Sei sulla pagina 1di 13

L'idea

 può  nascere  in  modo  diverso:  visitando  un  presepio  del  quale  piace  in  
modo  particolare  l'ambientazione  e  portando  qualche  modifica  
personalizzata;  dall'osservazione  in  natura  di  caratteristici  ambienti  quali  
grotte,  casolari  di  campagna  o  borghi  rustici  scovati  in  sperduti  paesini  
durante  una  gita  domenicale  o  semplicemente  viaggiando  con  
l'immaginazione  e  la  fantasia.  
È  utile  tracciare  uno  schizzo  planimetrico,  partendo  dall'ingombro  massimo  
che  abbiamo  a  disposizione  e  stabilendo  la  dislocazione  dei  luoghi,  natività  
per  prima  e,  a  seguire,  case,  torrenti,  monti,  boschi,  ecc…tenendo  ben  
presente  il  punto  di  osservazione.  
Spesso  l'idea  iniziale  può  variare  durante  l'allestimento  del  presepio  per  
esigenze  diverse  ma,  il  risultato  finale,  sarà  sempre  soddisfacente.  
L'altezza  dell'orizzonte  del  presepio  deve  coincidere  con  l'altezza/vista  
dell'osservatore.  Questo  accorgimento  permette  di  guardare  negli  occhi  le  
statue  situate  in  primo  piano  dando  l'impressione  all'osservatore  di  entrare  
nel  paesaggio.    
 

 
 
Sarà  ora  importante  giocare  con  la  prospettiva  stabilendo  un  punto  di  fuga;  le  
figure  in  primo  piano  possono  anche  essere  di  notevoli  dimensioni  ma  la  loro  
altezza  deve  essere  in  relazione/proporzione  agli  elementi  circostanti.  
Allontanandosi  le  figure  devono  diminuire  in  altezza  dando  un  effetto  
prospettico  tale  da  rendere  il  paesaggio  il  più  reale  possibile.  Piccole  siepi,  
ciottoli,una  strada  aiutano  a  convergere  nel  punto  di  fuga;  la  strada  deve  
essere  nascosta  da  svolte,  discese,  massi  per  riprendere  più  piccola  e  
lontanissima  (non  mostrarla  tutta  fino  all'ultimo  piano).Per  ottenere  che  tutti  
gli  elementi  da  costruire  (grotta,  edifici  con  relative  porte  e  finestre,  
vegetazione,ponticelli,  pozzi,  ecc…)  siano  dimensionati  armoniosamente,  
occorre  che  le  misure  siano  proporzionate  all'altezza  delle  statue.Talvolta  si  
costruisce  prima  l'ambiente,  poi  togliendo  dalle  scatole  le  statuine,  ci  si  
accorge  che  sono  troppo  grandi  o  troppo  piccole  messe  a  fianco  delle  case.  
Per  accentuare  l'effetto  prospettico  della  profondità  circoscrivi  il  presepio  
coprendone  i  lati  e  costruendo  un  boccascena,  come  fosse  il  palcoscenico  di  
un  teatro.  Nella  fase  di  finitura  i  toni  dei  colori  si  attenueranno  in  relazione  
alla  distanza:  un  oggetto  lontano  ha  colori  meno  vivi  e  i  contorni  meno  nitidi  
della  scena  in  primo  piano.  
Per  calcolare  la  giusta  porporzione  tra  statue  e  ambiente  si  possono  
utilizzare  due  sistemi:  
ANALITICO:  Moltiplicare  l'altezza  delle  statue  (in  centimetri),  che  s'intende  
utilizzare  per  le  dimensioni  reali  dell'oggetto  che  si  vuole  realizzare,dividere  il  tutto  
per  l'altezza  delle  persone  reali;  esempio:  Si  vuole  realizzare  un  secchio  disponendo  di  
statue  di  30cm.  Moltiplichiamo  30cm.  per  l'altezza  di  un  secchio  nella  realtà,  (  esempio  
di  40cm.),  otteremo  1200  che  divideremo  per  l'altezza  di  una  persona  reale  (165cm  
esempio),  1200/165=7,27  il  risultato  è  l'altezza  del  nostro  secchio  da  costruire.  
 

