Sei sulla pagina 1di 7

IL FINANZIAMENTO A MEDIO-LUNGO TERMINE

Sono forme di finanziamento per attività produttive che hanno una fecondità
ripetuta, i beni dovranno contribuire alla produzione e non dell'azienda per più
anni.
Hanno una durata superiore ai 18 mesi e possono arrivare anche fino ai 10 anni

Forme tecniche di erogazione:


-Mutuo
-Leasing
-Apertura di credito a scadenza determinata di md/lg periodo

MUTUO IPOTECARIO

Contratto che prevede l'erogazione di una somma di denaro la cui restituzione


da parte del beneficiario avverrà secondo un piano di rimborso rigidamente
predefinito al momento di stipulazione del contratto medesimo.
Il piano di ammortamento deve indicare la periodicità e l'importo delle rate.

PIANO DI RIMBORSO
-A rate periodiche: trimestrali-semestrali-annuali; ogni rata è composta da
a)Quota capitale ( che rappresenta la quota minima di mutuo effettivamente
rimborsata in quella tranche)
b) Quota interessi ( che rappresenta la remunerazione che l'azienda paga per il
finanziamento ottenuto e che è commisurata al debito residuo)
-Piano di ammortamento
a) di tipo italiano ( andamento della rata decrescente,risultante di una quota
capitale costante e di una quota di interesse decrescente)
b)di tipo francese ( andamento della rata costante nel tempo, risultante di una
quota capitale crescente e di una quota interessi decrescente nel tempo)

-periodo di pre-ammortamento : la banca può riconoscere al cliente un


“periodo di garanzia” in cui è previsto il rimborso della sola quota interessi alle
scadenze concordate dalle parti
Può essere accordato anche un periodo di pre-finanziamento: la banca mette a
disposizione del richiedente una somma di denaro, in attesa della erogazione del
prestito oggetto di fido. Questa pratica viene fatta nel caso il cliente abbia
bisogno immediato di liquidità. La disposizione può essere diversa
nell'ammontare da quella del finanziamento. La somma resa disponibile dalla
banca come pre-finanziamento è soggetta a rimborso non appena si rende
possibile l'erogazione del prestito. Essa presenta inoltre caratteri del credito a
breve privo di autonomia, essendo preliminare e accessorio rispetto al
finanziamento.

Richiede la costituzione di GARANZIE REALI


-impone la presenza di una garanzia/ipoteca di primo grado sul bene oggetto
dell'operazione qualora si tratti di finanziamenti fondiari
-impone il privilegio ( garanzia legale) in caso di prestiti alle imprese
industriali per l'acquisto di impianti e macchinari. Nel caso in cui non sia
previsto per legge si può inserire su richiesta, privilegio compensativo.

A cosa serve il Mutuo Ipotecario:


A finanziare le imprese:
– per l'acquisto di fattori a fecondità ripetuta… immobili, immobili
industriali, impianti, automezzi, scorte.
– Per il reintegro delle spese sostenute per l'acquisto di beni ( immobili,
immobili industriali, impianti, automezzi, scorte) quando queste sono
precedenti alla richiesta di mutuo
A finanziare le famiglie ( edilizia abitativa)

CARATTERISTICHE
-Valore del finanziamento:viene definito in base al prezzo del bene al quale si
applica il mutuo e l'applicazione di uno scarto ( 20%).Inoltre sul valore
nominale gravano tutte le spese
-Scarto: si applica in maniera non elevata, rappresenta un costo di opportunità
per l'impresa. Vi sono differenze nell'applicazione alle famiglie e alle imprese.
Inoltre varia in funzione del tipo di bene a cui si applica.
Per le famiglie il contraente del debito deve avere un flusso reddituale, se cioè
si verifica il raiting si alza. Inoltre il reddito è ritenuto essere più o meno
costante
Per l'impresa la capacità di reddito è variabile,perchè influenzato da fattori
come la politica di gestione, vendite ecc.
Si ha quindi una valutazione prospettica del reddito.
-Durata del finanziamento: ha una durata superiore ai 5 anni. Per le famiglie
può arrivare fino a 30 anni.

