Sei sulla pagina 1di 17

Tunisia, Egitto, Libia: il Mediterraneo è in fiamme ma la

nostra politica estera è affidata a Frattini. Cioè al nulla y(7HC0D7*KSTKKQ( +=!"!$!$!?


www.ilfattoquotidiano.it

Martedì 22 febbraio 2011 – Anno 3 – n° 44 € 9,90 DVD + € 1,20 – Arretrati: € 2,00


Redazione: via Valadier n° 42 – 00193 Roma Spedizione abb. postale D.L. 353/03 (conv.in L. 27/02/2004 n. 46)
tel. +39 06 32818.1 – fax +39 06 32818.230 Art. 1 comma 1 Roma Aut. 114/2009

LIBIA, IL GENOCIDIO I rivoltagabbana


di Marco Travaglio

N
ei paesi seri il voltagabbana è una figura losca,

DELL’AMICO GHEDDAFI
limacciosa, infida, puteolente. Uno che fa
ribrezzo a tutti e dunque anche a se stesso.
Striscia contro i muri, cerca il buio, spera di
non esser notato e soprattutto di non apparire mai a
colori, per nascondere meglio il rosso vergogna. In
Italia invece il voltagabbana è un furbo di tre cotte,
Centinaia di morti, a Tripoli i caccia bombardano i rivoltosi, invidiato o almeno compreso, gode di ampio
consenso e ammirazione: incede tronfio e giulivo alla
il Parlamento in fiamme. Ma l’Italia è legata a filo doppio luce del sole, convoca telecamere e conferenze
stampa, rilascia interviste, dà lezioni, lancia moniti e
con il massacratore abbracciato da B. Massima allerta nelle nostre basi appelli. Non avendo una reputazione da difendere,
può fare e dire qualunque cosa. Se poi è un

I complici Il baciamano di Silvio Berlusconi


a Gheddafi al meeting della Lega
Araba del 2010 visto da Emanuele
rivoltagabbana, di andata e ritorno, si vanta due volte,
anzi due svolte. Finora, di quest’ultimo modello
superaccessoriato con retromarcia multipla di serie,
di Furio Colombo Fucecchi esisteva un solo prototipo: il Mastella, passato da
dc destra a sinistra a destra. Ma ha presto fatto scuola: i
berlusconiani divenuti finiani e tornati berlusconiani
mprovvisamente si scatena la meno prevista

I
sono legione. Martedì scorso, sul volo Torino-Roma
delle rivolte nel mondo arabo, di gran lunga delle 11, mi ritrovo accanto Roberto Rosso da Vercelli.
la più violenta: il popolo libico contro il dit- Lo conosco dal 1992 quando, giovane Dc (corrente
tatore Gheddafi. Il mondo assiste a uno spet- Andreotti), creò il movimento “Mani Pulite” e con le
tacolo tremendo: i dimostranti di manifestazioni sue denunce contribuì a far arrestare in blocco la
politiche disarmate vengono sterminati da unità giunta comunale di pentapartito della sua città. Due
militari mercenarie. Gli Stati Uniti condannano, anni dopo era già in Forza Italia e lì bivaccò, per
anche se la voce della prima potenza del mondo cinque legislature, fino a qualche mese fa, quando fu
appare troppo debole. L'Europa ha detto che ciò folgorato sulla via di Fli. Una crisi di coscienza per
che accade in Libia viola ogni principio politico e motivi ideali, infatti divenne subito coordinatore
umano e non può essere accettato da nessuno regionale dei finiani, facendo infuriare la Siliquini e
dei Paesi membri. Nessuno? Ma l'Italia è legata Menardi (anch’essi rientrati a corte). I giornali
alla Libia del dittatore che sta sterminando il suo ipotizzano un suo ritorno all’ovile. Glieli mostro, lui
popolo da un trattato che la vincola al punto che spalanca il sorrisone: “Tutte balle. Verdini mi chiama
- si dice all'articolo 4 - “l'Italia si impegna ad aste- un giorno sì e l’altro pure, promette posti di governo,
nersi da qualunque forma di ingerenza, diretta o Udi Maurizio Chierici Udi Vittorio Malagutti Udi Massimo Fini ma non ha capito chi è Roberto Rosso”. Poi si
addormenta per il resto del volo. Due giorni dopo
indiretta, negli affari interni o esterni che riguar-
dino la giurisdizione dell'altra parte. L'Italia non
VERGINI E CROLLA E RIBELLARCI ripassa con B. Verdini aveva capito benissimo chi è
Roberto Rosso. Il quale spiega al Giornale: “Verdini e
userà mai ne permetterà l'uso dei propri territori GRANDI BLUFF UNICREDIT ANCHE NOI? Santanchè hanno fatto sì che si incuneasse nella mia
in qualsiasi atto ostile contro la Libia”. Ma il trat- coscienza l’idea di un ritorno a casa”. Perché “io sono
tato che - come ricorderete - è stato votato non
solo da tutta la destra ma da tutto il Pd, con l'ec-
Sdevetravagante, ma furbo, distrat- a Borsa a picco, si sgon- erché non ci ribelliamo?
to ma attento ai soldi come L fiano del 5% i titoli Unicre- P In Italia la disoccupazio-
essere il figlio di un bedui- dit, dove c’è il capo della Ban- ne giovanile è arrivata al 29
pronipote di san Giovanni Bosco”, fondatore dei
salesiani che lui confonde coi berlusconiani. Il santo
cezione dei Radicali eletti nelle liste del Pd, e di dev’essergli apparso in sogno per rammentargli “la
no che ha imparato a scegliere le ca libica Bengdara, fedelissi- per cento, la più alta d'Eu-
due Deputati del Pd, Sarubbi e chi scrive, ha in mia formazione cattolico-liberale” (era andreottiano,
erbe della cena. pag. 5 z mo di Gheddafi. pag. 4 z ropa. pag. 18 z
serbo altre sorprese. Art. 20: “Le due parti si im- ma fa lo stesso) e metterlo in guardia dalla “deriva
pegnano a sviluppare, nel settore della Difesa, la laicista che sta prendendo possesso del Fli”. Invece i
collaborazione tra le rispettive Forze Armate, an- bungabunga ad Arcore sarebbero molto piaciuti, al
santo prozio. Ergo non poteva restare un istante di più

Altro che le balle del Caimano


che attraverso lo scambio di informazioni mili-
tari e di un forte partenariato industriale nel set- “in un partito con l’ossessione
tore della Difesa e delle industrie militari”. Ma dell’antiberlusconismo”. Che strano: a Bastia Umbra,
anche (art. 19) “le due parti promuovono un si- Rosso era in prima fila a spellarsi le mani quando Fini

In Usa si intercetta e si pubblica


urlò che B. doveva dimettersi. E il 15 dicembre votò la
stema di controllo delle frontiere terrestri libi-
sfiducia al governo B. Poi, casualmente, ha scoperto
che da affidare a società italiane”.
che i finiani, massacrati per mesi da giornali e tv di B.
In poche parole siamo complici. Siamo legati da per ordine di B., non simpatizzano per B. Strana gente,
uno “stretto partenariato” con un Paese che era
ed è senza alcuna garanzia di rispetto dei diritti
Ha detto: “Là chi passa le carte Compra cartone animato, ma
eh? Ma la goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata
“la direzione nazionale, in cui ascoltavo discorsi da
umani. alla stampa va in galera”. Ma le si ritrova con un film porno. vecchio Msi”, “troppo di destra” per i suoi gusti.
Questa scusa gliel’ha
Frecce Tricolori si sono viste volteggiare festo- registrazioni finiscono pure Purtroppo don Bosco non è apparso ad altri due
samente nel cielo di Tripoli, sugli edifici di go-
verno che, in queste ore, i cittadini libici oppres-
sulle radio locali Bortolaso pag. 6 z CATTIVERIE suggerita Ghedini.
(www.spinoza.it) rivoltagabbana, Barbareschi e Menardi, che invece
lasciano Fli perché “vuole allearsi a sinistra con
si e senza diritti hanno dato alle Vendola”. Poco importa se Fini l’ha sempre escluso.
Menardi da Cuneo, che fino all’altroieri tuonava
fiamme.
È dovere urgente dello stesso
BLOCCATE IL PARLAMENTO contro il “partito azienda”, dice che ci torna ma “per
Parlamento Italiano che ha rati- migliorarlo” e lo farà tutto da solo, con le nude mani.
Il governo Berlusconi, e la sua no configura) di reagire secondo una ir- Anzi no, per ora non torna: “Resto a bagnomaria
ficato quasi alla unanimità quel maggioranza parlamentare obbedien- rinunciabile e improcrastinabile legitti-
trattato già allora facilmente ri- aspettando gli eventi”, farà un gruppo con gli altri
te “perinde ac cadaver”, è entrato in un ma difesa repubblicana, proclamando
crescendo di eversione che mira aper- solennemente e subito il blocco sistema- come lui: “i Propositivi”, quelli che si propongono.
conoscibile come vergognoso,
tamente a distruggere i fondamenti del- tico e permanente del Parlamento su Anche Barbareschi, dopo lo sblocco delle sue fiction
di agire subito per sospenderlo.
la Costituzione repubblicana e perfino qualsiasi provvedimento e con tutti i Rai, roba da 10 milioni di euro, vuole dare “il mio
Cominceremo la nostra denun- un principio onorato da tre secoli: la di- mezzi che la legge e i regolamenti met- contributo creativo” al Pdl con “il progetto di
cia con la frase pronunciata da visione dei poteri. Di fronte a questo tono a disposizione, fino alle dimissioni wikipolitics”: roba forte. Del resto lui, come Sordi
Berlusconi, mentre i dimo- conclamato progetto di dispotismo pro- di Berlusconi e conseguenti elezioni an- ameregano a Roma, “stavo a Broadway”. E poi
stranti di Bengasi venivano fal- prietario chiediamo alle opposizione ticipate. Se non ora, quando? “Berlusconi mi ha ringraziato per la coerenza”. E
cidiati con mezzi e armi forse (all’Idv che si riunisce domani, al Pd che Andrea Camilleri, Paolo Flores
dell’opposizione è il partito maggiore, d’Arcais, Dario Fo, Margherita Hack,
“Verdini ha riconosciuto il mio atteggiamento
italiani: “Non chiedetemi di in- ma anche all’Udc e a Fl, che ormai ri- Franca Rame, Barbara Spinelli, Antonio corretto, serio”. E quando B. ti certifica la coerenza e
tervenire adesso. Non posso di- conoscono l’emergenza democratica Tabucchi, Furio Colombo, Roberta De Verdini la correttezza, puoi dormire tranquillo. È il
sturbare Gheddafi”. che il permanere di Berlusconi al gover- Monticelli e Marco Travaglio marchio di garanzia.
pagina 2 Martedì 22 febbraio 2011

LIBIA SENZA RITORNO LIBIA SENZA RITORNO

17 dicembre 2010 5 gennaio 2011 2 febbraio 2011 3 febbraio 2011 11 febbraio 2011 19 febbraio 2011 21 febbraio 2011
I sessanta giorni che
Tunisia, ambulante si dà fuoco La guerra del pane in Algeria Due milioni in piazza a Il Cairo Yemen, il giorno della collera Mubarak, il faraone si dimette La “morte” di Ben Alì Le due piazze del Bahrein
sconvolsero il Mondo
I l venditore ambulante, all’ospedale di Tu-
nisi, riceve la visita di Ben Ali. Le proteste
cacceranno rapidamente il presidente dopo
L’ impennata dei prezzi fa esplodere la ri-
volta nelle città. Il presidente Bouteflika
tra repressione (come contro gli islamici agli
P iazza Tahir, la principale della capitale
egiziana, è stracolma. Il presidente
Moubarak annuncia in diretta tv che non si
O ltre 20 mila persone nelle strade di Sa-
naa, in Yemen, per la “giornata della col-
lera” indetta dalle opposizioni che chiedono
I l presidente (qui con Gheddafi) al gover-
no da trent’anni se ne va in esilio a Sharm.
I militari, suoi ex colleghi, lo abbandonano.
H a lasciato Tunisi il 14 gennaio per rifu-
giarsi a Gedda, in Arabia Saudita. Sabato
France24 ha annunciato la sua morte, dopo
I sunniti a Manama per sostenere la famiglia
reale, gli sciiti da giorni occupano Piazza
della Perla, chiedendo il ritiro della famiglia
(arabo) e non solo 23 anni di regime. inizi degli anni ‘90) e dialogo. ricandiderà ma vuole gestire la transizione. la fine del regime di Ali Abdullah Saleh. Nelle piazze delle città arabe boati di gioia. due giorni di coma. Notizia senza conferme. al Khalifa da tutti gli incarichi di potere.

Il 17 dicembre 2010 Mohamed Bouazizi, laureato senza lavoro di Sidi


Bouzid (nel centro della Tunisia) si dà fuoco per protesta dopo che la
polizia ha confiscato il suo carretto di frutta e verdura perché senza
licenza. È l’inizio della caduta del “Muro arabo”, secondo un parallelo
che gli storici iniziano già a fare, tra l’inverno del 2011 e l’autunno del
1989 quando cadde il Muro di Berlino. C’è anche chi azzarda un
parallelo tra tra il “Nine-Eleven” degli Usa (il crollo delle Torri Gemelle,
11 settembre 2001) e il “Two-Eleven” dell’Egitto (la fuga di Mubarak,
11 febbraio 2011.

MASSACRO GHEDDAFI Il trattato capestro


pagati faccia progressi in questi
frangenti: sono in ballo 620 milio-
ni di euro. Il problema di fondo è
che l’Italia non è riuscita a fare
fruttare in influenza su Tripoli
tutto il peso del Trattato e di rap-
porti economici e commerciali

che ci lega al raìs


intensissimi: l’Italia, per la Libia,
è il primo partner economico e il
terzo investitore europeo ed è
Migliaia di vittime a Tripoli. Il raìs usa anche i caccia presente nel Paese con oltre cen-
to aziende. Invece che influenza,

e scompare. Allarme generale nelle basi militari italiane L’ACCORDO (VOTATO ANCHE DAL PD)
l’Italia sembra avere sviluppato
sudditanza nei confronti del co-
lonnello e del suo regime.

di Roberta Zunini mezzo milione, avrebbero accet- Contromisure INFATTI IERI a Bruxelles la
CHE COSTRINGE L’ITALIA AL SILENZIO

tato la “chiamata alle armi” della posizione sostenuta dal ministro
ppena atterrati a Malta, i Anche la nave
A
tribù Warfala, che conta oltre un Frattini preoccupato di tutelare
due piloti militari libici che milione di abitanti nel paese. “l’integrità territoriale” della Li-
hanno disertato per non Inoltre uno dei leader tribali di Giampiero Gramaglia sposizione, l’articolo 6, che chie- per l’Italia. In questa situazione,
bombardare i manifestan- avrebbe dichiarato che Gheddafi da guerra Bruxelles de alle parti ad agire in conformi- poi, l’attuazione di alcune dispo-
bia, é stata percepita in termini
diplomatici come più “ar ticolata”
ti, hanno detto di non aver scelto “non è più un fratello” e deve la- tà ai diritti dell’uomo. Dunque, sizioni appare particolarmente rispetto a quella molto dura di
l'Italia perché in base al trattato “Elettra”verso la n Trattato di amicizia, par- sollecitare il leader libico a ri-

U
sciare il paese. E il capo della tri- delicata. Un esempio: l’articolo marca britannica e tedesca. L’an-
italo–libico potrebbero correre bù Al-Zuwayya avrebbe minac- tenariato e cooperazione spettare l’impegno non sarebbe, 20 riguarda la collaborazione nel sia dell’integrità non può nascere
il rischio di essere rimpatriati. I ciato di interrompere le esporta- Libia. Solo ieri con la Libia molto impe- da parte del presidente del Con- settore della Difesa e prevede “lo solo dalle difficoltà che la ricon-
due colonnelli fuggiti con due zioni di greggio se le autorità non gnativo, la cui responsabi- siglio, nè ingerenza nè disturbo, scambio di missioni di esperti, duzione del Trattato comporte-
Mirage, secondo quanto hanno porranno fine alla repressione. sera Berlusconi lità politica ricade su tutti i partiti ma un richiamo ai patti. istruttori e tecnici e quello di in- rebbe in caso di nascita di due Sta-
riferito fonti governative e mili- Un quadro che diventa sempre che lo ratificarono nel 2009 formazioni militari, nonchè l’e- ti, modellati su Tripolitania e Ci-
tari, hanno chiesto asilo politico più drammatico, definito “un ge- annuncia: siamo (maggioranza e Pd a favore; IdV, FIRMATO A BENGASI il 30 spletamento di manovre con- renaica. C’è anche il timore della
e stanno fornendo informazioni nocidio” dall'ambasciatore libico Udc e radicali contro): l’Italia agosto 2008, ratificato dal Senato giunte”. E ancora “un forte ed am- “bomba immigrazione”, che Frat-
riservate sulle attività militari in all'Onu. Con lui si sono dimessi proccupati non riesce ad avere un ruolo at- in via definitiva il 3 febbraio 2009, pio partenariato industriale nel tini non minimizza di sicuro di
corso in Libia.

ERANO PARTITI dalla base


altri ambasciatori libici perché
non vogliono più rappresentare
la loro nazione Scritta a Bengasi ” tivo in questa fase confusa e
drammatica di proteste e fer-
menti, violenze e repressione. E
il Trattato consta di un preambo-
lo, di tre capitoli – principi gene-
rali, chiusura dei contenziosi del
settore della difesa e delle indu-
strie militari”. Passaggi oggi sci-
volosi, con il rischio che armi o
fronte ai colleghi. Paventa flussi
“epocali” e “inimmaginabili” e
ipotizza “centinaia di migliaia di


di Okhabrin Nafe, a Tripoli, parte Dove si trovi il Colonnello non è l’amicizia tra il premier Berlusco- passato e nuovo partenariato bi- tecniche italiane siano utilizzate persone” in fuga dalle coste libi-
di uno squadrone per andare a
bombardare i dimostranti a Ben-
chiaro: alcuni, tra cui una fonte
governativa inglese, lo danno in
Gheddafi, ni e il colonnello Gheddafi quasi
la paralizza. Il Trattato ha una di-
laterale – e di 23 articoli che com-
portano oneri non indifferenti
per reprimere con la forza le pro-
teste. Senza dimenticare l’imba-
che, perchè lì “siamo sull’orlo di
una guerra civile”. Ma alla fine, l’I-
gasi, capitale della Cirenaica e procinto di arrivare in Venezuela, razzo già provocato dalla presen-
della protesta. Gli aerei si abbas- dal fidato alleato Chavez. Altri so- miscredente, za di finanzieri a bordo di una mo-
talia accetta e fa propria la formu-
la europea, che condanna le vio-
sano fino a 500 piedi (150 metri, stengono stia andando, difeso da tovedetta ceduta dall’Italia alla Li- lenze, da qualsiasi parte venga-
ndr) e, mentre gli altri bombarda- un convoglio di auto blindate, vattene in bia nell’ambito dell’accordo, là no, e sollecita “un dialogo nazio-
no la folla, i due decidono di vi- verso un'oasi del sud, Sabah. dove si parla di lotta contro l’im- nale di riconciliazione”. E ora, do-
rare verso Malta. A fare le sue veci fino a ieri, il figlio Israele. E si migrazione clandestina, che inse- po che l’Ue ne condanna le vio-
Ieri anche Tripoli sembrerebbe Seif Al-Islam, che si è presentato guì un pescherecchio siciliano e lenze, Gheddafi può ancora esse-
essere stata bombardata. Il bilan- ai libici in rivolta, dalla tv di Stato inneggia all’eroe gli sparò addosso. E si noti che re l’interlocutore privilegiato del
cio finora sarebbe di almeno 250 promettendo riforme ma anche l’articolo 19, proprio quello della governo italiano? “La sorte del
morti. Da sommare ai circa 400 di “repressione fino all'ultimo uo- antitaliano Omar lotta all’immigrazione clandesti- leader libico non sarà decisa nè
Bengasi e Al Beida e senza con- mo”. Un discorso da leader, che na, prevede che tutta l’operazio- dall’Italia nè dall’Europa, non sia-
tare i feriti, migliaia. La rivolta, an- ne preannuncerebbe l'ascesa al el Mukhtar ne avvenga a costo zero per la Li- mo noi a dire chi deve restare e
ziché smorzarsi si è rafforzata e
diffusa in tutto il Paese. Quattro
delle principali tribù, spina dor-
sale del sistema sociale, stanno
marciando sulla capitale per unir-
“trono”. Qualora Seif non riuscis-
se a prendere il posto del padre,
sarà a causa di un colpo di Stato
militare. Solo l'esercito potrà fre-
nare questo passaggio di staffet-

zione. Che non vuole certo un al-
tro Gheddafi al potere. Non lo
vuole più neanche la popolazio-
sparatorie in ogni quartiere.
L'Italia intanto ha alzato il livello
di allerta e il ministro della Difesa,
le acque internazionale di fronte
alla Libia”. La nave, al momento a
La Spezia, ha a bordo apparec-
sconi intanto ha detto di “essere
preoccupato” e voci del governo
ammettono che se cade “la Libia,
Il Colonnello, B. e le gheddafine
Gheddafi con Berlusconi il 30 agosto 2008
a Bengasi, dopo la firma dell’accordo
Italia-Libia.
bia: il 50% lo paga l’Italia e il 50%
dovrebbe pagarlo l’Ue. Ma è tutto
l’impianto di questo Trattato è a
rischio, nella situazione d’incer-
tezza e violenza attuale: il parte-
chi se ne deve andare, non lo ab-
biamo fatto con Mubarak e non
cominceremo a farlo ora”. È vero,
siamo fuori tempo: a tenere le di-
stanze dal Colonnello dovevamo
si alla rivolta contro Gheddafi, ta. Qualche segnale è già stato re- ne di Tripoli, che fino a due giorni La Russa, ieri da Abu Dabi ha an- chiature radar con strumentazio- cade tutto”. Ma, al contrario del Qui sopra le hostess invitate da Gheddafi nariato può funzionare solo in un pensarci, americani ed europei
mentre anche i leader religiosi in- gistrato ma è ancora prematuro fa era la roccaforte del Colonnel- nunciato che La nave “‘Elettra’ e ne di guerra elettronica, ascolto e segretario dell’Onu non ha chia- a Roma durante la sua visita nell’agosto contesto economico e sociale insieme, otto anni fa, quando ci
neggiano alla rivolta. Secondo Al sostenere che i militari si siano lo e del suo clan. Da ieri, la capi- la marina militare italiana sono raccolta di informazioni. E, forse, mato Gheddafi per chiedergli di 2010. Nel particolare, il medaglione con normale. E certo non è pensabile fu lo “sdoganammo” in cambio
Jazeera, i Tuareg, che in Libia sono schierati compatti con la popola- tale è un campo di battaglia con state mobilitate per raggiungere unità delle forze speciali. Berlu- far finire la violenza. l‘a foto’immagine del leader libico (FOTO ANSA) che il contenzioso sui debiti non d’una minestra di lenticchie.

LO STORICO ANGELO DEL BOCA Fine di un dittatore


ARMI “L’amico” le prende
“Altro che diplomazia, le tribù lo cacceranno” a Mosca. E a Roma
di Elisa Battistini i Warfala, gli Zintan, i berberi: i contagio però era inevitabile. E l grosso delle armi che il regime libico sta usando contro il

engasi, il capoluogo della Ci-


clan tribali delle montagne. Gli
cifica della Libia rispetto a Egitto e
Tunisia. probabilmente è stato guidato
E ci sono personalità di rilievo,
fuori dalla Libia, che possono in-
fluenzare il dopo Gheddafi. Come
Idi popolo in rivolta viene dalla Russia. C’è uno storico legame
fornitura tra Tripoli e Mosca. Era un Mig il caccia libico pre-
Bdi Gheddafi,
renaica, e Sirte, la città natale
sono in mano ai ma-
stessi che hanno affrontato gli ita-
liani nel 1911, esattamente un se-
colo fa durante la guerra di Libia.
“IN LIBIA – racconta Del Boca
– non si può parlare veramente di
anche dall’estero”. Come sostie-
ne anche Saif Al Islam, che nel suo
discorso in televisione domenica
l’avvocato Anwar Fekini, che vi-
ve in California ed è nipote del-
cipitato sui monti della Calabria la notte dell’incidente di Usti-
ca, nel giugno del 1980, erano con tutta probabilità dei Mig i
nifestanti che hanno pagato con Se in Tripolitania queste tribù si as- rivolta del pane. il reddito procapi- sera ha anche ricordato l’impor- l’eroe della resistenza libica del caccia che hanno attaccato la folla ieri. Il colonnello Gheddafi
centinaia di morti l’altissimo sociano alla rivolta, la fine è vici- te è di circa 15mila euro l’anno, tanza dei clan e delle tribù nel 1911 Mohammed Fekini. Di cer- ha acquistato ancora di recente dal regime di Putin carri ar-
prezzo della rivolta in Libia. Che, na”. La fine per Muammar Ghed- quindi più alto degli altri paesi paese. Per questo al momento è to l’Occidente ora non può avere mati T-90, aerei militari Sukoi 30, missili anti-aerei, elicotteri.
ieri, è arrivata prepotentemente a dafi, ovviamente. E per tutta la sua del Maghreb che sono insorti. Il difficilissimo prevedere l’esito un interlocutore privilegiato. Gli vista di oltre due ore. È un crimi- di cui è stato presidente. Dal pa- Ma il regime libico dispone anche di armi americane, acqui-
Tripoli. La spinta per deporre il famiglia. “Perchè non è pensabile petrolio, di cui il paese è il secon- della rivolta o capire chi potreb- occidentali, oltre a vergognarsi nale, certo. Ma anche un rivolu- narabismo all’unità africana: non state in barba all’embargo attraverso triangolazioni con altri
Colonnello che – dalla rivoluzio- una successione da parte del se- do produttore africano dopo la be guidare una possibile transi- come nel caso dell’Italia che ha zionario che ha garantito un’uni- fu un cambiamento da poco. In- Paesi arabi, in particolare con gli Emirati Arabi Uniti. Nessuno
ne del 1969 che ha cacciato il re condogenito Saif Al Islam. Il più Nigeria, ha garantito una prospe- zione. “Si è parlato – dice lo sto- firmato pochi anni fa un trattato tà nazionale che ora può essere fine, nel 2006 gli Usa lo hanno de- si è mai tirato indietro: i due piloti che hanno chiesto asilo a
Idris I – tiene saldissime le redini grande errore interno di Gheddafi rità relativa e i prodotti di prima rico – di Abdelsalam Jallud, ex con un dittatore, faticheranno a compromessa. In ogni caso è sta- pennato dalla black list delle ca- Malta sono atterrati su due Mirage della francese Dassault.
del controllo sembra inarrestabi- – continua Del Boca – è stato sot- necessità che hanno reso soppor- braccio destro di Gheddafi, che guidare la transizione”. to capace di ingraziarsi quelli che naglie. È insomma un campione di Anche l’Italia vende armi alla Libia. Nel 2008, ultimo dato reso
le. Quattro delle principali tribù tovalutare la capacità di mobilita- tabile, per decenni, la vita delle però appartiene al clan Maghari- un tempo gli furono nemici. La metamorfosi, un dittatore che ha noto dal governo, Tripoli ha acquistato materiale bellico per
della Tripolitania hanno iniziato a zione dei clan che, per 40 anni, è persone. Ricordo che il tradutto- ba, rivale della tribù di apparte- ANCHÈ PERCHÈ pur legan- sua svolta filo-occidentale è par- in spregio i diritti umani ma non 93 milioni di euro. La Finmeccanica, primo gruppo italiano
marciare sulla capitale. riuscito a tenere a bada. Ma ora re libico che mi era stato assegna- nenza del raìs, i Qadhadfa. Ma dosi (e legando a sè) agli interessi tita dopo i bombardamenti ame- un fantoccio. Forte del petrolio, nel settore, ha venduto recentemente dieci elicotteri a Ghed-
che il contagio della rivoluzione to dal ministero dell’Informazio- tenderei ad escludere questo no- occidentali, Muammar Gheddafi ricani su Tripoli nel 1986. E si in politica estera si è reinventato dafi, ma per usi civili, a quanto dichiarato. Nel 2009 ha stretto
PER ANGELO Del Boca, uno maghrebina è arrivato, torneran- ne, durante un mio viaggio, vole- me, anche perchè si tratta di un non è l’equivalente di Mubarak o consolidò nel 1996 quando re- più volte. I suoi errori li ha com- un accordo con il regime di Gheddafi per vendere armi in-
dei massimi esperti del coloniali- no prepotenti le divisioni interne va venire a vivere in Italia. Aveva uomo anziano. Senza dubbio, Ben Alì. “Gheddafi – dice l’autore presse la rivolta islamista in Cire- piuti all’interno e ora ne pagherà sieme su tutto il mercato africano e del Medio-Oriente. La so-
smo italiano e della storia della Li- che si uniranno con un obiettivo: quattro figli. Facemmo i conti e una volta che si era intuita la po- di A un passo dalla forca – è un per- naica. Il cambiamento radicale fu il prezzo”. Chissà se è veramente cietà italiana controllata dallo Stato ha preventivato un giro
bia (Gheddafi, Una sfida nel deserto di far cadere Gheddafi. Che cadrà non gli conveniva: viveva meglio tenzialità della rivolta in Libia, gli sonaggio poliedrico e comples- nel 2000, quando ammise il falli- fuggito come Ben Alì o Mubarak. d’affari fino a 15 miliardi di euro.
recente ristampato per Laterza) è per la rivolta delle tribù”. Sta qui, in Libia. Nonostante le condizio- oppositori esuli a Londra, Gine- so. L’ho incontrato nel 1996 mento dell’unità panarabica e si “Non mi stupirebbe se fosse in Li-
questa la notizia del giorno. “Sono per lo studioso, la differenza spe- ni economiche delle persone, il vra o California sono intervenuti. quando mi ha rilasciato un’inter- adoperò per l’Unione Africana, bia. A costo di farsi ammazzare”.
pagina 4 Martedì 22 febbraio 2011

