Sei sulla pagina 1di 269

Elementi di logica

Andrea Iacona
2


c copyright 2015 Andrea Iacona
Indice

1 Introduzione 7
1.1 Che cos’è la logica? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
1.2 Linguaggio formale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
1.3 Sistema formale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
1.4 Linguaggio oggetto e metalinguaggio . . . . . . . . . . . . . . 13
1.5 Simboli e nozioni di teoria degli insiemi . . . . . . . . . . . . 14
1.6 Prospetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17

2 L’argomento e la sua esplicitazione 19


2.1 Argomento in forma canonica . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
2.2 Verità e falsità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
2.3 Implicito/esplicito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
2.4 Ridondanza, oscurità, linguaggio figurato . . . . . . . . . . . 25
2.5 Ragionamenti complessi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
2.6 Analisi di un testo argomentativo . . . . . . . . . . . . . . . . 30

3 Validità 35
3.1 Validità e verità delle premesse . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
3.2 Deduzione e induzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
3.3 Possibilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
3.4 Altre proprietà e relazioni logiche fondamentali . . . . . . . . 40
3.5 Alcune proprietà importanti della validità . . . . . . . . . . . 41
3.6 Validità e forma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46

4 Fallacie 51
4.1 Fallacie formali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
4.2 Fallacie di rilevanza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
4.3 Fallacia di equivocazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
4.4 Sorite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
4.5 Ignoratio elenchi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60
4.6 Petizione di principio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63

3
4

5 I simboli della logica enunciativa 67


5.1 Lettere enunciative . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
5.2 Connettivi enunciativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
5.3 Parentesi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
5.4 Principio di sostituibilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
5.5 Formalizzazione in un linguaggio enunciativo . . . . . . . . . 75

6 Il linguaggio Le 81
6.1 Vocabolario e regole di formazione . . . . . . . . . . . . . . . 81
6.2 Alberi di costruzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83
6.3 Interpretazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85
6.4 Tavole di verità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86
6.5 Conseguenza logica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89
6.6 Controllo della validità di un argomento . . . . . . . . . . . . 93
6.7 Altre proprietà e relazioni logiche . . . . . . . . . . . . . . . . 94

7 Il sistema Se 101
7.1 Derivazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101
7.2 Regole per la negazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 104
7.3 Regole per il condizionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 107
7.4 Regole per la congiunzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108
7.5 Regole per la disgiunzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111
7.6 Qualche dritta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114
7.7 Derivabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116

8 Altri sistemi di logica enunciativa 125


8.1 Regole derivate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
8.2 Altri sistemi di deduzione naturale . . . . . . . . . . . . . . . 127
8.3 Il sistema Se∗ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 129
8.4 Teorema di deduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131
8.5 Alcune proprietà sintattiche di Se∗ . . . . . . . . . . . . . . . 134
8.6 Equivalenza deduttiva tra S0e e Se∗ . . . . . . . . . . . . . . . 138

9 La quantificazione 145
9.1 Enunciati quantificati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145
9.2 La tradizione aristotelica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147
9.3 Frege . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149
9.4 Portata esistenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 152
9.5 Generalità multipla . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 154
9.6 Descrizioni definite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 156
5

10 I simboli della logica predicativa 161


10.1 Lettere predicative . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 161
10.2 Costanti individuali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 162
10.3 Connettivi enunciativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 164
10.4 Variabili e quantificatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 164
10.5 Parentesi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 166
10.6 Formalizzazione in un linguaggio predicativo . . . . . . . . . . 168

11 Il linguaggio Lp 177
11.1 Vocabolario e regole di formazione . . . . . . . . . . . . . . . 177
11.2 Alberi di costruzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 178
11.3 Nozioni semantiche di base . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 180
11.4 Modello, assegnazione e soddisfacimento . . . . . . . . . . . . 181
11.5 Verità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 183
11.6 Conseguenza logica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 186
11.7 Controllo della validità di un argomento . . . . . . . . . . . . 188

12 Il sistema Sp 193
12.1 Assiomi e regole di inferenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 193
12.2 Derivabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 194
12.3 Teorema di deduzione e altri risultati sintattici . . . . . . . . 196
12.4 Definizioni sintattiche di coerenza . . . . . . . . . . . . . . . . 198
12.5 Teorema di coerenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 199

13 Teorie del primo ordine 205


13.1 Lp e le sue varianti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 205
13.2 Sp e altri sistemi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 206
13.3 Due teoremi che vertono sulla coerenza . . . . . . . . . . . . . 209
13.4 Lemma di Lindenbaum . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 210
13.5 Teorie e modelli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 212
13.6 Un teorema molto importante . . . . . . . . . . . . . . . . . . 213
13.7 Coerenza ed esistenza di un modello . . . . . . . . . . . . . . 218

14 Correttezza e completezza 223


14.1 Corrispondenza tra sintassi e semantica . . . . . . . . . . . . 223
14.2 Teorema di correttezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 224
14.3 Correttezza e insiemi di modelli . . . . . . . . . . . . . . . . . 224
14.4 Teorema di completezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 226
14.5 Completezza e insiemi di modelli . . . . . . . . . . . . . . . . 228
14.6 Osservazioni conclusive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 229
6

15 Modelli e cardinalità 235


15.1 Cardinalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 235
15.2 Teorema di compattezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 236
15.3 Teorema di Löwenheim-Skolem . . . . . . . . . . . . . . . . . 238
15.4 Isomorfismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 240
15.5 Categoricità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 242
15.6 Modelli non standard . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 243

16 Logica modale 247


16.1 Operatori modali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247
16.2 Un linguaggio modale enunciativo . . . . . . . . . . . . . . . . 248
16.3 Sistemi di logica modale enunciativa . . . . . . . . . . . . . . 252
16.4 Un linguaggio modale predicativo . . . . . . . . . . . . . . . . 258
16.5 Sistemi di logica modale predicativa . . . . . . . . . . . . . . 262
16.6 Correttezza e completezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 265
Capitolo 1

Introduzione

1.1 Che cos’è la logica?

La prima cosa da fare quando si inizia a studiare logica è cercare di capire che
cos’è la logica. Secondo una definizione ben nota e ampiamente condivisa,
la logica è la “teoria del ragionamento corretto”. Quindi, sarà utile fornire
qualche chiarimento preliminare a proposito di questa definizione. Iniziamo
con un esempio molto semplice di ragionamento tratto dal gioco del sudoku.
Questo gioco prevede una griglia quadrata di 81 caselle suddivisa in 9 settori
quadrati di 9 caselle. Alcune caselle contengono numeri da 1 a 9, altre sono
bianche. Lo scopo del gioco è quello di riempire le caselle bianche con numeri
da 1 a 9, in modo tale che ogni riga, ogni colonna e ogni settore contenga
tutti i numeri da 1 a 9. Ecco una griglia:

4 7 3
6 8 1 7
1 3 5
3 8 7 1

5 9 3 2
5 2 1
1 7 8 6
9 6 7

Si assegni un numero a ciascun settore iniziando da quello in alto a sinistra.


Si consideri ora il settore 3, che per comodità chiameremo S3. Dove sarà il
2 in S3? Per saperlo basta ragionare. Il 2 non può essere nelle due caselle
a sinistra, visto che compare nella stessa colonna in S9. Ma non può essere
nemmeno nelle due caselle al centro, perché compare nella stessa colonna in
S6. Siccome rimane solo la casella in alto a destra, il 2 deve essere in quella
casella. In altre parole, sulla base della constatazione che il 2 non può essere
né a sinistra né al centro, si inferisce che è in alto a destra.

7
8

Questo ragionamento può essere formulato elencando un insieme di enun-


ciati, cioè di frasi dichiarative di senso compiuto costruite secondo le regole
grammaticali dell’italiano. Più precisamente, il punto di partenza del ragio-
namento è espresso da due enunciati: ‘Se il 2 non è a sinistra o al centro,
allora è a destra’ e ‘Il 2 non è a sinistra o al centro’. Il suo punto di arrivo,
invece, è espresso dall’enunciato ‘Il 2 è a destra’. In altri termini, i primi due
enunciati figurano come premesse, mentre il terzo costituisce la conclusione.
Un insieme di premesse e una conclusione formano un argomento. Dunque,
il ragionamento considerato può essere formulato come un argomento1 .
Si noti che un ragionamento cosı̀ inteso non è un atto mentale che una
persona compie quando inferisce qualcosa da qualcos’altro. Supponiamo che
Tizio apra una rivista di enigmistica, si trovi di fronte alla griglia riportata
sopra e dopo qualche secondo scriva 2 nella casella in alto a destra per la
ragione considerata. Certamente Tizio compie un atto mentale che può esse-
re chiamato ‘ragionamento’; sono manifestazioni di questo atto i movimenti
dei suoi occhi, i segni che traccia con la matita, l’attività di alcuni neuroni
nel suo cervello e cosı̀ via. Ma non è questo il senso di ‘ragionamento’ che
ci interessa. Nel senso che ci interessa, un ragionamento è piuttosto il “con-
tenuto” di un atto mentale, cioè qualcosa che atti mentali diversi possono
avere in comune. Supponiamo che Caio apra la stessa rivista, si trovi di
fronte alla stessa griglia e scriva 2 nella stessa casella per la stessa ragione.
Anche se Tizio e Caio compiono atti mentali diversi, c’è un senso in cui
fanno lo stesso ragionamento, cioè quello in cui il ragionamento in questione
è espresso dallo stesso argomento.
Un argomento permette di giustificare una credenza o un’asserzione, cioè
permette di fornire una ragione per pensare che la credenza o l’asserzione
sia vera. Se Tizio scrive 2 nella casella in alto a destra, è perché crede, sulla
base di un argomento, che sia il numero giusto. Questo significa che, per
Tizio, le premesse dell’argomento forniscono una ragione per pensare che
la sua conclusione sia vera. Anche per Caio, ovviamente, le premesse dello
stesso argomento forniscono una ragione per pensare che la sua conclusione
sia vera, dato che Caio fa lo stesso ragionamento di Tizio. Non solo. Sup-
poniamo che Sempronio, vedendo che Tizio ha scritto 2 in alto a destra, gli
chieda perché lo ha fatto. Tizio può rispondere esponendo il suo argomento,
cioè rendendo esplicita la ragione che ritiene di avere per credere che il 2
sia in alto a destra. L’importanza degli argomenti risiede proprio nel fat-
to che le stesse ragioni possono essere riconosciute da persone diverse. A
questo fatto si deve l’esistenza dell’argomentazione, intesa come attività che
consiste nell’esposizione di argomenti. Quando si argomenta a sostegno di
un’asserzione si rendono esplicite le ragioni che si ritiene di avere per cre-
1
Spesso si usa il termine ‘enunciato’ in un’accezione più ampia, per designare qualsiasi
frase di senso compiuto, incluse frasi non dichiarative come ‘Vieni al cinema?’ o ‘San
Biagio aiutami tu!’. Per questo, gli enunciati nell’accezione più ristretta qui adottata sono
solitamente qualificati come “dichiarativi”.
9

dere che l’asserzione sia vera, pensando che queste ragioni possano essere
riconosciute da altre persone che inizialmente non accettano l’asserzione.
Fin qui si è detto che la logica verte sul ragionamento nel senso che si oc-
cupa di argomenti. Ora vediamo perché la definizione parla di ragionamento
“corretto”. La logica è una disciplina normativa, nel senso che non si limita
a descrivere il modo in cui le persone di fatto ragionano, ma fornisce criteri
che indicano come dovrebbero ragionare. Per circoscrivere adeguatamente
l’ambito di applicazione di questi criteri occorre chiarire innanzitutto la no-
zione di correttezza che si adotta in logica. Quando si propone un argomento
si avanzano due pretese: una è che le sue premesse siano vere, l’altra è che la
verità della sua conclusione possa a buon diritto essere ricavata dalla verità
delle sue premesse, cioè che l’inferenza sia legittima. Se queste due prete-
se sono fondate l’argomento è corretto, altrimenti è incorretto. La nozione
di correttezza permette di intendere meglio la distinzione preteorica che si
traccia di solito tra argomenti “buoni” e argomenti “cattivi”. Infatti, si può
dire che un argomento buono è un argomento corretto, e che un argomento
incorretto è un argomento cattivo.
Si noti che questo non significa che ‘buono’ e ‘corretto’ siano sinonimi,
e lo stesso vale per ‘cattivo’ e ‘incorretto’. È ragionevole presumere che la
bontà di un argomento non si riduca alla sua correttezza, in quanto im-
plica che l’argomento sia appropriato rispetto al contesto dialettico in cui
è formulato. Normalmente si propone un argomento per giustificare una
tesi controversa, cioè una tesi la cui verità non può essere data per sconta-
ta. Questo scopo richiede che almeno due requisiti minimi siano soddisfatti,
cioè che la conclusione dell’argomento esprima la tesi da giustificare e che
l’argomento, in linea di principio, possa essere riconosciuto come corretto.
La nozione preteorica di bontà include questi due requisiti. In altri termi-
ni, un argomento buono può essere inteso come un argomento corretto che
soddisfa entrambi i requisiti. Un argomento cattivo può essere inteso come
un argomento che non è buono.
Si noti, inoltre, che la correttezza di un argomento è del tutto indipen-
dente dalla sua efficacia, cioè dalla sua capacità di convincere le persone alle
quali è rivolto. La correttezza di un argomento è determinata da proprietà
che appartengono all’argomento indipendentemente dalle credenze e dalle
inclinazioni delle persone alle quali è rivolto, cioè verità delle premesse e
legittimità dell’inferenza. L’efficacia di un argomento, invece, dipende pro-
prio dalle credenze e dalle inclinazioni delle persone alle quali è rivolto. Può
capitare che un argomento corretto non sia efficace, oppure che un argomen-
to incorretto sia efficace. Per esempio, se un argomento corretto ha come
premessa un teorema matematico che richiede certe conoscenze per essere
compreso, difficilmente riuscirà a convincere una persona che non ha quelle
conoscenze. Inversamente, se una persona crede che l’enunciato ‘Il diabete
si cura con la pranoterpia’ sia vero, sarà propensa ad accettare un argomen-
to in cui quell’enunciato figura come premessa. In generale, un argomento
10

è tanto più efficace quanto più le persone che lo valutano sono propense a
credere che sia corretto. Mentre la correttezza di un argomento dipende da
come stanno le cose, la sua efficacia dipende da come le persone credono che
stiano le cose.
Indipendentemente dalle differenze tra correttezza e bontà o tra corret-
tezza ed efficacia, tuttavia, è importante capire che la logica si occupa solo
di una delle due condizioni richieste per la correttezza di un argomento, cioè
la legittimità dell’inferenza. Non si occupa dell’altra condizione, la verità
delle premesse, perché si tratta di una condizione che dipende da questioni
di fatto, cioè dal modo in cui stanno le cose. Siccome qualsiasi enunciato
può figurare come premessa di un argomento, una teoria della verità delle
premesse sarebbe una teoria di tutto ciò che è vero. Non solo non esiste una
teoria del genere, ma se esistesse non sarebbe una teoria del ragionamento.
Assumendo che sia valido un argomento in cui la conclusione può a buon
diritto essere inferita dalle premesse, si può dire che la logica si occupa della
validità, che è un ingrediente essenziale della correttezza. Più precisamente,
si occupa della validità intesa in un certo senso, quello in cui un argomento
valido preserva necessariamente la verità: se le premesse sono vere, la con-
clusione deve per forza essere vera. Fin dall’antichità, i logici hanno preso
come modello di ragionamento corretto argomenti che partono da premesse
vere e ricavano conclusioni che, data la verità delle premesse, devono per
forza essere vere. Una dimostrazione, secondo una definizione che risale ad
Aristotele, è un argomento di questo tipo:
Una dimostrazione, quindi, è un argomento in cui, essendo state
poste certe cose, qualcosa di diverso da ciò che è stato posto
risulta per necessità attraverso esse2 .
Un esempio chiaro di argomento valido nel senso che interessa alla logica è
l’argomento considerato all’inizio: se è vero sia che se il 2 non è a sinistra
o al centro allora è a destra, sia che il 2 non è a sinistra o al centro, allora
deve per forza essere vero che il 2 è a destra.
Ora non resta che capire in che senso la logica si presenta come una teoria,
cioè in che modo fornisce uno studio rigoroso e sistematico degli argomenti
validi. La logica parte dall’osservazione che enunciati diversi possono avere
in comune proprietà strutturali che sono rilevanti per la legittimità delle
inferenze in cui figurano, cioè possono avere la stessa forma logica. Si con-
siderino i due enunciati ‘Se il semaforo non è rosso o giallo, allora è verde’
e ‘Il semaforo non è rosso o giallo’. Da questi due enunciati si può legitti-
mamente inferire l’enunciato ‘Il semaforo è verde’, proprio come da ‘Se il 2
non è a sinistra o al centro, allora è a destra’ e ‘Il 2 non è a sinistra o al
centro’ si può legittimamente inferire ‘Il 2 è a destra’. Anche senza mai aver
studiato logica, è facile intuire che c’è un senso in cui questi due argomenti
hanno la stessa forma.
2
Aristotele [1], I, 100a25-27.
11

Se si riconosce che due argomenti validi hanno in comune una certa


forma, è naturale pensare che la loro validità possa essere spiegata in termini
di quella forma, a prescindere dal contenuto specifico degli enunciati che
li costituiscono. Per esempio, nel caso dei due argomenti considerati la
legittimità dell’inferenza può essere spiegata sulla base della struttura delle
premesse e della conclusione, senza menzionare il fatto che uno dei due verte
sul sudoku mentre l’altro verte sui semafori. Questo è il tipo di spiegazione
che caratterizza la logica come teoria. I logici si occupano delle proprietà
strutturali degli argomenti, perché lo studio di tali proprietà permette di
trattare in modo rigoroso e sistematico intere classi di argomenti validi.

1.2 Linguaggio formale

Per rappresentare le proprietà strutturali degli argomenti, i logici si servono


di linguaggi formali, cioè di lingue artificiali appositamente definite. Mentre
una lingua naturale, come l’italiano, è un prodotto culturale che si forma e
si evolve attraverso le pratiche linguistiche di una comunità di persone, un
linguaggio formale è definito per stipulazione. Le proprietà delle espressioni
che gli appartengono non derivano dal modo in cui sono usate, ma vengono
fissate una volta per tutte mediante una semplice decisione.
La definizione di un linguaggio formale prevede due tipi di stipulazione.
Il primo determina la sintassi del linguaggio, in quanto consiste nella fis-
sazione di un vocabolario, cioè una lista di simboli, e di una serie di regole
di formazione, cioè di regole che determinano quali sequenze di simboli del
vocabolario sono formule3 .
Il secondo tipo di stipulazione determina la semantica del linguaggio,
in quanto consiste nella specificazione di un insieme di interpretazioni, cia-
scuna delle quali può essere pensata come un’assegnazione di significati ai
simboli del vocabolario e alle formule in cui figurano. In filosofia del linguag-
gio si usa il termine ‘estensione’ per denotare una componente essenziale
del significato di un’espressione, che concerne la sua relazione con la realtà
extra-linguistica. In base a questo uso, l’estensione di un termine singolare,
come ‘Aristotele’, è l’oggetto che denota, l’estensione di un predicato, come
‘ricco’, è l’insieme degli oggetti ai quali si applica, e l’estensione di un enun-
ciato, come ‘Aristotele è ricco’, è il suo valore di verità. Quando si dice che
un’interpretazione può essere pensata come un’assegnazione di significati, si
intende ‘significato’ nel senso di ‘estensione’.
3
Spesso si parla di ‘formule ben formate’ invece che di formule, usando la qualificazione
‘ben formata’ per distinguere una sequenza di simboli del vocabolario che soddisfa le regole
di formazione da una qualsiasi sequenza di simboli del vocabolario. Per abbreviare ‘formula
ben formata’, che risulta un po’ ingombrante, si usa normalmente la sigla ‘fbf’. La scelta
terminologica qui adottata sottintende la stessa distinzione, in quanto ‘formula’ si applica
solo a sequenze di simboli del vocabolario che soddisfano le regole di formazione. In questo
modo si evita di introdurre un’espressione più lunga per poi doverla abbreviare.
12

D’ora in poi si userà ‘linguaggio’ come sinonimo di ‘linguaggio formale’


per riferirsi a una lingua artificiale definita mediante i due tipi di stipula-
zione considerati. Le proprietà sintattiche di un linguaggio derivano dalle
stipulazioni del primo tipo, cioè sono proprietà che il linguaggio possiede in-
dipendentemente dal fatto che certi significati possano essere assegnati alle
sue espressioni. Le proprietà semantiche di un linguaggio, invece, deriva-
no dalle stipulazioni del secondo tipo, cioè sono proprietà che il linguaggio
possiede appunto perché certi significati possono essere assegnati alle sue
espressioni.
Un linguaggio permette di rappresentare le proprietà strutturali di un ar-
gomento mediante una formalizzazione dell’argomento, cioè un’assegnazione
di formule del linguaggio agli enunciati che lo costituiscono. La sequenza di
formule cosı̀ ottenuta è uno schema argomentativo che esprime la forma lo-
gica dell’argomento, in quanto ciascuna delle formule nella sequenza esprime
la forma logica dell’enunciato al quale corrisponde.

1.3 Sistema formale

Per fornire una caratterizzazione rigorosa di un insieme di forme valide espri-


mibili in un linguaggio L si possono impiegare essenzialmente due metodi.
Il primo consiste nella specificazione di una proprietà semantica, cioè una
proprietà definita in termini delle interpretazioni di L, che appartiene solo
alle sequenze di formule che esprimono forme valide. Il secondo consiste nel-
la specificazione di una proprietà sintattica, attraverso la costruzione di un
apparato deduttivo per L, che appartiene solo alle sequenze di formule che
esprimono forme valide. Quando si costruisce un apparato deduttivo per un
linguaggio si ottiene un sistema formale.
Un apparato deduttivo per un linguaggio L può essere definito per mezzo
di due tipi di stipulazione, ciascuno dei quali prescinde da qualsiasi riferi-
mento alle interpretazioni di L. Il primo consiste nella specificazione di un
insieme di assiomi, cioè di formule a partire dalle quali altre formule possono
essere ottenute come conseguenze. Il secondo consiste nella specificazione
di un insieme di regole di inferenza, cioè di regole che fissano relazioni di
conseguenza diretta tra formule. Un sistema formale può contenere o un
insieme di assiomi accompagnato da una o più regole di inferenza, oppure
un insieme di regole di inferenza senza assiomi. Nel primo caso si parla
di sistema assiomatico, mentre nel secondo si parla di sistema di deduzione
naturale.
D’ora in poi si userà ‘sistema’ come sinonimo di ‘sistema formale’, per
indicare insieme un linguaggio e un apparato deduttivo per il linguaggio. Se
S è un sistema ottenuto specificando un apparato deduttivo per un linguag-
gio L, si dirà che S è un sistema in L. Nei prossimi capitoli saranno illustrati
in modo dettagliato sia i due metodi che possono essere adottati per carat-
13

terizzare un insieme di forme valide esprimibili in un linguaggio, sia i due


tipi di apparato deduttivo che possono essere costruiti per un linguaggio.

1.4 Linguaggio oggetto e metalinguaggio

Quando si descrivono le proprietà di un linguaggio L, o di un sistema in L, è


utile tenere a mente una distinzione importante, cioè quella tra il linguaggio
di cui si parla e il linguaggio in cui si parla. In altri termini, se una teoria
verte su un linguaggio L, o su un sistema in L, occorre distinguere tra L e
il linguaggio in cui la teoria è formulata: il primo è il linguaggio oggetto, il
secondo è il metalinguaggio.
Se la teoria è formulata per mezzo di espressioni italiane, come nel nostro
caso, il metalinguaggio è una versione opportunamente modificata dell’ita-
liano. Con ‘opportunamente modificata’ si intende dire che il metalinguaggio
include simboli supplementari che non fanno parte dell’italiano. Per esem-
pio, quando si parla di un linguaggio L si adottano lettere come α o β per
indicare formule qualsiasi di L. Queste lettere non sono simboli di L, ma
appartengono al metalinguaggio.
Altri simboli supplementari sono i seguenti:
< minore
> maggiore
≤ minore o uguale
≥ maggiore o uguale
= uguale
6= non uguale
Gli ultimi due simboli saranno usati non solo in riferimento a numeri, ma
per esprimere identità e diversità tra oggetti qualsiasi.
Nel metalinguaggio risulta comodo anche usare abbreviazioni. Una piut-
tosto comune, che sarà adottata qui, è quella di scrivere ‘per ogni x, y’ o ‘per
nessun x, y’ al posto di ‘per ogni coppia di oggetti x e y’ o ‘per nessuna cop-
pia di oggetti x e y’. Un’altra convenzione che si adotta di solito riguarda il
modo di riferirsi al linguaggio oggetto. Siccome il metalinguaggio è impie-
gato per parlare del linguaggio oggetto, le espressioni del linguaggio oggetto
compaiono nel metalinguaggio. Queste espressioni non sono usate ma men-
zionate. La distinzione tra uso e menzione può essere facilmente chiarita con
un esempio: si usa la parola ‘gatto’ se si dice “C’è un gatto sul tappeto”,
mentre si menziona la parola ‘gatto’ se si dice “‘Gatto’ è una parola di cinque
lettere”. Nel secondo caso, le virgolette permettono di formare un termine
che si riferisce alla parola stessa. Non sempre, tuttavia, è necessario ricorre-
re alle virgolette per chiarire che un’espressione è menzionata. Per esempio,
14

“+’ è un simbolo’ può essere abbreviato con ‘+ è un simbolo’. Questa è


la convenzione che sarà adottata. Ogni simbolo del linguaggio oggetto sarà
inteso come abbreviazione di un termine che si riferisce al simbolo stesso.

1.5 Simboli e nozioni di teoria degli insiemi

Una parte cospicua dei simboli che saranno impiegati nel metalinguaggio
proviene dalla teoria degli insiemi. Per chiarire il significato di questi simboli
occorre introdurre alcune nozioni insiemistiche fondamentali. La prima è
appunto quella di insieme, una collezione qualsiasi di oggetti che è pensata
a sua volta come un oggetto. Per ‘collezione qualsiasi’ si intende dire che un
insieme può contenere oggetti di qualsiasi tipo e in qualsiasi numero.
Gli oggetti che appartengono a un insieme sono i suoi elementi. Per
parlare di un insieme specificandone gli elementi si usano le parentesi graffe.
Per esempio, {1, 2} è l’insieme che ha come elementi il numero 1 e il numero
2. Per indicare la relazione di appartenenza si usa il simbolo ∈. Per esempio,
1 ∈ {1, 2}. La cosa importante da tenere a mente quando si parla di insiemi
è che la loro identità è determinata unicamente dai loro elementi. Se A e
B sono insiemi con gli stessi elementi, allora A = B. Vale anche l’inverso,
cioè se A = B allora A e B hanno gli stessi elementi: oggetti identici non
possono avere proprietà diverse.
Un insieme A è sottoinsieme di un insieme B se ogni elemento di A è
elemento di B. Per dire che A è sottoinsieme di B si scrive A ⊆ B. Per
esempio, {1} ⊆ {1, 2}. Ma si può dire pure che {1, 2} ⊆ {1, 2}. In generale,
ogni insieme è sottoinsieme di se stesso. Quando A è sottoinsieme di B ma
alcuni elementi di B non sono elementi di A, si dice che A è sottoinsieme
proprio di B, e si usa la notazione A ⊂ B. In altri termini, A ⊂ B se e solo
se A ⊆ B e A 6= B. Cosı̀, mentre {1} è sottoinsieme proprio di {1, 2}, {1, 2}
non è sottoinsieme proprio di {1, 2}, pur essendo sottoinsieme di {1, 2}.
Dati due insiemi A e B, l’unione di A e B, che si indica con A ∪ B, è
l’insieme che contiene tutti gli elementi di A e tutti gli elementi di B. Per
esempio, {1, 2} ∪ {2, 3} = {1, 2, 3}.
La nozione di insieme non presuppone alcun riferimento a un ordine tra
gli elementi. Infatti non fa nessuna differenza che si scriva {1, 2} o {2, 1}:
l’insieme designato è lo stesso. Tuttavia, ci sono casi in cui si vuole parlare
di oggetti disposti in un certo ordine. Il caso più semplice è quello in cui
si intende parlare di due oggetti di cui uno è il primo e l’altro è il secondo:
una coppia ordinata. Dati due oggetti x e y, si indica con hx, yi la coppia
ordinata di x e y. La condizione di identità di una coppia ordinata è la
seguente: hx, yi = hu, vi sse x = u e y = v. Quindi una coppia ordinata,
a differenza di un semplice insieme di due oggetti, implica una relazione di
ordine tra due oggetti. Per esempio, h1, 2i 6= h2, 1i. I casi in cui si vuole
parlare di più di due oggetti sono analoghi: una tripla ordinata è costituita
da tre oggetti disposti in un certo ordine, una quadrupla ordinata è costituita
15

da quattro oggetti disposti in un certo ordine, e cosı̀ via. In generale, si parla


di n-upla per indicare n oggetti disposti in un certo ordine.
Una relazione binaria è un insieme di coppie ordinate. Data una rela-
zione binaria R, il dominio di R è l’insieme degli x tali che hx, yi ∈ R per
qualche y, mentre il codominio di R è l’insieme degli y tali che hx, yi ∈ R per
qualche x. Oltre che di relazioni binarie, si può parlare di relazioni ternarie,
quaternarie e cosı̀ via. In generale, una relazione n-aria è un insieme di
n-uple, e si assume che nel caso limite in cui n = 1, la relazione sia semplice-
mente un insieme. Tuttavia, d’ora in poi si userà ‘relazione’ come sinonimo
di ‘relazione binaria’, quando non è richiesta ulteriore specificazione.
Una relazione R può avere alcune proprietà sulle quali è utile soffermarsi:
R è riflessiva se e solo se per ogni x, hx, xi ∈ R; R è simmetrica se e solo
se per ogni x, y, se hx, yi ∈ R allora hy, xi ∈ R; R è transitiva se e solo se
per ogni x, y, z, se hx, yi ∈ R e hy, zi ∈ R allora hx, zi ∈ R. Per illustrare
queste proprietà basta considerare alcuni esempi di relazioni che abbiano
come dominio e come codominio l’insieme dei numeri naturali, che qui sarà
indicato con ω. I numeri naturali sono 0, 1, 2.... La relazione di uguaglianza,
espressa dal simbolo =, è riflessiva: ogni numero è uguale a se stesso. La
relazione espressa dal simbolo <, invece, non è riflessiva: nessun numero è
minore di se stesso. La prima relazione, inoltre, è simmetrica: se x = y
allora y = x. La seconda, invece, non è simmetrica: se x < y allora non si
dà il caso che y < x. Infine, entrambe sono transitive, perché si ha sia che se
x = y e y = z allora x = z, sia che se x < y e y < z allora x < z. Quando una
relazione è riflessiva, simmetrica e transitiva, come l’uguaglianza, si chiama
relazione di equivalenza.
L’ultima nozione importante da tenere presente è quella di funzione: una
funzione è una relazione che associa a ogni elemento del dominio esattamente
un elemento del codominio. In altri termini, una funzione F è una relazione
tale che, per ogni x nel dominio di F , c’è esattamente un y tale che hx, yi ∈ F .
Gli elementi del codominio di F sono i valori di F . Si indica con F (x) il
valore che F associa a x, mentre x è chiamato argomento. Si consideri per
esempio la funzione che assegna a ogni numero il suo successore:
S(x) = x + 1
Qui la lettera S indica la funzione di successione, mentre la x tra parentesi
indica il suo argomento. Per esempio, S(1) = 2, S(2) = 3 e cosı̀ via. Per
indicare che una funzione F ha come dominio A e come codominio un sot-
toinsieme di B si dice che F è una funzione da A in B. Invece, per indicare
che una funzione F ha come dominio A e come codominio B si dice che F
è una funzione da A su B.
Le funzioni possono essere distinte in varie categorie. Una distinzione
importante è quella tra funzioni che associano valori distinti ad argomenti
distinti e funzioni che non soddisfano questo requisito. Una funzione del
primo tipo si dice iniettiva. In altri termini, F è iniettiva nel caso in cui,
16

per ogni x, y, se x 6= y allora F (x) 6= F (y). Dati due insiemi A e B, se


esiste una funzione iniettiva da A su B si dice che A è in corrispondenza
biunivoca con B. Intuitivamente, A è in corrispondenza biunivoca con B se
si può associare a ciascun elemento di A esattamente un elemento di B in
modo che ogni elemento di B sia associato esattamente a un elemento di A.
Supponiamo infatti che F sia una funzione iniettiva da A su B. Allora si può
associare a ogni elemento x di A esattamente un elemento di B, cioè F (x).
Inoltre, si può associare a ogni elemento y di B esattamente un elemento di
A, cioè l’unico x tale che y = F (x)4 .
Le funzioni possono essere distinte anche in base al numero di argomen-
ti. Per esempio, la funzione di successione ha un solo argomento. Invece,
la funzione che assegna a ogni coppia di numeri la loro addizione ha due
argomenti:
A(x, y) = x + y
Qui la lettera A indica la funzione di addizione, mentre le x e y tra parentesi
indicano i suoi argomenti. Questa funzione prende coppie ordinate di nu-
meri come argomenti e restituisce numeri singoli come valori. Per esempio,
A(1, 1) = 2, A(1, 2) = 3 e cosı̀ via. In generale, una funzione n-aria da A in
B assegna elementi di B a n-uple di elementi di A. Siccome si indica con An
l’insieme di tutte le n-uple di elementi di A, questo significa che la funzione
assegna elementi di B a elementi di An . Il caso in cui n = 1 è quello in cui
la funzione ha un solo argomento, dunque An = A.
Una operazione n-aria su un insieme è una funzione n-aria che associa a
ogni n-upla di elementi dell’insieme un elemento dell’insieme. Per esempio,
la funzione di addizione è un’operazione binaria su ω, poiché associa elementi
di ω a coppie di elementi di ω. In altri termini, la funzione associa elementi
di ω a elementi di ω 2 . Un caso analogo è quello della moltiplicazione, poiché
anche in questo caso si tratta di una funzione che associa elementi di ω a
elementi di ω 2 . Le coppie ordinate che appartengono a questa funzione sono
hh1, 2i, 2i, hh2, 2i, 4i e cosı̀ via.
Restano da chiarire alcune assunzioni che si adottano di solito quando si
parla della grandezza degli insiemi. Come si diceva all’inizio, un insieme può
contenere qualsiasi numero di elementi. Siccome 0 è un numero, un insieme
può contenere 0 elementi. L’insieme vuoto, che si indica con ∅, è appunto
l’insieme che non contiene nessun oggetto. L’insieme vuoto è sottoinsieme
di qualsiasi insieme, per il semplice fatto che, dato un insieme A, non può
esserci nessun oggetto che appartiene a ∅ senza appartenere ad A. Si noti
che quando si parla dell’insieme vuoto si usa l’articolo determinativo, perché
esiste un solo insieme vuoto. Supponiamo infatti che A e B siano insiemi
vuoti. In questo caso A è sottoinsieme di qualsiasi insieme, e lo stesso vale
per B. Quindi, A ⊆ B e B ⊆ A. Ne consegue che A = B.
4
Una funzione F da A su B è chiamata anche ‘suriettiva’. Una funzione iniettiva da
A su B è chiamata anche ‘biiettiva’.
17

Un insieme A è finito se, per qualche n, A contiene esattamente n elemen-


ti. Ovviamente, se n = 0 allora A = ∅. Nel caso in cui n > 0, basta pensare
che A sia in corrispondenza biunivoca con {1, ..., n}. Per esempio, {2, 1} è
finito, perché contiene esattamente due elementi. Un insieme A è infinito se
non è finito, cioè se per nessun n si può dire che A contenga esattamente n
elementi. Per esempio, ω è infinito. Un insieme infinito è numerabile se è
in corrispondenza biunivoca con ω. Per esempio, l’insieme dei numeri pari
è numerabile, e lo stesso vale per l’insieme dei numeri dispari. Un insieme
infinito è non numerabile se non è numerabile. Per esempio, l’insieme dei
numeri reali, che si indica con R, è non numerabile. R comprende tutti i
numeri razionali, cioè quelli che possono essere espressi in forma frazionaria,
come 12 , e tutti i numeri irrazionali, cioè quelli che non sono razionali, come

2. Normalmente si chiama contabile un insieme finito o numerabile, e non
contabile un insieme che non è contabile.
Distinzioni analoghe valgono per gli insiemi ordinati. Un insieme or-
dinato si chiama sequenza, e gli oggetti che contiene si chiamano termini.
Una sequenza finita è una sequenza di n termini, quindi non è altro che una
n-upla. Per esempio, h1, 2i è una sequenza che ha come primo termine 1 e
come secondo termine 2. Una sequenza infinita è una sequenza che non è
finita. In generale, dato un insieme A, una sequenza finita di elementi di
A può essere pensata come una funzione da {1, ..., n} in A per qualche n.
Una sequenza infinita di elementi di A, invece, è una sequenza di elementi
di A che non è finita. Una sequenza numerabile di elementi di A può essere
pensata come una funzione da ω in A. Una sequenza contabile di elementi
di A è una sequenza finita o numerabile di elementi di A. Quando la fun-
zione è su A si parla di enumerazione. In altri termini, una enumerazione di
A è una sequenza contabile tale che ogni elemento di A è un termine della
sequenza e ogni termine della sequenza è elemento di A5 .

1.6 Prospetto

Questo testo può essere suddiviso in due parti principali: la prima è formata
dai capitoli 2-8, la seconda è formata dai capitoli 9-16. Ciascuna delle due
parti è suddivisa a sua volta in due gruppi di capitoli. Nei capitoli 2-4, che
formano il primo gruppo della prima parte, sono chiarite in modo informale
alcune nozioni logiche fondamentali. Il materiale di questi capitoli è tratto
da Iacona [28]. I capitoli 6-8, che formano il secondo gruppo della prima
parte, forniscono un’introduzione all logica enunciativa. I capitoli 9-15, che
formano il primo gruppo della seconda parte - il più corposo e impegnativo
dell’intero testo - vertono sulla logica predicativa e intendono trattare in
modo dettagliato un nucleo essenziale di conoscenze che costituiscono lo
5
Per saperne di più sulle nozioni insiemistiche fin qui presentate si può consultare
Casalegno e Mariani [8], capitoli 1-3.
18

sfondo di molte delle questioni filosofiche che la riguardano. Il materiale di


questi capitoli è tratto da Iacona e Cavagnetto [10]. Infine, il capitolo 16
fornisce una presentazione concisa della logica modale.
Ciascuno dei capitoli è suddiviso in sezioni. Ciascuna sezione è indicata
con due numeri, il primo dei quali è il numero del capitolo al quale appar-
tiene. Per esempio, la sezione 2.1 è la sezione 1 del capitolo 2. Alla fine di
molte sezioni si trovano uno o più esercizi. La numerazione degli esercizi
segue quella delle sezioni: ciascun esercizio è indicato con tre numeri, i pri-
mi due dei quali indicano la sezione in cui compare. Per esempio, l’esercizio
2.1.1 è l’esercizio 1 della sezione 2.1. In questo modo, per rintracciare gli
esercizi nel testo basta cercare le sezioni corrispondenti. Le soluzioni degli
esercizi di ciascun capitolo si trovano alla fine del capitolo, con l’eccezione
degli esercizi che ammettono più di una soluzione.
Un ultimo chiarimento riguarda le definizioni e i teoremi. In molti casi,
risulta utile definire un termine in modo esplicito, per fissarne il significato
in modo inequivocabile. In molti casi, inoltre, per giustificare adeguatamen-
te un’asserzione occorre dimostrarla. Nei prossimi capitoli, dunque, saranno
esposte dimostrazioni di vario genere. Per indicare che una dimostrazione
è conclusa si userà il simbolo , allineato a destra dopo l’ultima riga, e si
chiamerà ‘teorema’ l’asserzione dimostrata. Le definizioni e i teoremi saran-
no numerati come gli esercizi, cioè seguendo la numerazione delle sezioni.
Per esempio, la definizione 2.1.1 è la prima definizione che compare nella
sezione 2.1, e il teorema 2.1.1 è il primo teorema dimostrato nella sezione
2.1.
Capitolo 2

L’argomento e la sua esplicitazione

2.1 Argomento in forma canonica

L’argomento considerato all’inizio della sezione 1.1 ha due premesse e una


conclusione. Le premesse sono ‘Se il 2 non è a sinistra o al centro, allora
è a destra’ e ‘Il 2 non è a sinistra o al centro’. La conclusione è ‘Il 2 è a
destra’. La seguente formulazione permette di esporre questo argomento in
modo perspicuo:

(1) Se il 2 non è a sinistra o al centro, allora è a destra


(2) Il 2 non è a sinistra o al centro
(3) Il 2 è a destra

La linea orizzontale indica il passo inferenziale dalle premesse alla conclu-


sione.
Una formulazione dello stesso tipo può essere utilizzata per qualsiasi ar-
gomento. In generale, un argomento è formato da un insieme di n premesse
e da una conclusione. Dunque può essere formulato in termini di una se-
quenza verticale di n + 1 enunciati in cui una linea orizzontale separa i primi
n enunciati dall’ultimo. Un argomento cosı̀ formulato è un argomento in
forma canonica.
Quando si espone un argomento in forma canonica è utile aggiungere una
numerazione progressiva sulla sinistra, come nell’esempio riportato sopra. In
questo modo, per fare riferimento a questo o quell’enunciato è sufficiente in-
dicare il numero della riga occupata dall’enunciato stesso.

Esercizio 2.1.1 Tenendo presente la griglia del sudoku riportata nella


sezione 1.1, esporre in forma canonica due argomenti che permettono di
concludere quanto segue:

(a) In S7 il 3 si trova in basso a sinistra

(b) In S8 il 7 si trova in alto a destra.

Esercizio 2.1.2 Esporre in forma canonica i seguenti argomenti:

19
20

(a) Se sono innocente, allora mi presento davanti ai giudici. Ma io mi


presento davanti ai giudici; dunque, sono innocente.

(b) Se mi presento davanti ai giudici, sono colpevole; ma io non mi presento


davanti ai giudici; dunque, non sono colpevole.

2.2 Verità e falsità

Un argomento è costituito da enunciati, che sono espressioni linguistiche alle


quali si può attribuire verità o falsità. Un enunciato si usa per asserire che le
cose stanno in un certo modo, quindi è vero se le cose stanno effettivamente
in quel modo, falso in caso contrario. Per esempio, l’enunciato ‘La neve
è bianca’ è vero, perché di fatto la neve è bianca. Invece, l’enunciato ‘La
neve è verde’ è falso, perché di fatto la neve non è verde. In altri termini,
un enunciato ha condizioni di verità, dunque è vero se tali condizioni sono
soddisfatte, altrimenti è falso. Per esempio, l’enunciato ‘La neve è bianca’
è vero se e solo se la neve è bianca, mentre l’enunciato ‘La neve è verde’ è
vero se e solo se la neve è verde.
In base al principio di bivalenza, che è ampiamente adottato in logica,
verità e falsità sono valori reciprocamente esclusivi e congiuntamente esau-
stivi: un enunciato non può essere vero e falso, e non può non essere vero o
falso. In accordo con questo principio, d’ora in poi si darà per scontato che
un argomento è costituito da enunciati ciascuno dei quali ha condizioni di
verità, e pertanto risulta vero o falso in base al modo in cui stanno le cose.
A questo proposito, però, c’è un punto da chiarire. Un enunciato può es-
sere inteso in modi diversi, dunque può essere usato per asserire cose diverse.
Le sue condizioni di verità dipendono dal modo in cui è inteso. Assumendo
che un’interpretazione di un enunciato sia un modo di intendere l’enunciato,
questo significa che gli enunciati hanno condizioni di verità relativamente a
interpretazioni. Dunque, un argomento è un insieme di entità alle quali si
può attribuire verità o falsità nella misura in cui ciascuno degli enunciati
che lo compongono, relativamente a una data interpretazione, è vero o falso.
Spesso si usa il termine ‘proposizione’ per indicare ciò che è espresso
da un enunciato. Per esempio, l’enunciato ‘La neve è bianca’ esprime la
proposizione che la neve è bianca, l’enunciato ‘La neve è verde’ esprime la
proposizione che la neve è verde, e cosı̀ via. Quando si adotta questo modo
di parlare si assume che le proposizioni siano entità alle quali si può attri-
buire verità o falsità, dunque che un enunciato suscettibile di interpretazioni
diverse non sia altro che un enunciato che può esprimere proposizioni diver-
se. Tuttavia, qui si farà a meno del termine ‘proposizione’, perché i nostri
scopi non lo richiedono.
Ci sono almeno tre ragioni per cui le condizioni di verità di un enunciato
possono variare al variare della sua interpretazione. La prima è che un
enunciato può essere ambiguo, cioè avere più di un significato. Per esempio,
21

‘Qualcuno disegna un rombo’ è un enunciato ambiguo, perché può essere


usato sia per dire che qualcuno disegna un pesce, sia per dire che qualcuno
disegna una figura geometrica. Anche ‘Una vecchia porta la sbarra’ è un
enunciato ambiguo, perché può essere usato sia per dire, in modo poco
gentile, che una signora in età avanzata porta una sbarra, sia per dire che
l’accesso a qualcosa è impedito da una vecchia porta. Nel primo caso si
parla di ambiguità “semantica” o “lessicale”, perché ciò che rende ambiguo
l’enunciato è una parola che ha due significati. Nel secondo, invece, si parla
di ambiguità “sintattica” o “strutturale”, perché l’enunciato è ambiguo in
virtù di due possibili letture della sua struttura sintattica.
La seconda ragione è che normalmente le parole contenute in un enun-
ciato sono vaghe, cioè il loro uso non richiede criteri di applicazione ben
definiti. Per esempio, la parola ‘calvo’ è vaga. Chiaramente questa parola
si applica a un uomo che non ha nemmeno un capello, e chiaramente non si
applica a un uomo con la testa completamente ricoperta di capelli. Ma ci
sono uomini che hanno un numero di capelli per il quale non è chiaro se la
parola si applichi o no. Se Tizio ha un tale numero di capelli, l’enunciato
‘Tizio è calvo’ non è né chiaramente vero né chiaramente falso. Una parola
vaga è una parola che in linea di principio può essere resa precisa in modi
diversi. Quindi, un enunciato che contiene una parola vaga risulta vero o
falso solo relativamente a un modo sufficientemente preciso di intendere la
parola, cioè a un modo di intendere la parola che permetta di stabilire se la
parola si applica o non si applica. Per esempio, ci sono tanti modi di delimi-
tare con precisione l’insieme dei calvi: secondo uno di questi è calvo solo chi
ha al massimo 300 capelli, secondo un altro è calvo solo chi ha al massimo
299 capelli e cosı̀ via. Ciascuno di questi modi determina un’interpretazione
di ‘Tizio è calvo’ relativamente alla quale l’enunciato ha condizioni di verità
ben definite.
La terza ragione è che un enunciato può contenere espressioni dipendenti
dal contesto, cioè espressioni che hanno significati diversi in contesti diversi.
Un esempio paradigmatico di espressione dipendente dal contesto è la parola
‘io’. Se questa parola è usata da Tizio si riferisce a Tizio, mentre se è usata da
Caio si riferisce a Caio. Di conseguenza, se Tizio dice ‘Io ho sete’, asserisce
che Tizio ha sete, mentre se Caio proferisce lo stesso enunciato, asserisce che
Caio ha sete. Assumendo che un contesto sia un insieme di circostanze che
include un parlante, questo significa dire che ‘Io ho sete’ ha condizioni di
verità diverse in contesti diversi. Altre espressioni dipendenti dal contesto
sono quelle simili a ‘io’, come ‘tu’, ‘ora’ o ‘qui’. Ma non solo. Per esempio,
l’enunciato ‘Non ci sono birre’ può essere usato sia per asserire che non ci
sono birre nel frigo di Tizio, sia per asserire che non ci sono birre nel frigo
di Caio. Quindi, è ragionevole presumere che il significato di ‘non ci sono’
vari al variare del contesto. La dipendenza contestuale riguarda una grande
varietà di espressioni.
Dato che un enunciato può essere affetto da ambiguità, vaghezza e di-
22

pendenza contestuale, d’ora in poi si assumerà che un’interpretazione di un


enunciato sia un modo di intendere l’enunciato che risolve ambiguità, va-
ghezza e dipendenza contestuale nella misura in cui è sufficiente per fissare
condizioni di verità per l’enunciato. Sulla base di questa assunzione, si può
definire interpretazione di un argomento un’assegnazione di interpretazio-
ni agli enunciati che lo costituiscono. Quando si considera un argomento in
forma canonica, si tende a dare per scontata un’interpretazione specifica del-
l’argomento, quella che si potrebbe chiamare la sua interpretazione intesa.
D’ora in poi, quindi, si parlerà di argomenti in forma canonica assumendo
che si tratta di insiemi di enunciati ai quali è associata un’interpretazione
intesa.

Esercizio 2.2.1 I seguenti enunciati sono veri o falsi?

(a) In S6 il 7 è nella casella centrale

(b) In S1 il 7 è in basso a sinistra

Esercizio 2.2.2 Spiegare perché esistono interpretazioni diverse del seguen-


te argomento:

Lui è un filosofo; quindi, lui non è un biologo

2.3 Implicito/esplicito

In un argomento in forma canonica, un insieme di premesse e una conclusio-


ne sono formulati esplicitamente e ordinati in modo tale da rendere chiara
la direzione dell’inferenza. Per questo un argomento in forma canonica co-
stituisce un caso chiaro e semplice di ragionamento. Ma il più delle volte,
quando una persona adduce ragioni a sostegno di un’asserzione, non espone
un argomento in forma canonica. Quello che dice o scrive, che chiameremo
genericamente testo argomentativo, è piuttosto una sequenza strutturata di
frasi dalla quale può essere “estratto” almeno un argomento in forma canoni-
ca. In questa sezione e nelle due successive saranno considerati alcuni fattori
che possono rendere un testo argomentativo meno chiaro e più complesso di
un argomento in forma canonica.
Un primo motivo per cui la comprensione di un testo argomentativo può
non essere immediata è la presenza di materiale implicito. Supponiamo,
come nella sezione 1.1, che Sempronio, vedendo che Tizio ha scritto 2 in alto
a destra, gli chieda perché lo ha fatto. Tizio può rispondere come segue:

Il 2 non è a sinistra o al centro, quindi è a destra.

Questa frase, che costituisce il testo argomentativo presentato da Tizio, non


corrisponde esattamente all’argomento in forma canonica esposto nella se-
zione 2.1. Quell’argomento contiene una premessa che Tizio non proferisce,
23

cioè (1). Nonostante ciò, è plausibile attribuire l’argomento a Tizio. Infatti,


Tizio dà per scontato (1), essendo una regola del sudoku che ogni settore
deve contenere ciascun numero da 1 a 9.
Si noti che, quando si dice che è plausibile attribuire l’argomento della
sezione 2.1 a Tizio, non si intende dire che quello è l’unico argomento che può
plausibilmente essere attribuito a Tizio. Si consideri il seguente argomento:
(2) Il 2 non è a sinistra o al centro
(3) Il 2 è a destra
Questo argomento è diverso dall’altro, perché contiene una sola premessa.
Ma può essere plausibilmente attribuito a Tizio, dato che ricalca fedelmente
le sue parole. Nella maggior parte dei casi, quando una persona argomenta
proferendo certe parole, esiste più di un modo di esplicitare il suo ragiona-
mento, quindi argomenti diversi possono ugualmente essere attribuiti alla
persona. Un altro modo di dire la stessa cosa è il seguente. La distinzione
tra ciò che è implicito in un testo argomentativo e ciò che non lo è non è
sufficientemente precisa da determinare un’unica esplicitazione corretta del
testo.
In molti casi, comunque, il materiale implicito contenuto in un testo
argomentativo può essere individuato con chiarezza. Supponiamo che una
fidanzata dica al suo fidanzato quanto segue:
Non mi ami! Se mi amassi, saresti venuto a pranzo da mia zia.
In questo caso la fidanzata intende giustificare l’asserzione che il fidanzato
non la ama, e la ragione che adduce è che se il fidanzato la amasse sarebbe
andato a pranzo da sua zia. Ma ovviamente, non avrebbe senso dire questo
se il fidanzato fosse effettivamente andato a pranzo da sua zia. Quindi, è
chiaro che il fidanzato non ci è andato, e che la constatazione di questo fatto
costituisce parte dell’argomento:
(4) Se mi amassi, saresti venuto a pranzo da mia zia
(5) Non sei venuto a pranzo da mia zia
(6) Non mi ami
In altri termini, (5) è una premessa implicita dell’argomento della fidanzata.
Si noti che l’argomento cosı̀ esplicitato differisce anche in un altro aspetto dal
testo della fidanzata: l’ordine dell’esposizione cambia, visto che, nel testo,
(6) viene prima invece che alla fine. Questo è piuttosto comune. Non sempre
l’ordine dell’esposizione segue l’ordine del ragionamento.
La presenza di materiale implicito in un testo può riguardare non so-
lo le premesse dell’argomento, ma anche la sua conclusione. Supponiamo
che qualcuno vi dica qualcosa che non siete disposti a credere, e che voi
rispondiate con la seguente frase:
Se è cosı̀ allora io sono Napoleone
24

Ovviamente, state assumendo di non essere Napoleone, quindi c’è una pre-
messa implicita nel vostro argomento. Ma non è tutto. La conclusione
che intendete raggiungere è che quello che vi è stato detto non è vero, e
questo è sicuramente parte dell’argomento. Dunque l’argomento può essere
esplicitato come segue:

(7) Se è cosı̀, allora io sono Napoleone


(8) Io non sono Napoleone
(9) Non è cosı̀

Dagli esempi considerati risulta che un argomento in forma canonica


può contenere enunciati che di fatto non sono asseriti. Non bisogna pensare,
tuttavia, che un argomento in forma canonica esprima un ragionamento
in modo completamente esplicito. Si consideri di nuovo l’argomento esposto
nella sezione 2.1. La premessa (1) dice che se il 2 non è a sinistra o in centro,
allora è a destra. Ma sinistra, centro, destra di che cosa? Ovviamente, si
sta parlando di S3. Quindi, (1) potrebbe essere rimpiazzato dal seguente
enunciato:

(10) Se in S3 il 2 non è a sinistra o in centro, allora è a destra

Ma nemmeno (10) è del tutto esplicito. Di quale settore 3 si sta parlando?


Ovviamente, del settore 3 della griglia che appare nella sezione 1.1. Quindi,
(10) potrebbe essere rimpiazzato dal seguente enunciato:

(11) Se nel settore S3 della griglia che appare nella sezione 1.1 il 2 non è a
sinistra o in centro, allora è a destra

Ma non finisce qui. Di quale sezione 1.1 si sta parlando? Ovviamente, della
sezione 1.1 di questo testo. Considerazioni analoghe valgono per (11) e cosı̀
via. Dunque l’argomento esposto nella sezione 2.1 non esprime un ragiona-
mento in modo completamente esplicito, e lo stesso vale per un argomento
ottenuto rimpiazzando (1) con (10), (11) o un altro enunciato più lungo.
Non c’è niente di strano in tutto ciò. Quando si usa un enunciato non è
necessario specificare con esattezza che cosa si intende asserire, perché si
può assumere che il contenuto dell’asserzione sia sufficientemente chiaro. Se
cosı̀ non fosse, bisognerebbe usare enunciati talmente lunghi da rendere la
comunicazione estremamente faticosa, se non impossibile.

Esercizio 2.3.1 Esporre in forma canonica l’argomento contenuto nel se-


guente testo:

Se il corpo fosse solo anatomia, il nostro destino sarebbe irrime-


diabilmente segnato, ma grazie a Dio la forma anatomica è solo
un aspetto del nostro corpo1 .
1
Galimberti [20], p. 158.
25

2.4 Ridondanza, oscurità, linguaggio figurato

Un secondo motivo per cui la comprensione di un testo argomentativo può


non essere immediata è la presenza di espressioni irrilevanti dal punto di
vista logico. Per capire se un’espressione è rilevante dal punto di vista logico
basta immaginare come sarebbe il testo senza l’espressione. Se la sottrazione
cambia in modo sostanziale le condizioni di verità di qualche enunciato che
figura nel testo allora l’espressione è rilevante, altrimenti non lo è. Infatti, il
contenuto di un testo argomentativo dipende essenzialmente dalle condizioni
di verità degli enunciati che lo costituiscono.
Ovviamente, non sempre è chiaro a prima vista quali siano le asserzioni
espresse in un testo o le ragioni addotte a loro sostegno. Ma ci sono casi
in cui risulta evidente fin dall’inizio che una certa espressione è irrilevante.
Si consideri per esempio il testo riportato nell’esercizio 2.3.1. L’espressione
‘grazie a Dio’ che compare in quel testo è chiaramente trascurabile. Infatti,
se si elimina questa espressione dall’enunciato in cui figura, la condizione
di verità dell’enunciato - qualunque essa sia - non cambia. Lo stesso va-
le per ‘irrimediabilmente’. Quindi, l’argomento contenuto nel testo, una
volta presentato in forma canonica, non dovrà includere queste espressioni
(vedi soluzione dell’esercizio 2.3.1). In generale, quando si vuole “estrar-
re” un argomento da un testo occorre eliminare dal testo qualsiasi forma di
ridondanza, riducendone il più possibile la lunghezza e la complessità.
Un terzo motivo per cui la comprensione di un testo argomentativo può
non essere immediata è la presenza di espressioni oscure o figurate. Se un
testo argomentativo contiene un’espressione oscura o figurata, è naturale
chiedersi quale sia il suo significato, un po’ come quando si cerca di tra-
durre in italiano un’espressione di una lingua che non si conosce bene. In
generale, un testo argomentativo deve essere trattato come se fosse un testo
in una lingua straniera. Quando si legge un testo in una lingua straniera,
si cerca di capire che cosa dice il testo, assumendo che quello che c’è da
capire sia traducibile in italiano. Lo stesso vale per un testo argomentativo.
Per esplicitare in modo chiaro l’argomento contenuto in un testo, si deve
assumere che il testo possa essere parafrasato in modo comprensibile, cioè
che chiunque sappia l’italiano e abbia a disposizione un dizionario debba
poterne comprendere la parafrasi.
Ovviamente, non sempre (o quasi mai) una parafrasi comprensibile può
preservare interamente il significato delle espressioni che costituiscono il te-
sto originale. Ma ciò che conta è che il significato di queste espressioni sia
preservato in misura rilevante per lo scopo che la parafrasi si prefigge, cioè
quello di chiarire le asserzioni contenute nel testo e le eventuali ragioni ad-
dotte a loro sostegno. A questo fine è sufficiente preservare le condizioni
di verità degli enunciati che figurano nel testo. Pertanto, quando si espone
un argomento contenuto in un testo, bisogna, dove è possibile, eliminare le
espressioni oscure o figurate sostituendole con espressioni di uso comune che
26

non lo siano.
La qualificazione ‘dove è possibile’ qui è opportuna, visto che non sempre
è possibile sostituire le espressioni oscure o figurate che compaiono in un
testo con espressioni di uso comune che non lo siano. A volte un enunciato
è oscuro e non si è in grado di eliminare l’oscurità con la parafrasi. Ecco un
esempio inequivocabile di oscurità:

L’uomo è quell’essere-presente che, in quanto illuminante-percipiente


- e cosı̀ raccogliente - lascia che l’essere-presente sia come tale nel
non-esser-nascosto2 .

Per stabilire se questo enunciato è vero occorre stabilire qual è il significato


della sequenza di parole che viene dopo ‘L’uomo è’, il che è piuttosto arduo,
se non impossibile. Altre volte un enunciato contiene espressioni figurate e
non si è in grado di stabilire con esattezza qual è la sua traduzione in un
linguaggio non figurato. La definizione che segue è di questo tipo:

L’uomo è solo una canna, la più fragile della natura; ma una


canna che pensa3 .

Per stabilire se questo enunciato è vero occorre stabilire qual è la traduzione


in un linguaggio non figurato delle parole ‘una canna...’ ecc. Ma anche qui la
traduzione è un’impresa tutt’altro che facile. Come nel caso di un enunciato
oscuro, non si può stabilire se un enunciato che contiene espressioni figurate
è vero, perché la comprensione delle sue condizioni di verità dipende dalla
sua traduzione in un linguaggio non figurato.

Esercizio 2.4.1 Eliminare le espressioni che non sono indispensabili e so-


stituire le espressioni ridondanti con altre più brevi o meno complesse:

(a) Il tempo altro non è che la quarta dimensione dello spazio4 .

(b) Non sarà, comunque, da dimenticare che la Rivelazione per-


mane carica di mistero5 .

(c) Insomma, l’arte è sı́ specchio del mondo, ma specchio incri-


nato6 .

Esercizio 2.4.1 Perché non è facile stabilire se gli enunciati che seguono
sono veri o falsi?
2
Heidegger, [23], pp. 326-327.
3
Pascal [38], p. 173.
4
Zichichi [54], p. 15.
5
Giovanni Paolo II [29], p. 28.
6
Givone [21], p. 126.
27

(a) L’uomo è un cavo teso tra la bestia e il superuomo, - un cavo


al di sopra di un abisso7 .
(b) L’uomo è ciò che tutti conosciamo8 .
(c) L’uomo è l’essere che progetta di essere Dio9 .

2.5 Ragionamenti complessi

Un quarto e ultimo motivo per cui la comprensione di un testo argomentativo


può non essere immediata è che il testo può contenere un ragionamento
complesso. Gli esempi di ragionamento fin qui trattati sono semplici, nel
senso che ciascuno di essi consiste in una sola inferenza, dunque può essere
formulato come un singolo argomento. Un ragionamento complesso, invece,
è un insieme strutturato di ragionamenti semplici, in quanto include più di
un’inferenza. Pertanto, la sua formulazione richiede più di un argomento.
Ci sono diversi modi in cui due o più argomenti possono essere combinati
in un ragionamento complesso. Una forma piuttosto comune di combinazio-
ne è la concatenazione: due argomenti sono concatenati quando uno stesso
enunciato figura sia come conclusione di uno sia come premessa dell’altro.
Si consideri il nostro sudoku, con i dovuti aggiornamenti:

4 7 3 2
6 8 1 7
7 1 3 5
3 8 7 1
7
5 9 3 2
5 7 2 1
1 7 8 6
3 9 6 7

Dato che il 7 è al centro in S6 e in basso a sinistra in S1, in S4 può essere


solo in basso al centro o in basso a destra. Siccome non può essere in basso a
destra, essendo già nella stessa colonna in S7, deve essere in basso al centro.
Questo ragionamento richiede una concatenazione di argomenti, come risulta
chiaro da una formulazione esplicita.
(12) Se il 7 è in tal posto in S6 e S1, in S4 è in basso al centro o a destra
(13) Il 7 è in tal posto in S6 e S1
(14) In S4 il 7 è in basso al centro o a destra
7
Nietzsche [37], p. 8.
8
Democrito [5], 165, p. 335.
9
Sartre [46], p. 680.
28

(14) In S4 il 7 è in basso al centro o a destra


(15) In S4 il 7 non è in basso a destra
(16) In S4 il 7 è in basso al centro
La prima parte del ragionamento è costituita da un argomento che ha come
conclusione (14). La seconda è costituita da un altro argomento in cui (14)
figura come premessa, per raggiungere la conclusione (16). Ovviamente,
(16) potrebbe figurare come premessa in un argomento ulteriore, e cosı̀ via.
Quando si ragiona per concatenazione si procede in modo lineare, mediante
una serie di argomenti ciascuno dei quali serve per giustificare l’argomento
successivo, arrivando cosı̀ a una conclusione finale.
Altri tipi di ragionamento complesso sono quelli in cui si considerano
certe premesse in via del tutto ipotetica, per mostrare quali conclusioni
potrebbero esserne ricavate. Uno di essi è il ragionamento per assurdo, che
fa leva sulla riduzione all’assurdo di un’ipotesi contraria alla conclusione
che si intende giustificare. Si consideri S1. Qui l’8 non può essere nella
riga centrale, essendo nella stessa riga in S2. Quindi, dovrà essere in alto
a sinistra o in alto al centro. Ma si può escludere la seconda possibilità
ragionando come segue. Assumiamo che l’8 sia in alto al centro. Allora non
è in nessuna delle altre caselle bianche della stessa colonna, in particolare
nelle due caselle centrali di S7. Di conseguenza, è a destra in S7. Ma questo è
impossibile, essendo l’8 in S4 nella stessa colonna. Quindi, l’8 non è in alto in
centro in S1. La struttura del ragionamento risulta chiara se si considerano
i seguenti argomenti:
(17) L’8 è in alto al centro in S1
(18) Se l’8 è in alto al centro in S1, allora è a destra in S7
(19) L’8 è a destra in S7

(20) L’8 è a destra in S4


(21) Se l’8 è a destra in S4, allora non è a destra in S7
(22) L’8 non è a destra in S7
Dati (18), (20) e (21), che sono veri, se si assume (17) si ottengono (19) e
(22). Ma è impossibile che (19) e (22) siano entrambi veri, dato che (19)
dice che l’8 è a destra in S7, mentre (22) dice che l’8 non è a destra in S7:
l’8 non può essere e non essere a destra in S7. Quando un enunciato dice
che le cose stanno in un certo modo e un altro enunciato, ottenuto dal primo
aggiungendo la particella ‘non’ o un’espressione equivalente, dice che le cose
non stanno in quel modo, il secondo enunciato è la negazione del primo.
Quindi, se un enunciato è vero, allora la sua negazione è falsa, e viceversa.
Siccome (19) e (22), che sono ottenuti a partire da (17), non possono essere
entrambi veri, questo costituisce una ragione sufficiente per rifiutare (17).
In altri termini, la struttura del ragionamento è la seguente: se l’8 fosse in
alto al centro in S1, allora in S7 sarebbe a destra e non a destra, il che è
impossibile; dunque, l’8 non è in alto al centro in S1.
29

Un esempio paradigmatico di ragionamento per assurdo è la dimostra-


zione dell’esistenza di infiniti numeri primi fornita da Euclide. Un numero
primo è un numero naturale maggiore di 1 che non ammette divisori diversi
da se stesso e da 1. Supponiamo che l’insieme dei numeri primi non sia infini-
to, cioè che per qualche n i numeri primi siano esattamente p1 , ..., pn . Allora
qualsiasi numero intero diverso da p1 , ..., pn non è primo, pertanto ammette
come divisore qualche numero intero diverso da se stesso e da 1. Siccome
ogni numero intero maggiore di 1 equivale a un prodotto di numeri primi,
qualsiasi numero intero diverso da p1 , ..., pn ammette come divisore qualche
pi , con 1 ≤ i ≤ n. Ora si consideri il numero m tale che m = (p1 · ... · pn ) + 1.
Da un lato, m risulta maggiore di ciascun pi , quindi per ipotesi non può
essere primo. Questo significa che m deve essere divisibile per qualche pi .
Dall’altro, però, ogni divisione di m per qualche pi dà come resto 1, quindi
m non può essere divisibile per qualche pi . La supposizione che l’insieme dei
numeri primi sia finito implica una contraddizione10 .
Come risulta dai due esempi considerati, un ragionamento per assurdo
può presentarsi in due forme. Nel primo caso si assume come ipotesi di
partenza che un dato enunciato sia vero, per concludere che la sua negazione
è vera. Come mostra l’esempio del sudoku, assumendo che l’enunciato ‘L’8
è in alto al centro’ sia vero, si può concludere che la sua negazione è vera,
cioè che l’8 non è in alto al centro. Nel secondo caso, invece, si assume come
ipotesi di partenza che un dato enunciato sia falso, cioè che la sua negazione
sia vera, per concludere che l’enunciato stesso è vero. Come mostra l’esempio
della dimostrazione di Euclide, assumendo che la negazione dell’enunciato
‘Esistono infiniti numeri primi’ sia vera, si può concludere che l’enunciato
stesso è vero.
Un modo per caratterizzare la complessità di un ragionamento, indipen-
dentemente da considerazioni sul tipo di struttura, è quello di dire che un
ragionamento è tanto più complesso quanti più parti semplici contiene, cioè
quanti sono gli argomenti necessari per esprimerlo. Data questa caratteriz-
zazione, ogni ragionamento complesso può essere ampliato e reso ancora più
complesso aggiungendo argomenti. Per esempio, la conclusione che il 7 è in
basso al centro in S4 può essere usata come premessa per concludere che
l’8 è in basso a destra in S6. Allo stesso modo, la conclusione che l’8 è in
alto a sinistra in S1 può essere usata come premessa per concludere che l’8
è in alto al centro in S7 e che il 9 è in centro a destra in S1. Ma indipen-
dentemente dal grado di complessità, qualsiasi ragionamento complesso può
essere analizzato come un insieme di argomenti.

Esercizio 2.5.1 Ragionando per assurdo, argomentare che in S4 il 4 è in


basso a sinistra.

10
La formulazione originale della dimostrazione si trova in Euclide [14], pp. 549-550.
30

2.6 Analisi di un testo argomentativo

Questa ultima sezione fornisce alcune indicazioni che risultano utili per l’ana-
lisi di un testo argomentativo qualsiasi. Generalmente, quando si argomenta
si intende sostenere qualcosa, una tesi, su cui si ritiene di aver diritto a un
accordo. Ma siccome l’accordo non può essere dato per scontato, si cerca
di ottenerlo giustificando la tesi. Dunque, la prima cosa da fare quando si
esamina un testo argomentativo è cercare di capire che cosa intende soste-
nere il suo autore. Il modo più semplice per farlo è immaginare che il suo
autore voglia convincerci di qualcosa, e chiederci di che cosa. L’enunciato
che risponde meglio a questa domanda esprime la tesi del testo.
Una volta individuata la tesi, occorre chiarire il ruolo degli altri enun-
ciati in termini della loro relazione con la tesi. Per ciascuno di essi bisogna
chiedersi se sia asserito allo scopo di fornire sostegno alla tesi. Se la risposta
a questa domanda è negativa, allora l’enunciato non è essenziale all’obiettivo
del testo, quindi il suo ruolo è trascurabile. Se invece è affermativa, bisogna
cercare di capire quale sia esattamente la relazione dell’enunciato con la tesi.
Un enunciato può fornire sostegno alla tesi o direttamente, in quanto la te-
si è inferita dall’enunciato stesso (insieme ad altri), oppure indirettamente,
in quanto la tesi è inferita da qualche enunciato che a sua volta è inferito
dall’enunciato stesso (insieme ad altri).
Si noti che, chiedersi se un enunciato fornisca sostegno alla tesi - diretta-
mente o indirettamente - non significa chiedersi se l’enunciato fornisca una
spiegazione della tesi. Supponiamo che Tizio dica a Caio: “Sono stato male
perché ho mangiato le cozze”. In questo caso la parola ‘perché’ indica che c’è
una relazione tra l’asserzione che Tizio ha mangiato le cozze e l’asserzione
che Tizio è stato male. Ma la prima asserzione non è fatta con lo scopo di
ottenere il consenso di Caio sulla verità della seconda. Infatti, si presume
che Caio non intenda mettere in dubbio che Tizio è stato male. Piuttosto, la
prima asserzione è fatta con lo scopo di rendere conto del perché la seconda
è vera. In questo consiste la differenza tra argomentazione e spiegazione.
Quando si argomenta si parte dal presupposto che non ci sia accordo in-
torno alla verità di un’asserzione, e si forniscono ragioni per pensare che
l’asserzione sia vera. Invece, quando si spiega si parte dal presupposto che
ci sia accordo intorno alla verità di un’asserzione, e si fornisce un resoconto
del perché è vera.
Una volta individuata la tesi e gli enunciati che forniscono direttamen-
te sostegno alla tesi, si è individuato l’argomento principale del testo: la
tesi è la conclusione dell’argomento principale, gli enunciati che forniscono
direttamente sostegno alla tesi sono le sue premesse. Gli altri argomenti
contenuti nel testo, se ce ne sono, sono subordinati all’argomento principa-
le. Ovviamente, se il testo contiene un solo argomento, quello è l’argomento
principale.
Le relazioni che legano la tesi di un testo argomentativo agli enunciati
31

che - direttamente o indirettamente - forniscono ragioni per pensare che la


tesi sia vera costituiscono la struttura argomentativa del testo. La struttura
argomentativa è lo scheletro logico che tiene in piedi le frasi e le parole di cui
il testo è costituito. Come lo scheletro di un corpo non è immediatamente
visibile, cosı̀ la struttura argomentativa di un testo non è immediatamente
ovvia. Per riconoscerla, occorre considerare attentamente gli indizi forniti
nel testo. Per esempio, espressioni come ‘siccome’, ‘dato che’ o ‘visto che’
sono comunemente usate per indicare le premesse di un argomento, mentre
espressioni come ‘quindi’, ‘dunque’ o ‘pertanto’ sono comunemente usate per
indicare una conclusione.
La struttura argomentativa di un testo può essere più o meno complessa,
e più o meno difficile da scoprire. Il suo grado di complessità dipende dal
numero di inferenze che contiene e dal modo in cui sono combinate, men-
tre il grado di difficoltà della sua scoperta dipende dal modo in cui sono
espresse. In ogni caso, il criterio che guida l’esplicitazione della struttura
argomentativa di un testo è sempre lo stesso: a ogni inferenza corrisponde
un argomento. Una volta presentati in forma canonica tutti gli argomenti
contenuti in un testo, si è esplicitata la struttura argomentativa del testo.

Esercizio 2.6.1 Qual è la tesi del seguente testo?

Inoltre alla musica è propria quasi una mancanza di urbanità,


specialmente per la proprietà, che hanno i suoi strumenti, di
estendere la loro azione al di là di quel che si desidera, (sul vi-
cinato), per cui essa in certo modo s’insinua e va a turbare la
libertà di quelli che non fanno parte del trattenimento musicale;
il che non fanno le arti che parlano alla vista, perché basta ri-
volgere gli occhi altrove, quando non si vuol dar adito alla loro
impressione11 .

Esercizio 2.6.2 Qual è la tesi del seguente testo?

Nulla è dimostrabile, a meno che il contrario non implichi con-


traddizione. Nulla che sia distintamente rappresentabile implica
contraddizione. Qualunque cosa concepiamo esistente possiamo
anche concepirla come non-esistente. Non c’è Essere, quindi, la
cui non-esistenza implichi contraddizione. Di conseguenza non
c’è un Essere la cui esistenza sia dimostrabile12 .

Esercizio 2.6.3 Esplicitare la struttura argomentativa del testo dell’eserci-


zio 2.6.2.

Esercizio 2.6.4 Un’antica leggenda narra la storia di Corace e Tisia, due


11
Kant [30], p. 191.
12
Hume [26], p. 173.
32

oratori vissuti a Siracusa nel V secolo a. C. Corace insegnava l’arte della per-
suasione, Tisia era suo allievo. Secondo la leggenda, quando Tisia divenne
esperto, si rifiutò di pagare il compenso pattuito e per questo fu portato in
tribunale. Di fronte ai giudici, Tisia si difese argomentando che Corace ave-
va promesso di insegnargli a persuadere chiunque di qualsiasi cosa. Quindi
o aveva mantenuto la promessa, e allora doveva accettare che l’allievo fosse
in grado di persuaderlo a rinunciare al compenso, o non l’aveva mantenuta,
e allora il compenso non gli spettava. Qual è l’argomento di Tisia?
33

Soluzioni

Esercizio 2.1.2
Se sono innocente, allora mi presento davanti ai giudici
(a) Mi presento davanti ai giudici
Sono innocente

Se mi presento davanti ai giudici, allora sono colpevole


(b) Non mi presento davanti ai giudici
Non sono colpevole
Esercizio 2.2.1

Veri.

Esercizio 2.2.2

Perché ‘lui’ può riferirsi a persone diverse, quindi esistono interpretazioni


diverse tanto della premessa quanto della conclusione.

Esercizio 2.3.1
Se il corpo fosse solo anatomia, il destino sarebbe segnato
Il corpo non è solo anatomia
Il destino non è segnato
Esercizio 2.4.1

(a) Il tempo è la quarta dimensione dello spazio.

(b) La rivelazione è un mistero.

(c) L’arte è specchio incrinato del mondo.

Esercizio 2.4.2

(a) La metafora è difficilmente traducibile in un linguaggio non figurato.

(b) L’enunciato è oscuro.

(c) Qui non è chiaro se si tratti di metafora, ma in ogni caso l’enunciato è a


prima vista incomprensibile. Letteralmente è falso che tutti gli uomini
progettano di essere Dio.

Esercizio 2.5.1

Il ragionamento è analogo a quello svolto nella sezione 2.5. Basta conside-


rare l’ipotesi che il 4 non sia in basso a sinistra, e si potrà facilmente
ottenere una contraddizione sfruttando il fatto che nelle tre caselle di
sinistra di S4 devono comparire i numeri 2, 4 e 9.
34

Esercizio 2.6.1

La musica non è urbana.

Esercizio 2.6.2

Se qualcosa esiste, allora la sua esistenza non è dimostrabile.

Esercizio 2.6.3

Il testo contiene due argomenti concatenati:


Se qualcosa esiste, allora la sua esistenza non implica contraddizione
Se qualcosa è dimostrabile, allora il suo contrario implica contraddizione
Se qualcosa esiste, allora la sua esistenza non è dimostrabile

Se qualcosa è distintamente rappresentabile, allora non implica contraddizione


Se qualcosa è concepito come esistente, allora può essere concepito come non esistente
Se qualcosa esiste, allora la sua esistenza non implica contraddizione
Il primo è l’argomento principale. Il secondo è subordinato al primo, dato
che serve per giustificarne una premessa.

