Sei sulla pagina 1di 6

Sistemi di controllo - Specifiche dei sistemi

3. Specifiche dei Sistemi

Un sistema di controllo può essere progettato fissando le specifiche:

• nel dominio del tempo (tempo di salita, tempo di assestamento, sovraelongazione,


ecc.);
• nel dominio della frequenza (larghezza di banda, picco e frequenza di risonanza);
• del comportamento a regime (errore a regime, sensibilità).

Il comportamento di un sistema può, dunque, essere studiato mediante l'analisi della


risposta nel dominio del tempo o nel dominio della frequenza.

3.1 Specifiche nel dominio del tempo


La risposta di un sistema sollecitato dai segnali canonici, si compone, di una risposta in
transitorio che tende ad esaurirsi e di una risposta a regime.
In un buon sistema di controllo il valore della grandezza d'uscita (variabile controllata)
deve essere uguale, per quanto possibile, a quello desiderato.
È chiaro, però, che in un sistema reale questo non potrà mai accadere a causa dei disturbi
e delle numerose ipotesi semplificative fatte quando si costruisce il modello matematico
del sistema. Ciò significa che tra il valore effettivo della risposta ed il valore desiderato vi è
sempre uno scostamento, detto errore che deve essere il più piccolo possibile.
Un buon sistema di controllo, inoltre, deve avere anche un'elevata velocità di risposta
(tempo di salita, tempo di ritardo, tempo di assestamento), ossia deve essere in grado di
raggiungere lo stato di regime molto rapidamente quando è sottoposto a brusche
variazioni della sollecitazione.
Infine è necessario che l'ampiezza della sovraelongazione (ovérshoot) sia molto limitata
quando la risposta presenta oscillazioni in seguito ad una repentina variazione della
sollecitazione.
La velocità della risposta e la sovraelongazione sono requisiti che si ricavano dall'analisi
della risposta nel dominio del tempo.

3.1.1 Specifiche in transitorio

Le principali specifiche nel dominio del tempo di un sistema sollecitato da un segnale a


gradino sono/elencate di seguito:
1) Tempo di ritardo Td (delay (ime): è l'intervallo di tempo richiesto perché il valore della
risposta sia uguale al 50% del suo valore finale;
2) Tempo di salita Tr (rise time): è l'intervallo di tempo necessario perché il valore della
risposta aumenti dal 10% al 90% del valore finale;
3) Tempo di assestamento Ts (settling time): è l'intervallo di tempo richiesto perché il
valore della risposta sia compreso entro una fascia di valori prestabiliti che si discostano
dell' 1%-5% dal valore finale;
4) Sovraelongazione massima (Maximum ovérshoot): è la differenza tra il valore
massimo della risposta e il valore finale della stessa. In pratica la sovraelongazione
massima è espressa in percentuale rispetto al valore finale:

pag. 1 di 6 Sistemi automazione ed organizzazione della produzione - Classe 5 Tie


Sistemi di controllo - Specifiche dei sistemi

figura 1

Per sistemi del secondo ordine la sovraelongazione massima percentuale è funzione dello
smorzamento:

3.2 Comportamento a regime


La precisione e la sensibilità sono requisiti che si ricavano dall'analisi della risposta a
regime.
Per valutare le caratteristiche di un sistema di controllo è necessario studiare il suo
comportamento anche in condizioni di regime, inteso come il comportamento che ha il
sistema dopo che hanno avuto termine i fenomeni transitori.
Le specifiche della risposta a regime sono l'errore a regime e la insensibilità ai disturbi.
Questi ultimi sono segnali indesiderati che agiscono sul sistema provocando lo
scostamento della risposta rispetto a quello previsto per effetto della sollecitazione
applicata.
I disturbi possono essere di tipo additivo e di tipo parametrico: i primi sono esterni al
sistema (ad esempio l'improvvisa variazione della temperatura ambiente o l'apertura di
una finestra in un sistema di riscaldamento di un edificio), e i secondi dipendono, come è
evidente, dalle variazioni dei parametri del sistema.

II primo requisito statico richiesto ad un sistema di controllo a catena chiusa è la


precisione a regime, intesa come misura di quanto il valore della grandezza d'uscita si
discosta dal valore che si avrebbe se il sistema di controllo fosse ideale. Poiché in un

pag. 2 di 6 Sistemi automazione ed organizzazione della produzione - Classe 5 Tie


Sistemi di controllo - Specifiche dei sistemi

sistema reale la risposta è sempre diversa da quella ideale, si definisce errore la


differenza istantanea ottenuta sottraendo la risposta reale da quella ideale:
ε(t)=ud(t)-u(t)
Si definisce, errore a regime di un sistema di controllo il limite( 1):

=lim s E  s
s 0

L'errore a regime dipende, come si vedrà, dalla sollecitazione applicata al sistema e dal
numero dei poli nulli presenti nella funzione di trasferimento ad anello aperto G(s)H(s), o
G(s) nel caso in cui si consideri un sistema a retroazione unitaria.
L'errore a regime è detto di:
1) posizione, ed è indicato con εp quando la sollecitazione applicata è un gradino:
r(t) = R

