Sei sulla pagina 1di 281

S. Citterio, M.L. Luraschi, L. Mosca, L. Pirola, A.

Sartori

Citterio - Luraschi - Mosca - Pirola - Sartori


Per lo studente

Volume 1 Volume 2 Volume 3


L’Europa e l’Italia L’Europa e gli Stati Il mondo e i
Strumenti, Storia, continenti
ambienti, istituzioni, Ambienti,
paesaggi popolazione, popolazione,
economia economia,
attualità

L’Europa e l’Italia
1

Lo spazio geografico
strumenti, ambienti, paesaggi
Atlante L’Italia
del mondo e le Regioni
Per l’insegnante

per la classe

1
In omaggio

Geo.Lim

Guida per l’insegnante Libri in versione digitale interattiva Atlante geografico Raffaello Carte murali
+ DVD + carte mute

si compone di: Il corso è disponibile anche nella seguente configurazione:


Volume 1 + Atlante del mondo Volume 1 + Atlante del mondo ISBN 978-88-472-1457-6 A 15,00
+ L’Italia e le Regioni ISBN 978-88-472-1456-9 A 17,00
L’Italia e le Regioni ISBN 978-88-472-1458-3 A 4,00
Volume 2 ISBN 978-88-472-1460-6 A 17,50
Volume 3 ISBN 978-88-472-1461-3 A 18,00
I S B N 978-88-472-1459-0

www.grupporaffaello.it 9 788847 214590


Volume vendibile esclusivamente nelle configurazioni indicate
S. Citterio, M.L. Luraschi, L. Mosca, L. Pirola, A. Sartori

L’Europa e l’Italia
strumenti, ambienti, paesaggi
1
L’opera è frutto del lavoro comune degli autori che hanno concordato
l’impianto metodologico e didattico, l’articolazione dei contenuti, i criteri di
selezione dei materiali iconografici e cartografici.

Coordinamento scientifico-didattico: Silvana Citterio


Redazione Raffaello Editrice: Luca Brecciaroli, Emanuele Palazzi,
Emanuele Pirani, Raffaella Santoni
Consulenza didattica: Clara Perego, Eeva-Liisa Pettinari, Stefano Schirru

Team Grafico Raffaello Editrice: Mauro Aquilanti, Alessandra Coppola,


Alessandra Gasparetti
Illustrazioni: Ivan Stalio
Cartografia: Ls International Cartography
Ricerca iconografica: Team Grafico Raffaello Editrice
Referenze iconografiche: iStockphoto, Fotolia, archivio fotografico Raffaello

Stampa: Gruppo Editoriale Raffaello

L’editore si impegna a mantenere invariato il presente testo come previsto


dalla legge n° 169/2008 art. 5.

Il Gruppo Editoriale Raffaello mette a disposizione i propri libri di testo in


formato digitale per gli studenti ipovedenti, non vedenti o con disturbi specifici
di apprendimento.

L’attenzione e la cura necessarie per la realizzazione di un libro spesso non


sono sufficienti a evitare completamente la presenza di sviste o di piccole
imprecisioni. Invitiamo, pertanto, il lettore a segnalare le eventuali inesattezze
riscontrate. Ci saranno utili per le future ristampe.

© 2010 Gruppo Editoriale Raffaello


www.grupporaffaello.it
info@raffaelloeditrice.it

Tutti i diritti sono riservati.


È vietata la riproduzione dell’opera o di parti di essa con qualsiasi mezzo,
compresa stampa, fotocopie, microfilm e memorizzazione elettronica se non
espressamente autorizzate dall’Editore.

Nel rispetto delle normative vigenti, le immagini che rappresentano marchi o


prodotti commerciali hanno esclusivamente valenza didattica.

I dati statistici sono stati ricavati da pubblicazioni ufficiali dei singoli Paesi
o da fonti elaborate da enti o organizzazioni internazionali e si riferiscono
all’ultimo anno disponibile.

L’Editore è a disposizione degli aventi diritto con i quali non è stato possibile
comunicare, nonché per eventuali omissioni o inesattezze nella citazione
delle fonti.

Ristampa:

6 5 4 3 2 1
2015 2014 2013 2012 2011 2010
Indice
La geografia e le mappe mentali ________________________________________________________________________________________ 2

Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia ______________________________________________ 10

Unità 1 Carte e orientamento Unità 2 Statistica e grafici


In primo piano ___________________________________ 12 In primo piano ___________________________________ 40

1. Le carte geografiche 1. La descrizione del paesaggio umano


Che cos’è una carta geografica? _____________________ 14 L’osservazione _______________________________________ 42
Carta fisica I dati statistici ________________________________________ 44
Carta politica Gli indicatori _________________________________________ 44
Carta fisico-politica Indicatori economici
Carta tematica Indicatori sociali e demografici
La scala di riduzione _________________________________ 16 La popolazione _______________________________________ 46
Pianta o mappa Popolazione e densità
Carta topografica Movimenti di popolazione
Carta corografica Qualità della vita
Carta geografica Lavoro e attività
I simboli e i colori delle carte _______________________ 18
Nel corso del tempo
Le curve di livello ____________________________________ 18 Contare la popolazione: il censimento ___________ 48
Fotografie aeree e immagini satellitari _____________ 20
Il GIS _________________________________________________ 20
2. Organizzare e disegnare i numeri
2. L’orientamento Tabelle e grafici ______________________________________ 50
Diagramma cartesiano ____________________________ 51
Orientarsi nello spazio ______________________________ 22 Istogramma
La bussola ____________________________________________ 22 Piramide delle età _________________________________ 52
Poli, emisferi, paralleli e meridiani _________________ 24 Areogramma
Reticolato geografico, latitudine e longitudine ____ 25 Ideogramma _______________________________________ 53
I fusi orari ____________________________________________ 26 Cartogramma
Nel corso del tempo
Orientarsi in mare _________________________________ 28 Laboratorio
Disegnare i numeri: il turismo in Italia __________ 54
Laboratorio Sintesi _____________________________________________ 56
Le mappe nel tempo: il disegno di un paese ____ 30 Verifica ____________________________________________ 58
Sintesi _____________________________________________ 34
Verifica ____________________________________________ 36

III
Unità 3 I paesaggi della geografia Unità 4 Clima e ambienti

In primo piano ___________________________________ 62 In primo piano __________________________________ 104

1. Conoscere i paesaggi fisici 1. Che cos’è il clima?


Dal paesaggio montano alla pianura _______________ 64 Tempo e clima ______________________________________ 106
I rilievi europei e italiani ____________________________ 66 Gli elementi del clima ______________________________ 106
Le pianure europee e italiane _______________________ 68 Temperatura
Il paesaggio fluviale _________________________________ 70 Pressione atmosferica
I fiumi e i laghi europei e italiani ___________________ 72 Venti ______________________________________________ 107
Il paesaggio costiero _________________________________ 74 Umidità ___________________________________________ 108
Le coste e i mari europei e italiani _________________ 76 Il ciclo dell’acqua ___________________________________ 108
Come cambiano i paesaggi _________________________ 78 I fattori del clima ___________________________________ 110
Latitudine
2. Conoscere i paesaggi umani Altitudine
Presenza di acqua ________________________________ 111
Il paesaggio rurale ___________________________________ 80
Insediamenti ed edifici rurali _______________________ 82 Nel corso del tempo
Il paesaggio urbano __________________________________ 84 Le previsioni meteorologiche ____________________ 112
Tipi di città ___________________________________________ 86
Le attività economiche ______________________________ 88 2. Le zone climatiche
Settore primario Il clima in Europa __________________________________ 114
Settore secondario Clima continentale
Settore terziario Clima alpino
Trasporti e comunicazioni __________________________ 90 Clima mediterraneo
Vie di terra Clima atlantico ___________________________________ 115
Vie d’aria Clima subartico
Vie d’acqua Il clima in Italia _____________________________________ 116
Telecomunicazioni ___________________________________ 90 Zona alpina
Nel corso del tempo Zona padano-veneta
I toponimi e i loro segreti _________________________ 92 Zona appenninica
Zona ligure-tirrenica
Laboratorio Zona adriatica
Scrivere una didascalia ___________________________ 94 Zona mediterranea
Sintesi _____________________________________________ 96
Verifica ____________________________________________ 98 3. Il clima e l’uomo
I cambiamenti climatici ____________________________ 118
Le aree protette in Europa e in Italia ______________ 120

Laboratorio
Che tempo fa? ____________________________________ 122
Sintesi ____________________________________________ 126
Verifica ___________________________________________ 128

IV
Modulo 2 Le regioni europee __________________________________________________________________________ 132

Unità 5 L’Europa continentale Unità 6 L’Europa alpina


In primo piano __________________________________ 134 In primo piano __________________________________ 162
Individua lo spazio _____________________________ 136 Individua lo spazio _____________________________ 164

1. Il paesaggio della regione 1. Il paesaggio della regione


Dalla taiga alla steppa ______________________________ 138 L’ambiente alpino ___________________________________ 166
Gli insediamenti ____________________________________ 140 Gli insediamenti ____________________________________ 168
Le attività economiche _____________________________ 140 Le attività economiche _____________________________ 169
Obiettivo Italia Obiettivo Italia
I paesaggi agricoli ________________________________ 142 Le vie di comunicazione _________________________ 170
L’industria ________________________________________ 144
2. Le trasformazioni dell’uomo
2. Le trasformazioni dell’uomo Le cave e le miniere ________________________________ 172
Il disboscamento ____________________________________ 146 Le dighe e le centrali idroelettriche _______________ 172
Le bonifiche _________________________________________ 146 Gli impianti d’alta quota ___________________________ 173
I distretti industriali ________________________________ 147 Nel corso del tempo
Nel corso del tempo L’alpeggio _________________________________________ 174
La piazza di tutte le Russie ______________________ 148
Educazione ambientale
Educazione ambientale 3. L’uomo e la natura: problemi e potenzialità
3. L’uomo e la natura: problemi e potenzialità
Il turismo e l’ecosistema della montagna _________ 176
L’inquinamento del suolo e dell’acqua ____________ 150
Il paesaggio protetto __________________________ 177
Il paesaggio protetto __________________________ 151 Parco Nazionale degli Alti Tauri
Selva Bavarese Parco Nazionale del Gran Paradiso
Parco Nazionale di Białowieža
Laboratorio
Laboratorio Pellegrini e turisti lungo la Via Francigena _____ 178
Smog e piogge acide: problemi e soluzioni _____ 152 Sintesi ____________________________________________ 182
Sintesi ____________________________________________ 156 Verifica ___________________________________________ 184
Verifica ___________________________________________ 158

V
Unità 7 L’Europa mediterranea Unità 8 L’Europa atlantica
In primo piano __________________________________ 188 In primo piano __________________________________ 214
Individua lo spazio _____________________________ 190 Individua lo spazio _____________________________ 216

1. Il paesaggio della regione 1. Il paesaggio della regione


La macchia mediterranea __________________________ 192 Un clima mite e piovoso ___________________________ 218
Gli insediamenti ____________________________________ 194 Gli insediamenti ____________________________________ 220
Le attività economiche _____________________________ 194 Le attività economiche _____________________________ 221
Obiettivo Italia Obiettivo Italia
Il turismo _________________________________________ 196 Le città e le conurbazioni ________________________ 222

2. Le trasformazioni dell’uomo 2. Le trasformazioni dell’uomo


Le saline ____________________________________________ 198 Il bocage ____________________________________________ 224
Il giardino mediterraneo ___________________________ 198 I polder ______________________________________________ 224
Le case bianche _____________________________________ 199 Il black country _____________________________________ 225
Nel corso del tempo: Nel corso del tempo:
Le torri saracene _________________________________ 200 In pellegrinaggio a Santiago _____________________ 226

Educazione ambientale Educazione ambientale


3. L’uomo e la natura: problemi e potenzialità 3. L’uomo e la natura: problemi e potenzialità
L’inquinamento da petrolio ________________________ 202 La Corrente del Golfo cambia rotta _______________ 228

Il paesaggio protetto __________________________ 203 Il paesaggio protetto __________________________ 229


Parco naturale regionale della Camargue Parco naturale regionale dell’Armorica
Santuario internazionale dei cetacei Parco Nazionale di Dartmoor

Laboratorio Laboratorio
Salviamo il nostro mare _________________________ 204 Vivere con le maree ______________________________ 230
Sintesi ____________________________________________ 208 Sintesi ____________________________________________ 234
Verifica ___________________________________________ 210 Verifica ___________________________________________ 236

VI
Unità 9 L’Europa subartica Atlante del mondo
In primo piano __________________________________ 240 Planisfero fisico _______________________________________ 4
Individua lo spazio _____________________________ 242 Planisfero politico _____________________________________ 6
Italia fisica _____________________________________________ 8
1. Il paesaggio della regione Italia politica ___________________________________________ 9
Nord Italia ____________________________________________ 10
La taiga e la tundra _________________________________ 244 Centro Italia __________________________________________ 12
Gli insediamenti ____________________________________ 246 Sud Italia ______________________________________________ 14
Le attività economiche _____________________________ 246 Italia insulare _________________________________________ 16
Obiettivo Italia Europa fisica __________________________________________ 18
Le risorse energetiche e il dibattito sul nucleare 248 Europa politica _______________________________________ 20
Europa sud-occidentale ______________________________ 22
2. Le trasformazioni dell’uomo Isole britanniche e regione francese ________________ 24
Europa centrale _______________________________________ 26
Le città sul mare ____________________________________ 250
Europa scandinava ___________________________________ 28
I villaggi rorbuer ___________________________________ 250
Europa sud-orientale _________________________________ 30
La terra dei sami ____________________________________ 252
Europa orientale ______________________________________ 32
Nel corso del tempo Africa fisica ___________________________________________ 34
Bryggen, il quartiere medievale di Bergen _____ 254 Africa politica ________________________________________ 35
Africa centro-settentrionale _________________________ 36
Educazione ambientale Africa centro-meridionale ___________________________ 38
3. L’uomo e la natura: problemi e potenzialità Asia fisica _____________________________________________ 40
Asia politica __________________________________________ 41
La caccia alle balene _______________________________ 256
Asia settentrionale ___________________________________ 42
Il paesaggio protetto __________________________ 257 Asia meridionale _____________________________________ 44
Parco Nazionale dell’Arcipelago Asia orientale _________________________________________ 46
Parco Nazionale di Sarek America del Nord fisica ______________________________ 48
America del Nord politica ___________________________ 49
Laboratorio America settentrionale _______________________________ 50
Consumi energetici e sviluppo sostenibile _____ 258 America centrale _____________________________________ 52
Sintesi ____________________________________________ 262 America del Sud fisica ______________________________ 54
Verifica ___________________________________________ 264 America del Sud politica_____________________________ 55
America meridionale _________________________________ 56
Oceania fisica _________________________________________ 58
Oceania politica ______________________________________ 59
Australia e Nuova Zelanda __________________________ 60
Artide e Antartide ____________________________________ 62

Carte mute ________________________________________ 63

VII
Presentazione

Un corso interdisciplinare
e operativo
Lo spazio geografico descrive gli ambienti e i territori del nostro pianeta mettendo in evidenza le
relazioni tra gli aspetti fisici e quelli umani. Nel fare ciò offre non soltanto una rappresentazione,
ma anche un’interpretazione degli organismi spaziali in cui gli esseri umani vivono: campi colti-
vati, villaggi, città, Stati, soggetti sovranazionali, reti stradali ecc.
La geografia è una scienza che si è costruita nel tempo, con il contributo di molte discipline. In
modo analogo questo testo è stato scritto con un metodo interdisciplinare, attingendo a risorse
dell’area storica, socioeconomica, scientifica e letteraria.

Le conoscenze sono esposte adottando in modo sistematico una molteplicità di punti di vista spa-
ziali e temporali. Una particolare cura è stata posta nel variare la scala spaziale (locale, nazionale,
regionale, continentale, mondiale) in relazione al tema affrontato e alla sua dimensione territoria-
le e, per quanto riguarda il tempo, nel continuo confronto fra passato e presente. Operare questo
confronto, quando si analizzano gli scenari ambientali, consente di comprendere il paesaggio co-
me prodotto sociale e di riconoscerlo come uno degli elementi del nostro patrimonio culturale.
La dimensione storica diventa così fondamentale per ricostruire e comprendere gli attuali problemi
antropici, geopolitici e socio-economici.
Il ricorso sistematico a punti di vista spaziali e temporali diversi si evidenzia nella struttura dei tre
volumi, che presenta una successione di capitoli ricorrenti:
Volume 1: Il paesaggio della regione; Le trasformazioni dell’uomo; L’uomo e la natura: proble-
mi e potenzialità.
Volume 2: L’immagine del presente; Il cammino percorso; Le prospettive per il domani.
Volume 3: L’immagine del continente; Temi e problemi.

La geografia, scienza interdisciplinare per eccellenza, è abituata ad analizzare i problemi comples-


si, adottando i punti di vista e utilizzando gli strumenti delle diverse discipline. Coerentemente,
Lo spazio geografico si sviluppa in unità, capitoli e paragrafi tematici e si serve di un approc-
cio operativo. L’esposizione è infatti integrata da attività differenziate, in relazione alla funzione
(esercizi in itinere, verifiche in conclusione di unità, laboratori) e al livello di approfondimento ri-
chiesto, in modo da favorire l’acquisizione delle informazioni da parte degli allievi e la loro rielabo-
razione in conoscenze durature e trasferibili. In particolare, nel Laboratorio gli studenti sono gui-
dati a riutilizzare le conoscenze e le abilità acquisite per rispondere a domande su temi complessi,
oppure per costruire e utilizzare semplici strumenti. La Sintesi, alla fine di ciascuna unità, ripropo-
ne in modo schematico e puntuale i concetti esposti. Può essere utilizzata per il ripasso e lo studio
sistematico e per avere una visione d’insieme circa l’organizzazione dei temi e delle attività.

Apposite sezioni, ben identificate graficamente, sono dedicate all’Educazione ambientale e


all’Educazione alla cittadinanza; una particolare attenzione è riservata anche all’Educazione al
patrimonio, ad esempio, nella rubrica Nel corso del tempo o Le trasformazioni dell’uomo.

Un linguaggio semplice e appropriato, calibrato in base al procedere degli anni scolastici e dei
volumi, si abbina a un impianto grafico essenziale e piacevole, ricco di immagini significative e
di un apparato cartografico funzionale. Le parole e le immagini de Lo spazio geografico inter-
pretano con efficacia le finalità del corso, dando vita a una struttura ordinata e piacevole che su-
scita interesse e facilita il processo di apprendimento.
VIII
Presentazione

Il corso è composto da materiali per lo studente e risorse per l’insegnante.

Per lo studente:
• Volume 1 - L’Europa e l’Italia: strumenti, ambienti, paesaggi;
• Volume 2 - L’Europa e gli Stati: storia, istituzioni, popolazione, economia;
• Volume 3 - Il mondo e i continenti: ambienti, popolazione, economia, attualità;
• L’Italia e le Regioni (allegato al volume 1);
• Atlante del mondo (allegato al volume 1);
• Risorse multimediali: approfondimenti tematici, cartografia e carte mute, gallerie di immagini,
aggiornamenti statistici, esercizi.

Per l’insegnante:
• Guida, contenente: percorsi-base, mappa per la progettazione didattica, approfondimenti e sug-
gerimenti per sviluppare l’educazione ambientale, al patrimonio e alla cittadinanza. Inoltre una
batteria di verifiche sommative, con punteggio, che consentono all’insegnante di monitorare l’ap-
prendimento degli allievi e le soluzioni di tutte le verifiche;
• Libro in versione digitale per la didattica interattiva (LIM), aggiornamenti, contenuti aggiuntivi.

Volume 1 Volume 2 Volume 3


L’Europa e l’Italia L’Europa e gli Stati Il mondo e i continenti
Strumenti, ambienti, paesaggi Storia, istituzioni, popolazione, Ambienti, popolazione, economia,
economia attualità
Modulo 1 Modulo 1 Modulo 1
Strumenti e concetti della L’Europa e gli europei La vita sul nostro pianeta
geografia
Modulo 2 Modulo 2
Modulo 2 L’Europa e il lavoro I continenti per temi e problemi
Le regioni europee
Modulo 3
Gli Stati europei

In allegato
L’Italia e le Regioni
Atlante del mondo

IX
Presentazione

Come è fatto il libro


Ciascun volume si articola in mo-
duli e unità. Ogni modulo si apre
con una doppia pagina introdutti-
va con l’elenco delle unità.
Sono inoltre indicati gli obiettivi
di apprendimento.

Ogni unità si apre con In primo


piano, una sezione fotografica che
ha lo scopo di richiamare le pre-
conoscenze dell’allievo e di solle-
citare, attraverso semplici doman-
de di contatto, il suo interesse per
quanto verrà trattato nelle pagine
successive.

Nelle unità «ambientali», quelle


che descrivono ambienti e regioni
geografiche, segue Individua lo
spazio, un’attività operativa sul-
la carta geografica che ha lo sco-
po di far confrontare l’allievo con
le sue carte mentali e di fargliele
elaborare, rafforzandone memo-
ria visiva e capacità di spazializ-
zazione.

X
Presentazione

Il profilo si sviluppa in capitoli e paragrafi tematici organizzati su pagine a fronte e accompagnati da attività per
memorizzare le informazioni, rielaborarle e trasformarle in conoscenze durature e riutilizzabili, strutturandole in
reti concettuali.
Un glossario riporta e spiega i termini specifici della geografia, che sono evidenziati in arancione nel testo.

Una particolare attenzione è dedicata nel profilo all’Educazione ambientale (ad esempio: L’uomo e la natura:
problemi e potenzialità), all’Educazione alla cittadinanza (ad esempio: L’uomo e la società: vivere insieme) e
all’Educazione al patrimonio (ad esempio: Nel corso del tempo, Le trasformazioni dell’uomo).

XI
Presentazione

Le rubriche sviluppano il tema dell’unità con specifici confronti e approfondimenti:


• Obiettivo Italia e Nel corso del tempo nel 1° volume;
• Una lente su... e In giro per... nel 2° volume;
• Immagini dalla natura e Immagini dall’uomo nel 3° volume.

Nel Laboratorio gli allievi sono guidati a riutilizzare le conoscenze e le abilità acquisite per rispondere a doman-
de significative su temi complessi oppure per costruire e utilizzare semplici strumenti. Ogni laboratorio si articola
in una successione operativa che, dall’uso degli strumenti passa all’analisi e all’interpretazione dei dati, per conclu-
dersi con la rielaborazione sintetica delle conoscenze e/o con il loro reimpiego in un altro contesto d’uso.

XII
Presentazione

Nella Sintesi i concetti e le conoscenze essenziali dell’unità sono riorganizzati in modo schematico con illustrazio-
ni e accorgimenti grafici che ne facilitano l’acquisizione e il ripasso.

La Verifica conclusiva è strutturata sulle conoscenze e sulle abilità esercitate nell’unità. Dal profilo, appositi riman-
di ne facilitano la consultazione, agevolandone l’utilizzo.

XIII
La geografia e
le mappe mentali
Il termine geografia deriva dal greco e significa «descri- Proseguiamo nell’esperimento.
zione (graphia) della Terra (gea)», quindi la geografia na- Chiudi di nuovo gli occhi e prova ora a immaginare
sce come scienza che descrive, rappresenta e studia la l’aspetto di un luogo lontano da casa tua, di cui hai senti-
Terra. to parlare ma che non hai mai visitato di persona: una cit-
Fin dall’antichità, gli uomini sono stati in grado di rappre- tà, un fiume, una montagna, una regione.
sentare i luoghi conosciuti e di descriversi nel territorio da Anche in questo caso ti accorgerai che non si tratta di
loro abitato. L’hanno fatto attraverso un processo che ana- un’operazione così difficile: questa nuova immagine men-
lizzeremo insieme con le attività che ti proponiamo: spe- tale sarà sicuramente meno realistica e dettagliata della
rimenteremo infatti come in ciascuno di noi si formano, si precedente, quella della tua camera, ma è probabile che
integrano e si modificano le immagini mentali dei luoghi. contenga un numero di elementi sufficienti per identifica-
Tutti noi possediamo immagini o impressioni mentali re quel luogo.
che ci rendono familiari e immediatamente riconoscibili I geografi chiamano questo tipo di intuizioni visive map-
gli ambienti in cui viviamo: la nostra casa, la via, il par- pe mentali. Si tratta di immagini semplificate che con-
co giochi, il quartiere ecc. serviamo nella nostra memoria e che ci tornano imme-
Per capire che cos’è l’immagine mentale di un luogo, prova diatamente alla mente per associazione di idee quando
a chiudere gli occhi e a concentrarti sulla disposizione de- sentiamo nominare una località, un fiume, una monta-
gli oggetti presenti nella tua camera: qui il letto; là il tavolo gna, una regione...
da lavoro ingombro di videogiochi, fumetti, figurine, pen- Questa operazione è ancora più semplice e veloce se la
ne, una scatola di biscotti, una bibita; a sinistra della porta forma del territorio ricorda un oggetto conosciuto. Anche
l’armadio con i vestiti, le scarpe buttate in disordine qua e nel linguaggio geografico si parla infatti per immagini fa-
là per la stanza… È facile, come vedi, richiamare alla men- miliari: l’arco alpino, la catena montuosa, il ramo del la-
te un’immagine abbastanza precisa della tua camera. go, la sella, la cresta, lo stivale, il tacco…

2
Accoglienza
La tavoletta di Ga-Sur è una delle mappe più antiche ritrovate. Rielaborazione grafica della tavoletta di Ga-Sur.

Per costruire le mappe mentali il nostro cervello selezio-


ele
l ziz o-
o
na gli elementi spaziali di un luogo e ne fissa la geometria
meetr t ia
i
essenziale. Nelle mappe dei popoli primitivi si ritrovaova la
rov la
stessa estrema semplificazione.
Popoli come gli eschimesi e gli indiani dell’America ica del del
e
nord, ad esempio, erano soliti incidere rami o corteccia
r teecc
ccia
di betulla per rappresentare la costa e orientarsi piùù facil-
fac
a ilil-
mente durante la pesca. Mappe di questo tipo sono anco- anco
an nco
co-
ra diffuse presso gli eschimesi, anche perché facilmente
lm
men ntee
trasportabili.
I popoli della Mesopotamia rappresentavano le loroo map- m
map app-
pe sul materiale più diffuso nella loro regione: ll’argil-
’arg
’a rgil
rg ill-
il-
la. La piccola tavoletta raffigurata, scoperta tra lee rovi-
r vi
ro v-
ne dell’antica località di Ga-Sur, circa 300 chilometri
m tr
me trii a
nord del sito di Babilonia (nell’odierno Iraq), risale molto
mol oltoto
to
probabilmente al 2500-2300 a.C. Anch’essa è una mappa mappp
ma pa
molto semplificata: rappresenta due zone collinosee attra-
att
ttra
raa-
versate da un corso d’acqua (come si può facilmente ntte ve-
vvee-
dere nella rielaborazione grafica).
Ancora oggi i cartografi seguono lo stesso procedimen-
diim
dimemeen-
to per disegnare le carte: eliminano tutti gli elementi so- Una mappa della costa in uso presso gli eschimesi. Il ramo rappre-
vrabbondanti dello spazio reale e ne tracciano le linee es- senta un tratto costiero della Groenlandia; sono ben in evidenza i golfi e
senziali. i canali marini.

3
Le tue mappe mentali
Proseguiamo il nostro lavoro sulle mappe mentali.

Prova ad associare le Regioni italiane alle figure qui proposte che ne ricordano in modo essenziale la forma.

............................................................................ ............................................................................ ............................................................................

............................................................................ ............................................................................ ............................................................................

I geografi considerano le mappe mentali un miscuglio di


informazioni di vario tipo che non riguardano solo gli ele-
menti geometrici e visivi, ma anche stereotipi e convinzio-
ni personali non sempre precise o corrispondenti al vero.
Esse si costruiscono attraverso conoscenze scolastiche, no-
tizie date dai mezzi di informazione, immagini televisive,
esperienze di viaggio ecc.

4
Accoglienza
Prova a descrivere brevemente le immagini mentali che ti suggeriscono i seguenti luoghi geografici:
• la parola Giappone mi fa venire in mente ....................................................................................................................................................................
...................................................................................................................................................................................................................................................................

• la parola America mi fa venire in mente ......................................................................................................................................................................


...................................................................................................................................................................................................................................................................

• la parola Africa mi fa venire in mente ...........................................................................................................................................................................

...................................................................................................................................................................................................................................................................

• la parola Cina mi fa venire in mente ...............................................................................................................................................................................

...................................................................................................................................................................................................................................................................

• le parole Polo nord mi fanno venire in mente ..........................................................................................................................................................

...................................................................................................................................................................................................................................................................

Ora fai lo stesso con le seguenti espressioni:


• le parole Pianura Padana richiamano alla mia mente l’immagine di .......................................................................................................
...................................................................................................................................................................................................................................................................

• la parola Alpi richiama alla mia mente l’immagine di ........................................................................................................................................

...................................................................................................................................................................................................................................................................
• la parola Sicilia richiama alla mia mente l’immagine di ...................................................................................................................................

...................................................................................................................................................................................................................................................................

• la parola Roma richiama alla mia mente l’immagine di ....................................................................................................................................

...................................................................................................................................................................................................................................................................

• le parole Nord Italia richiamano alla mia mente l’immagine di ...................................................................................................................


...................................................................................................................................................................................................................................................................

• le parole Sud Italia richiamano alla mia mente l’immagine di ......................................................................................................................


...................................................................................................................................................................................................................................................................

Metti a confronto le tue mappe mentali relative ai vari luoghi del mondo e d’Italia, precedentemente evocate e de-
scritte, con quelle dei tuoi compagni. Sono immagini positive o negative? Fai alcuni esempi delle une e delle altre
utilizzando la tabella.

Immagini positive Immagini negative


................................................................................................................ ................................................................................................................

................................................................................................................ ................................................................................................................
................................................................................................................ ................................................................................................................

................................................................................................................ ................................................................................................................

• Che cosa ha contribuito a far nascere nella tua mente queste immagini? (Riviste, tv, film, pubblicità, libri, viaggi ecc.)
...................................................................................................................................................................................................................................................................

...................................................................................................................................................................................................................................................................

...................................................................................................................................................................................................................................................................

• Perché, secondo te, due persone possono avere mappe mentali diverse dello stesso luogo?
...................................................................................................................................................................................................................................................................

...................................................................................................................................................................................................................................................................

...................................................................................................................................................................................................................................................................

5
Dove ti piacerebbe vivere?
Vediamo ora come le mappe mentali e gli stereotipi possono influenzare le informazioni in nostro possesso e le no-
stre decisioni.
• Iniziamo dalla Regione dove vivi: ................................................................................................................................................................................
• Ti piace vivere in questa Regione?
Sì, perché ...........................................................................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................................................................................................

....................................................................................................................................................................................................................................................................

....................................................................................................................................................................................................................................................................

No, perché .........................................................................................................................................................................................................................................

....................................................................................................................................................................................................................................................................

....................................................................................................................................................................................................................................................................

....................................................................................................................................................................................................................................................................

• Se potessi scegliere di trasferirti in un’altra Regione italiana, in quale ti piacerebbe andare a vivere?
....................................................................................................................................................................................................................................................................

• Perché? Quali cambiamenti importanti ci sarebbero nella tua vita? ..........................................................................................................

....................................................................................................................................................................................................................................................................

....................................................................................................................................................................................................................................................................

....................................................................................................................................................................................................................................................................

Confronta le tue risposte a queste ultime domande con quelle date dai tuoi compagni.
• Qual è la Regione che ha avuto in assoluto il maggior numero di preferenze? ...................................................................................
• Quali altre Regioni sono state votate? Scrivi accanto a ciascuna i voti che ha ottenuto.

Valle d’Aosta Friuli-Venezia Giulia Marche Puglia

Piemonte Liguria Lazio Basilicata

Lombardia Emilia-Romagna Abruzzo Calabria

Trentino-Alto Adige Toscana Molise Sicilia

Veneto Umbria Campania Sardegna

6
Trentino-
Friuli-
Alto Adige

Accoglienza
Venezia
• Colora nella carta d’Italia le Giulia

ccog e a
Valle
Regioni che si sono classificate d'Aosta Lombardia Veneto
ai primi tre posti:
1° posto - rosso;
Piemonte Emilia-
2° posto - arancione; Romagna
3° posto - giallo. Liguria

Marche
Toscana

Umbria
Abruzzo
Lazio
Molise

Puglia
Campania

Basilicata
Sardegna

Calabria

Sicilia

Proviamo a riflettere.
• Quali sono, secondo te, i motivi che hanno indotto la maggioranza della classe a scegliere proprio questa Regione?
....................................................................................................................................................................................................................................................................

• Quali sono, invece, le Regioni che nessuno ha scelto? Perché? .....................................................................................................................

....................................................................................................................................................................................................................................................................
• Che cosa ha influenzato la tua scelta e quella dei tuoi compagni (esperienze di viaggio, programmi tv, racconti di
familiari e amici, letture ecc.)? ............................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................................................................................................
• Quali altri tipi di informazioni pensi si dovrebbero avere su una Regione dove eventualmente andare a vivere? .........
....................................................................................................................................................................................................................................................................

• Quali sono, secondo te, i motivi che spingono le persone a trasferirsi da una città, o da una Regione, all’altra? .........
....................................................................................................................................................................................................................................................................

....................................................................................................................................................................................................................................................................

....................................................................................................................................................................................................................................................................

• Alla fine di questo esperimento, sapresti dire che cosa influenza di più, nella tua classe, lo sviluppo dell’immagine
mentale di un certo luogo? Ti sembra di aver notato anche la presenza di pregiudizi e convinzioni personali non del
tutto esatte? .....................................................................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................................................................................................

....................................................................................................................................................................................................................................................................

....................................................................................................................................................................................................................................................................

7
Mettiti alla prova: test sull’Europa
Come puoi ben immaginare, le mappe mentali si evolvono con il tempo: si perfezionano nelle geometrie e nelle rela-
zioni spaziali, si arricchiscono di immagini e di conoscenze, mentre si ridimensionano gli stereotipi iniziali.
Completa i seguenti test, ripetili fra qualche mese o il prossimo anno e confronta i risultati. Potrai così verificare se e
come le tue mappe mentali si sono modificate, valutare quanto hai saputo mettere a frutto le attività svolte con i tuoi
compagni e quanto sei riuscito a riflettere sulle tue esperienze personali.

Disegna la tua mappa mentale dell’Europa: inserisci e indica il nome di tutti gli elementi geografici che conosci.
Ripeti la prova nei prossimi mesi o tra un anno.

1 La mia mappa mentale dell’Europa, data: ...............................................................

2 La mia mappa mentale dell’Europa, data: ...............................................................

8
Accoglienza
Nella cultura popolare sono diffusi molti stereotipi con i quali si identificano i diversi Paesi europei. Prova ad associare
a ciascuna delle immagini proposte il nome del relativo Stato europeo. Proseguendo i tuoi studi geografici, sarai in gra-
do di verificare la correttezza delle tue ipotesi.

........................................ ........................................

........................................ ........................................

........................................ ........................................

........................................ ........................................

9
Modulo 1
Strumenti e concetti
della geografia
Unità 1
Carte e orientamento
Unità 2
Statistica e grafici
Unità 3
I paesaggi della geografia
Unità 4
Clima e ambienti

Obiettivi di apprendimento
• Arricchire le carte mentali della propria
Regione, dell’Italia e dell’Europa nel
contesto mondiale.
• Leggere e interpretare vari tipi di carte
geografiche utilizzando consapevolmente
punti cardinali, scale e coordinate
geografiche, simbologia.
• Leggere e comunicare attraverso i
linguaggi specifici della geografia,
utilizzando termini geografici, carte,
grafici, immagini, schizzi, dati statistici,
in relazione al sistema territoriale e al
tipo di scala.
• Conoscere e descrivere gli elementi
caratterizzanti i paesaggi italiani
ed europei, individuando analogie e
differenze e gli elementi di particolare
valore ambientale e culturale.

10
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia
1

Unità 1
Carte e
orientamento La mappa di Bedolina è la pianta di un villaggio
camuno, antico popolo presente nel nord Italia
intorno al I millennio a.C. Si tratta di uno dei primi
tentativi di rappresentazione del territorio: in essa si
distinguono figure umane, campi coltivati collegati
da sentieri, abitazioni, un torrente.

2
In questo
mappamondo
babilonese,
risalente al
VI-V secolo
a.C., la Terra è
rappresentata
come un cerchio
circondato
dall’acqua.

In primo piano
3
Nel passato gli uomini hanno
sempre avuto interesse a conoscere
il territorio in cui vivevano: i
mercanti per sapere quale strada
percorrere per i propri traffici,
i contadini per conoscere le
dimensioni e i confini dei loro
campi. Inoltre, fin dall’antichità
la curiosità ha spinto gli uomini
a immaginare come fosse il
nostro pianeta. Grandi maestri,
come Eratostene e Tolomeo, si La Tabula Peutingeriana è una copia medievale di una
impegnarono in complessi calcoli tabula picta, cioè di una carta geografica degli antichi
Romani. Questo frammento raffigura l’Italia centro-
per stabilire le esatte dimensioni
settentrionale, circondata dai mari che la separano
della Terra e la precisa posizione di dall’Africa (in basso) e dalla Dalmazia (in alto).
un luogo sulla sua superficie.
12
Carte e orientamento Unità 1

4 Carta del XV secolo, impostata secondo la proiezione


di Claudio Tolomeo, astronomo del II secolo d.C.
Egli, per primo, applicò al disegno della superficie
terrestre il sistema di proiezione che trasferisce su
un piano la superficie sferica del pianeta.

Con l’estendersi dei commerci, nel


corso del XV secolo aumentarono
via via anche le conoscenze
geografiche.
Il geografo Paolo Toscanelli realizzò
nel 1474 un mappamondo, con il
quale dimostrò che l’Asia poteva
essere raggiunta navigando
dall’Europa verso occidente.

6 7

Oggi le mappe non si disegnano più a mano, ma


utilizzando la tecnologia: i satelliti fotografano la Terra
e i geografi ne rielaborano e usano le immagini per
scopi diversi, come conoscere la strada o prevedere
Nel XVIII secolo le carte geografiche erano già molto il tempo. Grazie a internet è oggi possibile consultare
precise: la carta dei Regni di Sicilia e di Sardegna molte carte geografiche semplicemente con un click:
al 1762 riporta l’indicazione della graduazione basta collegarsi al sito http://maps.google.it/.
della latitudine e della longitudine e un’accurata Con il programma Google Earth, inoltre, è possibile
descrizione topografica. osservare le immagini satellitari di tutto il mondo!

Tu stesso usi le carte durante la tua giornata: prova a pensare quando. A che scopo ti servono?
Come riesci a capire le informazioni che contengono?

13
Capitolo 1 Le carte geografiche

Che cos’è una carta geografica? Carta politica: riproduce il territorio dal punto di vista
Una carta geografica è la rappresentazione ridotta e sim- amministrativo e politico. In essa sono indicati i confini
bolica di un territorio. Essa può riprodurre spazi di di- (Stati, Regioni, Province), i centri abitati, le principali vie
mensioni minime oppure molto grandi, da un piccolo di comunicazione (2).
paese a tutta la Terra, immaginati come se fossero visti
dall’alto. Le carte sono quindi strumenti utilissimi che Carta fisico-politica: rappresenta sia gli aspetti fisici sia
ci permettono di individuare la posizione degli elementi quelli politici di un determinato territorio; per questo mo-
geografici (catene montuose, fiumi, laghi, strade, città o tivo è la carta più usata (3).
altro) presenti in un territorio.
Esistono molti tipi di carte geografiche, in grado di forni- Carta tematica: oltre a descrivere e a individuare la po-
re informazioni specifiche diverse a chi le consulta. Nes- sizione degli spazi terrestri, le carte sono spesso utiliz-
suna carta, quindi, è in grado di dirci da sola tutto quello zate per rappresentare graficamente fenomeni come, per
che vorremmo sapere su un certo territorio. esempio, la densità di popolazione, la vegetazione, l’uso
Per comprendere l’utilità delle carte geografiche consi- del suolo, le migrazioni interne e molti altri. Queste carte,
deriamo l’esempio di Roma, la capitale d’Italia, sorta in che ci danno informazioni su di un particolare argomento
età antica lungo le sponde del fiume Tevere, nei pressi di o tema, si chiamano tematiche.
un’isola che ora fa parte del centro urbano e oggi è nel Tra le carte tematiche più usate ci sono: le carte strada-
mezzo di una rete complessa di vie di comunicazione. li, nelle quali autostrade, strade statali e strade seconda-
Osserviamo alcune carte: ciascuna è in grado di dirci rie sono rappresentate in dimensioni e colori diversi, a se-
qualcosa di particolare sulla città. conda della loro importanza (4); le carte climatiche, che
riproducono la distribuzione dei diversi climi nel territo-
Carta fisica: rappresenta solo gli aspetti naturali del rio; le carte turistiche, con la rappresentazione della dif-
territorio: montagne, pianure, laghi, fiumi, coste, gol- fusione in una determinata area di monumenti e attrazio-
fi ecc. (1). ni turistiche (5).

Glossario
Territorio: è uno spazio che può essere in-
contaminato o modificato dall’intervento
dell’uomo; ogni spazio terrestre (pianura,
montagna, deserto, foresta o altro) possie-
de caratteristiche proprie che lo differen-
ziano da tutti gli altri.

Lavora sul testo


Che cos’è una carta tematica?
Definiscila e prova a fare qualche
esempio.

