Sei sulla pagina 1di 394

La nave di Teseo +

2
Dello stesso autore, presso La nave di Teseo:

I fasciovegani

3
Giuseppe Cruciani
Nudi
Gli italiani e il sesso

4
© 2020 La nave di Teseo editore, Milano.
ISBN 978-88-9395-536-2
Prima edizione La nave di Teseo ottobre 2020

5
“A Pompei il disegno di un cazzo indica l’ingresso di un
bordello, e l’insegna porta l’iscrizione: Hic habitat felicitas.
Dal paganesimo ai nostri giorni, nulla è cambiato.
È l’erotismo che muove il mondo. Perché la sessualità è
un’invenzione, un atto creativo, di immaginazione e
volontà di vivere. L’eros è la misura di tutto.”
Roberto D’Agostino

6
Avvertenza
Le conversazioni di questo libro sono stralci di interviste raccolte
dall’autore e andate in onda su Radio24 nel programma La Zanzara tra la
primavera del 2010 e l’estate del 2020. La voce principale è Giuseppe
Cruciani, i cui interventi non sono preceduti dal nome, mentre David
Parenzo, Alberto Gottardo e altri ospiti si inseriscono ove citati
esplicitamente. Alcuni materiali non riconducibili alla trasmissione
radiofonica provengono dagli archivi personali dell’autore.

7
Sommario

STORIE
Elisabetta e Alessandro
Flavia
Marco
Giulia
NUDI
Scambisti
Prostitute
Prostituti
Utilizzatori
Cervelli emigrati
Squirting
Trans
Anal & oral
Piedi, peli e altri odori
Dominatrici e dominatori
Porno
RADIO STAR
Rocco Siffredi
Vittorio Sgarbi
Pupo
Vittorio Feltri
Michela Morellato
Mauro Corona

8
Giuseppe Cruciani
ZANZARA CULT
Susanna, la prostituta con la bicicletta
Carmine da Roma, ovvero il Karma
Lucia, la prostituta del camper
Ringraziamenti

9
Storie

La fedeltà non esiste, non appartiene agli organi genitali


G.C.

10
Elisabetta e Alessandro

Elisabetta chiama una sera al centralino. Mi dicono: “C’è una di Vicenza


che dice di essere poliamorosa: è sposata e, d’accordo col marito, frequenta
altri.”
Siamo in chiusura di trasmissione, ma decido di mandarla comunque in
onda. Elisabetta e Alessandro: sono nomi veri, la storia è quella di una
coppia con due figli adolescenti, un’azienda ben avviata, e una frenesia
sessuale della femmina che il matrimonio non ha smorzato. Rimedio?
Trovare un equilibrio, non rompere, non mandare all’aria tutto. Fare in
modo che la parola “tradimento” non compaia più nelle discussioni. Una
robetta, insomma. Ce la fanno – almeno, in apparenza è così – perché
Alessandro diventa sostanzialmente un cuck, per completezza un cuckold,
cioè uno che gode nel vedere la propria compagna fare sesso con un altro
uomo. Alessandro è un cornuto particolare: guarda, ogni tanto partecipa
(molto poco, in realtà), ma soprattutto gode ad accontentare la sua donna
ingorda e mai appagata del tutto.
“Ho quarantatré anni e vivo con mio marito da più di venti.”
“Lo hai tradito, senza che lui lo sapesse?”
“Sì, certo. Più volte.”
“Avevi relazioni parallele oppure erano solo trombate?”
“Solo sesso. Ma con qualcuno è durata mesi.”
“E questo da sempre, da quando lo conosci?”
“Sì, da sempre. Mi è sempre piaciuto cambiare partner a letto.”
“Lui non ha mai saputo nulla, non ha mai avuto qualche sospetto?”
“Mai scoperto nulla, ma sospetti sì. Poi un giorno, cinque anni fa, mi

11
dice: ‘Vuoi fare un massaggio? Andiamo da una persona brava.’ Forse
conosceva già un mondo nascosto, quel mondo dove poi siamo entrati. Ma
non credo. Semplicemente si era fatto una gitarella online.”
“Tu come hai reagito?”
“Ho detto subito sì. Mi sono trovata nuda su un lettino, con il presunto
massaggiatore, e lui seduto che guardava.”
“Cosa è successo?”
“La prima volta, nulla. Ero stordita, imbarazzata. Alessandro era lì e io
avevo capito che era eccitato dalla situazione. Ero bagnatissima.”
“E… nulla?”
“Niente. Finito il massaggio, siamo usciti. Erano d’accordo così.”
“Poi vi siete parlati, immagino.”
“Sì, lui mi ha detto se volevo andare oltre. Gli ho risposto che, se fosse
stato per me, li avrei già scopati tutti e due. Una settimana dopo siamo
tornati, e la cosa si è conclusa in modo diverso.”
“Cosa è successo?”
“Io e il massaggiatore abbiamo scopato. Prima mi ha fatto venire con le
mani, mi ha leccato tutta e mi ha penetrato. È stato lungo, bello, fantastico.
Lui era bravo, dotato.”
“E Alessandro?”
“La prima volta ha guardato. Poi, perché la cosa è andata avanti per mesi,
si masturbava. Ed è stato solo l’inizio: la scoperta del sesso con altre
persone.”
“Il poliamore è altro.”
“Sì, certo. Con il massaggiatore non è scattato nulla. Ci andavo, mio
marito si toccava, qualche volta mi chiavava dopo, quando era
particolarmente eccitato.”
“Com’è andata avanti?”
“Adesso frequentiamo un ragazzo da un anno e mezzo. Con lui andiamo
anche nei locali per scambisti. E capita anche di dormire tutti e tre nello
stesso letto.”
“Spiegati meglio: questo tizio è entrato nella coppia stabilmente?”
“Sì, praticamente sì. Ovviamente non è della nostra zona, ma cerchiamo
di vederlo spesso quando ci spostiamo per lavoro. Anche solo per andare a
cena fuori. Lo incontro anche da sola.”
“E Alessandro?”
“Sa tutto. Gli mando foto e video.”

12
“Di che tipo?”
“Non fare l’ingenuo.”
“Hai ragione. Non credo le immagini dei piatti che vi servono a cena.”
“Bravo. Io che gli succhio il pisello. Il dettaglio di lui che mi scopa il
culo. Ecco, questo.”
“E tuo marito?”
“Impazzisce. Si sega.”
“È meglio senza essere lì?”
“Sì, credo che goda di più.”
“Questo non è poliamore. Gli ascoltatori mi scrivono dei messaggi:
‘Quella è un’orgia, è scambismo.’”
“Bah, non lo so. Con questo non c’è solo sesso: abbiamo delle cose in
comune. E poi mio marito esce con altre donne. Le conosco, le frequento.
Con grande trasparenza, ci raccontiamo tutto. Dunque si può anche
chiamare poliamore. Ma decidi tu: non è importante una definizione.”
“Avete eliminato la gelosia dal vostro dizionario?”
“Sì, totalmente. È chiaro che alla base di tutto ci sono fiducia, dialogo,
complicità. Dobbiamo essere completamente liberi, aperti: non si può
nascondere nulla.”
“Sei felice?”
“Mai stata così felice. Mi eccita pure vedere Alessandro che scopa con
altre donne.”

Li vedo quasi un anno più tardi. Insieme, a Vicenza. Lei asciutta, un bel
musetto, elegante, unghie laccate di rosso, capelli castani con due trecce,
pelle lievemente solcata da rughe: una donna della sua età, in forma, tonica
– si vede che ci tiene. Lui basso, pelato, occhi azzurri, sempre sorridente:
mi è sembrato subito un uomo premuroso, generoso, decisamente protettivo
con la sua donna. Mi sussurra: “Prima di raccontarti, ti facciamo vivere la
nostra perversione.” L’idea era che avrebbero parlato insieme del loro
rapporto di coppia: volevo capire come si era evoluto. Ero ansioso di
conoscere i particolari, i dettagli più intimi, gli incontri, le sensazioni, lo
stato delle cose. Ero attratto da quel tipo di accordo che avevano stretto:
volevo verificarlo, approfondirlo. Alessandro mi anticipa: “Le ho promesso
che l’avrei consegnata a quattro persone in una villa a cinquanta chilometri
da qui. È un gioco che abbiamo già fatto. Questi li ho reclutati online, su un
sito che si chiama LMO, che vuol dire ‘La Moglie Offerta’.”

13
“Cosa succederà?”
“Molto semplice. I patti sono questi. Lei entra con me, bendata; la prende
uno di questi signori, vestito con una tunica bianca da antico romano, e la
porta dentro; gli altri tre la aspettano in una grande sala attrezzata.”
“Attrezzata come?”
“Candele, grandi tende rosse alle finestre, qualche frustino, alcuni ganci
alle pareti, musica classica in sottofondo. Mi hanno promesso almeno due
ore di trattamento.”
“Di che tipo?”
“Alla fine la sodomizzeranno a turno. Prima improvviseranno. Ma tutto
avverrà molto lentamente.”
“Lei sarà sempre bendata?”
“Decideranno loro quando levarle la fascia.”
“Li hai incontrati, li hai visti in faccia?”
“Ho parlato con il capo di questo branco, al telefono. Comunque sono
affidabili: sul sito hanno buone recensioni, non c’è da preoccuparsi. È un
gioco, puro divertimento.”
“E tu che fai? E io che faccio?”
“Restiamo fuori dalla villa, poi vedrai.”

Quelle due ore sono passate molto rapidamente. Lui l’ha accompagnata
all’ingresso, Elisabetta è stata inghiottita da mura possenti e malconce,
mentre intorno scendeva la sera e faceva anche freddo.
Alessandro è rientrato in macchina. Non ha detto nulla, nemmeno una
parola, fino a quando, dopo mezz’ora, ha cominciato a ricevere dei
messaggi sulla chat di Whatsapp.
“Che roba è?”
“Sono loro. Ho chiesto solo una cosa: mandarmi il video della monta,
chiamiamola così.”
“Cioè, spiegami, hai chiesto di fare dei video mentre la scopano e
mandarteli in tempo reale, mentre tu aspetti qui?”
“Sì, ma non solo le scopate vere e proprie e il finale, tutto. La voglio
vedere circondata, mentre in ginocchio li prepara; le loro mani ovunque e le
sue reazioni.”
“Ma non è la prima volta, che c’è di nuovo?”
“È sempre nuovo, nuovi tori, nuovi piselli, nuove sensazioni, atmosfere
diverse: la villa semiabbandonata in campagna non l’avevo mai provata, mi

14
arrapa parecchio. È come se abusassero di lei, anche se è tutto sotto
controllo ovviamente.”
Il tempo è passato velocemente: il cuck e io, uno accanto all’altro, a
guardare un film porno, però vero, reale, senza infingimenti, senza trucchi.

Siamo seduti nel loro salotto, i figli non ci sono. Ho messo un registratore
sul tavolino.
“Com’è andata, sei soddisfatta?”
Elisabetta: “Sì, anche se uno dei quattro ha faticato a farselo diventare
duro. Si può avere di meglio.”
Alessandro: “Non è mai contenta, vuole sempre di più.”
“Quante volte sei venuta?”
Elisabetta: “Non vengo tanto, non sono pluriorgasmica. E poi non mi
interessa quello, ma il lato cerebrale.”
“Cioè?”
Elisabetta: “Ero bagnata, soprattutto da bendata. Sono venuta due volte:
una toccandomi, l’altra in una doppia, mentre un terzo era nella mia bocca.
Poi senza la benda li ho visti in faccia.”
“E allora?”
Elisabetta: “Un paio non mi piacevano proprio. Abbiamo proseguito, ma
ero meno carica. Ve ne siete accorti? Sono venuta una terza volta, però.”
“E quando?”
Elisabetta: “Alla fine. Dopo la penetrazione anale, uno dopo l’altro. Lì
vado fuori di testa.”
Alessandro: “Anch’io. Decisamente è la cosa che riesce a farmelo
rizzare.”
“Ci riesci ancora?”
Alessandro: “Sempre meno, sempre meno. Ma va bene così. Succede.
Adesso mi vedo con una che non pretende troppo sessualmente. Ha
trent’anni, le piacciono altre cose. Mi sono quasi fidanzato.”
Elisabetta: “E io sono contenta.”
“Quella del branco è diventata la vostra fissazione?”
Alessandro: “È difficile da organizzare, diventa come un lavoro. Però
quando riesco, sì, è favoloso. Una favolosa ossessione. Mi tiene vivo per un
po’. Ripercorro quelle scene, immagino e mi ci spippetto sopra a più non
posso.”
“Capisco. Non avete più uno fisso?”

15
Elisabetta: “No, era diventato geloso. Adesso ce ne sono diversi, tutti più
giovani. Li scelgo per la circonferenza.”
“Non pensavo che fosse una questione di misure.”
Elisabetta: “Prima no; adesso, quando posso, sì. È un periodo che voglio
solo misure XXL, extralarge, a parte le situazioni imprevedibili come in
villa.”
“E chi sceglie?”
Alessandro: “Io, nei siti. Guardo tutto, i feedback, le valutazioni… Delle
foto c’è poco da fidarsi.”
“E fregature ne prendete, come al supermercato?”
Alessandro: “E come no. Ma col tempo si affinano le ricerche e gli errori
diminuiscono. All’inizio, andavamo a cena fuori col prescelto.”
“Una specie di selezione?”
Alessandro: “Sì, esatto. Poi, se scattava il feeling, lei partiva subito.”
Elisabetta: “Una volta abbiamo portato un ragazzo… Be’, avrà avuto
quarant’anni pure lui… Comunque lo portiamo a Milano, in un bel posto.
Prenotazione per tre.”
Alessandro: “Dopo mezz’ora questa porcellina gli aveva già messo la
mano sul pacco e si toccavano senza problemi.”
“Com’è finita la serata?”
Alessandro: “Mi piaceva una cosa in particolare. Facevo salire mia
moglie e l’altro in macchina, sul sedile posteriore, e giravo per la città,
mentre quelli dietro facevano di tutto.”
Elisabetta: “Più macchine si accostavano, più mi eccitavo. L’idea che
potessero guardare mi faceva perdere la testa.”
“Ed è successo?”
Elisabetta: “Più volte. Ora ti dico un’altra cosa, non mi crederai.”
“Ormai come faccio a non credere a quello che dite.”
Elisabetta: “Si avvicina uno al semaforo. Ci guardava già da prima,
mentre il ragazzo mi infilava un vibratore e cominciava a spingere in modo
deciso. Dunque, si è avvicinato e ha fatto cenno di accostare.”
Alessandro: “Ci ho pensato qualche secondo. La zona era adatta, e così
mi sono spostato sulla destra. Lui ha parcheggiato ed è salito dietro. Ci
siamo fermati più avanti. D’accordo, qualche rischio c’era ma, alla fine, che
poteva succedere?”
Elisabetta: “Mi hanno scopato in due sul sedile posteriore. Quello nuovo
era incredibilmente arrapato, dotato e pulito. Un colpo di fortuna. Era la

16
mia prima doppia in macchina.”
“Doppia?”
Elisabetta: “Uno davanti e uno dietro.”
“Ah già. Ma quando si arriva a questi livelli non si corre il rischio di voler
andare sempre più avanti, di aver bisogno di cose sempre più ardite?”
Alessandro: “Sì, eccome. Infatti è successo proprio questo. A un certo
punto mi sono fissato sull’affidamento, un po’ come la storia dei quattro
moschettieri nel casale. Anzi si può dire che adesso siamo soprattutto in
questa fase.”
“L’affidamento. Parlatemi di questo.”
Alessandro: “C’è un’evoluzione nel ruolo del marito guardone, cioè il
cuck. Almeno nel mio caso è così. Adesso provo piacere a distanza, senza
guardare direttamente la scena. Affidare la propria donna a qualcuno,
spesso a un terzo più o meno fisso, che poi la fa usare ad altri.”
“Cosa ti fa impazzire?”
Alessandro: “La consegna, la distanza… Sono sempre io il padrone:
controllo tutto, ricevo i video, seguo la cronaca… E poi c’è il ritorno a casa
con l’odore del sesso degli altri sulla sua pelle.”
“Non ti fa schifo? Scusa la domanda, mi è venuta così.”
Alessandro: “No, mi manda in estasi. Che devo dirti?”
Elisabetta: “Io non eseguo, voglio. Precisiamolo.”
“Non è una sorta di secondo lavoro?”
Alessandro: “In parte è così. Passo ore su Internet a selezionare, anche se
ormai alcuni meccanismi sono oliati. Cioè abbiamo persone fidate.”
Elisabetta: “Sono io che lo stresso con le novità. Una volta eravamo in
albergo a Bologna. Mi ha lasciato a metà mattina perché aveva degli
appuntamenti di lavoro. Gli ho chiesto se nel pomeriggio mi mandava due
stalloni, uno dopo l’altro. Non volevo sapere nulla: chi erano, la loro età, il
fisico… Nulla. Soltanto stalloni con una certa dotazione.”
Alessandro: “Ho provveduto. Con fatica, mentre cercavo di piazzare la
mia merce, vendevo pure mia moglie: gratis, però.”
Elisabetta: “Ancora. Una sera in un ristorante mi era venuta voglia di
stuzzicare due maschi, di mezz’età, seduti al tavolo accanto. Mi guardavano
e io ricambiavo. A un certo punto Alessandro mi ha detto: ‘Che vuoi
fare?’”
Alessandro: “Se li voleva portare da qualche parte, ma non avevo capito
come. Si è avvicinata e mi ha detto all’orecchio: ‘Niente penetrazione.

17
Voglio che mi mettano le mani addosso; io li tocco, li sbocchino un po’…’”
Elisabetta: “Mi sono alzata e sono andata in bagno.”
Alessandro: “Mi avvicino ai due: ‘Volete giocare?’ Ovviamente non
vedevano l’ora. Ho preso accordi per vederci in un parcheggio lì vicino. Ho
stabilito le regole e siamo usciti.”
Elisabetta: “Ogni volta che ci ripenso è la cosa che mi fa bagnare più
velocemente. Erano talmente stupiti, emozionati e infoiati che sarà durata
sei, sette minuti. Mi hanno infilato le dita in tutti i buchi, mi hanno strizzato
i capezzoli, uno si è messo in ginocchio con la sua linguetta umida. Poi
quando ho cominciato io, sono venuti quasi subito: erano pieni, e mi sono
ritrovata col loro sperma che colava dappertutto.”
“E tu?”
Alessandro: “Dovevo vigilare. Non si sa mai in questi casi. Accanto, a
pochi metri. Col membro solo leggermente agitato. Poi, a casa, lei mi ha
fatto un pompino senza lavarsi prima.”
“Ora a che punto siamo? Tra voi cosa c’è?”
Alessandro: “Le parole ‘fedeltà’ e ‘infedeltà’ non esistono.”
“Cioè, la passione della coppia è cancellata. È una domanda, magari mi
sbaglio.”
Elisabetta: “Cosa intendi per passione?”
“Be’, anche quella zona incerta nella quale ti senti in colpa per un
‘peccato’ che hai solo pensato di commettere.”
Alessandro: “Peccato? Non esiste alcun peccato. Tra noi l’intesa è
perfetta perché non c’è più il senso del possesso. Non siamo più gelosi del
corpo dell’altro: semplicemente li usiamo per godere come più ci piace. Ti
racconto ancora una cosa.”
“Dimmi.”
Alessandro: “La storia dell’affidamento ha avuto un momento di intoppo.
Raccontagliela tu, perché ti riguarda: la cazzata l’hai fatta tu.”
Elisabetta: “Mi sono invaghita di uno, a Milano.”
“Una cotta, un innamoramento… Qualcosa del genere?”
Elisabetta: “Diciamo che lui era interessante. Un medico. Ci parlavo per
ore. Con Alessandro non succede più. Poi mi faceva scopare dai suoi
colleghi. Una volta in uno studio dentistico in centro, alla fine della
giornata. Loro coi camici bianchi, io su un lettino. Alcuni coi guanti. Col
divaricatore. Lasciamo perdere. Erano cinque. Siamo stati due ore e mezza.
Ero sfatta.”

18
“Vabbe’, ma era sesso.”
Elisabetta: “Per sei mesi, Alessandro mi affidava solo a lui. Aveva capito
che lo volevo più degli altri.”
Alessandro: “L’ho seguita, assecondata. Anche in questo.”
“Potevi perderla.”
Alessandro: “Forse, se l’avessi bloccata. Se avessi cercato di castrare la
sua indole.”
“Sessualmente non servi più?”
Alessandro: “No, proprio no. Con me non gode, nel senso che non si
diverte. Ma c’è una cosa più sottile che ci unisce, questo coinvolgimento
cerebrale nel preparare le situazioni più perverse. Vederla puttana, nel
senso di una donna che si concede agli sconosciuti, è un legame molto più
forte.”
“Che cosa sanno i vostri amici storici, i vostri famigliari?”
Elisabetta: “Niente, zero. Non capirebbero.”
Alessandro: “E poi, diciamolo, frequentiamo più i suoi amanti che i
genitori.”

19
Flavia

“Ho bisogno del mio gigolò, di un maschio che mi scopa. Per salvare il mio
matrimonio.”
Mi arriva questo messaggio e contatto Flavia.
“Da dove cominciamo?”
“Ho cinquantacinque anni, e sono ancora una gran figa, diciamo così.”
“Sposata?”
“Sicuro. Da vent’anni. Ma non facciamo sesso da tre. Un disastro.”
“Non vi toccate nemmeno?”
“Poco. Ma è chiaro che lui scopa con altre. Lo conosco. Senza sesso non
sa stare.”
“E tu, perché stai lì?”
“Ci sono troppe cose in comune per lasciarlo. Non saprei nemmeno come
tenere in piedi la mia esistenza, continuare ad avere questo stile di vita. I
soldi… E comunque non lo odio, non mi ripugna come persona.”
“Che cosa è cambiato? Perché?”
“Non lo so. I figli non credo. Avevamo ricominciato a fare sesso, dopo.
Credo sia avvenuta la cosa più normale del mondo: la noia dello stesso
corpo, della stessa pelle, degli stessi odori. Non gliene faccio una colpa.”
“Ne avete mai parlato?”
“Mai. Ma non c’è bisogno. Sappiamo tutti e due quello che c’è da sapere.
Parlare modificherebbe solo l’equilibrio, riaprirebbe le ferite e le
discussioni. Va bene così: l’equilibrio è fondamentale.”
“Tu come sei riuscita a trovarlo?”
“Quando ho scoperto che scopava con altre, anche due diverse ogni

20
settimana, ero furibonda: ho pianto per un mese.”
“E poi?”
“Pensavo che fosse un pazzo, un malato. Per sei mesi ho cercato di
capire: andavo su Internet a cercare spiegazioni. Leggevo racconti di
psicologi, storie di dipendenze. Ma la realtà era molto più semplice: non mi
desiderava più come prima. Godeva sessualmente in un altro modo. Punto.”
“Ma il resto come andava?”
“Come una coppia con un figlio che sta insieme da tanto tempo. Una casa
in montagna, lo sci, e una vita di amicizie e frequentazioni varie.”
“Soldi?”
“Ti ho già accennato, non aggiungo altro. Comunque una coppia
benestante, anche se è lui quello che guadagna di più.”
“Mi hai scritto che hai bisogno del tuo gigolò.”
“Vero. Da un anno ho ricominciato a scopare.”
“In che modo?”
“Innanzitutto dando retta a chi mi corteggiava. Prima facevo finta di
niente. Poi ci sono state un paio di persone. Ma non mi davano
soddisfazione e comunque mi assillavano.”
“Cioè?”
“Ti spiego. Per cominciare, le loro prestazioni sessuali erano scarse.”
“Quanto scarse?”
“Voglio essere molto esplicita: misure così così, durata al minimo.
Venivano subito. Da parte mia, orgasmi zero.”
“Vabbe’, mica tutti sono così.”
“No, certo. Però a me è capitato. Che devo dirti?”
“E perché assillata?”
“Perché continuavano a chiamarmi… Messaggi, insistenze. Non si
arrendevano. Una scocciatura. Così ho deciso di cambiare registro.”
“Pagando?”
“Sì. Avevo bisogno di qualcuno che mi scopasse veramente bene. Avevo
fame di sesso forte, di maialate, di essere presa brutalmente. Avevo voglia
di un bel cazzo, in poche parole.”
“Allora hai cominciato a cercare.”
“Non è difficile. I gigolò li trovi coi numeri di telefono, come le puttane.”
“Come hai scelto?”
“Boh. Il primo a caso. Tanto le foto sono più o meno tutte uguali. Ma
sono stata fortunata.”

21
“In che senso?”
“È andata subito bene. La cosa straordinaria è che dopo, tornata a casa o
al lavoro, loro sparivano. Nessuna traccia, ovviamente messaggi zero.
Come andare al supermercato. Avevo bisogno di quella roba lì.”
“Con quanti sei stata?”
“Più o meno cinque in un anno. Li alterno. Non voglio abituarmi a uno
solo.”
“Perché?”
“Perché li utilizzo come gli uomini fanno con le prostitute. E poi ognuno
ha le sue caratteristiche. C’è chi parla di più, chi di meno. Chi ha un cazzo
più largo, chi più lungo.”
“Continua.”
“Uno lecca da paura: mi fa venire di continuo solo con la lingua e poi
finisce con la penetrazione. Con l’ultimo ho scoperto il sesso anale.”
“Davvero?”
“Non l’avevo mai fatto. Poi mi è venuta voglia di essere presa anche
dietro. Chi meglio di un professionista? Per fortuna ero elastica, e non è
stato complicato.”
“Cosa hai provato?”
“L’abbiamo fatto all’ora di pranzo. A cena guardavo mio marito e avrei
voluto dirgli in faccia: ‘Sai che oggi un ragazzo di ventott’anni mi ha
sfondato il culo?’ Così, all’improvviso.”
“Ma non l’hai fatto?”
“No. Il pensiero di un momento. Sarebbe stato inutile e controproducente.
Ci saremmo messi a discutere, discutere, discutere. Ma le cose sono molto
semplici.”
“Semplici?”
“Sì, voglio essere scopata bene, godere, venire… E chiedere quello che
mi pare.”
“Chiedere?”
“La differenza è questa. Non ho mai chiesto nulla nel sesso. Lo facevo
più o meno come voleva mio marito o, prima, i miei fidanzati. Ai gigolò
chiedo perché pago, anche se quello della penetrazione anale non voleva
soldi.”
“Perché?”
“Perché ha detto che si era divertito molto. Lo eliminerò.”
“Sei diventata più determinata?”

22
“No. Parlo in questo modo perché sono sicura che tu mi capisci. Sai
invece cosa è successo da quando vado a puttani? Che mi è tornato il
sorriso e ho capito gli uomini che vanno con le prostitute per svuotarsi.
Prima pensavo fossero dei mostri.”
“Se dici di essere felice, perché volevi parlarmi?”
“Perché non posso raccontare a nessun altro questa cosa che mi ha
cambiato la vita.”
“Posso mettere la tua storia in un libro?”
“Sì. I gigolò magari mi riconosceranno. Forse. Va bene così: servono a
tenere in piedi la mia famiglia.”

23
Marco

“Siamo io, Denise, e altre tre coppie. Vieni anche tu?”


“Chi sei? E chi è Denise?”
“Ti ascolto alla radio. Siamo in una villa vicino a Como. Sei il benvenuto.
Denise è la donna che frequento.”
“Ma, secondo te, io esco da qui e vado a casa di un gruppo di
sconosciuti? E a fare cosa poi?”
Passano trenta minuti e si ripresenta.
“Dài, vieni che ci divertiamo. Siamo tutti tranquilli. Tutti professionisti
seri, abbiamo solo voglia di scopare senza troppe menate. Qui le femmine
pensano che sei uno forte.”

Incontro Marco un anno e un centinaio di messaggi dopo. Fa l’ingegnere,


ha quarantotto anni, vive tra la Svizzera e l’Italia, si imbottisce di
antidepressivi, viene da un matrimonio fallito, ha una figlia e non riesce a
fare a meno di trombare donne diverse.”
“Mi ha fregato l’uccello.”
“In che senso?”
“Guarda qui.”
Lo tira fuori. E, effettivamente, penzola un gingillo considerevole.
“Questo mi ha fregato: avercelo così grosso. È talmente lungo che non ho
manco bisogno di eccitarmi tanto: riesco comunque a fare qualcosa e a farlo
sentire.”
Mentre lo rimette dentro, penso che davvero l’uomo non è il prototipo
dello sfigato. Tutt’altro. Ha un fisico asciutto, ha fatto studi eccellenti,

24
proviene da una famiglia facoltosa di Padova, i quattrini non gli mancano e
nemmeno il materiale per divertirsi. Le pupille però raccontano altre storie.
“Ho perso l’equilibrio, il sesso mi ha fottuto la testa… Ma senza
situazioni nuove intorno, come faccio a occupare il tempo? Che cazzo
faccio?”
“Partiamo dal pene, se vuoi.”
“Mia madre ha settantacinque anni. Quando ne avevo diciotto una sua
amica mi ha praticamente violentato dentro un capannone al mare. Stavo
con la figlia, che era praticamente vergine come me.”
“Perché me lo racconti?”
“Perché cerco di trovare un punto di partenza, l’origine di tutto.”
“Di cosa?”
“Della mia dipendenza. È peggio dell’eroina, secondo me.”
“Non dire cazzate!”
“Ti assicuro che è così. Come la chiami una cosa che ti spinge a uscire da
casa alle due di notte per farti una commessa cicciona che hai incrociato
quel pomeriggio? Oppure interrompere un lavoro alle quattro per andare nel
bagno dell’ufficio a masturbarti in videochiamata con una che hai
conosciuto su Facebook qualche ora prima e che non hai manco visto
bene?”
“Continua…”
“Durante una trasferta per lavoro sono riuscito a infilare tre scopate. Ti
giuro. Nel primo pomeriggio, alle cinque e poi alle dieci di sera. Tre donne
diverse. Una follia. Si conoscevano pure. Come la chiami questa roba qui?
E non ti ho ancora detto niente. Sono un fottuto addicted, è così. È con
questo che ho a che fare.”
“Perché me ne parli?”
“Ho provato con tre, quattro analisti. Magari con te scatta qualcosa di
diverso. Mi sembra di conoscerti da secoli. Devi essere bravo a entrare
nella mente delle persone.”
“Troppa grazia. Ci provo. Ma non ho ricette per nessuno. Magari devi
soltanto metabolizzare che la tua vita è questa e accettarla.”
“Accettare cosa? Di passare ore della notte sui siti per scambisti a farsi le
pippe con i video amatoriali della gente comune? Belle e brutte, grasse e
magre, giovani e vecchie, coi seni mosci, va bene tutto. Accettare cosa? Mi
va in pappa il cervello. In pappa, in pappa, capisci?”
Ha gli occhi lucidi, si agita, si prende la testa tra le mani.

25
“Forse sì. Ma racconta dal principio, se vuoi.”
“Cosa vuoi che racconti?”
“Quando pensi che sia iniziata la discesa?”
“Ho sempre tradito le mie donne. Non mi sono mai sottratto a una cosa
nuova. Poi, certo, è stato un crescendo. Adesso non riesco più a chiavare
bene con una persona sola. Ho bisogno di essere circondato o pensare a
tutto quello che ho fatto. Non c’è una fine: non ci può essere.”
“Eri così anche da ragazzo?”
“No. Ho scoperto tardi il sesso di gruppo, le orge, le ammucchiate. Sette,
otto anni fa. Non mi sono più fermato.”
“Cioè?”
“Prima era qualche amica, qualche coppia che conoscevo. Poi sono
arrivati i siti dove mi sono iscritto con persone di cui mi fidavo.”
“E nel frattempo, a parte Internet?”
“Nel frattempo mia moglie mi manda via di casa perché scopre che avevo
fatto sesso con amici comuni. Una mezza tragedia. Abbiamo anche fatto
qualche esperienza insieme, per cercare di salvare la nostra storia.”
“Un classico. Però un fallimento, immagino.”
“In realtà, lei non voleva. Lo sapevo e ho sbagliato. Una sera ho fatto
venire una coppia trovata online. Volevo vedere lui che la scopava e
toccarmi mentre se la sbatteva.”
“E com’è finita?”
“Lo ha fatto. Mentre la compagna di quell’uomo me lo prendeva in
bocca. Sì, lo ha fatto, ma era praticamente immobile, rigida come una
ringhiera: non parlava, non diceva nulla, non emetteva suoni. Avrei dovuto
cacciare tutti.”
“E invece?”
“E invece no. Sono venuto, lui è venuto. Lei è scappata in bagno.”
“E dopo che ti ha mandato via cos’hai fatto?”
“Ho tenuto quel profilo per un po’. Poi mi sono iscritto di nuovo e ho
trovato un’altra disponibile. Da lì in poi è stato un delirio.”
“Perché?”
“Perché per anni ho avuto la fissazione di coinvolgere nei giochi le
persone che conoscevo. Quelle che non lo avevano mai fatto. E sai cosa?”
“Cosa?”
“Nella maggioranza dei casi riuscivo a farle entrare.”
“Raccontami.”

26
“Per esempio, a un certo punto incontro una che possiamo definire Milf,
una romana di cinquantacinque anni, molto pelosa, con piedi meravigliosi e
tette da ventenne. L’ho fatta accoppiare con uomini e donne, soprattutto
giovani. Cercavo di inventarmi le situazioni più bizzarre. Una volta ero
deciso a sverginarla dietro, con la collaborazione di una ragazza, Marta. Mi
sono ritrovato con Marta che la apriva con le mani, io che spingevo,
entrambi sudati e sfiniti. Però…”
“Però cosa? Sai che le persone ti invidiano!”
“Sono cose che paghi.”
“E come?”
“Quando finisci, quando vieni addosso a quella di turno, ti senti vuoto.
Quasi subito. Vorresti cacciare tutti a pedate nel culo. Tutti. O andartene
senza guardare in faccia nessuno. Subito. Immediatamente. Hai solo
occupato del tempo con una cosa in cui riesci bene. Basta. È qualcosa che
paghi. Fisicamente e mentalmente.”
“Ma tu hai sempre ricominciato.”
“Guarda che mica è finita. Ci sono dentro ancora.”
“Hai momenti di pausa?”
“No, nemmeno quando mi fidanzo.”
“Perché, riesci a farlo?”
“Sì, cerco affetto, o amore, chiamalo come vuoi. Magari cerco solo
stabilità, non lo so. Provo delle cose, alcune persone rimangono attaccate e
altre sperano addirittura di salvarmi.”
“Sanno che vita fai?”
“Alla fine, se ne accorgono tutte, magari in maniera differente.”
“Che ritmi tieni?”
“Sono arrivato a sei, sette donne diverse alla settimana, oltre alla mia.
Una volta ho incontrato una ragazza più carica di me.”
“Che vuol dire?”
“Romana, trentadue anni. Una furia. Una ninfomane nel vero senso della
parola. Conviveva col suo ragazzo. Ma si divertiva a fare gang bang con
quattro, cinque maschi alla volta. Alla fine lo ha lasciato, ovviamente.”
“Racconta, non ti fermare.”
“Per un periodo è stata la mia compagna di giochi. Le ho fatto conoscere
il mondo dei siti per scambisti e, nel giro di qualche mese, ha cominciato a
muoversi da sola. Mi chiamava e mi diceva: ‘Sono in campagna con un
gruppo di maschi. Mi hanno rinchiuso in una casa.’ E mi mandava le foto e

27
i video. Le piaceva soprattutto il bukkake. Sai cos’è?”
“Più o meno.”
“Si faceva eiaculare in faccia da tutti gli uomini presenti. Sai, a un certo
punto, campavo coi suoi video. Li aspettavo. Mi alzavo al mattino e
cercavo subito la sua chat per vedere se c’erano novità. Ora dimmi che
differenza c’è con uno che cerca la dose o la striscia? Dimmelo, cazzo,
dimmelo!”
Marco adesso urla, suda, mi guarda con gli occhi infiammati. Mi chiede
scusa.
“Non mi hai chiesto come faccio a lavorare.”
“Infatti te lo avrei domandato.”
“È un disastro. Mi stanco subito. E quando mi ricordo certe scene, ho
subito bisogno di masturbarmi. Perché poi c’è anche questo.”
“Vuoi dire l’autoerotismo.”
“Continuo. E guardare. Fondamentale, diventa uno step successivo. Farsi
una serie di schiavette che puoi far scopare a gruppi di persone e guardare
col pisello in mano.”
“Mi stai dicendo che vivi in funzione di questo. Vivi per cercare
emozioni sessuali continue.”
“Proprio così. Ho passato dei mesi in cui aspettavo Giovanna.”
“E chi è?”
“Una che squirtava per un’ora di seguito. Un imprenditore del Varesotto
organizzava delle feste nel suo ufficio, la sera. Feste, in realtà non erano
feste. Erano orge, con al centro Giovanna e chi si voleva unire. Uomini e
donne. Una volta eravamo in venti.”
“Che c’è di diverso dal resto?”
“Al centro c’era lei, e tutti aspettavano la fontana che sgorgava. Poi c’è
stato il periodo della Svizzera.”
“Cioè?”
“Un imprenditore di Lugano con la sua mogliettina estone. Bellissima, e
lui attivo e prestante. Però…”
“Però cosa?”
“Però gli piaceva solo osservare gli altri che se la scopavano in tutti i
modi: la dominavano, la schiaffeggiavano, la sodomizzavano, la
prendevano in gruppo. Una sera, lei si era vestita da cameriera e passava
sotto i tavoli a spompinare quelli che il marito aveva invitato. Una scena
eccezionale. Con lui che riprendeva. E così tante altre coppie.”

28
“Quando ti sei accorto che questa specie di bulimia sessuale era diventata
un pericolo?”
“A differenza della droga, l’uccello ce l’hai sempre a portata di mano.
Non devi andare in giro a cercare la dose. E il sesso ti sembra bello: che
figata farsi una nuova, sentire odori sempre diversi, guardare una che gode
in un modo, un’altra che viene solo quando la penetri dietro… E ancora,
ancora, ancora. Sempre diverso, sempre nuove scosse di adrenalina.”
“Però…”
“Però ogni tipo di relazione umana si annulla. Conta solo questo tipo di
rapporto, e la ricerca spasmodica di un altro momento di lussuria. Ti senti
vero e vivo solo quando sei circondato da altri corpi nudi. O almeno ti illudi
di esserlo.”
“A che punto sei adesso che mi stai raccontando di questi tormenti?”
“In un limbo. Cioè sono consapevole di tutto, però di recente la mia
donna ha trovato la password del mio cellulare: l’ha aperto di notte, ha letto
e il giorno dopo è fuggita a gambe levate.”
“Vivevate insieme?”
“Da qualche mese. Anche se lei aveva tenuto il suo appartamento.
Pensavo potesse aiutarmi.”
“Che cosa c’era nel telefono?”
“Bah, un po’ di situazioni in ballo.”
“Tipo?”
“Qualche trans…”
“Pure?”
“Perché hai pregiudizi?”
“No, figurati. Quando hai scoperto quel mondo?”
“Non da molto, in realtà. Ma non sono frocio, eh. Mi piace solo toccarlo e
ogni tanto succhiarlo. Mai da solo: nel senso che c’è sempre un’altra
donna.”
“Ti sei fissato?”
“No, no. Ne posso fare a meno. Ma è una cosa nuova. Mi attraggono solo
quelle femmine femmine, non i travestiti.”
“E tua figlia?”
“Ha diciotto anni. Se ci penso, mi vergogno.”
“E perché?”
“Non lo so. Adesso basta, però.”
Marco si alza, mette gli occhiali e se ne va.

29
Giulia

“Perché non mi racconti come hai iniziato?”


“Ho paura.”
“Di cosa?”
“Che lo sappia mio marito. Combatto con me stessa. In realtà, voglio tirar
fuori alcune cose che mi tengo dentro da anni.”
“Ti puoi fidare.”
“Come faccio a esserne sicura?”
“Perché dovrei tradirti?”
“Non so. Magari qualcuno mette insieme due cose e mi riconosce. Non
me lo posso permettere. È il mio segreto più intimo.”
“Forse hai voglia che si sappia.”
“No, su questo ti sbagli. Non voglio sballare la mia vita. Comunque, non
in questo modo.”

Giulia ha cinquantasei anni. Abita a Milano, in una zona centrale. In gergo


è una singola, che è qualcosa di diverso dalla sweet. Facciamo chiarezza:
nel variopinto mondo dello scambismo una singola “gioca” – cioè fa sesso
– da sola o, al massimo, con qualche amico che la accompagna (in un
rapporto tra i due che non è mai stabile), mentre la sweet – che fa parte di
una coppia – si diverte insieme al partner, marito o compagno che sia. Di
singole, nei vari siti dove si combinano gli incontri, ce ne sono poche, anzi
pochissime. Abbondano invece i singoli, maschi che possono avere vari
ruoli, ma soprattutto hanno quello del toro – o bull, nel linguaggio dei
frequentatori di quegli ambienti. Giulia dunque è praticamente una rarità.

30
Da mesi mi lascia messaggi nella segreteria telefonica della radio: alcuni
espliciti, anzi troppo espliciti. Tipo: “Oggi mi hanno chiavato in due dentro
una SPA. Bellissimo.” Si eclissa per settimane. Poi rispunta all’improvviso:
“Ho un livido sul sedere. Il mio amico mi ha preso a morsi dopo avermi
scopato.” Un giorno le ho detto: “Raccontami le tue esperienze, mentre
siamo in onda.” E lei: “Con la voce? Ma sei matto?”
Quando alla fine ci vediamo e faccio partire il registratore, scatta: “Dopo
la cancelli?”
“Cosa vuoi che ci faccia? Ho l’aspetto di un ricattatore? E poi mi ci vedi
in tribunale: ‘A giudizio noto speaker. Minacciava professionista milanese.’
No, grazie. Ho già mille cazzi. Allora, da dove è iniziata la seconda vita di
Giulia?”
“Devo ringraziare una mia amica. E la ringrazierò per sempre.”
“Ringraziare, perché?”
“Mi ha fatto conoscere uno di quei siti per trombare, ‘Annunci69’. Si era
accorta che non ero felice.”
“Poteva consigliarti un analista o un sessuologo. Oppure semplicemente
un amante.”
“Vero. Ma ha capito che avevo bisogno di determinate cose, e non di
parlare. E a un certo punto, mi ha quasi obbligata a iscrivermi.”
“Anche lei lo frequentava?”
“È stata iscritta per qualche mese. Ma alla fine è una monogama. E poi
per il compagno questo tipo di sesso sarebbe inconcepibile.”
“Di solito le amiche non consigliano di frequentare sconosciuti, di farseli,
magari in gruppo o in multipli di due.”
“Il fatto è che per anni sono rimasta come anestetizzata. Poi è stato come
ricevere una frustata che mi ha fatto svegliare.”
“Spiegati meglio. Cominciamo dicendo che hai un marito…”
“Sì. E un figlio grande.”
“Rapporto sessuale col consorte?”
“Nullo. Assolutamente nullo.”
“Cioè?”
“Frequento il sito ormai da due anni e mezzo. Quando ho iniziato, erano
tre anni che nemmeno ci sfioravamo. Niente di niente. Fai tu il conto.”
“Nulla? Nemmeno un pompino, una masturbazione reciproca?”
“Niente di niente. Come fratelli.”
“Ne avete mai parlato?”

31
“No, mai. Come se fosse una perdita di tempo. Tutti e due a lavorare a
testa bassa. È finita lì. Non ci siamo più cercati e nemmeno sfiorati. Ma
fino a un certo punto non l’ho mai tradito. Mi masturbavo in bagno e
andavo a letto girandomi dall’altra parte. Anni interi così.”
“Dunque ti iscrivi, metti delle foto, manifesti la tua disponibilità a
incontrare uomini da sola. Immagino quello che si è scatenato.”
“Esatto. Vengo inondata di cazzi. Richieste, foto, tutto.”
“E hai cominciato subito.”
“All’inizio non avevo molto tempo. Poi lui ha cominciato a viaggiare. E,
quando partiva, per approfittarne facevo anche tre appuntamenti al giorno.
Tre.”
“Cioè tre scopate, tre sessioni di sesso.”
“Quando posso le faccio anche adesso.”
“Che effetto ti ha fatto essere bombardata di richieste?”
“Un effetto bellissimo. Ti senti al centro dell’attenzione: una diva, una
desiderata da molti uomini. Ero molto felice, una sensazione fantastica. Ho
vissuto emozioni che non provavo da tempo.”
“Ma è tutta gente che vuole solo i tuoi buchi.”
“E allora? Ognuno prende dall’altro quello di cui ha bisogno.”
“Con chi è stato il primo incontro?”
“Un poliziotto. Credo di essere stata con tutte le forze dell’ordine.”
“Vi siete accordati solo con dei messaggi sul sito?”
“No. All’inizio facevo quelli che si chiamano ‘incontri conoscitivi’. Ci
siamo visti in un bar per un caffè. Giocare in coppia è una cosa; da singola,
è diverso.”
“Cioè?”
“Devi prendere qualche precauzione.”
“Dove siete andati?”
“In un motel.”
“Come ne sei uscita?”
“Rigenerata. Estasiata. Mi ha scopato per due ore, dicendomene di tutti i
colori.”
“Cioè ti insultava?”
“Turpiloquio pesante: puttana, troia, cose del genere. Mai sentite cose
simili in vita mia. Mi eccitavano parecchio: evidentemente ne avevo una
necessità tremenda.”
“E poi?”

32
“Poi sono cominciate le coppie. Anche se sono bisex, ho sempre bisogno
di una presenza maschile.”
“Ami fare sesso con una femmina?”
“Sì, col passare dei mesi mi è piaciuto.”
“E cosa in particolare?”
“Leccarle tutte, figa e culo. Mordere i capezzoli di una con le tette grosse,
questo soprattutto.”
“Le prime volte, quando tornavi a casa, ti sentivi in colpa?”
“No, mio marito andava e va punito.”
“Punito? E perché?”
“Per la sua indifferenza. Certe cose se le merita tutte. Basta, ti dico solo
questo!”
“Hai mai pensato di raccontarglielo?”
“No, mai.”
“Molte coppie condividono questo modo di fare sesso. Anzi, si
rafforzano.”
“Non piacerebbe a me e non piacerebbe a lui. Mi sgozzerebbe e mi
lascerebbe lì.”
“Perché non lo lasci?”
“Economicamente non reggerei. Non potrei vivere come vivo ora.”
“Come fai a nascondere questa doppia vita?”
“Il mio lavoro prevede molti appuntamenti fuori casa. Nei momenti liberi
faccio gli incontri di sesso. È una specie di giardino super privato, ma devo
sempre stare molto attenta. Pensa che ho un secondo telefonino esattamente
uguale al primo.”
“Torniamo agli incontri. Cosa ti arrapa?”
“Il sesso con gli sconosciuti. Con qualche amico collaudato ogni tanto
andiamo nelle SPA per scambisti. Mi piace quando sei lì e, in pochi
secondi, uno ti mette le mani addosso.”
“Chiunque?”
“Cerco di scegliere. Ma l’adrenalina dell’imprevisto è più forte. Magari ti
capita quello bruttino con un attrezzo notevole. A quello serve, no?”
“Ti è mai capitato di innamorarti di qualcuno, in questi anni?”
“No. Capita di frequentare alcuni più di altri. E con uno cominciavo a
essere gelosa: cioè mi dava fastidio l’idea che potesse giocare con altre. Per
smorzare questa sensazione, ho capito che dovevo farlo con altre persone,
con tante persone in più. E non vederlo più.”

33
“Hai fatto un conto delle tue storie?”
“In due anni sono stata con un centinaio di maschi e una trentina di
donne. Mi piace avere un po’ di maschi addosso: la quantità, tutti i corpi
che ti schiacciano quasi. La promiscuità, insomma.”
“E i baci?”
“Il bacio è fondamentale. Gli umori, i liquidi sono fondamentali. Su un
pisello, io ci sputo sopra. Sempre.”
“Addirittura?”
“Sì, guardando in faccia il maschio.”
“Il sesso a due ti eccita ancora?”
“Al punto in cui sono arrivata non mi procura nessuna eccitazione. Mi
eccito solo in situazioni più complesse.”
“Tipo?”
“Sono stata con quattro uomini in un sexy shop, dove mi ha portato un
amico. Lui filmava e basta.”
“Cosa ti hanno fatto?”
“Di tutto.”
“Scusa, è una domanda ridicola, ne sono consapevole. Dammi qualche
dettaglio.”
“Adoro le doppie. E farmi schiacciare da tre persone, avere tutti i buchi
pieni: uno davanti uno dietro e uno in bocca. Il resto lo puoi immaginare
nella tua testolina.”
“I club privé li frequenti?”
“Sì. E mi piace molto anche guardare, osservare le persone che scopano.”
“E se ti vede qualcuno che conosci?”
“Quello è un problema vero. Forse è incoscienza. Ma tanto siamo sulla
stessa barca. Mi piace l’ammucchiata nei privé.”
“Racconta.”
“Un lettone gigantesco. Circondata da una decina tra uomini e donne: una
sensazione incredibile. Adrenalina pura.”
“Cosa hai fatto nei locali? Dimmi altro.”
“Il glory hole.”
“Che non è roba di preghiera.”
“No. Pareti con dei buchi dove gli uomini infilano il cazzo. Vedevo solo i
piselli penzolanti, alcuni mosci altri duri. Io stavo giocando con una coppia.
Lei mi aveva spalmata di olio in modo che lui mi sodomizzasse. Ero sopra
di lei mentre lui mi prendeva da dietro; poi mi sono dedicata a quelli che

34
uscivano dai buchi.”
“Sadomaso?”
“Ho fatto qualche sessione di BDSM: un master mi ha bendato e dovevo
indovinare con cosa mi stesse frustando. Mi ha appeso, mi ha legato a una
ruota. Mi ha infilato dentro qualsiasi cosa. Ho provato, ma non ho una
passione vera per queste cose.”
“Hai un’indole slave?”
“Sì. Mi piace la sottomissione. Però sono aperta a tutto. Pensa che sto
provando a fare la mistress. Ho comprato uno strapon che ho provato su
qualche maschio. Mi piacciono parecchio quelli bisex. Una volta ho
inculato di brutto un avvocato da un milione di euro all’anno.”
“Non pensi di essere dipendente?”
“Mi piace dipendere. E mi sento una ragazzina, diversa dalle altre della
mia età.”
“Anche fisicamente?”
“Cerco di tenermi bene. Ho la figa di una quindicenne. Vedi in giro delle
fighe slabbrate. La mia sembra che non sia mai stata usata.”
“E il culo?”
“Mio marito non me l’ha mai preso. Mai.”
“Dunque ti hanno sverginato durante questi incontri?”
“Diciamo di sì. E all’inizio è stato doloroso, e poco fruttuoso. Ho svoltato
grazie a un sexy shop gestito da una trans.”
“Un sexy shop? E mica ci fanno dei corsi.”
“Vero. Ma, a un certo punto, mi ero fissata che volevo aprirmi il deretano
da sola perché molti ci avevano provato e nessuno ci era riuscito.”
“E che c’entra la trans?”
“Mi ha consigliato un certo tipo di vibratori e, alla fine, mi sono
sverginata da sola.”
“Capita, in situazioni di difficoltà è meglio cavarsela così.”
“Ultimamente cerco maschi bisex.”
“Perché?”
“Mi manda fuori di testa vedere un uomo che succhia il cazzo a un altro.”
“Giovani o vecchi?”
“È indifferente. Ti ho già detto che cerco di scegliere. Per quanto è
possibile farlo in certe situazioni. Quando proprio non mi piacciono, mi
sforzo di fare il minimo indispensabile oppure mi concentro solo sui loro
falli.”

35
“Hai figli?”
“Due, entrambi maggiorenni. Più che maggiorenni, anzi.”
“Sei stata con uomini dell’età dei tuoi figli?”
“Sì. Attraverso una coppia che frequento. Lei è fissata con quelli più
giovani, anzi giovanissimi. Anche ventenni.”
“Quanto vi vedete?”
“Una volta al mese, più o meno. Il marito è anche bisex, gli piace leccare
e ciucciare il cazzo del ragazzo.”
“E che succede?”
“Lo facciamo a casa loro. Si portano il ragazzino e se lo fanno. Mi fanno
partecipare. Lui non tromba mai. Guarda, lavora un po’ per la moglie, si
tocca. Io approfitto della gioventù che mi passa accanto.”
“Con le coppie che ti contattano come ti comporti? Ci sono delle regole?”
“Con quelle che non conosci, se prima non ci sono istruzioni particolari,
preferisco buttarmi sulla donna più che sull’uomo, per non creare quelle
gelosie che qualche volta emergono in queste situazioni. Sembra
incredibile, ma è così.”
“Hai paura delle malattie?”
“Faccio controlli. E senza protezione, niente. Anche se molti pressano.”
“Cioè?”
“Vogliono farlo senza. Se ne fottono.”
“Ti fermerai?”
“Spero di no. C’è ancora tanto da scoprire.”
“Sei felice?”
“Sì.”
“Non ti crea disturbi?”
“No, mi sento viva. E nuova.”
“Ciao.”
“La butti la registrazione?”
“Qualche giorno e la cancello. Fidati. Ciao. E buona vita.”

36
Nudi

Ognuno di noi ha una diversa idea dell’amore. Una ragazza che


conosco
ha detto: “Sapevo che mi amava quando non mi veniva in bocca”
Andy Warhol

37
Scambisti

Sandra e Pietro, l’uomo che guarda come ambizione

“Pietro perché dici di essere discriminato?”


Pietro: “Dico che non è facile esibire un modo di vivere il sesso che poi si
trasforma in uno stile di vita.”
“Ma non è che devi andare in giro coi cartelli o con gli striscioni.”
“È vero, hai ragione. Ma quando il tuo tempo libero diventa lo
scambismo, o lo confessi o ti isoli dalla tua cerchia.”
“Quindi cosa avete fatto a un certo punto?”
“Lo abbiamo detto a quasi tutti i nostri amici più stretti. Alcuni non li
abbiamo più sentiti. Un paio li abbiamo coinvolti, come ti ho scritto, infine
ci sono quelli che hanno accettato e basta. Straordinari, aperti, senza
moralismi e paranoie. Per noi è il massimo.”
(Mi ha dato il telefono dopo dieci giorni di messaggi via mail. Parla al
numero che usa per gli scambi e accanto a lui c’è Sandra che ascolta. Non
hai tutti i torti, gli dico. Tutto è sdoganato, ma il cuckoldismo per niente.)
Pietro: “Pensaci un attimo. Oggi non c’è nessun problema a dichiararsi
gay, anzi. Il clamore è scemato, e ci sono decine di associazioni che ti
difendono se sei bullizzato o solo deriso.”
“Ma sono cose diverse.”
“Saranno pure cose diverse, ma prova a immaginare uno che a faccia
scoperta ti dice: ‘Sono scambista, faccio scopare mia moglie dagli altri e
godo nel vederla presa da quattro tutti insieme.’ Semplicemente non esiste.
Come saresti guardato sul posto di lavoro? E i figli? I genitori? Le

38
dinamiche sono le stesse di qualche anno fa per gli omosessuali.”
“Forse non hai tutti i torti.”
“Per questo ti parlavo, un po’ esagerando, di liberazione. Liberiamoli
questi cucks, che sono tantissimi. Migliaia. Si nascondono, hanno paura a
dire come campano. Io poi sono un cuck particolare, ci sono quelli estremi
che proprio non trombano con la moglie. Io invece ci chiavo, eccome. Ma
ho bisogno di un propellente, ecco.”
“Da sempre?”
“No, l’ho scoperto con Sandra. Siamo sposati da tre anni, lei ha un figlio
da un matrimonio precedente. È come se fino al momento del nostro
incontro avessimo tenuto tutto compresso o semplicemente coperto in un
antro del nostro cervello.”
“Nessun segnale, mai?”
“Mai. Poi dopo pochi mesi che stavamo insieme lo abbiamo fatto
fantasticando di lei che veniva circondata da altri. E passato qualche giorno
ce lo siamo detti: ‘Proviamo.’ Tutto così, senza grandi discorsi o
preparazioni.”
“E cosa hai fatto?”
“Ho fatto un giro su Internet e scoperto qualche sito, ho scattato due foto
e una settimana dopo c’erano già un paio di signori che abbiamo visto in un
motel.”
“Com’è stato l’impatto?”
“Come una roba fatta già cento volte. Lei una vera troia. Ma quando dico
troia, e anche qui ci sarebbe da discutere, il mio è un complimento. Oggi
quando dici troia a una donna sembra un’offesa. Neofemminismo del
cazzo. Invece molte sono orgogliose di essere troie e di essere chiamate
come tali e hanno paura a dirlo. Politicamente corretto che uccide.”
“Che mestiere fate?”
“Non posso dirtelo. Comunque impiegati, stipendio fisso. Lei nel
pubblico, io no. Gente normale, periferia di una grande città. Una volta si
sarebbe detto proletariato urbano.”
(Sandra stava ascoltando, non c’erano dubbi, il vivavoce era chiaramente
attivato. Ma non volevo metterla in mezzo, aspettavo che fosse lei a farlo
spontaneamente.)
“Ti sei scoperto guardone subito?”
“Guardone?”
“Guardone, così tutti capiscono.”

39
“Comunque la sostanza è quella. Mi piace riprendere, scattare e anche
ricevere immagini e filmati. È successo con un gruppo organizzato di
uomini, una gang in gergo.”
“Racconta.”
“Prima siamo andati insieme. A Firenze. Noi abitiamo a trecento
chilometri. Una forma di sicurezza, più siamo lontani, meno è probabile
incappare in volti conosciuti. Almeno all’inizio era così, ce ne
vergognavamo. Ora lo urlerei per strada: ‘Sono felice così, che cazzo
volete? Voi ipocriti di stocazzo avete trovato la vostra strada maestra, il
vostro karma? Io sì.’”
“E a Firenze cosa è successo?”
“La vuoi cruda?”
“Cruda.”
“Era circondata da cazzi, rideva estasiata, mi guardava, faceva il gesto
delle corna, pure i maschi le facevano verso di me e Sandra ogni tanto,
quando se ne toglieva uno dalla bocca, sibilava: ‘Amore.’ Ecco, questo
era.”
“Tu come la vivi questa situazione?”
“Col cellulare in mano, vestito, soddisfatto del suo piacere.”
“Come si comportava nei momenti finali?”
“Questa è una sua voglia precisa.”
(All’improvviso si avverte un’altra voce, rapida, senza soluzione di
continuità.)
Sandra: “Mi vengono tutti in faccia, uno dopo l’altro.”
“Cosa provi in quei momenti? Perché proprio così?”
“Non so. È come se mi facessero il regalo del loro seme, la prova che
sono riuscita a svuotarli completamente, la certificazione della mia
capacità. So che è strano, ma è il mio modo di dire grazie.”
“Tu Sandra non l’hai mai sperimentato prima di incontrare Pietro.”
“No, mai. Però l’ho sempre fantasticato per masturbarmi. Una volta lo
dissi al mio ex. Mi rispose di andare da uno bravo. Invece l’ho lasciato.”
Pietro: “Quando non scavi nel profondo della tua donna e non assecondi
le sue voglie più recondite e nascoste, la fine è nota.”
“Con quelli di Firenze la mettevate così, sul filosofico?”
Pietro: “No, con quelli no. Erano dei formidabili chiavatori. Però con uno
dei miei migliori amici è successo, anzi succede.”
“Uno di quelli che partecipano ai giochi.”

40
“Esatto. È una cosa da maneggiare con cura. Tutti gli altri puoi cacciarli
dalla tua vita, un amico meno. Dunque la cosa si prepara con accortezza.”
“Cosa vuol dire?”
Sandra: “Fallo dire a me. Vuol dire che non pretendi che lo abbia duro
sempre, non giudichi una prestazione, e devi riuscire a vivere quello che
c’era prima esattamente come non fosse accaduto nulla. Complesso, ma si
può. Per ora funziona.”
“Con questo amico come funziona lo scambio?”
Pietro: “Quando vogliamo coinvolgerlo lo chiamiamo, o da solo o con
altri. Si adatta.”
“Qual è la situazione più eccitante?”
Pietro: “Prima il top era restare a casa e vedere tutto in diretta video. Lei
andava a casa del bull prescelto o in hotel. Mi chiamavano e via. Parlavano
con me e andavo fuori di capoccia. C’era uno, se non ricordo male un certo
Franco, che mi diceva: ‘Guarda come la inculo’, e si vedeva in primo piano
il suo uccello avvolto dal condom che entrava e usciva dall’ano di Sandra
ormai spalancato. Gemevano, godevano, lei strillava: ‘Lo vedi come sono
la troia di Franco?’ E poi andavano avanti così, lui mi dava del cornuto a
ripetizione, e lei diceva: ‘Non ti dispiace tesoro che mi scopa così’, e
ansimava, lui le chiedeva di allargare le chiappe e lei eseguiva senza
tentennamenti, io ero fiero.”
“Questo fino a quando?”
Pietro: “Fino a quando non è impazzita per le gang.”
Sandra: “Sai cosa mi manda in estasi? Che magari mentre ne lecchi uno
avidamente, un altro è pronto a riempirti dietro e un altro ancora a
mettertelo nella figa. Per le gang io provo amore puro, e amo chi me lo fa
vivere.”
“C’entra la noia con tutto questo?”
Sandra: “Io con uno solo mi annoio. E non smetterei mai di prendere
cazzi. Non importano nemmeno le misure, quando sono multipli. E poi
voglio aggiungere una cosa qui, davanti a Pietro.”
“Vai!”
Sandra: “Voglio fare un elogio ai veri cucks, quelli innamorati e maiali,
devoti alle loro femmine. Ogni moglie veramente puttana, anzi ogni
moglie, dovrebbe avere questa fortuna pazzesca di incontrarli. Grazie
tesoro, ti amo.”

41
Alain e Paula, come scopare con altri rafforza il rapporto

“Parenzo, qui in studio ci sono due persone mascherate. Un uomo e una


donna, lui sembra un narcotrafficante, con un passamontagna, ha
cinquantacinque anni, lei ne ha quindici di meno, una parrucca e una
mascherina.”
Parenzo: “Di solito butta male quando c’è gente mascherata, roba di
sesso.”
“Sì, hai ragione. Ma la cosa è più complicata, più complessa. Si fanno
chiamare Alain e Paula. Perché non vi togliete questo camuffamento? Qual
è il timore, la paura?”
Alain: “Perché siamo in un paese perbenista e ipocrita, non solo in Italia
bisogna dire ma un po’ in tutto il mondo è così, ti valutano per quello che
fai, per quello che dici, per come ti comporti, non per quello che sei, anche
se non facciamo del male a nessuno, anzi.”
“Alain, ti ho invitato qui perché hai scritto un libro straordinario che hai
pubblicato da solo, Scambiando s’impara, un libro che andrebbe diffuso e
studiato nelle università. Da quanto tempo siete una coppia aperta?”
Paula: “Da dieci anni circa.”
“Parenzo, non sai com’è vestita questa signora, non ha mutande sotto una
gonna cortissima.”
“Quanti anni hai?”
Paula: “Io trentasei.”
Alain: “Cinquantacinque.”
Paula: “È un modo di vivere la coppia.”
Alain: “La cosa fondamentale è guardarsi dentro. Sono pochi al mondo
quelli che non provano attrazione o non tradiscono la moglie o la
compagna, dopo un po’ di anni non ti viene più duro e lei comincia a
fantasticare di farlo con altri. Allora che senso ha negare questa dimensione
che è fatta di trasgressione, passione e voler provare cose nuove. Meglio
dirselo e farlo insieme.”
“Paula, ti senti normale a scopare con altri davanti al tuo compagno?”
Paula: “Per me è normalissimo.”
Parenzo: “Amici miei, non mi appassiona molto l’idea che la mia
compagna davanti a me… Questa perversione non ce l’ho. Che l’amabile
cornuto in studio sia felice, ragazzi miei se vi piace così, va benissimo…

42
ma ‘not in my name’.”
“Da quando siete scambisti il vostro rapporto si è rafforzato?”
Paula: “Possiamo dire che lo scambismo ha rafforzato la monogamia.
Sembra paradossale ma è così.”
“Cioè ti senti più fedele ad Alain nonostante il fatto che ti fai trombare da
altri davanti a lui?”
Paula: “Sì, è proprio così. Mi sento molto fedele.”
“Qual è la situazione che ti piace di più?”
Paula: “Le migliori situazioni sono quando io gioco con altri uomini o
altre donne e lui ci guarda, ci osserva, si masturba, ci gira intorno e si
masturba, ci rigira intorno e si masturba, cerca il mio sguardo, mi chiama
troia, vacca o testa di cazzo. E alla fine accetta di farsi spompinare da me o
dall’altra ragazza che gioca con me, e non resiste a trombarmi e così mi
tromba. Altra combinazione eccitante è quando si fa succhiare da me
mentre io vengo trombata da un altro. Però la situazione ideale non esiste.”
“Cioè?”
Paula: “Dipende dal momento e da quello che uno si sente di fare. Mi
eccita che mi guardi, sicuramente. Poi è successo pure che sono andata da
sola con dei singoli, sono tornata a casa, gli ho raccontato e lui era più
ingrifato di prima.”
“Mandavi delle foto durante l’incontro con gli altri?”
Paula: “Sì, prima, durante e dopo… Video e foto.”
Parenzo: “Ragazzi, alzo le mani al cielo, mi arrendo, cosa vi devo dire?”
Alain: “A me piace molto vederla alle prese con più uomini. Se non sono
con lei, ancora meglio.”
“Addirittura!”
Alain: “Sì, perché esalta la sua indipendenza sessuale. Questa cosa mi
eccita molto. Sapere che lei ha una vita sessuale che prescinde da me, che
fa la troia con altri e poi io me ne riapproprio aumenta il valore di quello
che ho. Ma attenzione, non sono loro che la trombano, è lei che se li
tromba. È una posizione maschilista dire: ‘Ti trombano.’”
“Stai dicendo che è lei che guida il gioco. Voi guidate il gioco. Con degli
oggetti che usate per il vostro piacere.”
Alain: “Esattamente, proprio così. E non è tanto vedere che
materialmente la toccano o la penetrano, ma immaginare quando stiamo
insieme. È quasi un bene immateriale quello che mi affascina.”
“Le persone che utilizzate possono diventare amici o sono solo

43
strumenti?”
“Succede di frequentarsi, diventare amici, come dici tu. Ma con questi
alla fine non trombiamo più. Non ci facciamo più niente, perché diventa
una cosa quasi incestuosa.”
“Con chi diventate amici non fate più sesso?”
Alain: “È molto difficile, direi impossibile.”
“Ed esistono amici al di fuori del gioco scambista?”
Alain: “Pochissimi, li frequentiamo individualmente e separatamente. Gli
amici ‘normali’ diventano pesanti e non ci si intende. Ma c’è sempre la
tentazione di coinvolgere qualcuno, specie donne.”
“Paula, tu sei bisex?”
Paula: “Sì, perfettamente. Forse mi piacciono più le donne, nel sesso. Ma
devo trovare una femmina che si fa baciare, il bacio è fondamentale. Una
volta ho incontrato una donna che mi leccava la figa molto meglio di un
uomo, era fenomenale.”
“Tu Alain sei etero?”
Alain: “Sì, con gli uomini zero. Mi piace solo guardarli su di lei.”
“La complicità tra di voi è fondamentale?”
Alain: “A tal punto che mi piace moltissimo quando Paula esce da sola
col suo uomo di turno come fosse la sua fidanzata. Vanno al ristorante, poi
si fa riaccompagnare a casa, magari con tappe intermedie dove si può
immaginare quello che fanno. Oppure vanno a casa di lui, e lei mi manda
foto per documentare. Ovviamente si fa con persone ben testate e
affidabili.”
“Ma tu Paula vai in giro così quando devi incontrare qualcuno, senza
mutande?”
Paula: “In alcuni locali sì. Frequentiamo molto i privé.”
“Praticate outdoor, sesso all’aperto?”
Paula: “No. Però abbiamo fatto vacanze scambiste in barca con altre
coppie.”
“Non sono arrivato a capire fino in fondo cosa ti attira nel vedere lei
scopata da altri.”
Alain: “La riconquista successiva è un aspetto importantissimo. Ogni
volta che succede e poi stiamo insieme noi, è come riconquistarla anche
sessualmente, ne usciamo più forti.”
“Lei va con un certo numero di uomini?”
Paula: “Al massimo sono stata con tre.”

44
Alain: “Una principiante rispetto ad altre. La realtà è che lo scambismo è
uno strumento per la coppia, un’idea come un’altra ma è uno strumento.”
“Spiegami.”
Alain: “Ci sono molte persone che fanno scambismo, marito e moglie che
non trombano più tra di loro, non si toccano, non si parlano, poi vanno in
un privé e trombano con altri. È una forma legalizzata di tradimento, questo
sì. Noi invece viviamo lo scambismo in modo sinergico alla coppia,
aumenta la coesione, non è un ulteriore elemento di separazione. E poi
asseconda ciò che tutti noi abbiamo in modo innato, cioè il gusto di piacere.
A chi non piace piacere?”
“Ci sono delle situazioni non previste, oppure organizzate tutto prima
scegliendo le persone?”
Paula: “Una volta mi sono scopata il cuoco di un ristorante, ricordi?”
Alain: “E come no!”
Paula: “Stavamo facendo un aperitivo, lui è uscito dal locale per una
telefonata di lavoro. Mi sono guardata intorno e ho incrociato lo sguardo
del cuoco. Gli ho dato il numero di telefono. Poi Alain è rientrato. Quando
siamo usciti ha cominciato a mandarmi messaggi.”
“E poi?”
Paula: “Voleva incontrarmi subito. Gli ho detto: ‘Solo con mio marito,
quando vuoi.’ E lui mi ha risposto: ‘Bene, meglio.’”
Alain: “Mi sono un po’ preoccupato, in realtà. Era una questione di
sicurezza, non lo conoscevamo.”
Paula: “Ho spinto io per fare questa cosa. Mi sono divertita col cuoco, lui
guardava. Poi ha finito con me.”
Parenzo: “Non mi convincerete mai!”
Alain: “Non ce ne può fregare di meno.”
“In tutto con quante persone avete giocato?”
Alain: “Una cinquantina, forse sessanta.”
“E i trans li avete provati?”
Alain: “Sono andato solo io, con Paula che mi aspettava in macchina.”
“Lo scambismo è una strada senza ritorno?”
Alain: “Paula mi dice di sì, ed è probabilmente vero. Magari si rallenta,
cambiano desideri e curiosità, però è un’apertura mentale che una volta
acquisita non è possibile ripudiare.”
“La gelosia esiste ancora?”
Paula: “Deve esistere. Se non esistesse, perché stare insieme? Vorrebbe

45
dire non essere interessati all’esclusività dei sentimenti che ci lega.
L’obiettivo è la gelosia sana, e lo scambismo è nato da una esigenza di
sincerità e condivisione di desideri, onestà reciproca, senza maschere inutili
e dannose.”
“Paula, alza la gamba che faccio il test del piede. Parenzo, si vede anche
la vagina scoperta.”
Paula: “Eccita molto, però.”
Parenzo: “Ma ti pare, negli studi della Confindustria… anche solo per
educazione, ci si può presentare così, senza mutande?”
“Ma uno potrà andare in giro senza mutande se vuole? Comunque di
piede quanto porti?”
“Trentotto.”
“Allora, dita prensili, sottili e lunghe. Troppo, per i miei gusti. Mi sembra
un piede egizio, l’arco è coerente, fila via senza interruzioni. Vedo un
mignolo un po’ corto. Voto direi sei e mezzo, forse meno. Non è il
massimo. A te piace, Alain?”
“Da morire, anche se non sono un feticista del piede.”
“Glielo succhi?”
Alain: “No, no. Non mi piace.”
Paula: “Lui no, ma un singolo dei nostri giochi era fissato, me lo leccava
continuamente.”

Gloria, Sergio e la gang bang come regalo di compleanno

Sergio, al telefono: “Ho messo un annuncio in cui dicevo che alle dieci di
sera ero in quel parcheggio, dando appuntamento a coppie e singoli, e sono
arrivate un sacco di persone che volevano farsi mia moglie.”
“Tu vai lì, e praticamente giocate in macchina.”
Sergio: “Anche fuori dalla macchina, sul cofano, quando non fa freddo.”
“Parenzo, questo è Sergio, e qui in studio c’è la moglie Gloria in carne e
ossa, con tanto di mascherina. Sono una coppia scambista, ormai gente del
mestiere. Gloria, cosa ti piace dello scambismo? Tuo marito che tromba
con altre o essere vista?”
Gloria: “Più che altro mi piace farmi vedere da mio marito mentre trombo
con altri.”
“Esibizionismo, eh?”

46
Gloria: “Esibizionismo puro.”
“Vedere lui non ti interessa?”
Gloria: “Oddio, lo guardo pure, ma non godo più di tanto.”
“Il carsex ti piace?”
Gloria: “Sì, ma in inverno mio marito me l’ha fatto fare sul cofano con la
pelliccia addosso. Si è rovinata e adesso me la deve ricomprare.”
“Come funziona? Pelliccia sul cofano, tu sopra e la gente che ti tromba?”
Gloria: “La gente, non è che c’è il pullman!”
“Saranno due, tre, anche donne, immagino?”
Gloria: “Sì, sono bisex.”
Parenzo: “Non ci facciamo mancare nulla. Sono delle assemblee
condominiali, praticamente.”
Gloria: “Sì, esatto. Tranne che noi non facciamo alzare ascensori, ma
altre cose.”
“Sei la numero uno, Gloria. Che mestiere fai?”
“Libera professionista, consulente.”
“Vabbe’, può essere tutto. Tu e tuo marito qualche volta reclutate gente
del lavoro?”
“Io cerco di tenere separate le due cose, ma è successo.”
“Come consideri la monogamia?”
“Una palla, una noia mortale.”
“La dotazione degli uomini ti interessa? Immagino di sì.”
“Sbagliato. Se sono troppo grossi non mi piacciono. Non voglio essere
sfasciata, non devono avere una roba enorme. Io preferisco una cosa che
funzioni, ma non esagerata. Sono piccolina. Ma preferisco piaceri più
sottili.”
“Cioè?”
“La lingua.”
“Il cunnilingus. Sei della vecchia scuola!”
“Quarantanove anni.”
(Intanto da Verona interviene il tradizionalista cattolico Maurizio
Ruggiero.)
Ruggiero: “Sempre pervertiti. Sempre a pervertire il prossimo.”
“Cosa pensi di questa donna, Gloria, che io considero una paladina
dell’amore libero, della vita, una bella donna con due bocce così, neppure
rifatte.”
Ruggiero: “Una pervertita. Persino le prostitute si appartano quando

47
fanno certe cose. E anche gli animali quando si accoppiano cercano dei
punti nascosti. Qui invece ci sono persone che si fanno prendere sul cofano
di una macchina, si fanno ribaltare nemmeno fosse una gomma da
sostituire, ci raccontano le grandezze dell’adulterio… Veramente,
complimenti!”
Gloria: “Ma che cazzo dici, quale adulterio?”
“L’adulterio non c’è, hanno un accordo.”
Ruggiero: “Ancora peggio, la moglie perverte il marito e il marito
perverte la moglie.”
“Questa donna che fine dovrebbe fare secondo te, merita il rogo?”
Ruggiero: “Innanzitutto dovrebbe restare fedele a suo marito.”
Gloria: “Ma io sono fedele a mio marito, lei è malato e non sa cos’è il
tradimento.”
Ruggiero: “Lei si faccia ribaltare sulle auto, cornificatevi a vicenda e poi
presentatevi così al Padreterno e vediamo che succede quel giorno.”
Gloria: “Lei non ha capito un cazzo.”
“Siamo di fronte a un signore, Ruggiero, che non ha mai fatto sesso
perché non si è mai sposato e sostiene di non essersi mai nemmeno
masturbato.”
Ruggiero: “Io sostengo che bisogna rispettare i dieci comandamenti: se
uno non ha la moglie non ha relazioni sessuali.”
Gloria: “Uno sfigato pazzesco.”
Ruggiero: “E lei si fa ribaltare sui cofani e consumare le pellicce, meglio
questo? Non ha nessun titolo per moraleggiare.”
“Che sensazione hai di questo signore, Gloria?”
Gloria: “Di un pervertito.”
Ruggiero: “La pervertita è lei, lo ha dichiarato. Pensi alle porcherie che fa
e non le attribuisca agli altri.”
Gloria: “Io vivo la mia sessualità in modo libero, lei invece…”
Ruggiero: “Ma quale libero, è un modo tipico delle pervertite del nostro
tempo.”
Gloria: “Lei dalla voce mi dà la sensazione di essere un uomo viscido che
va sul tram a toccare le ragazzine.”
Ruggiero: “Ma si tenga le sue passioni e non le attribuisca agli altri.”
“Fermi tutti. È arrivato anche il marito in studio. E dice che non è vero
quello che dice Gloria. Le misure le interessano, eccome.”
Ruggiero: “Il marito aggrava la situazione.”

48
“Sergio, allora Gloria ci ha detto una cazzata?”
Sergio: “Amore, ma se l’altro giorno con un avvocato era talmente grosso
che ti ha fatto male una settimana… Ma stai scherzando?”
Gloria: “Ruggiero, stasera in onore tuo io e mio marito andiamo a
festeggiare in un parcheggio.”
“Ruggiero, sai cos’è un glory hole?”
Ruggiero: “Me lo ha spiegato un sodomita, un vostro ascoltatore che ogni
tanto mi messaggia. Una pratica orrenda.”
“Gloria, hai praticato?”
Gloria: “Sì, ho avuto queste esperienze.”
“Con quanti sei stata in contemporanea?”
Gloria: “Con venti insieme.”
Sergio: “Tutto vero questa volta. Per il suo compleanno le ho regalato una
gang bang.”
“La cosa più eccitante, la situazione più eccitante, raccontamela.”
Sergio: “Ne ha combinate una più di Bertoldo. Dài Gloria, quella volta
nel parcheggio. Era dentro la macchina con una e fuori c’erano tanti uomini
che poi hanno sporcato tutta la macchina.”
Parenzo: “La cosa incredibile è che il cornuto è felice!”
Sergio: “Non sono cornuto, David!”
Gloria: “Non è cornuto perché lui c’è sempre, capito. Se non ci fosse lo
sarebbe.”
Parenzo: “Ecco, allora cambia tutto…”

Pietro, ovvero una vita dedicata alla coppia

“Adoro sin da quando ero ragazzo l’erotismo in tutte le sue molteplici


sfaccettature. Una parte importante dei miei rapporti sociali verte sul sesso,
le coppie, le donne singole che trovo sui siti. Questo è il mio hobby, un
aspetto essenziale della mia vita.”
Pietro ha quasi sessant’anni, un fisico atletico, un lavoro solido da libero
professionista affermato, una vasta casa in campagna dentro la quale ha
allestito il suo parco giochi. Vive da single, isolato, avvolto spesso dalla
nebbia padana, e però in una taverna splendono luci da discoteca, uno
schermo gigante dove scorrono lussuriosi film erotici a gogo – Marc Dorcel
e Andrew Blake tra i suoi registi preferiti –, qualche oggetto da sadomaso,

49
un bar attrezzato per allietare gli ospiti. Che sono spesso un uomo e una
femmina, ancora più frequentemente marito e moglie. Pietro fa il bull, il
toro. In sostanza: il trombatore della donna accompagnata. È una specie di
veterano, un reduce che però ancora combatte e non vuole fermare la
giostra.
“Sono in attività da più di venticinque anni. Ho iniziato a frequentare
coppie che ne avevo trenta, fai tu.”
“Chi viene da te?”
“Oggi, gente di tutti i tipi. Sono molto aperto. So apprezzare la classe, lo
stile e la bellezza. Distinguo. Ma poi quando si tratta di passare all’azione
non mi faccio problemi, mi concentro sulla situazione.”
“Che vuol dire?”
“Molto semplice. Ti faccio un esempio. Mi vengono a trovare una volta al
mese due ultra sessantenni. Lei non è proprio una bellezza, lo dico con
rispetto, ha le sue rotondità pronunciate, le tette un po’ cadenti, ecco hai
capito e non mi dilungo. Lui si mette su quel divano, prende in mano
l’arnese e inizia a menarlo un po’. La vuole vedere penetrata da uno che
può farlo seriamente. La cosa dura una quindicina di minuti, forse anche
meno. Poi due chiacchiere e se ne vanno.”
“Perché li fai venire?”
“L’immagine di lui nudo, in cerca di un godimento che altrimenti non
può avere, e di lei che si sveste nemmeno troppo timorosa delle forme
ormai cadenti, anzi decisa e convinta, arrapata nonostante tutto, in qualche
modo mi eccita. È la scenografia che conta, non l’atto vero e proprio.”
“Dunque conta il contesto, non la trombata.”
“Esatto, proprio così. E dunque vale quasi tutto.”
“Quasi…”
“Be’, diciamo che un minimo di norme igieniche sono la base. Ma sai, in
questo mondo ci sono regole ben chiare. Tra le prime, pulizia e rispetto
della privacy.”
“Torniamo al contesto. Qual è la situazione più comune?”
“Prevale il marito guardone, talvolta poco dotato. Quando ho iniziato a
dedicarmi allo scambismo l’età media era sopra i trentacinque, forse di più.
Oggi è scesa e si cercano cose sempre più particolari.”
“Vai avanti…”
“Allora. Frequentavo fino a poco tempo fa due persone. Il marito ogni
volta aveva una richiesta diversa: lei bendata, le fruste, lui che aspetta sotto

50
in macchina collegato con il video del cellulare che si masturba, lui che
viene trascinato dalla moglie col collare e costretto a pulire… Vabbe’, hai
capito. A un certo punto, all’ennesimo messaggio con richiesta ho detto
basta. Era diventato un incubo.”
“Non sarà tutto così ossessionante.”
“No, tutt’altro. A un certo punto ho fatto amicizia con un avvocato che
possiamo definire di grido, uno importante, di un foro importante. Per un
anno mi ha portato la moglie, una ex modella dell’est Europa, e poi sempre
a turno altre amiche della moglie, con lei presente.”
“Lui partecipava?”
“Guardava, e si faceva sollazzare dalla seconda mentre io mi dedicavo
alla moglie. Più o meno lo schema era questo. Poi dava il colpo finale alla
consorte.”
“Cioè?”
“Voleva farla venire lui. E voleva essere l’ultimo a venire su di lei. Che
amava condividere il seme con l’altra. Insomma, sembra un casino ma
quando le persone si conoscono le parti in commedia sono definite.”
“Che poi non è una sceneggiata, è realtà.”
“Ah, sì. Infatti sono spariti. Deve essersi rotto qualcosa in questo
equilibrio. Li ho sollecitati, poi ho lasciato perdere. Te ne racconto un’altra.
Vengono due alla prima esperienza, è una cosa abbastanza frequente. Poco
più di cinquant’anni. Fanno settanta chilometri in macchina, il doppio se
calcoliamo andata e ritorno. Sembrano decisi. Prima di iniziare un’oretta di
chiacchiere. Poi lui mi dice: ‘Stiamo provando a salvare il sesso tra noi, tu
sei l’ultima possibilità, magari in tre torniamo a farlo.’”
“Cosa volevano fare?”
“Mettersi in un letto. Come fossero a casa loro. Io cominciavo a giocare
con la moglie, e lui cercava di eccitarsi. Dovevo solo toccarla e metterglielo
in bocca, nient’altro.”
“Risultato?”
“Dopo un po’ mi ha messo da parte. È atterrato su di lei alla velocità della
luce per non perdere l’erezione. Ma si è arreso dopo un minuto, poco più.
Si sono rivestiti e sono scappati. Non credo abbia funzionato. Per certe cose
ci vuole altro.”
“Ma racconti solo episodi da tregenda.”
“Sono quelli che restano scolpiti in negativo. Ma spesso gli incontri
producono gioia, ho il privilegio della libertà assoluta, non ho obblighi e

51
vincoli nella vita, posso concentrarmi su me stesso, solo su me stesso,
godere, esplorare, vivere e sensazioni erotiche che un comune mortale non
avrebbe modo di vivere nel corso di più vite…”
“Come arrivano a casa tua?”
“Sono presente su tutti i principali siti dedicati allo scambismo. La mia
reputazione è ottima, i feedback tutti positivi. Amici di vecchia data mi
hanno definito uno stallone infaticabile, esagerando. Ma cerco di rendere la
visita indimenticabile, unica.”
“Una vera e propria missione.”
“Vedi, può far sorridere la cosa ma un bull non è solo un montatore
seriale, non deve solo avere il cazzo sempre pronto, duro al momento
opportuno e per il tempo necessario, insieme alla capacità di prolungare e
controllare a piacimento l’eiaculazione per soddisfare al meglio la partner
di turno. Tutto questo è importante, non lo nego. Ma per un bull di successo
occorre tanta psicologia, capire chi hai davanti, cogliere certi aspetti della
vita di coppia, tatto, sensibilità. Devi entrare dentro la testa delle persone,
capire fino a dove puoi spingerti, come muoverti, cosa vuole lei e cosa
vuole lui. In questi anni penso di aver preso praticamente una seconda
laurea.”
“Me lo descrivi come una specie di lavoro.”
“Non retribuito. Due mesi fa sono venuti due che posso definire
veramente belli, nemmeno quarant’anni. Lui asciutto, pisello normale,
niente di particolare ma attivo. Lei di quelle che curano tutto, palestra,
qualche ritocchino, tre figli e non lo diresti.”
“Perché scelgono proprio te?”
“Dopo me l’hanno detto. Giudizi positivi che hanno letto, ovvio. Ma
anche essere fuori dai giri, la distanza dai loro interessi, dunque la garanzia
di essere al sicuro.”
“Come facevano a saperlo?”
“Prima di venire ho parlato con lui un paio di volte. Nessun incontro
conoscitivo, come si dice nel gergo scambista, ma è come ci fosse stato.”
“Cosa chiedeva?”
“Informazioni sul luogo, su cosa faccio, le mie misure reali, foto del pene.
Ma anche del volto. Che non ho dato, ho anch’io le mie regole. Ma sono
bastate queste conversazioni per farli arrivare a destinazione.”
“Cosa volevano fare? Oltre a scopare, ovvio.”
“Guarda, una cosa che anni fa non era così diffusa. O magari era nella

52
testa degli uomini che adesso si sentono più liberi di chiedere.”
“Cosa?”
“Ecco, lui voleva succhiare il mio cazzo.”
“E tu?”
“Nessun problema, mi adeguo alle situazioni. Ma, ecco, metterlo nel culo
a un uomo non mi interessa e mi farebbe schifo.”
“Esistono anche bulls bisex, però.”
“E come no, ne ho incontrati diversi nella mia esperienza. Ultimamente è
anche aumentata la richiesta per queste prestazioni.”
“Dunque niente trans.”
“Sono rare nell’ambiente. Però ne ho frequentata una che giocava da
singola in un sito. Una dipendente pubblica. Ci siamo visti per qualche
mese, poi è tornata al Sud. Peccato. Amen.”
“Torniamo alla coppia di prima. La dinamica quale era? Il plot, la
trama…”
“Diciamo che lui mi preparava per lei, ecco.”
“Con impegno?”
“E come no… Ho capito dopo il primo incontro che la loro soddisfazione,
la loro fantasia era proprio questa. Il marito si faceva vedere da lei che si
masturbava, lavorava sul mio uccello, lo passava alla gentile signora.
Insomma, mi cucinavano a puntino. Poi la prendevo. Davanti e dietro.”
“Lui?”
“Non la scopava mai, almeno davanti a me.”
“Ma uomini attivi e totalmente etero ne hai conosciuti?”
“Sì, ovvio. Diciamo il venti per cento. Questi sono concentrati nel far
godere la compagna, che gradisce le penetrazioni multiple. Le doppie.”
“Spieghiamo.”
“Le doppie sono quando la donna prende due piselli, uno dietro, l’altro
nella figa. Un classico, direi. La protagonista in questo caso è lei, tutta la
concentrazione è sulla femmina. La sceneggiatura ruota tutto intorno alla
donna, che è al centro delle attenzioni. Nella stragrande maggioranza dei
casi vogliono altri uomini, si fanno le gang. Ne ho fatte tante, vent’anni fa
facevo parte di un vero e proprio gruppo. Ero il vice, se si può usare questo
termine. Ma oggi preferisco un altro tipo di sessualità, quella con la coppia.
Meno asettica, meno meccanica.”
“Li vedi ancora quelli con lui che ti succhia?”
“Succede. Vado anche a casa loro.”

53
“Con alcuni si crea intimità?”
“Direi complicità. È come appartenere a una comunità, come avere lo
stesso vizietto, anche se io non lo considero tale. Come sentirsi parte di una
minoranza, consistente, di persone che si vedono per coltivare un hobby.
C’è chi gioca a poker, chi corre, chi si fa venire l’adrenalina per le
scommesse. Noi scopiamo.”
“Com’è iniziata la storia?”
“Da ragazzo ero piuttosto timido, bloccato. Ma ho scoperto di essere
superdotato.”
“Superdotato per davvero? Che vuol dire esattamente?”
“Siamo sui ventuno centimetri, un bel calibro, grosso alla base. Ma
tornando indietro negli anni, non riuscivo a conquistare una donna. La
prima volta l’ho fatto a ventun anni.”
“Con chi?”
“Una prostituta in Francia.”
“Fidanzate?”
“Poche nella mia vita, più che altro ho avuto amiche. Ma a trent’anni,
dopo l’unica convivenza, ho capito che la vita di coppia non è nelle mie
corde: è una cosa che appiattisce, che annulla. E mi sono spostato sulle
altre, di coppie.”
“E come? Non c’era il web…”
“Sono sempre stato un cultore di riviste hard, tipo ‘Le Ore’, per
intenderci. Poi non so se ricordi ma c’era una rivista, ‘Fermoposta’, fatta
apposta per gli incontri.”
“Vagamente, qualcosa ricordo…”
“Praticamente all’interno c’era un coupon dove potevi scrivere il testo del
tuo annuncio, mettevi i tuoi dati, le foto, soprattutto quelle del cazzo nel
mio caso, ma anche della figura intera, se volevi, senza la faccia. E
mandavi la raccomandata.”
“Che succedeva?”
“Era una cosa lunga, farraginosa, complicata. Innanzitutto c’era sempre il
timore che qualcuno guardasse dentro e rubasse le foto. Anche perché erano
indirizzate a un numero di fermoposta nelle varie città. Chi voleva sapere
alle poste, sapeva. Comunque l’annuncio usciva dopo quarantacinque
giorni, minimo. Un’eternità. Questa era la trafila nell’epoca pre-Internet.”
“E mica era finita, immagino.”
“No. A quel punto iniziava l’attesa. Andavi in posta, a prenderti le

54
occhiatacce dell’impiegato.”
“Ricordi la prima risposta?”
“Una coppia di Busto Arsizio. Una lettera lunga, col numero di telefono,
fisso ovviamente, e gli orari ideali per chiamare.”
“Ce l’hai ancora?”
“Ma scherzi? Aspetta.”
(Si alza dal divano, sale le scale, e torna dopo un paio di minuti.)
“Eccole. Ho 550 lettere dal 1991 al 2004, le ho raccolte tutte in sei
volumi. Una specie di enciclopedia sul sesso degli italiani prima
dell’esplosione del web. Le ho catalogate anno per anno, mese per mese.”
(Lo guardo stralunato, come fossi di fronte a un alieno. Le aveva messe
insieme per davvero. Sfogliavo e avevo di fronte le storie intime di mezzo
paese. Nomi, cognomi, mestieri, tic, perversioni, manie, foreste bucoliche,
intimità varie.)
“Quanto ci è voluto per il primo incontro?”
“Quasi un anno. Ricordo ancora mia madre, vivevo con lei. A un certo
punto mi dice: ‘Sai, ha chiamato un signore, ma chi è?’ Era il marito di una
coppia di Agrate. Mi hanno accolto in tuta e pantofole, lui era in parte
attivo. Ma gli piaceva soprattutto guardare. Lei vorace, ricordo un pelo
foltissimo, ma all’inizio degli anni Novanta non era strano.”
“Che età avevano?”
“Coppie adulte, gente vissuta e con un grado di maturità elevato. Anche
adesso preferisco sempre le coppie sui quaranta, almeno quaranta.”
“Cosa ti rimane impresso di quel periodo, diciamo pionieristico?”
“Una coppia di Brescia, lei più anziana. Lui era fissato con gli odori forti:
‘Tu vieni ma non ti lavare per due giorni’, mi parlava così. E poi la
situazione più comune era l’uomo che partecipava, successivamente si è
diffuso il cuckoldismo, il maschio che gode nel vedere la propria donna
posseduta.”
“Altre differenze?”
“L’anale. Raro, un tempo. Oggi imprescindibile, voluto, richiesto
dall’uomo per la compagna.”
“Leggimi qualche lettera, sono troppe. È un trattato di sociologia
realizzato sul campo.”
“Allora, cominciamo con questa da Catanzaro. È del 1993. Mi scrive lui:
‘Sinora abbiamo fatto una sola esperienza con un’altra coppia di Roma,
però Maria Grazia non ha provato particolare soddisfazione per il fatto che

55
il LUI dell’altra coppia non era particolarmente dotato mentre invece è
rimasta molto contenta quando è stata dalla LEI iniziata al piacere
saffico…’ Stai notando il linguaggio? Macchina per scrivere…”
“Sono rapito, estasiato. Continua ti prego.”
“… ‘Sfogliando il n. 42 (di solito lo facciamo la sera, a letto) abbiamo
letto l’inserzione che ti riguardava, per cui siamo qui a scriverti perché
Maria Grazia è rimasta molto colpita ed eccitata dal tuo cazzo e molto
candidamente mi ha confessato che gradirebbe provarlo nella stessa
maniera così come lo stai dando alla bellissima donna della foto. Non ti
nascondo che per un attimo mi sono ingelosito, però poi ho superato il
problema in quanto ritengo giusto che Lei desideri provare nuove emozioni.
Bene, detto quanto sopra, ti chiediamo se sei disposto a trascorrere un fine-
settimana da noi, in Calabria, in una meravigliosa casa di campagna dove
poter dare libero sfogo alla passione trascorrendo momenti di sfrenato
erotismo per tutti. Io personalmente sarò in parte partecipe ed in parte
filmerò, se sei d’accordo, ogni momento della goduria di Maria Grazia da te
cavalcata facendola gemere dal piacere e sborrare come una vacca…’”
“Be’, un crescendo rossiniano. Ti ricordi com’è finita?”
“Non andai. Troppo lontano.”
“Avanti un’altra.”
“Senti questa, è lunghetta ma ne vale la pena: ‘Amico carissimo. Che
sventola! Che cazzo da brivido! Che favolosa nerchia hai tra le tue cosce!
Insieme alla mia ragazza ho letto il tuo annuncio ed ammirato a lungo la tua
possente virilità. Ci sono venuti i brividi addosso e, pensandoti, ci siamo
talmente eccitati che l’ho dovuta subito scopare per spegnerle un po’ in
corpo il desiderio, la febbre, la voglia matta di te. Prendeva in corpo il mio
cazzo, ma pensando realmente quello che poteva essere essendoci anche tu
tra noi e lei, con due cazzoni nerboruti e tosti a disposizione che
l’avrebbero impalata contemporaneamente in figa e in culo pistonandola
senza tregua e con vigore sino al delirio dei sensi. La mia ragazza va pazza
per questo tipo di triangolo che è la sua aspirazione più grande e il suo
desiderio più forte. Io cerco di non porre ostacoli, anzi, cerco di facilitarla
perché anch’io desidero vederla realizzare i propri sogni e sentirla gemere e
spasimare tra le tue braccia completamente appagata e felice. Sono
cosciente di questo e siamo abbastanza disinibiti entrambi per accettare
dalla vita tutto quello che di bello la stessa ci offre. E cosa mai ci può
essere di più bello al mondo di una passera pelosa e infoiata di passione e di

56
un favoloso fondoschiena sodo e tondo alle prese di due cazzoni
eccezionali e gagliardi che la pompano follemente sino allo sfinimento
delle forze?…’”
“Poesia pura.”
“Aspetta, non è finita: ‘… È per questo che sono alla ricerca di un bel
maschione virilissimo e ben attrezzato che ci possa veramente essere amico
sincero e leale e che sia disposto a fottere ovunque, anche insieme a me, la
mia ragazza facendola fremere, spasimare, urlare, contorcere e nitrire come
una giovenca in calore con i tuoi terribili e sconvolgenti colpi di cazzo. Mi
giudicherai un depravato, ma ti assicuro di non esserlo; lo faccio perché le
voglio bene, perché non sono egoista, perché anch’io desidero che lei si
senta realizzata e sessualmente appagata e felice, perché voglio che anche
lei possa valutare che cosa significa farsi schiantare contemporaneamente
in corpo da due cazzoni straordinari nerboruti e durissimi che stantuffando
rigorosamente sfiancano, sventrano, sderenano, devastano e sconvolgono.
A te madre natura ti ha baciato in fronte mettendoti tra le cosce
un’autentica trivella da sfondamento, squalo strepitoso, una proboscide
fantastica, un bananone gigante e succoso che ti rende virilmente maschio,
attraente, appetibile e desiderabile…’”
“Ma questo è da Nobel per la Letteratura: il bananone, la proboscide…”
“A un certo punto riallacciandosi al bananone: ‘… ripieno di sublime
crema alla panna tutta da succhiare e con ingoio totale sino all’ultima stilla,
il tuo cazzone che vorremmo adorare, ammirare, accarezzare, coccolare,
baciare, leccare, slinguare, imboccare, succhiare tutto, tuttoooo. E ancora
abbracciarlo forte forte per sentirlo premere e vogliosamente guizzare,
come un grosso cefalo arpionato. Rispondi presto, non te ne pentirai. Ciao,
bel toro superbo!’”
“Be’, ti sarai esaltato?”
“Fu una manna per la mia autostima.”
“Tirami ancora fuori qualche perla.”
“Questa è del ’95, scritta a mano, Milano: ‘Caro amico, ho una moglie
carina, trentacinquenne, bionda, snella, che vorrei fosse sbattuta da un altro
in mia presenza. A sua insaputa vorrei organizzare una serata dove potrai
goderti mia moglie, chiavandola e inculandola mentre io starò comodo in
poltrona o ti aiuterò a slargarle le chiappe o a guidare la sua bocca affinché
ti lecchi bene. Se ti attira l’idea di approfittare di una ignara e bella donna,
se sei lussurioso e deciso, porco ma di classe, di bell’aspetto con fantasia e

57
capacità di dialogo e soprattutto senza remore, potremmo studiare insieme
il piano d’azione per realizzare questo progetto…’ In allegato, eccola, c’era
questa foto. Come puoi vedere un primo piano di una figa superpelosa.
Erano praticamente tutte così.”
“A me affascina il fatto che il tizio sottolinei ‘ignara’. Come faceva a
essere ignara?”
“Ci andai. Non sapeva nulla. Ma immaginava. Li ho frequentati per un
anno. Lui mi confessò di essere impotente.”
“Ancora, ancora…”
“Questa è più articolata, mi scrivono in due da Pesaro, 1992: ‘Il tuo cazzo
in fotografia ha mandato in visibilio la lei a cui piacciono le ‘taglie forti’…
Lui non è assolutamente bisex ma semplicemente voyeur, ed ama guardare
la lei che gode a essere presa sessualmente da altri cazzi. Lei ama fare
lunghi e caldi pompini, leccando e succhiando alla perfezione l’uccello che
le viene messo in bocca. Nel rapporto orale è davvero brava e conclude il
pompino con l’ingoio dello sperma o sborrate in faccia o sul seno. Se vuoi,
potrai leccarle la figa e succhiare gli umori che la bagnano in
continuazione… Quello che cerchiamo è un ottimo feeling, ma non
vogliamo assolutamente rapporti impegnativi. Quello che vogliamo dire,
cioè, è che potremmo vederci anche venti volte, pur restando nei nostri
rispettivi ambienti e senza conoscerci più di tanto. Non crediamo che per
passare qualche serata in allegria e divertimento sia per forza necessario
chissà quale rapporto di amicizia. A lei inoltre interessa solo il cazzo,
desidera solo essere posseduta da due uccelli, ciucciare grossi membri
davanti al suo lui, ma non vuole assolutamente conoscere il possessore del
cazzo che la penetra…’ E, d’altra parte, chi lo voleva un rapporto di
amicizia? Bisogna capirle, le persone, ma mantenere una distanza. Poi ci
sono situazioni da servizio sociale.”
“Cioè? Spiegami.”
“Ti leggo una missiva da Salsomaggiore, 2003: ‘Siamo una coppia
matura, ma molto giovanile, bella (specie la mia lei), educata. Sono deciso
a far provare un buon cazzo alla mia lei perché è astinente da troppo tempo.
Io, purtroppo non scopo più perché altamente diabetico, però desidero far
godere mia moglie da un giovane ben dotato con il cazzo duro.’ Poi cerca
di convincermi: ‘È forte sia in figa, in culo e pompino. Non ti mando la foto
perché non è serio: bisogna vedere la persona in faccia per valutare!’”
“Si concluse l’opera?”

