Sei sulla pagina 1di 13

CIRCOLAZIONE E DIFESA

DALLE MALATTIE

2 C
CAP 5 CAP 3
Unità 1 LA CIRCOLAZIONE 135 PAGINA 75
1. Il sangue e la linfa 136 PAGINA 76
2. I gruppi sanguigni 140 PAGINA 80
3. Il cuore 142 PAGINA 82
4. I vasi sanguigni e la circolazione 144 PAGINA 84
5. Il sistema linfatico 148 PAGINA 88

Unità 2 LA DIFESA DALLE MALATTIE 155 PAGINA 95


1. Le malattie 156 PAGINA
96
2. Il sistema immunitario 158 PAGINA
98
3. La risposta immunitaria 162 PAGINA
102
4. Prevenzione e cura delle malattie infettive 164 PAGINA 104

125
Unità 1
LA CIRCOLAZIONE
1 IL SANGUE
E LA LINFA

✱ LA CIRCOLAZIONE DELLE SOSTANZE


Negli organismi più complessi le funzioni di trasposto delle sostanze
all’interno del corpo vengono svolte dall’apparato circolatorio. Nell’uomo questo
apparato è costituito dal cuore e dai vasi sanguigni e linfatici, nei quali circolano il
sangue e la linfa. Il sangue svolge le funzioni indicate nello schema seguente.

TRASPORTA LE SOSTANZE TRASPORTA I GAS TRASPORTA LE SOSTANZE


NUTRITIVE RESPIRATORI DI RIFIUTO
Le sostanze assorbite nell’intestino L’ossigeno viene trasportato attraverso Oltre al diossido di carbonio e alle feci,
vanno a finire al fegato. Qui vengono il sangue dai polmoni alle cellule. il nostro organismo produce sostanze
elaborate e poi giungono, sempre Il diossido di carbonio, prodotto dalle di rifiuto in forma liquida. Queste
attraverso il sangue, agli organi che le cellule nel corso della respirazione vengono eliminate dai reni che filtrano
devono utilizzare. cellulare, viene trasportato in senso il sangue e trattengono le sostanze che
inverso. devono essere espulse.

O2

O2

alveolo
CO2

CO2

TRASPORTA CI DIFENDE REGOLA LA NOSTRA


GLI ORMONI DALLE INFEZIONI TEMPERATURA
Nel nostro corpo circolano gli ormoni, Nel sangue sono presenti cellule e Quando siamo accaldati i vasi
sostanze che regolano numerose e sostanze proteiche capaci di difenderci sanguigni presenti nella pelle si
importanti funzioni dell’organismo. Sono, dagli attacchi dei moltissimi organismi dilatano e il calore si disperde.
in genere, prodotti da ghiandole lontane con i quali veniamo a contatto, alcuni Situazione opposta si verifica quando
dagli organi sui quali devono agire dei quali possono essere causa di c’è freddo.
e vi giungono trasportati dal sangue. malattie.

126 CIRCOLAZIONE E DIFESA DALLE MALATTIE


La linfa raccoglie e porta nel sangue le sostanze grasse assorbite
nell’intestino e i liquidi interstiziali, che in tal modo non si accumulano nei
tessuti.

✱ I COMPONENTI DEL SANGUE E DELLA LINFA


Il sangue è un tessuto formato da una parte corpuscolata, cioè formata
da cellule (45%), e da una parte liquida chiamata plasma (55%). La linfa è
formata da una parte corpuscolata formata da globuli bianchi e dal plasma.
● La parte liquida è il plasma, che contiene soprattutto acqua, proteine, sali
minerali, zuccheri e sostanze di rifiuto. Fra le proteine particolare importanza
ha il fibrinogeno che, in caso di lesioni, si trasforma in fibrina e partecipa alla
coagulazione. I filamenti di fibrina, infatti, formano una rete che imbriglia le
cellule del sangue, impedendone la fuoriuscita.
● La parte corpuscolata del sangue è formata da:

globuli rossi globuli bianchi piastrine


(o eritrociti) (o leucociti) (o trombociti)
Sono cellule prive di nucleo che trasportano ossigeno Sono cellule di vario tipo, provviste
Sono frammenti di
e diossido di carbonio. Il trasporto viene effettuato di nucleo, che hanno funzione di
cellule senza nucleo
dall’emoglobina, una proteina contenuta al loro interno difesa. Esse inglobano e distruggono
che intervengono nella
nella quale sono presenti atomi di ferro che conferiscono il i microrganismi oppure producono
coagulazione del sangue.
colore rosso a queste cellule e quindi anche al sangue. sostanze apposite, come gli anticorpi.

