Sei sulla pagina 1di 2

5/2/2021 Lucio Bianco - Wikipedia

Lucio Bianco
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lucio Bianco (Guardia Lombardi, 16 dicembre 1941) è un ingegnere italiano, presidente del Consiglio
Nazionale delle Ricerche dal 1997 al 2003.

Indice
Biografia
Attività di Ricerca
Opere
Note

Biografia
Laureato il 20 dicembre 1966 in ingegneria elettronica presso l'Università "La Sapienza" di Roma e
abilitato alla professione di ingegnere nel 1967 ha conseguito una seconda laurea in ingegneria
aerospaziale presso la medesima università per poi avere un incarico di ricerca presso il Laboratorio di
ingegneria dei sistemi applicati al volo del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR).

Nel triennio 1990-1993 è stato professore straordinario di ricerca operativa presso l'Università di Roma
"Tor Vergata". Inoltre è stato direttore del dipartimento di Ingegneria dell'Impresa presso lo stesso
ateneo dal novembre del 2004 fino al dicembre del 2010.[1]

Ha ricoperto il ruolo di presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche fra il 1997 e il 2003.[2] Si è
dimesso dalla carica dopo un contrasto con l'allora ministro Moratti[3] e il commissariamento del
consiglio, provvedimento successivamente annullato dal TAR.[4]

Dal gennaio 2005 è coordinatore nazionale del Centro interuniversitario di ricerca operativa (CIRO) e
dal 2006 è direttore del master in “Ingegneria dei sistemi a rete" presso l'Università di Roma "Tor
Vergata".

Dal 2007 è presidente del Consiglio scientifico del Consorzio interuniversitario NITEL per i trasporti e la
logistica.

È fratello di Gerardo Bianco, deputato dal 1968 al 2006 ed ex segretario nazionale del Partito Popolare
Italiano.

Attività di Ricerca

https://it.wikipedia.org/wiki/Lucio_Bianco 1/2
5/2/2021 Lucio Bianco - Wikipedia

Opere
La ricerca e il Belpaese. La storia del Cnr raccontata da un protagonista, Donzelli, Roma 2014

Note
1. ^ Portale Università TorVergata - Dipartimento di Ingegneria dell'Impresa (http://web.uniroma2.it/mod
ules.php?name=Content&action=showpage&content_id=272&section_id=260) Archiviato (https://we
b.archive.org/web/20150414000711/http://web.uniroma2.it/modules.php?name=Content&action=sho
wpage&content_id=272&section_id=260) il 14 aprile 2015 in Internet Archive.
2. ^ CNR->Presidenti (http://www.cnr.it/sitocnr/IlCNR/Chisiamo/Storia/Presidenti.html)
3. ^ http://www.stampa.cnr.it/docUfficioStampa/comunicati/italiano/2003/Maggio/37_mag.doc
4. ^ http://www.stampa.cnr.it/docUfficioStampa/Trascrizioni/2003/Mar/mar_9_2003.htm
VIAF (EN) 105731 (https://viaf.org/viaf/105731) · ISNI (EN) 0000 0000 8079 201X (http://isn
i.org/isni/000000008079201X) · SBN IT\ICCU\CFIV\018424 (https://opac.sbn.it/opacsbn/op
ac/iccu/scheda_authority.jsp?bid=IT\ICCU\CFIV\018424) · LCCN (EN) n85129902 (http://id.
Controllo di autorità
loc.gov/authorities/names/n85129902) · BNF (FR) cb12451117d (https://catalogue.bnf.fr/ar
k:/12148/cb12451117d) (data) (https://data.bnf.fr/ark:/12148/cb12451117d) · WorldCat
Identities (EN) lccn-n85129902 (https://www.worldcat.org/identities/lccn-n85129902)

Estratto da "https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Lucio_Bianco&oldid=112294004"

Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 19 apr 2020 alle 13:48.

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo; possono applicarsi
condizioni ulteriori. Vedi le condizioni d'uso per i dettagli.

https://it.wikipedia.org/wiki/Lucio_Bianco 2/2