58
“Sì, avevano quasi sessant’anni, lei ben messa. Visti una volta sola.
Sufficiente.”
“Mi sembra di capire che la maggior parte erano coppie con uno schema:
il marito che vuole la moglie scopata da un altro.”
“Sì. Però leggi questa. Una coppia della provincia di Bergamo: ‘La mia
lei si chiama Franca, trentasei anni, è mora, bel corpo, e a letto è una grande
troia ninfomane, esperta pompinara, aperta secondo canale ed amante del
turpiloquio. Io ho trentotto anni e sono spettatore o partecipe con lei, se
interessato sono anche bisex passivo amante del travestimento…’ Andai
per curiosità e lui in realtà amava proprio travestirsi e prendere l’uccello di
un uomo.”
“Che hai fatto?”
“Da lui mi sono fatto succhiare. Ma qualche volta sono le donne che
scrivono direttamente: ‘Sono Paola, trentun anni, sposata; io e mio marito
siamo una coppia scambista ma ogni tanto mi piace trovare un bel cazzo
per conto mio. Mi piacerebbe vederci e magari fare la sorpresa a mio marito
di farci trovare a scopare insieme, oppure di farmi trovare da lui ancora con
l’odore della tua sborra sulla mia bocca. A mio marito piace molto guardare
e spesso mi fa scopare da due o tre persone insieme intanto che lui si
masturba. Come potrai vedere dalla foto sono carina, alta un metro e
settantaquattro e peso cinquantotto chili, castana scura con una quinta di
seno e spesso amo depilarmi la figa… Se vuoi contattarmi chiama…’”
“Dagli anni Novanta a oggi, quante coppie italiane hai conosciuto?”
“Ho perso il conto… Un migliaio, direi.”
“Sei diventato un esperto di rapporti di coppia.”
“Sì, perché con molte non mi sono limitato al sesso. Sono entrato nella
loro vita. Posso dirti che il cinquanta per cento sono equilibrate, complici, e
dunque affrontano questa esperienza con convinzione di entrambi. Nelle
altre è sempre l’uomo che insiste, con la femmina riluttante, e il bull
esperto se ne accorge subito quando manca la determinazione, la passione
necessaria. È molto raro invece che sia la donna a partire per prima e
prendere l’iniziativa. Ma è capitato anche quello. C’è una coppia trentina in
cui la parte dominante è sicuramente lei.”
“Che succede con questi?”
“Il marito viene pesantemente insultato, legato, immobilizzato e il suo
cazzo viene incapsulato in una specie di gabbietta. Intanto io mi sbatto la
moglie che fa il gesto delle corna e gli dice continuamente ‘cornuto’.”

59
“Ma lui gode di tutto questo?”
“Non lo so, ma penso proprio di sì. Ha un ruolo totalmente marginale
nella meccanica del sesso, ma forse decisivo per il godimento della donna.”
“Molti i maschi passivi, guardoni, se non addirittura sottomessi?”
“Negli ultimi anni sempre di più. Ma bisogna distinguere tra quelli che
amano guardare e quelli schiavizzati. Quando ho cominciato ad
approfondire la questione la differenza si coglie. Ci può essere un uomo cui
piace osservare la propria compagna montata, e però guida il gioco, tiene in
mano la situazione. Altri invece che subiscono. Uno per esempio arriva col
collare da cane, lei lo trascina e lo tiene al guinzaglio mentre scopa con me.
E lui pulisce le mie tracce organiche, dopo… Ecco, anche nelle chiacchiere
successive, tra i due è lei che guida la truppa.”
“Comunque mi pare di capire che la figura del cuck sia quella
prevalente.”
“Decisamente, almeno quando una coppia si avvicina a un bull. Pensa che
c’è gente che porta la moglie da me, torna a casa, si mette a vedere tutto col
telefonino e se la viene a riprendere. Oppure quelli che aspettano in
macchina la donna e pretendono che non si pulisca. C’è di tutto, amico
mio.”
“Non so cosa possa esserci di più.”
“Quelli che amano i giochi di ruolo, tipo medico-paziente, oppure
casalinga-idraulico. Il marito definisce il copione di massima, io e lei ci
caliamo nel ruolo, e lui filma. Tempo fa c’era uno fissato con queste cose
qui, scattava soprattutto foto e creava poi quello che chiamava il
‘fottoromanzo’. Un tipo piuttosto originale, ecco.”
(Si alza, mi dice di seguirlo, arriviamo in una stanza e apre un armadio.)
“Guarda, qui c’è tutto il necessario per il fetish. Mi chiedono di far
indossare alla femmina qualche cosa in lattice, scarpe con tacchi speciali,
calze, frustini, maschere, indumenti di cuoio. Ho tutto, roba da decina di
migliaia di euro.”
“A me interessa capire come vivono le coppie questi giochi, cosa riesci a
percepire della loro relazione.”
“Ci sono tre fasi. Fantasticano, e questo lo fanno molti. Poi una piccola
minoranza realizza la fantasia, cioè incontrare un bull. La terza è quella
della rielaborazione del vissuto, come fosse un film. Se si ripresentano
all’appello, vuol dire che andranno avanti per un po’ di tempo. Ma posso
dirti una cosa?”

60
“Dimmi.”
“Più il rapporto è solido più si va avanti nel gioco. Non ho mai visto una
coppia scambista, chiamiamola così, che fa sesso con altri avendo un
rapporto in disfacimento. Sembra un paradosso, ma ci vuole unità.”
“Esistono coppie che non vogliono penetrazione?”
“Eccome. Si chiama scambio soft. Pensa che da un paio d’anni ne vedo
una in cui la lei fa solo pompini per quaranta minuti. Si tocca lei, da sola.
Non vuole le mie mani. E ovviamente lui si smanetta.”
“Ci sono delle cose che non rifaresti?”
“Forse una. Anche se alla fine mi ha eccitato tantissimo. Coppia
piemontese, conosciuta anni prima, che non vedevo da tempo. Erano
spariti, come spesso accade. Dopo quasi due anni mi ricontatta lui,
proponendomi una situazione molto particolare e delicata. Lei era al sesto
mese di gravidanza, ma con una voglia pazzesca. Almeno così mi dice. Ci
ho pensato un po’, poi li ho fatti venire da me. La pancia era già
pronunciata. Un po’ di preliminari, poi ci siamo messi di fianco e a tanti
anni di distanza ricordo ancora una trombata incredibile. Lei urlava, lui un
po’ riprendeva col telefono, un po’ si segava.”
“E tu sei lì, pronto a soddisfare tutte queste perversioni. Solo. In questa
casa…”
“Proprio così. Non ho rimpianti. Ho tanti interessi oltre al sesso, ma
evidentemente nelle relazioni questo era il mio destino, o meglio quello che
mi sono scelto. Uno scopatore di coppie. Solo per diletto. Penso di averle
rese felici, almeno su questo divano.”

Cuck

“Sono un cuck, Stefano da Reggio Emilia.”


“Cioè?”
“Guarda, il cuck può avere vari ruoli. Di base guarda e si sega. Però può
assumere anche qualche ruolo attivo. Si parla di helper, se aiuta il bull o lei.
Però ci sono anche le derive cleaner, se si occupa di pulire dopo che il bull
ha finito. Peggio anche la versione sissy se si veste femminile e diventa
parte del gioco del bull. Il cuck può anche essere caged, quindi avere la
gabbia ed essere impossibilitato a partecipare perché sotto chiave.”
“E il tuo qual è?”

61
“Cuck classico, al massimo cleaner.”
“E come pulisci, con la lingua?”
“Sì, certo, lingua e cucchiaio.”
“Ma lo fai spesso?”
“No. Condizioni particolari. Il bull deve essere praticamente fisso, o
comunque fidato, visto che si parla di un rapporto non protetto e venire
dentro, il creampie.”
“Grandi rischi.”
“Bah. La vita è un rischio. Si cerca di ridurli al minimo. Ripeto, persone
di cui conosciamo la vita e abbiamo in esclusiva. E qualche volta abbiamo
chiesto i certificati, i test del sangue.”
“Ma tu come ti metti? Cioè quando intervieni dove stai?”
“Una delle cose più belle è quando lui se la scopa a pecorina, io sono già
sotto a 69 con mia moglie e mi godo lo spettacolo.”
“Poi?”
“Mi mette tutto in bocca, un bel face sitting e spinge mentre lecco.
Paradiso.”
“Oppure?”
“Oppure classico e facile. Il bull viene e io lecco via tutto con lei ancora
calda dalla monta. Non c’è nulla di più bello di vederti scopare la moglie o
compagna, ma diventa incredibile se aiuti o pulisci alla fine. Perché la
complicità e la dedizione verso di lei è totale.”
“Una specie di manifesto cuck. Qual è un’altra situazione di pura
goduria?”
“Momento chiave: lei montata a pecorina, tu di fronte che le tieni la mano
e lei che ti bacia mentre le tocchi le tette. Top.”
“Tua moglie fa anche l’anale con l’altro?”
“Se in giornata, sì. E anche la doppia per la gioia del cuck che partecipa.”
“Come avete scoperto di avere queste voglie?”
“Parlandone. Spesso le coppie non parlano, non si confidano i desideri
più reconditi, quelli che tu stesso consideri estremi o troppo perversi. Quasi
ne hai vergogna. Invece noi qualche anno fa abbiamo cominciato a fare gli
psicologi l’uno dell’altro. E per ora va bene, funziona. Siamo stati sempre
fedeli, però a un certo punto abbiamo messo in pratica le fantasie che ci
passavano per la testa. Ricordo che a un certo punto, eravamo a letto, le ho
detto: ‘Mi piacerebbe vederti scopata da un altro.’”
“E lei?”

62
“Anch’io vorrei farlo, ma solo davanti a te. Poi ha chiamato mia figlia
dall’altra stanza e il discorso è caduto.”
“Dunque apparentemente siete una coppia ordinaria.”
“Sì. Se ci vedessi non lo diresti mai. Mai. Quarant’anni, entrambi laureati.
E la cosa straordinaria è osservare la sua trasformazione. Da brava madre,
lavoro rispettabile, a maiala vera. Noi siamo una coppia di quelle
autentiche, altre che incontriamo in realtà stanno insieme solo per giocare e
scambiare.”
“Se dovessi descrivere fisicamente tua moglie come lo faresti?”
“Curvy.”
“La prima volta com’è stato?”
“Con un bull selezionato online. Motel. Prima siamo andati in qualche
locale, senza fare nulla. Solo per guardare, al massimo una strusciata, una
toccatina.”
“Come avviene la vostra selezione?”
“Ovviamente siamo iscritti a uno dei siti per scambisti. Cerco il profilo
ideale per mia moglie, che conosco. Ormai nel tempo questa ricerca si è
affinata e non sbaglio mai.”
“Decidi in base alle misure?”
“No, mai. Il cazzo grosso fa solo una parte del lavoro, ma se il resto è
pessimo, la testa intendo, meglio scartare. Devo parlarci prima. Il ruolo è
preciso: deve mettere lei al centro di tutto. Portarla al massimo, essere
complice del cuck che osserva o partecipa. Farla sentire regina e ogni tanto
alzare il ritmo.”
“Ci sono cucks che godono a farsi umiliare con turpiloquio e oscenità
assortite…”
“Non è il nostro caso. Ma non c’è nulla di male. Il ruolo del cornuto ha
mille sfumature: non ci sono etichette stabilite.”
“Aiutare la moglie col bull, ne hai parlato prima. Cosa significa?”
“Vuol dire che se il bull la sta scopando, tu vai a supporto di lei. La aiuti
nei movimenti, se esce il cazzo lo rimetti dentro tu, la lecchi mentre lui la
monta. E altre variazioni sul tema.”
“Ti è capitato di leccare il pisello del bull, o di avere voglia di farlo?”
“No, anche se in certe posizioni, per esempio quando la lecchi, becchi
tutto. Ma non sono bisex.”
“Con che frequenza fate questi giochi?”
“Non siamo ossessionati. Può capitare anche di stare due mesi senza.”

63
“E tra voi, lo fate regolarmente?”
“Scopiamo alla grande.”
“Ma in testa avete il bull, vi aiutate pensando a quando siete in tre…”
“Aiuta molto, non si può negare.”
“Essere un cornuto ti ha reso più felice?”
“Decisamente. Sono totalmente trasparente con lei, e ho imparato a
conoscerla nel profondo. Non ci sono veli, non ci sono filtri e ipocrisie.”
“Perché non lo dici alle persone più intime che conosci?”
“L’Italia non è pronta, sarebbe una carneficina. Per ora meglio la
retroguardia. Poi verrà il tempo per organizzare una lobby cuck.”

Breve dizionario dello scambismo (così come l’ho capito io)

Cuckold attivo (o cornuto attivo)

Il termine cuckold è legato al nome del cuculo, che come si sa depone le


proprie uova nel nido di altri uccelli. Nel significato contemporaneo, il cuck
è sostanzialmente colui che prova piacere nel vedere la propria compagna
posseduta da un altro uomo. Nel gergo scambista e trasgressivo è il cornuto,
anche se nel caso del cuckold attivo la cosa non è così scontata. Il cuckold
attivo infatti è di solito il vero dominus del gioco, organizza gli incontri,
sceglie i partner e di solito partecipa, cioè anche lui ha un rapporto sessuale
con la sua femmina. Dunque cornuto, sì, ma solo formalmente. Ho
conosciuto una coppia in cui lei provava un piacere estremo a essere
penetrata analmente da più maschi. Lui che faceva? Assisteva, ogni tanto
anche lui infilava il suo membro dentro, e baciava la sua signora. Intesa
perfetta.

Cuckold passivo (o cornuto passivo)

È la figura più comune, ma ci sono innumerevoli varianti. Il cuck passivo


crea gli incontri per la sua donna, compagna, moglie, quello che è, e non
partecipa mai: alcuni fotografano, riprendono, assistono masturbandosi o
solo osservando la scena, come a teatro. Il vero godimento, per una buona
parte di essi, è proprio questo: creare un vero e proprio set porno, ma con

64
persone vere, non attori. Poi ci sono i cuckolds passivi che amano essere
umiliati: spesso infatti gli amanti e la donna, nelle foto e nei video diffusi
all’interno della comunità trasgressiva, esibiscono le corna durante la
“monta” (altro termine molto usato tra gli scambisti) come segno di
sottomissione dell’uomo. L’umiliazione più diffusa è quella dell’invio di
immagini con il volto schizzato della donna, o gli orifizi spalancati al
termine della serata o dell’incontro (in questo caso il partner aspetta fuori, o
a casa, e non assiste direttamente). C’è anche il cuck che viene costretto
(ma in realtà gode) a pulire il corpo della partner dopo l’eiaculazione
dell’amante o degli amanti di turno. Altra pratica è quella di chiudere il
pene del cuck all’interno di una gabbietta speciale. Il significato è questo:
lui è immobile, non è in grado di fare nulla, non può fare niente per
soddisfarmi. Il cuck passivo solitamente è minidotato o comunque
largamente meno dotato degli altri con cui fa accoppiare la femmina.

Bukkake

“Ciao, mi chiamo Giovanni. Devo confessarti che il piacere più intenso lo


provo quando la mia compagna viene inondata in faccia dallo sperma di
una serie di maschi. Più sono e più mi eccito. Tu mi dirai: e lei? A lei è
sempre piaciuto quando alla fine del rapporto le venivo addosso; quando ho
proposto di allargare a una terza persona mi ha guardato con entusiasmo.
Da quel momento la nostra unica, vera perversione è questa: lei in
ginocchio e più uomini che la circondano, non c’è penetrazione, niente
scopate, nulla, l’ingaggio è chiaro. Io di solito vengo per ultimo, a
completare l’opera. Tu mi dirai, ancora: ma pulisci tutto? Lo so, ci sono
uomini che lo fanno, godono nel pulire con la lingua la femmina “sporcata”
dagli altri. Io no. Ecco, questo è, siccome spesso parli di pratiche sessuali
magari esce fuori il discorso e ne parlate in radio. Ciao.”
[Mail, dicembre 2017]

“Ciao, sono il marito di Loretta. Noi nei nostri incontri abbiamo un rito, se
vuoi una specialità. Una volta, magari con la voce camuffata, vorrei
raccontartela in diretta: Loretta ama una situazione con più uomini e al
massimo un’altra donna. Dopo l’orgia, lei si mette in ginocchio e pretende
che tutti le vengano in faccia, solo in faccia; io lo faccio alla fine, ma ci
portiamo sempre dietro un nostro amico fidato. Perché? Perché è uno

65
schizzatore copioso, ne tira fuori tanta e la ricopre completamente. Quando
tutti hanno finito, mi avvicino col telefono e scatto. Ne ho una collezione di
sue facce imbrattate. Ti lascio il mio numero, chiamami così ci mettiamo
d’accordo per la radio. F.”
[Mail, ottobre 2018]

Bull (o singoli)

Sono ovviamente i più presenti all’interno del mondo scambista. L’uomo


singolo, o bull, è quello deputato a soddisfare le richieste sessuali di una
coppia, in particolare della lei di coppia. Le dinamiche sono molteplici. La
gran parte dei bulls sono etero, con una ridotta percentuale di bisex.
Dunque solitamente il bull, o toro, è l’uomo che partecipa a incontri a tre
con coppie eterosessuali prendendo fisicamente la donna e avendo con lei
un rapporto sessuale al quale il partner assiste, e al quale può partecipare o
non partecipare. Una figura particolare è quella del bull fidato (con cui la
coppia talvolta fa sesso scoperto, cioè senza protezione) o del bull fisso. Mi
ha scritto un marito una volta: “Noi cerchiamo solo bulls fissi, veri e propri
fidanzati. Con delle caratteristiche. Devono essere ovviamente dotati,
resistenti, ma anche in grado di coinvolgere la mia donna mentalmente. La
devono portare a cena fuori, anche in vacanza se c’è feeling. Ovviamente io
mi sego sia davanti a loro sia pensando a quello che stanno facendo in
motel o a casa loro. La scopata di una notte non ci interessa. Ciao, Mario.”
Un’altra coppia: “Caro Giuseppe, ti sentiamo sempre alla radio e ti
vogliamo raccontare la nostra vicenda, che non penso riusciremo mai a
confessare a nessuno nei dettagli, nemmeno ai nostri parenti più stretti. Da
un anno io e la mia compagna, più giovane di ventisette anni, io ne ho
cinquantacinque, abbiamo cominciato a fare sesso con altri uomini, i
cosiddetti bulls. Ci siamo iscritti a uno di questi siti, ma io godo solo
quando la vedo con over sessanta, o comunque uomini vecchi. Adesso ne
frequentiamo uno fisso. Forse così ci sentiamo più sicuri del nostro
rapporto. Ciao.”

Carsex (e Outdoor)

Facciamo un esempio. Cimitero Ponte Valleceppi, Perugia: “Seguite la E45


da Perugia in direzione Cesena. All’uscita di ponte Valleceppi seguite la

66
direzione Ponte Felcino. Il cimitero si trova esattamente sulla destra della
prima curva che piega a sinistra. Un boschetto divide i due parcheggi.
Frequentato principalmente da gay e bisex, e di tanto in tanto da qualche
coppia etero in cerca di un terzo. Possibilità di incrociare gli sguardi nelle
auto e spostarti in zone più appartate, o scendere dalla macchina e
consumare all’interno del boschetto stesso. Sicuramente il posto più
frequentato di tutta l’Umbria, dal calar della sera fino a tarda notte.
Frequentato da coppie, gay, bisex.” È uno dei suggerimenti che trovate su
Annunci69.it, probabilmente il sito trasgressivo più popolare in Italia. E
sono guide aggiornate con le novità, i pericoli, le classifiche degli utenti, le
regole di comportamento, come farsi i segnali, dove fare sesso in macchina,
all’aperto, in spiaggia, sulle rive dei fiumi, nei parcheggi, nelle stazioni di
servizio delle autostrade. Ho conosciuto coppie che amano avere gli sguardi
addosso di sconosciuti, altre che fanno partecipare uno o più “guardoni”
casuali, altre ancora che si danno appuntamento con altre coppie, e
ovviamente uomini che cedono la loro femmina al primo che passa. Su un
altro sito, thecuckold.com, c’è una donna della provincia di Bergamo,
dicono la più quotata del lotto, che d’accordo col marito mette degli
annunci molto precisi, del tipo: “Carsex domani dalle 22 all’1, nel
parcheggio X, garantisco rapporto completo con tutti i partecipanti, intimo
e non frettoloso, salendo in macchina con ognuno di voi: via uno, avanti un
altro. Solo seri, decisi, concreti, con mail per contatto diretto ed immediato.
Bacio.”

Coppia scambista (con lei bisex, con entrambi bisex o fullbisex)

La coppia scambista è quella formata solitamente da uomo e donna, legati


da un qualsivoglia rapporto: possono esserci coppie sposate, conviventi,
non conviventi o semplicemente “giochiste”, cioè coppie che si formano
unicamente per giocare, che nel gergo scambista vuol dire fare sesso in
tutte le sue forme, anche soft senza rapporti completi. La coppia è
scambista quando fa entrare una terza persona, o più persone, nel gioco
sessuale. Anche qui esistono molte varianti; ci sono coppie che cercano un
bull fisso, cioè un amante stabile per la femmina, coppie che frequentano
altre coppie sempre diverse, altre che invece frequentano solo altre coppie e
non uomini singoli, altre ancora che vogliono fare entrare nel loro letto
(diciamo così, per semplificare) esclusivamente donne, poi ancora coppie

67
che si limitano allo scambio virtuale. In generale, le categorie sono due. La
più comune è “coppia con lui etero e lei bisex”, con la donna aperta al
gioco bisessuale con altra lei di coppia o singola, mentre i due maschi tra
loro non interagiscono; l’altra, meno frequente, è quella della “coppia
fullbisex”, quando entrambi sono disponibili a fare sesso con persone dello
stesso sesso. Nella “coppia fullbisex”, in pratica, l’uomo è pronto per avere
rapporti con altri uomini, dunque questo tipo di coppia cerca anche maschi
singoli per lei e per lui.

Doppia

Forse è stata colpa del porno. Forse. O forse è il porno che si è adeguato
alla realtà. Ma la “doppia”, che può essere anche in casi estremi “doppia
anale” (praticata soprattutto nelle scene hot) è diventata da anni un must tra
gli “scambisti”. La doppia classica prevede la seguente posizione: uno dei
bulls (o il partner) steso che penetra la donna in vagina, e un secondo
partecipante che la prende nell’altro canale. È necessario un certo
coordinamento, e anche una discreta potenza da parte dei due. Insomma,
per chi non è un professionista: più facile sognare che praticare. Poi ecco la
doppia anale, e se vogliamo anche quella vaginale: due membri nello stesso
buco. Sabrina: “L’ho provata un paio di volte davanti al mio compagno.
Prima ho cercato di dilatarmi al massimo con un vibratore e con le dita.
Loro erano carichissimi, eccitatissimi. Non so se ho rischiato qualcosa, ma
quando li ho sentiti tutti e due dentro è come se avessi raggiunto un nuovo
obiettivo. Sono venuta toccandomi dopo qualche secondo. Quanto sarà
durato? Non so, tre, quattro minuti al massimo.”

Gang bang

Nel mondo scambista è decisamente l’esperienza più ricercata dalle coppie:


mettere al centro delle attenzioni la donna, con un numero variabile di
uomini intorno a lei che si alternano nella penetrazione, in penetrazioni
multiple e in altre attività sessuali. Le regole del gioco, cioè cosa codesti
signori possono fare al corpo della femmina, per esempio anale o no (ma
anche semplicemente bacio sì/bacio no), di solito le stabilisce il partner, che
è quello che organizza e convoca i bulls. Si sono creati su Internet dei veri e
propri gruppi specializzati in gang, cioè una serie di maschi collaudati e

68
amici che si offrono alle coppie: d’altra parte il significato della parola è
proprio “cricca/banda dello sbattere”. Mettono annunci di questo tipo:
“Siamo un gruppo di singoli ben strutturato ed esperto, con al proprio
interno organizzatori e addetti ai contatti con le coppie. A rotazione
impegnati nelle varie gang per disponibilità circa venticinque singoli.
Riusciamo quindi a creare gang con una decina di uomini presenti. Amiamo
organizzare per una singola coppia o eventualmente party allargati più
coppie amiche. Anche serate particolari. Ospitiamo sempre in location
adeguate al tipo di situazione. La gentilezza e la simpatia sono le nostre
armi vincenti…” Ovviamente, non serve per forza appoggiarsi a queste
organizzazioni quasi militari. Un’amica di vecchia data, una volta mi ha
scritto: “Ogni tanto ti sento parlare di ammucchiate in radio, ti dico una
cosa basta che non lo dici subito in onda.” No, dimmi pure, promesso: “Sai
che sono sposata da venticinque anni e ci conosciamo con mio marito da
quando avevamo quindici anni, no? Ecco, tre anni fa mi ha portato in un
privé a Milano e mi ha fatto scopare da dieci persone diverse. Lui
controllava solo che tutti si mettessero il cappuccio. Non avevo mai provato
tanti orgasmi in vita mia prima di quella sera. Mi raccomando, non dire un
cazzo. Puoi raccontare la storia senza i nomi, capito?” Capito.

Glory Hole (o Buco della Felicità)

Qualcuno di voi ricorda il film Irina Palm. Il talento di una donna inglese,
dove la specialità della protagonista era quella di soddisfare i clienti di un
locale porno che mettevano il loro pisello in un buco? Ecco, il Glory Hole è
essenzialmente questo: persone sconosciute, che non vedi e non vedrai in
faccia, che mettono i loro membri nei buchi di una parete, e una donna che
li “lavora” dall’altra parte. C’è una canzone del gruppo metal Steel Panther,
chiamata appunto Gloryhole, dove si racconta di un “posto in Francia, dove
le donne ballano nude… C’è un buco nel muro dove si mette l’uccello e le
palle, ma tu non sai davvero chi sta succhiando dall’altra parte… È un
ragazzo, una ragazza, oppure un ermafrodita transessuale? Tesoro, non
voglio sapere chi mi sta succhiando l’uccello oggi… Sto andando al Glory
Hole…Vado a spendere la paga della settimana… Sto andando a svuotare
le palle al Glory Hole”.
Nella home page di un locale italiano c’è scritto: “Il Glory Hole è una
delle pratiche erotiche più eccitanti che si possano sperimentare. La sala è

69
attrezzata con pareti e divisori forati per la pratica di giochi sessuali. Chi ci
sarà al di là del muro?”. Stanze del genere sono presenti in tutti i locali o
saune gay, ma ormai anche in quelli frequentati soprattutto da coppie o
singoli etero. Cosa c’entra con lo scambismo e la coppia? C’entra, eccome.
Perché si tratta di una pratica che i partner usano per il godimento
reciproco: l’uomo guarda, lei pratica fellatio e masturbazione senza sosta a
sconosciuti, e in certi casi si arriva anche alla penetrazione (a proprio
rischio e pericolo). Evviva.

Singole (o “Sweet”)

Nel complesso mondo della perversione e dello scambismo le singole, o


sweet singole, sono pochissime, e per questo le più ricercate. Esiste infatti
la figura classica della sweet di coppia, che è la compagna del cuckold, il
quale come sappiamo si eccita se lei ha una relazione sessuale col bull e
quindi gode nell’essere cornuto e talvolta umiliato. Quando un profilo on
line nei siti per “scambisti” è gestito dalla sweet di coppia, molto
probabilmente è lei a guidare il gioco, è lei a scegliere i tori che la
monteranno, mentre il marito/compagno ha un ruolo assolutamente passivo
che può trasformarsi anche in una specie di schiavitù sessuale (ovviamente
libera, mai con costrizione). In un profilo di questo tipo ho letto: “Ormai ho
infrocito mio marito. Mi accompagna sempre, ma non si limita ogni tanto a
testare con la bocca la consistenza del bull, ma a prenderlo dietro e a pulire
tutto il mio corpo dal seme degli altri.” Ma le singole sono altra cosa.
Donne che hanno deciso di entrare in una comunità e mettersi al computer
per scegliere i loro partner occasionali. Molte se ne fregano di prendere
bidoni e correre pericoli, mi è capitato di conoscere una, Anna, che lavora
in un sexy shop, una manager trentenne che sapeva tre lingue, una
cinquantenne con un ricco assegno di divorzio. Anna: “Ho i miei due bulls
fidati. Sono loro che spesso allargano il cerchio e me ne portano altri. Una
volta mi hanno rinchiuso in una villa in Umbria per due notti. Si sono
alternate almeno quindici persone. Ero la loro schiava sessuale. È stata
l’esperienza più choc che ho fatto nel mio percorso. Ora mi sono messa con
uno da due anni, queste cose non le capirebbe, non le concepisce neppure
lontanamente. Sto facendo la brava. Vediamo. Baci.”

70
Prostitute

Jessica, la più ricercata

Jessica, ventisei anni, bolognese, è stata nel 2018 la più apprezzata tra le
escort del sito Escort Advisor, cioè quella che ha ricevuto il maggior
numero di recensioni positive.

“Quando hai iniziato a fare la escort?”


“Ho iniziato quando ne avevo ventuno, poi per due anni ho fatto una
pausa di convivenza con un uomo e dopo ho ripreso. Dunque facendo i
conti, sono cinque anni. Sono orgogliosa di quello che faccio.”
“Orgogliosa?”
“Sì, orgogliosa. La parola ‘puttana’ la considero positiva.”
“Dalle foto vedo che sei in carne.”
“Sono alta un metro e ottanta, una vera e propria curvy con la quinta di
seno. Abbondante.”
“Cos’è successo cinque anni fa, perché hai iniziato a fare la prostituta?”
“Andavo a ballare con le amiche in discoteca. Si avvicina questo ragazzo
che mi offre da bere, poi ci prova. Per mandarlo via gli dico: solo a
pagamento, duecento euro. Ora è un mio cliente.”
“Eri seria?”
“No, lo dicevo per sbolognarlo, per gioco. Avevo sparato quella cifra che
per me era altissima perché facevo l’apprendista commessa e quindi
guadagnavo meno di novecento al mese. Li ho voluti vedere, li aveva e
sono andata.”

71
“Come ha risposto?”
“Che non era un problema. Andiamo in macchina e scopiamo. Mi è anche
piaciuto, mi si è accesa la lampadina. E sono partita.”
“Come ti sei organizzata?”
“Un appartamento, gli annunci, un numero per il lavoro. E dopo un anno
l’ho detto alla mia famiglia.”
Parenzo: “Immagino come l’hanno presa, saranno stati felici, avranno
stappato una bottiglia. Immagino le conversazioni: ‘Com’è andato il
lavoro?’ ‘Oggi erano venti…’”
“Dopo i problemi iniziali, sento mia madre due volte al giorno e le
racconto che sono andata con quello, con quell’altro… I dettagli, le cose
più strane che possono capitarmi.”
“Per esempio?”
“Che è venuto da me il suo capo, il capo di mia madre.”
Parenzo: “Ma che famiglia è? Ma non è normale, dài. Che contesto è?
Che disastro è?”
“Il suo capo è diventato un mio cliente.”
“E lei?”
“Per lei è tutto ok.”
Parenzo: “Ma è mostruoso. Una madre come può sopportare che il suo
capo vada con la figlia?”
“Io penso sia normale, tutto assolutamente normale. Se è accettato da tutti
e non c’è un danno per nessuno.”
“Bravo. Esatto. Io ho scelto liberamente.”
“Non hai un pappone?”
“Assolutamente no, nessuno mi costringe.”
“Cosa ci fai coi soldi?”
“Mi sono comprata una casa da trecentomila euro, una macchina e quello
che potete immaginare.”
“Incasso mensile?”
“Più o meno quindicimila euro.”
“Tutto black.”
“Yes, ma vorrei pagare le tasse.”
“La sostanza è questa: Jessica vorrebbe pagare le tasse e non gliele fanno
pagare. Cosa fai oltre alla escort?”
“Gioco a pallavolo. Prima in serie D, adesso per questioni di tempo ho
scelto un campionato di eccellenza. Gioco nello Zinella Bologna di San

72
Lazzaro.”
“Lo sanno che fai la prostituta?”
“Lo sanno tutti, comprese le mie compagne. Il presidente si chiama
Trivellone…”
“Pure. Quasi un destino. Senti, a proposito di tempo, in media quanti
clienti fai al giorno?”
“Quando resto a Bologna cinque, ma quando vado in tour in altre città ne
faccio anche dieci, undici al giorno. Dunque fate i conti, posso arrivare fino
a duemila clienti all’anno. Faccio la tariffa per mezz’ora e quella per
un’ora. Però, al massimo, fino a mezzanotte.”
“Cioè non lavori la notte?”
“No, dalle nove di mattina a mezzanotte, ho deciso di non fare il notturno.
Ho la mia vita.”
“Ti piace scopare coi clienti?”
“A me piace il sesso, non lo trovo pesante, non trovo lati negativi. E
faccio di tutto. Eccetto cose veramente estreme.”
“Cosa rifiuti?”
“Lo scat, l’uso delle feci.”
“Altre richieste?”
“Mi hanno offerto di fare porno ma non ho accettato, preferisco decidere
io quanti cazzi prendere e dove.”
“Chi viene da te?”
“Ho un cliente di settantacinque anni che viene tre, quattro volte a
settimana, e ragazzi di ventuno. Una volta un cliente mi ha pagato per fare
un’orgia con tredici ragazzi.”
“Chi pagava?”
“Lui. Aveva la fantasia di vedermi scopata da più uomini, mi ha dato
duemilacinquecento euro per fare questa serata a Cattolica.”
“E lui?”
“Lui guardava e mi ha scopato per ultimo, ma i ragazzi li ho scelti io.”
“La realtà è che la signorina Jessica è una imprenditrice di se stessa.
Andrebbe premiata da Confindustria. E avrà pure aiutato la sua famiglia.”
“Ho estinto dei debiti che avevano. Poi ogni tanto se hanno bisogno io ci
sono.”
“La vita sentimentale di Jessica esiste? Si può amare? Ci si può
fidanzare?”
“Un ragazzo con cui convivevo, quando c’era un cliente usciva a portare

73
fuori il cane. Chi sta con me deve accettare quello che faccio. E poi ci sono
molti vantaggi a stare con una come me.”
“Quali?”
“Fai l’amore con una top che sa dove mettere la bocca.”

Viva la prostituzione, abbasso l’ipocrisia

Quanta ipocrisia. Pensateci bene: in fondo che differenza c’è tra un


massaggio e un rapporto sessuale? Nessuna, nessunissima differenza.
Quando entra in una spa o in un centro massaggi il cliente ha l’obiettivo di
ottenere piacere, procurarsi benessere fisico, in certi casi guarire dai suoi
acciacchi. Non è forse lo stesso risultato che si ottiene incontrando una
prostituta? Cosa ci fa considerare diverse, anzi radicalmente diverse, le
mani di una brava massaggiatrice rispetto alla sua bocca o al suo organo
sessuale? Ma consideriamo anche le sue dita: fino a quando restano sulla
schiena, sulle gambe o sulle spalle allora nessuno ha da ridire su quella
professione, se invece vanno ad accarezzare l’uccello di un uomo o la
vagina di una femmina con reciproca soddisfazione (da una parte i soldi,
dall’altra l’orgasmo), allora ecco lo scandalo. Nessuno mette in discussione
che una donna faccia del denaro strizzando i muscoli dei maschi però se li
fa godere ecco che scatta la riprovazione sociale. Vi racconto un episodio di
qualche anno fa. Una sera una ragazza che non vedevo da tempo mi chiama
e propone: ‘Ti vengo a prendere, ho una sorpresa per te.’ Passa sotto casa
con la sua Mini e pochi minuti dopo ci ritroviamo praticamente nudi su un
paio di lettini uno di fianco all’altro dentro un buco per massaggi gestito da
cinesi sui Navigli, a Milano. Due signore non particolarmente piacenti
cominciano a maneggiare sui nostri corpi e dopo una mezz’ora una prende
in mano il mio attrezzo, l’altra inizia a sfiorare il suo clitoride. A un certo
punto la scena era questa: noi che ci baciamo e ci tocchiamo dove
possiamo, le due orientali che insistono sui nostri sessi. Siamo venuti quasi
assieme, almeno così ho capito, ci siamo puliti velocemente, ho pagato
cento euro ed è stata una delle cose più eccitanti che mi è capitato di fare in
questa disgraziata vita. Domanda: perché tutto questo non può essere
trasparente, legale, tassato, controllato? Perché questi luoghi che
dispensano felicità non possono mettere come insegna: qui facciamo seghe?
Perché i massaggi sì e gli sfregamenti sessuali no? I neopuritani dicono:

74
‘Che schifo, che orrore, l’uomo che va a prostitute usa a suo piacimento il
corpo di una donna.’ Ma chi utilizza questo argomento è in realtà il vero
sessista, perché non considera mai la donna come essere umano dotato di
autonomia decisionale e personalità indipendente. A ben vedere, il discorso
si potrebbe facilmente ribaltare: nel momento del rapporto sessuale a
pagamento è proprio la puttana che sta usando i maschi per i suoi scopi. La
battona, la escort, chiamatela come volete, sta ottenendo il massimo
dall’uomo che non può fare a meno di procurarsi eccitazione se non
sganciando del denaro. Se consideriamo, come fanno spesso i moralisti,
l’uomo puttaniere come affetto da qualche turba, allora ecco che il risultato
è definitivo: chi è dominante? Chi comanda il gioco? La risposta è ovvia: la
prostituta.

Harley, la escort a cui piace venire con il cliente

“Ho quarantotto anni, ormai non sono più una ragazzina. Ho iniziato a fare
la escort circa due anni fa. Prima facevo l’impiegata part-time.”
“Perché?”
“Per danaro, innanzitutto, non facciamo gli ipocriti. E poi anche per una
sfida con me stessa.”
“Spiegaci meglio.”
“Avevo una vita normale, come tantissime altre donne. Ero sposata, poi
mi sono separata e facendo la escort mi sono riscoperta donna, femmina,
amante, confidente. Ho scelto la libertà, di essere me stessa, senza finzioni
e ipocrisie.”
“Ho visto che costi di più, rispetto alla media.”
“Per mezz’ora prendo duecento euro e poi la tariffa va a salire. A me
piace venire quando sto con un cliente. E siccome è utopia pura pensare di
avere un orgasmo dopo dieci minuti, con un cliente posso restare anche due
ore. Anche se il cliente ci sa fare, ci vuole tempo. Bisogna lasciarsi andare,
ci vuole un buon feeling. Mai una botta e via. Al massimo faccio due clienti
al giorno.”
“Hai figli?”
“Sì, due. Maggiorenni. Per loro sono un esempio. Mi supportano in tutto
e per tutto. Sono i miei più grandi sostenitori e sono la mamma che non fa
mancare nulla. I principi con i quali li ho sempre educati non sono in

75
contrasto con quello che faccio. Bisogna essere realisti e non ipocriti.”
“Ti piace baciare i clienti?”
“Moltissimo, tutti. Se il cliente si volta e non vuole essere baciato mi crea
imbarazzo. Mi mette un po’ in difficoltà. Così anche le persone a cui non
piace il cunnilingus. Perché chi non pratica il daty vuol dire che non ama la
femminilità, l’essenza di una donna, scoprire i segreti del corpo, i sapori
nascosti.”
“E con i disabili ti capita?”
“Finora ho incontrato tre special, li chiamo così.”
“Cosa fai con loro?”
“Dipende dai problemi che hanno. Se è un paraplegico, ci si sofferma
ovviamente sull’orale.”
“Come ti senti con un disabile?”
“Sono appagata quando loro si sentono felici. Questo è fondamentale.”
“Uno ha scritto di te: ‘Sono un ragazzo di trentadue anni, disabile, in
carrozzina da quasi otto… Harley mi ha baciato a lungo con passione, con
dolcezza infinita… Poi la fellatio… È molto ma molto più di una escort…”

Katiuscia, che vorrebbe fare la puttana a tempo pieno

“Sono lavapiatti e puttana. E grazie al lavoro da prostituta mantengo due


figli piccoli.”
Katiuscia abita a Milano, ha quarantacinque anni, un fisico asciutto e le
idee chiare: “Se potessi lavorare regolarmente con una partita IVA come
escort, lo farei volentieri.”
“Mi stai dicendo che vorresti fare la puttana a tempo pieno?”
“Esattamente, Giuseppe, a tempo pieno. Sei stupito?”
“No, assolutamente. Solo che sentiamo sempre i soliti pipponi moralisti
dei Parenzo di turno che ci dicono: ‘Oh, povere puttane, se potessero
farebbero un altro mestiere.’”
“Guarda, la questione sono i soldi, il denaro. Parliamoci chiaro. Col sesso
guadagno dieci volte di più, e purtroppo devo anche limitarmi, non ho tutto
questo tempo a disposizione. Però…”
“Però cosa?”
“Il sesso mi è sempre piaciuto. Mi viene bene, ho sempre avuto voglia di
scopare tanto. E alla fine ho fatto della mia passione una professione, come

76
voi alla radio. Sono quasi una predestinata.”
“Nessuno ti ha costretto a farlo?”
“No, assolutamente no. È stata una scelta molto ponderata. Ho conosciuto
un po’ di maschi che si divertivano a passare la serata con me e ho pensato:
‘Ho due figli da crescere, quasi quasi lo faccio diventare un bel lavoro.’ E
ci sono riuscita.”
“Cosa è scattato?”
“Due anni fa. Pensavo di avere un matrimonio felice, come tante coppie
che probabilmente stanno ascoltando, invece un bel giorno mio marito mi
dice che non vuole più stare con me, che non mi ama più e bla, bla, bla, e
che si è pure innamorato di un’altra donna.”
“Vabbe’, questo succede a un sacco di gente.”
“Aspetta. Va via da casa, sparisce proprio e mi lascia senza un euro. Mi
trovo con due bambini piccoli, e tutto quello che puoi immaginare.”
“Insisto. Non è che tutti quelli che si trovano in questa situazione poi
fanno le prostitute.”
“Infatti ho cominciato a fare quelli che voi definite i lavori normali: un
po’ di debiti, cerco di tirare avanti.”
“Dunque…”
“Frequento qualche uomo, piccole avventure, qualche storia più seria.
Però piaccio e ho pensato: ‘Adesso inizio a guadagnarci.’ Mi è venuto così,
non è che lo abbia pianificato più di tanto.”
“Come facevi, dove andavi?”
“A casa no. Ho cominciato ad affittare un appartamento in una certa zona.
Non è lontano dal tuo ufficio.”
Parenzo: “Mi dica la verità, perché non ci credo. Se lei potesse farebbe un
altro lavoro invece della prostituta…”
“In realtà no. Se potessi scegliere non avrei dubbi: la prostituta. Magari
potessi farlo in maniera regolare, con annessi e connessi.”
“Quanto tiri su, alla fine del mese?”
“Quello che basta, considerando i miei tempi. Duemila,
duemilacinquecento puliti.”
“E durante il lockdown duro per il Covid, come hai fatto?”
“I seicento euro dell’INPS, dal lavoro regolare, e qualche incontro l’ho
fatto lo stesso.”
“Cioè?”
“Non vi nego che l’ho fatto. Li devo far mangiare questi bambini.

77
Siccome tengo alla mia salute e a quella dei ragazzi, ho incontrato persone
che già conosco e delle quali mi potevo fidare. Due, tre, incontri a
settimana, e mi sono anche fatta pagare di più, vista la situazione. E
comunque. Dovevo decidere: rischio e magari va tutto bene, o i miei figli
vanno a letto senza cena. Tu cosa avresti fatto?”
“Quello che hai fatto tu. Senza esitazione. Senti, non sei di primo pelo,
cosa dai agli uomini in più?”
“Quello che tutte le mogli negano ai loro mariti. Il culo.”

Neopuritani

Chi sono i neopuritani? Sono quelli che non guardano in faccia la realtà,
quelli che hanno deciso cosa è degno e cosa non è degno; quelli che
ambiscono a salvare il mondo imperfetto, liberarlo per sempre dalle sue
disgrazie e dalle sue storture; quelli che non vorrebbero mignotte, e poi
considerano normali le peggiori prostituzioni intellettuali; e anche quelli
che dicono ‘No, il corpo delle donne non si vende’, ma a loro non lo hanno
chiesto. Segue elenco di codesti moralisti, ovviamente parzialissimo. Il mio
compagno di avventure radiofoniche, David Parenzo, considera la
prostituzione “ripugnante”, i maschi che vanno a puttane dei “miserabili” e
i bordelli “fabbriche indegne di carne umana”. Secondo un altro mio socio
in radio, Alberto Gottardo, “la prostituzione è lo scambio della disperazione
contro denaro: ‘Io che ho cinquanta euro in tasca vengo a sfogare dentro la
tua vagina tutta una vita di frustrazioni, incomprensioni e incapacità
relazionali.’ I puttanieri sono solo “dei bulimici di figa forniti di denaro e
poco forniti di intelligenza emotiva”. Una volta un deputato cattolicissimo,
tale Sberna, mi ha detto che “la donna non serve a soddisfare le nostre
paturnie in cambio di soldi” e “chi va con le prostitute ha dei problemi:
deve essere rieducato sul significato di donna e persona umana, è peggio di
un animale”. Quando gli chiesi cosa dovrebbe fare un maschio che ha
voglia, rispose così: “Usi la mano per masturbarsi, ma lasci perdere gli
esseri umani.” Restando in Parlamento la senatrice Bini del PD ha proposto
l’introduzione di un nuovo reato, quello di acquisto di servizi sessuali, con
l’obiettivo di “eliminare la prostituzione” e l’introduzione di multe fino a
diecimila euro per i clienti, lavori socialmente utili per gli scopatori
incalliti, carcere per i recidivi che proprio non ce la fanno a non chiavare.

78
Un’altra parlamentare piddina, tale Puglisi, scrive: “Chi ha bisogno di fare
sesso invece di andare da una prostituta si faccia una pugnetta!” E,
seriamente, vorrebbe la rieducazione del cliente beccato in fallo con dei
lavori socialmente utili, ma se lo zozzone torna a peccare allora scattano
multe o galera: “Il lavoro di pubblica utilità può sostituire la pena non più
di una volta.” Una conduttrice TV, Tiziana Panella, disse di essere convinta
che “il problema lo risolviamo con le sanzioni ai clienti, una bella
fotografia a casa, che meraviglia”, mentre Sara Manfuso, showgirl e
opinionista, criminalizza il puttaniere, “un poveretto, un omuncolo, come il
segaiolo che sta in casa e si masturba usando la mano, mentre lui usa il
denaro” e il lavoro della prostituta non può avere la stessa dignità di altri
lavori perché “il corpo non è una merce qualsiasi”. Ci sono femministe che
paragonano la prostituzione a uno “stupro a pagamento”, sostenendo che
“non finirà mai la violenza contro le donne se accettiamo la prostituzione”,
che per loro non può mai essere una scelta libera. “Il problema è la
sessualità maschile,” dice la scrittrice Dacia Maraini. Più o meno quello che
pensa Marione Adinolfi, leader del Popolo della Famiglia, che paragona la
prostituzione alla schiavitù e pagare per una donna “il gesto più spregevole
che possa essere compiuto nei confronti di un essere umano”, dunque
vanno colpiti i clienti “con una bella busta arancione che arriva a casa, bella
netta e chiara, ecco quello che è andato a prostitute, così tutti i famigliari
saranno informati e la prossima volta ci penserà due volte”. Persino
l’avvocato Carlo Taormina davanti alle mignotte diventa peggio di un
imam: “La prostituzione non è una cosa moralmente accettabile, mercifica
il corpo della donna, lo Stato non può legalizzarla, sarebbero soldi sporchi
che vengono da un comportamento immorale.”

79
Prostituti

Roy Gigolò e i diecimila euro in nero

Roy Gigolò è marchigiano ma residente a Modena, ha superato i


quarantacinque anni e fa l’accompagnatore. Scrive sul suo sito: “Non sono
solo uno che ti darà piacere. Dare piacere è il mio lavoro e la mia passione.
Io cerco di più. Sono un enigmista. Mi piace scardinare anime. Quello che
mi affascina di più di una donna non sono le curve del suo corpo ma i
meandri della sua mente…” Tra i servizi?: “Love Coach, cioè consulente
d’amore: molto spesso vengo contattato da donne desiderose di conquistare
un amore, recuperare quello vecchio, capire, intuire se un uomo è
veramente innamorato di te”; “Incontri sesso: senza complicazioni, senza
conseguenze, senza coinvolgimenti”; “Finto fidanzato: stufa degli uomini
che ti danno sempre fastidio? I tuoi genitori ti stressano per trovare quello
giusto? Per ora sei single e vuoi pensare a studio o lavoro? Ti serve un finto
fidanzato per azzittire tutti”. E poi: “Gigolò per coppia, tecniche per
ingelosimenti, prove di fedeltà, vendetta per un tradimento, perdere la
verginità.” Gigolò speed ovvero: “Uno sconosciuto che ti aspetta in un
motel di periferia. Non lo conosci, sai a malapena il suo nome. Hai voglia
di fare sesso, subito, senza complicazioni… Concediti questa follia,
nessuno se ne accorgerà. Desiderare il sesso mordi e fuggi come lo fa un
uomo fa parte anche della psicologia femminile.”

“Ti diverti ancora dopo quasi vent’anni?”


“Un casino, altrimenti non sarei qui.”

80
“Cosa ti tiene vivo?”
“Il viaggio per andare da una nuova cliente. Ogni nuova cliente è
un’emozione straordinaria, la novità, l’odore, la puzza, la pelle,
l’epidermide, e poi quella che ama la pecorina, quella che vuole certe
posizioni, quella molto porca e quella impacciata. È un viaggio verso
l’ignoto, adrenalina pura.”
“Cosa ti eccita dopo tanto tempo?”
“La donna imbranata è molto più eccitante di quella navigata che è un
film già visto. Chi non lo sa fare, chi te lo prende in mano e quasi non sa
che fare, ti guarda negli occhi e vedi incertezza, stupore. Ecco questa è per
me l’eccitazione vera.”
“Fammi capire. La femmina con poco sesso alle spalle è il tuo ideale?”
“Sì, quella che non sai come gestirà il tuo cazzo, lo lecca, lo mette in
bocca e non è in grado di governare la situazione. Quello mi piace. Poi ho
imparato a fingere, come fanno le donne.”
“Cioè?”
“Ne ho fatte tre, ma in realtà sono venuto solo una volta. Ormai sono
bravo. Nel culo, poi, puoi bluffare facilmente.”
“E come fai?”
“Facilissimo. Spingi e fai finta di venire. Devi saper gestire le pulsazioni
del tuo pisello in modo che l’orgasmo sembri assolutamente verosimile. Poi
esci, vai in bagno, togli il condom e il gioco è fatto.”
“Condom fisso, immagino.”
“Quasi sempre. Ci sono clienti da sette anni con cui ogni tanto vado
senza. È una cazzata, lo so. Un rischio. Ma non ho mai preso nulla in tanti
anni, mai una candida, mai un’infezione, niente di niente. Il mio medico
dice che ho anticorpi speciali.”
“Che tipo di donne scelgono oggi di andare con un gigolò? Pagare per
essere scopate o accompagnate?”
“Ho un’opinione piuttosto bassa delle donne che vengono con me. Sono
persone emarginate, tipo quelle che vanno dai maghi. Fragili, introverse,
alcune hanno fallito nella vita. Scegli un gigolò se hai dei problemi. In
generale non si sentono più corteggiate dal compagno o dal marito, ma non
vogliono un’amante perché l’amante crea problemi, mentre affittare un
uomo ne crea meno, anzi nessuno. Dunque sono l’amante preferito delle
persone famose, dei vip, donne dello spettacolo o del giornalismo.”
“Per esempio?”

81
“Una coppia con lei che presentava il telegiornale. Avevano paura, prima
che lei arrivasse in carne e ossa ci sono voluti tre appuntamenti preparatori.
Mi facevano chiamare da altri. Non si fidavano.”
“Cosa cercano invece le donne da sole?”
“Meno sesso, più compagnia. In Liguria vedo spesso una donna sposata.
Pranziamo in un ristorante, poi lì vicino c’è un albergo. Facciamo sesso in
modo regolare, senza cose particolari. Ma ho l’impressione che lei goda di
più quando inizia a massaggiarmi dopo il rapporto. Mi riempie di olio tutto
il corpo, e parte.”
“Il marito?”
“Non sa nulla. Lei non ha più voglia di lui. E nel tradimento ha scoperto
un mondo nuovo, una nuova dimensione come donna, dice di essere
migliorata, di essersi evoluta. Non siamo solo martelli.”
“Mi interessa questa cosa. Cercano sesso, ma l’importante è altro?”
“Mettiamo le cose in chiaro. Sessualmente la donna che viene da me non
è navigata, ha delle mancanze, ha voglia di provare di nuovo certe
emozioni. Però, almeno per una buona parte, vogliono essere anche
corteggiate, come fossero in una favola.”
“La donna maiala che ti chiede la superprestazione è rara?”
“Sì. Oggi scopare è un attimo. Non paga, trova gratis il suo toro. E poi
non è che io sia eccezionale, sono loro che sono scarse. Il mio successo
risiede nella scarsità dell’altra.”
“Dicevamo delle coppie…”
“Negli ultimi anni c’è stata una rivoluzione del mercato dei gigolò. Ora è
l’uomo che regala il gigolò alla moglie. Sono diventato un esperto, un
conoscitore: si amano ma non hanno il senso del possesso, che è quello che
distrugge i rapporti.”
“Ci sarà un po’ di tutto, però. Non solo il maschio che vuole dare
soddisfazione alla sua donna.”
“No, certo. Anche la donna vuole accontentare il marito o compagno. A
Roma di recente in un albergo l’uomo era voyeur, guardava, ogni tanto
spiava, fotografava a distanza. Poi partecipava e tornava ancora a
riprendere. Una donna invece voleva essere ripresa perché così voleva il
suo amante, che a distanza riceveva le immagini in tempo reale. C’è di
tutto, persino coppie di amanti, che poi a casa hanno le loro vite.”
“Con alcune diventi amico?”
“Sì, assolutamente. Con una coppia di Pordenone, per esempio, la

82
scenografia più frequente è questa: loro trombano, io sono vicino,
accarezzo lei, la tocco, le metto le mani ovunque. Stop. Qualche volta, ma
si contano sulle dita di una mano, ho scopato con lei. Con altre invece ci
vuole una partecipazione vera, la coppia pretende che tu sia sessualmente
potente. La donna vuole prenderne due insieme, la doppia, due piselli nella
figa o nel culo.”
“Ma questi non potrebbero andare nei locali o affidarsi ai siti di
scambisti?”
“Sì, infatti un certo tipo di coppie l’ho perso nel tempo con l’esplosione
di questi siti e dei locali. Una coppia davvero trasgressiva non chiama il
gigolò. Resta la coppia che è alle prime esperienze, le novizie mi chiamano
quasi per fare un test e poi vanno gratis con altre coppie o con singoli
uomini.”
“Altri episodi?”
“Un notaio mi faceva trombare la segretaria e voleva solo spiare.
Guardava, ma non troppo. Come se scoprisse qualcosa di proibito. Godeva
così. E ovviamente qualche guaio. A Roma, pochi giorni fa: lei era legata al
letto con le gambe larghe, non sapeva nulla, eravamo al buio. L’uomo mi
aveva messo addosso anche il suo profumo, il corpo era più o meno lo
stesso. Ma quando ho iniziato a penetrarla a un certo punto mi ha toccato la
testa coi capelli, mentre il marito era pelato. È successo il finimondo, è
riuscita a liberarsi, urlava e ci ha cacciato di casa.”
“Ma, per voi gigolò, le coppie restano sempre una manna dal cielo.”
“Pensa che a un certo punto ero talmente legato a una coppia di clienti
che lui mi voleva assumere nella sua azienda, così potevo essere sempre a
disposizione della moglie. Hai capito? Ma ho rifiutato, sarebbe stato un
suicidio. Ma te ne dico un’altra.”
“Siamo qui.”
“Qualche volta dei clienti mi chiedono se posso allargare il parco dei
partecipanti, non solo io e la coppia ma anche un altro uomo o un’altra
donna o più persone. Succede che marito e moglie mi invitano in un
albergo in Grecia, ma vogliono anche una escort. Chiamo una mia amica,
affidabilissima. Loro, i paganti, lavoravano, noi dovevamo essere a
disposizione ogni giorno dalle 13 alle 14. Io trombavo la moglie, lui la
escort. Poi basta, liberi tutti.”
“Quando hai iniziato, tutto questo era impensabile.”
“Follia. Il gigolò prima era un mistero, ora è alla portata di tutti. Prima,

83
agli inizi di Internet, ci si vendeva in pochi con una foto semplice col cazzo
in mano. Ora si cerca più lo stile, l’eleganza, il livello si è alzato. Io sono
stato un innovatore in questo campo, il primo con giacca e cravatta. E come
ti ho detto c’è anche più richiesta, dunque il livello è più alto e devi
adeguarti.”
“Cioè?”
“Contano la professionalità, il servizio, la presentazione. E la qualità.
Prima c’era improvvisazione. Oggi siamo più di tremila, ma quelli
veramente validi, professionisti veri, sono una cinquantina o comunque
meno di cento. E considera che nel mondo degli escort etero la donna che
paga è una rarità, una minoranza.”
“Ma col tempo si è fatto vivo il fisco.”
“Una cartella esattoriale da 190.000 euro, comprese le sanzioni. Sul conto
ne avevo 200.000 e ho tirato via tutto. Adesso sono un fantasma per il
fisco.”
“Com’è iniziata questa battaglia?”
“Tutto è iniziato forse da qualche intervista che ho fatto, più o meno nello
stesso periodo di Efe Bal. Adesso sono formalmente nullatenente, i soldi
non li metto più in banca e non posso comprare nulla, macchine, case.
Nulla. Il problema è che a loro non interessa come li ho guadagnati, posso
anche aver trafficato in droga o in armi. Vogliono che paghi.”
“A che punto siamo?”
“Con il mio avvocato ho dimostrato che faccio il gigolò, i miei libri, le
clienti come testimoni, le interviste. E che non ho altre entrate. Se lo Stato
mi prende la percentuale è come se fosse un magnaccia, diventa un
pappone, sfruttamento della prostituzione. Abbiamo vinto in primo grado.
Se la portiamo a casa diventa un caso di giurisprudenza.”
“Sarebbe straordinario. Smetterai un giorno?”
“Ho quarantasette anni. Più invecchio, più guadagno. Mi pubblicizzo
molto. Lavoro molto sul mio portale. Il telefono squilla in continuazione. E
adesso anche le donne più mature sanno usare il web. Dunque il mercato si
è allargato.”
“L’età media delle clienti si è alzata?”
“Molto. L’altro giorno sono uscito con una poetessa di settantadue anni.”
“Ci hai fatto sesso?”
“No. Siamo andati a pranzo insieme e basta. Succede. Vogliono stare in
compagnia di un uomo. Magari mi richiama e scopiamo.”

84
“La più vecchia con cui sei stato?”
“Sessantotto anni.”
“Era impacciata?”
“Per niente. Ma era da dieci anni che non faceva sesso. Una vedova, una
che voleva togliersi questo sfizio. Ci sono riuscito, anche se ne dimostrava
ottanta.”
“Ti sei divertito?”
“In bagno mi davo le pacche sulle spalle da solo per congratularmi. Non
so come ho fatto.”
“Che faceva sessualmente? Anale?”
“Ma no, figurati. Molto classica, solite posizioni. Magari poteva anche
farlo, non ci ho provato. Le donne con cui vado fanno un anale facile
perché non hanno la consapevolezza di quello che stanno facendo, quindi a
volte fanno anale, ma non sanno cosa vuol dire. Per loro è una cosa
sconosciuta e indifferente, non le danno valore. Lo fanno e basta, all’inizio
magari fa male, poi si abituano.”
“Insomma, aumentano le anziane che cercano prostituti.”
“Sessantenni, non anziane. Prima non succedeva. Ma è normale. Sono più
ricche delle trentenni, hanno una pensione o quella del marito deceduto,
non badano a spese. Magari una più giovane non spende cinquecento euro
per andare con un gigolò o ci pensa di più.”
“Dunque donne in pensione.”
“Quasi tutte, sì. I veri ricchi oggi sono i pensionati, i giovani non sanno
nemmeno se la prenderanno la pensione.”
“E più giovani, richieste ne arrivano?”
“Le vergini. Qualche mese fa sono stato a letto con una ragazza di
ventitré anni. Una bella fighetta.”
“Perché ti ha chiesto di sverginarla?”
“Lei è una studentessa. Arrivano a questa cosa impreparate, ci ha provato
con un ragazzo ma non ci sono riusciti. Tra l’altro prima da lei è andato uno
della mia agenzia, ma si è bloccato e allora mi ha delegato.”
“Io però continuo a non capire. Perché una ragazza dovrebbe farsi
sverginare da un gigolò?”
“Paura di non essere all’altezza col tuo fidanzato. Poi alcuni non
riescono. Questa di Milano aveva un fidanzato con cui non è riuscita a
combinare niente, ora frequenta un altro. Ma non vuole rischiare.”
“Quante ne capitano illibate?”

85
“Almeno due al mese. A Salerno ho incontrato una di ventisei anni,
vergine, che sta con un disabile. Si doveva sbloccare con un gigolò perché
lui riesce ad avere un’erezione ma non sufficiente per sverginarla.”
“Altri casi del genere?”
“Una donna di quarantacinque, un’infermiera, e una di cinquantacinque.
Vengono spesso da esperienze traumatiche coi genitori, oppure da violenze.
Persone con problematiche psicologiche molto forti. Tra l’altro ho
collaborato con dei professionisti che le seguivano: una era talmente
bloccata che non riusciva a prendere l’ascensore con un uomo.”
“Ti capita di fare cilecca? Di restare lì col cazzo moscio?”
“Nonostante le pasticche, Cialis, Viagra e altro, capita, sì. La libido è
fondamentale.”
“Ti pagano lo stesso?”
“E certo. Mica è colpa mia se una situazione, una donna, non mi arrapa.
Ti racconto una storia.”
“Vai!”
“Una volta mi chiama una greca che era di passaggio a Roma, una specie
di Nobel. Hotel in via Veneto. E niente, non mi veniva duro. Me ne sono
andato dall’albergo umiliato. Si chiamava Maria.”
“E poi?”
“Dopo tre giorni mi invita a casa sua ad Atene. Anche lì, niente da fare:
cilecca. Ma continuava a pagarmi. Alla terza volta che mi ha chiamato, mi
sono sentito un po’ a disagio e le ho detto: ‘Scusa, ma io non capisco,
perché mi cerchi quando ti sei accorta che non ce la faccio?’”
“E lei?”
“‘Perché mi piaci come persona e poi me la lecchi benissimo. Vengo lo
stesso così.’”
“E tu sempre col pisello moscio?”
“Sempre moscio, o comunque poco funzionale al rapporto.”
“Vai pure con donne disabili?”
“Sì, spesso. Qualcuno mi accusa di sfruttare queste situazioni, ma sono
loro che chiamano e il mio compito non è quello di decidere se è un bene o
un male. Per me sul letto sono uguali alle altre. E comunque ci vorrebbero
gli assistenti sessuali che in Italia ancora non esistono.”
“Le accetti tutte?”
“Ascolto al telefono, certe le rifiuto se non articolano, non parlano. Anche
se una volta mi è capitato di avere parlato con la filippina.”

86
“E cosa è successo?”
“Sono andato in una villa sul lago di Como, e quando ero di fronte alla
persona con cui dovevo trombare, ho capito che sarebbe stato impossibile.
Sbavava, aveva le braccia contorte, come rattrappite. Mi faceva una gran
pena. Ho detto di no.”
“Era vergine?”
“No, il gigolò di prima ci riusciva. Ma la filippina mi ha detto che aveva
rubato tutta l’argenteria e non lo hanno più chiamato. La mettevano sul
letto come un tacchino per la penetrazione. Io non me la sono sentita.”
“E certe persone riescono a godere, a sentire qualcosa?”
“Qualcosa sì, poi dipende. Alcune donne con cui vado, disabili, non
hanno più sensibilità dalla pancia in giù e hanno bisogno di un abbraccio, di
una carezza di un uomo.”
“Le vergini e le disabili le fai pagare la stessa tariffa?”
“Come le altre. Io parto da cinquecento euro più spese, viaggio e tutto.
Poi dipende dalle situazioni e dalle persone.”
“Che vuol dire?”
“Se intuisco che c’è una donna ricca chiedo di più. Una signora di Pavia
mi dava diecimila euro, ma per lei valevano dieci.”
“Sempre diecimila euro per una scopata sono.”
“Alt. Il bello è che poi non trombavamo neppure. Una volta ci siamo
seduti sul divano a vedere un film di Verdone e basta. Qualche carezza. Lei
era improponibile, piena di psicofarmaci e di problemi.”
“Com’è finita?”
“Ci siamo visti per un po’. Una volta mi ha dato quarantamila euro.
Credo avesse avuto quattro mariti molto ricchi con conti sparsi in tutto il
mondo e qualche milione da spendere in contanti ogni sei mesi. Ma a un
certo punto sono uscito di scena, non volevo casini e i figli giustamente
stavano cercando di mettere una pezza.”
“Hai richieste da gay? Ci vai?”
“Le richieste arrivano, ma no, non vado. All’inizio della mia carriera
ricordo che mi facevo pagare per un pompino. Uno mi diede mille euro per
dieci minuti. Io ero sul letto, con un computer davanti e un film porno per
eccitarmi e non guardare. Ma se arriva una superproposta non lo so.”
“Cioè se ti offrono, dico una cifra, diecimila euro?”
“Ci penso. Per centomila sicuramente lo prendo dietro, non deve essere
un dramma. È sempre questione di soldi, come in tutte le cose.”

87
“Soldi che adesso non puoi nemmeno spendere.”
“Non so cosa farci, li ho portati via. E devo dirti: ‘Non me ne frega nulla
del denaro.’”
“Che vuol dire?”
“Ho dato qualcosa a mio fratello, i miei non hanno bisogno, figli non ne
ho e nemmeno una moglie. Casa e macchine non li compro, e comunque
non potrei. Che ci faccio? L’unica cosa che faccio è investirli sulla mia
attività.”
“Non ti frega niente degli affetti, costruire una famiglia?”
“No, una famiglia no. E non so nemmeno cosa significa innamorarsi. Fare
sesso per me è un do ut des, uno scambio di piaceri, un godimento e un
appagamento reciproco, un baratto: l’amore non c’entra. Dove c’è sesso
vero non c’è amore.”
“Una fidanzata è impossibile?”
“Le mie fidanzate sono le mie clienti. Riconosco di non essere normale.
Facevo il rappresentante, poi ho inseguito il mio sogno: fare il gigolò. E ce
l’ho fatta. Ma se dopo vent’anni sono ancora qui significa che qualche
problema ce l’ho.”
“Qualche neurone che non funziona?”
“Penso di sì. Non ho amici, sono un orso, faccio una vita monastica
dedicata a questo mestiere, non esco mai se non per incontrare un cliente.
Ti pare normale?”

Luca Borromeo, e il prete superdotato che si drogava e trombava in


parrocchia

“Abbiamo qui uno dei più famosi e ricercati escort d’Italia. È bisessuale, si
chiama Luca Borromeo, e fino a dieci anni fa faceva l’assicuratore, poi ha
cominciato a vendersi e a fare pure film hard.”
“Sì, ogni tanto faccio anche l’attore.”
“Ma guadagni di più come escort o a fare porno?”
“Guadagno di più come escort, il porno mi serve come pubblicità, una
specie di promozione.”
Parenzo: “Ma cosa vuol dire attore? Mastroianni era un attore, Tognazzi
era un attore.”
“Ma guarda che è più difficile fare l’attore in un porno che in un film

88
tradizionale.”
“Quanto guadagni?”
“Sui centomila l’anno penso di portarli a casa.”
“Tutto nero. Il primo cliente, ricordi chi era?”
“Avevo ventinove anni, lui era un commercialista di Firenze. Amante del
medical fetish, amava vestirsi da medico, in una specie di studio, con
l’odore di ospedale, e io ero il paziente timoroso che aveva paura di
ricevere i trattamenti medici. Lui era il dottore che provava piacere ad avere
come paziente questo ragazzo muscoloso e timoroso. Godeva a
controllarmi, in maniera blanda, alla fine mi fece una sega, diciamo.”
“Solo quello?”
“Sì, sì, a lui piaceva la situazione, non la prestazione sessuale vera e
propria.”
“E dunque si eccitava così, ma ti eccitavi anche tu?”
“Francamente sono uno a cui sono sempre piaciute le coccole. Anche in
questa situazione bizzarra mi sentivo comunque coccolato.”
“Tu sei bisex, però ti piace di più il maschio.”
“Ti sbagli. Ho un buona clientela di donne e coppie.”
“Che gioco c’è con le coppie?”
“Giochi variabili. Nei prossimi giorni ne vedo una. Lei è sempre un po’
imbarazzata, le faccio un massaggio rilassante per scioglierla e poi sia io
che il marito ci dedichiamo a lei, ce la scopiamo insieme.”
“Ma tu vai anche con lui?”
“Hanno anche questa fantasia di vedere il marito penetrato, ma purtroppo
non siamo ancora riusciti perché lui ha un po’ di paura.”
“Mi raccontano che sei andato con un ottantenne. È vero?”
“Sì, era una specie di aristocratico romano. Ma non c’è stata
penetrazione. Solo sesso orale. Di solito copro dai diciotto ai sessant’anni,
massimo.”
“È vero che sei incazzato con il tuo collega escort Mangiacapra per avere
sputtanato i suoi clienti? Ricordiamo che Mangiacapra è quello che va con i
preti e poi ha fatto un dossier, distribuendolo a giornalisti e vescovi, in cui
ci sono foto, racconti e numeri di telefono dei suoi clienti. Ha sputato nel
piatto dove ha mangiato.”
“Eh sì. Io mi domando se insieme ai dossier ha portato anche i soldi che
ha preso da queste persone, che andavano comunque rispettate.”
“Ma vengono anche da te?”

89
“Ti faccio un esempio: questa mattina mi ha chiamato un francescano.”
“Quanti anni ha?”
“Credo che ne abbia almeno quarantacinque.”
“Te l’ha detto lui che era un prete?”
“Lo so perché mi riceveva con il saio in sacrestia. Mi faceva arrivare alla
fine delle sue riunioni in modo che i suoi parrocchiani mi potessero vedere
e poi noi andavamo di sopra e facevamo quello che dovevamo fare.”
“E cosa facevate?”
“Guardavamo un film porno, tiravamo di popper e ci scopavamo a
vicenda. Quando ho iniziato a fare l’escort mi dicevano: ‘Tira fuori il
popper’, ma io non sapevo cosa fosse.”
“Usi delle droghe?”
“No, attenzione. Non è una droga, è un eccitante che usano sia i gay che
gli etero. Nel rapporto gay viene utilizzato prima di ricevere la
penetrazione, perché comunque il popper rilassa e quindi consente di essere
scopati senza sentire dolore.”
“Scusa, com’è finita la storia del prete francescano?”
“Ha cominciato a usare altre droghe, allora sono uscito di scena… Invece
lui ha scoperto la cocaina e tutto il resto. Una volta mi ha chiamato e mi ha
detto se volevamo farlo insieme.”
“Voleva scopare con te e pippare?”
“Sì, ma io mi sono tirato indietro. Qualche giorno fa il prete mi ha
telefonato dicendomi che era stato derubato dal suo spacciatore e mi
chiedeva come fare.”
“Era dotato?”
“Sì, sì, eccome. Mamma mia se era dotato, un cazzo durissimo che non ti
dico. Credo fossimo intorno ai venti, ma adesso con la coca non penso
abbia le stesse prestazioni.”
“Qual è la richiesta più strana che ti hanno fatto?”
“Un cliente mi ha chiesto di mettere incinta la moglie.”
“Cosa hai fatto?”
“Non ho fatto, punto. Loro erano miei clienti abituali, viaggiavamo sui
seimila euro al mese. Almeno una volta ogni settimana facevamo la notte
insieme… Ero diventato la loro cocaina, la loro droga.”
“Finora avrai guadagnato un milioncino. Che ci hai fatto?”
“Ho comprato un immobile, ho aiutato i miei genitori, ho ristrutturato una
casa in Toscana.”

90
“È vero che vuoi fare un bordello per gay?”
“Magari fosse possibile. Sarebbe il top.”

91
Utilizzatori

Carlo Pernat, lo specialista dei bordelli

Carlo Pernat, genovese purosangue classe 1948, è un famoso dirigente


sportivo italiano. Ha lavorato soprattutto nelle moto, in Gilera, Cagiva,
Aprilia e poi come manager di grandi campioni tra cui Loris Capirossi e
Andrea Iannone. Si descrive in questo modo: “Sono uno a cui piace vivere
e godere, nel senso che non mi faccio trascinare dalla vita, la trascino io. Il
mio motto è: ‘Il tempo non passa, arriva.’ Ha scoperto Valentino Rossi:
“Graziano, suo padre, mi disse: ‘Vieni a vedere mio figlio.’ Era il ’95 e
capii subito che era un matto, faceva delle traiettorie… Firmò per tre anni.”
A un giornale di motociclismo ha detto: “Vorrei morire mentre sto con una
bella figa. Vuoi sapere cosa scriverei sulla lapide? ‘Qui riposa un uomo che
si divertiva e basta, uno felicissimo della vita che ha fatto.’ Non cambierei
niente tranne la morte. Perché morire è brutto, gente. Ecco, scriverei così:
‘Non cambiatemi la vita, cambiatemi la morte.’”

“Ti devo presentare un personaggio incredibile, caro David.”


Parenzo: “Devo tremare?”
“No, ma distruggerà uno dei tuoi cavalli di battaglia. Distruggerà lo
stereotipo che hai in testa su chi va a prostitute, che secondo te è un
miserabile.”
Parenzo: “Non è uno stereotipo, è la realtà, caro mio. Siamo precisi, chi
va con le prostitute secondo me è innegabilmente un miserabile. Lo
ribadisco.”

92
“Ed è qui che ti sbagli. Costui, una vera celebrità nel circuito delle moto,
frequenta una certa quantità di bordelli e ti dirà che è una cosa
normalissima, anzi fa anche bene alla salute e alla vita. Ecco a voi Carlo
Pernat, conosciuto anche come Don Carlo, sessantotto anni.”
“Buona sera ragazzi, ahimè è vero, ho una certa età.”
“Avrai anche una certa età, ma dicono che potresti scrivere una guida dei
bordelli in tutto il mondo, una specie di Michelin dei casini.”
“Sì me l’hanno anche proposto. Il problema è che non puoi farla, in Italia
è vietato lo sfruttamento. Ma potrebbe essere una bella idea: al posto dei
cucchiai ci metto tre bocche o tre sederi, sarebbe anche una cosa simpatica,
secondo me.”
Parenzo: “La guida dei miserabili, certamente.”
“Ma quali miserabili!”
“In effetti è un’idea fantastica: tre bocche come punteggio massimo, o tre
culi.”
“Io Parenzo lo rispetto, ma essendo un uomo di cultura dovrebbe sapere
che il bordello serve a debellare la piaga di un male che rischia di uccidere
l’umanità, la sindrome del seme ritenuto.”
“Spiegami bene sta cosa, cosa intendi con sindrome del seme ritenuto.”
“Seme ritenuto è quando tu non trombi per un certo periodo.”
“Ah, ok perfetto, quindi quando uno non tromba soffre di questa
sindrome?”
“Sì, ti faccio un esempio: uno che è timido con le donne cosa fa? Ritiene
il seme, non è che fai l’amore con te stesso. La masturbazione non basta.
Funzione sociale del bordello.”
“Ma tu sostieni che i bordelli salvano anche i matrimoni?”
“Certamente, chi è sposato impara cose che con sua moglie non fa e così
quando torna a casa poi fa cose che altrimenti manco si sarebbe
immaginato. E così è più contento lui e anche la moglie. Si scatena
sessualmente e fa felice la compagna.”
Parenzo: “Guardi, caro amico, io sarei anche d’accordo: la riapertura
delle case chiuse come una riduzione del danno in un mondo popolato
purtroppo da tanti miserabili. Per me la questione è morale.”
“Alla fine non puoi dire di non avere mai pensato di andare in un
bordello. Semplicemente non ci sei mai andato. Credo che intorno al
mondo dei bordelli, da parte di chi non c’è mai stato, ci sia tanta ipocrisia.”
Parenzo: “Ma assolutamente no, del bordello non mi piace il concetto di

93
fondo sul piano umano.”
“David, sei un po’ ipocrita, perché se accetti il concetto di bordello per
togliere dalla strada questa gente, in realtà condividi che non ci sia niente di
male nella prostituzione e allora non puoi considerare miserabili quelli che
ci vanno.”
“Quindi tu consideri Carlo Pernat un miserabile?”
Parenzo: “Pernat è un miserabile al cubo: non solo ci va, fa l’elogio dei
bordelli in cui è andato, ma addirittura vorrebbe fare una guida in cui
descrive le specialità. Un miserabile al cubo.”
“In questa guida chi metti in prima fila?”
“Tutti i paesi civili hanno dei grandissimi bordelli, i migliori sono della
catena Babylon in Austria.”
“E poi?”
“Uno dei migliori è a Sydney in Australia e si chiama Penthouse. Ma ci
sono da tutte le parti. Anche la Malesia ha dei bordelli bellissimi dove ti
fanno i massaggi doppi a quattro mani.”
“Quanti soldi hai speso?”
“Con quello che ho speso in bordelli potevo comprarmi un appartamento
sul mare. Ne ho uno e avrei potuto comprarne altri, lo avrei sfruttato
portando qualche bella bambina: maggiorenne, s’intende.”
Parenzo: “Lei è un bravo manager, però…”
“L’ho fatto di Valentino, Biaggi, Capirossi, del povero Simoncelli e di
Iannone. Ti sparo qualche nome.”
Parenzo: “Lei è un ricco che frequenta prostituzione d’alto bordo…”
“Ma quale alto bordo. Delle volte mi sono pure innamorato e queste
venivano a casa mia…”
“Di chi ti sei innamorato?”
“Una sudamericana, è stata da me qualche settimana.”
“Qual è il weekend del motomondiale più caldo dal punto di vista
sessuale?”
“Spagna, Spagna. C’è un locale spettacolare a Jerez, il Don Tijo, ma
anche a Barcellona segnalo due bordelli straordinari, il Riviera e il
President, solo per fare due nomi. Per non parlare di Brno, la Repubblica
ceca ha delle donne meravigliose. Un troiodromo. Una volta era più
accessibile, più facile, adesso ci sono il Moulin Rouge, il Velvet, ma si
fanno pagare e fanno anche bene. Si sono fatte furbe. Andate in Austria,
che si risparmia.”

94
“Le donne cosa sono per te?”
“O sante o troie. Ma ora dico una cosa che le farà incazzare. Sono come i
cani, ma in senso buono.”
“Cioè?”
“Parli con loro e sembra che ti capiscano, ma non ti capiscono mai. La
donna è uno spettacolo, senza le donne non potremmo vivere.”
“Ma perché i cani?”
“Perché non ti capiscono mai.”
“Perché dividi il mondo in due, sante o troie?”
“Quando vai in certi posti te ne accorgi. È difficile dirlo, ci provo. Sono
una cosa bellissima, ma sono donne. Noi uomini quando arriva una ragazza
dal sei in su non ci pensiamo neppure ad andare a letto, ci andiamo e basta.
Alla donna deve piacere qualcosa, anche un ginocchio, gli occhi.”
“Racconti sempre quella del maiale, com’è?”
“Un mio amico diceva: ‘Del maiale si tiene tutto, della maiala si tiene il
numero di telefono.’ Poi ce n’è un’altra: alla donna italiana piace o ricco o
Rocco.”
Parenzo: “Un miserabile filosofo contemporaneo.”
“Come vorresti morire?”
“Che mi venissero a prendere in un troiodromo con una bellissima donna,
anche con due. È bellissimo.”
“Ci sono i gay nel motociclismo, tra i piloti?”
“Assolutamente no.”
“E perché?”
“Non so, forse la voglia di essere veloci, la velocità.”
“È un mondo che respinge i gay?”
“Sì, è un mondo molto maschilista. Te lo posso garantire.”
“Potrebbe esistere un pilota gay?”
“No, assolutamente.”
“Andare in moto è roba da gay?”
“Sì, perché no? Quelle con tre ruote, un po’ più dolci.”
“Il mondo del motomondiale no?”
“No, credetemi. Io rispetto i gay, nella vita ognuno fa quello che vuole.
Ma qui bisogna avere il cervello in un certo modo, bisogna essere cattivi,
duri. Il motociclista deve avere un chip mentale.”
“Non devi essere effeminato…”
“Non ce la fai, devi essere cattivo.”

95
Parenzo: “Questo qui parla per stereotipi.”
“Ma che dici? Sono cose che vivo. Io coi piloti ci vivo assieme.”
“Quante donne ti sei fatto nella vita?”
“Be’, circa un migliaio, non è che sto lì a tenere il conto. Ma voglio dire
ancora una cosa a Parenzo. I bordelli sono pieni zeppi di gente, sempre.
Dunque c’è un mondo di ipocriti.”

“Sono un puttaniere, per me è una medaglia”

“Pronto, sono arrivato adesso. Madonna, per fare la tangenziale di


Barcellona e la diagonale ti sembra di andare sulla luna. Porca troia,
minchia ragazzi!”
“Ah ah ah!”
“Ci ho messo un’ora e mezza dall’aeroporto a Granollers, belin!”
“Meglio se andavi subito in un bordello.”
“Il posto c’è, si chiama Felina. È consigliato, numero uno.”
“Come si chiama?”
“Felina, il marito del felino. Ce n’è uno a Valencia e uno a Barcellona.
Tutte sudamericane. Guarda su Internet e vedi che roba che c’è.
Venezuelane, colombiane.”
Parenzo: “Ma che è, merce?”
“Non è merce ma quando vai a comprare un libro, cosa dici? Vado a
comprare un libro, e invece di questo non puoi parlare. Siamo l’unico paese
civile, o incivile, che non ha le case chiuse. Ma cosa siamo, deficienti?”
“Incivile, dico io.”
“Vai in Austria e c’è una serie di Babylon che fanno paura, bellissimi.
Vai in Germania, che con la Merkel dovrebbe essere quasi un santuario, ed
è pieno di bordelli, vieni in Spagna ed è pieno uguale, vai in Portogallo, che
è un paese dove non si spende una mazza, e anche là ce n’è a strafottere.
Ma ragazzi, cosa siamo… Facciamo guadagnare gli altri. Noi italiani, che
siamo grandi puttanieri e frequentatori di bordelli, siamo costretti ad andare
all’estero. Devi sapere che a Villach, in Austria, il bordello è gestito da un
italiano. E quando vado a Zeltweg per il Gran Premio di Formula 1 e le
moto, vado in un bellissimo posto che si chiama Karisma, gestito anche
quello da un italiano. Noi esportiamo le cose belle.”
Parenzo: “Che vergogna guadagnare su questo.”
“Ma perché?”

96
Parenzo: “Fare l’imprenditore su queste cose…”
“Se non ci fossero i bordelli sai quante guerre. C’è il mondo che è pieno
di seme ritenuto. Pensa un po’, se questi che non hanno approccio con le
donne, sono timidi, brutti, grassi, pelati, non lo so, non avessero questo
sfogo… non sai quante guerre ci sarebbero, ma stiamo scherzando?”
“Tu dici che il seme ritenuto può portare alla violenza?”
“Assolutamente. Quando ne fai un boccione però è un casino. Meglio
svuotarlo come una clessidra. Chi lo svuota e chi lo svuota in un altro
modo. L’importante è svuotarlo, devi svuotarlo.”
“Stupendo. Carlo, nel tuo libro Belin che paddle, appena uscito, mi hai
omaggiato di un paio di citazioni ricordando la nostra prima conversazione.
Ora, di recente, i parrucconi della Corte Costituzionale hanno detto che
prostituirsi non è mai una scelta di libertà e che non c’è mai dignità a fare
questo lavoro.”
“E chi l’ha detto? L’ipocrisia è quella che rovina il mondo. E questa è
ipocrisia, ipocrisia vera e propria. Ma scherziamo davvero?”
“Non capiscono un cazzo di vita reale.”
“Sono ipocriti.”
Parenzo: “Non sono ipocriti, interpretano la legge.”
“Tu hai mai incontrato donne costrette?”
“Io ho incontrato solo persone che lo fanno volentieri. Poi ci guadagnano,
certo. Molte ragazze madri, è vero. Ma una buona parte lo fanno per diletto
e ne hanno fatto un business. È così che si fa, la vita è questa.”
“Dicono: ‘Non è mai una scelta’, invece spesso è una scelta.”
“D’accordissimo.”
Parenzo: “Una scelta che lede la dignità umana. E poi non è che Pernat si
mette a parlare di questo con le ragazze.”
“Ti sbagli, ci parlo. Alcune sono anche amiche. E come sapete ho avuto
anche qualche relazione.”
“Ti sei fidanzato con qualche mignotta?”
“Le ho sempre tradite, io tradisco anche le troie. Non mi fidanzo, ma
alcune le ho portate anche in vacanza. Perché no?”
“Ti sei innamorato di qualche escort?”
“Innamorato è una parola dura.”
“Invaghito?”
“Ecco, invaghito è una parola più giusta. E poi loro si invaghiscono molto
più della carta di credito che dell’uomo, diciamo le cose come stanno.”

97
“Sei stato sempre consapevole di questo?”
“Ah, guarda, ho una carta di credito che se vado a vedere tutto il passato,
ho uno scottex di roba, ma non sono soldi buttati, mai.”
“Devi sapere, Parenzo, che Pernat disse: ‘Con tutti i soldi che ho speso
per le mignotte mi potevo comprare un appartamento al mare.’ E ha fatto
pure i conti.”
“Sì, sì. Ne ho fatti anche due di conti, e alla fine mi sono anche incazzato.
Potevo stare con le palle al sole, ma non mi piace stare con le palle al sole.”
“Hai speso quasi mezzo milione di euro in mignotte, ma nessun
rimorso?”
“Ma scherzi? Non ho nessun rimorso, rifarei tutto quello che ho fatto e
sono felice. Il mio motto, caro Giuseppe, è il tempo non passa, il tempo
arriva. Quello che hai fatto ieri non conta un cazzo. Conta quello che farai
domani.”
“Ma rapporti fissi? Sono fuori discussione?”
“Ne ho avuti. Una moglie e una figlia di quarantaquattro anni, con
nipotina.”
“Sempre tradito?”
“Sempre. Subito.”
“Il tradimento è qualcosa che fa andare avanti i rapporti.”
“Non c’è dubbio. L’abbattimento dei rapporti è l’abitudine. Io sono
favorito perché giro il mondo per le gare, per altre cose. La mia vita la
considero il top. E sono per le case chiuse, per essere chiaro. Sono pulizia,
legge, controlli, sanità, incassi per lo Stato. Meglio di questo cosa c’è?”
“A te piace vedere la tua donna scopata da altri?”
“Ti racconto un aneddoto. Io non l’ho mai fatto, ma una volta un
giornalista di cui non posso fare il nome mi ha pagato per scopare una e lui
vedeva in giacca e cravatta.”
“Una mignotta?”
“Sì, certo.”
“Magari era la fidanzata?”
“No, no, no. Guardava ed era contento.”
“Si faceva una sega?”
“No, guardava e basta.”
“Hai scopato gratis?”
“Da buon genovese.”
“Alle femministe che dicono: ‘La parola ‘puttana’ non si può usare, la

98
prostituzione offende le donne’, Carlo Pernat come risponde?”
“Anche gli uomini fanno i prostituti. Stessero zitte. Tante donne di
cinquanta, sessant’anni, chiamano gli uomini a pagamento. Non c’è
differenza. Apriamo le case chiuse.”
“Se ti chiamano puttaniere ti offendi?”
“Macché. È un’onorificenza, come una medaglia.”
“Da vecchio puttaniere ancora ti masturbi?”
“Siccome ho una bella memoria, non mi ricordo mai di essermene fatta
una.”
“Non ti diverti con l’onanismo?”
“No, da solo non mi diverto.”
“E la cosa che ti piace fare di più con una mignotta?”
“Sono un amante della fellatio.”
“Un classico.”
“Sarà anche un classico, ma piace a tutti. ”

Mimmo e la vocazione per i bordelli

“Cosa ci fa Pietro Longo in un bordello? Sei uguale all’ex segretario


socialdemocratico.”
“Cosa ci fa?… Tromba, diciamo.”
“Lei ha la faccia da travet, la faccia da impiegato delle Poste.”
“E con questa faccia da impiegato statale sono finito a trombare anche nei
sobborghi di Kiev tra gente con le pistole.”
“Ma perché?”
“Perché sono veramente malato di figa. Non mi drogo, non fumo, ma
sono drogato di gnocca.”
“Impossibile fidanzarsi o sposarsi?”
“Ci ho provato, ma non ce l’ho fatta. Ha prevalso la figa, assolutamente.”
“Diciamo la verità, vieni in questi meravigliosi luoghi di libertà perché
fuori trombi poco.”
“Certamente sì.”
“Riconosci le tue mancanze fisiche?”
“Le riconosco.”
“Sei praticamente un cesso, lo possiamo dire?”
“Potrei anche dire che sono un cesso. Ma ho una cosa che… Sono stato

99
votato in un locale come prima lingua da novanta ragazze.”
“Com’è possibile? Come fanno a deciderlo?”
“Hanno fatto un piccolo sondaggio interno. Il miglior trombatore, il
miglior leccatore, il più bello. Sì, sono risultato il miglior leccatore di figa.”
“Potresti scrivere una guida.”
“Lo farei subito. Ho fatto ventidue anni di bordelli, soprattutto nell’Est
Europa.”
“Che fai di mestiere?”
“Sono un commerciale, un agente.”
“Che tipologia di prostituta ti piace?”
“Teen tutta la vita. Ragazzine giovani.”
“Quanto spendi per questa attività?”
“Adesso meno. Ho conosciuto gente da dodicimila al mese. E molte
persone che ne spendono quattromila. Io ormai mille, duemila al mese, più
o meno.”
“Perché preferisci andare a puttane invece che con le ragazze normali?
Avrai qualche problema, sei microdotato?”
“No, sono normodotato. Semplicemente riesco ad andare con ragazze più
belle di quelle a cui potrei aspirare nella vita di tutti i giorni. Penso di non
far niente di male. Per la prostituzione, l’Italia è un paese sottosviluppato.
Dobbiamo fare centinaia di chilometri per raggiungere i bordelli.”

Il medico pugliese, le puttane e la copanata

“Lei che mestiere fa?”


“Sono un medico.”
“Un professionista affermato?”
“Sì, direi di sì. Abbondantemente.”
“Sposato?”
“Certo.”
“Sua moglie è a conoscenza che lei frequenta questi luoghi?”
“Assolutamente no, ma lei è tranquillissima, è felice perché quando vado
a questi importanti appuntamenti di cultura medica torno sempre più ricco
di conoscenze e di spirito.”
“Dunque lei è qui, in questo bordello austriaco, ufficialmente per un
convegno.”

100
“Un congresso fondamentale di cardiologia.”
“I soliti congressi, un classico.”
“Credo che lei abbia elaborato una teoria semplice: l’uomo è più felice se
segue un po’ la sua indole e trova il suo spazio, anziché rompere i maroni.
Nel mondo di oggi le cose si sono un po’ evolute, non possiamo rimanere
alla clava. Non mi sento anomalo o abnorme.”
“Ma la moglie la scopa ancora o no?”
“La moglie è contentissima. Quando torno a casa, alla grandissima. Sono
molto caldo e portato al sesso.”
“Lei non si sente un miserabile, come dice Parenzo?”
“Noi qui, quando siamo in questo bordello, siamo felici, tutti con le
proprie storie ma tranquilli, felici, pieni di luce, colori e rumori. I depressi
lo sanno cosa dico.”
“L’uso del corpo della donna, la mercificazione…”
“Queste ragazze non le vedo affatto tristi o sfruttate e gli uomini non
fanno solo un bieco uso del loro corpo. Qui ci si diverte, con allegria e
rispetto. Diventa quasi un modo alternativo di fare conoscenza.”
“In un paio d’ore quante ne ha fatte?”
“Qui se te ne fai meno di due sei un pirla.”
“Ma lei ha la sua età.”
“Sulla sessantina.”
“Quante a serata?”
“Anche tre, quattro. Se trovi le ragazze giuste che ti sanno coinvolgere.”
“Quanto spende in puttane?”
“Non tantissimo. Non vengo spesso.”
“Ha una sua specialità, una fissazione?”
“Sono per la copanata.”
“Cos’è?”
“Uno stantuffamento ritmato, pesante, tipo: bum, bum, bum.”
“La botta?”
“Sì, la botta.”
“Le misure sono buone?”
“Guarda, alcune ragazze qui dicono: ‘È meglio che adesso non vengo con
te perché sono un po’ stanca e tu ce l’hai troppo grosso.’”

Alberto, che affitta prostitute per la moglie

101
“Alberto da Milano, vai!”
“Io ogni tanto, a seconda di come va il lavoro, affitto una signora
prostituta per vederla insieme a mia moglie.”
Parenzo: “Di solito, però, il noleggio riguarda le cose non le persone.”
“Non ci formalizziamo.”
“Allora diciamo così: mi metto d’accordo con una signora prostituta, la
quale per una cifra discreta – più o meno quattrocento euro – fa sesso con
mia moglie. Arriva in motel in Mercedes: non mi sembra una donna
sfruttata, anche se magari ha dietro il racket.”
Parenzo: “Se a sua moglie piace così… In questo posto sembra tutto
normale. Normale che uno ha una fidanzata, apre la porta e la trova montata
da un altro, e altre cose.”
“Ripeto. Prendo accordi con questa prostituta e non so se sia sfruttata. Ma
con questo ragionamento non dovrei nemmeno mangiare i pomodori che
vengono dal Sud perché leggo che vengono raccolti da gente sfruttata.”
“Io tornerei alla moglie. Fate sesso in tre?”
“Mi piace vedere loro. Poi io lo faccio con mia moglie.”
“Tua moglie è bisex?”
“Assolutamente sì.”
“Affitti sempre la stessa o cambi?”
“Negli ultimi anni ho preso sempre la stessa. Una ragazza di colore.”
“Come mai?”
“L’ho trovata su Internet, è piaciuta a entrambi.”
“Black and white. Cosa fanno?”
“Quello che possono fare due donne. Senza oggetti. Molto probabilmente
mia moglie vorrebbe un maschio, ma io non ho il coraggio di avere
concorrenti e mi fa impressione vedere un uomo con lei. Sono un vigliacco,
forse.”
“Sì, è un gran vigliacco!”
“Sì, lo confesso, sono un vigliacco.”
“Dovrebbe avere il coraggio di far scopare sua moglie da un uomo.”