I
LIBIA SENZA RITORNO LIBIA SENZA RITORNO

Sbarchi a Lampedusa
eri è stata un’altra giornata intensa
per gli sbarchi: in serata sono
di prima accoglienza (in mattinata è
scoppiata anche una rissa) ma in serata in Il “Pantheon”del rais
1 dicembre 1969 10 giugno 2009 9 luglio 2009 N
sbarcati 59 migranti, tra i quali una 420 sono stati trasferiti con quattro voli in Al potere a 27 anni L’eroe anti-italiano al petto “Obama? Un figlio dell’Africa” SOMALIA
donna, soccorsi a largo delle Pelagie su un altre strutture.
e a Tripoli si rastrellano Da Nasser ad al Muktar Autobomba
barcone di dieci metri. Piccole carrette del
mare. Come quella che in mattinata ha
trasportato sei migranti soccorsi a largo di
Ad aumentare la situazione di tensione
relativa all’arrivo di migranti dal Nord Africa,
la dichiarazione - fatta all’Ansa - di un
N asce a Sirte il 7 giugno del 1942. Sale al potere
con un colpo di Stato militare il 1 settembre
1969. Eccolo giovanissimo con il presidente egizia-
O mar al Muktar, eroe della resistenza libica
contro il colonialismo italiano, arrestato
nel 1931. Gheddafi esibisce questa foto sul pet-
I n Italia Obama con Gheddafi, che poi all’assem-
blea generale dell’Onu (a settembre) lo definirà
“figlio dell’Africa” e “raggio di luce nel buio”, augu-
a Mogadiscio
i “clandestini” fino a Obama
Lampedusa mentre procedevano a remi,
dopo che il motore fuoribordo è andato in
tilt. Altri 131 extracomunitari sono stati
dissidente che vive a Parigi, citando “fonti
sicure” in Libia: le milizie starebbero
rastrellando gli immigrati clandestini che si
no Nasser, ad un incontro della Lega Araba. to al suo arrivo a Roma, il 10 giugno 2009. randogli di restare “presidente per sempre”.
È di almeno 10
morti il bilancio
dell’esplosione, ieri
soccorsi all’alba su due nascondono a Tripoli per spedirli in Italia a mattina, di una
barconi a poche miglia bordo di imbarcazioni già pronte sulle spiagge Alcune immagini storiche di Muammar Gheddafi; autobomba guidata da
dall’isola. E ancora: ieri si presso la capitale. Gheddafi, afferma il nella prima è al fianco del presidente egiziano Gamal un kamikaze nei
erano registrati altri due dissidente, intenderebbe con ciò mettere in Abdel Nasser al vertice arabo che si tenne a Rabat, in pressi di un campo di
sbarchi, con l'arrivo di 74 atto la minaccia profferita un paio di giorni fa Marocco, nel 1969 Foto Ansa. Al centro la foto di addestramento della
extracomunitari, quasi tutti di cessare la cooperazione con l’Europa in Omar al Muktar, guerrigliero anti italiano, che polizia a Mogadiscio,
tunisini. A Lampedusa ieri materia di immigrazione clandestina se gli Gheddafi si è appeso al petto in occasione della visita in Somalia. I ribelli
c’erano circa 1.400 europei non smetteranno di prendere le parti in Italia nel 2009. A destra il leader libico stringe la islamici Shabab
immigrati, ospiti del centro dei rivoltosi. mano a Barack Obama, il 9 luglio 2009 hanno rivendicato
l'attacco.

CROLLA UNICREDIT VERGINI, BLUFF


IL VENTO LIBICO E BOMBE: L’ENIGMA GERMANIA
Amburgo: disfatta
per la Cdu

SPAZZA LA BORSA DEL COLONNELLO B na dura sconfitta


perla Cdu” di
Amburgo: la cancelliera
tedesca, Angela Merkel,
ha commentato così il
Il governo di Tripoli primo azionista della banca La famiglia beduina, iI colpo di Stato voto alle elezioni
regionali nella
città-Land di Amburgo.

La sede di Unicredit a Milano (FOTO EMBLEMA)


Soffrono anche Eni e Impregilo. Milano a - 3,5% nel ‘69, il terrore della morte Il suo partito, la Cdu,
che governa insieme ai
Verdi, domenica è scesa
di Vittorio Malagutti banca milanese prevista pro-
prio per oggi. La Libia, con una
vestitori hanno venduto a mani
basse anche per trasformare in
trollata dalla Fondiaria di Salva-
tore Ligresti insieme ai Benet-
lioni di euro. Questi lavori sono
agli inizi (è stato realizzato me-
sistemi di segnalamento ferro-
viari dell’Ansaldo. Tra l’altro il
tardi; si chiude in silenzi che
imbarazzano gli ospiti stranie-
ta a ritrovare una personalità
corrotta dall’avidità. Il Ghed-
Arrogante, al 21,9%, ovvero di 20,7
punti percentuali
entre la Libia brucia, la quota di oltre il 7 per cento, re- stravagante, rispetto al 2008. I

M
moneta sonante i recenti rialzi ton e alla famiglia di imprendi- no del 5 per cento del totale) e gruppo pubblico italiano, gesti- ri. Arrogante che non grida: or- dafi anni ’70, colpo di stato an-
Borsa crolla e i titoli sta però il maggiore azionista del mercato. Unicredit, per di- tori piemontesi Gavio potreb- con la Libia in fiamme non si sa to dall’amministratore delega- dina sottovoce e i sussurri im- cora caldo, era un ragazzone vincitori sono stati i
Unicredit si sgonfiano
del 5 e passa per cento,
di Unicredit. È questo, e di gran
lunga, il più importante inve-
re, nel giro di un mese aveva
guadagnato in Borsa il 25 per
be diventare la principale bene-
ficiaria del trattato di amicizia
quale futuro potranno avere.
Così come resta sospeso nel-
to Pierfrancesco Guarguaglini,
aveva a suo tempo costituito
pauriscono i sottomessi e
sconcertano uomini d’affari e
dal sorriso aperto nelle foto e
in tv. Rompendo solennità mi-
grande socialdemocratici
(Spd), che hanno
Fabrizio Palenzona, vicepresi- stimento di Gheddafi in Italia. cento. La posizione della banca siglato da Berlusconi con il re- politici di passaggio. Risponde litare stringeva ogni mano. E se ottenuto il 48,3% delle
dente della grande banca mila- è però molto diversa da quella gime libico. Nell’accordo era
l’incertezza il giro d’affari di
Finmeccanica, in cui la Libia
una società mista (a maggioran-
za tricolore) con il governo di rovesciando ogni proposta, la diffidenza di chi si sentiva giocatore della preferenze, 14,2 punti
nese, ieri pomeriggio ha fatto A CONTI FATTI il pacchet- di altre aziende bersagliate dal- previsto che una serie di grandi possiede una partecipazione Tripoli, la Lybian Italian advanced egocentrico con aria clericale minacciato dagli stranieri al- in più rispetto al 34,1%
sapere al mondo di essere to di azioni intestato al regime le vendite come Eni, Impregilo opere sul territorio libico sa- del 2 per cento circa. La società Technology company, proprio per anche perché ha imparato a lungava all’infinito le antica- diplomazia tra del 2008.
“preoccupato per i giovani li- vale oltre 2,5 miliardi di euro. Si o anche Finmeccanica, ieri in rebbero state finanziate con il romana era pronta a fornire al gestire insieme alcuni dei pro- leggere e scrivere nella ma- mere la diffidenza svaniva ap-
bici che stanno soffrendo”. spiega così l’ondata di vendite calo del 2,7 per cento. Per tutte denaro pubblico italiano. regime di Gheddafi, radar, ap- getti comuni. Ma anche qui la drassa di una moschea. Moha- pena chi voleva incontrarlo at- russi, americani AFGHANISTAN
Ammirevole, ma forse poteva che ha colpito i titoli della ban- queste società il legame con parati di controllo elettronico rivoluzione libica potrebbe se- med, il padre, era orgoglioso di traversava il deserto piatto del-
pensarci prima. Perchè al suo ca con base in Piazza Cordusio Tripoli riguarda il loro business A COMINCIARE da un’au- ed elicotteri Agusta, ma anche gnare la fine di affari e appalti. aver impedito che il figlio pa- la Syrte per fare quattro chiac- e terroristi Attacco suicida:
fianco, anche lui con i gradi di a Milano. Solo la grande impre- caratteristico e non è solo azio- tostrada lunga oltre 1.700 chi-
Senza sosta L’arrivo di una barca di immigrati a Lampedusa F OTO FABIO BUCCIARELLI
Muammar Gheddafi (FOTO ANSA) scolasse le capre prigioniero chiere col padre e la madre or- trentadue morti
vicepresidente di Unicredit, sa di costruzioni Impregilo ha nario, come per Unicredit. Il lometri che dovrebbe attraver- di una ignoranza senza scrittu- gogliosi come pavoni: Moha-
siede nientemeno che il gover-
natore della Banca centrale li-
bica Farhat Omar Bengdara, un
fatto peggio, perdendo oltre il 6
per cento. Molto male anche
gruppo petrolifero guidato da
Paolo Scaroni vanta solide radi-
sare l’intero territorio libico dal
confine con l’Egitto a quello
di Maurizio Chierici

travagante, ma furbo, di-


ridere e l’ansia di un ipocon-
driaco di ghiaccio. Le malattie
lo spaventano, è terrorizzato
ra. Mostrava la foto dell’orgo-
glio: presidente che sorride,
med e Aicha vestiti come ve-
stivano i beduini negli anni di
gnare sull’Africa con i soldi del
petrolio. Ma gli africani non I talebani afgani
hanno rivendicato
l’attacco suicida di ieri

S
l’Eni, giù del 5 per cento. Sia Im- ci in Libia, grande esportatore con la Tunisia. Un’opera da 5 che lo abbraccia, che gioca Lawrence d’Arabia. erano d’accordo e il cammino
fedelissimo di Gheddafi, cioè il pregilo sia il gruppo petrolifero di oro nero e anche di metano. miliardi di euro che deve anco- stratto ma attento ai soldi dall’idea di morire: nella ca- con i cugini. Allegria svanita Gheddafi ha attraversato 42 cambia verso i vecchi paesi nella provincia
massacratore dei giovani libi- sono molto attivi in Libia. Ma è Risale a soli sei anni fa l’inaugu- ra essere aggiudicata con Im- come deve essere il figlio mera accanto dorme sempre nel 1969 appena rovescia re anni di governo assoluto gio- messi al bando come nemici. settentrionale di
ci. Anzi, Palenzona e Bengdara tutta la Borsa di Milano a fare le razione del nuovo gasdotto pregilo alla guida di uno dei di un beduino che ha im- Galyna, infermiera ucraina Idris e butta fuori gli italiani. cando con russi e americani, Riconosce la colpa per gli ae- Kunduz in cui sono
sono stati eletti in consiglio spese della guerra civile sull’al- GreenStream che collega le co- consorzi favoriti nella gara. Al parato a scegliere le erbe della “rossa e voluttuosa” dalla qua- “Gli italiani mi hanno sparato terroristi e pacifisti. Ogni anno rei abbattuti, paga milioni alle morte 32 persone,
due anni fa nella stessa lista, tra sponda del Mediterraneo. ste libiche con Gela in Sicilia. momento i due interventi prin- cena con l’occhio di chi ha le le non si separa mai. Forse è ad un braccio”, racconta il pa- distribuisce in Svizzera il pre- famiglie delle vittime, condan- considerate “fantocci
quella di maggioranza, presen- Perché l’Italia è esposta verso Un’infrastruttura gestita da una cipali gestiti dalla società di Be- pentole vuote. Ormai le pen- qualcosa di più di un’infer- dre. “Gli italiani hanno ucciso mio della pace Gheddafi, lo na ogni terrorismo e finalmen- delle milizie
tata dalle fondazioni di Verona, Tripoli molto più di qualunque società partecipata al 50 per ce- netton e soci riguardano la co- tole di Gheddafi traboccano miera. mio padre che difendeva la Li- stesso Gheddafi che ha anima- te tornano le multinazionali filogovernative”. Un
di Torino e di Bologna. altro Paese europeo. Anche a to ciascuno da Eni e dal gover- struzione di infrastrutture e al- di ogni ben di dio e la sua vita bia con la divisa dell’esercito to guerriglie, fatto saltare due del petrolio e le rendite diven- mujaheddin solitario si
Al momento è difficile preve- Londra, Parigi e Francoforte i li- no di Gheddafi. Passa da lì il 10 tre opere pubbliche (reti elet- é un lusso mascherato dalla ci- SE QUESTA è la leggenda turco”. Adesso la Libia brucia e aerei (americano ed inglese , tano così importanti da affidar- è infiltrato nell’edificio
dere se da qui a qualche giorno stini frenano, ma con perdite per cento circa degli approvvi- triche, fognarie, telefoniche) vetteria della tenda sotto la che accompagna il Gheddafi chi ricorda la rivolta che lo ha 312 morti), corteggiato il mon- ne le cure agli gnomi della fi- dell’amministrazione
Bengdara sarà ancora al suo po- comprese tra l’1,1 e l’1,4 per gionamenti di gas naturale ge- nelle città di Tripoli e di Misu- quale riceve i capi di stato tra- privato, due mogli, otto figli, il portato al potere cerca di ca- do arabo nella speranza di nanza odiata. distrettuale e si è fatto
sto a Tripoli. Così come rimane cento. stiti dall’Eni. ratah, oltre a tre centri univer- vestito da attore del muto. In- profilo pubblico è altrettanto pire se Gheddafi, che il potere prendere il posto “lasciato esplodere fra quanti
in forte dubbio, per usare un A Piazza Affari invece il listino è Anche Impregilo andava forte, sitari in varie località del Paese, terpreta il personaggio di pa- imprevedibile. Per superare il sta perdendo, si nasconda nei vuoto” da Nasser suo adorato PERCHÉ all’improvviso gira erano in fila per
eufemismo, la sua presenza al- arretrato del 3,5 per cento. Va molto forte dalle parti di Tripo- compresa la stessa Misuratah dre della patria con la solen- complesso di inferiorità che lo palazzi o è volato via, ma il ri- maestro di vita. Ma gli arabi dif- la faccia? Stravaganza del per- arruolarsi. Sempre ieri
la riunione del consiglio della detto che proprio ieri molti in- li. La società di costruzioni con- per un valore di circa 750 mi- nità di chi ha smesso di sor- perseguita inventa sgarbi, ri- cordo del primo incontro aiu- fidavano e si è inventato di re- sonaggio o la paura che gli Sta- un soldato della Isaf,
ti Uniti facciano sul serio dopo sotto comando Nato, è
aver abbattuto il monumento morto nel sud del
IMMIGRAZIONE Protesta repressa nel sangue ad Algeri Saddam Hussein? E Gheddafi si
trasforma nel presidente della
holding familiare gonfiata dal-
Paese. I militari
stranieri morti in
Afghanistan dall’inizio
SALTATO IL TAPPO DEGLI ACCORDI, SI TEME L’ESODO DI MASSA Non si correrà il Gran Premio del Bahrein le rendite del petrolio. Com-
pra Fiat, compra Unicredit,
dell’anno sono già 57.

compra Finmeccanica. Solo in STRAGE DI BOMBAY


di Wanda Marra semplicemente si transitava in altri paesi del oggi dalla Tunisia (dove però la situazione è te di passare in Europa, e una quota stimata uando si ferma persino la Formula ferite - ha spiegato una studentessa al 1998 al 2004. Si fa sentire anche l'I-
Nord Africa per arrivare in Europa. Dunque, “molto più tranquilla”, afferma Hein) sono tra il 20 e il 38 per cento tenta la traversata del Q Uno, vuol dire che la situazione è sito arabo di al-Watan -. Le barricate raq: per venerdì è in programma,
Italia ma le leggende di Gine-
vra e Zurigo raccontano spe- Pena capitale
uanta gente arriverà dalla Libia, che cosa davvero fuori controllo. In Bahrein della polizia ci hanno impedito di mar- nella piazza Tahrir di Baghdad, la per l’attentatore
Q accadrà alle frontiere italiane, nessuno al
se anche ogni previsione è azzardata, Hein
può ipotizzare che l’entità del flusso migra-
arrivate 4.300 persone (oltre a quelle di ieri).
Dall’Egitto solo 30, la settimana scorsa, im-
Mediterraneo. “Un esodo di immigrati po-
trebbe arrivare in Italia dalla Libia in fiamme - non si correrà il primo Gran Premio ciare fino al ministero dell’Educazio- prima grande manifestazione di
culazioni mirabolanti. Allunga
soldi perfino al Gaucci presi-
momento è davvero in grado di prevederlo.
Anche se la preoccupazione che ci possa
essere un esodo di massa dal Nord Africa è
torio sarà lo stesso. Spiega Laura Boldrini,
portavoce in Italia dell’Alto commissariato
delle Nazioni Unite per i rifugiati: “Ricordia-
mediatamente rimandate indietro con un ae-
reo.
Dalla Tunisia, spiega Gabriele Del Grande,
afferma ancora Del Grande - un esodo non
tanto di libici quanto composto dal milione di
africani che da sempre sono la manovalanza
della stagione, decisione presa dagli
stessi organizzatori arabi in seguito
alle manifestazioni contro la monar-
ne superiore, ma quando hanno visto
che eravamo determinati, hanno ap-
plicato le disposizioni. In risposta al-
protesta popolare sulla scia delle al-
tre rivolte. Negli ultimi giorni si so-
no registrati i primi segnali di mal-
dente del Perugia rimasto con
le tasche vuote, tanto per far
giocare il figlio giocherellone
L’ Alta Corte di
Mumbai ha
respinto l'appello
diffusa e condivisa. Quel che è certo è che “il moci che prima dell'accordo con Tripoli a regista e osservatore in prima linea dei mo- di Gheddafi, dai mercenari delle milizie afri- chia sunnita. Che non si fermano: ieri l’azione violenta della polizia, gli stu- contento, con proteste nella pro- dodici minuti in serie A. Viag- contro la sentenza di
tappo” costituito dal Trattato di Amicizia Ita- Lampedusa arrivavano immigrati partiti dalla vimenti migratori della zona mediterranea cane ai cuochi del ristorante”. per la prima volta sono scesi in piazza denti hanno deciso di bloccare l’ac- vincia di Wassit, a sud di Baghdad, e gia con 12 vergini armate con colpevolezza,
lia-Libia del 2009, che, tra le altre cose, sta- Libia, ma non libici. Adesso, se la protesta “stanno arrivando solamente ragazzi che vo- E intanto, a Lampedusa, si trovano in questo a Manama, nei pressi di una moschea, cesso alla strada che conduce al mi- a Sulaimaniyah, nel Kurdistan ira- licenza di uccidere. Visto da pronunciata in primo
biliva la gestione congiunta dell’immigrazio- verrà ascoltata, se troverà uno sbocco, la gen- gliono lavorare in Europa e infatti proven- momento circa 1.400 immigrati, ospiti del anche i sunniti sostenitori dell’emiro nistero. “Resteremo qui fino alla fine cheno. fuori si è divertito nella prigio- grado a carico
ne, è destinato a saltare. te dovrebbe restare a casa, se invece verrà gono dalle zone costiere, che sono quelle centro di prima accoglienza. del Bahrein e della sua famiglia. Men- della nostra battaglia - hanno dichia- Infine il Kuwait: una manifestazio- ne di lusso della Libia dove non dell'unico attentatore
repressa è possibile che in tanti cerchino la regioni che hanno l’economia bloccata per tre gli oppositori sciiti sono rimasti rato alcuni studenti al sito arabo - La ne di protesta, inizialmente previ- si muore di fame ma si soffoca sopravvissuto alle
A SPIEGARLO È Christopher Hein, il Pre- fuga, o siano costretti alla fuga. Allora sì che una crisi turistica che va avanti feroce dal- accampati in Piazza della Perla, nel repressione non ci spaventa, non per- sta per i giorni scorsi, è slittata al senza libertà. Quando ha deci- stragi del novembre
sidente del Consiglio Italiano per i Rifugiati.
Formalmente il trattato sarebbe ancora in vi-
sarebbe emergenza”. Poi spiega: “In questo
momento a preoccuparci è soprattutto la sor-
l’inizio delle proteste nella regione”. In Italia centro della capitale, affrontando nel-
le ‘tende della protesta’ la terza notte
metteremo questi comportamenti. La
nostra battaglia è solo all’inizio”. Le
prossimo 8 marzo. Il rinvio è stato
deciso dopo che il ministro degli
so che la sua repubblica diven-
tava ereditaria e la successione
2008 nella metropoli
indiana,
gore, ma è evidente che a questo punto conta
poco. Anche perché le forze armate che pre-
te degli 8mila rifugiati e dei 3mila richiedenti
asilo di diverse nazionalità, provenienti per lo
CHE L’IMPATTO POTREBBE essere for-
te, bastano i dati a dirlo: dei quasi 5 milioni di
vivono oltre un milione consecutiva. E per oggi è previsto un
altro, imponente, raduno.
opposizioni chiedono le dimissioni
del 73enne presidente Abdelaziz Bou-
Interni ha rassegnato le dimissioni
in seguito alla morte in carcere di
andava al secondo figlio, l’op-
posizione clandestina si è pre-
precedentemente
chiamata Bombay. È
sidiavano le frontiere sono evidentemente più dal Corno d'Africa e dall'Africa subsaha- africani presenti nell’Unione europea, circa Non solo Bahrein: quattromila studen- tef lika. un giovane che avrebbe subito tor- stata cosi' confermata
impegnate in tutt’altre faccende. Ma di quale riana”. un quinto si è insediato in Italia (fonte Ca- di africani ti sono scesi in piazza davanti al mi- Domani si attende anche il Came- ture da parte della polizia peniten-
parata, aspettando. Ed è suc-
cesso proprio a Bengasi dove la condanna a morte
entità si può parlare? Nel 2008 dalla Libia, Ma la situazione della Libia - secondo l’analisi ritas, volume Africa-Italia. Scenari migratori). nistero dell'Istruzione di Algeri e so- run, uno dei paesi più corrotti del ziaria. L’emiro del Kuwait ha accet- 42 anni fa Gheddafi aveva ar- per il terrorista
spiega lo stesso Hein, sono arrivate nel no- di Hein - è diversa da quella degli altri paesi I migranti che ogni anno si trasferiscono dalla Dalla Libia nel 2008 no stati violentemente attaccati dalla mondo: la corruzione che ha fatto tato le dimissioni, ma non si ferma- restato la cupola militare fede- Mohammed Ajmal
stro paese 37.000 persone. E non è che negli del Nord Africa, protagonisti delle rivolte di fascia subsahariana nel Maghreb sono tra i polizia. “Tre dei nostri compagni sono perdere al paese circa 2,8 miliardi di no le richieste di riforme politi- le al re. Cominciava l’avventu- Amir Kasab, cittadino
anni successivi questo fenomeno sia finito, queste settimane. Dall’inizio di gennaio ad 65.000 e i 120.000: l’intenzione è solitamen- sono arrivati in 37.000 stati trasferiti all’ospedale con diverse euro l’anno in entrate statali tra il che. ra che a Bengasi forse finisce. pakistano.
pagina 6 Martedì 22 febbraio 2011

A
RUBY E LE ALTRE

desso Ruby e le ragazze di via Olgettina fronte alla disponibilità delle ragazze - l’organizzatore messo nei guai più lei Berlusconi in questi mesi, che
Le ragazze dell’Olgettina, potrebbero contribuire ad allietare non potrebbe pensare di andare contro tutti. Anche contro loro in tanti anni”. La ragazza marocchina, però, non si
solo le notti del premier, ma anche le le donne del Coordinamento della Sinistra che sabato ferma alla provincia di Ferrara: si è proposta come
sfilate di Carnevale. Ne sanno qualcosa a Cento, nel scorso sono scese in piazza per manifestare la propria madrina anche al Carnevale di Fano, che le ha risposto
da Villa San Martino ferrarese, dove il patron Ivano Manservisi potrebbe indignazione. Tutte proteste che Manservisi (che nelle picche: “È un carnevale per bambini, famiglie e coppie,
decidere di ospitarle per la kermesse del prossimo fine scorse edizioni ha portato a Cento anche Lele Mora) in cui si cerca di far risaltare l’amore vero, e la presenza
settimana. Il sindaco di centrodestra Flavio Tuzet e non si spiega: “Perchè non festeggiare Ruby? Quelli di Ruby non ci sembrava opportuna” ha spiegato
al Carnevale di Cento tutta la locale classe politica si è detta contraria, ma - di dell’opposizione la dovrebbero portare in trionfo. Ha l’assessore Pdl al Turismo, Alberto Santorelli.

IL CAIMANO E LE INTERCETTAZIONI:
BALLE A STELLE E STRISCE
Usa, politici con le squillo e seggi in vendita: “Ma niente bavagli”
- aveva sottolineato Lanny vuole registrare le mie conver-
Breuer, del dipartimento di giu- sazioni, vada pure avanti, si sen-
stizia di Washington, durante ta libero di farlo: apprezzo
una visita italiana - la legislazio- chiunque mi registri in maniera
ne italiana, così come è stata fi- aperta e conosciuta, ma coloro
nora, è stata molto efficace nel- che vogliono farlo di nascosto,
la lotta alla criminalità organiz- beh, gli ricordo che puzzano di
zata”. La legislazione america- Nixon e Watergate”.
na in tema di intercettazioni si
basa principalmente sull’Elec- IL RIFERIMENTO è interes-
tronic Communications Priva- sante: lo stesso indagato soste-
cy Act del 1986, che consente neva che finché le intercetta-
di registrare una conversazio- zioni sono legali e trasparenti
ne telefonica solo dopo aver va tutto bene, perché il vero Blagojevich e Spitzer
mostrato una “probabile cau- problema sono le registrazioni Il primo è uscito di scena per aver
sa” di attività illegale, e dopo telefoniche clandestine, come tentato di “vendere” la poltrona che
aver ottenuto un ordine dalla quelle ordinate dal presidente era di Obama, l’altro per aver pagato
corte. Nixon contro i suoi avversari le costose prostitute del Vip Club
Passiamo ad un secondo caso democratici (pro-
americano, che tocca un altro prio per questo fu
ex governatore, Rod Blagojevi-
ch, già alla guida dell’Illinois.
costretto alle dimis-
sioni).
B. cita gli States
Lui è uscito di scena per aver
tentato di “vendere” la poltro-
Anche sulle inter-
cettazioni illegali,
per difendersi. Ma lì
na che era di Barack Obama. comunque, il prag-
Nixon e “Tutti gli uomini del presidente” L’inchiesta di Woodward e Bernstein svelò il Watergate Quanto è stato eletto presiden- matismo anglo-sas- le registrazioni sui
te, il suo seggio senatoriale di sone vince sui libri
di Matteo Bosco Bortolaso costose prostitute del Vip sten”, ad esempio, chiedeva: Obama è rimasto vuoto. Tocca del diritto. Prendia- giornali e anche
New York Club Emperors (“Club Impera- “Pls let me know if 'package' ar- al governatore del relativo Sta- mo un terzo caso,
tori”). La più famosa, quella rives 2mrw”. Ovvero: “Per fa- to decidere il sostituto. Blago- catalogato nei ma- sulle radio locali
egli Stati Uniti “chi passa che si è guadagnata le coper- jevich voleva soldi dagli aspi- nuali di giurispru-

N
vore fammi sapere se il pac-
le intercettazioni alla tine dei tabloid per le sue for- chetto (con i soldi per la presta- ranti senatori: è emerso da al- denza sotto il titolo
stampa va in galera, e ci me generose, si faceva chiama- zione, ndr) arriva domani”. cune intercettazioni, pubblica- “Bartnicki versus Vopper”. esponenti del sindacato sosten-
resta per molti anni”, ha re Ashley Dupré, ma il suo no- Nessun giornalista è andato in te dalla stampa e trasmesse dal- Due esponenti del sindacato gono che la legge è stata violata.
detto Silvio Berlusconi. Cer- me reale era nientemeno che galera. A dire il vero, neppure le tv. degli insegnanti in Pennsylva- Il caso sale tutti i gradini del si-
chiamo di capire che succede Ashley Rae Maika Di Pietro. Spitzer sta passando le sue gior- Quando Blagojevich ha saputo nia vengono intercettati illegal- stema giudiziario americano,
in America, ne scopriremo del- Passare un’ora con lei, però, nate dietro le sbarre. Anzi, è fi- di avere il telefono sotto con- mente, da uno sconosciuto. Di- arrivando alla Corte Suprema,
le belle. Scopriremo - se già costava un migliaio di dollari. nito a condurre un programma trollo, si vantò di non temere le cono che se le loro richieste che stabilisce: il primo emen-
non lo sapevamo - che le inter- televisivo sulla CNN (nemme- indagini: “Che mi intercettino non verranno soddisfatte “an- damento della Costituzione (li-
cettazioni hanno fatto cadere SULL’HUFFINGTON Post no qui i confini tra politica e ti- in pubblico o in privato - anda- dremo nelle nelle loro case, a bertà di espressione) vince sul
il governatore dello stato di sono comparsi gli sms che il go- vù sono così chiari). va dicendo - vi posso assicurare buttar giù le loro verande”. La diritto alla privacy. Poco conta,
New York, Eliot Spitzer. Che vernatore mandava alle sue “Le intercettazioni sono stru- che tutto ciò che dico è sempre registrazione viene mandata in insomma, se la conversazione è
aveva fatto? Aveva pagato le amanti a pagamento. A “Kri- menti essenziali per le indagini legale”. E ancora: “Se qualcuno onda dalle radio locali. I due stata registrate illegalmente.

