Sei sulla pagina 1di 17

BERGAMO

VENERDÌ 27 MARZO 2020

corriere.it
bergamo.corriere.it
Piazza della Libertà 10, Bergamo 24121 - Tel. 035 411000
Fax 035 4110882 - mail: corrierebergamo@rcs.it

La canzone Caironi OGGI 16°C


Nubi sparse
L’inno d’amore «Per tenere duro Vento: NNO 5.3 Km/h
Umidità: 63%
per Bergamo dobbiamo pensare SAB DOM LUN MAR
di Facchinetti al nostro domani»
6° / 19° 7° / 16° 8° / 11° 4° / 9°
Dati meteo a cura di 3BMeteo.com
a pagina 11 Scardi a pagina 9 Onomastici: Augusta, Ruperto

L’uscita dal tunnel Le tappe in carcere e in comunità


NUOVE L’addio
LEZIONI a don Fausto
DALLA CINA dai «suoi»
di Simone Bianco
senzatetto

L
a Cina è entrata
prima di noi nel di Maddalena Berbenni
tunnel del virus e,
prima dell’Italia, ne
sta uscendo. Come?
«Quando siamo tornati a
casa, siamo stati sigillati nel
nostro appartamento. Una
D on Fausto Resmini non
ha potuto avere un fu-
nerale in una chiesa
che, di sicuro, sarebbe stata
colma di persone. Ma il suo
telecamera controllava la addio ha rispecchiato la sua
nostra porta». Il racconto di vita, quello che era, il prete
Ilaria D’Adda, trevigliese degli ultimi. Prima di essere
che vive ad Hangzhou, a 800 tumulato a Lurano, il sacerdo-
chilometri da Wuhan, fa te portato via dal coronavirus
anche un po’ paura. a 67 anni è stato portato a So-
Quarantena rigidissima per risole. Lì, la sua comunità Don
chi arriva dall’Italia, visite Milani ha potuto salutarlo con
mediche, controllo del una breve cerimonia. Poi è
rispetto delle regole — stata la volta della stazione,
privacy? Non è un tema in delle autolinee dei «suoi»
Cina —, un’app sul telefono senzatetto. Ultima tappa, il
per dimostrare in ogni carcere di via Gleno dove era il
momento alle autorità la cappellano. La salma è stata
negatività al virus. Si può accolta dalla polizia peniten-
replicare questo modello in ziaria schierata, e commossa.
Italia? È difficile, per diverse Dalle finestre delle celle, an-
ragioni: alcune sono che i detenuti hanno urlato i
connesse all’abitudine alle loro saluti.
libertà democratiche, quelle a pagina 7

Morti e contagi, la risalita


decisive sono però di tipo
economico. Serve un vero
esercito di medici, di
infermieri e di tecnici di
laboratorio per avere una
mappatura realistica del
quadro sul territorio. In
questa fase tutte le risorse, a
Bergamo e in Lombardia, In un giorno 94 vittime e 386 positivi. A Orio il ministro Boccia e il commissario Arcuri
sono destinate a trovare la
via d’uscita dall’emergenza.
Ma siccome la seconda di Fabio Paravisi
preoccupazione è il ritorno
● I FRONTI
alla normalità, anche qui
servirà una strada rigorosa:
tamponi e altri controlli
I l numero (ufficiale) dei contagi è di 7.458,
386 in più rispetto ai 344 del giorno prima.
Bisogna accontentarsi del «rallentamento del- UN IMPIANTO DA RECORD LE UNITÀ SPECIALI
dovranno essere estesi il più la crescita, che non è più esponenziale», per
possibile. Altrimenti, una usare le parole dell’assessore Giulio Gallera. Ossigeno, 40 mila litri «Come marziani
volta usciti di casa, dovremo
abituarci a convivere con il
Ma i decessi sono 1.422, altri 94 dopo il calo a
61 di mercoledì. A Orio, sono arrivati il mini- per l’ospedale in Fiera nelle case dei malati»
coronavirus e i suoi pesanti stro Boccia e il commissario Arcuri. I militari
effetti. Chi governa (a Roma russi sono qui per la sanificazione delle Rsa: a pagina 2 a pagina 3
e Milano) vuole prendersi la sopralluogo al Gleno. a pagina 2
responsabilità di proporre
questo futuro a Bergamo, LE STORIE DALLA PRIMA LINEA LA SOLIDARIETÀ
dove il prezzo in termini di LA TESTIMONIANZA
vite umane è già stato Il pensionato in corsia Raccolta del Cesvi
altissimo? La risposta
dovrebbe essere scontata e
«Alzano,famigliadecimata e la mamma medico a quota 1,2 milioni
presuppone che si trovino
in fretta soluzioni
enessunaquarantena» Orio: il ministro Francesco Boccia a pagina 6 Ubbiali a pagina 7 Spreafico
alternative. © RIPRODUZIONE RISERVATA di Armando Di Landro a pagina 5 (a destra) e il sindaco Giorgio Gori

● IL DIBATTITO
Calcio, la provocazione che divide il tifo
«Troppo dolore, Percassi ritiri l’Atalanta». Tentorio: ma la squadra ha degli obblighi
La lettera è firmata
«Claudio», a scriverla è il PARLA RAFAEL TOLOI
Bocia. Il super tifoso scrive ad
Antonio Percassi per «Èlamiacittà
chiedere che, «di fronte a una
città in ginocchio», per esoffroancheio»
l’Atalanta «il campionato
finisca qua». Per il Club Rafael Toloi è chiuso in ca-
Amici «i problemi sono sa e si allena in garage. «Pri-
altri». L’ex sindaco Franco ma o poi torneremo a giocare,
Tentorio ricorda: «L’Atalanta ma ora è difficile pensare al
ha obblighi con lo sport, la calcio. Mi sento bergamasco,
città e gli abbonati». soffro per quello che succede
a pagina 9 Tiraboschi Rafael Toloi, difensore dell’Atalanta alla città». a pagina 11 Magri
2 Venerdì 27 Marzo 2020 Corriere della Sera
BG

Coronavirus L’emergenza sanitaria

IL BOLLETTINO Il totale dei colpiti dal virus è arrivato a quota 7.458


I deceduti 1.422. Gori: «Solo in città 212 morti più
dell’anno scorso. I contagi potrebbero essere 20 mila»

Vittime e positivi, tregua finita


Primi venti medici volontari
Il ministro Boccia a Orio con il commissario Arcuri: «Corsa contro il tempo». Altri 94 morti e 386 contagi
Bisogna accontentarsi e Serio alle 20, accompagnati rio Violi. «È una corsa contro tutti il grazie ai medici: «È Il farmaco
Controlli considerare che l’ultimo dato dal ministro pd per gli Affari il tempo per fermare il conta- bello sapere che ci sono per- Sempre più persone, anche
ufficiale «è in linea con il regionali Francesco Boccia e gio — le parole del ministro sone che lasciano tutto per senza sintomi, si stanno acca-
giorno precedente» e che «in da Domenico Arcuri, il com- Boccia —. Il virus all’inizio è mettersi a disposizione», sot- parrando farmaci che usano
Bergamasca c’è un rallenta- missario scelto dal premier stato più veloce di noi, ora sia- tolinea Arcuri. «Si tratta dei contro il coronavirus. Lo de-
mento nella crescita, che non Giuseppe Conte per gestire mo quasi alla pari. Siamo qui primi venti medici volontari nuncia Paola Pedrini, segreta-
è più esponenziale», come l’emergenza. Una toccata e fu- a dare inizio a questo ciclo (21, ma una dottoressa arrive- ria lombarda dei medici di ba-
commenta l’assessore regio- ga nel vero senso della parola. continuo, invieremo senza rà domani, ndr) selezionati se: «Questi pazienti hanno se-
nale al Welfare Giulio Gallera. Boccia e Arcuri hanno attra- sosta personale e materiale, tra i tanti che hanno risposto gnalato di avere comprato per
Certo che il primo calo di ini- versato i corridoi deserti del- perché abbiamo la necessità alla chiamata del Governo — la prevenzione il Plaquenil, il
● Altre 112 zio settimana aveva fatto spe- l’aeroporto e si sono affacciati di mettere in sicurezza la sani- chiarisce il sindaco Gori —. cui principio attivo è l’idrossi-
persone rare in una riduzione progres- all’usciata degli Arrivi, fer- tà». Poi, il messaggio a Berga- Hanno lasciato gli incarichi clorochina, che sembra esse-
si aggiungono siva dei contagi, che per ora mandosi il tempo di vedere mo: «Il governo c’è ed è a di- nelle loro regioni per portare re utile nella lotta al Covid-19,
all’elenco dei non c’è. Il totale dei positivi è consegnate, da parte del vice sposizione di questa terra, rinforzi in Lombardia». Il go- ma non c’è la conferma. È as-
denunciati arrivato a quota 7.458, cioè presidente della Regione Fa- che è più ferita di altre». Da verno prevede di arruolarne surdo: i farmaci vanno assunti
per essere stati 386 in più rispetto a mercole- brizio Sala, le lettere di incari- 300 e altrettanti infermieri, solo su prescrizione medica e
per strada dì, quando erano aumentati In aeroporto co ai medici, per i quali il viag- «che sono fondamentali questo ora scarseggiando.
senza
motivazioni.
di 344. I morti sono 1.422, con Domenico gio è proseguito verso le ri- La richiesta quanto i medici — evidenzia Viene usato per l’artrite reu-
un aumento di 94. In città ieri Arcuri spettive destinazioni, e di rila- Per il sindaco servono Gori —. In questo caso si trat- matoide e chi lo stava usando
In un giorno si sono registrati 49 decessi, con Giorgio sciare qualche dichiarazione ta di medici ospedalieri, ma fa fatica a trovarlo».
ne sono state 10 in meno rispetto al giorno Gori ai giornalisti. Presenti anche i rinforzi anche per non servono solo anestesisti e
controllate precedente. Anche se il sinda- e il ministro deputati pd Maurizio Martina la medicina generale rianimatori. Abbiamo chiesto I Comuni
1.523 co Giorgio Gori nota via Twit- Francesco ed Elena Carnevali e il consi- e gli infermieri un aiuto anche sui medici di L’Associazione dei Comuni
ter che «dall’1 al 24 marzo, i Boccia gliere regionale del M5S Da- medicina generale». Bergamaschi ha acquistato
● I carabinieri decessi dei residenti sono sta- per quasi 9.500 euro 32.400
della Bassa ti 446, cioè 348 più della me- mascherine chirurgiche, pro-
hanno dia degli ultimi anni (98). I dotte dalla Mediberg di Calci-
continuato con decessi ufficialmente dovuti a nate, da consegnare ai dipen-
la consegna Covid-19 nel periodo sono denti comunali che operano a
di medicinali: 136. Ce ne sono 212 in più. Con contatto col pubblico. Saran-
500 flaconi una mortalità all’1,5-2%, i con- no distribuite da oggi in pro-
all’ospedale tagiati in città sarebbero tra 17 porzione agli abitanti: Berga-
di Alzano (foto) e 23 mila». mo ne avrà 10 mila «in virtù
e l’Imatinib delle rilevanti funzioni so-
a un malato Da Roma vraccomunali che svolge». E a
oncologico In serata il sindaco ha accolto tutti i sindaci il presidente
di Brignano i primi venti medici volontari della Provincia Gianfranco
arrivati in Lombardia per dare Gafforelli ha proposto di met-
una mano negli ospedali. So- tere a mezz’asta le bandiere il
lo 4, per il momento, sono de- 31 marzo. Quel giorno, alle 12,
stinati alla provincia: 2 lavore- i sindaci con la fascia tricolore
ranno a Seriate e 2 a Treviglio. osserveranno un minuto di si-
Altri 7 sono stati destinati a lenzio davanti al municipio o
Piacenza, e poi 2 a Desenzano, al monumento dei Caduti per
2 a Esine, 2 a Sondalo e 2 a «esprimere il lutto di tutto il
Chiari. Trolley, mascherine, territorio».
qualcuno con il sacchetto di Mad.Ber.
provviste, sono atterrati da F.P.
Roma all’aeroporto di Orio al © RIPRODUZIONE RISERVATA

