Sei sulla pagina 1di 14

IL PRIMO PARCO ITALIANO INTERAMENTE DEDICATO

AL MONDO DEI SUONI E DELLA MUSICA

PROGETTI DIDATTICI
MUSICALI IN CLASSE

Proposte per l’anno scolastico


2009 - 2010

SCUOLA PRIMARIA

Associazione Culturale La Fabbrica dei Suoni


Via Marconi 15, 12020 Venasca (CN) - ITALY
C.F./P.IVA 03191030042

Tel: +39 0175 567840 - Fax: +39 0175 560963


info@lafabbricadeisuoni.it - www.lafabbricadeisuoni.it
L’equipe de “La Fabbrica dei Suoni” ha predisposto i seguenti progetti
musicali destinati ai bambini e alle bambine della Scuola Primaria.

L’esperienza maturata negli ultimi anni, con vari progetti attivati in diverse
scuole della provincia di Cuneo e di Torino, ha permesso di proporre a docenti e
alunni attività specifiche e mirate per le diverse esigenze.

L’equipe educativa de “La Fabbrica dei Suoni” rimane a disposizione per


elaborare progetti specifici in collaborazione con gli insegnanti delle diverse
scuole.
PROGETTO “EDUCARE AL SUONO”

PREMESSA
Il progetto “Educare al suono” si propone di avvicinare i bambini al
mondo della musica e di diffondere la cultura musicale con un approccio
ludico ed esperienziale, valorizzando al meglio tutte le competenze già in
possesso dei ragazzi.

PROGETTO

Il progetto “Educare al suono” vuole aiutare i bambini e le bambine della


Scuola Primaria ad avvicinarsi al mondo del suono e della musica con
interesse e dare la possibilità di esprimersi liberamente, senza
competizione e paura di insuccessi.
Verranno proposte attività sul ritmo, sul canto, giochi di ascolto, semplici
attività motorie che permettano di migliorare la coordinazione, stimolare
la fantasia e la collaborazione.
Le attività proposte potranno quindi essere filastrocche, conte, gesti-
suono, giochi ritmici e melodici, improvvisazioni vocali e strumentali,
vocalità, danze, fiabe sonore,… Le diverse attività saranno proposte in
modo calibrato sull’età dei bambini che prenderanno parte al progetto.

3
PROGETTO “CANTANDO IN CORO”
PREMESSA
Il corso si propone di avviare gli studenti del primo e secondo ciclo alla pratica
del canto corale, consolidando le eventuali conoscenze musicali già in loro possesso.
Durante il ciclo di lezioni si proporranno gli elementi fondamentali ed
indispensabili della tecnica vocale, ed una serie di brani di repertorio per coro infantile
adeguato alle capacità dei ragazzi.
Il percorso, inoltre, intende educare i partecipanti allo stare insieme, che,
veicolato dall’elemento sonoro – musicale, può divenire estremamente gradevole e ricco
di soddisfazioni personali, pur se talvolta complesso o difficoltoso.

PROGETTO

Il corso si propone di fornire agli studenti gli strumenti necessari ed indispensabili


per avvicinarsi alla pratica vocale ed al canto corale.
Obiettivi primari da affrontare con i ragazzi sono:
• Sviluppare in tutti la sensibilità al canto
• Sviluppare l’educazione alla forma corale del canto
• Sviluppare la sensibilità melodica e ritmica
• Apprendere repertorio corale infantile a più voci
• Elevare le capacità espressive musicali globali allo stesso grado di
competenza del linguaggio verbale.

