Sei sulla pagina 1di 7

Esempio.

Sia f : R3 → R2 tale che:

f (1, −1, 1) = (2, 1)

f (1, 0, 2) = (3, 4)

f (0, 1, −1) = (−2, 5)


Siano A = [(1, −1, 1), (1, 0, 2), (0, 1, −1)] e B = [(1, 2), (1, 1)] basi di R3 e di R2 , rispettivamente. Vo-
gliamo scrivere le matrici MA ,B ( f ), MA ,E2 ( f ),ME3 ,B ( f ), M( f ). Ricordo che E2 = [(1, 0), (0, 1)] e che E3 =
[(1, 0, 0), (0, 1, 0), (0, 0, 1)].
Cominciamo subito col notare che:
 
A , E2 2 3 −2
M (f) =
1 4 5
in quanto nelle colonne della matrice occorre mettere:

[ f (1, −1, 1)]E2 = [(2, 1)]E2 = (2, 1)

(2, 1) = 2(1, 0) + 1 · (0, 1) = 2e1 + e2

[ f (1, 0, 2)]E2 = [(3, 4)]E2 = (3, 4)

(3, 4) = 3 · (1, 0) + 4 · (0, 1) = 3e1 + 4e2 .

[ f (0, 1, −1)]E2 = [(−2, 5)]E2 = (−2, 5).

(−2, 5) = −2 · (1, 0) + 5 · (0, 1) = −2e1 + 5e2 .


Scriviamo MA ,B ( f ). Dobbiamo mettere nelle colonne:

[ f (1, −1, 1)]B = [(2, 1)]B =?

[ f (1, 0, 2)]B = [(3, 4)]B =?

[ f (0, 1, −1)]B = [(−2, 5)]B =?


Per trovare [(2, 1)]B occorre risolvere il sistema:

(2, 1) = x (1, 2) + y(1, 1) = ( x + y, 2x + y)


( (
x+y = 2 x = −1
⇒ ⇒ ⇒ [(2, 1)]B = (−1, 3)
2x + y = 1 y=3
Per trovare [(3, 4)]B occorre risolvere il sistema:

(3, 4) = x (1, 2) + y(1, 1) = ( x + y, 2x + y)


( (
x+y = 3 x=1
⇒ ⇒ ⇒ [(3, 4)]B = (1, 2)
2x + y = 4 y=2
Per trovare [(−2, 5)]B occorre risolvere il sistema:

(−2, 5) = x (1, 2) + y(1, 1) = ( x + y, 2x + y)

1
( (
x + y = −2 x=7
⇒ ⇒ ⇒ [(−2, 5)]B = (7, −9).
2x + y = 5 y = −9
Quando scriviamo [(−2, 5)]B = (7, −9) stiamo dicendo che:

(−2, 5) = 7 · (1, 2) − 9 · (1, 1).


Dunque:
 
−1 1 7
M A ,B ( f ) = .
3 2 −9
Ricordo che E2 = [(1, 0), (0, 1)] e che E3 = [(1, 0, 0), (0, 1, 0), (0, 0, 1)].
Per scrivere le altre due matrici, ME3 ,B ( f ) e M ( f ) = ME3 ,E2 ( f ), occorre determinare intanto f (e1 ), f (e2 ), f (e3 ).
Sappiamo che:

f (1, −1, 1) = (2, 1)

(1, −1, 1) = (1, 0, 0) − (0, 1, 0) + (0, 0, 1) = e1 − e2 + e3

⇒ f (e1 − e2 + e3 ) = (2, 1) ⇒ f (e1 ) − f (e2 ) + f (e3 ) = (2, 1)

f (1, 0, 2) = (3, 4)

(1, 0, 2) = (1, 0, 0) + 2(0, 0, 1) = e1 + 2e3

⇒ f (e1 + 2e3 ) = (3, 4) ⇒ f (e1 ) + 2 f (e3 ) = (3, 4)

f (0, 1, −1) = (−2, 5)

(0, 1, −1) = (0, 1, 0) − (0, 0, 1) = e2 − e3

⇒ f (e2 − e3 ) = (−2, 5) ⇒ f (e2 ) − f (e3 ) = (−2, 5).