L’ospedale

ticato uno sconto di 50 mila


euro. La Flow Meter di Levate
ha donato 45 mila euro di ma-
teriali per la realizzazione del-
l’impianto, dispositivi per os-
I primi sono arrivati ieri sigenoterapia, unità flusso-
Strutture mattina alla casa di riposo di metriche per Cpap, regolatori
via Gleno: quindici fra soldati di vuoto per l’aspirazione e
e tecnici, hanno effettuato il contenitori per i liquidi aspi-
primo sopralluogo delle aree rati. Il resto della somma è

Itecnicimilitarirussi
da sanificare. Il contingente stato raccolto dall’Accademia
di 104 medici e tecnici militari no) e una centrale endocavi- dello Sport. L’impianto reste-
russi è arrivato l’altra notte a taria per il vuoto (per i casi di rà infine di proprietà della
Orio, ha lasciato i mezzi nella soffocamento). Si tratta di un Protezione civile degli alpini.

giàall’operaalGleno
base del 3° Reggimento Aves impianto sovradimensionato «È un’opera immane, non
● All’ospedale Aquila ed è andato a dormire rispetto alle attuali misure credo che sia mai stato realiz-
in Fiera i soffitti all’hotel San Marco. Poi i tec- dell’ospedale, per poter fare zato un impianto di queste di-

Fiera,ossigenodarecord
delle camere nici specializzati che si occu- fronte a ulteriori ampliamen- mensioni in così pochi gior-
saranno peranno della sanificazione ti. Una volta realizzato dovrà ni», commenta Roberto Para-
costituiti da teli di tutte le case di riposo han- essere igienizzato con l’azoto tico della Flow Meter. L’ospe-
(sopra) no cominciato a mettersi al- e poi collaudato a pressione dale avrà 16 moduli da 8 a 12
l’opera. I 32 medici inizieran- quattro volte. Per tutto questo posti letto, ognuno isolato e
● I lavori no un periodo di affianca- un gruppetto di tecnici: la rea- chilometri di tubi di rame di- si calcola che servirà una set- indipendente. Il totale è stato
alle strutture mento con i colleghi del Papa lizzazione dell’impianto di stribuiranno i gas a 364 prese timana, ed è il motivo per cui di nuovo ritoccato: oggi i posti
finiranno Giovanni, in attesa che venga erogazione di ossigeno, aria collocate vicino ai letti dei pa- la nuova previsione di apertu- previsti sono 72 per terapia
domenica, completato l’ospedale da medicale e vuoto con la relati- zienti. Ci sono poi bombole e ra dell’ospedale è dice che si intensiva e subintensiva, 70
poi si dovranno campo. va rete di distribuzione. pacchi-bombole per l’emer- aprirà forse venerdì prossimo. per la degenza e 6 per triage e
completare Ieri in Fiera erano al lavoro In Fiera ci sarà una centrale genza, una centrale di produ- L’impianto costa 400 mila eu- infermeria, più spogliatoi,
gli impianti oltre duecento persone. Ma il di ossigeno liquido con un zione dell’aria medicinale (è ro, somma già vicina al prezzo magazzini, mensa e bagni.
compito più complesso era serbatoio da 26 mila litri e quella esterna più volte filtra- di costo per i francesi di Air Fabio Paravisi
quello cui si stava dedicando uno da 14 mila, dai quali 4,3 ta e poi miscelata all’ossige- Liquide che hanno anche pra- © RIPRODUZIONE RISERVATA
Corriere della Sera Venerdì 27 Marzo 2020
PRIMO PIANO 3
BG

IN PRIMA LINEA Andrea Rossi, 31 anni, tra i dottori che ad Albino


raggiungono a domicilio i casi di probabile Covid
«Dobbiamo essere chiari fin dal primo contatto»

Unità speciali in azione


«Come marziani
nelle case dei malati»
La vicenda
Ogni medico guarda sem-
pre a realtà come Emergency
o Msf (Medici senza frontie-
re), con fascino, ammirazio- Si chiamano Usca e sono le squadre attrezzate sono quelli del Covid-19 dob-
biamo essere chiari fin da su-
ne per la professione svolta in
condizioni estreme. Fino a per intervenire direttamente a contatto con i contagiati bito, con tutta l’umanità pos-
sibile, ma chiari». Durante il
un mese e mezzo fa, però, suo primo turno di 12 ore, al-
nessun medico bergamasco l’Unità di Rossi sono stati se-
avrebbe mai pensato che il Protezioni gnalati due casi di pazienti
fronte fosse appena fuori da I medici che sotto i sessant’anni. «Uno dei
● Andrea Rossi casa o a due passi dal proprio fanno parte due mi è sembrato in condi-
(nella foto), 31 ambulatorio. Come racconta delle Unità zioni gravi e ho chiamato io
anni, di Albino, per esempio Andrea Rossi, 31 speciali personalmente il 112. I para-
è un medico anni, medico di Telgate, con di continuità metri da valutare sono più di
di continuità tre anni di esperienza in con- assistenziale uno, ma ce ne sono alcuni
assistenziale tinuità assistenziale ad Alza- (Usca) entrano che prevalgono. La saturazio-
ad Alzano no e la scelta di accedere al nelle case ne dell’ossigeno nel sangue,
corso per la medicina di base. dei malati con naturalmente: se è sotto l’85%
● Da pochi Nel cuore dell’emergenza, è sintomi inizia a preoccuparci, ma an-
giorni è entrato uno dei giovani professioni- da coronavirus, che la dispnea dopo sforzi fi-
a far parte delle sti che, sul territorio, sta af- coperti con sici minimi, o il pallore cuta-
Unità speciali frontando una nuova espe- tute, guanti, neo. In momenti difficili, e in
di continuità rienza, quella delle Unità spe- maschere parte concitati, dobbiamo
assistenziale ciali di continuità assisten- e occhiali che tentare di soppesare ogni pa-
ziale organizzate dall’Ats di li proteggono rametro nel modo migliore.
● Sono Bergamo, squadre di due o da un possibile Sapendo anche, purtroppo,
squadre tre medici ciascuna con base contagio. che oggi ci sono possibilità di
dedicate in città e poi ad Albino, Dal- Queste
alla cura a mine, Zogno, Treviglio e Gru- squadre
domicilio mello. specializzate Casi limite
di pazienti con Le Usca, attivate al termine servono anche
«L’indicazione
coronavirus. di settimana scorsa, non so- per evitare che
L’obiettivo è no contattabili direttamente tutti i medici è di dare l’allarme
una maggiore dai pazienti e dalle loro fami- di base entrino per chi ha saturazione
cura glie, ma vengono allertate dai in contatto sotto l’80%»
e di preservare medici di base, che segnala- con il virus
i medici di base no le persone con sintomi so-
spetti da andare a visitare a rezza possibili, solo e unica- to non ho mai pensato che il — troviamo sempre persone intervento, da parte del 112 e
domicilio. L’obiettivo è, da mente per valutare eventuali mio lavoro potesse essere preoccupate, ma che allo delle autoambulanze, molto
un lato, preservare le condi- nuovi casi di positività al Co- questo: entrare nelle case stesso tempo vogliono scac- limitate: le istruzioni sono
zioni di salute dei medici di vid-19. delle famiglie con tuta bian- ciare l’idea del contagio, spe- stringenti, la disposizione,
famiglia, che per oltre un me- La base di Rossi è ad Albi- ca, occhiali protettivi, calzari rano sempre che si tratti di anche per noi, è di dare l’al-
se sono stati esposti al conta- no, al momento per lui il tur- e mascherina». Come mar- qualche patologia diversa, larme quando la saturazione,
gio in modo quasi indiscri- no è stato solo uno: «Non mi ziani da cui passano le spe- pur conoscendo la situazione per esempio, va sotto l’80%,
minato e ne sono diventati sarei mai immaginato che la ranze e le paure dei pazienti e attuale anche grazie ai mezzi cioè quando le condizioni so-
vettori a loro volta, dall’altro situazione potesse arrivare a dei loro familiari. di informazione. Ci chiedono no già molto preoccupanti: è
fare in modo che nelle abita- questi livelli, con una diffu- «Quando arriviamo nelle se potrebbe essere una sem- una soglia molto bassa».
zioni entrino professionisti sione così capillare dell’infe- abitazioni da cui è partito l’al- plice influenza, o una bron- Armando Di Landro
con tutti i dispositivi di sicu- zione — racconta —. E di cer- larme — racconta il medico chite, ma quando i sintomi © RIPRODUZIONE RISERVATA