 
GRAFICO:  Si  prenda  della  carta  millimetrata  e  si  traccia  una  linea  orizzontale  e  una  
verticale,  partendo  dal  punto  d'origine  dei  due  assi,  in  orizzontale  marcheremo  con  dei  
numeri  in  modo  lineare  la  carta  da  0-­‐10  20-­‐30....200,  in  asse  verticale  si  effetuerà  la  
stessa  operazione  partendo  dal  numero  0  fino  al  numero  50,  l'asse  orizzontale  
rappresenta  le  misure  della  realtà,  l'asse  verticale  quelle  da  porre  in  porporzione.  
Supponiamo  di  avere  delle  statue  di  12cm,  sull'asse  verticale  andremo  ad  individuare  il  
numero  12,  e  su  quello  orizzontale  cercheremo  il  numero  che  corrisponde  ad  un  
altezza  reale  di  una  persona  esempio  165cm.  alla  congiunzione  dei  due  punti  
otterremo  il  punto  che  chiameremo  "A",  da  quì  tracceremo  una  diagonale  fino  al  punto  
di  unione  al  punto  a  zero;  ora  il  nostro  grafico  è  pronto.  
Devo  ad  esempio  accostare  un  secchio  ad  un  bue  e  voglio  sapere  di  che  misura  deve  
essere;  in  orizzontale  vado  a  cercare  il  numero  che  corrisponde  all'altezza  di  un  secchio  
reale  esempio  di  40cm.,  seguiremo  in  verticale  fino  ad  incontrare  la  famosa  retta  "A",  
da  quì  ci  sposteremo  in  orizzontale  fino  ad  arrivare  alla  retta  verticale  dove  andremo  a  
leggere  un  numero  che  sarà  quello  poi  che  corrisponderà  al  altezza  del  secchio  da  
realizzare.    
Entambi  i  sistemi  sono  validi  starà  a  voi  utilizzare  quello  che  vi  sembrerà  più  pratico.  
 
 
 
 
 
 
Realizzato  il  bozzetto  e  collocato  il  fondale  si  passa  alla  costruzione  del  
paesaggio  iniziando  dal  primo  piano.  Assi,  tavole,  residui  di  vecchi  mobili  
inchiodati  tra  loro  possono  formare  l'armatura  portante  e  la  struttura  
principale  del  presepio.  
Nel  caso  si  avesse  spazio  a  disposizione  si  consiglia  di  realizzare  da  due  a  tre  
palchi  dove  saranno  allestite  scene  in  misura  sempre  più  piccola,  in  questo  
modo  la  discontinuità  dei  palchi  darà  l'illusione  della  

distanza.  
I  materiali  più  usati  per  il  successivo  rivestimento  e  per  la  realizzazione  di  
case,  muretti,  ponticelli  ecc…sono,  oltre  al  legno,  il  polistirolo  e  il  cartone  
(una  scatola  per  scarpe  adeguatamente  rivestita  con  carta/roccia  può  
diventare  una  grotta.  
Il  polistirolo  meriterebbe  un  discorso  a  parte  essendo  lavorabilissimo  con  un  
semplice  taglierino  e  utile  per  realizzare  piccoli  o  grandi  elementi  del  
paesaggio.  Si  può  facilmente  incollare,  intagliare  per  imitare  una  superficie  
rocciosa,  deformare  con  una  fonte  di  calore  o  della  carta  abrasiva  per  
invecchiare  le  pareti  di  una  casa;  ricordiamo  che  in  fase  di  finitura,  il  colore  
darà  il  tocco  finale  nascondendo  le  imperfezioni.    
Un  altro  elemento  importante  e  di  largo  utilizzo  tra  i  presepisti  più  esperti  è  il  
gesso.  Può  essere  usato  per  rivestire  qualsiasi  elemento  togliendo  con  effetto  
stucco  qualsiasi  imperfezione  e,  una  volta  asciutto,  si  può  scalfire  con  un  
punteruolo  per  simulare  rocce,  pietre  o  mattoni.  E'  perfino  possibile  
realizzare  delle  colline  veramente  miniaturizzate:  modella  il  rilievo  con  rete  
metallica  di  maglia  larga,  imbevi  tela  di  juta  in  una  mistura  molto  liquida  di  
gesso  e  acqua  e  disponila  sulla  armatura;  una  volta  asciutto  è  sufficiente  
colorare  e  guarnire  con  elementi  come  sabbia,  terra  e  muschio  incollati.  
 
