilità di separare l’opera dal terreno
circostante all’interno del quale essa è immersa.
Per la realizzazione di una galleria paramassi si andrà quindi a realizzare la risagomatura del versante (previo
eventuali interventi di consolidamento dello stesso) e regolarizzando il piano di lavoro al fine di garantire lo
spazio necessario per la futura sede ferroviaria.
Successivamente si eseguiranno le lavorazioni relative alla realizzazione delle strutture di fondazione e getto della
soletta di base. Si realizzeranno il muro di controripa e le strutture verticali previste lato valle (pilastri, setti, ecc.. )
sulle quali poggerà la struttura di copertura. Infine si eseguiranno le operazioni di i rinterro con materiale
smorzante.
Per quanto riguarda le soluzioni di impermeabilizzazione e la solidarizzazione degli differenti elementi strutturali
si faccia riferimento a quanto già riportato in precedenza in questa Sezione del MdP; mentre per le specifiche
relative alle loro prestazioni e modalità esecutive si seguano le indicazioni del Capitolato delle Opere Civili nella
sezione relativa alle Gallerie Artificiali.
MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 227 di 368


PARTE II – SEZIONE 4

SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

4.12.1 INDICE DEGLI ELABORATI


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12: SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 1 - Pag. 1/2

INDICE DEGLI ELABORATI


TAVOLA TITOLO
1 INDICE DELLE TAVOLE
2 INDICAZIONI GENERALI

SEZIONI TIPO IN GALLERIA NATURALE SEZIONI TIPO IN GALLERIA NATURALE


V 160 km/h 200 km/h V < 250 km/h
SCAVO TRADIZIONALE SCAVO TRADIZIONALE
ARMAMENTO TRADIZIONALE ARMAMENTO TRADIZIONALE
3 SINGOLO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - RETTILINEO 39 SINGOLO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - RETTILINEO
4 SINGOLO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - CURVA CON STRADELLO SULL'ESTERNO 40 SINGOLO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - CURVA CON STRADELLO SULL'ESTERNO
5 SINGOLO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - CURVA CON STRADELLO SULL'INTERNO 41 SINGOLO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - CURVA CON STRADELLO SULL'INTERNO
6 DOPPIO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - RETTILINEO 42 DOPPIO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - RETTILINEO
7 DOPPIO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - CURVA 43 DOPPIO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - CURVA
ARMAMENTO SU PIASTRA ARMAMENTO SU PIASTRA
8 SINGOLO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - RETTILINEO 44 SINGOLO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - RETTILINEO
9 SINGOLO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - CURVA CON STRADELLO SULL'ESTERNO 45 SINGOLO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - CURVA CON STRADELLO SULL'ESTERNO
10 SINGOLO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - CURVA CON STRADELLO SULL'INTERNO 46 SINGOLO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - CURVA CON STRADELLO SULL'INTERNO
11 DOPPIO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - RETTILINEO 47 DOPPIO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - RETTILINEO
12 DOPPIO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - CURVA 48 DOPPIO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - CURVA
SCAVO MECCANIZZATO SCAVO MECCANIZZATO
ARMAMENTO TRADIZIONALE ARMAMENTO TRADIZIONALE
13 SINGOLO BINARIO SCAVO MECCANIZZATO - RETTILINEO 49 SINGOLO BINARIO SCAVO MECCANIZZATO - RETTILINEO
14 SINGOLO BINARIO SCAVO MECCANIZZATO - CURVA CON STRADELLO SULL'ESTERNO 50 SINGOLO BINARIO SCAVO MECCANIZZATO - CURVA CON STRADELLO SULL'ESTERNO
15 SINGOLO BINARIO SCAVO MECCANIZZATO - CURVA CON STRADELLO SULL'INTERNO 51 SINGOLO BINARIO SCAVO MECCANIZZATO - CURVA CON STRADELLO SULL'INTERNO
16 DOPPIO BINARIO SCAVO MECCANIZZATO - RETTILINEO 52 DOPPIO BINARIO SCAVO MECCANIZZATO - RETTILINEO
17 DOPPIO BINARIO SCAVO MECCANIZZATO - CURVA 53 DOPPIO BINARIO SCAVO MECCANIZZATO - CURVA
ARMAMENTO SU PIASTRA ARMAMENTO SU PIASTRA
18 SINGOLO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - RETTILINEO 54 SINGOLO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - RETTILINEO
19 SINGOLO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - CURVA CON STRADELLO SULL'ESTERNO 55 SINGOLO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - CURVA CON STRADELLO SULL'ESTERNO
20 SINGOLO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - CURVA CON STRADELLO SULL'INTERNO 56 SINGOLO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - CURVA CON STRADELLO SULL'INTERNO
21 DOPPIO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - RETTILINEO 57 DOPPIO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - RETTILINEO
22 DOPPIO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - CURVA 58 DOPPIO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - CURVA