Scuola, alla video-riunione c’è il ministro


A sorpresa nell’incontro tra insegnanti e alunni di Albino. Tempi ed esami, raffica di domande
«Non sappiamo ancora tarie daranno l’ok — ha detto parte, dunque, questa emer-
quando si rientrerà a scuola e La vicenda la ministra —, mentre sulla genza allontana fisicamente
per gli esami finali stiamo questione esami ci stiamo la- alunni e docenti, dall’altra
pensando a scenari diversi». ● Una vorando e speriamo di darvi crea nuove possibilità di con-
Sono le parole della ministra settimana fa presto delle indicazioni più nessione sociale e di confron-
dell’Istruzione Lucia Azzolina all’Istituto puntuali». to, come una video chiamata
che ieri alle 18 è intervenuta a «G.Solari» di Azzolina ha poi invitato gli tra un ministro e gli alunni
sorpresa in una video confe- Albino è stato alunni a stare tranquilli e a dell’istituto della Val Seriana
renza tra docenti, alunni e ge- attivato continuare a studiare, anche dove, poco meno di una setti-
nitori dell’Istituto Comprensi- il supporto se le lezioni non si fanno in mana fa, è stato attivato un
vo «G. Solari» di Albino. psicologico classe ma grazie agli strumen- progetto di sostegno a docen-
Un incontro organizzato ti tecnologici che «fortunata- ti e famiglie: aiuto psicologico
dalla dirigente Veronica Miga- ● Il ministro mente esistono, altrimenti la e supporto di un esperto della
ni per avere un confronto all’Istruzione scuola si sarebbe fermata». didattica a distanza per fron-
scuola-famiglia che sul finale ha chiamato Anche se «è più bello fare le- teggiare l’emergenza di una
ha visto l’ingresso di una par- la preside e, zione in presenza», ha preci- zona dove ogni giorno si fa la
tecipante illustre, che per a sorpresa, ieri sato. conta dei morti.
quaranta minuti ha risposto ha partecipato Alla domanda «si recupere- «L’altro ieri la ministra mi
alle domande, preoccupate o alla riunione ranno i giorni persi?», ha ri- ha chiamata per sapere come
curiose, di bambini e genitori. con gli studenti sposto che «se si sta lavoran- stesse procedendo il progetto
Un botta e risposta che ha cer- do bene con la didattica a di- Istruzione classi». grande lavoro degli insegnan- e l’ho invitata a partecipare al-
cato di fare chiarezza su alcu- stanza non ci sarà bisogno di Il ministro A chi le ha chiesto come si ti e dalla collaborazione con le l’incontro virtuale — spiega la
ni degli interrogativi più fre- recuperare», ma che saprà Lucia Azzolina senta in questo momento, ha famiglie, con le quali il rap- preside — ha accettato di
quenti che rimpallano tra gli dirlo con certezza quando «si si è collegata risposto che le sembra di ave- porto si sta rafforzando, per- buon grado».
alunni. «Si tornerà a scuola avrà chiaro il quadro di tutto con l’Istituto re un macigno sulle spalle ma ché la scuola tutti i giorni en- Marianna Locatelli
solo quando le autorità sani- quello che si sta facendo nelle di Albino anche che è confortata dal tra nelle loro case. Se da una © RIPRODUZIONE RISERVATA
4 Venerdì 27 Marzo 2020 Corriere della Sera
BG
Corriere della Sera Venerdì 27 Marzo 2020 5
BG

Coronavirus L’emergenza sanitaria

LA TRAGEDIA La madre ricoverata dal 12 al 22 febbraio e deceduta


«Nei giorni successivi abbiamo circolato liberamente»
Morti poi il padre e una zia, entrambi risultati positivi

«Famiglia decimata dal Covid


Alzano, nessuno ci ha controllati»
33
Non solo l’ospedale di Alza- la scoperta del «paziente 1», ad Alzano, il 28 febbraio, e il
no fu chiuso per una ventina accadeva di tutto, dalla chiu- ricovero in terapia intensiva il
di ore e poi riaperto, «senza sura totale dell’ospedale alla giorno dopo: positivo al Co-
sanificazione», come hanno sanificazione, fino all’istitu- vid-19. «Trasferito all’ospeda-
raccontato medici e infermie- zione della zona rossa. giorni le Papa Giovanni domenica 1°
ri nelle loro testimonianze. «Mia madre Angiolina Ca- trascorsi dal 23 febbraio, il giorno marzo, era morto poi il 13. Te-
C’è di più, secondo Francesco valli, di 84 anni, stava già male in cui erano stati accertati i primi mo sia stato contagiato anche
Zambonelli, 55 anni, di Villa il 3 febbraio — ricorda Zam- due casi positivi ad Alzano lui ad Alzano, fino a prima del
di Serio, che ha perso il padre bonelli — ed era stata poche decesso della mamma era

85
di 85 anni per coronavirus, la ore al pronto soccorso di Al- uscito solo per andare in
madre ancora prima con sin- zano. Poi, per problemi cardi- ospedale». E due giorni prima
tomi sospetti e poi anche una aci, eravamo tornati allo stes- di lui anche una zia aveva per-
zia, risultata positiva. «Dopo so ospedale il 12, dove era so la vita, sempre ad Alzano,
il decesso di mia mamma nel morta all’una e mezza di notte anni per coronavirus (accertato
reparto dove erano stati accer- tra il 21 e il 22, per una crisi re- l’età di Gianfranco Zambonelli, con tampone). Anche lei era
tati i primi casi di contagio e spiratoria. Nei quattro giorni padre di Francesco, che racconta stata a trovare la parente. Ieri
dove eravamo andati a farle precedenti aveva avuto febbre la sua tragedia familiare non è stato possibile ottenere
visita ogni giorno — racconta alta ed era sempre rimasta ri- L’allarme Tra il 23 e il 24 febbraio l’ospedale era stato chiuso e poi riaperto una risposta dalla direzione
— nessuno, né dall’ospedale, coverata in Medicina». Il de- dell’Asst Bergamo est. Sarà
né dall’Ats, ci ha chiesto con cesso della pensionata aveva fermieri indossavano la ma- curato diverse pratiche per i possibile e piango entrambi i difficile, per la Val Seriana, ca-
chi eravamo stati a contatto o preceduto di poche ore le no- scherina, ma in quei momen- funerali, ma mai nessuno è miei genitori». Proprio in cor- pire le differenze di tratta-
ci ha imposto di restare in tizie sui due primi contagiati ti non ci avevo fatto molto ca- venuto a dirci che per giorni rispondenza del decesso della mento tra Codogno e Alzano:
quarantena. Siamo stati liberi in provincia di Bergamo, pa- so», prosegue Zambonelli. avevamo frequentato un re- moglie, il padre Gianfranco, secondo il sito Tpi.it, il 2 mar-
di girare per giorni come vole- zienti ad Alzano, anche loro Che ricorda benissimo, però, parto, per fare visita a mia ma- 85 anni, aveva iniziato ad ave- zo l’Istituto superiore di sani-
vamo». La storia di una fami- passati dal pronto soccorso cosa era successo nei giorni dre, in cui c’erano stati dei pa- re un po’ di febbre, poi peg- tà si era espresso a favore del-
glia decimata e di controlli o alla Medicina. «Proprio in successivi: «Io sono stato al zienti risultati ufficialmente giorata con il passare dei gior- la zona rossa, mai istituita.
divieti mancati proprio nei quella notte in cui mia mam- lavoro, mio padre, nonostan- positivi al coronavirus. Mi ni, fino agli esami del sangue Armando Di Landro
giorni in cui a Codogno, dopo ma è morta molti medici e in- te non stesse benissimo, ha chiedo ancora oggi come sia e alle lastre toraciche, sempre © RIPRODUZIONE RISERVATA

A Nembro Intercultura

Insulti sui muri «Al lavoro


Il sindaco: per il rientro
«Sono sciacalli» degli studenti»
Una scritta di insulti è
comparsa sulla facciata del «In contatto costante
municipio di Nembro. con le ambasciate italiane
Prende di mira i politici e i per garantire il rientro
calciatori, a cui viene fatto il degli studenti italiani da
tampone per il Covid, Honduras e Brasile». Lo
diversamente dai «nostri assicura Intercultura,
padri, zii e nonni». Attacca l’associazione che
il sindaco Claudio Cancelli, promuove il soggiorno
che era risultato positivo e all’estero degli studenti.
ora sta bene: «Sono giorni Col dilagare nel mondo
— dice Cancelli — che dell’epidemia, sono 5 le
troviamo scritte contro bergamasche bloccate in
Gori, i cinesi, la polizia America Latina, 3 in
locale che fa i controlli. Honduras, dove ci sono 45
Speriamo di beccare questi studenti italiani e 2 in
sciacalli». © RIPRODUZIONE RISERVATA La rabbia Le scritte comparse sulla facciata del municipio di Nembro, il Comune da subito più colpito dai contagi del Covid-19 Brasile dove invece gli
studenti sono 60. Un
blocco che, al passare dei

Spesa a domicilio, servizio gratuito


giorni, fa crescere
Treviglio l’angoscia nelle famiglie.
Silvano Zanoli, sindaco di
Verdellino, la cui figlia è in

e stop al pagamento dei parcheggi


Honduras, aveva lanciato
un appello alla Farnesina,
di Pietro Tosca seguito il giorno dopo dal
presidente dell’Arci
Lombardia Massimo
Da oggi le nuove misure della giunta, concordate con le minoranze Cortesi di Vigano San
Martino la cui figlia è in
Brasile. «Il problema
Parcheggi gratis, scadenze stare a settembre la scadenza La sosta blica sarà spostata da fine dell’Honduras —
rinviate, sconti sugli affitti ma delle rate d’affitto di immobili Tra le misure marzo a fine maggio. Sono chiariscono da
soprattutto un servizio di as- comunali concessi in uso alle introdotte dalla stati infine rinviati al 30 giu- Intercultura — è che ha
sistenza gratuita alle famiglie attività commerciali. Alla riu- nuova delibera gno tutti i pagamenti già con- sospeso tutti i voli. In
per la spesa. Il Comune di Tre- nione di giunta convocata per comunale, cessi su rateazione dei tributi Brasile invece i voli per
viglio rafforza le agevolazioni oggi invece sarà approvata la sospensione comunali. l’estero ci sono ma
ai cittadini e alle attività eco- una seconda delibera, i cui del pagamento Una serie di iniziative bi- mancano quelli interni.
nomiche che devono affron- contenuti sono stati condivisi nei parcheggi partisan, quindi, che trovano Intanto ieri notte hanno
tare i problemi legati all’epi- nei giorni scorsi con le mino- sia in superficie l’apprezzamento delle oppo- fatto rientro gli studenti
demia e devono quindi af- ranze, raccogliendo i contri- che al parking sizioni, con le quali sono state che erano in Messico e fra
frontare problemi pratici nel- buti di tutti. interrato discusse e concordate. «Con pochi giorni toccherà a
la vita quotidiana o quelli Le nuove misure prevedono di piazza Setti questa seconda delibera — quelli negli Stati Uniti.
economici derivanti da man- innanzitutto di prorogare al spiega il sindaco Juri Imeri — Anche fra questi ci sono
cati guadagni. 15 aprile il termine previsto corritori e volontari, anche spendere il pagamento del continuiamo a dare piccoli, bergamaschi». Si muove
Già il 13 marzo la Giunta co- per il rimborso o lo sgravio per chi deve effettuare conse- parcheggio orario, sia in su- ma importanti segnali nel- anche la politica con il
munale trevigliese aveva in- dei servizi non goduti, come il gne a domicilio è consentito perficie, sia nel parking inter- l’ambito delle nostre compe- deputato della Lega
trodotto una prima serie di servizio nido, lo scuolabus, l’accesso libero alla zona a rato di piazza Setti. Sul fronte tenze. Ci attendiamo che il go- Alberto Ribolla che, grazie
misure di sostegno che anda- l’affitto degli impianti sporti- traffico limitato del centro cit- degli affitti ci sarà uno sconto verno e in subordine la Regio- a un collega, ha messo in
vano dalla riduzione della tas- vi. Poi il Comune metterà a di- tadino. Inoltre i permessi in del 20% per le associazioni ne mettano sul tavolo misure collegamento le famiglie
sa per l’occupazione di spazi e sposizione gratuitamente per scadenza per la Ztl saranno che utilizzano spazi comuna- forti di sostegno a famiglie e con i figli in Brasile.
aree, al rimborso di rette per tutto il periodo dell’epidemia automaticamente prorogati li, mentre il versamento della imprese ma anche agli enti lo- P.T.
servizi di asilo nido e di tra- il servizio di aiuto alla spesa. fino a settembre. prima rata delle abitazioni cali». © RIPRODUZIONE RISERVATA

sporto scolastico, fino a spo- Per questo, oltre che per i soc- È stato deciso anche di so- dell’edilizia residenziale pub- © RIPRODUZIONE RISERVATA
6 Venerdì 27 Marzo 2020 Corriere della Sera
BG