MINETTI pronta L’amico raìs? Legittimo impedimento


ad andare in tribunale ANCHE LA CRISI LIBICA PER SCAPPARE DAI PROCESSI. “AIUTINI” PURE SULL’IMMUNITÀ
di Sara Nicoli
NSilvioicole Minetti, accusata di essere l’addestratrice delle ragazze di
Arcore (“Ti devo briffare... ne vedrai di ogni!”), al processo contro
Berlusconi farà scena muta. Si avvarrà, molto probabilmente, a Libia esplode e il Caimano, chiuso ad
mentre domani Fabrizio Cicchitto chiede-
rà alla conferenza dei capigruppo di ca-
lendarizzare in aula alla Camera il proces-
sare la riforma costituzionale in tempi ra-
pidi. Ma tanto “la riforma – ha annunciato
Alfano – andrà avanti spedita”. Anche
della facoltà di non rispondere: scelta che le è permessa, essendo
non una semplice testimone, ma un’indagata che potrebbe presto
Ldelissimi,
Arcore con il suo pool di avvocati e fe-
non pensa che ad arrivare alla
so breve e il ddl intercettazioni, che il
Pdl conta di portare a casa al massimo en-
quella della Corte Costituzionale, anche
se non è ancora chiaro il come; si pensa ad
diventare imputata di reato connesso, nel secondo dibattimento sul sua immunità. Per tutta la giornata di ieri il tro la fine di aprile (per entrambe le leggi). una parziale “regionalizzazione” dei giu-
bunga-bunga, che la vede protagonista insieme a Lele Mora ed gran consiglio di guerra del Cavaliere le ha In tempo, comunque, per la chiusura di dici. L’immunità, dunque, al centro dei
Emilo Fede. Sarà uno strano processo, quello che inizierà il 6 aprile studiate tutte per raggiungere nel più bre- quella finestra elettorale che lo mettereb- pensieri del Caimano, mentre i suoi avvo-
contro Berlusconi accusato di concussione e prostituzione minorile. ve tempo possibile la riforma della giusti- be anche al riparo da elezioni anticipate cati hanno studiato anche ieri la questio-
Con l’imputato che farà di tutto per difendersi fuori dall’aula, in sede zia che costituirà la sua vendetta contro la rischiosissime (i sondaggi lo danno al ne di come sollevare il conflitto d’attri-
politica, sostenendo, attraverso i suoi legali Niccolò Ghedini, Piero magistratura. Già questa mattina è previ- 26%, dato storico negativo), perché la Le- buzione, casomai attraverso la giunta per
Longo e Giorgio Perroni, che i giudici di Milano non sono competenti: sta la prima riunione del comitato tecnico ga, apparenze a parte, si sta già guardando le autorizzazioni a procedere, ma il ri-
meglio il tribunale dei ministri, che per giudicare ha bisogno del- di ministri ed esperti che nel giro di 15 intorno e Bossi avrebbe detto ai suoi (Ma- schio di portare a casa una figuraccia è an-
l’autorizzazione a procedere del Parlamento. Ovvero, per il pro- giorni dovranno tirare giù un articolato di roni in testa) che è tempo di pensare al cora alto. Per altro, è stato assodato che
cesso, la “soluzione finale”. Ma anche l’altra protagonista del di- riforma costituzionale che un consiglio dopo Berlusconi. non è possibile sollevare anche la questio-
battimento, Ruby, ha una posizione particolare: è parte lesa, eppure dei ministri straordinario dovrà poi varare Così, mentre i suoi avvocati ieri hanno ne di improcedibilità (perché Silvio
sembra non voler entrare in conflitto con l’imputato. Il suo nuovo nelle prossime settimane. Dentro ci sarà cercato di incastrare le date delle prossi- avrebbe agito, sul caso Ruby, per motivi di
avvocato, Paola Boccardi, riconosciuta esperta di diritto minorile, è tutto: separazione delle carriere e re- me udienze dei processi Mediatrade, Me- Stato) fino a quando il procedimento non
ancora impegnata a studiare le carte e a conoscere la ragazza di cui sponsabilità civile dei magistrati, inap- diaset e Mills con gli impegni istituzionali dovesse essere passato al tribunale dei mi-
ha appena assunto il patrocinio. Promette comunque di fare nel pellabilità delle sentenze di prosciogli- (si sta pensando di far valere come legit- nistri. E arrivare fino a quel punto appare
processo esclusivamente gli interessi della sua assistita. Ruby ha mento in primo grado, doppio Csm e, timo impedimento anche le telefonate già un’impresa. Intanto si manda avanti
però già annunciato, in diverse interviste, la linea di condotta: ne- soprattutto, l’immunità, la reintroduzio- per la gestione della crisi libica), l’immu- anche una precisa tattica parlamentare
gare di aver fatto sesso con Berlusconi e di avergli rivelato di essere ne dell’articolo 68 della Costituzione nità torna al centro del dibattito politico. per riottenere il controllo delle commis-
minorenne. Anche a costo di contraddire le tante conversazioni in- spazzata via dopo Tangentopoli. Il tutto Prima Casini, quindi Marini, Sircana e la sioni ma, soprattutto, per avere un posto
tercettate e le dichiarazioni rese agli stessi pm. Più articolata la Chiaromonte ave- in più in quell’ufficio di presidenza fon-
posizione di Minetti, che nel suo processo è orientata a presentarsi vano aperto alla damentale per avere il via libera sul con-
in aula. L’avvocato Daria Pesce ha già dato segnali di una strategia
difensiva imperniata sull’ammissione di una “relazione affettiva”
Salvacondotto, possibilità di una
reitroduzione, ma
flitto d’attribuzione in aula alla Camera
senza passare per la giunta. L’idea è quella
con Berlusconi. Per questo sarebbe diventata un punto di riferi-
mento per le altre ragazze delle feste di Arcore: “Sul favoreggia-
Casini e Marini poi è arrivato Ber-
sani (“Non se ne
di creare un quarto gruppo parlamentare
(oltre a Pdl, Lega e Responsabili), già ri-
mento, Minetti ha indizi che potrebbero mandarla a processo”, ha parla proprio”) è battezzato “responsabili bis” e creato con
già dichiarato l’avvocato, “perché molte ragazze si sono rivolte a lei. aprono, Bersani: no ha tolto ogni “en- l’aiuto di Noi Sud di Miccichè, così da ave-
Ma escludo che possa essere condannata per la prostituzione mi- tusiasmo” a chi re un posto in più nell’ufficio capitanato
norile”. G. Barb.-A. Masc. Processo breve, contava di trovare da Fini e spostare la maggioranza prima
la maggioranza del 6 aprile, tempo limite per sollevare la
Cicchitto ci riprova giusta per far pas- richiesta davanti alla Consulta.
Martedì 22 febbraio 2011 pagina 7

I
SOTTO IL CARROCCIO

vertici della Lega contano di dare già oggi un testo, è necessario procedere con i piedi di piombo. Mercoledì si voterà sulle risoluzioni che sono state
Riparte oggi segnale alla propria base, da settimane in Oggi riparte, dunque, al Senato il percorso del fisco presentate dai vari gruppi parlamentari in Aula. Quella
fibrillazione, con la “ripartenza” del municipale. Sul testo, trasmesso alle Camere la scorsa di Pdl e Lega è di due righe e prevede la formula
federalismo municipale, fermato dal pareggio in settimana con le osservazioni del governo, riferiranno classica: “ascoltato il governo l’Aula approva”. Più
il federalismo commissione bicamerale. In un paio di settimane il in Aula i ministri Bossi e Calderoli. Verrà ribadito come articolate quelle dell’opposizione. Dopo il passaggio a
testo potrebbe venire approvato in via definitiva, ma, è il decreto, nella sua ultima versione, abbia recepito Palazzo Madama il testo sarà in Aula a Montecitorio e
il ragionamento del Carroccio e soprattutto del diverse indicazioni di tutte le forze politiche e abbia poi potrà essere adottato dal governo e andrà
municipale ministro Calderoli, visto anche lo stop del Quirinale sul avuto anche un sostanziale via libera da parte dell’Anci. promulgato dal Quirinale.

ECCO IL FRONTE
Leghisti Il ministro
Roberto Maroni. Sotto, un raduno
del Carroccio a Pontida
(In basso, Lucia Annunziata)

DI MARONI Nemico
dell’asse
Calderoli-

E DEI MARONITI Tremonti,


con lui ci sono
Giorgetti,
Dal Pd a Fli si guarda a un esecutivo Tosi
guidato dal ministro degli Interni e Cota
di Fabrizio d’Esposito il presidente del Copasir per af- caso, il momento non è favore- fuori di sé per l'intervista”. Un ul- ni”. Compito ambizioso, che po- ne dell'Annunziata. Senza conta-
frontare l'emergenza del nuovo vole, considerato il continuo al- timatum non in linea con la linea trebbe animare la scena del pa- re che Salvini da sempre viene
ell'unanimismo ar- esodo. Ma chi ha parlato con largamento della maggioranza

“N
di subalternità decisa da Bossi, lazzo nelle prossime settimane. considerato vicino a Maroni e
mato del centrode- Maroni ammette che “il Mini- con la perenne campagna acqui- tesa a far ingoiare ogni rospo alla Anche se la vera guerra a “Bobo” contende al “Trota” Renzo Bossi
stra, dopo la cacciata stro ha bisogno di una sponda sti tra i parlamentari. Ma la fase base e agli elettori in nome del viene mossa dall'interno del suo il posto di vicesindaco nel ticket
di Fini, si sta aprendo dell'opposizione per imporre la contingente per i piani del mini- vincolo di coalizione. Continua partito. con la Moratti alle prossime am-
un'altra crepa. Non larga. Ma sua linea e D'Alema è l'interlo- stro dell'Interno è relativa. Il suo chi raccoglie i pensieri del mini- Se fino al dicembre scorso era ministrative di Milano.
nemmeno piccola. È il fronte cutore ideale, anche per la sua orizzonte è a media o lunga git- stro dell'Interno: “La verità è che prevalente l'asse Calderoli-Bran-
maronita della Lega, dal nome passata esperienza di ministro tata e riguarda il dopo-Berlusco- Silvio decide e Bossi esegue. Ma- cher-Tremonti per spianare la MARONI però in questa bat-
del ministro dell'Interno. Da degli Esteri”. ni ma anche il dopo-Bossi, che roni vuole ribaltare, se possibile, strada al titolare dell'Economia taglia di riposizionamento non è
settimane, infatti, Roberto Ma- del Cavaliere è più giovane di un questo rapporto per salvaguar- in caso di spallata, adesso si re- solo. Con lui sono schierati il po-
roni con l'alibi solido del profilo UN LAVORÌO bipartisan in- lustro. Da via Bellerio a Milano, dare la Lega al di là di Berlusco- gistra la convergenza tattica tra i tente Giorgetti, presidente della
istituzionale sta giocando a cessante, quello del cofondato- sede nazionale del- calderoliani e il cerchio magico commissione Bilancio alla Ca-
smarcarsi dai falchi della coali- re della Lega, che conobbe Bossi la Lega, raccontano del Senatur (Rosi Mauro, Reguz- mera e sherpa dell'invasione le-
zione. Il titolare del Viminale ha all'alba degli anni ottanta. E che che “il rapporto tra zoni, Bricolo, Belsito) per evita- ghista ai vertici enti pubblici e
volutamente disseminato una fa perno sul sottotesto alla fami- Bossi e Maroni è in- re il voto e arginare Maroni. Que- società partecipate, nonché ca-
serie di indizi plateali. Per esem- gerata intervista di Bersani alla scalfibile, accada sta sarebbe anche la chiave di let- ni sciolti del calibro di Tosi, sin-
pio, la sua assenza al momento Padania, in cui il segretario demo- quello che accada” tura dello stop al collegamento daco di Verona, e Cota, governa-
del no del Carroccio nel consi- crat ha offerto un aiuto sul fede- ma “comunque di Radio Padania con la trasmissio- tore piemontese.
glio dei Ministri al decreto per il ralismo a patto di mandare a casa qualcosa è cambia-
17 marzo festa nazionale dell'U- il Cavaliere. Un sottotesto che to tra i due”. Soprat-
nità (e molto apprezzata dal per l'opposizione, dal Pd a Fli, tutto quando qual-
Quirinale). Ancora: l'apertura contempla una nuova ipotesi che settimana fa SANTANCHÈ-SALLUSTI
umanitaria in materia di immi- per un'eventuale transizione po- Maroni inviò il suo
grazione dopo le rivoluzioni
nell'Africa mediterranea al gri-
do consapevole che “i respingi-
st-berlusconiana: un esecutivo
guidato da Maroni. Ed è per que-
sto che, interpellati in merito, al-
ultimatum sul fede-
ralismo dalle colon-
ne del Corriere della
ROSA E OLINDO
a quando Vittorio Feltri ha divorziato dalla coppia
menti da soli non bastano più”.
E proprio la politica estera è sta-
ta al centro del recente collo-
cuni esponenti del Pd riferisco-
no: “Sono quattro, cinque giorni
che non attacchiamo Maroni”.
Sera: “Se non passa,
andiamo alle elezio-
ni: si vota il 15 mag-
D Sallusti-Santanchè, i tre non fanno altro che
beccarsi o insultarsi come in ogni matrimonio finito.
quio tra Maroni e Massimo D'A- Il fronte maronita, dunque, è la gio”. Chi ha assisti- L'ultima stoccata, in ordine cronologico, è del direttore
lema. Ufficialmente, un incon- nuova carta per tentare di spa- to alla scena dice del Giornale Sallusti, intervistato da Piroso a La7: “Non
tro tra il ministro dell'Interno e rigliare il centrodestra. In ogni che “l'Umberto era ho litigato con Vittorio Feltri, ogni tanto lui entra in
conflitto con se stesso più che con gli altri, e questo è
uno dei casi”. Sallusti smentisce anche le voci su un flirt
Lucia Annunziata: “Radio Padania non viene con la potente sottosegretaria Santanchè, rivelato dallo
stesso Feltri: “Con Santanchè si tratta di un'accoppiata
a Raitre? La Lega si censura da sola” non di una coppia. Il gossip sulla nostra presunta coppia
nasce da una famosa foto dove giochiamo a tamburello
sulla spiaggia a Forte di Marmi. Cosa che uno non
di Sandra Amurri ziamo dal primo. E’ in atto peggiore di aver preparato un ni più calde dai festeggiamen- farebbe se uno avesse qualcosa da nascondere. La
uno scontro politico tra ma- piatto avvelenato, e il calde- ti per l’Unità d’Italia, dal fede-
notizia è stata smentita in tutte le salse, ma se Feltri si
Ctatahinunziata
parla di “pacco” alla An-
sbaglia. Si è trat-
di una scivolata rivelatri-
roniani a cui Matteo Salvini
(direttore di Radio Padania)
appartiene e calderoliani. Il
roliano Stefani, che doveva
scongiurare a tutti i costi che
il piatto non venisse servito.
ralismo alle elezioni anticipa-
te, dal caso Ruby all’immigra-
zione, contro una timida pro-
diverte a giocarci beato lui...”. In realtà, Feltri si diverte
talmente tanto che nelle riunioni di redazione di Libero
ce di quanto la strada della te- ministro dell’Interno secon- “Sapevamo che la Lega non posta di telefonate organizza- ha fatto un atroce paragone: ormai chiama
nuta della coalizione sia una do alcuni “traffica con il cen- ama il confronto ora abbiamo te, avanzata dal direttore le- Sallusti&Santanchè con i nomignoli di Rosa e Olindo. Sì,
lastra di ghiaccio. Cartina di tro-sinistra”, raccoglie la pro- scoperto che lo nega anche ghista (“Non se ne parla nep- quelli della strage di Erba. (fd’e)
tornasole del malessere della testa della base e lavora per alla propria gente, segno ine- pure” , aveva risposto lei) è ar-
Lega nel continuare a soste- mollare Berlusconi. Il Mini- quivocabile dei forti contrasti rivato il niet di Salvini. Per-
nere Berlusconi. Esattamente stro Calderoli garantisce l’as- interni che a quanto pare ché? “La settimana entrante è
come la domanda dal suono se Lega-Pdl. Che Maroni non stanno diventando ingestibi- infuocata meglio evitare po-
di sfida posta dalla conduttri- abbia digerito il caso Ruby li”, riflette Lucia Annunziata. lemiche”. Parole che conden- di portare a casa due piccioni: re e chi no. La Annunziata,
ce di In 1/2 ora al partito di non è una novità. Lo rivelò A sole quattro ore dall’inizio sano il rischio nel far sfilare accontentare i calderoliani fa- Santoro, d’altra parte sono
Bossi: “Ma cosa succede den- proprio durante una puntata del programma quando la sulla passerella di Raitre il ma- cendo trapelare al contempo comunisti, meglio mandarli
tro la Lega? Perché temono le di In 1/2 oraquando in riferi- giornalista aveva concordato lessere leghista. “Me ne assu- che alla base non piace affatto da Vespa. “Su dieci richieste
opinioni a briglia sciolta dei mento alla ormai famosa not- un filo diretto con i ra- mo la responsabilità”, eccola di stare al traino di un premier ho ricevuto dieci no. Tu vuoi
loro elettori su una tv nazio- te nella quale Ruby venne dio-ascoltatori sulle questio- la fava che permette a Salvini così chiacchierato che pensa Alfano e loro vogliono inviar-
nale? Lega fatti avanti: con la portata in Questura disse: “Io ai fatti suoi e trascura il fede- ti la Santanchè, tu vuoi Ghe-
tua tradizione, non puoi per- quella telefonata non l’avrei ralismo. Fine della trasmissio- dini e loro decidono per Cic-
metterti di censurare i tuoi
stessi votanti”. E siamo al
mai fatta”, dicendo chiara-
mente che da Capo del Vimi-
“Su 10 richieste ne, mai iniziata. Una storia
che dimostra che strepitano
chitto”. E senza sentirsi affat-
to sviliti rispondono: “Devo
punto cruciale: far tacere la
sua base per evitare opinioni
nale non poteva di certo
schierarsi con chi aveva con-
ho ricevuto 10 per stare nel servizio pubbli-
co ma quando glielo porti in
chiedere il permesso a Berlu-
sconi”. In questo momento
di fuoco contro il premier
che al federalismo antepone i
cusso i suoi uomini. E da al-
lora è stato un crescendo di
no. Vuoi Alfano casa dicono “no grazie” per-
ché è rischioso: “vogliono la
vige il veto sulla Carfagna e su
Ghedini entrambi, seppure
suoi interessi personali, co-
me la riforma della giustizia.
prese di distanze seppure
non ufficiali. Così alle prime
e ti mandano la censura tua e la fanno anche
su stessi“, dice la Annunziata.
per ragioni diverse, versano
in una condizione delicatissi-
Lucia Annunziata all’indoma- ore di domenica è partito un Se da un lato, come ricorda la ma. Insomma, sì ad andare in
ni della cancellazione della vorticoso giro di telefonate Santanchè, conduttrice, la Commissione Tv purché siano situazioni
diretta da Radio Padania ripete tra Matteo Salvini, direttore di di Vigilanza con la proposta controllate. Se i regimi chiu-
che “il suo ruolo giornalistico Radio Padania, parlamentare vuoi Ghedini Butti, vuole imporre il dop- dono e basta una democrazia
è terminato”. Mentre a resta- europeo e credibile candida- pio conduttore e anche il autoritaria punta al controllo
re aperti sono due fronti: to a vicesindaco di Milano ac- e decidono doppio opinionista, poi al dell’accesso all’informazio-
quello politico e quello della cusato, nella migliore delle dunque ti negano l’accesso o ne: entrambi svelano debo-
libertà di informazione. Ini- ipotesi di poca cautela, nella per Cicchitto” decidono loro chi deve veni- lezza politica.
Martedì 22 febbraio 2011 pagina 9

OPPOSIZIONI

MICHELE EMILIANO “Ci serve lo


PROVIAMO
di Luca Telese Cosa consiglierebbe al segreta-
rio?
al suo osservatorio pugliese
spirito di Proviamo a giocare la partita con

D manda un messaggio a Pierlui-


gi Bersani: “Dobbiamo fare
una coalizione vincente, tene-
Vecchioni
Vendola.
Cioè?
Non dobbiamo avere paura delle pri-

A GIOCARCELA
re insieme Vendola e anche Di Pie- marie, noi che siamo il partito più
tro, dobbiamo evitare una rottura
con la sinistra cosiddetta radicale
per un semplice motivo: produrreb-
Si risorge grande. Dobbiamo chiamare a deci-
dere il popolo del centrosinistra,
purché Nichi accetti il patto che chi
be danni sia a noi che a loro”. Poi
avverte: “Io so quale è il vero piano
solo arriva secondo gioca con la squadra.
Altrimenti ho una paura.
di Vendola…”. Il sindaco Michele
par tendo Quale?
Emiliano è preoccupato. E sente di

CON VENDOLA
Se ci infiliamo nei labirinti della real-
dover dire qualcosa, sia al suo partito politik ci perdiamo Nichi…
(“se continua così ci facciamo ma-
le”) che al leader di Sinistra e libertà
dall’amore ” Perché lui se ne va?
Perché è obbligato ad andarsene.
(“se lasciasse la Puglia solo per un Quello per lui è il vietnam.
progetto personale non sarebbe ca- E invece?
pito”). Ma alla fine è molto ottimista: mi pregi di Vendola sia i suoi difetti, e Beh, c’è anche la Jervolino. Ma lei è a critiche, anche a sinistra. Invece dobbiamo costruire una coa-
“Se si organizza, il centrosinistra ha glieli racconterò entrambi. Ma pri- fine ciclo. Noi, invece in Puglia stia- Dubito che oggi ne troverebbe uno lizione con lui e Di Pietro.
le risorse per battere la destra e ar- ma mi faccia dire qualcosa sulla coa- mo facendo cose che penso siano disposto a riconfermarle, anche a de- Ma il Papa straniero?
chiviare l’era berlusconiana”. Infine lizione. utili al centrosinistra. stra. E sa cosa significa? Che se si ha Senta, se a casa di mia madre, davanti
svela la sua arma segreta: “Il Pd deve Vuole lanciare anche lei un’Opa Mi faccia un esempio concreto. capacità di essere radicali nelle scel- alle orecchiette le parlo di Draghi o
mettere da parte le alchimie del po- sul Pd? Abbiamo chiuso il ciclo completo te importanti, poi si ha credibilità ri- Monti lei mi prende per pazzo, e ha
litichese e le fumisterie del Palazzo. Per carità!!! Io faccio il sindaco di del rinnovamento, anche sul piano formistica quando si ricostruisce. ragione.
Ci serve lo spirito di… Roberto Vec- provincia. Però quando ho incontra- simbolico. Ma perché dice che il Pd non le Ma lei chi vorrebbe come leader?
chioni”. to Bersani glielo ho detto… Come? da retta? Nichi mi piace, parla ai cuori. Rosi
Scusi sindaco, non ho capito be- Cosa? Noi siamo quelli che non abbiamo Io ho un’idea, ma è meglio che non mi piace perché ha grinta…
ne. Ha detto proprio Vecchioni? Ero in Aeroporto. Lui non mi aveva avuto paura di usare il tritolo per de- gliela dico. E Bersani?
Ha capito benissimo. Vecchioni, il riconosciuto e non mi aveva saluta- molire il brutto e il vecchio. E siamo Diciamola, invece, se no non ha Bersani deve fare il costruttore della
cantante. to. Allora l’ho provocato: “Segreta- quelli che hanno usato i guanti e la senso. coalizione perché in quello è impa-
Non è che vuole sfidare Veltroni rio, la disturbo? Io sono uno dei po- cultura per resuscitare il teatro Pe- E diciamola allora: mentre i miei con- reggiabile. Fra l’altro è una cosa che
sul suo terreno prediletto? chi sindaci di metropoli che le è ri- truzzelli. cittadini si sono dimenticati che io Vendola sa fare meno. C’è gloria per
No, si figuri. Walter è imbattibile. Ma masto da Roma in giù…”. Quando avete usato il tritolo lei sono un ex magistrato, nel Pd qual- tutti.
voglio dirle cosa è successo sabato. Perfido. e Vendola siete stati sommersi di cuno si dimentica che sono un sin- Parla da aspirante ministro del-
Mi sono messo davanti alla tv per ve- daco perché mi considera ancora un
dere la finale e… magistrato.
Ha sentito la canzone? Il rapporto Uno sceriffo. Da sindaco di Bari
Esatto. Due volte. E m’è arrivata drit- con Bersani Come sa per me è un complimen- a governatore?
ta al cuore come una coltellata. to.
Perché, cosa l’ha colpita tanto?
Ci sono tempi in cui i poeti riescono
a condensare lo stato d’animo di una
nazione meglio dei politici. E quello
che stiamo vivendo è un momento
“ In aeroporto
non mi ha
In che senso?
Abbiamo affrontato il problema dei
campi rom decidendo. Abbiamo ri-
fatto i campi e dialoghiamo
con i capi della comunità.
“ Se Nichi
lasciasse
storico così. riconosciuto Funziona meglio che a la Puglia potrei
Cosa è riuscito a cogliere Vec- Roma.
chioni? Gli ho detto: sono E vorrebbe dire que- sostituirlo
Ha parlato al cuore delle persone. Sa ste cose al Pd?
cosa c’è in quella canzone che noi uno dei pochi In quel gruppo diri- Ma se lo fa
non riusciamo a dire? gente c’è un unico
Me lo spieghi lei… sindaci rimasti grande limite: è anco- solo per Sel
In quei versi c’è tutto il dolore per un ra in vigore il modello
popolo oggi umiliato: il nostro. E poi da Roma in giù post comunista per sbaglia
c’è un’idea semplice e bellissima.
Che la risurrezione può partire solo
dall’amore.
Sulla lirica va benissimo. Ma tra-
dotto in prosa cosa signifi-
Il sindaco di Bari
Michele Emiliano (FOTO ANSA) ” cui un limitato grup-
po di interlocutori co-
struisce un rapporto
privilegiato con il se-
gretario e si chiude
l’interno? ”
Non ci penso nemmeno. Se Vendola
si candida alle politiche posso fare il
ca? agli altri. E’ un pecca- tappabuchi alla regione.
Abbiamo bisogno di leader to. Mi pare molto contento dell’i-
che riescano anche a capi- Sa che Occhetto li dea.
re la poesia. chiamò “oligar- No, guardi. Voglio dire una cosa an-
Farà arrabbiare D’Ale- chi”? che a Nichi. Se lui lasciasse la Puglia
ma, che chiama Vendo- Non voglio essere per servire la coalizione, questo sa-
la “Iacopo Ortis”… offensivo: dico che rebbe un motivo di orgoglio per la
E invece ci serve anche non funziona più, regione. Se lo facesse per servire Si-
quello! Vede, io credo di se mai ha funziona- nistra e libertà sarebbe una follia, e i
conoscere sia i grandissi- to, e si vede. pugliesi non capirebbero.

