Sei sulla pagina 1di 38

1

Editoriale
Il percorso della nostra Associazione e di questa pubblicazione continua, in attesa di essere inseriti nel regi-
stro provinciale delle associazioni di volontariato. Questo fin da ora significa che tutte le prestazioni degli
aderenti sono gratuite, a norma di statuto e per legge, e che quindi tutti coloro che lavorano con passione a
questo bollettino non percepiscono nulla.
Tutti i ricavi dell’Associazione (molto pochi per adesso!) , le quote associative in sostanza, vengono costan-
temente reinvestiti nell’Associazione stessa, principalmente per coprire le spese di prima necessità, questo
con buona pace di coloro che credono che dietro alla Wicca si nasconda solamente un facile modo di far soldi
e un buon marchio per vendere qualcosa.
Il “Circolo dei Trivi” è un progetto e come tale moltissime sono le cose da fare e da organizzare: per adesso
siamo ancora in pochi e questa pubblicazione non è che il primo risultato, un primo risultato che andrà mi-
gliorandosi con il tempo. La nostra Associazione nasce dall’idea fondamentale che tra wiccan si possa colla-
borare pur partendo da idee e tradizioni diverse; continuerò a ribadire questo concetto perchè vorrei che fos-
se chiaro a tutti che la diversità è innanzitutto una fonte inesauribile di ricchezza. Senza il confronto fra
differenze non ci può essere evoluzione alcuna e nostro desiderio è che in questo spazio possa esserci una
crescita.
Noi non siamo portatori di altra verità se non quella che ci appartiene, perfettamente consapevoli che la
nostra non è la sola verità, ma una tra le tante possibili. La nostra opera non è perfetta e non vuole esserlo,
siamo aperti alle critiche di qualsiasi tipo purchè costruttive, purchè ogni critica nasconda una proposta e ci
mostri una possibilità alternativa.
Come in quello precedente anche in questo numero troverete articoli che cercano di approfondire alcuni a-
spetti della Wicca e i rapporti dell Wicca con altre spiritualità, per alcuni certi articoli potranno sembrare
ostici e difficilmente comprensibili, altri si potranno trovare a saltarne perchè di certi argomenti conoscono
già troppo... Abbiamo cercato e cercheremo di accontentare tutti, sia coloro che si avvicinano per la prima
volta a questa via, sia coloro che da più tempo seguono questo pensiero e cercano uno stimolo alle loro rifles-
sioni, nello sforzo costante e assiduo di non cadere mai nella banalità.
Un grazie infine a tutti coloro che hanno reso possibile l’avvio di queto progetto, a loro e a tutti voi dedi-
chiamo questa preghiera pagana in un latino facilmente comprensibile, tratta dagli Inni Orfici, nella versio-
ne rinascimentale di Marsilio Ficino, che vuole essere un augurio di percorrere serenamente il cammino sul
sentiero della vita.

Lunae, Thymiama aromata.

Audi dea regina, lucifera, diva Luna


Tauricornis Mene, noctu currens, aerivaga,
Nocturna, facitenens, puella, bene stellata, Luna,
Quae crescis et decrescis, foeminaque et mas,
Fulgens, equorumn amatrix, temporis mater, fructifera,
Electris, iracunda, splendoris causa nocturna,
Omnispica, vigiliarum amatrix, pulchris syderibus abundans,
Quiete gaudens et delectatione beatifica,
Lucida, laetitiae datrix, perfectrix noctis oblectamentu,
Astritenens, latipeple, vagi cursus, sapientissima puella:
Venias beata, benivola, pulchristella, lumine tuo
Micans, conservans tuos supplices, proba puella.

2
Athame
Anno II - n°2 II/2003
Indice
Direttore editoriale Wicca e Sciamanismo: un confronto
Davide Marrè (Cronos)
Pag 3
Redazione
Gabrio Andena (Gabriel) Gli Dei dell’Ombra e l’Ombra degli Dei
Daniele Tronco Pag 10
Hanno collaborato
Circle of Sand Volta la carta
Corax Pag 14
Falco
La strega, il poliziotto e Bridget Jones
Pag 17
Informazioni
Tel 3201918937 Da Imbolc a Ostara
circolodeitrivi@virgilio.it
Pag 19
Stampato in proprio
presso Strega Faber
“Circolo dei Trivi” Pag 25
Via Medaglie d’Oro 19
Casorate Sempione Esperienza personale sul significato di una
(VA)
congrega
Tutti i diritti di proprietà Pag 27
e il marchio Athame
sono riservati a: Dion Fortune e la sessualità
Associazione Pag 29
“Circolo dei Trivi”
C.F. 97334480155
Atto Costitutivo L’universo dei sogni
Reg. 10/12/2002 Pag 31
N° 7198 serie 3
3° Ufficio Entrate Milano
L’etica degli incanti
Sede Legale Pag 34
Via Oxilia 13
Milano Il nostro giornale è uno spazio aperto pertanto sia-
mo sempre alla ricerca di persone che abbiamo
Tel 3201918937
qualcosa da dire sulla Wicca.
Athame è un periodico in- Se sei interessato a dire la tua contattaci!
formativo interno non a sco-
po di lucro

La distribuzione è riservata
circolodeitrivi@athame.it
ai soci
Telefono
3201918937
3
Wicca e Sciamanismo: un confronto
di Cronos

Intervista a Lorenza Menegoni , sciamana e sacerdotessa Wicca

Incontriamo Lorenza Menegoni a Mi- School for Social Research di New che in Italia. E’ stata veramente
lano in occasione di uno dei suoi semi- York, che aveva un interessante pro- un’esperienza intensa perché ci incon-
nari sullo sciamanismo. Lorenza è una gramma in antropologia medica. Co- travamo tutte le settimane, il giovedì
praticante sciamanica e può vantare me attività condotta al di fuori sera. Per me era il momento culminan-
un’iniziazione di terzo grado nella dell’università, Harner insegnava da te della settimana e lo aspettavo
Wicca di tradizione minoico- tempo i metodi sciamanici agli occi- sempre con ansia. Questo gruppo ha
gardneriana, a cui è stata iniziata da dentali secondo la metodologia de- continuato a incontrarsi regolarmente
Phyllis Curott. Lorenza è antropologa scritta nel suo libro, La via dello scia- fino verso la fine del 1986, quando ci
e segue la via sciamanica da moltissi- mano, uscito da poco. Nell’autunno sono stati dei cambiamenti dovuti al
mi anni praticando questi metodi se- del 1981 ho fatto il mio primo semi- fatto che l’iniziatore del circolo si era
condo gli insegnamenti di Michael nario con lui presso un centro fuori trasferito e anche Tom Cowan era
Harner, antropologo fondatore andato a vivere fuori New York.
della Foundation for Shamanic Io stessa ho lasciato New York
Studies, di cui è stata anche allie- nel febbraio del 1987 per an-
va all’università. dare in Messico a svolgere la
ricerca sul campo per il mio dot-
Come ti sei avvicinata allo sciama- torato in antropologia medica
nismo? (studiavo il problema della tu-
bercolosi tra gli indigeni Maya
Ho cominciato a interessarmi di del Chiapas e, come parte della
sciamanismo mentre studiavo so- ricerca, gestivo un piccolo pro-
ciologia a Trento. All’epoca, ben- gramma di controllo della TBC
ché trovassi affascinante la figura nella comunità in cui vivevo).
dello sciamano e il suo modo di Quando un anno e mezzo dopo
operare, lo consideravo soprattut- sono ritornata a New York, sono
to una pratica legata a culture entrata in un altro circolo scia-
“primitive” o tribali, con scarsa manico con persone nuove, ma
rilevanza per noi persone moder- provenienti più o meno dallo
ne. Quando però sono andata in stesso giro di amici.
Messico, nella primavera del 198-
0, ho avuto l’occasione di avere E invece come sei entrata in con-
Michael Harner
delle vere e proprie esperienze scia- tatto con la Wicca?
maniche in cui ho “visto” cose che sta- New York immerso nella natura. Era il
vano accadendo altrove, eventi anche fine settimana di Halloween e il mo- Nell’estate del 1986 Phyllis aveva
drammatici come il bombardamento mento non poteva essere migliore. Da fondato un suo circolo wicca, che te-
dei villaggi Maya nel vicino Guate- lì sono entrata a far parte di un circo- neva già rituali pubblici, in cui era
mala, di cui successivamente ho avuto lo sciamanico che si riuniva a Brooklyn sacerdotessa, e mi aveva chiamato a
la conferma. Mentre poi mi trovavo a Heights ed è stato proprio in questo parteciparvi. Eravamo state assieme
New York, ho iniziato ad esplorare la circolo che ho conosciuto Phyllis Curott, per cinque anni nel cerchio sciamanico
possibilità di frequentare una facoltà che aveva terminato da poco il suo di Brooklyn e tra noi si era creato un
di antropologia perché, dentro di me, percorso diventando Gran Sacerdo- forte legame di amicizia. Ho fatto
conservavo sempre il sogno di diven- tessa. Qualche tempo dopo è entrato tutto il percorso con Phyllis, ricevendo
tare antropologa. Per finire, sono nel gruppo anche Tom Cowan, che ha l’iniziazione di primo grado prima di
riuscita a iscrivermi alla scuola dove scritto diversi libri sullo sciamanismo, partire per il Messico e l’elevazione
insegnava Michael Harner, la New uno dei quali è stato pubblicato an- di secondo e terzo grado al mio ritor-

4
no. Si può dire che nel 1990 eravamo uomini o sole donne. Erano anche inter- quella che ha avuto l’impatto più pro-
ormai tutte iniziate di terzo grado. pretati più liberamente, vale a dire, fondo, grazie anche alla personalità
Con questo il nostro addestramento non ci si preoccupava molto di aderire di Phyllis, è stata l’iniziazione di primo
era terminato e anche l’esperienza strettamente agli elementi formali della grado. Non so come spiegarlo, ma è
del nostro gruppo era conclusa alme- ritualità gardneriana, ma si lasciava stata un’esperienza rivelatoria in cui
no formalmente, perché ora ciascuna molto spazio alla spontaneità e alla ho sentito molto un’affinità con i miste-
poteva iniziare un suo proprio grup- creatività individuale. Questa comunque ri di Eleusi. Un altro elemento che mi
po. Il nostro coven, che Phyllis aveva era una tendenza abbastanza genera- ha colpito, e che credo sia un effetto
chiamato “Cerchio di Ara”, era com- le negli Stati Uniti sul finire degli anni della struttura gardneriana del ritua-
posto di sole donne e seguiva la tra- settanta del ‘900, come mostra anche il le, è stato qualcosa come un ricordare
dizione minoico-gardneriana in cui libro di Starhawk, La danza della spira- le nostre radici, un legame che ho
era stata iniziata Phyllis nel coven di le, pubblicato nel 1979. sentito con coloro che ci hanno prece-
cui parla nel suo primo libro. Questa duto nella pratica di questi riti. Anche
tradizione era nata inizialmente come Che cosa ne pensi dei tre gradi l’elevazione di terzo grado è stata
tradizione gay, mi pare a San Franci- dell’iniziazione? un’esperienza profonda. Il suo signifi-
sco. A New York si era creato per cato consiste essenzialmente in un
primo un coven maschile gay e in se- Sono esperienze importanti e profon- morire come individuo particolare e
guito uno femminile, quello condotto de. Come nelle cerimonie di iniziazione rinascere come figlia della Dea e sua
appunto dalle sacerdotesse di Phyllis, di altre tradizioni e culture, sono punti sacerdotessa. Anche in questo caso
che comunque inclu- a v e vo percepito
deva molte donne un’atmosfera
eterosessuali come “eleusina”. Secondo
lei. Anche il nostro me i tre gradi di ini-
coven era composto ziazione sono assolu-
di sole donne etero- tamente utili. Nella
sessuali. In seguito tradizione gardneria-
Phyllis ha guidato na si ricevono alla
anche dei coven mi- conclusione di un anno
sti, in cui c’erano sia di lavoro svolto nel
uomini che donne. coven, mentre in altre
tradizioni, come quella
Quali sono gli ele- alexandriana, il primo
menti particolari della grado si ottiene subito
tradizione minoica? per entrare nel coven.
Io trovo che sia più
Come ho detto pri- logico aspettare, per-
ma, era nata inizial- ché è molto importan-
mente come tradizio- te arrivare preparati
ne gay e perciò si a quel momento. Re-
differenziava dalla centemente Phyllis mi
tradizione gardne- ha detto che ora alcu-
riana basata sulla ni gruppi hanno istitui-
complementarità dei to un’iniziazione di
sessi. Come dice il quarto grado, che si
nome, si ispirava alla riceve al termine di un
mitologia della civil- anno di servizio alla
tà minoica e riserva- comunità neopagana
va un’attenzione particolare alla Dea, di passaggio e momenti salienti nel (per esempio, insegnando o aiutando
anche negli stessi circoli maschili c’era nostro processo di trasformazione. Ci nella conduzione di un circolo). Con
molta più enfasi sul culto della Dea. I aiutano a fare un salto di qualità, a questo si vuole evitare che le persone
rituali e le cerimonie derivavano da lasciarci alle spalle il passato e ripren- che hanno ottenuto il terzo grado si
Gardner, ma erano stati parzialmente dere il cammino come persone nuove, sentano troppo importanti o superiori,
rielaborati per adattarli alla natura più consapevoli e responsabili. Per me e siano invece consapevoli delle re-
dei coven, composti appunto di soli sponsabilità che il loro nuovo stato

5
origine del suo leader, ma tornare in Italia nel 1991-92, varie
col tempo può anche ela- persone nel mio giro di amicizie prati-
borare in modo nuovo i cavano sia lo sciamanismo che la Wic-
vari rituali fino a creare ca.
una nuova tradizione. A
volte nascono polemiche e Come hai iniziato a occuparti di Ara-
si creano scissioni tra i dia, il Vangelo delle Streghe di Leland,
gruppi, ma questo non di cui hai anche curato una edizione
dovrebbe oscurare il mes- italiana?
saggio centrale della Wic-
ca, almeno secondo il mio Quando ho conosciuto Phyllis, nel
modo di vedere. 1982, la prima cosa di cui mi ha par-
lato è stato il libro di Leland. Mi ha
Come mai questo passaggio detto di sentirsi molto legata alla
dallo sciamanismo a un cer- tradizione italica e, per questo, di
chio Wicca? aver scelto come nome di iniziazione
comporta. quello di Aradia. Così ho iniziato la
Direi che se non ci fosse stata la forte mia ricerca sulla stregheria toscana,
Hai visto l’evolversi della Wicca negli amicizia con Phyllis probabilmente non una ricerca molto ampia che mi ha
Stati Uniti! mi sarei mai avvicinata alla Wicca. Il consentito di approfondire alcuni temi
lavoro che facevamo nel circolo sciama- sulla mitologia greco-romana, i misteri
Gli anni del 1980-90 sono stati un nico appagava le mie esigenze spiri- ellenistici, le eresie medievali e la
periodo di espansione e diversifica- tuali, oltre a rappresentare caccia alle streghe. Ne è uscito un
zione della Wicca negli Stati Uniti, e un’occasione per incontrare gli amici. saggio piuttosto lungo, che ho presen-
questo testimonia della vitalità di Per il resto, la scuola non mi lasciava tato a Michael Harner come relazione
questa corrente spirituale. Attraverso molto tempo libero per fare altre cose. di fine semestre. Il saggio comprende-
Phyllis mi è stato possibile conoscere Però le due esperienze si sono comple- va già la parte relativa all’etimologia
altri gruppi e tendenze. Una volta ho tate a vicenda e mi hanno consentito di del nome Aradia, ma la parte princi-
avuto l’opportunità di partecipare al avere una certa vita sociale con perso- pale consisteva in una analisi in cui
coven originario di Phyllis con le Gran ne con interessi e inclinazioni simili ai confrontavo il materiale di Leland con
Sacerdotesse che lei chiama Maia e miei. la cosiddetta “tradizione Aradiana”
Bellona nel suo libro. Quello è stato il iniziata da Raven Grimassi in Califor-
primissimo cerchio a cui ho partecipa- Phyllis Curott parla del viaggio sciamani- nia attorno al 1980.
to (mi pare fosse l’autunno del 1982) co nel suo ultimo libro, che pensi di que-
e sul momento sono rimasta piuttosto sta integrazione? Secondo te in Aradia, il Vangelo delle
perplessa per via dell’incenso e delle Streghe, esiste un nucleo originario
candele, mi sembrava di essere un Credo sia possibile, a condizione di stregonesco oppure consideri più valida
po’ in chiesa. In altre occasioni, ab- non mescolare troppo delle pratiche la teoria per cui, posta la sua autentici-
biamo lavorato con coven gardneriani che hanno origini e significati molto tà, il “Vangelo delle Streghe” è più
e minoico maschili. Ai rituali pubblici diversi. Il viaggio sciamanico, comun- vicino alle eresie tardo-medievali che
organizzati da Phyllis per Yule e Bel- que, non fa parte originariamente della non ai culti pagani?
tane partecipavano anche esponenti Wicca. Hanno incominciato a introdurlo
di altre correnti. Attraverso questi le persone che avevano frequentato i Personalmente ritengo che ci sia un
incontri ed eventi, ho potuto notare la seminari di Michael Harner. Credo che nucleo originario di magia popolare
diversità delle persone coinvolte in a New York il nostro coven sia stato uno che si riallaccia ai culti pagani, anche
Wicca, tutte persone istruite e spesso dei primi a introdurlo, nel 1986, come se c’è un’evidente influenza eretica.
molto creative, come pure avere un uno sviluppo dell’esperienza mia e di Come dea della luna e della magia,
senso dell’evolversi del movimento. Phyllis nel circolo di Brooklyn. A volte Diana si prestava facilmente a diven-
Questa diversità di gruppi e tendenze facevamo dei cerchi sciamanici allarga- tare la Regina delle streghe, questo è
è in parte il risultato di uno sviluppo ti a quindici o più persone, a cui parte- infatti un tema ricorrente nei processi
fisiologico. Una volta ottenuto il se- cipavano sia praticanti sciamanici che per stregoneria. Il mito di Aradia,
condo e il terzo grado, ognuno può wiccan. Soprattutto negli ultimi due anni invece, era più localizzato essendo
iniziare il proprio coven che dappri- che ho trascorso a New York prima di ristretto all’ambito delle streghe to-
ma lavorerà secondo la tradizione di scane, alle quali Maddalena,