160 km/h V < 200 km/h 250 km/h V < 300 km/h
SCAVO TRADIZIONALE SCAVO TRADIZIONALE
ARMAMENTO TRADIZIONALE ARMAMENTO TRADIZIONALE
23 SINGOLO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - RETTILINEO 59 SINGOLO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - RETTILINEO
24 SINGOLO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - CURVA CON STRADELLO SULL'ESTERNO 60 SINGOLO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - CURVA CON STRADELLO SULL'ESTERNO
25 SINGOLO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - CURVA CON STRADELLO SULL'INTERNO 61 SINGOLO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - CURVA CON STRADELLO SULL'INTERNO
26 DOPPIO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - RETTILINEO 62 DOPPIO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - RETTILINEO
27 DOPPIO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - CURVA 63 DOPPIO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - CURVA
ARMAMENTO SU PIASTRA ARMAMENTO SU PIASTRA
28 SINGOLO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - RETTILINEO 64 SINGOLO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - RETTILINEO
29 SINGOLO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - CURVA CON STRADELLO SULL'ESTERNO 65 SINGOLO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - CURVA CON STRADELLO SULL'ESTERNO
30 SINGOLO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - CURVA CON STRADELLO SULL'INTERNO 66 SINGOLO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - CURVA CON STRADELLO SULL'INTERNO
31 DOPPIO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - RETTILINEO 67 DOPPIO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - RETTILINEO
32 DOPPIO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - CURVA 68 DOPPIO BINARIO SCAVO TRADIZIONALE - CURVA
SCAVO MECCANIZZATO SCAVO MECCANIZZATO
ARMAMENTO TRADIZIONALE ARMAMENTO TRADIZIONALE
33 SINGOLO BINARIO SCAVO MECCANIZZATO - RETTILINEO 69 SINGOLO BINARIO SCAVO MECCANIZZATO - RETTILINEO
34 SINGOLO BINARIO SCAVO MECCANIZZATO - CURVA CON STRADELLO SULL'ESTERNO 70 SINGOLO BINARIO SCAVO MECCANIZZATO - CURVA CON STRADELLO SULL'ESTERNO
35 SINGOLO BINARIO SCAVO MECCANIZZATO - CURVA CON STRADELLO SULL'INTERNO 71 SINGOLO BINARIO SCAVO MECCANIZZATO - CURVA CON STRADELLO SULL'INTERNO
ARMAMENTO SU PIASTRA ARMAMENTO SU PIASTRA
36 SINGOLO BINARIO SCAVO MECCANIZZATO - RETTILINEO 72 SINGOLO BINARIO SCAVO MECCANIZZATO - RETTILINEO
37 SINGOLO BINARIO SCAVO MECCANIZZATO - CURVA CON STRADELLO SULL'ESTERNO 73 SINGOLO BINARIO SCAVO MECCANIZZATO - CURVA CON STRADELLO SULL'ESTERNO
38 SINGOLO BINARIO SCAVO MECCANIZZATO - CURVA CON STRADELLO SULL'INTERNO 74 SINGOLO BINARIO SCAVO MECCANIZZATO - CURVA CON STRADELLO SULL'INTERNO
MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12: SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 1 - Pag. 2/2