2) velocità, ed è indicato con εv quando il sistema è sollecitato da una rampa:


r(f)=R t

3) accelerazione, ed è indicato con εa quando la sollecitazione applicata è un


segnale a parabola di equazione
r(t) = R/2 t2

Poiché le prestazioni di un sistema sono valutate anche in base all'entità dell'errore, di


seguito sono analizzati i metodi di calcolo dell'errore a regime per sistemi di tipo zero, uno
e due sollecitati dai segnali canonici a gradino, a rampa e a parabola nell'ipotesi che:
1) H (s) sia una costante uguale ad H0

2)

sia una funzione razionale fratta con n >. m.

a) Errore a regime per i sistemi di tipo zero: si dimostra che gli errori a regime per i
sistemi di tipo zero, q=0, sollecitati dai segnali a gradino, a rampa e a parabola sono
rispettivamente uguali a:

1- Poiché per calcolare l'errore a regime si applica il teorema del valore finale, si suppone che la funzione s • E(s) non abbia poli a
parte reale positiva o nulla.

pag. 3 di 6 Sistemi automazione ed organizzazione della produzione - Classe 5 Tie


Sistemi di controllo - Specifiche dei sistemi

Dai risultati ottenuti si. deduce che:


un sistema di tipo zero può essere utilizzato come regolatore perché la sua risposta
differisce da quella ideale di una quantità costante (figura 2); un sistema di tipo zero
non può, invece, essere utilizzato come servosistema perché la grandezza d'uscita
non segue la legge di variazione della sollecitazione quando quest'ultima è un
segnale a rampa o a parabola.

figura 2

b) Errore a regime per sistemi di tipo uno; si dimostra che gli errori a regime per i
sistemi di tipo uno, q=1, sollecitati dai segnali a gradino, a rampa e a parabola sono
rispettivamente uguali a:

Un sistema di tipo uno può essere utilizzato come regolatore perché la risposta a
regime è uguale alla sollecitazione quando quest'ultima è un segnale a gradino, e
come servosistema perché la differenza tra la risposta a regime e la sollecitazione a
rampa è costante.
Un sistema di tipo uno non può essere sollecitato da un segnale a parabola perché
l'errore di accelerazione tende all'infinito.

c) Errore a regime per sistemi di tipo due: si dimostra che gli errori a regime per i
sistemi di tipo due, q=2, sollecitati dai segnali a gradino, a rampa e a parabola sono
rispettivamente uguali a:

Un sistema di tipo due può essere utilizzato come regolatore o come servosistema
perché la risposta a regime è uguale alla sollecitazione quando quest'ultima è un
segnale a gradino o a rampa.
Un sistema di tipo due, inoltre, è in grado di seguire l'andamento di un segnale a
parabola perché l'errore di accelerazione è costante.

I risultati delle considerazioni fatte sono riassunti nella tabella 1 dalla quale si deduce che
l'errore è finito o nullo quando si ha un sistema di tipo:

pag. 4 di 6 Sistemi automazione ed organizzazione della produzione - Classe 5 Tie


Sistemi di controllo - Specifiche dei sistemi

1) zero sollecitato da un segnale a gradino;


2) uno sollecitato da un segnale a rampa o a gradino;
3) due sollecitato da un segnale a parabola, a rampa o a gradino.

Tabella 1

3.3 Specifiche nel dominio della frequenza


In ogni caso è irrinunciabile che il sistema sia stabile ad anello chiuso, e abbia un buon
margine di fase e di guadagno.
Le specifiche nel dominio del tempo possono essere dedotte da quelle nei dominio della
frequenza e viceversa e, nel caso di sistemi del secondo ordine, vi sono delle espressioni
che mettono in relazione il picco di risonanza con la sovraelongazione, e la banda
passante con il tempo di salita.
Nelle considerazioni che seguono si fa riferimento ai sistemi del secondo ordine, perché il
comportamento dei sistemi del terzo ordine e di quelli di ordine superiore, aventi due poli
dominanti rispetto ai rimanenti, è simile .a quello di un sistema del secondo ordine.

La larghezza di banda di un sistema retroazionato è l'intervallo di frequenze tale che


il modulo della funzione di trasferimento ad anello chiuso non è mai inferiore al 70%
(non è mai minore di 3 dB se il modulo è espresso in dB) del valore che esso
assume quando ω = 0 rad/s.
Si dimostra che la banda passante di un sistema retroazionato è approssimativamente
uguale alla pulsazione di attraversamento della funzione di trasferimento ad anello aperto
del medesimo sistema.
Il tempo di salita Tr e la banda passante Bw (espressa in hertz) di un sistema, sono legati
dalla seguente relazione sperimentale:
Tr Bw = 0,35 - 0,5
Si può affermare che la velocità di risposta di un sistema è tanto più elevata quanto più
ampia è la sua larghezza di banda. Infatti un sistema di controllo che abbia una banda
passante ampia è in grado di seguire le sollecitazioni che variano rapidamente perché le
componenti armoniche in alta frequenza presenti nella sollecitazione non vengano
attenuate.

pag. 5 di 6 Sistemi automazione ed organizzazione della produzione - Classe 5 Tie


Sistemi di controllo - Specifiche dei sistemi

Per valutare il picco e la pulsazione di risonanza si consideri la figura 2. Si dimostra che


i sistemi del secondo ordine con valori di ξ < 0,707 hanno il picco di risonanza e la
pulsazione di risonanza rispettivamente uguali a:

pag. 6 di 6 Sistemi automazione ed organizzazione della produzione - Classe 5 Tie