Sei sulla pagina 1di 7

I DIRITTI REALI

1.1. Tutte le cose materiali sono beni?


a) Vero
b) Falso: costituiscono beni soltanto le cose che possono formare oggetto di diritti
c) Falso: costituiscono beni soltanto le cose sulle quali attualmente sussiste un diritto
1.1.1 Ciascun iscritto ad un’associazione concede in prestito alla stessa un proprio libro, per dar
vita ad una biblioteca. I volumi che compongono quest’ultima costituiscono
un’universalità di mobili?
a) Falso
b) Soltanto se i volumi sono raccolti presso un’unica sede
c) Vero
1.2. Quali tra i seguenti beni sono ascrivibili alla categoria dei “beni mobili iscritti in pubblici
registri”?
a) I beni mobili che siano pertinenza di un bene immobile
b) I ciclomotori
c) Le navi
d) I beni mobili compresi nell’eredità
1.3. Costituisce espressione della facoltà di godimento, spettante al proprietario di un
appartamento:
a) La vendita dell’immobile
b) La donazione dell’immobile
c) La concessione dell’appartamento in locazione
d) La costituzione di un diritto di usufrutto sull’immobile
1.4. Non sono frutti naturali:
a) I prodotti delle cave
b) I prodotti agricoli
c) I parti degli animali
d) Gli interessi dei capitali
1.5. Gli atti emulativi consistono in atti compiuti dal proprietario:
a) In esecuzione delle norme relative ai rapporti di vicinato
b) Con il solo scopo di nuocere agli altri
c) Con lo scopo di riconoscere al vicino un diritto analogo a quello che quest’ultimo abbia già
attribuito al proprietario stesso
1.6. La proprietà si acquista nei modi previsti dalla legge, i quali vengono divisi dalla dottrina:
1
a) In acquisti a titolo derivativo e acquisti a titolo originario
b) In acquisti a titolo derivativo, acquisti a titolo originario e altri modi previsti dalla legge
c) In acquisti determinati dalla legge e acquisti determinati dalla volontà delle parti
1.7. Il proprietario del fondo deve sopportare le immissioni di rumore provenienti dal fondo del
vicino?
a) Vero
b) Soltanto se contenute entro i limiti previsti dalla legge
c) Soltanto se non superano la normale tollerabilità
d) Falso: il proprietario può impedire qualsiasi tipo di immissione di fumo, calore, rumore ecc.
1.8. L’invenzione è un modo di acquisto della proprietà a titolo originario?
a) Delle cose abbandonate
b) Delle cose smarrite
c) Del diritto di brevetto
d) Degli animali selvatici di proprietà dello Stato
1.9. Possono essere acquistati per occupazione soltanto i beni mobili che non appartengono a
nessuno?
a) Vero
b) Falso: è possibile acquisire per occupazione i beni mobili vacanti
c) Falso: è possibile acquisire per occupazione anche le cose smarrite
d) Falso: è possibile acquisire per occupazione alcuni beni di proprietà altrui
1.10. Il proprietario della cosa smarrita deve pagare al ritrovatore un premio?
a) Soltanto se la cosa gli è stata restituita direttamente
b) Soltanto se la cosa sia stata consegnata al sindaco, e il proprietario l’abbia in seguito
recuperata
c) Soltanto se il valore della cosa supera i 100 euro
d) Si, se il premio venga richiesto dal ritrovatore
1.11. Si parla di “accessione invertita” a fronte di:
a) Opere fatte dal proprietario sul suolo con materiali altrui
b) Opere fatte da un terzo con materiali propri sul fondo altrui
c) Opere fatte da un terzo con materiali altrui su fondo altrui
d) Costruzione effettuata sul proprio fondo, con sconfinamento sul fondo altrui
1.12. Sono definite “azioni petitorie”:
a) Le azioni a difesa della proprietà
b) Le azioni a difesa del possesso

