Sei sulla pagina 1di 72

P.

Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

P. Beutler SJ
Le lettere di Giovanni

Lit.: J. BEUTLER, Die Johannesbriefe, Prustet 2000.


Global Bible Commentary (Abingdon Daniel Patte) $ 39)

Indice

La Prima lettera di Giovanni.............................................................................................4

Introduzione.......................................................................................................................4
1 Carattere letterario e integralità..................................................................................4
1.1 Corrisponde al genere letterario della lettera?...............................................................................4
1.2 Integrità:.........................................................................................................................................4
2 Struttura di Giovanni..................................................................................................5
3 Rapporto 1Gv verso il vangelo di Gv.........................................................................6
Gli avversari del 1Gv.....................................................................................................7
Destinatari e teologia.....................................................................................................8
Autore, luogo, datazione..............................................................................................10

Prologo 1,1-4...................................................................................................................10
Altro elemento comune tra altri testi del NT.....................................................................................11
Esegesi................................................................................................................................................11

Prima parte: prima serie di criteri per la comunione con Dio e la vita............................14
Introduzione.................................................................................................................14
Contesto della sezione........................................................................................................................14
Struttura..............................................................................................................................................14
Genere letterario.................................................................................................................................15
A. Rottura con il peccato, camminare nella luce 1,5-2,2............................................15
B. Osservanza dei comandamenti: l'amore fraterno 2,3-11.........................................17
Struttura:.............................................................................................................................................17
C. Rottura con il mondo, la retta fede 2,12-17............................................................19
Contesto, struttura e genere letterario................................................................................................19
Interpretazione delle parti..................................................................................................................19
Messaggio..........................................................................................................................................21
Rompere con il peccato (1Gv 2,18-27).......................................................................21
Contesto..............................................................................................................................................21
Struttura..............................................................................................................................................21
Interpretazione....................................................................................................................................22
Attualità - messaggio..........................................................................................................................23
Rompere con il peccato, fare giustizia (1Gv 2,28-3,10)..............................................24
1. contesto e struttura.........................................................................................................................24
2. Interpretazione................................................................................................................................24

1
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

Messaggio..........................................................................................................................................26
14. Osservanza dei comandamenti: l'amore fraterno (1Gv 3,11-24............................26
1. struttura..........................................................................................................................................26
2. Interpretazione................................................................................................................................26
3. Messaggio......................................................................................................................................28
15. Excursus: L'interpretazione di 1Gv 3,19s..............................................................28
1.Soluzione tradizionale Cattolica, Ortodossa e Riformata:..............................................................28
2. La soluzione luterana ed ecumenica..............................................................................................28
3. Altri soluzioni: Richardson, Court, Scarano..................................................................................29
16.Rottura con il mondo: la retta fede: 1Gv 4,1-6.......................................................29
1. contesto e struttura.........................................................................................................................29
2. Interpretazione................................................................................................................................30
3. Messaggio......................................................................................................................................32
17/18. L'osservanza dei comandamenti: l'amore fraterno (1Gv 4,7-21).....................32
1. Contesto e struttura........................................................................................................................32
2. Interpretazione................................................................................................................................32
3. Messaggio......................................................................................................................................35
19 In fede e amore e la vittoria sul mondo e la vita (1Gv 5,1-13)...............................36
19.1 Contesto e struttura....................................................................................................................36
19.2. Interpretazione I........................................................................................................................36
19.3. Interpretazione II.......................................................................................................................37
19.4. Messaggio I...............................................................................................................................38
20. Conclusione: esortazioni e rilievi conclusivi (1Gv 5,14-21).................................38
20.1 Forma, struttura ed autenticità....................................................................................................38
20.2. Interpretazione...........................................................................................................................39
20.3. Messaggio.................................................................................................................................41

La seconda lettera di Giovanni........................................................................................42


1. Introduzione.............................................................................................................42
1.1. Genere letterario e forma............................................................................................................42
1.2. Occasione e scopo della lettera...................................................................................................43
2. Interpretazione.........................................................................................................44
2.1. Parte Pincipale I – amore (vv4-6)...............................................................................................44
22 La seconda Lettera di Giovanni. Introduzione (II).................................................44
a Ricezione nella Chiesa....................................................................................................................44
b. La storia nella comunità giovannea (sec. R. BROWN, 1979)..........................................................45
23. 2Gv: la Formula di Apertura (vv 1-3)..........................................................................................46
Excursus: l'Anziano............................................................................................................................47
24. 2Gv Parte Principale I –amore (vv4-6)........................................................................................48
25. 2Gv. Parte Principale II – fede (vv 7-11). Conclusione (vv12s)...........................50
Struttura..............................................................................................................................................50
Interpretazione....................................................................................................................................51
Il messaggio.......................................................................................................................................52

La Terza Lettera di Giovanni..........................................................................................53


26. Prima introduzione alla Terza Lettera di Giovanni...............................................53
Genere letterario e forma...................................................................................................................53
27. Seconda introduzione alla Terza Lettera di Giovanni...........................................54
Occasione e scopo..............................................................................................................................54
La ricezione nella Chiesa...................................................................................................................55
28. 3Gv. Interpretazione – Parte I...............................................................................55
2
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

a) Il saluto vv1-2................................................................................................................................55
b) Il ringraziamento vv3-4.................................................................................................................56
c) L'appello positivo vv5-8.................................................................................................................57
29. 3Gv. Interpretazione – Parte II..............................................................................58
a) L'appello negativo vv9-11..............................................................................................................58
b) Raccomandazione v12...................................................................................................................59
c) conclusione vv13-15......................................................................................................................59

Exkursus: Der Dritte Johannesbrief – Eine Syntese........................................................61


1. Literarische Eigenart.........................................Fehler! Textmarke nicht definiert.

ESAME:..........................................................................................................................69

3
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

La Prima lettera di Giovanni

Introduzione
1 Carattere letterario e integralità
Vivarium, C 369
BiK 1998
BEUTLER, Die Johannesbrief [VIII, 122/23]
R. BROWN, Le lettere di Giovanni [XVI 9/15]

Domande sul carattere letterario del testo: Dal titolo "il primo lettera di Giovanni" si
aggiungono le domande: E' una lettera 1Gv? E' di Giovanni? E' la prima lettera?

1.1 Corrisponde al genere letterario della lettera?


(1) Westscott, S.H. Dodd e K. Heidelberg si oppongono a questo. Manca nome,
indirizzo, saluto: oppure la fine: saluto, formula di chiusura. Quindi per mancanza di
questi elementi non la chiamano lettera.
(2) Altri lo dicono forma mista. Cioè conosce forme di una lettera e di un trattato
(Michel, Wengst, ...).
(3) Altri dicono che fosse un commento al vangelo di Gv, come comprenderlo (Köster,
Graston, R.E. Brown). Dicono che non solo riprende i grandi temi, ma anche ma
anche la struttura: introduzione (al prologo), chiusura (epilogo), poi due parti
fondamentali: Gv tema prncipale 1,19-12,50 (tema: fede), 13,1-20,31 (tema: amore).
1Gv 1,5-3,10 (tema: fede), 1Gv 3,11-4,13 (tema: amore).
Poi (4) dicono che fosse (K. Berger, Vonga): una lettera più libera, più dottrinale – più
vicino alle lettere dei profeti nella letteratura ebraico (cf. ciclo Baruc, Geremia), oppure
dei letteri filosofici. Sono trattati ma in forma di lettera. Non hanno sempre tutti gli
elementi di una lettera. E' la posizione più accettata (e anche la posizione di Beutler
SJ).
Un gruppo di cristiano ha ricevuto il battesimo e in questo momento hanno bisogno
dell'instruzione di incoraggiamento, indicazioni (post-konversale Mahnrede).,
incorraggiato di seguire i loro ideali, esortazioni ad amare (amore basato sulla fede).
Si propone anche alcuni elementi di lettera (Berger, Francis): per es. introduzione
doppia del soggetto (1Gv 1,1-2.3: riprende la parola della vita); l'apertura escatologica
(1Gv 5,13 confer Gc 5,7-20), preghiera (1Gv confer Gc 5,13.18; Gd 20); ultimo
pensiero (1Gv 5,21 cf. Gc 5,12).

1.2 Integrità:
E' stato messo in dubbio (Dobschitz, Bultmann, Filauer): distinzione tra le antitesi
dottrinali (cf. 1Gv 1,6-10) e testi più piani, più positivi di tipo parenesi (1Gv 2,1-2). Su

4
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

questa base stilistica fanno il discernimento su diversi strati. Le ragioni per questo si
trovano in Schnackenburg. Ma una tale critica non è sempre consistente.
(2) Differenze stilistiche non possano altrimenti spiegati (finalità differenti bisogna un
stilo differente).
(3) una fonte (antitesi dottrinali) sarebbe molto noioso
La distinzione dei strati con una ultima redazione ecclesiastica (Bultmann) non fu
accettato: differenze non sembrano provare in tale senso (??).
Ci sono passaggi che trattano l'espiazione, redenzione del peccato. Questi testi non si
possano rimuovere dal testo di 1Gv, è troppo logico (cf. 1Gv 1,7; 2,2).

Alcuni vedano in 1Gv 5,14-21 vedono un'aggiunto posteriore, come apendice aggiunto
da un altro mano. Ma si può anche dire che è una sintesi di tutta la lettera.

2 Struttura di Giovanni.
Non c'è un consenso sulla struttura. Divisioni sono passati sui temi fondamentali (fede,
amore). Però non è così stretto, perché questi temi ateranno. Sezioni ... e sezioni
parenetiche.
Proposte più recente distinguono tre parti principali con struttura simile (Th. Haering):
secondo tre predicati di dio: Dio è Luce (1,5-2;7), giusto (2,28-4,6) amore (4,7-5,13).
Ma questi predicati di Dio non sembrano essere tanti importanti per bastare per fare
questa sezione. E sopratutto un insegnamento per gli ascoltatori, non tanto una
predicazione di Dio.
R.E. Brown: Prologo (1,1-4,8), fede (1,10), amore (3,11), epilogo (5,13-21). Problema:
Tema dell'amore sec. Brown (da 3,11) si trova già prima (2,3-11: amore mutuo). La
fede si trova anche in 5,9 (?).
Altre proposte secondo la critica retorica nel antichità: Non rispetta gli elementi
semantici. Se si prende Gv come discorso secondo antichità, manca l'esordium;
1,28.39 si vede propositum (??); 3-4 siano la probatio – ma neanche convingente.
GIURISATO, Struttura e ... 1998. Divide 1Gv sec. gli elementi sec. la retorica classica
(statement units). Sembra un po' sforzato, non si vede tanta resonanza. Gli elementi
semantici trovano poco attenzione, anche la pragmatica del testo (gli avversari).

Insieme con Du Rand Beutler distingue elementi di struttura su livelli formali (parole
chiave che uniscono una sezione, oppure inclusione cf. 5,1-4; concetti che uniscono
due sezioni 2,4; 5,5), frasi ("se diciamo" 1,6.8.10; "ma se" 1,7.9.; paralellismi, rivolgersi
ai lettori). Struttura ternarie (tre elementi). 3 volte "vi scrivo" (2,12-14: figli, padri,
giovanetti); preghiera 5,14-21; l'annuncio del soggetto della vita (introdotto all'inizio
ricorre verso la fine di ogni 2,25; 3,14-15; 5,11 sintetizzando ciò che è stato detto prima
di una sezione). Questo concetto sta in unione con il concetto della comunione,
comunione tra Dio e tra i fedeli (1,7). Poi ci sono elementi di contenuto. Gli attributi
divini sembrano non tanto importanti per dire che fossero base per una struttura,
neanche gli elementi cristologici, ma i concetti antropologici (la vita, la comunione).
Questo forse conesso con la parola della Alleanza (MALATESTA).

5
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

Proposta di struttura:
introduzione 1,1-4: a cui corrisponde la conclusione
parti principali sono tre serie importanti per la comunione con Dio e per la vita. Quindi
la domanda importante per la lettera: Come stare in comunione con Dio e come avere
la vita?
I: 1,5-2,27 (ripetizioni: rompere con il peccato; camminare nella luce 1,5-2,2;
osservanza dei commandamenti, l'amore fraterno 2,3-11; rottura con il mondo- la retta
fede 1,12-27)
II: 2,28-4,6 (rottura con il peccato 2,28-3,10; osservanza dei commandamenti
3,11-24; rottura con il mondo, la retta fede 4,1-6)
III:4,7-5,13: forma ridotta di questo schema, perché manca il primo elemento (b:
osservanaz dei commandamenti l'amore fraterno 4,7-; vittoria sul mondo, la vita 5,1-
13)
conclusione 5,14-21

3 Rapporto 1Gv verso il vangelo di Gv


L'esistenza di un rapporto non viene negato da nessun esegeta (vacabolario, temi
fondamentali, ...). Ma ci sono varie modi di spiegare questa parentela:
1) similitudine, ma nessun contatto diretto letterario (cosÌ GEORG STRECKER (KEK-
Kritisch-Exegetischer-Kommentar zum NT), e il suo allievo SCHNELLE). Due scritti
giovanei con il nome del Giovanni (1Gv presbuteros giovanni: un'anziano; così Papias,
che ne vede un'autorità anziano; così anche Aristione Giovanni (II sec.).
Problema quando cerca di spiegare questo rapporto (attraverso una scuola giovannea)
tra 1Gv e 2Gv; gli altri scritti sono più diveso dallo stile, più sviluppati, perciò più tardivi
delle due lettere del presbitero giovanni.
Sec. BEUTLER problema principale: si vede il Gv in polemica contro un ebreo; questa
controversia non sembra di avere un posto importante nelle lettere. Sono altri temi che
stanno al centro.
Contatto letterario tra 1Gv e Gv. UDO SCHNELLE dice, che all'inizio sta 1 Gv, poi 2-3Gv
e poi segue come ultrimo il vangelo. Ragione principale: vede nella 1Gv in paragone
con Gv una teologia ancor meno sviluppato, sotto l'influsso del giudaismo
(eschatologia, che sembra più vicino ai sinottici/Paulo).
Ma la maggioranza degli autori non lo segue, perché si potrebbe dire, che Gv conosce
queste idea (escatologia archaica, sia giudaica che cristiana) e questo veniva re-
interpretato in 1Gv.

2) Contemporaneo: le differenze tra 1Gv e Gv con l'orientamento diverso / finalità


diversa : Gv più cristologia, e 1Gv orientamento piu pratico (praticare l'amore, credere,
rimanere nell'unità). 1GV più pastorale che accompagna Gv, un applicazione di Gv.
Così WESTCORT, MICHL, SCHNACKENBURG.

6
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

3) La lettera segue il vangelo: (A) nuova situazione pastorale, che ha fatto necessario
un nuovo documento: creato soprattutto dall'esodo di alcuni serparazionisti (fase di
incertezza e desorientamento: che è la base della nostra fede, della nostra fiducia).
Così TODD, BULTMANN, BALTZ. (B) La prima lettera è stata necessaria per chiarire
alcune incertezze, ambiguità in Gv stesso. Così il tardivo SCHNACKENBURG, WENGST,
BROWN, BEUTLER. La cristologia di Gv rimaneva ambigua. Soprattutto nei discorsi del
vangelo, rimane incerto l'umanità del verbo incarnato (non sembra soffrire, ma dice
una preghiera, entra attraverso le porte, è uno con il padre, con la stessa natura con
Dio). Quindi potrebbe sembrare di non essere umano. Poi l'antropologia: noi, cristiani,
non siamo più umani, siamo già in un mondo diverso (spezzare il pane insieme).
1Gv come interpretazione autorevole di Gv, che sottolinea la vera umanità di Gesù (si
è fatto carne) e anche sottolinea la necessità di una lotta morale (aspetto
antropologico).
Spiegare tutto 1Gv solo con le incertezze però ad alcuni non sembra bastare. Quindi si
studia il backround culturale della lettera (BEUTLER, ..). C'è un primo entusiasmo nelle
prime comunità (cf. 1Cor: la comunità pensa di non avere più bisogno di una lotta
morale, una teologia troppo alta). Quindi va studiato le prime paoline (per vedere il
contesto), ma anche i testi di hagHamma-dag (testi gnostici, II sec.), per entrare in
questo mondo "spirituale".

Gli avversari del 1Gv


Due tipi di polemica: (1) indiretta, (2) diretta. Indiretta nelle antitesi (prologo: se diciamo
che non abbiamo peccato, sbagliamo gravamente). E' indiretta perché si dice "se
diciamo" – non dice così. Diretta 2,18; 4,26 (?). Qui una polemica contro una
cristologia insufficente (forse anche di una antropologia sbagliata).

Quindi chi sono gli avversari? Risposte possibili:


(1) non sono veri avversari, ma una figura retorica (metodo retorico), per mettere in
evidenza alcuni temi cari all'autore. Così LIEN, PERRINS.
Problema con questa teoria: Il fatto che (2,19s) si parla esplicitamente di un esodo dei
avversari. Quindi, non basta dire che questo gruppo fosse solo una identità imaginata.
Non è solo una possibilità di pensare, ma di un gruppo esistente.
(2) Non solo un gruppo, ma varie gruppi di avversari. Così ST. SMALLEY identifica (1) un
gruppo giudaizzante, che vogliono ritornare al giudaismo, (2) un gruppo pre-gnostico
(vanno verso la gnosi; un altra soteriologia) e (3) i secessionisti.
Problema: i problemi nella cristologia si possono spiegare anche in un altro modo.
I secessionisti sembrano più pre-gnostico, quindi si potrebbe semplificare questo
schema.
WURM, BELSCHA, WINDISCH: la necessità di credere in Cristo come figlio di Dio.
Josef BLANK: 1Gv sta in conflitto con un gruppo di giudaizzanti che stanno per andare
per la gnosi. Essere giudaizzante o gnostico non sono due gruppi diversi, ma è un
gruppo (cf. la persone di Filone).

7
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

Questo gruppo sono gnostici, così BULTMANN. La gnosi è il gruppo con la quale l'autore
sta in polemica; ragione: la cristologia, Cristo diventato carne (1Gv, 2Gv), il problema
morale. Avversari in 1Gv non sembrano negare l'incarnazione stessa, neanche una
morte reale di Cristo. Un docetismo sec. la quale Gesù sembrava di avere un corpo
umano, non si trova prima del II sec. Perciò la maggior parte nega avversari gnostici,
ma è probabile che va verso il gnosticismo.
(3) Sono libertinisti (sentirsi sopra il legge morale). Ma 1Gv non sembra di fissarsi sulla
moralità. C'è il commandamento mutuo vissuto nella comunità e non "tutto è lecito"
(Paolo; da qui Libertinisti).

Problema: L'etica non sembra il problema principale, sec. BEUTLER neanche la


cristologia, ma la soteriologia: che cosa ha fatto Gesù per noi. così anche BROWN,
GRAYSTON. La differenza sta quindi nella antropologia.

Punto di partenza potrebbe essere: "vantarsi" (1,8.10; 2,4.6.9). Si vede una fisionomia
di questi avversari, che sembrano una comunione con Dio. Non hanno peccato
(peccato non trova in loro), ma d'altra parte loro hanno conosciuto Dio (ginoskein,
concetto principale), rimangono in lui (menein, concetto principale), sono nella luce
(soprattutto nella 1parte della 1Gv), amano Dio ("se diciamo che amiamo Dio"),
ricorrono allo Spirito (ma l'autore dice, che questa infusione dello Spirito è legato a
alcune condizioni). Quindi amore di Dio, ma senza Cristo (perciò emfasi su Cristo!).
Cf. 2,18 gioco di parole: unzione dello Spirito – Cristo: l'unzione di Dio si lega a Cristo.
4,2.3: si deve credere in Gesù, figlio di Dio, fatto carne – come criterio per la vera fede.
Ogni spirito che confessa Gesù Cristo venuto nella carne .... viene da Dio. Questo fatto
così importante "nella carne" non viene usato in altre occassioni in cui si dice solo
"credere in Gesù"; perciò non sembrano di essere gnosticisti.
Gli avversari hanno lo Spirito, vivono senza peccato, sono in comunione, vivono nella
luce e nella more di Dio, ... quindi non hanno bisogno di sforzo morale. Sembra che in
loro non c'é l'aspetto sociale (cf. cap 3) tra di loro; così anche PAINTER. Questo
entusiasmo della prima/seconda generazione cristiano (come vediamo anche in 1Cor;
così anche KLAUCK). L'antropologia sta al centro dei dibattiti.

Destinatari e teologia
Destinatari: non a tutta la chiesa, ma un certo gruppo di chiese, comunità domestiche.
In 1 Joh si tratta problemi particolari di una certa comunità (2,19-20), situazione di
divisione (cf. 3 Joh). Queste comunità avevano in comune la tradizione giovanea, che
unisce, ma è anche fonte della divisione, perché questa tradizione giovanea vien
interpretata diversamente.
Si vede questi destinatari nella asia minore (parte occidentale della penisola), circa
Efeso. Ragioni: Altri testi sono destinati espressamente a questa zona (Efesini,
Colossesi). Queste lettere fanno intravedere l'affinità tra la situazione di questi
destinatari con quella di 1-3 Joh: una soteriologia entustiastica, problemi con la
escatologia futura, ... L'affinità anche con dottrine sbagliate con le lettere di Paolo,

8
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

entusiasmo basato al battesimo. E in queste lettere si parla espressamente di Efeso


(1Tim; 2Tim). Si parla anche su una sbagliata gnosi (1Tim 6,20; 2Tim 2,18), disprezzo
della incarnazione.
Rom: Conferma viene dal Rom 16 (esistenza particolare, riprendono saluti già fatti, ...
ipotesi che questo capitolo si rivolge alla comunità di Efeso): non cedere a
dimmessioni, a scandali alla dottrina (Rom 16,xx-20).
Atti parla di un incontro tra Paolo e gli anziani di Efeso, a Mileto (alle porte di Efeso
perché in Efeso ha già subito delle persecuzioni!). Prima di separarsi Paolo ricorda agli
anziani la loro responsabilità verso la comunità (dove entrano i lupi, ...) Att 20,29-30
(?). Dottrine opposte: 20,20-21.
Apocalisse (6 lettere a Efeso): gruppi di netacoiniti (?) menzionati due volte (1,26.3).

Teologia: dallo scopo:


Rifiutare le credenze degli avversari, rinforzare la fede della comunità. Questo si può
applicare a diversi aspetti della dottrina (cristologia: salvezza della sua vita terrestra;
etica: libertinismo non sembra di essere l'errore, ma di dimenticare l'unità della Chiesa
(2,19-20) e separarsi e contro il comandamento dell'amore a vicenda; antropologia: gli
avversari si pensano "unit" che non hanno più bisogno di un "Cristos", quindi, non
credono in Gesù venuto nella carne). Va ricordato, che non sono due aspetti distinti,
cristologia e morale, ma un aspetto, antropologia, che farsi vedere nella cristologia e
morale. L'antropologia è l'elemento unificante: Unti dallo Spirito, non si sentano diverso
da Gesù, unto dallo Spirito; sono un po' individualisti, ognuno autoguidato da solo
("nessuno mi giudica"), per se stesso, non c'è una comunità, unità. Paolo ricorda le
condizioni importanti per dire che qu abbia lo Spirito.

Teologia: dalla struttura.


Parte principali parlano dei condizioni attraverso i quali si può parlare della comunione
con Dio. Una dottrina di Dio non sembra centrale. Talvolta, parlando in 3 persona, non
si sa se parla di Dio e di Gesù Cristo. Quindi non ha una cristologia elaborata. Sono
due persone, ma Dio appare in Gesù. Contesti tradizionli con chiara distinzione tra
Padre e Figlio, altri contesti nei quali tende veso un modalismo.

Telogia: dal genere letterario.


All'inzio del documento "logos to zohj", concetto della vita sembra importante; viene
ripreso alla fine (5,20). E in ogni parte centrale (verso la fine; 3,14-15; 5,11-13) si trova
questo concetto.

Teologia: dallo sfondo letterario:


Teologia della nuova alleanza. I temi delle promesse della nuova alleanza sono
centrale (conoscere Dio promessa in Ger nella nuova alleanza; amore di Dio anche
centrale per la teolgia di alleanza; dono dello spirito, mantenere/osservare i
commandamenti, amore mutuo, ...)

9
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

Autore, luogo, datazione


Autore: non si sa per securo, non menzionato in 1 Joh; in 1/2 Joh si parla del
"presbiteros".
La tradizione, nel tempo di Ireneo, parla di Giovanni discepolo del Signore. Questo alla
fine del secolo ...
Clemente di Alessandria, Origine .. parlano del Apostolo di Gv di JohEv e le lettere.

Opinione classica: Giovanni, figlio di Zebedeo, fino all'illuminismo (cf.


SCHNACKENBURG), però poi non: immaginabile (fuorché la cronologia), perché non
sembra il mondo di un pescatore dalla Galilea, i concetti simili a Filone, al mondo
platonica.
L'identità di 1 Joh e 2-3 Joh con JohEv. Paralelli in pensieri e linguaggio (cf. prologo e
discrosi con Dio), ma d'altra parte ci sono nelle lettere contesti più archaici. Quindi 1
Joh fa ricorso a fonti antiche per ...??

Scuola, la stessa di JohEv. Cf. Papias (citato da Eusebius): il presbitero in Papias


sembra (cf. la sinopsi di Alland che riporta questo passo). Parla degli apostoli
(presentato come persone di passato), ma anche un presbitero Giovanni (presentato
nel presente), che viene presentato l'autore di JohEv e 1-3 Joh.

Luogo e tempo di composizione:


Domanda conessa con l'autorità delle lettere. Secondo la tradizione ha vissuto molto
tempo e ha scritto le lettere durante Traiano (cf. Ireneo, riportato da Eusebio). Ireneo
sa anche qc sulla residenza e attività di Gv in Efeso.
Papia, Ireneo, Eusebio localizzano Giovanni a Efeso. Ireneo: questo presbitero
Giovanni sia un discepolo diretto del apostolo Giovanni; non accettato da Eusebio.

Queste domande rimangono aperte: Testimonianza interna della lettera (cf. destinatari:
gli avversari e destinatari si trovano in casia minore, cui Efeso fu la capitale) che la
lettera è stata scritta in questa zone (cf. 3 Joh riporta una tale frequenza in questa
zona). La conoscenza delle lettere di Gv (Papia le già conosce, anche Ippolito) portano
un terminus ad quem fine del governo di Traiano 117 d.Cr.

Anche Alessandria viene proposta come luogo di composizione.

Importante notare, che nei primi 80 anni della predicazione cristiana non sappiamo
molto. Lc propone uno sviluppo teologica, non menziona africa.

Prologo 1,1-4
Titolo in analogo con JohEv. Stile.
v2 è una parentesi che spiega il concetto "parola di vita", che si trova alla fine di v1.

10
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

Sintagma fino alla metà di v3; poi una spiegazione del concetto di coinonia, introdotto
in v3c. Alla fine (v4) l'autore parla di sé, indica lo scopo in una proposizione finale.