La protesta silenziosa di Englaro contro il biotestamento


TOUR NEI TEATRI CON IGNAZIO MARINO E ARTISTI ITALIANI. VIDEOMESSAGGIO DI SAVIANO : “É UNA LEGGE ILLIBERALE”
eppe Englaro resta in si- scienza– ha dichiarato Ma- É slittata infatti a marzo la legge strumentale, che non cora lontana. pro-morte. Al contrario, di-
Bfono.lenzio davanti al micro-
In sottofondo, il
rino – ma mettere a con-
fronto i sentimenti di chi vi-
discussione nell’aula di
Montecitorio del disegno di
guarda all’interesse del pae-
se ma serve a rafforzare una
Durante la serata è stato
proiettato il videomessag-
scutere del diritto alla liber-
tà di decidere, quando si sta
bip-bip continuo della mac- ve personalmente queste legge sul testamento biolo- maggioranza traballante, gio inviato da Roberto Sa- ancora bene, delle cure che
china che controlla le fun- dolorosissime scelte. Dare- gico, per lasciare spazio al con un premier sommerso viano: “Sembra un ddl libe- si vogliono o non si voglio-
zioni vitali. Lui, quel rumo- mo voce anche a una testi- milleproroghe. Ma nell’ar- da scandali internazionali” rale quello che sta per ar- no in caso di malattia irre-
re, l’ha sentito per diciasset- monianza che arriva dalla co di un mese potrebbe es- dichiara Marino, facendo ri- rivare alla Camera – ha det- versibile, è un passo per po-
te anni, ogni giorno, nella Casa dei risvegli. Sono riu- sere approvata una nuova ferimento anche alle spac- to lo scrittore – ma in realtà ter costruire una società di-
camera della figlia. Il suo si- sciti anche a farmi recitare legge che regola il fine vita e cature interne al Partito de- non lo è: complica le cose, versa”. Questa, ha prose-
lenzio “è una protesta con- pur di sensibilizzare l’opi- obbliga gli ospedali a garan- mocratico, che giovedì si burocratizza e non va nella guito Saviano, “è una bat-
tro chi l’ha fatto soffrire di nione pubblica in merito a tire idratazione e alimenta- riunirà nuovamente per direzione della libera scel- taglia che riguarda la vita e
nuovo, istituendo la giorna- una legge ingiusta che sta zione anche a chi ha espli- cercare di raggiungere una ta. La tragedia è continuare la costruzione della demo-
ta nazionale degli stati ve- per essere approvata dal citamente dichiarato di non posizione comune da tene- a raccontare tale battaglia crazia”.
getativi nel giorno della Parlamento”. volerle ricevere. “É solo una re in aula, che sembra an- come una battaglia C .Pe.
morte di Eluana” spiega
Ignazio Marino, un altro dei Beppino Englaro (FOTO EMBLEMA)
protagonisti dello spettaco-
lo “Le ragioni del cuore”,
Slitta a marzo
opera teatrale che ieri sera
ha registrato il tutto esau-
la discussione
rito al teatro Umberto di Ro-
ma.
in aula di Caterina Perniconi
Al medico democratico è CAMERA Ieri, nonostante fosse lunedì,
toccata la parte di un ma- a Montecitorio l’aula di Montecitorio non è stata convocata.
lato in coma, che parla d’a- Hanno lavorato soltanto due Commissioni.
more. “Con questo incon- Il Partito L’appuntamento è per oggi alle 11.
tro non vogliamo creare
conflitti, ma condivisione, democratico SENATO Non c’è stata seduta nemmeno a Palazzo Madama.
non vogliamo raccontare L’aula è riconvocata oggi alle 16.30
quello che dice la nostra co- ancora diviso
pagina 10 Martedì 22 febbraio 2011

FESTIVAL E FESTINI

SENZA CONTRATTO
PER SCANSARE
LE CENSURE RAI
Luca Bizzarri svela l’accordo con la tv
pubblica e racconta la satira ai tempi di B.
di Silvia Truzzi Beppe Caschetto, il vostro che la direzione artistica non
manager, ha definito “fatico- era “in linea con i valori del
asta giurare che l’intervista so” l’accordo con la Rai. servizio pubblico”. Quali so-

B non assomiglierà a quella


Canalis-De Niro. Sollievo.
Sospiro. Sanremo. Luca
Bizzarri saluta il Festival.
Il punto di frizione riguarda l'ap-
provazione dei testi.
Siete andati all’Ariston senza
contratto?
no i valori del servizio pubbli-
co?
La domanda andrebbe girata a
Verro. Ma credo parli a nuora
L’ultima istantanea dal palco dell’Ariston
di Sanremo. In basso Luca Bizzarri visto
da Emanuele Fucecchi. Nella foto
piccola, Adolfo Urso (FOTO LAPRESSE)
Fli nel mirino del Cavaliere
Partiamo dal paraculismo.
Accusa fondata?
Essere paraculi vuol dire cercare
di acquistare i favori di qualcu-
no. Non ne abbiamo bisogno.
Diciamo che il nostro agente ha
trovato una soluzione transitoria
per andare in onda garantendoci
autonomia editoriale.
È vero che il centone della
perché suocera intenda.
Ancora Verro: “un umorismo
che divide”.
Sono sciocchezze. Se qualcuno
si fa dividere da Luca e Paolo stia-
serata dell’Unità in maniera di-
versa. Dopo, mi è sembrata mol-
to più importante. È stato bravis-
Caccia aperta
Non dobbiamo convincere nes-
suno: abbiamo un contratto di
sei anni con Mediaset.
Ecco, dicono anche: sputano
prima sera s’intitolava “Ti
processerò”?
No, è stata cambiata solo l’ultima
strofa. Prima finiva così: “Ti sput-
mo a posto. Mi pare che abbia di-
viso più Verro. Sabato sera un
consigliere Rai, che stava vicino
a Verro, uno di una certa età, è
simo: ha convinto me, uno che
pensava fosse una pomposa vac-
cata. E con me, immagino, mol-
tissimi altri.
al “Secolo”
nel piatto in cui mangiano.
La risposta gliela diamo merco-
ledì sera, dallo studio delle Iene.
Ci hanno chiamato in tanti da
Mediaset per dirci “bravi”, non
tanerò e continuerò, tanto il mio
paese si è sputtanato già”. Al
mattino abbiamo letto i giornali
e abbiamo aggiunto la frase sul 6
aprile. Mentre cantavamo i cen-
venuto a farmi i complimenti. Mi
è sembrata una bella cosa.
La questione satira a Sanre-
mo, assicura Masi, sarà porta-
ta in Cda già giovedì: nemme-
“Credo che vivere voglia dire
essere partigiani”, Antonio
Gramsci. E tu?
Io direi anche “Libertà è parte-
cipazione”. Conosco meglio Ga-
Ronchi e Urso
credo si sentano “sputati”. toni di Morandi, dietro il palco no i super ascolti bastano? ber di Gramsci. di Alessandro Ferrucci
Alla fine di “Ti sputtanerò”, c’era Martino, uno dei nostri au- Ci si occupa di tutto tranne che Ti sei sottratto so-
la sera del debutto, hai fatto tori, con il testo. E Gianni sbir- del Festival. Si usa il festival per prattutto all’idea vero, sono sempre meno: 8 al Senato e 30
roteare il microfono in aria.
Poi guardando in camera, un
ciava per controllare che non
sbagliassimo la metrica.
parlar d’altro. Sanremo è una tra-
smissione televisiva di canzoni
di essere etichet-
tato politicamen-
Èmerialla Camera. Per adesso. Ma non sono i nu-
a spaventare, qualche defezione era stata
gran sorriso: “ce l'abbiamo Avete fatto un pezzo sul qua- che fanno una gara. te. Anarchico va prevista da Gianfranco Fini e molti “futuristi”
fatta” o “ve l'abbiamo fatta”? lunquismo. Peggio quello o lo Gramsci sul primo canale: bene? sono cresciuti con la parabola del “tanti nemici
Entrambe. Avevo capito che face- sdegno democratico? eversivo? No. Perché anche tanto onore”, “o pochi ma buoni”. Ciò che fa
va ridere, il pubblico applaudiva C’erano tutte e due le cose. Qual- Per niente. quella è una catego- realmente paura è il clima di totale incertezza
calorosamente. Molta gente che cuno ha scritto che abbiamo as- Garimberti ha detto che ria. Ho delle idee, dentro Futuro e Libertà. L’emblema è Luca Bel-
lavora con noi ci aveva sconsiglia- solto Berlusconi. Ovviamente quando è apparsa l’immagine non le nascondo. lotti. Fino a giovedì sera, alla domanda sul suo
to: “Non andate”. Potevamo sce- non è così. Era un dialogo da del fondatore dell’Unità a Poi il filtro della co- possibile ritorno nel Pdl, rispondeva: “E’ più
gliere una strada più serena. bar. qualcuno è venuto lo sturbo. micità le fa venir facile che mi ricrescano i capelli”. Oggi è an-
Invece ne se siete usciti vivi. E Possibile che non ci si possa li- Visto qualcosa dal palco? fuori. Facendo ride- cora calvo, ma ha comunque riabbracciato Ber-
anche di più. berare dei riti della politica Non mi pare. Però prima che ap- re le persone di se lusconi “perché non potevo sopportare questa
La prima tv veramente nazio- incartapecorita? Voto alle parisse in grafica l'autore del te- stesse, non di Berlu- deriva verso il centrosinistra”, la versione del
nal-popolare che abbiamo fatto è facce della prima fila, con i di- sto, vedevo grandi segni d'assen- sconi. Io sono solo un cittadino deputato trevigiano. L’altra campana, quella interna a Fli,
stata Sanremo: siamo partiti dal rigenti e mezzo cda Rai. so. Forse non hanno letto abba- che crede nelle istituzioni. Per spiega che il suo addio è motivato da una mera questio-
gradino più alto. Io ho pensato Il più alto a Masi, rosicava da paz- stanza Gramsci. questo vado a votare. ne-ricandidatura: “Fini l’ha preso a brutto muso per al-
solo al Festival per sei mesi. Mi zi ma rideva perché aveva paura Era un atto d'accusa contro Dal palco, la sera dei 150 anni, cune sue dichiarazioni, così Luca ha temuto di perdere il
rendo conto che ci sono altri pro- che lo inquadrassero. l’indifferenza degli italiani? avete fatto un appello alla re- seggio e ha voltato le spalle”. Una poltrona sicura, quindi.
blemi nella vita, ma per uno che Il consigliere Verro ha detto Certo: c'è molta preoccupazio- sponsabilità civile. Convinci Proprio quella che rischia di lasciare a breve il direttore de
fa il mio mestiere ne, più che giustificata, per il uno che al seggio non ci va. il Secolo d’Italia, Flavia Perina: per oggi è prevista la riu-
non è dato sba- momento difficilissimo che il Sono vent’anni che cerco di con- nione del neo Cda di fede berlusconiana, nominato con
gliare all'Ariston.
Potevamo bru-
Su Masi in platea: Paese sta attraversando.
Quando avete saputo che Be-
vincere mio fratello a votare e
non ci riesco. Temo di non esse-
l’obiettivo di mettere in difficoltà i redattori “dissidenti” e
cacciare lo stesso direttore. Normalizzare. Il risultato sarà
ciarci. Ho perso 5
chili. Ho pianto
“Il voto più alto va nigni avrebbe partecipato,
avete detto: “Non faremo un
re molto bravo. Ma a me sembra
così giusto, così bello, votare. Io
un probabile e inedito sciopero nel quotidiano fu mis-
sino.
10 ore, dopo.
Che differenza
a lui, rosicava da pazzi pezzo comico. Sarebbe come
fare un film porno dopo Roc-
sono diffidente verso le manife-
stazioni di piazza, hanno vera- EPPOI IL SENATO. Sempre oggi è stata convocata una
c’è tra la Rai in co Siffredi. Non vorremmo mente significato solo nei regi- riunione dove alcuni, come Maurizio Saia e Pasquale Vie-
mano alla politi- ma rideva perché che le nostre misure fossero mi. L’Italia non è l'Egitto o la Li- spoli, proveranno a formare un altro gruppo parlamentare,
ca e Mediaset in paragonate a quelle di un bia. E poi, dal '94 a oggi, le ma- esterno ma d’appoggio alla maggioranza, con i soli Mar-
mano al padro- aveva paura che grande maestro”. nifestazioni contro Berlusconi cello De Angelis, Maria Ida Germontani e Lorenzo Valditara
ne della politica? Il monologo di Benigni mi ha stu- non sono servite a nulla. Il voto certi della loro fedeltà a Fini. Già, solo tre.
L’abbiamo detto lo inquadrassero” pito, perché prima guardavo alla invece sì, eccome, se serve. Anche alla Camera c’è il pallottoliere. Nomi su nomi, te-
dal palco la prima lefonate, rassicurazioni, verifiche incrociate, esclusi i “fal-
sera. A Mediaset c'è un editore chi”, considerati i vincitori dell’Assemblea di Milano, su
che ha delle esigenze, contro tutti gli altri vige il perenne punto interrogativo sull’im-
cui combatti in maniera diret- PSICOMINISTRI di M. Trav. mediato futuro: “L’altro giorno voi giornalisti mi avete dato
ta. In Rai ci sono mille persone tra i partenti – sorride Enzo Raisi -, ma figurarsi! Sono qui
fra te e l’editore. Poi per for-
tuna ci sono i Mazza.
LA RUSSA NON SA convinto e straconvinto della scelta. Il problema è che c’è
questa strategia di provare a sottrarcene uno al giorno per
Il Giornale ti ha dato uno in
pagella per il bacio a Moran-
di. Il bacio di Giuda. Si sa-
NEMMENO COSA VOTA dare all’esterno un’immagine traballante. Non è così, e
comunque non mi muovo”. Ne è certo. Altri si sbilanciano
meno, evitano di parlare. Preferiscono aspettare la mossa
i aggravano le condizioni del ministro Ignazio La
ranno offesi per la citazione
in “Ti sputtanerò”?
Ma no...Era ironico il loro uno
S Russa. L’altra sera è apparso in evidente stato
confusionale a “Che tempo che fa”. A proposito del calci
del vicino, anche perché come scrivono i ragazzi di “Ge-
nerazione Italia”, l’associazione di Italo Bocchino, in que-
sto momento “a nemico che fugge, ponti d’oro”.
come il mio bacio. e pestoni rifilati a Corrado Formigli, ha risposto che “Ponti” che secondo indiscrezioni sarebbero stati promessi
La Rai vi ha censurato qualco- l’inviato di Annozero “è un provocatore e comunque gli sia ad Adolfo Urso che ad Andrea Ronchi, tradotto: sono
sa? ho già chiesto scusa quel giorno”. In realtà, quel giorno, lo ancora vostri i vecchi incarichi di governo. Il primo non ha
Mai, però di un pezzo ci è stato accusò di essere stato lui a scalciarlo, mentre la polizia, lo risposto, anche perché sta subendo un forte pressing dallo
detto: “questo non lo potrete portava via. Fazio gli ha poi chiesto conto dell’incredibile stesso Fini, per far rientrare il violento strappo post-mi-
mai fare”. voto della Camera sulla competenza del Tribunale dei lanese, mentre il secondo ha smentito con un “non ci pen-
Quale? so proprio”. Certo, l’eventuale addio di uno dei due sa-
Saviano. Nel nostro team c'era ministri su B. in quanto il premier chiamò la Questura per rebbe una batosta ben oltre quella di un Bellotti o di un Luca
chi aveva dubbi. far liberare Ruby per scongiurare una crisi con l’Egitto di Barbareschi. Quest’ultimo, al contrario, con il suo abban-
Perché? Mubarak. E La Russa: “Lei è mal informato, non si è dono ha sancito una sorta di liberazione tra i fliniani, da un
Bisognerebbe chiederlo a chi votato sulla competenza, ma sull’autorizzazione ad paio di mesi certi di aver tra di loro una sorta di corpo
non fa l’imitazione di Saviano. alcune intercettazioni”. Invece si votava estraneo, a volte imbarazzante. Ieri, l’attore, al Corriere
Lui è un personaggio molto po- sull’autorizzazione a perquisire il ragionier Spinelli, ma la della Sera ha dichiarato: “Berlusconi mi ha chiamato per
sitivo, ma a me fanno paura le Camera ha rispedito la richiesta alla Procura, sostenendo ringraziarmi della coerenza”. A settembre, durante la Festa
beatificazioni, soprattutto in che non è competente. Fra i 315 voti favorevoli, risulta Tricolore di Mirabello, dello stesso premier denunciava il
questo Paese che in un attimo ti quello del ministro La Russa. Che, evidentemente, non sa conflitto di interessi, si schifava degli attacchi sulla casa di
santifica e un secondo dopo ti Montecarlo e lamentava un deficit di democrazia. Già allora
nemmeno quel che vota. Per il suo bene, urge ambulanza.
crocifigge. E poi essere presi in la base dei militanti lo guardava con enorme diffidenza,
giro fa bene. “questione di pelle”, spiegavano. Avevano visto lungo.
Martedì 22 febbraio 2011 pagina 11

MILANO DA BERE

Ciabò,

LA CAPITALE AMORALE
Dopo il Pio Albergo Trivulzio tocca al Policlinico
consigliera
finiana
che
terrorizza
Le case degli enti date a politici e amici i colleghi

Piergianni Prosperini, ex assessore in Lombardia Enrico Fedrighini, consigliere comunale Verdi


Per una cascina a Vernate di 700mq, l’ex assessore regionale, paga 11.512 euro l’anno. Per due appartamenti (poi unificati) in zona San Siro di 120mq, paga un migliaio di euro al mese. di Davide Vecchi

di Davide Milosa di Marcello Di Capua, avvoca- pensa energia. Tre nomi e tre in- gato 740mila euro. “Li dentro ci Una pioggia di metri quadri vale uando Daniela San-

inque pagine fitte di co-


to quarantenne già presidente
della fondazione Casa di Letizia
dirizzi tutti nel pieno centro di
Milano.
stavo dal 2001 – precisa Di Ca-
pua – ero in affitto: 42 milioni an-
invece l’appartamento della mo-
glie dell’ex assessore Simone. Q tanché due mesi fa
l’ha chiamata per con-

C gnomi, prezzi e metrature.


Sta qui dentro la lista delle
compravendite del Pio Al-
bergo Trivulzio di Milano già tra-
volto da affittopoli, lo scandalo
Moratti, messa in piedi nel mar-
zo 2010 per preparare il terreno
alle prossime amministrative. A
seguire la signora Carla Vites
moglie dell’ex assessore regio-
La girandola di case e cognomi è
iniziata in mattinata quando an-
che il Policlinico ha reso noti gli
elenchi del suo patrimonio con
relativi affittuari. E fin da subito
nui più 8 milioni di spese”. Af-
fitto recuperato “via internet” e
concluso attraverso un’immobi-
liare. “Quando sono entrato c’e-
ra tutto da rifare: abbiamo speso
Ben 310 al secondo piano di via
Guerrazzi 2 a due passi dal parco
Sempione e dal Castello Sforze-
sco. Una reggia pagata un milio-
ne e mezzo di euro. Non uno in
vincerla a tornare nel
Pdl minacciandola (“o la-
sci Fli o sei politicamente
morta”), lei ha risposto:
“Tu e Berlusconi non avete
che sta terremotando i vertici nale Antonio Simone coinvolto si è capito che la partita sarebbe 100 milioni di lire”. Parla al plu- più della cifra stimata dallo stes- capito niente, noi siamo
della Baggina milanese. Quello in Tangentopoli. E anche uno stata importante. Perché anche rale perché lì dentro, lui, che fa so Pat. Un particolare che ricor- pronti al martirio”. Con la
reso noto ieri dal presidente del dei recordman di cariche come da questo listone sono spuntati l’avvocato, ci apre il suo prima re per Di Capua e anche per stessa determinazione Bar-
Consiglio comunale Manfredi l’ingegnere Adriano Bandera, nomi noti come quello dell’ex studio con altri colleghi. Nel Adriano Bandera, il consulente bara Ciabò sta portando
Palmeri è un documento di gran- nel cda della fondazione Policli- assessore regionale del Pdl Pier- 2008, poi, il Pat comunica la ven- in quota Pdl che il 14 marzo avanti la battaglia per la tra-
de interesse. E così compulsan- nico, consigliere di sorveglianza gianni Proseprini, arrestato dita. Burocrazie varie allungano 2009 chiude il rogito per i 257 sparenza nella gestione de-
do i nominativi salta fuori quello di A2A Spa, consigliere di Mal- nel 2009 per corruzione (pat- i tempi. Quindi la firma del con- metri quadrati di via Statuto 18, gli immobili del Pio Alber-
teggiata a tre anni). A lui è inte- tratto. È l’ottobre del 2009 e in dietro alla sede del Corriere della go Trivulzio. Dopo due set-
stata una cascina di Vernate, co- quel momento “ancora non co- Sera. Poco più di 500mila euro, timane di braccio di ferro
mune a sud di Milano, per un to- noscevo il sindaco Moratti”. L’in- invece, vale la casa di Francesca con i vertici della Baggina,
PISAPIA tale di 700 metri quadrati. E ca- contro, a dire di Di Capua, avvie- Mobilia, figlia del direttore gene- di critiche e attacchi rice-
none annuale di 11mila euro. ne a dicembre. Donna Letizia lo rale dell’ospedale San Carlo, vuti in particolare dai suoi
La normalità Nell’elenco dell’ospedale Mag-
giore c’è anche il consigliere co-
convince a entrare nella futura
fondazione. La sua presidenza,
Antonio Mobilia molto vicino
ai La Russa. Mentre 533mila eu-
ex “amici” del Pdl, è riusci-
ta a farsi consegnare gli
del privilegio munale dei Verdi Enrico Fedri-
ghini che risulta assegnatario di
due alloggi poi unificati in via
però, dura poco. Di Capua viene
nominato anche presidente del-
la fondazione Aem. Da qui la de-
ro è costato l’appartamento di
corso Sempione 51 rogitato dal-
l’assessore regionale alla Casa
elenchi dei privilegiati af-
fittuari. Ma non basta. Vuo-
le che il presidente del Pat,

A vvocato Giuliano Pisapia, perché la sua


compagna ha l’affitto di favore dal Pio
Albergo Trivulzio e chi ne ha bisogno no? La do-
Previati, zona San Siro, per com-
plessivi 120 metri quadri: il pri-
mo ha una locazione annua di
cisione di lasciare il primo inca-
rico. Intanto, quattro mesi Di
Capua ha lasciato quella casa fa-
Domenico Zambetti.
Le premesse per un’accelerazio-
ne dello scandalo ci sono tutte.
Emilio Trabucchi, giovedì
vada in commissione: “De-
ve venire qui a spiegare, gli
manda non viene dalla “macchina del fango” 11.020, il secondo di 1.460. cendosi liquidare la sua parte. Ma davanti all’ipotesi di un com- elenchi sono incompleti e
evocata dal candidato sindaco di Milano, ma dai La grande attesa, però, era pun- missariamento il presidente del noi vogliamo la verità una
suoi elettori che da giorni lo criticano sul suo tata sul secondo tempo della Pat Emilio Trabucchi, fa sapere volta per tutte. Giovedì de-
stesso blog. La risposta, affidata al Corriere della
Sera, non è molto logica. “Non si può addebitare
Baggina. Dopo gli affitti, le com-
pravendite. Sul tavolo il sospet-
Gli affari di non voler lasciare. Il teatro po-
litico non aiuta alla distensione.
ve consegnare tutti i dati,
questo è un atteggiamento
a me il fatto che non ci sia stato un controllo nel-
l’assegnazione delle case e nella gestione dei
to di immobili svenduti. Un te-
ma che stuzzica la procura e
di Zambetti, Con Pd e Lega che fanno fronte
comune e Matteo Salvini, euro-
omertoso”. Ciabò non
molla. Considera scontato
contratti”, dice il penalista, che chiede il vo- preoccupa i vertici di palazzo che Formigoni parlamentare del Carroccio che il commissariamento del
to proprio per andare a palazzo Marino a vi- Marino protagonisti (Moratti in chiede alla Moratti di “di fare pu- Pat e le dimissioni di Tra-
gilare. È vero, lui non c’entra niente, abita da testa) ieri di una riunione fiume ha in giunta lizia in questa porcilaia”. In casa bucchi. Al momento è solo
un’altra parte, e fu l’ex marito della sua com- Formigoni. Nel frattempo, la se- Pdl, invece, prevale la linea della un obiettivo da persegui-
pagna a ricevere dall’allora sindaco Pillitte- conda manche del Pat squader- alla Casa prudenza in attesa che giovedì i re. Eletta nel 2002 nelle file
ri la dritta giusta. Ma l’imbarazzo di Pisapia na diversi nomi. Su tutti, quel vertici della Baggina vengano di Alleanza Nazionale, la
non convince neppure i suoi supporter: co- Marcello Di Capua che nell’otto- e di Antonio sentiti dalla commissione Casa e 43enne originaria di Fer-
stretti a scoprire la normalità di un privile- bre 2009 acquista 170 metri qua- Demanio presieduta dalla finia- mo, è poi entrata nella De-
gio a loro sconosciuto. drati in viale Regina Margherita Mobilia, vicino na Barbara Ciabò per la quale stra di Storace, insieme a
33. Appartamento di pregio in “l’elenco del Pat resta incomple- Daniela Santanché. Dopo
uno stabile degli anni Venti pa- a La Russa to”. un anno si è iscritta a Forza
Italia. Confermata in Co-
mune nelle liste a sostegno
Discarica abusiva e soci “sospetti” Qui di fianco l’ex assessore
all’Ambiente della Regione
Lombardia, oggi consigliere al
del sindaco, Letizia Morat-
ti, ha partecipato alla nasci-
ta del Pdl, in cui è natural-
I guai di Ponzoni non finiscono mai Pirellone, Massimo Ponzoni (FOTO ANSA) mente confluita per uscir-
ne lo scorso settembre e
aderire a Futuro e Libertà.
el curriculum può mettere ra di un’area comunale desti- pulsando l’organigramma del- Oggi è iscritta al gruppo
NLombardia,
un assessorato in Regione
naturalmente in
nata a parcheggio pubblico. la Mistral immobiliare. Ammi-
nistratore unico, infatti, risulta
“Ponzoni è con Formigoni culo
e camicia”.
Ecco allora chi è Ponzoni. Un
Misto perché a Palazzo Ma-
rino manca il numero di
quota Pdl. All’ambiente e bo- L’OPERA VIENE cataloga- Angelo Cattaneo imparentato politico con il pallino del mat- consiglieri necessario per
nifiche. E in questa storia non ta come onere di urbanizzazio- con Ignazio Marrone il cui no- tone. Tanto spregiudicato da fi- far nascere Fli. In commis-
è un particolare di poco con- ne. In sostanza i titolari del ter- me compare nell’ordinanza di nire imputato per bancarotta e sione Case e Demanio dal
to. Sì perché Massimo Ponzo- reno in cambio del permesso a custodia cautelare della ma- inciampare in diversi abusi edi- 2002 già nel 2007 era riu-
ni, delfino di Roberto Formi- tirar su palazzine residenziali xioperazione del luglio scorso lizi. Insomma, altro che ex as- scita a far pubblicare i tre-
goni, da qualche giorno si ri- danno al Comune una parte di sulla ’ndrangheta in Lombar- sessore all’Ambiente. “La sua – mila appartamenti del Co-
trova sulle spalle una denun- area e si impegnano a costruire dia. Accusato di ricettazione, precisa il consigliere regionale mune affittati, anche loro,
cia per discarica abusiva. Ac- un parcheggio. E i titolari sono le carte delle indagini, che non del Pd Giuseppe Civati – è a prezzi stracciati ad amici
cusa grave, cui fa da corollario tre società: la Mistral immobi- vedono indagato Cattaneo, il- un’epopea anti-ambientale”. e amici di amici. Dopo la
quella di furto. Ma c’è di più: liare srl, la Briantea Immobilia- lustrano i rapporti di Marrone boss Fortunato Stellitano, il Baggina avvierà un con-
l’ombra della ‘ndrangheta re e la Europa Casa. I loro nomi con i boss delle cosche di De- quale, per avere alcuni favori, TRADOTTO. “Non è possi- trollo sugli immobili l’Aler,
lombarda. compaiono nella denuncia che sio. dice di chiamare “Massimo che bile che periodicamente il suo l’ente che gestisce le case
I fatti risalgono al 26 gennaio i vigili hanno trasmesso alla Non è la prima volta che Pon- fa l’assessore”. Il nome del pre- nome venga abbinato a vicen- popolari milanesi, in parti-
scorso quando i vigili inter- procura di Milano. C’è però un zoni inciampa in rapporti con diletto di Formigoni compare de simili”. E quindi? “Deve di- colare su quelli venduti
vengono in via Villoresi a De- particolare: Massimo Ponzoni la criminalità organizzata, che anche nell’inchiesta Infinito. A mettersi, noi lo abbiamo chie- fuori bando. Poi toccherà
sio. Capiscono che qualcosa è socio sia della Mistral, sia del- comunque non lo hanno por- citarlo è uno dei boss del clan sto tre mesi ma il Pdl ha fatto al Golgi Redaelli, mentre il
non funziona: ruspe e operai la Briantea. Non è finita. Sua tato sul registro degli indagati. Moscato. Dice il padrino: “Io muro”. In alternativa? “Almeno Policlinico ha ceduto ieri
stanno riempiendo alcuni sca- suocera, Maria Cacioppo, ri- Capita nel 2009 quando il suo per Ponzoni l’ultima volta che rinunci all’incarico di segreta- consegnando al Comune
vi con materiale “derivante da sulta amministratore unico nome compare in un’inchiesta è andato su ho speso 10.000 rio d’aula”. Formigoni però la propria lista. È bastata
attività edilizia”. Scarti da sca- della Europa Casa. su una cava abusiva. A parlare euro di matite, omaggio per sembra non sentirci. una richiesta della Ciabò.
vo, insomma. Messi a copertu- Il pasticcio si complica com- di lui, in quel frangente, è il quando si vota”. E ancora: da. mil. “Io mica mi fermo”.
pagina 12 Martedì 22 febbraio 2011