Prima dell'allestimento vero e proprio, è opportuno verificare il funzionamento di
tutti i meccanismi inseriti precedentemente: luci, acqua, fuoco, effetti speciali ecc…
Si inizia poi con la colorazione delle parti strutturali fisse e degli altri oggetti
decorativi come edifi-ci, ponticelli o pozzi che una volta asciutti verranno
posizionati dove previsto.
Successivamente si posizionano le statuine ed a seguire il muschio con gli altri
elementi naturali (terriccio, ghiaino, sabbia, pietre, alberelli). Il tocco finale, cioè
quello che dovrà rendere il presepio vivo e reale, consiste nell'abbellirlo con una
serie di elementi decorativi che possiamo cercare di costruire con un po' di
pazienza o reperire già pronti e in diverse misure in un negozio specializzato; questi
varieranno a seconda dell'ambientazione creata e saranno in scala e proporzione
con le statuine. Per esempio, se abbiamo ideato la natività in un cascinale, ci si può
sbizzarrire con attrezzi agricoli posizionati nell'aia (rastrelli, forconi, falci, vanghe)
e contenitori vari (sacchi, gerle, secchi, cassette di legno) riempiti con fieno, bacche
rosse o di ginepro, grani di pepe e quant'altro troviamo e che possa simulare il vero
ridotto in scala.
Aggiungiamo pure delle fascine o delle cataste di legna creando un angolo legnaia
con tanto di ceppo e scure e sparpagliando vicino della segatura. Non
dimentichiamo questo particolare determinante: non c'è niente di meglio che
passeggiare in campagna o nei boschi e raccogliere quello che può far parte,
miniaturizzato, del presepio.
Ricordiamo sempre di "invecchiare", con il colore o altri accorgimenti, tutti gli
elementi per rendere "vissuto" tutto l'ambiente creato.

 
 
 
 
 
 
Effetti  speciali  
 
Senza  dubbio  un  presepio  arricchito  da  qualche  movimento  rende  meno  statica  la  scena  
abbellendola  nell'insieme,  ad  esempio  da  un'apparizione  di  un  angelo  oppure  dalla  pioggia  
con  fulmini  e  tuoni,  oppure  dall'acqua  che  scorre  e  così  chi  ne  ha  più  ne  metta,  ma  come  si  può  
fare  tutto  ciò?  
Di  solito  alcuni  presepisti  aguzzano  l'ingegno  creando  dei  veri  e  propri  marchingegni,  del  
resto  il  mercato  non  è  che  offra  granché,  a  parte  qualche  proiettore  o  fibra  ottica  resta  ben  
poco,  e  allora  ecco  che  il  presepista  si  trasforma  in  chimico,  fisico,  meccanico,  edile,  falegname  
ma  soprattutto  un  artista  ricco  di  fantasia,  ed  ecco  che  allora  sfodera  tutto  il  suo  ingegno  e  
fantasia  inventando  macchine  e  acrocchi  vari  al  fine  di  ottenere  ciò  che  gli  serve.  Ma  non  
dileguiamici  troppo  e  vediamo  alcuni  di  questi….effetti  speciali.  
 
L'apparizione  dell'Angelo:    
semplice  ma  molto  efficace;  consiste  nel  realizzare  una  scatola  che  possa  contenere  l'angelo,  e  
dopo  averla  dipinta  internamente  di  colore  nero  andremo  ad  illuminare  la  nostra  statuina,  
evitando  di  illuminare  la  scena,  per  questo  le  luci  andranno  collocate  all'interno  del  
contenitore  schermandole  in  modo  appunto  da  non  illuminare  l'esterno,  la  potenza  delle  
lampadine  dovrebbe  essere  di  poca  potenza,  20Watt  sono  più  che  sufficienti,  fatto  questo,  
porre  un  vetro  sottile  e  ben  pulito  davanti  e  a  una  certa  distanza  l'imboccatura  della  scatola,  (  
l'angolatura  andràcercata  sperimentalmente  ),  a  luci  spente  (notte)  accendete  l'angelo  e  il  
gioco  è  fatto.  
 