Esercizio 2.6.4
O mi hai insegnato a persuadere, o non me l’hai insegnato
Se mi hai insegnato a persuadere, allora non devo pagare
Se non mi hai insegnato a persuadere, allora non devo pagare
Non devo pagare
Capitolo 3

Validità

3.1 Validità e verità delle premesse

Questo capitolo fornisce alcuni chiarimenti a proposito della nozione di va-


lidità introdotta nella sezione 1.1, cercando di spiegare meglio che cosa si
intende dire quando si afferma che un argomento è valido, o che non lo è,
cioè che è invalido. D’ora in poi si userà la notazione Γ; α per indicare un
argomento qualsiasi che abbia come premesse un insieme di enunciati Γ e
come conclusione un enunciato α. In altri termini, Γ; α è una coppia ordi-
nata in cui Γ è il primo termine e α è il secondo. Si noti che, sebbene si
parli genericamente di Γ come di un insieme di enunciati, usando il plurale,
non è detto che gli elementi di Γ debbano essere più di uno. Γ potrebbe
contenere un solo elemento, come nell’esempio considerato nella sezione 2.3,
o addirittura nessuno, cioè potrebbe darsi che che Γ = ∅. Quest’ultimo caso,
anche se a prima vista può risultare poco intuitivo, è del tutto coerente con
la definizione di argomento: un argomento con 0 premesse è semplicemente
un argomento in cui la conclusione non è inferita a partire da niente, perché
si ritiene che si giustifichi da sola.
Per afferrare bene la nozione di validità occorre tenere presente due di-
stinzioni importanti che sono state enucleate nella sezione 1.1. La prima è
quella tra validità e verità delle premesse. Come si è detto in quella sezione,
per stabilire se Γ; α è corretto si devono affrontare due questioni, cioè se Γ; α
sia valido e se gli enunciati in Γ siano veri. Affrontare la prima questione
significa supporre che gli enunciati in Γ siano veri, e chiedersi se da questa
supposizione si possa a buon diritto ricavare la conseguenza che anche α è
vero. Affrontare la seconda significa chiedersi se la condizione di verità degli
enunciati in Γ sia soddisfatta dato il modo in cui effettivamente stanno le
cose. Il fatto cruciale è che validità e verità delle premesse sono proprietà
indipendenti. Un argomento può avere una delle due senza avere l’altra.
Per illustrare questo fatto, si consideri di nuovo il settore S1 del nostro
sudoku.

35
36

8 4 7 3 2
6 9 8 1 7
7 1 3 5
3 8 7 1
7
4 7 5 9 3 2 8
5 8 7 2 1
1 7 8 6
3 9 6 7

Nel seguente argomento le premesse sono vere, ma la conclusione non può a


buon diritto essere inferita dalle premesse:

(1) O il 2 è al centro in alto o è nella casella centrale


(2) Il 2 non è nella casella in alto
(3) In S2 il 9 è nella riga in basso

Il seguente argomento, invece, contiene una premessa falsa, cioè (5):

(4) O il 2 è al centro in alto o è nella casella centrale


(5) Il 2 non è nella casella centrale
(6) Il 2 è al centro in alto

Ma se (5) fosse vera - per esempio, se in S3 il 2 fosse nella riga centrale


invece di essere in alto a destra, (6) risulterebbe vera. Quindi l’inferenza da
(4) e (5) a (6) è legittima.
In sostanza, validità e verità delle premesse sono ingredienti distinti ma
entrambi essenziali della correttezza di un argomento. Per avere un argo-
mento corretto bisogna avere un argomento in cui la conclusione è inferita
legittimamente da premesse vere. Ecco un esempio:

(7) O il 2 è al centro in alto, o è nella casella centrale


(8) Il 2 non è al centro in alto
(9) Il 2 è nella casella centrale

Da quanto è stato detto risulta quindi che un argomento incorretto può


essere tale o perché è invalido, come nel primo caso considerato, o perché
almeno una delle sue premesse non è vera, come nel secondo, o per entrambe
le ragioni.

Esercizio 3.1.1 Il seguente argomento è corretto?

Se in S1 il 5 è in alto al centro, allora in S2 è a sinistra al centro. In S1 il


5 è in alto al centro. Quindi, in S2 il 5 è a sinistra al centro.
37

3.2 Deduzione e induzione

La seconda distinzione da tenere presente riguarda la nozione stessa di vali-


dità. Normalmente si distinguono due sensi in cui l’inferenza da un insieme
di premesse Γ a una conclusione α può essere legittima. Nel primo senso α
è inferita per deduzione, cioè Γ fornisce una ragione decisiva per accettarla.
In questo caso la verità degli enunciati in Γ garantisce totalmente la verità
di α, poiché esclude la possibilità che α sia falsa. Nel secondo α è inferita
per induzione, cioè Γ fornisce una ragione non decisiva per accettarla. In
questo caso la verità degli enunciati in Γ garantisce in qualche misura, anche
se non totalmente, la verità di α.
Quando in un argomento l’inferenza è legittima nel primo senso, l’ar-
gomento è deduttivamente valido. La validità deduttiva può essere definita
come segue:
Definizione 3.2.1 Un argomento Γ; α è valido se e solo se è impossibile
che gli enunciati in Γ siano veri e α sia falso.
Questa è la definizione classica di validità come preservazione necessaria della
verità. Per il principio di bivalenza (sezione 2.2), dire che è impossibile che
gli enunciati in Γ siano veri e α sia falso significa dire che, necessariamente,
se gli enunciati in Γ sono veri allora α è vero. Un esempio di argomento che
soddisfa la definizione 3.2.1 è il secondo argomento considerato nella sezione
3.1. Infatti, è impossibile che (4) e (5) siano veri ma (6) sia falso.
Quando in un argomento l’inferenza è legittima nel secondo senso, l’argo-
mento è induttivamente valido. La validità induttiva, che è chiamata anche
“forza” o “forza induttiva”, può essere intesa in modi diversi. Il più semplice
consiste nel sostituire ‘impossibile’ con ‘improbabile’ nella definizione 3.2.1.
In ogni caso, la differenza cruciale rispetto alla validità deduttiva è che la
validità induttiva non esclude la possibilità che le premesse dell’argomento
siano vere e la conclusione sia falsa. Si consideri il seguente argomento:
(10) Tutti i gatti che cononosco amano il latte
(11) Greg è un gatto
(12) Greg ama il latte
(10) e (11) garantiscono in qualche misura la verità di (12). Se (10) e
(11) sono vere, è improbabile che (12) sia falsa. O perlomeno, (10) e (11)
rendono il grado di probabilità di (12) superiore al grado di probabilità della
sua negazione. Ma questo non esclude la possibilità che (10) e (11) siano
vere e (12) sia falsa. Data la verità di (10) e (11), è possibile che Greg non
ami il latte, pur essendo improbabile.
La validità deduttiva è una questione di si o no. O è impossibile che
le premesse di un argomento siano vere e la sua conclusione sia falsa, o è
possibile. Quindi, o l’argomento è deduttivamente valido o è deduttivamen-
te invalido. Cosı̀ come due numeri pari non possono essere uno più pari
38

dell’altro, due argomenti deduttivamente validi non possono essere uno più
valido dell’altro. Lo stesso non si può dire della validità induttiva, perché
la probabilità è una proprietà che ammette gradi. In un argomento indutti-
vamente valido le premesse forniscono sostegno alla conclusione solo in una
certa misura. Questa misura varia da argomento ad argomento, e dipende
da quante e quali informazioni sono contenute nelle premesse. Quindi, può
darsi che due argomenti siano induttivamente validi e che uno dei due sia
più valido dell’altro.
Ai due sensi considerati in cui un’inferenza può essere legittima corri-
spondono due sensi in cui si può avanzare la pretesa che un’inferenza sia
legittima: si può chiamare deduttivo un argomento che viene presentato co-
me deduttivamente valido, e induttivo un argomento che viene presentato
come induttivamente valido. Tuttavia, è importante non confondere ‘dedut-
tivo’ con ‘deduttivamente valido’, o ‘induttivo’ con ‘induttivamente valido’.
La questione se un argomento sia deduttivo dipende dalle intenzioni e dal-
le pretese di chi propone l’argomento, nel senso che riguarda la relazione
presunta tra premesse e conclusione. In altri termini, la proprietà di essere
deduttivo appartiene o no a un argomento relativamente a ciò che questa
o quella persona ha in mente. Non è una proprietà che può essere attri-
buita all’argomento semplicemente esaminando le condizioni di verità degli
enunciati che lo costituiscono. Al contrario, la questione se un argomento
sia deduttivamente valido è indipendente dalle intenzioni e dalle pretese di
chi propone l’argomento. La proprietà di essere deduttivamente valido ap-
partiene o no a un argomento indipendentemente da ciò che questa o quella
persona ha in mente, e può essere attribuita all’argomento semplicemente
esaminando le condizioni di verità degli enunciati che lo costituiscono. In-
fatti, dire che un argomento è deduttivamente valido significa dire che una
certa relazione sussiste tra le premesse e la conclusione, e il fatto che la re-
lazione sussista o no è del tutto indipendente da quello che dice o pensa chi
propone l’argomento. La differenza tra ‘induttivo’ e ‘induttivamente valido’
è analoga.
Le due distinzioni chiarite in questa sezione e nella precedente permet-
tono di circoscrivere con un ragionevole grado di accuratezza l’ambito in cui
la logica svolge la sua funzione normativa. La logica, o almeno la parte del-
la logica che ci interessa, si occupa della legittimità dell’inferenza nel senso
deduttivo. Pertanto, qualsiasi considerazione che riguardi la verità delle pre-
messe o la validità induttiva resta fuori dalla sua portata. L’unica differenza
che conta è quella tra argomenti deduttivamente validi e argomenti dedutti-
vamente invalidi. D’ora in poi, pertanto, si userà ‘valido’ come sinonimo di
‘deduttivamente valido’ e ‘invalido’ come sinonimo di ‘deduttivamente inva-
lido’.

Esercizio 3.2.1 Fornire argomenti validi per riempire S7.


39

Esercizio 3.2.2 Fornire un esempio di argomento deduttivamente invalido


ma induttivamente valido.

3.3 Possibilità

Dato che la definizione 3.2.1 spiega la validità in termini di possibilità, viene


da chiedersi come debba essere intesa la possibilità. Nel linguaggio comune la
parola ‘possibile’ è usata in modi diversi, e questo porta i filosofi a distinguere
tipi diversi di possibilità. Quando si dicono cose come ‘Una mela non può
cadere verso l’alto’ si parla di possibilità in senso “fisico”. La possibilità in
questo senso è chiamata anche “nomologica”, perché è definita in termini di
compatibilità con le leggi di natura. Per esempio, l’ipotesi che la mela cada
verso l’alto è esclusa dalla legge di gravità.
Ma la possibilità non si riduce alla possibilità fisica. Quando si dicono
cose come ‘Un tavolo non può essere rotondo e quadrato’ si parla di possi-
bilità in un senso più ampio, che è spesso chiamato “metafisico”. Tutto ciò
che è fisicamente possibile è metafisicamente possibile, ma non vale l’inver-
so. Per esempio, è metafisicamente possibile, ma non fisicamente possibile,
che la mela cada verso l’alto. La possibilità metafisica è talvolta definita
in termini di compatibilità con la natura o l’essenza di ciò di cui si parla.
Data la natura o l’essenza della rotondità, un tavolo rotondo non può essere
quadrato1 .
Alcuni parlano di possibilità “logica” come di qualcosa che differisce sia
dalla possibilità fisica sia dalla possibilità metafisica. Ma non è chiaro che
cosa sia esattamente la possibilità logica. A volte l’espressione ‘possibilità
logica’ è usata semplicemente per indicare la possibilità in senso ampio.
Altre volte, invece, è usata per designare un tipo di possibilità definita in
termini di compatibilità con un dato insieme di principi logici. Ma questo
secondo uso certamente non può essere invocato per chiarire il significato
di ‘impossibile’ che compare nella definizione 3.2.1, dato che lo scopo della
definizione 3.2.1 è proprio quello di elucidare il criterio di validità che sta
alla base di qualsiasi principio logico.
Per quanto ci riguarda, sarà sufficiente assumere che esista una nozione
intelligibile di possibilità in senso ampio. Questa può essere pensata come
una nozione primitiva a partire dalla quale si spiegano gli usi più ristretti
del termine ‘possibile’. Per esempio, se qualcuno dice ‘Non è possibile che
una mela cada verso l’alto’, usando ‘possibile’ in un senso che implica ‘com-
patibile con la legge di gravità’, quello che intende dire è ‘Non è possibile
che valga la legge di gravità e una mela cada verso l’alto’.
1
Un altro modo di caratterizzare la possibilità in senso ampio è quello di definirla come
possibilità “concettuale”, cioè in termini di compatibilità con il concetto di cui si parla. In
questo caso è il concetto stesso di rotondità che rende impossibile che un tavolo rotondo
sia quadrato.
40

3.4 Altre proprietà e relazioni logiche fondamentali

La nozione di possibilità impiegata nella definizione 3.2.1 è la stessa che si


ritrova nelle definizioni di alcune proprietà e relazioni logiche fondamentali.
Una proprietà logica fondamentale che si definisce in termini di possibilità
è la coerenza:
Definizione 3.4.1 Un insieme di enunciati Γ è coerente quando è possibile
che tutti gli enunciati in Γ siano veri.
Quando un insieme di enunciati non è coerente, si dice che è incoerente. Per
esempio, l’insieme formato da ‘Tizio è calvo’ e ‘Tizio è miope’ è coerente,
mentre quello formato da ‘Tizio è calvo’ e ‘Tizio non è calvo’ è incoerente.
Una relazione logica fondamentale che si definisce in termini di possibilità
è l’implicazione:
Definizione 3.4.2 Un insieme di enunciati Γ implica un enunciato α se e
solo se è impossibile che gli enunciati in Γ siano veri e α sia falso.
Analogamente, si può dire che un singolo enunciato β implica un enunciato
α se e solo se è impossibile che β sia vero e α sia falso. Infatti, β implica
α se e solo se l’insieme che contiene β come suo unico elemento implica α.
Come risulta chiaro dalla definizione 3.4.2, un argomento è valido se e solo
se le sue premesse implicano la sua conclusione.
Un’altra relazione logica fondamentale che si definisce in termini di pos-
sibilità è l’equivalenza:
Definizione 3.4.3 Due enunciati α e β sono equivalenti quando non è
possibile che uno dei due sia vero e l’altro sia falso.
In altri termini, due enunciati sono equivalenti quando si implicano a vicen-
da. Per esempio, ‘Non si dà il caso che non piova’ è equivalente a ‘Piove’.
Infatti, siccome la negazione di ‘Piove’ è vera se e solo se ‘Piove’ è falso, la
sua doppia negazione, cioè la negazione della sua negazione, sarà vera se e
solo se ‘Piove’ è vero. In generale, in base al principio della doppia negazio-
ne la doppia negazione di un enunciato α è equivalente ad α. Se si usa il
simbolo di negazione ∼, si può esprimere l’equivalenza come segue: ∼∼ α è
equivalente ad α.
Una terza relazione logica fondamentale che si definisce in termini di
possibilità è la contraddizione:
Definizione 3.4.4 Due enunciati α e β sono contraddittori, cioè formano
una contraddizione, quando non possono essere né entrambi veri né entrambi
falsi.
Per esempio, ‘Tizio è calvo’ e ‘Tizio non è calvo’ sono contraddittori, poiché
il secondo è la negazione del primo. In generale, qualsiasi coppia di enunciati
α e ∼ α costituisce una contraddizione.
41

Si noti che un insieme di enunciati che include una contraddizione α e


∼ α è incoerente, perché è impossibile che α e ∼ α siano entrambi veri.
Non vale però l’inverso. Un insieme di enunciati può essere incoerente anche
se non contiene alcuna contraddizione. Per esempio, l’insieme formato da
‘Tizio ha più di trent’anni’ e ‘Tizio ha meno di trent’anni’ è incoerente,
perché i due enunciati non possono essere entrambi veri. Ma non si tratta di
una contraddizione, perché i due enunciati potrebbero essere entrambi falsi.
Infatti, può darsi che Tizio abbia proprio trent’anni.

Esercizio 3.4.1 L’insieme formato dai seguenti enunciati è coerente?

(a) La neve è bianca

(b) L’erba è verde

(c) Dio esiste o la neve non è bianca

Esercizio 3.4.2 Un insieme che ha come unico elemento un enunciato può


essere incoerente?

Esercizio 3.4.3 Quale dei seguenti enunciati implica l’altro?

(a) Tizio è calvo

(b) Tizio è calvo o Tizio non è calvo

Esercizio 3.4.4 perché i due enunciati seguenti sono equivalenti?

(a) Tizio è scapolo

(b) Tizio è un uomo adulto non sposato

3.5 Alcune proprietà importanti della validità

Ora saranno presentate alcune proprietà importanti della validità che sono
conseguenze dirette della definizione 3.2.1. Siccome un argomento è valido
se e solo se le sue premesse implicano la sua conclusione, come si è visto
nella sezione 3.4, queste proprietà possono essere enunciate in termini di
implicazione.
La prima proprietà, nota come monotonicità, consiste nel fatto che se un
argomento è valido, allora qualsiasi argomento ottenuto da questo aggiun-
gendo premesse è valido:

Teorema 3.5.1 Se Γ implica α e Γ ⊆ ∆, allora ∆ implica α.

Dimostrazione. Assumiamo che Γ implichi α e che Γ ⊆ ∆. Se gli enunciati


in ∆ sono veri, anche gli enunciati in Γ sono veri. Dato che Γ implica α, ne
consegue che α è vero. Quindi, ∆ implica α.
42

La monotonicità è normalmente invocata per distinguere la validità in senso


deduttivo dalla validità in senso induttivo. Infatti la seconda, a differenza
della prima, non è monotòna. Per esempio, se si aggiunge ‘Greg è allergico al
lattosio’ come premessa all’argomento considerato nella sezione 3.2 si ottiene
un argomento meno forte, cioè più debole.
La seconda proprietà consiste in un fatto ovvio, cioè che qualsiasi argo-
mento che abbia come conclusione una delle premesse è valido:

Teorema 3.5.2 Se α ∈ Γ, allora Γ implica α.

Dimostrazione. Ovviamente, se tutti gli enunciati in Γ sono veri, è impossi-


bile che qualcuno di essi sia falso.

La terza proprietà consiste nel fatto che se due argomenti concatenati


sono validi, allora un terzo argomento formato dalle premesse dei primi due
e dalla conclusione del secondo è valido:

Teorema 3.5.3 Se Γ implica α e ∆ ∪ {α} implica β, allora Γ ∪ ∆ implica


β.

Dimostrazione. Assumiamo che (a) α sia vero in ogni circostanza possibile


in cui gli enunciati in Γ sono veri, e che (b) β sia vero in ogni circostanza
possibile in cui gli enunciati in ∆ e α sono veri. Supponiamo ora che sia gli
enunciati in Γ sia quelli in ∆ siano veri. Da (a) risulta che α è vero. Quindi,
gli enunciati in ∆ e α sono veri. Da (b) ne consegue che β è vero.

In base al teorema 3.5.3 la validità si trasmette da un argomento all’altro


per concatenazione. Questo garantisce che, se ogni passo di un ragionamen-
to complesso fomato da argomenti concatenati è legittimo, anche l’intero
ragionamento è legittimo.
La quarta proprietà garantisce la validità del ragionamento per assurdo:

Teorema 3.5.4 Se Γ ∪ {α} implica β e ∼ β, allora Γ implica ∼ α.

Dimostrazione. Assumiamo che Γ ∪ {α} implichi β e ∼ β. Se gli enunciati in


Γ ∪ {α} fossero tutti veri, lo stesso dovrebbe valere per β e ∼ β. Ma β e ∼ β
non possono essere entrambi veri, essendo contraddittori. Quindi, Γ ∪ {α} è
incoerente. Da questo consegue che Γ implica ∼ α. Infatti, non è possibile
che tutti gli enunciati in Γ siano veri e α sia vero. Se tutti gli enunciati in
Γ sono veri, necessariamente α è falso, quindi ∼ α è vero.


43

Il teorema 3.5.4 esprime il principio della riduzione all’assurdo: se un enun-


ciato α, unitamente a un insieme di enunciati veri Γ, implica due enunciati
contraddittori β e ∼ β, allora ∼ α è vero. Questo principio giustifica di-
rettamente la prima delle due forme in cui un ragionamento per assurdo
può presentarsi, cioè quella in cui si assume come ipotesi di partenza che
α sia vero per concludere che ∼ α è vero. Per ottenere una giustificazione
della seconda, quella in cui si assume come ipotesi di partenza che ∼ α sia
vero per concludere che α è vero, basta assumere il principio della doppia
negazione (vedi sezione 3.4). Infatti, se si assume che ∼ α sia vero, in base
a un ragionamento del primo tipo si può inferire che ∼∼ α è vero.
La quinta proprietà concerne la relazione tra validità e coerenza, poiché
consiste nel fatto che un argomento è valido se e solo se l’insieme formato
dalle sue premesse e da un enunciato che contraddice la sua conclusione è
incoerente:

Teorema 3.5.5 Γ implica ∼ α se e solo se Γ ∪ {α} è incoerente.

Dimostrazione. Assumiamo che Γ implichi ∼ α. Necessariamente, se gli


enunciati in Γ sono veri allora ∼ α è vero. Questo significa che, necessaria-
mente, se gli enunciati in Γ sono veri allora α è falso. Dunque Γ ∪ {α} è
incoerente. Ora assumiamo che Γ ∪ {α} sia incoerente. Da quanto è stato
detto nella dimostrazione del teorema 3.5.4, risulta che Γ implica ∼ α.

In base al teorema 3.5.5, se un insieme è incoerente allora include un sot-


toinsieme Γ e un enunciato α tali che Γ implica ∼ α. Si noti che questo
vale anche nel caso in cui l’insieme contenga un solo enunciato, cioè in cui
Γ = ∅ e Γ ∪ {α} = {α}. In tal caso si ottiene che ∅ implica ∼ α, che è un
risultato del tutto accettabile. Infatti, essendo impossibile che α sia vero,
data l’incoerenza di {α}, è impossibile che ∼ α sia falso. Dunque viene sod-
disfatta, anche se in modo “vacuo”, la condizione richiesta dalla definizione
3.2.1, cioè è impossibile che gli enunciati in Γ siano tutti veri e ∼ α sia falso.
La sesta proprietà consiste nel fatto che qualsiasi argomento le cui pre-
messe formino un insieme incoerente è valido:

Teorema 3.5.6 Per qualsiasi α, se Γ è incoerente allora Γ implica α.

Dimostrazione. Assumiamo che Γ sia incoerente. Allora è impossibile che


gli enunciati in Γ siano tutti veri. Quindi, per qualsiasi α, è impossibile che
gli enunciati in Γ siano veri e α sia falso.

Anche in questo caso la condizione richiesta dalla definizione 3.2.1 viene


soddisfatta in modo vacuo: l’argomento è valido per il semplice fatto che
è impossibile che le premesse siano vere, indipendentemente dalla verità o
44

falsità della conclusione. Il teorema 3.5.6 legittima il principio noto come ex


falso quodlibet, detto anche principio dello Pseudo Scoto: una contraddizione
implica qualsiasi cosa.
La settima proprietà consiste nel fatto che ogni argomento in cui la
conclusione sia necessariamente vera è valido.

Teorema 3.5.7 Per qualsiasi Γ, se α è necessariamente vero allora Γ im-


plica α.

Assumiamo che α sia necessariamente vero. Allora, per qualsiasi Γ, è


impossibile che gli enunciati in Γ siano veri e α sia falso.

Questo teorema fornisce una generalizzazione del primo caso di vacuità con-
siderato, cioè quello relativo al teorema 3.5.5. Da un lato, infatti, se α è
implicato da qualsiasi Γ, allora è implicato da ∅, perché ∅ è uno degli in-
siemi che potrebbero essere Γ. Dall’altro, se α è implicato da ∅, allora è
implicato da qualsiasi Γ in virtù del teorema 3.5.1, dato che ∅ è sottoinsieme
di qualsiasi Γ.
Alcuni ritengono che i teoremi 3.5.6 e 3.5.7 siano inaccettabili a livello
intuitivo, e pertanto costituiscano un problema per la definizione classica di
validità come preservazione necessaria della verità. In base al teorema 3.5.6,
il seguente argomento è valido:
(13) Il tavolo è rotondo
(14) Il tavolo non è rotondo
(15) Dio esiste
In base al teorema 3.5.7, il seguente argomento è valido:
(15) Dio esiste
(16) 2+2=4
L’espressione un po’ desueta ‘paradossi dell’implicazione stretta’, che in pas-
sato è stata usata per designare argomenti come questi, indica un atteggia-
mento di diffidenza nei confronti della definizione 3.2.12 .
Tuttavia, non è ovvio che i teoremi 3.5.6 e 3.5.7 siano inaccettabili a
livello intuitivo. Infatti, questi teoremi possono essere giustificati sulla base
di assunzioni indipendentemente fondate. Si consideri innanzitutto il teore-
ma 3.5.6. Assumiamo che Γ sia incoerente. Dal teorema 3.5.5 risulta che Γ
include un sottoinsieme ∆ e un enunciato α tali che ∆ implica ∼ α. Per il
teorema 3.5.2, Γ implica α. Per il teorema 3.5.1, Γ implica ∼ α. Quindi, Γ
implica α e ∼ α. Applicando di nuovo il teorema 3.5.1 si ottiene che per un
2
Anderson e Belnap [9] è senza dubbio tra i contributi più importanti nell’ambito del
dibattito sulla revisione della nozione classica di validità. Il termine ‘implicazione stretta’
fu introdotto in Lewis [34] per designare l’implicazione.
45

enunciato β qualsiasi, Γ ∪ {∼ β} implica α e ∼ α. Da questo e dal teorema


3.5.4 risulta che Γ implica ∼∼ β, dunque che Γ implica β. Siccome β è
scelto arbitrariamente, Γ implica qualsiasi enunciato3 .
Si consideri ora il teorema 3.5.7. Per ottenerlo basta combinare il teore-
ma 3.5.6, che è stato appena giustificato, con un principio molto plausibile,
il principio di contrapposizione: se α implica β, allora ∼ β implica ∼ α.
Per esempio, se ‘Il tavolo è rosso’ implica ‘Il tavolo è colorato’, allora ‘Il
tavolo non è colorato’ implica ‘Il tavolo non è rosso’. Supponiamo che α sia
necessariamente vero. Ne risulta che è impossibile che ∼ α sia vero. Di con-
seguenza, l’insieme {∼ α} è incoerente. In base al teorema 3.5.6, si ottiene
che, per un enunciato qualsiasi ∼ β, {∼ α} implica ∼ β. Questo significa
che ∼ α implica ∼ β. Per il principio di contrapposizione, si ottiene che β
implica α. Infatti, per il principio della doppia negazione (vedi sezione 3.4),
β equivale a ∼∼ β e α equivale a ∼∼ α. Applicando il teorema 3.5.1 si
ottiene che ogni insieme di enunciati che include β implica α. Dato che β è
scelto arbitrariamente, qualsiasi Γ implica α4 .
Come mostrano chiaramente le considerazioni appena esposte, se si ac-
cettano i teoremi 3.5.1-3.5.5, che non causano perplessità a livello intuitivo,
allora è ragionevole accettare anche i teoremi 3.5.6 e 3.5.7, contrariamente
a quanto potrebbe sembrare a prima vista. Indipendentemente da questo,
comunque, è importante notare che l’aria di stranezza che circonda gli ulti-
mi due argomenti considerati diminuisce in misura apprezzabile se si tiene
presente che la validità di un argomento non deve essere confusa con la sua
bontà. Il primo argomento è valido in base al teorema 3.5.6. Ma questo non
significa che sia un buon argomento. Siccome (13) e (14) sono contraddittori,
è impossibile che siano entrambi veri. Dunque l’argomento non può in linea
di principio essere riconosciuto come corretto, il che esclude che sia buono.
Il caso del secondo argomento è in un certo senso analogo. L’argomento è
valido in base al teorema 3.5.7, ma la sua validità può essere riconosciuta
solo sulla base della constatazione che (16) è necessariamente vero. Sicco-
me i casi in cui normalmente si propone un argomento sono casi in cui la
conclusione dell’argomento esprime una tesi controversa, cioè una tesi la cui
verità non può essere data per scontata, in un contesto normale non si può
presupporre la verità di (16) più di quanto non si possa presupporre la sua
falsità. Questo significa che in un contesto normale l’argomento non può
essere giudicato valido, dunque che non è un buon argomento. In genera-
le, sembra che i teoremi 3.5.6 e 3.5.7 non abbiano conseguenze negative sui
giudizi che si possono dare nei casi in cui normalmente si cerca di stabilire
se un argomento è buono.

Esercizio 3.5.1 Un argomento che abbia come unica premessa (15) e come

3
Questo argomento è analogo a quello fornito in Lewis [35], 336-338.
4
Questa è una versione modificata dell’argomento fornito in Lewis [35], p. 338.
46

conclusione (15) è valido?

3.6 Validità e forma

Come si è detto nella sezione 1.1, la logica parte dall’osservazione che certi
argomenti validi hanno in comune certe proprietà strutturali. Si consideri
di nuovo il sudoku.

8 5 4 7 3 2
6 2 9 5 8 1 7
7 1 3 5
3 8 7 1
5 7
4 7 5 9 3 2 8
5 8 6 7 2 1
1 4 7 8 6
3 9 2 6 7

Un esempio di somiglianza strutturale tra argomenti validi è il seguente:

(17) Se il 3 è al centro in S2 allora il 4 è al centro in S3


(18) Il 3 è al centro in S2
(19) Il 4 è al centro in S3

(20) Se l’1 è in basso a destra in S4 allora il 6 è in basso a sinistra in S5


(21) L’1 è in basso a destra in S4
(22) Il 6 è in basso a sinistra in S5

Questi due argomenti hanno la stessa forma. In entrambi i casi, la prima


premessa è un enunciato complesso formato da due enunciati che sono tenuti
insieme dalle parole ‘se’ e ‘allora’. Un enunciato di questo tipo si chiama
condizionale, e i due enunciati di cui è costituito si chiamano rispettivamente
antecedente e conseguente. In entrambi i casi, poi, la seconda premessa è
l’antecente della prima, mentre la conclusione è il suo conseguente: (18) è
l’antecedente di (17), cosı̀ come (21) è l’antecedente di (20), mentre (19) è
il conseguente di (17), cosı̀ come (22) è il conseguente di (20). Se si usa il
simbolo ⊃ al posto dell’espressione ‘se...allora’, la forma esemplificata dai
due argomenti può essere rappresentata mediante lo schema α ⊃ β, α; β.
Questa è la forma che i logici chiamano modus ponens. Basta riflettere un
po’ per rendersi conto che qualsiasi argomento che la esemplifica è valido.
Se un condizionale è vero, non si dà il caso che il suo antecedente sia vero
e il suo conseguente sia falso. Quindi, se si assume che un condizionale sia
47

vero e che il suo antecedente sia vero, si deve necessariamente concludere


che il suo conseguente è vero.
Un altro esempio di somiglianza strutturale tra argomenti validi è il
seguente:

(17) Se il 3 è al centro in S2 allora il 4 è al centro in S3


(23) Il 4 non è al centro in S3
(24) Il 3 non è al centro in S2

(20) Se l’1 è in basso a destra in S4 allora il 6 è in basso a sinistra in S5


(25) Il 6 non è in basso a sinistra in S5
(26) L’1 non è in basso a destra in S4

Anche in questo caso i due argomenti hanno la stessa forma. In entrambi i


casi, la prima premessa è un condizionale, la seconda premessa è la negazione
del conseguente della prima, mentre la conclusione è la negazione del suo
antecedente. Questa è la forma che i logici chiamano modus tollens, e che può
essere rappresentata mediante lo schema α ⊃ β, ∼ β; ∼ α. Anche qui, basta
riflettere un po’ per rendersi conto che ogni argomento della stessa forma è
valido. Se un condizionale è vero, non si dà il caso che il suo antecedente
sia vero e il suo conseguente sia falso. Pertanto, se la negazione del suo
conseguente è vera, quindi il suo conseguente è falso, lo stesso deve valere
per il suo antecedente.
Per afferrare meglio i due schemi considerati, bisogna capire che in essi
compaiono due tipi di espressioni. Le lettere α e β sono espressioni non
logiche, cioè simboli che possono essere interpretati in modi diversi, in quanto
stanno per enunciati qualsiasi, ciascuno dei quali può essere vero o falso.
Per usare un’analogia, il ruolo delle lettere α e β è lo stesso che la lettera
n svolge nello schema n + 1 = n + 2 − 1. Quando si usa la n in questo
modo si intende dire che, qualunque sia il numerale che mettiamo al posto
di n, vale l’uguaglianza. Il simboli ∼ e ⊃, invece, sono costanti logiche, cioè
sono espressioni che hanno un significato fisso che è parte costitutiva delle
due forme considerate: ∼ significa ‘non’ indipendentemente dalla scelta di
α, e ⊃ significa sempre ‘se...allora’ indipendentemente dalla scelta di α e β,
proprio come = indica l’uguaglianza indipendentemente dalla scelta di n.
Una forma si dice valida quando tutti gli argomenti che la esemplificano
sono validi. Gli argomenti che esemplificano una forma valida, a loro volta,
si dicono formalmente validi :

Definizione 3.6.1 Un argomento Γ; α è formalmente valido se e solo se


esemplifica una forma valida.

Per esempio, il modus ponens e il modus tollens sono forme valide. Pertan-
to, i quattro argomenti considerati in questa sezione si dicono formalmente
validi.
48

La validità formale è la proprietà che interessa ai logici. Infatti, una


forma valida permette di studiare in modo sistematico un’intera classe di
argomenti validi. Per questo i linguaggi che si adottano in logica sono co-
struiti con l’intento di esprimere il maggior numero possibile di forme valide
usando un numero limitato di costanti logiche.

Esercizio 3.6.1 Usare un argomento della forma modus ponens per conclu-
dere che in S4 il 6 è nella casella centrale.

Esercizio 3.6.2 Completare il sudoku, controllando che ciascun nume-


ro sia inserito sulla base di un argomento valido e verificare se la forma
dell’argomento è rappresentabile usando i simboli ∼ e ⊃.
49

Soluzioni

Esercizio 3.1.1

Si.

Esercizio 3.4.1

Si.

Esercizio 3.4.2

Si. Per esempio, l’insieme che ha come unico elemento l’enunciato ‘2+2=5’
è incoerente, perché non è possibile che questo enunciato sia vero.

Esercizio 3.4.3

(a)

Esercizio 3.4.4

Perché ‘scapolo’ significa ‘uomo adulto non sposato’, quindi (a) e (b) sono
sinonimi. Due enunciati sinonimi sono sempre equivalenti.

Esercizio 3.5.1.

Si.
50
Capitolo 4

Fallacie

4.1 Fallacie formali

Prima di procedere con l’esposizione della logica enunciativa, che costituirà


l’oggetto dei capitoli 5-8, è utile soffermarsi su alcuni errori tipici di ragiona-
mento che sono tradizionalmente classificati come fallacie. Il termine deriva
dal latino ‘fallacia’, che significa ‘inganno’. Una fallacia, infatti, è un cattivo
argomento che somiglia a un buon argomento, il che lo rende ingannevole.
Più precisamente, una fallacia è un tipo di argomento: si può commettere la
stessa fallacia proponendo argomenti diversi, cioè argomenti che sono fallaci
per lo stesso motivo. Le fallacie che i logici hanno classificato nel corso dei
secoli sono numerose e di vario genere. Non c’è una lista unica di fallacie, né
avrebbe senso cercare di farla, visto che non c’è limite agli errori suscettibili
di essere classificati. In questo capitolo saranno presentate alcune fallacie
ben note, senza pretendere di fornire una trattazione esaustiva.
Alcune fallacie consistono in errori di inferenza, cioè errori che si com-
mettono quando si propone un argomento che sembra valido ma è invalido.
Un argomento invalido è un argomento in cui la conclusione non consegue
dalle premesse. Per questo si usa l’espressione latina non sequitur, che si-
gnifica ‘non ne consegue’, per designare un argomento del genere. Tutte le
fallacie trattate in questa sezione e nella prossima sono casi tipici di non
sequitur.
Un modo di caratterizzare un errore di inferenza è in base alla forma
dell’argomento. A questo proposito si parla di fallacie formali. Si consideri
il seguente argomento:

(1) Se la Terra è sferica allora non è piatta


(2) La Terra non è piatta
(3) La Terra è sferica

Questo argomento è invalido. Infatti è possibile che (1) e (2) siano veri e
(3) sia falso: la Terra potrebbe essere cubica. Ora si consideri il seguente
argomento:

51
52

(4) Se la Terra è sferica allora non è cubica


(5) La Terra non è cubica
(6) La Terra è sferica

Anche questo argomento è invalido. Infatti, è possibile che (4) e (5) siano
veri e (6) sia falso: la Terra potrebbe essere piatta. Entrambi gli argomenti
sono della forma α ⊃ β, β; α, e il motivo per cui sono invalidi è lo stesso:
è possibile che un condizionale e il suo conseguente siano veri ma il suo
antecedente sia falso. In generale, quindi, è sbagliato inferire l’antecedente
di un condizionale dal suo conseguente. La fallacia che consiste in questo
errore si chiama affermazione del conseguente. Un argomento come i due
considerati può sembrare valido perché somiglia a un argomento valido della
forma modus ponens:

(7) Se la Terra è sferica allora non è piatta


(8) La Terra è sferica
(9) La Terra non è piatta

Ora vediamo una fallacia analoga. Si consideri il seguente argomento:

(10) Se la Terra è a forma di pizza allora è piatta


(11) La Terra non è a forma di pizza
(12) La Terra non è piatta

Questo argomento è invalido. Infatti, è possibile che (10) e (11) siano veri
ma (12) sia falso: la Terra potrebbe essere piatta senza somigliare a una
pizza. Si consideri ora il seguente argomento:

(13) Se la Terra è piatta allora alcuni pianeti sono piatti


(14) La Terra non è piatta
(15) Nessun pianeta è piatto

Anche questo argomento è invalido. Infatti, è possibile che (13) e (14) siano
veri ma (15) sia falso: potrebbe esistere un pianeta piatto diverso dalla Ter-
ra. Di nuovo, i due argomenti sono della stessa forma, α ⊃ β, ∼ α; ∼ β, e il
motivo per cui sono invalidi è lo stesso: è possibile che un condizionale e la
negazione del suo antecedente siano veri ma la negazione del suo conseguente
sia falsa. In generale, quindi, è sbagliato inferire la negazione del conseguen-
te di un condizionale dalla negazione del suo antecedente. La fallacia che
consiste in questo errore si chiama negazione dell’antecedente. Un argomen-
to di questo tipo può sembrare valido perché somiglia a un argomento valido
della forma modus tollens:
(16) Se la Terra è a forma di pizza allora è piatta
(17) La Terra non è piatta
(18) La Terra non è a forma di pizza
53

A proposito delle due fallacie considerate, c’è un punto importante da


chiarire. Le due forme che caratterizzano queste fallacie sono invalide, nel
senso che alcuni argomenti che le esemplificano sono invalidi. Ma questo
non significa che tutti gli argomenti che le esemplificano siano invalidi. Si
consideri il seguente:

(19) Se qualcosa gira intorno al Sole, allora la Terra gira intorno al Sole
(20) La Terra gira intorno al Sole
(21) Qualcosa gira intorno al sole

Questo argomento è valido, pur essendo un esempio di affermazione del


conseguente. Infatti, la verità di (20), indipendentemente da quella di (19),
è sufficiente per escludere la falsità di (21). I casi del genere mostrano che
c’è una differenza cruciale tra stabilire che un argomento è valido sulla base
della sua forma e stabilire che un argomento è invalido sulla base della sua
forma. Se un argomento esemplifica una forma valida, sicuramente è valido.
Per esempio, ogni argomento della forma modus ponens è valido. Invece, se
un argomento esemplifica una forma invalida, non è detto che sia invalido.
Come si è appena visto, ci sono esempi di affermazione del conseguente che
sono validi. La spiegazione di questa asimmetria si deve al fatto che una
forma invalida può essere esemplificata da argomenti che, pur essendo validi,
non sono validi in virtù di proprietà strutturali esprimibili mediante il tipo
di costanti logiche che si usano per rappresentare quella forma. Nel caso
specifico considerato, la relazione di implicazione tra (20) e (21) dipende
da proprietà strutturali di (20) e (21) che non sono esprimibili mediante
costanti logiche come ∼ o ⊃.
Da quanto è stato appena detto risulta che l’affermazione del conseguente
e la negazione dell’antecedente sono tipi di argomento invalido, nel senso
che molti argomenti invalidi esemplificano l’una o l’altra delle due forme.
Tuttavia, questo non significa che tutti gli argomenti che esemplificano l’una
o l’altra delle due forme siano invalidi. Lo stesso vale per qualsiasi altra
fallacia formale. In generale, una fallacia formale è un tipo di argomento
invalido caratterizzato in termini di una forma invalida. Ma non è detto che
tutti gli argomenti che esemplificano quella forma siano invalidi.

Esercizio 4.1.1 Identificare la fallacia negli argomenti dell’esercizio 2.1.2.

4.2 Fallacie di rilevanza

Un altro modo di caratterizzare un errore di inferenza è quello di identificare


un tipo di argomento in cui le premesse non sono rilevanti per la conclusione.
Le fallacie di rilevanza sono errori di inferenza caratterizzati in questo modo,
cioè sono tipi di argomento in cui la verità delle premesse non è in grado
di garantire la verità della conclusione, contrariamente a quanto potrebbe
54

sembrare. Le tre fallacie trattate in questa sezione costituiscono tre casi ben
noti di irrilevanza.
La prima fallacia è l’argomento ad ignorantiam, cioè l’argomento in cui
si conclude che una tesi è vera sulla base del fatto che non ci sono prove che
sia falsa, oppure che è falsa sulla base del fatto che non ci sono prove che sia
vera. Ecco un esempio tratto dal Dialogo sopra i due massimi sistemi del
mondo di Galileo:
La sensata esperienza ci mostra come in Terra si fanno continue
generazioni, corruzioni, alterazioni etc., delle quali né per senso
nostro, né per tradizioni o memorie de’ nostri antichi, se n’è
veduta veruna in cielo; adunque il cielo è inalterabile etc., e la
Terra alterabile etc., e però diversa dal cielo1 .
Il personaggio che parla, Simplicio, argomenta a sostegno della tesi che il
cielo è inalterabile e incorruttibile dicendo che non c’è mai stata esperienza
o testimonianza di alterazioni o di corruzioni celesti, come invece accade nel
caso delle alterazioni e delle corruzioni terrestri. In altri termini, Simplicio
conclude che il cielo è inalterabile e incorruttibile sulla base della premessa
che non ci sono prove che sia alterabile e corruttibile. Ma il suo argomento è
invalido, perché l’assenza di prove della falsità della conclusione non implica
la sua verità. Può darsi che il cielo sia alterabile e corruttibile e tuttavia non
ci sia modo di provarlo. In generale, nel caso dell’argomento ad ignorantiam
le premesse non sono rilevanti perché la questione se una tesi sia vera o falsa
è indipendente dalla questione se ci siano prove della sua verità o falsità.
Per esempio, il teorema di Pitagora era vero prima che qualcuno riuscisse a
dimostrarlo. Pertanto, a quel tempo sarebbe stato sbagliato inferire la sua
falsità dall’assenza di una dimostrazione.
La seconda fallacia è l’argomento ad verecundiam, o argomento di au-
torità. L’espressione latina significa ‘alla modestia’, perché in origine l’ar-
gomento era inteso come un appello alla modestia di coloro che potrebbero
opporsi all’autorità. Si cade in questa fallacia quando si sostiene che una
tesi è vera perché una persona considerata autorevole ritiene che lo sia. Per
esempio, ai tempi in cui Galileo scrisse il Dialogo sopra i due massimi sistemi
del mondo Aristotele era considerato un’autorità in materia di astronomia,
quindi era normale che si facesse appello al suo nome per giustificare una
dottrina astronomica. Nell’argomento di autorità le premesse non sono rile-
vanti perché la questione se una tesi sia vera è indipendente dalla questione
se le persone considerate autorevoli ritengono che lo sia. Può darsi che una
persona autorevole ritenga che una tesi sia vera e tuttavia la tesi sia falsa.
Alcune delle tesi che Aristotele aveva ritenuto vere in materia di astronomia
si sono rivelate false ai tempi di Galileo.
La terza fallacia è l’argomento ad hominem. A volte in una disputa si
attacca una persona che sostiene una tesi o propone un argomento mettendo
1
Galilei [19], p. 59.
55

in dubbio la sua credibilità o la sua coerenza. Una mossa di questo genere


si chiama attacco ad hominem, poiché è rivolto alla persona invece che alla
tesi sostenuta o all’argomento proposto. Un caso tipico è quello del tu quo-
que, cioè dell’accusa di commettere lo stesso errore di cui si è accusati. Per
esempio, se un padre fuma ma dice a suo figlio che non deve fumare perché
fa male, il figlio potrebbe opporsi ribattendo che anche il padre fuma. La
fallacia dell’argomento ad hominem consiste nel trarre una conclusione circa
la verità di una tesi o la correttezza di un argomento sulla base di un attacco
ad hominem alla persona che sostiene la tesi o propone l’argomento. Cosı̀,
il figlio commette una fallacia se inferisce che la conclusione del padre non
è vera o che l’argomento del padre non è corretto sulla base della conside-
razione che il padre fuma. Infatti, la verità di una tesi o la correttezza di
un argomento non dipende in alcun modo dai vizi di chi asserisce la tesi
o propone l’argomento. In generale, un argomento ad hominem è invalido
perché la questione se una tesi sia vera o se un argomento sia corretto è in-
dipendente dalle caratteristiche della persona che asserisce la tesi o propone
l’argomento.
Le tre fallacie considerate sono note fin dall’antichità e si trovano in mol-
ti manuali di logica. Ma non è difficile identificarne altre. Si commette una
fallacia di rilevanza ogni volta che si argomenta sulla base di considerazio-
ni “esterne”, cioè considerazioni che riguardano proprietà di una tesi o di
un argomento che non sono pertinenti dal punto di vista logico. Spesso si
ricorre a considerazioni esterne quando si fa una confutazione, cioè quando
si argomenta contro una tesi o un argomento. A volte si cerca di screditare
una tesi o un argomento sulla base di considerazioni che riguardano la sua
origine. Questo succede per esempio quando si rifiuta una proposta politica
sostenendo che è motivata da certi interessi, oppure quando si critica una
dottrina morale sostenendo che è il risultato di un certo processo storico o di
un certo ordine sociale. In questo caso si commette una fallacia “genetica”.
Infatti, la questione se una tesi sia vera è indipendente dalla questione di
come o perché le persone che di fatto la ritengono vera siano arrivate a rite-
nerla vera. Lo stesso vale per la correttezza di un argomento. Altre volte si
cerca di screditare una posizione sulla base di considerazioni che riguardano
la sua appartenenza a questa o quella categoria: per esempio, si dice che è
“cinica”, o “ottusa”, o “materialista”. Anche in questo caso si commette
una fallacia: la questione se una tesi sia vera, o se un argomento sia cor-
retto, è indipendente dalla questione se la tesi o l’argomento sia descrivibile
mediante questa o quella etichetta.
Le fallacie di rilevanza, come le fallacie formali, sono errori inferenziali
dal punto di vista deduttivo. Si noti, tuttavia, che questo non significa che
siano errori inferenziali dal punto di vista induttivo: un argomento che esem-
plifica una fallacia di rilevanza, pur non essendo valido in senso deduttivo,
può essere valido in senso induttivo. Per esempio, l’argomento ad ignoran-
tiam è un errore dal punto di vista deduttivo, ma molti argomenti di questo
56

tipo sono induttivamente validi. In alcuni casi il mancato ritrovamento di


prove dopo averle ricercate attraverso procedure mirate a svelarle può esse-
re rilevante per stabilire la verità di una tesi. Questo succede quando c’è
qualche buona ragione per credere che, se la tesi fosse falsa, ci sarebbero
prove della sua falsità. Supponiamo che una moglie gelosa si rivolga a un
investigatore privato per scoprire se il marito è infedele, e che l’investigatore
segua il marito per diversi mesi senza mai riuscire a vederlo in compagnia di
un’altra donna. In questo caso la moglie ha buone ragioni per pensare che il
marito sia fedele. Naturalmente non può esserne certa, perché c’è sempre la
possibilità che il marito abbia un’amante ben nascosta. Ma è probabile che
non sia cosı̀. Considerazioni analoghe valgono per l’argomento di autorità
e l’argomento ad hominem. Gli argomenti che esemplificano queste fallacie,
pur non essendo validi in senso deduttivo, possono essere validi in senso in-
duttivo.

Esercizio 4.2.1 Individuare la fallacia:

Dio esiste. Tanti filosofi hanno provato a dimostrare che non


esiste, ma nessuno ci è riuscito.

Esercizio 4.2.2 Individuare la fallacia:

Dio non esiste. Tutti i tentativi compiuti nella storia per dimo-
strarne l’esistenza sono falliti.

4.3 Fallacia di equivocazione

In questa sezione e nella prossima saranno trattati due casi in cui un argo-
mento è incorretto per motivi che in un modo o nell’altro hanno a che vedere
con il significato di alcune espressioni che contiene. Il primo è quello della
fallacia di equivocazione, che può verificarsi quando un argomento contiene
espressioni ambigue.
Normalmente un’espressione ambigua non crea problemi di comunicazio-
ne, perché risulta chiaro dal contesto quale dei suoi significati deve esserle
attribuito. Se due amici si incontrano al mercato e uno dice “Ho comprato
un rombo da fare alla griglia”, difficilmente l’altro penserà che l’enunciato
esprima la dichiarazione dell’acquisto di una figura geometrica accompagna-
to dall’intenzione di arrostirla. Ma ci sono casi in cui l’ambiguità di un’e-
spressione può creare confusione, perché l’espressione è usata più volte nello
stesso discorso e si presta a interpretazioni diverse. Un’espressione ambigua
è usata in modo equivoco quando il suo significato inteso cambia surrettizia-
mente, cioè senza opportuni chiarimenti, all’interno di un contesto. L’uso
equivoco delle espressioni è in contrasto con una regola interpretativa che
tendiamo a dare per scontata nella maggior parte dei casi, cioè che occor-
renze diverse di una stessa espressione in uno stesso contesto debbano essere
57

associate allo stesso significato. Se una persona, in circostanze normali, leg-


ge un enunciato o un insieme di enunciati in cui ‘rombo’ occorre più volte,
sarà incline ad interpretare la parola in modo univoco, cioè o intenderà tutte
le occorrenze di ‘rombo’ nel senso di pesce o le intenderà tutte nel senso di
figura geometrica. Allo stesso modo, se a una persona, in circostanze nor-
mali, viene chiesto di pronunciarsi sulla verità o falsità di un enunciato o
di un insieme di enunciati in cui ‘rombo’ occorre più volte, la persona sarà
incline a chiedersi se l’enunciato o l’insieme di enunciati sia vero o falso data
questa o quella interpretazione univoca di ‘rombo’.
L’uso equivoco di un’espressione nella formulazione di un argomento ge-
nera la fallacia di equivocazione, che dipende da una confusione tra i diversi
significati dell’espressione. L’esempio che segue è tratto dalla Repubblica di
Platone:

L’utile del più forte, tu dici, è cosa giusta. E con questo, Tra-
simaco, che cosa intendi mai dire? Non vorrai certo sostenere,
credo, un’assurdità come questa, che se il pancraziaste Pulida-
mante è più forte di noi e al suo organismo sono utili le carni di
bue, tale cibo sia utile e insieme anche giusto pure per noi che
siamo più deboli di lui2 .

Socrate attacca una tesi sostenuta poco prima da Trasimaco, cioè che la giu-
stizia è l’utile del più forte, ricavandone la conseguenza ridicola che mangiare
carne di bue è cosa giusta. L’argomento di Socrate è il seguente:
(22) L’utile del più forte è cosa giusta
(23) Pulidamante è il più forte
(24) L’utile di Pulidamante è cosa giusta

(22) è un’assunzione, perché Socrate prende in considerazione la tesi di Tra-


simaco in termini puramente ipotetici. Invece, (23) è un enunciato la cui
verità è data per scontata. Da (24) e dalla constatazione che l’utile di Pu-
lidamante è mangiare carne di bue, Socrate ottiene la conseguenza che è
giusto mangiare carne di bue. L’argomento è fallace, perché in (22) e (23) la
parola ‘forte’ è usata in modo equivoco. (22) è la tesi di Trasimaco, quindi
la parola ‘forte’ è (o perlomeno dovrebbe essere) usata nel senso che intende
Trasimaco, cioè quello di ‘politicamente potente’ o di ‘capace di imporre il
proprio dominio sugli altri’. Invece, (23) verte sulla forza fisica di Pulida-
mante, quindi la parola ‘forte’ è usata nel senso di ‘forzuto’ o di ‘capace di
fare a pugni’. In altri termini, (23) è vera sulla base di un’interpretazione
che differisce da quella di (22) per il significato assegnato a ‘forte’. Proprio
in questo consiste la fallacia. Se infatti si interpretano (22) e (23) assegnan-
do a ‘forte’ significati diversi, l’argomento risulta invalido: è possibile che
la giustizia sia l’utile del più forte in senso “politico”, che Pulidamante sia
2
Platone [39], I, 12c, p. 42.
58

il più forte in senso “fisico”, ma che la giustizia non coincida con l’utile di
Pulidamante.
Un argomento che include un’espressione ambigua può essere giudicato
valido o invalido solo relativamente a un’interpretazione che dissipi l’ambi-
guità, poiché solo relativamente a una tale interpretazione si può attribuire
verità o falsità alle sue premesse e alla sua conclusione. Quindi, l’argomento
di Socrate può essere giudicato valido o invalido solo relativamente a un’in-
terpretazione che fissi il significato di ‘forte’ in (22) e (23). Il fatto è che
un’interpretazione che assegni significati diversi a ‘forte’ in (22) e (23), come
appunto quella che conferisce plausibilità a (22) e (23), rende l’argomento
invalido.
L’argomento di Socrate può trarre in inganno perché, in virtù della regola
interpretativa considerata, è naturale pensare che (22) e (23) siano intese in
modo univoco. Se cosı̀ fosse, l’argomento risulterebbe valido: è impossibile
che la giustizia sia l’utile del più forte in senso politico, che Pulidamante
sia il più forte in senso politico, ma che la giustizia non coincida con l’utile
di Pulidamante. Lo stesso vale per l’interpretazione che assegna a ‘forte’ il
significato fisico sia in (22) sia in (23). In generale, nel caso della fallacia di
equivocazione l’argomento è invalido nell’interpretazione intesa, cioè quella
che rende plausibili le premesse, ma può sembrare valido perché è naturale
interpretare premesse e conclusione in modo univoco. Quindi, la fallacia è
tanto più insidiosa quanto più è difficile scoprire che l’interpretazione intesa
non è univoca.

Esercizio 4.3.1 Spiegare in che cosa consiste la fallacia:


Fine di ogni cosa è la sua perfezione. La morte è fine della vita.
Quindi, la morte è la perfezione della vita.
Esercizio 4.3.2 Quello che segue è un esempio di fallacia di equivocazione?
Il tempo rimargina tutte le ferite. Il tempo è denaro. Pertanto
il denaro rimargina tutte le ferite3 .

4.4 Sorite

Il tipo di argomento che tratteremo ora è noto fin dall’antichità con il nome
di sorite. Questo nome deriva dalla parola greca ‘soros’, che significa ‘muc-
chio’. Il sorite è un paradosso, cioè un argomento apparentemente valido che
ha premesse apparentemente vere e una conclusione apparentemente falsa.
Quindi non è propriamente una fallacia. Piuttosto, è un rompicapo con cui
può essere interessante confrontarsi.
Nell’esempio che sarà considerato, l’argomento parte dalla premessa ap-
parentemente vera che una collezione di 1000 chicchi di grano è un mucchio.
3
L’esempio è tratto da Copi e Cohen [6], p. 210.
59

La premessa iniziale è seguita da una sequenza di 1000 premesse condizio-


nali tali che la prima ha come antecedente la premessa iniziale e ciascuna
delle altre ha come antecedente il conseguente di quella che la precede: se
1000 chicchi sono un mucchio allora 999 chicchi sono un mucchio, se 999
chicchi sono un mucchio allora 998 chicchi sono un mucchio, e cosı̀ via, fino
alla premessa che se 1 chicco è un mucchio allora 0 chicchi sono un mucchio.
In questo modo si ottiene la conclusione apparentemente falsa che 0 chicchi
sono un mucchio. In forma abbreviata, l’argomento è dunque il seguente:
(25) 1000 chicchi sono un mucchio
(26) Se n chicchi sono un mucchio, allora n − 1 chicchi sono un mucchio
(27) 0 chicchi sono un mucchio
In questa formulazione, (26) sostituisce la lista delle premesse condizionali,
assumendo che 1 ≤ n ≤ 1000. Per esempio, se n = 1000, quindi n −
1 = 999, si ottiene la prima premessa condizionale. Intuitivamente, (26)
dice che un chicco non fa la differenza tra essere un mucchio e non essere
un mucchio. L’apparente verità di (26), cosı̀ come quella di ciascuna delle
premesse condizionali che figurano nella sequenza equivalente, è dovuta alla
vaghezza della parola ‘mucchio’. Una parola vaga ha un’area di applicazione
chiara e un’area di applicazione non chiara. Cosı̀, ‘mucchio’ chiaramente si
applica a 1000 chicchi e chiaramente non si applica a 0 chicchi, ma ci sono
numeri di chicchi per i quali non è chiaro se si applichi o no. Siccome il
confine tra l’area di applicazione chiara e l’area di applicazione poco chiara
è a sua volta poco chiaro, si può costruire una serie di casi ciascuno dei
quali differisca dal caso immediatamente precedente in misura irrilevante
rispetto alla questione se la parola debba essere applicata, ma tali che presi
tutti insieme permettano di collegare un caso chiaro a un caso non chiaro. In
generale, per qualsiasi parola vaga è sempre possibile costruire una sequenza
di passi che collega un caso chiaro a un caso non chiaro, ammesso che l’unità
che viene scelta per ciascuno dei passi sia sufficientemente piccola.
Il sorite, si diceva, è un argomento apparentemente valido che ha pre-
messe apparentemente vere e una conclusione apparentemente falsa. Quin-
di, è naturale sospettare che ci sia qualcosa che non va bene nell’argomento.
Fornire una soluzione al paradosso del sorite significa stabilire che cosa esat-
tamente non va bene. Le vie possibili sono quattro: negare la verità di
(25), negare la verità di (26), negare la falsità di (27), o negare la validità
dell’argomento. Negare la verità di (25) o la falsità di (27) è implausibile al-
meno quanto il paradosso stesso, perché significa sostenere che 1000 chicchi
non sono un mucchio, o che 0 chicchi sono un mucchio. Negare la validità
dell’argomento non è certo un’alternativa migliore. Questo risulta chiaro se
si pensa che (26) equivale a una lista di condizionali e che (27) può essere
ricavata da (25) e dai condizionali della lista sulla base di una serie di sem-
plici argomenti della forma modus ponens. Quindi, sembra che la via più
plausibile sia negare la verità di (26). Tuttavia, a livello teorico non è affatto
60

facile giustificare questa opzione, dato che l’apparenza di verità che avvolge
(26) è piuttosto forte.
Quello che segue è l’abbozzo di una spiegazione che occupa una posi-
zione ben definita nell’ambito del dibattito contemporaneo sulla vaghezza.
Assumendo, come si è detto nella sezione 2.2, che un enunciato che contiene
una parola vaga possa essere valutato come vero o falso solo relativamente
a un modo sufficientemente preciso di intendere la parola, risulta evidente
che ci sono modi diversi, tutti ugualmente ammissibili, di interpretare un
enunciato che contiene la parola ‘mucchio’. In particolare, nel caso di (25)-
(27) occorre considerare una pluralità di interpretazioni ciascuna delle quali
preveda un criterio di appartenenza all’estensione di ‘mucchio’ sensibile a
differenze di un chicco. Infatti, (26) equivale a una sequenza di premesse
condizionali, e per valutare come vere o false tutte queste premesse bisogna
stabilire quali sono esattamente le collezioni della serie che contano come
mucchi. Il punto cruciale, tuttavia, è (26) non è vero in nessuna interpreta-
zione, perché in ogni interpretazione è falso che per ogni n, se una collezione
di n chicchi è un mucchio allora una collezione di n − 1 chicchi è un mucchio.
Dunque, l’argomento non è corretto in nessuna interpretazione.
Ovviamente, una spiegazione dello stesso tipo può essere applicata a
qualsiasi sorite. Dato che la maggior parte delle parole che si usano comu-
nemente sono vaghe, si possono costruire argomenti analoghi a quello con-
siderato con la maggior parte delle parole che si usano comunemente. Ma
siccome l’argomento considerato è incorretto perché una delle sue premesse
non è vera in nessuna interpretazione sufficientemente precisa, qualsiasi ar-
gomento analogo sarà incorretto per lo stesso motivo.

Esercizio 4.4.1 Formulare un sorite che porti alla conclusione che la Mole
Antonelliana è nella periferia di Torino.

4.5 Ignoratio elenchi

Come si è detto nella sezione 1.1, un buon argomento deve soddisfare due
requisiti, oltre ad essere corretto: la sua conclusione deve esprimere la tesi da
giustificare, e la sua correttezza deve essere in linea di principio riconoscibile.
Ma capita spesso che una persona cerchi di giustificare una tesi controver-
sa ricorrendo a un argomento che non soddisfa questi requisiti. Quando è
cosı̀ la persona commette un errore dimostrativo, nel senso che l’argomen-
to che propone non è appropriato per dimostrare ciò che vuole dimostrare.
Le ultime due fallacie da trattare sono appunto errori dimostrativi, quin-
di ciascuna delle due può essere identificata con un tipo di argomento che
sembra appropriato ma non lo è. La differenza importante rispetto alle fal-
lacie trattate nelle sezioni precedenti è che qui non è rilevante la correttezza
dell’argomento considerato isolatamente. Un argomento può essere corretto
61

ma inappropriato, dunque si può commettere una di queste fallacie anche se


l’argomento proposto è corretto.
Il primo tipo di errore dimostrativo si commette quando si propone un
argomento la cui conclusione esprime una tesi che non è quella da dimo-
strare. Quando si propone un argomento del genere si cade nella fallacia
dell’ignoratio elenchi. Il termine significa letteralmente ‘ignoranza della con-
futazione’, perché anticamente era usato per descrivere casi in cui si pensa
di aver confutato qualcosa senza averlo confutato davvero. Ma in segui-
to ha acquisito un significato più ampio, diventando un nome per l’errore
che si commette quando si perde di vista il punto della questione e di con-
seguenza si pensa di dimostrare qualcosa mentre si dimostra al massimo
qualcos’altro4 .
Un esempio di ignoratio elenchi è il seguente. Tizio e Caio hanno un
diverbio sulla bellezza della musica dei Beatles. Tizio dice “Le canzoni dei
Beatles? Non ci trovo niente di speciale”. Caio lo apostrofa dicendo “La
loro musica ha un’importanza fondamentale nella storia del rock, perché
molti gruppi successivi hanno ripreso le loro idee e il loro modo di suonare”.
L’argomento di Caio è chiaramente inappropriato, perché ciò che Caio deve
dimostrare non è che i Beatles sono importanti nella storia del rock, ma che
le loro canzoni sono belle.
In questo esempio l’ignoratio elenchi è palese, nel senso che la conclusio-
ne dell’argomento è formulata esplicitamente, quindi è facile rendersi conto
a prima vista che non si tratta della tesi in questione. Ma nella realtà è
piuttosto raro incontrare ignoratio elenchi palesi, perché di solito in una
discussione non si formulano gli argomenti in modo del tutto esplicito. Per
esempio, Caio potrebbe limitarsi a dire “Molti gruppi successivi hanno ri-
preso le loro idee e il loro modo di suonare”, esponendo solo la premessa
del suo argomento. Anche in questo caso l’argomento sarebbe inappropria-
to. Ma sarebbe più difficile rendersene conto a prima vista, non essendo
esplicita la conclusione. In altri termini, nel secondo caso l’ignoratio elen-
chi è latente. In presenza di un’ignoratio elenchi latente non è ovvio quale
sia esattamente l’argomento, perché non è ovvio quale sia esattamente la
conclusione. Le premesse possono sempre essere interpretate come parte di
un argomento che ha come conclusione un enunciato che esprime la tesi in
questione. Cosı̀, la considerazione di Caio sugli epigoni dei Beatles potrebbe
essere intesa come la premessa di un argomento la cui conclusione è che le
canzoni dei Beatles sono belle. In questo caso, però, l’argomento sarebbe un
non sequitur : la premessa esposta da Caio non implica che le canzoni dei
Beatles siano belle.
In generale, quando si è in presenza di un’ignoratio elenchi latente ci sono

4
Per questo, ignoratio elenchi si trova spesso tradotto con ‘ignoranza della questione’ o
più semplicemente con ‘conclusione irrilevante’. Il significato originario del termine risale
ad Aristotele, [3], 167a 21, p. 135.
62

due modi di formulare l’argomento: o si esplicita come conclusione dell’ar-


gomento una tesi diversa dalla tesi in questione, ottenendo cosı̀ un’ignoratio
elenchi palese, oppure si esplicita come conclusione dell’argomento la tesi in
questione. Nel primo caso l’argomento può essere corretto ma certamente
non è appropriato, mentre nel secondo può essere appropriato ma certamente
non è corretto.
L’ignoratio elenchi è una fallacia tipica della confutazione. Quando si
cerca di mettere in dubbio quello che una persona dice o scrive, è naturale
che si tenda a interpretare quello che dice o scrive in modo da renderlo il più
possibile vulnerabile alla critica. Cosı̀, in molti casi si finisce per attaccare
una tesi diversa da quella che la persona vuole difendere. A questo proposi-
to si parla anche di fallacia dell’“uomo di paglia”. L’espressione deriva dal
costume medievale di allenarsi combattendo contro un manichino di paglia
prima di affrontare in duello un cavaliere in carne e ossa. Commettere la fal-
lacia dell’uomo di paglia significa prendersela con un avversario inesistente,
nel senso che la tesi che si confuta non è quella difesa dall’avversario reale,
ma un’altra più facile da confutare. L’ignoratio elenchi consiste nel fatto
che invece di argomentare che la tesi difesa dall’avversario reale non è vera,
si argomenta che non è vera l’altra.
Un esempio chiaro di confutazione basata su un’interpretazione capziosa
si trova nel testo considerato nella sezione 4.3. Quel testo, come si è visto,
contiene il seguente argomento:
(22) L’utile del più forte è cosa giusta
(23) Pulidamante è il più forte
(24) L’utile di Pulidamante è cosa giusta
Da (24) e dalla constatazione che l’utile di Pulidamante è mangiare carne
di bue Socrate ottiene la conseguenza che è giusto mangiare carne di bue,
e da questa sembra voler ricavare la conclusione che (22) non è vera. Nella
sezione 4.3 l’argomento di Socrate è descritto come un esempio di fallacia di
equivocazione. Il motivo è che in quella sezione si assume come ipotesi di
partenza che in (22) la parola ‘forte’ sia da intendere nel senso in cui la in-
tende Trasimaco. Infatti, da questa ipotesi risulta che la parola ha significati
diversi in (22) e (23). Interpretato in questo modo l’argomento di Socrate è
una confutazione di (22) nel senso in cui lo intende Trasimaco. Ma Socrate
è ambivalente nel suo uso della parola, e non dice esplicitamente né in quale
dei due sensi assume che (22) sia vero, né di conseguenza in quale dei due
sensi conclude che non lo è. Quindi, il suo argomento può essere interpre-
tato anche come una confutazione di (22) nel senso in cui non lo intende
Trasimaco, cioè una confutazione della tesi che l’utile del più forte in sen-
so fisico è cosa giusta. Interpretato in questo modo l’argomento di Socrate
non è una fallacia di equivocazione, perché la parola ‘forte’ è intesa in senso
fisico tanto in (22) quanto in (23). Ma la conclusione che se ne può trarre è
diversa da quella richiesta, cioè che l’utile del più forte in senso politico non
63

è cosa giusta. Dunque nelle parole di Socrate si annida un’ignoratio elenchi


latente. Questo significa che ci sono due modi di esplicitare il suo ragiona-
mento: o gli si attribuisce la negazione della tesi che l’utile del più forte in
senso fisico è cosa giusta, ottenendo un’ignoratio elenchi palese, oppure gli
si attribuisce la negazione della tesi che l’utile del più forte in senso politi-
co è cosa giusta. Nel primo caso l’argomento è chiaramente inappropriato,
mentre nel secondo è incorretto per la ragione esposta nella sezione 4.3.

Esercizio 4.5.1 Supponiamo che una persona sia sotto processo perché
sospettata di omicidio, e che un avvocato argomenti in favore dell’accusa di-
lungandosi sull’efferatezza del delitto e sull’innocenza della vittima. Perché
l’avvocato è colpevole di ignoratio elenchi ?5

Esercizio 4.5.2 All’inizio dell’Ottocento, Jean-Baptiste-Pierre-Antoine Mo-


net de Lamarck aveva dichiarato che i polipi sono privi di sensazioni perché
sono privi di nervi. Ma altri avevano osservato che i polipi hanno percezioni
almeno nel senso che sono in grado di spostarsi verso la luce e di afferrare
una preda, quindi attribuivano loro una massa nervosa diffusa uniformemen-
te in tutto il corpo. Lamarck si oppose dicendo che se cosı̀ fosse allora tutte
le parti del corpo del polipo sarebbero capaci di ogni specie di sensazione, di
volontà e di pensiero, che il polipo avrebbe in ogni punto del corpo tutti gli
organi dell’animale più completo, cioè che potrebbe vedere, annusare, gu-
stare, sentire, anzi pensare, giudicare, inferire, e che di conseguenza sarebbe
al di sopra dell’uomo, avendo in ogni parte facoltà che l’uomo ha nel suo
insieme. Perché questo modo di argomentare è scorretto?6

4.6 Petizione di principio

Il secondo tipo di errore dimostrativo si commette quando si propone un


argomento che include tra le premesse enunciati che non possono essere
accettati come veri da una persona che non riconosca come vera la conclu-
sione. La forma caratteristica di argomento inappropriato in questo senso è
nota come petizione di principio, dal latino ‘petitio principii’. Il significato
originario del termine latino è ‘richiesta di ciò che sta all’inizio’, perché an-
ticamente il termine era usato per definire l’errore che si commette in una
disputa quando un contendente chiede all’altro di dare per scontata la verità
della tesi che dà inizio alla disputa, cioè la tesi controversa. La definizione
corrente dice più semplicemente che fare una petizione di principio significa
assumere ciò che si vuole dimostrare7 .
5
L’esempio è tratto da Walton [51], pp. 19-20.
6
L’esempio è tratto da Schopenhauer [47], pp. 30-31.
7
Anche in questo caso il significato originario dell’espressione risale ad Aristotele,
perché compare in Aristotele [1] VIII, 13, 162b 31, pp. 302-303.
64

Gli esempi di petizione di principio che si trovano di solito nei manuali


di logica sono argomenti che includono la stessa conclusione tra le premesse,
come quello considerato nell’esercizio 3.5.1. Infatti, è evidente che quando
si propone un argomento di questo tipo con lo scopo di dimostrare la sua
conclusione si assume ciò che si vuole dimostrare. Ma per fare una petizione
di principio non è necessario usare la conclusione come premessa. Per esem-
pio, nel film Amore e guerra di Woody Allen c’è una scena in cui un prete
snocciola una serie di argomenti tra i quali il seguente:
(28) Dio ha creato l’universo
(29) Dio esiste
Il prete fa chiaramente una petizione di principio, perché non si può accettare
la premessa del suo argomento a meno che non si accetti già la conclusione.
Ma in questo caso la conclusione non figura come premessa. Piuttosto, c’è
una relazione ovvia di implicazione tra premessa e conclusione: Dio non può
aver creato l’universo senza esistere.
Un argomento che include come premessa la conclusione è valido, come
risulta dal teorema 3.5.4. Anche un argomento in cui una delle premesse
implica la conclusione è valido, dato il teorema 3.5.1. Dunque la petizio-
ne di principio non è un errore di inferenza: non c’è niente che non vada
bene nel passaggio dalle premesse alla conclusione dell’argomento proposto.
La fallacia consiste piuttosto in un errore dimostrativo, nel senso che viene
presentato come dimostrazione della conclusione un argomento che non può
essere riconosciuto come tale. I due casi tipici sono appunto quelli conside-
rati. Nel primo caso si commette l’errore perché in qualsiasi contesto in cui
non sia accettata come vera la conclusione non si può dare per garantita una
premessa che è la conclusione stessa. Nel secondo caso si commette l’errore
perché in qualsiasi contesto in cui non sia accettata come vera la conclusione
non si può dare per garantita una premessa che la implica in modo ovvio.
Quando un argomento di uno dei due tipi considerati viene presentato
esplictitamente come dimostrazione di una tesi controversa, la petizione di
principio è palese. Ma al di fuori dei manuali di logica e dei film demenziali è
abbastanza raro incontrare una petizione di principio palese, perché di solito
si cerca di non formulare argomenti palesemente inappropriati. Nella realtà
è più facile incontrare argomenti come questo:
La studentessa mi ha detto che sono il suo professore preferito, e
so che dice la verità, perché nessuno studente mentirebbe al suo
professore preferito8 .
L’argomento del professore può essere formulato cosı̀:
(30) La studentessa mi ha detto che sono il suo professore preferito
(31) Nessuno studente mente al suo professore preferito
(32) La studentessa ha detto la verità
8
L’esempio è tratto da Fogelin e Sinnott-Armstrong [11], p. 409.
65

La conclusione alla quale il professore vuole arrivare è ovviamente la seguen-


te:

(33) Io sono il professore preferito della studentessa

(33) si ottiene da (32) sulla base di (30). A differenza dell’argomento del


prete, l’argomento del professore non è valido. Supponiamo che il profes-
sore non sia il preferito della studentessa. In questo caso è possibile che
la studentessa gli abbia mentito. Infatti, cosı̀ facendo non avrebbe mentito
al suo professore preferito, quindi non avrebbe violato il principio secondo
cui nessuno studente mente al suo professore preferito. Naturalmente, se si
aggiunge (33) come premessa si ottiene un argomento valido:

(30) La studentessa mi ha detto che sono il suo professore preferito


(31) Nessuno studente mente al suo professore preferito
(33) Io sono il professore preferito della studentessa
(32) La studentessa ha detto la verità

Infatti, è impossibile che (30) e (33) siano veri e (32) sia falso. Ma siccome
la conclusione alla quale il professore vuole arrivare è proprio (33), in que-
sto modo si ottiene una petizione di principio palese. In altri termini, nelle
parole del professore si nasconde una petizione di principio latente. Una
petizione di principio latente non è immediatamente riconoscibile come tale,
quindi risulta più efficace di una petizione di principio palese. Come nel
caso dell’ignoratio elenchi latente, quando si è in presenza di una petizione
di principio latente ci sono due modi di formulare l’argomento: o si formula
senza la premessa tacita, oppure si formula aggiungendo la premessa tacita e
ottenendo cosı̀ una petizione di principio palese. Nel primo caso l’argomento
può essere appropriato ma certamente non è corretto, mentre nel secondo
può essere corretto ma certamente non è appropriato.

Esercizio 4.6.1 Spiegare in che cosa consiste la petizione di principio con-


tenuta nel seguente testo:

Parlare degli altri numi e saperne l’origine è impresa più che da


noi, e bisogna credere a quelli che ne parlarono prima, perché
erano, come dicevano, discendenti di dei e dovevano conoscere
bene i loro antenati. Pertanto non si può non aver fede ai figli
di dei, benché parlino senz’argomenti verosimili o necessari, ma,
perché affermano di riferire cose di famiglia, noi, seguendo la
legge, dobbiamo credervi9 .

9
Platone [40], 40d-e, p. 383.
66

Soluzioni

Esercizio 4.1.1
(a) Affermazione del conseguente.

(b) Negazione dell’antecedente.


Esercizio 4.2.1
Argomento ad ignorantiam.

Argomento ad ignorantiam.
Esercizio 4.3.1
Questo è un esempio di fallacia di equivocazione. La parola ‘fine’ è usa-
ta in modo equivoco, perché nell’interpretazione più plausibile delle
premesse è intesa prima nel senso di ‘scopo’ e poi nel senso di ‘termine’.
Esercizio 4.3.2
No.
Esercizio 4.5.1
L’avvocato non deve provare che il delitto è efferato o che la vittima è
innocente, ma che la persona accusata ha commesso il delitto.
Esercizio 4.5.2
Lamarck cade nella fallacia dell’ignoratio elenchi perché interpreta la tesi
dei suoi avversari in modo capzioso. I suoi avversari non sostengono
che il polipo ha in ogni parte del corpo le stesse capacità che hanno
gli animali dotati di organi di senso distinti, ma semplicemente che il
polipo ha un apparato nervoso diffuso in ogni parte del corpo.
Esercizio 4.6.1
Il brano contiene una petizione di principio latente, come nell’esempio del
professore. Anche in questo caso abbiamo una conclusione, ‘Dobbiamo
credere agli antichi’, e due premesse esplicite, ‘Gli antichi dicevano di
essere figli degli dei’ e ‘Non è lecito dubitare della parola dei figli degli
dei’. L’argomento cosı̀ formulato, però, è invalido. Infatti, è possibile
che gli antichi non fossero figli degli dèi, pur dicendo di esserlo. Mettere
in dubbio la loro parola, in tal caso, non violerebbe il principio secondo
cui non è lecito dubitare della parola dei figli degli dèi. Se invece
si formula l’argomento in modo da renderlo valido, cioè aggiungendo
la premessa tacita ‘Gli antichi erano figli degli dèi’, si ottiene una
petizione di principio palese.
Capitolo 5

I simboli della logica enunciativa

5.1 Lettere enunciative

Questo capitolo presenta un linguaggio che permette di rappresentare a li-


vello formale un’ampia classe di enunciati complessi, cioè di enunciati che
contengono al loro interno altri enunciati. Il linguaggio che sarà considerato,
che chiameremo Le , è un linguaggio enunciativo. Le costanti logiche che lo
caratterizzano, infatti, corrispondono a espressioni di una lingua naturale
che permettono di formare enunciati a partire da altri enunciati.
La prima categoria di simboli da considerare sono le lettere enunciative,
come p o q. Le lettere enunciative sono le espressioni non logiche di Le ,
perché sono lettere schematiche che stanno al posto di enunciati qualsiasi.
Per esempio, la lettera p indica un enunciato qualsiasi, dunque può essere
usata per rappresentare tanto ‘La neve è bianca’ quanto ‘La neve è verde’.
Lo stesso vale q o per qualsiasi altra lettera enunciativa.
Le lettere enunciative sono le formule più semplici di Le , cioè le più picco-
le sequenze di simboli che possono essere usate per rappresentare enunciati.
Per questo sono chiamate formule atomiche. Siccome gli enunciati sono
espressioni linguistiche alle quali si può attribuire verità o falsità, le lettere
enunciative sono le più piccole formule di Le alle quali si può attribuire ve-
rità o falsità. Per esempio, p è vera quando rappresenta un enunciato vero,
come ‘La neve è bianca’, mentre è falsa quando rappresenta un enunciato
falso, come ‘La neve è verde’.

