Sei sulla pagina 1di 17

LA GESTIONE DELLE RISORSE

UMANE NEL SERVIZIO CIVILE


NAZIONALE
Il ruolo del responsabile di progetto
e del singolo referente (OLP)

• Chi è il responsabile locale dell’ente (RLEA)

• Chi è l’operatore locale di progetto (OLP)


I bisogni della comunicazione
“interna”
•Bisogno di appartenere
•Bisogno di raggiungere dei risultati
•Bisogno di aver fiducia in se stessi
•Bisogno di essere accettati
•Bisogno di stima
•Bisogno di sicurezza
•Bisogno di creatività
•Bisogno di essere coinvolti
•Bisogno di autorealizzazione
…”quel sadico piacere di non dire mai bravo a
nessuno…”
La motivazione
• E’ la spinta all’azione che stimola l’individuo ad
attivare energie operative
• Vale per tutti : per il volontario e per il
dipendente (bisognerebbe trattare il dipendente
come un volontario )
• E’ la leva più importante per la crescita e il
miglioramento di un
servizio/azienda/ente/istituzione
• E’ la leva più importante per la crescita e
l’arricchimento degli esseri umani
Per tenere alta la motivazione

• Riconoscere le differenze tra le persone


• Assegnare a ciascuno i compiti più adatti a
quella persona
• Saper ricompensare
• Saper individuare qual è l’approccio
migliore per ottenere il meglio da quella
persona
L’importanza di conoscere…

• …. Cosa fa il servizio ?
• …. Quali sono i compiti/funzioni del volontario?
• …. Con chi ci si relaziona costantemente?
• …. In che contesto è inserito ?
• …. Che finalità ha il servizio ?
• …. Quali valori lo sottendono ?
• …. Che risultati si devono/possono raggiungere?
E’ importante ricordare che…

• Comportamento genera comportamento


(Il comportamento degli altri verso di noi è
generalmente condizionato dal nostro)

• Possiamo scegliere che comportamento


tenere per facilitare o ostacolare ogni
relazione che abbiamo con gli altri
Prima di tutto: noi

• Che cosa ci aspettiamo dal volontario?


• Che cosa gli diamo in cambio ?
• Quali obiettivi pensiamo di raggiungere
anche grazie a lui /lei?
Obiettivi

• Chiari e ben definiti


• In numero gestibile
• Raggiungibili e stimolanti
• Riferiti ad un arco temporale
predeterminato
• Congruenti
• Misurabili
Regole fondamentali

• Scoprire quali sono le aspettative dei volontari :


cosa si aspettano ?
• Formare i volontari : nessuno nasce maestro : se
non ho le coordinate chiare non posso lavorare
• Coinvolgere i volontari : ascoltarne e sollecitarne
le idee , informarli, farli sentire parte di qualcosa
a cui possono dare un supporto importante
….segue…

• Utilizzare con buon senso il tempo a


disposizione dei volontari
• Valutare le loro prestazioni : quali sono i
loro punti di forza e di debolezza ?
• Monitorare l’esperienza di servizio civile:
test e questionari periodici
• Saper dire “bravo” e “grazie”
I “plus” del buon volontario ….
(cosa ha che noi non abbiamo?)
• Ha uno sguardo nuovo
• Ha competenze/abilità diverse dalle nostre
• Ha entusiasmo
• Ha creatività
• Ci può aiutare
• …. Ha vent’anni ….!
Il volontario costa….

• Noi non lo paghiamo ma…


• Deve avere un proprio spazio
• Deve avere a disposizione attrezzature adeguate
• Deve avere rimborsate le spese per la
partecipazione a convegni, seminari, riunioni
ecc.
• Deve essere formato
• Non può essere lasciato a se stesso
Che cosa causa tensione tra i
volontari e il personale
I dipendenti:
• Devo sempre finire il loro lavoro
• Se sono efficienti, faccio brutta figura
• Non riesco a delegare a loro i miei compiti
• Devo sempre stargli dietro
• Non so come gestirli
• Non ho spazio
• Non sono affidabili
• Gli faccio fare le fotocopie e non ci penso più
• Gli faccio fare quello che non ho voglia di fare io
Che cosa causa tensione tra i
volontari e il personale
I volontari
• Mi dicono sempre cosa devo fare ma non vogliono che
esprima la mia opinione
• I miei suggerimenti non sono nemmeno ascoltati
• Sfruttano le mie idee
• Pretendono e basta
• Non mi affidano compiti stimolanti , ma ripetitivi
• Non mi dicono se quello che faccio va bene o male
• Non mi spiegano cosa devo fare
• Non mi chiariscono il contesto
• Mi fanno fare tutto quello che a loro non va di fare
I volontari fra loro…

• Devono conoscersi
• Devono avere momenti comuni di
formazione e di confronto
Le caratteristiche dei
responsabili e dei referenti
• Quali sono le caratteristiche fondamentali
di un responsabile?

• Cosa deve sapere, saper fare e saper


essere?