Esercizio
Indica se le seguenti affermazioni sono vere (V) o false (F).
a. I globuli rossi hanno la funzione di trasporto dell’ossigeno. V F
b. I globuli bianchi trasportano il diossido di carbonio. V F
c. La linfa è formata solo di plasma. V F
d. L’emoglobina conferisce il colore rosso al sangue. V F
e. Le cellule del sangue sono solo i globuli rossi e i globuli bianchi. V F

CIRCOLAZIONE E DIFESA DALLE MALATTIE 127


Unità 1
LA CIRCOLAZIONE
2 I GRUPPI SANGUIGNI

✱ CHE COSA SONO I GRUPPI SANGUIGNI


Sulla superficie dei globuli rossi ci sono molecole che possono essere diverse da
una persona all’altra.
Queste molecole rappresentano gli antigeni, strutture riconoscibili dal nostro
sistema di difesa e in particolare dagli anticorpi. Gli anticorpi riconoscono gli
antigeni e attaccano le cellule considerate estranee al nostro corpo.
Il gruppo sanguigno dipende dal tipo di antigeni presenti sulle membrane
dei globuli rossi.
Persone con gruppi sanguigni diversi, oltre ad avere antigeni diversi, nel loro
plasma hanno anche anticorpi di tipo diverso. Ogni persona, in condizioni
normali, non possiede anticorpi che attaccano gli antigeni presenti sui propri
globuli rossi.

✱ I PRINCIPALI GRUPPI SANGUIGNI


Esistono vari sistemi di classificazione dei gruppi sanguigni; i più noti sono il
sistema AB0 e il sistema o fattore Rh.
● Il sistema AB0 si basa sulla presenza degli antigeni A e B o sulla loro assenza.
● Il sistema Rh dipende dalla presenza sui globuli rossi dell’antigene D.

✱ LE TRASFUSIONI
Alcune malattie o traumi richiedono delle trasfusioni di sangue. Per effettuarle
è necessario che ci siano dei donatori, perché il sangue non si può produrre
artificialmente. È inoltre necessario controllare i gruppi sanguigni del donatore e
O A del ricevente, perché non si può ricevere sangue con antigeni diversi dai propri.
Una persona con gruppo sanguigno A possiede solo l’antigene A. Se a essa
B AB viene trasfuso sangue con l’antigene B, i suoi anticorpi attaccano le cellule
ricevute. Ciò è dovuto al fatto che nel plasma del ricevente sono presenti gli
anticorpi anti-B .
Stesse regole valgono per il sistema Rh. Una persona Rh+ possiede l’antigene
D e può donare sangue solo a persone che siano Rh+ . Una persona Rh– può
donare sangue a una Rh+ ma non può riceverlo da essa .
Rh– Rh+ Il non seguire queste regole può portare anche alla morte della persona che ha
subito la trasfusione.

Esercizio
Indica se le seguenti affermazioni sono vere (V) o false (F).
a. Gli antigeni che determinano i gruppi sanguigni si trovano sulla superficie dei globuli rossi. V F
b. Gli antigeni hanno la funzione di riconoscere gli anticorpi. V F
c. Una persona di dice Rh+ se possiede l’antigene D. V F
d. Le trasfusioni di sangue si possono effettuare fra qualunque persona, purché non ammalata. V F
e. Una persona Rh– può donare sangue a un Rh+ V F

128 CIRCOLAZIONE E DIFESA DALLE MALATTIE


Unità 1
LA CIRCOLAZIONE
3 IL CUORE

✱ POSIZIONE, FUNZIONE E STRUTTURA DEL CUORE


Il cuore si trova nella gabbia toracica, dietro lo sterno, nello spazio compreso fra
il polmone destro e quello sinistro, un po’ spostato verso sinistra. Ha la funzione
di pompare il sangue per farlo giungere in tutte le parti del nostro corpo.
Il cuore è formato dalle parti illustrate in questo schema.

