Sei sulla pagina 1di 64

M.TC.

02
NOTE OPERATIVE DI RELEASE Rev.00 del 03/09/2002

1 di 64
Il presente documento costituisce un’integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release.

RELEASE Versione 2014.1.0


Applicativo: GECOM PAGHE
Oggetto: Aggiornamento procedura
Versione: 2014.1.0 (Versione completa)
Data di rilascio: 10.10.2014

COMPATIBILITA’
GECOM PAGHE Versione 2014.0.12
GECOM EMENS Versione 2014.1.2
GECOM F24 Versione 2014.4.1
STUDIO PAGHE Versione 2014.4.1

Requisiti minimi per il software di base specifici per l’applicativo


SysInt/W
TeamPortal Vedi ultima pagina
SysIntGateway
Per i dettagli dei requisiti e delle versioni minime inerenti il software di base e sistemi operativi
consultare la tabella in coda alle presenti note
INSTALLAZIONE AMBIENTE WINDOWS INSTALLAZIONE AMBIENTE LINUX
Dalla console, come super-utente (root), digitare il comando
L’applicativo potrà essere installato a seconda della modalità di
AGGTAR.
distribuzione.
Le modalità di installazione rese disponibili da questo comando
1. Modulo autoscompattante “autoinst”:
saranno:
 Selezionare il bottone “installa”
 CD-ROM: Inserire il CD-ROM nel drive del server e
2. CDROM applicativi TeamCD:
confermare l’avvio dell’installazione
 Inserire il CD-ROM nel drive del server e
 EXE: Scaricare i file in arrivo da TeamCast e confermare
confermare l’avvio dell’installazione
l’avvio dell’installazione

AVVERTENZE

 Dopo aver installato la presente versione, è necessario effettuare il comando di conversione


CONVERS

 Utenti CONTRA: in relazione alle implementazioni apportate ad alcune tabelle, la funzione di


“Aggiornamento contratti” del comando CONTRA viene temporaneamente disabilitata, sino al
rilascio della versione CONTRA 2014.10.0.
 AVVERTENZA
A seguito delle novità introdotte si sottolinea che prima di procedere all’elaborazione dei
cedolini di ottobre è necessario eseguire le operazioni riportate nel paragrafo “Operazioni
preliminari mensilità di ottobre 2014” (vedi pag. 29).
 IN EVIDENZA:
 Calcolo contribuzione Fondo di solidarietà residuale.
 Gestione arretrati assegni familiari.
 Modifica massiva anagrafica dipendenti.
 ALLEGATO:
 Tabella INPS con caratteristiche di aziende rientranti nell’applicazione del Fondo di
solidarietà residuale
 Dettaglio modifiche strutture di primanota

Responsabile S.A.T. S.A.P


Servizio Assistenza Tecnica Servizio Aggiornamento Programmi
Pietro Aquilano Diana De Filippis
NOTE OPERATIVE DI RELEASE
Il presente documento costituisce un’integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release.

INDICE
Conversione Archivi ........................................................................................................................................ 5 
CONVERS ............................................................................................................................................... 5 

Requisito occupazionale per contribuzione C.I.G.S. ................................................................................... 6 


Calcolo media forza aziendale per contribuzione CIGS.......................................................................... 6 
TB0302 – Tabella Categorie contributive ..................................................................................................... 6 
AZIE – “Dati contributivi”............................................................................................................................... 7 
AZIE – “Progressivi > Contributi INPS” ......................................................................................................... 8 

Fondo di solidarietà residuale...................................................................................................................... 10 


Quadro normativo .................................................................................................................................. 10 
TB0310 – Contributo aggiuntivo IVS ..................................................................................................... 13 
TB0302 – Categorie contributive ........................................................................................................... 13 
AZIE > Dati contributivi .......................................................................................................................... 14 
AZIE > Progressivi > Contributi INPS ................................................................................................... 15 
TB1201 – Voci gestioni automatiche ..................................................................................................... 16 
UTYC100 scelta 1 – Categorie contributive .......................................................................................... 17 
UTYC100 scelta 2 – Calcolo medie ...................................................................................................... 18 
UTYC100 scelta 3 – Stampe di controllo .............................................................................................. 19 
Elenco aziende soggette ............................................................................................................................ 19 
Stampa medie ............................................................................................................................................ 19 
Elaborazioni mensili - Calcolo contribuzione corrente .......................................................................... 20 
UTYC100 scelta 4 - Arretrati ................................................................................................................. 21 
Elaborazione mensilità arretrati .................................................................................................................. 24 
TB0304 – Contributi Inps azienda / dipendente .................................................................................... 26 
TB0103 – Descrizione elementi retribuzione ........................................................................................ 26 
UTYC100 scelta 5 - Utility ..................................................................................................................... 27 
Calcolo base FZ00...................................................................................................................................... 27 
Calcolo media di partenza .......................................................................................................................... 27 

Modifiche calcolo forza aziendale e medie ................................................................................................. 28 


Calcolo forza aziendale ......................................................................................................................... 28 
Media semestrale forza aziendale......................................................................................................... 28 
Aziende stagionali....................................................................................................................................... 28 
Numero mesi per calcolo media forza aziendale ........................................................................................ 28 

Operazioni preliminari mensilità di ottobre 2014 ....................................................................................... 29 


Operazioni da eseguire prima dell’elaborazione della mensilità di ottobre 2014 .................................. 29 

Gestione assegni nucleo familiare .............................................................................................................. 30 


GEASS .......................................................................................................................................................... 30 
Gestione autorizzazione INPS per assegni familiari ............................................................................. 30 
DIPE – scheda “Assegni familiari” .............................................................................................................. 30 
GEASS – Gestione modello assegni familiari ............................................................................................. 31 
Controllo limiti di età per ANF................................................................................................................ 32 
Gestione arretrati assegni familiari ........................................................................................................ 33 

Modifica massiva anagrafica dipendenti..................................................................................................... 36 


IMPDIP .......................................................................................................................................................... 36 
Modifica massima anagrafica dipendenti .............................................................................................. 36 
Gestione parametrizzazioni ................................................................................................................... 37 
Parametri Elaborazione .............................................................................................................................. 38 
Selezione campi ......................................................................................................................................... 39 
Transcodifiche campi .................................................................................................................................. 41 
Importazione movimenti ........................................................................................................................ 42 

Integrazione alla guida utente 2


PAGHE 2014.1.0
NOTE OPERATIVE DI RELEASE
Il presente documento costituisce un’integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release.

Esportazione su CSV ............................................................................................................................ 44 

Annotazioni cedolino .................................................................................................................................... 45 


NOTECED ..................................................................................................................................................... 45 
Gestione annotazioni cedolino .............................................................................................................. 45 
IMPMOV – Importazione Note cedolino...................................................................................................... 48 
Stampa .................................................................................................................................................. 49 

Utility e funzioni varie.................................................................................................................................... 50 


UTY1412........................................................................................................................................................ 50 
Ricalcolo costi voci di rimborso ............................................................................................................. 50 

Archivi di base ............................................................................................................................................... 51 


TB0102 .......................................................................................................................................................... 51 
Descrizione settori aziendali – Differimento ratei .................................................................................. 51 
TB0301 / TB0302 .......................................................................................................................................... 51 
Correlazione tabelle contributive CONTRA e tabelle contributive INPS ............................................... 51 
TB0305 .......................................................................................................................................................... 52 
Creazione nuovo codice ente ................................................................................................................ 52 
TB0307 .......................................................................................................................................................... 52 
Contributi cassa edile ............................................................................................................................ 52 
Scheda Eccezioni ....................................................................................................................................... 52 

TB0405 .......................................................................................................................................................... 53 


Addizionale regionale Abruzzo .............................................................................................................. 53 
Addizionale regionale Basilicata............................................................................................................ 54 
TB1103 .......................................................................................................................................................... 55 
Riduzione giorni detrazione ................................................................................................................... 55 
DIPE .............................................................................................................................................................. 55 
Detrazioni TFR ...................................................................................................................................... 55 
VOCI .............................................................................................................................................................. 56 
Codice aggiornamento dipendente ....................................................................................................... 56 
CNFCED ........................................................................................................................................................ 56 
Personalizzazione cedolino ................................................................................................................... 56 

Elaborazioni mensili ...................................................................................................................................... 57 


CEDOL .......................................................................................................................................................... 57 
Differimento ratei operai settore edile ................................................................................................... 57 
Gestione cedolini – Giorni detrazione ................................................................................................... 57 
Calcolo retribuzione CIG (gestione Ticket) ........................................................................................... 57 
PDFPAG ........................................................................................................................................................ 58 
Invio e-mail ............................................................................................................................................ 58 
File DBF................................................................................................................................................. 58 
Pubblicazione dati su portale ................................................................................................................ 59 
Esportazione stampe in PDF................................................................................................................. 59 
STCED / STCEDP ......................................................................................................................................... 60 
Stampa cedolini / Stampa cedolini personalizzati ................................................................................. 60 

Altri enti .......................................................................................................................................................... 61 


Integrazione alla guida utente 3
PAGHE 2014.1.0
NOTE OPERATIVE DI RELEASE
Il presente documento costituisce un’integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release.

STEDIL .......................................................................................................................................................... 61 


Cassa Edile di Modena (procedure di stampa 118 e 155) .................................................................... 61 
Gestione denuncia casse edili............................................................................................................... 61 

Advanced Print .............................................................................................................................................. 61 


Export stampe – STAZI scelta 9............................................................................................................ 61 

Anomalie corrette .......................................................................................................................................... 62 


CEDOL .................................................................................................................................................. 62 
Passaggio di qualifica ................................................................................................................................. 62 
Apprendisti edili .......................................................................................................................................... 62 
Trattenuta sindacale ................................................................................................................................... 62 
Eventi MB2/MB4 ......................................................................................................................................... 62 
STCED - Stampa cedolino lavoranti a domicilio ................................................................................... 62 
GEASS scelta 6 ..................................................................................................................................... 62 
DMA....................................................................................................................................................... 62 
STEDIL .................................................................................................................................................. 63 
Telematico MUT ......................................................................................................................................... 63 
Cassa edile di Aosta ................................................................................................................................... 63 

Tabella riepilogativa Sistemi Operativi supportati ..................................................................................... 64 

Integrazione alla guida utente 4


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Conversione Archivi CONVERS

CONVERS

Dopo aver installato la versione è necessario effettuare la conversione degli archivi mediante il comando
CONVERS.
Richiamando il comando CONVERS viene visualizzata una schermata che elenca le varie fasi della
conversione che vengono eseguite in sequenza, ciascuna delle quali svolge singole operazioni sugli archivi.
Il loro completamento viene segnalato a fianco di ciascuna.

ANNOTAZIONI

 Al fine di prevenire eventuali inconvenienti, è consigliabile effettuare una copia degli


archivi prima di effettuare le operazioni di conversione;
 In caso di interruzione imprevista, la conversione deve essere rilanciata: il processo
verrà ripreso dalla fase in cui è stato interrotto;
 Il comando di conversione non è ripetibile;
 La conversione può essere eseguita anche in corso di elaborazione della mensilità.

Il programma di conversione effettua le seguenti operazioni:

Integrazione alla guida utente 5


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Requisito occupazionale per contribuzione C.I.G.S.

Calcolo media forza aziendale per contribuzione CIGS


Premessa:
A partire dall’anno 2010 (circolare 25/2010) l’Inps ha adeguato il criterio di calcolo del requisito
occupazionale per l’applicazione della contribuzione CIGS valevole per le imprese industriali (forza aziendale
mediamente occupata nei 6 mesi precedenti con computo del personale apprendista) anche per le altre
imprese per le quali è prevista la CIGS (imprese esercenti attività commerciali con più di 50 dipendenti,
agenzie di viaggio e turismo con più di 50 dipendenti, imprese di vigilanza con più di 15 dipendenti).
Nel caso in cui l’impresa eserciti attività plurime con distinti inquadramenti attribuiti dall’Istituto, il requisito
occupazionale ai fini della contribuzione C.I.G. straordinaria deve essere distintamente determinato in
relazione ad ognuna delle attività, anche se articolata in più cantieri, stabilimenti o filiali dislocati nella stessa
provincia o in province diverse e non già tenendo conto del numero globale dei dipendenti, a prescindere dai
settori di attività nei quali siano occupati (Circ. Inps n. 44/95).
Quest’ultimo criterio è stato richiamato dalla Circ. INPS n. 100/2014, con riferimento alla determinazione del
requisito dimensionale ai fini della contribuzione al Fondo di solidarietà residuale (v. pag. 10).

Implementazione Software
La procedura PAGHE è stata implementata affinché, a partire dalla mensilità di ottobre 2014, il calcolo della
media occupazionale degli ultimi 6 mesi, eseguito in fase di aggiornamento della mensilità (AGGI), venga
effettuato distintamente per ciascun settore di inquadramento dell’azienda e non più a livello complessivo di
azienda.
A tal fine, la forza aziendale mensile (FZ00) verrà aggregata a livello di settore di inquadramento ai fini del
calcolo della media occupazionale semestrale.
Il calcolo sopra descritto, inoltre, potrà essere ulteriormente distinto in caso di azienda che svolga due attività
per le quali, pur rientrando nel medesimo settore, siano comunque previsti obblighi contributivi differenziati.

TB0302 – Tabella Categorie contributive


Al fine di individuare il settore di inquadramento dell’azienda/filiale, il programma verifica il valore indicato nel
nuovo campo “Settore” della tabella “Categorie contributive” collegata all’azienda/filiale (scheda “Dati
contributivi” di AZIE):

Integrazione alla guida utente 6


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

In tale sede deve essere indicato il settore cui fa riferimento la specifica tabella, selezionando uno dei settori
di inquadramento previsti dall’INPS:
- Industria;
- Enti pubblici;
- Amministrazioni statali;
- Artigianato;
- Agricoltura;
- Credito assicurazioni e tributi;
- Terziario.
Per le tabelle fornite con la procedura CONTRA, il campo “Settore” viene automaticamente compilato con
l’esecuzione del comando di conversione (CONVERS) relativo al presente aggiornamento.
Le tabelle di CONTRA che risultano bloccate non verranno aggiornate. In tal caso, e nel caso di tabelle non
fornite con la procedura CONTRA, la compilazione di tale campo può essere effettuata mediante la funzione
“Categorie contributive” del comando di utilità UTYC100 (v. pag.17).

AZIE – “Dati contributivi”


Nella sezione in oggetto sono state inseriti/modificati i seguenti campi:

Calcolo separato forza aziendale: in caso di azienda che svolga due diverse attività inserite nel
(nuovo) medesimo settore ma soggette ad obblighi contributivi differenziati (con
conseguentemente attribuzione di diverse matricole INPS), è possibile
effettuare il calcolo del requisito occupazionale in maniera distinta per
ciascuna attività.
A tal fine, mediante il presente campo è possibile distinguere le filiali
che, pur essendo inquadrate nello stesso settore, devono essere
considerate separatamente per la verifica del requisito occupazionale
ai fini CIGS; in tal caso, il programma calcolerà due distinte medie
semestrali, una relativa alle filiali con valorizzazione del presente
campo e una relativa alle restanti filiali dello stesso settore.

Integrazione alla guida utente 7


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

N° dipendenti categ. contributiva: con l’aggiornamento della mensilità, in tale campo viene riportata la
media del numero dei dipendenti (FZ00) dei 6 mesi precedenti
(compreso il mese aggiornato), calcolata e memorizzata distintamente
per settore.
Il valore mensile di FZ00 e la media riferita ai 6 mesi precedenti
vengono memorizzati per ciascun mese nei rispettivi campi della nuova
sezione inserita all’interno dei “Progressivi > Contributi INPS”
dell’azienda (v. parag. successivo).
La media indicata nella prima casella del campo in oggetto viene
utilizzata (come in precedenza) per la verifica mensile del requisito
occupazionale ai fini della contribuzione CIGS; in base a tale valore,
pertanto, viene individuata la categoria contributiva (colonna di
riferimento) all’interno della tabella “Categorie contributive” (TB0302)
collegata all’azienda/filiale.
Nella seconda casella (introdotta con la presente versione) viene
riportata la corrispondente media (determinata escludendo i dipendenti
apprendisti) utilizzata per la verifica mensile del requisito
occupazionale ai fini della contribuzione al Fondo di solidarietà
residuale (v. pag. 14).
A partire dalla presente versione, quindi, il campo risulterà aggiornato
distintamente per filiale, in funzione del settore collegato alla filiale
stessa e della compilazione del campo “Calcolo separato forza
aziendale”.
Il settore di riferimento viene rilevato dal nuovo campo “Settore” della
tabella “Categorie contributive” collegata alla filiale.
Nel caso in cui non risulti collegata alcuna tabella “Categorie
contributive” (in caso di collegamento manuale della tabella contributiva
Inps in anagrafica dipendente), il settore di inquadramento verrà
determinato verificando il primo carattere del relativo codice CSC
(campo “Codice statistico contributivo” della scheda “Dati contributivi” di
AZIE).