4
PROGETTO MUSICA,
CITTADINANZA E COSTITUZIONE
“A scuola con Vivi”
PREMESSA
Dall’anno scolastico 2009/2010 la “materia” denominata “Cittadinanza e
Costituzione” dovrà fare parte del POF delle scuole e sarà oggetto di
specifica valutazione; ad essa dovranno essere riservate 33 ore annuale
di insegnamento (mediamente un’ora alla settimana). Per avvicinare i
bambini e le bambine alla cultura della cittadinanza e della conoscenza
delle Istituzioni, l’equipe de “La Fabbrica dei Suoni” ha predisposto il
progetto musicale “A scuola con Vivi”, divertente operina in cui vengono
presentati, oltre ai temi classici dell’educazione civica, anche l’educazione
ambientale, l’educazione alla legalità, i principi di una corretta
competizione sportiva e i valori del volontariato, le basi dell’educazione
stradale e dell’educazione alla salute, il valore del rispetto delle regole.
Attraverso l’uso delle canzoni, inserite in una storia che funge da sfondo,
sarà più semplice per i bambini comprendere e far proprie le regole per
una convivenza civile, formazione trasversale e riferimento ideale per
tutte le altre discipline.

PROGETTO
Ogni incontro si aprirà con la lettura di una parte della storia che
presenterà alcune situazioni di vita quotidiana a scuola o in città.
Il personaggio principale sarà Viviana (Vivi per gli amici), una bambina
della scuola primaria, sempre alle prese con nuovi problemi da risolvere.
Verrà insegnata una semplice canzone che presenta in modo originale il
tema del giorno. I bambini, oltre ad imparare le diverse canzoni, saranno
invitati ad utilizzare semplici strumenti musicali per sonorizzare delle
parti della storia e verranno proposti anche alcuni giochi ritmici.

Il progetto si può concludere con la registrazione di un CD delle canzoni


apprese durante gli incontri o con la drammatizzazione delle storia in uno
spettacolo conclusivo.

5
PROGETTO MUSICA E INTERCULTURA
“Le avventure di Tom Crash”

PREMESSE

Il progetto di animazione musicale interculturale si propone di fornire


spunti e strumenti cognitivi, affinché i bambini imparino a guardare
all’alterità non come a un problema, ma come a una risorsa: le identità -
musicali e non - più aperte sono anche le identità più forti.
La scuola è oggi il luogo in cui maggiormente le alterità si incontrano e si
scontrano; ma è anche l’ambiente in cui si forma la coscienza civile del
singolo. È all’interno della classe che i bambini e ragazzi sviluppano la
propria identità e prendono coscienza delle differenze.
I laboratori musicali interculturali possono essere una delle vie attraverso
cui si favorisce la conoscenza e la comunicazione, annullando le barriere
che il linguaggio verbale impone: essi sono luoghi di sperimentazione, di
innovazione, di ricerca e di sperimentazione.
Attraverso la musica è possibile prendere coscienza della propria,
personalissima, identità ma, al tempo stesso, provare il piacere di sentirsi
uguali agli altri, insieme agli altri.
È dunque indispensabile creare, nelle nuove generazioni, la capacità di
oltrepassare le frontiere senza provare senso di smarrimento e stimolare
il gusto di sentirsi esploratori e curiosi di diversità.
L’animazione musicale interculturale può contribuire ad educare soggetti
che riescano a vivere bene in qualunque luogo perché riconoscono di
essere diversi dagli altri, ma al tempo stesso legati dalla comune
umanità.

Un LABORATORIO MUSICALE INTERCULTURALE:


- deve essere posto come prospettiva, come metodologia che sappia
preparare le nuove generazioni agli scambi, ai conflitti, agli incontri, alla
diversità;
- deve elaborare progetti interdisciplinari, che riescano a coinvolgere e
rendere partecipi;
- deve rendere possibile il confronto, l’interazione con l’alterità; al tempo
stesso deve aiutare nella costruzione-comprensione della propria identità
- deve dare la possibilità di prendere coscienza del sè attraverso il fare, il
provare, lo sperimentare, il mettersi in gioco.

6
PROGETTO

Il Laboratorio Musicale Interculturale, qui proposto, intende servirsi


principalmente degli strumenti musicali (individuati come importante
elemento trasversale alle diverse culture).

