Sei sulla pagina 1di 16

N o t iz ia r io n at u ra e bio d i ver sit à    |     dice m br e 2020 1

Notiziario natura e biodiversità Numero 49 | dicembre 2020

NATURA 2000

ISSN 2443-7751
Lo Stato della Natura
nell'UE

Ambiente
2 N o t i z ia r io n at u ra e bio d i ver sit à    |     dice m br e 2020

Natura 2000

© Unione europea
Notiziario natura e
biodiversità
dicembre 2020
Contenuti
3–7
Lo Stato della Natura nel
Rapporto dell’UE (2013-2018)
8–9
Barometro Natura 2000
10–13
I vincitori del premio 2020
Natura 2000
14–16
Natura News
© Edwin Giesbers/naturepl.com

Editoriale
Nel 2020, la crisi del COVID 19 ha messo a nudo le nostre vulnerabilità, ma ha anche dimostrato come la
nostra salute e il nostro benessere siano inestricabilmente legati alla salute del nostro pianeta. Sono quindi
convinto che gli impegni che abbiamo assunto nell'ambito del Green Deal europeo ci consentiranno di uscire
da questa crisi più forti e più resilienti di prima.
© David Tipling/naturepl.com

La Strategia dell'UE sulla Biodiversità per il 2030, la strategia dal Produttore al consumatore e il nuovo
Patto per il Clima saranno parte integrante di un processo di ripresa verde, aiutandoci a costruire un futuro
più sano, più equo e più sostenibile. La validità di questo approccio è sempre più riconosciuta. Lo scorso
ottobre, il Consiglio dei ministri dell'UE ha approvato la Strategia dell'UE sulla Biodiversità per il 2030 e molti
leader mondiali, tra cui la presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen, hanno raddoppiato il
loro impegno per affrontare la perdita di biodiversità globale al Vertice delle Nazioni Unite sulla Biodiversità
a settembre.
L’impegno dei leader per la natura (“Leaders’ Pledge for Nature”) adottato prima del Vertice e già approvato
dall'UE e  dai leader di 80 paesi in tutto il mondo, contiene una serie di impegni al più alto livello politico per mettere
projects
© Ten keys to co-ownership for nature

la natura, il clima e l'ambiente al centro delle strategie di ripresa e del processo decisionale. È anche una chiara
dichiarazione di intenti a sostegno di un ambizioso Quadro Globale per la Biodiversità post-2020 da concordare
alla 15a Conferenza delle parti della Convenzione delle Nazioni Unite sulla Diversità Biologica nel 2021.
Come ha dimostrato l'ultimo rapporto dell'UE sullo Stato della Natura, il nostro condiviso patrimonio
naturale continua ad essere sottoposto a fortissime pressioni. Dobbiamo quindi moltiplicare i nostri sforzi
anche a livello dell'UE. Nel 2021, oltre a rafforzare l'attuazione e l'applicazione della legislazione sulla
natura esistente, la Commissione europea proporrà misure concrete a sostegno della nostra agenda sulla
biodiversità. Le misure includono obiettivi legalmente vincolanti di ripristino della natura e nuove strategie
dell'UE per le foreste e per il suolo.
Lavoreremo per garantire maggiori investimenti nella biodiversità nell'ambito del Quadro Finanziario
© Alamy

Pluriennale e del Fondo di Recupero (Recovery Fund) recentemente adottato. L’ambizione del recente accordo
di allocare il 7,5% della spesa annuale nel 2024 e il 10% nel 2026 e 2027 nell'ambito del QFP agli obiettivi
per la biodiversità è un altro esempio della maggiore priorità data alla biodiversità nell'UE. Come chiaramente
dimostrato da tanti progetti LIFE e vincitori del premio Natura 2000, le azioni di conservazione mirate
funzionano, ma devono essere moltiplicate se vogliamo invertire la tendenza a favore della biodiversità
europea. Pertanto, rendere più verdi i nostri piani di ripresa nei prossimi due anni è una delle maggiori sfide che
dobbiamo affrontare, ma che fornirà enormi vantaggi alle persone, al pianeta, al clima e alla nostra economia.