AZIE – “Progressivi > Contributi INPS”


Inserita una sezione in cui, con la quadratura della mensilità (a partire dal mese di ottobre 2014), verranno
memorizzati i valori mensili della forza aziendale e della relativa media semestrale (fino al mese elaborato),
distinti per ciascun settore in cui risulta inquadrata l’azienda:

Integrazione alla guida utente 8


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Nella colonna “FZ00” viene riportato il valore della forza aziendale del mese, distinta per ciascun settore
d’inquadramento presente in azienda.
Quindi la forza aziendale continuerà ad essere calcolata e denunciata con riferimento a ciascuna matricola
Inps aziendale, ma ai fini della media semestrale verrà aggregata per omogeneità di settore di riferimento.
In presenza, a parità di settore, di due diverse attività con obblighi contributivi differenziati (filiali con diverse
matricole Inps che si riferiscono a due distinti inquadramenti) è necessario compilare il campo “Calcolo
separato forza aziendale” in tutte le filiali che fanno riferimento alla stessa tipologia di inquadramento.
In tal caso, il valore della forza aziendale verrà aggregato per omogeneità sia di settore che di impostazione
del suddetto campo.
Nel riquadro in oggetto verranno distinti i valori relativi alle filiali senza valorizzazione del campo “Calcolo
separato forza aziendale” (rigo identificato dalla descrizione del settore, nell’esempio “INDUSTRIA”) da quelli
relativi alle filiali con valorizzazione del suddetto campo (rigo identificato dal settore con asterisco,
nell’esempio “INDUSTRIA* ”).

Nella colonna “FZ00 6M” viene evidenziata, per ciascun settore, la media dei valori presenti nel rispettivo
campo “FZ00” con riferimento agli ultimi 6 mesi (mese stesso e 5 mesi precedenti).

Nelle colonne “FZ00 NA” e “FZ00 6M NA” vengono evidenziati i corrispondenti valori sopra descritti calcolati
non considerando i dipendenti apprendisti, utili ai fini dell’applicazione dell’eventuale contribuzione al Fondo
di solidarietà residuale (v. pag. 15).

Si precisa che a partire dalla presente versione, il numero di mesi per i quali determinare la media della forza
aziendale (massimo 6 mesi) viene determinato verificando la data di inizio attività (campo “Inizio attività”
della scheda “Anagrafica” di AZIE; v. pag. 28); pertanto, se non già effettuato, il suddetto campo “Inizio
attività” dovrà essere necessariamente valorizzato con riferimento alle aziende con inizio dell’attività con
dipendenti successiva al mese di aprile ’14.

AVVERTENZA
Si sottolinea che prima di procedere all’elaborazione dei cedolini di ottobre è necessario
eseguire le operazioni riportate al relativo paragrafo (vedi pag. 29).

Integrazione alla guida utente 9


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Fondo di solidarietà residuale

Quadro normativo

Riferimenti  Legge 28 giugno 2012, n. 92, art. 3;


 Decreto Interministeriale n. 79141 del 7 febbraio 2014 (G.U. n. 129 del 6 giugno 2014);
 Circolare INPS n. 100 del 2 settembre 2014;
 Messaggio INPS n. 6897 del 8 settembre 2014.
L’articolo 3 della Legge 28 giugno 2012, n. 92, e successive modifiche ed integrazioni, ha la
finalità di assicurare ai lavoratori dipendenti da imprese operanti in settori non coperti dalla
normativa in materia d’integrazione salariale, una tutela in costanza di rapporto di lavoro nei
casi di riduzione o sospensione dell’attività lavorativa per cause previste dalla normativa in
materia di integrazione salariale ordinaria o straordinaria.
A tal fine, il comma 4 del predetto articolo ha previsto che le organizzazioni sindacali e
imprenditoriali, comparativamente più rappresentative a livello nazionale, stipulino accordi
collettivi e contratti collettivi, anche intersettoriali, aventi ad oggetto la costituzione di fondi di
solidarietà per il sostegno del reddito per i settori non coperti dalla normativa in materia di
integrazione salariale.
L'istituzione di tali fondi è obbligatoria in relazione alle imprese che occupano mediamente
più di quindici dipendenti.
In alternativa e con riferimento ai settori nei quali siano operanti alla data di entrata in
vigore della Legge n. 92/2012 consolidati sistemi di bilateralità, il comma 14 consentiva
alle organizzazioni sindacali e imprenditoriali di adeguare le fonti normative ed istitutive dei
rispettivi fondi bilaterali ovvero dei fondi interprofessionali, di cui all'articolo 118 della Legge
23 dicembre 2000, n. 388, alle finalità di tutela reddituale in costanza di rapporto di lavoro,
in caso di riduzione o sospensione dell’attività lavorativa, previste dalla Legge n. 92/2012
(fondi bilaterali puri).
Infine, il comma 42 ha previsto che i fondi di solidarietà di settore, già istituiti ai sensi
dell'articolo 2, comma 28, della Legge n. 662 del 23 dicembre 1996, debbano adeguarsi alle
norme previste dalla legge stessa, sulla base di accordi collettivi e contratti collettivi da
stipulare tra le organizzazioni comparativamente più rappresentative a livello nazionale.
In via residuale, laddove non vengano stipulati accordi di cui ai citati commi 4 e 14,
l’articolo 3, comma 19 della Legge n. 92/2012 ha previsto, a decorrere dal 1° gennaio 2014,
l’attivazione di un fondo di solidarietà residuale volto a tutelare, in costanza del rapporto di
lavoro, il reddito dei lavoratori dipendenti dalle imprese appartenenti ai settori non rientranti
nel campo di applicazione della normativa in materia d'integrazione salariale, con più di
quindici dipendenti.
In attuazione della previsione dell’articolo 3, comma 19 della Legge n. 92/2012, con il
decreto interministeriale n. 79141 del 7 febbraio 2014 (G.U. n. 129 del 6 giugno 2014), è
stato istituito presso l’INPS il suddetto Fondo residuale.

Settore e L’INPS nell’allegato al Messaggio n. 6897 (vedi documento allegato) ha elencato quali sono
tipologia del
le caratteristiche delle aziende (CSC: codice statistico contributivo, C.A.: codice di
datore di
lavoro autorizzazione) rientranti nel Fondo residuale.
Elenco che l’Istituto provvederà ad aggiornare al variare del quadro normativo di riferimento.
Nel suddetto allegato vengono anche elencate le aziende escluse dall’applicazione del
Fondo in esame, individuate per codice Ateco2007.
Inoltre sono escluse le imprese rientranti nell’ambito di applicazione di Fondi di solidarietà
già istituiti (ad esempio Credito, Assicurativo, Trasporto aereo e sistema aeroportuale).
Il comma 19-bis dell’articolo 3 della Legge n. 92/2012 prevede che qualora si proceda alla
stipula di ulteriori accordi e contratti collettivi volti alla costituzione di un Fondo di cui al
comma 4 dell’articolo 3, le relative imprese non sono più soggette alla partecipazione al
Fondo residuale a far data dal primo giorno del mese successivo all’entrata in vigore del
decreto istitutivo del nuovo Fondo settoriale, ferma restando la gestione a stralcio delle
prestazioni già deliberate.
Integrazione alla guida utente 10
PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Requisito Al Fondo residuale contribuiscono solo le imprese che impiegano mediamente più di
dimensionale
quindici dipendenti.
del datore di
lavoro La soglia dimensionale deve essere verificata mensilmente con riferimento alla media
occupazionale nel semestre precedente.
Nella determinazione del numero dei dipendenti occupati devono essere ricompresi i
lavoratori di qualunque qualifica (lavoranti a domicilio, dirigenti, ecc.), con esclusione degli
apprendisti, degli assunti con contratto di inserimento e di reinserimento lavorativo.
I lavoratori part-time sono conteggiati nel complesso del numero dei lavoratori dipendenti in
proporzione all'orario svolto, rapportato al tempo pieno, con arrotondamento secondo le
modalità disciplinate dall’articolo 6 del decreto legge n. 61/2000; i lavoratori intermittenti
sono conteggiati in proporzione all'orario effettivamente svolto nel semestre.
Il lavoratore assente ancorché non retribuito (es. per servizio militare, gravidanza e
puerperio) è escluso dal computo dei dipendenti solo nel caso in cui in sua sostituzione sia
stato assunto un altro lavoratore; in tal caso sarà computato il sostituto.
Nel determinare la media occupazionale, devono essere ricompresi nel semestre anche i
periodi di sosta di attività e di sospensioni stagionali; per le aziende di nuova costituzione il
requisito, analogamente ai casi di trasferimento di azienda, si determinerà in relazione ai
mesi di attività, se inferiori al semestre. Per il primo mese di attività si farà riferimento alla
forza occupazionale di detto mese.
Si evidenzia che il requisito occupazionale, parametrato su un arco temporale di sei mesi,
può comportare una fluttuazione dell'obbligo contributivo, nel caso di oscillazione del
numero delle unità occupate in più o fino a quindici: in tal caso l'obbligo sussiste nel periodo
di paga successivo al semestre nel quale sono stati occupati, in media, più di quindici
dipendenti e non sussiste nel periodo di paga successivo al semestre nel quale sono stati
occupati, in media, fino a quindici dipendenti.

Prestazioni In merito alle prestazioni a carico del Fondo l’INPS fornirà, con successiva circolare, le
istruzioni amministrative ed operative in ordine alla modalità di presentazione delle
domande nonché la disciplina di dettaglio delle stesse.

Finanziamento Le prestazioni del Fondo di solidarietà sono finanziate dai seguenti contributi:
delle
prestazioni  un contributo ordinario dello 0,50% della retribuzione mensile imponibile ai fini
previdenziali dei lavoratori dipendenti (esclusi i dirigenti), di cui due terzi a carico del
datore di lavoro e un terzo a carico del lavoratore;
 un contributo addizionale totalmente a carico del datore di lavoro che ricorra alla
sospensione o riduzione dell’attività lavorativa, calcolato in rapporto alle retribuzioni
perse nella misura del 3% per le imprese che occupano fino a 50 dipendenti e del 4,50%
per le imprese che occupano più di 50 dipendenti.
Le imprese che rientrano nell’ambito di applicazione del Fondo residuale, che abbiano una
media occupazionale maggiore di quindici dipendenti, sono tenute a versare i contributi di
finanziamento a decorrere dal 1° gennaio 2014.
Ai contributi di finanziamento di cui trattasi si applicano le disposizioni vigenti in materia di
contribuzione previdenziale obbligatoria, compreso l’articolo 3, comma 9, della Legge n.
335/1995, ad eccezione di quelle relative agli sgravi contributivi.

Codifica Le imprese rientranti nell’ambito di applicazione del decreto dovranno essere contraddistinte
aziende
dal codice di autorizzazione “0J” (zero J), che, dal 1/1/2014, assume il significato di
“azienda tenuta al versamento dei contributi ex D.I. n. 79141/2014 (Fondo solidarietà
residuale)”.
A tal proposito si procederà ad attribuire il CA “0J” alle imprese potenzialmente interessate,
a prescindere dal requisito dimensionale. Tale attribuzione avverrà in automatico, a cura
della Direzione Generale. Le imprese potranno visualizzare l’avvenuta attribuzione del
codice “0J” sul Cassetto previdenziale Aziende.

Integrazione alla guida utente 11


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Le imprese che operano con più posizioni contributive sul territorio nazionale e realizzano il
requisito occupazionale computando i lavoratori denunciati su più matricole, dovranno dare
comunicazione alle strutture territoriali INPS di competenza per consentire l’attribuzione del
codice di autorizzazione “2C” che assume il nuovo significato di “Azienda che opera su più
posizioni tenuta al versamento dei contributi relativi al Fondo solidarietà residuale”.
Nel caso in cui l’impresa eserciti attività plurime, con distinti inquadramenti attribuiti
dall’Istituto, il requisito occupazionale deve essere distintamente determinato in
relazione al numero di dipendenti occupati in ognuna delle attività.

Contributo Le aziende dovranno versare il contributo ordinario, dovuto per le mensilità da gennaio a
ordinario:
settembre 2014, valorizzando – all’interno di <DenunciaAziendale> <AltrePartiteADebito> –
modalità di
compilazione l’elemento <AltreADebito> ed indicando i seguenti dati:
del flusso  in <CausaleADebito> il codice “M131” che assume il significato di "Contributo ordinario
Uniemens
Fondo Residuale gennaio-settembre 2014";
 in <Retribuzione> l’importo dell’imponibile, calcolato sulla retribuzione imponibile ai fini
previdenziali di tutti i lavoratori dipendenti, esclusi i dirigenti;
 in <SommeADebito> l’importo del contributo, pari allo 0,5% dell’imponibile.
Invece, il contributo ordinario dovuto per le mensilità da gennaio a settembre 2014 potrà
essere versato entro il giorno 16 dicembre 2014, senza applicazione di sanzioni ed
interessi.
A decorrere dal mese di ottobre 2014, ai fini della compilazione del flusso Uniemens, la
contribuzione ordinaria sarà calcolata nella aliquota complessiva applicata sulle retribuzioni
imponibili ai fini previdenziali di tutti i lavoratori dipendenti, con esclusione dei dirigenti.

Per la gestione della contribuzione ordinaria al Fondo di solidarietà residuale il programma è stato
implementato come di seguito descritto.

Integrazione alla guida utente 12


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

TB0310 – Contributo aggiuntivo IVS


Nella tabella in oggetto sono stati inseriti i campi utili per l’indicazione delle percentuali di contribuzione al
Fondo c/azienda e c/dipendente, e per la visualizzazione del totale (0,50%).

I nuovi campi vengono compilati mediante l’aggiornamento delle tabelle fisse eseguito automaticamente dal
comando di conversione (CONVERS).

TB0302 – Categorie contributive


Nella tabella in oggetto in corrispondenza di ciascuna colonna è stato inserito il campo “Soggetto a
contributo fondo solidarietà residuale”, utile per attivare la verifica dell’applicazione della contribuzione al
Fondo.

Con riferimento ai settori rientranti nel campo di applicazione del Fondo di solidarietà residuale, indicati
dall’INPS nell’allegato al Messaggio n. 6897, tale campo deve essere compilato in corrispondenza delle
categorie contributive per le quali non è prevista l’applicazione della normativa in materia d'integrazione
salariale (assenza dell’aliquota CIG/CIGS nelle relative tabelle contributive).

Integrazione alla guida utente 13


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Per le tabelle fornite con la procedura CONTRA con l’esecuzione del comando di conversione (CONVERS)
in tutte le tabelle “Categorie contributive” (TB0302) il campo “Soggetto a contributo fondo solidarietà
residuale” verrà compilato laddove previsto.
Le tabelle di CONTRA che risultano bloccate non verranno aggiornate.
In tal caso e per le tabelle non fornite con la procedura CONTRA, la compilazione di tale campo può essere
effettuata mediante la funzione “Categorie contributive” del comando di utilità UTYC100 (vedi pag. 17).

AZIE > Dati contributivi


La scheda “Dati contributivi” di AZIE è stata implementata come di seguito descritto.

I criteri di determinazione del numero dei dipendenti occupati ai fini del versamento della contribuzione al
Fondo di solidarietà residuale sono analoghi a quelli di determinazione della forza aziendale (FZ00) fatta
eccezione per il computo degli apprendisti, i quali devono essere esclusi.
Di conseguenza il programma mensilmente oltre a calcolare la forza aziendale (FZ00), determinerà un
nuovo valore con gli stessi criteri, ma senza considerare gli apprendisti (FZ00 NA).
Nel nuovo campo “N. dipendenti senza apprendisti” (1) il programma (AGGI) memorizzerà la media degli
ultimi 6 mesi (compreso l’ultimo aggiornato) del numero dei dipendenti esclusi gli apprendisti (FZ00 NA); tale
valore verrà utilizzato per la verifica del requisito occupazionale per l’applicazione del contributo al Fondo di
solidarietà residuale (media maggiore di 15).
Il valore mensile di FZ00 NA e la media riferita ai 6 mesi precedenti, vengono memorizzati per ciascun mese
di elaborazione nella sezione “Progressivi > Contributi INPS” di AZIE.
È stato inserito il nuovo campo “Calcolo contr. solid. residuale” (2).
Può assumere i seguenti valori:
spazio Automatico (default)
La verifica mensile dell’applicazione della contribuzione al Fondo di solidarietà residuale
viene eseguita controllando la compilazione del campo “Soggetto a contributo fondo
solidarietà residuale” in tabella “Categorie contributive” (TB0302) e il numero presente al
campo “N. dipendenti senza apprendisti”.
S Sempre
La contribuzione al Fondo viene sempre calcolata.
X Se > 15
La contribuzione al Fondo viene calcolata verificando solo il numero presente al campo
“N. dipendenti senza apprendisti”.
N Mai
La contribuzione al Fondo non viene mai calcolata.