2
c) Le azioni di enunciazione
1.13. Ai fini dell’esercizio dell’azione di rivendicazione, è necessario provare di essere
proprietario della cosa?
a) Falso: si tratta di una prova diabolica che non è possibile fornire
b) Falso: basta provare che la cosa non appartiene a chi la possiede
c) Vero: e sarà sufficiente la prova di un acquisto a titolo derivativo
d) Vero: e sarà necessario rifarsi ad una fattispecie di acquisto a titolo originario
1.14. I diritti reali minori sono tipici?
a) Vero
b) Solo quelli di godimento
c) Solo quelli di garanzia
d) Falso
1.15. In quanto tempo si prescrive l’azione di rivendicazione?
a) Un anno
b) Dieci anni
c) Vent’anni
d) È imprescrittibile
1.16. Se il diritto di superficie è costituito a tempo determinato, alla scadenza il proprietario del
suolo diviene proprietario della costruzione?
a) Vero
b) Soltanto previo versamento di un indennizzo
c) Falso: il diritto di superficie è necessariamente perpetuo
1.17. Il diritto di usufrutto può essere ceduto ad altri?
a) Si, sempre
b) No, mai
c) Si, se non è vietato dal titolo costitutivo
d) Soltanto per un tempo determinato
1.18. La durata dell’usufrutto costituito a favore di una persona fisica:
a) Non può essere inferiore ai vent’anni
b) Non può eccedere i trent’anni
c) Non può eccedere la vita dell’usufruttuario
1.19. La casa sulla quale Tizio esercita un diritto di usufrutto viene completamente distrutta da un
uragano. Il diritto di usufrutto si estingue?
a) Vero

3
b) Soltanto se la casa non viene ricostruita
c) Falso
1.20. L’usufruttuario può locare i beni oggetto del suo diritto?
a) Falso
b) Vero, purchè la durata del contratto di locazione non ecceda la durata dell’usufrutto
c) Vero
1.21. Si definisce diritto di abitazione:
a) L’usufrutto riguardante un immobile
b) L’usufrutto riguardante un immobile destinato ad uso abitativo
c) Il diritto di abitare una casa, limitatamente ai bisogni propri e della famiglia
d) Il diritto di mantenere un immobile ad uso abitativo sul suolo di proprietà altrui
1.22. E’ qualificabile quale abuso dell’usufruttuario?
a) Il non uso del bene protratto per vent’anni
b) L’alienazione del bene
c) La conclusione di locazioni per una durata eccedente quella dell’usufrutto
d) La ritenzione dei beni a garanzia delle riparazioni straordinarie eseguite, a proprie spese, in
luogo del proprietario
1.23. La servitù non può mai consistere in un obbligo di:
a) Non fare
b) Sopportare
c) Fare
1.24. Per quale tra i seguenti diritti reali il legislatore prevede un divieto di cessione?
a) Servitù coattive
b) Enfiteusi
c) Usufrutto
d) Uso
1.25. Quali diritti reali possono spettare in comune a più persone?
a) Tutti
b) Soltanto la proprietà
c) La proprietà e i diritti reali di godimento
d) Nessuno
1.26. Il partecipante alla comunione come può usare la cosa comune?
a) Nei limiti della propria quota
b) Nella sua interezza, purchè non impedisca l’uso degli altri partecipanti

4
c) È previsto soltanto l’uso comune della cosa
1.27. Il patto di rimanere in comunione:
a) È valido per qualunque durata
b) È valido solo per un tempo non superiore a dieci anni
c) È valido soltanto in materia di comunione forzosa
d) È nullo, in quanto contrario al principio di transitorietà della comunione ordinaria
1.28. Il partecipante alla comunione ordinaria può cedere la propria quota?
a) Si, senza vincoli
b) Si, ma deve preferire- a parità di condizioni- i partecipanti alla comunione
c) Soltanto con il consenso di tutti i partecipanti
d) Soltanto con il consenso della maggioranza dei partecipanti
1.29. In base alle regole generali, il possesso costituisce:
a) Un potere di fatto
b) Un diritto soggettivo assoluto
c) Una aspettativa giuridicamente tutelata
d) Una facoltà
1.30. Il mutamento della detenzione in possesso, da parte del detentore, ha luogo:
a) A fronte del mutamento dello stato psicologico del detentore, che decide di comportarsi
come proprietario
b) Con l’opposizione del detentore contro il possessore
c) Con qualsiasi comportamento esterno del detentore che dimostri l’intenzione di comportarsi
come proprietario
1.31. E’ considerato “detentore non qualificato” colui:
a) Che esercita il potere di fatto in malafede
b) Che esercita la materiale disponibilità del bene per ragioni di servizio o di ospitalità
c) Che esercita la materiale disponibilità del bene sulla base di un titolo invalido
1.32. E’ possessore di buona fede colui che possiede:
a) Ignorando di ledere l’altrui diritto
b) Comportandosi con la diligenza del buon padre di famiglia
c) Comportandosi secondo correttezza
1.33. Caio, passeggiando in una zona malfamata della città, viene avvicinato da un uomo che-
affermando di aver bisogno urgente di liquidità- gli offre un prezioso orologio, di cui afferma
essere proprietario, a prezzo stracciato. Caio accetta ed ottiene la consegna del bene. Si scopre,