Es. 1-2 pagg. 36-37

1 Carta fisica della Provincia di Roma.

14
Carte e orientamento Unità 1

Viterbo
Poggio Mirteto

Sutri

Tarquinia
ABRUZZO
Monterotondo
Civitavecchia Bracciano
Subiaco
Tivoli
Cerveteri

Fiuggi
ROMA
Anagni

Fiumicino Frosinone
Ostia Lido Cori
Ceccano
Pomezia Aprilia

Priverno
Latina
Mar Tirreno
Anzio

Terracina

2 Carta politica della Provincia di Roma. 3 Carta fisico-politica della Provincia di Roma.

4 Carta stradale della Provincia di Roma. 5 Carta turistica della comunità montana di Fiumata, in provincia di Rieti.

Usa gli strumenti 1 2


M
BOLOGNA
Individua l’informazione principale A
fornita dalle carte a lato, attribuendo a
R

FIRENZE
ciascuna la didascalia corretta. E ANCONA
A
D

PERUGIA R
La rete stradale di Roma collega la I
A
città a tutte le Regioni italiane. Il nord T
e il sud del Paese sono collegati tra- Isole
L’AQUILA
mite il Grande Raccordo Anulare, che Tremiti

ROMA
gira intorno alla città. CAMPOBASSO
M

Parigi sorge sulle due rive della cio


A

Senna, che è attraversata da nume- NAPOLI


R

P
rosi ponti; al centro della città si trova ap
ol
i
iN
od
T

Golfo di
l’Île de la Cité, su cui sorge la catte- di
Golf
Salerno
I R

drale di Notre Dame. rtisei


R

Go
E

15
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia

La scala di riduzione
Quando si disegna una carta geogra-
fica, il problema più grande da risol-
vere è riuscire a rappresentare con
accuratezza e precisione, su uno spa-
zio limitato come quello del foglio,
un territorio molto ampio. Ciò signi-
fica che tutti gli elementi presenti in
una carta e le distanze che li separa-
no devono essere raffigurati, in pro-
porzione, molto più piccoli di quanto 1 Pianta del centro di Roma.
sono in realtà.
Consideriamo una grandezza reale pari a 20 metri, per Carta topografica: ha una scala grande (1: 50 000) e per-
esempio una strada: volendo disegnarla su un foglio po- mette di disegnare i particolari di un territorio, mostran-
tremmo ridurla di 100 volte tracciando un segmento lun- done l’altitudine, le strade, la disposizione degli edifici, le
go 0,2 metri, ovvero 20 centimetri. Allo stesso modo una vie di comunicazione. Le carte topografiche sono utilizza-
grandezza di 500 000 centimetri, ridotta di 100 volte, sul- te dagli escursionisti per orientarsi in zone non abitate, in
la carta risulterà pari a 5 000 centimetri. quanto segnalano anche i sentieri e le strade sterrate. In Ita-
La proporzione scelta per ogni particolare tipo di carta lia, l’Istituto Geografico Militare (IGM) ha rappresentato
è chiamata scala di riduzione. Una scala si dice picco- tutto il territorio nazionale in carte in scala 1: 25 000 (2).
la quando il territorio rappresentato è stato molto ridot-
to e risulta poco dettagliato, mentre si dice grande quan- Carta corografica: ha una scala piccola che arriva fino
do il territorio appare più ingrandito e ricco di dettagli e a 1: 200 000 e permette di rappresentare territori corri-
particolari. spondenti a una Provincia o una Regione; solitamente si
La scala può essere numerica o grafica. La scala numeri- utilizza per gli atlanti stradali, perché mostrano le strade,
ca è una frazione in cui il numeratore è sempre 1, mentre le città, le distanze chilometriche (3).
il denominatore è un numero variabile che ci indica quan-
te volte bisogna moltiplicare una grandezza della carta Carta geografica: rappresenta una grande porzione del
per trovare il valore della grandezza reale. In una carta territorio con una scala che può ò andare da 1: 300 000
in scala 1: 25 000 (uno a venticinquemila) un centimetro a 1: 50 000 000. Raffigura uno Stato o un con-
equivale a 25 000 centimetri nella realtà. tinente ed è utilizzata nei librii di geogra-
La scala grafica è la rappresentazione del rapporto della fia, negli atlanti, nelle cartine scolasti-
scala numerica e consiste in un segmento diviso in par- che (4). In questa categoria rientrano
trano
ti uguali di colore bianco e nero che corrispondono a di- anche il planisfero, che rappre- pre-
stanze chilometriche sul territorio. senta l’intera superficie terrestree
usando una scala molto picco-
scala 1 : 100 000 scala 1 : 1 000 000 scala 1 : 10 000 000
0 1 2 0 10 20 0 100 200 la (5), e il mappamondo, un
km km km

1 cm = 1 km 1 cm = 10 km 1 cm = 100 km
globo disegnato che garanti-
sce una riproduzione più fe-
In base alla scala adottata le carte prendono nomi diffe- dele e meno deformata della
renti: osserviamo le carte in queste pagine per individua- Terra (6).
re i differenti usi delle scale di riduzione.
Es. 3 pag. 37
Pianta o mappa: è una carta a grandissima scala, che
arriva fino a 1: 10 000. Permette di vedere i nomi delle
vie, delle piazze, la collocazione dei monumenti oppure Glossario
le proprietà e i confini terrieri; per questo motivo è spesso Topografia: deriva dal greco tòpos
«luogo» e graphìa «scrittura». È la
inserita all’interno delle guide per turisti (pianta) o utiliz- scienza che disegna il territorio.
zata negli uffici del catasto (mappa) (1).
16
Carte e orientamento Unità 1

2 Carta topografica di La Spezia.

3 Carta corografica di parte della provincia di Ancona. 4 Carta geografica dell’Italia.


ia.

6 Mappamondo.

Lavoraa sul testo


Definisci che cosa si intende con pianta/mappa e con
carta topografica, corografica, geografica indicando per
5 Planisfero.
ciascuna il tipo di scala adottato e gli usi più frequenti.

17
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia

I simboli e i colori AUSTRIA UNGHERIA


SVIZZERA
delle carte
Poiché risulta impossibile rappresen- TRENTO SLOVENIA
AOSTA
tare sulle carte gli elementi del ter- TRIESTE
ritorio così come si presentano nel- MILANO VENEZIA
Golfo di
CROAZIA
TORINO
la realtà, è necessario utilizzare dei Ve n e z i a

simboli, ossia segni e disegni che, BOSNIA-


ERZEGOVINA
secondo il tipo di carta, si riprodu- GENOVA
BOLOGNA M
A
cono sempre uguali per indicare un FRANCIA Golfo
di Genova

R
FIRENZE
determinato elemento geografico. MAR LIGURE ANCONA

A
Ogni carta è munita di una legenda,

D
PERUGIA R
I
cioè dell’elenco dei simboli adopera- A
T
ti con accanto la spiegazione del lo- I
C
Isole O
ro significato (1). CORSICA L’AQUILA
Tremiti
(Francia)
Le carte spesso sono anche colorate: ROMA
CAMPOBASSO Golfo di
i colori utilizzati assumono un signi- Manfredonia

M
Bocche di Bonifacio BARI
ficato simbolico, in particolare nel- Golfo

A
dell'Asinara NAPOLI

R
la rappresentazione delle montagne ol
i
POTENZA
ap
SARDEGNA

iN
(marrone), delle colline (giallo), del- od

T
Golf Golfo di
MAR DI

G. di Salerno Golfo di

I R
le pianure (verde) e nell’indicazione G. di
Ortisei Taranto

R
Golfo
Oristano E
di mari, fiumi e laghi (azzurro) o di N di
Policastro
O
ghiacciai e zone polari (bianco).

O
CAGLIARI
CATANZARO

NI
G. di
G. di S. Eu
Cagliari fem
ia Golfo di

Ca

IO
ste
Squillace
Le curve di livello
G. mare
llam
M A
di

R
autostrada R PALERMO
M
A
Oltre ai colori, per riprodurre su M
superstrada E
carta i rilievi e le profondità mari- D
strada di grande I
Golfo di
ne, precisandone anche la forma, si comunicazione T
Catania

E
ricorre alle curve di livello. Per ca- ferrovia R
R
pire questo sistema di rappresenta- rotta marittima A
N
E
zione immaginiamo che una serie di O
piani paralleli, equidistanti tra loro, 1 Carta stradale d’Italia con legenda.
sezioni una montagna, tagliandola
«a fette orizzontali». Su ogni piano orizzontale avremo
disegnata una linea chiusa che unisce tutti i punti della Lavora sul testo
montagna che si trovano alla stessa altezza: tale linea è In alcune carte potresti trovare nella legenda questi
chiamata isoìpsa, termine che deriva dal greco e signifi- simboli. Prova a spiegarne il significato.
ca appunto «medesima altezza». Le isoipse trovate ver- .....................................................................................................
ranno poi riportate su un unico piano, così da formare
tante linee chiuse, una all’interno dell’altra, quanti sono .....................................................................................................
stati i piani che hanno tagliato la montagna. Il disegno ci
permetterà di visualizzare quindi l’altezza e la forma del- .....................................................................................................
la montagna (2).
Lo stesso procedimento può essere utilizzato per rappre- .....................................................................................................
sentare le profondità marine. Ogni piano parallelo indivi-
duerà, in questo caso, una linea chiusa formata da punti .....................................................................................................
del fondale che si trovano alla stessa profondità: tale linea
è chiamata isòbata, termine che deriva dal greco e signi- .....................................................................................................
fica «medesima profondità» (3).

18
Carte e orientamento Unità 1

Il Lago di Como ha una profondità media di 154 m e massima di 410 m.

2 300
2 Isoìpse. Nei disegni si possono vedere
1800 2 000 le isoìpse, che uniscono i luoghi
1600
posti alla medesima altitudine,
1500
1 200 e le isòbate, che uniscono i luo-
1000 ghi posti alla stessa profondità.
Il termine batimetria indica le
200 profondità marine e lacustri.
500

2 300
00 1200 1800 200
0 1 600
2 000 altimetria
1 500 4 000 m
1 000 3 000 m
500 2 000 m
1000 m
0
500 m
200 m
0 0
-200 m
3 Isòbate. 0
depressioni -500 m
-500 -1000 m
-1
1 000 -2 000 m
-3 000 m
-1
1 500
-4 000 m
-2 000
batimetria
-2 300
00 -1200 -1800 - 0
-200 -1 600
60

-500
-200
-1 000
-1200
-1 500
-1600
-2 000
-1800
-2 300

19
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia

Fotografie aeree
e immagini satellitari
Nei secoli passati per realizzare le carte era necessario in-
traprendere lunghi viaggi di esplorazione, annotando la
posizione e la conformazione degli elementi del territorio
attraversato. Spesso, però, la mancanza di esperienza, di
conoscenze e tecniche specifiche provocava degli errori
nella rappresentazione.
Recentemente un grande aiuto nella costruzione delle car-
te, topografiche e geografiche, è venuto dalle fotografie
aeree e dalle immagini satellitari. Le fotografie aeree so-
no immagini riprese a scatto continuo durante voli a bas-
sa quota: si ottiene in questo modo una strisciata, cioè una
sequenza continua di immagini del terreno sorvolato. Le
immagini satellitari, invece, sono scatti digitali effettua-
ti a notevole altezza (oltre 900 km) da satelliti artificiali,
dotati di apparecchiature che captano e memorizzano le
radiazioni emesse direttamente o riflesse dalla superficie
terrestre. Le radiazioni sono poi elaborate e trasformate in
immagini che mettono in evidenza, con colori reali o con-
venzionali, numerosi elementi del territorio come monta-
gne, boschi, corsi d’acqua, aree coltivate, centri abitati.
Nella foto dell’area urbana di Roma, scattata dal satellite,
1 Immagine satellitare di Roma.
è possibile individuare chiaramente il percorso del fiume
Tevere, attorno al quale si estende la città (1). Si distinguo-
Es. 4 pag. 38
no bene alcuni importanti parchi urbani (Villa Doria Pam-
phili a sinistra e Villa Borghese in alto) e il centro storico
della capitale. In particolare, al centro spicca l’isola Tibe- Lavora sul testo
rina, mentre a destra è possibile scorgere l’ovale del Colos- 1. Quali sistemi hanno portato a un grande sviluppo
seo e poco sopra la zona della stazione Termini. della cartografia?
Nell’ingrandimento dell’area riquadrata possiamo osser- .......................................................................................................................
vare ulteriori dettagli, come l’intreccio geometrico del- .......................................................................................................................
le strade e la forma peculiare di alcuni importanti luoghi .......................................................................................................................
(Piazza San Pietro e Castel Sant’Angelo) (2). .......................................................................................................................

.......................................................................................................................

Il GIS .......................................................................................................................

La cartografia sta registrando un grande progresso da .......................................................................................................................

quando, a partire dal 1979, si è cominciato a parlare di 2. A quale scopo può essere utilizzato il GIS? Spiega
GIS, sigla inglese per Geographical Information System, con parole tue l’esperienza di Prescott descritta a
in italiano SIT, Sistema Informativo Territoriale. pag. 21.
Il GIS è un sistema computerizzato in grado di memo- .......................................................................................................................

rizzare, elaborare e aggiornare periodicamente una gran- .......................................................................................................................

de quantità di informazioni geografiche riguardanti il ter- .......................................................................................................................


ritorio. Questi dati sono visualizzati sotto forma di tabelle, .......................................................................................................................
grafici e carte di alta qualità, realizzate grazie alla grafica .......................................................................................................................
computerizzata. Una fra le possibili applicazioni del GIS, .......................................................................................................................
ad esempio, è quella che permette di simulare gli effetti .......................................................................................................................
prodotti sull’ambiente dall’intervento dell’uomo (3).
20
Carte e orientamento Unità 1

2 Dettaglio ingrandito dell’immagine satellitare di Roma.

3 L’immagine rappresenta i danni am-


bientali che avrebbe provocato lo sfrutta-
mento minerario di alcune aree della fore-
sta di Prescott in Arizona (USA), intorno
alla seconda metà degli anni Novanta del
secolo scorso.
In giallo è evidenziata l’area occupata dal-
la foresta di Prescott prima dello sviluppo
degli scavi.
Attraverso il GIS è stato possibile «com-
binare» la mappa del progetto fornito
dalla compagnia mineraria con diversi ti-
pi di carte digitali della zona, e ottenere
una vista tridimensionale molto realistica
dell’area prescelta. Risultarono così mag-
giormente evidenti i drammatici cambia-
menti al paesaggio che l’attività estrattiva
avrebbe causato, se fosse stata realizzata.

21
Capitolo 2 L’orientamento

Orientarsi nello spazio La bussola


Se camminiamo in un bosco o in una zona di campagna Qualche migliaio di anni fa i Cinesi scoprirono che un
dove non siamo mai stati prima, possiamo sapere dove ci ago magnetico, messo a galleggiare sull’acqua di una va-
troviamo e dove dobbiamo dirigerci osservando i cartel- schetta, si orientava sempre nella stessa direzione, cioè
li o altri indicatori, come i segni dei sentieri in montagna. verso nord. A partire da questa osservazione essi costrui-
Se, però, non esistono indicazioni o se non riconosciamo rono la prima bussola: una scatola di legno riempita d’ac-
il nome di una località, diventa importante sapersi orien- qua con al centro l’ago magnetico galleggiante, per poter
tare, capire cioè qual è la direzione giusta verso cui dob- sapere sempre dove fosse il nord.
biamo andare e riconoscerla individuando dei punti di ri- In seguito anche gli Arabi, che avevano contatti commer-
ferimento. Questi potrebbero essere una montagna, una ciali con i Cinesi, impararono a usare la bussola e la fe-
collina, un albero isolato o l’alto campanile di una chiesa. cero conoscere in tutto il Mediterraneo. I mercanti della
In mancanza di questi riferimenti, pensiamo ad esempio Repubblica amalfitana, nel X secolo, vi introdussero un
a chi si trova nel deserto o in mezzo al mare, occorre tro- miglioramento notevole: eliminarono l’acqua e sospesero
varne di più sicuri e precisi. l’ago su un supporto meccanico.
Fin dall’antichità naviganti e carovanieri che si metteva- L’importanza della bussola è evidente: essa permette di
no in viaggio hanno utilizzato come punti di riferimento il trovare i punti cardinali anche in giornate in cui il cielo è
Sole e le stelle. In particolare gli antichi studiosi di astro- nuvoloso e diventa, quindi, impossibile far riferimento al
nomia chiamarono oriente (est) la direzione in cui sorge il Sole o alle stelle. La bussola ancora oggi è lo strumento
Sole e occidente (ovest) quella in cui tramonta. Inoltre os- più sicuro e rapido per orientarsi (4).
servarono che il Sole a mezzogiorno raggiunge il punto più
Es. 5 pag. 38
alto sull’orizzonte e lo chiamarono meridione (sud) (1).
Infine, individuarono la posizione della Stella polare, ov- 1 Se a mezzogiorno ci rivolgiamo verso il Sole, avremo davanti a noi il
vero il settentrione (nord). Queste quattro direzioni sono sud, alle spalle il nord, a sinistra l’est e a destra l’ovest.
chiamate punti cardinali (2).
Oltre ai quattro punti cardinali, ci
sono dei punti di riferimento interme-
di: nord-ovest, nord-est, sud-ovest,
sud-est. In totale, questi otto punti
corrispondono alle direzioni da cui
soffiano i principali venti, che sono
indicati nella rosa dei venti (3).
Nel disegnare le carte, i geografi
hanno stabilito una regola: il nord sta
sempre in alto. In questo modo tutte
le carte hanno lo stesso orientamento
e possono essere facilmente confron-
tate tra loro.
Quando si legge una carta, per indi-
care la posizione di un luogo o di un
elemento geografico rispetto a un al-
tro, non si dice «a destra, a sinistra,
in basso, in alto» ma «a est, a ovest,
a sud, a nord».

22
Carte e orientamento Unità 1

Orsa minore
Orsa maggiore

2 La Stella polare è l’astro più luminoso tra


Stella polare quelli che compongono la costellazione
dell’Orsa minore (o Piccolo carro), formata da
sette stelle. Per chi guarda la Stella polare,
ossia è rivolto a nord, l’est è alla sua destra,
l’ovest alla sua sinistra e il sud alle spalle.

3 La rosa dei venti.

IgVbdciVcV
C <g
Z
Va CC
Z
CC
D D

ig

XV
:

Zh

aZ
DE

;
BV


DCD

:C
:
EdcZciZ

AZkVciZ
D

:
Usa gli strumenti
D

:H:
DH
Leggi la carta e indica in quale punto cardinale si trovano i luoghi


elencati rispetto a Roma: E

X^d

I
• Mar Tirreno • Rieti • Latina • Toscana. ;

HX
I HHD
 HH:
ZX

^g
W dX
A^ H
Xd

6jhigd

4 La bussola.

23
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia

Poli, emisferi, paralleli e meridiani 1 Polo nord e Polo sud uniti dall’asse terrestre.

La Terra è una sfera leggermente schiacciata in corri- 23° 27



spondenza dei poli. I poli sono due: Polo nord e Polo sud. Polo nord
La linea immaginaria che unisce i due poli si chiama as-
se terrestre. Esso è inclinato rispetto al piano dell’orbita foto della terra inclinata
che la Terra descrive attorno al Sole (1). e asse disegnato
I paralleli sono circonferenze immaginarie parallele tra
loro e sempre più piccole via via che si avvicinano ai po-
li. Il parallelo fondamentale (parallelo 0) è la circonferen-
za più grande e viene chiamata Equatore. L’Equatore di-
vide la sfera terrestre in due metà, dette emisferi: la metà piano dell’orbita
a nord si chiama Emisfero boreale, quella a sud Emisfe-
ro australe. Ciascun emisfero è suddiviso in 90 paralleli,

re
est
quindi, in totale, se ne contano 180.

err
Altri paralleli importanti come punti di riferimento sono:

et
il Tropico del Cancro e il Circolo polare artico che si tro-

ass
vano tra l’Equatore e il Polo nord (Emisfero nord); il Tro-
pico del Capricorno e il Circolo polare antartico, che si
trovano tra l’Equatore e il Polo sud (Emisfero sud) (2).
I meridiani sono semicirconferenze immaginarie tutte Polo sud
uguali che vanno da polo a polo e suddividono la Terra in
spicchi. Il meridiano fondamentale (meridiano 0) è quello
Glossario
che passa per l’osservatorio di Greenwich, vicino Londra.
Orbita: è la traiettoria percorsa da un corpo celeste attorno a un altro,
I meridiani sono 360 in tutto, 180 in direzione ovest e 180 oppure da un satellite artificiale attorno a un corpo celeste.
in direzione est (3).

2 Paralleli. 3 Meridiani.

Polo nord Polo nord


Circolo polare
artico

Emisfero
i
lel

boreale
ral
pa
90

18
ich

0m
eri
Meridiano di Greenw

dia
Trop ni
ic o del Cancro 180 meridiani

Equatore
90
pa

Emisfero
Tro
ra

pico australe
ll e

del Capricorno
li

Circolo polare
Polo sud antartico Polo sud

24
Carte e orientamento Unità 1

Reticolato geografico, latitudine e 4 Reticolato dei meridiani e dei paralleli.

longitudine
È possibile rappresentare ogni punto della Terra all’inter-
no di una rete di linee perpendicolari formate dall’incro-
cio dei meridiani e dei paralleli: il reticolato geografico.
Polo nord
In questo modo per trovare la posizione di una qualsia-
si località basta indicare la sua distanza dall’Equatore
e dal Meridiano di Greenwich. La distanza di un punto

Meridiano di Greenwich
dall’Equatore si chiama latitudine e si misura in gradi,
con un angolo compreso da 0° a 90°. Si definisce latitu-
dine nord o sud, a seconda che la località si trovi sopra o
sotto l’Equatore. Eq
ua
to
5 Posizione geografica di Roma. re

rd
sud no
10

ovest est

Greenwich 50 Polo sud

La distanza di un punto dal Meridiano di Greenwich si


chiama longitudine e si esprime anch’essa in gradi, con
un angolo compreso tra 0° e 180°. Si definisce longitudine
Longitu
est o ovest, a seconda che la località si trovi a destra (est) o
dine
Roma 41° 53' nord a sinistra (ovest) rispetto al meridiano fondamentale (4).
12° 30' est 40 La latitudine e la longitudine sono le coordinate geo-
grafiche di un punto sulla superficie terrestre. Per esem-
Latitudine

pio le coordinate geografiche di Roma sono 41° 53’ nord


0 10 20 30 e 12° 30’ est (5).
Es. 6-7 pag. 39

Usa gli strumenti


Individua le coordinate geografiche di Parigi scegliento tra le seguenti:
48° 50’ sud 2° 20’ ovest 48° 50’ nord 2° 20’ est 48° 50’ sud 2° 20’ est

10

50
Greenwich
Longitu
dine
Parigi
Latitudine

40

0 10 20 30
L’osservatorio di Greenwich.

25
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia

I fusi orari
Dal momento che la Terra è sferica e ruota attorno al pro-
prio asse da ovest verso est, l’influenza dei raggi del Sole
incide diversamente nell’arco della giornata in diverse par-
ti del mondo (1). Ciò significa che in ogni località è mez-
zogiorno in un momento diverso rispetto ai luoghi che si
trovano più a est o più a ovest. Quindi diciamo che l’ora lo-
cale varia da luogo a luogo e ha come riferimento il preciso
istante in cui il meridiano che attraversa tale località passa
davanti al Sole. Bari, ad esempio, ha un’ora locale diversa
da Aosta perché il meridiano di Bari passa qualche minuto
prima davanti al Sole rispetto a quello di Aosta. Poiché sa-
rebbe molto scomodo avere all’interno della stessa nazione
orari diversi da città a città, nel 1893 si decise di adottare
una convenzione che stabiliva un sistema orario interna-
zionale. Si trattava del sistema dei fusi orari.
La Terra fu divisa in 24 porzioni di territorio compre-
se fra due meridiani distanti tra loro 15° di longitudine
(360° : 24 = 15°). Ogni spicchio di territorio così ottenu-
to comprende al suo interno 15 meridiani, ed è detto fu-
so. All’interno di ogni fuso l’ora è la stessa e la differenza
di orario tra un fuso e l’altro corrisponde a 1/24 di giorno, 1 Il Sole illumina parti diverse della Terra nel corso della giornata.
cioè a un’ora esatta. Il fuso orario è la differenza di tem-
po che intercorre tra due diversi fusi della Terra.
Per convenzione, il primo fuso è quello centrato sul meri-
diano fondamentale di Greenwich e si estende in longitu-
dine per 7° 50’ a est e per altri 7° 50’ a ovest di Greenwich Linea internazionale
del cambio di data
(7° 50’ + 7° 50’ = 15°).
Muovendosi verso est, da un fuso all’altro, occorre spo-
stare l’orologio aggiungendo un’ora; procedendo invece
verso ovest si torna indietro di un’ora (2). Il meridiano
che sta dalla parte opposta della Terra rispetto al Meri-
diano di Greenwich è la linea internazionale del cambio
di data. Attraversando questa linea immaginaria, in dire-
zione est, si torna indietro di un giorno; al contrario, an- Meridiano di
Greenwich
dando verso ovest si va avanti di un giorno.

Usa gli strumenti


Aiutandoti con la carta dei fusi orari prova a rispondere.
• In Italia sono le ore 14:00, che ore saranno in ...
-1 ora +1 ora
Russia Romania

Irlanda Cina
30°
30°
15° 15°

2 Il Meridiano di Greenwich è il punto di riferimento per i fusi orari.

26
Carte e orientamento Unità 1

±12 h -11 h -10 h -9 h -8 h -7 h -6 h -5 h -4 h -3 h -2 h -1 h 0h +1 h +2 h +3 h +4 h +5 h +6 h +7 h +8 h +9 h +10 h +11 h ±12 h -11 h

linea internazionale di cambio di data


linea internazionale di cambio di data

Meridiano di Greenwich

Paesi che hanno


l’ora ufficiale con
frazioni di ora

24 h 1h 2h 3h 4h 5h 6h 7h 8h 9h 10 h 11 h 12 h 13 h 14 h 15 h 16 h 17 h 18 h 19 h 20 h 21 h 22 h 23 h 24 h 1h

3 Carta dei fusi orari.


UTC UTC +1 UTC +2 UTC +3
Spesso i fusi orari non seguono esat-
tamente le linee dei meridiani: que-
Islanda
sto accade perché si è scelto di adat-
tare l’andamento dei fusi alla forma e
ai confini degli Stati, in modo da evi- Finlandia
tare per quanto possibile di avere un Norvegia
cambiamento di orario all’interno di Svezia
Estonia
uno stesso Stato. Alcuni Paesi, come Russia
Lettonia
la Russia, gli Stati Uniti e altri anco- Irlanda Danimarca
Lituania
ra, sono talmente grandi da estender- Regno
Unito Paesi
Russia
Bassi Bielorussia
si per più fusi orari (3). Polonia
Belgio Germania
Ci sono poi delle zone orarie che Lussemburgo Rep. Ceca Ucraina
raggruppano quei Paesi che, pur tro- Slovacchia
Svizzera Austria Moldova
vandosi geograficamente su fusi di- Francia Slovenia
Ungheria
Croazia Romania
versi, adottano lo stesso fuso orario Portogallo Bosnia-
Erzegovina Serbia
Italia
e hanno quindi la stessa ora. L’Euro- Spagna
Montenegro Kosovo
Bulgaria
Macedonia
pa, ad esempio, è suddivisa in 4 zo- Albania Turchia
ne orarie (4). Grecia

Es. 8-9 pag. 39 Malta Cipro

4 Carta delle zone orarie d'Europa. UTC significa Universal Time Coordinated, cioè Tempo Coor-
dinato Universale.

27
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia
Nel corso del tempo

Orientarsi in mare
Da quando i marinai, nel XV seco-
lo, iniziarono ad attraversare gli oce-
ani non poterono più orientarsi os-
servando i riferimenti lungo la costa,
per determinare la propria posizione.
Il problema non si poneva riguardo
alla latitudine, perché già gli antichi
Greci avevano costruito l’astrolabio,
uno strumento con cui i marinai mi-
suravano l’altezza del Sole sull’oriz-
zonte e calcolavano la propria posi-
zione sull’asse nord/sud. Invece era
praticamente impossibile determi-
nare la longitudine, cioè la posizio-
ne sull’asse est/ovest di una nave in
mare aperto.
I capitani del XVI e XVII secolo si
arrischiavano a calcolare la posizio-
ne alla cieca, determinando appros-
simativamente la distanza a orien-
te e a occidente rispetto al porto di
partenza. Essi buttavano in mare un
tronco di legno e osservavano la velo-
cità con cui si allontanava dalla pro- Un antico portolano, ossia un manuale per la navigazione marittima.

Un astrolabio. pria nave,


n annotandola nel giornale la longitudine. In teoria gli scienzia-
di bordo
bord insieme ai dati della bussola ti del tempo sapevano che la longitu-
e alla latitudine
l e poi si affidavano al- dine poteva essere calcolata: cono-
la propria
prop esperienza e fortuna. scendo l’ora sulla nave (indicata dalla
La precisione
pre di questo metodo era posizione del Sole) e l’ora di un luogo
inesistente:
inesist così capitava spesso di di riferimento (ad esempio il porto di
portare
portar la nave a naufragare su scogli partenza), si sapeva che ogni ora di
di cui si ignorava l’esistenza; oppu- scarto corrispondeva a 15° di longi-
re si allungavano le traversate oce- tudine. Questo significava che, se a
aniche
an di settimane o addirittura Londra erano le 12 e nello stesso mo-
di
d mesi oltre il previsto. Di con- mento sulla nave le 11, essa si trovava
seguenza, le scorte di cibo e di 15° a est di quella città. Nessuno pe-
acqua si esaurivano, condan- rò aveva ancora scoperto come poter
nando l’equipaggio allo scor- conoscere sulla nave l’ora di un luo-
buto, una grave malattia do- go lontano.
vuta alla carenza di vitamine Nel 1714 il Parlamento inglese varò il
nell’alimentazione. Longitude Act, una legge con cui of-
Migliaia di marinai morirono friva 20 000 sterline (una cifra corri-
e preziosi carichi furono perdu- spondente a circa 100 milioni di eu-
ti pper l’incapacità di determinare ro attuali) a chi fosse stato in grado di

28
Carte e orientamento Unità 1

Nel corso del tempo


trovare un metodo preciso di calco- Il cronometro H4 appare come un grande
orologio da taschino con una cassa argentata;
lo della longitudine in mare. Stimo- misura 12 cm di diametro e pesa 1 kg e 300 g.
lati dalla posta in palio, i più brillanti Oggi è conservato al National Maritime
time
scienziati avanzarono le loro propo- Museum di Londra.
ste: le più scientifiche si basavano su
complessi calcoli astronomici fon- L’orologio di Harrison dimo- o-
dati sulla distanza della Luna; le più strò la sua efficacia nel 1762,
strane consigliavano di creare una re- quando il comandante del
te di navi ancorate a distanze fisse in Depford lo sperimentò
mezzo all’oceano. Altri suggerivano nella traversata da Ports-
di portare sulla nave un orologio che mouth (Inghilterra me-
segnasse l’ora di riferimento (di Lon- ridionale) a Port Royal

p
dra per gli inglesi): tuttavia gli orologi (Giamaica): in tre mesi
dell’epoca erano imprecisi e un errore il cronometro era rima-
di pochi minuti poteva far sbagliare i sto indietro solamente di
calcoli di decine di miglia. Questa fu quattro secondi, permet-
però la strada corretta per la soluzio- tendo il calcolo preciso della lla
ne del problema. Dopo che molti ar- longitudine.
tigiani sperimentarono orologi tenuti Nel corso del XVIII e del XIX se-
sottovuoto in campane di vetro, per- colo l’uso del cronometro per deter-
ché fossero al riparo dagli sbalzi di minare la longitudine si diffuse, ma cisi, fino a che venne introdotto il si-
pressione, o montati su piattaforme i naviganti dei differenti Paesi usa- stema satellitare (GPS), con cui è
mobili per compensare il movimen- vano riferimenti diversi: gli inglesi possibile stabilire con precisione la
to della nave, nel 1754 John Harrison, consideravano il meridiano che pas- posizione della nave in ogni momen-
un orologiaio autodidatta, costruì un sava da Greenwich, i francesi quel- to. Il GPS, ossia Sistema di Posizio-
cronometro preciso, di piccole di- lo di Parigi, gli spagnoli il meridiano namento Globale (dall’inglese Glo-
mensioni e di semplice uso. di Ferro, che attraversava le Canarie. bal Positioning System), si basa sulle
Solo nel 1884 i delegati di 25 Paesi di informazioni ricevute dai satelliti
tutto il mondo, riunitisi a Washing- artificiali in orbita attorno alla Ter-
ton, stabilirono che il meridiano di ra. Un apparecchio ricevente capta
Greenwich fosse considerato il me- un segnale radio da più di un satel-
ridiano corrispondente a 0° di longi- lite (di solito tre) e, in base al tempo
tudine. Tale riferimento è valido an- che il segnale impiega per raggiunge-
cora oggi. re l’apparecchio, riesce a calcolare la
I marinai hanno calcolato la longitu- distanza dal satellite e quindi l’esatta
dine usando orologi sempre più pre- posizione nella quale ci si trova.
Ritratto di John Harrison che mostra il proprio cronometro, chiamato the watch o H4, perché il
prototipo rappresentava il quarto modello costruito da Harrison. I primi tre, pur raggiungendo un
livello eccezionale di precisione per l’epoca, non soddisfecero l’inventore.

Lavora sul testo


Completa la tabella con le informazioni ricavate dal testo relative ai metodi
usati dai marinai per calcolare la longitudine.
Secoli XVI - XVII
Secoli XVIII - XIX
Secoli XX - XXI

29
Le mappe nel tempo:
La boratorio il disegno di un paese
Villanterio è un paese in provincia di Pavia, nella Pianura Padana. L’abitato, di origini romane (l’antico nome Villa
Lanterii deriva da un’azienda agricola, villa in latino, di proprietà di un certo Lanterius), sorge sulle rive del fiume
Lambro. Attraverso il laboratorio imparerai a individuare i principali elementi topografici di una località.

Leggere i dati
Mappa 1
La più antica mappa di Villanterio risale al XVIII secolo, quando l’imperatrice Maria Teresa d’Austria
ordinò che tutto il territorio lombardo fosse disegnato nelle mappe catastali. La mappa del catasto
teresiano mostra Villanterio sviluppata sulle due rive del Lambro. Si possono già distinguere i due
rioni: Commenda sulla destra e Borghetto sulla sinistra.

30
Carte e orientamento Unità 1

Laboratorio
Mappa 2
L’insediamento si è allargato notevol-
mente nel XX secolo: i rioni esisten-
ti si sono sviluppati attorno agli edifici
più antichi. La mappa evidenzia in nero
le case del XV secolo ancora esistenti:
si nota come le nuove costruzioni sia-
no state edificate vicino a quelle anti-
che sulla riva sinistra del Lambro (ri-
one Borghetto), mentre a Commenda
le case sono tutte più recenti, risalenti
per lo più al XIX e al XX secolo.

Mappa 3
Oggi la situazione dell’abitato di Vil-
lanterio è registrata nelle mappe ca-
tastali o nelle carte dell’Istituto Geo-
grafico Militare, che riproducono tut-
to il territorio italiano in mappe in
scala 1: 25 000.

31
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia

Foto 1
La foto aerea di Villanterio è stata scattata da un aeroplano in volo a bassa quota: l’immagine mostra
il paese, il fiume Lambro e gli altri elementi del territorio.

32
Carte e orientamento Unità 1

Laboratorio
Elaborare e interpretare i dati
Le mappe evidenziano in modo simbolico gli elementi del paese e della campagna e risultano
molto più leggibili rispetto alle foto aeree, documento da cui i cartografi partono per disegnare
le mappe stesse.

Lavora, adesso, sugli strumenti che rappresentano Villanterio e individua sulla foto:
• il corso del fiume Lambro con una linea blu;
• il ponte sul fiume Lambro con un cerchio rosso;
• l’isola sul fiume Lambro con un cerchio marrone;
• il rione Commenda con un cerchio verde;
• il rione Borghetto con un cerchio giallo;
• alcuni campi coltivati con un rettangolo arancione;
• alcune aree industriali con un rettangolo viola.

La b + Trasferire e verificare i dati


I ragazzi della scuola di Villanterio non avranno faticato troppo a individuare tutti gli elementi del
loro paese: conoscendo gli edifici, le strade e la loro posizione, si saranno orientati facilmente.
Prova anche tu a svolgere l’esercizio leggendo mappe e foto di una località che conosci: potrai così
verificare le tue competenze riguardo al luogo in cui vivi.
Per trovare le foto aeree puoi cercare su internet, consultando i siti http://maps.google.it/ oppure
http://www.visual.paginegialle.it/; invece per la mappa puoi usare un atlante stradale o cercare in
biblioteca la carta IGM del tuo territorio.
Riprendi le indicazioni di lavoro ed esamina mappe e carte del tuo paese o della tua città per ritro-
varne gli elementi caratteristici: quartieri, edifici pubblici, monumenti, fiumi, promontori, stazioni,
autostrade ecc.
Libera la tua fantasia e cerca quanti più elementi riesci a identificare.
Potrai lavorare da solo o in gruppo, insieme ai compagni che abitano nella tua stessa zona.

Ricostruire e sintetizzare le conoscenze


A conclusione del laboratorio sintetizza il lavoro svolto sul luogo in cui vivi realizzando una pic-
cola guida o un opuscolo turistico. Scegli i monumenti, gli edifici, i parchi, i musei che ritieni più
interessanti e indica nella mappa i percorsi per raggiungerli. Il lavoro può essere completato da
fotografie o disegni.

33
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia
Sintesi

Le carte geografiche
La carta geografica è una rappresentazione ridotta e simbolica del territorio.

La scala di riduzione I simboli e i colori


Può essere: Nelle carte la realtà è rappresentata attraverso:
• numerica: 1: 25 000 (uno a venticinquemila, • simboli, ossia segni e disegni sempre uguali che
1 cm = 25 000 cm) indicano determinati elementi geografici;
scala 1 : 100 000 • colori simbolici (marrone = montagne; giallo = col-
0 1 2 line; verde = pianure ecc.).
• grafica: km

1 cm = 1 km
La legenda serve per spiegare il significato dei sim-
Scala grande carta molto dettagliata:
boli e dei colori.
• pianta o mappa (1: 10 000): segnala vie, piazze,
monumenti ecc.;
• carta topografica (1: 50 000): segnala anche sen-
tieri e strade sterrate.
Le curve di livello
• isoìpsa: linea chiusa che unisce tutti i punti di un
Scala piccola carta poco dettagliata: rilievo che si trovano a una stessa altezza;
• carta corografica (fino a 1: 200 000): rappresenta • isòbata: linea chiusa che unisce tutti i punti che si
un’intera Regione o Provincia; trovano alla stessa profondità.
• carta geografica (fino a 1: 50 000 000): rappresenta 2 300

1800
0
-500
1600

un intero Stato o continente, o addirittura tutta la


-1
1 000
-1
1 500
1 200
-2 000
-2 300
00 -1200 -1800 - 0
-200 -1 600
60

Terra (planisfero o mappamondo). 200

Laboratorio Le mappe nel tempo 2 300


00 1200 1800 200
0 1 600
-200

2 000
-1200
1 500
1 000
500
-1600
0 -1800
-2 300

altimetria
4 000 m

Tipi di carta geografica 3 000 m


2 000 m
1000 m
500 m
200 m
0 0
• fisica: mostra elementi fisici del territorio; depressioni
-200 m
-500 m
-1000 m

• politica: mostra il territorio negli aspetti politici e -2 000 m


-3 000 m
-4 000 m

amministrativi; batimetria

• fisico-politica: mostra aspetti sia fisici che politici


del territorio;
• tematica: dà informazioni solo su un tema o argo-
mento specifico.

Nuove tecnologie
• fotografie aeree: immagini riprese a scatto conti-
nuo, durante un volo aereo a bassa quota;
• immagini satellitari: immagini digitali effettuate dai
satelliti artificiali che ruotano intorno alla Terra a
grandi altezze (oltre 900 km di distanza);
• GIS (Geographical Information System): sistema
che tramite computer memorizza ed elabora co-
stantemente informazioni geografiche riguardanti
il territorio e le trasforma in tabelle, grafici e carte
di alta qualità.

34
Carte e orientamento Unità 1

L’orientamento

Sintesi
L’orientamento è la capacità di conoscere la propria posizione nello spazio.

Lo spazio reale
Per orientarci guardiamo:
• il Sole i punti cardinali:
• le stelle est (oriente – la posizione del sorgere del Sole);
ovest (occidente – la posizione del tramonto del Sole);
sud (meridione – il punto più alto raggiunto dal Sole nell’ora del Mezzogiorno);
nord (settentrione – la posizione della Stella Polare).
La bussola permette di orientarsi anche in condizioni di brutto tempo quando non si può osservare le stelle.
Nel corso del tempo Orientarsi in mare

Lo spazio rappresentato
• il nord sta sempre in alto;
• il sud sta sempre in basso;
• l’est sta sempre a destra;
• l’ovest sta sempre a sinistra. Polo nord

Reticolato geografico: rete di righe perpendicolari fra loro.

Meridiano di Greenwich
• Polo nord (in alto)
• Polo sud (in basso)

• paralleli: circonferenze immaginarie parallele,


tagliano orizzontalmente la Terra, Eq
ua
to
re
rd

Equatore: parallelo fondamentale, divide la Terra in due metà:


sud no

Emisfero boreale (a nord), Emisfero australe (a sud).


ovest est
• meridiani: semicirconferenze immaginarie,
tagliano a spicchi verticali la Terra,
Polo sud
Greenwich: meridiano fondamentale.

Coordinate geografiche: localizzano precisamente un luogo sulla superficie terrestre:


• latitudine (nord/sud): distanza di un punto dall’Equatore, si misura in gradi (da 0° a 90°);
• longitudine (est/ovest): distanza di un punto dal meridiano di Greenwich, si misura in gradi (da 0° a 180°).

I fusi orari
La Terra è stata divisa in 24 spicchi verticali (costituiti da 15 meridiani), i fusi. In ogni fuso si osserva la stessa
ora. Il fuso orario è la differenza di tempo fra un fuso e un altro.
Le zone orarie raggruppano Paesi che, pur trovandosi in fusi diversi, hanno la stessa ora.

35
Verifica Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia

1 Leggi e interpreta la carta tematica relativa all’industria in Italia facendo particolare attenzione ai simboli
indicati nella legenda, quindi rispondi ai quesiti posti di seguito.

meccanica
chimica, farmaceutica
Trento siderurgica, metallurgica
Trieste alimentare
Aosta automobilistica
tessile, calzaturiera
meccanica
Milano Venezia
chimica, farmaceutica
siderurgica, metallurgica
Torino
Bologna alimentare
automobilistica
Genova tessile, calzaturiera

Firenze Ancona

Perugia

L'Aquila

Roma Campobasso
Bari

Napoli Potenza

Cagliari
Catanzaro

Palermo

1. In quali Regioni vi è la maggior concentrazione di industrie meccaniche? .........................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................

2. In quali zone d’Italia si concentrano le industrie alimentari? ......................................................................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................

3. In quale zona d’Italia si concentrano le industrie tessili e calzaturiere? ...............................................................................................


...............................................................................................................................................................................................................................................................

4. In quali Regioni sono maggiormente distribuite le industrie chimiche? ...............................................................................................


...............................................................................................................................................................................................................................................................

5. Quali Regioni, invece, non hanno la presenza di impianti industriali importanti? ..........................................................................

...............................................................................................................................................................................................................................................................

36
Carte e orientamento Unità 1

Verifica
2 Indica con una crocetta se le seguenti affermazioni sono vere (V) o false (F).
1. La carta geografica è la rappresentazione ridotta e simbolica di un territorio. V F
2. La carta fisica rappresenta città e paesi. V F
3. La carta politica mostra Regioni, Province e Comuni. V F
4. La carta fisico-politica rappresenta sia gli aspetti fisici sia quelli politici di un determinato territorio. V F
5. Le carte tematiche sono particolari carte fisiche. V F
6. Le carte stradali, turistiche e climatiche sono carte tematiche. V F

3 Indica per ogni carta il tipo e la scala di riduzione corretta.


Nomi: planisfero - carta topografica - mappa - carta corografica
Scala: fino a 1:10 000 - fino a 1:50 000 - fino a 1:200 000 - oltre 1:50 000 000

a b

Tipo ................................................................................................................. Tipo ..................................................................................................................


Scala .............................................................................................................. Scala ...............................................................................................................

c d

Tipo ................................................................................................................. Tipo ..................................................................................................................


Scala .............................................................................................................. Scala ...............................................................................................................