SENZA DIRITTI

N
“ISTIGAZIONE AL SUICIDIO”: INCHIESTA IL RISCATTO
300mila euro per
la salma di Mike

SU NOUREDDINE, BRUCIATO VIVO A 27 ANNI T recentomila euro per


riavere la salma di
Mike Bongiorno. Era
questa la somma richiesta
dai rapitori al figlio
5 controlli in 10 giorni per il venditore ambulante in regola Niccolò, ma l’accordo è
saltato all’ultimo
momento. Lo rivela il
settimanale “Oggi”, ma la
munità marocchina ha gridato contravvenzione elevati a Nou- famiglia, contattata da
la propria rabbia in due manife- reddine, nell'arco di soli dieci organi di stampa,
stazioni pubbliche, un’assem- giorni. smentisce di aver ricevuto
blea, svolta quando Noureddi- E se ne occupera’ anche il co- una richiesta di riscatto.
ne era ancora vivo, e un corteo mando dei vigili, affidato a Se-
in cui gli ambulanti hanno de- rafino Di Peri, che ha promesso
nunciato le vessazioni cui sono un’indagine interna, rigorosa e
sottoposti dagli agenti della po- attenta: “Se ci sono mele marce,
lizia municipale di Palermo, for- verranno cacciate”.
te con i deboli, e debolissima
con i forti, la città scopre i rischi Moglie e figli
mortali di una “legalità a sin- ancora in Marocco
ghiozzo”, che appare anomala
anche al presidente del Senato
Renato Schifani: “Ci sono epi- PAROLE che hanno provoca-
sodi strani che mi sono stati ri- to qualche mugugno all’inter-
feriti – ha detto, dopo aver fatto no del corpo dei vigili, solleci-
visita alla famiglia del giovane tando le reazioni di quanti ricor- TUNISINO FERITO
suicida in ospedale – per esem- dano che proprio Di Peri, anni
pio controllo agli ambulanti a fa, quand’era responsabile del Sparatoria
Mondello anche alle due o tre di settore ambiente della polizia a Malpensa
notte. Auspico un approccio municipale, fu coinvolto nelle

di Giuseppe Lo Bianco
Manifestazione per ricordare Noureddine a Palermo (FOTO ANSA)

bottiglia l’ha capovolta sulla sua La sua colpa?


più morbido da parte delle isti-
tuzioni nella diffusione della le-
galità”. Più morbido dei modi
indagini su Pizzo Sella, la lottiz-
zazione selvaggia e abusiva del-
la “collina del disonore”: fu tra
A ttimi di terrore, ieri
a Malpensa. E’ un
tunisino regolarmente
Palermo testa, avvicinandovi un accen- da guerriero del vigile sopran- gli acquirenti di una delle villet- in Italia di 48 anni,

er dieci minuti ha tenuto


dino acceso. Benvenuti a Paler-
mo, dove la legalità è una foglia
Non obbedire nominato Bruce Lee, descritto
come il terrore degli ambulanti
te che attendono ancora oggi
una soluzione amministrativa,
pregiudicato, l’uomo che
ieri mattina si è scagliato

P in mano una bottiglia


piena di benzina, minac-
ciando di versarsela ad-
dosso. Per dieci, lunghissimi,
minuti, nessuno è intervenuto
di fico esposta agli umori delle
divise, che alla fine può persino
uccidere. “E la morte per com-
bustione – dicono i medici del-
l’ospedale Civico –è tra le morti
al regolamento
che impone
extracomunitari, capace di sal-
tare dal mezzo ancora in corsa
della polizia municipale piom-
bando tra le bancarelle per im-
pedire agli ambulanti di fuggire
dopo che la Cassazione ne ha
decretato l’illegalità. Un esem-
pio, anche in questo caso, fan-
no notare in molti, di legalità “a
singhiozzo” che non preoccu-
con un’auto rubata
contro la vetrata del
Terminal 1
dell’aeroporto di
Malpensa. Sembra che
per farlo desistere dal gesto più atroci”. Dopo otto giorni di di spostarsi nascondendo la merce da se- pa il sindaco Diego Cammarata, l’uomo, assieme alla
suicida. Davanti a lui due agen- agonia il giovane venditore am- questrare. Più morbida (e più chiuso nel proprio, ostinato im- moglie, un’italiana, e ai
ti della polizia municipale ve- bulante marocchino è spirato periodicamente legale) dei sequestri di merce mobilismo, e capace solo di dir- tre figli, tutti minorenni,
nuti a notificargli l’ennesimo nel reparto di rianimazione del senza verbale, e finiti chissà do- si “costernato” per l’accaduto, abbia avuto un alterco
(il quinto) verbale di contrav- Civico di Palermo per una crisi di 500 metri ve, invece che nei depositi co- promettendo di pagare bara e con la donna e per
venzione, hanno assistito im- respiratoria. Si è dato fuoco per- munali, denunciati da una deci- corteo funebre del giovane ma- questo,
perterriti alle prove generali chè non ce l’ha fatta a resistere na di ambulanti marocchini, rocchino. Funerali ai quali la improvvisamente, si sia
del più atroce e simbolico sui- ai continui controlli dei vigili La sua colpa? Non obbedire ad esasperati da quello che defini- moglie di Noureddine, che vive lanciato contro la
cidio per disperazione: la tor- urbani, cinque in dieci giorni, ai un assurdo regolamento comu- scono senza mezzi termini un in Marocco, e la sua bambina di vetrata. La moglie e i figli
cia umana. verbali firmati dagli stessi agen- nale che impone agli ambulanti atteggiamento vessatorio e per- due anni, non hanno fatto in si sono subito allontanati
ti, alle sollecitazioni a spostarsi, del commercio di spostarsi pe- secutorio. E se Schifani invita il tempo a partecipare. L’ultimo mentre l’uomo, con un
Otto giorni ad andare via da quel tratto di riodicamente di 500 metri, per sindaco ad avviare subito un’in- saluto è riuscito a darlo una coltello in mano, cercava
di agonia marciapiede per andare ad oc- dare un senso alla parola “am- chiesta amministrativa, sul loro bambina di 12 anni, che davanti di raggiungerli. A questo
cuparne un’altra fetta, 500 me- bulanti”. Un’assurdità che un sito i vigili dicono di non potere alla bancarella del marocchino punto è stato fermato da
tri più avanti. Già, perchè Nou- gruppo di agenti ha deciso di escludere “per partito preso, ha trascorso tanti pomeriggi ac- un agente di polizia che
IMPROVVISAMENTE Nou- reddine non era nè abusivo, nè applicare alla lettera, senza che qualche collega abbia ina- quistando le sue mercanzie con lo ha ferito con un colpo
reddine Adnane, 27 anni, ven- evasore. Tutta la merce acqui- sconti per Noureddine. Un as- sprito i modi e i tempi dei con- la paghetta settimanale. Per lei, di pistola al piede. I voli
ditore ambulante di giocattoli, stata dai cinesi era regolarmen- surdità che nessuno, oggi, nè’la trolli”. Se ne occuperà la procu- come per tanti altri, Noureddi- sono stati sospesi per
braccialetti e collanine “Made te fatturata, la sua licenza di am- maggioranza, nè l’opposizio- ra che ha aperto un’inchiesta ne era solo “Franco”, giovane e alcune ore.
in China” in via Ernesto Basile, bulante era in regola, il suo per- ne, dopo il rogo umano, propo- per istigazione al suicidio, ac- sorridente amico di un paese
accanto l’Università, quella messo di soggiorno pure. ne di cancellare. E mentre la co- quisendo i quattro verbali di lontano. IL LEADER DE ‘LA DESTRA’
Storace ricoverato
AVELLINO al Gemelli

S’IMPICCA CARMINE, OPERAIO FIAT UCCISO DALLA CASSINTEGRAZIONE I l leader della Destra
ed ex-presidente della
Regione Lazio Francesco
Storace è stato ricoverato
di Antonio Massari to il coraggio di interrompere integrazione: c'è un ambiente Avellino, “il punto è che, in Fma è in cassa integrazione sin poco dopo la mezzanotte
un'esistenza che gli è sembrata poco solidale con chi soffre. queste condizioni, manca una dal 2005. E gli equilibri econo- di domenica al
artedì sera aveva cenato a Chi è in difficoltà, come Carmi- rete di protezione e non c’è mici per la famiglia sono venuti Policlinico “Gemelli” di
M casa dei genitori. Poi è
rientrato in casa. E s’è impic-
senza prospettive”, dice Toni
della Pia, segretario provincia-
le di Rifondazione comunista
ne, non viene aiutato. prospettiva. La Fiat non può la-
sciare i lavoratori senza un fu-
meno: considerate che, già a
stipendio pieno, per un ope-
Roma, a causa di un
malore. Secondo quanto
cato. Nella fabbrica dei motori ad Avellino. Eppure Carmine, DA QUANDO siamo in cas- turo chiaro per gli operai: la raio era difficile restare in pie- si è appreso, Storace
Fiat da 1.600 centimentri cu- di strada, poteva farne ancora: sa integrazione, e cioè dal feb- di. Adesso, in tutta Europa, con resterà ricoverato per
bici in su, dopo sedici anni di era nato nel luglio del 1971, braio 2008, di tempo per pen- la crisi, i suicidi degli operai e alcuni giorni per
lavoro, non ci metterà più pie-
de. E nessuno, dai piani alti
non aveva ancora 40 anni, ne-
gli ultimi tempi aveva provato
sare alla propria condizione,
Carmine ne aveva tantissimo:
40 anni cassintegrati, sono aumentati
del 9 per cento”.
compiere una serie di
accertamenti clinici.
della Fiat fino ai consumatori
Chrysler oltreoceano, se ne
a lavorare in trasferta a Termo-
li, aveva frequentato i corsi re-
viveva solo e lavorava soltanto
cinque giorni al mese. Con 900
e un figlio,
accorgerà: quella di Carmine gionali di formazione. “Una euro al mese, mantenere la fa- lavorava
Spina di Atripalda, operaio ge-
nerico alla linea di montaggio,
beffa”, dice il suo compagno di
fabbrica, Giuseppe Morsa, “vi-
miglia separata e anche se stes-
so, era diventato quasi impos-
alla linea Milano, BOMBA
è una tragedia che non fa sto- sto che la Regione non gli ave- sibile. Eppure restava una per-
ria. Eppure è legata a doppio
filo con i problemi dell'occu-
va pagato i 1.700 euro che gli
doveva”. Non è una questione
sona solare: era tra i migliori e
più motivati rappresentanti di montaggio a 50 metri dal “Fatto”
pazione. Certo, come spiega- di soldi. È una questione di pro- sindacali della Fiom all'interno vrebbe potuto esplodere, e sicuramente ferire, il
no amici e colleghi, soffriva
parecchio per la sua condizio-
tezione sociale per chi, come
Carmine, si trova all'improvvi-
della Fma. Lo conoscevo dal
1995, quando entrò in fabbri-
Lo ha ritrovato A“Enipacco bomba lasciato ieri di fronte all’ingresso di un
Energy Store” di Milano, fra corso Sempione e via
ne di uomo divorziato, rima- so senza un lavoro e con gli ali- ca, s'iscrisse alla Fiom nel 2000 il padre Melzi D’Eril, ad una cinquantina di metri dalla reda-
sto solo e lontano dal suo uni- menti da pagare alla famiglia ed era un gran- zione milanese del Fatto Quotidiano. L’ordigno, semplice
co figlio, il 15enne Pietro. ormai sfasciata. Ieri i suoi fami- de lavoratore: nella fattura ma perfettamente funzionante era com-
liari erano alla messa che ne ri- pensi che nel posto da una bottiglia di liquido infiammabile e tre
MA LA CASSA integrazio- cordava la scomparsa. È stato 2003 si arriva- petardi collegati da un timer da cucina programmato
ne, lo stipendio ridotto a nove- suo padre a ritrovarlo, ormai va anche a 18 per le 13:50. L'allarme è scattato intorno alle 13:30
cento euro, il tempo libero au- morto, mercoldì mattina. I notti consecu- quando gli stessi gestori dello sportello Eni hanno ri-
mentato a dismisura – alla Fab- suoi conservano ancora le poe- tive alla cate- trovato la bottiglia tra la saracinesca e l'ingresso degli
brica motori automobilistici di sie che Carmine scriveva nel na”. “Non ha uffici. Sul posto sono intervenute diverse pattuglie
Pratola Serra, in provincia di tempo libero. E ormai, di tem- mai mostrato della polizia che hanno provveduto ad isolare la zona
Avellino, si lavora una settima- po libero, ne aveva fin troppo: squilibri”, mentre gli artificieri - insieme a uomini della polizia
na al mese – hanno fatto il re- "Il problema – continua Giu- conclude Ser- scientifica e della Digos - disinnescavano l'ordigno. Il
sto: “Il suo gesto senza dubbio seppe Morsa, rsu della Fma – gio Scarpa, se- gesto non è stato rivendicato.
sbagliato è il frutto di una non è soltanto economico per gretario gene-
drammatica lucidità: ha trova- chi, come noi, si trova in cassa rale Fiom Cgil Carminr, l’operaio morto, insieme a Vladimir Luxuria
Martedì 22 febbraio 2011 pagina 13

ECONOMIA

ALLE GENERALI
recente passato meno avreb-
be gradito l’attivismo di Ge-
ronzi comprende, oltre a Del
Vecchio, anche Lorenzo Pelli-
cioli, che siede nel consiglio
per conto della De Agostini,

ANCHE DEL VECCHIO


l’imprenditore boemo Petr
Kellner, e Angelo Miglietta
che rappresenta il gruppo dei
cosiddetti azionisti veneti al-
leati con la Fondazione torine-
se Crt. Ma a far pendere l’ago

MOLLA GERONZI
della bilancia da una parte o
dall’altra potrebbe essere alla
fine la posizione che prenderà
Mediobanca che con il suo
13,7 per cento resta il maggio-
re azionista della compagnia
triestina.
Il patron di Luxottica si dimette dal Geronzi è planato a Trieste
meno di un anno fa proprio
dalla poltrona di presidente
consiglio alla vigilia della riunione dell’istituto che fu di Enrico
Cuccia. Ma da allora i rapporti
del banchiere romano con i
di Vittorio Malagutti più noti, e dei più ricchi, im- repor t che le parole di Geronzi Il presidente delle Assicurazioni Generali Cesare Geronzi (FOTO LAPRESSE) vertici operativi di Medioban-
prenditori italiani, si sarebbe non erano in linea con quanto ca, mai idilliaci, si sono ulte-
a riunione del consiglio deciso al gesto clamoroso per dichiarato nell'incontro di no- Il presidente accusato di riormente deteriorati. E alla fi-

L delle Assicurazioni Ge-


nerali convocata per do-
mani a Roma si avvia a tra-
sformarsi in un ring dedicato
al regolamento di conti nell'al-
manifestare il suo dissenso
per l'invasione di campo di
Geronzi. Il quale, pur non
avendo nessuna delega opera-
tiva, nei giorni scorsi in un'in-
vembre con la comunità finan-
ziaria dall'amministratore de-
legato Giovanni Perissinotto,
lui sì dotato di poteri ad hoc.
Ieri in serata una nota attribui-
prendersi troppo potere.
Domani si vota sull’uscita da Rcs
ne Del Vecchio potrebbe
quindi trovare il sostegno an-
che di Alberto Nagel, l’ammi-
nistratore delegato di Medio-
banca asceso l’anno scorso al-
ta finanza nazionale. Dopo i re- tervista al quotidiano britanni- ta dalle agenzie di stampa alla la vicepresidenza di Generali.
centi attacchi di Diego Della co Financial Times avrebbe pro- presidenza di Generali segna- Difficile dire come si regolerà
Valle al presidente della com- spettato possibili futuri impe- lava che in passato mai vi era- chiarazioni che difficilmente timane fa era riuscito a far met- il costruttore-editore France-
pagnia, "l'arzillo vecchietto" gni di Generali in banche o no state divergenze, manife- saranno state gradite da Ge- tere all’ordine di giorno della sco Gaetano Caltagirone, an-
Cesare Geronzi, a innescare la nella costruzione del Ponte di state "dentro e fuori gli organi ronzi. riunione di domani un tema di che lui vicepresidente. Men-
miccia di un nuovo scontro ie- Messina. L'estemporanea societari", tra Del Vecchio e L'impressione però è che lo per sè scottante come la ven- tre il finanziere bretone Vin-
ri è arrivata la notizia delle di- uscita del presidente sarebbe Geronzi. Peraltro in passato il scontro sia entrato nella fase dita della partecipazione (3,7 cent Bolloré in passato ha
missioni di Leonardo Del Vec- stata accolta con sorpresa an- patron di Luxottica aveva pre- decisiva. Il pletorico consiglio per cento) del gruppo triesti- sempre garantito il suo soste-
chio dal consiglio di ammini- che da altri consiglieri della so pubblicamente posizione a di amministrazione delle Ge- no nella Rcs, la società editri- gno a Geronzi. Ma adesso che
strazione del gruppo di Trie- compagnia. E perfino gli ana- favore del rafforzamento dei nerali, ben 20 componenti, ri- ce del Corriere della Sera. comincia la resa dei conti fina-
ste, crocevia dei poteri forti listi di alcune case d'investi- poteri del management opera- schia di spaccarsi tra i sosteni- Che cosa succederà se si andrà le, all’ok corral di Trieste nes-
del capitalismo. mento internazionali non han- tivo della compagnia (a co- tori del presidente e quelli di al voto su questo punto? Il suno potrà più fidarsi di nes-
Il patron di Luxottica, uno dei no mancato di rilevare nei loro minciare da Perissinotto). Di- Della Valle, che un paio di set- gruppo di soci di peso che nel suno.

Grandi riforme

Il postino suonerà
di Daniele Martini

vevano promesso che per la posta


Asvolta.
sempre due volte.
il 2011 sarebbe stato l’anno della
Sono stati di parola. Solo che
invece dell’annunciata liberalizzazio-
ne del servizio, ci stanno servendo
l’opposto. In questi mesi sta davvero
Alla settimana
cambiando tutto, però quasi mai in giorno sì e uno no, al massimo tre punto a che spartire, ma che assicura- Con il nuovo contratto
meglio, almeno se si considera la fac- giorni alla settimana in tutto, consi- no notevoli profitti. Un business che di servizio fino a otto
cenda dal punto di vista dei cittadini derando che le Poste avevano già can- l’azienda persegue facendo leva su milioni di italiani
clienti. Per esempio finisce il servizio cellato alcuni mesi fa il servizio del un’arma concorrenziale potentissima riceveranno la posta
universale così come l’avevamo co- sabato con una decisione che fu il pri- rispetto alle banche e alle assicurazio- un giorno sì e un
nosciuto per decenni, cioè la conse- mo strappo vistoso all’organizzazio- ni classiche, e cioè la rete dei 14 mila giorno no, e Poste
gna di corrispondenza e giornali a ne del servizio universale. sportelli (contro poco più di 20 mila di Italiane taglierà 4
tutti, tutti i giorni dell’anno escluse le tutte le banche). Un network eccezio- mila posti di lavoro
feste, in tutti i luoghi del paese com- Otto milioni nale, un patrimonio collettivo pagato a (FOTO EMBLEMA)
presi i più sperduti. E finisce per ef- di clienti di serie B suo tempo dai cittadini con la fiscalità
fetto di una scelta del governo: il ser- generale, cioè con le tasse, voluto non
vizio viene di fatto riconsegnato per i per business estranei alla posta, ma so- mila dipendenti come inevitabile con- tere un punto fermo. La direttiva euro-
prossimi 15 anni alle Poste alle quali IL NUOVO REGIME postale a giorni prattutto a sostegno del servizio uni- seguenza della riduzione da 6 a 5 giorni pea sulle poste la prevede, ma il gover-
viene allo stesso tempo consentito di alterni riguarda potenzialmente 7 mi- versale. alla settimana della consegna di lettere no italiano fa finta di niente. Prima di
svuotarlo come un guscio di noce. lioni e mezzo di persone circa, con un Con il nuovo contratto di programma, e giornali, mentre il servizio del sabato Natale il Consiglio dei ministri ha ap-
Non è un affare da poco perché il ser- «margine di tolleranza fino ad un mas- invece, anche gli sportelli sono investi- era stato affidato a ditte private, più o provato un decreto legislativo per la
vizio universale era un pezzo del wel- simo del 5 per cento», cioè poco meno ti dal nuovo vento di business, poten- meno organizzate ed efficienti, con il costituzione non di un’autorità indi-
fare, da tutti considerato una conqui- di 8 milioni in tutto. Secondo l’inter- ziati quelli più centrali e funzionali agli sistema che in gergo viene definito de- pendente, ma di una semplice agenzia
sta di civiltà e uno dei tratti della mo- pretazione e i calcoli elaborati dalla affari finanziari e ridimensionati gli al- gli «appalti accollatari». Con la nuova governativa. Qualche giorno dopo
dernità. Quel che è peggio è che vie- Cgil del settore comunicazioni, però, il tri. Circa un migliaio di uffici periferici riduzione del servizio prevista dal con- l’Antitrust di Antonio Catricalà in una
ne messo da parte quasi alla cheti- totale della popolazione toccata dal ta- e marginali apriranno un giorno sì ed tratto di programma ora ballano altri 4 lettera molto severa indirizzata ai pre-
chella, con due commi, il 7 e l’8 del- glio sarebbe addirittura di 10 milioni di uno no e se i comuni vorranno aper- mila posti. sidenti delle Camere e al governo ha
l’articolo 2 del contratto di program- cittadini su un territorio di circa 5 mila ture più lunghe dovranno pagarsele, parlato di «centrale criticità» del prov-
ma firmato dal ministro per lo Svilup- comuni. Gli italiani sono divisi in due facendosi carico dei costi relativi. Con- I conti delle Poste vedimento che di fatto va contro «il
po economico, Paolo Romani, e dal- categorie dal punto di vista postale, se- siderato lo stato di molti enti locali, che non tornano processo di liberalizzazione».
l’amministratore delle Poste, Massi- rie A e serie B, nonostante tutti quanti l’opportunità concessa sembra quasi Lo stesso Catricalà nel corso di un’au-
mo Sarmi. Un documento siglato tre contribuiscano con le tasse al finanzia- una presa in giro. dizione alcuni giorni fa davanti ai par-
mesi fa, ma rimasto praticamente mento del servizio. Nell’area meglio Mentre il servizio universale viene DICONO CHE I TAGLI erano ne- lamentari della commissione comuni-
sconosciuto fino ad oggi. Con venti- servita, dove la posta continuerà ad es- svuotato, il governo con il decreto Mil- cessari perché il servizio universale cazioni ha ricordato che la costituzio-
sei righe vengono cancellati decen- sere consegnata ogni giorno, si trova- leproproghe concede alle Poste la pos- costa troppo e Stato e Poste non ce la ne di un’autorità indipendente per la
ni; perfino durante le guerre, lo Stato no gli abitanti dei grandi centri e delle sibilità di entrare nel capitale delle ban- fanno più. Da anni le Poste sostengono regolazione del servizio postale non è
italiano, pur tra lutti e distruzioni, fe- aree più popolate del paese. Nella zo- che, separando da un punto di vista che per portare la corrispondenza a una scelta lasciata alla discrezione di
ce di tutto per assicurare la consegna na retrocessa sono inseriti i piccoli co- contabile il Bancoposta dal resto del tutti spendono circa 700 milioni di eu- ciascun paese europeo, ma un obbligo
quotidiana delle lettere. Il testo del muni e i luoghi con minore densità abi- gruppo. Grazie a questa innovazione, ro all’anno ricevendo in cambio di imposto dalla Comunità con una diret-
nuovo contratto deve essere appro- tativa. le Poste compreranno sborsando 136 questo impegno dallo Stato solo la me- tiva precisa. Dalla Germania alla Fran-
vato dal Comitato interministeriale All’azienda postale il governo consen- milioni di euro il Mediocredito centra- tà (372 milioni nel 2009). Nessuno, pe- cia alla Gran Bretagna, tutti i grandi
per la programmazione economica te, in pratica, di portare alle estreme le che costituirà il pezzo forte di quella rò, è mai riuscito ad appurare l’esattez- paesi hanno infatti provveduto, com-
(Cipe), ma si tratta di un passaggio conseguenze la strategia di mutazione Banca del Sud voluta con tenacia dal za dei calcoli, anzi ci sono diversi presa la Spagna che è stata l’ultima fa-
considerato poco più che formale. genetica radicale del proprio ruolo già ministro dell’Economia, Giulio Tre- esperti che li ritengono poco attendi- cendo entrare in funzione nel luglio
Dice il nuovo accordo postale: «Il re- avviata da tempo: non più società con monti. In cambio l’amministratore de- bili. Il Copenhagen Economics, per dell’anno passato la Comision nacional
capito del servizio universale può es- la posta al centro della propria ragione legato Massimo Sarmi il prossimo apri- esempio, ha stimato di recente che il del sector postalistituita tre anni prima. Il
sere effettuato a giorni alterni in pre- sociale, ma gruppo sempre più con- le riuscirà probabilmente ad ottenere costo vero del servizio postale univer- denominatore comune di queste auto-
senza di particolari situazioni di na- centrato su credito e assicurazioni, set- la quarta nomina consecutiva alla gui- sale italiano è di 175 milioni di euro. rità è che sono tutte indipendenti dal
tura infrastrutturale o geografica in tori che con le lettere hanno poco o da delle Poste. Ci vorrebbe un’autorità terza per met- governo e distinte dai ministeri com-
ambiti territoriali con una densità in- Il nuovo corso produrrà effetti pesanti petenti, anche in quei paesi come la
feriore a 200 abitanti per chilometro anche sugli organici postali. Alla Cgil Germania nei quali lo Stato non ha più
quadrato e comunque fino ad un mas- in particolare sono molto allarmati. Il la proprietà piena dell’operatore po-
simo di un ottavo della popolazione 27 luglio dell’anno passato i sindacati stale. L’Italia resta l’unico paese che
nazionale». Lettere e giornali in pra- avevano firmato un’intesa con l’ammi- continua a sottrarsi alla direttiva comu-
tica potranno essere consegnati un nistratore che prevedeva un taglio di 6 nitaria.
pagina 14 Martedì 22 febbraio 2011

SECONDOTEMPO
SPETTACOLI,SPORT,IDEE
in & out

TOR BELLA MONACA


Pochi soldi, rischiano
Politkovskaja Champions Gattuso De Niro
i teatri di periferia Interpretata
da Ottavia
I bookmaker
puntano
Stangata
Uefa: fuori
“La vera
erede

NON CHIUDETE
Piccolo sul Barça, per 5 turni della Loren
da domani Inter italiana di Coppa è Monica
a Ravenna favorita Campioni Bellucci”

QUEL SIPARIO
di Silvia D’Onghia qui anche una parte della Festa
del Cinema. C’era un progetto
ta comunale – spiega l’assessore
provinciale alle Politiche cultu-

