Sei sulla pagina 1di 9

FORUM ITALIANO CALCE News - 1 – Gennaio 2011

Newsletter dell’Associazione Forum Italiano Calce - www.forumcalce.it – info@forumcalce.it

 
Forum  Italiano  Calce  News  1/2011  
Il   Magnesio   fa   bene   al   cervello  
…  e  alle  malte  a  base  di  calce!   Contenuto    
 
Testo  di  Costantino  Polidoro    
   
  Il  Magnesio  fa  bene  al  cervello  …  e  
E’   noto   che   il   magnesio   contenuto   in   frutta,   alle  malte  a  base  di  calce!   1  
legumi,   cerali,   ortaggi   verdi   e   acque,   è   un    
minerale   essenziale   per   l’uomo,   utile   in   diverse   Dialogare  e  crescere  insieme:  
situazioni   come   nell’attività   sportiva   e   per   il   Convegno  Calce  2010     6  
benessere   di   tutto   l’organismo.   E   c’è   un  
 
particolare   in   più,   il   magnesio   fa   bene   al  
cervello!   Uno   studio   condotto   dai   ricercatori   Slow  building  e  slow  food    
della  Brigham  Young  University  (Usa)  ha,  infatti,   Le  olive  in  calce   7  
recentemente   dimostrato   come   una   maggiore    
assunzione   di   magnesio   stimoli   l’attività  
cerebrale  e,  non  ultimo,  riduca  i  rischi  di  ictus.  
  Contatti  e  Nota  Informativa   8  
Ma   il   magnesio   fa   bene   anche   alle   malte   di  
calce?    
Molti   pensano   di   no,   considerando   le   calci   In   realtà   numerosi   studi   scientifici   dimostrano  
magnesiache   di   qualità   inferiore   rispetto   alle   esattamente   il   contrario,   a   sostegno   di  
calci   calciche,   indiziate   di   difetti   quali   esperienze   millenarie   di   uso   di   calci  
‘magrezza’,  bassa  resa  e  scarsa  lavorabilità.   magnesiache   che   in   molte   situazioni   sono   state    
  preferite   alle   calci   calciche   per   via   di  
  caratteristiche   come   ‘forza’   e   ’idraulicità’  
conferite   alle   malte,   proprio   in   virtù   dell’alto  
contenuto  di  magnesio.  
 
Un  po’  di  storia  
La   mancanza   di   un   corretto   apprezzamento  
delle   calci   magnesiache   o   dolomitiche   è   un   altro  
caso   significativo   del   deficit   di   conoscenza  
riguardante   il   comportamento   chimico-­‐fisico  
delle   malte   di   calce   aerea,   conseguente   alla  
scoperta   del   cemento   Portland   e   alla   recente  
diffusione  dei  leganti  idraulici  artificiali.  
Nei   moderni   manuali   che   trattano   di   materiali  
  da   costruzione,   infatti,   le   calci   magnesiache  
FORUM ITALIANO CALCE News - 1/11 – Gennaio 2011

vengono   descritte   come   calci   magre,   poco   spaziale  degli  atomi.  Come  risultato,  si  ha  che  la  
plastiche,   a   presa   troppo   lenta   e,   in   definitiva,   dolomite   ha   densità   e   durezza   maggiori   della  
scadenti.     calcite.   In   natura   esiste   anche   il   semplice  
In  passato,  viceversa,  le  calci  magnesiache  sono   carbonato   di   magnesio   (MgCO3),   tuttavia,   un  
state   largamente   impiegate,   e   con   grande   deposito   puro   di   questo   minerale   rappresenta  
successo.     una  rarità.  
Le   ricerche   condotte   sui   leganti   del   centro   Di   fatto,   la   dolomite   si   presenta   come   un  