37
Verifica Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia

4 Di seguito ti vengono fornite sei diverse immagini. Per ciascuna immagine indica se si tratta di una fotogra-
fia aerea o di un’immagine satellitare, quindi fai una breve descrizione di ciò che riesci a vedere.
a b c

................................................................................ ................................................................................ ................................................................................

................................................................................ ................................................................................ ................................................................................

................................................................................ ................................................................................ ................................................................................

................................................................................ ................................................................................ ................................................................................

................................................................................ ................................................................................ ................................................................................

................................................................................ ................................................................................ ................................................................................

d e f

................................................................................ ................................................................................ ................................................................................

................................................................................ ................................................................................ ................................................................................

................................................................................ ................................................................................ ................................................................................

................................................................................ ................................................................................ ................................................................................

................................................................................ ................................................................................ ................................................................................

................................................................................ ................................................................................ ................................................................................

5 Disegna una mappa personale del tragitto che compi per raggiungere la scuola dalla tua casa. Quindi segna
dove si trovano il nord geografico, il sud, l’est, l’ovest, senza dimenticare di evidenziare opportunamente gli
edifici più importanti che vedi lungo il percorso (incluse la tua scuola e la tua casa).

38
Carte e orientamento Unità 1

Verifica
6 Collega a ogni termine la definizione corretta.

1. Punti cardinali a. Parallelo fondamentale che divide la Terra in due emisferi.


b. Distanza, misurata in gradi, di un punto dall’Equatore.
2. Equatore
c. Linee immaginarie che formano il reticolato geografico e che consentono con il
3. Longitudine calcolo di longitudine e latitudine di determinare la posizione di un luogo sulla su-
perficie terrestre.
4. Paralleli e meridiani
d. Distanza, misurata in gradi, di un punto dal meridiano di Greenwich.
5. Latitudine e. Nord, sud, ovest, est: punti di riferimento che permettono l’orientamento.

7 Osserva la carta e indica le coordinate (latitudine e longitudine) delle città europee elencate. Non è neces-
sario essere precisi, ma sarà sufficiente specificare il parallelo e il meridiano più vicino.
20 15 10 5 0 5 10 15 20 25 30 35 40
60
Helsinki
Città Latitudine Longitudine
1. Londra ............... nord ............... ovest
Stoccolma
Mosca 2. Lisbona ............... nord ............... ovest
55
3. Madrid ............... nord ............... ovest
4. Parigi ............... nord ............... est
Varsavia
Londra
50 5. Roma ............... nord ............... est
6. Stoccolma ............... nord ............... est
Parigi
7. Varsavia ............... nord ............... est
Vienna
45 8. Vienna ............... nord ............... est
Bucarest
9. Helsinki ............... nord ............... est
10. Mosca ............... nord ............... est
Lisbona Madrid Istanbul
Roma
40 11. Bucarest ............... nord ............... est
12. Istanbul ............... nord ............... est

35
5 0 5 10 15 20 25 30

8 Rispondi ai quesiti inserendo una crocetta accanto alla risposta esatta.


1. In quanti paralleli è stata divisa la sfera terrestre? 90 180 360
2. In quanti meridiani è stata divisa la sfera terrestre? 90 180 360
3. In quanti emisferi è divisa la sfera terrestre? 2 4 8
4. In quanti fusi orari è stata divisa la Terra? 18 15 24
5. Un fuso orario da quanti meridiani è costituito? 24 15 12

9 Osserva la carta delle zone orarie d'Europa a pag. 27 e completa.


1. Se in Portogallo sono le 9:00, che ore sono in Romania? ................................................................................................................................
2. Se in Italia sono le 17:00, che ore sono in Islanda? ..............................................................................................................................................
3. Se in Germania sono le 14:00, che ore sono nel Regno Unito?.....................................................................................................................
4. Se in Francia sono le 19:00, che ore sono in Russia? .........................................................................................................................................
5. Se in Russia sono le 23:00 (ora di Mosca), che ore sono in Spagna? ........................................................................................................

39
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia
1

Unità 2 In questa pittura


tombale egizia
è raffigurata la
pesatura delle merci.
Gli Egizi, civiltà

Statistica vissuta sulle rive del


fiume Nilo a partire
dal IV millennio a.C.,
utilizzavano i numeri

e grafici in varie occasioni: per


calcolare gli operai
necessari nelle
loro grandi opere
architettoniche, per il
taglio delle pietre da
lavorare ecc.

Un piccolo abaco romano


risalente all’epoca
tardo imperiale (IV-VI
secolo a.C.). I Romani
usavano i numeri per
gestire i propri affari, ma
anche per raccogliere
informazioni sulla
popolazione dell’impero.

In primo piano
Conoscersi e organizzarsi è sempre 3
stata un’esigenza dell’uomo da
quando vive in gruppi numerosi.
Perciò, fin dall’antichità, gli uomini
hanno inventato degli strumenti
per contare, in modo da distribuire
il cibo, arruolare gli eserciti, far
pagare i tributi ecc.
Questi strumenti si sono, nel corso
del tempo, perfezionati sempre più,
Gottfried Leibniz, il più importante filosofo e
fino a diventare oggi molto precisi e matematico tedesco del XVII secolo, costruì nel 1673
sofisticati. una calcolatrice in grado di eseguire rapidamente
alcune semplici operazioni aritmetiche.

40
Statistica e grafici Unità 2
4 5

La calcolatrice commerciale iniziò a circolare L’ENIAC (Electronic Numerical Integrator And Computer)
intorno alla metà del XX secolo. Questo strumento è il primo calcolatore elettronico della storia. Fu
era utilizzato soprattutto nella gestione finanziaria costruito e usato negli Stati Uniti nel 1946. Pesava 30
di aziende e uffici. megagrammi e occupava una stanza di 180 m2.

7
6

I PC (Personal Computer) di oggi dispongono di


Le calcolatrici tascabili, in particolare le calcolatrici specifici programmi chiamati «fogli di calcolo
scientifiche, sono piccoli strumenti di larga diffusione elettronico», in grado di effettuare calcoli, elaborare
che ci permettono di risolvere complessi calcoli in dati e realizzare rappresentazioni grafiche con
qualunque luogo ci troviamo, a scuola, in ufficio ecc. grande facilità e velocità.

Pensa alle occasioni in cui usi i numeri: a scuola, nello sport… Che informazioni danno? In che modo sono
organizzate?

41
Capitolo 1 La descrizione
del paesaggio umano
L’osservazione studiata: dovremmo chiederci quante persone abitano la
Il lavoro del geografo non si esaurisce nella descri- zona, come hanno costruito le loro case, quale lavoro fan-
zione del territorio naturale o nella rappresentazione no, se gli abitanti aumentano o diminuiscono, e tante altre
simbolica delle carte, perché ci sono molti altri aspet- domande per completarne la conoscenza.
ti dell’ambiente che non possono essere spiegati con Non è sufficiente limitarci a descrivere il paesaggio, per-
questi strumenti. Per procedere nello studio della geo- ché il nostro interesse è quello di capire come gli uomi-
grafia, bisogna impadronirsi di tutti gli «strumenti» ni si sono adattati all’ambiente e hanno trasformato il ter-
che consentono di conoscere e descrivere i paesaggi ritorio, ma anche come le caratteristiche naturali hanno
antropici, cioè gli ambienti modificati dall’uomo. È condizionato l’insediamento dell’uomo: insomma ana-
necessario, quindi, saper individuare le trasformazio- lizzare quale rapporto gli uomini hanno creato con l’am-
ni del paesaggio dovute all’intervento dell’uomo, con- biente in cui vivono e, quindi, parlare degli esseri umani
frontare ambienti simili cogliendo le analogie e sot- nel paesaggio.
tolineando le differenze, riconoscere e descrivere gli Un geografo potrebbe parlare del paesaggio raffigurato
ambienti umani nella loro complessità. nelle immagini con queste parole:
Per procedere con un esempio, proviamo a considerare due «Napoli e Barcellona sono due grandi città del Mediterra-
città: Napoli, che hai già studiato negli scorsi anni, e Bar- neo che nel corso dei secoli si sono sviluppate attorno al
cellona, che sorge sulle coste del Mediterraneo occidenta- proprio porto, perciò hanno grande importanza le attività
le (1). Osserviamo le foto e proviamo a capire che tipo di commerciali, favorite dalle ferrovie e dalle strade che le
studio potremmo fare partendo dalle immagini. mettono in comunicazione con l’interno.
Napoli sorge in un’area molto trasformata dall’uomo: nel- I due centri sono punto di riferimento per la popolazio-
la prima immagine è possibile osservare l’andamento ne di una vasta regione dell’entroterra, poiché Napoli
della costa napoletana, comprendente un promontorio e e Barcellona sono i capoluoghi della Campania e della
un’isola (Procida); nella seconda immagine sono ben visi- Catalogna: infatti la loro popolazione è molto numero-
bili le abitazioni che sorgono a ridosso della costa e, sullo sa, grazie anche all’immigrazione dai paesi vicini.
sfondo, il vulcano Vesuvio (2) (3).
Barcellona è una città che sorge in una
pianura costiera tra due fiumi (Besós
e Llobregat), visibili nell’immagine
scattata dal satellite. Come nel caso di
Napoli, le abitazioni sorgono a ridos-
so della costa: nella seconda immagi-
ne si può vedere una parte del porto
di Barcellona e, sullo sfondo, le colli-
ne che sorgono all’interno (4) (5).
Tuttavia queste descrizioni non esau-
riscono completamente le curiosi-
tà che potremmo avere sulla regione

Glossario
Antropico: deriva dal greco anthropikós e
significa «umanizzato».
Insediamento: forma di abitazione, luogo o
modo di occupare il territorio.
1 Carta geografica dell’Europa con evidenziate Barcellona e Napoli.

42
Statistica e grafici Unità 2

In conclusione Napoli e Barcellona 2 Vista aerea del golfo di Napoli.


sono due tipiche, laboriose e attive
città mediterranee».
Ma ci sono ancora molte domande
da porsi: quanti abitanti hanno le due
città? Quanti vi abitavano dieci, ven-
ti, cento anni fa? Quante navi giun-
gono nei loro porti? Che lavoro fan-
no i loro abitanti? Queste sono solo
alcune delle curiosità da soddisfare.

Es. 1-2 pag. 58

3 Il golfo di Napoli.

Osserva e descrivi
Osserva le immagini di Napoli e Barcellona, individua
ed elenca gli elementi naturali e antropici che riesci a
distinguere, quindi descrivi le trasformazioni che l’uo-
mo ha compiuto nei due territori.

4 Foto satellitare di Barcellona.

5 Vista sul porto di Barcellona.

43
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia

I dati statistici Indicatori economici: riguardano la ricchezza e il lavoro


Per completare la descrizione di un’area geografica e va- della popolazione; quelli più importanti sono:
lutare come è il rapporto tra natura ed esseri umani abbia- • la produzione e il consumo di energia;
mo bisogno di notizie precise, di informazioni certe che • il prodotto interno lordo o PIL (la quantità di beni pro-
possono essere verificate, confrontate e interpretate: i da- dotti in uno Stato);
ti statistici. I dati statistici sono dei valori numerici che • il prodotto interno lordo pro capite (la produzione del
trasmettono con precisione le informazioni sui fenomeni Paese divisa per il numero dei suoi abitanti);
naturali, sulla popolazione e le sue attività in un certo ter- • i settori di occupazione degli abitanti (la percentuale di
ritorio. Grazie a essi possiamo sapere quale sia la gran- occupati nell’agricoltura, nell’industria o nei servizi).
dezza dei fenomeni e con quale frequenza si presentano.
Dove è possibile trovare i dati sulla popolazione o sui fe- Indicatori sociali e demografici: descrivono caratteristi-
nomeni naturali? Molti Stati hanno creato un ufficio che che e abitudini della popolazione; tra essi ci sono:
si occupa appositamente della raccolta di dati sulla sua • il tasso di alfabetizzazione (quanti abitanti di una zona
popolazione. In Italia è l’Istat (Istituto nazionale di stati- sanno leggere e scrivere);
stica) (1), mentre, ad esempio, in Spagna è l’Ine (Instituto • le calorie giornaliere pro capite (quanto cibo consuma
nacional de estadística) (2). I risultati del lavoro degli isti- in un giorno ciascuna persona);
tuti sono disponibili nelle pubblicazioni periodiche relati- • il numero di medici per ogni abitante (che tipo di assi-
ve alle ricerche effettuate o sui loro siti internet. stenza medica ha la popolazione);
La ricerca può continuare presso gli enti locali, come le • la densità di popolazione (se vivono vicini tra loro o se
Regioni, le Province, i Comuni, che commissionano stu- hanno tanto spazio a disposizione);
di su aree limitate, oppure presso associazioni di mestie-
re, come la Camera di commercio, l’Associazione degli Glossario
industriali e i sindacati che forniscono notizie sulla pro- Demografia: deriva dal greco demòs, ovvero «popolo», e grafòs, che
significa «disegnare, tratteggiare». È la scienza che studia i fenomeni
duzione economica. che riguardano lo stato e il movimento della popolazione.
Volendo allargare lo sguardo su realtà più complesse e ar-
ticolate, per poter inserire i dati sta-
tistici di una città in un contesto ge-
nerale, può essere utile consultare gli
studi di Eurostat, l’Istituto di stati-
stica dell’Unione Europea, il quale
considera i fenomeni su scala conti-
nentale (3).

Gli indicatori
Una volta trovate le notizie sulla popo-
lazione bisogna capire quali informa-
zioni sono utili alla descrizione geo-
grafica di una regione. Per selezionare
i dati vengono usati gli indicatori, va-
lori numerici che, riferendosi a precise
categorie, permettono di farsi un’idea
efficace e significativa delle caratteri-
stiche della zona presa in esame.
Possiamo dividere gli indicatori che
si riferiscono agli esseri umani e alle
loro attività in due gruppi.
1 Home page del sito web dell’Istat.

44
Statistica e grafici Unità 2

2 Home page del sito web dell’Ine.

3 Home page del sito web


dell’Eurostat.

• il tasso di crescita (quanto cresce


o diminuisce la popolazione di una
regione);
• il tasso di mortalità e natalità (quan-
te persone muoiono e nascono).

Gli indicatori sono molto utili perché


permettono a tutti noi di conoscere
aspetti importanti della realtà in mo-
do veloce e con poche parole. Inoltre
gli indicatori permettono di mettere
a confronto fenomeni uguali in aree
differenti, o di mostrare come un fe-
nomeno si è trasformato nel tempo.

Lavora sul testo


Inserisci nella tabella la categoria di indicatori corrispondente alla definizione, poi inserisci alcuni indicatori che ap-
partengono alle due categorie.

Indicatori Riguardano il lavoro e la ricchezza ...........................................................................


........................................................................... della popolazione.
...........................................................................

...........................................................................

...........................................................................

Indicatori Forniscono informazioni sul modo di ...........................................................................


........................................................................... vivere di una popolazione.
...........................................................................
...........................................................................

...........................................................................

45
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia

1 Abitazioni isolate nella campagna marchigiana.

La popolazione di vivere, quanto sono ricchi (considerando il reddito pro


L’interpretazione dei dati statistici e degli indicatori ci capite), ma soprattutto quali servizi hanno a disposizio-
permette di descrivere le caratteristiche di una popolazio- ne: quanti pazienti ha ogni medico del territorio, quan-
ne, di sapere dove vivono gli abitanti di un territorio, se to spazio verde pubblico esiste, quale possibilità hanno
aumentano o diminuiscono, quali servizi hanno a dispo- i residenti di raggiungerlo, quale facilità hanno di spo-
sizione, che lavoro svolgono, quali abitudini hanno e così starsi con il mezzo che preferiscono (piste ciclabili, tra-
via. Ecco alcuni indicatori fondamentali: sporti pubblici ecc.) (2). Un altro fattore molto interessan-
te è il livello di istruzione degli abitanti: per quanti anni
Popolazione e densità: in base al luogo di residenza gli frequentano le scuole, quale titolo di studio conseguono,
abitanti di un territorio si dividono in popolazione ur- quanti libri o quotidiani leggono (3).
bana (abitanti delle città) e popolazione rurale (abitan-
ti nei piccoli centri o in case isolate) (1). La densità de- Lavoro e attività: la popolazione attiva comprende le
mografica considera anche lo spazio che ciascun abitante persone che lavorano (4); ne sono esclusi dunque i pensio-
ha a disposizione; questo è un calcolo statistico che indi- nati (che hanno concluso la propria vita produttiva) e gli
vidua quanti abitanti risiedono in un
km2 di territorio: dove prevale la po-
polazione urbana di solito la densità
è più alta.

Movimenti di popolazione: è im-


portante considerare se la popolazio-
ne aumenta o diminuisce, stabilendo
così il saldo demografico. Tale indi-
catore si calcola sommando il saldo
naturale, cioè la differenza fra i nati
e i morti in un anno, con il saldo mi-
gratorio, che tiene conto delle perso-
ne che hanno lasciato il territorio og-
getto di studio e di quelle che vi sono
giunte per stabilirvisi.

Qualità della vita: lo studio sugli


abitanti riguarda anche il loro modo 2 Trasporti pubblici a Milano.

46
Statistica e grafici Unità 2

3 In Italia l’istruzione è obbligatoria dai sei ai sedici anni.

studenti (che si stanno formando per


entrare nel mondo del lavoro).
Il lavoro svolto dalla popolazione at-
tiva permette di conoscere l’aspetto
economico di un territorio, perciò si
raccolgono informazioni sui setto-
ri di lavoro (vedi pag. 88) degli abi-
tanti per verificare quanti lavorano
in agricoltura, quanti nell’industria,
quanti nel commercio e così via.

Es. 3-4 pagg. 59

Lavora sul testo


Individua e sottolinea nel testo il
significato dei seguenti termini:
• popolazione urbana;
• popolazione rurale;
• densità;
• saldo demografico;
• saldo migratorio;
• qualità della vita;
• popolazione attiva.
4 Operai al lavoro in uno stabilimento industriale.

47
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia

Contare la popolazione:
Nel corso del tempo
porre le tasse e per sapere quanti sol-
dati arruolare.
Nell’antica Roma il censimento era
il censimento fatto ogni cinque anni dai censori,
magistrati incaricati di registrare i
Lo strumento più completo per rac- Il censimento è attuato con un me- beni dei cittadini e di iscriverli nelle
cogliere informazioni sulla popola- todo preciso: per poter raccogliere liste elettorali.
zione di uno Stato è il censimento. dei dati validi esso deve essere fatto Forse il censimento più famoso nel-
Il censimento, materialmente, consi- in tutto il territorio nello stesso mo- la storia è quello effettuato dall’im-
ste in alcuni fogli che riportano una mento, deve riguardare tutti i citta- peratore Augusto, di cui si ha noti-
serie di domande relative alla com- dini e deve svolgersi con regolarità zia nei Vangeli. I sudditi dell’impero
posizione della famiglia, al numero nel tempo. dovevano recarsi nel luogo di origine
e all’età dei suoi componenti, al lavo- Oggi i governanti organizzano il cen- della famiglia per poter essere cen-
ro di ognuno, agli studi fatti. I quesiti simento per poter individuare i pro- siti. Giuseppe e Maria si spostarono
sono elaborati dagli studiosi di appo- blemi della popolazione e cercare da Nazareth a Betlemme, dove nac-
siti istituti nazionali secondo criteri di trovare delle soluzioni. Anche in que Gesù.
omogenei e sono posti a tutti i cit- passato i re e gli amministratori han- Nel Medioevo la raccolta di informa-
tadini residenti nello Stato che orga- no usato lo strumento del censimen- zioni sulla popolazione diventò meno
nizza il censimento. In Italia l’istituto to per raccogliere informazioni. Già regolare perché l’organizzazione de-
preposto è l’Istat, l’Istituto nazionale nell’Egitto dei faraoni, gli scribi con- gli Stati era meno efficiente. L’unico
di statistica. tavano la popolazione per poter im- censimento medievale di una certa

Giovane famiglia al supermercato.

48
Statistica e grafici Unità 2

Nel corso del tempo


importanza è il Domesday book, or-
dinato da Guglielmo il Conquistato-
re, re di Inghilterra, nel 1085.
Dal XVI secolo in poi ogni parroc-
chia tiene il registro dei battesimi,
dei matrimoni, dei funerali. Questi
registri, che ci consentono di ave-
re notizie sulla popolazione del pas-
sato, sono strumenti molto utilizzati
dagli storici.
Il primo censimento moderno, cioè
finalizzato alla raccolta di informa-
zioni sugli abitanti del regno, viene
organizzato nel 1749 in Svezia; po-
chi anni dopo (1790) gli Stati Uni-
ti inizieranno a raccogliere dati re-
golarmente, fissando la cadenza del
censimento ogni tre anni.
Nel XIX secolo tutti i governi eu- Il Domesday book era il catasto delle proprietà terriere esistenti nelle varie contee dell’Inghil-
ropei adotteranno lo strumento del terra del XI secolo.
censimento con metodi moderni: in
Italia il primo sarà fatto nel 1861, su-
bito dopo la realizzazione dell’unità
Lavora sul testo
Completa la tabella cercando nel testo le funzioni del censimento nei diver-
nazionale.
si periodi storici.
Da allora in poi, a parte alcune ecce-
zioni, il censimento si è svolto ogni Antico Egitto
dieci anni. L’ultimo risale al 2001, Antica Roma
mentre il prossimo, che sarà il quin- Dal XVIII secolo
dicesimo, si terrà nel 2011.

Censimento nazionale Superficie dell’Italia (in km²) Popolazione residente in Italia


31 dicembre 1861: I censimento 248 032 22 182 377
31 dicembre 1871: II censimento 285 930 27 303 509
31 dicembre 1881: III censimento 285 948 28 953 480
10 febbraio 1901: IV censimento 285 948 32 965 504
10 giugno 1911: V censimento 285 948 35 845 048
1 dicembre 1921: VI censimento 310 144 39 943 528
21 aprile 1931: VII censimento 310 079 41 651 000
21 aprile 1936: VIII censimento 310 190 42 943 602
4 novembre 1951: IX censimento 301 201 47 515 537
15 ottobre 1961: X censimento 301 224 50 623 569
24 ottobre 1971: XI censimento 301 252 54 136 547
25 ottobre 1981: XII censimento 301 263 56 556 911
20 ottobre 1991: XIII censimento 301 302 56 778 031
21 ottobre 2001: XIV censimento 301 338 56 995 744

49
Capitolo 2 Organizzare e
disegnare i numeri
Tabelle e grafici
Come abbiamo visto, per poter descrivere una regione o Anni Popolazione di Napoli
un territorio in modo completo bisogna conoscerne molti
1600 270 000
aspetti. È necessario, quindi, mettere in ordine tutti i dati
in nostro possesso per poterli ritrovare facilmente quan- 1650 450 000
do ne abbiamo bisogno. Allo stesso modo delle carte del 1700 210 000
territorio, nelle quali si utilizzano colori e simboli signi- 1750 350 000
ficativi, anche i dati statistici devono essere organizzati 1808 323 000
in modo da poterli confrontare e consultare velocemente 1860 450 000
e senza errori. Per fare ciò si utilizzano tabelle e grafici, 1911 688 000
strumenti che ora dobbiamo imparare a leggere e capire. 1961 1 182 815
Osserviamo, ad esempio, alcuni fenomeni relativi alla 1971 1 226 594
popolazione delle città che abbiamo esaminato: in que-
1975 1 224 272
sto caso le caratteristiche della popolazione di Napoli e
1981 1 212 387
il rapporto tra gli abitanti di Napoli e le altre città capo-
luogo della Campania. 1991 1 066 601
La tabella è il modo più semplice di organizzare le in- 2001 1 004 500
formazioni: in essa si individua un dato (la popolazione 2009 973 132
di Napoli) che è riportato secondo un ordine stabilito (il
1 La popolazione di Napoli nel corso del tempo.
passare degli anni). Leggendo la tabella si può osserva-
re come a ogni anno corrisponde un determinato nume-
ro di abitanti: in questo modo si può conoscere il varia-
re della popolazione di Napoli nel corso degli anni presi Città Popolazione nel 2009
in esame (1). Napoli 973 132
Lo stesso sistema può essere usato per confrontare il me- Avellino 57 071
desimo dato (il numero degli abitanti) in città differenti (i Benevento 62 827
capoluoghi di Provincia della Campania) nello stesso an- Caserta 78 703
no (2). La tabella, perciò, è usata per organizzare ogni ti- Salerno 140 580
po di informazione, evidenziando le differenze nel tem-
po e nello spazio. 2 La popolazione delle città capoluogo di Provincia della Campania.

Usa gli strumenti


Osserva la tabella n. 1 e rispondi.
1. In quale anno la popolazione di
Napoli è meno numerosa?
2. In quale anno è stata, invece, più
numerosa?
Osserva ora la tabella n. 2 e, dopo
aver completato la lettura del para-
grafo, utilizza i dati per disegnare un
istogramma che informi sulla popo-
lazione dei capoluoghi della Campa-
nia. Puoi utilizzare lo spazio a lato.

50
Statistica e grafici Unità 2

I dati si organizzano in grafici, che abitanti

li rendono di facile e immediata 1 300 000

lettura.
1 200 000
Esistono molti tipi di grafici, per cui
è possibile scegliere quello più adat- 1 100 000

to a comunicare le informazioni di
1 000 000
cui si ha necessità. Vediamo i più im-
portanti. 900 000

800 000

Diagramma cartesiano: è molto


700 000
utile per mostrare l’andamento di un
fenomeno nel tempo. 600 000

Lo spazio è delimitato da due li-


500 000
nee perpendicolari: quella orizzon-
tale si chiama asse delle ascisse, 400 000
quella verticale asse delle ordinate.
In questo caso sull’asse delle ordi- 300 000

nate è indicato il numero degli abi- 200 000


tanti, sull’asse delle ascisse gli an-
ni che passano. In questo modo sul 100 000

diagramma potremo leggere le in-


1600 1650 1700 1750 1800 1850 1900 1950 2000
formazioni sull’aumento della po- anno
polazione di Napoli in maniera più
3 Diagramma cartesiano della popolazione di Napoli.
immediata: la tabella fornisce dati
numerici ben precisi (il numero de-
gli abitanti), il diagramma rende su- fascia di età
bito visibile l’andamento di un feno-
meno (la crescita degli abitanti nel
corso degli anni) (3). Anziani 21,9 %

Istogramma: è formato da rettan-


goli posti l’uno accanto all’altro, in
Adulti 54,9 %
orizzontale (grafico a barre) o in
verticale (grafico a colonne).
È un grafico molto utile per mostra-
re e confrontare le quantità di un
fenomeno, ad esempio le differenze Giovani 11,6 %
di popolazione in diverse regioni o
città.
Nell’esempio viene indicata la po-
polazione di Barcellona suddivi- Bambini 11,6 %
sa in quattro fasce di età (bambini,
giovani, adulti, anziani): sulla linea
orizzontale è indicata la percentua-
le di abitanti, sulla linea verticale la 0 10 20 30 40 50 60
fascia di età (4). abitanti (in %)

4 Istogramma della distribuzione della popolazione di Barcellona per fasce di età.

51
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia

Piramide delle età: è un particolare tipo di istogramma Areogramma: è un grafico che permette di visualizzare
che ci informa sulla distribuzione della popolazione nelle in maniera immediata le percentuali di un dato fenome-
diverse fasce di età e distingue tra uomini e donne. no. È chiamato anche diagramma a torta perché sembra
Esso si presenta come un doppio istogramma che mette a una torta tagliata a fette. In questo caso il cerchio rappre-
confronto le età di uomini e donne. senta il totale degli abitanti della Campania, mentre ogni
Come talvolta accade, la forma del grafico non è una pira- fetta rappresenta la percentuale di abitanti nelle varie Pro-
mide: in questo caso, infatti, gli abitanti dai 30 ai 44 anni vince. L’areogramma mostra immediatamente la propor-
costituiscono la maggior parte della popolazione (5). zione di un fenomeno rispetto al totale (7).

5 Piramide delle età della popolazione di Barcellona nel 2006.


85-...
80-84 uomini Salerno 19%
75-79 donne
70-74 Napoli 53%
65-69
60-64 Caserta 15,5%
55-59
50-54
45-49
40-44
35-39 Benevento 5%
30-34
25-29 Avellino 7,5%
20-24
15-19
10-14 7 Areogramma degli abitanti nelle Province della Campania.
5-9
0-4
0 Usa gli strumenti
0

0
0

0
00

00

00

00

00

00
00

00

00

00

00

00
0

50

0
0

50

1. Descrivi le caratteristiche della popolazione di Bar-


30

25

20

15

10
10

15

20

25

30

cellona rispondendo alle domande che ti guidano al-


Il secondo esempio, invece, che si riferisce alla popola-
la lettura dei grafici.
zione nel 1900, mostra effettivamente una piramide (6). • Dal 1900 al 2006 gli abitanti sono aumentati?
Questo tipo di grafico è molto utile per capire i mutamen- • Quale fascia di età è maggiormente rappresentata
ti che avvengono nel corso degli anni sulla popolazione di oggi? E nel 1900?
un dato territorio. • Sono più numerosi gli uomini o le donne?
• La popolazione sta invecchiando o sono numerosi
6 Piramide delle età della popolazione di Barcellona nel 1900.
i nuovi nati?
85-... 2. Descrivi ora la popolazione delle Province e dei ca-
80-84 uomini
donne
poluoghi della Campania rispondendo alle seguenti
75-79
domande.
70-74
65-69
• Come è distribuita nelle varie Province la popola-
60-64
zione della Campania? Osserva l’areogramma.
55-59 • In che modo è distribuita la popolazione nei capo-
50-54 luoghi della Campania? Osserva l’ideogramma di
45-49 pag. 53.
40-44
35-39
30-34
25-29
20-24
15-19
10-14
5-9
0-4
0
0

0
00

00

00

00

00

00

00

00

00

00

00

00
0

50

50

0
30

25

20

15

10

10

15

20

25

30

52
Statistica e grafici Unità 2

Ideogramma: rappresenta le quan- 8 Ideogramma della popolazione delle città capoluogo della Campania.
tità di un dato fenomeno con dise-
gni che richiamano il fenomeno in Napoli

questione. La popolazione delle cit-


tà capoluogo della Campania, ad
esempio, è qui disegnata usando de-
gli omini. Molto importante è l’indi-
cazione nella legenda del significato
dei disegni: nel nostro ideogramma Benevento

un omino corrisponde a 10 000 abi-


tanti (8).
Avellino

Salerno Caserta

10 000
abitanti

Cartogramma: rappresenta la di- 9 Cartogramma sulla produzione di olio di oliva nelle varie Regioni d’Italia.
stribuzione di dati quantitativi in un
determinato territorio.
A differenza della carta tematica,
Trentino-
che mostra solamente la diffusio- Alto Adige Friuli-
Venezia
ne di un fenomeno in un certo ter- Valle
Giulia
ritorio, il cartogramma mostra an- d'Aosta Lombardia Veneto
che come cambia la grandezza del
Piemonte
fenomeno nelle varie aree geografi- Emilia-
Liguria Romagna
che prese in esame, indica cioè an- O L IO

che le quantità. O L IO Marche


Il cartogramma preso ad esempio Toscana O L IO O L IO

mostra la produzione dell’olio di oli- Umbria


va nelle varie Regioni italiane (9).
O L IO

Lazio Abruzzo
Molise O L IO
O L IO O L IO

Es. 5-6-7 pagg. 60-61


Campania Puglia
O L IO

O L IO Basilicata
Sardegna

O L IO 100 000 Mg O L IO Calabria

O L IO 25 000 Mg O L IO

O L IO
10 000 Mg O L IO
Sicilia

O L IO
5 000 Mg

53
Disegnare i numeri:
La boratorio il turismo in Italia
Lo studioso di geografia non sempre trova i dati già pronti, inseriti in tabelle o rappresentati in grafici colorati e facil-
mente comprensibili. Spesso il lavoro di ricerca deve essere svolto su testi, da cui il geografo deve ricavare informa-
zioni interessanti e utili; perciò occorre imparare non solo a leggere, ma anche a costruire un grafico o una tabella.
Segui il percorso proposto e capirai velocemente i trucchi del mestiere del geografo.

Leggere i dati
Leggi con attenzione il seguente articolo: fornisce delle informazioni sul turismo in Italia.

L’Italia è sempre meta del turismo mondiale


L’Italia è sempre meta del turismo sistema turistico e analizza gli anni miliardi di euro; nel 2003, 83 milio-
mondiale. L’indice delle visite nel dal 2001 al 2006. L’incremento de- ni di arrivi e 343,4 milioni di per-
nostro Paese è sempre più in cresci- gli arrivi stranieri nel nostro Paese nottamenti per una spesa regionale
ta e nel 2006 ha fatto registrare ben è cresciuto senza soluzione di con- di 2,19 miliardi di euro; nel 2004,
94 milioni di turisti. Per far fronte tinuità dal 2001 a oggi: nell’annus 86 milioni gli arrivi, 345,3 milioni i
all’accoglienza le Regioni hanno horribilis per il turismo dell’attacco pernottamenti e una spesa regionale
speso complessivamente 1 miliar- alle Torri Gemelle, l’Italia ha avuto di 2,01 miliardi di euro; nel 2005,
do e 800 milioni di euro. Sono i 82 milioni di arrivi turistici (tra ita- 88 milioni gli arrivi, 355,2 milioni i
dati di una ricerca di Confturismo- liani e stranieri) e 350,3 milioni di pernottamenti, 1,83 miliardi di euro
Confcommercio realizzata in col- pernottamenti, con le Regioni che di spese regionali; nel 2006, infine,
laborazione con il Cnr. Il rapporto hanno speso 1,60 miliardi di euro; gli arrivi sono stati 94 milioni, con
prende in esame le spese effettua- nel 2002 gli arrivi sono stati 82 mi- 370,1 milioni di pernottamenti e
te dalle singole Regioni sia per la lioni con 345,2 milioni di pernotta- una spesa regionale di 1,81 miliardi
promozione sia per gli incentivi al menti e una spesa regionale di 1,62 di euro.
adat. da Repubblica 23/11/2007

Elaborare e interpretare i dati


Avrai notato che il testo fornisce molte informazioni differenti: la prima operazione da fare è sele-
zionare le notizie che servono. Esegui ora quanto richiesto per scegliere i dati utili a costruire un
grafico sull’afflusso di turisti in Italia.

• Sottolinea in blu nel testo gli anni considerati. Anni Arrivi turistici (in milioni)
• Sottolinea in rosso il numero di arrivi turistici per ogni
anno (questo numero indica il numero complessivo di 2001
turisti che hanno visitato l’Italia).
• Inserisci in tabella le informazioni sottolineate, seguen-
do le indicazioni.

54
Statistica e grafici Unità 2

Laboratorio
Ora hai gli strumenti adatti per proseguire il
lavoro del geografo: segui le istruzioni.

a. Prendi una matita e un righello.


b. Disegna due linee perpendicolari, in modo
che si incontrino nel punto rosso.
c. Segna sulla linea orizzontale gli anni consi-
derati dal testo (scrivi le cifre in verticale).
d. Segna sulla linea verticale la quantità di
turisti: parti segnando 0 nel punto di in-
contro delle due linee, poi lascia 1 cm e
scrivi 10 milioni; prosegui segnando 20 mi-
lioni dopo 1 cm fino alla cifra di 100 milio-
ni.
e. Controlla i dati nella tabella: comincia dal
primo anno che hai scritto sulla linea oriz-
zontale. Quanti arrivi turistici si sono regi-
strati?
f. Punta la matita sul foglio in corrisponden-
za del 2001 e traccia una linea parallela a
quella verticale quando arrivi all’altezza di
81,6 milioni. Traccia quindi la relativa linea
orizzontale.
g. Con delle matite colorate riempi tutti i
quadretti della colonna fino a quel punto.
h. Fai la stessa operazione con gli arrivi turi-
stici degli altri anni. Se colorerai diversa-
mente le colonne il tuo lavoro potrà essere
letto più facilmente.

Osserva ciò che hai fatto: hai costruito un


.................................................................................................

La b + Trasferire e verificare i dati


Adesso che hai capito come costruire un grafico, prova a selezionare le altre informazioni fornite
dal testo (milioni di pernottamenti e spese di promozione sostenute dalle Regioni) per costruire, sul
tuo quaderno o su un foglio di carta millimetrata, altri grafici.

Ricostruire e sintetizzare le conoscenze


A conclusione del laboratorio, prova a spiegare in una breve relazione scritta le differenze che hai
notato tra testo e grafici nel fornire informazioni su un fenomeno.
Indica anche quale ritieni sia lo strumento più efficace in relazione allo scopo e alle informazioni
da fornire.

55
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia
Sintesi

La descrizione del paesaggio umano


Per descrivere il paesaggio umano o antropico sono necessari l’osservazione degli
ambienti, la raccolta dei dati statistici e lo studio dei dati tramite gli indicatori.

L’osservazione
Osservare significa:
• individuare le trasformazioni del paesaggio dovute all’uomo;
• confrontare ambienti simili evidenziando analogie e differenze;
• riconoscere e descrivere gli ambienti umani nella loro complessità;
• analizzare il rapporto uomo/ambiente.

I dati statistici
Trasmettono con precisione le
informazioni sulla popolazione e
sulle sue attività in un territorio.
Si possono ricavare tramite:
• appositi uffici;
• enti locali;
• associazioni di mestiere;
• Eurostat (Istituto di statistica
dell’Unione Europea).

Gli indicatori
Permettono di confrontare fenomeni uguali in aree differenti o l’evoluzione di un fenomeno:
• indicatori economici (produzione e consumo di energia; PIL; PIL pro capite ecc.);
• indicatori sociali e demografici (tasso di alfabetizzazione; calorie giornaliere pro capite; numero di medici per
abitante; densità di popolazione; tasso di crescita; tasso di mortalità e natalità ecc.).

Nel corso del tempo Contare la popolazione: il censimento

La popolazione
Gli indicatori permettono di
descrivere le caratteristiche
della popolazione:
• densità di popolazione;
• movimenti di popolazione;
• qualità della vita;
• lavoro e attività.

56
Statistica e grafici Unità 2

Organizzare e disegnare i numeri

Sintesi
I dati statistici vengono raccolti e organizzati in tabelle e grafici per permettere una
lettura immediata e un rapido e corretto confronto fra i vari fenomeni esaminati.

Le tabelle Città Popolazione nel 2009


Organizzano le informazioni in modo semplice, evidenziando le Napoli 973 132
differenze nel tempo e nello spazio. Avellino 57 071
Benevento 62 827
Caserta 78 703
Salerno 140 580

I grafici
Rendono i dati immediatamente leggibili e confrontabili: Laboratorio Disegnare i numeri

abitanti
fascia di età 85-...
1 300 000
80-84 uomini
1 200 000
75-79 donne
Anziani 21,9 %
1 100 000
70-74
65-69
1 000 000
60-64

900 000 55-59


Adulti 54,9 % 50-54
800 000
45-49
700 000 40-44
35-39
600 000 Giovani 11,6 % 30-34
500 000 25-29
20-24
400 000
15-19
300 000 Bambini 11,6 % 10-14
5-9
200 000
0-4
100 000 0
0 10 20 30 40 50 60
0

0
00

00

00

00

00

00

00

00

00

00

00

00
abitanti (in %)
0

50

50

0
30

25

20

15

10

10

15

20

25

30
1600 1650 1700 1750 1800 1850 1900 1950 2000 2050
anno

• diagramma cartesiano: mostra • istogramma (a barre o a colonne): • piramide delle età: mostra la
come un fenomeno cambia nel mostra e confronta le quantità di distribuzione della popolazione
tempo; un fenomeno; nelle diverse fasce d’età, distin-
guendo fra uomini e donne;

Napoli Trentino-
Alto Adige Friuli-
Venezia
Giulia
Valle
d'Aosta Lombardia Veneto

Piemonte
Emilia-
Salerno 19% Liguria O L IO
Romagna
Benevento
O L IO Marche
Napoli 53%
Toscana O L IO O L IO

Umbria
Caserta 15,5% Avellino
O L IO

Lazio Abruzzo
Molise O L IO
O L IO O L IO

Campania Puglia
O L IO

Salerno Caserta O L IO Basilicata


Benevento 5% Sardegna

O L IO Calabria
Avellino 7,5%
O L IO

O L IO
Sicilia
10 000
abitanti

• areogramma (o diagramma a • ideogramma: mostra attraverso i • cartogramma: mostra i dati


torta): mostra le percentuali di disegni le quantità di un dato quantitativi di un fenomeno e la
un dato fenomeno; fenomeno; loro variazione nelle diverse aree
geografiche prese in esame.

57
Verifica Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia

1 Indicare con una crocetta se le seguenti affermazioni sono vere (V) o false (F).
1. Il cartografo studia le popolazioni. V F
2. Gli insediamenti umani sono influenzati solo dal territorio. V F
3. I paesaggi antropici sono gli ambienti modificati dall’uomo. V F
4. Il lavoro del geografo si basa sull’osservazione e la descrizione del territorio nei suoi elementi:
fisici. V F fisici e antropici. V F antropici. V F
5. Fra gli elementi fisici di un territorio puoi individuare:
le montagne. V F la lingua parlata. V F la religione. V F
6. Fra gli elementi antropici di un territorio puoi individuare:
i laghi. V F la popolazione. V F il clima. V F

2 Leggi e interpreta le immagini con le informazioni ricavate, poi rispondi ai quesiti.


Di seguito ti sono fornite rispettivamente una illustrazione storica e una fotografia dei nostri giorni del Lungarno
a Firenze.

a 1. Elenca gli elementi fisici che riesci a individuare:


.....................................................................................................................

.....................................................................................................................

.....................................................................................................................

.....................................................................................................................

.....................................................................................................................

.....................................................................................................................

.....................................................................................................................

2. Elenca gli elementi antropici che riesci a individuare:


.....................................................................................................................

.....................................................................................................................

.....................................................................................................................

.....................................................................................................................

.....................................................................................................................

.....................................................................................................................
b
.....................................................................................................................

3. Quali elementi prevalgono?


Fisici
Antropici
4. Confrontando le due immagini quali sono, secon-
do te, le maggiori trasformazioni operate dall’uomo
nell’arco del tempo? .......................................................................
.....................................................................................................................

.....................................................................................................................

.....................................................................................................................

.....................................................................................................................

.....................................................................................................................

.....................................................................................................................

58
Statistica e grafici Unità 2

Verifica
3 A quale categoria appartengono i seguenti indicatori? Collocali nella tabella. Fatti aiutare dall’insegnante
o dai compagni se non capisci il significato di qualcuno.
• La percentuale di medici per abitante;
• la densità di popolazione;
• il reddito pro capite;
• le spese dello Stato per la difesa;
• la percentuale di occupati nel settore terziario;
• il tasso di mortalità e natalità;
• la percentuale di calorie per abitante;
• il prodotto interno lordo (PIL);
• l’indice di mortalità infantile;
• la produzione di energia;
• il tasso di analfabetismo;
• il consumo di energia;
• il tasso di crescita.