Q
di ampio respiro che rendeva il rali, Cecilia D’Elia –, Provincia e
teatro luogo di aggregazione, Regione sono intervenute per
prima ancora che di fruizione evitare che quel progetto moris-
culturale”. se. La Provincia ha messo 250
mila euro per tre anni, anche se
MA UN TEATRO da 300 po- nel 2010, con la chiusura, abbia-
sti, si sa, non garantisce il pro- mo recuperato qualcosa. Poi c’è
fitto. Anche perchè, a differenza stato il cambio al vertice e ora il
di quanto può accadere in uno neo-presidente ci ha scritto una
“stabile”, un teatro di cintura ha lettera in cui si dice pronto a di-
bisogno di una programmazio- scutere il rilancio del progetto”.
ne che coinvolga il pubblico, la Franco Scaglia, presidente di
popolazione. Ha bisogno di de- RaiCinema, nel dicembre scorso Il Teatro di Tor Bella Monaca, quartiere dell’estrema periferia romana. Sotto, Roberto Saviano (FOTO ANSA)
naro, di tempo e di volontà po- è stato nominato anche presi-
uando Hansel rompe la finzio- litica. E non sempre, anzi quasi dente del Teatro di Roma. viamo in un’epoca buia, siamo perennemente pieno fa venire suno, però, ha voglia di confer-
ne scenica e lancia un appello mai queste tre prerogative viag- Direttore dell’associazione è in- tornati a prima del Medioevo: la in mente a chi ‘decide’ che que- mare): si andrebbe verso la ces-
per salvare il teatro, la platea si giano insieme. Così ai primi vece Gabriele Lavia che, pur classe dirigente non è in grado ste persone hanno bisogno di sione ad un privato, o a singoli
scioglie in un applauso libera- tempi di massimo splendore si non volendo entrare nel merito di supportare persone che han- quello spazio”, racconta ama- artisti, di quel luogo così lonta-
torio. Pomeriggio di una dome- sono sostituiti quelli di magra, di Tor Bella Monaca, lancia pa- no una coscienza morale, un reggiato Scorzoni, che sottoli- no dalle stanze dei bottoni.
nica come tante, estrema peri- durante i quali (lo scorso anno) role di speranza: “Come diceva senso etico del vivere. Ma è suo- nea come mai, nelle sere di aper-
feria romana, quella periferia il teatro ha dovuto persino chiu- Hegel, e mi passi la brutta paro- nata la tromba di un nuovo mat- tura del teatro, un’auto sia stata “COSÌ IL TEATRO diventerà
da tutti conosciuta come luogo dere i battenti per lunghi mesi. la, non c’è nulla di più profondo tino, la notte è finita”. danneggiata, una borsetta strap- una discoteca”, scherza amaro
di degrado e criminalità. Ma, La struttura di Tor Bella Monaca di ciò che appare in superficie. pata via: “È il segnale che anche Scorzoni. Cerchiamo con insi-
come sempre, basta andare ol- (come quella del Quarticciolo e Questa è la linea filosofica che SARÀ, ma a Tor Bella Monaca i cittadini di Tor Bella Monaca ri- stenza il neo assessore alla Cul-
tre il muro del pregiudizio per quella di Ostia) è gestita dall’as- intendo portare avanti. Il teatro sono stanchi di promesse e pa- spettano questo luogo e lo di- tura, Dino Gasperini, con scarso
scoprire che c’è una realtà mol- sociazione “Teatro di Roma”, su è la cosa più importante che role. “Siamo ridotti a poter ve- fendono”. risultato: oggi cominciano gli
to diversa. Teatro di Tor Bella mandato di Comune, Provincia l’uomo sia riuscito ad immagi- dere appena 15 spettacoli in Nei corridoi del Campidoglio Stati generali della città di Roma
Monaca, rappresentazione di e Regione che contribuiscono nare, perchè è il luogo in cui due mesi, non c’è più il coinvol- circola una voce insistente, che e l’assessore è troppo impegna-
“Hansel e Gretel”, favola rivisi- finanziariamente. “Quando, nel prende coscienza di sè, veden- gimento della popolazione e sarebbe addirittura diventata to per poterci dedicare anche
tata e portata in scena dalla 2008, c’è stato il cambio di giun- do sulla scena l’essenza di sè. Vi- neanche il fatto che il teatro sia una proposta firmata (che nes- pochi minuti.
compagnia “Crest”: 120 repli-
che in un anno e mezzo. Il tea-
tro, 300 posti, è strapieno di fa- Piccoli editori / Ad est dell’equatore
miglie con bambini, che lancia-
no un grido di gioia quando i
due protagonisti riescono ad
uccidere la strega cattiva spin-
gendola nel forno. Lieto fine as-
Artigiani del libro per le vittime della camorra
sicurato. Poi i quattro attori si di Silvia Garambois ferita”, racconti dedicati alle vitti- “A Napoli produciamo tanta lette- Napoli si è messo intorno al tavolo, Brun che si occupa di letteratura
presentano al pubblico. È allora me di camorra, con la prefazione ratura, che poi viene pubblicata al con internet, skipe e webcam, un impegnata e Carmen Pellegrino
che Hansel, l’unico “romano de d est dell’equatore”: che è co- di Roberto Saviano, o “Scampia Nord, con tutto l’indotto economi- gruppo di giovani scrittori – età: tra per la parte saggistica. È lei che ha
Roma” della compagnia, fa sua
quella che a Tor Bella Monaca è
“A me dire ad est di Napoli, pe-
riferia di Ponticelli, luogo impossi-
trip”, progetto multimediale – rac-
conti, cd musicale e documentario
co che ne segue: il cinema, il teatro.
La nostra intenzione è quella di
i 23 e i 35 anni – sotto la guida dei
fratelli Ciro e Marco Marino. Per
proposto a Lucia Goracci, inviata
del Tg3, di scrivere della tragedia
diventata una battaglia di lega- bile dove l’immondizia brucia in cu- – che raccoglie anche firme come non disperdere tutta questa crea- scegliere cosa pubblicare si riuni- dei 33 minatori cileni, libro di pros-
lità: salvare il teatro. muli, le case sono alveari. La casa Gianfranco De Cataldo e Sandro tività, tenere in un solo luogo scrit- sce tutta la redazione: Luigi Pingi- sima uscita. Per molti mesi in re-
editrice è nata qui tre anni fa, nel Ruotolo. Ma stampa anche i lavori tori e registi, musicisti e fotografi”. tore, “addetto stampa” e portavo- dazione c’è stato anche Mario Ge-
UN LUOGO di cultura che ha retrobottega della sartoria di di Niccolò Ammaniti o di Paolo Lo- Una “factory multimediale” nel ce, Angelo Petrella selezionatore lardi, il regista teatrale di “Gomor-
alzato il sipario per la prima vol- mamma Nunzia, una parete di gli, sceneggiatore di cinepanettoni cuore della periferia partenopea. dei noir (ha pubblicato “La città ra”. È una “redazione in movimen-
ta nel dicembre 2005. Fu l’allora cartongesso a dividere parole e prestato al noir. E pensa in grande: Per riportare a Napoli quel che è di perfetta” con Garzanti), Riccardo to”: nessuno campa di letteratura,
sindaco Walter Veltroni a spin- stoffe. Del resto non serve molto chi scrive per il cinema, chi per il
gere perché il progetto dei “tea- altro che un tavolo lungo e delle se- teatro… Ma poi tornano a quel ta-
tri di cintura” (Tor Bella Monaca die intorno per raccogliere bozze volo, a scegliere autori, studiare co-
e il teatro-biblioteca del Quartic-
ciolo, uno dei pochi esempi nel
di libri e idee: soprattutto idee. Og-
gi “Ad est dell’equatore” distribui- “SPAZZI” A Siena pertine, selezionare esordienti.
Come Gianni Folla, il cui blog (Ho-
mondo) valorizzasse periferie sce in tutta Italia con Feltrinelli tel Messico) è tra i più cliccati della
fino ad allora dimenticate. Fu un
successo. “Oltre 22 mila presen-
(“Un sacrificio, ma indispensabi-
le”), la redazione si è spostata, da
dal manicomio ai diritti rete. Su di lui sono pronti a scom-
mettere per il futuro, come scrit-
ze nel primo anno solo a Tor Bel- poco, qualche strada più in là, a re giorni di dibattiti, mostre, proiezioni e concerti, tore underground: ha una visione
la Monaca – racconta Fabrizio
Scorzoni, ex presidente del-
San Giovanni a Teduccio, pubblica
libri che sono una scossa come “La
Tè “Spazzi,
per parlare di disagio mentale e diritti. Tutto questo
dalla distruzione del manicomio alla costru-
allucinata dell’esistenza – spiega
Pingitore, che lo ha “scovato” –
l’VIII Municipio e oggi capo- zione dei diritti”, che prenderà il via oggi alla facoltà di quella di uno che vive a San Gio-
gruppo del Pd in circoscrizione ingegneria di Siena. La tre giorni, organizzata dal Col- vanni a Teduccio e lavora sulle am-
–, c’era uno spettacolo al gior-
no. Ma soprattutto c’era il con-
San Giovanni a Teducci, dove lettivo di antropologia di Lettere e Filosofia dell’uni-
versità senese, vuole creare “un momento di rifles-
bulanze, portando l’ossigeno a chi
è a un passo dalla fine. Il suo nuovo
tatto con la popolazione, che
dava il suo contributo parteci-
nascono i racconti anti-Gomorra sione sul ruolo dell’istituzione manicomiale” a tren-
t’anni dalla legge 180, che fece chiudere i manicomi.
romanzo “Le cose non stanno be-
ne” sarà la novità per la Fiera del
pando a laboratori, dibattiti, ini- Libro di Torino. “Bellissimo”, assi-
ziative musicali. Venne portata con le prefazioni di Saviano curano.
Martedì 22 febbraio 2011 pagina 15

SECONDO TEMPO

OGNI MALEDETTA DOMENICA Olimpiadi


Pescante

CALCIOPOLI CONTINUA
Due vittorie “regalate” a Inter e Milan
per Roma
Scandalo
antidoping
dimenticato
I giallorossi affondano, Montella al posto di Ranieri di Luca De Carolis

n no inatteso e rumo-

di Oliviero Beha

enso a quello che sarebbe


e lo dico senza ironia, gli esperti in
studio del digitale di Mediaset che
fin dall’intervallo di Chievo–Milan
invece di ricadere sotto le defini-
zioni di comodo, perché non si
risponde alla domandina sempli-
divaghiamo e torniamo a Roma,
cioè al preponderante versante
larghi il compasso e c’è subito
l’allenatore, un eccellente allena- U roso, che vale come
l’ennesima figuraccia
per Alemanno e il go-
verno. Spiazzati da Luca

P
romanista, andando la Lazio inve- tore fino a ieri, romanista e roma-
accaduto se la Roma avesse hanno rimarcato il braccio di Ro- ce semplice che segue. Se fosse ce benissimo di suo assistita da no (nell’ordine) fino al midollo, Cordero di Montezemolo
giocato al Ferraris alla stessa binho abbonato dall’arbitro Banti accaduto alla Juve di Moggi sotto modestia e umiltà e qualche gio- ma europeizzato: Ranieri, che si è che ieri mattina, dopo un in-
ora di lunedì, a Piazza Affari in un modo raccapricciante. Prova- forma di Ranocchia e di Robinho catore sopra la media, e dal latino dimesso come non accade specie contro con Gianni Letta a
aperta: immaginatevi le azioni du- te solo a immaginare se fosse acca- quello che abbiamo appena vi- del suo presidente. di questi tempi a nessuno o quasi Palazzo Chigi, ha rifiutato il
rante il primo tempo e poi sullo duto a Pellissier, dall’altra parte. sto, avreste pensato alla buona fe- in Italia, in alcun campo (non di ruolo di presidente del co-
0-3, e alla fine sul 4-3 per il Genoa. Mani, era mani, gol da annullare de degli arbitri o a una loro “cric- PUNTIAMO il compasso sulla calcio). La domanda è: che di- mitato promotore della can-
Intanto Ranieri ha mollato, arriva hanno chiosato Pistocchi e soci. ca” teleguidata dal Belfagor di Roma: al centro c’è la squadra, stanza c’era tra la squadra e Ra- didatura di Roma come sede
Montella, gradito ai giocatori, in Poi nel dopo partita sono scivolati Monticiano via Civitavecchia? Sì? un’ottima squadra con 15/18 ele- nieri? Quella giusta? Pare di no. delle Olimpiadi del 2020.
attesa forse di Ancelotti a giugno. in una sorta di resipiscenza (non è Davvero? Bugiardi, non vi menti- menti in grado di competere sia Troppa, o troppo poca? Che ci
La testa della classifica adesso è un una parolaccia…) mentre veniva te addosso, oppure spiegatemi il in Italia che in Europa prova ne suggerisce la prossemica? Che UN MACIGNO per il cen-
po’ più lontana sia dalla Roma che intervistato quel sagace Allegri, ar- motivo perché allora gli arbitri sia che spesso chi è rimasto fuori Ranieri dovesse basculare tra trodestra, che si è rivolto al-
dalla Juventus, ossia due squadre rampicandosi sul fatto che fortuna- erano dei delinquenti e adesso ha mugolato. Si può obiettare che Unicredit, la Sensi, la dirigenza e lora a Mario Pescante, dispo-
costruite nel passato e rifatte nel tamente poi il Chievo aveva pareg- sono dei fischietti garruli e di- forse altri tre o quattro unità non Totti e gli altri. Bascula oggi ba- nibile ma tutt’altro che entu-
presente, adatte a competere per giato e quindi il gol di Robinho, pur stratti. Da Milano a Roma, magari avrebbero guastato. Vero. Ma un scula domani, negli ultimi due siasta. Perché essere la se-
lo scudetto. Non è l’opinione di un irregolare, non era stato decisivo. in quei bolidi ad Alta velocità su Menez sopra le righe, un Borriel- mesi invece che basculare ha rin- conda scelta non è mai pia-
tifoso (a proposito, qual’è oggi la cui – recita il capotreno – “c’è una lo ben ambientato, un Mexes culato. Mentre, ce lo dice il com- cevole. Montezemolo, il pri-
reale differenza tra un tifoso di cal- VALUTAZIONE che tratta la squadra addetta alla pulizia delle spesso superbo ecc. hanno co- passo, allargando troviamo i ca- mo in lista, era stato contat-
cio e un tifoso di un partito o di matematica più o meno come toilettes”. Che vuol dire, mi do- munque compensato alti e bassi sini (leggi: i debiti) societari, la tato venerdì scorso. Gover-
un’area politica?): lo dicono i fatti. una Ruby qualsiasi: ma scusate, mando sempre, che gli altri sono altrui. E in ogni caso fino a Natale Banca stufa di accollarsi stipendi, no e Campidoglio speravano
La Roma ha battuto l’Inter in casa, se è finita 2-1 per il Milan, al di là di già puliti, che questi li puliranno, non c’erano stati sconquassi, ma acquirenti ancor oggi nebulosi e nella sua esperienza e nei
ha giocato alla pari con l’Inter fuo- come vanno le partite se segna che c’è il rischio che sia capitato una qualificazione in Champions quella Borsa di cui scrivevo all’i- suoi contatti a livello interna-
ri casa salvo poi abbassare la guar- prima uno o l’altro e in base a su un treno più sporco, che si al- e una classifica promettente, nizio. Se allarghi ancora il com- zionale, per dare un po’ di so-
dia e prenderne cinque, ha co- quando segnino, senza il gol di luda a quando arriveranno gli Ntv quasi a dire “siamo partiti anche passo trovi Roma, le radio roma- stanza alla candidatura. Ma
munque battuto il Milan al Meaz- Robinho finiva 1-1, stando così le di Montezemolo, Della Valle e stavolta in sordina ma c’è sempre ne a squarciagola, la “fede” gial- ieri il presidente della Ferrari
za. La Juventus ha appena battuto cose. Due punti in meno, o non Punzo “allora sì che ci divertire- la stoffa del finisseur”, in attesa del lorossa sostitutiva di quella vati- si è sfilato. “Non c’erano le
l’Inter osannata del “nuovo” Leo- so più far di conto? L’obiezione di mo e saremo pulitissimi”? Ma non volatone di aprile/maggio. Poi al- cana, un clima che si fa pesante in condizioni per accettare, nel
nardo. Per carità, nel livellamento Galliani sarebbe: e bravo tu, il fretta. Routine. Adesso è saltato governo ci sono posizioni un
verso il basso ci sta tutto, ma ri- giorno prima anche l’Inter – terza Par Condicio L’Inter batte il Cagliari (gol in fuorigioco), poi Robinho controlla di mano e segna Ranieri, e la Roma forse costa me- po’ diverse”, ha spiegato.
mangono fatti e risultati, e non in classifica – aveva battuto il Ca- (vince il Milan 2 a 1 a Verona sul Chievo). Sotto Claudio Ranieri, nel tondo Vincenzo Montella no. Chi la compra? Il compasso L’esecutivo non poteva for-
opinioni o tifo. gliari con un gol solo e segnato ancora non ce lo dice. nire le garanzie chieste dal
con Ranocchia in macroscopico presidente della Fer-
LA TESTA della classifica, dun- fuorigioco. Gol anch’esso da an- rari: risorse econo-
que: delle prime tre, solo una ha
vinto senza aiuti arbitrali e anzi ha
nullare. Quindi, potrebbe evin-
cerne il Galliani, ci è stato sem-
Il Napoli ha il diritto miche definite e ade-
guate, un appoggio
sbagliato un rigore peraltro appar-
so ineccepibile. Dico del Napoli
plicemente ridato il maltolto.
Non fa una piega, se si accetta la
di vincere il tricolore, bipartisan e il pieno
sostegno di tutta la
ovviamente, che a dimostrazione logica per cui ci sono due squa- maggioranza. Mon-
di quel “ci sta tutto nel livellamento dre, le milanesi, dove prima ce ne ma il Palazzo è disposto tezemolo ha capito
verso il basso” che paghiamo nelle erano tre, le stesse più la Juve e che la Lega rimarrà
Coppe e in Nazionale ha anche tro- qualche volta la Roma, che si ad assegnarlo glaciale verso la can-
vato il modo di soffrirselo, e soffrig- spartiscono le spoglie di campio- didatura della Capi-
gerselo, il successo sul Catania in nato e potere. Ma il Cagliari e il fuori Milano? tale e ha fiutato il ri-
zona retrocessione. Ma non ha avu- Chievo sono due squadre di fessi? schio di un comitato
to regali arbitrali. Invece – ma tu Ditecelo, così si fa prima. trasformato in mac-
guarda lo spirito del tempo sotto la E il Napoli di De Laurentiis, am- china elettorale per
Madonnina evocato più volte an- messo che tenga fino in fondo il Pdl e il Campido-
che da Moggi defenestrato nel per suo merito, avrebbe perfino glio, in enorme af-
2006 dalla Mole ma profondo co- il diritto di vincere il campionato fanno. Così non si è
noscitore del ramo –, la prima e la o sarebbe uno scudetto “perso” esposto. “Chiunque
terza, il Milan e l’Inter, hanno vinto per il Palazzo perché uscito da Mi- darà un contributo a
di misura grazie a sesquipedali er- lano? Lo so, sono teorie mogge- questo evento potrà
rori arbitrali. Ho apprezzato molto, sche almeno all’apparenza: ma contare sul mio im-
pegno” ha conces-
so. Tradotto, qual-
che telefonata potrà
PALLONATE
di Pippo Russo TUTTO IL ROSA DI VELINE E CAMPIONI anche farla, ma di
metterci la faccia
non se ne parla. Il
centrodestra si è co-
lvira Erbì ha colpito ancora. Teniamo ben sfruttando il famoso sprint delneriano. Il Milan Matri?”; “Io
E presente nella memoria il suo editoriale
pubblicato sulla prima pagina di “Tuttosport”
è a undici lunghezze, un fossato più che un
abisso calcistico. E l’Europa può intralciare,
sono difficile. Mi
ha corteggiato
sì aggrappato al de-
putato del Pdl Mario
Pescante, 72 anni,
il 6 gennaio, giorno della ripresa del più che spingere. I bianconeri no, hanno un a lungo, a me vicepresidente del
campionato dopo la pausa natalizia. Quel solo obiettivo: salire su in campionato, piace. L’ho fatto tribolare per tre mesi. Ci Cio ed ex presidente del co-
giorno la Juventus ospitava il Parma altissimi, levissimi, determinatissimi. Pochi mitato promotore per Roma
conoscemmo in discoteca, poi lo rividi a Roma 2004, che perse la sua sfida.
nell’anticipo delle 12.30, e stando a sentire calcoli, tanto cuore. E gol a grappoli. in un locale e la sera dopo in un altro. Lo Ma Pescante, prima di accet-
l’Elvira la partita doveva essere poco più che Dall’uomo svolta, Mitra Matri, o da chiunque chiamavo con l’anonimo e impazziva, una sera tare, ha precisato che ci sa-
una formalità. Finì con la Juventus sconfitta sia bravo – o fortunato – a buttarla dentro”. chiamai da casa. Fu la fine (e ride, ndr). Poi rebbe “qualche problema”
4-1. Non memore di quello scivolone, la nostra Ormai le doti propiziatorie dell’Elvira nei cominciai a dargli il numero del cellulare, ma da risolvere.
mascotte ha concesso il bis nell’edizione del confronti della Juventus rischiano di con cifre sballate, doveva trovare quello
19 febbraio, per la partita contro il Lecce che rivaleggiare con quelle del Severgnaus nei giusto”. Altre domande: “Quante L’EX PRESIDENTE del
manco a farlo apposta era fissata per le 12.30: confronti dell’Inter. A molti sfugge ciò che telefonate?”; “Regali? È tirchio?”; “Gli Coni, dimessosi nel 1998 do-
“Gasata dall’impresa sull’Inter. E consapevole costituisce un dato di fatto evidente: che la po lo scandalo che travolse il
piacciono le altre?”. Poche pagine prima, altra
che con Lecce (domani) e Bologna (sabato “Gazzetta dello Sport” è un giornale rosa. A laboratorio antidoping del-
notizia fondamentale firmata dallo stesso Bibi l’Acqua Acetosa, ieri era con
prossimo) i punti in palio avranno lo stesso ribadire il concetto ha provveduto l’edizione in un trafiletto che iniziava così: “Dopo dieci
impatto sulla classifica. Sì, saranno pesanti andata in edicola il 19 febbraio, nella quale era Montezemolo a Palazzo Chi-
anni Barbara Berlusconi e il compagno gi. “Lui ha posto sul tavolo
quindi indispensabili per la rincorsa. Rincorsa ospitata un’intervista con Federica Nargi, la Giorgio Valaguzza si sono lasciati”. Quando tre cautele, le stesse che por-
Champions? Rincorsa scudetto? La Juve, velina fidanzata dello juventino Alessandro un giorno Alfonso Signorini sarà direttore rò io”, ha spiegato Pescante.
soggetto frizzante riemerso dalla crisi, evita i Matri. L’articolo era firmato da Francesco Bibi della “Gazzetta”, troverà bell’e pronto un fido Sullo sfondo, l’enfasi di Ale-
proclami e rilancia. I tifosi riprendono voce e Velluzzi, ovvero “il nostro corrispondente dal manno: “Rivolgo un appello
vice. Sul “Corriere dello Sport-Stadio” del 20
fiducia. Sul tavolo c’è l’ambizione da Billionaire”. Il quale ha imbastito scambi a tutte le forze politiche e so-
febbraio, il mitico Antonio Giordano sulla
soddisfare in questi mesi finali, magari come il seguente: “Come è iniziata con ciali perché ci sia unità attor-
vigilia di Napoli-Catania, caratterizzata dalle no a questa sfida”. E i numeri
polemiche per la squalifica di Ezequiel dei bookmaker: un sì di Pe-
SULLA “GAZZETTA”IMPERDIBILE INTERVISTA A LADY MATRI Lavezzi: “La rabbia e pure l’orgoglio. E in scante farebbe scendere la
quella miscela d’adrenalina, c’è pure l’acido quota di Roma olimpica da
“TUTTOSPORT”VEDE (ANCORA) LO SCUDETTO DELLA JUVE lattico”. Da ritagliare e conservare. 8,50 a 8,00. Davanti riman-
gono Tokio 5,00 e Busan
(Corea del Sud) a 7,50.
pagina 16 Martedì 22 febbraio 2011 Martedì 22 febbraio 2011 pagina 17

SECONDO TEMPO SECONDO TEMPO

IL PEGGIO DELLA DIRETTA

TELE COMANDO
TG PAPI
+ voltare lo stomaco agli italiani.
Ma hanno buon gioco: le op- di Fulvio Abbate
Quello zio
un po’ bollito
York” e “Toro scatenato”, se (Morandi-Canalis) iniziali,
MONDO
“L’EGITTO” ARRIVA IN CINA

Censure online
WEB
due caratteri il cui suono è AiJi:
è ADSL CON STRETTA PER TELECOM
IN CASO DI “TRAFFICO ELEVATO”. COMPRESO P2P
“Novità per la gestione dei servizi Adsl”. Questa una
recente comunicazione di Telecom Italia nella quale
informa che, su tutte le utenze Adsl, dal primo marzo si
potrà riservare la facoltà di introdurre “meccanismi
temporanei e non discriminatori di limitazione all’uso
delle rete disponibili”. Lo scopo è quello di garantire la
tenuta della rete anche nel caso di “traffico elevato” e si
tradurrà nella possibilità di “limitare la velocità delle
connessioni ad Internet” in momenti con “maggiore
feedback$
Commenti al post su
ilFattoQuotidiano.it:
“Frattini non condanna
Gheddafi e avverte:
‘L’Europa non esporti la
democrazia’”

è GLI ABBIAMO dato


pure 5mld di euro al

Il lunedì posizioni “dibattono”. In una


parola, continuano a suicidar-
si e Cicchitto – per una volta a
ragione – ridacchia e si frega le
mani.
I n ogni famiglia – rispetta-
bile o meno, integerrima o
mafiosa – c’è sempre una fi-
gura di Rintronato. Sovente
lo porterebbero in casa subi-
to, costoro in questi ultimi
giorni hanno potuto godere
della presenza del beniamino
fra Sanremo (Rai 1) e “Che
non ci sembra infatti che da
Fabio Fazio, con il supporto
di Carlo Verdone, lo Zio Bol-
lito si sia sciolto più di tanto.
Resterà dunque l’immagine
e gelsomini
poiché censurati, i cinesi han-
no utilizzato altri due ideo-
grammi dal suono identico, ma
il cui significato anziché essere
Egitto, suonava come “Amare i
consumo di banda”. Molti utenti hanno sottolineato in
rete come la nota sembra far riferimento soprattutto a
servizi come file sharing e peer to peer e che potrebbe
tradursi in un potenziale freno alla libertà dell’utente e
alla “neutralità” della rete.
Colonnello o ricordo male?
Magari li ha usati per
comprare le granate e i missili
che adesso spara sulla folle
inerme, che vergogna. Il

c’è Ghedini T g3
Ci sarebbe uno scandalo
non male, che parte da dove
partì Tangentopoli: il Pio Al-
dovrebbe trattarsi di un fra-
tello della madre, una sorta di
Gran Cognato presente lì, sul-
la poltrona a fiori di casa, con
la stessa dinamicità mentale
tempo che fa” di Fabio Fazio
(Rai 3).
É solo un dettaglio che De
Niro sia giunto nel paese del
Nano Ghiacciato per pro-
di un sessantenne che fa lam-
peggiare un’espressione fissa
da lattoniere svogliato, uno
che sembra star lì a rimugi-
nare sul preventivo dovrebbe
di Simone Pieranni
da Pechino
riale originale, obbligo di ri-
prendere solo quanto diffuso
polli”. In quel caso la censura
non ha potuto niente. Grazie a
questi escamotage, i cinesi
hanno avuto accesso a infor-
mazioni dei media internazio-
lampadato ministro degli
esteri farebbe bene a tacere
piuttosto che sparare queste
parole vuote e prive di
sostanza. L’ennesima
di Paolo Ojetti za voglia votare una mozione bergo Trivulzio, che sarebbe di una pietra pomice. Nessu- muovere il film di Giovanni rendere nuovamente fiam- dalla Xinhua. Dall’altro ha raf- nali, armonizzati da quelli loca- figuraccia internazionale.
in questo senso (servizio di un ente benefico. Beneficenza no pensi che si tratti di una elle settimane passate si è forzato i sistemi di filtri della li, pronti a sminuire l’eccitazio-