storico   di   Genova,   ad   esempio,   hanno   permesso   minerale   di   sostituzione   che   altera   le  
di   costatare   come   l’uso   delle   calci   magre   caratteristiche   di   una   roccia   calcarea.   Questo  
(magnesiache)  sia  documentato  dal  XII  secolo  in   processo  è  spesso  incompleto  e,  come  risultato,  
poi,   non   solo   per   le   murature   e   per   le   opere   si   ha   che   i   calcari   dolomitici   solitamente  
idrauliche   (in   particolare   sulle   infrastrutture   contengono   quantità   variabili   di   dolomite.   I  
portuali)  ma  anche  per  i  rivestimenti  esterni.     calcari   possono   anche   contenere,   in   forma  
Il   loro   ottimo   stato   di   conservazione   ha   fatto   distinta,   carbonato   di   magnesio   (magnesite:  
supporre  (ipotesi  poi  dimostrata)  che  la  scelta  di   MgCO3)  e  carbonato  di  calcio  (calcite:  CaCO3).  Il  
produrre  e  utilizzare  calce  ottenuta  dalla  cottura   contenuto   percentuale   di   MgCO3   può   essere  
di   calcari   ricchi   di   magnesio   non   era   affatto   dunque   utilizzato   come   parametro   per   la  
casuale,   ma   dettata   da   precise   conoscenze   che   classificazione   dei   diversi   tipi   di   calcari  
oggi,   nostro   malgrado,   risultano   quasi   del   tutto   magnesiaci,  come  presentati  in  Tabella  1.    
perdute.    
L’avversione   per   il   magnesio   nelle   calci   risale   Calcare   %  MgCO3  
all’affermarsi   dell’approccio   scientifico   allo   Calcare  ad  alto  contenuto  di  calcio   0-­‐5  
studio   dei   leganti   di   metà   Ottocento   che   vedeva  
con   particolare   sospetto   la   difficoltà   di   Calcare  magnesiaco   5-­‐35  
idratazione   dell’ossido   di   magnesio   in   fase   di   Calcare  dolomitico   35-­‐46  
spegnimento  e  lo  scarso  rendimento  in  grassello   Tabella   1.   Classificazione   di   calcari   contenenti   dolomite  
delle  calci  magnesiache.   secondo  gli  Standard  ASTM  
Nel  Novecento,  grazie  al  sistema  Warner  (1918),    
e   con   l’idratatore   a   pressione   del   tipo   Corson,   I  termini  ‘calcare  magnesiaco’  e  ‘dolomite’  sono  
(brevettato   nel   1943)   l’industria   della   calce   fu   usati   per   ogni   roccia   calcarea   contenente  
messa   in   grado   di   produrre,   con   processo   carbonato   di   magnesio   sia   come   dolomite   che  
continuo,   calci   idrate   dolomitiche   che,   come  magnesite.  
trasformate  in  pasta,  potevano  quasi  pareggiare   La   norma   europea   EN   459-­‐1:2010   definisce   le  
il   grassello   calcico   per   l’ottima   stabilità   di   calci   dolomitiche   come   calci   costituite  
volume   e   plasticità.   Nonostante   tutto,   in   prevalentemente   da   ossido   di   calcio   e   di  
particolare  in  Italia,  ciò  non  ha  però  determinato   magnesio   o   idrossido   di   calcio   e   di   magnesio  
alcun   incremento   nell’utilizzo   delle   calci   senza   alcuna   aggiunta   di   materiali   idraulici   o  
magnesiache   in   architettura,   ed   ancor   oggi   pozzolanici.   I   requisiti   chimici   relativi   al  
queste   sono   in   attesa   di   una   giusta   contenuto   di   CaO   e   MgO   definiti   dalla   norma  
rivalutazione.     sono  riportati  in  Tabella  2.    
 