Stile ripettitivo (o]), frasi subordinate (ina), opposizione: voi – noi. Tutto questo sono
concetti di un testo argomentivo. Si scrive in presente e perfetto (testi narrativi usano
aoristo, plusquamperfetto, ..), qui una descrizione di un desiderio. Quindi un testo
argomentativo.
L'uso di concetti astratti (logoj, zwh, koinonia, cara).

Genere letterario (vedi sopra): manacano alcuni elementi decisivi per una lettera:
nomina dell'autore, dei destinatari, saluto. Manca anche un proemium in quella parte
della lettera che sta tra exordium nella quale si formula qua una preghiera di
ringraziamento per la salute. Questo proemium manca in questa lettera; l'autore
comincia subito con il corpo.
Opposizione tra noi e io vs voi in tutta la lettera; poi l'annuncio del soggetto. Tema: la
vita (zwh): v1 (con logos), v2 (in forma sviluppata). FRANCIS ha elaborato sull'apertura
delle lettere di giovanni. Dà importanza su questa ripettizione: si tratta della tematica
centrale della lettera. FRANCIS parla di due sintagmi.

Altro elemento comune tra altri testi del NT


Esperienza religiosa personale, l'incontro con il verbo incarnato che si puó vedere,
ascoltare, toccare ... (BERGER). Veda le lettere apostoliche: riferimento a una
esperienza propria apostolica (cf. Gal; 1Cor 15,1-11).

Parentela con Gv 1,1-18 (Prologo). Un testo come modello dell'altro. Elementi


importante "All'inizio" (avp avrch/j), "la parola" (logoj); "vita" (zwh), "testimonianza"
(martiria). Con questi concetti, l'autore non solo collogo con Gv, ma anche con la Gen e
il suo racconto della creazione: "tvarb", "parlare di Dio" (come verbo, non come
sostantiva), "vita".

Esegesi
v1: Prima sintagma.
Dio che era nell'inizio; oppure Cristo che era all'inizio; oppure: la parola di Dio/di vita
(che è il concetto centrale della lettera) che era all'inizio. Quindi varie interpretazioni
sono possibile.
Raramente si riferisce a qc che era all'inizio della creazione (1Joh 3,8: l'unica
eccezione). In altri testi il concetto " avpV avrch/j" si pensa all'inizio della predicazione
cristiana; entrata di Gesù nella storia.
Quindi 4 possibilità: o: ; o: l'inizio della creazione; o: l'inizio dell'entrata di Gesù nella
storia; o: inizio della predicazione cristiana.

sentire, vedere, (formula di espansione), toccare con le mani: si intravede il crescendo


verso il toccare con i propri mani. L'autore descrive un processo di comunicazione. Si

11
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

deve pensare a un gruppo che aveva un contatto con la parola di vita (che è Gesù)
entrata nella storia degli uomini. Si tratta sia del verbo incarnato sia dell'inizio della
predicazione.
Il tempo utilizzato: all'inizio forme perfetto (narrazione di un avvenimento passato, ma
con la sua importanza per il presente). Aoristo (sottolinea l'esperienza storica): quindi
da un lato, cioè che era e rimane, e ciò che c'era. evqeasa,meqa: anche usato in JohEv.

v2: autore si rivolge al tema della predicazione. Inclusione del verbo fanero,w: molto
spesso in Gv rispetto alla incarnazione di Gesù oppure della risurrezione di Gesù.
Il movimento: In JohEv il logoj rimane nel centro (Gv 1,14). Nella 1Joh il concetto della
vita diventa più dominante. Il movimento va dalla vita incarnata (dalla persona di Gesù
come fonte di vita) alla vita come dono. Il concetto del logoj, della persona di Gesù
come parola divina, non appare più nella cap 2 (?) (vale anche per JohEv; dopo il
prologo non c'é più).
In 1Joh si parla ripettivamente di Gesù Cristo, ma non come logoj; quando si parla del
logoj si riferisce alla predicazione. Perché non fa più uso? Questo concetto era
rapidamente frequente ed usato dai gruppi gnostici, cosí l'autore di 1 Joh e JohEv evita
una falsa comprensione. Alla interpretazione della parola in JohEv si ...

Il vedere è la base per la testimonianza. In JohEv un po' diverso: le persone vedono


Gesù e poi danno testimonianza. Ma di raro che ciò che hanno visto è il contenuto
della testimonianza (per tale es. 19,35), quindi "dare testimonianza per Gesù", ma non
per gli avvenimenti della sua vita.
Gesù identificato con la vita eterna che viene da Dio.

v3: parentesi chiude. L'ascolto e sentire (vedi anche v2): ha a che fare con la
testimonianza autentica che deve essere stata fondata sul vedere. L'ascolto è la
testimonianza minore, perché si tratta di ciò che dicono altri.
La coinonia: l'autore/il suo gruppo con i destinatari. Per la prima volta il concetto
(v4.6.7): sembra un concetto (coinonia) accettato nel mondo; l'autore uttilizza questo
termine per dire, come si può parlare usando questo concetto in modo cristiano. Anche
Paolo lo usa (cf. 1Cor 10: la comunione con la divinità).

v4: così e solo così la gioia dell'autore sarà perfetta. Testo critico dice di poter inserire
h[mw/n: fa senso: atto di scrivere non fa solo gioia ai destinatari, ma anche agli autori
del documento. Questo concetto di gioia ritorna altre volte.

Il messaggio di vv1-4?
Paragone con Prologo Gv (BRWON, KLAUCK): più forte peso sull'incarnazione (sentita,
vista, toccata, ...) forse in controversia dei spiritualisti di redenzione.
La parola di vita viene accolta con tutti sensi, non solo con l'inteletto.
La salvezza in Cristo crea comunione, non solo con Dio ma anche tra gli uomini. Non
c'è salvezzo solo.

12
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

04.03.2005
Il noi in 1Joh 1,1-4
4
kai. tau/ta gra,fomen h`mei/j( i[na h` cara. h`mw/n h=| peplhrwme,nhÅ
v4 "voi": elemento stilistico (schriftstellerischer Plural – così HARNACK)? L'autore parla
di sé. MICHL: non si riferisce direttamente a Giovanni, ma anche ai discepoli (2/3Joh).
HARNACK si trova giustificato nei brani seguenti: Anche in Gv 3,11 il plurale è discusso,
non molto chiaro. Sembra che Gesù si insersce qui in un gruppo che sta in opposizione
agli ebrei (figurato in Niccodemo); oi;damen forse usato in modo ironica riguardo all'uso
di oi;damen di Niccodemo. Anche Gv 9,4 "h`ma/j": HARNACK lo spiega come plurale
letterario; ma si può anche dire che vale per tutti, anche coloro che stanno intorno a
Gesù.
Cf. anche 3Gv 1,xy.
Per BEUTLER l'argomentazione di HARNACK non è convingente. Anche in 3Gv 10 può
dire non solo il noi del gruppo.
3Gv 12

Un'altro argomento contro HARNACK, MICHL: la capacità dell'autore di distinguere bene


tra "gra,fomen" (1,4) e altre passagi di1Gv. Se fosse solo un elementi stilistico, non si
comprende gli altri casi, cf. 2,1; 2,7-8. Dal presente al passato nella prima persona
singolare 2,12.13.14. Quindi l'autore sa bene utilizzare il singolare quando c'è il caso.

Quindi, non solo un plurale stilistico, ma di un gruppo di persone. Ma chi sono quelli
che parlano di sé in 1,4?
Un plurale di comunione (di comunicazione), che vedono l'autori di questa lettera
insieme coi lettori. Per es. R. BULTMANN: i contemporanei escatologici dell'autore. La
storia nel senso profano, ha poco valore per BULTMANN, parla piuttosto della storia
esistenziale (interpretato nel contesto in cui vive la persona; la vive è così fa storia).
Così questo noi, sono i contemporanei escatologici di Gesù. L'escatologia per
BULTMANN è un momento qualitativa (non tanto temporale). Con Gesù è venuto la fine
del tempo.
WINDISCH E VOUGA sono in questa linea, però identificano il plurale con i cristiani. Nella
liturgia del pesach (Es 10,5b-c): "In ogni generazione siamo obbligati di considerarci
quale generazione uscita dall'eggito". Amos 2,10-11: "Sono stato io che vi [gli
ascoltatori del profeta] ho uscito dall'eggito". Simile Gios 24,7; Tacitus in Agricola 49;
Questa testi viene criticato da BULTMANN che dice che questi testi non bastano per
esprimere questa comunità escatologica che va oltre l'antico.
Contro SCHNACKENBURG respinge la testimonianza particolare ai occulari (noi solo per i
occulari). BULTMANN è più con Ireneo adv.haer.: non poteva conoscere il maestro Gesù
se non con i nostri occhi ascoltando la sua voce: la solidarietà cristiana.
VOUGA livella la differenza tra il gruppo che scrive e i destinatari. Per DODD c'é un terzo
gruppo, l'umanità.
Argomento decesivo contro questo concetto è in 1,4: L'opposizione tra voi e noi.
VOUGA vede questo versette in linea di tutti i altri in cui appaiono il noi. Questa
opposizione non si può tenere. Ma in tutti i testi citati da VOUGA non appaie questa

13
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

opposizione che c'é nel 1,4. Cf. 2,3 (questa è il noi ripetuto spesso in Gv; ma non è la
stessa noi 1,4).

Quindi, questo noi dev'essere un gruppo distinto dall "voi" dei destinatari.
Schuola tradizionale dell'esegesi (WESTCOTT, F.-M. BRAUN): si tratta dell'apostolo Paulo
che parla di sé e i suoi co-apostoli. Questo suppone che le lettere di Gv erano state
scritte da uno dai dodici (come vuole la tradizione; cf. Ireneo). Problema supplimentare:
parlare di un origine apostolica in Gv sembra strano al tempo dei apostoli. R.E. BROWN:
l'unico testo che parla dei apostoli Gv 13-16, ma non come un termine tecnico come
nei sinottici.
MARSHALL (parte più conservativo): un gruppo di testimoni oculari (ultimamente).
MARSHALL un po' evangelicale. Problem di origine letteraria di questa lettera, anche
della datazione di questa lettera. La maggioranza (vedi introduzione) situa 1Joh dopo il
vangelo. Quasi 70 anni dopo la morte di Gesù è difficile parlare di un gruppo occulare
che è ancora in vita. Per MARSHALL è l'autenticità. Si riferisce su una esperienza del
gruppo dei discepoli con Gesù; l'autenticità del gruppo giovanneo che riduce la sua
fede nella soggettività.

Prima parte: prima serie di criteri per la comunione con


Dio e la vita
Contesto della sezione e la sua struttura; forma letteraria.

Introduzione
Contesto della sezione
Con 1,5 la prima sezione principale, fino a 2,27. Si tocca la dottrina sulla persona
umana: "come posso comprendere che io sia in comunione con Dio, con la Nuova
Alleanza". Varie risposte (nelle tre sezioni)
Due concetti: la comunicazione e la comunione collegano questa prima parte con il
prologo. 1,4 (e già prima 1,3) abbiamo questo "l'annuncio della predicazione" di ciò che
l'autore ha visto, toccato. Questo (avnagge,llomen) si riprende in 1,5 (concetto del
sentire). Secondo: Il concetto della koinonia: 1,3 ripreso in 1,6.
Per la sezioni pu grande: concetto della luce (ripreso in 3,11)

Struttura
Per BEUTLER esempio classico di struttura.
Introduzione:
3 Antithesi (spesso anche grammaticalmente uguali)
Conclusione:
Cf. 1,5-2,2.
Struttura grammaticale: 3 volte "se noi diciamo" (frase condizionale in vvx.8.10); "an
(de)" vv7.9; 2,2. Oggezione: l'autore si indirizza ai destinatari. E quindi, non raremente,

14
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

indica una nuova sezione. Quindi la scelta è tra: le 3 antithesi e una nuova unità. Ma
anche in 2,7 c'è lo stesso fenomeno che quasi tutti gli autori ritengono non come un
inizioe di una nuova sezione.

Semanticamente: progressione (v6 posizione sbagliata con cui l'autore sta in


controversia; v8: se .. ci inganniamo; v10: se .. Dio diventa bugiardo). Camminare nella
tenebre, avere comunità di Dio, ... ??

Nella fase principale, i verbi sono radoppiati. Anche questo un segno di unità stilistica.

Quindi 1,5-2,2 semanticamente coerente (contro una nuova sezione in 2,2).


Il vocabulario 1,6.7. ripreso da 1,3.
Tema della luce occorre fino al versetto 2,11.
Il peccato fino al 2,2. Questa tematica ricorre in tutte le sezioni (luce e verità no).

Genere letterario
E' una esortazione post-conversionale (Mahnrede). Cf. 1Tess 4,3-12; Rom 12,1-14;
Col 3,5-4,6; Ef 4,26-6,20. Abbiamo una comunità, che dopo la sua conversione ha
ricevuto il battesimo, però che vive ancora nel mondo, con tutte le sue tentazioni, che
ha bisogno del incorragiamento per la scelta fatta già.
Segnali stilistici: i tempi del presente; un vocabolario più astratto (luce, tenebra,
tentazione, peccato, giusto, redenzione).
Ordine sintattica: Frasi in sub-ordinazione. Cf. le frasi condizionali (protasi-apodosi).

A. Rottura con il peccato, camminare nella luce 1,5-2,2


v5
5
Kai. e;stin au[th h` avggeli,a h]n avkhko,amen avpV auvtou/ kai. avnagge,llomen
u`mi/n( o[ti o` qeo.j fw/j evstin kai. skoti,a evn auvtw/| ouvk e;stin ouvdemi,aÅ
avggellw ripreso da 1,3.4. Ricorre solo in 3,11. R.E. BROWN sottolinea la somiglianza
tra la lettera e il vangelo. Quindi si trova una sottodivisione che rispechia quella del
vangelo: prologo, prima parte (invito alla fede 1,5-3,10: con il tema della angelia/del
messaggio), sec. parte (3,11-xx). Questo non viene accettato, per motivo: la tema del
amore si trova già nella prima parte di Giovanni e il tema della fede già nella seconda
parte.
La formula "lui è luce" sembra biblica, ma non è. Sec. Gen 1,1 Dio creò la luce. Nel
mondo ellenistico e nella gnosi, questo concetto (luce divino) c'è. Quindi si pensa, che
questo concetto "Dio è luce" veniva usato dagli avversari, l'autore lo riprende,
sottomendolo a una condizione: è luce, noi abbiamo comunità con lui, quando
camminiamo nella luce. Cioè lega questo fatto "Dio è luce", "noi siamo luce" al
comportamento morale. Quindi prende un concetto dai avversari e lo riinterpreta.

vv6-7: primo binario

15
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

6
VEa.n ei;pwmen o[ti koinwni,an e;comen metV auvtou/ kai. evn tw/| sko,tei
peripatw/men( yeudo,meqa kai. ouv poiou/men th.n avlh,qeian\
7
eva.n de. evn tw/| fwti. peripatw/men w`j auvto,j evstin evn tw/| fwti,( koinwni,an
e;comen metV avllh,lwn kai. to. ai-ma VIhsou/ tou/ ui`ou/ auvtou/ kaqari,zei h`ma/j
avpo. pa,shj a`marti,ajÅ
Il problema: Chi afferma di essere in comunione con Dio? Quali sono le condizioni per
affermare che stiamo in comunione con lui.
L'autore fa una conclusione: chi camina nella luce (Aristotele: agere segue essere).
Per i destinatari (avversari) la domanda è: come uno può affermare che sta in
comunione con Dio, che sta nella luce. Lì il criterio proposto è il comportamento. Per i
cristiani è più al rovescio: si comincia al essere, che comporte poi a ciò che
corrisponde a tale esistenza. Quindi, chi afferma la fede salda, si osserva i
comportamento. Quindi, dentro la comunità l'ordine si trova al rovescio.
Di nuovo (v7) il concetto della comunione; contro una separazione tra comunione con
Dio e con i fratelli.

vv8-9: secondo binario


8
eva.n ei;pwmen o[ti a`marti,an ouvk e;comen( e`autou.j planw/men kai. h` avlh,qeia
ouvk e;stin evn h`mi/nÅ
9
eva.n o`mologw/men ta.j a`marti,aj h`mw/n( pisto,j evstin kai. di,kaioj( i[na avfh/|
h`mi/n ta.j a`marti,aj kai. kaqari,sh| h`ma/j avpo. pa,shj avdiki,ajÅ
Ancora si comincia con la tesi sbagliata. Cf. Ger 31,34. Per essere purificato dal
peccato Ez 36,35 (nuova alleanza). Come umani i cristiani sono tutti peccatori, solo
come cristiani sono tutti senza peccati. Questo concetto è importante per risolvere la
tensione con 3,9 (incapacità di peccare). In cap. 1 l'autore fa i cristiani come punto di
vista umano (siamo peccatori), nel cap. 3 parla però dell'esistenza cristiani come
cristiani (incapace al peccato). Così 1,8.9 va insieme con 3,9.
La confessione del peccato è piuttosto per la conversione che parla del sacramento
della penitenza.
Gesù come paraclito. Gv 14,16. Sec. BEUTLER l'autore riccorre a Gv perché gli
avversari avevano una preferenza per il paraclito. Quindi quando parla dello Spirito lo
fa raramento oppure in collegamento con la tradizione, oppure mettere i lettori alla
guardia a uno cambio tropo presto allo spirito. Quindi, si ha davanti a sé un gruppo
carismatico che richiama per se il possesso dello Spirito.

v10
10
eva.n ei;pwmen o[ti ouvc h`marth,kamen( yeu,sthn poiou/men auvto.n kai. o` lo,goj
auvtou/ ouvk e;stin evn h`mi/nÅ
Opposizione veritá-buggia. Contro un entusiasmo di essere senza peccato.

2,1
Tekni,a mou( tau/ta gra,fw u`mi/n i[na mh. a`ma,rthteÅ kai. eva,n tij a`ma,rth|
( para,klhton e;comen pro.j to.n pate,ra VIhsou/n Cristo.n di,kaion\
2
kai. auvto.j i`lasmo,j evstin peri. tw/n a`martiw/n h`mw/n( ouv peri. tw/n h`mete,rwn
de. mo,non avlla. kai. peri. o[lou tou/ ko,smouÅ

16
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

B. Osservanza dei comandamenti: l'amore fraterno 2,3-11


Struttura:
v7: l'autore si rivolge direttamente ai lettori Il nuovo commandamento, che non è
nuovo, perché già sentito dall'inizio (come la parola), cioè faceva parte della catechesi
iniziale dei lettori. Elemento nuovo: perché trova la sua realtà in "lui e in voi" (nei
destinatari). La tenebre va via è la luce si mostra.
L'autore ritorna alla possibilità negativa in v11. Così si spiega a-b, a-b. Questa
possibilità negativa serve per la chiusura della parte, rompe il parallelismo(?).

Vocabolario tipico del testo


v7 Avgaphtai,: in GNT e Nestle-Aland come un nuovo articolo; sec. BEUTLER una
censura qui rompe l'argomento.
v4 e;gnwka auvto,n: la conoscenza di Dio è un tema importante. Sembra però di non
essere un gran tema per l'AT, ma per la gnosis e filosofia greca (?).
"ta.j evntola.j auvtou/ mh. thrw/n" Osservanza dei comandamenti (cf. Ger messo
assiem con la nuova alleanza). In Dtn tema collegato (Dtn 7) con l'alleanza.
Gv 13,34-35 basato su Lev 19.

Autenticità dei versetti


BULTMANN cercava di trovare dei antitesi più chiari, però senza successo perché questi
testi (v4s e vv9-11) sono ben inserito nel contesto.

Interpretazione versetto per versetto


v3:
3
Kai. evn tou,tw| ginw,skomen o[ti evgnw,kamen auvto,n( eva.n ta.j evntola.j auvtou/
thrw/menÅ
Per la conoscenza di Dio si cerca un elemento di discernimento: l'osservanza.

vv4-5: antitesi
4
o` le,gwn o[ti e;gnwka auvto,n kai. ta.j evntola.j auvtou/ mh. thrw/n( yeu,sthj evsti,n
kai. evn tou,tw| h` avlh,qeia ouvk e;stin\
5
o]j dV a'n thrh/| auvtou/ to.n lo,gon( avlhqw/j evn tou,tw| h` avga,ph tou/ qeou/
tetelei,wtai( evn tou,tw| ginw,skomen o[ti evn auvtw/| evsmenÅ
L'autore distingue tra conosenza vera o falsa secondo l'osservanza dei precetti. Chi
non segue i precetti si inganna e la verità non è in lui.
v5: alternativa positiva: "Chi osserva ...": in lui l'amore di Dio arriva in perfezione.
Due domande: (1) Di chi si parla ""? Dio? Almeno in v6 sarà Gesù (deve caminare
come lui); ma l'autore riprende la tradizione e non fa grande differenza tra le divinità.
Dio appare in Cristo. (2) Che cosa significa h` avga,ph tou/ qeou/? Amore di Dio verso
colui, che osserva la parola di Dio (sec. BEUTLER qui più probabile). In Gv l'importanza
17
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

di Dtn 6,4 è molto centrale (l'unicità e l'amore di Dio). Cf 1Gv 4,7-21: amare Dio e
amare il fratello, è una affermazione che sembrano che gli avversari lo ritengono
troppo facile, superficiale.?????

vv6-8: seconda antitesi


6
o` le,gwn evn auvtw/| me,nein ovfei,lei kaqw.j evkei/noj periepa,thsen kai. auvto.j
Îou[twjÐ peripatei/nÅ
7
VAgaphtoi,( ouvk evntolh.n kainh.n gra,fw u`mi/n avllV evntolh.n palaia.n h]n ei;cete
avpV avrch/j\ h` evntolh. h` palaia, evstin o` lo,goj o]n hvkou,sateÅ
8
pa,lin evntolh.n kainh.n gra,fw u`mi/n( o[ evstin avlhqe.j evn auvtw/| kai. evn
u`mi/n( o[ti h` skoti,a para,getai kai. to. fw/j to. avlhqino.n h;dh fai,neiÅ
Conessione tra conoscenza e immanenza. Tipica per la forma giovannea. Sfondo forse
la teologia della nuova alleanza (Ger 31). Ma di nuovo l'affermazione "rimanere in lui" e
"conoscere lui" è collegato con un imperativo morale.
L'autore interrompe la sua riflessione tra antico e nuovo testamento. Antico, perché
dato da Cristo e predicato dall'inizio, nuovo a causa della Nuova Alleanza. Si vede
realizzata in Gesù, perciò Nuova; questo dà anche speranza. Questo si può anche
descrivere nel linguaggio della "luce" e "tenebre".

vv9-11: Terza antitesi


9
~O le,gwn evn tw/| fwti. ei=nai kai. to.n avdelfo.n auvtou/ misw/n evn th/| skoti,a|
evsti.n e[wj a;rtiÅ
10
o` avgapw/n to.n avdelfo.n auvtou/ evn tw/| fwti. me,nei kai. ska,ndalon evn auvtw/|
ouvk e;stin\
11
o` de. misw/n to.n avdelfo.n auvtou/ evn th/| skoti,a| evsti.n kai. evn th/| skoti,a|
peripatei/ kai. ouvk oi=den pou/ u`pa,gei( o[ti h` skoti,a evtu,flwsen tou.j ovfqalmou.j
auvtou/Å
Nuova forma come avere comunione con Dio (primo: rimanere in Dio; secondo:
caminare comoe lui; terzo: essere nella luce). Anche qui collegato con una condizione:
la luce opposta con la tenebra, in cui cammina che afferma di avere comunione con
Dio, ma non ama il fratello. L'esistenza e luce è ripresa ma collegato con "amare il
fratello".
Per concludere, l'autore rompe un po' la struttura antitetica aggiungendo ancora la
possibilità negativa. Apodisi tridice: "essere nella tenebre", "caminare nelle tenebre",
"non sa dove vada":

Attualità di tale messaggio


L'idea di redenzion tramite la conoscenza. Tema importanti per l'antichità (cf. Gnosi).
Che sono anche dottrine contemporanee che vanno nella stessa direzione. Il nostro
testo afferma che sì, che conoscenta di Dio, luce e promesso alla persona umana;
quindi cercare conoscenza religiosa è giustificata: Dio stesso ha promesso di rivelarsi;
soprattutto Ger 31 dimostra, che la conoscenza di Dio è solo possibile, se Dio è
veramento sulla base della propria vita.
BUETLER pensa che nel giudaismo questo concetto è ben conservato, cf. Torah: non è
una informazione chi è Dio, ma dice chi è Dio e che cosa segue da questo.

18
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

Legge-vangelo: già in Ger il "camminare di Israele nelle precetti di Dio" è fondamento


per la promessa. Per l'autore di 1Gv dice, quando questa promessa diventa verità: v8!
Passa la tenebra

La conoscenza di Dio diventa possibile attraverso la conoscenza di Cristo (v6).


Guaradre Gesù significa anche guardare come vive e aprirsi al suo modo di vita. La
cammina di Gesù è la sintesi del suo insengamento: amare il fratello.

15 marzo 2005

C. Rottura con il mondo, la retta fede 2,12-17


Contesto, struttura e genere letterario
Prima parte di 1Joh giunge a una conclusione con una doppia sezione: "Rompere con
il mondo, al retta fede".

La coerenza del tema "rompere il peccato" e "avere la retta fede" c'é una tendenza di
collegare sempre più questi testi. 4,1-6 in cui si parla della discrizione degli spiriti e del
no del mondo (vv5.6) e la vittoria sul mondo (vv4-5).
La vittoria sul mondo ridotta esplicitamente alla fede di Gesù Cristo, che si riprende in
5,1.10.13.
Struttura: esempio classico delle strutture ternaria (1,5-2,2; 2,3-2,11). Nella nostra
sezione una ripeduta struttura ternaria: triplice egrapsa (vv12.13); descrizione
dell'amore del mondo e al centro: triplice epidimia (v16); (15.17)??
Genere letterario: Elementi tipici per esortazione post-conversionale (C. BERGER).
vv12-14: ricordo della nuova esistenza dei toi, che è cominciato con il battesimo.
Questo passaggio porta all'oposizione del mondo e la loro brama (v15.17). Le
concubiscenze sono descritte nel catalogo dei vizi.

