Sei sulla pagina 1di 2

LA FREQUENZA CARDIACA

La frequenza cardiaca è il numero di battiti del cuore al minuto (bpm). È


una delle funzioni vitali
A riposo la frequenza cardiaca di un essere umano adulto è di circa 70 bpm
nell’uomo e di circa 75bpm nelle donne, mentre nei neonati la frequenza a
riposo è di circa 100-180 bpm.

Frequenza
cardiaca
Età
normale a
riposo

Neonati da 90 a 180

Bambini da 80 a 100

Adolescenti da 70 a 120

Adulti da 60 a 90

Il cuore sotto sforzo aumenta la sua frequenza fino a un valore massimo.


Tale valore può essere determinato in modo diretto solo sotto sforzo.
La frequenza cardiaca massima è correlata ad altri parametri come la
gittata sistolica, e la quantità massima di ossigeno che un individuo può
utilizzare nell'unità di tempo. I valori massimi sono in riferimento ad
attività continuative, potendosi reggere il carico massimo per un tempo
indicativo di 10 minuti, che si riduce sensibilmente da persona a persona.
La frequenza cardiaca viene misurata generalmente per mezzo del polso
arterioso, anche se in alcuni casi, come per esempio in presenza
di aritmie questo metodo è inaccurato. L'auscultazione, cioè l'ascolto dei
battiti cardiaci per mezzo di uno stetoscopio è un metodo di misurazione
più efficace, così come l'elettrocardiogramma.
È importante monitorare la frequenza cardiaca durante l’allenamento
perché ti permette di valutare se l’allenamento è efficace oppure no.
Quando lo sforzo è inferiore al 40-45% della massima, per esempio, vuol
dire che l’organismo non sta mettendo in atto quegli adattamenti benefici
che è costretto a compiere quando si allena in modo efficace.
Al contempo ci sono delle fasce di sicurezza oltre alle quali non bisogna
andare. In generale è bene rimanere tra il 65 e il 75% per allenarti bene e
senza rischi per il cuore.
È consigliato verificare il battito soprattutto quando si svolgono attività
come corsa, ciclismo, canottaggio e ginnastica aerobica. Sono discipline in
cui è più facile raggiungere una frequenza cardiaca molto alta e di
conseguenza correre più rischi
Percentuali di frequenza cardiaca massima
Meno del 60%
È la frequenza cardiaca che registri quando cammini oppure a passo
moderato. Suggerita per le fasi di riscaldamento

Tra il 65 e il 75%
È una fascia di intensità moderata. Inizi a sudare e avrai il respiro
affannato, ma riuscirai comunque a parlare sotto sforzo. In questa fascia
puoi migliorare la resistenza, è consigliata se stai iniziando o riprendendo a
fare sport

Tra il 75 e l’80%
Sudi parecchio, l’affanno diventa pesante e fai fatica adire poche parole.
Dopo i 35 anni negli uomini e 45 nelle donne meglio sottoporsi a un
elettrocardiogramma a riposo prima di cimentarsi in allenamenti di questo
tipo

Più dell’85
È una frequenza assai elevata, in cui sudi in abbondanza e che può essere
raggiunta senza rischi solo da atleti e sportivi agonisti.