All’atrio destro arrivano la vena cava superiore e la vena


All’atrio sinistro arrivano le vene
cava inferiore. Esse portano sangue non ossigenato proveniente,
polmonari che portano il sangue
rispettivamente, dalla parte superiore e da quella inferiore del
ossigenato proveniente dai polmoni.
corpo.

aorta
vena cava superiore

arteria polmonare

vene polmonari

atrio
sinistro
atrio
destro
valvola
atrio-ventricolare
ventricolo
sinistro

valvola ventricolo
atrio-ventricolare destro parete divisoria
vena cava inferiore

Dal ventricolo destro parte l’arteria Dal ventricolo sinistro parte


polmonare che si divide in due e porta sangue l’aorta che porta il sangue
non ossigenato ai polmoni. ossigenato a tutto il corpo.

Esercizio
Completa il testo seguente inserendo i termini indicati.

atri • cavità toracica • i ventricoli • l’aorta • l’arteria polmonare • le vene cave • le vene polmonari • lo sterno
Il cuore si trova nella ...................................................................., dietro ............................................................................................ . È formato
da due ................................................................................., posti superiormente, collegati con .............................................................................
posti inferiormente. All’atrio destro arrivano .........................................................................................., all’atrio sinistro ...........................
......................................................................... .

Dal ventricolo destro parte ............................................................................................................................................, dal ventricolo sinistro


parte ................................................................................................. .

CIRCOLAZIONE E DIFESA DALLE MALATTIE 129


Unità 1
LA CIRCOLAZIONE
4 I VASI SANGUIGNI
E LA CIRCOLAZIONE

✱ CARATTERISTICHE E FUNZIONI DEI VASI SANGUIGNI


Il sangue per giungere ai tessuti ed effettuare gli scambi delle sostanze
nutritive, di quelle di rifiuto, di ossigeno, di diossido di carbonio ecc.
circola nei vasi sanguigni. Attraverso questi vasi il sangue parte dal cuore,
raggiunge i tessuti e poi torna di nuovo al cuore.
Nel nostro corpo possiamo trovare tre diversi tipi di vasi sanguigni: le arterie, i
capillari e le vene.

ARTERIE CAPILLARI VENE


Sono i vasi che partono dal cuore. Sono i vasi che effettuano gli Sono i vasi che portano il sangue verso
Al loro interno il sangue circola sotto scambi di sostanze con i tessuti. il cuore. Il sangue circola al loro interno
pressione e, quindi, hanno pareti più Per questo hanno pareti sottilissime, a pressione bassa e, quindi, hanno pareti
spesse rispetto alle vene. Le arterie si formate da un solo strato di cellule, più sottili rispetto a quelle delle arterie.
trovano quasi sempre in profondità. che può essere attraversato dai
Le vene si trovano sia in profondità sia
In alcuni punti passano più in globuli bianchi, che così in caso
in superficie; queste ultime scorrono
superficie e qui è possibile percepire di infezioni possono raggiungere
nello strato sottocutaneo e sono visibili a
il loro pulsare. i tessuti, e dal plasma ma non dai
occhio nudo.
globuli rossi.

capillari arteriosi

liquido
extracellulare

arteriola

cellule

venula

capillari
venosi

130 CIRCOLAZIONE E DIFESA DALLE MALATTIE


✱ LA PICCOLA E LA GRANDE CIRCOLAZIONE
Nel nostro corpo si hanno una piccola circolazione e una grande
circolazione. La prima si svolge fra il cuore e i polmoni, la seconda avviene
fra il cuore e i tessuti di tutto il corpo.
Il sangue circola nelle arterie perché spinto dal cuore. Giunto ai capillari, la
pressione del sangue si riduce e il ritorno al cuore avviene grazie alla forza di
gravità, all’azione dei muscoli e alle valvole presenti nelle vene.