Interpretazione delle parti


Non ci sono maggiori problemi testuali. All'inizio v14 e;graya (sec. trad. byzianzia).
vv12-14
12
Gra,fw u`mi/n( tekni,a( o[ti avfe,wntai u`mi/n ai` a`marti,ai dia. to. o;noma auvtou/Å
13
gra,fw u`mi/n( pate,rej( o[ti evgnw,kate to.n avpV avrch/jÅ gra,fw u`mi/n( neani,skoi(
o[ti nenikh,kate to.n ponhro,nÅ
14
e;graya u`mi/n( paidi,a( o[ti evgnw,kate to.n pate,raÅ e;graya u`mi/n( pate,rej( o[ti
evgnw,kate to.n avpV avrch/jÅ e;graya u`mi/n( neani,skoi( o[ti ivscuroi, evste kai. o`
lo,goj tou/ qeou/ evn u`mi/n me,nei kai. nenikh,kate to.n ponhro,nÅ
L'agire segue essere, l'agire cristiano segue l'essere. Prima delle varie esortazioni
(vv15-17), abbiamo una doppia serie di sentenze che ritornano ai lettori la nuova
esistenza della nuova fede. 6 volte verbi nel perfetto (tipico per questo brano!). Il
perfetto: avvenimento nel passato che perdure nel suo effetto.

19
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

Difficoltà presenta il o[ti: o dare la raggione o da il contenuto. Per BEUTLER


(SCHNACKENBURG, ...) non indica la raggione, ma il contenuto (spesso in Gv dopo
gra,fw). La remissione dei peccati, la conoscenza della fede.
"tekni,a" segue padre, giovani, ... quindi può essere non un gruppo di bambini, ma una
espressione tipica per il genere sapienziale (Testamenti dei dodici patriarchi, discorsi di
Gesù, ...): lasciare i suoi consigli ai suoi figli (Gv 13,33?). Così l'autore parla prima del
gruppo dei destinatari. "tekni,a" 1,1; 2,28; 4,4.21 (?).
"path,r" Kol 3,21; Eph 6,4: nel contesto specifico: i padri come tali, nel ambito famiglia.
Il contesto é quello delle Haustafeln che troviamo nel contesto ellenistico. Qui invece,
non abbiamo tale contesto. 2,17 (cita Joel); Att 5,10.

I predicati dati ai padri, ai giovani, a tutti quanti (" tekni,a") possono essere cambiato tra
di loro. 14a.b; "vittoria sul maligno" non è qc specifico ai giovani, neanche la forza
dedicato a loro. Sono concetti teologici, non una domanda di età.
Perciò, per BEUTLER, non aiuta molto attraverso i predicati indicazioni specifiche per
una comunità di una specifica età (SCHNACKENBURG, BULTMANN, ...). Neanche gruppi
specifici interno della comunità, con una certa responsabilità (HOOLDEN). Perché non si
parla in 1Gv dei "presbu,teroj", manca.
Gli anziani e i giovani sono tutto il popolo di Isarele nel AT. Gen 19,4; Es 19; Gios 6,21;
Is 24,4; Ez 9,6 (LXX: presbu,teroi). Interessante Gioele 3,1-5 sec. LXX citato in At 2,17-
21. E qui abbiamo una simile formula (Att 2,17: ).
Ger 31,34 (TM); 38,34 (LXX): si annuncia la conoscenza di Dio ai grandi e ai piccoli e
la nuova alleanza. Ciò che si predica in 1Gv 2,13-15 si ha conosciuto .. Questa
conferma: anche in questo contesto la tematica comune è la remissione dei peccati.
Probabilmente quindi un influsso della teologia della nuova alleanza (R.E. BROWN).
Il tema della remissione dei peccati si trova in tutte e tre parti di 1Gv (1,7.9; 3,5; 4,10;
Ez 36,35).
Conoscenza di colui che era da inizio sembra essere messo in collegamento a Gesù
Cristo.

La vittoria sul maligno ha la sua radice nella remissione dei peccati. 4,4: forze maligne:
o il cattivo come tale o forze cattive. I giovani ne hanno vinto con il battesimo (perciò il
perfetto).

Come spiegare la transizione dal gra,fw in presente in aoristo? Dall'atto di scrivere


oppure una ..

vv15-17
15
Mh. avgapa/te to.n ko,smon mhde. ta. evn tw/| ko,smw|Å eva,n tij avgapa/| to.n
ko,smon( ouvk e;stin h` avga,ph tou/ patro.j evn auvtw/|\
16
o[ti pa/n to. evn tw/| ko,smw|( h` evpiqumi,a th/j sarko.j kai. h` evpiqumi,a tw/n
ovfqalmw/n kai. h` avlazonei,a tou/ bi,ou( ouvk e;stin evk tou/ patro.j avllV evk tou/
ko,smou evsti,nÅ
17
kai. o` ko,smoj para,getai kai. h` evpiqumi,a auvtou/( o` de. poiw/n to. qe,lhma tou/
qeou/ me,nei eivj to.n aivw/naÅ

20
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

I lettori non devono amare il mondo, né ciò che è nel mondo. Amare nel senso di
preferire alla comunione di Dio. Così l'amore del mondo e l'amore del padre sono
opposti.
v15b: genetivo oggetivo (amore verso il padre); o soggettivo (amore del padre che
rimane nel credente): la conferma può essere 2,5: la lettera preferisce parlare
dell'amore di Dio verso i credenti che a rovescio. Per gli avversari e molto facile di dire
che amo Dio, di conoscerlo ...
Tema dell'amore occorre già in Gv con Dio (Gv 3,19: uomini amono più le tenebre; più
l'onore che viene dagli uomini che la gloria di Dio). Giac 4,4: l'amore del mondo
significa essere nemico di Dio (?; anche in Rm).
v2,16: concubiscenza: si paragona i tre ambienti che sono distinti: tre porte. La
concubiscenza viene dalla carne. La carne è l'uomo nel suo limite, nella debolezza,
come creatura. Non sottointende il concetto ellenistico (in senso negativo), piùttosto
l'esistenza umana.
L'occhio, entrata nell'uomo, può essere luogo della tentazione (Mc 9,27), però anche
entrata per la parola di vita incarnata (1Gv 2,11). Il testo non fa pensare a un campo
determinato.
Ultima tentazione è lo sfarzo della vita: la ricchezza, pensare di essere qualcuno. Tutto
ció che il mondo può offrire non viene da Dio.

Messaggio
Per fede, i cristiani hanno già superato in principio il potere del maligno. Ma essi
devono rimanere fedeli alla loro vocazione. La decisione per Dio e contro il mondo è
presa nelle descisioni concrete che riguardano i beni materiali e gli onori (cfr.
San'Ignazio).

18 marzo 2005

Rompere con il peccato (1Gv 2,18-27)


Contesto
Questa parte si chiama sec. MALATESTA "rottura con il mondo – la retta fede". Rottura
con il mondo v12 che finisce in v17 (tema del mondo e le scienze che suscitano). La
lotta con il maligno ci porta al tema della retta fede. Il maligno prende il posto di Cristo
(liena del cosmos e le sue concubiscenze): giá da v14 che passa al anticristo v17.18.
Specifica nel quale consiste il confronto con il maligno: un comportamento morale, la
retta fede (problema della dottrina).
Va ripettuto: questi temi sono ancora trattati uno dopo l'altro; nei versetti seguenti più
trattati insieme.

Struttura
Struttura ternaria, cioè introduzione, poi tre antitesi e poi una conclusione.
v18a come introduzione; parte negativa della antitesi v18b-19; parte positiva/opposta
della antitesi vv20-21 (con la forma kai. u`mei/j).

21
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

La sec. antitesi vv22-25: parte negativa (atteggiamento che nega il Cristo, che è il
Anticristo vv22.23); si rivolge ai ascoltatori con u`mei/j, che però non si inserisce così
bene come in v20.
v26-27 terza antitesi: di nuovo kai. u`mei/j, rompe la sintassi (altro soggetto). vera
conclusione non c'é.

Semantica: la radici cri (cristoj( crisma( avnti&cristoj) domina tutta la sezione. Fa


senso, perché abbiamo opposizione tra quelli che sono fedeli alla parola di Dio,
ricevuto con il battesimo, forse con l'unzione. D'altra parte coloro, che si sentono
talmente unti, che non sembrano di aver più bisogno del Cristo e così diventano
anticristi.

Interpretazione
v18a
18
Paidi,a( evsca,th w[ra evsti,n( kai. kaqw.j hvkou,sate o[ti avnti,cristoj e;rcetai( kai.
nu/n avnti,cristoi polloi. gego,nasin( o[qen ginw,skomen o[ti evsca,th w[ra evsti,nÅ
Introduzione, un rinvio ai lettori e l'annuncio dell' "ultima ora". L'escatologia che
vediamo nel documento è una escatologia presente. Forse una eredità del vangelo di
Gv.
Antitesi: struttura concentrica in v18 (w[ra evsti,n).
Per la prima volta riccore questa voce (cf. 1Gv 1,22; 4,3; 2Gv 7). La figura
dell'anticristo sembra di essere un concetto biblico, anche se non da tutti i autori
accettati. Alcuni lo ritengono apocalittico (?; cf. Mc 13,4; Ap 13), 2Ts 2,1-12.
Identificazione dell'anticristo con certe persone presente è sicuramente nuovo
(gego,nasin): l'avversario escatologico viene identificato con persone presente,
conosciuto nella comunità.

v19
19
evx h`mw/n evxh/lqan avllV ouvk h=san evx h`mw/n\ eiv ga.r evx h`mw/n
h=san( memenh,keisan a'n meqV h`mw/n\ avllV i[na fanerwqw/sin o[ti ouvk eivsi.n
pa,ntej evx h`mw/nÅ
Come si puó chiamare questo prozesso da una figura escatologica a una figura
escatologica presente: (1) il mito del Anticristo viene razionalizzato; (2) la figura
mitotologica viene storicitata (BULTMANN ed altri).
Chi sono gli anticristi: coloro che sono usciti dalla comunità e pongono la problema alla
comunità, come mai, che potevano essere della comunità e adesso si comportano
così. L'autore spiega il fatto così: loro non appartenevano mai davvero alla comunità,
già dall'inizio erano fuori, anche se non appertamente. Si intravede un dualismo (i
buoni e i sempre malvaggi). Fa parte di demonizzare gli avversari, che trova i suoi
radici già in Gv.

vv20-21
20
kai. u`mei/j cri/sma e;cete avpo. tou/ a`gi,ou kai. oi;date pa,ntejÅ

22
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

21
ouvk e;graya u`mi/n o[ti ouvk oi;date th.n avlh,qeian avllV o[ti oi;date auvth.n kai.
o[ti pa/n yeu/doj evk th/j avlhqei,aj ouvk e;stinÅ
Questa visione in vv20-21: hanno il crisma (probabilmente ) forse l'insegnamento che
hanno ricevuto in occassione del battesimo. Il o[ti ouvk oi;date non è explicativo, ma
causale. Così finisce la prima antitesi.
Con il tema pseudos si prepara giá la seconda antitesi.

vv22-25
22
Ti,j evstin o` yeu,sthj eiv mh. o` avrnou,menoj o[ti VIhsou/j ouvk e;stin o` Cristo,jÈ
ou-to,j evstin o` avnti,cristoj( o` avrnou,menoj to.n pate,ra kai. to.n ui`o,nÅ
23
pa/j o` avrnou,menoj to.n ui`o.n ouvde. to.n pate,ra e;cei( o` o`mologw/n to.n ui`o.n
kai. to.n pate,ra e;ceiÅ
24
u`mei/j o] hvkou,sate avpV avrch/j( evn u`mi/n mene,twÅ eva.n evn u`mi/n mei,nh| o]
avpV avrch/j hvkou,sate( kai. u`mei/j evn tw/| ui`w/| kai. evn tw/| patri. menei/teÅ
25
kai. au[th evsti.n h` evpaggeli,a h]n auvto.j evphggei,lato h`mi/n( th.n zwh.n th.n
aivw,nionÅ
Ultima frase non si trova in tutti i manuscritti, forse perché disturba un po' la
composizione del brano (vede Nestle-Aland).
Discusso nei commentari: che cosa significa "negare, che Gesù è il Cristo"? (1) La
negazione della divinità di Gesù? Secondo il nostro quadro di una lettera post-
conversale, questo non entra bene. (2) Quindi si tratto piu di un problema della
soteriologia e non di cristologia. Abbiamo da una parte gente entusiasta (super-
carismatici), che pensano di aver ricevuto lo Spirito, non hanno più bisogno di un
Cristo, e d'altra parte coloro che sanno che la loro salvezza è dovuto al Cristo. In
questo è neccessario di confessare il Cristo e di avere il Padre.
v23: l'espressione come tale non è biblica, ma piùttosto ellenistica che viene dalla
mistica e dall'entusiasmo. "to.n pate,ra e;cei" forse utilizzato dai avversari, ma in modo
sbagliato dagli avversari.
vv24.25 parte positiva con il casus pendens "u`mei/j" (ciò che tocca a voi, vedi BDR
§???).
v25: evpaggeli,a un concetto che si trova nelle lettere deuteropauline. Il contenuto: la
vita eterna. Questo è molto centrale nel nostro documento. Troviamo questo tema già
all'inizio del nostro documento e alla fine del cap 5. Anche nelle tre parti della lettera è
esistente (3,14.15; 5,11ss; 5,16-20). Secondo BEUTERL conferma di vedere
l'antropologia nel centro del messaggio.

vv26-28
26
Tau/ta e;graya u`mi/n peri. tw/n planw,ntwn u`ma/jÅ
27
kai. u`mei/j to. cri/sma o] evla,bete avpV auvtou/( me,nei evn u`mi/n kai. ouv crei,an
e;cete i[na tij dida,skh| u`ma/j( avllV w`j to. auvtou/ cri/sma dida,skei u`ma/j peri.
pa,ntwn kai. avlhqe,j evstin kai. ouvk e;stin yeu/doj( kai. kaqw.j evdi,daxen
u`ma/j( me,nete evn auvtw/|Å
Forse come in 2,15 l'aoristo di Tau/ta e;graya può riferirsi all'atto di scrivere
recentemente.

23
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

Seconda volta un kai. u`mei/j, che è un po' staccato dal contesto, casus pendens
ancora; non segue un verbo, ma cambio di un soggetto ( to. cri/sma). La frase non è
molto facile da interpretare/tradurre.
"avllV w`j" non sembra coerente; disturba poi il " kai.". BEUTLER preferisce di dividerlo
in due parti: "come il suo unzione vi insegna ed e vero (?)", e poi ancora due parti "e
come questo crisma vi ha insegnato rimanete in lui". Ancora il concetto dell'unzione.

Attualità - messaggio
Fuori della chiesa ci sono elementi carismatici, che ritengono una nuova forma di
gnosi, illuminazioni. Entusiasmo del gruppo mette in dubbio l'esistenza storica della
lotta (??), negazione della risurrezione, perché è lo Spirito di al di là che è importante,
quindi l ...

Rompere con il peccato, fare giustizia (1Gv 2,28-3,10)


1. contesto e struttura

1.1. contesto
con esso comincia la seconda parte della 1Gv. In tutte le tre parti abbiamo condizioni
per la comunione con dio nella nuova alleanza. Abbiamo concetti differenti per
descriverla. Nella prima parte: mondo metaforico della luce; adesso nuovo termine:
concetto della giustizia (presa dalla spiritualità dell'AT e del giudaismo
contemporaneo). Si estende fino a 3,10; segue una sezione "osservazione dei
comandamenti e l'amore reciproco" (3,11-24) e poi qualla finale (4,1-6): retta fede e la
rottura con il mondo.

1.2. Struttura:
BEUTLER propone una divisione in tre parti principali:
(1) 2,28-3,2: essere cristiano
con tre antitesi (veda sintatica!!; chi rimane solo al livello simantica, avrà molto fatica di
trovare strutture): tre imperativi (rimanere, conoscere, vedere), una transizione, tre
indicativi.
(2) 3,3-8: azione cristiana in tre antitesi
(3) 3,9s: conclusione – figlio di Dio e figli del Diavolo.

2. Interpretazione
vv 2,28-3,2
28
Kai. nu/n( tekni,a( me,nete evn auvtw/|( i[na eva.n fanerwqh/| scw/men parrhsi,an kai.
mh. aivscunqw/men avpV auvtou/ evn th/| parousi,a| auvtou/Å

24
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

29
eva.n eivdh/te o[ti di,kaio,j evstin( ginw,skete o[ti kai. pa/j o` poiw/n th.n
dikaiosu,nhn evx auvtou/ gege,nnhtaiÅ
1
i;dete potaph.n avga,phn de,dwken h`mi/n o` path.r( i[na te,kna qeou/ klhqw/men( kai.
evsme,nÅ dia. tou/to o` ko,smoj ouv ginw,skei h`ma/j( o[ti ouvk e;gnw auvto,nÅ
2
avgaphtoi,( nu/n te,kna qeou/ evsmen( kai. ou;pw evfanerw,qh ti, evso,meqaÅ
oi;damen o[ti eva.n fanerwqh/|( o[moioi auvtw/| evso,meqa( o[ti ovyo,meqa auvto.n
kaqw,j evstinÅ

Tre imperativi rinvitano il cristiano a "rimanere" in Cristo e a conoscere o vedere la


propria dignità di essere figli di Dio o generati da Lui. In questo senso si può dire l'agire
segue l'essere. Ricordi il vv22-27: "rimanete in lui". Questo viene ripreso in forma di
indicativo. L'agire è introdotto solo con il termine di "giustizia". Chi fa ciò che è giusto
affronterà senza paurla l'"apparire" di Cristo. Un termine usato anche nel culto
imperiale per un ingresso glorioso o per un giudizio. Si riferisce alla parusia, alla
apparizione dell'Imperatore quando fa una visita di una provincia.
Si aspetta una futura venuta del Cristo. SCHNELLE pensa che debba essere più vecchio
del Vangelo, ma potrebbe anche riferisi ad una tradizione. Sec. SCHNELLE si tratta di
una escatologia più antica di Paulo, tutto nel futuro, che sembra più achaico.
Secondo BEUTLER 1Giov è più tardiva, si tratta qua solo a un ricorso a una tradizione
più antica. Si trova in conflitto con un gruppo carismatico, che accetta la presenza
dell'escatologia, quindi serve soprattutto un rimando all'aspetto futuro della escatologia.
"La figliolanza divina" è il concetto principale. Sembra biblico, ma non tanto: Nell'AT si
parla della filgiolanza divina a proposito del re, come figlio di Dio, figlio adottivo di Dio;
ma anche in riferimento di tutto il popolo (soprattutto in Dtn) – cf. Gv 10: nel momento
del stabilire l'alleanza, il popolo diventa figlio di Dio, perde questo privileggio dopo il
culto idiolatrico del buio d'oro.
Cf. Aratus: "siamo della sua razza/essenza", Filone. Quindi anche gli avversari,
essendo sotto l'influsso dell'ellenismo, divide questo concetto, ma serve una correttura.
L'autore non radica la figliolanza con il dono dello Spirito – forse perché ha da fare con
i entusiastici.

vv 3-5
3
kai. pa/j o` e;cwn th.n evlpi,da tau,thn evpV auvtw/| a`gni,zei e`auto,n( kaqw.j
evkei/noj a`gno,j evstinÅ
4
Pa/j o` poiw/n th.n a`marti,an kai. th.n avnomi,an poiei/( kai. h` a`marti,a evsti.n h`
avnomi,aÅ
5
kai. oi;date o[ti evkei/noj evfanerw,qh( i[na ta.j a`marti,aj a;rh|( kai. a`marti,a evn
auvtw/| ouvk e;stinÅ
In una prima antitesi "anomia" "lw[": concetto "essere senza legge", ma anche
"sacrileggio escatologico", che sarebbe in ebraico "lw[). quindi, non fanno uno sbaglio
morale, ma un sacrilegio escatologico. I cristiani non sono semplicemente liberi dal
peccati, ma liberati da Cristo.

vv6-7a:
6
pa/j o` evn auvtw/| me,nwn ouvc a`marta,nei\ pa/j o` a`marta,nwn ouvc e`w,raken
auvto.n ouvde. e;gnwken auvto,nÅ

25
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

7
Tekni,a( mhdei.j plana,tw u`ma/j\ o` poiw/n th.n dikaiosu,nhn di,kaio,j evstin( kaqw.j
evkei/noj di,kaio,j evstin\
terza antitesi: sono introdotte come la prima con un participio.
L'autore deduce dall'essere all'agire! Veda struttura chiastica per motivo di pensiero:
cristiani – conclusione dall'essere all'agire, per avere giudizio a quelli che sono cristiani
o no, si parte dal loro agire all'essere.

vv7b-8
7
Tekni,a( mhdei.j plana,tw u`ma/j\ o` poiw/n th.n dikaiosu,nhn di,kaio,j evstin( kaqw.j
evkei/noj di,kaio,j evstin\
8
o` poiw/n th.n a`marti,an evk tou/ diabo,lou evsti,n( o[ti avpV avrch/j o` dia,boloj
a`marta,neiÅ eivj tou/to evfanerw,qh o` ui`o.j tou/ qeou/( i[na lu,sh| ta. e;rga tou/
diabo,louÅ
Ultima antitesi: fare la giustizia venne opposto al fare il peccato. "Fare la giustizia" è
agire come Gesù, chi fa il peccato è come il diavolo, che pecca fin dall'inizio.
I lettori appartengono o all'unico giusto o a Satana (cf. Gv 8,44).

vv9-10
9
Pa/j o` gegennhme,noj evk tou/ qeou/ a`marti,an ouv poiei/( o[ti spe,rma auvtou/ evn
auvtw/| me,nei( kai. ouv du,natai a`marta,nein( o[ti evk tou/ qeou/ gege,nnhtaiÅ
10
evn tou,tw| fanera, evstin ta. te,kna tou/ qeou/ kai. ta. te,kna tou/ diabo,lou\ pa/j o` mh.
poiw/n dikaiosu,nhn ouvk e;stin evk tou/ qeou/( kai. o` mh. avgapw/n to.n avdelfo.n
auvtou/Å
Ancor una volta: deduzione dall'agire all'essere (e viceversa): chi è nato da Dio non
commette il peccato e non può peccare. La contraddizione con 1,8 e 1,19 è risolta se
nel cap. 1 c'è un discroso riguardante i cristiani come uomini, mentre nel cap. 3
riguarda loro in quanto cirstiani. La santità escatologica del Popolo di Dio è il
messaggio dei profeti dei tempi esilici (cfr. is 60,21; Ger 31,31-34; Ez 36,25s; Dan 7,18
e 7,27). Il "seme" di Dio può essere la sua vita ricevuta per mezzo della fede.

Messaggio
L'essere un figlio di dio non è un dono naturale (cf. ...) per la 1Gv, ma un dono ricevuto
nella fede. Esso è strettamente collegato con la pratica della giustizia – una prospettiva
molto attuale.

14. Osservanza dei comandamenti: l'amore fraterno (1Gv 3,11-


24
1. struttura
Sec. R. BROWN comincia qui seconda metà, si riferisce al vangelo di Gv 2,12: tema
dell'amore (13,1- cap. 20). Problema: sembra una tripartizione. Il tema dell'amarsi gli
uni gli altri è dominante e inconrnicia la sezione (vv 11s e 23s).

26
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

Quindi la struttura: Introduzione – tre antitesi – conlcusione. Le tre antitesti hanno un


parallelismo sinonimo: la prima, vv. 12-15, l'amarsi gli uni gli altri è opposto all'odio sec.
l'esperienza che i membri della comunità fanno di esso nel mondo circostante. Nella
seconda: vv 16s, l'amore mostrato da Cristo dando la sua vita per i suoi è opposto al
cuore gelido di una persona che firiuta il pane necessario al suo compagno. La terza,
vv. 18-22, oppone l'amore soloa aprole al vero amore mostrato con i fatti e vissuto
nella verità. Nel primo caso il cuore ... (veda foglio)

2. Interpretazione
vv11-12:
11
{Oti au[th evsti.n h` avggeli,a h]n hvkou,sate avpV avrch/j( i[na avgapw/men
avllh,louj(
12
ouv kaqw.j Ka,i?n evk tou/ ponhrou/ h=n kai. e;sfaxen to.n avdelfo.n auvtou/\ kai.
ca,rin ti,noj e;sfaxen auvto,nÈ o[ti ta. e;rga auvtou/ ponhra. h=n ta. de. tou/ avdelfou/
auvtou/ di,kaiaÅ
Nei versetti 2,28-3,10, il concetto astratto diventa concreto: praticare la giustizia. L'idea
era stata preparata al v. 10. Il messaggio annunciato "fin dal principio" è il
comandamento dell'amore reciproco. E' più vicino a Paolo: parla di questo concetto
che fa la sintesti della tora (Gal 5).
Invece di rifarsi all'esempio positivo di Cristo, l'autore nomina Caino come qualcuno
che era dal maligno e di cui le opere erano male (egli è interpretato dualisticamente).

vv13-15: la prima antitesi


13
ÎKai.Ð mh. qauma,zete( avdelfoi,( eiv misei/ u`ma/j o` ko,smojÅ
14
h`mei/j oi;damen o[ti metabebh,kamen evk tou/ qana,tou eivj th.n zwh,n( o[ti
avgapw/men tou.j avdelfou,j\ o` mh. avgapw/n me,nei evn tw/| qana,tw|Å
15
pa/j o` misw/n to.n avdelfo.n auvtou/ avnqrwpokto,noj evsti,n( kai. oi;date o[ti pa/j
avnqrwpokto,noj ouvk e;cei zwh.n aivw,nion evn auvtw/| me,nousanÅ
Introduce il tema dell'odio, contrario all'amore. Esperienze o fatte attivo o passivo
(come vittima). C'è il pericolo di odiare per i cirstiani stessi. Con questa opoposizione
odio-amore, si collega vita-morte. L'autore potrebbe ancora pensare a Caino (in Gv
8,44): "l'assasino". L'amore è segno della vita eterna, termine chiave della lettera.
Dalla mancanza dell'amore suscita l'omicidio. Conceto del avnqrwpokto,noj: si
potrebbe aspettare omicidio del fratello, ma questo concetto è più vasto per coprire tutti
gli omicidi della storia. Così anche l'omicidio di Caino diventa figura per tutti gli altri.

vv16-17: la secondo antitesi: il tema della vita


16
evn tou,tw| evgnw,kamen th.n avga,phn( o[ti evkei/noj u`pe.r h`mw/n th.n yuch.n
auvtou/ e;qhken\ kai. h`mei/j ovfei,lomen u`pe.r tw/n avdelfw/n ta.j yuca.j qei/naiÅ
17
o]j dV a'n e;ch| to.n bi,on tou/ ko,smou kai. qewrh/| to.n avdelfo.n auvtou/ crei,an
e;conta kai. klei,sh| ta. spla,gcna auvtou/ avpV auvtou/( pw/j h` avga,ph tou/ qeou/
me,nei evn auvtw/|È
Cristo ha dato la sua vita fisica ( yuch.) per noi. Nello stesso modo, noi dobbiamo dare
le nostre ricchezze, il necessario per vivere (bi,oj) ai fratelli. Riguardo Cristo che dà la

27
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

sua vita per i suoi, confronta Gv 10,11.15.17 (buon pastore); riguardo all'amico che dà
la sua vita per l'amico, Gv 15,13.
Dopo l'esempio negativo nella prima antitesi (omicidio) si presenta nella seconda
l'esempio positivo (l'amore di Cristo).

vv18-22: la terza antitesi:


18
Tekni,a( mh. avgapw/men lo,gw| mhde. th/| glw,ssh| avlla. evn e;rgw| kai. avlhqei,a|Å
19
ÎKai.Ð evn tou,tw| gnwso,meqa o[ti evk th/j avlhqei,aj evsme,n( kai. e;mprosqen
auvtou/ pei,somen th.n kardi,an h`mw/n(
20
o[ti eva.n kataginw,skh| h`mw/n h` kardi,a( o[ti mei,zwn evsti.n o` qeo.j th/j kardi,aj
h`mw/n kai. ginw,skei pa,ntaÅ
21
VAgaphtoi,( eva.n h` kardi,a Îh`mw/nÐ mh. kataginw,skh|( parrhsi,an e;comen pro.j
to.n qeo,n
22
kai. o] eva.n aivtw/men lamba,nomen avpV auvtou/( o[ti ta.j evntola.j auvtou/
throu/men kai. ta. avresta. evnw,pion auvtou/ poiou/menÅ
Inizia con una esortazione (non amare a parole, ma nei fatti e nella verità). Viene
concretizzata (logoj con la lingua; l'opera radicata nella verità di Dio).
Difficilissimo v19: spesso interpretato come rassicurazione del cuore. Ma e;mprosqen
significa piuttosto persuadere (überzeugen), non rassicurare. Rinforza la responsabilità
dlla nostra coscenza.

vv23-24: versetti conclusivi


23
Kai. au[th evsti.n h` evntolh. auvtou/( i[na pisteu,swmen tw/| ovno,mati tou/ ui`ou/
auvtou/ VIhsou/ Cristou/ kai. avgapw/men avllh,louj( kaqw.j e;dwken evntolh.n
h`mi/nÅ
24
kai. o` thrw/n ta.j evntola.j auvtou/ evn auvtw/| me,nei kai. auvto.j evn auvtw/|\ kai.
evn tou,tw| ginw,skomen o[ti me,nei evn h`mi/n( evk tou/ pneu,matoj ou- h`mi/n
e;dwkenÅ
Chiude e prepare il testo successivo. Si riprende il tema e la conclude. Dall'altra parte
è già introdotto il tema della fede e nello stesso tempo quello dello Spirito. entrambi i
temi saranno approfonditi in 4,1-6. Si noti che lo Spirito non è tema indipendente, ma
introdotto solo nel contesto della chiamata al discernimento degli Spiriti. Quindi,
affronta l'opinione troppo facile e rapido di avere lo Spirito!