5
successivamente, che l’orologio era rubato. Caio obietta di essere diventato proprietario ex art.
1153 c.c. Ha ragione?
a) Vero, in quanto la buona fede è presunta
b) Vero, purchè egli non fosse a conoscenza dell’illegittima provenienza della cosa
c) Falso: la buona fede non giova se viziata da colpa grave
1.34. Tizia decide di vendere il suo braccialetto d’oro. Sente al telefono la sua amica Mevia, con
cui si accorda per la vendita a 500 euro. Successivamente passa a casa sua Sempronia, la quale
le offre 600 euro per il braccialetto e se lo porta via. A chi appartiene, a questo punto, il
braccialetto?
a) A Mevia, in ogni caso
b) A Mevia, purchè dimostri che il suo titolo è di data anteriore
c) A Sempronia, purchè non fosse a conoscenza della precedente compravendita
d) A Sempronia, anche se in mala fede rispetto all’esistenza del precedente contratto
1.35. L’usucapione ordinaria è un istituto che si applica:
a) A qualunque possessore
b) Solo ai possessori di malafede
c) Solo ai possessori di buona fede
1.36. Tizio acquista con un contratto di compravendita valido un’automobile da Caio, pensando
che lo stesso sia proprietario del mezzo, il quale- in realtà- appartiene a Mevio. Tizio diviene
proprietario dell’autoveicolo:
a) Al momento della consegna
b) Esercitando il possesso per tre anni
c) Esercitando il possesso per tre anni laddove abbia trascritto il contratto, altrimenti per
dieci anni
d) Esercitando il possesso per dieci anni, purchè il titolo sia stato trascritto
1.37. Se il possesso è stato acquisito in modo violento, esso giova ai fini per l’usucapione?
a) Non giova ai fini dell’usucapione abbreviata, bensì giova sempre per quella ordinaria
b) Giova dal momento in cui la violenza è cessata
c) Non giova mai ai fini dell’usucapione, essendo comunque richiesto un possesso acquisito in
modo pacifico
1.38. La tutela possessoria può essere esercitata:
a) Da qualunque possessore
b) Solo dal possessore legittimo
c) Solo dal possessore di buona fede

6
1.39. La legittimazione a esperire l’azione di reintegrazione spetta:
a) Soltanto al possessore
b) Sia al possessore che al detentore
c) Al possessore e al detentore qualificato
d) Al possessore, al proprietario e al titolare di diritti reali
1.40. Sempronio ha un contratto di locazione per una mansarda. A fronte di un ritardo nel
pagamento dei canoni di locazione, Mevio, proprietario dell’appartamento, approfitta di
un’assenza di Sempronio per cambiare la serratura. Può Sempronio agire con l’azione di
reintegrazione?
a) Vero
b) No, poiché la stessa spetta soltanto al possessore
c) No, perché la stessa non può essere esercitata contro il possessore del bene
d) Soltanto se viene meno il suo inadempimento
1.41. Il detentore è legittimato a esercitare l’azione di manutenzione?
a) Si, sempre
b) Soltanto se si tratta di detentore qualificato
c) Soltanto a fronte di molestie di fatto, mentre per le molestie di diritto l’azione spetta al
possessore
d) No, mai
1.42. Nei confronti di quali categorie di beni non risulta esperibile l’azione di manutenzione?
a) Beni immobili
b) Beni mobili registrati
c) Universalità di mobili