5.2 Connettivi enunciativi

La seconda categoria di simboli da considerare sono i connettivi enunciativi,


che permettono di costruire formule complesse a partire dalle formule ato-
miche. I connettivi enunciativi sono le costanti logiche di Le , perché hanno
un significato fisso che non varia al variare dell’interpretazione delle lettere
enunciative. Iniziamo con i due simboli fin qui considerati, ∼ e ⊃. Il primo
è il simbolo di negazione. La negazione è il tipo più semplice di enunciato
complesso, perché si ottiene a partire da un solo enunciato aggiungendo la

67
68

particella ‘non’ o un’espressione analoga, come ‘non si dà il caso che’. Per
esempio, ‘Non piove’ è la negazione di ‘Piove’. Dunque, se p sta per ‘Piove’,
∼ p sta per ‘Non piove’. Dal punto di vista semantico, quello che conta in
una negazione è la relazione tra il valore di verità della negazione e il valore
di verità dell’enunciato che figura al suo interno: la formula ∼ p è vera se p
è falsa, ed è falsa se p è vera.
Si consideri ora ⊃, il simbolo del condizionale. Un condizionale è un
enunciato complesso ottenuto combinando due enunciati mediante l’espres-
sione ‘se...allora...’: il primo è l’antecedente, il secondo è il conseguente. Per
esempio, ‘Se prendi la pillola, allora ti passa il mal di testa’ è un condi-
zionale. Dunque può essere rappresentato scrivendo p ⊃ q. Normalmente,
quando si definisce un linguaggio enunciativo si assume che un condizionale
sia vero se non si dà il caso che il suo antecedente sia vero e il suo conse-
guente sia falso, dunque che la formula p ⊃ q sia falsa nel caso in cui p sia
vera e q sia falsa, e che sia vera in tutti gli altri casi. Si noti che questo non
significa assumere che, ogni volta che una persona asserisce un condiziona-
le, le condizioni di verità di quello che asserisce sono riducibili allo schema
considerato. L’interpretazione del condizionale che si adotta normalmente
in un linguaggio enunciativo è semplicemente uno dei modi in cui un condi-
zionale può essere inteso. Questa interpretazione risale agli Stoici, che per
primi elaborarono i rudimenti della logica enunciativa, e più precisamente a
Filone di Megara. Per distinguerla dalle altre, si dice che ⊃ rappresenta il
“condizionale materiale”1 .
Un terzo connettivo che sarà impiegato è ∧, il simbolo di congiunzione.
Una congiunzione è un enunciato complesso costituito da due enunciati legati
da parole come ‘e’, ‘ma’, ‘sebbene’, ‘tuttavia’, o da segni di punteggiatura
come la virgola e il punto e virgola. Gli enunciati costituenti si chiamano
congiunti. Per esempio, ‘Piove e fa freddo’ è una congiunzione, in cui il
primo congiunto è ‘Piove’ e il secondo è ‘Fa freddo’. Dunque può essere
rappresentato scrivendo p ∧ q. Dato che asserire una congiunzione significa
asserire ciascuno dei suoi congiunti, p ∧ q è vero nel caso in cui p e q siano
entrambi veri, altrimenti è falso.
Il quarto e ultimo connettivo che sarà impiegato è ∨, il simbolo di di-
sgiunzione. Una disgiunzione è un enunciato complesso costituito da due
enunciati legati da parole come ‘o’ e ‘oppure’. Gli enunciati costituenti si
chiamano disgiunti. Per esempio, ‘Piove o fa freddo’ è una disgiunzione,
in cui il primo disgiunto è ‘Piove’ e il secondo è ‘Fa freddo’. Dunque può
essere rappresentato scrivendo p ∨ q. Diversamente da quanto vale per la
congiunzione, quando si asserisce una disgiunzione non si asserisce ciascuno
dei disgiunti. Per esempio, quando si asserisce che piove o fa freddo non si
intende asserire che entrambi gli eventi si verificano, né che si verifica uno
1
Edgington [12] illustra i problemi principali che possono essere sollevati a proposito
dell’interpretazione filoniana e discute alcune interpretazioni alternative.
69

dei due in particolare. Piuttosto, asserire una disgiunzione significa esclu-


dere l’eventualità che i disgiunti siano entrambi falsi. Quindi, p ∨ q è vero
nel caso in cui almeno uno dei due disgiunti sia vero, altrimenti è falso.
Come si evince da quanto è stato detto, ogni formula complessa formata
mediante i connettivi ∼, ⊃, ∧, ∨ è funzione di verità delle formule atomiche
che figurano al suo interno, nel senso che il suo valore di verità è deter-
minato dai valori di verità di tali formule. In altri termini, i connettivi
∼, ⊃, ∧, ∨ sono vero-funzionali, e lo stesso si può dire delle espressioni ‘non’,
‘se...allora...’, ‘e’, ‘o’, assumendo che queste espressioni siano intese nel mo-
do illustrato. Se si indicano verità e falsità con 1 e 0, si può descrivere una
funzione di verità come un’operazione n-aria su {1, 0}, cioè una funzione
che associa elementi di {1, 0} a n-uple di elementi di {1, 0}. In particolare,
le funzioni di verità espresse dai connettivi ∼, ⊃, ∧, ∨ associano elementi di
{1, 0} o a elementi di {1, 0} o a coppie ordinate di elementi di {1, 0}. Per
illustrare queste funzioni è sufficiente elencare una serie di coppie ordinate
in cui a sinistra troviamo gli argomenti e a destra troviamo i valori:
∼ h1, 0i
h0, 1i

⊃ hh1, 1i, 1i
hh1, 0i, 0i
hh0, 1i, 1i
hh0, 0i, 1i

∧ hh1, 1i, 1i
hh1, 0i, 0i
hh0, 1i, 0i
hh0, 0i, 0i

∨ hh1, 1i, 1i
hh1, 0i, 1i
hh0, 1i, 1i
hh0, 0i, 0i
Nel caso della negazione la funzione ha un solo argomento, come la funzione
di successione. Per esempio, dalla prima riga della prima tabella risulta che
se p è vero, ∼ p è falso. Invece, nel caso del condizionale, della congiunzione
e della disgiunzione, la funzione ha due argomenti, come la funzione di ad-
dizione. Per esempio, dalla prima riga della seconda tabella risulta che se p
è vero e q è vero, p ⊃ q è vero.
Una nota finale. Come si è detto, quando si rappresentano enunciati con-
tententi ‘non’, ‘se...allora...’, ‘e’, ‘o’ mediante formule contenenti ∼, ⊃, ∧, ∨,
si assume che tali enunciati siano funzioni di verità degli enunciati più sempli-
ci che includono come costituenti. Questa assunzione, tuttavia, non implica
che l’uso delle espressioni ‘non’, ‘se...allora’, ‘e’, ‘o’ si conformi sempre a una
70

lettura vero-funzionale. Spesso gli enunciati contenenti ‘non’, ‘se...allora...’,


‘e’, ‘o’ sono usati per fare asserzioni che non si prestano a un’interpretazione
vero-funzionale. In circostanze normali, se una persona dice ‘Mi si è scari-
cata la batteria e sono andata a cercare un elettrauto’, intende comunicare
non solo che due eventi si sono verificati, lo scaricamento della batteria e la
ricerca dell’elettrauto, ma che il primo precede nel tempo il secondo. Infat-
ti, non è la stessa cosa dire ‘Mi si è scaricata la batteria e sono andata a
cercare un elettrauto’ e dire ‘Sono andata a cercare un elettrauto e mi si è
scaricata la batteria’. Eppure, se ‘e’ è inteso in modo vero-funzionale, i due
enunciati hanno esattamente le stesse condizioni di verità. Le divergenze di
questo tipo possono essere spiegate in termini della distinzione suggerita da
Paul Grice tra ciò che è detto e ciò che è implicato. Secondo Grice, ciò che è
detto mediante un enunciato proferito in un contesto dipende dal significato
delle parole che costituiscono l’enunciato e - possibilmente - da caratteri-
stiche del contesto che ne fissano il contenuto. Ciò che è implicato, invece,
va al di là di ciò che è detto, e può dipendere o da convenzioni linguistiche
che valgono in generale o da caratteristiche specifiche della conversazione in
cui si inserisce il proferimento dell’enunciato. Se si accetta la distinzione di
Grice, si può sostenere che ciò che è detto proferendo l’enunciato ‘Mi si è
scaricata la batteria e sono andata a cercare un elettrauto’ è semplicemente
che due eventi si sono verificati, perché la relazione temporale che si intende
suggerire fa parte di ciò che è implicato2 .
In ogni caso, almeno alcuni usi divergenti possono essere spiegati dicendo
che ciò che è detto è una funzione di verità, ma ciò che è implicato non lo è.

Esercizio 5.2.1 Rappresentare i seguenti enunciati usando i simboli fin qui


considerati:
(a) Quando piove, non fa freddo

(b) O non vengo io, o non viene lui

(c) Vengo al concerto, anche se l’ultimo disco non mi convince


Esercizio 5.2.2 I seguenti enunciati sono equivalenti?
(a) Se piove, allora fa freddo

(b) Se non fa freddo, allora non piove

5.3 Parentesi

I connettivi ∼, ⊃, ∧, ∨ possono essere combinati in vari modi con lettere


enunciative per ottenere formule che rappresentano enunciati complessi dei
2
Grice [22].
71

quattro tipi considerati. Per rendersene conto basta pensare che nelle formu-
le fin qui considerate, ∼ p, p ⊃ q, p ∧ q e p ∨ q, le lettere p e q possono essere
sostituite o da altre lettere enunciative o da altre formule che contengono i
connettivi stessi. Per esempio, sono formule anche ∼ q, ∼∼ p, p ⊃ q, ∼ p ⊃ q
e cosı̀ via.
Quando si costruiscono formule combinando lettere enunciative e con-
nettivi enunciativi, si usano parentesi per evitare ambiguità. Infatti, un
linguaggio enunciativo, a differenza di una lingua naturale, è disegnato in
modo tale da non lasciare spazio a sequenze di simboli ambigue. Per esempio,
si consideri il seguente enunciato:
(1) Tizio è in Svizzera e Caio ha una Fiat o Sempronio ha un’Alfa Romeo
Questo enunciato è affetto da ambiguità strutturale, perché può essere inteso
o come una congiunzione formata da ‘Tizio è in Svizzera’ e ‘Caio ha una Fiat
o Sempronio ha un’Alfa Romeo’, oppure come una disgiunzione formata da
‘Tizio è in Svizzera e Caio ha una Fiat’ e ‘Sempronio ha un’Alfa Romeo’.
Per rappresentare queste due opzioni, si possono usare due formule diverse,
cioè p ∧ (q ∨ r) e (p ∧ q) ∨ r. Come è facile vedere, qui le parentesi fanno
la differenza, perché permettono di risolvere in due modi diversi l’ambiguità
presente in (1).
Le parentesi permettono di rappresentare non solo enunciati complessi
dei quattro tipi fin qui considerati, ma anche enunciati complessi di altri
tipi. Almeno due casi meritano attenzione. Il primo è quello della disgiun-
zione “esclusiva”, che differisce dalla disgiunzione “inclusiva” espressa da ∨
in quanto non contempla la possibilità che entrambi i disgiunti siano veri.
Ci sono casi in cui un enunciato che contiene ‘o’ non esprime una disgiun-
zione inclusiva. Infatti, a volte ciò che si intende asserire non è solo che
almeno uno dei due disgiunti è vero, ma pure che al massimo uno dei due
è vero. Per esempio, quando una persona dice ‘O piove o nevica’, intende
asserire una disgiunzione esclusiva, perché intende dire che almeno uno dei
due eventi e al massimo uno dei due si verifica. Tuttavia, uno dei motivi
per cui non è necessario definire un simbolo apposito per la disgiunzione
esclusiva è che una disgiunzione esclusiva può essere espressa in termini di
una disgiunzione inclusiva accompagnata dalla negazione della congiunzione
dei suoi disgiunti. In altri termini, una disgiunzione esclusiva può essere
rappresentata scrivendo (p ∨ q)∧ ∼ (p ∧ q).
Il secondo caso è quello del bicondizionale, un enunciato complesso co-
stituito da due enunciati legati dall’espressione ‘se e solo se’. In un bicondi-
zionale, gli enunciati costituenti si chiamano lato sinistro e lato destro. Per
esempio ‘Piove se e solo se cade acqua dal cielo’ è un bicondizionale, in cui il
lato sinistro è ‘Piove’ e il lato destro è ‘Cade acqua dal cielo’. Per afferrare
il significato del bicondizionale è opportuno riflettere sulla differenza tra ‘se’
e ‘solo se’. Si consideri l’enunciato ‘Supererai l’esame di logica se avrai stu-
diato molto. Qui ‘Avrai studiato molto’ esprime una condizione sufficiente:
72

per superare l’esame basta studiare. Dunque, una parafrasi corretta dell’e-
nunciato è ‘Se avrai studiato molto, allora supererai l’esame di logica’. Si
consideri ora l’enunciato ‘Supererai l’esame di logica solo se avrai studiato
molto’. Qui ‘Avrai studiato molto’ esprime una condizione necessaria: lo
studio ci vuole, ma potrebbe non bastare. Dunque, una parafrasi corretta
dell’enunciato è ‘Se supererai l’esame di logica, allora avrai studiato molto’
che, appunto, nega che si supererà l’esame senza aver studiato molto. Sic-
come ‘se’ indica una condizione sufficiente e ‘solo se’ indica una condizione
necessaria, ‘se e solo se’ indica una condizione che è insieme necessaria e
sufficiente. Quindi, un bicondizionale può essere rappresentato scrivendo
(p ⊃ q) ∧ (q ⊃ p), perché è vero solo se non accade che p sia vero e q sia
falso, o che p sia falso e q sia vero. In altri termini, quando si asserisce un
bicondizionale, ciò che si asserisce è vero se e solo se p e q hanno lo stesso
valore di verità.
I due casi considerati permettono di chiarire un fatto importante che
concerne la capacità espressiva di Le . Le è un linguaggio enunciativo espres-
sivamente completo, nel senso che è in grado di esprimere qualsiasi funzione
di verità. Come si è visto, Le contiene formule il cui valore di verità è de-
terminato mediante le quattro funzioni di verità esposte nella sezione 5.2.
Ovviamente, Le non ha un simbolo per ogni funzione di verità. Per esempio,
la seguente funzione di verità non è associata a nessun simbolo di Le :

hh1, 1i, 0i
hh1, 0i, 1i
hh0, 1i, 1i
hh0, 0i, 1i

Questa funzione dà 1 ogni volta che i valori di partenza non sono entrambi 1,
e ovviamente Le non ha un connettivo che significa ‘non entrambi’. Tuttavia,
Le contiene formule il cui valore di verità in un’interpretazione è determinato
mediante questa funzione a partire dai valori di verità dei loro costituenti,
per esempio ∼ (p ∧ q).
In generale, una formula esprime una funzione di verità n-aria f se e
solo se include n lettere enunciative e, per qualsiasi assegnazione di valori
di verità a tali lettere, il valore di verità della formula è il valore di f per
quell’assegnazione. Dunque, il senso in cui Le è espressivamente completo
può essere precisato dicendo che, per ogni f , Le contiene qualche formula
che esprime f . Per convincersi che Le ha effettivamente questa proprietà, si
consideri la seguente funzione di verità:
73

hh1, 1, 1i, 0i
hh1, 1, 0i, 1i
hh1, 0, 1i, 0i
hh1, 0, 0i, 1i
hh0, 1, 1i, 0i
hh0, 1, 0i, 0i
hh0, 0, 1i, 1i
hh0, 0, 0i, 0i
Per costruire una formula che la esprime è sufficiente considerare tre lettere
enunciative p, q, r e assumere che i primi tre numeri in ciascuna riga siano i
valori di verità assegnati a p, q, r, mentre il quarto sia il valore di verità di una
formula complessa che le include. Come risulta dalla tabella, le righe in cui la
formula complessa è vera sono la seconda, la quarta e la settima. Si consideri
la seconda. Se p è vera, q è vera e r è falsa, p ∧ (q∧ ∼ r) è vera. Ora si
consideri la quarta. Se p è vera, q è falsa e r è falsa, p∧(∼ q∧r) è vera. Infine,
si consideri la settima. Se p è falsa, q è falsa e r è vera, ∼ p ∧ (∼ q ∧ r) è vera.
Dunque la formula complessa può essere identificata con la disgiunzione delle
tre congiunzioni, cioè con (p ∧ (q∧ ∼ r)) ∨ ((p ∧ (∼ q ∧ r)) ∨ (∼ p ∧ (∼ q ∧ r))).
Infatti, questa disgiunzione esprime la funzione di verità riportata sopra.
Lo stesso metodo può essere applicato a qualsiasi funzione di verità. Per
qualsiasi f , si può costruire una formula che esprima f a partire dalla tabella
di f costruendo appropriatamente congiunzioni e poi combinandole in una
disgiunzione. Pertanto, si può mostrare che Le è espressivamente completo.
Più in generale, qualsiasi linguaggio enunciativo che contenga i connettivi
∼, ⊃, ∧, ∨ è espressivamente completo. In altri termini, {∼, ⊃, ∧, ∨} è un
insieme adeguato di connettivi, cioè un insieme mediante il quale è possibile
esprimere tutte le funzioni di verità.

Esercizio 5.3.1 Rappresentare i seguenti enunciati mediante i simboli fin


qui considerati:
(a) Vengo al cinema solo se andiamo a vedere un film di kung fu
(b) Non vengo al cinema, se andiamo a vedere un film di kung fu
Esercizio 5.3.2 Supponiamo che i simboli ∗ e ? stiano rispettivamente per
‘o’ in senso esclusivo e ‘se e solo se’. Esporre mediante tabelle le funzioni di
verità che corrispondono a ∗ e ?.

Esercizio 5.3.3 Se ∗ fosse un connettivo che sta per ‘non entrambi’, {∼, ⊃
, ∧, ∨, ∗} sarebbe un insieme adeguato di connettivi?

5.4 Principio di sostituibilità

Sebbene un linguaggio enunciativo sia in grado di rappresentare a livello


formale un’ampia classe di enunciati, la sua capacità espressiva è limitata
74

per una ragione molto semplice: in una lingua naturale, non tutte le espres-
sioni che fungono da operatori enunciativi sono vero-funzionali. Quando un
enunciato complesso è funzione di verità dei suoi costituenti, si conforma a
una regola chiamata di principio di sostituibilità: se si sostituisce uno dei
costituenti dell’enunciato complesso con un altro enunciato che ha lo stes-
so valore di verità, il valore di verità dell’enunciato complesso non cambia.
Pertanto, per rendersi conto che una lingua naturale include costruzioni non
vero-funzionali basta capire che esistono enunciati complessi che violano il
principio di sostituibilità.
Un esempio di violazione del principio di sostituibilità è il seguente:

(2) Tizio ha mal di pancia perché ha mangiato le cozze

Questo è un enunciato complesso formato da due enunciati semplici, ‘Tizio


ha mal di pancia’ e ‘Tizio ha mangiato le cozze’. La parola ‘perché’, che lega
i due enunciati, indica una spiegazione causale: si asserisce che il motivo per
cui Tizio ha mal di pancia è che ha mangiato le cozze. Supponiamo ora
che (2) sia vero, e che entrambi i suoi costituenti siano veri. Sostituendo
‘Tizio ha mangiato le cozze’ con ‘La neve è bianca’, che è altrettanto vero, si
ottiene un enunciato falso, ‘Tizio ha mal di pancia perché la neve è bianca’.
Dunque il principio di sostituibilità è violato. Da questo si può concludere
che (2) non è funzione di verità dei suoi costituenti.
Un secondo esempio è il seguente:

(3) Tizio crede che la Luna sia una stella

Questo è un enunciato complesso che include l’enunciato semplice ‘La Luna


è una stella’. Supponiamo che (3) sia vero, cioè che Tizio creda falsamente
che la Luna sia una stella. Sostituendo ‘La Luna è una stella’ con ‘Roma
è la capitale della Francia’, che è anch’esso falso, si ottiene un enunciato
presumibilmente falso, ‘Tizio crede che Roma sia la capitale della Francia’.
Quindi il principio di sostituibilità è violato. Da questo si può concludere
che (3) non è funzione di verità del suo costituente.
Un terzo esempio è il seguente:

(4) Necessariamente, 2 + 2 = 4

Questo è un enunciato complesso che include l’enunciato ‘2 + 2 = 4’. Ovvia-


mente, (4) e ‘2 + 2 = 4’ sono entrambi veri. Ma sostituendo ‘2 + 2 = 4’ con
‘Piove’, nel caso in cui quest’ultimo sia vero, si ottiene un enunciato falso,
‘Necessariamente, piove’. Di nuovo, il principio di sostituibilità è violato,
quindi (4) non è funzione di verità del suo costituente.
Il quarto e ultimo esempio è il seguente:

(5) Se non esistessero le scarpe, non esisterebbero i calzolai


75

Questo è un controfattuale, cioè un condizionale in cui si asserisce che certe


cose succederebbero se certe condizioni fossero soddisfatte. Un enunciato
di questo tipo può essere vero anche se i due enunciati che figurano al suo
interno sono falsi. Infatti, è proprio questo il caso di (5): mentre (5) è vero,
gli enunciati ‘Non esistono le scarpe’ e ‘Non esistono i calzolai’ sono entram-
bi falsi. Supponiamo ora che ‘Non esistono i calzolai’ sia sostituito con un
altro enunciato falso, ‘La Luna è una stella’. Il risultato della sostituzione
è un enunciato evidentemente falso, ‘Se non esistessero le scarpe, la Luna
sarebbe una stella’. Anche in questo caso, dunque, si può inferire che (5)
non è funzione di verità dei suoi costituenti.

Esercizio 5.4.1 Fornire un altro esempio di violazione del principio di


sostituibilità.

5.5 Formalizzazione in un linguaggio enunciativo

Quest’ultima sezione fornisce alcune indicazioni generali sulla formalizzazio-


ne in un linguaggio enunciativo. Il procedimento che si adotta quando si
“traduce” una lingua naturale in un linguaggio L si articola in due passi,
che nella pratica non sono necessariamente distinti. Innanzitutto, si rendono
esplicite le condizioni di verità degli enunciati di partenza mediante una pa-
rafrasi in cui si impiegano espressioni italiane che corrispondono alle costanti
logiche di L. Successivamente, si sostituiscono tutte le espressioni che com-
paiono nella parafrasi con simboli di L. Nel caso di Le , il primo passo prevede
una parafrasi in cui si impiegano le espressioni ‘non’, ‘se...allora...’, ‘e’, ‘o’,
mentre il secondo prevede una sostituzione di tutte le espressioni che com-
paiono nella parafrasi con simboli di Le , in cui si assegnano rispettivamente
∼, ⊃, ∧, ∨ a ‘non’, ‘se...allora...’, ‘e’, ‘o’.
Per capire meglio è utile qualche esempio. Si consideri il seguente enun-
ciato:
(6) La neve non è bianca
Affermare (6) significa negare che la neve sia bianca. Quindi, le condizioni
di verità di (6) risultano esplicite nella seguente riformulazione:
(7) Non si dà il caso che la neve sia bianca
Si consideri ora il seguente enunciato:
(8) Vengo alla festa, se viene lui
Affermare (8) significa affermare un condizionale che ha come antecedente
‘Lui viene alla festa’ e come conseguente ‘Io vengo alla festa’. Quindi (8)
può essere riformulato come segue:
(9) Se lui viene alla festa, allora io vengo alla festa
76

Si consideri ora il seguente enunciato:

(10) Tizio è alto, sebbene i suoi genitori non lo siano

In questo caso la parola ‘sebbene’ forma una congiunzione dei due enun-
ciati ‘Tizio è alto’ e ‘I suoi genitori non sono alti’. Quindi (10) può essere
riformulato come segue:

(11) Tizio è alto e i suoi genitori non sono alti

Infine, si consideri il seguente enunciato:

(12) O lavi i piatti tu, oppure li lavo io

Questo enunciato è una disgiunzione, quindi può essere riformulato come


segue:

(13) Tu lavi i piatti o io lavo i piatti

Ovviamente, non tutti gli enunciati di una lingua naturale si prestano a


una parafrasi di questo tipo. In primo luogo, una lingua naturale include
enunciati semplici, che non contengono connettivi in quanto non sono forma-
ti a partire da altri enunciati. In secondo luogo, come si è visto nella sezione
5.4, una lingua naturale include enunciati complessi formati mediante opera-
tori non vero-funzionali, che pertanto non corrispondono a connettivi vero-
funzionali. Dunque il metodo da adottare è il seguente: quando si capisce
che un enunciato può essere riformulato usando operatori vero-funzionali,
allora si riformula nel modo illustrato; quando invece si capisce che nessuna
riformulazione del genere è possibile, si lascia l’enunciato cosı̀ com’è.
Una volta parafrasati gli enunciati che si intendono rappresentare in Le ,
si possono sostituire le espressioni che occorrono nella parafrasi con simbo-
li di Le , rimpiazzando gli operatori vero-funzionali con le costanti logiche
corrispondenti e gli enunciati che non contengono tali operatori con lettere
enunciative. Quando si assegnano le lettere enunciative, si assume che a
enunciati diversi debbano essere associate lettere diverse, mentre allo stesso
enunciato, se occorre più di una volta, debba essere associata la stessa let-
tera. Per esempio, se nella parafrasi compaiono due enunciati, ‘La neve è
bianca’ e ‘L’erba è verde’, si userà la lettera p per ogni occorrenza del primo
e la lettera q per ogni occorrenza del secondo. Questo perché si presume
che enunciati diversi abbiano condizioni di verità diverse, quindi è possibile
che uno dei due sia vero e l’altro falso. Siccome ciascuna lettera enunciativa
può essere valutata come vera o falsa, risulta cosı̀ possibile che p e q abbiano
valori di verità diversi.
Ovviamente, in una lingua naturale è possibile che enunciati diversi ab-
biano le stesse condizioni di verità: per esempio, ‘La neve è bianca’ e ‘La
neve in effetti è bianca’ hanno le stesse condizioni di verità. Tuttavia, la
77

presunzione che enunciati diversi abbiano condizioni di verità diverse è giu-


stificata se si pensa che, nella fase in cui si assegnano lettere enunciative a
enunciati, questi enunciati sono a loro volta il risultato di una parafrasi che
ne rende esplicite le condizioni di verità. Pertanto, pur essendo possibile che
enunciati diversi abbiano le stesse condizioni di verità, è ragionevole assu-
mere che i casi del genere siano stati esclusi a un livello precedente di analisi,
per esempio eliminando l’espressione ‘in effetti’ dal secondo enunciato.

Esercizio 5.5.1 Riformulare i seguenti enunciati rendendone esplicite le


condizioni di verità:

(a) Vengo alla festa solo se viene lui

(b) Non vengo alla festa a meno che non venga lui

(c) Né Tizio né Caio vengono alla festa

(d) Tizio e Caio rideranno, se Sempronio non viene alla festa

Esercizio 5.5.2 Formalizzare in Le gli enunciati dell’esercizio 5.5.1.


78

Soluzioni

Esercizio 5.2.1
(a) p ⊃∼ q
(p = Piove, q = Fa freddo)

(b) ∼ p∨ ∼ q
(p = Vengo io, q = Viene lui)

(b) p∧ ∼ q
(p = Vengo al concerto, q = L’ultimo disco mi convince)
Esercizio 5.2.2 I seguenti enunciati sono equivalenti?
Si. In generale, due condizionali della forma p ⊃ q e ∼ q ⊃∼ p sono sempre
equivalenti, in virtù di quanto è stato detto a proposito della negazione
e del condizionale.
Esercizio 5.3.1
(a) p ⊃ q
(p = Vengo al cinema, q = Andiamo a vedere un film di kung fu)

(b) q ⊃∼ p
(p = Vengo al cinema, q = Andiamo a vedere un film di kung fu).
Esercizio 5.3.2
∗ hh1, 1i, 0i
hh1, 0i, 1i
hh0, 1i, 1i
hh0, 0i, 0i

? hh1, 1i, 1i
hh1, 0i, 0i
hh0, 1i, 0i
hh0, 0i, 1i
Esercizio 5.3.3
Si.
Esercizio 5.5.1
(a) Se io vengo alla festa, allora lui viene alla festa

(b) Se lui non viene alla festa, allora io non vengo alla festa

(c) Non si dà il caso che Tizio venga alla festa e non si dà il caso che Caio
venga alla festa
79

(d) Se non si dà il caso che Sempronio venga alla festa, allora Tizio riderà
e Caio riderà

Esercizio 5.5.2

(a) p ⊃ q
(p = Io vengo alla festa, q = Lui viene alla festa)

(b) p ⊃ q
(p = Io vengo alla festa, q = Lui viene alla festa)

(c) ∼ p∧ ∼ q
(p = Tizio viene alla festa, q = Caio viene alla festa)

(d) ∼ p ⊃ (q ∧ r)
(p = Sempronio viene alla festa, q = Tizio riderà, r = Caio riderà)
80
Capitolo 6

Il linguaggio Le

6.1 Vocabolario e regole di formazione

Il linguaggio Le può ora essere definito in modo rigoroso enunciando il suo


vocabolario e le sue regole di formazione. Il vocabolario di Le è costituito
dai seguenti simboli:
p, q, r...

∼, ⊃, ∧, ∨

(, )
I punti di sospensione indicano che l’insieme delle lettere enunciative è infini-
to, per garantire che in Le possano essere rappresentati enunciati di qualsiasi
grado di complessità. Questo significa che, diversamente da quanto potreb-
be sembrare a prima vista, il numero delle lettere enunciative non è uguale
al numero delle lettere dell’alfabeto. Per rendersene conto basta pensare che
dopo le lettere p, q, r... inizia un’altra serie di lettere p1 , q1 , q2 ..., che dopo
queste inizia un’altra serie di lettere p1 , p2 , p3 e cosı̀ via. Come si è visto nel
capitolo 5, le lettere enunciative sono le espressioni non logiche di Le , i con-
nettivi ∼, ⊃, ∧, ∨ sono le costanti logiche di Le , e le parentesi sono simboli
ausiliari che servono per evitare costruzioni ambigue.
Prima di enunciare le regole di formazione di Le , che definiscono l’insie-
me delle formule di Le , occorre spiegare che cos’è una definizione induttiva
di un insieme A. Per definire induttivamente un insieme A si stabilisce in-
nanzitutto che alcuni oggetti appartengono ad A. Chiamiamo questi oggetti
“elementi iniziali”. Poi si specificano alcune operazioni che, applicate a ele-
menti di A, producono elementi di A, cioè sono tali che il risultato della loro
applicazione a ciascuno degli elementi iniziali, al risultato della loro appli-
cazione a ciascuno degli elementi iniziali e cosı̀ via, è ancora un elemento
di A. In altri termini, A risulta chiuso rispetto alle operazioni specificate,
cioè tale che, se certi oggetti appartengono ad A, qualsiasi oggetto ottenuto
da quegli oggetti mediante una delle operazioni specificate appartiene ad
A. In questo modo risultano essere elementi di A gli elementi iniziali più

81
82

tutti quelli che si ottengono a partire da essi iterando un numero qualsiasi


di volte le operazioni specificate: A è costruito come il più piccolo insieme
contenente gli elementi iniziali e chiuso rispetto alle operazioni specificate.
Una definizione induttiva si divide quindi in tre parti: la base dell’induzione
fissa gli elementi iniziali, il passo induttivo specifica le operazioni che per-
mettono di ottenere altri elementi a partire da questi, e una clausola finale
stabilisce che l’insieme non ha altri elementi. Per esempio, la definizione
induttiva di ω, l’insieme dei numeri naturali, è la seguente:

(i) 0 è un numero naturale;

(ii) se n è un numero naturale, allora n + 1 è un numero naturale;

(iii) nient’altro è un numero naturale.

La clausola (i) stabilisce che 0 è elemento di ω. La clausola (ii) specifica


un’operazione - la funzione di successione considerata nella sezione 1.5 - che,
applicata a un elemento qualsiasi di ω, dà come risultato un altro elemento
di ω. La clausola (iii) assicura che ω non contenga altri elementi. In questo
modo ω è definito come il più piccolo insieme contenente 0 e chiuso rispetto
all’operazione di successione. Normalmente, una definizione induttiva viene
formulata enunciando solo la base dell’induzione e il passo induttivo, perché
la clausola finale è sottintesa. Anche qui si adotterà questa convenzione.
La definizione dell’insieme delle formule di Le è analoga alla definizione
di ω appena considerata, nel senso che si tratta di una definizione induttiva:

Definizione 6.1.1

1 p, q, r... sono formule;

2 se α è una formula, ∼ α è una formula;

3 se α e β sono formule, (α ⊃ β) è una formula;

4 se α e β sono formule, (α ∧ β) è una formula;

5 se α e β sono formule, (α ∨ β) è una formula.

Qui la base dell’induzione è la clausola 1, che indica le lettere enunciative


come elementi iniziali dell’insieme delle formule di Le . Le lettere enunciative,
come si è visto, sono le formule atomiche di Le . Il passo induttivo, invece, è
costituito dalle clausole 2-5, ciascuna delle quali specifica un’operazione che,
applicata a formule, genera altre formule. In questo modo l’insieme delle
formule di Le è definito come il più piccolo insieme contenente le formule
atomiche e chiuso rispetto alle operazioni specificate.
Si noti che le lettere α e β che compaiono nelle clausole 2-5 stanno per
formule qualsiasi di Le . Pertanto, non sono intese nello stesso modo in cui
83

sono intese quando indicano enunciati, come nella sezione 3.6. In entram-
bi i casi si tratta di simboli del metalinguaggio che si usano per indicare
espressioni qualsiasi del linguaggio oggetto. Ma nel caso della sezione 3.6 il
linguaggio oggetto è l’italiano, mentre in questo caso è Le .
La definizione 6.1.1 permette di delimitare con precisione l’insieme del-
le formule di Le : per qualsiasi sequenza di simboli del vocabolario di Le ,
permette di stabilire se quella sequenza è una formula di Le . Per esempio,
(p ∨ q) è una formula di Le , perché p e q sono formule in base alla clausola 1,
e (p ∨ q) è formata a partire da p e q mediante l’operazione specificata nella
clausola 3. Invece, pq ∼ non è una formula di Le , perché non rientra in nes-
suno dei casi enunciati nella definizione 6.1.1. D’ora in poi sarà adottata la
convenzione di eliminare le parentesi esterne di ogni formula. Per esempio,
invece di scrivere (p ∨ q) scriveremo p ∨ q.

Esercizio 6.1.1 Per ciascuna di queste sequenze di simboli, dire se è una


formula di Le :

(a) p ∼ q

(b) ⊃ p

(c) p∨ ∼ q

6.2 Alberi di costruzione

Il meccanismo di costruzione di una formula di Le può essere rappresentato


in modo perspicuo ripercorrendo la sua “storia sintattica”, cioè mostrando
come è ottenuta a partire da formule atomiche mediante applicazioni delle
clausole 2-5 della definizione 6.1.1. Per fare questo si può tracciare un albero
di costruzione, cioè una struttura geometrica costituita da punti e segmenti
detti rispettivamente nodi e spigoli, in modo tale che da ogni nodo partano
verso il basso al massimo due spigoli, ciascuno dei quali termina con un
nodo. La radice è il nodo più in alto, cioè il nodo a cui non arriva nessuno
spigolo. Le foglie sono i nodi più in basso, cioè quelli da cui non parte
nessuno spigolo. Un percorso completo all’insù da una foglia alla radice,
passando per nodi connessi da spigoli, si chiama ramo. Ecco un esempio
molto semplice di albero che rappresenta la costruzione della formula p ∨ q:

La radice dell’albero è la formula stessa, p ∨ q, e le due foglie sono p e q,


cioè le formule atomiche a partire dalle quali è costruita. In generale, a ogni
formula può essere associato il suo albero di costruzione, cioè un albero i
cui nodi sono occupati da quelle parti della formula che sono a loro volta
formule. Via via che si scende dalla radice verso le foglie, ovviamente, le
formule saranno sempre più semplici, cioè meno complesse. La complessità
di una formula dipende dal numero di connettivi che contiene: dire che una
84

p˅q

p q

formula ha complessità n significa dire che contiene n connettivi. Quindi, in


un albero di costruzione per una formula di complessità n, la radice sarà una
formula di complessità n, cioè la formula stessa, mentre ciascun nodo più in
basso sarà occupato da una formula di complessità inferiore, fino ad arrivare
alle foglie, che sono formule di complessità 0. Nell’esempio considerato, alla
radice dell’albero troviamo una formula di complessità 1, dalla quale si passa
direttamente alle foglie, che sono formule di complessità 0. Ecco un altro
esempio di albero, che rappresenta la costruzione della formula ∼ (p ∨ q) ∧ r.

~(p˅q)˄r

~(p˅q) r

p˅q

p q

Come si vede nel diagramma, ogni nodo dell’albero contiene una formula
contenuta nella formula ∼ (p ∨ q) ∧ r. La radice è la formula stessa, cioè una
formula di complessità 3. Nella prima divisione si passa da questa a due
formule, ∼ (p ∨ q) e r, di cui una ha complessità 2 e l’altra ha complessità 0.
85

Dalla prima si passa a un’altra formula di complessità 1, cioè p ∨ q e da que-


sta, mediante un’ulteriore divisione, si arriva a due formule di complessità 0,
cioè p e q. A ogni passaggio corrisponde una delle regole di formazione spe-
cificate nella definizione 6.1.1. Pertanto, ripercorrendo l’albero dalle foglie
alla radice si vede chiaramente il meccanismo di costruzione della formula
iniziale.
Il metodo degli alberi di costruzione permette di illustrare alcune nozioni
sintattiche importanti, che valgono tanto per Le quanto per altri linguaggi.
Quando un connettivo occorre in una formula, si chiama ambito del con-
nettivo la più piccola formula che contiene il connettivo. Se il connettivo
occorre più volte nella formula, si parla dell’ambito di ciascuna delle sue
occorrenze. Per esempio, in ∼ (p ∨ q) ∧ r l’ambito di ∨ è p ∨ q, l’ambito di ∼
è ∼ (p ∨ q), mentre l’ambito di ∧ è l’intera formula. Quando due connettivi
occorrono in una formula (o la formula contiene due occorrenze dello stesso
connettivo), il primo è subordinato al secondo se l’ambito del primo è con-
tenuto nell’ambito del secondo. Per esempio, in ∼ (p ∨ q) ∧ r l’ambito di
∨ è contenuto nell’ambito di ∼, dunque ∨ è subordinato a ∼. Il connettivo
principale di una formula è il connettivo (o l’occorrenza di connettivo) al
quale sono subordinate tutte le occorrenze di connettivi nella formula, cioè
il connettivo che viene introdotto per ultimo nel processo di costruzione del-
la formula mediante applicazioni delle clausole della definizione 6.1.1. Per
esempio, in ∼ (p ∨ q) ∧ r il connettivo principale è ∧. Poiché i nodi dell’al-
bero di costruzione di una formula mostrano gli ambiti di tutti i connettivi
presenti nella formula, l’albero mostra anche tutte le relazioni di subordina-
zione tra connettivi nella formula: un connettivo è subordinato a un altro
(o un’occorrenza dello stesso connettivo è subordinata a un’altra) se il suo
ambito occupa uno nodo più basso rispetto al nodo occupato dall’ambito
del secondo, sullo stesso ramo.

Esercizio 6.2.1 Tracciare l’albero di costruzione di ∼ (p ⊃ q) ⊃ r.

Esercizio 6.2.2 Qual è l’ambito di ∨ in ∼∼ (p∨ ∼ q)?

Esercizio 6.2.3 Qual è il connettivo principale di ∼ (p ⊃ q) ∨ r?

6.3 Interpretazione

Per definire la semantica di Le si specifica un insieme di interpretazioni che


permettono di valutare le sue formule come vere o false. Un’interpretazione
di Le non è altro che un’assegnazione di valori di verità alle sue formule
atomiche. In altri termini,

Definizione 6.3.1 Un’interpretazione di Le è una funzione che assegna un


valore di verità a ciascuna formula atomica di Le .
86

In ogni interpretazione I, per ogni formula atomica α, I(α) = 1 o I(α) = 0.


L’idea che sta alla base della definizione 6.3.1 è che le formule atomiche di
Le rappresentino enunciati semplici, che possono essere veri o falsi in base al
modo in cui stanno le cose. Quindi, un’assegnazione di valori di verità alle
formule atomiche di Le rappresenta una combinazione possibile di valori di
verità degli enunciati semplici, cioè un modo in cui potrebbero stare le cose.
Assumendo che le formule non atomiche di Le siano funzioni di verità
delle formule atomiche che figurano al loro interno, sulla base della defini-
zione 6.3.1 si può fornire una definizione di verità di una formula qualsiasi α
in un’interpretazione I. La notazione [α]I è usata qui per indicare il valore
di verità di α in I:

Definizione 6.3.2

1 Se α è una formula atomica, [α]I = 1 se e solo se I(α) = 1;

2 [∼ α]I = 1 se e solo se [α]I = 0;

3 [α ⊃ β]I = 1 se e solo se [α]I = 0 o [β]I = 1;

4 [α ∧ β]I = 1 se e solo se [α]I = 1 e [β]I = 1;

5 [α ∨ β]I = 1 se e solo se [α]I = 1 o [β]I = 1.

La clausola 1 è banale: essendo I una funzione che assegna valori di verità


alle formule atomiche, il valore di verità di una formula atomica α sarà
semplicemente il valore che la funzione assegna ad α. La clausola 2 specifica
il valore di verità di un enunciato della forma ∼ α in termini di quello di
α secondo la funzione di verità per ∼ riportata nella sezione 5.2. Lo stesso
vale per le clausole 3-5. In sostanza, il valore di verità di qualsiasi formula
di Le in un’interpretazione può essere calcolato sulla base dei valori di verità
assegnati alle formule atomiche che figurano al suo interno.

6.4 Tavole di verità

Per calcolare il valore di verità di una formula α in un’interpretazione I ba-


sta percorrere a ritroso il cammino esemplificato dall’albero di costruzione
di α. Si parte dai valori di verità delle foglie, che sono dati in I, e si calcola
il valore di verità di ogni formula in α secondo l’ordine fissato dalla relazio-
ne di subordinazione tra i connettivi in α. Questo significa che il valore di
verità di ogni formula che costituisce l’ambito di un connettivo subordinato
a un altro connettivo (o a un’altra occorrenza dello stesso connettivo) viene
calcolato prima del valore di verità della formula che costituisce l’ambito del
connettivo subordinante, fino ad arrivare all’ambito del connettivo principa-
le, cioè α. Si consideri la formula ∼ (p ∨ q) ∧ r. Sia I un’interpretazione tale
che I(p) = 1, I(q) = 0 e I(r) = 1. Dalla figura riportata nella sezione 4.5
87

risulta che la formula alla quale le foglie p e q sono immediatamente subor-


dinate è p ∨ q. Quindi si procede assegnando 1 a p ∨ q, in base alla clausola 5
della definizione 6.3.2. Successivamente si passa alla formula ∼ (p ∨ q), che
occupa il nodo immediatamente più in alto. Questa formula riceve 0 in base
alla clausola 2 della definizione 6.3.2. Infine, da ∼ (p ∨ q) e r si passa alla
radice dell’albero, la formula ∼ (p ∨ q) ∧ r, che riceve 0 in base alla clausola
4 della definizione 6.3.2. Adottando questo metodo si può calcolare il valore
di verità di una formula per ciascuna delle possibili assegnazioni di valori di
verità alle formule atomiche che contiene.
Per rappresentare in modo perspicuo i valori di verità che una formula
α assume per ciascuna delle possibili assegnazioni di valori di verità alle
formule atomiche che figurano in α basta formulare una tavola di verità che
contenga una riga per ciascuna assegnazione. Il caso più semplice è quello
in cui α contiene una sola lettera enunciativa, per esempio p. In questo caso
le assegnazioni possibili sono due, come nella tavola di verità di ∼ p:
p ∼p
1 0
0 1
Se le lettere enunciative sono due, per esempio p e q, le assegnazioni
possibili sono 22 , cioè 4. Infatti, per ciascuno dei due valori che potrebbe
ricevere p, ci sono due valori che potrebbe ricevere q. Ecco le tavole di verità
di p ⊃ q, p ∧ q e p ∨ q:
p q p⊃q
1 1 1
1 0 0
0 1 1
0 0 1

p q p∧q
1 1 1
1 0 0
0 1 0
0 0 0

p q p∨q
1 1 1
1 0 1
0 1 1
0 0 0

Se le lettere enunciative sono tre, le assegnazioni possibili sono 23 , cioè


8, e cosı̀ via. In generale, per n lettere enunciative ci sono 2n possibili
assegnazioni di valori di verità. Quindi, la tavola di verità di una formula in
88

cui figurano n lettere enunciative contiene 2n righe. Una volta costruita la


tavola di verità di una formula α, si può facilmente calcolare il valore di verità
di α per ogni assegnazione di valori di verità alle sue formule atomiche. Il
calcolo è un processo meccanico che termina dopo un numero finito di passi.
Questa caratteristica dipende dal fatto che α è ottenuta mediante un numero
finito di applicazioni delle clausole della definizione 6.3.2, e si riflette nel suo
albero di costruzione: in un numero finito di passi si può risalire, seguendo
i rami, dalle foglie dell’albero fino alla sua radice1 .
Per illustrare come può essere impiegato il metodo delle tavole di verità,
si consideri di nuovo la formula ∼ (p ∨ q) ∧ r. In base alla tavola di verità di
p ∨ q esposta sopra, si può facilmente ottenere quella di ∼ (p ∨ q):

p q ∼ (p ∨ q)
1 1 0
1 0 0
0 1 0
0 0 1

Infatti, per qualsiasi assegnazione di valori di verità a p e q, il valore di


verità di ∼ (p ∨ q) è opposto a quello di (p ∨ q). Con un passaggio ulteriore
si ottiene la tavola di verità di ∼ (p ∨ q) ∧ r:

p q r ∼ (p ∨ q) ∧ r
1 1 1 0
1 1 0 0
1 0 1 0
1 0 0 0
0 1 1 0
0 1 0 0
0 0 1 1
0 0 0 0

La tavola di verità di una formula ci fornisce informazioni inequivocabili


sulle interpretazioni in cui la formula è vera e su quelle in cui è falsa. Per
esempio, la prima riga della tavola di verità appena considerata ci dice che
∼ (p ∨ q) ∧ r è falsa se p, q e r sono vere. Questo significa dire che, per
qualsiasi interpretazione I, [(∼ (p ∨ q) ∧ r]I = 0 se I(p) = 1, I(q) =
1 e I(r) = 1. Le altre righe forniscono informazioni sugli altri casi. In
generale, per qualsiasi α, la tavola di verità di α ci dice come sono fatte - se
esistono - le interpretazioni in cui α è vera e come sono fatte - se esistono -
le interpretazioni in cui α è falsa, poiché fornisce un quadro completo delle
possibili combinazioni di valori di verità delle lettere enunciative in α.
1
Il metodo delle tavole di verità risale a Post [41] e Wittgenstein [53], che lo inventarono
indipendentemente l’uno dall’altro.
89

Esercizio 6.4.1 Sia I un’interpretazione tale che I(p) = 1 e I(q) = 0.


Calcolare il valore di verità delle seguenti formule in I:

(a) p ∨ (p ⊃ q)

(b) p ⊃∼ q

(c) ∼ p ∨ (p ∧ q)

Esercizio 6.4.2 Esporre la tavola di verità delle seguenti formule:

(a) ∼∼ p

(b) ∼ q ⊃∼ p

(c) ∼ p ∨ q

6.5 Conseguenza logica

La definizione 6.3.1 permette di definire una relazione formale che in qualche


modo ricalca quella informale di implicazione, cioè una relazione che vale
tra un insieme di formule Γ e una formula α. Si tratta della relazione di
conseguenza logica, che si indica con il simbolo |=.

Definizione 6.5.1 Γ |=e α se e solo se non esiste un’interpretazione in cui


le formule in Γ sono vere e α è falsa.

Qui la lettera e accanto al simbolo |= indica che si sta parlando di Le , cioè che
Γ e α sono formule di Le e che le interpretazioni di cui si sta parlando sono
quelle che si conformano alla definizione 6.3.1. Per esempio, q è conseguenza
logica di {p ⊃ q, p}, perché non esiste un’interpretazione in cui p ⊃ q e p
sono vere ma q è falsa. Dunque, omettendo le parentesi graffe, si può scrivere
che p ⊃ q, p |=e q.
Si noti che Γ è un insieme qualsiasi, dunque può contenere una sola
formula β o addirittura non contenerne nessuna. Nel primo caso si dice
semplicemente che α è conseguenza logica di β, cioè che α |=e β. Il secondo
caso è quello in cui Γ = ∅ e α è vera in tutte le interpretazioni. In questo
caso si scrive semplicemente |=e α.
Per rendersi conto che la nozione formale di conseguenza logica ricalca
quella informale di implicazione basta pensare che la conseguenza logica
presenta proprietà analoghe alle proprietà dell’implicazione considerate nella
sezione 3.5. Si considerino innanzitutto i seguenti quattro teoremi, che sono
analoghi al teoremi 3.5.1-3.5.4:

Teorema 6.5.1 Se Γ |=e α e Γ ⊆ ∆, allora ∆ |=e α.


90

Dimostrazione. Assumiamo che Γ |=e α e che Γ ⊆ ∆. Sia I un’interpreta-


zione qualsiasi che rende vere le formule in ∆. Dato che Γ ⊆ ∆, I rende
vere le formule in Γ. Dato che Γ |=e α, ne consegue che [α]I = 1. Quindi,
∆ |=e α.

Teorema 6.5.2 Se α ∈ Γ, allora Γ |=e α.

Dimostrazione. Ovviamente, se tutte le formule in Γ sono vere in una data


interpretazione, è impossibile che una di esse sia falsa in quella interpreta-
zione.

Teorema 6.5.3 Se Γ |=e α e ∆ ∪ {α} |=e β, allora Γ ∪ ∆ |=e β.

Dimostrazione. Assumiamo che (a) ogni interpretazione che rende vere le


formule in Γ renda vera α, e che (b) ogni interpretazione che rende vere le
formule in ∆ ∪ {α} renda vera β. Supponiamo ora che un’interpretazione
qualsiasi I renda vere le formule in Γ ∪ ∆. Siccome I rende vere le formule
in Γ, da (a) risulta che [α]I = 1. Siccome I rende vere le formule in ∆,
risulta quindi che I rende vere le formule in ∆ ∪ {α}. Da (b) ne consegue
che [β]I = 1.

Teorema 6.5.4 Se Γ ∪ {α} |=e β e Γ ∪ {α} |=e ∼ β, allora Γ |=e ∼ α.

Dimostrazione. Assumiamo che Γ∪{α} |=e β e Γ∪{α} |=e ∼ β. Se le formule


in Γ ∪ {α} fossero tutte vere in qualche interpretazione, lo stesso dovrebbe
valere per β e ∼ β. Ma β e ∼ β non possono essere entrambe vere nella
stessa interpretazione. Quindi, nessuna interpretazione rende vere le formule
in Γ ∪ {α}. Ne consegue che Γ |=e ∼ α. Infatti, data un’interpretazione
qualsiasi I, se le formule in Γ sono vere in I, allora [α]I = 0. Questo
implica che [∼ α]I = 1.

Un quinto teorema, che corrisponde al teorema 3.5.5, può essere enun-


ciato sulla base delle seguenti definizioni:

Definizione 6.5.2 Un insieme di formule Γ è semanticamente coerente se


e solo se esiste un’interpretazione in cui tutte le formule in Γ sono vere.

Definizione 6.5.3 Un insieme di formule Γ è semanticamente incoerente


se e solo se non è semanticamente coerente.
91

Il teorema è questo:
Teorema 6.5.5 Γ |=e ∼ α se e solo se Γ∪{α} è semanticamente incoerente.
Dimostrazione. Assumiamo che Γ |=e ∼ α. In qualsiasi interpretazione I,
se le formule in Γ sono vere in I allora [∼ α]I = 1. Questo implica che
[α]I = 0. Dunque Γ ∪ α è semanticamente incoerente. Inversamente, se si
assume che Γ ∪ α sia semanticamente incoerente, ne consegue che Γ |=e ∼ α,
come risulta dalla dimostrazione del teorema 6.5.4.

Infine, i due teoremi che seguono sono analoghi ai teoremi 3.5.6-3.5.7:
Teorema 6.5.6 Per qualsiasi α, se Γ è semanticamente incoerente allora
Γ |=e α.
Dimostrazione. Assumiamo che Γ sia semanticamente incoerente. Allora
non esiste un’interpretazione in cui le formule in Γ sono tutte vere. Quindi,
per qualsiasi α, non esiste un’interpretazione in cui le formule in Γ sono
tutte vere e α è falsa.


Teorema 6.5.7 Se |=e α, allora Γ |=e α per qualsiasi Γ.

Dimostrazione. Assumiamo che α sia vera in tutte le interpretazioni. Allora,


per qualsiasi Γ, non esiste un’interpretazione in cui le formule in Γ sono vere
e α è falsa.

La verità di una formula in tutte le interpretazioni si chiama validità. Si
è visto che, per il teorema 6.5.7, se |=e α, allora Γ |=e α per qualsiasi Γ. Vale
anche l’inverso: se Γ |=e α per qualsiasi Γ, allora |=e α. Se infatti esistesse
un’interpretazione in cui α è falsa, esisterebbe un’interpretazione in cui ∼ α
è vera e α è falsa, quindi α non sarebbe conseguenza logica di qualsiasi Γ.
Si noti inoltre che Γ |=e α per qualsiasi Γ se e solo se ∅ |=e α. Infatti, da un
lato, se Γ |=e α per qualsiasi Γ, allora ovviamente ∅ |=e α, essendo possibile
che Γ = ∅. Dall’altro, se ∅ |=e α, allora Γ |=e α per qualsiasi Γ in virtù del
teorema 6.5.1, dato che ∅ ⊆ Γ per qualsiasi Γ. Pertanto, |=e α se e solo se
∅ |=e α2 .
Una formula valida rappresenta una verità logica, cioè un enunciato che
è vero in virtù della sua forma, indipendentemente dal modo in cui stanno
le cose. Per capire la differenza tra una verità logica e una semplice verità,
si considerino i seguenti enunciati:
2
Si noti che la validità cosı̀ intesa è una proprietà di formule, dunque non deve essere
confusa con la validità intesa come proprietà di argomenti in una lingua naturale.
92

(1) Piove

(2) Non piove

(3) Piove o non piove

La verità di (1) dipende dal modo in cui stanno le cose. Infatti, per sapere
se (1) è vero occorre sapere se si verificano certi fenomeni meteorologici.
Per esempio, se guardiamo fuori dalla finestra e vediamo gocce d’acqua che
scendono dal cielo, possiamo dire che (1) è vero. Considerazioni analoghe
valgono per (2). Invece, (3) è vero indipendentemente da come stiano le
cose. Per capire che (3) è vero non occorre guardare fuori dalla finestra:
qualsiasi cosa succeda, uno dei suoi disgiunti sarà vero. Se si rappresenta
(1) con p, (2) con ∼ p e (3) con p∨ ∼ p, risulta chiaro che mentre le formule
p e ∼ p sono vere in alcune interpretazioni e false in altre, la formula p∨ ∼ p
è valida. Più in generale, ogni formula della forma α∨ ∼ α è valida in virtù
del principio del terzo escluso: o le cose stanno in un certo modo, o non
stanno in quel modo.
Una formula valida di un linguaggio enunciativo è una tautologia. Per
esempio, p∨ ∼ p è una tautologia. L’opposto di una tautologia è una con-
traddizione, cioè una formula che non è vera in nessuna interpretazione. Per
esempio, p∧ ∼ p è una contraddizione. Una formula che non è né una tau-
tologia né una contraddizione si dice contingente, perché è vera in alcune
interpretazioni e falsa in altre. Ogni formula di Le , dunque, appartiene ne-
cessariamente a una e una sola delle tre categorie: o è una tautologia, o è
contingente, o è una contraddizione.
Una nota finale. Il termine ‘conseguenza logica’ introdotto in questa
sezione designa una relazione tra insiemi di formule e formule. Tuttavia,
questo non esclude che lo stesso termine possa essere applicato anche ad
argomenti in una lingua naturale. Cosı̀ come si può dire che α è conseguenza
logica di Γ, si può dire che un argomento le cui premesse sono rappresentate
da Γ e la cui conclusione è rappresentata da α è tale che la sua conclusione è
conseguenza logica delle sue premesse. Per esempio, in un argomento della
forma modus ponens la conclusione è conseguenza logica delle premesse.

Esercizio 6.5.1 Un insieme che ha come suo unico elemento una formula
atomica può essere semanticamente incoerente?

Esercizio 6.5.2 Indicare una formula che abbia come conseguenza logica
p ∧ (q∨ ∼ q).

Esercizio 6.5.3 Spiegare perché α |=e β se e solo se α ⊃ β è una tautologia.


93

6.6 Controllo della validità di un argomento

La nozione di conseguenza logica definita nella sezione 6.5 può essere impie-
gata per stabilire se un argomento è valido. Supponiamo che un argomento
Γ; α sia formalizzato in Le mediante uno schema argomentativo ∆; β, dove
∆ è un insieme di formule che rappresenta Γ e β è una formula che rappre-
senta α. Per controllare se Γ; α è valido, basta chiedersi se ∆ |=e β. Se la
risposta a questa domanda è affermativa, si può concludere che Γ; α è vali-
do. Infatti, se Γ; α non fosse valido, sarebbe possibile che gli enunciati in Γ
siano veri e α sia falso. Ma allora, data la struttura vero-funzionale di Γ; α
rappresentata in ∆; β, esisterebbe un controesempio, cioè un’assegnazione
di valori di verità alle lettere enunciative che occorrono in ∆; β in base alla
quale le formule in ∆ sono tutte vere mentre β è falsa. Questo non può
succedere se ∆ |=e β. Se invece la risposta è negativa, cioè esiste un contro-
esempio, si può concludere che Γ; α non è valido in virtù della sua struttura
vero-funzionale. Ciò non esclude che possa essere comunque valido, come
è stato spiegato nella sezione 4.1, ma esclude che possa esserlo in virtù di
proprietà strutturali esprimibili in Le .
Dato che la questione se Γ; α sia valido può essere affrontata chiedendosi
se ∆ |=e β, per stabilire se Γ; α sia valido si può impiegare il metodo delle
tavole di verità. Infatti, ∆ |=e β se e solo se non esiste un controesempio,
come si è detto, e per sapere se esiste un controesempio basta costruire una
tavola di verità per ∆; β. Per esempio, si consideri il seguente argomento:

(4) Non si dà il caso che piova e nevichi


(1) Piove
(5) Non nevica

Questo argomento può essere formalizzato in Le come segue: ∼ (p∧q), p;∼ q.


Dunque, per stabilire se è valido bisogna chiedersi se ∼ (p ∧ q), p |=e ∼ q. Per
rispondere a questa domanda è sufficiente procedere come segue: si traccia
una tavola di verità mettendo in alto a sinistra p e q, le lettere enunciative che
figurano nello schema, si elencano una sotto l’altra le possibili assegnazioni
di valori di verità a p e q, si scrive in alto a destra l’intero schema, e infine si
procede a calcolare il valore di verità delle tre formule che lo costituiscono.

p q ∼ (p ∧ q) p ∼q
1 1 0 1 0
1 0 1 1 1
0 1 1 0 0
0 0 1 0 1

A questo punto basta esaminare le righe corrispondenti alle assegnazioni di


valori di verità a p e q che rendono vere le prime due formule, e verificare se,
per queste assegnazioni, anche la terza è vera. Come risulta dalla tavola, c’è
94

una sola assegnazione che rende vere le prime due formule, quella che compa-
re nella seconda riga. Siccome la terza formula è vera per quell’assegnazione,
lo schema è valido. Questo significa che ∼ (p ∧ q), p |=e ∼ q.
Il metodo delle tavole di verità può essere usato anche abbreviando la
procedura ora illustrata, cioè senza scrivere tutte le righe per poi control-
larle. Infatti, si può ragionare “al contrario”, cioè considerando l’ipotesi che
esista un controesempio allo schema argomentativo che si intende esaminare.
Nel caso dell’argomento riportato sopra, questo significa che si può iniziare
considerando direttamente il caso in cui ∼ q è falsa, per vedere se è possibile
che in quel caso ∼ (p ∧ q) e p siano entrambe vere. Cosı̀ facendo, si ragiona
solo sulla prima e sulla terza riga della tavola riportata sopra. Infatti, se ∼ q
è falsa, q è vera. Dunque, o p e q sono entrambe vere, o p è falsa e q è vera.
Ne consegue le uniche opzioni da considerare sono quella in cui ∼ (p ∧ q) è
falsa e p è vera, e quella in cui ∼ (p ∧ q) è vera e p è falsa. In nessuna delle
due le formule sono entrambe vere, quindi non esiste un controesempio.

Esercizio 6.6.1 Mostrare che la fallacia dell’affermazione del conseguente


e la fallacia della negazione dell’antecedente, trattate nella sezione 4.1, cor-
rispondono a schemi argomentativi invalidi.

Esercizio 6.6.2 Formalizzare il seguente argomento in Le e controllare se


esemplifica uno schema argomentativo valido:

Tizio ha una Fiat o Caio è in Svizzera. Se Caio è in Svizzera, anche


Sempronio è in Svizzera. Ma Sempronio non è in Svizzera. Quindi,
Tizio ha una Fiat.

6.7 Altre proprietà e relazioni logiche

Nella sezione 6.5 sono state definite due nozioni, quelle di conseguenza logica
e di coerenza semantica, che riproducono a livello formale due delle quattro
nozioni informali introdotte nella sezione 3.4, cioè quelle di implicazione e
di coerenza. Per concludere il capitolo, saranno ora definite due nozioni che
riproducono a livello formale le altre due nozioni informali introdotte nella
stessa sezione, cioè quelle di equivalenza e di contraddizione.
La relazione di equivalenza tra formule di Le , chiamata anche ‘equiva-
lenza logica’, è definita come segue:

Definizione 6.7.1 Due formule α e β sono equivalenti se e solo se hanno


lo stesso valore di verità in ogni interpretazione.

Questa definizione fornisce un corrispettivo formale della definizione 3.4.3


che vale per tutti i casi in cui un’equivalenza tra due enunciati dipende dalla
loro struttura vero-funzionale. Il caso della doppia negazione, considerato
nella sezione 3.4, è di questo tipo. L’equivalenza tra (1) e ‘Non si dà il caso
95

che non piova’ dipende unicamente dal fatto che il secondo enunciato è la
doppia negazione del primo, dunque può essere spiegata rappresentando i
due enunciati come p e ∼∼ p. Lo stesso vale per l’equivalenza tra ‘Se piove,
allora fa freddo’ e ‘Se non fa freddo, allora non piove’ (vedi esercizio 5.2.2),
che possono essere rappresentati come p ⊃ q e ∼ q ⊃∼ p, o per l’equivalenza
tra ‘Se piove, allora fa freddo’ e ‘Non piove o fa freddo’, che possono essere
rappresentati come p ⊃ q e ∼ p ∨ q. Infatti, è facile mostrare con le tavole di
verità che in ciascuno dei tre casi le due formule assegnate hanno lo stesso
valore di verità in ogni interpretazione (vedi esercizio 6.4.2).
La relazione di contraddizione tra formule di Le è definita come segue:

Definizione 6.7.2 Due formule α e β sono contraddittorie se e solo se


hanno valori di verità diversi in ogni interpretazione.

Questa definizione fornisce un corrispettivo formale della definizione 3.4.4


che vale per tutti i casi in cui una contraddizione tra due enunciati dipende
dalla loro struttura vero-funzionale. Il caso più semplice è quello in cui due
enunciati sono uno la negazione dell’altro, come (1) e (2). In questo caso,
si è visto, i due enunciati possono essere rappresentati come p e ∼ p. Altri
casi non sono difficili da trovare. Si considerino per esempio gli enunciati
‘Se piove, allora fa freddo’ e ‘Piove e non fa freddo’. Questi enunciati sono
contraddittori, e il fatto che lo siano dipende unicamente dalla loro struttura
vero-funzionale: un condizionale contraddice una congiunzione che ha come
primo congiunto il suo antecedente e come secondo congiunto la negazione
del suo conseguente. Infatti, p ⊃ q e p∧ ∼ q hanno valori di verità diversi
in ogni interpretazione.

Esercizio 6.7.1 Verificare con le tavole di verità che le seguenti formule


sono tautologie:

(a) p ⊃ p

(b) ∼ (p∧ ∼ p)

Esercizio 6.7.2 Verificare con le tavole di verità che vale quanto segue:

(a) p ∧ p è equivalente a p (legge dell’idempotenza di ∧)

(b) p ∨ p è equivalente a p (legge dell’idempotenza di ∨)

(c) p ∧ q è equivalente a q ∧ p (legge di commutatività di ∧)

(d) p ∨ q è equivalente a q ∨ p (legge di commutatività di ∨)

(e) ∼ (p ∨ q) è equivalente a ∼ p∧ ∼ q (prima legge di De Morgan)

(f) ∼ (p ∧ q) è equivalente a ∼ p∨ ∼ q (seconda legge di De Morgan)


96

Esercizio 6.7.3 Spiegare perché due formule α e β sono equivalenti se e


solo se (α ⊃ β) ∧ (β ⊃ α) è una tautologia.

Esercizio 6.7.4 Spiegare perché, se due formule α e β sono contraddittorie,


∼ (α ∧ β) è una tautologia.
97

Soluzioni

Esercizio 6.1.1

(a) No.

(b) No.

(c) Si.

Esercizio 6.2.1

~(p‫ﬤ‬q)‫ﬤ‬r

~(p‫ﬤ‬q) r

p‫ﬤ‬q

p q

Esercizio 6.2.2

p∨ ∼ q

Esercizio 6.2.3

Esercizio 6.4.1

(a) 1

(b) 1

(c) 0

Esercizio 6.4.2
p ∼∼ p
(a) 1 1
0 0
98

p q ∼ q ⊃∼ p
1 1 1
(b) 1 0 0
0 1 1
0 0 1

p q ∼p∨q
1 1 1
(c) 1 0 0
0 1 1
0 0 1

Esercizio 6.5.1

Si.

Esercizio 6.5.3

Supponiamo che α |=e β, ossia che non esista un’interpretazione in cui


α è vera e β è falsa. Siccome un condizionale è falso solo se il suo
antecedente è vero e il suo conseguente è falso, nessuna interpretazione
rende falsa la formula α ⊃ β, quindi α ⊃ β è una tautologia. Viceversa,
se α ⊃ β è una tautologia, cioè non esiste nessuna interpretazione in
cui è falsa, allora α |=e β, poiché non esiste nessuna interpretazione in
cui α è vera e β è falsa.

Esercizio 6.6.1
p q p⊃q q p
1 1 1 1 1
1 0 0 0 1
0 1 1 1 0
0 0 1 0 0

p q p⊃q ∼p ∼q
1 1 1 0 0
1 0 0 0 1
0 1 1 1 0
0 0 1 1 1

Esercizio 6.6.2

Lo schema argomentativo è: p ∨ q, q ⊃ r, ∼ r; p. Si tratta di uno schema


valido, perché si può mostrare con il metodo delle tavole di verità che
p ∨ q, q ⊃ r, ∼ r |=e p.

Esercizio 6.7.1
99

p p⊃p
(a) 1 1
0 1

p ∼ (p∧ ∼ p)
(b) 1 1
0 1
Esercizio 6.7.2
p p∧p
(a) 1 1
0 0

p p∨p
(b) 1 1
0 0

p q p∧q q∧p
1 1 1 1
(c) 1 0 0 0
0 1 0 0
0 0 0 0

p q p∨q q∨p
1 1 1 1
(d) 1 0 1 1
0 1 1 1
0 0 0 0

p q ∼ (p ∨ q) ∼ p∧ ∼ q
1 1 0 0
(e) 1 0 0 0
0 1 0 0
0 0 1 1

p q ∼ (p ∧ q) ∼ p∨ ∼ q
1 1 0 0
(f) 1 0 1 1
0 1 1 1
0 0 1 1
Esercizio 6.7.3
In base alla definizione 3.4.3, α e β sono equivalenti se e solo se α |=e β e
β |=e α. Dato quanto risulta dall’esercizio 6.5.3, e data la definizione
del bicondizionale, si ottiene che α e β sono equivalenti se e solo se
(α ⊃ β) ∧ (β ⊃ α) è una tautologia.
100

Esercizio 6.7.4

Se α e β sono contraddittorie, allora non esiste un’interpretazione in cui


sono entrambe vere. Dunque non esiste un’interpretazione in cui α∧β è
vera. Questo significa che non esiste un’interpretazione in cui ∼ (α∧β)
è falsa.
Capitolo 7

Il sistema Se

7.1 Derivazione

Nel capitolo 6 si è visto come si può fornire una caratterizzazione semantica


di un insieme di schemi argomentativi validi esprimibili in Le . Dato che
la nozione di conseguenza logica, definita in termini di verità in un’inter-
pretazione, ricalca la nozione informale di implicazione, si può dire che uno
schema argomentativo Γ, α è valido quando Γ |=e α. In questo capitolo sarà
illustrato un altro modo di caratterizzare un insieme di schemi argomenta-
tivi validi esprimibili in Le , che consiste nella costruzione di un sistema in
Le chiamato Se .
Come si è detto nella sezione 1.3, ci sono due tipi di sistema, cioè i siste-
mi assiomatici e i sistemi di deduzione naturale. Se appartiene alla seconda
categoria, perché non contiene assiomi ma solo regole di inferenza. I sistemi
di deduzione naturale sono chiamati cosı̀ perché le regole di inferenza che
li caratterizzano intendono riprodurre schemi intuitivamente validi di ragio-
namento. Ciascuno di questi schemi costituisce un modo di ricavare formule
da altre formule. Pertanto, un ragionamento valido può essere formulato
nel sistema come una sequenza di passi in cui, a partire da certe formule
che figurano come assunzioni, si ottengono, mediante le regole di inferenza,
altre formule che dipendono da quelle assunzioni. Più precisamente, un ra-
gionamento valido può essere formulato come una derivazione, definita come
segue:

Definizione 7.1.1 Una derivazione di una formula α da un insieme di for-


mule Γ è una sequenza finita di formule che termina con α tale che (i)
ciascuna formula è un’assunzione o è ottenuta da altre formule che la pre-
cedono mediante una regola di inferenza e (ii) α dipende solo da assunzioni
che fanno parte di Γ.

In altri termini, una derivazione è una sequenza di passi, cioè i passi che
costituiscono il ragionamento mediante il quale si giustifica α sulla base
delle assunzioni in Γ. Nel caso in cui Γ contenga una sola formula β, la
sequenza di formule è semplicemente una derivazione di α da β.

101
102

Si noti che, nel caso in cui Γ contenga una sola formula β, è possibile che
β = α, cioè che la sequenza di formule sia una derivazione di α da α. Per
riconoscere questo fatto basta pensare che una derivazione può essere costi-
tuita da una sola formula che figura come assunzione. Infatti, assumendo α
si deriva α da se stessa.
Prima di presentare le regole di inferenza di Se , è utile fornire qualche
chiarimento sulla notazione che sarà adottata per le derivazioni. Innanzitut-
to, una derivazione di α da Γ è una sequenza di n formule che termina con
α. Quindi, può essere enunciata come una sequenza verticale di n formule,
in cui ogni riga è numerata:
(1) β
(2) γ
(3) δ
(4) ψ
. .
. .
. .
(n) α
Come nel caso di un argomento in forma canonica, il numero di ciascuna
riga può essere usato per riferirsi alla formula contenuta nella riga.
Questo modo di formulare una derivazione sarà arricchito con ulteriori
annotazioni sulla destra e sulla sinistra, per rendere esplicito ogni passo
del ragionamento. Vediamo prima le annotazioni sulla destra. In base alla
condizione (i) della definizione 7.1.1, ciascuna delle formule che costituiscono
una derivazione soddisfa l’uno o l’altro di due requisiti: o è un’assunzione o è
ottenuta mediante una regola di inferenza da altre formule che la precedono.
Pertanto, quando si espone una derivazione è opportuno rendere esplicita la
giustificazione di ciascuna riga: se si tratta di un’assunzione, si indica con
una A; se si tratta di una formula ottenuta da altre formule mediante una
regola di inferenza, si indica il nome della regola e si aggiungono i numeri
che corrispondono a quelle formule. Ecco un esempio:
(1) β A
(2) γ A
(3) δ R1
(4) ψ R0 2,3
. .
. .
. .
(n) α
La A che compare nelle prime due righe indica che (1) e (2) sono assunzioni.
L’annotazione nella terza riga indica che (3) è ottenuta da (1) mediante la
regola R. L’annotazione nella quarta riga indica che (4) è ottenuta da (2) e
103

(3) mediante la regola R0 , e cosı̀ via. Si noti che accanto alla R si trova un
solo numero, mentre accanto alla R0 si trovano due numeri. Questo perché
si sta supponendo che R sia una regola mediante la quale si ricava una
singola formula da una singola formula, mentre R0 sia una regola mediante
la quale si ricava una singola formula da due formule. In generale, i numeri
che compaiono accanto al nome della regola sono tanti quante sono le righe
richieste per l’applicazione della regola.
Ora passiamo alle annotazioni sulla sinistra. La condizione (ii) della
definizione 7.1.1 richiede che una derivazione di α da Γ sia tale che α dipende
solo da assunzioni in Γ. In una derivazione, tuttavia, qualsiasi formula può
figurare come assunzione. Questo significa che in una derivazione di α da Γ
possono esserci anche assunzioni che non sono in Γ, purché α non dipenda da
tali assunzioni. Per questo è opportuno indicare, con numeri sulla sinistra,
le formule dalle quali dipende ciascuna formula. Cosı̀ è più facile verificare
quali sono le assunzioni dalle quali dipende la formula finale. Per esempio:

1 (1) β A
2 (2) γ A
1 (3) δ R1
1,2 (4) ψ R0 2,3
. .
. .
. .
(n) α

Il numero 1 nella prima riga indica che (2) dipende da se stessa. Allo stesso
modo, il numero 2 nella seconda riga indica che (2) dipende da se stessa. In
generale, ogni assunzione dipende da se stessa e solo da se stessa. Il numero
1 nella terza riga, invece, indica che (3) dipende da (1), essendo ottenuta da
(1) mediante la regola R. Allo stesso modo, i numeri 1 e 2 nella quarta riga
indicano che (4) dipende da (1) e (2), poiché è ottenuta da (2), che dipende
da se stessa, e da (3), che dipende da (1).
Un’ultima osservazione. La condizione (ii) della definizione 7.1.1 richiede
che una derivazione di α da Γ sia tale che α dipende solo da assunzioni in Γ,
cioè che ogni assunzione da cui α dipende sia in Γ. Ma questo non significa
che ogni formula in Γ debba figurare tra le assunzioni da cui α dipende. Γ
può contenere formule che non figurano tra le assunzioni da cui dipende α.
Pertanto, se una sequenza di formule è una derivazione di α da Γ, la stessa
sequenza di formule è anche una derivazione di α da qualsiasi altro insieme
che includa le assunzioni da cui dipende α. In particolare, se una sequenza
di formule è una derivazione di α da Γ e Γ ⊆ ∆, la stessa sequenza di formule
è una derivazione di α da ∆.
104

7.2 Regole per la negazione

Ora saranno presentate le regole di inferenza di Se . Ciascuna di queste regole


può essere pensata come un modo intuitivamente legittimo di introdurre
un connettivo a partire da formule che non lo contengono, o di eliminare
un connettivo da formule che lo contengono. Pertanto, Se contempla due
regole per ciascuno dei quattro connettivi di Le , una di introduzione e una
di eliminazione.

Iniziamo con la regola di introduzione della negazione, che sarà chiamata


I∼. Questa regola esprime il principio della riduzione all’assurdo, esposto
nella sezione 3.5: se un enunciato α, unitamente a un insieme di enunciati
veri Γ, implica due enunciati contraddittori β e ∼ β, allora ∼ α è vero. La
regola è formulata come segue:

I∼ Se da un’assunzione α (insieme ad altre assunzioni) si derivano β e ∼ β,


allora (da quelle assunzioni) si può derivare ∼ α.