3. Messaggio
L'amore vicendevole nella comunità e oltre. La figura di Caino come avnqropoktonoj; si
torna all'inizio dell'umanità, in cui non c'era ancora un popolo di Dio. Sembra che i
membri si interessano solo nella comunità, manca l'amore dei nemici – che è
importante per la tradizione cristiana.
L'emfasi sull' avnqropoktonoj sembra anche
Lev 19,18: "L'amore del prossimo" spesso titolato, ma in verità si parla del [;re, che
non è plhsio,n. è piuttosto spaziale, locale. [;re è quello che appartiene al mio popolo
etnico, in questo si vive la etica. Il [;re non è uno che sta fisicamente vicino a me, ma
che appartiene al mio popolo. La traduzione plh,sion non sembra felice. Giovanni usa
questo concetto per l'amore fraterno e così è più vicino al senso della parola ebraica.

28
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

15. Excursus: L'interpretazione di 1Gv 3,19s


19
ÎKai.Ð evn tou,tw| gnwso,meqa o[ti evk th/j avlhqei,aj evsme,n( kai. e;mprosqen
auvtou/ pei,somen th.n kardi,an h`mw/n(
20
o[ti eva.n kataginw,skh| h`mw/n h` kardi,a( o[ti mei,zwn evsti.n o` qeo.j th/j kardi,aj
h`mw/n kai. ginw,skei pa,ntaÅ

1.Soluzione tradizionale Cattolica, Ortodossa e Riformata:


Se la nostra cuore ci accusa per mancanza dell'amore fraterna, attenti: Dio è ancora
più grande. Questa traduzione nel senso positivo viene seguito in v21 (il cuore non ci
accusa). Tutti i traduzioni seguenti crolla ....

2. La soluzione luterana ed ecumenica


Da questo conosceremo che siamo della verità e rassicureremo i nostri cuori innanzi a
lui ogni volta che i nostri ci condannino; perché Dio è più grande dei nostri cuori e
conosce ogni cosa.
...

3. Altri soluzioni: Richardson, Court, Scarano

Richardson:
Sec. lui. pei,qw: convincere – mantiene il senso normale di convincere. Kardi,a è
realmente il cuore e non la coscienza. Veda trad. nel foglio.
Rimane sul livello intellettuale, questo non è convincente.

J. M. Court
Connette ...

ripensamenti: L'anno sabbatico (contesto) ???

Beutler: sembra leggittimo: se vediamo la struttura trenaria, anche qui un antitesi: Dio
vede tutto e perdona tutto.

A. Scarano:
Cerca un compromesso storico. Cerca di andare fino agli inizio dell'interpretazioni di
questi versetti (anche attrav. i padri della Chiesa, soprattutto Agostino PL 35, SC75).
Stadio di discussione libera dal problema luterana della giustificazione, e quindi dice:
Dio vede tutto, il nostro cuore negativo e positivo, che può comprendere i nostri
peccati, ma anche la nostra giustizia (simul iustus e pecator). Punto importante: non,

29
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

se siamo giusti o no, ma che stiamo davanti a Dio con tutta la nostra verità e spetta a
Dio solo il giudizio su di noi.

16.Rottura con il mondo: la retta fede: 1Gv 4,1-6

1. contesto e struttura
Porta a compimento la sec. parte di 1Joh. Si presenta, parallelamente a 2,18-27, come
un'unnità distinta. Quindi, non è un excursus, né un semplice colleghiamento del
contesto successivo.
La tematica: lo Spirito, è solo trattato qui nella 1Joh: una svillupata pneumatologia.
Viene trattato sotto la questione della distinzione degli spiriti (pneumatologia pratica). In
altri posti di Joh manca una pneumatologia.
Parla dello Spirito in 4,13 e 5,6.8: qui manca peró una pneumatologia ... Ma oltre
manca una teologia sullo Spirito come tale.
2,1 intravvedere che l'autore non si interessa a una pneumatologia svillupata. Il
paraclito non è lo Spirito; Joh 14,16: tutti gli altri testi in Joh 14 parlano dello Spirito
come paraclitos. L'autori di 1Joh ricorrono a questo archaico modo di parlare dello
Spirito. Ed è per questo che alcuni ritengono questo testo più antico di Joh; per noi
però piutttosto un ....
Quindi: una pneumatologia indipendente non sembra di esserci; si serve della
tradizione. Cf. 1Cor 12-14:

Anche questa sezione è formata da una introduzione, tre antitesi ed una corta
conclusione:
v1: introduzione: provare gli Spiriti
v2s prima antitesi: il criterio per il discernimento: confessare Cristo incarnato
v4s: seconda antitesi: l'origine dei destinatari e degli oppositori
v6a-d: terza antitesi: la conseguenza della differente origine: ascoltare l'autore e la
comunità oppure no.
v6e: conclusione.

2. Interpretazione
v1
1
VAgaphtoi,( mh. panti. pneu,mati pisteu,ete avlla. dokima,zete ta. pneu,mata eiv evk
tou/ qeou/ evstin( o[ti polloi. yeudoprofh/tai evxelhlu,qasin eivj to.n ko,smonÅ
Agapätoi: espressione formale. Essere amati da Dio caratterizza i destinatari. Abbiamo
già una emfasi sull'amore ricevuto da Dio e non diviso tra i fratelli. Gli spiriti devono
essere esaminati relativamente alla loro provenienza divina (il tema generale
dell'essere figli di Dio trova così seguito). I lettori non devono confidare di qualsivoglia
Spirito. Quindi, si parla dei pseudo-spiriti (cf. Sinottici: Mt 13,22, Apocolisse). Gli
pseudoprofeti ha dimensioni escatologiche. Cf. 4,6: Spirito della verità e della

30
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

confusione ha una traccia nella tradizione ebraica e nella regola della setta 1Q 3,13-
4,26. In questo testo di Qumran, i figuri sono piuttosto movimenti dell'anima; vengono
da fuori, però entrano nel cuore del fedele, che deve decidersi di seguirlo o meno.
Anche qui, l'autore dà criteri secondo i quali si può fare la distinzione.
In 1Joh i Spiriti sono opposti come forze escatologiche. Il fedele si trova in una
battaglia escatologica. Questi spiriti sono escatologici nel senso stretto anche
apocalitici, sono quasi mitologici (BULTMANN: hanno il loro posto fuori la storia). Il fatto
che questi spiriti sono messi dentro la storia, sono realtà del mondo vissuto dal fedele.
Una particolarietà dell'autore di 1Joh: vede gli avversari identici con il gruppo dei
avversari nella comunità, che hanno lasciato la communità e si trovano adesso fuori di
essa.
Nel nostro testo, questo schisma non è menzionato, però forse presupposto. Essi sono
già fuori, anche se ancora dentro la comunità.

vv2s: prima antitesi


2
evn tou,tw| ginw,skete to. pneu/ma tou/ qeou/\ pa/n pneu/ma o] o`mologei/ VIhsou/n
Cristo.n evn sarki. evlhluqo,ta evk tou/ qeou/ evstin(
3
kai. pa/n pneu/ma o] mh. o`mologei/ to.n VIhsou/n evk tou/ qeou/ ouvk e;stin\ kai.
tou/to, evstin to. tou/ avnticri,stou( o] avkhko,ate o[ti e;rcetai( kai. nu/n evn tw/|
ko,smw| evsti.n h;dhÅ
Il criterio del possesso dello Spirito è la confessione di Gesù Cristo venuto nella carne.
Alcuni pensano che giovanni sia qui in polemica con un Gnosticismo (cf. l'introduzione
sugli avversari di questa lettera: opposizione tra Cristo celeste, che è lo Spirito, e Gesù
terrestre). Se fosse vero: si aspetterei delle affermazioni che il Cristo è Gesù. Questa
affermazione però manca.
Così più ragionevole: comprendere in senso soteriologico.
Per sostenere il Gnosticismo, alcuni leggono invede di "mh, o`mologei/" "lu,ei". Anche
Ireneo, che si trova in battaglia con i Gnostici, non cita questo passo così ??????
Scopo della affermazione: "credere in Gesù venuto nella carne". Accento sulla carne
come tale? Oppure nella venuta più generale, più soteriologico?
Alcuni: "venuto nella carne" è decesivo. BEUTLER lo dubbita, per motivo: la confessione
viene ripetuto nel versetto seguente v2; v3 ripete senza riprendere "evn sarki," – quindi,
non è così decisivo la venuto nella carna, ma la venuta come tale (per la nostra
salvezza). Questo si inquadra molto bene con il resto della nostra lettura. Poi dice
Gesu Cristo e non a rovescio – come si aspetterebbe per dare più emfasi sulla venuta
nella carne.
come in 2,18ss gli oppositori appaiono come figure escatologiche (pseudoprofeti, cf.
Mc 13,22 e paralleli, 2Pt 2,1, Anticristo).

vv4s: seconda antitesi


4
u`mei/j evk tou/ qeou/ evste( tekni,a( kai. nenikh,kate auvtou,j( o[ti mei,zwn evsti.n o`
evn u`mi/n h' o` evn tw/| ko,smw|Å
5
auvtoi. evk tou/ ko,smou eivsi,n( dia. tou/to evk tou/ ko,smou lalou/sin kai. o` ko,smoj
auvtw/n avkou,eiÅ

31
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

L'essere da Dio conduce dal v2s alla nostra sotto-unità. Ora l'autore attribuisce questa
dignità ai suoi destinatari (u`mei/j). Essi "hanno vinto" il loro nemici, adesso identificati
con le forze del male o "del mondo§, da cui gli avversari vengono (cf. Gv 16,33; 1Gv
2,13: rassicurazione dei fedeli che hanno già vinto; 5,4s: la vinta viene ripresa). La
vittoria è stata raggiunta per mezzo della cedisione della fede. Non dice il testo, ma
sappiamo dalle parallele.
v5: sono caratterizzati dal mondo, parlano come il mondo, ricevono applauso dal
mondo. Si parla della provenienza, ma alla fine c'è la transizione alla (dall'essere
all'agire) al parlare.

v6: terza antitesi


6
h`mei/j evk tou/ qeou/ evsmen( o` ginw,skwn to.n qeo.n avkou,ei h`mw/n( o]j ouvk
e;stin evk tou/ qeou/ ouvk avkou,ei h`mw/nÅ evk tou,tou ginw,skomen to. pneu/ma th/j
avlhqei,aj kai. to. pneu/ma th/j pla,nhjÅ
Si parte di nuovo dall'essere. Riprende il tema precedente. h`mei/j iniziale: nel senso
più generale i credenti in Gesù Cristo. Alcuni lo ritengono come ... a causa ciò che
segue. Quindi: noi (cristiani, appartenenti alla comunità); o: noi come autorità (??). Chi
ha queste caratteristiche ascolta i suoi, così gli eletti ascoltano l'autore e la sua
comunità. Di nuovo un dualismo forte: dall'essere suscita l'agire Nessuna
comunicazione è peremssa tra i due gruppi. L'appartenenza ad uno di essi si spiega in
ragione delle differente origine: dallo Spirito di verità o dallo Spirito dell'Errore.

3. Messaggio
La nostra lettera non offre una pneumatologia sua propria. Ciò che essa offre sono
criteri per il discernimento degli Spiriti. Il criterio principale è Cristo che viene nella
carne. Cosí la lettera non è un documento esoterico, ma conduce dentro la vita e le
lotte di ogni giorno.

19 aprile 2005

17/18. L'osservanza dei comandamenti: l'amore fraterno (1Gv


4,7-21)
1. Contesto e struttura
Distinzione di tre parti prinicpali: -2,27; 2,28-4,6 (quindi versetto precedente concludeva
questa parte principale); 4,7-5,13 dove il tema dell'amore è centrale.
In ciascuna sezione principale sempre tre parti; aspettiamo ancora questo –
cominciando con rottura con il peccato. Però facendo il paragone vediamo che questa
sezione "rottura con il peccato" non c'è. L'autore comincia subito con la seconda
sezione. Ragione: A questo punto, l'autore presuppone che questa tema "rottura con il
peccata" sia ormai conosciuto.

32
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

vv7-21 unità tematica, quindi lo consideriamo come una sezione a se stante (J DU


RAND, F. VOUGA). Per la divisione della sezione, tre frasi che definiscono cosa sia
"amore" sembrano essere importanti (quindi struttura sulla basa sintatica!):
- "in questo si è manifestato l'amore di Dio per noi" (v9)
- "in questo sta l'amore" (v10)
- "per questo l'amore ha raggiunto in noi la sua perfezione" (v17)

Su questa base dividiamo la sezione in


vv 7s introduzione seguito da tre parti (non tre antitesi!),
v9 la manifestazione dell'amore,
vv 10-16 l'essenza dell'amore,
vv 17s la perfezione dell'amore,
vv19-21 conclusione.
Un problema nei vv 13-16: Alcuni autori vedono anticipato il tema della fede, trattato in
5,1ss. Ma sembra meglio distinguere nei vv 10-16 un'affermazione iniziale circa
l'amore di Dio (v10), una prima applicazione riguardante la necessità dell'amore
reciproco (v11s) e tre ragioni per conoscere che Dio ci ha amato (vv 13-16): la
missione dello Spirito (v13), la missione del Figlio (v14s) e l'esperienza dell'amore di
Dio Padre stesso (v16). Così ne risulta una struttura Trinitaria in ordine ascendente.
Nell'introduzione, così come nella seconda e terza sottosezione e nella conclusione ci
sono antitesi, come siamo abituati a vederle.

2. Interpretazione
vv7s
7
VAgaphtoi,( avgapw/men avllh,louj( o[ti h` avga,ph evk tou/ qeou/ evstin( kai. pa/j o`
avgapw/n evk tou/ qeou/ gege,nnhtai kai. ginw,skei to.n qeo,nÅ
8
o` mh. avgapw/n ouvk e;gnw to.n qeo,n( o[ti o` qeo.j avga,ph evsti,nÅ
L'autore introduce al nuovo soggetto della Terza Parte: l'amore. In primo piano è la
chiamata all'amore reciproco (non è un trattato come amore oppure su Dio amore; è un
invito, una esortazione). Tre ragioni: l'origine dell'amore, l'origine dell'amante, ed il suo
privilegio. Il tema dell'"essere da" è preso dalla Parte Seconda, il tema del "conoscere
Dio" dall'ultima sottosezione (4,6). Che l'amore provenga da Dio è appreso per
rivelazione. Non è una speculazione sull'essenza di Dio! Anche che chi ama "è da" Dio
è frutto di rivelazione.
Chi dovrebbe essere amato? Il Codice A aggiunge: "Dio". Ma questo potrebbe essere
sbagliato (è l'unico Ms che lo riproduce così), dal momento che nel contesto l'enfasi è
sull'amore vicendevole dei Cristiani. Che Dio è amore trascende qualsiasi testo biblico.
E' un sommario dell'esperienza di fede dell'autore e del suo gruppo, non accessibile
alla ragione (non si tratta di una speculazione). Così la conclusione opposta è esclusa:
dall'esperienza umana dell'amore all'essenza di Dio (osservazione giusta di
BULTMANN). In ogni modo, la mancanza di amore è una prova della mancanza della
comunione della Nuova Alleanza con Dio nella conoscenza (come possibilmente
affermazione da un certo numero degli oppositori).

33
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

v9
9
evn tou,tw| evfanerw,qh h` avga,ph tou/ qeou/ evn h`mi/n( o[ti to.n ui`o.n auvtou/ to.n
monogenh/ avpe,stalken o` qeo.j eivj to.n ko,smon i[na zh,swmen diV auvtou/Å
Prima nel aoristo (v9), poi presente (v10) e d alla fine al perfetto rivolto al futuro (v17).
Dio ha mostrato il suo amore al fedele mandando il suo Figlio per la salvezza. Il testo è
vicino a Gv 3,16ss. Ma qui ci sono differenze: Dio non ama più il "mondo", esso è solo
la sfera della sua azione (lo spazio in cui entra il Figlio: eivj to.n ko,smon), e nemmeno
la fede come necessaria alla salvezza è più a lungo menzionata. La salvezza è
divenuta più oggettiva. Dalla comparazione con 1Gv 1,2 desumiamo che la
manifestazione dell'amore di Dio non è semplicemente un evento interno: Dio non lo
ha manifestato "in noi" (VOUGA; scrive molto sui gnostici e tende negli interpretazioni in
questa direzioni) o "attraverso di noi" (SCHNACKENBURG), ma "tra di noi" (con H.-J.
KLAUCK).

v10: essenza dell'amore


10
evn tou,tw| evsti.n h` avga,ph( ouvc o[ti h`mei/j hvgaph,kamen to.n qeo.n avllV o[ti
auvto.j hvga,phsen h`ma/j kai. avpe,steilen to.n ui`o.n auvtou/ i`lasmo.n peri. tw/n
a`martiw/n h`mw/nÅ
Ora l'essenza dell'amore può essere descritta. Esso non viene dagli uomini, ma da Dio
che ha mandato il suo Figlio per l'espiazione dei peccati degli uomini (cf. Rm 5,8.10).
Vocabulario cultico (cf Rm 3,25; Eb 2,17). Qualsiasi tentativo di autoredenzione umana
è in questo modo esclusivo (vedi gli avversari).

vv11s:
11
VAgaphtoi,( eiv ou[twj o` qeo.j hvga,phsen h`ma/j( kai. h`mei/j ovfei,lomen
avllh,louj avgapa/nÅ
12
qeo.n ouvdei.j pw,pote teqe,ataiÅ eva.n avgapw/men avllh,louj( o` qeo.j evn h`mi/n
me,nei kai. h` avga,ph auvtou/ evn h`mi/n teteleiwme,nh evsti,nÅ
Anche qui si ripete la tesi principale dell'autore: non il nostro amore verso Dio sta nel
centro, ma dà enfasi sull'amore ricevuto e poi vissuto nella comunità. La normale
conseguenza dell'amore di Dio verso di noi dovrebbe essere che noi amiamo Dio –
probabilmente un'affermazione fatta dagli avversari (Gli avversari molto facilemente si
ritengono come coloro che amano Dio.).
Per l'autore, la conseguenza è l'amore reciproco dei Cristiani (cf. 5,1 chi ama il
genitore, ama anche il generato). La visione mistica di Dio non può essere la base per
la relazione con Dio (cf. Gv 1,18; 5,37). Quando i Cristiani si amano a vicenda, l'amore
di Dio giungerà in essi alla perfezione (quasi certamente l'amore di Dio per loro, non il
loro amore per Dio: contesto!, dal punto della grammatica sarebbe anche possibile
diversamente).

vv13-16
13
VEn tou,tw| ginw,skomen o[ti evn auvtw/| me,nomen kai. auvto.j evn h`mi/n( o[ti evk
tou/ pneu,matoj auvtou/ de,dwken h`mi/nÅ
14
kai. h`mei/j teqea,meqa kai. marturou/men o[ti o` path.r avpe,stalken to.n ui`o.n
swth/ra tou/ ko,smouÅ

34
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

15
}Oj eva.n o`mologh,sh| o[ti VIhsou/j evstin o` ui`o.j tou/ qeou/( o` qeo.j evn auvtw/|
me,nei kai. auvto.j evn tw/| qew/|Å
16
kai. h`mei/j evgnw,kamen kai. pepisteu,kamen th.n avga,phn h]n e;cei o` qeo.j evn
h`mi/nÅ ~O qeo.j avga,ph evsti,n( kai. o` me,nwn evn th/| avga,ph| evn tw/| qew/|
me,nei kai. o` qeo.j evn auvtw/| me,neiÅ
Mentre sec. i vv11s il rimanere in Dio può essere riconosciuto dall'amore vicendevole,
sec. i vv13-16 può essere riconosciuto dalla corretta confessione. Un primo elemento è
credere nel "dono" dello Spirito per la salvezza (v13). L'espressione è influenzata da
Ez 36,26 nel contesto della Nuova Alleanza. Nel NT già Paolo vede il dono dello Spirito
e della redenzione per mezzo del Figlio (o missione del Figlio) come espressione
dell'amore di Dio (Rm 5,5.8) o la sua attività salvifica (Gal 4,4-6). Cf. anche 2Cor 13,13
la formula Trinitaria, che menziona esplicitamente l'amore di Dio, e Gv 14,15-24 (la
triplice inabitazione di Dio nel fedele: attraverso lo Spirito, Cristo e finalmente
personalmente! Dettagli in J. BEUTLER, Habt keine Angst, Stuttgart 1984, cap 3). Quindi
forse questo brano servi l'autore come base di questi versetti.
La seconda prova dell'amore di Dio è la missione del Figlio (v14s). La formulazione ,
soprattutto i verbi richiama l'inizio della Lettera (1,2). Ma il "noi" è cambiato e significa
ora la comunità credente, prima piuttosto l'autore e il suo gruppo. L'oggetto della
testimonianza è la loro esperienza di fede che il Cristo è il "Salvatore del mondo". Il
titolo è piuttosto Ellenistico (veda nella villa borghese su una statuetta) e ricorre, oltre
che in Gv 4,42, principalmente in Lc-At e nelle Lettere del NT. Ritorna anche nel culto
imperiale.
Gesù come "Figlio di Dio" (v15) sembra "Figlio di Dio" (v15) sembra essere equivalente
al suo titolo "Salvatore del mondo". Cf. la nostra interpretazione dei testi cristologici di
3,8 e 5,5.12.20. In modo simile abbiamo interpretato anche la venuta di Gesù nella
carne: 4,2s; cf 2Gv 7. La confessine di questa verità assicura salvezza in termini di
mutua inabitazione.
v16 è una parte in se stante (?). Nella doppia missione dello Spirito e del Figlio, Dio ha
mostrato il suo amore per i credenti, che confessano lui (v16). Per referenze bibliche
vedi sopra, v.13.

vv17s
17
VEn tou,tw| tetelei,wtai h` avga,ph meqV h`mw/n( i[na parrhsi,an e;cwmen evn th/|
h`me,ra| th/j kri,sewj( o[ti kaqw.j evkei/no,j evstin kai. h`mei/j evsmen evn tw/| ko,smw|
tou,tw|Å
18
fo,boj ouvk e;stin evn th/| avga,ph| avllV h` telei,a avga,ph e;xw ba,llei to.n
fo,bon( o[ti o` fo,boj ko,lasin e;cei( o` de. fobou,menoj ouv tetelei,wtai evn th/| avga,ph|
Å
Perfetto con il significato di futuro.
La perfezione dell'amore diviene manifesta nella rassicurazione di fronte al giudizio di
Dio (cf. sopra 3,21) nel bel mezzo dell'esistenza "nel mondo" (aspetto escatologico).
Essa esclude la paura, proprio in quanto è basata sull'amore di Dio per le proprie
creature.

vv19-21
19
h`mei/j avgapw/men( o[ti auvto.j prw/toj hvga,phsen h`ma/jÅ

35
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

20
eva,n tij ei;ph| o[ti avgapw/ to.n qeo.n kai. to.n avdelfo.n auvtou/ mish/|( yeu,sthj
evsti,n\ o` ga.r mh. avgapw/n to.n avdelfo.n auvtou/ o]n e`w,raken( to.n qeo.n o]n ouvc
e`w,raken ouv du,natai avgapa/nÅ
21
kai. tau,thn th.n evntolh.n e;comen avpV auvtou/( i[na o` avgapw/n to.n qeo.n
avgapa/| kai. to.n avdelfo.n auvtou/Å
Questi versetti formano una specie di sommario dei precedenti. Il v19 può essere
interpretato come "coortativo": "amiamo!". Adesso, finalmente, (ma cf. v12) si parla a
proposito del nostro amore per Dio, ma solamente insieme con l'amore del nostro
prossimo. Quindi, non si parla del nostro amore per Dio; se ce ne parla, sempre in
contesto del suo amore verso di noi. Testo senza oggetto in v19 (lettura difficilior):
amiamo, perché lui ci ha amati. Questo e il "suo" (ancora senza un oggetto chiaro; di
Dio o di Cristo. Questo fa anche intravedere anche che l'autore è un rappresentante di
un certo modalismo: Dio appare in Gesù) comandamento, cf. Mc 12,28-34 e parr.
Nessuno che "odi" suo fratello o sorella può affermare di amare Dio. Cf. le sezioni
parallele 2,3-11; 3,11-24.

3. Messaggio
Non è l'essenza di Dio che è amore, ma la connessione dell'amore di dio per noi, il
nostro amore per lui ed il nostro amore per i nostri compagni nella fede. Questo
messaggio sembra essere attuale, date le crescenti tendenze a rivalutare il misticismo,
l'esperienza religiosa personale e una separazione di religione e vita sociale o etica. E'
in un certo senso anche anti-intellettuale: quello che conta è la pratica, non la
speculazione.

