Sei sulla pagina 1di 8

LEZIONI N° 16 E 17

LA VERIFICA ALLO SLU DELLE TRAVI DI ACCIAIO

Identificata la classe cui appartiene l’asta, la modalità di verifica dell’asta dipende dalla
classe del profilato.
Se il profilato appartiene alle classi 1 o 2, si può adottare il metodo plastico altrimenti, se il
profilato appartiene alle classi 3 o 4, si deve necessariamente adottare il metodo elastico.
Nel caso della classe 4 si deve anche tener conto della riduzione della sezione per effetto dei
fenomeni di instabilità locale e si deve cioè considerare una opportuna sezione efficace Aeff.
Tipicamente alla classe quattro appartengono i profili piegati a freddo, ma anche alcune
sezioni laminate possono farne parte, se di spessore sottile.

a) VERIFICA A TRAZIONE

La verifica a trazione si esegue in campo plastico per tutte le classi (in quanto l’instabilità
locale della classe 4 non si può verificare nella trazione semplice) e consiste nel controllare
che sia:

N Ed
1
Nt , Rd

in cui N Ed è la forza di trazione di calcolo


e Nt , Rd è la resistenza di calcolo a trazione, che deve essere assunta pari al minore dei
seguenti valori:

A  f yk
N pl , Rd  (resistenza plastica della sezione lorda)
M0
0.9  Anet  ftk
Nu , Rd  (resistenza a rottura della sezione netta)
M2

in cui Anet è l’area netta (depurata dai fori),  M 0  1.05 e  M 2  1.25 .

f yk è la tensione caratteristica di snervamento e ftk è la tensione caratteristica a rottura.

50
b) VERIFICA A COMPRESSIONE

La verifica a compressione si esegue in campo plastico per tutte le classi e consiste nel
controllare che sia:
N Ed
1
N c , Rd

in cui N Ed è la forza di compressione di calcolo


e N c , Rd è la resistenza di calcolo a compressione, che vale:

A  f yk
N c, Rd  per le sezioni di classe 1, 2 e 3
M0
Aeff  f yk
N c, Rd  per le sezioni di classe 4
M0
L’andamento delle tensioni sulla sezione è il seguente:

Non è necessario dedurre l’area dei fori per i collegamenti bullonati, se i bulloni sono inseriti
nei fori, poiché si suppone che le deformazioni plastiche allo SLU siano così grandi da
chiudere il gioco tra fori e bulloni.

c) VERIFICA A FLESSIONE RETTA

La verifica a flessione retta consiste nel controllare che sia:

M Ed
1
M c, Rd

51
in cui M Ed è il momento flettente di calcolo
e M c , Rd è la resistenza di calcolo a flessione retta che si valuta tenendo anche conto della
presenza di eventuali fori in zona tesa per collegamenti bullonati, e vale:

W pl  f yk
M c , Rd  M pl , Rd  per le sezioni di classe 1 e 2
M0
Wel ,min  f yk
M c , Rd  M el , Rd  per le sezioni di classe 3
M0
Weff ,min  f yk
M c , Rd  per le sezioni di classe 4
M0

L’andamento delle tensioni nella sezione è riportato nella figura seguente, la parte di sinistra
si riferisce alle sezione di classe 1 e 2, la seconda a quelle di classe 3.

A titolo di esempio nel caso di profili IPE 200 il rapporto tra il modulo di resistenza plastico e
W pl 220, 6
quello elastico vale   1,135 e quindi di tale ordine di grandezza è il vantaggio
W pl 194,3
nell’utilizzare l’analisi rigido-plastica rispetto a quella lineare con snervamento ai lembi
estremi della sezione.
E’ evidente che la sensibile differenza incoraggia ad utilizzare la prima procedura, finché
possibile.
Negli elementi inflessi caratterizzati da giunti strutturali bullonati, la presenza dei fori nelle
piattabande dei profili può essere trascurata nel calcolo del momento resistente se è verificata
la relazione:

0.9  A f ,net  ftk A f  f yk



M2 M0

dove Af è l’area lorda della piattabanda, Af,net è l’area della piattabanda al netto dei fori.
52
d) VERIFICA A TAGLIO

La verifica a taglio non risente della classificazione delle sezioni e consiste nel controllare
che sia:

VEd
1
Vc , Rd

in cui VEd è la forza di taglio di calcolo


e Vc , Rd è la resistenza di calcolo a taglio, che, in assenza di torsione, vale:

Av  f yk
Vc, Rd 
3  M 0

A sua volta Av , l’area resistente a taglio, vale:

Tipo profilato Area a taglio

profilati ad I e ad H caricati nel piano dell’anima Av  A  2 b t f   tw  2 r  t f

profilati a C o ad U caricati nel piano dell’anima Av  A  2 b t f   tw  r  t f

profilati ad I e ad H caricati nel piano delle ali Av  A    hwtw 

profilati a T caricati nel piano dell’anima Av  0,9  A  2 b t f 


profili rettangolari cavi laminati a caldo di spessore uniforme Av  Ah  b  h  *

“ Av  Ab  b  h  **

sezioni circolari cave e tubi di spessore uniforme Av  2 A 


Note
* Carico parallelo all’altezza del profilo
** Carico parallelo alla base del profilo
dove: A è l’area lorda della sezione del profilo,
b è la larghezza delle ali per i profilati e la larghezza per le sezioni cave,
hw è l’altezza dell’anima,
h è l’altezza delle sezioni cave,
r è il raggio di raccordo tra anima ed ala,
tf è lo spessore delle ali,
tw è lo spessore dell’anima.