Il sangue parte dal ventricolo destro capillari polmonari


e, tramite l’arteria polmonare,
giunge ai polmoni. Qui l’emoglobina
presente nei globuli rossi, attraverso
le sottili pareti dei capillari e degli
Piccola polmoni
alveoli, cede il diossido di carbonio
circolazione e si lega con l’ossigeno. Il sangue
ossigenato, per mezzo delle vene
polmonari, torna all’atrio sinistro e
poi passa nel ventricolo sinistro, dal vene
arterie polmonari
quale ha inizio la grande circolazione. polmonari
vena cava
superiore
Il sangue parte dal ventricolo aorta
sinistro e va all’aorta. Questa arteria
si ramifica e forma vasi sempre atrio destro atrio
più piccoli, dai quali si originano sinistro
i capillari. I capillari penetrano ventricolo
ventricolo
nei tessuti, effettuano gli scambi destro sinistro
Grande delle sostanze e poi si riuniscono a vena cava
circolazione formare vasi di dimensione maggiore, inferiore
cioè le vene. Queste, a loro volta,
confluiscono nelle vene cave che
arrivano all’atrio destro del cuore.
Da qui il sangue passa nel ventricolo
destro, dal quale ha inizio la piccola
circolazione.
capillari del corpo

Esercizio
Indica se le seguenti affermazioni sono vere (V) o false (F).
a. Le valvole presenti nelle vene permettono la risalita del sangue verso il cuore. V F
b. Le arterie si trovano più in superficie rispetto alle vene. V F
c. La grande circolazione avviene fra il cuore e i polmoni. V F
d. Nelle arterie della piccola circolazione si trova sangue non ossigenato. V F
e. Nella grande circolazione il sangue torna al cuore attraverso le vene cave. V F

CIRCOLAZIONE E DIFESA DALLE MALATTIE 131


Unità 1
LA CIRCOLAZIONE
5 IL SISTEMA LINFATICO

✱ FUNZIONI DEL SISTEMA LINFATICO diventa palpabile attraverso la pelle. Questi noduli
sono comunemente chiamati “ghiandole”.
Il sistema linfatico ha la funzione di raccogliere e
filtrare i liquidi presenti nei tessuti e le sostanze La milza si trova sotto il diaframma, a sinistra del
grasse assorbite dai villi intestinali. pancreas e dello stomaco. Essa produce linfociti e
distrugge globuli rossi e piastrine non più efficienti.
Le sostanze vengono raccolte dai capillari linfatici;
questi confluiscono nei vasi linfatici che passano Il timo è posto dietro lo sterno. Nel periodo della
attraverso i linfonodi. Alla fine tutte le sostanze crescita esso è molto sviluppato ma poi regredisce; la
riassorbite vengono immesse nel sangue. sua principale funzione è quella di produrre i linfociti.
Tessuti in grado di produrre i linfociti sono presenti
anche all’interno delle tonsille o dell’appendice, che
✱ I LINFONODI, LA MILZA E IL TIMO si trova nell’intestino crasso, e nel midollo rosso
Lungo i vasi linfatici si trovano i linfonodi. Essi: delle ossa.
● eliminano di eventuali microrganismi provenienti
dai tessuti; ✱ COME CIRCOLA LA LINFA
● producono i linfociti, particolari cellule del sangue
Nel sistema linfatico non esiste un organo con
facenti parte dei globuli bianchi.
funzione di pompa. La linfa circola grazie alla
I linfonodi sono distribuiti, sia in profondità sia appena contrazione dei muscoli.
al di sotto della pelle . Quando si hanno delle
Come nel caso delle vene, questa risalita è resa
infezioni nei tessuti che si trovano a monte dei vasi
possibile dalla presenza di valvole che impediscono
che confluiscono in un linfonodo, esso si ingrossa e
il flusso in senso inverso.

capsula
vasi linfatici noduli corticali
afferenti tonsille timo

centro milza
germinativo
linfonodi

midollo
osseo
vasi linfatici
vasi linfatici
efferenti

vasi sanguigni

Esercizio
Indica se le seguenti affermazioni sono vere (V) o false (F).
a. La milza produce linfociti. V F
b. Il timo è sviluppato nelle persone adulte. V F
c. Le sostanze contenute nei vasi linfatici alla fine confluiscono nel sangue. V F
d. La milza distrugge i globuli rossi. V F
e. Le tonsille producono linfonodi. V F

