Sei sulla pagina 1di 1

Kierkegaard ha anticipato il movimento che verrà compreso nel 1900 in quanto

ci troviamo in piena società di massa a diffondere questa novità. Nacque in


Danimarca a Copenaghen, fu educato dal padre nel clima di severa religiosità,
dopo il suo ingresso all’università si laureò con una dissertazione intitolata sul
concetto dell’ironia con particolare riguardo a Socrate.

Mette in evidenza il movimento di Socrate, fondato sull’ironia e Socrate ha


lanciato un messaggio ovvero che tutto può essere messo in discussione
approfondito continuamente. Partendo da quest’analisi si iniziano ad
individuare gli elementi anti-hegeliani.

Esistenza come possibilità e fede


Il tema dominante di Kierkegaard afferma che l’uomo ha delle possibilità e sono
inconciliabili tra loro. Questo può sembrare qualcosa di positivo. Kierkegaard
dice che l’esistenza è possibilità e la possibilità appunto può darsi che è si è può
darsi che è no. E tra queste possibilità egli decide di non scegliere quindi si
ferma al punto della possibilità.