Integrazione alla guida utente 14


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

La compilazione di tale campo può essere utile ad esempio nei seguenti casi:
 Con riferimento alle imprese non più soggette alla partecipazione al Fondo residuale in seguito
all’istituzione di un Fondo settoriale, l’INPS può proporre il mantenimento dell’obbligo di corrispondere la
quota di contribuzione necessaria al finanziamento delle prestazioni già deliberate.
In questo caso in TB0302 dovrà essere rimosso il flag al campo “Soggetto a contributo fondo solidarietà
residuale” e quindi, per la singola azienda potrebbe essere necessario compilare il presente campo.
 Nel caso in cui l’elaborazione delle paghe di un’azienda è gestita da 2 diversi consulenti.
 Con riferimento ai lavoratori di cui all’art. 1, comma1, D.L. 317/87 (lavoratori all’estero per i quali la
contribuzione viene calcolata sulla base di retribuzioni convenzionali), nonostante la normativa abbia
esplicitamente escluso dalla contribuzione solo i dirigenti, per i suddetti lavoratori non sono state fornite
istruzioni in merito alla compilazione della denuncia UniEmens.
In assenza di indicazioni specifiche tale campo può essere utile per escludere tali dipendenti
dall’applicazione del contributo al fondo di solidarietà residuale.

AZIE > Progressivi > Contributi INPS


Nella nuova griglia inserita nella sezione in oggetto per la gestione del contributo al Fondo di solidarietà
residuale sono presenti le seguenti colonne.

FZ00 NA: forza aziendale del mese, con esclusione degli apprendisti, distinta per ciascun
settore di inquadramento presente in azienda.
Come per il calcolo della FZ00 in presenza, a parità di settore, di 2 diverse attività
con obblighi contributivi differenziati (valorizzazione del campo “Calcolo separato
forza aziendale”) il valore della FZ00 NA verrà aggregato per omogeneità sia di
settore che di impostazione del suddetto campo.

FZ00 6M NA: media degli ultimi 6 mesi (compreso quello selezionato) dei valori presenti nel
rispettivo campo “FZ00 NA”.

I suddetti valori vengono calcolati dal programma QUADR con la stessa regola prevista rispettivamente per i
campi “FZ00” e “FZ00 6M”, ma senza considerare gli apprendisti.
Con l’aggiornamento della mensilità (a partire dal mese di ottobre 2014) la media calcolata nel mese (FZ00
6M NA) viene riportata nel campo “N. dipendenti senza apprendisti” della scheda “Dati contributivi” di AZIE,
ai fini dell’applicazione, in fase di elaborazione della mensilità successiva, della contribuzione al Fondo di
solidarietà residuale.

Integrazione alla guida utente 15


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

TB1201 – Voci gestioni automatiche


Nella tabella “Codici voci gestioni automatiche” (TB1201, 5^ pagina) è stata inserito il riquadro “Arretrati
Fondo solidarietà residuale” nel quale devono essere indicate le voci di calcolo utili alla gestione della
contribuzione arretrata al Fondo di solidarietà residuale:

Le voci richieste vengono create e collegate in tabella TB1201 mediante il comando IMPVOCI (eseguito
automaticamente dal comando di conversione), con le caratteristiche di seguito descritte:
Conto dipendente: (codice voce 8264) voce con la quale viene trattenuto l’importo di contributi arretrati
a carico del dipendente. Tale voce risulterà così impostata:
- “Cod. quadrature e DM10” 206, utile al fine di non considerare l’importo della
voce (benché assoggettata ad Irpef) nei costi aziendali (DIPE > “Progressivi >
Ratei”);
- “Cod. aggiorn. dipendente” 14, utile al fine di sommare l’importo della voce nei
progressivi contributi sociali di DIPE.
Conto azienda: (codice voce 8265) voce con la quale viene evidenziato l’importo di contributi
arretrati a carico dell’azienda.
Nella base della voce verrà evidenziato l’imponibile complessivo su cui risulta
calcolato il contributo arretrato.
La voce risulterà caratterizzata dal “Cod. aggiorn. dipendente” 366 (implementato
con la presente versione), utile a sommare l’importo della voce nei costi aziendali
relativi ai contributi su retribuzione.

Le voci sopra descritte verranno automaticamente generate nella mensilità interessata mediante
l’esecuzione dell’apposita funzione UTYC100 > “Arretrati > Stampa e aggiorna” (v. pag. 21).

Integrazione alla guida utente 16


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

UTYC100 scelta 1 – Categorie contributive


Tale opzione è utile per coloro che si avvalgono di tabelle “Categorie contributive” (TB0302) non
appartenenti all’applicativo CONTRA (o tabelle CONTRA che risultano bloccate), al fine di compilare in
maniera massiva in tutte le tabelle gestite i campi “Settore” e “Soggetto a contributo fondo solidarietà
residuale”.
Selezionando la scelta in oggetto il programma espone la maschera di seguito evidenziata.

Il programma propone una griglia nella quale vengono esposti i codici di TB0302 che occorre aggiornare.
I codici visualizzati in fase di accesso sono relativi alle tabelle utilizzate collegate ad aziende non cessate,
non appartenenti all’applicativo CONTRA, nelle quali non risulta compilato il campo “Settore”.
Vengono altresì esposti i codici di TB0302 appartenenti all’applicativo CONTRA per i quali l’utente ha
bloccato l’aggiornamento, per i quali pertanto la conversione non ha compilato automaticamente il suddetto
campo.
L’utente può modificare la visualizzazione automatica impostando filtri diversi nella sezione presente in testa
alla maschera.
Per la compilazione del settore è disponibile il pulsante “Calcolo settore automatico” mediante il quale il
programma propone il settore verificando il primo carattere del “Codice statistico contributivo” (scheda “Dati
contributivi” di AZIE) della prima filiale alla quale il relativo codice risulta collegato.

Per valorizzare il campo “Soggetto a contributo fondo solidarietà residuale” nei codici tabella che prevedono
l’applicazione della contribuzione al Fondo, sarà cura dell’utente compilare il campo “Soggetto” in
corrispondenza delle fasce contributive interessate.

Confermando l’elaborazione il programma provvede ad aggiornare i nuovi campi nelle tabelle “Categorie
contributive” (TB0302) elencate, secondo le impostazioni effettuate.

In corrispondenza di ciascun rigo della griglia sono attive le funzioni “F3 Dettaglio aziende”, che consente la
visualizzazione delle aziende/filiali alle quali risulta collegato lo specifico codice tabella TB0302, e “Gestione
(F4)”, per accedere alla tabella stessa.

In presenza di aziende alle quali non risulta collegato alcun codice categoria contributiva il programma
inserirà nella griglia un rigo senza codice, denominato “Categoria contributiva assente”.

Integrazione alla guida utente 17


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

In questo caso sarà cura dell’utente verificare quali sono le relative aziende mediante la funzione “F3
Dettaglio aziende”.
Al fine del calcolo del contributo al Fondo di solidarietà residuale è necessario collegare l’opportuna TB0302
oppure impostare la forzatura del calcolo mediante la compilazione del campo “Calcolo contr. solid.
residuale” della scheda “Dati contributivi” di AZIE.

UTYC100 scelta 2 – Calcolo medie


La scelta in oggetto consente di determinare le medie semestrali della forza aziendale e della forza
aziendale senza apprendisti aggregate per settore, per i periodi precedenti al mese di ottobre 2014.
La determinazione delle medie è utile al fine di:
- calcolare la contribuzione al Fondo di solidarietà residuale per il mese di ottobre, nonché per il conteggio
degli arretrati per i mesi da gennaio a settembre;
- verificare la categoria contributiva di TB0302 da applicare nel caso di aziende con diversi inquadramenti.
A tal fine il programma:
 determina il valore FZ00 raggruppando per settore la forza aziendale già calcolata per il periodo
interessato;
 determina il valore FZ00 NA con lo stesso criterio ma escludendo gli apprendisti;
 riporta il valore memorizzato nella colonna “FZ00 6M” e “FZ00 6M NA” di settembre al campo
rispettivamente “N. dipendenti categ. contributiva” e “N. dipendenti senza apprendisti” della scheda “Dati
contributivi”.

L’elaborazione non viene terminata nei seguenti casi:


 se per una o più aziende selezionate, nella tabella “Categorie contributive” (TB0302) associata non risulta
compilato il campo “Settore”;
 se la stessa matricola INPS è presente su filiali relative a codici settore diversi.
Nelle suddette situazioni il programma visualizza una segnalazione di errore (memorizzata all’interno del
comando ERRORI).

Per le aziende che non rientrano nell’applicazione del contributo al Fondo di solidarietà residuale e per le
aziende caratterizzate da un unico inquadramento, per le quali non è stato eseguito il calcolo delle medie, il
comando di quadratura della mensilità di ottobre effettuerà comunque il conteggio al fine della
memorizzazione dei valori nella sezione “Progressivi > Contributi INPS” di AZIE, per la determinazione del
dettaglio della forza aziendale dei mesi precedenti, utile per eseguire il calcolo della media secondo il nuovo
criterio introdotto con la presente versione.

Si sottolinea che, in funzione del nuovo criterio di calcolo delle medie, è necessario compilare (se non già
effettuato) il campo “Inizio attività” della scheda “Anagrafica” di AZIE:
- per le aziende interessate dall’applicazione del contributo al Fondo di solidarietà residuale, se la data di
inizio attività è successiva a luglio 2013;
- per le aziende non interessate dal contributo al Fondo se la data di inizio attività è successiva ad aprile
2014.

Integrazione alla guida utente 18


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

UTYC100 scelta 3 – Stampe di controllo

Elenco aziende soggette


Mediante tale scelta è possibile ottenere una stampa contenente l’elenco delle aziende che per il periodo
specificato (“Da periodo mese/anno – A periodo mese/anno”), risultano collegate ad una tabella “Categorie
contributive” (TB0302) per la quale è stata attivata l’applicazione della contribuzione al Fondo di solidarietà
residuale (compilazione del campo “Soggetto a contributo fondo solidarietà residuale” in almeno una
colonna).

La verifica viene effettuata per ciascun mese del periodo indicato, senza effettuare il controllo della media
presente al campo “N. dipendenti senza apprendisti” per il requisito occupazionale.

Stampa medie
Tale opzione genera un tabulato con il dettaglio delle medie conteggiate con la scelta “Calcolo medie”.
Mediante l’opzione “Solo periodi con contribuzione” è possibile inserire nel tabulato solo le aziende ed i mesi
per i quali è dovuto il contributo al Fondo di solidarietà residuale.

Per ogni mese il programma propone le medie riferite ai 6 mesi precedenti (FZ00 6m e FZ00 6m na), nonché
i valori di FZ00 e FZ00 NA che hanno prodotto le relative medie.

Integrazione alla guida utente 19


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Elaborazioni mensili - Calcolo contribuzione corrente


A partire dal mese di ottobre al fine del calcolo della contribuzione al Fondo di solidarietà residuale il
programma:
1) verifica la compilazione del campo “Soggetto a contributo fondo solidarietà residuale” per la categoria
contributiva di TB0302 valida per il dipendente;
2) verifica il requisito occupazionale per l’applicazione della contribuzione al Fondo di solidarietà residuale
(campo “N. dipendenti senza apprendisti” maggiore di 15).
Tale verifica automatica può essere forzata mediante la compilazione del campo “Calcolo contr. solid.
residuale” della scheda “Dati contributivi” di AZIE.
Il contributo di solidarietà, se dovuto, viene calcolato sommando automaticamente l’aliquota dello 0,50%
(suddivisa tra aliquota c/azienda e aliquota c/dipendente, rilevate da TB0310) alle aliquote presenti nella
tabella “Contributi Inps azienda / dipendente” (TB0304) collegata al dipendente.
Il contributo viene calcolato per tutti i lavoratori subordinati fatta eccezione per i dirigenti.
Inoltre non viene applicato per i dipendenti con qualifica speciale “S” (Lavoratori autonomi dello spettacolo) e
per gli operai agricoli.
Il contributo viene calcolato in misura intera per i dipendenti con agevolazioni o soggetti a sgravi contributivi.
Con riferimento all’incentivo per le assunzioni dei giovani under 30 (ex art. 1, DL 76/2013), nel caso di
dipendenti interessati anche da agevolazioni contributive (ad esempio gli apprendisti), per i quali l’incentivo
in oggetto è applicabile in misura non superiore alla contribuzione dovuta dal datore di lavoro, si precisa che
anche il contributo al Fondo di solidarietà residuale verrà quindi considerato nella contribuzione dovuta.

Nella stampa del prospetto di quadratura e di primanota la contribuzione corrente viene sommata al totale
dei contributi dovuti; dove presente, l’aliquota contributiva esposta sarà comprensiva del suddetto contributo.

Il comando di aggiornamento (AGGI) esegue la memorizzazione della quota di contributo c/azienda e


c/dipendente in 2 nuovi campi inseriti nella sezione “Progressivi > Contributi sociali” di DIPE (4^ pagina):

AVVERTENZA
Si sottolinea che prima di procedere all’elaborazione dei cedolini di ottobre è necessario
eseguire le operazioni riportate al relativo paragrafo (vedi pag. 29).

Integrazione alla guida utente 20


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

UTYC100 scelta 4 - Arretrati


Tale funzione deve essere eseguita al fine di calcolare ed inserire nella mensilità di ottobre o novembre ’14,
la contribuzione dovuta al Fondo residuale a titolo di arretrati per il periodo gennaio-settembre ’14.

Ai fini della determinazione dell’importo dovuto, per ciascun dipendente e ciascun mese del periodo
interessato (gen.-sett. ’14), il programma verifica le condizioni per l’applicabilità del contributo al Fondo
residuale, in maniera analoga a quanto effettuato in fase di elaborazione di una mensilità corrente.
I valori della forza aziendale media dei 6 mesi precedenti (con e senza apprendisti) vengono verificati
dall’apposito riquadro inserito nei “Progressivi > Contributi INPS” di AZIE (v. pag.8), con riferimento al mese
precedente a quello verificato ed al settore di riferimento della filiale del dipendente.

Per ciascuna mensilità pregressa interessata dal contributo arretrato, il comando in oggetto consente di:
- rilevare dai cedolini elaborati l’imponibile contributivo mensile;
- calcolare i contributi c/azienda e c/dipendente dovuti a titolo di arretrato;
- generare le apposite voci di calcolo nei cedolini di ottobre o novembre ’14.

A tal fine, la funzione “Arretrati” di UTYC100 prevede le scelte di seguito descritte:

Stampa
Tale scelta consente di calcolare gli importi dovuti, generando una stampa con il dettaglio dei dipendenti e
delle mensilità per le quali è stato determinato un importo di arretrato.
Sono richieste le seguenti informazioni:
Mese fiscale: mensilità nella quale si intendono generare gli arretrati
Stampa dettaglio: indicare “Si” per riportare nella stampa il dettaglio delle mensilità (comprese nel periodo
gen.-sett. ’14) per le quali risulta dovuto il contributo arretrato, evidenziando il rispettivo
imponibile contributivo. Indicando “No” verrà riportato il totale dell’imponibile relativo
alle mensilità interessate.

Integrazione alla guida utente 21


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Confermando l’elaborazione verrà generata la seguente stampa:

Per ciascun dipendente interessato vengono evidenziate le seguenti informazioni:


Mese: se indicato “Si” al campo “Stampa dettaglio”, vengono evidenziati i singoli mesi per i
quali, in funzione delle verifiche sopra descritte, è dovuto il contributo arretrato;
Imponibile: imponibile contributivo rilevato dai cedolini elaborati per le mensilità interessate;
Conto Dipe: importo dei contributi arretrati calcolati sul precedente imponibile (0,50%), suddiviso fra
Conto Azie: quota c/dipendente e c/azienda.
Totale:
Cedolino: in tale colonna viene evidenziato lo stato di elaborazione del cedolino relativo alla
mensilità selezionata ai fini del calcolo degli arretrati.