Indicatori economici Indicatori demografici e sociali

4 Indica con una crocetta l’affermazione esatta.


1. Da quale di questi indicatori si possono dedurre 4. Da quale di questi indicatori si possono dedurre
maggiori informazioni sullo sviluppo economico di informazioni sullo sviluppo socio-culturale di un
un Paese? Paese?
a La percentuale di medici per abitante. a Le spese dello Stato per la difesa.
b La densità di popolazione. b La densità di popolazione.
c Il reddito pro capite. c L’indice di mortalità infantile.
2. Da quale di questi indicatori si possono dedurre in- 5. Da quale di questi indicatori si possono dedurre in-
formazioni sullo sviluppo economico di un Paese? formazioni sullo sviluppo economico di un Paese?
a La densità di popolazione. a La produzione di energia.
b Le spese dello Stato per la difesa. b L’indice di natalità.
c La percentuale di occupati nel settore terziario. c Il tasso di analfabetismo.
3. Da quale di questi indicatori si possono dedurre in- 6. Da quale di questi indicatori si possono dedurre in-
formazioni sullo sviluppo demografico di un Paese? formazioni sullo sviluppo sanitario di un Paese?
a Il tasso di mortalità e natalità. a Il tasso di crescita.
b La percentuale di calorie per abitante. b Il consumo di energia.
c Il prodotto interno lordo (PIL). c Il numero di medici per ogni abitante.

59
Verifica Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia

5 Attribuisci a ogni strumento il nome corretto, scegliendo tra i seguenti. Poi scrivi una breve descrizione.
Tabella - Cartogramma - Areogramma - Diagramma cartesiano
1 600 000

1 400 000

1 200 000

1 000 000

800 000

600 000

400 000

200 000

0
1890 1900 1910 1920 1930 1940 1950 1960 1970 1980 1990 2000 2010

1. ........................................................................................................................

Stati 1870 1881-1885 1896-1900 1906-1910 1913


Stati Uniti 23,3 23,3 30,1 35,3 35,8 2. ........................................................................................................................
Germania 13,2 13,2 16,6 15,9 15,7
Regno Unito 31,8 31,8 19,5 14,7 14,0
primario 5% pianura 27%
Francia 10,3 10,3 7,1 6,4 6,4 collina 30%
Russia 3,7 3,7 5,0 5,5 5,0
Italia 2,4 2,4 2,7 2,7 3,1
Canada 1,0 1,0 1,4 2,3 2,0
Belgio 2,9 2,9 2,2 2,1 2,0
Svizzera 0,4 0,4 1,1 1,0 1,0
Giappone - - 0,6 1,2 1,0
India 11 11 1,1 1,1 1,2
Altri Paesi - - 12,3 11,9 12
terziario 57% secondario 38% montagna 43%

3. ........................................................................................................................ 4. ........................................................................................................................

6 Di seguito ti è fornita una tabella sul saldo demografico fra il 1840 e il 2001 di Gesico, un piccolo Comune sar-
do in Provincia di Cagliari. Costruisci un istogramma con i dati forniti dalla tabella, poi commenta le informa-
zioni ricavate dalla tabella ipotizzando possibili cause e conseguenze del saldo demografico che hai ricavato.

Anno Popolazione
1840 950
1951 1189
1969 1322
1971 1235
1978 1150
1980 1114
1985 1122
1990 1045
1992 1020
2001 988

60
Statistica e grafici Unità 2

Verifica
7 Osserva i due grafici proposti e completa il testo che li descrive.
Miliardi di persone
6 Il grafico mostra la crescita del-
la popolazione di Europa, America,
Asia Africa e Asia dal .......................................
5
al .......................................
Il numero degli europei è cresciuto
4 in maniera costante per molti secoli:
nel 1750 erano ............................................
e nel 1900 erano ........................................
3 Ciò fino al 2000, dopo di che la popo-
lazione iniziò a ............................................
Il continente più popoloso è l’ ............
2
Africa ................................, la cui crescita è di-

America ventata molto elevata a partire dal


1 .................................
Europa Tra i continenti presi in esame, dal-
l’anno 2000 solo in ......................................
0
la popolazione inizia a calare.
1750 1800 1850 1900 1950 2000 2050 (stima)
anno

Precipitazioni medie mensili di Parigi (in ml)


200 L’istogramma presenta le .....................
..............................................................................
180
..............................................................................

160 I mesi in cui le piogge sono più ab-


bondanti sono ............................................,
140 ................................... e ....................................;
le precipitazioni sono minori nei
120
mesi di ...........................................................,
100 ..................................... e ...................................

80

60

40

20

0
Gennaio

Febbraio

Marzo

Aprile

Maggio

Giugno

Luglio

Agosto

Settembre

Ottobre

Novembre

Dicembre

61
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia

Unità 3 1

I paesaggi
della geografia

In primo piano
Con il termine paesaggio si intende un’areaa
determinata così come viene percepita
da chi la osserva. Le sue caratteristiche
sono il risultato dell’azione combinata di
fattori naturali (come la conformazione dell
terreno, il clima, la presenza di acque) e
antropici (come i campi coltivati, le case, lee Il Po è il fiume dei record per la Penisola Italiana: è il
strade, i ponti). Il paesaggio è un «prodottoo maggiore corso d’acqua per lunghezza e per porta-
sociale», frutto del modo in cui gli esseri ta e, insieme ai suoi affluenti, costituisce il più gran-
umani hanno interagito con i loro territori, de sistema fluviale d’Italia. Nella Pianura Padana, la
utilizzandone le risorse e trasformandoli valle del Po, vivono oggi 16 milioni di persone e vi si
nel tempo. concentra un terzo delle attività economiche (agrico-
In questa unità esploreremo i paesaggi le e industriali) dell’Italia. Il Po, quindi, è la colonna
tipici dell’Europa e impareremo a vertebrale dell’area economica più importante di tut-
ta la penisola e dell’Europa meridionale.
descriverli con un linguaggio appropriato.
Nell’immagine il fiume Po nei pressi di Scorzarolo in
Cominciamo seguendo il corso di due provincia di Mantova.
fiumi: il Po e il Reno.
62
I paesaggi della geografia Unità 3
3
Il nome Po deriva dal latino Pa- Il «Padre Reno» è al cen-
dus, che indicava una qualità di pi- tro della grande epopea
ni selvatici che crescevano presso tedesca medievale, la sa-
le sue sorgenti; i Celti lo chiama- ga dei Nibelunghi. Antiche
vano Bodincus, che significa «dal leggende raccontano di un
letto profondo», mentre i Greci si favoloso blocco d’oro che
riferivano al fiume come Eridanus. dava splendore alle acque
Al fiume Po è legato il mito gre- del fiume e veniva custo-
co di Fetonte, il figlio prediletto di dito sul fondo dalle sue
Apollo, a cui il padre non poteva bellissime figlie. Il re di un
negare niente. Un giorno chiese misterioso popolo celtico
di poter guidare il carro del sole e di nani, i Nibelunghi, scoprì
Apollo acconsentì. l’oro nascosto e ne ricavò
I cavalli, tuttavia, accorgendosi un anello dotato di pote-
della guida poco sicura del ra- ri straordinari. Il possesso
gazzo, si lanciarono in una corsa dell’anello scatenò una se-
selvaggia, fino a che Zeus fer- rie infinita di lotte e rivali-
mò Fetonte colpendolo. Il giova- tà a cui mise fine il grande
ne cadde nell’Eridano e le sue fiume che, con la sua for-
sorelle inconsolabili vennero za, distrusse tutti coloro
trasformate in salici piangen- che avevano cercato di im-
ti, costrette a vivere lungo le sue padronirsi del potere con-
sponde. Nell’immagine un parti- servato nelle sue acque.
colare di un’opera di autore sco- Nell’immagine Alberich e I
nosciuto nella Villa Della Porta- Nibelunghi, illustrazione di
Bozzolo a Casalzuigno (Varese). Arthur Rackham, 1910.

4
Al Reno è legato lo straordinario sviluppo
delle regioni che attraversa. Non è il più
lungo, ma certo il più importante fiume
europeo per ragioni storiche e socio-eco-
nomiche. Nel Medioevo la valle del Reno
costituiva il cuore dell’impero germanico
e il centro dei traffici commerciali. Dopo
l’apertura del passo del San Gottardo, nel
1230, le merci provenienti dall’Italia pote-
vano raggiungere, attraverso la navigazio-
ne fluviale, le Fiandre e le regioni del Nord
Europa e viceversa. Fin dai secoli XVII e
XVIII nella zona dell’alto Reno si erano già
sviluppate molte industrie manifatturiere;
nel secolo XIX tutta la valle percorsa dal
fiume divenne, grazie ai suoi giacimenti
minerari, una delle più ricche regioni indu-
striali del mondo e insieme, una delle aree
più inquinate d’Europa.
Nell’immagine il corso del Reno a Bacha-
rach in Germania.

C’è un fiume o un corso d’acqua nella località in cui vivi? Come si chiama? Sai che cosa significa il suo nome?
Conosci storie o leggende che riguardano l’ambiente del fiume? Come ne sei venuto a conoscenza? Raccontane una
ai compagni.

63
Capitolo 1 Conoscere i
paesaggi fisici
Dal paesaggio montano alla pianura da boschi naturali o da coltivazioni. Le colline dell’Oltre-
Le regioni montuose hanno un aspetto accidentato e irre- pò Pavese, ad esempio, sorgono a sud del Po, sono coperte
golare per la presenza delle montagne: rilievi formati da da vigneti nelle zone meno elevate, mentre nelle alte valli i
roccia che si elevano oltre i 600 metri di altitudine. Le vet- boschi di castagni, noccioli e querce le rendono quasi im-
te delle montagne sono i punti più elevati e, in Europa, pos- penetrabili.
sono superare i 4 000 metri sul livello del mare (slm). Le Le colline, oltre a essere originate per corrugamento o ave-
vette sono il culmine dei versanti, i ripidi lati delle monta- re origine vulcanica, possono nascere anche in seguito a
gne, i quali scendono verso le valli che separano un’altura fenomeni di erosione dei rilievi montuosi (colline struttu-
dall’altra. Il Reno, ad esempio, nasce dal massiccio del San rali). Infine, se le colline presentano una forma dolce e ar-
Gottardo, che con le sue vette maggiori supera i 3 000 me- rotondata, la loro formazione è dovuta all’accumulazione
tri di altitudine (1). Con massiccio si intende un gruppo di dei detriti portati a valle da antichi ghiacciai (colline mo-
montagne compatto e con poche valli. Il San Gottardo ap- reniche) nel corso dei secoli.
partiene alla catena montuosa delle Alpi, una successione Le pianure sono estese porzioni di territorio con dislivelli
di montagne che si allineano lungo un arco per 1 200 chilo- minimi, che permettono ai fiumi di scorrere verso il mare.
metri tra il Mar Ligure e il Mar Adriatico. Quando le pianure si trovano al di sopra di 300 metri sul li-
Le montagne più elevate ospitano ghiacciai, nati in seguito vello del mare, vengono chiamate altopiani.
all’accumulo di neve che, a causa delle basse temperature, Tra le Alpi e le colline dell’Oltrepò si estende la Pianura
si solidifica e diventa ghiaccio. I ghiacciai non si sciolgono Padana, la valle del Po (2). Quest’area è una pianura al-
ma, quando le temperature si alzano, si riducono e tendono luvionale, perché il suo terreno si è formato nel corso del
a scivolare verso il basso, formando le valli dalla caratte- tempo con i detriti trasportati dal fiume. La pianura si di-
ristica forma a U. Quando, invece, le valli sono scavate dal ce costiera quando si sviluppa lungo i litorali. Le pianure
fiume che le attraversa, i versanti sono più ripidi e il fondo- costiere hanno origine per l’accumulo di sedimenti marini,
valle più stretto: in questo caso la valle ha una forma a V. oppure per la progressiva stratificazione di materiale tra-
La formazione delle catene montuose (orogenesi) può av- sportato dai fiumi con foce a delta, o di materiale laguna-
venire per corrugamento, ovvero in seguito al solleva- re che con l’andare del tempo riempie la laguna fino a pro-
mento della superficie terrestre dovuto allo scontro tra due sciugarla completamente.
placche tettoniche. La forza di queste spinte orizzontali Le pianure di sollevamento (o tettoniche) sono invece
ha determinato l’altezza dei rilievi. Sono invece di origine quelle costituite da antichi fondali marini sollevatisi in se-
vulcanica i rilievi che si presentano isolati e a forma di co- guito a movimenti tettonici. Infine, si dicono vulcaniche le
no. Essi si sono formati nel corso del tempo, grazie all’ac- pianure derivate dall’accumulo di lava, cenere e altro ma-
cumulo della lava fuoriuscita dalla crosta terrestre. teriale eruttato dai vulcani che nel depositarsi ha ricoper-
Le colline sono alture meno elevate, poiché non superano to delle conche.
i 600 metri di altitudine; esse hanno pendii dolci e coperti Es. 1 pag. 98

Glossario
1 Il massiccio del San Gottardo, in Svizzera.
Sul livello del mare: indica la quota che pre-
senterebbe stabilmente la superficie marina
se non fosse disturbata da onde e maree; per
convenzione è il livello di riferimento per mi-
surare le altitudini (sul livello del mare) e le
profondità (sotto il livello del mare).
Placche tettoniche: le placche, o zolle, sono
elementi fondamentali della struttura della
crosta terrestre. Il loro continuo movimen-
to è la causa di molti fenomeni geologici del
pianeta, come i terremoti.

64
I paesaggi della geografia Unità 3
........................................

........................................

........................................

........................................

........................................
........................................

........................................

........................................

........................................

Osserva e descrivi
1. Colloca nell’illustrazione i termini geografici propri
della montagna, della collina e della pianura.
2. Descrivi l’ambiente del San Gottardo. Utilizza i ter-
mini definiti nel testo e aiutati con la fotografia e l’il-
lustrazione.
2 Le colline dell’Oltrepò Pavese.

65
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia

I rilievi europei e italiani


I rilievi dell’Europa sono localizzati
per la maggior parte nelle zone perife-
riche del continente e la loro altitudine
media è di circa 340 metri sul livello
del mare, un dato modesto se confron-
tato con quello degli altri continenti
(960 m dell’Asia, 750 m dell’Africa e
665 m dell’America).
Le principali catene montuose euro-
pee, che possono essere suddivise in
settentrionali, centrali e meridionali,
si sono formate in tre differenti epoche 1 Il Monte Narodnaja (1 895 m) è la vetta più elevata degli Urali.
geologiche e per questo presentano di-
verse caratteristiche morfologiche.
Le montagne dell’Europa settentrio-
nale si sono formate tra 600 e 225 mi-
lioni di anni fa ed essendo state espo-
ste più a lungo all’erosione del tempo,
oggi presentano vette arrotondate e
altezze modeste.
A questo gruppo appartengono: le Al-
pi Scandinave, situate nel versante at-
lantico della Norvegia, la catena mon-
tuosa degli Urali, che divide l’Europa
dall’Asia (1) e, infine, i rilievi della
Gran Bretagna, che raramente supe-
rano i 1 000 metri; essi sono i Monti 2 Una veduta dei Pirenei, al confine tra Francia e Spagna.
Pennini, i Cambrici e i Grampiani.
Le principali catene montuose dell’Europa centrale, pini di primaria grandezza sono il Monte Rosa (4 637 m),
anch’esse di origine molto antica, raggiungono in media il Cervino (4 478 m) e il Gran Paradiso (4 061 m).
i 1 000 metri di altitudine e sono: il Massiccio Centrale Gli Appennini (suddivisi in Appennino Settentrionale, Cen-
in Francia, i Vosgi tra Francia, Svizzera e Germania, la trale e Meridionale) percorrono la Penisola Italiana dal Col-
Selva Nera e il Massiccio Scistoso Renano in Germa- le di Cadibona, in Liguria, fino in Sicilia, per circa 1 500
nia e la Selva Boema tra Germania, Austria e Repub- km. Le principali vette appartengono al sistema del Gran
blica Ceca. Sasso (Corno Grande, 2 912 m) e de La Maiella (2 795 m).
I rilievi dell’Europa meridionale sono i più giovani, for- In Italia sono presenti anche importanti montagne di ori-
matisi tra 65 e 2 milioni di anni fa: sono per questo più gine vulcanica: il Vesuvio (1 281 m) in Campania e l’Et-
elevati, con versanti aspri e vette aguzze. na in Sicilia, che con i suoi 3 323 metri è il vulcano attivo
Procedendo da ovest a est, i più importanti sono: nella Pe- più alto d’Europa.
nisola Iberica i Pirenei, che si allungano tra il Golfo di Il sistema dei Balcani è costituito dalle Alpi Dinariche e
Biscaglia, sull’Atlantico, e il Mediterraneo, segnando il dalla catena del Pindo; nell’Europa centro-orientale tro-
confine tra Spagna e Francia (2); nella Penisola Italiana le viamo i Carpazi, che si estendono con la loro forma ad
Alpi e gli Appennini. arco fino alla Romania, mentre tra il Mar Nero e il Mar
La catena alpina (suddivisa in Alpi Occidentali, Centra- Caspio è situata la catena montuosa del Caucaso.
li e Orientali) segna il confine settentrionale dell’Italia: si
estende ad arco per circa 1 200 km e ospita le principali ci- Glossario
Morfologia: studio delle forme che in questo caso riguarda gli aspetti
me europee; primo fra tutti il Monte Bianco che con i suoi strutturali di una montagna.
4 807 metri è anche detto «Tetto d’Europa». Altri rilievi al-

66
I paesaggi della geografia Unità 3

M
ve

on
na

ti
di

Ur
an

ali
Sc
pi
Al
Monti
Grampiani

Monti
Pennini
Monti
Cambrici

Massiccio nti
Scistoso Mo lliferi
e ta Su
Renano M d eti
Selva
ra
i
sg

Boema
Ne

Tatra
Vo
lva

Carpazi
Co Cervino
Se

rdi 4478
g lier Alpi
aC Massiccio Monte
ant Rosa Alpi Caucaso
abr Centrale Monte 4637 Transilvaniche
ica Bianco
Al
4807 pi
Pirenei
Ap

Sistema Di
na
pe

Iberico ric
nn

he Balcani
in
i

Sierra
Morena
Pindo
Sierra Nevada

Etna
3323

I rilievi europei.

Alp
iO
trali
Palla Bianca
3736 Coglians 2780
rie
nta Monti più alti d’Europa
i Cen li
Alp Pizzo Ortles
Cervino
Bernina 3889 Marmolada
4050 Adamello 3342 Monte Bianco 4 807 m
4478
M. Rosa 3554
M. Bianco 4807 4637 Monte Rosa 4 637 m
ccidentali

Gran Paradiso
4061
ennino Sette
Cervino 4 478 m
A pp n tr
Monviso ion
3841 M. Cimone al
pi O

Colle di 2165
e
Cadibona 435 M. Falterona 1654
Al

A
M. Fumaiolo
1407
pp
en
ni
no
Usa gli strumenti
M. Vettore
2476
1. Confronta la carta dei rilievi italiana con quella eu-
Ce

M. Amiata Gran Sasso


n

d’Italia 2912
ropea. Nel testo si dice che l’altitudine media dei ri-
tra

1738
Terminillo
le

2213
La Maiella 2795 lievi del continente europeo è di 340 m, molto più
La Meta 2241 Matese 2050 bassa della media dei rilievi di Asia (960 m), Africa
A
pp

Vesuvio 1281 (750 m) e America (665 m). Secondo te questa me-


en
n

dia senza le montagne italiane sarebbe più alta o più


ino

M. Pollino
M

Gennargentu 1834
2248
bassa? Spiega perché.
eridionale

La Sila
1928 2. Le Alpi sono montagne «giovani». Spiegane le carat-
teristiche.
Aspromonte
1955 3. Dove si trovano gli altri rilievi europei di recente for-
Le Madonie 1979
mazione? Indicali sulla carta.
Etna 3323
4. Dove si trovano quelli più antichi? Indicali sulla carta.
I rilievi italiani. 5. Quali caratteristiche hanno? Spiega brevemente.

67
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia

Le pianure europee
e italiane
L’Europa dispone di vaste pianure
che vanno allargandosi procedendo
verso oriente.
La grande pianura franco-germano-
russa è come un’unica fascia conti-
nua che partendo dalla costa atlan-
tica della Francia si estende fino ai
piedi degli Urali, attraversando il
Belgio, i Paesi Bassi, la Germania,
la Polonia e la Russia. Questa gran-
de fascia a ovest è costituita dal Bas-
sopiano Francese, mentre tra Fran-
cia, Belgio e Paesi Bassi ha inizio il
Bassopiano Germanico, entrambi
di origine alluvionale e per questo 1 Lo sconfinato Bassopiano Sarmatico occupa buona parte del territorio dell’Europa dell’Est.
caratterizzati da lievi ondulazioni.
Più a est, dal Mar Baltico fi no agli Urali, si estende la In Italia, la Pianura Padana si trova tra le Alpi e gli
grande pianura fertile della Russia, il Bassopiano Sar- Appennini; altre pianure importanti sono la Maremma,
matico, nato dall’erosione di antiche montagne a opera l’Agro Romano, l’Agro Pontino, la Pianura Campana e il
di ghiacciai (1). Tavoliere delle Puglie.
Le pianure più antiche del continente, ma di dimensioni Tra le Alpi orientali e i Carpazi è collocata la Pianura
ridotte, si trovano a nord: in Gran Bretagna, a sud del- Ungherese (3), che si estende in gran parte in Ungheria
la Scandinavia e in Danimarca, dove la Penisola dello (da cui prende il nome) ed è estremamente fertile, es-
Jutland, priva di rilievi montuosi, si estende fi no al Gol- sendo irrigata dalla fitta rete di affluenti del Danubio e
fo di Finlandia con colline dalle altitudini modeste, resti del Tibisco.
morenici di antichi ghiacciai. In Romania, tra i Carpazi e i Balcani, si trova la Pia-
Nella parte meridionale dell’Europa, le pianure più va- nura della Valacchia, percorsa dal tratto inferiore del
ste sono di origine alluvionale, meno estese delle pianu- Danubio.
re centrali e inserite nei sistemi montuosi. Un posto a sé è occupato dai polder nei Paesi Bassi
La Pianura Andalusa (2), nella parte sud-occidentale (Olanda), dove grandi appezzamenti di terra sommer-
della Spagna, si espande verso il Golfo di Cadice, assu- si dalle acque sono stati sottratti al mare e bonificati ar-
mendo la forma di un triangolo. tificialmente.

2 La Pianura Andalusa nei pressi di Siviglia. 3 La Pianura Ungherese nei pressi di Hortobágy.

68
I paesaggi della geografia Unità 3

Bassopiano Sarmatico
Svealand

Götaland
Jutland

Bassopiano Germanico

ica
sp
Ca
ne
sio
es
pr
Bassopiano

De
Francese

Pianura
Pianura Padana Ungherese
Valacchia

Pianura
Andalusa

Le pianure europee.

Lavora sul testo


Rintraccia nel testo le informazioni riguardanti l’origi-
Pianura
ne delle seguenti pianure europee e completa inseren- Veneta

do le informazioni di seguito elencate (i termini posso- Polesine


Pianura Padana
no essere ripetuti).
Origine alluvionale - fondale marino prosciugato dall’uo-
mo - originato dall’erosione di antiche montagne - pianure Valdarno

più antiche d’Europa.


M
ar
em

• Bassopiano Germanico
m
a

Agro
.................................................................................................................. Romano
Agro Tavoliere
Pontino delle Puglie
• Bassopiano Francese
Pianura
Campana
..................................................................................................................
Campidan

Piana
• Bassopiano Sarmatico di Sibari

..................................................................................................................
o

• Pianura Padana
.................................................................................................................. Conca d’Oro

• Polder Piana
di Catania
.................................................................................................................. Le pianure italiane.

69
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia

Il paesaggio fluviale ........................................

Laghi, fiumi, canali, torrenti, ruscelli e tutte le risorse


idriche che si trovano sulle terre emerse formano il siste-
ma delle acque interne. L’acqua che cade dal cielo, sia
essa pioggia o neve, alimenta i fiumi e i laghi, o evapora,
oppure penetra nel terreno attraverso fratture e porosità
per riaffiorare più a valle (vedi pag. 108).
L’acqua sgorga in superficie in un punto chiamato sorgente ........................................
e forma il fiume, che scorre in un letto (o alveo) delimita-
to da due rive (o sponde); esso è rifornito da ruscelli (cor-
si d’acqua di piccole dimensioni) e torrenti (corsi d’acqua
stagionali con un percorso interrotto da cascate e rapide).
La grandezza di un fiume si misura con la portata, che
rappresenta la quantità d’acqua che passa in una sezione
del corso d’acqua in un secondo. Durante l’anno ogni fiu-
me conosce periodi di piena, quando la portata è massi- ........................................

ma, e di magra, quando la portata è minima. Insieme a


........................................
particolari condizioni meteorologiche, possono verificar-
si lo straripamento del fiume, ossia l’uscita dai suoi ar-
gini, oppure la secca, quando le acque diminuiscono fino
al prosciugamento.
........................................
Il Reno, come tutti i fiumi, è un torrente nei pressi del suo
alto corso (la parte in prossimità della sorgente e dei ri-
lievi), ma scendendo a valle riceve l’acqua di altri corsi
d’acqua e diventa un fiume. Ai piedi delle Alpi esso forma
un lago (il Lago di Costanza (1)), cioè una massa di ac-
qua racchiusa in una cavità terrestre, di cui è immissario,
cioè vi confluisce, ed emissario, dato che ne esce per pro-
seguire il suo corso. Il percorso del Reno è, poi, interrotto
da imponenti cascate a Schaffhausen, perché incontra un
dislivello ripido che provoca un salto dell’acqua.
Il medio corso del fiume è il tratto in cui i pendii si fan-
no più dolci e i corsi d’acqua secondari che non arriva- ........................................
no fi no al mare diventano affluenti dei fiumi principa-

1 Una veduta del Lago di Costanza.

li, versando le loro acque in essi. Il punto di incontro di


due fiumi si chiama confluenza. L’area attraversata dal
fiume principale e da tutti i suoi affluenti prende il nome
di bacino idrografico.
Il basso corso del fiume è il territorio pianeggian-
te nei pressi della foce, il luogo in cui il fiume riversa le
sue acque nel mare. Il lento scorrere del fiume e la lie-
ve pendenza spesso causano la formazione di meandri,
ampie curvature del corso d’acqua, e di isole sabbiose com-
poste di detriti (2).
70
I paesaggi della geografia Unità 3

........................................

........................................

........................................

Osserva e descrivi
1. Colloca nell’illustrazione i ter-
mini geografici propri del pae-
........................................ saggio fluviale.
2. Descrivi l’ambiente del Polesi-
ne. Utilizza i termini definiti nel
........................................ testo e aiutati con le fotografie
e l’illustrazione.

2 I meandri del fiume Po, nei pressi della foce nel Polesine.

La foce può essere a delta, quando i detriti del fiume vi


si depositano, creando isole sabbiose e dividendo il cor-
so d’acqua in tanti bracci minori. Il Po ha un ampio delta,
perché le correnti marine dell’Adriatico sono molto debo-
li. Il Reno, invece, sfocia nell’Oceano Atlantico, un mare
con forti correnti che portano lontano i detriti; perciò la
sua foce è a estuario: il fiume si getta in mare senza ra-
mificazioni.

Es. 2-3-4 pagg. 98-99

71
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia

I fiumi e i laghi europei


e italiani
L’Europa è ricca di fiumi che, in linea
di massima, sono più brevi rispetto a
quelli degli altri continenti per la mi-
nore estensione del suo territorio.
I fiumi europei possono essere rag-
gruppati in base al mare in cui river-
sano le proprie acque.
Nell’Oceano Atlantico defluiscono
i corsi d’acqua caratterizzati da una
lunghezza media, da portate abbon- 2 Uno scorcio del Lago Ladoga, nella Russia nord-occidentale.
danti e da una buona navigabilità. Tra
i più importanti ricordiamo: il Tago e il Duero nella Pe- portata abbondante e regolare, quelli che sfociano nel Mar
nisola Iberica, la Garonna, la Loira, il fiume più lungo di Nero, cioè il Danubio, il Dnepr, il Don, e i corsi d’acqua
Francia, e la Senna, il fiume di Parigi. che terminano nel Mar Caspio, cioè il Volga, il fiume più
Nel Mare del Nord sfociano la Mosa, il Reno, l’Elba e il lungo del continente, e l’Ural, che segna il confine tra Eu-
Tamigi, il fiume di Londra (1). ropa e Asia.
Nel Mar Baltico sfociano l’Oder, la Vistola e la Dvina oc- Anche l’Italia è ricca di fiumi, ma quasi tutti hanno un per-
cidentale; nel Mar di Barents la Dvina settentrionale, il corso breve per la vicinanza al mare delle sorgenti mon-
Mezen e la Pečora, fiumi che restano bloccati dal ghiac- tane. I principali sono quelli che nascono dalle Alpi (Po,
cio da novembre fino a maggio. Adige, Adda, Oglio); i maggiori fiumi appenninici sono il
I corsi d’acqua che sboccano nel Mar Mediteranneo hanno Tevere e l’Arno.
una portata che dipende dalle stagioni e che mediamente Oltre ai fiumi, le acque interne di un continente sono co-
è minore rispetto a quella degli altri fiumi europei; inol- stituite anche dai laghi; in Europa i maggiori si collocano
tre non sono molto lunghi perché le montagne scendono a intorno al Mar Baltico e nella zona alpina.
precipizio sul mare e le pianure non sono molto estese. Tra I più estesi si trovano nella Russia nord-occidentale e sono
questi i principali sono l’Ebro, il Rodano e il Po. il Lago Ladoga (2) e il Lago Onega, entrambi di origine
Sono invece i fiumi più lunghi del continente, con una glaciale: le loro acque hanno riempito le conche che gli an-
tichi ghiacciai, ritirandosi, avevano lasciato sul terreno.
Meno estesi dei laghi dell’Europa settentrionale, ma più
profondi, sono il Lago di Ginevra e il Lago di Costan-
za, in Svizzera, e il Lago di Garda, in Italia, anch’essi di
origine glaciale.
Nell’Europa centrale, in Ungheria, il più importante è il
Lago Balaton, molto probabilmente un lago relitto, cioè il
residuo di un antico mare.
Nonostante il nome, anche il Mar Caspio, essendo un ba-
cino chiuso che non comunica con nessun oceano, è con-
siderato un lago, il più grande del mondo (371000 km2).
Metà europeo e metà asiatico, esso è situato in una depres-
sione a 28 metri sotto il livello del mare. Deve il suo no-
me ai Romani che lo definirono mare per via della sua ac-
qua salata.
In Italia, oltre ai laghi alpini (Garda, Maggiore, Como,
Iseo), ci sono numerosi laghi di origine vulcanica, che oc-
cupano cioè il cratere di antichi vulcani spenti. Essi sono
diffusi nell’Italia centrale: Lago Trasimeno, di Bolsena, di
1 Il fiume Tamigi nel centro di Londra. Bracciano, di Vico.
72
I paesaggi della geografia Unità 3

Mar
di Barents VERSANTE
Lago

Pe
Inari del Mar Mediterraneo

co
ra
Me
del Mar Nero
zen
del Mar Caspio
del Mar Baltico
Mar del Mar di Barents
di Norvegia Dvi
na
Set
t.
del Mare del Nord
Lago Lago dell’Oceano Atlantico
Saimaa Onega

Kama
Glama
Lago
Oceano Atlantico Ladoga
Dal
Lago
Lago Vänern Lago dei Rybinsk
a
Ciudi Volg Bacino
Lago di Samara
Vättern
Dv Ural
ina
Mare Mar Oc
Baltico c.
del Nord Ne
mu
na

Dnepr
Ta s
m igi Lago
d’Aral

Volga
Wes

Od
El Vi
st Pripjat
ba

er
ol Don
Mosa a
er

Se
Reno

nn Dnepr
Loira a
ubio Dnestr
Dan
Lago Lago
di Costanza Lago Tibisco
di Ginevra
Balaton Mar
Lago a s
Caspio
ure
o
Ga

Adige Drav
di Gard
Rodan

a M
ro

Duero
nn

Po Sava
a

bio Mar Nero


Danu
Eb

Tago
ro

Tevere

Guadiana Mar
itza

Guadalquivir

I fiumi e i laghi europei. Mar Mediterraneo

Fiumi più lunghi d’Europa


rco

Tagliamento

Lago
Isa

Lago
di Como
Lago di Garda
Maggiore Lago
d’Iseo Pi
Isonzo Volga 3 531 m
Do

av
e
ra

Add

Danubio 2 860 m
Br
Bal

Min
Sesia

e
Tic

nt

Og
a
t

lio
a

Adige
ea

in

cio
o

Po na
ro Ural 2 428 m
bia

Ta
ro a

o Ren
i

r
b

o
Pa cch

Ta
Tre

Se
na

ro M
tau ar
Me
Arno Es
ino Ad Laghi più estesi d’Europa
Mar Ligure Lago ria
nti tic
Trasimeno hie
ne

C o
Ladoga 18 400 km2
bro

to
ra

n
Tro ar
a
Om

Ne

c
es
P Lago di
Onega 9 610 km2
Ve

Lago di
Te

Lesina Lago di
v

li

Bolsena
er

no

Varano
ro
e

ng

Lago di Vico
Vänern 5 585 km2
Sa

o
Lago di nt
Bracciano fa
O
o
urn Bra
Volt dan
o
Lago di
Coghinas Agri
Se
le
Lavora sul testo
Mar Tirreno
1. Spiega che cosa si intende con lago di origine gla-
i
at
Flu

Cr

io

ciale e con lago di origine vulcanica; poi indicane


me

Ion
nd

ar
osa

qualche esempio in Europa.


M

2. Osserva la superficie del Mar Caspio e quella della


Be
lic
e
i
Simeto Penisola Italiana. Quale ti sembra più grande?
an
at
Pl Sai quanto è grande l’Italia? Se non lo ricordi ricerca
o
Sals

I fiumi e i laghi italiani. il dato su internet.

73
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia

Il paesaggio costiero 1 Vista aerea del


Mont Saint Michel,
Oltre due terzi della superficie terre- in Francia, con l’alta
stre sono occupati dall’acqua salata e la bassa marea.

degli oceani, che circondano i conti-


nenti e sono molto profondi, e dei ma-
ri, parzialmente confinati dalle terre e
meno profondi.
Le acque del mare, come abbiamo vi-
sto, modellano il paesaggio costiero e influenzano il cli-
ma e le attività dell’uomo. Le acque del mare sono sempre
in movimento: in profondità le correnti marine, simili a
dei fiumi sottomarini, possono essere calde o fredde; in
superficie le onde sono determinate dall’azione del vento;
le maree, infine, sono degli innalzamenti e abbassamen-
ti periodici del livello del mare determinati dall’attrazio-
ne esercitata dalla Luna e dal Sole (1).
La costa, o litorale, è il paesaggio di confine tra la terra-
ferma e il mare; essa può essere rocciosa, se è il risultato
dello sgretolamento delle rocce e si presenta molto fra- di sabbia o di ghiaia fine modellate dal movimento delle
stagliata, oppure sabbiosa, quando è formata dal deposito onde, che distribuiscono lungo la costa rettilinea i sedi-
di detriti lasciati da un fiume e presenta un andamento menti portati dai fiumi. Le spiagge sono anche modella-
lineare. In base al territorio che si affaccia sul mare la te dall’azione dei venti che, spostando la sabbia, formano
costa può essere alta o bassa. piccole colline, le dune.
La costa alta si trova quando le catene montuose sorgo- Di fronte alla costa e in mare aperto possono emergere
no nei pressi del mare; a volte si protendono verso il lar- le isole, porzioni di terra completamente circondate dalle
go dando luogo ai promontori, che racchiudono golfi e acque, di dimensioni e forme diverse. Un gruppo di iso-
insenature più piccole; le penisole sono promontori di le vicine viene chiamato arcipelago (3). Le piccole iso-
grande estensione. Nel Nord Europa la costa alta prende le completamente rocciose si chiamano scogli; quelli più
il particolare aspetto di costa a fiordi, lunghe insenature grandi e alti si dicono faraglioni.
con versanti a picco sul mare; i fiordi, caratteristici del- La sabbia può formare delle lagune, cioè degli specchi
la Penisola Scandinava, sono antiche valli glaciali allaga- d’acqua separati dal mare aperto dai lidi, isole rettilinee
te dal mare. Lungo le coste dell’Oceano Atlantico, invece, interrotte dalle bocche di laguna, che permettono la co-
si possono ammirare le falesie, ripide scogliere con pareti municazione con il mare.
rocciose che scendono a picco sul mare (2).
Le coste basse sono caratterizzate dalle spiagge, distese Es. 5-6 pagg. 99-100

2 Le falesie di Étretat, in Francia. 3 Veduta aerea dell’Arcipelago di La Maddalena, in Sardegna.

74
I paesaggi della geografia Unità 3

........................................
........................................
........................................

........................................

........................................
........................................

........................................
........................................
........................................

........................................
........................................

........................................

........................................

........................................

........................................

Osserva e descrivi
1. Colloca nell’illustrazione i termini geografici propri del paesaggio costiero.
2. Osserva le fotografie e spiega con le tue parole che cosa è:
• una falesia ....................................................................................................................................................................................................................................
• un arcipelago ..............................................................................................................................................................................................................................
3. Descrivi quali sono gli effetti dell’alta e della bassa marea sulle coste dell’Atlantico (Mont Saint Michel).

75
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia

Le coste e i mari europei


e italiani
Il continente europeo è una peniso-
la bagnata su tre lati dal mare: a nord
dal Mar Glaciale Artico, a nord-ovest
dall’Oceano Atlantico, a sud dal Mar
Mediterraneo. Questi mari formano
bacini minori penetrando tra le co-
ste, ricche di golfi e insenature, del
territorio europeo.
Il Mar Glaciale Artico, suddiviso
nel Mar di Barents e nel Mar Bian- 1 Fiordo nei pressi di Geiranger, in Norvegia.
co, lambisce le coste più settentrio-
nali dell’Europa, che sono piatte e ghiacciate per quasi scono la parte occidentale della Penisola Italiana, il Mar
tutto l’anno. Adriatico e il Mar Ionio la parte orientale d’Italia e le
L’Oceano Atlantico, con il suo bacino del Mar di Nor- coste della Penisola Balcanica, mentre il Mar Egeo ba-
vegia, bagna la Norvegia e l’Islanda. Attraverso il Ca- gna la Grecia e la Turchia. In Italia e nel sud della Peni-
nale della Manica comunica con il Mare del Nord, che sola Iberica coste rocciose si avvicendano a coste sabbio-
lambisce i litorali settentrionali delle isole britanniche. In se (2), mentre i litorali della Penisola Balcanica sono per
questi mari le coste si presentano alte, frastagliate, ricche lo più rocciosi.
di fiordi (1) e con tante piccole isole. Sul Mar Baltico, in- Il Mediterraneo, come dice il suo nome, è un mare chiuso
vece, le coste sono basse e paludose; in alcuni tratti dei tra le terre, che comunica a occidente con l’Atlantico at-
Paesi baltici, della Polonia e della Finlandia sono presen- traverso lo Stretto di Gibilterra, a est con il Mar di Mar-
ti anche stagni costieri e lagune. Spostandoci verso occi- mara e il Mar Nero, attraverso lo Stretto di Dardanelli e
dente, sul Canale della Manica, i litorali sono per lo più il Bosforo (3). A sua volta il Mar Nero comunica con un
alti e rocciosi, caratterizzati dalle falesie. Attraversando piccolo mare, il Mar d’Azov.
la Manica, le coste occidentali della Francia e quelle set- Le principali isole europee sono nell’Oceano Atlantico,
tentrionali della Penisola Iberica circoscrivono il Golfo di dove si trovano la Gran Bretagna, l’Irlanda e l’Islanda.
Biscaglia; la sezione francese presenta litorali bassi e sab- Altre isole importanti sono situate nel Mar Mediterraneo:
biosi, mentre la parte spagnola, ricca di baie e promonto- la Corsica, la Sardegna, la Sicilia, Malta, Creta e Cipro.
ri, va inasprendosi nella regione della Galizia, dove si tro- L’Italia è ricca anche di isole minori e di arcipelaghi; nel
vano le rias, insenature profonde simili ai fiordi. Mar Adriatico si trovano le Isole Tremiti, in Sicilia le Pe-
Procedendo verso sud, il Mar Mediterraneo forma nu- lagie, le Egadi e le Eolie. Gli arcipelaghi principali sono
merosi mari minori che bagnano le coste meridiona- quello toscano con l’isola d’Elba e quello campano con le
li dell’Europa: il Mar Ligure e il Mar Tirreno lambi- Isole Ponziane, Ischia e Capri.

2 Costa sabbiosa nei pressi di Tarifa, in Andalusia, Spagna.


Usa gli strumenti
1. Osserva la carta delle coste ita-
liane e quella delle coste euro-
pee e rispondi alle domande.
• Come vi sono diversamente
classificate le coste?
• Dove si trovano coste basse e
paludose in Italia?
• Dove puoi ipotizzare che se ne
trovino in Europa?
2. Che cosa mette in evidenza la
cartina dell’Europa a pag. 77?
Scrivi un breve commento.

76
I paesaggi della geografia Unità 3

Mar Glaciale Artico


Mar
coste alte di Barents
coste basse

Mar Bianco
Mar
di Norvegia
Oceano Atlantico

Mare
del Nord
Mar
Baltico

Canale della Manica

Golfo di Mar d’Azov


Biscaglia Mar
Caspio

Mar Nero
M

Mar
ar
A

Ligure
dr

Mar
ia
tic

di Marmara
o

Bosforo
Mar
Stretto di Tirreno Stretto dei
Gibilterra Dardanelli

Mar
Ionio

Mar Egeo
Mar Mediterraneo
Le coste e i mari europei.

alte e rocciose
basse e sabbiose
basse e lagunari
basse e paludose

Mar Ligure
Gorgona
Capraia
Mar Adriatico
Elba Isole
Pianosa Tremiti
Montecristo
Arcipelago Giglio
Toscano

La Maddalena
Asinara
Caprera Isole
Ponziane
Ischia
Arcipelago Capri
Campano

Mar Tirreno
Isole Eolie
San Pietro o Lipari Stromboli
Ustica Filicudi Salina
Sant’Antioco Lipari
Alicudi Mar Ionio
Vulcano
Isole Egadi
Marettimo
Favignana

Le coste, i mari e gli


Pantelleria
arcipelaghi italiani. 3 Lo stretto del Bosforo nei pressi di Istanbul, in Turchia.