Dunque:
 
 f (e1 ) − f (e2 ) + f (e3 ) = (2, 1)
  f (e2 ) = (−2, 5) + f (e3 )

f (e1 ) + 2 f (e3 ) = (3, 4) ⇒ f (e1 ) + 2 f (e3 ) = (3, 4)
 
f (e2 ) − f (e3 ) = (−2, 5) f (e1 ) − (−2, 5) − f (e3 ) + f (e3 ) = (2, 1)
 

 
 f (e1 ) = (2, 1) + (−2, 5) = (0, 6)
  f (e1 ) = (0, 6)

⇒ 2 f (e3 ) = (3, 4) − f (e1 ) = (3, 4) − (0, 6) = (3, −2) ⇒ f (e3 ) = ( 23 , −1)
f (e2 ) = (−2, 5) + ( 23 , −1) = (− 12 , 4).
 
f (e2 ) = (−2, 5) + f (e3 )
 

Possiamo subito scrivere:


1 3
!
M( f ) = M E3 , E2
(f) = 0 − .
2 2
6 4 −1
Per calcolare ME3 ,B ( f ) occorre calcolare [(0, 6)]B , [(− 12 , 4)]B , [( 32 , −1)]B . Prendiamo il generico vettore ( a, b) ∈
R2 e calcoliamo [( a, b)]B :

( a, b) = x (1, 2) + y(1, 1) = ( x + y, 2x + y)

2
( (
x+y = a x = b−a
⇒ ⇒
2x + y = b y = a − x = a − (b − a) = 2a − b
Dunque, [( a, b)]B = (b − a, 2a − b). Sostituendo vediamo che:
mettendo a = 0, b = 6 :

[(0, 6)]B = (6, −6)


mettendo a = − 12 , b =4:
1 1 9
[(− , 4)]B = (4 + , −1 − 4) = ( , −5)
2 2 2
mettendo a = 23 , b = −1 :
3 3 5
[( , −1)]B = (−1 − , 3 + 1) = (− , 4).
2 2 2
Dunque:
9 5
!
M E3 ,B
(f) = 6 − .
2 2
−6 −5 4

Esempio. Abbiamo considerato in precedenza f : R3 → R2 definita da:

f (e1 ) = f (1, 0, 0) = (2, 3)

f (e2 ) = f (0, 1, 0) = (3, −1)

f (e3 ) = f (0, 0, 1) = (1, 4).


Avevamo visto che:

(3, 1, −5) = 3 · (1, 0, 0) + (0, 1, 0) − 5 · (0, 0, 1) = 3e1 + e2 − 5e3

⇒ f (3, 1, −5) = 3 f (e1 ) + f (e2 ) − 5 f (e3 ) = 3 · (2, 3) + (3, −1) − 5 · (1, 4) = (6 + 3 − 5, 9 − 1 − 20) = (4, −12).

Osserviamo che la matrice rispetto alle basi canoniche è:


 
2 3 1
M( f ) =
3 −1 4
e che [(3, 1, −5)]E3 = (3, 1 − 5) :
   
3   3    
2 3 1 6+3−5 4
M( f ) ·  1  = · 1  = = ,
3 −1 4 9 − 1 − 20 −12
−5 −5
cioè f (3, 1, −5) = (4, −12).
Osserviamo anche che da:
   
x   x  
2 3 1 2x + 3y + z
M( f ) ·  y  = ·  y  =
3 −1 4 3x − y + 4z
z z
abbiamo che:

f ( x, y, z) = (2x + 3y + z, 3x − y + 4z)
per ogni ( x, y, z) ∈ R3 .

3
Esempio. In precedenza avevamo considerato f : R3 → R3 tale che:

f (1, 2, 1) = (2, 1, 0)

f (1, 0, −1) = (1, −1, 3)

f (0, 1, 2) = (1, 2, 2).


Posta A = [(1, 2, 1), (1, 0, −1), (0, 1, 2)], avevamo visto che [(3, 1, −5)]A = (2, 1, −3), cioè:

(3, 1, −5) = 2 · (1, 2, 1) + (1, 0, −1) − 3 · (0, 1, 2).


Da cui avevamo:

f (3, 1, −5) = 2 f (1, 2, 1) + f (1, 0, −1) − 3 f (0, 1, 2) = 2 · (2, 1, 0) + (1, −1, 3) − 3 · (1, 2, 2) =

= (4 + 1 − 3, 2 − 1 − 6, 3 − 6) = (2, −5, −3).


Osserviamo che:
 
2 1 1
MA ,E ( f ) =  1 −1 2  ,
0 3 2
per cui per calcolare f (3, 1, −5) possiamo fare:
         
2 2 1 1 2 4+1−3 2
M A , E ( f ) ·  1  =  1 −1 2  ·  1  =  2 − 1 − 6  =  −5  ,
−3 0 3 2 −3 3−6 −3
per cui f (3, 1, −5) = (2, −5, −3).

