Sei sulla pagina 1di 10

LA SELEZIONE DEI

VOLONTARI IN SERVIZIO
CIVILE NAZIONALE
Prima di tutto

• Si analizzano i bisogni
• Si effettua una job description (che compiti
concreti avrà il volontario)
• Si pubblicizza l’opportunità (vedi : la
comunicazione del scnv)
L’individuazione dei compiti
• E’ il presupposto della campagna acquisti
• “Reclutare senza aver disegnato i compiti è come
iniziare a ballare prima che la musica inizi”
• Definizione di : competenze, ruoli (cosa farà, chi
saranno i suoi interlocutori principali, quali le
responsabilità, quali obiettivi dovrà raggiungere)
• Inciso: Prima ancora di presentare progetti: il
volontario è davvero necessario?
Come si invitano i giovani a
questa esperienza…
• Essere noi motivati
• Aver ben chiaro e definito il loro ruolo e saperglielo
spiegare e tratteggiare
• Non essere vaghi
• Dire chiaramente e con onestà cosa ci si aspetta da loro
• Descrivere gli aspetti rilevanti (formazione, sostegno,
riferimenti)
• Dire con lealtà i punti critici (es. le lentezze iniziali nei
pagamenti)
• Evidenziare gli aspetti positivi e formativi dell’esperienza
(perché venire da noi?)
Parole chiave….

• Lealtà
• Chiarezza
• Disponibilità
• Affidabilità
• Reperibilità
• Esaustività
Il doppio passaggio

• Dal responsabile di progetto


per gli aspetti amministrativi

• Dall’operatore locale di progetto


per gli aspetti operativi
Criteri di selezione
• Enunciati nell’allegato 4
• Coerenza con il profilo disegnato
• Storia personale
• Disponibilità

Tutto confluisce nell’attribuzione dei punteggi e


nella graduatoria (da effettuare con attenzione e da
rendere pubblica)
E’ importante ricordare che…
• Occorre far sapere all’aspirante l’esito della
selezione anche se è negativa contattandolo
personalmente
• Occorre saper motivare il perché non è stato
selezionato qualora lo richieda, nella massima
trasparenza
• Qualora sia rimasto “fuori” pur essendo in gamba,
occorre conservarne i dati e il recapito e
contattarlo per i progetti dell’anno successivo.
L’accoglienza

• Obiettivo: introdurre alla realtà


organizzativa il volontario
• Inserimento : percorso informativo e
operativo
• Socializzazione: verifica del livello di
aspettativa reciproco, adattamento
dell’organizzazione, problem solving
La mediazione

• Il rischio dell’abbandono
• La mediazione dei conflitti che insorgono
• La disponibilità ad adattare la rotta