132 CIRCOLAZIONE E DIFESA DALLE MALATTIE


Unità 2
LA DIFESA
DALLE MALATTIE 1 LE MALATTIE

✱ CLASSIFICAZIONE DELLE MALATTIE La prevenzione delle malattie degenerative può


essere fatta riducendo l’esposizione agli agenti
Le malattie degenerative sono dovute a
riconosciuti come fattori di rischio per le malattie
degenerazione dei tessuti o degli organi
stesse.
causata da agenti esterni di natura chimica
o fisica oppure da cause interne. Le malattie
infettive sono provocate da organismi viventi di ✱ LE MALATTIE INFETTIVE
dimensioni molto piccole.
Le malattie infettive sono causate da virus (epatite,
influenza, HIV, rosolia ecc.) e batteri (tubercolosi,
✱ LE MALATTIE DEGENERATIVE colera, botulismo, tetano ecc.) ma anche da protozoi
(malaria) e funghi (micosi). Essi cercano di penetrare
Nella nostra società le malattie degenerative
nel nostro corpo per utilizzare le nostre riserve di
rappresentano la principale causa di morte.
energia e potersi riprodurre.
Le principali sono:
Per la difesa dalle malattie infettive, oltre alle difese
● le malattie cardiovascolari, che sono le più naturali, abbiamo a disposizione numerose armi. Fra
frequenti; interessano il sistema circolatorio e queste particolare importanza hanno gli antibiotici,
hanno effetti diretti sui vasi e sul cuore. Fanno che permettono di curare molte malattie di origine
parte di questo gruppo l’infarto, l’ipertensione, batterica. Le malattie infettive si possono trasmettere
l’arteriosclerosi ecc; stando a contatto con persone che ne sono colpite.
● i tumori, dovuti alla degenerazione delle nostre Quando ciò avviene si parla di contagio.
stesse cellule. Le cellule tumorali si riproducono
le cellule tumorali le cellule tumorali
in maniera incontrollata e perdono la capacità di invadono i tessuti vicini entrano nei vasi sanguigni
svolgere le loro normali funzioni; pertanto i tessuti
che ne sono colpiti risultano gravemente danneggiati.
Le cellule tumorali possono penetrare nei vasi
sanguigni e andarsi a sviluppare in parti del
corpo lontane da quella di origine, formando delle
metastasi. Quando si raggiunge questo stadio, la
guarigione è più difficile. Se un tumore viene invece
scoperto in fase precoce può venire asportato e si ha
la completa guarigione;
● il diabete, una malattia del pancreas dovuta
all’incapacità di produrre una sufficiente quantità di
insulina.

Esercizio
Completa il testo seguente sottolineando i termini corretti da scegliere fra quelli indicati in
parentesi.

Nei Paesi industrializzati le malattie (degenerative / infettive) rappresentano la principale causa di morte.
(Le malattie cardiovascolari / I tumori) sono le malattie (degenerative / infettive) più diffuse. Le cellule
tumorali si riproducono (più / meno) delle altre e (restano localizzate / possono raggiungere altri tessuti).
Le metastasi si formano (nello stesso organo / in un organo diverso da quello) in cui si è originato il
tumore.
Gli antibiotici si utilizzano per combattere i (virus / batteri / virus e i batteri). Le malattie (infettive /
degenerative) possono passare da una persona all’altra.

CIRCOLAZIONE E DIFESA DALLE MALATTIE 133


Unità 2
LA DIFESA
DALLE MALATTIE 2 IL SISTEMA
IMMUNITARIO

✱ LE DIFESE DELL’ORGANISMO ✱ I COMPONENTI DEL SISTEMA


Il nostro corpo è esposto a continui attacchi da parte IMMUNITARIO
di agenti esterni. Esso dispone però di numerose Il sistema immunitario è formato da cellule di
forme di difesa. Le prime sono di natura meccanica vario tipo, facenti parte dei globuli bianchi, e da
e sono rappresentate dalla pelle e dalle mucose; sostanze di natura proteica.
esse formano una barriera che ostacola l’ingresso Le cellule possono essere distinte in fagociti e
di questi agenti nel nostro corpo. Altre difese sono linfociti.
di natura chimica: sulla pelle, nella saliva, nel muco
ci sono sostanze in grado di eliminare questi agenti. ● I fagociti sono cellule che distruggono i
Anche l’acido cloridrico presente nello stomaco microrganismi inglobandoli al loro interno .
contribuisce all’eliminazione dei microrganismi. ● I linfociti possono essere di due tipi: linfociti B e
Nonostante ciò, alcuni di essi superano queste linfociti T.
difese e allora intervengono altri sistemi più specifici - I linfociti B si trasformano in plasmacellule,
che nel loro insieme costituiscono il sistema che producono gli anticorpi, e in cellule della
immunitario. memoria, che conservano per lungo tempo le
informazioni sugli antigeni con cui sono venute
a contatto.
✱ LA FUNZIONE DEL SISTEMA IMMUNITARIO
- I linfociti T riconoscono e attaccano
La funzione del sistema immunitario è di attaccare direttamente le cellule estranee.
e distruggere gli agenti riconosciuti come estranei.
Per poterci difendere, il sistema immunitario deve Le sostanze di natura proteica del sistema
essere in grado di distinguere ciò che appartiene al immunitario che attaccano gli agenti infettanti sono di
nostro corpo da ciò che non vi appartiene. tre tipi: gli anticorpi, il sistema del complemento e
Le sostanze che possono essere riconosciute dal gli interferoni.
sistema immunitario sono chiamate antigeni.