Esempio. Sia f : R3 → R3 tale che:


 
2 1 0
M A ,B ( f ) =  1 −1 2 ,
3 1 −2
essendo A = [(1, 1, 1), (2, 1, 1), (0, 1, 0)] e B = [(1, 1, 0), (0, 1, 1), (1, 1, 1)].
Questo vuol dire che:

[ f (1, 1, 1)]B = (2, 1, 3) ⇒ f (1, 1, 1) = 2 · (1, 1, 0) + (0, 1, 1) + 3 · (1, 1, 1) = (5, 6, 4)

[ f (2, 1, 1)]B = (1, −1, 1) ⇒ f (2, 1, 1) = (1, 1, 0) − (0, 1, 1) + (1, 1, 1) = (2, 1, 0)

[ f (0, 1, 0)]B = (0, 2, −2) ⇒ f (0, 1, 0) = 0 · (1, 1, 0) + 2 · (0, 1, 1) − 2(1, 1, 1) = (−2, 0, 0).
Vogliamo trovare f (−1, 1, 0). Per prima cosa dobbiramo calcolare [(−1, 1, 0)]A :

(−1, 1, 0) = x (1, 1, 1) + y(2, 1, 1) + z(0, 1, 0) = ( x + 2y, x + y + z, x + y)


 
 x + 2y = −1
 z = 1

⇒ x+y+z = 1 ⇒ y = −1
 
x+y = 0 x=1
 

da cui [(−1, 1, 0)]A = (1, −1, 1). Da:


       
1 2 1 0 1 1
M A ,B ( f ) ·  −1  =  1 −1 2  ·  −1  =  4 
1 3 1 −2 1 0
otteniamo che [ f (−1, 1, 0)]B = (1, 4, 0), cioè:

f (−1, 1, 0) = 1 · (1, 1, 0) + 4 · (0, 1, 1) + 0 · (1, 1, 1) = (1, 5, 4).

4
Come si fa lo studio di un’applicazione lineare. Data un’applicazione lineare f : V → W e date due basi A di
V e B di W, sappiamo che

ker f = {v ∈ V | f (v) = 0W }
e che

MA ,B ( f ) · [v]A = [ f (v)]B
per ogni v ∈ V. Dunque, per determinare il nucleo di f occorre trovare i vettori v ∈ V per i quali si ha:
 
0
 0 
M A ,B ( f ) · [ v ]A =  .  ,
 
 .. 
0
cioè occorre risolvere il sistema omogeneo associato alla matrice MA ,B ( f ), le cui soluzioni saranno compo-
nenti rispetto alla base A . Per determinare le soluzioni di tale sistema ridurremo MA ,B ( f ).
Inoltre, se A = [v1 , v2 , . . . , vn ], dato che v1 , v2 , . . . , vn sono generatori di V, si ha certamente:

Im f = L ( f (v1 ), f (v2 ), . . . , f (vn )).


Per determinare Im f occorre stabilire la sua dimensione e determinarne una base e per farlo possiamo
determinare quali tra f (v1 ), f (v2 ), . . . , f (vn ) sono l.i.
Nel fare la riduzione per righe di MA ,B ( f ) si ottiene una matrice ridotta in cui è facile stabilire quali sono
le colonne l.i. (saranno quelle dove ci sono gli elementi speciali, uno per ogni riga non nulla). Tali colonne non
ci daranno Im f , in quanto lo spazio delle righe è cambiato con la riduzione per righe, ma le corrispondenti
colonne di MA ,B ( f ) saranno certamente l.i. e ci daranno una base di Im f , in quanto saranno in numero pari a
ρ( MA ,B ( f )) = dim Im f .

Esercizi: studio di un’applicazione lineare. Sia f : R3 → R3 l’applicazione lineare tale che:


 
2 1 3
M ( f ) =  h − 1 −1 h − 3 
5 2 2h + 6
al variare di h ∈ R. Calcoliamo:

| M( f )| = −4h − 12 + 5h − 15 + 6h − 6 + 15 − 2h2 + 2h − 6h + 6 − 4h + 12 = −2h2 − h.


Dunque, per h 6= 0, − 12 si ha che | M( f )| 6= 0. Ciò significa che dim Im f = ρ( M ( f )) = 3, ma Im f ⊆ R3 , per
cui Im f = R3 , il che significa che f è suriettiva. Inoltre, per il teorema della dimensione si ha

dim ker f = dim V − dim Im f = dim R3 − dim Im f = 3 − 3 = 0.