6
l’informatrice di Leland, ha dato voce. i suoi scritti, i libri e le varie riviste da esoteriche e di magia popolare. Ov-
Chiamavano le loro pratiche la lui edite, attingono al folklore delle viamente, quando l‘iniziatore di una
“vecchia religione” e a questo propo- streghe italiane (soprattutto del Meri- corrente afferma di riallacciarsi a una
sito c’è un elemento che varrebbe la dione) e molti elementi sembrano auten- tradizione preesistente che gli è stata
pena di approfondire, e cioè che già tici, ma si ha anche l’impressione di un rivelata, non abbiamo modo di verifi-
nella Roma antica si parlava di lavoro di ricomposizione di vari filoni di care quanto afferma, anche se pos-
“vecchia religione” per riferirsi alla magia popolare che lui ha rielaborato siamo magari intuire quanto potrebbe
religione etrusca. (Questo spingereb- e sistematizzato entro una cornice Wic- essere veramente antico e quanto
be il concetto di “vecchia religione” ca. Per quanto poi riguarda la tradizio- nuovo. Tuttavia non possiamo esclude-
ancora più indietro e, in un certo mo- ne Aradiana, nel 1980 Raven afferma- re a priori che certe tradizioni abbia-
do, confermerebbe l’intuizione di Le- va di aver ricevuto il “Libro della Stre- no potuto conservarsi segretamente e
land, così avversata dai folkloristi ga Santa”, cioè gli insegnamenti origi- venire trasmesse da una generazione
italiani, del perdurare delle credenze nari di Aradia (presentata come figura all’altra.
etrusco-romane nelle tradizioni popo- storica), da un gruppo di streghe tradi-
lari toscane.) Robert Mathiesen, uno zionali a Benevento. Ora sembra che Non trovi impossibile che una tradizione
studioso che ha recuperato le bozze ritratti queste affermazioni. Ammette si conservi segretamente per così tanto
di stampa della prima edizione di che quel materiale presentava molte tempo?
Aradia, afferma che quella del Van- cose scritte di suo pugno o tratte dalla
gelo è una tradizione magica autenti- Wicca gardneriana, perché non poteva No, ci sono tradizioni e culti che non
ca, ma che dobbiamo limitarci a con- rivelare il contenuto originario di questa sono mai stati svelati, pensiamo ai
siderarla una mitologia personale di dottrina. Attualmente Grimassi si è stac- misteri di Eleusi. Un’intera civiltà è
Maddalena, non una tradizione con- cato dalla tradizione Aradiana (che riuscita a mantenere segreta una cosa
divisa da tutte le streghe toscane. La pare non abbia più molto significato così grande. Ai tempi di Pericle, mi
scoperta delle bozze fatta da Ma- per lui), ed è a capo della tradizione di pare, era accaduto che chi aveva
thiesen è importantissima, in quanto Ariccia, che lui dice essere più legata ai rivelato qualcosa dei misteri era stato
dimostra in modo inequivocabile che contenuti originari. Ma questi vengono ucciso barbaramente, ma nemmeno
almeno una parte del Vangelo è da rivelati solo a un gruppo ristretto di gli autori classici che hanno raccontato
attribuire direttamente a Maddalena iniziati e non ci è quindi dato di sapere il fatto ci hanno rivelato questo segre-
(il cui manoscritto è andato perduto). se siano o no autentici. to. E’ vero che gli storici lavorano con
Io però non vedo questo materiale i documenti scritti, però se l’intero
esclusivamente come una sua creazio- E da antropologa che giudizio daresti? mondo greco è riuscito a mantenere il
ne. Per quanto grande fosse la sua segreto su questa importantissima
inventiva, secondo me Maddalena E’ difficile dare un giudizio definitivo. tradizione misterica, vuol dire che
raccontava qualcosa che aveva senti- Probabilmente qualcosa di autentico alcuni culti possono rimanere segreti e
to dire, forse rielaborandolo, ma pur esiste sempre, ma c’è anche una ten- gli studiosi devono arrendersi a que-
sempre attingendo a tradizioni esi- denza a costruire tutto un sistema sulla sta evidenza. Di conseguenza non è
stenti. Mi sembra che, dato il conser- base di pochi elementi veramente tradi- assurdo pensare a una tradizione
vatorismo delle tradizioni magiche zionali o autentici. E’ un po’ tutto il pro- segreta di stregoneria come ce la
popolari, difficilmente qualcosa possa blema delle radici storiche e della base indica Leland o a delle pratiche origi-
venire creato ex novo, a meno che tradizionale della Wicca contempora- narie che possiamo intuire nei sistemi
non consideriamo il Vangelo come nea. Oggi non si crede più molto a un rituali sviluppati dai moderni wiccan.
un’innovazione più legata a delle legame di filiazione diretta con le pra-
idee di origine eretica. Ma un’analisi tiche magico religiose di pochi coven Tornando ai rapporti tra Wicca e scia-
approfondita del suo contenuto rivela sopravvissuti alla caccia alle streghe, se manismo, c’è un rapporto costruttivo o
numerosi legami con la magia greco- non in casi molto particolari (in Irlanda, uno sfalsa l’altro?
romana. per esempio, sembra che queste tradi-
zioni, spesso a base familiare, siano Secondo me non si escludono, posso-
Raven Grimassi, il fondatore di una riuscite a mantenersi abbastanza intat- no anzi essere utilizzati come pratiche
corrente che si basa a suo dire sulla te). Si è più consapevoli delle radici complementari. Sono però tradizioni
stregoneria italiana, parte secondo te molteplici del revival gardneriano e dei con caratteristiche molto diverse e
da una matrice autentica e tradiziona- suoi legami con le religioni antiche e mescolarle troppo non ha senso. La
le? con i festival stagionali del Nord Euro- Wicca è un sistema magico rituale che
pa, oltre che con le varie tradizioni venera la Dea, lo sciamanismo è un
Non è semplice stabilirlo. Certamente metodo di guarigione spirituale. Il suo

7
troppo specifiche e troppo carat- da Michael Harner (il cosiddetto
terizzate. “Programma di Tre Anni”), Harner,
basandosi su alcune informazioni et-
Nella tradizione gardneriana, tut- nografiche, ha creato una cerimonia
tavia, non esistono forse degli ele- di morte e resurrezione che è quanto
menti un po’ simili allo sciamani- più si avvicini alle esperienze tradi-
smo, come la “Witches Rune” reci- zionali di iniziazione.
tata con il tamburo o utilizzando
certe cantilene? Una cosa che traspare forse di più
nello sciamanismo rispetto alla Wicca è
Certo, hanno la funzione dei l’assenza di polarità, è vero che non c’è
mantra. Come nei canti sciamani- una marcata differenza tra i sessi?
ci, la funzione della cantilena è
quella di modificare la coscienza Generalmente, nello sciamanismo, sia
e consentirci di percepire cose gli uomini che le donne possono diven-
che sono al di fuori della consa- tare sciamani, godendo anche di u-
pevolezza ordinaria. Alcune tra- guale considerazione. In alcune socie-
Periodo paleolitico, sciamano mascherato
con corna di cervo, Ariege dizioni sciamaniche danno molta tà, tuttavia, per esempio in Amazzo-
importanza alla magia della pa- nia e anche tra gli Eschimesi, la prati-
elemento centrale è il “viaggio” dello rola e al suo potere di guarigione. Tra i ca dello sciamanismo è in parte pre-
sciamano in altri mondi. Il viaggio Lapponi esisteva una pratica, chiamata clusa alle donne, mentre in Siberia
sciamanico è un metodo per espande- word doctoring, in cui la cura consisteva esistono invece potentissime sciamane
re la propria coscienza e accedere a nell’insegnare al malato delle parole o e anche tra i nativi americani ci sono
fonti non ordinarie di conoscenza e di delle frasi (trasmesse allo sciamano dai grandi donne di medicina. Nel core
guarigione. E’ un mezzo per esplorare suoi spiriti), che recitate come un mantra shamanism, la pratica sciamanica con-
dimensione sconosciute della realtà e lo aiutavano a guarire. temporanea sviluppata da Michael
della psiche e come tale può essere Harner, non si fa alcuna distinzione
integrato in altre pratiche spirituali. Di Nello sciamanismo esiste un’iniziazione? tra i sessi riguardo una loro maggiore
tanto in tanto a New York facevamo il o minore idoneità al lavoro sciamani-
viaggio sciamanico nel nostro coven, Certamente, ed è anche l’esperienza co. Devo dire, comunque, che da alcu-
ma mantenevamo le due cose separa- chiave che indirizza la persona sul cam- ni anni a questa parte c’è una predo-
te. Cioè una volta si celebrava un rito mino sciamanico. Questa iniziazione minanza di donne nei seminari di scia-
wicca, un’altra volta si decideva di però viene data direttamente dagli manismo e, mi dicono, anche in altri
lavorare sciamanicamente. L’ultima spiriti attraverso esperienze come lo tipi di seminari.
volta che sono stata là due anni fa, smembramento o malattie molto gravi.
un’amica mi ha chiesto di condurre un Generalmente avviene spontaneamen- Lo sciamanismo, che possiamo conside-
viaggio sciamanico per il suo coven. te, manifestandosi come una crisi che si rare come la prima forma di culto che
Lei voleva fare l’apertura con la ri- risolve solo quando la persona accetta emerge nella civiltà, non presenta una
tualità wicca e concludere con la liba- la “chiamata”. In alcuni casi invece vie- polarità. Secondo l’opinione di alcuni
gione, ma a me l’idea non piaceva e ne ricercata attivamente. Ci sono anche studiosi, anche in ambito Wicca, esiste
anche lei ha poi rinunciato. A mio delle iniziazioni formali, ma a volte invece un’intuizione arcaica della pola-
modo di vedere, cercare di fare un rappresentano piuttosto il riconoscimen- rità
viaggio sciamanico dentro una rituali- to da parte della comunità del nuovo o ,
tà wicca stride, ma ciò non vuol dire stato raggiunto dal neofita. L’essenza ad-
che altri non possano farlo. Per me la dell’iniziazione sciamanica è la dissolu-
Wicca ha troppi riferimenti alla sto- zione dell’individuo come essere limitato
ria, alla religione e alla magia e la sua rinascita come essere spirituale
dell’Europa occidentale, mentre lo capace di trascendere l’esistenza mate-
sciamanismo ha riferimenti culturali riale. Grazie a questa esperienza, lo
completamente diversi. Noi non a- sciamano può poi viaggiare nel mondo
priamo il cerchio alla maniera Wicca, degli spiriti e visitare il regno dei morti.
ma usiamo le parole e la gestualità Nel programma più avanzato di adde-
per esempio dei nativi americani, stramento allo sciamanismo sviluppato
usando i sonagli. Sono due tradizioni

8
dirittura, una divinità femmi- manica, questi piani corri-
nile originaria. Che cosa ne sponderebbero rispettiva-
pensi? mente al Mondo di Sotto e di
Sopra, e al Mondo di Mez-
Lo sciamanismo nasce co- zo). In secondo luogo, nello
me espressione religiosa sciamanismo si cerca cono-
delle società di cacciatori scenza e guarigione attraver-
del paleolitico, di qui so la comunicazione con gli
l’importanza del rapporto spiriti tutelari, sia umani che
con gli spiriti animali. Il animali, mentre nella Wicca si
culto della Dea, o perlo- cerca l’identificazione con la
meno la centralità delle divinità, con la Grande Dea.
divinità femminili legate Si parla molto nella Wicca di
alla Terra, si afferma in comunione con il divino, ma
modo preponderante con questo non è lo scopo preci-
le società di agricoltori del neolitico. te, figura totalmente diversa dallo scia- puo dello sciamano. Certamente nel
Queste due tradizioni devono quindi mano. Nello sciamanismo gli dei e le viaggio sciamanico si possono avere
aver convissuto per un certo periodo, dee della cultura locale sono considera- delle esperienze di comunione con il
magari influenzandosi a vicenda. In ti maestri e spiriti tutelari dello sciama- divino o, come diciamo noi, con il po-
effetti, si trovano alcune tracce del no, al pari degli spiriti animali. Egli vi tere dell’Universo, però persiste la
culto delle divinità femminili arcaiche ricorre per ottenere consiglio e aiuto, finalità pratica, si cercano informazio-
(per esempio, la figura della Signora non per venerarli. A volte può trovarsi ni e aiuto. Secondo il mio modo di
degli animali) nello sciamanismo clas- perfino in conflitto con loro, come mo- vedere, Wicca è più una pratica di
sico o tradizionale, che dobbiamo stra il mito siberiano del primo sciama- sviluppo e di potenziamento persona-
però ricordare è esso stesso il prodot- no, che ha dovuto ricorrere all’inganno le, mentre lo sciamano cerca il
to di una lunga evoluzione storica. Il per sottrarre al grande dio celeste “potere” (che è sempre un potere
punto centrale, comunque, è che lo un’anima che il dio teneva prigioniera. spirituale) non tanto per migliorare se
sciamanismo di per sé è un metodo, Per questo si può dire che la dimensio- stesso, ma per guarire e aiutare gli
non una religione. E’ una pratica volta ne teologica è assente nello sciamani- altri. Ci sono tuttavia importanti con-
a guarire e a ottenere saggezza en- smo, anche se riconosce un pantheon di vergenze e punti di contatto tra la
trando in contatto con i poteri del divinità. Wicca e lo sciamanismo: entrambi
mondo invisibile. A volte viene confuso hanno in comune una visione sacra del
con la religione animistica, ma In quest’ottica quali sono, secondo te, cosmo e la concezione della natura
l’animismo – cioè la visione per cui le differenze e le convergenze tra la come viva e animata. Si può dire che
tutta la natura è viva e animata – pur Wicca e lo sciamanismo? sono religioni della Terra, che venera-
rappresentando un assunto di fondo no la natura come spirito divino, con
dello sciamanismo, è un fenomeno Una differenza importante è che lo cui è possibile comunicare ed entrare
culturale più ampio, riscontrabile an- sciamano, per effettuare il suo lavoro di in sintonia. E’ sostanzialmente a que-
che nelle società dove non ci sono guarigione o di divinazione, esce dal sto che Phyllis Curott si riferisce nel
sciamani. Lo sciamanismo è un metodo mondo quotidiano per penetrare nel suo ultimo libro quando parla di una
per modificare la coscienza e acce- mondo in cui gli spiriti dimorano. Nella Wicca più sciamanica. Per questo, per
dere ad una realtà nascosta dove lo Wicca, invece, gli Dei vengono chiamati esempio, si è passati a un’invocazione
sciamano può incontrare aiuto e infor- in questa realtà attraverso le invocazio- dei quattro elementi che ha perso il
mazioni (viaggio sciamanico). E’ inol- ni e i rituali, pensiamo per esempio al tono imperante e di comando tipico
tre caratterizzato da un insieme di rito chiamato “Drawing Down the God- della magia cerimoniale per essere
tecniche di guarigione (recupero dess”. Anche lo sciamano chiama gli più un invito a partecipare e collabo-
dell’anima, estrazione della malattia, spiriti in questa realtà, ma egli opera rare.
ecc.), che lo identificano come feno- principalmente su di un piano che gli
meno a sé stante. Pur nella diversità consente di staccarsi dal mondo ordina- Vedi quindi come un fenomeno positi-
delle culture, questi metodi sono estre- rio per accedere ad una realtà fuori vo la crescita della Wicca in Italia?
mamente uniformi e anche le funzioni del tempo e dello spazio, mentre nella
dello sciamano sono simili. Tra queste Wicca si lavora prevalentemente su Tutte le pratiche che ci aiutano a
non c’è il culto o la venerazione degli questo piano. (Nella terminologia scia- crescere ed evolvere sono positive.
dei, che sono un compito del sacerdo- Anche se c’è forse un aspetto di moda

9
e un affiorare di particolarismi, credo comunque, egli ha pur sempre dato
che la Wicca risponda ad esigenze inizio ad una delle correnti spirituali più
diffuse di una spiritualità diversa, importanti della nostra epoca, un movi-
fuori dai modelli tradizionali ormai mento che è andato allargandosi e
privi di significato. Concordo piena- trasformandosi, rimanendo proprio per
mente con Phyllis Curott quando defi- questo vivo e vitale. Oggi si dà giusta-
nisce la Wicca come l’avanguardia mente importanza alla poesia e alla
del femminismo, poiché porta alla creatività individuale nell’esecuzione
riscoperta e affermazione della don- dei rituali sviluppati da Gardner. La
na non solo sul piano sociale, ma an- nostra sensibilità è cambiata e non ha
che sul piano della spiritualità, nella senso ripetere le invocazioni allo stesso
sua veste di sacerdotessa. Ovviamen- modo, deve venire più dal “cuore”. Lo
te, anche per gli uomini può rappre- sciamanismo è una pratica che lascia
sentare la riscoperta di una spirituali- molto spazio al lavoro del “cuore”.
tà più completa e più naturale. Wicca
è inoltre una religione che onora la E sul lavoro del “cuore” la nostra inter-
vita e la creazione, e questo è qual- vista con Lorenza si conclude, con la
cosa di cui il mondo attuale ha estre- promessa di rivederci presto.
mo bisogno.

Quale ritieni sia il valore della ricerca Lorenza Menegoni collabora


storica per la Wicca? Credi che sia con la Foundation for Shamanic
altrettanto importante come lo è stata, Studies di Michael Harner nell'in-
per esempio, la ricerca di Michael Har- segnare seminari di core shama-
ner per lo sciamanismo? nism in Italia. Per contattarla: L.
Menegoni, via della Villa 117, 38-
E’ importante che le tradizioni e le 052 Caldonazzo (TN), 0461 718
pratiche culturali vadano viste in una
055, lorenza.m@virgilio.it.
prospettiva storica che ne metta in
luce l’origine e lo sviluppo. Solo con
questa consapevolezza possiamo
rielaborare delle pratiche antiche per
adattarle a noi. Michael Harner, co-
munque, lavorava con un sistema già Calendario Seminari
esistente e ampiamente documentato, “The foundation for Shamanic Studies” Italia
che lui ha reinterpretato, ma non cre-
ato. Anche Gardner ha studiato molte Seminari di base:
culture antiche per creare il suo siste-
ma, questo però è la risultante di più 22-23 febbraio 2003, Bologna, condotto da Lorenza Menegoni. Info: Centro
Raggio di Sole, via M.L. King 52/A, 40132 Bologna; tel e fax 0516414575; rag-
filoni culturali che egli ha riunito e gio-s@iperbole.bologna.it
integrato. Basandosi su alcuni elemen-
ti forse autentici e includendone altri, 15-16 marzo 2003, Val di Gresta, Trento, condotto da Lorenza Menegoni. Info:
ha creato un sistema magico-rituale Lorenza Menegoni, via della Villa 117, 38052 Cadonazzo (TN); loren-
che riteneva fosse molto vicino alle za.m@virgilio.it
pratiche originarie della stregoneria
24-25 maggio 2003, Verona (provincia), condotto da Nello Ceccon. Info: Stefa-
europea. L’ha chiamato Wicca o la nia Montagna c/o Centro Studi Sciamanici, via Borgonovo 48, 37043 Castagnaro
“vecchia religione”, mutuando il termi- (VR); tel 0442 92454, cell 335 8295710; info@studisciamanici.it
ne da Leland. Tuttavia il termine di
Vecchia Religione, per quanto sugge- 27-28 settembre 2003, Verona (provincia), condotto da Nello Ceccon. Info: Ste-
stivo, implica una continuità di prati- fania Montagna c/o Centro Studi Sciamanici, via Borgonovo 48, 37043 Casta-
gnaro (VR); tel 0442 92454, cell 335 8295710; info@studisciamanici.it
che che in realtà è solo ipotetica, de-
ve quindi essere usato con questa 15-16 novembre 2003, Melzo (MI), seminario base condotto da Lorenza Mene-
consapevolezza critica. Quale sia il goni. Info: Igor Crocetta c/o Om Namaste, vie De micheli 12, 20066 Melzo
nostro giudizio sul revival di Gardner, (MI), cell 338 2331725