77
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia

Come cambiano i paesaggi Altri eventi catastrofici, come i terremoti e i maremoti,


Oltre a montagne, colline, pianure, fiumi, laghi e mari, possono modificare profondamente il territorio.
può accadere che nel territorio vi siano dei vulcani. Il Il terremoto, o sisma, è una vibrazione della crosta ter-
vulcano è una spaccatura della crosta terrestre attraver- restre provocata da movimenti che avvengono all’interno
so la quale fuoriescono materiali solidi, liquidi e gasso- della Terra (3). Il punto nel quale si origina il terremoto è
si presenti all’interno del pianeta. Il suo aspetto è simile l’ipocentro: da qui si propagano le onde sismiche che rag-
a quello di una montagna con la cima arrotondata, termi- giungono anche la superficie. Il punto in superficie nel qua-
nante con un’apertura, il cratere, dalla quale fuoriescono le si avverte maggiormente il terremoto è l’epicentro (4).
i materiali incandescenti. L’intensità di un terremoto, cioè i suoi effetti sul territorio
Al suo interno il vulcano ha una cavità, il camino vulca- e i suoi abitanti, si misura in gradi con la Scala Mercalli.
nico, che collega la camera magmatica al cratere. Nel- L’energia liberata dal sisma, cioè la magnitudo, si misura
la camera magmatica si accumula la roccia fusa prove- invece con la Scala Richter (5).
niente dal centro della Terra e, quando questa non riesce Il maremoto genera onde di dimensioni eccezionali ed è
più a contenerla, avviene l’eruzione: il materiale incan- causato da terremoti o eruzioni vulcaniche che avvengo-
descente risale il camino vulcanico e fuoriesce dal cra- no sotto la superficie marina.
tere sottoforma di lava (liquida), cenere e lapilli (solidi), L’erosione, a differenza delle eruzioni vulcaniche o dei
gas e vapori (1) (2). Un’eruzione vulcanica provoca enor- terremoti, è un fenomeno non violento e improvviso, ma
mi cambiamenti al paesaggio circostante, sia immediata- continuo e costante. Alcuni agenti naturali, come il vento,
mente, bruciando la vegetazione, sia in seguito, quando la la pioggia, l’acqua dei fiumi e dei mari, il ghiaccio agisco-
lava solidifica. no sulla parte più esterna del paesaggio erodendolo, cioè
consumando e rimodellando il terreno o le rocce. Il mate-
Glossario riale asportato viene poi depositato altrove, dove si sedi-
Crosta terrestre: è lo strato più esterno della Terra; si spinge fino a
35-40 km circa di profondità.
mentano nuovi strati di terreno. In questo modo si forma-
no, ad esempio, le pianure. Questo fenomeno si chiama,
appunto, sedimentazione.
gas e vapori Le aree maggiormente soggette a fenomeni di erosione
sono più esposte alle frane, ossia la discesa a valle di ma-
cenere e lapilli teriale roccioso distaccatosi da rilievi, e alle alluvioni,
cioè lo straripamento di fiumi a causa di forti piogge (6).
cratere
Es. 7 pag. 100

1 Spaccato di 2 Fuoriuscita di vapori dal vulcano Etna, in Sicilia.


un vulcano. camino vulcanico

lava

camera magmatica

78
I paesaggi della geografia Unità 3

3 Il territorio italiano, geologicamente gio-


vane e ancora in assestamento, è stato più
volte colpito da gravi eventi sismici: dal terre-
moto di Messina e Reggio Calabria del 1908,
in cui si contarono 130 000 morti (7,2 Richter,
XI-XII Mercalli), al terremoto del 1976 in Friuli
con 989 morti (6,4 Richter, X Mercalli), fino al
terremoto de L’Aquila del 2009.
Qui si è registrata una serie di eventi sismi-
ci che ha avuto il suo apice il 6 aprile 2009 alle
ore 3:32. La scossa principale è stata regi-
strata dai sismologi in 6,3 gradi Richter e VIII-
IX gradi della scala Mercalli e ha causato 308
morti, 1 500 feriti e 65 000 sfollati circa.

4 Schema di un terremoto.

Lavora sul testo


Rispondi alle seguenti domande.
1. Di quali elementi è composto
un vulcano?
2. Che cos'è un terremoto?
3. Che cosa sono le scale Richter
e Mercalli?
4. L'erosione è un fenomeno in
aumento? Perché?

6 Il 1° ottobre 2009 un violento nubifra-


gio ha colpito l’area di Messina. Una frana ha
quasi completamente sommerso la frazione di
Gianpilieri Superiore, creando danni a edifici e
strade e numerose vittime e dispersi.

onde sismiche

epicentro
ipocentro

5 Le scale sismiche e i loro effetti.

Scala Richter Scala Mercalli Effetti


(magnitudo) (intensità)

2,5 I Registrato solo dagli strumenti


2,5 - 5,4 II - VI Avvertito
5,5 - 6,0 VII Danni lievi alle strutture
6,1 - 6,9 VIII - IX Moderatamente distruttivo
7,0 - 7,9 X Gravemente distruttivo
8 XI - XII Totalmente distruttivo

79
Capitolo 2 Conoscere i paesaggi
umani
Il paesaggio rurale I campi in cui si coltivano piante annuali, cioè quelle che
Le caratteristiche del paesaggio sono il risultato, come completano il proprio ciclo vitale in un anno, come grano,
abbiamo già ricordato, dell’interazione fra l’uomo e il suo mais, soia, orzo, barbabietole, sono detti seminativi.
ambiente. In questo senso non esistono paesaggi «natura- I campi sono lasciati a riposo e concimati in inverno,
li», ma solo paesaggi più o meno antropizzati. quindi arati e predisposti alla semina; nella stagione più
Così l’uomo ha trasformato il territorio della campagna opportuna, il periodo varia a seconda della coltura, si pro-
per renderlo adatto alla produzione agricola, cioè alla col- cede al raccolto. Sul medesimo campo si alternano colti-
tivazione di piante alimentari o di frutti utili alla lavora- vazioni da un anno all’altro, attuando la cosiddetta rota-
zione industriale. zione, per favorire la fertilità del terreno.
Il paesaggio rurale assume caratteristiche diverse a se- Si definiscono colture legnose le coltivazioni di alberi
conda del tipo di produzione agricola e anche in base al permanenti, cioè i frutteti. La Renania, la regione attra-
tipo di insediamento umano. In Europa troviamo in pre- versata dal Reno, è rinomata per i vigneti; le piante della
valenza i grandi allevamenti, le colture cerealicole e le vite sono disposte in filari, tra i quali rimane uno spazio
colture mediterranee. di due o tre metri per facilitare le operazioni di potatura,
Il paesaggio agricolo è molto vario e cambia a seconda irrigazione e raccolta dell’uva (1).
del tipo di coltura praticata: ciò dipende fondamental- Alcuni terreni sono utilizzati per coltivare alberi d’alto
mente dal clima, dall’altitudine e dal tipo di suolo. fusto: le piante sono disposte in file ordinate e, quando
Una differenza di base è quella tra policoltura e mono- sono cresciute abbastanza, vengono tagliate per ottene-
coltura. Con la prima si intende la coltivazione di diverse re legname.
specie di piante in piccoli appezzamenti di terreno, appar- Le coltivazioni hanno necessità di acqua, perciò gli uo-
tenenti per lo più alla stessa azienda agricola e destinate mini hanno costruito degli impianti di irrigazione (2)
al consumo della popolazione locale. Nel caso della mo- che permettono di irrigare i campi. Una fitta rete di ca-
nocoltura, invece, vaste zone di territorio vengono adibite nali e fossi attraversa la campagna coltivata e consente
alla coltivazione intensiva di un’unica specie vegetale, al di regolare l’afflusso dell’acqua per mezzo di chiuse, ov-
fine di produrre di più e con poco scarto. vero uno sbarramento artificiale del corso d’acqua. I con-
Si parla di agricoltura intensiva quando è praticata su tadini, poi, spruzzano l’acqua sulle coltivazioni per mez-
aree di scarsa estensione, sfruttando al massimo le poten- zo di idranti fissi o mobili.
zialità del terreno e le tecnologie di lavorazione; l’agri- Le zone meno adatte alle coltivazioni sono lasciate a prato,
coltura estensiva, invece, è praticata su aree molto este- cioè non vengono coltivate in modo che vi cresca sponta-
se, utilizzando pochi investimenti e macchinari; spesso neamente l’erba. I prati sono tagliati quando l’erba è abba-
una parte di campo non viene coltivata per un anno e la- stanza alta per produrre il foraggio per il bestiame. I pasco-
sciata a riposo (maggese). li sono i terreni in cui si lasciano pascolare gli animali.
Nelle pianure coltivate solo aree poco estese sono anco-
1 Filari in un vigneto nel Centro Italia. ra occupate da boschi naturali. I boschi, tuttavia, posso-
no essere coltivati: gli alberi sono disposti in file ordina-
te e occupano la superficie regolare di un appezzamento
di terreno, dove non esiste il sottobosco. I boschi coltivati
forniscono cellulosa (pioppeti) o materia prima per pro-
durre pellet (combustibile di legno pressato).
Glossario
Cerealicolo: relativo alla coltivazione dei cereali (grano, riso, orzo,
mais ecc.).
Idrante: apparecchio per l'erogazione dell'acqua.

80
I paesaggi della geografia Unità 3

........................................

........................................

........................................

........................................
........................................

........................................

........................................

Lavora sul testo


1. Sottolinea nel testo la definizione
di policoltura e monocoltura, poi
spiega i due termini con parole
tue al compagno o alla compagna
di banco.
2. Che cosa si intende con agricol-
tura intensiva? E con agricoltura
estensiva? Spiega con le tue pa-
role i due termini.
3. Conosci sul tuo territorio o altro-
ve qualche esempio di agricoltura
intensiva o estensiva? Citalo e
descrivine il funzionamento.
2 Sistema artificiale di irrigazione in una coltivazione di granoturco, in Veneto.

81
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia

1 Insediamenti isolati nella campagna toscana.

Insediamenti ed edifici rurali Nei territori rurali, la popolazione vive in abitazioni di ti-
Per quanto riguarda gli insediamenti, la popolazione rurale po tradizionale o in case moderne. Le case di campagna
vive generalmente in case sparse tra i campi (insediamento tradizionali cambiano nome e caratteristiche architetto-
sparso (1)) oppure in villaggi, anche di grosse dimensioni niche a seconda dell’area geografica in cui si trovano. In
(insediamento accentrato (2)). La scelta del tipo di insedia- Italia le più diffuse sono la cascina, la masseria e il po-
mento dipende da fattori storici, ambientali e produttivi. dere, per quanto riguarda i territori pianeggianti e colli-
L’insediamento sparso è sorto in aree ricche di terreni nari (3); la baita, la casera, il maso e la casa Walser, per
favorevoli alle attività agricole e di fonti idriche. È il tipo le dimore rurali di montagna (4).
di insediamento preferito dai coltivatori e dagli allevatori In generale tutte le abitazioni rurali tradizionali hanno
proprietari dei terreni agricoli, che amano vivere in abi- spazi sia per la vita quotidiana delle famiglie dei conta-
tazioni isolate e distribuite nella campagna. dini sia per riporre gli attrezzi, le macchine agricole e i
L’insediamento accentrato, invece, è sorto generalmen- prodotti della coltivazione.
te nelle aree con pochi terreni fertili
e laddove c’era la necessità di utiliz-
zare al meglio le scarse e concentra-
te risorse idriche. In passato, vivere
insieme in un villaggio consenti-
va agli abitanti di risparmiare spa-
zio e di difendersi più efficacemente
dai nemici esterni. Inoltre, l’insedia-
mento accentrato è tipico delle aree
popolate da contadini senza terreni
di proprietà, che si radunavano nei
villaggi spesso distanti dai campi di
lavoro.
Il latifondista è l’unico proprietario
di una grande estensione di terreno
che viene coltivato da braccianti, la-
voratori agricoli stipendiati; il mez-
zadro è un contadino libero di col-
tivare ciò che preferisce pagando al
proprietario l’affitto del terreno con
una parte del raccolto. 2 Villaggio tra le colline marchigiane. Esempio di insediamento accentrato.

82
I paesaggi della geografia Unità 3

3 Cascina della Pianura Padana circondata da campi coltivati.

4 Casa Walser in Valle d’Aosta.

La stalla invece è l’ambiente in cui


si ricoverano gli animali da alleva-
mento (ovini e bovini) (5). Il man-
gime per il bestiame e il raccolto dei
campi vengono conservati nei fienili
o nei silos (6).
Nelle case rurali moderne, gli am-
bienti destinati alle famiglie e quelli
destinati al lavoro agricolo o all’al-
levamento sono separati. Pertanto
le abitazioni assomigliano a villette,
mentre gli edifici di servizio hanno
l’aspetto di capannoni.

Es. 8 pag. 100 5 Una stalla di bovini.

Osserva e descrivi
1. Osserva le immagini a pag. 82
e completa le seguenti defini-
zioni:
• Insediamento accentrato
.....................................................................

.....................................................................

.....................................................................
• Insediamento sparso
.....................................................................

.....................................................................

.....................................................................
2. Descivi un insediamento rurale
utilizzando le parole seguenti:
stalla, silos, fienili, cascina, mas-
6 Un silos destinato a immagazzinare fieno. seria, maso.

83
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia
........................................

Il paesaggio urbano
La caratteristica del paesaggio urbano è la città, che con-
centra popolazione, edifici e infrastrutture in uno spa-
zio limitato. In Europa le città sono diffuse in tutte le re-
gioni e solitamente hanno una storia molto antica, che
può essere ricostruita attraverso lo studio dei tracciati
stradali e delle originali forme dell’insediamento.
Il centro storico costituisce la parte antica della città,
entro la quale si conservano i monumenti più prestigio-
si dal punto di vista storico e artistico. Gran parte dei
centri storici sono delimitati dalle mura, spesso ancora ........................................
oggi visibili in molte città; sulle mura si aprivano porte
che consentivano l’entrata e l’uscita ed erano facilmente
difendibili (1).
Le strade hanno la funzione importante di gestire il
passaggio di persone e veicoli, permettendo lo sposta-
mento da un luogo a un altro o l’attraversamento di una
zona della città. Si possono quindi distinguere in strade
di veloce percorrenza, che raccordano i quartieri, e stra-
de interne, solitamente provviste di marciapiedi per il
transito dei pedoni.
La periferia è la parte moderna e residenziale della cit- ........................................
tà: i suoi edifici e le sue strade sono stati costruiti per le
esigenze della popolazione urbana, perciò i palazzi sono
a più piani (condomini) e le strade hanno spazi riserva- ........................................
ti per il posteggio delle auto. La periferia si estende am-
piamente sulle aree che circondano il centro storico e
presenta zone commerciali, con strutture specializzate
nella vendita di prodotti e in attività ricreative (negozi,
centri commerciali, cinema, palestre ecc.), e zone indu-
striali, che concentrano luoghi di produzioni artigiana-
le e industriale (2).
I parchi cittadini sono spazi verdi, più o meno vasti,
che consentono agli abitanti un contatto con la natura
all’interno della città. Possono avere strutture con gio-
chi per bambini, piste ciclabili, aree recintate per cani,
zone ristoro ecc.
A Torino, lungo il Po, si trova il Parco del Valentino,
una vastissima area verde (450 000 m 2) che comprende
un orto botanico, il Castello e il Borgo Medievale. Dal
Valentino è possibile prendere il battello e fare una gita
lungo il Po, alla scoperta delle bellezze del tratto torine-
se del Parco Fluviale del Po (3).

Glossario
Infrastruttura: elementi che rispondono a particolari esigenze
dell’uomo, come strade, autostrade, ferrovie, gasdotti, oleodotti, ac-
quedotti, canali, fognature, reti di comunicazione ecc.
1 Porta Maggiore a Roma.

84
I paesaggi della geografia Unità 3
........................................

........................................

2 Vista aerea di una moderna zona industriale.

Osserva e descrivi
........................................ 1. Colloca nell’illustrazione i ter-
mini geografici propri del pae-
saggio urbano.
2. Cerca sul testo la definizione di
città e completala con parole
tue.
3. Descrivi, a tua scelta, la città in
cui abiti o una città che cono-
sci o una città immaginaria in
........................................
cui ti piacerebbe vivere. Utiliz-
........................................
za nel tuo testo i seguenti ter-
mini: centro storico, periferia, in-
frastrutture, parchi cittadini, per-
correnza veloce, zona commer-
ciale/industriale.

3 Castello medievale nel Parco del Valentino, a Torino.

85
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia

Tipi di città Lo sviluppo delle aree circostanti al centro storico può


Fin dall’antichità gli esseri umani hanno avvertito l’esi- avvenire in modi differenti:
genza di riunire le loro abitazioni in centri di dimensioni sviluppo concentrico: intorno al centro storico si distri-
sempre maggiori: così potevano, ad esempio, accentrare buisce l’area residenziale, a sua volta circondata da quel-
le mansioni politiche, militari, commerciali e religiose di la industriale;
un territorio più o meno vasto in un unico luogo. sviluppo a zone: le zone residenziali e industriali si ir-
Il ruolo primario che assumeva così un piccolo centro ur- radiano dal centro storico in modo vario, a seconda delle
bano rispetto ad altri villaggi o insediamenti, è un incon- esigenze della città e della conformazione del territorio;
fondibile elemento ereditato dalla cultura e dall’organiz- sviluppo policentrico: comprende più centri storici vi-
zazione sociale e politica dell’antica Roma. Le principali cini che hanno sviluppato zone residenziali e industria-
città romane erano tutte sedi dell’amministrazione stata- li comuni. (5).
le, avevano un presidio militare, templi e depositi per con-
servare le merci. Dal punto di vista urbanistico erano do- In base alla loro estensione e alla loro importanza territo-
tate di acquedotti, sistema fognario, strade, piazze, terme, riale, gli insediamenti urbani possono distinguersi in:
teatri, botteghe di ogni tipo (1). metropoli: la più importante città di una regione o di un
Con la caduta dell’impero romano d’occidente (476 d.C.), Paese, caratterizzata da una vasta estensione e un alto nu-
le città furono inizialmente abbandonate a vantaggio dei mero di abitanti (intorno al milione);
villaggi rurali, per poi ripopolarsi a partire dal X secolo, megalopoli: insieme di città e di aree metropolitane che
quando le mura cittadine ospitarono nuovamente la sede supera complessivamente 25 milioni di abitanti, collega-
di funzioni politiche, economiche, culturali e militari. te fra loro da attività economiche comuni e fitte vie di co-
Le città medievali, pur essendo poco più grandi di un vil- municazione;
laggio, esercitarono un ruolo centrale per la vita del ter- conurbazione: spazio urbano costituito da città autono-
ritorio: favorirono le attività commerciali e artigianali e me confinanti unite l’una all’altra in seguito a una grande
attirarono dalla campagna molti contadini che volevano espansione. Mainz e Wiesbaden, città sulle rive opposte
riscattarsi dalla servitù della gleba per poter vivere e lavo- del Reno, si sono nel tempo dilatate, fondendosi in una so-
rare liberamente. Si fondarono le università: la conoscen- la grande area urbana (6).
za fece molti progressi nei diversi campi del sapere, le ar-
ti e le professioni si svilupparono, dando origine alla così Es. 9-10 pag. 101
detta «cultura urbana».

Le città possono essere distinte in tre


tipologie in base alla loro forma:
a pianta concentrica: le vie prin-
cipali partono da un centro comu-
ne (la piazza) e sono incrociate da
vie circolari di lunghezza maggio-
re man mano che si allontanano dal
centro (2);
a scacchiera: una serie di vie paral-
lele ne incontrano altre formando un
reticolo di quadrati e rettangoli (3);
a pianta lineare: tipica delle città
di mare, in cui le strade si svilup-
pano parallelamente al profilo del-
la costa (4).

Glossario
Area metropolitana: area che gravita
intorno a una metropoli.
1 Plastico della città di Roma in età imperiale.

86
I paesaggi della geografia Unità 3

2 Pianta concentrica (Chiari, Lombardia). 3 Pianta a scacchiera (Torino, Piemonte). 4 Pianta lineare (Falconara Marittima,
Marche).

5 Tipologie di sviluppo delle aree intorno al centro storico.

sviluppo concentrico

sviluppo a zone

6 Carta stradale di Mainz e Weisbaden, unica area urbana.


sviluppo policentrico

Lavora sul testo


1. Associa questi tre periodi storici, Impero Romano,
Alto Medioevo, Basso Medioevo, a:
• decadenza del ruolo delle città;
• sviluppo del ruolo delle città;
• rinascita delle città e affermazione della cultura
urbana.
2. Ricerca sul testo le definizioni di metropoli, mega-
lopoli, conurbazione. Poi riformula con parole tue,
centro storico sottolineando somiglianze e differenze.
zona residenziale 3. Osserva le foto aeree dei diversi tipi di città. A quale
zona industriale tipo di pianta assomiglia di più la città in cui abiti?

87
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia

Le attività economiche
L’economia è la scienza che studia le
attività dell’uomo volte allo sfrutta-
mento delle risorse e alla produzione
e distribuzione di beni e servizi.
Le attività economiche vengono sud-
divise in tre settori, strettamente col-
legati tra loro: settore primario, se-
condario e terziario.

Settore primario: così sono defini-


te le attività dell’uomo che utilizzano 1 Raccolta dell’uva.
direttamente le risorse naturali. Ne
fanno parte l’agricoltura (1), l’allevamento (2), la pesca, Settore terziario: comprende tutte le attività che si oc-
lo sfruttamento delle risorse boschive (silvicoltura) e cupano della distribuzione dei prodotti finiti e di fornire i
l’estrazione di materie prime (minerali, gas e petrolio). servizi necessari all’economia e allo sviluppo di una na-
Queste attività si svolgono nei luoghi dove si trovano le ri- zione: i trasporti, il commercio, l’istruzione, la sanità, la
sorse (campagna, mare, giacimenti minerari), perciò sono sicurezza, la pubblica amministrazione, le banche, l’edi-
raramente localizzate nelle città. toria, il turismo ecc. (5).
Da qualche decennio il terziario è il settore economico
Settore secondario: così sono definite le attività che tra- più diffuso e con più occupati, tanto che si parla oggi an-
sformano le risorse naturali o i prodotti del settore pri- che del settore terziario avanzato, che raggruppa le atti-
mario in prodotti finiti. Ne fanno parte l’industria e l’ar- vità che si occupano di telecomunicazioni, ricerca scien-
tigianato. L’industria, a sua volta, si suddivide in molti tifica e informatica (6).
settori: tessile, chimico, meccanico, metallurgico, side- Fin dall’antichità e ancora oggi le città sono il luogo privi-
rurgico, alimentare, elettronico ecc. (3). legiato del settore terziario.
Anche l’artigianato realizza prodotti finiti ma, a differen-
za dell’industria, la lavorazione avviene in piccole botte- Es. 11-12 pag. 102
ghe a conduzione familiare o con po-
chi lavoratori. I prodotti artigianali,
però, essendo realizzati spesso a ma-
no e non prodotti in serie come nel-
le industrie, hanno maggiore qualità
e valore artistico (4).
Le fabbriche e i laboratori artigianali
sono localizzati nelle città, spesso in
apposite aree (zona industriale, zona
artigianale) ben collegate alle princi-
pali vie di comunicazione per poter
ricevere facilmente le materie prime
e spedire i prodotti finiti.

Glossario
Prodotto in serie: prodotto con sistemi in-
dustriali che consentono di riprodurre un
gran numero di esemplari, tutti identici, da
uno stesso modello.
2 Allevamento intensivo di polli.

88
I paesaggi della geografia Unità 3

4 Lavorazione artigianale del legno.

3 Industria metalmeccanica.

5 Biglietteria di un aeroporto.

Individua le relazioni
1. Osserva le immagini e individua per ciascuna il set-
tore di riferimento: primario, secondario, terziario,
terziario avanzato.
2. Abbina le seguenti attività al settore di appartenen-
za: informatica, trasporti, industria alimentare, estra-
zione petrolifera, industria siderurgica, silvicoltura, sa-
nità, editoria, pesca.
• Settore primario: .......................................................................
....................................................................................................................

• Settore secondario: ..................................................................


....................................................................................................................

• Settore terziario: ........................................................................

....................................................................................................................

• Settore terziario avanzato: ..................................................

....................................................................................................................
6 Ricercatrice al microscopio elettronico.

89
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia

Trasporti e comunicazioni Telecomunicazioni


Persone e merci hanno bisogno delle vie di comunicazione Con il termine telecomunicazioni si intendono le for-
per poter circolare da un Paese all’altro in tutto il mondo. me di comunicazione a distanza. Oggi, grazie alle teleco-
Oggi le vie di comunicazione, di terra, d’aria e d’acqua, municazioni, è possibile creare una fitta rete informativa
sono molto sviluppate, specie nei Paesi più industrializzati, che mette in contatto in tempi rapidissimi persone in ogni
e coprono buona parte della superficie terrestre. parte del mondo.
Alla posta, al telegrafo, alla radio, al telefono, al fax e
Vie di terra: strade e ferrovie sono molto diffuse e sono alla televisione si sono aggiunti negli ultimi anni i tele-
le vie di comunicazione più usate, specie per tragitti brevi foni cellulari e internet, mentre nuove forme di comuni-
o di media lunghezza. cazione sempre più all’avanguardia sono oggetto di stu-
La rete stradale, esistente in Europa già ai tempi degli dio e ricerca (3).
antichi Romani, è composta da strade, superstrade e au- La trasmissione di segnali a distanza può avvenire, come
tostrade, ed è molto sviluppata nei Paesi più industria- per la radio, la televisione e il telefono, tramite l’invio di
lizzati, ma è anche la causa dell’eccessivo numero di au- un segnale elettromagnetico da un trasmettitore elettrico
tomezzi in circolazione, che determinano alti livelli di a un’antenna ricevente. Oggi la trasmissione avviene tra-
inquinamento. mite satelliti artificiali in orbita nello spazio, che invia-
Le ferrovie, nate in Inghilterra all’inizio del XIX secolo, no il segnale alle antenne paraboliche, oppure grazie alle
presentano il vantaggio di essere molto meno inquinanti e fibre ottiche, che permettono il passaggio di un’enorme
stanno oggi conoscendo un nuovo sviluppo grazie alle li- mole di dati attraverso sottili cavi.
nee ad alta velocità, che permettono di raggiungere i prin-
cipali centri urbani in minor tempo rispetto al passato.

Vie d’aria: il settore del trasporto aereo sta vivendo ne-


gli ultimi anni uno sviluppo notevole: i collegamenti ae-
rei sono sempre più frequenti e il numero degli aeropor-
ti sta crescendo in tutti i Paesi del mondo. Il trasporto
per via aerea è utilizzato soprattutto per le persone, me-
no per le merci dato il costo elevato. Gli aeroporti sorgo-
no in prossimità delle maggiori città anche se, a causa del
forte rumore, non possono essere collocati nei pressi dei
centri abitati (1).

Vie d’acqua: fiumi e mari costituiscono fin dal passato


un’importante via di comunicazione. Il trasporto fluviale 1 Pista di atterraggio dell’aeroporto di New York negli Stati Uniti.
è diffuso laddove i fiumi hanno grandi dimensioni e per-
mettono una buona navigabilità. Il trasporto marittimo, in
particolare per quanto riguarda le merci, è molto diffuso
in tutto il mondo. È un tipo di trasporto più lento rispetto
a quello aereo, ma permette di spostare quantità maggiori
di merci con costi inferiori. Attorno ai porti si sono svi-
luppati importanti centri abitati (2).

Es. 13 pag. 103

Glossario
Fibre ottiche: filamenti lunghi e sottili di materiale trasparente (pla-
stico o vetroso) che riescono a condurre grandi quantità di energia lu-
minosa o elettromagnetica.
2 Porto di Genova, attorno al quale è sorta la città.

90
I paesaggi della geografia Unità 3

........................................

........................................

........................................

........................................

........................................

Lavora sul testo


1. Quali mezzi sono più utilizzati per il trasporto di persone? Quali per le
merci? Spiega perché.
2. Abbina ciascuna delle seguenti caratteristiche ai diversi sistemi di co-
municazione, scrivendo se si tratta di reti stradali, reti ferroviarie, vie
d’aria o vie d’acqua.
• In Europa si sviluppano dal tempo dei Romani.
...........................................................................................................................................................
• Cominciano a funzionare in Inghilterra all’inizio del XIX secolo.
...........................................................................................................................................................
• L’eccesso di veicoli in circolazione innalza i livelli di inquinamento.
...........................................................................................................................................................

• Sorgono nei pressi delle grandi città, ma lontano dai centri abitati.
...........................................................................................................................................................
• Lungo il Reno e il Danubio si trasportano grandi quantità di merci.
...........................................................................................................................................................
3. Spiega che cosa sono le telecomunicazioni e indicane forme tradizio-
nali e recenti.
3 Internet è uno dei principali mezzi
di comunicazione di massa.
91
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia
Nel corso del tempo

I toponimi e i loro segreti


Dai toponimi, cioè nomi propri di
località, uno studioso attento e cu-
rioso può scoprire molto, perché que-
ste parole possono rivelare una parte
di storia dell’insediamento e farci ca-
pire perché gli abitanti di un territo-
rio hanno chiamato proprio così luo-
ghi e città.
Alcuni popoli hanno lasciato una te-
stimonianza della loro esistenza nei
nomi. Ai Celti, antica popolazio-
ne europea che venne poi sottomes-
sa dai Latini, dobbiamo ad esempio
il nome del fiume Reno (che in cel-
tico significa «sentiero»), delle Alpi
Pennine (da pennos, cioè «cima»), e Duomo di Milano.
di Milano (dal celtico Medhelanon,
poi in latino Mediolanum, cioè «pia- Allargando la ricerca in Europa si Forse la parola «città» è quella più
na di mezzo»). scopre l’origine latina della città in- usata dagli Europei per chiamare i
Rimanendo in Italia, troviamo nei glese di Chester, che fu fondata co- propri insediamenti nelle varie lin-
toponimi tracce di altri popoli: Na- me accampamento romano con il gue del continente: ciudad in spa-
poli denuncia l’origine greca della nome di Castra Devana, cioè «forti- gnolo, bourg in francese, burg in
città, poiché il nome deriva da Nea ficazione sul fiume Dee». Ancora più tedesco, grad in slavo. Troviamo in-
Polis, che significa «nuova città»; evidente l’origine romana di Köln fatti Ciudad Real (Città Reale) in
Caltanissetta deriva dall’arabo Qa- (Colonia), città tedesca sul Reno, che Spagna, Belgrado (da Beograd, cioè
lat-an-Nissa, che vuole dire «castel- venne fondata nel I secolo d.C. con il Città Bianca) in Serbia, Strasburgo
lo delle donne». nome di Colonia Agrippina. (Città delle strade) in Francia.

La Basilica o
moschea di Santa
Sofia a Istanbul.
Santa Sofia nasce co-
me chiesa cristiana,
poi nel corso della
storia è stata trasfor-
mata in moschea.
Oggi ospita un museo.

92
I paesaggi della geografia Unità 3

Nel corso del tempo


era un impero governato dagli zar
(imperatori); in quell’anno la popo-
lazione si ribellò e il Paese fu scon-
volto da anni di guerra civile. Nel
1924, dopo che i comunisti guidati
da Lenin sconfissero tutti gli avver-
sari, la Russia divenne Unione del-
le Repubbliche Socialiste Sovietiche
(URSS). I nuovi governanti comu-
nisti vollero cancellare il ricordo
dello zar Pietro dal nome della cit-
tà, che divenne Leningrado in me-
moria del capo del partito. Infi ne nel
1991, terminata l’esperienza comu-
nista, l’URSS tornò a essere Russia
e gli abitanti scelsero di tornare al
nome originario, San Pietroburgo,
per sottolineare la fi ne dell’Unione
Sovietica.
Una vicenda simile fu vissuta dagli
abitanti di Chemnitz, centro del-
la Sassonia, in Germania: la regio-
ne nel 1948 divenne parte della Re-
pubblica Democratica Tedesca, una
repubblica organizzata secondo i
principi del comunismo (le regio-
San Pietroburgo. La cattedrale della resurrezione di Cristo, fu eretta nel luogo in cui venne
ucciso in un attentato lo zar Alessandro II di Russia.
ni occidentali, invece, erano ammi-
nistrate dalla Repubblica Federale
Dai toponimi il geografo può anche I nomi, infine, testimoniano i cam- Tedesca). I governanti decisero di
scoprire le caratteristiche del pae- biamenti storici di grandi città: dedicare il nome della città a Karl
saggio, perché talvolta gli uomini as- l’odierna Istanbul (in Turchia) ven- Marx, filosofo ispiratore del comu-
segnarono nomi proprio osservando ne chiamata Bisanzio dai fondato- nismo, perciò Chemnitz divenne
le caratteristiche di un luogo. In Nor- ri greci nel VII secolo a.C.; l’impe- Karl Marx Stadt. Nel 1990, quando
mandia (in Francia) c’è Bois le Roi ratore Costantino la rifondò come l’esperienza comunista si concluse e
(Bosco del re) che ricorda le immen- Costantinopoli nel IV secolo d.C.; la Germania tornò a essere un uni-
se foreste della Francia settentriona- i Turchi, che conquistarono la città co Stato, gli abitanti decisero di ri-
le; Amsterdam, la capitale dei Pae- nel 1453, leggevano Costantinopoli prendere a usare ufficialmente il no-
si Bassi, deve il suo nome alle dighe, in modo diverso e dalla loro pronun- me di Chemnitz.
poiché significa «diga sul fiume Am- cia deriva l’attuale nome.
stel»; le città universitarie inglesi di Ancora più significativa la storia di
Oxford e Cambridge in passato era- San Pietroburgo (Russia), che ven- Conosci il territorio
no luoghi di attraversamento di fiu- ne fondata con questo nome dal- A che cosa è legato il nome delle
mi, infatti Oxford vuol dire «guado lo zar Pietro il grande nel 1703. Nel città capoluogo della tua Provin-
di buoi», mentre Cambridge «ponte 1914 i russi entrarono in guerra con cia e della tua Regione? Ai popoli
sul fiume Cam». Altro luogo di tran- la Germania, perciò cambiarono il che le hanno fondate, alle carat-
teristiche del paesaggio, oppure a
sito era di certo il villaggio di Sta- nome in Pietrogrado, sostituendo la
particolari vicende storiche? Pro-
re Darogi, cioè «antiche strade», al parola di origine tedesca burg con va a scoprirlo con una ricerca.
confine tra Ucraina e Bielorussia. lo slavo grad. Fino al 1917 la Russia

93
La boratorio Scrivere una didascalia
La geografia è la scienza che descrive il territorio e individua gli interventi dell’uomo su di esso, perciò una delle ope-
razioni fondamentali del geografo consiste nell’indicare con termini precisi gli elementi del paesaggio.
Questo laboratorio ti guiderà a scrivere didascalie di paesaggi e a comprenderne l’importanza.

Leggere i dati
Osserva con attenzione le quattro fotografie riportate sotto ed elenca mentalmente gli elementi del
territorio che vedi raffigurati.

1 2

3 4

Elaborare e interpretare i dati


Associa ognuna delle fotografie che hai appena osservato con il tipo di paesaggio che raffigura.
Scrivi il numero della fotografia nella casella corrispondente.
paesaggio marittimo paesaggio montano paesaggio fluviale
paesaggio rurale paesaggio urbano paesaggio industriale

94
I paesaggi della geografia Unità 3

Laboratorio
Scegli tra i termini elencati quel-
Montagna, vetta, versante, massiccio montuoso, catena montuosa, valle a U, valle
li che ti possono servire per de-
a V, ghiacciaio, collina, pianura, costa alta, costa bassa, scogliera, golfo, insena-
scrivere i paesaggi rappresen-
tura, spiaggia, promontorio, fiordo, falesia, isola, arcipelago, laguna, lido, foce a
tati dalle foto.
delta, estuario, letto, torrente, portata, magra, piena, alto corso, basso corso, ca-
Scrivi nella casella corrispon-
scata, meandro, lago, immissario, emissario, affluente, confluenza, bacino idro-
dente le parole da te scelte (una
grafico, insediamento sparso, insediamento accentrato, cascina, masseria, pode-
parola può essere scelta anche
re, silos, stalla, fienile, colture legnose, vigneti, canali, fossi, chiuse, seminativi,
per più immagini).
prati, pascoli, boschi, strade, centro storico, periferia, quartieri residenziali, aree
commerciali, aree industriali, parchi.

Paesaggio Termini selezionati


..........................................................................................................................................................................................................................

..........................................................................................................................................................................................................................

..........................................................................................................................................................................................................................

..........................................................................................................................................................................................................................

..........................................................................................................................................................................................................................

..........................................................................................................................................................................................................................

..........................................................................................................................................................................................................................

..........................................................................................................................................................................................................................

Ora scegli una delle quattro


L’immagine raffigura un paesaggio (indica se è un paesaggio montano, fluviale,
foto, rileggi le parole che hai
selezionato e scrivi una dida- urbano, rurale…) ..........................................................................................................................................
scalia facendo attenzione a Presenta degli elementi naturali, come (descrivi gli elementi naturali del paesag-
descrivere il territorio rap- gio, iniziando dalla visione generale per arrivare a descrivere i particolari)
presentato, a individuare gli .................................................................................................................................................................................
interventi dell’uomo e a uti-
.................................................................................................................................................................................
lizzare i termini appropria-
ti. Per aiutarti a organizza- .................................................................................................................................................................................
re il discorso segui lo sche- L’uomo ha trasformato il paesaggio costruendo (inizia a descrivere gli elementi
ma proposto: fai attenzione ai antropici più evidenti nella foto - strade, città, capannoni - per poi illustrare gli in-
suggerimenti e completa il te-
terventi meno evidenti) .............................................................................................................................
sto della didascalia.
.................................................................................................................................................................................

................................................................................................................................................................................

La b + Trasferire e verificare i dati


Ora sei un vero geografo! Prova a scrivere la didascalia di una fotografia del luogo in cui vivi usan-
do lo schema proposto (per reperire l’immagine puoi fare riferimento alle indicazioni contenute
nel Laboratorio dell’Unita 1).

Ricostruire e sintetizzare le conoscenze


Sintetizza in un breve testo scritto l’attività che hai svolto e spiega con parole tue l’importan-
za delle didascalie nella descrizione del paesaggio, in particolare quale tipo di informazioni
esse possono fornirci in più rispetto a un’immagine.

95
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia
Sintesi

I paesaggi della geografia


La geografia utilizza un linguaggio specifico per descrivere con precisione
elementi del paesaggio naturale e del paesaggio umano.

Paesaggio montano Paesaggio collinare e di pianura


• montagna: rilievo sopra i 600 m slm. Origine: • collina: territorio al di sotto dei 600 m slm. Origine:
- per corrugamento (sollevamento della superficie - per corrugamento (sollevamento della superficie
terrestre); terrestre);
- vulcanica (per accumulo di lava); - vulcanica (per accumulo di lava);
• vetta: punto più elevato della montagna; - strutturale (erosione di rilievi montuosi);
• versante: lato della montagna; - morenica (accumulo di detriti trascinati dai
• massiccio: gruppo compatto di montagne; ghiacciai);
• catena montuosa: successione di montagne; • pianura: territorio con dislivelli minimi. Origine:
• valle a V: stretta con versanti ripidi, scavata da un - alluvionale (accumulo di detriti trasportati da un
fiume; fiume);
• valle a U: larga con versanti non ripidi, scavata da - costiera (da detriti depositati nel litorale);
un ghiacciaio. - di sollevamento (antichi fondali marini emersi
dalle acque);
- vulcanica (per accumulo di lava).

Paesaggio fluviale Paesaggio costiero


• fiume: corso d’acqua interno; • oceano: enorme e profonda distesa di acqua salata;
• sorgente: luogo in cui il fiume nasce; • mare: porzione di oceano confinato da terre e meno
• letto o alveo: luogo in cui scorre il fiume; profonda;
• rive o sponde: delimitano il fiume; • costa: paesaggio tra il mare e la terraferma;
• portata: quantità d’acqua che scorre nel fiume. • costa alta: formata da scogliere a picco sul mare;
- piena: periodo di massima portata straripa- può presentare:
mento; - promontorio: lingua di terra che si protende sul
- magra: periodo di minima portata secca; mare;
• lago: vasta distesa d’acqua racchiusa in una cavità - penisola: promontorio di grande estensione;
terrestre; - golfo: formato da acqua racchiusa su tre lati dalla
• immissario ed emissario: fiume che porta acqua al terraferma;
lago e fiume che ne esce; - insenatura: simile al golfo, ma con una stretta
• affluente: corso d’acqua che si unisce a un altro entrata;
fiume; • fiordo: lunga insenatura con versanti a picco sul
• confluenza: luogo in cui un affluente si getta nel mare, tipico del nord Europa;
fiume principale; • falesia: ripida scogliera con pareti rocciose che
• foce: luogo in cui un fiume si getta nel mare: scendono a picco sul mare, tipica dell’Oceano
- delta: il corso d’acqua si divide in bracci minori; Atlantico;
- estuario: senza ramificazioni; • costa bassa: distesa di sabbia o ghiaia fine:
• corso: parte di un fiume: - duna: cumulo di sabbia modellata dal vento;
- alto (la parte vicina alla sorgente); • isola: porzione di terra circondata dalle acque;
- medio (la parte che scorre in leggera pendenza); • arcipelago: insieme di isole;
- basso (la parte che scorre in pianura, avvicinan- • laguna: specchio di acqua separato dal mare:
dosi alla foce); - lido: isolotto rettilineo che delimita la laguna;
• bacino idrografico: area attraversata da un fiume e - bocca: passaggio che unisce la laguna al mare.
dai suoi affluenti.

96
I paesaggi della geografia Unità 3

Sintesi
Trasformazioni del territorio
• eruzione: vulcano che espelle materiali solidi (cenere e lapilli), liquidi (lava) e gassosi (gas e vapori);
• terremoto, o sisma: movimento provocato da vibrazioni interne alla Terra;
• maremoto: onde gigantesche causate da terremoti o eruzioni vulcaniche sottomarine;
• erosione: trasformazione lenta e costante causata dal vento, dall’acqua o dal ghiaccio. Provoca:
- frane: discesa a valle di materiale roccioso distaccatosi dai rilievi;
- alluvioni: straripamento di fiumi a causa di forti piogge.

Paesaggio rurale
Generalmente adibito ad attività agricole.
Tipi di coltura:
• policoltura: coltivazione di più specie vegetali in piccoli appezzamenti;
• monocoltura: coltivazione di una sola specie vegetale in un vasto territorio;
• agricoltura intensiva: altamente produttiva;
• agricoltura estensiva: scarsamente produttiva, quasi priva di investimenti
e macchinari;
• colture legnose: coltivazioni di alberi permanenti (frutteti);
• prato e pascolo: zone meno adatte alla coltivazione, destinate all’alleva-
mento;
• bosco: area naturale o coltivata per ricavarne materie prime.

Insediamento:
• sparso: abitazioni isolate nella campagna;
• accentrato: abitazioni vicine organizzate in villaggi.

Paesaggio urbano Attività economiche

Caratterizzato dalle città. Nella città si trovano: Le attività economiche si dividono in tre settori:
• centro storico: quartiere più antico della città; • settore primario: utilizzo diretto delle risorse natu-
• strade: di veloce percorrenza o interne; rali;
• periferia: zone residenziali, commerciali, industriali; • settore secondario: trasformazione delle materie
• parchi cittadini: spazi verdi. prime in prodotti finiti;
• settore terziario: distribuzione dei prodotti finiti e
Le città possono essere: Le aree circostanti pos- fornitura di servizi;
sono avere uno sviluppo: • settore terziario avanzato: tecnologia e telecomu-
• a pianta concentrica; • concentrico; nicazioni.
• a scacchiera; • a zone;
• a pianta lineare. • policentrico.
Trasporti e comunicazioni
In base alle loro dimensioni ed estensioni gli insedia-
Le vie di comunicazione si distinguono in:
menti possono essere:
• vie di terra: rete stradale e ferroviaria;
• metropoli: città con almeno un milione di abitanti;
• vie d’aria: trasporto aereo;
• megalopoli: insieme di città e di aree metropolitane
• vie d’acqua: trasporto marittimo e fluviale.
che supera i 25 milioni di abitanti;
• conurbazione: città confinanti unite l’una all’altra in
seguito alla loro espansione.
Nel corso del tempo I toponimi e i loro segreti
Laboratorio Scrivere una didascalia

97
Verifica Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia

1 Collega a ogni termine la definizione corretta.

1. Pianura a. Altura al di sotto dei 600 metri di altitudine.


2. Valle a U b. Valle ripida con fondovalle stretto, scavata da un fiume.
3. Collina c. Pianura collocata al di sopra dei 300 m slm.
4. Catena montuosa d. Valle ampia scavata da un ghiacciaio.
5. Altopiano e. Vasta porzione di territorio con dislivelli minimi.
6. Valle a V f. Successione di rilievi le cui vette sono allineate.