Questo significa che ker f = {(0, 0, 0)}, cioè f è iniettiva. Possiamo, perciò dire che per h 6= 0, − 21 f è un
isomorfismo.
Sia h = 0. In tal caso:
     
2 1 3 2 1 3 2 1 3
R2 + R1 ,R3 −2R1 R3 − R2
M( f ) =  −1 −1 −3  −−−−−−−−→  1 0 0 − −−−→  1 0 0 .
5 2 6 1 0 0 0 0 0
Dunque, per h = 0 abbiamo ρ( M ( f )) = dim Im f = 2 e una su base è data da [(2, −1, 5), (1, −1, 2)].
Per quanto riguarda il ker f , dal teorema della dimensione sappiamo che dim ker f = dim V − dim Im f =
dim R3 − dim Im f = 3 − 2 = 1 e inoltre:

ker f = {( x, y, z) ∈ R3 | 2x + y + 3z = 0, x = 0} = {(0, −3z, z) ∈ R3 } = L ((0, −3, 1)).


Sia h = − 21 . In tal caso:

5
     
2 1 3 2 1 3 1
R3 − 2 R2
2 1 3
R 2 + R ,R
1 3 − 2R 1
M ( f ) =  − 23 −1 − 72  −−−−−−−−→  12 0 − 12  −−−−−→  12 0 − 12  .
5 2 5 1 0 −1 0 0 0
Dunque, per h = − 12 abbiamo ρ( M( f )) = dim Im f = 2 e una su base è data da [(2, − 23 , 5), (1, −1, 2)].
Per quanto riguarda il ker f , dal teorema della dimensione sappiamo che dim ker f = dim V − dim Im f =
dim R3 − dim Im f = 3 − 2 = 1 e inoltre:

ker f = {( x, y, z) ∈ R3 | 2x + y + 3z = 0, 12 x − 12 z = 0} = {( x, −5z, x ) ∈ R3 } = L ((1, −5, 1)).

Esercizio. Sono dati V = L (v1 , v2 , v3 ) e W = L (w1 , w2 , w3 ) sottospazi di R4 , dove v1 = (1, 1, 0, 0), v2 =


(0, 1, 1, 0), v3 = (0, 0, 1, 1), w1 = (1, 1, 1, 0), w2 = (0, 1, 1, 1) e w3 = (0, 0, 0, 1). Siano A = [v1 , v2 , v3 ] e B =
[w1 , w2 , w3 ]. Studiare l’applicazione lineare f : V → W tale che:
 
h−2 3−h 0
M A ,B ( f ) =  h − 1 2 − h 0 
h + 1 −h − 1 h
al variare di h ∈ R.
Si vede che | MA ,B ( f )| = −h, per cui per h 6= 0 possiamo dire che f è iniettiva e suriettiva, cioè è un
isomorfismo. In particolare, Im f = W e ker f = {(0, 0, 0, 0)}.
Sia h = 0. Allora abbiamo:

−2 3 0
     
−2 3 0 1 1
R2 − 2 R1 ,R3 + 2 R1
−2 3 0
R − R
MA ,B ( f ) =  −1 2 0  −−−−−−−−−−→  0 1 3
 −−−− 2  1
2 0 → 0 2 0
.
1 −1 0 1 0 0 0
0 2 0

Dunque, per h = 0 abbiamo dim Im f = ρ( MA ,B ( f )) = 2 e una sua base è data da [(−2, −1, 1)B , (3, 2 − 1)B ],
cioè un base è data da
[−2w1 − w2 + w3 , 3w1 + 2w2 − w3 ]. Essendo:

−2w1 − w2 + w3 = −2(1, 1, 1, 0) − (0, 1, 1, 1) + (0, 0, 0, 1) = (−2, −3, −3, 0)

3w1 + 2w2 − w3 = 3(1, 1, 1, 0) + 2(0, 1, 1, 1) − (0, 0, 0, 1) = (3, 1, 1, 1),


possiamo dire che una base di Im f è [(−2, −3, −3, 0), (3, 1, 1, 1)]. Inoltre:

dim ker f = dim V − dim Im f = 3 − 2 = 1


e si ha:
1
ker f = {v ∈ V | [v]A = ( a, b, c), −2a + 3b = 0, b = 0} =
2

= {v ∈ V | [v]A = (0, 0, c)} = L ((0, 0, 1)A ) = L (0 · v1 + 0 · v2 + 1 · v3 ) = L ((0, 0, 1, 1)).