10
Gli Dei dell’Ombra e l’Ombra degli Dei
di Gabriel

Le Erinni e il volto oscuro del divino

Conoscete il mito di Oreste? agli istinti, alle passioni, agli impulsi di Io sono un Wiccan - o perlomeno
Costui era il figlio di Agamennone, crudeltà e vendetta che serpeggiano, mi considero tale - e sono convinto
il famoso comandante degli Achei invisibili ma potenti, negli abissi che, se il neopaganesimo vuole offrire
che, per propiziare venti favorevoli dell’animo? E’ giudizioso combatterli, delle risposte valide all’oggi, deve
alle navi, al momento della partenza cercare di zittire sul nascere la voca- trovare il coraggio di confrontarsi
per la guerra di Troia, sacrificò sua zione al lato oscuro che ognuno di noi, faccia a faccia con l’oscurità, il male e
figlia, Ifigenia. Tornato vittorioso do- in una forma o nell’altra, sente? E’ guardare con occhio saldo le ombre
po l’espugnazione di Ilio, venne però tanto più semplice far finta di essere che porta nel suo stesso seno; perché
assassinato da sua moglie, Cliteme- sordi alla stridula voce delle figlie ogni luce getta un’ombra, ogni ogget-
stra, che voleva vendicarsi della Notte. Ma serve davvero? Non to ha un lato sinistro e bisogna diffi-
dell’uccisione della figlia, sangue del accade semmai che appena voltiamo dare di quel che appare tutto dorato
suo sangue. Oreste, in terra straniera loro la schiena, ci balzano contro con e solare, perché dietro nasconde sem-
al momento dell’omicidio del padre, le zanne stillanti veleno? E non ci ten- pre una corruzione profonda. Il mon-
ritorna in patria e scopre l’accaduto gono allora in pugno, obbligandoci do degli uomini non è fatto né per il
grazie alle rivelazioni della sorella, ad azioni di fronte a cui, in pieno Giorno, né per la Notte, ma è un con-
Elettra. Decide allora di organizzare possesso delle nostre facoltà e senza tinuo fluire di penombre crepuscolari
un tranello: si finge un messaggero essere obnubilati dalla caligine delle e chiarori dell’Aurora. Una Wicca
che porta notizia della sua stessa passioni, la nostra volontà rifugge? Si profumata solo di altruismo, prati
morte e, penetrato nel palazzo, ucci- dice spesso in questi casi: “non ero in fioriti e streghette buone che lanciano
de sua madre, vendicando il fanta- me”. Ma che mai vuol dire? Chi ha incantesimi bianchi potrà apparire
sma inquieto del padre. Ma Cliteme- agito se non tu? Le tue bramosie non forse affascinante a taluni, ma poco o
stra, mentre il suo sangue sgocciola sono forse parte di te? Non accade nulla ha a che fare col mondo reale,
sulla nera terra, con l’ultimo rantolo di piuttosto che una parte di te, in gene- col mondo della vita e con l’eredità
vita evoca dalle profondità del Tar- re ben nascosta ai tuoi stessi occhi al che gli antichi ci tramandano, ram-
taro le Erinni, che i romani chiamava- di sotto della coscienza, come le Erinni mentandoci tenacemente, in innumere-
no Furiae, le terribili vendicatrici che, nel Tartaro, emerga subitamente? E il voli miti ed icone divine, che la tene-
come segugi infernali, braccano Ore- Male poi, che sarà mai? Esiste là fuo- bra c’è e anche chiudendole la porta
ste, cui non resta che fuggire, invocan- ri, da qualche parte, sottoterra? O in faccia non la si terrà lontana per
do la protezione di Febo… alberga solo nei crepacci del cuore molto dal focolare, presto o tardi
Le Erinni non hanno alcuna conno- umano? striscerà dentro, dentro di noi,
tazione positiva nell’Orestea, la trilo- Non sono enigmi di poco conto. Ecco il primo insegnamento che si
gia tragica in cui Eschilo ci consegna Sono in gioco il significato e il senso può trarre da Eschilo: esistono Dei e
queste vicende, anzi, il poeta ne sot- del Bene e con essi il modo adeguato Dee dell’Ombra, del lato oscuro.
tolinea proprio i caratteri ferini, ag- di porci nei confronti dell'umanità, di Alcuni sono ben noti, altri meno:
ghiaccianti e l’insaziabile sete di san- noi stessi e soprattutto degli Dei. oltre alle Erinni, vi sono Ares, il Dio
gue, tutti tratti che le ren- delle stragi e della guerra,
dono così diverse sia dai il cui nome non veniva nep-
mortali che dagli splen- pure pronunciato; Ate, una
denti Olimpi. Eppure an- Dea che induce a compiere
che le Erinni fanno parte azioni impulsive e sconside-
della schiera degli Dei, rate, Dea dell’illusione, del-
sono Dee! l a r o v i n a e
Che senso ha questo dell’accecamento, la conse-
mito per la Wicca? Può la guenza della sua opera sui
tragedia di Eschilo illumi- mortali è la hybris, la traco-
narci sul senso del Male e tanza che sfida gli Dei; Eris,
del Caos? Che posto dare la Discordia, colei che die-

11
spettiva scompare del vivere associato, siano esse laiche
anche la possibili- o religiose. Un individuo difficilmente
tà di ogni giudizio può scrollarsi di dosso tutto questo
morale sulle azioni d’un colpo. Dunque per noi alcuni va-
altrui e, in un certo lori sono tali perché sono un frutto
senso, anche sulle della storia intera dell’Occidente,
proprie: tutto va acquisizioni secolari, se non millenarie.
bene, perché tutto Si pensi alla democrazia e al conflitto
dipende dalla mia che oppone adesso l’Occidente
ottica, dal mio all’Islam: per noi la democrazia è una
punto di vista e conquista storica, ottenuta con sangue,
quindi bene e con le rivoluzioni e con guerre che
male non esistono, sembrano ancor oggi non finire…e
perché ogni indivi- per questo è importante! Certo la sua
de avvio alla guerra di Troia; Phobos duo la pensa a modo suo ed io stesso importanza è relativa, e difatti l’Islam
e Deimos, ossia Terrore e Disfatta, gli cambierò presto i miei criteri di giudi- non la considera un valore, ma nessu-
accompagnatori di Ares e di Eris. Si zio. Questo pensiero tuttavia non corri- no di noi si sognerebbe di buttarla
potrebbe continuare a lungo ed e- sponde alla realtà, perché appiattisce dalla finestra. Lo stesso discorso si
stendersi anche ad altre mitologie, l’essere umano dimenticando proprio può fare per molti ideali. La storicità
oltre a quella classica. Ma penso che quella che è la dimensione essenziale di un valore non intacca la sua impor-
questo basti. che lo costituisce, che ci costituisce: la tanza, ma ci impone un dovere di
Certo, tutto questo può lasciare storia, l’essere degli essere finiti che comprensione per l’origine storica di
perplessi. La Wicca di oggi non è sorgono, scorrono e si dissolvono in un quelle che sono le direttive guida
forse priva di una morale assoluta? orizzonte che è anzitutto storico. E stori- della nostra vita e i metri di valuta-
Non si è liberata dalle pastoie dei co significa: culturale, sociale, geografi- zione che la nostra civiltà ci affida.
valori eterni? Non ha estinto la morale co, etnico, famigliare, politico, istituzio- Tutto questo per dire che è vero
imposta dall’esterno, riconducendola nale, religioso, artistico, insomma tutti i che il Male non esiste, in termini meta-
all’ambito soggettivo della scelta prodotti dello spirito umano. I valori fisici, ontologici, non esiste un Satana
etica personale? Affermare che esi- sono sì relativi, cioè non sono assoluti e nella Wicca, un Male che è tale indi-
stono degli Dei dell’Ombra significa trascendenti, esistenti in un mondo fuori pendentemente da ogni luogo e ogni
dare una sostanza al male, dargli un dal tempo o per decreto eterno di tempo: tutto il male ha la m minuscola.
fondamento ontologico. Esiste qualco- qualche Dio sovrano; tuttavia hanno Ma noi siamo gli eredi di secoli di
sa che è effettivamente Male, con la una loro storicità, una nascita, un senso civiltà Occidentale e le credenze eti-
M maiuscola. Ma non sono io, strega o e sono soggetti di azioni e mutamenti: che di cui l’Occidente è informato
stregone, che scelgo da me ciò che è non sussistono però solo a livello indivi- esercitano la loro, spesso invisibile,
giusto o sbagliato? La libertà della duale, ma anzi, la loro esistenza più influenza su di noi, per cui non possia-
scelta morale soggettiva, dove è fini- autentica ed influente è nella storia, nel mo fare a meno di chiamare Ares
ta? senso sopra chiarito, nell’insieme della “odioso agli Dei e agli uomini”, come
In verità non c’è mai stata, non comunità uma-
completamente. Vorrei approfittare na. Noi uomini,
di questo articolo sul male e gli Dei ognuno di noi
per chiarire il senso del relativismo si trova già da
morale della Wicca, troppe volte sempre immer-
frainteso o ricondotto so in una so-
all’individualismo e per spiegare, in cietà partico-
tal modo, il senso di quel Male su cui lare che inevi-
presiedono alcuni Dei. tabilmente
Non si deve commettere il grave imprime su di
errore di confondere il relativismo dei noi la sua vi-
valori con l’individualismo: sione del mon-
quest’ultimo afferma che i valori sono do, attraverso
posti da una libera scelta del singolo, l’educazione e
dalla volontà di un soggetto che pone nelle forme
da sé i proprio ideali. In questa pro-

12
fa Omero, perché la strage e la vio- nosciuto: la hybris. Il termine indica pro- ricordarsi che sarebbe potuta andare
lenza (gli aspetti “positivi” del guer- priamente in greco la tracotanza, la diversamente e riconoscere che, in
reggiare, come il coraggio e la stra- dismisura, la superbia e il superamento ultima analisi, gli Dei sono più grandi
tegia, sono sotto il dominio di Atena), del limite: indica la sfida degli uomini di noi e che se siamo sfuggiti alle
sono quasi sempre stati avvertiti dalla nei confronti dei Senza Morte, gli Dei. grinfie di Eris, o di qualche altra divi-
nostra civiltà come elementi negativi. Rappresenta un pericolo sempre in ag- nità maligna, è perché qualche altro
Eppure, ed è questo l’aspetto guato nella natura umana, pericolo che nume ci ha sostenuti.
davvero importante, ci sono Dei anche ogni singolo uomo, con le sue forze, Ma questo discorso storico di am-
di questi lati della vita che noi mortali deve contrastare. L’uomo saggio, il pio respiro può forse sembrare che
consideriamo negativi, Dei che grande Eroe è colui che sa arrestarsi perda di vista il male individuale,
nell’antichità venivano pur sempre prima di superare il limite impostogli quello del nostro cuore. Penso invece
onorati, a cui si tributava rispetto. che i risultati fin qui raggiunti ci
Perché mai? Una lode del male? permettano di inquadrare meglio
O semplicemente un tentativo le restanti analisi.
terrorizzato di propiziarsi gli O- Ecco quindi la seconda idea che si
scuri e stornare la rovina? No, accompagnerà nella parte restante
dell’articolo: ogni Dio e ogni Dea
forse la risposta, almeno per le
hanno un’Ombra, un lato oscuro.
streghe e gli stregoni d’oggi, può Di quante storie trabocca la mito-
essere un’altra. L’immanenza divi- logia in cui gli Dei più maestosi e
na. Coloro che forgiarono i miti nobili compiono meschinità, ingan-
pagani non possedevano alcun nano oppure agiscono in preda
sottile concetto metafisico per alla collera o all’invidia! Ricordate
definire di che tipo di esistenza il mito di Aracne? Era un’abilissima
godessero degli Dei; la filosofia li tessitrice che si era vantata di esse-
avrebbe elaborati successivamen- re più brava della stessa Atena,
te, combattendo un’aspra batta- patrona delle arti femminili. Fin qui
glia contro il mito. Ma leggendo potrebbe anche essere un peccato
Eschilo l’idea che si affaccia è di hybris. La Dea allora la sfidò:
proprio quella dell’immanenza: il avrebbe vinto la tessitrice
nome di Ares viene usato per de- dell’arazzo più bello. E vinse Arac-
signare qualunque tipo di batta- ne. La Dea allora, irata, la trasfor-
glia, strage o furore guerriero, mò nell’animale che da lei prende
come se ogni atto di violenza fos- il nome, il ragno, condannandola a
se Ares, fosse una sua manifesta- tessere in perpetuo. Ci pensate?
zione, diremmo noi oggi. In effetti se dalla sua natura umana ed evita così di Atena, la Dea protettrice di Atene,
l’immanenza divina non viene pensata entrare in competizione con gli Immor- madre della civiltà Occidentale, si-
solo come un concetto quanto mai tali. Perché, se questo accadesse, non gnora della giustizia e garante
vago di presenza della Dea nella può che tradursi in una sua disfatta. E dell’ordine civico, agisce sotto la spin-
natura, ma viene esperita come una non è atto di timore degli Dei o meschi- ta di un’ira umana, troppo umana! E’
realtà e con la forza di una percezio- na vendetta la reazione inflessibile fantastico! E questo, ancora una volta,
ne sensibile, ogni aspetto e ogni e- degli Immortali, ma il modo in cui essi non appare solo nella mitologia clas-
vento della vita ha un suo nume, è riportano ordine nel cosmo: la natura sica: si potrebbe citare si sfuggita la
espressione e presenza di un Dio o degli uomini è di essere dei mortali, vicenda di Iside che crea un serpente,
una Dea. Affermare che ci sono Dei finiti, limitati ed entro questi limiti pos- avvelena Ra e poi lo ricatta cedendo-
dell’Ombra dunque non è un diviniz- sono cercare la loro felicità; andar oltre gli l’antidoto in cambio del suo vero
zare la guerra, nel caso di Ares, ma è sciagura. nome. Di certo un atto non molto nobi-
riconoscere che anche nelle stragi, se Riconoscere anche in ciò che si vuole le, soprattutto da parte della regina
davvero tutto è pervaso dal Sacro, evitare, come la guerra, la rovina, la degli Dei.
c’è qualche Dio. E’ tutta la realtà che sconsideratezza, il Dio o la Dea che vi Gli Dei hanno un’Ombra, ci tra-
è Sacra e dunque anche la guerra, la presiede e onorarli è atto di saggezza, manda la mitologia. E così gli uomini,
vendetta e la violenza. per non mancare di rispetto agli Dei. E’ in cui gli Dei sono immanenti. La psico-
E allora perché venerarli? Per non lecito evitare gli eventi funesti; ma è logia analitica ci avverte che siamo
cadere nell’unico peccato capitale che saggio, una volta scampato il pericolo, sempre accompagnati dall’Ombra,
il paganesimo antico abbia mai rico- quella parte della nostra psiche che

13
contiene il rimosso, ciò che non accet- Dio, la Chiesa, i santi – e dall’altra non magico aiuto di Peitho, la Persuasio-
tiamo di noi, i desideri inconfessabili, può che addensarsi tutto il male, che ne, le convince a deporre ogni propo-
le paure più riposte, tutte le possibili- confluisce nella figura di un demonio e sito di vendetta e in cambio a diven-
tà non colte, ciò che non abbiamo il che ricade, inevitabilmente, sull’uomo, tare le Eumenidi, le Benigne, protettri-
coraggio di essere, ciò che siamo ma che è il non-Dio e dunque peccatore. ci della città e ad essere onorate con
non vorremmo essere. E meno siamo Satana è l’ombra di Dio, perché dove altari e libagioni. Ecco che, nella con-
coscienti della nostra Ombra, più que- la luce splende più intensa, le ombre si clusione della tragedia, le Erinni, rive-
sta è estesa e nera. E più è facile che fanno più oscure e più nette. Gli Dei stite di chitoni scarlatti, a simboleg-
prenda il possesso di noi. Ricordate la pagani invece portano già dentro di sé giare la loro nuova condizione di
frase dell’inizio? “Non ero in me” – è sia le possibilità negative, che positive, benevole, si avviano in corteo con
vero, era la tua Ombra ad agire al unificate, perché la stessa divisione fra Atena e tutti gli abitanti di Atene alle
posto del tuo Io…ma la tua Ombra è bene e male nasce solo con l’uomo e loro nuove sedi, vengono riconosciute
pur sempre una parte di te. Per que- nell’uomo e gli Dei, che vengono prima degne di prestigio e invece di scate-
sto vi dicevo di diffidare delle appa- del mondo intero, ne sono al di sopra. nare la loro furia divengono le custodi
renze di perfezione. La legge di com- Non siamo noi ad essere imperfetti. dell’ordine sociale. Il male e il caos,
pensazione nella psiche è sotto il duro O meglio, noi sì, siamo imperfetti, ma con una finezza tipicamente greca,
controllo di Ananke, la Dea della perché gli Dei stessi lo sono! E la loro grazie all’astuzia e alle parole accor-
Necessità: l’Ombra, eliminata dalla immanenza in noi non può che compor- te della Dea dagli Occhi di Civetta,
coscienza, acquista nell’Inconscio un tare che noi siamo a loro immagine e vengono integrati nell’ordine del co-
potere smisurato, giacché noi siamo in somiglianza e portiamo nel cuore tutta smo.
grado di trattare, di aver a che fare la vasta gamma delle possibilità divine,
solo con ciò di cui siamo consapevoli e dalle profondità infernali fino alle vette
se non siamo consapevoli dei nostri dell’Olimpo. Tutti gli Dei dimorano
lati negativi, non possiamo arginare dell’anima di ognuno di noi. Se ne pre-
la loro azione quando prenderanno il feriscono sempre alcuni rispetto ad altri,
sopravvento, certi che prima o poi lo ma quelli ai cui altari si va meno spesso,
faranno, perché ogni aspetto della devono comunque essere onorati e bi-
psiche tende ad esprimersi. sogna, di tanto in tanto, portargli offer-
Diventare consapevoli della pro- te, per evitare che la loro ira si scateni
pria Ombra significa conoscersi e e che la loro ombra ci copra per intero.
accettarsi – la saggezza di Apollo è Voltargli le spalle, far finta che non
sempre viva! perché l’Ombra non esistano è un atto di hybris…ma ricor-
può essere eliminata, né completa- date: non si possono ignorare gli Dei
mente domata, ma bisogna riconosce- impunemente!
re il suo senso, dare spazio ad alcune L’Ombra delle Erinni, che sono Dee
delle sue istanze e delle sue richieste. Oscure, è una Luce, e le terribili vendi-
L’Ombra, una volta che se ne prende catrici si trasmutano in tal modo nelle
consapevolezza, non scompare, ma si Eumenidi. Ecco la conclusione della vi-
integra col resto della psiche, con la cenda di Oreste:
luce della coscienza, in un rapporto …Apollo tiene a bada le Erinni e
che deve tendere continuamente ad dice al suo protetto di rifugiarsi ad
un nuovo equilibrio. E non è questo ciò Atene, dove Pallade Atena in persona
a cui ci ammaestravano gli antichi? avrebbe presieduto un giusto processo
Non è questo che ci insegna la conclu- sull’Acropoli. Iniziata la contesa, i mem-
sione della storia di Oreste, che ripor- bri del tribunale ascoltano attentamen-
to più avanti? Forse erano più saggi te entrambe le parti in causa, Oreste e
di noi. E forse il mito ha molto da inse- le Erinni, e il giudizio dell’Aeropago si
gnarci su noi stessi e sulla nostra psi- risolve con un verdetto di parità. La
che. Dea stessa allora, ultima a votare, dà
L’ombra che ogni uomo non è un ragione a Oreste e lo scagiona. Le Erin-
segno di imperfezione. Sarebbe un ni minacciano di scatenare ogni genere
errore pensarlo, l’errore delle religio- di pestilenza e flagello sulla città, mos-
ni monoteiste che spaccano il mondo se dall’ira che divampa dopo
in due: da una parte tutto il bene – l’umiliazione subita. Atena, grazie al

14
Volta la Carta
di Circle of Sand

I tarocchi nella storia e il loro utilizzo pratico

“C’è una donna che semina il gra- merò “classico”, è formato da 78 car- cora scambiano la Forza con la Fortu-
no, volta la carta e […]” così canta- te: 22 Arcani maggiori (o Trionfi o na. Molti considerano in ogni modo la
va il grande Fabrizio. Lame) e 56 Arcani minori (o carte di carta centrale o iniziale la chiave di
“[…] Angiolina cammina cammina corte). lettura di tutto il mazzo.
sulle sue scarpette blu [...]” a mio I Trionfi sono: il Matto, il Bagatto o Le carte di corte sono divise in quattro
parere una delle canzoni più belle. Mago, la Papessa, l’Imperatrice, semi: bastoni, coppe, spade e ori e la
I Tarocchi, insieme alla radioestesia e l’Imperatore, il Papa, gli Amanti o serie si compone di una numerazione
alla più iconografica sfera di cristallo, l’Innamorato, il Carro, la Giustizia, da 1 a 10, con l’aggiunta di 4 figure,
sono i mezzi di divinazione più famosi. l’Eremita, la Ruota della Fortuna, la che sono fante o principe/principessa,
I Tarocchi sono un libro, “IL LIBRO”, Forza, l’Appeso, la Morte, la Tempe- cavaliere, regina e re.
attraverso il cui mutare delle pagine ranza, il Diavolo, la Torre, le Stelle, la I trionfi sono considerati da alcuni le
sempre uguali si può leggere passato, Luna, il Sole, il Giudizio, il Mondo. cause che si avvicendano nello svol-
presente e futuro; alcuni li consi- gersi del destino, mentre le
derano talismani o sigilli dal carte di corte sono gli effetti
gran potere magico...“Venghino di tali cause.
signori, venghino, non c’è trucco Vorrei soffermare l’attenzione
non c’è inganno!” o se preferite sul mazzo “egizio”, formato
un oracolo combinatorio, un da 78 carte, sempre 22 trionfi
mezzo di meditazione speculati- e 56 carte di corte. Vi sono
va. alcune differenze rispetto al
Spesso i disparati e molteplici mazzo “classico”. Alcuni arcani
mazzi scaturiti nel passare degli sono rappresentati in maniera
anni sono specchio e scrigno di diversa: il numero 1, ad esem-
eterogenee visioni filosofiche, pio, principio generativo e
momenti storici e delle diverse dinamico, non é rappresentato
culture. dall’uomo ma dal Caos pri-
I Tarocchi, le cui sicure origini mordiale o dalla Causa Prima;
sono tuttora un mistero, iniziano il numero 3 è nominato Le
ad emergere con decisione dal- Piante, rappresentazione be-
le nebbie del tempo alla fine nevola e femminile di un regno
del medioevo. In qualche stral- della natura; altri sono gli
cio di bolla si condanna il gioco insiemi rappresentati come Gli
d’azzardo associato a questo Uccelli e I Pesci, Il Cielo e Gli
“strumento demoniaco” di corruzione La loro numerazione è varia come le Astri, mentre restano invariati alcuni
e dissolutezza. Sembra vi fossero filosofie che hanno interpretato il dei rimanenti Trionfi, come L’Eremita,
diversi giochi con cui svagarsi, ma il mazzo in momenti diversi. La numera- La Giustizia e La Forza.
più diffuso era un “briscolone” di tutto zione forse più comune è quella che Un’altra differenza fondamentale è
rispetto, non privo di attrattiva e dif- assegna al Matto lo zero e, partendo la numerazione, che comprende tutte
ficoltà, dove i Trionfi sono le briscole. con l’uno per il Mago, arriva, secondo le carte del mazzo senza interromp-
Questo gioco era così interessante che l’ordine sopra elencato, fino al ventu- ersi tra i due insiemi, come a segnare,
più avanti nel tempo, nel XIV secolo no per il Mondo, ma saltando il nome a mio parere, le pagine di un vero e
circa, ebbe discreta fortuna anche del tredicesimo arcano, la Morte. Altri proprio libro. Ovviamente l’ordine dei
alle corti d’Austria, di Spagna e di posizionano il Matto o alla fine come Trionfi è diverso.
Francia... figurarsi! ventiduesimo o come ventunesimo, La particolarità più vistosa è che Il
Il mazzo più diffuso, quello che chia- spostando il mondo al ventidue o an- Folle è il numero 78, quindi chiude