Il verbo ‘derivare’, che compare nella formulazione di questa regola e delle


altre che seguiranno, deve essere inteso in termini della definizione 7.1.1:
dire che da un’assunzione α (insieme ad altre assunzioni) si derivano β e
∼ β significa dire che, per qualche insieme di formule Γ ∪ {α}, si ha sia
una derivazione di β da Γ ∪ {α} sia una derivazione di ∼ β da Γ ∪ {α}.
Ovviamente, è possibile che Γ = ∅, cioè che Γ ∪ {α} = {α}, ed è per questo
che ‘insieme ad altre assunzioni’ è tra parentesi.

Vediamo ora le annotazioni che accompagnano I∼. Siccome I∼ permette


di ricavare una formula ∼ α da tre formule, cioè α, β e ∼ β, nell’annotazione
sulla destra si dovranno riportare tre numeri: la riga in cui compare α, la
riga in cui compare β e la riga in cui compare ∼ β. Per quanto riguarda
i numeri a sinistra, invece, la cosa importante da tenere presente è che la
formula ∼ α ricavata mediante la regola non dipende da α, nel senso che α
è un’assunzione che viene “scaricata”. Il motivo è che α viene considerata
in via del tutto ipotetica, per mostrarne le conseguenze, ma non fa parte
del bagaglio di premesse che si continuano ad accettare nel momento in cui
si ricava la conclusione ∼ α. In sostanza, ∼ α dipende dalle assunzioni
da cui dipendono β e ∼ β, eccetto α. Come risulta dal teorema 3.5.4, se
Γ ∪ {α} implica β e ∼ β, allora Γ da solo implica ∼ α. Dunque, un caso di
applicazione di I∼ si annota come segue:
105

n (n) α A
. .
. .
. .
z (m) β
. .
. .
. .
x (o) ∼β
. .
. .
. .
z, x (p) ∼α I∼ n, m, o

Qui n è il numero della riga in cui compare α come assunzione, z sta per
il numero o i numeri che indicano le assunzioni da cui dipende β, e x sta
per il numero o i numeri che indicano le assunzioni da cui dipende ∼ β.
Nell’ultima riga si ricava ∼ α mediante I∼ a partire da α, β e ∼ β, dunque
sulla destra si annotano le tre formule in quest’ordine, cioè il primo numero
indica la riga in cui si trova α, il secondo indica la riga in cui si trova β e
il terzo indica la riga in cui si trova ∼ β. Sulla sinistra invece, compaiono
x e z, che indicano le assunzioni dalle quali dipendono β e ∼ β. Ma non
compare n, cioè il numero che indica l’assunzione α. Questo significa che
∼ α non dipende da quell’assunzione.
Un esempio di derivazione in cui si fa uso di I∼ è la seguente derivazione
di ∼∼∼ p da ∼ p:

1 (1) ∼p A
2 (2) ∼∼ p A
1 (3) ∼∼∼ p I∼ 2,1,2

Nella prima riga si assume ∼ p. Nella seconda si fa un’assunzione ulteriore,


cioè ∼∼ p. Siccome quest’ultima genera una contraddizione, si può inferire
la sua negazione, cioè ∼∼∼ p. (3) dipende solo da (1), perché (2) viene
scaricata. I∼ si può applicare perché si ha sia una derivazione di ∼ p dal-
l’insieme {∼ p, ∼∼ p}, cioè quella costituita da (1), sia una derivazione di
∼∼ p dallo stesso insieme, cioè quella costituita da (2). In altri termini, in
questo caso α è ∼∼ p, β è ∼ p e ∼ β è ∼∼ p. L’insieme Γ che, insieme ad
α, permette di derivare β e ∼ β è {∼ p}.
Si noti che, nell’esempio considerato, (1) non è ottenuta a partire da (2).
Mentre (2) svolge un ruolo, anche se banale, nella derivazione di (2), non
svolge alcun ruolo nella derivazione di (1). Questo è del tutto legittimo.
Nella formulazione di I∼ non si richiede che β e ∼ β siano effettivamente
ottenute a partire α, cioè che sia necessario assumere α per derivare β e ∼ β.
I∼ può essere impiegata anche se nessuna delle due formule contraddittorie
106

è effettivamente ricavata dall’ipotesi da ridurre all’assurdo. Si consideri la


seguente derivazione di ∼ q da p e ∼ p:
1 (1) p A
2 (2) ∼p A
3 (3) q A
1,2 (4) ∼q I∼ 3,1,2
Qui (3) non svolge alcun ruolo nella derivazione di (1) e (2). In altri termini,
(3) è un’assunzione inerte. Questo significa che I∼ contempla la possibilità
che l’assunzione ridotta all’assurdo sia inerte. In generale, dato un insieme di
formule che include una contraddizione, si può sempre inferire la negazione di
una delle formule che contiene dall’insieme delle formule rimanenti. Questo
corrisponde all’idea che, se Γ ∪ {α} è un insieme incoerente di enunciati,
allora Γ implica ∼ α (vedi dimostrazione del teorema 3.5.4).
La regola di eliminazione della negazione, che chiameremo E∼, è più
semplice di I∼, in quanto consiste nel passaggio da una formula ∼∼ α a una
formula α:
E∼ Da ∼∼ α si può derivare α.
In base a questa regola, se si ha una derivazione di ∼∼ α, si può ottenere una
derivazione di α aggiungendo una riga: α dipenderà dalle stesse assunzioni
da cui dipende ∼∼ α. L’annotazione richiesta da E∼ è dunque molto sem-
plice. A destra di α basta scrivere il numero della riga in cui compare ∼∼ α,
mentre sulla sinistra basta scrivere lo stesso numero, o gli stessi numeri, che
si trovano a sinistra di ∼∼ α. In altri termini, un caso di applicazione di
E∼ si annota come segue:
z (n) ∼∼ α
. .
. .
. .
z (m) α E∼ n
Come esempio di impiego di E∼, si consideri la seguente derivazione di ∼ p
da ∼∼∼ p:
1 (1) ∼∼∼ p A
1 (2) ∼p E∼ 1
In questo caso il numero a destra della formula ∼ p è solo uno, perché E∼
permette di derivare una formula da un’altra formula.

Esercizio 7.2.1
Derivare ∼ q da ∼ p e ∼∼ p.
Esercizio 7.2.2
Derivare q da p e ∼ p.
107

7.3 Regole per il condizionale

La regola di introduzione del condizionale, che sarà chiamata I⊃, è simile


alla regola di introduzione della negazione, nel senso che per inferire una
formula della forma α ⊃ β occorre adottare un’assunzione apposita, cioè α,
e mostrare che da questa assunzione si può ottenere β. La regola è formulata
come segue:
I⊃ Se da un’assunzione α (insieme ad altre assunzioni) si deriva β, allora
(da quelle assunzioni) si può derivare α ⊃ β.
Questa regola è analoga a I∼. Anche qui, dire che da un’assunzione α (in-
sieme ad altre assunzioni) si deriva β significa dire che, per qualche insieme
di formule Γ ∪ {α}, si ha una derivazione di β da Γ ∪ {α}. La formula α ⊃ β
ottenuta mediante I⊃ risulterà derivata da Γ. Dunque I⊃ si annota come
segue:
n (n) α A
. .
. .
. .
z (m) β
. .
. .
. .
z (o) α⊃β I⊃ n, m
A destra di α ⊃ β si trovano due numeri: il primo indica la riga alla quale
compare l’assunzione α, il secondo indica la riga alla quale si ottiene β.
Sulla sinistra, invece, compaiono i numeri che indicano le assunzioni da cui
dipende β, tranne il numero che corrisponde ad α, perché α viene scaricata.
Come esempio di impiego di I⊃, si consideri la seguente derivazione di p ⊃ q
da ∼ p:
1 (1) ∼p A
2 (2) p A
3 (3) ∼q A
1,2 (4) ∼∼ q I∼ 3,2,1
1,2 (5) q E∼ 4
1 (6) p⊃q I⊃ 2,5
Si noti che, come nel caso di I∼, nella formulazione di I⊃ non si richiede
che β sia effettivamente ottenuta da α: I⊃ contempla la possibilità che α
sia un’assunzione inerte. Per esempio, l’applicazione di I⊃ nella derivazione
di p ⊃ q da q che segue è del tutto legittima:
1 (1) q A
2 (2) p A
1 (3) p⊃q I⊃ 2,1
108

Qui (2) è inerte, perché non svolge alcun ruolo nella derivazione di (1). A
livello semantico questo risultato non pone alcun problema, perché si confor-
ma all’idea che, se un enunciato è vero, allora è vero qualsiasi condizionale
in cui l’enunciato stesso figura come conseguente.
La regola di eliminazione del condizionale, che sarà chiamata E⊃, è molto
semplice, perché corrisponde allo schema argomentativo modus ponens:

E⊃ Da α ⊃ β e α si può derivare β.

In questo caso nessuna assunzione viene scaricata: β dipende dalle stesse


assunzioni dalle quali dipendono α ⊃ β e α. Dunque un caso di applicazione
di E⊃ si annota come segue:
x (n) α⊃β
. .
. .
. .
z (m) α
. .
. .
. .
x, z (o) β E⊃ n, m
Come esempio di impiego di E⊃, si consideri la seguente derivazione di
(p ⊃ q) ⊃ (r ⊃ q) da r ⊃ p:
1 (1) r⊃p A
2 (2) p⊃q A
3 (3) r A
1,3 (4) p E⊃ 1,3
1,2,3 (5) q E⊃ 2,4
1,2 (6) r⊃q I⊃ 3,5
1 (7) (p ⊃ q) ⊃ (r ⊃ q) I⊃ 2,6
Esercizio 7.3.1

Derivare p ⊃ q da p ⊃ (p ⊃ q).

Esercizio 7.3.2

Derivare ∼ p da p ⊃ q e p ⊃∼ q.

7.4 Regole per la congiunzione

La regola di introduzione della congiunzione, che sarà chiamata I∧, è molto


semplice:

I∧ Da α e β si può derivare α ∧ β.
109

La congiunzione che si ricava dipenderà da tutte le assunzioni da cui dipen-


dono i suoi congiunti. Dunque I∧ si annota nel modo seguente:

x (n) α
. .
. .
. .
z (m) β
. .
. .
. .
x, z (o) α∧β I∧ n, m

Il primo numero a destra di α ∧ β indica la riga in cui compare α, mentre


il secondo indica la riga in cui compare β. I numeri a sinistra indicano
le assunzioni da cui dipendono α e β. Come esempio di impiego di I∧, si
consideri la seguente derivazione di p ⊃ (q ⊃ r) da (p ∧ q) ⊃ r:

1 (1) (p ∧ q) ⊃ r A
2 (2) p A
3 (3) q A
2,3 (4) p∧q I∧ 2,3
1,2,3 (5) r E⊃ 1,4
1,2 (6) q⊃r I⊃ 3,5
1 (7) p ⊃ (q ⊃ r) I⊃ 2,6

La regola di eliminazione della congiunzione, che sarà chiamata E∧, è


altrettanto semplice:

E∧ Da α ∧ β si può derivare α e si può derivare β.

In questo caso la formula inferita, α o β, dipende dalle assunzioni da cui


dipende α ∧ β. Dunque E∧ si annota nel modo seguente:

x (n) α∧β
. .
. .
. .
x (m) α E∧ n

Oppure:

x (n) α∧β
. .
. .
. .
x (m) β E∧ n
110

Il numero sulla destra della formula inferita, α o β, indica la riga alla quale si
trova α ∧ β. Invece, sulla sinistra compaiono gli stessi numeri che compaiono
a sinistra di α ∧ β. Ecco una derivazione in cui è impiegata E∧:
1 (1) p ⊃ (q ⊃ r) A
2 (2) p∧q A
2 (3) p E∧ 2
2 (4) q E∧ 2
1,2 (5) q⊃r E⊃ 1,3
1,2 (6) r E⊃ 5,4
1 (7) (p ∧ q) ⊃ r I⊃ 2,6
In questo caso di deriva (p ∧ q) ⊃ r da p ⊃ (q ⊃ r). Si noti che da questo
risultato e dal precedente si ottiene che esiste sia una derivazione da p ⊃
(q ⊃ r) a (p ∧ q) ⊃ r sia una derivazione da (p ∧ q) ⊃ r a p ⊃ (q ⊃ r).
Un’implicazione interessante delle due regole per la congiunzione appena
illustrate riguarda i casi in cui un’assunzione è inerte in una derivazione, co-
me quelli considerati nelle due sezioni precedenti. Per esempio, nella sezione
7.2 si è visto che I∼ può essere impiegata come segue:
1 (1) p A
2 (2) ∼p A
3 (3) q A
1,2 (4) ∼q I∼ 3,1,2
In questo caso (3) non è usata per ottenere la contraddizione che permette
di inferire (4). Allo stesso modo, nella sezione 7.3 si è visto che I⊃ può essere
impiegata come segue:
1 (1) q A
2 (2) p A
1 (3) p⊃q I⊃ 2,1
Qui, di nuovo, (2) non è usata per ottenere (1). Come si è detto, le deriva-
zioni di questo tipo risultano accettabili se si pensa che a livello semantico
corrispondono a ragionamenti validi. Ma indipendentemente da considera-
zioni semantiche, le due regole per la congiunzione mostrano che esiste un
modo banale di trasformare qualsiasi derivazione in cui una certa assunzione
è inerte in una derivazione in cui quell’assunzione non è inerte. Per esempio,
la prima delle due derivazioni considerate potrebbe essere allungata come
segue:
1 (1) p A
2 (2) ∼p A
3 (3) q A
1,3 (4) q∧p I∧ 3,1
1,3 (5) p E∧ 4
1,2 (6) ∼q I∼ 3,5,2
111

In questa derivazione, (5) è ottenuta da (3), sebbene in modo banale. Lo


stesso vale per la seconda derivazione, che potrebbe essere allungata come
segue:

1 (1) q A
2 (2) p A
1,2 (3) p∧q I∧ 2,1
1,2 (4) q E∧ 3
1 (5) p⊃q I∼ 2,4

Anche qui, (4) è ottenuta da (2), sebbene in modo banale. In generale, per
qualsiasi derivazione in cui un’assunzione è inerte, esiste un’altra derivazione
in cui la stessa assunzione non è inerte. Questo è un altro modo di dire che
non c’è niente di male se un’assunzione è inerte.

Esercizio 7.4.1

Derivare q ∧ p da p ∧ q.

Esercizio 7.4.2

Derivare ∼ (p ⊃∼ q) da p ∧ q.

7.5 Regole per la disgiunzione

La regola di introduzione della disgiunzione, che sarà chiamata I∨, è la


seguente:

I∨ Da α, o da β, si può derivare α ∨ β.

Qui α ∨ β dipende dalle stesse assunzioni da cui dipende α, o β. Dunque I∨


si annota nel modo seguente:

x (n) α
. .
. .
. .
x (m) α∨β I∨ n

Oppure:

x (n) β
. .
. .
. .
x (m) α∨β I∨ n
112

Il numero alla destra di α ∨ β indica la riga alla quale si trova α, o β. A


sinistra, invece, compaiono gli stessi numeri che compaiono a destra di α, o
β. Come esempio di impiego di I∨, si consideri la seguente derivazione di
∼ p ∨ q da p ⊃ q:

1 (1) p⊃q A
2 (2) ∼ (∼ p ∨ q) A
3 (3) p A
1,3 (4) q E⊃ 1,3
1,3 (5) ∼p∨q I∨ 4
1,2 (6) ∼p I∼ 3,5,2
1,2 (7) ∼p∨q I∨ 6
1 (8) ∼∼ (∼ p ∨ q) I∼ 2,7,2
1 (9) ∼p∨q E∼ 8

La regola di eliminazione della disgiunzione, che sarà chiamata E∨, è un


po’ più complicata. L’idea su cui si fonda è che, se si ha una giustificazione
per asserire una disgiunzione, e si ha una giustificazione per ritenere che
ciascuno dei due disgiunti, preso separatamente, implichi una certa conclu-
sione, allora si ha una giustificazione per asserire quella conclusione. La
regola è formulata come segue:

E∨ Data una disgiunzione α ∨ β, se dall’assunzione α (insieme ad altre


assunzioni) si deriva γ e dall’assunzione β (insieme ad altre assunzioni)
si deriva γ, allora (dalle assunzioni diverse da α usate nel primo caso
e dalle assunzioni diverse da β usate nel secondo caso) si può derivare
γ.

Questa regola è simile a I∼ e I⊃, in quanto richiede l’impiego di assunzioni


ausiliarie. Dire che dall’assunzione α (insieme ad altre assunzioni) si deriva
γ significa dire che, per qualche insieme di formule Γ ∪ {α}, si ha una deriva-
zione di γ da Γ ∪ {α}. Allo stesso modo, dire che dall’assunzione β (insieme
ad altre assunzioni) si deriva γ significa dire che, per qualche insieme di
formule ∆ ∪ {β}, si ha una derivazione di γ da ∆ ∪ {β}. In base alla regola,
date queste due derivazioni, si può derivare γ da Γ ∪ ∆, cioè dalle assunzioni
diverse da α (se ce ne sono) usate nel primo caso e dalle assunzioni diverse
da β (se ce ne sono) usate nel secondo caso. In altri termini, la formula
inferita γ dipenderà dalle assunzioni da cui dipende α ∨ β, dalle assunzioni
da cui dipende la prima occorrenza γ eccetto α e dalle assunzioni da cui
dipende la seconda occorrenza di γ eccetto β. Dunque la regola si annota
come segue:
113

x (n) α∨β
. .
. .
. .
m (m) α A
. .
. .
. .
m, y (o) γ
. .
. .
. .
p (p) β A
. .
. .
. .
p, z (q) γ
. .
. .
. .
x, y, z (r) γ E∨ n, m, o, p, q

E∨ richiede cinque numeri nell’annotazione a destra, cioè i numeri delle


righe che corrispondono rispettivamente alla disgiunzione α ∨ β, all’assun-
zione del primo disgiunto α, alla conclusione γ derivata da quell’assunzione,
all’assunzione del secondo disgiunto β e alla conclusione γ derivata da quel-
l’assunzione. Sulla sinistra, invece, si annotano le assunzioni da cui dipende
α ∨ β, le assunzioni da cui dipende la prima occorrenza di γ eccetto α e
le assunzioni da cui dipende la seconda occorrenza di γ eccetto β. Questo
significa che E∨ permette di scaricare le due assunzioni che corrispondono
rispettivamente all’ipotesi che valga α e all’ipotesi che valga β.
Si noti che, contrariamente a quanto potrebbe suggerire lo schema pre-
sentato, l’applicazione di E∨ non richiede che la derivazione di γ da Γ ∪ {α}
preceda la derivazione di γ da ∆ ∪ {β}, né che le due derivazioni terminino
in due righe diverse, cioè che le prime due occorrenze di γ siano distinte.
Tuttavia, per evitare di fare confusione con i numeri a sinistra occorre tenere
presente che, quando si calcolano le assunzioni da cui dipende la terza oc-
correnza di γ, bisogna calcolare prima le assunzioni da cui dipende la prima
occorrenza di γ, cioè Γ, poi le assunzioni da cui dipende la seconda occor-
renza di γ, cioè ∆, e alla fine sommarle, ottenendo Γ ∪ ∆. Questo significa
che la “sottrazione” del numero di α va eseguita nel primo passo e la “sot-
trazione” del numero di β va eseguita nel secondo passo. Le due sottrazioni
non vanno eseguite alla fine, cioè dopo aver sommato tutte le assunzioni da
cui dipende la terza occorrenza di γ.
114

Come esempio di impiego di E∨, si consideri la seguente derivazione di


p ⊃ q da ∼ p ∨ q:
1 (1) ∼p∨q A
2 (2) ∼p A
3 (3) ∼ (p ⊃ q) A
4 (4) p A
2,4 (5) ∼∼ (p ⊃ q) I∼ 3,4,2
2,4 (6) p⊃q E∼ 5
2,4 (7) q E⊃ 6,4
2 (8) p⊃q I⊃ 4,7
9 (9) q A
9 (10) p⊃q I⊃ 4,9
1 (11) p⊃q E∨ 1,2,8,9,10
Se si combina il risultato appena ottenuto con quello ottenuto mediante la
derivazione che precede, ne risulta che esiste sia una derivazione di ∼ p ∨ q
da p ⊃ q, sia una derivazione di p ⊃ q da ∼ p ∨ q.

Esercizio 7.5.1

Derivare q ∨ p da p ∨ q.

Esercizio 7.5.2

Derivare q da p ∨ q e ∼ p.

7.6 Qualche dritta

Una derivazione, come una tavola di verità, può essere controllata in modo
meccanico. Infatti, essendo una sequenza finita di formule, è possibile ve-
rificare in un numero finito di passi se ciascuna delle formule che contiene
è un’assunzione o è ottenuta mediante qualche regola inferenza da formule
che la precedono. Tuttavia, il metodo delle derivazioni differisce da quello
delle tavole di verità in un aspetto importante. Mentre una tavola di verità
è costruita in modo meccanico, la ricerca di una derivazione non è un pro-
cedimento meccanico. Dato un insieme di formule Γ e una formula α, per
costruire una tavola di verità che permetta di stabilire se esistono interpre-
tazioni in cui le formule in Γ sono vere e α è falsa è sufficiente seguire alcune
istruzioni elementari che conducono direttamente al risultato. Invece, per
trovare una derivazione di α da Γ non c’è un metodo del genere. Non ci
sono istruzioni che, se eseguite in modo automatico, ci permettano di capire
se o come α possa essere derivata da Γ.
Per usare un’analogia, la costruzione di una tavola di verità è simile all’e-
secuzione di un’operazione aritmetica, mentre la ricerca di una derivazione
è simile alla risoluzione di un problema di geometria. In un problema di
115

geometria si parte da alcuni dati, come il lato di un triangolo o la misura di


uno dei suoi angoli, e si deve trovare un dato mancante. Allo stesso modo,
in una derivazione si parte da un insieme di assunzioni Γ, e si deve capire se
o come una formula α possa essere ottenuta a partire da Γ. Dunque le de-
rivazioni, come i problemi di geometria, richiedono abilità che si sviluppano
essenzialmente con l’esercizio. L’unica cosa che possiamo fare per migliorare
la nostra capacità di trovare derivazioni è cercare derivazioni.
Per facilitare questo tipo di esercizio è utile adottare alcune strategie.
Innanzitutto, occorre enunciare le assunzioni di partenza. Siccome una de-
rivazione di Γ da α è tale che alla fine α deve dipendere solo da formule in
Γ, è presumibile che per ottenere α si dovranno usare tutte le formule in Γ.
Dunque, si possono elencare le formule in Γ come assunzioni. Per esempio,
supponiamo di dover derivare p ∧ r da p ∧ q e q ⊃ r. In questo caso la de-
rivazione dovrà contenere p ∧ q e q ⊃ r come assunzioni, cioè si può iniziare
a scrivere cosı̀:
1 (1) p∧q A
2 (2) q⊃r A

Un’altra informazione sulla quale possiamo essere sicuri è che la derivazione


deve terminare con α. Nel nostro esempio, dunque, si può scrivere alla fine
la formula p ∧ r:

1 (1) p∧q A
2 (2) q⊃r A
.
.
.
() p∧r

Una volta enunciate le formule in Γ come assunzioni iniziali e α come ultima


formula, bisogna ragionare sul connettivo principale di α. Nell’esempio con-
siderato si tratta di una congiunzione, quindi è ragionevole presumere che
α sia ottenuta mediante la regola I∧ da altre due formule che la precedono,
cioè p e r. Ora, siccome p può essere ottenuta direttamente da p ∧ q, si può
scrivere cosı̀:
1 (1) p∧q A
2 (2) q⊃r A
1 (3) p E∧ 1
.
.
() p∧r

L’altra formula r, può essere ottenuta mediante l’assunzione (2) se si applica


la regola E⊃, dunque si può completare la derivazione come segue:
116

1 (1) p∧q A
2 (2) q⊃r A
1 (3) p E∧ 1
1 (4) q E∧ 1
1,2 (5) r E⊃ 2,4
1,2 (6) p∧r I∧ 3,5

In generale, data qualsiasi derivazione da Γ a α, si inizia scrivendo le as-


sunzioni in Γ, poi si scrive α alla fine, e poi, ragionando a partire dal con-
nettivo principale di α, si cerca di capire come si possa ottenere α usando
le assunzioni iniziali. Ovviamente, eventuali assunzioni extra richieste dalla
regola che si intende applicare per ottenere α dovranno essere inserite dopo
le assunzioni iniziali. Questo modo di ragionare “al contrario” permette di
avvicinarsi alla soluzione di qualsiasi derivazione.

Esercizio 7.6.1

Derivare ∼ (∼ p∧ ∼ q) da p ∨ q.

Esercizio 7.6.2

Derivare p ∨ q da ∼ (∼ p∧ ∼ q).

Esercizio 7.6.3

Derivare ∼ (∼ p∨ ∼ q) da p ∧ q.

Esercizio 7.6.4

Derivare p ∧ q da ∼ (∼ p∨ ∼ q).

7.7 Derivabilità

Quando in un sistema esiste una derivazione di una formula α da un insieme


di formule Γ, si dice che α è derivabile da Γ, e si indica la relazione tra Γ e
α con il simbolo `. Pertanto, la derivabilità in Se è definita come segue:

Definizione 7.7.1 Γ `e α se e solo se esiste una derivazione di α da Γ.

Qui la lettera e che compare accanto al simbolo ` indica che il sistema di


riferimento è Se . Per negare la derivabilità si userà il simbolo 0. Dunque, si
scrive Γ 0e α per dire che α non è derivabile da Γ in Se . Si noti che Γ è un
insieme qualsiasi, quindi può contenere una sola formula β o addirittura non
contenerne nessuna. Nel primo caso si dice semplicemente che α è derivabile
da β, cioè che β `e α. Il secondo caso è quello in cui Γ = ∅ ed esiste
una dimostrazione di α, cioè una derivazione di α in cui α non dipende da
nessuna assunzione. Un esempio di dimostrazione è il seguente:
117

1 (1) ∼p A
2 (2) ∼∼ p A
1 (3) ∼∼∼ p I∼ 1,2
(4) ∼ p ⊃∼∼∼ p I⊃ 1,3
In questo caso, nella quarta riga non c’è nessun numero sulla sinistra, per
indicare che (4) non dipende da nessuna delle assunzioni che precedono.
Infatti, (1) viene scaricata con l’applicazione di I⊃. Quando una formula
α è dimostrabile, cioè quando esiste una dimostrazione di α, si scrive `e α.
Per esempio, sulla base della dimostrazione appena considerata si può dire
che `e ∼ p ⊃∼∼∼ p. Cosı̀ come la nozione di conseguenza logica prevede la
possibilità che ∅ |=e α, cioè che |=e α, la nozione di derivabilità prevede la
possibilità che ∅ `e α, cioè che `e α.
La derivabilità differisce dalla conseguenza logica, che si indica con |=, in
quanto è una relazione sintattica, non semantica. La nozione di derivazione
sulla quale si fonda, infatti, è definita in termini dell’apparato deduttivo di
Se , senza alcun riferimento al significato dei simboli di Le . Tuttavia, la deri-
vabilità, come la conseguenza logica, riproduce a livello formale la relazione
di implicazione. Per rendersene conto basta pensare che la derivabilità pre-
senta proprietà analoghe alle proprietà dell’implicazione considerate nella
sezione 3.5. Si considerino innanzitutto i seguenti quattro teoremi, che sono
analoghi ai teoremi 3.5.1-3.5.4 e ai teoremi 6.5.1-6.5.4:

Teorema 7.7.1 Se Γ `e α e Γ ⊆ ∆, allora ∆ `e α.

Dimostrazione. Assumiamo che Γ `e α. Questo significa che esiste una


derivazione di α da Γ. Sia d tale derivazione. Per definizione, se Γ ⊆ ∆, d è
una derivazione da α da ∆ (vedi sezione 7.1). Dunque ∆ `e α.

Teorema 7.7.2 Se α ∈ Γ, allora Γ `e α.

Dimostrazione. Per qualsiasi α, α `e α, perché esiste una derivazione che


contiene α come unica formula. Da questo e dal teorema 7.7.1 consegue che
Γ `e α.

Teorema 7.7.3 Se Γ `e α e ∆ ∪ {α} `e β, allora Γ ∪ ∆ `e β.

Dimostrazione. Assumiamo che esista una derivazione d di α da Γ e che


esista una derivazione d0 di β da ∆ ∪ {α}. Se si elimina α dalle assunzioni di
d0 e si aggiunge il resto della sequenza a d iniziando dopo α, si otterrà una
derivazione di β da Γ ∪ ∆. Dunque Γ ∪ ∆ `e α.


118

Teorema 7.7.4 Se Γ ∪ {α} `e β e Γ ∪ {α} `e ∼ β, allora Γ `e ∼ α.

Dimostrazione. Se è possibile derivare sia β sia ∼ β usando le assunzioni in


Γ ∪ {α}, allora esiste una derivazione in cui si ottengono β e ∼ β. In una
derivazione del genere, si può applicare la regola I∼ e ottenere ∼ α dalle
assunzioni in Γ. Questo significa che Γ `e ∼ α.

Un quinto teorema, analogo ai teoremi 3.5.5 e 6.5.5, può essere enunciato


sulla base delle seguenti definizioni:

Definizione 7.7.2 Un insieme di formule Γ è sintatticamente coerente se


e solo se per nessuna formula α risulta che Γ `e α e Γ `e ∼ α

Definizione 7.7.3 Un insieme di formule Γ è sintatticamente incoerente


se e solo se non è sintatticamente coerente.

Il teorema è questo:

Teorema 7.7.5 Γ `e ∼ α se e solo se Γ ∪ {α} è sintatticamente incoerente.

Dimostrazione. Assumiamo che Γ `e ∼ α. Per il teorema 7.7.1, ne risulta


che Γ ∪ {α} `e ∼ α. Ma siccome α appartiene a Γ ∪ {α}, per il teorema 7.7.2
risulta pure che Γ ∪ {α} `e α. Dunque Γ ∪ {α} è sintatticamente incoeren-
te. Ora assumiamo che Γ ∪ {α} sia sintatticamente incoerente. Allora per
qualche β, è possibile derivare β e ∼ β usando come assunzioni le formule
in Γ ∪ α. Ma se è cosı̀, come risulta dalla dimostrazione del teorema 7.7.4,
ne consegue che Γ `e ∼ α.

Infine, altri due teoremi, analoghi rispettivamente ai teoremi 3.5.6 e 6.5.6


e ai teoremi 3.5.7 e 6.5.7 sono i seguenti:

Teorema 7.7.6 Per qualsiasi α, se Γ è sintatticamente incoerente allora


Γ `e α.

Dimostrazione. Assumiamo che Γ sia sintatticamente incoerente. Questo


significa che, per qualche β, Γ `e β e Γ `e ∼ β. Per il teorema 7.7.1 si
ottiene che, per qualsiasi α, Γ ∪ {∼ α} `e β e Γ ∪ {∼ α} `e ∼ β. Ma se
è possibile derivare β e ∼ β a partire da assunzioni che appartengono a
Γ ∪ {∼ α}, è possibile derivare ∼∼ α da Γ mediante I∼. Di conseguenza, è
possibile derivare α da Γ aggiungendo un’applicazione di E∼.

Teorema 7.7.7 Se `e α, allora Γ `e α per qualsiasi Γ.


119

Dimostrazione. Assumiamo che esista una dimostrazione d di α. Dato


un insieme qualsiasi di formule Γ, d è una derivazione di α da Γ, dunque
Γ `e α. Infatti, la definizione 7.1.1 non richiede che una derivazione di α da
Γ contenga effettivamente tutte le formule in Γ. Tutto quello che richiede è
che α non dipenda da assunzioni che non siano in Γ.

Come risulta dal teorema 7.7.7, se `e α allora Γ `e α per qualsiasi Γ.


Vale anche l’inverso: se Γ `e α per qualsiasi Γ, allora `e α. Infatti, se
α non fosse dimostrabile, non sarebbe derivabile da ∅, quindi non sarebbe
derivabile da qualsiasi Γ. Una formula dimostrabile è un teorema. Quindi,
dire che `e α significa dire che α è un teorema di Se . I teoremi sono il
corrispettivo sintattico delle verità logiche, cioè sono formule che il sistema
permette di giustificare non sulla base di assunzioni, ma indipendentemente
da qualsiasi assunzione. Per esempio, p ⊃ p, ∼ (p∧ ∼ p) e p∨ ∼ p sono
teoremi di Se .
Una nota conclusiva. Come risulta da quanto è stato appena detto, i
termini ‘dimostrazione’ e ‘teorema’ possono essere usati in due modi diversi.
Nel primo senso, una dimostrazione è un ragionamento corretto formulato
nel metalinguaggio, come quelli fin qui indicati con il simbolo , e un teore-
ma è un’asserzione giustificata mediante un tale ragionamento. Nel secondo
senso, una dimostrazione è una sequenza di formule di un linguaggio che
soddisfa certi requisiti sintattici, e un teorema è una formula per la quale
esiste una tale sequenza. È importante non confondere questi due sensi,
perché una cosa è dimostrare un’asserzione che verte su un sistema, altra
cosa è dimostrare una formula in un sistema.

Esercizio 7.7.1 Dimostrare le seguenti formule:

(a) p ⊃ p

(b) ∼ (p∧ ∼ p)

(c) p∨ ∼ p

Esercizio 7.7.2 Come si possono definire in termini sintattici le relazioni


di equivalenza e contraddizione?

Esercizio 7.7.3 Tenendo conto dell’esercizio 7.7.2, mostrare che le leggi


considerate nell’esercizio 6.7.2 valgono anche livello sintattico.
120

Soluzioni

Esercizio 7.2.1
1 (1) ∼p A
2 (2) ∼∼ p A
3 (3) q A
1,2 (4) ∼q I∼ 3,1,2
Esercizio 7.2.2
1 (1) p A
2 (2) ∼p A
3 (3) ∼q A
1,2 (4) ∼∼ q I∼ 3,1,2
1,2 (5) q E∼ 4
Esercizio 7.3.1
1 (1) p ⊃ (p ⊃ q) A
2 (2) p A
1,2 (3) p⊃q E⊃ 1,2
1,2 (4) q E⊃ 3,2
1 (5) p⊃q I⊃ 2,4
Esercizio 7.3.2
1 (1) p⊃q A
2 (2) p ⊃∼ q A
3 (3) p A
1,3 (4) q E⊃ 1,3
2,3 (5) ∼q E⊃ 2,3
1,2 (6) ∼p I∼ 3,4,5
Esercizio 7.4.1
1 (1) p∧q A
1 (2) p E∧ 1
1 (3) q E∧ 2
1 (4) q∧p I∧ 3,2
Esercizio 7.4.2
1 (1) p∧q A
2 (2) p ⊃∼ q A
1 (3) p E∧ 1
1,2 (4) ∼q E⊃ 2,3
1 (5) q E∧ 1
1 (6) ∼ (p ⊃∼ q) I∼ 2,5,4
Esercizio 7.5.1
121

1 (1) p∨q A
2 (2) p A
2 (3) q∨p I∨ 2
4 (4) q A
4 (5) q∨p I∨ 4
1 (6) q∨p E∨ 1,2,3,4,5

Esercizio 7.5.2

1 (1) p∨q A
2 (2) ∼p A
3 (3) p A
4 (4) ∼q A
2,3 (5) ∼∼ q I∼ 4,3,2
2,3 (6) q E∼ 5
7 (7) q A
1,2 (8) q E∨ 1,3,6,7,7

Esercizio 7.6.1

1 (1) p∨q A
2 (2) p A
3 (3) ∼ p∧ ∼ q A
3 (4) ∼p E∧ 3
2 (5) ∼ (∼ p∧ ∼ q) I∼ 3,2,4
6 (6) q A
7 (7) ∼ p∧ ∼ q A
7 (8) ∼q E∧ 7
6 (9) ∼ (∼ p∧ ∼ q) I∼ 7,6,8
1 (10) ∼ (∼ p∧ ∼ q) E∨ 1,2,5,6,9

Esercizio 7.6.2

1 (1) ∼ (∼ p∧ ∼ q) A
2 (2) ∼ (p ∨ q) A
3 (3) p A
3 (4) p∨q I∨ 3
2 (5) ∼p I∼ 3,4,2
6 (6) q A
6 (7) p∨q I∨ 6
2 (8) ∼q I∼ 6,7,2
2 (9) ∼ p∧ ∼ q I∧ 5,8
1 (10) ∼∼ (p ∨ q) I∼ 2,9,1
1 (11) p∨q E∼ 10

Esercizio 7.6.3
122

1 (1) p∧q A
2 (2) ∼ p∨ ∼ q A
3 (3) ∼p A
4 (4) p∧q A
4 (5) p E∧ 4
3 (6) ∼ (p ∧ q) I∼ 4,5,3
7 (7) ∼q A
8 (8) p∧q A
8 (9) q I∧ E∧ 8
7 (10) ∼ (p ∧ q) I∼ 8,9,7
2 (11) ∼ (p ∧ q) E∨ 2,3,6,7,10
1 (12) ∼ (∼ p∨ ∼ q) I∼ 2,1,11
Esercizio 7.6.4
1 (1) ∼ (∼ p∨ ∼ q) A
2 (2) ∼p A
2 (3) ∼ p∨ ∼ q I∨ 2
1 (4) ∼∼ p I∼ 2,3,1
1 (5) p E∼ 4
6 (6) ∼q A
6 (7) ∼ p∨ ∼ q I∨ 6
1 (8) ∼∼ q I∼ 6,7,1
1 (9) q E∼ 8
1 (10) p ∧ q I∧ 5,9
Esercizio 7.7.1
1 (1) p A
(a)
(2) p ⊃ p I⊃ 1,1

1 (1) p∧ ∼ p A
1 (2) p E∧ 1
(b)
1 (3) ∼p E∧ 1
(4) ∼ (p∧ ∼ p) I∼ 1,2,3

1 (1) ∼ (p∨ ∼ p) A
2 (2) p A
2 (3) p∨ ∼ p I∨ 2
(c) 1 (4) ∼p I∼ 2,3,1
1 (5) p∨ ∼ p I∨ 4
(6) ∼∼ (p∨ ∼ p) I∼ 1,5,1
(7) p∨ ∼ p E∼ 6
Esercizio 7.7.2
Due formule α e β sono equivalenti se e solo se sono interderivabili, cioè
α `e β e β `e α. Due formule α e β sono contraddittorie se e solo se
sono una la negazione dell’altra, cioè α =∼ β o β =∼ α.
123

Esercizio 7.7.3

(a) p e p ∧ p sono interderivabili: per derivare p da p ∧ p è sufficiente usare


E∧, mentre per derivare p ∧ p da p è sufficiente usare I∧.

(b) p e p ∨ p sono interderivabili: per derivare p da p ∨ p è sufficiente usare


E∨, mentre per derivare p ∨ p da p è sufficiente usare I∨.

(c) p ∧ q e q ∧ p sono interderivabili, come risulta dall’esercizio 7.4.1.

(d) p ∨ q e q ∨ p sono interderivabili, come risulta dall’esercizio 7.5.1.

(e) ∼ (p ∨ q) e ∼ p∧ ∼ q sono interderivabili. Per derivare ∼ (p ∨ q)


da ∼ p∧ ∼ q si può usare I∼. Infatti, assumendo p ∨ q si ottiene
∼ (∼ p∧ ∼ q), come mostra l’esercizio 7.6.1. Per derivare ∼ p∧ ∼ q da
∼ (p ∨ q) si possono usare I∼ e E∼. Infatti, assumendo ∼ (∼ p∧ ∼ q)
si ottiene p ∨ q, come mostra l’esercizio 7.6.2.

(f) ∼ (p ∧ q) e ∼ p∨ ∼ q sono interderivabili. Questo caso è analogo al caso


(e), se si tiene conto degli esercizi 7.6.3 e 7.6.4.
124
Capitolo 8

Altri sistemi di logica enunciativa

8.1 Regole derivate

Come risulta dalla sezione 1.3, a partire da un linguaggio L si possono co-


struire apparati deduttivi diversi, ottenendo sistemi diversi in L. Per capire
meglio che cosa si intende normalmente per logica enunciativa, dunque, oc-
corre tenere presente che Se è solo uno dei tanti sistemi che possono essere
definiti in un linguaggio enunciativo. Questo capitolo delinea lo spettro delle
alternative possibili a Se .
Prima di parlare dei sistemi diversi da Se , è opportuno chiarire un punto
importante che riguarda le regole di inferenza di Se . Come si è visto, Se
contempla otto regole, due per ciascuno dei quattro connettivi di Le . Tutta-
via, è importante tenere presente che se ne possono definire altre. Le regole
elencate nel capitolo 7 sono regole primitive, a partire dalle quali si possono
ottenere regole derivate.
Per spiegare che cos’è ua regola derivata è utile introdurre due nozioni.
In primo luogo, un sequente è un’espressione della forma β1 , ...βn ` α, che
si usa per asserire che α è derivabile da β1 , ...βn . Per esempio, per dire che
q è derivabile da p ⊃ q e p in Se si usa un sequente:

(1) p ⊃ q, p `e q

Asserire un sequente significa affermare che una formula è derivabile da un


insieme di formule. Pertanto, il sequente è dimostrabile se esiste effettiva-
mente una tale derivazione. Per esempio, (1) è dimostrabile, perché in Se
esiste una derivazione di q da p ⊃ q e p:

1 (1) p⊃q A
2 (2) p A
1,2 (3) q MP 1,2

Si noti che, siccome un teorema è derivabile da qualsiasi insieme di formule,


si può chiamare sequente anche un’espressione della forma ` α, come

(2) `e p ⊃ p

125
126

Anche in questo caso il sequente è dimostrabile se esiste effettivamente la


derivazione di cui asserisce l’esistenza. Per esempio, (2) è dimostrabile,
perché in Se esiste effettivamente una dimostrazione di p ⊃ p (vedi esercizio
7.7.1 (a)).
In secondo luogo, dato un sequente s, una sostituzione di s è un sequente
ottenuto rimpiazzando uniformemente una o più lettere enunciative in s con
formule. Qui la parola ‘uniformemente’ indica che, nella sostituzione, alla
stessa lettera enunciativa corrisponde sempre la stessa formula. Per esempio,
si consideri il sequente:

(3) p ⊃ q, ∼ q `e ∼ p

La seguente è una sostituzione di (3):

(4) p ⊃ r, ∼ r `e ∼ p

Altre sostituzioni di (3) sono le seguenti:

(5) s ⊃ r, ∼ r `e ∼ s

(6) (p ∨ q) ⊃ r, ∼ r `e ∼ (p ∨ q)

(7) (p ∨ q) ⊃ (r ∧ s), ∼ (r ∧ s) `e ∼ (p ∨ q)

Le nozioni di sequente e di sostituzione sono importanti per una ragione


molto semplice: dati due sequenti s e s0 , se s è dimostrabile e s0 è una
sostituzione di s, anche s0 è dimostrabile. Per esempio, (3) è dimostrabile,
perché in Se si può derivare ∼ p da p ⊃ q e ∼ q come segue:

1 (1) p⊃q A
2 (2) ∼q A
3 (3) p A
1,3 (4) q E⊃ 1,3
1,2 (5) ∼p I∼ 3,4,2

Ma è facile vedere che con una derivazione analoga si può dimostrare (4):

1 (1) p⊃r A
2 (2) ∼r A
3 (3) p A
1,3 (4) r E⊃ 1,3
1,2 (5) ∼p I∼ 3,4,2

In questa seconda derivazione sono state applicate le stesse regole nello stesso
ordine. Dunque, si possono dimostrare in modo analogo anche (5)-(7). Più
in generale, ogni sequente che esemplifica questo schema è dimostrabile:

(8) α ⊃ β, ∼ β `e ∼ α
127

La dimostrazione di (8) è fornita dal seguente schema di derivazione:

1 (1) α⊃β A
2 (2) ∼β A
3 (3) α A
1,3 (4) β E⊃ 1,3
1,2 (5) ∼α I∼ 3,4,2

Il risultato generale espresso da (8) può essere usato per dimostrarne altri.
Siccome si può sempre derivare ∼ α da α ⊃ β e ∼ β, vale la seguente regola
di inferenza, che può essere chiamata modus tollens:

MT: da α ⊃ β e ∼ β si può derivare ∼ α.

Questa è una regola di inferenza derivata, ottenuta sulla base delle regole
presentate nel capitolo 7. Per vedere come può essere impiegata, si consideri
la seguente derivazione di ∼ q ⊃∼ p da p ⊃ q:
1 (1) p⊃q A
2 (2) ∼q A
3 (3) p A
1,3 (4) q E⊃ 1,3
1,2 (5) ∼p I∼ 3,4,2
1 (6) ∼ q ⊃∼ p I⊃ 2,5
Se si aggiunge MT all’insieme delle regole presentate nel capitolo 7, si può
costruire una derivazione più breve di ∼ q ⊃∼ p da p ⊃ q:
1 (1) p⊃q A
2 (2) ∼q A
1,2 (3) ∼p MT 1,2
1 (4) ∼ q ⊃∼ p I⊃ 2,3
Lo stesso discorso vale per i teoremi. Per esempio, dato che si può dimostrare
ogni sequente della forma `e α ⊃ α, si può arricchire l’apparato deduttivo
di Se assumendo che ogni formula della forma α ⊃ α sia un teorema.

Esercizio 8.1.1 Questo sequente è una sostituzione di (3)?

p ⊃ p, ∼ p `e ∼ p

Esercizio 8.1.2 Date le regole di Se , si può ottenere una regola derivata in


base alla quale da α ∨ β si può inferire ∼ (∼ α∧ ∼ β)?

8.2 Altri sistemi di deduzione naturale

Tra le alternative possibili a Se occorre considerare innanzitutto i sistemi


di deduzione naturale diversi da Se . Questi sistemi possono essere ripartiti
128

in almeno due classi. La prima include i sistemi di deduzione naturale che


differiscono da Se semplicemente perché sono formulati in un linguaggio che,
pur essendo diverso da Le , ha la stessa capacità espressiva di Le . Come si
evince dalla sezione 5.3, esistono altri linguaggi enunciativi espressivamente
completi oltre a Le . Infatti, non c’è un solo insieme adeguato di connettivi:
insiemi diversi di connettivi possono essere ugualmente adeguati. Da un lato,
basta pensare che qualsiasi insieme di connettivi che includa {∼, ⊃, ∧, ∨}
come sottoinsieme è adeguato (vedi esercizio 5.3.1). Dall’altro - e questo
è ancora più interessante - un insieme più piccolo di connettivi può essere
ugualmente adeguato. In particolare, si consideri l’insieme {∼, ⊃}. Dato
che α ∧ β equivale a ∼ (α ⊃∼ β) e α ∨ β equivale a ∼ α ⊃ β, si può mostrare
che, per ogni funzione di verità, esiste qualche formula che contiene solo ∼
o ⊃ ed è equivalente a una disgiunzione di congiunzioni del tipo illustrato
nella sezione 5.3. Pertanto, un linguaggio L0e ottenuto da Le eliminando ∧
e ∨ è in grado di esprimere tutto ciò che si può esprimere in Le , sebbene
in modo più lungo e complicato. Analogamente, si può definire un sistema
di deduzione naturale S0e in L0e che differisce da Se in quanto non include le
regole I∧, E∧, I∨ e E∨.
La seconda classe di alternative è quella dei sistemi di deduzione naturale
che differiscono da Se in quanto includono regole di inferenza diverse: le otto
regole trattate nel capitolo 7 potrebbero essere sostituite con altre regole. A
questo proposito risulta pertinente la distinzione tra regole primitive e regole
derivate. Infatti, se le assunzioni di fondo sul significato dei connettivi sono
le stesse, la differenza riguarda essenzialmente le regole primitive. In altri
termini, un sistema di deduzione naturale può includere regole primitive che,
pur essendo diverse da quelle di Se , sono derivabili in Se . Si consideri per
esempio un sistema di deduzione naturale S00e in Le che differisce da Se in
quanto include tra le regole primitive la regola MT considerata nella sezione
8.1. In S00e si possono derivare gli stessi risultati che si possono derivare in
Se , nel senso che per ogni derivazione in S00e in cui è impiegata MT esiste una
derivazione in Se in cui non è impiegata MT. Un esempio è appunto quello
delle due derivazioni considerate nella sezione 8.1. Una regola derivata non
cambia in modo sostanziale l’apparato deduttivo di un sistema: tutto ciò che
si può derivare nel sistema mediante la regola si può derivare anche senza1 .
Come è facile intuire, S0e e S00e differiscono da Se per aspetti relativamente
marginali, nel senso il tipo di apparato deduttivo è sostanzialmente lo stesso.
In particolare, la stessa definizione di derivazione che si adotta in Se si adotta
anche in S0e e in S00e . Dunque, la derivabilità in S0e e in S00e , che si può indicare
rispettivamente con `e0 e `e00 , è del tutto analoga alla derivabilità in Se .

Esercizio 8.2.1 Fornire una definizione induttiva di ‘formula di L0e ’.

1
Lemmon [33] adotta un sistema di deduzione naturale che include MT tra le regole
primitive.
129

8.3 Il sistema Se∗

Le alternative a Se fin qui considerate sono sistemi di deduzione natura-


le. Tuttavia, esistono anche sistemi assiomatici di logica enunciativa. Per
illustrare questa opzione, sarà definito un sistema assiomatico in L0e , chia-
mato Se∗ . Innanzitutto, sono assiomi di Se∗ tutte le formule di L0e che
esemplificano i seguenti schemi:

A1 α ⊃ (β ⊃ α)

A2 (α ⊃ (β ⊃ γ)) ⊃ ((α ⊃ β) ⊃ (α ⊃ γ))

A3 (∼ α ⊃∼ β) ⊃ (β ⊃ α)

A1-A3 sono schemi tautologici, in quanto ciascuna formula di L0e che li


esemplifica è una tautologia. In secondo luogo, l’unica regola di inferenza di
Se∗ è il modus ponens:

MP: da α ⊃ β e α si può inferire β.

Questa regola corrisponde in S0e alla regola E⊃.


Una volta specificati gli assiomi e la regola di inferenza di Se∗ , si può
definire una derivazione in Se∗ come segue:

Definizione 8.3.1 Una derivazione di una formula α da un insieme di for-


mule Γ è una sequenza finita di formule che termina con α ciascuna delle
quali esemplifica A1-A3 o è ricavata per mezzo di MP da formule che la
precedono o appartiene a Γ.

Per esempio, la seguente è una derivazione molto semplice:

(1) p⊃q A
(2) p A
(3) q MP 1,2

Si noti che in questa derivazione, a differenza che in quella analoga esposta


nella sezione 8.1, non ci sono annotazioni a sinistra. Infatti, in Se∗ non è
prevista la possibilità di fare assunzioni per poi scaricarle: ogni assunzione
che si fa nel corso di una derivazione conta fino alla fine.
Una dimostrazione risulta essere una derivazione in cui Γ = ∅. Ecco un
esempio:

(1) p ⊃ ((p ⊃ p) ⊃ p) A1
(2) (p ⊃ ((p ⊃ p) ⊃ p)) ⊃ ((p ⊃ (p ⊃ p)) ⊃ (p ⊃ p)) A2
(3) (p ⊃ (p ⊃ p)) ⊃ (p ⊃ p) MP 1,2
(4) p ⊃ (p ⊃ p) A1
(5) p⊃p MP 3,4
130

Sulla base della definizione di derivazione in Se∗ , si può definire una


relazione sintattica di derivabilità in Se∗ del tutto analoga a quella che vale
per S0e : α è derivabile da Γ in Se∗ - in simboli Γ `e∗ α - se e solo se esiste
una derivazione in Se∗ di α da Γ.
Anche nel caso di Se∗ , ovviamente, è possibile fare generalizzazioni a
partire da singole derivazioni. Per esempio, una volta assodato che la prima
derivazione riportata sopra vale per qualsiasi sostituzione di p e q, si può
dimostrare il seguente teorema:

Teorema 8.3.1 α ⊃ β, α `e∗ β

Dimostrazione
(1) α⊃β A
(2) α A
(3) β MP 1,2
Il teorema 8.3.1 è uno schema di sequente, dunque si dimostra mediante uno
schema di derivazione. Lo stesso vale per il seguente teorema, come risulta
dalla dimostrazione di p ⊃ p fornita sopra:

Teorema 8.3.2 `e∗ α ⊃ α

Dimostrazione
(1) α ⊃ ((α ⊃ α) ⊃ α) A1
(2) (α ⊃ ((α ⊃ α) ⊃ α)) ⊃ ((α ⊃ (α ⊃ α)) ⊃ (α ⊃ α)) A2
(3) (α ⊃ (α ⊃ α)) ⊃ (α ⊃ α) MP 1,2
(4) α ⊃ (α ⊃ α) A1
(5) α⊃α MP 3,4

Una differenza significativa tra S0e e Se∗ è che in Se∗ è più difficile trovare
una dimostrazione per un sequente dato. Si consideri per esempio la formula
p ⊃ p. Per dimostrare questa formula in S0e bastano due righe (vedi esercizio
7.7.1). Invece, una dimostrazione di p ⊃ p in Se∗ richiede un percorso
diverso, come si è visto. La differenza sta non tanto nel numero di righe,
quanto nel cammino più tortuoso che si deve seguire per raggiungere la
soluzione: di sicuro una dimostrazione come quella di p ⊃ p esposta sopra
non è la prima cosa che viene in mente. Tuttavia, questa differenza non
deve essere confusa con una differenza di capacità deduttiva. Lo scopo delle
ultime tre sezioni è appunto quello di mostrare che in Se∗ si possono ottenere
gli stessi risultati che si ottengono in S0e .

Esercizio 8.3.1 Dimostrare i seguenti teoremi:

Teorema 8.3.3 α `e∗ α

Teorema 8.3.4 Se Γ `e∗ α, allora Γ ∪ ∆ `e∗ α.


131

Teorema 8.3.5 Se α, β `e∗ γ e α, γ `e∗ δ, allora α, β `e∗ δ.

Teorema 8.3.6 Se Γ `e∗ α e Γ `e∗ α ⊃ β, allora Γ `e∗ β.

Esercizio 8.3.2 Dimostrare che ogni formula di L0e che esemplifica A1-A3
è teorema di S0e .

8.4 Teorema di deduzione

Ora si dimostrerà un teorema fondamentale su Se∗ , il teorema di deduzione,


impiegando un metodo dimostrativo che risulta comprensibile alla luce della
nozione di definizione induttiva illustrata nella sezione 6.1. Il principio sul
quale si fonda il metodo può essere enunciato come segue: dato un insie-
me A definito per induzione, se una condizione C vale per un insieme di
oggetti che include gli elementi iniziali di A ed è chiuso rispetto alle ope-
razioni mediante le quali A è costruito, allora C vale per tutti gli elementi
di A. In base a questo principio, per giustificare la conclusione che C vale
per tutti gli elementi di A occorre un ragionamento che si articola in due
parti. Innanzitutto, nella base dell’induzione, si dimostra che C vale per gli
elementi iniziali di A. Successivamente, nel passo induttivo, si dimostra che
le operazioni mediante le quali A è costruito a partire dagli elementi iniziali
preservano C. A tal fine è sufficiente assumere come ipotesi di induzione che
C valga per certi oggetti e ricavarne la conseguenza che C vale anche per
altri oggetti ottenuti da quelli applicando le operazioni.
Per mettere a fuoco il meccanismo della dimostrazione per induzione è
utile considerare il caso di ω, l’insieme dei numeri naturali. Data la defini-
zione di ω esposta nella sezione 6.1, per dimostrare che una condizione C
vale per tutti gli elementi di ω è sufficiente dimostrare prima che C vale per
0, e poi che la funzione di successione preserva C. In questo caso il passo
induttivo può essere formulato in due modi. Uno è il seguente: se C vale
per n, allora vale per n + 1. L’altro è il seguente: se C vale per ogni numero
minore o uguale a n, allora vale per n + 1. Nel secondo caso l’ipotesi di in-
duzione è più forte, in quanto si assume non solo che C valga per un numero
qualsiasi n, ma pure che C valga per tutti i numeri che precedono n. Per
questo si parla di induzione debole nel primo caso e di induzione forte nel
secondo.
Come esempio di induzione debole, supponiamo di voler dimostrare che
per ogni n > 0,
n(n + 1)
1 + ··· + n =
2
Il lato sinistro dell’uguaglianza consiste nell’addizione di tutti i numeri com-
presi tra 1 e n. La dimostrazione può essere formulata come segue. Innanzi-
tutto, assumiamo che n = 1. In questo caso l’uguaglianza vale sicuramente,
poiché si riduce a 1 = 1. Ora assumiamo che l’uguaglianza valga per n. Si
132

consideri il lato sinistro dell’uguaglianza per n + 1, cioè 1 + · · · + n + (n + 1).


Raggruppando i primi n addendi si ottiene

1 + · · · + n + (n + 1) = (1 + · · · + n) + (n + 1)

Per ipotesi di induzione, la prima espressione tra parentesi del lato destro
può essere sostituita come segue:

n(n + 1)
1 + · · · + n + (n + 1) = + (n + 1)
2
A partire da questo si possono svolgere i seguenti passaggi:

n(n + 1) 2(n + 1)
1 + · · · + n + (n + 1) = +
2 2

n2 + 3n + 2
1 + · · · + n + (n + 1) =
2
(n + 1)(n + 2)
1 + · · · + n + (n + 1) =
2
Questo significa che l’uguaglianza vale per n + 1.
Come esempio di induzione forte, si consideri il fatto, richiamato nella
dimostrazione di Euclide esposta nella sezione 2.5, che ogni n > 1 è un
prodotto di numeri primi. Questo fatto può essere dimostrato come segue.
Assumiamo che n = 2. In questo caso è evidente che n è un prodotto di
numeri primi: 2 è un numero primo e ogni numero è multiplo di se stesso.
Ora assumiamo che n > 1 e che ogni numero minore o uguale a n sia un
prodotto di numeri primi. Consideriamo n + 1. Se n + 1 è un numero
primo, allora ovviamente è un prodotto di numeri primi. Se non lo è, allora
ammette come divisore qualche numero diverso da se stesso e da 1, dunque
è il prodotto di due numeri i e k maggiori di 1. Siccome i e k sono minori
di n + 1, per ipotesi di induzione sono entrambi prodotti di numeri primi.
Questo significa che n + 1 è un prodotto di prodotti di numeri primi, quindi
un prodotto di numeri primi.
Si noti che nella seconda dimostrazione l’induzione forte è necessaria.
Infatti, se si assumesse come ipotesi di induzione solo che n sia un prodotto
di numeri primi, l’ipotesi non potrebbe essere applicata a i e k. Si noti inol-
tre che nella seconda dimostrazione, a differenza che nella prima, il numero
considerato nella base è 2. Il motivo è che l’insieme sul quale verte la secon-
da dimostrazione non è ω ma un sottoinsieme proprio di ω, cioè l’insieme
dei numeri naturali maggiori di 1. In generale, in una dimostrazione per
induzione - debole o forte che sia - il numero considerato nella base varia in
funzione di ciò che si vuole dimostrare.
Una volta chiarito che cos’è una dimostrazione per induzione, si può
enunciare il teorema di deduzione e svolgere la sua dimostrazione.
133

Teorema 8.4.1 Se Γ ∪ {α} `e∗ β allora Γ `e∗ α ⊃ β.

Dimostrazione. Questo teorema si dimostra per induzione sulla lunghezza


della derivazione di β da Γ ∪ {α}, cioè sul numero n di formule che include.
Nella base si considera il caso in cui n = 1, mentre nel passo si assume
come ipotesi di induzione che il condizionale da dimostrare valga per tutte
le derivazioni di lunghezza minore o uguale a n e che esista una derivazione
di β da Γ ∪ {α} di lunghezza n + 1.
Base. Assumiamo che esista una derivazione di β da Γ∪{α} di lunghezza
1. I casi possibili sono tre.
Caso 1: β è un assioma. In questo caso esiste una derivazione di α ⊃ β
da Γ:
(1) β An
(2) β ⊃ (α ⊃ β) A1
(3) α⊃β MP 1,2

Qui la n accanto ad A nella prima riga indica un qualsiasi numero da 1 a 3,


dato che si assume che (1) esemplifichi un assioma di Se∗ .
Caso 2: β ∈ Γ. In questo caso esiste una derivazione di α ⊃ β da Γ, cioè
la stessa considerata nel caso 1.
Caso 3: β = α. In questo caso α ⊃ β = α ⊃ α. Dato che per il teorema
8.3.2 `e∗ α ⊃ α, per il teorema 8.3.4 si ottiene che Γ `e∗ α ⊃ α. Questo
significa che esiste una derivazione di α ⊃ β da Γ.
Passo. Assumiamo che il condizionale da dimostrare valga per tutte le
derivazioni di lunghezza minore o uguale a n e che esista una derivazione
di β da Γ ∪ {α} di lunghezza n + 1. I casi possibili sono quattro. I primi
tre sono quelli trattati nella base, il quarto è il caso in cui β è conseguenza
diretta di due formule γ e γ ⊃ β. Si consideri dunque il quarto caso. Dato
che γ e γ ⊃ β precedono β, esiste una derivazione di γ da Γ ∪ {α} che ha al
massimo lunghezza n, e lo stesso vale per γ ⊃ β. Per ipotesi di induzione,
quindi, Γ `e∗ α ⊃ γ e Γ `e∗ α ⊃ (γ ⊃ β). Inoltre, da A2 e dal teorema
8.3.4 si ottiene che Γ `e∗ (α ⊃ (γ ⊃ β)) ⊃ ((α ⊃ γ) ⊃ (α ⊃ β)). Quindi,
applicando due volte il teorema 8.3.6, si ottiene che Γ `e∗ α ⊃ β.

Un’osservazione conclusiva. Il teorema di deduzione vale non solo per Se∗ ,


ma per qualsiasi sistema assiomatico che includa A1-A3 e MP. Infatti, qual-
siasi sistema del genere ha le caratteristiche richieste dalla dimostrazione
considerata. La prima dimostrazione del teorema di deduzione per un siste-
ma assiomatico si deve a Jacques Herbrand2 .

Esercizio 8.4.1 Dimostrare il seguente teorema usando il teorema 8.4.1:


2
Herbrand [25].
134

Teorema 8.4.2 α ⊃ β, β ⊃ γ `e∗ α ⊃ γ


Esercizio 8.4.2 Dimostrare il seguente teorema usando A1, A3 e il teorema
8.4.2:
Teorema 8.4.3 `e∗ ∼ α ⊃ (α ⊃ β)
Esercizio 8.4.3 Il teorema di deduzione vale anche per S0e ?

8.5 Alcune proprietà sintattiche di Se∗

Il teorema di deduzione permette di ottenere alcuni risultati sintattici che


mostrano come Se∗ sia in grado di esprimere gli stessi principi logici che si
ritrovano in un sistema di deduzione naturale. Innanzitutto, sulla base del
teorema 8.4.3 si può dimostrare il seguente teorema, che esprime il principio
dello Pseudo Scoto (vedi sezione 3.5):
Teorema 8.5.1 α, ∼ α `e∗ β
Dimostrazione
(1) α `e∗ α T 8.3.3
(2) ∼ α `e∗ ∼ α T 8.3.3
(3) α, ∼ α `e∗ α T 8.3.4 1
(4) α, ∼ α `e∗ ∼ α T 8.3.4 2
(5) `e∗ ∼ α ⊃ (α ⊃ β) T 8.4.3
(6) α, ∼ α `e∗ ∼ α ⊃ (α ⊃ β) T 8.3.4 5
(7) α, ∼ α `e∗ α ⊃ β T 8.3.6 4,6
(8) α, ∼ α `e∗ β T 8.3.6 3,7


Qui la lettera T che compare a destra in ogni riga abbrevia ‘teorema’. Più in
generale, d’ora in poi si userà la notazione T n.m.o per indicare il teorema
n.m.o.
In secondo luogo, sulla base dei teoremi 8.4.2 e 8.4.3 si possono dimo-
strare i seguenti due teoremi, che rispecchiano a livello sintattico il principio
della doppia negazione formulato nella sezione 3.4:
Teorema 8.5.2 `e∗ ∼∼ α ⊃ α
Dimostrazione
(1) `e∗ ∼∼ α ⊃ (∼ α ⊃∼∼∼ α) T 8.4.3
(2) `e∗ (∼ α ⊃∼∼∼ α) ⊃ (∼∼ α ⊃ α) A3
(3) `e∗ ∼∼ α ⊃ (∼∼ α ⊃ α) T 8.4.2 1,2
(4) `e∗ (∼∼ α ⊃ (∼∼ α ⊃ α)) ⊃ ((∼∼ α ⊃∼∼ α) ⊃ (∼∼ α ⊃ α)) A2
(5) `e∗ (∼∼ α ⊃∼∼ α) ⊃ (∼∼ α ⊃ α) T 8.3.6 3,4
(6) `e∗ ∼∼ α ⊃∼∼ α T 8.3.2
(7) `e∗ ∼∼ α ⊃ α T 8.3.6 5,6
135

Teorema 8.5.3 `e∗ α ⊃∼∼ α

Dimostrazione
(1) `e∗ ∼∼∼ α ⊃∼ α T 8.5.2
(2) `e∗ (∼∼∼ α ⊃∼ α) ⊃ (α ⊃∼∼ α) A3
(3) `e∗ α ⊃∼∼ α T 8.3.6 1,2

Sulla base dei teoremi 8.5.2 e 8.5.3 si dimostra invece il seguente teorema,
che può essere considerato una variante del teorema 8.3.1, dato che ∼∼ α
equivale a α e ∼∼ β equivale a β:
Teorema 8.5.4 ∼∼ α, α ⊃ β `e∗ ∼∼ β
Dimostrazione
(1) ∼∼ α A
(2) α⊃β A
(3) `e∗ ∼∼ α ⊃ α T 8.5.2
(4) α MP 1,3
(5) β MP 2,4
(6) `e∗ β ⊃∼∼ β T 8.5.3
(7) ∼∼ β MP 5,6

Usando il teorema 8.5.4 si può dimostrare il seguente teorema:


Teorema 8.5.5 `e∗ (α ⊃ β) ⊃ (∼∼ α ⊃∼∼ β)
Dimostrazione. Dal teorema 8.5.4, applicando due volte 8.4.1.

Si noti che il teorema 8.5.5, come il teorema 8.5.4, presuppone l’equivalenza
di una formula con la sua doppia negazione. Per rendersene conto basta
riflettere sul fatto che, per il teorema 8.3.2, `e∗ (α ⊃ β) ⊃ (α ⊃ β), e che
sostituendo α con ∼∼ α e β con ∼∼ β si ottiene il teorema 8.5.5.
Dal teorema 8.5.5 si ottiene il seguente teorema:
Teorema 8.5.6 `e∗ (α ⊃ β) ⊃ (∼ β ⊃∼ α)
Dimostrazione
(1) `e∗ (α ⊃ β) ⊃ (∼∼ α ⊃∼∼ β) T 8.5.5
(2) `e∗ (∼∼ α ⊃∼∼ β) ⊃ (∼ β ⊃∼ α) A3
(3) `e∗ (α ⊃ β) ⊃ (∼ β ⊃∼ α) T 8.4.2
136

Il teorema 8.5.6 esprime il principio di contrapposizione presentato nella


sezione 3.5. In quella sezione il principio è formulato in termini di implica-
zione: se α implica β, allora ∼ β implica ∼ α. Ma in alternativa può essere
formulato usando il simbolo ⊃: se α ⊃ β è vero, allora ∼ β ⊃∼ α è vero.
Infatti, se α implica β, allora α ⊃ β è vero, e se ∼ β implica ∼ α, allora
∼ β ⊃∼ α è vero. Il condizionale enunciato dal teorema 8.5.6 può essere
considerato una variante di A3. Infatti, (α ⊃ β) ⊃ (∼ β ⊃∼ α) si ottiene
da (∼∼ α ⊃∼∼ β) ⊃ (∼ β ⊃∼ α), che risulta da A3, sostituendo ∼∼ α con
α e ∼∼ β con β. Lo stesso vale per il seguente teorema:

Teorema 8.5.7 `e∗ (α ⊃∼ β) ⊃ (β ⊃∼ α)

Dimostrazione
(1) ∼∼ α ⊃ α, α ⊃∼ β `e∗ ∼∼ α ⊃∼ β T 8.4.2
(2) `e∗ (∼∼ α ⊃∼ β) ⊃ (β ⊃∼ α) A3
(3) ∼∼ α ⊃ α, α ⊃∼ β `e∗ (∼∼ α ⊃∼ β) ⊃ (β ⊃∼ α) T 8.3.4 2
(4) ∼∼ α ⊃ α, α ⊃∼ β `e∗ β ⊃∼ α T 8.3.6 1,3
(5) ∼∼ α ⊃ α `e∗ (α ⊃∼ β) ⊃ (β ⊃∼ α) T 8.4.1 4
(6) `e∗ (∼∼ α ⊃ α) ⊃ ((α ⊃∼ β) ⊃ (β ⊃∼ α)) T 8.4.1 5
(7) `e∗ ∼∼ α ⊃ α T 8.5.2
(8) `e∗ (α ⊃∼ β) ⊃ (β ⊃∼ α) T 8.3.6 6,7

Per vedere che il teorema 8.5.7, come il teorema 8.5.6, è una variante di A3 si
osservi che (α ⊃∼ β) ⊃ (β ⊃∼ α) si ottiene da (∼∼ α ⊃∼ β) ⊃ (β ⊃∼ α),
che risulta da A3, sostituendo ∼∼ α con α.
Per concludere, si dimostrerà, mediante quattro teoremi ulteriori, che
Se∗ si conforma al principio della riduzione all’assurdo (vedi sezione 3.5).
Ecco i quattro teoremi:

Teorema 8.5.8 `e∗ α ⊃ (∼ β ⊃∼ (α ⊃ β))

Dimostrazione
(1) α, α ⊃ β `e∗ β T 8.3.1
(2) α `e∗ (α ⊃ β) ⊃ β T 8.4.1 1
(3) `e∗ α ⊃ ((α ⊃ β) ⊃ β) T 8.4.1 2
(4) `e∗ ((α ⊃ β) ⊃ β) ⊃ (∼ β ⊃∼ (α ⊃ β)) T 8.5.6
(5) `e∗ α ⊃ (∼ β ⊃∼ (α ⊃ β)) T 8.4.2 3,4

Teorema 8.5.9 `e∗ (∼ α ⊃ α) ⊃ (β ⊃ α)


137

Dimostrazione

(1) `e∗ ∼ α ⊃ (α ⊃∼ β) T 8.4.3


(2) `e∗ (∼ α ⊃ (α ⊃∼ β)) ⊃ ((∼ α ⊃ α) ⊃ (∼ α ⊃∼ β)) A2
(3) `e∗ (∼ α ⊃ α) ⊃ (∼ α ⊃∼ β) T 8.3.6 1,2
(4) `e∗ (∼ α ⊃∼ β) ⊃ (β ⊃ α) A3
(5) `e∗ (∼ α ⊃ α) ⊃ (β ⊃ α) T 8.4.2 3,4

Teorema 8.5.10 `e∗ (∼ α ⊃ α) ⊃ α

Dimostrazione

(1) `e∗ (∼ α ⊃ α) ⊃ ((∼ α ⊃ α) ⊃ α) T8


(2) `e∗ ((∼ α ⊃ α) ⊃ ((∼ α ⊃ α) ⊃ α)) ⊃ (((∼ α ⊃ α) ⊃ (∼ α ⊃ α)) ⊃ ((∼ α ⊃ α) ⊃ α)) A2
(3) `e∗ ((∼ α ⊃ α) ⊃ (∼ α ⊃ α)) ⊃ ((∼ α ⊃ α) ⊃ α) T8
(4) `e∗ (∼ α ⊃ α) ⊃ (∼ α ⊃ α) T8
(5) `e∗ (∼ α ⊃ α) ⊃ α T8

Teorema 8.5.11 `e∗ (α ⊃∼ α) ⊃∼ α

Dimostrazione

(1) (α ⊃∼ α) ⊃ (∼∼ α ⊃∼ α), (∼∼ α ⊃∼ α) ⊃∼ α `e∗ (α ⊃∼ α) ⊃∼ α T 8.4.2


(2) (α ⊃∼ α) ⊃ (∼∼ α ⊃∼ α) `e∗ ((∼∼ α ⊃∼ α) ⊃∼ α) ⊃ ((α ⊃∼ α) ⊃∼ α) T 8.4.1 1
(3) `e∗ ((α ⊃∼ α) ⊃ (∼∼ α ⊃∼ α)) ⊃ (((∼∼ α ⊃∼ α) ⊃∼ α) ⊃ ((α ⊃∼ α) ⊃∼ α)) T 8.4.1 2
(4) `e∗ (α ⊃∼ α) ⊃ (∼∼ α ⊃∼ α) T 8.5.6
(5) `e∗ ((∼∼ α ⊃∼ α) ⊃∼ α) ⊃ ((α ⊃∼ α) ⊃∼ α) T 8.3.6 3
(6) `e∗ (∼∼ α ⊃∼ α) ⊃∼ α T 8.5.10
(7) `e∗ (α ⊃∼ α) ⊃∼ α T 8.3.6 5

Il fatto che il principio della riduzione all’assurdo vale in Se∗ può ora essere
dimostrato come segue:

Teorema 8.5.12 `e∗ (α ⊃ β) ⊃ ((α ⊃∼ β) ⊃∼ α)

Dimostrazione
138

(1) α ⊃∼ β `e∗ α ⊃∼ β T 8.3.3


(2) α ⊃ β, α ⊃∼ β `e∗ α ⊃∼ β T 8.3.4 1
(3) `e∗ (α ⊃∼ β) ⊃ (β ⊃∼ α) T 8.5.7
(4) α ⊃ β, α ⊃∼ β `e∗ (α ⊃∼ β) ⊃ (β ⊃∼ α) T 8.3.4 3
(5) α ⊃ β, α ⊃∼ β `e∗ β ⊃∼ α T 8.3.6 2,4
(6) α ⊃ β, β ⊃∼ α `e∗ α ⊃∼ α T 8.4.2
(7) `e∗ (α ⊃∼ α) ⊃∼ α T 8.5.11
(8) α ⊃ β, β ⊃∼ α `e∗ (α ⊃∼ α) ⊃∼ α T 8.3.4 7
(9) α ⊃ β, β ⊃∼ α `e∗ ∼ α T 8.3.6 6,8
(10) α ⊃ β, α ⊃∼ β `e∗ ∼ α T 8.3.5 5,9
(11) α ⊃ β `e∗ (α ⊃∼ β) ⊃∼ α T 8.4.1 10
(12) `e∗ (α ⊃ β) ⊃ ((α ⊃∼ β) ⊃∼ α) T 8.4.1 11


Il teorema 8.5.12 esprime il primo dei due tipi di ragionamento considerati


nella sezione 2.5: se α implica β e ∼ β, allora si ottiene ∼ α. Per esprimere
il secondo, invece, occorre il seguente teorema:
Teorema 8.5.13 `e∗ (∼ α ⊃ β) ⊃ ((∼ α ⊃∼ β) ⊃ α)
Se ∼ α implica β e ∼ β, allora si ottiene α. Nella sezione 3.5 si è visto
che i due tipi di ragionamento risultano equivalenti se si assume che ∼∼ α
equivalga a α. Dato che Se∗ garantisce questa assunzione, come si è visto,
anche il teorema 8.5.13 è dimostrabile.

Esercizio 8.5.1 Dimostrare il teorema 8.5.13 tenendo presente la dimostra-


zione del teorema 8.5.12.

8.6 Equivalenza deduttiva tra S0e e Se∗

In quest’ultima sezione - dulcis in fundo - si dimostrerà che S0e e Se∗ sono


deduttivamente equivalenti, cioè che permettono di derivare esattamente gli
stessi risultati. In altri termini, dati un insieme qualsiasi Γ di formule di
L0e e una formula qualsiasi α di L0e , α è derivabile da Γ in S0e se e solo se è
derivabile da Γ in Se∗ .
Teorema 8.6.1 Se Γ `e0 α, allora Γ `e∗ α.
Dimostrazione. Questo teorema si dimostra per induzione sulla lunghezza
della derivazione in S0e di α da Γ.
Base. Assumiamo che in S0e esista una derivazione di α da Γ di lunghezza
1, cioè una sequenza che contiene α come unica formula. In questo caso
α ∈ Γ. Ma allora la stessa sequenza è una derivazione da α da Γ in Se∗ .
Passo. Assumiamo che il condizionale da dimostrare valga per tutte le
derivazioni di lunghezza minore o uguale a n e che in S0e esista una deri-
vazione di α da Γ di lunghezza n + 1. In questa derivazione, α può essere
139

o un’assunzione o una formula inferita da altre formule, dunque occorre


considerare due casi.
Caso 1 : α è un’assunzione. In questo caso α ∈ Γ, dunque Γ `e∗ α.
Caso 2 : α è inferita da altre formule. In questo caso le possibilità sono
quattro, dato che S0e include quattro regole di inferenza.
(a) α è ottenuta mediante I∼. In questo caso α ha la forma ∼ β e β
figura nella derivazione come assunzione, seguita da due formule γ e ∼ γ.
Pertanto, in S0e esiste sia una derivazione di γ da Γ ∪ {β} sia una derivazione
di ∼ γ da Γ ∪ {β}, entrambe di lunghezza minore o uguale a n. Per ipotesi
di induzione, si ottiene che Γ ∪ {β} `e∗ γ e Γ ∪ {β} `e∗ ∼ γ. Per il teorema
12.3.1, ne consegue che Γ `e∗ β ⊃ γ e Γ `e∗ β ⊃∼ γ. Siccome i teoremi
8.5.12 e 8.3.4 implicano che Γ `e∗ (β ⊃ γ) ⊃ ((β ⊃∼ γ) ⊃∼ β), applicando
due volte il teorema 8.3.6 si ottiene che Γ `e∗ ∼ β. Dunque Γ `e∗ α.
(b) α è ottenuta mediante E∼. In questo caso ∼∼ α precede α nella
derivazione. Dunque in S0e esiste una derivazione di ∼∼ α da Γ di lunghezza
minore o uguale a n. Per ipotesi di induzione, si ottiene che Γ `e∗ ∼∼ α.
Siccome i teoremi 8.5.2 e 8.3.4 implicano che Γ `e∗ ∼∼ α ⊃ α, applicando il
teorema 8.3.6 si ottiene che Γ `e∗ α.
(c) α è ottenuta mediante I⊃. In questo caso α ha la forma β ⊃ γ e
β figura nella derivazione come assunzione, seguita da γ. Pertanto, in S0e
esiste una derivazione di γ da Γ ∪ {β} di lunghezza minore o uguale a n. Per
ipotesi di induzione, si ottiene che Γ ∪ {β} `e∗ γ. Per il teorema 12.3.1, ne
consegue che Γ `e∗ β ⊃ γ. Dunque Γ `e∗ α.
(d) α è ottenuta mediante E⊃. In questo caso β ⊃ α e β precedono α
nella derivazione. Dunque in S0e esiste sia una derivazione di β ⊃ α da Γ
sia una derivazione di β da Γ, entrambe di lunghezza minore o uguale a n.
Per ipotesi di induzione, si ottiene che Γ `e∗ β ⊃ α e Γ `e∗ β. Siccome Se∗
include MP come regola di inferenza, ne risulta che Γ `e∗ α.