Precisazioni:
 Per i dipendenti licenziati in un mese precedente a quello di calcolo degli arretrati e senza cedolino per
tale mensilità, l’importo di arretrati verrà interamente computato come c/azienda; in tal caso verrà
evidenziato il simbolo ‘ * ‘ nella colonna “Conto Dipe”.
 Nella denuncia UniEmens è richiesto un unico valore di imponibile (all’interno della denuncia aziendale).
Il programma verifica la corrispondenza fra l’importo complessivamente dovuto per ciascuna matricola
Inps e la somma degli importi determinati per ciascun dipendente presente nella matricola stessa.
L’eventuale differenza verrà computata nel valore del contributo c/azienda relativo al primo dipendente
interessato.
 L’imponibile relativo a ratei differiti nel corso del 2014 viene considerato nell’imponibile ai fini degli
arretrati in questione solo per la parte relativa agli stessi ratei non successivamente goduti entro il mese
precedente a quello selezionato per il calcolo degli arretrati.
Contestualmente alla generazione degli arretrati (successiva funzione “Stampa e aggiorna”), il
programma provvederà ad aggiornare i valori dei contributi su ratei differiti memorizzati nella relativa
sezione della scheda “Ratei” di DIPE, sommando la parte relativa alla contribuzione arretrata al Fondo
residuale.
Si precisa che, in caso di non trattenuta al dipendente della relativa quota di contributi su ratei differiti, la
quota di arretrati calcolati sull’imponibile relativo ai ratei differiti verrà interamente considerata come
c/azienda; in tal caso, pertanto, gli importi evidenziati nelle colonne “Conto Dipe” e “Conto Azie” della
stampa in oggetto non corrisponderanno alla normale suddivisione della contribuzione al Fondo residuale
(1/3 c/dipe e 2/3 c/azie).

Integrazione alla guida utente 22


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Stampa e aggiorna
Tale scelta, oltre al calcolo e alla stampa sopra descritta, consente di procedere all’inserimento degli arretrati
c/azienda e c/dipendente nei cedolini della mensilità selezionata, generando le rispettive voci di calcolo
collegate nella sezione “Arretrati Fondo solidarietà residuale” della tabella TB1201 (v. pag. 16).
Se eseguita prima dell’elaborazione del cedolino, le voci di contribuzione arretrata al Fondo residuale
verranno comunque generate in fase di successiva elaborazione del cedolino interessato.
Se eseguita dopo l’elaborazione del cedolino, non è necessario rielaborare il cedolino in quanto il
programma, contestualmente alla generazione delle voci di arretrato, provvede ad eseguire la funzione di
ricalcolo dei cedolini (CEDOLB).
Con riferimento ai dipendenti licenziati in mensilità precedenti senza cedolino nel mese interessato, il
programma calcola comunque gli arretrati, attribuendo tutto l’importo in capo all’azienda. Le voci di calcolo
non verranno e l’importo verrà memorizzato direttamente nell’apposita sezione dei “Progressivi > Contributi
sociali” di DIPE (v. parag. successivo)
Si precisa che:
- in presenza di più rapporti di lavoro nel corso del periodo gen.-sett. ’14, gli arretrati verranno
complessivamente calcolati con riferimento all’ultima matricola in forza (salvo il caso di riassunzione su
diversa matricola INPS aziendale);
- per i dipendenti trasferiti (con passaggio diretto) presso altro datore di lavoro, gli importi degli arretrati
verranno cumulati nella azienda/matricola di destinazione nel caso in cui il comando in oggetto venga
eseguito selezionando contestualmente entrambe le aziende;
Se necessario, la funzione “Stampa e aggiorna” può essere rieseguita; in tal caso il programma provvede ad
annullare e rigenerare le voci nel cedolino.
La generazione degli arretrati sul mese di novembre non viene eseguita nel caso in cui risultino presenti
degli arretrati nella mensilità di ottobre.

Annulla voci
Tale scelta consente di annullare le voci di contribuzione arretrata precedentemente generate con la
funzione “Stampa e aggiorna”.

Integrazione alla guida utente 23


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Elaborazione mensilità arretrati


Dopo l’esecuzione della funzione “Stampa e aggiorna” di UTYC100, nei cedolini della mensilità selezionata
risulteranno generate le voci di contribuzione arretrata c/azienda e c/dipendente, con gli importi evidenziati
nelle rispettive colonne della stampa sopra descritta (nella base della voce c/azienda viene evidenziato
anche l’imponibile totale utilizzato per il calcolo degli arretrati relativi al dipendente):

Si precisa che l’eventuale variazione o annullamento manuale delle suddette voci verrà mantenuto anche in
caso di successiva rielaborazione del cedolino; le voci verranno automaticamente ricalcolate solo in caso di
successiva riesecuzione del comando UTYC100 > “Arretrati > Stampa e aggiorna”.

Per i dipendenti licenziati in un mese precedente, senza cedolino nel mese, in alternativa alla generazione
delle suddette voci, il programma provvederà a memorizzare il relativo importo di arretrati nell’apposita
sezione “Arretrati fondo solidarietà residuale” inserita in DIPE > “Progressivi > Contributi sociali” (con
riferimento al mese di calcolo degli arretrati) > sezione “Fondo solidarietà residuale” > tasto funzione F4):

Integrazione alla guida utente 24


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

In tale sede verrà evidenziato l’imponibile utilizzato per il calcolo degli arretrati ed il relativo importo suddiviso
fra c/azienda e c/dipendente; si sottolinea, comunque, che gli arretrati relativi a tali dipendenti verranno
complessivamente considerati come contribuzione c/azienda.

Nel prospetto di quadratura della mensilità, i contributi arretrati al Fondo residuale verranno evidenziati nel
riquadro “Somme a debito” e computati rispettivamente nel totale contributi c/ditta e c/dipendente (sezione
“Dati Contributivi”):

Contestualmente, il totale degli arretrati per ciascuna matricola INPS, verrà riportato nella relativa denuncia
UniEmens, valorizzando l’elemento <AltreADebito> della denuncia aziendale come di seguito indicato:
 codice M131 nell’elemento <CausaleADebito>;
 importo totale dell’imponibile nell’elemento <Retribuzione>;
 importo totale del contributo arretrato nell’elemento <SommeADebito>.

All’interno dei prospetti di primanota standard, l’importo degli arretrati a carico dell’azienda verranno
evidenziati distintamente nel nuovo analitico “Altri contributi c/ditta” inserito nel gruppo “Contributi Inps”.
In tale analitico è stato inserito il nuovo totalizzatore Q273 nel quale verranno computati gli importi delle voci
di calcolo con “Cod. aggiorn. dipendente” pari a 366 (v. pag. 16). Si precisa che tale totalizzatore
rappresenta un di cui del totalizzatore delle ritenute Inps c/azienda (Q016).
Nel suddetto totalizzatore, inoltre, verrà sommato il totale (c/azienda e c/dipendente) degli arretrati relativi ai
dipendenti licenziati in mesi precedenti, memorizzato nella sezione “Arretrati fondo solidarietà residuale” di
DIPE > “Progressivi > Contributi sociali”.
Per il dettaglio delle modifiche delle strutture di primanota standard si rimanda al documento allegato.
Il comando di conversione (CONVERS) provvede ad aggiornare automaticamente le primanota standard.
Si ricorda che l’aggiornamento delle primanota personalizzate collegate ad una primanota standard non
avviene automaticamente; per aggiornare anche tali primanota è necessario eseguire il comando GEPRI >
Utility > 3-Aggiornamento PN duplicate (vedi MANUALE PAGHE “Archivi di base > Anagrafiche e Gestioni >
Gestione Primanota > Duplicazione quadrature”).

Con l’aggiornamento della mensilità, l’importo degli arretrati c/azienda (rilevato dalla relativa voce di calcolo
e dalla sezione “Arretrati fondo solidarietà residuale”) verrà sommato, nel dettaglio mensile dei costi per il
dipendente (DIPE > “Progressivi > Ratei”), ai costi dei contributi su retribuzione.

Integrazione alla guida utente 25


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

TB0304 – Contributi Inps azienda / dipendente


Con riferimento ai dipendenti ai quali verrà applicata la contribuzione al Fondo di solidarietà residuale,
accedendo alla tabella “Contributi Inps azienda / dipendente” (TB0304) dall’anagrafica dipendente o dal
cedolino il totale dei contributi dovuti ed il totale dei contributi c/azienda e c/dipendente verrà esposto
comprensivo del suddetto contributo; tale situazione sarà evidenziata mediante apposita segnalazione.

Si precisa inoltre che dalla presente versione, nel caso di dipendenti a tempo determinato, anche la
presenza del contributo addizionale ASPI (1,40) verrà evidenziata mediante apposita segnalazione (in
precedenza il programma inseriva un asterisco a lato del campo “% Totale”).

TB0103 – Descrizione elementi retribuzione


Nella stampa del cedolino la contribuzione c/dipendente viene sommata nella casella “Contributo 1” del
cedolino.
Nel caso in cui l’utente voglia esporla separatamente è possibile compilare il nuovo campo “Casella cedolino
contributo f.do solidarietà residuale” di tabella “Descrizione elementi retribuzione” (TB0103), con
l’indicazione della casella desiderata.

Integrazione alla guida utente 26


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

UTYC100 scelta 5 - Utility

Calcolo base FZ00


Nel caso di aziende che rientrano nell’applicazione del contributo al Fondo di solidarietà residuale, ma che
hanno iniziato ad elaborare i cedolini con la procedura PAGHE Teamsystem a gennaio 2014, tale scelta
consente di calcolare il valore della forza aziendale (FZ00 e FZ00 NA) per i mesi che non risultano elaborati
(da luglio 2013 a dicembre 2013), utili per il successivo calcolo delle medie.
Pertanto la scelta in oggetto deve essere eseguita prima dell’opzione “Calcolo medie”.
Per il periodo indicato nei limiti del comando (“Da periodo mese/anno – A periodo mese/anno”), il calcolo
viene eseguito verificando i dipendenti in forza per ciascun mese, sulla base delle informazioni anagrafiche
presenti.
I valori così determinati vengono successivamente riportati nell’apposita sezione “Progressivi > Contributi
INPS” di AZIE dal programma di calcolo delle medie.
Si precisa che in tal caso non vengono presi in considerazione per il calcolo della forza aziendale i
dipendenti intermittenti ed i lavoranti a domicilio.

Calcolo media di partenza


Nel caso di aziende che inizieranno ad elaborare i cedolini con la procedura PAGHE Teamsystem in corso
d’anno, in assenza di dati memorizzati nella procedura riferiti ai periodi pregressi, tale scelta consente di
calcolare la media semestrale della forza aziendale (FZ00 6M) e della forza aziendale senza apprendisti
(FZ00 6M NA), utile per il primo mese di elaborazione (da indicare nel campo “Mese/anno” del comando).
Pertanto la scelta in oggetto dovrà essere eseguita dopo l’opzione “Calcolo base FZ00”.

Integrazione alla guida utente 27


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Modifiche calcolo forza aziendale e medie

Calcolo forza aziendale


A partire dalla mensilità di ottobre ’14, il calcolo della forza aziendale è stato modificato al fine di:
 escludere dalla forza aziendale i dipendenti con contratto d’inserimento (“Posizione assicurativa” 80-84), i
lavoratori autonomi dello spettacolo (“Qualifica speciale” S) nonché i dipendenti esclusi dalla denuncia
UniEmens (“Esclusione EMENS” Si); questi ultimi verranno esclusi anche dal numero dei dipendenti
occupati (elemento <NumLavoratori> di <DenunciaAziendale>);
 computare i dipendenti part-time in funzione della relativa percentuale indicata in anagrafica dipendente
(anziché in funzione del rapporto fra ore Inps del cedolino e ore contrattuali).
Si ricorda che i lavoratori assenti e non retribuiti vanno esclusi dalla forza aziendale solo nel caso in cui, in
loro sostituzione, siano stati assunti altri lavoratori.
In tal caso, il lavoratore assente (e sostituito) deve essere identificato dal codice 1 al campo “Stato
dipendente” (scheda “Anagrafica” di DIPE) al fine di non essere computato nella forza aziendale.

Media semestrale forza aziendale

Aziende stagionali
Il programma è stato implementato al fine di segnalare, in fase di elaborazione del cedolino, l’eventuale
necessità di ricalcolo delle medie della forza aziendale dei 6 mesi precedenti (valori con e senza apprendisti,
presenti al campo “N° dipendenti categ. contributiva” della scheda “Dati contributivi” di AZIE) nel caso in cui
la mensilità precedente a quella in corso non risulti elaborata (ad esempio nel mese di ripresa dell’attività da
parte di una azienda con attività stagionale).
Infatti, in assenza dell’aggiornamento del mese precedente, i valori presenti nel suddetto campo risulteranno
quelli calcolati fino all’ultimo mese aggiornato.
Pertanto, accedendo all’elaborazione dei cedolini dell’azienda/filiale, il programma evidenzierà la seguente
segnalazione:

Selezionando “Si”, il programma provvederà a ricalcolare le medie della forza aziendale dei 6 mesi
precedenti quello in elaborazione, che verranno memorizzate (distinte per settore) nei relativi campi dei
“Progressivi > Contributi INPS” di AZIE con riferimento al mese precedente. Gli stessi valori verranno
riportati nelle corrispondenti caselle del campo “N° dipendenti categ. contributiva”.

Numero mesi per calcolo media forza aziendale


A partire dalla presente versione, il numero di mesi per il calcolo della media della forza aziendale (massimo
6) viene determinato verificando l’inizio dell’attività (campo “Inizio attività” della scheda “Anagrafica” di AZIE).

Integrazione alla guida utente 28


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Operazioni preliminari mensilità di ottobre 2014

Operazioni da eseguire prima dell’elaborazione della mensilità di ottobre 2014


1) Indicare il settore di riferimento per ciascuna tabella “Categorie contributive” (TB0302) e compilare il
campo “Soggetto a contributo fondo solidarietà residuale” laddove previsto.
In presenza di tabelle CONTRA che risultano bloccate o di tabelle non fornite con la procedura CONTRA
è possibile eseguire il comando di utilità UTYC100 (prima scelta “Categorie contributive”).
In mancanza dell’indicazione del codice settore, in fase di esecuzione del comando CEDOL per la
specifica azienda/filiale, verrà evidenziata la segnalazione “Manca codice settore su tabella categoria
contributiva azienda”, non permettendo l’elaborazione.
2) Nel caso in cui la scelta 1 di UTYC100 abbia evidenziato aziende alle quali non risulta collegato alcun
codice categoria contributiva (presenza del rigo “Categoria contributiva assente”), nelle relative aziende
collegare l’opportuna TB0302 oppure impostare la forzatura del calcolo del contributo al Fondo mediante
la compilazione del campo “Calcolo contr. solid. residuale” della scheda “Dati contributivi” di AZIE.
3) Verificare la compilazione del campo “Inizio attività” della scheda “Anagrafica” di AZIE nei seguenti casi:
- per le aziende interessate dall’applicazione del contributo al Fondo di solidarietà residuale, se la data
di inizio attività è successiva a luglio 2013;
- per le aziende non interessate dal contributo al Fondo, se la data di inizio attività è successiva ad
aprile 2014.
4) Ricalcolare la forza aziendale aggregata per settore e quindi la media semestrale, con riferimento alle
mensilità precedenti.
A tale scopo, è disponibile l’apposita funzione “Calcolo medie” del comando di utilità UTYC100 che
consente di ricalcolare tali valori e riportare le medie dell’ultimo semestre nel campo “N° dipendenti categ.
contributiva”.
Se in TB0302 risulta valorizzato il campo “Soggetto a contributo fondo solidarietà residuale” e non è stata
eseguita la funzione “Calcolo medie”, in fase di esecuzione del comando CEDOL per la specifica
azienda/filiale verrà evidenziata la segnalazione “Media dipendenti per settore non calcolata”, non
permettendo l’elaborazione.
L’esecuzione della funzione “Calcolo medie” è obbligatoria nel caso di aziende contraddistinte da distinti
inquadramenti, oppure in caso di aziende soggette al contributo al Fondo di solidarietà residuale.
Diversamente, sarà comunque possibile procedere all’elaborazione di tale mensilità senza eseguire il
suddetto ricalcolo, che verrà effettuato automaticamente con la quadratura della mensilità stessa.
Si sottolinea che, in presenza sia di aziende che elaborano i cedolini in modalità sfasata che di aziende
che elaborano i cedolini in modalità normale, la funzione “Calcolo medie” può essere eseguita in tempi
diversi.
5) Per le aziende che ricadono nelle condizioni di cui ai punti 2) e 3) si precisa che la compilazione dei
campi in esame deve essere eseguita senza storicizzare la variazione, ed effettuata con riferimento a tutti
i periodi di validità a partire da luglio 2013.

Integrazione alla guida utente 29


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Gestione assegni nucleo familiare

Anagrafiche e gestioni
GEASS
Il programma è stato implementato al fine di consentire:
1. la gestione della scadenza dell’autorizzazione INPS richiesta in determinate casistiche per il diritto agli
assegni familiari;
2. la verifica dei limiti di età previsti ai fini del computo dei figli (o equiparati) nel nucleo familiare;
3. il ricalcolo degli assegni familiari spettanti per i mesi precedenti a la conseguente generazione delle voci
di calcolo utili all’erogazione degli arretrati spettanti o al recupero degli importi erroneamente
riconosciuti.