15
dell’Arcano numero 1, il gruppi di dieci elementi, senza alcun
Bagatto, l’Astrologo e il riferimento né ai Trionfi né ai semi. Il
Mago, tanto da inserirle primo gruppo è delle Condizioni U-
tutte e tre. Anche non ap- mane, tra cui il Papa e il Merchadan-
prezzando il personaggio, te; poi il gruppo di Apollo e le Muse,
più o meno favole annesse, tra cui Apollo, Clio e Talia; il terzo
consiglio a tutti coloro fos- gruppo de Le Arti e le Scienze, tra cui
sero interessati di leggere la Poesia e l’Astrologia; gruppo de
il Libro di Thoth da lui scrit- Gli Spiriti e le Virtù, tra cui la Fortezza
to. Un buon metodo per e la Giustizia; il quinto gruppo de I
Tarocchi Visconti avvicinarsi al pensiero che generò il Pianeti e le Stelle, tra cui il Sole, Vene-
tutto il mazzo e non solo i Trionfi. mazzo e a familiarizzare con il caratte- re e la Prima Causa. Un piccolo com-
Tutti i mazzi “egizi” si rifanno ad una re di quest’ultimo. pendio dell’ enciclopedismo medieva-
teoria che per primo De Gobelin, nel I primi mazzi sono ricchi di varianti: tre le.
1781, con la pubblicazione della sua esempi dal nostro bel paese sono Le Il mazzo dei Visconti fu commissionato
enciclopedia Monde Primitif, divulgò Minchiate Fiorentine e i Tarocchi del a B. Bembo dall’allora Duca di Milano
alle masse. L’idea era che il mitologi- Mantegna, per ciò che concerne le va- i n oc c a si o n e d e l g e n e tl ia c o
co Libro di Thoth, compendio della riazioni, ed il mazzo Visconti Sforza dell’adorata moglie, tanto amata da
dottrina magica egizia e redatto in un come composizione “classica”. volerne raffigurato il volto nella carta
consiglio di maghi diretto da Ermete Le Minchiate sono formate da 40 taroc- della Papessa. Il mazzo, datato 1450
Trismegisto, fosse stato ritrovato e che chi e 56 cartiglia per un totale di 97 circa, è di infinita bellezza, dipinto
stesse diffondendosi sotto le mentite carte. I tarocchi sono i primi 15 tarocchi con acquarello su lamina d’oro. Re-
spoglie di un mazzo da gioco. classici, le 3 virtù teologali (Speranza, centemente ristampato, anche in tira-
Tra i tanti mazzi, l’associazione di Fede e Carità) e la quarta virtù cardi- tura limitata, riporta il mazzo per
ogni carta alle divinità del Pantheon nale, la Prudenza, i quattro elementi ed intero anche se effettivamente manca-
nell’edizione dello Scarabeo, la veste i dodici segni zodiacali per una nume- no quattro carte, il Diavolo, la Torre,
grafica e il materiale di fabbricazio- razione da 1 a 35. Seguono le 5 Arie il cavaliere di denari e il tre di spade,
ne, lo rendono molto interessante e ovvero Sole, Luna, Stella, Mondo e riprodotti per l’occasione seguendo
confortante, affrancando il mazzo da Trombe. Le cartiglie sono formate dai alcune miniature del tempo.
secoli di reinterpretazione cristiana- quattro semi, spade, bastoni, denari e Oltre che per gioco o sfarzo i Taroc-
/magica/esoterica. Per i più canonici coppe, con una numerazione da 1 a 10, chi sono usati per la divinazione. La
rimane il Grand Eteilla, mazzo di J.F. più le figure fante o donna, cavallo, divinazione a mezzo della cartoman-
Allietate, che firmò la sua opera con regina e re. Il detto ispiratore sembra zia, secondo i “sacri testi”, è un atto di
un acronimo. Questi sembra legato a essere “Melius abundare quam defice- medianicità. Ma effettivamente è il
De Gebelin dalla Philalèthes, società re”. mezzo per renderci tramite a che?
segreta fortemente impegnata nel Il mazzo del Mantegna si distingue su- La Bibbia stessa condanna qualsiasi
recupero e nello studio delle scienze bito da tutti gli altri per numero, 50 pratica medianica.
occulte (Quabala, Alchimia, Teurgia, carte. I mazzi di Sibille, composti nor- Quelli che ora io chiamerò “Magisti
Teosofia…). Con Eteilla il mazzo malmente dalle carte di corte, figura Ebraisti”, che hanno tanto la mia sim-
“egizio” si arricchisce di nuovi signifi- più figura meno, partono da 52 carte. patia, si rivolgono all’Arcangelo che
cati magico-filosofici. L’artista ha suddiviso il mazzo in 5 presiede alla terra: Egli dietro le sue
Dall’800 la divinazione esplode come
moda nelle corti europee e M. A. Le- Tarocchi di Crowley
normand, cartomante dell’imperatrice
Giuseppina ne è un famoso esempio.
Una nota spetta al mazzo dei Taroc-
chi Thoth di A. Crowley, non sia altro,
a mio parere, per l’incantevole veste
grafica che impegnò la pittrice Lady
Frieda Harris per 10 anni circa sotto
“l’amorevole” guida di Crowley. Il
maestro rimase comunque così soddi-
sfatto delle opere realizzate che non
riuscì a scegliere tra le tre versioni

16
ali nasconde i due libri del passato e troviamo allo sviluppo tridimensionale
del futuro. Qualcuno dirà che una del serpeggiare da sephiroth a sephi-
certa figura, nella fazione opposta roth, nell’anelito di comunione verso la
ed un po’ più sulfurea, è capace di divinità.
vedere il futuro ma al contrario della Gli illuministi preferivano il primo
concorrenza esso non siede nelle alte percorso o meglio invertire il secondo,
sfere ma, correggetemi se sbaglio, è partendo dall’origine, punto per defi-
un maniscalco, che spesso fraternizza nizione dimensionale, quindi natura
anche troppo con gli uomini. Fig. A stessa dell’imperscrutabilità del divi-
Non dimentichiamo allora le mille e tale sephiroth no, o meglio di ciò che ancora non
una favol... ops, interpretazioni della è detta “La Corona”, lo stato più vicino conosciamo, e viaggiare verso
New Age: nonne defunte, fratelli alie- alla divinità. Ogni Trionfo è associato l’esterno in un continuo vorticare su un
ni, vite precedenti e gattini morti sotto anche ad una delle lettere piano virtualmente infinito da cui ap-
l’auto di papà. Il noir ha sempre il suo dell’alfabeto ebraico. Un mazzo, tra i prendere esperendo secondo il princi-
fascino. tanti, dedicato a questo tipo di ispira- pio della deduzione.
Magari, più semplicemente, solo un zione è The Golden Stairs (notevole an-
tramite telepatico tra consultante e che il libretto allegato, provate a verifi- Come tutti i libri i Tarocchi vanno letti
cartomante? care le associazioni) di G. Tavaglione, ed apprezzati, magari in tempi diver-
Vorrei chiudere l’infinita diatriba con sicuramente il più famoso e, a mio pa- si e con diverse prospettive.
l’affermazione di uno dei più famosi e rere, bravo studioso e artista contem-
accreditati padri della psicoanalisi e “[…] chiama i ricordi col loro nome
filosofo C.G. Jung: “in assenza di cau- volta la carta
se il caso è una causa sufficiente”. e finisce in gloria.”
Personalmente questa frase mi riporta
a pensare secondo una visione molto CONSIGLI
classica: il mazzo, con i suoi archetipi, Qualcosa in rete:
cause ed effetti è un microcosmo com- di bellissimo www.mary-el.com .
pleto e concluso come ognuno di noi; D i s t u z z i c a n t e
quando il mazzo viene mischiato o www.aeclectic.net/tarot/ .
comunque separato, la persona, co- Qualcosa in libreria:
smo in dinamica, genera un imprinting d’indispensabile per iniziare a marcia
Fig. B
sullo stesso che raffigurerà lo stato poraneo italia- no dedicatosi ingranata, Oscar Wirth volume 1 e 2
del microcosmo di quest’ultimo; credo alla realizzazione di molti mazzi (La edito, in eterna ristampa.
che un esempio scientifico di ciò possa porta delle Stelle, Enoil Gavat…). Di raro, il Tarocco Junghiano, uscito
essere l’osmosi. Un vista più generale ma in qualche anno fa, difficile da trovare,
qualche modo compilativa, forse, di be- a t o
Per tutti, illuministi o decadenti, ebra- molte idee è ciò che è stato descritto Tarocco di Marsiglia
isti o gitani, in linea di massima i come il percorso a spirale. Le figure
tarocchi descrivono un percorso, ideate sono due: nella prima (fig. A) si
l’evoluzione. I trattati più sostanziosi parte dal centro di una delle spirali e si
che stimolano la speculazione si svolge fino ad incanalarsi nell’altra, per
riferiscono alla Quabala e all’Albero raggiungerne il centro. Un percorso
della Vita (l’Albero delle Sephiroth). Il votato all’esperire ed abbandonare il
nome stesso del mazzo deriverebbe particolare per accrescere la propria
dal percorso di lettura in senso circo- conoscenza e, in un secondo tempo,
lare del nome della legge ebraica, trascendere ciò che si è imparato per
TORA, solo in senso contrario. trovare in sé l’universo stesso.
L’Albero con i suoi dieci punti e i rela- La seconda figura (fig. B) è formata da
tivi percorsi, in progresso e regresso, una sola spirale e qui si procede
è visto come la matrice di tutto il maz- dall’esterno fino al centro, essendo un
zo. Un processo iniziatico e di purifi- percorso verso l’origine. Potendo imma-
cazione, percorrendo un sistema ge- ginare che il centro della spirale si in-
rarchico di prove e geni, un cammino nalzi fino a divenire il vertice di una
verso il punto più alto dell’Albero: piramide e le spire la sua superficie, ci

17
chi ce l’ha.
Di Extra lusso, Oracolo Bellini, mazzo
classico, iconografia tra incisione a
punta secca e miniatura amanuense,
colori anticati e una stampa in lamina
d’oro con un retro romantico.

Minchiate

La Strega, il Poliziotto e Bridget Jones


di Elaphe

“The Wiccan Warrior” e la Wicca alla Bridget Jones


Che la maggioranza della letteratura ed implichi, quantomeno curiose, se non base, sviluppato a mio parere in mo-
riguardante la Wicca ci giunga da sospette. Non ho letto il libro, dicevo, do estremamente annacquato per via
oltreoceano, non è certo una novità, ma possiamo tutti intuire qualcosa del di una scrittura, ora sopra ora sotto le
né lo è il distacco, più volte ripropo- contenuto e del tono di esso dando righe, che ne svaluta il contenuto po-
sto, che secondo molti è necessario un’occhiata alla serie, oltremodo inte- tenzialmente stimolante. Le varie “vie”
per apprendere quanto eventualmen- ressante, di articoli che lo stesso autore delineate nel testo sono un mezzo per
te utile senza farsi trascinare nel vor- sta proponendo a cadenza più o meno introdurre una serie di esercizi di ba-
tice del politically correct ad oltranza, costante sul sito neopagano The Wi- se (qualcuno più qualcuno meno), non-
da cui tale letteratura è difficilmente tches’ Voice. ché consigli di condotta e di etica
separabile. The Wiccan Warrior - Walking a Spiri- pratica. Oltre ai “soliti” Centramento
Le opere di Kerr Cuhulainn, al secolo tual Path in a Sometimes Hostile World, e Radicamento, ai principi del credo
Charles A. Ennis, Wiccan ed ex poli- il primo libro destinato specificamente Wiccan, ai richiami a Karate Kid,
ziotto, sono da un certo punto di vista al grande pubblico, vorrebbe vedere il viene presentato un sistema non tanto
emblematiche nella loro prevedibilità, mondo e la spiritualità neopagana in un magico quanto etico di vita che ben si
per certi aspetti, che lascia però spa- modo ormai da molte parti ritenuto confà alla Strega.
zio ad un contenuto degno di nota, desueto o quantomeno poco attraente: Ciò di cui si sente forse più la man-
che se non reputassi essere presente la via del Guerriero. Come l’autore canza, e solo perché è ricordato nel
non sarei qui alla tastiera a ribadire, specifica nelle prime pagine, fra gli titolo dell’opera, è proprio la figura
soprattutto per gli sprazzi di origina- archetipi che spesso si trovano nella del Guerriero. Per carità: in ogni pa-
lità che se ne possono trarre. letteratura di genere e nel pensiero gina questo viene nominato e viene di
Il suo primo libro, The Law Enforcement comune associati all’idea di Strega continuo ribadito quanto questa con-
Guide to Wicca, non mi è ancora capi- (Insegnante, Guaritore, etc.) manca la cezione di sé possa essere applicata
tato fra le mani, quindi su di esso non figura del Guerriero. Non c’è, in altre ad ogni aspetto della propria vita,
posso esprimere alcun parere. Co- parole, il tentativo di identificazione come chiunque lo possa fare, come
munque mi è stato riferito che si trat- con gli ideali di valore e di forza, an- Guerriero sia chi alla fin fine lascia la
ta, come il titolo non eccessivamente che e soprattutto morale, tipici dell’eroe sua impronta nel mondo che lo circon-
immaginativo lascia pensare, di una da infanzia, sia esso Lancillotto o il po- da… insomma, tanto è implicito che
guida indirizzata, nelle intenzioni kemon di turno. Una carrellata di esem- ogni Strega sia e possa essere Guer-
dell’autore, ai pubblici ufficiali che si pi di virtù guerriera (o, nel caso di Sun riero che alla fin fine l’impressione è
trovano o si potrebbero trovare di Tzu, guerresca) ad apertura di capitolo quella opposta: che il titolo del libro
fronte ad esempi di religiosità Wic- con la magnifica Litania contro la paura, contenga una parola di troppo, War-
can che potrebbero essere, per chi tratta da Dune di Frank Herbert, come rior per l’appunto.
non è al corrente di cosa ciò significhi citazione iniziale. Questo il concetto di Lo stesso discorso nel prosieguo: Full

18
Contact Magick - A Book of Shadows all’esercito di manuali di autocoscienza coscienza) che altro ed il principio
for the Wiccan Warrior, che vorrebbe ed autoguarigione che affollano gli etico cozza con la mancanza di uno
incentrarsi sull’aspetto più dichiarata- scaffali di librerie più o meno di gene- sfondo in cui essere inquadrato. La
mente magico e quindi guidare il let- re: non a caso The Wiccan Warrior è classificazione di entrambi i testi come
tore, tramite una serie di precetti, stato classificato dall’editore (la sempre “di base”, cui vista la struttura aspire-
esempi, stimoli ad uno stile di vita che presente Llewellyn: come dire da Gar- rebbero, ne soffre.
rientri nei canoni che Cuhulainn conce- dner alla Ravenwolf ed ancora oltre) In sintesi, trovo che siano testi da leg-
pisce. come “self-actualization”. La struttura gere e da regalare, ma assolutamen-
Come sopra, le norme presentate e alla Bridget Jones, frasi univoche e net- te da evitare o posticipare da parte
ampiamente discusse, in questo come te (scarsamente, se mai, interpretabili) di chi non ha mai sentito parlare di
nel testo precedente, con una certa stregoneria: nel momento in cui il let-
erudizione ed una certa preparazio- tore muovesse su di una base già
ne, quantomeno conoscitiva, possono consolidata e refrattaria alla banaliz-
risultare in qualche modo stucchevol- zazione, soprattutto dal punto di vista
mente scomode nella loro intransigen- della sospensione del giudizio, po-
za (relativa, sempre relativa) al letto- trebbero rappresentare uno sguardo
re smaliziato. Come in Wiccan War- alternativo e certo stimolante. Cal-
rior ci ritroviamo principi mutuati da- deggerei una traduzione anche nella
gli Alcolisti Anonimi, il Rede, i pensieri nostra lingua, quantomeno di Full
di Miyamoto Musashi e molto altro, il Contact Magick (come dicevo presso-
tutto applicato alle radici ché tutto il primo libro è rielaborato in
dell’esperienza magica: Conoscere, quest’ultimo): non perché io ritenga
Volere, Osare, Tacere e (novità) Im- che il panorama nostrano necessiti di
maginare. una linea di manuali di auto-aiuto
C’è in realtà molto poco che, presente magico, ma al contrario perché spero
nel primo libro, non venga ripreso nel nasconde come accennato una ricerca che da un’opera così schiettamente
secondo: la supposta distinzione di non indifferente, dal punto di vista in- anglosassone e lineare si possano
finalità (quest’ultimo sarebbe appunto formativo quantomeno, che risulta però trarre, per ridiscuterli, i principi di
dedicato alla pratica magica, mentre sacrificata, imprigionata com’è in una base senza rimanere invischiati nella
Wiccan Warrior specificamente alla sintassi a prova di idiota che vorrebbe rete delle certezze che il testo regala
visione etico-religiosa della stregone- stimolare la ricerca ma, come spesso liberamente.
ria) viene appiattita dai frequenti accade, rischia di spegnerla sul nasce- Un’alternativa, quindi, ai “soliti” auto-
rimandi e dalle molteplici ripetizioni. re, soffocata dal carico di certezze che ri: una visione originale ma non trop-
Come ci si può del resto attendere saltano fuori dalle pagine. po, un testo interpretabile quanto una
l’etica si espande naturalmente e vie- Non giova, a questo proposito, la ricer- ricetta di cucina, una semplificazione
ne ad occupare una gran parte ca del politically correct, della generici- ed un’offerta di certezze che non mi
dell’uno e dell’altro testo; ancora più tà, a mio modestissimo parere del tutto sento di condividere. Per chi (e siamo
importante, sbava nella moralità per artificiale; semmai mi fa pensare quan- in tanti) cerca una visione al maschile
la modalità di presentazione e forse to una visione come quella alla base della pratica magica e religiosa non
di concezione dell’autore. dei testi in questione avrebbe potuto mi sento di consigliarlo, né per chi
E’ innegabile che la scrittura di Cuhu- essere meglio sfruttata: avrei visto con vorrebbe che dalle proprie letture
lainn, sebbene difficilmente gli frutte- estremo piacere una polarizzazione nascano domande e non tanto rispo-
rà un premio letterario di per se stes- maggiore verso il principio maschile ste.
sa, abbia dei solidi pregi: una certa (Atena, Morrigan, Kali, Sekhmet, solo Ma può dare qualche idea, un paio
coerenza di fondo, una vis grezza che per rimanere alle più conosciute Dee di suggerimenti utili, tracce di un
potrebbe essere meglio sfruttata, a guerriere, le avrei viste meglio magari “sistema” applicabile alla propria
mio parere, e soprattutto trattate a parte…) che invece è presso- esperienza per esplorarsi più a fon-
un’immediatezza non sorprendente ché assente. Manca, a dire il vero, una do. E per un manuale di autocoscien-
visto il taglio che ha dato alle sue concezione religiosa tout court; l’autore za alla Bridget Jones non mi sembra
opere. La pletora di esempi e di casi dichiara esplicitamente che il suo credo poi troppo male come risultato…
presi in considerazione, l’imperativo ha poco di stregonesco e si risolve in un
netto rivolto al lettore (“ora scrivete vago magismo, più pratico (e qui, più
nel vostro Libro delle Ombre il prossi- che altrove, si sente il manuale di auto-
mo principio…”) rimandano in effetti