COSTO COMPLESSIVO.
Dato dalla sommatoria di:
-Tasso di interesse ( variabile ed indicizzato)
-Spese di istruttoria e di iscrizione dell'ipoteca
-Imposta sostitutiva (presente in tutti i finanziamenti di medio lungo periodo)
-Spese notarili

L'indicizzazione del tasso di interesse può avvenire secondo:


-prime rate: applicato alla migliore clientela
-Euribor tre mesi lettera: è il tasso a cui viene scambiato l'euto sul mercato
interbancario
-Tasso del rendistato: rendimento medio dei titoli di stato
-Tasso BCE

Spese di istruttoria e di iscrizione dell'ipoteca


-Rimborso spese di istruttoria
-Valutazione dei beni e verifica dell'esistenza del diritto di proprietà effettuata
dal perito
-Verifica dell'assenza di vincoli legali
-Spese sostenute per l'assicurazione sugli immobili ipoteca
-Spese sostenute per la polizza vita sul titolare dell'azienda

IL LEASING FINANZIARIO
È un contratto mediante il quale il locatore acquista o un bene mobile o
immobile su indicazione del locatario , concedendolo in locazione a
quest'ultimo, per un periodo di tempo corrispondente alla vita economica del
bene finanziato, dietro pagamento di un canone periodico.
Ha come scopo quello di soddisfare i fabbisogni di beni strumentali dell'attività
d'impresa.
Alla scadenza del contratto, di norma rapportato alla vita economica, tecnica e
fiscale del bene, la proprietà di quest'ultimo dovrà essere trasferita dal locatore
al locatario, previo pagamento di un prezzo di riscatto.

Il leasing può essere di tipo mobiliare,immobiliare, agevolato.

Il canone periodico comprende:


-la quota di ammortamento del bene
-gli interessi sul capitale investito
-le spese di istruttoria
-il premio per l'assicurazione contro furto e incendio
Deve inoltre essere proporzionale alla durata del finanziamento, che di norma è
rapportato alla vita economica, finanziaria e fiscale del bene.

Alla scadenza del contratto l'utilizzatore corrisponde al locatore il riscatto, di


importo simbolico, affinchè non venga snaturato il carattere finanziario
dell'operazione.

APERTURA DI CREDITO A TEMPO DETERMINATO


-è erogata con rilascio della somma sul c/c dell'affidato
-la restituzione della somma avviene secondo un piano di rimborso pattuito di
comune accordo con l'affidato;
-è assistita da garanzie reali
Le sue caratteristiche sono uguali all'apertura del credito in c/c ma ha durata
medio-lungo periodo. Il rimborso non avviene a scadenza, ma secondo dei
periodi/ scadenze periodiche pattuiti, dove l'impresa dovrà restituire una parte
di capitale fino alla fine.
L'interesse è pagato sugli effettivi utilizzi.

PRESTITI IN POOL
Sono prestiti organizzati sul mercato interno da banche o da società
specializzate.
Si tratta di finanziamenti erogati da un pool di banche composto da una banca
Capofila (Arranger ),che ha il compito di organizzare e amministrare il
finanziamento ovvero di sottoscriverlo, e da banche partecipanti o sottoscrittrici
del finanziamento.
Il pool mette a disposizione dell'impresa una linea di credito , a tempo
determinato o indeterminato, con facoltà di utilizzo anche ripetuto nel tempo.
Lo scopo del consorzio , destinato a sciogliersi una volta ultimata l'operazione
di finanziamento, è la ripartizione dell'impegno finanziario tra le banche.
La posizione di maggior rilievo nel consorzio è quella della capofila
( Arranger/lead manager), che si presenta come unico interlocutore dell'impresa
richiedente, pertanto procede all'erogazione dei fondi, raccoglie informazioni
finanziarie ecc. Le altre banche partecipano all'accordo in qualità di co-
Arranger oppure come semplici sottoscrittrici del finanziamento.
L'affidato attiva la linea di credito presso le casse della capofila mediante la
lettera di tiraggio, in cui sono contenute tutte le modalità tecniche per l'utilizzo
della medesima. Le altre banche mutuanti accendono pro-quota un conto
intestato all'impresa mutuataria alimentato dai versamenti a titolo di interesse e
di rimborso del prestito.