Coronavirus L’emergenza sanitaria


Il capo della Terapia intensiva a casa Il primario in pensione rientrato

«La rabbia di fermarsi «In 42 anni di Rianimazione


Ma riprendo al più presto» mai vista un’ondata così»
intubati. Quelli che escono passano al sposta il focus su quello che succede:
Guarito casco con l’ossigeno e possono Casi gravi «Se un tempo morivano quattro o
Armando andare nei reparti. L’ età? Dai 40 ai 70 Il dottor cinque persone al mese, ora sono
Alborghetti, anni». Polmonite bilaterale Bruno anche sei o sette al giorno. In altre
63 anni, interstiziale: non è sconosciuta ai Balicco, condizioni, in Terapia Intensiva, il
primario al medici; lo è, però, con questa portata: rianimatore rapporto tra personale e paziente era
Policlinico «Ti dici: “faccio questo, vorrei fare di per 42 anni, di due a uno. Ora è impossibile». I
San Pietro più ma non riesco”. Hai quasi un calcola un numeri così alti sono il principale
è a casa senso di impotenza rispetto al grande 20%, di cui nemico, le percentuali si trasformano
dal 19 flusso. I colleghi in pensione ci il 10% va nelle grandi cifre che tutti i giorni si
marzo ma stanno dando una mano. Siamo parte in Terapia sentono nei bollettini regionali, per
sta bene della rete dell’Università Bicocca, per Intensiva altro al ribasso. «Il problema è che
la specialità di Anestesia-Terapia questo virus è molto contagioso.

❞ ❞
intensiva, ci hanno lasciato in aiuto Nell’80% dei casi la malattia non è

Dici «vorrei
A rmando Alborghetti, 63 anni,
dal 2006 primario della Terapia
Intensiva al Policlinico San
Pietro, è a casa «con la rabbia di
doversi fermare di fronte al bisogno.
due bravissimi specializzandi». Il
primo pensiero è intubare, salvare.
Immediatamente dopo, la solitudine
del paziente. In corsia, i pensieri
devono rimanere fuori. A casa,
Con la zona
I n Rianimazione agli Ospedali
Riuniti di Bergamo e poi, da
primario, a Clusone e Zingonia.
Bruno Balicco, 69 anni e 42 di lavoro,
riassume l’emergenza Covid con una
gravissima, i sintomi sono contenuti;
nel 20% sono importanti e, di questi,
nel 10% si tratta di persone che
finiscono in Terapia Intensiva». Con i
suoi 42 anni di esperienza, non
fare di più» rossa
ma non Ma spero di rientrare al più presto». riesplodono: «Ti porti la sofferenza in Valle frase tanto semplice quanto efficace: tentenna su un punto: «La zona rossa
Era giovedì 19 marzo, dopo dei malati, e la tua, ma anche la paura «Una cosa così, non l’avevo mai in Valle Seriana? Andava creata
riesci, stanchezza, febbre, alla fine il di contagiare i tuoi familiari. Ti porti Seriana, vista». Era andato in pensione ad subito, avremmo avuto il 50% anche
con questi tampone: positivo. «Settimana a casa l’immagine del paziente che avremmo aprile 2019, quando è scoppiato il 60% di casi in meno». Capitolo
numeri prossima, se è negativo, rientro». stai per intubare e al quale riferisci: avuto caos è rientrato al suo ex ospedale. tamponi. Per Balicco avrebbe senso
hai quasi Dall’inizio del mese alla linea di “La sua famiglia dice che le vuole il 50-60% Ora è al Policlinico San Pietro, dove farli sulla popolazione: «Sugli
un senso di confine del 19, è stato un crescendo di bene”. O al quale chiedi: “Vuole dire dei casi sostituisce il primario della Terapia asintomatici». Sui sanitari, il
impotenza casi e di trasformazioni dei reparti, di qualcosa a moglie e figli?”. Dagli in meno Intensiva, Armando Alborghetti, a ragionamento è diverso: «Se li
passaggio da ospedale non Covid a, di sguardi capisci la tensione ma anche casa perché risultato positivo. «Mi avessimo fatti su tutti i sanitari, chi
Armando fatto, ospedale Covid. In Terapia la fiducia in te». Si guarisce? «Dalla Bruno sembra semplicemente senso civico, avrebbe poi curato i pazienti? Il 30%
Alborghetti Intensiva i posti sono otto-nove Terapia intensiva c’è chi sta iniziando Balicco come il dovere di pagare le tasse», almeno sarebbe risultato portatore di
«dieci, se c’è bisogno. Sono tutti ad uscire». (g.u.) taglia corto sul suo rientro. Piuttosto, Covid». (g.u.)

Noi, medici
© RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATA

DAGLI OSPEDALI Il lavoro in corsia anche per 14 ore


tra la «guerra» per salvare le vite
e il pensiero per la famiglia a casa

in trincea
Da Bergamo al lavoro a Guastalla La dottoressa mamma

Il neo specializzato ospite «In pochi giorni i ricoverati


dell’ex sindaco emiliano sono passati da 6 a 80»
«Questo giovane medico che stava hai fatto la doccia”». Le ore in
In trasferta venendo qui da noi, un po’ perché è Medicina ospedale sono anche 14-15. Come nel
Manuel tutto chiuso, un po’ perché arrivava A Zingonia, giorno del suo compleanno, il 14
Romano, dalla zona calda di Bergamo, non Anna marzo. I pazienti sono passati da
32 anni, trovava alloggio. Mancavano 72 ore al Fargnoli, pochi a tantissimi, in un attimo. «Se
medico suo arrivo. Casa mia ha camere che 38 anni, alla fine di febbraio i letti occupati
ha vinto non utilizzo, mi sono offerto di lavora erano 6, in una settimana sono
il concorso ospitarlo». Manuel Romano, padre e nel reparto diventati 80». Per calcolarli,
in Emilia: è fratelli medici, ha chiamato Costa per trasformato ripercorre mentalmente i piani:
stato subito i documenti dell’affitto: «Ma da subito «Quarantadue per due, più ventotto
chiamato figuriamoci, gli ho risposto. Vieni a per i malati per due». I pazienti più gravi sono in
a Guastalla fare il medico nel mio distretto. Le Covid-19 Terapia Intensiva,che ha aumentato i
camere sarebbero rimaste vuote. posti letto, e nella Subintensiva,

❞ ❞
Lunedì pomeriggio ci siamo visti». In allestita nel Pronto soccorso e nei letti

Un po’
perché
M anuel Romano, 32 anni, di
Bergamo, appena
specializzato in Medicina
Interna, aveva vinto il concorso a
Reggio Emilia prima del Covid. Per
casa c’è spazio per mantenere le
distanze. Il dottore ha un suo bagno e
un frigorifero tutto per lui. «Così può
stare in piena autonomia. Gli ho
anche prestato l’automobile. L’ha
Si passa
dalla felicità
A lla sua bimba di quattro anni
ha spiegato subito di questo
mostriciattolo arrivato dalla
Cina. La piccola le chiedeva perché
non potesse vedere gli amici
della degenza: «Qui si trovano circa
40 persone con necessità di alti flussi
di ventilazione meccanica non
invasiva (BPAP e CPAP, la maschera e
il casco per l’ossigeno ndr)». In tutto
è tutto l’espandersi dell’emergenza sanitaria, comprata, ma non gliel’hanno di una dell’asilo. Anna Fargnoli, 38 anni, ha sono 120. Le ore di lavoro si dividono
chiuso un è stato subito chiamato all’ospedale di consegnata». Il telefono cellulare di dimissione dovuto spiegare anche le ore di lavoro il peso con il carico psicologico: «Si
po’ perché Guastalla. Ma trovare una Romano squilla a vuoto. Il lavoro in alla tristezza fuori casa, più del solito. È geriatra in passa dalla felicità per aver dimesso
sistemazione non era facile. La mail è corsia è già nel pieno. Al suo arrivo, Medicina, al Policlinico San Marco, il un paziente, ormai guarito, alla
arriva da arrivata ai Comuni della zona: «C’è un La7 si era interessata alla sua storia. dell’ultima primo reparto a Zingonia trasformato commozione nel vedere messaggi
Bergamo, medico di Bergamo che non trova Lo avevano atteso all’uscita video- in Covid. «La parte più dura è uscire recapitati dai parenti attaccati ai piedi
non trovava alloggio». Andrea Costa, 42 anni, dell’ospedale: «L’inizio è stato chiamata al mattino, quando lei ancora dorme, del letto, soprattutto per la festa del
alloggio consigliere Pd della Regione, di traumatico — ha raccontato alla tivù del paziente e tornare la sera, quando è già a letto. papà in questo periodo, alla tristezza
Andrea Reggio Emilia, l’ha intercettata. Fino —, ma in questo momento è giusto Anna Anche se ultimamente sta cercando nell’assistere alla videochiamata di un
Costa al 26 gennaio, prima delle elezioni farlo. La paura ce l’hanno tutti, ma si Fargnoli di stare sveglia, per vedermi. E malato ai propri cari per poterli
regionali, era sindaco di Luzzara (da fa il proprio lavoro». (g.u) quando arrivo mi dice: “Mamma, so salutare un’ultima volta». (g.u.)
dieci anni). Non c’ha pensato molto: © RIPRODUZIONE RISERVATA che non ti posso salutare finché non © RIPRODUZIONE RISERVATA
Corriere della Sera Venerdì 27 Marzo 2020
PRIMO PIANO 7
BG

