Sei sulla pagina 1di 18

2012

Guida al posizionamento delle


tacchettte

De Servi Giuseppe
Studio Biomec online
03/01/2012
Pag.2

Sommario
In cosa consiste ......................................................................................... 3
Gli strumenti ............................................................................................... 4
La procedura............................................................................................................ 7
Molto importante: tener conto delle caratteristiche fisiche personali .............. 16
La scelta delle tacchette ....................................................................................... 18

web: www.studiobiomeconline.it
e-mail: giuseppe@studiobiomeconline.it
Pag.3

In cosa consiste

Siamo vincolati alla bicicletta in 3 punti : pedali, sella, manubrio.

E' su questi 3 punti che possiamo intervenire per trovare i movimenti e le posizioni più
efficienti per trasmettere al meglio la potenza dal nostro corpo ai pedali.

Tra questi 3 punti il vero vincolo che abbiamo sempre a contatto con la bici è il pedale.

La regolazione delle tacchette quindi diventa un elemento fondamentale non solo in ottica
prestazionale , cioè per trasmettere la potenza ai pedali nel modo più efficiente possibile,
ma anche e soprattutto per prevenire infortuni ed evitare traumi a livello muscolare e di
articolazioni.

Premesso che ogni persona ha una particolare conformazione fisica, di cui peraltro
terremo conto anche in questa guida, vi presento una metodologia semplice ma efficace e
testata per regolare nel modo più corretto le tacchette delle scarpe.

web: www.studiobiomeconline.it
e-mail: giuseppe@studiobiomeconline.it
Pag.4

Gli strumenti

Per seguire la procedura avrai bisogno di alcuni strumenti di uso comune e comunque
facilmente reperibili:
1 - Nastro adesivo

2 – Nastro di carta

web: www.studiobiomeconline.it
e-mail: giuseppe@studiobiomeconline.it
Pag.5

3 – Due sferette di piccole dimensioni tipo quelle che si trovano all'interno delle bombolette
spray, oppure due oggetti di piccole dimensioni che si possano sentire al tatto.

web: www.studiobiomeconline.it
e-mail: giuseppe@studiobiomeconline.it
Pag.6

4 – Una squadra da carpentiere oppure la classica squadra da disegno.

5 – Un metro avvolgibile rigido (3/5 metri)

6 – Chiavi a brugola per fissare le viti

web: www.studiobiomeconline.it
e-mail: giuseppe@studiobiomeconline.it
Pag.7

La procedura

Per prima cosa dobbiamo individuare le ossa metatarsali dell'alluce e del quarto dito del
piede.
N.B. Questa rilevazione va fatta in modo distinto per entrambi i piedi, dal momento che il
corpo umano non è perfettamente simmetrico.

Il metodo più semplice ed efficace per individuare questi punti è il seguente:

1. Appoggia il piede scalzo sul pavimento

web: www.studiobiomeconline.it
e-mail: giuseppe@studiobiomeconline.it
Pag.8

2. Solleva con la mano, l'alluce verso l'alto , in questo modo sarà facile individuare in
modo preciso il punto in cui si trova l'articolazione:

3. Ora con il metro, misura circa 7/8 mm dal punto identificato precedentemente:

4. In questo punto devi fissare al piede una delle due sferette, attaccandola con il
nastro adesivo come indicato nella figura sotto:

web: www.studiobiomeconline.it
e-mail: giuseppe@studiobiomeconline.it
Pag.9

Una volta individuato l'osso metatarsale dell'alluce, dobbiamo trovare quello del
quarto dito.
Tastando la parte esterna del piede, individuiamo poco dietro la base del quarto
dito, il punto più sporgente del piede, che corrisponde all'osso metatarsale.

5. Come fatto in precedenza, anche in questa posizione andiamo a fissare la sferetta


utilizzando il nastro adesivo.

web: www.studiobiomeconline.it
e-mail: giuseppe@studiobiomeconline.it
Pag.10

6. Prendi ora una delle scarpe da ciclismo che utilizzi normalmente, togli le tacchette e
attacca due pezzi di nastro di carta esternamente come da figura:

7. Indossa la scarpa e a questo punto devi avere la sensibilità, tastando con le dita
della mano, di individuare sulla scarpa, i punti corrispondenti ai “testimoni” ovvero
alle sferette applicate al piede.
Con un pennarello segna sul nastro di carta il punto che identifica la presenza della
sfera.

Ora puoi togliere la scarpa e cominciare a lavorare sulla suola

web: www.studiobiomeconline.it
e-mail: giuseppe@studiobiomeconline.it
Pag.11

8. Prendi la squadra da carpentiere e appoggia il lato corto alla suola della scarpa,
mentre con il lato lungo vai a cercare il punto che evidenza la presenza dei
“testimoni”.

9. Con il pennarello traccia una linea che dal punto segnato vada fino alla suola della
scarpa.

La stessa cosa va fatta sia sul lato esterno che sul lato interno:

web: www.studiobiomeconline.it
e-mail: giuseppe@studiobiomeconline.it
Pag.12

10. Attacca ora una striscia di nastro adesivo di carta che colleghi tra loro i due punti
identificati in precedenza (le linee riportate fino alla suola)

11. Con il pennarello e la squadra traccia una linea ad unire questi due punti

12. Attacca ora una striscia di nastro carta sulla suola dalla punta al tacco

web: www.studiobiomeconline.it
e-mail: giuseppe@studiobiomeconline.it
Pag.13

13. Segna con il pennarello il punto più sporgente della punta della suola.

14. Posiziona la scarpa in verticale con la punta rivolta verso l'alto e appoggia la parte
interna della suola ad una parete.