Marco, che si è sposato con una prostituta nigeriana

“Marco da Parma, dimmi.”

102
“Sono sposato con una nigeriana che ho conosciuto tre anni fa sul
marciapiede.”
“Fermi tutti! Mi stai dicendo che hai incontrato una prostituta,
probabilmente l’hai anche trombata da prostituta e poi l’hai sposata?”
”Sì, l’ho trombata da prostituta.”
Gottardo: “Quanto chiedeva sua moglie, prima di diventare sua moglie?”
“Mah, trenta euro.”
“Tutto questo a Parma, e lei è venuta qui da clandestina, immagino.”
“Sì, assolutamente irregolare, è venuta sui barconi in Italia tre anni fa con
il miraggio di una di quelle Maman, quelle pappone che gestiscono la vita
di queste ragazze e le illudono di venire qui in Europa a fare soldi.”
“Ha pagato per questo viaggio?”
“Ha dovuto fare una specie di debito lungo.”
“Tratta di essere umani. Mi stai dicendo che la ragazza è venuta qui
apposta per fare la puttana ed è rimasta con un debito.”
“Esatto.”
“Andavi a puttane regolarmente?”
“Ogni tanto, sì. Una sera ho incontrato questa ragazza ed è scattata quella
cosa come può scattare con una commessa al supermercato, e niente, da lì
abbiamo cominciato a frequentarci.”
“E poi?”
“Ho fatto di tutto da buonista un po’ rock per toglierla da quel mestiere
perché mi piaceva, mi piace pure ora come moglie, anche se è ingrassata
venti chili. Quando è arrivata qui era magra, magra, magra.”
“Ma da quando la scopavi da cliente cosa è cambiato?”
Gottardo: ”Che non la paga più.”
“Be’, questo sicuramente, comunque non è cambiato niente.”
Gottardo: “Lei non si fa un po’ schifo a raccontare questa cosa, che
andava a puttane e le tirava su dal ciglio della strada?”
“No, per niente.”
“Ma perché devi dire così. Questa è una grande storia, È una storia di una
persona che andava a prostitute. Poi ha trovato questa ragazza e gli è
piaciuta più delle altre.”
“Sì, giusto, proprio così.”
Gottardo: “È gente come lui che alimenta la tratta della prostituzione
nigeriana e la mafia nigeriana.”
Parenzo: “Però l’ha anche aiutata.”

103
Gottardo: “Ma fa schifo lo stesso, perché andava con gente disperata
come sua moglie, che pur di uscire da quella situazione ha sposato questo
qua.”
“Marco, rispondi a Gottardo!”
“Nemmeno lo ascolto. Ho già risposto a molti vicini di casa, ma poi che
cazzo me ne frega di Gottardo?”
Parenzo: “Perché attaccarlo, ha fatto una cosa molto bella, invece.”
“Io non mi vergogno, vi racconto com’è andata. L’ho aiutata fin dal
primo giorno che l’ho vista e non vi dico che è stato tutto rose e fiori.
Queste persone prima di mollare un lavoro sicuro… Prima di sottrarsi allo
sfruttamento e togliersi dalle grinfie di questa Maman. È stata dura
convincerla che con me poteva fare una vita normale. Non le offrivo niente
di più, però poteva sicuramente stare in una casa… pianificare un vago
futuro che era quello per cui probabilmente era arrivata in Europa. Questa
ragazza è normale, ha capito il meccanismo.”
“Cosa c’era dietro tua moglie? Chi comandava?”
“Non posso sapere se si trattava di un’organizzazione ben strutturata.
Posso raccontare solo questo episodio: un bel giorno su Internet una figura
importante di Benin City, da dove viene mia moglie, una specie di re, ha
riunito questi religiosi che fanno i riti voodoo e ha fatto una specie di fatwa
dove ha detto è uno scandalo quello che succede con le ragazze, la
prostituzione, e queste cose qui.”
“Praticamente sono state liberate?”
“Sì, compresa mia moglie.”
“Ma lei pagava il pizzo a qualcuno?”
“Pagava una Maman qui in Italia.”
“A casa tua come hanno reagito a questa storia del matrimonio?”
“Mia madre ha ottant’anni, le stava prendendo un colpo. Tre anni fa,
quando mi sono fidanzato, mia madre la guardava malissimo, come un
begno nella minestra.”
Gottardo: “Ma il begno nella minestra quanti anni ha?”
“Be’, è abbastanza giovane, mica me la vado a prendere vecchia.”
Gottardo: “Ma lei, signor benefattore, quanti anni ha?”
“La ringrazio, ma io non sono il benefattore di un cazzo, perché lo faccio
per me e un po’ per lei.”
Gottardo: “Quanti anni ha?”
“Chissenefrega. Comunque ho cinquantadue anni. Lei ne ha ventisette,

104
ma ragiona come mia nonna.”
Gottardo: “Ventiquattro anni di differenza.”
“Che problema c’è? Comunque cosa ti ha attirato quando l’hai
conosciuta?”
“La prima volta ho visto questo gran pezzo di figliola alta un metro e
settantacinque con una parrucca da paura e soprattutto con quegli occhi che
sono la cosa che probabilmente mi ha fatto andare oltre l’atto sessuale a
pagamento, mi è scattato dentro qualcosa. Qui c’è qualcosa in più, mi sono
detto.”
“Lei non scopa più con altri?”
“No. Bruciavo come un falò e ho fatto di tutto e di più per toglierla da
quel contesto, tutte cose lecite, ovviamente. Non ho mai fatto del male a
nessuno, sono un tranquillo operaio a 1200 euro al mese, l’ultimo degli
sfigati per capirci.”

105
Cervelli emigrati

Escort Advisor, ovvero il pagellone delle puttane

Appena superato il confine italiano a Chiasso, al pianoterra di una palazzina


anonima e senza insegne, c’è un gruppo di persone (molte donne) che
passano il tempo a catalogare e dare voti alle puttane del nostro paese.
Meglio, non sono loro che distribuiscono i voti bensì i clienti. Chi non
conosce Trip Advisor, il portale dei ristoranti e delle trattorie? Ebbene, più
o meno è la stessa minestra. Solo che al posto della valutazione sulle
pappardelle o sull’accoglienza dell’oste abbiamo un 7 al pompino, un 4 alle
tette, un 9 alle disponibilità anali o una bocciatura per lo scarafaggio sotto il
letto, una fellatio svogliata. Alla fine che differenza c’è? Stiamo parlando di
Escort Advisor. I signori che lo hanno creato, possono essere considerati
dei pionieri: mettono in contatto cliente e prostituta anche dopo l’amplesso
attraverso Internet. Uno valuta, l’altra se ha voglia risponde. Ergo: se ti
trovi a Bari, tanto per fare un esempio, e vuoi andare sul sicuro a mignotte
basta scorrere l’elenco e puntare sul meglio (o sul peggio, se hai il gusto
dell’orrido o della sfida). Uno dei fondatori della baracca (sono in tre) fa di
nome Mike Morra, un omaccione pratico ancorché poco incline ai pipponi
moralisti di femministe e religiosi vari. Si incazzò come una bestia quando
la Corte Costituzionale bloccò la cancellazione della famigerata Legge
Merlin. Se la prese, il Morra, per le motivazioni, secondo le quali la
prostituzione non è mai una scelta totalmente libera, che degrada la dignità
delle persone.
“Una cosa ridicola e cialtrona. Considerano le prostitute alla stregua di

106
persone incapaci di intendere e di volere.”
“Mike, voi però siete parte in causa. Nel senso che sulle puttane ci
guadagnate.”
“No, guarda. Questo è il frutto della cultura imperante in Italia. Un
sistema che non ha più senso. Semplicemente non si accetta che ci siano
donne che, consapevolmente e razionalmente, decidono di utilizzare il
proprio corpo per fare quattrini, per esercitare un’attività economica.”
“Cosa vorresti?”
“Dovrebbe essere legale offrire tutti i servizi, a prezzo di mercato, si
intende, alle escort. Invece in Italia non puoi erogare servizi di marketing
alle escort, che è la principale fonte di profitto per il nostro concorrente
numero uno in Germania. Se fosse legale anche in Italia, apriresti un intero
settore di economia. Invece oggi chi guadagna di più dalla prostituzione sai
chi sono? Quelli che affittano appartamenti alle ragazze, alla settimana o al
giorno, in nero e spesso senza dichiarare nemmeno le presenze alla
questura. La prima voce di spesa di una escort in un mese non sono i
preservativi, non è la biancheria intima, nemmeno la pubblicità: è la casa.
Una ragazza spende anche millecinquecento euro alla settimana per un
monolocale in periferia a Milano o Roma.”
“È paradossale, in Italia puoi esercitare il mestiere di prostituta, ma se ne
aiuti una, commetti un reato. Anche per questo siete in Svizzera?”
“Chi ha messo i soldi in questa impresa, gli investitori, ci ha posto questa
unica condizione: l’attività deve essere creata fuori dall’Italia. Non sono
ipocrita: il costo del lavoro qui è inferiore. Puoi dare la disdetta di un
contratto più o meno quando vuoi.”
“E poi?”
“Poi non ci sono rotture di coglioni, a partire dall’agenzia delle entrate.
Anche se abbiamo scoperto una cosa sorprendente.”
“Cosa?”
“Quando abbiamo iniziato a selezionare e catalogare le escort, pensavamo
di lavorare la notte e dunque di stravolgere un po’ i nostri orari. Invece
queste ragazze alle 17 staccano, come un impiegato qualsiasi.”
“Ma non è possibile!”
“Ti assicuro che per la maggior parte è così. D’altra parte si adeguano ai
clienti. Che fanno orari di ufficio e hanno moglie e figli.”
“Come lo avete capito?”
“Dagli orari di connessione al sito. La curva del traffico ha un picco nelle

107
ore centrali della giornata, si potrebbe dire nella pausa pranzo. E poi un
altro dato: il sabato e la domenica il sito è più tranquillo, quasi
addormentato.”
“Vi occupate sia della donna sia dell’utilizzatore.”
“Che ogni tanto ci scrive: cancellatemi, mi ha beccato la fidanzata, la
moglie…”
“E le escort si cancellano ogni tanto?”
“Capita, certo. Ma capita pure che chiedono l’eliminazione del profilo un
venerdì perché si sono fidanzate o hanno ricevuto proposte di matrimonio, e
poi il lunedì lo vogliono riaprire.”
“Capisco la prostituta, ma il puttaniere cosa si iscrive a fare al vostro
sito?”
“Ci sono abbonamenti che ti consentono di avere più informazioni, parlo
di fotografie delle escort. E poi più recensioni fai, meno paghi. Non
vogliono prendere fregature.”
“Come dire: ‘Più vai a puttane, meno paghi per conoscerle.’”
“In realtà le recensioni sono poche, lo 0,2 per cento del totale dei clienti,
circa ottomila al mese. Se solo il doppio di questi appassionati lo facessero,
probabilmente le cattive professioniste si eclisserebbero.”
“La recensione è la vera rivoluzione di Escort Advisor. Come fate a
controllare che quello che viene scritto è vero, o si avvicina alla realtà?”
“Abbiamo scoperto che circa il sessanta per cento degli annunci nel
mondo escort contiene un dato falso. Sembra pazzesco ma è così: può
trattarsi della foto, della descrizione, dei servizi offerti o del prezzo, ma in
più di un caso su due quello che ci aspetta al di là della porta non
corrisponde a quello che è stato pubblicizzato. Si tratta di una discrepanza
che non ha paragone in nessun altro settore: pensa se un annuncio su due di
auto usate pubblicizzasse una macchina diversa da quella inserita, o se un
albergo su due una volta arrivati sul posto si rivelasse un tre stelle anziché
quattro. Verresti considerato semplicemente inaffidabile.”
“Dunque c’è un team che lavora sia sugli annunci che sulle recensioni.”
“Sì, vieni con me.”
Mike mi porta in uno stanzone dove ci sono trenta persone con auricolare
e pc di fronte.
“Eccoli, gli angeli custodi di prostitute e clienti. Abbiamo dei software
che in automatico controllano le recensioni, che comunque vengono
monitorate anche da loro. Chiamano anche le escort per segnalare o

108
contestare recensioni che considerano false. Insomma, cerchiamo di evitare
quello di negativo che è successo a Trip Advisor. Usiamo il doppio, il triplo
dei filtri.”
“Perché uno dovrebbe mettersi a scrivere una recensione?”
“È una forma di esibizione. L’utente vuole comunicare che ci sa fare, è
una forma di autoesaltazione. Probabilmente le cose che dicono non
possono dirle a nessuno perché l’ottanta per cento almeno ha legami
affettivi stabili. E infatti scrivono ‘questa cosa con mia moglie non l’ho mai
fatta’ oppure ‘questa mi ha rotto i coglioni come mia moglie’. Di mezzo c’è
sempre una moglie.”
“Esiste per te un diritto al sesso? Cioè il diritto alla scopata?”
“Magari non può essere messo in una legge, ma in pratica esiste eccome.
L’ottanta per cento di chi è iscritto al nostro sito lo utilizza in maniera
immediata, cioè per una prestazione da consumare e prenotare nel giro di
pochissimo.”
“Che mail usano i clienti?”
“Ti sorprenderà, ma spesso si iscrivono con mail aziendali.”
“Ma non ci credo…”
“Davvero. Noi naturalmente suggeriamo di usare un indirizzo privato,
invece arrivano mail persino di enti pubblici come @governo, @regione,
anche @guardiadifinanza, @carabinieri e @tribunale di… Una nostra
iscritta, una escort trans, ci ha raccontato che è venuta a trovarla un
componente del governo con tanto di scorta. E che a saldare il conto è stato
proprio l’uomo della scorta, che aspettava fuori dalla porta…”
“Niente di cui meravigliarsi. Cosa è per te una escort?”
“Una persona che ha deciso di fare questo per lavoro. Punto. Poi esistono
delle tipologie completamente diverse.”
“Spiegami meglio.”
“C’è una fascia, diciamo del dieci, quindici per cento, che possiamo
definire come vere e proprie imprenditrici. Sono libere professioniste a tutti
gli effetti, come tante altre: infermiere a chiamata con lo stomaco forte.
Diverse si stanno dedicando ai disabili, che sono i clienti migliori, pagano
meglio e sono più gentili. C’è il caso di un cieco che con un programma
apposito legge le recensioni e decide quale escort contattare.”
“E poi?”
“Poi c’è una seconda fascia. Le straniere latinoamericane. Queste ragazze
hanno un’attitudine diversa nei confronti del sesso, una ragazza che viene

109
dalle favelas di Rio non si fa certo i problemi di una ragazza di Milano.”
“Mi stai dicendo che lo fanno perché sono abituate a darla via più facile?
Scopavano prima e scopano adesso, solo che lo fanno per soldi?”
“Certo che sì. Poi parliamo comunque di ragazze che non si fanno
problemi a sposarsi solo per avere i documenti.”
“Andiamo avanti.”
“Ultima fascia, quelle con una pigrizia mentale devastante.”
“Cioè?”
“Non hanno voglia di sbattersi per lavorare, svegliarsi la mattina,
sistemarsi e andare a fare la commessa per due soldi.”
“Preferiscono farsi scopare dagli sconosciuti?”
“Sì, ma c’è un motivo.”
“Quale?”
“Ce lo dicono loro. Sono favorite dal fatto che molti clienti soffrono di
eiaculazione precoce. Raccontano che alcuni non fanno nemmeno in tempo
a togliersi i pantaloni che vengono subito.”
“Faticano poco dunque.”
“Già. Un lavoro semplice e remunerativo. Ma guadagna di più chi lo fa
per vocazione e chi si organizza come un’azienda. E magari chi si
specializza.”
“Fammi degli esempi.”
“Esiste la escort che organizza le ‘porno grigliate’ e mentre cucina ha
rapporti con i commensali invitati, poi c’è quella che prepara ai suoi clienti
della pausa pranzo anche un piatto di pasta compreso nel prezzo. C’è quella
che è specializzata solo in sesso orale e che è tra le migliori d’Italia solo per
quello: non presta altri servizi e fa palate di soldi. C’è la escort bodybuilder
che ‘è troppo bella per essere una donna’ ed è la fantasia sessuale degli
uomini che vogliono essere dominati da una valchiria. C’è quella pagata per
costringere il cliente a fare le pulizie, soprattutto a pulire il wc. C’è quella
da cui un cliente particolare va a comprare i preservativi usati dagli altri
uomini.”
“Alla fine la classifica con le stelle, come per le guide dei ristoranti, come
viene fuori?”
“Da un algoritmo che prende in considerazione il numero di recensioni
ricevute, le stelle messe dai clienti e l’affidabilità del cliente. Può succedere
che qualche escort si faccia scrivere la recensione da un amico.”
“Appunto, come la mettiamo?”

110
“Si può rivelare un boomerang. Perché poi un cliente la va a trovare e non
trova le meraviglie scritte prima. Un disastro per lei. Dunque quello che
trovi scritto è tutto genuino.”
“Mettiamo che in Italia si arrivi un giorno alla legalizzazione e alla
riapertura dei bordelli, a che serve a quel punto un sito come il vostro?”
“Ti sbagli. Sono due mondi diversi. Ci sono persone che comunque non
andrebbero mai in un luogo frequentato da altri. Alla fine, si tratta di due
mercati totalmente indipendenti o quasi. Infatti abbiamo aperto anche in
Germania, dove i famosi FKK proliferano.”
“Perché un puttaniere o uno che vuole farsi una chiavata in santa pace
dovrebbe rivolgersi a voi?”
“Per sentirsi più al sicuro. Questo ci risulta. Per non prendere fregature o
evitare situazioni spiacevoli, per esempio essere rapinato o cose simili.”
“Avete provato a fare pubblicità sui media italiani?”
“Sì. Rifiutata.”
“Perché?”
“La reputazione. Temono di perderla. Non ci sono regole che lo vietano,
ma per esempio alcune televisioni private ci hanno detto che avevano paura
di perdere sovvenzioni pubbliche. Insomma, siamo il diavolo, siamo un
settore che non viene accettato come azienda che produce PIL.”
“Possibile che nemmeno le aziende di profilattici vogliano investire?”
“Peggio ancora. Ne abbiamo contattate diverse. Si rifiutano di associare il
loro marchio al mondo della prostituzione. Il diavolo, ancora una volta.”
“A proposito, le vostre escort accettano rapporti ‘scoperti’? Cioè senza
condom?”
“Cerchiamo di fare il possibile, eliminando dalle recensioni chi parla di
sesso non protetto. In Germania, però, rischi grosso solo se accenni a un
orale non protetto. Poi, ovviamente, nessuno controlla quello che accade
nel privato. Alcune delle nostre escort mandano persino i loro esami ai
clienti più esigenti.”
“Alla fine come definisci il tuo lavoro?”
“Aiutiamo le prostitute a guadagnare di più e a essere più al sicuro. E il
cliente a non prendere sòle, detto alla romana. In fondo, a chi facciamo del
male?”

Cristiano, un manager italiano al Wellcum austriaco

111
“Noi siamo degli stronzi! Intendo l’Italia, il nostro paese. Non apriamo i
bordelli ma, all’estero, ce ne sono tanti gestiti da italiani. Noi esportiamo
anche cervelli. Sandonatese, quarant’anni, Cristiano Fabris guida una delle
più grandi ‘case chiuse’ d’Europa, prima gestiva un sexy shop e adesso è il
direttore del Wellcum.”
Parenzo: “Ha fatto carriera il ragazzo, caspita, anziché dirigere un museo
dirige un bordello e ne va fiero. Bello. Non c’è problema per me, mi
dispiace per i tuoi genitori che magari sognavano facessi il socio di uno
studio di avvocati, per dire…”
“Ma quelli sono i nostri clienti, gli avvocati, i notai, tutti nostri clienti.”
Parenzo: “Io immagino i suoi genitori che, ascoltando Radio24,
apprendono che il figlio è diventato il manager di un bordello…”
“Passiamo a cose serie, Cristiano. Tu potresti fidanzarti o avere una storia
con una ragazza del bordello?”
“No. Le ragazze sono indipendenti e non le possiamo toccare. Per gestire
una cosa del genere bisogna essere molto più seri rispetto a un’attività
normale… Deve essere gestito in maniera impeccabile… E ti assicuro che
la gestione del lavoro con le donne qui dentro già non è semplice. Dunque
no.”
“La percentuale di italiani, parlo dei clienti, qual è?”
“Il settantacinque, ottanta per cento.”
“Quanto si paga?”
“Per entrare al Wellcum sono ottantacinque euro tutto incluso, aperitivo e
cena, bevande analcoliche, ingresso alla spa con quattro saune, piscina
esterna quando si può. Le ragazze invece vanno pagate di persona.”
Parenzo: “Quindi lei è un magnaccia legalizzato, in poche parole.”
“No. Noi non guadagniamo niente da loro. Le ragazze pagano l’ingresso
come le persone normali e sono indipendenti, come i clienti. Quello che
succede tra i clienti e le ragazze non ci interessa.”
“Quante stanze avete? Si può scopare davanti agli altri avventori?”
“No, no. Diciamo che noi abbiamo delle camere di alto livello dove ci si
può intrattenere con le ragazze.”
“Per cui non si scopa davanti agli altri?”
“No, dove c’è il bar e al pianoterra niente. Assolutamente. Il club è come
una vera e propria discoteca.”
“Per cui non si possono fare orge?”

112
“Mah, al piano superiore ci sono le stanze dedicate, e ognuno può fare
quello che gli pare.”
“Quanto costa la ragazza per mezz’ora, diciamo?”
“La ragazza ha una tariffa che va discussa.”
“Più o meno?”
“Di solito costa meno dell’entrata, poi dipende dai servizi che chiede il
cliente.”
Parenzo: “Dai servizi? Ma si rende conto! Ma non vede che è
imbarazzato pure lei a raccontarci queste cose.”
“Io sto descrivendo la cosa nella maniera più elegante possibile.”
“Quante ragazze lavorano nel vostro locale?”
“Di solito sono poco più di cento.”
“Quante sono le italiane?”
“In realtà non tantissime… La maggior parte sono dell’Est Europa.
Dipende dai periodi, ci sono alcune che tornano a casa per un po’. Noi
abbiamo una specie di programmazione. Dobbiamo mantenere un tot di
ragazze durante la settimana.”
“Perché poche italiane?”
“Preferiscono lavorare autonomamente a casa o altrimenti vanno a
Dubai.”
“Scusami, quanto guadagna in media una ragazza che lavora da voi?”
“Non c’è un limite, in media mille euro al giorno, anche di più, volendo.”
“Veniamo presto fratello, evviva le case chiuse!”

Noi offriamo di tutto, come al ristorante

“Abbiamo con noi in carne e ossa un cervello emigrato all’estero per colpa
nostra.”
Parenzo: “Il solito magnaccia.”
“Cristiano, come sapete, dirige le operazioni di un luogo molto
conosciuto a pochi chilometri dal confine italiano con l’Austria, il
Wellcum. È un paladino della libertà.”
Gottardo: “Questo qui sfrutta le donne, sfrutta la fame di figa degli
italiani. È un macellaio della vagina.”
“No, fermo, Gottardo. Non sai come funziona il tutto. Diamo lo spazio
alle ragazze che vogliono fare questo mestiere. Le ragazze sono clienti,
vengono qui, sono protette e al sicuro.”

113
“Come ti definisci? Un manager del sesso?”
“Più o meno. Non c’è nulla di male se le ragazze sono tutelate, controllate
e tutto avviene col consenso. Visite mediche, controlli costanti. In Austria
funziona tutto bene.”
“Come fate a sapere che le ragazze che lavorano da voi non sono
sfruttate?”
“Le ragazze devono venire da noi da sole. E facciamo dei controlli. Poi se
c’è qualcosa di sospetto, lo segnaliamo alla polizia.”
“Come le scegliete?”
“I gusti sono diversi. Dunque abbiamo quelle più formose, meno
formose. Alcuni sono intimiditi da quelle troppo belle stile modelle, è vero,
credetemi. Abbiamo allora quelle più ‘anziane’, sui trentacinque anni, le
ragazzine ventenni tipo teen, quelle più abbondanti.”
“Un mercato, un’impresa.”
Parenzo: “Lei descrive questo posto come se ci fosse un menu à la carte,
con un’assiette di donne.”
Gottardo: “C’è anche quella che prima di entrare in sauna ti dice: ‘Dio,
patria e famiglia’ per farti arrapare?”
“Perché la cosa vi sconvolge così tanto? È libertà, questa, grande libertà.
È vero che avete liste di attesa di ragazze per venire a lavorare da voi?”
“Da tutta Europa. Decine di richieste al giorno.”
Parenzo: “È la crisi economica.”
“No, David, è che sono quindici, ventimila euro al mese e giri in Jaguar.”

Stefano, il re del Maxim

“Vi presento un cervello in fuga, Stefano. È uno dei gestori di un bordello


svizzero, il Maxim di Chiasso. Costui, costretto dal bigottismo italiano a
portare altrove le sue competenze, distribuisce felicità.”
“Come lo consideri, Gottardo?”
Gottardo: “Un negriero di questo secolo, una persona ripugnante perché
fa i soldi sui morti di figa da una parte e sulle povere disgraziate che non
trovano di meglio da fare che vendere le parti più intime del loro corpo.”
“Perché negriero, sei impazzito?”
Gottardo: “Commercia corpi, commercia corpi, commercia corpi, va
bene?”

114
“Non commercia nessun corpo, è solo vittima del vostro bigottismo.”
Gottardo: “Fa leva sulla disperazione delle persone che vanno a puttane,
saranno disperati o no?”
Stefano: “Ma disperati chi? Ci sono notai, giornalisti, calciatori, attori,
professionisti, operai. Tutti!”
Gottardo: “Tutti disperati!”
Stefano: “Uno che non vuole rovinarsi il rapporto con la moglie e vuole
farsi una scopata, va in un posto legale e lo fa. Quale è il problema?”
Gottardo: “Perché non scopa con la moglie?”
Stefano: “Dopo quindici anni si è rotto i coglioni.”
“Io veramente anche dopo due anni. Ma perché lo consideri un negriero?
Questo è grave. Lui è costretto ad andare in Svizzera per lavorare,
altrimenti farebbe i soldi qui in Italia con un casino legale.”
Stefano: “Gottardo, qui in questo foglio ho scritto il nome di tre schiave
di Padova e quattro di Roma, nel quartiere Prati. Chiamale, ci sono gli
indirizzi, i numeri di telefono, sono cinesi. Prendili. Sono comprate,
sfruttate e portate qui. Fruttano ventimila euro a chi le possiede. Chiamale!”
Gottardo: “Portalo ai carabinieri.”
Stefano: “Fallo tu. Sono state legate, acquistate e messe lì. Sfruttate. In
appartamento. Questi sono negrieri. Noi siamo una struttura che offre un
servizio perfettamente legale. Con ragazze che vogliono battere per fare
tanti soldi.”
Gottardo: “Fate la stessa cosa.”
“Intanto accanto a Stefano è arrivata una ragazza che vende felicità, Elisa,
una romena di ventitré anni proveniente dal Maxim.”
Gottardo: “A quanto la vende?”
Elisa: “Dipende dal tempo. Per mezz’ora è cento euro, un’ora esattamente
il doppio.”
“Come sei arrivata al Maxim?”
Elisa: “Ero innamorata di un ragazzo in Romania. Stavo studiando. Mi ha
portato in Italia a fare la puttana.”
“Avevi un fidanzato che si è trasformato in pappone?”
Elisa: “Eh, sì. Lo facevamo per noi. In appartamento. Ero piccola, ma
innamorata.”
“Ti piace fare la prostituta?”
“Sì, mi piace adesso e mi piaceva prima.”
“Altri mestieri?”

115
Elisa: “Gli stipendi sono bassi. Così guadagno di più. Voglio fare soldi.”
“Scopare con degli sconosciuti non ti crea imbarazzo?”
Elisa: “No, per niente.”
Parenzo: “A casa tua lo sanno?”
Elisa: “No. Non sono abbastanza aperti per capirlo.”
Parenzo: “Ecco, è tutto spiegato. Non è un lavoro normale.”
Stefano: “Parenzo, fino a qualche anno fa anche dichiararsi omosessuale
non era normale.”
Parenzo: “È una cosa molto diversa.”
Stefano: “Scusa, Parenzo, il punto è questo: metti una ragazza che
guadagna trecento euro in Romania, viene in Svizzera, lavora e prende
12.000 euro al mese. Un pensierino una lo farà o no?”
“Tu al Maxim puoi scegliere oppure può capitarti uno come Gottardo?”
Elisa: “Posso scegliere, ma sono di bocca buona.”
Gottardo: “Tra me, Cruciani e Parenzo, chi escluderesti?”
Elisa: “Nessuno. Prendo tutti e tre.”
“Voglio fare un appello: ‘Bergoglio mio, ascolta questa storia drammatica
di liberazione: devi prendere una posizione a favore dei bordelli legali in
Italia. Prendila tu questa posizione, con le case chiuse si liberano le persone
dalla strada, si liberano le donne dal giogo della prostituzione coatta e della
schiavitù. Ascolta la storia di questa ragazza.’”

“La grande novità degli ultimi anni è l’aumento delle italiane che vengono
qui a prostituirsi. Ormai sono più del venti per cento.”
“Come mai?”
“Molte facevano le escort su vari siti, soprattutto nel nord Italia. Ma farlo
in un appartamento non è semplice, può essere pericoloso. Dunque
scelgono il bordello e la Svizzera. In un certo senso, scelgono la legalità.”
“Non basta come spiegazione.”
“I soldi, ovviamente. C’è gente cui piace scopare che fa un ragionamento:
‘Col sesso ci posso fare il grano.’ E le ragazze italiane qui hanno molto
successo. Considera che il mercato era dominato, e lo è ancora, dalle
romene che hanno spennato tutti i polli immaginabili.”
“Cioè?”
“Sai, qui la clientela al cinquanta per cento è fidelizzata. Sono gli stessi
che vengono spesso. E molti si legano alle ragazze, fuori dal locale. Avere
un’amante in un bordello significa che questa non verrà mai sotto casa a

116
romperti le balle o a citofonarti. E mandano fiori, regali.”
“Per non dire altro.”
“Ecco, per non dire altro. Ci sono uomini che si sono indebitati. Ne
conosco uno che ha prestato 23.000 euro a una ragazza che poi si è
volatilizzata. Poi le romene si sono portate dietro soprattutto nei primi anni
una serie di problemi. Accompagnatori, amici, chiamiamoli così. Il tasso di
violenze e furti in zona era cresciuto, ora va meglio.”
“Prima chi c’era al posto delle romene?”
“Con un visto turistico il settanta per cento erano brasiliane. Adesso
possono fare le prostitute solo quelle che hanno la residenza dell’Unione
Europea.”
“Quanto costa scopare da voi?”
“Il prezzo in teoria è libero, le ragazze sono libere professioniste. Però
loro hanno fatto cartello e la prestazione parte da cento franchi svizzeri.”
“Cartello?”
“Già, si sono messe d’accordo. Poi la novità è che da poco siamo
diventati esattori per conto dello Stato, prendiamo venticinque franchi al
giorno di tasse e le versiamo nelle casse del governo.”
“Che bisogno c’era?”
“Prima non pagava praticamente nessuno, c’erano buchi pazzeschi. È
sempre la Svizzera, ma non va tutto come si può immaginare.”
“Quali sono le ragazze più ricercate? Che caratteristiche devono avere?”
“È chiaro che una deve essere figa, o simil tale. Su questo non c’è dubbio.
Ma ancora più importante è mantenere le promesse che hai fatto.
L’importante per una prostituta è la reputazione. La socialità al bar. Non
devi necessariamente fare l’anale o la venuta in bocca, che sono le cose più
richieste. Devi saperci fare prima e rispettare gli accordi presi col cliente. In
camera poi non devi dare l’impressione di voler finire presto, che stai solo
aspettando che finisca il tempo.”
“Il reclutamento come avviene?”
“Semplice. Ci scrivono. Una ventina al mese, poi noi scartiamo quelle
che scartiamo.”
“Chi?”
“Magari quelle fisicamente inadeguate. O quelle che hanno già girato in
altri locali e non hanno lasciato una traccia positiva.”
“E quando scrivono poi che succede?”
“Vengono qui, le accompagniamo alla polizia, sezione speciale per le

117
prostitute. Pagano un centinaio di franchi e gli viene dato un codice con cui
pagare le tasse. Loro ti spiegano nella tua lingua tutti i pericoli, le regole,
quello che si può fare e quello che non si può fare. Puoi anche fare un
contratto di affitto della stanza con il locale. Da noi costa centodieci
franchi, praticamente la prima scopata.”
“Poi ognuna si specializzerà nelle cose che sa fare meglio. Come in tutti i
lavori. Dunque via alla classificazione scientifica.”
“Che non facciamo noi, ma i clienti nei vari siti di commento. C’è quella
che fa il bacio con la lingua, FK, French Kiss; il pompino scoperto, senza
condom, che ha come sigla BBJ; la venuta in faccia, CIF, Cum in the Face;
l’anale, che gli utenti chiamano comicamente ‘Rai2’, secondo canale; e
RIM, quella che lecca il culo; Daty, il cunnilingus; e poi la più bella:
‘Zerosigla.’”
“E cosa è?”
“Quella che fa il pompino coperto, non bacia, scopa e basta.”
“Una noia mortale.”
“Dipende. Ce ne sono alcune così brave che magari ti fai la scopata della
vita. Altrimenti non rimani sul mercato.”
“Rimane altro?”
“Ci sono i missili, che promettono al bar ma non sono all’altezza delle
aspettative, non mantengono le promesse. Le cronometriste, che guardano
l’orologio e mettono fretta per venire.”
“Come riconosci un missile?”
“Ti attacca subito. Non ti lascia respirare. Una ragazza che ha la sua
clientela, una ragazza topa, non ha bisogno di saltarti addosso appena entri
al bancone, se ne sta comodamente seduta ad aspettare che i clienti vadano
da lei o si avvicina tranquilla per conoscere chi gradisce. Aspetta, mi sono
dimenticato una sigla.”
“Quale?”
“AO, Alles Ohne, che in tedesco significa ‘Tutto senza’. Cioè senza
profilattico.”
“Voi ne avete?”
“Diciamo che il fidelizzato tenta sempre la scopata senza condom. Poi
non so quello che succede nelle stanze. Sai, c’è gente che si veste da Hello
Kitty per farsi sodomizzare, rabbini che si fanno afferrare per le treccine e
scalciare nelle palle. Va così.”

118
Squirting

La prima volta

Quando è successo lo ricordo perfettamente. Anno, giorno, ora, minuti e le


sensazioni spasmodiche che ne seguirono. C’era una spiaggia di
Formentera ed ero già piuttosto grandicello, andavo per i trentaquattro. Lei
era una ricca signorina mantovana, famiglia parecchio benestante, stracci
firmati, faccia eterea quasi da tossica, corpo asciuttissimo da cura estrema
pure del buco del culo, non c’era nulla di sbagliato, niente fuori posto, nulla
che fosse irregolare, bizzarro, fuori contesto. La tunica bianca che aveva
sempre addosso sarà costata duemila euro, ma la indossava come l’avesse
acquistata alle prime bancarelle del cazzo di San Francesco. Ci siamo
conosciuti e parlava sempre di cavalli, ippica, equitazione. Avete capito:
cavalli. Non me ne fregava una mazza. Zero. La guardavo in silenzio e
immaginavo come una del genere si sarebbe comportata a letto. Che
espressioni avrebbe fatto nel momento dell’orgasmo, quei secondi prima di
venire. Per esempio, avrebbe urlato o no? In che posizione avrebbe messo i
piedi durante la scopata? Quanto si sarebbe lasciata andare? Solo quello mi
interessava. A un certo punto della mia vita ho cominciato a dividere le
femmine in due categorie, certo con varie altre sfumature, e però alla fine
dei giochi sempre due categorie restano: quelle appassionate del cazzo e
quelle che lo sono meno. Meglio: cultrici della materia oppure dilettanti.
Meglio ancora: coloro che lo sanno lavorare perché amanti dell’attrezzo e
le altre che lo trattano, sì, ma in fondo lo schifano nella sua essenza, la
carne viva, le secrezioni, i peli, le palle, tutto utile solo per cercare di

119
arrivare alla fine, meglio se velocemente. Ma torniamo alla mantovana. Fu
in spiaggia che avvenne, e scusate questa enfasi ridicola. Ma all’epoca per
il sottoscritto fu estasi vera e gli occhi si illuminarono per sempre. Me ne
accorsi quando le dita cominciarono a strofinarla, la peluria era rada, le sue
mani già avevano scoperto quel patetico pareo che indossavo, la folla del
bar non era manco troppo lontana. Il fatto è che la mano dopo nemmeno
trenta secondi era già bagnata e un getto d’acqua (almeno io pensavo fosse
acqua!!) aveva colpito il dorso del piede. Usciva tutto dalla sua figa, finiva
sulla sabbia, era notte e non si vedeva nulla, e per scatto animalesco mi
abbassai per non sprecare, ma forse era solo per capire. Non so perché lo
feci. Ma lo feci. E mentre continuavo a toccare, durò un tempo che mi
sembrò infinito. Quando riemersi coi capelli e il volto completamente lavati
lei mi disse, quasi si sentisse in colpa: “Scusa, ma è sempre così.” Non si
rendeva conto del regalo immenso che mi aveva fatto: la scoperta dello
squirting. Nulla sarebbe stato come prima. (La rividi in autunno altre volte,
ovviamente solo con quella fissazione. Farmi imbrattare prima il cotto del
mio appartamento milanese, e ricordo pozzanghere sublimi, poi persino il
sedile posteriore della macchina perché volevo che di quelle gocce acidule
restasse segno in ogni dove.)

Provava vergogna

Se ne vergognava. Se ne vergognava a tal punto da resistere al primo


contatto fisico. Ci vollero alcuni giorni, diversi aperitivi, insomma solite
rotture di coglioni quando entrambi sappiamo che, se non ci annusiamo fino
allo sfintere, non ci conosciamo abbastanza per mandarci a quel paese o
amarci per qualche mese. Però era imbarazzata da quello che considerava
evidentemente un difettaccio, un ramo spezzato alla nascita, un legno
storto. Una di quelle iatture che non puoi nemmeno curare e nemmeno
nascondere, se proprio non vuoi passare da solo l’intera esistenza sessuale.
E dunque resisteva. Nel momento in cui avvenne il fatto, ebbi per lei quasi
un moto di affetto, di comprensione, di solidarietà: era tanta roba, e capisco
che certamente aveva traumatizzato i suoi fidanzati. Mormorò qualcosa (del
tipo: “Adesso facciamo un casino”) e non aveva voglia di guardare il corso
della natura. Lo respingeva, rifiutava di accettare la realtà. Era, però, una
meraviglia. Forse la più sorprendente mai incontrata, la più esaltante. Non è

120
fuori luogo, il mio entusiasmo. Ci sono delle motivazioni concrete con le
quali potrete senza dubbio essere d’accordo. Intanto immaginatevi il tipo:
una ragazza di trentacinque anni, figlia di una persona decisamente in vista,
molto credente, famiglia iperborghese e dai valori cristiani apparentemente
ferrei, tendenzialmente pudica, assai poco esibizionista, i matrimoni degli
affini in basilica vestiti bene, una con cui non finisci mai a trombare la
stessa sera che la conosci, una che non si metterebbe mai su Tinder e cose
del genere per farsi sbattere da uno sconosciuto. Poi aggiungete a tutto
questo un faccino minuto e perbene (minuto e senza sgarri era anche il suo
corpetto), una pelle da cui non traspariva altro che Chanel, un collo
avvinghiato dal crocefisso della prima comunione; gli anelli giusti col
brillante di papà non erano intervallati dai teschi in argento, non c’era
nessun braccialetto di cuoio ma esclusivamente capitale, capitale vero.
Nonostante il quadretto edificante, il primo getto partì volgarmente dal
divano dove era sdraiata, lo superò e piombò a schiaffo sulle tende della
finestra che dava sul corso. Sul momento feci un rapido calcolo: almeno tre
metri, forse quattro; ma non c’era tempo per queste riflessioni geometriche
perché, sempre stimolata con un solo dito, gli spari ripresero con la stessa
violenza. Le grandi labbra si allargavano, le piccole si dilatavano e si
stringevano. Il risultato era la pioggia continua, che l’interessata faceva
finta di non vedere, arrossiva, godeva e nello stesso tempo quasi piangeva
per il disturbo che pensava di arrecare a un rapporto che voleva
appartenesse invece alla regolarità tradizionale, senza quella cosa
mostruosa e malata; prima di ogni esplosione la faccia si allargava, si
sforzava e la cosa si manifestava anche durante la penetrazione col risultato
quasi drammatico che tra il profilattico e il lago interno le sensazioni si
annullavano, l’uccello non lo sentivi più. Il supplizio (per lei) durò poco
meno di un’ora, certamente sopra i quarantacinque minuti. A mano a mano
gli spasmi si affievolirono e non rimase più nulla da eiaculare. Quel liquido,
quella specie di doccia dovrei dire, ogni tanto mi mancava e, lo confesso,
componevo il suo numero sperando che si potesse ripetere lo stesso
capolavoro. Anni dopo, quando i rapporti si erano da tempo annullati, mi
mandò un messaggio: “Sei uno stronzo, ma devo ringraziarti perché adesso
so di avere in mano un’arma formidabile con gli uomini: ce l’abbiamo io e
poche altre, la usiamo e loro per ricevere qualche goccia in più sono
disposti a tutto. Addio.”

121
Pura energia sessuale

“Questa signora che è in collegamento ha contribuito ad alcune ricerche


universitarie sullo squirting. Conserva a casa delle provette di squirt.”
Parenzo: “Ci mancherebbe, a Yale non parlano d’altro. Pensa te che
porcheria!”
“Ecco a voi Maura Gigliotti, insegnante e istruttrice di yoga tantrico, e
grande squirtatrice.”
“Produco molto liquido e con le mie lezioni insegno alle donne come
schizzare, cerco di far capire cosa è lo squirting.”
“Dunque ci sono donne che vengono da te per schizzare. È così?”
“Sì. Alcune si sono offerte volontarie per esaminare il liquido. C’è
bisogno di capire la composizione e differenziarlo dall’urina. È molto
importante, perché alle stesse donne viene detto che pisciano. Senza contare
il fatto che gli uomini hanno spesso reazioni imbarazzanti. In Oriente però
questo liquido viene considerato energia sessuale che le donne restituiscono
ai maschi e venivano officiati pure dei riti.”
“Dove lo conservi questo liquido?”
“Dentro le provette, nel frigo di casa.”
“Le analisi finora che responso hanno dato?”
“Che la pipì ha una componente completamente diversa. Dunque non è
pipì. Dentro c’è antigene prostatico, psa, antigene prodotto dalla prostata,
glucosio, fruttosio e piccole particelle di urea, che lo accomunano all’urina
ma lo diversificano tanto che il colore e l’odore sono completamente
diversi.”
“Lo posso confermare, caro Parenzo. Ma io vorrei sapere una cosa: la
donna squirta perché è una cosa innata oppure si può imparare a farlo?”
“Si può diventare squirtatrici. In Ruanda il novanta per cento delle donne
squirta. Dunque le stime che si fanno in Italia, dieci per cento, sono al
ribasso. È un discorso di educazione sessuale e culturale.”
Parenzo: “In Italia manca l’educazione civica, non quella allo squirt!!!”
“Ma una femmina che non l’ha mai fatto lo può tirare fuori?”
“Assolutamente sì. Io ripeto sempre: ‘Non si squirta con la vagina, ma
con la testa, con la mente.’ Quando sento e capisco quello che succede al
mio corpo, quando mi informo e ne so di più, posso farlo senza problemi e
avere accesso a questa forma di piacere.”

122
“È meglio iniziare da soli o con un uomo?”
“Bisogna che l’uomo sia illuminato, attento e aperto. Può essere utile. Ma
la donna può fare tutto da sola, non è una capacità che riguarda l’uomo.”
“Che gittata ha lo squirting?”
“Ci sono tre forme di squirting, il gushing che è la forma colante, lo
spruzzo che è più consistente e poi lo schizzo.”
“Lei cosa fa?”
“Sono abbastanza multiforme.”
Parenzo: “Ci sono Olimpiadi?”
“Sarebbe auspicabile.”
“Può essere pericoloso per la vista, per gli occhi?”
“No, assolutamente. Può procurare solo felicità.”
“Se una moglie, o fidanzata, non squirta ama di meno? Lo chiede
Gottardo, eh…”
“Ma no, è una delle tante declinazioni del piacere femminile. Non sono
pochi decilitri d’acqua che fanno una donna.”

Decine di provette di squirt in frigo

“Abbiamo con noi Maura Gigliotti, la più grande squirtatrice d’Italia, una
che tiene le provette di squirt in frigo.”
Gottardo: “Lei è autrice del saggio Lo schizzo, siamo al top!”
“Assolutamente sì.”
“A che punto siamo con i test che fate all’Università di Roma?”
“A casa in frigo ho decine di provette nel congelatore insieme ai
bastoncini e i sofficini. È il mio squirting.”
Gottardo: “Viene fuori un calippo di squirting!”
“Volendo si può fare anche un risotto, se lo scongeli.”
Gottardo: “Giuseppe, potremmo provare un risotto allo squirting, una sera
alla radio.”
“Potrebbe essere un’idea. Come sta andando avanti l’indagine del
professor Jannini all’Università di Roma?”
“È un po’ in sofferenza perché siamo solo quattro donne in tutta Italia a
dare campioni. Ci sono poche donne.”
“E quanto squirt vi serve?”
“Ovviamente per avere un dato scientifico servono molti campioni.”

123
“Ma a cosa deve portare questa inchiesta?”
“Oltre a dire che le donne non si pisciano addosso quando squirtano, si
dovrebbe arrivare ad attestare che è liquido prostatico e dunque che anche
la donna ha la prostata.”
“Anche le donne devono controllare la prostata?”
“Dopo i quarant’anni anche loro si devono controllare.”
“E poi?”
“Attestare che esiste un altro tipo di orgasmo che è l’orgasmo da
squirting. Dunque non vergognatevi!”
“Gottardo tu hai mai incontrato una donna che squirta?”
Gottardo: “Purtroppo no, ed è un grande rammarico che ho dentro di me.”
Gigliotti: “Magari anche tua moglie lo fa e non lo sa.”
“Non ho capito una cosa: come si fa a raccogliere i campioni?”
“È la cosa più particolare. Lo squirting esce spesso a getto, a schizzo, ed è
difficile centrare il bersaglio. Allora uso una specie di contenitore, tipo la
teglia della pizza, la metto sotto il mio culo e allargo le gambe. Gioco col
mio partner oppure da sola, o anche col mio dildo preferito. Tutto quello
che schizza si raccoglie nella teglia e poi attraverso un imbutino passa nella
provetta. Ecco qui!”
Gottardo: “Che consistenza ha, è liquida o più mocciosa?”
“Sono due liquidi, quello che si chiama squirting è una sostanza simile
all’acqua, di colore giallo tenue, assolutamente incolore e inodore. Poi c’è
l’eiaculato, che di solito è contemporaneo all’orgasmo ed è simile allo
sperma, ed è viscoso.”

Maura e i biscotti allo squirt

“Ecco la mia squirtatrice preferita. Fino a dove arriva il tuo spruzzo?”


“Dipende. Quando è a schizzo arriva anche a un metro e mezzo, due. Ho
persino bruciato un computer, perché non riuscivo a riprendermi, non
capivo quello che succedeva. Quindi donne, quando fate gli esperimenti,
proteggete telecamere e quant’altro.”
“Cosa sono questi?”
“Dei biscotti allo squirt.”
“Quale squirt?”
“Il mio, ovviamente.”

124
“Come li hai fatti?”
“Farina, zucchero, e invece dell’olio ci metto il liquido che esce dalla
vagina quando schizzo.”
“Provo ad assaggiare…”
(Cruciani mette in bocca un biscotto.)
“A me sembrano normali, quasi insapori, non si sente l’acido che di solito
c’è quando ti squirtano in faccia.”
“Sei sicura che ci sia lo squirt qui dentro?”
“Assolutamente sì.”
“Ma una donna fino a che età può squirtare?”
“Sempre. Ci sono donne che hanno scoperto questa cosa a ottant’anni. Te
lo assicuro. E magari pensavano di essere incontinenti.”
“Ma non ci credo!”
“Se vuoi te la presento.”
“E la quantità?”
“Io ho fatto fino a tre litri, te l’ho già detto, ma non sono la sola. Anche
altre donne lo fanno.”
“Quasi disidratata…”
“Normalmente ne fai un po’ di meno. E poi diciamo che devi proteggere
il materasso. Lo squirting se ne va, non macchia, ma può fuoriuscire da
sotto e arrivare al materasso.”
“E la storia del computer?”
“Stavo facendo degli esperimenti e quindi avevo messo la telecamera lì,
dall’altra parte del letto. Volevo vedere cosa succedeva, cosa capitava. A un
certo punto è partito uno schizzo…”
“Ma eri da sola o con un uomo?”
“Da sola. Guarda che una donna, almeno per me è così, in una situazione
estrema di piacere può squirtare anche solamente con la voce di un partner.
Tu mi parli, dici qualcosa di interessante…”
“Orgasmo e squirting, cerchiamo di capire definitivamente.”
“Lo squirting è un orgasmo molto più potente. E non è detto che sia
simultaneo. Comunque sono due cose diverse.”
“Si può provare dolore?
“All’inizio c’è un senso quasi di fastidio. Ma è appena accennato, un
fastidio che ti piace.”
“Hai mai squirtato in faccia a un tuo fidanzato?”
“Assolutamente sì. È quanto meno doveroso. Anche perché fa bene alla

125
pelle. Per anni ce l’avete menata con lo sperma che rendeva bella la pelle
del viso, adesso ve lo beccate voi!”
“Brucia negli occhi?”
“Be’, insomma, sì che brucia.”
“Ci sta ascoltando Vittorio Sgarbi estasiato. Vorresti farlo in faccia a
lui?”
“E come no, assolutamente sì.”
“Allora cerchiamo di combinare prossimamente. Ma torniamo a questi
biscotti, dammene un altro. Per cento grammi di farina, quanto liquido di
squirting ci va?”
“Io per ogni duecento grammi di farina ne ho messi ottanta misurati di
squirt.”
“Hai le provette?”
“Eccole, è il mio.”
“Fresco?”
“L’altro ieri, è congelato.”
“Ti sei masturbata per produrlo?”
“Sì, anche perché quando si scopa è problematico raccoglierlo. Questo
l’ho raccolto con un imbutino da un contenitore dove l’avevo schizzato.”
(Cruciani apre una delle provette.)
“È un odore molto forte, più vicino al piscio.”
“È molto forte perché sono più o meno due giorni che sta lì. È un
concentrato di ormoni.”
“Adesso ne assaggio un po’, lo passo sulla bocca senza ingoiarlo e sulla
pelle.”
(Cruciani versa il contenuto della provetta in un fazzoletto e sulla mano e
ne passa un po’ sulle labbra e sul viso.)
“Cruciani, hai fatto una cosa straordinaria. Donne, chiedete ai vostri
uomini di fare quello che ha fatto lui adesso. Anzi, dovete proprio
pretenderlo. Squirtate in faccia ai vostri partner e chiedete che lo
assaggino.”
“Ha un odore forte, diverso da quello che ho provato quando ho fatto
sesso.”
“Comunque quando lo squirt esce normalmente non ha odore. Dopo un
po’ lascia l’odore.”
“Ci hai già raccontato più volte di avere consegnato queste provette ad
alcuni esperti per esaminare il contenuto dello squirt.”

126
“È un liquido totalmente diverso dall’urina. Ci sono fruttosio, glucosio,
sali minerali. Non c’entra niente con l’urina. E donne, se vi dicono che
pisciate, fategliene il doppio addosso. Fa solo bene.”
“Ti scrivono, ti chiamano molte donne?”
“Sì, perché riconoscono i segnali, cioè il bisogno di urinare in una
situazione di piacere. A un certo punto la donna è convinta di dover andare
in bagno e non deve andarci, deve squirtare. Tra l’altro essendo un liquido
ricco di fruttosio, se non viene emesso tende a infettare.”
“Sei praticamente una guida, un guru. Hai un compito, far capire alla
donna che può farlo, può bagnare un maschio.”
“Stanno squirtando una marea di donne, questo è straordinario.
Culturalmente è una svolta. Anche noi possiamo schizzare sull’uomo.”
“Anche se Rocco Siffredi ha detto che lo squirting nel porno è solo
piscio.”
“Il porno ha avuto il grande merito di sdoganare lo squirting. Però lo
squirting è legato a una situazione intensa di piacere. Lo squirting non
c’entra niente con l’urina. È un liquido completamente diverso, una
fuoriuscita diversa. Viene prodotto da ghiandole diverse.”
“Ma in questa provetta il colore sembra proprio quello dell’urina,
giallastro.”
“Solo visivamente. Il canale di uscita è l’uretra. Nessuno si sogna di dire
che la pipì e lo sperma siano la stessa cosa, anche se il canale d’uscita è lo
stesso. Per la donna, essendo uguale il canale d’uscita, a quel punto lo
squirting deve essere uguale all’urina. No, signori. Non lo è. Fatevene una
ragione.”

Anna, che inonda tutta la stanza

“Sono Anna, buonasera.”


“Prego, dica.”
“Ho ascoltato ieri quelle meravigliose parole che lei ha letto di quello
scrittore sullo squirting.”
“Era Emmanuel Carrère, per l’esattezza.”
“Ha detto delle verità straordinarie, straordinarie.”
Parenzo: “Quanti anni ha, signora?”
“Quarantasette.”

127
“Lei squirta?”
“Sì, e tanto.”
Parenzo: “Le sembra il caso di telefonare a una radio nazionale e
autorevole come questa…”
“Falla parlare, David.”
“Non sono fenomeni da baraccone quelle che squirtano. Ci ho messo anni
a capire che non è urina.”
“Lei squirta tanto?”
“Sì. Poi devo asciugare la camera.”
Parenzo: “È una porcheria che chiami in diretta, così!”
“Cosa succede in quella stanza quando sei con un uomo, quando inizia
l’attività sessuale?”
“Io detesto i preliminari. Non ho bisogno. Ma cosa sono? Sei lì e hai una
voglia pazza di fare l’amore con quella persona. I preliminari si fanno dopo,
li facciamo dopo.”
“Sì, ok, ma che succede dal punto di vista dell’inondazione? Questo
voglio capire.”
“Appena la persona mi sfiora io raggiungo l’orgasmo, anche solo con un
bacio… Si allaga tutto che anche gli impianti elettrici saltano. Sono
serissima. Fantastico.”
“Allaghi completamente la camera?”
“Sì, e poi asciugo. Le pareti, i mobili. In un’ora di amore vengo trenta
volte e squirto sempre. È come se ci fosse un ricaricarsi di passione, di
voglia… è una follia totale.”
“È sempre stato così anche da giovane?”
“È sempre stato così, ma adesso che ho trovato una persona che è stata in
grado di farmi esprimere per quello che sono…”
“Prima ti vergognavi?”
“Molto. Sono dovuta andata da uno psicologo a chiedere, a informarmi,
cosa sono le ghiandole di Skene, perché non tutte le donne ce l’hanno,
quante ce l’hanno, dov’è il punto G, che appena mettete un dito nella
patatina della vostra donna andando verso la parete interna, lo sentite, lo
sentite…”
Parenzo: “Vogliamo la mappa, caccia al tesoro, forza!”
“Non la interrompere, è un discorso serissimo. Anna sta spiegando che è
dovuta andare da uno specialista.”
“Sì, perché ero totalmente diversa dalle altre. Fra ragazze si parla, avevo

128
venticinque anni. Sono andata a capire… e adesso ho una sessualità
fantastica.”
“Gli uomini come reagiscono?”
“Dovevo dirlo prima. Perché altrimenti sarebbero stati inondati… Poi
però impazzivano tutti.”
“Ci sarà stato uno che diceva: ‘Mi fa schifo?’”
“Ma ne ho avuti pochissimi. Cinque. Tutti impazziti, totalmente. E poi
non dite stupidaggini sui rapporti anali. È una cosa fantastica, bellissimo. Si
squirta ancora di più.”
“Nessun trauma, allora?”
“Nessun trauma, nessun trauma. Un godimento straordinario.”

Susan, ingaggiata da un bordello perché squirta

“Abbiamo in collegamento una ragazza, madre di tre figli, dieci, sette e


quattro anni, quarantun anni lei, laureata. Da poco si è messa a fare la
prostituta. Buonasera Susan.”
“Ciao. Guarda, io mi sono ritrovata senza soldi per pagare l’affitto. Il
padre non pagava. La giustizia italiana è lenta e allora…”
“Che hai fatto?”
“Una notte mi sono messa al computer e ho mandato una mail a un club
di Chiasso.”
“Quale?”
“Il Maxim, vicino al confine.”
“Quanti debiti hai?”
“Purtroppo siamo sui dodici, quindicimila euro.”
“Perché non ti sei messa a fare un lavoro di quelli che la morale comune
considera normale?”
“Perché con un lavoro normale i soldi non sono sufficienti. Se prendo
millequattrocento euro al mese e ottocento vanno via per l’affitto, sola con
tre figli i soldi non sono sufficienti. E in più devo finire di restituire i soldi
che ho preso per fuggire da una situazione violenta.”
“Quale situazione violenta.”
“Il padre dei miei figli piccoli mi picchiava, sono dovuta scappare.”
“Andare in un bordello significa vendere il proprio corpo. Ti piace il
sesso?”

129
“Sì, mi piace. Assolutamente sì, altrimenti non riuscirei a farlo.”
“Quante volte sei stata al Maxim?”
“Una sola volta, tre giorni.”
“Quanti clienti hai fatto?”
“Cinque in tutto. Mi sono messa in un angolino perché dovevo valutare la
situazione, i soggetti.”
“Come ti sei trovata?”
“Direi bene. Non mi sono avvicinata io ai clienti. E stato un
atteggiamento che è risultato vincente perché si sono interessati a me.”
“C’è qualcosa che ti ha fatto schifo?”
“No, nulla.”
“Quando hai scoperto il sesso?”
“Venti anni fa ho scoperto che è qualcosa di irrinunciabile, anche perché
madre natura mi ha dotato di una cosa particolare: squirto.”
“Lo hai scritto al Maxim per essere ingaggiata?”
“Certo. Credo mi abbiano chiamata per questo.”
“Squirti forte?”
“Se siamo in piedi dopo dobbiamo pulire tutto il pavimento.”
“La cosa è stata apprezzata nel bordello?”
“Sì, molto. In tre giorni con quei clienti ho fatto seicento euro. Mi hanno
già chiesto di tornare. Ho bisogno, alla fine lo farò.”
“Per quanto tempo lo vuoi fare?”
“Quando ho finito di pagare smetto, torno alla mia vita normale. Ma la
prostituzione si può trovare anche in altri ambiti. Per esempio lavorare con
persone che ti maltrattano è anche peggio. Io non mi vergogno di quello che
faccio.”
“Hai avuto degli orgasmi?”
“Sì, certo, ho goduto. Assolutamente sì.”
“Cosa non faresti mai?”
“Non bacio.”
“E il sesso anale?”
“Non è successo, ma lo farei. Poi dipende dalle dimensioni.”
“Cioè?”
“Troppo grosso direi di no.”

Gimbo e lo squirt terribile anni Ottanta

130
“Hai provato lo squirting?”
Gianmarco Tognazzi, detto Gimbo: “Solo una volta, negli anni Ottanta.”
“Possibile, una sola volta?”
“Sì. E me ne sono reso conto anni dopo, all’epoca mi sono spaventato. Ho
preso veramente paura.”
“E perché?”
“Non sapevo nulla, per cui a un certo punto mi sono reso conto che c’era
qualcosa che non andava. Perché era veramente una situazione
incresciosa.”
“Incresciosa? Addirittura!”
“Ho buttato il materasso. Ho pensato che stesse male, in quegli anni non
se ne parlava.”

Innamorarsi delle pozzanghere

Dicono che uno dei più affidabili sia il professor Emmanuele Jannini, che
insegna endocrinologia e sessuologia medica all’Università Tor Vergata di
Roma. Dice Jannini sullo squirting: “Questo eiaculato non contiene le
sostanze tipiche dell’urina. Viene prodotto dal rene, stoccato nella vescica
ed espulso attraverso l’uretra. Quindi teoricamente è urina. Ma è così
diluito da essere più simile all’acqua che all’urina.” E ancora: “È una specie
di riflesso incondizionato, che viene innescato stimolando solo il clitoride,
oppure, molto più frequentemente, la parte iniziale della vagina, nella
parete anteriore, su cui è appoggiata la vescica. Una zona che una volta
veniva chiamata ‘Punto G’, e che ora viene denominata ‘Complesso clitoro-
uretro-vaginale’. Questa stimolazione sollecita direttamente la vescica, e
sembra favorire tutto il processo. Oltre allo squirting, abbiamo anche
evidenziato la presenza di un altro eiaculato, più denso e meno copioso, che
viene espulso sempre dall’uretra. Analizzandolo in laboratorio abbiamo
scoperto che è molto simile allo sperma, tant’è vero che contiene
un’altissima quantità di psa, un enzima che negli uomini viene secreto dalla
prostata. Questo fluido viene prodotto da residui di ghiandola prostatica
presenti e attivi solo in alcune donne.” Però, in fondo, chissenefrega di
definire cosa è lo squirting. Negli ultimi anni il mondo si è diviso tra chi lo
considera urina, chi un misto di altre sostanze, chi semplicemente un

131
prodotto mediatico per fare qualche soldo su Internet. Perché ci appassiona
o ci terrorizza? Per un semplice motivo. Perché ci troviamo di fronte a un
evento eccezionale, come una donna col cazzo. È più o meno la stessa cosa.
Siamo di fronte a una femmina che non si limita a ricevere, ma consegna
uno spruzzo al suo partner. Viene, anche esteticamente direi, molto più di
un uomo e devi attrezzarti per rimediare. Ne siamo sorpresi. E spesso di
quelle pozzanghere ci innamoriamo perdutamente.

132
Trans

“Ormai piagnucolante il fanciullino


Gli chiede: ‘Padre, cosa sono i trans?’
Ma come fa a spiegare al suo infante
Son donne dal clitoride ingombrante…
È come aver fratello con sorella
Ma uniti in una persona sola…”
Ruggero de “I Timidi”, Padre e figlio

Gianluca: io, lei e il trans

“Mi chiamo Gianluca, sono eterosessuale, almeno credo. Da qualche anno


però mi eccito molto solo se scopo coi transessuali. Continuo a fare sesso
con la mia fidanzata e ogni tanto con altre donne, però i trans mi danno
qualcosa in più. Non mi faccio penetrare, forse non ho il coraggio. Se vuoi
chiamami, ma prima in privato. Casomai l’intervista la facciamo con la
voce modificata.”

“Gianluca?”
“No, chi è?”
“Mi hai mandato una mail sui trans, sono Cruciani.”
“Ah, sei tu. Ho scritto ‘Gianluca’, ma ho un altro nome. Dammi qualche
minuto che mi allontano…”
(Lo richiamo dieci minuti dopo.)
“Eccoci. Vai con i transessuali pagando o no?”
“Non ho mai pagato, ne ho conosciuta una che non fa la puttana. Le altre,
amiche sue, non posso escludere che lo facciano, ma io non ho mai pagato.”
“Pagheresti?”

133
“Sì, ora forse sì.”
“Perché?”
“Perché è come provare una roba diversa, togliersi uno sfizio,
un’esperienza dell’altro mondo.”
“Te lo sei mai fatto mettere dietro?”
“No, mai. La prima con cui sono andato me lo chiedeva continuamente.
Credo si volesse anche fidanzare. Ha avuto compagni maschi, uomini. Uno
faceva il giocatore di pallacanestro in serie A. Attivissimo, come lo sono
io.”
“E tu?”
“Mai pensato, sei matto? Me la facevo, ci parlavo, era simpatica. Ma no,
starci insieme no.”
“Non superi l’ultimo tabù?”
“Sono eterosessuale, con gli uomini non ci vado. Un maschio non mi
piace, il cazzo mi attira solo quando è sul corpo di una donna. Non potrei
perdere la testa per un uomo col pisello. Forse è una convenzione sociale,
forse ho ancora qualche tabù, non lo so, ma penso sia impossibile.”
“E questa come l’hai conosciuta, la prima dico.”
“Me l’ha portata a casa un amico una sera. Era una cosa quasi preparata.”
“E prima di allora?”
“Nulla di significativo. Ma era un po’ che avevo cominciato a vedere dei
video con trans dotati, molto femmine. Mi dicevo: ‘Se capita, perché no?’
Ma solo con quelle femmine femmine, travestiti nemmeno per idea.”
“La prima sera cosa ci hai fatto?”
“L’ho segata e ho succhiato un po’. Poi lei è venuta mentre la penetravo
dietro.”
“Quando se n’è andata, cosa hai provato?”
“Avrei voluto rifarlo il giorno dopo.”
“Sei andato in fissa?”
“Un po’ sì.”
“Quante altre trans ti sei fatto?”
“Quattro, non tante.”
“E allora di cosa ti preoccupi?”
“Del fatto che con queste il pisello mi diventa duro, mentre con la mia
fidanzata non mi eccito così. Quando lo metto nel culo ai trans e magari
tocco il loro pisello, mi sembra di fare una cosa talmente speciale e unica
che l’adrenalina è a mille.”

134
“Posso capirlo, la testa è fondamentale. E lo succhi a tutte le trans con cui
sei andato?”
“Sì, ovvio!”
“Non è scontato. E cosa senti, cosa provi?”
“Non mi sembra di fare una cosa gay. Non ho questa sensazione. E
comunque mi piace sentire in bocca il pisello di una donna.”
“Ma è un uomo!”
“Io la vedo come donna. Vado solo con trans che potresti anche non
capire che sono maschi. Sembrano fighe pazzesche.”
“Col cazzo!”
“Già. Per questo ci vado.”
“Non mi sembri sconvolto, però. Perché mi hai scritto?”
“Boh, forse avevo bisogno di dire a qualcuno certe cose, non ne parlo
mai. Tu invece ne parli sempre. Forse ho paura di non eccitarmi più con
una donna. Ti dico un’altra cosa…”
“Dimmi.”
“Nell’ultimo anno, più o meno, il gioco è quello di mettere un trans in
mezzo. Io e una mia amica.”
“Tutto questo mentre sei fidanzato?”
“Eh sì.”
“Lei non lo farebbe mai?”
“Non credo proprio.”
“Magari potresti scoprire che non è così.”
“Ma no, no, non è il tipo.”
“E siete riusciti a farlo il triangolo?”
“Certo. Siamo diventati quasi un terzetto affiatato.”
“I ruoli quali sono?”
“Io e lei succhiamo insieme il trans, per farti un esempio.”
“E poi?”
“Poi una specie di trenino. Il trans lo mette dietro a quest’amica, io mi
faccio il trans e poi vengo in faccia a tutte e due.”
“Una specie di film porno…”
“Esatto!”
“E con le altre?”
“Con una ci baciavamo pure mentre la toccavo. Aveva un pisello enorme
e duro nonostante gli ormoni e tutte le cure. Non so come facesse.”
“E ti senti in colpa?”

135
“Qualche volta. Ma il problema non è quello.”
“E qual è?”
“Ti ho già detto. Con la fidanzata ormai non mi eccito molto. Devo
pensare all’ultimo trans che mi sono fatto. Penso a inchiappettarmi un trans
che intanto si masturba e mi diventa duro.”
“Già, hai pensato a uno specialista?”
“No, non ci ho pensato. Forse servirebbe.”
“L’intervista alla radio la facciamo?”
“Meglio di no. Non mi fido della voce, magari mi beccano.”
“Ma sì, chissenefrega. Viene pure male con la voce modificata, mica sei
un pentito di camorra. Ciao.”
“Ciao. Pensi che sia malato?”
“Ma quando mai. Ti piace una cosa e la segui. Non ti fare pippe mentali.
Ci sono tanti modi per vivere. Ne hai scelto uno. Se ti dicessi di non
esagerare coi trans e cercare di scopare meglio con la tua donna mi sentirei
un cretino, sarebbe una banalità. Ti abbraccio.”

Spesso mi chiedono alla radio: ‘Ma chi va coi trans è frocio?’ La realtà è
complessa, ma una domanda secca pretende una risposta secca. Per me,
decisamente no. Persino chi paga e pretende da un transessuale un rapporto
passivo, cioè lo prende nel deretano. I trans piacciono sempre di più e sono
sempre più richiesti nel mercato del sesso perché sono creature terze, esseri
umani sui generis, quasi degli alieni rispetto a quella che consideriamo
normalità. Ergo, per chi li frequenta nulla a che fare con l’omosessualità.
L’uomo che scopa o si fa scopare da un trans non è gay, non andrebbe mai
con un altro maschio. Detto in termini brutali: non se lo farebbe mettere
dietro da un pisello qualunque. “Non sono gay nascosti, l’omosessualità
ama la mascolinità, invece i trans sono molto femminili,” ha detto una
persona che se ne intende, Vladimir Luxuria. E ha decisamente ragione, è
proprio così. Qualcuno sarà sollevato, ma il punto non è liberarsi la
coscienza. Con un trans, è oggettivo, è fattuale, come direbbe qualcuno, hai
maggiori possibilità di scelta, puoi cambiare, puoi divertirti in tanti modi
diversi: per questo sono ambiti. “Non è l’omosessuale latente che si rivolge
alla trans,” dice la sessuologa Rosamaria Spina, “ma chi lo fa è attratto
dalle caratteristiche di iperfemminilità dei transessuali, le labbra
particolarmente pronunciate, il seno rifatto, il trucco a volte eccessivo.

136
Cercano la donna.” Sembra strano, ma sono femmine quelle che cerca il
cacciatore di trans. Una femmina dotata. Una superfemmina. Vittorio
Sgarbi le chiama “donne al cubo” e sostiene che “con loro non ci sono
rapporti omosessuali”. Per lo Sgarbone, “sono più eccitanti in quanto
potenziano una femminilità a cui le donne hanno da tempo rinunciato. Le
donne si mostrano fiacche, non truccate, vestite da maschio, scostanti. Il
trans si veste come Sophia Loren. Rappresenta quello che la donna era.
Oltre a una chance di avere un rapporto con una donna vera con curve in
grande evidenza”. Dunque, per chi si preoccupa della sua attrazione per
l’uccello trans il messaggio è questo: non vi siete improvvisamente
frocizzati, non vi agitate, smettetela di provare vergogna. Succede solo che
volete sperimentare il cazzo nel corpo di una donna. Magari solo toccarlo, o
provare a leccarlo. In qualche caso prenderlo dietro. Niente panico.

Gabriela, una trans da trecentomila euro all’anno

“Abbiamo qui una signorina considerata tra le più brave puttane


transessuali da Escort Advisor. Si chiama Gabriela, è libera, è brasiliana.
Quanti anni hai?”
“Venticinque.”
“Quando hai iniziato con gli ormoni?”
“A sedici anni.”
“E in Italia quando sei arrivata?”
“Quando ne avevo ventuno.”
“E hai fatto subito la puttana?”
“No, prima ho provato col porno.”
“Li fai ancora i porno?”
“Ogni tanto sì.”
“Quanti clienti al giorno?”
“Diciamo una media di sei.”
Alberto Gottardo: “Ma sei al giorno tutti i giorni o ci sono dei giorni di
ferie, signorina?”
“No, sabato e domenica non lavoro.”
Gottardo: “Comunque facendo i calcoli si arriva a un numero
ragguardevole di oltre millecinquecento uccelli all’anno.”
“Arrivi davvero a questa cifra, Gabriela?”

137
“Forse anche di più.”
Gottardo: “Per una media di quindici centimetri, sono ventitré chilometri
e mezzo di cazzo ogni anno.”
“È incredibile, Gottardo, come ti è venuto in mente?”
Gottardo: “È facile, la distanza tra Padova e Venezia, tutta di cazzo.”
Parenzo: “Ma è un’immagine vergognosa, raccapricciante.”
Gottardo: “La matematica non è un’opinione.”
“Chilometri a parte, quanti soldi guadagni?”
“Trecentomila l’anno, più o meno.”
“Dove li metti?”
“Li porto in Brasile.”
“Come le rimesse degli immigrati che vengono qui.”
Gottardo: “Tra l’altro vorrei aggiungere che prende 1282 euro per ogni
metro di membro. Senta, Gabriela, con i soldi che ha accantonato in Brasile
cos’ha comprato?”
“Al momento due appartamenti e un chiosco in spiaggia.”
“Sentitela. Con il suo mestiere fa vivere bene tutta la famiglia.”
“Mamma e papà, solo loro.”
“Cosa ti chiedono i clienti? Sei più attiva o passiva?”
“Attiva. Anche perché lavoro soprattutto come padrona.”
Gottardo: “Mi scusi, posso chiederle quanto ce l’ha lungo il suo
strumento di lavoro?”
“Ventuno centimetri.”
“Che roba, ragazzi! E la tua specialità qual è?”
“La sodomizzazione degli italiani passivi.”
“Viagra e simili li prendi?”
“Sì, una pasticca al giorno quando sono stanca. Ma gli italiani sono
veloci, molti hanno l’eiaculazione precoce. Gli incontri durano quindici,
venti minuti. Invece le sessioni da padrona e schiavo durano di più.”

Alessia Nobile: “Sono la crocerossina dei matrimoni”

“Alessia Nobile, transessuale pugliese. Fa la escort e non è schiavizzata da


nessuno, ha il suo magnifico sito Internet ed è una persona libera e
consapevole.”
“Ciao ragazzi, ho sempre saputo di essere internamente una donna. Era

138
solo questione di involucro, e allora mi sono messa in carreggiata
fisicamente, ecco. La mia parte interna è stata sempre femminile.”
“Tuo padre sa che fai la escort?”
“No, è anziano. Abitiamo a Palo del Colle, vicino Bari. Tu hai detto che
sono consapevole di quello che faccio. È vero, però…”
“Però cosa?”
“Non si può essere felici, diciamo la verità. Lo si fa per impedimenti
lavorativi della società. Non c’è lavoro, non ci danno lavoro. O si fa quello
o si muore.”
“Vabbe’, non è che l’alternativa sia per forza quella. E non è che
qualcuno vi debba dare il lavoro.”
“Non ci danno lavoro, nessuno ti fa lavorare se sei transessuale. Io sono
laureata in scienze sociali. Tre più due, a Bari.”
“Mi hai detto una volta che gli amici storici ti hanno voltato tutti le
spalle.”
“Alla fine li ho persi tutti. O quasi. Ma quelli che ho conosciuto dopo la
transizione sono quelli che contano. Quelli di prima mi hanno delusa. E per
lo stesso motivo definisco i miei clienti ‘angeli’, perché grazie a loro vado
avanti. Pensa che un cliente una volta mi ha comprato una macchina.
Lavora in banca e ha deciso di comprarmela al mio posto, così per tre anni
mi sono concessa gratuitamente. Poi abbiamo pareggiato i conti e lui ha
ripreso a pagarmi gli incontri.”
“E la famiglia? Tuo padre e tua madre?”
“Sono spariti quando ho iniziato la transizione. Non lo hanno mai
accettato. Silenzio. Non ho mai avuto nessuno vicino, quando mi
chiedevano che numero di telefono lasciare in caso di necessità non sapevo
che numero dare.”
“E adesso?”
“Ci siamo sempre visti, non è che siano spariti fisicamente. Ma non
abbiamo mai parlato della transizione. Sono tornata a casa col seno e non
ne abbiamo mai parlato. Mai una domanda. Per loro evidentemente è stato
una botta, uno shock. Non ho mai saputo come lo hanno vissuto. Oggi vado
da loro a pranzo o a cena, ma non so ancora se lo hanno accettato fino in
fondo. Mi piacerebbe saperlo.”
“Quando ti chiamo, sei sempre solare: sembri felice.”
“Faccio la prostituta perché la società mi ha costretto a farlo. Ma è un
lavoro che se non hai tempra ti distrugge. In certi momenti ho pensato

139
anche al suicidio.”
“Al suicidio?”
“Sì, ci ho pensato. Questo lavoro è una morte lunga, dolorosa. Tanto vale
farla finita, col suicidio assistito.”
“Cosa sei nella tua professione, soprattutto attiva?”
“Attiva e passiva, abbraccio tutto. Mi chiamano asso pigliatutto.”
“Quanto guadagni al mese, più o meno?”
“A cranio prendo più o meno cento euro. Poi lascio alla vostra
immaginazione.”
“Sono soldi, quattrini, quale immaginazione!”
“Cinquemila al mese li faccio. Sai, c’è gente di tutti i tipi. Chi si fa
sodomizzare, chi vuole il latex, chi si traveste e si fa inculare. Si arriva
facilmente a quella cifra.”
“Gente sposata come piovesse, immagino.”
“Sono la crocerossina dei matrimoni. Molti uomini vengono da noi e poi
tornano a casa fortificati e amano ancora di più la moglie. Se non fosse per i
sogni appagati da noi trans, i matrimoni sarebbero già finiti da un pezzo.”
Parenzo: “Ma come si fa a dire una cosa così?”
“Le donne non danno quello che un uomo veramente vuole.”
“Cioè, cosa vuoi dire?”
“Noi siamo amanti e complici. Sia a livello sentimentale che sessuale.
Devi provare, devi provare, quando provi, non la lasci più la transessuale.”
“Che misure hai, amica mia?”
“Quarta di seno, tutto rifatto ovviamente, sono alta 1,78 e ho una bella
mazza. Siamo su una ventina di centimetri. Sta squillando il telefono,
aspettate. Forse ascoltano la radio.”
“Istigazione alla prostituzione.”
“Viva il fallo. Un attimo.”
(Si assenta per qualche minuto, poi ricompare.)
“Cosa voleva?”
“Secondo te? Il cazzo.”
“È il tuo tesoro, la tua fonte di reddito.”
“Siccome nessuno mi dà un altro lavoro…”
“Ma non è così!”
“Guarda che io i colloqui di lavoro li ho fatti. Quando vedono che sei
trans, niente. E anche le case in affitto è difficile.”
“Ma a te piace fare la puttana, su.”

140
“Mi piace perché incontro tante persone positive. Gli uomini che vengono
da me mi apprezzano e mi amano, e mi hanno insegnato tanto, ognuno con
la sua storia.”
“Andando con una trans pensano di tradire le mogli?”
“No, perché si dicono: ‘Andiamo con una trans, quindi non andiamo con
un’altra donna.’”
“Sono gay?”
“No, assolutamente. Sono etero. Vogliono il terzo sesso.”
“Ma a questi piace l’uccello!”
“Sì, ma della trans, non dell’uomo. Sono un po’ bisex, quello sì.”

Come fare i soldi a Sanremo con un pisello

“Andiamo a Sanremo, David. Ho invitato Alessia Nobile, un trans barese


che si trova lì perché c’è un grande mercato per la sua professione: la
puttana. C’è una migrazione non solo di artisti ma anche di prostitute.”
“È un momento importante per il mio lavoro. Ho portato un’altra valigia
per i soldi. Ho paura che non mi entrino tutti.”
“Amica mia, è stupendo, meraviglioso. Quali sono le tue tariffe
sanremesi?”
“Non ce ne sono. A Sanremo non devo chiedere. La tariffa base è cento
euro, poi il supplemento te lo danno tranquillamente.”
“Una specie di Bengodi?”
“Non mi piace chiedere. Chiedo la parcella base. Ma qui lasciano più del
doppio anche per mezz’ora.”
“Dunque se la tariffa base è cento…”
“Duecento. Sono arrivata ieri e ho già incontrato tre persone, due
prenotati e uno raccattato per strada. Questo mi ha dato duecento per una
ventina di minuti. E non li ho mica chiesti.”
“Dunque siamo sui mille al giorno?”
“È possibile. Qui becco ovunque. Sono già stanca. Esco, vado a prendere
un caffè e distribuisco il mio numero di telefono. Ventiquattro ore su
ventiquattro, con l’Ariston a due passi.”
“Che fatica, eh?”
“Sì, sì, ma ha il suo tornaconto.”
“Meglio di altri mestieri, meglio che fare la barista.”
“Be’, sì. Anziché servire vengo servita e riverita. Ho molti schiavi.”

141
“È una tua specialità?”
“Sì, seguo le richieste. Molti chiedono la sottomissione. È più facile
schiavizzare… Chiedono un dolore più forte di quello che io riesco a
provocare. A un certo punto mi fermo perché ho paura.”
“Cosa chiedono?”
“Frusta, mollette, capezzoli, catene al collo. Di tutto e di più. Poco fa mi è
arrivata una telefonata qui a Sanremo: uno vuole essere preso dietro da un
travestito.”
Parenzo: “Sono delle porcherie!”
“Io sono una missionaria. Faccio del bene.”
“Business is business, avanti tutta!”
“E tutto dentro!”
“Andiamo per categorie.”
“Cantanti no, almeno non di quelli che conosco. I giornalisti sono i
primi.”
“Attivi o passivi?”
“Ma secondo te con una trans chi ci va? I passivi.”
“Non è vero, anche gli attivi.”
“Qui solo passivi. Cercano il terzo sesso per questo.”
“Altre categorie?”
“Imprenditori, gente della Rai, tutti. Poi non è che mi dicono sempre cosa
fanno. Comunque regalano duecento o trecento subito. Mi premiano perché
di trans italiane non ne trovano. Sono stanchi delle straniere e delle
fotografie fasulle del cazzo. Io ho un bel giocattolo, altrimenti non mi
cercherebbero.”
“Grandi affari, mi raccomando. Torna a Bari con la valigia piena di
contante!”
“Cash, cash, cash!”

Coppie e donne che cercano trans

“Sono in forma, sempre attiva.”


“Benissimo, siamo contenti. Oggi mi hai mandato un messaggio in cui
dicevi che c’è una nuova tendenza tra i tuoi clienti.”
“Sì. Le donne cercano sempre di più i trans.”
“Dunque il Centro Studi della Zanzara, specializzato nelle ricerche sul
sesso, registra questa moda emergente.”

142
“La richiesta arriva dalla coppia, ma è la donna a chiederlo. Insieme al
compagno, marito, partner, vogliono un rapporto.”
“Come si consuma questo rapporto?”
“Solo con lei, l’uomo diventa spettatore e guarda.”
“Addirittura!”
“Scopo la donna, oppure lei fa un rapporto orale a me.”
“Anale o vaginale? Le scopi ovunque?”
“Sì, certo.”
“E l’uomo che fa?”
“Guarda e si masturba.”
“Questo è il quadro, dunque.”
“C’è anche un altro quadretto. I due giocano col mio pene
contemporaneamente. Si divertono a fare a gara a chi lo succhia meglio, a
chi lo prende meglio.”
“La Nobile sperimenta sul terreno, sulla sua pelle, sul suo pisello si
potrebbe dire, le nuove tendenze.”
“Le donne in realtà mi dicono che vogliono venire da sole con me. Ma
non hanno il coraggio, vorrebbero gustarsi in fondo tutta la mia essenza, il
mio corpo.”
“Molte donne vogliono farsi scopare senza il maschio davanti?”
“Sì, sono loro a convincere l’uomo a chiamarmi.”
“E poi c’è la situazione più classica, ovviamente.”
“La donna che guarda e si masturba mentre il marito diventa la mia
vittima e schiava. E non ho usato questi termini a caso. Loro amano essere
chiamati così: sono la tua vittima, la tua schiava.”
“Mentre li penetri dietro, mentre stantuffi?”
“Ovvio. Sono praticamente solo attiva. Esclusivamente attiva.”
“Difficile che qualcuno ti chieda di essere passiva?”
“Con il tempo sono diventata vergine analmente.”
“Ma no, dài, impossibile!”
“Nessuno ormai mi chiede un rapporto anale. Dico sul serio, anche fuori
dal lavoro.”
“Cioè?”
“Se volessi godermi un momento di piacere. Niente, vogliono tutti il
pene.”
Parenzo: “Queste coppie non sono normali!”
“Ma perché? Perché una coppia che si diverte a giocare con un trans,

143
magari con il maschio inculato, non dovrebbe essere normale?”
“È l’evoluzione del sesso. Li chiamo eteroflessibili. Non hanno più un
ruolo. Diventano flessibili in base alle circostanze. Lo prendono, lo
mettono, dipende dalla situazione e dalla voglia.”
“La coppia è più cara, immagino.”
“Io parto dai cinquecento, cinquecento rose.”
“Come avviene il primo contatto?”
“Ti leggo qualche messaggio, omettendo il nome. Una donna mi scrive:
‘Luca non si è mai fatto inculare, ma succhiare il cazzo, sì: quello lo ha
fatto.’ Io rispondo: ‘Potrei farlo io.’ E lei: ‘Magari, facendo piano, ci
starebbe. È un mio desiderio.’”
“Com’è finita?”
“L’ho inculato con lei che squirtava davanti a noi, anzi su di noi. Una
cosa molto eccitante.”
“Ti potresti mai fidanzare? Il sesso in privato ti capita?”
“No, no. Io mi do a pagamento. Per una trans non c’è amore, ma c’è la
maschera dell’uomo. Pagate tutti, amen. Non perdono più nessuno. Tutti
castigati sessualmente, e paghino tutti.”

Efe Bal: “Il Vaticano dovrebbe darmi una medaglia”

“La maggior parte degli uomini che incontro sono impotenti o passivi.”
Parenzo: “Questo lo dice lei, il centro studi Efe Bal.”
“Me ne scopo trecento al mese, sono credibile.”
Gottardo: “Pagnoncelli non lo prenderebbe come un campione
significativo. Se ho voglia di scopare non vado a trans, mi sembra evidente.
Se ho voglia di prenderlo, sì.”
“Ma prima o poi vogliono tutti. Non ti incuriosisce prendere un cazzo?”
Gottardo: “No, guardi, assolutamente. Morirò con il dubbio.”
“Nemmeno succhiare, toccare?”
Gottardo: “Su succhiare possiamo… Ma il problema è poi accendere la
luce.”
Parenzo: “Scusate se interrompo questa augusta conversazione, ma siamo
pur sempre sulla radio della Confindustria.”
“E vabbe’, amen. Adesso parliamo di cazzo.”

144
Le origini di Efe Bal, un bambinone turco e cicciottello

“L’Italia ha tante aziende che falliscono, la mia invece è floridissima. Mi


tengo bene, mi pulisco, non bevo e non mi drogo, non ho amici, dormo
cinque ore a notte. E ancora oggi faccio dai dieci ai quindicimila euro al
mese, puliti.” Efe Bal si chiama davvero così, non è un nome d’arte. È una
trans turca, anzi italo-turca, forse la più famosa in Italia. Di mestiere fa la
prostituta, attività che esercita in un piccolo bilocale nella zona di Porta
Nuova a Milano. Ora, caso più unico che raro in questo Paese disastrato, ha
espresso la volontà di chiudere la sua piccola aziendina del sesso che
galoppa a meraviglia, fatturando dai 150 ai 200.000 euro all’anno,
esentasse. Un controsenso. Ovviamente, essendo il personaggio un
“tantinello” esibizionista, non ci crede nessuno. Per verificare le reali
intenzioni della Efe nazionale faccio tre fermate di metropolitana, suono a
un citofono anonimo e salgo tre piani con l’ascensore. Appena entri ti
colpiscono due foto di un ragazzotto cicciottello con una divisa da
collegiale.
“Chi è questo bambinone?”
“Come chi è? Sono io.”
“Ma dài, non ci credo.”
“Te lo giuro, in una foto avevo nove anni, nell’altra undici.”
“E nessuna traccia di femmina. Sembri il figlio paffutello di una ricca
famiglia americana.”
“Mio padre era uno strozzino, un usuraio. Eravamo ricchi, ricchissimi. Da
piccolo ho fatto una bella vita, una casa grande a Istanbul. Però in ogni
angolo c’erano delle bambole di porcellana. E sotto le gonne di ognuna di
queste bambole c’era una pistola. Una decina, disseminate in tutto
l’appartamento.”
“E perché?”
“Papà aveva paura che qualcuno lo ammazzasse. Alla fine, diciamolo
chiaro, era un mafioso.”
“Hai fratelli?”
“Quattro. Tutti maschi. Sono dei fratellastri, avuti da altre donne di mio
padre, tutti più grandi, il più piccolo oggi ha sessant’anni. Per quello che
faccio mi vogliono morta.”
“Non esagerare!”
“È così. Si vergognano che la sorella faccia la puttana e poi io ho i soldi,

145
oggi loro non stanno messi bene. Non hanno nulla da perdere.”
“Quando hanno capito a casa che ti sentivi donna?”
“No, guarda, ti sbagli. Non sono come le altre trans.”
“Cosa vuol dire?”
“Quando ero piccolo non ho mai indossato vestiti da femmina. Ho sempre
portato i capelli corti, non giocavo con le bambole. L’unica cosa strana era
la voce, uguale a quella che ho adesso.”
“Ecco, appunto.”
“Ma non ho mai avuto problemi di personalità, non sono una di quelle
trans che si sentono donne nel corpo di un uomo. Mi sono sempre trovata
bene col mio corpo e col mio pisello. Mai avuto problemi.”
“Quando hai iniziato ad avere rapporti con uomini?”
“Tardi, a vent’anni. Ma piccole cose, qualche pompino, niente di più.”
“Che c’entra l’Italia? Perché sei venuto qui?”
“Da ragazzino ho avuto tutto. Sono andato in collegio, ho fatto il liceo e
poi ho iniziato a studiare turismo e marketing, e a sedici anni mio padre mi
ha mandato in America per studiare l’inglese. Però a un certo punto mia
madre non voleva più che restassi in Turchia per colpa di papà e a vent’anni
mi ha spedito in Italia a imparare l’italiano. È qui che sono diventata una
mignotta.”
“Quando hai iniziato?”
“Dieci anni fa. Nessuno ci crede. Ma è solo questione di ormoni. Volevo
scopare e divertirmi.”
“Non c’è bisogno di fare la prostituta.”
“E invece sì. Vedevo un ragazzo ed era complicato andarci insieme.
Invece se sei una puttana come me dopo una settimana probabilmente te lo
ritrovi a letto.”
“Ma va’, tutte cazzate.”
“Credimi invece, i soldi non c’entrano. Certo, volevo essere indipendente
dai miei. Ma sono diventata una prostituta a ventotto anni per trovare più
scopate e più ragazzi, insomma per divertirmi di più. Poi sono arrivati pure
i quattrini. E ho investito da subito, sono brava a fare il marketing di me
stessa. Ho comprato una Porsche con cui andavo a battere in via Cenisio, a
Milano. Sulla macchina c’era un adesivo con la scritta: ‘lapiudolce.com’.
Ho cominciato a fare subito più di duecentomila euro all’anno. Un botto.
Ero bella, più bella e più richiesta delle altre.”
“Gli ormoni li prendi, immagino.”

146
“Sì, da dieci anni. Per essere più femminile. Mi fanno sentire bene.”
“Cosa ti sei rifatta?”
“Le tette e il naso, più volte. Altrimenti come lavoravo? E ho fatto
crescere i capelli. Il resto è tutto naturale.”
“Sei stata con donne?”
“Sì, me ne sono fatte tante. Sono stata anche fidanzata con delle ragazze
qui in Italia. Non mi sono mai vergognata di essere un uomo. L’altro giorno
in profumeria una signora mi ha detto: ‘Ma lei ha una pelle bellissima.’ E io
le ho risposto: ‘Non male per un uomo turco di trentanove anni, vero?’”
“Facciamo un piccolo bilancio. Quanti clienti?”
“Più di diecimila.”
“Quanti passivi?”
“Alla fine praticamente tutti, quasi il novanta per cento. Magari vengono
la prima volta e non si fanno fare nulla. Poi la seconda o la terza se lo fanno
mettere nelle chiappe. Non sono diventati gay, vogliono solo provare cose
nuove. Con un uomo non lo farebbero mai, ma con un trans sì.”
“Chi viene da te?”
“Tutti. Dai camionisti al commercialista affermato, fino al politico.”
“A proposito, quanti politici si sono spogliati su quel letto?”
“Un centinaio, dai più piccoli ai più grandi. Di tutti gli schieramenti, dal
PD ai grillini. E alcuni me li sono ritrovati in alcune trasmissioni TV a cui
ho partecipato. Altri erano al Family Day.”
“Sposati?”
“La maggior parte, sì. Li preferisco. Sono più sani e puliti di quelli soli. E
poi mi arrapano di più. Alla fine salvo un sacco di matrimoni.”
“Cioè?”
“C’è gente che non si separa perché si sfoga con me dopo tanti anni di
matrimonio. Funziona. Il Vaticano dovrebbe darmi una medaglia.”
“Come sono gli italiani a letto?”
“A parte rare eccezioni, con me purtroppo durano poco. Dieci, quindici
minuti al massimo. Da un certo punto di vista meglio così, ma ogni tanto
vorrei godere pure io. Sono fatta così.”
“Quanti soldi hai guadagnato scopando?”
“Tanti. Quasi tre milioni di euro.”
“Il fisco quanto ti chiede?”
“Per il 2008, 425.000 euro; per il 2009, 170.000; per il 2010, 30.000; e
per il 2011, circa 25.000. Siamo arrivati a 1.000.000. Non mi riconoscono

147
come puttana e poi vogliono pure i soldi. Io le tasse le pagherei, ma allora
legalizzatemi.”
“Dove hai messo il malloppo?”
“Mi sono scocciata e ho iniziato a spenderli. Sono piena di borse e di
vestiti. Viaggio. E ho venduto i due appartamenti che avevo a Milano. Il
resto l’ho portato tutto in Turchia, intestandolo a mia madre. I controlli
sono diventati più stretti. Prima facevo quello che volevo. Andavo in una
banca col contante e investivo pure nei titoli di Stato, una puttana coi Bot!”
“E ora?”
“Non ho più nemmeno il conto corrente. Niente. Ma sono ricca lo stesso.”
“Senza fare la prostituta non esisti. Lo sai, vero?”
“Magari pagherò per scopare. Prenderò un gigolò. I soldi non mi
mancano.”
“Dicevo un’altra cosa. Non esisti come personaggio. Tu sei Efe Bal, la
trans che fa la puttana. Punto. Per questo ti chiamano in tv.”
“Invece penso di avere le qualità per fare altro. Magari la cantante, inizio
con Viola Valentino. Canteremo ‘Comprami’ insieme.”
“Ma lei lo sa?”
“Non ancora, direttamente.”
“Ah, ecco. E poi? Che altro vuoi fare?”
“La showgirl. La televisione, vediamo.”
“Ma all’Isola dei Famosi Vip non ti hanno fatto entrare.”
“Fu colpa di Vladimir Luxuria. Lei disse a quelli di Mediaset che non
dovevo partecipare perché avrei creato problemi. È sempre stata invidiosa.”
“Perché?”
“Ma l’hai vista? È brutta, orrenda. Non sopporta che ci sia un altro trans
famoso. E per di più che fa la prostituta.”
“E allora?”
“Mai una telefonata, mai un messaggio. Quel mondo gay di sinistra mi
odia, sono loro i veri omofobi. Eppure faccio battaglie civili anch’io.
Luxuria non sopporta le trans che battono. Lei chi se la prenderebbe?”
“In realtà saresti perfetta per gestire un bordello.”
“Se li legalizzassero sarei pronta. Ho esperienza e capacità.”
“Tornerai a fare la prostituta, sono sicuro.”
“Vediamo. Intanto smetto per un po’. Si può sempre ricominciare.”
“Scegli una data.”
“Metà gennaio. E l’ultimo cliente lo faccio gratis.”

148
(Ovviamente, la Bal Exit dalla prostituzione non è mai avvenuta ed Efe
continua a fare la mignotta, con sua grande soddisfazione.)

Con l’uccello di fuori, in studio

“Abbiamo un ospite qui a Milano, in studio.”


“Slurp slurp!”
“Dài, non cominciare, Efe, che poi mi metti nei guai e già ne abbiamo
tanti.”
“Questa volta ho portato anche il test dell’Hiv, l’ho fatto il 19 settembre.”
“E vabbe’, il 19 settembre… sono passati cinque mesi!”
“Eh, amore mio, io faccio questo lavoro da tredici anni, se dopo tredici
anni sono sana lo sono anche dopo cinque mesi!”
“Allora questo è il test Hiv della signora Efe Bal per tutti i suoi clienti.
Quanti ne hai?”
“Mah, cinquecento, mille li avrò fatti solo il primo anno.”
“Oggi quanti te ne sei fatti?”
“Già quattro. La mia giornata è iniziata spogliandomi davanti al
‘Corriere’ contro le cartelle del fisco. Ho preso alcuni cazzi ed eccomi qui.
E se mi fai arrabbiare, prima ti butto addosso le mie mutandine, poi mi
spoglio tutta.”
“No, no, no, ti prego, ho già tanti guai!”
“Poi gnam gnam. Non ti preoccupare, ci penso io a farti godere.”
“Ma io non voglio questo!”
“Poi lo so che vuoi che ti lecco i piedi.”
“No, no. Questo allora è il test Hiv della signora Efe Bal.”
“Poi ho anche il bollettino da 425.000 euro di Equitalia.”
“Allora, la trans escort italo-turca milanese, quanti centimetri ha?”
“Diciotto centimetri di cazzo, sono alta un metro e settantasette e ho il
quaranta di piede.”
“Dunque diciotto centimetri di cazzo e ci ha portato il test Hiv. Questa è
una cosa seria, tu vorresti legalizzare la prostituzione?”
“Fra poco ripartirò con le affissioni in tutta Milano, dopo la pubblicità sul
‘Corriere’. Però io voglio portarti a letto. Voglio succhiarti.”
“Ma io non sono disponibile. In questo momento scordatelo.”
“Un’ora, mezz’ora?”