IL RICORDO La cerimonia privata alla comunità Don Milani,


il passaggio alla mensa delle Autolinee fra i senzatetto
e il toccante saluto di polizia penitenziaria e detenuti

di Maddalena Berbenni noi ad aspettare che fosse


pronto». La polacca Marghe-
rita si arrabbia con gli altri,
Un po’ consola. Don Fausto vuole rispetto. Qualcuno di-
Resmini non ha potuto avere stribuisce gelatine. Roberto
un funerale in una chiesa Mastropasqua parcheggia la
stracolma, come sarebbe sta- Golf carica di michette. È il vo-
to di sicuro senza il coronavi- lontario responsabile del gio-
rus. Ma in un certo modo il vedì: «Mia madre era quella
suo addio a Bergamo, ieri, del martedì. Quando è man-
prima di essere tumulato a cata e don Fausto mi ha chie-
Lurano, ha rispecchiato più sto una mano, ho pensato fos-
così la sua vita, legata com’era se giusto». Ci sono stranieri,
alla strada, agli angoli defilati c’è anche l’avvocato Emilio
della città, quelli più tristi e Gueli, presidente della Came-
disgraziati, dove si concentra ra penale della Lombardia
l’umanità che a lui interessava Orientale, qui senza completi
non lasciare sola. E dove le gessati o toni formali. Attende
differenze tra i primi e gli ulti- in silenzio come gli altri, solo
mi cadono. più in disparte. Quando il car-
Il sacerdote, 67 anni, è mor- ro funebre compare e scende
to all’ospedale di Como tra don Dario Acquaroli, si apre il
domenica e lunedì, dopo due
settimane d ricovero. A Sori-
sole, la sua comunità Don Mi- Le urla dalle celle
lani, ha potuto riaccoglierlo Mentre il carro funebre
per una breve commemora-
zione privata. E subito dopo è lasciava il penitenziario,
stata la volta della stazione, di i carcerati hanno
via Gavazzeni, con i profughi gridato i loro saluti
del Patronato San Vincenzo in

Da Sorisole al carcere
portellone e comincia il cor-
teo più scalcinato e allo stesso
tempo autentico della storia
dei funerali. Chi prega Allah,

L’addio a don Fausto


chi brinda al sacerdote con
una lattina di birra. «Grazie
per esserti preso cura di tutti i
barboni», dice qualcuno.
In carcere, nell’enorme cor-

nei luoghi degli ultimi


tile della sezione penale, la
polizia penitenziaria è schie-
rata in divisa. Per don Fausto
sono arrivati i volontari e il
deputato Maurizio Martina,
in piedi accanto alla direttrice
Commozione Sopra, l’arrivo della bara di don Teresa Mazzotta, l’artefice di
fila sui due marciapiedi e il conta —. Ero già stato da lui rico della stazione. Per l’occa- Fausto nella sezione penale del carcere di via questo momento così toccan-
breve corteo in mezzo. Infine in passato, quando mi ero se- sione, si è messo la cravatta e Gleno, dove lo attendeva la polizia penitenziaria te. Suona il Silenzio, un dete-
del carcere, in un silenzio sur- parato e vivevo in strada. Mi con Pepe, il bastardino per cui schierata. Sotto, Carlo, uno dei «suoi» senzatetto nuto e una detenuta leggono i
reale. ricordo quando mi alzavo con rifiuta il dormitorio, lascia i loro messaggi al prete che è
Ezio ha 45 anni, è di Brem- le gambe semi congelate. Ho tavoli esterni del ristorante di stato «amico, padre, fratello»
bate e quando ancora manca un figlio di vent’anni che non fronte, la Valle dei Re. Saluta il e che a tutti ha dato la possibi-
un pezzo alle 14.15, l’ora previ- incontro da quando ne aveva titolare: «Brava persona — lità di un riscatto. Anche una
sta del passaggio della bara, è 4. L’ho rivisto solo su una foto commenta e poi alza la mano delle agenti legge e si com-
già in attesa fuori dalla mensa Sacerdote di whatsapp». Piano piano, la a due, tre autisti dei pullman muove. Per don Acquaroli,
delle Autolinee con la ma- Don Fausto gente di don Fausto si raduna. —. Conosco tutti. Con don non poteva non tornare anche
scherina sotto gli occhi e le Resmini C’è Giovanna, che, dopo la Fausto c’era amore e odio. Ma in questo luogo, «dove si è
mani in tasca, perché più che aveva 67 anni chiusura del suo bar, a 60 an- quando finiva alla mensa, ve- consumato» con le parole e i
marzo sembra una giornata ni si è ritrovata sfrattata e a niva sempre a salutarmi. Io gesti. Sul cortile si affacciano
d’inverno. Dorme a Sorisole e dormire dalle suore di via Pa- dormo là, all’ultima pensilina. le celle. Oltre le grate si intra-
la sera mangia alla mensa: lazzolo: «Fortuna che i miei fi- Di recente, il sabato apriva vedono i volti di chi alla fine
«Don Fausto mi ha accolto a gli sono sistemati». Carlo, 56 mezzora prima e ci faceva en- grida il suo saluto: «Ciao don
dicembre dopo che ho perso anni, di Ponte San Pietro, un trare per non prendere fred- Fausto, addio».
il lavoro da macellaio — rac- tempo camionista, è uno sto- do. Poi si sedeva al tavolo con © RIPRODUZIONE RISERVATA

La solidarietà
La raccolta del Cesvi a 1,2 milioni Arrivano dalla Cina oltre 20
mila mascherine donate al Pa-
pa Giovanni dalla Radici Pla-

All’asta le maglie di Felice Gimondi


stics Suzhou. Gli associati del
distretto agricolo della Bassa
Bergamasca doneranno pro-
dotti al l’ospedale da campo
in Fiera. Mentre gli esperti di
International SOS, specializ-
zati nella mitigazione di rischi
Il contatore su Gofundme Il campione forniture di dispositivi di pro- al personale che opera nei re- over 65, coordinata con l’as- per la salute in azienda, offro-
segna finora 1 milione, 237 Norma tezione che abbiamo acqui- parti di terapia intensiva. Bi- sessorato alle Politiche sociali Acquisti no consulenze gratuite alle
mila e 470 euro. Sono i fondi Gimondi stato». Circa 200 mila pezzi sognerà invece aspettare un del Comune di Bergamo: «Il imprese che garantiscono be-
raccolti con la campagna lan- con una fra maschere facciali, ma- mese per macchinari più ringraziamento va anche ai ● Con ni e servizi di prima necessità.
ciata il 10 marzo da Cesvi sulla delle maglie scherine con filtri e chirurgi- complessi e costosi come il numerosi volti noti che hanno le somme La Fondazione comunità
piattaforma online a favore all’asta che, camici e calzari destinati cardiohelp richiesto dal Papa fatto da testimonial, da Cristi- raccolte dal bergamasca, il consiglio dei
del Papa Giovanni. C’è chi do- Giovanni e la tac mobile per na Parodi ai Pinguini tattici Cesvi sono già sindaci di Bergamo e l’Ats,
na 5 euro e chi ne stanzia 20 l’ospedale da campo degli al- nucleari: senza di loro la cam- stato acquistati impegnate nella raccolta fon-
mila: «La generosità è moltis- pini: «Stiamo lavorando con i pagna non avrebbe avuto una dispositivi di per le unità territoriali per
sima, sia da aziende che da canali di fornitori delle Nazio- diffusione così ampia». di protezione l’emergenza sociale, lanciano
privati, anche residenti al- ni Unite. Sono certificati e ga- La solidarietà per Bergamo la social challenge #Siamo-
l’estero» spiega Roberto Vi- rantiti. I dispositivi di prote- continua. Norma Gimondi, fi- ● Sono anche tuttibergamaschi. Una sfida
gnola, vicedirettore generale zione arrivano da Germania e glia del campione di ciclismo stati ordinari per sentirsi uniti e un prover-
dell’organizzazione umanita- Cina, gli strumenti più tecno- Felice Gimondi, mette all’asta dei macchinari bio da dire in dialetto con l’in-
ria e responsabile per la rac- logici da Svizzera e Italia». alcune maglie del padre per per il Papa vito a donare e la nomination
colta fondi. I risultati sono Nel giro di qualche giorno acquistare un respiratore. Of- Giovanni di almeno tre amici.
tangibili: «Entro un paio di si attiverà anche la rete di vo- ferte sulla pagina Facebook e l’ospedale Desirée Spreafico
giorni arriveranno le prime lontari in aiuto delle persone Passione per il ciclismo. da campo © RIPRODUZIONE RISERVATA
8 Venerdì 27 Marzo 2020 Corriere della Sera
BG
Corriere della Sera Venerdì 27 Marzo 2020 9
BG

Sport

● La lettera
È guardando avanti che possiamo tenere duro
di Martina Caironi* che sia stato solo un brutto sogno. perché usano molte vetture elettriche. Poi mi
Pensiamo. Pensiamo in questi giorni a spiegarono che chi è malato si copre bocca e
cosa potremo fare dopo, come potremo naso per non contagiare gli altri. Se anche

C ari bergamaschi,
è da Bologna che vi scrivo, anche qui
siamo in una bolla. Siete abituati a
leggere delle mie imprese sportive, ma ora
ogni cosa è stata stravolta. Oggi vi voglio
rialzarci, reinventarci a volte; pensiamo a
quello che è andato storto, alle responsabilità
personali e di chi ci governa. Pensiamo e
facciamo in modo che non si ripetano,
perché è restando uniti davvero che le cose si
noi agissimo sempre con questo rispetto nei
confronti degli altri sarebbe tutto molto più
facile.
E poi mi sento di chiedervi se anche voi
avete riflettuto su quanto sia difficile trovarsi
mandare tutto l’incoraggiamento possibile cambiano, ve ne siete resi conto? Basta all’improvviso ad essere bisognosi e non
per uscire da questa situazione. Perché finirà. qualcuno che non si unisce al monito di avere i mezzi per guarire. È terribile, vero?
Vi vedo da lontano, vedo la mia città «iorestoacasa» ed ecco che il disastro è alle Una volta che la vivi in prima persona,
piangere, in tutti quei luoghi in cui sono porte. tutto cambia, o dovrebbe. Fino a quando non
cresciuta; vi vedo scalare la vetta più Quando l’anno scorso, la mia prima volta ho perso mezza gamba non avevo mai
impervia, la via mai solcata dove soffia un in Giappone, vidi tutte quelle persone per riflettuto sul privilegio di averne due. Ora ci
vento gelido. Vedo via Borgo Palazzo, dove strada con le mascherine, mi chiesi come rendiamo conto di quanto siamo fortunati ad
prendevo l’autobus per andare a scuola, ora mai lo facessero; l’aria è pulita anche in città, andare a pranzo dai genitori la domenica,
tragitto per le salme che non trovano luogo al quanto siamo fortunati ad andare a scuola,


cimitero della città. Molti non ce l’hanno quanto abbiamo e quanto possiamo perdere?
fatta. È di fronte ad una perdita così grossa Anche noi atleti abbiamo visto il nostro
che avremo il diritto di tornare a vivere al sogno allontanarsi, Tokyo2020: Olimpiadi e
massimo, di respirare l’aria a pieni polmoni, Paralimpiadi sono state rimandate al 2021,
di apprezzare quella normalità che ci è stata Normalità per il bene di tutti. È guardando al futuro che
tolta. Vi parlo dal cuore, senza poter Ora ci rendiamo conto di quanto siamo possiamo tenere duro e prepararci al meglio
immaginare il dolore che molti di voi stanno fortunati ad andare a pranzo dai per quello che verrà.
provando, senza poter immaginare il Resistete cari bergamaschi, non è finita
sacrificio di chi non può vedere i propri cari genitori la domenica, ad andare a qui!
malati, oppure di chi fa turni massacranti; di scuola, a quanto abbiamo di solito *campionessa paralimpica
tutti voi che vi svegliate la mattina e sperate Portabandiera Martina Caironi a Rio nel 2016 © RIPRODUZIONE RISERVATA