distruzione del batterio digestione


fagocita inglobamento del batterio per azione degli enzimi del batterio

Esercizio
Completa il testo seguente inserendo i termini indicati.

anticorpi • antigeni • fagociti • i linfociti • linfociti B • linfociti T

Le sostanze che il sistema immunitario riesce a riconoscere sono chiamate ...................................... . Le cellule in
grado di inglobare gli agenti estranei e di digerirli sono chiamate ......................................
Le altre cellule del sistema immunitario sono ...................................... . Essi si suddividono in ......................................, che
generano cellule in grado di produrre ......................................, e in ......................................, che sono in grado di attaccare
direttamente le cellule riconosciute come estranee.

134 CIRCOLAZIONE E DIFESA DALLE MALATTIE


Unità 2
LA DIFESA
DALLE MALATTIE 3 LA RISPOSTA
IMMUNITARIA

✱ TIPI DI RISPOSTA IMMUNITARIA sostanze citotossiche


che uccidono la cellula infettata
Di fronte a ogni infezione si possono avere due
tipi di risposta: una risposta immunitaria non
specifica e una risposta immunitaria specifica.
La prima è sempre uguale, anche di fronte cellula infettata
ad agenti diversi. La seconda è invece più proteina
dell’agente
mirata e si basa sul riconoscimento dell’agente infettante
infettante.
● La risposta immunitaria non specifica avviene linfocita
T killer
grazie a cellule (fagociti) o mediante sostanze
(sistema del complemento o interferoni). recettore dell’antigene

● La risposta immunitaria specifica avviene con


cellula
cellule (linfociti T) o mediante sostanze (gli antigene estranea
anticorpi)
I linfociti T riconoscono gli antigeni sulle membrane
degli agenti infettanti o delle cellule infettate,
attaccano queste cellule e le eliminano .
Gli anticorpi si attaccano agli antigeni presenti
sulle cellule estranee e le agglutinano. Per
agglutinazione si intende la capacità degli anticorpi
di legarsi a più cellule contemporaneamente,
unendole l’una con l’altra. In tal modo esse
precipitano e vengono eliminate . Sempre gli
anticorpi facilitano il riconoscimento degli agenti
estranei da parte dei fagociti. luogo in cui
si lega l’antigene
La risposta immunitaria specifica può essere di tipo con l’anticorpo anticorpo
primario o secondario.

Tipo di risposta È indirizzata contro... Velocità della risposta


agenti con i quali il sistema La risposta è più lenta perché il sistema immunitario
primaria immunitario si trova a contatto non conosce l’agente infettante e deve predisporre il sistema
per la prima volta. di difesa.
agenti che il sistema immunitario La risposta è più veloce perché il sistema immunitario
secondaria conosce perché è già venuto ha già nella sua memoria le informazioni necessarie
a contatto con essi. per scatenare l’attacco.

Esercizio
Completa il testo seguente sottolineando i termini corretti da scegliere fra quelli indicati in
parentesi.

La risposta immunitaria (specifica / non specifica) si manifesta in modo differente a seconda dell’agente
infettante.
La risposta immunitaria (primaria / secondaria) è più rapida.
La risposta immunitaria (primaria / secondaria) è indirizzata verso agenti sconosciuti al sistema immunitario.
Gli anticorpi intervengono nella risposta immunitaria di tipo (specifico / non specifico).

