Sei sulla pagina 1di 3

Come scegliere i migliori generatori di vapore

industriali
26-lug-2017 14.00.00 / da Moreno Berti

Tra le soluzioni migliori per la produzione efficiente di energia con basse emissioni inquinanti
troviamo i generatori di vapore saturo che di norma le aziende italiane hanno una producibilità da
0,5 a 20 t/h di vapore e una pressione d’esercizio fino a 20 bar.
Possiamo suddividere i generatori di vapore industriale in due categorie:

 A “tubi da fumo”
 A “tubi d’acqua”

I primi sono costituiti da un grande serbatoio cilindrico nel quale è presente la camera di
combustione e una serie di tubi dentro i quali avviene il normale deflusso dei fumi. Durante il
tragitto nei tubi, i fumi cedono il calore all’acqua nel serbatoio; da qui deriva il nome “tubi da
fumo”.
Della categoria delle caldaie a “tubi d’acqua” fanno parte anche i generatori a
“vaporizzazione istantanea” e, a differenza dei precedenti, hanno dimensioni molto più ridotte e
sono costituiti da due anelli concentrici formati da un tubo avvolto a spirale, dentro il quale
scorre l’acqua introdotta ad alta pressione da una pompa. La fiamma del bruciatore è racchiusa
all’interno dell’anello più piccolo;  l’acqua si riscalda percorrendo la serpentina fino a quando non
si trasforma in vapore.

Generatori di vapore industriali: consigli per scegliere il più adatto alle tue
esigenze
I generatori di vapore industriali sono utilizzati da molte realtà aziendali infatti possono ridurre i
costi legati ai processi di produzione. Le tipologie d’azienda che li utilizzano possono essere:

 Industrie conciarie
 Industrie del settore lattiero/caseario
 Industrie conserviere
 Industrie di produzione bevande
 Cantine vinicole
 Oleifici
 Mangimifici
 Industrie di lavorazione delle carni
 Industrie della lavorazione di plastica e gomma
 Industrie farmaceutiche
 Industrie metalmeccaniche
 Lavanderie
 Industrie tessili
 Industrie chimiche e galvaniche
 Raffinerie

La maggior parte ha installato un generatore a tubi di fumo a grande volume


d’acqua perché questa tipologia di caldaie consente di:

 Ottenere maggiore flessibilità di utilizzo


 Semplificare la gestione
 Ridurre la manutenzione
 Aumentare il rendimento

Se pensi che il generatore di vapore sia la scelta ottimale per le tue esigenze, ecco alcuni nostri
consiglio:
1. Valuta attentamente la versione “a tre giri di fumo con fiamma passante”. Questa geometria
costruttiva consente di ridurre le emissioni NOx allo scarico dei fumi a valori che possono scendere
sotto gli 80 mg/Nm³ (per la combustione di metano), limite che in alcune zone d’Italia è già
prescritto per Legge.
2. Presta attenzione anche alla camera di combustione. È da preferire la soluzione con cilindro
liscio per le precisioni ottenibili nella lavorazione, nel montaggio e nella saldatura. Quando le
dimensioni della camera di combustione e le pressioni di esercizio sono particolarmente elevate, si
opta per un cilindro interamente corrugato e formato a caldo per garantire uniformità nella
resistenza meccanica.
Da evitare assolutamente l’impiego di giunti di dilatazione isolati della camera di
combustione, che creano disomogeneità strutturale nel cilindro.

I vantaggi per chi installa generatori di vapore a tre giri di fumo con
fiamma passante sono molteplici:
 Riduzione dei costi energetici di gestione grazie al notevole rendimento del generatore
 Continuità di esercizio e mantenimento nel tempo delle performance
 Semplicità di manutenzione e gestione grazie anche all’esonero dalla conduzione continua
di personale abilitato
 Alta flessibilità di esercizio grazie all’ampio campo di modulazione
 Tempi rapidi di ammortamento dell’investimento

Caso studio: il Gruppo Eurovo ha installato generatori di vapore


industriali per ridurre i costi di produzione legati al ciclo continuo
ll Gruppo Eurovo, una delle realtà più importanti in Italia nel settore della lavorazione delle uova,
ovoprodotti e ovoderivati, per il proprio stabilimento di Occhiobello (RO) ha deciso di installare 2
generatori di vapore per ridurre i consumi energetici e ottimizzare le prestazioni.
Nel nuovo stabilimento sono prodotti principalmente ovoderivati liofilizzati per l’industria
alimentare e zootecnica con cicli produttivi continui ed efficienti senza interruzioni. Proprio
per favorire la produzione a ciclo continuo, si è deciso di installare due generatori di vapore
Vitomax HS da 5 t/h a 16 bar, allestiti con economizzatore e bruciatore dotato di inverter e controllo
dell’ossigeno e di strumentazione PED per essere esonerati dal presidio costante del conduttore
patentato fino a 72 ore.
All’interno dello stabilimento il vapore viene principalmente utilizzato per la sterilizzazione,
l’essicazione e la liofilizzazione del prodotto.
Qui sotto riportiamo alcuni dati tecnici dell’impianto:

 Generatori di vapore: 2 Vitomax HS


 Potenza utile: 3.300 kW
 Vapore prodotto: 5 t/h 16 bar
 Fonti: Gas
 Rendimento: 95%