 
 
La  pioggia:  
si  utilizzano  delle  grondaie...una  la  si  colloca  tra  la  prima  scena  e  la  seconda  (vedi  Palchi),  
naturalmente  in  alto  in  modo  che  non  sia  visibile  dopo  aver  praticato  una  serie  di  fori  da  
almeno  2mm.,  si  chiude  saldando,  a  stagno  i  due  lati  della  grondaia,  in  questo  modo  avremo  
realizzato  una  specie  di  vasca  lunga  e  stretta;  ad  una  estremità  dopo  aver  forato  la  lamiera,  
salderemo  un  tubo  di  rame,  che  ci  servirà  per  inviare  tramite  una  pompa  l'acqua  dopo  aver  
collegato  un  tubo  di  gomma.  Nella  parte  inferiore,  perpendicolarmente  alla…vasca  superiore  
creeremo  una  simile,  ma  il  tubo  di  rame  lo  salderemo  nella  parte  inferiore  affinché  l'acqua  
cadendo  venga  raccolta  e  convogliata  in  esso;  per  sicurezza  avremo  l'accortezza  di  realizzala  
un  po'  più  generosa  come  larghezza,  per  impedire  che  l'acqua  non  vada  a  cadere  fuori  da  essa;  
naturalmente  provvederemo  a  renderla  non  visibile  al  visitatore.  Ora  non  ci  resta  che  
procurarci  una  pompa,  e  qui  lascio  a  voi  la  scelta  sul  modello,  (acquario,  giardino,  laghetto  o  
altro),  fatto  ciò,  metteremo  in  pesca  la  pompa  da  un  secchio  posto  sotto  il  presepio  e  collegarla  
al  tubo  di  rame  sulla  vasca  superiore;  quella  inferiore  la  collegheremo  sempre  tramite  un  tubo  
al  secchio,  in  questo  modo  useremo  sempre  la  medesima  acqua.  Ora  la  nostra….macchina  
della  pioggia  è  pronta  per  funzionare,  però  ci  sarebbe  un  piccolo  dettaglio  che  potrebbe  
svelare  la  presenza  della…grondaia,  infatti  l'acqua  cadendo  nella  vasca  produce  un  rumore  di  
lamiera,  per  evitare  che  accada  è  sufficiente  riempire  il  fondo  della  vasca  con  del  ghiaino  e  il  
gioco  è  fatto;  ma  volendo  essere  ancora  più  pignoli  ci  sarebbe  ancora  un  dettaglio:  osservando  
cadere  la  pioggia,  un  osservatore  attento  nota  che  essa  cade  creando  un  muro  sottile  e  lineare  
e  regolare,  (le  gocce  cadono  esattamente  dove  trovano  i  fori  eseguiti),  creando  un  effetto  poco  
naturale;  se  invece  sotto  la  nostra  vasca  superiore  stendiamo  una  rete  di  plastica  a  maglie  
sottili,  tipo  quelle  utilizzate  negli  orti  a  protezione  di  piogge  troppo  violente,  (specie  quando  si  
ha  appena  seminato),  e  la  teniamo  appena  di  poco  staccata  da  essa  l'acqua  si  distribuirà  in  
modo  causale  creando  una  caduta  di  gocce  irregolare  come  in  natura.  Qualcuno  poi  si  
aggiunge  alla  macchina  della  pioggia  l'effetto  lampo  e  tuono,  che  non  è  altro  che  una  lampada  
stroboscopica  opportunamente  regolata  (di  solito  con  un  circuito  che  genera  impulsi  causali,  
se  a  qualcuno  interessa  posso  inviare  gratis  gli  schemi  elettrici),  e  per  li  tuono  ci  si  affida  ad  un  
registratore  dove  vi  si  trova  inciso  il  suono  (posso  inviare  anche  quello  in  mp3),  però,  anche  
se  osservare  in  un  presepe  una  scena  dove  in  piena  notte  cominciasse  a  scrosciare  la  pioggia  
accompagnata  da  fulmini  e  tuoni  è  una  cosa  molto  suggestiva,  voglio  far  notare  che,  (se  pignoli  
vogliamo  essere  fino  in  fondo),  d'inverno  NON  ci  sono  fulmini  e  tuoni!!!  (amenochè  sia  
ambientato  in  estate!).  
 