SEZIONI TIPO IN GALLERIA ARTIFICIALE SCHEMI FUNZIONALI SICUREZZA IN GALLERIA


V 160 km/h 115 USCITA/ACCESSO LATERALE PEDONALE
116 USCITA/ACCESSO LATERALE CARRABILE
ARMAMENTO TRADIZIONALE
117.a COLLEGAMENTO TRASVERSALE
75 SINGOLO BINARIO - RETTILINEO
117.b COLLEGAMENTO TRASVERSALE DI LUNGHEZZA MINORE DI 10 METRI
76 SINGOLO BINARIO - CURVA CON STRADELLO SULL'ESTERNO
118 PUNTO ANTINCENDIO ESTERNO ALL'IMBOCCO DELLA GALLERIA
77 SINGOLO BINARIO - CURVA CON STRADELLO SULL'INTERNO
119.a1 PUNTO ANTINCENDIO INTERNO PER GALLERIE A SINGOLA CANNA - PIANTA
78 DOPPIO BINARIO - RETTILINEO
119.a2 PUNTO ANTINCENDIO INTERNO PER GALLERIE A SINGOLA CANNA - SEZIONI
79 DOPPIO BINARIO - CURVA
119.b PUNTO ANTINCENDIO INTERNO PER GALLERIE A DOPPIA CANNA
ARMAMENTO SU PIASTRA
120.a FABBRICATO TECNOLOGICO - POSTAZIONE GESTIONE EMERGENZA PERIFERICA (PGEP) - PIANTE
80 SINGOLO BINARIO - RETTILINEO
120.b FABBRICATO TECNOLOGICO - POSTAZIONE GESTIONE EMERGENZA PERIFERICA (PGEP) - SEZIONI
81 SINGOLO BINARIO - CURVA CON STRADELLO SULL'ESTERNO FABBRICATO TECNOLOGICO A SERVIZIO DELLA RETE IDRANTI PRESENTI NEL PUNTO ANTINCENDIO
121
82 SINGOLO BINARIO - CURVA CON STRADELLO SULL'INTERNO
83 DOPPIO BINARIO - RETTILINEO
84 DOPPIO BINARIO - CURVA

160 km/h V < 200 km/h


ARMAMENTO TRADIZIONALE
85 SINGOLO BINARIO - RETTILINEO
86 SINGOLO BINARIO - CURVA CON STRADELLO SULL'ESTERNO
87 SINGOLO BINARIO - CURVA CON STRADELLO SULL'INTERNO
88 DOPPIO BINARIO - RETTILINEO
89 DOPPIO BINARIO - CURVA
ARMAMENTO SU PIASTRA
90 SINGOLO BINARIO - RETTILINEO
91 SINGOLO BINARIO - CURVA CON STRADELLO SULL'ESTERNO
92 SINGOLO BINARIO - CURVA CON STRADELLO SULL'INTERNO
93 DOPPIO BINARIO - RETTILINEO
94 DOPPIO BINARIO - CURVA

200 km/h V < 250 km/h


ARMAMENTO TRADIZIONALE
95 SINGOLO BINARIO - RETTILINEO
96 SINGOLO BINARIO - CURVA CON STRADELLO SULL'ESTERNO
97 SINGOLO BINARIO - CURVA CON STRADELLO SULL'INTERNO
98 DOPPIO BINARIO - RETTILINEO
99 DOPPIO BINARIO - CURVA
ARMAMENTO SU PIASTRA
100 SINGOLO BINARIO - RETTILINEO
101 SINGOLO BINARIO - CURVA CON STRADELLO SULL'ESTERNO
102 SINGOLO BINARIO - CURVA CON STRADELLO SULL'INTERNO
103 DOPPIO BINARIO - RETTILINEO
104 DOPPIO BINARIO - CURVA

250 km/h V < 300 km/h


ARMAMENTO TRADIZIONALE
105 SINGOLO BINARIO - RETTILINEO
106 SINGOLO BINARIO - CURVA CON STRADELLO SULL'ESTERNO
107 SINGOLO BINARIO - CURVA CON STRADELLO SULL'INTERNO
108 DOPPIO BINARIO - RETTILINEO
109 DOPPIO BINARIO - CURVA
ARMAMENTO SU PIASTRA
110 SINGOLO BINARIO - RETTILINEO
111 SINGOLO BINARIO - CURVA CON STRADELLO SULL'ESTERNO
112 SINGOLO BINARIO - CURVA CON STRADELLO SULL'INTERNO
113 DOPPIO BINARIO - RETTILINEO
114 DOPPIO BINARIO - CURVA
MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 2

Indicazioni generali
Le dimensioni e la posizione dei cavidotti, delle canalette, delle
tubazioni, degli attrezzaggi tecnologici, etc. indicati nelle sezioni
d'intradosso sono indicative e saranno oggetto di specifico
studio, adeguato al livello della progettazione.

Asse marciapiede
Per facilitare l'uso da parte del personale di servizio e di
manutenzione i marciapiedi saranno dotati di un gradino di
servizio, posto 30 centimetri al di sotto del ciglio del

Asse binario
manutenzione dell'armamento.