19
Da Imbolc a Ostara
di Falco
Suggerimenti e consigli su come celebrare due sabba

La Ruota gira e non si ferma: siamo Dagda, Brigit è colei che conserva le girare della Ruota dell’Anno, il centro
giunti ad Imbolc, festa celtica in onore tradizioni, poiché la poesia era uno del cosmo che gira e non ultimo la
della Dea Brigit e presto arriverà strumento che andava oltre il semplice ruota che fila i destini delle nostre
l’Equinozio di Primavera. fraseggio, ma che diveniva Magia, vite. Così come per Estia dei greci e
tant’è che non poteva venire scritta, la Vesta dei romani, al culto di Brigit
Imbolc ma solo tramandata oralmente, per i potevano partecipare solo donne, che
celti la poesia era lo strumento della tenevano perennemente acceso un
Ma procediamo con ordine e parten-
memoria rituale. Brigit era anche la fuoco; anche per questo la Dea pro-
do dall’inizio, che cosa vuol dire Im-
protettrice dei guaritori, quindi era a teggeva il focolare.
bolc? Gli studiosi in questo non sono
tutela dei misteri druidici della Guari- Con l’arrivo del cristianesimo alla
concordi, per alcuni il significato è
gione: nelle isole Britanniche persisto- figura della Dea Brigit fu sostituita
“nel grembo” per altri deriverebbe
no tuttora molte fonti consacrate a Santa Bridget, molto probabilmente
da “imb – folc” cioè “grande piog-
Brigit, ritenute miracolose ancor oggi mai esistita, che assume tutti i colori
gia”, tant’è che in molte località di
dalle popolazioni locali, che appen- dell’antica Dea e ogni sua funzione,
origine celtica la celebrazione è chia-
dono ai rami degli alberi che cresco- compreso il rituale del fuoco perenne
mata “Festa della Pioggia”.
che si protrae fino alla riforma
La Natura è ancora addormen-
Anglicana, con cui Enrico VIII
tata sotto il peso dell’inverno,
sospende questo culto.
ma, nonostante tutto, qualcosa
Nelle isole Britanniche molte
comincia a muoversi, la Dea si
tradizioni sono rimaste nel fe-
sta pian piano riprendendo dal-
steggiare Santa Bridget, ovvia-
le fatiche del parto di Yule e il
mente il primo Febbraio. In Sco-
Dio comincia a diventare più
zia viene preparata dalle don-
forte. Le giornate si allungano
ne dei villaggi una raffigurazio-
prepotentemente, il primo di
ne della Dea (o Santa) con le
Febbraio il Sole resta sulle no-
spighe di Avena, viene vestita e
stre teste 57 minuti in più, rispet-
posta all’interno di un corba
to al primo di Gennaio. Per noi
riempita di paglia o avena
più che per i nostri avi è difficile
(detto letto di Bride – Brigit) in
accorgerci del cambiamento in
cui viene appoggiato un basto-
atto, il freddo persiste e a volte
ne, chiaramente di forma falli-
si fa più forte, eppure la Natura
no intorno alla fonte dei nastri, a sim- ca; le donne, dopo aver fatto ciò,
ricomincia a prendere vita.
boleggiare le malattie di cui si voglio- cantano per tre volte “Brid è venuta,
Per i celti Imbolc (Imbolg; Oimelc) è
no disfare. Brid è benvenuta!”, attorno al “letto”
una delle quattro feste del fuoco,
Molti arnesi erano sacri a Brigit, ma i fanno bruciare candele e torce per
giorni in cui venivano accesi grandi
più importanti erano la Ruota del tutta la notte e il mattino, se trovano
falò, ma principalmente in questa
Filatoio, lo Specchio e la Coppa: l’impronta del bastone all’interno del-
celebrazione il fuoco assumeva auto-
quest’ultima rappresenta il Grembo le ceneri nel focolare, traggono un
ritariamente il ruolo di Luce, meglio,
della Dea, il Ventre della Madre da presagio di prosperità per l’anno a
di ritorno alla luce dopo il buio inver-
cui tutto nasce; lo Specchio è uno stru- venire. Nel Nord dell’Inghilterra ven-
nale.
mento di divinazione, molto simile gono preparate le croci di Brigit, croci
Brigit (il cui nome significa Alta; For-
all’acqua, ed è anche la porta verso a bracci uguali racchiuse in un cerchio,
za), che veniva onorata ad Imbolc nei
“l’Altro Mondo”, luogo in cui solo chi simbolo solare e della ruota del tem-
paesi celtici, è la Dea della Sapienza,
ha meritato può dirigersi, quindi, Eroi po e, nel frattempo, vengono bruciati
del Fuoco, del focolare, della poesia
ed Iniziati; la Ruota del Filatoio è il gli emblemi preparati l’anno prece-
e della Guarigione. Figlia del Dio

20
dente. Questa usanza rappresenta potere purificatorio e soprattutto che dell’oltretomba.
l’indispensabilità del calore e della aumentassero la fertilità. Molti i modi per festeggiare Imbolc:
luce per il mondo vegetale e animale. Imbolc è il ritorno della luce, ed è una sicuramente i più lungimiranti potran-
In Italia, e successivamente nel mondo festa in cui vengono onorati il principio no benedire e purificare tutte le can-
cristiano, si festeggia la Candelora. femminile della Grande Madre oltre dele che utilizzeranno fino a quando
Per i cristiani si tratta della festa del- che quello maschile che comincia a la Ruota dell’Anno tornerà a questa
la purificazione della vergine Maria e prendere sempre più confidenza col festa; poi c’è la purificazione della
della presentazione di Gesù al tem- Mondo: questo è il momento in cui la persona, delle cose e della casa, in-
pio. Nel Medioevo, in questo giorno, Natura si prepara ad esplodere, sugli somma le pulizie di primavera; in
venivano consacrate le candele utiliz- alberi si cominciano ad intravedere i molti usano lasciarsi alle spalle il pas-
zate poi nel corso dell’anno liturgico primi piccoli e flebili germogli; è il pe- sato che non piace più per iniziare
(ovvio retaggio pagano). Queste can- riodo perfetto per la purificazione, per una nuova vita, aiutati dalla rinascita
dele rappresentano Gesù, detto an- abbandonare i residui dell’inverno in della Natura.
che “la luce del mondo”. Ancora oggi onore di un periodo più vitale. Quelli che seguono sono due esempi
la festeggiano i cattolici e gli anglica- Essendo la festa della Luce ad Imbolc è per festeggiare Imbolc, o la Candelo-
ni. È probabile che la cerimonia delle tradizione mettere una candela per ra se più vi piace, un rituale per le
candele sia una derivazione ogni stanza della casa o accendere Congreghe e degli utili consigli per i
dell’antico uso romano di portare tutte le luci anche per poco tempo: illu- solitari.
torce accese in onore di Giunone Fe- minate questo giorno più che potete
bruata. perché sarà il passo che porterà alla Questo rituale è stato preso dal sito
C’è un detto italiano che fa: fertilità della primavera e dell’estate! www.stregoneria.info, ed è un rituale
“Se il dì di Candelora Rendete onore al sommesso quanto che condensa più di una tradizione
nevica o plora inarrestabile risveglio della Madre wiccan, in particolare abbiamo degli
l’inverno è fora. Terra e al crescere vigoroso del Padre elementi tratti dalla “Witches Bilble”
Se invece il Sol risplende che ancora non è in grado di scaldare, di Janet e Stewart Farrar e da
nuovo inverno ci attende.” “Italian Witchcraft” di Raven
Negli Stati Uniti la festa della Grimassi.
Candelora è stata sostituita dal
“Giorno della Marmotta”. Rituale per Congrega
A Roma si festeggiavano poco
più tardi, il 15 Febbraio, i Lu- Il Sacerdote si rivolge alla Con-
percali. Si trattava molto proba- grega dicendo:
bilmente di una festa di origini “Noi ci riuniamo in questo sacro
antiche. Due giovani, scelti tra le tempo per innalzare le dovute
famiglie di alta estrazione, veni- preghiere al Signore della Luce.
vano portati in una grotta posta Lui, che era Giano, è risorto nuo-
all’interno del bosco consacrato vamente ed entra nel mondo af-
al Dio Pan e, dopo aver sacrifi- finché tutti i popoli della terra
cato alcune capre in suo nome, possano essere salvati. Celebria-
veniva loro posto sulla fronte un mo, nel tempo stabilito, lo splen-
pugnale insanguinato, immedia- dore crescente del giovane Dio.
tamente altri astanti detergeva- Lui che è Lupercus, Signore della
no il loro capo con lana imbevu- Luce, il Vincitore dell’Oscurità.”
ta nel latte. Venivano tagliate le Il Sacerdote accende una torcia
pelli delle capre in lunghe stri- all’altare e percorre il cerchio da
sce, per essere usate come fruste Nord ritornando a Nord. Mentre
dai giovani prescelti, questi ulti- la Sacerdotessa si rivolge alla
mi dovevano ridere copiosamen- Congrega e dice:
te e correre fuori del bosco verso le forte delle sue lunghe braccia, ma che “Guardate il signore della Luce, lui che
vie della città, riversando colpi di prende forza ogni giorno di più. ha superato le dodici fatiche dei Gran-
“frusta” a chi incontravano. Le donne In alcune tradizioni Wicca è all’opposto di Signori, lui che fa gioire tutto il
in età fertile si esponevano volonta- una festa solare, celebrazione in cui il mondo nella sua resurrezione, lui la cui
riamente a questi colpi, poiché era Dio Sole ottiene la sua vittoria contro il luce porta la salvezza alla terra.”
credenza che le frustate avessero Dio dell’inverno, della morte e La Sacerdotessa si inginocchia a Est e

21
inizia l’invocazione del Dio. verso il Sacerdote e ricevono il vino. Con la scopa che abbiamo caricata
A questo punto il sacerdote si muove La Sacerdotessa recita l’invocazione
ad Est assumendo la posizione del Dio finale: Ogni vetustà andiamo a eliminare
mentre la sacerdotessa evoca il Dio: “Innalziamo ora la dovuta preghiera e E il gelo della morte a scacciare
“Temuto Signore della Morte e della adorazione al signore della Luce. Perché Mentre l’inverno il suo ultimo gelido
Resurrezione, lui è il simbolo del mistero per cui noi respiro va ad esalare
della Vita e datore di Vita; siamo rinati di nuovo. Gioiamo nel suo Spazza, spazza tutt’attorno
Dio che dentro di noi dimori, il cui no- risorgere, poiché questo ci unisce
me è Mistero dei Misteri; all’essenza della giovinezza e della Rina- E quel che è inutile togli di torno!
dai coraggio ai nostri cuori, scita.”
lascia che la tua luce si cristallizzi nel I partecipanti rispondono: Dopo il banchetto, benedite le cande-
nostro sangue “Salute a te o signore della Luce!” le per i mesi a venire, pronunciando
colmandoci del potere della rinascita; queste parole:
perché non c’è parte di noi che non
appartenga agli Dei. Quelli che seguono sono invece dei
Discendi noi ti preghiamo, sopra la tua suggerimenti presi da L’Arte della Stre- Vi benedico creature di cera e di luce
serva e il tuo sacerdote” ga di Dorothy Morrison, pubblicato in
Ciascuno prende una torcia, va a Italia da Armenia: La negatività scacciate
Nord, rimane un attimo in meditazione Servite il vostro scopo, luminose bru-
e procede infine verso Sud, dove ac- Indicazioni per il cerchio ciate
cenderà la sua torcia per portarsi Infuse di magia
infine ad Est e dare la sua offerta a Per l’altare usate un panno marrone Strumenti di luce e potere diverrete
Lupercus. per rappresentare la Terra; per le de- Anche se fatte di cera e stoppino
La Sacerdotessa all’altare recita corazioni usate i narcisi, giunchiglie, Quanto basta durerete
(mentre i partecipanti girano in cerchio crocus, giacinti o altri fiori di stagione Per dare alla creatività un aiutino!
attorno a lei): (N.d.R. ovviamente abita in tutt’altro
“Oh Grande Antico, raggiante di luogo che l’Italia). Ungete le candele Suggerimenti per celebrare Imbolc
splendore e incoronato di potere, av- con olio di muschio e mettetele in moc-
volgici, perché senza di te noi sicu-
ramente periremo. Ora è il tempo
stabilito e noi ti offriamo la nostra
adorazione. Scalda i semi dormien-
ti che giacciono sotto la fredda
terra, nel grembo della Grande
Madre. Confortaci e rinnova la
nostra forza! Guarda questo cer-
chio dei tuoi figli, noi abbiamo
acceso gli antichi fuochi, e ti ser-
viamo fedelmente, attendendo il
potere del tuo calore.”
La Sacerdotessa va ad Est e dà il
calice di vino al sommo sacerdote
caricandolo nel pezzo di pelliccia
di capra, sfregandolo in senso
orario e visualizzando il sole nuo-
vamente splendente nel vino.
Il Sacerdote apostrofa la congrega: coli a spirale ricoperti di edera. Brucia-
Accendete tutte le luci della casa per
“Guard ate la fr esc a beva nd a te l’incenso di Imbolc (una mistura di
qualche minuto per rischiarare il sen-
dell’immortalità. Perché questa è angelica, basilico, alloro e mirra).
tiero della primavera. Se preferite
l’essenza della vita e il dono della vita. Dopo aver tracciato il cerchio con la
potete accendere una candela per
Che i vostri cuori siano gioiosi ora. bacchetta, usate la scopa per spazzare
ogni stanza.
Venite da me e bevete dalla fonte della il perimetro. Mentre spazzate, recitate
Legate tre piccole pannocchie con un
giovinezza. " qualcosa di simile:
nastro di raso bianco, poi avvolgetele in
I membri della Congrega si muovono

22
un centrino bianco a rappresentare re questo momento di parità con le della fertilità Germanica e Sassone,
Bride. Usate una punta di cristallo di tenebre notturne, poiché erano preoccu- in inglese il termine pasqua prende
rocca per rappresentare il Giovane pati che esso ricominciasse a scendere, origine proprio da questa Dea e vie-
Signore. Mentre riponete gli oggetti nel così che sarebbe stata la fine. Per i ne detta Easter. Ad Eastre è legata
cestino, pronunciate: popoli che si affacciano sul Mediterra- strettamente Venere, infatti, Ostara
neo questa è la festa della primavera, vuol dire “Stella dell’est” proprio
Il Giovane e la Fanciulla arrecano la la Natura si sveglia sempre di più e la com’era considerata Venere. Sacra a
luce vita riprende, questa festa è associata questa Dea è la lepre, un mito rac-
L’inverno muore e tutto riluce! alla fertilità, per i popoli del nord conta di come Lei avesse trasformato
Quando insieme giaceranno dell’Europa invece la festa della fertili- un uccello in lepre (o coniglio) e che in
Il gelo scioglieranno tà slitta a Beltane, per le ovvie diffe- questa forma avesse deposto un uovo
E il loro amore di nuovo fertilità renze climatiche. simbolo della nuova vita, ma la Lepre
Alla terra porterà Nelle tradizioni druidiche odierne, que- è associata in moltissime culture alla
Così sia. sta festa è detta Alban Eiler, tradotto fertilità, in Grecia era considerata
“Luce della Terra”, viene preparata la sacra alla Dea Afrodite e a suo figlio
Bruciate tutte le decorazioni che ave- prima semina benedicendo i semi, è Eros ed era l’animale più adatto da
te conservato dal rituale di Yule. chiamata così perché il Sole si trova sacrificare in onore della Dea perché
Questo assicura buona fortuna per sopra l’equatore celeste e quindi da talmente fertile da avvicinarsi ad Ella.
l’anno nuovo. questo momento il giorno domina la Per i popoli nordici era associata alla
Componete dei fasci con fili di paglia notte in durata. Dea della caccia e della Luna, così
che legherete con del nastro nero. In questa giornata il Sole sorge precisa- avveniva in estremo oriente, in Cina,
Attribuite a ciascun fascio una carat- mente ad Est e tramonta precisamente dove oltre ad essere considerata un
teristica che volete eliminare dalla ad Ovest, fornendo così dodici ore di animale sacro ed associato alla Dea
vostra vita, poi bruciatelo nel calde- luce e dodici ore di buio, la festa segna della Luna era un animale totem Yin
rone. il punto di transizione tra il lato oscuro che proveniva dal nord, in suo onore
Dopo il banchetto, uscite all’aperto e quello chiaro dell’anno, è tempo di riti venivano regalati, in questo periodo,
per qualche minuto. Cercate di ram- per nuove speranze, nuovi inizi, nuove degli amuleti di giada come porta
mentare il tepore della primavera, relazioni, progetti e cambiamenti di fortuna.
poi tracciate i simboli maschile e fem- vita. In alcune regioni delle Isole Britanni-
minile (di Marte e di Venere) sul ter- L’equinozio di primavera è la festa in che fino a poco tempo fa era un sa-
reno e racchiudeteli in un cerchio. cui gli Dei s’incontrano e fanno l’amore, crilegio mangiare le lepri, in antichità
Pronunciate parole simili a queste: il giorno in cui ha nuovamente inizio la lo era anche per i Celti, che però
vita, siate felici, camminate nei boschi e sospendevano proprio in questo pe-
Racchiusa nel Sole la vostra luce ri- ascoltate il respiro della Natura, il gri- riodo il divieto per poter partecipare
splenderà do della vita che viene al mondo e che alla fertilità, cibandosi dell’animale
E la primavera verso la fioritura guide- accoglie con un sorriso chi sorride e con che n’era il simbolo.
rà pace chi non riesce ad essere spensie- In molte tradizioni europee, cinesi,
Quando i vostri cuori uniti saranno rato. africane e indiane la lepre è disegna-
nell’amore Per i popoli nordici questa festa è de- ta sulla Luna, ed anche per questo
Sempre più intenso della luce sarà il dicata ad Eastre (Eostre; Ostara) Dea era associata a tutte le Dee lunari.
bagliore. Una leggenda Buddista narra che una
lepre si buttò nel fuoco per sfamare il
Equinozio di Primavera Buddha affamato, questi per ricom-
pensarla impresse la sua immagine
Per quanto riguarda l’Equinozio di sulla Luna.
primavera invece esso si festeggia Ma la Lepre è associata a numerosis-
intorno al 21 Marzo, quando il giorno sime divinità, da Freya che era segui-
raggiunge in durata la notte, pari ta da un corteo di lepri ad Osiride
sono dunque le ore diurne e le ore come simbolo della sua rinascita e
notturne. Per moltissime popolazioni ancora a Thot e, Mercurio in quanto
questo fenomeno aveva importanza messaggeri, Venere, Ostara come
fondamentale, i popoli dell'Europa divinità fertili.
settentrionale, celti compresi, prega- La Lepre è rimasta nella simbologia
vano perché il Sole riuscisse a supera- della pasqua (prima domenica dopo