Di seguito si riporta il dettaglio delle implementazioni sopra sintetizzate.

Gestione autorizzazione INPS per assegni familiari


Ai fini della presentazione della domanda di assegno al nucleo familiare, in determinati casi è richiesta la
preventiva autorizzazione da parte dell’INPS.

Le autorizzazioni rilasciate dall’INPS avranno validità fino alla data di scadenza indicata dall’Istituto
nell’autorizzazione stessa.

DIPE – scheda “Assegni familiari”


Per la gestione della scadenza di validità dell’autorizzazione INPS, nella scheda “Assegni familiari” di DIPE è
stato inserito il campo “Scadenza autorizzazione”:

Compilando tale campo:


1. verrà automaticamente sospesa l’erogazione dell’assegno a partire dal mese successivo alla data
di scadenza indicata.
A tal fine, l’apposita voce di calcolo (voce con cod. quadratura 1, utile alla valorizzazione automatica
dell’importo), non verrà più valorizzata, sia in caso di generazione automatica che di inserimento manuale
della voce.

2. Se indicato “S” al campo “SCADE – Stampa scadenze automatiche” della scheda “Altro” di TB1203 (cod.
campo 134), fra le scadenze automatiche del dipendente verrà inserita anche la scadenza
dell’autorizzazione INPS indicata nel campo in oggetto.
Con riferimento a tale data, pertanto, nella sezione “Scadenze dipendente” della scheda “Dati generali” di
CEDOL nonché nelle stampe dello scadenzario dipendente (SCADE, scelte 2, 5 e 6) verrà evidenziata la
scadenza “ANF Scad.autorizzazione”:

Integrazione alla guida utente 30


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

GEASS – Gestione modello assegni familiari


Ai fini della compilazione del suddetto campo “Scadenza autorizzazione” della scheda “Assegni familiari” di
DIPE, nella sezione “Datore di lavoro” della “Gestione modello” di GEASS è stato inserito il campo
“Domanda soggetta ad autorizzazione”:

Se contrassegnato tale campo, con l’esecuzione della scelta “Aggiorna dati dipendente” di GEASS, la data
presente al campo “Data scadenza” (campo già presente) verrà riportata nel nuovo campo “Scadenza
autorizzazione” di DIPE, attivando gli automatismi sopra descritti.

Integrazione alla guida utente 31


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Controllo limiti di età per ANF


Il programma è stato implementato al fine di effettuare la verifica del compimento della maggiore età da
parte dei figli (o equiparati) inseriti nel nucleo familiare ai fini del relativo assegno familiare, consentendo di
evidenziare un’apposita scadenza per il dipendente ed eventualmente sospendere o variare l’erogazione
dell’assegno al nucleo familiare.
Inoltre, in caso di domanda ANF inserita in “Gestione modello” di GEASS ed in caso di nucleo familiare
numeroso (almeno 4 figli di età inferiore ai 26 anni) con figli studenti o apprendisti (ammessi nel nucleo
familiare ANF fino all’età di 21 anni), il suddetto controllo verrà effettuato anche per il compimento dei 21 e/o
26 anni.
Al fine di attivare tali controlli e definire le modalità di intervento, è necessario compilare il nuovo campo
“Gestione ANF: verifica limiti età figli nucleo” nella sezione “Altro” della tabella TB1203 (cod. campo 160),
selezionando una delle seguenti opzioni:
S In fase di elaborazione della mensilità in cui si verifica il raggiungimento del limite di età, verrà
automaticamente generata un’apposita scadenza relativa al dipendente (con data di scadenza il
primo giorno del mese successivo e descrizione “Variazione nucleo ANF”); tale scadenza verrà
evidenziata nella scheda “Dati generali” di CEDOL e riportata nella stampa dello scadenzario
dipendente (comando SCADE, scelte 2, 5 e 6).
Si precisa che:
a) in assenza della domanda ANF in GEASS, verrà segnalato solo il compimento dei 18 anni da
parte di uno dei figli inseriti nella scheda “Detrazioni” di DIPE;
b) in presenza della domanda ANF in GEASS (domanda “chiusa”), verrà verificato il nucleo
familiare inserito in tale sede, e verrà generata la suddetta scadenza in presenza di:
- figlio non inabile che compie 18 anni;
- figlio che compie 21 o 26 anni (in caso di nucleo familiare con almeno 4 figli di età inferiore
a 26 anni e almeno un figlio identificato come studente/apprendista mediante l’apposito
flag).
Il raggiungimento del limite di età nel mese di giugno non viene segnalato in quanto, dal mese di
luglio, è richiesta comunque la presentazione di una nuova domanda ANF.
R Oltre alla generazione della scadenza come sopra descritto, con tale opzione è possibile
aggiornare automaticamente l’importo da riconoscere a titolo di ANF.
A tal fine, con l’aggiornamento della mensilità di compimento del limite di età, il programma
provvederà a modificare la scheda “Assegni familiari” di DIPE, creando un’apposita variazione
storica a decorrere dal mese successivo.
Nello specifico, la scheda “Assegni familiari” verrà modificata come di seguito descritto:
c) in presenza di un figlio che compie 18 anni, il programma procederà con le seguenti modalità:
- in assenza della domanda ANF in GEASS, verrà diminuito di una unità il “Numero
componenti nucleo” ed il “Numero figli”; nel caso in cui il “Numero figli” diventi 0, verrà
cambiato da 2 a 1 il “Tipo tabella assegni”;
- in presenza della domanda ANF in GEASS, verrà adeguatamente ricalcolato il numero dei
figli e dei componenti il nucleo familiare, aggiornando di conseguenza i suddetti campi su
DIPE.
In funzione delle modifiche sopra descritte, verrà ricalcolato l’ “Importo assegno”.
d) in presenza di un figlio che compie 21 o 26 anni (solo in presenza del modello ANF in GEASS),
verrà contrassegnato il campo “Sospensione assegni familiari”, sospendendo la successiva
erogazione degli assegni familiari; in tal caso, quindi, sarà cura dell’utente effettuare
l’aggiornamento necessario dopo la presentazione da parte del dipendente dell’apposito
modello ANF di variazione.
O Oltre alla generazione della scadenza come sopra descritto, con tale opzione è possibile
sospendere automaticamente l’erogazione degli assegni familiari.
A tal fine, con l’aggiornamento della mensilità di compimento del limite di età, il programma
provvederà a contrassegnare il campo “Sospensione assegni familiari” della scheda “Assegni
familiari” di DIPE, creando un’apposita variazione storica a decorrere dal mese successivo.

Integrazione alla guida utente 32


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Gestione arretrati assegni familiari


All’interno del comando GEASS è stata implementata la funzione “Arretrati assegni familiari”, che permette
di ricalcolare gli assegni familiari spettanti per un determinato periodo pregresso, consentendo di generare
automaticamente le voci di calcolo utili all’erogazione o al recupero della differenza rispetto a quanto
riconosciuto a titolo di ANF nel periodo stesso.
Selezionando la scelta in oggetto, viene proposta la seguente maschera:

Dopo la selezione della matricola interessata, è richiesto l’inserimento delle seguenti informazioni, proposte
automaticamente dal programma come di seguito descritto:
Mese inserimento voce: mese nel quale si intende generare la voce di erogazione degli arretrati o quella
di recupero dell’importo erogato in eccesso.
Il programma propone il mese successivo all’ultimo aggiornato.

Voce ANF corrente: voce di calcolo utilizzata per l’erogazione dell’importo ANF corrente (voce con
“Cod. quadrature e DM10” pari a 1).
Il programma propone la voce collegata al campo “Voce assegni familiari” della
relativa tabella “Dati presenze” (TB1102 > scheda “Altro”).
Voce ANF recupero voce utilizzata per i dipendenti con calendario sfasato al fine di rettificare
precedente: l’importo degli assegni familiari corrisposto nel mese precedente, nel caso in cui,
a seguito dell’inserimento delle variabili relative a tale mese, risultino variati i
giorni di spettanza ANF (voce con “Cod. quadrature e DM10” pari a 5).
Il programma propone la voce collegata al campo “Voce recupero assegni
familiari” della relativa tabella “Dati presenze” (TB1102 > scheda “Altro”).
Le suddette voci verranno verificate dal programma al fine di rilevare l’importo degli assegni familiari già
erogato nel periodo oggetto di ricalcolo.

Voce arretrati: voce di erogazione degli arretrati ANF spettanti per il periodo oggetto di ricalcolo
(voce con “Cod. quadrature e DM10” pari a 4).
Voce restituzione: voce di recupero dell’importo di ANF erogato in eccesso per il periodo oggetto di
ricalcolo (voce con “Cod. quadrature e DM10” pari a 5).

Integrazione alla guida utente 33


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

In tali campi il programma propone gli appositi codici voce 8303 e 8305 che, se non già presenti, vengono
automaticamente creati in fase di conversione mediante il comando IMPVOCI.

Nella sezione successiva deve essere indicato il/i periodo/i oggetto di ricalcolo, con i rispettivi parametri del
nucleo familiare:
Da mese/anno: indicare il periodo per il quale si intende ricalcolare l’importo ANF spettante.
A mese/anno: In caso di ricalcolo per più anni (anni di riferimento degli assegni familiari ossia
periodi da luglio a giugno dell'anno successivo), è necessario inserire ciascun
periodo di riferimento su distinti righi della sezione in oggetto.
Tabella: con riferimento a ciascun periodo impostato ai campi “Da/A mese/anno”, devono
Nr. persone nucleo: essere indicati i parametri per il calcolo degli assegni familiari (codice della
Nr. figli: tabella identificativa della tipologia di nucleo familiare, numero complessivo dei
Reddito: componenti il nucleo, numero di figli e reddito complessivo del nucleo).
In corrispondenza del campo “Tabella”, oltre al tasto funzione F2 utile per
visualizzare e selezionare le tipologie di nucleo previste, è disponibile il tasto
funzione F3 (o pulsante “Prelievo coordinate dipe” sulla destra del riquadro in
oggetto) che consente di compilare automaticamente i campi in questione con i
valori presenti nei corrispondenti campi della scheda “Assegni familiari” di DIPE
(con riferimento al mese indicato ai fini del ricalcolo).
Dopo l’inserimento delle informazioni sopra descritte, selezionando il pulsante “Calcola importi” è possibile
procedere al calcolo degli importi interessati:
Spettante: importo di ANF spettante per il periodo indicato, ricalcolato in funzione di:
- tabella Inps e parametri del nucleo familiare indicati per il periodo;
- numero di giorni ANF spettanti per ciascun mese del periodo. Tali giornate
vengono evidenziate (con possibilità di modifica) nella sezione “Dettaglio”
relativa allo specifico periodo selezionato (v. sotto)
Erogato: importo ANF già corrisposto nel periodo indicato.
A tal fine, per ciascun mese interessato, il programma rileva dallo storico voci
(GESSTO) l’importo ANF erogato con la voce indicata al campo “Voce ANF
corrente”, diminuito dell’eventuale importo recuperato nel mese successivo
mediante la voce indicata al campo “Voce ANF recupero precedente”.
Importo: differenza fra l’importo spettante (campo “Spettante”) e l’importo riconosciuto
(campo “Erogato”), che dovrà essere corrisposta a titolo di arretrati (importo
positivo) o recuperata dal dipendente (importo negativo).
Forza: in tale campo viene evidenziato un asterisco con riferimento ai periodi per i quali
l’utente ha apportato una variazione manuale dei giorni di spettanza ANF
all’interno della sezione “Dettaglio” (v. sotto).
Totale arretrato: in tali campi viene riportato alternativamente l’importo totale da erogare o da
Totale restituzione: recuperare.

Dopo l’esecuzione del calcolo degli importi, a lato della sezione in esame risulterà abilitato il pulsante
“Dettaglio” che consente di visualizzare il dettaglio dei valori calcolati per ciascun mese compreso nel
periodo selezionato:

Integrazione alla guida utente 34


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

In tale sezione, in particolare, viene evidenziato il numero di giorni ANF mensili utilizzati per la
determinazione dell’importo mensile spettante.
Tale valore viene determinato con le seguenti modalità:
a) in caso di azienda con sviluppo automatico dei cedolini, a partire dalla mensilità di luglio 2014 (versione
PAGHE 2014.0.11a), il programma provvede a memorizzare all’interno del cedolino i giorni di spettanza
ANF, anche per i dipendenti per i quali non risulta compilata la scheda “Assegni familiari” di DIPE.
In tal caso, in fase di ricalcolo mediante la funzione in oggetto, i giorni ANF vengono rilevati dal cedolino
della mensilità interessata;
b) in assenza del suddetto numero memorizzato nel cedolino, il programma rileverà i giorni ANF dalla
quantità della voce di erogazione degli assegni familiari presente nel mese (voce indicata al campo “Voce
ANF corrente”), diminuita della quantità della voce di recupero (voce indicata al campo “Voce ANF
recupero precedente”) presente nel mese successivo.
c) in assenza anche della voce di erogazione, verrà considerata la quantità fissa di 26 giorni ANF.
Mediante il tasto “Varia” l’utente può modificare il numero di giorni ANF determinato dal programma.
Conseguentemente, verrà ricalcolato l’importo evidenziato nel corrispondente campo “Spettante” e verrà
segnalata la variazione manuale all’interno della colonna “Ric”.
Con la conferma della sezione “Dettaglio” verranno ricalcolati i valori totali del periodo selezionato, riportati
nelle colonne “Spettante” ed “Erogato” della maschera principale.

Terminato il calcolo e l’eventuale verifica degli importi, nella parte inferiore della videata risulterà abilitato il
pulsante “Genera voci” mediante il quale, nella mensilità indicata al campo “Mese inserimento voce”, verrà
alternativamente generata la voce indicata al campo “Voce arretrati” o “Voce restituzione” rispettivamente
con l’importo presente al campo “Totale arretrato” o “Totale restituzione”.
In caso di generazione delle voci prima dell’elaborazione del cedolino, il programma evidenzierà un’apposita
segnalazione; la voce di erogazione/recupero ANF verrà comunque generata in fase di successiva
elaborazione del cedolino interessato.
In caso di generazione dopo l’elaborazione del cedolino, non sarà necessario rielaborare il cedolino in
quanto il programma provvede contestualmente ad eseguire la funzione di ricalcolo dei cedolini (CEDOLB).
Se rieseguita la generazione nello stesso mese, il programma provvederà ad annullare e rigenerare la voce.

Dopo l’esecuzione del ricalcolo ANF e la generazione della relativa voce di calcolo in una determinata
mensilità, se in una mensilità successiva si rende necessario effettuare un secondo ricalcolo degli importi
ANF spettanti per lo stesso periodo, non è possibile utilizzare la funzione “Arretrati assegni familiari” di
GEASS ma sarà cura dell’utente inserire manualmente l’importo di arretrato o di recupero mediante
l’apposita voce di calcolo.

Integrazione alla guida utente 35


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Modifica massiva anagrafica dipendenti

IMPDIP
Modifica massima anagrafica dipendenti
Implementato il nuovo comando IMPDIP che consente di effettuare “massivamente” la modifica o
l’inserimento delle anagrafiche dipendenti mediante importazione dei dati da un file esterno appositamente
predisposto.
A tal fine deve essere utilizzato un file in formato csv nel quale le informazioni contenute in ciascun record
(un record per dipendente) risultano delimitate dal carattere separatore “;”.
Nello specifico, il programma consente di:
1. definire i parametri di importazione, ossia i dati che dovranno essere rilevati dal file ed importati nelle
rispettive anagrafiche dipendente.
A tal fine è necessario selezionare:
a) la tipologia di utilizzo del file (importazione di nuove anagrafiche dipendenti o variazione di
anagrafiche esistenti);
b) le specifiche informazioni che si intendono trasmettere mediante il file.
Se necessario, per ciascuna informazione è possibile impostare una tabella di “transcodifica” utile
al fine di convertire i dati importati dal file nei corrispondenti codici validi all’interno della procedura
PAGHE.
2. predisporre automaticamente, sulla base dei suddetti parametri, il file nel quale dovranno essere inseriti
i dati da trasferire nelle anagrafiche dipendenti;
3. procedere all’importazione dei dati inseriti nel file.
In caso di dati soggetti a storicizzazione, l’aggiornamento delle relative anagrafiche potrà essere
effettuato creando un’apposita variazione storica.

Di seguito si descrivono in dettaglio le scelte del programma IMPDIP, utili all’elaborazione delle diverse
operazioni sopra sintetizzate.