 
  CaO+MgO   MgO   CO2   SO3  
La   materia   prima:   i   calcari   dolomitici   e  
magnesiaci   DL  90-­‐30   ≥  90   ≥  30   ≤  6   ≤  2  
La  Dolomite  CaMg(CO3)2  è  un  carbonato  doppio   DL  90-­‐5   ≥  90   >  5   ≤  6   ≤  2  
di  calcio  e  magnesio,  molto  diffuso  in  natura.  Si  
DL  85-­‐30   ≥  85   ≥  30   ≤  9   ≤  2  
forma   dalla   sostituzione   da   parte   di   atomi   di   Mg  
in  strati  alternati  della  struttura  di  carbonato  di   DL  80-­‐5   ≥  80   >  5   ≤  9   ≤  2  
calcio   (calcite,   CaCO3),   determinando   variazioni   Tabella  2.  Requisiti  chimici  per  calci  dolomitiche  (EN  459-­‐
1:2010)  
della   forza   di   legame   e   della   disposizione  
2
FORUM ITALIANO CALCE News - 1/11 – Gennaio 2011

  dimostrando   come   la   cottura   a   legna   sia  


La  norma  EN  459-­‐1:2010  include  anche  requisiti   preferibile   rispetto   a   quella   condotta   mediante  
fisici   per   le   calci   dolomitiche:   caratteristiche   di   combustibili   fossili.   Dall’analisi   dei   fumi   totali  
finezza   e   contenuto   di   acqua   libera   sono   le   prodotti   in   fase   di   cottura,   si   è   rilevato,   infatti,  
stesse   che   per   le   calci   calciche   CL   (percentuale   che   la   pressione   parziale   di   vapore   acqueo   in  
residuo  in  massa  a  0,09  mm  ≤  7%  e  residuo  a  0,2   una   fornace   alimentata   con   combustibile   di  
mm   ≤   2%;  mentre  il  contenuto  di  acqua  libera   ≤   legna,  è  quasi  doppia  rispetto  a  quella  presente  
2%).   Gli   standard   EU   richiedono,   inoltre,   alle   in   una   fornace   alimentata   con   carbone   fossile,  
calci  dolomitiche  di  superare  il  test  di  stabilità  e   mentre   i   valori   della   pressione   parziale   di  
di  dimostrare  una  penetrazione  compresa  fra  10   anidride  carbonica  sono  del  tutto  paragonabili.  
e   50   mm   e   un   contenuto   d’aria   ≤   12   %   sulla   Le   evidenze   sperimentali   hanno   dimostrato   che  
malta   normalizzata.   Come   anche   per   le   calci   esiste   una   reale   differenza   fra   i   prodotti   ossidi  
calciche,   invece,   la   norma   non   include   il   della   decomposizione   di   dolomite   in   atmosfera  
soddisfacimento   di   requisiti   riguardanti   i   tempi   ricca   di   sola   anidride   carbonica   o   di   anidride  
di  presa  e  la  resistenza  alla  compressione.   carbonica   e   acqua.   In   particolare,   la   calce   viva  
  prodotta   da   una   fornace   che   brucia  
Cottura   combustibile   di   legna   (basse   temperature   e  
La   produzione   di   calce   magnesiaca   avviene   anidride   carbonica/acqua   nell’atmosfera  
comunque   per   riscaldamento   del   calcare   ma   si   gassosa   del   forno)   è   un   prodotto   differente  
differenzia   leggermente   rispetto   a   quella   ad   alto   rispetto   a   quello   ottenuto   in   una   fornace  
contenuto  calcico.  Durante  il  processo  di  cottura   alimentata   con   altri   combustibili   (temperature  
di   calcari   dolomitici   e   magnesiaci,   alla   più   alte   e   atmosfera   gassosa   ricca   solo   di  
decomposizione   del   carbonato   di   calcio   si   anidride   carbonica).   La   differenza   sta   nella  
sovrappone   quella   del   carbonato   di   magnesio   microstruttura   del   materiale   che,   nel   caso   del  
per  formazione  di  ossido  di  magnesio  e  anidride   prodotto   a   legna,   mostra   frequenti   fratture   e  
carbonica   (vedi   schema   1).   La   calcinazione   dei   pori   più   accessibili   che   determinano   nei  
calcari   dolomitici   si   realizza   fra   i   510°C   e   i   750°C,   confronti   di   fasi   liquide   (ad   esempio   l’acqua   di  
temperature   considerevolmente   inferiori   a   spegnimento)   una   maggiore   reattività,  
quelle   necessarie   alla   decomposizione   dei   caratteristica  che  nella  pratica  si  traduce  in  una  
calcari  puri  (900-­‐950°C).     migliore   idratazione   per   la   successiva  
  formazione   del   grassello   di   calce   (e/o   calce  
CaMg(CO3)2      CaO+MgO   +   CO2   idrata  in  polvere).  
Schema   1.   Reazione   di   decomposizione   della   dolomite    
durante  la  cottura   Spegnimento  
  Anche   lo   spegnimento   della   calce   dolomitica  
Al   fine   di   evitare   nella   calce   viva   prodotta   la   differisce  da  quello  adottato  per  la  calce  calcica  
presenza   di   ossido   di   magnesio   stracotto,   è   (vedi  Schema  2).    
assolutamente   necessario   che   i   calcari    
magnesiaci/dolomitici   vengano   cotti   a   basse   MgO     +   H2O     →   Mg(OH)2  
temperature.   Superati   i   900°C,   in   presenza   di  
Schema  2.  Reazione  di  idratazione  della  magnesia  durante  
carbonati   di   magnesio,   si   determina   la   lo  spegnimento  
formazione   di   ossidi   di   magnesio   sinterizzato,    
poco  o  per  nulla  reattivi,  difficilmente  idratabili,   L’ossido  di  magnesio  (MgO)  si  idrata  con  velocità  
che  rendono  la  calce  inadatta  alla  produzione  di   ridotta   rispetto     all’ossido   di   calce   (CaO).   In  
grassello   di   calce   e,   in   generale,   di   ogni   altra   condizioni   normali   di   idratazione,   meno   del   25%  
forma  di  calce  idrata  da  costruzione.   di   MgO   reagisce   con   l’acqua,   si   sviluppa   meno  
Ma   non   solo,   alcuni   studi   hanno   messo   in   calore  rispetto  alle  calci  ad  alto  tenore  di  calcio  
relazione   le   prestazioni   del   prodotto   finale   con   e,   anche   a   completa   idratazione   degli   ossidi,   si  
la   scelta   dei   combustibili   (Vecchiattini,   2003),   ha  un  minore  rigonfiamento  della  calce  viva  per  
3
FORUM ITALIANO CALCE News - 1/11 – Gennaio 2011