19 In fede e amore e la vittoria sul mondo e la vita (1Gv 5,1-13)


19.1 Contesto e struttura
La sezione corrisponde alle due precedenti (2,12-17 e 4,1-6). Manca però la prima
parte di "rompere con il mondo"; il testo parla adesso della "vittori asul mondo". Questo
può essere dovuto alla posizione avanzata di questa unità testuale nell'inisieme della
struttura: cresce la fede, non c'è più bisogno di ricordare di rompere con il peccato,
perché c'è la fiducia che la conquista è già stata fatta.

Attraverso il tema della "fede" (base della fiducia sulla vitoria) e "vita" (conseguenza
della fede) la sezione è tenuta unita (alcuni autori la fanno finire con il v. 12). "Fede" ed
"essere generati da Dio". formano inoltre – in maniera chiastica – una inclusione tra i
vv. 1-4, che pertanto consideriamo come sotto-unità. Nei vv 5-13 altra inclusione è
generata dalla "fede" in Gesù come "Figlio di Dio". Tre frasi esplicative colpiscono i
nostri occhi: "Questi è colui che…" (v6), "la testimonianza di Dio è quella che…" (v9b)
e "E la testimonianza è questa…" (v11). Sviluppata diverso: primo come testimonianza
di Dio, poi come conseguenza per il fedele. La prima definizione non è spiegata più in

36
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

dettaglio, nella seconda è definito il testimone di Dio, nella terza la sua importanza
esistenziale per il fedele.
Antitesi ricorrono particolarmente alla fine (vv 10.12). Nel v12 la "fede nel Figlio" e
"l'avere il Figlio" sono opposte al loro contrario. La "vita" è la conseguenza, ciò che si
perde. Questo concetto conclude l'unità e prepara la successiva, l'ultima.

Per BEUTLER prende v13 ancora in questa parte (NESTLE-ALLAND no!).

19.2. Interpretazione I
v1
1
Pa/j o` pisteu,wn o[ti VIhsou/j evstin o` Cristo.j( evk tou/ qeou/ gege,nnhtai( kai. pa/j
o` avgapw/n to.n gennh,santa avgapa/| Îkai.Ð to.n gegennhme,non evx auvtou/Å
In un modo caratteristico, i principali temi della Lettera, "fede" e "amore", sono adesso
combinati. Questo di nuovo in paragone con i due parti precedenti (rottura con il mondo
e amore fraterno, rottura con il mondo e retta fede). Essi vanno insieme, dal momento
che l'appartenenza al genitore, manifestatosi nel Figlio, Gesù Cristo, in fede e amore
(4,7-71) include anche l'amore per i figli di quel genitore.

vv2s
2
evn tou,tw| ginw,skomen o[ti avgapw/men ta. te,kna tou/ qeou/( o[tan to.n qeo.n
avgapw/men kai. ta.j evntola.j auvtou/ poiw/menÅ
3
au[th ga,r evstin h` avga,ph tou/ qeou/( i[na ta.j evntola.j auvtou/ thrw/men( kai. ai`
evntolai. auvtou/ barei/ai ouvk eivsi,nÅ
Generalmente uno si aspetterebbe, che l'amore di (per) Dio possa essere riconosciuto
attraverso l'amore per i compagni Cristiani (cf. 2,3-11; 4,7-21). In questo caso, l'ordine
logico sembra essere invertito o, almeno, modificato: l'amore dei compagni Cristiani è
dedotto dalla prontezza a vivere secondo i comandamenti di Dio, particolarmente il
comandamento principale (così diventa quasi una tautologia). La teologia dell'alleanza
sembra soggiacere a questa prospettiva: l'"amore di Dio", come espressione
dell'unione con Dio nella Nuova Alleanza, include tutte le sfere.

v4
4
o[ti pa/n to. gegennhme,non evk tou/ qeou/ nika/| to.n ko,smon\ kai. au[th evsti.n h`
ni,kh h` nikh,sasa to.n ko,smon( h` pi,stij h`mw/nÅ
Questa comunione con Dio vince il mondo. Ciò che era vero per Cristo (Gv 16,33),
sarà ugualmente vero per i cristiani credenti.
Terminologia della "vittoria": veda Gv 16,33 conclude proprio con queste parole; cf.
anche 1Gv 2,12-14: questa vittoria è attestata adesso tutta la comunità

19.3. Interpretazione II
vv5s
5
Ti,j Îde,Ð evstin o` nikw/n to.n ko,smon eiv mh. o` pisteu,wn o[ti VIhsou/j evstin o`
ui`o.j tou/ qeou/È

37
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

6
ou-to,j evstin o` evlqw.n diV u[datoj kai. ai[matoj( VIhsou/j Cristo,j( ouvk evn tw/|
u[dati mo,non avllV evn tw/| u[dati kai. evn tw/| ai[mati\ kai. to. pneu/ma, evstin to.
marturou/n( o[ti to. pneu/ma, evstin h` avlh,qeiaÅ
Riprende il concetto della vittoria.
Di nuovo, la "fede" in Gesù Cristo incornicia la sottosezione. Il suo contenuto è la
missione di Cristo per la nostra salvezza. Il "venire di Cristo in acqua e sangue"
sembra far riferimento al suo venire nel suo battesimo ed alla sua opera di espiazione
per mezzo della sua morte in croce (così BEUTLER: riferimendosi al acqua di Giordano
e il sangue della croce).
G. RICHTER: rispetto ai gnostici, mette in rilievo la corporalietà di Gesù (secondo il
concetto di allora la persona umana viene dal sangue della madra, cioè simbolo per
l'umanità di Gesù; l'aspetto spirituale viene simbalizzato dall'acqua del battesimo). Altri:
riferimento ai due sacramenti (battesimo ed eucaristia): questo però si colloga
difficilmente con il contesto (venuta di Gesù). Altri: riferimento al costato da cui uscì
acqua e sangue: anche qui vale che non ha niente a che fare con il contesto (venuta di
Gesù).
Entrambi sono essenziali – diversamente dall'idea gnostica che Cristo non abbia
sofferto, ma solo Gesù. Dal principio, dal battesimo di Gesù, lo Spirito ha reso
testimonianza per lui (Gv 1,32-34).
Giovanni non riferisce il battesimo come tale: presenta solo il fiumo del Giordano, il
battista (senza nome) che dà testimonianza di Gesù. Questo è il suo ruolo per
Giovanni! L'evento dello Spirito, manca la voce del cielo, sostituita dalla testimonianza
di Giovanni per Gesù, che lui è il Filgio di Dio. Così cambia la tradizione sinottica (la
voce del cielo diventa la testimonianza del battista).

vv7s
7
o[ti trei/j eivsin oi` marturou/ntej(
8
to. pneu/ma kai. to. u[dwr kai. to. ai-ma( kai. oi` trei/j eivj to. e[n eivsinÅ
Con lo Spirito, anche l'acqua ed il sangue sono suoi testimoni (probabilmente per la
sua missione di salvezza). Cf. già il Canto del Servo di Is 42,1. I "tre testimoni in
paradiso" sono una aggiunta latina occidentale, trovata per la prima volta nell'itala.
Veda lunga nota dell'aparato critico: padre, logos, spirito santo; tre martiri sulla terra; Si
trova in maiuscolo, però non prima del VI sec.; quindi sembra una aggiunta.

vv9s
9
eiv th.n marturi,an tw/n avnqrw,pwn lamba,nomen( h` marturi,a tou/ qeou/ mei,zwn
evsti,n\ o[ti au[th evsti.n h` marturi,a tou/ qeou/ o[ti memartu,rhken peri. tou/ ui`ou/
auvtou/Å
10
o` pisteu,wn eivj to.n ui`o.n tou/ qeou/ e;cei th.n marturi,an evn e`autw/|( o` mh.
pisteu,wn tw/| qew/| yeu,sthn pepoi,hken auvto,n( o[ti ouv pepi,steuken eivj th.n
marturi,an h]n memartu,rhken o` qeo.j peri. tou/ ui`ou/ auvtou/Å
Nella testimonianza dello Spirito (come in altre testimonianze menzionate in Gv 5,31-
40; 8,12-20: Gesù accetta anche la testimonianza propria insieme a quella del Padre;
l'idea di avere due testimoni in Israele sembra di essere stato di evitare sempre di più
l'invocazione del nome di Dio come giuramento in affari umani!) il Padre stesso rende
testimonianza per il suo Figlio. Cf. BEUTLER, Martyria, cap. 6. Avere la testimonianza di

38
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

Dio "in se stessi" (th.n marturi,an evn e`autw/|) significa averla internalizzata per mezzo
della fede.

vv11-13
11
Kai. au[th evsti.n h` marturi,a( o[ti zwh.n aivw,nion e;dwken h`mi/n o` qeo,j( kai.
au[th h` zwh. evn tw/| ui`w/| auvtou/ evstinÅ
12
o` e;cwn to.n ui`o.n e;cei th.n zwh,n\ o` mh. e;cwn to.n ui`o.n tou/ qeou/ th.n zwh.n
ouvk e;ceiÅ
13
Tau/ta e;graya u`mi/n i[na eivdh/te o[ti zwh.n e;cete aivw,nion( toi/j pisteu,ousin eivj
to. o;noma tou/ ui`ou/ tou/ qeou/Å
Il contenuto di questa testimonianza è la vita in Cristo Salvatore. Il versetto finale (13)
sembra riprendere la prima conclusione del Vangelo di Giovanni: 20,30s. Chi non ha il
Figlio non ha la vita di Dio che viene nel Figlio.
Differenza tra Gv 20,30s e 1Gv: Gv più dinamico (voi abbiate la vita!), in 1Gv c'é solo il
ricordo (per quanto voi credete nel nome del Figlio di Dio, avete la vita ...).

19.4. Messaggio I
Il testo invita alla confidenza, radicata nella confessione di un Dio incarnato, anche
nelle umane sofferenze (Auschwitz!) e vissuta nella concreta realtà dell'amore.

20. Conclusione: esortazioni e rilievi conclusivi (1Gv 5,14-21)


20.1 Forma, struttura ed autenticità
I vv finali di 1Gv dopo 5,13 (fede in Gesù, figlio di Dio, ...) hanno una posizione simile al
cap 21 del Vangelo di Giovanni dopo 20,30s. Ricorrono alcuni temi che appaiono nuovi
e secondari, come la distinzione tra peccati che possono essere perdonati ed altri no.
Questo è il motivo per cui BULTMANN ed altri considerano i vv. 14-21 come appendice
seconadaria di un "redattore ecclesiastico". Ragioni: (1) non si trova niente di nuovo o
originale in questo brano; l'autore sintetizza la lettera (conoscenza, il peccato, come
superarlo, ...), si riferisce a ciò che già sanno (oi;damen); (2) una nuova idea, che
sembra un po' estranea all'autore in quanto conosciamo da prima: la distinzione tra
due peccati: "veniali" e "mortali". Rispecchia una disciplina penitenzale, giuridiche della
antica chiesa; che però non spetta alla chiesa.
La nostra interpretazione non seguirà uqesta proposta. non seguirà questa proposta.
Si fa un paragone con altre forme letteraria (soprattutto la chiusura con Gc). La sezione
piuttosto contiene elementi per la conclusione di una primitava lettera Christiana (cf.
Giacomo): in particolare esortazioni escatologiche (Gv 5,17s. paralello a 1Gv 5,13) ed
un riassunto di temi centrali precedenti (messa in guardia contro le liti ed esortazione
alla perseveranza: Gv 5,9-11; essere figli di Dio e conoscenza di Dio, 1Gv 5,18-20). Un
terzo elemento è la preghiera, insieme con l'attenzione ai fratelli peccatori (Gc 5,13-20;
cf. 1Gv 5,16s) con il doppio motivo: tema della preghiera applicato al fratello peccatore

39
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

e applicato alla comunità, ugualmente in una prospettiva escatologica (cf. F. O.


FRANCIS, citato sopra, pp. 1 e g).
Quindi, ci vediamo non una aggiunta, ma una sintesi.
La struttura della sezione è caratterizzata dalla ripresa di temi trattati precedentemente
come le preghiere ascoltate (vv 14s; cf 3,21s), con un'applicazione riguardante il
fratello peccatore (vv 16s); e la confidenza che coloro che credono non possono
peccare (v18, cf 3,9). In questi ultimi versetti, un tripplice "noi sappiamo" (oi;damen)
struttura il testo (questa struttura trenaria abbiamo già visto; manca qui però una
conclusione):
al v18 l'impeccabilità di quelli generati da Dio;
al v19 la doppia origine e stato del fedele e del 2mondo";
al v20 la conoscenza del "Dio vero"
il v21 contiene un avvertimento finale che sembra aggiunto, ma può essere anche
spiegato per la prospettiva della Nuova Alleanza che riempie la Lettera. In Nestle-
Aland è stato messo apparte.

20.2. Interpretazione
vv14s
14
Kai. au[th evsti.n h` parrhsi,a h]n e;comen pro.j auvto,n o[ti eva,n ti aivtw,meqa kata.
to. qe,lhma auvtou/ avkou,ei h`mw/nÅ
15
kai. eva.n oi;damen o[ti avkou,ei h`mw/n o] eva.n aivtw,meqa( oi;damen o[ti e;comen
ta. aivth,mata a] hv|th,kamen avpV auvtou/Å
v13 è conesso con la parte precedente! "Fiducia" (parrhsi,a) è una parola che l'autore
ama usare verso la fine delle diverse sezioni della sua lettera (cf. 2,28; 3,21, e un po'
anticipata in 4,17). Egli la riprende di nuovo in questo momento. Ora infatti c'è tempo
per parlare di una "blessed assurance" (J. COURT nel commento a 3,19). Questa
"assurance" (rassicurazine) significa concretamente la convinzine di venire esauditi
nelle preghiere.
v15 forma grammaticale dura, perché indicativo in una frase condizionale! Cosi
abbiamo una forma del greco classica (BDR forma post-classica, ellenistica).

vv16s
16
VEa,n tij i;dh| to.n avdelfo.n auvtou/ a`marta,nonta a`marti,an mh. pro.j
qa,naton( aivth,sei kai. dw,sei auvtw/| zwh,n( toi/j a`marta,nousin mh. pro.j qa,natonÅ
e;stin a`marti,a pro.j qa,naton\ ouv peri. evkei,nhj le,gw i[na evrwth,sh|Å
17
pa/sa avdiki,a a`marti,a evsti,n( kai. e;stin a`marti,a ouv pro.j qa,natonÅ
Un caso particolare è quello di un compagno membro ella comunità che pecca. Una
distinzione è fatta, e che divverà famosa nelle discussioni posteriore, circa i peccati
"mortali" e "veniali". Questa discussione non dovrebbe essere letta all'interno del testo
del NT: L'autore potrebbe pensare ad un peccato che consiste nel rigetto della grazia
di Dio, come il "peccato contro lo Spirito Santo" menzionato da Gesù nei Sinottici (Mc
3,28 parr.; cf. Eb 6,4-6).All'origine di questa distinzione sembra che sia la stessa
distinzione del AT; ci sono peccati che sono tanti gravi che meritano la morte del
peccatore nella Torah.

40
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

In ultima analisi questo sarebbe la separazione definitiva dalla comunità per apostasia.
Dall'altra parte, l'accenno ad un "peccato che non conduce alla morte" non significa
che ci esistano azioni cattive eticamente indifferenti (v. 17).
Forse si pensa a un peccatore non pentito; forse: l'autore conosce la realtà del peccato
nella comunità e l'autore conosce ... Peccato della morte deve essere un tale, che
separa da Dio conscientemente e quindi, non fa più senso, di pregare per lui: per es.
l'apostasia. Appartengano al mondo (cf. perghiera di Gesù in Gv 17,8 per i suoi, non
per il mondo).
v17: non ci sono decisione etiche, che non hanno una rivelanza etica, che sono
"libere", qualifica la persona. Ma ci sono diversi gradi di peccaminosità.

vv18-21
18
Oi;damen o[ti pa/j o` gegennhme,noj evk tou/ qeou/ ouvc a`marta,nei( avllV o`
gennhqei.j evk tou/ qeou/ threi/ auvto,n kai. o` ponhro.j ouvc a[ptetai auvtou/Å
19
oi;damen o[ti evk tou/ qeou/ evsmen kai. o` ko,smoj o[loj evn tw/| ponhrw/| kei/taiÅ
20
oi;damen de. o[ti o` ui`o.j tou/ qeou/ h[kei kai. de,dwken h`mi/n dia,noian i[na
ginw,skwmen to.n avlhqino,n( kai. evsme.n evn tw/| avlhqinw/|( evn tw/| ui`w/| auvtou/
VIhsou/ Cristw/|Å ou-to,j evstin o` avlhqino.j qeo.j kai. zwh. aivw,niojÅ
21
Tekni,a( fula,xate e`auta. avpo. tw/n eivdw,lwnÅ
Circa la triplice ripetizione "sappiamo" vedi sopra (v 15; struttura ternaria). Le tre
affermazioni hanno tutte una struttura antitetica (SKA), che oppone l'esitenza del fedele
al regno dei malvagi/Maligno. v18: tema della nascita in Dio. Formula singolare ( o`
gennhqei.j evk tou/ qeou/ threi/), perché sembra di intendere "Gesù". Il o` ponhro.j è un
conetto personale, che ci aiuta interpretare v19.
v19: ponheroj quasi sempre personale, anche qui si vede un riferimento a una persona
o un gruppo di persona (cf. altro uso di questo concetto in 1Gv 2,13-14; 3,12a; cf.
anche il Padre nostro).
In questo caos il v21 presenta l'ultima opposizione. La liberazione dagli "idoli" sta dietro
le promesse della Nuova Alleanza (cf. Ger 31,31ss, R. BRWON). "o` avlhqino.j qeo.j
kai. zwh. aivw,nioj" in v20 formula strano, perché il predicato Dio è molto raro (ma si
trova in Gv, cf. il prologo, la confessione di Tommaso).
v21: Nel nostro caso, l'autore potrebbe pensare agli oppositori che appartengono al
mondo del Maligno e tentano di sviare i membri della comunità (cf. SKA loc. cit.).
Stupisce la durezza con la quale finisce la lettera e con la quale vengono trattati gli
avversari.

20.3. Messaggio
Il tenore fondamentale di questi versetti è la fiducia. Mentre il negare l'efficacia della
perghiera in favore di coloro che hanno lasciato la comunità sembra dovuto al dualismo
dell'autore.

41
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

La seconda lettera di Giovanni.


1. Introduzione
1.1. Genere letterario e forma
La seconda lettera di Giovanni presenta se stesa come una lettera privata, sebbene i
destinatari siano un gruppo. Con 245 parole e 13 versetti è il più breve documento del
NT. Il suo contentuto è un po' scarso (solo due concetti importante: l'agaph e l'aleteia.
La sua recezione nel canone può essere dovuta alla sua origine "apostolica" e al tema
principale della fede e dell'amore.
Tono differente: 1Gv l'autore cerca di convincere i lettori per la sua posizione; non si
vedano le misure disciplinari (1Gv 2,19.20). In 2Gv (e in 3Gv) si vede già due blocchi
(dell'autore e degli avversari). Si trova un blocco di misure disciplinari. Nella 3Gv
ancora di più, l'autore si trova in tendenza di difesa; non si trova accolto dalla
comunità.
Elementi comuni: le forme di contrizione diventa....??

Perché la chiesa ha deciso di metterlo nel canone. Dal tempo di Ireneo, si vedeva nella
figura dell'anziano la figura del apostolo di Giovanni, discepolo del Signore. Malgrado
la scarsità di teologia, si vede però un ecco dei grandi messaggi di Giovanni
(soprattuto con i due temi del'agape e dell'aleteia, la rivelazione divina da accettare).
La Chiesa non giudicava le piccole lettere secondo le standard con cui misurava altri
lettere (Rom, Gal – le lettere dottrinali), perché sono piuttosto lettere private, scritto a
causa di situazioni precisi.

Sembra preferibile strutturare 2Gv sec. il formato epistolare antico, con indirizzo,
proemio, parte principale e saluti conclusivi. Le proposte di strutturarla secondo le
regole della retorica antica si sono dimostrate piuttosto fallimentari.
Destinatari: "la Signora Eletta" – chi è? 2Gv più dottrinale rispetto a 3Gv.

La struttura dovrebbe inoltre rispettare la forma individuale del dodumento. Il v4 pone


un problema particolare. Preferiamo leggerlo come parte del corpo principale, che
include il "proemio". Quindi con la lettura dei concetti fondamentali nella lettera
arriviamo a una struttura chiastica.

vv1-3: Prescritto
Saluto dell'autore per la "Signora Eletta", con la quale è unito in "verità" e "amore".
v3: Benedizione/Saluto con un futuro (Saluto di pace è molto usato nelle lettere privati;
è una forma orientale).

vv4-6: Parte principale I


Gioia riguardo al fatto che i destinatari camminano nell verità, cioè nel comandamento
dell'amore, ed esortazione a continuare in ciò.

42
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

vv7-11: Parte principale II


Esortazione a rimanere fedeli nella confessione e nella dottrina avvertimento riguardo
agli eretici.

vv12-13: Conclusio con il saluto finale


Desiderio dell'autore di incontrare i destinatari personalmente, e saluto alla "Signora
Eletta".

Quindi: genere letterari di lettera orientale. Altri autori, recenti, mettono in rilievo la
forma individuale del documento.

1.2. Occasione e scopo della lettera


I destinatari e l'autore della nostra lettera rimangono ancora sostanzialmente
sconosciuti. La "signora Eletta" sembra riferirsi a una comunità particolare. E' stato
proposto che fosse una persona individuale, ma non può essere per motivo ... Quando
parla dei figli, questo mostra un rapporto fraterno con i fedeli.
L'"Anziano" sembra essere un rappresentante della seconda o terza generazione dei
cristiani, menzionato da Paia.

Materiale linguistiche: conosciuto giovanneo (Gv 13; ripreso 1Gv 2-7; ripreso 2Gv 5).
La controversia teologica delle lettere è centrata sulla giusta confessione cristiana
(vv7-11) e sulla reta condotta (vv4-6). Il linguaggio e lo stile lasciano trasparire che la
lettera appartiene alla "Scuola giovannea".
Ancora, come in 1Gv, non c'è consenso tra gli esegetici su quale tipo di eresia sia
sottostante al dibattito cristologico (vv7ss). Sulla base di quello che abbiamo detto in
1Gv 4,2s il testo non sembra combattere il primo gnosticismo (negano la incarnazione)
o una divisione docetista (negano l'unione ipostatico) tra il Cristo celeste e il Gesù
terrestre. Sembra piuttosto enfatizzare il ruolo salvifico del Cristo incarnato, quindi il
concetto soteriologico non tanto cristologico. Gli avversari sembrano credere di non
avere bisogno di qu che li dà lo Spirito (?).

Il fatto che il testo parli del Cristo "che viene" (evrco,menon) nella carne ha portato G.
STRECKER a ritenere che l'autore stia pensando alla venuta futura di Cristo nella
parusia e appartenga a un gruppo di primitivi cristiani millenaristi (fino al IV sec.),
essendo 2Gv "l'inizio della scuola giovannea". Questa idea non è stata accettata, dato
che sembra che la controversia sia molto più concernente il ruolo di Cristo per la
salvezza in generale, e i testi che STRECKER adduce come prova non sembrano
convincenti. Secondo STRECKER l'autore stesso si trova in questo gruppo dei
millenaristi.
Nella "traiettoria giovannea", 2Gv può muoversi tra la Prima e la Terza lettera. Da un
lato il dibattito teologico diviene più stereotipato, dall'atltro l'autore e il suo gruppo sono
ancora in atteggiamento di attacco, differentemente da 3Gv.
Dopo la 1Gv.

43
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

argumentazione più formale, meno teologico; linguaggio leggermente confuso; le


formule ci sono vengono trasmesse al luogo della discussione/argumento troviamo la
misura disciplinare (rifiuto di comunicazione).
Prima della 3Gv:
Autore in 3Gv più in difesa; vediamo uno sviluppo l'autore e del suo gruppo finiscono
sempre di più nelle defensiva e stanno da sparire dallo schermo. Sembra che una
parte della comunità si è sparita nel gruppo dei gnostici, l'altro gruppo rimane però
senza molto importanza.

2. Interpretazione
2.1. Parte Pincipale I – amore (vv4-6)
Alcuni autori vedono al v4 una unità separata: il "proemio" della lettera, nel quale
l'autore esprime la sua gioaia per le buone notizie che ha ricevuto riguardo i
destianatari stessi. Ciononostante c'è una buona ragione per legare questo versetto
con i due versetti seguenti.
l'unità letteraria consiste di quattro proposizioni. Sintatticamente, i vv 4 e 5 devono
essere distinti dalla prima e dalla seconda metà del v6. Il v4 ha tre frasi, il v5 quattro,
che portano alla fine a una frase i[na. Anche al v6 le due metà portano a una frase i[na,
iniziando con una frase dichiarativa.

22 La seconda Lettera di Giovanni. Introduzione (II)


a Ricezione nella Chiesa
Irenaeus (Iren), Canon Muratori (CanMur), Origenes (Orig), Clemens di Alessanria
(Clem), Eusebius (Euseb)

Entrambe le più brevi lettere giovannee sono state accolte nella Chiesa con riluttanza –
la 3Gv ancora più di 2Gv, che era citata da Ire insieme con 1Gv nelle su controversie
con gli Gnostici. Iren cita solo come una unica lettera.
Il frammento CanMur (uno dei testi più antichi) potrebbe menzionare due lettere
giovannee dopo la Prima, quella "Cattolica". I primi testimoni si trovano alla metà del III
secolo in nord Africa.
Orig, secondo Euseb, conta 2 e 3Gv tra i documenti controversi del NT, ed Euseb
stesso sembra prendere questa posizione. Nella sua Demonstratio Evangelica sembra
attribuire tutte e tre le lettere all'apostolo Giovanni.
Sempre sec. Euseb, Clem avrebbe commentato tutte e tre le lettere nelle Hpotyposeis,
e Dionigi Alessandrino accolse tutte e tre le lettere.
Girolamo attribuisce la 1Gv all'apostolo Giovanni, 2 e 3Gv a un "Presbytero Giovanni"
(forse quello menzionato da Papia). La stessa opinione la si ritrova nel Decretum
Damasi. Il Concilio di Cartagine (397 d.C.) conta tre Lettere di Giovanni e conferma
l'accettazione di tutte e tre le lettere in occidente verso la fine del IV sec.