CIRCOLAZIONE E DIFESA DALLE MALATTIE 135


Unità 2
LA DIFESA
DALLE MALATTIE 4 PREVENZIONE E CURA
DELLE MALATTIE INFETTIVE

✱ LA DIFFUSIONE DELLE MALATTIE ✱ LE VACCINAZIONI


INFETTIVE La vaccinazione consiste nel far venire a contatto
Le malattie infettive hanno rappresentato un il nostro sistema immunitario con gli agenti
grave flagello per l’umanità. Basti pensare causa di malattie, ma resi inattivi, o con sostanze
alle epidemie di peste dei secoli passati o alla da essi prodotte.
tubercolosi, che hanno causato la morte di Con la vaccinazione il nostro sistema immunitario
milioni di persone. impara a riconoscere i loro antigeni specifici e a
Oggi le malattie infettive di origine batterica si curano memorizzare a lungo termine le loro caratteristiche.
con gli antibiotici, delle sostanze che sono dannose Così, se ci sarà un nuovo contatto con l’agente
per i batteri ma non per noi. infettante, avremo una risposta immediata e non ci
Rimangono invece problemi per la cura delle malattie ammaleremo. La vaccinazione (vaccinoprofilassi)
causate dai virus. Ciò dipende dal fatto che i virus è un metodo molto efficace di prevenzione, che va
utilizzano per la loro riproduzione le nostre stesse effettuata su persone sane. Essa, per assicurare
cellule e quindi è difficile colpirli senza arrecare danni un’adeguata protezione, impiega del tempo.
a noi stessi. vaccinazione
I principali rimedi per la prevenzione e la cura delle 1. si iniettano 2. il sistema 3. si viene a 4. gli anticorpi
microrganismi immunitario contatto con un distruggono il
malattie di origine virale sono quelli che agiscono inattivi produce microrganismo microrganismo
direttamente sul sistema immunitario. Questi rimedi anticorpi patogeno
sono efficaci anche contro i batteri. Essi agiscono
stimolando la risposta immunitaria in modo passivo,
mediante le sieroterapia, o in modo attivo, mediante
la vaccinazioni.

✱ LA SIEROTERAPIA
Nei casi in cui è necessario intervenire velocemente, sieroterapia
si ricorre alla sieroterapia. La sieroterapia 1. si viene a 2. si inietta un siero 3. gli anticorpi
contatto con un con anticorpi distruggono il
consiste nell’iniettare nel nostro corpo un siero microrganismo contro tale microrganismo
contenente anticorpi già formati in persone che patogeno microrganismo
si suppone siano stati colpiti da una infezione.
Tale siero, di solito, è ottenuto dal sangue di persone
o animali che hanno sviluppato anticorpi specifici per
la malattia che si vuole combattere. La sieroterapia,
a differenza della vaccinazione, non lascia immunità
a lungo termine.

Esercizio
Indica se le seguenti affermazioni sono vere (V) o false (F).
a. La vaccinazione agisce in modo simile agli antibiotici. V F
b. I vaccini si somministrano solo dopo aver preso una malattia. V F
c. La sieroterapia stimola il sistema immunitario a produrre anticorpi. V F
d. La sieroterapia utilizza anticorpi già pronti. V F
e. Sottoponendoci alla vaccinazione il sistema immunitario impara a riconoscere gli antigeni
e a memorizzare le loro caratteristiche. V F

136 CIRCOLAZIONE E DIFESA DALLE MALATTIE


FENOMENI
ONDULATORI

2 A
CAP 6 CAP 5
Unità 1 IL SUONO 173 PAGINA 143
1. Che cos’è il suono 174 PAGINA 144
2. Le onde sonore 176 PAGINA 146
3. Caratteristiche del suono 178 PAGINA 148
4. Fenomeni sonori 182 PAGINA 152

Unità 2 LA LUCE 189 PAGINA 159


1. La luce e la sua propagazione 190 PAGINA
160
2. Riflessione e diffusione della luce 192 PAGINA 162
3. Gli specchi 194 PAGINA 164
4. Rifrazione e dispersione della luce 196 PAGINA 166
5. Le lenti 198 PAGINA 168
6. I colori e le radiazioni elettromagnetiche 200 PAGINA 170

137

Potrebbero piacerti anche