la   scarsa   tendenza   dei   cristalli   di   idrossido   di   durezza’   (vedi   riquadro   ‘I   cementi   magnesiaci’).  
magnesio   (brucite)   ad   adsorbire   l’acqua   sulla   L’idraulicità   veniva   anche   confermata   da   Vicat  
loro  superficie.   (1856)   che   indicava   come   la   magnesia,   se  
In   caso   di   alte   temperatura   di   cottura,   la   presente   in   sufficiente   quantità,   rendesse  
presenza   di   impurità   e   di   particelle   stracotte   ‘idraulica’  una  calce  pura.  
può,   inoltre,   aumentare   ulteriormente   il   tempo   Oggi   sappiamo   che   il   processo   di   presa   per   la  
di   spegnimento.   Per   questo   motivo   è   calce   magnesiaca   è   profondamente   diverso   da  
importante  che  la  calce  sia  cotta  e  selezionata  in   quello   della   calce   calcica.   L’idrossido   di  
modo   corretto.   Se   le   particelle   non   spente   si   magnesio,  per  via  della  sua  scarsissima  solubilità  
idratano  direttamente  in  opera  possono,  infatti,   in   acqua,   si   carbonata   con   estrema   lentezza  
verificarsi   fessurazioni   della   malta   in   seguito   (vedi   Schema   3),   tanto   che   spesso   questa  
all’aumento   di   volume   (bottaccioli/calcinaroli),   reazione  non  si  completa  affatto.  
un  fenomeno  assolutamente  da  evitare.  A  livello    
industriale,   solitamente,   la   calce   magnesiaca   è   Mg(OH)2     +   CO2    -­‐>   MgCO3   +   H2O    
idratata   in   autoclave   a   pressioni   di   1.7-­‐7   atm   e   Schema   3.   Reazione   schematica   di   carbonatazione  
temperature   di   115-­‐165°C.   Nel   caso,   invece,   di   dell’idrossido  di  magnesio  
spegnimento   con   metodi   tradizionali   si   deve    
consentire   alla   magnesia   di   combinarsi   Per   contro,   mentre   l’idrossido   di   calcio   non  
completamente   con   l’acqua,   evitando   così   il   ‘lega’   finché   non   abbia   compiuto   la  
rischio   di   un’idratazione   in   opera   e   carbonatazione,   l’idrossido   di   magnesio,  
sottoponendo   la   calce   sotto   forma   di   grassello,   soprattutto   quello   proveniente   dall’idratazione  
ad   un   prolungato   periodo   di   ‘invecchiamento’   dell’ossido  di  magnesio  più  reattivo,  per  via  del  
(minimo   12-­‐24   mesi).   L’invecchiamento   suo   abito   cristallino   prevalentemente   fibroso,  
determina   anche   un   importante   cambiamento   già   dopo   la   presa   iniziale   (dovuta  
che   cristalli   di   portlandite   (Ca(OH)2),   presenti   essenzialmente   all’evaporazione   dell’acqua)  
anch’essi   in     grassello   dolomitico,   con   evidenti   possiede   una   buona   resistenza   meccanica;  
benefici   in   termini   di   lavorabilità   e   ritenzione   inoltre,   la   formazione   di   idrosso-­‐carbonati   di  
d’acqua.   magnesio   è   in   grado   di   indurre   lo   sviluppo   di  
  proprietà   leganti   e   di   resistenza   meccanica,  
Presa  e  indurimento   proprio   grazie   alla   loro   particolare  
Gli   aspetti   più   interessanti   legati   all’uso   delle   microstruttura  (vedi  schema  4).  Sarebbe  questa  
calci   magnesiache,   direttamente   connessi   alle   la   ragione   per   la   quale   le   calci   magnesiache  
loro   potenzialità   applicative   in   campo   fanno   presa   e   accennano   ad   indurire   anche   in  
costruttivo,   riguardano   i   processi   di   presa   e   condizioni   di   scarsa   presenza   di   anidride  
indurimento.   carbonica,   con   un   comportamento   che   nelle  
La   già   citata   mancanza   di   studi   sistematici   sulle   prime  fasi  è  simile  a  quello  dei  leganti  idraulici.  
proprietà  delle  malte  a  base  di  calce  magnesiaca   La  reazione  avviene,  come  per  la  carbonatazione  
ha   senz’altro   contribuito   a   generare   una   certa   dell’idrossido   di   calcio,   attraverso   il   meccanismo  
confusione,   ad   esempio   rispetto   al   concetto   di   della   soluzione   e,   nel   caso   della   brucite,   per  
sospetta  ‘idraulicità’.   formazione   degli   idrosso-­‐carbonati.   L’elevata  
Nel   1917   Cowper   non   attribuiva   nessuna   carica   specifica   dello   ione   Mg2+   implica,   infatti,  
caratteristica   idraulica   alla   calce   magnesiaca,   una   forte   attrazione   delle   molecole   d’acqua  
smentendo   le   tesi   di   altri   autori   che   in   circostanti,   che   quindi   rimangono   coordinate  
precedenza   avevano   sostenuto   che   la   calce   alle  molecole  di  carbonato  in  formazione.    
magnesiaca  potesse  fare  presa  sott’acqua,  come    
MgCO3*5H20     (Lansfordite)  
una   calce   idraulica.   Ad   esempio   Burn   (1871),   Mg(OH)2   CO2   MgCO3*3H20     (Nesqueonite)    
riportava   che   la   dolomite   ‘dopo   la   calcinazione   (Brucite)   →   MgCO3*Mg(OH)2*3H20   (Artinite)  
4MgCO3*Mg(OH)2*4H20   (Idromagnesite)  
condotta   a   riscaldamento   al   di   sotto   del   rosso   Schema   4.   Possibili   prodotti   della   carbonatazione  
cupo,   …forma   sott’acqua   una   pietra   di   estrema   dell’idrossido  di  magnesio    
4
FORUM ITALIANO CALCE News - 1/11 – Gennaio 2011

