Sei sulla pagina 1di 34

Benefici dell’attività musicale

sullo sviluppo cognitivo e


sociale del bambino
Perugia, 1 febbraio 2014

Elena Flaugnacco
Centro per la Salute del Bambino onlus
1 Training musicale e transfer of training

2 Musicalità nella relazione madre bambino

3 Il linguaggio si sviluppa in sintonia con la musica

4 La pratica musicale porta benefici a:


-linguaggio
-lettura
-attenzione
-memoria
-abilità sociali
1Training musicale e transfer of
training
Può la musica portare benefici in ambiti
non musicali?
E come?

1) L’effetto priming: l’esposizione ad uno stimolo X


influenza la successiva elaborazione dello stesso stimolo
X o di uno stimolo simile X’ (a breve termine).

Il priming non richiede accesso alla coscienza.


1 Training musicale e transfer of training

Esempio di priming:
Semantico (associativo)
A B

relato non relato

prime Infermiere Cabina


500ms 500ms

bersaglio Dottore Dottore


500ms 500ms

Tempi di reazione A < Tempi di reazione di B


Priming fonologico: tra pane e rane

Effetto a Breve Termine


1 Training musicale e transfer of training

Effetto a lungo termine


2) Transfer di apprendimento: quando una conoscenza
o un comportamento acquisito in una determinata
situazione influenza la performance in un’altra.
DOPO

Saper applicare in un contesto nuovo ciò che è stato


precedentemente appreso è intelligenza
(es. analogie => astrazione)

PRIMA

LINGUAGGIO MUSICA

Musicisti VS Non Musicisti


2
Musicalità nella relazione madre
bambino
Predisposto alla musica dal 3 trimestre di
gravidanza

Il neonato è dotato
sin dalla nascita
di un sistema cognitivo
avanzato
per l’elaborazione
del linguaggio e
della musica

Perani, Saccuman et.al,


PNAS 2010
2 Musicalità nella relazione madre bambino

Specializzazione per l’elaborazione della musica nei neonati


di 1-3 giorni
Perani, Saccuman, Scifo, Spada, Andreolli,
Rovelli, Baldoli, Koelsch, PNAS 2010

Chang & Trehub, 1977a


A 5-10 mesi si comportano come gli adulti e
riconoscono come uguali le melodie trasposte e
individuano piccole variazioni all’interno delle melodie
famigliari
2 Musicalità nella relazione madre bambino

Grouping

Una diversità in una sequenza isocrona crea un


raggruppamento degli elementi compresi fra le due
diversità successive

 Criterio della somiglianza e della prossimità (Gestalt);

 Cues (nota discendente, allungata, intensità ≠)


2 Musicalità nella relazione madre bambino

I neonati (8 mesi) si
comportano in parte come gli
adulti e sono sensibili agli
indici di durata

Effetto sistematico della


durata sul raggruppamento

Linguaggio

Trainor & Adams, 2000


2 Musicalità nella relazione madre bambino

La segmentazione del linguaggio udito in unità


linguistiche è un prerequisito indispensabile per lo
sviluppo lessicale ed è ben presente a sei mesi d’età.

Statistical learning BELLABIMBA

Adattamento del linguaggio (infant directed


speech, motherese, madrese).

Saffran, Science 1996; Schon, Cognition 2008


2 Musicalità nella relazione madre bambino

Motherese, musicalità, interazione

Il motherese è il linguaggio modificato che le mamme


usano spontaneamente con i loro bambini.
Sintatticamente semplificato, vocabolario concreto, voce più alta,
accentuazione marcata, ripetitivo e ridondante, più informativo per il
bambino.