Teorema 8.6.2 Se Γ `e∗ α, allora Γ `e0 α.

Dimostrazione. Questo teorema si dimostra per induzione sulla lunghezza


della derivazione in Se∗ di α da Γ.
Base. Assumiamo che in Se∗ esista una derivazione di α da Γ di lunghezza
1, cioè una sequenza che contiene α come unica formula. In questo caso
α ∈ Γ. Ma allora la stessa sequenza è una derivazione da α da Γ in S0e .
Passo. Assumiamo che il condizionale da dimostrare valga per tutte
le derivazioni di lunghezza minore o uguale a n e che in Se∗ esista una
derivazione di α da Γ di lunghezza n + 1. In questa derivazione, α può
essere o un’assunzione, o una formula inferita da altre formule, o un assioma,
dunque occorre considerare tre casi.
Caso 1 : α è un’assunzione. In questo caso α ∈ Γ, dunque Γ `e0 α.
140

Caso 2 : α è una formula inferita da altre formule. In questo caso α è


ottenuta mediante MP, dunque β ⊃ α e β precedono α nella derivazione.
Dunque in Se∗ esiste sia una derivazione di β ⊃ α da Γ sia una derivazione di
β da Γ, entrambe di lunghezza minore o uguale a n. Per ipotesi di induzione,
si ottiene che Γ `e0 β ⊃ α e Γ `e0 β. Siccome S0e include E⊃ come regola di
inferenza, ne risulta che Γ `e0 α.
Caso 3 : α è un assioma. In questo caso `e0 α (vedi esercizio 8.3.2). Dato
che il teorema 7.7.7 vale anche per S000
e , si ottiene che Γ `e0 α.

Dai teoremi 8.6.1 e 8.6.2 risulta che S0e e Se∗ sono deduttivamente equi-
valenti, ed è facile intuire che teoremi analoghi possono essere dimostrati
per altre coppie di sistemi. I risultati di questo tipo mostrano che alcuni
degli aspetti in cui due sistemi possono differire sono del tutto irrilevanti
rispetto alla loro capacità deduttiva. In particolare, la scelta tra un sistema
di deduzione naturale e un sistema assiomatico non comporta conseguenze
sostanziali dal punto di vista deduttivo. Per questo il più delle volte si usa
il termine ‘logica enunciativa’ in modo generico, senza fare riferimento a un
sistema specifico. Infatti, il termine cosı̀ inteso designa un’intera classe di
sistemi deduttivamente equivalenti.
In generale, ci sono contesti in cui risulta utile parlare di sistemi senza far
riferimento alle caratteristiche specifiche del loro apparato deduttivo, perché
si è interessati solo a ciò che permettono di dimostrare. Il termine ‘teoria’ è
ampiamente usato in contesti del genere. Questo termine può essere usato
almeno in due sensi. Nel primo senso, ‘teoria’ è sinonimo di ‘sistema’. Nel
secondo, ‘teoria’ designa un insieme di teoremi, dunque una formula si dice
dimostrabile semplicemente quando appartiene alla teoria. Per esempio, nel
primo senso S0e e Se∗ sono teorie diverse, mentre nel secondo sono sistemi che
forniscono modi diversi di caratterizzare una stessa teoria. Infatti, essendo
S0e e Se∗ deduttivamente equivalenti, hanno esattamente gli stessi teoremi.
Soluzioni

Esercizio 8.1.1

Si.

Esercizio 8.1.2

Si (vedi esercizio 7.6.2).

Esercizio 8.2.1

Una definizione induttiva di ‘formula di L0e ’ è costituita dalle clausole 1-3


della definizione 6.1.1.

Esercizio 8.3.1

Il teorema 8.3.3 vale perché, data una formula α, la sequenza che contiene
α come unico termine è una derivazione di α da α.

Il teorema 8.3.4 si dimostra come segue. Se una sequenza di formule è


una derivazione in Se∗ di α da Γ, quella stessa sequenza di formule
è anche una derivazione in Se∗ di α da un insieme qualsiasi di cui Γ
è sottoinsieme. Quindi è una derivazione in Se∗ di α da Γ ∪ ∆. Si
noti che questo contempla anche il caso in cui Γ = ∅, dunque se `e∗ α
allora ∆ `e∗ α.

Il teorema 8.3.5 si dimostra come segue. Sia d una derivazione in S0e di γ


da α e β e sia d0 una derivazione in S0e di δ da α e γ. Se si tolgono
a d0 le assunzioni α e γ e si aggiunge la parte rimanente di d0 a d, si
ottiene una derivazione che include α e β come assunzioni e termina
con δ.

Il teorema 8.3.6 si dimostra come segue. Se Γ `e∗ α e Γ `e∗ α ⊃ β, allora


si può costruire una derivazione da Γ che contiene α e α ⊃ β e che
termina con β. Infatti, β può essere ricavata dalle prime due formule
applicando MP. Si noti che questo contempla anche il caso in cui Γ = ∅.

Esercizio 8.3.2

141
142

1 (1) α A
2 (2) β A
A1
1 (3) β⊃α I⊃ 2,1
(4) α ⊃ (β ⊃ α) I⊃ 1,3

1 (1) α ⊃ (β ⊃ γ) A
2 (2) α⊃β A
3 (3) α A
1,3 (4) β⊃γ E⊃ 1,3
A2 2,3 (5) β E⊃ 2,3
1,2,3 (6) γ E⊃ 4,5
1,2 (7) α⊃γ I⊃ 3,6
1 (8) (α ⊃ β) ⊃ (α ⊃ γ) I⊃ 2,7
(9) (α ⊃ (β ⊃ γ)) ⊃ ((α ⊃ β) ⊃ (α ⊃ γ)) I⊃ 1,8

1 (1) ∼ α ⊃∼ β A
2 (2) β A
3 (3) ∼α A
1,3 (4) ∼β E⊃ 1,3
A3
1,2 (5) ∼∼ α I∼ 3,2,4
1,2 (6) α E∼ 5
1 (7) β⊃α I⊃ 2,6
(8) (∼ α ⊃∼ β) ⊃ (β ⊃ α) I⊃ 1,7
Esercizio 8.4.1

Assumendo α ⊃ β, β ⊃ β e α, mediante due applicazioni di MP si deriva


γ. Dunque, α ⊃ β, β ⊃ γ, α `e∗ γ. Da questo e dal teorema 8.4.1 si
ottiene il teorema 8.4.2.

Esercizio 8.4.2

Per A1, `e∗ ∼ α ⊃ (∼ β ⊃∼ α). Per A3, `e∗ (∼ β ⊃∼ α) ⊃ (α ⊃ β). Da


questi due fatti consegue che `e∗ ∼ α ⊃ (α ⊃ β) per il teorema 8.4.2.
Infatti, il teorema dice che, per qualsiasi α, β e γ, α ⊃ β, β ⊃ γ `e∗
α ⊃ γ, il che implica che se `e∗ α ⊃ β e `e∗ α ⊃ γ, allora `e∗ α ⊃ γ.
Per convincersi di questo basta pensare che, applicando due volte il
teorema 8.4.1 al teorema 8.4.2, si ottiene che `e∗ (α ⊃ β) ⊃ ((β ⊃
γ) ⊃ (α ⊃ γ)). Dunque, se `e∗ α ⊃ β e `e∗ β ⊃ γ, per il teorema 8.3.6
ne risulta che `e∗ α ⊃ γ.

Esercizio 8.4.3

Si. Per rendersene conto basta pensare che S0e include la regola I⊃. Data
qualsiasi derivazione in S0e di β da Γ∪{α}, per ottenere una derivazione
di α ⊃ β da Γ è sufficiente aggiungere α come assunzione (qualora non
sia già presente) e ricavare α ⊃ β applicando I⊃.
143

Esercizio 8.5.1

La prima parte è come la dimostrazione del teorema 8.5.12 fino a (10),


ma con ∼ α al posto di α. Quindi si ottiene che ∼ α ⊃ β, ∼ α ⊃∼
β `e∗ ∼∼ α. A questo si aggiunge che, per il teorema 8.5.2, `e∗ ∼∼
α ⊃ α. Quindi, per i teoremi 8.3.4 e 8.3.6 si ottiene che ∼ α ⊃ β, ∼
α ⊃∼ β `e∗ α. Applicando due volte il teorema 8.4.1 si ottiene che
`e∗ (∼ α ⊃ β) ⊃ ((∼ α ⊃∼ β) ⊃ α).
144
Capitolo 9

La quantificazione

9.1 Enunciati quantificati

Un linguaggio enunciativo permette di rappresentare a livello formale qual-


siasi argomento valido in cui la relazione di implicazione tra premesse e
conclusione sia garantita dalla loro struttura vero-funzionale. Tuttavia, gli
argomenti che esemplificano forme valide esprimibili in un linguaggio enun-
ciativo sono solo una parte degli argomenti validi che possono essere studiati
da un punto di vista formale. Esistono infatti argomenti validi in cui la rela-
zione di implicazione tra premesse e conclusione, pur dipendendo in qualche
senso dalla loro struttura, non dipende dalla loro struttura vero-funzionale.
I casi che saranno ora considerati sono appunto di questo tipo, in quanto
si tratta di casi in cui la validità di un argomento dipende dalla struttura
interna degli enunciati semplici che contiene, come nel seguente:
(1) Socrate è un filosofo
(2) Esiste almeno un filosofo
Questo argomento è valido, in quanto non è possibile che (1) sia vero e (2)
sia falso. Inoltre, è facile vedere che la sua validità dipende da caratteristiche
strutturali di (1) e (2). Infatti, si consideri il seguente argomento:
(3) Socrate è saggio
(4) Esiste almeno un saggio
Anche questo argomento è valido, in quanto non è possibile che (3) sia
vero e (4) sia falso, ed è evidente che i due argomenti hanno qualcosa in
comune. In entrambi i casi, la premessa asserisce che un certo oggetto ha
una certa proprietà, mentre la conclusione asserisce che qualcosa ha quella
proprietà. Quindi, è naturale pensare che si possa individuare una forma
valida esemplificata dai due argomenti considerati. Eppure, in un linguaggio
enunciativo non è possibile attribuire una forma valida ad argomenti come
questi. Siccome (1) e (2) sono enunciati semplici, dunque non sono composti
a partire da altri enunciati, dovranno essere formalizzati mediante lettere
enunciative diverse, per esempio p e q. Lo stesso vale per (3) e (4). Ma la

145
146

forma p; q non risulta valida nella logica enunciativa. Come è facile verificare,
q non è conseguenza logica di p, e non è derivabile da p.
Si noti che gli argomenti come quelli appena esposti, in cui la legittimità
dell’inferenza è garantita dalla struttura interna degli enunciati semplici che
contengono, non esauriscono la classe degli argomenti validi che eccedono le
risorse espressive della logica enunciativa. Un argomento può essere valido
in virtù di caratteristiche strutturali che non sono riducibili alla struttura
interna degli enunciati semplici che contiene. Questo accade quando la sua
validità dipende da operatori enunciativi non vero-funzionali. Si consideri il
seguente:

(5) Necessariamente, ogni cosa è identica a se stessa


(6) Ogni cosa è identica a se stessa

Questo argomento è valido per il semplice fatto che è impossibile che un


enunciato sia necessariamente vero senza essere vero, dunque la sua validità
non dipende dal contenuto specifico di (6). Ma come si è visto nella sezione
5.4, ‘necessariamente’ non è un operatore vero-funzionale. Pertanto, l’unico
modo di formalizzare l’argomento in un linguaggio enunciativo è quello di
attribuire due lettere enunciative diverse, p e q, a (5) e (6), ottenendo, di
nuovo, una forma che risulta invalida nella logica enunciativa. Ma qui non
ci occuperemo di operatori enunciativi non vero-funzionali, dunque tratte-
remo solo gli argomenti validi del primo tipo, cioè quelli in cui la legittimità
dell’inferenza dipende dalla struttura interna degli enunciati semplici che
contengono.
Gli enunciati semplici possono essere di vario tipo. Alcuni, come (1) o
(3), sono enunciati che si usano per asserire che un certo oggetto ha una certa
proprietà. Altri sono enunciati che si usano per asserire che certi oggetti
stanno in certe relazioni. Per esempio, ‘Socrate è più saggio di Platone’ si
usa per asserire che due individui, Socrate e Platone, stanno in una certa
relazione, cioè il primo è più saggio del secondo. Ma non tutti gli enunciati
semplici parlano di oggetti specifici e delle loro proprietà o relazioni. Ci sono
enunciati semplici che si usano per fare asserzioni che riguardano proprietà
o relazioni senza far riferimento a oggetti specifici. Questi sono gli enunciati
quantificati, cioè gli enunciati che vertono non su oggetti specifici ma su
insiemi di oggetti. Per esempio, (2) è un enunciato quantificato, perché si
usa per fare un’asserzione che in qualche modo riguarda la proprietà di essere
filosofo, senza far riferimento a un individuo specifico. Lo stesso vale per (4).
Per spiegare la validità dell’inferenza da (1) a (2) occorre fornire un’analisi
adeguata di (2). Allo stesso modo, per spiegare la validità dell’inferenza
da (3) a (4) occorre fornire un’analisi adeguata di (4). Più in generale,
per spiegare la validità delle inferenze che dipendono dalla struttura interna
degli enunciati semplici è essenziale chiarire la forma logica degli enunciati
quantificati.
147

Normalmente si distinguono due tipi fondamentali di enunciati quanti-


ficati: quelli che tipicamente iniziano con espressioni come ‘tutti’, ‘ogni’ o
‘qualsiasi’, e quelli che tipicamente iniziano con espressioni come ‘esiste’,
‘alcuni’ o ‘qualche’. Gli enunciati del primo tipo si chiamano universali. Per
esempio, il seguente enunciato è universale:

(7) Tutto è materiale

Proferendo (7), che contiene un solo predicato, ‘materiale’, si asserisce che


ogni cosa ha una certa proprietà, cioè quella di essere materiale. Un altro
tipo di enunciato universale, che invece contiene due predicati, è il seguente:

(8) Tutti i filosofi sono saggi

In questo caso si asserisce che vale una certa relazione tra due proprietà, cioè
che ogni oggetto che ha la proprieà di essere filosofo ha anche la proprietà
di essere saggio.
Gli enunciati quantificati del secondo tipo si chiamano esistenziali. Un
esempio di enunciato esistenziale è il seguente:

(9) Qualcosa è materiale

In questo caso si asserisce che qualcosa ha una certa proprietà, cioè quella di
essere materiale. Gli enunciati (2) e (4) sono analoghi, in quanto (2) afferma
che qualcosa ha la proprietà di essere un filosofo, mentre (4) afferma che
qualcosa ha la proprietà di essere saggio. Anche gli enunciati esistenziali si
possono formulare con due predicati, per esempio:

(10) Alcuni filosofi sono saggi

In questo caso (10) è vero solo se almeno un filosofo è saggio. Normalmente,


si assume che qualsiasi enunciato esistenziale richieda l’esistenza di almeno
un oggetto che soddisfi la condizione richiesta.
I due tipi di enunciati quantificati appena presentati sono fondamentali,
nel senso che buona parte delle asserzioni che implicano una qualche forma di
quantificazione sono esprimibili mediante enunciati dell’uno o dell’altro tipo.
Questo non significa che siano gli unici tipi di enunciati quantificati. Oltre a
‘tutti’, ‘ogni’, ‘qualsiasi’, ‘esiste’, ‘alcuni’ e ‘qualche’, l’italiano contiene altre
espressioni che dal punto di vista sintattico sono analoghe: ‘molti’, ‘pochi’,
‘la maggior parte’ e cosı̀ via. Ma l’analisi logica di queste espressioni non
rientra nel nostro ambito di indagine.

9.2 La tradizione aristotelica

L’interesse per gli enunciati quantificati risale alle origini della logica stessa.
La prima trattazione rigorosa di questo tema è la teoria del sillogismo di
Aristotele, esposta negli Analitici primi. Un sillogismo, per come lo intende
148

Aristotele, è un argomento formato da tre enunciati - due premesse e una


conclusione - ciascuno dei quali contiene due “termini”, cioè espressioni come
‘uomo’, ‘animale’ o ‘mortale’. Ecco un esempio:
(11) Tutti gli animali sono mortali
(12) Tutti gli uomini sono animali
(13) Tutti gli uomini sono mortali
In un sillogismo, la legittimità dell’inferenza dipende dalla relazione tra i due
termini che compaiono nella conclusione e un terzo termine che compare nelle
premesse, chiamato il “termine medio”. Nel caso dell’argomento considerato
sopra il termine medio è ‘animale”1 .
Negli Analitici primi, Aristotele usa lettere schematiche per indicare ter-
mini qualsiasi. Per esempio, il seguente schema argomentativo rappresenta
un tipo di sillogismo che è esemplificato dall’argomento considerato:

(14) Tutti gli A sono B, tutti i C sono A; tutti i C sono B

Infatti, se si sostituisce A con ‘animale’, B con ‘mortale’ e C con ‘uomo’,


si ottiene l’argomento considerato. Adottando schemi di questo tipo, Ari-
stotele fornisce una classificazione sistematica dei sillogismi basata su una
distinzione tra “figure”, che dipende dalle diverse relazioni in cui il termine
medio può trovarsi rispetto agli altri due termini. Nella sua classificazione, si
possono distinguere quattordici tipi di sillogismo nell’ambito delle tre figure.
La teoria del sillogismo di Aristotele ha generato una lunga tradizione di
studi che ha prodotto molti contributi interessanti, dato che ha fornito un
metodo per trattare in modo sistematico un’ampia classe di argomenti validi.
Tuttavia, si tratta di un metodo che presenta alcuni limiti. In primo luogo,
il modo di rappresentare la struttura degli enunciati quantificati adottato da
Aristotele non è puramente formale ma semi-formale, visto che gli schemi da
lui impiegati per descrivere i sillogismi contengono espressioni delle lingue
naturali. Per esempio, nello schema (14) compaiono le parole ‘tutti’ e ‘sono’.
La nozione contemporanea di formalizzazione non faceva parte dell’orizzonte
teorico di Aristotele. In secondo luogo, se si può dare una teoria generale
della struttura interna degli enunciati semplici, sarebbe auspicabile integrare
tale teoria con la logica enunciativa. Ma non c’è un modo ovvio di combinare
la teoria del sillogismo di Aristotele con la logica enunciativa. In terzo luogo,
la teoria del sillogismo di Aristotele non è in grado di fornire una spiegazione
formale di molte inferenze valide che coinvolgono enunciati quantificati. Per
esempio, si consideri il seguente enunciato:

(15) Ogni filosofo ha letto qualche vecchio libro

Sembra plausibile dire che da (15) si può legittimamente inferire il seguente


enunciato:
1
Aristotle [2], 41b36.
149

(16) Ogni filosofo ha letto qualche libro

Ma la validità di questa inferenza non è spiegabile in termini della teoria del


sillogismo di Aristotele. Infatti, in base a quella teoria (15) risulta essere un
enunciato della forma ‘Tutti gli A sono B’, esattamente come (1). Dunque,
se si vuole rappresentare in modo schematico l’inferenza da (15) a (16) si
dovrà usare un’altra variabile per il predicato ‘ha letto qualche libro’, cioè
si dovrà rappresentare (16) come ‘Tutti gli A sono C’. Ma in questo mo-
do lo schema dell’argomento non risulta valido. Più in generale, il metodo
semi-formale di rappresentazione adottato da Aristotele non consente di de-
scrivere la struttura di enunciati in cui la quantificazione occorra all’interno
di qualche predicato.

9.3 Frege

I tre problemi considerati, insieme a molti altri, sono stati risolti da Gottlob
Frege nell’Ideografia, un libro che costituisce il contributo più importante,
oltre agli Analitici primi, nella storia della teoria della quantificazione. In
questo libro Frege definisce in modo rigoroso un linguaggio che intende rap-
presentare ciò che in una lingua naturale è essenziale al ragionamento, cioè il
“contenuto concettuale”. Il contenuto concettuale di un enunciato è sostan-
zialmente ciò che importa per la sua verità o falsità. Frege assume che due
enunciati abbiano lo stesso contenuto concettuale quando ciascuno di essi
può essere sostituito all’altro come premessa in un argomento valido senza
alterarne la validità2 .
L’ipotesi centrale del metodo di formalizzazione di Frege è che gli enun-
ciati abbiano una struttura funzione-argomento. Questa ipotesi, che di-
stingue il metodo di Frege dal metodo tradizionale basato sulla divisione
grammaticale tra soggetto e predicato, può essere illustrato mediante un’a-
nalogia. Si consideri la funzione di successione, considerata nella sezione
1.5:

(17) S(x) = x + 1

L’espressione ‘S(x)’ che compare nell’equazione (17) significa ‘il valore di


S per l’argomento x’. In altri termini, per ogni numero x, ‘S(x)’ denota il
successore di x. Per esempio, ‘S(1)’ denota il numero 2, che è il successore
di 1. La sua denotazione è il risultato della combinazione della denotazione
di ‘S’ con la denotazione di ‘1’. Frege ritiene che qualcosa di simile valga
per gli enunciati delle lingue naturali. Si consideri (1). Secondo Frege, (1)
è analogo a ‘S(1)’: il nome ‘Socrate’ denota Socrate, e il predicato ‘filosofo’
denota una funzione che si applica a Socrate. Più precisamente, ‘filosofo’
denota una funzione Filosofo tale che, per ogni oggetto x, F ilosof o(x) = 1
2
Frege [16].
150

se x è un filosofo, e F ilosof o(x) = 0 altrimenti. Quindi la struttura di (1)


può essere rappresentata come segue:

(18) Filosofo(Socrate)

Il valore di verità di (1), che Frege identifica con la denotazione di (1), è il ri-
sultato della combinazione della denotazione di ‘Socrate’ e la denotazione di
‘filosofo’, poiché equivale al valore che Filosofo assume quando l’argomento
è Socrate3 .
Per afferrare pienamente la portata dell’ipotesi che gli enunciati abbiano
una struttura funzione-argomento si deve tenere conto che una funzione può
avere più di un argomento. Per esempio, si consideri la funzione di addizione,
considerata nella sezione 1.5:

(19) A(x, y) = x + y

L’espressione ‘A(x, y)’ che compare nell’equazione (19) significa ‘il valore
di A per gli argomenti x e y. Cioè, per ogni coppia ordinata di numeri
interi hx, yi, ‘A(x, y)’ denota la somma di x e y. Ora si consideri il seguente
enunciato:

(20) Otello ama Desdemona

Secondo Frege, la struttura di (20) è la seguente:

(21) Ama(Otello,Desdemona)

Qui Ama è una funzione binaria da coppie ordinate di oggetti a valori di


verità, cioè una funzione tale che, per ogni coppia ordinata di oggetti hx, yi,
Ama(x, y) = 1 se x ama y, e Ama(x, y) = 0 altrimenti. Si noti che la stessa
struttura può essere attribuita al seguente enunciato:

(22) Desdemona è amata da Otello

Frege ammette che in un qualche senso ci possa essere una differenza seman-
tica tra (20) e (22). Ma il contenuto concettuale dei due enunciati è lo stesso,
quindi sono entrambi rappresentati da (21). Questo esempio rende chiara la
differenza tra il metodo di formalizzazione di Frege e quello adottato nella
tradizione aristotelica. Infatti, se (20) e (22) sono analizzati in termini di
soggetto e predicato, si ottengono due enunciati diversi, ciascuno dei quali
contiene un predicato complesso.
L’elemento innovativo più importante del metodo di formalizzazione di
Frege concerne l’analisi degli enunciati quantificati. Si consideri (7). Nella
tradizione aristotelica si assumeva che ‘tutto’ fosse un termine. Ma questa
assunzione è in contrasto con l’ipotesi che ‘materiale’ denoti una funzione
3
La dottrina secondo cui i predicati denotano funzioni da oggetti a valori di verità, che
non è formulata esplicitamente nell’Ideografia, è presentata in Frege [17].
151

Materiale tale che, per ogni oggetto x, M ateriale(x) = 1 se x è materiale


e M ateriale(x) = 0 altrimenti, perché non c’è un modo ovvio di trattare
‘tutto’ come un’espressione che denoti qualche oggetto al quale si possa
applicare la funzione. L’idea di Frege è invece che la denotazione di ‘tutto’ sia
essa stessa una funzione: se chiamiamo funzioni di primo livello le funzioni
i cui argomenti sono oggetti e funzioni di secondo livello le funzioni i cui
argomenti siano funzioni di primo livello, la denotazione di ‘tutto’ può essere
pensata come una funzione di secondo livello. Più precisamente, ‘tutto’
denota una funzione di secondo livello T utto tale che, per ogni funzione di
primo livello F , T utto(F ) = 1 se F (x) = 1 per ogni x, e T utto(F ) = 0
altrimenti. Quindi la struttura di (7) è la seguente:
(23) T utto(M ateriale)
In altre parole, ciò che si asserisce proferendo (7) è che il predicato ‘materiale’
ha la proprietà di essere vero di qualsiasi oggetto. Per esprimere questa
asserzione, Frege usa variabili, cioè lettere come x e y che non hanno un
riferimento fisso e pertanto possono denotare qualsiasi oggetto. Usando una
variabile, (23) può essere parafrasato come segue:
(24) Per ogni x, x è materiale
Per apprezzare il potenziale espressivo dell’analisi di Frege, almeno due
casi importanti devono essere considerati. Il primo è quello in cui la quan-
tificazione universale è esplicitamente ristretta mediante un predicato. Si
consideri (8), in cui la restrizione dipende dal predicato ‘filosofo’. Ciò che
si dice proferendo (8) è che ‘saggio’ ha la proprietà di essere vero di ogni
filosofo. Questo significa dire che ‘saggio’ ha la proprietà di essere vero di
ogni oggetto di cui ‘filosofo’ è vero. Quindi, (8) può essere parafrasato come
segue:
(25) Per ogni x, se x è un filosofo, allora x è saggio
Più in generale, qualsiasi enunciato della forma ‘Tutti gli A sono B’ può
essere parafrasato come ‘Per ogni x, se x è A, allora x è B’.
Il secondo caso è quello in cui la quantificazione è esistenziale. Si con-
sideri (9). Ciò che si dice proferendo (9) è che il predicato ‘materiale’ ha
la proprietà di essere vero di qualche oggetto. Questo significa dire quanto
segue:
(26) Per qualche x, x è materiale
Il che equivale a quanto segue:
(27) Non si dà il caso che, per ogni x, x non sia materiale
Considerazioni simili valgono per gli enunciati quantificati come (10). Infat-
ti, (10) può essere parafrasato come segue:
152

(28) Per qualche x, x è filosofo e x è saggio

Il che equivale a quanto segue:

(29) Non si dà il caso che, per ogni x, se x è filosofo allora x non è saggio

L’analisi di Frege, come risulterà chiaro in seguito, permette di risolvere i


tre problemi considerati alla fine della sezione 9.2. Innanzitutto, seguendo il
suo metodo di formalizzazione si può costruire una rappresentazione perspi-
cua di qualsiasi enunciato quantificato senza usare espressioni di una lingua
naturale. In secondo luogo, il trattamento degli enunciati quantificati sug-
gerito da Frege si integra con la logica enunciativa, come è facile intuire se
si pensa che in (25) e in (29) compare l’operatore enunciativo ‘se...allora...’.
Infine, l’analisi di Frege ha una capacità esplicativa superiore rispetto a quel-
la della teoria aristotelica. Infatti, permette di fornire una rappresentazione
formale di un’ampia classe di enunciati quantificati, che include non solo gli
enunciati tradizionalmente studiati nella sillogistica aristotelica, come (8) o
(10), ma anche una varietà di enunciati più complessi le cui proprietà logiche
non erano state propriamente comprese prima. Per esempio, (15) può essere
parafrasato come segue:

(30) Per ogni x, se x è un filosofo, allora per qualche y tale che y è un libro
e y è vecchio, x ha letto y

Questa analisi rende chiaro che il predicato complesso ‘ha letto qualche vec-
chio libro’ ha una struttura quantificazionale. Allo stesso modo, (16) può
essere parafrasato come segue:

(31) Per ogni x, se x è un filosofo, allora per qualche y tale che y è un libro,
x ha letto y

In questo modo, risulta possibile spiegare a livello formale perché (31) conse-
gue da (30). Più in generale, qualsiasi enunciato quantificato in cui qualche
predicato complesso includa una quantificazione può essere adeguatamente
rappresentato per mezzo di variabili nel modo illustrato. La forza innovativa
del metodo di Frege dipende in modo cruciale da questa capacità.

9.4 Portata esistenziale

Un aspetto dell’analisi di Frege che merita attenzione riguarda gli enunciati


della forma ‘Tutti gli A sono B’, come (8). In base a questa analisi, la verità
di ‘Tutti gli A sono B’ non implica l’esistenza di A. In altri termini, gli
enunciati universali non hanno “portata esistenziale”. Si consideri (25). Se
non esistessero filosofi, (25) sarebbe vero. Infatti, se non esistessero filosofi,
dato un oggetto qualsiasi al quale x potrebbe riferirsi, sarebbe corretto dire
che ‘x è un filosofo’ è falso. Dunque, il condizionale ‘se x è un filosofo, allora
153

x è saggio’ sarebbe vero indipendentemente dal valore di verità del suo con-
seguente. In questo l’analisi di Frege differisce dalla tradizione aristotelica,
perché nella tradizione aristotelica si riteneva che un enunciato della forma
‘Tutti gli A sono B’ implicasse l’esistenza di A.
Per rendersi conto delle conseguenze della tesi di Frege, si consideri il
seguente enunciato:
(32) Tutti gli unicorni sono docili
Seguendo il metodo illustrato sopra, possiamo parafrasare (32) come segue:
(33) Per ogni x, se x è un unicorno, allora x è docile
Siccome non esistono unicorni, (33) è vero, dunque lo stesso vale per (32).
Ora si consideri il seguente:
(34) Nessun unicorno è docile
Questo enunciato deve essere parafrasato come segue:
(35) Per ogni x, se x è un unicorno, allora x non è docile
Anche (35) è vero, per la stessa ragione per cui è vero (33). Quindi, lo stesso
vale per (34).
Questo esempio può causare qualche perplessità. Infatti, proprio perché
(32) e (34) risultano entrambi veri in base all’analisi di Frege, si può essere
indotti a pensare che in definitiva sia sbagliato assumere che un enunciato
universale non abbia portata esistenziale. Tuttavia, si noti che non sarebbe
più plausibile assumere il contrario, cioè che ogni enunciato della forma
‘Tutti gli A sono B’ implichi l’esistenza di A. Cosı̀ facendo, si otterrebbe
come conseguenza che enunciati apparentemente veri risultano invece falsi.
Si consideri il seguente:
(36) Se un tavolo è lungo due chilometri, allora è più lungo di un chilometro
Siccome non esistono tavoli lunghi due chilometri, (36) risulterebbe falso,
mentre invece è chiaramente vero. In generale, sembra incorretto sostenere
che la questione se (36) sia vero o falso dipenda dall’esistenza di tavoli lunghi
due chilometri, dato che si può facilmente capire che (36) è vero anche
senza sapere che non esistono tavoli di tale lunghezza. Né avrebbe senso
cercare di distinguere caso per caso, dicendo che un enunciato della forma
‘Tutti gli A sono B’ implica l’esistenza di A in alcuni casi ma non in altri.
Infatti, se si parte dal presupposto che le proprietà logiche di un enunciato
dipendano dalla sua forma, la questione della portata esistenziale deve essere
intesa come una questione che riguarda indistintamente tutti gli enunciati
universali.

Esercizio 9.3.1 Riformulare gli argomenti considerati nell’esercizio 2.6.3


usando variabili.
154

9.5 Generalità multipla

Come si è detto nella sezione 9.3, un vantaggio del metodo di formalizzazione


introdotto da Frege consiste nella capacità di trattare enunciati come (15)
e (16), cioè enunciati in cui la quantificazione occorre all’interno di qualche
predicato. Le potenzialità di questo metodo, infatti, si rivelano pienamente
quando si considera il fenomeno della generalità multipla, ossia quando si
cerca di fornire un’analisi di enunciati in cui sono coinvolte - esplicitamente
o implicitamente - più espressioni quantificate.
Iniziamo con un esempio di un certo interesse filosofico. I seguenti enun-
ciati possono essere facilmente scambiati l’uno per l’altro, e forse di fatto lo
sono stati in diverse occasioni:

(37) Ogni cosa ha una causa

(38) C’è una causa di tutte le cose

Tuttavia, (37) e (38) esprimono asserzioni diverse, almeno nell’interpretazio-


ne più plausibile di (37). Questo emerge con chiarezza se le loro condizioni
di verità sono rappresentate rispettivamente come segue:

(39) Per ogni x, esiste un y tale che y è causa di x

(40) Esiste un x tale che, per ogni y, x è causa di y

Mentre la verità di (39) è compatibile con la possibilità che oggetti diversi


abbiano cause diverse, la verità di (40) esclude tale possibilità, perché (40)
dice che tutte le cose hanno una stessa causa. Pertanto, se (40) è vero, anche
(39) è vero, mentre non vale l’inverso. In altri termini, (38) è più “forte” di
(37), nel senso che implica (37) senza esserne implicato4 .
Nell’esempio considerato, la parafrasi di ciascuno dei due enunciati con-
tiene due espressioni quantificate di diverso tipo, cioè ‘per ogni’ ed ‘esiste’.
Ma la struttura logica di un enunciato può anche contemplare più espressioni
quantificate dello stesso tipo. Si consideri il seguente enunciato:

(41) Gli uomini che si innamorano di ogni donna che incontrano sono infelici

In questo caso si afferma che ogni cosa che sia uomo e che abbia la proprietà
di innamorarsi di tutte le donne che incontra è infelice. Dunque la parafrasi
è la seguente:

(42) Per ogni x, se x è un uomo, e per ogni y tale che y è una donna che
incontra, x si innamora di y, allora x è infelice

In questo caso l’espressione ‘per ogni’ compare due volte nella parafrasi. Un
caso di generalità multipla con due quantificazioni esistenziali è il seguente:
4
Questo esempio è tratto da Frascolla [15], pp. 178-179.
155

(43) Tizio ha comprato qualcosa e l’ha scambiato con qualcosa

Qui si intende dire che c’è qualcosa che Tizio ha comprato e c’è qualcosa
con cui Tizio l’ha scambiato. Dunque la parafrasi è la seguente:

(44) Esiste un x tale che Tizio ha comprato x ed esiste un y tale che Tizio
ha scambiato x con y

Vediamo ora come una parafrasi del tipo considerato permetta di rendere
conto dell’ambiguità strutturale di alcuni enunciati quantificati. Si consideri
di nuovo (37). L’interpretazione più plausibile di (37) è quella in base alla
quale la sua parafrasi corretta è (39). Ma non si tratta dell’unica interpre-
tazione possibile. Infatti, (37) potrebbe essere anche usato come sinonimo
di (38). È per questo che (37) e (38) possono essere facilmente scambiati
l’uno per l’altro. Dunque, (37) nasconde un’ambiguità, che può essere resa
esplicita mediante (39) e (40). Un altro esempio è il seguente:

(45) Ogni marinaio ama una ragazza bruna

Questo enunciato si presta a due letture diverse. In un caso si intende dire


che, dato un qualunque marinaio, c’è una ragazza bruna da lui amata:

(46) Per ogni x, se x è un marinaio, allora esiste un y tale che y è una


ragazza bruna e x ama y

Nell’altro caso, invece, si intende dire che esiste una ragazza bruna amata
da tutti i marinai:

(47) Esiste un x tale che x è una ragazza bruna e, per ogni y, se y è un


marinaio allora y ama x

Anche in questo caso, come in quello di (39) e (40), (47) implica (46) senza
esserne implicato, quindi la seconda lettura è più forte della prima.
Un esempio analogo è il seguente:

(48) C’è un numero naturale maggiore di qualunque numero naturale

Anche qui le letture possibili sono due. In un caso si fa l’affermazione vera


che, preso un qualunque numero naturale, esiste almeno un numero naturale
che è maggiore di esso:

(49) Per ogni x, se x è un numero naturale, allora esiste un y tale che y è


un numero naturale e y è maggiore di x

Nell’altro, invece, si fa l’affermazione falsa che esiste un numero naturale più


grande di tutti gli altri:

(50) Esiste un x tale che x è un numero naturale e, per ogni y, se y è un


numero naturale, allora x è maggiore di y
156

Di nuovo, la seconda lettura è più forte della prima.

Esercizio 9.5.1 Parafrasare i seguenti enunciati:


(a) Ogni uomo felice ha una camicia che gli sta bene
(b) Ad alcuni cani piacciono i gatti
Esercizio 9.5.2 Per ciascuno dei seguenti enunciati, fornire due parafrasi
che ne risolvano l’ambiguità:
(a) Tutti amano qualcuno
(b) Tizio mangia solo vegetali coltivati senza pesticidi
(c) Se Tizio dà 100 euro a qualcuno, lui sarà contento

9.6 Descrizioni definite

Quest’ultima sezione spiega come l’uso delle variabili può essere impiegato
nell’analisi degli enunciati che contengono descrizioni definite, cioè espres-
sioni che si usano per riferirsi a oggetti singoli enunciando condizioni che
si ritiene siano soddisfatte solo da tali oggetti. Un esempio di descrizione
definita è ‘Il presidente della Repubblica’. Questa espressione, infatti, si ri-
ferisce a Sergio Mattarella perché enuncia una condizione che è soddisfatta
unicamente da lui, cioè quella di essere presidente della Repubblica.
Le descrizioni definite occupano le stesse posizioni sintattiche dei nomi
propri. Per esempio, si consideri il seguente enunciato:
(51) Il presidente della Repubblica è nato nel 1941
La descrizione definita ‘Il presidente della Repubblica’ potrebbe essere rim-
piazzata dal nome proprio ‘Sergio Mattarella’:
(52) Sergio Mattarella è nato nel 1941
Infatti, in entrambi i casi si asserisce che un certo individuo, Sergio Mat-
tarella, ha la proprietà di essere nato nel 1941. Tuttavia, ci sono ragioni
per ritenere che le descrizioni definite non siano del tutto analoghe ai nomi
propri dal punto di vista logico. Si consideri il seguente argomento:
(51) Il presidente della Repubblica è nato nel 1941
(53) Qualcuno è presidente della Repubblica ed è nato nel 1941
Questo argomento è valido, ed è plausibile pensare che la sua validità sia
spiegabile in termini formali. Infatti, indipendentemente dalla questione di
chi sia di fatto il presidente della Repubblica, si può dire con certezza che,
se colui che è il presidente della Repubblica è nato nel 1941, allora esiste
un x tale che x è presidente della Repubblica e x è nato nel 1941. Ora si
consideri il seguente argomento:
157

(52) Sergio Mattarella è nato nel 1941


(53) Qualcuno è presidente della Repubblica ed è nato nel 1941
Questo argomento, a differenza del primo, è invalido. Infatti, dal semplice
fatto che Sergio Mattarella sia nato nel 1941 non consegue che esiste un x
tale che x è presidente della Repubblica e x è nato nel 1941. Per ottenere
(53) occorre un’informazione ulteriore che sicuramente non si può ricavare
da un’analisi formale di (52), cioè che Sergio Mattarella è il presidente della
Repubblica. Questo induce a pensare che ci sia una differenza importante
tra (51) e (52), e che (51) possa essere parafrasato in modo da renderne
evidenti le proprietà logiche.
Una parafrasi del genere è stata suggerita da Bertrand Russell in un ce-
lebre articolo intitolato On Denoting. Russell adotta l’apparato della quan-
tificazione introdotto da Frege per mostrare che gli enunciati che contengono
descrizioni definite hanno una forma logica più complessa di quanto potreb-
be sembrare a prima vista. Frege non distingueva tra descrizioni definite e
altri tipi di espressioni che intendono riferirsi a oggetti singoli, come i nomi
propri. Il ruolo semantico di tutte queste espressioni, i termini singolari, è
quello di denotare oggetti ai quali i predicati e le relazioni possono essere
applicati. Si consideri (51). In base alla teoria di Frege, ‘Il presidente della
Repubblica’ è un termine singolare che denota un individuo, Sergio Matta-
rella, e ‘nato nel 1941’ è un predicato che denota una funzione che si applica
a quell’individuo. Ma Russell mette in dubbio questa teoria. La sua idea è
che una descrizione definita non sia un termine singolare genuino, in quanto
nasconde una costruzione più complessa che contiene una quantificazione.
Più precisamente, (51) equivale a una congiunzione di tre condizioni, nes-
suna delle quali fa riferimento a Sergio Mattarella in particolare: almeno
una cosa è presidente della Repubblica; al massimo una cosa è presidente
della Repubblica; qualsiasi cosa sia presidente della Repubblica è nato nel
1941. Pertanto, Russell ritiene che la forma logica di (51) sia correttamente
espressa come segue:
(54) Esiste un x tale che x è presidente della Repubblica, e nessun y diverso
da x è presidente della Repubblica, e x è nato nel 1941
Dato che (54) non contiene alcun termine singolare che si riferisce a Sergio
Mattarella, la descrizione definita ‘Il presidente della Repubblica’ in (51) è
un termine singolare solo in apparenza5 .
Russell argomenta per la sua teoria delle descrizioni mostrandone al-
cune implicazioni. Le ragioni per accettare la teoria, infatti, derivano dai
problemi che nascono se si considerano le descrizioni definite come termini
singolari genuini. Il primo problema è quello di spiegare come un enunciato
possa avere un significato se contiene una descrizione definita che non denota
niente. Per esempio, il seguente enunciato sembra avere un significato:
5
Russell [43].
158

(55) L’attuale re di Francia è calvo


Ma se ‘l’attuale re di Francia’ è un’espressione analoga a un nome proprio,
(55) può avere un significato solo se ascrive una proprietà a qualche oggetto,
e sappiamo che ‘l’attuale re di Francia’ non denota alcun oggetto esistente.
Quindi, o si rifiuta l’assunzione che il significato di un enunciato dipenda
dagli oggetti denotati dai termini singolari che contiene, o si conclude che
(55) non ha significato, oppure si suppone che (55) designi un oggetto ine-
sistente. Russell ritiene che nessuna di queste tre opzioni sia promettente.
La sua soluzione, invece, è che la parafrasi corretta di (55) sia la seguente:
(56) Esiste un x tale che x è attualmente re di Francia, e nessun y diverso
da x è attualmente re di Francia, e x è calvo
Siccome non c’è nessun re di Francia, la prima condizione espressa in (56)
non è soddisfatta. Quindi (55) è falso.
Il secondo problema è un problema sollevato da Frege: come è possibile
che un’asserzione di identità sia allo stesso tempo vera e informativa? Si
consideri il seguente enunciato:
(57) Scott è l’autore di Waverley
Questo enunciato sembra essere vero, dato che Scott è effettivamente l’au-
tore di Waverley. Inoltre, sembra essere informativo, dato che qualcuno
potrebbe apprendere qualcosa se leggesse (57). Tuttavia, se si assume che
(57) contenga due termini singolari genuini che si riferiscono alla stessa per-
sona, ‘Scott’ e ‘l’autore di Waverley’, è abbastanza naturale pensare che le
due espressioni debbano avere un qualche tipo di significato non riducibile
alla sua denotazione. Altrimenti, si dovrebbe concedere che ciò che si dice
proferendo (57) è una banalità, cioè che quella persona è identica a se stessa.
Frege sosteneva che le due espressioni hanno due “sensi” diversi, e questo
è il motivo per cui (57) è informativo. Tuttavia, Russell ha una soluzione
diversa: (57) non esprime una vera identità, dato che ‘l’autore di Waverley’
non è propriamente un termine singolare. La sua parafrasi è la seguente:
(58) Esiste un x tale che x è autore di Waverley, e nessun y diverso da x
è autore di Waverley, e x è identico a Scott
In questo modo si può spiegare perché (57) non è banale. Chiaramente, una
persona apprende qualcosa quando viene a sapere che (58) è vero6 .
Il terzo problema riguarda il principio di sostituibilità considerato nella
sezione 5.4. Assumendo che un termine singolare abbia significato in virtù
della sua denotazione, è naturale aspettarsi che due termini singolari che
denotano lo stesso oggetto possano essere sostituiti in qualsiasi enunciato
senza alterarne il valore di verità. Ma si è visto che certi enunciati violano
il principio di sostituibilità:
6
Frege solleva il problema dell’identità in [18].
159

(59) Giorgio IV vuole sapere se Scott è l’autore di Waverley

(60) Giorgio IV vuole sapere se Scott è Scott

Siccome Scott è ovviamente identico a se stesso, è possibile che (59) sia vero
ma (60) sia falso. La soluzione di Russell, di nuovo, deriva dalla sua idea
che ‘l’autore di Waverley’ non sia un termine singolare genuino: il desiderio
attribuito a Giorgio IV in (59) è quello di sapere se (58) è vero. Quindi, è
diverso dal desiderio attribuito a Giorgio IV in (60).

Esercizio 9.6.1 Perché la teoria delle descrizioni di Russell permette di


rendere conto della differenza tra i due argomenti considerati all’inizio della
sezione?

Esercizio 9.6.2 Parafrasare i seguenti enunciati assumendo la teoria delle


descrizioni di Russell:

(a) L’abominevole uomo delle nevi è peloso

(b) L’abominevole uomo delle nevi non esiste

Esercizio 9.6.3 Ciascuno dei seguenti enunciati si presta a due letture di-
verse. Assumendo la teoria delle descrizioni di Russell, fornire due parafrasi
che siano in grado di mostrare l’ambiguità di entrambi:

(a) L’attuale re di Francia non è calvo

(b) Non si dà il caso che l’attuale re di Francia sia calvo


160

Soluzioni

Esercizio 9.3.1
Se x esiste, allora l’esistenza di x non implica contraddizione
Se x è dimostrabile, allora il contrario di x implica contraddizione
Se x esiste, allora l’esistenza di x non è dimostrabile
Se x è distintamente rappresentabile, allora x non implica contraddizione
Se x è concepito come esistente, allora x può essere concepito come non esistente
Se x esiste, allora l’esistenza di x non implica contraddizione
Esercizio 9.5.1
(a) Per ogni x, se x è un uomo ed è felice, allora esiste un y tale che y è
una camicia di x e y sta bene a x
(b) Esiste un x tale che x è un cane e, per ogni y, se y è un gatto, allora y
piace a x
Esercizio 9.5.2
Per ogni x, esiste un y tale che x ama y
(a)
Esiste un x tale che, per ogni y, y ama x
Per ogni x, se Tizio mangia x, allora x è un vegetale coltivato senza pesticidi
(b)
Per ogni x, se Tizio mangia x e x è un vegetale, allora x è coltivato senza pesticidi
Per ogni x, se Tizio dà 100 euro a x, allora x è contento
(c)
Per ogni x, se Tizio dà 100 euro a x, allora Tizio è contento
Esercizio 9.6.1
Assumendo che la parafrasi di (51) sia (54), si può sostenere che (53) conse-
gue da (51) in virtù della sua forma, dato che (54) implica chiaramente
(53). Lo stesso non si può dire dell’inferenza da (52) a (53).
Esercizio 9.6.2
(a) Esiste un x tale che x è un abominevole uomo delle nevi, e nessun y
diverso da x è un abominevole uomo delle nevi, e x è peloso
(b) Non esiste un x tale che x è un abominevole uomo delle nevi e nessun
y diverso da x è un abominevole uomo delle nevi
Esercizio 9.6.3
L’enunciato (a) può essere interpretato in due modi diversi:
Esiste un x tale che x è attualmente re di Francia, e nessun y diverso
da x è attualmente re di Francia, e x non è calvo
Non esiste un x tale che x è attualmente re di Francia, e nessun y
diverso da x è attualmente re di Francia, e x è calvo
Lo stesso vale per l’enunciato (b).
Capitolo 10

I simboli della logica predicativa

10.1 Lettere predicative

Ora vediamo come si può costruire un linguaggio che sia in grado di rappre-
sentare la struttura interna degli enunciati semplici, trattando le espressioni
quantificate nel modo illustrato nel capitolo 9. Il linguaggio che sarà definito
è un linguaggio predicativo, poiché permette di rendere esplicita la struttura
predicativa degli enunciati semplici, cioè i modi in cui vertono su proprietà
di oggetti o su relazioni tra oggetti.
La prima categoria di simboli da considerare sono le lettere predicative,
come P o Q. A ogni lettera predicativa è associato un numero maggiore di
0, cioè un numero di “posti” che la caratterizza. Il caso più semplice è quello
delle lettere predicative a un posto, che sono dette monadiche. Queste lettere
rappresentano predicati monadici, cioè predicati che si applicano a oggetti
singoli e pertanto esprimono proprietà. Per esempio, ‘rosso’ è un predicato
monadico che esprime la proprietà di essere rosso, dunque è rappresentato
da una lettera predicativa monadica.
Le lettere predicative a due posti, o diadiche, rappresentano predicati
diadici, che esprimono relazioni tra due oggetti. Per esempio, ‘a nord di’
è un predicato che esprime una relazione tra due oggetti, cioè la relazione
che sussiste quando il primo è a nord del secondo. Analogamente, le lette-
re predicative a tre posti, o triadiche, rappresentano predicati triadici, che
esprimono relazioni tra tre oggetti. Per esempio, ‘tra...e...’ è un predica-
to che esprime una relazione tra tre oggetti, cioè la relazione che sussiste
quando il primo oggetto si trova tra il secondo e il terzo. Più in generale,
un linguaggio che contiene lettere n-adiche per qualsiasi n > 0 permette di
esprimere un insieme potenzialmente illimitato di relazioni.
Ora veniamo al significato che si attribuisce alle lettere predicative. Co-
me si è detto nella sezione 1.2, di solito si assume che un predicato abbia
un’estensione, cioè che esista un insieme di cose di cui il predicato è vero.
Nel caso di un predicato monadico, l’estensione non è altro che l’insieme
degli oggetti che hanno la proprietà espressa dal predicato. Per esempio,
l’estensione di ‘rosso’ è l’insieme delle cose rosse. Quindi, si assumerà che

161
162

a ogni lettera predicativa monadica sia associato un insieme di oggetti, cioè


l’insieme che costituisce l’estensione del predicato che rappresenta.
Nel caso di una lettera predicativa diadica si assumerà invece che ad es-
sa debba essere associata una relazione, cioè un insieme di coppie ordinate.
Infatti, l’estensione di un predicato diadico è un insieme di coppie ordinate,
dato che il predicato è vero non non di singoli oggetti ma di coppie ordinate
di oggetti. Per esempio, ‘a nord di’ è vero della coppia ordinata hLondra,
Milanoi, della coppia ordinata hMilano, Romai e di tante altre coppie or-
dinate. L’interpretazione delle lettere predicative che hanno un numero di
posti maggiore di due è del tutto analoga. A ogni lettera predicativa a n
posti, o n-adica, si associa una relazione n-aria.
Un simbolo per certi versi affine alle lettere predicative è =, il simbolo di
identità. Questo simbolo è simile a una lettera predicativa diadica, in quanto
denota una relazione. Tuttavia, a differenza di una lettera predicativa dia-
dica, = denota sempre la stessa relazione, cioè l’identità. Per esempio, una
lettera predicativa diadica P può rappresentare indifferentemente ‘a nord
di’ o ‘maggiore di’. Questo significa che P può essere interpretata indiffe-
rentemente come l’insieme di coppie ordinate tali che il primo termine è a
nord del secondo, come hLondra, Milanoi, hMilano, Romai e cosı̀ via, oppure
come l’insieme di coppie ordinate tali che il primo termine è maggiore del
secondo, come h2, 1i, h3, 1i e cosı̀ via. Il simbolo =, invece, ha un’interpre-
tazione costante. Le coppie ordinate che appartengono alla sua estensione
sono tutte e solo le coppie ordinate in cui lo stesso oggetto figura sia come
primo termine sia come secondo termine: hLondra, Londrai, h1, 1i e cosı̀ via.
Pertanto, mentre le lettere predicative sono espressioni non logiche, = è un
simbolo logico.

10.2 Costanti individuali

Una seconda categoria di espressioni non logiche sono le costanti individuali,


come a o b. Una costante individuale rappresenta un termine singolare, cioè
un’espressione che si usa per riferirsi a un oggetto singolo. I nomi propri
sono esempi paradigmatici di termine singolare. Per esempio, ‘Socrate’ è un
nome proprio, che si riferisce a una persona, Socrate. Dunque una costante
individuale può essere usata al posto di ‘Socrate’.
Combinando le lettere predicative con le costanti individuali, si può rap-
presentare la forma logica di qualsiasi enunciato che asserisca che un cer-
to oggetto ha una certa proprietà o che certi oggetti stanno in una certa
relazione. Si consideri il seguente enunciato:
(1) Socrate è un filosofo
Questo enunciato può essere formalizzato con F s, dove F è una lettera
predicativa monadica che sta per ‘filosofo’ e s è una costante individuale che
sta per ‘Socrate’. Ora si consideri il seguente enunciato:
163

(2) Otello ama Desdemona


Questo enunciato può essere formalizzato con Aod dove A è una lettera
predicativa a due posti che sta per ‘ama’, o sta per ‘Otello’ e d sta per
‘Desdemona’. Si noti che, nell’uso delle lettere predicative non monadiche,
l’ordine delle costanti individuali riveste un ruolo cruciale: una cosa è dire
che Otello ama Desdemona, altra cosa è dire che Desdemona ama Otello.
Ovviamente, combinando due costanti individuali con il simbolo di iden-
tità si può rappresentare qualsiasi enunciato semplice che esprima un’i-
dentità. Per esempio, se e sta per ‘Espero’ e f sta per ‘Fosforo’, e = f
rappresenta il seguente enunciato:
(3) Espero è Fosforo
Si noti che non tutti gli enunciati semplici che contengono la voce verbale ‘è’
esprimono un’identità. Nel linguaggio comune, infatti, la stessa voce verbale
si usa anche come copula, dunque bisogna distinguere la ‘è’ di identità dalla
‘è’ di predicazione. Si consideri il seguente enunciato:
(4) Espero è un pianeta
La ‘è’ in (4) è di predicazione, perché serve a predicare una proprietà, quella
di essere un pianeta, a un oggetto, Espero. Dunque (4) è analogo a (1) dal
punto di vista formale. Invece, la ‘è’ in (3) è di identità. In (3) non si predica
una proprietà di Espero, ma si afferma che Espero e Fosforo sono lo stesso
oggetto.
Dato che le lettere predicative rappresentano predicati e le costanti indi-
viduali rappresentano termini singolari, una formula costruita combinando
una lettera predicativa a n posti e n costanti individuali rappresenta un
enunciato semplice in cui si dice che un certo oggetto ha una certa proprieà
o che certi oggetti stanno in una certa relazione. A una formula del genere,
dunque, si può attribuire verità o falsità in base all’appartenenza degli og-
getti designati dalle costanti individuali all’insieme designato dalla lettera
predicativa. Per esempio, cosı̀ come (1) è vero se e solo se l’oggetto desi-
gnato da ‘Socrate’, cioè Socrate, appartiene all’estensione di ‘filosofo’, cioè
all’insieme dei filosofi, la formula F s risulta vera se e solo se l’oggetto deno-
tato da s appartiene all’insieme denotato da F . Allo stesso modo, cosı̀ come
(2) è vero se e solo se la coppia ordinata hOtello, Desdemonai appartiene
all’estensione di ‘ama’, cioè Otello ama Desdemona, la formula Aod risulta
vera se e solo se gli oggetti denotati da o e d appartengono all’insieme di
coppie ordinate denotate da A.

Esercizio 10.2.1 Formalizzare i seguenti enunciati:


(a) Desdemona ama Otello

(b) Desdemona è amata da Otello


164

10.3 Connettivi enunciativi

Fin qui si è visto che un enunciato semplice in cui si dice che un certo ogget-
to ha una certa proprietà o che certi oggetti stanno in una certa relazione
può essere rappresentato a livello formale mediante una formula ottenu-
ta combinando una lettera predicativa n-adica con n costanti individuali.
Dunque, con l’aiuto dei connettivi ∼, ⊃, ∧, ∨ si possono costruire formule
più complesse che rappresentano enunciati complessi formati mediante ope-
ratori vero-funzionali a partire da enunciati semplici dei tipi considerati. Per
esempio, si consideri il seguente:

(5) Se Socrate è saggio, allora Platone non è saggio

Questo enunciato può essere formalizzato come Ss ⊃∼ Sp, dove S sta per
‘Saggio’, s sta per ‘Socrate’ e p sta per ‘Platone’.
Ovviamente, quello che vale per le formule formate da una lettera predi-
cativa n-aria e n costanti individuali vale anche per le formule che contengo-
no il simbolo di identità: un enunciato semplice della forma a = b, come (3),
può figurare all’interno di un enunciato più complesso, dunque il secondo
enunciato può essere rappresentato mediante una formula più complessa che
contiene connettivi enunciativi. Si noti che, per convenzione, la negazione
di un’identità si esprime con il simbolo 6=. Invece di scrivere ∼ a = b, si
scrive a 6= b.
Data un’assegnazione di insiemi di oggetti alle lettere predicative e di og-
getti singoli alle costanti individuali, qualsiasi formula ottenuta combinando
lettere predicative, costanti individuali e connettivi enunciativi risulterà vera
o falsa, proprio come l’enunciato che rappresenta. Infatti, come nel caso di
Le , il valore di verità di una formula complessa che contiene tali connettivi è
determinata dal valore di verità dei suoi costituenti. Per esempio, Ss ⊃∼ Sp
sarà vera se e solo se Ss è falsa o ∼ Sp è vera.

Esercizio 10.3.1 Se un linguaggio predicativo contenesse solo i simboli fin


qui considerati, sarebbe in grado di esprimere schemi argomentativi validi
non esprimibili in Le ?

10.4 Variabili e quantificatori

I simboli fin qui considerati permettono di rappresentare a livello formale


enunciati non quantificati, cioè enunciati semplici non quantificati o enun-
ciati complessi ottenuti a partire da questi mediante connettivi enunciativi.
Per rappresentare enunciati quantificati, invece, occorrono altre due catego-
rie di simboli: le variabili individuali, come x o y, e i quantificatori, cioè ∀ e
∃.
Le variabili individuali, dette semplicemente ‘variabili’, sono analoghe
alle costanti individuali dal punto di vista sintattico, ma non hanno una
165

denotazione fissa. Mentre una costante individuale sta per un termine sin-
golare, una variabile non ha un corrispettivo vero e proprio nel linguaggio
comune. Le espressioni di una lingua naturale che si avvicinano di più alle
variabili sono i pronomi come ‘esso’ o ‘essa’, che si riferiscono di volta in
volta a cose diverse. Si consideri per esempio la formula F s. Supponiamo
che F stia per ‘filosofo’. Se s sta per ‘Socrate’, F s rappresenta (1). Ma come
si potrebbe tradurre in italiano F x? Non c’è una risposta ovvia a questa
domanda. F x sta per qualcosa come ‘Esso è un filosofo’, un enunciato che
non può essere usato per fare un’asserzione - e pertanto non può essere va-
lutato come vero o falso - a meno che non si specifichi a che cosa si riferisce
‘esso’: la frase dice qualcosa di vero se ‘esso’ si riferisce a un filosofo, mentre
dice qualcosa di falso in caso contrario (vedi sezione 2.2.).
I quantificatori sono simboli che, combinati con le variabili, permettono
di costruire formule che rappresentano enunciati quantificati. ∀ è il quanti-
ficatore universale, che significa ‘per ogni’, mentre ∃ è il quantificatore esi-
stenziale, che significa ‘esiste’. Per vedere come i quantificatori si possono
combinare con le variabili, si consideri il seguente enunciato:

(6) Tutto è materiale

La forma logica di (6), in accordo con la parafrasi presentata nella sezione


9.3, può essere rappresentata come segue:

(7) ∀xM x

Assumendo che M stia per ‘materiale’, (7) si legge cosı̀: per ogni x, x è
materiale. (7) è vera se e solo se ogni oggetto appartiene all’estensione di
M , cioè se e solo se, dato un oggetto qualsiasi, M x risulta vera se x designa
quell’oggetto.
Si consideri ora il seguente enunciato:

(8) Qualcosa è materiale

In accordo con la parafrasi presentata nella sezione 9.3, (8) può essere
formalizzato come segue:

(9) ∃xM x

In questo caso si dice che esiste almeno un x tale che x è materiale. (9)
è vera se e solo se qualche oggetto appartiene all’estensione di M , cioè se
e solo se esiste almeno un oggetto tale che M x risulta vera se x designa
quell’oggetto.
Dalle condizioni di verità attribuite a (7) e (9) risulta che (7) è vera se
e solo se la seguente formula è vera:

(10) ∼ ∃x ∼ M x
166

Infatti, ogni x è materiale se e solo se non si dà il caso che esista un x che
non è materiale. Analogamente, (9) è vera se e solo se la seguente formula
è vera:

(11) ∼ ∀x ∼ M x

Infatti, esiste un x che è materiale se e solo se non si dà il caso che, per
ogni x, x non sia materiale. In generale, tutto ciò che si esprime per mezzo
del quantificatore universale si può esprimere per mezzo del quantificatore
esistenziale e della negazione. Analogamente, tutto ciò che si esprime per
mezzo del quantificatore esistenziale si può esprimere per mezzo del quanti-
ficatore universale e della negazione. In un linguaggio in cui si dispone del
connettivo di negazione, dunque, uno dei due quantificatori è sufficiente per
rappresentare a livello formale qualsiasi enunciato quantificato. Non a caso,
Frege usava solo il quantificatore universale.

Esercizio 10.4.1 Formalizzare i seguenti enunciati:

(a) Niente è materiale

(b) Se tutto è materiale, niente è spirituale

(c) Se non tutto è materiale, qualcosa è spirituale

Esercizio 10.4.2 Formalizzare i seguenti enunciati:

(a) Otello uccise Desdemona

(b) Qualcuno uccise Desdemona

(c) Otello uccise qualcuno

(d) Qualcuno si uccise

10.5 Parentesi

Come in un linguaggio enunciativo, in un linguaggio predicativo le parentesi


servono a costruire formule in modo non ambiguo. Per vedere come possono
essere usate, si consideri il seguente enunciato:

(12) Tutti i filosofi sono saggi

In accordo con la parafrasi presentata nella sezione 9.3, (12) si formalizza


come segue:

(13) ∀x(F x ⊃ Sx)


167

Qui F sta per ‘filosofo’ e S sta per ‘saggio’. Le parentesi rendono chiaro che
il quantificatore universale si applica a F x ⊃ Sx, non a F x. Infatti, (12)
esprime un’asserzione che verte su tutte le cose ed è di natura condizionale,
come attesta la presenza del connettivo ⊃. Perché (12) sia vera occorre che,
qualunque sia l’oggetto considerato, se esso appartiene all’estensione di F ,
allora appartiene all’estensione di S. In sostanza, (12) è vera se e solo se
qualsiasi oggetto è tale che, se è un filosofo, allora è saggio.
Si consideri ora il seguente enunciato:

(14) Alcuni filosofi sono saggi

In questo caso si asserisce l’esistenza di almeno un oggetto che abbia al


contempo due proprietà, cioè quella di essere filosofo e quella di essere saggio.
In altri termini, dire che esiste almeno un oggetto di un certo tipo (un
filosofo) che ha una certa proprietà (essere saggio) equivale a dire che esiste
almeno un oggetto che appartiene tanto all’estensione di ‘filosofo’ quanto
all’estensione di ‘saggio’:

(15) ∃x(F x ∧ Sx)

La formula (15) è vera se e solo se esiste almeno un oggetto che cade sia
nell’estensione di F sia nell’estensione di S, cioè un oggetto che rende vera
F x ∧ Sx.
Si noti che, mentre in (13) il quantificatore ∀ è associato al connetti-
vo ⊃, in (15) il quantificatore ∃ è associato al connettivo ∧. In generale,
quando si formalizza un enunciato adottando il quantificatore universale si
usa il condizionale, mentre quando si formalizza un enunciato adottando il
quantificatore esistenziale si usa la congiunzione. Per evitare di confondersi,
basta capire che non avrebbe senso fare il contrario. Supponiamo infatti che
si voglia formalizzare (12) mediante la formula ∀x(F x ∧ Sx). In questo caso
si otterrebbe una rappresentazione chiaramente inadeguata delle condizioni
di verità di (12), dato che la formula è vera se e solo se F x ∧ Sx è vera di
ogni oggetto, dunque corrisponde all’asserzione che ogni oggetto è sia filo-
sofo sia saggio. Inversamente, supponiamo che si voglia formalizzare (14)
mediante la formula ∃x(F x ⊃ Sx). Anche in questo caso si otterrebbe una
rappresentazione chiaramente inadeguata delle condizioni di verità di (14),
dato che la formula è vera se e solo se F x ⊃ Sx è vera di qualche oggetto,
dunque sarebbe come dire che esiste almeno un oggetto che non è un filosofo
o è saggio. L’inadeguatezza delle due rappresentazioni considerate è eviden-
te se si pensa che la prima implica l’esistenza di filosofi, contrariamente a
quanto risulta da una corretta analisi di (12), mentre la seconda non implica
l’esistenza di filosofi, contrariamente a quanto risulta da una corretta analisi
di (14).

Esercizio 10.5.1 Formalizzare i seguenti enunciati:


168

(a) Nessun filosofo è ricco

(b) Alcuni filosofi non sono saggi

(c) Solo i filosofi sono saggi

10.6 Formalizzazione in un linguaggio predicativo

Fin qui sono stati considerati alcuni casi semplici di formalizzazione in un


linguaggio predicativo, per illustrare l’apparato simbolico introdotto nel-
le sezioni che precedono. Ora saranno trattati alcuni casi più complessi,
che permetteranno di apprezzare meglio le potenzialità espressive di questo
apparato simbolico.
Innanzitutto, occorre tenere presente che il simbolo di identità può essere
usato per rappresentare a livello formale espressioni numeriche di vario tipo.
Si consideri l’espressione ‘almeno n’. Il caso più semplice è quello in cui
facciamo un’asserzione usando questa espressione e n = 1, come per esempio:
(16) Almeno un oggetto è materiale
Per formalizzare (16) è sufficiente (9), il che mostra che (8) e (16) esprimono
lo stesso contenuto. Ora si consideri il seguente enunciato:
(17) Almeno due oggetti sono materiali
In questo caso, a differenza che nel primo, occorre usare il simbolo di identità.
Infatti, se si scrivesse semplicemente che esiste un x tale che x è materiale
ed esiste un y tale che y è materiale, si otterrebbe una formula che è vera
anche se esiste un solo oggetto materiale, dato che niente esclude che x e y
si riferiscano allo stesso oggetto. Per indicare che x e y sono distinti, si usa
appunto il simbolo di identità:
(18) ∃x∃y((M x ∧ M y) ∧ x 6= y)
Ora si consideri il seguente enunciato:
(19) Almeno tre oggetti sono materiali
Questo enunciato può essere formalizzato come segue:
(20) ∃x∃y∃z(((((M x ∧ M y) ∧ M z) ∧ x 6= y) ∧ x 6= z) ∧ y 6= z)
Più in generale, combinando quantificatori esistenziali e identità nel mo-
do illustrato si può formalizzare qualsiasi enunciato in cui si asserisca che
almeno n oggetti hanno una certa proprietà.
Come l’espressione ‘almeno n’, anche l’espressione ‘al massimo n’ richiede
l’uso del simbolo di identità. Si consideri il seguente enunciato:
(21) Al massimo un oggetto è materiale
169

Per rappresentare (21) si scrive quanto segue:

(22) ∀x∀y((M x ∧ M y) ⊃ x = y)

In altri termini, non esistono due oggetti distinti x e y che sono entrambi
materiali: dati un oggetto qualsiasi x e un oggetto qualsiasi y, se x è mate-
riale e y è materiale, allora x e y sono lo stesso oggetto. Si noti che la verità
di (22) è compatibile con l’ipotesi che non esistano oggetti materiali, il che
è plausibile dato il significato di (21).
Ora si consideri il seguente enunciato:

(23) Al massimo due oggetti sono materiali

In analogia con il caso precedente, (23) si formalizza come segue:

(24) ∀x∀y∀z(((M x ∧ M y) ∧ M z) ⊃ (z = x ∨ z = y))

In altri termini, non esistono tre oggetti distinti che siano tutti materiali:
dati tre oggetti qualsiasi x, y e z, se x, y e z sono materiali, allora z è
identico a x o a y. Di nuovo, si noti che (24) può essere vera anche se non
esistono oggetti materiali, o se ne esiste solo uno. Il seguente enunciato è
analogo:

(25) Al massimo tre oggetti sono materiali

In questo caso la formalizzazione è la seguente:

(26) ∀x∀y∀z∀v((((M x ∧ M y) ∧ M z) ∧ M v) ⊃ ((v = x ∨ v = y) ∨ v = z))

Più in generale, tutti gli enunciati in cui si asserisce che almeno n oggetti
hanno una certa proprietà si possono formalizzare combinando quantificatori
universali e identità nel modo illustrato.
Da quanto è stato detto a proposito delle espressioni ‘almeno n’ e ‘al
massimo n’ risulta che, combinando quantificatori esistenziali, quantificatori
universali e identità si possono formalizzare tutti gli enunciati in cui si usa
l’espressione ‘esattamente n’. Infatti, dire che esattamente n oggetti hanno
una certa proprietà significa dire che almeno n oggetti hanno quella proprietà
e al massimo n oggetti hanno quella proprietà. Si consideri il seguente
enunciato:

(27) Uno e un solo oggetto è materiale

In questo caso si intende dire che esattamente un oggetto è materiale, quindi


(27) può essere formalizzato come segue:

(28) ∃x(M x ∧ ∀y(M y ⊃ y = x))


170

Lo stesso vale per qualsiasi n > 1, secondo il metodo che è stato illustrato.
A proposito dell’espressione ‘esattamente n’, occorre notare che il caso
in cui n = 1 è rilevante per la formalizzazione degli enunciati che contengono
descrizioni definite, in accordo con l’analisi di Russell. Si consideri il seguente
enunciato:

(29) Il presidente della Repubblica è nato nel 1941

In base a quanto è stato detto nella sezione 9.6, (29) può essere parafrasato
come segue:

(30) Esiste un x tale che x è presidente della Repubblica, e nessun y diverso


da x è presidente della Repubblica, e x è nato nel 1941

Le prime due delle tre condizioni qui enunciate richiedono l’esistenza di esat-
tamente un presidente della Repubblica. In base alla prima, esiste almeno
un presidente della Repubblica. In base alla seconda, esiste al massimo un
presidente della Repubblica, vale a dire, per ogni y, se y è presidente della
Repubblica, allora y = x. Dunque (29) si può formalizzare come segue:

(31) ∃x(P x ∧ ∀y(P y ⊃ y = x) ∧ N x)

Qui P sta per ‘presidente della Repubblica’ e N sta per ‘nato nel 1941’.
Per concludere il discorso sulla formalizzazione, saranno considerati altri
due casi che meritano attenzione. Il primo è quello dell’ambiguità struttura-
le, trattato nella sezione 9.5. Come si è visto, il seguente enunciato si presta
a due letture diverse:

(32) Ogni marinaio ama una ragazza bruna

In un caso si intende dire che, per ogni x, se x è un marinaio, allora esiste


un y tale che y è una ragazza bruna e x ama y. Invece, nell’altro si intende
dire che esiste un x tale che x è una ragazza bruna e, per ogni y, se y è
un marinaio allora y ama x. Dunque (32) si presta a due formalizzazioni
diverse. Assumendo che M stia per ‘marinaio’, R stia per ‘ragazza bruna’
e A stia per ‘ama’, si possono rappresentare le due letture con le seguenti
formule:

(33) ∀x(M x ⊃ ∃y(Ry ∧ Axy))

(34) ∃x(Rx ∧ ∀y(M y ⊃ Ayx))

Come si può notare, la differenza tra (33) e (34) consiste nel fatto che, men-
tre in (33) ∃ occorre nell’ambito di ∀, in (34) ∀ occorre nell’ambito di ∃.
Per questo si parla di ambiguità di ambito per descrivere i casi come questo,
cioè i casi in cui l’ambiguità di un enunciato può essere elucidata mediante
due formalizzazioni che differiscono nella relazione di subordinazione tra due
connettivi. Si noti che la nozione di ambito qui adottata è quella definita
171

nella sezione 6.2 per un connettivo qualsiasi. Dunque, si può parlare di am-
biguità di ambito non solo per i quantificatori ma anche per altri connettivi.
Per esempio, il caso considerato all’inizio della sezione 5.3 può ugualmente
essere descritto come un caso di ambiguità di ambito.
Il secondo caso che merita attenzione è quello dell’esistenza. Una que-
stione che si deve affrontare quando si formalizza una lingua naturale in
un linguaggio predicativo è come trattare gli enunciati in cui si asserisce
l’esistenza di uno più oggetti. Da un lato, ∃ è il quantificatore esistenziale,
quindi è naturale aspettarsi che debba avere un qualche ruolo nella formaliz-
zazione di enunciati del genere. Dall’altro, ‘esiste’ è sintatticamente analogo
a ‘è rosso’, dunque potrebbe essere anche rappresentato mediante una let-
tera predicativa. La questione non è cosı̀ semplice, dato che tipi diversi di
enunciati possono essere trattati in modi diversi. Sicuramente, ci sono casi
in cui sarebbe del tutto fuori luogo usare un predicato di esistenza. Per
esempio, si consideri il seguente enunciato:

(37) I politici onesti esistono

In questo caso si usa la parola ‘esistono’. Tuttavia, con questa parola non si
vuole predicare l’esistenza di tutti i politici onesti, cioè non si vuole sostenere
che, per ogni x, se x è un politico onesto allora x esiste. Se cosı̀ fosse, infatti,
(37) sarebbe vero anche se non esistessero politici onesti. Non solo. Se non
esistessero politici onesti, (37) e il seguente enunciato sarebbero entrambi
veri:

(38) I politici onesti non esistono

Invece, sembra che (37) e (38) non possano essere entrambi veri. La forma-
lizzazione corretta di (37) è la seguente:

(39) ∃x(P x ∧ Ox)

Qui P sta per ‘politico’ e O sta per ‘onesto’, dunque non c’è nessuna lettera
predicativa che sta per ‘esiste’. Allo stesso modo, la formalizzazione corretta
di (38) è la seguente:

(40) ∼ ∃x(P x ∧ Ox)

Questi sono casi chiari in cui la formalizzazione corretta di un enunciato che


asserisce l’esistenza di qualcosa richiede il quantificatore esistenziale, non un
predicato di esistenza. Tuttavia, ci sono casi più controversi. Si considerino
i seguenti enunciati:

(41) L’abominevole uomo delle nevi non esiste

(42) Sherlock Holmes non esiste


172

(41) e (42) differiscono da (37) e (38) in quanto sembrano parlare di oggetti


singoli di cui si asserisce l’inesistenza. Nel caso di (41), ovviamente, la for-
malizzazione dipenderà dalla teoria delle descrizioni che si intende adottare.
Come si è visto, se si adotta la teoria di Russell, (41) può essere formalizzato
usando solo il quantificatore esistenziale (vedi esercizio 9.6.1):

(43) ∼ ∃x(Ax ∧ ∀y(Ay ⊃ y = x))

Qui A sta per ‘abominevole uomo delle nevi’. Nel caso di (42), invece, la
questione è più complessa. Da un lato, ‘Sherlock Holmes’ è un nome proprio,
non una descrizione definita, quindi sembrerebbe richiedere una costante
individuale. Tuttavia, se si formalizza (42) con la seguente formula, usando
s per ‘Sherlock Holmes’, si ottiene un risultato incorretto:

(44) ∼ ∃xx = s

Assumendo che s denoti un qualche oggetto, è vero che esiste un x che è


identico a quell’oggetto. Dunque (44) risulta falsa. Invece, c’è un senso
ovvio in cui (42) è vero: Sherlock Holmes, a differenza di Sergio Mattarella,
non è una persona in carne e ossa. Per superare questa difficoltà si possono
percorrere strade diverse. Una opzione è quella di sostenere che ci sono sensi
diversi di ‘esistere’. In particolare, c’è un senso più debole o più generale di
‘esistere’, in cui Sherlock Holmes esiste, e un senso più forte o più ristretto, in
cui Sherlock Holmes non esiste. Se si interpreta il quantificatore esistenziale
nel primo senso e si introduce una lettera predicativa E per il secondo, (42)
può essere formalizzato come segue:

(45) ∃x(x = a∧ ∼ Ex)

O più semplicemente come segue:

(46) ∼ Es

Un’altra opzione è quella di estendere la teoria delle descrizioni di Russell ai


nomi propri come ‘Sherlock Holmes’, o a tutti i nomi propri, sostenendo che
alcuni nomi propri, o tutti i nomi propri, sono in realtà descrizioni definite
camuffate. Se si adotta una tesi del genere, (42) può essere formalizzato
come (41). In ogni caso, qui non c’è spazio per ulteriori approfondimenti.
Quello che è importante capire è che il quantificatore esistenziale si presta a
interpretazioni diverse, dunque l’apparato simbolico della logica predicativa
è in larga misura neutrale rispetto alle discussioni filosofiche che ruotano
intorno all’esistenza1 .

