Sei sulla pagina 1di 10

LA FORMAZIONE DEI

VOLONTARI IN SERVIZIO
CIVILE NAZIONALE
Definizione
= Tutto ciò che aiuta le persone a crescere

 Percorso continuo, punteggiato da momenti


preparati e non improvvisati: occorre
programmarla
 Si distingue in addestramento e formazione
in senso stretto
L’addestramento e la formazione
 L’addestramento: trasferisce abilità già
definite e controllabili attraverso strumenti
didattici ed esperienza operativa

 La formazione in senso stretto: sviluppa


capacità di dominare situazioni nuove e
crea nuove abilità
Pianificazione della formazione
 Analisi dei bisogni (cosa interessa al
volontario ? )
 Progettazione degli interventi formativi
 Realizzazione
 Valutazione dei risultati
L’analisi dei bisogni
 I bisogni del volontario
 I bisogni del suo ruolo
 I bisogni dell’organizzazione
Strumenti :
 Questionari
 Interviste/colloqui
 Analisi organizzativa
La progettazione degli interventi
formativi
 Quali conoscenze (teoriche)
 Quali abilità (pratiche)
 Quali modalità
 Quali competenze
 Quali atteggiamenti sviluppare
 Modalità (in aula, nel servizio, altrove); ruolo dei
destinatari (attivo,passivo); modalità organizzative
(a chi affidarla), strumenti (lezione, casi,
simulazioni, partecipazione a seminari ed eventi)
La valutazione
 Misurare il soddisfacimento dei bisogni
 Verificare quali temi meritano
approfondimenti in itinere
 Raddrizzare il tiro per la prossima
volta(valutazione finale)
 Modalità: osservazione diretta, questionari,
interviste …..
Argomenti e spunti per la
formazione
 La legislazione – diritti e doveri
 L’ascolto, l’integrazione della persona, la
comunicazione interpersonale;
 Il lavoro di equipe e il lavoro di rete
 Giustizia sociale e diritti umani
 L’assistenza alla persona
 L’amministrazione comunale e la sua struttura
organizzativa
 Il quadro di riferimento del settore in cui si è
inseriti (politiche giovanili, sociali , culturali)
Le fonti di documentazione e
informazione

 Internet
 Bibliografie
 Ricerche/rilevazioni
 Esperti esterni
 Giornali ed editoria specializzata
Un importante integrazione
 Le tecniche di ricerca attiva del lavoro
 Il diritto del lavoro : contrattualistica
 I dati sulle prospettive occupazionali
 Il coinvolgimento in progetti/iniziative
successive al scnv
 Come si fa il curriculum
 Come si sostiene un colloquio di lavoro