Le musiche viaggiano, e con loro gli strumenti. Oppure sono gli strumenti
che si spostano e si portano dietro le musiche.
Vari sono i motivi che inducono al viaggio: la conquista, il commercio, le
migrazioni, il turismo. Ci sono viaggi che attraversano continenti; altri
che attraversano le epoche.
Comunque vada, c’è mescolamento, trasformazione.
Viaggiare con gli strumenti musicali significa seguire le tracce di
diffusione, di modificazione, di integrazione in diverse culture degli
strumenti musicali, per capire i rapporti tra le culture e per comprendere
aspetti peculiari delle stesse.
Seguire il percorso di un oggetto musicale permette quindi di svolgere un
lavoro interdisciplinare con la Storia e la Geografia.

L’intero progetto trarrà spunto da un racconto che verrà letto a puntate,


come introduzione di ogni incontro.
Protagonisti delle vicende saranno alcuni strumenti musicali che
consentiranno di viaggiare nel tempo e nello spazio.
Strumenti musicali che rivendicano la loro identità e che sono spaventati
dal “diverso”, strumenti musicali che approdano in nuove realtà dopo
lunghi viaggi e si trasformano, strumenti musicali che vanno alla ricerca
delle loro radici.

Le attività proposte saranno varie e potranno comprendere ascolti,


sperimentazione di sonorità degli strumenti, costruzione di piccoli
strumenti musicali, canti, balli,…

Il progetto si può concludere con la registrazione di un CD delle canzoni


apprese durante gli incontri o con la drammatizzazione delle storia in uno
spettacolo conclusivo.

7
PROGETTO MUSICA E ALIMENTAZIONE
“P.Z.V.S.A.G. Perché Zio Vuole Solo Assaggiare Gelati”

PREMESSA

Il fenomeno dell’obesità sta assumendo, in tutto l’Occidente, proporzioni assai


preoccupanti e molti studi scientifici hanno dimostrato che, nella grande
maggioranza dei casi, un bambino obeso diventa un adulto obeso.
I motivi di questo fenomeno possono essere molteplici: predisposizione fisica,
cattiva alimentazione, aspetti psicologici, scarsa attività fisica, malattia.
La nostra proposta educativa è rivolta soprattutto ad educare chi, per scarsa
informazione o per abitudine culturale, tende ad alimentare in modo sbagliato il
bambino e, di conseguenza, a generare il fenomeno dell’obesità per eccessivo
apporto calorico.
Il concetto è il seguente: insegnando al bambino alcune basilari norme di
educazione alimentare, si può raggiungere la famiglia e sensibilizzare i genitori
ad una maggiore informazione.
“Perché zio vuole solo assaggiare gelati?”.
Questo titolo, a prima vista un po’ bizzarro, racchiude al suo interno un
significato già molto importante.
L’iniziale di ogni parola, richiama infatti uno dei 6 alimenti indispensabili per
condurre una vita equilibrata: in pratica per mangiare un po’ di tutto senza però
metter su chili.
Perché - P come Proteine: i mattoni del nostro corpo.
Zio - Z come Zuccheri: la benzina del nostro corpo.
Vuole - V come Vitamine: 13 sostanze vitali per l’organismo.
Solo - S come Sali minerali: gli operai della nostra miniera.
Assaggiare - A come Acqua: la maggior parte del corpo umano è formato di
acqua.
Gelati - G come Grassi: fanno funzionare meglio il cervello e permettono di
accumulare energia.
I bambini, anche solo imparando il titolo del progetto, verranno a conoscenza e,
potranno memorizzare, che esistono diversi alimenti, tutti importanti, per una
crescita corretta.