Imitazione
Rispecchiamento
Sintonizzazione affettiva

Attaccamento sicuro

Bowlby, 1988; Stern, 1998


3 Il linguaggio si sviluppa in sintonia
con la musica
3 Il linguaggio si sviluppa in sintonia con la musica

… L’APPRENDIMENTO …

Implicito Esplicito
esperienze
abilità
(enculturation) precoci Tappe di (formale)
culturali comuni
sviluppo simili
Inconsapevole Consapevole
e passivo e attivo
sistema cognitivo
generale

Sloboda, 1985
3 Il linguaggio si sviluppa in sintonia con la musica

0-1 Mesi

• Distingue lingue diverse • Distingue musiche


in base alla prosodia famigliari in base alla linea
melodica
2-5 Mesi
• Distingue cambi di • Vocalizzazioni
intonazione • si inserisce tra i turni
• riconosce una sillaba verbali del genitore
all’interno di altre (proto-conversazioni)
• Vocalizzazioni, proto- • Inizia discriminazione
conversazioni schemi ritmici

Homae, Watanabe et al.2006 Chang e Trehub, 1977


3 Il linguaggio si sviluppa in sintonia con la musica

6-9 Mesi
• “bada ” ≠ “baga ” • riconosce altezze, durate,
• Lallazione canonica (ma- timbri
ma-ma) • Lallazioni cantate
• Sequenze CV ripetute (ma- • Discrimina ritmi e contorni
ba, ma-ba)
• Primo ritmo linguistico melodici.
• Prosodia • Riconosce melodie trasposte
• Preferisce la consonanza
SPECIALIZZAZIONE
SPECIALIZZAZIONE MUSICALE IN BASE ALLA
FONETICA IN BASE ALLA
LINGUA MADRE CULTURA

Moog, 1976; Schellenberg & Trehub, 1996; Trainor & Heinmiller, 1998;
Schellenberg & Trehub, 1999; Trainor & Adams, 2000; Hannon & Johnson, 2005;
Hannon e Trehub, 2005; Platinga & Trainor, 2005; Hannon, Soley e Levine, 2011
3 Il linguaggio si sviluppa in sintonia con la musica

10-13 Mesi
• Lallazione variata • è ancora sensibile
(bada, bata) all’esposizione di
• Prime parole culture diverse.
14-17 Mesi
• Uso referenziale • Esplora le sonorità
delle parole degli oggetti
• Aumento del • Combina i suoni
vocabolario. • Introduce parole nei
canti spontanei,
• Inizio danza
18-24 Mesi
• Esplosione del
vocabolario, • Ascolta con attenzione
• combina due parole • Imita la linea melodica

Hannon &Trehub, 2005, Trainor & Hannon 2013


3 Il linguaggio si sviluppa in sintonia con la musica

2-3 Anni
• Presenti alcuni errori in • Ascolta 5 min
produzione: consonanti • Riconosce con maggior
sorde in sostituzione di precisione l’intensità e
sonore, e viceversa il timbro
(mako per mago) • Ancora imprecisioni in
riduzione cluster discriminazione di
consonantici (rande per altezza e durata e
grande) nell’intonazione. Inizia
il pacing.

Zentnera, Eerolab, 2010


B. Lo sviluppo: Abilità fonologiche e musicali

6-8 Anni 4-5 Anni


• Scompaiono le dislalie • Migliori abilità di
sincronizzazione
• Sviluppo movimento - musica
consapevolezza Esplicito
• Tempi di ascolto più
fonologica globale lunghi
(formale)
(sillabe, rime, suono • Migliora l’intonazione,
iniziale) ricerca la consonanza
Consapevole
6-8 Anni
e attivo
• Scolarizzazione • Percepisce la
e sviluppo della polifonia, acquisisce
consapevolezza il senso tonale e
fonologica l’armonia
analitica • Sviluppo della
(fonemi, consapevolezza
spoonerismo) musicale.
Ziegler e Goswami 2005; Cossu et al.1988, Zentnera, Eerolab PNAS 2010; Sloboda, 1985; Maule, Azzolin 2009
NEI BAMBINI CON SVILUPPO TIPICO, LE CAPACITA’
PERCETTIVE IN AMBITO MUSICALE CORRELANO CON:

 la consapevolezza fonologica,
 le abilità di lettura
 l’apprendimento di una seconda lingua

In età prescolare sono predittive delle abilità di lettura.

Anvari, Trainor, Woodside and Levy 2002

Goswami, Huss, Mead, Fosker, & Verney, 2013


4 La pratica musicale porta
benefici a:

-linguaggio
-lettura
-attenzione
-hearing in noise
-memoria
-abilità sociali
4 La pratica musicale porta benefici a:

QI?
144 bambini di 6 anni;
divisi in 4 gruppi (random): lezioni di 1 piano, 2 canto
(Kodaly), 3 teatro, 4 niente.