T g1
Il governo italiano è rima-
Maria Soave) per ottenere
“l’improcedibilità” nel pro-
ne faceva allora a Craxi e al Psi
milanese e beneficenza ne fa
figura fastidiosa moralmente,
tutt’altro. Il Gran Rintronato,
Veronesi, “Manuale d’amore
3”, per gli aspiranti suoi ba-
danti ciò che conta è semmai
mante la tua vecchia Abarth
“X 1/9”, tu aspetti, e lui in-
tanto mastica saliva e ancora
Negiziano”
registrato un “nervosismo
della autorità cinesi,
navigazione on line blocando
nei microblg (i twitter locali) la
ne del momento attraverso ar-
ticoli e riflessioni che sottoli- è SIAMO realisti signori,
Stufo

sto inerte? Frattini se ne stava a cesso Ruby. Improcedibilità, tuttora, con affitti compiacen- anzi, lo Zio Bollito, così co- la Presenza del “mito” a un sembra masticare qualcosa, sempre scettiche nei confronti parola “Egitto” nelle ricerche. neavano il rischio dei disordi- chiedere a Frattini di
sciare? Berlusconi si occupa immunità, libertà: rime bacia- ti ai soliti noti e – ieri le carte – me appare ai nipoti presenti passo da te, non a Park Ave- con un gesto meccanico fra dei disordini nel mondo occi- Al solito il paradosso dei mec- ni, della confusione, del luan, esprimere un opinione o
dei fatti suoi? Scherziamo, c’è te con cui il Tg1 ci persegui- con vendite a prezzi stracciati nel medesimo spazio dome- nue, semmai “Al Bolognese” bocca e mandibola così alla dentale. Non a caso ieri, pro- canismi censori si è ammirato temuto dal Partito più di ogni qualsiasi giudizio sulla crisi
un vertice dei “ministri com- terà per molte settimane. del proprio patrimonio (pub- stico, possiede perfino un suo della romana piazza del Popo- fine s’accende il dubbio che prio via social network, si era in tutta la sua lucentezza: ricer- altra cosa. Stabilità, armonia, libica è francamente
petenti”, siamo sempre in pri- blico) sempre ai soliti noti. pregio impagabile, veleggia, lo. Dimenticavo: dal “mito” possa trattarsi di un tic, di un diffuso l’invito a manifestare in cando la parola “Egitto” all’in- sono le parole della Cina con- impensabile!
ma linea. Dissensi fra noi e g2 Altro che “commissariamen- dice ne “La terra desolata” il Bob ci si aspetta un surplus di postumo, proprio come lo una protesta del gelsomino in terno dei social network, si temporanea. Peleppe
l’Europa sul colonnello che
bombarda i suoi sudditi? Non
T La Libia insanguinata,
Gheddafi in fuga, una guerra
to”, ci vorrebbero sequestri,
sigilli, avvisi di garanzia a pac-
poeta T. S. Eliot, “al di là del
guadagno e della perdita”, un
partecipazione, se non altro
perché, fin dal cognome, l’uo-
Zio Bollito che troneggia in
un angolo della casa come
13 città cinesi. Gli attivisti che
avevano lanciato l’idea sono
giungeva ad una pagina in cui
veniva affermato che a causa
La rete cinese però ha dibattu-
to, specie le parole di Barry Ei- è CERTO, in modo
pervenuti. Però non è facile civile per bande, il disastro dei chi (a Tunisi sarebbero già in vero dionisiaco subacqueo. mo mostra d’essere “paisà”. E monumento vivente all’im- stati subito arrestati, mentre i delle vigenti leggi, la pagina chengreen, professore di pacifico, possibilmente
cancellare il passato e Duilio nostri investimenti. Il Tg2 non piazza). Invece, il Tg3, sotto- Di certo, lo Zio Bollito parla invece? La gita di De Niro, co- placabile lotta tra apatia e ar- pochi manifestanti sono stati non poteva essere visualizzata. scienze politiche a Berkeley, continuando ad utilizzare gli
Gianmaria, che non si fa cen- riesce a dare l’idea di che razza valutando, non lo mette nem- pochissimo, e non c’è verso me forse si sarà intuito dalla teriosclerosi. Il Gran Bollito bloccati dalla polizia. Eppure I microblogger potevano però secondo il quale a unire Egitto RPG sulla folla. Che vergogna.
surare, la combina grossa e fa di macello si è scatenato e meno nei titoli. Molto migliore di sapere se questa sua afasia lunga, doverosa, premessa ha cui basta una copia della “Set- la censura del Partito aveva scrivere “Egitto” senza censu- e Cina sarebbe la situazione dei Lucas78
rivedere tutti i salamelecchi nemmeno di quello che ci la pagina sui libici e noi: Pier- discenda da un problema fun- mostrato un paradigma viven- timana Enigmistica” per sen- provveduto fin da subito ad ar- ra. Il problema quindi nasceva giovani precari, in aumento an-
fra i due amiconi Muhammar e aspetta. Berlusconi, in una luca Terzulli ha raccontato zionale (ischemia, dunque te del cosiddetto Zio Bollito, tirsi autosufficiente come monizzare, termine che indica dal fatto di non poter racco- che in Cina: “Il paese è pieno di è NOI ITALIANI onesti
Silvio. Parlavano di quelle ce- pausa degli affari suoi, pare si dell’inutilità di Frattini, che postumi di un ictus) oppure vivace e reattivo come un le- una monade di Leibniz. Mi ironicamente la censura gover- gliere in una ricerca tutti i post laureati che non riescono a tro- condanniamo fermamente il
rimonie etniche che vanno occuperà – fuori tempo mas- proponeva “una mediazione sopraggiunta consapevolezza gume. Mettiamo da parte le chiedi l’esatta differenza tra il nativa, quanto proveniva dal- riguardanti l’Egitto, rischiando vare un lavoro soddisfacente. beduino, facciamoci sentire,
sotto il nome di bunga bunga? simo, nemmeno fossimo la fra rivoltosi e Gheddafi”, fa- filosofica, non proprio Hegel, ipotesi più ingenerosi del tipo Cotto del nostro immaginario l'Egitto nelle due direzioni così di perdere il flusso delle Si parla tanto delle tribù di for- perchè l’Italia vera non è
Mai, Berlusconi lo faceva per i Nuova Zelanda – anche di po- cendo ridere l’Europa tutta. semmai un assai più prosaico “nu’ j’annava proprio”. Esclu- e il “mito” Robert De Niro? classiche: da un lato ha affidato discussioni. Ed ecco mettersi miche, i neo-laureati che vivo- rappresentata da B. e
superiori interessi dello Stato. litica estera. Ieri sera, già stan- Carmen Santoro ha dipinto un Bombolo di “ma che stai a di’ diamo perfino la non meno Sostanziale, a zio basta un tutta la comunicazione delle in moto la macchina creativa no in angusti scantinati nelle compagnia, sia ben chiaro.
Esattamente per gli stessi inte- co di Gheddafi, Berlusconi ha futuro energetico (soprattut- a me? Ma chi tte conosce!” malevola lettura dell’incapa- pappagallo, per lui raggiunge- news alla Xinhua, l’agenzia di degli attivisti cinesi, attraverso grandi città del Paese”. Molti di chicco2019
ressi che gli fecero fare quel però convocato Ghedini “per to per noi) tragico. Così Ber- Bob De Niro, così come lo cità dei suoi interlocutori re il bagno è puro insulto alla stampa statale, attraverso una soluzioni e scappatoie in grado loro sono la minoranza attiva
colpo di telefono alla Questu- i soliti incontri del lunedì”, lusconi si ritrova con un amico chiamano i suoi aspiranti ba- sua pace interiore, figurati se delle ormai note direttive del- di ridicolizzare la censura del della nascente società civile ci- è MA È UN ministro degli
ra di Milano: liberate la nipote tranquillizza il Tg2. Vogliono in meno e gli italiani con danti cinefili che, avendo Robert De Niro andrebbe mai fino a Sanre- l’Ufficio del ministero della Partito. La lingua cinese per- nese, quella che ha tentato la esteri Frattini? Chi si intende
di Mubarak. Pare che (non c’è rimettere in vita l’immunità un’austerity pesantissima alle amato la sua faccia sia in “Taxi è stato ospite a Sanremo e mo. Propaganda: per tutti i media mette infatti giochi infiniti: mancata rivoluzione del gelso- anche superficialmente di
niente da ridere) la maggioran- parlamentare, idea che fa ri- porte. Driver” sia in “New York New a Che tempo che fa www.teledurruti.it cinesi, vietato utilizzare mate- Egitto in cinese si scrive con mino. politica internazionale non
può fare a meno di
considerarlo non solo un
Arresti in cina; principiante, ma uno che non
LA TV DI OGGI I FILM
SC1= Cinema 1
LO SPORT
SP1=Sport 1
Raphael Gualazzi;
il sito “m’illumino di meno,
ma ci vedo di più”
ha la minima idea di quale
ruolo stia ricoprendo. La mia
impressione è che sia stato
SCF=Cinema Family
SCH=Cinema Hits SP2=Sport 2
SCMa=Cinema Mania
SCM=Cinema Max
SP3=Sport 3
messo lì per la bella presenza,
in funzione della concezione
17.25 Amori e vendette SCMa 18.00 Basket, Serie A maschile
estetizzante della politica
17.30 Giochi di potere SCH 2010/2011 19a giornata
berlusconiana (che riduce i
11.00 NOTIZIARIO TG1
11.05 ATTUALITÀ Occhio
14.00 ATTUALITÀ Pome-
riggio sul Due
14.00 NOTIZIARIO TG
Regione - TG3 - Meteo 3
19.30 NOTIZIARIO TG3
(REPLICA)
11.00 REAL TV Forum
13.00 NOTIZIARIO TG5 -
12.25 NOTIZIARIO Studio
Aperto - Meteo
11.30 NOTIZIARIO TG4 -
Meteo - Vie d'Italia noti-
11.25 TELEFILM L'Ispettore
Tibbs "Una madre fuori
17.45 Maga Martina e il libro
magico del draghetto SC1
Enel Brindisi - Armani Jeans
Milano (Sintesi) SP2
DAGOSPIA rapporti internazionali alle
alla spesa 16.10 TELEFILM La signora 14.50 RUBRICA TGR Leo-
LO STOMACO È RIVOLUZIONARIO? pacche sulle spalle) secondo
20.00 RUBRICA Il caffé - Meteo 5 13.00 NOTIZIARIO SPORTI- zie sul traffico strada" 19.00 Kate & Leopold SCF 19.00 Wrestling, WWE
12.00 VARIETÀ La prova in giallo nardo Noi e loro (REPLICA) 13.40 SOAP Beautiful VO Studio Sport 12.00 TELEFILM Wolff - Un 12.30 TELEFILM Due South
C’è un banchiere di nobile famiglia fiorentina cui basta mettere un
19.15 Lazarus Project SCM Experience Episodio 34 SP2 che sta soffrendo. É Lorenzo Bini Smaghi, il bell’uomo elegante ed ecco
del cuoco 17.00 TELEFILM Top Secret 15.00 NOTIZIARIO TG3 20.30 RUBRICA Consumi e 14.05 REALITY SHOW 13.40 CARTONI ANIMATI poliziotto a Berlino - Due poliziotti a Chicago
19.20 Io & Marilyn SC1 20.00 Wrestling WWE 54enne economista italiano che da giugno 2005 garantita la diplomazia
13.30 NOTIZIARIO TG1 17.45 NOTIZIARIO TG2 L.I.S. consumi Grande Fratello - Pillole Futurama 12.50 TELEFILM Distretto "Il momento della vendet-
19.25 Una cena quasi perfetta SCMa Domestic Raw Episodio 35 SP2 siede nel Comitato esecutivo della Banca internazionale perché così
14.00 NOTIZIARIO TG1 Flash L.I.S. 15.05 TELEFILM La strada 20.57 NOTIZIARIO Agrime- 14.10 SOAP CentoVetrine 13.55 CARTONI ANIMATI di Polizia 6 ta"
Economia - TG1 Focus 17.50 NOTIZIARIO SPORTI- per Avonlea teo 14.45 TALK SHOW Uomini I Simpson 13.50 REAL TV Sessione 13.30 NOTIZIARIO TG La7 19.30 Quel pazzo venerdì SCH 20.45 Calcio, UEFA Champions Centrale Europea. Quest’uomo, ha lavorato per 11 l’Italia ci sa “bella figura”. Ma
14.10 ATTUALITÀ Se... a VO Rai TG Sport 15.50 NOTIZIARIO TG3 GT 21.00 NOTIZIARIO News e Donne 14.40 TELEFILM E alla fine pomeridiana: il tribunale 13.55 FILM Storia di un 21.00 In fuga a quattro League 2010/2011 Ottavi di anni in Banca d'Italia e sta seguendo con una certa se analizziamo bene l’attività
casa di Paola 18.15 NOTIZIARIO TG2 Ragazzi lunghe da 24 16.15 REALITY Amici arriva mamma! di Forum soldato zampe SCF finale, gara di andata Olympique apprensione la battaglia per la candidatura di Mario Draghi a diplomatica di Frattini (che
16.10 ATTUALITÀ La vita 18.45 TELEFILM Squadra 16.00 DOCUMENTARIO 21.27 PREVISIONI DEL TEM- 16.55 ATTUALITÀ Pome- 15.05 SIT COM Camera Cafè 15.10 TELEFILM Hamburg 15.55 DOCUMENTARIO 21.00 X-Men 2 SCM Lione - Real Madrid Francoforte. Se la massaia di Berlino Angela Merkel non tirerà non ne ha centata una, dicasi
in diretta Speciale Cobra 11 Cose dell'altro Geo PO Meteo riggio Cinque 15.30 SIT COM Camera Distretto 21 Atlantide - Storie di uomi- 21.00 Antwone Fisher SCMa (Diretta) SP1 fuori dal cesto un candidato tedesco con gli attributi, la strada una), costui, più che un
18.50 GIOCO L'eredità 19.35 REALITY SHOW 17.40 DOCUMENTARIO 21.30 RUBRICA Tempi 18.50 GIOCO Chi vuol Cafè Ristretto 16.15 SOAP OPERA Sentieri ni e di mondi 21.10 Stick it SCH 20.45 Calcio, UEFA Champions per la BCE sembra spianata in favore del nostro Governatore. ministro degli esteri, sembra
20.00 NOTIZIARIO TG1 L'isola dei Famosi 8 Geo & Geo dispari essere milionario 15.40 CARTONI ANIMATI 16.45 FILM Sfida nell'Alta 18.00 TELEFILM MacGyver 21.10 Notte prima degli esami League 2010/2011 Ottavi di fina- La prova che la candidatura di Draghi sta lievitando è avvenuta il maggiordomo di
20.30 GIOCO Affari tuoi 20.25 Estrazioni del Lotto 19.00 NOTIZIARIO TG3 - 22.30 NOTIZIARIO News 20.00 NOTIZIARIO TG5 - 16.40 TELEFILM Merlin Sierra "La perla del corsaro" - Oggi SC1 le, gara di andata Copenaghen - venerdì a Parigi dove nelle lussuose sale dell’hotel Westin Vendome Berlusconi.
21.10 FICTION Cugino & 20.30 NOTIZIARIO TG2 - TG Regione - Meteo lunghe da 24 Meteo 5 17.35 TELEFILM Smallville 18.55 NOTIZIARIO TG4 - 19.00 TELEFILM J.A.G. -
Cugino "Cugini segreti" 20.30 20.00 VARIETÀ Blob
22.30 Ricatto d'amore SCF Chelsea (Diretta) SP3 il Governatore atermico durante la cena a porte chiuse ha Piermond
22.57 PREVISIONI DEL TEM- 20.30 ATTUALITÀ Striscia 18.30 NOTIZIARIO Studio Meteo Avvocati in divisa "Cuore
"Benvenuto zio Carmelo" 21.05 TELEFILM Senza 20.10 TELEFILM Seconde PO Meteo la Notizia - La voce del- Aperto - Meteo 19.35 SOAP OPERA Tempe- e anima"
23.00 Sotto il segno del 22.00 Basket, NBA 2010/2011 ricevuto complimenti da Trichet e dagli altri partecipanti al
(PRIMI EPISODI) traccia chance 23.00 RUBRICA Il punto l'improvvidenza 19.00 NOTIZIARIO SPORTI- sta d'amore 20.00 NOTIZIARIO TG La7 pericolo SCH All Star Game 2011 (Replica) SP2 G20. Se le cose andranno nel verso giusto il fiorentino Bini è SE LITIGHIAMO con
23.15 ATTUALITÀ Porta a 23.25 RUBRICA SPORTIVA 20.35 SOAP OPERA Un 23.27 PREVISIONI DEL TEM- 21.10 MINISERIE L'ombra VO Studio Sport 20.30 TELEFILM Walker 20.30 ATTUALITÀ Otto e 23.05 Il rompiscatole SCMa 22.45 Calcio, UEFA Champions Smaghi dovrebbe lasciare la poltrona della BCE. Lui è Gheddafi forse rimarremo
Porta 90° Minuto Champions posto al sole PO Meteo del destino 19.30 TELEFILM C.S.I. Mia- Texas Ranger mezzo 23.15 Presagio finale SC1 League 2010/2011 Ottavi di perfettamente consapevole che comunque vadano le cose senza gas per scaldarci... ma
0.50 NOTIZIARIO TG1 0.50 NOTIZIARIO TG2 21.05 ATTUALITÀ Ballarò 23.30 NOTIZIARIO News 23.30 ATTUALITÀ Matrix mi 21.10 FILM Nemiche ami- 21.10 REAL TV Il contratto 23.20 X-Men le Origini: finale, gara di andata Olympique dovrà uscire dall’Eurotower e si affanna a fare dichiarazioni meglio al freddo che complici
Notte - TG1 Focus 1.10 ATTUALITÀ TG Par- 23.15 VARIETÀ Parla con brevi 0.50 ATTUALITÀ Nonso- 20.30 GIOCO Trasformat che - Gente di talento Wolverine SCM Lione - Real Madrid (Rep.) SP3 che tradiscono un certo nervosismo. Venerdì scorso si è di un tiranno.
1.15 PREVISIONI DEL TEM- lamento me 23.33 ATTUALITÀ Inchiesta lomoda - 25 e oltre 21.10 ATTUALITÀ Mistero 23.55 RUBRICA I bellissimi 23.55 NOTIZIARIO TG La7 0.20 A prima vista SCF 0.00 Poker, La notte del Poker lasciato scappare qualche parola in più sulla possibilità che la Stefano
PO Che tempo fa 1.20 REALITY SHOW 0.00 ATTUALITÀ TG3 23.57 PREVISIONI DEL TEM- 1.30 NOTIZIARIO TG5 0.15 FILM Grindhouse - A di R4 0.10 FILM Totò nella fos- 0.45 Final fantasy SCMa Club Final Episodio 5 SP2 BCE alzi i tassi per contrastare l'inflazione; i mercati sono rimasti
1.20 RUBRICA Sottovoce L'isola dei Famosi 8 Linea notte PO Meteo Notte - Meteo 5 Notte prova di morte 0.00 FILM Parla con lei sa dei leoni perplessi, ma gli stessi concetti li ha ripetuti in un discorso a è A FRATTI’ ci vorrebbe
1.05 Shutter Island SC1 0.45 Wrestling WWE NXT
1.25 RUBRICA Appunta- 1.55 PREVISIONI DEL TEM- 1.00 RUBRICA Appunta- 0.00 NOTIZIARIO News 2.00 ATTUALITÀ Striscia 2.25 RUBRICA SPORTIVA 2.05 NOTIZIARIO TG4 2.15 DOCUMENTARIO Hong Kong dove ha sostenuto che la crescita e la disoccupazione che anche qui in questa
1.10 Borderland SCM Episodio 34 SP2
mento al cinema PO Meteo 2 mento al cinema lunghe da 24 la Notizia (REPLICA) Poker1mania Night News Vivo per miracolo (REPL.) sono stati migliori del repubblica sultanata delle
previsto. Questa è “MA CI VEDO DI PIÙ” banane ci svegliassimo!!!!!!!
opinione non coincide L’INIZIATIVA PER NON VEDENTI SUL WEB pacca67
TRAME DEI FILM PROGRAMMIDA NON PERDERE RADIO del tutto con quella dei
ministri del G20 che
hanno applaudito
Uno studente non vedente della classe 3A
dell’istituto Costa di Lecce, Vincenzo
Urbano, ha lanciato su web una pagina che ha
è QUANDO uno governa,
deve avere il senso della
è GUALAZZI SBANCA TUTTO
/ Parla con lei  Ballarò  Parla con me A “Radio3 Mondo e Radio3 SUBITO IN VETTA SU ITUNES
Draghi a Parigi, ma Bini
Smaghi che non ha mai
lo scopo di raccogliere consigli per indurre i
progettisti a curare l’accessibilità dei siti a
misura, altrimenti quando il
bicchiere é pieno trabocca. E
Marco, uno scrittore ancora incapace di La presidente di Confindustria Emma I giornalisti Gian Antonio Stella e Ser-
superare un amore finito dieci anni pri- Marcegaglia interverrà a “Ballarò”.Tra gio Rizzo, nelle librerie con “Vandali”, Scienza” la ricerca Raphael Gualazzi, l’eclettico
pianista e compositore di Urbino,
detto cose strepitose tutti. Venerdì scorso, 18 febbraio, mentre in poi è troppo facile parlare di
ma, ritrova finalmente la voglia di vive- gli ospiti di Giovanni Floris il presiden- saranno gli ospiti sul famoso divano nella sua vita, ha un tutta Italia molti hanno spento qualcosa per riconciliazione.
Radio3 chiama a raccolta biologi e linguisti, chimici e vincitore nella sezione giovani del
re quando incontra Lydia, una torera. te dei deputati del PD Dario France- rosso di Serena Dandini nella puntata bisogno assoluto di aderire simbolicamente alla giornata del Rober to
filologi, architetti e astronomi, matematici e dramma- 61esimo Festival di Sanremo, con
Benigno è un giovane infermiere che schini, il presidente dei senatori del odierna di “Parla con me”. In program- mettersi in vista. risparmio energetico, Vincenzo ha, al
PdL Maurizio Gasparri, il governatore ma anche un nuovo episodio di “Italia- turghi, musicisti e archeologi, geografi e informatici, fisi- il suo album d’esordio “Reality
lavora in una clinica privata, accudendo contrario, “acceso” la pagina web è ABBIAMO un ministro
del Piemonte Roberto Cota della Lega n’s got Parliament” il talent show del ci e geologi, storici dell'arte e veterinari, e tutti coloro and fantasy” targato Sugar, sta
una ballerina in coma da ben quattro (www.gpace.net/milluminodimeno) degli esteri che al posto che
anni. Il destino li farà incontrare quan- Nord, il presidente della Legacoop Giu- Trio Medusa, mentre la musica sarà che vivono sperimentando, osservando, inventando. scalando le classifiche di iTunes.
/ Nemiche amiche / Grindhouse - A prova di morte  Il Contratto - Gente di talento contenente un questionario rivolto alle fare qualcosa scrive lettere a
do Lydia, in seguito a un tragico inci- liano Poletti, la direttrice dell’Unità quella di Evy Arnesano. Non manche- Radio3Mondo e Radio3Scienza uniscono le forze per L’album, infatti, è primo nella Jazzchart di iTunes e tra
Jackie e Luke, divorziati, hanno due Prima parte del lungometraggio firma- “Il Contratto”è il primo programma di persone non vedenti e ipovedenti con alcune babbo natale, imbarazzante...
dente, verrà ricoverata, in stato comato- Concita De Gregorio, il presidente della ranno le incursioni satiriche di Dario una puntata speciale per raccontare un mondo di ricer- i singoli di questa classifica 9 brani su 10 sono tratti
bambini Anna e Ben. Nel quadro fami- to da Quentin Tarantino e da Robert social entertainment dedicato al mondo domande relative al loro rapporto con l’uso cazzandra
so, nella medesima clinica. Ipsos Nando Pagnoncelli. Vergassola. che e per decifrare i nuovi flussi e le nuove strategie che dal suo album: “Follia d’amore”, “Lady O”, “Reality
liare allargato c’è anche Isabel, la nuo- Rodriguez. Protagonista assoluto della del lavoro e condotto da Sabrina Nobi- delle nuove tecnologie (computer, internet,
Rete 4 0,00 Rai 3 21,05 Rai 3 23,15 ridisegnano il quadro delle politiche della ricerca a and fantasy”, “Calda Estate”, “Don't Stop” (bonus
va compagna di Luke.Tra Jackie e Isa- pellicola è Stuntman Mike, attempato le. Un format originale che, attraverso social network). Vincenzo ha chiamato la sua è PER FORZA che non lo
livello mondiale. Rossella Panarese e Anna Maria Gior- track), “Behind the sunrise”, “A Three second
bel non corre buon sangue, la prima stuntman in pensione, che dopo una 12 puntate, esplora in modo nuovo e iniziativa “M’illumino di meno ...ma ci vedo di condannano. Se in Italia non
non comprende perché Isabel non abbia concreto il tema del lavoro.Tre candi- dano ne parlano con Marco Cattaneo, direttore di Le breath”, “Sarò sarai” e “Tuesdey”. Inoltre “Reality
sostenuta bevuta in un bar di periferia, più!”. “Visto che la categoria dei non vedenti, ci fosse la magistratura e gli
intenzione di dedicarsi totalmente alla si ritrova dentro una brutta situazione dati, devono confrontarsi per dimostra- Scienze, e di Federico Rampini, giornalista di Repubbli- and fantasy” è secondo nella classifica generale di
per motivi di forza maggiore, non può organi di controllo
famiglia, ma abbia sempre privilegiato a causa di tre ragazze che aveva cono- re chi possiede il profilo professionale ca. Con le testimonianze di Marta Arena, giurista esper- iTunes e “Follia d’amore”, brano che lo ha portato
accorgersi delle luci che si spengono, ho costituzionali, che
la carriera. La situazione subisce una sciuto solo qualche ora prima. Film idoneo per sottoscrivere un contratto a ta di diritto musulmano, Giacomo Bastianelli, biologo, alla vittoria sanremese, è in quinta posizione.
pensato ad un modo originale - ha scritto il “casualmente” sono nel
drammatica svolta quando a Jackie zeppo di citazioni di vecchi B-movie tempo indeterminato, assegnato di vol- Salvatore Ceccarelli, agronomo, Hanako Tsushima, bio- ragazzo su web - per far partecipare mirino, Berlusconi sarebbe
viene diagnosticato il cancro... nonchè di originali virtuosismi. ta in volta da aziende diverse. chimica. all’iniziativa di Radio. La pagina resterà accesa tale e quale a Gheddafi.
Rete 4 21,10 Italia 1 0,15 La7 21,10 Radiotre 11,00 per una settimana, fino al 25 febbraio”. miomao70
pagina 18 Martedì 22 febbraio 2011

SECONDO TEMPO

NOI&LORO
PIAZZA GRANDE É di Maurizio Chierici

SANGUE
E PETROLIO
Perché l’Italia non alza la testa M entre la Libia brucia l’Europa balbetta e forse l’Italia
faceva bene a tacere: ultima raffica di Frattini in favore
di Gheddafi. Meno male che la primavera è vicina e le case
fredde danno meno fastidio ma l’incubo delle domeniche a
di Massimo Fini inizi degli anni '70 era già co- di fronte a queste storie dei che sia gente in partenza di- piedi, città e autostrade vuote, riporta al dopoguerra del Kipur,
minciata la deportazione dei figli delle oligarchie del po- sonesta. Ma, com'è noto, la 1973. Anche perché l’Algeria si sta svegliando: altro gas e altro
erché non ci ribellia- milanesi verso l'hinterland, tere che hanno il posto as- mela marcia scaccia quella

