Sei sulla pagina 1di 3

Bassi ha eseguito Beethoven's Septet, op. 20 per la “Società del Quartetto di Milano”.

Secondo Pamela Weston,

l'eminente compositore e pianista Hans von Bülow ha descritto Bassi come " valentissimo artista. " 6 Bassi era noto

anche per avere legami con gli editori musicali Ricordi, aiutando a preparare un'edizione del metodo Lefèvre per la

pubblicazione da parte di Ricordi. 7 Bassi era lui stesso un compositore prolifico, scrivendo quasi trenta opere,

utilizzando i maggiori editori musicali di Milano e dintorni. Ricordi, Lucca, Canti, Vismara e Guidici e Strada

pubblicarono tutti almeno un'opera di Bassi. La maggior parte delle opere soliste di Bassi per clarinetto appartengono

al genere operistico fantasy, un tipo comune nell'Italia del XIX secolo.

In un'opera fantasy, il compositore presenta melodie prese in prestito da un'opera, spesso scrivendo

variazioni su quelle melodie progettate per mostrare l'ingenuità del compositore e l'abilità dell'esecutore. Spesso il

compositore includerà cadenze e altro materiale appena composto in combinazione con il materiale dell'opera per

creare un paesaggio emotivo vario per il suo pezzo.

Nonostante il virtuosismo del genere, il genere fantasy operistico è stato disprezzato da alcuni

musicologi. In effetti, le fantasie operistiche sono state ignorate, ignorate e persino condannate dalla comunità

accademica. 8 Sono spesso trascurati come lanugine, o mera esibizione virtuosistica, e caratterizzati come aventi

poco o nessun valore musicale. Anche eminenti clarinettisti hanno espresso disprezzo per il genere. Oskar Kroll

nel suo famoso libro Il clarinetto, li descrive come "pezzi ordinari senza alcun merito,

6 Come citato in Pamela Weston, Altri clarinetto virtuosi del passato ( Londra: Halston and Co., 1977), 42.
7 Weston, 42 anni.

8 Charles Russell Suttoni, "Piano and Opera: uno studio delle fantasie pianistiche scritte su temi operistici in epoca romantica". (PhD.

Diss., University of New York, 1973), 2.

3
progettato per offrire più che ampie opportunità ai musicisti di mostrare la loro abilità nell'esecuzione delle

scale e degli accordi più noiosi e monotoni. " 9

Nonostante la loro apparente mancanza di valore musicale, il fantasy operistico serviva a diversi scopi

importanti, come aumentare la conoscenza generale della musica da parte del pubblico e la sua familiarità e

apprezzamento per l'opera. Inoltre, la fantasia è servita a spingere gli artisti a nuovi estremi tecnici, espandendo le loro

capacità e incoraggiando il miglioramento delle attrezzature esistenti.

In effetti, molti artisti hanno cercato di facilitare la sfida dell'esecuzione virtuosa, che ha portato molti

cambiamenti fisici al clarinetto durante il 1800. All'inizio del secolo il clarinetto aveva solo cinque chiavi. Entro

la fine del secolo, la maggior parte aveva ventisei tasti ed erano completamente cromatici. A causa di queste

modifiche al clarinetto, gli artisti sono stati in grado di suonare musica più difficile.

In genere, l'opera fantasy è stata scritta ed eseguita dalla stessa persona e ha fornito al virtuoso un

mezzo per mostrare talenti in una forma facilmente comprensibile e apprezzata dal pubblico contemporaneo. Ha

inoltre offerto nuovi mezzi di espressione per il compositore e aumentato la competenza tecnica dei musicisti

orchestrali. Come ha scritto Henry Raynor,

Il virtuoso ha introdotto un nuovo elemento nella performance strumentale. Ha conquistato


un nuovo pubblico grazie alla sua maestria nello spettacolo, trasferendo alla sala da concerto dal
teatro dell'opera l'elemento del pericolo e dell'eccitazione fisica. In questo modo non solo ha
affascinato il nuovo pubblico, ma ha ampliato il vocabolario orchestrale e ampliato la gamma di colori
del compositore. Hanno aperto la strada non solo a imprese individuali sempre più sorprendenti, ma
anche all'orchestra virtuosa. . . In un'epoca di musica pubblica, erano i loro agenti pubblicitari più
efficaci e quelli della musica. 10

9 Oskar Kroll, Il clarinetto. Trans. Hilda Morris (New York: Taplinger Publishing, 1968), 71.
10 Henry Raynor, Musica e società dal 1815 ( Londra: Barrie & Jenkins, 1976), 66.

4
Un altro fattore positivo raramente considerato nella definizione del ruolo di questo genere è stato il suo utilizzo

come materiale didattico per studenti o come musica ricreativa per dilettanti. Mentre alcune fantasie sono troppo difficili per

studenti o dilettanti, altre sono state composte appositamente per loro e sono state progettate per migliorare la loro tecnica. 11 Lo

stesso Bassi

ha dedicato una delle sue fantasie più semplici, il Divertimento di stile facile, al suo allievo Davide Nerozzi.

Il genere fantasy dell'opera si è sviluppato dalle improvvisazioni di artisti e compositori su melodie di opere

popolari. Negli anni venti dell'Ottocento, i temi dell'opera erano diventati poco più che la base per un'esibizione

virtuosistica. Nei decenni successivi, l'opera è stata trattata più nel suo insieme, come qualcosa da ricreare nella

fantasia. 12 In questi casi, l'effetto drammatico ha soppiantato l'esibizione virtuosistica. Il genere fantasy operistico è stato

sviluppato prima al pianoforte e poi ripreso da altri strumenti. Nonostante il coinvolgimento piuttosto tardo di Bassi con il

genere fantasy operistico, le sue opere sembrano adattarsi allo stile del fantasy operistico degli anni Venti

dell'Ottocento. Per il clarinetto, le fantasie operistiche più durature furono scritte dagli italiani, con Bassi tra i preferiti.

Compositori d'opera italiani come Bellini, Donizetti, Rossini e Verdi fornirono più frequentemente il materiale musicale

per le fantasie del clarinetto del diciannovesimo secolo. Le fantasie operistiche più note per clarinetto oggi sono quelle di

Bassi Rigoletto fantasia, di Lovreglio Traviata fantasia, e di Cavallini La Sonnambula fantasia. Scrivendo brani per

clarinetto basati sull'opera, Bassi seguiva le orme del suo insegnante al Conservatorio di Milano, Benedetto Carulli, che

scriveva opere basate su Rossini Semiramide, Petrella's Marco Visconte, e quello di Verdi

11 Suttoni, 43.
12 Ibid., 3-4.