Copertina: Cucciolo di lontra


Lutra lutra tra le alghe sul
litorale, Isole Shetland, Scozia,
Regno Unito.
Virginijus Sinkevičius
Commissario europeo per Ambiente, oceani e pesca
© Chris Gomersall/naturepl.com
N o t iz ia r io n at u ra e bio d i ver sit à    |     dice m br e 2020 3

© Hanne & Jens Eriksen/naturepl.com


Lo smergo maggiore, Mergus merganser, con pulcini, ha uno stato di conservazione favorevole nell'UE.

Lo Stato della Natura nel


Rapporto dell’UE (2013-2018)
“Questa valutazione dello Ogni sei anni, gli Stati membri versa ancora in uno stato di Stato delle popolazioni di uccelli
sono invitati a riferire alla conservazione inadeguato nel 2020.
Stato della Natura è l’analisi
più completa dello stato Commissione europea sullo stato (“poor”) o cattivo (“bad”).
di conservazione delle specie Le cifre sono molto simili al 19%
di salute della natura e degli habitat protetti dall'UE rapporto precedente. Laddove si ■ Buono
mai realizzata nell'UE. presenti sul loro territorio. La verificano differenze, di solito sono ■ Scono
Mostra, ancora una volta, Commissione poi raggruppa tutti dovute a un perfezionamento 47% ■ Scade
20%
molto chiaramente che i dati, con l'aiuto dell'Agenzia della qualità e dell'analisi dei ■ Cattiv
europea dell'ambiente e del dati piuttosto che a un effettivo 19%
stiamo perdendo il nostro ■ Buono
suo Centro tematico europeo cambiamento di stato. 19% 14%
essenziale sistema di ■ Buono ■ Scono
sulla diversità biologica, al Tuttavia, sono visibili alcuni
supporto alla vita”. 19%di stato di 47%
■ Sconosciuto
■ Scade
fine di verificare lo stato di effettivi cambiamenti 20%
■ Buono
47% ■ Scadente
Commissario europeo conservazione in tutta l'UE. conservazione a livello di Stato20% ■ Sconosciuto ■ Cattivo
■ Cattiv
I risultati per il periodo 2013- membro. È il caso, ad esempio, 47% ■ Scadente
per l'ambiente, Virginijus 20% 14% 14% 23% (12
2018 sono stati pubblicati del tarabuso, Botaurus stellaris Tendenze
■ Cattivoa breve termine
■ In aum
Sinkevičius nell'ottobre 2020. Di seguito in Belgio, dell'avvoltoio14%monaco, 30% alle popolazioni di
anni) relative
19% uccelli nidificanti a livello dell'UE. ■ Stabile
sono riportati alcuni dei dati più Aegypius monachus in Spagna, ■ Buono
■ Fluttu
rilevanti. del pagliarolo, Acrocephalus ■ Sconosciuto
23%47% ■ Scono
paludicola in Polonia19% o della 20% ■ In aumento
Scadente
30% 23%
Stato e tendenze delle gallina prataiola, Tetrax tetrax23% in ■ Buono17% 28%
■ Stabile
Cattivo ■ calo
In aum
specie di uccelli nell'UE Francia. Molte di queste In 30%
aumento ■ Fluttuante
specie 47% 14% ■ Sconosciuto
30% ■ Stabile
Stabile
■ Scadente ■ Sconosciuto/incerto
L'ultimo rapporto sullo Stato hanno beneficiato20% di azioni di 28% ■ Fluttu
Fluttuante
Cattivo 2% ■ In calo
conservazione mirate nell'ambito17%

della Natura conclude che quasi
■ Sconosciuto/incerto ■ Scono
la metà (47%) delle specie del Fondo LIFE dell'UE.14% 28%
17% 2%
■ In calo
17% 28% ■ In calo
selvatiche di uccelli presenti Osservando le tendenze delle 23%
■ In aumento
naturalmente nell'UE ha un popolazioni a breve termine per 30%
2% ■ Stabile
buono stato di popolazione e di gli uccelli, circa un quarto (23%) 2% ■ Fluttuante
conservazione, nonostante le delle specie mostra segni di 23% ■ In aumento ■ Sconosciuto/incerto
immense pressioni che continua miglioramento ma,30% per il resto, 17% ■ Stabile 28% ■ In calo
a subire. Tuttavia, circa il 39% la tendenza è stabile (28%) o ■ Fluttuante
21%
■ Sconosciuto/incerto 27%
21%
28%
2%

27%
In calo ■ Buono ■ Buono
17%
21% ■ Sconosciuto ■ Scono
27%
■ Buono ■ Scadente ■ Scade
2% 10%
■ Cattiv