Il  cielo  stellato  e  la  cometa:    
per  realizzarle  dipende  dal  fondale  e  dal  tipo  di  illuminazione  (vedi  illuminazione),  se  
illuminiamo  posteriormente  allora  la  scelta  cadrà  sulle  fibre  ottiche,  le  quali  una  volta  
posizionate  otterranno  un  effetto  molto  realistico,  in  quanto  alla  vista  del  visitatore  creerà  un  
effetto  ottico  simile  ad  un  puntino  luminoso  con…raggi;  per  posizionarle  poi  è  sufficiente  
praticare  dei  fiorellini  sottili  nella  tela  con  un'ago  da  cucito  ed  infilare  un  filo  della  fibra  nel  
foro  praticato  e  così  via;  se  invece  non  si  volesse  usare  la  fibra  ottica  e  il  fondale  è  sempre  di  
tela  allora  non  resta  che  utilizzare  uno  o  più  proiettori,  (o  realizzarne  uno  utilizzando  il  
gruppo  ottico  di  un  diaproiettore  in  disuso),  e  costruire  le  diapositive  utilizzando  dei  telaietti  
per  diapositive  dove  al  posto  della  pellicola  avremo  sistemato  un  cartoncino  sottile  e  nero,  nel  
quale  avremo  preventivamente  praticato  dei  forellini  molto  sottili  (  1-­‐2mm.  da  provare  
sperimentalmente),  naturalmente  tale  sistema  funziona  egregiamente  anche  proiettando  le  
diapositive  del  cielo  stellato  posteriormente,  con  lo  stesso  sistema  realizzeremo  sempre  una  
diapositiva  con  una  cometa  (naturalmente  ritagliando  il  cartoncino),  et  voilà,  cielo  e  cometa.  
Se  invece  il  fondale  non  fosse  di  tela  ma  ad  esempio  di  compensato,  possiamo  sempre  
proiettare  le  diapositive  oppure….Il  nostro  fondale  è  un  pannello  di  compensato  o  il  fondo  del  
nostro  impalcato,  costruiremo  con  esso  un  cassone,  sulla  facciata  che  poi  starà  all'interno  
praticheremo  dei  forellini  di  un  millimetro  e  all'interno  andremo  a  fissare  quelle  serie  di  luci  a  
…pisellino  di  colore  bianco  che  di  solito  vengono  impiegate  nell'albero  di  Natale,  (consiglierei  
di  modificare  i  collegamenti,  da  serie  a  parallelo  in  questo  modo  se  si  dovesse  bruciare  uno  
almeno  gli  altri  restano  accesi);  per  quanto  riguarda  la  cometa  su  questo  fondale  oltre  alla  
proiezione  di  una  diapositiva  si  può  ritagliare  il  disegno  di  essa,  e  illuminarla  posteriormente  
avendo  l'accortezza  di  racchiudere  il  tutto  in  una  specie  di...scatola,  
 

 
 