Integrazione alla guida utente 36


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Gestione parametrizzazioni
Per ciascuna tipologia di file che si intende utilizzare per la variazione automatica delle anagrafiche, è
necessario impostare preventivamente gli specifici parametri di importazione all’interno delle apposite tabelle
presenti nel programma IMPDIP, al fine di effettuare correttamente l’identificazione delle informazioni
contenute nel file e l’importazione delle stesse nelle rispettive anagrafiche.
Accedendo al comando, è necessario indicare al campo “Codice parametrizzazione” il codice e la
descrizione da attribuire alla parametrizzazione che si intende impostare (mediante il pulsante “F3 Nuovo
codice” è possibile selezionare automaticamente il primo codice libero).

Dopo la selezione di un codice già creato, è disponibile il pulsante “Funzioni” mediante il quale è possibile
modificare la descrizione assegnata alla parametrizzazione selezionata (funz. “Modifica_descriz.”) oppure
procedere alla creazione di una nuova parametrizzazione duplicando quella selezionata (funz. “dupLica”).
Nella gestione dei parametri sono presenti le scelte di seguito descritte.

Integrazione alla guida utente 37


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Parametri Elaborazione
In tale sede è necessario selezionare la tipologia di utilizzo del file di importazione, scegliendo fra le seguenti
opzioni:

Inserimento: il file verrà utilizzato per l’importazione di dati relativi a nuove matricole da inserire
nell’anagrafica dipendenti.
In tal caso, verrà abilitato il successivo riquadro “Inserimento nuovi dipendenti” nel quale
sono richieste le seguenti impostazioni.
 “Modalità attribuzione matricola”
Indicare la modalità di attribuzione del numero di matricola ai nuovi dipendenti:
- assegnazione automatica della matricola rilevando il primo numero libero a livello
di azienda;
- assegnazione automatica della matricola rilevando il primo numero libero a livello
della specifica filiale;
- rilevazione della matricola dal corrispondente campo inserito nel file di
importazione.
 “Eseguire riassunzione”
Contrassegnando tale campo, nel caso in cui per il dipendente da importare risulti un
precedente rapporto di lavoro nell’anno con lo stesso datore di lavoro, il programma
procederà al prelievo di tutte le informazioni anagrafiche presenti nella matricola
precedente, applicando le modifiche presenti nel file di importazione.
Diversamente, il programma procederà all’inserimento della nuova matricola senza
prelevare alcuna informazione dalla precedente matricola.

Variazione: il file verrà utilizzato per l’importazione di dati da inserire/variare all’interno dell’anagrafica
di matricole già esistenti.

Nel caso in cui il file contenga una prima riga di intestazione dei campi, è necessario contrassegnare la
casella “Saltare la riga di intestazione” al fine di escludere la prima riga dal prelievo dei dati.

Integrazione alla guida utente 38


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Selezione campi
In tale sede è possibile selezionare le informazioni che si intendono inserire all’interno del file.
In fase di accesso, il programma propone i dati minimi indispensabili per procedere con l’importazione,
necessari per l’identificazione dei dipendenti interessati.
In caso di impostazione di un file per la variazione di anagrafiche esistenti, il programma propone come dati
chiave il codice dell’azienda, della filiale e della matricola del dipendente.
In caso di impostazione di un file per l’inserimento di nuove anagrafiche, come dati chiave vengono proposti i
codici azienda/filiale, la matricola (solo se rilevata dal file, v. parag. precedente) nonché il cognome ed il
nome del dipendente:

Accedendo all’elenco dei dati, verrà abilitato il pulsante “Carica campi” ( ) che consente di selezionare
gli ulteriori dati da inserire nel file di importazione.
Il programma propone la seguente maschera con la quale è possibile selezionare (con le stesse modalità
previste nella funzione di export) i dati interessati, attingendo dai campi presenti dell’archivio anagrafico
dipendenti:

Integrazione alla guida utente 39


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Con riferimento all’importazione di nuove matricole dipendenti (tipo elaborazione “Inserimento” in “Parametri
elaborazione”), si precisa che, nell’anagrafica creata con la funzione in oggetto, il programma imposta per
default il collegamento automatico degli elementi retributivi alla relativa tabella “Minimi contrattuali e
contingenza” (valorizzazione della casella “Aut” della scheda “Retribuzione” di DIPE.
Pertanto, l’inserimento delle corrispondenti colonne nel file d’importazione (ad esempio campi
“3^/4^/5^…el.da tab. conting.”) sarà necessario solo al fine di modificare la suddetta impostazione
automatica.

Con la conferma, i campi selezionati risulteranno inseriti nella sezione “Selezione campi”.

Mediante i pulsanti “Elimina campo” ( ) e “Sposta su/giù” ( ) è possibile rispettivamente


eliminare un campo precedentemente selezionato o cambiare l’ordine dei campi in funzione dell’inserimento
dei rispettivi valori all’interno del file d’importazione.
In tale sede, per ciascun dato è necessario impostare i seguenti parametri:

Colonna: tale valore indica la colonna del file csv dalla quale lo specifico dato deve essere prelevato; il
programma propone automaticamente una numerazione progressiva in base all’ordine dei
campi selezionati.
Modificando tale ordine (pulsanti “Sposta su/giù”) o il relativo numero di colonna, l’utente
dovrà impostare l’esatta correlazione fra l’informazione selezionata e la posizione del
corrispondente valore all’interno del file d’importazione.
Rimuovendo il numero indicato nel campo “Colonna”, la specifica informazione non verrà
prelevata dal file in fase di importazione.

Fisso: tale campo può essere compilato, in alternativa al campo “Colonna”, se il dato deve essere
valorizzato con un valore fisso, anziché essere inserito e prelevato nel file d’importazione.
In tal caso, nel presente campo andrà indicato il valore fisso da riportare in anagrafica; in
automatico, verrà rimosso il numero di colonna indicato nel precedente campo.

Trascod: nel caso in cui l’informazione venga prelevata dal file csv (compilazione del campo
“Colonna”), contrassegnando tale casella sarà possibile impostare una specifica tabella di
correlazione (v. parag. succ.).

Integrazione alla guida utente 40


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Transcodifiche campi
Tale sezione consente di impostare delle tabelle utili a convertire i valori dei dati importati dal file esterno nei
corrispondenti codici validi all’interno della procedura PAGHE, al fine di effettuarne la corretta importazione
nell’anagrafica.
In altri termini, se all’interno del file i dati vengono inseriti con una codificazione diversa da quella utilizzata
nella procedura, possono essere impostate delle tabelle di correlazione in cui, per ciascun possibile valore
presente nel file, viene indicato il corrispondente valore presente in PAGHE.

Per ciascun campo per il quale risulta contrassegnata la casella “Trascod” della sezione “Selezione Campi”,
nella sezione “Transcodifiche campi” verrà abilitata un’apposita tabella di correlazione:

L’impostazione delle tabelle di transcodifica può essere effettuata più agevolmente dopo aver ricevuto il file
csv contenente i dati da importare.
In tal caso, accedendo alla tabella interessata, è possibile utilizzare il pulsante “Carica valori” per selezionare
tale file; confermando la selezione il programma provvederà automaticamente a caricare nella tabella tutti i
diversi valori presenti nella colonna del file contenente lo specifico campo selezionato (nell’esempio
seguente “Centro di costo 1”, prelevato dalla colonna 4 del file):

Per ciascun valore rilevato nel file ed evidenziato nella colonna “Valore da Importare”, l’utente dovrà indicare
nella colonna “Valore Paghe” il corrispondente valore che dovrà essere inserito in fase di importazione.
Oltre alla modalità sopra descritta, mediante il pulsante “Nuova riga” ( ) è possibile procedere
all’impostazione di nuove righe di correlazione, inserendo manualmente sia il valore rilevabile nel file
(“Valore da Importare”) che il corrispondente valore da riportare in anagrafica (“Valore Paghe”).
In caso di impostazione manuale della tabella di correlazione, con riferimento ai dati da importare è possibile
definire se trattasi di valori numerici o alfanumerici.
Si precisa che una volta confermato, il valore indicato come “Valore da importare” non può essere
modificato; in tal caso è possibile eliminare il rigo (pulsante ) e reinserire il valore desiderato.
Il programma evidenzia un’icona di avvertimento ( ) nel caso in cui risultino presenti dei valori da
importare per i quali non è stato ancora indicato il corrispondente valore Paghe.

Integrazione alla guida utente 41


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Importazione movimenti
Tale funzione consente di rilevare e verificare i dati presenti nel file di importazione e quindi procedere al
trasferimento degli stessi nei relativi campi dell’anagrafica dei dipendenti interessati.

1. Mediante il pulsante “Seleziona file” a lato del campo “File da importare”, è necessario selezionare il file
csv contenente i dati da importare.

2. Nel campo “Data validità” deve essere indicata la data di decorrenza da attribuire alla variazione
apportata all’anagrafica dipendente; pertanto, la variazione anagrafica verrà effettuata all’interno del
periodo storico valido alla data indicata in tale campo (nonché nei periodi con validità successiva
eventualmente già creati in anagrafica).
Contrassegnando la successiva casella “Genera variazione storica” il programma effettuerà la
storicizzazione della variazione anagrafica indicando come data di inizio validità la data inserita nel
precedente campo “Data validità”.
In tale sede viene evidenziata la dicitura “VARIAZIONE” o “INSERIMENTO” in funzione della tipologia di
elaborazione selezionata nella sezione “Parametri elaborazione” (v. parag. prec.).

Il pulsante “Elabora” consente di prelevare le informazioni dal file selezionato riportandole nella griglia
sottostante; viene evidenziato un rigo per ciascun dipendente e ciascun dato inserito in “Selezione
Campi”:

Integrazione alla guida utente 42


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Nella prima colonna della griglia vengono contrassegnati i dipendenti per i quali è possibile procedere
all’importazione dei dati; rimuovendo tale check è possibile escludere il dipendente dalla variazione
anagrafica.
In presenza di problemi nell’identificazione del dipendente interessato (ad esempio in caso di non
corrispondenza fra i codici azienda/filiale/matricola rilevati nel file e presenti in anagrafica) o dei dati
inseriti nel file (ad esempio per errata impostazione della tabella di transcodifica), il dipendente risulterà
escluso dall’importazione, evidenziando un’icona di avvertimento ( ) e la descrizione del problema
riscontrato (ad esempio dipendente “non trovato”).
Oltre ai dati identificativi del dipendente, nella colonna “Campo” della griglia vengono evidenziati, per
ciascun dipendente presente nel file, i diversi dati selezionati per l’importazione.
Nella colonna “Valore” viene riportato il rispettivo valore rilevato dal file, eventualmente convertito in
funzione della relativa tabella di transcodifica.

3. In tale riquadro sono presenti le seguenti opzioni utili a modificare la visualizzazione dei dati proposti in
griglia, al fine di agevolare la verifica dei valori che verranno trasferiti in anagrafica con la conferma
dell’importazione.
Visualizza valori paghe: contrassegnando tale casella, per ciascun campo inserito verrà visualizzato
sia il valore rilevato nel file d’importazione che il valore attualmente presente
nella relativa anagrafica PAGHE:

Solo campo corrente: dopo essersi posizionati sul campo interessato, contrassegnando tale casella
verrà visualizzato, per tutti i dipendenti presenti, solo il dato selezionato.

Tutti i dati tali campi consento di filtrare i dipendenti presenti nel file di importazione al
Solo validi fine di visualizzare rispettivamente tutti i dipendenti rilevati, solo i dipendenti
Solo non validi che non presentano problemi di importazione o solo quelli che presentano dei
problemi (per i quali non verrà effettuata l’importazione dei dati).

Si sottolinea che, procedendo con l’elaborazione (v. succ. punto 4), la variazione anagrafica verrà
effettuata su tutti i dipendenti rilevati nel file d’importazione (che non presentano errori)
indipendentemente dal filtro di visualizzazione eventualmente selezionato.

4. In tale riquadro viene evidenziato il numero dei dipendenti:


- complessivamente rilevati all’interno del file;
- selezionati ai fini dell’importazione dei dati (flag nella prima colonna della griglia);
- che presentano errori che impediscono l’importazione dei dati (icona )

Mediante il pulsante “Registra” è possibile procedere all’importazione dei dati nelle rispettive
anagrafiche.
Il pulsante risulterà disattivato se non indicata la data di validità con cui deve essere effettuata la
variazione anagrafica; se richiesto, il programma provvederà a generare un’apposita variazione storica (v.
punto 1).
Si sottolinea che, una volta effettuato l’aggiornamento dei dati anagrafici importati, non sarà possibile
ripristinare automaticamente i valori precedenti (salvo eliminare l’eventuale variazione storica creata).
Pertanto, prima di procedere all’importazione (pulsante “Registra), è cura dell’utente verificare con
attenzione, all’interno della sezione sopra descritta, i campi ed i valori che si andranno ad aggiornare.

Integrazione alla guida utente 43


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Esportazione su CSV
Tale funzione consente di creare automaticamente il file csv da utilizzare per l’importazione dei dati,
predisponendo nelle rispettive colonne la descrizione dei vari campi selezionati.
A tale file, sono disponibili le seguenti scelte:

 Esportazione
Consente di creare il file csv inserendo i campi selezionati nelle colonne indicate (sez. “Selezione
campi”); tale file verrà compilato con i corrispondenti valori presenti in anagrafica PAGHE per le matricole
selezionate.

In tal caso, è possibile indicare la data di validità con riferimento alla quale devono essere rilevati i dati in
anagrafica dipendente.

 CSV con sola testata


Consente di creare il file csv con la sola riga di intestazione, nella quale viene riportata la descrizione dei
campi selezionati nelle relative colonne:

Con la conferma, il programma richiederà la posizione nella quale il file dovrà essere generato; viene
automaticamente attribuita la denominazione “ExpSchemaIMPDIP_XXXX_AAAAMMGG_nnnnnnnn.CSV,
dove “XXXX” indica il codice della parametrizzazione utilizzata, “AAAAMMGG” l’anno, mese e giorno di
generazione del file e “nnnnnnnn” un codice univoco assegnato a ciascun file generato.

Integrazione alla guida utente 44


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Annotazioni cedolino

Utility
NOTECED
Gestione annotazioni cedolino
Implementata la possibilità di gestire delle annotazioni da riportare in stampa nel corpo del cedolino, senza
necessità di inserire apposite voci di calcolo (voci con codice 9999).
Le stesse annotazioni potranno essere riportate anche nella sezione “Annotazioni” già presente in DIPE e
nella scheda “Dati generali” di CEDOL.
Per la gestione di tali annotazioni è stato inserito il nuovo comando NOTECED:

La scelta “Gestione” di NOTECED consente l’inserimento e la gestione delle annotazioni, con possibilità di
inserimento sui distinti livelli di seguito riportati in ordine decrescente di dettaglio:
 matricola;
 livello;
 codice trattamento qualifica, specifico del dipendente o generico per tipologia di dipendente (0-operai
orari, 20-op. mens., 40-imp., 60-dirigenti);
 azienda/filiale;
 azienda.
Per ciascuno dei suddetti livelli, le annotazioni possono essere inserite con riferimento ad un singolo mese
dell’anno in elaborazione oppure a livello generale (con possibilità, in questo caso, di indicare un diverso
periodo di validità).
Nel cedolino del dipendente verranno riportate tutte le annotazioni che, in base ai livelli di dettaglio e di
periodicità, risultano associabili al dipendente.
Su ciascun livello di impostazione sarà comunque possibile indicare che, se lo specifico livello di annotazioni
risulta applicabile al dipendente, vengano ignorate le eventuali annotazioni relative ai livelli di dettaglio
inferiore (vedi successiva opzione “Non ricercare annotazioni in livelli inferiori”).

In funzione di quanto sopra, si riporta di seguito l’esatto ordine di priorità in base al quale il programma
verifica le annotazioni inserite e individua quelle da riportare nel cedolino del dipendente:
1. annotazioni per matricola inserite per singolo mese/anno;
2. annotazioni per matricola valide in generale, o con periodo validità;
3. annotazioni per livello inserite per singolo mese/anno;
4. annotazioni per livello valide in generale, o con periodo validità;
5. annotazioni per trattamento qualifica specifico del dipendente (o, solo se assenti, generico per tipologia
di dipendente) inserite per singolo mese/anno;
6. annotazioni per trattamento qualifica specifico (o generico) valide in generale, o con periodo validità;
7. annotazioni per filiale inserite per singolo mese/anno;
8. annotazioni per filiale valide in generale, o con periodo validità;
9. annotazioni per azienda inserite per singolo mese/anno;
10. annotazioni per azienda valide in generale, o con periodo validità;

Per la gestione delle annotazioni come sopra descritto, nella sezione “Gestione” di NOTECED sono richieste
le informazioni di seguito dettagliate:

Integrazione alla guida utente 45


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Azienda/Filiale: codice dell’azienda o azienda/filale per la quale inserire delle annotazioni.