36 settimane di lezioni

In particolare
miglioramento in:
memoria di lavoro,
concentrazione,
sequenzialità

E. Glenn Schellenberg (2004) Music Lessons Enhance IQ.


Psychological Science, 15: 511-514
4 La pratica musicale porta benefici a:

QI?
• Candidato possibile: Funzioni esecutive EF
• Le funzioni esecutive si possono allenare
• E la musica potrebbe essere uno dei modi per
farlo
• Bisogno di ulteriori ricerche

22
Schellenberg & Moreno, 2010
4 La pratica musicale porta benefici a:

Linguaggio e attenzione uditiva


Canto & Ritmo Linguaggio

sipygy gimysy pymiso pogysi sysipi mimosi

Linguaggio cantato in fase: ogni sillaba è cantata sulla


stessa nota

L'informazione musicale porta beneficio


all'apprendimento del linguaggio
D. Schoen, 2008
4 La pratica musicale porta benefici a:

Kraus e Chandrasekaran (2010)

I musicisti presentano una condizione di vantaggio durante


i compiti di Hearing in noise.

In un compito linguistico di discriminazione di fonemi /da/,


presentano una risposta neurale più rapida e precisa
rispetto ai non musicisti.

Miglior discriminazione e risposta


neurale durante l’ascolto dei toni Musicista Non Musicista
lessicali in Cinese Mandarino. Es
sillaba “Ma”.
4 La pratica musicale porta benefici a:

Abilità attentive, di memoria, linguistiche, di


letto-scrittura

Tallal e Gaab, 2006.


Dynamic auditory processing, musical experience and language
development. TRENDS in Neurosciences Vol.29 No.7 July 2006

Overy, 2003; Schellenberg et al 2004; Schon et al. 2008; Moreno et al.


25
2009, Moreno et al. 2011, Kraus et al. 2013 ….
4 La pratica musicale porta benefici a:

Fusione Fonemica

Gruppo Pittura
Gruppo Musica
Miglioramento nella
correttezza di
lettura delle Non
Parole
p=0,016

p=0,004
Prima del training Dopo il training

Flaugnacco, Lopez, Terribili, Zoia, Montico, Schӧn (submitted)


Grant- Fondazione Mariani, Milano
4 La pratica musicale porta benefici a:

Ani Patel—OPERA hypothesis, 2011

Overlap: tra il network che elabora il linguaggio


e quello che elabora la musica
4 La pratica musicale porta benefici a:

Reti corticali della lettura


4 La pratica musicale porta benefici a:

Reti neurali della musica


4 La pratica musicale porta benefici a:

Ani Patel—OPERA hypothesis, 2011

Overlap: tra il network che elabora il linguaggio


e quello che elabora la musica

Precision: la musica richiede maggior precisione


nell’elaborazione dei parametri acustici

Emotion: l’attività musicale attiva forti


emozioni positive

Repetition: la musica è ripetitiva, la


pratica affina il sistema RRRRRRRRRRRRRR

Attenzione: le attività musicali associate


all’attivazione di diverse dimensioni
dell’attenzione
4 La pratica musicale porta benefici a:

...ma anche abilità sociali

Quando battono il
tamburo con un partner
sociale, i bambini già a
2,5 anni di età adattano
il loro tempo motorio
spontaneo ad un tempo
esterno (all’altro).

31
Kirschner & Tomasello, Journal of Experimental Child Psychology 102 (2009) 299–314
4 La pratica musicale porta benefici a:

...ma anche abilità sociali

I bambini di ogni età


sincronizzano il loro
battito con maggiore
accuratezza in
situazioni sociali.

«...bambini che crescono in culture con pratiche musicali attive e


sociali, svilupperanno abilità di sincronizzazione più precocemente
dei loro coetanei in società dove la musica viene in gran parte da
apparati elettronici avulsi da un contesto sociale significativo»
Kirschner & Tomasello, 2009
Rabinowitch, Cross, & Burnard, 2012 32
Gerry, Unrau, & Trainor, 2012
Conclusioni

http://www.youtube.com/watch?v=CkYTbxqx-8M

Superquark 29 Agosto 2013, Musica e Cervello


Grazie