Sei sulla pagina 1di 4

Standard EMVA

Il modello della telecamera

Numero di fotoni

Si definisce il numero medio di fotoni che colpiscono la superficie del singolo pixel come:

A E Te A E Te
μp = = λ
hv hc
A = superficie del singolo pixel
E = irradianza 
Te = tempo di esposizione del pixel alla luce
h = costante di Plank
v = velocitaˋ
c = velocitaˋ della luce nel vuoto
λ = lunghezza d’onda del segnale luminoso

Quantum efficiency

Definito μe come il numero medio di elettroni che si formano nel tempo di esposizione, possiamo dare
la definizione di quantum efficiency.

μe
η(λ) =
μp

Esprime quanti elettroni si formano dato un certo numero di fotoni in funzione della lunghezza d’onda.
Digital Grey value

Segnale digitale in livelli di grigio.

μy = K ⋅ (μe + μd )
μe = numero medio di elettroni nel tempo di esposizione
μd = numero medio di rumore di elettroni

μy = μy dark + K ⋅ μe
μy dark = il valore di livelli di grigio in uscita con irradizanza
pari a zero
σe2 = μe
σy2 = K 2 ⋅ σd2 + σq2 + K 2 ⋅ σe2
σy2 dark = K 2 ⋅ σd2 + σq2

K ⋅ (μy − μy dark ) = σy2 − σy2 dark

System Gain
Nel modello si fa l’ipotesi che la trasformazione della carica in tensione, la sua amplificazione e la sua
digitalizzazione siano esprimibili da un fattore K, ovvero seguendo un modello lineare.

σy2 − σy2 dark


K=
μy − μy dark

Noise

σp2 = fluttuazione in Te del
numero di fotoni che seguono una certa distribuzione
σe2 = fluttuazione in Te del numero di elettroni,
che dipende solo dalla fisica, seguono la distribuzione di probabilitaˋ di Poisson:
σe2 = μe

σd2 = dark signal noise,
rumore che dipende dll’ elettronica detta telecamera
σq2 = quantization noise

σy2 = K 2 σd2 + σq2 + K 2 σe2


σy2 dark = K 2 σd2 + σq2

σy2 dark = ˋe la variabilitaˋ del segnale in uscita che abbiamo se non


illuminiamo il sensore
Temporal dark noise

Modello di rumore per Te = 0

2
σy0 = K 2 σd0
2
+ σq2 K ⋅ (μy − μy dark )

Non ho fotoni quindi:

μy = μy dark

Non avendo elettroni che si formano, ho un errore di quantizzazione che posso trascurare

σq2 = 0

σy2 dark = K 2 σd0


2

è la varianza del rumore che io osservo in uscita per tempo di esposizione 0 a meno del fattore di
esposizione K^2
σy0
σd0 =
K

SNR - Signal to noise ratio

Rappresenta il rapporto segnale disturbo.

μy − μy dark
SN R =
σy

μy − μy dark = K ⋅ η ⋅ μp

σy2 = K 2 σd2 + σq2 K ⋅ (μy − μy dark )



2
σ
η ⋅ μp ημp ≫ σd2 + Kq2

η ⋅ μp σq2
SN R = ≈
⎪ σ2 + σq2

η⋅μp 2
σ2 ημp ≪ σd + K 2
σd2 + Kq2 + η μp d 2K
Absolute Sensitivity threshold

La absolute sensitive threshold è il valore minimo di fotoni sotto il quale il segnale generato è minore
del disturbo e quindi non è utilizzabile.
σd0
μp min. =
η
Dynamic Range

Il range dinamico rappresenta il rapporto tra il massimo e il minimo valore di elettroni che il sensore può
convertire.
μe sat.
DY R =
σd0
σd0 Temporal dark noise

Il temporal dark noise rapresenta il numero di elettroni forniti dal sensore in assenza di luce e con
un tempo di esposizione pari a 0 s

μe sat

Il massimo numero di elettroni che il sensore può fornire

E’ un parametro che consente di comprendere la dinamica di un sensore, ovvero quanto un sensore


sia in grado di risolvere dettagli chiari e scuri in una stessa immagine.