Mensilità: compilando tale campo è possibile inserire le annotazioni da riportare nella sola
mensilità selezionata (anno in elaborazione); a tal fine è possibile selezionare una
mensilità fiscale o aggiuntiva (fino alla 16^ mensilità).
Non compilando tale campo è possibile inserire delle annotazioni valide in generale o
per uno specifico periodo di validità (vedi successivo campo “Validità”).
Matricola: compilando alternativamente uno di tali campi, è possibile indicare delle annotazioni
Livello: valide rispettivamente per la matricola, il livello di inquadramento o il codice trattamento
Trattam. qualifica: qualifica selezionato.
Si precisa che la presenza di annotazioni relative allo specifico codice trattamento
associato al dipendente esclude automaticamente l’applicazione delle annotazioni
eventualmente inserite con riferimento al codice trattamento principale (codice 00, 20,
40 o 60); tale esclusione viene comunque applicata distintamente per le annotazioni
inserite per singolo mese (compilazione precedente campo “Mensilità”) e quelle inserite
in generale.
Esempio:
Create distinte tabelle-annotazioni per:
a) cod. tratt. qual. 42, per mensilità 6;
b) cod. tratt. qual. 40, per mensilità 6;
c) cod. tratt. qual. 40 (in generale).
In funzione delle tabelle inserite come sopra descritto, nel cedolino del mese 6, per un
dipendente con cod. tratt. qual. 42, verranno riportate le annotazioni inserite nelle
tabelle di cui ai punti a) e c), mentre non verranno considerate quelle della tabella b).
Non compilando nessuno dei presenti campi, la tabella-annotazioni verrà considerata
per tutti i dipendenti dell’azienda o azienda/filiale selezionata.
Annotazioni: inserire il testo delle annotazioni da riportare nel cedolino.
A tal fine sono disponibili 10 righe di 80 caratteri ciascuna; è possibile non compilare
alcune righe al fine di inserire delle righe di spaziatura.
Si precisa che gli eventuali caratteri speciali o accentati potrebbero non essere riportati
correttamente nella stampa del cedolino.

I successivi campi consentono di impostare le opzioni di seguito descritte


Non visualizzare su CEDOL: contrassegnare tale campo al fine di non evidenziare
l’annotazione all’interno del riquadro “Annotazioni” della scheda
“Dati generali” di CEDOL.
Non stampare nel cedolino: contrassegnare tale campo al fine di non riportare l’annotazione
Integrazione alla guida utente 46
PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

nella stampa del cedolino.


Stampare annotazioni in testa: per default, nella stampa del cedolino le annotazioni in oggetto
verranno riportate nel corpo del cedolino al di sotto delle voci di
calcolo presenti.
Contrassegnando il presente campo, l’annotazione verrà riportata
al di sopra delle voci di calcolo.
Escludi licenziati mesi precedenti: consente di non riportare l’annotazione negli eventuali cedolini
relativi a mensilità successive al licenziamento.
Non ricercare annotaz. in livelli inferiori: consente di non considerare le tabelle-annotazioni inserite con
riferimento ai livelli successivi (livelli di dettaglio inferiore).
Esempio:
Create distinte tabelle-annotazioni per:
a) matricola;
b) azienda/filiale (con valorizzazione del campo in oggetto);
c) azienda.
In funzione delle tabelle inserite come sopra descritto, nel
cedolino verranno riportate le annotazioni inserite per matricola e
per azienda/filiale, mentre non verranno considerate quelle
inserite per azienda.
Non contrassegnando tale campo, verranno riportate in stampa
tutte le annotazioni che, in base ai parametri selezionati, risultano
applicabili al dipendente.

Il campo “Validità”, abilitato in caso di non compilazione del campo “Mensilità”, consente di selezionare la
periodicità di inserimento delle specifiche annotazioni. Sono presenti le seguenti opzioni:
Sempre: le annotazioni vengono riportate su tutte le mensilità fiscali e
mensilità aggiuntive (sono comunque esclusi i cedolini aggiuntivi).
Periodo dal / al: tale opzione consente di selezionare il periodo (da mese/anno a
mese/anno) in cui le annotazioni devono essere riportate, con
possibilità di escludere le mensilità aggiuntive comprese nel
periodo.
Solo mensilità indicata: le annotazioni vengono riportate tutti gli anni, nella sola mensilità
indicata, con possibilità di selezionare anche una mensilità
aggiuntiva (fino alla 16^)

La creazione di una nuova tabella-annotazioni può essere effettuata mediante prelievo da una tabella
selezionata dall’utente.
Mediante il pulsante “F3 Dati inseriti” è possibile visualizzare e selezionare le tabelle-annotazioni
precedentemente inserite.

Di seguito si riporta un esempio della stampa del cedolino con inserimento di annotazioni mediante il
comando NOTECED:

Integrazione alla guida utente 47


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Si precisa che le annotazioni impostate in NOTECED vengono rilevate contestualmente alla stampa del
cedolino ma non vengono memorizzate nel cedolino stesso con l’aggiornamento della mensilità.
Pertanto, in caso di stampa di un cedolino relativo ad una mensilità precedente verranno riportate le
annotazioni che risultano impostate in NOTECED al momento della stampa.

Visualizzazione annotazioni su CEDOL e DIPE


Salva valorizzazione del campo “Non visualizzare su CEDOL”, le stesse annotazioni verranno visualizzate
anche nel riquadro “Annotazioni” della scheda “Dati generali” di CEDOL.
Mediante il pulsante è possibile visualizzare alternativamente, come in precedenza, le annotazioni
eventualmente inserite in anagrafica dipendente o azienda.
Nell’analogo riquadro presente in anagrafica dipendente, in presenza di annotazioni inserite in NOTECED a
livello di matricola, verrà visualizzata la dicitura “Annotazioni cedolino presenti”.
Inoltre, nella funzione di ricerca dipendenti (F2 in DIPE) è stata inserita l’opzione “Annotazioni presenti” che
consente di visualizzare e selezionare i dipendenti che presentano delle annotazioni inserite a livello di
matricola in NOTECED.
A lato del riquadro “Annotazioni” (sia in CEDOL che DIPE) è disponibile il pulsante che consente di
accedere direttamente alla gestione delle annotazioni in NOTECED; tale funzione segue i permessi di
accesso eventualmente impostati per la gestione delle precedenti annotazioni su CEDOL o DIPE.

IMPMOV – Importazione Note cedolino


L’inserimento delle annotazioni all’interno della gestione NOTECED può essere effettuata anche mediante
importazione da un file appositamente predisposto in formato csv o txt.
Si precisa che con tale modalità possono essere inserite solo annotazioni a livello di matricola, valide in
generale (tutte le mensilità) o per la specifica mensilità indicata.
A tal fine, all’interno del comando IMPMOV, campo “Tipo elaborazione”, è stata inserita la nuova opzione
“Note cedolino”:

Integrazione alla guida utente 48


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Nella sezione “Parametri file da importare” devono essere definite le informazioni che dovranno essere
prelevate dal file di importazione.
In particolare, possono essere rilevati dal file fino a 10 righi di annotazione (di massimo 80 caratteri
ciascuno), corrispondenti ai 10 righi disponibili all’interno della gestione NOTECED.

In fase di importazione (IMPMOV > “Importazione movimenti”), è necessario indicare l’anno/mese di


riferimento delle annotazioni; con la conferma, quindi, le annotazioni prelevate dal file verranno trasferite
nella gestione NOTECED, relativamente all’anno/mese indicato dall’utente.
Non compilando il campo “Anno”, verrà disabilitato anche il campo “Mese” e le annotazioni verranno inserite
come valide a livello “Generale”, ossia riportate in tute le mensilità; a tal fine, l’anno e mese di riferimento
non dovranno essere indicati all’interno del file di importazione.
Si ricorda infatti che, ai fini dell’importazione, l’anno e mese di riferimento inseriti in fase di “Importazione
movimenti” deve coincidere con quelli eventualmente rilevati dal file di importazione o dai relativi parametri;
in caso contrario, i record con periodo non corrispondente verranno segnalati come non validi e non
verranno generate le relative annotazioni in NOTECED.

Si precisa che l’importazione delle annotazioni mediante IMPMOV:


 non consente la selezione delle ulteriori opzioni disponibili all’interno di NOTECED (ad esempio opzione
“Non ricercare annotaz. in livelli inferiori”);
 non comporta alcuna modifica nelle annotazioni eventualmente già inserite in NOTECED ad un diverso
livello di dettaglio (ad esempio annotazioni per azienda).

Stampa
Tale scelta consente di effettuare una stampa di riepilogo delle tabelle-annotazioni inserite all’interno della
gestione NOTECED per l’azienda selezionata:

Integrazione alla guida utente 49


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Utility e funzioni varie

UTY1412
Ricalcolo costi voci di rimborso
Le voci di calcolo 8496 e 8497, fornite mediante versione CONTRA 2014.4.0, utili per distinguere all’interno
dei tabulati di primanota rispettivamente gli importi di “Rimb. Spese Documentate” e “Rimborsi Chilometrici”
non avevano al campo “Cod. quadrature e DM10” il codice 205, di conseguenza l’importo delle voci non è
stato memorizzato all’interno del campo “Retribuzione del mese” > pagina “Progressivi” > scheda “Ratei” di
DIPE.
Mediante la versione CONTRA 2014.9.0 si è provveduto all’inserimento del codice 205 al campo “Cod.
quadrature e DM10”delle suddette voci.
Con la seguente versione è stato predisposto il nuovo comando di utility UTY1412, utile al fine di sommare
l’importo delle voci in oggetto all’interno dei progressivi del dipendente:

Per i mesi e le aziende/ filiali/ matricole inserite nei limiti di selezione, il programma verificherà all’interno
dello storico voci (GESSTO) la presenza delle voci di calcolo 8496 “Rimb, Spese Documentate” e 8497
“Rimborsi chilometrici” e provvederà, nel mese di riferimento, alla memorizzazione del relativo importo al
campo “Retribuzione del mese” > pagina “Progressivi” > scheda “Ratei” di DIPE.

Si precisa che tale utility non deve essere eseguita se l’utente aveva provveduto a modificare l’impostazione
delle voci di CONTRA.

Integrazione alla guida utente 50


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Archivi di base

Tabelle procedura > Tabelle retributive


TB0102
Descrizione settori aziendali – Differimento ratei
All’interno della tabella “Descrizione settori aziendali” (TB0102) la funzione “F6 Valore precedente” è stata
estesa a tutte le tipologie di rateo.

Tabelle procedura > Tabelle trattenute sociali


TB0301 / TB0302
Correlazione tabelle contributive CONTRA e tabelle contributive INPS
Le tabelle “Gruppi contributivi” (TB0301) e “Categorie contributive” (TB0302) sono state implementate con
l’inserimento del pulsante funzione “F3 Correlazione CONTRA-INPS”, visibile in fase di accesso alle tabelle
stesse.
Selezionando il suddetto pulsante il programma propone un documento .pdf nel quale, per ogni coppia di
tabelle TB0301 e TB0302 viene evidenziato il codice tabella INPS di riferimento, con l’indicazione dei CSC
(codice statistico contributivo) e C.A. (codice di autorizzazione).
La nuova funzione è comunque accessibile anche dagli utenti che non utilizzano l’applicativo CONTRA.

Integrazione alla guida utente 51


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Tabelle procedura > Tabelle Trattenute sociali


TB0305
Creazione nuovo codice ente
Inserito il seguente codice ente interno, da collegare al campo “Codice ente” di tabella “Descrizione altri enti”
(TB0305):

COD. ENTE DESCRIZIONE


103 IPRASS CASSA ASSISTENZA

L’istituzione di tale codice interno avviene con l’aggiornamento delle tabelle fisse, eseguito
automaticamente dal programma di conversione CONVERS.
Lo stesso comando di conversione provvede ad aggiornare le strutture di primanota standard in funzione del
nuovo codice ente. Per l’aggiornamento delle primanota personalizzate è invece necessario eseguire il
comando GEPRI > Utility > 3-Aggiornamento PN duplicate (vedi MANUALE PAGHE “Archivi di base >
Anagrafiche e Gestioni > Gestione Primanota > Duplicazione quadrature”).

Tabelle procedura > Tabelle trattenute sociali


TB0307
Contributi cassa edile

Scheda Eccezioni
Con riferimento alle eccezioni malattia / infortunio è stato modificato il calcolo associato al “Codice calcolo
particolare” “BO01” (CEDA Bologna), relativamente all’integrazione c/ditta oltre il 180° di malattia.
Il trattamento integrativo dal 181° giorno da corrispondersi per gli eventi di malattia a cavallo dell’anno
solare, dove l’INPS riprende ad indennizzare quanto di sua competenza per effetto dell’azzeramento del
conteggio dei giorni, è pari al 19,80%.

Integrazione alla guida utente 52


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Tabelle Irpef > Aliquote addizionali regionali


TB0405
Addizionale regionale Abruzzo
Con l’art. 13 della Legge regionale n. 32/2014, la regione Abruzzo ha rideterminato le aliquote di addizionale
regionale IRPEF valide per l’anno 2014, prevedendo che l’imposta sia determinata per scaglioni di reddito,
applicando all’aliquota di base (1,23%) le seguenti maggiorazioni:
 maggiorazione di 0,31 punti percentuali per i redditi fino a 15.000 euro;
 maggiorazione di 0,43 punti percentuali per i redditi oltre 15.000 e fino a 28.000 euro;
 maggiorazione di 0,50 punti percentuali per i redditi oltre i 28.000 euro.

In funzione di quanto sopra, con l’esecuzione del comando di conversione, la relativa tabella (TB0405,
codice 1) verrà aggiornata come di seguito illustrato:

Integrazione alla guida utente 53


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Addizionale regionale Basilicata


Con Legge regionale n. 8/2014, art. 16, c. 3-4, la regione Basilicata ha rideterminato le aliquote di
addizionale regionale IRPEF valide per l’anno 2014, prevedendo le seguenti maggiorazioni da applicare
all’aliquota base dell’1,23%, nei seguenti limiti di reddito:
 maggiorazione di 1,10 punti percentuali per i redditi imponibili oltre i 75.000 euro;
 maggiorazione di 0,50 punti percentuali per i redditi compresi fra 55.000 e 75.000 euro.
Per i soggetti con reddito imponibile compreso fra 55.000 e 75.000 euro, il suddetto incremento non trova
applicazione in presenza di almeno 2 figli fiscalmente a carico.
Qualora i figli siano a carico di più soggetti, la maggiorazione non si applica solo nel caso in cui la somma
dei redditi imponibili di tali soggetti sia ricompresa nei suddetti limiti di reddito.

In funzione di quanto sopra, con l’esecuzione del comando di conversione, la relativa tabella (TB0405,
codice 2) verrà aggiornata come di seguito illustrato:

Si precisa che, ai fini dell’applicazione dell’aliquota base dell’1,23% anche per i soggetti con reddito
compreso fra 55.000 e 75.000 euro (esclusione del suddetto incremento in presenza di almeno 2 figli a
carico) sarà necessario contrassegnare il campo “Agevolazione addizionale regionale” della scheda “Altro” di
DIPE.

Integrazione alla guida utente 54


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Tabelle procedura > Tabelle presen


TB1103
Riduzione giorni detrazione
La tabella “Giustificativi” (TB1103) è stata implementata al fine di poter ridurre i giorni di detrazione del
cedolino mediante giustificativo.
A tal fine è stato inserito il nuovo campo “Riduzione giorni detrazione”:

Il programma ridurrà i giorni di detrazione del dipendente per ogni giorno di calendario in cui risulterà
presente un giustificativo con il campo in oggetto impostato a “Si”.

Anagrafiche e gestioni
DIPE
Detrazioni TFR
Inserita la possibilità di escludere l’applicazione della detrazione prevista dal D.M. 20 marzo 2008
sull’imposta dovuta sulle erogazioni di TFR e indennità equipollenti (detrazione massima 70 euro), anche in
assenza di un progressivo nella sezione “Altri dati > Lavoro precedente” di DIPE caratterizzato dal codice “D”
nel relativo campo (seconda casella del campo “Tipo reddito”).
A tal fine è possibile contrassegnare il nuovo campo “Escludi detrazioni TFR” nella scheda “Detrazioni” di
DIPE:

Integrazione alla guida utente 55


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Anagrafiche e gestioni
VOCI
Codice aggiornamento dipendente
Introdotto il codice 366 fra i valori ammessi al campo “Cod. aggiorn. dipendente” che consente di sommare
l’importo della voce nel dettaglio dei costi aziendali del mese per il dipendente (DIPE > “Progressivi > Ratei”),
con riferimento ai contributi su retribuzione.