 
Il  fuoco:  
per  realizzarlo  esistono  molti  sistemi,  vediamone  alcuni:    
Starter:  molto  facile  da  realizzare,  si  collega  in  serie  ad  una  lampadina  con  tensione  di  rete  
220Volt.  uno  starter  di  quelli  utilizzati  per  accendere  i  tubi  al  neon;  realizzando  un  gruppo  di  
lampadine  (ognuna  con  il  proprio  starter),  e  di  colore  rosso  e  giallo,  si  otterra  un  effetto  
piuttosto  realistico  e  semplice  con  modica  spesa,  (realizzando  un  forno  ad  esempio  si  ottiene  
un  ottimo  effetto).  
La  ventola:  altro  modo  di  simulare  il  fuoco,  è  quello  di  utilizzare  un  ventola  di  quelle  
utilizzate  su  i  computer,  reperibile  presso  i  negozi  di  materiale  informatico  o  elettronico,  e  
utilizzare  delle  strisce  di  seta  colorata  (rossa  e  gialla)  sottili  e  lunghe  le  cui  estremità  
andranno  appuntite,  dopo  di  che  s'incollano  ad  una  griglia  a  maglia  larga  la  quale  troverà  
posto  sopra  la  ventola;  l'aria  soffiando  sulla  seta  (che  risulta  leggera  ),  creerà  il  giusto  effetto  
del  fuoco.  
I  tronchetti:  quì  ci  si  affida  all'elettronica;  in  un  tronchetto  di  legno,  proporzionato  alle  vostre  
statuine,  praticate  un  foro  da  4mm.  circa  che  attraversi  il  tronchetto  nel  senso  della  lunghezza,  
prendete  un  Diodo  LED  di  colore  rosso  e  saldate  ai  suoi  terminali  dei  fili  sottili  di  prolunga,  
(isolate  le  saldature  in  modo  che  non  ci  sia  cortocircuito),  infilate  i  terminali  della...prolunga  
ottenuta  nei  fori  preticati  in  modo  che  il  Diodo  alla  fine  si  ritrovi  a  sporgere  su  di  un  lato  del  
tronchetto  (vedi  figura);  ora  procuratevi  della  carta  igienica,  SI!  NON  sto  scherzando,  (meglio  
se  increspata),  dovete  semplicemente  creare  una  specie  di  cupola  che  rivesta  la  cima  del  
tronchetto  e  di  conseguenza  copra  il  diodo,  incollando  la  carta,  ma  perché  la  carta  igienica?  
Semplice:  è  sottile,  di  solito  increspata  e  se  il  lavoro  è  fatto  bene  sembrerà  la  cenere  che  si  
forma  sulla  brace  quando  è  spenta,  invece  quando  il  Diodo  Led  si  accenderà  si  colorerà  di  
rosso,  l'effetto  vi  garantisco  è  sorprendente,  naturalmente,  all'attaccatura  della  carta  nel  
tronco  consiglio  un  rintocco  con  un  pennello  onde  mascherare  le  imperfezioni.  
Realizzatene  almeno  5/6  di  questi  tronchetti  e  disponeteli  ad  esempio  in  circolo  e  fissateli  ad  
una  base,  magari  intorno  ad  essi  sistemate  in  circolo  dei  sassi  a  mò  di  falò…  
Per  accendere  e  spegnere  in  modo  casuale  i  Diodi  per  creare  l'effetto  fuoco  vi  consiglio  il  
circuito  che  un  amico  presepista  gentilmente  mi  ha  concesso  
 

 
 
La  pentola  che  bolle  1:  
Immaginate  di  osservare  una  scena  in  un  presepio  dove  in  un  angolo  vi  sia  un  fuoco  acceso,  
(vedi  paragrafo  fuoco  in  questa  pagina),  e  sopra  di  esso  una  pentola  con  una  minestra  che  
bolle  e  fuma;  l'arte  del  presepista  sta  nel  realizzare  in  modo  semplice  e  con  pochi  mezzi  quello  
che  potrebbe  essere  impossibile!  
Per  risolvere  il  problema,  qua  sopra  descritto,  ci  procureremo  dei  carboncini  contenuti  nelle  
batterie  zinco/carbone  o  alcaline,  scariche,  fate  molta  attenzione  ad  aprirle  ed  usate  magari  
dei  guanti  e  un  foglio  di  giornale  per  non  sporcare,  cercate  di  mantenere  fissato  il  cappuccio  
metallico  fissato  al  carboncino;  maturalmente  pile  di  formato  diverso  avranno  carboncini  di  
misura  diversa,  quindi  a  seconda  delle  dimensioni  della  pentola  utilizzerete  misure  diverse.  
Prendete  una  pentolina  di  terracotta  o  ceramica  (quella  realizzate  con  il  Dash  va  bene;  vedi  
capitolo  tecniche),  praticate  ora  su  di  un  lato  che  risulterà  non  visibile,  due  fori  a  circa  in  terzo  
della  sua  altezza  del  diametro  del  cappuccio  che  dovranno  sporgere  all'esterno  della  
pentolina,  applicate  all'interno  di  esso  gli  elettrodi  tolti  dalla  batterie  e  fissateli  appunto  con  i  
cappucci  all'esterno  in  quanto  andranno  alimentati  da  corrente  continua  12Volt,  e  incollate  
avendo  cura  di  sigillare  il  tutto  con  colla  per  ceramica  oppure  con  del  silicone.  Ora  prepariamo  
la…minestra:  acqua  e  sale,  semplice  no!  Dovremo  riempire  la  pentolina  della…minestra  in  
modo  che  gli  elettrodi  siano  completamente  sommersi,  fatto  questo  diamo  tensione  e  dopo  un  
po'  avremo  una…minestra  fumante.  
L'acqua  viene  riscaldata  dal  passaggio  della  corrente  elettrica  tramite  i  carboncini  immersi  in  
essa,  ma  attenzione,  una  volta  esaurita  l'acqua  non  vi  è  passaggio  di  corrente  e  quindi  niente  
minestra  che  fuma,  un  espediente  per  non  dover  ogni  volta  riempire  la  pentola  può  essere  nel  
praticare  un  terzo  foro  dove  andremo  a  fissare  un  tubicino  al  silicone  (che  andrà  anche  questo  
sigillato)  con  un  contenitore  d'acqua,  avendo  l'accortezza  di  creare  un  sifone  (come  quelli  che  
si  usano  nelle  gabbie  dei  uccellini  ad  esempio),  così  anche  il  problema  del  rinfornimeto  è  
risolto  per  un  po'  di  tempo.  
 