149
“Deve essere gratis.”
“Certo, anzi se vuoi ti pago io.”
“David, aiutami tu.”
Parenzo: “Mi pare che siete già in grande intimità.”
“Intanto io mi tolgo le mutande.”
“Dài, Efe, su, non è possibile!”
“Oggi riesco a fare di tutto, sono stata davanti al ‘Corriere della Sera’
nuda per quaranta minuti.”
(Intanto Efe Bal si toglie le mutande e le tira addosso a Cruciani.)
“Ecco le mutande della signora Efe Bal.”
“Si vede il mio culetto? Vuoi che mi avvicino?”
“Aspetta, aspetta, ferma. Non voglio vedere niente.”
“Allora parlo: il fisco vuole 425.000 euro, poi altri 19.000 e sono in
arrivo altre cartelle.”
“Qualcosa avrai fatto.”
“Ho guadagnato soldi, ho voluto creare un mondo in Italia.”
“Ti hanno controllato nei conti.”
“Grazie al redditometro mi hanno controllato il conto corrente ed è uscito
un accertamento da mezzo milione di euro.”
“Per cosa?”
“Per tutte le trombate che ho fatto.”
“Tasse non pagate?”
“Ma quali tasse, le prostitute non pagano le tasse.”
(Intanto si avvicina al conduttore.)
“Non toccare lì, dài!”
“E dove posso toccare? Fammi toccare, dài, lo so che ti piacerebbe,
Cruciani.”
“Smettila!”
“Vieni qui che ti lecco il cazzo. Vieni qui.”
“Parenzo, dove sei?”
Parenzo: “Mi pare che la signora è venuta qui con altri scopi, non per
parlare della questione fiscale.”
“Infatti fra poco mi arrabbio. Perché ti hanno fatto questa cartella
esattoriale? Spiegamelo. Mica lo fanno a tutte le puttane.”
“Perché come una mongola ho messo più di 900.000 euro nel mio conto
corrente.”
“E allora loro dicono: ‘Come li hai guadagnati?’”

150
“E io ho risposto: ‘Ho trombato, mi sono fatta trombare. Ho succhiato, ho
fatto succhiare. Ho toccato, ho fatto tutto.’”
“E loro?”
“Dicono che questo lavoro non esiste. E allora quei diecimila uomini che
ho succhiato che fine hanno fatto?”
“E quindi?”
“Mi hanno mandato questa cartella esattoriale con altre due cartelle.”
“Su questo però ha ragione la signora Efe Bal.”
Parenzo: “Capisco la battaglia della signora. Magari sulle modalità,
spogliarsi, su questo ho dei dubbi.”
“Parenzo, la gente mi ama più di te, ti assicuro. Cruciani, vuoi che te lo
succhio?”
“Ancora? No!”
(Nel frattempo, durante la pubblicità, Efe Bal si avvicina al conduttore,
alza il vestito e cerca di toccarlo, si mette con le tette di fuori e nelle
immagini si vede chiaramente l’uccello del trans italo-turco.)
Parenzo: “Mi dicono che stanno girando delle immagini oscene della
signora in studio.”
(Efe Bal si spoglia tutta, si alza e si avvicina a Cruciani col pene in vista.
Lui la allontana.)
“Perché fai così? Mi vuoi far chiudere la baracca?”
“Voglio la tua attenzione.”
“Rimettiti i vestiti, parliamo della legalizzazione della prostituzione.”
“L’Italia potrebbe guadagnare tanti, tanti soldi per aiutare i pensionati, gli
esodati, quelli che non hanno più lavoro. O potrete usare questi soldi per
aprire un ospedale, comprare un macchinario che serve a curare un
bambino bisognoso che ha una malattia rara.”
“Vedi, hai fatto una cosa bellissima.”
Parenzo: “Io se fossi in lei non mi spoglierei, ormai non fa più scandalo.”
“E cosa dovrei fare quando mi arriva una cartella esattoriale? Dimmelo
tu. Se rimango vestita non mi incula più nessuno.”
“Eh già, proprio così. Ciao, a presto, lascia questo studio.”

Porno con Vittoria Risi e un pene che stava per scoppiare

(Le Iene girano un servizio, Il porno doping della trans Efe Bal, il primo set
hard di Efe insieme all’attrice Vittoria Risi. Ma qualcosa non va per il verso

151
giusto…)

“È inutile che ridete.”


“C’è da ridere, dài. Ti stava scoppiando l’uccello.”
“Dopo i sessanta, settant’anni, o forse anche prima, pure voi vi pomperete
il cazzo con questa puntura come ha fatto Berlusconi e come ho fatto io. È
inutile che ridete.”
“La puntura no, mai!”
Parenzo: “Ma figurati, che schifo!”
“Quando ci vuole… ci vuole. Ho rischiato grosso, però. Mi dicono
l’amputazione del pene. Ma proverò ancora a fare un porno.”
“Racconta bene cosa è successo.”
“Prima avevo già preso del Cialis.”
“Pure!”
“Poi il regista mi ha dato del Viagra. Abbiamo scattato delle foto con
Vittoria mentre lei mi succhiava, io palpavo, e ci baciavamo.”
“E poi?”
“A quel punto era passata più di un’ora, l’effetto era un po’ sfumato e mi
si è ammosciato.”
“Ma non è possibile! Queste cose durano di più. Magari su di te non
fanno niente.”
“Non so. Ma il regista mi ha detto: ‘Guarda, tutto il mondo del porno lo
fa, si fanno le punture.’”
“Ma bisogna saperlo fare, e sotto controllo.”
“Sì, esatto. Infatti ho sbagliato. Ero curiosa.”
“Cosa è successo?”
“Era una monodose, l’hanno aperta sotto i miei occhi. Diversi miei clienti
lo fanno. Me l’ha fatta il regista. L’ago è praticamente una puntura di
insulina, una cosa sottilissima, non lo senti neanche.”
“E dopo?”
“Dopo quindici minuti senti un pizzico, qualcosa nel pisello, e ti chiedi
cosa sta succedendo. Tra l’altro c’è la dose da 5, da 10 e da 20, e quello mi
aveva dato la dose più potente. Dopo un’ora il pisello non lo sentivo più.”
“Come non lo sentivi più?”
“Solo dolore e basta. Tanto. E loro mi dicono: ‘Se vuoi rilassarti devi
venire, devi godere. Se non vieni l’effetto rimane.’ Ma non ce la facevo
nemmeno a toccarlo. Era gonfio, mi faceva male.”

152
“Mamma mia, me lo sto toccando, è diventato una chiocciolina. Mi fa
impressione.”
“Alla fine sono finita in ospedale. Non lo sentivo più. Ho rischiato
davvero l’amputazione. In tutti questi anni di lavoro non mi era mai
successa una cosa del genere. Sono stata anche con venti persone in un
giorno, ma non ho mai avuto così tanto dolore al pisello.”
“E in ospedale?”
“Un po’ mi vergognavo.”
“Tu che provi vergogna, ma dài!”
“Mentre avevo il pisello durissimo e dolorante aprono le porte del pronto
soccorso e c’erano cinquanta persone intorno a me. Io non avevo neppure le
mutande. Erano le undici di sera, una vergogna totale. Il pisello enorme,
gonfio, con due dottori bellissimi. Ma adesso sto bene.”
“Ma qualcosa siete riusciti a girare sul set?”
“Poco. E con il condom.”
“Col condom?”
“Mentre scopavo sì. Vittoria e il marito non volevano, e neppure il
regista. Erano incazzati, ma loro sono abituati, io no.”

“Un milione di tasse per i pompini che ho fatto. Vi sembra giusto?”

Efe tiene in mano le sue cartelle esattoriali.


“Ho superato un record.”
“Addirittura?”
“Cartelle esattoriali per 1.098.000 euro. Sono andata in via Moscova a
Milano, all’Agenzia delle Entrate, per chiedere il mio debito. Dopo avere
aspettato mezz’ora, la signora è stata gentilissima. Mi ha detto: ‘Scusi, ma
lei fa la modella, l’attrice?’”
“E tu che hai risposto?”
“La verità. La prostituta. Poi mi ha fatto vedere la cifra.”
“Più di un milione, che botta! E ridi pure?”
“Che devo fare? In una cartella del 2008 dovevo pagare 425.000 euro,
con gli interessi oggi sono diventati 460.000. Ci sono solo 600 euro di
multe, il resto sono i soldi che io dovrei dare al fisco per un lavoro non
riconosciuto dal fisco.”
“Una follia!”
“È la cifra che dovrei pagare per i pompini che ho fatto, mettiamola così.

153
Ma non li pagherò fino a quando la prostituzione non verrà legalizzata. Noi
possiamo salvare l’Italia.”
“Ma che c’entra salvare l’Italia?”
“Ci sono più di settantamila prostitute in Italia e nove milioni di persone
che ci frequentano, donne e trans. L’Italia ne ha bisogno, possiamo andare
in soccorso al governo. Qualsiasi governo.”
“Ah, vuoi dire con le tasse? Ma tu i soldi dove li tieni, hai cambiato o fai
sempre le stesse cose?”
“Spendo tutto, faccio tanto shopping, non ho più niente in Italia. Non ho
una casa e non ho un conto corrente. Quando faccio un po’ di soldi, magari
vado in Turchia e li metto lì. Oppure faccio una vacanza di tre giorni a
Saint Tropez e spendo cinque, seimila euro.”
“Pagare le cartelle mai?”
“Ma se il mio lavoro non è riconosciuto, che cazzo devo pagare?”

“Il maschio è finito, sono tutti passivi e femminucce”

“Ciao Efe, mi hai scritto che sei incazzata nera, che succede?”
“La gente non capisce. La cosa preoccupante non è il clima, non è quello
che dice Greta e quei cretini che la sostengono. La cosa preoccupante è il
maschio.”
“Che vuoi dire?”
“Io me ne intendo. Non ci sono più maschi. Il maschio è finito.”
“Mi sembra esagerato.”
“No. Su dieci clienti che vengono da me otto sono passivi, li scopo io.
Vogliono tutti prenderlo nel culo. E non sono nemmeno omosessuali.”
“L’ottanta per cento mi sembra tanto. Gli attivi sono pochissimi.”
“Se vai a vedere gli annunci dei trans, fanno tutti vedere il pisello.”
“Fin qui tutto normale.”
“Siamo più maschi noi di quelli che vengono da noi, che sono tutte
femminucce. Mi contattano soprattutto persone sposate con figli. Vedo le
foto coi bimbi in braccio e poi vogliono prenderlo dietro. C’è qualcosa che
non va.”
“Sei quasi una sociologa.”
“La sera scopo gli uomini e mi sembra che ci sia un disagio sociale. A
volte voglio essere scopata pure io. Mi voglio sentire come una donna, ho
fatto il seno, l’epilazione, i capelli, il trucco. Però raramente trovo maschi

154
veri. Solo femminucce.”

Beatrice, nata Simone

“Sono una transessuale di Firenze e sono incazzata nera.”


“Perché?”
“Perché mi sono rotta i coglioni delle persone che pensano che le
transessuali facciano solo le puttane. Io mi alzo alle cinque la mattina, vado
al lavoro, e torno a casa la sera alle otto. Guadagno mille euro al mese e
questi ancora a dire che le transessuali fanno solo le puttane, il gingillo, la
gingilla. Mi avete rotto i coglioni. Siamo persone normali, magari non
siamo nate normali, ma viviamo da persone normali come gli altri. Mi sono
rotta veramente i coglioni.”
“Lo capisco. Come ti chiamavi prima di Beatrice?”
“Simone.”
“Quando ti sei operata?”
“Tre anni fa, a Pisa.”
“Prima cosa facevi?”
“Prima ero gay. Pensavo di essere gay, invece non avevo capito che ero
una donna dentro un corpo da uomo.”
“Andavi con gli uomini?”
“Sì, certo. Sempre andata con gli uomini quando ero Simone.”
“E poi?”
“A un certo punto ho capito che era il mio corpo a essere sbagliato e io da
sempre ero una donna, dalla nascita. E allora ho iniziato la transizione con
gli ormoni e tutto quello che bisogna fare. Poi tre anni fa mi sono operata.”
“E adesso, le relazioni?”
“Sto col mio uomo. Conviviamo da sei anni. Siamo persone normali,
anche per l’anagrafe. Ho i documenti da femmina.”
“Dunque non sei più transessuale?”
“Lo siamo sempre, soprattutto quando sento dire che la transessuale è
destinata a fare la puttana. Io non ho mai fatto la puttana, ok?”
“Però è una realtà diffusa.”
“Ma non perché non trovano lavoro, come dicono. Io ho sempre
lavorato.”
“Quando c’è un mercato, esiste domanda e offerta. Non c’è niente di male

155
a battere.”
“Rovinano il mondo transessuale. Vadano a lavorare, vadano a lavorare.”
“Ma il mondo transessuale non esiste. Esistono le persone. E possono
anche battere.”
“Io voglio dire ai ragazzi e alle ragazze che sentono dentro questa cosa,
che pensano di avere un corpo sbagliato, che si può diventare quello che si
sente senza fare la puttana, va bene? Ci sono tante di noi che non l’hanno
mai fatto, che fanno una vita normale. Sono stanca di sentire sempre che
transessuale è uguale a prostituta, sono stanca. Mi avete rotto i coglioni.”
“Vabbe’, fattene una ragione. Molte trans fanno le mignotte, non c’è
niente di male.”
“Non sono un’eccezione. C’è chi fa la poliziotta, chi fa l’avvocato, il
medico, l’operaia. La gente manco se ne accorge.”
“Efe Bal per te cosa è?”
“Una cretina. Non la sopporto. Non siamo tutte puttane.”

“Mio marito non mi ha mai toccato l’uccello, poi l’ho tagliato”

“Ha chiamato Beatrice da Firenze, credo sia la nostra Beatrice, la


transessuale operata che non ha più il cazzo.”
“Sono io, ciao Giuseppe, ciao David.”
“Cosa vuoi dirmi, Bea?”
“Stavate parlando delle persone che vanno a trans, volevo raccontarti
cosa è successo a un certo punto della mia vita.”
“Dimmi.”
“Andrea, mio marito, mi ha sempre visto come una donna. Anche quando
non ero operata si faceva sesso, ovviamente solo anale. E lui il mio davanti
non lo toccava per niente. Evitava anche di guardarlo, per noi non è mai
esistito.”
“Ma com’è possibile?”
“È così. Io dico che il nostro rapporto è stato sempre un rapporto
eterosessuale. Lui ha usato prima un buco e poi un altro dopo
l’operazione.”
“Tu hai avuto donne, sei stata a letto anche con qualche donna?”
“Di donne ne ho avuta solo una, quella con cui mi sono sposato da
Simone. Si chiamava Micol.”
“Che rapporto era?”

156
“Molto strano. Micol era una lesbica, il nostro era un matrimonio di
facciata. Lei stava con una donna, e ci sta tuttora. Io avevo i miei
problemi.”
“Facevate sesso?”
“Due, tre volte in tutto negli anni in cui siamo stati insieme. Non sono
mai venuta, mai.”
“E come godevi?”
“Masturbazione, che ha sempre fatto parte della mia vita, e rapporti gay.
Oppure con l’aiuto di cazzi finti, di tutto. Ho iniziato a penetrarmi
analmente all’età di otto, nove anni.”
“Addirittura!”
“Sì. Ho iniziato a indossare i vestiti di mamma molto, molto presto. Forse
le calze anche prima. Ovviamente di nascosto, era il modo di costruirmi un
mondo tutto mio. Stavo a Quarrata, dai sette agli undici anni, e in camera
mia cosa potevo trovare di fallico? Utilizzavo una candela. Ho questa
immagine, questo flash: mi penetro per la prima volta con una candela.”
“Poi hai conosciuto la tua futura moglie.”
“Ho conosciuto Micol nel 1993, lei era molto religiosa, andava sempre a
messa. Ho conosciuto anche la sua compagna, e credo stiano ancora
insieme. Sempre sotto copertura, perché lei non ha mai avuto il coraggio di
venirne fuori da questa cosa.”
“E perché vi siete sposati, non capisco.”
“Bah, c’era un’amicizia molto forte. Fu una decisione assurda, lo so. Ma
tutti erano contenti e noi si faceva quello che ci pareva. Infatti è durata
quello che è durata.”
“E il primo rapporto con un uomo quando l’hai avuto?”
“Molto tardi. A ventidue anni. Prima non avevo il coraggio, facevo da
solo o da sola, mettilo come vuoi.”
“Com’è stato?”
“Una cosa molto tenera, molto tranquilla. Una volta sola. Poi non l’ho più
visto.”
“Eri passivo o attivo, quando avevi il cazzo?”
“Sempre ed esclusivamente passiva. Per questo sono arrivata
psicologicamente a capire che ero una transessuale. Non ho mai usato
attivamente il mio uccello, come lo chiami tu. Sempre passiva. E comunque
dai ventidue anni in poi mi sono divertita molto.”
“Cioè?”

157
“Festini, discoteche gay, robe varie, di tutto e di più.”
“Dunque non solo rapporti a due?”
“Frequentavo una nota transessuale proprietaria di locali a Roma, tale
Alessia. Feste nelle ville, sai quei festini con le persone mascherate e noi a
prendere tanti cazzi. Non mi ricordo quanti.”
“Tutti etero, immagino?”
“Rigorosamente etero, gli attivi. Noi eravamo in tre come donne, diciamo
transessuali non operate.”
“Che rapporto hai avuto col tuo pisello?”
“Per me era una roba inutile, inesistente, un piccolo e inutile pezzo di
carne. Poi sotto gli ormoni era definitivamente morto. E io gli ormoni ho
cominciato a prenderli presto. Nei rapporti passivi già prendevo gli ormoni
e il pisello era morto. Mi serviva solo per fare la pipì, in parole povere.”
“E non sei mai venuta?”
“Venivo, ma era difficile. Perché il medicinale che ti blocca il
testosterone ti ferma tutto. Una specie di castrazione chimica. Ci riuscivo
con una grande concentrazione.”
“Dunque come facevi?”
“Al massimo mi diventava barzotto, mai duro. Mi segavo, e con molta
concentrazione ed eccitazione un po’ di liquido seminale veniva fuori.”
“Di che tipo?”
“Sotto ormoni il liquido seminale era un’acquetta trasparente, ne veniva
fuori qualche goccia. La sensazione di orgasmo c’è, uguale, ma
l’eiaculazione è quasi inesistente.”
“Ti faceva schifo?”
“Da sempre. Mi ha sempre fatto schifo. Come tutto quello che era
maschile, dall’uccello, alla barba. Purtroppo l’unica cosa che mi è rimasta è
la voce, quella non la posso cambiare.”
“Ti sei innamorata qualche volta?”
“L’unico è Andrea, il mio attuale marito. Quando ho lasciato Micol e ho
deciso di operarmi, mi sono trasferita a Firenze e dopo quattro mesi l’ho
conosciuto.”
“Sei arrivata vergine al matrimonio?”
“Mi sono fatta la figa e l’ho data a uno solo.”
“E Andrea andava con i trans abitualmente?”
“Mi ha detto che era stato con un’altra trans, almeno con una. Poi non lo
so.”

158
“Perché ti sei fidanzata con lui?”
“All’inizio per la sua insistenza, mi tempestava di messaggi. Diceva di
non essere gay e di essere attratto da me.”
“Non si è mai vergognato di presentarti ai suoi amici, ai suoi parenti?”
“No. Forse per questo mi sono innamorata di lui. Ha avuto le palle. A
Pasqua mi ha portata a casa dei suoi e da lì è iniziato tutto. Ripeto: ha avuto
le palle di dire ai genitori che si era innamorato di una transessuale.”
“E dunque il tuo pisello non gli piaceva?”
“No, lo ignorava, non lo guardava. E quando ho deciso di tagliarmelo era
felice. Per me è stata una rinascita. E quando mi chiedono la data di nascita,
adesso dico 11 marzo del 2011, mi sono riconosciuta per la prima volta allo
specchio. Sessualmente per me è stato divino, si è aperto un mondo nuovo,
meraviglioso, anche fisicamente. E per lui, etero, prova a immaginare: la
donna che ama con la figa, senza più il cazzo!”
“E ora godi scopando con la figa?”
“Teoricamente è possibile perché ti ricostruiscono il clitoride coi nervi
del glande. Io l’ho avuto raramente. In quasi dieci anni pochi volte, meno di
dieci. Si avvicina forse a quello clitorideo.”
“Sei felice adesso?”
“Sì, ma anche prima non mi sono mai depressa. Come sai, non mi
piacciono i trans che si lagnano, che si lamentano della società cattiva che
non li capisce.”

Sposato e con figli, Stefano esce di casa vestito da donna

“Caro Parenzo, è in collegamento un imprenditore nel ramo della


comunicazione, che è un cross dresser. Si chiama Stefano Ferri. È un
uomo, ma si veste sempre da donna, ha una moglie e una figlia.”
“Il cross dressing è una cosa complessa. Ci sono tanti motivi per cui un
uomo si traveste da donna.”
“Da quando lo fai?”
“Dal 2002.”
“Vai al lavoro vestito da donna?”
“Sì, assolutamente.”
Parenzo: “Non dite che è normale. Magari sbaglio io. Io esco la mattina
con la giacca e i pantaloni. Lui si mette la gonna?”

159
“Sì, certo. Abiti femminili e tacchi.”
“E l’intimo?”
“Quello è maschile, il femminile sarebbe ridotto come spazi.”
Parenzo: “Lei si sente uomo a tutti gli effetti?”
“Assolutamente. Non ho alcuna voglia di cambiare sesso. La parte
femminile e quella maschile, che di solito si fondono, nel mio caso sono
rimaste scisse.”
“Coesistono, però.”
“Coesistono in questo modo. Da un lato c’è Stefano, che è un uomo,
quello che vi sta parlando, eterosessuale, sposato e padre di una bambina:
un uomo a tutto tondo. Dall’altro c’è Stefania, la parte femminile che è una
donna che sta con quest’uomo di cui è innamorata che sono io, ma ho
dovuto fare un percorso con un analista.”
“E cosa hai scoperto?”
“Qualcuno doveva spiegarmi il motivo per cui a un certo punto della mia
vita la mia mano andava quasi da sola dove non doveva andare, cioè
andavo a prendere nell’armadio i vestiti da donna.”
“Ti trucchi?”
“Poco, rossetto e fondotinta.”
“Capelli?”
“Normali, da uomo.”
“E tua figlia?”
“Ha sette anni appena compiuti. Mi ha sempre visto così, mi ha
conosciuto così. È nata e mi ha sempre visto in questo modo. La andavo a
prendere all’asilo vestito da donna. La bambina è cresciuta senza
pregiudizi. A settembre è successo che la stavo accompagnando da una sua
amica a giocare e mi ha detto: ‘Voglio che tu sappia che anche se ti vesti da
donna per me sei un uomo normale e un papà meraviglioso.’”
“Però qualche problema l’avrà avuto?”
“No, no, vi assicuro. In questo momento Emma non ha alcun problema,
poi tra qualche anno non so cosa succederà, ma questo può valere per una
qualsiasi coppia etero.”
“Ma il sesso con tua moglie come funziona?”
“Sono maschio, mi piacciono le donne.”
“Gli uomini non ti piacciono?”
“No, mai piaciuti.”
“Ma non riesci proprio a uscire senza truccarti, con vestiti da maschio?”

160
“Non ci riesco perché Stefania è dentro di me e ha bisogno del mio corpo
da uomo per esistere.”
Parenzo: “Ma quando lei sta a letto con sua moglie, Stefania che dice?”
“Stefania si è manifestata anni fa con la gelosia. Quando ero attratto da
una ragazza, mi faceva scattare una sorta di avversione, addirittura una
specie di odio senza motivo.”
“Dunque per molto tempo non sei riuscito ad andare con una donna?”
“Già, proprio così.”

Asia, che può essere maschio o femmina

“Asia, sento delle voci dietro.”


“Ci sono dei bambini qui intorno.”
Parenzo: “Perché la chiami Asia, è un uomo!”
“Si vuole far chiamare così, non posso dire il suo vero nome perché non
vuole essere riconosciuta. Quando hai iniziato, Asia?”
“A otto, nove anni. Indossavo le calze e i tacchi della mamma, provavo
piacere nel sentire il nylon e nel sentirmi slanciata verso l’alto coi tacchi.”
“E tuoi genitori?”
“Mai saputo nulla, non si sono mai accorti. Se n’è accorto un mio zio, che
mi ha appoggiato. Mi ha visto nella stanza dei miei, di mia madre, e mi ha
messo subito a mio agio, mi ha fatto capire che non c’era nulla di male.”
“Ti ha messo le mani addosso?”
“No, quando ero piccolina no. Poi più avanti ci siamo allargati per
volontà mia, ma senza penetrazione.”
“Tu sei bisex?”
“Sì, sono bisex. Quando sono maschietto sto con la mia compagna,
mentre quando sono Asia cerco uomini maturi.”
“Quanto tempo passi vestita da donna?”
“Due giorni al mese. Ho una vita impegnata, lavoro da uomo.”
“Hai una compagna, mi hai detto…”
“Sì, da quindici anni.”
“Non sei sposato?”
“No, e non ho figli.”
“La tua compagna sa qualcosa?”
“Non sa niente.”

161
“Dove vai quando esci da travestito?”
“Vivo in provincia di Venezia, ma quando mi travesto vado a Milano.
Centri commerciali, anche, con un folto gruppo di cross dresser. Ci
troviamo e poi una pizza la sera e discoteche, normalissime discoteche.”
“E gli uomini? Quanti ne hai avuti?”
“Pochi ma buoni. A differenza di altre sorelline, così ci chiamiamo, io da
quando sono Asia cerco solo uomini. È quello il bello, passare nella parte
opposta.”
“Forse vorresti passare più tempo da travestita.”
“Hai ragione.”
“Perché non ne parli alla tua compagna?”
“Forse perché ho paura delle conseguenze. O forse perché mi verrebbe a
mancare l’entusiasmo nel diventare femmina. Quando divento femmina,
non sempre esco con uomini. È come se uscissi con un’amante donna.”
“Dove tieni le tue cose da femmina?”
“A casa di un’amica.”
“Quando vai con gli uomini sei solo passiva?”
“Solo passiva, sono una femmina.”
“E con la tua compagna riesci a fare sesso?”
“Sì, assolutamente. Riesco a passare senza problemi da maschio a
femmina e viceversa.”

Si traveste, ma scopa con le donne

“Mi sono venute a trovare due persone. Una è Asia Merini, nome d’arte,
che già conosciamo: è un uomo, ma l’uccello non se l’è tagliato ed è
sostanzialmente un travestito. Tecnicamente, trattasi di un cross dresser. Ha
un compagno che è all’oscuro di tutto E quando si traveste è passiva e va
con uomini maturi.”
“Li preferisco. Mi eccitano di più.”
Gottardo: “Scusi, signora cross dresser, un famoso travestito romano
diceva di sentirsi il culo ficato, cioè il culo più figa che ano. Lei si sente il
culo più figa che ano?”
“Sì, decisamente sì.”
“Ti depili anche dietro?”
“Sì, certo. E sto facendo dei trattamenti per eliminare tutto.”
“Togliere ogni tratto di mascolinità?”

162
Gottardo: “Lei i peli dell’ano se li strappa o se li taglia?”
“Me li strappo, sono sincera.”
Gottardo: “È doloroso?”
“Sotto la doccia no.”
“Dove lavori?”
“Nel settore pubblico.”
“Dove nessuno sa niente?”
“Nulla, figuriamoci.”
“Asia oggi mi ha portato una sua amica che si chiama Jessica Biondi. Da
dove vieni?”
“Desenzano sul Garda.”
“Jessica è un caso particolare. Si traveste, ma a lei gli uomini non
piacciono. Perché ti travesti?”
“Perché c’è una parte interiore femminile che emerge e ha le sue
esigenze. Quando la vita lo permette, faccio le uscite vestita da donna.”
“Vai anche al supermercato?”
“Certo. Vita pubblica!”
Gottardo: “Non è mai andata con un uomo?”
“Mai andata, non ho alcun tipo di attrazione sessuale. Invece con le donne
vado regolarmente.”
“Sei totalmente depilata?”
“Totalmente.”
“È incredibile! Un travestito che non va con gli uomini!”
“È pieno di ragazze, io le chiamo così, che vivono in questo modo la loro
femminilità. Uomini che si travestono.”
Gottardo: “Il suo cazzo di quanti centimetri è?”
“Le cross dresser sono in genere ben dotate.”
“Parliamoci chiaro, la differenza tra Jessica, il sottoscritto e Gottardo è
solo nei vestiti. La figa piace a tutti e tre.”

Andrea Nobili, viva l’immigrazione (delle trans)

“Per i cultori del porno Andrea Nobili è un personaggio mitico. Faceva


l’attore e adesso si è messo a produrre film hard. Praticamente
un’eccellenza italiana.”
“No, no, troppo buono, sono un modesto lavoratore, tutto qui. Faccio

163
quello che posso, tanto in Italia questo settore è ormai completamente
sparito.”
“Per chi non lo conoscesse, Nobili è un signore del 1958, per anni uno dei
volti principali del cinema porno italiano. Se vi siete fatti le pippe con un
VHS, sicuramente c’era lui. Quando hai iniziato?”
“Era il 1992-1993. Ho iniziato un po’ tardino come attore. Ero a Riccione
e mi sono fatto conoscere da alcuni registi famosi, come Bellocchio, che
girava lì con Mario Salieri.”
“Per quanti anni hai fatto l’attore?”
“Più o meno una quindicina.”
“Mai avuto paura dell’Hiv e malattie varie?”
“Bah, guarda. Si fanno i test, ma vi dico sinceramente che quando
arrivano le disgrazie arrivano sempre dall’esterno. È chiaro che se ci si
comporta in maniera scorretta come fanno tanti ragazzi che vanno in
discoteca, si ubriacano e scopano senza preservativo, prima o poi si becca
qualcosa.”
“Paradossalmente, è più sicuro il porno della vita esterna?”
“Questo è ovvio. Se nessuno si comporta in maniera scorretta fuori, non
lo porta dentro e non succede. Ma se uno si comporta così, capitano le
disgrazie.”
“Quando hai iniziato l’hai fatto perché ti piaceva scopare o per fare i
soldi?”
“Come per tutti quelli della mia generazione, all’epoca di base c’era il
divertimento, era tutto un altro mondo e un altro tipo di cinema. Ci voleva
voglia di figa, diciamo così.”
“Avevi un appetito sessuale pazzesco.”
“Esatto, ci voleva appetito sessuale e voglia di scopare. Poi dovevi
superare l’imbarazzo della macchina da presa e della gente che c’era
attorno, perché all’epoca c’era tanta gente, si girava in 35 mm ed era una
cosa complicata, situazioni scomode.”
“Il migliore della tua generazione chi è, Rocco?”
“Inutile dirlo, Rocco rimarrà nella storia in tutto e per tutto come esempio
positivo e John Holmes come negativo, sono due facce della stessa
medaglia. Resteranno nei libri di storia del porno. Tecnicamente, però, a
detta un po’ di tutti, anche se non era superdotato, né molto alto o
particolarmente bello, Christoph Clark è riconosciuto come il migliore.”
“Un francese?”

164
“Sì, probabilmente il più conosciuto attore porno francese di sempre. Ha
vinto un sacco di premi.”
“Cosa aveva di particolare?”
“Be’, era molto bravo a fare certe posizioni e tante cose. A un certo punto
faceva scene di sesso girate su balconi, sedie o scale con corpi in posizioni
strane.”
Parenzo: “Cruciani ormai è diventato il sociologo del porno, ha
sviluppato una conoscenza pazzesca del settore.”
“Da ragazzino mi dava le cassette un edicolante vicino a piazza Navona.
Andrea Nobili l’ho conosciuto così. Qual è la migliore pornostar che hai
incontrato quando facevi l’attore?”
“Per assurdo, quelle che piacciono di più alla gente sono le meno calde in
privato. Quelle che mi sono scopato con più voglia sono alcune ceche o
slovacche.”
“Sconosciute?”
“Sì, che non hanno fatto proprio una grande carriera. Più le ragazze sono
famose e più sono fredde. Ricordatevelo sempre. Compresa Brigitta
Bulgari, che era un pezzo di ghiaccio. L’ho diretta nei miei film.”
“L’hai anche scopata?”
“Sì, ma niente di che. Un pezzo di ghiaccio.”
Parenzo: “Ma come si fa a parlare di regia, su. Sofia Loren è stata diretta
da un regista!”
“Il tuo collega è molto bravo a fare il polemico. Non mi metto al suo
livello intellettuale, sono una pulce rispetto a lui. Però se vuole venire a
dirigere non è una cosa facile, non mi paragono a Sergio Leone, ma è così.
Se vuole troviamo un’altra parola, ma bisogna dare delle indicazioni…”
Parenzo: “Ma che indicazioni deve dare, monti di qui, monti di là, che
indicazioni deve dare, un conto è Bertolucci, i fratelli Taviani!”
“Ma non è vero, bisogna dare delle indicazioni.”
“Non capisci un cazzo, Parenzo.”
Parenzo: “Le rare volte che ho visto dei pezzi, ho visto delle grandi
monte.”
“Vabbe’, andiamo avanti. Andrea Nobili nel tempo si è specializzato. Ha
capito che il porno tradizionale – chiamiamolo così – andava a morire e si è
specializzato in trans.”
Parenzo: “Hai capito come delocalizzare un’azienda. Come gli avvocati
che si specializzano in un settore.”

165
“Ma è vero che voi avevate una voglia che i giovani attori di oggi non
hanno?”
“Sì, assolutamente sì. Oggi è solo voglia di apparire. Ora mi contattano
sui social, ma non sanno che è tutto finito. Pensano di diventare chissà chi,
non sanno che questo ormai è un mondo finito. È rimasto solo in America.”
“Voi invece andavate avanti per la voglia di scopare.”
“Ecco, bravo, quando arrivavamo sul set, chiedevamo subito: ‘Chi è la
figa che ci vogliamo scopare?’ Cominciavamo a guardare, ce n’erano
sempre tre o quattro. E non vedevamo l’ora di chiavarle. Adesso iniziano a
guardarsi attorno, iniziano a guardare l’arredamento, la donna non la
guardano neanche.”
“Hai smesso quando non ce la facevi più?”
“Sì, oggi vanno avanti tutti a chimica.”
“L’hai usata anche tu?”
“No, ho finito quando iniziava il Viagra. L’ho usato anch’io, per poco.”
“Perché a un certo punto ti sei buttato sulle trans? Ci sei sempre andato
anche da ragazzino?”
“Sì, la prima è stata Eva Robin’s, abbiamo la stessa età, è di Bologna
come me, la conosco benissimo. Ho iniziato quasi per scherzo a fare
qualche film. Al tempo funzionava l’attore attivo e la trans passiva e
femminile, poi man mano che il mercato ha preso piede i ruoli sono
cambiati.”
“E oggi?”
“Oggi è esattamente l’opposto. I film sono lo specchio della società. Le
trans devono essere femminili, molto dotate e attive. Una scena con una
trans passiva non ha mercato, non vale niente. Oggi vanno le trans molto
dotate e assolutamente attive. Devono fare le stesse prestazioni di un attore.
Il problema è che non è facile trovarle.”
“Questo perché la società è cambiata?”
“Non solo in Italia, nel mondo. Nella pornografia sono gli americani che
dettano le leggi.”
Parenzo: “Dunque prima gli italiani, bisogna fare una battaglia come
dicono i sovranisti.”
“Stai dicendo delle enormi fesserie. I film trans si sono basati sempre ed
esclusivamente sulle trans brasiliane. Per fortuna che vengono e per fortuna
che ci sono.”
Parenzo: “Lei è un globalista?”

166
“No, no no. Ma che cazzo dici?”
Parenzo: “Prima gli italiani: stop invasione!”
“Guarda che con la crisi le trans belle brasiliane non vengono più in
Italia, vanno nei paesi ricchi. E non ci sono più delle trans belle, dotate. Ce
ne sono sempre di meno.”
Parenzo: “Lei è il Soros del porno. Vuole importare le brasiliane in Italia
per distruggere il mercato.”
“Le italiane non sono adatte. Io sto organizzando dei viaggi da San Paolo
per farle venire in Italia.”
Parenzo: “Lo dicono tutti. Prima gli italiani, non è vero che gli italiani
non vogliono fare questo lavoro.”
“Magari venissero più brasiliane. Davvero, sto organizzando i viaggi.”
Parenzo: “Scafista, scafista, scafista, chiudete i porti, chiudete i porti.
Salvini, aiutami tu!”
“Non sto scherzando, bisogna fare il contrario, bisogna aprire gli
aeroporti per farle venire. Sto parlando seriamente. Invece queste vanno
all’estero, in Inghilterra, Dubai, Germania, dove le pagano bene e lavorano
meglio.”
“Perché non vengono in Italia?”
“Perché c’è la miseria. Non guadagnano più come prima. Una volta
avevo a disposizione decine e decine di trans belle, giovani e dotate.”
“Come fai a trovarle?”
“Basta andare su Piccole trasgressioni e siti simili, le guardi, vedi i
filmati, fai una selezione, le contatti e ci vuole una grande pazienza.”
“Farle venire dal Brasile è complicato?”
“Non l’ho ancora fatto, ma siccome in Italia scarseggiano molto…”
Parenzo: “Ci aiuterà l’Europa anche con i trans. Apriamo le frontiere.”
“Invece gli attori?”
“Gli attori sono una tragedia. In Italia c’è un’ipocrisia enorme. Circa dieci
anni fa, ai tempi dello scandalo Marrazzo, è stata fatta una statistica
secondo cui ci sono sette, otto milioni di italiani che vanno a trans, a occhio
e croce. Però di attori passivi decenti in dieci anni ne ho trovati soltanto
due. C’è la fila di liberi professionisti, industriali, avvocati e ingegneri
mascherati che verrebbero gratis!”
“Per farsi inculare dai trans?”
“Sì. Qualcuno lo uso, però c’è la fila.”
“Ma con la mascherina?”

167
“Esatto. A viso scoperto non se ne trova uno decente. Arrivano solo degli
handicappati, praticamente dei cerebrolesi. Purtroppo non siamo in
America, lì c’è una mentalità diversa, ci sono ragazzi stupendi che fanno
tutto.”

168
Anal & oral

Antonella e Mario

“Secondo Mario Adinolfi, il pompino è un atto di dominazione del maschio


sulla femmina. ‘Dominazione’, avete capito bene.”
“Antonella da Roma, tu ti senti dominata?”
Antonella: “No, assolutamente. Tutto il contrario. Penso sia un atto in cui
mi sento molto potente nei confronti dell’uomo. Adinolfi non ha idea di
cosa sta parlando, o forse ha avuto donne che non sanno come si fa un
pompino. Che è un’arte, diciamolo. È una cosa essenziale nella sessualità
della coppia.”
“La dominazione in realtà è della donna.”
“Se lo sai fare, l’uomo è nelle tue mani, è succube. Voglio dire anche
un’altra cosa ad Adinolfi. Se lo faccia fare col massaggio prostatico, che è
assolutamente il top e che manda l’uomo in estasi. Il dito in culo, in
sostanza. Lo avrai provato, vero Cruciani?”
“Amica mia, siamo uomini di mondo.”
“Il mio ex non voleva.”
“Infatti l’hai scartato.”
“Certo. Io ti voglio portare in paradiso e tu rifiuti?”
“Tu lo fai anche alla prima botta, senza conoscere bene la persona?”
“No, no. Aprire le gambe è una cosa, la bocca è diverso, il pompino è
l’atto più intimo.”
“Addirittura!”
“Eh sì, per me è il regalo assoluto. Mi deve proprio piacere l’uomo.”

169
“Adesso c’è Fabrizio da Teramo. Vai, Fabrizio.”
Fabrizio: “Adinolfi ha ragione. A me prima piaceva, invece da quando mi
sono sposato, forse perché sono molto cristiano, non lo faccio più perché
effettivamente lo ritengo un atto di dominio sulla donna.”
“Ma sei fuori dal mondo! Quale dominio?”
“Mia moglie qualche volta vuole farlo, io invece no.”
“Tua moglie vuole farti un pompino e tu rifiuti?”
“Vederla in quell’atto sessuale è una cosa che non mi piace.”
“Vedere tua moglie che ti fa un pompino non ti piace?”
“Non ritengo di essere anormale, sono un cristiano.”
“Per me invece sei anormale. Cosa ti infastidisce dell’immagine di tua
moglie che ti fa un pompino?”
“Non mi piace vederla in quella posizione, tutto qui.”
“Come ti è venuto in mente di dire che la fellatio è un atto di
sottomissione?”
“Non lo dico io. Alle donne non piace. Esistono forse punti di piacere
nella bocca della donna? Io credo che in tutta franchezza sia un atto di
piacere per l’uomo.”
“Ma è una pratica antichissima.”
“Non credo che i nostri nonni fossero abituati a questo tipo di pratica.
Negli anni Cinquanta se lo sognavano proprio.”
“Tu dici che mia nonna non l’ha mai succhiato a mio nonno…”
“Credo che mia nonna non l’abbia mai fatto a mio nonno. Non lo dico io,
lo dice tutta la storia della sessuologia.”
“Mi ha già chiamato una ragazza che sostiene il contrario.”
“Il sesso è stato immaginato dalla natura in modo che io possa guardarti
negli occhi, possa baciarti, sussurrarti parole dolci, esprimerti tenerezza, e
tutto questo non è stato pensato a caso.”
“Ma guarda che ci si può guardare negli occhi anche con un pompino.
Madonna ha detto: ‘Lo faccio bene guardando negli occhi la persona.’ Ma
ascoltiamo cosa ne pensa Roberta da Roma. Dimmi Roberta.”
Roberta: “Allora, il signor Adinolfi non capisce un cazzo. Volevo
precisare che quando faccio un pompino mi sento una troia. Ed è quello che
l’uomo vuole.”
Adinolfi: “Ecco, è quello che l’uomo vuole. È la prova provata: hai fatto
quello che l’uomo vuole.”
“Ti senti sottomessa?”

170
Roberta: “Mi sento una troia, ma domino. Non mi sento sottomessa.
Esprimo il mio essere donna attraverso il pompino perché mi sento una
troia.”
Adinolfi: “Hai appena detto che fai quello che l’uomo vuole. E dici che lo
domini?”
Roberta: “Certo. L’uomo diventa vittima del mio pompino.”
Adinolfi: “Chi trae piacere da questo atto è l’uomo. Pensate all’ingoio.”
“Cioè?”
Adinolfi: “Perché Madonna parla dell’ingoio? Perché sa che fa schifo. È
come ingoiare una cavalletta. Piace all’uomo.”
“Ma guarda che piace anche alle donne.”
Adinolfi “No, no. Madonna lo sottolinea come atto eroico, chissà
perché?”
“Aspetta, c’è Stefania da Vicenza. È una sottomissione?”
Stefania: “No, no. Io faccio la psicologa e molti uomini vengono da me
dicendo: ‘Io amo molto mia moglie e a mia moglie questa cosa non gliela
faccio fare: me la faccio fare da qualcun altro, e non è un tradimento.’”
Adinolfi: “Queste non lo fanno, pensate ai nonni.”
Stefania: “Secondo me, non c’è nessuna sottomissione.”
“Aspetta, c’è Silvia da Firenze. Dimmi pure, Silvia.”
Silvia: “Ciao ragazzi, ascoltavo prima Adinolfi che parlava di quello che
c’è nella bocca di una donna, dicendo che non ci sarebbero organi che
fanno provare piacere con il pompino.”
“Tu quanti anni hai?”
Silvia: “Sono un po’ matura, ho cinquantadue anni.”
“E fai ancora tanti pompini?”
Silvia: “E certo. Ci mancherebbe! Volevo dire ad Adinolfi che già il
bacio è molto eccitante, dunque c’è qualcosa di sessuale nell’organo della
bocca. Ma esiste anche un’eccitazione mentale che fa provare piacere alla
donna quando fa qualcosa che manda in estasi il suo compagno. E questa
eccitazione mentale non è sottomissione. Evidentemente Adinolfi non
conosce questi aspetti della sessualità.”
“Vanessa chiama da L’Aquila. Ciao Vanessa.”
Vanessa: “Ciao. Io l’esperienza sessuale di Adinolfi non la voglio sapere.
In ogni caso per me è il contrario. È un atto di grandissimo potere della
donna sull’uomo, nella fellatio l’uomo è completamente inerme e
sottomesso. Se uno ci pensa, è così. Anche se praticato in un certo modo

171
potrebbe essere il contrario, in quel momento la donna ha l’uomo nelle
proprie mani, anzi nella bocca se vogliamo essere precisi.”

“L’anale provoca danni terribili al retto”

Silvana De Mari, classe 1953, scrittrice, medico con tre specializzazioni


(chirurgia generale, chirurgia ed endoscopia dell’apparato digerente e
psicologia cognitiva), è fortemente convinta che il sesso anale sia dannoso.
In una telefonata alla radio del gennaio 2017 raccontò di avere visto di
persona “le spaventose condizioni in cui è ridotto l’ano costretto a subire la
penetrazione”. “L’ano,” spiegò, “fa parte del tubo digerente. La vagina è
stata invece creata per essere penetrata, e quindi la sua mucosa è molto
diversa. Avete presente Sire Aragorn del Signore degli Anelli? È più o
meno così: ci sono una caterva di strati l’uno sull’altro, con ghiandole che
producono lubrificante e una sottomucosa con una miriade di vasi linfatici
per proteggere da virus, batteri, micosi e altre porcate.” E ancora: “La
cavità anale è stata creata per il transito delle feci dall’interno verso
l’esterno, e basta. Non è prevista la penetrazione del pene.” “Ma non è
prevista da chi?” cercai di ribattere in qualche modo. Risposta: “Da Madre
Natura. Se il buco non è stato creato per quello, si ammala. Conosco
moltissimi omosessuali che hanno subito danni inenarrabili… È un
disastro,” continuò, “un autentico disastro. La mucosa è sottilissima e viene
facilmente lacerata. Sotto ci sono dei vasi sanguigni, i plessi venosi
emorroidari, che sono estremamente fragili. Se vengono sottoposti a un
trauma, si dilatano formando delle varici: le emorroidi. Senza contare le
complicazioni più frequenti come fistole, ascessi anali, ascessi perianali e
ragadi. Non essendoci vasi linfatici, tutte le patologie vengono moltiplicate
per venti.” “Ma è una pratica sessuale parecchio in voga,” obiettai ancora.
Lei: “Io voglio solo avvertire che arriveranno all’incontinenza anale e
stanno moltiplicando il rischio di avere un cancro dell’ano. Dunque, in
nome di Dio, mettetevi quel fottuto preservativo, perché il rischio di
prendere infezioni in un luogo che non è protetto e non ha vasi linfatici è
molto alto.” Disse ancora: “Quello che mi interessa sono i danni che un
uomo o una donna può subire con la penetrazione anale. Si chiama Gay
Bowel Syndrome: è l’insieme delle patologie provocate dalle penetrazioni
anali.” Io: “Dunque gli omosessuali come si devono comportare, che

172
devono fare?” Lei: “Sono in una condizione drammatica, hanno un tasso di
suicidio più alto rispetto agli altri. Ci vuole la castità, una cosa
straordinaria. Se un uomo ama un altro uomo e riescono a vivere in castità,
a trasformare l’attrazione che hanno l’uno per l’altro…” Andò così, anzi la
De Mari ci tenne a precisare che per lei “gli omosessuali non esistono”. “La
sessualità” – questa è la sua tesi – “è un modo biologico per creare la
generazione successiva attraverso l’incontro del gamete femminile e di
quello maschile. A Madre Natura non importa nulla del piacere personale.
Ciò che le interessa è la procreazione. Dove non c’è incontro tra due
gameti, non c’è quindi sessualità. Se mi masturbo, è autoerotismo, non
autosessualità. Pertanto queste persone, i gay, sono asessuate e
omoerotiche. Si tratta di erotismo, la sessualità è solo tra maschio e
femmina. La sessualità esiste soltanto per fini procreativi.” Incuriositi da
tale originalità, Parenzo e io facemmo squillare qualche giorno dopo lo
stesso numero. Domanda: “Molte persone che praticano sesso anale
sostengono di non avere alcun tipo di problema.” Risposta: “Come
qualsiasi altra cosa, non colpisce tutti. Ci sono persone che fumano per anni
senza mai sviluppare un cancro ai polmoni.” Poi la stoccata finale:
“Guardate, io sono assolutamente contraria a questa pratica anche tra un
uomo e una donna. Perché ogni volta che un pene entra nell’ano,
innanzitutto ci vuole un lubrificante, e spesso anche con quello si
provocano delle lacerazioni dello sfintere. È un gesto di arbitrio, di
violenza, di sottomissione. A tal punto che viene sempre praticato nelle
iniziazioni sataniche. Il satanismo non è roba da quattro sfessati, strafatti e
ipertatuati che sgozzano capretti nei casolari: è nei piani alti e ha precise
cerimonie di iniziazione che includono sempre questa pratica. Anche
Angelina Jolie ha partecipato a una di queste cerimonie: andate su Internet
e cercatevela!” Satana e anal, perché non ci abbiamo mai pensato?

“Vladimir Luxuria, conosci la professoressa Silvana De Mari?”


Vladimir Luxuria: “So che è una vostra consulente, un Premio Oscar
della Scienza.”
“Macché consulente, è un medico.”
Luxuria: “E chi è, cosa dice?”
“Dice che gli omosessuali vivono una condizione gravissima a causa
della penetrazione anale. Secondo lei la penetrazione anale provoca danni
enormi. Lo dice da un punto di vista scientifico. Cosa ne pensi, tu che sei

173
esperta in materia?”
Luxuria: “Ah ah ah, intanto non è detto che se uno è gay lo prenda in quel
posto, esistono anche gay attivi. E poi lei da chirurgo e da professionista
dovrebbe sapere che prenderlo dietro fa anche bene alla prostata. Se lo
chiedi a un qualsiasi urologo, ti dirà che da una certa età in poi… però io
non direi mai, ragazzi prendetelo dietro perché fa bene alla prostata. Io
penso che tutto quello che provoca piacere dovrebbe essere un piacere.”
“Ma lei sostiene che in quel caso non c’è piacere. Anzi, che il sesso anale
fa male, è brutto, ridicolo e puzza di escrementi. Ci sono donne che si
espongono gratuitamente alla penetrazione anale, esattamente come
esistono persone che adorano farsi tagli orizzontali sul braccio, altre a cui
piace vomitare e altre che subiscono con piacere i dolori della chirurgia
estetica, dei tatuaggi, dei piercing.”
Luxuria: “L’ha mai provato?”
“No, dice di no proprio per questo.”
Luxuria: “Allora pensi per lei, ognuno fa quello che vuole nella vita, e
non può essere lei a dire cosa fa bene e cosa che fa male… Basta chiederlo
a qualsiasi urologo.”
“Quindi per te non è pericoloso?”
Luxuria: “Non ho mai sentito di qualcuno che è morto perché l’ha preso
dietro.”
“Ma lei dice che la penetrazione anale provoca danni gravissimi, come
per esempio il prolasso.”
Luxuria: “Dovrebbe aggiungere che la masturbazione porta alla cecità, è
un’altra cosa che non sento dire da parecchio tempo. L’unica cosa che fa
male è reprimersi.”

Michela, la vocazione per il culo

Michela, cinquantotto anni, donna della Taranto bene, separata con tre figli,
una volta mi disse: “Da tempo riesco a godere solo con il sesso anale. Non
mi faccio nemmeno più penetrare nella vagina.” Le ho chiesto di scrivere
qualcosa sulle sensazioni che prova mentre i suoi partner glielo mettono
dietro e ne è uscito questo racconto:
“‘Il culo è una vocazione’, gli ho detto alla fine, con il poco fiato che mi
restava, dopo che mi aveva riempita più del necessario. La sua ‘tanta roba’

174
mi piaceva da morire anche berla, era buona davvero, dolce mai acre, e lui
ne aveva sempre molta. ‘Ho le palle piene, vieni,’ mi diceva, e io non gli
risparmiavo neanche una goccia, perché dopo glielo succhiavo come facevo
da bambina con i Chupa, sbattendolo nella bocca, dentro le guance, a destra
e sinistra, spingendo la punta con la lingua. Allora era una pallina di
zucchero, oggi la sua cappella. Dopo l’orgasmo si abbandonava, quasi
inerme, sulla mia schiena curva sulla quale si era abbattuto come un
cataclisma. Fino a poco prima, con le gambe larghe e le ginocchia
leggermente piegate, mi cavalcava, io di faccia al muro, a disegnare un
angolo perfetto, con le curve dell’età alle quali si aggrappava come Ismaele
alla bara di legno in mare aperto. ‘Cagna, sei una cagna’, mi diceva
penetrandomi in verticale come fanno i benzinai quando controllano l’olio.
Mi scostava gli slip nemmeno senza togliermeli, e mi abbassava le calze.
Ero una randagia puttana disposta a tutto pur di farsi inculare da lui, e dagli
altri, quando capitava. Sognavo il branco, ma non era ancora successo.
Avevamo cominciato in piedi nel corridoio, mi aveva leccato la faccia e poi
si era abbassato per leccarmi la figa fin dentro, gli piaceva sentire i peli
bagnati sotto la lingua, e poi il buco del culo, per ‘prepararmi’, ed eravamo
finiti sul letto di una di quelle case che usi solo per poche ore e solo per
questo. ‘Ahi!’ Era sempre dura all’inizio, quando si faceva strada nella
pelle ancora asciutta e grinzosa – non volevo lubrificanti, e la sua lingua
arrivava fino a un certo punto, poi continuava con le dita – volevo che mi
lacerasse, mi punivo per quel piacere eccessivo. C’era un punto più stretto,
all’inizio, in cui mi faceva un male da morire, e a lui piaceva farmi male. Io
glie dicevo ‘Mi fai male!’, e questo glielo faceva diventare ancora più duro
e largo e gonfio. Dopo quel dolore lancinante, che mi faceva pensare che
sarei morta lì, sotto di lui, tutto si ammorbidiva, scivolava, lo accoglieva
senza resistenza, e iniziavo a dirgli “Ancora, ancora”, senza fermarmi.
Un’onda fluttuante dentro di me, che mi perdevo fra i marosi di quella
tempesta liquida. Onde di schiuma lo avvolgevano mentre, spingendo
sempre più forte, cercava una fine all’infinito dentro di me che godevo,
sguaiata, nella vertigine dell’assenza del limite. Nella dismisura di un
dolore bellissimo. La perdita del sé nell’abuso consenziente, l’abbandono
inerme alla furia di un cazzo che riuscivo a immaginare mentre mi apriva
sempre di più, mi arrossava il buco del culo fino a farlo diventare viola.
‘Dovresti vedere quanto sei larga.’ La voce stravolta dal piacere, l’affanno
e la saliva ai lati della bocca ingorda, i capelli appiccicati al viso stravolto.

175
‘Potrei infilarci la mano, dobbiamo provarci.’ ‘No, piuttosto portami due
cazzi come il tuo che mi piace di più. E anche un terzo, se lo trovi, così me
lo mette in bocca per non far sentire a tutto il condominio quanto sono
infoiata.’ A quel punto mi ha presa per i capelli. Mi sono voltata e aveva gli
occhi fissi, persi, dannati. Ce l’aveva ancora duro e gonfio, e ha
ricominciato a cavalcarmi, sgusciando nella sua sborra, come una serpe
immonda. È stato in quel momento che credo di essere passata dall’altra
parte. Non ero più su questa terra. Ho sborrato nel culo anch’io, deve averlo
sentito, e poi quel rivolo che mi scivolava sulle cosce, dalla figa gonfia,
forse squirtavo, so solo che godevo e non volevo più smettere. ‘Una troia
così non l’ho mai incontrata’, mi ha detto. ‘Una santa puttana.’ ‘Non
fermarti’, gli ho risposto, ‘infilami dentro qualcos’altro perché non so cosa
voglio, so soltanto che non mi basti più tu adesso, scendi per strada, ferma
qualcuno e portalo su a farmi scopare. Tu e lui, insieme dentro di me. Ho
un culo infinito.’”

Sodomiti

“Maurizio Ruggiero, capo dell’Associazione Sacrum Imperium di Verona,


come definisci i gay, che qualcuno continua a chiamare froci e ricchioni?”
“Io li chiamo sodomiti. È la parola giusta, ho sempre usato quella.
Secondo me, nelle strade italiane durante i Gay Pride sfilano gli esponenti
dell’invertitismo organizzato.”
“Cosa intendi con invertiti?”
“Sono contronatura, questo è evidente. Non c’è il minimo dubbio. Basta
vedere come si conciano. Hanno una sessualità invertita.”
“Quelli che sfilano al Gay Pride come li definisci?”
“Sono innanzitutto manifestazioni di stampo demoniaco.”
“Il demonio esiste?”
“Ma certo. Ci sono anche le scritte I love Satana. Più di così…”
Parenzo: “Faccio un appello al ministro della Salute per somministrare
qualche farmaco al signore.”
“Sono manifestazioni animalesche?”
Ruggiero: “Animalesche, non c’è dubbio. Sono persone pervertite, che
con il loro modo di atteggiarsi offendono terribilmente il Padreterno.
Quindi c’è un elemento demoniaco. E i bambini che vanno a queste

176
manifestazioni vengono pervertiti. Diceva Nostro Signore Gesù Cristo che
sarebbe è meglio che a costoro fosse legata una macina al collo e gettati nel
mare.”
“Ma chi?”
“I genitori, quelli che scandalizzano ai Gay Pride. Meglio sarebbe per
loro essere gettati nel mare tanto grave è il peccato che commettono.
Pervertire i bambini non avviene solo attraverso la pedofilia. Se si attirano i
bambini dentro una manifestazione della sodomia organizzata e li si
istruisce al peccato contro natura, anche quella è una forma di pedofilia e di
depravazione.”
“Ma roba da matti…”
“Roba da matti siete voi. Nella società tradizionale si distingue tra la
sodomia privata e quella pubblica. In quella privata uno va dal confessore,
si seguono le pratiche del cattolicesimo, si comincia a pregare, il santo
rosario, i sacramenti e così si evita il vizio contro natura. Quelli invece che
rivendicano tutto questo, quelli che fanno le sfilate, dovrebbero incorrere in
sanzioni penali.”
“Sanzioni penali? Condanne?”
“La parata sodomitica non esiste proprio. Siamo su un livello più
ferrigno, più grave.”
“Bruciarli in piazza?”
“La sodomia pubblica non è nemmeno concepibile. Basterebbe
semplicemente punirla come veniva fatto nella società tradizionale.”
“E come?”
“Per me anche il rogo va bene, non ho problemi.”
“Ah, il rogo…”
“C’è sempre stato. Tutta la società tradizionale si basava su questo. Era
una meraviglia, uno splendore di civiltà. La democrazia fa schifo. Bisogna
dirlo una volta per tutte. Io vorrei gli Stati tradizionali prima del 1789, la
Serenissima di Venezia e anche lo Stato Pontificio senza Bergoglio che fa
danni. E sono favorevole al ritorno del Leone di San Marco nei suoi domini
dopo l’usurpazione di Bonaparte e dei risorgimentali.”

“Ruggiero, quando usi la parola ‘battona’ in senso spregiativo mi fai


schifo.”
“Sei ricambiato, Cruciani, quando sento il tuo relativismo.”
“Tu proibiresti la prostituzione?”

177
“Sono favorevole ai bordelli legalizzati, è un fenomeno ineliminabile.”
“Oddio, sei d’accordo con me.”
“Sant’Agostino diceva: ‘Togli le prostitute dal mondo e vedrai il
diffondersi di tutti i vizi.’”
Parenzo: “Ricordiamo che Ruggiero è il capo di un’associazione
inesistente che si chiama Sacrum Imperium.”
“La masturbazione tu l’accetti o no?”
“Perché accettare una cosa che è intrinsecamente immorale? Non ho
capito.”
“Dunque nel tuo mondo ideale non ci si può fare una sega?”
“Ma la conoscete la dottrina cattolica? Il sesto comandamento dice che
non si possono commettere atti impuri. Avete fatto un giro fra il
comandamenti di Santa Madre Chiesa, o no?”
“La masturbazione è un peccato?”
“Certo che è un peccato, è evidente.”
“Allora nella tua vita non ti sei mai fatto una pippa?”
“Non devo dire al confessore Cruciani cosa faccio o meno. Non hai il
diritto di chiedermi dei miei peccati. Il principio è questo.”
“Fino a poco tempo fa sostenevi di essere vergine.”
“Ho sempre sostenuto che cerco di non avere relazioni al di fuori del
matrimonio. Infatti non ho relazioni sessuali. Fino a quando non mi
sposerò. Questa, Cruciani, è la regola. Siete voi che siete fuori dalle carte.”
“Quanti anni hai?”
“Sessanta.”
“E non ti sei mai fatto né una pippa né una scopata?”
“A sessant’anni devo dire a te che sei il principe dell’immoralità qual è lo
stato della mia anima? Lo devo al Padreterno. Io vorrei solo salvarmi
l’anima. Non come voi due.”
“Sostieni di non avere avuto finora rapporti sessuali perché non sei
sposato. Altrimenti saresti un peccatore e c’è solo l’Inferno?”
“Certo che c’è l’Inferno. E voi due con tutte le cose immorali che dite
ogni giorno alla radio siete già alle porte dell’Inferno…”
“A me non frega un cazzo.”
Parenzo: “Ma io tutti i giorni sono alle porte di Radio24, quale Inferno?”
“Siete il meglio della corruzione. Ci vediamo nell’Aldilà. Io riderò, voi
vedremo.”
“I gay come li consideri, degli invertiti?”

178
“Certo, vuoi forse sostenere il contrario?”
“Dei malati?”
“No, è una malattia morale, un vizio da cui si può guarire.”
“E come?”
“Con le preghiere, i sacramenti e una vita moralmente buona. Quello che
voi non fate.”
“Se uno è frocio e gli piace pigliarlo in culo si deve affidare ai sacramenti
e a Dio?”
“Complimenti per l’eleganza e la chiarezza con cui hai spiegato la
sodomia.”
“Secondo me, caro Ruggiero, ti piacerebbe moltissimo prenderlo in culo.”
“No, purtroppo per voi non ho nessun tipo di inclinazione sodomitica. E
sono contento.”
“Cosa c’è di male a prenderlo? Cosa c’è di male nella sodomia come
pratica?”
“È una delle cose più castigate dal Padreterno, un abominio,
un’inversione della legge di natura, la più clamorosa che esista, sono
rapporti ignominiosi, che gridano vendetta a Dio. Inutile che Bergoglio dica
chi sono io per giudicare. Ma vai in Argentina, che la Chiesa è una cosa
seria. Vai, va’…”
“Cosa faresti ai sodomiti?”
“Siccome è un peccato, uno va a confessarsi, riceve l’assoluzione e le
medicine spirituali. Se invece si va a fare la sfilata sodomitica, se diventa
un peccato pubblico, è una cosa diversa e va condannata penalmente.”
“In che modo?”
“È una cosa talmente grave, che a Venezia c’era il rogo, e anche in
Francia. Fino a quando c’era l’Ancien Régime, e uno stato serio che aveva
a cuore il bene spirituale, c’era anche il rogo per i sodomiti.”
“Ma ci vuoi riportare indietro di centinaia di anni.”
“Noi siamo fieramente tradizionalisti e reazionari. Non ce ne può
importare di meno della democrazia moderna. Anzi, prima crepa meglio è.”
“E i transessuali?”
“Ma lasciamo perdere. Appartengono a una sottocategoria della
sodomia!”
“Cosa fanno di male i trans?”
“Voi li elogiate tutti i giorni, il peccato, la corruzione e l’immoralità. E
pagherete per questo.”

179
“Tiè, tiè.”
“Pensate di scamparla, ma pagherete. Vi verrà chiesto conto di ogni
parola. Fate i galletti adesso che Confindustria vi paga. Ma dopo, quando
arriva il Padreterno…”
“C’è una mia amica, una puttana polacca. Donatella, cosa vuoi dire?”
Donatella: “Come si fa a sessant’anni a non avere mai sborrato?”
“Complimenti, complimenti.”
“Grazie Donatella, a presto. Ruggiero, ogni tanto una pippa non ti farebbe
male.”
“E a te ogni tanto qualche preghiera ti farebbe bene.”

“Hai dato del sodomita a Pierluigi Diaco, ma sei impazzito?”


Ruggiero: “Certo, mi sembra logico. Ha rivendicato pubblicamente di
avere una relazione omosessuale. Il termine biblico per designare questo
tipo di relazioni è quello.”
“L’hai offeso.”
“Io vivo il mio essere cattolico seguendo i comandamenti e le Scritture.
Qui si vuole far passare che sia normale violarli.”
“Certo che è normale. Ma secondo te Diaco dovrebbe sciogliere il
matrimonio con il compagno?”
“Ma non c’è il minimo dubbio.”
“Dovrebbe essere punito?”
“Certo. Una volta era punito l’adulterio, figuriamoci la sodomia.”
“Questo nel tuo mondo ideale.”
“Nel mondo reale che c’era un tempo e che voi avete distrutto.”
“Che punizione daresti a un sodomita?”
“L’adultero aveva come punizione il carcere o una sanzione economica. I
bambini hanno diritto a nascere in una famiglia con padre e madre
legittimamente uniti.”
Parenzo: “Ma che ne sai tu che non hai mai frequentato nessuna azienda.”
“Parenzo intende che non hai mai frequentato l’azienda-figa.”
“Quell’azienda lì, la srl o spa che voi nominate, non l’ho mai frequentata.
Resta il fatto che voi la frequentate male.”
“Noi la frequentiamo con i nostri peccati.”
“Voi dovreste frequentarla solo all’interno del matrimonio. E siccome
non sono sposato…”
“Che punizione daresti a una coppia sodomita? Per l’adulterio abbiamo

180
detto, carcere o multa. E per la sodomia?”
“Se uno la rivendica, ci vorrebbe il rogo. È talmente grave… Ma voi
avete il marcio, anzi portate il marchio del demonio.”
Parenzo: “Ma ti rendi conto di cosa dice questo pazzo alla radio della
Confindustria?”
“Qualcuno pensa che Ruggiero sia un personaggio inventato, invece è
tutto vero, dice esattamente quello che pensa.”
Parenzo: “Ruggiero è un animale.”
Ruggiero: “Grazie, Parenzo. Ma ricorda che i peccati urlano. Quando si
tocca una persona sulla vita non buona che fa, succede subito un casino…
Voi siete favorevoli a Sodoma e dunque tutto è consentito, anche i club
dove si fa dello scambismo.”
“Ma che sarà mai? Tu non ti sei mai fatto una sega. figuriamoci il sesso di
gruppo.”
“Ma vi rendete conto a che livello di aberrazione siete arrivati? È come se
andassimo da un assassino a dire: ‘Che male c’è a fare una rapina?’ Non
avete il minimo senso del bene e del male, siete marchiati dal Demonio e
pagati dal Demonio per fare danni: ma ci rivedremo nell’Aldilà.”
“Ma che male c’è se quattro o cinque persone fanno un’orgia?”
“Scusate tanto, ma se metto mia moglie nelle braccia di un altro per la
perversione del voyeurismo, siete sicuri che poi a un certo punto non scatti
la follia della gelosia e la ammazzi, come nel caso del marchese Casati?”
“Non ti sembra eccessivo? Le orge come premessa del femminicidio.”
“Guardate che l’ultimo caso è di qualche settimana fa… E comunque
volevo dire una cosa sui peccati.”
“Forza, dilla!”
“I peccati che vengono fatti dal singolo li paghiamo tutti.”
“Cioè?”
“Il male che facciamo si ribalta sul prossimo. Se uno viola il sesto
comandamento, poi violerà anche gli altri, l’ira, la pigrizia. E questo rende
insopportabile la vita al prossimo…”
“Cosa pensi delle donne?”
“Partiamo da un caso di questi giorni: una ragazza, una poverina, che si è
suicidata appena laureata. L’avete vista?”
“E allora? Può succedere anche a un uomo, cosa c’entra?”
“Siamo di fronte all’ennesimo caso di scoppio femminile. Cioè di donne
scoppiate. San Paolo diceva che la donna si salverà grazie alla generazione

181
dei figli, che la sua dimensione sono gli affetti domestici e familiari.”
“Cioè deve stare a casa a fare i figli?”
“Esatto. Se voi la strappate dal focolare domestico e la mettete a fare
l’intellettuale, la giornalista, la psicopatologa, la soldatessa…”
“Cosa succede?”
“Scoppiano. E il risultato sono tutti questi suicidi.”
Parenzo: “Ma questo è pazzo, come si fa a dire una minchiata simile. E
Rita Levi Montalcini, allora?”
“Voi siete due leccapiedi degli americani, fate schifo.”
“Cosa c’entrano gli americani?”
“Questa è la mentalità degli americani, sono stati loro a cominciare.”
Parenzo: “Ma tu sei pazzo, dai il tuo numero in diretta, così le donne in
ascolto non ti daranno tregua, non devono farti dormire né di giorno né di
notte.”
“Date pure il mio cellulare, non c’è problema. Il numero è 3473603084.
Ripeto: 3473603084. Chiamatemi pure.”
“Ruggiero, tu dici che le donne hanno un cervello inferiore, più piccolo
rispetto all’uomo.”
“Io dico che la natura le ha fatte diversamente. Il Padreterno le ha fatte
così… stanno già cominciando a telefonarmi.”
Parenzo: “Chiamatelo: 3473603084. Chiamatelo, vi prego.”
“Tu pensi che le donne siano esseri inferiori? Dillo chiaramente.”
“C’è una famosa frase di Orazio: ‘Le donne hanno molti capelli, ma non
hanno cervello. Quando le metti in un luogo che non è il loro, combinano
disastri.’”
“Cioè non devono lavorare?”
“Non devono lavorare, oppure possono fare lavori nell’ambito domestico.
Stai nell’azienda del marito, fai la sarta, i mestieri femminili, quelle cose
tipiche, classiche, delle donne. Certamente non la manager o la vigilessa.”
“La cameriera o la commessa?”
“Certo. Io ho sempre avuto una particolare ammirazione per le
commesse.”
“La giornalista?”
“Mai. Non dovrebbero esserci i maschi, figuriamoci le femmine.”
“L’attrice, il cinema?”
“No. Possono fare tutti i lavori che siano emanazione della famiglia e
dove non ci sia esercizio di autorità. Come dice San Tommaso d’Aquino:

182
‘Alla donna non appartiene nessuna eminenza di grado. Si possono salvare
stando nella famiglia, assistendo i figli, oppure dedicandosi alla vita
religiosa e al prossimo.’”
“Questo è Maurizio Ruggiero, signori.”
“Spero che Diaco e i sodomiti si convertano.”

Anal Muslim

“Alan chiama da Bologna, buonasera.”


“Buonasera Cruciani. Con tutti i problemi che ci sono in Italia, questi
froci, questi gay sono la minoranza e in fondo non se la passano male. Si
fanno inculare, si inculano, vivono la loro tranquilla vita. Se ti piace perché
non diventi gay anche te?”
“E perché dovrei diventare gay?”
“Devi sapere che il culo è sacro, anche quello della donna. Io sono turco e
musulmano.”
“Che problemi avete con i gay voi musulmani? Perché pensate che la
sodomia sia un peccato?”
“Io non ho problemi. Tu parli tutti i giorni di froci e di gay. E sai
perché?”
“Perché?”
“Perché te lo permettono. Da noi, invece, sono considerati malati da
curare basta.”
“Anche per te, dunque.”
“Sì, malati da curare. La donna nasce donna e l’uomo nasce uomo.”
“Secondo me ti piace il sesso anale.”
“No, no.”
“Nemmeno con tua moglie?”
“Noi le donne le rispettiamo.”
“E invece se fai sesso anale non le rispetti?”
“C’è un detto in Turchia che dice: ‘Nel buco della merda si va solo col
badile.’ Anche perché l’inizio di tutte le malattie è il culo.”
“Hai detto una cosa fondamentale: per noi musulmani gli omosessuali
sono malati.”
“Non solo per noi, anche per i cristiani e gli ebrei. L’uomo è nato per
soddisfare la donna, la donna per soddisfare l’uomo. Per tutte le persone

183
normali è così, non per voi.”
“Anal, ti chiamerò così adesso, perché consideri così male gli
omosessuali?”
“Sono malati che trasmettono queste idee alle future generazioni. Non ci
sono più nascite…”
“Cosa hai detto prima sul badile e la merda?”
“Nel buco della merda si va solo col badile.”
“Spiegami.”
“Come fai a entrare in buco dove c’è la merda. A me fa schifo.”
“A me no.”
“Tu fai schifo, sei una merda.”
“Questo è l’Islam, ragazzi.”
“Ma come, una donna viene smerdata, inculata come un animale, come
una bestia e tu dici: ‘Guarda come la pensano i musulmani!’ I musulmani la
pensano meglio di te. Noi almeno abbiamo dei valori. Tu non sai cosa siano
i valori.”
“Ecco il musulmano, musulmano, musulmano.”
“Ed ecco l’ateo, il miscredente ateo e incivile, quello che tratta la donna
come un animale.”
“Tu la tratti come un animale.”
“Tu la tratti come una bestia perché la metti a pecorina e la vuoi inculare.
Tu, tu, tu, tu la tratti come un animale. Gli animali fanno così, i porci nella
stalla fanno così.”
“Ti devi vergognare, vergognati!”
“E tu sei un porco.”
“Anal, la realtà è che tu odi i gay.”
“Non mi chiamo Anal, mi chiamo Alan. Tua sorella Anal. Tu sei stato
partorito da un culo.”
“Vuoi ribadire che per te i gay sono malati?”
“Io non odio i gay. I gay sono malati. Uno che lo prende nel culo è
malato.”
“Ma come si fa a pensare una cosa del genere?”
“Rispetta le idee degli altri come io rispetto il tuo parere. Nessuno è nato
da un culo, hai capito?”
“Sei sposato?”
“Certo, un musulmano si sposa. Non è come te.”
“E come consideri l’adulterio? Se tua moglie ti tradisce, cosa fai?”

184
“Non ti preoccupare. Non può succedere. Ho scelto una donna che non
potrà mai tradirmi.”
“Mettiamo che ti tradisce?”
“Morirà.”
“E come?”
“Alla mia maniera, non ti preoccupare.”
“Fammi capire.”
“Ma tu sei un uomo? Io ho seri dubbi. È vero che dici di essere single,
non te ne frega niente del matrimonio, sei un animale nato.”
“E allora tu becchi tua moglie che ti tradisce e che fai?”
“L’ammazzo.”
“Anal Muslim!”
Parenzo: “Siamo in Italia, non in Arabia Saudita.”
“Quante donne in Italia, in Francia sono state ammazzate dal marito che è
stato tradito?”
“Infatti è un reato.”
“E allora andrò in galera. Qual è il problema. Pagherò, pagherò.”
“Ma tua moglie stringe la mano agli uomini?”
“Perché dovrebbe farlo? Mia moglie non lo fa, per questioni di fede.”

Valentina Nappi, ovvero il sesso anale per eccellenza

“Io sono fiera di essere troia. Fino a quando riesco a fare su e giù con le
gambe farò i porno, mi devono ammazzare per smetterla.”

“Ciao, sono Valentina Nappi. Vorrei farmi inculare da un immigrato,


possibilmente nero, davanti a un manifesto di Forza Nuova contro
l’immigrazione.”
Parenzo: “È un bel modo di essere antifascisti. Un vero antifascismo
militante. Mi piace molto.”
Cruciani: “In questo caso sei pronto a superare tutte le tue perplessità
sulle gang bang e su queste pratiche.”
Parenzo: “Sì, è vero. È un grande manifesto antifascista. Se preso in
maniera artistica può essere una grande battaglia radicale.”

Valentina vs Olgettine

185
“… Valentina, cosa ne pensi delle Olgettine che ‘frequentavano’ l’ex
premier Berlusconi?”
“Meglio fare la pornostar che l’Olgettina, vuoi mettere andare con
Berlusconi e farlo con Flash Brown, che è un mio collega piuttosto bravo?
Sicuramente guadagna di più l’Olgettina che io e Brown messi insieme,
però noi ci divertiamo di più.”
“Cioè siete più liberi?”
“È un problema culturale. Io e Flash Brown siamo sullo stesso piano e
veniamo pagati allo stesso modo. Nessuno è succube dell’altro.”
“Dunque le Olgettine…”
“A me le Olgettine fanno schifo, sono fighe di legno al quadrato,
soprattutto quelle che vanno con Berlusconi. Ma fallo con un operaio per
cinquanta euro, fallo con chi ha bisogno, e invece vai con i potenti per
pochi soldi in più!! Sono cose che fanno schifo, perché un ragazzo non può
vendersi per pagarsi l’università? Non è giusto: se sei nata con la figa puoi
sfruttarla, invece chi ha il pisello non può. È come uno che nasce ricco e
l’altro povero.”
“Però sono due cose diverse. Tu fai il porno, loro altro.”
“Appunto. Noi facendo il porno facciamo qualcosa di progressista perché
abbassiamo il mercato della figa. Anziché stare dietro a una, un uomo può
dire: ‘Vaffanculo, sto a casa, mi guardo un bel porno e mi faccio una sega.’
E lo fa gratis. È il contrario del sistema delle Olgettine, che guadagnano
sulla figa. Coi porno la figa ha un prezzo minore, si svaluta. Invece di
invitare una tipa dieci volte a cena per una scopata, uno dice ‘Vaffanculo,
non ci esco, sto a casa e mi guardo un film hard.’ Siamo l’esatto opposto
del sistema Olgettine.”
“Quindi il porno cosa provoca?”
“Le donne sono più spronate a fare sesso, perché altrimenti non se le fila
più nessuno.”

Valentina vs Rocco

A un certo punto Rocco Siffredi ha attaccato Valentina Nappi: “… è una


grandissima stronza, ma come cazzo si è permessa di parlare male della
grande Moana Pozzi? Lei se la sogna la classe, l’eleganza e la
professionalità di Moana! Mi dispiace solo che a introdurre questa stronza

186
nel mondo dell’hard sia stato io un paio d’anni fa.” E poi: “L’ultima volta
che ho lavorato con lei le ho fatto fare una gang bang con cento uomini. Era
totalmente incapace. Una figa di legno, ingessata e presuntuosa. Durante la
gang non era capace nemmeno di fare i pompini. Manco sapeva ciucciare
un pene! Ci mancava poco che dovessi intervenire io.”

“Valentina, hai sentito Rocco?”


“Rocco dovrebbe prenderlo nel culo, aprirsi, superare il modello di
maschio alfa. Farebbe qualcosa per la società, in questi tempi di Family
Day.”
“Dunque dovrebbe fare un film gay?”
“Sì, un film in cui è passivo, una volta tanto. Un film in cui lo prende
dietro.”
“Perché ce l’ha con te?”
“Agli ultimi Oscar del Porno non l’ho nemmeno salutato. Fino a poco
tempo fa, quando giravo con lui gli andavo bene. Quattro anni dopo sono
diventata una figa di legno. E su Moana Pozzi ho solo detto che non è un
mio modello di riferimento, è un modello stereotipato di donna, non è tra i
miei idoli. Tutto qui.”
“È cambiato dopo l’Isola dei Famosi?”
“Da quando è andato all’Isola ho cominciato a evitarlo. È vero, con lui
sono stata una stronza. Non sopporto i suoi piagnistei contro il porno e la
dipendenza dal sesso. Dice cose antiporno. Ho pensato che fosse depresso.”
“Gli hai parlato di questo?”
“L’ultima volta che gliene ho parlato, mi ha detto: ‘Tu non puoi capire, il
porno ti ha mangiato l’anima.’ E io ho pensato: «Questo è andato.»”
“Si fa semplicemente delle domande sul suo lavoro e su quello che gli
succede nella testa.”
“È un personaggio pubblico e si è messo a fare l’antiporno, dunque si è
messo contro di me.”
“Dice che sul set eri impacciata.”
“Non mi avrebbe chiamato a fare la scena successiva con otto, dieci
ragazzi. E io sarei una figa di legno? Per lui ho lavorato gratis, era un sogno
che si realizzava. E poi ho passato il tempo a riscaldare gli attori con le
seghe e i pompini. Erano cinquantatré, e solo quindici riuscivano a
partecipare.”

187
“Un pompinaro o una grande pompinara possono essere altrettanto precisi e
raffinati del movimento coordinato del corpo, delle labbra e della lingua
mediante cui un grande flautista produce suoni dal timbro inconfondibile. E
dietro ci può essere altrettanta ricerca teorica e pratica. Un/una grande
pompinaro/a, potenzialmente, non è secondo/a al poeta o al premio Nobel.”

“Dilatare l’ano fa bene per emorroidi e stitichezza”

“Valentina, tu sei perfettamente bisex?”


“Sì. Con un maschio o una femmina posso avere lo stesso godimento. Se
domani un bel ragazzo si mettesse la vagina togliendosi il pene, mi starebbe
bene uguale. E poi si possono avere splendidi orgasmi anche con un
vibratore. Il piacere non ha genere. La riproduzione ha genere, il piacere
sessuale no.”
“In molti mi chiedono del sesso anale. Cosa dovrebbe dire un uomo per
convincere la sua fidanzata o partner a farlo?”
“Dovrebbe farsi inculare lui per primo. Dovrebbe dirle: ‘Guarda, non c’è
nulla di pericoloso.’”
“E come dovrebbe farlo? Con le dita?”
“No, in realtà le dita non sono indicate. Meglio un fallo artificiale.”
“C’è chi dice che il vibratore può uccidere il sesso di coppia.”
“È falso. Forse il sesso tra queste persone era già morto prima.”
“Importanti studiosi sostengono invece che il porno faccia male al sesso
dei giovani.”
“Un’altra stronzata. Quando uno ha un problema con il sesso, di solito il
problema non è il porno, ma altre cose. Guardare porno può essere
terapeutico.”
“Ma esiste la dipendenza dal porno?”
“La pornodipendenza non esiste, i casi sono rarissimi. L’educazione
tradizionale delle famiglie fa molti più danni della pornografia.”
“Torniamo al sesso anale.”
“Può servire a combattere la stitichezza e a curare le emorroidi. Dilatare
l’ano fa bene, è importante che le donne lo sappiano.”
“A proposito dei rapporti di coppia, hai sempre detto che l’unica coppia
possibile è quella aperta.”
“Se una coppia non è aperta, non può durare. Nella maggior parte dei casi
c’è una grande ipocrisia, perché l’ottanta per cento delle coppie si tradisce.”

188
“Sei contenta quando vedi il tuo fidanzato che scopa con altre donne?”
“Sì, certo.”
“Anche davanti a te?”
“Mi è capitato di guidare e lui era dietro che scopava con una mia
collega.”
“Da quanto state insieme?”
“Siamo una coppia aperta da più di dieci anni. L’idea della coppia
esclusiva non ha senso. Almeno mentalmente, bisogna essere aperti. Ci
sono coppie che si dichiarano monogamiche e poi si ritrovano con uno dei
due partner con la clamidia o la candida.”
“Sei dipendente dal sesso?”
“No, ma se smettessi di fare porno la mia vita sessuale non sarebbe così
divertente. Sarebbe un problema. Ho periodi in cui non giro sul set per sei
mesi. Faccio sesso con il mio ragazzo, ma non è la stessa cosa. Come non è
la stessa cosa fare sesso in privato con un pornoattore, perché in privato
ognuno cerca la propria soddisfazione immediata, mentre il bello del set è il
contesto.”
“Stai dicendo che è meglio il set?”
“Senza dubbio. L’obiettivo è soddisfare il pubblico. Le seghe degli altri. I
miei orgasmi migliori li ho avuti sul set.”
“Affrontiamo il tema dei preservativi. Voi del porno non siete un esempio
virtuoso.”
“Fare porno con il preservativo non è la stessa cosa che farlo in privato.”
“Cioè?”
“La durata media di un rapporto è di un quarto d’ora. Noi lo facciamo
durare quaranta minuti. Sarebbe usurante per le mucose.”
“Ma il punto non è questo. L’accusa è che il porno non è educativo.”
“Il porno ha a che fare con le fantasie ed è finalizzato alla masturbazione.
Non all’educazione.”
“Sei ancora convinta che il porno sia un atto politico?”
“Quando fai porno, fai necessariamente un atto politico. In Italia ho
notato che i ragazzi hanno difficoltà ad accettare una sessualità femminile
forte. L’idea è che la donna va corteggiata e a letto non dice certe cose. Mi
sono capitati ragazzi italiani che sono letteralmente scappati dalla camera
perché io stavo semplicemente chiedendo come volevo essere leccata o
toccata. Mi dicevano: ‘Ma le altre non fanno così…’”
“Perché hai iniziato?”

189
“Volevo offendere mia nonna e tutte le donne della mia famiglia in
quanto zoccola. Soprattutto al Sud, si cresce con l’idea che se sei donna ci
sono cose che non puoi fare, e non si capisce perché. Che senso ha negare
la propria sessualità?”

“Finché ci saranno i ruoli e le differenze, ci sarà violenza di genere. La


violenza di genere nasce dall’idea che la donna sia preziosa. Alle bambine
si insegna che sono preziose, e da lì discende la logica delle fighe di legno.
A tutte queste femministe fighe di legno che si riempiono la bocca di
violenza sulle donne e sciocchezze del genere, dico: ‘Datela!’ È tutto
troppo sbilanciato a favore delle donne. Sono loro ad avere il coltello dalla
parte del manico e a decidere se fare sesso o meno, almeno nel mondo
etero. Non si sentono libere di vivere la propria sessualità. Magari lo fanno,
ma di nascosto. Questo grazie anche alle teorie di alcune femministe. Ci
vuole più promiscuità sessuale, ci vuole una società in cui si fa sesso come
si mangia.”

Valentina Nappi: “Ma lo sapete che sono arrivata a un punto zen del
sesso?”
“Cioè?”
“Il desiderio arriva dall’interno e va verso l’esterno. Sono arrapata e uso
l’altro come un vibratore. Non devo essere ispirata, non ho bisogno che sia
un altro a ispirarmi sesso. Sono tutti oggetti. Sono io a essere arrapata.”
“Non ti interessa chi hai davanti?”
“Nel porno mi interessa avere dei performer, dunque l’aspetto tecnico,
non la persona. Nel privato mi interessano gli odori, non la bellezza. Con il
ragazzo più bello che abbia mai visto ho fatto il sesso peggiore della mia
vita.”
“Hanno fatto un documentario su di te intitolato Io sono Valentina Nappi.
Ti vedi lontana dal porno?”
“No, non proprio. Gesù Cristo è morto in croce per liberarci dai peccati.
Io farò porno e prenderò cazzi fino alla fine per liberarvi dagli istinti
sessuali.”
“Cosa vuol dire?”
“Noi siamo schiavi dei nostri istinti. E grazie alla cultura diventiamo più
umani. Mentre la sessualità è ancora legata all’irrazionale.”
“Non ho ancora capito cosa vuol dire liberazione dagli istinti.”

190
“Io sogno l’uomo liberato dalle pulsioni sessuali. Gli esseri umani sono
animali violenti, e siamo ancora più violenti se sessualmente repressi. Se
tutti fossero liberi sessualmente come me, ci sarebbe meno violenza nel
mondo.”
“Dunque farai porno anche a settant’anni?”
“Non ne uscirò mai. Magari non girerò più, se l’aspetto commerciale non
avrà senso. Però mi mostrerò sempre in atti espliciti.”
“Hai detto che la donna dovrebbe darla più facilmente.”
“Già. La regola dovrebbe essere questa: ‘Datela il più possibile,
concedetevi ai losers, agli emarginati, ai neri che vendono fazzoletti ai
semafori, agli ultimi. Anche a costo di andare contro i vostri istinti, cioè
l’attrazione femminile per i vincenti e i ricchi, che è riprovevole ma
naturale.’”
“È un messaggio che lanci alle donne?”
“Sì, se volete essere chic e moralmente superiori, datela il più possibile.”
“Cosa cambierebbe nella società?”
“Il sesso femminile è merce di scambio, guarda la vicenda Weinstein,
perché c’è scarsa disponibilità. Viceversa, se ci fosse disponibilità, se anche
l’operaio avesse la possibilità di essere soddisfatto, i meccanismi come
quelli che entrano in gioco nel caso Weinstein perderebbero significato.”
“Cioè?”
“Che senso avrebbe usare la propria posizione per ottenere quello che
tutti hanno a portata di mano?”
“Non hai voglia di fare un figlio?”
“No, zero.”
“I tuoi genitori hanno ancora rapporti con te?”
“Mio padre è morto, quindi può pensare quello che vuole di me.”
“E tua madre?”
“Più vado avanti, più taglio i rapporti con le persone che non alimentano
la mia visione ma cercano di reprimerla. La voglia di libertà va aiutata. Ho
bisogno di supporto morale a maggior ragione tenendo conto che non ho un
lavoro ‘normale’. In Italia tutti sognano il figlio avvocato.”
“Cosa diresti a una donna per superare il tabù del sesso anale?”
“Perché mi hai chiesto di una donna? Ho scopato più uomini nel culo che
donne. Uno dei primi piaceri collegato alla prostata è quello anale.”
“Ma una donna cosa deve fare?”
“A volte immagino di avere un pene. E mi chiedo: ‘Metterei una parte del

191
mio corpo così delicata in un posto da dove esce la cacca?’ La maggior
parte delle mie amiche dicono di avere paura di fare la cacca. Ma qui viene
incontro la tecnica, la conoscenza del proprio corpo, dello sfintere, il retto.
L’anale è estremamente tecnico. Quindi a una donna dico solo di studiare.”
“Ogni tanto lo fai anche per amore?”
“Sì, sono fidanzata.”
“È diverso?”
“È come paragonare la cucina della nonna, con i cibi tradizionali che
conosci, e il ristorante dove provi cucine diverse. Tutto qui.”

E venne anche il momento del litigio tra Valentina Nappi e Vittorio Sgarbi.
Teatro: una puntata della trasmissione Stasera Italia su Rete 4. Nei giorni
precedenti Valentina aveva diffuso sui suoi profili social un post
provocatorio dal titolo “Sono stata stuprata da Salvini”. Sgarbi in
trasmissione comincia ad attaccare senza tregua: “Ma cosa ne sa lei di
Salvini? S’intende solo di cazzi, parli di cazzi, si occupi di cazzi e non
faccia l’intellettuale. Lo stupro è una cosa ben precisa, vada a denunciare!
Ci dica dove, come è stata stuprata e con quale strumento.” E ancora: “Fate
vedere un film della signorina, un filmato della sua attività, di cosa fa e
dove si fa baciare, così si capisce qual è il suo mestiere, fa la pornostar? E
allora mostriamola in tutta la sua straordinaria e rifulgente attività. La
pornostar deve parlare di quello che conosce. Sono favorevole, è un
argomento che conosco molto bene. Non avete il filmato? Strano, avete
invitato una di cui vi vergognate? Il suo lavoro è prendere cazzi, fatelo
vedere! Quando chiamate un filosofo fate vedere il suo lavoro, e adesso
no.” Poi, mentre la pornostar cerca di ribattere, Vittorione piazza il botto
finale: “Piccola prostituta.”
Valentina Nappi: “Sgarbi mi ha detto che so parlare solo di cazzi, ma ha
dimenticato le vagine. Perché io non faccio distinzioni, posso prendere
cazzi ma anche vagine. Sono bisex.”
“Valentina, l’hai fatto incazzare.”
“La realtà è che quando ho tirato fuori la matematica, si è impaurito. E
come fanno gli animali quando si spaventano, ha incominciato ad
abbaiare.”
“La matematica?”
“Lui, storico dell’arte che non capisce un cazzo di arte contemporanea e
fino a qualche anno fa ci sputava pure sopra, diceva che l’arte

192
contemporanea è una cacata, ma quando ho parlato dell’importanza della
matematica nel Rinascimento, si è spaventato. Perché alla fine non capisce
un cazzo di arte, e non lo dico solo io, all’università sono più citata di lui.
Se uno pensa che una pornostar non possa occuparsi di altro, è un cretino.”
“Ci andresti mai a letto?”
“Mai, troppo vecchio. E io ormai coi vecchi ci sono stata. Quando avevo
diciotto anni me le sono fatte le mie trombate con vecchi. Ora basta.
Adesso dai venti in su, massimo quaranta. E poi, a giudicare dalla sua
mentalità, non credo sia divertente a letto. Una persona che in qualche
modo crede che il cazzo svaluti la donna ha già un’idea cattiva del proprio
cazzo. A letto dev’essere per forza noioso.”
“Ti ha chiamata piccola prostituta.”
“Io sono una santa, la prostituta è lui. Io sono fedele alle mie idee. Non
mi vendo per niente. Sgarbi ha cambiato tante volte idee politiche, la vera
prostituta per soldi è lui.”
“Perché ti stanno sui coglioni i nazionalisti, i sovranisti?”
“Perché vanno contro la figa. Dividono le donne in mogli e puttane,
cadono negli stereotipi. Secondo me sono sessualmente repressi.”
“Tra Saviano e Sgarbi chi ti faresti?”
“Tra i due Saviano, però preferirei stare a casa e masturbarmi.”
“Tu sei contro i sovranisti per l’immigrazione, vorresti più neri in Italia.”
“Vi ricordo che ho fatto gang anche con tredici neri, ma i neri qui
scarseggiano. Secondo me bisognerebbe fare immigrazione di qualità, e
quindi fare scambi culturali. Per esempio, io non riesco a trovare ragazzi di
colore in Italia perché la maggior parte vengono da paesi poveri, con forti
idee religiose e non vogliono fare porno.”
“Manca la materia prima.”
“Per il mio mestiere non arriva gente capace, non ci sono proprio persone
che lo vogliono fare.”

193
Piedi, peli e altri odori

“Da un punto di vista biologico, l’odore animalesco dei piedi riporta a uno
stato di natura selvatico e quindi ipersessuale. E poi non bisogna
dimenticare che questa parte del corpo è sporca, e quindi eccitante, perché
nella nostra testa spesso c’è l’associazione di questi due concetti. Ma c’è
anche un altro fattore molto importante: i piedi (e le mani) sono tra le parti
meno suscettibili di trucco, parrucco e bisturi ringiovanente. Spesso basta
guardare i piedi di un’attrice per capire la sua età biologica. E se è vero,
come è vero che il maschio è programmato prima di tutto per cercare
segnali veri o presunti di giovinezza, ecco spiegato perché i piedi piacciono
tanto: sono degli indicatori oggettivi e difficilmente falsificabili dell’età di
una donna.”
[Emmanuele Jannini, andrologo e sessuologo]

Paolo

“Caro Giuseppe, ho letto su un vecchio manuale che ho trovato nella


libreria di mio padre, Psychopatia Sexualis, che il feticismo del piede
potrebbe essere collegato all’omosessualità. Ti leggo testualmente cosa dice
a proposito di un paziente: ‘… Già all’età di sei anni la vista di donne a
piedi nudi lo eccitava sessualmente e gli provocava lo stimolo a inseguirle o
a essere presente al loro lavoro. All’età di quattordici anni si insinuò di
notte nella camera di sua sorella che dormiva, e ne abbracciò e baciò i
piedi. Già a otto anni imparava da solo a masturbarsi, compiendo l’atto

194
mentre immaginava piedi femminili nudi. A sedici anni portava spesso in
letto con sé scarpe e calze di donne di servizio, e manipolandole si eccitava
sessualmente e si masturbava… All’età di ventiquattro anni cominciò a
provare inclinazione sessuale per l’uomo… e anche il feticismo si spostava
su quest’ultimo. A ventisei anni, trasferito in una grande città, vi trovò
l’ambita occasione e si diede con vera passione all’amore omosessuale.
Soleva masturbare uomini, riceverne il pene in bocca e baciare loro i piedi.
Durante tali atti eiaculava con voluttà intensissima. A poco a poco venne al
punto che gli bastava anche solo vedere un uomo simpatico, specialmente
se a piedi nudi, per andare in orgasmo ed eiaculare. Anche le polluzioni
notturne avevano ormai per unico oggetto rapporti omosessuali, e
precisamente in senso feticistico (piedi).’ Non te la faccio lunga, magari ti
sarai già annoiato. Ho sentito alcune discussioni alla radio sulla tua
passione per i piedi. Io non sono arrivato al caso patologico descritto in
quel volume, resto fedele alla mia azienda originaria, cioè sono
eterosessuale senza nessuna inclinazione, ma un piede mi provoca scossoni,
direi erezioni continue. Prima di rivolgermi a uno specialista, mi piacerebbe
parlarne con te. Questo il mio numero, non chiamarmi in diretta, però.”

“Fino a che punto sei arrivato?”


“Cerco solo video con piedi di donne e mi masturbo su quelli.”
“Quanto?”
“Almeno una volta al giorno.”
“Donne famose o persone comuni?”
“Non fa differenza. L’importante è che si veda bene il piede. Meglio in
situazioni di vita reale, così poi fantastico su come deve essere
sessualmente.”
“Ma è stato sempre così? Voglio dire, hai sempre avuto questa
fissazione?”
“Sì, mi sono sempre piaciuti. Però non è che mi mettevo al computer a
guardarli. Quando avevo una fidanzata, mi eccitavano, mi concentravo sui
piedi, mi piaceva giocarci. Ma finiva tutto lì. Poi un paio di anni fa…”
“Cosa?”
“Un amico mi fa entrare in una chat di feticisti. Ho iniziato così. Adesso
preferisco questo a vederli dal vivo.”
“Quanti anni hai?”
“Diciamo una cinquantina.”