Il contratto di finanziamento in pool prevede presenza di due clausole :


-FIRM COMMITMENT:viene sottoscritto tutto il credito, che deve essere
erogato dalla capofila.
-BEST EFFORT:la arranger non si impegna nel sottoscrivere tutto il credito
rischiesto, ma solo una parte, il restante non viene per forza erogato.

Nel prestito in pool la Arranger organizza con l'imprea una linea di credito
tramite una pubblicità, avente lo scopo di raccogliere il capitale necessario. Il
rapporto di credito rimane circoscritto tra le prime due, le altre banche fanno
capo alla capofila. Nella clausola del Best Effort se il capitale richiesto non
viene raggiunto dalle offerte di tutte le banche del pool, si procede in ogni caso
con l'apertura della linea di credito con quello raccolto. Nella clausola della
Firm Commitment se l'obiettivo di capitale non viene raggiunto questo dovrà
essere integrato per la somma mancante dalla banca Arranger.
Si hanno tre linee di credito stand-by,evergreen e bidline.

STAND-BY
È un'operazione di finanziamento a breve-medio termine con cui il pool di
banche mette a disposizione dell'impresa richiedente una linea di credito di
importo predeterminato e per un periodo di tempo determinato. Si presenta
come una linea di credito scadenzata con facoltà di utili parziali e ripetuti nel
tempo.

CARATTERISTICHE
Utilizzi: parziali e ripetuti nel tempo
Durata utilizzi: 3 mesi
Non utilizzo della linea di credito porta all'imposta di una commissione
denominata di “mancato utilizzo” variabile tra lo 0,15% e 0.50% dell'importo
inutilizzato. La sua applicazione trova fondamento nell'impegno della banca sia
a rendere disponibili i fondi, sia a detenere un certo ammontare di patrimonio a
favore dell'attivo ponderato per il rischio di perdita presunta.
In alcuni casi è previsto l'impegno per l'impresa di non utilizzare il fido per
almeno 45 giorni consecutivi in uno degli anni solari di durata del contratto, o a
far si che gli utilizzi non siano superiori al 70-80% del fido( la clausola
rappresenta un guadagno per la banca, si ha una commissione dia ffidamento).
Lo scopo è quello di misurare la capacità dell'affidato di far fronte ai propri
impegni di liquidità.

La richiesta di utilizzo del fido concesso, richiesto mediante lettera di tiraggio,


deve contenere indicazioni riguardanti l'importo e la sua durata ( 3 mesi),
mentre il tasso di interesse , corrisposto posticipatamente su ciascun utilizzo, è
stabilito contrattualmente in base a parametri di riferimento prefissati.
Il prelevamento di ogni singola tranche ha un carattere di rigidità, poiché non
sono consentiti rimborsi anticipati alla scadenza. Alla scadenza il debitore ha la
facoltà di rinnovare l'utilizzo per lo stesso importo o uno differente, oppure di
rimborsare il prestito. In questo caso bisogna corrispondere alla Arranger gli
interessi e le spese.