Esercizio 10.6.1 Formalizzare gli enunciati considerati nell’esercizio 9.5.1.


1
Sainsbury [44], cap. 4, fornisce una trattazione più approfondita di alcune questioni
relative alla formalizzazione in un linguaggio predicativo.
173

Esercizio 10.6.2 Formalizzare gli enunciati considerati nell’esercizio 9.5.2.

Esercizio 10.6.3 Formalizzare le due letture degli enunciati (a) e (b) con-
siderate nell’esercizio 9.6.2.
174

Soluzioni

Esercizio 10.2.1

(a) Ado

(b) Aod

(A = ama, d = Desdemona, o = Otello)

Esercizio 10.3.1

No.

Esercizio 10.4.1

(a) ∼ ∃xM x
(M = materiale)

(b) ∀xM x ⊃∼ ∃xSx


(M = materiale, S = spirituale)

(c) ∼ ∀xM x ⊃ ∃xSx


(M = materiale, S = spirituale)

Esercizio 10.4.2

(a) U od
(U = uccise, o = Otello, d = Desdemona)

(b) ∃xU xd
(U = uccise, d = Desdemona)

(c) ∃xU ox
(U = uccise, o = Otello)

(d) ∃xU xx
(U = uccise)

Esercizio 10.5.1

(a) ∀x(F x ⊃∼ Rx)


(F = filosofo, R = ricco)

(b) ∃x(F x∧ ∼ Sx)


(F = filosofo, S = saggio)

(c) ∀x(Sx ⊃ F x)
(S = saggio, F = filosofo)

Esercizio 10.6.1
175

(a) ∀x((U x ∧ F x) ⊃ ∃y(Cyx ∧ Syx))


(U = uomo, F = felice, C = camicia di, S = sta bene a)

(b) ∃x(Cx ∧ ∀y(Gy ⊃ P yx))


(C = cane, G = gatto, P = piace a)

Esercizio 10.6.2
∀x∃yAxy
(a) ∃x∀yAyx
(A = ama)

∀x(M tx ⊃ (V x ∧ Cx))
(b) ∀x((M tx ∧ V x) ⊃ Cx)
(M = mangia, t = Tizio, V = vegetale, C = coltivato senza pesticidi)

∀x(Dtx ⊃ Cx)
(c) ∀x(Dtx ⊃ Ct)
(D = dare 100 euro a, t = Tizio, C = contento)
Esercizio 10.6.3

∃x(Rx ∧ ∀y(Ry ⊃ y = x)∧ ∼ Cx

∼ ∃x(Rx ∧ ∀y(Ry ⊃ y = x) ∧ Cx

(R = attuale re di Francia, C = calvo)


176
Capitolo 11

Il linguaggio Lp

11.1 Vocabolario e regole di formazione

Il capitolo 10 fornisce una presentazione sommaria dell’apparato simbolico


della logica predicativa, spiegando come può essere impiegato per formaliz-
zare un’ampia classe di enunciati. Ora si procederà in modo più rigoroso.
In questo capitolo sarà definito un linguaggio predicativo, Lp , e ne saranno
enunciate le proprietà sintattiche e semantiche fondamentali. Per rendere
tutto più semplice, si userà solo una parte dei simboli fin qui considerati.
Innanzitutto, Lp non contiene il simbolo =, che per il momento può essere
ignorato. In secondo luogo, Lp non contiene ∧ e ∨, dato che questi simboli
sono definibili in termini di ∼ e ⊃. In terzo luogo, Lp non contiene ∃, dato
che ogni asserzione esprimibile per mezzo di ∃ può essere espressa per mezzo
di ∀ e di ∼. Dunque, il vocabolario di Lp è il seguente:
P, Q, R...

a, b, c...

∼, ⊃

x, y, z...

(, )
Le lettere predicative e le costanti individuali sono le espressioni non logiche
di Lp . I connettivi ∼, ⊃, ∀ sono le costanti logiche di Lp . Anche le variabili
sono simboli logici in un certo senso, perché il loro significato non varia al
variare dell’interpretazione, almeno non nel modo in cui varia il significa-
to delle lettere predicative e delle costanti individuali. Le parentesi sono
simboli ausiliari che servono per evitare costruzioni ambigue. I puntini di
sospensione indicano che l’insieme delle lettere predicative è infinito, e lo
stesso vale per le costanti individuali e le variabili. Anche qui, come nel
caso delle lettere enunciative di Le , non bisogna pensare che il numero delle

177
178

lettere predicative, delle costanti individuali o delle variabili sia uguale al


numero delle lettere dell’alfabeto.
Le regole di formazione di Lp richiedono che si definisca innanzitutto
l’insieme dei termini di Lp come l’insieme che contiene le costanti individuali
e le variabili di Lp . Successivamente si definiscono le formule di Lp per via
induttiva:
Definizione 11.1.1

1 Se Π è una lettera predicativa a n posti e τ1 , ..., τn sono termini, Πτ1 , ..., τn


è una formula;

2 se α è una formula, ∼ α è una formula;

3 se α e β sono formule, (α ⊃ β) è una formula;

4 se α è una formula e v è una variabile, ∀vα è una formula.


La clausola 1 specifica le formule atomiche di Lp . Le clausole 2-4 indicano
le operazioni mediante le quali le altre formule di Lp sono costruite a partire
dalle formule atomiche. Come nel caso di Le , per semplificare la notazione si
ometteranno le parentesi esterne. Per esempio, invece di scrivere (∀xP x ⊃
(P y ⊃ P x)), si scriverà ∀xP x ⊃ (P y ⊃ P x).
Per descrivere in modo accurato le formule che contengono variabili e
quantificatori è opportuno introdurre alcuni termini che risulteranno utili in
seguito. Un’occorrenza di una variabile v è vincolata in una formula α quan-
do v è nell’ambito di un quantificatore seguito dalla stessa v. Un’occorrenza
di v è libera in α quando non è vincolata in α. Se tutte le occorrenze di v in
α sono vincolate, si dice che v è vincolata in α. Se invece alcune occorrenze
di v in α sono libere, si dice che v è libera in α. Per esempio, x è vincolata in
∀x ∼ P x, mentre è libera in ∀y ∼ P x. Una formula che contiene occorrenze
libere di variabili è aperta. Una formula che non è aperta è chiusa. Per
esempio, P x è una formula aperta, mentre ∀xP x è una formula chiusa.

Esercizio 11.1.1 Una formula atomica può contenere variabili vincolate?

Esercizio 11.1.2 Queste sono formule di Lp ?


(a) ∀x ∼ P x

(b) ∀x ∼ P y

(c) ∀x ∼ P a

11.2 Alberi di costruzione

Come nel caso di Le , anche nel caso di Lp è possibile rappresentare la “storia


sintattica” di una formula mediante un albero di costruzione che rappresenta
179

i diversi stadi attraverso i quali è generata a partire da formule atomiche.


Ecco un esempio molto semplice di albero:

Px‫ﬤ‬Qab

Px Qab

Qui la radice è la formula P x ⊃ Qab, che ha complessità 1, e le foglie sono P x


e Qab, due formule di complessità 0. In generale, a ogni formula può essere
associato il suo albero di costruzione, una struttura geometrica formata da
nodi e spigoli con le caratteristiche illustrate nella sezione 6.2. Ecco un altro
esempio di albero, che rappresenta la costruzione di ∼ (P x ⊃ Qab) ⊃ F y.

~(Px‫ﬤ‬Qab)‫ﬤ‬Fy

~(Px‫ﬤ‬Qab) Fy

Px‫ﬤ‬Qab

Px Qab

Qui la radice è la formula ∼ (P x ⊃ Qab) ⊃ F y, che ha complessità 3. Nella


prima divisione si passa a due formule, ∼ (P x ⊃ Qab) e F y, di cui una
ha complessità 2 e l’altra ha complessità 0. Dalla prima si passa a un’al-
tra formula di complessità 1, P x ⊃ Qab e da questa, mediante un’ulteriore
180

divisione, si arriva a due formule di complessità 0, P x e Qab. A ogni passag-


gio corrisponde una delle regole di formazione specificate nella definizione
11.1.1. Pertanto, ripercorrendo l’albero all’insù, cioè dalle foglie alla radice,
si vede la storia della costruzione della formula iniziale.

Esercizio 11.2.1 Quante foglie ha l’albero di costruzione di ∀x∀yAxy?

11.3 Nozioni semantiche di base

Un linguaggio predicativo è sintatticamente più articolato di un linguaggio


enunciativo. In un linguaggio enunciativo le formule atomiche sono lettere
enunciative, e le altre formule sono costruite a partire da queste per mezzo di
connettivi enunciativi. Un linguaggio predicativo, come si è visto, è dotato di
un apparato simbolico più ricco, che permette di rappresentare la struttura
interna degli enunciati semplici. Questo impone una maggiore complessità
a livello semantico.
La differenza tra i due tipi di linguaggio emerge con chiarezza quando si
tratta di specificare le condizioni alle quali una formula è vera in un’interpre-
tazione. Nel caso di un linguaggio enunciativo si definisce un’interpretazione
come un’assegnazione di valori di verità alle formule atomiche e si indica,
per ogni connettivo, il modo in cui il valore di verità di una formula che
lo contiene è determinato dai valori di verità delle formule più semplici che
figurano al suo interno. Nel caso di un linguaggio predicativo, invece, questo
non si può fare, perché non si può definire un’interpretazione come un’as-
segnazione di valori di verità alle formule atomiche. Infatti, non tutte le
formule atomiche sono unità sintattiche alle quali ha senso attribuire valori
di verità. Si consideri la seguente:

(1) ∀xM x

Questa è una formula chiusa alla quale ha senso assegnare un valore di verità.
Infatti, rappresenta un enunciato al quale ha senso attribuire verità o falsità:

(2) Tutto è materiale

Ma l’unica formula che figura come costituente di (1) è M x, una formula


aperta alla quale non ha senso assegnare un valore di verità (vedi sezione
10.4). Resta quindi da spiegare a quali condizioni (1) può essere detta vera
in un’interpretazione. Più in generale, il problema è quello di fornire una
definizione di verità in base alla quale le formule chiuse possano risultare
vere o false in un’interpretazione senza dover presupporre attribuzioni di
verità o di falsità alle formule aperte.
Alfred Tarski ha elaborato un metodo che permette di venire a capo
di questo problema. Le condizioni di verità di una formula chiusa possono
essere specificate in termini di una nozione semantica diversa da quella di
181

verità, la nozione di soddisfacimento, che è definita per tutte le formule.


L’idea di fondo è molto semplice. Si consideri la formula M x. Il motivo
per cui non ha senso attribuire verità o falsità a M x è che la variabile x,
a differenza di una costante individuale, non denota un oggetto specifico,
pertanto non ha senso chiedersi se l’oggetto denotato da x appartenga o no
all’estensione di M . Per tornare all’analogia tra variabili e pronomi, M x è
come ‘Esso è materiale’. Tuttavia, se si suppone che x denoti un qualche
oggetto, allora si può attribuire un valore di verità a M x relativamente a
quella supposizione. Cosı̀ come ‘Esso è materiale’ è vero relativamente alla
supposizione che ‘esso’ denoti il Colosseo, mentre è falso relativamente alla
supposizione che ‘esso’ denoti lo Spirito Santo (assumendo che esista), M x è
vera relativamente alla supposizione che x denoti un oggetto che appartiene
all’estensione di M , mentre è falsa relativamente alla supposizione che x
denoti un oggetto che non appartiene all’estensione di M . Il soddisfacimento
di una formula consiste nella sua verità data una possibile denotazione delle
variabili che contiene. In altri termini, dire che M x è soddisfatta quando si
assegna un certo oggetto a x significa dire che M x è vera relativamente alla
supposizione che x denoti quell’oggetto, cioè che quell’oggetto appartiene
all’estensione di M 1 .
Il metodo di Tarski permette di specificare le condizioni alle quali una
formula ∀vα è vera in un’interpretazione sulla base delle condizioni di soddi-
sfacimento della formula α che figura al suo interno. Pertanto, permette di
definire la verità di una formula in un’interpretazione superando le difficoltà
generate dall’apparato simbolico della quantificazione. Inoltre, la nozione di
soddisfacimento permette di definire la conseguenza logica tenendo conto del
fatto che non tutte le formule di un linguaggio predicativo sono suscettibili
di attribuzioni di verità o falsità. Nelle prossime sezioni sarà presentata una
semantica per Lp che si fonda su questo metodo.

11.4 Modello, assegnazione e soddisfacimento

Per interpretare Lp si specifica un dominio, cioè un insieme di oggetti che


costituisce l’universo di discorso, e una funzione di interpretazione, cioè una
funzione che, in base al dominio, assegna significati alle costanti individuali
e alle lettere predicative. Più precisamente, un’interpretazione di Lp è un
modello definito come segue:

Definizione 11.4.1 Un modello hD, Ii è una coppia ordinata formata da


un insieme non vuoto D e una funzione I tale che, per ogni costante indi-
viduale c, I(c) ∈ D, e per ogni lettera predicativa Π, I(Π) ⊆ Dn .

D è il dominio. Siccome non ci sono restrizioni su D, oltre alla condizione che


D 6= ∅, D può essere finito o infinito. Nel primo caso il modello è finito, nel
1
Tarski presenta il suo metodo in [48] e [49].
182

secondo è infinito. Analogamente, il modello è numerabile se D è numerabile,


non numerabile se D non è numerabile, contabile se D è contabile, non
contabile se D non è contabile. I è la funzione di interpretazione. I assegna
a ciascuna constante individuale un elemento di D, e a ciascuna lettera
predicativa a n posti una relazione n-aria su D, cioè un insieme di n-uple
di elementi di D. D’ora in poi si adotterà la seguente convenzione. Dato
un modello M, la lettera latina corrispondente M sarà usata per indicare
il dominio di M. In altri termini, se M = hD, Ii allora M = D. Le
parentesi quadre con pedice M, invece, saranno usate per indicare il risultato
dell’applicazione della funzione di interpretazione di M. Per esempio, se
M = hD, Ii e τ è un termine, allora [τ ]M = I(τ ).
Un modello assegna un significato alle lettere predicative e alle costanti
individuali, ma non alle variabili. Dato un modello M, una stessa variabile
può denotare oggetti diversi in M. Per rendere conto di questo fatto si
adotta la nozione di assegnazione:
Definizione 11.4.2 Dato un modello M, un’assegnazione σ è una funzione
tale che, per ogni variabile v, σ(v) ∈ M .
In altri termini, σ assegna a ciascuna variabile v un elemento di A. In questo
modo, il fatto che v può denotare oggetti diversi in M è espresso dicendo
che v ha valori diversi in assegnazioni diverse.
Siccome in un modello M un’assegnazione σ fornisce una denotazione al-
le variabili, si può definire la denotazione di un termine τ in M relativamente
a σ, in simboli [τ ]M,σ , come segue:
Definizione 11.4.3

1 Se τ è una costante individuale, [τ ]M,σ = [τ ]M ;

2 se τ è una variabile, [τ ]M,σ = σ(τ ).


Questa definizione fissa la denotazione dei termini in M relativamente a σ.
La clausola 1 dice che la denotazione assegnata alle costanti individuali in
M resta la stessa: le costanti individuali sono simboli la cui denotazione
non varia al variare delle assegnazioni. La clausola 2 dice semplicemente
che la denotazione di una variabile in M relativamente a σ è l’oggetto che
σ associa alla variabile.
Sulla base della definizione 11.4.3 si può definire induttivamente il sod-
disfacimento di una formula da parte di σ in M:
Definizione 11.4.4

1 σ soddisfa Πτ1 , ..., τn se e solo se h[τ1 ]M,σ , ..., [τn ]M,σ i ∈ [Π]M ;

2 σ soddisfa ∼ α se e solo se σ non soddisfa α;

3 σ soddisfa α ⊃ β se e solo se σ non soddisfa α o σ soddisfa β;


183

4 σ soddisfa ∀vα se e solo se ogni v-variante di σ soddisfa α.

La clausola 1 definisce il soddisfacimento di una formula atomica da parte di


σ in M. Le clausole 2 e 3 estendono la definizione alle formule contenenti ∼
e ⊃. La clausola 4 è quella cruciale. Per capirla occorre tenere presente che
σ assegna oggetti del dominio a tutte le variabili, mentre la sola variabile
pertinente nel caso di ∀vα è v. Quindi, ciò che conta ai fini del soddisfaci-
mento di ∀vα è che α risulti soddisfatta per qualsiasi valore di v. Questo
equivale a dire che α deve essere soddisfatta da qualsiasi assegnazione σ 0 che
differisce da σ al massimo per il valore di v, cioè tale che σ 0 (v 0 ) = σ(v) per
ogni v 0 6= v. Una v-variante di σ è appunto un’assegnazione che differisce
da σ al massimo per il valore di v.
Per afferrare meglio le nozioni di modello, assegnazione e soddisfacimento
è utile considerare un esempio. Sia M un modello in cui il dominio contiene
tre oggetti, il Colosseo, la Mole Antonelliana e lo Spirito Santo, e in cui
l’insieme assegnato alla lettera predicativa M , cioè [M ]M , contiene i primi
due di questi tre oggetti. Siano σ e σ 0 due assegnazioni che differiscono per
il fatto che σ assegna a x il Colosseo mentre σ 0 assegna a x lo Spirito Santo.
In M, σ soddisfa M x, perché il Colosseo appartiene a [M ]M , mentre σ 0
non soddisfa M x, perché lo Spirito Santo non appartiene a [M ]M . Nessuna
delle due assegnazioni, invece, soddisfa ∀xM x. Infatti, per ciascuna delle
due esiste una x-variante che non soddisfa M x.

Esercizio 11.4.1 Spiegare perché, in ogni modello, ogni assegnazione sod-


disfa P x ⊃ P x.

Esercizio 11.4.2 Descrivere un modello in cui ∀xM x è soddisfatta da tutte


le assegnazioni.

11.5 Verità

La verità in un modello di una formula chiusa può essere definita in termini


di soddisfacimento. Per capire bene come, occorre tenere presente un fatto
cruciale: in qualsiasi modello, la questione se un’assegnazione σ soddisfi o
non soddisfi una formula α dipende esclusivamente dai valori che σ assegna
alle variabili libere in α. In altri termini, se σ soddisfa (o non soddisfa) α,
allora qualsiasi assegnazione σ 0 che concordi con σ sui valori assegnati alle
variabili libere in α soddisfa (o non soddisfa) α:

Teorema 11.5.1 Dato un modello M, se σ e σ 0 sono tali che σ(v) = σ 0 (v)


per ogni variabile v libera in α, allora σ soddisfa α se e solo se σ 0 soddisfa
α.

Dimostrazione. Questo teorema si dimostra per induzione sulla complessità


di α. Nella base si considera il caso in cui α ha complessità 0. Nel passo si
184

assume come ipotesi di induzione che il condizionale enunciato nel teorema


valga per ogni formula di complessità minore o uguale a n, e si considera il
caso in cui α sia una formula di complessità n + 1.
Base. Assumiamo che α sia una formula atomica Πτ1 , ..., τn . Suppo-
niamo che σ(v) = σ 0 (v) per ogni variabile v libera in Πτ1 , ..., τn , cioè per
ogni variabile in Πτ1 , ..., τn . Per ogni i tale che 1 ≤ i ≤ n, o τi è una
costante individuale o è una variabile. Nel primo caso, [τi ]M,σ = [τi ]M,σ0 ,
perché il valore di τi è fissato in M indipendentemente dalle assegnazio-
ni. Nel secondo caso, [τi ]M,σ = [τi ]M,σ0 , perché per ipotesi σ e σ 0 as-
segnano gli stessi valori alle variabili in Πτ1 , ...Πτn . Dato che σ soddisfa
α se e solo se h[τ1 ]M,σ , ..., [τn ]M,σ i ∈ [Π]M e σ 0 soddisfa α se e solo se
h[τ1 ]M,σ0 , ..., [τn ]M,σ0 i ∈ [Π]M , σ soddisfa α se e solo se σ 0 soddisfa α.
Passo. Assumiamo che, per ogni formula di complessità minore o uguale
a n, se σ e σ 0 sono tali che σ(v) = σ 0 (v) per ogni variabile libera v, allora
la formula è soddisfatta da σ se e solo se è soddisfatta da σ 0 . Assumiamo
poi che α sia una formula di complessità n + 1 e che σ e σ 0 siano tali che
σ(v) = σ 0 (v) per ogni variabile v libera in α. I casi possibili sono tre.
Caso 1: α ha la forma ∼ β. Siccome β ha complessità n, per ipotesi di
induzione σ soddisfa β se e solo se σ 0 soddisfa β. Quindi, σ non soddisfa α
se e solo se σ 0 non soddisfa α. Questo significa che σ soddisfa α se e solo se
σ 0 soddisfa α.
Caso 2: α ha la forma β ⊃ γ. Siccome β e γ hanno al massimo comples-
sità n, per ipotesi di induzione σ soddisfa β se e solo se σ 0 soddisfa β, e σ
soddisfa γ se e solo se σ 0 soddisfa γ. Quindi, se σ non soddisfa β o soddisfa
γ, lo stesso vale per σ 0 , e viceversa. Questo significa che σ soddisfa α se e
solo se σ 0 soddisfa α.
Caso 3: α ha la forma ∀vβ. In questo caso β è una formula di complessità
n che contiene come variabili libere tutte quelle che sono libere in α con
l’aggiunta (al massimo) di v. Dato un oggetto qualsiasi o in M , sia σ∗
una v-variante di σ che assegna o a v. Sia σ∗0 una v-variante di σ 0 che
“corrisponde” a σ∗ in quanto associa o a v. σ∗ e σ∗0 concordano sui valori
delle variabili libere in β. Infatti, σ e σ 0 concordano sui valori delle variabili
libere in α, e l’unica variabile libera che β può avere in più di α è v, che
in entrambe denota o. Per ipotesi di induzione, si ottiene che σ∗ soddisfa
β se e solo se σ∗0 soddisfa β. In generale, una v-variante di σ soddisfa β se
e solo se la corrispondente v-variante di σ 0 soddisfa β, il che significa che
ogni v-variante di σ soddisfa β se e solo se ogni v-variante di σ 0 soddisfa β.
Quindi, σ soddisfa α se e solo se σ 0 soddisfa α.

Dal teorema 11.5.1 risulta che, in qualsiasi modello, una formula chiusa è
soddisfatta da tutte le assegnazioni o non è soddisfatta da nessuna. Suppo-
niamo infatti che un’assegnazione σ soddisfi una formula α ma che un’altra
185

assegnazione σ 0 non soddisfi α. Allora, in base al teorema 11.5.1 si ottie-


ne per contrapposizione che α contiene qualche variabile libera v tale che
σ(v) 6= σ 0 (v). Ma questo implica che α non è chiusa. Quindi, se α è chiusa,
non esistono due assegnazioni del genere. Con un ragionamento analogo si
può concludere che, se un’assegnazione qualsiasi non soddisfa una formula
chiusa α, allora nessuna delle altre soddisfa α.
Dato che, in qualsiasi modello, una formula chiusa è soddisfatta da tutte
le assegnazioni o non è soddisfatta da nessuna, la verità può essere definita in
termini di soddisfacimento da parte di tutte le assegnazioni. Analogamente,
la falsità può essere definita in termini di soddisfacimento da parte di nessuna
assegnazione. Usando la notazione [α]M per indicare il valore di verità di
una formula α in un modello M, le due definizioni possono essere enunciate
come segue:
Definizione 11.5.1 [α]M = 1 se e solo se ogni assegnazione in M soddisfa
α.

Definizione 11.5.2 [α]M = 0 se e solo se nessuna assegnazione in M


soddisfa α.

Da queste definizioni risulta che, per qualsiasi formula chiusa α e per qual-
siasi M, o [α]M = 1 o [α]M = 0. Per tornare all’esempio di prima, si
consideri la formula ∀xM x. Questa formula è falsa in un modello M in cui
il dominio contiene il Colosseo, la Mole Antonelliana e lo Spirito Santo, e
in cui [M ]M contiene i primi due oggetti. Infatti, per ogni assegnazione σ,
esiste una x-variante di σ che non soddisfa M x, quella che assegna a x lo
Spirito Santo. Invece, ∀xM x è vera in un modello M0 che differisce da M
per il solo fatto che il suo dominio non include lo Spirito Santo. Infatti, in
M0 si ottiene che, per ogni assegnazione σ, ogni x-variante di σ soddisfa
M x. In generale, ∀xM x è vera o falsa in un modello qualsiasi, perché è
soddisfatta da tutte le assegnazioni o non è soddisfatta da nessuna.
Si noti che, in base alle definizioni 11.5.1 e 11.5.2, anche una formula
aperta può essere vera (o falsa) in un modello. Per esempio, se si assegna
a M l’intero dominio, M x è soddisfatta da tutte le assegnazioni, mentre
∼ M x non è soddisfatta da nessuna. Come risulta dalla sezione 11.3, l’at-
tribuzione di verità o falsità alle formule aperte non ha un vero e proprio
corrispettivo a livello informale. Tuttavia, la verità o falsità di una formula
aperta può essere spiegata in termini della verità o falsità della sua “chiu-
sura”, cioè di una formula chiusa ottenuta vincolando le variabili libere che
contiene. Infatti, data una formula α che contiene una variabile libera v, α
è soddisfatta da tutte le assegnazioni in M se e solo se ∀vα è soddisfatta da
tutte le assegnazioni in M. Il caso della falsità è analogo.

Esercizio 11.5.1 Spiegare perché α è soddisfatta da tutte le assegnazioni


in M se e solo se ∀vα è soddisfatta da tutte le assegnazioni in M.
186

Esercizio 11.5.2 Spiegare perché ∀x(P x ⊃ P x) è vera in ogni modello.

11.6 Conseguenza logica

Come la verità, anche la conseguenza logica può essere definita in termini


di soddisfacimento, ottenendo cosı̀ una nozione semantica analoga a quella
che vale per Le :

Definizione 11.6.1 Γ |=p α se e solo se, in ogni modello, ogni assegnazione


che soddisfa tutte le formule in Γ soddisfa α.

La relazione cosı̀ definita non è esattamente una controparte formale della


relazione di implicazione. Infatti, ha senso parlare di implicazione solo in
riferimento a enunciati suscettibili di attribuzioni di verità o falsità, mentre
la definizione 11.6.1 contempla la possibilità che Γ o α contengano formule
aperte. Una controparte formale della relazione di implicazione si ottiene
piuttosto restringendo la relazione cosı̀ definita ai casi in cui Γ è un insieme
di formule chiuse e α è una formula chiusa. In questi casi la definizione 11.6.1
dà il risultato che è naturale aspettarsi, cioè che Γ |=p α se e solo se non esiste
un modello in cui tutte le formule in Γ sono vere e α è falsa. Pertanto, la
definizione 11.6.1 fornisce una caratterizzazione di un insieme di forme valide
esprimibili in Lp . Si consideri per esempio la forma ∀x(P x ⊃ Qx), P a; Qa,
che è esemplificata dal seguente argomento:

(3) Tutti i filosofi sono saggi


(4) Socrate è un filosofo
(5) Socrate è saggio

La validità di questa forma consiste nel fatto che ∀x(P x ⊃ Qx), P a |=p Qa.
Supponiamo infatti che σ soddisfi ∀x(P x ⊃ Qx) e P a. Sia σ 0 una x-variante
di σ che assegna a x la denotazione di a. Dato che σ soddisfa ∀x(P x ⊃ Qx),
σ 0 soddisfa P x ⊃ Qx. Dato che σ (come ogni assegnazione) soddisfa P a, σ 0
soddisfa P x. Ne risulta che σ 0 soddisfa Qx. Ma se σ 0 soddisfa Qx allora σ
(come ogni assegnazione) soddisfa Qa.
Quando una formula α è vera in tutti i modelli, si dice che α è valida,
e si scrive |=p α. Come è facile constatare, |=p α se e solo se Γ |=p α per
qualsiasi Γ. Inoltre, Γ |=p α per qualsiasi Γ se e solo se ∅ |=p α. Dunque,
dire che |=p α equivale a dire che ∅ |=p α. Anche qui, gli unici casi che
interessano ai fini della formalizzazione di una lingua naturale sono i casi in
cui α è chiusa. In questi casi α rappresenta una verità logica. Si è visto che
le verità logiche esprimibili in Le , le tautologie, sono enunciati veri in virtù
del significato dei connettivi vero-funzionali che contengono. Anche in Lp
valgono le tautologie, nel senso che per qualsiasi schema tautologico, ogni
formula di Lp che lo esemplifica è valida. Per esempio, α ⊃ α è uno schema
tautologico, quindi le formule di Lp che lo esemplificano sono valide. Non
187

tutte le verità logiche esprimibili in Lp , però, sono tautologie. Alcune formu-


le di Lp sono valide ma non esemplificano nessuno schema tautologico. Per
esempio, ∀x(P x ⊃ P x) è valida (vedi esercizio 11.5.2), ma non esemplifica
nessuno schema tautologico. Infatti, le risorse espressive di Le non permet-
tono di spiegare perché il seguente enunciato è vero indipendenemente dal
modo in cui stanno le cose:

(6) Se qualcosa è rosso, allora è rosso

In generale, tutte le verità logiche esprimibili in Le sono esprimibili in Lp ,


mentre non vale l’inverso, cioè non tutte le verità logiche esprimibili in Lp
sono esprimibili in Le .
La conseguenza logica in Lp , come la conseguenza logica in Le , ha pro-
prietà analoghe a quelle dell’implicazione. Basta riflettere un po’ per render-
si conto che si possono dimostrare teoremi analoghi ai teoremi 6.5.1-6.5.7,
riformulando le dimostrazioni di quei teoremi in termini soddisfacimento. In
particolare, occorre sostituire la nozione di coerenza semantica con quella di
soddisfacibilità:

Definizione 11.6.2 Un insieme di formule Γ è soddisfacibile se e solo se


esiste un modello in cui qualche assegnazione soddisfa tutte le formule in Γ.

Se si tiene fermo il significato di ‘semanticamente coerente’ introdotto nella


sezione 6.5, si può dire che questa espressione si applica a un insieme soddi-
sfacibile di formule di Lp quando tutte le formule dell’insieme siano chiuse.
Infatti, dalla definizione 11.6.2 risulta che in tal caso l’insieme è soddisfaci-
bile se e solo se esiste un modello in cui tutte le formule che contiene sono
vere.
Si noti che qualcosa di simile vale per i termini ‘equivalenza’ e ‘con-
traddizione’. Infatti, si possono definire in termini di soddisfacimento due
relazioni analoghe a quelle di equivalenza e di contraddizione definite nella
sezione 6.7. Una sussiste tra due formule α e β quando, in ogni modello
e per ogni assegnazione, α e β sono entrambe soddisfatte o entrambe non
soddisfatte. L’altra sussiste tra due formule α e β quando, in ogni modello
e per ogni assegnazione, una e solo una delle due è soddisfatta. In questo
modo si ottiene che, nel caso in cui due formule siano chiuse, i termini ‘equi-
valenza’ e ‘contraddizione’ si applicano esattamente nel senso definito nella
sezione 6.7.

Esercizio 11.6.1 Dimostrare che vale quanto segue:

(a) ∀xP x |=p P a

(b) ∀x∀yRxy |=p ∀xRxx

Esercizio 11.6.2 Dimostrare che vale quanto segue:


188

(a) |=p ∀xP x ⊃ P a

(b) |=p ∀x∀yRxy ⊃ ∀xRxx

Esercizio 11.6.3 Dimostrare che vale quanto segue:

∃x∀yRxy |=p ∀x∃yRyx

11.7 Controllo della validità di un argomento

Per concludere il discorso su Lp occorre menzionare una questione impor-


tante che emerge dal confronto tra Lp ed Le , la questione dei metodi di
controllo della validità di uno schema argomentativo. Come si è visto nella
sezione 6.6, nel caso di Le è possibile controllare la validità di uno schema
argomentativo usando il metodo delle tavole di verità. Per ogni schema ar-
gomentativo esprimibile in Le , si può calcolare in un numero finito di passi
il valore di verità delle formule che lo costituiscono per ogni assegnazione
di valori di verità alle lettere enunciative che include. Poiché il numero del-
le assegnazioni di cui dover tener conto è a sua volta finito, la procedura
di controllo è sempre effettivamente eseguibile: dato un qualunque sche-
ma argomentativo Γ; α, in un numero finito di passi si arriva sempre a una
risposta, positiva o negativa, alla domanda se Γ |=e α.
Nel caso di Lp , invece, non esiste un metodo analogo. La varietà dei
modelli di Lp , determinata dalle infinite combinazioni possibili di domini e
funzioni di interpretazione, non consente di passare in rassegna tutti questi
modelli mediante una procedura finita. La differenza tra Le e Lp può essere
espressa in altri termini come segue. Nel caso di Le esiste una procedura
meccanica per trovare controesempi, cioè un metodo che, per qualsiasi sche-
ma argomentativo Γ; α, è in grado di stabilire in un numero finito di passi
se esiste un modello in cui tutte le formule in Γ sono vere e α è falsa. Nel
caso di Lp , invece, non esiste una procedura del genere. Senza dubbio, in
certi casi si può dimostrare che non esistono controesempi a uno schema
dato (come negli esercizi 11.6.1-3), cosı̀ come in certi casi si può dimostrare
che esistono controesempi a uno schema dato. Ma non c’è un metodo che
garantisca in tutti i casi di trovare controesempi in un numero finito di passi.
Si noti, dire che non esiste una procedura meccanica che permetta di
stabilire, per qualsiasi schema argomentativo Γ; α, se Γ |=p α non significa
dire che non esiste un metodo che permetta di stabilire, per qualsiasi schema
argomentativo valido Γ; α, che Γ |=p α. Di fatto esistono metodi del secondo
tipo. Ma quando si applica uno di questi metodi a uno schema argomentativo
senza sapere se è valido, e dopo un numero considerevole di passi non si arriva
a una dimostrazione della sua validità, non si può sapere se non si è arrivati
189

perché lo schema non è valido oppure non si è arrivati perché il metodo non
ha ancora mostrato che è valido2 .
L’esistenza di una procedura meccanica che permetta di stabilire, per
qualsiasi schema argomentativo, se lo schema è valido, equivale alla possi-
bilità che una macchina programmata per emettere risposte affermative o
negative quando riceve schemi argomentativi sia in grado di soddisfare le
seguenti condizioni:
(a) emette una risposta affermativa solo se riceve uno schema valido;

(b) emette una risposta negativa solo se riceve uno schema invalido;

(c) emette una risposta affermativa ogni volta che riceve uno schema valido;

(d) emette una risposta negativa ogni volta che riceve uno schema invalido.
Dunque, il limite dei metodi per calcolare la validità di uno schema argo-
mentativo esprimibile in un linguaggio predicativo consiste nel fatto che,
pur essendo possibile che una macchina opportunamente programmata sod-
disfi le condizioni (a)-(c), non è possibile che una macchina opportunamente
programmata soddisfi le condizioni (a)-(d): per qualche schema invalido, la
macchina potrebbe girare all’infinito senza mai emettere una risposta. Come
è stato dimostrato da Alan Turing e da Alonzo Church, qualsiasi linguaggio
predicativo è indecidibile, nel senso che non ammette una procedura mecca-
nica del tipo considerato3 .

Esercizio 11.7.1 Dimostrare mediante un controesempio che vale quanto


segue:
6|=p P a ⊃ ∀xP x
Esercizio 11.7.2 Dimostrare mediante un controesempio che vale quanto
segue:
∀x∃yRxy 6|=p ∃y∀xRxy
Esercizio 11.7.3 Uno degli esempi considerati nella sezione 9.5 è il seguente:
(a) Ogni cosa ha una causa

(b) C’è una causa di tutte le cose


Come si è visto, nell’interpretazione più plausibile di (a), (b) è più forte di
(a), nel senso che implica (a) senza esserne implicato. Come si può spiegare
questo fatto a livello formale?
2
Un metodo del genere è quello degli “alberi di refutazione” illustrato in Frascolla [15],
pp. 208-226.
3
Turing e Church hanno dimostrato questo risultato indipendentemente l’uno dall’altro,
in Turing [50] e in Church [4].
190

Soluzioni

Esercizio 11.1.1
No.
Esercizio 11.1.2
(a) Si.
(b) Si.
(c) Si.
Si noti che, in base alla clausola 4 della definzione 11.1.1, ∀vα è una formula
per qualsiasi α, dunque l’ambito del quantificatore può non contenere
altre occorrenze di v oltre a quella che si trova immediatamente alla
sua destra.
Esercizio 11.2.1
1.
Esercizio 11.4.1
Per la clausola 3 della definizione 11.4.4, un’assegnazione soddisfa P x ⊃ P x
sia se soddisfa P x sia se non soddisfa P x.
Esercizio 11.5.1
Supponiamo che α sia soddisfatta da tutte le assegnazioni in M. Allora per
qualsiasi σ, α è soddisfatta da tutte le v-varianti di σ. Di conseguenza,
∀vα è soddisfatta da σ. Il caso del condizionale inverso è analogo.
Esercizio 11.5.2
Dagli esercizi 11.4.1 e 11.5.1 risulta che ∀x(P x ⊃ P x) è soddisfatta da ogni
assegnazione in ogni modello.
Esercizio 11.6.1
(a) Assumiamo che, in un modello M, un’assegnazione σ soddisfi ∀xP x.
Allora, ogni x-variante di σ soddisfa P x, dunque anche la x-variante
di σ che assegna [a]M a x. Ne consegue che [a]M ∈ [P ]A . Dunque, σ
soddisfa P a.
(b) Assumiamo che, in un modello M, un’assegnazione σ non soddisfi
∀xRxx. Allora esiste una x-variante di σ che non soddisfa Rxx. Se
chiamiamo o l’oggetto denotato da x in quest’ultima, questo significa
che ho, oi non appartiene a [R]M . Ma allora non si dà il caso che ogni
x-variante di σ soddisfi ∀yRxy. Perché della x-variante di σ che asse-
gna o a x non si può dire che ogni sua y-variante soddisfa Rxy. Infatti,
esiste una sua y-variante che assegna o a y. Dunque, se ∀xRxx non è
soddisfatto da σ, lo stesso vale per ∀x∀yRxy.
191

Esercizio 11.6.2

(a) La soluzione è simile a quella dell’esercizio 11.6.1 (a).

(b) La soluzione è simile a quella dell’esercizio 11.6.1 (b).

Esercizio 11.6.3

Assumiamo che, in un modello M, un’assegnazione σ soddisfi ∃x∀yRxy.


Allora esiste una x-variante σ 0 di σ che soddisfa ∀yRxy, cioè tale che
ogni sua y-variante soddisfa Rxy. Questo significa che c’è un oggetto o
- cioè σ 0 (x) - tale che, per ogni oggetto o0 , ho, o0 i ∈ [R]M . Ne consegue
che ogni assegnazione soddisfa ∃yRyx, perché ogni assegnazione ha una
y-variante che soddisfa Ryx, cioè quella in cui y denota o. Pertanto,
ogni x-variante di σ soddisfa ∃yRyx, il che significa che σ soddisfa
∀x∃yRyx.

Esercizio 11.7.3

Dato che (a) e (b) possono essere formalizzati come ∀x∃yRyx e ∃x∀yRxy,
dove R sta per ‘è causa di’, il fatto che (b) è più forte di (a) può
essere spiegato dicendo che ∀x∃yRyx è conseguenza logica di ∃x∀yRxy
(vedi esercizio 11.6.3), mentre ∃x∀yRxy non è conseguenza logica di
∀x∃yRyx (vedi esercizio 11.7.2).
192
Capitolo 12

Il sistema Sp

12.1 Assiomi e regole di inferenza

Questo capitolo presenta un sistema assiomatico in Lp chiamato Sp . L’ap-


parato deduttivo di Sp è simile a quello di Se∗ (vedi sezione 8.3), in quanto
è costituito da un insieme di assiomi e da una sola regola di inferenza, MP.
Gli assiomi di Sp sono divisi in due gruppi. Il primo include tutte le formule
di Lp che esemplificano A1-A3. Il secondo include tutte le formule di Lp che
esemplificano i seguenti schemi, che vertono sulla quantificazione:

A4 ∀vα ⊃ α(τ /v), se τ è sostituibile a v in α.

A5 α ⊃ ∀vα, se v non è libera in α.

A6 ∀v(α ⊃ β) ⊃ (∀vα ⊃ ∀vβ)

A7 ∀vα, se α è un assioma.

A4 richiede qualche chiarimento. Data una formula α, un termine τ e una


variabile v, α(τ /x) è la formula che si ottiene sostituendo τ a v in α per tutte
le occorrenze libere di v, qualora ce ne siano. I casi in cui τ è sostituibile a
v in α sono definiti per induzione come segue.

Definizione 12.1.1

1 Se α è una formula atomica, τ è sostituibile a v in α;

2 τ è sostituibile a v in ∼ α se e solo se è sostituibile a v in α;

3 τ è sostituibile a v in α ⊃ β se e solo se è sostituibile a v in α e in β;

4 τ è sostituibile a v in ∀v 0 α se e solo se, se v è libera in ∀v 0 α, allora τ è


sostituibile a v in α e τ 6= v 0 .

La clausola 1 contempla l’eventualità che α non contenga v, nel qual caso


α(τ /v) = α. Lo stesso si può dire delle clausole 2 e 3. Nella clausola 4, il caso
in cui ∀v 0 α non contiene v è uno dei due casi in cui non vale l’antecedente

193
194

del lato destro. L’altro è quello in cui v è vincolata in ∀v 0 α. In entrambi


i casi, ∀v 0 α(τ /v) = ∀v 0 α. Nei casi in cui vale l’antecedente del lato destro,
invece, la condizione che τ 6= v ha lo scopo di evitare che, sostituendo τ a v,
si vincoli v 0 per effetto del quantificatore.
Nella sezione 8.3, dal confronto tra S0e e Se∗ è emerso che un sistema
assiomatico differisce da un sistema di deduzione naturale in un aspetto im-
portante: nel primo è decisamente più difficile che nel secondo trovare una
dimostrazione per un sequente dato. Quindi, è naturale chiedersi perché non
si adotti un sistema di deduzione naturale per Lp . Il motivo è che, al fine
di esporre le nozioni teoriche che costituiscono l’oggetto dei prossimi capi-
toli, un sistema assiomatico è migliore di un sistema di deduzione naturale,
poiché qualsiasi teorema che verte sul sistema risulta dimostrabile in modo
più breve e lineare. Quello che ci interessa ora è illustrare alcune proprietà
semantiche e sintattiche della logica predicativa, non derivare formule da
altre formule1 .

Esercizio 12.1.1 Per spiegare la notazione α(τ /v) che compare in A4 si è


detto che α(τ /v) è la formula che si ottiene sotituendo τ a v in α per tutte le
occorrenze libere di v, qualora ce ne siano. Fornire una definizione induttiva
che possa essere usata al posto di questa spiegazione.

Esercizio 12.1.2 Spiegare perché MP preserva il soddisfacimento: se un’as-


segnazione qualsiasi soddisfa α ⊃ β e α, allora soddisfa β.

12.2 Derivabilità

L’apparato deduttivo di Sp permette di fornire una definizione di derivazione


analoga a quella che si adotta nel caso di Se∗ :

Definizione 12.2.1 Una derivazione di α da Γ è una sequenza finita di for-


mule che termina con α ciascuna delle quali esemplifica A1-A7 o è ricavata
per mezzo di MP da formule che la precedono o appartiene a Γ.

La derivabilità in Sp è definita quindi come segue:

Definizione 12.2.2 Γ `p α se e solo se esiste una derivazione di α da Γ.

Si noti che la relazione di derivabilità cosı̀ intesa vale per qualsiasi insieme
di formule Γ e per qualsiasi formula α, dato che la definizione 12.2.1 non
è ristretta alle formule chiuse. La derivabilità in Sp , come la conseguenza
logica, è definita per tutte le formule, anche se gli unici casi che interessano
ai fini della formalizzazione di una lingua naturale sono quelli in cui Γ è un
insieme di formule chiuse e α è una formula chiusa.
1
In questo capitolo e nei capitoli 13-15, seguiremo l’impostazione di Hunter [27].
195

Una dimostrazione in Sp può essere definita come una derivazione di α


da Γ tale che Γ = ∅. In altri termini, una dimostrazione di α è una sequenza
finita di formule che termina con α ciascuna delle quali esemplifica A1-A7 o
è ricavata per mezzo di MP da formule che la precedono. Come nel caso di
Se∗ , una formula dimostrabile è un teorema.
La definizione 12.2.2 si fonda sull’idea che se una formula chiusa α è
derivabile da un insieme di formule chiuse Γ, c’è un insieme di argomenti
validi che hanno in comune la forma Γ; α. Per esempio, ∀x(P x ⊃ Qx), P a `p
Qa. Infatti,

(1) ∀x(P x ⊃ Qx) A


(2) Pa A
(3) ∀x(P x ⊃ Qx) ⊃ (P a ⊃ Qa) A4
(4) P a ⊃ Qa MP 1,3
(5) Qa MP 2,4

Questo rende conto della validità dell’argomento riportato nella sezione 11.6.
In generale, la derivabilità in Sp , come la conseguenza logica, fornisce una
caratterizzazione di un insieme di argomenti validi che hanno una forma
esprimibile in Lp .
Il caso della dimostrabilità è analogo. Se α è una formula chiusa e `p α,
c’è un insieme di enunciati veri che hanno in comune la forma α. Un esempio
di teorema di Sp è ∀x(P x ⊃ P x), che rappresenta una verità logica, come si
è visto nella sezione 11.6. Per rendersene conto è sufficiente riconoscere che
vale quanto segue:

Teorema 12.2.1 Se `p α allora `p ∀vα.

Dimostrazione. Questo teorema si dimostra per induzione sulla lunghezza


della dimostrazione di α.
Base. Assumiamo che esista una dimostrazione di α di lunghezza 1. In
questo caso α è un assioma, quindi per A7 anche ∀vα è un assioma. Ne
risulta che `p ∀vα.
Passo. Assumiamo come ipotesi di induzione che, per ogni numero mino-
re o uguale a n, se esiste una dimostrazione di α di tale lunghezza, allora esi-
ste una dimostrazione di ∀vα. Supponiamo ora che esista una dimostrazione
di α di lunghezza n + 1. I casi possibili sono due.
Caso 1: α è un assioma. Dunque `p ∀vα, come risulta dalla base.
Caso 2: α è ottenuta per MP da due formule β e β ⊃ α che la precedono.
Siccome β e β ⊃ α sono teoremi la cui dimostrazione deve avere lunghez-
za minore o uguale a n, per ipotesi di induzione si ottiene che `p ∀vβ e
`p ∀v(β ⊃ α). Da A6 risulta pure che `p ∀v(β ⊃ α) ⊃ (∀vβ ⊃ ∀vα).
Applicando due volte MP, si ottiene quindi che `p ∀vα.


196

Ora risulta chiaro che `p ∀x(P x ⊃ P x). Infatti, basta mettere insieme il
teorema 12.2.1 e il fatto che `p P x ⊃ P x, come risulta dalla sezione 8.3. In
generale, l’insieme delle formule chiuse che sono teoremi di Sp fornisce una
caratterizzazione di un insieme di verità logiche esprimibili in Lp .

Esercizio 12.2.1 Spiegare perchè valgono i seguenti teoremi:

Teorema 12.2.2 α `p α

Teorema 12.2.3 Se Γ `p α, allora Γ ∪ ∆ `p α.

Teorema 12.2.4 Se Γ `p α e Γ `p α ⊃ β, allora Γ `p β.

Teorema 12.2.5 Se `p α allora Γ `p α per qualsiasi Γ.

Teorema 12.2.6 Γ `p α se e solo se c’è un sottoinsieme finito ∆ di Γ tale


che ∆ `p α.

12.3 Teorema di deduzione e altri risultati sintattici

Sp ha in comune con Se∗ le proprietà espresse dai teoremi dimostrati nelle


sezioni 8.4 e 8.5. Innanzitutto, il teorema di deduzione vale per Sp :

Teorema 12.3.1 Se Γ ∪ {α} `p β, allora Γ `p α ⊃ β.

Dimostrazione. Come quella del teorema 8.4.1.

Dato che il teorema di deduzione vale per Sp , si possono dimostrare teo-


remi su Sp analoghi a quelli dimostrati nelle sezioni 8.4 e 8.5. In particolare,
si può dimostrare quanto segue.

Teorema 12.3.2 α ⊃ β, β ⊃ γ `p α ⊃ γ

Dimostrazione. Come quella del teorema 8.4.2.

Teorema 12.3.3 `p ∼ α ⊃ (α ⊃ β)

Dimostrazione. Come quella del teorema 8.4.3.

Teorema 12.3.4 α, ∼ α `p β

Dimostrazione. Come quella del teorema 8.5.1.


197

Teorema 12.3.5 `p ∼∼ α ⊃ α

Dimostrazione. Come quella del teorema 8.5.2.

Teorema 12.3.6 `p α ⊃∼∼ α

Dimostrazione. Come quella del teorema 8.5.3.

Teorema 12.3.7 `p (α ⊃ β) ⊃ (∼ β ⊃∼ α)

Dimostrazione. Come quella del teorema 8.5.6.

Teorema 12.3.8 `p α ⊃ (∼ β ⊃∼ (α ⊃ β))

Dimostrazione. Come quella del teorema 8.5.8.

Teorema 12.3.9 `p (α ⊃ β) ⊃ ((α ⊃∼ β) ⊃∼ α)

Dimostrazione. Come quella del teorema 8.5.12.

Teorema 12.3.10 `p (∼ α ⊃ β) ⊃ ((∼ α ⊃∼ β) ⊃ α)

Dimostrazione. Come quella del teorema 8.5.13.

Esercizio 12.3.1 Si può dimostrare l’inverso del teorema di deduzione, cioè


che se Γ `p α ⊃ β, allora Γ ∪ {α} `p β?

Esercizio 12.3.2 Dimostrare che, se Γ ∪ {α} `p β e Γ ∪ {α} `p ∼ β, allora


Γ `p ∼ α.
198

12.4 Definizioni sintattiche di coerenza

Come risulta dalla sezione 7.7, la coerenza può essere definita in termini di
derivabilità: un insieme di formule è sintatticamente coerente quando non
permette di derivare una contraddizione. Dunque, la coerenza di un insieme
di formule di Lp può essere definita come segue:

Definizione 12.4.1 Un insieme di formule Γ è sintatticamente coerente se


e solo se non c’è nessuna formula α tale che Γ `p α e Γ `p ∼ α.

La coerenza cosı̀ intesa è una nozione sintattica analoga alla nozione seman-
tica di soddisfacibilità.
Una definizione simile di coerenza può essere adottata anche in riferi-
mento a un sistema, oltre che a un insieme di formule del suo linguaggio: un
sistema è coerente quando non permette di dimostrare una contraddizione.
Nel caso di Sp , questo significa quanto segue:

Definizione 12.4.2 Sp è coerente se e solo se non c’è nessuna formula α


tale che `p α e `p ∼ α.

A volte si usa il termine ‘coerente’ per qualificare un sistema in cui non


tutte le formule sono teoremi. Questo modo di intendere il termine potrebbe
sembrare diverso da quello che risulta dalla definizione 12.4.2. Ma in realtà
le due condizioni sono equivalenti per qualsiasi sistema S che soddisfi due
requisiti minimi. Uno è che il linguaggio di S contenga ∼. L’altro è che in
S qualsiasi formula sia derivabile da {α, ∼ α}. Per il primo requisito vale
quanto segue: se S è coerente, allora qualche formula non è teorema di S.
Supponiamo infatti che S sia coerente. Allora, data qualsiasi α, α e ∼ α non
sono entrambe dimostrabili in S, quindi almeno una delle due non è teorema
di S. Per il secondo requisito vale il condizionale inverso: se qualche formula
non è teorema di S, allora S è coerente. Supponiamo infatti che S non sia
coerente. Allora, per qualche α, α e ∼ α sono teoremi di S. Ma {α, ∼ α}
permette di derivare qualsiasi formula, pertanto qualsiasi formula è teorema
di S. Dunque, un sistema S che soddisfi entrambi i requisiti è coerente se e
solo se qualche formula non è teorema di S.

Esercizio 12.4.1 Dimostrare che, se Γ `p ∼ α, allora Γ ∪ {α} è sintattica-


mente incoerente.

Esercizio 12.4.2 Dimostrare quanto segue:

(a) Se Γ ∪ {α} è sintatticamente incoerente, allora Γ `p ∼ α.

(b) Se Γ ∪ {∼ α} è sintatticamente incoerente, allora Γ `p α.

Esercizio 12.4.3 Spiegare perché Sp è coerente se e solo se qualche formula


non è teorema di Sp .
199

Esercizio 12.4.4 Spiegare perché, per qualsiasi α, se Γ è sintatticamente


incoerente allora Γ `p α.

12.5 Teorema di coerenza

Ora si dimostrerà che Sp è coerente. Per ottenere questo risultato si dimo-


strerà prima che tutti i teoremi di Sp sono validi.
Teorema 12.5.1 Se α esemplifica A1, allora |=p α.
Dimostrazione. Questo teorema vale perché A1 è uno schema tautologico.
Per ogni modello e ogni assegnazione, quattro casi sono possibili: o α e β
sono entrambe soddisfatte, o solo α è soddisfatta, o solo β è soddisfatta,
o nessuna delle due è soddisfatta. In ciascuno di questi casi α ⊃ (β ⊃ α)
risulta soddisfatta.


Teorema 12.5.2 Se α esemplifica A2, allora |=p α.

Dimostrazione. Il caso è analogo a quello del teorema 12.5.1.




Teorema 12.5.3 Se α esemplifica A3, allora |=p α.

Dimostrazione. Il caso è analogo a quello dei teoremi 12.5.1 e 12.5.2.




Teorema 12.5.4 Se α esemplifica A4, allora |=p α.

Dimostrazione. Assumiamo che in un modello M un’assegnazione σ soddisfi


∀vα. Allora una v-variante σ 0 di σ tale che [v]M,σ0 = [τ ]M,σ soddisfa α. Ma
si può dimostrare che σ 0 soddisfa α se e solo se σ soddisfa α(τ /v), dunque σ
soddisfa α(τ /v). La dimostrazione del bicondizionale è per induzione sulla
complessità di α, assumendo che τ sia sostituibile a v in α.
Base. Assumiamo che α sia una formula atomica Πτ1 , ..., τn . Per ogni i
tale che 1 ≤ i ≤ n, sia τi0 = τ se τi = v, in modo che Πτ10 , ...τn0 = α(τ /v). σ
soddisfa α(τ /v) se e solo se h[τ10 ]M,σ , ..., [τn0 ]M,σ i ∈ [Π]M , e σ 0 soddisfa α se
e solo se h[τ1 ]M,σ0 , ..., [τn ]M,σ0 i ∈ [Π]M . Ma per ogni i tale che 1 ≤ i ≤ n,
[τi0 ]M,σ = [τi ]M,σ0 . Quindi, σ 0 soddisfa α se e solo se σ soddisfa α(τ /v).
Passo. Assumiamo che il bicondizionale da dimostrare valga per tutte
le formule di complessità minore o uguale a n e che α sia una formula di
complessità n + 1.
Caso 1: α ha la forma ∼ β. In questo caso α(τ /v) =∼ β(τ /v). σ
soddisfa α(τ /v) se e solo se non soddisfa β(τ /v). Per ipotesi di induzione, σ
200

non soddisfa β(τ /v) se e solo se σ 0 non soddisfa β. Ma σ 0 non soddisfa β se


e solo se σ 0 soddisfa α. Quindi σ 0 soddisfa α se e solo se σ soddisfa α(τ /v).
Caso 2: α ha la forma β ⊃ γ. In questo caso α(τ /v) = β(τ /v) ⊃ γ(τ /v).
σ soddisfa α(τ /v) se e solo se non soddisfa β(τ /v) o soddisfa γ(τ /v). Per
ipotesi di induzione, σ non soddisfa β(τ /v) se e solo se σ 0 non soddisfa β,
e σ soddisfa γ(τ /v) se e solo se σ 0 soddisfa γ. Ma σ 0 soddisfa α se e solo
se non soddisfa β o soddisfa γ. Quindi σ 0 soddisfa α se e solo se σ soddisfa
α(τ /v).
Caso 3: α ha la forma ∀v 0 β. In questo caso α(τ /v) = ∀v 0 β(τ /v). Si
noti innanzitutto che, se v non è libera in α - perché non c’è o perché è
vincolata - allora α(τ /v) = α. Siccome per il teorema 11.5.1 σ 0 soddisfa α
se e solo se σ soddisfa α, si ottiene che σ 0 soddisfa α se e solo se σ soddisfa
α(τ /v). Supponiamo ora che v sia libera in α, quindi che v 6= v 0 . Dato un
oggetto qualsiasi o in M , sia σ∗ una v 0 -variante di σ che assegna o a v 0 . Per
ipotesi di induzione, σ∗ soddisfa β(τ /v) se e solo se una v-variante σ∗0 di σ∗
tale che [v]M,σ∗0 = [τ ]M,σ∗ soddisfa β. Ma σ∗0 è una v 0 -variante di σ 0 , cioè la
v 0 -variante di σ 0 che “corrisponde” a σ∗ in quanto assegna o a v 0 . Dunque,
una v 0 -variante di σ soddisfa β(τ /v) se e solo se la corrispondente v 0 -variante
di σ 0 soddisfa β, il che significa che ogni v 0 -variante di σ soddisfa β(τ /v) se
e solo se ogni v 0 -variante di σ 0 soddisfa β. Pertanto, σ 0 soddisfa α se e solo
se σ soddisfa α(τ /v).

Teorema 12.5.5 Se α esemplifica A5, allora |=p α.

Dimostrazione. Assumiamo che un’assegnazione σ soddisfi α e che v non sia


libera in α. Dal teorema 11.5.1 risulta che ogni v-variante di σ soddisfa α.
Quindi σ soddisfa ∀vα.

Teorema 12.5.6 Se α esemplifica A6, allora |=p α.

Dimostrazione. Assumiamo che un’assegnazione σ soddisfi ∀v(α ⊃ β) e ∀vα.


Ne risulta che ogni v-variante di σ soddisfa α ⊃ β e α. Dato che MP preserva
il soddisfacimento (vedi esercizio 12.1.2) si ottiene che ogni v-variante di σ
soddisfa β. Quindi, σ soddisfa ∀vβ.

Teorema 12.5.7 Se α è un assioma in virtù di A7, allora |=p α.

Dimostrazione. Se α è un assioma in virtù di A7, allora ha la forma ∀vβ e β


è un assioma. Ma assumendo che β, in quanto assioma, sia valida, si ottiene
che |=p α.
201

Teorema 12.5.8 Se `p α, allora |=p α.

Dimostrazione. Dai teoremi 12.5.1-12.5.7 risulta che tutte le formule che


esemplificano A1-A7 sono valide. A questo si aggiunge che MP preserva il
soddisfacimento. Siccome ogni teorema di Sp è ottenuto mediante A1-A7 e
MP, ogni teorema di Sp è valido.

Una volta dimostrato che tutti i teoremi di Sp sono validi, si può facilmente
ottenere il risultato desiderato:

Teorema 12.5.9 Sp è coerente.

Dimostrazione. Supponiamo che `p α. Per il teorema 12.5.8 ne consegue


che |=p α. Ma allora, in base alle definizioni 11.4.4 e 11.6.1, 6|=p ∼ α. Quindi,
sempre per il teorema 12.5.8, 0p ∼ α.

Esercizio 12.5.1. Nella base della dimostrazione del bicondizionale che


permette di ottenere il teorema 12.5.4 si asserisce che in una formula atomica
Πτ1 , ..., τn , per ogni i tale che 1 ≤ i ≤ n risulta che [τi0 ]M,σ = [τi ]M,σ0 , dove
τi0 = τ se τi = v e σ 0 è una v-variante di σ tale che [v]M,σ0 = [τ ]M,σ .
Dimostrare questa asserzione.

Esercizio 12.5.2 Si può dimostrare che Se∗ è coerente?

Esercizio 12.5.3 Si può dimostrare che Se è coerente?


202

Soluzioni

Esercizio 12.1.1
1 Se α è atomica, se v occorre in α allora α(τ /v) è ottenuta sostituendo τ
a v, altrimenti α(τ /v) = α;
2 (∼ α)(τ /v) =∼ (α(τ /v));
3 (α ⊃ β)(τ /v) = α(τ /v) ⊃ β(τ /v);
4 (∀v 0 α)(τ /v) = ∀v 0 (α(τ /v)) se v 6= v 0 , altrimenti (∀v 0 α)(τ /v) = ∀v 0 α.
Esercizio 12.1.2
Assumiamo che σ soddisfi α ⊃ β. Allora σ non soddisfa α o soddisfa β.
Assumiamo ora che soddisfi α. Ne consegue che soddisfa β.
Esercizio 12.2.1
Il teorema 12.2.2 si dimostra in modo analogo al teorema 8.3.3.
Il teorema 12.2.3 si dimostra in modo analogo al teorema 8.3.4. Si noti che
questo teorema esprime una proprietà analoga a quella espressa dal
teorema 7.7.1. Inoltre, combinando il teorema 12.2.2 con il teorema
12.2.3 si ottiene una proprietà analoga a quella espressa dal teorema
7.7.2: se α ∈ Γ allora Γ `p α.
Il teorema 12.2.4 si dimostra in modo analogo al teorema 8.3.6.
Il teorema 12.2.5 consegue dal teorema 12.2.3, considerando il caso in cui
Γ = ∅. Si noti che il teorema 12.2.5 esprime una proprietà analoga a
quella espressa dal teorema 7.7.7.
Il teorema 12.2.6 si dimostra come segue. Per definizione, una derivazione
è una sequenza finita di formule. Quindi, se c’è una derivazione di α
da Γ, allora c’è una derivazione di α da un sottoinsieme finito ∆ di Γ.
Inversamente, se c’è una derivazione di α da un sottoinsieme finito ∆
di Γ, allora per il teorema 12.2.3 c’è una derivazione di α da Γ.
Esercizio 12.3.1
Si. Se Γ `p α ⊃ β, allora si può derivare β da Γ ∪ {α} usando MP.
Esercizio 12.3.2
Assumiamo che Γ ∪ {α} `p β e Γ ∪ {α} `p ∼ β. Allora, per il teorema
12.3.1 si ottiene che Γ `p α ⊃ β e Γ `p α ⊃∼ β. Dai teoremi 12.3.9
e 12.2.5 si ottiene che Γ `p (α ⊃ β) ⊃ ((α ⊃∼ β) ⊃∼ α). Quindi,
applicando due volte il teorema 12.2.4, si ottiene che Γ `p ∼ α. Si noti
che in questo modo si ottiene una proprietà analoga a quella espressa
dal teorema 7.7.4.
203

Esercizio 12.4.1
Assumiamo che Γ `p ∼ α. Per il teorema 12.2.3, ne consegue che Γ ∪
{α} `p ∼ α. Ma siccome α ∈ Γ ∪ {α}, si ottiene pure che Γ ∪ {α} `p α
(vedi esercizio 12.2.1). Dunque Γ ∪ {α} è sintatticamente incoerente.
Esercizio 12.4.2
(a) Dalla soluzione dell’esercizio 12.3.1 risulta che se Γ ∪ {α} è sintattica-
mente incoerente, allora Γ `p ∼ α, per una ragione analoga a quella
che giustifica il teorema 7.7.5 a partire dal teorema 7.7.4. Si noti che,
mettendo insieme il condizionale cosı̀ dimostrato e quello considerato
nell’esercizio 12.4.1, si ottiene una proprietà analoga a quella espressa
dal teorema 7.7.5.
(b) Usando il teorema 12.3.10 al posto del teorema 12.3.9, si può dimo-
strare che se Γ ∪ {∼ α} `p β e Γ ∪ {∼ α} `p ∼ β, allora Γ `p α. Di
conseguenza, in modo analogo al caso (a) si può dimostrare che, se
Γ ∪ {∼ α} è sintatticamente incoerente, allora Γ `p α.
Esercizio 12.4.3
Sp soddisfa i due requisiti considerati: il primo perché Lp contiene ∼, il
secondo perché vale il teorema 12.3.4.
Esercizio 12.4.4
Assumiamo che Γ sia sintatticamente incoerente. Allora, per qualche β,
Γ `p β e Γ `p ∼ β. Ma allora, per il teorema 12.3.4, Γ `p α. Si
noti che cosı̀ si ottiene una proprietà analoga a quella espressa dal
teorema 7.7.6. Questo, insieme al fatto che si può dimostrare per Sp
un teorema simile al teorema 7.7.3, completa il discorso sull’analogia
tra derivabilità in Se e derivabilità in Sp .
Esercizio 12.5.1
Caso 1: τi è una costante individuale. In questo caso [τi0 ]M,σ = [τi ]M,σ0 ,
poiché τi0 = τi e la denotazione di τi è la stessa in σ e σ 0 .
Caso 2: τi è una variabile. In questo caso τi = v o τi 6= v. Se τi = v,
allora τi0 = τ e σ 0 assegna [τ ]M,σ a v. Quindi [τi0 ]M,σ = [τi ]M,σ0 . Se
τi 6= v, allora τi0 = τi e σ 0 assegna a τi lo stesso valore che gli assegna
σ, dunque [τi0 ]M,σ = [τi ]M,σ0 .
Esercizio 12.5.2
Si. Per dimostrare che Se∗ è coerente basta adottare lo stesso metodo
impiegato per il teorema 12.5.9. Infatti, l’apparato deduttivo di Se∗
è costituito da A1-A3 e dalla regola MP, pertanto si può dimostrare
che ogni teorema di Se∗ è valido. Da questo, come si è visto, si può
concludere che Se∗ è coerente.
204

Esercizio 12.5.3

Si. Anche in questo caso si può adottare il metodo impiegato per il teorema
12.5.9. L’unica differenza rispetto a Se∗ è che per dimostrare che i
teoremi di Se sono validi occorre dimostrare che ciascuna delle sue
regole di inferenza preserva la verità.
Capitolo 13

Teorie del primo ordine

13.1 Lp e le sue varianti

Fin qui è stato trattato un solo linguaggio predicativo, Lp . Ma altri linguaggi


possono essere definiti in modo analogo, dunque esiste un’intera famiglia di
linguaggi predicativi. Il vocabolario di Lp può essere ampliato o ristretto
in vari modi. Si possono aggiungere lettere predicative, costanti individuali,
variabili, o definire altri connettivi. Come si è visto, ∧, ∨ e ∃ possono essere
definiti in termini di ∼, ⊃ e ∀. Inoltre, Lp può essere arricchito aggiungendo
simboli di funzione che si combinano con i termini di Lp per formare altri
termini. Normalmente si assume che ciascun simbolo di funzione abbia un
numero n di posti, e che pertanto denoti una operazione n-aria sul dominio.
Cosı̀ come alcuni simboli possono essere aggiunti al vocabolario di Lp , altri
possono essere tolti: le lettere predicative possono essere ridotte, e le costanti
individuali possono essere ridotte o eliminate del tutto. Mentre le aggiunte
rispondono all’esigenza di aumentare la capacità espressiva del linguaggio,
le sottrazioni permettono di fare a meno di simboli che risultano superflui
rispetto agli scopi che il linguaggio si prefigge. Per generalizzare, chiameremo
variante di Lp qualsiasi linguaggio che sia identico a Lp o sia ottenuto da
Lp mediante una o più delle modifiche considerate, assumendo che l’insieme
degli eventuali simboli aggiunti, se non è vuoto, sia contabile.
A questo proposito occorre fare una precisazione. Nella sezione 11.1 si è
detto che l’insieme delle lettere predicative di Lp è infinito, e che lo stesso vale
per le costanti individuali e le variabili di Lp . Ma per chiarire adeguatamente
questa affermazione bisogna dire che l’insieme delle lettere predicative di Lp è
numerabile, e che lo stesso vale per le costanti individuali e le variabili di Lp .
Pertanto, quando si assume che l’insieme degli eventuali simboli aggiunti, se
non è vuoto, sia contabile, si assume che il risultato dell’aggiunta sia sempre
un insieme numerabile. Infatti, se A è un insieme numerabile e B è un
insieme finito o numerabile, A ∪ B è un insieme numerabile. Nel caso in cui
B sia finito, cioè contenga n elementi per qualche n, basta pensare che A∪B
può essere messo in corrispondenza biunivoca con ω assegnando i primi n
numeri naturali agli elementi di B e proseguendo con gli elementi di A a

205
206

partire da n + 1. Nel caso in cui B sia numerabile, basta pensare che, data
una enumerazione ha1 , a2 , a3 ...i di A, si può associare a1 a 0, a2 a 2, a3 a 4 e
cosı̀ via per gli altri numeri pari. Allo stesso modo, data una enumerazione
hb1 , b2 , b3 ...i di B, si può associare b1 a 1, b2 a 3, b3 a 5 e cosı̀ via per gli altri
numeri dispari. Di conseguenza, esiste una funzione iniettiva da A ∪ B su
ω, cioè la funzione che associa a1 a 0, b1 a 1, a2 a 2 e cosı̀ via.
Un esempio piuttosto semplice di variante di Lp è il linguaggio che si ot-
tiene aggiungendo al vocabolario di Lp il simbolo =. Chiamiamo Lpi questa
variante. Altri esempi sono i linguaggi aritmetici, che possono essere otte-
nuti a partire da Lpi togliendo le lettere predicative e aggiungendo, oltre ai
connettivi ∧, ∨ e ∃, la costante individuale 0 e i simboli di funzione s, + e ·,
che designano rispettivamente le funzioni di successione, addizione e molti-
plicazione. Varianti ancora più ricche possono essere ottenute aggiungendo
altri simboli aritmetici.
Normalmente, per semplificare l’uso dei simboli + e ·, cosı̀ come di altri
simboli dell’aritmetica, si inseriscono i simboli stessi tra i rispettivi termini.
Si è visto che, invece di scrivere = xy si scrive x = y. Lo stesso vale per +xy
e ·xy, che sono sostituiti da x + y e x · y. Inoltre, per abbreviare i termini
complessi formati combinando occorrenze di s con la costante individuale 0,
per esempio s0, ss0 o sss0, si usano i numerali corrispondenti, per esempio
1, 2 o 3. Qui si adotterà la stessa convenzione.
Una variante di Lp è un linguaggio del primo ordine, cioè un linguaggio
le cui sole variabili sono variabili individuali che si riferiscono a oggetti. I
linguaggi di ordine superiore - secondo, terzo e cosı̀ via - contengono, oltre
alle variabili di questo tipo, variabili predicative che si riferiscono a proprietà,
altre variabili che si riferiscono a proprietà di proprietà e cosı̀ via.

Esercizio 13.1.1 Formalizzare in Lpi i seguenti enunciati:

(a) Ogni cosa è identica a se stessa

(b) Niente è diverso da se stesso

Esercizio 13.1.2. L’insieme dei termini di Lp è numerabile?

13.2 Sp e altri sistemi

Dato che Lp è un linguaggio del primo ordine, Sp è un sistema del primo


ordine. Lo stesso vale per qualsiasi sistema in Lp - assiomatico o di deduzione
naturale - che sia deduttivamente equivalente a Sp . Normalmente, il termine
‘logica del primo ordine’ è usato in modo generico per designare una classe
di sistemi del primo ordine.
Un sistema del primo ordine può essere parte di un sistema più ampio.
Infatti, gli assiomi di un sistema del primo ordine possono essere combinati
con altri assiomi che esprimono asserzioni di qualsiasi tipo. Dati un sistema
207

S e un insieme Γ di formule del linguaggio di S, chiamiamo S+Γ il sistema


che si ottiene aggiungendo le formule in Γ a S come assiomi. Ovviamente,
essendo S+Γ formato a partire da S, ogni teorema di S è teorema di S+Γ.
Infatti, ogni dimostrazione in S di una formula è per definizione anche una
dimostrazione in S+Γ della stessa formula.
In generale, dato un sistema S, si chiama estensione di S un sistema S0
tale che tutti i teoremi di S sono teoremi di S0 . L’importanza della logica del
primo ordine risiede non solo nei risultati che si possono ottenere sulla base di
un sistema del primo ordine preso isolatamente, ma anche in quelli generati
dalle estensioni di tale sistema. Quindi, invece di ragionare in termini di Sp
è opportuno ragionare in termini di estensioni di Sp . La seguente definizione
risponde a questa esigenza:

Definizione 13.2.1 Una teoria del primo ordine T è un sistema che sod-
disfa le seguenti condizioni:

1 il linguaggio di T è una variante di Lp ;

2 l’insieme degli assiomi di T è l’unione dell’insieme delle formule che


esemplificano A1-A7 e un insieme contabile di formule chiuse;

3 l’unica regola di inferenza di T è MP.

Gli assiomi aggiuntivi previsti dalla clausola 2 sono chiamati propri, in quan-
to dipendono dalla materia specifica sulla quale verte T. D’ora in poi ‘teoria
del primo ordine’ sarà abbreviato con ‘teoria’. Per indicare la derivabilità
in una teoria T si userà il simbolo `T , cioè si scriverà Γ `T α per dire che α
è derivabile da Γ in T.
Si noti che nella definizione 13.2.1 il termine ‘teoria’ è usato come sino-
nimo di ‘sistema’, cioè nel primo dei due sensi considerati nella sezione 8.6.
Tuttavia, questo non è essenziale per i nostri scopi. Nella sostanza, tutto
ciò che si dirà a proposito delle teorie è compatibile anche con il secondo dei
due sensi considerati. Pertanto, d’ora in poi si darà per scontato che una
teoria possa essere identificata con un insieme di formule, cioè con l’insieme
dei suoi teoremi: per ogni α, α ∈ T se e solo se `T α.
Un esempio di sistema che soddisfa la definizione 13.2.1 è la logica del
primo ordine con identità, che sarà qui indicata con Spi , una teoria in Lpi
ottenuta aggiungendo ad A1-A7 i seguenti assiomi propri:

A8 ∀xx = x

A9 ∀x∀y(x = y ⊃ (α ⊃ α0 )), se α0 differisce da α al massimo in quanto y


sostituisce x in qualche occorrenza libera.

A8 è un assioma che enuncia il fatto considerato nell’esercizio 13.1.1: ogni


cosa è identica a se stessa. A9, invece, è uno schema di assioma che esprime
il principio dell’indiscernibilità degli identici : se x è identico a y, allora tutto
208

ciò che si può predicare di x si può predicare di y. Nella formulazione di A9 si


adotta il simbolo α0 invece della notazione α(y/x) precedentemente definita,
dato che quest’ultima implica la sostituzione in α di tutte le occorrenze
libere di x con y, diversamente da quanto richiede A9.
Un altro esempio di sistema che soddisfa la definizione 13.2.1 è l’aritmetica
di Peano, che prende il nome da Giuseppe Peano. Questo sistema, che qui
sarà indicato con AP, è una teoria che si ottiene aggiungendo ad A1-A9 i
seguenti assiomi:
AP1 ∀xsx 6= 0

AP2 ∀x∀y(sx = sy ⊃ x = y)

AP3 ∀x(x + 0 = x)

AP4 ∀x∀y(x + sy = s(x + y))

AP5 ∀x(x · 0 = 0)

AP6 ∀x∀y(x · sy = x + x · y)

AP7 (α(0/x) ∧ ∀x(α ⊃ α(sx/x))) ⊃ ∀yα(y/x), per ogni formula α in cui x


occorre libera.
AP1 stabilisce che non c’è alcun numero di cui 0 è successore. AP2 garantisce
che s denota una funzione iniettiva, cioè che numeri diversi hanno successori
diversi. AP3 e AP4 definiscono l’addizione. AP5 e AP6 definiscono la
moltiplicazione. AP7 enuncia il principio sul quale si fonda il ragionamento
per induzione: α esprime la condizione C menzionata nella formulazione del
principio nella sezione 8.4.
Si noti che i termini complessi formati mediante il simbolo di funzio-
ne s che compaiono in AP1-AP7 contengono variabili. In generale, in un
linguaggio che contiene simboli di funzione, quando un termine contiene va-
riabili, si dice che è aperto. Quando invece non ne contiene, si dice che è
chiuso. Pertanto, d’ora in poi si parlerà in modo generico di termini chiusi
per indicare indifferentemente tanto le costanti individuali quanto i termini
complessi che non contengono variabili.
AP è un’assiomatizzazione dell’aritmetica, cioè una teoria che permette
di dimostrare verità aritmetiche in accordo con alcuni principi logici fon-
damentali. Non è l’unica assiomatizzazione dell’aritmetica. Un’altra teoria
dello stesso tipo è l’aritmetica di Presburger, che prende il nome da Mojżesz
Presburger e si ottiene eliminando AP5 e AP6 da AP. Un’altra ancora è
l’aritmetica di Robinson, formulata da Raphael Mitchel Robinson, che si ot-
tiene sostituendo AP7 con un assioma che enuncia che ogni numero diverso
da 0 è successore di qualche numero. Ciascuna di queste teorie ha proprietà
specifiche che la caratterizzano. Tuttavia, le differenze tra loro non ci riguar-
dano. D’ora in poi si farà riferimento a AP come esempio paradigmatico di
209

teoria aritmetica.