195
“Puoi dirlo, è impossibile che qualcuno possa risalire a te.”
“Preferisco rimanere sul vago.”
“Ma non hai la lebbra!”
“Ho due figlie.”
“Vabbe’, come vuoi tu.”
“Io ci rido sopra, mi diverte, lo trovo tremendamente eccitante. Però
inizio a preoccuparmi.”
“Le scarpe ti interessano?”
“No. Leggo che molte star della TV o presunte tali vengono rincorse da
stalker e persone che chiedono scarpe, foto dei piedi, calze e roba del
genere. A me non frega nulla di questi accessori.”
“Abbiamo qualcosa in comune. Hai chiesto a qualche donna di mandarti
le foto dei suoi piedi?”
“Sì, spesso. Prima delle altre cose. Molte dopo un po’ sono scappate. Mi
prendevano per un maniaco. Chiedevo il piede in mille situazioni diverse.”
“E poi, nella pratica?”
“A me piace venirci sopra. Leccarli. Mettere il suo alluce dentro di me.”
“Ecco, l’omosessualità…”
“Ma no, che c’entra… è un gioco.”
“E con i tuoi?”
“Farmi leccare i piedi mi fa raggiungere un grado di eccitazione mai visto
prima. Almeno così era fino a qualche tempo fa.”
“Cosa immagini quando lo fai?”
“È come avere un altro membro, anzi in quel momento la donna ha altri
due membri a sua disposizione. E allora immagino che ne prende due
insieme, mette in bocca entrambi.”
“E quando lo fai tu?”
“Il massimo è scopare e nello stesso tempo avere un piede in bocca,
talvolta tutti e due.”
“Anche se non sono proprio puliti?”
“Meglio se stanchi dalla giornata, usati e veri. Il sudore mi inebria. Cosa
significa?”
“Non lo so. In che posizione devono stare per attizzarti?”
“Su quello non distinguo. Ma posso concentrarmi solo su quel dettaglio e
trascurare il resto. È come entrare in un altro mondo. Sono normale?”
“Penso proprio di sì.”
“Che ci fai di quello che ti ho detto?”

196
“Lo scrivo. Forse un articolo, un libro.”
“Sono Paolo, intorno ai cinquant’anni. E sono malato del piede. Ciao.”

Coi piedi brutti, mi volto dall’altra parte

Credo sia iniziato tutto nell’estate del 1979, quando con i miei si andava
spesso dalle parti di Mazara del Vallo, in Sicilia. C’era una villa, una
piscina e un’amica di mamma che dondolava i piedi stesa sul materassino.
Fu un colpo di fulmine. Della signora non ricordo nulla, il disegno delle sue
estremità, invece, ce l’ho ancora nella testa. Era il piede perfetto, quello che
più tardi ho cominciato a chiamare ‘coerente’. Poca poesia? Macché. Nel
mio caso, almeno, la coerenza del piede è sempre servita a evitare
l’inibizione alla vista di brutture, storture, curvature innaturali, gobbe e
cipollame vario. È una specie di assicurazione sulla vita (sessuale).
Comunque l’amica di mamma mi provocò sussulti, erezioni, estasi, solo per
quella linea senza interruzioni che andava dall’alluce al mignolo, l’assenza
di irregolarità nelle dita, tutte alla stessa distanza l’una dall’altra, e
ovviamente niente segnali di futuro alluce valgo, la vera peste bubbonica
per ogni appetito. In età più avanzata ebbi un vero e proprio shock.
Frequentavo una donzella che mi piaceva assai, ma per espletare al meglio
qualsivoglia attività sessuale ero costretto a prendere alcune precauzioni,
ahimè necessarie vista la condizione pietosa dei suoi piedi. Non aveva
alcuna responsabilità, poverina (e infatti mai lo confessai), però l’effetto era
evidente, ancorché mascherato da scuse varie: quando i miei occhi
incrociavano le cipolle pronunciate, un vero e proprio alluce valgo su
entrambe le fette, roba da bisturi immediato, la spinta sessuale frenava,
l’indurimento necessario si affievoliva e avevo bisogno di resettare tutto,
ricominciare daccapo. Detto in parole più crude: si ammosciava, perdeva
consistenza, un fastidio non da poco. Così, per rimediare e condividere
felicità, adottai un semplice stratagemma: non guardavo in basso, cambiavo
prospettiva, castravo le mie pupille, le costringevo a fermarsi alla caviglia.
Alla fine in questo modo raggiungevo un risultato valido per entrambi.
Ricordo ancora un’attrice o aspirante tale, credo un quarto di secolo fa, che
aveva i piedi a forma di ragno, con delle piccole collinette a segnare ogni
ditino, segno di poca cura, di un uso eccessivo dei tacchi, o di una natura
matrigna. Anche in quel caso scattava l’obbligo della cecità, la contraerea

197
in difesa della virilità. Non sempre, per fortuna, è andata così male. Una
volta, anzi, premiai una signora non particolarmente piacente, anzi tendente
al bruttino, pure un po’ sovrappeso, ma che si era fatta avanti con dei piedi
abbacinanti: erano decisamente top prendendo in considerazione ogni
possibile criterio di valutazione, cioè lunghezza, la suddetta linea a
scendere, l’assenza di stranezze cutanee o bozzi. Durante l’amplesso mi
concentrai solo sullo smalto, sulle forme, su quella perfezione in un corpo
irregolare, e funzionò. Di qui una massima fondamentale: è meno faticoso
stare con una brutta ma con piedi belli piuttosto che con una bella ma con
piedi osceni. Almeno per il sottoscritto funziona così. Delle scarpe non mi
frega nulla, dei tacchi meno di zero, e nemmeno delle calze o del nylon,
sono totalmente indifferente alle cavigliere, al colore delle dita pitturate e ai
sessuologi che insieme agli psicologi mi raccontano che forse la passione
per l’arto in questione è amore per il fallo: guardo alla sostanza, al piede
nudo e crudo della femmina. Quando è degno, risulta estremamente
piacevole leccarlo, anche se non particolarmente curato e pulito (anzi,
l’odore forte spinge l’adrenalina). Ma anche solo ammirarlo, mentre si
dimena e le dita si contorcono dal piacere, provoca estrema soddisfazione e
fa scorrere sangue divino.

Ilaria e la lotta culturale contro le passere depilate

“Cruciani, Parenzo, io ce l’ho pelosa.”


Parenzo: “Scusi, signora, non ho sentito.”
“Eh, ho chiamato per questo. Ce l’ho pelosa. Ho il triangolo. Ne parlavate
ieri.”
Parenzo: “Non capisco cosa la spinge a chiamare l’emittente della
Confindustria… Lei ha un fidanzato, è sposata?”
“Ho un fidanzato, sono felicemente fidanzata.”
Parenzo: “Mi scusi, e se il suo fidanzato la sente?”
“L’ho avvisato. È orgoglioso.”
“A lui piace molto che tu sei pelosa?”
“Sì. Gli dico sempre: ‘Se vuoi me la depilo.’ E lui mi risponde: ‘No, ti
prego, a me piace selvaggia.’”
“Quanto lo capisco, quanto lo capisco.”
“Parenzo, secondo me il culto della figa di questi anni non va bene.”

198
“Tu dici il culto della figa liscia.”
“Tutte queste Barbie… Al giorno d’oggi le donne si depilano tutte. Sto
dicendo una cosa molto femminista.”
“Quanti anni hai?”
“Trentaquattro e il mio fidanzato trentotto. Ed è appassionato della mia
hairy pussy.”
“Questa cosa mi cambia la giornata. Sapere che ci sono persone come
Ilaria che non sono fissate per la depilazione totale ma si sentono donne lo
stesso, mantenendo un atteggiamento selvaggio, ancestrale, legato alla
tradizione, alle origini, mi riempie di gioia.”
“Quando vedo le foto delle donne depilate rimango sconvolta. Io non me
la sono mai depilata. Giusto quando vado al mare, non voglio che…”
“Che strabordi fuori.”
“Esatto.”
“La tua è una battaglia culturale.”
“Sono in lotta contro le passere depilate.”
Parenzo: “Perché racconti queste intimità?”
“Se adesso non ti depili, tutte ti dicono: ‘Oddio, ma dài, non ti depili, non
puoi non farlo!’ Ma perché?”
“Dicono che è una cosa sporca. Ma non ti rimane sporca, non rimane
niente agganciato, che ne so?”
“Ma io mi lavo bene…”
Parenzo: “Ma quando tua madre sentirà questa telefonata…”
“No, no, non ascolta la radio… È tremendo depilarsi, quando ti
ricrescono ti prude tutto.”
“Dobbiamo difendere Ilaria, una specie in via di estinzione. Ha
trentacinque anni, nessun senso del pudore, e ci dice: ‘Se vi depilate non
siete moderne, contemporanee.’ Io mi sento contemporanea anche se ho il
bosco. E pure molto folto, o no?”
“Adesso molto folto. Ma c’è chi sta peggio di me. Ho un bel boschetto,
un bel triangolino selvaggio.”

Francesca da Roma e i peli ovunque come stile di vita

“Francesca da Roma, vai!”


“Può sembrare fuori argomento, ma voglio parlare della figa pelosa.”

199
“La figa pelosa! Pensa come si è evoluta la società. Negli anni settanta le
donne avevano tanti peli sulla figa.”
“Anche adesso.”
“Mi stai dicendo che ne hai molti?”
“Esatto, tantissimi. Sono totalmente nature e ho ventisette anni.”
“Aspetta, però. Fammi finire. Negli anni ottanta i peli sono diminuiti, nei
novanta c’era il taglio alla brasiliana e nei duemila è scoppiata la fissazione
della rasatura totale. Al contrario, l’uomo prima non aveva la barba, si
radeva sempre, poi è scoppiata la moda del pizzetto e adesso va il barbone.
Nella donna, invece, prevale il petto di pollo.”
“Io non pratico il petto di pollo perché innaturale ed esteticamente poco
piacevole, almeno per quello che mi riguarda. E ho chiamato per dire che la
figa depilata è solo un mito del porno.”
“Tu invece sei hairy, come si dice di una figa particolarmente pelosa. La
tua com’è, esattamente?”
“Come la natura me l’ha data.”
“Senza mai toccarla?”
“No, zero.”
“Dunque straborda fuori dalle mutandine.”
“Bah, io le mutandine le porto poco, però sì…”
“Fuori dall’inguine.”
“Esattamente.”
“Purtroppo le mutande sono fatte per la figa depilata: questo è
allucinante!”
“Un nero folto?”
“Sì, nero, nero.”
“E i peli delle ascelle?”
“Tengo anche quelli. Sono folti e non li tocco.”
“È una scelta estetica o altro?”
“Una scelta che è nata come pratica ed è diventata politica. Depilarsi fa
male alla pelle in generale, a livello di epidermide, e poi politica perché non
capisco per quale ragione quando vado a letto con uno lo devo avvertire che
ho i peli che mi ha dato madre natura mentre lui non mi dice niente delle
sue misure.”
“Questo lo posso capire. Tu dici: oggi sembra quasi che devi avvertire
uno solo per i peli molto folti, per non farlo spaventare.”
Parenzo: “Mamma mia, mamma mia, allucinante.”

200
“Perché dici mamma mia. È un tema reale. Tu esci con un tizio che ti
piace, ti mette le mani nelle mutande e poi ti guarda come per dirti: ‘Ehi,
che succede?’ E tu: ‘Eh, sì, è la natura…’”
“Ti succede questo, ci sono uomini che mettono le mani lì sotto e non
incontrano la pelle ma il pelo e restano basiti?”
“Capita, capita. Come se avessero toccato un pisello, ma non è un pisello,
è la normalità delle cose.”
“Gradiscono?”
“Dopo lo sgomento gradiscono, eccome se gradiscono. Mantiene di più
gli odori, è molto più naturale, e poi esteticamente è bella.”
“Hai ventisette anni. I ragazzi della tua età che dicono?”
“Restano sgomenti. Hanno la fobia del pelo.”
“Tu sei una gemma da preservare, un Courbet, un’eccezione…”
“Ma il pelo, secondo me, non scomparirà mai.”
“Sei fidanzata?”
“Sì.”
“A lui piacciono?”
“Eccome! Altrimenti cambierei fidanzato.”
“Davvero i tuoi peli strabordano fuori, toccano l’inguine e oltre?”
“Quando metto i pantaloncini corti, si vedono.”
“Con il costume si vedono?”
“Certo, ma non me ne frega nulla.”
“E le ascelle, la gente non dice nulla?”
“No. Dicono solo: ‘’Azzo, che coraggio!’”
“Cosa ti piace dei peli sotto le ascelle?”
“Che mantengono il tuo odore: sono la base dell’attrazione sessuale.”
“Vostro onore, non ho altre domande.”
“Parenzo, fammi la domanda che fai a tutti.”
Parenzo: “Sono terrorizzato dalla risposta.”
“Allora la faccio io: ‘Cosa hai votato alle ultime elezioni?’”
“Non ho votato, ma sono comunista.”

Silvia: “Viva il cunnilingus!”

“Spesso mi sono accontentata solo di una leccata fatta bene. Vengo e per
me va bene così. Mi alzerei, metterei su i vestiti, quando li tolgo, e via

201
come non fosse successo niente.”
“Quanti anni hai?”
“Ventisette.”
“Ti dico la verità. Uso gli uomini per venire, per avere un orgasmo. Poi li
faccio schizzare, ma per non deludere il ragazzo di turno. Ma ne farei a
meno. Alla fine sono generosa.”
“E la penetrazione?”
“È chiaro che mi piace sentirlo dentro. Spesso senza niente, sono stata
imprudente per un sacco di anni. Però…”
“Però cosa?”
“I momenti più belli, gli orgasmi più esplosivi li provo quando mi siedo
sopra la faccia. Lui me la mangia, e io godo.”
“Forse provi un senso di dominio.”
“Non credo, non ho mai analizzato la cosa e non mi piace comandare,
anzi. La presa brutale di un uomo mi eccita.”
“Allora proviamo a capire.”
“Perché, che bisogno c’è di analizzarla? Perché lo vuoi fare?”
(Silvia mi aveva scritto un messaggio su Facebook che recitava più o
meno così, lo cancellai e non ricordo le parole testuali: ‘Adoro farmela
leccare, se un uomo non lo fa lo butto via in tre secondi.’ Mi ero un po’
arrapato, lo confesso, e iniziai una corrispondenza mirata all’incontro delle
nostre voglie. Andò male, chissà perché: forse alla fine non ho avuto il
coraggio di rischiare con una sconosciuta, forse fu lei a tirarsi indietro, ma
abbiamo continuato a scriverci.)
“Sono curioso della sessualità, delle voglie nascoste e meno nascoste
degli esseri umani. Tu sei anche di un’altra generazione rispetto alla mia.”
“Cosa vuoi che ti dica? Uso i tipi per i cazzi miei, per godere, quando
capita, quando mi va, quando ho voglia di venire. È così strano?”
“Figurati, no. Anche per le tue amiche è così?”
“Alcune sì, sono come me. Se abbiamo voglia, prendiamo un ragazzo e lo
utilizziamo.”
“Mi interessa la storia del sesso orale.”
“Lui deve essere un po’ maiale. Perché non tutti amano lavorare con la
lingua.”
(Il suo linguaggio così diretto ovviamente mi scatenava pulsioni feroci,
ma le risposi qualche giorno dopo.)
“Dunque qual è la tua posizione preferita per il cunnilingus. A proposito,

202
lo usi questo termine, lo usate tra di voi?”
“Mai. Comunque te l’ho detto. Io mi metto con la vagina in bocca, lui
sotto, meglio se in un posto dove qualcuno ci può scoprire o vedere. E
meglio ancora se lui si mena l’uccello.”
“Un posto all’aperto?”
“Quello è il massimo, ma non tutti hanno queste mie fantasie. L’ho fatto
sulle scale di un condominio, in macchina, in un parco con le persone a
qualche metro.”
“Ed è meglio di una scopata?”
“Diciamo che ti toglie subito l’impegno della penetrazione e ottengo lo
stesso risultato. Però non tutti accettano di stendersi e fare da cagnolino da
lecca.”
“E poi mi dici che la dominazione non c’entra…”
“Nel mio caso no. Spesso era l’unico modo per sborrare, quando ho
iniziato a usare il cervello, cioè il condom, e non c’era il cappuccio
disponibile. Ma ho scoperto che le sensazioni sono più forti.”
“Ci vuole il soggetto giusto.”
“Quello sì. Una specie di porco divoratore di figa. L’idea mi manda ai
matti, mi fa eccitare più della scopata.”
“Se un uomo non amasse questa roba?”
“Non servirebbe a nulla.”
“Lo scarti così? Senza appello?”
“Guarda, è successo. Avrò avuto una trentina di ragazzi con cui sono
stata. Quelli più resistenti la leccavano da dio. Che dici?”
“Non è un caso.”
“E no. Ti aggiungo un’altra cosa se vuoi.”
“Forza, sono qui.”
“È un orgasmo diverso, senza un cazzo. Ma le scosse, i brividi, non c’è
paragone. E poi mica c’è solo la linguetta.”
“Che vuoi dire?”
“Pure le dita in contemporanea sono fondamentali. Deve saperle usare,
infilarle ovunque mentre lecca. Ma nei punti dove dico io.”
“E tu glielo dici?”
“Certo.”
“E loro come reagiscono?”
“Bah. Certi si spaventano. Ma non hanno capito che la lingua è
fondamentale. Fondamentale. Ciao.”

203
“Ciao.”
(Mi è rimasto un po’ addosso, questo scambio così diretto. Poi, mesi
dopo, le ho chiesto: “Posso riportare tutto in un libro senza il tuo nome?”
Risposta: “Fallo, che mi importa, ma guarda che io poi li faccio venire, eh,
mica restano a bocca asciutta.”)

Emis Killa: “Se non leccate la figa sarete sempre cornuti e onestamente
ve lo meritate”

“Siate comprensivi, sempre vicino alla vostra donna, non fatele mancare
niente, guardatela come non guardate nessun’altra e leccatele la figa!”

“Com’è che ti sei messo a parlare di leccate di figa?”


“Mi diverte far incazzare la gente. Mi hanno stupito le ragazze, alcune mi
hanno scritto: ‘Spero ti abbiano chiuso il profilo, vergognati!’ Ma dico,
cazzo, è la prima volta che un uomo parla contro gli uomini schizzinosi e si
incazzano!”
“Hai ragione.”
“Ma Cruciani, prova a immaginare la cosa al contrario. Pensa se avessi
scritto: ‘Se non fate i pompini sarete cornute e ve lo meritate.’”
“Ti avrebbero massacrato. Ti avrebbero tolto programmi, la casa
discografica non ti avrebbe più prodotto un disco. Ma c’era un riferimento a
qualcuno in particolare?”
“Sì, ad alcuni amici. Li sfotto perché non leccano la figa alla fidanzata e
dico: ‘Ma scusa poi è normale che ti molla…’”
“Perché tu hai amici che non leccano la figa?”
“Aspetta. Amici no, conoscenti sì. Perché uno così non può essere mio
amico.”
“Comunque, Emis, la tua frase è proprio da analizzare testualmente,
perché ha un grande significato filosofico, è una grande lezione di vita. Tra
le tante cazzate che si dicono, e ne diciamo tante anche noi, a volte spunta
la perla, e questa è una perla. Anche le donne qui in redazione l’hanno
detto: ‘Io non potrei stare con qualcuno che non mi lecca la figa.’”
“Questi maschi fanno sempre i pretenziosi, dicono alla donna devi fare
questo e devi fare quello. E poi sei il primo schizzinoso che non lecchi la
figa alla tua fidanzata… è quello che ti meriti.”

204
“Conosci persone cornificate perché non leccano la figa?”
“Non l’hanno mai ammesso di essere stati lasciati per questo motivo, ma
io conoscevo le loro restrizioni sessuali e sono stato molto chiaro: ‘La tipa
ti ha mollato perché sei un pussy: non puoi non fare certe cose.’”
“Il cunnilingus è una tua fissazione?”
“Sì, sono un amante del sesso orale.”
“Qualcuno sostiene che sia una roba da vecchi, quando non si riesce più a
scopare.”
“Macché, io ho iniziato a quattordici anni a infilare la lingua ovunque,
stai scherzando? A me fa incazzare l’ipocrisia quando si parla di sesso.
Tutti devono sapere che io la penso così, tutti devono sapere che sono
comunque… Come si può dire?”
“Un leccatore di figa!”
“Esatto.”
“Ma le donne coi peli?”
“Non mi piacciono le donne coi peli sotto le ascelle e nemmeno sotto. A
me le donne piacciono lisce. Secondo me, la femminilità non è una ragazza
che smadonna e parla come gli uomini, che non si fa i peli, non mi
piacciono quelle che non si curano e non fanno la ceretta sulle gambe. Ma
sono solo gusti miei, non dico mica che le altre non sono donne.”
“Sei feticista dei piedi?”
“Da morire. Molto peggio dei brutti piedi piuttosto che una donna senza
culo o senza tette. Il piede bello è quello curato, smaltato, senza alluce
valgo o cose simili. Oddio, adesso salterà fuori qualcuno a dire: ‘Ho i piedi
come uno hobbit, come ti permetti?’”
“Qual è il tuo rapporto con la masturbazione?”
“È bello acceso.”
“Che vuol dire? Ogni giorno?”
“Arrivo anche a tre volte, e questo pur conducendo una vita sessuale bella
colorata. È anti stress. C’è quello che va a farsi la corsetta, c’è quello che
dipinge, poi ci sono quelli che si masturbano.”
“Senti, sempre per far incazzare qualcuno, la usi la parola ‘troia’ con una
donna?”
“Bisogna vedere che significato gli dài. Può essere offensivo, ma può
anche essere un elogio. La verità è che agli uomini piacciono le troie. Per
troia non intendo una che va con tutti, ma una bella calda. Non è che puoi
dire troia alla commessa del supermercato che incroci. E comunque troia se

205
lo dicono anche fra di loro.”
“Ma tu sei uno geloso? Le corna le sopporti?”
“No, su quello sono proprio siculo. Sono molto geloso. Non potrei mai
permettere una cosa del genere.”
“Peccato, mi sei caduto sul più bello. Io sono per le corna e per la figa coi
peli. Addio.”

Daniela Martani, che non si masturba

Daniela Martani, showgirl, ex hostess dell’Alitalia, ex protagonista del


Grande Fratello, cantante, pasionaria del veganesimo e della causa
animalista, una volta ha detto di essere “ecosessuale”: “Amo
profondamente la natura, è la creazione più bella di Dio, dell’universo. È
bellissimo fare l’amore in mezzo alla spiaggia, sporcandosi tutti di terra,
poi è bello abbracciare e baciare gli alberi, la natura va amata come se
fossero i nostri genitori. È bellissimo amare la terra, io certe volte mi butto
per terra in mezzo al prato mentre sto col cane e mi rotolo, coccolo l’erba,
la terra, e non me ne frega niente degli altri, se qualcuno mi vede e pensa
che sia pazza non mi interessa. Io sono ecosessuale, anche San Francesco
parlava alle piante, ai fiori e agli alberi.”

“Alle ragazze più giovani darei un consiglio. Prima di darla a un uomo,


fatelo aspettare almeno un mese.”
“Non ti hanno mai fatto proposte oscene per lavorare in TV?”
“No, magari me le avessero fatte, adesso sarei da un’altra parte.”
“L’avresti data tranquillamente?”
“Dipende anche da cosa mi offrivano. Ho sempre voluto lavorare in
televisione, fin da quando ero piccola. Non ho mai avuto un ruolo
importante. Se tornassi indietro, la darei alla grande. A fare la brava
ragazza, quella con i principi, non ci guadagni assolutamente niente. Ma
ormai sono asessuata. Non so cosa mi è successo, ma non sono più attratta
dal sesso. Non mi interessa più. Se il sesso è legato al sentimento, a una
relazione stabile, d’accordo, ma non sono quella che va a cercarsi la botta e
via.”
“Ma il pisello non ti attira?”
“L’organo genitale maschile non mi attrae. Non mi eccita l’idea di un

206
pisello grosso. Mi eccita di più l’idea di una cena romantica.”
“Ti masturbi?”
“Non l’ho mai fatto.”
“Hai mai visto un porno?”
“No, mi fanno schifo.”
“E un uomo che guarda i porno?”
“Non ci starei mai insieme.”

“Meglio un cane che un carnivoro”

“Io dormo con un cane nel letto. Invece leggo di persone che danno calci ai
cani che vanno a leccarli perché hanno la fobia. Ma non fanno schifo le
porcherie che fanno con le donne?”
“Scusa, Daniela, cosa c’entrano le porcherie animali con quelle di una
donna?”
“Perché io sento spesso di persone che sono schifate se il cane le lecca e
di coppie che fanno veramente delle zozzerie, davanti, dietro, sopra e
sotto.”
“Ma il sesso delle persone non è la stessa cosa di un cane che lecca.”
“Ma stiamo scherzando? È peggio. L’animale è molto più pulito degli
esseri umani. A me il cane non fa per niente schifo se mi lecca.”
“Dunque preferisci farti leccare dal tuo cane che dal tuo partner?”
“Ma che c’entra? Sono due cose diverse. Il cane mi lecca in faccia, sulla
guancia, non è che mi lecca lì.”
“Potresti fare sesso con un carnivoro?”
“Se posso evito i carnivori. Io con uno tipo che guarda i cinghiali e sogna
di mangiarseli non ci andrei mai manco pagata. Meglio un cane che un
carnivoro.”

“La prima volta non vengo mai. I peni grossi mi spaventano”

“Io non faccio bottarelle. O una storia o niente. Non scopo, al limite faccio
l’amore.”
“Cioè tu, a quarantasei anni, non ti sei mai fatta una sveltina con uno che
poi non hai visto più?”
“Adesso ti spiego perché. Le donne alla prima botta non vengono mai. È
difficile arrivare all’orgasmo, è una cosa che arriva col tempo. O ci

207
arriviamo entrambi, oppure niente.”
“Ma ti sarà venuta la voglia di farti qualcuno la prima volta che l’hai
visto?”
“No, per me non funziona così, è sempre legato un po’ al sentimento.
Nella maggior parte dei casi la prima volta è una delusione. Torni a casa
scontenta. Ti chiedi: ‘Che cazzo ci sono andata a fare? Potevo pure
evitarmela.’ Io voglio la storia, la frequentazione.”
“Con un leghista ci andresti?”
“No, assolutamente no.”
“Con uno come Vissani?”
“Ma sei matto? Dovrebbe perdere almeno centocinquanta chili. Per
parlare solo del peso.”
“Le dimensioni del pene ti interessano?”
“Quelli troppo grossi mi spaventano.”

“Non mi masturbo mai: il sesso non mi interessa e depilarmi non mi piace”

“Daniela, mi tiri fuori il piede per favore?”


“Premetto che non vado dal podologo e oggi ho dovuto mettere uno
smalto di due colori…”
(Mette il piede nudo sul tavolo e Cruciani lo esamina.)
“Hai un piede greco, con l’indice che supera di poco l’alluce. Ma è bello,
lineare, coerente con le mani, senza sbavature, calli e gobbe. Io gli darei un
otto.”
“Addirittura…”
“Fidati. Però voglio chiederti una cosa. Marina Ripa Di Meana diceva che
l’unico pelo che indossa è quello sulla figa. Sei anche tu della stessa
scuola?”
“Io sono della vecchia scuola. Non mi piace la rasatura.”
“Neanche nelle ascelle?”
“No, le ascelle no. Però devo dire che mi rado solo quando so che devo
uscire con un uomo.”
“Che ne sai se all’uomo piace o no? Una rasatura totale?”
“No, mai totale. E poi, in questo periodo di austerità sessuale… non mi
depilo mai.”
“Usi vibratori o sex toys?”
“No, mai. E poi non ho bisogno di fare sesso, te l’ho detto mille volte.”

208
Gianfranco Vissani: “Mi piace la donna col pelo, mi piace l’odore del
selvatico”

“Mi voglio prendere un anno sabbatico dalle donne perché sono una massa
di paracule. Dobbiamo sempre pagare noi quando andiamo al ristorante. E
io mi sono rotto i coglioni, basta. Non voglio rotture di palle, le donne mi
hanno rotto le palle. Ho chiuso, ognuno a casa sua.”
“Chef, ma che è successo. È vero che vuoi prenderti un anno sabbatico?”
“Sì, è vero.”
“Ma dài, non ci credo!”
“Mi sono stancato di queste donne. Devono sempre essere trattate come
delle principesse… Hanno voluto la parità dei diritti… Io metto una cosa e
tu ne metti un’altra… chiuso… Mi sono sempre capitate delle ventose.”
“Cioè, fammi capire.”
“Pensa soltanto alle colazioni in camera. Tu stai con me, e io ti aspetto
sotto per fare colazione. No, la vuoi in camera. Dieci giorni di albergo e
sono millecinquecento euro. Poi ti dicono che non hanno i soldi spicci
quando vedono una cosa che vogliono comprare… Poi arriva il salsicciotto
e paga… Ma se pensate di essere principesse allora andate con i principi,
che però non hanno una lira.”
“Le dipingi tutte come ciniche e calcolatrici.”
“Sì, sono tutte ciniche e calcolatrici. Oggi senza la pecunia o senza un
nome non ti si incula nessuna. Noi siamo avvantaggiati e ci sbavano dietro.
Ma le donne vogliono sfruttare. Tutti quelli che hanno un’impresa e stanno
bene hanno belle donne. Come le trovano? Si avvicinano per la pecunia, o
no? Devono avere la casa in montagna, al mare, le vacanze alle Cayman…
Ora basta, mi voglio godere i soldi per me, non per gli altri.”
“Fammi un altro esempio delle disgrazie che ti sono capitate.”
“Il conto al ristorante. A una l’altro giorno ho detto: ‘Vieni che vado a
pagare il conto, mi raggiungi alla cassa.’ Ho aspettato, e non veniva. Sono
tornato al tavolo e mi ha detto: ‘Ma le principesse bisogna accompagnarle,
prenderle con le mani…’ Ma vaffaculo, va’, tu e le principesse…Va’ a
cagare, va’… Ma chi sei, il principe sono io non tu… Un par de palle… E
noi siamo i coglioni che gli andiamo dietro. Per avere cosa, niente…”
“Ma tu sei uno che ha sempre tradito.”

209
“Io sono uno che tradisce sempre, e sempre sono stato tradito. Sono stato
anche con più di cinque donne in contemporanea, lascia perdere… Ma il
punto adesso non è quello. Se penso alle colazioni in camera…”
“Ancora con queste colazioni…”
“Colazioni in camera, colazioni in camera, ma io non la faccio manco la
colazione, e poi quando cominci a strisciare la carta ti incazzi… E quanto
cazzo costa ’sta donna, la Scala, il ristorante, i fiori… Basta!”
“Ho letto da qualche parte che hai parlato male delle donne sopra i
cinquant’anni. Perché? Ce ne sono di bellissime, meglio di tante
ragazzine.”
“Quelle over cinquanta sono messe male dappertutto. Dopo i
cinquant’anni la donna è un disastro. È irrecuperabile. Non si possono
guardare. Ho visto Sharon Stone nuda a Porta a Porta, mi sembrava un
sottovuoto, tirata al massimo. Guarda Macron. Quando va a letto non deve
accendere la luce per non guardare la moglie. A casa loro non accendono
mai la luce. E poi è inutile che fanno cinque ore di fitness e le creme, tutto
finisce, e quando si svegliano la notte sono disastri.”
“Non esagerare.”
“Le poppe sono sempre rifatte, e quelle che non sono rifatte arrivano fino
all’ombelico. Noi al ristorante le facciamo arrosto, le facciamo fritte.”
“Vabbe’…”
“Io vado con quelle più giovani, la più giovane recentemente aveva
ventitré anni.”
“Intanto un’ascoltatrice ti scrive: ‘Sei un panzone, manco fossi l’ultimo
uomo sulla Terra.’”
“Questa non ha mai provato l’ebbrezza del maschio latino, perché io sono
un maschio alfa, ricordatevelo. Sono molto dotato e questa non capisce un
cazzo.”
“Senti un’altra: ‘Uno con quella pancia… Non riuscirei a fare nulla…’”
“Stronzetta, la mia pancia è divina, ci puoi dormire sopra, salirci sopra
come i cavalli…”
“Ma tu pensi di avere soddisfatto tutte le tue donne?”
“Le donne a letto le faccio venire tutte… godono tutte… almeno credo.”
“Così mi piaci. E ti piacciono col pelo o senza pelo sulla figa?”
“Voglio la donna sempre col pelo, altrimenti vanno a cagare tutte. Devo
sentire il profumo del selvatico, altrimenti non mi piace.”
“E il cunnilingus? Leccare non viene male col pelo?”

210
“Bello, quando il pelo si intreccia alla lingua…”

(Chiamo Vissani alla fine di agosto del 2019: “Gianfranco, sono dalle tue
parti per qualche giorno, ci vediamo?” E lui: “Sì, volentieri. Così ti
presento la mia nuova fidanzata di ventotto anni.” “Ma come, non avevi
detto che ti prendevi un anno lontano dalle donne?” “Sì, ma questa ha
ventotto anni, è molto bella…” “Vabbe’, ci vediamo al tuo ristorante,
ciao.”)

Razzi, la figa pelosa e le mille donne

“Le prostitute fanno opere di bene”

“Antonio, vuoi legalizzare la prostituzione. Meno male.”


“Sai, purtroppo quando ero giovane questi posti non ci stavano.”
“Ma ho letto che le vuoi chiamare in modo diverso.”
“Sì, operatrici di assistenza sessuale. Loro fanno un’opera di bene.
Magari ci sono tanti uomini che hanno paura di affrontare una donna e
vanno lì e si sfogano. I giovanotti che vanno per la prima volta lo
piglieranno pure per i fondelli, ma per la donna ci sarà anche la
soddisfazione di, come diciamo noi, sverginare l’uomo. Le OAS fanno
quasi da mamma.”
“Come ti è venuto in mente? È diventato un tuo pallino.”
“Questa idea mi è venuta perché una volta sono passato sulla Salaria a
Roma e ne ho viste di cotte e di crude: c’erano tutte queste donne nude con
le tette di fuori, una cosa scandalosa.”
“Leggo che vuoi rendere obbligatorio l’uso del preservativo. Testuale:
‘L’eventuale danneggiamento del profilattico deve essere denunciato alle
autorità competenti entro il primo giorno feriale successivo all’evento.’
Cioè? La prostituta deve denunciare la rottura del condom?”
“Sì, se il preservativo si è rotto, può succedere che un bambino o una
bambina può venire, non si sa mai. Oppure se stanno malati, possono
portare le malattie ad altri: lui la porta a casa, lei ad altri uomini.”
“Ma tu non hai mai avuto bisogno di andarci?”
“Guarda, in Svizzera siccome ero un gran ballerino, allora, andando a
ballare ne conquistavo di ragazze a centinaia. Oggi, invece, i giovani sono

211
effeminati. Io non ho mai usato un preservativo. Allora c’erano uomini veri,
gli italiani erano avvantaggiati perché avevano il savarfé.”
“E che sarebbe?”
“Come si dice, quando uno ci sa fare.”
“Ah, il savoir faire, credo.”

“Ho avuto mille donne, mettevo i voti su un taccuino”

“Dai diciassette fino ai ventisei anni ho avuto tante donne, circa mille
facendo il conto. Avevo un taccuino dove annotavo tutto, nome, nazionalità
e davo anche il voto.”
“Addirittura un taccuino!”
“Appena l’ha trovato mia moglie, l’ha bruciato. Peccato, era un ricordo.”
“Come bruciato?”
“Sì, l’ha preso e l’ha bruciato. Per gelosia.”
“A che età hai avuto il primo rapporto?”
“A tredici anni.”
“E la storia dei voti alle donne?”
“È iniziata in Svizzera. Ne combinavo di cotte e di crude. Prendevo
quello che mi capitava, anche per riempire la pagina: belle e brutte. E come
oggi si dà il voto a un calciatore, io lo davo alle donne, che c’è di strano? E
annotavo anche le specialità. Lo facevo per riempire le pagine. La migliore
era una spagnola, e poi ricordo una ceca, che però ci vedeva benissimo. In
Svizzera c’era bella carne, e ho fatto bella figura. Di alcune allegavo pure la
foto.”
“E poi quando è finita?”
“Poi ho sposato mia moglie e l’ho fatto solo con lei.”
“E con gli uomini ti è mai capitato?”
“Per l’amor di Dio, no. Non poteva capitare. Io sono tradizionalista. Solo
con le femmine. Io ho il gusto delle donne. Ognuno ha il gusto suo. L’Italia
è conosciuta nel mondo per gli uomini amanti. Oggi i latin lover italiani
stanno diventando sempre meno, Berlusconi ha portato avanti questa
cultura.”
“Come mai tutte queste ragazze cadevano ai tuoi piedi?”
“Te lo dico da amico: ho vinto tre gare di ballo, ero il re del rock’n roll.
Quando mi vedevano ballare, le ragazze volevano venire con me. Prima
una spaghettata, poi succedeva quello che succedeva. Forse oggi i giovani

212
non hanno questo passatempo.”

“Preservativi? Mai usati. Prima del matrimonio anche tre al giorno”

“Mai usato un preservativo. Non so neanche come sia fatto, so che è di


gomma. Ai miei tempi si faceva senza niente.”
“Sei mai andato a mignotte?”
“Mai andato con una prostituta. Ma prima di sposarmi, ho fatto di tutto.”
“Cosa?”
“Un paio di volte l’ho fatto con due donne, il principale ero io. Una
specie di orgia. Uno dovrebbe provare tutto, prima di sposarsi. Poi chiudi
baracca e bagattelle.”
“E poi, che altre cose hai fatto?”
“Una volta l’ho fatto nello stesso giorno con tre donne, una alla volta.
Tutte di nazionalità diversa.”
“Sei dotato?”
”All’epoca funzionava, anche se sono sotto i venti centimetri.”

“Tutte foreste nere”

“Antonio, tu la preferisci col pelo o senza?”


“Io l’ho sempre fatto col pelo.”
“Una tutta liscia non ti piace?”
“Non ho mai provato, non sono mai stato con una senza pelo.”
“Mai stato con una depilata?”
“Cinquant’anni fa non si usava. Erano tutte foreste nere. Adesso ho
sentito che c’è la depilazione. Mai visto, mai provato.”

“Non ho più peli sul petto, le donne me li hanno strappati”

“Molte donne mi cercano, eccome. Ma sono fedele a mia moglie.


Messaggi, mail, prendiamo un caffè, arrivano anche proposte esplicite,
parecchie. Molte vorrebbero venire a letto con me, voi lo sapete. Io resisto.”
“I bei tempi sono finiti. Si stava meglio quando si stava peggio.”
“I peli non mi crescono più. Ho il petto completamente senza peli. Le
donne me li hanno tolti tutti quando ero scapolo. Li prendevano come
souvenir, come ricordo, e non sono più cresciuti. Adesso risparmio pure,

213
non devo fare la depilazione.”

214
Dominatrici e dominatori

Padrona Era e l’ernia presa per scopare gli uomini con lo strapon

“Perché Padrona Era?”


“In onore della mitologia greca. La moglie di Zeus.”
“Cosa sei? Come ti definisci?”
“Una mistress, una dominatrice.”
“Qual è la tua specialità?”
“Direi lo strapon. Però mi è venuta per due volte un’ernia.”
“Cioè?”
“Di solito quando fai un errore non lo ripeti. Ma l’ho ripetuto.”
“Ma come ti è venuta?”
“Per lo sforzo. Mi hanno spiegato che quel movimento con lo strapon va
bene se hai degli addominali maschili, ma le donne sono molto più
morbide, diciamo così, a livello addominale, e l’ernia mi è venuta per
questo.”
“Dunque sei specializzata nell’inculare uomini?”
“Esatto. Ne ho inculati a centinaia. Mi ha aiutata il porno.”
“Cioè?”
“Per un periodo ho fatto l’attrice hard e la regista per una casa di
produzione.”
“Come consideri gli uomini che si sottopongono a questa pratica, malati
di mente?”
“No, vogliono godere e basta. C’è una stimolazione della prostata che li
fa godere in modo speciale.”

215
“Godi anche tu?”
“Non con tutti, ma mi è successo. Dipende dal movimento, dipende dal
ritmo e dalla situazione. Però sì, lo sfregamento dello strapon fa venire
anche me, qualche volta.”
Parenzo: “Non lo farei mai.”
“Questo è quello che dicono molti, poi vengono da me.”
“Da quando sei nel sadomaso?”
“Ho trentacinque anni, ma è una mia passione da sempre, dai diciott’anni.
Da tre anni ho un mio studio, un vero e proprio studio professionale.”
Parenzo: “Uno studio professionale? Ma i notai hanno uno studio!”
“È bellissimo. Il notaio avrà una cameretta o due, io di più. E tra l’altro
ospito vari notai.”
“Hai degli schiavi fissi in questo periodo?”
“Ho uno schiavo personale. Ma è un impegno, un legame. Non ne voglio
tanti. Si propongono in parecchi, ma essere uno schiavo personale è un
privilegio. Ho fatto una selezione che è durata anni.”
“Che mestiere fa questo schiavo?”
“Impiegato. Sposato con figli, ma si è separato da poco. Ah, è un
ascoltatore fisso della Zanzara.”
“E lui prende lo strapon nel culo?”
“No, purtroppo non è portato. Ho tentato all’inizio, ma non va.”
“E cosa fa per essere schiavo?”
“Si dedica a me. Il vero schiavo personale si dedica a te, ai tuoi bisogni e
al tuo piacere. A ogni tua richiesta. Fa tutto, anche la spesa, andare a ritirare
un pacco. Tutto.”
“E sessualmente?”
“Schiavo pure lì. È un grandissimo feticista degli stivali. Invece che con
lo strapon, lui gode di più con gli stivali.”
“Come gode?”
“A strofinarsi sugli stivali.”
“Ti ha mai penetrata?”
“No, mai con uno schiavo. Lo schiavo è uno sottomesso. Non è un essere
degno di stare con una mistress.”
“Come gode, come viene?”
“Tutti hanno un loro feticismo e godono in modi inusuali rispetto agli
altri. Lui gode sugli stivali, strofinandosi sugli stivali, leccando gli stivali. E
poi ha una grande passione per i collant.”

216
“È il tuo unico schiavo?”
“No. Ce ne sono altri, ma di livello inferiore. Persone che non frequento
regolarmente. Ne ho uno che si fa prendere a calci nelle palle e gode
quando gli stritolo i testicoli.”
“Pagano tutti?”
“Certo. Ma lo schiavo personale mai. C’è un vero legame. Gli altri invece
ti omaggiano, fanno regali, altrimenti non li prendi. Perché dovrebbero
avere la mia attenzione? Dunque chiedo dei regali.”
“C’è qualcuno che alla fine premi con un atto sessuale?”
“Sì, succede. Con una sega normale oppure con un footjob, una sega coi
piedi.”
“Qual è la cosa più estrema che fai?”
“Le pratiche dannunziane, quelle con l’urina e le feci.”
“Lo fai senza problemi?”
“Lo faccio, sì. Sono molto aperta di mente, capisco tutti. Magari non è la
mia cosa preferita, però li comprendo.”
“Consideri l’uomo inferiore?”
“Sì, assolutamente. A prescindere dal sadomaso, credo nella superiorità
femminile. Credo che la donna nasca superiore mentalmente e
fisicamente.”

Dea Selvaggia e i piedi in bocca ai clienti

Dea Selvaggia non fa sesso, nessuno la può palpare. Al massimo possono


toccarle o leccarle i piedi. È una delle mistress più conosciute in Italia.
Cosa significa? Una serie di uomini pagano per essere i suoi schiavi. Dopo
una selezione. “Quasi tutti – dice lei – sono sposati, ci sono operai ma
anche manager e imprenditori, molti amano il travestimento, non solo da
donna. C’è chi si è travestito da pollo, chi da asino, chi da Babbo Natale,
chi da cavallo oppure da mummia. Però non ci sono solo schiavi, ci sono
pure i masochisti e i feticisti. Ci sono i feticisti del piede ovviamente, ma
anche delle suole da leccare, delle scarpe sporche, degli stivali. Ci sono
quelli che amano i piedi sporchi o gli stivali da equitazione. Alcuni
vogliono essere trattati come delle vere merde, li devi insultare fin dal
primo momento in cui li vedi a quando se ne vanno. Poi c’è un’altra fascia
che invece ama le schifezze, cose molto estreme. Per esempio diversi

217
maschi vogliono sostituirsi al gabinetto, altri sono amanti del calpestamento
o vogliono farsi prendere a calci sui testicoli. Le tipologie sono diverse: ci
sono gli amanti dei giochi di ruolo, e dunque mi trovo a fare la segretaria
che si ribella, la poliziotta, la mamma cattiva. Le regole sono sempre
chiare: nessuno può permettersi di toccarmi, le uniche cose che possono
ricevere da me sono le botte, gli sputi, i calci, gli insulti o le frustate. C’è
persino quello che si mette a disposizione con la bocca aperta per essere
una specie di posacenere umano. Bisogna essere competenti per non
rischiare. Se ti spengo la sigaretta sulla lingua, prima ci sputo, così si
spegne con la saliva. Nessuno può venire da me pensando di trovare
un’amica o una escort.”

“Certi maschi vogliono leccare il mio piede sudato e sporco”

“Dea Selvaggia, mistress, sposata con una donna.”


“Sì, ma non datemi l’etichetta della lesbica perché le etichette non mi
piacciono.”
“Nel passato hai avuto anche uomini?”
“Adesso sono solo sua, della mia fidanzata. Per un periodo ho preso
anche il pisello, ma non mi manca. Poi basta. E ci siamo sposate tutte e due
in abito bianco, con la legge sulle unioni civili.”
“Mistress Dea Selvaggia ha trentasette anni, di professione fa la
dominatrice, e ora ci racconta le serate in compagnia di clienti che vogliono
solo i suoi piedi.”
“Ne faccio tante. Piedi in faccia, piedi addosso, in tutte le salse. E pensare
che ci sono tante donne che non se li fanno neppure toccare dai propri
mariti.”
“Quali sono le cose più strane che ti chiedono con i piedi?”
“La cosa che amano di più è annusarli, annusare fra le dita dei piedi. E
naturalmente mi chiedono di farlo quando puzzano. I piedi non si leccano
solo quando sono stati nella scarpina elegante, ma anche e soprattutto
quando sono stati nelle scarpe da ginnastica dopo che hai sudato tutto il
giorno.”
“Il piede sudato, che meraviglia!”
“Già. Mi chiedono esplicitamente di mettere il naso tra le dita dei piedi
sporchi. Poi ovviamente c’è chi li adora semplicemente così, puliti. E
pagano.”

218
“Anche i calli e i duroni hanno un loro mercato?”
“Più piccolo, ma c’è chi impazzisce pure per quelli.”
“Come consideri i tuoi piedi?”
“Hanno l’alluce un po’ valgo. Pensate che sono nata con il complesso dei
piedi, invece piacciono. L’alluce è piccolino e angolato, però entra tutto in
bocca.”
“Cosa succede nei tuoi incontri con i feticisti?”
“Per esempio mi chiedono di spingere tutto il piede in bocca, tappare col
piede tutta la bocca. Uno mi ha chiesto di tappare con le dita il naso e con il
resto della pianta la bocca. Ti blocca un po’ il respiro, ma va alla grande.”
“Altre richieste?”
“Di tutto e di più. Camminare sopra con i tacchi, il trampling, farsi
calpestare. Amo questa cosa.”
“Per quanto tempo non ti sei lavata i piedi per accontentare un cliente?”
“Un giorno, anzi due.”
“E poi?”
“Uno mi ha chiesto anche di infilare l’alluce nell’ano, ma io uso il piede
solamente con la bocca e il naso. O anche per schiacciare la faccia come se
fosse una sigaretta.”
“Godono a provare dolore?”
“Mi piace farli tribolare un po’ e loro impazziscono. Alcuni guardano e
poi implorano, chiedono.”
“Cioè?”
“Li faccio impazzire, faccio venire voglia a questi signori che poi
implorano: ‘La prego, la prego…’ Mi porto dietro lo schiavo personale e
loro osservano con la bavetta che scende. Lo schiavo me li lecca e loro
stanno lì a guardare. E pagano.”

La Mistress prende a schiaffi lo schiavo in studio

“David, abbiamo qui in studio una nostra conoscenza, la signora Dea


Selvaggia, una grande mistress. È venuta con la moglie, e insieme a lei c’è
anche il suo schiavo, in ginocchio.”
Parenzo: “Hai capito, un convegno di europeisti!”
“Uno schiavo in carne e ossa a testimoniare quello che la signora Dea
Selvaggia fa nelle sue serate. Buonasera signor schiavo, come sta?”
Schiavo: “Buonasera a voi, io tutto bene.”

219
“Abbiamo qui lo schiavo per capire meglio il rapporto schiavo-mistress.”
Parenzo: “Lei vota Cinque Stelle, signor schiavo? Partiamo subito
dall’inizio, lei per chi ha votato alle ultime elezioni?”
Schiavo: “Io ho votato Salvini.”
Parenzo: “Per me possiamo fermarci qui!”
Sbam! Sbam!
(Si sentono dei rumori di schiaffi.)
Gottardo: “Lo schiavo intanto si sta prendendo delle sberle.”
“Signor schiavo, voglio capire che tipo di torture ama subire dalla sua
padrona?”
Schiavo: “Tutte quelle che vuole la Miss…”
“Ma lei paga per questo?”
Schiavo: “No, io non pago.”
“Come non paga?”
Dea Selvaggia: “No, non paga. È il mio schiavo personale.”
“Quali sono le torture più frequenti?”
Schiavo: “Sono varie, quello che vuole la Dea io lo subisco con piacere.”
Dea Selvaggia: “Lui è nato come feticista, non era masochista. Preferiva i
piedi, le calze… Poi io l’ho trasformato perché sono sadica. Ormai è
sempre a mia disposizione, la sua prima preoccupazione, finito il lavoro,
sono io.”
“Cosa gli fai?”
Dea Selvaggia: “Si prende mazzate, frustrate, calci, schiaffi…”
“Dea, dagli un calcio!”
Dea Selvaggia: “Un calcio? Davanti o dietro?”
“Dove preferisci, quello che vuoi.”
Dea Selvaggia: “Io preferisco gli schiaffi.”
“Sì, vai, dagli uno schiaffo!”
Gottardo: “Sta mettendo lo schiavo a novanta gradi!”
Dea Selvaggia: “La mutanda si può? La sposto?”
“Sì, sì, va bene!”
Sbam! Sbam! Sbam!
(Si sentono ancora rumori di schiaffi.)
Gottardo: “Ahi, che dolore. Ma le tira forte!”
“Cazzo, proprio così! Una cosa incredibile!”
Gottardo: “Ha le mani da fabbro.”
Dea Selvaggia: “Mia madre è siciliana, da buona siciliana le mani si

220
sentono.”
Parenzo: “Voi state lordando lo studio di Radio24. Voglio che sia chiaro.
Lo state lordando con queste schifezze.”
“Ma che dici, è la realtà. Però voglio capire una cosa. Lei, schiavo, gode
quando viene picchiato?”
Schiavo: “Sì, godo. E se piace alla Mistress, va bene tutto.”
“La vedo particolarmente eccitato dopo questa serie di schiaffi, signor
schiavo.”
Gottardo: “Sì, è vero. È qui di fianco a me. Sta ansimando.”
Dea Selvaggia: “Guardagli l’occhio…”
“Ha l’occhio lucido, emozionato. Incredibile, sembra quasi commosso.”
Schiavo: “Godo quando sono al suo servizio. Ogni tanto ho delle erezioni
mentre subisco alcune torture.”
“Dimmi, Cristina, com’è stare con una mistress?”
Gottardo: “In altre parole, com’è avere sto schiavo sempre in mezzo ai
coglioni?”
Cristina: “No, io e Brontolo siamo amichetti.”
“Ah, si chiama Brontolo?”
Cristina: “È stata Dea a chiamarlo così.”
“Tu partecipi alle torture?”
Cristina: “Qualche volta, in genere gli faccio fare le pulizie, le
commissioni, portare fuori la spazzatura. Se poi commette degli errori viene
punito dalla Dea. A volte faccio apposta a sbagliare, tanto lui è contento di
essere umiliato.”
“Scusami, sei mai stata con un uomo?”
Cristina: “Sì, ma ho abbandonato la parrocchia dieci anni fa, più o meno.”
Parenzo: “Allora, fatemi capire bene. Cerco di fare il punto in dieci
secondi. Arrivano nello studio del ‘Sole 24 Ore’ due persone, e fin qui tutto
bene. Poi c’è un signore che viene tenuto al guinzaglio e viene picchiato in
diretta radiofonica! Negli studi di Radio24, in diretta! E lui, lo schiavo,
dichiara anche di votare Salvini!”
“Sì, giusto, tutto corretto!”
Gottardo: “Per arricchire la descrizione, Dea Selvaggia ha tirato fuori una
racchetta da ping pong, una roba con una palla che non voglio neanche
sapere a cosa serve, e un frustino di quelli di una volta!”
“Dagli un frustata, Dea!”
Fshh! Fshh! Sbam! Fshh!

221
(Rumori di frustate sul sedere dello schiavo.)
Parenzo: “Ma fra poco vi arrestano.”
“David, intanto, ci ha chiamato una persona che stava ascoltando tutto.”
Parenzo: “Ha chiamato la questura per mettere sotto sequestro i locali e
liberare quel poveretto dalla prigione sovranista nella quale si è rinchiuso.”
“No, no, David è Vittorio Sgarbi! Vittorio, come va?”
Sgarbi: “Eccoci, bene, bene.”
“Senti, Vittorio, ti sei mai fatto frustare da una donna?”
Sgarbi: “Che meraviglia, mi piace sentire questo schiavo soffrire, lo ha
detto anche Guido, il mio autista. Che spettacolo, che meraviglia, questa è
l’Italia che mi piace! No, frustato no, io sono per un sesso semplice: lei
sotto, io sopra e basta.”
“Il sadomaso non ti ha mai attirato?”
“No, né tanto meno quello che ho scoperto l’altro giorno, il bondage, non
sapevo cosa fosse. Essere legati, che cosa triste!”
“Non prenderesti mai un calcio nelle palle da una mistress?”
“Pensa che ho visto uno che si è autoproclamato mio figlioccio, tale
Diprè, che mi ha mandato un video qualche tempo fa. Ma non capisco il
piacere, non capisco dove sia la goduria.”
“Dea, dài uno schiaffo allo schiavo, intanto!”
Sbam! Sbam!
(Rumore di altri schiaffi.)
Gottardo: “Intanto lo schiavo si è preso due strizzate di capezzoli mentre
Sgarbi parlava.”
Sgarbi: “Ciao ragazzi, vi devo lasciare. Viva la figa! Viva la figa
sempre!”
“Allora, schiavo, dove te li fai dare gli schiaffi?”
Schiavo: “In faccia, sul sedere, dove vuole la padrona.”
Gottardo: “Signora Dea Selvaggia, cos’è quella racchetta da ping pong
coperta di pelle nera con quattro borchie per lato?”
“Schiavo, ti fai picchiare anche con questa?”
Schiavo: “Sì, pure con questa.“
“Dea, picchialo con la racchetta, sentiamo che rumore fa.”
Sbam! Sbam!
(Si sente il rumore della racchetta sul culo dello schiavo.)
Gottardo: “Uh uh! Sembra far male, senti che botte.”
Sbam! Sbam!

222
“Mamma mia, ma questa ha una forza pazzesca! Parenzo, ti faresti
schiaffeggiare così?”
Parenzo: “No, a me sembra che Gottardo sia più eccitato dello schiavo.”
Gottardo: “Ma lo sai che quasi quasi qualche botta me le faccio dare
anch’io?”
Parenzo: “Tu oggi hai convocato una coppia di lesbiche!”
Dea Selvaggia: “Esatto! Esatto!”
Parenzo: “Che tengono al guinzaglio un signore che ha votato Lega e che
in diretta negli studi del ‘Sole 24 Ore’ si fa schiaffeggiare il culo con una
racchetta! Poi il primo che osa dire che lo strano sono io, vi giuro che vi
mando a fare in culo!”
(Lo schiavo è rimasto tutto il tempo in ginocchio.)

Il Master Sean e Lilly, la sua schiava

Sean, quarantacinque anni, milanese, master, dominatore, organizzatore di


gang bang, si presenta in studio con una maschera nera perché non vuole
essere riconosciuto. Non si vergogna di quello che fa, ma dice: “Ancora
oggi se confessi pubblicamente e a faccia scoperta le tue perversioni, poi
nella vita professionale sono cazzi. Ti guardano come fossi una bestia rara,
ti emarginano, ti considerano un corpo estraneo.” Insieme a lui, al
guinzaglio, Lilly, manager d’azienda, trent’anni. La sua schiava.
“Quante schiave hai, Sean?”
“Una decina. Sono a mia disposizione quando voglio.”
“Lilly, sei contenta di fare la schiava?”
“Molto. Ma sono solo la schiava di Sean.”
“Sean, sei sposato o fidanzato? Insomma, hai una compagna?”
“Se sono bardato così, ci sarà un motivo. Lo capisci da solo. Ma voglio
parlare solo di Master Sean, non di altro.”
“La tua voce autoritaria mi fa capire tante cose. Lilly, tu invece, oltre a
fare la schiava, hai un compagno?”
“Sono fidanzata.”
“Partecipa?”
“No, ma lo sa.”
Parenzo: “Praticamente è un cornuto contento.”
Lilly: “Non è cornuto. Perché da una parte c’è una relazione, un rapporto

223
amoroso, dall’altra invece un gioco. Un gioco sessuale.”
“Lui è geloso?”
Lilly: “Certo. Ma rispetta questa scelta, la scelta di essere una slave per
un master.”
Sean: “Tu sai, Parenzo, cos’è una perversione? Tu vedi in noi due
persone perverse. La perversione è quando tu, parlando di perversioni
sessuali, raggiungi il godimento solo facendo una determinata cosa. Quindi,
io spazio in mille cose diverse. Se tu con la tua signora, lei sotto, tu sopra,
fate sempre quello da vent’anni, sei molto più perverso di me. Il discorso è
che le slave mi cercano. E io rispondo. E in fondo, do quello che loro
cercano. Evidentemente c’è una richiesta, un bisogno di queste cose.”
“Quante slave o aspiranti tali ti cercano?”
“Negli anni sono riuscito ad avere più di trenta slave. Ma ultimamente c’è
molta richiesta. Comunque, non è detto che le prenda tutte.”
“Come fai a sceglierle?”
“Vedo la testa, scelgo le più intelligenti. La cosa fondamentale è la testa.
E adesso faccio pure dei corsi per aspiranti master. A pagamento.”
“A che servono i corsi?”
“Prima di tutto serve a scoprire se sei una persona che può fare questa
cosa. Come per le slave, essere master è una questione di testa. Se sei
dominante, lo capisci. Ciò che voglio insegnare a queste persone è come
riconoscere una schiava tra migliaia di persone.”
Lilly: “Si tratta di un gioco di potere e di scambio di potere, per cui una
persona, una donna in particolare che non è schiava nella vita e magari di
solito è una persona che deve tenere tutto il giorno le redini di un’impresa,
magari con gente sotto di lei… Poi nel privato diventa schiava,
sottomessa.”
“È il tuo caso, Lilly?”
“Sì, ho un ruolo di leader con persone che devo comandare
costantemente.”
“Cosa ti piace del ruolo di slave?”
“Lasciarmi andare.”
“Cosa ti fai fare da Sean?”
“Gli consegno la mia libertà, mi faccio possedere, bloccare, mi faccio
tenere ferma, frustare e poi ovviamente scopare.”
Sean: “Il mondo BDSM è diviso in due. Ci sono quelli che lo fanno un
po’ finalizzato a se stesso, cioè senza penetrazione e atti sessuali, e quelli

224
che finalizzano il tutto all’atto sessuale. Io appartengo alla seconda
categoria.”
“Ma nei tuoi corsi ci sono anche delle slave per prova?”
“Una sola. Gli aspiranti master si devono innanzitutto concentrare sulla
teoria, capire quello che dico, perché altrimenti è inutile. Poi ci sarà una
slave a disposizione per le prove pratiche.”
“In cosa consistono?”
“Per esempio come si lega una schiava per averla completamente a
disposizione.”
“Nelle sessioni praticate il sesso anale?”
“Certo, e anche la pioggia dorata. La schiava è a totale disposizione. Poi
c’è lo spanking, che sarebbe la sculacciata.”
“Con qualche strumento?”
“No, a mano libera. Non do in mano degli oggetti a persone che non
sanno usarli.”
“Altre pratiche che utilizzi sia nei corsi che con le tue slave?”
“Il deep throat, la famosa gola profonda, le tecniche di soffocamento.”
“Soffocamento?”
“Bisogna saperlo fare. Dolore e piacere allo stesso tempo.”
“C’è gente che è morta durante questi giochi.”
“Appunto per questo io insegno a non fare danni. Quando ti arriva meno
ossigeno al cervello durante un rapporto, hai più godimento. Quando senti
dolore e piacere allo stesso tempo, il cervello va in tilt. Non sa più a quale
dei due segnali dare retta. E quindi aumenta il piacere. È lo stesso lavoro
che fa la chimica quando predi certe pastiglie. Solo che qui siamo a livello
di endorfine personali. Io non mi drogo, non ho mai fumato, sono
totalmente astemio.”
“Quale pratica preferisci col tuo master, Lilly?”
“Il deep throat e il soffocamento.”
“Il tuo padrone ti ha anche pisciato addosso?”
“L’ho fatto per la prima volta con Master Sean. Essere sottomessa per me
è godimento, provo degli orgasmi infiniti. Ed è liberatorio.”
“Sean, che tipo di donna si fa sottomettere da un master?”
“Di tutti i tipi. L’età si è abbassata, però prevale la donna con un marito o
un compagno da anni e una vita sessuale piatta. Cercano qualcosa di
diverso, esperienze che non hanno mai vissuto.”
“I mariti le spingono, sono d’accordo, o le donne fanno tutto di

225
nascosto?”
“Aumentano i casi di uomini che godono nel sapere della loro femmina
sottomessa.”
Lilly: “Con il mio fidanzato scopo bene, ma Sean tocca altre corde. È un
altro orgasmo.”

Slave Silvia: “Sono un’esploratrice sessuale”

“Sento rumore di catene in studio. C’è di nuovo Master Sean con una slave
al guinzaglio, Silvia. Seconda puntata dedicata all’Italia del sesso
sadomaso. Lui ancora in maschera, lei no.”
“Silvia, quando hai deciso di diventare la slave di Sean?”
Silvia: “Tre anni fa.”
Parenzo: “Ha preso un colpo in testa?”
Silvia: “No, nessun colpo, ho deciso di esplorare determinate cose e mi
sono affidata alla persona più esperta a Milano.”
Parenzo: “Affidarsi, signora. Uno si affida a un medico, a un esperto, non
a un master.”
Silvia: “Nel BDSM affidarsi a una persona significa lasciarsi totalmente
comandare da quella persona. Dunque avere una fiducia assoluta in lei.”
“Hai una vita privata separata, diversa dal mondo della sottomissione.”
Silvia: “Mi considero un’esploratrice sessuale.”
“Hai un fidanzato?”
“Sì, siamo tutti e due pornoattori.”
“Ah, allora siete praticamente del mestiere. Però fai la slave solo con
Sean…”
“Esattamente. Essere slave mi permette di liberarmi delle responsabilità
in quei momenti di gioco.”
“Raggiungi l’orgasmo solo in questo modo?”
“No. Però quando Sean mi comanda la differenza è mentale. Il godimento
mentale è superiore.”
Parenzo: “Volevo chiedere a Sean, come fa a gestire tutte quelle schiave
di cui ci ha parlato l’ultima volta? È una follia.”
Sean: “È una passione come le altre. C’è chi ha una passione per una
cosa, io ho una passione per la figa.”
Parenzo: “Io ho una passione per i sistemi elettorali.”
Sean: “Io per la figa.”

226
Parenzo: “Però guardi, signor Master, le assicuro che anch’io all’età di
quarantaquattro anni sono impegnato parecchio in quel settore, pur senza
camuffarmi con quelle ridicole cose e senza catene.”
Sean: “Il problema di Parenzo è che invece di avere il cervello dentro la
scatola cranica, lui ce l’ha dentro una scatola di cartone con i buchi per far
passar l’aria altrimenti non si spiega…”
Parenzo: “Già il fatto che uno si fa chiamare ‘Master’ mi fa girare i
coglioni…”
Sean: “Vieni qui che c’è la mia slave, campionessa di strapon
acrobatico…”
“Usi molto lo strapon, Silvia?”
Silvia: “Mi piace moltissimo. Con i miei slave.”
“Sei anche mistress?”
“Sono una switch, un’esploratrice sessuale, te l’ho detto.”
“Hai provato tutto? Anche il pissing?”
“Certo, assolutamente sì.”
Parenzo: “Ha provato a leggere un libro?”
Silvia: “Sto leggendo Freud.”
Parenzo: “Chiedo scusa ai tre presenti in studio, il tal Master, Cruciani e
la signorina mezza nuda al guinzaglio, se io personalmente non mi sono
mai fatto pisciare addosso. Chiedo scusa, capisco di essere in minoranza, vi
chiedo scusa.”
Sean: “È strano, è strano…”
Parenzo: “Ah, io sono strano. Vi chiedo scusa, scusatemi.”
Silvia: “Però potevi fare la parte attiva, non solo quella passiva. Pisciare,
non farsi pisciare addosso.”
Parenzo: “Per la seconda volta vi chiedo scusa. Io quella cosa lì la faccio
in un posto che si chiama gabinetto, dove alzo la tavoletta, prendo il coso,
miro, tiro l’acqua e mi lavo le mani. A me hanno insegnato così, ma chiedo
scusa se questa cosa a voi non risulta…”
“Però ci sono delle pratiche nuove…”
Parenzo: “Sentite, se tra di voi volete pisciarvi addosso, fatelo pure.
Potete passare le prossime ore a pisciarvi addosso.”
Sean: “Queste pratiche così strane ai tuoi occhi sono fatte
quotidianamente da migliaia di persone. Se ho tutte queste donne che
vogliono giocare con me in questo modo significa che ci sono uomini come
te che non le soddisfano, che non hanno queste fantasie.”

227
“Intanto, essendo master, avrai una bella dotazione, immagino.”
Sean: “Fattelo dire da Silvia.”
Silvia: “Una ventina di centimetri in lunghezza. E una circonferenza di
rispetto.”
“Senti Sean, tu organizzi anche gang bang.”
Sean: “Metto insieme la domanda con l’offerta.”
“Intanto stai sempre tenendo al guinzaglio la slave.”
“C’è una domanda da parte di donne che si sono stancate del sesso con un
solo partner e vogliono provare le emozioni del sesso multiplo. Le donne e
gli uomini guardano il sito, poi c’è il passaparola. Metto fuori delle date. E
loro chiamano. Vengono.”
“Spieghiamo cosa significa gang bang.”
Sean: “Una donna con molti uomini.”
Silvia: “Dai tre in su.”
“Qual è il numero massimo di persone con cui hai partecipato?”
“In una gang con sei ragazze c’erano cinquantaquattro uomini.”
Parenzo: “Scusi?”
“E tu in contemporanea con quanti sei stata?”
Silvia: “Quattro, cinque. Poi alla fine sono stata con tutti e cinquanta.”
Sean: “C’è gente che si riunisce intorno a un tavolo per mangiare, e gente
che si riunisce intorno a un letto per trombare.”
“Ma gli uomini sono ammessi in base alle dimensioni?”
Sean: “No, assolutamente no. Quello c’entra poco o nulla. Si fa una
selezione in base al numero delle ragazze che ci saranno.”
“Ci sono delle espulsioni?”
Sean: “Sì, certo. Tre in tutto. Uno si è messo giù una striscia di coca e
l’ho cacciato subito a calci in culo. Io non mi drogo, non fumo, niente. Un
altro era palesemente ubriaco, un terzo pretendeva delle cose. Ma qui non si
pretende niente.”
“Le donne come le recluti?”
Sean: “Selezione. In questi anni ne ho reclutate centoquaranta. Fisico e
testa. Qualche volta si presentano con il marito e io comincio a fare delle
domande. Per capire se sono predisposte o no.”
“Slave Silvia, quale pratica ti piace di più subire da Sean?”
Silvia: “A me piacciono le umiliazioni.”
Parenzo: “E tu mi dici che è normale… Almeno qui mi pagano per
insultare.”

228
Silvia: “Infatti a me piace quando mi insulti, mi eccita.”
“Qual è l’umiliazione che ti fa godere di più?”
Silvia: “Quelle pubbliche. Mettersi per terra in ginocchio e leccare le
scarpe, gli stivali.”
Parenzo: “Lei è una demente, è una cosa incredibile!”
Silvia: “Io la adoro.”
“Lei è laureata, slave?”
Silvia: “Sì, in economia aziendale.”
Parenzo: “Non mi interessa, è solo una cogliona che si fa insultare.”
“Sean, quante gang bang organizzi?”
Sean: “Due al mese.”
“Silvia, tu sei bisex?”
Silvia: “Sì, ovviamente.”
Parenzo: “Figuriamoci!”
“Qual è la cosa che ti piace fare alle tue schiave?”
Sean: “La cosa più bella è la dominazione mentale. Quando scopi la testa
di una donna, puoi farle di tutto. Sempre col suo consenso, naturalmente. Io
provo adrenalina ad avere una donna ai miei piedi.”
Parenzo: “Ma quella che si fa umiliare che razza di roba è…”
Silvia: “Anche quella è adrenalina.”
Parenzo: “E allora vada a fare in culo!”

Marina La Rosa e il pissing

“Caro David, abbiamo qui una persona che in questi ultimi anni è diventata,
suo malgrado, un simbolo per i feticisti del piede. Marina La Rosa,
showgirl, ex protagonista del Grande Fratello.”
“Mio malgrado, hai detto bene. Non sono una feticista e non sono una
mistress, ci tengo a sottolinearlo.”
“Non hai mai sottomesso nessuno coi piedi.”
“Coi piedi so fare tante cose. Mi è sempre piaciuto giocare coi piedi.
Cade una cosa a terra e la raccolgo con i piedi, per fare un esempio. Da qui
a essere una che sottomette coi piedi no, non ho uno slave.”
“Con tuo marito giochi di piedi non ne fate?”
“No, no, no.”
Parenzo: “Con Rocco Casalino nella casa del Grande Fratello facevate

229
giochi coi piedi?”
“Siete proprio stronzi. Ci sono delle riprese, ma ormai risalgono a
settantacinque anni fa, all’epoca del primo reality in Italia, in cui si vede
che Rocco Casalino me li accarezza, me li bacia.”
Parenzo: “Magari adesso li accarezza al premier Conte…”
“Non penso. Fra poco secondo me sarà Conte che li leccherà a lui.”
“Ho visto nelle tue foto che hai un inizio di alluce valgo. È vero o no?”
“Me l’hanno fatto notare anche altri. Ma è la forma del mio piede, che mi
accompagna da quando sono piccola.”
“Un piede tortuoso.”
“È un piede molto definito.”
“Sei sicura che non hai la cipolla? Puoi rassicurare il mondo del feticismo
italiano e internazionale?”
“Sono sicura. Non c’è nessuna cipolla, non ho l’alluce valgo. Puoi stare
tranquillo, Cruciani, potete dormire tutti sonni tranquilli.”
“Dei fan lo sappiamo, ma possibile che i tuoi fidanzati non ti abbiano mai
chiesto di fare dei giochi sessuali coi piedi?”
“No, però qualcuno mi ha chiesto di fargli, come si chiama, la doccia
dorata…”
“La pioggia dorata, il pissing.”
“Esatto. Lui si è seduto, si è accomodato nella doccia, e io gli ho fatto la
pipì addosso. Però credetemi, coi piedi non avrei problemi a dirlo.”
“E ci credo, hai fatto pissing su un uomo, che problemi avresti…”
Parenzo: “Mamma mia, mamma mia. Che ambiente! Fatevi fare la pipì
addosso, cosa volete che vi dica.”
“Tu sai che è una mia fissazione adesso?”
“Bravo, magari vengo a trovarti.”
“Non credo che tuo marito sarebbe contento.”
“No, non credo. Però, ragazzi, posso dirvi una cosa? Non le voglio
chiamare patologie, sono solo fantasie sessuali che hanno a che fare con
delle difficoltà.”
“No, no. Non mi ammazzare tutto così. Non sono patologie, sono delle
perversioni che in alcuni casi possono diventare patologie.”
“È la sottomissione. Ci sono persone che amano essere sottomesse perché
nella vita sono dei grandi professionisti, delle grandi menti, ma
nell’intimo…”
“Adesso hai aperto un mondo e ti sto immaginando in quella posizione…

230
Lui com’era messo?”
“Era seduto…”
“Ma squirting mai?”
“No, io non squirto. Non lo so fare, una mia amica dice che è una cosa
che si impara. Ma io non lo so fare e onestamente non mi interessa. Non è
una cosa che vado a cercare: se succede, succede, altrimenti niente.”
Parenzo: “Non occorre metterlo nel curriculum.”
“No, appunto. Sono Marina La Rosa, vengo da Messina e non squirto.”
“Ah, ah, ah, esattamente. Comunque questa telefonata nasce da un fatto.
A una conduttrice Rai hanno rubato le scarpe nel suo armadietto e la qui
presente signora La Rosa ha commentato così: ‘Più che associare il furto a
una donna sfigata che le ha rubate, meglio immaginare qualcuno che da ieri
sta annusando le tue scarpe e ci sta venendo dentro…’”
Parenzo: “Hai capito la signora, hai capito…”
“Ho immaginato che l’unico che può spingersi a fare un gesto simile è un
feticista.”
“Però, venire dentro le scarpe…”
“Ci sono dei feticisti che mi scrivono in privato che vorrebbero tanto
delle mie scarpe per fare di tutto. Di tutto. Mi mandano foto incredibili. C’è
gente che vuole essere calpestata, che si mette a terra come un verme…”
“Comunque abbiamo capito che sessualmente non usi i piedi.”
“Esatto. Purtroppo devo deludervi.”
“Però, pissing fu.”

Maurizio Candidi, il Rambo di Follonica

Maurizio Candidi, sessantasette anni, di Follonica, playboy ed escort, dice


di essere uno dei più grandi esperti di punto G e di squirting. Sul suo
biglietto da visita c’è scritto: “Stanca dei soliti orgasmi? Grazie alla mia
esperienza nella mia scoperta del punto G, potrai conoscere un piacere
estremo e coinvolgente. Lasciati andare, scopri il fascino del proibito. Dai
diciotto ai trentacinque anni il primo incontro è gratuito. Non è previsto
rapporto sessuale.”
“Maurizio, dove sei?”
“Sono qui al bar sulla spiaggia, a vedere tutte queste belle ragazze che
passano, è uno spettacolo.”

231
Parenzo: “Ma non ho capito cosa fa questo qua…”
“Maurizio Candidi, alias il Rambo di Follonica, ha sessantasette anni e da
poco si è messo a fare il gigolò, con tanto di biglietto da visita.”
“In giro c’è tanta depressione sessuale, sono tutte insoddisfatte, queste
donne.”
“Sostieni di avere scoperto il punto G. Come fai a esserne così sicuro?
Come fai a individuare il punto G in ogni donna?”
“Il punto G dicono che lo abbia scoperto un tedesco negli anni cinquanta.
Fanno ricerche a livello mondiale ma non ci capiscono niente. Io sono stato
in molti centri di sessuologia a Roma, Milano, Bergamo.”
“Una specie di consulente.”
“Certo. Però alla fine non riescono a scoprire niente, non sanno niente.
Per cui ho detto a questi professori: ‘Se studiavate di meno e scopavate di
più, qualcosa sapevate.’ I medici mi hanno sempre deluso.”
Parenzo: “Ecco il filosofo.”
“Be’, non ha torto il ragazzo. Allora, come lo individui questo punto G?”
“Allora vi spiego come si fa. Ho avuto anche un rapporto con il Cnr di
Pisa, con un sessuologo che era venuto da me a Follonica per parlare di
questo. L’ho incontrato e gli ho spiegato il mio punto di vista. Lui mi ha
detto di portargli delle provette del liquido del punto G. E io gli ho risposto
che potevo portagliene quante ne voleva.”
“Liquido cosa? Liquido femminile?”
“Sì, liquido femminile, quello del punto G, quello che chiamano lo
squirting.”
“Tu hai portato delle provette di squirting in un’università italiana?”
“Sì, ho portato tre provette di liquido a Pisa per delle ricerche
scientifiche, ma non mi hanno dato i risultati.”
“Quanto tempo fa è successo? E cosa ne hanno fatto di questi campioni?”
“Li ho portati dieci anni fa. Sapevo già in partenza che c’era un buon
trenta per cento di urina, visto che il punto G si trova a cinque centimetri
nella parte interna della vagina, in alto dove c’è l’uretra, e che quando lo
stimoli butta fuori questo liquido amniotico che non sanno ancora cosa sia.”
“David, ma questo è uno scienziato!”
“Ecchecazzo, svegliamoci! Le donne, soprattutto quelle più giovani, non
sanno cosa vuol dire provare veramente piacere.”
Parenzo: “Non mi pare che abbia il linguaggio dello scienziato…”
“Per trovare il punto G, sì.”

232
“Come lo trovi?”
“Be’, se ve lo dico ho finito di fare il mio mestiere. Però ho una tecnica
che in due minuti mando in coma una donna: dopo una certa manovra si
provano sensazioni indescrivibili.”
“Mi vuoi dire che in soli due minuti mandi in estasi una donna?”
“Io in due minuti la mando fuori. I taoisti la chiamano la piccola morte,
quando le donne vengono con me vedi proprio la metamorfosi del volto.”
“Quante donne hai avuto nella tua vita?”
“Ho perso il conto, ma penso circa mille.”
“E adesso a sessantasette anni sei ancora attivo?”
“Ho cominciato a sedici, e ho sempre fatto il playboy. Ho lavorato nelle
discoteche per trent’anni per la sicurezza. Sono sempre arrapato, non
prendo nemmeno una pasticca, e poi mi sego dalla mattina alla sera. Ma
fammi dire una cosa…”
“Vai!”
“L’orgasmo del punto G a una donna glielo devi far provare alla fine,
altrimenti poi dormono e non puoi fare niente.”
“Preferisci le giovani o quelle più mature?”
”Quelle più giovani. Mi chiamano, mi accerto che siano maggiorenni e
poi chiedo a cosa sono interessante. Loro mi dicono: ‘Sai, sono fidanzata, e
certe cose non le ho mai fatte, magari l’orgasmo vero e proprio non l’ho
mai provato, e questo punto G che leggo su Internet e nelle riviste, mi
piacerebbe provarlo.’ E niente, vengono tranquillamente e io le metto a loro
agio…”
“Per cui dai diciotto ai trentacinque anni il primo incontro è gratuito?”
“Sì, certo.”
“Poi ti fai pagare?”
“No, dai diciotto ai trentacinque non mi faccio pagare. Ma se mi capita
una befana di sessant’anni mi faccio pagare…”
“E quanto vuoi?”
“Duecento euro.”
“Per cosa?”
“Per fare il punto G. È un orgasmo sconosciuto che le donne più anziane
non hanno mai provato. Donne che hanno avuto un sacco di rapporti ma
non hanno mai provato il punto G.”
“Ma il punto G è lo squirting, possiamo dirlo?”
“Bravo! Fra le mille donne che ho avuto, e lo giuro su mio figlio qui

233
davanti a me, pochissime avevano provato nella loro vita questo punto G.”
“E tu come ci arrivi?”
“Con le dita, con la mano. Anche perché non mi fido molto, ci sono un
sacco di malattie.”
“Ma non trombi, scusa? Usa il preservativo!”
“Io non ho mai usato il preservativo in vita mia, mai!”
“Quanto vuoi per un rapporto completo?”
“Mille euro.”
“Mille! Ma sei fuori mercato.”
“Fuori mercato? Ascolta, ne ho fatte due la settimana scorsa, una mi ha
dato 1500 e l’altra 600.”
“Quanti anni avevano queste? Ma erano ricchissime?”
“Una cinquantaquattro, l’altra sessanta. E sì, molto ricche. All’Argentario
e a Punta Ala ci sono le barche da quaranta metri. Vuoi che non abbiano
mille euro per provare il punto G?”
“Allora diamo il cellulare in diretta, anche per il bene della scienza:
3384198075!”
“Anzi, già che sono qui vi spiego una cosa. Se il punto G è a cinque
centimetri all’interno della vagina, e un pene normale va dai dodici ai
diciotto centimetri, allora non va messo dentro tutto, basta strusciare contro
il glande.”
“Tu dici che non c’è bisogno di usarlo tutto?”
“No, non ce n’è bisogno.”
“Tu sfati il mito del cazzo grosso.”
“Sì, io con due dita le mando in estasi più di uno con un uccello da
diciotto. Io con due dita le faccio svenire.”
Parenzo: “Mamma mia!”
“Maurizio Candidi, sei il numero uno.”

234
Porno

Danika e Steve

(Nel 2016 hanno caricato in un solo colpo quattordici video hot, che in
pochi giorni hanno fatto più di sedici milioni di visualizzazioni su Pornhub.
Hanno battuto record su record di clic, e lei ha vinto anche due Pornhub
Awards come Top Anal Performer nel 2018 e come Top Squirting
Performer nel 2019. Come guadagnano? Percentuali sui video gratuiti,
come per gli youtubers, e poi contenuti esclusivi a pagamento per i fans.
Sono trentenni, siciliani, si chiamano Federica e Stefano, ma sono
conosciuti al pubblico del porno come Danika e Steve Mori. Una coppia di
fidanzati che ha trovato un modo di campare, e pure bene, scopando e
facendo vedere a tutti come lo fanno. Sembra semplice, provateci voi.)

“Steve, i miei amici sono rimasti impressionati dalle misure del tuo cazzo.”
Steve: “Lungo venti centimetri, largo sei. Sono abbastanza sopra la
media.”
“Avrei detto più lungo. Quando hai realizzato di avere misure notevoli?”
Steve: “Pensavo di averlo piccolo, davvero. Quando ho cominciato a fare
sesso, più o meno dai quattordici anni, mi sono reso conto da quello che
dicevano le mie ragazze di avere una media africana.”
Danika: “Pensa che io non vorrei fosse così grosso. Alle volte mi manca
una misura più contenuta.”
“Se ti sentissero delle mie amiche ti prenderebbero a schiaffi. Hanno a
che fare con piccoli cazzetti. E si lamentano.”

235
Danika: “Però è così. Quando l’ho conosciuto ero giovanissima e non mi
preoccupavo delle dimensioni, non ci facevo caso.”
“Però quando hai fatto l’anale sì, immagino. Lo hai fatto con lui per la
prima volta?”
Danika: “Sì, e ci ho messo un anno.”
“Un anno?”
“Ci ho messo un anno per non soffrire tanto.”
Steve: “E credimi, ho cercato di essere delicato. Un gentiluomo.”
“Lo squirting è tutto vero?”
Danika: “Verissimo, naturale. Il primo è successo in macchina, prima del
porno.”
Steve: “Il primo in assoluto fu in macchina, vero. E fu qualcosa di
incredibile. Senza telecamere, fra di noi. Eravamo ancora una coppietta.”
Danika: “La nostra forza è che non c’è finzione, non c’è prestazione.
Squirtare è una sensazione di liberazione totale, persino più forte
dell’orgasmo. È un’altra storia, corrono in parallelo e qualche volta si
incrociano.”
“La categoria amateur è una delle più ricercate in assoluto, forse la più
ricercata.”
Danika: “Rappresentiamo la naturale evoluzione digitale del porno. La
coppia della porta accanto che racconta la propria vita sessuale e la propria
quotidianità. Siamo noi stessi, non forziamo nulla.”
“Quali sono le vostre scene più cliccate?”
Steve: “Anal e squirting, se tu vai a vedere le statistiche, mediamente
sono le scene più richieste.”
Danika: “C’è da dire che non si sa mai quale potrebbe essere il video più
visto. Per esempio quello con 40 milioni di visite, non c’è nessuna delle due
cose. Semplicemente sesso tra di noi, passionale.”
“Prendiamo il titolo di un video: Quell’inculata intensa la fa piangere. Il
pianto non sarà mica vero…”
Danika: “Tutto vero, credimi. Lacrime autentiche da orgasmo
prolungato.”
Steve: “È successo in tutto quattro, cinque volte, di cui tre in privato.
Conoscendo il suo corpo non mi fermo e la porto al limite. La prima scena
l’avevo pure tagliata, perché avevo quasi l’impressione di avere abusato di
lei.”
“Ma i titoli su Pornhub sono fatti apposta per acchiappare utenti.”

236
Danika: “Sì, ma non è che ci sia una regola. Alcuni funzionano, altri
meno. Metti certi titoli con più parole chiave e pensi: ‘Adesso questo
spacca, invece no.’”
Steve: “Alla fine la scena è sempre fondamentale, magari un piccolo
dettaglio, le facce, gli sguardi.”
“Steve, ti faccio una domanda banale dalla risposta scontata. Cosa
prendi? Che pasticche o quante volte?”
Steve: “Niente, ricevo un sacco di prodotti ma niente. Quello che vedi è
tutto naturale, anche quando non è particolarmente duro.”
“Niente trucchi?”
Steve: “È la nostra regola, che ci ha portato a certi numeri. La mia
eccitazione, il flusso di sangue nel cazzo dipende dal singolo corpo, dal
momento mentale, dalla stanchezza. Al massimo possiamo ritoccare il
colore del mio pisello nelle parti più rosse, che non sono belle da vedere. E
comunque se fai sesso tutti i giorni, più volte, non è che puoi essere sempre
al massimo.”
“E lo sperma, lo schizzo, la sborra, che è uno dei momenti più visti in un
video?”
Steve: “Acqua e frutta. Solo questo. E ho capito una cosa: se lasci il cazzo
libero, alimenti la produzione di sperma. Se contieni il pene nello slip ne
hai di meno. L’ideale è dunque girare senza mutande.”
“Quali sono le cose che vi eccitano di più?”
Steve: “Sottomettere lei.”
Danika: “Adoro l’anale, però mi eccita un’immagine. Lui dietro, io con
un vestitino alzato…”
“Vivete insieme, scopate sempre insieme per mestiere. Per cosa litigate?”
Danika: “Per cose di lavoro, lo hai fatto questo, lo hai postato questo
video, e perché non hai scritto questo, ti sei dimenticato di chiamare…
Cose così.”
“Mai per sesso e gelosia?”
Steve: “Viviamo in simbiosi da dodici anni, ventiquattro ore su
ventiquattro. Amici e conoscenti ci dicono: ‘Come cazzo fate, noi quando
passiamo cinque ore insieme è già troppo.’ Eppure è così.”
“Le parole ‘gelosia’ e ‘possesso’ non esistono nel vostro rapporto?”
Steve: “La gelosia è sintomo di interesse, dunque da parte mia si è
trasformata in senso di protezione nei suoi confronti. Quando abbiamo
vissuto insieme a un’altra coppia qui alle Canarie le regole erano chiare,

237
anche se non ce le siamo dette.”
“Quando l’hai vista scopata da questo ragazzo, non hai provato nulla?”
Steve: “No, perché nello stesso momento ero impegnato con la sua
fidanzata. C’era un’intesa tra noi quattro, e ci siamo rispettati. Sapevamo
tutti quello che si poteva e quello che non si poteva fare.”
Danika: “C’è poco di non detto. La gelosia non si elimina, ma quella
tradizionale non esiste più.”
“Come pensate di raccontare un giorno a vostro figlio, o vostra figlia,
quello che fate adesso?”
Steve: “Non vogliamo avere figli.”
Danika: “Confermo.”
“Perché?”
Steve: “Per le responsabilità che comporta. Egoismo, anche. Voglio
gestire tutta la giornata come mi pare. E poi noi siamo già una famiglia.”
Danika: “Noi due siamo famiglia. E non sentiamo la necessità di fare
bambini di cui poi ti devi occupare.”
“E le vostre famiglie?”
Danika: “Suo padre ci segue sui social e ci supporta. Ha accettato la cosa.
Mia madre preferirebbe invece che io fossi disoccupata invece che fare i
porno. Evito di parlare con i miei di quello che faccio.”
“Siete dei privilegiati del porno. Lo fate tra di voi e non avete bisogno di
altri. Siete fuori dalle dinamiche di quel mondo.”
Steve: “Gli attori porno dei set manco li conosciamo, e loro non ci
cagano. Leggo che qualcuno denigra i video amatoriali perché tolgono
lavoro al settore. Ma chissenefrega.”
“In fondo non siete manco attori hard, che vengono reclutati per girare
una scena. Fate prestazioni artistiche solo in coppia. O quasi.”
Steve: “Lavoratori. Su 365 giorni facciamo sesso almeno 300, forse
qualcosa meno. Dove la trovi una coppia così dopo dodici anni?”

Malena, la nuova star. Dal Pd a Rocco Siffredi

La prima intervista, agli esordi

“Allora, caro Parenzo, è passata dal PD a un mestiere nobilissimo.”


Parenzo: “Il giudice della Corte Costituzionale?”

238
“No, no, no. Era delegata all’assemblea nazionale del Partito
Democratico. Ora è entrata nel mondo del porno. Un personaggio che sta
esplodendo nel mondo dell’hard. Si chiama Milena Mastromarino alias
Malena La Pugliese. Dove ti trovi?”
“A Budapest. Sto facendo dei provini con Rocco Siffredi.”
“Come ci sei arrivata?”
“Ho mandato mail e foto. Ci sto dietro da più di un anno.”
“Un anno che corteggi Siffredi…”
“Volevo essere valutata.”
Parenzo: “A casa sono contenti di questa occupazione, di una che passa
da Renzi a Rocco Siffredi?”
“Io innanzitutto non passo da Renzi a niente. Da dieci anni faccio
l’agente immobiliare. Alla fine è quello che voglio fare.”
“Sì, ma tuo padre che ha detto?
“Ho trent’anni, non sono una bambina.”
Parenzo: “A me sinceramente verrebbe un colpo, un infarto.”
“Ha capito che vai a fare i film porno o no?”
“Sì, sì, ma ho più legami con mia madre.”
“Lei che dice invece?”
“Mi ha detto: ‘Sei una bella ragazza, intelligente, fai quello che vuoi.’”
“Insomma, nessun ostacolo.”
“Sì, mi ha dato la benedizione.”
“Tua madre ha mai visto un film porno? Quanti anni ha?”
“Cinquanta. È giovane, non so se ha visto quei film lì, ma sicuramente li
conosce.”
“Tu sei molto renziana?”
“Sì, mi piace Renzi. La sua capacità di coinvolgimento, il suo carisma.
Sono finita anche sul ‘Corriere’ per il mio selfie con lui.”
“Il tuo mito chi è: Cicciolina, Moana?”
“Moana.”
“In cosa sei specializzata a livello sessuale, come ti sei presentata a
Rocco?”
“Gli ho detto che sono aperta a qualsiasi tipo di esperienza.”
“Nella vita privata sei già stata con più uomini insieme?”
“Be’, ovvio, ho una sessualità prorompente.”
“Sei già stata con Rocco, ci hai scopato?”
“No, devo ancora fare il mio debutto con lui, non vedo l’ora.”

239
“Sai che per sfondare devi fare molto anal, c’è una grande richiesta…”
“Passione e umiltà. E sono aperta, disponibile.”
“Ti piacciono le donne?”
“Nessun problema, sono già stata con delle ragazze. Sono bisessuale.”
“Diamo questa informazione a tua madre: lei lo sa che sei bisex?”
“No, mia madre non lo sa ancora.”
Parenzo: “Diamo un’altra gioia alla mamma.”
“Non mollare, mi raccomando, non dare retta ai moralisti come David.
Avanti tutta! Fare l’attrice hard è un mestiere come un altro, come fare il
professore universitario, come fare il conduttore radiofonico, il giornalista.
Ha la stessa dignità, è la nostra società del cazzo che lo considera
immorale.”

Dopo le prime scene con Siffredi

“Rocco era in formissima, come se il tempo non fosse mai passato. Come
performance è ancora il top. Mai visto nulla del genere in vita mia. Quando
giri ci sono sicuramente dei momenti in cui godi. Con Rocco è capitato. Ero
concentrata sul lavoro, ma sono venuta un paio di volte.”
“Ma ha una trama questo film?”
“Sì, certo. Sono una ragazza ninfomane che si rivolge a Rocco, un
medico, per curarsi. Lui mi analizza e mi fa provare certe cose per capire la
mia sessualità. Si chiamerà Sex Analyst.”
“Una ex showgirl, Patrizia Pellegrino, ha definito ‘prostitute’ le
pornostar. Cosa rispondi?”
“Ma lei ha fatto dei servizi e delle copertine nuda per ‘Playboy’ e
‘Playmen’, anche lei ha venduto il suo corpo per fare carriera. Mi ha dato
della prostituta, ma anche lei ha utilizzato il suo corpo, lo ha venduto. Ma
ognuno del proprio corpo fa quello che vuole.”
“Diciamolo insieme, fare il porno è un mestiere come un altro.”
“Fare l’attrice hard non è solo farsi montare, ma è una professione a tutti
gli effetti, come tante altre. Se lo fa un maschio è un eroe nazionale, se lo fa
una donna è una puttana. Questo è assurdo. È più grave drogarsi o
ammazzarsi di alcol, non fare film porno. E poi perché devo fare quello che
vogliono gli altri? Perché? Ho scelto di fare l’attrice hard,
consapevolmente.”
“Cosa provi a sapere che migliaia di maschi si masturbano vedendoti

240
scopare?”
“Se non ci fossero donne come me ci sarebbero uomini più tristi. Io
regalo emozioni alle persone: questa è la verità.”
“Un gruppo di estrema destra ti ha minacciato dicendo, letteralmente, che
hai il culo sfondato…”
“Ho letto, ma per me non è un’offesa.”
“Fuori dal set fai sesso?”
“Pochissimo. E sempre con la protezione. Ho due o tre scopamici. E sono
più attenti gli uomini delle donne, che spesso su queste cose sono
superficiali.”
“Valentina Nappi ha detto che preferisce farsi gli operai piuttosto che i
politici.”
“Anch’io. Viva gli operai!”

“L’orgasmo più completo? Solo quando lo prendo nel culo”

“Malena si masturba?”
“Certo. Ma non riesco a fare la masturbazione da sola, dev’essere
condivisa, e allora ieri mi sono fatta una bella videochiamata con un mio
amico e gli ho detto: ‘Guardami adesso.’ Ma non lo faccio tutti i giorni, non
sono seriale. Perché ho sempre questa fissazione che devo essere guardata.”
“Sembra un manifesto politico: ‘Mai un ditalino da sola.’”
“Ho sempre bisogno di qualcuno che mi guarda. Oppure faccio un video
e lo mando a uno che in quel momento non può guardare. Ma la cosa
indispensabile è essere guardata.”
“L’orgasmo più profondo quando lo provi?”
“Con la penetrazione in vagina arrivo al punto massimo dell’eccitazione,
riesco anche a venire, però poi sento che c’è qualcosa che mi manca e
quindi va completato l’atto. Se voglio avere l’orgasmo più completo e
coinvolgente, lo devo prendere dietro, nel culo.”

“Il novanta per cento delle donne vorrebbe fare la doppia penetrazione”

“Quello di Malena non è un mestiere, non è un lavoro. Offende la sua


dignità di donna e mette in pericolo i ragazzi più giovani.” Mario Adinolfi,
leader del Popolo della Famiglia, attacca Malena la Pugliese.
“Scusa, Mario, perché? Che fa di male?”

241
“Malena va convinta a fare altro invece che idolatrarla in televisione. Può
darsi che abbia altri talenti, non credo sia il suo unico talento quello di
spogliarsi e spiegare la doppia penetrazione…”
(Arriva al telefono Malena.)
Malena: “Dovrei cambiare mestiere? Ma perché? Mi piace e vivo serena,
perché devo cambiare mestiere?”
Adinolfi: “Davanti a papà e mamma ti senti serena davvero, come
racconti in televisione?”
Malena: “Allora. Innanzitutto non penso sia un suo problema, perché
come ho detto vivo serena. E vivo a casa mia. Quindi se sono riuscita a
raggiungere un equilibrio come l’hanno raggiunto centomila persone che
lavorano in questo settore, non vedo perché bisogna ancora puntare il dito
verso chi fa questo lavoro. Basta.”
Adinolfi: “Sei contenta? Non mi pare. A naso non sembra felicissima di
poter dire che la doppia penetrazione anale sia il suo talento maggiore.”
Malena: “Io prima facevo un altro lavoro. Se non sono ritornata a farlo,
evidentemente sono felice così, no?”
“Ma è vero che riesci a squirtare, facendo sesso anale?”
Malena: “Certo, certo. Tutte le donne possono squirtare. Tutte le donne
possono farlo tranquillamente, da sole o col proprio uomo. Siamo
predisposte tutte naturalmente allo squirting. L’ho detto in TV ed anzi,
molte donne mi hanno anche mandato dei messaggi per ringraziarmi, erano
convinte di non saperlo fare…”
Adinolfi: “Io continuo a pensare che se in TV una donna dice che tutte
possono diventare madri, ecco questo è un messaggio migliore. Forse in
televisione piuttosto che parlare di squirting col sedere, c’è un tema diverso
per la dignità femminile.”
Malena: “Perché bisogna sempre tener nascosto questo mondo, la
sessualità di una donna, perché nasconderla? Basta.”
“Ma l’uomo nello squirting secondo te ha una parte fondamentale o no?”
Malena: “No, la donna da sola con la propria masturbazione riesce a
squirtare. Deve trovare il punto giusto.”
“Anche questa è cultura.”
Adinolfi: “Secondo me no, non è cultura.”
“Che male c’è se i ragazzi si segano su Malena?”
Adinolfi: “Sotto i diciott’anni è certamente una cosa che fa male.”
“Perché sei così contrario al sesso anale?”