8
PROGETTO

Il personaggio principale, lo zio appunto, rappresenta per i bambini la classica


figura di adulto ideale: sempre pronto a giocare, capace all’ascolto, grande
burlone.
L’unico difetto è che lo zio è fissato e vuole solo mangiare una cosa: i gelati.
Certo, si sa, a tutti piacciono i gelati, ma un conto è mangiarne uno ogni tanto,
un’altra cosa è mangiare SOLO GELATI. Ebbene, lo zio in questione, mangia solo
gelati e questo fatto gli causa problemi enormi: mal di pancia, mal di denti,
pustole in ogni parte del corpo.
Insomma: non sta mai bene, e, quindi, non può mai giocare con i suoi nipotini.
Durante la narrazione della favola i bambini apprenderanno la necessità di
un’alimentazione completa e di una corretta igiene alimentare, guarendo anche
lo zio dalle sue fissazioni.
La favola è accompagnata da alcuni canti: uno per ogni alimento analizzato
(Proteine, Zuccheri, Vitamine, Sali minerali, Acqua, Grassi), più alcuni per
sottolineare i passaggi più significativi della vicenda narrata.
Il canto serve da pretesto per approfondire l’importanza dell’alimento trattato:
vengono così messi a conoscenza i bambini anche di alcune curiosità (ad
esempio che se si mangiano carboidrati 3 ore prima di una gara sportiva, si ha
una resa maggiore).
Ogni brano musicale, inoltre, è seguito da una scheda didattica con attività
pratiche sull’argomento analizzato (test, notizie informative, norme
comportamentali, giochi educativi).
In ogni incontro verranno inoltre presentati dei semplici giochi ritmici che
saranno utili per accompagnare l’esecuzione delle canzoni.

Il progetto si può concludere con la registrazione di un CD delle canzoni apprese


durante gli incontri o con la drammatizzazione delle storia in uno spettacolo
conclusivo.

9
PROGETTO MUSICA ED EDUCAZIONE STRADALE
“A SPASSO PER LA CITTA’ DI COLOROPOLI”
PREMESSA

Il progetto “A spasso per la città di Coloropoli” vuole aiutare i bambini e


le bambine della scuola primaria a imparare le regole più comuni di
educazione stradale e di convivenza tra pedoni e auto nello spazio
cittadino.
L’utilizzo del linguaggio musicale e di una storia che funge da sfondo
aiuta i bambini ad apprendere i concetti di educazione stradale in modo
divertente ed originale.

PROGETTO

Ogni incontro si aprirà con la lettura di una parte della storia che
presenterà una situazione di “vita urbana”: in particolare verrà
evidenziato uno specifico tema da approfondire.
Verrà insegnata una semplice canzone che presenta in modo originale la
situazione narrata nella storia.
I bambini, oltre ad imparare le diverse canzoni, saranno invitati ad
utilizzare semplici strumenti musicali per sonorizzare alcune parti della
storia.

Il progetto si può concludere con la registrazione di un CD delle canzoni


apprese durante gli incontri o con la drammatizzazione delle storia in uno
spettacolo conclusivo.

10
PROGETTO MUSICA E ASTRONOMIA
“CON LA TESTA TRA LE NUVOLE”
PREMESSA

Il 2009 è l’Anno Mondiale dell’Astronomia.


Per avvicinare i bambini e le bambine a questo mondo così affascinante,
l’equipe de “La Fabbrica dei Suoni” ha predisposto il progetto musicale
“Con la testa fra le nuvole”, divertente operina in cui vengono presentate
alcune caratteristiche dell’astronomia.
Attraverso l’uso delle canzoni, inserite in una storia che funge da sfondo,
sarà più semplice per i bambini imparare concetti anche complessi e
particolari.

PROGETTO

Ogni incontro si aprirà con la lettura di una parte della storia che
presenterà una caratteristica del mondo delle stelle e dei pianeti.
Il personaggio principale sarà Leo Galli, leone appassionato di tutto ciò
che sta nascosto tra le nuvole.
Verrà insegnata una semplice canzone che presenta in modo originale il
tema del giorno.
I bambini, oltre ad imparare le diverse canzoni, saranno invitati ad
utilizzare semplici strumenti musicali per sonorizzare alcune parti della
storia; inoltre potranno essere proposti alcuni giochi ritmici e di semplice
scrittura musicale (su eventuale richiesta degli insegnanti).