Stop al calcio
Campionato
Spunta l’ipotesi
di Serie A

Tifo diviso
a 22 squadre
La data non c’è ancora.
Perché le varie ipotesi sul
tavolo della Lega Calcio
rimangono tali, con la

La richiesta del Bocia a patron Percassi


possibilità di ripartire con
il campionato a metà
maggio e finirlo due mesi
di chiudere subito la stagione calcistica dopo, con le coppe
europee in coda. Ma non è

Tentorio: «Ma l’Atalanta ha degli obblighi»


l’unica soluzione a cui si
sta lavorando. C’è anche
quella di non iniziare per
nulla, proponendo una


Serie A allargata a 22, con
È semplicemente firmata Presidente Benevento e Crotone
Claudio, «ultras nella vita non Antonio promosse, mentre Brescia
solo alla partita» la lunga let- Percassi e Spal sarebbero salve. Un
tera aperta che il Bocia, Clau- è diventato fronte che sta diventando
dio Galimberti, ha indirizzato presidente allargato per quelle
ieri al presidente dell’Atalan- per la seconda squadre che al momento
ta, Antonio Percassi. volta sono in zona rossa,
Innervato da profondi sen- dell’Atalanta dall’Udinese in giù. E
timenti di umanità per il nel 2010. davanti? Le posizioni
dramma che la città sta viven- Dalla Serie B rimarrebbero quelle, con
do («riscopro con prepotenza è riuscito a l’Atalanta quarta in
La squadra che il cuore scoppia di amore riconquistare classifica e di nuovo in
ha obblighi e di dolore per Bergamo, vede- nuovamente Champions, mentre le più
precisi nei re la città che soffre in ginoc- la Serie A penalizzate sarebbero
chio, che combatte negli fino Verona e Parma che, con
confronti ospedali contro la morte ogni ad arrivare una vittoria, potrebbero
dello sport, giorno è atroce e doloroso», si spettare chi non siamo riusciti alla storica l’Atalanta, Marino Lazzarini ta a noi chiederlo. Non credo superare Napoli e Milan e
della città e legge), lo scritto dove spicca la a piangere e che per Bergamo qualificazione — le decisioni in merito arri- che sia il caso di assumere po- arrivare in Europa League.
dei tifosi frase in maiuscolo «a Berga- ha dato la vita». Il parere, con- in Champions veranno dall’alto, sul prosie- sizioni drastiche, ma che sia Lo Scudetto potrebbe
Franco mo mancano pure le bare!», si clude, «è solo personale, ma League. guo delle partite si esprimerà opportuno agire e pensare addirittura non essere
Tentorio conclude con una riflessione conoscendola un po’ sono si- Attualmente chi ha titolo per farlo. I proble- con la massima prudenza. Ar- assegnato. Così nella
che il Bocia definisce «norma- curo che lei possa pensarla co- la sua squadra mi adesso sono altri», conclu- riviamo in fondo al tunnel, riunione di ieri, il


le e spontanea». E cioè quella me me: questa unica già stori- è al quarto de Lazzarini, ieri sotto choc pensiamo a stare bene, a so- presidente della Figc
di «poter pensare che sia pos- ca strage cittadina merita posto in Serie A per la perdita di ben 5 tra co- pravvivere. È questo che oggi Gabriele Gravina ha
sibile per l’Atalanta che il cam- un’altrettanto unica e storica ed è agli ottavi noscenti e amici. Tra loro an- conta». Puntuto il commento cercato di fronteggiare la
pionato finisca qua. Magari decisione». di Champions. che una figura tanto storica dell’ex sindaco di Bergamo, crisi di liquidità che
non sarà fattibile, ma io voglio Quello del Bocia è un sasso A sinistra, quanto affabile, nel mondo Franco Tentorio: «Nutro mol- potrebbe investire i club,
pensare che la nostra Atalan- lanciato nello stagno del pal- Claudio nerazzurro, quella di Pino Ber- to affetto e stima per il Bocia, soprattutto se dovessero
ta, per quanto la amiamo, sia lone, le cui acque ferme, in «Bocia» toni che prestava servizio allo ma non mi trovo assoluta- esserci problemi di natura
un esempio per tutti in questa questi giorni si muovono solo Galimberti, stadio da decenni. Un uomo di mente d’accordo sulla sua pro- economica per i mancati
guerra, indipendentemente con l’annuncio di calciatori ri- autore della altri tempi, compito e gentile, posta. Ho letto la sua lettera, diritti televisivi venuti
da cosa decideranno i vertici sultati positivi al coronavirus. lettera al deceduto per il maledetto vi- ma questa idea non mi piace meno a causa di forza
del calcio». Rivolgendosi al Partite e classifiche, qualifica- patron rus, dopo un breve ricovero in perché ognuno deve fare il maggiore. Così Gravina ha
numero uno nerazzurro, il Bo- zioni e gol sembrano apparte- nerazzurro ospedale. «Non c’è famiglia proprio mestiere. L’Atalanta parlato di differimento di
Sulla cia ammette: «So che questo nere ad un’epoca lontanissi- che non stia vivendo un dram- ha degli obblighi ben precisi scadenze fiscali, proroga
stagione si va contro i suoi interessi eco- ma. «Credo che sia prematuro ma o pianga una persona cara nei confronti dello sport, della concessione d’uso di
esprimerà nomici, ma so anche che lei è parlarne ora — afferma il pre- — evidenzia Umberto Borto- città e dei tifosi. Immagino impianti, estensione di
uomo di fede. E non importa sidente del club Amici del- lotti — il calcio adesso è quan- che gli abbonati non sarebbe- cassa integrazione e
chi ha titolo perdere tre a zero a tavolino to di più lontano ci sia dai no- ro contenti della soluzione contratti di solidarietà ai
per farlo. ogni partita: Bergamo e la sua stri pensieri. Detto questo, che suggerisce». «Ogni gior- lavoratori non sportivi per
Ora sono gente vengono prima della Umberto Bortolotti non sappiamo dire quando e no è uno strazio senza fine — un massimo di 50 mila
altri i nostra squadra!». Il pensiero «Credo che prima di se si riprenderà a giocare, e conclude Giuliana D’Ambro- euro lordi. In più c’è la
problemi viene approfondito con un’ul-
ragionare sulla ripresa quanto la potente crisi econo- sio — l’Atalanta è un grande creazione di un Fondo
Marino teriore riflessione: «Non pen- mica che arriverà inciderà an- amore ma sono troppo addo- Salva Calcio da presentare
Lazzarini siamo che tornare all’Atalanta sia meglio arrivare che sul mondo del calcio che lorata per pensarci». entro aprile. (a.lo.)
equivalga al ritorno alla nor- in fondo al tunnel» ne fa parte. Riprenderanno a Donatella Tiraboschi © RIPRODUZIONE RISERVATA

malità, vorrebbe dire non ri- giocare? Non lo so e non spet- © RIPRODUZIONE RISERVATA
10 Venerdì 27 Marzo 2020 Corriere della Sera
BG
Corriere della Sera Venerdì 27 Marzo 2020
SPORT 11
BG

TOLOI
Parla il difensore brasiliano dell’Atalanta:
«Mi alleno nella palestra allestita in garage
ma oggi è difficile pensare al calcio:
mi considero bergamasco e soffro molto»


«Prima o poi torneremo a
La scheda giocare, ma in questo mo-
mento è difficile pensare al
● Rafael Toloi, calcio». Rafael Toloi, difenso- La mia
29 anni, re brasiliano di lungo corso famiglia
è un giocatore dell’Atalanta, ha la voce stan-
dell’Atalanta ca. Triste. Come tutti, è in iso- in Brasile
dall’estate lamento a casa. In attesa che è molto
del 2015, l’emergenza coronavirus pas- preoccupa-
quando venne si. ta per la
acquistato Toloi, lei abita a Bergamo situazione
dai brasiliani da molti anni. in Italia
del San Paolo. «Oramai mi sento berga-
Dopo Gomez, è masco, amo la città e la sua ma anche là
il giocatore con gente. Mi dispiace molto per i contagi
la maggiore tutto quello che sta accaden- sono
anzianità do. È un periodo complicato in aumento


in squadra per tutta Italia e purtroppo
Bergamo è la città più colpita.
● I nerazzurri Abbiamo perso tante perso-
sono la sua ne, ma sono sicuro che insie-
seconda me supereremo questo mo- Sportiello
squadra mento e torneremo tutti a e altri amici
italiana: sorridere. Ma, ripeto, non è
nel 2013/2014 facile». fuori dal
ha giocato Come è la situazione in calcio sono
una stagione risultati
positivi

155
anche
nella Roma al virus,
ho paura
● Vive in soprattutto
centro città, le presenze
è sposato con di Toloi con la maglia dell’Atalanta
per mia
Flavia e ha una dove è titolare nella difesa moglie e
figlia, Maria a tre allestita da Gasperini mia figlia
Raffaella