 
 
La  pentola  che  bolle  2:    
Un  altro  sistema  per  avere  l'effetto  dell'acqua  che  bolle  ma  senza  il....vapore,  è  quello  di  
praticare  un  foro  nella  parte  non  visibile  della  nostra  pentolina  e  infilare  un  tubicino  di  
plastica  che  collegheremo  ad  un  ossigenatore  di  quelli  utilizzati  negli  acquari,  (naturalmente  li  
troveremo  nei  negozi  del  settore),  un  avviso,  o  si  accquista  un  modello  con  la  possibilità  di  
regolazione  del  flusso  d'aria  oppure  si  utilizza  un  morsetto  che  accluderà  il  tubo  onde  
regolarne  la  portata,  sempre  reperibile  nei  negozi  di  acquari.  
Come  dicevo  sopra  non  ci  sarà  vapore,  ma  la  realizzazione  oltre  essere  semplice  non  richiede  
ricariche  d'acqua.  
 
 
L'alba  e  il  tramonto:  
La  difficoltà  ma  anche  la  sfida  che  un  presepista  deve  affrontare  nell'allestimento  di  una  scena  
a  volte  è  rappresentato  dalla  giusta  illuminazione  per  ottenere  come  risultato  finale  un  effetto  
abbastanza  realistico  di  un'alba  o  tramonto;  in  linea  di  massima  un  buon  dosaggio  di  lampade  
sistemate  nella  giusta  posizione  e  del  colore  adeguato  premia  il  lavoro  svolto,  ma  sebbene  lo  
sforzo  sia  stato  notevole  non  riusciremmo  mai  ad  ottenere  ciò  che  la  natura  lo  fa  con  
naturalezza  (scusate  il  gioco  di  parole  ma  è  così);  almeno  fino  al  momento  in  cui  l'atuzia  e  
l'ingegno  ci  spingono  a  nuove  soluzioni  alternative  e  rivoluzionarie.....  
Domanda:  
Come  fare  ad  imitare  con  perfetto  realismo  un  magnifico  tramonto  in  riva  al  mare  o  in  
montagna?  
Oppure  un'  alba  con  tutte  la  sue  sfumature  di  colore?  
Risposta:    
Fotografando  con  una  pellicola  per  diapositive  e  proiettando  il  tutto  con  un  proiettore  sul  
nostro  fondale!  
Vi  assicuro  che  l'effetto  è  veramente  realistico  (sfido  è  una  foto!),  scherzi  a  parte  sistemando  
due  proiettori  con  le  due  diapositive  sincronizzando  il  tutto  con  la  centralina  (in  dissolvenza!),  
il  gioco  è  fatto.  Per  i  più  fantasiosi  e  perfezinisti  consiglio  di  utilizzare  due  diaproiettori  di  
quelli  che  utilizzano  caricatori  circolari,  in  uno  sistemeremo  le  dia  dell'alba  e  nell'altro  quelle  
del  tramonto  poi  tramite  la  nostra  centralina  attiveremo  in  alternanza  prima  uno  poi  l'altro.  
Con  quest'ultimo  sistema  ovviamente  due  diapositive  non  bastano,  in  quanto  i  caricatori  
circolari  ospitano  un  bel  numero  di  foto,  allora  vi  consiglio  due  alternative:  una  consiste  di  
armarvi  di  macchina  fotografica,  alzarvi  molto  presto  la  mattina  (possibilmente  prima  
dell'alba!),  e  la  sera  prepararvi  con  l'attrezzatura  per  cogliere  le  immagini  che  riterrete  
migliori.  Per  i  più  pigri  invece  è  sufficente  andare  a  caccia  sul  web  di  sfondi  con  delle  albe  e  
tramonti  che  soddisfano  la  loro...creatività,  naturalmente  si  provvederà  a  scaricare  le  
immagini  su  di  un  supporto  Cdrom  e  portare  dal  Vostro  fotografo  di  fiducia  per  trasferire  il  
tutto  su  diapositive,  non  resta  poi  che  inserirle  nei  caricatori  ed  avrete  ogni  volta  uno  scenario  
diverso!  
 