2 Abbina il termine corretto a ogni paesaggio fluviale scegliendo tra i seguenti. Poi, con l’aiuto dell’immagine,
completa la didascalia definendo il termine.
laguna - meandro - confluenza - foce

a b

.............................................................................................................................. ..............................................................................................................................

.............................................................................................................................. ..............................................................................................................................

.............................................................................................................................. ..............................................................................................................................

c d

.............................................................................................................................. ..............................................................................................................................

.............................................................................................................................. ..............................................................................................................................

.............................................................................................................................. ..............................................................................................................................

98
I paesaggi della geografia Unità 3

Verifica
3 Rispondi ai quesiti, con l’aiuto dell’insegnante o con l’aiuto di una carta.

1. Qual è il fiume principale della tua Regione? ........................................................................................................................................................


2. Quali gli affluenti, se ve ne sono? ...................................................................................................................................................................................
3. In quale mare sfocia? .............................................................................................................................................................................................................
4. Che tipo di foce presenta? A estuario A delta

4 Definisci le seguenti espressioni proprie del linguaggio geografico e relative al paesaggio fluviale.
1. Delta: ...............................................................................................................................................................................................................................................
2. Estuario: ........................................................................................................................................................................................................................................
3. Portata: ..........................................................................................................................................................................................................................................
4. Confluenza: ..................................................................................................................................................................................................................................
5. Bacino idrografico: .................................................................................................................................................................................................................
6. Affluente: ......................................................................................................................................................................................................................................
7. Immissario: .................................................................................................................................................................................................................................
8. Emissario: ....................................................................................................................................................................................................................................
9. Meandro: .......................................................................................................................................................................................................................................
10. Sorgente: .......................................................................................................................................................................................................................................

5 Osserva con attenzione le immagini e inserisci nella casella la didascalia corretta.

a b

1. La Montagna Spaccata a Gaeta, nel Lazio, è una falesia particolarmente suggestiva.


2. Il Sognefjord è il fiordo più profondo d’Europa, si trova in Norvegia e ha una profondità di 1 300 metri.

99
Verifica Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia

6 Definisci le seguenti espressioni proprie del linguaggio geografico relative alle coste e al mare.
1. Arcipelago: ...................................................................................................................................................................................................................................
2. Fiordo: .............................................................................................................................................................................................................................................
3. Falesia: ...........................................................................................................................................................................................................................................
4. Laguna: ..........................................................................................................................................................................................................................................
5. Faraglione: ...................................................................................................................................................................................................................................
6. Costa alta: ....................................................................................................................................................................................................................................
7. Costa bassa: ...............................................................................................................................................................................................................................
8. Penisola: ........................................................................................................................................................................................................................................
9. Corrente marina: .....................................................................................................................................................................................................................
10. Marea: .............................................................................................................................................................................................................................................

7 Indica con una crocetta se le seguenti affermazioni sono vere (V) o false (F).
1. Il vulcano è una spaccatura della crosta terrestre. V F
2. La forma di un vulcano è simile a una montagna con una cima a punta. V F
3. Il vulcano al suo interno ha una cavità chiamata camino vulcanico. V F
4. Il materiale che fuoriesce durante un’eruzione è sostanzialmente liquido. V F
5. Il terremoto è una spaccatura della crosta terrestre. V F
6. Il punto nel quale si origina un terremoto è chiamato epicentro. V F
7. La Scala Richter misura la magnitudo, ovvero l’energia liberata dal sisma. V F
8. L’erosione è una frana improvvisa del terreno. V F

8 Osserva l’immagine e scrivi una didascalia, utilizzando i termini specifici del paesaggio rurale.

.................................................................................
.................................................................................

.................................................................................

.................................................................................

.................................................................................

.................................................................................

.................................................................................

.................................................................................

.................................................................................

.................................................................................

.................................................................................

.................................................................................

.................................................................................

.................................................................................

.................................................................................

.................................................................................

.................................................................................

.................................................................................

.................................................................................

100
I paesaggi della geografia Unità 3

Verifica
9 Osserva l’immagine e scrivi una didascalia, utilizzando i termini specifici del paesaggio urbano.
.................................................................................

.................................................................................

.................................................................................

.................................................................................

.................................................................................

.................................................................................

.................................................................................

.................................................................................

.................................................................................

.................................................................................

.................................................................................

.................................................................................

.................................................................................

.................................................................................

.................................................................................

10 Osserva la carta tematica relativa al paesaggio rurale e urbano del Lazio e rispondi ai quesiti.

1. Intorno a quali città si trovano


le aree con la maggiore con-
N
centrazione urbana?
....................................................................

....................................................................

....................................................................

Viterbo Rieti 2. Riesci a individuare delle me-


tropoli?
....................................................................

....................................................................

3. Quali aree hanno un tasso più


basso di urbanizzazione?
Roma ....................................................................

....................................................................

Frosinone ....................................................................

4. Riesci a individuare delle aree


estremamente rurali?
PAESAGGIO Latina
......................................................................
Estremamente rurale
Rurale ......................................................................
Debolmente rurale
......................................................................
Debolmente urbano
Urbano 5. Per concludere, ritieni il Lazio
Estremamente urbano
sia una regione prevalentemen-
te urbana o rurale?
......................................................................

......................................................................

101
Verifica Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia

11 Indica con una crocetta l’affermazione esatta.

1. L’economia studia: 4. Le attività del settore primario riguardano:


a lo sfruttamento delle risorse e la produzione e a l’agricoltura.
distribuzione di beni e servizi. b l’allevamento, la caccia e la pesca.
b la quantificazione delle risorse e le attività c l’agricoltura, l’allevamento, la caccia, la pesca,
dell’uomo. le attività estrattive e la silvicoltura.
c le risorse della terra.
5. Le attività del settore secondario riguardano:
2. Le attività economiche dell’uomo sono volte: a l’attività estrattiva.
a alla soddisfazione dei propri bisogni. b i prodotti meccanici, siderurgici e tessili.
b alla produzione di beni e servizi che soddisfino i c l’artigianato e l’industria.
propri bisogni.
6. Le attività del settore terziario riguardano:
c alla esportazione di beni e servizi.
a i prodotti finiti.
3. Le attività economiche si distinguono in: b la distribuzione dei prodotti e i servizi, anche
a servizi e beni di primo e secondo livello. avanzati.
b settore primario, secondario e terziario. c l’istruzione e la sanità.
c attività di importazione ed esportazione.

12 Osserva il grafico relativo al lavoro in Italia e rispondi ai quesiti interpretando i dati forniti.

1. In quale settore economico sono impiegati più italiani? primario 7%


.......................................................................................................................................................
2. Quale percentuale di lavoratori è impiegata nel primario?
....................................................................................................................................................... secondario 33%
3. Quanti italiani lavorano nell’industria e nell’artigianato?
terziario 60%
.......................................................................................................................................................
4. Elenca due professioni che appartengono al settore primario e descrivi il luogo in cui vengono esercitate.
..............................................................................................................................................................................................................................................................

..............................................................................................................................................................................................................................................................

..............................................................................................................................................................................................................................................................

..............................................................................................................................................................................................................................................................

..............................................................................................................................................................................................................................................................
5. Elenca due professioni che appartengono al settore secondario e descrivi il luogo in cui vengono esercitate.
..............................................................................................................................................................................................................................................................

..............................................................................................................................................................................................................................................................

..............................................................................................................................................................................................................................................................

..............................................................................................................................................................................................................................................................

..............................................................................................................................................................................................................................................................
6. Elenca due professioni che appartengono al settore terziario e descrivi il luogo in cui vengono esercitate.
..............................................................................................................................................................................................................................................................

..............................................................................................................................................................................................................................................................

..............................................................................................................................................................................................................................................................

..............................................................................................................................................................................................................................................................

..............................................................................................................................................................................................................................................................

102
I paesaggi della geografia Unità 3

Verifica
13 Completa la tabella indicando se le città elencate sono collegate da vie d’acqua o di terra. Osserva la carta
tematica della porzione di territorio intorno alla città di Salerno, in Campania.

ferrovie
autostrade 3 corsie
Roma autostrade 2 corsie
A14 E55 superstrade 2 corsie
A1 E45 rotte marittime

Caserta Benevento
A16 Bari

Avellino
Cag A14
liari Napoli
-Olb Salerno
ia Potenza
Brindisi
Taranto

Metaponto

Malta
A3 E45
rop a

-
d Eu

Medit
r
-No
gna
Spa

e
rrane
o
Cosenza
isi
n

Orien
Tu

tale -
Asia

Palermo
Messina Reggio
Calabria

Partenza Via d’acqua o di terra Arrivo

Salerno .......................................................................................................................................................................... Palermo


Salerno .......................................................................................................................................................................... Roma
Roma .......................................................................................................................................................................... Napoli
Caserta .......................................................................................................................................................................... Roma
Benevento .......................................................................................................................................................................... Bari
Messina .......................................................................................................................................................................... Salerno
Napoli .......................................................................................................................................................................... Potenza
Cosenza .......................................................................................................................................................................... Reggio Calabria
Salerno .......................................................................................................................................................................... Cagliari

103
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia 1

Unità 4 Per misurare la temperatura


dell’atmosfera si usa
il termometro. La sua
a

invenzione viene fatta risalire


a Galileo Galilei che nel 1596

Clima creò il primo termoscopio,


uno strumento per indicare
le differenze di temperatura,
ma non ancora i gradi perché

e ambienti esso era privo di scala


numerica. Il termometro a
mercurio che oggi utilizziamo
venne realizzato per la prima
o

volta nel 1714 da Daniel


Gabriel Fahrenheit.

2
La pressione atmosferica si
misura con il barometro, detto
anche «tubo di Torricelli»
dal nome del suo inventore,
Evangelista Torricelli, che
lo costruì nel 1643. Esso è
costituito da un tubo di vetro,
chiuso a un’estremità, che
viene riempito di mercurio
e poi immerso per la parte
In primo piano aperta in una vaschetta
I fenomeni meteorologici hanno interessatoo contenente altro mercurio.
Oggi utilizziamo i barometri
gli uomini fin dai tempi più remoti: non
aneroidi (o a vuoto), più comodi
potendo, però, spiegarne in modo scientifico co e meno ingombranti.
l’esistenza, gli antichi ricorrevano ai miti
e alle divinità. Zeus, ad esempio, non
era solo il padre di tutti gli dei, ma era
soprattutto il «signore dei fulmini» o 3
l’«adunatore di nembi»: a lui, infatti, si
attribuiva la funzione di scagliare i fulmini, i,
di dispensare la pioggia, di ripulire il
cielo o, al contrario, di coprirlo di nuvole.
Anche i filosofi si dedicarono allo studio La quantità di pioggia
caduta si calcola con il
dell’atmosfera: Aristotele nel IV secolo a.C.C.
pluviometro, strumento
scrisse un trattato dal titolo Meteorologica.. inventato dall’inglese
Da quest’opera, che si occupava dello Robert Hooke (1635-
«studio di cose sollevate da terra», deriva 1703). Consiste in un
il termine meteorologia. Solo negli ultimi cilindro aperto nella parte
tre secoli la meteorologia è passata dal mitoo superiore e graduato in
alla conoscenza scientifica anche grazie modo da poter leggere
all’invenzione di adeguati strumenti di l’altezza dell’acqua
osservazione. raccolta; la pioggia caduta
è misurata in millimetri.

104
Clima e ambienti Unità 4
4 5

L’igrometro misura
l’umidità atmosferica.
Fu inventato da Horace
de Saussure nel 1783
utilizzando un lungo
capello sgrassato con
alcol o etere a cui è
Robert Hooke inventò, nel 1667, anche l’anemometro, applicato un piccolo
lo strumento con cui si misura la velocità del vento. peso, che permette
Esso è costituito da 3 o 4 coppette montate attorno la registrazione del
a un asse verticale che ruota tanto più velocemente valore di umidità
quanto più forte è l’intensità del vento. (espresso in kg/m3).

6 7

Dal XX secolo le osservazioni e le misurazioni dei Dal 1960, anno in cui fu lanciato in orbita Tiros, il primo
fenomeni atmosferici non avvengono più solo in satellite meteorologico, gli scienziati si avvalgono di
superficie, ma anche in quota. Per questo scopo si un nuovo strumento per l’osservazione dell’atmosfera:
usa il pallone sonda: esso consiste in un insieme i satelliti artificiali. Grazie a essi è possibile avere
di strumenti per misurare pressione, temperatura sempre sotto controllo la situazione meteorologica
e umidità, costruiti in materiale leggero, che viene dell’intero pianeta. I satelliti meteorologici sono dotati
sollevato ad alta quota da un pallone gonfiato con di sensori che rilevano informazioni sulla estensione e
elio. Il risultato delle misurazioni è inviato alle sull’altezza delle nuvole, sulla direzione e velocità dei
stazioni riceventi a terra attraverso un piccolo venti, sulle variazioni dell’umidità e della temperatura
trasmettitore radio. dell’aria in quota.

Ti preoccupi del tempo che farà? Quando? Perché? Come ti informi sulle previsioni del tempo?

105
Capitolo 1 Che cos’è il clima?

Tempo e clima La differenza tra temperatura massima e temperatura mi-


Parlare di clima e di tempo non è la stessa cosa. nima nel corso delle 24 ore si definisce escursione ter-
Il tempo meteorologico indica le condizioni atmosferi- mica diurna; la differenza tra la temperatura media del
che presenti in una località durante un breve periodo, ad mese più caldo e quella del mese più freddo costituisce in-
esempio nell’arco di una giornata. Il tempo cambia da un vece l’escursione termica annua.
giorno all’altro, da una stagione all’altra: infatti cambiano
la temperatura dell’aria, la quantità delle precipitazioni, la Pressione atmosferica: è la pressione presente in qual-
velocità e la direzione dei venti. siasi punto dell’atmosfera terrestre. L’aria che circonda il
Il clima, invece, indica le condizioni atmosferiche che nostro pianeta ha un peso e, per effetto della gravità, eser-
si succedono in una località durante un periodo più lun- cita sulla superficie terrestre una pressione, che si misura
go (almeno 20 o 30 anni). Il clima è il risultato della in millibar (o in ettopascal). Essa varia con la temperatu-
combinazione di diversi elementi ed è condizionato da ra dell’aria: con l’aria calda, che è più leggera, la pressio-
vari fattori. ne diminuisce, al contrario, con l’aria fredda più pesante
la pressione è più alta (1).
Le zone dove la pressione è bassa si chiamano cicloni: es-
Gli elementi del clima se sono caratterizzate da piogge e nubi perché l’aria cal-
Gli elementi che concorrono a determinare il clima di da, man mano che sale verso l’alto, si raffredda e si con-
un’area sono la temperatura, la pressione atmosferica, i densa in nuvole (2). Le aree di alta pressione, chiamate
venti e l’umidità. anticicloni, presentano invece un clima sereno e asciut-
to perché l’aria fredda scende verso il suolo impedendo la
Temperatura: dipende dal riscaldamento della Terra da condensazione (3).
parte del Sole. Essa è diversa da luo-
go a luogo: diminuisce progressi-
vamente dall’Equatore ai poli, inol-
tre decresce con l’altitudine e risente
delle diverse esposizioni al Sole e ai
venti e della presenza delle acque.
Per temperatura di un luogo si inten-
de la temperatura media: essa si ot-
tiene sommando la temperatura mas-
sima, cioè quella rilevata nelle ore
più calde, con la temperatura mini-
ma, misurata nelle ore più fredde, e
dividendo il risultato per due.

Glossario
Meteorologia: scienza che studia i feno-
meni fisici responsabili del tempo atmo-
sferico.
Atmosfera: deriva dal greco atmós «va-
pore» e sphaîra «sfera» e significa «sfera
di vapore». Indica l'involucro gassoso che
avvolge un pianeta.
1 Lo spostamento di masse d’aria fredda e calda.

106
Clima e ambienti Unità 4

2 Violento temporale in città.

Venti: si formano principalmente a causa dello sposta-


mento dell’aria dalle zone di alta pressione verso quelle
di bassa pressione. I venti sono molto forti se la differen-
za di pressione tra le due aree è elevata e sono deboli se la
differenza è piccola (4). 3 Cielo sereno in alta montagna.
A seconda della direzione in cui spirano, i venti si distin-
guono in costanti, periodici, variabili.
Sono costanti quando spirano sempre nella stessa dire-
zione, come gli alisei, che soffiano dai tropici (zone di al-
ta pressione) all’Equatore (area di bassa pressione).
Sono periodici i venti che spirano alternativamente in
due sensi opposti, come i monsoni, tipici dell’area india-
na e del sud-est asiatico, che in primavera-estate soffiano
dal mare alla terraferma portando pioggia e in autunno-
inverno dalla terra al mare portando siccità. Sono perio-
diche anche le brezze delle zone costiere che di giorno
spirano dal mare verso la terraferma e di notte dalla ter-
raferma al mare.
I venti variabili sono invece caratteristici di una certa re-
gione. Nel Mediterraneo, ad esempio, fin dal Medioevo i
navigatori hanno individuato otto venti provenienti da al-
trettante direzioni e li hanno indicati nella rosa dei venti:
4 Forte vento in un’isola tropicale.
• la tramontana, vento freddo proveniente da nord;
• la bora o grecale, vento proveniente da nord-est, soffia
Es. 1 pag. 128
nel Mar Adriatico specialmente in inverno (è famosa la
bora di Trieste);
• il levante, vento generalmente debole che spira da est Lavora sul testo
verso ovest; 1. Sottolinea con colori diversi la definizione di tem-
• lo scirocco, vento caldo che proviene dal Sahara; po e di clima. Qual è la differenza?
• l’ostro, vento caldo e umido che spira da sud; 2. Rintraccia nel testo le informazioni relative ai
• il libeccio o africo spira da sud-ovest e proviene dalle venti e rispondi alle domande.
coste della Libia; • Qual è la loro origine?
• Da che cosa è determinata la loro forza?
• il ponente o zefiro spira da ovest ed è un vento fresco
• Come vengono classificati?
che può portare maltempo; • Quali sono i venti freddi che spirano nel Mediter-
• il maestrale, vento forte e freddo proveniente da nord- raneo? E quelli caldi?
ovest; soffia soprattutto in Sardegna.
107
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia

Umidità: è data dal vapore acqueo contenuto nell’aria,


formato dall’acqua dei mari, dei laghi e dei fiumi che eva-
pora con il calore del Sole. Il vapore sale in alto e incontra
aria fredda: si condensa allora in tante goccioline forman-
do le nuvole. Quando il peso delle nuvole diventa ecces-
sivo, le gocce precipitano sulla terra sotto forma di piog-
gia o di neve (1).

Il ciclo dell’acqua
L’insieme delle acque presenti sulla Terra si chiama idro-
sfera. Tutti gli elementi dell’idrosfera, cioè il mare, le ac-
que interne superficiali (fiumi, laghi, ruscelli), le acque
sotterranee, le acque allo stato solido (neve e ghiaccio) e
gassoso (vapore atmosferico), sono connessi tra loro in un
incessante movimento: il ciclo dell’acqua.
I raggi solari fanno evaporare l’acqua presente sulla su-
perficie terrestre: il vapore acqueo sale nell’atmosfera e
si condensa, formando le nubi. Col diminuire della tem-
peratura, dalle nubi l’acqua torna sulla Terra sotto forma
di precipitazioni (pioggia, neve, grandine), che alimen-
tano le sorgenti dei fiumi e le falde acquifere, depositi
di acque sotterranei (2). Questo processo si ripete cicli-
camente (3).

Es. 2-3 pag. 128

Temperatura (in °C) Precipitazioni (in mm)


34 68
32 64
30 60
28 56
26 52
24 48
22 44
20 40
18 36
pioggia (mm)
16 32 temperatura media (°C)
14 28 temperatura massima (°C)
temperatura minima (°C)
12 24
10 20
8 16 1 Il clima di una località si
rappresenta con un particolare
6 12
grafico: il grafico termopluvio-
4 8 metrico. In questo esempio
2 4 sono rappresentati i dati
relativi alla città di Bordeaux
0 0
nel 2009.
io

zo

ile

io

re

e
br

br

br
i

gi

gn

st
na

ra

gl

ob
ar

pr

go
ag

em

em
Lu
bb

iu
en

tt
e
A
M

O
tt

ov

ic
Fe
G

D
Se

108
Clima e ambienti Unità 4

3 Schema del ciclo dell’acqua.

Usa gli strumenti


Osserva il grafico e indica:
• i mesi più caldi;
• il mese più freddo;
• il mese meno piovoso;
• i mesi più piovosi;
• la temperatura massima raggiunta a febbraio;
• la temperatura minima raggiunta a giugno;
• la temperatura media di settembre.
2 La grandine è acqua congelata che cade sotto forma di chicchi.

109
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia
Polo nord
I fattori del clima
Il clima non è lo stesso su tutta la su-
perficie terrestre, ma varia da un luo-
go a un altro. I fattori che determinano
questi cambiamenti sono la latitudine,
l’altitudine e la presenza di acqua.

Latitudine: indica la distanza di una


località dall’Equatore. La tempera-
tura dell’aria sull’Equatore è alta e
Raggi solari
pressoché costante durante tutto l’an-
no, mentre varia di mese in mese e
diminuisce gradatamente man mano
che ci si sposta verso i poli. La cau-
sa di questo fenomeno è la curvatura
della superficie terrestre: nella zona
dell’Equatore i raggi del Sole giun-
gono più diretti e, irradiando una su-
perficie ristretta, riscaldano di più; 1 L’inclinazione, e
spostandosi verso i poli, i raggi giun- quindi l’intensità con
cui i raggi del Sole
gono sempre più obliqui irradiando
colpiscono la Terra, Polo sud
una superficie sempre più vasta, per- varia al variare
ciò emanano meno calore (1). della latitudine.

Altitudine: determina importanti variazioni sul clima.


Infatti, man mano che si sale in altezza, la temperatura
diminuisce di circa 1 °C ogni 100 metri. Questo accade
perché sui rilievi l’aria è più rarefatta e il calore tende a
disperdersi rapidamente. Alla stessa altitudine, tuttavia,
si possono verificare notevoli differenze climatiche: una
località situata sul versante della montagna esposto a sud,
quindi soleggiato, presenta una temperatura più elevata
rispetto a una località situata sul versante rivolto a nord,
quindi in ombra (2).
Glossario
Rarefatto: gas sottoposto a una pressione molto bassa e con bassa
densità molecolare.

Es. 4-5 pagg. 128-129

2 Le variazioni di clima dovute


all’altitudine determinano anche
una diversa vegetazione.

110
Clima e ambienti Unità 4

correnta calda

corr
ia
corrente fredda nla
nd Circolo polare artico

ente del Labr


oe
Gr

hio
lla
de

Oya-s
te

urili
en
rr ASIA
co

le C
nte
dor a

corre
o del
AMERICA EUROPA
SETTENTRIONALE
uro-shio
te K
della Cali

corren
corr

te
ren
ent

cor o
forn

olf
e

G
de l Tropico del Cancro
ia

ie
ente
Canar
OCEANO ATLANTICO

co
corr
en

rr
te N

delle
ord-equatoriale
AFRICA
cor co r
ren No ren
de te rd te
Equatore l Gu
ayana
-eq
uat
o ria Sud
cor
rente
le -equ
corrente atoriale
corrente
AMERICA Sud-equatoriale corrente Sud
-equa
Sud-equatoria toria
le
le MERIDIONALE
OCEANO INDIANO
Benguela
Tropico del Capricorno

corrente del

corrent

Australiana
orientale
corrente
corrente OCEANIA

ed
del Brasile
le lM
l Perù

e
na nt
e
nte idio ad

al a
corre co mer corrente aga rre lia

n
scar

e
cifi co a t
nte de

del Pa tlantico M str en


dell’A eridionale Au ccid
o
re

OCEANO PACIFICO
cor

corrente Antartica

corrente Antartica
d
corrente dell
e Falklan Circolo polare antartico
3 Le principali correnti marine del nostro pianeta.

Presenza di acqua: l’acqua ha un’importante funzione


regolatrice del clima. I mari e gli oceani, infatti, si riscal-
dano lentamente e altrettanto lentamente si raffreddano.
Per questo motivo durante il giorno e in estate il clima
dell’ambiente circostante risulta mitigato dall’acqua fred-
da del mare, mentre di notte e in inverno, quando il mare
è più caldo della terra, l’aria viene riscaldata.
Un altro importante elemento che influenza il clima è la
presenza delle correnti marine, che sono come grandi
fiumi che scorrono negli oceani, sulla superficie o in pro-
fondità (3). Poiché alcune sono fredde e altre calde, esse
condizionano notevolmente la temperatura delle terre co-
stiere che lambiscono (4).

Lavora sul testo


Rintraccia nel testo le informazioni e completa le se-
guenti frasi.
1. Più aumenta la latitudine più la temperatura ..............
................................................................................................................
2. La temperatura diminuisce ...................................................
l’altitudine.
3. La presenza del mare influisce sul clima perché,
rispetto al terreno, il mare si riscalda e si raffredda
..................................................................................................
4 Un tratto della costa irlandese. Il mare ne influenza fortemente il clima.

111
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia
Nel corso del tempo

Le previsioni meteorologiche
Che tempo farà domani? Da sempre vazione attenta dei fenomeni naturali Oggi esistono migliaia di stazioni di
gli uomini, per poter programmare le sono nati tanti famosi proverbi come: rilevamento meteorologico sparse in
proprie attività, si sono posti questa «Rosso di sera bel tempo si spera, tutti i continenti e anche su navi ap-
domanda. rosso di mattina la pioggia si avvi- positamente attrezzate. Ogni 3 o 6
Una volta le speranze di bel tempo cina», «Vento di levante, acqua di- ore queste stazioni effettuano la mi-
erano legate all’organizzazione del luviante», «Cielo a pecorelle, acqua surazione dei principali elementi del
lavoro nei campi, oggi ci preoccupia- a catinelle», «Se non si rischiara di tempo; inoltre ricevono ed elaborano
mo delle previsioni del tempo soprat- mezzodì, piove tutto il dì». le informazioni e le immagini raccol-
tutto quando dobbiamo organizzare In molti casi la «verità» di questi pro- te dai satelliti meteorologici.
un viaggio o partecipare a una ma- verbi è stata confermata dalla meteo- Gli strumenti per la misurazione de-
nifestazione sportiva all’aperto o, più rologia scientifica, che è una scien- gli elementi del clima effettuata a ter-
semplicemente, per scegliere l’abbi- za recente essendo nata tra la fine del ra sono ospitati nella capannina me-
gliamento adatto. XIX e l’inizio del XX secolo. È in teorologica. Essa sorge su un’area
Per poter prevedere il tempo meteo- questo periodo che si organizzano le aperta, è costruita in legno vernicia-
rologico, fin dall’antichità gli uomini prime reti di osservazione per la rac- to di bianco con tetto a doppio isola-
hanno imparato a scrutare il cielo, a colta di dati meteorologici in grado mento ed è posta a un’altezza di cir-
osservare il movimento delle nuvole, di descrivere le condizioni del tempo ca 2 metri dal suolo costituito da erba
ad avvertire i cambiamenti di tempe- di vaste aree e di prevederne i cam- bassa. Tutti questi accorgimenti ser-
ratura con i propri sensi. Dall’osser- biamenti. vono a impedire che la capannina
assorba calore che potrebbe essere
registrato dagli strumenti alterando i
dati. Per lo stesso motivo l’apertura
della capannina è orientata a nord in
modo che, al momento dell’apertura,
il sole non colpisca direttamente gli
strumenti.
Sulla base dei dati elaborati vengo-
no disegnate le carte meteorologi-
che, che raffigurano le condizioni at-
mosferiche rilevate in una certa ora
di un certo giorno. Per rappresenta-
re la distribuzione della temperatura,
i luoghi che hanno la stessa tempera-
tura vengono uniti da linee curve che
si chiamano isotèrme.
Anche per la pressione i meteoro-
logi disegnano delle linee: sono le
isòbare, che uniscono i punti del
territorio con la stessa pressione at-
mosferica. Accanto alle linee com-
paiono le lettere A e B per indica-
re rispettivamente i centri di alta e
bassa pressione.

Immagine satellitare dell’Europa.

112
Clima e ambienti Unità 4

Nel corso del tempo


Fronte freddo
Fronte caldo
1008 A Alta pressione
B Bassa pressione
996
B
Carta meteorologica dell’Europa.
1000 Le isòbare permettono di visualizzare le aree
1004 con la stessa pressione atmosferica. Sono
inoltre visibili il fronte caldo e il fronte freddo.

1018 A
B 1008 A Usa gli strumenti
Osserva la carta meteorologica
1020 1016 dell’Europa e localizza le zone di
alta pressione e le zone di bassa
1024
1024 pressione. Dove pensi faccia bel
1020 tempo? E dove brutto tempo?
1028

A B A
1012
B B

1012 1020
1016

1016

In queste carte sono raffigurati anche


i fronti, cioè le zone di separazione tra
una massa d’aria fredda e una mas-
sa d’aria calda. Una linea curva con
piccoli semicerchi di colore rosso rap-
presenta il fronte caldo, che si verifica
quando l’aria calda avanza verso l’aria
fredda e, non riuscendo a spostarla
perché più pesante, vi si adagia sopra.
Una linea curva di colore blu con pic-
coli triangoli, che indicano la direzio-
ne verso cui l’aria si muove, rappre-
senta il fronte freddo: l’aria fredda si
sposta verso l’aria calda e si incunea
sotto di essa sollevandola.
Attualmente i meteorologi possono
elaborare previsioni del tempo con
un anticipo di 3 o 4 giorni. Le previ-
sioni a più lungo periodo non si ba-
sano su osservazioni scientifiche, ma
solo su dati statistici e sono quindi
poco affidabili.

Capannina meteorologica.

113
Capitolo 2 Le zone climatiche
Polo nord
Zona Zona polare
Circ
temperata olo
pol
are
Il clima in Europa art
ico

I geografi suddividono la superficie della Terra in cin- Zona Tro


p ico
que grandi aree climatiche. Esse sono disposte in fasce torrida del
Can
parallele dall’Equatore ai poli: a cavallo dell’Equatore si cro
trova la zona torrida, compresa tra il Tropico del Can-
cro e il Tropico del Capricorno, caratterizzata dal clima Equ
ato
re
caldo; seguono, a nord e a sud dei tropici, due zone tem-
perate con clima mite; infi ne, in prossimità dei poli, ci Tro
p ico
sono le zone polari, caratterizzate dal clima freddo (1). del
Cap
L’Europa è collocata nella zona temperata settentriona- rico
rno
le. Il clima, però, non è uniforme in tutto il continen- Zona
te perché esso dipende, oltre che dalla latitudine, anche temperata Circ
olo
dall’altezza dei rilievi e dalla vicinanza al mare, nonché pol
are
ant
da fattori quali la Corrente del Golfo, l’anticiclone delle Zona polare art
ico
Azzorre e l’anticiclone siberiano. Polo sud
La Corrente del Golfo ha origine nel Golfo del Messi-
co e, dopo aver attraversato l’Oceano Atlantico, tocca le 1 La Terra divisa in fasce climatiche.
coste dell’Europa e riscalda con le sue acque calde l’at- sotto i -20 °C, i fiumi e i laghi gelano anche per 3-4 mesi
mosfera circostante, mitigando così il clima dei Paesi all’anno e la neve può coprire a lungo il terreno. D’esta-
che si affacciano sull’oceano, dal Regno Unito fino alla te le temperature dipendono soprattutto dalla latitudine:
Scandinavia. aumentano procedendo da nord a sud, come dimostra il
L’anticiclone delle Azzorre è un’area di alta pressio- fatto che a Mosca la temperatura media è di 20 °C, men-
ne presente sull’Oceano Atlantico e così chiamata per- tre nella regione del basso Danubio può raggiungere an-
ché il suo centro si trova sopra le Isole Azzorre, al largo che i 40 °C.
del Portogallo. Durante l’estate l’anticiclone si espande
verso il Mediterraneo, portando bel tempo e deviando le Clima alpino: è tipico delle catene montuose più alte
perturbazioni verso l’Europa settentrionale e orientale, del continente: le Alpi, gli Urali, il Caucaso nell’Europa
dove le piogge sono frequenti. orientale, i Pirenei nell’Europa occidentale, i Carpazi e i
L’anticiclone siberiano si forma invece sull’Asia centra- Balcani nell’Europa centro-meridionale. Esso è caratte-
le, tra la Russia, la Siberia e la Mongolia. Nella stagio- rizzato da inverni rigidi ed estati fresche, con forte escur-
ne invernale esso si estende sull’Europa orientale fino sione termica diurna. Le precipitazioni, abbondanti du-
ai Balcani, portando tempo molto freddo e generalmen- rante tutto l’anno, sono a carattere nevoso in inverno.
te secco.
Tenuto conto di tutti questi fattori ed elementi, in Euro- Clima mediterraneo: nelle regioni dell’Europa meri-
pa si distinguono cinque fasce climatiche (2). dionale, grazie all’influenza del Mar Mediterraneo, le
estati sono lunghe e calde, ma non afose, e gli inverni
Clima continentale: una vasta area dell’Europa centro- brevi e miti. Contribuiscono a mitigare il clima le catene
orientale, dalla Germania fi no alla Russia, è interessa- montuose che circondano il Mediterraneo, in particola-
ta dal clima continentale, le cui caratteristiche dipen- re le Alpi e i Pirenei, perché costituiscono un ostacolo ai
dono principalmente dalla latitudine e dalla lontananza venti freddi provenienti da nord. La temperatura media
dal mare. In inverno, infatti, il clima diviene sempre più estiva si aggira intorno ai 25 °C, mentre in inverno rara-
rigido man mano che ci si allontana dall’oceano proce- mente scende sotto i 10 °C. Le precipitazioni, scarse in
dendo verso est. Qui le temperature scendono spesso estate, sono concentrate in autunno e in inverno.
114
Clima e ambienti Unità 4

Clima atlantico: il clima delle regioni che si affacciano giamento solare a queste latitudini è di breve durata e di
sull’Oceano Atlantico è caratterizzato da temperature mi- scarsa intensità. Di conseguenza l’inverno è lungo e ri-
ti durante tutto l’anno grazie all’influenza dell’oceano e, gido, con temperature medie di -15 °C a gennaio, il me-
soprattutto, della Corrente del Golfo. Le piogge, abbon- se più freddo. L’estate dura solo due mesi (luglio e ago-
danti nelle regioni costiere perché le masse d’aria prove- sto) e a luglio, il mese più caldo, la temperatura media
nienti dall’oceano sono cariche di umidità, diminuiscono raggiunge a stento i 10 °C. Le precipitazioni sono scar-
gradualmente da ovest a est. se, prevalentemente nevose, e concentrate nella stagione
estiva. Per buona parte dell’anno il suolo rimane coperto
Clima subartico: freddo e gelo caratterizzano le re- da un bianco manto gelato.
gioni dell’Europa del Nord interessate dal clima subar-
tico. Le temperature sono sempre basse perché l’irrag- Es. 6-7 pagg. 129-130

clima continentale
clima alpino
clima mediterraneo
clima atlantico
clima subartico

2 Le fasce climatiche europee.

Lavora sul testo


Completa la tabella indicando per ogni definizione il clima corrispondente.
Le estati sono fresche e gli inverni rigidi, con forte escursione termica diurna.
Le estati sono lunghe e calde, gli inverni brevi e miti.
Gli inverni sono lunghi e rigidi, le estati brevi con temperature basse.
Le temperature sono miti e le piogge abbondanti tutto l’anno.
Gli inverni sono freddi e le estati calde.

115
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia

Il clima in Italia
L’Italia presenta una varietà clima-
tica eccezionale se si considera la
limitata superficie su cui si esten- zona alpina
zona padano-veneta
de la nostra penisola. Le differenze zona appenninica
dipendono da diversi fattori: innan- zona ligure-tirrenica
zitutto dalla latitudine perché l’Ita- zona adriatica
zona mediterranea
lia si allunga da nord a sud per circa
1 200 km, quindi dalla presenza di
catene montuose come le Alpi e gli
Appennini e, infine, dai mari che la
circondano.
In Italia si possono distinguere sei
zone climatiche (1).

Zona alpina: sulle Alpi il clima è


alpino con inverni caratterizzati da
temperature rigide, precipitazioni
nevose e forte escursione termica
diurna. Le estati sono brevi e fre-
sche (2).

Zona padano-veneta: nell’area oc-


cupata dalla Pianura Padana il clima
è continentale con una forte umidi-
tà e una notevole escursione termi-
ca. Gli inverni sono lunghi, rigidi e
nebbiosi, le estati calde e afose. Le
piogge sono abbondanti soprattutto
1 Le zone climatiche in Italia.
in primavera e in autunno (3).

Zona appenninica: sugli Appennini gli inverni sono Zona adriatica: lungo la costa adriatica il clima è conti-
freddi, con temperature che possono scendere anche sot- nentale al nord e mediterraneo scendendo verso sud. Gli
to lo zero, e le estati calde. Le precipitazioni sono abbon- inverni sono più rigidi rispetto al versante tirrenico, le
danti in primavera e in autunno, con nevicate frequenti estati sono calde e ventilate (6).
sulle cime più alte in inverno (4).
Zona mediterranea: lungo le coste meridionali e nelle
Zona ligure-tirrenica: lungo la costa tirrenica il clima è maggiori isole (Sicilia e Sardegna) il clima è mediterra-
mediterraneo, con inverni miti e piovosi ed estati calde e neo, con estati calde e aride e inverni miti. Le precipi-
secche. Il Mar Tirreno, più profondo del Mar Adriatico, tazioni si concentrano in autunno e inverno, mentre so-
restituisce in inverno il calore accumulato durante i me- no rare nei mesi caldi, determinando talvolta periodi di
si più caldi (5). siccità (7).

Usa gli strumenti Es. 8 pag. 130


1. Osserva la carta climatica dell’Italia e individua qual è il clima prevalente nella
tua Regione.
2. Raccogli informazioni da libri, giornali, internet sul clima della zona in cui vivi e
scrivi un breve testo informativo corredandolo di immagini e carte.

116
Clima e ambienti Unità 4

2 Zona alpina, località Corvara nelle Dolomiti. 3 Zona padano-veneta, il fiume Po nei pressi di Rovigo.

4 Zona appenninica, la campagna abruzzese nei pressi del Gran Sasso. 5 Zona ligure-tirrenica, scorcio di Vernazza, una delle Cinque Terre.

6 Zona adriatica, lunghe e attrezzate spiagge a Rimini. 7 Zona mediterranea, la costa siciliana nei pressi di Taormina.

117
Capitolo 3 Il clima e l’uomo

Temperatura media (in °C)

I cambiamenti climatici 0,8

Nell’ultimo secolo la temperatura media del pianeta è sa- 0,6


lita di 0,6 °C (1). Gli studiosi del clima non hanno dubbi:
questo cambiamento, che è il maggiore verificatosi negli 0,4
ultimi 10 000 anni, cioè dall’ultima era glaciale, è causa-
to principalmente dall’azione degli uomini e avrà un’in- 0,2
fluenza diretta sui sistemi di vita di tutti gli esseri presen-
ti sul nostro pianeta. 0

L’enorme sviluppo industriale e il disboscamento di


questi ultimi decenni hanno contribuito a far crescere -0,2

in modo consistente l’anidride carbonica (CO2) pre-


sente nell’atmosfera e hanno così provocato un aumen- -0,4

to dell’effetto serra (2). In condizioni normali questo è


-0,6
un fenomeno essenziale per la vita sulla Terra, perché fa Anno 1860 1880 1900 1920 1940 1960 1980 2000
sì che una parte del calore prodotto di giorno dai raggi
1 Aumento della temperatura media globale.
solari venga trattenuto di notte all’interno dell’atmosfe-
ra. Ciò avviene grazie all’azione di alcuni gas presenti Molti climatologi ritengono che l’aumento dell’effetto serra
nell’atmosfera, come l’anidride carbonica, che lasciano sia la causa principale del surriscaldamento globale (glo-
passare i raggi del Sole ma assorbono e riflettono una bal warming). Lo scioglimento dei ghiacciai è uno dei pri-
parte del calore rilasciato dalla superficie terrestre, pro- mi segni tangibili del surriscaldamento (4). I ghiacciai si
vocando in questo modo un aumento della temperatura stanno infatti sciogliendo con una rapidità senza preceden-
dell’aria (3). Poiché il funzionamento del fenomeno è si- ti: basti pensare che il loro spessore negli ultimi 35 anni è
mile a quanto accade all’interno di una serra di vetro, si diminuito di circa il 35% e che i ghiacciai delle Alpi e del
parla di effetto serra e di gas serra. Caucaso durante il secolo scorso si sono ridotti della metà.