15. Con la squadra appoggiata a terra sotto il tacco, traccia col pennarello una riga che
parte dal segno fatto sulla punta della scarpa fino a incrociare la linea orizzontale a
livello del metataro.
Questa linea rappresenta l'asse della scarpa.

web: www.studiobiomeconline.it
e-mail: giuseppe@studiobiomeconline.it
Pag.14

16. Ora attacca un altra striscia di nastro carta, posizionandola in modo più possibile
perpendicolare all'asse appena tracciato, e utilizzando la squadra traccia sopra a
questa striscia, la linea effettivamente perpendicolare all'asse.

90°

Ora prendi le tacchette e procediamo al montaggio e posizionamento.

La tacchetta deve essere posizionata in modo che:

 L'asse della tacchetta deve corrispondere all'asse della scarpa

 L'asse del pedale deve corrispondere ai due riferimenti individuati sui lati della
scarpa.

web: www.studiobiomeconline.it
e-mail: giuseppe@studiobiomeconline.it
Pag.15

Per asse del pedale si individua nelle tacchette di tipo “Look” da una tacca
stampigliata nella plastica , come da figura sotto:

Questo sarà il risultato finale dell'operazione:

Alla fine basterà togliere il nastro adesivo , ritagliando c on un taglierino lungo il bordo
della tacchetta per eliminarne il più possibile.

Esegui la stessa cosa con l'altra scarpa.

web: www.studiobiomeconline.it
e-mail: giuseppe@studiobiomeconline.it
Pag.16

Molto importante: tener conto delle caratteristiche fisiche personali

Il posizionamento delle tacchette , come tutte le regolazioni della bicicletta, si basano su


alcune specifiche regole che tuttavia devono sempre essere confrontate con le
caratteristiche fisiche di ogni ciclista.

La procedura che abbiamo appena visto per il posizionamento delle tacchette è senza
dubbio valida per chi ha un modo di camminare ideale per cui i piedi “viaggiano” in modo
quasi parallelo (in realtà non lo sono quasi mai perfettamente).

Non tutti però camminano “correttamente”, alcune persone per esempio camminano con le
punte rivolte decisamente all'esterno

web: www.studiobiomeconline.it
e-mail: giuseppe@studiobiomeconline.it
Pag.17

altri invece con le punte all'interno:

Sarebbe quindi corretto riportare il più fedelmente possibile il nostro naturale modo di
camminare anche nel gesto della pedalata.

Quindi partendo dalla posizione teorica trovata precedentemente, valuta sempre le tue
sensazioni e in base al tuo modo naturale di camminare/pedalare, puoi intervenire con
spostamenti millimetrici per assecondare la tua predisposizione.
Qui sotto vedi degli esempi di pedalata “ideale”, con punte all'interno, e con punte verso
l'esterno

Ideale Punte all'interno Punte all'esterno

web: www.studiobiomeconline.it
e-mail: giuseppe@studiobiomeconline.it
Pag.18

La scelta delle tacchette


Per assecondare le nostre caratteristiche e consentire all'articolazione del ginocchio una
certa libertà di movimento, le tacchette in commercio fortunatamente permettono un
oscillazione più o meno importante.

Le tacchette come per esempio le Look, sono identificate con colori differenti a seconda
del grado di oscillazione che permettono.
Tacchetta NERA: Gioco angolare di ZERO GRADI
Tacchetta GRIGIA: Gioco angolare di 4,5 GRADI
Tacchetta ROSSA: Gioco angolare di 9 GRADI

Alla luce di queste informazioni io SCONSIGLIO VIVAMENTE, per precedenti esperienze


negative di utilizzare le tacchette NERE, che obbligano troppo ad avere un perfetto
allineamento ginocchio / pedale anche avendo l’allineamento “perfetto” dei piedi.
Anche per chi non ha problemi di “punte aperte” o “punte chiuse”, per esperienza
PERSONALMENTA CONSIGLIO di utilizzare le tacchette GRIGIE, che permettono un
minimo di gioco angolare (4.5°).
Per chi invece ha problemi evidenti di “punte aperte” o “punte chiuse”, consiglio di
utilizzare un tipo di tacchette con una certa e sensibile oscillazione angolare, quali le
tacchette ROSSE (9°).
Fermo restando tutto il procedimento di allineamento della tacchetta all’asse del pedale e
la centratura rispetto all’asse longitudinale della scarpa (metodo descritto in precedenza).
Nella mia descrizione e nelle foto faccio riferimento alle tacchetto tipo LOOK, le più diffuse,
ma nei cataloghi e nei siti dei costruttori di pedali è possibile ritrovare la capacità di gioco
angolare del componente scelto .
Ricordiamoci che ogni pedale ha la sua tacchetta specifica e che in commercio esistono
anche le compatibili.

web: www.studiobiomeconline.it
e-mail: giuseppe@studiobiomeconline.it