Assumono particolare le clausole di recesso da parte degli istituti finanziatori,


tanto che queste devono essere espressamente indicate nel contratto.
Recesso a) debitore preavviso di 60 o 90 gg
b) banca solo per giusta causa ( inadempienza debitore, downrating)

PRESTITI EVERGREEN
È una linea di credito, di importo indeterminato e scadenza indeterminata ( fino
a revoca) con facoltà di utilizzi parziali, ripetuti nel tempo.
L'ammontare del fido non è rigidamente predefinito, alla scadenza di ogni
utilizzo questo può essere aumentato o diminuito per l'entrata o l'uscita di nuove
banche nel pool. Questo è possibile , però, solo su parere favorevole
dell'impresa prenditrice e delle banche consorziate.
L'evergreen ha anche la facoltà di attivazione del prestito anche dopo periodi di
mancato utilizzo con il solo obbligo da parte del beneficiario di rispettare i
termini di preavviso e comunque non prima che siano trascorsi almeno 18 mesi
meno un giorno dalla data della stipula del contratto. La durata massima del
finanziamento è fissata per 36 mesi.
Alla scadenza di ciascun utilizzo l'impresa può attivare la linea di credito per
importo uguale/differente rispetto a quello precedente, oppure non utilizzarla
affatto, mantenendo però il diritto di richiederne l'erogazione in un periodo
successivo. Come per il stand-by è applicata la commissione di “mancato
utilizzo” nella misura variabile dello 0,15% e 0,50% in ragione annua

Recesso a)debitore preavviso di 60 gg o 90 gg


b) banca solo per giusta causa oppure con preavviso di 12 mesi

La banca può quindi recedere in “ogni caso” mediante preavviso, il debitore


recede previo pagamento integrale degli interessi e delle commissioni.
L'evergreen essendo un'operazione di finanziamento a revoca e non a termine
non presenta la commissione sostitutiva., inoltre ha un carattere estremamente
elastico, perchè si adatta alle esigenze di fabbisogno finanziario variabili.

Utilizzi, durata utilizzi sono uguali alla stand-by


BID-LINE
É una linea di credito offerta da un pool di banche basata su aste competitive,
caratterizzata da un duplice canale di erogazione.
É una linea di credito a tempo determinato.

La struttura del pool prevede la presenza di 2 gruppi di banche


a) Banche underwriters ( con finanziamento a condizioni contrattualmente
predeterminato)
b) Banche partecipanti ad aste per importi stabiliti di volta in volta per
aggiudicarsi il finanziamento
Sono quindi le finanziatrici e le partecipanti.
IL finanziamento viene diviso in due tranches:
A) Finanziamento ad importo predeterminato offerto dalle underwriters
Utilizzi, Durata, Non utilizzo, Costi uguale a stand-by ed evergreen

B) Finanziamento ad aste competitive offerto dalle banche partecipanti


. L'attivazione del meccanismo può essere richiesto da:
- Banche partecipanti
-Cliente affidato

Le prime garantiscono una linea di credito al cliente per tutta la durata del
finanziamento ( 18 mesi meno un giorno) con un impegno a fermo da parte del
pool di consentire tiraggi anche con durata diversa e ad un tasso variabile.
Le banche partecipanti partecipano ad aste competitive finalizzate alla selezione
dell'offerta più conveniente per il beneficiario in relazione all'importo e al tasso
di interesse.
La partecipazione all'asta è facoltativa, le offerte ( irrevocabili) vengono
raccolte dalla capofila secondo un principio di onerosità crescente.
Il primo tranche dei finanziamenti è almeno pari al 50% dell'intera linea di
credito, l'altra è variabile in funzione alle offerte delle banche partecipanti.
Il costo del finanziamento dipende dalla forma tecnica, è comunque legato ai
tassi di mercato monetario (in virtù della tranche ad aste competitive).
In concorrenza le banche fanno si che gli interessi siano minori a quelli del
mercato, lasciando la possibilità alle imprese di disporre del fido per un periodo
sufficiente alla completa realizzazione dei piani produttivi.
La commissione di mancato utilizzo non viene applicata, anche se vengono
applicati alcuni ricavi accessori. Si ha una commissione di Arranger per la
capofila a seguito dell'impegno nell'organizzazione delle aste.