44
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

In oriente, le lettere di Gv più brevi richiesero un tempo piu lungo per essere accettate.
Solo le versione Filosseniana della Bibbia Siriaca (VI sec.) conosce tutte e tre le lettere
di Giovanni. La ragione per questa esitazione può essere ritrovata nel fatto che il
carattere apostolico delle Lettere non fu chiaro fin dall'inizio. Cf. la testimonianza di
Papia su un presbitero Giovanni in Efeso accanto agli apostoli e ai discepoli.

b. La storia nella comunità giovannea (sec. R. BROWN, 1979)1


R. BROWN parla di quattro fasi:
(1) Prima del vangelo
Questi sono i tempi di inizio della comunitá giovannea dagli anni 50 fino alla fine 80
d.Cr. Vede all'inizio una seria di gruppi responsabili per la teologia / gli scritti di questa
comunità. Giudeo cristiano, cristologia poco sviluppata, rabbinica, messianica.
Probabilmente conesso con questo primo stadio è un gruppo di testi che parlano di
parole di Gesù o i miracoli simili agli scritti degli sinottici. Lì c'è anche un discepoli,
Giovanni, non identico con il figlio di Zebedeo, ma il discepolo amato, non identico con
l'autore del vangelo di Gv. Ancora in questo stadio, entra nella comunità un altro
gruppo di nuovi cristiani con la Hoheitschristologie con l'influsso di diaspora e LXX. Poi
un terzo gruppo dei samaritani.
Conseguenze di questi incontro: cristologia meno orientati di Davide e messiah, ma
verso Mosé. In questa fase comincia già la controversia con gli ebrei (cf. già nel gruppo
giovanneo quanto fuori con la comunità).
Incontro con i nuovo-conversi dall'ellenismo, che poi fa parte della teologia / cristologia
della comunità (concetti di vita, ...).
(2) Decisione delle autorità ebraica di escludere i cristiani dalle sinagoge
Decisione di Jamnia negli anni 90 (ancora molto discussa). J. L. MARTIN maledizione
dei benim (eretici) identificato con i cristiani; un ebreo sottospetto di essere cristiano
doveva citare i 18 preghere con la maledizione dentre. Chi non poteva più citare bene
questi testi, era sospeso di essere cristiano. Oggi questa teoria viene rifiutato.
Questo testo bBer 28Q) divenne importante.
La comunità si trova fuori la comunità ebraica. BROWN distingue tre gruppi fuori e
dentro: (a) fuori: mondo, (b) ebrei, (c) adenenti di Giovanni Battista. Sec. BEUTLER (a)
sembra essere più un gruppo teologico che soteriologico (cf. (b) e (c)). Interno con la
comunità: (a) cripto-cristiano, che credono in Gesù, ma non hanno coraggio di
confessarlo; (b) giudeo-cristiano, più ebreo che cristiano, (c) aderenti delle comunità
apostoliche, cristianesimo di Paolo, Giacomo, che condividevano con l'altra comunità.
Era una setta questa comunità giovannea? Lo nega BROWN.
(3) Redazione delle lettere di Gv
Fine del I sec., inizio del II sec. Differenza caratteristica con (2): la controversia si trova
adesso interno la comunità! Il gruppo ecesionista non sono gnostici, non sono docetisti,
ma piuttosto un gruppo carismatico, che si sembra oltre comandamenti di Gesù.
(4) Fine della comunità giovannea

1
R. BROWN, The comunity of the beloved disciple, New York 1978. Recensione da BEUTLER, in ThPh
1982, 282-284.

45
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

Sec. BROWN una parte della comunità giovannea sarà integrata nelle altre comunità
contemporanee, mentre l'altra parte (corente più radicale) finisce nei movimenti
gnostici del loro secolo (l'esistenza non materiale di Gesù, redenzione attraverso la
conocsenza, ...). Così alla fine la divisione porta al scioglimento della comunità.

BEUTLER critica BROWN: è molto probabile fase quattro e terza, ma la seconda fase fa
problemi. Soprattutto la testi di un gruppo sociale "mondo", il gruppo "ebrei" rimane
astratto. Fase 1 rimane ipotetico. L'incontro con la diaspora, con il mondo culturale
greco hellenistico. Giá prima negli anni 90 in palestina (HENGEL), però BEUTLER pensa
che l'influsso dell'ellenismo sia più forte, pero non in terra santo (Gerusalemme), ma in
Antiochia, ...

23. 2Gv: la Formula di Apertura (vv 1-3)


I primi tre versetti ricalcano la formula di apertura di una lettera privata greca, segnata
dall'influsso orientale (cai,rein manca al v3). In Att 15 si trova la forma più pura di
questa formula (A a B cai,rein). Ma di solito nel NT A a B, poi espansione all'autore o
destinatari, poi comincia una nuova frase (vede Paolo, lettere cattoliche).
La struttura di base qui è "A augura gioia a B". A è l'anziano, B la "Signora Eletta e i
suoi figli". Il mittente è specificato nel versetto 1b e c, e la ragione dellegame tra lui e i
destinatari è al v2.
All'augurio di gioia corrisponde nel v3 il pi?u orientale augurio di grazia, misericordia e
pace, o più precismaente l'espressione della convinzione che queste forme di slavezza
sarebbero state con coloro che ricevavano lo scritto. Si riceve per il futuro. Esse
sarebbero state mediate da Gesù Cristo (i beni della salvezza) – fatto espresso in una
formula corrispondente in molto altre lettere del NT, qui con la sola addizine di "in
verità e amore". Gv ha una forza strutturante soprattuto con questi concetti "verità e
amore".

Proprio queste espressioni ci introducono nella semantica specifica della lettera,


annunziando il doppio soggetto principale della lettera (molto simile a 1Gv). I due
concetti di "amore" e "fede" formano inoltre una inclusine chiastica tra il v1 e il v3,
completando la piccola costruzione (con un'altra doppia ricorrenza di "verità" al
conetro, nei vv1-2). Sembra una conclusione legittima vedere una certa preminenza di
questo soggetto della "verità" nell'intera lettera. Questa verità è intesa come giusta
confessione, come diventerà manifesto nei vv7-11.

Concetto del presbyteros: L'Anziano sembra uno di coloro che portano avanti la
tradizione apostolica menzionata dai primi padri della Chiesa (Papia, Ireneo, ecc. –
vedi il excursus, e Nr/pagina6).

La Signora Eletta non è un individuo che viene chiamato in questo odo, come molti
autori pensavano nel passato, ma è intesa come una comunità (cf. il plurale nel corso
della lettera, e la ricorrenza dello stesso nome per i mittenti, al v13; cf. anche l'utilizzo

46
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

del termine "eletta" per la comunità di "Babilonia" in 1Pt 5,13). – Il modo di parlare
apparentemente "patriarcale" "dell'Anziano" è modificato dal fatto che la destinataria
stessa è la "Signora Eletta" (esprime la diginità di questa Signora, non è serva ...).

Excursus: l'Anziano
L'Anziano (o`presbu,teroj) significa dal punto di vista linguistico una persona hce
superato l'età della giovinezza.
Nell'ambiente sociale e politico questo passaggio è connesso con la capacità di
assumere cariche pubbliche. Anche la comunità ebraica conosce "Anziani" come
persone responsabili per una comunità locale o per tutta la comunità dei fedeli (cf. Mc
8,31ss parr.; 11,27 par, ecc.) con sede a Gerusalemme.
Probabilmente, la comunità cristiana ha preso questo modello d'organizzazione di !
anziani" responsabili per la comunità dalla sinagoga e introdotto in gran parte delle
prime comunità. I testimoni di questo modello sono soprattutto gli atti degli Apostoli (cf.
14,23; 20,17), Le Lettere Pastorali (1Tim 5,17.19), la Lettera di Giacomo (5,14) e la
Prima di Pietro (5,1).
Quindi BEUTLER vede 2 modelli: al livello locale e quello al livello di tutta la comunità (cf. Atti 15, un gruppo
di Anziani accanto al gruppo dell'apostolo: si parla) in analogia al sinedrio.
Att 14,23: Luc esprime qui l'idea di una chiesa locale stabilita e fondata. "ceirotone,w": determinare.
Att 20,17: Paolo chiama i presbiteri di vernire da lui, identificati con i vescovi, perché in v28 sono i vescovi.
Sembra quindi di essere una identificazione prima della chiara distinzione deller gerarchia in tre livelli da
Ignazio di Antiochia.
Tit 1,7: condizioni per un buon vescovo, in v5 parla di presbiteroi. Quindi anche nelle Letter Pastorale
questa identificazione.
Il problema della prima comunità non è chi ha il potere di ordinare, ma quale sono i condizioni perché qu
possa essere ordinato! Non c'è mai una diretta coninvolta della autorità superiore nelle nomini dei vescovi
(è solo da partire al 14 sec., in questo tempo è Avignon il luogo da cui viene esercitato questo diritto di
nomina).
Perché gli "Anziani" come tali fanno parte di un collegio, non è probabile che
"L'Anziano" di 2Gv 1 e 3Gv 1 voglia designarsi come "Anziano/Presbitero" nel senso di
un ministero in una comunità locale (questa sarebbe solo l'opinione di E. KÄSEMANN).

Sec. l'opinione oggi prevalente, "L'Anziano" di 2/3Gv è da vedere in consessione con


testimonianze dei Padri della Chiesa sugli "Anziani" (presbu,teroi) come portatori della
tradizione nel periodo immediamente post-apostolico. In questo contesto è di
particolare importanza un estratto dalla storia ecclesiastica di Papia di Ierapoli,
trasmesso da Eusebio nella sua Historia Ecclesiastica (3,39,3 – importante!). In questo
brano, segnamento degli anziani: ciò (1) che una serie di discepoli di Gesù con nomi di
apostoli avessero detto, e ciò (2) che gli "Anziani" (presbu,teroi) Giavvni e Aristione,
ugualmente discepoli di Gesù, dicano. Similimente, Ireno di Lione dice che la vera
dottrina si trovi nel modo più sicuro nel ricorso agli "Anziani" come portatori della

47
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

tradizione apostolica2. Benché appare attrattivo di identificare "il presbitero" di 2 e 3Gv


con quel gruppo di "Anziani" menzionati dai Padri della Chiesa, qualche riserva è
consigliata. Da una parte manca nella prima letteratura di Papia non permette
qualsiasi riferimento all'autore degli scritti giovannei in genere o delle Lettere di
Giovanni in specie.

Così appare ragionevole di sviluppare l'identità del "Persbitero" dalle due piccole lettere
giovannee stesse. L'autore si vede incaricato con la responsabilità o corresponsabilità
per la o le comunità alle quale o alle quali scrive. Egli è in grado di dare ordini a tale(i)
comunità (2Gv 10s), ma anche di chiederle un favore (v5). Il suo insegnamento e i suoi
ordini si riferiscono al comandamento di Gesù (ibid.) rispettivamente all'insegnamento
giusto su di lui (vv7-11). Il criterio è l'insegnamento di Gesù che viene dal Padre (vv
4ss), che i cristiani avevano "dall'inizio", e la retta dottrina su Gesù Cristo venuto nella
carne (forma particolare di fede di questa comunità : vv 7ss). Così l'autore si mostra
garante dell'autentico cristianesimo, e questo risultato non è lontano dalla conclusioni
permesse dai testi citati dei Padri della Chiesa, anche se è connesso di più con il
comportamento giusto e con la confessione delle comunità giovannee.

Quindi due possibilità di avvicinarsi al problema: da fuori, dai Padri, oppure da interno:
dalle lettere stesse.
finito l'escursu

24. 2Gv Parte Principale I –amore (vv4-6)

Struttura e forma letteraria


Alcuni autori vedono al v. 4 una unità separata: il "proemio" della lettera, nel quale
l'autore esprime la sua gioia per le buone notizie che ha ricevuto riguardo i destinatari
stessi. Inizio, proemio (v4), parte principale (qu vuole qc da qu altro). Pero prima di
entrare in materia, nelle lettere dell'antichità, si riprende lettera anteriore (proemio).
Così R. BROWN, KLAUK, ...

Ciononostante c'è una buona ragione per legare questo versetto con i due versetti
seguenti – così BEUTLER ed altri. L'unità letteraria consiste di quattro proposizioni.
sintatticamente, i vv4 e 5 devono essere distinti dalla prima e dalla seconda metà del
v6. Il v4 ha tre frasi, il v5 quattro, che portano alla fine a una frase-i[na. Anche al v6 le
due metà porano a una frase-i[na, iniziando con una frase dichiarativa: "(e) questo
è ...". L'i[na è in entrambi i casi epesegetico: un concetto espresso nel precedento
contesto è ripreso e spiegato in una costruzione a catena: "amore" porta a
"comandamenti", "comandamento" a un concetto sconosciuto alla fine della frase
("cioè che possiate camminare in essa"). Con VON WAHLDE sembra ragionevole
2
Per Ireneo la tradizioneapostolica è molto importante. Vedi i mosaici a Roma: fino al 8 o 11 sec. ci sono
sempre Pietro e Paolo insieme; poi sparisce Paolo, entrano gli altri tre importanti discepoli di Gesù
(Pietro, Andrea, Giacomo), entra anche Maria, e poi sparisce anche Pietro.

48
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

interpretare questo concetto finale come "verità". Così arriviamo a una struttura
concentrica per i vv4-6:
i versetti iniziano con il concetto di "verità" al v4, che porta al "comandamento(i)" e
quindi a "amore" (vv4-5). Da lì, l'argomento ritorna al "comandamento(i)" v(6bc), prima
di volgersi ancora alla "verità" (v6de). "Camminare nell'amore" sarebbe un'espressione
non biblica (attestata una volta sola in Ef 5,2), e "camminare nel comandamento (i)"
una tautologia.

Interpretazione
v4
4
VEca,rhn li,an o[ti eu[rhka evk tw/n te,knwn sou peripatou/ntaj evn avlhqei,a|( kaqw.j
evntolh.n evla,bomen para. tou/ patro,jÅ
Sembra servire come proemio della lettera, come è stato osservato prima.
Corrispondentemente, l'autore esprime la sua gioia circa il buono stato di salute del
destinatario, del quale era stato informato. In questo caso, ci si riferisce alla saluto
spirituale dei destinatari: il loro "camminare nella verità". "Alcuni" figli non sembra
significare "solo alcuni" (come sostengono alcuni autori, recentemente ancora KLAUCK),
ma piuttosto quelli circa i quali l'autore era stato informato. Per "figli" e "verità" vedi il
v.1.
" vEca,rhn li,an (o: li,an eca,rhn) è una formula frequente nell'antichità all'inizio di lettere
private.

v5
5
kai. nu/n evrwtw/ se( kuri,a( ouvc w`j evntolh.n kainh.n gra,fwn soi avlla. h]n
ei;comen avpV avrch/j( i[na avgapw/men avllh,loujÅ
Il concetto di "comandamento" porta al v5 e all'inizio del corpo della Lettera. Esso inizia
secondo lo stile epistolare con una richiesta (per la formula "ti chiedo" si trovano 80
esempi nei Papiri Duke). E' normalmente connessa con un indirizzo e una espressione
di cortesia. In due ostraca del II sec. d.C. (testi di papiri da Egitto) incontriamo
l'espressione ku,rie / kuri,a con evrwtw/ se (vedi il commento). Il contenuto della richiesta
nella nostra lettera è l'amore vicendevole, e il riferimento al vecchio e nuovo
comandamento qualcosa di collaterale. Da notare il movimento dal "comandamento
nuovo" di Gv 13,34, attraverso il "vecchio" e "nuovo" di 1Gv 2,7s al "vecchio" nel nostro
versetto: il comandamento è ormai diventato una tradizione.
Amare Dio e amare il prossimo è presente in .... anche in Gv, ma senza la conessione.
con l'amore del prossimo, cf. Gv 8,42.

Cf. 1Gv 2,3-11. Nella forma dell'amnore del altro, in ebraico [;re (non è identico con
plhsion), che la LXX traduce con plhsi,on, che sembra piuttosto essere un compagnio,
un concetto locale, qu che sta vicino comunque esso sia. Ma il senso originale sembra
essere che devo essere vissuto nel popolo di Dio ([;re), poi si elarga.
Gv sembra di stare più vicino al concetto principale che alla tradizione greca (vista
nella LXX, ripresi dal NT cf. in Mc 12 parr). Per l'unione del doppio comandamento
(come Mc 12,18-24 parr; cf Lev 12,18). Si domanda se questa connessione sia proprio

49
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

ciò che Gesù avrebbe detto. Anche testi paolini, Rm 13,8; Quando Paolo fa sintesi
della tora, menziona solo questo comandamento (cf. Gal 5,14). In questi testi paolini,
più antichi che Mc 12.
C'è ipotesi fondata di F. WEISS Streitgespräche che spiega l'origine del comandamento
doppia: Nella Palestina non era ancora necessario che l'amore di Dio regola la società;
non c'era un comandamento accanto, ma piuttosto la base dello stesso. Il
comandamento doppio: quando il cristianesimo lascia la Palestina e arriva alla
diaspora, è necessario di preparare la conversione dei neocatecumini dal politeismo,
lasciare gli idoli (cf. 1Tess 1,9). Così si vedeva nel Dtn 6,4 il Dio unico, parte integrale
del comandamento di amore.

v6
6
kai. au[th evsti.n h` avga,ph( i[na peripatw/men kata. ta.j evntola.j auvtou/\ au[th h`
evntolh, evstin( kaqw.j hvkou,sate avpV avrch/j( i[na evn auvth/| peripath/teÅ
v5 specificava il comandamento, adesso v6 specifica l'amore (movimento circolare).

Il v6 sembra di aver senso solo se in riferimento alla teologia della (nuova) alleanza:
"custodire i comandamenti" è un'espressione di fedeltà all'alleanza, e in questo senso
di "amore". per l'autore, il comandamento dell'amore riguarda Dio e le persone vicine,
qui particolarmente queste ultime. "Che possiamo camminare in essa" sembra riferirsi
ancora alla "verità", come visto sopra.
La struttura concentrica dei vv4-6 permette questa interpretazione.

"evn auvth/| peripath/te" ci sono tre possibilità di spiegarlo:


(1) riferito a "h` evntolh,": - ma sarebbe una tautologia
(2) riferito a "h` avga,ph": cf. Ef 5,1 (SCHNACKENBURG, ...); sembra troppo ovvio.
(3) riferito a " evn avlhqei,a|" (v4) per motivo del concentrismo (così BEUTLER).
Il NT non parla mai del camminare nella " evntolh,", solo una volta camminare nel
"avga,ph" (ma fuori del corpo giovanneo), per camminare nella verità (TM 2Re; LXX
4Re 20,3 : preghiera di Ezechia).

c) Il messaggio
Preferenza per l'ortoprassi che l'ortodossia, la prassi dell'amore come segno della
comunità. La condotta giusta è radicata nella verità, e questo significa nell'autentica
fede.

25. 2Gv. Parte Principale II – fede (vv 7-11). Conclusione


(vv12s)
Struttura
I vv7-11 sono legati al precedente contesto dall'idea di "verità". Essi interpretano i
precedenti vv4-6. Con F. VOUGA vediamo nel v7 una narratio sul passato, che porta a

50
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

una esortazione fatta guardando avanti verso il futuro al v8, con un principio generale
al v9 e un caso particolare ai vv10s (esortazione e ragione di essa).
I vv12s sono fortemente influenzati dal formato episolare (la lettera che rimpiazza
l'incontro personale, che si spera si possa realizzare; i saluti), tuttavia mantengono
eleemnti particolari. Semanticamente, essi incorniciano la sezione centrale vv4-6.7-11.

Interpretazione
v7
7
{Oti polloi. pla,noi evxh/lqon eivj to.n ko,smon( oi` mh. o`mologou/ntej VIhsou/n
Cristo.n evrco,menon evn sarki,\ ou-to,j evstin o` pla,noj kai. o` avnti,cristojÅ
Se riferiamo la fine del v6 alla "verità, il v7 ottiene un senso logico: molti "ingannatori"
sono entrati nel mondo, probabilmente gli stessi a cui ci si riferisce in 1Gv 2,18-27 e
4,2s. Come in questi testi, essi sembrano aver negato Gesù Cristo come tale e non
solo la sua carne. La "venuta" potrebbe riferirsi all'apparizione di Cristo nel passato o a
qualche venuta futura. Ma sembra meglio (cf. l'introduzione a 2Gv) dare a questa
espressione un senso generale di "venuta" di Cristo nella storia, non solo al momneto
dell'incarnazione, ma anche attraverso la sua intera esistenza terenna (con F. VOUGA).
Per la connessione tra pseudoprofeti escatologici e "inganno", vedi Mt 24,11. Il nostro
autore vede ine ssi "l'Anticristo", come già era affermato in 1Gv (2,18, 22; 4,3).

v8
8
ble,pete e`autou,j( i[na mh. avpole,shte a] eivrgasa,meqa avlla. misqo.n plh,rh
avpola,bhteÅ
Problema di critica testuale: contro lamaggioranza dei testi e con Aland, nei leggiamo
prima la seconda persona plurale, e poi (con lamaggioranza dei testi, B e Aland) la
prima persona plurale. Così i destinatari non devono vanificare, perdere ciò che
l'autore e il suo gruppo hanno costruito tra di essi.

v9
9
Pa/j o` proa,gwn kai. mh. me,nwn evn th/| didach/| tou/ Cristou/ qeo.n ouvk e;cei\ o`
me,nwn evn th/| didach/|( ou-toj kai. to.n pate,ra kai. to.n ui`o.n e;ceiÅ
Gli avversari appaiono come "pregressisti". Essi separano se stessi dalla "dottrina di
Cristo" – come genetivo soggettivo o oggettivo, entrambi i sensi sono legati. Così essi
sono anche separati da Cristo stesso e in ultimo dal Padre.

vv10s
10
ei; tij e;rcetai pro.j u`ma/j kai. tau,thn th.n didach.n ouv fe,rei( mh. lamba,nete auvto.n
eivj oivki,an kai. cai,rein auvtw/| mh. le,gete\
11
o` le,gwn ga.r auvtw/| cai,rein koinwnei/ toi/j e;rgoij auvtou/ toi/j ponhroi/jÅ
I vv10s tirano una conclusione pratica dal principio dato: l'accogliere un messaggero
dai rappresentanti dell'"Anticristo" è una cosa inaccettabile. Queste ammonizioni
sembrano tipiche per delle prospettive escatologiche (cf. 1Tim 6,3-5; 2Tim 3,13s; Tito
2,9-11; Eb 13,9). A differenza di 3Gv, qui l'autore ha ancora l'iniziativa.

vv12s
51
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

12
Polla. e;cwn u`mi/n gra,fein ouvk evboulh,qhn dia. ca,rtou kai. me,lanoj( avlla.
evlpi,zw gene,sqai pro.j u`ma/j kai. sto,ma pro.j sto,ma lalh/sai( i[na h` cara. h`mw/n
peplhrwme,nh h=|Å
13
VAspa,zetai, se ta. te,kna th/j avdelfh/j sou th/j evklekth/jÅ
I vv12s contengono molti elementi formali: il desiderio dell'incontro personale,
l'inadeguatezza di carta e inchiostro, il parlare faccia a faccia, la gioia. Ma rimangono
anche elementi particolari di questa lettera: la "gioia perfetta" richiama Gv 15,11; 16,24;
17,13, come anche 1Gv 1,4. Ha una risonanza escatologica. Nella nostra lettera, il
concetto di gioia punta indietro al v4, il proemio. Il v13 rimanda al v1, come abbiamo
visto. Una "sorella eletta" saluta l'altra. Il parallelo più vicino è 1Pt 5,13. Per il concetto
di "elezione" vedi anche Gv 15,16, 19; Rm 8,33; Ef 1,4; 1 Pt 1,1; 2,9.

Il messaggio
Verità e amore appaiono ancora correlate, con il pericolo che la preoccupazione per la
verità possa rendere ciechi e portare all'esclusione dei "progressisti" dalla comunità
addirittura prima che essi siano stati ascoltati. Qui, una lettura critica è permessa e
raccomandanta.

52
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

La Terza Lettera di Giovanni


26. Prima introduzione alla Terza Lettera di Giovanni
Genere letterario e forma
La 3Gv appartiene ai documenti più brevi del NT e a quelli con un contentuto teologico
particolarmente limitato, più occasionale. Non fa meraviglia dunque che corrisponda
più precisamente al formato epistolare dell'antichità, rispetto a tutte le altre lettere del
NT. (cf. Att 15,23-29 come l'esempio classico di questo genere letterario!)
E' diretta a una persona individuale, Gaio, nominata esplicitamente, sebbene provenga
da una persona che è nominata solo con il proprio titolo, il "presbitero". Un più vasto
pubblico è previsto dalla menzione dei "fratelli" nei vv 3 e 5. Come insieme, la lettera
può essere annoverata tra le lettere private dell'antichità. Elementi tipici sono:
- l'apertura al v1, il cosiddetto "prescritto" (cai,rein manca ma è stato rimpiazzato
da un altra formula come già nel 2Gv)
- l'augurio di saluto per i destiantari al v2 (preghiera: euvodou/sqai)
- il corpo della lettera dal v3, che inizia con un ringraziamento per le buone
notizie e un'espressine di "gioia" (in 2Gv l'abbiamo chiamato proemium).
- la transizione al corpo propriamente detto con una richiesta al v5, raggiungendo
– con il darne la ragione – il v8 (tipico per le lettere private, una occasione
particolare che tocca la vita, ...)
- l'annuncio di una "parusia" di colui che scrive, in connessione con il biasimo
verso una persona (Diotrefe), al v9, per non aver ricevuto i messaggeri del
mittente stesso (cf. le lettere Paoline, dove l'annuncio della parusia e piuttosto
positiva e pastorale; qui: una parusia spiacevole).
- una esortazione, che corrisponde ai passi paralleli delle lettere Paoline, al v11
- la raccomandazione di una persona, che corrisponde ai passi paralleli nei
papiri, al v12 (per questo si discute anche, se 3Gv è una lettera di
raccomandazione).
- una formula che esprime la preferenza di incontrare i destinatari piuttosto che
scrivere loro, al v13s (questo ha a che fare con la lettere di antichità come
sostituzione di un dialogo personale, che però viene sempre desiderato).
- i saluti finali, al v15 (ce ne sono due tipi: a) mando saluti a altri, b) mando saluto
a te a anche agli altri (cf. Rom xy, 16).