Il progetto si può concludere con la registrazione di un CD delle canzoni


apprese durante gli incontri o con la drammatizzazione delle storia in uno
spettacolo conclusivo.

11
PROGETTO MUSICA E PAESAGGI
“PAESAGGI SONORI”

PREMESSA

"Il paesaggio sonoro del mondo sta cambiando, L'universo acustico in cui vive l'uomo
moderno è radicalmente diverso da ogni altro che l'ha preceduto.(...) Quale rapporto
esiste tra l'uomo e i suoni del suo ambiente, che cosa accade quando questi suoni
cambiano?"

Queste sono le parole di apertura de "Il paesaggio sonoro" di R.M. Schafer, canadese,
principale iniziatore dei cosiddetti "soundscape studies".
Lo studio del paesaggio sonoro si sta delineando come un’attività sempre più urgente al
fine di poter descrivere ogni luogo con i propri suoni e rumori, superando l’omologazione
sonora causata da fonti di inquinamento acustico (automobili, attività industriali, ecc.)
L’ambiente naturale e urbano in cui ciascuno di noi si trova a vivere presenta una
varietà sonora pressoché infinita che costituisce il “sonorama” o panorama sonoro tipico
di ogni luogo.
Partendo dall’esempio di alcuni studi approfonditi di “mappatura” sonora di un luogo, si
possono prevedere attività che coinvolgano e rendano partecipi in primo luogo le giovani
generazioni.

PROGETTO

Il progetto si apre con un lavoro di raccolta sul territorio in cui si trova la Scuola dei
principali e più caratteristici suoni e rumori. Utilizzando un microfono e un apparato di
registrazione professionale, si “cattureranno” i diversi suoni che saranno poi registrati su
CD.
Attraverso l’ascolto del materiale registrato si inviteranno i partecipanti a disegnare una
mappa particolare delle zone visitate, dove non saranno importanti strade e piazze, ma
dove verranno evidenziati i diversi suoni e le varie interazioni tra essi.
A conclusione del lavoro si andranno poi a costruire installazioni sonore che possano in
qualche modo riprodurre i suoni più caratteristici incontrati nel lavoro di ricerca: le
installazioni saranno realizzate, ove possibile, con materiale di recupero e potranno
essere esposte in un luogo fruibile anche dai cittadini (a seconda della disponibilità della
scuola).

12
NOTE GENERALI
DESTINATARI

Bambini e bambine della Scuola Primaria, suddivisi in gruppi di circa 20-25 partecipanti.

DURATA

Il progetto si articola in 8 incontri, da un’ora ciascuno, per ogni gruppo partecipante.


Per l’allestimento dell’eventuale spettacolo si prevedono 8 ore aggiuntive di lavoro
(compresenza di più gruppi contemporanei).
Per i progetti in cui sarà richiesta la registrazione del cd audio in classe, si prevedono 2
ore aggiuntive per ciascun gruppo (tra registrazione e mixaggio in studio).

COSTO

Il costo orario è di 30,00 € + IVA


Il costo comprende anche una copia del libro della storia ed una copia del cd audio delle
canzoni utilizzate che verrà consegnato a ogni gruppo partecipante. Nei progetti in cui è
richiesta la registrazione di cd audio in classe è compresa una copia del cd master per
ogni gruppo (a richiesta duplicazione e stampa copertine di cd per tutti i partecipanti).

OPERATORI

Il laboratorio sarà condotto da personale qualificato che opera da anni in progetti rivolti
ai bambini delle scuole dell’infanzia e primarie della provincia di Cuneo e Torino e
facente parte dell’equipe de “La Fabbrica dei Suoni” di Venasca.

COORDINATORE DEI PROGETTI


Prof. Cristiano Cometto
c/o “La Fabbrica dei Suoni”
Via G. Marconi,15
12020 Venasca (CN)
0175 567840
cristiano@lafabbricadeisuoni.it
www.lafabbricadeisuoni.it

13