  invecchiamento  può  garantisce  i  risultati  migliori  


Studi   molto   recenti   hanno   nuovamente   dal   momento   che   ciò   determina   una   idratazione  
indagato   sull’idraulicità   della   calce   magnesiaca,   delle  particelle  di  ossido  di  magnesio  pressoché  
comparandone   le   proprietà   fisiche   con   quelle   completa.   In   opera,   le   calci   dolomitiche   possono  
delle   calci   calciche   e   idrauliche   naturali,   e   hanno   mostrare   un   comportamento   simile   a   quello   di  
evidenziato   che   alcune   delle   prestazioni   fornite   una  calce  idraulica,  per  la  tendenza  della  brucite  
dalle   malte   magnesiache   sono   state   addirittura   a   cristallizzare   in   forma   di   aghi   che,  
superiori   di   quelle   normalmente   raggiunte   con   compenetrandosi   tra   loro,   conferisce   immediata  
malte   calciche.     Queste   ricerche   hanno   provato   durezza   agli   impasti   anche   in   ambiente   umido.  
che,   sebbene   inizialmente   l’assorbimento   Le   malte   magnesiache   mostrano   proprietà   di  
capillare   d’acqua   delle   malte   magnesiache   sia   resistenza   meccanica   maggiori   rispetto   alle  
più   alto,   l’assorbimento   totale   risulta   malte   calciche,   con   valori   di   resistenza   a  
significativamente   più   basso   di   quello   mostrato   compressione   di   fatto   comparabili   con   quelle  
usualmente   da   alcune   malte   idrauliche.   Ciò   delle  calci  idrauliche  naturali  di  tipo  NHL2.  
dimostrerebbe   come   le   malte   magnesiache   In   base   a   quanto   descritto   si   può   dunque  
siano   particolarmente   adatte   ad   essere   affermare   che,   se   prodotte   con   criterio,   le   calci  
impiegate  in  ambienti  umidi.     magnesiache   rendono   le   malte   da   muratura  
L’aspetto   più   interessante   emerso   da   questi   affidabili,   adatte   alle   zone   interessate   da  
studi   riguarda   senz’altro   la   capacità   delle   calci   umidità,   con   ottime   proprietà   di   resistenza  
magnesiache   di   conferire   ad   una   malta   meccanica.   Insomma   Il   magnesio   fa   bene   al  
resistenze  a  compressione  e  a  flessione  sempre   cervello  ma  anche  alla  malte  di  calce!  
superiori  a  quelle  espresse  dalle  calci  calciche  e    
comparabili   con   quelle   registrate   con   malte   di   Costantino  Polidoro  
calce   debolmente   idraulica   naturale.   I   valori   di    
resistenza  alla  compressione  delle  calci  ricche  in   I  cementi  magnesiaci  
Mg   sono   dell’ordine   di   2-­‐3   MPa   e   si   collocano   di   Nella   seconda   metà   dell’Ottocento   due   studiosi,  
fatto  all’interno  dei  requisiti  della  EN  459-­‐1  per   Saint-­‐Claire   Deville   e   Calvert,   contribuirono   alla  
calci  naturali  debolmente  idrauliche  NHL2.   riabilitazione   delle   calci   derivate   da   dolomiti,   o  
  calcari   dolomitici.   Essi   tenevano   a   precisare   come  
Considerazioni  finali   questo   tipo   di   calci   non   dovessero   essere  
L’attenzione   alle   singole   fasi   del   processo   di   considerate  come  aeree,  bensì  come  calci  o  cementi  
produzione   risulta   essere   un   fattore   di   idraulici.   Essi   individuavano   proprio   nella   presenza  
fondamentale   importanza   per   la   qualità   della   di  magnesia  (MgO)  la  ragione  della  loro  ‘idraulicità,  
e   che   questa   proprietà   fosse   tanto   più   accentuata  
calce   magnesiaca   e   delle   relative   malte  
quanto   maggiore   fosse   il   contenuto   di   questo  
formulate.     componente.   La   condizione   necessaria   nella  
Le   proprietà   delle   calci   idrate   e   dei   grasselli   conversione   da   calce   aerea   a   cemento   idraulico  
dipendono   innanzitutto   dal   tipo   e   dalle   andava,   quindi,   attribuita   alle   modalità   di  
proprietà   intrinseche   al   calcare   d’origine.   In   fase   calcinazione;   vale   a   dire   che   questo   processo  
di   cottura,   i   migliori   risultati   si   ottengono   con   avvenisse   alla   temperatura   alla   quale   si   fosse  
temperature   intorno   ai   750-­‐850°C;   mentre   decomposto  solo  il  carbonato  di  magnesio,  e  non  il  
oltrepassando   i   900°C   si   ha   formazione   di   carbonato   di   calcio.   Infatti,   un   calcare   ad   alto  
materiale   stracotto   che   determina   una   contenuto   di   magnesio,   cotto   con   questa  
conseguente   perdita   in   reattività   della   calce.   La   precauzione,   dava   luogo   ad   un   materiale   che,  
completa   idratazione   dell’ossido   di   magnesio   in   opportunamente   triturato   e   setacciato   in   polvere  
finissima,   si   comportava   come   un   vero   cemento,  
fase   di   spegnimento   consente,   infine,   un   utilizzo  
dalla   presa   rapidissima,   resistente   anche   in  
delle   malte   magnesiache   esenti   da   fenomeni   di   costruzioni   sommerse.   La   spiegazione   che   Deville  
fessurazione   causati   da   espansione   in   volume   associava   a   questo   comportamento   riguardava   il  
delle   particelle   idratate   in   opera.   In   questo   contenuto   di   magnesia   anidra   così   ottenuta   che,  
senso,   nel   caso   di   grassello   un   lungo   bagnata   con   acqua,   dava   una   pasta   che   in   breve  
5
FORUM ITALIANO CALCE News - 1/11 – Gennaio 2011

