Sei sulla pagina 1di 2

COSA E':

L'arcobaleno è un fenomeno ottico e meteorologico che produce uno spettro (quasi) continuo
di luce nel cielo quando il Sole si riflette sulle gocce rimaste in sospensione dopo un temporale,
o presso una cascata o una fontana.

Visivamente è un arco multicolore, rosso sull'esterno e viola sulla parte interna; la sequenza
completa è rosso, arancione, giallo, verde, azzurro, indaco e violetto.
Esso è la conseguenza della dispersione e dalla rifrazione della luce solare contro le pareti delle
gocce stesse.

Gli arcobaleni possono essere osservati ogni qualvolta ci sono gocce di acqua nell'aria e luce
solare che brilla da dietro l'osservatore ad una bassa altitudine o angolo. L'arcobaleno più
spettacolare si può vedere quando metà del cielo è ancora scuro per le nuvole di pioggia e
l'osservatore si trova in un punto con il cielo pulito sopra. L'effetto dell'arcobaleno è anche
comune vicino alle cascate o alle fontane. A volte si possono vedere frange di arcobaleno ai
bordi delle nuvole illuminate da dietro e come bande verticali nella pioggia distante o nelle
virghe. L'effetto si può anche creare artificialmente disperdendo goccioline di acqua nell'aria
durante un giorno soleggiato.

COME SI FORMA:
L'aspetto di un arcobaleno è provocato dalla dispersione
ottica della luce solare che attraversa le gocce di pioggia.
La luce viene prima rifratta quando entra nella superficie
della goccia, riflessa sul retro della goccia e ancora
rifratta come lascia la goccia.
L'effetto complessivo è che la luce in arrivo viene riflessa
in una larga gamma di angoli, con la luce più intensa riflessa con un angolo di 40°–42°.
L'angolo è indipendente dalla dimensione della goccia, ma dipende dal suo indice di rifrazione.
L'acqua del mare ha un indice più alto di quella della pioggia, quindi il raggio di un arcobaleno
negli spruzzi di acqua di mare è più piccolo di quello di un arcobaleno di pioggia. Questo è
visibile a occhio nudo dal disallineamento di questi due archi.
La quantità di quale luce viene rifratta dipende dalla sua lunghezza d'onda, e quindi dal suo
colore. La luce blu (onde più corte) viene rifratta ad un angolo più grande di quella rossa, ma
siccome l'area nel retro di una gocciolina ha un punto focale al suo interno, lo spettro lo
attraversa, e così la luce rossa appare più alta nel cielo, formando i colori esterni
dell'arcobaleno. Contrariamente alle credenze popolari, la luce dietro alle gocce di pioggia non
va in riflessione interna totale e un poco di luce emerge dal retro. Tuttavia, la luce che viene
fuori dal retro della goccia non crea un arcobaleno tra l'osservatore e il sole perché lo spettro
emesso dal retro non ha un massimo di intensità, come hanno gli altri arcobaleni visibili, e
quindi i colori si mescolano tra loro piuttosto che formare un arcobaleno.
Un arcobaleno non esiste effettivamente in una particolare posizione del cielo. Si trova, invece,
un fenomeno ottico la cui posizione apparente dipende dalla locazione dell'osservatore e dalla
posizione del sole. Tutte le gocce di pioggia rifraggono la luce solare nello stesso modo, ma
solo la luce di alcune di esse raggiunge l'occhio dell'osservatore. Questa luce è quella che
costituisce l'arcobaleno per quel determinato osservatore.

Arcobaleni in mitologia e religione:

L' arcobaleno ha avuto un posto nelle leggende dovuto alla sua bellezza e alla difficoltà nello
spiegare il fenomeno, anche dopo gli studi antichi e prima che Galileo studiasse le proprietà
della luce.

Nella Genesi 9:13, l'arcobaleno è un segno dell'unione tra Dio e l'umanità. Dopo che Noè
sopravvive al diluvio universale nella storia dell'Arca di Noè Dio inviò un arcobaleno per
promettere che non avrebbe mai più inviato un tale diluvio per distruggere la terra.
Nella mitologia greca, si tratta di un sentiero fatto da un messaggero (Iris) tra terra e
paradiso.

Il nascondiglio segreto del folletto (leprechaun) Irlandese col suo pentolone pieno d'oro è
generalmente alla fine di un arcobaleno.

Nella mitologia cinese, l'arcobaleno era una spaccatura nel cielo sigillata dalla dea Nüwa con
pietre di sette colori differenti.

Nella mitologia Hindù, l'arcobaleno è chiamato Indradhanush- l'arco di Indra, il dio del fulmine
e del tuono.

Nella mitologia norrena, un arcobaleno chiamato il ponte bifröst collega Ásgarðr e Miðgarðr,
dimore di dei e umani, rispettivamente.

Potrebbero piacerti anche