I marciapiedi saranno dotati di un mancorrente continuo il cui

dello stesso compresa tra 80 e 110 centimetri. 0.55 P=1%

P.F.
MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 3


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 4


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 5


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 6


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 7


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 8


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 9


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 10


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 11


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 12


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 13


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 14


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 15


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 16


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 17


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 18


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 19


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 20


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 21


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 22


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 23


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 24


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 25


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 26


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 27


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 28


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 29


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 30


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 31


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 32


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 33


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 34


TAVOLA 35
MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 36


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 37


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 38


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 39


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 40


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 41


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 42


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 43


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 44


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 45


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 46


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 47


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 48


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 49


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 50


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 51


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 52


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 53


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 54


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 55


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 56


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 57


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 58


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 59


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 60


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 61


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 62


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 63


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 64


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 65


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 66


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 67


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 68


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 69


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 70


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 71


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 72


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 73


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 74


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 75


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 76


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 77


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 78


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 79


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 80


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 81


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 82


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 83


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 84


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 85


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 86


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 87


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 88


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 89


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 90


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 91


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 92


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 93


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 94


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 2 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 95


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 2 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 96


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 2 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 97


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 2 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 98


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 2 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 99


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 2 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 100


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 2 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 101


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 2 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 102


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 2 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 103


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 2 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 104


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 105


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 106


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 107


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 108


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 109


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 110


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 111


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 112


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 113


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 114


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 115

USCITA/ACCESSO LATERALE PEDONALE

TAVOLA 62
MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 116


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 117.a

Collegamento trasversale

B C A

B C A

B C A

B C A
MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 117.b

Collegamento trasversale di lunghezza <10m

B C A

B C A

B C A

B C A
MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II -SEZIONE - 4GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 118


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI
PUNTO ANTINCENDIO INTERNO PER GALLERIA A SINGOLA CANNA
MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 119.a1

ASSE BINARIO

ASSE BINARIO

PARTICOLARE DEL PUNTO ANTINCENDIO GALLERIA A SINGOLA CANNA

SCHEMA PUNTO ANTINCENDIO GALLERIA A SINGOLA CANNA


PORTA ANTINCENDIO REI120
(1.20m x 2.00m)

IDRANTE (Ogni 125m)

66.00 2.00

B
MARCIAPIEDE

MARCIAPIEDE

PORTA ANTINCENDIO REI120


(0.90m x 2.00m)

PORTA ANTINCENDIO REI120


(1.20m x 2.00m)
CAMERA DI 15.00 6.00
USCITA/ACCESSO
TRANSIZIONE LATERALE
3.00

L= Variabile in funzione della lunghezza del treno di massima capacità

Particolare del punto antincendio


A A

D
15.00
MARCIAPIEDE

MARCIAPIEDE

C C

PORTA ANTINCENDIO REI120


(1.20m x 2.00m)

IDRANTE (Ogni 125m) 2.00

66.00

PORTA ANTINCENDIO REI120


ASSE BINARIO

ASSE BINARIO

(1.20m x 2.00m)
MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

PUNTO ANTINCENDIO INTERNO PER GALLERIA A SINGOLA CANNA


MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 119.a2

SEZIONE A-A B

ASSE BINARIO

ASSE BINARIO
6.00
USCITA/ACCESSO CAMERA DI
LATERALE TRANSIZIONE
2.25 2.25
2.00
2.00 2.00

2.25
D SOTTOPASSAGGIO

B 2.40

SEZIONE B-B SEZIONE C-C SEZIONE D-D


CAMERA DI TRANSIZIONE SEZIONE IN CORRISPONDENZA DELL'ALLARGO USCITA/ACCESSO LATERALE

3.00

6.00
0.90

ASSE GALLERIA
SERRANDA DI
ASSE BINARIO

ASSE BINARIO
SOVRAPPRESSIONE
ASSE GALLERIA

TAGLIAFUOCO
2.00

2.25
0.90 0.90 0.90 2.00

2.00 6.00

15.00
MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI
PUNTO ANTINCENDIO INTERNO PER GALLERIA A DOPPIA CANNA
MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 119.b

PARTICOLARE DEL PUNTO ANTINCENDIO GALLERIA A DOPPIA CANNA

MARCIAPIEDE MARCIAPIEDE

SENTIERO PEDONALE

SENTIERO PEDONALE
A A

ASSE GALLERIA
ASSE BINARIO

ASSE BINARIO
3.00
1.20 COLLEGAMENTO TRASVERSALE COLLEGAMENTO TRASVERSALE

2.00

B
IDRANTE (Ogni 125m) IDRANTE (Ogni 125m)