242
Adinolfi: “Mi sembra un atto di violazione della donna molto grave.
Molto brutto. Lo considero un atto doloroso per la donna. Una doppia
penetrazione non è propriamente la cosa più desiderata dalla donna.”
Malena: “Non è assolutamente violenza. E tutto ciò che viene fatto, viene
fatto col consenso della donna. Per me è assolutamente il top. Per il novanta
per cento delle donne è così. Forse Adinolfi non è capace di farlo, eh…”
Adinolfi: “Io ho fatto tre figli, auguro a Malena di avere altrettanta gioia.”
Malena: “Ma il sesso non si fa solo per concepire. Si fa per piacere.”
Adinolfi: “Dico alla signora che non l’ho fatto tre volte e basta. E anche
la fellatio è un atto di dominio sulla donna.”
Malena: “Io non vedo sottomissione, ma emancipazione. Le donne fanno
quello che vogliono del proprio corpo.”
Adinolfi: “Il pompino grande atto di dominio della donna? E come no…”

Martina Smeraldi, la gioventù che avanza

“Ho diciannove anni e mi piacciono le gang bang”

“David, si ritira Milly D’Abbraccio ma potrebbe nascere una nuova stella


del porno. È il naturale ricambio che esiste nella vita, nelle generazioni.
Questa ragazza ha soli diciannove anni, e dico diciannove. Si chiama
Martina Smeraldi e viene dalla Sardegna, Cagliari.”
“Diciannove anni, sì. Esatto.”
“E come mai ti sei messa in testa di fare porno? Sei anche iscritta
all’Università…”
“È sempre stato il mio desiderio, sono diventata maggiorenne, ho fatto la
maturità, mi sono messa a studiare cercando però un’occasione nell’hard.
Alla fine l’ho trovata.”
“Ma scusa perché il porno, perché vuoi guadagnare? Ti piace il sesso?
Perché?”
“Perché mi piace molto il sesso, ho sempre guardato video porno, mi ha
sempre incuriosito.”
“Da sempre, ma hai solo diciannove anni…”
“Da quando ho avuto il mio primo telefono, dai tredici.”
“Vabbe’, come sei arrivata da Siffredi?”
“Grazie a un ragazzo che lavorava per lui nella sua Academy. Ci siamo

243
incontrati una volta e mi ha proposto.”
“A che facoltà sei iscritta?”
“Scienze dei servizi giuridici.”
“Adesso che fai, lasci gli studi?”
“Vorrei continuare, ma vediamo se è compatibile coi provini e le scene.”
“Un provino con Rocco l’hai fatto, un video con Rocco?”
“Sì.”
“Com’è stato, alla fine della scena come stavi?”
“Benissimo, bellissimo, soddisfatta.”
“Magari traumatizzata, non ti faceva male niente?”
“No, no, nessun problema.”
“Ma qual è la tua cosa preferita nel sesso? Sei aperta a tutto?”
“Tutto. Però mi piace soprattutto fare sesso con più ragazzi
contemporaneamente.”
“Una gang bang. E con quanti?“
“Non c’è un numero prestabilito…”
“Le scene lesbo. Sei già stata con una donna quando eri ragazzina?”
“Sì, sono già stata con una ragazza.”
“Mamma e papà come l’hanno presa?”
“Diciamo che non sono molto contenti della mia scelta… Diciamo così.”
“Con tuo padre ci parli?”
“No, con mio padre non parliamo più.”
“Con tua mamma?”
“Con lei ci parlo ma non è contenta della mia decisione.”
“Ti sei rifatta qualcosa?”
“No, niente, giusto qualche punturina alle labbra.”
“Quando hai avuto il primo rapporto sessuale?”
“A dodici anni.”
“Dodici? Con un coetaneo, spero…”
“Aveva tre anni più di me.”
“A te non interessa fare non so, l’avvocato, la giurista, la professoressa.
In fondo sei giovanissima.”
“No, mi vedo più a fare video hard.”
“Anche in Sardegna hai fatto sesso con più uomini?”
“Sì, ovvio, ho già fatto sesso con più ragazzi.”
“La prima volta che hai fatto un’ammucchiata, che età avevi?”
“Sui quattordici, quindici.”

244
Parenzo: “Evviva.”

“Mi si è rotto un cazzo dentro il culo!”

“David, abbiamo ancora in collegamento la nuova promessa del porno,


Martina Smeraldi. Ma questa volta per una cosa un po’ particolare. A
Bologna nei giorni scorsi, durante una gang bang organizzata in un locale
da Rocco Siffredi, c’è stato un incidente. Uno dei partecipanti si è
letteralmente rotto il cazzo, se lo è fratturato. Ecco, Martina era presente
quando è successo. Quante persone c’erano?”
“Eravamo due donne, io e Malena. Il primo giorno c’erano sessantasette
ragazzi.”
Parenzo: “In che senso?”
“Fammi capire. Questi sessantasette hanno scopato tutti con voi, uno per
uno?”
“No, no, non tutti perché comunque alcuni non riuscivano e venivano
subito.”
“Nel senso che non tutti si eccitavano, questo intendi?”
“Oppure venivano subito e quindi…”
“Hai fatto un conto di quanti ti hanno scopata più o meno? Per essere
chiari, a una cinquantina ci sei arrivata?”
“Uhm… Trenta, credo trenta.”
“Trenta in due giorni o trenta in tutto?”
“Questo non te lo so dire. Credo in tutto, perché erano sempre gli stessi
anche il giorno dopo.”
“Diventerà un film?”
“Sì, certo sarà un film. Martina versus Malena, bello no?”
Parenzo: “Come Totò contro Maciste. Evviva! Evviva!”
“Quello che però è successo durante le riprese è incredibile. Ho visto
anche i filmati, è vero o no che a uno dei partecipanti mentre stava facendo
sesso anale con te gli si è rotto il pisello dentro?”
“Sì, è vero. Non ho capito bene come sia successo, mi sono girata e ho
visto solo una pozza di sangue.”
Parenzo: “Mamma mia! Mamma mia!”
“All’inizio tutti hanno pensato che fosse il filetto del suo pisello. Invece
aveva fatto una puntura per mantenere l’erezione, ma se l’è fatta male.”
“Cosa si è rotto?”

245
“Ha avuto una frattura dell’uretra. Si deve operare, mi hanno detto che ci
vuole un sacco di tempo per recuperare. Più di un anno.”
“Ti sei spaventata? Ho visto il video, sembrava ridessi appena hai visto il
sangue…”
“Be’, ero sicura che non fosse il mio perché non sentivo dolore, niente.
Non è che non mi interessa il suo cazzo, però ovviamente meglio che sia il
suo piuttosto che la mia figa.”
Parenzo: “Che porcherie, mi scrive la gente allucinata, ti prego falla
smettere, ho dolore per lui!”
“Ma anche nella vita reale c’è un sacco di gente che vuole essere più
prestante e si puntura. Ascoltate e state attenti che possono succedere cose
terribili.”
“Certo, non fatelo, se non siete professionisti evitate di farlo. Meglio fare
cilecca piuttosto che rompersi il cazzo.”
“Amici miei, è come mettere un attrezzo dentro una cavità. Se poi è
troppo duro e lo pieghi, si può rompere come il cristallo. Ma tu non hai
sentito nessun dolore?”
“No non ho sentito nulla, non mi sono accorta di niente.”

Roby Bianchi, e le vecchie che tirano di più

Roby Bianchi si definisce “un artigiano del porno”. Ha girato oltre duemila
scene, è partito alla fine degli anni ottanta, ha lavorato con il meglio della
pornografia italiana ed europea. E continua a vendere Dvd hard in un sexy
shop sulla circonvallazione milanese. “Sembra incredibile, ma un mercato
c’è ancora perché esiste un pubblico sopra i quarant’anni che non va su
Internet o che non vuole andare a scaricare per non essere rintracciabile.”
Ma, ovviamente, sono altri tempi, altri guadagni, un altro mondo: i DVD
hanno massacrato il mercato, poi è arrivato il web. Fare una videocassetta ti
veniva a costare 2700, 2800 delle vecchie lire e non erano compatibili con
gli altri paesi, vendevi i diritti, in Italia c’erano una trentina di case di
produzione e distribuzione con più o meno trentamila titoli. Si facevano
tanti soldi, ma a un certo punto farsi una sega è cominciato a costare
sempre meno e la vendita dei diritti è crollata.”
“Per girare scene hard devi essere un malato di sesso?”
“Il sesso lo devi guardare. Devi avere l’occhio dell’utente finale. Se non

246
fossi stato un guardone non avrei mai fatto un film porno. La mia
telecamera è come quella degli occhi di chi sta guardando.”
“Prima che facevi?”
“Il fotografo, anche di matrimoni. Si può dire che sono passato a
riprenderli nella camera da letto.”
“Sei uno contrario alle trame nei film porno.”
“Inutili. Non me ne frega un cazzo. Sono per le scene all sex. L’utente
finale non cerca la trama, se ha in mano un film va avanti veloce fino a
quando non si tromba per eccitarsi e masturbarsi. La realtà è questa.”
“Oggi cosa tira di più?”
“Le vecchie.”
“Come, le vecchie?”
“Le vecchie, le vecchie. Il mercato delle over, donne mature, older, anche
le nonne.”
(E tira fuori alcuni DVD.)
“Incredibile!”
“Ma a parte i DVD, se io nel mio sito metto un filmato con la vecchia va
un casino.”
“E poi?”
“Poi i trans. Le teenager, le fighettine, sono quelle che vanno di meno.”
“Perché funzionano le vecchie?”
“Non so. Forse perché per le altre è tutto scontato. La bella è scontata.
Mentre vedere una vecchia che fa sesso è più raro. Ma non l’ho mai capito
veramente Il motivo. In un mio sexy shop di Lugano un giorno entra un
ragazzino e punta subito un film dal titolo Vecchia da morire, in cui la
protagonista ha più di settant’anni. Lui ne aveva al massimo venticinque e
non gli interessava altro.”
“Usi anche tu attrici vecchie?”
“Per quelle davvero old devi andare in Germania. Spesso sono vecchie
puttane che magari lavorano meno, non hanno nulla da perdere e si
riciclano nel porno.”
“Solo tedesche?”
“Anche qualche ungherese o della Repubblica Ceca, ma di solito sono
tutte tedesche. Almeno quelle più vecchie. Una volta ho girato in Spagna
con una di ottantaquattro anni. Una mia attrice già oltre i cinquanta mi
propone questa signora, che all’epoca faceva la maitresse e l’aveva
‘iniziata’ a prostituirsi nei bordelli: è venuta una scena lesbo più esilarante

247
che eccitante, si dicevano parolacce a vicenda.”
“Hai girato di tutto?”
“Di tutto, anche gay, sadomaso. Quando sono dietro la telecamera non me
ne frega niente, anche se le scene di violenza non le sopporto.”
“Cioè?”
“Non puoi fare un film in cui c’è una ragazza che va in bicicletta, viene
fermata, prende due schiaffi e poi ti succhia il cazzo, è istigazione a
delinquere. Perché un demente può pensare che sia una cosa che si può
fare. A meno che tu poi non faccia vedere il dopo, le conseguenze,
l’arresto, la condanna.”
“Mi stai dicendo che il porno può fare male?”
“A volte sì.”
“Io ho sempre pensato di no, è un’attività come un’altra.”
“No, no. Fattelo dire da me. Può fare male. Ti faccio un esempio. Rocco,
l’ho sentito da te alla radio, dice: ‘Non fate le cose che faccio io’, ma allora
perché lui le fa? Per business, lo capisco.”
“Adesso Rocco diventa un cattivo esempio, non diciamo stupidaggini.”
“Allora lasciamo perdere Rocco. Ti dico che da quando è arrivato il
porno per tutti sono successe cose, tipo stupri di gruppo, che prima non
ricordavo.”
“Cioè, secondo te, il porno ha fornito un contributo negativo?”
“Sì, sulla sessualità dei ragazzini. Uno cresce e già a undici anni vede
certe cose.”
“Sei una specie di pornopentito.”
“Pensano che il sesso sia quello, meccanico ed estremo, si è perso il
petting… Il porno su Internet andrebbe bloccato, in tutto il mondo.
L’accesso andrebbe impedito, senza documento non si dovrebbe entrare.”
“Tu guadagni con Internet, però.”
“Ma è un male. C’è chi si fa sei seghe al giorno, forse anche di più, esiste
la dipendenza.”
“Toglimi una curiosità. Ma quante godono sul serio?”
“Solo il dieci, quindici per cento delle donne del porno godono per
davvero.”
“Dunque la spinta sono solo i quattrini, il denaro.”
“Quello sempre. Ma ricordo una vecchia attrice, Heliene. Le si giravano
gli occhi, si vedeva il bianco. In una scena quando ho fatto stop per fare due
foto, ha dato due sberle all’attore: ‘Non smettere, non smettere.’”

248
“E gli uomini?”
“Ce ne sono tanti che vengono gratis per scopare. Il problema è che poi
non sanno fare gli attori. Ho cinquanta richieste al giorno, al massimo tre
donne l’anno. Adesso arrivano donne mature. Ma se non fanno anal non me
ne frega niente. La scena ha un valore basso, la metà.”
“Il porno sputtana chi lo fa?”
“Le donne sono subito considerate puttane. Alcune, quando poi smettono,
mi chiedono di cancellare tutto il materiale, mi fanno mandare le lettere
dagli avvocati. Ma io produco e vendo poi i diritti con le foto dei documenti
e delle liberatorie d’immagine, non posso più fare niente.”
“Però le possiamo capire…”
“Sì, certo, infatti quando cominciano io spiego bene e consiglio di girare
le prime scene con la maschera così se poi non vuole più fare niente
nessuno lo viene a sapere.”
“Perché una ragazza lo fa?”
“Soldi. Non c’è altro, almeno all’inizio.”
“Che poi quanti soldi sono? Quanto paghi tu?”
“Per una scena amatoriale con mascherina duecentocinquanta euro;
senza, dai trecento ai cinquecento se fa l’anale. Una che gira tre, quattro
pomeriggi al mese si porta a casa lo stipendio da commessa: il problema è
che in Italia una ragazza dopo aver girato un paio di scene si fa già
chiamare pornostar, fa spettacoli nei privé e poi se la tira…”
“Cosa devi avere?”
“Nessuna, solo essere predisposta. I versi poi li aggiungo in montaggio.
Ma se non sai fare i pompini e ti fa male l’anal che cazzo ti presenti a
fare?”
“Come fai a reclutare gli uomini, a sceglierli?”
“Prima facevo delle gang bang per tirare fuori uno o due che si potevano
salvare. Adesso mi sono rotto e utilizzo i miei, fidati. Anche con la
mascherina, non attori di professione, un ragioniere, un assicuratore e li uso
perché funzionano. Prima c’era uno che lavorava in una casa editrice, una
di quelle grandi, che girava senza maschera. Lo riconoscevano tutti ma se
ne fregava. Questi lo fanno per passione, perché vogliono scopare.”
“Chi è il tuo preferito?”
“Un professionista, Pierre DJ. È sicuro, e poi funziona sempre. Riesce a
scopare con certe ciccione e vecchie che io non ce la farei mai. Invece lui
prende mezzo Viagra e via. Una macchina da guerra.”

249
“Però tutti si fanno di tutto, pur di raggiungere il risultato.”
“Pillole, ma soprattutto punturine quando è necessario. Anche sul set, se
uno non riesce.”
“Addirittura. E chi le fa?”
“Se le fanno loro, arrivano già con tutto il necessario. vanno in bagno,
zac, ed escono con il cazzo duro. Ovviamente bisogna saperle fare. Fa male
quanto una puntura di zanzara. E fa effetto in due minuti.”
“Che roba è?”
“Papaverina. Iniezioni di papaverina, poi ci sono anche delle gocce per
evitare gli effetti collaterali, una specie di antidoto. Per esempio se ti resta
duro.”
“Ormai senza questa roba è impossibile?”
“Diciamo che se vai a Praga dove ci sono le grandi produzioni mondiali
del porno senza queste robe è impensabile. I ritmi sono notevoli e gli
uomini possono fare anche due scene al giorno portandosi a casa seicento
euro.”
“E i piccoli come te si salvano?”
“Io sono uno che è partito girando con quelli che mettevano la
mascherina, poi ho fatto i lavori per grandi case di produzione. Internet
oggi ha tritato tutto e tutto si può vedere. Però c’è una seconda rinascita
nell’amatoriale, bisogna proporre cose nuove, originali. Per esempio fra
poco prendo uno dei miei con una ex pornostar cicciona che tira ancora,
giro una scena e sono sicuro che va.”
“Ti vergogni di qualcosa?”
“No. In un mondo del cazzo, ho sempre pagato il dovuto, ho preteso da
tutti i test e quando non li avevano li facevo girare con il preservativo. Ho
la coscienza a posto.”
“Sei uno che campa col sesso e dici che il porno fa male.”
“Anche la repressione sessuale può generare problemi. Ma sono realista,
non ho bisogno di raccontare cazzate.”

Max Felicitas, l’emergente

“Max, quando hai iniziato a fare l’attore porno?”


“Ho iniziato a fare hard a ventun anni.”
“Qualcuno a casa sarà incazzato, immagino.”

250
“Tutti a casa sono incazzati!”
“Una volta mi hai detto che tua madre ha visto un tuo film.”
“Era un documentario su di me, e vedendo una scena mi ha detto: ‘Ma sei
velocizzato?’ In realtà avevo mandato avanti veloce una scena in cui stavo
scopando forte.”
“La mamma avrebbe il coraggio di vedere un tuo porno?”
“No, non penso. Come io non vedrei un video porno con lei.”
“Quanto guadagni all’anno con il porno?”
“Adesso sto fatturando più o meno quindicimila euro al mese.”
“Non è male. Sono quasi duecentomila all’anno.”
“Voglio sottolineare che sono l’unico che fattura in Italia. Io pago le tasse
nel mio paese, a differenza di altri attori.”
“Non sarai certo l’unico. Ma vuoi dire che mentre Rocco Siffredi fattura
in Ungheria, tu paghi le tasse in Italia? Non commette mica un crimine.”
“Scopando voglio aiutare l’Italia e gli italiani. Quelli che pagano le tasse
all’estero, secondo me, non amano l’Italia.”
Parenzo: “Strano che la Meloni non lo prenda come esempio per Fratelli
d’Italia. Onore! Onore!”
“Stai dicendo che Rocco non ama l’Italia? Dovrebbe tornare in Italia per
pagare le tasse?”
“Secondo me, sì. Assolutamente!”
“Ognuno paga le tasse dove vive, dove lavora.”
“Non voglio dire che non ama gli italiani e l’Italia, ma dico che la
dovrebbe amare concretamente. Quindi dovrebbe pagare le tasse in Italia.”
“Vabbe’, andiamo avanti. Una volta hai detto che hai un sogno erotico, la
Boschi. E poi? Altre donne con cui vorresti copulare?”
“Diciamo che ho iniziato a masturbarmi su Lory Del Santo e Carmen Di
Pietro.”
“Carmen Di Pietro, addirittura! Non con Moana o Cicciolina?”
“No, erano troppo vecchie per me.”
“Anche Lory Del Santo non è di primo pelo, diciamo.”
“Sì, è vero, però lei, le sue foto, mi hanno sempre eccitato.”
“Ti sei masturbato sulle foto di Lory Del Santo?”
“Tantissimo, e mi piacerebbe concretizzare. È stata sempre una mia
fantasia. Il sogno è fare una cosa a tre, un threesome con loro.”
“E perché dovrebbero farlo?”
“Perché io sono il futuro. Su Internet sono tra i più forti del mondo.”

251
“Le anziane ti piacciono?”
“Di recente sono andato anche con una di sessantacinque anni, era un mio
pallino.”
“Un’attrice o una persona qualunque?”
“Una signora che mi aveva scritto su Facebook.”
“Rimorchi anche su Facebook?”
“Sì, mi scrivono tantissime signore.”
“Quante volte vai fino in fondo?”
“Sempre.”
“Con tutte?”
“Il novanta per cento di quelle che mi scrivono.”
“Quante donne ti fai all’anno, hai fatto un calcolo?”
“Mi sono fatto più di millecinquecento donne.”
“Quella di sessantacinque anni com’era? Com’è andata?”
“Volevo solo farmi un’anziana, spuntare questa cosa dalla lista. Ma ho
goduto come un riccio.”
Parenzo: “Mi racconti una delle sue giornate tipo, signor Felicitas.”
“Mi sveglio, piscio nella doccia, faccio colazione e poi penso già a
scopare. Quindi inizio a cercare le mie fan, le mie scopamiche.”
“La tua giornata è sostanzialmente scopare?”
“Ieri ne ho scopate quattro. Oggi due prima di venire qui e poi ne ho una
stasera.”
“Come cazzo fai a fare tre quattro scopate al giorno?”
“Be’, sai, essendo donne diverse l’eccitazione cambia sempre.”
Parenzo: “Siamo in presenza di un malato.”
“Pensi di essere dipendente dal sesso?”
“Rispetto alle altre dipendenze, quella dal sesso è una delle migliori
perché quando scopi non fai cagate.”
“Tu dici che l’eroina o la cocaina sono peggio. Però non ne puoi fare a
meno.”
“No, no. Mi alzo la mattina e penso a scopare.”
“Senti, Max, Rocco Siffredi sostiene che le vere pornoattrici non sono
quelle che fanno i film, ma le persone comuni.”
“Su questo io e Rocco concordiamo.”
“Pure nel tuo paese, Codroipo, hai colpito?”
“Mi sono fatto abbastanza donne anche lì, diciamo.”
Parenzo: “Saranno contenti i mariti.”

252
“Anche donne sposate, immagino.”
“Ci sono tante mamme che mi dicono: ‘Aspetta che i bambini vanno a
scuola e mio marito va a lavorare.’ E io entro…”
Parenzo: “Un paese di cornuti, praticamente.”
“Mi dovrebbero ringraziare, perché quando tornano dal lavoro la moglie
non rompe le palle, è rilassatissima.”
“Questo signore ha una funzione sociale.”
“Senti, Max, quante sono le attrici che lo fanno per piacere e non solo per
soldi? Per esempio, la giovanissima Martina Smeraldi?”
“Ti posso confermare che lei lo fa proprio perché le piace il cazzo. Il
novanta per cento delle attrici lo fa solo per soldi, te lo posso garantire, ma
il dieci per cento lo fa per il cazzo, e quando trovi queste, raggiungi il
paradiso.”

Luana Borgia, che si farebbe volentieri Paolo Del Debbio

“Ragazzi, siamo collegati con uno dei miei miti. La signora Luana Borgia.”
“Per me è un onore averti come mio fan!”
“Luana ha praticamente la mia età, un anno di meno. Lei è del ’67.”
Parenzo: “Una vecchia insomma…”
“Ma non è una vecchia, ha cinquantadue anni, che dici!”
“Che vecchia, che vecchia! Te lo faccio vedere io chi è la vecchia!”
Parenzo: “Vabbe’, è un’anziana pornostar…”
“La ragazza è ancora un gran bel pezzo di figa!”
“Bravo, bravo, sei un amore, Cruciani!”
“Io faccio fatica a definirla ex pornostar.”
“Infatti sono ancora una pornostar. Tutte le settimane faccio i miei
spettacoli.”
“Però non fai più film.”
“Ho smesso di fare film perché non li fanno più come li facevo io,
altrimenti avrei continuato.”
“Caro David, ricordo una produzione magnifica del regista Andy
Casanova, Il confine. Vuoi riassumere brevemente la storia, perché mi
ricordo la signora Luana Borgia in tutto il suo splendore… Una pietra
miliare. A un certo punto lei si trova in un garage insieme a tre…”
“Sì, sì, insieme a tre ragazzi… E da lì inizia una bellissima scena hard

253
con doppia, rapporto orale, rapporto anale, di tutto e di più!”
“David, tu sai cos’è la doppia?”
Parenzo: “No.”
“È un rapporto anale e vaginale contemporaneamente.”
“Nel Confine la Borgia è la moglie di un signore che la porta in giro e per
farla contenta la lascia trombare da altri.”
“Almeno posso dire che nella vita mi sono tolta tutte le voglie.”
“Qual è la voglia che non ti sei ancora tolta?”
“Me le sono tolte tutte. Ho fatto scene lesbo, con tre uomini… Non mi
manca più nulla.”
“Nella vita privata hai un compagno?”
“Sì, ho un compagno, ma è come se non lo avessi, non ci vediamo mai,
per cui mi ritengo quasi single. Sono sincera, spesso mi masturbo.”
“Ma fate anche scambi di coppia, andate nei locali?”
“Sì, ogni tanto abbiamo provato anche gli scambi di coppia. Lui voleva
farlo e io l’ho accompagnato. È una cosa naturale, divertente.”
“Tu cosa consigli a una ragazza che ha difficoltà a fare sesso anale?”
“Be’, io sono un’amante del sesso anale!”
“All’uomo piace tanto.”
“È una questione di dominio.”
“Qualche femminista potrebbe incazzarsi per quello che dici.”
“A me piace essere posseduta dal mio uomo, sottomessa.”
“Se una ragazza ha dei tabù, come li supera?”
“Devi comunque lubrificare bene, e poi è una questione di respirazione,
di diaframma. Durante la penetrazione devi respirare lentamente, lasciarti
andare, e vedrai che il dolore passa subito.”
“Però devi spiegarmi una cosa. È vero che hai un’attrazione per Paolo
Del Debbio?”
“L’ho conosciuto quando lavoravo in Rai con Paolo Limiti.”
“Hai detto addirittura che ti bagni quando lo vedi.”
“Mi piace perché è un grande giornalista, e poi mi piace come uomo, mi
eccita, non lo so.”
“Lo vedi in televisione e ti bagni.”
“Sì, lo vedo e mi eccita.”
“Ma cosa gli faresti al signor Paolo Del Debbio?”
“Be’, gli farei di tutto… Innanzitutto un bel rapporto orale e in questo
sono molto brava!”

254
“Registriamo che la prima cosa che Luana Borgia vuole fare al signor Del
Debbio è un rapporto orale.”
Parenzo: “Sarà contento, il professore…”
“E poi mi concederei in tutto: rapporto anale, rapporto vaginale, tutto!”
Parenzo: “E con Mario Giordano, per intenderci?”
“Mario Giordano mi è molto simpatico. Lui però è un tipo più da
giocarci…”
Parenzo: “In che senso?”
“Nel senso giocarci con dei giocattolini, dei toys…”
“Dei toys su di lui, tipo strapon?”
“No, no. Tipo che io mentre mi masturbo lo faccio eccitare e si fa una
sega davanti ai miei occhi.”
“Saresti disposta a farlo anche davanti al tuo fidanzato, con Del Debbio?”
“Sì, non ci sarebbe nessun problema.”
“Allora la prossima volta che vado in trasmissione da Del Debbio gli dico
che lo vuoi scopare e che sei tutta aperta e disponibile per lui. D’accordo?”
“Sì, diglielo pure.”

Tommy ’a Canaglia e Lady Muffin

“David, ti presento la coppia più bizzarra del porno italiano. Sono qui negli
studi della radio.”
Parenzo: “Perché sono venuti così presto?”
“Perché sono con il loro figlioletto che deve rientrare presto a casa.”
Parenzo: “Che famiglia incredibile!”
“Ecco a voi Tommy ’a canaglia e sua moglie Lady Muffin.”
Tommy: “David, non guardare sotto il tavolo perché mia moglie non
porta le mutandine.”
Lady Muffin: “Non le metto mai…”
“La signora Lady Muffin è un po’ casta rispetto al solito… Però se si
scopre leggermente, ecco… Possiamo vedere una tetta… Puoi anche
rimettere dentro, grazie!”
Parenzo: “Però, ragazzi, siamo pur sempre nella sede del ‘Sole 24 Ore’.”
“Chissenefrega. Sotto il vestitino è completamente nuda, calma, calma
con questa gonna.”
Parenzo: “Mah, ragazzi, è incredibile.”

255
“Tommy, fai anche un altro lavoro?”
Tommy: “Faccio anche l’autista e il soccorso stradale. Col porno non si
guadagna quasi un cazzo.”
“E tu invece?”
Lady Muffin: “Faccio la modella alternativa: non sono la classica taglia
36/38.”
“Non vi siete rotti il cazzo dopo vent’anni di scopare solo tra voi?”
Lady Muffin: “Mai!”
Tommy: “Anche perché noi nel privato comunque giochiamo. Andiamo
in giro, sabato sera eravamo in un club privé a Milano.”
“Tu sei bisex, giusto?”
Lady Muffin: “Sono da sempre bisex, giochiamo solamente con le
femmine delle coppie.”
“Ma le scegliete, oppure vanno bene quelle che capitano?”
Lady Muffin: “Be’, è sempre meglio dalla quarta in su, però…”
“Vi piacciono con le tette grosse, se sono piatte no?”
Tommy: “Sì, anche la terza naturale va bene.”
Lady Muffin: “Io ho delle difficoltà, preferisco tette grosse.”
“Da sempre ti piacciono maschi e femmine?”
Lady Muffin: “Da quando ero piccola.”
“Tuo figlio che è qui dietro il vetro sa tutto? Quanti anni ha?”
Lady Muffin: “Undici.”
“A undici anni? Questa cosa un po’ mi sconvolge.”
Lady Muffin: “Sì, lui sa tutto.”
“Anche dei film porno, vede pure i film porno?”
Tommy: “Assolutamente no. Non li vede, ma sa cosa sono.”
Lady Muffin: “Non li vede, ma sa che li facciamo.”
“Adesso è qui che sta ascoltando, sa che fate sesso anale… che andate
con più persone. Ma ragazzi, ha soltanto undici anni!”
Tommy: “Ho capito, ma guarda che sono cambiati i ragazzi di undici
anni.”
Parenzo: “Ma che porcheria è?”
Tommy: “Stai tranquillo, David.”
Parenzo: “Io sono allibito. Per me la signora Muffin può girare anche
nuda, non è che la cosa mi sconvolge. Può andare in giro senza mutande e
raccontarlo a chiunque, non è un problema. Può andare dal direttore del
Sole a dirglielo, che vuoi che ti dica? Non sono di certo io a dire alla

256
signora Lady Muffin non accoppiarti con altre dodici persone, però questa
cosa non può passare come normale. Non vorrei che tutto questo diventi
normale.”
Tommy: “David, ascolta. Io sto con mia moglie da vent’anni, venti
lunghi, fottutissimi anni. E sto bene con lei. Sai quante coppie che
andavano in Chiesa o comunque frequentavano la Chiesa ho visto
separarsi?”
Parenzo: “Ma la signora non porta le mutande, lo dice a tutti, fanno le
orge. È normale tutto questo? Ditemelo voi…”
Lady Muffin: “Al massimo in tre, è il numero perfetto.”
Parenzo: “Ok, però la cosa che per me non è normale è la questione del
figlio.”
Lady Muffin: “Noi però non ci vediamo nulla di anormale.”
“Ma se loro vogliono vivere così?”
Lady Muffin: “Nostro figlio sa che facciamo sesso e ci scambiamo
dell’affetto. Ma non sa cosa facciamo nel porno.”
“Sa che andate nei locali e che fate sesso con altre coppie?”
Lady Muffin: “Sì, lo sa, lo sa perfettamente. Sa che io sono bisex. Gli ho
sempre detto che nella vita può fare tutto quello che vuole.”
“Tuo figlio a undici anni sa che sei bisex?”
Tommy: “Sì assolutamente lo sa.”
“Te lo dico perché sono sorpreso, potrebbe essere una grande apertura
mentale. E sa anche che non porti le mutandine?”
Lady Muffin: “Certo che lo sa. Vero che lo sai, amore? Vedi che lo sa, mi
ha fatto ok col dito.”
Tommy: “David, sai perché mia moglie non porta le mutande? Perché si
soffoca il…?”
Lady Muffin: “Il culo! Ho caldo, sto male, mi manca l’aria da quando ero
piccola. Vedi, David?”
(Alza la gonna.)
Parenzo: “Ma lasci stare quella gonna, cosa fa? Nella sede disegnata da
Renzo Piano…”
“Hai mai goduto per finta in una scena?”
Lady Muffin: “Se mi dicono vieni sette, otto, dieci volte, io riesco a
venire perché comunque mi faccio toccare in determinati punti, oppure
anch’io tocco qualcosa o penso a qualcosa che mi fa eccitare e riesco a
squirtare tutte le volte che devo.”

257
“Secondo il copione della scena?”
Lady Muffin: “Esatto.”
“E come fai a simulare un orgasmo?”
Lady Muffin: “Posso fare i versi?”
Parenzo: “Ma no, sono le 20 e 28!”
Lady Muffin: “Ah… Aaah… Sì… Sì… O mio Dio… Aaaah! Sì! Sì!”
Parenzo: “Ho visto tra l’altro che durante la pubblicità hai toccato il piede
della signora, anche questo non è normale all’interno della radio della
Confindustria.”
“Stavo solo verificando com’era il piede, sai che sono appassionato della
materia.”
Parenzo: “Comunque ci ha chiamato un ascoltatore che vuole togliere il
figlio a Tommy e Lady Muffin.”
Lady Muffin: “E perché mai!”
“Gabriele, buonasera, perché vuoi togliere il figlio a Tommy e a Lady
Muffin?”
Gabriele: “Perché loro possono scegliere di educare il figlio come cazzo
vogliono, ma non corrompere un bambino mettendolo a parte di tutte le
loro porcherie, le loro attività pornografiche, il sesso anale, simulare gli
orgasmi davanti a lui. Uno schifo.”
Tommy: “Tu sei sposato? Hai famiglia, fenomeno?”
Gabriele: “Questo non c’entra niente! Qui deve intervenire il tribunale dei
minori!”
Tommy: “Tu sei un padre di famiglia?”
Gabriele: “Non c’entra niente!”
Tommy: “Eh, no! Devi metterci la faccia! Come faccio io! Coglione!
Coglione! Mettici la faccia!”
“Calma! Calma! Fermi!”
Tommy: “Io ci metto la faccia! Mettici la faccia! Coglione!”
Parenzo: “Ha ragione il signore, però!”
“Gabriele, ti ha chiesto se hai dei figli, puoi rispondere?”
Gabriele: “Non c’entra niente se io ho figli. Però lì c’è un bambino la cui
psiche viene traviata dal comportamento di quei depravati.”
“Raccontano al figlio quello che fanno, punto e basta!”
Gabriele: “Bene, complimenti, qui deve intervenire un magistrato! È
incredibile che possano lasciare un bambino piccolo a due come voi.
Incredibile!”

258
(Gabriele sbatte giù il telefono.)
“Tommy, Gabriele si è incazzato di brutto.”
Tommy: “Sì, ma il mio amore David mi ha difeso.”
Lady Muffin: “Gli squirterò sulle scarpe appena lo vedo.”
Parenzo: “Oh, Madonna mia!”
“Tommy, è vero che vuoi farti David?”
Tommy: “Sì, una slinguata in bocca gliela darei a Parenzo.”
Parenzo: “A chi, cosa?”
“A te David.”
Parenzo: “Ma io chiamo il capo della Protezione Civile.”
Tommy: “Se ti porto in un posto per scambisti tu diventi matto.”
Lady Muffin: “Ti squirto sui piedi nudi.”
Parenzo: “Mamma mia! Mamma mia!”
“È vero che ogni tanto vi fate pagare dalle donne per fare sesso?”
Lady Muffin: “Mi hanno contattato due lesbiche e hanno pagato solo me.
Ormai chi fa porno fa anche esibizioni dal vivo e poi fanno le
accompagnatrici, diciamo così.”
Tommy: “Si guadagna solo con la prostituzione.”
“Se una donna vuole fare una serata con voi, quanto chiedete?”
Tommy: “Su Milano duecento, duecentocinquanta euro, fuori Milano
trecento, anche di più.”
Lady Muffin: “Noi abbiamo prezzi modici.”
Parenzo: “Signora, cosa sta facendo a quella sedia?”
Lady Muffin: “Mi struscio bene, qualcosa resterà.”
“Non squirti sulla sedia, la prego!”
Parenzo: “Ma quella è la sedia dove siede anche Barisoni: che vergogna!”
“Voglio concludere così: signora Lady Muffin, mi rifaccia un orgasmo
per l’ascoltatore di prima, quello che vi ha attaccato sul figlio.”
Lady Muffin: “Ooooh… Aaaah… Aaaah! Oh! Oh!… Sì! Sì! Ancora!
Aaaaah aaaah! Sì! Sì! Sì!”
Parenzo: “Cosa si può fare di più?”
“Benissimo, applausi alla signora Lady Muffin, applausi!”

Alex Magni, il re delle casalinghe

“Sono le donne italiane che mi cercano, ma il problema è che non vogliono

259
più gli italiani perché non funzionano più, hanno tutti i piselli smenci…”

Alex Magni, toscano, classe 1970, è un personaggio cult per gli amanti dei
film hard amatoriali, quelli realizzati con gente comune, senza
professionisti del settore. Lui è spesso l’attore principale, e anche regista e
autore delle produzioni della “CentoXCento”. Le donne? Alcune pensano
di sfondare nel mondo del porno, la maggior parte sono esibizioniste, quasi
tutte girano col volto coperto e hanno voglia di provare nuove esperienze
sessuali. Magre, grasse, giovani, tardone, anziane, “ce le famo tutte” dice
lui un po’ spaccone, realmente sex addicted. Basta sfogliare il suo catalogo
per farsi un’idea: La prima volta di Marta da Calenzano da incinta, La
prima volta di Loretta la mignotta e Calinda l’amica, Balorde ingorde,
Genova sporcacciona, Giuliana la zozza di Cecina, O mi dai il cazzo o mi
incazzo, Ad ogni uccello il nido è bello, e c’è anche l’esplicito Doppia in
culo, ci vuole duro di sicuro.

“Tutti piselli smenci, flaccidi, mosci, come al solito Alex stai


esagerando…”
“È così. Adesso queste mie casalinghe vogliono i neri. Se chiudono i porti
è un casino. Dove andiamo noi europei con questi piselli standard di 12
centimetri? Arrivano questi ragazzotti senegalesi, tanta roba. E poi sono
sempre disponibili.”
“Cioè?”
“Seriamente, il nero è fatto così. Lo chiami il giorno prima per il giorno
dopo e viene a trombare. Sempre pronti. Chiami l’italiano e dice ‘ma
quanto dura la scena, ma con chi devo scopare, ma quanti anni ha’. Questi
invece arrivano e, pam pam, trombano e via, ciao Alex e se ne vanno. Poi le
casalinghe mi chiedono il numero di telefono di questi senegalesi e io dico:
‘Ma questi non hanno manco i documenti, cosa ti posso dare…’”
“E tu non tiri fuori un euro…”
“Hanno una gran voglia di scopare gratis. Fosse per me tante violenze
sessuali, tanti stupri degli stranieri non ci sarebbero. Amici neri se volete
chiavare, se avete voglia di figa chiamate me che ve lo faccio fare gratis.”
“Quante donne comuni e sconosciute sono passate da te?”
“Fino a oggi, in venticinque anni, quasi cinquemila femmine. È un quarto
di secolo che facciamo trombare l’Italia. Comprese trav e trans, sia chiaro.
Più o meno il conto è questo.”

260
“Perché donne sposate e casalinghe si offrono gratis per girare i tuoi
film?”
“Nella maggior parte dei casi la colpa è dei mariti e della prostata,
dovrebbero andare sempre dall’urologo. Sono vittime della prostata.”
“Ma le varie Marta, Carlotta e compagnia cantante lavorano, fanno
qualcosa nella vita?”
“Guarda, arruolo più infermiere io che gli ospedali pubblici. E tante
furbette del cartellino, impiegate che timbrano e poi vengono a trombare da
me.”
“Le regioni d’Italia dove peschi più? Toscana a parte, ovviamente…”
“Le migliori femmine in assoluto sono le pugliesi. Mamma mia… Ma
non la pornostar famosa, quella non ci interessa, lasciatela perdere. Ma le
donne vere, pugliesi, quelle sono il top. Poi in genere tutto il meridione, al
Nord c’è troppa industrializzazione della figa.”
“Ma le professioniste, o quelle che lavorano nell’hard, proprio non ti
piacciono?”
“Sono finte, ci faccio il brodo. Ve le regalo tutte, io vi porto in
trasmissione delle maiale che nemmeno immaginate. L’ultima che ho
scoperto è Veronica di Barletta, una che sta insieme a un vigile urbano. E
poi vuoi mettere come godono? Sono maiale, è tutto più naturale. Ti faccio
i rumori delle pornostar e il rumore delle casalinghe, attenzione!”
“Sì, vai.”
“Pornostar che tromba: ‘Oh sì, oh sì, oh sì…’”
“Invece la casalinga?”
“Casalinga che tromba: ‘Ah sì, dài, dammelo tutto! Spaccami tutta! Oh,
come ce l’hai duro!’”
“Ho capito! Parlano, sono vive, vere: questo vuoi dire!”
“Sì. ‘Mio marito arriva fra un’oretta, rompimi tutta…’”
“David, tu lo conosci il signor Alex Magni?”
Parenzo: “No, io non lo conosco.”
“Oh ma con chi stai parlando? Come non conosci Alex Magni? Ma chi è
questo, uno che si sega o no?”
Parenzo: “No, più che altro sto vedendo su Internet i titoli delle sue
opere.”
“Cruciani ma chi ospiti? Devi portare i porconi, gente che si sega e vedi
subito che sanno chi è Alex Magni.”
“Alex, Tu fai impresa, hai una piccola azienda, come molti qui di

261
Confindustria…”
“Io sono un umile lavoratore, sono chiamato per andare a trombare. Sono
quello che fa segare mezza Italia Quindi sono importante! Insegno a
godere.”
Parenzo: “Il signor Magni…”
“Popolo di Radio24, segatevi almeno due volte al giorno.”
“Questo è il tuo programma?”
“Sì, sì, sì. Trombare! E poi segarsi nelle pause.”
“Possiamo dire, Parenzo, che Alex Magni è un neorealista dell’hard…”
Parenzo: “No, no, questo non lo accetto. Tu puoi fare tutte le trasmissioni
che vuoi, tutte le interviste che vuoi! Ma che il nome del signor Magni
venga accostato al neorealismo è assolutamente una bestialità!”
“Professor Parenzo, si calmi. Li ha mai visti i nostri film?”
Parenzo: “No!”
“Eh, allora non puoi parlare.”
“Magni, sei mai andato con il maschi? Insomma, sei bisex?”
“Ci sono dei vantaggi enormi, mi creda…”
“Dunque?”
“Sì, sono bisex. Oddio, sono più per la cicala, però quando arriva… E sul
set vado anche con i trans.”

Il barone del marmo di Carrara e Valeria di Sarzana

“Mi sta chiamando mezza Italia per sapere chi è l’imprenditore del marmo
di Carrara che ci ha chiesto di trombargli l’amante, come se fosse una cosa
strana. Sono vent’anni che trombiamo le donne di imprenditori e politici
che si spippettano.”
(Alex Magni è al centro di uno scandalo dopo un video girato a Sarzana,
in provincia di La Spezia, con una quarantenne, Valeria, sposata, amante di
un noto imprenditore del marmo di Carrara che l’ha praticamente portata
sul set di un film porno. Valeria, capelli rossi, maschera dorata, calze a rete
e una specie di tubino nero, prima di esibirsi in una gang con diversi
maschi, parla della sua vita: “Ho scoperto il mio corpo e il piacere da
ragazzina, ho fatto sesso la prima volta tardi a diciassette anni e non mi
sono mai fermata. Nel senso che non sono mai stata per un periodo di una
settimana o dieci giorni senza farlo. Alex l’ho cercato io, volevo provare e
mi è piaciuto tantissimo. Sono sempre stata un maschiaccio, circondata da

262
uomini. Mi diverto a provocare loro e le donne, sono tremenda… Se un
uomo mi piace, ho sempre frequentato persone di altissimo livello, faccio in
modo di arrivare al ‘dunque’ e divertirmi. Sono stata l’antesignana della
teoria del ‘trombamico’, come dicono i giovani. Ne ho avuti tanti, ma
tanti…Con mio marito ci amiamo profondamente, siamo una cosa sola, ma
il sesso non ci vincola anche se un po’ di gelosia c’è. Il sesso mi rende
libera rispetto a moltissime donne dalle quali mi sento diversa. E lui si
diverte con me anche guardandomi con altri uomini mentre faccio sesso. E
poi sto benissimo, l’energia e l’adrenalina quotidiana è meravigliosa, sono
convinta che una donna debba provare tante esperienze… E sia davanti alle
telecamere che nella vita normale non mi accontento, voglio un sesso
appagante, altrimenti mi arrabbio. Pretendo le grandi performance, ecco.”
In un filmato realizzato da Magni racconta come il suo amante sia “molto
conosciuto in città” e sia “molto generoso con lei”, tanto da averle regalato
per il compleanno “una Panda nuova di zecca”. Poi dice che la scelta di
farsi immortalare nel filmino per adulti sia stata presa assieme al suo
“ganzo” che si trova nella stanza con lei in quel momento.)
“Voi ragazzi mi rompete i coglioni sempre quando c’è qualche bella
figona però…”
“No aspetta, aspetta…”
“Sì, quando ho le tardone e pure ciccione non mi chiamate mai.”
“Alex, come l’hai trovata questa qui?”
“Questa è tanta roba ragazzi. A questa piace il dollaro. Questa non è che
la porti dal cinese e te la cavi così. A Carrara girano i soldi e quelli che li
hanno spadroneggiano, se passa una ragazza che vale la pena, quelli
schioccano le dita e se la portano a casa. Così un imprenditore carrarese del
marmo mi ha fatto conoscere Valeria, una bella signora che a quarant’anni
anni, senza lavoro, accetta qualsiasi perversione. Per un’utilitaria nuova di
zecca ha accettato di posare per me.”
“Sempre in mascherina, ovviamente.”
“Certo. Proprio ieri ne ho comprate un centinaio. Tanta roba.”
Parenzo: “Ah ma con la mascherina si fanno riprendere, non in faccia.
Vedete che esiste ancora una soglia della vergogna? Almeno ditelo che
queste quattro casalinghe vogliose con i loro mariti porci fanno una
trasgressione fino a un certo punto, perché poi devono tutelare il loro
onore.”
“Alex, c’è qualcuno che gira senza mascherina? È successo?”

263
“No, si perderebbe tutto. Il bello è anche quella maschera che nasconde il
viso, il senso del proibito.”
“Secondo alcuni studi, le coppie sono più felici quando fanno sesso con
una terza persona.”
“Sì, va molto il cavallino. Io sono il cavallino di tante coppie! Anche
perché questi mariti fanno quello che possono.”
“Tu hai mai fatto un calcolo di quante coppie ti sei scopato in tutta la tua
carriera?”
“Be’, difficile contare. Ma certo sopra i mille.”
“Ma ogni anno quante ne recluti di queste casalinghe vogliose?”
“Senza esagerare ho una media di una, due nuove reclute a settimana.”
“Le cerchi tu oppure chiamano loro?”
“Queste maialette non le trovo sull’elenco telefonico. Vuoi vedere che ci
chiamano loro? E se dovessi perdere la mia agenda dovrei scappare in
Amazzonia. Ci sono mogli di gente importante. Anche una consigliera
comunale del Pd qualche anno fa. E sul set giro insieme a Stecco Ducale,
che non ha nulla da invidiare a Rocco Siffredi. Anzi.”
“Usi le pilloline?”
“Sempre, senza non si può fare nulla.”
“Rocco dice che non lo usa mai.”
“Sì, certo. E io sono un astronauta. Senza pasticca e altre cose non si fa
nulla, fratelli.”
“Qual è la differenza tra te e Rocco?”
“Lui ha il pisello più grosso, ma poi lui è più bravo, io no. Lui vola alto,
io volo basso. È chiaro, palese. Noi facciamo due cose totalmente diverse.
A me non interessa quello che fa lui e a lui non interessa quello che faccio
io.”

Omar Galanti: “Mi scoperei pure una morta”

“L’altro giorno Rocco Siffredi ha detto che non ha eredi, nessuno è alla sua
altezza. Però ha fatto due, tre nomi, e tra questi un italiano, il signor Omar
Galanti.”
“Ciao ragazzi, lusingato, ma mi sono ritirato nel 2013.”
“Da quattro anni non giri più scene hard, perché?”
“Ho deciso di fare il papà a tempo pieno perché avevo una figlia che mi

264
reclamava.”
“Di quanti anni?”
“Adesso ne ha undici, è grandicella.”
“Quando le spiegherai cosa ha fatto il padre?”
“Adesso è presto.”
Parenzo: “Logicamente con un po’ di imbarazzo, spiegarlo a una figlia è
dura…”
“Ma no… Non c’è niente di più facile che spiegare le cose ai bambini
perché sono delle spugne e capiscono esattamente quello che gli diciamo.”
“Ma perché hai lasciato, Omar?”
“La prima motivazione te l’ho detta. Poi ormai si raschiava il fondo del
barile. Non c’è più pane da mordere in questo mestiere…”
“Mi dicono che il fisco ti sta massacrando.”
“Sì. Quando ho smesso, mi è arrivata subito una bella cartella esattoriale
che mi ha piegato in due.”
“Addirittura! Ma quanto?”
“Parecchio, parecchio… Molti zeri!”
“Quanto? Un milione di euro?”
“Eh, sì, più o meno un milione.”
Parenzo: “Saranno tasse non pagate…”
“Sostengono che ho guadagnato milioni, ma vado in giro con un
Berlingo, una familiare.”
“È vero che i finanzieri si sono messi a vedere i tuoi film?”
“Purtroppo sì. Uno si è fatto una marea di pippe!”
“Perché si sono messi a vedere i tuoi film?”
“Hanno fatto tutta la filmografia, scena per scena, produzione per
produzione, per fare un conto di quanto avrei potuto spendere, persino per
mangiare e dormire.”
“Fammi capire, un finanziere si è visto tutte le scene per capire quanto
avresti incassato in ogni scena?”
“Sì, più o meno così!”
“E quanto ha calcolato?”
“Per esempio, per le scene del 2008 mi chiedono 104.000 euro!”
“Come hanno fatto a fare questo calcolo?”
“Hanno calcolato mille euro a scena tolte le spese di viaggio, per cui
ottocento euro a scena. Ma chi li prende ottocento euro a scena, ma quando
mai!”

265
“Una roba incredibile. Ha ragione Rocco che è andato in Ungheria. Mica
ci sono questi problemi in Ungheria.”
“A proposito di Rocco e di misure, è vero che tu hai il cazzo con il
diametro più grosso del cinema porno?”
“Sì, direi proprio di sì.”
“Quant’è, a livello di diametro, c’è un calcolo?”
“Sì, è sette centimetri.”
“Lunghezza?”
“Siamo sui ventiquattro, più o meno.”
“Ok, un 24x7. Ma sei più dotato di Siffredi? Chi vince?”
“Mah, diciamo che il mio essendo storto sembra più corto, perché gira un
po’ a sinistra. Però come diametro vinco io. Be’, lui vince su tutto. Che
cavolo, almeno il diametro lasciatemelo!”
“Te lo lasciamo… Sì, almeno il diametro.”
“Perché hai deciso di fare l’attore hard?”
“Ero convinto di diventare ricco, e invece no.”
“Non si diventa ricchi con il porno?”
“Assolutamente no. Oggi non si diventa ricchi.”
“Mi dicono che fai l’istruttore di mountain bike?”
“Sì, sto studiando per diventare un istruttore federale di ciclismo a tutti
gli effetti. Preparatore, allenatore e direttore sportivo.”
“Nelle ultime settimane abbiamo parlato molto qui alla radio di sesso
anale, se fa male, come bisogna iniziare e altre cose. Tu che dici?”
“Intanto bisogna saperlo usare. L’anale non fa male quando è duro.”
“Ah, non fa male quando è duro?”
“Assolutamente, perché scivola meglio. Immagina un copertone di una
macchina gonfiato al massimo: quando acceleri slitta; invece una gomma
sgonfia aderisce di più all’asfalto. Se aderisce fa male.”
“Ah, giusto, non ci avevo pensato.”
“Immaginate il pisello che entra dentro le pareti dello sfintere, se è duro
scivola bene, se è molle strappa.”
Parenzo: “Vabbe’, adesso questo…”
“Ma è una teoria eccezionale, assolutamente credibile.”
“No, non è teoria, è pratica applicata.”
“Allora, riassumendo, più è molle e più fa male. Più è duro e meglio
scivola.”
“Esatto!”

266
“Professoressa Silvana De Mari, ascolti gli esperti.”
“Chi è la professoressa De Mari? Se ha bisogno, mi rendo disponibile!”
“È un medico, contraria al sesso anale. Comunque riferiamo della sua
disponibilità.”
Parenzo: “Sarà sicuramente felice.”
“Senti, Omar, scopi più adesso o prima?”
“Be’, sicuramente scopavo più prima, adesso scopo sulla bicicletta.”
“Sei fidanzato, sposato?”
“Sono felicemente sposato con due stupendi bambini.”
“Tradisci?”
“No, assolutamente, neanche nei sogni.”
“Come ha fatto tua moglie a sopportare la tua carriera nel porno?”
“Apertura mentale, credo.”
“Hai un sogno erotico?”
“Sì.”
“Qual è?”
“Trombarmi una morta per vedere se riesco a farla tornare in vita.”
“Ma è necrofilia, questa…”

“Ho fatto di nuovo qualche scena, solo per scopare”

“Mantieni ancora le tue misure, non è che col tempo il tuo cazzo diventa
più piccolo?”
“Ma no, sono ancora giovane.”
“Hai detto di esserti ritirato, ma ho visto qualche tua scena recente.”
“Ho fatto qualcosina, qualche puntatina. Poca roba.”
“Come mai?”
“Non per soldi. Col porno non si diventa ricchi, tranne Siffredi che è
diventato un’icona.”
“Oggi come campi?”
“Avevo un negozio di bici. Vivo con l’azienda di famiglia, che c’era
anche quando facevo il porno. Guadagno di più adesso. Con il porno adesso
stai all’estero tutto il mese e quando va bene mandi a casa mille,
millecinquecento euro.”
“Gli uomini, non le donne.”
“Le donne arrotondano quasi tutte facendo le escort.”

267
“Se a tua moglie dicessi che vuoi ricominciare, lei cosa direbbe?”
“Mi taglierebbe il cazzo.”
“E ci vorrebbe una forbice notevole. Hai poi raccontato a tua figlia quello
che hai fatto?”
“Sì, ci siamo seduti e le ho detto chi ero e ciò che ho fatto. Prima che
glielo dicessero gli altri. Ma lei mi ha risposto che già lo sapeva.”
“Con tua moglie che rapporti sessuali hai?”
“Mi sfogo in bicicletta e con lei penso di essere un po’ sopra la media di
un italiano normale.”
“E le seghe?”
“Assolutamente sì, se non c’è la pugnetta non si vive. A volte anche tre,
quattro al giorno.”
“Tua moglie ha paura delle tue dimensioni?”
“No, lei no. È abituata. Altre in passato si sono rifiutate di girare con me.
Non per le dimensioni, ma soprattutto per il modo di fare sesso.”
“Perché sei molto brutale?”
“Sì, parecchio. Meno di Rocco, ma sono aggressivo. È la mia natura.
Tendo ad ammazzare, però…”
“Però?”
“La porto avanti solo se vedo che la donna ci sta, se le piace, se godo.
Altrimenti mi smonto. La mia libertà finisce dove finisce la sua. La
dominazione mi piace, la violenza no.”
“Qual è il posto dove ti piace di più scopare?”
“In piedi con la donna appoggiata su un cubo alto un metro. Lì sono io il
padrone del mondo.”
“Hai mai pensato di essere malato di sesso?”
“Certo, infatti faccio un sacco di chilometri in bicicletta. E altrimenti
perché avrei ricominciato a fare qualche scena?”
“E i trans?”
“Sono sempre un fantasma. Li ho provati all’inizio della professione. Ma
ti racconto una scena degli esordi.”
“Vai!”
“Stavo girando a Barcellona, eravamo in una gang, cinque, sei uomini e
una donna. Ero ancora agli inizi e non mi facevano entrare. Allora col
pisello duro mi sono fatto largo dicendo, ragazzi, se non mi fate partecipare
va a finire che inculo qualcuno.”

268
Franco Trentalance, come allenare il pene trattenendo la pipì

“Quanti film in vent’anni, Franco?”


“Più di quattrocento, per l’esattezza 445.”
“Una vita passata nell’hard. Si ritira Franco Trentalance, classe ’67, uno
dei pornodivi più conosciuti. Chi metti nel tuo podio delle attrici?”
“Sul podio metto Angel Dark, slovacca, grande patata, quarta naturale,
grandi prestazioni, leggero strabismo di Venere e pure simpatica. Poi Nikki
Blonde, ungherese. E il fisico più incredibile che abbia mai visto, Mia
Diamond, ungherese di origine orientale. Queste sono il top. Con le italiane
ci diventavo troppo amico e la carica erotica diminuiva.”
“Hai mai sofferto la rivalità con Rocco Siffredi?”
“Non ho mai sofferto la fama di Rocco, per niente. È da un po’ di anni
che va e viene dal porno, dice che smette e poi ci ripensa. La differenza con
me è che è sposato. Quando non fa i film, ha sua moglie, quindi una sola
partner. E le cose cambiano. Mentre per me cambia poco, perché sono
single e posso fare quello che voglio nel privato. Mi diverto di più.”
“Anche tu come lui sei malato di sesso nel privato?”
“Un po’ sì, altrimenti non avrei fatto questo lavoro per vent’anni. Non ne
posso fare a meno, mi masturbo almeno una volta al giorno, la mattina
stimola il risveglio e la sera il sonno. Ma ogni anno faccio due settimane
senza sesso, sotto Natale. Lo faccio apposta.”
“Come si allena il pisello a questa attività? C’è un metodo?”
“Io ho il mio. Quando fai la pipì, bisogna trattenere e rilasciare, trattenere
e rilasciare. Così si allenano i muscoli pubo-coccigei e la performance
migliora a livello di erezione, durata e controllo.”
“E dell’Aids hai mai avuto paura?”
“No, mai. Ci sono test severissimi per gli attori porno. In vent’anni mi
sono preso solo un’infezione alle vie urinarie, ma con una babysitter che
non era un’attrice porno. Fuori dai set. Aveva una faccia d’angelo e
invece…”
“Quanto hai guadagnato in questi anni?”
“Non arrivo al milione di euro.”

“Caro Parenzo, ecco Franco Trentalance.”


“Ciao ragazzi, voglio chiedere a Parenzo se ha seguito il mio consiglio.

269
La manovra di Kegel la fai?”
Parenzo: “Manovra di chi?”
“Di Kegel. Trattenere l’urina per rinforzare l’apparato.”
Parenzo: “Chiedo scusa se non ho messo in pratica questo suo consiglio.”
“Parenzo invece la conosce bene, è rimasto scioccato quando ne abbiamo
parlato.”
Parenzo: “Franco Trentalance. Lo presenti come fosse un ministro.”
“Ci sono persone che passano e persone che restano. Franco è conosciuto
da tutti.”
Gottardo: “Chi non ricorda Moglie del dentista, Pippi e i cazzi lunghi,
Maurizia in Paradiso, un film indimenticabile.”
“Grande, grande. Senza dimenticare Babba Natale.”
Gottardo: “E poi Suor Ubalda 1 e Suor Ubalda 2, Crudo amore,
Sodomizzami, godo, Stupri italiani 1, 2 eccetera.”
“Capolavori. Franco, Siffredi ha detto di essere la serie A del porno e ti
ha messo nelle serie inferiori. E poi nega addirittura di conoscerti, di averti
mai incontrato su un set. Ma com’è possibile?”
“Non amo le polemiche, ma in realtà ho girato due film con Rocco come
regista: uno nel 1995 e uno nel 1996, insieme all’attrice Sandy Balestra, che
forse qualcuno ricorderà. E inoltre facemmo insieme, come attori, un
servizio fotografico a Roma prodotto dal buon Riccardo Schicchi. Però
allora avevo i capelli e non ero rasato come oggi, forse per questo Rocco
non si ricorda.”
“E la storia della Promozione e della serie A?”
“Ho imparato con il tempo che nutrirsi eccessivamente del proprio ego
non è mai salutare. È come se Vasco Rossi dicesse che Cesare Cremonini o
Biagio Antonacci non sono artisti di serie A perché non hanno riempito tutti
gli stadi che ha riempito lui. Siccome Vasco è una persona intelligente non
l’ha mai detto e probabilmente non l’ha mai pensato.”
“E dunque?”
“La verità è che ho girato in tutto il mondo tranne che negli Stati Uniti,
questo è vero. Ma chissenefrega.”
“Sono passati due anni e mezzo dal tuo ritiro. Com’è il sesso senza set?”
“Diciamo che è appagante perché non c’è la telecamera in mezzo alle
palle. Però rimpiango l’abilità tecnica delle pornoattrici, perché a livello di
tecnica, posizioni, timing, prendere la curvatura giusta della schiena, le
ragazze normali non sempre riescono a farlo bene.”

270
“Però Rocco dice che le scopate migliori sono quelle fuori dal set hard.
Anche in questo siete diversi.”
“Io parlo dal punto di vista tecnico.”
“Scusa, Franco, ho qui davanti Gottardo che pensa tutto il male possibile
della prostituzione. Spero tu sia a favore della legalizzazione e non dalla
parte di quelli che parlano di ‘sfruttamento del corpo delle donne’ e cazzate
simili.”
“Ma di cosa parliamo. Sembra di tornare all’epoca vittoriana, dove
volevano coprire le gambe dei tavoli perché potevano indurre in tentazione.
Quando è una libera scelta, ognuno potrà fare quello che gli pare o no?”
“Da quando fai l’attore il tuo attrezzo, che era lo strumento di lavoro, si è
ristretto o si è rafforzato?”
“Si è rafforzato perché non c’è più l’ansia da prestazione. Gioco più
sciolto.”
“Perché una volta hai detto che è meglio scopare la mattina?”
“Primo. Il testosterone si produce maggiormente nelle ore mattutine.
Secondo, quando hai passato la giornata lavorando in giro, il caldo, il
freddo, avanti e indietro, arrivi a casa la sera, ceni e dopo la cena, alle due
di notte, quando questa ti dice ‘Spaccami tutta!’, be’, è dura.”
“Tu consigli un’ora precisa?”
“Potendo scegliere, entro le ore tredici. Lo dicevo anche sul set.”
“Pelo o senza pelo?”
“Personalmente petto di pollo tutta la vita, al massimo il prato di
Wimbledon.”

“I peli possono lesionare il glande, meglio il petto di pollo”

“Franco, riprendiamo dall’ultima volta. Io divido i maschi in due categorie,


quelli che apprezzano la figa pelosa e quelli che invece vogliono il petto di
pollo, la rasatura totale.”
“Ma ci sono delle varianti, come sai.”
“Sì, certo, possiamo distinguere le persone in questo modo. Ci sono gli
onnivori, quelli che non gliene frega un cazzo purché ci sia la figa, quelli
che vogliono un minimo di pelo, gli amanti della depilazione definitiva e
poi quelli che preferiscono la natura, il selvaggio. Lo hai già detto, ma ti
rifaccio la stessa domanda. Cosa preferisci?”
“Ho cinquant’anni e ho vissuto l’era geologica del pelo. Sono passato al

271
petto di pollo per una cosa pratica. I peli con l’umidità diventano come fili
di seta. Se uno va su e giù per un tempo dignitoso, e non per un minuto,
tendono a lesionare il glande. Il pelo rischia di arrossarti, di segnarti il
glande e procurare delle microlesioni.”
“A me non è mai capitato.”
Parenzo: “Mamma mia, allucinante, mamma mia!”
“A me sì, anche nel privato. Come se tu entrassi in contatto con delle
piccole bave da pesca, il filo per pescare.”
“E zac, come degli ami.”
“Come si sta a due anni e mezzo di distanza dall’ultimo porno girato?”
“Sto bene, ma pensavo di avere una sorta di pensione dorata. Invece
lavoro più di prima. Mi sono fregato con le mie stesse mani.”
“Non hai messo un cazzo da parte?”
“Facevo due conti e per vivere di rendita ci vorrebbe un milione di euro, e
io non l’ho fatto. Mi tocca lavorare, scrivere, fare il vino, gli spettacoli. Un
sacco di cose.”
“Nonostante vent’anni di porno non hai fatto un milione di euro. Com’è
possibile?”
“Non ci si arriva nemmeno lontanamente. Ho comprato degli
appartamenti, e poi bisogna vivere, non è che vivi in una bolla. E non ti
danno diecimila euro a scena.”
“Se non ci sei arrivato tu, pensa agli altri!”
“Nell’immaginario collettivo si pensa a cose mirabolanti. Considera che
un film intero di quelli di una volta, con la trama, la location e tutto, un film
di serie A, poteva costare venti, venticinquemila euro. Se tutto un film costa
così, un attore quanto può prendere? Poco. Ci sono i viaggi, gli hotel, le
cene. Per questo il porno ha sempre lavorato sulla quantità, perché si
guadagnava poco.”
“Dunque il porno logora?”
“Eccome se logora.”
“Il pisello come sta?”
“Ne è uscito bene. Ma la fatica è mentale. E si scopa meno, ora.”
“Niente più ammucchiate o gang bang.”
“Se lo faccio con due donne, e mi capita, non essendo professioniste devo
fare proprio la regia: ‘Mettiti di qua, spostati di là, fai questo, fai
quest’altro.’ Diventa estenuante, e nello stesso tempo devi mantenere il
fagiano in attività.”

272
“Devi fare il direttore d’orchestra…”
“Sì, ed è un po’ complicato.”
“Oggi per te cos’è il sesso?”
“È un’attività altamente democratica, perché potenzialmente alla portata
di tutti, però per alcuni è fonte di gioia e appagamento, per altri di
frustrazione.”
“E dunque?”
“Bisogna essere sereni di fronte al sesso. Sappiamo tutti guidare bene una
macchina? No. Sappiamo tutti ballare o cantare? No. Perché dovremmo
tutti saper fare bene sesso? E invece tutti si sentono di poterlo fare al
massimo, tutti si sentono esperti. E quindi vivono male le défaillances, le
prestazioni modeste.”
“Quindi?”
“Non tutti siamo come Federer, bisogna accettarlo. Nel sesso è più
difficile.”
“Sì, ma dillo a quelli che hanno i piselli piccoli, a quelli che hanno
problemi di erezione o a quelli che hanno l’eiaculazione precoce.”
“Se hai grandi aspettative su di te e non prendi coscienza del tuo reale
potenziale la vivi male, invece se stai sereno e fai del tuo meglio con gli
strumenti che hai…”
“Qualche volta bisogna accontentarsi di non essere particolarmente
performanti.”
“Ma sì, questo è il segreto.”
“Il porno fa male ai ragazzi?”
“Se da ragazzino ti abitui a seguire molto porno, se uno si abitua a
soddisfare tutte le proprie fantasie, e col porno lo puoi fare essendo ormai
molto specializzato, quando poi si confronta con la realtà non è esattamente
così.”
“E dunque?”
“C’è il rischio che nella vita reale, quando le cose non vanno come
vorresti, puoi avere un contraccolpo e può succedere di tutto.”
“Il sesso anale tu lo praticavi molto. Nel porno non se ne poteva fare a
meno.”
“Anche oggi è così.”
“Ti capita ora nel privato che ti dicano di no?”
“È un no molto elastico, dovuto a traumi causati da qualcuno che lo ha
provato in modo maldestro.”

273
“E dunque?”
“C’è il rimedio Trentalance e quindi… tutto risolto. Però vi aggiungo una
cosa. Uno dei motivi per cui nel porno si cominciò a tagliare il pelo fu il
fatto che i cespugli di fine anni ottanta e inizi novanta non facevano vedere
bene in che canale c’era la penetrazione. Hanno cominciato a depilare per
fare capire bene dove avveniva la penetrazione, se davanti o dietro.”
“Addirittura?”
“Ma vi ricordate i cespugli, le foreste di quel periodo. Non si capiva
niente.”

Il maestro Mario Salieri, il Fellini del porno

Mario Salieri, classe ’57, è il nome d’arte di Mario Altieri. Quando inizia a
produrre film hard, verso la metà degli anni ottanta, cambia il suo cognome
ispirandosi al musicista italiano. Per gli amanti del genere i suoi prodotti
sono considerati veri e propri cult. Tra questi Concetta Licata, una serie di
tre film con protagonista Selen, dove si parla di mafia, omertà e omicidi.
Non a caso, nel 1998 il quotidiano “La Repubblica” titola: “Arriva la mafia
a luci rosse, ecco i pentiti in versione porno.” Selen è la porno pentita, che
alla fine “diventa prima collaboratrice di giustizia e poi paladina
dell’antimafia”. Indimenticabili, nella trilogia che dura circa quattro ore, le
scene di sesso dove il grasso direttore del carcere, il mitico Ron Jeremy,
approfitta sessualmente di Concetta, che nel secondo dei tre film viene poi
ammazzata. E poi Stavros, altra serie hard ispirata alla vita e agli amori di
Aristotele Onassis, che ha vinto un Hot d’Or, una specie di Oscar del porno.
Nel 1998 le polemiche sul film Il confessionale, girato quasi totalmente in
una chiesa di Gioia dei Marsi in Abruzzo con l’autorizzazione del parroco,
fanno il giro del mondo. La Chiesa minacciò di annullare tutte le
celebrazioni effettuate in quella parrocchia nel periodo delle riprese. Nel
2017, altro caso. Salieri sta girando La Ciociara, e il riferimento è
all’omonimo film di Vittorio de Sica con Sophia Loren. Secondo alcuni,
un’offesa al dramma delle “marocchinate”, gli stupri commessi durante il
secondo conflitto mondiale dai soldati magrebini inquadrati nell’esercito
francese. Arriva pure un’interrogazione parlamentare di una senatrice del
PD che chiede di “sospendere la proiezione del film” perché “La Ciociara
in salsa porno è un’offesa troppo grande”.

274
“Salieri, che succede?”
“Succede che non hanno visto niente.”
“Cioè?”
“La Ciociara hard è in lavorazione. È un termine che indica una donna
proveniente dalla Ciociaria, dunque si può fare.”
“Vabbe’, però il riferimento è chiaro.”
“Certo, è ispirato al romanzo di Moravia, non c’è alcun dubbio. Ma non
ci saranno le ‘marocchinate’, non ci saranno scene di violenza sessuale.
Hanno rivolto un appello al ministro della Cultura senza nemmeno vedere il
film. Ma per noi è tutta pubblicità.”
“Comunque Roberta Gemma farà la parte della Loren?”
“Sì, e ci sarà uno stupro solo nella scena finale.”
“Si conferma quello che hai sempre detto. Lavorare in Italia è
complicato.”
“Impossibile, direi. Ti rendono la vita impossibile, ho avuto anche
un’indagine per associazione di stampo camorristico finita nel nulla, non si
può lavorare. Otto anni fa sono venuto a Budapest perché è diventata il
crocevia del nostro settore, si lavora senza problemi e non ti rompono le
scatole.”
“Hai fatto una marea di film.”
“Sono molto orgoglioso di La lunga notte di Abby Taylor del 2013 e Il
portiere di Reestraat 16. Il mio è un porno d’autore, e in qualche film
passano anche trenta minuti prima di fare sesso. Ma vi rivelo un particolare
su Il Confessionale.”
“Quale?”
“Fu girato in una chiesa che non era sconsacrata, ma noi non lo
sapevamo. La noleggiammo dal parroco di Gioia Vecchia in Abruzzo, ma
poi scoprimmo che non era affatto sconsacrata.”
“E perché il prete non avvertì la curia?”
“Non lo so. Quello che so è che mentre giravamo il film si masturbava
dietro di noi.”

“Ragazze, fate le escort, non il porno”

“Ron Jeremy, immenso.”


“Simpaticissimo, con la dote abbastanza rara nel porno di saper recitare.

275
E poi le scene hard le interpretava con emozione intensa. Un unico difetto:
era molto avaro.”
“Se una ragazza volesse iniziare la carriera di pornostar che consigli le
darebbe?”
“Di non farlo assolutamente.”
“Perché?”
“È un lavoro pericoloso, nonostante ci sia un controllo sanitario capillare.
A Budapest c’è un centro medico che in ventiquattro ore elabora risultati
degli esami per gonorrea, sifilide ed epatite C. Sono obbligatori.
Nonostante ciò c’è un periodo ombra di latenza dei virus che può
ingannare. Recentemente molti attori statunitensi hanno mistificato i dati di
questi esami.”
“Niente vita da pornostar per paura delle malattie veneree, quindi…”
“Non solo. A vent’anni si vive la propria giovinezza senza problemi. Ma
quando si arriva a trentacinque, quaranta spesso si vuole iniziare una nuova
vita, avere dei bambini. Lo sa che molte mie ex attrici che hanno cambiato
vita mi chiedono di togliere il loro vero nome dai credits? E poi c’è anche
una motivazione economica.”
“A fare le pornostar non si arriva a fine mese…”
“Quando c’era un mercato forte, un’attrice poteva guadagnare un sacco di
soldi. Oggi una ragazza affermata prende cifre importanti, ma non
particolarmente allettanti. Prenda il caso di LegalPorno, un pool di famosi
attori europei. Fanno scene forti, che consentono di guadagnare quindici,
ventimila euro al mese, ma gli uomini devono siringarsi il pene perché
hanno una, due, tre scene pesanti ogni giorno. In questo caso guadagni, ma
è un lavoro molto usurante. In definitiva, a chi vuole diventare pornostar
suggerisco: meglio fare la escort.”
[Intervista a “Il fatto quotidiano”, 13 marzo 2017]

“Il sesso ascellare? Stronzate, nel porno lo faccio da una vita”

“Mi voglio inginocchiare, di fronte al maestro Salieri.”


Parenzo: “Antonio Salieri, il grande rivale italiano di Mozart, ma non era
morto?”
“Macché Antonio Salieri, siamo in collegamento con Mario Salieri, il
maestro del porno, che ha segnato la mia adolescenza e la mia giovinezza.”
Parenzo: “Ma sei impazzito? Ti sei inginocchiato davvero, stai parlando

276
al microfono da inginocchiato, ma perché?”
“Sì, Parenzo, mi inginocchio davanti al maestro dei maestri, Mario
Salieri. I suoi film per me sono meglio di quelli di Federico Fellini. Salieri,
ragazzi, il re del cinema porno. Il re assoluto. E l’ho chiamato perché ha
creato un nuovo capolavoro dal titolo Faccetta nera, ispirato al fascismo,
un film di settanta minuti.”
Parenzo: “Ah, interessante, e qual è la storia di questo capolavoro di arte
cinematografica?”
“La storia racconta uno scontro generazionale tra due fascisti, da una
parte un gerarca e dall’altra un giovane militante del fascio. Il film è
ambientato nel 1935 a Napoli e praticamente è il preludio della guerra
d’Etiopia. Per questo porta il titolo di una canzone della propaganda
fascista.”
“Ma il film come finisce? Se non sbaglio questo gerarca alla fine diventa
cornuto, o no?”
“Sì, diciamo così, però con un piccolo colpo di scena.”
Parenzo: “Quindi dire ‘fascista cornuto’, una volta visto il suo film, non
costituisce più né un problema né un reato. Buono a sapersi. Una bella
trovata.”
“Sia chiaro, il sottoscritto prende le distanze da qualsiasi coloritura
politica: il film si chiama Faccetta Nera, perché appunto è ambientato in
quel preciso periodo storico.”
Parenzo: “Sì, perfetto, a me comunque piace l’idea del fascista cornuto.
Mi piace proprio.”
“Mario, però ti sei ispirato sicuramente a tutta questa discussione che c’è
in Italia sul fascismo.”
“Io sono uno studioso di storia. Mi piace, è sempre stata una mia
passione. Il fascismo è un fenomeno complesso e bisognerebbe studiarlo
bene.”
“Il fascismo ha avuto momenti positivi, secondo te?”
“C’è un fascismo che racchiude in sé, e lo raccontava bene anche Indro
Montanelli, tutta una serie di valori positivi, degenerati successivamente.”
“Per cui secondo te Mussolini ha fatto delle cose buone?”
“Secondo il mio punto di vista, all’inizio sicuramente sì. Poi si è
trasformato in una dittatura. Ci sono molti fascismi, non ce n’è uno solo.”
Parenzo: “Da subito era una dittatura. Si è presentato da subito in termini
violenti.”

277
“Mario, una delle tue attrici preferite è la protagonista di questo film, la
signora Roberta Gemma. È vero che c’è anche del sesso ascellare oltre alle
solite scene che siamo abituati a vedere in un film porno classico?”
“Sì, certamente, noi lo chiamiamo ‘il termometro’. Come quando si
misura la febbre, soltanto che si mette il pene sotto l’ascella.”
Parenzo: “Vedi, i fascisti manco quello sanno usare!”
“Qualcuno prima ci ha lasciato un messaggio dicendo che tu da anni
proponi nei tuoi film questa pratica erotica.”
“Da un sacco di tempo, sì.”
Parenzo: “Praticamente stiamo parlando con il Tarantino del sesso
ascellare.”
“Faccio film dal 1983, e questo tipo di pratica l’ho proposta in molte mie
pellicole del passato, non solo in quelle recenti. Poi a Parenzo che fa
dell’ironia paragonandomi a Quentin Tarantino rispondo che probabilmente
Tarantino, messo alla prova del cinema porno, sarebbe una pippa. È una
questione di genere, e ognuno ha la sua specializzazione.”
“Il porno è cambiato moltissimo. Una volta guadagnavi un sacco di soldi,
giusto?”
“Il problema non è solo che si è distrutto il settore dell’home video, le
vecchie VHS e poi i DVD, che per noi rappresentava un fatturato molto
importante. Il problema è che con Internet c’è stato un dilagare
incontenibile della pirateria. I guadagni si sono dimezzati rispetto al 2008,
ma rimangono comunque soddisfacenti. Almeno per me.”
“Questo film lo hai girato in Italia, se non sbaglio. Perché molti invece
scelgono di girare all’estero?”
“Sì, l’ho girato in Campania, a Nola. In Italia la legislazione sui porno è
un po’ controversa, ma la regola è che se non si offende la pubblica morale,
e cioè si girano questi film in ambienti riservati esclusivamente agli addetti
ai lavori, si può fare.”
“Quanto costa fare un film del genere?”
“Intorno ai 35.000 euro.”
“Hai avuto una carriera lunghissima, mi faresti un podio delle attrici con
cui hai lavorato?”
“Non è facile perché ce ne sono tante. Sicuramente sul podio metterei
Selen, che è stata una mia scoperta; poi aggiungerei Deborah Wells, altra
attrice-feticcio dell’inizio degli anni novanta, e attualmente Roberta
Gemma.”

278
“E tra gli attori?”
“Be’, sicuramente il numero uno è Rocco Siffredi, che ha iniziato con me
la sua carriera e con cui abbiamo fatto moltissime cose; Steve Holmes, che
secondo me è molto molto bravo, e poi senz’altro Roberto Malone.”
“Grande Roberto Malone, un grandissimo.”
Parenzo: “A me, grazie a Dio, tutti nomi del tutto sconosciuti.”
“Tu stai sottovalutando Mario Salieri, che ha cresciuto intere generazioni
di professionisti del porno e di appassionati spettatori. Generazioni come la
mia che era abituata a film che erano solo primi piani di scene hard. Salieri
puntava invece sugli sguardi tra le persone che scopavano, e poi c’era una
trama, le situazioni che si creavano. Io credo che in Italia dovrebbero creare
delle zone franche dove poter girare film porno con tassazione bassa, per
esempio a Napoli.”
Parenzo: “Vuoi attrarre dei capitali in Italia?”
“Perché andate a lavorare In Ungheria?”
“Perché lì c’è una flat tax al quindici per cento che in effetti aiuta
l’impresa, qualsiasi tipo di impresa.”
“Tornando al sesso ascellare, chi lo pratica nel tuo film?”
“Roberta Gemma, e un’altra attrice molto bella che si chiama Viky
Brown.”
“Sì, ma chi interpreta il ‘termometro’? Chi infila il pene sotto l’ascella di
queste due bellissime attrici?”
“Il sesso ascellare lo fa il protagonista del film: il ragazzino alle prime
armi con il fascismo che mette le corna al gerarca fascista.”
“È complicato girare una scena di sesso ascellare?”
Parenzo: “Macché complicato, dài!”
“Parenzo non capisce, ma le difficoltà sono enormi. Riuscire a restituire
delle emozioni erotiche in una scena pornografica, che di per sé è
noiosissima, con una serie di posizioni ginniche assolutamente noiose, non
è semplice come appare a una prima, distratta osservazione. È una cosa
molto complicata. Non a caso ho un pubblico di nicchia che mi segue
appunto perché nei miei film riesco a ridare allo spettatore delle emozioni
erotiche e non solo a riprodurre la meccanica del porno classico.”
“Mario, anche i tuoi attori si bombano per avere il pisello duro?”
“Non tutti fanno uso di sostanze. Certo, oggi è una pratica molto diffusa,
ma ci sono quelli che riescono a fare tutto da soli. Poi è chiaro, abbiamo chi
si fa le punture.”

279
“E quali sono le tue scene preferite?”
“A me interessa l’aspetto erotico più che l’atto sessuale vero e proprio.
Quindi uno sguardo, un vedo e non vedo. La masturbazione.”

280
Radio Star

Tra tutte le aberrazioni sessuali, forse la più bizzarra è la castità


Remy de Gourmont

281
Rocco Siffredi

“Il sesso crea dipendenza, ma non si va mai in overdose di figa”

“Più lo fai, più hai voglia di farlo. Stimo molto Berlusconi e gli faccio tanti
auguri per il suo compleanno. Spero di arrivare a settantacinque anni come
lui. Quando sento tutte queste storie di donne sono sorpreso perché
nemmeno io ho bisogno di un simile numero di ragazze, e lo faccio dalla
mattina alla sera. Magari non fa delle performance importanti, ma
sicuramente ama giocare e divertirsi. Forse ha messo la donna al primo
posto, al di sopra della politica.”
“Una fissazione che tu conosci bene…”
“E come no, la conosco davvero molto bene. È impossibile avere tutto
questo harem senza fare nulla. Diventi addicted di questa cosa qui. È
difficile, ma è molto salutare. Preferisco questo alla droga, non si va mai in
overdose di figa.”
Parenzo: “Professor Siffredi, lei è un’autorità morale di questo paese,
dovrebbe candidarsi coi radicali, anzi dovremmo nominarlo senatore a vita.
Lei fa un lavoro usurante.”
“Alla fine mi ritengo un operaio del sesso.”
Parenzo: “Lei fa sesso in modo ‘fordista’, come nelle catene di
montaggio. A quante è arrivato in una giornata?”
“Vi dico la verità. Ho ricominciato a fare l’attore a quarantasette anni. Mi
ero fermato un periodo: pensavo di essermi tolto il vizietto. Poi mi sono
reso conto che era meglio continuare, piuttosto che vivere male. E vi
assicuro che oggi il recupero è la cosa più difficile…”

282
Parenzo: “Ma quante volte in un giorno?”
“Sono sempre stato twice by day, due al massimo: di più diventa usurante
e non è divertente. Io sono uno che dà il massimo, se vedo le persone che
godono e si divertono. Operaio sì, ma sempre al servizio della donna.”
“Ma come si guarisce da questa malattia del sesso?”
“La verità? Non lo so. Non ci ho capito nulla e continuo a peggiorare.
Forse dovrei parlare col Presidente, ma mi sa che anche lui… Però se la
moglie non lo mollava, non sarebbe sceso così in basso…”
“Dici?”
“Sono strasicuro. La mia fortuna non è stata quella di avere un uccello
grande e di aver trombato tremila donne, ma di avere una persona al fianco
che mi capisce e, credimi, non le ho mai mancato di rispetto… C’è una
grande trasparenza, e lei sa qual è il mio vizietto: non giochiamo a fingere e
a fare gli ipocriti…”

“La tecnica è imparare, concentrandosi su una parte del corpo della donna
quando la donna non ti piace, e annullare tutto il resto. Questa tecnica mi ha
aiutato con le vecchie, perché sono arrivato a capire che quella donna lì,
con quegli occhi lì, una volta era giovane, quindi riesco a entrare in quegli
occhi: la palla, l’occhio, lo sguardo, non invecchia mai, anche se il corpo
casca a pezzi. Se attraverso quella parte riesci a penetrare nella vita di
quella persona, in automatico ritrovi la sua sessualità originaria e, in quel
momento, io mi eccito.”

“Morirò sul corpo di una donna”

“… Antonio, prima di sposarti, con quante donne sei stato?”


Antonio Razzi: “Più di mille… Chi se lo ricorda… Le avevo annotate tutte
in un libro, poi mia moglie me l’ha fregato…”.
Siffredi: “Ma mille abitando a Giuliano Teatino?”
Razzi: “No, in Svizzera… Io sono andato via a diciassette anni, lì a
Giuliano nun se faceva niente.”
Siffredi: “Ah ecco, quando c’ero io, se te ne facevi una andava bene. La
seconda… attenzione! La terza eri un porco.”
Razzi: “In Svizzera c’era della bella carne…”
“Possiamo quantificare, Antonio?”
“Più di mille, sicuramente… Giuseppe, dai diciassette ai ventisei anni, la

283
bellezza di nove anni. Te lo dico da amico: mi sono sposato per non morire
sopra una donna, mi sono sposato apposta, per riposarmi…”
Siffredi: “Riposarsi a ventisei anni è un po’ presto, però…”
Razzi: “Dopo lo facevo con mia moglie, Rocco. Mica me lo sono
tagliato.”
Siffredi: “Allora devo dire, con molto rispetto, che se sei riuscito a
dedicare tutte le tue energie a un’unica donna: è la cosa più bella che si può
fare. Io non ci riesco…”
“Tu ci hai provato e non ci sei riuscito…”
Siffredi: “Sentimentalmente sì. Purtroppo, ho qualcosa dentro di terribile,
e credo che mi succederà ciò che non voleva Razzi…”
“Cioè?”
Siffredi: “Lasciarci le penne sul corpo di una donna.”
“Pensi che morirai sul set?”
Siffredi: “Secondo me, sì. Me lo sento da sempre… È qualcosa
di strano… Adesso le donne chiedono molto di più, sono diventate più
estreme ed esigenti, mentre a me piace giocare con la natura senza troppi
rinforzini, ma è più pesante.”
“Non ce la fai?…”
Siffredi: “No, quello no… È il recupero… Sono toste toste… Ti parlo di
quattro, cinque ore di scena…”
“Tu quattro ore consecutive le hai mai fatte, Antonio?”
Razzi: “Quando ero ragazzo, sì…”
“Rocco, torniamo al fatto che vuoi morire sul corpo di una donna…”
Siffredi: “Non voglio, ma probabilmente mi succederà…”
“Ma ti piacerebbe…”
Siffredi: “Sarebbe una bella morte… Su quello che ho sempre voluto fare,
quello che faccio da trent’anni…”
“Ma come la riconosci una che ci sa fare a letto?”
Siffredi: “Non mi piacciono le maiale quando le vedi subito porche… Mi
piacciono quando sono normali e dicono: ‘Mi voglio divertire, voglio
provare.’ Poi lì ci penso io.”
“Tu dici: ‘Quelle che ti sorprendono, alla fine sono le migliori.’”
Siffredi: “Bravo, al cento per cento. Ogni volta che faccio un casting
quelle che dicono di fare di tutto non le prendo mai, mentre quelle che
dicono semplicemente: ‘Voglio provare esperienze nuove’, sono sicuro che
saranno perfette…”

284
“Rocco, alla vigilia dei tuoi cinquant’anni hai fatto un calcolo? Con
quante donne sei stato?”
Siffredi: “Non oltre cinquemila. Ho fatto millesettecento film e, da
quando ho ricominciato, altri duecento. Una media di tre, quattro ragazze a
film: non supero le cinquemila…”
“Poi altre nella vita normale…”
“Sì, qualche scopatina fuori l’ho fatta… Ma quelle documentabili sono
circa cinquemila, le altre non le ho segnate…”

“La diffusione della pornografia ha creato problemi gravi. La lancetta


dell’eccitazione ha compiuto un giro di trecentosessanta gradi e ha
ricominciato daccapo. La gente non sa più a cosa appigliarsi per motivarsi
sessualmente… Inutile ripetere che bisognerebbe non abusarne, non farsi
trascinare in un mondo parallelo nel quale si crede di poter fare tutto ciò
che facciamo noi attori: quello non è il sesso che si fa a casa. Noi facciamo
un sesso che dovrebbe servire a creare empatia nella coppia, qualcosa del
tipo: ‘Cazzo, che figata, facciamolo anche noi…’ Quando cambi la
prospettiva, finisci per non vedere più la persona che hai al fianco. Come
puoi riuscire a spiegarle che ormai ti ecciti soltanto guardando cose
superassurde? Che non troverai mai la forza e il coraggio di dirle cosa
realmente ti sta eccitando in quel momento?… Cazzo, ricominciamo
daccapo, resettiamo il cervello e torniamo a cercare cose normali, cose di
tutti i giorni… La nuova generazione non è più frustrata, anzi, ma è
cresciuta con un insegnamento completamente errato. Perché la pornografia
non può prendere il posto della sessualità…”

“Da grande vorrei riuscire a essere fedele a mia moglie. Ti dico la pura
verità: trasferire tutte le mie energie solo su di lei. E quando dico questo
significa che ancora non ce l’ho fatta. Non fare più niente, non toccare più
nessuna donna, solo lei… Sarebbe il massimo. Lei merita molto più di me,
tutto quello che sono lo devo a lei. Il problema è che io non ho il controllo
del mio corpo e della mia mente come mi sforzo di far credere.”

“Ho provato ad assicurare il mio cazzo”

“Cominciamo con una cosa seria, o presunta tale. Hai detto che bisogna
insegnare il sesso a scuola. Che vuol dire?”

285
“Per i ragazzi oggi l’insegnante è una pornostar, o Pornhub, o YouPorn…
Insomma, la pornografia. Non va bene. Non facciamo gli ipocriti. Togliamo
un’ora ad altre materie e programmiamo un’ora di sesso per quell’età lì…”
“Invece di distrarsi o un’ora di insegnamenti inutili, meglio una lezione di
educazione sessuale. Te la sentiresti di fare un tour nelle scuole?”
“Lo farei, certo. Gratuitamente, perché è una cosa che prenderei a cuore.
Vado in giro a fare ospitate nelle discoteche e ci sono molte ragazze che
vengono da me e mi dicono: ‘Rocco, glielo dici tu al mio fidanzato che non
mi piace come fa sesso. Vuole imitarti con sberle sul culo, mi afferra la
testa e me la abbassa, mi prende in modo rude…’ Non va bene.”
“È curioso che tu dica che c’è troppo porno in giro.”
“È così, perché lo vedo. Dai dodici, tredici anni ai sedici, diciassette anni
i genitori non ci sono: c’è il branco che ti spinge a vedere le cose più
assurde sui telefonini. E poi c’è il Viagra: ormai lo prendono pure sotto i
vent’anni…”
“Sei stato a un convegno di urologia, come ti hanno accolto?”
“Molte dottoresse mi dicevano: ‘Perché tutti questi colleghi ti stimano
così tanto?’ La risposta è semplice. Si sono fatti tutti le pippe coi miei
film.”
“Rocco, parlando della prostata una volta Grillo disse: ‘Per curarla,
scusate la volgarità, bisogna trombare. Avete capito? Lo dice il ‘British
Medical Journal’. Dicono che ci vogliono ventun eiaculazioni al mese, io
ne faccio diciotto’: disse proprio così.”
“Grande Grillo, sono totalmente d’accordo con lui… Svuotarla tutti i
giorni… Elimini la possibilità che ti capiti un tumore alla prostata: al mille
per mille, me l’hanno detto gli esperti.”
“Ma sei sicuro?”
“Io la svuoto per piacere e per lavoro: è più facile. In diverse occasioni
sono venuti dei professori sui miei set. Una volta per studi sull’HIV, una
volta per ricerche sulla stitichezza. Cioè le donne che fanno molto sesso
anale non soffrono di stitichezza. Lo consiglio a tutte. Per due mesi hanno
intervistato tutte le pornostar, nessuna soffriva di stitichezza e tutte
facevano sesso anale.”
“E sulla prostata?”
“La cosa più importante è svuotarla. Se trombi, la svuoti meglio; se ti fai
le pippe, la svuoti a metà… Empty the pipes! Con una grande chiavata si
svuota con tanta pressione, quando ti fai una pippa la pressione è pressoché

286
dimezzata.”
Parenzo: “Rocco, volevo chiederti una cosa. Nel tuo campo quando
l’attrezzo non funziona c’è il licenziamento per giusta causa, senza
reintegro sul posto di lavoro. E non c’è il sindacato che ti salva, non arriva
un giudice del lavoro. Siete lavoratori non tutelati.”
“Esatto. Se non funziona, ti attacchi al cazzo per davvero… Anche a me
l’assicurazione ha detto di no.”
“Cioè?”
“Ho provato ad assicurare il mio uccello con i Lloyd’s di Londra. Ho
incontrato un loro rappresentante a Roma. Volevo assicurarmi perché ho
avuto dentate, ragazze fuori di testa che me l’hanno morso. Due volte sono
stato in ospedale. Volendo assicurarlo anche per il mancato funzionamento,
l’assicuratore mi ha detto che era difficile capire le problematiche: ‘Come
facciamo a capire se tu non sei più così bravo…’”
“Alla fine, niente?”
“Hanno detto di no.”
“Vuoi dire qualcosa a Parenzo che è favorevole alle multe per i clienti
delle prostitute?”
“In America andavo a mignotte quando non giravo i porno. Pensate un
po’… E c’erano delle poliziotte che facevano da esca vestendosi da
prostitute: una cosa assurda… Sono contro lo sfruttamento, ma se una
ragazza vuole fare quel lavoro, dedicandosi al corpo degli altri, a far godere
gli uomini, che problema c’è? C’è gente che massaggia i piedi e c’è gente
che scopa, c’è una qualche differenza?”
“Tu sei mai andato a prostitute?”
“Ci sono andato tutta la vita.”
“Hai pagato per scopare? Rocco che paga!”
“Ma tantissime volte. Quando ho smesso di lavorare, mi sono fatto più di
mille prostitute in due anni. Non è che te la danno gratis perché ti chiami
Siffredi. Una volta, una mi ha detto: ‘Cavolo, che uccello grande! Perché
non fai il porno?…’”

Rocco, l’Isola dei famosi e l’impulso dell’uccello

All’inizio del 2015 Rocco Siffredi partecipa all’Isola dei famosi, un


programma in onda su Canale 5. Durante il reality, confessa di aver
accettato di partecipare anche per tentare di guarire dalla sua dipendenza

287
dal sesso.

“Senza tua moglie dove saresti finito?”


“Nel cesso.”
“Forse saresti morto di una malattia gravissima.”
“In realtà, non sarei un uomo felice. Le malattie non lo so: sono trent’anni
che vado sul set e rischio. Ho avuto anche culo.”
“Hai mai avuto paura dell’AIDS?”
“Quando sono nati i ragazzi. Ma pure adesso: te lo immagini beccarlo a
cinquant’anni sul lavoro… Anche questo mi ha fatto prendere quella
decisione…”
“Ma hai davvero rinunciato?”
“Man, sai che sono sempre una persona molto sincera. Per andare
all’Isola mi hanno pagato molto bene. Ho pensato di approfittarne per due
mesi… Mia moglie non voleva che andassi e diceva: ‘Rocco, tu sei una
persona asociale: sei impulsivo, litighi…’ Io le ho risposto che andavo per
altri motivi…”
“Cioè?”
“Prima dell’Isola ero tornato a fare quello che facevo prima, anzi peggio
di prima e in situazioni peggiori. Alla fine del 2014 ho passato serate
terribili, andavo in macchina a velocità folle: mi volevo ammazzare. Non
sto scherzando.”
“Perché?”
“Avevo ripreso la strada della dipendenza dal sesso estrema.”
“Andavi con chiunque?”
“Sì, chiunque, qualsiasi cosa. Più schifosa era, più mi attraeva. Ma non
mi divertivo e sapevo perfettamente che era una merda. Poi ho messo a
rischio la famiglia: mio figlio mi chiedeva di stare con lui, ma io lo mollavo
sempre. Si era abituato a non avere più un padre. Tornavo la sera da mia
moglie e lei mi diceva: ‘Dove vai adesso, cosa fai?’ Io perdevo ore e ore sui
siti di incontri. Andavo a letto a notte inoltrata e la vedevo che dormiva con
un’espressione demoralizzata: si era ormai abituata a quella vita… Ho
sofferto di una solitudine nemmeno paragonabile a quella dell’Isola.”
“Spiegami la faccenda della macchina: volevi davvero farla finita?”
“Andavo a duecento all’ora e mi dicevo: ‘Se mi schianto, è una
liberazione.’ Da quando sono tornato, mi godo ogni attimo con mia moglie
e i miei figli.”