23
la prima Luna Piena successiva lupo e lo splendore del nuovo giovane Così una mattina la dea si alzò mentre
all’equinozio di primavera), così com’è dio, raggiante di potere, signore del il dio arrivava dal Reame Nascosto. E
rimasto l’uovo principio di vita. cielo.” lei si bagnò nuda nel sacro lago di
L’uovo in moltissime mitologie è il prin- Nemi. Quindi i signori del quattro an-
cipio da cui tutto ha vita, nella mitolo- La Congrega compie il Rito di Unione: goli apparvero a lui e dissero:
gia greca antica fu Eurinone Dea “Guarda la dolce bellezza della Dea!”
d’ogni cosa, in altre parole il Caos [Posizione 1]: “Salute a te, oh fonte di Ed egli la guardò e fu colpito dalla sua
primordiale, a plasmare il Vento del ogni Luce, ti prego donami la tua illumi- bellezza. Così discese sulla terra nella
Nord nel serpente Ofione, per accop- nazione.” forme di un grande cervo.
piarsi con lui Eurinone si trasformo in [Posizione 2]: “E illumina la mia mente “ Io sono giunto per giocare al tuo
colomba e successivamente depose un affinché io possa percepire più chiara- fianco” disse. Ma Diana fissò il cervo e
uovo, l’Uovo Universale, da cui ebbe mente tutte le cose in cui opero i miei parlò: “ Tu non sei un cervo, ma un
origine la vita. Anche la colomba ha sforzi.” dio!” E così egli rispose: “Io sono Her-
un grosso ritorno nella Pasqua cristia- [Posizione 3]: “E illumina la mia anima ne, dio della foresta. E ancora, mentre
na. infondendole la tua essenza di purezza.” sto sopra il mondo io tocco anche i cieli
La celebrazione dell’equinozio di [Posizione 4 e 5]: “Io ti rivelo la mia e sono Lupercus, il Sole, che ha bandito
primavera è la celebrazione della essenza interiore affinché sia mondata e il Lupo della Notte. Ma, oltre a tutto
vita odierna e futura. In passato le purificata!” ciò, io sono Pan, il primo nato di tutti
prime uova di primavera venivano gli dei!”
cotte e poi dipinte, poi venivano do- Il Gran Sacerdote e la Gran Sacerdo- La dea sorrise e uscì fuori dell’acqua un
nate come simbolo di fertilità e buona tessa sistemano i semi sopra la pezza tutta la sua bellezza: “ Io sono Artemi-
speranza, si accendevano grandi falò bianca con una macchia rossa e benedi- de, dea della foresta, ma quando sono
in cui veniva messa la bambola di cono i semi da piantare. davanti a te sono Selene, dea della
frumento o grano fatta durante Luna. Ma, oltre a tutto ciò, io sono
l’ultimo raccolto, del precedente anno, “ Benedetti siano questi semi, in nome di Diana, la prima nata di tutte le dee!”
e le ceneri venivano utilizzate per Diana e Pan. Possano essi crescere forti E Fauno le prese per mano e assieme
fertilizzare i campi che andavano e abbondanti dando un ricco raccolto camminarono per i prati e le foreste,
seminati. per tutti.” raccontando i loro racconti di antichi
Gli Dei sono ancora giovani, ma le misteri. Si amarono e furono uno e
loro forze crescono sempre di più, il Gli astanti: assieme governarono il mondo.”
loro potere aumenta giorno dopo
giorno, fornendo alla Natura “ Per i nomi di Diana e Pan, così sia fat- Il Gran Sacerdote dice da Nord: “
grand’energia. to!” Dov’è la mia signora?”
La Grande Sacerdotessa cominciando
Adesso la Fanciulla si rivolge alla Con- da Nord si muove ad ogni punto car-
Anche per questa festa vi riporto un grega: dinale con la torcia accesa e, dopo
rituale per le congreghe, preso dal essere passata nuovamente da Nord,
sito www.stregoneria.info, che è ri- “ Ora accadde che Diana ebbe nostalgia si ferma a Est.
prende le due fonti citate prima e dei della luce del mondo e dei suoi molti La Fanciulla dice:
consigli per i praticanti solitari, ripresi figli. Così lei partì dal Reame Oscuro, in “ O grande oscuro, la tua signora vie-
invece dal libro “Wicca” di S. Cunnin- segreto, lasciando il signore delle tene- ne a noi e noi le diamo il benvenuto
gham pubblicato in Italia da Armenia: bre nella sua solitudine.” con immensa gioia. Tutte le cose viventi
sanno che lei è vicina e il mondo bruli-
Da www.stregoneria.info Si legge il mito dell’ascesa: ca di vita ancora. La nostra signora
viaggia ora per incontrarci e la sua
Il Grande Sacerdote si rivolge ai “ Ora accadde che Diana ebbe nostalgia essenza è sopra le foreste, i campi e le
membri della Congrega: della luce del mondo e dei suoi molti valli.”
figli. Così lei giunse al mondo e fu accol- La Grande Sacerdotessa:
“Celebriamo ora, in questa riunione, ta con grandi celebrazioni. E Diana vide “ Ascoltatemi, perché ora io vengo a
l’inizio dell’ascesa della signora dal lo splendore del nuovo dio mentre solca- voi! Ascoltatemi, tutti voi che dormite
celato reame delle ombre. Perché va i cieli ed ella lo desiderò. Ma ogni nell’abbraccio dell’inverno! Svegliate-
questo è il tempo del suo desiderio notte egli ritornava nel Reame Nascosto vi nella rinascita, venite avanti, rice-
per la luce e la vita del mondo. Noi e non poteva vedere la bellezza della vete ora la mia essenza e siate pieni
proclamiamo anche la morte del dio dea nel cielo notturno. di vita e di desiderio per la vita.”

24
La Fanciulla dice vino e danze.
alla Grande Sa- Dopo, i semi den-
cerdotessa: tro il calderone
“ Ascoltami, o devono essere
grande dea della piantati in un
terra, ritorna a campo seminato o
noi nella tua in- lo sospenderanno
cantevole natura, al ramo di un
amorevole fan- albero per effet-
ciulla, giovane, tuare buona cac-
gioiosa e amorevole. Solo tu puoi cerdotessa: cia.
spezzare l’incantesimo dell’inverno e
incantare la terra con la tua essenza. “ Ammira la bellezza della dea, lei che è Da Wicca di S. Cunningham
Salute alla Grande Dea!” Artemide, dea della terra, lei che è Se-
La Grande Sacerdotessa assume la lene, signora della luna, lei che è Dia- È tradizione adornare l’altare di
posizione della Dea. La Fanciulla lega na, sovrana dell’universo!” fiori, disporli attorno al Cerchio e
un sacchettino di terra alla cintola sparsi per terra. Il calderone viene
della Grande Sacerdotessa. La Con- Il Grande Sacerdote rivolto alla Gran riempito con acqua di fonte e fiori e si
grega dice: Sacerdotessa dice: indossano petali e boccioli. Potreste
anche appoggiare sull’altare una
“ Salute alla Grande Dea! Ogni bene- “ Tu sei veramente la bellezza di tutte le piccola pianta in vaso.
dizione a Diana!” cose! Tu sei la terra, il cielo e oltre! Sistemate l’altare, accendete le can-
dele e l’incenso e create il Cerchio di
Ognuno quindi si fa avanti verso la La Fanciulla lega il sacchetto di semi Pietre.
Grande Sacerdotessa e da il benve- alla sua corda, dicendo al Gran Sacer- Recitate il canto di Benedizione.
nuto alla dea invocando il triangolo dote: Invocate la Dea e il Dio con parole a
della manifestazione sul suo corpo con vostra scelta.
la punta delle dita (toccando la spal- “ Guarda il potere del dio. Egli che è Mettetevi in piedi, davanti all’altare
la destra, sinistra e il pube) e quindi Fauno, signore della terra, egli che è e, mentre concentrate il vostro sguar-
abbracciandola, dicendo: Lupercus, signore dei cieli, egli che è do sulla pianta, dite:
Pan, sovrano dell’universo!” “O Grande Dea, Ti sei liberata dalla
“ Che tutti siano benedetti in Diana.” prigione di ghiaccio dell’inverno.
La Grande Sacerdotessa si rivolge al Adesso tutto fiorisce. La vita si rinnova
La Fanciulla quindi apre il sacchettino Gran Sacerdote: con la tua magia,
legato alla corda della Grande Sa- Madre Terra. Il Dio si espande e risor-
cerdotessa e pone un poco di vino nel “ Tu sei veramente il Potere in tutte le ge, carico di passione giovanile.
sacchetto; quindi rimuove un po’ di cose! Tu sei la terra, il cielo e oltre!” E prorompe la promessa dell’estate.
terra sistemandola sopra un piccolo
fazzoletto, quindi sistema il fazzoletto Gran Sacerdote e Gran Sacerdotessa Toccate la pianta. Mettetevi in con-
nel calderone. Ciascuna arriva da- si rivolgono il triangolo della manifesta- nessione con le sue energie e, attra-
vanti e sistema un’offerta nel caldero- zione e si dicono: verso di essa, con quelle di tutta la
ne che la Fanciulla ha sistemato di Natura. Viaggiate al suo interno, nel-
fronte alla Grande Sacerdotessa. “ Benedetto sia l’aratro, il seme e il sol- le sue foglie e nel suo fusto, attraver-
Preghiere, richieste o benedizioni co!” so la visualizzazione,dal cuore della
possono essere attuate in questo mo- vostra coscienza, attraverso il vostro
mento. La Grande Sacerdotessa rima- I membri della Congrega lo ripetono su braccio e le vostre dita, fino ad en-
ne nella postura della dea per l’intero un membro del sesso opposto. trare nella pianta stessa. Esplorate la
tempo, quando ha finito la sacerdo- Poi si riuniscono in cerchio e si scambia- sua natura interiore;sentite il miraco-
tessa va a Ovest Il Grande Sacerdote no un abbraccio e un bacio. loso processo della vita, che lavora al
prende la torcia illuminata e cammina A questo punto la Fanciulla va dal suo interno.
lungo il circolo tre volte cominciando Gran Sacerdote apre il sacchetto di Dopo un po’ sempre toccando la
al nord e come egli il terzo giro quat- semi, prende dei semi e li pone sopra il pianta dite:
tro membri della Congrega la ferma- tessuto all’interno del calderone. Cammino sulla Terra dell’amicizia, non
no e lo presentano alla Grande Sa- La celebrazione si conclude con dolci, per dominio.

25
Dea Madre e Dio Padre, traendo il loro significato magico utiliz- nizzarsi con la Natura) comprendono
Infondetemi l’amore per tutte le cose zando dei libri, servendovi della vostra quelli fatti con i semi, ad esempio il
viventi, intuizione e del vostro istinto, di un pen- girasole, di zucca, di sesamo e i pino-
Attraverso questa pianta. dolo o altro. I fiori che avete scelto li. Sono altrettanto appropriati i ger-
Insegnatemi a rispettare la Terra e tutti rivelano le vostre emozioni ed i vostri mogli e tutti gli ortaggi a foglia ver-
i suoi tesori. pensieri più reconditi. de. Abbondano sulla tavola in questa
Che io possa non dimenticarlo mai! È importante, in questo momento di festa anche piatti a base di fiori, co-
rinascita della vita organizzare una me i nastruzzi ripieni, i dolci di garo-
Meditate sul cambiamento delle sta- passeggiata o una camminata nei prati, fano.
gioni. Sentite il risveglio delle energie in un prato, nei boschi, nella foresta ed
intorno a voi, nella Terra. in altri luoghi nel verde. Non prendetelo
A questo punto se necessario potete per un semplice esercizio, perché non
compiere lavori di magia. avete altro compito che apprezzare la
Celebrate il piccolo banchetto. Natura. Fate in modo che la vostra pas-
Cancellate il cerchio. seggiata sia una celebrazione, un ritua-
le vero e proprio per la Natura.
Tradizioni di Ostara (sempre da Wic- Altre attività tradizionali comprendono
ca di S. Cunningham) il piantare i semi, creare un giardino
Un passatempo tradizionale magico e praticare qualunque lavoro
dell’Equinozio di Primavera: andate in con le erbe, per la magia, per la medi-
un prato e raccogliete fiori di campo cina, come cosmetici, per cucinare ed
a caso. Oppure compratene da un anche come forma artistica.
fiorista, prendendone uno o due, di I cibi appropriati per questo giorno
quelli che preferite. Poi portateli a (abbinare la vostra alimentazione con
casa ed utilizzateli per la divinazione, le stagioni è un buon metodo per armo-

Strega Faber di Gabriel

Una delle questioni controverse della una volta, la capacità di percepire, che spero tutti, wiccan e non, condivi-
pratica magica è l’importanza da attri- innalzare e incanalare questa energia deranno, l’ovvia deduzione è che tutto
buire all’utilizzo degli strumenti o dei dipende dalla nostra volontà – diamo funzioni e che l’effetto dipenda esclu-
componenti materiali negli incantesimi. per acquisito il senso di questo termi- sivamente dall’abilità di concentrazio-
Sono necessari? Se ne può fare a me- ne, anche se ci sarebbe molto da pre- ne e dalla fede del mago. Ah, prima
no? cisare. che mi saltiate addosso: mago per me
Ecco le mie opinioni in merito. Come Dato questo presupposto empirico, è chiunque faccia magia, in qualun-
sempre, da un punto di vista que forma o modo. Quindi
wiccan. uno stregone e un cabalista
Prima di tutto una considerazio- sono entrambi maghi. Bene,
ne banale, ma essenziale: la tornando a noi, la proposizio-
magia non è né nelle parole che ne sopra riportata è ve-
si usano, né negli strumenti, né in ra…almeno teoricamente. In
qualunque altro oggetto mate- teoria basta la propria volon-
riale, ma è in noi. E’ vero, vi tà e, sempre in teoria, gli
sono circostanze in cui invece si strumenti sono un semplice
tende a manipolare un potere sostegno mnemonico e un
già presente all’esterno, come mezzo per focalizzare la
nel caso in cui si lavori in un concentrazione.
luogo di potere; ma, ancora In pratica io ritengo siano

26
quasi sempre necessari. rizzano e in questi casi siamo spesso differente – appartengono ad un
La lingua della magia sono i simboli così profondamente coinvolti a livello Altro Mondo, ad un altro livello di
che, ordinati nelle tavole di corrispon- emotivo che mettiamo ogni briciola del realtà, anche se si manifestano nel
denza, definiscono ciò che stiamo nostro essere nell’incanto, ottenendo reame degli uomini: essi sono
facendo, diventano un’espressione risultati che in una situazione normale l’Invisibile. La funzione simbolizzante è
delle nostre radicata così in pro-
intenzioni e del- fondità nell’uomo
le modalità che questi poté su-
d’azione che bito intuire che ogni
vogliamo impri- ente materiale può
mere alle forze divenire simbolo per
magiche che altro, una presentifi-
andiamo evo- cazione di ciò che
cando. normalmente rimane
Quel che mi immateriale e inaf-
preme chiarire ferrabile, ma che,
però è che se grazie a questa
questa nostra capacità simbolica,
volontà, che sta può apparire, ren-
d i e t r o dersi manifesto:
all’incantesimo, l’Invisibile che si fa
non ha dei sim- visibile. E nel mo-
boli a cui ag- mento in cui
grapparsi, ri- l’Invisibile acquista
schia sovente di forma, si può par-
rimanere vaga, indefinita, nebulosa. resterebbero al di fuori della nostra larci, si può averci a che fare e si può
La mia esperienza personale mi dice portata. modificarne l’azione. Anzi, già dan-
che, laddove manca la debita espres- Inoltre le possibilità espressive di un d ogli un’ e spr essi o ne, agi am o
sione, è come se non si riuscisse bene corpo umano, senza ricorrere all’utilizzo sull’Invisibile selezionando la portata
a far presa sulla Magia: ho di strumenti, sono evidentemente limita- della sua azione, fra molteplici corsi
l’impressione che l’energia sgusci fra te. Gli incantesimi lanciati senza l’ausilio possibili, perché nel momento in cui
le dita come se fosse sabbia fine o di strumenti tendono ad avere un più scegliamo di rappresentarlo con
acqua corrente. Certo, successi se ne alto grado di imprevedibilità nei loro un’immagine, piuttosto che con
ottengono, ma di molto inferiori alle effetti, perché è come se, nel formulare un’altra, gli poniamo dei limiti.
nostre piene potenzialità. Invece, qua- l’incantesimo, ci mancassero le parole Dunque, invito tutte le streghe e gli
lora si usi ogni mezzo a disposizione – per dire quel che vogliamo. stregoni ad armarsi di quanti più stru-
colori, incensi, erbe, pietre e gli stru- Un corpo umano non può simbolizzare menti e strani ingredienti riescano ad
menti dell’Arte – la Magia diviene tutti i quattro elementi contemporanea- arraffare. In fondo, come mi disse una
naturale, come respirare; e anche mente, ad esempio; mentre utilizzando volta un mio amico, con gli ingredienti
quando la nostra concentrazione man- coppa, bastone, athame e pentacolo, che ci sono in una qualunque cucina si
ca per qualche attimo (spesso accade, questo diviene possibile, e diviene an- possono rovesciare le sorti del mondo!
in particolare in rituali complessi), che possibile eseguire rituali complessi, Scherzava, ma certo le possibilità
sono gli stessi oggetti che abbiamo che coinvolgono molteplici significati. offerte dalle spezie da cucina sono
davanti che ci riportano al nostro Insomma, usando degli oggetti si può pressoché illimitate.
incantesimo. Non escludo peraltro che precisare meglio l’effetto che si vuole
si diano casi in cui si possa facilmente ottenere, si possono porre clausole e
operare sortilegi, anche potenti e lasciare poco o nulla al caso.
intricati, senza avere sotto mano nul- Dacché l’uomo ha iniziato a tessere
la; ma sono occasioni rare, dettate incantesimi o a celebrare rituali religio-
spesso dalla necessità degli eventi, si, si è sempre aiutato con gli oggetti
che, premendo su di noi, non ci danno del mondo che lo circondavano. Gli Dei
il tempo di prepararci: la Magia ope- o gli Spiriti con cui l’uomo doveva trat-
ra comunque alla perfezione, perché tare – e con cui deve trattare, anche se
sono le circostanze stesse che la indi- magari li chiama oggi con un nome

27
Esperienza personale sul significato di una
congrega
di Corax
Il proprio cammino all’interno di un Cerchio Wiccan

A volte ciò che si pensa di quel che riflessione e il mio modo stesso di mente, da solitari, ci vengono dati da
non si conosce è solo il frutto di idee praticare ha iniziato una metamorfosi: libri. La differenza è che, sebbene
altrui… ora quando, per motivi di lavoro o nessuno cerchi di imporre un’unica
Ho voluto iniziare con que- linea di pensiero, si
sta frase perché io stesso riesce ad avere una
ho sempre avuto un’idea di veduta molto più am-
Congrega come di un pia del significato di
gruppo legato a regole e idee diverse e a volte
doveri. Il mio cammino da contrastanti rispetto
solitario mi ha portato per alle proprie e quindi
molto tempo le soddisfa- si riesce ad accrescere
zioni che cercavo, stavo anche la comprensio-
bene durante le mie prati- ne di queste idee.
che, mi sentivo in grado di In molte occasioni ho
continuare senza aver bi- richiesto l’aiuto dei
sogno d'altre persone; ma, membri della Congre-
come in ogni crescita si ga. Motivi che a me
arriva ad un punto dove sembravano stupidi,
viene proposto un cambia- ai loro occhi erano
mento, dove le strade si come il più importante
dividono e si deve scegliere quale altro, devo compiere dei rituali da dei problemi: questo mi ha sempre
sentiero seguire solo, cerco di seguire il sistema di dato modo di liberarmi da ostacoli,
Quando mi fu proposto di entrare in celebrazione che ha la Congrega e dovuti a sentimenti o incertezze, che
una Congrega mi sono sentito lusinga- non il mio vecchio sistema da solitario; mi impedivano di avere una chiara
to ma, nello stesso tempo, ero spaven- questo non perché ritengo che sia più visuale di certe questioni; sentire i
tato da quello che ritenevo significas- efficace o migliore, ma perché mi pareri di persone “esterne” ai propri
se, a livello di dogmi a cui avrei do- sento attratto dall’energia che si crea problemi personali, è il modo migliore
vuto adattarmi, avere persone intorno quando si pratica in gruppo, energia per trovare un rimedio o un buon con-
durante i festeggiamenti, compiere i ben differente da quella che si svilup- siglio. A parte questo, nel gruppo si
miei rituali alla presenza d'altre stre- pa da soli. La Congrega non è solo un manifesta una sincerità di cui io non
ghe. Erano tutte paure che non mi gruppo di preghiera, ma è diventata ho mai avuto riscontro nella vita quo-
facevano sentire a mio agio, mi pre- per me una sorta di famiglia con la tidiana (chiamatela sfortuna). Poter
occupavo di quello che gli altri avreb- quale sento di poter condividere non discutere di tutto con persone che
bero pensato del mio modo di prati- solo quello che riguarda la mia fede, “capiscono la vostra lingua” è il modo
care, ritenevo che mi sarei sentito ma anche la vita personale; ogni migliore per crescere sia spiritualmen-
diverso a causa delle idee che a volte membro è, al contrario di quello che te, sia culturalmente.
sarebbero state in contrasto con quel- pensavo sarebbe avvenuto, un amico Una Congrega non è un insieme di
le del gruppo…invece mi sono trova- speciale, una persona di cui fidarsi persone che celebrano dei rituali, ma
to davanti ad una realtà completa- ciecamente, nonché un maestro da cui è piuttosto una sola persona che pen-
mente diversa da quella che immagi- imparare qualcosa. sa in tanti modi diversi, è una sola
navo. Il gruppo era, ed è, così rispet- Nonostante i miei principi mi sono energia che lavora nella simbiosi di
toso e così benevolo che alla prima potuto rendere conto che in gruppo si più corpi. Quando nel gruppo ci sono
celebrazione era come se vi facessi cresce molto più velocemente che da discussioni, ognuno risente degli effetti
parte da sempre. Quello che ho sco- solitari; questo perché si può dialoga- negativi che si creano e, allo stesso
perto mi ha dato parecchi spunti di re liberamente di aspetti che normal- modo, tutti beneficiano dell’energia