Glossario
Era glaciale: periodo durante il quale, in seguito a un consistente ab-
radiazione solare
nello spazio bassamento della temperatura terrestre, avviene una espansione
delle calotte polari.

radiazione solare
Parti di CO2 per milione
380

360
gas-
ra se
-ser rr a 340
gas
320

radiazione 300
che torna
per l’effetto
serra 280

260
Terra
Anno
1000
1050
1100
1150
1200
1250
1300
1350
1400
1450
1500
1550
1600
1650
1700
1750
1800
1850
1900
1950
2000

2 Fenomeno dell’effetto serra. 3 Crescita di anidride carbonica nell’aria negli ultimi 1 000 anni.

118
Clima e ambienti Unità 4

4 Il ghiacciaio di Upsala, in Argentina, nel 1928 e sotto nel 2004.

Le conseguenze potrebbero essere disastrose. Il livello disastrose alluvioni colpirono tutti i Paesi attraversati
dei mari si alzerà cancellando le attuali zone costiere e, dal Danubio con danni gravissimi alle persone, all’am-
allo stesso tempo, verranno a mancare importanti riser- biente e all’economia.
ve d’acqua dolce. Secondo le valutazioni degli scienziati, l’Italia potrebbe
Facciamo l’esempio del Nord Italia, dove il ghiaccio e la conoscere in futuro una vera e propria divisione in due
neve situati ad alta quota liberano acqua nei periodi cal- fasce climatiche decisamente diverse. Al Nord avremmo
di e di siccità, continuando a mantenere costanti le porta- precipitazioni molto violente e concentrate stagionalmen-
te dei fiumi ed evitando così seri danni per l’agricoltura. te, che saranno causa di inondazioni di intensità superio-
Questa risorsa così importante non avrà durata molto lun- re a quelle tradizionali. Al Sud, invece, le precipitazioni
ga, infatti, a causa del ritmo elevato di fusione dei ghiac- diminuiranno ma, essendo intense e concentrate in pochi
ci, la «scorta» di acqua sarà sufficiente ancora per una giorni, favoriranno i processi di desertificazione, di ero-
decina di anni. Le prime aree che subiranno conseguen- sione e le frane.
ze da questa riduzione di portata di acqua saranno tutte
Es. 9 pag. 131
quelle zone che, a causa delle caratteristiche ambientali,
hanno regimi di piovosità molto scarsi: le valli alpine di
origine glaciale, regioni come la Valle d’Aosta, l’Alta Val- Individua le relazioni
tellina e la Val Venosta. 1. Il riscaldamento globale provoca gravi conseguenze:
Piogge torrenziali e temporali sono un’altra conseguen- fra quelle elencate sottolinea quelle esatte.
za del surriscaldamento terrestre. Nelle zone tempera- • Aumento del pericolo di sismi ed eruzioni vulcaniche.
• Diminuzione delle produzioni agricole.
te del pianeta sono sempre più frequenti le tempeste che
• Aumento delle precipitazioni nevose in pianura.
si trasformano in cicloni tropicali, cioè in alluvioni che 2. Quali conseguenze potrebbe provocare il riscalda-
in alcuni casi possono estendersi a gran parte degli Sta- mento globale sull’Italia?
ti di un continente. Nell’agosto del 2002, ad esempio,
119
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia

Le aree protette in Europa e in Italia dall’esempio di Germania, Paesi Bassi, Svizzera e Au-
Nel corso dei secoli gran parte della Terra, specie l’Eu- stria, che riservano una buona percentuale del loro terri-
ropa, ha subito profonde modifiche da parte dell’uomo: torio (circa un quarto) ad area protetta, a Paesi che ne ri-
dai disboscamenti per ricavare terreni coltivabili alla co- servano molto meno (1).
struzione di strade, ferrovie, porti e aeroporti, l’uomo ha Tra i vari tipi di aree protette esistono alcune differenze: le
da sempre alterato gli ambienti naturali, modificandoli riserve naturali integrate, ad esempio, non ammettono
per le proprie esigenze. In questo modo ha spesso causa- attività umane, a differenza dei parchi nazionali, dove ne
to danni agli ecosistemi e alle specie animali e vegetali sono consentite alcune. Esistono inoltre le riserve marine,
che li popolavano. che nascono con l’intento di salvaguardare le caratteristi-
Solo negli ultimi anni ci si è resi conto che una delle più che geofisiche e naturali di aree costiere e fondali marini.
importanti soluzioni ai gravi problemi ambientali del no- I parchi nazionali sono certamente il tipo di area protetta
stro pianeta è la creazione, o il mantenimento, di vaste più importante: essi sono istituiti dallo Stato per la preser-
aree naturali. Sono nate così le aree protette, nelle qua- vazione di un’area naturale e per favorirne la fruizione da
li l’ambiente naturale viene lasciato incontaminato dalla parte di tutti, sia a scopo educativo sia ricreativo.
presenza dell’uomo, così che animali e vegetali possano Negli ultimi decenni si va sempre più diffondendo il turi-
popolarle in tutta tranquillità. smo ambientale: molti sono infatti i turisti che trascorro-
In Europa ne sono state istituite molte, anche se con no- no brevi o lunghi soggiorni all’interno dei parchi naziona-
tevoli differenze tra uno Stato e l’altro: si passa infatti li, a stretto contatto con la natura e le sue meraviglie.

1 Le aree protette in Europa.


principali parchi nazionali
e riserve naturali

Percentuale di territorio protetto


Islanda sulla superficie nazionale
da 1% a 9%
da 10% a 19%
da 20% a 29%
da 30% a 39%
Norvegia
Finlandia

Svezia

Regno Estonia
Unito

Lettonia
Danimarca
Irlanda Lituania Russia
Russia
Paesi
Bassi Bielorussia
Polonia
Belgio Germania
Lussemburgo Ucraina
Rep. Ceca
Slovacchia
Francia Austria
Moldova
Svizzera Ungheria
Slovenia
Romania

Portogallo Croazia
Bosnia
Erzegovina
Serbia
Bulgaria
Spagna Kosovo
Italia Montenegro
Macedonia
Turchia
Albania

Grecia

Malta
Cipro

120
Clima e ambienti Unità 4

Stelvio

Val Grande
Dolomiti Parco Nazionale
Bellunesi del Gargano. Parco Nazionale dei Monti Sibillini.
Gran Paradiso

Appennino
Tosco-Emiliano

Cinque Terre
Foreste Casentinesi
Monte Falterona
e Campigna Monti Sibillini

Gran Sasso e
Arcipelago Monti della Laga
Toscano
Maiella
Gargano

Arcipelago Abruzzo, Lazio


e Molise Alta Murgia
di La Maddalena
Circeo
Asinara Vesuvio Appennino Lucano
Val d’Agri, Lagonegrese

Cilento e
Vallo di Diano
Golfo di Orosei
e Gennargentu Pollino
Sila

Aspromonte

Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena.

In Italia i parchi nazionali sono


24, dislocati lungo tutta la penisola
e nelle isole maggiori.

Es. 10 pag. 131

Usa gli strumenti


1. Osserva la carta tematica delle aree protette in Eu-
ropa e indica quale Stato ha la più alta percentuale
di aree protette.
2. Osserva la carta tematica dei parchi nazionali in
Italia e rispondi.
• Quali Regioni hanno il maggior numero di parchi?
• Quali non ne hanno?
• Nella tua Regione ce ne sono?
Parco Nazionale del Pollino.

121
La boratorio Che tempo fa?
«Rosso di sera, bel tempo si spera».
«Cielo a pecorelle, acqua a catinelle».
«Quando la montagna ha la cintura, è neve sicura».
Questi sono alcuni fra i proverbi meteorologici più conosciuti. Da sempre l’uomo ha osservato i cam-
biamenti atmosferici e nel corso dei secoli ha elaborato una saggezza popolare capace di leggere i
segnali che annunciano i cambiamenti del tempo. Dal canto loro gli scienziati hanno inventato e mes-
so a punto strumenti sempre più sofisticati e oggi, con i dati inviati dai satelliti, i meteorologi posso-
no registrare l’andamento del tempo ed elaborare previsioni molto precise, anche relative a periodi
lunghi e con largo anticipo.
In questo laboratorio imparerai a costruire dei grafici attraverso i quali leggere i valori climatici, ma
soprattutto ad allestire a scuola una piccola stazione meteorologica.

Leggere i dati
Leggi con attenzione i dati della tabella: forniscono delle informazioni sugli eventi climatici verifi-
catisi in un Comune italiano.

Mese Temperatura Pressione Umidità Vento Precipitazioni


minima massima Barometro Igrometro Forza media Direzione Pluviometro
in gradi in gradi in millibar in percentuale in km/h da... in millimetri
gennaio -0,3 4,6 971,2 68 0,1 sud 98
febbraio 0,5 6,5 969,5 66 0,2 sud, sud-ovest 82
marzo 3,0 10,3 969,3 59 0,5 sud 102
aprile 6,2 15,0 967,7 66 0,6 sud, sud-ovest 116
maggio 10,3 19,5 969,6 72 0,4 sud 113
giugno 13,5 22,9 970,5 72 0,3 sud, sud-ovest 144
luglio 15,8 25,6 971,3 65 0,4 nord-est 93
agosto 15,7 25,0 971,0 63 0,2 sud 124
settembre 13,0 20,7 972,7 71 0,2 nord-est 118
ottobre 9,2 15,4 972,9 71 0,1 nord-est 102
novembre 4,4 9,7 970,8 71 0,3 sud, sud-ovest 137
dicembre 0,5 5,5 970,5 71 0,2 est, nord-est 112

Elaborare e interpretare i dati


Con i dati della tabella costruisci un diagramma per ciascun elemento climatico, in modo da avere
un’idea «a colpo d’occhio» dell’andamento della temperatura, dell’umidità e degli altri dati nel cor-
so dell’anno. Ecco come procedere.

122
Clima e ambienti Unità 4

Laboratorio
Su un foglio di carta millimetrata disegna due assi perpendicolari: uno orizzontale sul quale ripor-
tare i mesi, l’altro verticale su cui riportare, ad esempio, le temperature; stabilisci poi, su ciascuna
delle due direzioni, un segmento come unità di misura e gradua i due assi.
In corrispondenza di ciascun mese traccia un segmento perpendicolare all’asse del tempo e di lun-
ghezza uguale al valore della temperatura registrata (in questo caso la minima); alla fine collega gli
estremi liberi di questi segmenti con una linea: essa sarà il diagramma della temperatura.
Sullo stesso grafico potrai costruire, con un diverso colore, il diagramma delle temperature massi-
me. Lo stesso lavoro potrà essere fatto per la pressione, l’umidità, il vento, le precipitazioni.

34
33
32
31
30
29
28
27
26
25
24
23
22
21
20
19
18
17
16
15
14
13
12
11
10
9
8
7
6
5
4
3
2
1
0
-1
-2
-3
-4
gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre

123
Trasferire e verificare i dati

La b +
Puoi provare ora ad allestire a scuola una piccola stazione meteorologica. Costruisci con i tuoi com-
pagni gli strumenti utili per raccogliere i dati sulla pioggia, la pressione, il vento, l’umidità ecc., re-
gistrali e prova a realizzare il bollettino meteo d’istituto.

Pluviometro
Materiale
• bottiglia di plastica da acqua • bottiglia di plastica cilindrica con il fondo piatto • brocca gra--
duata • pennarello • righello • forbici

Procedimento
tti.
1. Taglia la parte superiore delle due bottiglie in modo da ottenere due cilindri con i bordi diritti.
2. Misura nella brocca graduata 100 ml esatti di acqua e versala nella bottiglia piccola; segna il
livello dell’acqua con il pennarello.
3. Aggiungi altri 100 ml d’acqua e segna nuovamente il livello. Ripeti l’operazione fino ad avere e
una serie di almeno 15 livelli. (Ricorda: 100 ml corrispondono a 2 mm di pioggia.)
4. Metti la bottiglia più piccola dentro quella grande e usa come imbuto la parte superiore di
quest’ultima.
gi-
5. Controlla ogni mattina il livello dell’acqua nella bottiglia (che puntualmente svuoterai) e regi-
stralo in tabella.

Igrometro
Materiale
• carta assorbente bianca • cartoncino pesante • alcuni grammi di cloruro di
cobalto • piccolo contenitore • acqua • matita • forbici • colla

Procedimento
1. Ritaglia una striscia di carta assorbente delle dimensioni di 3 cm x 8 cm.
2. Diluisci nell’acqua il cloruro di cobalto e intingi la striscia assorbente.
3. Applica la striscia, una volta asciugata, sul cartoncino e decoralo con fantasia.
4. Controlla il colore della striscia ogni giorno: quando si colora di rosa indica una
forte umidità, se si colora di azzurro, invece, segnala un basso grado di umidità.

Barometro
Materiale
• bottiglia con collo lungo • bicchiere cilindrico alto, dello stesso diametro del corpo della botti-
i-
glia • brocca • inchiostro blu o rosso • striscia di carta millimetrata • carta adesiva trasparentete
• pennarello

Procedimento
1. Applica sul bicchiere, a partire dal fondo, la striscia di carta millimetrata dopo averla graduata. a.
2. Colora con l’inchiostro dell’acqua e versala nel bicchiere.
3. Capovolgi la bottiglia nel bicchiere in modo che la bocca resti sollevata di pochi mm dal fondo. do.
4. Verifica tutti i giorni il livello dell’acqua nel collo della bottiglia: quando il livello dell’acqua è
alto, significa che l’aria preme molto sulla superficie dell’acqua e che, quindi, c’è alta pressio- o-
ne; viceversa il livello basso indica bassa pressione.

124
Clima e ambienti Unità 4

Laboratorio
Anemometro

abo a o o
Materiale
narello
• un sostegno • due asticciole (20 cm x 0,6 cm) • 2 palline da ping pong • pennarello
rosso indelebile • chiodo lungo • punteruolo • seghetto • martello • candela • colla

Procedimento
rello
1. Taglia a metà le palline da ping pong usando il seghetto e colora col pennarello
una delle quattro semisfere.
2. Col punteruolo pratica un foro nel mezzo delle asticciole, sovrapponile a forma
rma di
croce e incollale saldamente.
3. Pratica una fessura nel mezzo delle semisfere e fissale con la colla alle estremità delle asticciole.
4. Strofina il chiodo su una candela, infila la croce e inseriscilo nel sostegno nel quale avrai ricavato una sede
nella quale esso potrà roteare senza attrito.
5. Conta i giri che l’anemometro compie in un minuto per registrare la velocità del vento (sarà sufficiente tener
d’occhio la sfera rossa).

Banderuola
Materiale
• un sostegno • chiodo lungo e sottile • rondella • legno leggero • filo metallico
• matita • traforo • carta vetrata

Procedimento
1. Disegna una freccia (15 cm x 5 cm) nel legno, ritagliala con il traforo e levigane
i margini con la carta vetrata.
2. Inserisci al centro della freccia il chiodo e bilanciala avvolgendo intorno a essa
del filo metallico.
3. Colloca la banderuola nel sostegno dopo aver inserito la rondella sul suppor-
to, in modo che la freccia possa ruotare liberamente.
4. Con una bussola potrai verificare la direzione del vento.

Allestire una stazione meteorologica


A questo punto individua nel cortile della scuola un luogo sicuro dove collocare gli strumenti che hai
costruito: sistema il pluviometro in una posizione stabile e rialzata di circa 30 cm dal terreno; poni
l’anemometro e la banderuola all’altezza di un metro circa ed esposti al vento.
Procurati anche un termometro utile per misurare la temperatura minima e massima, un barome-
tro metallico (foto a pag. 104) che ti consentirà di tarare il barometro ad acqua e un igrometro se
vorrai rilevare la percentuale di umidità.
Ogni mattina rileva i dati e registrali in una tabella simile a quella di pagina 122.

Quando avrai messo a punto gli strumenti e acquisito una certa sicurezza nella registrazione dei
dati, potrai predisporre un bollettino meteo della scuola, da distribuire alle altre classi o affiggere
nella bacheca.

Ricostruire e sintetizzare le conoscenze


Al termine del laboratorio sintetizza in un breve testo scritto l’attività che hai svolto. Prova anche a
calcolare la media dei valori della località in cui vivi, per il mese in cui a scuola hai raccolto i dati.
Quali conclusioni puoi trarre dal confronto con i dati nazionali?

125
Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia
Sintesi

Il clima
Il clima è il complesso delle condizioni atmosferiche che si susseguono in una località durante un lungo periodo.

Gli elementi del clima


• temperatura: dipende dal riscaldamento del Sole:
- escursione termica: differenza fra temperatura
massima e minima;
• pressione atmosferica: dovuta al peso dell’aria sul
nostro pianeta:
- cicloni: zone di bassa pressione;
- anticicloni: zone di alta pressione;
• venti: derivano dallo spostamento dell’aria dalle zone
di alta pressione verso quelle di bassa:
- costanti: spirano sempre nella stessa direzione;
- periodici: spirano alternativamente in due sensi op-
posti;
- variabili: caratteristici di una certa regione;
• umidità: vapore acqueo che evapora dalle acque in-
terne per effetto del calore solare.

I fattori del clima Le zone climatiche


• latitudine: distanza di una località dall’Equatore; • zona torrida: fra il Tropico del Cancro e il Tropico
• altitudine: altezza di un luogo rispetto al livello del Capricorno, con clima caldo;
del mare; • zone temperate: a nord e a sud dei Tropici, con clima
• presenza di acqua: funzione regolatrice del clima. mite;
Polo nord • zone polari: in prossimità dei poli, con clima freddo.
Polo nord
Zona Zona polare
Circ
temperata olo
pol
are
art
ico

Zona Tro
p ico
torrida del
Can
Raggi solari cro

Equ
ato
re

Tro
p ico
del
Cap
rico
rno

Zona
Polo sud temperata Circ
olo
pol
are
Nel corso del tempo Le previsioni meteorologiche Zona polare
ant
art
ico

Laboratorio Che tempo fa? Polo sud

126
Clima e ambienti Unità 4

Sintesi
Il clima in Europa
clima continentale
• clima continentale: interessa una vasta area dell’Europa cen- clima alpino
clima mediterraneo
tro-orientale; è influenzato dalla latitudine e dalla lontananza clima atlantico
dal mare; gli inverni sono freddi e le estati calde e con una forte clima subartico

escursione termica annua;


• clima alpino: interessa le catene montuose più elevate; gli in-
verni sono rigidi e le estati fresche, con abbondanti precipita-
zioni (nevose in inverno) e con una forte escursione termica
diurna;
• clima mediterraneo: interessa le regioni dell’Europa meridio-
nale; le estati lunghe e calde, gli inverni brevi e miti; le precipita-
zioni sono scarse in estate e concentrate in autunno e inverno;
• clima atlantico: interessa le regioni affacciate sull’Oceano A-
tlantico; le temperature sono miti durante tutto l’anno, con pre-
cipitazioni abbondanti che diminuiscono procedendo verso est;
• clima subartico: interessa le regioni del Nord Europa; le tem-
perature sono basse tutto l’anno, con precipitazioni scarse,
prevalentemente nevose.

Il clima in Italia
zona alpina
• zona alpina: sulle Alpi, con inverni rigidi ed estati fresche, zona padano-veneta
frequenti precipitazioni nevose e con forte escursione termica zona appenninica
zona ligure-tirrenica
diurna;
zona adriatica
• zona padano-veneta: in Pianura Padana, con inverni rigidi e zona mediterranea
nebbiosi ed estati afose e calde, precipitazioni abbondanti e no-
tevole escursione termica annua;
• zona appenninica: sugli Appennini, con inverni freddi ed estati
calde e con precipitazioni frequenti (nevose in inverno);
• zona ligure-tirrenica: lungo la costa tirrenica, con inverni miti
ed estati calde e precipitazioni abbondanti in inverno;
• zona adriatica: lungo la costa adriatica, con inverni piuttosto ri-
gidi ed estati calde e ventilate;
• zona mediterranea: lungo le coste meridionali e le isole, con in-
verni miti ed estati calde e aride, precipitazioni solo in autunno e
inverno, siccità in estate.

I cambiamenti climatici
Aumento della temperatura effetto serra: dovuto all’aumento delle surriscaldamento globale:
media: emissioni di anidride carbonica; - scioglimento dei ghiacciai;
- piogge torrenziali e alluvioni.

Le aree protette
• riserve naturali integrate: non ammettono alcuna attività umana;
• parchi nazionali: ammettono solo alcune attività umane;
• riserve marine: per salvaguardare aree costiere e fondali marini.

127
Verifica Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia

1 Collega a ogni termine la definizione corretta.


1. Pluviometro a. Zona di alta pressione.
2. Igrometro b. Strumento che misura la pressione dell’atmosfera.
3. Ciclone c. Strumento che misura la quantità di pioggia caduta.
4. Anticiclone d. Strumento che misura la velocità del vento.
5. Barometro e. Involucro gassoso che avvolge un pianeta.
6. Anemometro f. Strumento utilizzato per la misurazione dell’umidità atmosferica.
7. Atmosfera g. Zona di bassa pressione.

2 Indica con una crocetta se le seguenti affermazioni sono vere (V) o false (F).
1. Il tempo meteorologico indica le condizioni atmosferiche che si succedono in una località durante
un periodo lungo. V F
2. I termini «tempo» e «clima» sono sinonimi. V F
3. La pressione atmosferica si misura in millibar. V F
4. L’escursione termica annua è la differenza tra la temperatura massima e la temperatura minima
nel corso delle 24 ore. V F
5. Il clima può essere modificato dall’azione degli uomini. V F
6. La temperatura media di un luogo si ottiene dividendo per due la somma fra la massima e la minima. V F
7. L’umidità è data dal vapore acqueo contenuto nell’aria, fornito dall’acqua dei mari. V F
8. I venti si definiscono costanti quando a intervalli regolari spirano sempre nella stessa direzione. V F
9. Lo spostamento dell’aria dalle zone di alta pressione verso quelle di bassa pressione è la causa
principale della formazione dei venti. V F

3 Osserva la seguente tabella delle temperature medie di alcune città europee e rispondi ai quesiti.

Città Temperatura Temperatura 1. Qual è la città che ha la maggior escursione termica


media di gennaio media di luglio annua? .........................................................................................................
Atene 9 °C 28 °C Prova a indicare da quali fattori è influenzato questo
Roma 7,5 °C 24,5 °C dato: ..............................................................................................................
...........................................................................................................................
Lisbona 11 °C 22 °C
Parigi 3,5 °C 20 °C 2. E la città con la minor escursione termica annua?
...........................................................................................................................
Londra 4 °C 18 °C
Berlino -1 °C 18 °C Prova a indicare da quali fattori è influenzato questo
Oslo -4,3 °C 17 °C dato: ..............................................................................................................
...........................................................................................................................
Varsavia -3 °C 19 °C

4 Distingui tra elementi e fattori del clima e completa la tabella inserendo i seguenti termini.
venti - temperatura - latitudine - altitudine - umidità - pressione - mare - oceano
Elementi Fattori

......................................................................................................................... .........................................................................................................................

......................................................................................................................... .........................................................................................................................

......................................................................................................................... .........................................................................................................................

128
Clima e ambienti Unità 4

Verifica
5 Usando i dati della tabella, costruisci sul tuo quaderno il grafico termopluviometrico di Stoccolma (in Sve-
zia). Quindi indica se le seguenti affermazioni sono vere (V) o false (F).

Mese Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Annuale
Massime medie (°C) -1 -1 3 8 14 21 22 20 15 9 5 2 10 i
Minime medie (°C) -5 -5 -3 1 6 11 14 13 9 5 1 -3 2,5
Pioggia (mm) 39 27 26 30 30 45 72 66 55 50 53 46 539 i

1. Le precipitazioni non superano mai gli 80 mm. V F


2. Le temperature minime medie dei mesi invernali si abbassano spesso sotto lo zero termico. V F
3. Le temperature massime medie non superano i 18 °C. V F
4. Le precipitazioni aumentano nella stagione invernale. V F
5. Dall’osservazione delle temperature si può definire Stoccolma una città con un clima sostanzialmente mite. V F

6 Costruisci una legenda dei climi europei con colori differenti e traccia opportunamente sulla carta le aree
interessate, quindi rispondi ai quesiti.

Legenda
Islanda

Finlandia

Norvegia
Svezia
Estonia
Russia

Lettonia
Danimarca
Irlanda Lituania
Regno Russia
Unito Paesi
Bassi Bielorussia

Germania Polonia
Belgio
Lussemburgo Ucraina
Rep. Ceca
Slovacchia
Austria Moldova
Francia Svizzera
Ungheria
Slovenia Romania
Croazia
Portogallo Bosnia-
Erzegovina Serbia
Italia
Spagna Montenegro Kosovo Bulgaria
Macedonia
Albania Turchia

Grecia

Malta Cipro

1. Quali Paesi europei sono interessati dal clima continentale? ............................................................................................................


....................................................................................................................................................................................................................................................

2. Quali Paesi europei sono interessati dal clima alpino? .................................................................................................................................

.............................................................................................................................................................................................................................................................

3. Quali Paesi europei sono interessati dal clima mediterraneo? ................................................................................................................


.............................................................................................................................................................................................................................................................

4. Quali Paesi europei sono interessati dal clima atlantico? ............................................................................................................................


.............................................................................................................................................................................................................................................................

5. Quali Paesi europei sono interessati dal clima subartico? ...........................................................................................................................................


.............................................................................................................................................................................................................................................................

129
Verifica Modulo 1 Strumenti e concetti della geografia

7 Definisci le seguenti espressioni proprie del linguaggio geografico.


1. Zona torrida: ................................................................................................................................................................................................................................
2. Zone temperate: ........................................................................................................................................................................................................................
3. Zone polari: ...................................................................................................................................................................................................................................
4. Corrente del Golfo: ..................................................................................................................................................................................................................
5. Anticiclone delle Azzorre: ...................................................................................................................................................................................................
6. Anticiclone siberiano: ..............................................................................................................................................................................................................................

8 Riconosci a quale regione climatica italiana appartiene ciascuna delle seguenti immagini e descrivi le prin-
cipali informazioni che puoi ricavare.

a b

c d

e f

1. Zona mediterranea 3. Zona padano-veneta 5. Zona alpina


2. Zona adriatica 4. Zona appenninica 6. Zona ligure-tirrenica

130
Clima e ambienti Unità 4

Verifica
9 Alcuni anni fa il WWF ha organizzato una interessante e originale inchiesta denominata «Testimoni del cli-
ma», nella quale sono state raccolte le testimonianze di chi sta vivendo o ha vissuto in prima persona un’espe-
rienza che mostri l’impatto dei cambiamenti climatici. Quella che segue è una delle più interessanti. Leggila
con attenzione e rispondi alle domande.

Tra Abruzzo e Lazio, sul Monte Velino


la neve non si scioglieva mai
dal caldo con la paglia». A casa la
neve veniva accumulata in cantina.
«Così ogni giorno era possibile prepa-
rare sorbetti e granite con i frutti che
dava il bosco. Chi l’assaggiava rima-
neva stupito, anche perché in quella
zona d’estate fa parecchio caldo. Ma
in quota la neve resisteva». Oggi non
è più così. «Frequento quella monta-
Il conte Giuseppe Placidi era persona inventato, ma bastava la neve. «Una gna ogni stagione - aggiunge Nicola
di grande ospitalità. Durante il seco- volta alla settimana - racconta il nipo- - e la neve sparisce tutta al massimo
lo scorso nella sua casa alle falde del te Nicola - la servitù partiva di mattina ai primi di giugno». Sparita anche la
monte Velino, al confine tra Abruzzo presto con i muli. Risalivano la valle grande casa del conte, 65 stanze, dove
e Lazio, c’era una tradizione di fami- di Teve, più di tre ore di cammino, e gli ospiti non mancavano mai, venuta
glia che d’estate veniva rispettata ogni arrivavano vicino alla vetta del Veli- giù con il terremoto del 1915. La fa-
giorno: al pomeriggio si serviva sor- no, che sfiora i 2 500 metri di quota. miglia c’è ancora, invece, così come
betto o granita. Anche in pieno ago- Prendevano la neve e la riportavano a la tradizione della granita. Fatta con il
sto. Il frigorifero non era stato ancora valle in grandi sacchi, proteggendola ghiaccio del freezer.

1. Da dove veniva presa la neve con cui si preparavano le granite e i sorbetti che il conte Placidi offriva ai suoi ospiti?
.............................................................................................................................................................................................................................................................

.............................................................................................................................................................................................................................................................

2. Perché oggi non sarebbe più possibile preparare granite allo stesso modo? Che cosa è successo?
.............................................................................................................................................................................................................................................................

.............................................................................................................................................................................................................................................................

10 Osserva la carta tematica dei parchi nazionali in Italia a pagina 121 e rispondi alle domande.

1. In quali Regioni sono presenti dei parchi nazionali? .....................................................................................................................................................


.............................................................................................................................................................................................................................................................

.............................................................................................................................................................................................................................................................

2. Quali si sviluppano anche sul mare? ........................................................................................................................................................................

.............................................................................................................................................................................................................................................................

.............................................................................................................................................................................................................................................................

3. Vi sono aree protette che coinvolgono il territorio di più Regioni?....................................................................................................................


.............................................................................................................................................................................................................................................................

.............................................................................................................................................................................................................................................................

131
Modulo 2
Le regioni europee
Unità 5
L’Europa continentale
Unità 6
L’Europa alpina
Unità 7
L’Europa mediterranea
Unità 8
L’Europa atlantica
Unità 9
L’Europa subartica

Obiettivi di apprendimento
• Comprendere e utilizzare concetti-cardine ne
della geografia: ubicazione, localizzazione,e,
regione, paesaggio, ambiente, territorio.
• Riconoscere e descrivere i principali
paesaggi europei, individuandone
analogie e differenze (anche in relazione
al passato) e gli elementi di particolare
valore ambientale e culturale.
• Leggere correttamente paesaggi e
sistemi territoriali lontani (anche nel
tempo), utilizzando strumenti diversi
e cogliendo l’interdipendenza di fatti e
fenomeni.
• Localizzare su una carta geografica i
luoghi e le regioni studiate, sapendone
descrivere le caratteristiche
geografiche e operando sintesi e
confronti.

132
Modulo 2 Le regioni europee
1

Unità 5
L’Europa
continentale

Il porto di Amburgo (Germania) è l’asse del com-


mercio con l’Europa dell’Est e del Nord. Nonostante
sia distante circa 120 km dal mare, può essere
raggiunto dalle più grandi navi portacontainer del
mondo grazie alla presenza di un ampio canale.

In primo piano 2
Una vasta area dell’Europa centro-orientale
è interessata dal clima continentale,
con inverni molto rigidi e ricchi di
precipitazioni, anche a carattere nevoso,
ed estati calde e afose mano a mano che si
scende verso sud. L’Europa continentale
è attraversata da una rete fittissima di
corsi d’acqua, naturali e artificiali, che
caratterizzano notevolmente l’aspetto della
regione e l’organizzazione delle attività
umane nel territorio.

Il canale di Kiel (Germania) fu inaugurato nel 1895 e


mette in comunicazione il Mare del Nord con il Mar
Baltico. Fino alla prima guerra mondiale il canale
venne utilizzato esclusivamente dalle navi tedesche;
solo con il trattato di Versailles, che pose fine alla
prima guerra mondiale (1919), esso venne dichiarato
una via d’acqua internazionale.

134
L’Europa continentale Unità 5
3 4

Per la manutenzione e la gestione della grande diga


sul fiume Dnepr (Ucraina) venne fondata la città
di Zaporozhe, il cui nome significa semplicemente
«dopo le rapide». Lo sbarramento produce energia
Il fiume Ural, che scorre in Russia e in Kazakistan, per tutta la regione, ma non ha interrotto la
segna il confine naturale tra due continenti: a oriente navigazione fluviale, perché un complesso sistema
si estendono le steppe dell’Asia, a occidente le di chiuse permette di oltrepassare la parte inferiore
pianure dell’Europa. della diga, superando un dislivello di 30 metri.

5 6

Il Volga sfocia nel Mar Caspio con un immenso La Vistola bagna i centri più importanti della Polonia:
delta, che copre un’area di 8 000 km2 (equivalente Cracovia, Varsavia e Danzica. Il suo corso è la «spina
alla superficie del Friuli-Venezia Giulia). L’ambiente dorsale» dell’economia della regione: infatti il suo
naturale del delta è un’area protetta per la tutela dei sistema fluviale, formato dagli affluenti naturali e dai
luoghi in cui nidificano gli uccelli migratori. canali artificiali, collega il 60% del territorio polacco.

Queste immagini corrispondono alla tua idea di «Europa continentale»? Spiega perché sì o perché no.
Dalle fotografie quali ipotesi puoi fare sulle vie di comunicazione e sull’economia di questa regione europea?

135
Modulo
Mod
dul 2 Le regioni europee

Individua lo spazio
Completa il testo individuando sulla carta gli 60°

elementi mancanti.
L’Europa continentale è formata da una
vasta pianura, a tratti intervallata da
modesti rilievi, che si estende dalle aree
interne di Spagna e Francia fino ai Monti
Urali, estremo confine orientale dell’Europa. La regione è
caratterizzata dall’assenza di confini naturali, tuttavia sul suo
territorio sono presenti numerosi Stati.
Le principali pianure sono il .................................................. Germanico,
compreso tra il Mare del Nord e le Alpi, e a est l’immenso
Bassopiano ........................................ . La pianura è intervallata dai rilievi
del Massiccio Scistoso Renano, della Selva .................................................,
della Selva ................................................., tutti di modesta altitudine.
I rilievi che interrompono la monotonia della sconfinata pianura
russa sono concentrati nella parte centro-meridionale: essi sono
50°
il Ripiano Podolico, il Rialto Centrale ................................................... e le
........................................... del Volga, la cui altitudine non supera i 300
m. Le catene montuose dei Monti Urali e del ...........................................
delimitano l’Europa continentale a oriente.
Nella regione si snodano i fiumi più lunghi d’Europa. Alcuni
sorgono dalle alture meridionali e, grazie alle vaste pianure,
scorrono liberamente verso nord attraversando tutto il
bassopiano: sono la Dvina Occidentale e la ...........................................,
che sfociano nel Mar Baltico; l’..........................................., il Weser e
il ..........................................., che sfociano nel Mare del Nord. Altri come
il ..........................................., il ........................................... e il Dnestr
percorrono, invece, la porzione meridionale del Bassopiano
Sarmatico e, dopo aver attraversato la fertile pianura dell’Ucraina,
si gettano nel Mar Nero. Infine il ..........................................., il più lungo
fiume europeo, sfocia nel Mar Caspio. Questi fiumi formano nelle 40°

pianure grandi anse con una corrente debole a causa della scarsa
pendenza del territorio, perciò sono navigabili per ampi tratti.
Inoltre i corsi d’acqua che si gettano nel Mar Baltico, un mare
interno e poco profondo, formano con i loro detriti delle isole
sabbiose che spesso danno origine a lagune costiere.
I più importanti bacini lacustri si trovano intorno al Golfo di
Finlandia: il Lago dei Ciudi, il Lago Ilmen e i vastissimi specchi
d’acqua del Lago ........................................ e del Lago ..........................................

Es. 1 pag. 158

136
L’Europa continentale Unità 5

60°

50°

40°

137
Capitolo 1 Il paesaggio
della regione
Dalla taiga alla steppa Nelle aree occupate da boschi e foreste vivono numerose
Nonostante l’area sia densamente popolata, la vastità degli specie di uccelli (aquile, falchi, picchi, barbagianni, gufi)
spazi ha permesso la sopravvivenza, soprattutto nelle re- e di mammiferi (cervi, daini, lupi, orsi bruni, volpi, cin-
gioni orientali, di grandi estensioni di paesaggio naturale. ghiali, scoiattoli).
Nelle sterminate pianure della Russia settentrionale si Un tempo le steppe erano il regno del bisonte europeo,
estende la taiga, costituita da immense foreste di coni- oggi purtroppo ridotto a pochi esemplari e a rischio di
fere e arbusti, oltre a muschi e licheni presenti nel sotto- estinzione (4).
bosco (1). Queste regioni hanno temperature medie molto Il clima è caratterizzato da una notevole escursione ter-
basse e sono coperte di neve per gran parte dell’anno. mica annuale, con estati molto calde e inverni rigidi. Tale
Scendendo verso sud, in particolare lungo il corso dei caratteristica è accentuata dall’azione dei venti: in inver-
grandi fiumi dell’Europa continentale, la taiga sfuma in no le correnti fredde provenienti dal Polo nord non incon-
foresta mista di conifere e latifoglie (2). trano montagne che le ostacolino, perciò contribuisco-
Nella fascia sud-orientale, dove le precipitazioni sono più no ad abbassare le temperature; in estate, invece, i venti
scarse e vi è una forte escursione termica, si estendono le meridionali determinano l’effetto contrario, riscaldando
vaste praterie che occupano gran parte dei Paesi dell’Eu- questi territori.
ropa dell’Est.
Dove la piovosità diminuisce ulteriormente e il clima è Glossario
più arido, la prateria lascia il posto alla steppa: un am- Taiga: termine russo che significa «foresta di conifere».
Conifere: piante con foglie aghiformi e frutti conici, particolarmente
biente brullo privo di alberi con arbusti e cespugli spino- adatte a climi freddi (pino, cipresso, larice, abete).
si. Qui la vegetazione cresce in primavera e diventa secca
in autunno, colorandosi di un uniforme color bruno. Nella
pianura ungherese la steppa prende il nome di puszta (3). Es. 2 pag. 158

1 Vista aerea di una vasta foresta di conifere in Russia settentrionale.

138
L’Europa continentale Unità 5

2 Le foreste di latifoglie affiancano il corso dei maggiori fiumi nell’Europa continentale.

3 La puszta nei pressi di Bugac, in Ungheria.

Lavora sul testo


Completa la tabella inserendo le caratteristiche di ogni
ambiente naturale.

Ambiente Caratteristiche
Taiga ..................................................................................

..................................................................................

Foresta di ..................................................................................
latifoglie ..................................................................................

Prateria ..................................................................................

..................................................................................

Steppa ..................................................................................

..................................................................................
4 Bisonti europei al pascolo nella steppa.

139
Modulo 2 Le regioni europee

Gli insediamenti
Il territorio pianeggiante ha favorito
lo sviluppo di grandi città con elevata
densità di abitanti e, di conseguenza,
il potenziamento dei servizi destina-
ti alla popolazione (scuole, ospedali,
trasporti urbani) e alle imprese (ban-
che, società finanziarie, centri di pro-
gettazione e ricerca).
Nell’Europa nord-occidentale, con
una particolare concentrazione fra la
foce del Reno e il bacino della Ruhr,
si sono formate vere e proprie conur-
bazioni, dove il tasso medio di popo-
lazione urbana raggiunge il 70% (1).
Nelle pianure orientali, invece, le va-
ste zone rurali, che dividono una cit-
tà dall’altra, non hanno permesso la
formazione di aree metropolitane
ininterrotte, anche se gli abitanti si
concentrano nei grandi centri.
L’Europa continentale dispone di una
rete di vie di comunicazione (strada- 1 Veduta di Düsseldorf, città situata nell’area altamente urbanizzata del basso Reno.
le, ferroviaria e aerea) fra le più svi-
luppate del mondo, con comodi punti di interscambio fra
un mezzo e l’altro. Individua le relazioni
Nelle regioni più occidentali il traffico delle merci avvie- 1. Quale fattore ambientale ha favorito la formazione
ne anche attraverso una fitta rete di fiumi navigabili e ca- di grandi aree urbane?
nali di collegamento. ....................................................................................................................
Nel settore delle telecomunicazioni, ormai di primaria im- ....................................................................................................................
portanza, l’Europa continentale possiede un sistema ag- 2. In quale area si concentra la popolazione urbana?
giornato ed efficiente con un’alta disponibilità di apparec- ....................................................................................................................
chi telefonici e collegamenti a internet.

Le attività economiche
L’agricoltura rappresenta un settore trainante nell’econo- L’allevamento è largamente diffuso: nell’area occidenta-
mia di molte regioni dell’area continentale. Le coltivazioni le, dove il clima più umido favorisce la crescita del manto
principali sono costituite dai cereali, in particolare dal mais erboso, prevale l’allevamento di bovini; nei territori della
nelle zone più umide, e dal frumento, diffuso anche nelle steppa arida, storicamente regno dei popoli nomadi, pre-
zone più asciutte perché resistente alle scarse precipitazio- vale, invece, quello degli ovini e degli equini (3).
ni. Grande importanza hanno assunto pure le coltivazio- Una caratteristica dell’Europa continentale è l’alto grado
ni di piante industriali come la barbabietola da zucchero, di concentrazione dell’industria, specie in quello che è
il girasole e il luppolo (per produrre la birra). Considere- considerato il «cuore produttivo» del continente, cioè la
voli differenze sussistono fra le regioni occidentali e quel- zona del centro-nord (comprendente il bacino del Reno,
le orientali: l’agricoltura nelle zone occidentali è altamen- la Ruhr, la Baviera, la Sassonia).
te meccanizzata, produttiva e redditizia, mentre nelle zone Insediamenti industriali consistenti si trovano anche
orientali è condotta con sistemi più arretrati, è meno mec- in Slesia (Polonia), nella zona di Mosca (Russia) e
canizzata e occupa un maggior numero di addetti (2). nell’Ucraina meridionale.
140
L’Europa continentale Unità 5

2 Mietitura meccanica del grano in Austria.

Il settore terziario si è sviluppato


in modo non uniforme nei territori
della regione continentale. Nell’Eu-
ropa occidentale, dopo la fine della
seconda guerra mondiale, si è verifi-
cata una forte e continua crescita del
settore, tanto che oggi vi è occupata
la maggior parte della popolazione;
mentre nell’Europa orientale si è svi-
luppato dapprima nei servizi pubbli-
ci (sanità, istruzione, gestione dello
Stato) e solo dagli anni Novanta del
secolo scorso, dopo la caduta dei re-
gimi comunisti, anche nei servizi cu-
rati dai privati.
Es. 3-4 pag. 159 3 Bovini al pascolo nel Regno Unito.

Lavora sul testo


Completa la tabella con le indicazioni fornite nel testo.
Attività Europa occidentale Europa orientale
Agricoltura
Allevamento
Industria
Terziario

141
Modulo 2 Le regioni europee
Obiettivo Italia

I paesaggi agricoli
In Italia, poiché la natura del terri- di braccianti e dalle loro famiglie,
torio è molto varia, si possono tro- oggi, poiché grazie all’intenso uso di
vare paesaggi agricoli con caratteri- macchinari la manodopera necessa-
stiche diverse. Nella Pianura Padana ria è minore, poche famiglie vivono
prevale l’agricoltura intensiva, nel- e lavorano in campagna.
le regioni collinari del centro è dif- Sulle colline e nelle pianure dell’Ita-
fuso il paesaggio promiscuo carat- lia centrale i contadini coltivano sul-
terizzato da vite e ulivo, nelle zone lo stesso campo piante diverse: ne-
pianeggianti del meridione è pratica- gli spazi tra i filari di ulivi o di viti prietari, i latifondisti. In passato que-
ta un’agricoltura estensiva, mentre i contadini piantano i cereali o gli ste terre, per far fronte alla bassa re-
sulle alture la terra è sfruttata per il ortaggi, per poter disporre di una sa del terreno, venivano coltivate in
pascolo degli ovini. maggiore varietà di prodotti. modo estensivo, lasciate a pascolo o
I contadini della Pianura Padana Tale tipo di organizzazione deriva abbandonate. Nel lavoro dei campi
possono utilizzare ogni terreno di- dalla diffusione nel passato del con- venivano impiegati molti braccian-
sponibile per ottenere alti rendimen- tratto di mezzadria, con il quale il ti, che vi giungevano ogni giorno dai
ti: il suolo, già fertile e irrigato ab- proprietario concedeva un terreno da grandi centri agricoli in cui abita-
bondantemente grazie ai fiumi e ai coltivare al mezzadro, pretendendo- vano. Il paesaggio presentava, dun-
canali, è arricchito con fertilizzanti ne in cambio circa la metà dei pro- que, grandi distese di campi di grano
chimici. Viene così garantita un’ele- dotti. Pertanto le famiglie contadine, e orzo, piante resistenti alla siccità.
vata produzione di mais, frumento, cercando di essere autosufficienti, Ora l’estensione delle proprietà è mi-
riso, barbabietola da zucchero e fo- producevano un po’ di tutto per po- nore e i lavoratori agricoli, che utiliz-
raggio. Tradizionalmente i contadi- ter vendere prodotti di vario genere. zano macchinari moderni, hanno in-
ni vivono in grandi cascine isolate Nelle regioni meridionali prevaleva trodotto la coltura di ortaggi e frutta
tra i campi; un tempo questi inse- il latifondo, cioè vaste estensioni di (pomodori, meloni, arance) nelle
diamenti erano abitati da centinaia terre che appartenevano a pochi pro- aree più fertili del territorio.

I campi di cereali dominano ancora il


paesaggio agrario meridionale; rispetto al
passato, però, oggi si coltivano anche ortaggi
e frutta.