288
Parenzo: “Siffredi è in versione Family Day.”
“La rinuncia all’hard è definitiva?”
“Definitiva. È una cosa chiusa, totalmente. A quarant’anni avevo deciso
di smettere quando i bambini sarebbero cresciuti: allora avevano sette, otto
anni. È durata due anni, sono stato con tremila donne e non solo. Ho parlato
con mia moglie che mi ha detto di tornare a fare il porno: ‘Nessuno ti ha
chiesto di stare male in questo modo.’ Così sono tornato, con mille dubbi.”
“E poi?”
“Poi ho pensato che poteva salvarmi dalla dipendenza. Almeno mi sfogo
lì. Ma, giorno dopo giorno, lo vivo peggio. La fidanzata di mio figlio di
diciott’anni, diciannove tra qualche giorno, gira spesso dentro casa e ha la
stessa età di quelle con cui faccio il porno. Hanno quell’età lì. Sono
imbarazzato con me stesso. Mia moglie ha accettato tutto questo da
ventidue anni. Sarà arrivato il momento di dedicarmi solo a lei?”
“E adesso?”
“Non ho avuto un problema col porno, ma con me stesso.”
“Dunque adesso che farai?”
“Continuerò a produrre i film. Mia moglie verrà ancora sul set a truccare
le attrici. Io farò la regia: è la cosa che mi piace fare e che so fare meglio.
Comunque l’uccello non lo tiro fuori più. Ma devo dirti una cosa molto
importante.”
“Dimmi.”
“I due mesi di astinenza che ho passato sull’Isola mi hanno regalato uno
dei periodi più belli e rilassanti della mia vita, perché le pulsioni che avevo
e mi facevano impazzire non le ho più avute; e ancora oggi, dopo una
settimana, lui dorme ancora e non lo sveglio. Ho timore a svegliarlo.”
“Nemmeno per tua moglie?”
“No. È tranquilla. Mi dice: ‘Ricominciamo in modo naturale, quando
vuoi.’ È una santa, una grande moglie.”
“Se ricomincia tutto, vai in clinica?”
“No. Il medico è mia moglie.”
“Si dice sempre così.”
“Io non l’ho mai fatto prima. Se si scatena qualche impulso, prendo cento
euro e vado a versarli sul conto di mio figlio. Non voglio più, basta!”
“È difficile. La dipendenza, cazzi amari.”
“Mi dispiace che nel mio ambiente abbiano dei dubbi. Valentina Nappi
mi ha appena scritto dall’America, ti leggo il messaggio: ‘Mediaticamente

289
ti stanno mettendo nello stesso calderone delle vergini di ritorno, italiani e
sciacquette varie… Capisco che l’esperienza sull’Isola possa essere stata
traumatica, ma è triste vedere uno dei più grandi attori della storia dell’hard
ridotto così. Tu non sei dipendente dal sesso, sono altri che vogliono fartelo
credere. Stanno usando la tua vicenda personale e l’immagine della tua
famiglia…’”
“Hai risposto?”
“Sì, così: ‘Valentina, ti credevo negli States immersa nel lavoro. Non
credi di dare giudizi affrettati e controcorrente come al solito tuo? Non ho
avuto alcuna esperienza traumatica, sono andato per trovare una soluzione
ai problemi della mia vita che tu non puoi conoscere. Un bacio, Rocco.’”
“Poi mi ha risposto.”
“Leggi, se vuoi.”
“Mi stanno dicendo che sei un pornopentito. Dopo trent’anni di carriera ti
sei accorto che hai anche una famiglia: è questo il messaggio che volevi far
passare?’”
“Valentina è giovane, è appena entrata in quel mondo.”
“Bravo. È entrata attraverso di me da tre anni, ed è già cambiata
tantissimo. Ma io non ho mai ripudiato il porno: mi ha dato tutto. Non lo
farei mai.”
“Di recente, Cicciolina se l’è presa con te. A noi ha detto che tu devi
baciare dove passa lei, che ormai sei finito, che devi esserle sempre
riconoscente. Ma cosa c’è tra di voi?”
“Riconoscente? E per cosa? Per me Cicciolina resta mitica perché mi ha
ispirato tante di quelle seghe, prima di incontrarla. Per me resta questo. So
che Cicciolina è una persona molto sola, io ho la fortuna di avere una
famiglia fantastica. Se domani devo dire arrivederci al porno per il bene
della mia famiglia, non ci penso nemmeno mezzo secondo… Il porno mi ha
dato tantissimo, ma la mia famiglia non è neanche paragonabile. Contano
solo mia moglie e i miei figli: del resto non me ne frega un cazzo, man…”
“E invece lei?”
“È sola, poverina. È sola.”

“Io ero sotto, lei seduta sopra. E parlava al telefono con Marco Pannella…
Poi prendeva la telefonata con Craxi…”

“Io sono quello che si segava con le foto di Cicciolina. Per me è un mito,

290
una bellezza pazzesca. Però, cazzo, dobbiamo fare sesso e tu ti lavi col latte
di capra perché voleva questa pelle bianca e restare giovane tutta la vita.
Quando veniva a fare le scene, ragazzi, puzzava.”

Rocco, Cicciolina, il latte di capra e John Holmes

“Tu hai detto che Cicciolina voleva assomigliare a Cleopatra, la bellezza


che non svanisce, e si lavava col latte di capra, che ha un odore terribile, a
causa del quale era molto complicato fare sesso con lei. Confermi?”
“Sì.”
“La questione è semplice: Cicciolina invece ci ha detto che sul set non
puzzava, dunque ti ha accusato di mentire. Come replichi?”
“Vorrei dire che ha ragione lei: un uomo non può mai dire di una donna
che puzza, anche se è così: quindi ho sbagliato e chiedo scusa. Però le
chiedo scusa solo come donna… In realtà, si faceva il bagno nel latte di
capra. Sono salito nel suo appartamento e ho visto la vasca piena di latte…
Lei purtroppo ha ragione: ho un carattere del cazzo, dico sempre la verità,
mi ficco spesso nei guai. Mia moglie me lo dice sempre, però sono così.”
“Dunque ti scusi?”
“Mi scuso di averla sputtanata, perché lei da donna si è sentita offesa, ed
è giusto che si incazzi con me… Però trent’anni fa, quando lavoravo con
Cicciolina, l’odore del latte era terribile: se lo faceva seccare sulla pelle e
non si lavava perché aveva la mania di avere una pelle bianchissima, voleva
essere come Cleopatra per sempre. Infatti è ancora una donna molto bella a
sessantacinque anni, ha una pelle stupenda grazie al latte di capra.”
“Però sul set si sentiva?”
“Eccome! Io me la dovevo scopare per otto ore sul set. Duran-te le pausa,
mi dava una rosetta con tonno e pomodoro, perché era piuttosto tirchia.”
“Pure…”
“Lei era la produttrice, insieme con Schicchi. E adesso si incazza. Ha
pure detto: ‘Rocco Siffredi non vale un cazzo!’ Va bene, ci sta. È arrabbiata
e dice: ‘John Holmes è un divo, è stato il mito!’ Non si ricorda però che io
ero sul set di Banane al cioccolato con John Holmes. Erano le mie prime
esperienze con porno. Sul set c’erano Cicciolina sdraiata, il grandissimo
John Holmes – è stato davvero un grande – e due fluffer girls: una era la
sorella di Moana, Baby, l’altra era Hula Hoop, la pornostar romana…”
“Me la ricordo benissimo Hula Hoop!”

291
“Ecco, bravo, loro due, con quattro mani. Sbucava ancora un pezzo di
uccello di John Holmes: glielo tenevano duro, ma come si avvicinava a
Cicciolina, il serpentone si smollava, si ritraeva, rientrava…”
“In che senso?”
“Dunque, anche con Ilona, al signor John Holmes non è che tirasse tanto:
quindi che cazzo dice ‘John Holmes è stato il mito’? Io almeno l’uccello lo
tenevo duro anche con l’odore del latte di capra, capito?”
“Alla fine, tu dici che John Holmes non era poi così superdotato, così
efficiente?”
“Oh, oh, oh, aspetta, aspetta! No, no, ma sei pazzo? John Holmes aveva
un uccello e mezzo il mio, enorme!”
“Però non era efficiente…”
“Man, su quelle dimensioni non posso dirti… All’epoca non esisteva
nulla: né Viagra né punturine…”
“Eh, appunto, forse era per questo.”
“Era full nature. Il problema di John Holmes era un altro. Ti dico,
Giuseppe, era una star, quindi si poteva permettere di fare la star: cioè di
fare anche quello a cui non frega niente della donna che ha davanti. ‘Non
me lo fai tirare? Prendo le fluffers!’”
“Prendo le…?! Che cosa prendeva?”
“Le fluffers… Quelle due ragazze sul set erano le fluffers, le addette a far
tirare l’uccello, ma non sono in scena.”
“Una roba incredibile!”
“Le fluffers le ho conosciute solo all’inizio della mia carriera, ora non ci
sono più.”
“Cioè, tu dici che le fluffers sono state sostituite dalla chimica…”
Parenzo: “È come nelle corride, dove prima ci sono i picadores e i
banderilleros che fanno stancare il toro, e poi arriva il torero…”
“Bravo. E Holmes era il torero perché, credimi, dal vivo faceva paura…
Te lo dico io che non sono piccolino… Era magrissimo, aveva una minchia
enorme, intimoriva davvero. E ti assicuro che aveva la faccia di quello che
poteva dire: ‘Oh, you are Cicciolina, I don’t fucking care! You don’t turn
me on!’ Chiuso.”
“Cioè?”
“Cioè, diceva: ‘Voglio la sorella di Moana e Hula. Succhiatemi il cazzo.’
Faceva così. Zero rispetto, questa è la realtà. Cicciolina parla di una star che
le ha mancato di rispetto, che non gli tirava l’uccello quando faceva sesso

292
con lei. Lui è stato un vero mito? Sticazzi! Lui è comunque un mito, ma la
storia è diversa.”
“Com’è che la signora Ilona Staller era anche tirchia? Da produttrice ti
dava davvero una rosetta con tonno e pomodoro?”
“Allora senti, Giuseppe: otto ore, un panino con pomodoro e tonno
perché la mozzarella mi fa schifo. Non tirchia, di più! Però grande rispetto
per Riccardo Schicchi che ha elevato la pornografia ad arte.”
“Hai mai girato film con dei nani, Rocco?”
“Sì, uno dei miei primi a Parigi. Quando ho iniziato a fare porno,
lavoravo come cameriere a Parigi e, vicino al ristorante, c’era un fastfood di
tunisini. Quando hanno saputo che giravo porno, il fratello più piccolo di
questi sei, sette fratelli tunisini, un nano, mi ha chiesto se lo portavo a fare i
film. Ti giuro che è stata una cosa pazzesca riuscire a convincere Michel
Ricaud, il regista francese che mi ha fatto debuttare. L’ho portato sul set, gli
hanno sbottonato i pantaloni, lui l’ha tirato fuori ed è venuto; poi
gliel’hanno preso in mano e ha schizzato di nuovo… Sette orgasmi di fila!”
“È vera la storia che i nani sono particolarmente dotati?”
“Lui era dotato. Aveva le dimensioni normali, anzi abbastanza grandi, sul
corpo di un bambino: di conseguenza, sembrava enorme! La cosa pazzesca
è che ha fatto quel film, poi non l’hanno preso più ed è tornato a lavorare
nel fastfood. Quando lo incontravo, mi diceva ‘Rocco mi hai fatto vivere un
sogno: ero vergine!’ Te lo puoi immaginare? Vergine!”

“Quella volta che ho sborrato nella bocca della settantenne”

“Rocco, hai detto che il futuro è bisex. Alla fine anche Parenzo sarà bisex?”
Parenzo: “Non lo sapevo, ma lo escludo…”
“Guardo nella vita di tutti i giorni le donne e mi accorgo che sono sempre
più scontente e si stanno organizzando da sole, vedono di più film lesbo…
Mentre la nuova generazione di maschi ha sempre più paura, le donne sono
sempre più aggressive…”
“Stai dicendo che saremo tutti bisessuali?”
“No, bisex non vuol dire un cazzo. Io direi allsex: cioè decidi di andare
con chi ti pare e di fare quello che ti pare. Anche nella moda non c’è più
sessualità.”
“Parenzo, i tuoi figli maschi probabilmente saranno allsex. Arrenditi.”
Parenzo: “Ma guarda, io frequento una sola azienda…”

293
“Hai mai avuto un uomo, Rocco?”
“Quando ero nella fase della dipendenza totale ho provato tutto. Anche
gli uomini. Hai visto Shame, il film con Michael Fassbender? Ecco, quando
l’ho visto, sono rimasto una settimana senza dormire, perché quel
personaggio sembrava preso dalla mia vita. La cosa più schifosa non è il
rapporto con i trans o con gli uomini, ma è lui che quando giochi coi tuoi
figli ti tira via e ti porta a fare qualcos’altro: decide lui. E lì la dipendenza è
pesante. In quel film, ho rivissuto quelle cose. La parte più negativa è
quando ritorni a casa e guardi i tuoi figli che ti dicono: ‘Ma papà, perché
non sei stato con noi?’ E tu ti vorresti sciogliere, diventare una supermerda
da rovesciare nel cesso. Ho rivissuto tutto in quel film. È lui che decide
tutto quello che fai…”
“E lui, Parenzo, è il suo cazzo. Rocco, tu lo chiami il diavolo?”
“Il diavolo è quando è lui che decide e non tu…”
“Ci parli col diavolo?”
“Sì, e gli dico: ‘Oggi non mi abbandonare, portami avanti, non mi
mollare proprio adesso…’ Non sto scherzando.”
Parenzo: “Ma che dici, come ci parli?”
“È così. Non tutte le fighe sono uguali, non tutte le mattine sono
identiche, non tutte le volte ha voglia di svegliarsi, non tutti i buchi…”
“Praticamente qualche volta lo devi incitare…”
“A volte gli dico: ‘C’è da lavorare duro, muoviti e dammi una mano.’”
“È vero che sei stato in ospedale per troppa masturbazione?”
“Sì, a tredici anni ho avuto una cistite e mamma mi ha portato
in ospedale a Lanciano, nel reparto di urologia. Ancora mi ricordo la
vergogna. Marinavo la scuola e che cazzo facevo? Con tutti i ragazzini
organizzavo gare di masturbazione: chi si faceva più seghe, vinceva. Io
avevo il record. Tu sai che, nella masturbazione, più lo fai, più hai voglia di
farlo: è così che sono riuscito a farmi venire una cistite cronica.”
“A quante sei arrivato?”
“A undici in una mattinata.”
“Mamma mia! E anche da adulto ti è successo?”
“Fino a qualche tempo fa mi masturbavo regolarmente, adesso meno.”
“Nel documentario sulla tua vita racconti che sei stato con una
settantenne. Com’è successo?”
“Non lo sapeva nemmeno mia moglie. Quando è morta mia madre, la
signora che abita sopra casa nostra, e che aveva quasi settant’anni, mi ha

294
abbracciato per salutarmi prima di partire.”
“E poi?”
“Niente. Abbiamo pianto, pianto e pianto e, a un certo punto, mi è
partito.”
“Cioè?”
“Non so, mi stringeva, premeva il seno contro il mio viso, e mi è partito
l’embolo. Erano due mesi che vivevo attaccato a mia madre, l’ho vista
vomitare sangue dalla mattina alla sera fino a quando ci ha lasciato. Ero
molto stressato…”
“E allora?”
“Mi sono alzato. Avevo il cazzo durissimo, l’ho tirato fuori e gliel’ho
messo in bocca…”
“A lei, a una settantenne?”
“Sì, era pietrificata e io gli ho sborrato in bocca: non sto scherzando.
Quando l’ho rimesso dentro, mi sono vergognato da morire e sono andato
via…”
“E lei?”
“Mi ha guardato… Ricordo ancora i suoi occhi che mi guardano mentre
andavo via… Sono strasicuro che, se fossi tornato indietro, le avrei dato un
bacio in bocca…”
“Tua moglie che ha detto?”
“Ha capito che non era una perversione legata a un atto sessuale, ma alla
morte di mia madre: un bisogno d’amore.”
“Come finirà tutto questo? Una volta hai detto che ti piacerebbe morire
sul corpo di una donna.”
“Spero che sia quello di mia moglie. Spero di finire prima che finisca il
mio corpo. Non voglio restare prigioniero del mio corpo!”
“Sei a favore dell’eutanasia?”
“Al cento per cento.”
“Se stessi davvero male, ti faresti portare in una clinica svizzera?”
“No, farei molto più velocemente da solo. Apprezzo molto quel regista
che si è buttato dalla finestra. Apprezzo molto più questo. Far diventare
quell’atto una terapia mi fa cagare.”
“Riesci ancora a fare sesso con tua moglie?”
“Alla grande!”
“Ma come fai?”
“Te lo dico con parole semplici: perché amo mia moglie. Per fare sesso

295
bene con una donna non devi mai smettere di amarla, devi scoprire sempre
fantasie nuove. Sai perché sono fortunato, man?”
“Perché?”
“Perché sono generoso di natura…”
“Tutti noi predichiamo il sesso pulito, ma in realtà alla fine ci piace quello
sporco.”

Rocco e il ritorno sul set

“Ultimamente mi alleno ascoltando La Zanzara, sono addicted.”


Parenzo: “È un onore.”
Cruciani: “Meglio essere ascoltati da Rocco che dal presidente del
Consiglio.”
“Fra poco vi ascolterò mentre giro… Tu, Giuseppe, sei stato l’unico a
dirmi: ‘Non ci credo che smetti.’ Cambiare la mia natura è molto, molto
complicato.”
“Dunque hai ricominciato a fare l’attore hard?”
“Ho già ripreso qualche mese fa. All’Isola ho avuto uno sconvolgimento
legato ai figli, a mia moglie. Era la cosa da fare. Poi lei mi ha detto: ‘Sei
sicuro?’ Lei nel sesso non ama fare le cose che io invece cerco.”
“Per esempio?”
“Per esempio le cose con più persone. Ho voluto creare delle situazioni
con lei perché sono una persona generosa, ma non le piace. E mi ha detto:
‘Rocco, goditele nel tuo mondo.’”
“Fuori dal set no…”
“Ecco, bravissimo. Proprio così. Io sono una persona molto curiosa, non è
una questione di età, e ho una necessità fisica e mentale. Non mi punturo il
cazzo e riesco ancora oggi a fare sesso ovunque, dovunque e con
chiunque.”
“Senza punturine?”
“Niente, niente, zero. Macché punturine. Avevo anche deciso di non
utilizzare attori che prendono queste robe perché hanno una mancanza di
passione, di verità, di realtà. Quando prendi questa roba qua non c’è faccia,
non c’è espressione. A me la donna piace mangiarla, assaporarla, leccarla,
farle di tutto. Il sesso è qualcosa di veramente importante, o lo fai così o è
meglio stare in campagna a curare gli animali e pulire il culo dei cavalli. Mi
piace di più. E poi sai che io con te sono sempre sincero…”

296
“E dunque?”
“Sui miei set non trovo attori che mi piacciono e mi soddisfano. Sono
tutti delle macchinette, tutti finti. O butto tutto, lascio perdere il porno e
chiudo. Oppure ci sto io dentro e cerco di trovare altri nella mia accademia,
ma non voglio fare pubblicità.”
“Dunque da una parte hai una necessità fisica, dall’altra non trovi attori
porno all’altezza.”
“Sono abituato troppo bene. Mia moglie mi ha sempre detto: ‘Smettila di
voler trovare te stesso negli altri, altrimenti sarai sempre infelice.’ Ha
ragione.”
“Riesci ancora a scopare bene tua moglie, come lo fai sul set?”
“Sì, per il semplice motivo che la conosco e so quello che le piace.
Facciamo le cose che piacciono soprattutto a lei.”
“Dopo Rocco chi c’è, chi può essere definito come tuo successore?”
“Nacho Vidal sicuramente. Ma c’è un italiano che purtroppo ha smesso,
Omar Galanti. Grande passione, grande voglia.”
“Devo dire che forse ha un pisello più grande del tuo.”
“Guarda, li abbiamo avuti vicini tante volte e ti assicuro che ha un bel
nerchione, non so se più grosso.”
Parenzo: “Mai sentito, conoscevo bene Mastroianni, Tognazzi,
Gassmann, Manfredi, ora vado su Google.”
Rocco: “Tu fai sempre finta, caro Parenzo, ma secondo me sei un gran
cultore.”
Parenzo: “Come si chiama? Galanti? Mai sentito, ora vado…”
“Hai detto prima che ci sono delle cose che a tua moglie non piace fare.”
“Il sesso anale. Lei non lo ha mai fatto. Mai. È una pratica che non ama.”
“Mi sembra incredibile, non sei mai entrato nel culo di tua moglie.”
“È così, ci ho provato ma niente. Però mia moglie sa che a me quando
tiro fuori il pennello piace schizzare ovunque e da tutti i lati. Così davanti
alla telecamera, sapendo di dare piacere a migliaia di donne e uomini che
vedono le scene, mi fa sentire più figo.”
“Da quando hai ripreso come stai?”
“Distrutto, non ho più quel fisico. Sono morto, ma mentalmente ho una
voglia terribile. La notte non dormo, ho dolori pazzeschi. Le mie scene
durano quattro-cinque ore, mi butto sul marmo, sugli scalini, con la
schiena, uso la testa come un ventenne, le attrici vogliono girare con me ma
nello stesso tempo mi odiano perché le scene sono troppo lunghe.”

297
“Perché oggi gli italiani vanno molto a trans?”
“Hanno il cazzo, il cazzo, il cazzo…”
“Tu non sei particolarmente attratto dal genere.”
“A me piacciono. Ho sempre cercato il trans che incontravo al Bois de
Boulogne quando lavoravo come cameriere a Parigi da ragazzino. Mi
fermavo per la solita pompa della notte quando finivo verso l’una. Non era
la classica prostituta e mi faceva i pompini come te li faceva la tua
fidanzata, senza fretta…”
“Chi ci va può essere considerato un po’ gay?”
“Assolutamente no. A me piacciono all’interno della coppia, ho provato a
fare dei film che però non sono andati bene.”
“Perché?”
“Perché ero troppo avanti. Troppe patate in mezzo. Invece chi vuole i
trans li vuole vedere con l’uomo. Trans e uomo, trans e uomo. Sempre.”
“La professoressa Silvana De Mari proprio qui alla Zanzara ha sostenuto
che il sesso anale fa malissimo.”
“È una che dovrebbe praticare un po’ di sesso anale, magari cambia
idea… Oggi la maggior parte delle pornostar godono solo quando le inculi.
Ha ragione Gwyneth Paltrow che ha fatto una guida sul sesso anale, senza
ipocrisie. Bisogna farlo con un po’ di dolore, non c’è piacere senza dolore.
Viene apprezzato ancora di più.”

“Viva la figa pelosa”

“Ci sono tre milioni di persone con problemi di erezione in Italia. Il


problema è grave, ma io ho una soluzione. Sapete che sono in questo
settore da tantissimo tempo e so cosa vuol dire una mancata erezione.
Bisogna fare una petizione: basta disboscare, dobbiamo tornare al pelo;
dobbiamo ritrovare l’eros, l’erotismo, la sensualità, la donna vera. Cioè il
pelo. Tutti gli uomini si fanno crescere la barba, le donne invece si
sbarbano. Capite che c’è un problema? Petizione: rimboschiamo le donne
perché questa è la vera sensualità, la vera sessualità. E tagliatevi ’sta cazzo
di barba. Datemi retta e tutto si raddrizza… Guardate che non è uno
scherzo, non è una cazzata. Io sono sui set dalla mattina alla sera e vi dico
che il disboscamento crea problemi di erezione piuttosto gravi. Si è perso
quel lato lì, il centro dell’universo. Prendete l’Amazzonia: senza quel
polmone, muore il mondo. E a che cosa assomiglia l’Amazzonia? Non ci

298
vuole molta fantasia… Come l’Amazzonia anche la figa è il centro del
mondo: l’abbiamo disboscata e adesso ci attacchiamo al cazzo, abbiamo dei
problemi. Il problema è molto facile da risolvere: rendiamo le fighe pelose
e i cazzi torneranno dritti. Parola di Siffredi. Sembra che dico delle cazzate,
ma vedrete come va su. Rimettete il pelo, stiamo andando a finire nella
merda. Anzi, voglio fare un partito: ‘Pelo per tutti.’ Ci penso seriamente, e
già so chi si può alleare con me.”

Rocco e Miss Ferrari. Il caso Savanna Samson

“Parenzo, lo sapevi che la compagna del nuovo amministratore delegato


della Ferrari, Louis Camilleri, è una ex pornostar? Si chiama Natalie
Oliveros, in arte Savanna Samson, e ha avuto a che fare con un nostro
amico: Rocco Siffredi!”
“Tutte le patate portano a me…”
“Qual è la donna che non si vorrebbe scopare Rocco Siffredi?
Esiste? Dimmene una…”
“No, Cruciani, devo darti una brutta notizia: è pieno di donne superfan
che si masturbano davanti a me, ma che non mi scoperebbero mai.”
“Perché?”
“Perché dicono: ‘Mi fai eccitare, vengo con te. Però sei troppo, troppo
forte…’”
“Cioè hanno paura?”
“Sì, hanno paura. Io però sono un amplificatore, decidi tu il volume.”
“Cioè ti puoi regolare, diciamo. Non è detto che devi andare a mille…”
“Dal super romantico al tenero… Io sono nato per dar piacere alle donne,
man, e tu lo sai, quindi faccio quello che la donna chiede.”
“Dunque se una donna vuole un minimo di dolcezza tu sei pronto ad
accontentare?”
“Anche il massimo… Mi piace spingerle al piano superiore. Lo chiamo
così: è quello che non conoscono ancora, dove tutto è più divertente.
Spingere una donna dove non pensa mai di arrivare.”
“Dunque, Savanna Samson ha fatto porno per una vita…”
“Scopa! Scopa forte!”
“Lo sai con certezza?”
“Stiamo parlando di una donna estremamente furba, estremamente
manipolatrice… Una donna pazzesca, alla quale piace molto l’uccello. Io

299
sono stato il suo regalo di San Valentino a mia insaputa: lei mi manda una
lettera, in cui mi scrive ‘Want sex with you’, e io le ho risposto: ‘Guarda,
siccome ricevo tante proposte, se nella vita privata dovessi scopare tutte
quelle che me lo chiedono, dovrei fare un secondo lavoro: siccome non lo
faccio, mi dispiace… Però, se vuoi fare un film, mandami delle foto.’ Lei
mi manda le foto: era a New York, bellissima, aveva ventisette anni
all’epoca.”
“Non faceva ancora il porno…”
“No, non aveva mai fatto porno. Io ero una sua fantasia, e suo marito le
voleva fare questo regalo per San Valentino… Ma io l’ho saputo in albergo,
e nella stanza c’era pure lui. Io le ho detto: ‘Ti invito su un mio set in
Europa, e magari lo facciamo lì…’ Lei mi ha risposto: ‘I can fly to Paris.’
Le ho risposto: ‘Ok, facciamolo a Parigi. Però non ti posso pagare un
biglietto in prima classe.’ Lei ha ribattuto: ‘No problem for the ticket.’ Io
avevo prenotato all’Holiday Inn, e lei mi ha detto: ‘I am at the hotel. Hotel
de Crillon’ Hai presente Place de la Concorde? Quasi duemila euro a
notte…”
“Ma dove li prendeva quei soldi?”
“Il marito era un ex importatore di vini francesi in Canada. Alla fine mi
ritrovo in questo albergo e quasi mi becco una denuncia. Mi dicono: ‘La
signora Oliveros l’aspetta nella sua suite.’ Mi rivolgo a mio cugino che
riprendeva: ‘Non smettere di filmare. Voglio un documento reale.’ Entro, ci
abbracciamo, ci baciamo e iniziamo a scopare lì e, mentre stiamo scopando,
entra un uomo distinto. Eravamo sul pavimento, facevamo casino. Ho
detto: ‘Ecco qua il direttore che ci butta fuori!’ Invece era il marito,
mulatto, che mi fa ‘Sorry to disturb you, guys!’ Ho detto: ‘Ma chi è?!’ E
lei: ‘È mio marito. Ho dimenticato di dirti che tu sei il mio regalo di San
Valentino.’”
“Praticamente, per San Valentino, il marito le ha regalato un film porno
con Siffredi?”
“Finito il film – la sorpresa non era lei che decideva, ma io –, una
settimana di riprese in cui ha dovuto fare sesso con me, con due ragazzi di
colore, con un’altra donna e partecipare a una gang bang, lei riparte. Dopo
un mese mi scrive: ‘Io e mio marito abbiamo scopato tutti i giorni e voleva
che gli raccontassi ogni cosa che ho fatto con te… Ah, sono incinta!’ Prova
a pensare: quel bambino nasce da una scopata con il marito dopo aver fatto
il film con me, procreato grazie all’arrapamento di lui che la scopava ogni

300
minuto.”
“Storia vera, ragazzi. E Rocco meets an American Angel in Paris è stato
nominato il miglior film straniero ai premi del porno.”
“A me scrivono tantissime persone che mi chiedono come regalo di far
sesso con la moglie…”
“Tu lo fai?”
“Ti dico la verità: non lo faccio per il semplice motivo che diventa
veramente un secondo lavoro. Non è possibile, ragazzi! Spesso e volentieri
ci sono delle persone che mi chiamano e mi dicono: ‘Rocco, I have a
problem: my wife call me Rocco. She wants me to speak italian. Vuole che
parli in italiano mentre facciamo l’amore perché pensa di fare sesso con te!’
Hai capito, Parenzo?”
“Rocco, perché hai detto che la Samson è furba e manipolatrice?”
“È furba e manipolatrice perché… L’ho conosciuta dopo, negli anni in
cui lei era una pornostar per la Vivid, una ‘Vivid Girl’: lo è stata per dieci
anni. E devo dirti che riesce ad ottenere tutto quello che vuole con la
furbizia: è molto intelligente, molto paracula. Chapeau, perché è veramente
la numero uno.”
“Cioè tu dici: il fatto che abbia scelto uno che è stato alla Philip Morris
per tanti anni… Insomma, una persona con una certa disponibilità di
denaro…”
“Sì, lei ama questo. Adora la bella vita, adora l’uomo ricco, e poi le piace
il cazzo vero.”
“Cioè non è stata una pornostar solamente per mestiere… Tu vuoi dirmi
che è proprio appassionata dell’oggetto!”
“Quando lo vuole, lo vuole al top. Nell’altra vita invece fa la paracula.”
“Ma, alla fine, per fare quel film con Savanna ti hanno pagato?”
“No, non hai capito: il film era prodotto da me. Lei è venuta a girare con
me e non ha voluto alcun compenso perché mi ha detto: ‘You are my
fantasy. Eri il mio regalo di San Valentino.’ È venuta a fare l’attrice per me
e non ha voluto soldi. Le ho detto: ‘Dovrò utilizzare la tua immagine e tu
mi devi firmare una liberatoria e fare i test.’ Mi ha risposto: ‘Thank you, I
don’t want anything. You are my fantasy.’”
“Non vi siete più risentiti dopo?”
“No, ci siamo visti in America più tardi. Lei aveva vinto un premio e io le
detto ‘Ma non ero solo una tua fantasia?’ Lei mi ha guardato e mi ha
risposto: ‘Ah, poi mi hanno proposto di fare il porno e mi sono detta:

301
«Perché no?»’ Credimi, Cruciani, io ho una certa sensibilità, lei è molto ma
molto arrivista. Hai capito dov’è arrivata… La numero uno, chapeau!”
“È arrivata a essere Madame Ferrari…”
“Oh, io non sono mai invidioso. Quando le persone ci sanno fare e
arrivano, dico sempre: ‘Chapeau! Brava Oliveros.’”

Con la famiglia in radio

“Rocco Siffredi qui, nella sede di Radio24, l’emittente della Confin-


dustria!”
“Ciao ragazzi! Parenzo dove sei?”
Parenzo: “A Roma… Io stimo tantissimo il professor Siffredi, però mi
piacerebbe vedere le facce del direttore e degli altri che stanno lì…”
“Faccio firmare a Rocco un modulo di adesione a Confindustria. Eccolo
qui.”
“Ecco, firmo.”
“Sul modulo ho indicato ‘Servizi’, ‘Produzione di servizi’.”
Parenzo: “Cosa produci esattamente?”
“Produco quello che milioni di persone vogliono vedere. Sesso.”
“Oggi ho fatto una piccola visita al mio pisello. È importante farsi visitare
il pisello. Mi hanno proposto di fare il testimonial per la prevenzione.”
“Importantissimo. Io faccio una visita ogni tre settimane. Si fanno le
analisi per tutto, non solo per l’HIV.”
“Quante malattie ti sei preso?”
“Ho fatto la collezione di vari funghi, e poi la gonorrea, una volta sola e
fuori dai miei set. Nient’altro. Nel nostro lavoro siamo molto controllati.”
“Di grave, solo la gonorrea?”
“Sì.”
“Lo hai detto a tua moglie?”
“Certo. Altrimenti l’avrei trasmessa anche a lei.”
“Era incazzata come una bestia?”
“Ma l’avevo presa in un altro set, a Praga. Un set non mio.”
“Non ti eri scopato qualcuna fuori dal set?”
“No, assolutamente no. Non riesci a farmi litigare con Rózsa, che è qui.
Rózsa sa tutto quello che ho fatto. Comunque ho preso funghi e candida:
passando da davanti a dietro, è inevitabile. Anche con attrici super
controllate.”

302
Parenzo: “Io gli darei una laurea in medicina.”
“Vita vissuta. Nel nostro lavoro non si prende nulla. Quelli che io chiamo
funghi sono batteri che passano dalla vagina all’ano. Non usando il
preservativo, il contagio è inevitabile. Ma se si mettono i preservativi, i film
non si vendono, e così tutti sappiamo che quelle robe ce le passiamo…”
“Hai mai avuto paura?”
“Sempre. Il problema è che qualche volta i funghetti li ho passati a Rózsa.
È qui, lei lo sa bene.”
“Hai detto più volte che avresti smesso col porno, ma non lo hai mai
fatto.”
“L’ho detto tre volte, poi ho ricominciato. Adesso non lo dico più.”
“Il fatto è che ti tira ancora da matti.”
“È così. Bravo. Mi tira ancora. Ogni mattina mi sveglio, lui è vivo e mi
dico: ‘Rimandiamo.’”
“Ma torniamo ai preservativi: di certo non saresti il testimonial perfetto.
Non li hai mai usati. Per me andrebbero distribuiti anche nelle chiese.”
“Coi preservativi il porno morirebbe, lo dicevo prima. Comunque hai
ragione, andrebbero distribuiti ovunque, anche nelle scuole e nelle chiese.
Sono d’accordo al cento per cento.”
“I tuoi figli li useranno, spero. Uno è qui, dietro il vetro dello studio. Lo
usa o no?”
“No, no. Da sei anni sta con una ragazza, è fedelissimo e non ha mai
sfiorato un’altra donna.”
“Fedele da sei anni? Ma mandalo affanculo. Non è possibile!”
Parenzo: “È la legge del contrappasso.”
“Ti racconto una storia. Spesso lui mi aiuta sul set. E le ragazze dicono:
‘So beautiful. Ce lo possiamo fare?’ E lui, con un sorriso: ‘No, thanks.’”
(In quel momento entra Lorenzo Siffredi in studio.)
“È davvero così?”
Lorenzo: “Io riprendo, faccio le mie cose, qualche volta arrivano delle
ragazze che mi sorridono, guardano… Ma io niente.”
“Fedele da sei anni: è un’abiura totale. Il figlio di Rocco…”
Lorenzo: “Sì…”
“Ma non è possibile!”
Rocco: “Un figlio così è pazzesco. Vedo il mio contrario. Però pensa che
rottura di coglioni avere un altro Rocco in famiglia, soprattutto per mia
moglie.”

303
Lorenzo: “Ma io lo faccio sempre con la mia fidanzata, anche più di una
volta al giorno.”
“Quanto ce l’hai lungo? Sei dotato?”
Lorenzo: “Diciotto, diciannove.”
Rocco: “Io sono extralarge ma, da giovane, mi facevo tante seghe, e così
l’ho allungato.”
“La tua vera misura quant’è, Rocco?”
“Ventiquattro nell’estensione massima, quando sono super eccitato,
altrimenti ventitré. Comunque una volta la fidanzata di Lorenzo è venuta da
me e si è lamentata che avevano scopato otto volte di seguito…”
“A ventidue anni, non ho mai scopato così. Due volte al giorno e muoio.”
“Oggi per me la vita è cambiata: una fatta molto bene. Sul set. Anche se
le mie scene durano ore. Meglio solo la prima al top, piuttosto che una
seconda scarsa.”
“Nella vita ti sei arrapato di più con le pornostar o con le donne normali?”
“Le vere pornoattrici sono nella vita di tutti i giorni: sono negli studi
dentistici, negli uffici…”
“Qualsiasi donna è potenzialmente una pornostar?”
“Sì, anzi è mille volte meglio. Le pornostar sono troppo abituate e
meccaniche. E io sono una persona normale, che ha scelto il porno perché è
la massima espressione di quello che mi piace fare. Non posso farmi tutte le
segretarie che incontro.”
“Ma anche nel porno ti arrapi, non lavori e basta…”
“Io mi arrapo perché è importante. Ma tra due pornostar il vero e grande
arrapamento non c’è mai. Spesso mi succede che tiro fuori l’uccello e le
ragazze non hanno nessuna espressione. E io faccio: ‘Baby, l’ho appena
tirato fuori.’ Magari glielo metti nel culo e loro niente: non hanno nessuna
espressione. ‘Ma guarda che te l’ho appena messo nel culo…’ Risposta
algida: ‘Mi fai… Mi fai male…’ Nessuna reazione empatica, niente.”
(Intanto entra Rózsa Tassi, la moglie di Rocco.)
“Come hai fatto a sopportare quest’uomo per tutti questi anni, tradimenti,
sesso ovunque. Ha fatto di tutto.”
Parenzo: “Si è fatto pure la vecchia amica di sua madre.”
Rocco: “Per me l’età non conta. Le vecchie arrapano di più. A chi vuole
fare il porno, io gli faccio scopare una vecchia. Se ce la fa, può fare l’attore
hard, altrimenti niente. Chiedi a mia moglie.”
Rózsa: “Oggi gli uomini non ce la fanno. Senza punture e altre cose non

304
vanno avanti. Io chiamo Rocco ‘l’Ultimo Samurai’.”
“Ma voi riuscite a farlo ancora? Quante volte?”
Rózsa: “Diciamo che dipende dal suo lavoro. Quando lavora, non lo
facciamo.”
“Alla fine Rocco, a te piace tirare fuori la parte più porca di una donna,
quella più nascosta.”
“Bravo. Mi conosci bene. Più è santarellina, più mi piace.”
“Non ho ancora capito quanto scopate, tu e Rózsa. Due al mese ce la
fate?”
Rózsa: “Certo che ce la facciamo.”
“Rocco, dimmi la verità: quando sei con Rózsa, devi pensare a tutte le
porcate che hai fatto?”
“Sei uno stronzo. Lo dico davanti a mio figlio. Quando lo faccio con mia
moglie, mi piace fare sesso con lei senza pensare ad altre cose.”
Rózsa: “Con Rocco mi diverto. Con uno normale, non potevo stare. Mi
sarei annoiata. Lui riesce sempre a fare qualcosa che non ti aspetti.”
“Rózsa vorresti che uno dei tuoi figli facesse l’attore hard?”
Rózsa: “Se sono felici, sì. Hanno l’insegnante migliore.”
“Hai mai tradito Rocco?”
Rózsa: “No, mai.”
“Ma non ti vergogni, Rocco? Te ne sarai fatte centinaia… Dille che ti
vergogni di quello che hai fatto…”
“Ma lei lo sa. Tutti i miei problemi, la crisi esistenziale, la dipendenza: lei
sa ogni particolare. E nonostante tutto è sempre lì. Ma voglio dirvi un’altra
cosa, una cosa che non c’entra niente.”
“Cosa?”
“Sono sicuro che il Papa mi conosce, sa chi sono e gli sto simpatico. Una
volta sono stato in Vaticano a trovare degli amici. In portineria c’era un
sacerdote che, quando mi ha visto, è letteralmente impazzito. Mi ha
abbracciato e mi ha detto che lì giravano un sacco di videocassette con i
miei film. Mi ha detto: ‘Tu non sai quanti fan hai qui dentro. E tutti preti.’
Poi voglio dire una cosa su Parenzo.”
“Vai pure.”
“Sono sicuro che Parenzo ci prende per il culo. Fa molto più di te: è un
grandissimo trasgressivo e perverso. E gli piace leccare il culo con i peli.
Lo so e si vede. Ed è la cosa più bella che ci sia.”

305
Scontro

(Nel dicembre 2019 Rocco si scontra in radio con Max Felicitas, giovane e
rampante attore hard, cresciuto alla scuola di Siffredi e molto attivo sul
web. Ne viene fuori un litigio epocale tra due epoche del porno. Da una
parte il mito, dall’altra il ragazzo che cerca di farsi largo a spallate.)

“Allora ragazzi, qualche giorno fa Rocco Siffredi ha fatto un video in cui ha


messo in dubbio l’eterosessualità di Max Felicitas. Lui ha risposto dandogli
dell’anziano, e invitandolo ad andare in pensione.”
Felicitas: “Io non c’entro, è sempre lui che attacca me. Non l’ho mai
attaccato. È lui che mi dice le cose. Su Martina Smeraldi non ho attaccato
lui, ma chi aveva detto che era una sua scoperta. Infatti ci eravamo anche
sentiti e su quello non ci sono mai stati problemi.”
“Lui ha fatto capire che hai tendenze omosessuali.”
Felicitas: “Mi è dispiaciuto che ha dato alla parola gay un significato
negativo. E non sono stato io a interpretarlo così. Basta leggere i commenti
sui social della comunità LGBT.”
“Sì, ma tu lo hai chiamato anziano pornoattore.”
Felicitas: “Sì. Ho scritto che un anziano pornoattore ha bisogno di fare il
mio nome per rimanere attivo sui social. Mi sono sentito attaccato. Lui deve
continuare a fare le sue cose e io le mie. Non ho capito perché dev’esserci
lo scontro. Non voglio più sentirlo, non voglio più sentire il suo nome.”
“Ma non ti ha lanciato lui?”
Felicitas: “No, non mi ha lanciato nessuno. Mi sono fatto il culo da solo.
Lui è il mito del porno, da lui ho imparato tanto.”
“Gli hai detto anziano…”
Felicitas: “Anziano nel senso che cinquantacinque anni li ha. E comunque
nel porno uno a quell’età è anziano.”
“Ma ce ne fossero anziani così… E gli hai pure detto che deve andare in
pensione perché tu sei il futuro.”
Felicitas: “Sarò libero di pensare quello che voglio? Vorrei che venga
riconosciuta una pensione anticipata per un lavoro che è usurante. È la
verità. È quello che penso. È giusto che vada in pensione e che lasci spazio
agli altri. A parte che i giovani forse non sanno neppure chi sia. Che
continui a fare le sue cose, ma non rompa i coglioni a me, non voglio più
parlare di lui. Non voglio più sentir parlare di Siffredi. Può andare in

306
pensione, ha una certa età, deve smetterla di rompermi i coglioni, di
attaccarmi su cose futili. Ha detto che non mi tira, ma si vedesse lui, non è
che sia sto mostro. Poi è stato lui a iniziare, vai a vedere su YouTube.”
(A questo punto interviene Rocco Siffredi.)
Siffredi: “Se mi ascolti solo un minuto, e lasciamo perdere la parte gay.
Parliamo in maniera veramente seria e sincera. Tu hai iniziato proprio alla
Zanzara dicendo che le tasse vanno pagate in Italia e che io dovrei pagarle
in Italia. Sei un autentico imbecille, perché…”
Felicitas: “Imbecille sarai tu. Vecchio e imbecille.”
Siffredi: “Fammi finire. Io sono da venticinque anni a Budapest, ho la
società qui e devo pagare le tasse in Italia? Tu sei stato da me a Budapest, ti
ho lanciato io, non ti vergogni neanche a dire che non sei venuto da me?
Poi hai detto pure che io ho messo due ragazze con settanta uomini. Tu
vieni a fare la morale a me?”
Felicitas: “No, no, no, non hai capito quello che ho detto.”
Siffredi: “Lasciami finire. Non fare il furbo. Tu e Diprè avete lanciato…
Tu che dici di conoscere i ragazzi giovani, come fare il porno, cocaina,
cocaina… Ci sono i video…”
Felicitas: “Ma che cazzo dici? Io non mi sono mai drogato in vita mia.
Ritirati. Hai la demenza senile, ma che cazzo stai dicendo? Non permetterti
di infangare il mio nome così. Ritirati, vecchio, vecchio, vecchio, vecchio,
vecchio…”
Siffredi: “Max, Max, Max, Max… Io ho cinquantacinque anni e
purtroppo hai ragione… Io sono trentacinque anni che faccio questo lavoro.
Questo ragazzo, Felicitas, è venuto qui due anni fa insieme ad altri settanta
ragazzi, e quindi non si può permettere oggi di dire una marea di stronzate.
Lui e l’amichetto suo Diprè…”
Felicitas: “Ma che cazzo c’entra Diprè? Sono due anni che non vedo
Diprè…”
Siffredi: “Con Diprè sponsorizzano la cocaina per i ragazzi…”
Felicitas: “Ma vai a cagare, non dire stronzate…”
Siffredi: “E tu vieni a fare la morale a me, mi dici dove devo pagare le
tasse?”
Felicitas: “Non dire stronzate, non dire stronzate.”
Siffredi: “Ci sono tutti i video. Lui non ha nessuna storia e nessuna
produzione e mi dispiace che alle ragazze che recluta promette che
diventeranno delle star fino a quando fanno la scena con lui e poi cadono

307
nel dimenticatoio.”
Felicitas: “Ma vai a cagare che le ultime ragazze le ho lanciate io. E se
non ci sono io, tu neanche lavori.”
Siffredi: “La Smeraldi è venuta da me…”
Felicitas: “Vecchio, vecchio, vecchio, vecchio, vecchio… Ma ti rendi
conto cosa mi stai dicendo? Che io parlo di droga. Mai parlato di droga. Ma
che cazzo sta dicendo questo qua?”
Siffredi: “Tu ed il tuo amico Diprè avete fatto tanti video…”
Felicitas: “Ma che cazzo c’entra Diprè?”
Siffredi: “La cosa vera è che Martina Smeraldi è venuta da me dopo che
ha girato con lui, dopo tre mesi, chiedendomi di voler essere conosciuta in
Italia.”
Felicitas: “Che cazzo tiri in mezzo sempre gli altri? Devi avere le
palle…”
Siffredi: “Cruciani, puoi fare una domanda al nostro amico pornostar
sempre a cazzo duro, perché quando lo chiami dice che è sempre in tiro. Il
vecchio di cinquantacinque anni ha ragione, Max. Io sono comunque
vecchio, su questo non posso darti torto. Ho un solo problema. Il cazzo mi
tira sempre, che ci vuoi fare?”
Felicitas: “Per forza, con tutto il Viagra che prendi…”
Siffredi: “Te la lancio lì, Cruciani. Invita il tuo amichetto lì davanti. Si
sceglie la donna da te in radio, voglio vedere se ha i coglioni. A me metti
una vecchia di novant’anni senza denti con la dentiera e me la inculo e mi
inculo pure lui.”
Felicitas: “Fai schifo.”
Siffredi: “Cruciani, chiedigli perché si è rifiutato di girare con Malena.”
Felicitas: “Sono un galantuomo e non parlo di terze persone…”
Siffredi: “Ah, ah, ah… Adesso sei un galantuomo…”
Felicitas: “Non sono un vigliacco, non voglio tirare in mezzo altre
persone che non c’entrano un cazzo nella discussione tra me e lui.”
Siffredi: “E ci credo, perché ti sputtanano tutti, tu non puoi tirare dentro
nessuno, amico mio.”
Felicitas: “Se Malena vuole parlare, parla lei.”
Siffredi: “Cruciani, se io volevo sputtanarlo questo ragazzo… Ma ha
ventotto anni e non mi va, ho almeno dieci ore di materiale a cazzo
moscio…”
Felicitas: “Ma che cazzo vai dicendo? Vai a vederti i miei video.

308
Vecchio. Nonno. Io voglio chiudere tutta questa bufera che ha alzato lui. Io
farò la mia strada e lui continui con la sua. Non ho capito che cazzo vuole
da me. Io non parlerò mai più di lui…Cosa me ne frega di Siffredi? Lui ha
usato la parola gay con una connotazione negativa. E questo io non lo posso
accettare.”
Siffredi : “Ma a che cazzo ti stai attaccando? Attaccati alla figa, che è
bella quella. Io non ho parlato di omosessualità.”
Felicitas: “Io amo la figa più di te.”
Siffredi: “Io ho detto solo una cosa. Non fare la morale, tu non puoi fare
la morale a nessuno.”
Felicitas: “Perché?”
Siffredi: “Perché di tuo non sei una bella persona. Venderesti i tuoi per
essere conosciuto. Io mi sono fatto un buco di culo…”
Felicitas: “Ma vai a cagare, non toccare la mia famiglia. Merda, non
toccare la mia famiglia! Coglione, non toccare la mia famiglia! Vecchio,
vecchio, vecchio, vecchio…”
Siffredi: “Imiti tanto il grande Sgarbi…”
Felicitas: “Non imito nessuno.”
Siffredi: “Ho cinquantacinque anni, caro Cruciani. La Disney mi chiama
per fare il più grande film sulla storia del porno e mi tocca discutere con
questo deficiente…”
Felicitas: “Vecchio, vecchio, ritirati.”
Siffredi: “Tredici nomination a Las Vegas. Capisco perfettamente, Max,
che ti girino i coglioni. Ma sai a quanti ho fatto girare i coglioni?”
Felicitas: “Hai detto che mi drogo. Io non ho mai toccato la droga. Sarai
tu un drogato, non io.”
Siffredi: “Non ho detto che ti droghi. Ho detto che la sponsorizzi insieme
al tuo amico.”
Felicitas: “Vecchio, vecchio, tu non puoi permetterti di dire queste cose.
Sei tu un drogato, non io. Da quando Diprè ha parlato di cocaina, non l’ho
più voluto vedere. Da due anni non vedo Diprè. Informati, impara ad usare
Instagram.”
Siffredi: “Due anni culo e camicia…”
Felicitas: “Non sai neanche fare una storia… Siamo nel 2020, cazzo…”
Siffredi: “L’unica cosa che mi ha fatto incazzare… Non ho mai parlato di
lui che non è un attore vero. Sono usciti articoli in cui diceva di essere il
mio erede, ammazza che erede…”

309
Felicitas: “Non sono il tuo erede, mi vergogno.”
Siffredi: “Va bene, va bene. Quando ho visto i video con Diprè ho detto:
a che livello siamo arrivati…”
Felicitas: “Quando lavoravo con te, facevo i video con Diprè e avevi
detto che… Ma che cazzo stai dicendo?”
Siffredi: “Non parlarmi sopra, non aver paura di quello che dico.”
Felicitas: “Non ho paura. Pensi che ho paura di te?”
Siffredi: “Sai cosa devi fare? Se mi vuoi affrontare e essere sincero, non
cercare di comprarti le persone. Hai sbagliato persona con cui fare video.
Sono in questo mestiere da trentacinque anni… Lui continua a chiamare a
destra e sinistra: ‘Malena, ti prego, non dire questa cosa, ti prego…’”
Felicitas: “Che cazzo dici? Sei un diffamatore.”
Siffredi: “Allora chiama Malena in diretta…”

310
Vittorio Sgarbi

“La vagina per me non è l’origine, ma la fine del mondo”

“Vittorio, sei pronto? Ripercorriamo lo Sgarbi-pensiero su sesso, donne,


omosessualità, matrimonio, figa, prostituzione. Ne hai dette di tutti i
colori.”
“Eccomi, mi concedo alle tue perversioni, sei sicuramente più maiale di
me. La mia è solo estetica. E vedrai che in questo campo ho mantenuto una
certa coerenza sin dagli albori dello Sgarbi personaggio pubblico.”
“Partiamo da Sabrina Colle, che è la tua compagna ufficiale. Con lei hai
scelto l’astinenza.”
“È stata lei a scegliere l’astinenza a vita: una scelta che ho molto gradito
perché la passione fisica e la pura eccitazione di chi ama l’arte non deve
degenerare in rapporti carnali tra il critico guardone che visita una mostra e
l’immagine di una donna rappresentata nel quadro. Considero la mia
bellissima compagna uno splendido paesaggio da ammirare e mi accontento
di portarla a letto solo per guardarla e criticarla.”
“Non scopate da tempo immemorabile…”
“Sei molto più volgare di me: l’allievo ha superato il maestro. Con
Sabrina non facciamo l’amore dal ’99: lei non ne sente l’esigenza, con mio
grande sollievo. Superati i primi tempi della passione si instaura un altro
tipo di rapporto come spesso succede in altre coppie che per ipocrisia non
lo dicono. Però, nella mia apparente incontrollabilità, Sabrina detiene il
controllo assoluto, il potere sulla mia anima. Che è più potente.”
“Dunque, per voi, la parola ‘tradimento’ non esiste, non è mai esistita.”

311
“L’uomo non prova alcun senso di colpa per il tradimento. La donna
invece deve dire: ‘Sai, mio marito non c’è mai, sta sempre in televisione,
sempre da un’altra parte.’ L’uomo è come un animale.”
“Ricordo una tua vecchia teoria sul tradimento.”
“Sì, certo. Eccola: se tu riesci a farti tradire da tua moglie prima che tu la
tradisca, hai un buono. Dunque devi farti cornificare prima di cornificare tu,
così lei ha il senso di colpa.”
“Le corna. Oggi per le coppie è diventato normale cornificarsi,
raccontarselo e farlo insieme ad altre coppie.”
“Sono un anticipatore anche in questo. Nei primi anni Novanta dissi:
‘Sono cornutissimo, il più cornuto di tutti perché ho più donne di
chiunque.’ E dunque vorrei vedere voi, averne due, trecento e niente corna.
Le corna sono la decorazione del seduttore: le corna le ha chi non le vuole.”
“Oggi riesci a farlo solo con una?”
“Una coppia in quanto tale fa uno: di conseguenza, per essere in coppia
occorre essere almeno in tre. L’unità che stabilisce un uomo con una donna
fa un’unità che ha bisogno di un’alterità. Ormai se non lo faccio in tre, mi
sento solo.”
“Sei sempre in caccia.”
“Tu hai passato una giornata tranquilla, non hai cercato niente, hai fatto
una cena finita a mezzanotte, hai mangiato… D’estate vai con la macchina,
vedi un banchetto di cocomeri, non volevi un cocomero, non cercavi un
cocomero, ma non puoi non mangiare il cocomero. Ti fermi, e non puoi
farne a meno. Così è il mio rapporto con le donne. Non le cerco, però
quando le vedo, mi piacciono. Mi sono fermato, ho mangiato, ma non mi
sono affezionato al cocomero, quindi non gli ho creato un danno. Sai,
quando qualcuno si affeziona, rompe anche i coglioni: ‘Dove sei? Dove
vai? Con chi vai? Stai a casa…’”
“La teoria del cocomero. Voracità, pura voracità.”
“Mi viene in mente Pasolini. Ho molte affinità con Pasolini sul piano
sessuale perché io rispetto al mondo femminile sono come lui rispetto al
mondo maschile: cioè vorace di corpi, di donne, per rapporti anche veloci
che finiscono subito, rapporti che nel mondo omosessuale sono normali.”
“Dunque la tua è una ricerca continua, quasi ossessiva.”
“Una volta, Barbara Alberti mi chiese: ‘Ma è vero che hai tante donne?’
Io risposi di no, molte di più. Tutte quelle il cui sguardo riesco a incontrare
in una giornata, scoprendole, come le opere d’arte. La mia collezione è la

312
vita. Prediligo le belle, ma senza esclusioni: non c’è quasi un limite di
aspetto, ma solo di antipatia. Con generosità d’intenditore capisco le grazie
più nascoste. Perfette, baffute o capricciose, a me che importa? Ciò che io
guardo diventa bello, per protervia divina. E poi, tanto, sono sempre io la
più bella. Dopo tanti anni valgono ancora queste parole.”
“Per te la fedeltà cos’è?”
“La fedeltà è per i cani, gli esseri umani tendono a essere infedeli.
L’infedeltà è un istinto che prevale sulla ragione, e io credo che la costanza
sia l’unica fedeltà per un essere umano. Sentire che alcune cose fanno parte
della continuità della tua vita, e quindi si è costanti anche se non si è fedeli.
Generalmente uno è fedele per ricatto, per paura, perché non vuole perdere
la persona che ama. Ma non è istintivo. Mentre la costanza è la conferma di
una natura durevole degli affetti.”
“E la gelosia?”
“Sono stato geloso fino all’82 di una signora ricca con un marito malato.
Ero geloso anche delle cure che gli riservava come malato, ero pazzo. Mi
piaceva così tanto che la volevo solo per me: e questa è la ragione della
gelosia. È un sentimento perverso, un’ossessione, un tormento, un tentativo
di porre limiti a un altro, a qualcosa che poi l’altro patisce. Mentre, ripeto,
la costanza non presuppone nessun tipo di limite: è la presa d’atto di una
cosa che resiste nel tempo e che si ripropone identica anche a distanza,
senza il vulnus di dire: ‘No, mi hai tradito…’”
“Chi ti conosce sa che sei di bocca buona.”
“Basta un piccolo dettaglio per scatenare qualcosa. Ma possiamo dire
tranquillamente che le donne sono di quattro tipi. Quella che va
assolutamente esclusa è la brutta e povera. Poi c’è la bella e povera, che
pensa alla tua ricchezza per conservare la sua bellezza. Poi c’è la bella
ricca, che però ti guarda dall’alto in basso. Quella perfetta è brutta e ricca: il
massimo.”
“Califano diceva che un filo di cellulite fa libidine, sei d’accordo?”
“Assolutamente. Ci mancherebbe, senza cellulite non le vogliamo. La
perfezione irrita: una donna deve essere rustica, plebea, puzzolente.”
“Quando incontri una, cosa scatta?”
“Sono un amante istantaneo. In me, l’atto è più veloce del pensiero,
quindi non devo fare le tacche, non sono un collezionista: io lo faccio per
un istinto irrefrenabile, per il desiderio che supera qualunque ragione.”
“Però una volta Oliviero Toscani, credo che fosse il 2012, disse che sei

313
impotente e al massimo palpeggi.”
“Gli risposi per le rime, dandogli del drogato. Chi non mi ha mai visto – e
non mi ha visto nessuno –, non sa un cazzo. Però il piacere di scopare è
ormai legato al piacere di conoscere cose nuove: l’erezione non è poi così
importante.”
“Una volta hai detto che scopavi anche mentre eri addormentato.”
“Le convocavo in albergo alle sette di mattina. Le ricevevo dormendo e
mentre dormivo scopavo, non sapendo chi fossero. E che non osassero
svegliarmi, perché l’uccello si muove, ha una sua autonomia fisiologica
indipendente da tutto, per cui tu stai lì e… Finita la seduta, resti disteso e la
ragazza va via. E tu non sai chi è venuto. Meraviglioso!”
“Sempre senza condom?”
“Non ho mai pensato di comprare un preservativo. E pur avendo
sperimentato molto il campo, non mi è mai capitato nulla. Se tu scopi
sempre con la moglie, puoi prendere l’AIDS; se tu ne fai una e poi scappi
sei più veloce dell’AIDS. Bisogna toccare e scappare, toccare e scappare,
toccare e scappare…”
“La scienza la pensa diversamente.”
“Se tu ‘approfondisci’ su un corpo malato, alla prima non capita niente:
può accadere una volta su un miliardo. Ma insistendo, alla terza o alla
quarta volta può capitare. Quindi l’unica arma intelligente è toccare e
figare, toccare e figare, toccare e figare. L’ho studiata benissimo.”
“Senza paura.”
“Non ho mai avuto paura della figa. La figa non ha i denti: e se non ha i
denti, vuol dire che non è pericolosa. Hai mai visto uno morto di AIDS
totalmente eterosessuale, che non abbia avuto un’inclinazione
omosessuale? Non conosco un solo eterosessuale morto di figa: la figa non
fa danno.”
“La monogamia. Un tuo cavallo di battaglia…”
“Il vero maniaco sessuale è il monogamo. Uno che si fissa su una donna è
o non è un maniaco? Che uno si tenga la moglie va bene, ma che scopi
sempre lei, no. Dunque per sollevarla da un certo tipo di fatica va con le
altre: lo fa per lei, è un atto generoso.”
“Un maniaco sessuale, addirittura.”
“Sì, credo che il vero maniaco sessuale sia il monogamo. Uno che sta con
una donna per quarant’anni, deve avere un problema. Per avere un rapporto
logico, uno dovrebbe sposarsi a sessantacinque anni – quando comincia a

314
essere maturo – con una ragazza di diciannove. Questa è la distanza giusta.
Perché lei ti offre vent’anni della sua giovinezza che resiste, e tu dopo quei
vent’anni crepi, e lei si ritrova ancora giovane e con i tuoi soldi, pronta per
una seconda vita. Uno che sposa a sessantacinque anni una di quaranta,
sbaglia. Perché un matrimonio dev’essere di interesse: che cosa c’è di
peggio di un matrimonio disinteressato? Comunque, in generale, avere una
moglie è un limite dell’uomo.”
“Sul matrimonio, lo Sgarbi-pensiero risale alla notte dei tempi.”
“Nella fulmineità dei rapporti, tendo a piccoli riti: celebro brevissimi
matrimoni e fidanzamenti. Sono di ognuna, per un istante e per sempre, con
tutti i crismi e le benedizioni. Nessun uomo ha intenzioni serie come me.”
“Questo lo dicevi più di trent’anni fa. Non hai cambiato idea?”
“No. Giammai. I matrimoni vanno aboliti. Tutti. La gente non si deve
sposare: né omosessuali né eterosessuali. Non dobbiamo buttare i soldi in
pensioni. I gay sono come le rumene, le badanti che sposano vecchi signori
per avere l’eredità e la pensione. Questa è la verità: una cosa grottesca.”
“Hai sempre criticato le unioni gay.”
“Il matrimonio è una cagata. Una cosa che fa pena per gli eterosessuali,
figuriamoci per gli omosessuali, i quali non avendolo lo vorrebbero avere.
Io sono contro il matrimonio, contro tutti i matrimoni. Quindi mi sta sul
cazzo anche il matrimonio gay, e quello eterosessuale ancora di più. Non
me ne importa un cazzo, il matrimonio mi fa cagare: sposatevi voi!”
“Ti sei sempre sottratto.”
“Sempre. Il matrimonio è dannoso per chi lo contrae, ma più per il
maschio che per la femmina. Io come maschio mi sono sottratto, è vero.
Una donna può pensare di renderti l’obiettivo del suo progetto, e se è furba
e tu sei un po’ coglione, ti becca. Per te, l’importante è spostarsi, in modo
che becchi un altro.”
“Ma come si fa ad abolire il matrimonio, esiste in tutte le società.”
“Ma perché uno deve essere schiavo di una coglionata che ha fatto
sposandosi? Ci vuole un referendum per liberare l’umanità dal matrimonio.
La famiglia va distrutta. Liberi tutti, fatevi i cazzi vostri: bisogna restituire
agli individui la propria libertà.”
“Anni di letteratura, di studi… I classici, i Promessi sposi…”
“Ritengo che i Promessi sposi sia un libro che ha una conclusione di
merda, cioè il matrimonio. Una vita bellissima, piena di tormenti, monache
di Monza… Un romanzo meraviglioso, arrivi alla fine e finalmente si

315
sposano: il libro finisce, e sono quarant’anni di rotture di coglioni per Lucia
con Renzo. Qual è la chiave? È che Don Rodrigo non sia morto di peste, e
finalmente lei potrà scopare con lui. Questa è la mia teoria. Non sarà
meglio scopare con Don Rodrigo che farlo sempre con quello stronzo di
Renzo? Non ci sono più promesse, non ci sono più gli sposi: c’è Don
Rodrigo che chiava, com’è giusto, Lucia.”
“I movimenti gay si sono battuti per anni a favore del riconoscimento dei
loro matrimoni, e tu dici che è una cagata…”
“Solo i piccoli borghesi del matrimonio come status sociale si vogliono
sposare. Ma si facciano i cazzi loro senza rompere i coglioni col
matrimonio, i diritti, e tutte queste balle. Il matrimonio non è un diritto: è
una cagata. Ma quale diritto? E di chi? Il diritto è il diritto allo studio, al
lavoro… Il cazzo è un diritto? Ma che cavolo state dicendo? È un diritto
perché è dritto: solo questo è il suo diritto.”
“Ma come, anni di lotte, manifestazioni…”
“Abbiamo liberato il sesso per imprigionarlo dentro un matrimonio!! Ma
che roba è?”
“Ma ci sono le pensioni, l’eredità di chi magari sta insieme da anni…”
“Due uomini che non fanno figli, perché cazzo si devono mantenere l’un
l’altro. Succede che uno a settant’anni trova uno di trenta, ha una pensione
come insegnante, poi muore e la deve dare al trentenne che la prende per
quarant’anni. Ma siamo matti? Perché deve dare i soldi dello Stato a uno
che l’ha sposato solo per interesse. Lo prenda nel culo e sia contento!”
“Però, sai, non ci sono solo queste cose…”
“Parlano di diritti? Ma che cazzo di diritti: i diritti dell’uccello? Ma quali
diritti!! Due si amano. Punto. Si lasciano e si lasciano. Dicono… ‘Ma
quando poi lui sta male chi va all’ospedale, chi gli tiene la mano, chi va al
funerale…’ Ma vaffanculo! Il matrimonio va proibito per legge.”
“A maggior ragione quello omosex, dici tu…”
“Noi possiamo immaginare che il matrimonio abbia un senso perché
protegge il più debole, il bambino che non ha chiesto di nascere. Se uno
deve amare una donna o un uomo per piacere, perché si sposa? Il
matrimonio è la negazione del piacere: tu sei tranquillo e vivi con una
persona che ti piace. Perché ti sposi, allora? Perché si chiama ‘matrimonio’,
che vuol dire ‘compito della madre’? Il matrimonio è fatto per i figli. Ti
risulta che esca qualcosa dal culo? Dunque il matrimonio tra due uomini o
tra due donne non ha senso. Anzi, è un’inculata!”

316
“Cioè?”
“I gay sono masochisti. Siccome hanno vissuto anni di ghetto, vogliono
finalmente avere una legittimazione, seguendo una logica che è
umanamente comprensibile. Ma per cosa? Per andare a sbattere contro un
muro? Almeno la metà dei matrimoni finiscono in divorzio, e chiunque si
sia sposato sa che è un’inculata. Ma forse l’inculata è quella che li ispira.”
“Nemmeno le unioni gay all’italiana ti piacciono. Ma che te ne frega?”
“Sono contro ogni unione: penso che sia il momento più basso della
democrazia. Se due si inculano, si inculino, che diritti vogliono
sull’incularsi? Le storie dell’assistenza sono palle. È una miserabile
riproduzione della coppia piccolo-borghese che ha rovinato il mondo con le
famiglie, che sono il punto più orribile della concentrazione di violenza,
con il marito che uccide la moglie, la moglie che uccide il marito…”
“Per non parlare dell’adozione in una coppia di omosessuali. Ti fa
schifo?”
“Il bambino cerca di succhiare la tetta, come è sempre stato nella storia
dell’umanità, e invece cosa fa? Succhia l’uccello?”
“L’immagine di due uomini che cullano un bambino che effetto ti fa?”
“Mi fa orrore l’idea di prendersi un bambino come un cagnolino. Io sono
padre di figli senza volerlo, ma mi sembrava giusto non far abortire le loro
madri. Sono nati perché ho compiuto un atto. Se io non faccio l’atto è
perché voglio un cagnolino che si chiama ‘bambino’, per un mio capriccio.
Un’adozione omosessuale è il capriccio di due checche, di due che
vogliono fare la mamma e il papà. Un vizio, un capriccio e un lusso da
ricchi.”
“Ci vuole la mamma…”
“Un bambino ha la necessità di avere almeno una madre. Forse due madri
andrebbero anche bene, ma due padri no. Non puoi togliere al figlio la
madre. Da Pasolini in avanti la madre è tutto. Queste donne che vendono il
loro corpo per venti, trenta, quarantamila euro, fanno crescere dentro di sé
un bambino e poi lo cedono a due disgraziati che vogliono fare gli
scicchettosi: una cosa immonda! Invece di vendere la figa fanno di più:
vendono il loro utero per nove mesi.”
“A proposito della festa della donna, tu la cancelleresti?”
“Se fosse per me, subito. È una specie di dichiarazione di potere. Mia
madre era molto più forte di mio padre, e non c’era il femminismo. Oggi,
dopo quello in casa, il potere delle donne, è dilagato ovunque: c’è poco da

317
celebrare, è una meta ormai raggiunta. Sono per un ministero delle Pari
Opportunità guidato da un uomo, per restituire al maschio un po’ di diritti.
Sono l’ultimo maschilista, difendo dei principi assolutamente arcaici. Devo
dire che è qualcosa che non dispiace: le donne rispettano un uomo che
resiste.”
“Detto questo, anche tu sei padre.”
“Io non sono contrario alla paternità, ma alla volontà di essere padre. Per
cui non voglio essere padre. Ma se lo sono, riconosco i figli. I miei figli
sono come quelli di un prete. Se un prete mette incinta una ragazza, cosa
fa? Un prete può non far nascere il bambino? No, perché è a favore della
vita, e anch’io sono contrario all’aborto. Dunque, o si spreta oppure lo
lascia alla madre: lo guarda a distanza, lo benedice e lo sostiene. Ecco, io
faccio così.”
“Sei un libertino, ma anche un conservatore.”
“I bambini hanno bisogno di un padre e di una madre e, se sono cristiani,
i genitori non si devono mai separare per amore loro. Se si separano, sono
egoisti e hanno commesso anche un errore di base, perché il divorzio deriva
dal matrimonio: basta evitare il matrimonio. Non capisco perché fare una
cosa che poi serve per gli alimenti, la casa… Ma che roba è?”
“L’hai mai preso nel culo?”
“No, perché ho le emorroidi.”
“Però hai scoperto i trans prima degli altri.”
“Il terzo sesso mi attrae: sono attratto dal mistero della bisessualità. Sono
stato con Eva Robin’s, ma ero attivo. L’ho presa da dietro. Ma tengo molto
al mio culo: sono arcaico. Non voglio farmelo mettere dietro.”
“Raccontami l’episodio della Robin’s.”
“Eva Robin’s ha un uccellino sottile come un dito. Una volta eravamo lei,
io e una terza persona che ora non c’è più. La situazione era questa: Sgarbi
prende la Robin’s, la prende nell’unico buco che ha, cioè dietro. Eva invece
valorizza il suo punto davanti e lo ficca dentro la figa della terza persona.”
“Sei un amante del sesso anale?”
“Prendere il lato B è una dominazione totale: anche Fellini diceva che è
un dono supremo. Quando mi è capitato, ho fatto così. Avevo la certezza di
una certa disponibilità della mia partner. Quando era sotto di me, tentavo il
blitz, ma lei diceva: ‘No, no, mi fa male. Lo voglio fare solo in certe
occasioni…’ Insomma mille motivazioni. E lì devi decidere se desistere.
Prendendo spunto dalle mie esperienze, io consiglio di desistere e arrivare a

318
un patteggiamento. Quando fai uno, due, tre tentativi infruttuosi, allora
suggerisco di non farlo. Sarebbe contro la sua volontà, prevaricarla con una
forza superiore.”
“Ma un pompino lo fa meglio una donna o un trans?”
“La bocca è uguale, i denti sono uguali, la lingua è uguale. Il pompino è
puro. E questo prova che quando stai con un trans, stai con una donna. Per
caso ha un pezzo di uccello. A me è capitato anche di non trovare quasi
niente. Vittoria Schisano per esempio, che è una figa fulminante, sono
arrivato lì, l’ho presa e poi ho toccato davanti… Ma cosa c’era lì? Un
residuo di uccello che si era dimenticato di togliere.”
“Con Luxuria hai litigato parlando di un periodo in cui faceva la
prostituta.”
“Io l’ho conosciuta quando batteva sulla strada, travestita. È un dato
storico: in un’intervista ha detto che questo le ha permesso di avere un
rapporto diretto con le persone. Una donna può vendersi, sono cazzi suoi.”
“Dicono che il trans – o la trans – sia la donna del futuro.”
“I trans sono donne al cubo. Sono più eccitanti in quanto potenziano una
femminilità a cui le donne hanno da tempo rinunciato. Le donne si
mostrano fiacche, non truccate, vestite da maschio, scostanti. Il trans si
veste come Sophia Loren. Rappresenta ciò che la donna era. Spesso con
curve in grande evidenza. Nel mondo dei trans c’è un futuro per i maschi.”
“Chi va coi trans è gay?”
“Quelli con i transessuali non sono rapporti omosessuali. È solo una
questione di travestimento: l’uomo si fa donna e diventa una maschera di
essa, attraente per il maschio.”
“Parliamo di prostituzione.”
“Io sono per la prostituzione. Sono convinto che tutta l’umanità si
prostituisca.”
“Hai mai pagato?”
“Non sono mai andato a puttane perché il piacere di un uomo è
conquistare una donna, non comprarla. Però ti voglio raccontare un
aneddoto meraviglioso sull’etica della prostituta. Esco dalla Fiera
dell’Antiquariato a Modena e lì vedo una quantità di troie meravigliose,
principalmente nere: una del Camerun bellissima e sorridente, denti
bianchissimi, mi riconosce e mi saluta. Mi metto a parlare con lei, con gran
movimento di automobili, e a un certo punto, preso da tenerezza, le do
cinquantamila lire. Lei le prende, continuiamo a parlare per dieci minuti, e

319
poi gliene do altre cinquanta col mio autista vicino. E lei dice: ‘Allora
posso fare qualcosa con lui?’ ‘No, neanch’io,’ dice lui. E lei: ‘Ma questo
non è serio. Non posso prendere soldi senza fare niente. Non è possibile,
siete poco seri.’ ‘Ma no, te li ho dati per divertimento.’ ‘Allora devo fare
uno spettacolino,’ dice. Ha tirato fuori un uccello di gomma piuttosto
grande, e, lungo la rotatoria, si è penetrata con soddisfazione per pagare
quello che aveva avuto. Un esempio di altissima etica: non c’è nessuno al
governo che abbia mai dato una prova così alta di moralità in cambio dello
stipendio che prende.”
“Parenzo chiama i clienti delle prostitute ‘persone miserabili’.”
“Una prostituta ha diritto di fare quello che vuole e quelli che vanno con
lei facendo il suo bene non possono essere chiamati ‘miserabili’.”
“E la legalizzazione?”
“La prostituzione quando è regolamentata dallo stato viene esercitata da
persone che non sono forzate. La forzatura dipende dal proibizionismo che
c’è in Italia, il quale favorisce lo sfruttatore. Ci sono persone ridotte in
schiavitù, è vero. Ma a parte questo, la prostituzione è una scelta – e lo
dicono i grandi liberali –, per cui non vi è danno tra chi offre e chi prende.
È un contratto privato che non procura danno a nessuno. Se tu lo fai per
strada puoi danneggiare qualcuno, ma se tu lo fai a casa, no.”
“Ti sei battuto come un leone ai tempi del bunga bunga, perché
chiamavano ‘prostituite’ le ragazze che frequentavano Arcore.”
“Conosco le ragazze che frequentava Berlusconi. Non sono prostitute: è
una mancanza di rispetto per le donne. Persone come Francesca Cipriani o
altre che hanno lavorato in TV sono andate dal proprietario di quelle
televisioni per incontrare una persona che per loro aveva un valore. Non
esiste prostituzione nell’andare a trovare una persona ricca. Alcune di
queste io le chiamo ‘mantenute’. Esiste una differenza fondamentale: una
prostituta è quella di cui non conosco il nome, mi offre una semplice
prestazione e la pago per non vederla più.”
“Dunque queste cosa sono?”
“Donne interessate. Cosa ha fatto Sofia Loren? Cosa ha fatto la Gregoraci
con Briatore? Non è una colpa essere interessate: non è un reato. Non
bisogna fare gli ipocriti, una donna interessata è una donna che ha il diritto
di esserlo, come un uomo. Tutti quei prostituti nominati in Parlamento non
sono puttane? Cosa ha fatto la De Filippi? È arrivata da Costanzo, è andata
a letto con Costanzo ed è diventata la De Filippi. Cosa facciamo: arrestiamo

320
Costanzo e lo condanniamo?”
“Solo interessate?”
“No. In alcuni casi anche mantenute. Berlusconi era il punto di
riferimento delle ragazze. Per me erano delle mantenute. Mantenute, non
prostitute, che è tutt’altra cosa. Avevano un rapporto stabile con lui.”
“E Ruby?”
“Per me Ruby non è una prostituta, non è affatto una prostituta. È una
donna intelligente, e lui ha giocato come il conte Mascetti in Amici miei,
dicendo che era la nipote di Mubarak, e poi lei ha dichiarato: ‘Per me
Berlusconi è come la Caritas.’ La verità tra un uomo e una donna è quello
che dicono, non quello che emerge dalle indagini effettuate fregandosene
della privacy e della libertà delle persone.”
“Certe femministe parlano di mercificazione del corpo delle donne.”
“Ma quale mercificazione: che non rompano i coglioni! La carne è bella,
più dell’anima talvolta. Straordinariamente più bella. E poi serve un po’ di
maschilismo.”
“Spiegami.”
“Senza maschilismo si scopa male. Se gli uomini sono pari rispetto alle
donne e non esercitano quella ‘prevaricazione’ tipica della differenza tra
sessi, le donne non scopano più. E poi, se davvero la donna è mercificata
dagli abiti che indossa e dai modi con cui si atteggia, allora non dovrebbe
più truccarsi, usare il rossetto, mettere i tacchi, o ricorrere a un’ampia
scollatura per esaltare i seni. Non dovrebbe più tenere la gonna, ma
indossare i pantaloni. Si andrebbe così incontro, paradossalmente, a un
esito khomeinista: con il pretesto di rendere la donna libera e uguale
all’uomo, la si costringerebbe a non mostrarsi più, e quindi a non essere più
donna.”
“Una volta hai parlato del concetto di ‘avanzare’.”
“Sì. La caratteristica dell’uomo è quella di avanzare. La nostra
costituzione fisica prevede un fallo che avanza e penetra. Dunque è facile
confondere un’azione con una prepotenza.”
“L’uomo è un animale, lo abbiamo detto.”
“Volete la prova di cos’è il maschio rispetto alla donna? Se passa una
bella ragazza noi diciamo: ‘Che bella figa!’ Ma non vogliamo dire altro che
è bella. Quando mai la donna dice: ‘Che bel cazzo!’ Le donne non pensano
solo al cazzo, pensano a molto di più: pensano all’amore, al successo, ai
figli. Noi no: noi siamo proprio dei maiali veri. L’uomo pensa solo a quella

321
cosa lì.”
“Oggi bisogna stare attenti. Fai un complimento e vieni accusato di
stalking.”
“Sono l’uomo più stalkerizzato l’Italia. Non denuncerei mai una donna
che mi tocca o che viene verso di me. Invece ho trovato donne che
denunciano anche un’offerta di fiori ripetuta per venti giorni di fila.”
“Personalmente sostengo che una donna ha il diritto di utilizzare il
proprio corpo per lavorare.”
“Le donne mostrano caviglie, tette, parti nude del corpo, lobi con
orecchini, labbra dipinte, occhi truccati. Ci sarà una ragione. Non è che
sono puttane, è che vogliono essere viste. L’uomo può essere bello,
seducente, affascinante, ma non mostra le caviglie. Allora questa immagine
che la donna cerca di respingere, quella di essere considerata un oggetto
sessuale, non è una proiezione dell’uomo, ma un’oggettiva
rappresentazione che la donna fa di se stessa come qualcosa in cui la
componente del vedere è importante quanto quella del sentire. Fino a
quando non diventeranno totalmente unisex negli abiti, non possono
rompere i coglioni per il fatto che ci capita di valutarle come oggetti.
Perché una donna mostra i seni, perché si mette il rossetto? Per essere
guardata. Fino a quando una donna porterà un tacco e mostrerà una
caviglia, non mi devono rompere il cazzo: io guardo quel tacco e quella
caviglia. E lei lo sa. Pure la Gioconda è troia.”
“Come?”
“La Gioconda sorride per una semplice ragione: è compiaciuta di esistere.
Ti guarda così, guarda tutti noi essendo pronta per ognuno di noi. È la più
grande puttana della storia. La più grande troia che sia mai stata dipinta.”
“Sei stato il primo a utilizzare nel discorso pubblico la parola ‘figa’.”
“È una parola che evoca sempre un’immagine di bene, di abbondanza, di
bellezza, tanto che il suo contrario è appunto ‘sfiga’, ossia l’assenza di figa
e abbondanza. Viceversa ‘cazzo’ è sempre associata a un immaginario
negativo: cazzone, cazzata, ‘Mi stai sul cazzo’, ‘Sei una testa di cazzo’. Il
bene è la figa.”
“Il bene supremo…”
“Il sapore di una donna è inarrivabile. Faccio impacchi di figa che sono
assolutamente salutari.”
“Hai mai contato le donne che hai avuto? Si possono fare dei numeri?”
“Il mio obiettivo è diecimila, come Simenon. Considera che Fidel Castro

322
ne ha scopate trentacinquemila. Il conto si può fare così: ho iniziato nel
1969 dunque sono quarant’anni di attività. Diciamo tre al mese, donne
diverse, per dodici mesi fa quaranta, e per quarant’anni fa milleseicento.
Ecco, questa è un’ipotesi realistica.”
“Quale è la situazione che ti intriga di più?”
“Tu incontri una che ti piace, tua coetanea, tua amica e le dài del ‘tu’
quando la conosci, del ‘tu’ quando ci vai a letto e del ‘tu’ quando hai finito:
‘tu’, ‘tu’, ‘tu’. Poi hai una cui dài del ‘lei’, la corteggi un po’, dopo le dài
del ‘tu’, vai con lei e le dài del ‘tu’: ‘lei’, ‘tu’, ‘tu’. Poi hai la segretaria che
ti dà del ‘lei’, te la porti a letto e ti dà del ‘tu’; poi torna a darti del ‘lei’:
‘lei’, ‘tu’, ‘lei’. Ma il massimo è: ‘lei’, ‘lei’, ‘lei’. Lei che ti dà del ‘lei’
mentre la scopi, sta sopra di te e sente così la distanza che quasi si
vergogna: ‘Scusi, si può spostare un attimo. Mi fa male, scusi.’ Ti dà del
‘lei’ durante l’atto. Io ne ho provate tre, è il massimo del brivido: ‘lei’, ‘lei’,
‘lei’.”
“Ma perché vengono con te, quando sanno che non esiste un domani?”
“Le donne vengono con me perché sono uno stronzo, così fanno un corso
di perfezionamento. Meglio andare con uno stronzo massimo che con uno
minore. Tanto gli uomini hanno un solo obiettivo: trombarsi quelle che
trovano. Tutti gli uomini. Solo che alcuni le fregano, dicendo: ‘Io ti amo,
voglio solo te.’ Ma sono solo fantasie. Quindi trovare un vero stronzo
fortifica la donna.”
“Qualcuna pensa di ottenere vantaggi da Sgarbi?”
“Ti racconto una cosa. Sono le sette e trenta di sera e sono in un sette
stelle. Ricevo una pittrice che mi chiedeva un incontro da tempo. Mi trova
steso, nudo, sul letto, e subito si infila sul mio uccello. Dopo un minuto mi
dice: ‘Hai letto la mia mail?’ Mi si è ammosciato immediatamente e l’ho
invitata ad uscire.”
“L’hai cacciata?”
“Era lì e mi chiedeva se avevo letto la sua mail: mentre era sopra di me
mi domandava se avevo letto la sua mail? Ma vaffanculo tu e la tua mail!!
Un’altra, sempre in hotel, voleva discutere di Hegel, per non parlare di
quella che mi ha sussurrato: ‘Non posso fare l’amore, se non sono
innamorata.’ E io: ‘Allora amami.’ Insomma, bisogna spiegare alla donna
che quando entra nella stanza di un hotel la figa non ha più diritti: li perde
automaticamente. Non ci si può stupire delle azioni del maschio. Se accetti
di venire nella mia stanza, devi avere la consapevolezza di non essere più in

323
un territorio neutro.”
“Non fai distinzioni di età?”
“No. Ormai lo ius primae noctis è impossibile; perché le ragazze la danno
troppo presto; allora, per paradosso, ho cominciato a perseguire lo ius
ultimae noctis, per l’ultimo botto.”
“Vale a dire?”
“Ad oggi non si può più escludere che anche una donna di settant’anni sia
attraente, e così per dare la prova di essere pienamente entrato in questo
mondo nuovo, se per molti anni ho avuto il diritto allo ius primae noctis, ho
scelto di spostarmi allo ius ultimae noctis. Così quando una viene da me
verso i settanta, e ha dato l’ultima volta il suo corpo al marito il venerdì, il
lunedì lo offre a me: è un fuoco d’artificio e finisce tutta la storia.”
“Come fai a ricordare i numeri di telefono? Scrivi ‘Giovanna 1’,
‘Giovanna 2’ ecc. o cosa?”
“No, l’indicazione principale è relativa ai luoghi: dunque Cremona,
Piacenza, Reggio, Parma, Soragna. Di Francesca ce ne saranno
quattrocentocinquanta. Non c’è una provincia italiana senza figa. Persino
Matera o Isernia.”
“I posti più strani dove l’hai fatto?”
“L’ho fatto in teatro, in un palco, durante uno spettacolo. È meraviglioso:
hai un palco, sei lì con una ragazza, qualcuno suona una musica sublime e,
mentre lei si affaccia a guardare, da dietro tu agisci.”
“In Parlamento?”
“Il Parlamento è un luogo anti-erotico, però uno che ha qualche ruolo può
avere a disposizione molti spazi. Quando ero presidente della Commissione
Cultura avevo delle stanze e potevo fare quello che volevo. In più, ci sono
dei bagni meravigliosi. Al quinto piano ci sono degli spazi completamente
vuoti, si tratta di vere e proprie capsule. Io ho fatto sesso in una capsula con
vista, è stato bellissimo. I posti più accoglienti in Parlamento sono
sicuramente il terzo piano, che è sublime, e gli anfratti del quinto che
arrivano fino alla terrazza, dove ti puoi fermare a dormire anche per due
giorni e nessuno ti trova. I bagni migliori dove andare sono quelli della
Commissione Agricoltura e della Commissione Turismo, perché sono
piuttosto defilati. In Parlamento ho ricevuto Demetra Hampton, Milly
D’Abbraccio ed Eva Grimaldi. Ho fatto sesso alla Camera anche con due
parlamentari: una molto importante e una alle prime armi.”
“A proposito, le pornostar. Con grande scandalo, le hai sempre

324
frequentate pubblicamente.”
“Per me non esistono pornostar. Esistono donne che, per scelta o
contingenza, sono pornostar, ma possono essere avvocato, notaio o sindaco.
Una volta dissi che consideravo Milly D’Abbraccio come l’ex deputata DC
Tina Anselmi e provavo per il suo intelletto un’ammirazione purissima:
un’ammirazione che poneva la D’Abbraccio, per le sue qualità intellettuali
e morali, dieci gradini più in alto dell’Anselmi. Sarei stato davvero felice di
vedere l’Anselmi applicarsi nella militanza pornografica. Io sono come
Gesù: mica andava con le persone perbene. Andava coi giramondo come
lui, con quelli che non volevano mai stare fermi.”
“Poi è arrivata Vittoria Risi…”
“La Risi non è una pornostar: è questo che la rende così diversa dalle
altre. Le pornostar di solito sono accanite, aggressive: lei invece è morbida,
dolce… È come un profumo Chanel, nel senso che il suo corpo si fa
profumo, ed è un profumo che ti avvolge. Questo la rende diversa, mentre
le altre pornoattrici sono sempre in antagonismo con l’uomo. La Risi riesce
a farti sentire dominatore: è il massimo. Non vuole umiliare il maschio,
riesce a primeggiare su di lui facendolo prevalere.”
“Ti ho visto entrare in una stanza con Malena la Pugliese. Mi hai sbattuto
la porta in faccia, mi hai escluso.”
“Non ti volevo in mezzo ai coglioni. A lei ho dato delle nozioni che non
aveva sulla materia in cui lei è specialista, il pompino. Alcune ragazze
pensano di fare le spiritose quando si avvicinano, ma dimostrano solo
pigrizia e supponenza. Invece Malena si è applicata come un bambino col
suo succhiotto per tre ore e mezza. Una grande prova di amore e di
attenzione. Dunque sono stato elemento passivo per una cosa che lei non ha
mai fatto per questa durata. Ha dato prova di una sensibilità estrema, di una
ricerca dell’anima. Ho percepito l’applicazione, l’amore. Nei film al
massimo può durare un quarto d’ora.”
“A proposito del pompino. Una volta l’OMS ha detto che è meglio col
preservativo.”
“Il pompino è una cosa seria. Ne ho ricevuti molti: è la pratica più bella
per un uomo. Non può essere artificiale. Allora è meglio rinunciare.”
“È il tuo atto sessuale preferito?”
“Sì. Il pompino è libero, il pompino è trasversale, il pompino è per tutti. Il
pompino è sia eterosessuale sia omosessuale.”
“Ricordi un pompino speciale?”

325
“In un’avventura molto articolata e complessa, anni fa, mi è capitato di
incontrare una ragazza algerina, la quale si è applicata mirabilmente,
determinando un effetto di mulinello… Non mi ricordo nulla di più
straordinario. Penso di essere uno dei pochi in Italia ad aver sperimentato il
pompino algerino…”
“Ma come funziona?
“Innanzitutto devi trovare una persona incline. Non deve farlo come se
leccasse un gelato, ma deve fornire anche un’applicazione spirituale,
ricercando l’anima, andando quasi a soffocarsi… Poi c’è un effetto
mulinello, come se fosse in un frullatore.”
“Mi sono sempre chiesto chi sceglierebbe Sgarbi tra una donna e un
quadro.”
“Il quadro lo vuoi sempre, la donna la vuoi per poco. Il quadro resiste al
tempo, la donna cede al tempo. Tanti anni fa venne da me Gualtiero
Jacopetti, dicendomi di essere innamorato di una bella ragazza bionda, ma
lei non ci stava. Io gli ho risposto: ‘Guarda, Gualtiero, basta aspettare.’
Passano vent’anni, la rivede e mi dice: ‘Non la voglio più’, e questo perché
la donna era arrivata a sessant’anni. Il pensiero è: ‘La bellezza delle opere
d’arte vince il tempo, la bellezza delle donne cede al tempo.’ Ma il dramma
dei nostri tempi è un altro.”
“Quale?”
“Che gran parte delle donne negli ultimi vent’anni si depilano, come se
quella parte del corpo dovesse essere liscia: se Dio l’ha fatta pelosa ci sarà
una ragione. Io sono per la persistenza del pelo. Liscia è un po’ oscena.”
“E anche bella profumata non ti piace troppo.”
“Una donna pulita è una vergogna di Dio, è un sapone al posto del
sapore.”
“Lo squirting. Immagino che per te sia gioia pura.”
“Lo squirting l’ho inventato io. L’ho introdotto in società e nel mondo
femminile, ne ho fatto materia di dibattiti e pratiche sessuali. È una cosa
meravigliosa farsi squirtare addosso.”
“Ma alla fine, il tuo uccello com’è? “
“Sono normodotato, l’unica parte normale di me è l’uccello.”

326
Pupo

“Vivi ancora insieme a due donne?”


“Sì, da vent’anni. Ma la bigamia non c’entra. Sono due donne fantastiche.
Tra loro non c’è amore, ma un rispetto pazzesco. Passiamo giorni insieme
da soli noi tre, ma non abbiamo mai fatto l’amore in gruppo. Lo abbiamo
fatto sempre separatamente.”
“Ma loro hanno avuto o hanno rapporti con altri uomini?”
“No, assolutamente. Credo che non sopporterei se loro stessero anche
insieme ad altri. Comunque questa è un’esperienza che non consiglio a
nessuno: è successo e basta. Non ho progettato di vivere così: è capitato.
Una volta, la Mondadori mi chiese di scrivere un libro su come riesco a
vivere con due donne. Mi davano anche un anticipo sostanzioso. Ci ho
pensato e ho detto di no. Come potevo raccontare quello che non si può
raccontare. È andata così, non so perché.”
“Ma fisicamente ce la fai?”
“Ooooh, alla grande. L’andrologo dice che quelli bassi hanno un
concentrato di testosterone pazzesco.”

Pupo, la dipendenza dal sesso, Anna e Patricia

Pupo compie sessant’anni: “Mi fido molto di più delle persone che nella
vita hanno commesso errori, poi hanno recuperato e lo ammettono. Quelli
che non dicono mai niente, vogliono sembrare perfetti, poi nascondono le
peggiori perversioni. Sono contento di essere così. Lo confesso, sono un
uomo che ama essere al centro dell’attenzione. Quando vado ai funerali,

327
quasi invidio il morto.”
“Enzo, ti piacciono i compleanni?”
“Coi compleanni io ci campo.”
“In che senso?”
“Non in Italia, però: qui non hanno i soldi per pagarmi. Coi compleanni
dei russi. Quest’anno ne ho fatti quindici, compresi gli anniversari. Siamo
quattro, cinque artisti: Al Bano, Toto Cutugno, Ricchi e Poveri, Riccardo
Fogli… Questo praticamente è il nostro primo mestiere.”
“Quanto ti danno?”
“Cifre importanti.”
“Quanto?”
“I soldi che mi consentono di mantenere una certa dignità umana e
professionale in Italia, un paese che qualche volta vuole umiliarti. Io adoro i
soldi perché posso mandare a cagare quelli che mi fanno proposte
indecenti.”
“Tipo?”
“Ai tempi ero una macchietta televisiva, durante la mia crisi professionale
e umana. Mi chiedevano di tutto, di fare il buffone in televisione. Non ho
mai partecipato a un reality, anche se me lo propongono sempre. E io dico
sempre di no.”
“Consideri osceni i reality?”
“Sì. Osceni. Anche nel periodo della crisi economica non ci sono andato.
Mi fanno schifo.”
“Quanto hai intenzione di campare ancora?”
“Intanto domani, l’11 settembre, faccio sessant’anni. Mi piace la vita, e
l’idea di morire mi fa girare le palle. A me la vita piace tanto.”
“Ti sei mai rifatto?”
“No, mai. Odio quel genere di pratiche. Una volta ho detto a Roberto
D’Agostino che gli davo un milione se scopriva un mio ritocchino. E,
aggiungo, non mi piacciono le donne rifatte.”
“Cioè?”
“Adoro le donne con la faccia vissuta e rugosa. Le adoro.”
“Anch’io, devo dirti la verità. Quelle con la pelle rovinata mi fanno
impazzire.”
“Ti capisco. Una volta, in Russia, una modella voleva venire a letto con
me. Era completamente rifatta, sembrava finta come un cartone animato,
tutta tirata… Non ce l’ho fatta: non ero attratto.”

328
“Ma tra una modella di venticinque anni e che ne so, Daria Bignardi, con
chi scegli di andare?”
“Sai che ho un debole per la Bignardi. Divento pazzo. Per me è sesso. È
una cosa molto soggettiva, lei mi dà molta carica.”
“In generale, tra una di cinquant’anni e una ragazza di venticinque?”
“Oooh, subito con una di cinquanta, senza nessun dubbio.”
“Adesso chi ti attizza?”
“La moglie di Rutelli, Barbara Palombelli. L’ho vista di recente. La pelle
è quella di una signora di mezz’età, ma è bella, bellissima.”
“Qual è una delle follie più grandi che hai fatto per una donna?”
“Una volta feci arrivare una ragazza da Cleveland, dove ero andato per
un’esibizione. L’ho portata una settimana al Cipriani di Venezia, abbiamo
passato dei giorni meravigliosi.”
“Dove l’hai beccata?”
“In America, durante un tour. Era la figlia di un medico e mi sono
pazzamente innamorato di lei. Ero un istintivo.”
“Sì. E anche un po’ malato di sesso…”
“Vero, devo dire di sì. È stato un problema grosso.”
“Cioè?”
“Non mi sono fatto curare, ma sono andato a parlare con un andrologo e
pure con un endocrinologo. Avevo bisogno di farlo tre o quattro volte al
giorno.”
“Quando è iniziato?”
“Sono sempre stato molto libero. Ho cominciato a fare l’amore a
quattordici anni, e in alcuni momenti ho pensato che mi piacessero anche
gli uomini. Ho dubitato della mia sessualità. Sono stato anche con un trans,
ma per sbaglio. Quando l’ho scoperto era troppo tardi ed ero molto eccitato.
Non ce l’ho fatta a tirarmi indietro e ho concluso.”
“In che modo?”
“Non ve lo dico.”
“Raccontaci un’altra tappa della tua malattia.”
“Stavo facendo una tournée in Australia. Nell’albergo di Sidney vado
nella sauna mista: sono entrato e c’era signora molto carina. Non sapevo
chi fosse. Non parlavamo, ci guardavamo, e c’era un caldo infernale. A un
certo punto le rivolgo la parola in inglese: ‘What’s your name?’ Ma lei era
italiana, di Sassuolo, la moglie di un imprenditore delle mattonelle. Lì c’era
una fiera e…”

329
“Te la sei fatta lì, nella sauna?”
“Aspetta, aspetta. All’inizio non mi aveva riconosciuto. Poi mi ha chiesto
un autografo e io le ho detto: ‘Ma come faccio, così mezzo nudo in una
sauna…’”
“E dunque?”
“La porto in camera per dargli una cartolina con l’autografo e… E me la
sono scopata. Lei continuava a dirmi: ‘Pupo, Pupo, ma io ci rimango male,
ci rimango male se fai così…’ Tutto in dialetto modenese… Poi non l’ho
mai più vista.”
“Perché ti diceva quelle cose?”
“Perché ci era rimasta male per il mio comportamento un po’ da
maniaco.”
“E adesso, come sei messo?”
“Adesso sono più tranquillo. Sto con due donne, com’è noto, e soddisfo
entrambe. Non vado con altre. Le mie due signore rappresentano
l’equilibrio perfetto per me: ultimamente vado a letto solo con loro.”
“Tutti insieme lo hai mai proposto ad Anna e Patricia?”
“Mai, mi farebbe schifo con loro due. Un’orgia mi piacerebbe, ma non
con loro due. Nel tempo Anna e Patricia mi hanno dato indicazioni sul
sesso, per essere soddisfatte. Ci siamo aiutati e ora siamo in un equilibrio
perfetto. E poi non c’è solo la penetrazione, che ormai è una cosa noiosa e
di una tristezza unica. Molto meglio il cunnilingus.”
“Depilata o pelosa?”
“Pelosa, senza dubbio.”

“È poliamore, non bigamia”

Dopo vent’anni Pupo esce con un nuovo album. I tempi sono cambiati,
l’uomo è cambiato. Insieme, in una mattina di primavera a Milano,
realizziamo in macchina il video del singolo che dà anche il titolo all’intero
lavoro: Porno contro amore.

“Enzo, Porno contro amore è la storia della tua vita.”


“È la storia di un uomo disperato che cerca la salvezza e la pace dalle sue
compulsioni sessuali. Se Papa Francesco la ascoltasse la farebbe passare
anche a Radio Vaticana.”
Parenzo: “Eeeeh, addirittura. Non credo proprio.”