28
di stagione e recuperando le mai membri del gruppo delle mie inten-
dimenticate usanze contadine, si zioni; per quello che riguarda lo svol-
ritrova il piacere delle celebrazioni gimento stesso del rituale non sono
legate al raccolto e intrecciate alla obbligato a mostrare in ogni detta-
vita stessa . glio come compirò l’incanto, questo
Oggi le Congreghe non festeggiano perché parole e gesti sono espressioni
esclusivamente i Sabba, si riuniscono in molti casi personali che non occorre
anche durante le Lune Piene per spiegare anticipatamente. Un esem-
venerare la Grande Madre e ope- pio opposto può essere un incantesi-
rare incantesimi; a seconda delle mo basato sulla magia dei nodi, ad
finalità magiche, ci si può incontrare esempio un incantesimo di legame: in
anche in altri momenti del ciclo luna- questo caso si può richiedere un inter-
re. vento attivo a tutti i membri della
Al termine di ogni rituale celebrati- congrega; dopo aver specificato qual
positiva che si forma quando si è af- vo si lanciano gli incantesimi che ogni è l’obbiettivo, chiedo agli altri se vo-
fiatati. singolo richiede. Anche in questo caso vi gliono prendere parte all’incantesimo;
Ogni Sentiero dà risultati diversi, ma è una grossa differenza tra compiere quindi dopo che io ho formulato
personalmente non scambierei mai il un incantesimo da soli e in Congrega: le l’incantesimo ogni membro ripete il
mio con quelli di altre persone: primo energie che si formano sono diverse e mio gesto di legame facendo un nodo
perché mi ci sono imbattuto in manie- del tutto particolari; all’interno di un sulla corda e ripetendo la richiesta
ra del tutto “magica”; secondo perché gruppo si lavora in perfetto amore e che io ho fatto, questo per rafforzare
quel che provo ogni volta che ci incon- perfetta fiducia, ogni membro che ri- ancora di più l’intensità dell’incanto.
triamo, anche al di fuori dei momenti chiede l’aiuto degli altri è tenuto a con- Sono davvero felice di aver trovato
rituali, mi trasmette emozioni di una dividere l’intento di ciò che si appresta persone speciali sulle quali fare affi-
consistenza tale che mi fanno gioire a fare, in modo che, se qualcuno non damento e soprattutto sono felice che
della scelta che ho intrapreso. fosse d’accordo, abbia la possibilità di il mio modo di interpretare la Con-
Storicamente le Congreghe erano non partecipare. In molti incantesimi non grega sia risultato sbagliato.
gruppi di persone che si trovavano c’è bisogno che le altre persone del
durante i Grandi Sabba, negli equi- gruppo siano “operative”, in altri invece
nozi e nei solstizi, e festeggiavano con si richiede l’aiuto attivo di uno o più
gli Dei per avere un buon raccolto o compagni per lo svolgimento del rito;
per ringraziare dell’abbondanza ma in tutti i casi si partecipa energica-
dell’anno passato, festeggiavano le mente all’incantesimo. Facciamo un e-
ricorrenze legate all’agricoltura, come sempio più pratico: se dovessi compiere
il primo taglio del grano o come il un incantesimo di guarigione avviserei i
passaggio dall’inverno alla primave-
ra, quando arriva il tempo di comin-
ciare a preparare il terreno per la
nuova semina. In molti casi i Grandi
Sabba erano festeggiati riunendo più
Congreghe dai paesi limitrofi.
In effetti i festeggiamenti in Congre-
ga sono spesso basati su usanze con-
tadine: vivendo dei frutti della terra i
contadini erano in armonia con essa e
gioivano dei suoi doni. Con l’avvento
del Cristianesimo le festività pagane
sono state vietate, si è iniziato quindi
ad avere necessità di “nascondersi”
per celebrarle, perdendo in molti casi
i contatti con le altre Congreghe se
non sciogliendosi definitivamente.
Nella Wicca si ritrova il contatto con
la natura: armonizzandosi coi cambi

29
Dion Fortune e la sessualità
di Gabriel

Il suo contributo indiretto alla Wicca e la sua visione della sessualità

Dion Fortune è, probabilmente, fra posta chiarezza e solida coerenza; più densa e dei corpi materiali; Basso
tutti gli scrittori di esoterismo, colei importanti per la Wicca sono alcuni suoi Astrale – istinti e passioni, desiderio
che maggiormente ha influito sulla romanzi, dove emerge con forza la di attrarre o possedere; Alto Astrale
formazione della Wicca. vena pagana dell’autrice, quali Moon – emozioni astratte, attrazione, desi-
Violet Mary Firth nacque in Inghilterra Magic e altri due, recentemente tradotti derio di unione; Basso Mentale –
nel 1891, frequentò corsi di psicolo- in italiano, Il Dio dal Piede Caprino mente concreta, definitezza, forma,
gia e si interessò alla nascente psico- (dedicato a Pan) e La Sacerdotessa del memoria; Alto Mentale – mente a-
analisi, diventando psicoterapeuta. Mare (che contiene alcune incantevoli stratta, qualità differenziate in tipi;
Dedicò tutta la sua vita con passione invocazioni alla Dea). Alcuni passi dei Basso Spirituale – spirito concreto,
allo studio e alla pratica della magia suddetti romanzi sono confluiti nel Ritua- tendenza per uno dei “Sette Raggi” (i
e dell’occultismo e fu iniziata nel cele- le di Apertura del Cerchio Magico scrit- tipi fondamentali di spiritualità, fra
berrimo ordine ermetico della Golden cui: Cristianesimo, Oriente, Pagane-
Dawn, di cui, fra gli altri, fecero parte simo); infine, Alto Spirituale – spirito
anche A. Crowley, I. Regardie e il astratto o puro, la “Scintilla Divina”,
poeta irlandese W.B. Yeats: il suo sostanza ed energia tratta diretta-
pseudonimo deriva dal motto magico mente dal Grande Immanifesto
che prese come neofita dell’Alba Do- (l’Assoluto, ciò che nella Cabala sta
rata, Deo non Fortuna. Al momento oltre Kether, la più alta delle Sephi-
della dissoluzione dell’Ordine, fondò rot). I sette corpi sono divisi in due
una sua organizzazione magica, la gruppi: la Personalità, che compren-
Society of Inner Light, che, nonostante de i corpi dal Fisico al Basso Menta-
vari scismi, continua le sue attività le e che è definita come “l’Unità
ancor oggi. L’importanza di Dion For- dell’Incarnazione”, ossia quella par-
tune per la Stregoneria nasce dalla t e c he p e r ma ne s o l o p e r
forte vena neopagana che si manife- un’incarnazione e che, alla morte, si
sta in molte sue opere e alla cui e- dissolve; l’Individualità, articolata
splorazione impegnò gli anni centrali nei tre corpi costituiti dell’Alto Men-
della sua vita. Verso la fine della sua tale e dai due Spirituali, chiamata
esistenza, o, come direbbe lei, di que- to da
Dion Fortune Gar- anche “l’Unità dell’Evoluzione”, la
sta sua incarnazione, si riaccostò al dner. parte di noi che sussiste in eterno e
Cristianesimo, interpretato in chiave Questo articolo è basato su un altro suo che costituisce il vero nocciolo che
fortemente esoterica, senza mai rinne- piccolo libro, The Esoteric Philosophy of sopravvive ad ogni incarnazione, che
gare le vie da lei precedentemente Love and Marriage, di cui vorrei esporre si evolve, imparando da ognuna di
calcate e considerando il paganesimo qualche idea, per chiarire il pensiero di esse, e che condensa attorno a sé una
un Sentiero valido, accanto a quello Dion Fortune sui generi e sulla sessuali- nuova Personalità per tornare sulla
Cristiano e a quello Orientale. Morì tà. Terra.
nel 1946. Per iniziare ecco la concezione La Personalità è maschile o femminile,
Fra i suoi scritti deve prima di tutto dell’autrice circa l’uomo e il cosmo: il mentre l’Individualità è bisessuale,
essere ricordato il magistrale testo La reale è strutturato su differenti livelli di ossia contiene in sé entrambe le pola-
Cabala Mistica, secondo me una delle esistenza e l’uomo ha un “corpo” per rità, maschile e femminile. Non lo tro-
più valide opere di magia mai scritte: ognuno di questi livelli dell’universo. Nel vate un pensiero molto consonante con
al di là dell’impostazione cabalistica, testo che stiamo analizzando ed in un la Wicca? E’ chiaro dunque che, es-
apprezzabile o meno, contiene una altro suo libro, La Dottrina Cosmica, sendo il nucleo di ogni persona
serie di principi, idee e spiegazioni arriva ad enumerare sette corpi, che un’Individualità bisessuale, ogni indivi-
dei fenomeni arcani esposti con com- sono: Fisico – il livello della materia duo porta sempre in sé entrambe le

30
polarità. Tutto ciò che esiste contiene dicendoci che la polarità sui piani sottili legame di approfondisce, estenden-
entrambe le polarità, perché è relativa: è vero che l’uomo è maschile dosi finché dura l’attrazione istintuali
l’iterazione fra due principi opposti sul Fisico, mentre la donna è femminile, e per tutta un’incarnazione, se si rag-
ma complementari è la legge di tutto ma sugli altri piani i rapporti s’invertono giunge il quarto piano, la mente con-
quel che è manifesto, è la conditio sine ad ogni livello; così l’uomo tende ad creta; più in su si entra nella sfera
qua non per passare dal non manife- essere maschile, ossia attivo, nel Fisico e dell’Individualità e i legami che si
sto, l’Ain Soph Aur della Cabala, al nei Piani Mentali, mentre la donna in stringono a questi livelli durano per un
nostro universo. La chiave di tutta questi piani è femminile e passiva, inve- intero ciclo evolutivo, con le anime che
questa genesi è nel sesso. ce all’opposto ella tende ad essere si ritrovano di vita in vita; al settimo
Il sesso, dice Dion Fortune, è conside- attiva nei livelli Astrali e in quelli Spiri- piano, i due entrano nella Luce del
rato dalla tradizione esoterica come tuali, mentre lui in questi è passivo e Grande Immanifesto e per loro non
un’energia, come una “forza vitale”. Il femminile. c’è ritorno.
concetto importante, dice l’autrice, che L’amore dipende dalla consonanza fra Per dare un giudizio conclusivo, trovo
deve assolutamente essere afferrato tutti i vari corpi dell’uomo e “l’anima la concezione di Dion Fortune estre-
è che il sesso non è qualcosa di pura- gemella” è l’altra individualità con cui mamente affascinante e chiara nello
mente materiale. Bisogna tener pre- siamo perfettamente complementari, su spiegare fenomeni come l’amore, la
sente che, ai suoi tempi, la psicoanalisi tutti i piani d’esistenza. La complemen- sessualità e la reincarnazione, di certo
iniziava appena a diffondersi, veico- tarità è diversa per oggetto e modalità di un indubbio valore pratico. Devo
lando l’idea che la sessualità sia an- da livello a livello: su alcuni piani sono dire che però pecca spesso di un ec-
che, e soprattutto, un affare di psiche, gli opposti ad essere attratti, come su cesso di schematismo e che non biso-
una questione emotiva e immaginati- quello Fisico, mentre su altri, come ad gna sopravvalutarne la portata: ha
va, più che puramente fisiologica; ma esempio il Basso Spirituale, è fra i simili solo un valor strumentale, non esauri-
quest’idea era allora avvertita come che nasce l’amore. Ecco, per darvi sce tutto quel che si può dire
strana. L’autrice va addirittura oltre un’idea, una breve esposizione delle sull’argomento. Quel che pesa di più
Freud, Jung e Adler e le loro teorie: differenti “leggi di accoppiamento” su è di rilevare, accanto a temi indub-
l’uomo, come abbiamo visto, non è ogni livello: sul Fisico gli opposti si at- biamente moderni e ad una certa
costituito né da uno né da due corpi, traggono, poiché ogni essere è attratto apertura mentale, la presenza di
come inizia a riconoscere anche la dalle differenze nel corpo dell’altro; sul pregiudizi nati in una società per mol-
scienza essoterica, ma da ben sette secondo piano l’attrazione dipende dal ti aspetti ancora vittoriana (pensate
corpi. E il sesso agisce in ognuno di mutuo ardere di passioni simili, il simile alle battaglie che dovrà combattere
essi: è chiaro che la “forza vitale” che attrae il simile; sul terzo, l’Alto Astrale, ancora ventenni dopo Gardner per
si manifesta, ad esempio nel Basso sono ancora le differenze a generare pubblicare scritti sulla Stregoneria o
Astrale, sarà soggetta a delle leggi e attrazione, coloro che hanno una gran- per far accettare la pratica del nudi-
a delle modalità d’espressione ben de capacità di amare sono attratti da smo, sconvolgente per i morigerati
diverse che nel Fisico o nell’Alto Spiri- coloro che hanno bisogno di essere a- anglosassoni). Dedica pagine molto
tuale. Su ogni livello del reale, il sesso mati; sul piano della mente concreta la violente contro l’omosessualità e la
come “forze vitale”, è presente e agi- simpatia nasce dalla similarità di inte- masturbazione, pagine che pochi
sce, in modi diversi a seconda delle ressi, coloro che trovano diletto nelle Wiccan, voglio sperare, si sentirebbe-
leggi che governano quel particolare medesime attività si attraggono mentre ro di sottoscrivere. In effetti, è la rigi-
livello dell’universo. Di più: la “forza sul piano della mente astratta, è il mo- dità del suo sistema che va rigettata,
vitale”, e dunque il sesso, è qualcosa do di pensare complementare che ci per poterne trarre profitto: credo sia
di realmente divino, perché scorre attrae, deduttivi con induttivi, critici con più conforme a verità affermare che
direttamente dal Grande Immanife- sognatori; sul sesto piano si attraggono ogni persona, potenzialmente, espri-
sto. solo le Individualità che appartengono me entrambe le polarità su ogni pia-
La “forza vitale” scorre però solo allo stesso raggio, è impossibile che no.
laddove c’è una polarità: forma e nasca attrazione su questo piano fra
forza, atto e potenza, negativo e anime di orientamento spirituale diver-
positivo e, nell’essere umano, maschile so; nel settimo non ci sono distinzioni.
e femminile. L’Individualità, abbiamo Un’altra caratteristica di questa divisio-
detto, è bisessuale, mentre ne è che, più è alto il piano fino a cui
nell’incarnazione la Personalità acqui- l’amore fra due Individualità si è eleva-
sta una delle due polarità…ma le to, più il legame durerà. Sul Fisico
cose non sono così semplici. Infatti l’amore ha solo la durata dell’atto ses-
Dion Fotune complica questo schema suale e man mano che si sale questo

31
L’universo dei sogni
di Corax
La natura misteriosa del mondo onirico

A chi non è mai capitato di svegliarsi tivo o un film che ci ha colpito. Nel so- re un urlo, sfogare i propri desideri
nella notte e non riuscire a dividere il gno la nostra mente ci porta a modifi- sessuali, tutte queste emozioni si in-
sogno dalla realtà? care l’evento in modo da viverlo come trecciano ai nostri sogni facendocele
Sui sogni si possono solo esprimere se fosse una verità: da bambini (e non vivere come realtà. Al contrario dei
pareri personali, la nostra sogni condizionati siamo noi che
mente lavora in modo semi- guardiamo direttamente quello
automatico. Nella Wicca i che accade, proprio come se
sogni sono considerati spesso fossero i nostri occhi a darci le
un messaggio Divino: nella immagini che vediamo.
mitologia il Dio dei sogni era Oltre a questi ci sono anche
personificato col nome di Mor- quei sogni che mettono a dura
feo; nella stregoneria i sogni prova la nostra razionalità -
fungono talvolta da veicolo chiamiamoli sogni fantasiosi -
con i quali gli Dei e le persone dove non troviamo una realtà
trapassate ci portano i loro continua o un filo conduttore fra
messaggi. le immagini che vediamo. A
Molte volte mi è stato chiesto differenza dei precedenti que-
come si possono differenziare sto tipo di sogni cerca di darci
i sogni in categorie. Credo che messaggi precisi da parte della
ogni sogno abbia delle basi, alcune solo) a tutti è capitato di andare a dor- nostra psiche o dagli Dei stessi: le
reali, altre fantasiose, altre ancora mire dopo aver visto un film dell’orrore persone che vediamo hanno continui
ignote, ma in tutte le espressioni che il e svegliarsi durante la notte in preda al mutamenti, come i paesaggi o i luoghi
sogno assume si cela un messaggio panico per mostri o agenti legati al film dove stiamo vivendo il sogno…ad
che la nostra mente ci vuole dare o che si è visto la sera prima. Nella nostra esempio, ci si trova a parlare con una
recapitare. men te c onti n uia mo a ri p eter e persona che si conosce (di solito una
Non parlerò del significato scientifico “sembrava così reale”. Questi sogni persona che ha un ruolo particolare
o psicologico dei singoli sogni, primo solitamente si vivono in seconda perso- nella nostra vita), da un momento
perché non ho una qualifica per farlo, na, quello che sogniamo lo vediamo da all’altro questa persona non è più
secondo perché spetta ad ognuno di una “telecamera” posta dietro o sopra fisicamente quella di prima, il suo
noi capire quello che la nostra mente di noi. Lo stesso succede quando siamo aspetto è cambiato ma voi sapete che
ci vuole dire con le immagini che ci stressati da una preoccupazione, ana- è la stessa persona di prima
propone. Mi limiterò a “creare” una lizzando i sogni che facciamo ci si ac- …oppure si passa da una camera ad
tabella per capire che tipologie di corge che sono frutto esplicito un campo o ad una foresta, ma emo-
sogni possono capitarci, questo ba- d’esperienze avute recentemente: chia- tivamente siamo sempre molto tran-
sandomi su esperienze private e con- miamoli specchi delle nostre emozioni! quilli anche se un po’ confusi. Mentre
divise, mie e di persone che hanno Un altro tipo di sogno è quello determi- nei sogni del tipo precedente al risve-
voluto confidarsi con me ai fini di nato da condizioni psicofisiche. Quando glio si ha una reazione fisica - palpi-
comprendere il messaggio che gli era si è stressati, oltre che psicologicamente tazioni, sudore, tremore, eccitazione,
dato durante sogni particolari. anche fisicamente, accade che ci si ri- ecc. - e ci si ricorda in maniera abba-
Voglio iniziare parlando dei sogni svegli a causa di un brusco movimento stanza chiara quello che si è vissuto, in
condizionati. Molte volte capita che del nostro corpo o di un urlo: questa è questi si prova solo un senso di confu-
durante i sogni si vivano esperienze la risposta che il nostro corpo sogna sione mentale nel cercare di ricordare
legate allo stato d’animo o a qualco- insieme con la nostra mente, sognare di più parti del sogno possibili nella
sa che è successo durante la giornata, cadere e scattare con le gambe a cer- speranza di carpirne il messaggio,
che sia un incontro specialmente emo- care un appoggio, spaventarsi e lancia- ma spesso non si hanno segnali dal