142
L’Europa continentale Unità 5

Obiettivo Italia
L’utilizzo del suolo in Italia.
Trento

Trieste boschi e foreste


Aosta
prati e pascoli
Milano
Venezia colture legnose
(olivo, alberi da frutto)
seminativi
Torino (cereali, piante industriali e foraggere)
Bologna aree incolte o improduttive
colture irrigue
Genova

Firenze Ancona

La coltivazione del riso è diffusa nelle


Province di Vercelli e Pavia, al centro della
Pianura Padana; tale coltura è possibile Perugia
grazie all’abbondanza di acqua, poiché il riso
cresce in campi allagati. L'Aquila

Roma Campobasso
Bari

Napoli

Potenza

Cagliari
Catanzaro

La masseria è la casa rurale tradizionale


Palermo
delle Regioni meridionali: una famiglia
contadina viveva presso i campi che lavorava.

Conosci il territorio
Attraverso l’osservazione della carta de-
scrivi come viene utilizzato il territorio nel-
la Regione in cui vivi. Prendi quindi in consi-
derazione una delle seguenti ipotesi:
• se compaiono aree favorevoli all’agricoltu-
ra, svolgi un’indagine sulle colture preva-
lenti e sui prodotti tipici;
• se prevalgono aree non coltivate, elenca le
cause del mancato sfruttamento agricolo.

143
Modulo 2 Le regioni europee
Obiettivo Italia

L’industria
In Italia il settore secondario, cioè specializzata. Mentre nel nord-ovest
l’industria e l’artigianato, occupa ol- si trovano soprattutto grandi imprese
tre il 30% della forza lavoro e produ- e multinazionali, nel nord-est si sono
ce circa un terzo della ricchezza del sviluppate piccole e medie aziende
Paese. dinamiche, con un numero limitato
Sul territorio italiano hanno sede di dipendenti, nelle quali il ruolo del-
aziende nazionali e multinazionali, le donne imprenditrici diventa sem-
con molti dipendenti e stabilimen- pre più rilevante;
ti collocati anche in Paesi stranie- - un’area mediamente industrializ-
ri. Accanto a esse operano numero- zata, che corrisponde ad alcune città
se piccole e medie imprese, talvolta del centro Italia (Firenze, Prato e Pi-
a conduzione familiare, che dispon- stoia, Roma, Latina), ad alcuni trat-
gono di capitali limitati ma che sono ti della costa romagnola, ad alcune
maggiormente capaci di adeguare la aree delle Marche e dell’Abruzzo e
produzione alle richieste del merca- ai territori pianeggianti del Mezzo-
to. Fin dal passato le piccole e medie giorno e delle isole maggiori; an- dustria è spesso stato ostacolato dalla
imprese sono il segno distintivo della che in quest’area sono presenti alcu- mancanza di investimenti e di infra-
produzione industriale italiana. ni distretti industriali. In particolare strutture. Anche gli interventi del go-
Rispetto allo sviluppo industriale è nell’Italia centrale le piccole e medie verno non sono riusciti a dare impul-
possibile individuare nella nostra pe- industrie sono strettamente connesse so allo sviluppo del Sud: le industrie
nisola tre diverse aree: con le antiche tradizioni artigianali, siderurgiche, ad esempio, sono rima-
- un’area fortemente industrializ- a garanzia di un’elevata competenza ste «cattedrali nel deserto», perché,
zata, che coincide con le grandi città professionale e di una buona qualità non avendo saputo creare nel territo-
della Pianura Padano-Veneta (Torino, dei prodotti; rio una rete di piccole imprese, sono
Milano, le città del Veneto e quelle si- - un’area scarsamente industrializ- entrate esse stesse in crisi con il tra-
tuate lungo la via Emilia) e compren- zata, corrispondente alle zone mon- scorrere del tempo.
de distretti industriali (vedi pagi- tane e, soprattutto, a molte aree del L’industria in Italia si è sviluppata
na 147) con una produzione molto Meridione, dove lo sviluppo dell’in- in ritardo rispetto alle grandi poten-
ze industriali europee (Regno Unito,
Germania, Francia) ma ha saputo ri-
tagliarsi uno spazio importante, spe-
cie a partire dagli anni Cinquanta del
secolo scorso, quando lo sviluppo fu
talmente forte che si parlò di «mira-
colo economico». I settori trainanti
furono, e sono tuttora, quello mecca-
nico, quello alimentare e quello side-
rurgico.
Negli ultimi anni l’industria italiana
(così come in molti Paesi europei) sta
conoscendo un periodo di ristagno,
dovuto in parte alla concorrenza ex-
traeuropea (specie asiatica e ameri-
cana), in parte al parallelo sviluppo
La zona industriale di Marghera, in Veneto. del settore terziario.

144
L’Europa continentale Unità 5
meccanica
chimica, farmaceutica

Obiettivo Italia
L
L’industria in Italia.
Trento siderurgica, metallurgica
Trieste alimentare
meccanica
m
Aosta chimica, farmaceutica
ch
automobilistica
tessile, calzaturiera
siderurgica, metallurgica
si
Milano Venezia
a
alimentare
automobilistica
a
Torino tessile, calzaturiera
te
Bologna

Genova

Firenze Ancona

Perugia

L'Aquila

Roma Campobasso
Bari

Operai al lavoro Napoli Potenza


in una catena di
montaggio della Fiat.

Cagliari
Catanzaro

Palermo

La FIAT 500 è uno fra i più conosciuti


e apprezzati prodotti dell’industria italiana.
La prima versione uscì negli anni Cinquanta
del secolo scorso, con modelli che oggi sono
oggetti da collezione. L’auto fu poi riproposta
in versione moderna nel 2003.

Conosci il territorio
Sono presenti delle industrie nel-
la zona in cui vivi? Che cosa pro-
ducono? Sono imprese piccole,
medie o grandi?

145
Capitolo 2 Le trasformazioni
dell’uomo
L’Europa continentale ha subito, forse più di ogni altra regione, massicci interventi da parte dell’uomo che, per favori-
re e sviluppare le proprie attività, ha disboscato e bonificato vaste aree, creando ampi distretti industriali.

Il disboscamento
Nell’Europa occidentale l’ambiente naturale della foresta
si conserva in poche zone marginali ed è sostituito quasi
ovunque dalle coltivazioni e dalle aree urbanizzate.
Il processo di disboscamento per ottenere maggiori spazi
da coltivare cominciò nell’XI secolo, quando i proprietari
terrieri spinsero i contadini a dissodare nuove terre. Nella
regione compresa fra l’Elba e l’Oder si verificò una vasta
migrazione di contadini verso oriente: i coloni tedeschi
dissodarono foreste e prosciugarono paludi, fondando co-
sì centinaia di villaggi. Lì iniziarono a coltivare cereali e
foraggio, destinati all’allevamento dei cavalli da tiro (1).
Nel corso dei secoli i contadini hanno trasformato la pia-
nura continentale in un paesaggio agricolo caratterizzato
dai campi aperti, cioè vasti appezzamenti di terreno col-
tivati che si estendono intorno ai paesi. I campi sono sepa-
rati da fossi per l’irrigazione, sentieri e filari di alberi da
frutto, tutti elementi che aiutano la conduzione del lavoro
agricolo su vaste aree. 1 Area disboscata in Scozia.

Le bonifiche
2 La cattedrale di Quando in primavera, periodo del disgelo, i corsi d’ac-
Sant’Isacco a San qua in piena inondavano le pianure circostanti, si creava-
Pietroburgo.
L’edificio è sostenuto da
no pantani, acquitrini e zone paludose infestate da inset-
24 000 pali conficcati ti; tuttavia gli uomini avevano bisogno dell’acqua per la
nel terreno; tale lavoro coltivazione dei campi e, soprattutto, utilizzavano i fiu-
è stato necessario per
consolidare il terreno
mi come grandi vie di comunicazione. Perciò i coloni do-
malsano e paludoso marono i corsi d’acqua costruendo argini che impedisse-
della foce del Neva. ro le inondazioni; poi bonificarono, ossia prosciugarono,
le paludi e scavarono canali di drenaggio per convoglia-
re l’acqua verso le coltivazioni. Lungo le rive dei fiumi,
spesso alla confluenza di due corsi d’acqua, sorsero centri
urbani che divennero luoghi di scambio e mercato.
Una trasformazione imponente avvenne nelle paludi del
delta del fiume Neva, tra il Baltico e il Lago Ladoga, do-
ve lo zar Pietro I volle costruire la sua capitale perché di-
ventasse la porta di comunicazione tra il mare e le grandi
pianure russe. In pochi anni sorse così San Pietroburgo, i
cui palazzi poggiano su migliaia di tronchi infissi nel ter-
reno fangoso (2).
146
L’Europa continentale Unità 5

3 Il paesaggio della Ruhr, in


cui le aree urbane e industriali si
alternano a zone agricole, è stato
fortemente trasformato dall’uomo.

4 Giacimento di carbone in Russia.


I distretti industriali
In alcune zone della regione continentale il paesaggio Bochum, Dortmund, Duisburg, Essen, Hagen, Oberhausen,
agricolo subì un’ulteriore trasformazione, lasciando spa- Gelsenkirchen. Queste città rappresentano un modello di
zio ai «distretti industriali»: aree fortemente industrializ- centro industriale, infatti esse non sono cresciute attorno
zate nate dove c’era disponibilità di materie prime ed era alla cattedrale o al municipio, ma attorno agli stabilimen-
facile produrre energia. ti e alle miniere. La crescita urbana ha determinato la co-
Il più antico distretto industriale della regione sorge nella struzione di fitte vie di comunicazione: nella Ruhr sorgo-
valle della Ruhr, nella parte occidentale della Germania no 31 porti industriali fluviali; la rete della grande viabilità
(3). Il territorio compreso tra i fiumi Ruhr e Lippe origina- (autostrade e tangenziali) raggiunge la lunghezza di circa
riamente era coperto dalla foresta di latifoglie e da paludi; 1 400 km, pari al 10% di tutta la Germania.
esso venne colonizzato dagli agricoltori nel corso dei se- Nella pianura russa i distretti industriali furono creati
coli. Solo a partire dalla seconda metà del XIX secolo gli durante gli anni Trenta del XX secolo, quando il Paese
abitanti iniziarono a interessarsi alla ricchezza del sotto- sviluppò le proprie fabbriche: grandi complessi vennero
suolo, dove si trovavano i giacimenti di carbone più ricchi costruiti lungo i fiumi Dnepr e Volga, dove l’energia elet-
d’Europa. Imprese minerarie iniziarono a estrarre il car- trica poteva essere prodotta a basso costo grazie alle di-
bone, favorendo la costruzione di acciaierie, aziende per ghe artificiali, e dove si trovavano giacimenti di ferro e
la produzione del carbon coke e fabbriche di laminati me- carbone (4).
tallici. In seguito sorsero industrie chimiche, del vetro, ce-
Es. 5-6-7 pagg. 160-161
ramiche, alimentari e di produzione di beni di consumo.
In quel periodo la popolazione passò da circa 300 mila a Glossario
6 milioni di persone, attirate dal lavoro nelle fabbriche. Carbon coke: tipo di carbone particolarmente utilizzato nella fusio-
Nella valle si svilupparono importanti centri abitati come ne dei metalli.

Individua le relazioni
Completa le affermazioni indicando quali conseguenze hanno avuto le trasformazioni dovute alla presenza dell’uomo.
• Scavo di canali: ................................................................................................................................................................................................................................
• Costruzione di argini: ..................................................................................................................................................................................................................
• Taglio degli alberi: .........................................................................................................................................................................................................................
• Sviluppo dell’industria pesante: ...........................................................................................................................................................................................
• Aumento vertiginoso della popolazione: ........................................................................................................................................................................

147
Modulo 2 Le regioni europee
Nel corso del tempo

La piazza di tutte
le Russie
Al centro del Bassopiano Sarmatico, Il Cremlino e la chiesa di San Basi-
Mosca, capitale della Russia, appa- lio sono un’eredità della Russia cri-
re come l’unico rilievo che vivacizza stiana e zarista; il primo è una cit-
il panorama della sterminata pianu- tadella fortificata, costruita su una
ra, della quale non si vedono i confi- scarpata rocciosa che sovrasta il fiu-
ni. Il luogo più conosciuto della città è me Moscova. La prima costruzione
la Piazza Rossa, un luogo aperto che risale al XII secolo, quando i princi-
sembra ricreare all’interno dell’abitato pi della regione edificarono una for-
gli ampi spazi delle pianure. La piaz- tificazione in legno per controllare il
za, certamente una delle più famose traffico lungo il fiume, ma le ricor-
e vaste al mondo (si estende per 695 renti incursioni dei Tartari distrus-
metri in lunghezza e 130 in larghez- sero più volte la fortezza. All’inizio
za), costituisce il simbolo della Rus- del XVI secolo il gran principe Ivan
sia. La sua è una fama meritata per- III (1462-1505) diede avvio ai lavori
ché il Cremlino, il mausoleo di Lenin, che daranno al Cremlino l’aspetto at-
la chiesa di San Basilio e i magazzini tuale. Da allora la fortezza è il centro
GUM delimitano sui quattro lati la ce- della vita politica russa; vi abitò Ivan
lebre spianata. Ognuno di questi mo- IV il Terribile (1530-1584), che po-
numenti racconta un momento fonda- se le basi della monarchia russa, raf-
mentale nella storia della Russia. forzando il potere degli zar ai danni

La Piazza Rossa.

148
L’Europa continentale Unità 5

Nel corso del tempo


La Cattedrale di San Basilio. dei boiari, i grandi proprietari terrie- condato dalla sacralità del periodo
ri. Lo zar Ivan fece anche costruire precedente: le guardie rosse impec-
San Basilio, la cattedrale formata da cabili mentre erano di guardia alla
una miriade di cappelle una diversa tomba del padre della rivoluzione,
dall’altra, per celebrare la conquista ora svolgono la funzione di guide
di Kazan e Astrakan. durante le visite.
Il Cremlino fu il centro della politica La Piazza Rossa ha mantenuto, tut-
russa anche sotto la dinastia Roma- tavia, il suo ruolo di centro della
nov, che regnò sull’impero dal XVII Russia, perché i magazzini GUM
secolo fino al 1917, quando la rivolu- (acronimo del nome russo «magaz-
zione sovietica pose fi ne alla monar- zino generale statale») sembrano
chia inaugurando una nuova epoca. rappresentare il nuovo corso consu-
La Russia sovietica è presente sul- mistico della Russia del XXI seco-
la Piazza Rossa con il mausoleo di lo. I GUM furono costruiti nel 1888,
Lenin, eretto nel 1930 davanti alle quando il vecchio mercato cittadi-
mura del Cremlino per accogliere il no fu sostituito da una galleria di
corpo del rivoluzionario. Il monu- tre piani, coperta da una volta di ve-
mento ha un aspetto solido e auste- tro e acciaio. Durante il regime so-
ro che ben rappresenta il periodo vietico i GUM divennero un merca-
dell’URSS, durante il quale il comu- to in cui tutti i negozi vendevano le
nismo proponeva i valori del lavo- stesse merci allo stesso prezzo; solo
ro, della serietà e del sacrificio per la dopo il 1992 hanno ripreso vitalità
collettività. Dopo la fi ne dell’Unione diventando un centro commerciale
Sovietica (1991) il mausoleo è anco- moderno simile a quelli delle capi-
ra meta di turisti, ma non è più cir- tali dell’Europa occidentale.

I magazzini GUM.

Il monumento marmoreo gigantesco dove è esposta la salma im-


balsamata di Lenin.

Conosci il territorio
Qual è la piazza più importante del centro in cui vivi?
Quali monumenti vi si affacciano? Qual è la loro sto-
ria? Raccogli informazioni e scrivi una breve ricerca
da esporre alla classe.

149
Educazione ambientale
Capitolo 3 L’uomo e la natura:
problemi e potenzialità
L’inquinamento del suolo e dell’acqua compromettono la riserva principale di acqua potabile per
La gran parte delle pianure dell’Europa continentale so- la popolazione.
no occupate da coltivazioni; nel corso dei secoli il lavo- Oggi il degrado della qualità dell’acqua è avanzato e, mal-
ro dei contadini ha creato una grande varietà di paesaggi, grado la limitazione dei pesticidi e dei fertilizzanti chimi-
che per lungo tempo hanno ospitato animali selvatici e sal- ci, la concentrazione di sostanze nocive nelle falde freati-
vaguardato l’equilibrio dell’ambiente. Con la fine del XIX che rimane elevata, perché la depurazione avviene molto
secolo, però, i contadini hanno usato sempre più frequen- lentamente.
temente prodotti chimici per concimare i terreni, com-
battere i parassiti delle piante e favorire la produzione (1). Glossario
Spesso questi interventi, effettuati con poco buonsenso, Falda freatica: è composta dall’acqua contenuta nel sottosuolo; l’ac-
qua dei fiumi e delle piogge penetra nel terreno fino a quando incon-
pur eliminando insetti e piante infestanti e migliorando tra uno strato di roccia impermeabile, allora lo strato soprastante
la qualità dei prodotti, hanno avuto conseguenze negative si imbeve d’acqua. La falda può essere sfruttata scavando pozzi per
sull’ambiente. Il suolo, l’aria e le falde freatiche sono state estrarre l’acqua depositata.

inquinate da prodotti chimici, mettendo in pericolo la so-


pravvivenza degli animali selvatici e compromettendo la
genuinità delle produzioni agricole. Individua le relazioni
Infatti la concimazione non equilibrata, l’eccessivo sfrut- Indica le conseguenze positive e negative delle attivi-
tamento delle falde freatiche per l’irrigazione, l’uso di tà elencate.
macchinari pesanti hanno provocato l’erosione del suolo, • Uso di pesticidi e fertilizzanti chimici: ................................
la desertificazione (cioè la perdita di fertilità del terreno) ......................................................................................................................
e la compattazione, che impedisce all’acqua piovana di fil- • Sfruttamento della falda freatica e uso di macchina-
trare in profondità. Inoltre l’impiego imprudente di antipa- ri pesanti: ..............................................................................................
rassitari può disperdere veleni, che colpiscono gli animali, ......................................................................................................................
ma anche i contadini che li usano e, addirittura, le persone • Scarichi industriali e urbani:
che consumano prodotti trattati con queste sostanze. ......................................................................................................................
Altrettanto grave è l’inquinamento delle acque, causato ......................................................................................................................
soprattutto dagli scarichi delle industrie e delle città, che

1 Un trattore spruzza pesticidi su un campo coltivato.

150
o
Il paesagg io protett L’Europa continentale Unità 5

Il paesaggio naturale nell’Europa continentale è ridotto, soprattutto nel Bassopiano Germanico, a zone marginali, la cui

Educazione ambientale
sopravvivenza è messa a repentaglio dall’elevato inquinamento. L’esigenza di salvaguardare zone ambientali di partico-
lare interesse paesaggistico, con il loro patrimonio di specie animali e vegetali, ha portato nel corso degli ultimi decenni
alla creazione di un gran numero di aree protette.
Selva Bavarese (Germania) ria e ancora oggi i campi di cereali gli allevatori in inverno tengono il be-
Il Bayerischer Wald o Selva Bavarese caratterizzano il territorio della parte stiame nelle stalle, mentre nei perio-
ricorda l’ininterrotta distesa di boschi meridionale dell’area protetta. di estivi lo conducono nei pascoli in
che un tempo copriva interamente Negli anni Cinquanta del XX seco- alta quota.
l’Europa. Fu dichiarato Parco Naziona- lo fu introdotto l’allevamento bovino: www.bayerischer-wald.de
le nel 1970, il primo della Germania. È
delimitato a ovest dal Danubio e a est
dalla frontiera con la Repubblica Ceca.
Il parco è costituito da un altopiano
ondulato, coperto da foreste fittissi-
me che occupano il 98% del territo-
rio. Questo è suddiviso in tre parti:
una fascia esterna riservata ai turi-
sti, una intermedia allo stato naturale
e un’area in alta quota, nel cuore del
parco, vietata al turismo e al taglio
degli alberi.
Il parco è sorto con l’intento di salva-
guardare l’ambiente naturale, ma an-
che di conservare il paesaggio agri-
colo tradizionale. Infatti la regione è
abitata da contadini fin dalla preisto-

Parco Nazionale di Białowieža La regione, al confine tra la Polonia ti qui grazie a secoli di protezione,
(Polonia) orientale e la Bielorussia, ha man- infatti nei secoli passati Białowieža
Il Parco Nazionale di Białowieža è tenuto il suo ambiente incontamina- era una riserva di caccia reale.
stato istituito nel 1921 per protegge- to fino a oggi, perché sorge in una La foresta di Białowieža è l’ambien-
re l’ultimo esempio della puszta, la zona circondata da paludi e acquitri- te naturale di numerose specie ani-
foresta vergine che nei secoli pas- ni e lontana dalle città e dalle azien- mali: fino a oggi ne sono state indi-
sati copriva interamente le pianure de agricole. viduate più di 12 000, pari a circa il
europee tra il Mar Baltico e i Monti Numerose specie di vegetali, estin- 50% di tutte le specie animali indivi-
Carpazi. ti in altri luoghi, sono sopravvissu- duate in Polonia.
L’abitante più importante della fore-
sta è il bisonte europeo, che si è sal-
vato dall’estinzione grazie al mante-
nimento del suo ambiente naturale:
attualmente vivono liberi nel parco
più di 300 esemplari di bisonte.
Tra le attività principali del parco
vi è l’accoglienza dei turisti, il cui
numero arriva a 70 000 presenze
all’anno. Tuttavia la ricerca scienti-
fica rappresenta l’industria più red-
ditizia: dal 1936 botanici e naturali-
sti studiano sistematicamente la fo-
resta, raccogliendo dati sull’evolu-
zione dell’ambiente naturale.
www.bpn.com.pl
Es. 8 pag. 161
151
Smog e piogge acide:
La boratorio problemi e soluzioni
I quotidiani episodi e fatti di cronaca relativi ai danni ambientali ci danno la misura di quanto le minacce all’ambien-
te costituiscano ormai una regola. L’inquinamento dell’aria ha gravi ripercussioni anche a grandi distanze a causa dei
venti che ne trasferiscono lontano gli effetti nocivi: le sostanze pericolose si condensano e cadono al suolo sotto forma
di piogge velenose.
In questo laboratorio approfondirai la conoscenza delle cause e delle conseguenze del fenomeno delle piogge acide
e studierai alcuni dei possibili rimedi.

Leggere i dati
Leggi con attenzione i seguenti documenti che trattano il problema delle piogge acide e le possibili
soluzioni all’inquinamento della Terra.

Documento 1

Con il termine piogge acide si intende generalmente


il processo di ricaduta dall’atmosfera di particelle, Documento 2
gas e precipitazioni acide. Se questa deposizione
acida avviene sotto forma di precipitazioni (piogge,
neve, nebbie, rugiade ecc.) si parla di deposizione
umida, in caso contrario il fenomeno consiste in una
deposizione secca. Solitamente l’opinione pubblica Il mondo vegetale è fortemente danneggiato dalle
fa invece coincidere il termine piogge acide con il piogge acide, al punto che molte foreste rischiano di
fenomeno della deposizione acida umida. essere distrutte dalla presenza dell’acido nell’acqua
Le piogge acide sono causate essenzialmente dagli e dalla sua penetrazione nel sottosuolo. Una volta
ossidi di zolfo (SOx) e, in parte minore, dagli ossidi penetrata nel terreno la pioggia acida modifica la
d’azoto (NOx), presenti in atmosfera sia per cause composizione chimica del terreno da cui dipende
naturali che per effetto delle attività umane. l’alimentazione e l’esistenza delle piante stesse.
da www.nonsoloaria.com Tramite le foglie avviene invece uno scambio gas-
soso diretto con gli inquinanti esterni. In entrambi i
casi la pianta assorbirà gli inquinanti aumentando il
suo grado di tossicità. Senza la presenza delle pian-
te il clima del luogo tenderà inevitabilmente a cam-
biare, favorendo l’avanzata della desertificazione e
la gravità di fenomeni naturali come le inondazioni,
le tempeste, gli uragani.
da www.informambiente.net

152
L’Europa continentale Unità 5

Documento 3 Documento 4

Laboratorio
Poiché la pioggia acida è un problema globale, e i vari Stati Occorre valorizzare le potenzialità delle
raramente subiscono per intero gli effetti dell’inquinamento differenti fonti (solare termico, solare fo-
che essi stessi producono, si è giunti ad accordi internazio- tovoltaico, eolico, idroelettrico, biomas-
nali per cercare di arginare il problema. Nel 1983, in seguito se, legno, geotermia a bassa temperatura)
a molte pressioni da parte di Germania Occidentale e dei puntando proprio sulle diverse vocazioni
paesi scandinavi, 21 Paesi europei assunsero l’impegno di dei territori. È proprio l’integrazione delle
ridurre le loro emissioni di SO2 (biossido di zolfo) del 30% diverse fonti pulite la prospettiva capace
dai livelli del 1980 entro il 1993: 12 di queste nazioni rag- di creare in poco tempo una reale alterna-
giunsero l’obiettivo entro il 1988. tiva alle fonti fossili. Le fonti energetiche
Tuttavia, la più importante normativa fu la Direttiva Euro- rinnovabili stanno vivendo una stagione
pea sui grossi impianti di combustione del 1988, che stabi- di grande sviluppo a livello mondiale con
liva che le emissioni totali di SO2 nella Comunità Europea un peso sempre più rilevante nella bilancia
dovevano essere ridotte del 58% entro il 2003 e le emissioni energetica. L’eolico è oggi la fonte energe-
di NOx (ossidi di azoto) del 40% entro il 1998; ogni Stato tica con il maggior tasso di crescita a livel-
ha fissato i suoi obiettivi per i livelli intermedi all’interno di lo mondiale, con una crescita annua pari al
questi obiettivi generali. 40%, mentre la superficie di pannelli solari
da www.na.iac.cnr.it è più che decuplicata in dieci anni.
da www.arpa.umbria.it

Documento 5

Il Protocollo di Kyoto
Il Protocollo di Kyoto è un documento con cui la maggior parte dei governanti degli Stati del pianeta si impegna a
ridurre l’inquinamento dell’atmosfera.

ARTICOLO 2 promozione di metodi sostenibili di VIII) Limitazione e/o riduzione del-


Ogni Paese aderente, nell’adempie- gestione forestale, di imboschimen- le emissioni di metano attraverso il
re agli impegni di limitazione quan- to e di rimboschimento; suo recupero e utilizzazione nel set-
tificata e di riduzione delle emissio- […] tore della gestione dei rifiuti, come
ni di gas serra, al fine di promuovere IV) Ricerca, promozione, sviluppo pure nella produzione, il trasporto e
lo sviluppo sostenibile: e maggiore utilizzazione di forme la distribuzione di energia.
a) Applicherà e/o elaborerà politi- energetiche rinnovabili, di tecnolo- b) Coopererà con le altre Parti [ade-
che e misure, in conformità con la gie per la cattura e l’isolamento del renti] per rafforzare l’efficacia indi-
sua situazione nazionale, come: biossido di carbonio e di tecnologie viduale e combinata delle politiche
I) Miglioramento dell’efficacia ener- avanzate e innovative compatibili e misure adottate. A tal fine, dette
getica in settori rilevanti dell’econo- con l’ambiente; Parti dovranno dar vita a iniziative
mia nazionale; […] per condividere esperienze e scam-
II) Protezione e miglioramento dei VII) Adozione di misure volte a limi- biare informazioni su politiche e
meccanismi di rimozione e di rac- tare e/o ridurre le emissioni di gas a misure […].
colta dei gas a effetto serra […]; effetto serra nel settore dei trasporti; Protocollo di Kyoto, in vigore dal 16 febbraio 2005

153
Elaborare e interpretare i dati
Completa la tabella inserendo le informazioni acquisite dai documenti appena letti.

Documenti che… Documento n° Informazioni principali


…descrivono il fenomeno ................................................................................................................................................

................................. ................................................................................................................................................

................................................................................................................................................

…descrivono le cause ................................................................................................................................................

................................. ................................................................................................................................................

................................................................................................................................................

…descrivono le conseguenze ................................................................................................................................................

................................. ................................................................................................................................................

................................................................................................................................................

…descrivono le soluzioni ................................................................................................................................................

................................. ................................................................................................................................................

................................................................................................................................................

Segna la definizione corretta tra le soluzioni proposte.

• Sviluppo sostenibile
a. Possibilità di progredire in relazione alla tecnologia attuale.
b. Possibilità di progredire in modo rispettoso dell’ambiente naturale.
c. Possibilità di migliorare la vita quotidiana in modo poco dispendioso.

• Energia rinnovabile
a. Energia ricavata da una fonte che non si esaurisce.
b. Energia ricavata da materiale che può essere usato due volte.
c. Energia ricavata da materiali a basso costo.

• Effetto serra
a. Costruzione di ambienti protetti per la coltivazione di ortaggi in inverno.
b. Riscaldamento dell’atmosfera terrestre causato dall’inquinamento.
c. Riscaldamento della crosta terrestre nelle vicinanze dei vulcani.

Collega la definizione corretta alla fonte di energia rinnovabile elencata.

Tipo di energia Fonte


solare termica vento
solare fotovoltaica vapori caldi sotterranei
eolica calore del Sole
idroelettrica luce del Sole
biomasse fermentazione di escrementi animali
geotermica movimento dell’acqua

154
L’Europa continentale Unità 5

Laboratorio
Trasferire e verificare i dati

La b +
Osserva ora le seguenti immagini e scrivi una didascalia esauriente da inserire poi in tabella.

Immagine 1 ................................................................................................ Immagine 2 ................................................................................................

.............................................................................................................................. ..............................................................................................................................

Immagine 3 ................................................................................................ Immagine 4 ................................................................................................

.............................................................................................................................. ..............................................................................................................................

Immagini che… Immagine n° Informazioni principali


…descrivono le cause
…descrivono le conseguenze
…descrivono le soluzioni

A casa, eventualmente lavorando in gruppo con i tuoi compagni, cerca in internet altre immagini o
documenti esemplificativi del fenomeno delle piogge acide e prova a costruire una tabella analo-
ga a quelle proposte. Potrai utilizzare il sito www.nonsoloaria.com, dal quale è stato tratto il primo
documento del Laboratorio.

Ricostruire e sintetizzare le conoscenze


Utilizza le informazioni raccolte per scrivere un reportage sulle piogge acide (eventualmente da usa-
re per il giornalino della scuola). Descrivi il fenomeno, indicane le cause e le conseguenze; illustra
infine le soluzioni adottate per cercare di risolverlo.

155
Modulo 2 Le regioni europee
Sintesi

L’Europa continentale
Zona centrale dell’Europa caratterizzata da una vasta pianura con modesti rilievi dalle aree interne di
Spagna e Francia fino ai Monti Urali.

Il territorio
Orografia:
pianure:
• Bassopiano Germanico, compreso tra il Mare del Nord e le Alpi (a ovest);
• Bassopiano Sarmatico (a est).
montagne (colline di modesta altitudine):
• Massiccio Scistoso Renano, Selva Nera, Selva Boema, Monti Metalliferi;
• Ripiano Podolico, Rialto Centrale Russo, Alture del Volga;
• Urali e Caucaso delimitano l’Europa continentale a oriente.

Idrografia:
fiumi (lunghi e navigabili):
• sfociano nel Mare del Nord: Reno, Weser, Elba;
• sfociano nel Mar Baltico: Odra, Vistola, Dvina Occ;
• sfociano nel Mar Nero: Danubio, Dnestr, Dnepr, Don;
• sfociano nel Mar Caspio: Volga (il più lungo fiume europeo).
laghi (nord della Russia): Ladoga, Onega.

Clima: continentale:
• estati molto calde e inverni rigidi notevole escursione termica annuale;
• venti settentrionali (inverno) abbassano le temperature;
• venti meridionali (estate) aumentano le temperature.

Il paesaggio
Paesaggio fisico:
• taiga: foresta di conifere (Russia settentrionale);
• foresta di latifoglie: appena più a sud, lungo il corso dei grandi fiumi;
• prateria e steppa: pianure con erbe e arbusti spinosi a sud;
• puszta: steppa ungherese.

Paesaggio antropico:
insediamenti:
• regione nord-occidentale: città e metropoli con molti abitanti;
• regione orientale: grandi centri urbani insieme a vaste zone rurali;
• pianure vie di comunicazione: strade, ferrovie, aeroporti, canali e fiumi navigabili.
attività economiche:
• agricoltura: - settore trainante - cereali (mais e frumento);
- piante industriali (barbabietola da zucchero, girasole e luppolo);
- occidente: altamente meccanizzata;
- oriente: meno meccanizzata, occupa un maggior numero di addetti.
• allevamento: - ovest: bovini;
- est: ovini e equini.
• industria: - bacino del Reno, Ruhr, Baviera, Sassonia molto sviluppata;
- Slesia, zona di Mosca, Ucraina meridionale centri industriali.
Obiettivo Italia I paesaggi agricoli - L’industria Nel corso del tempo La piazza di tutte le Russie

156
L’Europa continentale Unità 5

Sintesi
Le trasformazioni dell’uomo
Disboscamento:
a partire dall’XI secolo per creare spazio alle coltivazioni:
• campi aperti: coltivazioni senza recinzioni, separate da fossi per l’irrigazione e strade rurali;
• oggi foreste solo in zone periferiche.

Bonifiche:
Fiumi ricchi d’acqua alluvioni e paludi costruzione di argini vie di comunicazione città presso i fiumi.
e canali
Distretti industriali:
Presenza di carbone creazione distretti industriali aumento della popolazione.
(Valle della Ruhr, Dnepr e Volga)

Educazione ambientale
L’inquinamento del suolo e dell’acqua
Uso di prodotti chimici in agricoltura - aumento produzione agricola;
- distruzione ambiente naturale.
Scarichi industriali nei fiumi avvelenamento dell’acqua dei fiumi e del sottosuolo.
Laboratorio Smog e piogge acide
Paesaggio protetto
• Selva Bavarese (Germania): zona di boschi - conservazione paesaggio naturale;
- conservazione paesaggio agricolo tradizionale.
- sopravvivenza di specie vegetali uniche;
• Parco Nazionale di Białowieža (Polonia):
- attività scientifiche: centri di ricerca di zoologia e botanica;
protezione della puszta
- protezione del bisonte europeo.

157
Verifica Modulo 2 Le regioni europee

1 Orientati sulla carta e posiziona gli elementi indicati di seguito.

Pianure: Bassopiano Germanico - Bassopiano Sarmatico - Pianura Padana


Rilievi: Massiccio Scistoso Renano - Selva Nera - Selva Boema - Rialto Centrale Russo - Alture del Volga
Fiumi: Reno - Elba - Vistola - Volga - Dnepr - Dnestr - Don - Danubio - Po
Laghi: Ladoga - Onega - Ciudi - Ilmen

2 Fra le caratteristiche ambientali e climatiche dell’Europa continentale che trovi di seguito solo 7 sono
corrette: segnale con una crocetta.
1. Temperatura mite tutto l’anno 8. Corsi d’acqua a regime stagionale 13. Uccelli prevalentemente
2. Puszta 9. Numerose specie di uccelli che migratori
3. Precipitazioni abbondanti vivono nei boschi e nelle foreste 14. Temperature basse tutto
10. Presenza diffusa di mammiferi di l’anno
4. Forti escursioni termiche
medie dimensioni, come camosci 15. Clima umido e piovoso
5. Taiga
e stambecchi 16. Scarse escursioni termiche
6. Macchia mediterranea
11. Inverni freddi ed estati afose 17. Paesaggio innevato
7. Steppa
12. Nebbia

158
L’Europa continentale Unità 5

Verifica
3 Analizza le diverse caratteristiche dell’Europa continentale e completa la tabella inserendo i numeri
appropriati.

Zona occidentale Zona orientale

........................................................................................................................ ..........................................................................................................................

1. Presenza di ampio territorio pianeggiante. 9. Agricoltura altamente meccanizzata.


2. Allevamento di ovini e bovini. 10. L’agricoltura adotta sistemi più arretrati.
3. Il terziario ha privilegiato i settori pubblici e solo 11. Formazione di grandi aree urbanizzate.
recentemente gli altri settori. 12. Il terziario occupa la maggioranza della popolazio-
4. Allevamento di bovini. ne attiva.
5. Potenziamento dei servizi. 13. Alta concentrazione dell’industria, cuore produttivo
6. Elevata densità di abitanti. del continente.
7. Presenza di vaste zone rurali. 14. Assenza di metropoli.
8. Reti di comunicazione avanzate.

4 Osserva le immagini e collega a ognuna la didascalia corrispondente.

a b

c d

1. Dortmund è una delle città industriali della Ruhr 2. Chiusa del canale di Kiel. I canali navigabili sono
che sono sorte intorno alle fabbriche: la disponibili- molto fitti in Europa continentale grazie al territo-
tà di posti di lavoro ha determinato la crescita della rio pianeggiante: le vie d’acqua, collegate a strade e
popolazione in tutta la regione. ferrovie, permettono trasporti veloci e sicuri.
3. Un tempo le pianure della regione continentale 4. L’allevamento è una delle attività principali del-
erano coperte da boschi di latifoglie; oggi, dopo se- le zone rurali: nella parte orientale della regione
coli di lavoro dell’uomo, il paesaggio appare come continentale gli animali spesso sono allevati allo
una distesa di campi coltivati, separati da filari di al- stato semibrado, grazie alla vastità di territorio di-
beri che ne delimitano i confini. La coltivazione prin- sponibile.
cipale è quella dei cereali.

159
Verifica Modulo 2 Le regioni europee

5 Collega a ogni termine la definizione corretta.

1. Opere di disboscamento a. Coltivazioni organizzate in vasti appezzamenti senza siepi o confini definiti
per permettere il facile accesso dei macchinari ai campi.
2. Campi aperti
b. Carbone fossile usato come combustibile.
3. Opere di bonifica c. Lavori che permettono di eliminare le foreste per dedicare il terreno alle
abitazioni o alle coltivazioni.
4. Canali di drenaggio
d. Stabilimenti predisposti allo sfruttamento delle risorse del sottosuolo.
5. Distretti industriali e. Città sede di industrie.
6. Centri industriali f. Lavori che permettono di eliminare le paludi per dedicare il terreno alle
coltivazioni o alle abitazioni.
7. Impianti minerari
g. Regioni in cui si concentrano gli stabilimenti industriali.
8. Carbon coke h. Canali che permettono il defluire delle acque dalle zone bonificate.

6 Orientati sulla carta e posiziona gli elementi indicati di seguito. Puoi aiutarti consultando un atlante o fa-
cendo una ricerca su internet.

1. Opere di disboscamento: regione compresa fra i fiumi Elba e Oder.


2. Opere di bonifica: nel delta del fiume Neva tra il Mar Baltico e il Lago Ladoga.
3. Distretti industriali: valle della Ruhr; pianura russa lungo i fiumi Dnepr e Volga.

160
L’Europa continentale Unità 5

Verifica
7 Completa lo schema: inserisci gli elementi sotto indicati poi colora gli elementi della trasformazione.
Nei rettangoli evidenziati appariranno i nomi delle trasformazioni descritte.
acqua - argini - le zone paludose - vie di transito - bonifiche

...............................................
sono
vivono presso
Gli uomini perché
i fiumi
forniscono

dove
...............................................

costruiscono risanano con

............................................... ...............................................

per proteggere
le pianure ...............................................

8 Indica, nelle rispettive caselle, gli elementi caratteristici dei due parchi.

Selva Bavarese Parco Nazionale di Białowieža


Istituzione ..................................................................................................... .....................................................................................................
..................................................................................................... .....................................................................................................

Paesaggio ..................................................................................................... .....................................................................................................


..................................................................................................... .....................................................................................................

Specie animali e vegetali ..................................................................................................... .....................................................................................................


..................................................................................................... .....................................................................................................

Presenza dell’uomo ..................................................................................................... .....................................................................................................


..................................................................................................... .....................................................................................................

9 Utilizza le seguenti parole chiave per scrivere sul quaderno un testo di 20 righe che descriva le principali
caratteristiche della regione continentale. Segui la traccia proposta.
Bassopiano Germanico - alture poco elevate - steppa - puszta - metropoli - distretti industriali - giacimenti di carbone -
disboscamento - campi aperti - fertilizzanti chimici - falda freatica
1. Aspetto fisico della regione
2. Paesaggi «naturali»
3. Paesaggi trasformati dall’uomo
4. Problemi ambientali

161
Modulo 2 Le regioni europee
1

Unità 6
L’Europa
alpina

Il Traforo del Monte Bianco (il più alto rilievo europeo


con i suoi 4 807 m) collega l’Italia e la Francia e
costituisce un’importante via di transito attraverso
le Alpi. Il traforo è ormai diventato un punto di
passaggio essenziale per la libera circolazione di
merci e persone all’interno dell’Unione Europea.

In primo piano 2
L’Europa alpina presenta un
paesaggio in cui gli elementi
predominanti sono: gli imponenti
rilievi, le catene montuose
intervallate da pianure e bassi
paesaggi collinari, ampie vallate e
un clima prevalentemente freddo.
Caratteristiche che hanno reso
difficile, ma non impossibile,
l’adattamento dell’uomo nel corso
del tempo.

Il comune di Montjovet, in Valle d’Aosta, è


l’esempio di come le vallate siano state scelte
quali luoghi ideali per gli insediamenti montani.
Qui le testimonianze dei primi insediamenti umani
risalgono addirittura alla preistoria. L’attuale
toponimo si deve però ai Romani: esso infatti deriva
da Mons Jovis, cioè «Monte di Giove».

162
L’Europa alpina Unità 6
3 4

L’Altopiano del Bernese si estende tra il Lago di L’Europabrucke, in Austria, è il ponte più alto
Ginevra a sud-ovest e il Lago di Costanza a nord-est, d’Europa: corre a 190 m di altezza. La sua semplice
con un’altitudine media di 580 m. È l’area nella quale ma imponente architettura costituisce un’importante
vivono ben due terzi della popolazione svizzera. via di comunicazione fra Austria e Italia, un vero e
proprio ponte fra Europa continentale e mediterranea.

5 6

Moderna ed esclusiva località sciistica nei Carpazi Sul versante meridionale dei Pirenei, racchiuso
rumeni, Poiana Brasov si trova a 1 020 m di tra Spagna e Francia, si estende il Principato di
altitudine s.l.m. Grazie alla sua posizione geografica, Andorra, uno dei più piccoli Stati d’Europa. Secondo
Poiana Brasov è un buon punto di partenza per la tradizione fu Carlo Magno nell’805 a concedere
visitare località come Brasov e la cittadina di Bran ad Andorra l’autonomia dal Regno di Francia, come
che ospita il castello che un tempo fu, secondo la ringraziamento per l’aiuto prestato dalla popolazione
leggenda, del conte Dracula. nella guerra contro i Saraceni.

Qual è la località montana dove solitamente ti rechi in vacanza?


Quali sono gli elementi del paesaggio che noti maggiormente?

163
Modulo
Mod
dul 2 Le regioni europee

Individua lo spazio
Completa il testo individuando sulla carta gli elementi
mancanti.
L’Europa alpina si identifica con una serie di rilievi che
60°
si estendono dai Pirenei al Caucaso, oltre agli Urali