Esercizio 13.2.1 Sp è una teoria?

13.3 Due teoremi che vertono sulla coerenza

Dalla definizione 13.2.1 risulta che gran parte di quanto è stato dimostrato
nei capitoli 11 e 12 vale per qualsiasi teoria. Innanzitutto, il teorema 11.5.1
e i fatti sulla conseguenza logica menzionati nella sezione 11.6 dipendono da
proprietà di Lp che appartengono a ogni sua variante. In secondo luogo, i
teoremi 12.3.1-12.3.10, cosı̀ come i teoremi mediante i quali sono ottenuti,
sono dimostrabili per qualsiasi sistema che includa A1-A7 e MP, dunque per
quasisiasi teoria.
La dimostrazione del teorema 12.5.9, invece, non può essere estesa a
qualsiasi teoria. La ragione è molto semplice: siccome una teoria può inclu-
dere assiomi propri che non figurano in Sp , nulla vieta che quegli assiomi
permettano di generare contraddizioni che Sp non è in grado di generare.
Quindi, dal fatto che Sp è coerente non si può concludere che una teoria
qualsiasi è coerente.
Questa limitazione, tuttavia, non impedisce di giustificare asserzioni sul-
la coerenza che valgono per qualsiasi teoria. I due teoremi che seguono sono
asserzioni di questo tipo. Il primo enuncia un fatto abbastanza ovvio, cioè
che se si aggiunge al linguaggio di una teoria coerente un insieme contabile
di costanti individuali si ottiene una teoria coerente:
Teorema 13.3.1 Se T è coerente e T0 è ottenuta aggiungendo al linguaggio
di T un insieme contabile di costanti individuali, allora T0 è coerente.
Dimostrazione. Siano T e T0 tali che T0 è ottenuta aggiungendo al linguag-
gio di T un insieme contabile di costanti individuali. Assumiamo che T0 sia
incoerente, cioè che, per qualche α, `T 0 α e `T 0 ∼ α. Una dimostrazione in
T0 di α è costituita da una sequenza finita di formule β1 , ...βn , quindi con-
tiene un numero finito di costanti individuali nuove. Siano c1 , ..., cm queste
costanti individuali. Siano v1 , ..., vm variabili distinte che non compaiono
nella dimostrazione. Se β10 , ..., βn0 è la sequenza di formule che si ottiene
da β1 , ..., βm sostituendo c1 , ...cm con v1 , ...vm , risulta che β10 , ..., βm
0 è una

dimostrazione in T. Infatti, per ogni βi compresa tra β1 e βm ci sono tre


possibilità.
Caso 1: βi esemplifica A1-A7. In questo caso βi0 esemplifica A1-A7,
quindi è un assioma di T.
Caso 2: βi è un assioma proprio di T0 . In questo caso βi0 è un assioma
proprio di T, dato che T0 non contiene assiomi propri diversi da quelli di T.
Caso 3: βi è conseguenza diretta di due formule βk e βk ⊃ βi . In
questo caso ci sono due formule βk0 e (βk ⊃ βi )0 che precedono βi0 , con
(βk ⊃ βi )0 = βk0 ⊃ βi0 . Quindi βi0 è conseguenza diretta di tali formule.
210

Dai tre casi considerati risulta che β10 , ..., βm


0 è una dimostrazione in T
0
di βm . Con un ragionamento analogo si può concludere che se β1 , ..., βn
è una dimostrazione in T0 di ∼ α e β10 , ..., βn0 è una sequenza di formule
ottenuta sostituendo le nuove costanti individuali in β1 , ..., βn con variabili
opportunamente scelte, allora β10 , ..., βm
0 è una dimostrazione in T di ∼ β 0 .
m
Quindi T è incoerente.

Il secondo teorema enuncia un fatto meno ovvio del primo, ma proprio per
questo più interessante:

Teorema 13.3.2 Se 0T ∼ α, allora T+{α} è coerente.

Dimostrazione. Assumiamo che T0 = T+{α} e che T0 sia incoerente. Allora,


per qualche β, `T 0 β e `T 0 ∼ β. Di conseguenza, α `T β e α `T ∼ β. Infatti,
qualsiasi formula dimostrabile in T0 è derivabile da α in T. Per il teorema
12.3.1, ne risulta che `T α ⊃ β e `T α ⊃∼ β. Ma dal teorema 12.3.9 risulta
che `T (α ⊃ β) ⊃ ((α ⊃∼ β) ⊃∼ α). Applicando due volte il teorema 12.2.4
si ottiene che `T ∼ α.

Esercizio 13.3.1 Dimostrare che i due teoremi che seguono valgono per
qualsiasi T:

Teorema 13.3.3 `T ∼ (α ⊃ β) ⊃ α

Teorema 13.3.4 `T ∼ (α ⊃ β) ⊃∼ β

Esercizio 13.3.2 Supponendo, come nel teorema 13.3.1, che al linguaggio


di T si aggiunga un insieme contabile di costanti individuali per formare T0 ,
l’insieme delle costanti individuali del linguaggio di T0 risulta contabile?

13.4 Lemma di Lindenbaum

In questa sezione sarà dimostrato un teorema che verte sulla relazione tra
la coerenza e un’altra proprietà sintattica, la massimalità:

Definizione 13.4.1 Una teoria T è massimale se e solo se, per ogni for-
mula chiusa α, `T α o `T ∼ α1 .

Il teorema, noto come lemma di Lindenbaum, dice che ogni teoria coerente
ha un’estensione coerente e massimale:
1
Questa proprietà è chiamata anche ‘completezza’. Qui si usa il termine ‘massimalità’
per non creare confusione con un’altra proprietà che sarà definita più avanti.
211

Teorema 13.4.1 Se una teoria T è coerente, allora esiste una teoria nel
linguaggio di T che è un’estensione coerente e massimale di T2 .

Dimostrazione. Assumiamo che T sia coerente. Data una enumerazione


hα1 , α2 , α3 ...i delle formule chiuse del linguaggio di T, sia hT0 , T1 , T3 ...i una
sequenza infinita di teorie definita induttivamente come segue:

(i) T0 = T;

(ii) per ogni n,

Tn+1 = Tn + {αn+1 } se 0Tn ∼ αn+1 ,


Tn+1 = Tn se `Tn ∼ αn+1 .

La clausola (ii) dice che, se αn+1 può essere coerentemente aggiunta come
assioma a Tn , allora si aggiunge a Tn per formare Tn+1 , altrimenti Tn+1
è la stessa Tn . Sia T0 una teoria che ha come assiomi tutti gli assiomi di
tutte le teorie hT0 , T1 , T3 ...i. Chiaramente, T0 ha lo stesso linguaggio di T
ed è un’estensione di T. Quindi, è sufficiente dimostrare che T0 è coerente e
massimale per arrivare alla conclusione desiderata.
La coerenza di T0 si dimostra come segue. Per ipotesi, T0 è coerente.
Inoltre, per ogni n, se Tn è coerente allora Tn+1 è coerente. Infatti, Tn+1 6=
Tn solo nel caso in cui Tn+1 = Tn + {αn+1 } e 0Tn ∼ αn+1 . Ma in quel caso
Tn+1 è coerente per il teorema 13.3.2. Dunque, le teorie T0 , T1 , T3 ... sono
tutte coerenti. Ora supponiamo che T0 sia incoerente. Allora per qualche β
esiste sia una dimostrazione in T0 di β sia una dimostrazione in T0 di ∼ β.
Ciascuna delle due dimostrazioni contiene un insieme finito di formule chiuse
che sono state aggiunte come assiomi a T per formare T0 . Sia αn la formula
tra queste che in base alla enumerazione hα1 , α2 , α3 ...i risulta avere il numero
più alto nelle due dimostrazioni. Allora le due dimostrazioni possono essere
formulate in Tn , il che significa che Tn è incoerente, contrariamente a quanto
appena dimostrato.
Per rendersi conto che T0 è massimale, si consideri una formula αn+1
nella enumerazione hα1 , α2 , α3 ...i. O `Tn ∼ αn+1 o 0Tn ∼ αn+1 . Se `Tn ∼
αn+1 , allora `T 0 ∼ αn+1 . Infatti, ogni dimostrazione in qualche teoria della
sequenza hT0 , T1 , T3 ...i è una dimostrazione in T0 . Se invece 0Tn ∼ αn+1 ,
allora Tn+1 = Tn + {αn+1 }, quindi `Tn+1 αn+1 . Questo significa, di nuovo,
che `T 0 αn+1 .

Una nota conclusiva sul termine ‘lemma’. Questo termine è solitamente usa-
to per designare un risultato preliminare che svolge un qualche ruolo nella
dimostrazione di un risultato più importante per il quale si riserva l’etichetta
2
Il lemma di Lindenbaum prende il nome da Adolf Lindenbaum, al quale Tarski
attribuisce la dimostrazione, anche se non fu mai pubblicata dallo stesso Lindenbaum.
212

di ‘teorema’. Ma in realtà non c’è una distinzione chiara tra lemmi e teo-
remi: qualsiasi risultato chiamato ‘lemma’ può essere ugualmente chiamato
‘teorema’, indipendentemente dalla sua funzione o dalla sua importanza.

Esercizio 13.4.1 Se la lettera T e il termine ‘teoria’ fossero usati per in-


dicare un qualsiasi insieme di formule di L0e che include i teoremi di Se∗ , si
potrebbe dimostrare lo stesso il teorema 13.4.1?

Esercizio 13.4.2 Sp è una teoria massimale?

13.5 Teorie e modelli

Fin qui sono stati presentati alcuni risultati sintattici che vertono sulle teorie.
Per apprezzare risultati analoghi a livello semantico occorre innanzittutto
capire che cos’è un modello di una teoria:

Definizione 13.5.1 Un modello di una teoria T è un’interpretazione del


linguaggio di T che rende veri tutti i teoremi di T.

Come si è visto, il termine ‘modello’ è usato anche per designare un’interpre-


tazione di un linguaggio del primo ordine. Dunque occorre tenere presente
la distinzione tra modello di una teoria e modello di un linguaggio. Un mo-
dello di una teoria T è un modello del linguaggio di T che rende veri tutti i
teoremi di T. Dato che T può essere identificata con un insieme di formule
- l’insieme dei suoi teoremi - si può dire che un modello di T è un’inter-
pretazione che rende vera ogni formula in T. Più in generale, quando esiste
un’interpretazione che rende vera ogni formula in un insieme dato, si dice
che l’insieme ha un modello.
Per afferrare bene il senso della definizione 13.5.1 occorre tenere presente
che una teoria fornisce una caratterizzazione formale di un insieme di ve-
rità. Per esempio, Spi fornisce una caratterizzazione formale di un insieme
di verità esprimibili mediante il simbolo = che valgono indistintamente per
qualsiasi oggetto. AP, invece, fornisce una caratterizzazione formale di un
insieme di verità aritmetiche. L’insieme delle verità caratterizzate da una
teoria può essere identificato specificando un insieme di modelli, cioè l’insie-
me dei modelli appropriati per la teoria. Per esempio, i modelli appropriati
per Spi sono i modelli normali, cioè quelli in cui il simbolo = denota la
relazione di identità. I modelli appropriati per AP, invece, sono i modelli
normali che soddisfano certi requisiti addizionali, cioè quelli in cui i simboli
aritmetici sono interpretati in un certo modo. Ma cosa significa esattamente
‘appropriati’ ? La definizione 13.5.1 fornisce una risposta a questa domanda:
i modelli appropriati per una teoria T sono i modelli di T.
Quando una teoria è costruita con l’intento di descrivere un dominio spe-
cifico di oggetti, come i numeri, l’insieme dei suoi modelli viene individuato
213

sulla base di un modello inteso, cioè un modello che intuitivamente costitui-


sce l’interpretazione corretta degli assiomi propri della teoria. Si consideri
AP. Il modello inteso di AP è un modello normale del linguaggio di AP che
ha come dominio ω e in cui la costante 0 si riferisce al numero 0 e i simboli s,
+ e · denotano le funzioni di successione, addizione e moltiplicazione. Come
è facile verificare, tutti gli assiomi propri di AP sono veri in questo modello.
Il modello inteso di AP non è l’unico modello di AP. Infatti, esistono altri
modelli del linguaggio di AP in cui ogni teorema di AP è vero. Ma ogni
modello del genere deve essere sufficientemente simile al modello inteso da
rendere veri gli assiomi propri di AP.

Esercizio 13.5.1 Se T0 è un’estensione di T, ogni modello di T0 è modello


di T. Perché?

Esercizio 13.5.2 Sia M un modello normale del linguaggio di AP che ha


come dominio {1, 2, 3...}, cioè l’insieme che contiene tutti i numeri naturali
tranne 0, e tale che i simboli 0, s, + e · denotano rispettivamente il numero
1 e le funzioni di successione, addizione e moltiplicazione. Gli assiomi propri
di AP sono veri in M?

Esercizio 13.5.3 Dimostrare che ogni modello normale di Lpi è modello di


Spi .

13.6 Un teorema molto importante

In questa sezione si dimostrerà un fatto che merita particolare attenzio-


ne: ogni teoria coerente ha un modello. Il ragionamento si articola in due
parti. Prima si definisce una proprietà sintattica, la chiusura, e si dimo-
stra, aggiungendo un teorema a quanto precede, che ogni teoria coerente ha
un’estensione coerente, chiusa e massimale. Poi si dimostra che ogni teo-
ria coerente, chiusa e massimale ha un modello, ottenendo cosı̀ il risultato
desiderato. Iniziamo dunque con la definizione:

Definizione 13.6.1 Una teoria T è chiusa se e solo se, per ogni formula α
che contiene occorrenze libere di una sola variabile v, se `T α(τ /v) per ogni
termine chiuso τ , allora `T ∀vα.

La condizione che τ sia chiuso è necessaria perché si sta considerando qual-


siasi variante di Lp . Siccome una variante di Lp può contenere termini
complessi ottenuti combinando simboli di funzione e variabili, bisogna tene-
re conto anche di termini del genere. La chiusura di una teoria T può essere
intesa come segue: se in T è dimostrabile che una certa condizione vale per
ogni oggetto del dominio di cui il linguaggio di T contiene un nome, allora
è dimostrabile che quella condizione vale senza restrizioni per ogni oggetto
del dominio.
214

Teorema 13.6.1 Sia ∀vα una formula chiusa del linguaggio di T. Sia c
una costante individuale che non occorre né negli assiomi propri di T né in
α. Sia T0 ottenuta aggiungendo α(c/v) ⊃ ∀vα a T come assioma proprio.
Se T è coerente, allora T0 è coerente.

Dimostrazione. Assumiamo che T0 sia incoerente. Per il teorema 13.3.2 ne


consegue che `T ∼ (α(c/v) ⊃ ∀vα). Siccome dal teorema 13.3.3 si ottiene
che `T ∼ (α(c/v) ⊃ ∀vα) ⊃ α(c/v), applicando il teorema 12.2.4 si ottiene
che `T α(c/v). Dunque c’è una dimostrazione in T di α(c/v). Sia β1 , ...βn
tale dimostrazione. Sia u una variabile che non occorre in β1 , ..., βn o in α.
Sia β10 , ..., βn0 il risultato della sostituzione di u a c in β1 , ..., βn . β10 , ..., βn0 è
una dimostrazione in T. Infatti, per ogni βi compresa tra β1 e βn ci sono tre
possibilità.
Caso 1: βi esemplifica A1-A7. In questo caso βi0 esemplifica A1-A7.
Caso 2: βi è un assioma proprio di T. In questo caso βi0 = βi , poiché per
ipotesi c non occorre negli assiomi propri di T.
Caso 3: βi è conseguenza diretta di due formule βk e βk ⊃ βi . In questo
caso βi0 è conseguenza diretta di βk0 e βk0 ⊃ βi0 , dato che (βk ⊃ βi )0 = βk0 ⊃ βi0 .
La formula dimostrata βn0 è ottenuta sostituendo u a c in α(c/v). Per
ipotesi c non occorre in α, quindi βn0 = α(u/v). Dal fatto che `T α(u/v)
e dal teorema 12.2.1 risulta che `T ∀uα(u/v). Siccome v è sostituibile a u
in α(u/v), da A4 si ottiene che `T ∀uα(u/v) ⊃ α. Applicando il teorema
12.2.4, si ottiene che `T α. Per il teorema 12.2.1, `T ∀vα. Ma si è visto che
`T ∼ (α(c/v) ⊃ ∀vα). Siccome dal teorema 13.3.4 risulta che `T ∼ (α(c/v) ⊃
∀vα) ⊃∼ ∀vα, applicando il teorema 12.2.4 si ottiene che `T ∼ ∀vα. Dunque
T è incoerente.

Teorema 13.6.2 Se una teoria è coerente, allora ha un’estensione coerente,


chiusa e massimale.

Dimostrazione. Assumiamo che T sia coerente. Sia T0 ottenuta aggiun-


gendo al linguaggio di T un insieme numerabile di costanti individuali. Sia
hα1 , α2 , α3 ...i una enumerazione delle formule del linguaggio di T0 in cui
esattamente una variabile occorre libera. Sia hc1 , c2 , c3 ...i una enumerazione
delle costanti individuali aggiunte a T per formare T0 . Sia β1 la formula
α1 (cj1 /v1 ) ⊃ ∀v1 α1 , dove cj1 è la prima costante individuale in hc1 , c2 , c3 , ...i
che non occorre in α1 e v1 è la variabile libera in α1 . Per n > 1, sia βn
la formula αn (cjn /vn ) ⊃ ∀vn αn , dove cjn è la prima costante individuale in
hc1 , c2 , c3 ...i che non occorre in nessuna delle formule β1 , ..., βn−1 o in αn .
Sia T1 ottenuta aggiungendo β1 come assioma proprio a T0 . Per n > 1, sia
Tn ottenuta aggiungendo βn come assioma proprio a Tn−1 . Sia T0 la teoria
che risulta aggiungendo a T0 tutte le formule βi come assiomi propri.
215

T0 risulta coerente in base al seguente ragionamento. T0 è coerente per


il teorema 13.3.1. Inoltre, dal teorema 13.6.1 risulta che, per ogni n, se Tn
è coerente allora Tn+1 è coerente. Quindi, Tn è coerente per qualsiasi n.
Supponiamo ora che T0 sia incoerente. Allora per qualche α esiste sia una
dimostrazione in T0 di α sia una dimostrazione in T0 di ∼ α. Ciascuna delle
due dimostrazioni è costituita da un insieme finito di formule, quindi usa un
numero finito di formule βi . Sia βn la formula tra queste con il numero più
alto che compare nelle due dimostrazioni. Allora ci sono dimostrazioni in
Tn di α e ∼ α, il che è impossibile.
Dato che T0 è coerente, per il teorema 13.4.1 esiste una teoria T00 nel
linguaggio di T0 che è un’estensione coerente e massimale di T0 . Sia αn la
n-esima formula in hα1 , α2 , α3 ...i. Supponiamo che `T 00 αn (τ /vn ) per ogni
termine chiuso τ del linguaggio di T00 . Allora `T 00 αn (cjn /vn ). Ma siccome
αn (cjn /vn ) ⊃ ∀vn αn è un assioma di T0 e T00 è un’estensione di T0 , risulta
che `T 00 αn (cjn /vn ) ⊃ ∀vn αn . Per il teorema 12.2.4, `T 00 ∀vn αn . Dunque,
T00 è chiusa. Dato che T00 è un’estensione di T0 e T0 è un’estensione di T,
T00 è un’estensione coerente, chiusa e massimale di T.

Teorema 13.6.3 Se una teoria è coerente, chiusa e massimale, allora ha


un modello.

Dimostrazione. Questo teorema si dimostra con il metodo del modello ca-


nonico, cioè si definisce un’interpretazione per il linguaggio di una teoria a
partire dai simboli del linguaggio stesso in modo tale da rendere veri tutti
i teoremi della teoria. Sia T una teoria coerente, chiusa e massimale in un
linguaggio L. Sia M un modello di L definito come segue:

(i) A è l’insieme delle costanti individuali di L;

(ii) La funzione interpretazione di M assegna

(a) a ogni costante individuale la costante stessa;


(b) a ogni lettera predicativa n-adica Π una relazione R tale che
R ⊆ An e hτ1 , ..., τn i ∈ R se e solo se `T Πτ1 , ..., τn .

Ora si dimostrerà per induzione che per qualsiasi formula chiusa α di L,


[α]M = 1 se e solo se `T α.
Base. Assumiamo che n = 0. In questo caso α è una formula atomica
Πτ1 , ..., τn in cui τ1 , ..., τn sono costanti individuali. Per la clausola (b) della
definizione di M ne consegue che [α]M = 1 se e solo se `T α.
Passo. Assumiamo che il bicondizionale da dimostrare valga per qual-
siasi formula chiusa di complessità minore o uguale a n e consideriamo una
formula chiusa α di complessità n + 1.
216

Caso 1: α ha la forma ∼ β. In questo caso β è chiusa. Supponiamo


che [α]M = 0. Allora [β]M = 1. Per ipotesi di induzione, `T β. Dato che
T è coerente, ne consegue che 0T ∼ β. Quindi, se `T α allora [α]M = 1.
Supponiamo ora che [α]M = 1. Allora [β]M = 0. Per ipotesi di induzione,
0T β. Dato che T è massimale, `T ∼ β. Quindi, se [α]M = 1 allora `T α.
Caso 2: α ha la forma β ⊃ γ. In questo caso β e γ sono chiuse. Suppo-
niamo che [α]M = 0. Allora [β]M = 1 e [γ]M = 0. Per ipotesi di induzione,
`T β e 0T γ. Siccome T è massimale, `T ∼ γ. Ma dal teorema 12.3.8 risulta
che `T β ⊃ (∼ γ ⊃∼ (β ⊃ γ)). Per il teorema 12.2.4, `T ∼ (β ⊃ γ). Dato
che T è coerente, 0T β ⊃ γ. Quindi, se `T α allora [α]M = 1. Supponiamo
ora che 0T α. Allora `T ∼ (β ⊃ γ), essendo T massimale. Per i teoremi
13.3.3 e 13.3.4, `T ∼ (β ⊃ γ) ⊃ β e `T ∼ (β ⊃ γ) ⊃∼ γ. Per il teorema
12.2.4, `T β e `T ∼ γ. Data la coerenza di T, 0T γ. Per ipotesi di induzione
[β]M = 1 e [γ]M = 0, il che significa che [α]M = 0. Dunque, se [α]M = 1
allora `T α.
Caso 3: α ha la forma ∀vβ. In questo caso β può essere chiusa o aperta.
Consideriamo prima l’ipotesi che sia chiusa. Supponiamo che `T α. Questo
significa che `T ∀vβ. Siccome `T ∀vβ ⊃ β per A4, applicando il teorema
12.2.4 si ottiene che `T β. Per ipotesi di induzione, [β]M = 1, di conseguenza
[∀vβ]M = 1. Quindi, se `T α allora [α]M = 1. Inversamente, supponiamo
che [α]M = 1. Allora [β]M = 1. Per ipotesi di induzione, `T β. Da questo
e dal teorema 12.2.1 si ottiene che `T ∀vβ. Quindi, se [α]M = 1, allora
`T α. Consideriamo ora l’ipotesi che β sia aperta. In questo caso l’unica
variabile libera in β è v, perché α è chiusa. Supponiamo che `T α. Allora
per A4 e per il teorema 12.2.4 si ottiene che `T β(τ /v), dove τ è una costante
individuale. Per ipotesi di induzione, [β(τ /v)]M = 1. Siccome questo vale
per ogni costante individuale, ne consegue che [α]M = 1. Infatti, M è
congegnata in modo tale da garantire la verità di ∀vβ nel caso in cui β(τ /v)
sia vera per qualsiasi τ . Quindi, se `T α allora [α]M = 1. Supponiamo
ora che [α]M = 1. Allora β è soddisfatta da tutte le assegnazioni in M.
Quindi [β(τ /v)]M = 1 per qualsiasi costante individuale τ . Per ipotesi di
induzione, `T β(τ /v) per qualsiasi costante individuale τ . Siccome T è
chiusa, si ottiene che `T ∀vβ. Quindi, se [α]M = 1 allora `T α.
Da quanto precede risulta che, per qualsiasi formula chiusa α, [α]M = 1
se e solo se `T α. Questo è sufficiente per concludere che, per qualsiasi
formula α, se `T α allora [α]M = 1. Infatti, se `T α e α è aperta, per
il teorema 12.2.1 esiste una formula chiusa β tale che le variabili libere in
α sono vincolate in β e `T β. Ne consegue che [β]M = 1, quindi che α è
soddisfatta da tutte le assegnazioni in M.

Teorema 13.6.4 Se una teoria è coerente, allora ha un modello.


217

Dimostrazione. Assumiamo che T sia coerente. Allora per il teorema 13.6.2


esiste una teoria T0 che è un’estensione coerente, chiusa e massimale di T.
Ma per il teorema 13.6.3 T0 ha un modello. Siccome T0 è un’estensione di
T, anche T ha un modello.

Concludiamo con alcune osservazioni a proposito del linguaggio L impiegato
nella dimostrazione del teorema 13.6.3 per costruire il modello canonico
per T. In primo luogo, nella dimostrazione si assume che L contenga solo
i connettivi ∼, ⊃ e ∀, mentre si è visto che il linguaggio di una teoria può
contenere anche ∧, ∨ e ∃. Tuttavia, è evidente che la dimostrazione può
essere estesa a qualsiasi teoria il cui linguaggio contiene ∧, ∨ e ∃, data la
riducibilità delle formule che contengono questi tre connettivi a formule che
contengono ∼, ⊃ e ∀.
In secondo luogo, nella dimostrazione del teorema 13.6.3 si assume che
L sia dotato di costanti individuali. Ma si è visto che il linguaggio di una
teoria può essere privo di costanti individuali. Dunque viene da chiedersi
perché la dimostrazione debba valere per qualsiasi teoria coerente, chiusa e
massimale. A questa domanda si può rispondere come segue. Sia T una
teoria coerente, chiusa e massimale in un linguaggio privo di costanti indivi-
duali. Sia T0 un’estensione di T ottenuta aggiungendo un insieme contabile
di costanti individuali al linguaggio di T. Per il teorema 13.3.1, T0 è coerente.
Per il teorema 13.6.2, T0 ha un’estensione T00 coerente, chiusa e massimale.
Essendo dimostrabile che T00 ha un modello, lo stesso vale per T.
In terzo luogo, nella dimostrazione del teorema 13.6.3 si assume che L
non contenga simboli di funzione. Questa limitazione può essere facilmente
superata se si arricchisce la definizione di M con una clausola che stabilisce
che la funzione di interpretazione assegna a ogni simbolo di funzione a n
posti f un’operazione n-aria F su A tale che F (τ1 , ..., τn ) = f τ1 , ..., τn .
Infine, nella dimostrazione del teorema 13.6.3 si assume che L non con-
tenga il simbolo =. Se invece si volesse costruire un modello canonico per
una teoria il cui linguaggio contenga questo simbolo, si dovrebbe introdurre
una piccola complicazione. Chiamiamo teoria con identità qualsiasi esten-
sione di Spi . Assumiamo che T sia una teoria con identità coerente, chiusa
e massimale. Per dimostrare che T ha un modello normale non si può co-
struire un modello canonico adottando come dominio l’insieme delle costanti
individuali del linguaggio di T. Infatti, dati due termini τ e τ 0 , è possibile
che `T τ = τ 0 . Ma se τ e τ 0 sono costanti individuali diverse, τ = τ 0 non
è vera. Per aggirare questo inconveniente è sufficiente costruire un modello
A0 analogo ad M, ma tale che gli elementi di A0 siano classi di equivalenza
di costanti individuali, cioè insiemi ottenuti raggruppando gli elementi di A
in base alla seguente condizione: τ e τ 0 appartengono allo stesso insieme se
e solo se `T τ = τ 0 . In questo modo si rispetta il significato inteso di =,
perché si esclude che termini distinti possano denotare oggetti diversi nel
218

dominio quando la loro identità è dimostrabile in T.

Esercizio 13.6.1 Si consideri la dimostrazione del teorema 13.6.3. Per con-


cludere che M è modello di T basta dimostrare che, per qualsiasi formula
chiusa α, se `T α allora [α]M = 1. Non sarebbe stato più semplice formulare
la dimostrazione induttiva in termini di questo condizionale, invece che del
bicondizionale `T α se e solo se [α]M = 1?

Esercizio 13.6.2 Nel caso 3 della dimostrazione del teorema 13.6.3, consi-
derando l’ipotesi che β sia chiusa, si assume che `T ∀vβ ⊃ β per A4. Perché
questa assunzione è legittima?

Esercizio 13.6.3. Perché vale il seguente teorema?

Teorema 13.6.5 Se T è una teoria con identità coerente, allora T ha un


modello normale contabile.

13.7 Coerenza ed esistenza di un modello

Il teorema 13.6.4 ci dice che se una teoria è coerente allora ha un modello.


Ma è facile dimostrare anche il condizionale inverso: se una teoria ha un
modello allora è coerente.

Teorema 13.7.1 Se una teoria ha un modello, allora è coerente

Dimostrazione. Assumiamo che T abbia un modello M. Supponiamo che


T sia incoerente. Allora per qualche α, `T α e `T ∼ α. Ne risulta che α e
∼ α sono soddisfatte da tutte le assegnazioni in M, il che è impossibile.

Dai teoremi 13.6.4 e 13.7.1 si ottiene che una teoria è coerente se e solo
se ha un modello. L’equivalenza tra coerenza ed esistenza di un modello
è molto importante, perché la coerenza è una proprietà sintattica, mentre
l’esistenza di un modello è una proprietà semantica. Nel prossimo capitolo
vedremo come la relazione tra queste due proprietà può essere impiegata per
dimostrare risultati generali che vertono sulla corrispondenza tra sintassi e
semantica.
Una nota conclusiva. L’equivalenza tra coerenza ed esistenza di un mo-
dello non è una prerogativa della logica predicativa, ma può essere dimo-
strata per un’ampia gamma di sistemi. Un esempio abbastanza semplice
è quello della logica enunciativa. Nel caso della logica enunciativa, infatti,
è possibile dimostrare un teorema analogo al teorema 13.6.3: ogni teoria
coerente e massimale ha un modello. Per fare questo è sufficiente usare il
metodo del modello canonico, costruendo un’interpretazione in cui ogni for-
mula atomica è vera se e solo se è un teorema. Infatti, cosı̀ facendo si riesce
219

a dimostrare che ogni formula è vera se e solo se è un teorema. Siccome è


dimostrabile che ogni teoria coerente ha un’estensione coerente e massima-
le (vedi esercizio 13.4.1), si può concludere che ogni teoria coerente ha un
modello. A questo si aggiunge che un teorema analogo al teorema 13.7.1 è
dimostrabile nel caso della logica enunciativa, come è facile verificare. Dun-
que, si può asserire che una teoria è coerente se e solo se ha un modello.

Esercizio 13.7.1 Sia T una teoria in L0e che include Se∗ . Sia I un’interpre-
tazione tale che, per ogni formula atomica α, [α]M = 1 se e solo se `T α.
Dimostrare che, per ogni formula α, [α]M = 1 se e solo se `T α.
220

Soluzioni

Esercizio 13.1.1

(a) ∀xx = x

(b) ∀x ∼ x 6= x

Esercizio 13.1.2

Si, per la ragione considerata: l’unione di due insiemi numerabili è a sua


volta un insieme numerabile.

Esercizio 13.2.1

Si. L’insieme degli assiomi propri di una teoria può essere vuoto.

Esercizio 13.3.1

Il teorema 13.3.3 si dimostra come segue:


(1) `T ∼ α ⊃ (α ⊃ β) T 12.3.3
(2) `T (∼ α ⊃ (α ⊃ β)) ⊃ (∼ (α ⊃ β) ⊃∼∼ α) T 12.3.7
(3) `T ∼ (α ⊃ β) ⊃∼∼ α T 12.2.4 1,2
(4) `T ∼∼ α ⊃ α T 12.3.5
(5) `T ∼ (α ⊃ β) ⊃ α T 12.3.2 3,4
Il teorema 13.3.4 si dimostra come segue:
(1) `T β ⊃ (α ⊃ β) A1
(2) `T (β ⊃ (α ⊃ β) ⊃ (∼ (α ⊃ β) ⊃∼ β) T 12.3.7
(3) `T ∼ (α ⊃ β) ⊃∼ β T 12.2.4 1,2
Esercizio 13.3.2

Si. Sia A l’insieme delle costanti individuali del linguaggio di T0 . Dato che il
linguaggio di T deve avere un insieme contabile di costanti individuali,
e che linguaggio di T0 ha un insieme contabile di costanti individuali
che non sono nel linguaggio di T, o A è l’unione due insiemi finiti, o è
l’unione di un insieme finito e di un insieme numerabile, o è l’unione
di due insiemi numerabili. Nel primo caso A è ovviamente finito. Nel
secondo e nel terzo caso A è numerabile, come risulta dalla sezione
13.1.

Esercizio 13.4.1

Si. Le nozioni di coerenza e massimalità si applicano anche a un sistema


di logica enunciativa, e l’unico teorema impiegato nella dimostrazione
del teorema 13.4.1 è il teorema 13.3.2, che è dimostrabile anche nel
caso enunciativo, come è facile verificare.
221

Esercizio 13.4.2

No. Per esempio, né P a né ∼ P a è dimostrabile in Sp .

Esercizio 13.5.1

Assumiamo che T0 sia un’estensione di T. Questo significa che se `T α


allora `T 0 α. Supponiamo ora che M sia modello di T0 . Ne risulta
che, se `T 0 α allora [α]M = 1. Quindi, se `T α allora [α]M = 1.

Esercizio 13.5.2

Si.

Esercizio 13.5.3

Ogni formula che esemplifica A1-A7 è valida, quindi è vera in tutti i modelli
normali. Anche A8, chiaramente, è vera in tutti i modelli normali. Ora
si consideri una formula che esemplifica A9. Supponiamo che x = y sia
soddisfatta da σ in un modello normale M. In questo caso σ assegna
lo stesso oggetto a x e y. Quindi, se σ soddisfa α, e α0 differisce da
α al massimo in quanto y sostituisce x in qualche occorrenza libera,
allora σ soddisfa α0 . Di conseguenza, σ soddisfa x = y ⊃ (α ⊃ α0 ).
Siccome σ è un’assegnazione qualsiasi, [∀y(x = y ⊃ (α ⊃ α0 ))]M = 1,
e analogamente [∀x∀y(x = y ⊃ (α ⊃ α0 ))]M = 1. Dunque gli assiomi
di Spi sono veri in tutti i modelli normali. Se a questo si aggiunge che
MP preserva il soddisfacimento, si ottiene che ogni teorema di Spi è
vero in tutti i modelli normali.

Esercizio 13.6.1

No. Certamente non ci sarebbero stati problemi con la base. Ma se nel


passo si assumesse solo il condizionale come ipotesi di induzione, non è
ovvio come si potrebbe arrivare al risultato desiderato. Basta provare
con il caso 1 per convincersi di questo fatto.

Esercizio 13.6.2

Se β è chiusa allora non contiene occorrenze libere di v. Quindi, per


qualsiasi termine τ , τ è sostituibile a v in β e β(τ /v) = β.

Esercizio 13.6.3

Come si è visto, per dimostrare che una teoria con identità coerente, chiu-
sa e massimale T ha un modello normale basta costruire un modello
normale il cui dominio contenga classi di equivalenza di costanti indi-
viduali del linguaggio di T. Assumendo che il linguaggio di T includa
un insieme numerabile di costanti individuali, si ottiene o un dominio
222

numerabile, se le classi di equivalenza risultano essere in corrisponden-


za biunivoca con le costanti individuali, oppure un dominio finito, se
risultano essere in numero inferiore (si pensi al caso limite in cui tutte
le costanti individuali appartengono alla stessa classe di equivalenza).
Dunque, con il metodo adottato per dimostrare il teorema 13.6.4, si
può dimostrare che se T è una teoria con identità coerente, allora T
ha un modello normale contabile.

Esercizio 13.7.1

La dimostrazione è per induzione sulla complessità di α. La base risulta


dimostrata, perché se α ha complessità 0, per ipotesi [α]M = 1 se e
solo se `T α. Nel passo si assume che il bicondizionale da dimostrare
valga per tutte le formule di complessità inferiore o uguale a n e che α
abbia complessità n + 1. I casi da considerare sono due: quello in cui α
ha la forma ∼ β e quello in cui ha la forma β ⊃ γ. In entrambi i casi,
si ottiene che [α]M = 1 se e solo se `T α nel modo che si è visto nei
casi 1 e 2 del passo induttivo della dimostrazione del teorema 13.6.3.
Capitolo 14

Correttezza e completezza

14.1 Corrispondenza tra sintassi e semantica

I capitoli 11 e 12 presentano due modi chiaramente distinti di fornire una


caratterizzazione formale di un insieme di argomenti validi. In un caso si usa
la nozione di conseguenza logica, definita in termini semantici, mentre nel-
l’altro si usa la nozione di derivabilità, definita in termini sintattici. Dunque
è naturale chiedersi se l’insieme di argomenti validi caratterizzato semantica-
mente sulla base della definizione 11.6.1 sia identico all’insieme di argomenti
validi caratterizzato sintatticamente sulla base della definizione 12.2.2. Per
esempio, si è visto che Qa è derivabile dall’insieme {∀x(P x ⊃ Qx), P a}, ol-
tre a essere conseguenza logica dello stesso insieme. Ma è legittimo chiedersi
se tale corrispondenza valga per qualsiasi schema argomentativo.
La questione della relazione tra conseguenza logica e derivabilità può
essere sollevata per qualsiasi teoria. Data una teoria T in un linguaggio L, se
A è l’insieme delle interpretazioni che si conformano al significato inteso dei
simboli di L, ci si può chiedere se la derivabilità in T implichi la conseguenza
logica rispetto ad A, e viceversa. Le due proprietà che tratteremo ora vertono
appunto sulla relazione tra sintassi e semantica. Una teoria T si dice corretta
rispetto a un insieme di interpretazioni A nel caso in cui ogni derivazione in
T esprima una relazione di conseguenza logica rispetto ad A. Inversamente,
T si dice completa rispetto ad A nel caso in cui la conseguenza logica rispetto
ad A implichi la derivabilità in T.

Definizione 14.1.1 T è corretta rispetto ad A se e solo se, per qualsiasi Γ


e α, se Γ `T α, allora Γ |=A α.

Definizione 14.1.2 T è completa rispetto ad A se e solo se, per qualsiasi


Γ e α, se Γ |=A α, allora Γ `T α.

Dato che ogni verità logica è conseguenza logica di ∅ e ogni dimostrazione è


una derivazione da ∅, la relazione tra validità rispetto ad A e dimostrabilità
equivale al caso in cui Γ = ∅. La lettera A che compare accanto al simbolo |=
indica l’insieme di interpretazioni sulla base del quale è definita la relazione

223
224

di conseguenza logica: Γ |=A α significa che in A non esiste un modello in


cui qualche assegnazione soddisfa tutte le formule in Γ ma non soddisfa α.
Nel caso di Sp non ha senso parlare di un insieme A, perché si considerano
senza restrizione tutte le coppie ordinate che si conformano alla definizione
11.4.1. Ma non sempre è cosı̀. Per esempio, nel caso di Spi si considerano
solo i modelli normali. Per questo è opportuno parlare in generale di corret-
tezza e completezza rispetto a un insieme di interpretazioni. La correttezza
simpliciter equivale alla correttezza rispetto alla totalità dei modelli, mentre
la completezza simpliciter equivale alla completezza rispetto alla totalità dei
modelli.

14.2 Teorema di correttezza

Ora si dimostrerà il teorema di correttezza per Sp :


Teorema 14.2.1 Se Γ `p α allora Γ |=p α.
Dimostrazione. Assumiamo che Γ `p α. Per il teorema 12.2.6, c’è un
sottoinsieme finito ∆ di Γ tale che ∆ `p α. I casi possibili sono due.
Caso 1: ∆ = ∅. In questo caso, `p α. Per il teorema 12.5.8, |=p α. Ne
consegue che Γ |=p α.
Caso 2: ∆ 6= ∅. In questo caso, ∆ = {β1 , ..., βn } e β1 , ..., βn `p α.
Applicando n volte il teorema 12.3.1 si ottiene che `p β1 ⊃ (...(βn ⊃ α)).
Per il teorema 12.5.8, |=p β1 ⊃ (...(βn ⊃ α)). Quindi non esiste un modello in
cui un’assegnazione soddisfa β1 , ..., βn ma non soddisfa α. Pertanto, ∆ |=p α.
Ne consegue che Γ |=p α.

Il metodo dimostrativo che permette di arrivare al teorema 14.2.1 può
essere impiegato per dimostrare la correttezza di altri sistemi. Si consideri
per esempio Se∗ . Dato che si può dimostrare che ogni teorema di Se∗ è valido
(vedi esercizio 12.5.2), e dato che i teoremi 12.2.6 e 12.5.8 valgono anche per
Se∗ , si può dimostrare nello stesso modo che Se∗ corretto.

14.3 Correttezza e insiemi di modelli

Dal teorema 14.2.1 risulta che Sp è corretto rispetto alla totalità dei modelli.
Tuttavia, questo non vale per qualsiasi teoria. Una teoria può includere
assiomi propri che non sono validi, e pertanto non essere corretta simpliciter.
Se T include un assioma proprio β che non è valido, è possibile che α sia
derivabile in T da Γ per mezzo di β, pur non essendo conseguenza logica di
Γ rispetto alla totalità dei modelli. Il caso più semplice è quello in cui Γ = ∅
e α = β.
Ogni teoria del genere ha un contenuto specifico che è fissato dai suoi
assiomi propri. Questo significa che, per qualche A, gli assiomi della teoria
225

risultano soddisfatti da ogni assegnazione in ogni modello in A. Per enun-


ciare un teorema generale che valga per tutte le teorie, quindi, si deve tenere
conto del fatto che in molti casi la relazione semantica rilevante non è la
conseguenza logica simpliciter, ma piuttosto la conseguenza logica rispetto
a un certo insieme di modelli. Si consideri il seguente teorema:

Teorema 14.3.1 Se M è un’interpretazione del linguaggio di T che rende


veri tutti gli assiomi propri di T, allora M è modello di T.

Dimostrazione. Sia M un’interpretazione del linguaggio di T che rende veri


tutti gli assiomi propri di T. Ogni formula del linguaggio di T che esemplifica
A1-A7 è vera in M. Dunque tutti gli assiomi di T sono veri in M. Dato
che MP preserva il soddisfacimento, dunque la verità in M, ne risulta che
tutti i teoremi di T sono veri in M.

Sulla base del teorema 14.3.1 si può dimostrare un teorema generale che
verte sulla correttezza di qualsiasi teoria:

Teorema 14.3.2 Se A è un insieme di interpretazioni che rendono veri gli


assiomi propri di T, allora T è corretta rispetto ad A.

Dimostrazione. Sia A un insieme di interpretazioni che rendono veri gli


assiomi propri di T. Dal teorema 14.3.1 risulta che ogni elemento di A è
modello di T. Quindi, si può dimostrare che se Γ `T α allora Γ |=A α nello
stesso modo in cui il teorema 14.2.1 è stato dimostrato a partire dal teorema
12.5.8.

Il teorema 14.3.2 può essere riformulato come segue: ogni teoria è corretta
rispetto all’insieme dei suoi modelli. Infatti, l’insieme delle interpretazioni
del linguaggio di una teoria T che rendono veri gli assiomi propri di T e
l’insieme dei modelli di T sono lo stesso insieme. Sia A l’insieme dei modelli
del linguaggio di T che rendono veri gli assiomi propri di T e sia B l’insieme
dei modelli di T. Dal teorema 14.3.1 risulta che, per qualsiasi M, se M ∈ A,
allora M ∈ B. Supponiamo ora che M ∈ B. Allora ogni teorema di T è
vero in M. Quindi, gli assiomi propri di T sono veri in M, il che significa
che M ∈ A.

Esercizio 14.3.1. Dimostrare che Spi è corretta rispetto all’insieme dei


modelli normali.

Esercizio 14.3.2. Dimostrare che Spi è coerente usando il teorema 13.3.2.

Esercizio 14.3.3. Sia M come nell’esercizio 13.5.2. M è modello di AP?


226

14.4 Teorema di completezza

Il teorema di completezza richiede una dimostrazione più lunga e articolata


di quella del teorema di correttezza. Il metodo dimostrativo qui adottato,
che è stato elaborato da Leon Henkin e si ispira al lavoro di Kurt Gödel,
permette di dimostrare la completezza di Sp sfruttando risultati già acquisiti
nei capitoli precedenti. Infatti, per dimostrare che Sp è completo è sufficiente
dimostrare, usando tre teoremi aggiuntivi, che ogni insieme sintatticamente
coerente di formule è soddisfacibile1 .
Il primo teorema dipende direttamente dal teorema 13.6.4, che svolge un
ruolo cruciale nell’intera dimostrazione. Per coglierne il significato occorre
tenere presente che la nozione di insieme sintatticamente coerente implica
un riferimento a una teoria. Nella sezione 12.4, la coerenza sintattica di un
insieme di formule è definita in riferimento a Sp . Ma ovviamente, quando si
parla in termini generali occorre relativizzare la proprietà a teorie. Si dirà
quindi che un insieme Γ è coerente in una teoria T intendendo dire che non
si dà il caso che, per qualche α, Γ `T α e Γ `T ∼ α.

Teorema 14.4.1 Se un insieme di formule chiuse è sintatticamente coe-


rente, allora ha un modello.

Dimostrazione. Sia Γ un insieme di formule chiuse coerente in una teoria


T. Sia T0 = T+Γ. T0 è coerente. Infatti, supponendo che sia incoerente si
ottiene che, per qualche α, `T 0 α e `T 0 ∼ α. Ma questo implica che Γ `T α
e Γ `T ∼ α, contrariamente all’ipotesi. Essendo T0 coerente, dal teorema
13.6.4 risulta che T0 ha un modello. Quindi, Γ ha un modello.

Teorema 14.4.2 Siano T e T0 tali che T0 è ottenuta aggiungendo al lin-


guaggio di T un insieme contabile di costanti individuali. Se un insieme di
formule Γ è coerente in T, allora è coerente in T0 .

Dimostrazione. Siano T e T0 tali che T0 è ottenuta aggiungendo al linguag-


gio di T un insieme contabile di costanti individuali. Supponiamo che, per
qualche α, esista sia una derivazione in T0 di α da Γ sia una derivazione in
T0 di ∼ α da Γ. Sostituendo nelle due derivazioni ogni costante individuale
che non è nel linguaggio di T con una variabile appropriata si ottengono due
derivazioni in T, con il risultato che Γ permette di derivare una contraddi-
zione in T. Il ragionamento è analogo a quello impiegato per dimostrare il
teorema 13.3.1.


1
Henkin [24].
227

Teorema 14.4.3 Sia α una formula del linguaggio di T in cui v è libera.


Sia c una costante individuale che non occorre in α né negli assiomi propri
di T. Se `T α(c/v) allora `T α.

Dimostrazione. Supponiamo che `T α(c/v). Allora esiste una dimostrazione


in T di α(c/v) in cui c può essere rimpiazzata da una variabile che non
occorre nella dimostrazione stessa o in α. A partire da questo fatto, con un
ragionamento analogo a quello impiegato nella dimostrazione del teorema
13.6.1 si può concludere che `T α.


Teorema 14.4.4 Se un insieme di formule è sintatticamente coerente, al-


lora è soddisfacibile.

Dimostrazione. Sia Γ un insieme di formule coerente in una teoria T. Sia-


no v1 , v2 , v3 ... le variabili che occorrono libere nelle formule di Γ. Sia T0
ottenuta aggiungendo al linguaggio di T un insieme numerabile di costanti
individuali c1 , c2 , c3 .... Sia Γ0 ottenuto sostituendo in Γ ogni variabile xi
con una costante individuale ci . In T0 non si può derivare una contraddi-
zione da Γ0 . Supponiamo infatti che si possa. Allora per il teorema 12.2.6
esiste un sottoinsieme finito ∆ di Γ0 tale che ∆ `T 0 α e ∆ `T 0 ∼ α. Appli-
cando n volte il teorema 12.3.1 agli elementi β1 , ...βn di ∆, si ottiene che
`T 0 β1 ⊃ (...(βn ⊃ α)) e `T 0 β1 ⊃ (...(βn ⊃∼ α)). Per il teorema 14.4.3,
`T 0 β10 ⊃ (...(βn0 ⊃ α0 )) e `T 0 β10 ⊃ (...(βn0 ⊃∼ α0 )), dove 0 indica che ogni
costante individuale ci è stata sostituita con la variabile corrispondente vi .
Da questo si ottiene che β10 , ..., βn0 `T 0 α0 e β10 , ..., βn0 `T 0 ∼ α0 , dato che vale
l’inverso del teorema 12.3.1 (vedi esercizio 12.3.1). Siccome {β10 , ..., βn0 } ⊆ Γ,
dal teorema 12.2.3 risulta che Γ `T 0 α0 e Γ `T 0 ∼ α0 . Per il teorema 14.4.2,
ne consegue che Γ non è coerente in T, contrariamente all’ipotesi.
Dato che Γ0 è sintatticamente coerente e che le formule in Γ0 sono chiuse,
per il teorema 14.4.1 ne consegue che Γ0 ha un modello. Sia M tale modello.
Sia σ un’assegnazione alle variabili del linguaggio di T definita su M come
segue: ogni variabile vi che è stata sostituita con una costante individuale
ci ha la stessa denotazione di ci , ogni altro termine denota un elemento
qualsiasi di A. Essendo M modello di Γ0 , σ soddisfa ogni formula in Γ.
Quindi Γ è soddisfacibile.


Teorema 14.4.5 Se Γ |=p α, allora Γ `p α.

Dimostrazione. Assumiamo che Γ 0p α. Allora, Γ ∪ {∼ α} è sintattica-


mente coerente. Se infatti non lo fosse, sarebbe il caso che Γ `p α (vedi
esercizio 12.4.2 (b)). Ma se Γ ∪ {∼ α} è sintatticamente coerente, per il teo-
rema 14.4.4 è soddisfacibile. Questo significa che in qualche modello esiste
un’assegnazione che soddisfa Γ e non soddisfa α. Quindi, Γ 6|=p α.
228

Il metodo dimostrativo che permette di arrivare al teorema 14.4.5 può


essere impiegato per dimostrare la completezza di altri sistemi. Anche in
questo caso, un esempio piuttosto semplice è quello della logica enunciativa.
Si consideri di nuovo Se∗ . Come si è visto nella sezione 13.7, si può dimo-
strare che ogni teoria coerente che include Se∗ ha un modello. Pertanto, si
ottiene un teorema analogo al teorema 14.4.1: ogni insieme sintatticamente
coerente di formule di L0e ha un modello. A partire da questo teorema, si
può dimostrare la completezza di Se∗ nello stesso modo in cui si dimostra
la completezza di Sp : assumendo che Γ 0e000 α, si ottiene che Γ ∪ {∼ α} è
sintatticamente coerente, quindi che Γ ∪ {∼ α} ha un modello, con la con-
seguenza che Γ 6|=e0 α2 .

Esercizio 14.4.1 Nella dimostrazione del teorema 14.4.1 si assume che, se


T+Γ ha un modello, allora Γ ha un modello. Perché questa assunzione è
legittima?

14.5 Completezza e insiemi di modelli

Dal teorema 14.4.5 risulta che Sp è completo rispetto alla totalità dei model-
li, cioè che la conseguenza logica rispetto alla totalità dei modelli implica la
derivabilità in Sp . In generale, la completezza rispetto alla totalità dei mo-
delli può essere dimostrata per qualsiasi teoria. Per rendersene conto basta
pensare che il teorema 14.4.5 è ottenuto usando il teorema 14.4.4. Dato che
il teorema 14.4.4 vale per qualsiasi T, risulta che se Γ |= α allora Γ `T α.
Questo non dovrebbe sorprendere: la capacità deduttiva di qualsiasi teoria è
almeno pari a quella di Sp , quindi tutto ciò che è derivabile in Sp è derivabile
in qualsiasi teoria.
Si noti, tuttavia, che la completezza di T rispetto alla totalità dei modelli
non implica la completezza di T rispetto a un insieme qualsiasi di modelli.
Questo risulta evidente se si pensa che una formula chiusa del linguaggio di
T è vera in un insieme di modelli se è vera in qualche modello di T. I limiti
del teorema di completezza, dunque, sono in un certo senso opposti a quelli
del teorema di correttezza. Nel caso della correttezza l’attribuzione del-
la proprietà simpliciter è più impegnativa dell’attribuzione della proprietà
rispetto a un insieme ristretto di modelli, in quanto la prima implica la
seconda ma non ne è implicata. Al contrario, nel caso della completezza
2
In realtà, nel caso della logica enunciativa risulta più agevole dimostrare direttamente
che ogni insieme sintatticamente coerente di formule ha un modello. Per fare questo è
sufficiente dimostrare il Lemma di Lindenbaum in una versione diversa: se Γ è un insieme
sintatticamente coerente di formule, allora esiste un insieme Γ0 sintatticamente coerente e
massimale tale che Γ ⊆ Γ0 , dove ‘massimale’ significa che, per ogni formula α, o α ∈ Γ0 o
∼ α ∈ Γ0 . A quel punto si può costruire un modello canonico per Γ0 .
229

l’attribuzione della proprietà simpliciter è la meno impegnativa. Una teo-


ria può essere completa rispetto alla totalità dei modelli pur non essendo
completa rispetto a questo o quell’insieme di modelli.

14.6 Osservazioni conclusive

I teoremi 14.2.1 e 14.4.5 mostrano che la nozione semantica di conseguenza


logica e la nozione sintattica di derivabilità permettono di caratterizzare uno
stesso insieme di forme valide esprimibili in Lp . Questo è senza dubbio un
fatto interessante. Ma secondo molti non è tutto: il “significato” dei teoremi
di correttezza e di completezza non si riduce a una mera equivalenza tra due
nozioni formali. Spesso una teoria corretta viene descritta come una teoria
che non non permette di derivare cose che non vogliamo derivare, cioè legit-
tima solo inferenze intuitivamente accettabili. Una teoria completa, invece,
viene descritta come una teoria che permette di derivare tutto ciò che vo-
gliamo derivare, cioè legittima tutte le inferenze intuitivamente accettabili.
In entrambi i casi si ritiene che il risultato garantisca che un dato apparato
deduttivo è adeguato, non che una data semantica è adeguata. L’assunzione
tacita, quindi, è che la nozione di conseguenza logica e la nozione di deriva-
bilità non siano sullo stesso piano. Nel caso specifico di Sp , si assume che la
definizione 11.6.1 sia teoricamente prioritaria rispetto alla definizione 12.2.2.
Il motivo per cui si pensa che la definizione 11.6.1 meriti uno status pri-
vilegiato è che si tende a dare per scontato che una relazione importante,
chiamiamola R, sussista tra la nozione di conseguenza logica e una nozio-
ne intuitiva, chiamiamola N. Assumendo che N sia di natura semantica, in
quanto concerne la verità, è ragionevole pensare che un legame diretto sussi-
sta tra la definizione 11.6.1 e N ma non tra N e la definizione 12.2.2, quindi
che tra le due definizioni sia la prima quella che poggia su una solida base
intuitiva. Questo modo di pensare è piuttosto diffuso. La sua diffusione
si deve principalmente all’opera di Tarski, che per primo ha formulato una
definizione rigorosa di conseguenza logica. Tuttavia, è legittimo chiedersi
fino a che punto ci si possa spingere nella direzione indicata da Tarski. Per
rispondere a questa domanda occorre qualche delucidazione a proposito di
N e di R.
Pur non essendo del tutto chiaro che cosa si intenda qui per argomento
valido in senso intuitivo, probabilmente si ha in mente qualcosa come la de-
finizione 3.6.1, in quanto si ritiene che N includa almeno due condizioni: (i)
in un argomento valido è impossibile che le premesse siano vere e la conclu-
sione sia falsa; (ii) un argomento valido esemplifica una forma valida. L’idea
espressa dalla condizione (i) è chiaramente preteorica, in quanto può essere
compresa senza conoscere la logica: basta riflettere su una dimostrazione
matematica per riconoscere che alcuni argomenti preservano necessariamen-
te la verità. L’idea espressa dalla condizione (ii), invece, è teoricamente
più impegnativa, poiché presuppone una distinzione tra costanti logiche ed
230

espressioni non logiche. Questo significa che N è intuitiva al massimo in


senso relativo, cioè più intuitiva della definizione 11.6.1. Ma d’altra parte,
quale nozione è intuitiva in senso assoluto?
Nel caso di R ci sono almeno due opzioni. Si potrebbe sostenere che R
è l’equivalenza estensionale, cioè la relazione che sussiste tra due predicati
quando gli oggetti ai quali si applicano sono gli stessi. Per esempio, ‘acqua’ e
‘H2 O’ sono predicati estensionalmente equivalenti, poiché tutto ciò che cade
sotto il primo cade sotto il secondo e viceversa. Oppure si potrebbe sostenere
che R è l’analisi concettuale, cioè la relazione che sussiste tra due predicati
quando uno dei due fornisce un’analisi del concetto espresso dall’altro, ri-
ducendolo ad altri concetti che sono più semplici o prioritari dal punto di
vista esplicativo. Per esempio, ‘uomo adulto non sposato’ può essere consi-
derato un’analisi concettuale di ‘scapolo’. Il secondo modo di intendere R è
più forte del primo: l’analisi concettuale implica l’equivalenza estensionale,
ma non ne è implicata. Quindi, se la definizione 11.6.1 fornisce un’analisi
concettuale di N allora la nozione di conseguenza logica è estensionalmente
equivalente a N, mentre non vale l’inverso.
La tesi secondo cui R sussiste tra la nozione di conseguenza logica e N
può ora essere esaminata con maggiore accuratezza. Se R è intesa come
equivalenza estensionale, sembra corretto dire che R sussiste tra la nozione
di conseguenza logica e N. Si consideri il seguente condizionale:

(1) Se Γ; α è una forma valida, allora Γ |=p α.

Supponiamo che Γ 6|=p α, cioè che esista un modello M che rende vere
tutte le formule in Γ ma non α. Allora esiste un argomento che esemplifica
Γ; α e ha premesse vere ma conclusione falsa, cioè un argomento costruito
rimpiazzando le costanti logiche che occorrono in Γ; α con le corrispondenti
espressioni italiane, e le espressioni non logiche che occorrono in Γ; α con
espressioni italiane il cui significato è adeguatamente rappresentato in M.
Dato che un argomento del genere non è valido, Γ; α non è una forma valida.
Per giustificare il condizionale inverso è sufficiente assumere che l’apparato
deduttivo di Sp sia costruito in modo tale che tutte le derivazioni in Sp
corrispondano a forme valide. In altri termini:

(2) Se Γ `p α, allora Γ; α è una forma valida.

Infatti, da (2) e dal teorema 14.4.5 si ottiene

(3) Se Γ |=p α, allora Γ; α è una forma valida.

Da (1) e (3) risulta che la definizione 11.6.1 è estensionalmente adeguata


rispetto a N3 .
3
Kreisel [31] suggerisce una giustificazione di questo tipo.
231

Se R è intesa come analisi concettuale, invece, non si può dare per scon-
tato che R sussista tra la nozione di conseguenza logica e N. Innanzitutto,
considerazioni di carattere generale inducono a dubitare che N, cosı̀ come
qualsiasi altra nozione interessante, sia suscettibile di analisi concettuale.
Pur assumendo che esistano casi non controversi di analisi concettuale, come
quello di ‘scapolo’, resta aperta la questione se esistano casi non controversi e
allo stesso tempo non banali. In secondo luogo, non è chiaro se la definizione
11.6.1 sia in grado di “catturare” la condizione (i) implicita in N. Nell’ar-
gomento considerato nella sezione 11.6, la legittimità dell’inferenza sembra
dipendere dal fatto che tutte le situazioni possibili che siamo in grado di im-
maginare in cui ogni filosofo è saggio e Socrate è un filosofo sono situazioni
in cui Socrate è saggio. Ma la definizione 11.6.1 implica una quantificazio-
ne su interpretazioni, quindi su significati che possono essere assegnati alle
espressioni non logiche di Lp . Questo sembra non avere un corrispettivo a
livello preteorico. Quando pensiamo alla cogenza dell’argomento, non pen-
siamo all’eventualità che ‘saggio’ significhi ‘ricco’ e constatiamo che anche
in quel caso la conclusione sarebbe vera se lo fossero le premesse4 .
La tesi secondo cui R sussiste tra la nozione di conseguenza logica e N,
dunque, è plausibile solo nel caso in cui R sia intesa come equivalenza esten-
sionale. Questo non significa che la legittimità della definizione 11.6.1 sia in
pericolo. Non c’è motivo di pensare che qualcosa di diverso dall’adeguatezza
estensionale sia necessario per giustificare la nozione di conseguenza logica.
Il fatto importante, tuttavia, è che sulla base dell’adeguatezza estensionale
non si può motivare lo status privilegiato attribuito alla definizione 11.6.1.
Infatti, quello che vale per la conseguenza logica vale pure per la derivabilità
in Sp . Da (1) e dal teorema 14.4.5 si ottiene

(4) Se Γ; α è una forma valida, allora Γ `p α.

Da (2) e (4) risulta che la definizione 12.2.2 è estensionalmente adeguata


rispetto a N. Quindi le due definizioni sono esattamente sullo stesso piano.
Si noti, inoltre, che il ragionamento che permette di concludere che la defini-
zione 11.6.1 è estensionalmente adeguata, come quello appena considerato,
fa uso del teorema di completezza. Dunque non si vede come la tesi del-
l’adeguatezza estensionale della definizione 11.6.1 possa essere invocata per
attribuire un senso al teorema stesso.
La morale della favola è che alcune delle cose che si dicono a proposito dei
teoremi di correttezza e di completezza sono quantomeno controverse. Forse
la nozione di derivabilità può essere giustificata sulla base di qualche nozione
preteorica di natura semantica. Ma una tale nozione preteorica - se esiste -
non è la nozione di conseguenza logica. Quindi, non è ovvio che la definizione
11.6.1 possa giustificare la definizione 12.2.2 senza aver bisogno essa stessa
di giustificazione. I teoremi di correttezza e di completezza dicono che la
4
Etchemendy [13] elabora questo punto.
232

nozione di conseguenza logica e la nozione di derivabilità hanno la stessa


estensione, quindi che se una delle due è plausibile, anche l’altra lo è. Non
c’è nessun “significato” oltre questo.
233

Soluzioni

Esercizio 14.3.1

A8-A9 sono veri in tutti i modelli normali (vedi esercizio 13.5.3). Da questo
e dal teorema 14.3.2 risulta che Spi è corretta rispetto all’insieme dei
modelli normali.

Esercizio 14.3.2

Sia T la teoria ottenuta eliminando A8 e A9 da Spi . Ogni teorema di


T è teorema di Spi , quindi è vero in tutti i modelli normali (vedi
esercizio 13.5.3). Siccome ∼ ∀xx = x è falso in tutti i modelli normali,
0T ∼ ∀xx = x. Per il teorema 13.3.2, ne consegue che T+{∀x(x = x)}
è coerente. Allo stesso modo, qualsiasi formula chiusa che esemplifica
A9 può essere aggiunto come assioma a T+{∀x(x = x)} formando una
teoria coerente.

Esercizio 14.3.3

Si. Questo risulta dall’esercizio 13.5.2 e dal teorema 14.3.1.

Esercizio 14.4.1

Sia M il modello di T+Γ. Ogni teorema di T+Γ è vero in M. Ma ogni


elemento di Γ è un teorema, poiché Γ è costituito da formule chiuse
aggiunte a T come assiomi. Quindi, ogni formula in Γ è vera in M.
234
Capitolo 15

Modelli e cardinalità

15.1 Cardinalità

Questo capitolo presenta alcuni risultati che in un modo o nell’altro impiega-


no la nozione di cardinalità, cioè la nozione che si adotta in matematica per
esprimere in termini numerici la grandezza degli insiemi. Per capire meglio
di che cosa si tratta, si consideri innanzitutto il caso degli insiemi finiti. Se
A è finito, si può esprimere la grandezza di A mediante un numero naturale.
Infatti, per qualche n, A contiene esattamente n elementi. Dunque, il nu-
mero n esprime la grandezza di A. Per esempio, la grandezza dell’insieme
{2, 1, 3} è espressa dal numero 3, mentre la grandezza dell’insieme {2, 1} è
espressa dal numero 2. Se si identificano i numeri naturali con insiemi, come
ha suggerito John von Neumann, si può formulare questo pensiero in modo
rigoroso. Assumiamo che 0 = ∅ e che per ogni n > 0, n = {0, ..., n − 1}.
Il numero cardinale di A può essere definito come il numero n tale che A
è in corrispondenza biunivoca con n. Per esempio, il numero cardinale di
{2, 1, 3} è 3, perché {2, 1, 3} è in corrispondenza biunivoca con {0, 1, 2},
mentre il numero cardinale di {2, 1} è 2, perché {2, 1} è in corrispondenza
biunivoca con {0, 1}1 .
Si consideri ora il caso degli insiemi infiniti. In questo caso non si può
esprimere la grandezza di un insieme con un numero naturale. Infatti, se A
è infinito, per definizione non esiste un n tale che A contiene esattamente n
elementi. Ma un’analogia importante rimane: anche in questo caso si può
misurare la grandezza di A sulla base della corrispondenza biunivoca tra A
e qualche insieme. La nozione di numero transfinito introdotta da Georg
Cantor risponde all’esigenza di esprimere una tale grandezza. Il numero
transfinito assegnato a ω si chiama ℵ0 . Dunque ogni insieme che sia in cor-
rispondenza biunivoca con ω, cioè ogni insieme numerabile, ha come numero
cardinale ℵ0 . Cantor ha dimostrato che ℵ0 è il più piccolo numero transfi-
nito, e che, per ogni numero transfinito ℵn , ne esiste uno più grande ℵn+1 ,

1
Sulla definizione di von Neumann vedi Casalegno e Mariani [8], pp. 80-81.

235
236

cioè il cardinale successivo. Un esempio di numero transfinito maggiore di


ℵ0 è il “cardinale del continuo”, cioè il numero che si assegna a R2 .
In generale, i numeri cardinali forniscono una scala di misurazione per la
grandezza degli insiemi. La cardinalità di un insieme A, che si indica con |A|,
è data dal numero cardinale - naturale o transfinito - associato all’insieme.
Dati due insiemi A e B, quindi, si può assumere quanto segue:

1. |A| = |B| se e solo se A e B sono in corrispondenza biunivoca;

2. |A| ≤ |B| se e solo se esiste una funzione iniettiva da A in B;

3. |A| < |B| se e solo se esiste una funzione iniettiva da A in B ma A e B


non sono in corrispondenza biunivoca.

Per esempio, ω e l’insieme dei numeri pari hanno la stessa grandezza, poiché
hanno entrambi cardinalità ℵ0 . Invece, R è più grande di ω, perché ha
cardinalià maggiore di ℵ0 . Si noti che il senso di ‘grande’ cosı̀ precisato non è
quello che potrebbe venire in mente considerando la relazione di sottoinsieme
proprio nel caso degli insiemi finiti. Se A e B sono finiti e A ⊂ B, è naturale
pensare che B sia più grande di A. Infatti, B contiene oggetti che A non
contiene. Ma questo non vale in generale, cioè non si può dire che, per due
insiemi qualsiasi A e B, se A ⊂ B allora |A| < |B|. Un insieme infinito
può essere sottoinsieme proprio di un altro insieme pur avendo la stessa
cardinalità. È il caso, appunto, dell’insieme dei numeri pari e di ω.
La nozione di cardinalità può essere impiegata per formulare alcune pro-
prietà delle teorie che dipendono dalla grandezza del dominio dei modelli
del loro linguaggio. Siccome il dominio M di un modello M è un insieme
di oggetti, si può parlare della cardinalità di M facendo riferimento alla
cardinalità di M . In altri termini, la cardinalità di M è |M |.

Esercizio 15.1.1 Spiegare perché vale quanto segue:

Se |A| < |B| per ogni insieme finito A, allora B è infinito.

15.2 Teorema di compattezza

Il primo risultato che sarà considerato è il teorema di compattezza, che si


deve a Gödel:

Teorema 15.2.1 Data una teoria T, se ogni sottoinsieme finito dell’insie-


me degli assiomi propri di T ha un modello, allora T ha un modello.

Dimostrazione. Assumiamo che T non abbia un modello. Dal teorema 13.6.4


ne risulta che T è incoerente. Questo significa che, per qualche α, esiste sia
una dimostrazione in T di α sia una dimostrazione in T di ∼ α. Dunque, per
2
Su Cantor e i numeri trasfiniti vedi Casalegno e Mariani [8], pp. 103-106.
237

qualche sottoinsieme finito ∆ di assiomi propri di T, le due dimostrazioni


usano solo assiomi propri in ∆. Sia T0 una teoria nel linguaggio di T che ha
∆ come insieme degli assiomi propri. Allora `T 0 α e `T 0 ∼ α, dunque T0 è
incoerente. Per il teorema 13.7.1, ne consegue che T0 non ha un modello. Dal
teorema 14.3.1 si ottiene che non esiste un’interpretazione del linguaggio di
T0 che rende vero ogni assioma proprio di T0 . Quindi esiste un sottoinsieme
finito degli assiomi propri di T che non ha un modello, cioè ∆.

Il teorema 15.2.1 mostra che ogni teoria è compatta nel senso specificato.
Una conseguenza interessante di questo teorema concerne la nozione di mo-
dello finito arbitrariamente grande: un insieme di formule chiuse Γ ammette
modelli finiti arbitrariamente grandi se, per ogni n, esiste un m ≥ n tale che
Γ ha un modello di cardinalità m.

Teorema 15.2.2 Se un insieme di formule chiuse ammette modelli normali


finiti arbitrariamente grandi, allora ha un modello numerabile.

Dimostrazione. Assumiamo che Γ sia un insieme di formule chiuse che am-


mette modelli normali finiti arbitrariamente grandi. Per ogni n, sia αn una
formula chiusa che è vera in un modello normale M se e solo se |A| ≥ n.
Per esempio, se n = 2 la formula è ∃x∃y(x 6= y). Sia Γ0 = Γ ∪ {α1 , α2 , ...},
cioè il risultato dell’aggiunta di tutte queste formule a Γ. Ogni sottoinsieme
finito di Γ0 è un sottoinsieme di Γ ∪ {α1 , ..., αm } per qualche m, quindi ha
un modello normale di cardinalità maggiore o uguale a m. Per il teorema
15.2.1, una teoria che abbia Γ0 come insieme di assiomi propri ha un mo-
dello. Sia M tale modello. Dato che M rende vero αn per ogni n, M è
infinito. Inoltre, essendo {α1 , α2 , ...} un insieme numerabile, è sufficiente un
sottoinsieme numerabile M 0 di M per rendere vero αn per ogni n. Si può
dunque costruire un modello M0 che abbia come dominio M 0 e renda vere
tutte le formule in Γ. Questo significa che Γ ha un modello numerabile.

Un corollario diretto del teorema 15.2.2 è il seguente:

Teorema 15.2.3 Se una teoria con identità ha assiomi propri che ammet-
tono modelli normali finiti arbitrariamente grandi, allora ha un modello
numerabile.

Dimostrazione. Sia T una teoria con identità e sia Γ l’insieme degli assiomi
propri di T. Assumiamo che Γ ammetta modelli normali finiti arbitrariamen-
te grandi. Per il teorema 15.2.2, Γ ha un modello numerabile. Da questo e
dal teorema 14.3.1 si ottiene che T ha un modello numerabile.


238

Si noti che non tutte le teorie con identità soddisfano la condizione espressa
dall’antecedente del teorema 15.2.3. Infatti, una teoria con identità può
includere assiomi propri che fissano una cardinalità finita massima per i suoi
modelli. Per esempio, una teoria con identità in cui la formula ∃x∃y∀z(z =
x ∨ z = y) figura come assioma proprio non ammette modelli normali il
cui dominio contenga più di due oggetti. Ma si tratta di casi marginali.
Le teorie con identità che si studiano normalmente, se ammettono modelli
finiti, non contemplano restrizioni del genere.

Esercizio 15.2.1. Una teoria aritmetica ammette modelli normali finiti?

15.3 Teorema di Löwenheim-Skolem

Un altro risultato che sarà ora considerato si deve a Leopold Löwenheim e


Thoralf Skolem, pertanto è noto come teorema di Löwenheim-Skolem:
Teorema 15.3.1 Se una teoria ha un modello, allora ha un modello conta-
bile.
Dimostrazione. Assumiamo che T abbia un modello. Allora T è coerente,
per il teorema 13.7.1. I casi possibili sono due: o il linguaggio di T non
contiene il simbolo =, o T è una teoria con identità. Nel primo caso si
può concludere che T ha un modello numerabile. Infatti, come risulta dalla
dimostrazione del teorema 13.6.3, si può costruire un modello canonico per
un’estensione coerente, chiusa e massimale di T che abbia come dominio
l’insieme delle costanti individuali del suo linguaggio. Nel secondo caso,
invece, si può concludere che T ha un modello contabile, come risulta dal
teorema 13.6.5. Dunque T ha un modello contabile.

Come è facile intuire, l’interesse del teorema 15.3.1 si deve essenzialmente
a ciò che comporta per le teorie che hanno modelli infiniti. Infatti, se T ha
solo modelli finiti perché i suoi assiomi propri impongono una cardinalità
finita massima ai suoi modelli, risulta banalmente vero che T ha un modello
contabile. Invece, se T ha modelli infiniti, non è ovvio che qualcuno dei suoi
modelli sia contabile. Dunque, una conseguenza interessante del teorema
15.3.1 può essere enunciata come segue:
Teorema 15.3.2 Se una teoria ha un modello di cardinalità κ tale che κ >
ℵ0 , allora ha un modello di cardinalità λ tale che λ ≤ ℵ0 .
Dimostrazione. Assumiamo che T abbia un modello di cardinalità κ tale
che κ > ℵ0 . Siccome T ha un modello, dal teorema 15.3.1 si ottiene che T
ha un modello contabile, cioè un modello di cardinalità λ tale che λ ≤ ℵ0 .

239

Si noti che, se T ha modelli infiniti di cardinalità maggiore di ℵ0 , non è


possibile che abbia modelli finiti senza avere modelli numerabili. Nel caso in
cui il linguaggio di T non contenga il simbolo =, è sufficiente assumere che
T abbia un modello per concludere che ha un modello numerabile, come ri-
sulta dalla dimostrazione del teorema 15.3.1. Nel caso in cui il linguaggio di
T contenga il simbolo =, se T ha modelli normali infiniti, non può includere
assiomi propri che fissano una cardinalità finita massima per i suoi modelli.
Dunque, se ha modelli finiti, i suoi assiomi propri ammettono modelli nor-
mali finiti arbitrariamente grandi. Ne consegue, per il teorema 15.2.3, che
T ha un modello numerabile. In sostanza, se T soddisfa l’antecedente del
teorema 15.3.2, non è possibile che abbia modelli finiti senza avere modelli
numerabili. Pertanto, dal teorema 15.3.2 si ottiene che, se T ha un modello
di cardinalità maggiore di ℵ0 , allora ha un modello di cardinalità ℵ0 . In altri
termini, se T ha modelli infiniti, allora ha modelli numerabili.
Se immaginiamo che i cardinali transfiniti siano disposti uno sopra l’altro
in una scala verticale che inizia con ℵ0 e prosegue con i cardinali via via più
grandi, il teorema 15.3.2 indica che si può procedere dall’alto verso il basso:
se si parte da un modello di cardinalità qualsiasi, cioè da un punto qualsiasi
della scala, si può scendere fino al gradino più basso, cioè ℵ0 Un risultato che
in un certo senso è complementare rispetto al teorema 15.3.2, dimostrato da
Tarski, ci indica che si può procedere anche nella direzione opposta, cioè dal
basso verso l’alto:
Teorema 15.3.3 Per ogni κ ≥ ℵ0 , se una teoria ha un modello di cardina-
lità ℵ0 , allora ha un modello di cardinalità κ.
Dimostrazione. Questo teorema si ottiene dimostrando che se λ ≤ κ e T ha
un modello infinito di cardinalità λ, allora T ha un modello di cardinalità
κ. Infatti, basta assumere che λ = ℵ0 per ottenere risultato desiderato. Sia
M un modello di T di cardinalità λ. Sia M 0 un insieme di cardinalità κ tale
che M ⊆ M 0 e λ ≤ κ. Sia M0 un modello del linguaggio di T che ha come
dominio M 0 , concorda con M sui valori assegnati alle costanti individuali
ed è ottenuto nel modo seguente. Innanzitutto, chiamiamo A l’insieme degli
elementi di M 0 che non appartengono a M . Dato un elemento c di M ,
stabiliamo poi che tutti gli elementi di A si comportino come c. Questo
significa che, per ogni lettera predicativa a n posti Π e ogni n-upla ha1 , ..., an i
di elementi di M 0 , ha1 , ..., an i ∈ [Π]M0 se e solo se hb1 , ..., bn i ∈ [Π]M , dove
bi = ai se ai ∈ M e bi = c se ai ∈ A. I simboli di funzione possono essere
trattati in modo analogo. Chiaramente, ogni formula è vera in M0 se e solo
se è vera in M. Pertanto, M0 è modello di T.