Brasile? Come passa il tempo in Garage migliorino. Siamo ancora in


«Cominciano a crescere in isolamento? Toloi con la un momento delicato ed è az-
modo significativo i numeri «Sto con mia moglie Flavia maglia zardato fare previsioni».
del contagio. Sono preoccu- e cerco di dare più attenzione dell’Atalanta Si sente spesso con i com-
pato, perché là vive tanta gen- a mia figlia, Maria Raffaella, che indossa pagni di squadra?
te e perché ancora non hanno perché prima dell’emergenza dal 2015. «Abbiamo una chat di
la nostra stessa percezione. ero quasi sempre in ritiro e la A destra, gruppo in WhatsApp e ci sen-
Quello che stiamo affrontan- vedevo poco. Sono sempre nel garage tiamo abbastanza. Ogni gior-
do in Italia nemmeno se lo con lei e giochiamo insieme. della sua no cerco di sincerarmi che
immaginano. Fortunatamen- È piccola, ha tante energie e abitazione tutti stiano bene. Anche se
te i miei stanno bene e il vive- vorrebbe uscire, ma non può in cui ha non sono un tizio che se ne
re in un paese abbastanza iso- e le ho spiegato il motivo. Co- allestito sta sempre col telefonino in
lato, con poche persone, può munque è sempre bello pas- una piccola mano, a maggior ragione in
essere un vantaggio. Anche sare tempo con la famiglia, palestra un momento così brutto. Non
loro sono preoccupati per me, anche se mi piacerebbe pure dove cerca ho nemmeno voglia di utiliz-
perché leggono le notizie che stare sul campo, allenarmi a di mantenersi zare i social».
arrivano da qui. Ma cerco di Zingonia coi miei compagni e in forma. Il Tra i suoi compagni c’è
tranquillizzarli e li invito a fare contenti i tifosi, ma in giocatore vede Sportiello che ha contratto il
prendere tutte le precauzioni questo momento è giusto sta- anche vecchie coronavirus.
possibili per evitare di con- re a casa». partite per «Mi dispiace e spero che
trarre la malattia». A proposito di allenamen- analizzarle Marco possa sconfiggerlo alla
Torniamo in Italia. Molti ti, come si mantiene in for- tatticamente svelta. Ho tanti amici anche
dicono che Atalanta-Valen- ma? fuori dal calcio e alcuni di
cia di Champions League «Sto attendo alla dieta e ho bene fisicamente. E cerco di quando torneremo a giocare. questi sono positivi. La cosa
abbia inciso molto sul con- allestito una piccola palestra mantenere alta la concentra- Anche se, lo ripeto, è difficile mi fa paura. Sono preoccupa-
tagio. in garage, dove trascorro due zione e di migliorarmi. Anche pensare al calcio oggi. Ho let- to soprattutto per mia figlia e
«Per me è presto per dirlo o tre ore ogni giorno. L’Ata- in questa situazione». to di un sacco di proposte co- mia moglie. Per questo stia-
ed è pesante affermarlo. So- lanta poi mi ha inviato un ta- In che modo? me quella di ricominciare a mo seguendo alla lettera tutte
prattutto perché non ci sono pis roulant e riesco a fare lun- «Guardo le nostre vecchie maggio e giocare in estate. Se- le indicazioni».
basi scientifiche e perché ci ghe corse e a tenermi mag- partite, analizzo i miei errori e condo me prima dobbiamo Matteo Magri
sono molti altri aspetti da giormente allenato. Certo, mi studio degli accorgimenti. attendere che l’emergenza fi- mmagri@corriere.it
considerare sul contagio». manca il pallone, ma mi sento Cerco di farmi trovare pronto nisca, aspettare che le cose © RIPRODUZIONE RISERVATA

«Rinascerò, rinascerai», canzone scritta per Bergamo con Stefano d’Orazio: i proventi al Papa Giovanni
Gasp, Ilicic, Goggia e gli altri nel video di Roby Facchinetti
Personaggi del mondo progetto all’interno di «Non programmato ogni due ore ca — racconta Facchinetti —. città, mi ha adottato, accolto e
Canzone sportivo e dello spettacolo stop news». Durante lo spe- per tutto il giorno. Dopo aver visto le prime im- ho trascorso i miei migliori
partecipano all’iniziativa di ciale i due componenti dei «La tragedia che stiamo vi- magini dei furgoni che tra- anni di lavoro, “Rinascerò, ri-
● «Rinascerò, Roby Facchinetti e Stefano Pooh saranno in collegamen- vendo mi sta provando, ho sportavano le salme dei miei nascerai” vuole essere un
rinascerai» D’Orazio che, oggi, pubblica- to per raccontare come è nato perso quattro familiari, amici concittadini, mi sono messo semplice modo per fare an-
(Sony music), no su tutte le piattaforme di- il progetto e come poterlo so- carissimi e conoscenti, provo al piano e in pochi minuti, per che noi la nostra piccola par-
canzone scritta gitali «Rinascerò, rinascerai» stenere. Saranno presenti an- un profondo dolore e tanta magia, sono nati la melodia e te», spiega l’artista.
da Roby (Sony Music), la loro canzone che personalità bergamasche rabbia e, come spesso mi è ac- il titolo. Ho chiesto a Stefano Il brano è stato realizzato in
Facchinetti e dedicata a Bergamo: tutti i come il sindaco Giorgio Gori. caduto nei momenti difficili, di scrivere il testo. Il risultato è una settimana, con i due mu-
Stefano proventi saranno devoluti al- Il passaggio del singolo sarà mi sono rifugiato nella musi- stato un tutt’uno, una sola sicisti che hanno lavorato se-
D’Orazio, viene l’ospedale Papa Giovanni. Nel anima, un matrimonio perfet- parati, nelle rispettive abita-
pubblicata video del brano appaiono le Protagonisti to tra musica e parole, un urlo zioni, Facchinetti a Bergamo e
oggi su tutte immagini della città con quel- L’allenatore che ci convincerà che uscire- D’Orazio a Roma. Il Vava si è
le piattaforme le del mister dell’Atalanta atalantino mo da questa tragedia, una occupato dei cori. Tra le voci
digitali. Gian Piero Gasperini, dei gio- Gian Piero preghiera di speranza». anche quella di Valeria Ca-
Tutti catori Ilicic e Zapata, della Gasperini «Quando tutto sarà finito tor- ponnetto Delleani, mentre
i proventi sciatrice e campionessa olim- e Josip Ilicic neremo a riveder le stelle, la Diego Arrigoni dei Modà ha
saranno pica Sofia Goggia, di France- sono due dei tempesta che ci travolge ci suonato le chitarre e Danilo
devoluti sco Facchinetti, Giorgio Pa- protagonisti piega, ma non ci spezzerà, sia- Ballo ha curato l’arrangia-
all'ospedale sotti, Paola Turani, il Vava, che del video mo nati per combattere la sor- mento. Decisivo il supporto di
Papa Giovanni ha curato il montaggio con «Rinascerò, te, ma ogni volta abbiamo Giovanna Lorenzi, moglie di
Antonio Iorio, e il personale rinascerai» sempre vinto noi», sono le Roby e volontaria per Abio
medico e infermieristico del- di Roby parole di D’Orazio che per ol- che ha fatto da ponte con i
l’ospedale. Facchinetti tre trent’anni ha vissuto a Dal- medici del Papa Giovanni.
Domani Rtl 102.5 dediche- e Stefano mine. Rosanna Scardi
rà, dalle 8 alle 9, uno spazio al D’Orazio «Bergamo è la mia seconda © RIPRODUZIONE RISERVATA
12 Venerdì 27 Marzo 2020 Corriere della Sera
BG
Corriere della Sera Venerdì 27 Marzo 2020
LOMBARDIA 13
BG

Il personaggio

messa per realizzare una serie


di Rosella Redaelli di placche d’argento dorate
identiche a quelle che com-
pongono la Corona Ferrea».
L’artista ne realizza ventisei in
un anno, ma il progetto cam-
bia in corsa e gli amministra-
tori di allora gli chiedono di
MONZA È in una semplice sca- Riproduzione assemblarne dodici per rea-
tola di legno che Bruno Fred- Bruno Freddi, 83 lizzare due corone identiche:
di, 83 anni, pittore, scultore, anni, nel suo una da donare al museo del
performer conserva la sua Co- atelier con la Duomo e l’altra da esporre in
rona Ferrea. Una copia fedele, copia della sala giunta, dove è ancora og-
identica all’originale, a quel Corona Ferrea. gi. Nello stesso periodo le fa-
capolavoro dell’oreficeria lon- L’originale è miglie della nobiltà milanese
gobarda, conservata nella custodito nella gli chiedono altri gioielli co-
cappella di Teodolinda del Cappella me la riproduzione fedele ed
Duomo di Monza e venerata Teodolinda del elegantissima della corona
come reliquia, perché, secon- Duomo di Monza. della regina Teodolinda che
do la tradizione tramandata La leggenda vuole finisce a Villa Del Bono a Cre-
da Sant’Ambrogio, ha al suo che all’interno ci mella o una scatola in oro con
interno un chiodo della Cro- sia un chiodo gemme per il nobile Alfonso
ce. Tra le mani, nel suo atelier della Croce di Rombelli.
d’artista nel piccolo borgo di Cristo (Radaelli) Per anni invece le 14 plac-

Costantino, Barbarossa e Napoleone


che dorate restano nella cas-
saforte di Freddi fino a che
decide di utilizzarne sei per
realizzare una quarta copia
della Corona Ferrea. «Gli ami-

L’artista che replica i gioielli storici


ci si sono divertiti a farsi foto-
grafare con questa corona ap-
poggiata sul capo — scherza
—, ricordando i personaggi
storici che la scelsero per la
loro incoronazione da Beren-
Bruno Freddi autore della copia della Corona Ferrea: pietre preziose tagliate come l’originale gario al Barbarossa, da Carlo V
a Napoleone. Ora ho deciso di
mostrarla in pubblico. È già
stata a Lecco e a Napoli dove
Osnago nel lecchese, Bruno do tutti i dati raccolti dall’ana- Il lutto tornerà al museo di San Gen-
Freddi rigira il suo capolavoro lisi compiuta dall’Istituto naro appena passata l’emer-
e snocciola cifre: 605 grammi Gemmologico Italiano alla fi- genza in corso». A Napoli
Addio a Besana
di peso, 15 centimetri di dia-
metro, ventidue gemme a ca-
bochon, ventisei rosette lavo-
rate a sbalzo e lastrine smalta-
ne degli anni Ottanta».
È in quegli anni che Bruno
Freddi, dal suo studio in piaz-
za Duomo a Milano, viene in
Gentiluomo S i è spento a 76 anni Giancarlo Besana
(foto). Era ricoverato all’Humanitas di
Rozzano, da tempo aveva problemi di
salute. Besana, ex capo dei correttori di
Bruno Freddi spedirà anche
un altro oggetto legato al Sa-
cro Chiodo, l’elmo di Costan-
tino che ha ricostruito. «La re-
te. «Ci sono corindoni, o zaffi-
ri chiari, fatti arrivare dallo Sri
contatto con il Comune di
Monza: realizza nel 1985 una
del giornalismo bozze del Corriere, negli anni Novanta
aveva lavorato a Mediaset. Celebri i suoi
gina Elena la fece realizzare
per il figlio Costantino, un el-
Lanka — spiega —, ametiste,
granati d’oriente che ho ta-
grande antologica con trecen-
to opere in Villa Reale. «Poco
sportivo collegamenti da San Siro per le interviste
del dopo partita. Tutto il Corriere
mo circondato da un diadema
ad otto placche. Nel tempo
gliato a metà ed incastonato dopo, dall’amministrazione abbraccia la famiglia di Giancarlo. l’elmo andò perduto».
come nell’originale, seguen- comunale mi arriva la com- © RIPRODUZIONE RISERVATA
14 Venerdì 27 Marzo 2020 Corriere della Sera
BG

Cultura Cartoline milanesi


Bizzarre e sperimentali, le case a igloo alla Maggiolina sorte nel Dopoguerra

& Tempo libero È sicuramente uno degli esperimenti residenziali


più bizzarri mai realizzati in Italia. Si tratta delle case
a igloo di via Lepanto nel cuore del Villaggio dei
giornalisti della Maggiolina. Realizzati in cemento
nel 1946, gli otto igloo erano stati progettati come
soluzione provvisoria (poi definitiva) per alcune
famiglie dopo i bombardamenti. Costruite
dall’ingegner Cavallè, replicavano un modello
diffuso negli Stati Uniti. Ogni abitazione è
unifamiliare, con pianta circolare e una superficie
di 45 metri quadrati. (S. Ic.)
© RIPRODUZIONE RISERVATA