32
non ci tocca in prima persona, Oltre a questi i sogni più misteriosi
un incidente di qualcuno che sono quelli in cui entriamo in contatto
conosciamo, l’incontro tra un con persone che non sono più fra noi.
amico e la sua anima gemella In questi spesso si nasconde qualcosa
o ancora le risposte che qual- che la persona morta ci vuole dire;
cuno ci darà a domande che dicono che è molto promettente gio-
noi gli porgeremo. Spesso li care i numeri che ci sono dati da per-
viviamo come deja-vù, anche sone defunte durante i sogni! Non
questi sono sicuramente capi- saprei dare un nome a questi sogni,
tati a tutti: “questa cosa l’ ho troviamo un vero e proprio contatto
già vissuta”, “adesso succede con un mondo ignoto, da questi sogni
che…”, ma quello che succede possono derivare consigli personali o
lo ricordiamo solo quando messaggi da portare ad altre perso-
succede! In altri casi il messag- ne. Accade talvolta che il messaggio
gio è così chiaro che noi stessi non sia recapitato per paura di toc-
siamo consapevoli che una care l’emotività della persona coinvol-
determinata azione cambie- ta e in questi casi spesso il sogno si
rebbe il corso della realtà: nel ripete più volte, in genere in maniera
caso di un incidente consiglia- identica sia come immagini sia come
nostro corpo. mo attenzione, in altri proponiamo un sensazioni. Credo che questi sogni
C’è una vecchia credenza che dice posto dove andare poiché sappiamo siano più attinenti e possano essere
che l’ultimo sogno del mattino è un che li accadrà qualcosa. trattati in maniera più precisa e cor-
sogno profetico; sono del parere che Scientificamente è provato che noi ri- retta in relazione allo spiritismo.
sia solo una diceria e nulla più. In cordiamo solo un piccola parte dei so- Molta gente mi dice che non ricorda i
effetti esiste però la possibilità di gni che facciamo e il ricordo è legato al sogni o che non sogna affatto. In ef-
avere un sogno da definire profetico, momento in cui ci svegliamo; se il risve- fetti al risveglio ricordiamo solo una
i famosi sogni che si avverano…anche glio avviene durante la fase REM (il piccolissima quantità dei sogni che
se ci accorgiamo che si stanno avve- momento in cui stiamo sognando in ma- facciamo e spesso solo frammenti
rando, nella maggior parte dei casi, niera attiva) siamo in grado di ricorda- molto confusi. A chi vuole ricordarsi i
troppo tardi per modificare il corso re le immagini che abbiamo visto, al di sogni consiglio di alleggerire la mente
degli eventi. Questi sogni sono dovuti fuori di questo momento non riusciamo a prima di andare a dormire con eser-
ad una fase di concentrazione molto ricordare. cizi respiratori o con una bella tisana.
intensa, quella fase in cui il Spesso questo è sufficiente,
subconscio prende ma nel caso non funzionasse
“possesso” della nostra la cosa migliore è puntare
volontà, nella quale ci ac- la sveglia in piena notte,
corgiamo di entrare in una meglio se durante le ultime
condizione di estasi menta- ore del sonno, e scriversi
le, cosa di cui non ci accor- quello che ci si ricorda su un
giamo per nessun altro tipo pezzo di carta, in modo che
di sogni. Durante questa la mattina possiate rilegge-
fase la nostra mente visua- re e ritrovare delle tracce
lizza un movimento di ener- che possono servirvi per far
gie, a volte come colori, riaffiorare altre immagini
altre come flash di ombre dei sogni che avete fatto.
che si susseguono, altre Anche il non ricordare i so-
ancora con sensazioni di gni può essere un messag-
alterazione della percezio- gio. Questo non vuol dire
ne delle misure (sentirsi che non sogniamo, ma solo
piccoli o grandi) come se il che non ricordiamo !
nostro corpo non avesse Altre forme di espansione
consistenza. Questi sogni o del subconscio, che non van-
visioni del futuro, sono spes- no confuse con i sogni, sono i
so legati a qualcosa che viaggi astrali e le visioni, sui

33
quali aggiungo solo poche righe per un’attività alla nostra mente. Il loro ricordo vivido avrò.
distinguerli dai sogni, avremo occasio- Chiudendo vorrei dare un’idea per un Questo ti chiedo mia grande Regina
ni migliori per parlarne in maniera rituale che propizi i sogni. Oltre che E sarai il primo pensiero domattina.”
specifica. cristalli ed erbe, ci sono anche incantesi-
Il viaggio astrale è uno stato di semi- mi che ci aiutano a ricordare o a fare A questo punto spegnere la candela
incoscienza voluta; per arrivare a sogni, ve ne propongo uno. (i pompieri dicono che non è consiglia-
compierli non basta appoggiare la bile lasciarla accesa) e coricarsi ri-
testa su un cuscino. Vi è una prepara- Prima di coricarsi accendere una can- pensando alle parole dell’incantesimo
zione fisica e psichica fondamentale e dela e concentrarsi sulla sua luce. Libe- e cercando di tenere la mente sgom-
richiedono un grosso sforzo energeti- rarsi dallo stress della giornata scari- bra dalle preoccupazioni del giorno.
co e parecchio allenamento. cando tutta la negatività, visualizzando Con me funziona … sappiatemi dire
Le visioni invece sono involontarie, la luce della candela che porta nuova se funziona anche con voi.
solo in determinati casi usando la energia dentro il corpo. Fatto questo
propria concentrazione si può causare recitare mentalmente (se non volete
lo stato di trance che le provoca, con- essere aggrediti da chi sta già dormen-
centrandosi su un oggetto o tenendo do) l’incanto che riporto (se volete pote-
la mano di qualcuno ad esempio. Esse te modificarlo a piacimento):
sono vere e proprie “consultazioni”
del futuro o del passato: all’inizio ci si “ Diana, Dea della notte scura,
spaventa, ma col tempo ci si abitua e Tu che illumini il cielo con il tuo volto di
si riesce a gestire il fenomeno argi- Luna,
nandolo. Queste sono veri e propri Fa sì che possa far sogni felici
attimi in cui la nostra mente vede O che possa incontrare dei miei vecchi
qualcosa di diverso da quello che amici,
vedono i nostri occhi, un po’ quello che Per poter con loro gioire o festeggiare
succede con la visualizzazione solo Fai sì che questa notte io possa sognare,
che quest’ultima è voluta richiedendo E quando domani mi sveglierò

DAL MESE DI MAGGIO SARÀ ATTIVO PRESSO LA NOSTRA ASSOCIAZIONE IL

TELEFONO AMICO PAGANO


SERVIZIO GRATUITO
(AL SOLO COSTO DELLA TELEFONATA)
CHE SI OCCUPERÀ DI FORNIRE INFORMAZIONI SULLA SPIRITUALITÀ PAGANA E
SULLA WIICA E DI OFFRIRE UN VALIDO APPOGGIO CONTRO LE DISCRIMINAZIONI
RELIGIOSE

CERCHIAMO VOLONTARI O SEMPLICEMENTE SUGGERIMENTI SU COME ORGANIZZA-


RE AL MEGLIO IL SERVIZIO

PUOI CHIAMARCI ALLO

320 1918937

34
L’etica degli incanti
di Cronos
Qualche considerazione sulle streghe e i loro incantesimi

Un errore abbastanza comune nella tuita dai benandanti che contrastava- incantamento, sa fare anche il contra-
Wicca è quello di trattare la pratica no le sue opere malefiche dandogli rio.
degli incantesimi come un aspetto battaglia sia fisicamente che sul piano Mircea Eliade, uno dei più grandi
secondario o ancora peggio come un magico, ben documentata da Carlo storici delle religioni, afferma: “La
gingillo per il grande pubblico che Ginzburg nel suo libro “I benandanti”. reputazione delle streghe medievali
non aspira ad altro che trovare ric- Probabilmente esistono due immagini derivava dal fatto che le si riteneva
chezze, potere e amore. I libri di Sil- della strega, una più vicina alla visio- capaci di provocare siccità, grandine,
ver Ravenwolf sugli incantesimi, tre ne classica, la strega come entità ne- epidemie, la sterilità e perfino la
volumi per avere successo, amore e gativa, e una seconda più benevola, morte.” (Mircea Eliade “Ocultismo,
denaro, sono trattati dai brujerìa y modas culturales”
wiccan più seri con estre- ed. Paidos Orientalia, pag
mo disprezzo. In parte 102)
questo atteggiamento può Gerald Gardner sugli in-
essere condivisibile, sono cantesimi afferma: “Le stre-
le motivazioni ad essere ghe possiedono molte for-
sbagliate. In tempi di mule per fare ogni sorta di
Wanna Marchi l’arte de- incantesimi, benché pochi
gli incantesimi naviga in vengano utilizzati oggigior-
brutte acque, non è la no.” (G.B. Gardner
prima volta, non sarà “Witchcraft today”, Mer-
l’ultima e la persone si cury publishing, pag.147).
difendo come possono: gli Come Arne Runeberg in
wiccan per primi al fine “Witches, demons and ferti-
forse di non essere addi- lity magic” possiamo soste-
tati. Tuttavia volenti o nere che la stregoneria fos-
dolenti non si possono se una forza arcana e quin-
gettare dalla finestra di terribile, ma di per se
spilli e bamboline senza non malefica, anzi legata al
chiederci che cosa stiamo ciclo della salute, della ri-
in realtà gettando dalla produzione e della vita in
finestra. derivata forse dalla sovrapposizione cui compare l’altra faccia della stre-
In generale dai tempi più remoti ci si della figura della guaritrice a questa ga, quella di guaritrice, procuratrice
rivolgeva alla strega per ottenere prima rappresentazione. L’inquisizione di pioggia e capace di far fruttificare
qualcosa benchè le streghe erano assimilerà guaritrici, praticanti della la terra.
considerate possedere la capacità di medicina popolare, benandanti in Infine dobbiamo rivolgerci all’unico
far morire il bestiame per magia, di un’unica figura dedita al male, ag- testo che abbia una minima parvenza
guastare il latte, di rendere sterili i giungendoci l’adorazione del demo- di autenticità rispetto alla tradizione
campi, di uccidere i bambini, soprat- nio. Ginzuburg nel suo libro ci mostra stregonesca, cioè “Aradia: il vangelo
tutto di evocare le tempeste: queste e bene il passaggio di assimilazione tra delle streghe” in questo testo vengono
non altre sono le cose che ci tramanda benandanti e malandanti (cioè le proposti numerosi incantesimi tra cui
la tradizione popolare, tutto attraver- streghe), nell’arco di circa due secoli. spicca un incantesimo d’amore, una
so l’azione magica, le eccezioni sono Per l’inquisizione, ma in realtà per la fattura d’amore in piena regola direi,
poche. Una di queste tradizioni in cui gente stessa, valeva il principio che ma soprattutto nel primo capitolo
la strega, la malandante, possiede colei o colui che sa guarire da una compaiono chiari anche gli elementi
queste connotazioni era quella costi- malattia, piuttosto che liberare da un distruttivi tipici della visione popolare

35
delle richieste, un personag- enunciato, ma di fronte a noi stessi e
gio avvolto in un alone miste- al divino che è in noi.
rioso e pertanto terribile pro- Di solito molti autori wiccan derivano
prio perché caratterizzato direttamente la Legge del Tre dal
dalla capacità di “ottenere” Rede come conseguenza pratica, cioè
dei risultati. Nell’immaginario che qualunque cosa si compia ritorni
p o p ol a r e e r a q u e s t o moltiplicata per tre, ma questa è una
“ottenere” che spingeva dalla “legge della minaccia” che probabil-
strega e senza dubbio alcu- mente, come dice Doreen Valiente,
ne persone erano capaci di Gardner non derivò dall’eredità stre-
dare un seguito alle richieste gonesca con cui era entrato in contat-
che venivano di volta in volta to. In generale la Legge del Tre è
presentate. Molti autori wic- meglio conosciuta in testi più tecnici di
di una certa stregoneria: can si sono misurati con questo tema, magia come “colpo di ritorno”, e que-
soprattutto dal punto di vista etico. Per- sto è semplicemente un principio tecni-
“E dove incontri un ricco contadino ché finché si tratta di pregare e di cele- co-magico: ma in generale la pratica
avaro brare rituali per armonizzarsi ai cicli magica insegna che l’energia ritorna
insegnerai alle streghe tue discepole naturali va tutto bene, le cose cambiano quando non va a segno o quando
come rovinare il suo raccolto quando si tratta di modificare la realtà l’oggetto è al di là delle nostre capa-
con tempesta, folgore e baleno, che ci circonda in base alla nostra vo- cità psichiche, ma anche un dilettante
con grandine e con vento” lontà. della pratica magica sa che esiste più
Jenet e Stewart Farrar nel loro libro
Direi che in generale tutte le fonti dedicato agli incantesimi “Spells and
concordano su una cosa e cioè che how they work” delineano riferendosi
alle streghe era sempre associata al Rede (“Se non danneggia nessuno, fa
l’arte di fare incantesimi, nel bene o ciò che vuoi”) i principi etici che è neces-
nel male, per guarire o per distrug- sario seguire per ricorrere all’aiuto
gere. Questo è uno dei pochi elementi della magia:
certi e incontestabili. Poi possiamo 1 Non operare mai per danneggiare
aderire o meno alle tesi della Jensen qualcuno
secondo cui i riti o le formule magiche 2 Non operare mai per manipolare
non sarebbero che un residuo dege- qualcuno contro la sua volontà o le sue
nerato di culti e racconti a carattere naturali inclinazioni
mitico o pensare alla magia nei termi- 3 Non pensare mai di conoscere tutti i
ni di Frazer e alle leggi che legano fattori coinvolti nella situazione o che
l’atto magico alle leggi della riguardano la persona su cui stai ope-
“simpatia”. Del resto senza andare rando
molto lontano l’omeopatia applica 4 Non operare mai per te stesso gua-
esattamente questo principio: Hane- dagnando a spese di qualcun altro
mann, il padre dell’omeopatia si rifa- 5 Le parole che utilizzi nel tuo incantesi-
ceva al principio “similia similibus mo siano precise e curate, al fine di non
curentur” cioè “il simile guarisce il lasciare nessun elemento che possa an- di un mezzo per proteggersi dal col-
simile”. dare a infrangere i principi dall’ 1 al 4 po di ritorno e per deviarlo.
Trovo ardito pensare alla Wicca co- Questi principi sono validissimi e tutta- La “teoria” del colpo di ritorno è di-
me alla “religione della magia”, tut- via andrebbero intesi come consigli e ventata una legge morale, la legge
tavia non c’è dubbio che se noi inten- non come regole di buona condotta. Il del Tre, una legge che cerca di incu-
diamo la Wicca realmente come stre- Rede, come afferma anche Phyllis Cu- tere timore, molto simile ad “altre
goneria moderna o meglio come vi- rott, è innanzitutto un consiglio, e tutti i leggi” che propongono un etica vizia-
sione moderna della stregoneria, non principi etici che molti autori si sforzano ta dal timore della punizione. Tutto
possiamo prescindere dall’arte degli di enunciare andrebbero intesi come ciò non ha molto senso. Per citare
incantesimi, perché comunque sia la tali. Il Rede è wiccan solo in quanto ci ancora la Curott “Le streghe non han-
strega era colei che “operava per lascia la libertà di seguirlo e solo nel no bisogno di regole per praticare la
qualcosa”, a cui una popolazione, un momento in cui noi restiamo responsabili loro arte in modo etico. […] Evitare
clan, o una singola persona rivolgeva delle nostre azioni, non di fronte a un una punizione è semplicemente una

36
questione di tornaconto implichi un concet-
personale. […] La puni- to punitivo, non è
zione non rende noi o la un rendere conto
nostra magia morali, ci ad altri, ma sem-
insegna soltanto ad plicemente impli-
agire guidati dalla pau- ca la capacità di
ra, e la paura non è una guardare in fac-
buona cosa.” cia la natura del
Secondo questo giustis- potere che ho
simo discorso ciò che evocato, che è
dovrebbe guidare la parte di me, se
nostra magia è la per- non ne sono in
cezione del divino che è grado questo
in noi e la considerazio- potere qualunque
ne che le energie che utilizziamo sono può anche essere “matrigna”, divoratri- sia e per qualunque motivo io l’abbia
sacre e pertanto che la magia appun- ce e insensibile: armonizzarci alla natu- utilizzato mi divorerà, il “cerchio”
to è sacra. Non danneggio gli altri ra significa certamente riconoscere la dentro cui è racchiusa la totalità del
perché negli altri riconosco il divino… sua fecondità, riconoscere la nostra mio essere sarà allora spezzato.
tuttavia sorge una considerazione fonte di vita, ma anche affrontare gli In ultima istanza dobbiamo affermare
spontanea sul divino, e sul fatto che, aspetti distruttivi che le sono propri. Un che anche questa è esperienza, ognu-
nel momento in cui trattiamo la sacra- qualunque incantesimo partecipa di no sceglie la sua strada, la abbraccia
lità e le forme del divino, siamo già questa doppia natura, della ambiva- e la riconosce. Pan è anche uno stu-
al di là delle considerazioni etiche e lenza dell’energia, che in effetti non ha pratore non semplicemente in termini
delle categorie umane, che non pos- mai un connotato morale se non nel astratti, giacché il simbolo è la matri-
sono ad esso essere applicate. momento in cui gli viene dato. Io posso ce della realtà, e non spetta a noi
Se riconosco il divino che è in me, se attualizzare la manifestazione di que- giudicare la natura del divino che è in
lo percepisco, i miei atti saranno gui- sta energia privilegiando la distruttività noi, ma semplicemente aprirci alle sue
dati da questo nucleo, ma le forze piuttosto che altro magari orientandola, possibilità, aprirci e riconoscerle come
che agiscono nel divino, e cioè la na- ma con una consapevolezza che io par- parte di un contesto più ampio di
tura ultima degli dei, è in ultima ana- tecipo di essa. Se distruggo sarà la quello individuale, agirle o trasfor-
lisi al di là della mia comprensione. natura distruttiva che è in me ad essere marle. Qui sta il cuore dell’arte degli
Abbiamo detto che la forza che par- chiamata in causa, viceversa se creo. Io incantesimi, la capacità trasformativa,
tecipa della natura della magia è parteciperò di questi atti nella misura in la capacità di trascendere una condi-
sacra, un concetto che porta la magia cui questi atti fanno parte di me. E na- zione per giungere ad un'altra, e
ad essere sostanzialmente una teur- turalmente ne risponderò a me stesso e anche l’incantesimo più abbietto par-
gia, ma se la magia può essere utiliz- a ciò che sono e dovrei essere: questo tecipa di questa capacità di trasfor-
zata anche per danneggiare qualcu- rispondere non è un rispondere che mare il soggetto che lo compie nel
no o per sopraffare la volontà di momento in cui lo connette a un pote-
qualcuno, non significa forse che il re sacro. Una forza trasformativa che
divino è partecipe anche di una natu- può anche distruggere, del resto per
ra oscura? E’ estremamente difficile rinascere si deve anche morire.
indagare questa natura perché in
generale siamo stati educati a consi-
derare la divinità come buona, il pro-
blema è che questa bontà noi la pos-
siamo intendere solamente come in
un’accezione puramente umana.
Nella Wicca alla Dea appartiene un
aspetto oscuro, e questo stesso aspet-
to appartiene al Dio, un aspetto infe-
ro e sotterraneo che è sempre più
annacquato da considerazioni sempli-
cistiche. La natura non è solo una buo-
na madre che nutre i suoi figli, essa

37
PER INFORMAZIONI SULLA RIVISTA E L’ASSOCIAZIONE VISITA IL SITO:

WWW.ATHAME.IT

I nostri grazie a:

La Bottega dell’Antica Quercia


via Torino 31 Biella
Tel 015 22246
www.anticaquercia.com

Libreria Primordia
via Piacenza 20 Milano
Tel 02 5463151

Magic Shop Libreria


via Castelmorrone 35 Milano
Tel 02 - 20480888

38