Esercizio. È data l’applicazione lineare f : R3 → R4 tale che:


 
h+1 1 1
1 h + 1 1 
M A ,B ( f ) = 


 h −h 0 
1 h 2
dove A = [(1, 1, 0), (2, 0, −1), (1, 0, 0)] e B = [(1, 1, 1, 0), (1, 0, 1, 0), (0, 1, 0, 2), (0, 1, 1, 0)]. Studiare f al varia-
re di h ∈ R.
Proviamo a ridurre la matrice:
   
h+1 1 1 h+1 1 1
 1 h+1 1  R2 − R1 ,R4 −2R1  −h h 0 
M A ,B ( f ) =   −−−−−−−−→  
 h −h 0   h −h 0 
1 h 2 −1 − 2h h − 2 0

6
 
h+1 1 1
per h6=0,R3 + R2 ,R4 − h− 2  −h
h R2  h 0 
−−−−−−−−−−−−−−−→  .
0 0 0 
−h − 3 0 0
Dunque, per h 6= 0, −3 abbiamo dim Im f = ρ( MA ,B ( f )) = 3 e una sua base è data dalle tre colonne della
matrice. Essendo:

(h + 1) · (1, 1, 1, 0) + 1 · (1, 0, 1, 0) + h · (0, 1, 0, 2) + 1 · (0, 1, 1, 0) = (h + 2, 2h + 2, h + 3, 2h)

1 · (1, 1, 1, 0) + (h + 1) · (1, 0, 1, 0) − h · (0, 1, 0, 2) + h · (0, 1, 1, 0) = (h + 2, 1, 2h + 2, −2h)

1 · (1, 1, 1, 0) + 1 · (1, 0, 1, 0) + 0 · (0, 1, 0, 2) + 2 · (0, 1, 1, 0) = (2, 3, 4, 0)


tale base di Im f per h 6= 0, −3 è [(h + 2, 2h + 2, h + 3, 2h), (h + 2, 1, 2h + 2, −2h), (2, 3, 4, 0)].
Inoltre:

dim ker f = dim R3 − dim Im f = 3 − 3 = 0,


per cui ker f = {(0, 0, 0)} e f è iniettiva.
Sia h = 0. Allora:
   
1 1 1 1 1 1
1 1 1   0 0 0 
M A ,B ( f ) = 

−riducendo
 0 −−−−→  
0 0   0 0 0 
1 0 2 1 0 2
per cui dim Im f = ρ( MA ,B ( f )) = 2 e una sua base è data dalle prime due colonne della matrice. Essendo:

1 · (1, 1, 1, 0) + 1 · (1, 0, 1, 0) + 0 · (0, 1, 0, 2) + 1 · (0, 1, 1, 0) = (2, 2, 3, 0)

1 · (1, 1, 1, 0) + 1 · (1, 0, 1, 0) + 0 · (0, 1, 0, 2) + 0 · (0, 1, 1, 0) = (2, 1, 2, 0)


una base di Im f per h = 0 è [(2, 2, 3, 0), (2, 1, 2, 0)]. Inoltre, dim ker f = dim R3 − dim Im f = 3 − 2 = 1 e:

ker f = {v ∈ R3 | [v]A = ( a, b, c), a + b + c = 0, a + 2c = 0} =

= {v ∈ R3 | [v]A = (−2c, c, c)} = L (−2 · (1, 1, 0) + (2, 0, −1) + (1, 0, 0)) = L ((1, −2, −1)).
Sia h = −3. Allora:
   
−2 1 1 −2 1 1
 1 −2 1  R2 − R1  3 −3 0 
M A ,B ( f ) = 
 −3 3 0  −−−−→  0
  
0 0 
1 −3 2 0 0 0
per cui dim Im f = ρ( MA ,B ( f )) = 2 e una sua base è data dalla prima e dalla terza colonna della matrice.
Essendo:

−2 · (1, 1, 1, 0) + 1 · (1, 0, 1, 0) − 3 · (0, 1, 0, 2) + 1 · (0, 1, 1, 0) = (−1, −4, 0, −6)

1 · (1, 1, 1, 0) + 1 · (1, 0, 1, 0) + 0 · (0, 1, 0, 2) + 2 · (0, 1, 1, 0) = (2, 3, 4, 0)


una base di Im f per h = −3 è [(−1, −4, 0, −6), (2, 3, 4, 0)]. Inoltre, dim ker f = dim R3 − dim Im f = 3 − 2 =
1 e:

ker f = {v ∈ R3 | [v]A = ( a, b, c), −2a + b + c = 0, 3a − 3b = 0} =

= {v ∈ R3 | [v]A = (b, b, b)} = L ((1, 1, 0) + (2, 0, −1) + (1, 0, 0)) = L ((4, 1, −1)).
Esercizi dal file fino a 1.25, dal libro tutti quelli del terzo capitolo.

Potrebbero piacerti anche