Il  Lampo  del  Temporale::    
Se  vogliamo  realizzare  un  lampo  di  tutto  rispetto,  dobbiamo  realizzare  un  circuito  che  faccia  
lampeggiare  una  lampada  allo  Xeno  del  tipo  utilizzato  per  i  flash  fotografici;  detto  così  sembra  
semplice,  ma  se  osserviamo  (quando  è  possibile  osservare),  un  temporale,  i  lampi  di  luce  sono  
secchi,  brevi  e  luminosi,  basti  pensare  che  di  notte  illuminano  a  ....giorno;  ad  un'attenta  
osservazione  possiamo  notare  che  avviene  sia  un  lampo  isolato  sia  una  rapida  sucessione  
contemporaneamente.  Il  circuito  che  vi  propongo  svolge  esattamente  questa  funzione,  con  la  
possibilità  di  regolare:  durata,  tempo  tra  due  lampi,  numero  dei  lampeggi,  Premi  QUI  per  
vedere  il  progetto;  nel  caso  abbiate  difficoltà  nel  reperire  i  componenti  o  nel  realizzare  la  
basetta  del  circuito  stampato,  potete  sempre  richiedere  il  kit  LX.1238  a  Nuova  Elettronica  che  
provvederà,  a  spedirvelo  per  corrispondenza.  
 
La  Luce  nelle  casette  e  nelle  lanterne...  
Quando  cala  il  tramonto  e  la  notte  s'appresta  a  coprire  ogni  cosa  con  il  suo  manto,  c'è  una  cosa  
che  di  solito  si  tende  a  fare.....si  accende  una  luce!!!A  parte  gli  scherzi  se  vogliamo  evitare  di  
lasciare  al  buio  completo  il  nostro  presepe  si  dovrà  applicare  delle  piccole  luci  alle  nostre  
casette,  e  per  sopperire  al  fatto  di  vederle  accese  tutte  contemporaneamente  dovremmo  
realizzare  un  qualcosa  che  le  accenda  e  le  spenga  tutte  in  modo  casuale.  Per  fare  questo  ci  
sono  diversi  metodi,  uno  da  me  realizzato  e  collaudato  è  quello  di  utilizzare  dei  
"Temporizzatori"  che  oppurtunatamente  regolati  accendono  e  spengono  in  tempi  diversi  le  
luci  nelle  varie  casette  del  presepio,  vi  rimando  di  seguito  ad  una  spiegazione  dettagliata  e  allo  
schema  elettrico.  
 

Il circuito sopra è un modulo per accendere una lampadina in una casetta e funziona con dei temporizzatori alimentati a
12 o 24 volt
a seconda della tensione di alimentazione richiesta dalla lampada, (questo al fine della sicurezza), ma nulla vieta di
utilizzarne a 220Volt, in questo caso o alimentiamo la luce con la stessa tensione oppure colleghiamo al loro posto un
trasformatore a 220/12V. o 220/24V. che alimenterà la luce a bassa tensione a vantaggio della sicurezza!
Regoleremo il timer "RT1" per il ritardo all'accensione e "RT2" per lo spegnimento; con più moduli regolati in modo
diverso ottermmo
l'accensione e lo spegnimento in modo causale; naturalmente se le casette fossero numerose, è sempre possibile
utilizzare un modulo per più casette e provvederemo ad evitare di metterne una accanto all'altra altrimenti si corre il
rischio di vederle accendere e spegnere in contemporanea vanificando il nostro lavoro. I temporizzatori li troverete
presso i negozi di materiale elettrico, e all'acquisto chiedete anche lo "Zoccolo"per il fissaggio.