SARANNO FAMOSI
IL PIANISTA


M
ilanese e pia-
nista, compirà Da sapere
25 anni il 30
giugno, ha In questo periodo ● Filippo Gorini
è nato a Milano
una carriera
già lanciatissi- preferisco studiare il 30 giugno
1995. Allievo
ma dopo le vittorie ai concorsi
Neuhaus di Mosca e Beetho- Sui social vedo di Maria Grazia
Bellocchio
ven di Bonn, è il pupillo di un
mito come Alfred Brendel e un’invasione ha avuto
come mentore
come tutti si trova a vivere
l’emergenza del Coronavirus. di registrazioni d’eccezione
Alfred Brendel
Filippo Gorini, come sta vi-
vendo questo momento? domestiche ● Ha vinto
«Non mi lamento per cose
che non dipendono da me, le di bassa qualità nel 2013
il concorso
accetto. Sono saltati concerti
a cui tenevo tanto: avrei dovu- Neuhaus
to suonare le Variazioni “Dia- di Mosca
belli” al Quartetto e Schubert e nel 2015
al Festival Pianistico, ma ora il Beethoven
le priorità sono altre. Ho il di Bonn
privilegio di far coincidere lo che ha lanciato
stare a casa con l’avere tanto la sua carriera
tempo per studiare. In questi
momenti non c’è bisogno di ● Ha già inciso
concerti, ragion per cui non dischi
capisco questo profluvio di impegnativi
registrazioni domestiche di come le

IlmiosognoèlaScala
dubbia qualità postate su Fa- Variazioni
cebook Se uno vuole va su «Diabelli»
Youtube e trova di meglio. di Beethoven;
Storie di medici, infermieri, l’ultimo, con le
di solidarietà. Come artista, Sonate op. 106
vivere bene questo tempo per e 110
me significa studiare per pre- di Beethoven.
parare qualcosa di bello da of- Ha avuto
frire alla gente quando torne- recensioni

Filippo Gorini, cresciuto suonando Schubert e Beethoven,


rà a poter uscire di casa e go- trionfali
dere della bellezza dell’arte». interessato a studiare con lui. all’estero

ha già vinto due importanti concorsi internazionali


Ad esempio? Incredibile! Ci confrontiamo
«Sto preparando un pro- su brani che lui studia da ses- ● Ama
getto attorno all’“Arte della sant’anni, mi apre un mondo; camminare
fuga” di Bach: concerti, lezio-
ni, podcast in cui coinvolgo
ed è stato scelto come allievo speciale da Alfred Brendel mi segue da vicino: viene ai
concerti e poi mi manda com-
in montagna
e sciare
altri musicisti e intellettuali di menti via mail; talvolta è con- ed è anche un
varia provenienza a confron- tento, talaltra non tanto…». appassionato
tarci con questo capolavoro». na o venire a un mio concerto. tutto nuovi e affascinanti. Mi I momenti più belli? di scacchi
A proposito di Facebook e Non riesco a sentirmi “amico buttai sulle Sonate di Schu- «La prima volta con un’or-
streaming, strano un giovane del mondo” solo perché ho bert e Beethoven, suonandole chestra, al concorso Beetho- ● Ha debuttato
che non enfatizza i social. tanti contatti o like». male ma con entusiasmo. A 14 ven: suonai l’Imperatore, al Conservato-
«Sono un fanatico delle in- Quando ha fatto amicizia anni ho incontrato il mio rife- quando l’orchestra mi avvol- rio (sala Verdi)
novazioni tecnologiche, ma con la musica? rimento, Maria Grazia Belloc- geva con l’introduzione mi ve- per il Quartetto,
ho idee mie sull’uso dei so- «Ho iniziato a suonare a 5 chio: mi gettò nella dimensio- niva da piangere dalla gioia. E il 21 febbraio
cial. Li uso per segnalare i anni. I miei genitori erano fi- ne più seria della musica, non il debutto al Quartetto, nel 2017
miei concerti, ma mi sembra sici, ma papà ascoltava tanti lasciava passare nulla, fu duro 2017, in Conservatorio, dove suonando
assurdo affidarvi il mio priva- dischi. All’inizio me la cavavo, ma decisivo». avevo visto tutti i miei miti e Beethoven,
to: vedo artisti che postano fo- ma le canzoncine che suona- Con Alfred Brendel? quella volta toccava a me». Brahms
to mentre prendono la tisana vo non mi entusiasmavano. A «Fu un incontro casuale. Il sogno? e Chopin
nel backstage, sono al risto- 11 anni i dischi schubertiani di Maria Maino mi segnalò a Il maestro «Sono milanese. Un recital
rante o in viaggio. Io non lo Brendel e beethoveniani di Brendel, lui ascoltò una mia Qui sopra, il pianista Alfred Brendel, 89 anni, austriaco, alla Scala».
farò mai: chi mi vuol conosce- Kempf, che avevo ascoltato registrazione e mi scrisse una considerato uno dei più importanti musicisti di classica Enrico Parola
re mi può incontrare di perso- tante volte, mi risultarono del mail dove mi chiedeva se fossi del secondo 900. Nella foto grande, Filippo Gorini © RIPRODUZIONE RISERVATA
Corriere della Sera Venerdì 27 Marzo 2020
TEMPO LIBERO MILANO 15
BG

Poldi Pezzoli Quasi un live. Si entra nella casa-museo insieme a


una guida, si gira con lei per le sale, ci si ferma ad
fra la guida e il pubblico (dieci minuti alla fine sono
destinati alle domande), e i rimandi storici (le sale
Gruppi di visitatori ascoltare le sue spiegazioni davanti alle opere più prima e dopo i restauri; foto il Salone Dorato),
LA CITTÀ in tour virtuale importanti. Il Gruppo Giovani del Museo Poldi rendono il tour appassionante. La prima visita si
IN nella casa-museo
Pezzoli (composto da storici dell’arte) lancia una
nuova e originale modalità di tour virtuale che
tiene questa sera alle ore 19 (per ricevere il link a
cui collegarsi inviare una mail a
CASA combina la tecnologia di Google Art Project alla giovani@museopoldipezzoli.it ). Da lunedì 30
piattaforma Zoom. Le immagini di altissima marzo previsti due appuntamenti settimanali, con
qualità, la possibilità di ingrandire alcune opere focus diversi sulle sale e le opere. (M. Gh.)
fino a mostrarne i più piccoli dettagli, l’interazione © RIPRODUZIONE RISERVATA

Novità Un locale inaugurato di recente all’Isola propone una ventina di piatti con il frutto tropicale

Avocado, una delizia da toast o insalata


I titolari: «Alla fine dell’emergenza avremo un dehors. Per adesso soltanto consegne in sicurezza»
Hanno aperto da solo un Ambiente delle banane), di vitamina A e
In pillole mese e mezzo, ma i gusti dei a tema B, dalla consistenza cremosa e
clienti milanesi in fatto di La piccola sala il sapore delicato», come sug-
● Avocado avocado sono già perfetta- del nuovo geriscono i titolari.
Milano mente chiari. Nel menu di Avocado I due giovani soci guardano
(piazzale Avocado Milano, piccolo loca- Milano gestito con ottimismo al futuro:
Segrino 5, Isola, le (soltanto quindici posti a da David Enea «Quando l’emergenza sanita-
www.avocado sedere) in piazzale Segrino, in (foto) e da ria sarà finita, offriremo alla
milano.it) è un zona Isola, interamente dedi- Antonino clientela anche uno spazio al-
nuovo locale cato al frutto tropicale, ci so- Versace. Nel l’esterno — dicono —. L’in-
specializzato in no una ventina di piatti, fra menu solo piatti tenzione è puntare su un’arti-
toast e piatti bowl (ciotole), toast e insala- con avocado colata lista di aperitivi, con
con il frutto te. Sul podio dei toast c’è una gamma più ampia di frut-
tropicale come l’Orange, con il pane di lievito ta tropicale, dal mango al
ingrediente madre, fettine di salmone af- frutto della passione».
base fumicato e avocado, formag- Mango e frutto della pas-
gio spalmabile, semi di papa- sione sono già presenti nei
● Durante vero, sale affumicato e glassa centrifugati: «Li prepariamo
l’emergenza di teriyaki. da soli o in combinazione con
sanitaria è Fra le insalate, la preferita è arancia, limone, zenzero, ma
attivo il solo l’avo-salad (gli ingredienti: per gli avventori più “diffi-
delivery a quinoa, spinacino, cavolo ros- denti” abbiamo anche prepa-
domicilio so, pomodorini e pinoli) razioni, ricette, più classi-
mentre la bowl più richiesta è che». Diffidenza? Sorridono
● Fra le a base di hummus di ceci, prima di ammettere: «Ci sono
specialità toast bulgur, salmone fresco, caro- sieme al suo socio Antonino servizio di delivery che lavora ancora molti milanesi, pos-
e insalate in te viola e semi. Versace. Un alimento prezioso a pieno ritmo. siamo garantirlo, che non
molte varianti Ci sono oltre dieci varietà di «Siamo stati sfortunati, «Orange» è la proposta «L’avocado è originario di hanno mai assaggiato l’avoca-
studiate da un avocado sul mercato noi usia- non era il momento migliore una vasta zona fra Messico, do, ci penseremo noi a farlo
nutrizionista mo solo la hass, la migliore, per inaugurare, ma stiamo più gettonata: salmone, Guatemala e il resto dei Paesi conoscere con proposte sem-
quella con la buccia scura e trovando soluzioni per venire glassa di teriyaki, semi dell’America Centrale affac- pre più fantasiose».
rugosa», fa sapere David incontro ai nostri clienti». e pane da lievito madre ciati sul Pacifico. È un frutto Marta Ghezzi
Enea, che gestisce il locale in- Avocado Milano ha infatti un ricco di calcio e potassio (più © RIPRODUZIONE RISERVATA
16 Venerdì 27 Marzo 2020 Corriere della Sera
BG
Se ha gradito questo quotidiano e se lo ha trovato altrove, la preghiamo di sostenerci venendo a scaricare almeno volta al giorno dove è stato creato, cioè su
www.marapcana.london cliccando su questo testo. Senza il suo aiuto, purtroppo,presto potrebbe non trovarlo più. Troverà anche riviste, libri, audiolibri, fumetti,
quotidiani e riviste straniere, fumetti e riviste per adulti, tutto gratis, senza registrazioni e prima di tutti gli altri, nel sito più fornito ed aggiornato d'Italia. Trova inoltre
tutte le novità musicali un giorno prima dell'uscita ufficiale in Italia, software, apps, giochi per tutte le console, tutti i film al cinema e migliaia di titoli in DVDRip, e tutte
le serie che può desiderare sempre online dalla prima all'ultima puntata.
Grazie da parte di tutto lo staff di www.marapcana.london