Quindi da un lato, segue la forma letteraria delle lettere private di antichità, d'altra parte
però è una lettera individuale. Non va dimenticato che la lettera contiene molti elementi
caratteristici, propri di questo documento (J. DU RAND).
Similmente a 2Gv, possiamo riconoscere una struttura concentrica della lettera,
centrata sull'esempio positivo di Gaio e quello negativo di Diotrefe. Cosí arriviamo (con
J. DU RAND) allo schema seguente:

sezione 1 Saluto superscritto e benedizione, vv1-2


sezione 2 ringraziamento perché i figli camminano nella verità, vv3-4

53
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

sezione 3 appello essere ospitali verso coloro che si mettono in viaggio


per amore del suo Nome
l'ospitalità di Gaio come motivazione (positiv a), vv5-8
sezione 4 appello non seguire il male, ma il bene
l'opsitalità di Diotrefe come motivazione (neg.), vv9-11
sezione 5 raccomandazione Demetrio, v12
sezione 6 conclusione pianificazione del suo viaggio e saluti, vv13-15

27. Seconda introduzione alla Terza Lettera di Giovanni


Occasione e scopo
Sostanzialmente, due gruppi di autori possono essere distinti: (1) quelli che pensano
che la controversia fosse solo riguardo all'organizzazione della Chiesa e alle posizioni
all'interno di essa, e (2) quelli che pensano che giochi un ruolo anche un elemento
dottrinale.
Alcune teorie circa le differenti strutture ecclesiali dietro 3Gv:
- l'autore (l'apostolo Giovanni) è in contrasto con il suo rivale, Diotrefe, che si
ipotizza fosse un vescovo monarchico, un pretendente alla carica di vescovo o
il rappresentante di un tipo differente di organizzazione ecclesiale
(SCHNACKENBURG). Queste teorie sono già state abbandonate.
Abbandonata perché oggi non si identifica più l'apostolo come l'autore.
- l'autore, rappresentante dell'organizzazione di una chiesa provinciale, è in lotta
con Diotrefe, che è rappresentante dell'episcopoato monarchico (HARNACK).
Per quest'ultima cosa non c'è prova chiara. Perché suppone, che verso l'anno
di composizione della lettera, già ci fosse una organizzazione episcopale nel
baccio mediteranio. Il testo stesso però non lo dice chiaramente. Diotrefe
solamente "vuole essere il primo".
- L'autore è uno degli "anziani" ancora viventi, nel senso di quei portatori della
tradizione menzionati da Papia in conflitto con Diotrefe che è rappresentanza
della gerarchia che sta nascendo (SCHNACKENBURG; R.E. BROWN). Questa
posizione ha molti punti che la rendono raccomandabile.
Gli anziani fanno la ponte tra il periodo apostolico e post-apostolico.

Alcune teorie che suppongono un elemento dottrinale nella controversia:


- Diotrefe è stao visto, fin dai tempi del Venerabile Beda, come il capo di un
gruppo eretico (in tempi più recenti W. BAUER, ...); ma come mai l'autore non
argomenta circa la fede, e perché sembra sia sulla difensiva? Cf. 1Gv in cui
l'autore si sente sicura di avere la verità; qui, in 3Gv, non si vede questo,
l'impressione è piuttosto, che l'autore si sente in difesa, non rimprovera come in
1Gv.
- Altri autori sostengono l'opinione opposta. Il "presbitero" stesso sarebbe il
rappresentante sospetto di un credo eterodosso: o come montanista (BUAR), o
come uno dei primi gnostici (KÄSEMANN, VOUGA: nella cristologia Gv conosce
molto materiale per un movimento gnostico nella comunità giovannea e
54
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

ambedue gruppi potessero riferirsi a Gv!), o come un chiliasta (STRECKER), ma


nessuna di queste proposte ha ottenuto consenso tra la maggioranza degli
studiosi. In 2Gv 9 l'autore mette in guardia esplicitamente contro le persone con
una posizione "progressista".
- Tuttavia l'autore sembra essere sotto attacco da parte di un rappresentante di
una chiesa con struttura più formali, e forse anche della tradizione.
L'appartenenza dell'autore alla "scuola giovannea", con la sua prospettiva
dualista, potrebbe averlo esposto al sospetto. Da questo la sua attitudine
all'autodifesa e la sottolineatura del ruolo della "verità" nelle sue lettere. Quindi
si tratta di dottrina, quindi si pensa che è stato piuttosto lui sotto accusa che
Diotrefes.

La ricezione nella Chiesa


La questione è stata trattata nella Introduzione alla 2Gv. In generale, 3Gv è meno ben
attestata nei tempi antichi che 2Gv (BEUTLER).
Nello stesso tempo in cui Ireneo cita solo 1 e 2Gv, Clemente d'alessandria sembra
interpretare solo queste due lettere. Origene conosce tre lettere, le due più brevi
essendo però "contestate".

28. 3Gv. Interpretazione – Parte I


Sec. BEUTLER l'autore segue la forma di una lettera di antichità.

a) Il saluto vv1-2
v1
1
~O presbu,teroj Gai<w| tw/| avgaphtw/|( o]n evgw. avgapw/ evn avlhqei,a|Å
La lettera si apre con una formula modificata (Superscriptio/indirizzo). La formula di
apertura convenzionale sarebbe "A a B". Il saluto convenzionale cai,rein è rimpiazzato
qui dall'espressione "che io amo nella verità" ( evgw. avgapw/ evn avlhqei,a|). Se il
mittente non menziona il suo nome, si chiama se stesso "il presbitero", si chiama con
la sua funzione, anche questa sarebbe una modifica dello schema epistolare, dato che
normalmente ci si sarebbe aspettati un nome proprio. Chi è questo presbitero?
L'espressione di autocoscienza di una persona, che si vede come collegamento tra il
tempo apostolico e post-apostolico.
Chi fosse "Gaio" ci è sconosciuto. L'identificazione con altri che portano questo nome
(è un nome molto comune) nel NT sembra esser arbitraria (Att: compagno di viaggio di
Paolo; Att: da Terbe in Asia minore; Rm 16,23: ; 1Cor 14). Sviluppo ulteriore: nelle
costituzioni apostoliche si afferma che quel Gaius sia più tardi diventato vescovo di
Bergamon in Asia Minore; si attribuisce sempre di più autorità ecclesiastica alle
persone menzionate nel NT: Probabilmente non era una persona con un ministero, ma
che ricevi le persone della comunità, capo di una comunità domestica senza esser
ordinato.
Se cai,rein è rimpiazzato da "che io amo nella verità", questo ha un significato più
profondo che l'espressione "che io amo veramente". E' ravvisabile una connessione tra

55
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

l'amore dell'autore e l'origine di un tale amore nella comunicazione di Dio agli uomini
nella rivelazione. Vedi per questo senso di avlh,qeia I DE LA POTTERIE, La Vérité dans
Saint Jean I-II (Analecta Biblica 73.74), Roma 1977.
Amato nella verità "avgapw/ evn avlhqei,a|": (Tim 1,2; Phil 1) va oltre la formula
ordinaria. Il rapporto tra l'autore e destinatario va oltre al normale. Questo rapporto può
essere visto nel senso seguente: (1) Paternalistica, un rapporto tra padre e figlio; (2)
rapporto tra uguali, perché si parla anche dei fratelli in questa lettera (vv5.9); (3) nel
linguaggio /pensiero ellenistico si può riferrirsi a amici. L'amore dell'autore verso Gaio
va oltre ai fatti. Il concetto di verità è espressione della rivelazione divina data alla
comunità. Quindi il rapporto tra l'autore e destinatari. Un amore che ha le sue radici nel
dono ricevuto in comune, nel messaggio di salvezza. Così anche il collegamento tra
l'amore e verità spiega bene questa prospettiva.

v2
2
VAgaphte,( peri. pa,ntwn eu;comai, se euvodou/sqai kai. u`giai,nein( kaqw.j
euvodou/tai, sou h` yuch,Å
Dopo il prescritto segue il desiderio o la preghiera per il benessere del/dei
destinatario/i. Contenuto del saluto: "euvodou/sqai": buona salute anche fisica. Questo
desiderio è comune nelle lettere (BAUER, ...). Già nelle lettere paoline abbiamo un tale
augurio usato in senso figurativo. Questo è pienamente corrispondente al formato
epistolare dell'antichità. Il desiderio è espresso in un senso spiritualizzato già in Paolo
(cf Fil 1,9ss).
Corrispondentemente, il nostro autore lega il benessere fisico con il benessere
dell'anima. L'indirizzo "amato" fa eco a "che amo" nel v1 e mostra l'importanza di
questo termine non solo in 1 e 2Gv, ma anche in 3Gv. "Verità" e "amore" co-
appartengono alla lettera, e nessuno dei due termini può essere giocato in
contrapposizione all'altro.

b) Il ringraziamento vv3-4
3
evca,rhn ga.r li,an evrcome,nwn avdelfw/n kai. marturou,ntwn sou th/| avlhqei,a|
( kaqw.j su. evn avlhqei,a| peripatei/jÅ
4
meizote,ran tou,twn ouvk e;cw cara,n( i[na avkou,w ta. evma. te,kna evn th/| avlhqei,a|
peripatou/ntaÅ
L'espressione di gioia per le buone notizie ricevute dal, o riguardo al, destinatario
appartiene al formato episotlare antico, come abbiamo visto. L'autore usa il suo proprio
vocabolario per le parole con cui esprime queste buone notizie. "Testimoniare della
verità" di una persona è allo stesso tempo giovanneo e non giovanneo. Il Vangelo di
Giovanni usa l'espressione per dare testimonianza alla verità rivelata (cf. Gv 5,33;
18,37).
Qui è utilizzata per la condotto di una persona che è secondo la rivelazione di Dio (per
il vocabolario del "testimoniare" in Gv cf. BEUTLER, Martyria, Frankfurt/M. 1972; cf. 2Joh
4.6; Joh 8,12; 12,35;), che cioè, in altre parole, "cammina nella verità". I "fratelli"
menzionati qui possono essere missionari o messaggeri dell'autore e della sua
comunità in città o della comunità del destinatario. Per l'autore non c'è gioia più grande

56
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

(una doppia forma comparativa) che le buone notizie circa il "camminare nella verità"
dei "suoi figli" (espressione unica, ma in linea con l'uso generale di "figli"; l'unica volta
che l'autore si riferisce direttamente ai "miei figli"). BULTMANN dice che la base per tale
espressione, sia, che l'autore abbia batezzato queste persone, che siano divenuti così i
"miei figli". La posizione di BULTMANN non è da tutti accettata.

c) L'appello positivo vv5-8


Abbiamo due parti, la prima: Gaius, che finisce con una sentenza generale in v8; v11,
la seconda, dopo la frase iniziale: abbiamo anche qua una sentenza generale (di tipo
teologico).

v5
5
VAgaphte,( pisto.n poiei/j o] eva.n evrga,sh| eivj tou.j avdelfou.j kai. tou/to xe,nouj(
Il v5 inizia la sezione centrale della lettera: l'esempio positivo dell'ospitalità data da
Gaio (vv5-8), e quello negativo dato da Diotrefe (vv9-11). Questa sezione è incorniciata
dal concetto del "fare" (poiei/n, vv5.11: DU RAND). Così, l'orientamento è pratico. pisto.n
poiei/n sembra significare "provare degno di fede". Nel suo sostegno ai fratelli che
vengono da fuori (erano xe,nouj), Gaio si è dimostrato un uomo degno di fede e aprì le
sue porte per le persone sconosciute, che però dividero la stessa fede.

v6
6
oi] evmartu,rhsa,n sou th/| avga,ph| evnw,pion evkklhsi,aj( ou]j kalw/j poih,seij
prope,myaj avxi,wj tou/ qeou/\
La sua lode era decantata nella comunità, probabilmente nell'assemblea della
comunità dell'autore. Gaio deve proseguire con questo buon esempio, provvedendo ai
missionari che sono in arrivo tutto ciò che hanno bisogno per continuare la loro
missione. L'esempio positivo incorraggia l'anziano di esortare Gaio di proseguire con
questo esempio. "prope,mpw " spesso con un senso molto pratico: qu accompagna qu
altro alla porta, alla nave e gli ci lascia con una lettera e una piccola merenda (2Cor
1,16; Tito 3,13).
Rom 16,2: si parla della accoglienza applicata alla fede che è degna ai santi (coloro
chiamati da Dio), collegata con l'ospitalita dimostrata.

vv7s
7
u`pe.r ga.r tou/ ovno,matoj evxh/lqon mhde.n lamba,nontej avpo. tw/n evqnikw/nÅ
8
h`mei/j ou=n ovfei,lomen u`polamba,nein tou.j toiou,touj( i[na sunergoi. ginw,meqa
th/| avlhqei,a|Å
Questi messaggeri meritano supporto dato che hanno intrapreso la loro missione per
"amore del Nome" (di Dio o Cristo), e hanno rinunciato al supporto dei non-cristiani.
Dove arrivavano non potevano ricevere appoggio da fuori ovvero non volevano (vgl. Mt
5,47; 6,17; Lc 10,4 parr.). Forse un clima di sfiducia verso coloro che non
appartenevano alla comunità.

57
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

Una proposizione finale, espressa in prima persona plurale, include l'autore e il


destinatario nell'esortazione a seguire un tale esempio, in ordine a "collaborare con la
verità", cioè il Vangelo.
3,16; 4,11: Tutti noi dobbiamo seguire questo esempio ed accogliere gli viaggianti.
Così gli interlocutori diventino annunciatori anch'essi per il vangelo.
L'autore lode il comportamento di Giao verso gli stranieri ( xe,noi); oggi molto attuale.
Implica a pensare alle necessità di tale xe,noi. Il fatto che si tratta di ospitalità verso
missionari viaggianti, che può diventare attuale, se manca un parrocco stabile. Il
pastorale diventa più personale. Cf. le chiese "libere", le sette, che hanno molto di più
sviluppato questo concetto.

29. 3Gv. Interpretazione – Parte II


a) L'appello negativo vv9-11
v9
9
:Egraya, ti th/| evkklhsi,a|\ avllV o` filoprwteu,wn auvtw/n Diotre,fhj ouvk evpide,cetai
h`ma/jÅ
Scrivevo – si riferisce a la 2Gv? Non è molto probabile, perché non si tratta di una
lettera di raccomandazione.
L'esempio postivio dato da Giao è contrastato da quello negativo dato da Diotrefe.
Come Gaio, anch'egli ci è sconosciuto. Che egli voglia divenire vescovo (BULTMANN,
HARNACK) non è detto esplicitamente. Il sistema dei vescovi monarcoci in quel tempo
non era molto conosciuto. E' detto solo che egli "vuole essere il primo" (espressione
non attestata al di fuori di questo passo, solo il sostantivo astratto è già stato incontrato
in precedenza).
Questo l'ha portato a negare al nostro autore e al suo gruppo ("noi") l'accesso – di
persona, o delle sue lettere – alla comunità della quale egli è incaricato. L'autore parla
di se stesso nella forma plurale: Plurale epistolare? Non molto probabile
(SCHNACKENBURG); più probabile l'autore con il suo gruppo. L'autore sa bene
distinguere e applicare la forma singolare e plurale. Quindi si tratta di un vero plurale.

v10
10
dia. tou/to( eva.n e;lqw( u`pomnh,sw auvtou/ ta. e;rga a] poiei/ lo,goij ponhroi/j
fluarw/n h`ma/j( kai. mh. avrkou,menoj evpi. tou,toij ou;te auvto.j evpide,cetai tou.j
avdelfou.j kai. tou.j boulome,nouj kwlu,ei kai. evk th/j evkklhsi,aj evkba,lleiÅ
L'autore accusa Diotrefe di quattro atti malvagi: (1) calunnia nei confronti dell'autore e
del suo gruppo; (2) il non ricevere i "fratelli"; (3) l'impredire ad altri di riceverli; (4)
escludere dalla sua comunità quelli che lo fanno.
Gradazione: si comincia con sole parole (parlare male), poi le attività (non accettare in
casa sua), poi praticare l'influsso sui altri (impedire) e finisce nella scomunica.
Interessante: non si dà un motivo per l'attività di Diotrefe. C'è solo l'improvero da parte
dell'anziano. L'autore spera ancora di essere in grado di far presenti a Diotrefe queste
colpe. Non si ricorda che egli stesso ha agito nello stesso modo, secondo quello che

58
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

dice 2Gv 11s. Probabilmente non ne fa caso perché è sicuro di essere nel giusto, e
che Diotrefe sia nell'errore.

v11
11
VAgaphte,( mh. mimou/ to. kako.n avlla. to. avgaqo,nÅ o` avgaqopoiw/n evk tou/
qeou/ evstin\ o` kakopoiw/n ouvc e`w,raken to.n qeo,nÅ
Come nei vv5-8, una regola generale di comportamento conclude la breve sezione. E'
l'esortazione molto generale a non seguire l'esempio cattivo bensì quello buono.
Conclusione: chi fa il bene è di Dio, chi non fa il bene non è di Dio.
Un'antitesi nello stile di 1 e 2Gv conclude l'argomento. Ancora, le persone possono
essere riconosciute dalla loro condotta, se esse siano da Dio, se esse "hanno visto
Dio" (nel linguaggio della Nuova Alleanza, forse adottato dagli avversari dell'autore),
oppure se non lo siano.
Chi fa delle cose cattive, non vede Dio. Quindi si presenta la conseguenza di un certo
agire (diverso 1Gv: dall'agire all'agire, l'esempio classico 1Gv 3,6; qui: dall'agire visto si
conclude all'essere).
Gaio deve apprendere dall'esempio di Diotrefe come non agire e deve seguire il suo
proprio esempio. L'atteggiamento dell'anziano stesso: personalizza fortemente questo
suo confronto con Dimetrio. Uscita di questa situazione si prepara quando l'autore
annuncia il suo venire: dialogo diretto per chiarire il punto discusso (Mt 18,15ss). Solo
quando questo non aiuta, segue la scomunica (Mt 18,15ss).

b) Raccomandazione v12
12
Dhmhtri,w| memartu,rhtai u`po. pa,ntwn kai. u`po. auvth/j th/j avlhqei,aj\ kai. h`mei/j
de. marturou/men( kai. oi=daj o[ti h` marturi,a h`mw/n avlhqh,j evstinÅ
Figura concentrica: lode (forma introduttivo), la raccomandazione di Dimetrio (v12). Cf
vv1-2 (saluti iniziali) con vv13-15 (saluti finali); quindi forma concentrica on la parte in
mezzo qua.
Strutturalmente e semanticamente, la raccomandazione di Demetrio corrisponde alla
lode di Gaio nei vv3s. Non sappiamo chi fosse Demetrio, ma potrebbe essere stata la
persona che ha portato la lettera. Egli ha ricevuto una testimonianza favorevole dalla
comunità e "dalla verità stessa". Perciò una lettera di raccomandazione? Ma la
raccomandazione viene solo qua, quindi non molto probabile; ci sono anche altri temi.
Probabilmente qui è intesa la sua condotta secondo la verità, l'insegnamento cristiano
e la fede. L'autore e il suo gruppo testimoniano per lui. L'uso linguistico ricorda altri
scritti giovannei (cf. Gv 19,35; 21,24 per "la sua testimonianza è vera"). Ma vi sono
alcune differenze: nel Vangelo di Giovanni, la testimonianza riguarda Gesù e la sua
missione, qui è data in favore di un'altra persona. Il linguaggio giovanneo è divenuto
più stereotipato e sta perdendo il suo uso originario.

c) Conclusione vv13-15
vv13-14
13
Polla. ei=con gra,yai soi avllV ouv qe,lw dia. me,lanoj kai. kala,mou soi gra,fein\
14
evlpi,zw de. euvqe,wj se ivdei/n( kai. sto,ma pro.j sto,ma lalh,somenÅ

59
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

I vv13-14 corrispondono strettamente a 2Gv 12, cf. " dia. me,lanoj kai. kala,mou ". Solo
l'elemento della "gioia perfetta" manca.
L'autore si mostra dipendente dall'antico formato epistolare. Il suo desiderio di
incontrare personalmente il destinatario è allo stesso tempo tradizionale (fa vedere che
la lettera è sempre solo una sostituzione di un'incontro personale) ed espressione del
suo desiderio di una "parusia del presbitero" (cf. gli scritti di Paolo: 1Cor 16,7; 1Tess
2,17; 2Tim 1,4; cf. le lettere di Gv: ; per "parlare faccia a faccia" vedi Ger 30,9; 32,4).

v15
15
Eivrh,nh soiÅ avspa,zontai, se oi` fi,loiÅ avspa,zou tou.j fi,louj katV o;nomaÅ
I saluti alla fine sono altrettanto tradizionali. Il parallelo più vicino e Rm 16, con 21 delle
59 ricorrenze del verbo "salutare" nel NT. Per i saluti verso gli amici Tito 3,15 è il più
vicino. Il desiderio della pace alla fine delle lettere neotestamentarie è ancora attestato
principalmente in Paolo (cf. Rm 16,20; 2Cor 13,12; Fil 4,9; 1Tes 5,23; 2Tes 3,16; Ebr
13,20). Corrisponde più da vicino all'uso orientale. Per questa ragione, eivrh,nh ha un
significato più profondo che la mera assenza di guerra. La parola vuole indicare la
"pienezza" (~Alv') della salvezza. Questo è ciò che l'autore augura ai suoi lettori.
oi` fi,loi: Un elemento che indica la vicinanza, anche un certo paternalismo. C'è però
anche presenza della fratellanza (cf. Gv 15,113-16).

Riflessione finale
Un cristianesimo organizzato in case, piccoli gruppi, una comunità personale (si
conoscono), si visitano a vicenda (o meno, cf. Diotrefe). In un tempo in cui ci
avviciniamoci sempre di più a questo sistema (cf. movimenti come communità
personali). Ha dei vantaggi (i cristiani si conoscono, si aiutono), ma anche dei
svantaggi: il problema della rivalità, "Sturm im Wasserglas" (conflitti personalizzati), ...
La lettera ci introduce come era nei primi secoli, una situazione che sitamo ad andare
verso.

30. Excursus: autorità e tradizione negli scritti giovannei


Le lettere di Givanni che abbiamo esposto in questo semestre, mostrano un
movimento dall'esposizione della fede in un conflitto sulla sua comprensione nella 1Gv
verso certe misure disciplinari prepse dall'"Anziano" nelle due piccole lettere. Nello
stesso tempo si vede come il richiamo di ciò che è stato insegnato "dall'inizio" diventa
sempre più importante. Così si pone il problema di autorità e tradizione negli scritti
giovannei. Conviene cominciare questo excursus con il Vangelo di Giovanni. Non viene
rispettata l'Apocalisse di Giovanni.

1. Il Vangelo di Giovanni
L'autorità fondamentale per il Vangelo di Giovanni è Gesù stesso. Egli è la Parola di
Dio incarnata (cf. Joh 1,1-18). In lui, le Scritture d'Israele trovano il loro compimento.

60
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

Mosè ed i profeti hanno dato testimonianza per lui. Chi lo vede, vede il Padre, chi lo
ascolta, ascolta il Padre.
Dal momento della partenza di Gesù, lo Spirito Paraclito prenderà il suo posto (Gv
14,16-17). Egli ricorderà ai discepoli le parole di Gesù e li introdurrà nel loro significato.
Nella sua forza, i discepoli saranno testimoni di Gesù anche in un mondo ostile (fine
cap. 15; 16)

Due persone appaiono come particolarmente importanti per la trasmissione del


messaggio di Gesù:
il Discepolo Amato possiede l'intelligenza della comprensione del messaggio di Gesù.
A lui conviene un certo primato in questo carisma di fede (cf. la corsa alla tomba Gv
20,8; cf 21,7). Egli sará anche il testimone privilegiato della tradizione evangelica di
Giovanni (Gv 21,24);
Pietro è conosciuto dall'evangelista o almeno dall'autore di Gv 21 come una persona
riconosciuta come autorità nella comunità nascente. Egli è portavoce dei Dodici (Gv
6,68s; sec. BEUTLER è una parte un po' tardivo, per motivo dei tensioni nei imagini; è
piuttosto sinottica; è l'unico e prima pasta, per la quale Gesù non va verso
Gerusalemme, quando parla dell'eucaristia: in questo contesto il ruolo cresciuto di
Pietro). Il Discepolo Amato gli concede la precedenza (20,4-8; gli ultimi capitoli sono
redazione della comunità giovanna). Gesù stesso lo incarica per essere il pastore delle
sue peccore (21,15-17). Non è un incarico dottrinale.

Come testimonianza del Discepolo Amato, il Quarto Vangelo stesso sarà per i suoi
lettori una fonte autorevole che contiene il messagio non solo su Gesù, ma di Gesù.

Un termine chiave della tradizione giovannea è quello del 'ricordare'. Primo dell'"ora" di
Gesù, i discepoli non comprendono ancora le sue parole. Dopo la sua morte e
risurrezione "si ricorderanno" (rkz), però, di queste parole e "crederanno nella Scrittura
(= Scrittura Israele) e nelle parole che Gesù aveva detto loro" (Gv 2,22; cf. 12,16).
Quindi le parole di Scritture sono accanto la Scrittura di Israele; ha la stessa autorità
senza entrare nella Scrittura. La Scrittura di Israele riceve il suo significato in Gesù e
nella sua parola; uno è la chiave ermeneutica per l'altro. Ugualmente, dopo la partenza
di Gesù, lo Spirito Paraclito ricorderà ai discepoli le parole di Gesù (14,26). Nello
stesso tempo, lo Spirito aprirà anche nuovi orizzonti ai discepoli sulla base delle parole
di Gesù (16,12-15).

2. La Prima Lettera
La lettera rappresenta una "rilettura" del vangelo in una nuova situazione pastorale. Il
conflitto con la sinagoga è stato sostituito da un conflitto all'interno della comunità
giovannea sulla dottrina e sul comportamento morale. Abbiamo individuato dietro
questo conflitto doppio una controversia sull'antropologia, sulla giusta comprensione di
sé stesso.

61
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

Nei due campi della controversia, l'autore si riferisce alla tradizione. Mentre nella
controversia con la fede ebraica ed i giudaizzanti la Scrittura aveva un ruolo
importante, adesso la tradizione riceve più grande rilievo (nel senso della tradizione
cristiana). Per le tradizioni ebraiche assunte nella 2Gv cf. J. LIEU, What Was from the
Beginning: Scripture and Tradition in the Johannine Epistles, NTS 39 (1993) 458-477
(studia la tradizione ebraica fuori la bibbia).

Il cambio di prospettiva si mostra già nei primi versetti della 1Gv. "Ciò che era
dall'inizio" non è più, come nel Prologo del Vangelo di Giovanni, Il Logos divino come
seconda persona della Trinità, ma "la parola di vita", che è apparsa in figura umana,
ma viene trasmessa come parola della predicazione per aprire l'accesso alla vita divina
(aspetto funzionale). Da una parte, "dall'inizio" è utilizzato nel senso cristologico come
decrizione di Gesù come "colui, che era dall'inizio" (1Gv 2,13s). Dall'altra parte
"dall'inizio" caratterizza sia il kerigma specifico della comunità giovannea (1Gv 2,24),
sia l'insegnamento morale ricevuto dai membri della comunità sin dall'inizio (2,7; 3,11).
Questo consiste nel comandamento dell'amore muto, che ormai nonè più un nuovo
comandamento, ma uno nello stesso tempo nuovo e vecchio (2,7).

il ruolo dello Spirito appare in questa prospettiva ridotto in paragone con il vangelo di
Giovanni. Il titolo del "Paraclito" si riferisce di nuovo a Gesù e non allo spirito (2,1), e
l'unico paragrafo dedicato allo Spirito (4,1-6) è introdotto da una meessa in guardia
contro i cattivi spiriti ed un invito alla vigilanza (3,24). Questo fatto si spiega facilmente
dalla situazione della comunità minacciata da un movimento entusiasta. Lo Spirito
autentico deve condurre alla confessione di Gesù, Figlio di Dio fatto carne, ed
all'osservanza del comandamento dell'amore muto.
Dietro la 1Gv sta un personaggio che mostra la coscienza di essere il guardiano
dell'autentica tradizione. Il suo atto di "scrivere" è l'espressione di questa coscienza
(2,1.7s.12-14.21.26; 5,13; nel plurale 1,7: l'autore con il suo gruppo). Questo
personaggio non appare rivestito di un'autorità formale e "gerarchica", ma piuttosto di
un'autorità connessa con il collegmae3nto con la tradizine autentica risalente a Gesù, il
"Verbo di Vita". Per questa ragion, l'autore non prende ricorso alle misure disciplinari
ma cerca di convincere i suoi lettori del suo messaggio (ragiona). L'uscita di un gruppo
di dissidenti è solo costatato (2,19).