Anagrafiche e gestioni
CNFCED
Personalizzazione cedolino
Nel database dei campi utilizzabili nel cedolino personalizzato (CNFCED, scelta 2, sez. 6 – “Piede del
cedolino”) è stato inserito il nuovo codice 2182, “Nome sindacato”.

Integrazione alla guida utente 56


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Elaborazioni mensili

Elaborazioni
CEDOL
Differimento ratei operai settore edile
Il programma è stato implementato al fine di gestire il differimento di ferie e permessi anche per gli operai del
settore edile, nel caso in cui la Cassa Edile di riferimento preveda per tali ratei la retribuzione al momento del
godimento (TB0307 > scheda “Eccezioni” compilazione del campo “Escludi accantonamento ferie” e campo
“Accantonamento permessi” valorizzato a “P”).
Si premette che tale impostazione è coerente con una gestione che prevede il dipendente operare sempre
con riferimento alla stessa Cassa Edile.
Nella scheda “CEDOL 1” di tabella “Personalizzazione procedura” (TB1203) è stato introdotto il nuovo
campo “Calcolo differimento ratei per operai edili” (codice interno 164).
Indicando “Si” nel suddetto campo il programma:
 verifica i mesi di differimento indicati nella colonna “Ctr.” o “Pag.” del riquadro “Differimento ratei” di
tabella “Descrizione settori aziendali” (TB0102);
 nel cedolino di tali mensilità verifica il trattamento di ferie e permessi per la Cassa Edile memorizzata in
DIPE > “Trattenute > Ultimo cantiere edile”;
 nel suddetto cedolino, laddove previsto, genera le voci di calcolo relative al differimento dei ratei non
goduti, o alternativamente, per i soli permessi, la voce di erogazione dell’indennità sostituiva (in
quest’ultimo caso controllando l’opzione impostata nei campi “Erogazione ratei a scadenza” e
“Differimento ratei a scadenza” della scheda “Dati contrattuali” di AZIE).

Gestione cedolini – Giorni detrazione


Durante l’elaborazione del cedolino di conguaglio il programma è stato implementato al fine di massimizzare
i giorni di detrazione a 365 nel caso in cui questi siano superiori a tale cifra. Come in precedenza il
programma provvede alla segnalazione della casistica in fase di conferma del cedolino.

Calcolo retribuzione CIG (gestione Ticket)


Con il presente aggiornamento l’importo della retribuzione teorica, utilizzata nella determinazione della
retribuzione CIG con gestione Ticket, è stata adeguata agli stessi criteri di calcolo indicati nella versione
EMENS 2014.1.1 se inferiore al minimale contributivo.

Integrazione alla guida utente 57


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Elaborazioni
PDFPAG
Invio e-mail
Le scelte 1, 2 e 5 del comando in oggetto (“Elaborazione mensile – Invio e-mail”; “Elaborazione CUD – Invio
e-mail” e “Cedolino – Invio e-mail”) sono state modificate per visualizzare, prima di effettuare l’invio delle
relative elaborazioni, la videata nella quale vengono riepilogate tutte le informazioni di ciascuna e-mail in
base ai parametri impostati in AZIE > “Altri dati > Tabelle aziendali > Parametri invio stampe”.

In tale se è possibile modificare l’indirizzo e-mail a cui effettuare l’invio selezionando l’apposito pulsante
( ) in corrispondenza della relativa descrizione.
Nel qual caso il programma visualizza la seguente maschera, che consente l’inserimento di più indirizzi e-
mail (separati mediante “;”), fino ad un massimo di 180 caratteri, così come previsto nella scheda “Email” di
AZIE > “Altri dati > Tabelle aziendali > Parametri invio stampe”.

File DBF
Tra le informazioni contenute nel file .dbf allegato alle elaborazioni generate dal comando PDFPAG se
valorizzato il campo “File DBF con PRINOT” di AZIE > “Altri dati > Tabelle aziendali > Parametri invio
stampe” scheda “Vari”, sono stati inseriti il codice centro di costo / reparto “esterno” (codice di 20 caratteri
alfanumerici che può associato al centro di costo / reparto) ed il sesso del dipendente.

Integrazione alla guida utente 58


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Pubblicazione dati su portale


Inserita la possibilità di impostare la password di accesso ai file .pdf generati con il comando PDFPAG
anche nel caso di pubblicazione su portale.
A tal fine nella scheda “PDFPAG” di tabella “Personalizzazione procedura” (TB1203) sono stati introdotti i
seguenti 2 nuovi campi:
- “Pubblica su Documenti da gestionali con password” (codice interno 161);
- “Pubblica su Console dipendente con password” (codice interno 162).
Entrambi i nuovi campi possono assumere i seguenti valori:
S: il file .pdf viene pubblicato protetto da password.
Per i documenti pubblicati su portale per l’azienda (“Documenti da gestionali”), come
password viene impostato il valore indicato nel relativo campo di AZIE > “Altri dati > Tabelle
aziendali > Parametri invio stampe” scheda “Vari”; in assenza, la partita IVA dell’azienda
stessa. In caso di invii distinti per filiale (vedi campo “Suddividi per filiale”) il programma
verifica in via prioritaria la password inserita nella suddetta sezione eventualmente creata
per la specifica filiale.
Per i documenti pubblicati sul portale per il dipendente (“Console dipendente”) come
password viene impostato il valore indicato nel relativo campo della scheda “Dati
anagrafici” di DIPE o, in assenza, il codice fiscale del dipendente stesso.

N (o spazio): il file .pdf viene pubblicato non protetto da password.

I suddetti campi possono essere personalizzati.


Si precisa che tale implementazione non è stata estesa alla pubblicazione della delega F24.

Inoltre per il campo “Genera PDF non protetto da password”, già esistente, è stata variata la descrizione in
“PDF non protetto da password (invio mail e archiviazione su cartella)”; non sono cambiati i valori per la
compilazione.

Esportazione stampe in PDF


E’ stata introdotta la possibilità di diversificare a livello di dipendenti di una stessa azienda/filiale il testo da
inserire nelle e-mail generate automaticamente per l’invio delle elaborazioni mensili e dei modelli CUD.
A tal fine all’interno dei “Parametri invio stampe” di AZIE (“Altri dati > Tabelle aziendali”) la scheda “Email” è
stata riorganizzata per esporre le informazioni diversificate per azienda e dipendente con l’introduzione della
sezione “Email al Dipendente”:

Integrazione alla guida utente 59


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Codice testo elaborazione mensile: indicare un codice attività “3” di TB1212 (“Parametri testo E-Mail”) il
cui testo verrà utilizzato nell’invio e-mail delle elaborazioni mensili
(comando PDFPAG scelta 1) in luogo di quello inserito come attività
“1” in TB1212;

Codice testo elaborazione CUD: indicare un codice attività “3” di TB1212 il cui testo verrà utilizzato
nell’invio dei modelli CUD (comando PDFPAG scelta 2), in luogo di
quello inserito come attività “2” in TB1212.

In assenza di compilazione dei campi a livello di dipendente il programma verificherà prima quelli presenti a
livello di azienda, altrimenti continuerà a utilizzare quanto impostato a livello generale in TB1212.

Stampe STCED /
STCEDP
Stampa cedolini / Stampa cedolini personalizzati
Nella impostazione dei limiti dei comandi in oggetto è possibile indicare di default il valore “No” al campo
“Ristampa”. A tal fine nella scheda “STCED” di tabella “Personalizzazione procedura” TB1203 è stato
inserito il campo “Imposta default Ristampa No” (codice interno 163).

Integrazione alla guida utente 60


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – IMPLEMENTAZIONI

Altri enti

STEDIL
Cassa Edile di Modena (procedure di stampa 118 e 155)
La stampa della Cassa Edile in oggetto è stata implementata come segue.
 Con riferimento al tabulato del mese di settembre, esporre separatamente l’importo relativo al contributo
“F.R.S.” (in precedenza veniva sommato nel rigo F “contributo agg.” della sezione “Riepilogo somme
dovute”).
Si ricorda che per gli utenti CONTRA il suddetto contributo (Fondo Relazioni Sindacali – Artigianato)
viene automaticamente calcolato nel mese di settembre collegando le tabelle “Contributi cassa edile”
(TB0307) codici 8254 o 8260 (sigla provincia MO03), caratterizzate dall’apposito rigo di contribuzione.
In assenza di opportuna compilazione di TB0307, è possibile inserire nel cedolino una voce di calcolo
caratterizzata dal “Codice cassa edile” 88.
 Compilare la colonna “Accantonamento per malattia e infortunio” con l’importo calcolato automaticamente
dal programma GEMA01, inserito nel cedolino mediante la relativa voce (codice 8716).

Gestione denuncia casse edili


A partire dalla presente versione la stampa laser del modello unificato potrà essere eseguita anche in
assenza di specifica licenza 2301 la quale rimane attiva solo per la generazione della denuncia telematica
standard.
Di conseguenza nel caso in cui l’utente non sia in possesso di nessuna licenza cassa edile (sia riferite al
modello standard che ai modelli personalizzati) eseguendo il comando STEDIL sarà comunque possibile
generare la stampa del modello unificato.

Advanced Print

Export stampe – STAZI scelta 9


Implementata la possibilità di esportare i dati contenuti nella stampa in oggetto (“Stampa conti
personalizzati”).
Pertanto nella maschera di impostazione del formato di stampa è ora presente la scheda “Export”.

Integrazione alla guida utente 61


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – ANOMALIE CORRETTE

Anomalie corrette

CEDOL

Passaggio di qualifica
Nel caso di dipendente interessato da passaggio di qualifica con cambio dell’orario di lavoro gestito
mediante validità del calendario settimanale base (TB1104), in presenza di attivazione nelle sezioni “Lavoro
festivo” e “Lavoro domenicale” di tabella “Dati presenze” (TB1102) della funzione “F6 Da contratto”, per la
determinazione automatica della quantità, l’eventuale lavoro festivo o domenicale svolto con la nuova
qualifica veniva quantificato in base al calendario relativo alla precedente.

Apprendisti edili
Nel caso di apprendista edile che varia la retribuzione di fatto all’inizio del mese in elaborazione, con doppio
cedolino per lavoro svolto in 2 cantieri diversi, il programma calcolava il cedolino aggiuntivo con la
retribuzione del mese precedente.

Trattenuta sindacale
Casistica
 Tipo mensilità impostato su “mensilità normali + 13/ma”;
 Dipendente licenziato nel mese.
Anomalia
Il programma non calcolava la quota di trattenuta sindacale riferita alla tredicesima mensilità.

Eventi MB2/MB4
Il programma, in presenza di eventi MB2\MB4 con integrazione a giorni (campo “Codice integrazione
(ore/giorni)” = “0” di TB0901) calcolava erroneamente il numero di settimane di accredito.

STCED - Stampa cedolino lavoranti a domicilio


In alcuni casi eseguendo la stampa del cedolino per un lavorante a domicilio, se nel cedolino del dipendente
precedente era prevista la stampa dell’importo residuo di addizionali, con esposizione di regione e comune
di riferimento (TB1203), il programma riportava nel corpo del cedolino dei dati non corretti nella voce di
descrizione delle lavorazioni.

GEASS scelta 6
In alcuni casi, effettuando la scelta “Stampa dipendenti con assegni familiari”, non veniva riportato
correttamente il codice fiscale del dipendente.

DMA
Nel caso in cui all’interno del cedolino del mese si utilizzava una voce di calcolo con “Cod.aggiornamento
EMENS” 10 o 11 e l’indicazione del codice “P” (Preavviso) il programma riportava le date indicate in tale
voce ai campi “Data inizio” e “Data fine” presenti in “Gestione dichiarazioni” > “Dettaglio dipendenti” > “E0 –
periodi e retribuzioni” > scheda “Inquadramento” di DMA.

Integrazione alla guida utente 62


PAGHE 2014.1.0
PAGHE – ANOMALIE CORRETTE

STEDIL

Telematico MUT
1. Il programma, in presenza del flag al campo “Mutualizzazione PREVEDI” di TB0307 “Contributi cassa
edile” > scheda “Eccezioni”, riportava erroneamente i contributi c/azienda all’interno del file telematico
MUT (campi <Pre_ContribDitta> e <PREP_ContribDitta>) e nel rigo 5 “Contr. prev. Compl.” della
stampa cassa edile.

2. Il programma è stato corretto al fine di non compilare, all’interno del telematico MUT, gli elementi
<PRE_CodiceFondo> e <PRE_NumAlboCovip> nel caso in cui il dipendente aderisca al fondo per la
quota c/dipe e c/azie ma non per il TFR.

Cassa edile di Aosta


Per la cassa edile in oggetto il programma di generazione del file telematico MUT è stato modificato al fine di
compilare sempre il campo <TFR_ImportoFAP> indipendentemente dalla maturazione o meno del tfr nel
mese.

Integrazione alla guida utente 63


PAGHE 2014.1.0
NOTE OPERATIVE DI RELEASE
Il presente documento costituisce un’integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release.

Tabella riepilogativa Sistemi Operativi supportati

Aggiornata al 12/05/2014
Release minime Software
Release minime Software di base
di base richieste da linea
Sistema Operativo Versione richieste da linea Gecom e
Lynfa Studio e Lynfa
Gamma Plus
Azienda

8.1 Pro 64bit


2012 Server
TeamPortal 20140000
XP Professional SP3 (3)
Windows 7 Professional
2003 Server SP2
Windows Sysint/W 20140100 (2) e Polyedro 20140100
SBS 2003 Server SP2
SysIntGateway 20140200 (2) e
2008 Server SP2
Runtime 812-20130400 (2)
2008 R2 SP1
o
SBS 2008 Server SP2
Runtime 722-20090100 (2)(5)
SBS 2011 Server

TeamLinux 2.xx, 3.xx, 4.xx


Suse Linux Enterprise TeamPortal 20140000
11-SP1, 11-SP3
Server
11.04 (1), 11.10 (1), 12.4 (4),
Ubuntu Sysint/U 4.4 (2) e
14.4 64bit
SysIntGateway 20140200 (2)(6) Polyedro 20140100
Fedora 15 (4), 16 (4), 20 64bit Runtime 812-20130400 (2)
o
CentOS 5.5 (1), 5.7 (4), 6.2, 6.4, 6.5 Runtime 722-20090100 (2)(5)
Solaris Sparc 5.9 (7)
Linux PowerPC OpenSuse 10.3

(1) Supporto al Sistema Operativo in fase di dismissione (termine previsto: giugno 2014)
(2) Moduli di software di base non più necessari per ambienti Nativi Procedure Gestionali
(3) Supporto al Sistema Operativo in fase di dismissione (termine previsto: giugno 2015).
ATTENZIONE: Sistema già dismesso da Microsoft
(4) Supporto al Sistema Operativo in fase di dismissione (termine previsto: dicembre 2014)
(5) Supporto al Runtime 722-20090100 in fase di dismissione (termine previsto: giugno 2016)
ATTENZIONE: Questa Runtime non è certificata per sistemi operativi successivi a Windows Server 2003
(6) Supporto SysintGateway Daemon per ambiente a carattere (deprecato) in fase di dismissione (termine previsto: giugno 2015)
(7) Supporto al Sistema Operativo in fase di dismissione (termine previsto: dicembre 2014).
ATTENZIONE: questo sistema non supporta Polyedro.

Note :
- Sono escluse tutte le versioni dei sistemi operativi destinate ad un’utenza ‘Home’
- La release dei moduli Acucobol 8.1.2-20130300:
o è inclusa a partire da TeamPortal 20130100
o introduce il supporto ufficiale a Windows 8 Pro e Windows Server 2012
o include il servizio AcuXDBC in ambiente TeamPortal
N.B.: Il modulo client AcuXDBC è 32bit. Si ricorda che alcune applicazioni 64bit potrebbero non riuscire ad
accedere al DSN driver 32bit (es.: Office 2010 64bit)
o non supporta l’ambiente AcuServer (come da Circolare 2010.02.32 Software Partner TeamSystem Pesaro, 15
Novembre 2010)
o non supporta l’ambiente a carattere
- La release dei moduli Acucobol 8.1.2LF-20140100:
o è inclusa a partire da Polyedro 20140100
o introduce il supporto ufficiale al nuovo Look & Feel prodotti linea Lynfa
o supporta il servizio TS_Sql ( basato su tecnologia C-tree ACE by Faircom ) compresivo di client odbc 32/64bit.
Richiede specifica licenza.
- L’installazione degli applicativi può essere eseguita anche su sistemi e/o versioni diverse da quelle specificate ma in questo
caso non viene data nessuna garanzia di funzionamento e relativo supporto.

Integrazione alla guida utente 64


PAGHE 2014.1.0