7.00 6.00 7.00

GALLERIA A SEMPLICE GALLERIA DI GALLERIA A SEMPLICE


BINARIO SFOLLAMENTO BINARIO

SEZIONE A-A

ASSE GALLERIA
ASSE BINARIO

ASSE BIANRIO
6.00

2.00
2.25
1.20

PORTA ANTINCENDIO REI120 PORTA ANTINCENDIO REI120

≈20
B 6.00 ≈20

7.00
GALLERIA A SEMPLICE COLLEGAMENTO GALLERIA DI COLLEGAMENTO GALLERIA A SEMPLICE
BINARIO TRASVERSALE SFOLLAMENTO TRASVERSALE BINARIO

SEZIONE B-B SCHEMA PUNTO ANTINCENDIO Particolare del punto antincendio


COLLEGAMENTO TRASVERSALE
L=400m

SERRANDA DI
SOVRAPPRESSIONE
TAGLIAFUOCO

2.25

0.90 0.90

Galleria di sfollamento Collegamenti trasversali


3.00 Uscita
MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 120.a


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 12 : SEZIONI TIPO E SCHEMI FUNZIONALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 120.b


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 354 di 368


PARTE II – SEZIONE 4

SEZIONI TIPO STRUTTURALI


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 13: SEZIONI TIPO STRUTTURALI

MANUALE Codifica : RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 1

INDICE DELLE TAVOLE


TAVOLA TITOLO
1 INDICE DELLE TAVOLE
2 QUADRO SINOTTICO DELLE SEZIONI TIPO

SEZIONI TIPO STRUTTURALI


GALLERIE NATURALI IN SCAVO TRADIZIONALE
CLASSE R1
3 FAMIGLIA R1,0 - SCAVO E CONSOLIDAMENTO
4 FAMIGLIA R1,1 - SCAVO E CONSOLIDAMENTO
5 FAMIGLIA R1,2 - SCAVO E CONSOLIDAMENTO
CLASSE R2
6 FAMIGLIA R2,0 - SCAVO E CONSOLIDAMENTO
7 FAMIGLIA R2,1 - SCAVO E CONSOLIDAMENTO
8 FAMIGLIA R2,2 - SCAVO E CONSOLIDAMENTO
9 FAMIGLIA R2,2p - SCAVO E CONSOLIDAMENTO
CLASSE T
10 FAMIGLIA T1 - SCAVO E CONSOLIDAMENTO
11 FAMIGLIA T2 - SCAVO E CONSOLIDAMENTO
12 FAMIGLIA T2p - SCAVO E CONSOLIDAMENTO
MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 13 : SEZIONI TIPO STRUTTURALI

MANUALE Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA2


TAVOLA 3
MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 13 : SEZIONI TIPO STRUTTURALI

MANUALE Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 3


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 13 : SEZIONI TIPO STRUTTURALI

MANUALE Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 4


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 13 : SEZIONI TIPO STRUTTURALI

MANUALE Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 5


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 13 : SEZIONI TIPO STRUTTURALI

MANUALE Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 6


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 13 : SEZIONI TIPO STRUTTURALI

MANUALE Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 7


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 13 : SEZIONI TIPO STRUTTURALI

MANUALE Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 8


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 13 : SEZIONI TIPO STRUTTURALI

MANUALE Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 9


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 13 : SEZIONI TIPO STRUTTURALI

MANUALE Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 10


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 13: SEZIONI TIPO STRUTTURALI

MANUALE Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 11


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II - SEZIONE 4 - GALLERIE
CAPITOLO 13 : SEZIONI TIPO STRUTTURALI

MANUALE Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A TAVOLA 12


MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 367 di 368


PARTE II – SEZIONE 4

ALLEGATI
- Allegato 1 alla sezione IV del Manuale di Progettazione: “Linee Guida per la redazione del Piano Generale di
Emergenza di una lunga galleria ferroviaria” - Edizione dicembre del 1998
- Allegato 2 alla sezione IV del Manuale di Progettazione: “Linea Guida per la redazione del Piano di Emergenza
Interno” - RFI DTC SI GA MA IFS 001 A del 29/12/2015
- Allegato 3 alla sezione IV del Manuale di Progettazione: Nota prot. 7182 del 24/05/2012 della Direzione
Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica del Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso
Pubblico e della Difesa Civile
MANUALE DI PROGETTAZIONE DELLE OPERE CIVILI
PARTE II – SEZIONE 4
GALLERIE

MANUALE Codifica: RFI DTC SI GA MA IFS 001 A FOGLIO 368 di 368


PARTE II – SEZIONE 4

Questa pagina resta intenzionalmente bianca