53
Area resistente a taglio Av di alcuni profili di tipologia ricorrente.

In presenza di torsione, la resistenza a taglio del profilo deve essere opportunamente ridotta.
Per le sezioni ad I o H la resistenza a taglio ridotta è data dalla formula

 t , Ed
Vc, Rd ,red  Vc , Rd 1 
1, 25  f yk  3  M 0 
dove  t , Ed è la tensione tangenziale massima dovuta alla torsione uniforme. Per sezioni cave,
invece, la formula è

 
1   t , Ed 
Vc , Rd ,red  Vc, Rd


f yk  3  M 0  

La verifica a taglio della sezione può anche essere condotta in termini tensionali (verifica
elastica) nel punto più sollecitato della sezione trasversale utilizzando la formula

 Ed
 1, 0
f yk  3  M 0 

dove  Ed è valutata in campo elastico lineare.

54
e) VERIFICA A FLESSIONE E TAGLIO

Se il taglio di calcolo VEd è inferiore a metà della resistenza di calcolo a taglio Vc,Rd

VEd  0,5Vc, Rd

si può trascurare l’influenza del taglio sulla resistenza a flessione, eccetto nei casi in cui
l’instabilità per taglio riduca la resistenza a flessione della sezione.
Se il taglio di calcolo VEd è superiore a metà della resistenza di calcolo a taglio Vc,Rd bisogna
tener conto dell’influenza del taglio sulla resistenza a flessione.
Posto
2
 2VEd 
  1
 Vc , Rd 
la resistenza a flessione si determina assumendo per l’area resistente a taglio Av la tensione di
snervamento ridotta (1 - ) fyk.
Per le sezioni ad I o ad H di classe 1 e 2 doppiamente simmetriche, soggette a flessione e
taglio nel piano dell’ anima, la corrispondente resistenza convenzionale di calcolo a flessione
retta può essere valutata come:

   Av2 
 pl , y
W   f yk
   Av2  f yk
 
4 t w
M y ,V , Rd  W pl , y    M y ,c , Rd
M0  4 tw   M 0

f) VERIFICA A PRESSO O TENSO FLESSIONE RETTA

Per le sezioni ad I o ad H di classe 1 e 2 doppiamente simmetriche, soggette a presso o tenso


flessione nel piano dell’ anima, la corrispondente resistenza convenzionale di calcolo a
flessione retta può essere valutata come:

M N , y , Rd  M pl , y , Rd 1  n  1  0,5 a   M pl , y , Rd

Per le sezioni ad I o ad H di classe 1 e 2 doppiamente simmetriche, soggette a presso o tenso


flessione nel piano delle ali, la corrispondente resistenza convenzionale di calcolo a flessione
retta può essere valutata come:

M N , z , Rd  M pl , z , Rd per n  a

55
  n  a 2 
M N , z , Rd  M pl , z , Rd 1     per n  a
  1  a  
essendo:
Mpl,y,Rd il momento resistente plastico a flessione semplice nel piano dell’anima,
M pl,z,Rd il momento resistente plastico a flessione semplice nel piano delle ali,
e posto:

n  N Ed N pl , Rd
a   A  2bt f  A  0,5

dove: A è l’area lorda della sezione,


b è la larghezza delle ali,
tf è lo spessore delle ali.
Per sezioni generiche di classe 1 e 2 la verifica si conduce controllando che il momento di
progetto sia minore del momento plastico di progetto, ridotto per effetto dello sforzo normale
di progetto, MN,y,Rd.

g) VERIFICA A PRESSO O TENSO FLESSIONE BIASSIALE

Per le sezioni ad I o ad H di classe 1 e 2 doppiamente simmetriche, soggette a presso o tenso


flessione biassiale, la condizione di resistenza può essere valutata come:

2 5n
 M y , Rd   M z , Rd 
    1
 M N , y , Rd   M N , z , Rd 

con n  0,2 essendo n = NEd / Npl,Rd. Nel caso in cui n < 0,2, e comunque per sezioni generiche
di classe 1 e 2, la verifica può essere condotta cautelativamente controllando che sia:

 M y , Rd   M z , Rd 
   1
 M N , y , Rd   M N , z , Rd 

Per le sezioni di classe 3, in assenza di azioni di taglio, la verifica a presso o tenso-flessione


retta o biassiale è condotta in termini tensionali utilizzando le verifiche elastiche; la tensione
agente è calcolata considerando la eventuale presenza dei fori.

56
Per le sezioni di classe 4, le verifiche devono essere condotte con riferimento alla resistenza
elastica (verifica tensionale); si possono utilizzare le proprietà geometriche efficaci della
sezione trasversale considerando la eventuale presenza dei fori.

57