3. La Seconda e Terza Lettera


Per la prima volta, in queste lettere un autore è indicata all'inizio: "L'Anziano". Non è
chiaro sinora chi sa questo personaggio, ma l#opinione appare ben fondata secondo la
quale si tratta di uno degli "anziani" menzionati da Papia id Gerapoli che facevano il
ponte tra il periodo apostolico e la chiesa del sec. secolo. Egli scrive le sue lettere nella
coscienza di essere da parte sua il guardiano della tradizione autentica, si ain campo
dottrinale, sia in quello morale.
Nella Seconda Lettera appare ancora un riflesso dei dibattiti cristologici: i lettori sono
invitati a conservare la fede una volta accettata in gEsù "venendo nella carne" (2,Gv 7).

62
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

E' necessario "rimanere nell'insegnamento" (2,9) ee non "Progredire" (ibid.). Chi viene
e non condivide questo "insegnamento" non può essere accettato nelle case delle
comunità dell'Anziano (v. 10s.). Il comandamento dell'amore mutuo è ormai non più
nuovo, ma è vecchio, "uno che abbiamo avuto dall'inizio" (v.5). Mancano nelle due
piccole lettere i riferimenti sia alla Scrittura sia allo Spirito (la voce è assente in 2Gv e
3Gv). C'è la verità, ma come il messaggio ricevuto e trasmesso.
Mentre nella Prima di Giovanni si vede ancora lo sforzo dell'autore di convincere il
lettori con argomenti, questo tentativo non è più osservabile nelle due piccole lettere. Al
posto dell'argomento si trova la misura disciplinare. Nella 2Gv l'autore ordina ai lettori
di non ricevere i messaggeri eterodossi nelle proprie case (v 10s), nella 3Gv egli vede
questa misura presa dalla gente di Diotrefe contro i suoi messaggeri (v 9s).

Coe giudicare su tale sviluppo? Sembra che la situazione della comunit?a giovannea
ha condotto ad un ricorso progressivo all#autorità formale ed alla tradizione per poter
salvaguardare l'unità della comunità giovannea. Non sembra che questo tentativo sia
riuscito (veda libro di R.E. BROWN, La comunità giovannea).

63
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

Exkursus: Der Dritte Johannesbrief – Eine Syntese


Einleitung zu 3Joh
1. Literarische Eigenart
- einer der kürzesten Schriften, geringer theol. Gehalt;

- große Übereinstimmung zum antiken Privatbrief


 Unterschied zu 2Joh: an ein Individuum, Gaius, gerichtet (vgl. "auserwählte
Herrin");
o trotzdem Öffentlichkeitscharakter, weil dahinter Gemeinschaft von "Brüdern" (vv3.5)

- vgl. mit hellenistischen Privatbrief


 Präskript mit Formel: A dem B einen frohen Gruß
o Unterschiede: Absender nicht namentlich gennante Persönlichkeit, sondern "der
Ältere"; Fehlen des "frohen Grußes" (aber Apposition: "geliebter Gaius").
 Wunsch nach Gesundheit des Adressaten (v2: euvodou/sqai)
 Corpus mit Formel: Ausdruck des Dankes an Gott/Götter für die guten
Nachrichten seitens des Adressaten.
o bei Paulus Formel abgewandt: Dank an Gott für das geistliche Wohl der
Empfängergemeinde
o bei 3Joh ähnlich: "Freude" über die Nachricht vom "Wandel" des Gaius bzw. seiner
"Kinder in de Wahrheit" (vv3f.)
 Übergang zum eigentl. Hauptteil durch di Bitte des Absenders an Gaius (vv5-8)
o ist gattungsgemäß
o Inhalt: Aufnahme von Sendboten des "Älteren" durch Gaius. Ihre Aufnahme durch
Gaius und ihm verbundene Brüder entspricht ihre Ablehnung durch Diotrephres und
seine Gemeinde.
 "Presbyterale Parusie" – Ankündigung des Erscheinens
o entspricht der "apost. Parusie" in den Paulusbriefen (vgl. hell. Privatbriefe);
o Unterschied zu hell. Privatbrief: ihm geht es um die Nähe des Vf. zum Empfänger
durch den Brief, bei Paulus um die angekündigte baldige persönliche Begegnung,
in 3Joh um das angedrohte Kommen des "Älteren", um von Diotrephes
Rechenschaft zu verlangen.
 Lehrhafte Ermahnung (v11)
o entspricht Paulusbriefen (Danksagung, Hauptteil mit darin enthaltener apost.
Parusie und Paränese);
o bildet keinen Hinweis, dass Vf. von 3Joh dieses Schema kannte u. bewußt nutzte!
 Empfehlung des Demetrius (v12)
o enstpricht ebenso dem antiken Privatbrief; deswegen kann man aber noch nicht
von einem Empfehlungsschreiben oder Beglaubigungsschreiben sprechen.

64
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

 Schluss formelhaft: vgl. 3Joh 13f mit 2Joh 12; benützt überlieferte
Ausdrucksformen.
o Gedanke der Parusie, gerichtetr an den Adressaten und seine Gruppe
 Schlussgrüße
o fester Bestandteil der ntl. Briefe und hell. Privatbriefe (vgl. Slg von Papyrusbrifen;
vgl. Bezeichnung der Gemeindemitglieder als "Freunde").

- Trotz Gemeinsamkeiten auch Einmaligkeit


 konzentrische Struktur:
 Zentrum: Ermahnung des Gaius zur Gewährung der Gastfreundschaft (vv5-8)
und die Verweigerung dieses Verhaltens durch Diotrephes (vv9-11);
 davor: Danksagung für den "bezeugten Wahrheitswandel" des Gaius (vv3f.)
und die Empfehlung des Demetrius, dem das gleiche bescheinigt wird;
 Rahmen: Gruß und Gesundheitswunsch am Anfang (vv1f.) und Schlussformel
mit Grüßen am Ende (vv13-15).

- Entscheidend
 appellativer Charakter des Briefes
o Verhalten des Gaius als Paradigma für "uns", d.h. die Christen
o Verhalten des Diotrephes als neg. Paradigma
o dominierende Rolle der "Wahrheit" im Brief

2. Anlass und Zweck


- Ausgangsposition: ob und in welchem Sinne geht es hier um die "Wahrheitsfrage"?
 1. Position: Streit um Rang und Geltung bzw. um unterschiedliche kirchliche
Organisationsformen
o Konflikt zw. dem Apostel Johannes und Diotrephes (als monarchischem Bischof,
Bischofprätendenten oder Vertreter einer anderen ortsgebundenen kirchl.
Organisation
Problem: äußerer und innerer Abstand von 3Joh zum Zwölferkreis
o Modifikation: der "Ältere" als Vertreter einer provinzialen Kirchenverf. im Streit mit
Diotrephes als Repräsentant des neu aufkommenden Episkopats. Der "Alte" erhebt
Anspruch auf Mitsprache über die Grenzen einer Ortsgemeinde.
Problem: Beweis der Identifikation des Diotrephes mit einem monarch. Bischof (vgl.
v9, der Diotrephes charakterisiert als einer, der "der Erste sein will").
o Modifikation: der "Alte" als Traditionsträger iSv Papias von Hierapolis, Diotrephes
als Vertreter eines sich neu herausbildenden ortskirchlihcen Amtes. Der "Ältere"
steht zwischen der Generation der Apostel und der nachapostolischen Zeit und
verübrgt für diese Übergangszeit die Kontinuität.
 2. Position: Auseinandersetzung um Lehrfragen

65
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

o Diotrephes als Leiter einer von der Gemeinde des "Alten" abgefallenen
sektiererischen Gruppe gnostischen Gepräges?
Dafür: Nähe zu 1 u. 2Joh, vgl. 2Joh 7 gegen die "Progressisten"
Dagegen: 3Joh behandelt keine Lehrfragen und fühlt sich dem Diotrephes
gegenüber in der Defensive.
o Modifikation: Diotrephes als Vertreter der kirchlichen Orthodoxie und der "Ältere"
als Kezter in der Auseinandersetzung der Großkirche mit dem aufkommenden
Montanismus?
Fehlen Indizien im Text; fügt sich nicht in die joh. Entwicklungslinie.
o These v. KÄSEMANN: "Ältere" als Vertreter eines frühgnostischen Zweiges des
Christentums (vgl. Joh; die älteren Schichten 1Joh), im Konflikt mit Diotrephes als
Vertreter der großkirchlichen Ortodoxie.
Grundthese zum gnostischen Charakter des Joh (vgl. dagegen Joh 17) wurde nicht
aufgegriffen!
o These v. STRECKER: "Ältere" als Chiliast
Problem: 3Joh bietet dafür keine Indizien; hängt alles von der Interpretation 2Joh 7
ab.
o Zusammenfassung: Kein Beweis, dass Vf. eine von der großkirchlichen Orthodoxie
abweichende Meinung hat! Aber zwei wichtige Beobachtungen:
- Vf. wirft Diotrephes keine Abweichung von der wahren Lehre vor
- Vf. ist in der Defensive
o These: der "Ältere" als Vertreter eines stark dualistisch geprägten joh.
Christentums, daher für Diotrephes theol. verdächtig.
Dafür: solcher Lehrstreit fügt sich in jenen über kirchl. Organisationsformen gegen
Ende der apost. Zeit
Dafür: deshalb ist er in der Defensive und spricht von der "Wahrheit"
Dafür: fügt sich gut in die Rolle, die die "Wahrheit" in 3Joh spielt

3. Bezeugung und Rezeption


- 2Joh und 3Joh teilen das Schicksal; siehe daher dort.

Auslegung
1. Präskript und –einleitung vv1-4
1:1
~O presbu,teroj Gai<w| tw/| avgaphtw/|( o]n evgw. avgapw/ evn avlhqei,a|Å 2 VAgaphte,
( peri. pa,ntwn eu;comai, se euvodou/sqai kai. u`giai,nein( kaqw.j euvodou/tai, sou h` yuch,Å 3
evca,rhn ga.r li,an evrcome,nwn avdelfw/n kai. marturou,ntwn sou th/| avlhqei,a|( kaqw.j su. evn
avlhqei,a| peripatei/jÅ 4 meizote,ran tou,twn ouvk e;cw cara,n( i[na avkou,w ta. evma. te,kna evn
th/| avlhqei,a| peripatou/ntaÅ
- v1: Präskript
 Name des Vf als Titel; Name des Empfängers, Gaius
o fehlt Element des "cai,rein" (stattdessen: tw/| avgaphtw/|)

66
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

o ~O presbu,teroj: Amtsbezeichnung? Ausdruck der Würde, durch Vermittlung der


joh. Tradition (s. ta. evma. te,kna)!
o Gai<w|: Paulusgefährte (Apg 19,19; 20,4)? Gastgeber des Paulus (Röm 16,23)?
Ein von Paulus getaufter Christ (1Kor 1,14)? Bischof von Pergamon (Apost. Konst.
VII 46,9)? Wohl kein Amtsträger, sondern Gastgeber einer Hausgemeinde.
 tw/| avgaphtw: geht über Privatbriefe hinaus
o väterliche (v4 te,kna), brüderliche (v5 avdelfou.j) bzw. freundschaftliche Züge (v15
fi,loi)
o Konzept der Wahrheit (vv3f.8.12): Liebe, die im gemeinsamen Empfang der
Heilsbotschaft begründet ist. Vernküpfung v. Wahrheit & Liebe.

- v2: Gesundheitswunsch
 euvodou/sqai: allg. in dieser Zeit / Kultur gebräuchlicher Wunsch
o in Paulusbriefen, zeigt sich eine Spiritualisierung dieses allg. Wunsches (Phil 1,9ff)
o wird vom Vf. weitergeührt in spirituelles Wohlergehen

- v3: Ausdruck der Freude


 Gattung der Privatbriefe normal Dank an Gott/Götter für erhaltene gute
Nachricht
 3Joh: Freude über guten Wandel des Gaius
o greift Thema von 1Joh 1,4 (Ende Proömium) auf;
o Thema geht zurück auf 2Joh 4 (formelhaft)
 Grund: Brüder bezeugen "deine Wahrheit (avlhqei,a|), gleichwie du in der
Wahrh. wandelst"  Verschränkung von Freude & Wahrheit
o evrcome,nwn avdelfw/n: Missionare aus dem joh. Kreis
o marturou,ntwn sou th/| avlhqei,a|: vgl. Johannes d. Täufer (Joh 5,33), Jesus als
Zeuge für die Wahrheit (Joh 18,37)
hier: Wahrheit als der dem Christentum entspr. Lebenswandel (daher ident mit der
Liebe des Gaius, v6); daher kaqw.j su. evn avlhqei,a| peripatei/j dazu explikativ
(vgl. 2Joh 4.6).
keine joh. Parallele aber ähnlich (Joh 8,12; 11,9f; 12,35: Wandeln im
Licht/Finsternis, bei Tage/Nacht; Joh 3,21: Tun der Wahrheit).

- v4: Freude an der Botschaft vom guten Lebenswandel der Kinder


 meizote,ran: doppelter Komparativ (nachklassisch)
 Grund der Freude: das Wandeln der Kinder in der Wahrheit
 ta. evma. te,kna: begegnet zum ersten Mal (plus Poss.pron!); vgl. aber Anrede
in 1Joh; Bezeichnung der Mitglieder der Gemeinde in 2Joh.
o gg BULTMANN, dass diese Kinder vom Vf. selbst in den Glauben eingeführt u.
getauft worden waren, spricht, dass Gaius dem Vf. wohl nur indirekt bekannt war
(v3).

Verschränkung von Wahrheit und Liebe: Liebe wird existentiell gesehen: Liebe unter
Christen wurzelt in der Wahrheit, die von Gott kommt u. in Christus geschichtlich
Gestalt angenommen hat. Diese Wahrheit iSd Botschaft u. des Gebotes Jesu setzt

67
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

sich in der Praxis der Liebe um. Ernstfall: Gastfreundschaft. Aufnahme der Glaubens-
boten als Mitarbeit an der Wahrheit; so entsteht Gemeinschaft (wir), die Zukunft
sichert.

2. Gastfreundschaft des Gaius (vv5-8)


1:5
VAgaphte,( pisto.n poiei/j o] eva.n evrga,sh| eivj tou.j avdelfou.j kai. tou/to xe,nouj( 6 oi]
evmartu,rhsa,n sou th/| avga,ph| evnw,pion evkklhsi,aj( ou]j kalw/j poih,seij prope,myaj avxi,wj
tou/ qeou/\ 7 u`pe.r ga.r tou/ ovno,matoj evxh/lqon mhde.n lamba,nontej avpo. tw/n evqnikw/nÅ
8
h`mei/j ou=n ovfei,lomen u`polamba,nein tou.j toiou,touj( i[na sunergoi. ginw,meqa th/|
avlhqei,a|Å
- vv5-8: Gegenüberstellung Gaius (vv5-7)- Diotrephes (vv9f)

- v5 rechte Verhalten des Gaius


 poiei/n: rahmt den gesamten Mittelteil (vv5f.11)
 tou/to xe,nouj: Gaius kannte die Glaubensboten vorher nicht; umso höhere
Anerkennung verdient er; ihr Glaube ließ ihn die Türe öffnen.

- v6: Aufforderung weiter so zu handeln


 heimgekehrte Missionare bezeugen Verhalten des Gaius
 prope,myaj: Aufforderung sie auszustatten für die Reise
o Vokabel schon in Rm 15,24; 1Kor 16,6.11; 2Kor 1,16; Tit 3,13; ganz praktischer
Sinn;

- v7: doppelte Anerkennung


 Anerkennung: Aufnahme allein, weil die Missionare den Namen verkünden
o Namen Gottes oder Jesu (durchwegs in 1Joh 2,12; 3,23; 5,13)?
 Anerkennung: Aufnahme, weil Missionare keine materielle Unterstützung
seitens der Hellenisten genossen / annehmen wollten
o vgl. Weisung Jesu: Mt 10,8; Lk 10,4; u.U. auch wegen des Misstrauens gegenüber
Auswärtigem (so, wenn mit "Heiden" Menschen außerhalb des joh. Kreises gemeint
sind).

- v8: abschließende Sentenz


 Wir alle (Christen / Christen der joh. Gemeinde) sollen so handeln
o So stehen wir im Dienst der Glaubensverkündigung, der Wahrheit.
vv1-4 spricht vom Verhältnis Wahrheit & Liebe; hier nun Liebe & Handeln. Dieses
Handeln erweist sich an den Glaubensgenossen (die auch "Fremde" sind). Auch hier
also Zusammenhang zw. rechtem Glauben&Bekenntnis und tätiger Liebe. Aktualität
heute: Verhalten gegenüber "Fremden" (vgl. Mt 25,35); Dienst an der Wahrheit durch
die Aufnahme von Glaubensboten (neue Bedeutung der Gastfreundschaft für
durchreisende Glaubensverkünder).

68
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

3. Das Versagen des Diotrephes (vv9-11)


1:9
:Egraya, ti th/| evkklhsi,a|\ avllV o` filoprwteu,wn auvtw/n Diotre,fhj ouvk evpide,cetai
h`ma/jÅ 10 dia. tou/to( eva.n e;lqw( u`pomnh,sw auvtou/ ta. e;rga a] poiei/ lo,goij ponhroi/j
fluarw/n h`ma/j( kai. mh. avrkou,menoj evpi. tou,toij ou;te auvto.j evpide,cetai tou.j avdelfou.j
kai. tou.j boulome,nouj kwlu,ei kai. evk th/j evkklhsi,aj evkba,lleiÅ 11 VAgaphte,( mh. mimou/
to. kako.n avlla. to. avgaqo,nÅ o` avgaqopoiw/n evk tou/ qeou/ evstin\ o` kakopoiw/n ouvc
e`w,raken to.n qeo,nÅ
- v9: Diotrephes Verhalten als Gegenstand des Vorwurfs und der Warnung
 Diotrephes nimmt die Missionare nihct auf
o ein vorauszusetzendes entsprechendes Schreiben ist nicht erhalten;
nicht ident mit 2Joh (vgl. Inhalt: empfiehlt niemanden, sondern warnt vor
leichtfertigem Kontakt mit religiös Andersdenkenden)
 filoprwteu,wn: Bedeutung: Wunsch/Bestreben, der Erste sein zu wollen
o kein Hinweis auf entsprechendes Amt (Bischof)
o reicht aus, dass Diotrephes Entscheidungsvollmachten eines monarch. Bischofs
des 2Jh. für sich in Anspruch nahm.
 h`ma/j: Vf. identifiziert sich mit der nicht aufgenommenen Missionaren
o also mehr als schriftstellerischer Plural
o Vf. kennt Gebrauch der 1. P. Sg. (vv1-4; v9a.10.13f.)
daher wohl wirklicher Plural, der die hinter dem Vf. stehende Gruppe als Vertreterin
des joh. Christentums bezeichnet

- v10: Hoffnung auf eine persönliche Begegnung zur Mahnung


 e;lqw: Vf. will kommen, um Diotrephes zur Rede zu stellen
o offen, ob tatsächlich geschehen
 4facher Verstoß des Diotrephes gegen seine Pflichten als Christ (Steigerung!)
o 1. üble Nachrede ggüber dem "Älteren"
o 2. Verweigerung der Aufnahme der aus der Gemeinde des Älteren kommenden
Missionaren
o 3. Diotrephes untersagt anderen, diese Missionare aufzunehmen
o 4. Ausschluss jener Gemeindemitglieder, die diese Missionare aufnehmen
 Vf. nennt keinen Grund für das Verhalten des Diotrephes

- v11: ehtische Maxime


 Aufforderung an Gaius, das Verhalten des Diotrephes nicht nachzuahmen
 Doppelaussage über die Beziehung der Guten und der Bösen zu Gott
o chiastischer Aufbau: Ausagen über den, der böse handelt, rahmen solche über
denjenigen, der Gutes tut
o diese Art allg. ethischer Paränese ist dem joh. Schrifttum sonst fremd; erscheint ehr
als traditionell
o Aufforderung zur Nachahmung rechten Verhaltens findet sich in der Paulusschule
(2Thess 3,7.9; Hebr 13,7).
 VAgaphte,: greift auf v5 zurück und rahmt so den Mittelteil mit Thematik der
gewährten od. verweigerten Gastfreundschaft

69
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

 Gegenüberstellung derer, die Gutes, und derer, die Böses tun, ähnlich 1Joh?
o 1Joh leitet aus der christl. Existenz die Notwendigkeit christlichen Handelns ab;
schließt aus dem Fehlen christlichen Verhaltens auf das Fehlen des Christseins
vgl. 1Joh 3,6.9
o 1Joh 3,7f: Gegenüberstellung des Verhaltens auf die jeweilige Gottesbeziehung
wird in 3Joh 11 aufgenommen: in ihr steht das Erkennen der wahren Christen im
Vordergrund

Gaius, Adressat des Briefes, soll aus dem Verhalten von Diotrephes lernen, wie man
nicht handeln soll, und dem / seinem eigenen guten Beispiel folgen. Der Vf.
personalisiert den Konflikt mit Diotrephes in hohem Maße, unterstellt ihm Motive, die
nicht direkt aus seinem Verhalten ableitbar sind (für andere Motive vgl. 2Joh 7,-11).
Absicht zu kommen, um direkt mit Diotrephes zu reden entspricht Mt 18,15ff. Ist
Strategie für eine Bereinigung des Konfliktes.

4. Empfehlung des Demetrius und Briefschluss (vv12-15)


1:12 Dhmhtri,w| memartu,rhtai u`po. pa,ntwn kai. u`po. auvth/j th/j avlhqei,aj\ kai. h`mei/j de.
marturou/men( kai. oi=daj o[ti h` marturi,a h`mw/n avlhqh,j evstinÅ 13 Polla. ei=con gra,yai soi
avllV ouv qe,lw dia. me,lanoj kai. kala,mou soi gra,fein\ 14 evlpi,zw de. euvqe,wj se ivdei/n( kai.
sto,ma pro.j sto,ma lalh,somenÅ 15 Eivrh,nh soiÅ avspa,zontai, se oi` fi,loiÅ avspa,zou tou.j
fi,louj katV o;nomaÅ
- v12: Entsprechung zum Lob des Gaius
 Übereinstimmung mit vv3f. mit Schlüsselbegriffen "Zeugnis", "Wahrheit"
 Ähnlichkeiten auch zw. vv13-15 und Präskript vv1f
o Grüße; persönliche Beziehung des Älteren zu Gaius
o konzentrische Aufbau
 Dhmhtri,w: unbekannt
o nicht ident mit dem Silberschmied aus Ephesus (Apg 19,24.38)
o Tradition: Demetrius wird zum Bischof von Philadelphia (Ap. Konst. VII 46,9)
o sicher: muss der Gemeinde des Älteren bekannt sein: Überbringer des Briefes?
 memartu,rhtai ))) th/j avlhqei,aj: anahlog zum Wandel des Gaius in der Wahrheit
o d.h.: sein Wandel in der Liebe (vgl. zu vv3.6)
o gute zeugnis, das in seinem Wandel nach Gottes Weisung im Wort Jesu begründet
o Zeugnis des Älteren und der mit ihm verbundenen Christen (wir); dies beansprucht
Geltung (Rückgriff auf joh. Formulierung in Joh 19,35; 21,24)
Unterschied zw. 3Joh u. Joh: JohEv: Zeugnis über Jsus; 3Joh: Zeugnis für einen
Christen

- v13f: Sprechen von "Mund zu Mund"


 Schluss des Briefes sehr formelhaft (Tinte, Feder; vgl. 2Joh 12)
 Korrespondenzpartner lieber persönlich zu sehen als Element des antiken
Privatbriefes
o bei Paulus gehört es zur Ankündigung der "apost. Parusie" (vgl. Röm 1,11; 1Kor
16,7; 1Thess 2,17; 2Tim 1,4).

70
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

o Sprechen von "Mund zu Mund" aus LXX (Num 12,8; Jer 39[32],4).

- v15: "Friede sei mit dir" – ntl. Briefliteratur


 Friedenswunsch nicht nur am Beginn fast aller Paulusbriefe, sondern auch am
Ende
o oft verbunden mit Grüßen
o Inhalt des Wunsches stammt wohl aus jüd. Tradition
o Gruß seitens der Mitglieder der Vf.Gemeinde, als auch die Bitte, die
Gemeindemitglieder des Adressaten zu grüßen, haben Parallelen in ntl.
Briefliteratur (vgl. Röm 16).
o Formulierung ähnlich wie in Tit 3,15; Joh 15,13.15.
 Vf. folgt hell. Sprachgebrauch
o hierher gehört auch der "namentliche" Gruß an die einzelnen Freunde (also
formelhaft)
 kein patriarchalische Beziehung
o siehe v4, 2Joh 1.13 "Kinder";
o dagegen: vv3.5.10 "Brüder" – geschwisterliche Beziehung
o dagegen: v15 "Freunde" – freundschaftliche Beziehung
 Gefahr:
o Freundkreis engt sich auf die Anhänger des Älteren in seiner eigenen Gemeinde
wie in derjenigen des Gaius bzw. Diotrephes ein

Brief gibt Einblick in die Gemeinden. Sie sind klein, man kennt sich persönlich; Boten
gewährleisten Info-Austausch. Bildung von Gruppierungen (Fehden, neue Kontakte),
persönliche Rivalitäten erscheinen als Sachprobleme, Sachprobleme als persönliche
Rivalität gedeutet (vgl. Sekten u. Freikirchen). Brief hilft diese Gefahr zu sehen und
darauf zu reagieren.
Große Rolle der Gastfreundschaft, Hausgemeinde als Ort der Begegnung.

71
P. Beutler SJ: Le lettere di Giovanni

ESAME:
1) tema generale, problemi
2) critica testuale
3) interpretazione

due brani da interpretare (con l'apparato critico)

-

o

-

o

72

Potrebbero piacerti anche