tempo  ‘si  faceva  dura  quanto  una  pietra’.     Congress   on   Construction   History,   Madrid,   20th-­‐24th  
Secondo   Deville,   la   magnesia,   in   forma   January   2003,   ed.   S.   Huerta,   Madrid:   I.   Juan   de   Herrera,  
prevalentemente   amorfa   e   anidra,   idratandosi   SEdHC,   ETSAM,   A.   E.   Benvenuto,   COAM,   F.   Dragados,  
2003,  p2067-­‐2073  
assumeva  un  abito  cristallino,  sicché  i  piccoli  cristalli  
-­‐   L.   Chever,   S.   Pavia,   R.   Howard,   Physical   properties   of  
formati  venivano  ad  intricarsi  fra  loro  come  avviene  
magnesian  lime  mortars,  Materials  and  Structures,  43,  (1),  
nella   presa   nel   gesso.   Pertanto,   in   una   roccia   2010,  p283  –  293  
dolomitica,  dunque  ricca  di  carbonato  di  magnesio,    
una   cottura   opportunamente   condotta   avrebbe  
determinato  idraulicità;  tanto  più  se,  scarseggiando   Dialogare   e   crescere   insieme:  
il   tenore   di   carbonato   di   calcio,   questo   non   venisse  
decomposto,  o  lo  fosse  soltanto  parzialmente.  
Convegno  Calce  2010    
L’importanza   dei   questi   cosiddetti   ‘cementi    
magnesiaci’   assunse   un   particolare   rilievo   nel   caso   Conclusosi   il   Convegno   Calce   2010,   il   Forum  
di   costruzioni   marittime.   Se   non   altro,   perchè   gli   Calce  raccoglie  i  risultati  di  questa  due  giorni  di  
effetti   dannosi   provocati   dai   cloruri   contenuti   nelle   full  immersion  nel  mondo  della  calce.    
acque   marine   sui   cementi   idraulici   (silicati   e   Il   Convegno   si   è   aperto   giovedì   2   dicembre,  
alluminati  di  calcio),  non  compromettevano  la  presa   presso   il   Museo   provinciale   Sigismondo  
dell’idrato   di   magnesio   e   la   tenuta   delle   relative   Castromediano   di   Lecce,   con   il   saluto   del  
malte.   Tale   caratteristica   veniva   confermata   dalle   presidente   della   Provincia,   Antonio   Gabellone,  
osservazioni   di   Vicat   e   dall’esperienza   dei  
del  direttore  dell’Ibam,  Antonella  Pellettieri,  del  
costruttori.   Ulteriori   sperimentazioni   sui   ‘cementi  
presidente     dell’Aipai   (Associazione   italiana   per  
magnesiaci’   vennero   condotte   nella   seconda   metà  
dell’Ottocento   dall’italiano   Sobrero   che   si   cimentò   il   patrimonio   archeologico   industriale)   Renato  
nel   cercare   e   trovare   conferma   a   queste   teorie   Covino   e   del   presidente   del   Forum,   Andrea  
utilizzando   la   Giobertite,   un   materiale   assai   Rattazzi.    
abbondante  in  Piemonte.     Durante  la  prima  sessione  si  è  potuto  assistere  a  
L’idraulicità   della   magnesia,   a   seguito   delle   diversi   interventi   riguardanti   l’utilizzo   della   calce  
osservazioni   di   Deville,   veniva   supportata   dalle   in   territorio   pugliese,   come   il   caso   di   Gallipoli  
sperimentazioni   di   Calvert,   che   osservava   come   i   riguardo   al   colore   e   al   potere   conservativo  
migliori   cementi   idraulici   d’Inghilterra   fossero   dell’intonaco   di   calce   nel   Salento,   esposto   da  
prodotti  da  calcari  dolomitici.  In  seguito,  tuttavia,  si   Stefania  Cosi  e  Stefania  Galante  e  lo  studi  delle  
giunse   alla   conclusione   che   il   cemento   Deville   era  
potenzialità   della   calce   nel   montaggio   e   nella  
paragonabile,  se  non  inferiore,  per  tenacità  e  durata  
finitura   delle   superfici   decorate   storiche   leccesi  
a   un   cemento   Portland   di   mediocre   qualità.   Negli  
stessi   anni,   Sorel   scopriva   un   altro   cemento   trattato   da   Giuseppe   Maria   Costantini.   Inoltre  
magnesiaco   prodotto   dall’impasto   di   magnesia   sono   stati   affrontati   il   caso   del   castello   di  
molto   fine,   silice   e   una   soluzione   di   cloruro   di   Shayzar   di   Hama,   in   Siria   ed   il   caso   del  
magnesio   dal   30   al   70   %.   Questo   cemento   aveva   Palombaro  di  Matera,    dove  Angela  Calia  ha    
una   presa   abbastanza   rapida,   raggiungeva   la    
durezza   del   marmo   e   si   mostrava   particolarmente  
adatto   per   opere   idrauliche,   alla   stregua   del  
cemento  Portland  e  dei  cosiddetti  ‘cementi  romani’.  
 
Per  approfondire  
-­‐  Vicat  L.  J.,  Traité  pratique  et  thèorique  de  la  composition  
des  mortiers,  ciments  et  gangues  a  pouzzolanes  et  de  leur  
emploi  dans  toutes  sortes  de  travaux,  suivi  des  moyen  d'en  
apprécier   la   durée   dans   les   constructions   à   la   mer,  
Grenoble,  1856  
-­‐   A.   Cagnana,   Archeologia   dei   materiali   da   costruzione.  
Manuale  1.  SAP  Società  Archeologica,  Mantova,  2000  
-­‐  A.  Rattazzi,  Conosci  il  grassello  di  calce?,  Edicom  Edizioni,  
2007    
-­‐   R.   Vecchiattini,   Proceedings   of   the   First   International    
6
FORUM ITALIANO CALCE News - 1/11 – Gennaio 2011