P
petrolio, rubinetti chiusi se svaniscono le dittature coperte dai
mo? In Italia la disoc- lo Iacp, Istituto Autonomo sicurato o delle case del cen- buona. Se “così fan tutti”, tan- sorrisi di noi clienti. La novità per chi da anni criminalizza il
cupazione giovanile è Case Popolari, non dava i tro occupate “low cost” da to vale che lo faccia anch'io. mondo islamico con le paure dell’integralismo lontano dalle
al 29%, la più alta d'Eu- suoi appartamenti alla pove- queste stesse oligarchie o dai Così ragiona il cittadino. Per
abitudini rispettose dei nostri politici; questa novità rovescia il
ropa. Tutti noi genitori ab- ra gente, ma a politici, am- loro pargoli (nello scandalo resistere a quel “tanto vale”
biamo il problema dei figli, ministratori locali, giornali- del Pio Albergo Trivulzio c'è ci vuole una corazza morale dogma al quale si aggrappano le cancellerie dei paesi
quasi sempre laureati, che sti, in genere socialisti per- un nipote di Pilliteri, una fi- da santo o da martire o da “superiori”: nell’altro Mediterraneo esistono società disarmate
non trovano lavoro o che de- ché, prima del ribaltone della glia di Ligresti). Queste cose masochista. La seconda ra- in grado di rovesciare dittature che aiutano le nostre comodità.
vono accettare ingaggi pre- Lega, Milano, è stata gover- li colpiscono più dei truffoni gione sta in una mancanza di Macché “scontro di civiltà”. Nessuna differenza da una parte e
cari molto al di sotto del loro nata da sindaci del Psi (Ania- di Berlusconi perché tocca- vitalità. Basterebbe una spal- all’altra del mare, uomini e donne pretendono il rispetto
titolo di studio, senza nessu- si, Tognoli, Pilliteri, gli ulti- no direttamente la loro car- lata di due giorni, come quel- calpestato da tiranni ed autocrati con somiglianze che
na prospettiva per il futuro mi). È ovvio che il centro di ne. la tunisina, una rivolta popo- favoriscono gli abbracci. Se Gheddafi non si preoccupa di
(questo è stato uno degli ele- Milano, depauperato dei suoi lare disarmata ma violenta di- nascondere le trenta vergini armate con licenza di uccidere -
menti scatenanti della rivol- ceti popolari, sia abitato oggi SCHIUMANO rabbia ma sposta a lasciare sul campo guardie del corpo e harem - gli amici in doppiopetto
ta tunisina innescata da un solo dai ricchi. Noi milanesi non si ribellano. Perché? Le qualche morto per abbattere collezionano ragazze meno virtuose da nascondere nelle ombre
ingegnere costretto a fare il le case di piazza del Carmine, ragioni, secondo me, sono queste oligarchie, queste ari- della notte. Non solo petrolio e affari cementano simpatie dai
venditore ambulante e, im- di via Moscova, di via della sostanzialmente due. In que- stocrazie mascherate che, cerimoniali grotteschi, una vocazione sotterranea unisce
peditagli anche la bancarel- Spiga, di via Statuto possia- sto Paese il più pulito ha la come i nobili di un tempo, si protagonisti in apparenza diversi: il rifiuto di condividere
la, si è dato fuoco). mo solo sfiorarle e occhieg- rogna. Quasi tutti hanno del- passano potere e privilegi di qualsiasi decisione con gli interlocutori che la democrazia
Tutti gli scandali più recenti, giarne i lussuosi androni. Me- le magagne nascoste, magari padre in figlio, senza nemme-
impone. E poi interviste ammaestrate, magistrati al guinzaglio,
dal “caso Mastella” in poi, ci no ovvio è che il Pio Albergo veniali, ma ce l’hanno. Non no avere gli obblighi delle ari-
dicono che la classe dirigen- stocrazie storiche. Ma in Tu- militari e ministri dall’obbedienza cieca, pronta e assoluta. Ho
te italiana, intesa come mi- nisia l'età media è di 32 anni, incontrato Gheddafi la prima volta nel 1986 dopo un
xage di politici, amministra- Solo una crisi da noi di 43. Siamo vecchi, bombardamento dell’America di Reagan: morta la figlia
tori pubblici, imprenditori, siamo rassegnati, siamo di- adottiva di quattro anni, una scheggia lo aveva sfiorato, fronte
finanzieri, speculatori, espo- economica sposti a farci tosare come pe- dalla fasciatura istrionica. Non accetta domande. Risponde
nenti dello star system, piaz- core e comandare come asini solo alle “sollecitazioni” di chi gli sta attorno. Appena un
zano i propri figli, nipoti, ge- cupissima al basto. Solo una crisi eco- reporter spagnolo sfida la regola, due signori l’accompagnano
neri, amici degli amici, in po- potrebbe spingere nomica cupissima potrebbe alla porta. Più o meno quanto è successo a Pratica di Mare
sti di lavoro ben remunerati spingere la popolazione a ri- quando parla Putin dopo le elezioni farsa in Cecenia e
e sicuri. Del resto nemmeno la popolazione bellarsi. Perché quando arri- Berlusconi irrompe con rabbia imbavagliando la giornalista
un chirurgo, nel nostro Pae- va la fame cessa il tempo del- tedesca che infastidiva il presidente russo. Idem sentire, e in
se, può fare il chirurgo se a ribellarsi. Perché le chiacchiere e la parola pas- questi giorni Putin ricambia: nessun giornale, radio e Tv di
non ha gli agganci giusti con Trivulzio, la Baggina come la sa alla violenza. La sacrosanta
questa o quella banda di po- chiamiamo noi, che ha accu- quando arriva la violenza popolare. Come ab-
Mosca raccontano il Rudygate. Bisogna dire che il nostro capo
del governo non ha mai nascosto simpatie per protagonisti
tere. Perché il sistema clien- mulato un ingente patrimo- fame cessa il tempo biamo visto in Tunisia e in
impresentabili. Per Ben Ali, dittatore, abbracci a Tunisi
telare di Mastella non è il “si- nio immobiliare, grazie a dei Egitto, come vediamo in Li-
all’inaugurazione della Tv del quale B è proprietario assieme al
stema Mastella” è il sistema benefattori che intendevano, delle chiacchiere bia o in Bahrein (in culo al
socio arabo di Mediaset. Lo accompagnava Stefania Craxi che
dell'intera classe dirigente con ciò, non solo alleviare la colossale Barnum del Circui-
italiana. Se non altro Mastel- condizione dei vecchi soli e e la parola passa to di Formula Uno, che è, in a Ben Ali deve gratitudine per la protezione al padre latitante.
la ha lo spudorato coraggio e invalidi ma anche che i loro sé, uno schiaffo alla povera “Giornata che passerà alla storia”. Pochi mesi dopo la storia del
la spudorata onestà di non quattrini avessero un utilizzo alla violenza gente di quel mondo). Cavaliere traballa, la storia di Ben Ali finisce male. Amicizia per
farne mistero. sociale, svenda questo patri- Mubarak coraggiosamente confermata nelle ore finali, spot
monio, con affitti o vendite Ben Ali (FOTO ANSA) amoroso sul garante della stabilità. Amicizia per Isayas
I CETI POPOLARI sono “low cost” come si dice ele- Aferworkt, dittatore eritreo. Fa sparire 11 ministri e quando
stati espulsi da Milano e man- gantemente oggi, a politici, l’ambasciatore italiano vuol sapere dove sono finiti, lo butta
dati nell'hinterland, in “non amministratori, manager, im- fuori per ingerenze. Isayas si gode week end felici a Villa
luoghi” direbbe Biondillo, mobiliaristi, speculatori, mo- Certosa, Cavaliere padrone di casa. Niente petrolio ma mille
che hanno il nome di paesi delle, giornalisti, che di que- bungalow vacanze da costruire a Massawa: Paolo Berlusconi è
ma non sono paesi, perché sto “aiutino” non avrebbero pronto a cominciare. Amicizia con l’emiro del Dubai, lavanderia
non hanno una piazza, una alcun bisogno, sottraendo ri- dei capitali sporchi, specie di Las Vegas dove il Cavaliere
chiesa, un cinema, un luogo sorse a chi il bisogno ce
vorrebbe aprire un’altra casa in un’ oasi con cascate artificiali e
di aggregazione. Le deporta- l'ha.
zione dei ceti popolari ha di- Io bazzico bar frequentati da acqua desalinizzata. Amicizia con Nazarbaev “proprietario”
strutto Milano, città inter- impiegati, da piccoli mana- del Kazakistan assieme a moglie, figli, cognati cugini. Non solo
classista dove nei quartieri ger, da lavoratori del terziario per il petrolio, ma per chiedere consigli su come ha fatto ad
del centro, Brera, Garibaldi, e un'antica piscina meneghi- impossessarsi dei beni dello stato distribuiti in famiglia. E poi le
Pirelli abitava accanto al suo na, la Canottieri Milano, dove ricerche a proposito dell’eterna giovinezza: Narzabaev vuol
operaio, il primo, natural- si sono rifugiati, come in uno regnare fino a 100 anni. Intanto si muore nelle piazze della
mente, in un palazzo di Cac- zoo per animali in estinzio- Libia, ma l’importante è la stabilità. Un po’ di sangue val bene
cia Dominioni, il secondo in ne, i cittadini di una Milano tanto petrolio. E se vince la rivolta? Cambiano gli abbracci.
una casa di ringhiera. Questa che fu, gente anziana. Tutti mchierici2@libero.it
interfecondazione dava alla schiumano rabbia impotente
città una straordinaria vivaci-
tà che è andata inesorabil-
mente perduta. Oggi una gio-
Esce in Italia il libro
vane coppia non può trovar
casa a Milano, né in affitto né
tantomeno in proprietà nem-
meno con mutui che impe-
Ecco ro senso del termine, perché la fiam-
ma della Resistenza non si spenga
mai:
Ci appelliamo innanzitutto agli edu-
del partigiano
francese: un appello
finché superino le poste in gioco set-
toriali, e lavorino innanzitutto sulle
cause politiche delle ingiustizie e dei
conflitti sociali, e non soltanto sulle loro
gnino tre o quattro genera-
zioni. Quando ci si lamenta
che certe zone periferiche,
come via Padova, sono state
occupate più o meno illegal-
“Indignatevi” catori, ai movimenti sociali, alle col-
lettività pubbliche, ai creatori, agli
sfruttati, agli umiliati, affinché cele-
brino insieme a noi l’anniversario del
programma del Consiglio Nazionale
all’ insurrezione
pacifica, anche
conseguenze, per definire insieme un
nuovo “Programma della Resistenza”
per il nostro secolo, consapevoli che il
fascismo continua a nutrirsi di razzi-
smo, di intolleranza e di guerra, che a
mente dagli immigrati, si sba- della Resistenza (Cnr) adottato in contro loro volta si nutrono delle ingiustizie so-
glia perché se non altro han- “93 anni. È un po’ l’ultima tappa. La fine non è troppo lontana. Che fortuna clandestinità il 15 marzo 1944: Sé- ciali.
no restituito un po' di vita, e poterne approfittare per ricordare ciò che ha fatto da fondamento al mio curité sociale e pensioni generalizza- i mass media
in particolare una vita nottur- impegno politico”. Comincia così “Indignatevi!”, scritto dal partigiano te, controllo dei “gruppi di potere eco- CI APPELLIAMO infine ai ra-
na a una città che non ne ha Stephane Hessel, diventato un caso editoriale in Francia, e adesso proposto nomico”, diritto alla cultura e all’edu-
che propongono gazzi, ai giovani, ai genitori, agli an-
più se non in quei quattro o in Italia da Add Editore. Pubblichiamo l’appendice: l’appello dei Resistenti cazione per tutti, stampa affrancata il consumismo ziani e ai nonni, agli educatori, alle
cinque bordelli di lusso, a tut- alle giovani generazioni, firmato dallo stesso Hessel nel 2004. dal denaro e dalla corruzione, leggi autorità pubbliche perché vi sia una
ti noti, che ogni tanto ven- sociali operaie e agricole ecc. Come di massa come vera e propria insurrezione pacifica
gono chiusi per eccesso di può oggi mancare il denaro per sal- contro i mass media, che ai nostri gio-
escort e di droga. In questi al momento che vediamo ri- telli e sorelle della Resistenza e delle vaguardare e garantire nel tempo unico orizzonte vani come unico orizzonte propongo-
posti senti uomini fra i qua-
ranta e i sessanta fare discorsi
di questo tipo: “Domani par-
to per New York, poi faccio
un salto a Boston e ritorno in
D messo in discussione il fonda-
mento delle conquiste sociali
della Liberazione, noi, vetera-
ni dei movimenti di Resistenza e del-
le forze combattenti della Francia li-
Nazioni Unite contro la barbarie fa-
scista. Ma questa minaccia non è del
tutto scomparsa, e la nostra rabbia
contro l’ingiustizia è rimasta intatta.
conquiste sociali, quando dalla Libe-
razione, periodo che ha visto l’Europa
in ginocchio, la produzione di ricchez-
za è considerevolmente aumentata?
I responsabili politici, economici, intel-
no il consumismo di massa, il disprez-
zo dei più deboli e della cultura, l’am-
nesia generalizzata e la competizio-
ne a oltranza di tutti contro tutti. Non
accettiamo che i principali media sia-
Italia via Thailandia dove mi bera (1940–1945) ci appelliamo al- IN COSCIENZA, noi invitiamo lettuali e la società nel suo complesso no ormai nella morsa degli interessi
fermerò una decina di gior- le giovani generazioni perché man- a celebrare l’attualità della Resisten- non devono abdicare, né lasciarsi in- privati, contrariamente a quanto sta-
ni”. Se per caso ti capita di tengano in vita e tramandino l’ere- za non già beneficio di cause parti- timidire dall’attuale dittatura interna- bilito dal programma del Consiglio
parlargli e gli chiedi: “Scusi, dità della Resistenza e i suoi ideali giane o strumentalizzate da qualche zionale dei mercati finanziari che mi- Nazionale della Resistenza e dalle or-
lei che lavoro fa?”, le risposte sempre attuali di democrazia ed posta in gioco politica, bensì per pro- naccia la pace e la democrazia. dinanze sulla stampa del 1944. A
son vaghe. In genere si dico- economia, sociale e culturale. Ses- porre alle generazioni che ci succe- Ci appelliamo quindi ai movimenti, ai quelli e quelle che faranno il secolo
no finanzieri, intermediari, sant’anni più tardi il nazismo è scon- deranno di compiere tre gesti uma- partiti, alle associazioni, alle istituzioni che inizia, diciamo con affetto: Crea-
immobiliaristi. Quando agli fitto, grazie al sacrificio dei nostri fra- nitari e profondamente politici nel ve- e ai sindacati eredi della Resistenza af- re è resistere. Resistere è creare.
Martedì 22 febbraio 2011 pagina 19

SECONDO TEMPO

vetta “ di Sciascia quando il boss tore, Roberto Vecchioni. Di-

MAIL BOX
definisce le categorie di uomini: spiace invece che non sia stata
uomini, ominicchi e quaqquara- inserita tra le canzoni omaggian-
quà. Bene penso che siamo cir- ti l’Unità d’Italia “Ciao amore
condati da tanti ominicchi e ciao” di Luigi Tenco. Sarebbe
quaqquaraquà che hanno di- stato giusto non solo per ricor-
menticato la cosa più importan- dare questo “ragazzo” che in un
te: guardarsi allo specchio! E mi Festival di tanti anni fa “ha col-
duole dirlo ma la colpa non è di pito a morte il sonno mentale
Il Pd sa solo logorare Berlusconi: lui ha i soldi e li usa, è dell’italiano medio” (Salvatore
la sua base
Gentile Direttore, sono un
Furio Colombo

7 A DOMANDA RISPONDO chi li accetta rinunciando a se


stesso che diventa uno squallido
ominicchio e quaqquaraquà.
Quasimodo) e che ancora oggi
vive nell’attualità delle sue ope-
re e nella coerenza della sua vita;
iscritto e militante del Pd e ho
molto apprezzato l'ultimo edi- COME SALVARE Laura Galletti non solo perché la canzone trat-
ta di emigrazione, realtà dispe-
Questa notte
toriale di P. Flores d'Arcais. Ne
condivido l'analisi politica (cri-
tica ai vertici delle opposizioni
IL PAESE dovrà pur finire
rata di allora e di oggi pur nelle
diverse rotte, ma anche perché
il testo originario parla della
compresa) e l'indignazione mo- aro Colombo, io credo che la chiedere il rispetto delle leggi. Su questo punto, il Mentre un miliardario persegui- spedizione dei “trecento giova-
rale per il degrado di regime cui
sarebbe condannato il Paese in
C gravità della crisi dovrebbe indurre
chi ha un minimo di saggezza a perorare
rischio reale e non solo verbale di sovvertimento
completo della legalità, il linguaggio del cerchio
tato dall'uguaglianza sta alzando
la sua linea Maginot su tutti i pa-
ni e forti” di Pisacane. Ed era già
nel repertorio di una delle can-
assenza di reazioni efficaci. E la causa di un governo di salvezza interno di difesa estrema di Berlusconi non lascia linsesti, la sorpresa viene da un tanti del Festival, Giusy Ferreri.
giustamente sottolinea l'evi- nazionale, tralasciando per una volta gli dubbi. Basti pensare al linguaggio di scontro finale imprevedibile Festival di Sanre- Vecchioni ha detto: “Non penso
dente ma intollerabile impo- interessi di bottega. Ma auspicherei che i con cui identifica l’oscenità con tutto ciò che mette mo. Dove milioni di italiani riu- di poter riscattare Tenco con
tenza che esprime la nomencla- partiti di questa ipotetica Unione a rischio o denuncia il padrone ed esime dalla niti in cucina per sentire le can- questa mia vittoria, però è giu-
tura dell'opposizione di fronte facessero un passo indietro e indicassero oscenità qualunque evento, anche il più perverso, zoni, vedono un Benigni che fa sto ricordarlo ed omaggiarlo, ci
alla lucida strategia dell'“utile per le eventuali elezioni un candidato che sia stato prescelto e usato dal padrone. Che venire i brividi, raccontando di ho pensato molto in questi ul-
clown”. Fino a registrare le premier al di sopra delle parti (ovvero rischio sarà? Come dice Padellaro “può succedere giovani che scrivono versi di timi giorni. ‘Chiamami ancora
“spallucce” sull'unica proposta non di destra, non di centro, non di di tutto”. Non si tratta di muovere divisioni. E carri amore per la Patria come un te- amore’ ha vinto anche perchè
adeguata, sostenuta dal vostro sinistra) possibilmente lontano armati, ma di restare nel bunker, fingendo di stamento, prima di dare la loro sintesi tra canzone popolare e
giornale, che consiste nel “for- dall’agone politico, e di alto profilo governare, non solo contro il buon senso e il buon vita per la libertà. La nostra. canzone d’autore”. Ed era pro-
zare” subito il ricorso alle ele- istituzionale. O forse tutto ciò è solo una nome del Paese, ma contro istituzioni Aspettano di farsi quattro risate prio questa la strada cercata da
zioni anticipate con le dimissio- ingenua speranza? fondamentali (la magistratura, il capo dello Stato ). con due “iene” e incontrano Tenco. Anche con quella sua ul-
ni in massa da un Parlamento Erminio E continuando a tenere in ostaggio il Parlamento Gramsci che scuote gli indiffe- tima e struggente canzone,
ormai oltraggiato irreparabil- gonfiato dalla corruzione degli acquisti. In questo renti. Restano svegli per vedere troppo dimenticata.
mente. Riportate che tale pro- TEMO CHE LE POCHE ore modo si giunge alla paralisi totale, indicata come chi vince. E vince Vecchioni. Cristina Romieri
posta viene sbrigativamente che separano questa lettera dalla risposta siano “colpa della persecuzione giudiziaria”, si troncano Con la potente speranza di chi
bollata come “Aventino” dalle state sufficienti per cambiare e peggiorare lo i rapporti internazionali dell’Italia, si rende ama ancora il suo Paese e non si I nostri errori
opposizioni, che fanno finta di scenario italiano. Temo che la situazione sia troppo impossibile ogni lavoro di estrema protezione della rassegna. Perché “questa notte
non capire che a differenza di grave (e gravemente peggiorata) per indugiare sul pericolante economia italiana, si distrugge ogni dovrà pur finire”.
quello “storico” non sarebbe meglio o sul peggio di un governo di salvezza credibilità e affidabilità delle istituzioni dentro e Massimo Marnetto Nell’editoriale “Sinistra alla
un “alto rifiuto” e come tale ri- nazionale. La domanda, adesso, non è se trovare la fuori del Paese. È un percorso mortale, ma non (Libertà e Giustizia di Roma) rovescia” uscito sull’edizione di
nunciatario; ma l'unica azione personalità di alto profilo, come certo sarebbe potete dire che non sia già preannunciata da alcuni domenica 20 febbraio, a firma
efficace (ne propogano altre, se desiderabile. La domanda è se si arriverà in tempo tragici e chiarissimi comunicati militari in forma di A Sanremo bisognava Furio Colombo, per uno
ne sono capaci!) per consentire per fermare la corsa malata di un uomo troppo articoli. Tutti coloro che si ritengono opposizione è spiacevole inconveniente tecnico è
al Presidente della Repubblica ricco e del tutto fuori controllo, che non si arrende bene che si rendano conto che il pericolo di ricordare Luigi Tenco salta una riga. Ripubblichiamo il
di sciogliere le Camere e indire ai suoi problemi, alla sua uscita di scena, tiene in distruzione di tutto, pur di evitare la vergogna di Confortante il trionfo in questo passaggio corretto, scusandoci
elezioni in primavera, inter- ostaggio il Paese e minaccia di far coincidere la sua uno, è qui e adesso. Festival di Sanremo (che ha visto con i lettori e con l’autore:
rompendo così una deriva fine con la fine della Repubblica. Forse solo anche la stupenda partecipazio- Non si stanno aspettando i ri-
eversiva intrapresa dal Gover- l’editoriale di Antonio Padellaro su questo giornale, Furio Colombo - Il Fatto Quotidiano ne di Benigni) di una bella can- sultati di nuove elezioni. Si sta
no e dalla sua maggioranza. e di Ezio Mauro su ”La Repubblica” (16 febbraio) 00193 Roma, via Valadier n. 42 zone - dal testo ricco di sensi- parlando delle trattative aperta-
Non so se gli attuali vertici, an- mostrano e chiedono ai lettori di capire la gravità lettere@ilfattoquotidiano.it bilità e impegno - di un cantau- mente in corso sotto il cielo del-
che del Pd, siano più bloccati dai dei fatti. È estrema e aperta ad ogni pericolo. Lo la illegalità più sfacciata, ma an-
meschini calcoli di previdenza dimostra il continuo ritorno de “Il Foglio” che sbandierata come un suc-
per i parlamentari o da una più all’invocazione del colpo di Stato. Ovvio che cesso. Negli stessi giorni, nelle
disinteressata paura di decide- l’organo interno della rivoluzione berlusconiana lo LA VIGNETTA stesse ore, le stesse fonti – che
re; so solo che il vertice Pd non denunci a rovescio, ovvero come “colpo” subito. includono quasi tutte le televi-
sa proporre altro che logorare Ma nella storia dei golpe, in tutta la più illustre sioni e, dopo un poco, persua-
le residue forze dei propri (va- tradizione vetero–sudamericana, e in quella dono anche i maggiori quotidia-
lorosi) militanti su una velleita- africana dei nostri giorni, il vero golpe si scatena ni allo stesso linguaggio – inizia-
ria quanto inutile raccolta di fir- sempre dopo la minaccia sbandierata e ripetuta no a sostituire le imputazioni del
me per indurre (sic!) il Caimano del pericolo di un golpe ad opera di chi insiste nel tribunale e la decisione del pro-
a dimettersi! cesso immediato (che vuol dire
Rinaldo Alberico prove certe) con la dizione:
“Gogna mediatica”. A tutto ciò
si aggiunge il militantismo fervi-
IL FATTO di ieri 22 febbraio 1960 se sono milioni quelli sistemati e
sono rimasto tra i pochi fessac-
do con cui si uniscono al cerchio
stretto di difesa di Berlusconi
In tempi di trasversalismo in salsa siciliana, la memoria chiotti fuori dal giro?) e le prime quei dirigenti del Pdl che non so-
storica corre a Silvio Milazzo e al “milazzismo”, pallidissime e vergognose scuse, lo si presentano come “catto-
esperimento politico che alla fine degli anni ’50, contro per alcuni aspetti peggiori dello lici” ma lasciano trapelare lega-
l’egemonia della Dc fanfaniana nell’isola, portò la Sicilia scandalo stesso. Sono prezzi di mi profondi, che qui funzionano
alla ribalta, con una coalizione eretica che andava dal Pci al mercato! Ho disdetto il contrat- come garanzia e come imprima-
Msi. Una carovana stravagante guidata dal “dc autonomo” to dopo 22 anni (Una saetta! tur: Compagnia delle Opere e
Milazzo, espulso dal partito e capace di cacciare la Dc Complimenti!)! Pago il regolare Comunione e Liberazione. f.c .
all’opposizione in una fase inquieta della vita regionale. In affitto previsto! Sono solo 83
cui gli ideali autonomistici, alimentati dal sogno petrolifero metri quadrati! Manca ancora
di Enrico Mattei, si scontravano con gli appetiti speculativi tutto il capitolo sulle compra-
del Nord e con il tentativo di ingessare al suo interno, lo vendite. Io vivo in un seminter- IL FATTO QUOTIDIANO
sviluppo dell’isola. Cosa fu il “milazzismo”, se alchimia rato di 75 mq e siamo in 3, parte via Valadier n. 42 - 00193 Roma
spericolata di avventurieri della politica sostenuto da dell'anno in 4, con mia nonna di lettere@ilfattoquotidiano.it
clientele mafiose o laboratorio inedito contro il 98 anni. Nel 1992 (stesso anno e
gattopardesco immobilismo siculo e in favore di una stesso periodo del primo scan-
nascente borghesia industriale del Sud, è ancora al vaglio dalo Pat), mio padre stipulò un di sinistra se poi usufruite dello Direttore responsabile
degli storici. Di certo sappiamo che quell’avventura, durata mutuo prima casa al tasso del scudo fiscale del Governo Ber-
poco più di 14 mesi, finì il 22 febbraio ’60, liquidata da uno 14,75%, per 10 anni. La liquida- lusconi; non dite che ci devono Antonio Padellaro
scandalo pilotato da uomini Dc che finsero di vendersi agli zione per l'anticipo e tanti sa- essere altri valori oltre al dena- Vicedirettore Marco Travaglio
“scissionisti” di Milazzo. La celebre “beffa delle Palme”, crifici, mille rinunce. Mi auguro ro avendone sempre avuto ed in
che segnerà il “ritorno all’ordine” nella Sicilia ribelle. che vi crolli tutto addosso, cari abbondanza. Caporedattori Nuccio Ciconte e Vitantonio Lopez
Giovanna Gabrielli vip. Ma sapendo come vanno le Andrea Di Meo Progetto grafico Paolo Residori
cose in questo Paese, vi andrà di Redazione
lusso anche stavolta. Almeno Uomini, ominicchi 00193 Roma , Via Valadier n°42
Una casa per noi casa non ce l'avrò mai perché non fate i paladini in difesa della tel. +39 06 32818.1, fax +39 06 32818.230
non riuscirò a pagare un affitto. cultura se abitate in splendide e quaqquaraquà e-mail: segreteria@ilfattoquotidiano.it
comuni mortali Per noi comuni mortali vale il dimore a pochi euro; non venite Vedendo lo squallido spettacolo sito: www.ilfattoquotidiano.it
L'ennesimo scandalo su affitti a libero mercato che a parole pia- a chiedere il mio voto per una che tutti abbiamo quotidiana- Editoriale il Fatto S.p.A.
prezzi stracciati in zone di pre- ce tanto a politici, economisti, mobilità sostenibile scendendo mente sotto gli occhi: persone Sede legale: 00193 Roma , Via Valadier n°42
gio concessi a cosiddetti vip, attori, giornalisti. Due cose mi da un suv; non parlate più del che cambiano bandiera e idee Presidente e Amministratore delegato
non mi meraviglia. Non sono né addolorano: il silenzio e l'ac- lavoro operaio se non siete mai come cambiano camicia, mi vie- Giorgio Poidomani
ingenuo né invidioso, ma sono quiescenza di tanti Italiani in dif- stati in una catena di montaggio; ne in mente la definizione che Consiglio di Amministrazione
incazzato. Probabilmente una ficoltà, soprattutto giovani (for- non fate i presenzialisti indignati compare nel “Giorno della ci- Luca D’Aprile, Lorenzo Fazio, Cinzia Monteverdi, Antonio Padellaro
Centri stampa: Litosud, 00156 Roma, via Carlo Pesenti n°130,
20060 Milano, Pessano con Bornago , via Aldo Moro n°4;
Centro Stampa Unione Sarda S. p. A., 09034 Elmas (Ca), via Omodeo;
Abbonamenti Società Tipografica Siciliana S. p. A., 95030 Catania, strada 5ª n°35
Queste sono le forme di abbonamento • Abbonamento postale semestrale (Italia) Modalità di pagamento di pagamento, nome cognome, indirizzo, Concessionaria per la pubblicità per l’Italia e per l'estero:
previste per il Fatto Quotidiano. Prezzo 120,00 € • 4 giorni telefono e tipo di abbonamento scelto.
Poster Pubblicità & Pubbliche Relazioni S.r.l.,
Il giornale sarà in edicola 6 numeri Prezzo 170,00 € • 6 giorni • Pagamento direttamente online Sede legale e Direzione commerciale: Via Angelo Bargoni n°8, 00153 Roma
• Bonifico bancario intestato a:
alla settimana (da martedì alla domenica). Editoriale Il Fatto S.p.A., con carta di credito e PayPal. tel. + 39 06 68896911, fax. + 39 06 58179764, email: poster@poster-pr.it
• Modalità Coupon *
Per qualsiasi altra informazione in merito
Prezzo 320,00 € • annuale BCC Banca di Credito Cooperativo Distribuzione Italia:m-dis Distribuzione Media S.p.A.,
• Abbonamento postale annuale (Italia) può rivolgersi all'ufficio abbonati ai numeri
Prezzo 180,00 € • semestrale Ag. 105 Via Sardegna Roma
+39 02 66506795 - +39 02 66505026 -
Sede: Via Cazzaniga n°1, 20132 Milano
Prezzo 200,00 € • 4 giorni Iban IT 94J0832703239000000001739 tel. + 39 02 25821, fax. + 39 02 25825203, email: info@m-dis.it
Prezzo 290,00 € • 6 giorni • Abbonamento online PDF annuale +39 02 66506541 o all'indirizzo mail
Prezzo130,00 € • Versamento su conto corrente postale: abbonamenti@ilfattoquotidiano.it Resp.le del trattamento dei dati (d. Les. 196/2003): Antonio Padellaro
E' possibile pagare l'abbonamento annuale 97092209 intestato a Editoriale Il Fatto Chiusura in redazione ore 22.00
postale ordinario anche con soluzione Per sottoscrivere il tuo abbonamento, S.p.A. - Via Valadier n° 42, 00193 Roma * attenzione accertarsi prima che Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione al numero 18599
rateale: 1ª rata alla sottoscrizione, compila il modulo sul sito Dopo aver fatto il versamento inviare un la zona sia raggiunta dalla distribuzione de
2ª rata entro il quinto mese. www.ilfattoquotidiano.it fax al numero 02.66.505.712, con ricevuta Il Fatto Quotidiano