I teoremi 15.3.2 e 15.3.3 mostrano che una teoria non è in grado di fornire
una descrizione completa del suo modello inteso, perché la sua capacità de-
scrittiva è limitata. Da un lato, se il modello inteso ha una certa cardinalità,
240

la descrizione fornita dalla teoria non è completa nel senso che i suoi teore-
mi sono resi veri anche da un modello di cardinalità minore. Per esempio,
una teoria che abbia come modello inteso l’insieme dei punti dello spazio,
che ha una cardinalità maggiore di ℵ0 , è resa vera anche da un insieme di
cardinalità ℵ0 . Dall’altro, se il modello inteso ha una certa cardinalità, la
descrizione fornita dalla teoria non è completa nel senso che i suoi teoremi
sono resi veri anche da un modello di cardinalità maggiore. Per esempio,
una teoria che abbia come modello inteso l’insieme dei numeri naturali, che
ha cardinalità ℵ0 , può essere resa vera anche da un modello di cardinalità
maggiore di ℵ0 .

15.4 Isomorfismo

Per illustrare meglio le implicazioni dei teoremi considerati nelle sezioni 15.2
e 15.3 è utile definire una relazione tra modelli che si chiama isomorfismo:

Definizione 15.4.1 Due modelli M e M0 di un linguaggio sono isomorfi


se e solo se esiste una funzione iniettiva F da M su M 0 tale che

1 per ogni costante individuale c, F ([c]M ) = [c]M0

2 per ogni lettera predicativa n-adica Π e ogni n-upla ha1 , ..., an i di elementi
di M , ha1 , ..., an i ∈ [Π]M se e solo se hF (a1 ), ..., F (an )i ∈ [Π]M0 ;

3 per ogni simbolo di funzione a n posti f e ogni n-upla ha1 , ..., an i di


elementi di M , F [f ]M (a1 , ..., an ) = [f ]M0 (F (a1 ), ..., F (an )).

F è chiamata immersione isomorfa. Dunque, la definizione può essere rifor-


mulata dicendo che M e M0 sono isomorfi se e solo se esiste un’immersione
isomorfa di M in M0 . La nozione di isomorfismo cosı̀ definita rende precisa
un’idea che è abbastanza facile da afferrare a livello intuitivo, cioè che due
modelli possono avere la stessa forma, anche se differiscono nel contenuto.
Ora si dimostrerà un teorema fondamentale che verte sull’isomorfismo.
Per farlo, occorre prima dimostrare il seguente teorema:

Teorema 15.4.1 Se F è un’immersione isomorfa di M in M0 , σ è un’as-


segnazione in M e σ 0 è un’assegnazione in M0 tale che per ogni variabile v,
[v]M0 ,σ0 = F ([v]M,σ ), allora σ soddisfa una formula α se e solo se σ 0 soddisfa
α.

Dimostrazione. La dimostrazione è per induzione sulla complessità di α,


assumendo che F sia un’immersione isomorfa di M in M0 e che σ e σ 0
soddisfino la condizione richiesta.
Base. Assumiamo che α sia una formula atomica Πτ1 , ..., τn . Per 1 ≤
i ≤ n, si può dimostrare per induzione sulla complessità di τi che [τi ]B,σ0 =
241

F ([τi ]M,σ ). Infatti, nel caso in cui τi sia una costante individuale vale la clau-
sola 1 della definizione 15.4.1, nel caso in cui τi sia una variabile vale la con-
dizione richiesta dal teorema, mentre il caso in cui τi è un termine complesso
dipende dai primi due per la clausola 3 della definizione 15.4.1. Siano dunque
a1 , ..., an gli elementi di M denotati da τ1 , ..., τn in σ e F (a1 ), ..., F (an ) gli
elementi di M 0 denotati da τ1 , ..., τn in σ 0 . Per la clausola 2 della definizione
15.4.1, ha1 , ..an i ∈ [Π]M se e solo se hF (a1 ), ..., F (an )i ∈ [Π]M0 . Quindi, σ
soddisfa α se e solo se σ 0 soddisfa α.
Passo. Assumiamo che ogni formula di complessità minore o uguale a n
sia soddisfatta da σ se e solo se è soddisfatta da σ 0 . Se α è una formula di
complessità n + 1, i casi possibili sono tre.
Caso 1: α ha la forma ∼ β. In questo caso σ soddisfa α se e solo se non
soddisfa β. Per ipotesi di induzione, σ non soddisfa β se e solo se σ 0 non
soddisfa β. Siccome σ 0 non soddisfa β se e solo se soddisfa α, ne risulta che
σ soddisfa α se e solo se σ 0 soddisfa α.
Caso 2: α ha la forma β ⊃ γ. In questo caso σ soddisfa α se e solo se
non soddisfa β o soddisfa γ. Per ipotesi di induzione, σ non soddisfa β se e
solo se σ 0 non soddisfa β e σ soddisfa γ se e solo se σ 0 soddisfa γ. Siccome σ 0
soddisfa α se e solo se non soddisfa β o soddisfa γ, ne risulta che σ soddisfa
α se e solo se σ 0 soddisfa α.
Caso 3: α ha la forma ∀vβ. In questo caso σ soddisfa α se e solo
se ogni v-variante di σ soddisfa β. Sia σ∗ una v-variante di σ. Sia σ∗0
un’assegnazione tale che per ogni variabile v 0 , [v 0 ]M0 ,σ∗0 = F ([v 0 ]M,σ∗ ), quindi
tale che [v]M0 ,σ∗0 = F ([v]M,σ∗ ). Per ipotesi di induzione, σ∗ soddisfa β se e
solo se σ∗0 soddisfa β. Ma σ∗0 non è altro che una v-variante di σ 0 . Dunque,
per ogni v-variante di σ in M esiste una v-variante di σ 0 in M0 che soddisfa
β se e solo se la prima soddisfa β. Siccome F è una funzione da M su
M 0 , in M0 non esistono v-varianti di σ 0 che non corrispondano a nessuna
v-variante di σ in M. Quindi, ogni v-variante di σ soddisfa β se e solo se
ogni v-variante di σ 0 soddisfa β. Questo significa che σ soddisfa α se e solo
se σ 0 soddisfa α.

Il teorema che può essere dimostrato ora è il seguente:

Teorema 15.4.2 Se M e M0 sono modelli isomorfi di un linguaggio, una


formula qualsiasi del linguaggio è vera in M se e solo se è vera in M0 .

Dimostrazione. Sia F un’immersione isomorfa di M in M0 . Assumiamo che


α non sia soddisfatta da tutte le assegnazioni in M, cioè che in M esista
un’assegnazione σ che non soddisfa α. Allora anche in M0 deve esistere
un’assegnazione che non soddisfa α. Infatti, se si considera un’assegnazione
σ 0 tale che per ogni variabile v, [v]M0 ,σ0 = F ([v]M,σ ), per il teorema 15.4.1
si ottiene che σ 0 non soddisfa α. Quindi, se α è soddisfatta da tutte le
242

assegnazioni in M0 allora è soddisfatta da tutte le assegnazioni in M. Il


condizionale inverso si ottiene in modo analogo assumendo che α non sia
soddisfatta da tutte le assegnazioni in M0 .

L’isomorfismo riguarda non solo le singole formule ma anche le teorie.


Una conseguenza diretta del teorema 15.4.2, infatti, è la seguente:

Teorema 15.4.3 Se M e M0 sono modelli isomorfi del linguaggio di una


teoria T, allora M è modello di T se e solo se M0 è modello di T.

Dimostrazione. Assumiamo che M e M0 siano modelli isomorfi del linguag-


gio di T. Per ogni α tale che `T α, il teorema 15.4.2 implica che α è vera in
M se e solo se è vera in M0 .

Un fatto interessante che emerge dal teorema 15.4.3 è che, dato un mo-
dello M di una teoria T, si può facilmente mostrare che esiste un altro
modello M0 di T. Infatti, basta prendere un insieme qualsiasi M 0 che abbia
la stessa cardinalità di M e costruire M0 a partire da M 0 in modo che esi-
sta un’immersione isomorfa di M in M0 . Per il teorema 15.4.3, si ottiene
che M0 è modello di T. Questo fatto è interessante perché, analogamente
ai risultati considerati nella sezione precedente, può dare adito a riflessioni
filosofiche sull’indeterminatezza del linguaggio. Un contributo importante
in questo senso si deve a Willard Van Orman Quine, che ha usato i teoremi
sulla pluralità dei modelli di una teoria per argomentare a favore della tesi
dell’“inscrutabilità del riferimento”. Secondo Quine, è sbagliato pensare che
le espressioni di una lingua naturale, come ‘gatto’, si riferiscano univoca-
mente a oggetti di un certo tipo, come i gatti. Infatti, il loro riferimento non
può essere fissato in modo univoco dal semplice fatto che certi enunciati che
le contengono sono veri. I teoremi sulla pluralità dei modelli di una teoria
ci dicono qualcosa che sembra dare sostanza a questa tesi, cioè che non è
mai possibile fissare in modo univoco ciò di cui parliamo offrendone sempli-
cemente una descrizione: per quanto ricca e dettagliata sia la descrizione, ci
saranno sempre interpretazioni diverse che la rendono vera3 .

Esercizio 15.4.1. Se M e M0 sono modelli infiniti di cardinalità diversa,


è possibile che siano isomorfi?

15.5 Categoricità

La nozione di isomorfismo permette di definire un’altra nozione importante,


quella di categoricità, che può essere intesa in due modi diversi. La prima
3
Quine [42] presenta argomenti di questo tipo.
243

definizione fornisce un criterio “assoluto” di categoricità, nel senso che im-


plica una quantificazione sui modelli di una teoria senza restrizioni di alcun
genere:

Definizione 15.5.1 Una teoria è categorica se e solo se tutti i suoi modelli


sono isomorfi.

Il limite di questa definizione è che impone una condizione talmente forte da


rendere la nozione di categoricità praticamente inapplicabile. Come risulta
dalle sezioni 15.2 e 15.3, qualsiasi teoria minimamente interessante ha mo-
delli infiniti. Ma qualsiasi teoria che abbia modelli infiniti non soddisfa la
condizione imposta dalla definizione 15.5.1. Da un lato, se ammette modelli
di cardinalità maggiore di ℵ0 , per il teorema 15.3.2 ammette pure modelli di
cardinalità ℵ0 . Dall’altro, se ammette modelli di cardinalità ℵ0 , per il teo-
rema 15.3.3 ammette pure modelli di cardinalità maggiore di ℵ0 . Siccome
non può esserci isomorfismo tra modelli di cardinalità diversa (vedi esercizio
15.4.1), qualsiasi teoria minimamente interessante risulta non categorica in
base alla definizione 15.5.1.
La seconda definizione non ha questo limite, in quanto fornisce un criterio
“relativo” di categoricità:

Definizione 15.5.2 Una teoria è categorica nella potenza κ se e solo se ha


qualche modello di cardinalità κ e tutti i suoi modelli di cardinalità κ sono
isomorfi.

In questo caso la definizione implica una quantificazione su un insieme spe-


cifico di modelli della teoria, cioè i modelli di cardinalità κ. L’espressione
‘potenza’, infatti, indica la cardinalità del modello: un modello di potenza
κ è un modello di cardinalità κ. La differenza tra la definizione 15.5.1 e la
definizione 15.5.2 risulta chiara se si pensa che per dimostrare un risultato
di non-categoricità per una teoria in termini della seconda definizione non
è sufficiente invocare il fatto che la teoria ammette modelli di cardinalità
diversa.

Esercizio 15.5.1. Fornire un esempio di teoria categorica nel senso della


definizione 15.5.1.

15.6 Modelli non standard

I teoremi presentati nelle due sezioni precedenti hanno alcuni corollari inte-
ressanti che riguardano i modelli delle teorie aritmetiche. Si consideri AP.
Il modello inteso di AP è un modello normale che ha come dominio ω e
in cui la costante 0 si riferisce al numero 0 e i simboli s, + e · denotano
le funzioni di successione, addizione e moltiplicazione. Pertanto, si chiama
modello standard di AP un modello che è isomorfo al suo modello inteso,
244

cioè un modello che rende veri A8-A16 in un dominio numerabile composto


da elementi ciascuno dei quali si ottiene a partire dal primo elemento appli-
cando un numero finito di volte l’operazione di passaggio al successore. Per
esempio, un modello che differisce dal modello inteso di AP in quanto il suo
dominio è costituito da tutti i numeri naturali tranne 0 e la costante 0 de-
nota 1, come quella considerata nell’esercizio 13.5.2, è un modello standard
di AP.
I modelli standard di AP, tuttavia, non sono gli unici modelli di AP.
Sulla base dei teoremi considerati nelle sezioni precedenti si può concludere
che esistono modelli di AP che non sono isomorfi al suo modello inteso,
pertanto non sono isomorfi ai suoi modelli standard. I modelli di questo
tipo si chiamano non standard.
Una conseguenza diretta del teorema 15.3.3 è che esistono modelli non
standard di AP, in quanto esistono modelli di AP di cardinalità maggiore
di ℵ0 :

Teorema 15.6.1 Esistono modelli non standard di AP.

Dimostrazione. AP ha un modello di cardinalità ℵ0 , cioè il suo modello


inteso. Per il teorema 15.3.3, questo implica l’esistenza di un modello di
cardinalità maggiore di ℵ0 . Siccome tale modello non è isomorfo al modello
inteso, esiste un modello non standard di AP.

Si noti che il teorema 15.6.1 implica che AP non è categorica in base alla
definizione 15.5.1. Dunque AP è una delle molte teorie che risultano non
categoriche se si adotta quella definizione. Questo, tuttavia, non implica un
risultato di non categoricità nel senso della definizione 15.5.2. Infatti, per
ottenere un risultato del genere bisogna dimostrare che, per qualche numero
cardinale κ, AP non è categorica nella potenza κ.
Ora vedremo che, per κ = ℵ0 , AP non è categorica nella potenza κ.
Infatti, non solo esistono modelli non standard non numerabili di AP. Sulla
base del teorema 15.2.1 si può dimostrare pure che esistono modelli non
standard di AP che sono numerabili:

Teorema 15.6.2 Esistono modelli non standard numerabili di AP.

Dimostrazione. Sia M il modello inteso di AP. Sia c una costante indivi-


duale del linguaggio di AP. Sia AP0 una teoria ottenuta aggiungendo ad
AP una lista infinita di assiomi c 6= 0, c 6= 1, c 6= 2,..., uno per ogni numera-
le. Ora si consideri un sottoinsieme finito Γ degli assiomi di AP0 . Γ include
al massimo un numero finito di assiomi nuovi. Quindi, un’interpretazione
che assegni a c un numero che non sia denotato da nessuno dei numerali che
figurano negli assiomi nuovi in Γ ma per il resto sia esattamente come M è
modello di Γ. Per esempio, nel caso in cui Γ includa {0 6= c, 1 6= c, 2 6= c},
245

un’interpretazione che assegni 3 a c è modello di Γ. Ma se ogni sottoinsieme


finito degli assiomi di AP0 ha un modello, per il teorema 15.2.1 anche AP0
ha un modello. Da questo consegue, per il teorema 13.7.1, che AP0 è coeren-
te. Essendo AP0 una teoria con identità, per il teorema 13.6.5 si ottiene che
AP0 ha un modello normale contabile. Se a questo si aggiunge che AP0 non
ammette modelli normali finiti (vedi esercizio 15.2.1), si ottiene che AP0 ha
un modello normale numerabile. Sia M0 tale modello. Essendo AP0 un’e-
stensione di AP, M0 è modello di AP. Tuttavia, M e M0 non sono isomorfi.
Supponiamo infatti che lo siano. Allora esiste una immersione isomorfa F
da M in M0 . Siano a0 , a1 , a2 ... gli elementi di M 0 che F assegna a 0, 1, 2...,
cioè agli elementi di M . Per rispettare le condizioni imposte dalla definizio-
ne 15.4.1, F deve essere tale che ogni numerale denota in M0 l’oggetto che
F assegna alla sua denotazione in M. Ma allora non si può coerentemente
assegnare una denotazione a c in M0 . Da un lato, c non può denotare un
qualche ai , poiché gli assiomi propri di AP0 , che sono veri in M0 , escludono
che c denoti lo stesso oggetto denotato da un numerale. Dall’altro, c non
può denotare un oggetto diverso, dato che F è una funzione iniettiva da M
su M 0 , dunque in M 0 non ci sono altri elementi oltre ad a0 , a1 , a2 .... Quindi
M0 è un modello non standard.

Il teorema 15.6.2 implica che AP non è categorica nella potenza ℵ0 . Infatti,


i modelli M e A0 considerati nella dimostrazione sono modelli non isomorfi
di cardinalità ℵ0 .
Si noti che i due teoremi dimostrati in questa sezione vertono su AP,
ma in realtà le dimostrazioni fornite non dipendono da qualche caratteristica
specifica di AP. Questo significa che teoremi analoghi possono essere dimo-
strati per altre teorie aritmetiche, come quelle considerate nella sezione 13.2.
Dunque, le conseguenze dei teoremi di Löwenheim-Skolem e di compattezza
relative ai modelli non standard valgono per l’aritmetica in generale.
246

Soluzioni

Esercizio 15.1.1

Assumiamo che |A| < |B| per ogni insieme finito A. Se B fosse finito, si
avrebbe che |B| < |B|, il che è impossibile.

Esercizio 15.2.1

No. Per convincersi di questo fatto basta considerare gli assiomi AP1 e
AP2, che sono parte tanto di AP quando delle altre due teorie aritme-
tiche considerate nella sezione 13.2. Sia M un modello normale finito
e siano a1 , ...an gli elementi di M , dove a1 è l’elemento di M denotato
dal numerale 0. Se AP1 è vero in M, allora qualsiasi termine formato
aggiungendo il simbolo s a un numerale denota un oggetto diverso da
a1 . Questo significa che al massimo n−1 elementi di M possono essere
denotati da termini in cui figura s. Ma se AP2 è vero in M, allora
per ciascun elemento ai di M deve esserci un oggetto distinto denotato
dal termine formato aggiungendo s al numerale che denota ai . Questo
implica che n elementi di M siano denotati da termini in cui figura s.
Dunque AP1 e AP2 non possono essere entrambi veri in M.

Esercizio 15.4.1

No.
Capitolo 16

Logica modale

16.1 Operatori modali

I sistemi fin qui trattati rientrano nell’ambito della “logica classica”, in quan-
to si conformano a principi logici tradizionalmente condivisi. Naturalmente,
nessuno di questi principi è inviolabile. Per esempio, il principio di bivalen-
za (vedi sezione 2.2) è stato oggetto di numerose discussioni. Ma i sistemi
che si ispirano a revisioni della logica classica non sono meno controversi.
Indipendentemente dalle questioni che vertono sulle implicazioni filosofiche
dei sistemi fin qui trattati, la logica classica è uno strumento teorico sem-
plice e versatile che può essere usato e apprezzato anche da coloro che non
condividono del tutto i principi su cui si fonda. Questo ultimo capitolo illu-
stra brevemente la logica modale, che è un’estensione importante della logica
classica.
A partire da un linguaggio enunciativo o predicativo come quelli fin qui
trattati, si può definire un linguaggio espressivamente più ricco aggiungendo
gli operatori modali  e ♦, che stanno rispettivamente per ‘è necessario
che’ o ‘necessariamente’ e ‘è possibile che’ o ‘possibilmente’. Un linguaggio
cosı̀ definito è un linguaggio modale, enunciativo o predicativo. Un sistema
formulato in un linguaggio modale, cioè un sistema di logica modale, oltre a
preservare la capacità deduttiva di un sistema classico di logica enunciativa
o predicativa, permette di trattare a livello formale argomenti validi che non
sono trattabili in tale sistema.
La nozione che svolge un ruolo cruciale nell’interpretazione di un lin-
guaggio modale è quella di mondo possibile, inteso come un modo in cui
potrebbero stare le cose. Assumendo che esista una pluralità di mondi pos-
sibili, e che un enunciato possa essere valutato come vero o falso relativa-
mente a ciascuno di questi mondi, è plausibile che le condizioni di verità di
un enunciato che contiene ‘è necessario che’ o ‘è possibile che’ siano esprimi-
bili in termini di una quantificazione su mondi possibili. Più precisamente,
un enunciato della forma α è vero se e solo se α è vero in tutti i mondi
possibili, mentre un enunciato della forma ♦α è vero se e solo se α è vero in
qualche mondo possibile. Si considerino per esempio i seguenti enunciati:

247
248

(1) È necessario che 2 + 2 = 4

(2) È necessario che piova


Come si è visto nella sezione 5.4, (1) è vero mentre (2) è falso. E siccome (1)
e (2) differiscono solo per l’enunciato che contengono, sembra corretto dire
che la differenza di valore di verità tra (1) e (2) dipende dal diverso status
modale di ‘2 + 2 = 4’ e ‘Piove’: (1) è vero perché ‘2 + 2 = 4’ è vero in tutti i
mondi possibili, mentre (2) è falso perché ‘Piove’ non è vero in tutti i mondi
possibili. Ora si considerino i seguenti enunciati:
(3) È possibile che piova

(4) È possibile che 2 + 2 = 5


Anche in questo caso, (3) è vero mentre (4) è falso, e l’unica differenza tra
(3) e (4) è che contengono enunciati diversi. Dunque sembra corretto dire
che la differenza di valore di verità tra (3) e (4) dipende dal diverso status
modale di ‘Piove’ e ‘2 + 2 = 5’: (3) è vero perché esistono mondi possibili in
cui ‘Piove’ è vero, mentre (4) è falso perché non esistono mondi possibili in
cui ‘2 + 2 = 5’ è vero.
Si noti che in base a questa interpretazione  e ♦ risultano interdefinibili,
come ∀ e ∃. Infatti, dire che α è vero significa dire che non esistono mondi
possibili in cui α è falso, dunque che ∼ ♦ ∼ α è vero. Allo stesso modo, dire
che ♦α è vero significa dire che non si dà il caso che α sia falso in tutti i
mondi possibili, dunque che ∼  ∼ α. Pertanto, per definire un linguaggio
modale è sufficiente introdurre uno solo dei due operatori modali.

16.2 Un linguaggio modale enunciativo

Ora sarà definito un linguaggio modale enunciativo molto semplice, chiamato


Lem . Questo linguaggio si ottiene aggiungendo il simbolo  a L0e , dunque il
suo vocabolario è il seguente:
p, q, r...

∼, ⊃, 

(, )
Le formule di Lem sono definite come segue:
Definizione 16.2.1

1 p, q, r... sono formule;

2 se α è una formula, ∼ α è una formula;

3 se α e β sono formule, (α ⊃ β) è una formula;


249

4 se α è una formula, α è una formula.

Per introdurre i connettivi ∧, ∨ e ♦ è sufficiente definire le formule in cui


figurano in termini di formule che contengono ∼, ⊃ e .
Prima di esporre la semantica di Lem è utile chiarirne le idee di fondo.
Lem , a differenza di L0e , non è un linguaggio vero-funzionale, perché  non
è un connettivo vero-funzionale. Come risulta dalla sezione 5.4, il valore di
verità di un enunciato della forma α non è determinato dal valore di verità
di α. Per fornire una definizione di verità che valga per qualsiasi formula
di Lem , dunque, occorre specificare un apparato semantico più complesso di
quello che si adotta per un linguaggio enunciativo, un apparato che permetta
di definire la verità relativamente a mondi possibili. In questo modo, la
necessità può essere definita in termini di verità in tutti i mondi possibili.
Il metodo per costruire un apparato semantico del genere è stato suggerito
da Saul Kripke. Come ha mostrato Kripke, per interpretare un linguaggio
enunciativo modale è sufficiente definire un modello formato da un insieme di
oggetti, i mondi possibili, una relazione definita su questo insieme, chiamata
“accessibilità”, e una funzione di valutazione che assegni valori di verità
alle formule relativamente a mondi possibili. In un modello cosı̀ definito,
una formula α risulta vera in un mondo possibile m se e solo se α è vera
in ogni mondo possibile m0 accessibile da m. Dire che m0 è accessibile da
m significa dire che m0 è possibile relativamente a m. Ciò che è possibile,
infatti, potrebbe variare da mondo a mondo1 .
Ora si può passare alla definizione vera e propria di modello di Lem :

Definizione 16.2.2 Un modello è una tripla ordinata hM, R, Ii, dove M è


un insieme non vuoto, R è una relazione su M e I è una funzione tale che,
per ogni formula atomica α e ogni m ∈ M , I(α, m) ∈ {1, 0}.

M è l’insieme dei mondi possibili, R è la relazione di accessibilità, e I è la


funzione di valutazione. I primi due elementi, M e R, costituiscono il ‘frame’
del modello, che in inglese significa ‘cornice’, dato che fissano il numero
di mondi e le relazioni di accessibilità tra loro. Dato uno stesso frame,
si possono specificare diverse funzioni di valutazione, ciascuna delle quali
individua un modello vero e proprio. Per questo, se due modelli hM, R, Ii e
hM 0 , R0 , I 0 i sono tali che M = M 0 e R = R0 , si dice che sono “basati” sullo
stesso frame.
La verità di una formula α in un mondo m in un modello M è definita
come segue, assumendo che la notazione [α]M,m indichi il valore di verità di
α in m in M:

Definizione 16.2.3

1 Se α è una formula atomica, [α]M,m = 1 se e solo se I(α, m) = 1;


1
Kripke [32].
250

2 [∼ α]M,m = 1 se e solo se [α]M,m = 0;

3 [α ⊃ β]M,m = 1 se e solo se [α]M,m = 0 o [β]M,m = 1;

4 [α]M,m = 1 se e solo se, per ogni m0 tale che hm, m0 i ∈ R, [α]M,m = 1.

La conseguenza logica, come la verità, si può definire tenendo conto del


fatto che in ogni modello la funzione di valutazione assegna valori di verità
alle formule di Lem in ciascuno dei mondi del modello. Tuttavia, in logica
modale si parla normalmente di validità definita come segue:

Definizione 16.2.4 |=em α, se e solo se α è vera in tutti mondi in tutti i


modelli.

In questo modo, per qualsiasi formula α ⊃ β tale che α è una congiunzione


di un insieme di formule Γ, dire che |=em α ⊃ β equivale a dire che β è
conseguenza logica di Γ.
Per capire come Lem può essere impiegato nella formalizzazione di una
lingua naturale è sufficiente considerare enunciati che contengano espressioni
modali. Ecco un esempio:

(5) Se Tizio è scapolo, allora deve essere celibe

Qui ‘deve’ è un’espressione modale che indica una connessione necessaria tra
la condizione di scapolo e quella di celibe. Si consideri il seguente enunciato:

(6) Se Tizio è scapolo, allora Tizio è celibe

Se (6) è inteso come un condizionale materiale, in accordo con l’interpre-


tazione vero-funzionale fin qui adottata, il contenuto espresso da (5) è più
forte di quello espresso da (6), in quanto (5) equivale alla necessitazione di
(6):

(7) Necessariamente, se Tizio è scapolo, allora Tizio è celibe

In altri termini, (5) afferma che (6) è vero in tutti i mondi possibili. Dunque,
(5) può essere formalizzato in Lem come segue:

(8) (p ⊃ q)

Qui p sta per ‘Tizio è scapolo’ e q sta per ‘Tizio è celibe’. Si noti che L0e
non permette di formalizzare adeguatamente (5). In L0e , o si rappresenta
(5) come p ⊃ q, dove p sta per ‘Tizio è scapolo’ e q sta per ‘Tizio è celibe’,
oppure si rappresenta (5) come p ⊃ q, dove p sta per ‘Tizio è scapolo’ e
q sta per ‘Necessariamente Tizio è celibe’. Ma nessuna delle due opzioni
è soddisfacente. Nel primo caso, infatti, si perde la forza modale insita in
(5): quando si proferisce (5) non si intende semplicemente asserire che non
si dà il caso che Tizio sia scapolo e non sia celibe, ma che non è possibile
che Tizio sia scapolo senza essere celibe. Nel secondo, invece, si colloca la
251

necessità nel posto sbagliato, cioè nel conseguente. Quando si proferisce


(5) non si intende asserire che, se Tizio è scapolo, allora è necessariamente
celibe, perché, nel caso in cui Tizio sia effettivamente scapolo, dalla verità
di (5) risulterebbe che il suo stato anagrafico è un fatto necessario.
L’esempio considerato offre uno spunto per due osservazioni dalle quali
emerge con chiarezza l’importanza della logica modale. La prima è che un
condizionale può facilmente essere inteso come un enunciato della forma (8)
anche se non contiene espressioni modali. È facile immaginare casi in cui (6)
è usato come sinonimo di (5). In tali casi, (6) non può essere adeguatamente
formalizzato in un linguaggio enunciativo, perché implica una forza modale
che il simbolo ⊃ non è in grado di esprimere. Come si è visto nella sezio-
ne 5.2, l’interpretazione materiale del condizionale adottata nei linguaggi
enunciativi, che risale a Filone, è solo una delle interpretazioni possibili del
condizionale. Un’interpretazione alternativa, che risale a Crisippo, è quella
secondo cui un condizionale deve essere inteso come un “condizionale stret-
to”, cioè un enunciato della forma (α ⊃ β). Se si riconosce che molti
condizionali non sono trattabili a livello formale come condizionali mate-
riali, e si assume che alcuni di questi condizionali siano trattabili a livello
formale come condizionali stretti, è ragionevole pensare che un linguaggio
modale sia dotato di risorse espressive che per certi versi completano quelle
di un linguaggio non modale2 .
La seconda osservazione, collegata alla prima, è che un linguaggio mo-
dale permette di dissipare un’ambiguità che si riscontra nelle lingue naturali
e che può generare ragionamenti fallaci, cioè quella tra (α ⊃ β) e α ⊃ β.
Nel primo caso si asserisce che un condizionale è necessario, mentre nel se-
condo si asserice che il conseguente di un condizionale è necessario. Per
questo talvolta si parla della differenza tra “necessità della conseguenza” e
“necessità del conseguente”. La distinzione tra (α ⊃ β) e α ⊃ β è im-
portante perché i due condizionali non sono equivalenti. In particolare, il
secondo non può essere inferito dal primo. Si consideri un modello M con
due mondi m e m0 tali che m0 è accessibile da m, [α]M,m = 1, [α]M,m0 = 0,
[β]M,m = 1 e [β]M,m0 = 0. Siccome [α ⊃ β]M,m = 1 e [α ⊃ β]M,m0 = 1,
[(α ⊃ β)]M,m = 1. Ma siccome [β]M,m0 = 0, [β]M,m = 0, dunque
[α ⊃ β]M,m = 0.

Esercizio 16.2.1 Tenendo presente la distinzione tra necessità della conse-


guenza e necessità del conseguente, spiegare perché il seguente ragionamento
è fallace:
Se la sedia è blu, allora deve essere colorata. Ma la sedia è blu.
Quindi, la sedia è necessariamente colorata.
Esercizio 16.2.2 Spiegare perché, se α è una tautologia, α è valida.
2
Sanford [45], pp. 13-75, ripercorre la storia del dibattito sui condizionali a partire
dalle discussioni degli stoici sulle interpretazioni di Filone e di Crisippo.
252

16.3 Sistemi di logica modale enunciativa

La prima domanda che ci si deve porre quando si intende costruire un sistema


di logica modale enunciativa è quali siano esattamente le verità della logica
modale enunciativa. Infatti, non ha senso costruire un apparato deduttivo
per dimostrare formule se non si sa bene quali formule si vogliono dimostrare.
Tuttavia, non c’è una risposta vera e propria a questa domanda. A differenza
che nel caso della logica enunciativa, nel caso della logica modale enunciativa
non è chiaro quali formule debbano essere considerate verità logiche. Per
esempio, (α ⊃ β) ⊃ (α ⊃ β) è un principio non controverso che può
senza dubbio essere accettato come una verità logica. Ma forse lo stesso non
si può dire di α ⊃ α o di ♦α ⊃ ♦α.
Le perplessità di questo genere si devono essenzialmente al fatto che gli
operatori modali possono essere interpretati in modi diversi, ciascuno dei
quali determina un insieme distinto di formule valide. Nella sezione 3.3 si
è parlato di possibilità in senso ampio, che può essere intesa come possibi-
lità metafisica. Nell’interpretazione più naturale, infatti, α significa che
α è vero in tutti i mondi metafisicamente possibili. Tuttavia, la nozione
di mondo metafisicamente possibile, come è facile immaginare, è essa stes-
sa indeterminata, dunque è suscettibile di essere precisata in modi diversi.
Inoltre, l’interpretazione metafisica non è l’unica interpretazione ammissibi-
le. Un’altra è l’interpretazione “epistemica”, in base alla quale α significa
che α è vero in tutti i mondi epistemicamente possibili, cioè si sa che α è
vero. Un’altra ancora è quella ‘deontica”, in base alla quale α significa che
α è vero in tutti i mondi deonticamente possibili, cioè che α è moralmente
obbligatorio.
Siccome esistono interpretazioni diverse degli operatori modali, si posso-
no costruire sistemi diversi di logica modale enunciativa, ciascuno dei quali
determina un insieme ben definito di formule dimostrabili. A livello semanti-
co, le diverse interpretazioni degli operatori modali possono essere specificate
in termini della relazione di accessibilità, perché impongono vincoli diversi
su questa relazione. Ora saranno presentati cinque sistemi di logica modale
enunciativa, che sono estensioni di Se∗ , spiegando per ciascuno di essi quali
sono i vincoli sulla relazione di accessibilità che impone l’interpretazione de-
gli operatori modali associata al sistema. Per semplificare il discorso, l’unica
nozione di necessità che sarà considerata è quella metafisica.
Il primo sistema è K. Questo sistema ha come assiomi tutte le formule
di Lem che esemplificano A1-A3 e il seguente schema:
K (α ⊃ β) ⊃ (α ⊃ β)
In altri termini, K dice che la necessità si distribuisce sul condizionale: se
un condizionale è necessario e il suo antecedente è necessario, anche il suo
conseguente è necessario. Le regole di inferenza di K sono MP e la regola di
necessitazione:
253

NEC: se α è un teorema, allora α è un teorema.

Questa regola è legittima in quanto preserva la verità in un mondo in qualsia-


si modello: se α è vera in un mondo m, essendo un teorema, deve essere vera
in ogni mondo accessibile da m, quindi α deve essere vera in m. Combi-
nando K e NEC si possono dimostrare numerosi teoeremi nel modo seguente:
prima si applica NEC a un teorema della forma α ⊃ β, ottenendo (α ⊃ β),
successivamente si esemplifica K, ottenendo (α ⊃ β) ⊃ α ⊃ β, e infine
si ricava α ⊃ β mediante il teorema 8.3.6. Ecco un esempio che illustra
questa strategia dimostrativa:

Teorema 16.3.1 `K (α ⊃ β) ⊃ (♦α ⊃ ♦β)

Dimostrazione
(1) `K (α ⊃ β) ⊃ (∼ β ⊃∼ α) T 8.5.6
(2) `K ((α ⊃ β) ⊃ (∼ β ⊃∼ α)) NEC 1
(3) `K ((α ⊃ β) ⊃ (∼ β ⊃∼ α)) ⊃ ((α ⊃ β) ⊃ (∼ β ⊃∼ α)) K
(4) `K (α ⊃ β) ⊃ (∼ β ⊃∼ α) T 8.3.6 2,3
(5) `K (∼ β ⊃∼ α) ⊃ ( ∼ β ⊃  ∼ α) K
(6) `K (α ⊃ β) ⊃ ( ∼ β ⊃  ∼ α) T 8.4.2 4,5
(7) `K ( ∼ β ⊃  ∼ α) ⊃ (∼  ∼ α ⊃∼  ∼ β) T 8.5.6
(8) `K (α ⊃ β) ⊃ (∼  ∼ α ⊃∼  ∼ β) T 8.4.2 6,7
(9) `K (α ⊃ β) ⊃ (♦α ⊃ ♦β) /♦ 8

La notazione /♦ nell’ultima riga indica che (9) è ottenuta da (8) in virtù
dell’interdefinibilità di  e ♦. Al di là dei teoremi che si ottengono mediante
la strategia dimostrativa appena illustrata, tuttavia, K non permette di ot-
tenere grandi risultati. Infatti, avendo K come unico assioma, è un sistema
piuttosto debole. A livello semantico, K non impone nessuna restrizione sui
modelli, perché K vale in tutti i modelli. Supponiamo che, dato un mondo m
in un modello M, [α ⊃ β]M,m = 0. Allora [α]M,m = 1 e [β]M,m = 0.
Questo significa che esiste un mondo m0 accessibile da m tale che [α]M,m0 = 1
e [β]M,m0 = 0, dunque che [(α ⊃ β)]M,m = 0. K, pertanto, non implica
un’interpretazione specifica degli operatori modali. Piuttosto, fornisce una
base deduttiva “neutrale” che accomuna interpretazioni diverse degli opera-
tori modali. I quattro sistemi che saranno ora considerati sono estensioni di
K.
Il secondo sistema è T. Questo sistema si ottiene aggiungendo a K il
seguente schema:

T α ⊃ α

Il principio espresso da T caratterizza le interpretazioni “aletiche” degli ope-


ratori modali, cioè quelle in cui la necessità implica la verità: se è necessario
254

che le cose stiano in un certo modo, allora le cose stanno in quel modo. Una
formulazione alternativa di questo principio è la seguente: se le cose stanno
in un certo modo, allora è possibile che le cose stiano in quel modo. Infatti,
da T si ottiene α ⊃ ♦α in virtù dell’interdefinibilità di  e ♦:

Teorema 16.3.2 `T α ⊃ ♦α

Dimostrazione
(1) `T  ∼ α ⊃∼ α T
(2) `T ( ∼ α ⊃∼ α) ⊃ (α ⊃∼  ∼ α) T 8.5.7
(3) `T α ⊃∼  ∼ α T 8.3.6 1,2
(4) `T α ⊃ ♦α /♦ 3

A livello semantico, la restrizione sui modelli imposta da T è che la relazione


di accessibilità sia riflessiva. Se un modello M è basato su un frame riflessi-
vo, cioè se in M la relazione di accessibilità è riflessiva, non esiste un mondo
m tale che [α]M,m = 1 ma [α]M,m = 0. Inversamente, se un modello M è
basato su un frame non riflessivo, non vale T, perché può succedere che un
mondo m sia tale che [α]M,m = 0 anche se [α]M,m0 = 1 per ogni mondo m0
accessibile da m. I tre sistemi che restano da considerare sono estensioni di
T che integrano T con principi ulteriori che vertono sulle modalità iterate.
Il terzo sistema è B. Questo sistema è un’estensione di T che si ottiene
aggiungendo a T il seguente schema:

B α ⊃ ♦α

Se le cose stanno in un certo modo, necessariamente è possibile che le cose


stiano in quel modo. Una formulazione alternativa di questo principio è la
seguente: se è possibile che le cose stiano necessariamente in un certo modo,
allora le cose stanno in quel modo. Infatti, da B si ottiene ♦α ⊃ α in virtù
dell’interdefinibilità di  e ♦:

Teorema 16.3.3 `B ♦α ⊃ α

Dimostrazione
(1) `B ∼ α ⊃ ♦ ∼ α B
(2) `B (∼ α ⊃ ♦ ∼ α) ⊃ (∼ ♦ ∼ α ⊃∼∼ α) T 8.5.6
(3) `B ∼ ♦ ∼ α ⊃∼∼ α T 8.3.6 1,2
(4) `B ∼∼ ♦α ⊃∼∼ α /♦ 3
(5) `B ∼∼ α ⊃ α T 8.5.2
(6) `B ∼∼ ♦α ⊃ α T 8.4.2 4,5
(7) `B ♦α ⊃∼∼ ♦α T 8.5.3
(8) `B ♦α ⊃ α T 8.4.2 6,7
255

A livello semantico, la restrizione sui modelli imposta da B è che la relazione


di accessibilità sia riflessiva e simmetrica. La riflessività, come si è visto, è
richiesta da T. La simmetria, invece, è richiesta da B. Se un modello M è
basato su un frame simmetrico, cioè se in M la relazione di accessibilità è
simmetrica, non esiste un mondo m tale che [α]M,m = 1 ma [♦α]M,m = 0.
Per rendersene conto basta pensare che la falsità di ♦α in m richiederebbe
la falsità di ♦α in un mondo m0 accessibile da m, ma allora α non potrebbe
essere vera in m, essendo m accessibile da m0 . Inversamente, se un modello
M è basato su un frame non simmetrico, B non vale. Supponiamo che due
mondi m e m0 siano tali che m è accessibile solo da se stesso, mentre m0 è
accessibile da se stesso e da m. Se [α]M,m = 1 e [α]M,m0 = 0, si ottiene che
[♦α]M,m0 = 0, dunque che [α]M,m = 1 e [♦α]M,m = 0.
Il quarto sistema è S4. Questo sistema è un’estensione di T diversa da
B. Sia B sia S4 sono estensioni di T, ma nessuno dei due è un’estensione
dell’altro. S4, infatti, è ottenuto aggiungendo a T uno schema diverso da
B:

S4 α ⊃ α

Se è necessario che le cose stiano in un certo modo, necessariamente è ne-


cessario che le cose stiano in quel modo. Una formulazione alternativa di
questo principio è la seguente: se è possibile che sia possibile che le cose
stiano in un certo modo, allora è possibile che le cose stiano in quel modo.
Infatti, da S4 si ottiene ♦♦α ⊃ ♦α in virtù dell’interdefinibilità di  e ♦.

Teorema 16.3.4 `S4 ♦♦α ⊃ ♦α

Dimostrazione
(1) `S4  ∼ α ⊃  ∼ α S4
(2) `S4  ∼ α ⊃∼∼  ∼ α T 8.5.3
(3) `S4 ( ∼ α ⊃∼∼  ∼ α) NEC 2
(4) `S4 ( ∼ α ⊃∼∼  ∼ α) ⊃ ( ∼ α ⊃  ∼∼  ∼ α) K
(5) `S4  ∼ α ⊃  ∼∼  ∼ α T 8.3.6 3,4
(6) `S4  ∼ α ⊃  ∼∼  ∼ α T 8.4.2 1,5
(7) `S4 ( ∼ α ⊃  ∼∼  ∼ α) ⊃ (∼  ∼∼  ∼ α ⊃∼  ∼ α) T 8.5.6
(8) `S4 ∼  ∼∼  ∼ α ⊃∼  ∼ α T 8.3.6 6,7
(9) `S4 ♦♦α ⊃ ♦α /♦ 8

A livello semantico, la restrizione sui modelli imposta da S4 è che la relazione


di accessibilità sia riflessiva e transitiva. La riflessività, di nuovo, è richiesta
da T, mentre la transitività è richiesta da S4. Se un modello M è basato su
256

un frame transitivo, cioè se in M la relazione di accessibilità è transitiva, non


esiste un mondo m in cui [α]M,m = 1 ma [α]M,m = 0. Per rendersene
conto basta pensare che la falsità di α in m richiederebbe la falsità di α
in un mondo m0 accessibile da m, e che questa richiederebbe a sua volta la
falsità di α in un mondo m00 accessibile da m0 , ma allora α non potrebbe
essere vera in m, essendo m00 accessibile da m. Inversamente, se un modello
M è basato su un frame non transitivo, S4 non vale. Supponiamo che m,
m0 e m00 siano tali che m0 è accessibile da m e m00 è accessibile da m0 ma
m00 non è accessibile da m. Se [α]M,m = 1 e [α]M,m0 = 1 ma [α]M,m00 = 0,
si ottiene che [α]M,m = 1 e [α]M,m0 = 0, dunque che [α]M,m = 1 ma
[α]M,m = 0.
Il quinto e ultimo sistema è S5. Anche questo sistema è un’estensione
di T, dato che è ottenuto aggiungendo a T il seguente schema:

S5 ♦α ⊃ ♦α

Se è possibile che le cose stiano in un certo modo, allora è necessariamente


possibile che le cose stiano in quel modo. Una formulazione alternativa di
questo principio è la seguente: se è possibile che le cose stiano necessaria-
mente in un certo modo, allora le cose stanno necessariamente in quel modo.
Infatti, da S5 si ottiene ♦α ⊃ α in virtù dell’interdefinibilità di  e ♦.

Teorema 16.3.5 `S5 ♦α ⊃ α

Dimostrazione
(1) `S5 ♦ ∼ α ⊃ ♦ ∼ α S5
(2) `S5 ∼  ∼∼ α ⊃∼ ♦α /♦ 1
(3) `S5 (∼  ∼∼ α ⊃∼ ♦α) ⊃ (♦α ⊃  ∼∼ α) A3
(4) `S5 ♦α ⊃  ∼∼ α T 8.3.6 2,3
(5) `S5 ∼∼ α ⊃ α T 8.5.2
(6) `S5 (∼∼ α ⊃ α) NEC 5
(7) `S5 (∼∼ α ⊃ α) ⊃ ( ∼∼ α ⊃ α) K
(8) `S5  ∼∼ α ⊃ α T 8.3.6 6,7
(9) `S5 ♦α ⊃ α T 8.4.2 4,8

S5 è il sistema più forte tra quelli considerati. Mentre B e S4 sono estensioni


alternative di T, dunque alcuni teoremi di B non sono dimostrabili in S4
e alcuni teoremi di S4 non sono dimostrabili in B, S5 è un’estensione di
entrambi, perché B e S4 sono entrambi dimostrabili in S5.

Teorema 16.3.6 `S5 α ⊃ ♦α

Dimostrazione
257

(1) `S5 ♦ ∼ α ⊃  ∼ α T 16.3.5


(2) `S5  ∼ α ⊃∼ α T
(3) `S5 ♦ ∼ α ⊃∼ α T 8.4.2 1,2
(4) `S5 ∼  ∼  ∼ α ⊃∼ α /♦ 3
(5) `S5 (∼  ∼  ∼ α ⊃∼ α) ⊃ (α ⊃  ∼  ∼ α) A3
(6) `S5 α ⊃  ∼  ∼ α T 8.3.6 4,5
(7) `S5 α ⊃ ♦α /♦ 6

Teorema 16.3.7 `S5 α ⊃ α
Dimostrazione
(1) `S5 ♦α ⊃ α T 16.3.5
(2) `S5 (♦α ⊃ α) NEC 1
(3) `S5 (♦α ⊃ α) ⊃ (♦α ⊃ α) K
(4) `S5 ♦α ⊃ α T 8.3.6 2,3
(5) `S5 α ⊃ ♦α T 16.3.6
(6) `S5 α ⊃ α T 8.4.2 4,5

A livello semantico, la restrizione sui modelli imposta da S5 è che la relazione
di accessibilità sia riflessiva, simmetrica e transitiva. Questo risulta chiaro se
si pensa che la riflessività è richiesta da T, e che la simmetria e la transitività
sono richieste da B e S4, che sono dimostrabili a partire da S5.
I sistemi fin qui presentati forniscono modi diversi di determinare un in-
sieme ben definito di verità logiche esprimibili in Lem . Questo, ovviamente,
lascia ampio spazio per le riflessioni filosofiche sull’interpretazione corretta
degli operatori modali. Alcune tesi che riguardano la nozione metafisica
di possibilità sono ampiamente condivise. Per esempio, generalmente si dà
per scontato che l’interpretazione metafisica degli operatori modali impli-
chi la riflessività della relazione di accessibilità, quindi che debba valere T.
Tuttavia, altre tesi sono più controverse. Per esempio, molti ritengono che
l’interpretazione metafisica degli operatori modali implichi la transitività
della relazione di accessibilità, quindi che debba valere S4 o S5. Ma non è
del tutto ovvio che sia cosı̀. Si potrebbe argomentare che un mondo possibile
è accessibile da un altro solo se le differenze tra loro sono al di sotto di una
certa soglia: un mondo in cui il Colosseo è una giraffa non è posibile dal
punto di vista del nostro mondo, ma forse ci sono mondi “intermedi” ciascu-
no dei quali è accessibile dall’altro e che collegano il nostro mondo a quello
in cui il Colosseo è una giraffa. In ogni caso, le questioni filosofiche concer-
nenti l’adeguatezza dei sistemi di logica modale non rientrano nell’ambito
di questo capitolo3 .
3
Lewis [36], p. 246, difende la tesi secondo cui la relazione metafisica di accessibilità è
transitiva.
258

16.4 Un linguaggio modale predicativo

Cosı̀ come si può definire un linguaggio modale enunciativo aggiungendo gli


operatori modali a un linguaggio enunciativo, si può definire un linguaggio
modale predicativo aggiungendo gli operatori modali a un linguaggio predi-
cativo. Ora sarà definito un linguaggio modale predicativo molto semplice,
chiamato Lpm . Questo linguaggio si ottiene aggiungendo il simbolo  a Lp ,
dunque il suo vocabolario è il seguente:

P, Q, R...

a, b, c...

∼, ⊃, ∀, 

x, y, z...

(, )

Le regole di formazione di Lpm sono analoghe a quelle di Lp :

Definizione 16.4.1

1 Se Π è una lettera predicativa a n posti e τ1 , ..., τn sono termini, Πτ1 , ..., τn


è una formula;

2 se α è una formula, ∼ α è una formula;

3 se α e β sono formule, (α ⊃ β) è una formula;

4 se α è una formula e v è una variabile, ∀vα è una formula;

5 se α è una formula, α è una formula.

Per introdurre i connettivi ∧, ∨, ∃ e ♦ è sufficiente definire le formule in cui


figurano in termini di formule che contengono ∼, ⊃, ∀ e .
Un’interpretazione di Lpm è un’assegnazione di significati ai simboli di
Lpm che rende possibile attribuire verità o falsità alle formule chiuse di Lpm
relativamente a mondi. Il modo più semplice di interpretare Lpm è quello di
definire un modello come segue:

Definizione 16.4.2 Un modello è una quadrupla ordinata hM, R, D, Ii, do-


ve M è un insieme non vuoto, R è una relazione su M , D è un insieme non
vuoto e I è una funzione tale che, per ogni costante individuale c, I(c) ∈ D,
e per ogni lettera predicativa a n posti Π, I(Π) è una funzione che assegna
a ogni elemento di M un insieme di n-uple di elementi di D.
259

M è l’insieme dei mondi possibili, R è la relazione di accessibilità, D è il


dominio di quantificazione, e I è la funzione di interpretazione. M e R
sono esattamente come in un modello di Lem , il che permette di dire che
un modello di Lem e un modello di Lpm sono basati sullo stesso frame se
includono lo stesso insieme di mondi e la stessa relazione di accessibilità.
Per capire I basta pensare che un’interpretazione di Lpm deve assegnare a
ogni lettera predicativa un’estensione in ogni mondo possibile. Per esempio,
nel nostro mondo una certa sedia verde non fa parte dell’insieme delle cose
rosse, ma in un altro mondo ne fa parte, perché è plausibile dire che quella
sedia potrebbe essere rossa.
Una volta definite le nozioni di assegnazione e di denotazione di un termi-
ne in un’assegnazione in modo analogo a quello che si adotta nel caso di Lp , si
può definire il soddisfacimento di una formula α da parte di un’assegnazione
σ in un mondo m in un modello M:

Definizione 16.4.3

1 σ soddisfa Πτ1 , ..., τn in m se e solo se h[τ1 ]M,σ , ..., [τn ]M,σ i ∈ [Π]M,m ;

2 σ soddisfa ∼ α in m se e solo se σ non soddisfa α in m;

3 σ soddisfa α ⊃ β in m se e solo se σ non soddisfa α in m o soddisfa β in


m;

4 σ soddisfa ∀vα in m se e solo se ogni v-variante di σ soddisfa α in m;

5 σ soddisfa α in m se e solo se, per ogni m0 accessibile da m, σ soddisfa


α in m0 .

Nella clausola 1, la notazione [Π]M,m indica l’estensione di Π in m in M,


cioè l’insieme di n-uple che I assegna a Π relativamente a m. Le clausole 2-4
sono analoghe a quelle di Lp , con l’unica differenza che il soddisfacimento è
relativo a m. Infine, la clausola 5 stabilisce che il soddisfacimento di α in
m dipende dal soddisfacimento di α in tutti i mondi accessibili da m.
La verità e la falsità sono definite in termini di soddisfacimento, come
nel caso di Lp :

Definizione 16.4.4 [α]M,m = 1 se e solo se α è soddisfatta da tutte le


assegnazioni in m.

Definizione 16.4.5 [α]M,m = 0 se e solo se α non è soddisfatta da nessuna


assegnazione in m.

Infine, validità è definita in accordo con quanto precede:

Definizione 16.4.6 |=pm α se e solo se α è soddisfatta da tutte le assegna-


zioni in tutti i mondi in tutti i modelli.
260

La semantica qui presentata fornisce il modo più semplice di interpretare


Lpm . Tuttavia, molti ritengono che le sue implicazioni sul piano metafisico
siano poco plausibili. In particolare, l’assunzione che ci sia un dominio fisso
i cui elementi esistono in tutti i mondi possibili è piuttosto controversa. Si
consideri il seguente schema, noto come formula Barcan:
BF ∀xα ⊃ ∀xα
Una formula che esemplifica BF, come ∀xF x ⊃ ∀xF x, risulta valida.
Supponiamo che, per un modello M e un mondo m, [∀xF x]M,m = 0.
Allora esiste un mondo m0 accessibile da m tale che [∀xF x]M,m0 = 0, per-
tanto qualche assegnazione non soddisfa α in m0 . Ne consegue che qualche
assegnazione non soddisfa F x in m, dunque che [∀xF x]M,m = 0. Non
è ovvio, tuttavia, che BF esprima una verità logica. Per esempio, suppo-
niamo che tutti gli oggetti che di fatto esistono siano materiali, dunque che
non esistano lo Spirito Santo, i fantasmi ecc. Supponiamo inoltre che la
proprietà di essere materiale sia una proprietà essenziale degli oggetti che di
fatto esistono, pertanto che questi oggetti siano necessariamente materiali.
Lo stato di cose cosı̀ descritto non sembra escludere che sia possibile che esi-
stano oggetti non materiali, come lo Spirito Santo, i fantasmi ecc. Eppure,
BF sembra implicare proprio il contrario: se tutto è necessariamente ma-
teriale, allora necessariamente tutto è materiale. L’esempio diventa ancora
più vivido se si considera la formula ♦∃xF x ⊃ ∃x♦F x, che è equivalente a
∀xF x ⊃ ∀xF x: dire che è possibile che esistano oggetti spirituali non
significa dire che alcuni degli oggetti esistenti potrebbero essere spirituali. È
facile vedere che il punto cruciale è l’assunzione del dominio fisso. Infatti, se
si è inclini a pensare che nella situazione considerata sia possibile che esista-
no oggetti spirituali, è perché si ritiene che possano esistere oggetti spirituali
diversi da quelli che di fatto sono materiali. Ma questo è incompatibile con
l’ipotesi che gli oggetti esistenti siano gli stessi in tutti i mondi possibili.
L’alternativa più naturale alla semantica qui presentata è quella di defi-
nire i modelli in modo tale che il dominio vari al variare del mondo possibile,
cioè che l’esistenza degli oggetti sui quali si quantifica sia relativa a mondi
possibili. In altri termini, oltre a un insieme di mondi M e un dominio D, il
modello include una funzione F che assegna un sottoinsieme di D a ciascun
elemento di M . In questo modo risulta possibile definire soddisfacimento e
verità in modo tale che la valutazione di una formula in un mondo dipenda
esclusivamente dagli oggetti che appartengono al sottoinsieme di D che F
assegna a quel mondo. In ogni caso, qui non saranno trattate le questioni
filosofiche che vertono sulla semantica della logica modale predicativa. Le
definizioni fornite hanno uno scopo puramente illustrativo4 .
Indipendentemente da quale semantica si adotti per interpretare Lpm , è
indubbio che Lpm ha una capacità espressiva superiore a quella di Lem . Si
consideri il seguente enunciato:
4
Una difesa articolata della semantica con il dominio fisso è fornita in Williamson [52].
261

(7) Una cosa non può essere causa di se stessa


Quando si proferisce (7) si intende dire che, per ogni x, necessariamente x
non è causato da x. Quindi, usando una lettera predicativa a due posti C
che sta per ‘causa’, (7) può essere rappresentato in Lpm come segue:
(8) ∀x ∼ Cxx
È importante notare che in (8) l’operatore  occorre all’interno della formu-
la, invece che all’inizio, dunque non è il connettivo principale. La possibilità
di costruire formule in cui gli operatori modali non figurano come connettivi
principali conferisce a Lpm risorse espressive che Lem non ha. Per render-
sene conto, basta pensare alla distinzione tra asserzioni modali de dicto e
asserzioni modali de re. Si consideri il seguente enunciato:
(9) Alcuni ricchi potrebbero essere poveri
Questo enunciato può essere inteso in due modi diversi, uno chiaramente
falso e l’altro chiaramente vero. Nel primo caso si asserisce che è possibile
che esista un x tale che x è ricco e povero. Questa è una lettura de dicto,
perché si attribuisce una proprietà modale a un enunciato, cioè la proprietà
di essere possibilmente vero. Nel secondo caso, invece, si asserisce che esiste
un x che di fatto è ricco ed è possibile che x sia povero. Questa è una
lettura de re, perché si attribuisce una proprietà modale a un oggetto, cioè
la proprietà di essere possibilmente povero. Le due letture possono essere
rappresentate come segue:
(10) ♦∃xRx ∧ P x
(11) ∃xRx ∧ ♦P x
Si noti che in Lem questa differenza non è esprimibile, perché l’unico tipo di
formule che contengono ♦ sono quelle della forma ♦α, dunque (9) può essere
formalizzato solo come ♦p, dove p sta per ‘Alcuni ricchi sono poveri’.

Esercizio 16.4.1 Il seguente enunciato si presta a due letture, una de dicto


e una de re:
Gli scapoli sono necessariamente non coniugati
Fornire due formalizzazioni in Lpm che rappresentino queste due letture.

Esercizio 16.4.2 Il seguente enunciato si presta a due letture, una de dicto


e una de re:
Il numero dei pianeti è necessariamente dispari
Assumendo che Lpm sia arricchito con il simbolo di identità, fornire due
formalizzazioni che rappresentino queste due letture.
262

16.5 Sistemi di logica modale predicativa

Come risulta dalla sezione 16.3, per costruire un sistema di logica modale
enunciativa si estende un sistema di logica enunciativa aggiungendo un insie-
me di assiomi modali, cioè di assiomi che vertono sugli operatori modali, e la
regola NEC. I cinque sistemi considerati - K, T, B, S4 e S5 - sono estensioni
di Se∗ ottenute in questo modo. Il caso della logica modale predicativa è
analogo. Per costruire un sistema di logica modale predicativa si estende un
sistema di logica predicativa aggiungendo un insieme di assiomi modali e la
regola NEC. Più precisamente, un sistema di logica modale predicativa può
essere ottenuto come segue: dato un sistema S di logica modale enunciativa,
SP è un sistema di logica modale predicativa che ha come assiomi tutte le
formule di Lpm ottenute per sostituzione da teoremi di S e tutte le formule di
Lpm che esemplificano A4-A7, e come regole di inferenza MP e NEC. Come
è facile constatare, MP e NEC preservano il soddisfacimento in un mondo
per le stesse ragioni per cui preservano la verità in un mondo nel caso di un
linguaggio enunciativo.
Un esempio di sistema di logica modale predicativa è S5p , il sistema che
ha come assiomi tutte le formule di Lpm che esemplificano schemi di teoremi
di S5 e tutte le formule di Lpm che esemplificano A4-A7, e come regole di
inferenza MP e NEC. Una delle proprietà interessanti di S5p è che permette
di dimostrare BF.

Teorema 16.5.1 `S5p ∀xα ⊃ ∀xα

Dimostrazione
(1) `S5p ∀xα ⊃ α A4
(2) `S5p (∀xα ⊃ α) NEC 1
(3) `S5p (∀xα ⊃ α) ⊃ (♦∀xα ⊃ ♦α) T 16.3.1
(4) `S5p ♦∀xα ⊃ ♦α T 8.3.6 2,3
(5) `S5p ♦α ⊃ α T 16.3.3
(6) `S5p ♦∀xα ⊃ α T 8.4.2 4,5
(7) `S5p ∀x(♦∀xα ⊃ α) T 12.2.1 6
(8) `S5p ∀x(♦∀xα ⊃ α) ⊃ (∀x♦∀xα ⊃ ∀xα) A6
(9) `S5p ∀x♦∀xα ⊃ ∀xα T 8.3.6 7,8
(10) `S5p ♦∀xα ⊃ ∀x♦∀xα A5
(11) `S5p ♦∀xα ⊃ ∀xα T 8.4.2 9,10
(12) `S5p (♦∀xα ⊃ ∀xα) NEC 11
(13) `S5p (♦∀xα ⊃ ∀xα) ⊃ (♦∀xα ⊃ ∀xα) K
(14) `S5p ♦∀xα ⊃ ∀xα T 8.3.6 12,13
(15) `S5p ∀xα ⊃ ♦∀xα T 16.3.6
(16) `S5p ∀xα ⊃ ∀xα T 8.4.2 14,15


263

Questa proprietà è interessante perché BF non è dimostrabile in tutti i


sistemi di logica modale predicativa costruiti nel modo considerato. Come
risulta dalle righe (5) e (15), per dimostrare BF occorre B. Pertanto, BF non
è dimostrabile in Kp , in Tp e in S4p . In ogni caso, qui saranno trattati solo
sistemi che includono BF, dato che BF vale nella semantica definita nella
sezione 16.4. Quindi si userà la notazione SP+BF per indicare un sistema
di logica modale predicativa ottenuto aggiungendo BF a SP.
Dato che un sistema di logica modale predicativa è ottenuto estendendo
un sistema di logica predicativa nello stesso modo in cui un sistema di logica
modale enunciativa è ottenuto estendendo un sistema di logica enunciativa,
i due tipi di sistema sono strettamente legati a livello semantico. Un fatto
particolarmente interessante è che le proprietà dei modelli considerate nel-
la sezione 16.3 caratterizzano tanto i sistemi di logica modale enunciativa
quanto i corrispondenti sistemi di logica modale predicativa. Se si dice che
F è un frame “per” S quando i teoremi di S sono veri in tutti i mondi in
tutti i modelli di Lem basati su F, e analogamente si dice che F è un frame
“per” SP+BF quando i teoremi di SP+BF sono veri in tutti i mondi in tutti
i modelli di Lpm basati su F, questo fatto può essere enunciato come segue:
F è un frame per S se e solo se è un frame per SP+BF.
Teorema 16.5.2 Se F è un frame per S, allora F è un frame per SP+BF.
Dimostrazione. Assumiamo che i teoremi di S siano veri in tutti i mondi in
tutti i modelli in F. Sia C la classe dei modelli di Lpm basati su F. Ora
si dimostrerà che gli assiomi di SP+BF sono veri in tutti i mondi in tutti
i modelli in C. Siccome MP e NEC preservano il soddisfacimento in un
mondo, si ottiene cosı̀ che i teoremi di SP+BF sono veri in tutti i mondi in
tutti i modelli in C. Si consideri un assioma α. I casi da trattare sono tre.
Caso 1. α è una formula di Lpm ottenuta per sostituzione da un teorema
di S, vale a dire, per qualche formula β di Lem che è teorema di S, α è il
risultato della sostituzione delle lettere enunciative γ1 , ...γn che occorrono in
β con formule γ10 , ...γn0 di Lpm . In questo caso si può dimostrare che α è vera
in tutti i mondi in tutti i modelli in C. Supponiamo infatti che in C esista
un modello hM, R, D, Ii tale che, per qualche m ∈ M , α non è vera in m.
Sia hM 0 , R0 , I 0 i un modello di Lem tale che M 0 = M , R0 = R e I 0 soddisfa
la seguente condizione: a ogni γi in β assegna 1 in un mondo se e solo se
in hM, R, D, Ii la formula γi0 che la sostituisce in α è soddisfatta da tutte
le assegnazioni nello stesso mondo. Essendo β formata a partire da γ1 , ...γn
mediante un numero finito di occorrenze dei connettivi ∼, ⊃ e , che sono
definiti in Lem come in Lpm , in hM 0 , R0 , I 0 i β risulta falsa in m. Dunque
esiste un modello di Lem basato su F in cui β è falsa in qualche mondo.
Siccome per ipotesi questo non può succedere, essendo F un frame per S,
ne consegue che α è vera in tutti i mondi in tutti i modelli in C.
Caso 2. α è una formula di Lpm che esemplifica A4-A7. In questo caso
è facile vedere che α è vera in tutti i mondi in tutti i modelli in C. Come
264

risulta dalla sezione 12.5, infatti, le formule di Lp che esemplificano A4-A7


sono valide. Siccome le la definizione 16.4.3 differisce dalla definizione 11.4.4
solo in quanto comporta una relativizzazione a mondi possibili, si possono
facilmente ottenere teoremi analoghi ai teoremi 12.5.4-12.5.7, dimostrando
che le formule di Lpm che esemplificano A4-A7 sono valide. Ne consegue
che le formule di Lpm che esemplificano A4-A7 sono vere in tutti i mondi in
tutti i modelli basati su F.
Caso 3. α esemplifica BF. In questo caso α è vera in tutti i mondi in
tutti i modelli in C, perché è vera in tutti i mondi in tutti i modelli di Lpm ,
come risulta dalla sezione 16.4.

Teorema 16.5.3 Se F è un frame per SP+BF, allora F è un frame per S.

Dimostrazione. Assumiamo che F non sia un frame per S, cioè che esista un
modello hM, R, Ii basato su F in cui una formula α di Lem che è teorema di
S è falsa in un mondo m. Siano γ1 , ...γn le lettere enunciative che occorrono
in α. Siano γ10 , ...γn0 formule atomiche di Lpm ciascuna delle quali è formata
da una lettera predicativa monadica e da una variabile. Sia β la formula di
Lpm che risulta sostituendo γ1 , ...γn con γ10 , ...γn0 . Essendo β ottenuta per
sostituzione da α, è un teorema di SP+BF. Ora si consideri un modello
hM 0 , R0 , D, I 0 i tale che M 0 = M , R0 = R e I soddisfa la seguente condizione:
per ogni γi0 in β e per ogni oggetto o ∈ D, o appartiene all’estensione della
lettera predicativa in γi0 in un mondo se e solo se γi è vera nello stesso
mondo. In questo modello, γi0 è soddisfatta da un’assegnazione in un mondo
se e solo se γi è vera nello stesso mondo. Dato che β è costruita a partire da
γ10 , ...γn0 mediante i connettivi ∼, ⊃,  nello stesso modo in cui α è costruita
a partire da γ1 , ...γn , risulta che β non è soddisfata da qualche assegnazione
in m. Pertanto, F non è un frame per SP+BF.

Dai teoremi 16.5.2 e 16.5.3 risulta che F è un frame per S se e solo se F è


un frame per SP+BF. Dato che una classe di frames caratterizza un sistema
quando include tutti i frames per il sistema, ne consegue che una classe di
frames caratterizza S se e solo se caratterizza SP+BF. Questo significa che
i dieci sistemi di logica modale qui considerati formano cinque coppie in cui
entrambi gli elementi sono caratterizzati dalla stessa classe di frames. Nel
caso di K e di Kp +BF si tratta semplicemente della totalità dei frames. Nel
caso di T e di Tp si tratta della classe dei frames riflessivi. Nel caso di B e
di Bp +BF si tratta della classe dei frames riflessivi e simmetrici. Nel caso
di S4 e di S4p +BF si tratta della classe dei frames riflessivi e simmetrici.
Infine, nel caso di S5 e di S5p +BF si tratta della classe dei frames riflessivi,
simmetrici e transitivi.
265

16.6 Correttezza e completezza

Questa sezione conclude il discorso sulla logica modale con qualche breve
cenno sui teoremi di correttezza e di completezza che si possono dimostrare
per i dieci sistemi qui trattati. Innanzitutto, per ciascuno dei cinque sistemi
di logica modale enunciativa considerati, si può dimostrare che il sistema è
corretto rispetto alla classe dei frames che lo caratterizza. In particolare, K
è corretto rispetto alla totalità dei frames, T è corretto rispetto alla classe
dei frames riflessivi, B è corretto rispetto alla classe dei frames riflessivi e
simmetrici, S4 è corretto rispetto alla classe dei frames riflessivi e transitivi,
e S5 è corretto rispetto alla classe dei frames riflessivi, simmetrici e transitivi.
Questo risulta evidente sulla base di quanto è stato detto nella sezione 16.3
a proposito di K, T, B, S4, S5 e NEC.
Dato che ciascuno dei cinque sistemi di logica modale enunciativa consi-
derati è corretto rispetto alla classe dei frames che lo caratterizza, lo stesso
vale per ciascuno dei cinque sistemi di logica modale predicativa considera-
ti. Infatti, per il teorema 16.5.2, ogni frame per un sistema S è un frame
per il corrispondente sistema SP+BF. Pertanto, Kp +BF è corretto rispetto
alla totalità dei frames, Tp +BF è corretto rispetto alla classe dei frames
riflessivi, Bp +BF è corretto rispetto alla classe dei frames riflessivi e simme-
trici, S4p +BF è corretto rispetto alla classe dei frames riflessivi e transitivi,
e S5p +BF è corretto rispetto alla classe dei frames riflessivi, simmetrici e
transitivi.
Il discorso sulla completezza è più lungo, come è facile immaginare, quin-
di sarebbe fuori luogo esporre qui le dimostrazioni dei teoremi di comple-
tezza per i dieci sistemi considerati. Per i nostri scopi è sufficiente dire che
questi teoremi si dimostrano mettendo insieme risultati trattati nei capito-
li precedenti, che valgono per una grande varietà di sistemi, con risultati
che riguardano specificamente gli operatori modali. Combinando opportu-
namente questi due tipi di risultati, si può estendere il metodo del modello
canonico ai sistemi di logica modale. Nel caso enunciativo si tratta di de-
finire il modello canonico prendendo come insieme di mondi un insieme di
insiemi di formule atomiche di Lem , in modo tale che ciascuna formula ri-
sulti vera in un mondo se e solo se appartiene a quel mondo. Nel caso della
logica modale predicativa, invece, si tratta di definire il modello canonico
prendendo come insieme di mondi un insieme di insiemi di formule atomiche
di Lpm e come dominio l’insieme delle costanti di Lpm . Cosı̀ facendo si può
dimostrare che ciascuno dei dieci sistemi considerati è completo rispetto alla
classe di frames che lo caratterizza. In particolare, K è completo rispetto
alla totalità dei frames, T è completo rispetto alla classe dei frames riflessi-
vi, B è completo rispetto alla classe dei frames riflessivi e simmetrici, S4 è
completo rispetto alla classe dei frames riflessivi e transitivi, e S5 è completo
rispetto alla classe dei frames riflessivi, simmetrici e transitivi. Allo stesso
modo, Kp +BF è completo rispetto alla totalità dei frames, Tp +BF è com-
266

pleto rispetto alla classe dei frames riflessivi, Bp +BF è completo rispetto
alla classe dei frames riflessivi e simmetrici, S4p +BF è completo rispetto
alla classe dei frames riflessivi e transitivi, e S5p +BF è completo rispetto
alla classe dei frames riflessivi, simmetrici e transitivi5 .

Soluzioni

Esercizio 16.2.1

Nella lettura più plausibile del primo enunciato, la formalizzazione corretta


dell’argomento è (p ⊃ q), p; q, dunque l’argomento è invalido. In-
fatti, 6|=em ((p ⊃ q) ∧ p) ⊃ q, come risulta chiaro da quanto è stato
detto a proposito di (5). L’argomento sarebbe valido se si leggesse il
primo enunciato come p ⊃ q, ma in tal caso risulterebbe implausibile.

Esercizio 16.2.2

Assumiamo che α sia una tautologia. Essendo α vera per qualsiasi assegna-
zione di valori di verità alle lettere enunciative che contiene, si ottiene
che, in ogni modello M, per ogni m in M, [α]M,m = 1. Pertanto,
per ogni m e m0 tale che m0 è accessibile da m, [α]M,m0 = 1. Questo
significa che [α]M,m = 1.

Esercizio 16.4.1

∀x(Sx ⊃∼ Cx) (S = ‘scapolo’, C = ‘coniugato’)

∀x(Sx ⊃  ∼ Cx) (S = ‘scapolo’, C = ‘coniugato’)

Esercizio 16.4.2

∃x(N x∧∀y(N y ⊃ y = x)∧Dx) (N = ‘numero dei pianeti’, D = ‘dispari’)

∃x(N x ∧ ∀y(N y ⊃ y = x) ∧ Dx) (N = ‘numero dei pianeti, D = ‘dispari’)

5
Per un’esposizione dettagliata dei teoremi di completezza si può consultare Hughes e
Cresswell [7], pp. 111-124 e 256-265.
Bibliografia

[1] Aristotele. Topici. Loffredo, 1974.

[2] Aristotele. Analitici primi. Loffredo, 1995.

[3] Aristotele. Confutazioni sofistiche. Rizzoli, 2000.

[4] A. Church. A note on the Entscheidungsproblem. Journal of Symbolic


Logic, 1:40–41, 1936.

[5] Democrito. Frammenti. In Atomisti antichi: testimonianze e


frammenti. Rusconi, 1999.

[6] I. M. Copi e C. Cohen. Introduzione alla logica. Il Mulino, 1999.

[7] G. E. Hughes e M. J. Cresswell. A new introduction to modal logic.


Routledge, 1996.

[8] P. Casalegno e M. Mariani. Teoria degli insiemi. Carocci, 2004.

[9] A. R. Anderson e N. Belnap. Entailment: The Logic of Relevance and


Necessity. Princeton University Press, 1975.

[10] A. Iacona e S. Cavagnetto. Teoria della logica del prim’ordine. Carocci,


2010.

[11] R. J. Fogelin e W. Sinnott-Armstrong. Understanding arguments.


Hartcourt, 2001.

[12] D. Edgington. Indicative conditionals. In E. Zalta, editor, Stanford


Encyclopedia of Philosophy. Stanford University, 2011.

[13] John Etchemendy. The Concept of Logical Consequence. Harvard


University Press, 1990.

[14] Euclide. Elementi. Utet, 1970.

[15] P. Frascolla. Introduzione alla logica. Il Mulino, 2014.

267
268

[16] G. Frege. Ideografia (1879). In C. Mangione, editor, Logica e aritmetica.


Boringhieri, trad. it. in G. Frege, Logica e aritmetica, a cura di C.
Mangione, Boringhieri, Torino 1965 edition, 1965.

[17] G. Frege. Funzione e concetto. In A. Bonomi, editor, La struttura logica


del linguaggio, pages 411–423. Bompiani, 1973.

[18] G. Frege. Senso e significato. In C. Penco e E. Picardi, editor, Senso,


funzione e concetto, pages 32–57. Laterza, 2001.

[19] G. Galilei. Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo. Einaudi,
2002.

[20] U. Galimberti. La storia in corpo. La Repubblica, supplemento D, 5


luglio 2003.

[21] S. Givone. Storia dell’estetica. Laterza, 1988.

[22] P. Grice. Logic and conversation. In P. Cole e J. L. Morgan, editor,


Syntax and Semantics - Speech Acts, pages 41–58. Academic Press,
1975.

[23] M. Heidegger. Sentieri interrotti. La Nuova Italia, 1968.

[24] L. Henkin. The Completeness of the First-Order Functional Calculus.


Journal of Symbolic Logic, 14:159–166, 1949.

[25] J. Herbrand. Recherches sur la théorie de la démonstracion. Travaux


de la Societe de Sciences et des Lettres de Varsovie, 33, 1930.

[26] D. Hume. Dialoghi sulla religione naturale. Einaudi, 1997.

[27] G. Hunter. Metalogic: An Introduction to the Metatheory of Standard


First Order Logic. University of California Press, 1971.

[28] A. Iacona. L’argomentazione. Einaudi, 2005.

[29] Giovanni Paolo II. Lettera Enciclica “Fides et Ratio”. Piemme, 1998.

[30] I. Kant. Critica del giudizio. Laterza, 1989.

[31] G. Kreisler. Informal rigour and completeness proofs. In I. Laka-


tos, editor, Problems in the Philosophy of Mathematics, pages 138–157.
North-Holland, 1972.

[32] S. Kripke. Semantical considerations on modal logic. Acta Philosophica


Fennica, 16:83–94, 1963.

[33] E. J. Lemmon. Beginning Logic. Chapman and Hall, 1993.


269

[34] C. I. Lewis. The Calculus of Strict Implication. Mind, 23:240–247,


1914.
[35] C. I. Lewis. A Survey of Symbolic Logic. University of California Press,
1918.
[36] D. Lewis. On the Plurality of Worlds. Blackwell, 1986.
[37] F. Nietzsche. Cosı̀ parlò Zarathustra. Adelphi, 1989.
[38] B. Pascal. Pensieri. Einaudi, 1962.
[39] Platone. La Repubblica. Laterza, 1987.
[40] Platone. Timeo. Laterza, 1987.
[41] E. Post. Introduction to a general theory of elementary propositions.
American Journal of Mathematics, 43:163–185, 1921.
[42] W. V. O. Quine. Ontological Relativity. Journal of Philosophy, pages
185–212, 1968.
[43] B. Russell. On denoting (1905). Mind, 14:479–493, 1905.
[44] M. Sainsbury. Logical Forms. Blackwell, 2001.
[45] D. Sanford. If P, then Q: Conditionals and the Foundations of
Reasoning. Routledge, 1989.
[46] J. P. Sartre. L’essere e il nulla. Il Saggiatore, 1965.
[47] A. Schopenhauer. L’arte di ottenere ragione. Adelphi, 1995.
[48] A. Tarski. The concept of truth in formalized languages (1935). In
Logic, Semantics, Metamathematics, pages 152–278. Hackett, 1983.
[49] A. Tarski. On the concept of logical consequence (1936). In Logic,
Semantics, Metamathematics, pages 409–420. Hackett, 1983.
[50] A. Turing. On computable numbers, with an application to the En-
tscheidungsproblem. Proceedings of the London Mathematical Society,
42:230–365, 1936.
[51] D. Walton. Informal logic. Cambridge University Press, 1989.
[52] T. Williamson. Modal logic as metaphysics. Oxford University Press,
2013.
[53] L. Wittgenstein. Tractatus Logico-Philosophicus (1922). Routledge,
1992.
[54] A. Zichicchi. Zichicche. Dedalo, 2003.