trattato   le   malte   a   cocciopesto   come   nuovo  


esempio   di   eccellenti   prestazioni   dei   materiali  
tradizionali.    
La  seconda  sessione  si  è  svolta  ad  Ostuni,  dove  è  
stato   possibile   visitare   la   fornace   Ungaro   e  
ascoltare   i   racconti   di   due   “carcaruli”   Cosimo   e  
Domenico  Melpignano.    
Successivamente  alla  visita,  si  sono  svolti  altri  
interventi,   come   quello   di   Ilaria   Pecoraro   sui  
colori   del   bianco   nel   Salento   e   di   Antonio  
Cantele  che  ha  raccontato  la  vita  delle  calchere  
nella  provincia  di  Vicenza.  La  prima  giornata  del    
Convegno  si  è  conclusa  con  una  cena  sociale  con    
tutti  i  partecipanti,  già  dopo  una  giornata    si  era   primo   premio   con   la   fotografia   “Segreti   di  
creato  un  grande  gruppo  di  lavoro,  i  nuovi  soci  si   calce”.    
informavano   sull'attività   del   Forum   e   si   iniziava   Il   tema   quest'anno   riguardava   il   rapporto   tra   la  
già   a   pensare   al   futuro,   ci   sono   stati   scambi   di   calce   e   le   opere   industriali,   ed   infatti,   i   tre  
idee,   di   contatti,   di   informazioni,   proprio   vincitori   hanno   “ritratto”   fornaci   antiche   e  
secondo  lo  stile  della    rete  dell'Associazione.   attuali.  Il  Convegno  si  è  concluso  con  il  saluto  di  
La  seconda  giornata  si  è  aperta  di  nuovo  a  Lecce,   relatori   ed   organizzatori   e   con   l'arrivederci   al  
al   museo   Castromediano,   e   tra   i   principali   prossimo   anno,   ancora   a   dicembre   e,  
interventi   ricordiamo   quelli   del   forno   spagnolo   probabilmente,  a  Roma.  
di   Raig,   Barcellona,   e   quello   delle   calcare   del    
parco  dell'Alta  Murgia  a  Bari.    
L'utilizzo   della   calce   è   tornato   al   centro  
Slow   building   e   slow   food.   Le  
dell'interesse   delle   tecniche   della   costruzione   e   olive  in  calce  
risponde   anche   ad   una   delle   sfide    
dell'architettura   e   del   design   contemporanei   più   Su   www.coquinaria.it   si   legge:   ‘on   calce,  
ardite.   Si   parla   infatti   di   costruzioni   ecologiche   sì,....che   poi   è   l'unico   metodo   in   cui   le   trovo  
attraverso   materiali   naturali,   per   cercare   di   deliziose’.  
sensibilizzare   e   responsabilizzare   anche   il   Per   togliere   l'amaro   alle   olive   occorre   metterle  
mondo   dell'edilizia   verso   un   uso   più   attento   e   in   un   bagno   alcalino   e   per   conservarle   occorre  
sano  dei  materiali.     metterle  sotto  salamoia.    
Il   Convegno   di   quest'anno   ha   cercato   di   Per  questa  ricetta  è  importante  usare  delle  olive  
diffondere   l'idea   che   la     calce   sia   un   materiale     verdi   sane,   non   troppo   grandi   né  
versatile,   che   il   suo   utilizzo   sia   adatto   sia   per   i   minuscole.  Bucherellate   le   olive   e   mettetele   in  
restauri  sia  per  le  nuove  opere  di  edilizia  e  che  la   un   contenitore   in   legno.  Preparate   una  
calce  è  un  prodotto  assolutamente    attuale.     soluzione   alcalina   con   la   cenere,   calce   viva   e  
Alcuni  interventi  significativi  sono  stati    quelli  di   acqua  bollente.    
Guardascione   riguardo   alla   produzione   Se  le  olive  fossero  molto  mature  usate    300  gr  di  
industriale   nel   foro   di   Cunà   in   età   Alto   cenere   e   50   gr   di   calce   viva,   se   fossero   un   po'  
medievale,   lo   studio   di   Fratini   riguardo   le   calci   indietro   mettete   400   gr   di   cenere   e   50   gr   di  
tradizionali   in   alcuni   interventi   di   restauro   di   calce   viva.  Se   avete   della   difficoltà   a   reperire   la  
edifici   storici   in   Toscana   e   la   proposta   della   cenere  potete  sostituirla  con  50  gr  di  carbonato  
Banca   della   Calce   di   un   disciplinare   tecnico   per   di  soda.     L'ideale  sarebbe  un  bagno  alcalino   più  
l'invecchiamento  del  grassello  di  calce.   leggero,   con   minore   quantità   di   cenere  
Durante   la   seconda   giornata   si   è   svolta   la   prolungato  per  più  tempo:  se  la  concentrazione  
premiazione   del   concorso   Scatti   in   Calce   2010,   il   fosse  molto  elevata  si  rischierebbe  infatti  di    
vincitore,  Vincenzo  Santoro,  ha  ottenuto  il    
7
FORUM ITALIANO CALCE News - 1/11 – Gennaio 2011

Olive  in  calce:  ingredienti  


2  Kg  di  olive  verdi  
Contatti  
Forum  Italiano  Calce  
2  litri  di  acqua  
Via  Tosarelli,  3  -­‐  40128  Bologna  
cenere  di  legno  di  bosco  
Tel.  327.5328288    
calce  viva  
Mail:  info@forumcalce.it  
 