330
“Sì, sì. È perfetta per chi deve recuperare e salvare una vita. Che
dovrebbe essere la missione della Chiesa.”
“Nel tuo periodo nero hai avuto anche rapporti omosessuali?”
“Sono qui per essere sincero. La verità è che ho avuto un periodo molto
lungo di sesso compulsivo, l’ho raccontato più volte. Per dieci anni. E
qualche volta ho avuto anche rapporti omosessuali.”
“Sei stato con un maschio?”
“Sì, sono stato con un uomo.”
“Passivo o attivo?”
“Attivo.”
“Mai passivo?”
“Ma attivo o passivo non conta.”
“Come non conta: conta eccome… Lo hai messo o lo hai preso dietro? O
entrambe le cose?”
“Non conta, assolutamente. E comunque la passività, se ci pensate bene, è
meravigliosa perché la stimolazione della prostata dà un grande godimento.
Per un uomo il top è fare l’amore, introdurre il membro eretto nella vagina
e nello stesso tempo avere qualcosa che ti stimola la prostata da dietro. Il
massimo. Questa è scienza!”
“Ma oggi non lo fai più?”
“No, non ho più bisogno di queste cose. Ne sono uscito con un percorso
di sofferenza e ho raggiunto un equilibrio che ha vinto contro gli eccessi.
Ma vedo in giro tante persone disperate. La compulsività sessuale è una
roba seria, una cosa grave.”
“Come ne sei uscito?
“Grazie alle mie due donne meravigliose.”
“Risposta scontata. Ma le avevi anche prima le tue due donne.”
“Non così. Patricia è stata fondamentale per darmi equilibrio.”
“Patricia è l’amante?”
“No, non è mai stata l’amante. Precisiamolo. È la mia compagna. E Anna
è mia moglie, e mi è rimasta vicino negli anni del sesso sfrenato.
Straordinaria. Lei conosceva questo problema e mi è restata accanto.”
“Non è la prima volta che ce lo racconti, ma rimango sempre sconvolto.
Guarire dalla malattia del sesso grazie a una moglie e a una compagna,
entrambe consapevoli del proprio ruolo.”
“È così. Ragazzi, io sono stato un compulsivo nel sesso, nel gioco
d’azzardo. E oggi è meraviglioso poterlo raccontare con grande serenità.”

331
“Si chiama ‘poliamore’ quello che vivi?”
“Sì, credo di sì.”
Parenzo: “Bigamia! La bigamia…”
“No, no. Quello è un reato. Non sono bigamo.”
Parenzo: “Vivono entrambe nella tua casa?”
“Assolutamente no. Ho tre case. Una con mia moglie a Ponticino, vicino
ad Arezzo; un’altra con Patricia, a Firenze; e un’altra ancora a Roma.”
“Con chi vai a letto?”
“Con tutte e due. Mai insieme, però, ve l’ho detto.”
“Con che frequenza?”
“Le esigenze sono diminuite.”
“Anche in giorni ravvicinati: prima l’una, poi l’altra.”
“Succede.”
“Il demone è sempre in agguato?”
“Sì. Ma lo controllo. I demoni che albergano dentro di me non sono
morti. Ogni tanto tentano di riemergere. Ma oggi sono forte e li sconfiggo.”
Parenzo: “Comunque siete due malati, due simpatici malati di sesso. Tu e
Cruciani, intendo: la differenza è che lui lo riconosce e tu no.”
“Macché, a me piace vivere. C’è qualcosa che non hai mai detto a
Patricia e Anna?”
“Sì. So che qui non posso mentire. Rispondo sempre alle domande:
questo è il mio problema. E allora mi ficco in casini pazzeschi. La
masturbazione… Anzi i metodi di masturbazione, che erano arrivati al
limite.”
“Cioè, cosa facevi?”
“A buon intenditor poche parole. Non posso andare oltre. Era un
momento drammatico. Mi sono dovuto fermare.”
“Con cosa ti masturbavi?”
“Ci sono cose che… Non posso dire oltre. Vi ho già detto troppo.”
“Ti masturbavi con degli oggetti?”
“Esatto. Ho sperimentato tecniche fantasiose.”
“Quante volte al giorno?”
“Arrivavo allo stremo delle forze masturbandomi.”
“Ti sei fatto schifo, guardandoti allo specchio?”
“Sì, molto. Per esempio, quando ebbi un incidente in un’area di servizio
di un’autostrada.”
“Cioè?”

332
“Ero a Modena. Mi è scivolato il piede e ho distrutto una vetrina. A quel
punto, mentre aspettavamo la polizia, sono entrato in un’edicola lì accanto,
e non so come sia successo, forse l’adrenalina dell’incidente, alla fine ho
fatto sesso con la ragazza che vendeva i giornali. Ovviamente
consenziente.”
Parenzo: “E tutto questo dopo l’incidente?”
“Sì, mentre tutti aspettavano le forze dell’ordine.”
Parenzo: “Voi fate passare per normali cose che non sono affatto normali.
Adesso Cruciani dirà che è una cosa normalissima quella che hai fatto.
Allora fammi capire bene ciò che è successo.”
“No, no. Non è normale, lo dico pure io. Mentre il mio road manager
aspettava la polizia, io mi sono dileguato, sono entrato nell’edicola, ho fatto
sesso con la ragazza. Mi sono sfogato e sono tornato dopo un’ora e mezza.”
“E lei c’è stata subito?”
“Lei diceva: ‘Ma cosa fai, Pupo, cosa fai?!’ Siamo al limite della legalità,
quando hai questo tipo di impulsi, ma alla fine c’è stata.”
“C’è chi ha minacciato di denunciarti?”
“Sì, è successo. Ma non lo hanno mai fatto.”
“Qual è la cosa che ti piace di più nel sesso?”
“Il cunnilingus. È il top.”
“Faresti un film porno?”
“No. Non ho più l’età.”
“Secondo te, avresti le misure adatte?”
“Penso di sì.”
“Cioè?”
“Se guardiamo all’altezza, sono sproporzionato.”
“Venti centimetri?”
“Non esageriamo.”
“Dài, misurati il pisello.”
“Diciamo tra i quindici e i venti.”
“Usi qualche pillolina?”
“No. Per ora non ne ho bisogno. Per eccitarmi, qualche volta guardo
scene porno. Solo quello.”
“Quanto hai usato i preservativi?”
“Poco, pochissimo.”
Parenzo: “Nemmeno in quell’edicola?”
“Macché… Lascia perdere. Sai, quelli della mia generazione non usavano

333
il preservativo. C’era meno paura delle malattie.”
[
“Ho due donne, ma sono una persona affidabile”

“Sai, David, che io sono un tuo grandissimo estimatore.”


Parenzo: “Grazie fratello, tu fai sicuramente parte della maggioranza
silenziosa.”
“Be’, non lo so. Silenziosa non tanto. Tutto tranne che silenziosa.”
Parenzo: “Sei sicuramente una persona fedele…”
“Sono soprattutto un uomo responsabile, direi affidabile. Insisto: sono
affidabile molto più di altri.”
“Senti Enzo, ti è mai successo che una donna ti abbia squirtato addosso?”
“Sculettato?”
“No, squirtato, schizzato.”
“Sì, mi è successo, mi è successo…”
“Non vorrei parlare di sesso. Hai raccontato pressoché tutto della tua vita,
però mi mancano alcune cose. Una è lo squirting. Lo ami?”
“Molto. Sì, molto.”
“Ti è capitato parecchie volte?”
“No, non spesso, perché non tutte le donne…”
“Lo hai cercato in modo spasmodico?”
“No, quello no…”
“Te lo chiedo perché molte persone lo cercano con insistenza… Se ne
innamorano.”
“No. Mi piace una partecipazione molto, molto umida. Se poi si arriva
anche al massimo, allo tsunami, non disdegno.”
“I piedi delle donne ti piacciono, sei fissato? Un piede brutto ti fa
ammosciare? A me, sì…”
“No, assolutamente no. A meno che non sia un piede particolarmente
rozzo. C’è una donna famosa del mondo dello spettacolo – no, non ti dirò
mai chi è – che ama moltissimo usare i piedi…”
“Fare le seghe coi piedi?”
“Usare i piedi. La sua parte più erotica sono i piedi. Il suo punto G, quello
che si trova all’interno della vagina, sono i piedi.”
“Insomma, gode coi piedi, nell’usare i piedi…”
“Esattamente…”
“Una donna famosa del mondo dello spettacolo…”

334
“Molto conosciuta. Però adesso basta…”
“Una con cui hai avuto dei rapporti, evidentemente.”
“Non te lo dirò mai, perché sarebbe un indizio…”
“Cosa è più forte, il gioco d’azzardo o il sesso?”
“Il gioco… Moltissime volte ho rinunciato a passare la notte con donne
stupende per giocare. È stata una tragedia.”
“Il gioco ha un a potere superiore, attrae molto di più: è questo che mi stai
dicendo?”
“Non c’è dubbio. Quando la passione è vera, sì. Io la chiamo ‘passione’, i
denigratori invece lo chiamano ‘vizio’… Soffro ancora oggi perché non
gioco.”

“Anche strofinarsi è fare sesso”

“Enzo, alla fine, quante volte scopi al mese?”


“Se lo faccio una volta a settimana è grasso che cola. Prima erano altri
tempi.”
“Una volta a settimana? Ma è tantissimo a sessanta e passa anni.”
“Sì, sì. Ci riesco ancora. Ma poi bisogna vedere come si fa sesso a una
certa età.”
“Il sesso non si fa solo introducendo il pene nella vagina e ordinandogli,
come diceva un mio amico, ‘Eiacula’. In qualche modo lo si fa anche
attraverso altre pratiche che nel tempo, quando uno diventa più grande, si
fanno forse più delicate…”
“Dunque tu dici che si può fare sesso anche solo strofinandosi.”
“Assolutamente sì. Non è comodo, ma è meno volgare. Tu pensa alla mia
età: tun tu tun, tun tu tun… Con questi caldi, dài…”
“Ma guarda che alle donne piace il tun tu tun…”
“Forse a quelle con cui vai tu. Le donne che frequento io hanno
sessant’anni, sono donne di una certa età. A differenza di molti miei
colleghi, io non mi sono mai innamorato di ragazze più giovani di me. Alla
mia età, dovrei impazzire prima di andare con una donna di trent’anni. Non
ci vado. Non mi attirano, non mi creano nessun tipo di attrazione sessuale.”
“Cosa ti attira di più?”
“Mi arrapano le atmosfere che si creano, le intese intellettuali, gli
sguardi… Le cose che si creano da una scena di un film visto insieme.”

335
“Un dettaglio?”
“L’alito. Non potrei mai andare con una donna dall’alito cattivo.”
“Pensa che per me più puzzano meglio è…”
“Davvero? Questo non me lo avevi mai detto… Ieri sera quando siamo
usciti dal ristorante una donna vicino a noi ha scoreggiato e tu mi hai detto:
‘Peccato, non l’ho sentita.’”
“Sì, è vero. Se una donna scoreggia, una che lo fa a casa, io posso
impazzire…”
Parenzo: “Pupo, cerca di fare qualcosa, ti prego. Perché sei venuto fuori
così, Cruciani, cosa è successo? E poi siamo sulla radio di Confindustria.
Perché devi dire queste cose terribili…”
“La donna che scoreggia ti fa schifo?”
“Mah, è una cosa che si può fare, ma dipende da quanto tempo si sta
insieme.”
“Insomma, come si cambia. A sessantatré anni non ti piace più nemmeno
la donna che scoreggia, ma ti piacciono gli strofinamenti, le carezze, il
pompinetto invece del rapporto…”
“No, no… Assolutamente. Magari una sorta di ricercato e più raffinato
onanismo.”
“Ancora ti masturbi?”
“Da solo non molto; insieme, però, è divertente.”
“Quando tu dici che scopi una volta a settimana, metti nel conto pure
questo…”
“Assolutamente.”
“Non la penetrazione.”
“La penetrazione è come la Mostra d’Arte di Venezia, una Biennale.”
“Cosa pensi della circoncisione? Parenzo dice che fa scopare meglio.”
Parenzo: “Non lo dico io: lo dicono i medici.”
“Non sono circonciso. Sono ancora legato, ma è tutto molto fluido,
aperto, igienico.”
“Hai mai avuto problemi di eiaculazione precoce?”
“No, non ho mai avuto quel tipo di problema, anzi ho quello contrario.
Nel senso che sono talmente altruista – e anche talmente freddo, come i veri
giocatori d’azzardo – che non mi è mai capitato nella vita di venire prima
della donna. Mai!”
“Davvero?”
“Giuro, lo giuro su Dio. Viene sempre prima lei, assolutamente. A

336
discapito del mio piacere.”

337
Vittorio Feltri

“La figa senza pelo mi ripugna”

“Recentemente mi risulta che molte signore si depilino la vulva. Non so


perché lo facciano: forse per piacere maggiormente ai loro corteggiatori. A
me la cosa non va a genio. Davanti allo spettacolo del sesso femminile
depilato mi sento a disagio, come al cospetto di un’immagine ricavata da
una enciclopedia medica che punta sull’anatomia per illustrare la
conformazione dell’apparato riproduttivo femminile. Non mi eccita, bensì
mi fa impressione. Provo un fastidio indescrivibile, che è l’esatto contrario
della normale eccitazione che suscita la visione di un bel corpo nudo.
Pertanto la questione peli sì o peli no si complica. Se devo essere sincero
ammetto che – sarà l’abitudine – preferisco una fidanzata glabra come il
palmo di una mano, ossia senza cespugli ascellari, tuttavia se il suo pube è
totalmente privo di lanugine mi ripugna. Sarò antiquato, ma gradisco che
dentro gli slip di una ragazza ci sia un minimo di morbidezza, di setola che
inviti a una carezza.”

“Al sesso anale rinuncio”

“Il sesso anale per te è complicato?”


“Molto complicato. Tanto vale rinunciare subito e andare a cena, così la
serata è molto più tranquilla.”
“Dunque non lo pratichi.”
“È complicatissimo. E poi il sedere serve per espellere, non per

338
introdurre.”
“Mi pare di capire che non sei un patito di questa pratica.”
“No, no. Ho sempre rinunciato.”

“Dormire con una moglie è una cosa sconcia, la famiglia andrebbe


abolita”

“Vittorio, meno bambini hai in mezzo alle balle meglio è…”


“Effettivamente è così. Ho avuto quattro figli, li ho sopportati, non mi
davano nemmeno troppo fastidio…”
“Hai lavorato tanto anche per non stare insieme ai figli…”
“Non c’è il minimo dubbio. Li ho fatti diventare grandi e spero di averli
aiutati a stare abbastanza bene. Adesso mi secca dover morire perché non
voglio lasciare a loro soldi e immobili, e invece mi toccherà farlo, perché
non riesco a spendere tutto quello che guadagno.”
“Non bisogna lasciare nulla ai figli?”
“Nulla.”
“Bisogna spendere tutto?”
“Sì, ma è difficile… Alla mia età non ho molto tempo a disposizione per
sperperare. Però ci provo, mi impegno e sto sperperando il più possibile…”
Parenzo: “Il contrario di Cruciani. Quando lui invita a cena una figa, con
la finalità evidente di portarsela a letto nello scannatoio, fa durare la cena
pochissimo e la fa pagare alla ragazza.”
Feltri: “È un grande. Ha una tecnica che invidio. Ma avete parlato di figa.
Mi è sempre piaciuta. Forse mi piace anche adesso, ma non ricordo
perché.”
Cruciani: “Secondo me, il futuro dell’umanità è nel poliamore.”
“Mi appiattisco sul tuo concetto: sono d’accordo con te… Io mi innamoro
almeno dodici volte al giorno: vedo una bella donna e mi innamoro
immediatamente. Sono piccole passioni…”
“Relazionarsi con una sola donna è molto complicato…”
“E anche noioso.”
“Parenzo invece è fissato con la monogamia.”
“Parenzo non sai cosa ti perdi… Mettiti nella scia di Cruciani. Non sai
cosa ti perdi…”
“Ti piace l’espressione ‘Family Day’?”
“Una cosa veramente fastidiosa. La famiglia è la cosa peggiore che

339
l’uomo abbia inventato.”
“Perché è la cosa peggiore?”
“Tutti i guai peggiori nascono in famiglia. Non so se ricordi quella
famosa canzoncina sboccata, ma che rende l’idea: ‘Sarà capitato anche a
voi di avere un casino in famiglia, il padre che scopa la figlia, il nonno
finocchio che incula il marmocchio…’ Ecco, questa orribile canzoncina
dice la verità. Tantissima parte della pedofilia avviene in famiglia. In
famiglia succede di tutto, grovigli di vipere… Le peggiori nefandezze.”
“Dividi il letto con tua moglie?”
“Dormire con una moglie è una cosa sconcia… una rottura di balle..”
“In che senso?”
“Tu arrivi a casa e vuoi dormire da solo… E invece no: nelle famiglie c’è
l’abitudine per cui moglie e marito dormono insieme…”
“Mentre tu magari vuoi farti un seghettino…”
“Oppure semplicemente farti i cazzi tuoi. Non capisco perché…”
“A me accadeva di andare in bagno e farmi una sega.”
“Perché un uomo libero non si può fare una sega con la moglie nella sua
stanza?”

“Mai separarsi dalla moglie, si rischia di finire in miseria”

“Che ci dici della differenza d’età tra Emmanuel Macron e la moglie


Brigitte?”
“Lei è una bella donna, non c’è dubbio. Se io a settantaquattro anni avessi
una fidanzata di venticinque o trent’anni nessuno si scandalizzerebbe. Io
preferisco qualcosa di più fresco, però questi son gusti miei. A me è
successo quando ero giovane, a vent’anni, di andare con una di cinquanta.
Mi sono divertito, non mi sono mai pentito: non è un dramma andare a letto
con una donna agée.”
“Come fa a resistere un matrimonio dopo cinquant’anni?”
“Amo mia moglie, ma non ci dormo insieme: mai fatto! Trovo che sia
inutile: ci si infastidisce a vicenda. All’inizio avevamo una casa piccola e
abbiamo separato i letti. E quella è stata la prima operazione. Poi abbiamo
separato le stanze, poi i piani, e poi le città: io vivo a Milano, lei a
Bergamo.”
Parenzo: “Ma è bellissimo stare abbracciati a letto.”
“Questo lo fai tu. Dopo dieci minuti di abbracciamenti, io mi rompo le

340
palle e voglio leggere il giornale… E poi, dopo due anni che stai con una
donna, ti sei rotto i maroni. Meglio stare separati.”
“Sempre meglio non andare via definitivamente da casa però…”
“Mai. Si risparmia. Non me ne sono mai andato da mia moglie. E tu
Parenzo mi stupisci: le tue origini sono una garanzia, e dovresti capirlo…”
[
“L’ultimo rapporto sessuale con mia moglie risale ai mondiali dell’82”

“Come stai, Vittorio?”


“Un trionfo.”
“Prima hanno chiamato due persone che stanno insieme da cinquantun
anni. Sempre insieme. È una perversione.”
“Ci sono dentro anch’io. E se la vogliamo chiamare ‘perversione’, mi
risolve molti problemi.”
“È un rapporto di do ut des.”
“È un rapporto che definirei ‘di mutuo soccorso’. Se si accetta in questo
senso, si sta insieme anche volentieri.”
“I rapporti sessuali sono finiti da un pezzo, però.”
“È fisiologico. Abbiamo avuto quattro figli, li abbiamo cresciuti, abbiamo
gestito una situazione famigliare in modo soddisfacente: è un buon motivo
per restare uniti. E poi quando ti separi, esci da una gabbia ed entri in
un’altra identica. E alla terza separazione, vai a finire alla Caritas: ho voluto
evitare questa evenienza. Ci sono molte altre cose che possono unire due
persone.”
“Ti ricordi quando hai avuto l’ultimo rapporto sessuale con tua moglie?”
“Lo ricordo perché l’Italia aveva vinto i mondiali, quelli dell’82.”

“Hanno demonizzato la scopata, se una ragazza si avvicina la mando


affanculo”

“Il nostro è un paese che sta andando a puttane, ma nel quale non si può più
scopare perché ti demonizzano e ti denunciano. Una semplice avance viene
scambiata per una molestia. Con tutte queste storie di denunce, ho sempre
paura che qualcuno mi denunci. Se una ragazza si avvicina e si dimostra
carina, la mando affanculo, giusto per non farmi denunciare. Nel mio
ufficio non si ferma una donna se non a porte spalancate. Faccio fatica con
quelle che me la danno volentieri, figuriamoci se mi metto a molestare. Una

341
fatica micidiale che non farei mai, non ho più il fisico.”

“Per stuprare una clochard di settantacinque anni bisogna avere un


coraggio notevole”

“La sai la storia del senegalese di trentun anni che ha violentato una
clochard tedesca di settantacinque anni a Roma, in Piazza Vittorio? Questo
signore ha avuto cinque decreti di espulsione ed è riuscito sempre a restare
in Italia. Chiamiamo Vittorio Feltri.”
Parenzo: “Sì, chiamalo: voglio sentire cosa dice, ho letto cose
agghiaccianti. Gli voglio dire che sta invecchiando male.”
“Mi sembra che abbia scritto: ‘Solo un senegalese può fare una cosa del
genere: ci vuole pelo sullo stomaco.’ Ha parlato di un ‘atto eroico’ da parte
dello stupratore.”
Parenzo: “Chiamalo, chiamalo…”
(Il telefono squilla e risponde il direttore di ‘Libero’.)
“Eccomi qui. Ho solo detto delle cose sensate, normali. Cioè che stuprare
una donna di settantacinque anni comporta un coraggio notevole, oltretutto
una povera clochard. Un minimo di rispetto bisognerebbe averlo… E poi
c’è la forza di questi signori che si adattano a fare delle cose che noi non
faremmo mai. Una signora di settantacinque anni non è facile: dov’è il
problema?”
Parenzo: “Hai detto una bestialità, una mancanza di rispetto per la
vittima…”
“Qui se c’è una bestia, sei tu…”
Parenzo: “Devi chiedere scusa, devi chiedere scusa…”
“Sei tu che devi chiedere scusa: continui a rompere i coglioni, continui a
blaterare, interrompi tutti. Sei un maleducato e un cafonazzo. Uno sta
parlando e tu interrompi in continuazione.”
Parenzo: “È una volgarità, una frase schifosa e brutta, una frase da bar
infimo.”
“Ma che volgarità, non c’entra la volgarità…”
“Tu continui a dire che è una porcheria. Insulti tutti, non argomenti,
perché sei cafone nell’anima: sei proprio un cafone e non lasci parlare le
altre persone.”
Parenzo: “Cosa c’è da parlare? Pensavo che chiedessi scusa per questa
volgarità.”

342
“Sei tu che devi chiedere scusa anche agli ascoltatori perché continui a
interrompere. Contesta con degli argomenti.”
Parenzo: “Ma che argomenti ci sono in questo caso?”
“Io dico quello che voglio, esprimo le mie opinioni. Se tu non hai
argomenti, stai zitto, pistolino!”
“Sentiamo la spiegazione di Vittorio.”
“Andare con una donna di settantacinque anni, una clochard, comporta
non solo una dose enorme di mancanza di rispetto per questa donna, ma
anche una dose notevole di coraggio. Vorrei vedere te, Parenzo, a fare una
cosa del genere con una clochard di settantacinque anni che, immagino, non
può garantire un’igiene impeccabile.”
“Il gesto eroico è quello. Cioè, nessuno è in grado di concepire un gesto
così terrificante. Questo è il significato, non è la medaglia allo stupratore.”
“Ma Parenzo non è in grado di comprendere e ribattere…”
Parenzo: “Se uno dice una porcheria simile, poi dovrebbe dire: ‘Mi sono
sbagliato, ho fatto un paradosso stupido e chiedo scusa ai lettori del mio
giornale.’”
“Ma quale scusa? Tu sei impazzito…”
Parenzo: “C’è una vittima… Non si fanno paradossi idioti su tutto.”
“Già una volta ti ho sbattuto il telefono in faccia per la tua
maleducazione. Sei completamente fuori di testa.”
Parenzo: “È incredibile, una cosa incredibile. Hai detto una bestialità.”
“Ma tu non capisci praticamente un cazzo…”
Parenzo: “Renditi conto della bestialità che hai detto…”
“Sei una bestia. Tu sei una bestia che non capisce niente: non ascolti e
blateri…”
“Perché hai detto che solo un senegalese potrebbe stuprare una di
settantacinque anni?”
Parenzo: “È come se io dicessi che bisogna essere Feltri per dirigere
‘Libero’.”
“Io non credo che una persona normale, come Tronchetti Provera ad
esempio, sarebbe in grado di compiere un gesto del genere. Solamente un
senegalese infoiato, fuori di testa, che praticamente non vede una donna da
quarantasette giorni, può arrivare a…”
Parenzo: “Allora non sono normali i senegalesi.”
“Ma ti pare normale un senegalese che si scopa una settantacinquenne,
una clochard? Allora sei pazzo, fatti curare. Fatti curare…”

343
Parenzo: “Allora io ti dico che per dirigere ‘Libero’ in quel modo bisogna
essere anormali.”
“Non solo lo dirigo, ma l’ho fondato nel 2000, e quindi è un giornale che
va a avanti da diciotto anni. Tu non sarai mai in grado di fare una cosa
simile perché sei un pistola!”
Parenzo: “Solamente Feltri può dire queste bestialità. I senegalesi infoiati,
solo Feltri può dirlo. Se fossi nei parenti dell’anziana violentata denuncerei
Feltri e gli farei chiudere il giornale.”
“Ecco come ragiona il fascistello: sei un fascistello del cacchio… Sei un
fascista… Sei l’unico ebreo fascista che io abbia conosciuto in vita mia.- Sì,
sei ebreo e fascista…”
Parenzo: “È incredibile, incredibile…”
Feltri: “Lasciami dire un’ultima cosa.”
“Aspetta, dopo la pubblicità…”
“No, no, adesso.”
“Parla.”
“Puoi dire a Parenzo di andare a fare in culo. Ciao.”

“Non c’è nulla di meglio della figa”

“… Viva la figa. Questo è l’unico motto interessante e immortale. Lo


sottoscrivo sempre.”
“Difficile trovare qualcosa di più degno e straordinario per cui vivere con
passione.”
“Io non ho trovato nulla di meglio. Può darsi che qualcuno mi possa
suggerire qualcosa, forse Parenzo.”
Parenzo: “Magari la giustizia sociale.”
“No, a me della giustizia sociale non me ne frega niente. A me interessa
semplicemente che nessuno mi rompa le palle.”
Parenzo: “Un individualismo sfrenato.”
“La famiglia è a un gradino inferiore, nel tuo podio.”
“Molto più in basso. Al primo posto abbiamo la figa, perché ci piace e se
dicessimo una cosa diversa saremmo ipocriti. Non saremo politicamente
corretti, ma non siamo ipocriti: dunque diciamo la verità. Dopodiché la
famiglia non la sottovalutiamo.”
“Ti è capitata addosso…”
“E, come tutte le disgrazie, l’ho saputa accettare.”

344
“Non c’è nulla sopra la figa, Vittorio. Mi sforzo, ma non riesco a trovare
qualcosa a quel livello…”
“No, non esiste…”
“Il calcio, l’Atalanta…”
“Ma no. Vedo volentieri le partite di calcio, ma non fino al punto di avere
una passione sfrenata e incontrollata.”

“Non ho mai tradito, ho diversificato. Se scoprissi un tradimento direi a


mia moglie di cambiare le lenzuola”

“Hai scritto che se avessi scoperto che i tuoi figli sono nati con lo sperma di
un altro non ti sarebbe fregato nulla.”
“In brutale sintesi è così.”
Parenzo: “Se gli piace essere cornuto, se gli piace così…”
“Ma che te ne frega a te, se sono cornuto. Tu sei cornuto per definizione,
quindi dov’è il problema?”
“Ma se uno scopre vent’anni dopo averli allevati e cresciuti, avergli dato
soldi, case e altre cose, che tua moglie si è scopata un altro ed è rimasta
incinta, qual è il problema?”
“Se li hai allevati e li hai amati, non è che a un certo punto li butti in
strada… Te li tieni e chissenefrega se lo sperma non era il tuo. Vi assicuro
che ho dei gatti che amo moltissimo, ma non mi sono mai accoppiato con
una micia. Si ama perché si ama, e basta. Se tu Parenzo vuoi ricondurre
tutto a uno schizzo di sperma, la cosa mi fa anche un po’ schifo…”
“Ha ragione Feltri. Se scopri che tua moglie, che poi è rimasta con te, si è
fatta una trombata vent’anni prima…”
Parenzo: “Fate voi… Io però una domandina me la farei.”
“Senti, Giuseppe, quante scopate ci siamo fatti fuori dal bosco? E allora
basta. Perché non dovremmo perdonare a nostra moglie di aver fatto quello
che noi abbiamo sempre fatto?”
“Tua moglie ti ha perdonato per tutto quello che hai fatto fuori dal
matrimonio?”
“Io le ho garantito di non averla mai tradita, ma di aver ‘diversificato’…”
“Interessante…”
“Il tradimento evoca un coltello piantato tra le scapole. Con mia moglie
sono sempre andato d’accordo e ho fatto tutto quello che bisognava fare,
però qualche volta mi è capitato di diversificare. Eh, la Madonna!…”

345
“Uno dovrebbe dire: ‘Non ti ho tradito, ho diversificato. Bellissimo.’ Da
questo momento, proverò a dire questa cosa meravigliosa: ‘Ho
diversificato.’”
“Una volta mi hanno chiesto: ‘Ma se tu avessi scoperto tua moglie a letto
con un altro come avresti reagito.’ E io: ‘Le avrei detto cambia le lenzuola.’
Ma dov’è il problema, santo Dio!”
Parenzo: “Se vi piace così…”

“Il sesso è una fatica, il piacere dura poco e la posizione è ridicola”

“Il sesso è fatica.”


“Come… fatica?”
“Certo. Lo sappiamo. La scopata è faticosa, il piacere dura poco e la
posizione è ridicola. Questa è la fotografia della situazione…”
Parenzo: “Ma come…?”
“È così… Io spero che la donna si tolga dalle balle perché mi piace
restare solo. La verità è che non è tanto faticoso trombare, ma è faticosa
l’organizzazione della trombata. Tu devi dire: ‘Andiamo a cena.’ Andare a
cena prima della scopata è una cosa orribile, e la maggior parte delle donne
lo vuole fare proprio dopo cena, mentre io dopo aver cenato non ho più
voglia: voglio dormire e basta. Allora bisogna scopare prima, e comunque è
un rito: si deve organizzare tutto ed è fastidioso, preferisci andare a letto e
dormire.”
“Sono preferibili altri atti sessuali?”
“Molto…”
“Il pompino, la fellatio…”
“Sì, il sesso orale, assolutamente…”

“Io li chiamo ‘froci’, ‘ricchioni’, ‘busoni’, ma non li chiamo ‘gay’ perché


parlo in italiano e non in inglese. E ‘omosessuale’ è un termine medico che
non uso”

“Alcune associazioni gay dicono che hai fatto un titolo omofobo: ‘Calano
fatturato e PIL, ma aumentano i gay.”
“Omofobo? Mai stato. Ho moltissimi amici omosessuali: da sempre, non
da adesso che è di moda. Addirittura sono amico delle lesbiche, perché
hanno i miei stessi gusti. Dov’è il problema? Non capisco. Solo i Parenzo

346
credono a queste stupidaggini. Ci sono tre fatti messi insieme: il PIL che
cala, la produzione che non aumenta e i gay che crescono. È fattuale. E poi
i dati ce li hanno forniti le stesse associazioni gay…”
Parenzo: “Che legame c’è tra queste cose? Ma siete pazzi, che cosa vuol
dire?”
“David, aumentano i coming out, le persone che si dichiarano
omosessuali.”
“Ma è evidente…”
“Dov’è lo scandalo, dov’è l’offesa?”
Parenzo: “‘Libero’ come il ‘Vernacoliere’: un giornale comico.”
“Se non ci fossero in giro troppi Parenzo, non staremmo qui a discutere.
E il giornale non deve rispondere a te, ma ai lettori… Comunque sono
contento che i cretini mi critichino…”
“Fedez ti ammira perché dice che sei l’unico che puoi dire il cazzo che ti
pare e parlare di froci e negri.”
“I froci ci sono, i negri pure. Non capisco perché dobbiamo impegnarci a
cambiare i nomi.”
“Per molti il termine ‘frocio’ non va perché è offensivo. Ma spesso tra di
loro si chiamano così…”
Parenzo: “Ma perché usare ‘frocio’: è come insultare una persona.”
“Ma che dici? Io li chiamo ‘froci’, ‘ricchioni’, ‘busoni, ma non li chiamo
‘gay’ perché parlo in italiano e non in inglese. Quindi tu chiamali come
cacchio ti pare, per me sono froci. Mentre ‘omosessuale’ è un termine
medico che non uso. Io parlo il linguaggio popolare, quello della gente,
quindi non rompetemi le palle. Parlo come voglio. I froci facciano quello
che vogliono, basta che non mi rompano i coglioni…”
“E i Gay Pride ti piacciono?”
“Ma facciano quello che vogliono, non me ne frega niente. Ma è folklore,
anche di cattivo gusto: basta vedere come vanno vestiti. Facciano quello
che vogliono, a me non frega un cazzo dei froci…”

347
Michela Morellato

Michela Morellato, vicentina, un passato da showgirl, poco più di


trent’anni, un talento per i guai (se lo dice da sola in un libro che ha scritto),
un paio di matrimoni, coniugata attualmente con un soldato americano, in
rotta con il Pentagono contro cui ha intentato una causa milionaria dopo
essere stata accusata di spionaggio e aver contribuito indirettamente alla
cacciata del comandante della caserma Ederle di Vicenza, con il quale
scambiava messaggi affettuosi. Un uragano. Alla Zanzara ci siamo
occupati delle prestazioni sessuali col marito e delle sue voglie nascoste.
“Che misura porti di reggiseno?”
“Una quarta naturale coppa C: cioè ho un seno largo e procace.”
“Mai un ritocco?”
“No, per ora ho paura della chirurgia.”
“Dai social capisco che ti piace far vedere, esporre le tue tette.”
“Sì, sono una tettona naturale. E quando una ha un dono del genere
bisogna condividerlo col mondo.”
“Capisco il generale… come lo capisco. A proposito, hai mai avuto
fantasie sessuali con lui?”
“Mi diceva che avrebbe voluto essere con me in una tenda militare nel
deserto, dove sarei stata la sua infermiera. Quando mio marito non mi
cagava molto, quando magari si sdraiava sul divano e non faceva nulla,
quei pensieri mi facevano sentire viva.”
“Dunque ti eccitavano?”
“Sì, certo.”
“Ma sei una che tradisce?”

348
“Questo di adesso, Adam, è l’unico uomo che non ho mai tradito, perché
con gli anni sono diventata leale.”
“Perché prima com’era Michela Morellato?”
“Molto libertina. Qualsiasi desiderio sessuale cercavo di realizzarlo,
senza paura.”
“Per esempio?”
“Fare sesso con una donna, fare sesso con più uomini, o con una coppia
sposata. Ho fatto tanto.”
“Hai mai fatto una gang bang?”
“Sì. Per esempio, una volta mi sono ritrovata con quattro uomini. In quel
momento ho pensato a me vecchia, flaccida, sulla panchina di un parco, e
allora mi sono detta: ‘Almeno mi sono fatta quattro bei calciatori in un
colpo solo.’”
“Erano giocatori di calcio?”
“Sì, del Vicenza. Li saluto, sicuramente si ricordano. È successo prima di
conoscere Adam, qualche anno fa. Mi sono fatta un regalo.”
“Come ha funzionato la cosa?”
“Uno ci sapeva fare parecchio, gli altri erano solo giovani maschi arrapati
ed egoisti. Li schiaffeggiavo per farli stare tranquilli, volevo dominarli.
Comandavo io.”
“Cosa ti è piaciuto di più?”
“Quando ho dato le mie istruzioni, abbiamo trovato una chimica. Il
momento più eccitante è quando stavo sopra e ne avevo un altro che mi
girava intorno e si masturbava pronto a esplodere, e gli altri due si
toccavano.”
“Con questi hai fatto anche l’anale?”
“No. Non lo pratico spesso perché mi sento quasi intrappolata. E poi a me
piace di più governare la situazione.”
“Nemmeno con tuo marito fai sesso anale?”
“Ci ho provato, ma ha un membro con misure importanti, e onestamente
il mio culetto non è preparato ad accogliere dei cingolati di quel tipo.”
Parenzo: “Signora, ma lei sta parlando di un soldato dell’esercito
americano.”
“Sì, e allora? È sempre un uomo come gli altri.”
“Torniamo alle misure del coniuge.”
“Sarà un ventidue centimetri, una cosa del genere. Devo dire che avendo
visto Rocco Siffredi, mio marito ce l’ha più grande di Rocco. Sul serio. Vi

349
mando una foto, se la trovo. Anche da moscio è una bella sberla.”
“Dài un voto al sesso con tuo marito.”
“Direi otto. Potrebbe essere anche dieci. È molto dotato, ma non è curioso
di esplorare le perversioni della mente umana. E dunque mi fa sentire sola
perché io sono a un altro livello.”
“Fammi un esempio.”
“Ogni tanto vorrei essere anche schiava e dominata. Gli dico: ‘Voglio
essere la tua puttana’, e mi metto a novanta. Gli ho chiesto anche di
sculacciarmi.”
“E lui?”
“Una volta ci ha dato dentro. Lo ha fatto. Ho bisogno anche di uno che mi
prenda per i capelli e mi morda la schiena.”
“E lui lo fa?”
“Sì, però si infastidisce quando sono io a chiedere. Per esempio, quando
gli prendo la testa e lo guido verso il mio sapore. Il maschio americano,
almeno quelli che ho conosciuto io, non ama leccare, non ama i preliminari,
è molto meccanico. Vogliono sbatterti e basta. Ho dovuto insegnare a tutti
come si fa il cunnilingus. E poi ogni donna ha i suoi punti dove devi andare
con la lingua per farla godere.”
“E le donne ti piacciono?”
“Ho provato, ero curiosa. Ma ho capito che mi piace condividerle con un
uomo. Non da sola, non me ne frega niente. Col mio primo marito
andavamo in giro nei locali e alcune volte ci siamo tirati su delle stripper,
con cui ci siamo divertiti nel privé. Facevamo motorboat con questa
stripper rumena: da impazzire.”
“Ma cosa è?”
“Sostanzialmente mettere il viso e agitarlo tra le tette di una.”
Gottardo: “La cosa mi fa eccitare parecchio.”
“Mi piace sapere che sotto il pantalone c’è movimento. L’erezione del
maschio è simbolo di felicità, e sapere che uno si arrapa per me è una cosa
che mi dà gioia. Un dono divino.”
“Torniamo a tuo marito. Cosa vorresti fare che lui non vuole?”
“Mettergli un dito dietro. È molto importante per me poter toccare tutti i
buchi della persona che amo, anche quelli più oscuri.”
“Ci hai provato?”
“Ci provo spesso, ma lui mi ferma: mi blocca la mano. Non ne vuole
sapere: non bisogna toccargli il sedere. Dice che è una cosa da gay e che da

350
quel buco le cose devono solo uscire, non entrare.”
“Magari adesso ti sta ascoltando dietro la porta.”
“Magari, mi piacerebbe.”
“… Dietro la porta e si sta toccando.”
“Sarebbe stupendo, mi piacciono certe situazioni. Per tenere un marito
bisogna farlo soffrire un po’. Bisogna trovare dei sistemi per riattivare il
desiderio, dei giochi mentali. La noia è micidiale. Lui ogni tanto mi vuole
punire.”
“Per cosa?”
“Pensa che spendo troppo e per ripicca non me lo dà. Anche per una
settimana. Quando fa così, a me tremano le mani, ne ho bisogno. Sa come
sono fatta: sono molto, molto calda.”
“Come ti piace: rasata o con il pelo?”
“Va a seconda della stagione. Nel senso che d’estate sono depilata, nelle
altre stagioni invece mi piace fare la mohicana, con una striscetta centrale.”
“Gli hai mai chiesto di scoparti in divisa?”
“Sì, molto divertente.”
“Squirti?”
“Mi è successo. Una volta in macchina, era una Porsche, coi sedili in
pelle. Un amico mi stava toccando e gli ho allagato tutto. Si è pure
incazzato. Lo posso fare quando voglio, mi devo lasciar andare. Controllo
la mia figa e il suo potere.”
“A Adam l’hai fatto?”
“No, perché dice che poi facciamo un disastro con le lenzuola. Che palle!
Ma non è solo colpa sua. Quando faccio sesso, faccio molto rumore e,
avendo i bambini in casa, cerco sempre di contenermi. Lo squirting mi fa
urlare parecchio.”
“Che rapporto hai con la masturbazione?”
“Non sono molto appassionata. E non uso vibratori da sola.”
“Io personalmente la adoro. Penso che sia la forma più alta di sessualità,
quella che ti fa godere veramente perché conosci il tuo corpo.”
“Non sono d’accordo. Per me è solo uno sfogo dallo stress quando sono
da sola, magari con mio marito in missione. Ma è sempre meglio un
maschio, e soprattutto un complice.”

351
Mauro Corona

“Meglio prenderla da dietro, così guardo il culo e non la sua faccia”

“Mauro, come hai preso le vicende di Harvey Weinstein e poi di Kevin


Spacey?”
“Mi dà fastidio che scoprano di essere state deturpate nella loro etica, non
solo nell’estetica, dopo vent’anni. Ditelo prima. Se uno ti chiede di
dargliela e tu sei ‘etica’, dici di no: ‘Vado a lavare i pavimenti, ma non te la
do.’”
Parenzo: “Ma Asia Argento ha subito una pressione psicologica.”
“Parenzo, per favore, io ti stimo, ma cosa dici! Chi l’ha costretta a farlo?
‘La mona è mia, non mi costringi a farlo.’ E perché lo dici dopo vent’anni?
Avendo un calo di notorietà… Oscar Wilde diceva: ‘Nel bene o nel male,
purché se ne parli.’ Questa è tutta gente che aveva un tracollo di visibilità.
E ha scagliato il sasso nello stagno. Altrimenti lo devi dire prima.”
“Chiaro. Però voglio chiederti una cosa: le donne ti saltano addosso per
ottenere qualcosa?”
“No, per ottenere qualcosa, no, sinceramente. Dopo questa mia gloria
effimera, c’è qualche vecchietta che mi fa proposte, ma a parità di diritti.
Non che io ne approfitti. Sono quasi impotente. Cosa volete che mi arrapi
sempre.”
“Macché impotente… Vuoi qualche pillola?”
“Costano care. Se me le regali, mandamene su qualche confezione.
Spediscile a Erto. Non si sa mai.”
“Immagino che tromberai almeno una volta al mese.”

352
“Eh no. Più di una volta alla settimana trombo di sicuro.”
Parenzo: “Come una volta alla settimana?…”
“Di sicuro. Avrà delle ammiratrici, delle amanti fisse. Ogni tanto andrà a
mignotte…”
“No, mignotte no. Ho un giro di vecchiette che mi soddisfano. Non vado
con le ragazzine.”
Parenzo: “E la moglie? Lo dici così, alla radio?”
“Ma sì, Parenzo, la moglie è out già da tempo, lo sai…”
“E poi l’eros venerando ha tanti vantaggi. Ho settant’anni. I cinque
vantaggi sono: non restano incinte, non si innamorano, non lasciano
messaggi in segreteria, e te lo bruciano, perché sparano le ultime cartucce.
Il quinto vantaggio mi sta sfuggendo…”
“Mauro, Valentina Nappi dice che bisognerebbe darla di più. Tu che
dici?”
“Io sono d’accordo, noi siamo un po’ bigotti. Io sono stato in Groenlandia
due mesi con una spedizione. Lì è come una dolcezza, come un gioco: gli
esquimesi ti offrono la moglie, la figlia, la fidanzata, la sorella. Noi siamo
all’età del bronzo per queste cose. È sempre stata merce di scambio, fin
dallo ius primae noctis.”
“Secondo te, ci vorrebbe più sesso libero?”
“Sì, siamo un popolo di bigotti. Facciamo finta di essere puri, ma la figa
ha comandato il mondo da sempre. Un mio vecchio maestro analfabeta, ma
filosofo, diceva: ‘La figa non la metti in banca perché non la trovi con gli
interessi.’ Io non ho mai approfittato di nessuna. Però non venitemi a dire
che la figa non ha comprato il pianeta.”
“Dimmi una cosa. Ma chi è una alla quale proprio non resisti, una per cui
diventi pazzo, che ti scoperesti subito, che ti fa andare il sangue al
cervello?”
“Valeria Marini vista da dietro. Io sono malato di estetica retrospettiva:
cioè del culo. A me piace il culo.”
Parenzo: “Ma sei uno scrittore così fine.”
“Ma io sono un primitivo. Mi piace guardare il culo alle donne. Anche
Picasso voleva una donna ogni mattina…”
“Tu vorresti una donna ogni mattina?”
“No, mai. Vorrei la parità di espressione: invece di stare lì con una donna
e pensare che abbiamo affinità culturali, raccontarle che ha gli occhi come
fiori di lino e pagarle la pizza per mesi, per fare poi quello che possiamo

353
fare subito, le dico. ‘Andiamo a letto, e poi ti pago la pizza per otto mesi.’”
“Tu dici sesso subito, il corteggiamento non ti piace?”
“No, abbiamo una vita velocissima: devo perder tempo a uscire, offrire la
cena?”
“Quasi meglio una puttana?”
“Stavo per dirlo: quasi meglio una puttana. Chi mi ha detto ‘Ti amo’, mi
ha reso la vita un inferno. Meglio andare a troie.”
“L’atto sessuale che ti piace di più?”
“Essendo di estrazione misogina, girata da dietro.”
“Girata da dietro?…”
“Se la guardo in faccia, mi pongo dei problemi, mi sembra di
approfittarne. Allora la volto, così vedo il culo e non vedo lei, che mi può
fare delle osservazioni, diciamo, psicologiche.”

“A me piacciono quelle brutte, ho meno inibizioni. Ho iniziato a scopare da


quando sono famoso”

“Eccoci qui, c’è Mauro Corona in studio! Che cazzo ci fai qui, Mauro?”
“Sono venuto alla fiera del libro.”
“Dato che sei qui, posso regalarti un po’ di pastiglie per il sesso?”
“Ma sì! Ci mancherebbe.”
“Eccole!”
“Se mi regalavi un Rolex non lo volevo, ma quelle sì.”
“Meglio il Viagra del Rolex! Attenzione: scadono fra un mese.”
“Allora una la uso stasera.”
“Perfetto. Quando sei in trasferta, trombi di più?”
“Di solito, sì. In montagna, lassù, c’è poca…”
“A Milano c’è sempre qualche donzella che si avvicina affascinata dallo
scrittore.”
“Infatti prima di questo successo che sarà effimero, zero: andavo di
manualità.”
“Hai cominciato a scopare fuori dal matrimonio dopo il successo?”
“Esattamente. Dopo il successo, negli ultimi sette, otto anni. Mi dispiace,
una donna non dovrebbe avvicinarsi a colui che ha successo per
coccolarselo. Io non ho mai visto queste donne bellissime con un idraulico.
Le ho sempre viste con calciatori di fama, attori del cinema. E appunto,
scrittori.”

354
“Ma diciamo la verità. A noi piacciono anche le brutte.”
“Ma certo. Mi piacciono di più le brutte perché mi pongono meno freni
inibitori, mi creano meno imbarazzo. Ne ho avute anche di belle, ma
preferisco le brutte. Ben fatte, ma bruttine.”
“Philip Roth diceva che le donne brutte sono frustrate, sono disposte a
fare tutto quello che un uomo vuole. La maggior parte degli uomini sono
stupidi perché non lo sanno…”
“Forse le cose che ha scritto Roth, le ho dette prima di lui.”

355
Giuseppe Cruciani

“Non è un caso se siamo capitati qui per caso.”

“Io amo far godere una donna.”


“Non è poi così originale.”
“Ti spiego meglio. Pensa che il mio più grande piacere è vedere la mia
donna farsi scopare da altri.”
“Ma ti è capitato?”
“Mai con una mia compagna fissa, purtroppo. Sempre con persone di
passaggio ‘scopamiche’, chiamiamole così. Io credo in una complicità non
convenzionale. Cerco una donna che non mi sia fedele.”
“Ma com’è possibile, cosa vuol dire?”
“La fedeltà non esiste. Nel senso che non è una condizione del corpo. La
fedeltà è un valore che appartiene, se si è fortunati, solo al cuore. Ma non
agli organi genitali. La fedeltà fisica è solo una ridicola convenzione
borghese e religiosa.”
“E la gelosia?”
“La gelosia è un problema serio da non sottovalutare.”
“Allora come la risolviamo?”
“La risolviamo che va esorcizzata: almeno io provo a fare così. È
certamente una prova inconfutabile dell’esistenza dell’amore o di una
passione sfrenata, totalmente irrazionale. Però va resa inoffensiva,
neutralizzata.”

356
“Spiegami perché non capisco: sembra una cosa sofisticata.”
“No, no. È semplice. Per campare meglio è doveroso non essere gelosi
della carne, della pelle, della materia viva.”
“La fai facile.”
“Infatti non lo è. Ma non si può cambiare la natura umana, che è fatta di
ricerca continua di nuove emozioni.”
“E dunque?”
“La gelosia va esorcizzata mettendola alla prova. Il senso del possesso del
corpo della tua femmina è una cosa che esiste e non possiamo eliminare. Se
lei va con altri è perché lo voleva, lo desiderava, lo cercava. Voglio saperlo,
soffrirlo, viverlo con lei.”
“Fammi capire. Tu preferisci che una fidanzata ti racconti le sue
prestazioni sessuali con altri uomini?”
“Sì, anche nei dettagli apparentemente più insignificanti.”
“Tipo?”
“Il momento in cui si è bagnata, i luoghi, le parole, cosa si dicevano
mentre limonavano o scopavano, come è venuto lui, dove, che sapore
aveva. Cose così.”
“Uno stillicidio.”
“No, una liberazione totale.”
“Che ti piace a letto?”
“Ti ripeto. Mi piace guardare la mia donna farsi possedere da altri. E poi
mi piacciono tanto i piedi.”
“Allora sei frocio. Sai che la passione per i piedi, secondo Freud,
corrisponde alla passione per il cazzo?”
“Frocio sarai tu. Io amo leccare i piedi delle donne. Contemplarli.
Adorarli. È un semplice atto d’amore e libidine.”
“Hai mai avuto rapporti estremi?”
“No. Ma amo molto i sex toys. Usarli, ma non subirli.”
“Ma è vero che ami le Milf?”
“Non precisamente. Io amo le Cougar. Le donne che superano gli ‘anta’,
e soprattutto non mi piacciono magre. Mi piacciono con un po’ di carne
sulle ossa.”
“Quindi ti piace il pelo d’annata?”
“Ti dico di più. Recentemente ho avuto una bella storia con una
ultrasessantenne. Col pelo brizzolato. Io preferisco la carne usurata alla
pelle liscia.”

357
“E la vagina come la preferisci?”
“Col pelo. Non ho dubbi. Detesto quelle con il ‘filetto’ alla brasiliana. Lo
trovo stupido. Meglio a questo punto depilarla tutta. Che significa ’sta
striscetta di pelo? Non la capisco. Il pelo è cavernicolo, animalesco, sesso
allo stato brado. Non c’è paragone.”
“Torniamo alla gelosia.”
“Sono geloso soprattutto del passato. Sembra assurdo, ma è così.”
“Cioè?”
“Il motivo è semplice: il passato non lo puoi più controllare, sul passato
non puoi più agire, mentre un tradimento, una tortura del presente, lo puoi
sempre volgere a tuo favore. Puoi intervenire, incazzarti o eccitarti, capire
perché lo ha fatto. Su quello che è stato, no. Scoprire quanto ha goduto con
uno sconosciuto o con un fidanzato è un’operazione che ti colpisce nel
profondo.”
“E ti è successo spesso?”
“Con un paio di donne. Con una in particolare ho sofferto quando mi
descriveva i movimenti che faceva la sua testa mentre faceva un pompino a
un maschio. Mi faceva arrapare e mi irritava allo stesso tempo. L’ho quasi
costretta a raccontare ogni orgasmo, qualsiasi pisello incrociato, come lo
prendeva e come lo faceva venire. Feci la stessa operazione anch’io. Spesso
erano messaggi lunghissimi che finivano con una masturbazione
reciproca.”
“Quando ti sei accorto di questa cosa?”
“Ci sono arrivato tardi. Alla consapevolezza del godimento più sottile,
quello che lascia tracce indelebili nei ricordi, e con cui convivi
perennemente quando cerchi negli scantinati della tua mente un modo per
aumentare il volume del desiderio.”
“Però l’obiettivo non era solo quello di godere, immagino.”
“No. Era più ardito. Mettersi a nudo. Restare completamente nudi uno di
fronte all’altro.”
“Ecco, nudi. Nudi. È un bel titolo per un libro.”
[Alberto Dandolo intervista Giuseppe Cruciani per “Dagospia”]

358
Zanzara Cult

Sono andato a letto anche coi trans, da attivo. Qualsiasi uomo di mondo
dovrebbe farlo. Andare a puttane è conoscenza filosofica del mondo
Fulvio Abbate

359
Susanna, la prostituta con la bicicletta

Mi danno un numero di telefono: “È una puttana che lavora in bicicletta


sulla Salaria. Una forza della natura, un culo pazzesco. È avanti con gli
anni, ma vive come una ragazzina. Parla a manetta, fa al caso tuo.” Prima di
chiamarla cerco qualche riferimento in rete e spunta fuori un articolo sul
“Messaggero” di qualche mese prima: “Passa la domenica a Villa Ada,
guarda gli alberi, si rilassa. La mattina pulisce le case a Talenti, il
pomeriggio fa la prostituta. Su e giù sulla Salaria, in bici, pedalando
lentamente, fondoschiena all’insù… Piumino rosa e coda di cavallo, non
passa inosservata… Gli automobilisti accostano, s’informano. Non è la
solita. Non è una ragazzina, non è schiava.” “Se mi avvicino, le romene mi
cacciano, guadagno un terzo rispetto a loro, basta che riesco a salvare i miei
figli,” spiega lei. L’unica soluzione è quell’Atala bianca, così “nessuno mi
dà fastidio”. Ha cinquant’anni, ma non li dimostra, ex ballerina, due figli
che riesce a mandare in una scuola privata che costa un occhio della testa.
“Perché, sai, con questa…” Indica le parti basse. “… me so’ comprata casa.
E sai perché: gli uomini so’ coglioni.” Compete con giovani spettacolari
coperte da magnaccia a bordo di macchinoni con targhe straniere.
“Seleziono, niente follie, mai di sera. Me li scelgo fichi, giovani, profumati,
normali. Il vecchio viscido, il panzone lardoso, via. E niente orge: una
coppia, marito e moglie, cocainomani, mi dava seicento euro per passare un
pomeriggio insieme. Maddeché. Eppure potevo comprarci il motorino a
mio figlio.” Si chiama Susanna, ha fatto la ballerina per trasmissioni come
Fantastico e Pronto è la Rai, la cubista, la stripper in discoteca e non fa più
le pulizie nelle case, ma solo la mignotta, e non se ne vergogna. Questa è la

360
sua storia alla radio, con un finale drammatico.

“Sono felice quando i clienti mi scopano”

“Ciao Susanna, sono Cruciani.”


“Ma chi, quello della radio? Ma davvero?”
“Sì, sono io.”
“Ma dài, io ti ascolto sempre, sei un mito. Non è vero.”
“Lascia perdere, voglio che mi dici come ti trovi a battere sulla Salaria.”
“Prima battevo negli alberghi al centro perché parlo inglese e francese e
andavo con gli uomini d’affari. A un certo punto mi hanno minacciato i
papponi: sei richiesta, mi hanno detto, te ne devi andare. Mi sono messa
paura, la mafia, vaffanculo, e sono scappata sulla Salaria. All’inizio è stato
complicato, poi ho trovato due posticini all’aperto proprio accanto a Sky e
il lavoro va alla grande.”
“Che è successo coi papponi?”
“I magnaccia mi volevano prendere gran parte dei guadagni, mi sono
ribellata e ho deciso di venire qui in bicicletta. Gli affari vanno bene e così
da quando mi ha lasciato mio marito dopo un periodo che ho fatto la
badante, eccomi a pedalare e scopare.”
“Meglio battere per strada?”
“Eh sì, perché ho conosciuto tutti: carabinieri, poliziotti, le altre puttane, i
clienti, è tutto un ambiente dove ci si conosce e, se si può, ci si aiuta
anche.”
“Susanna, dillo a Parenzo che non sei sfruttata.”
“No, io sono sola, sola, di mia libera iniziativa e contenta di farmi scopare
da chi mi piace. E sono felice così.”
Parenzo: “Signora, sono Parenzo e lei ha tutta la mia solidarietà.”
“Ma solidarietà cosa? Io sono felice con il lavoro che faccio di non far
mancare niente ai miei figli e mica devo pagare qualcuno, eh? Quello che
guadagno è mio e mi sono anche fatta una buona clientela.”
“Quanti anni hai?”
“Sono grande, amore, cinquant’anni, ma se mi vedi sono un pezzo di figa.
Vado in giro con il pantaloncino dentro al culo, adoro andare in bicicletta.
Ormai mi conoscono tutti, non mi dice niente nessuno. Nemmeno
carabinieri e poliziotti. Non mi aspettavo questo successo alla mia età, ma
ne dimostro trentacinque, quaranta. Mi alleno tutti i giorni.”

361
“Quanti figli hai?”
“Due: uno di diciannove, l’altra di sedici. Loro soffrono che faccio questa
vita, ma non faccio mancare nulla. Né a loro né a mia madre. Mantengo tre
persone.”
“Ma non ti fa schifo?”
“No, sono felicissima di farmi scopare, lo farei anche se non facessi la
puttana.”
“A che punto ti trovano sulla Salaria?”
“All’altezza di Sky, infatti ormai, penso di essermi fatta tutta Sky.
Aspetta, sta arrivando un cliente, te lo faccio sentire in diretta…”
“Raccontami cosa succede.”
“Ciao, vuoi farlo all’aperto o in albergo? In albergo. Fai retromarcia, e
vai in quell’hotel con le bandiere vicino all’aeroporto dell’Urbe. Ok, ci
vediamo lì tra dieci minuti.”
“Chi era? Lo conoscevi?”
“No, da me viene gente che lavora. Sono sempre tutti di corsa, ma
vogliono un pompino perché io li faccio da dio. Da me tornano perché
trovano una donna che gode. Faccio dei pompini incredibili. E poi io sono
vera, bacio in bocca. Quale puttana bacia?”
“E non lo fai solo per i quattrini?”
“Io bacio per davvero. E mando via un sacco di gente, panzoni, grassoni,
gente sporca. Camionisti sporchi, luridi. Potrei fare il triplo dei soldi, ma
vado solo con persone pulite, di varie classi sociali, la mia clientela è gente
perbene.”
“Quanto costa la prestazione.”
“Qui è basso, trenta, cinquanta. Cento completo in albergo.”
“Quanti ne fai al giorno? Quanti clienti rimedi?”
“Cinque, dieci, quando va bene venti e pure trenta. Sempre protetta.
Aspetta, ne arriva un altro… Questo è un bellissimo uomo. Ci guadagno
anche cento euro al netto della stanza, che tanto la paga lui.”
“Vai!”
“Ciao tesorino, come stai? Allora, andiamo? Ragazzi, ora vi devo
lasciare, vado in albergo. Ci sentiamo un altro giorno. Un bacio.”

Una mamma puttana per aiutare i figli

“Susanna, sono Cruciani come stai?”

362
“Cruciani? Ma perché mi stai richiamando?”
“Ti chiamo per Sky, hai saputo del trasferimento? Vanno via da Roma.”
“Da quando l’ho detto alla radio non viene più nessuno. Non volevo
creare un casino. Sono solo una mamma, una mamma che fa la puttana per
aiutare i figli da quando il padre è scappato in Brasile.”
“Perché non fai altri lavori?”
“Li ho fatti, ma ti danno cinquanta euro al giorno. Che ci fai? Però stare
per strada, è pericoloso, e in bicicletta posso morire schiantata da un
camion. Credo di essere una donna coraggiosa. E lo faccio a testa alta.”
“Sei felice di fare pompini ai clienti?”
“Sì, sì. Li faccio così bene che tornano tutti. Godo e faccio godere tutto il
giorno.”
“Libera e felice.”
“Sono felice e distribuisco felicità agli altri. Quelli che vengono e sono
stressati dal lavoro, dalla moglie, stanno qui quei dieci minuti e sono minuti
di evasione totale, di benessere, do tutto il mio corpo e vanno via felici, non
trovano solo un buco, trovano anche una donna con cui parlano e
scherzano. È una situazione bella. Non so quanto durerà, e non so
nemmeno come faccio a stare in quella strada dove c’è la mafia.”
“Ci sono politici che vogliono mandare le fotografie dei clienti a casa,
così vengono scoperti dalle mogli.”
“Ma siete matti? Le foto? Ma che, mi volete rovinare? E poi per l’uomo
questa è una liberazione. Andare a puttane è una liberazione.”

“Non sono una puttana: sono una troia, una troia pazzesca!”

“È successa una cosa incredibile, mi hanno multato, 3.300 euro di verbale


lunedì 20 febbraio. Oltraggio al pudore, perché dicono che vado col culo
troppo scoperto. Ma vi rendete conto? Avevo un collant un po’ trasparente,
e il poliziotto mi aveva già detto tre volte di coprirmi di più. Alla quarta mi
ha fatto il verbale. Ma che devo fare, andare coperta? Faccio la mignotta…”
“Mi dispiace, Susanna.”
“Credo che i poliziotti si siano incazzati perché una volta da voi alla radio
ho detto che sono venuti a scopare pure degli agenti. Una vendetta. Per me
è una botta pazzesca, 500 euro avrei capito, ma 3.300 sono tanti. Mi faccio
un mazzo così, mi alzo la mattina presto per allenarmi. Poi passo tutta la
giornata a battere per strada, pure d’inverno. Ho costruito una specie di

363
rifugio sulla Salaria dove scopare.”
“Ma a te piace fare questa vita, non ti lamentare.”
“Sì, a me piace fare la mignotta. Sono troia, una troia pazzesca.
Sessualmente sono incredibile, sono una donna nata per il sesso. È tutto
insieme: lavoro, guadagno, godimento.”
“È vero che i prezzi sono diminuiti?”
“Macché, io pratico sempre gli stessi. Trenta euro pompino con guanto e
scopata.”
“Quanto ci mettono in media i clienti?”
“Cinque, sette minuti. Un rapporto veloce, per strada, una botta di follia
per scaricarsi perché sono stressati. Poi per cinquanta euro faccio il
pompino scoperto, ma solo in casi particolari, quando sono convinta.
Sempre cinquanta il sesso anale e cento il servizio completo: pompino
scoperto, scopata e culetto.”
“Come te la passi per strada?”
“Tutte le ragazze mi odiano perché ho successo, soprattutto dopo
l’intervista alla radio. E Sky va via… Peccato! Non è che se ne vanno dopo
che ho detto che mi ero fatta mezza azienda?”

“Io sono una che gode e squirta”

Il telefono squilla
“Chi è?”
“Cruciani e Parenzo.”
“Scusate, c’ho l’affanno. Qui vengono tutti de corsa. So’ tutti arrapati, gli
piace farsi fare un pompino prima di tornare a casa dalla moglie. Tornano
da me perché trovano una donna che gode. E in più adesso c’ho anche il
capanno.”
“Il capanno?”
“Me so’ trovata un buchetto per lavorare, me lo sono pulito e mi sono
fatta una casetta per la pioggia dietro la Salaria. Io prima facevo le pulizie,
quindi sono abituata a tenere i posti molto puliti.”
Parenzo: “Parva sed apta mihi, ‘Modesta ma adatta a me’. Lo diceva
Ariosto.”
Susanna: “Ma quale Ariosto, qua solo cazzo, anche venti clienti al giorno,
perché con il capanno risparmio un sacco de tempo. È una sorta di take
away: passi, posteggi, ti fai una bella scopata e vai. Ho messo su una

364
casettina per quando piove in un pezzo di terreno abbandonato e mi ficco la
sotto, sennò come si fa? Ci porto qualche cliente, ma sono due metri per
due. Dentro ci sono solo un tavolo e una sedia, senza neppure il materasso.
Scopo sul tavolo. Mi metto di schiena, sul tavolo, a gambe aperte. Godo e
squirto.”
“Godi e squirti? Davvero?”
“Sì, da morire. Io non sono una puttana, sono qualcosa di più: faccio degli
anali pazzeschi. Dovrei lavorare con Rocco Siffredi.”

Picchiata e stuprata

“Ti hanno picchiato e stuprato. Che cazzo è successo?”


“Uno stronzo con una faccia poco raccomandabile è arrivato in motorino
nella piazzola dove lavoro sulla Salaria. Mi ha chiesto quanto volevo e se
c’era una cosa su cui sdraiarsi. Gli ho detto che avevo solo la sedia e un
tavolo. Quando mi sono girata mi ha dato un cazzotto dietro la schiena e mi
ha buttato per terra. Voleva i soldi e anche divertirsi.”
“E cosa hai fatto? Ti sei messa a gridare?”
“Ero terrorizzata ho cominciato a gridare ‘Aiuto’, e a quel punto sto
stronzo mi ha riempito la faccia di cazzotti, forti, mi ha spaccato il naso, la
mandibola, la bocca. Mi ha spogliato nuda, mi ha buttato ancora per terra
sui sassi, mi voleva baciare col naso insanguinato. Io gli dicevo: ‘Per favore
non mi uccidere, ho due figli, prenditi i soldi, fai il cazzo che ti pare.’
Voleva ammazzarmi di botte, mi ha spaccato la mano, mi ha rotto un dito,
mi ha fratturato una costola.”
“Ma come stai adesso?”
“Meglio, ma ho una paura fottuta. Quello mi ha scopato. A suo modo era
tranquillo. Si è anche messo il preservativo. Mi ha girato, mi ha scopato, e
poi mi ha preso i soldi, 300-400 euro, ma dei soldi non mi frega un cazzo.
Mi ha messo le mani sulla gola, mi voleva strozzare. Quando ha finito si è
tolto il profilattico, lo ha buttato per nasconderlo, aveva calcolato tutto
perché non lo hanno trovato, ha preso i soldi e il cellulare, ma ha lasciato i
documenti, le chiavi di casa e la scheda telefonica. Ha preso i lacci delle
scarpe delle mie scarpe da ginnastica e mi ha legato forte i polsi
all’ombrellone e le caviglie alla sedia. Ero nuda e mi ha detto: ‘Se urli ti
ammazzo.’”
“Ma adesso sei tornata per strada?”

365
“Sì. Questo stronzo lo hanno arrestato e sono tornata a battere, a lavorare.
Ho fatto il riconoscimento dalla Polizia. Ma alcuni clienti li rifiuto, non mi
fido. Però resto qui, questa è casa mia. Ho due figli e sono una donna sola.
Come faccio?”

“A me piace moltissimo scopare tanti uomini”

“‘Nella suddetta via assumeva atteggiamenti a sfondo erotico sessuale,


chiaramente riconducibili all’attività di meretricio’. Risultato:
duecentocinquanta euro di multa. Questa signora è come se fosse una mia
amica perché la conosco telefonicamente da anni e per la prima volta la
incontro di persona. Una grande intellettuale italiana, una grande eroina
italiana, una grande lavoratrice italiana. Voi che siete a casa o in auto
all’ascolto della radio non la potete vedere, ma è qui con me, si chiama
Susanna ed è la famosa puttana della Salaria.”
(Ovazione del pubblico.)
“E Susanna è arrivata in sella alla sua bicicletta, il suo strumento di
lavoro.”
“Sempre.”
“Quanti clienti al giorno ti fai di questi tempi?”
“Sono arrivata fino a trenta.”
Parenzo: “Trenta?”
“Sì, a me piace e loro vengono uno appresso all’altro.”
“Sei famosa anche per il tuo sedere sodo, girati e fallo vedere al pubblico
qui in sala.”
(Ovazione del pubblico.)
“Tanta roba, è veramente sodo.”
“E ho anche il pelo sulla figa, come piace a te.”
“Però oggi sei incazzata nera, vuoi raccontarci come mai?”
“Talmente incazzata che non volevo più venire qui da voi. Mi hanno
fermato i vigili urbani e mi hanno fatto una multa di duecentocinquanta
euro.”
“Con tutti i problemi che ha questa disgraziata città, i vigili di Roma
Capitale sono andati a fare una multa a Susanna, la mignotta della Salaria,
una lavoratrice, un’operaia del sesso. Cosa è successo esattamente,
Susanna?”
“Stavo vicino alla bicicletta, ero vestita come in questo momento, con

366
una tutina aderente nera, ma non mi sembrava di essere sconveniente.”
“Eri vestita così, giusto? Tutina nera, leggings, scarpe da ginnastica,
maglione, giubbottino. Niente di scandaloso.”
“Sì, ero vestita così. Sono sconcia, secondo voi?”
(“Noooo!” E fischi del pubblico ai vigili di Roma.)
“Come hai risposto al vigile?”
“Era una vigilessa, lasciamo stare.”
“Cosa le hai detto?”
“C’è scritto sulla multa. Ho fatto scrivere queste parole: svolgo questo
mestiere da circa otto anni.”
“E loro?”
“Niente, mi hanno consegnato il verbale e mi hanno detto di coprirmi di
più. Ma tanto sono sicura che tornano.”
“Con tutto quello che succede per strada, mi pare davvero assurdo che se
la prendano con te. Faremo una grande colletta per aiutare Susanna a
pagare questo schifo.”
Parenzo: “Io darò la mia quota, darò sicuramente la mia quota.”
“Grazie, ragazzi. Ma voglio dire per l’ennesima volta al sindaco di Roma
che io guadagno i soldi così perché la vita è andata in un certo modo e ho
trovato questa soluzione. Mi lasci lavorare, la prego. Altrimenti non so
come fare. Io sono felice di essere una puttana. Quando arriva un cliente
sono felice perché prendo i soldi e godo. A me piace tantissimo scopare con
tanti uomini e divertirmi.”
“Questo è incredibile. Sei una puttana speciale!”
“Io faccio del bene perché ci sono tantissimi uomini che a casa non
scopano. Non scopano e vengono da me. Hanno la moglie che si fa rodere il
culo, la moglie che si incazza.”
“Facciamo un ultimo appello, poi ci pensiamo noi.”
“Sindaco, ho una figlia di più di vent’anni che ho mandato a studiare al
Nord in un’importante scuola di moda. Mi costa molto. Grazie al fatto che
faccio la puttana, grazie a questo lavoro posso darle un futuro. Qui invece i
vigili se la prendono con me. Sono disperata. Faccia lei.”

“Voglio i clienti addosso, voglio prendere i loro schizzi”

“Sei una puttana felice, anche se hai dei momenti di depressione.”


“Sì, è vero.”

367
“Cara Susanna, grazie ai nostri ascoltatori è stata raccolta una cifra
importante: 100, 200, 300, 400, li conto davanti a te, e poi altri 20, 420,
440, 500, 560. Eccoli, in contanti, tutti per te.”
(Ovazione del pubblico.)
“Grazie, grazie. Questi mi serviranno per pagare pure un’altra multa.
Trecentocinquanta euro per essere andata contromano in bicicletta.”
“A Roma, dove succede di tutto, una multa per essere andata contromano
in bicicletta?”
“Eh, sì…”
“Susanna, dimmi la verità: quando non vengono clienti cosa provi?”
“Mi sento male. Voglio i clienti addosso. Sono dipendente dai miei
clienti.”
“Ma non ci credo. Non è solo una questione di soldi?”
“Io ho bisogno di loro. Mi sento felice quando vengono, mi accarezzano,
mi strizzano la pelle, mi desiderano.”
“Una volta mi hai scritto: ‘Sono una troia che ama il cazzo.’”
“Vero. C’è una gran differenza fra troia e puttana. La troia è quella che
ama il sesso, il maschio e le piace godere. La puttana, invece, è quella che
rovina l’uomo per soldi.”
(Applausi.)
“Sei dipendente dal sesso?”
“Sì, dopo otto anni lo posso dire.”
Parenzo: “Ma non potresti fare la segretaria?”
“No, mai. Sono arrivata a trenta uomini al giorno.”
“Come fai d’inverno?”
“Accendo il fuoco nella baracchetta.”
“Come ti pulisci?”
“Coi fazzoletti e con la mia pipì, che è un grande disinfettante. Mi
sciacquo le mani e mi faccio sempre tutte le analisi.”

Ultimo atto

“Mi hanno colpito ancora. Con una macchina. Mi è uscita fuori la spalla
sinistra. Ho sentito un dolore… Mai sentito un dolore così forte in vita mia.
In ospedale mi hanno riempito di morfina. Spalla rotta, un braccio e tre
costole.”
“Lo hanno fatto apposta, ancora una volta?”

368
“Guarda Cruciani, non è possibile, sono dieci anni che vado lì con la
bicicletta. Questi incidenti stanno succedendo tutti ora. Quindi io lo collego
al fatto che qualcuno non mi vuole più lì. Ho avuto molto successo, tra voi
e le Iene. Ho avuto troppo successo, troppi clienti, e quindi basta.”
“Hai deciso davvero di farla finita con questa vita?”
“Questa botta mi ha completamente devastato, perché non posso muovere
tutto il braccio sinistro. Mi ha fatto molto riflettere, soprattutto la faccia dei
miei figli. Quanto era vero quello che diceva Parenzo le prime volte, la
famiglia, i figli e tutto. E che siamo completamente malate, completamente
drogate, completamente dipendenti da questo cazzo di lavoro. E non se ne
esce più, signori miei. Non se ne esce più a fare la puttana, perché sei
felice, perché fai sesso, perché guadagni un botto di soldi, perché ti cercano
tutti, perché senti che esisti.”
“Ma hai sempre detto di essere felice…”
“Ma secondo voi una persona che va sulla Salaria sulla bicicletta col culo
di fuori, vi sembra una cosa fatta da una persona normale? Una donna
equilibrata si mette col culo di fuori a pedalare per la Salaria? Questo
ultimo botto mi ha fatto aprire gli occhi e ho cominciato a chiedermi: ma io
devo morire o posso capire perché continuo a venire su questa strada, dove
sono stata quasi uccisa da un rumeno che mi ha violentato? Ho sopportato
le cose più brutte, e sono sempre tornata. Allora questo botto che mi ha
completamente distrutto, mi ha tolto tutto, mi ha fatto vedere la faccia dei
miei figli sconvolti che non ne possono più di vedermi con le ossa rotte.”
“Ma guarda che io sono con te. Se hai preso questa decisione, va
benissimo.”
“Sì, finalmente ho preso questa decisione. Mi sono voluta mettere nelle
mani di uno psichiatra. Mi ha dato molte pillole perché mi ha detto che
sono in uno stato avanzato di malattia mentale. E ci credo, perché nella vita
non è possibile prendere solo cazzi. Posso fare qualcosa di meglio in questa
vita? Quanto lo capisco, David, quello che mi dicevi.”
Parenzo: “Cercherò di aiutarti a trovare un nuovo lavoro, te lo prometto.”
“Scusa Susanna, ma non sopporto l’idea che qualcuno ti faccia passare
come una malata di mente. Hai sempre fatto questo mestiere liberamente,
per i soldi, per la tua indipendenza economica.”
“Lo psichiatra ha detto che sono malata, molto malata. Perché fare questa
vita e non poterne più uscire. Lui ha avuto come pazienti altre puttane.
Anche puttane a livelli molto più alti del mio che sto sulla strada. E sono

369
persone devastate, alla fine questa vita ti toglie tutto. Non ho un compagno,
non ho amici, non ho niente. Mi sono resa conto che non ne esci da questa
vita, perché ne sei totalmente schiavo. Mentale, fisico ed economico. Non è
possibile.”
“Forse senza questi incidenti avresti continuato.”
“Sì, penso di sì. Se nessuno mi rompeva le palle, ve l’ho sempre detto che
ero felice. Quella vita l’avevo scelta. Ma voglio farvi capire che non è
normale che una donna per sentirsi viva deve essere cercata dagli uomini
che se la vogliono scopare pagando. Non può essere solo questo la vita. Lo
psichiatra ha detto, alzati la gonna, guardati la figa e chiediti perché questa
figa la dai solo per essere pagata. Non la puoi dare per amore? Per un
compagno che ci puoi morire insieme? Io ho preso questa decisione perché
sono stufa. Per prima cosa i miei figli non ce la fanno più.”
“Però non sei matta come qualcuno vuole farti credere.”
“Mi sono resa conto che sono totalmente malata a fare questa vita,
totalmente schiava mentale e fisica. Ho avuto tre incidenti. Ho tutte le ossa
rotte. I miei figli non ne possono più. Mi hanno detto, mamma, ma ti rendi
conto come vivi? I miei figli soffrono che non sono normale. Non mi faccio
mai una cena, mai un weekend. Non ho un compagno, non ho amici, non ho
nessuno. Vivo per i clienti. Ma possono essere felici due figli con una
madre che vive così?”
“Loro però sanno che i soldi che hai fatto sono serviti per farli vivere
bene.”
“Certo, li ho aiutati negli studi e in tutto. Però adesso basta. Mio figlio se
ne va all’estero, mia figlia pure partirà. Mi voglio fermare.”
“Ma non sei pazza, non devi convincerti di questa cosa.”
“Ma lo psichiatra dice di sì. Dice che non è normale, scegliere di fare
questa vita ha delle conseguenze devastanti. Questa vita ti fa felice, cazzi,
sborra e soldi, alberghi, però poi ti toglie tutto. Parla con qualche puttana, ti
toglie tutto questa vita. Non potete immaginare cosa darei per avere un
compagno, per stare un po’ tranquilla, vivere al mare tranquilla, con un
uomo che mi voglia bene… Voglio una persona con cui stare bene, fare
l’amore. Me so’ rotta i cojoni a famme amazza’ da questi, maledetti. Tanto
lo so che sono loro. Ti voglio bene, Giuseppe.”

370
Carmine da Roma, ovvero il Karma

Questo è il racconto dell’epopea radiofonica di Carmine da Roma,


venditore nel mondo del commercio, siciliano di origine, residente a Roma,
gran puttaniere e frequentatore di bordelli, in particolare il Wellcum
austriaco. Carmine, che chiama per raccontare le sue gesta, dopo qualche
mese è stato ribattezzato il Karma, o anche il Karma quotidiano. Dovrebbe
avere sui quarantacinque anni, alto, piuttosto in carne, ma non ha mai
svelato la sua identità e non ha mai mandato una foto per paura di essere
riconosciuto dai colleghi e dai datori di lavoro. Qualche anno dopo la sua
prima apparizione alla Zanzara si è invaghito di una delle sue prostitute
preferite.

Una volta al mese, da Roma a Villach

“Carmine da Roma, dimmi.”


“Giuse’, io sono quello di Whatsapp… siamo massacrati con ’sta
trasmissione, parliamo un poco di pelo, un poco di figa, un poco di
mignotte… Io la sera quando torno dal lavoro ho bisogno di rilassarmi.”
Parenzo: “Chi è questo, un alunno di Zagrebelsky o del professor
Ricolfi?”
“Capisco che sono le sette e quaranta.”
“Dammi un po’ di tempo, capisco che tu fai il camionista…”
“Macché camionista, faccio il rappresentante, e poi non è importante il
lavoro che faccio, l’importante è che si parla di femmine, di pelo.”
Parenzo: “Un professore, questo, cresciuto alla scuola di Angelo

371
Panebianco.”
“Posso dire una cosa a Parenzo… Io gli voglio bene, lo ascolto da
sempre, ma dice che siamo animali, esseri ignobili.”
“Ma tu, Carmine, vai a puttane?”
“Eccerto!”
Parenzo: “Eccerto, eccerto!”
“Fisso, sempre.”
“Una volta al mese in Austria, eccerto, è normale.”
Parenzo: “Eccerto, eccerto!”
“Ma cosa sta dicendo di sbagliato Carmine?”
“Quale è il problema, devo andare in chiesa, a pregare?”
Parenzo: “Ragazzi miei, questa è l’unica trasmissione al mondo in cui si
fanno passare per normali dei comportamenti che ovunque hanno un
minimo di riprovazione sociale. Ovunque. Dicendo anche: eccerto! Però se
vi fa comodo far passare me per un chierichetto, allora andate a fare in culo,
perché nel mondo normale non esiste che Carmine telefona e dice di andare
regolarmente a prostitute, facendo passare me per strano.”
“Ma è normalissimo. Non è normale se vai a froci. Se vado a froci allora
non sarei normale. Quelle stanno lì e ti aspettano, ti chiamano.”
“Ma chi?”
“Tutte, tutte.”
Parenzo: “Lei è sposato o fidanzato?”
“Tu non preoccuparti di queste minchiate, sono stato sposato, ma questi
sono dettagli.”
Parenzo: “Ma lei ha una relazione stabile, adesso?”
“Ma tu fatti i cazzi tua. Tu passi per strada sulla Laurentina, la Casilina,
la Salaria e vedi ragazze bellissime.”
Parenzo: “Sfruttate.”
“Ma sfruttate ’sta minchia, mica ce le ho messe io, lì! Ma che stai
dicendo?”
“Vai avanti, vai avanti.”
“Quando le vedi, e adesso che sta facendo caldo hanno delle minigonne
pazzesche, e quasi chiamano e ti dicono: ‘Fermati cinque minuti, fermati!’”
Parenzo: “Ma non è che ti chiamano perché sei bello, ti schifano.”
“Ma sono anche bello, vuoi le foto, te le mando. Sembra che ti chiamano,
davvero.”
“Ti chiamano perché vogliono i soldi.”

372
“È normale, le vedi e ti chiamano. Sono anche profumate. Però in Austria
è il top e una volta al mese vado al Wellcum.”
“Andiamoci insieme una volta.”
“Ma quando ti pare, Giuse’, eccerto! Prendo la macchina e parto senza
problemi.”
“Dove abiti?”
“A Roma, che problema c’è. Non dico cazzate, con la Bmw metto in
moto e parto.”
Parenzo: “C’è chi va a vedere una mostra di Hayez e chi invece…”
“Vai a vedere le mostre?”
“Le mostre? Che m’interessa a me, Giuse’. I quadri, Manzoni, Raffaello,
Pirandello… che m’interessa.”
Parenzo: “Però Manzoni e Pirandello non hanno esposto quadri.”
“Non m’interessa. Io ti faccio esempi. Sono vent’anni che sto a Roma,
mai andato ai Musei Vaticani. A me andare a vedere le macerie, quattro
muri, il Colosseo, la gente arriva là con le macchine fotografiche, ma che
minchia fotografano?”
Parenzo: “Macerie, le chiama macerie. E invece è normale andare a troie
sulla Salaria.”
“Ma che minchia fotografano, cosa c’è da vedere là?”
Parenzo: “Milioni di persone al mondo che vengono qui per fotografare il
Colosseo, e poi arriva questo stronzo di Carmine da Roma a dire che invece
bisogna andare a prostitute.”
“Stronzo sarai tu, sei un deficiente, perché offendi?”
Parenzo: “Scusami anche tu sei una creatura di Dio, venuta molto male,
però sempre una creatura di Dio.”
“Venuta male un par de cojoni. Sei tu venuto male: a me piace la fregna,
che c’è di male? Devi sapere che la mattina mi sveglio agitato. Tutte le
mattine, a quarantaquattro anni, la prima cosa cui penso è la figa, è una
cosa meravigliosa, una cosa indescrivibile.”
Parenzo: “Vabbe’, questo è malato!”
“Perché malato?”
“Ma non sono malato.”
“Se vuole pensare dalla mattina alla sera a quella roba lì, lascialo
pensare.”
“Io mi faccio un culo così, lavoro tredici ore al giorno, non come te che
non fai una minchia. Mi sveglio alle sei di mattina, non mi rompere i

373
coglioni, faccio trentamila chilometri ogni quattro mesi.”
Parenzo: “Siamo allo sbando totale.”
“In Austria me ne faccio quattro cinque in una sera.”
“Quattro, cinque?”
“Eccerto, è normale. Cento per cento.”
Parenzo: “Il mondo non è Carmine da Roma.”
“Pure quelli che vanno in chiesa sono peccatori. Se nasco un’altra volta
non voglio fare più niente: battesimo, comunione, cresima, il prete che mi
mette una mano sulla testa. Ho visto una foto mia con un grembiule, una
collana d’oro, ma che minchia è ’sto schifo. Io la mano in testa non la
voglio, voglio solo andare là e gustarmi tutte le signorine. Quelle nuove, gli
ultimi aggiornamenti.”
Parenzo: “Vabbe’ un maiale, un maiale, maniaco.”
“Ma non mi scassare la minchia, quale maniaco, non sono un maniaco.
Guarda che non dico cazzate.”
Parenzo: “È questo il dramma!”

“Ho passato l’estate a puttane”

“Karma, come andiamo?”


“Bene, bene.”
“Come hai passato l’estate?”
“Un tour di troie e bordelli in Austria: Wellcum, Andiamo, altri FKK. Ma
io telefono perché questo deficiente di David continua a chiamarci
miserabili. Proprio tu che hai già avuto due mogli!”
Parenzo: “Ma che le importa a lei? Non voglio avere rapporti con
personaggi simili. Lei è un miserabile perché si vanta di andare a
prostituite.”
“Ma che minchia mi vanto? È legale, vado lì, mi fanno pure ’o
scontrino!”
Parenzo: “Sfrutta le donne, non ha nessuna etica e nessuna barriera… Si
vanta e lo dice in diretta, non ha dignità.”
“Tu praticamente non fai niente: non caghi, non pisci nel lavandino, non
trombi. Praticamente non fai niente, sei come san Paolo.”
Parenzo: “Quello che faccio non lo dico alla radio.”
“Non ti permettere di chiamarci miserabili, è una parola offensiva.”
Parenzo: “È anche poco.”

374
“A noi ci piace la figa, tu la devi finire.”
“Questo però non c’entra, Karma. Anche a David piacciono le donne.
Secondo lui sei un miserabile perché frequenti i bordelli di mezza Europa.”
“Miserabili perché? Noi non andiamo lì perché non troviamo una donna
che si mette a pecorina…”
“Ma noi chi?”
“Il popolo dei trombatori dei bordelli, su. Anche tu ci sarai stato, Giuse’.”
“Qualche volta, sì, ci sono stato.”
“Io ormai vado una volta al mese. Guardo prima le ultime proposte che
fanno, mi aggiorno, non è che mi faccio millequattrocento chilometri per
nulla, è anche un costo. Guardo quelle che vanno di meno, quelle che vanno
di più. E poi, David, secondo te io sono un cesso e non trovo nessuna che
me la dà gratis?”
Parenzo: “Quello è sicuro, quale donna può essere attratta da tanta
volgarità, da un personaggio simile, un gretto.”
“Se ci mettiamo accanto, tu sembri un panda e io Richard Gere.”
Parenzo: “Ma lascia perdere. Uno che chiama e rende pubblico che va a
prostitute, nemmeno le scimmie possono essere attratte da un uomo simile.
È ovvio che uno così deve pagare, è talmente repellente che deve pagare,
non può avere una relazione normale.”
“Ma che minchia dici, che differenza c’è tra io che vado lì, le pago, le
tratto bene e mi danno un servizio, e un vecchio di ottant’anni in Italia che
vanno a casa sua e si prostituiscono. Ma che minchia ti pare normale? Io
sono normale!”

“È tornato di moda il pelo”

“Ecco il Karma!”
Parenzo: “Ancora vivo, questo qui?”
“Ancora vivo lo sticchio di tua sorella, ma che vuol dire ancora vivo,
pezzo di miserabile, cugliunazzo, stai sereno che trombo ancora come un
riccio. Giuse’, io ho chiamato per la notizia di quel vecchietto di
ottant’anni, devo trovare il numero, è il top assoluto, lo porto in Austria.
Numero uno, ha le palle perché trombare fuori dal materasso ti posso
garantire che non è facile a trenta, quarant’anni, figuriamoci a ottanta.
Questo è un mito, in mezzo all’erba, con un materasso buttato là, acchiappa
una di trent’anni, una cosa pazzesca, se tu ci pensi non ti si drizza

375
neanche… non è facile, la gente che passa, le luci, i carabinieri e lui come
un riccio a ottant’anni, un mito pazzesco.”
“Te lo vuoi portare in Austria?”
“Sì, assolutamente. La benzina la metto io, tanto vado una volta a
settimana. Voglio vedere che mi combina là dentro: o ci rimane che gli
parte la pompa, oppure non lo so… I parenti mi dovranno fare una
liberatoria.”
Parenzo: “Mi dispiace che se ne vanno tante persone perbene, ma non
verserei una lacrima se Karma volesse andarsene dall’Italia.”
“Magari, magari. Così non vedo più tutti questi stranieri, questi zingari,
questa gentaglia che difendi, questa gentaglia come te, questa gentaglia che
difendi dalla mattina alla sera. E io le tasse le pago, le strapago, lavoro
dodici ore dal giorno, hai capito? Hai capito o no?”
Parenzo: “Ci mancherebbe altro che non le pagassi.”
“Qual è allora il problema? Mi piace la fregna? Vado lì, pago e mi fanno
lo scontrino. Per strada non ci vado perché non mi voglio far beccare, o
prendere una multa che poi arriva a casa.”
Parenzo: “Ah, paura della moglie eh?”
“Ma fatti i cazzi tuoi… Facciamo un viaggio di lavoro, Giuse’. Le scuse
si trovano. È pieno di medici, avvocati, professori, li vedo sempre che
trombano come ricci.”
Parenzo: “Spero che tua moglie stia ascoltando. Così ti prende a
bastonate.”
“Ma tu sei un rovinafamiglie, rincoglionito, non mi devi rompere i
coglioni, io non le faccio mancare nulla, tu devi stare tranquillo, faccio le
minchie mie, io non rubo, non ammazzo, non mi drogo, non fumo e non
bevo. A me piace la figa, oh, non ci posso fare niente, che cazzo ci posso
fare?”
“Infatti non c’è alcuna contraddizione. Si può tenere tutto insieme.”
“Anch’io ho dei figli meravigliosi, e qual è il problema? A me piace lo
sticchio, a me piace cambiare, ho bisogno di cambiare. Lo sapevi, Giuse’,
che è tornato di moda il pelo?”
“Ma dove?”
“Anche nei club. Non mi attira molto. Si fanno la striscetta là sotto. Si
fanno i disegni.”
“Non il bosco?”
“No, il bosco no, non mi piace.”

376
“Breaking news: è tornato di moda il pelo.”
“Queste sono le cose della vita. Guarda che io sono fiero, orgoglioso di
andare a mignotte.”
“E tutti quelli che in Italia vorrebbero impedirtelo…”
“Sono loro i veri miserabili. Ma ti rendi conto che sei chilometri dopo
Tarvisio cambia tutto? Sempre Europa con le stelline, finisce l’Italia e
cambia tutto.”
“E tu che senti?”
“Sento un profumo… Non ti posso raccontare l’odore che senti quando
arrivi… Hmmm… Aaaah… La parte più bella è il posteggio. Parcheggi,
spegni la macchina, prendi lo zainetto, arriva la ragazza che mi conosce:
‘Buonasera, com’è andato il viaggio?…’ Poi chiedo se c’è qualche novità
tra le ragazze, quante sono… E senti già il profumo… Aaaaah!”

“Con la pellicciotta è più bello”

“Sentite una cosa, cari amici ebrei circoncisi. Non mi raccontate questa
minchiata che con la circoncisione è aerodinamico, molto più bello, più
igienico, più pulito… Ma volete mettere quando piano piano, specialmente
io che vado in certi posti, la signorina inizia a giocare col giocattolino e
vede si ingrandisce… Con la pellicciotta davanti è più bello… Mi dispiace,
amici circoncisi, ma ve lo dice il Karma, ministro dello sticchio… con la
pellicciotta davanti è più bello… Andate a fare in culo!”

Il Karma innamorato di una prostituta

“Karma, cosa hai fatto tutto questo tempo?”


“Ormai molti mi riconoscono.”
“Ti fermano e ti dicono: ‘Tu sei il Karma della Zanzara?’”
“È successo. Ma io nego. Non posso rischiare. Comunque sono andato in
Ticino, ma sono rimasto molto deluso. Non c’è partita, meglio l’Austria.”
“Hai trovato una tua preferita?”
“Mi sono quasi innamorato.”
“Il Karma innamorato, è pazzesco!”
“Innamorato è una parola grossa. Ma ho conosciuto una che è diversa
dalle altre. Ho trovato un punto d’appoggio che quando vado là la porto
fuori dal bordello, facciamo quello che dobbiamo fare, passiamo un

377
weekend in un albergo, e naturalmente pago.”
“Insomma, il Karma è cambiato, innamorato.”
“Giuse’, sai cosa succede, amico mio. Dopo tanti anni di frequentazione
dei bordelli, prendo una stanza, scendo, mangio, cago, piscio, trombo, poi
torno su in camera, mangio, scendo, boccaciccio.”
Parenzo: “Che schifo!”
“Ma che male c’è? Dove minchia devo andare, in Chiesa? Mi piace ’u
sticchiu, che cazzo ci posso fare? Dunque, scendi, mangi, ficchi e poi ho
conosciuto una che mi ha fatto perdere la testa.”
“Come si chiama?”
“No, no. Non si può dire, poi mi sgamano. Sai che è successo l’ultima
volta nel locale. Stavo in piscina e ho detto a una ragazza: ‘Amore mio,
vieni qua.’ E uno si avvicina e mi fa: ‘Tu sei il Karma?’ Io gli ho detto:
‘No, non sono il Karma’, e quello mi è rimasto attaccato tutta la sera. ‘Ma
che minchia vuoi, vattene che ti spacco la testa, non mi rompere i coglioni,
ma chi ti conosce?’”
“Ti vergognavi?”
“Giuse’, capisci bene. Ho un lavoro decente. Faccio l’agente di
commercio.”
Parenzo: “Ma non si vergogna di quello che dice?”
“Ma guarda che quello nel bordello era un mio fan, capito?”
“Forse ha paura di essere cacciato dall’azienda.”
“Quello è un problema, ragazzi.”

378
Lucia, la prostituta del camper

“I finocchi col cazzo mi hanno portato via il lavoro”

“Io sono mulatta e tu stavi parlando delle creme, Cruciani. Mi chiamo


Lucia da Pordenone.”
“Lucia, c’è un signore che fa l’accoglienza ai profughi che ha detto di
spendere diecimila euro per le creme per i migranti.”
“Io sono mulatta, sono nata in Somalia.”
“Va bene, non ho niente contro i mulatti e quelli nati in Somalia, ma non
credo che il problema dei profughi che arrivano in Italia sia quello di
mettersi la crema solare.”
“Però se non vuoi avere una dermatite devi metterti la crema.”
Parenzo: “Non sei tu Cruciani a decidere cosa deve o non deve fare un
migrante.”
“Parenzo, io ti voglio bene perché ci difendi sempre.”
Parenzo: “Io ti abbraccio cara, ma vinceremo!”
“Chiamala pure sorella Lucia.”
Parenzo: “Sorella Lucia, vinceremo questo qualunquismo, il clima sta
cambiando, fidati, non farti intimorire da quei quattro scalzacani che
chiamano in questa trasmissione. Il clima sta cambiando perché c’è tutto un
mondo che è con noi. Un mondo che ha a cuore i diritti delle persone senza
fare ironie sulle creme. Stiamo seminando anno dopo anno, goccia dopo
goccia. Siamo qui, sulla barricata della radio della Confindustria, a tenere il
punto sul diritto alle cremine.”
“Ma di che state parlando. I diritti, ancora con questa cosa dei diritti.

379
Lucia, tu che mestiere fai?”
“Il mestiere più vecchio del mondo.”
“La puttana?”
“Sì, la puttana.”
Parenzo: “Ho appena difeso una prostituta. Io pensavo dicesse il notaio,
l’architetto.”
“Lucia, cara amica mia, improvvisamente mi si apre un mondo.
Tecnicamente fai la puttana, la zoccola. Giusto? Quanti quattrini guadagni,
cara Lucia?”
“Niente, niente.”
“Come niente?”
“Sono vecchia ormai.”
“Scusami, ma quanti anni hai?”
“Non si può dire. Ma più di sessanta. Voglio dirti un’altra cosa.”
“Cosa?”
“Lo sai chi ci ha portato via il lavoro a noi puttane? I finocchi, i trans.”
“Lucia, non ho capito perché i finocchi ti hanno portato via il lavoro?”
“Specialmente quelli che hanno il cazzo. Ma adesso devo chiudere, ci
sentiamo un’altra volta.”

“Senza guanto non faccio niente. Niente culo e niente bacio”

“Lucia per me è come Gheddafi per Borghezio, che diceva del dittatore
libico ‘è un figlio di puttana, ma è il nostro figlio di puttana. Lucia da
Pordenone è una puttana, ma è la nostra puttana.”
Lucia: “Non mi chiamare ‘puttana’, chiamami ‘studentessa di bigoli’. E
ho chiamato perché continuo a prendere multe.”
Parenzo: “Aspetti un attimo che chiamo il direttore del ‘Sole 24 Ore’, non
vorrei mai che si perdesse una notizia del genere.”
“Ottimo titolo: ‘Lucia, la puttana di Pordenone: «Sono stata multata.»’”
“Sono arrivati i carabinieri con l’ordinanza del sindaco di San Fior.”
“Mi hanno detto: ‘Signora, dobbiamo farle la multa.’ E quando gli ho
chiesto per che cosa, loro, un po’ imbarazzati, mi hanno risposto : ‘Non può
stare qui, sono cento euro di multa.’ È come avere un magnaccia che viene
ogni sera e mi fa la multa da cento euro.”
“Tu col cazzo che paghi, naturalmente.”
“Ma manco morta, preferisco dare mille euro a un avvocato che mi tolga

380
le multe.”
“Ma non eri a Codroipo?”
“No, adesso mi sono spostata a San Fior, vicino a Trevis