Web:  www.forumcalce.it  
Ingredienti  per  la  salamoia  
 
2  litri  di  acqua    
 
200  gr  di  sale  
2  foglie  di  alloro     Nota  Informativa    
2  strisce  di  scorza  d'arancia   Questa   Newsletter   è   basata   sui   contributi  
10  cucchiai    di  semi  di  finocchio     volontari   dei   partecipanti,   non   è   finanziata   da  
  esterni  e  non  è  un  periodico.      
ottenere  olive  dal  colore  brunito.     Qualunque   testo   vi   appaia   non   ha   alcun   tipo   di  
Fate   riposare   le   olive   nel   bagno   (a   freddo)   per   cadenza   predeterminata   ne   predeterminabile.    
12/24  ore  in  base  alla  grossezza  delle  olive.     Non   è   una   testata   giornalistica   e   non   esiste  
Controllate   che   tutte   le   olive   siano   sempre   editore.    
immerse  e  mescolatele  di  quando  in  quando.      
Per   verificare   che   sia   trascorso   il   tempo  
necessario,   schiacciate   il   frutto   ed   il   nocciolo  
dovrà   uscire   con   facilità.     Estraete   le   olive   dal  
bagno,   lavatele   benissimo   e   lasciatele   in   acqua  
fredda   per   8/10   giorni,   rinnovando   l'acqua   due  
volte   al   giorno.  Sgocciolate   le   olive   e   mettetele  
in   vasi   di   vetro.   Fate   una   salamoia   con   gli  
ingredienti   descritti,   fatela   freddare,   filtratela   e  
versatela   sulle   olive.     Dopo   15   giorni   potete  
consumare.   Durante   tutto   il   processo   sarebbe  
bene  tenere  le  olive  al  buio  ed  al  riparo  dall'aria,  
per  conservare  il  colore  verde  del  frutto.      
Se   durante   il   periodo   di   conservazione   la  
salamoia   dovesse   diventare   torbida,   filtratela  
con   della   carta   filtro   (anche   quella   del   caffè  
americano  va  bene).  Fatela  bollire  per  10  minuti  
e   poi   schiumate   con   cura.   Fate   freddare.   Nel  
frattempo   tirate   fuori   le   olive   dai   boccali,  
lavatele  ed  asciugatele.    Lavate  ed  asciugate  con  
cura  anche  i  vasi.    Rimettete  le  olive  nei  barattoli  
e  versateci  sopra  la  salamoia  fredda.  

 
 
8
Corso Base di Formazione Professionale  
“Tadelakt Tradizionale Marocchino” 
San Polo d’Enza (RE), 29 o 30 gennaio 2011 
 
 
 
Il  TADELAKT  è  un’antica  tecnica  di  intonacatura  di  origine 
marocchina  che  si  ottiene  attraverso  l'utilizzo  di  una  speciale 
calce  idratata,  prodotta  artigianalmente  nelle  vecchie  fornaci 
della  zona  di  Marrakech,  e  pigmenti  naturali.  La  mescola  è 
applicata  come  intonaco  e  successivamente  lisciata  con 
particolari  pietre  di  fiume  e  lucidata  con  un  sapone  nero, 
prodotto  artigianalmente  con  le  olive.   La  superficie  così 
lavorata  è  di  grande  effetto  estetico,  impermeabile  e 
dall'aspetto leggermente ondulato e brillante. 
 
L’Associazione FORUM ITALIANO CALCE in collaborazione con la 
ditta  ATHENA  ART  e  l’Associazione  BIOECOSERVIZI,  organizza  il 
corso base di formazione professionale sul Tadelakt Tradizionale 
Marocchino.    
Il  corso  sarà  tenuto  dall'esperto  artigiano  Omar  El  Khabbouli,   
specializzato nella  lavorazione  del  Tadelakt,  titolare  della  ditta 
Ditta Société de Tadelakt Traditionnel di Casablanca. 
 
 
OBIETTIVI 
Valorizzare e diffondere l’impiego della calce in una particolare 
applicazione  e  divulgare  la  tecnica  del  Tadelakt  tradizionale  in 
Italia 
DESTINATARI 
Il  corso  è  rivolto  ad  artigiani,  architetti,  restauratori  e  a 
chiunque  intenda  cimentarsi  in  questa  antica  tecnica 
marocchina di lavorazione della calce 
CONTENUTI FORMATIVI 
Presentazione  teorica  della  tecnica  del  Tadelakt  tradizionale  e   
 
applicazione pratica su pannelli 
DATE E ORARI 
I  corsisti  potranno  scegliere  di  partecipare  al  corso  nella 
giornata di sabato 29 gennaio 2011, dalle ore 9.00 alle ore 18.00 
o domenica 30 gennaio 2011, dalle ore 9,00 alle ore 18,00 
SEDE 
I corsi si terranno in una frazione di San Polo d’Enza a Sedignano 
(RE), in Via Sedignano 
QUOTA DI ISCRIZIONE 
Costo € 180.00 + Iva: il costo comprende i materiali, il pranzo e 
l’iscrizione all’Associazione Forum Italiano Calce 
SCADENZA ISCRIZIONI 
Le iscrizioni sono aperte fino a Sabato 22 gennaio 2011 
INFO & CONTATTI 
Associazione Forum Italiano Calce, www.forumcalce.it   
e‐mail: segreteria@forumcalce.it, cell. Tel 327.5328288
 
   
 

            
in collaborazione con: 
 
 
 
         
ATHENA ART    Associazione BIOECOSERVIZI 
www.athena‐art.it; info@athena‐art.it  Associazione BIOECOSERVIZI 
www.bioecoservizi.it; info@bioecoservizi.it 
  www.bioecoservizi.it info@bioecoservizi.it