4 N o t i z ia r io n at u ra e bio d i ver sit à    |     dice m br e 2020 14%

Stato della popolazione di uccelli nell'UE per ordine tassonomico (tra parentisi il numero di specie per gruppo). Stato dell'UE e
Strolaghe (3) 19%
tendenze di altre
23%specie
Per quanto ■ In aum
Cicogne e fenicotteri (3) ■ Buono 30% riguarda le altre
Stabil
■ Sconosciuto protette dalla
1400 specie ■
Aironi, pellicani, ibis e spatole (13)
47% Direttiva Habitat, poco più di un ■ Fluttu
■ Scadente
Martin pescatore, ghiandaia marina, gruccione e upupa (4) 20% quarto delle specie (27%) ha un ■ Scono
Sula bassana e cormorani (4) ■ Cattivo
buono stato di conservazione, 28% ■ In calo
17%
Falchi e aquile (28) 14% contro il 23% del 2015, ma la
Svassi (5) maggioranza (63%) ha ancora
Piccioni e colombe (9) uno stato di 2%conservazione
Gufi (13) scadente o cattivo.
Falchi (10)
Osservando le tendenze delle
23% specie in condizioni cattive o
Cucoli (2) ■ Inscadenti,
aumentosolo il 6% mostra una
30%
Passeriformi (192) ■ Stabile
tendenza al miglioramento,
Picchi (11) ■ Fluttuante
mentre il 35% sta peggiorando
Anatre, oche, cigni (36) ulteriormente, il che indica
■ Sconosciuto/incerto
Trampolieri, gabbiani e urie (78) 28% ■ Inchecalo 21% specie27%
pochissime stanno
17%
Otarde (3) mostrando segni di ripresa. Il ■ Buono
Gru, rallidi, gallinelle e folaghe (10)
19% trend è stabile per il 28% e per ■ Scono
■ Buono
Fagiani, pernici e galloi cedrone (13) 2% il 31% il trend è semplicemente ■ Scade
■ Sconosciuto
Grandule Pernici delle sabbie (2) 47% sconosciuto. 10% ■ Cattiv
■ Scadente Il rapporto sullo Stato della
Procellarie, procellarie delle tempeste e berte (15)
20% 42%
■ Cattivo Natura ha anche esaminato
Rondoni e succiacapre (8)
lo stato di conservazione
14%
0% 25% 50% 75% 100% delle specie della direttiva
Habitat secondo i6% loro gruppi
Buono Sconosciuto Scadente Cattivo tassonomici. Da ciò si può vedere ■ Insodd
21% 27% che i rettili e le piante vascolari ■ Scono
■ Buono 35% meglio, con il 40%
se la cavano
19% 23% ■ Insodd
punta verso un ulteriore calo cedroni
■ Buono 30% (13 specie) hanno un ■ In aumento
diminuita dell'8%, mentre la e il 36%
■ Sconosciuto rispettivamente31% in
■ Insodd
(30%) . buono
■ Sconosciuto stato. Molte specie di ■ Stabile
proporzione di quelle con uno buono
■ Scadente stato, seguiti dagli anfibi
Il rapporto sullo Stato47% della anatre, oche e cigni (36 specie), ■ Fluttuante stato di conservazione scadente10% (27%)
■ Cattivo
e dagli artropodi (25%).
■ Scadente
Natura 20%ha anche esaminato lo trampolieri, gabbiani e la gazza ■ Sconosciuto/incerto
e cattivo è42% aumentata del 6%. Mentre i pesci o le piante
■ Cattivo 28%
stato di conservazione degli marina (78 specie), falchi 28% (10 Per quanto riguarda le specie non vascolari hanno uno
19% 17% ■ In calo 19%
uccelli europei 14% secondo il loro specie)
■ Buonoe uccelli marini come le cacciabili elencate nell'allegato stato di conservazione per la
■ Buono
ordine tassonomico. Da questo procellarie, le procellarie delle
■ Sconosciuto II, la proporzione con un stato gran parte scadente o cattivo
■ Sconosciuto
si può vedere che20% alcuni gruppi 47% tempeste ■ Scadentee2%le berte (15 specie) di conservazione20% favorevole 47% (rispettivamente
■ Scadente 82% e 73%).
6%
stanno chiaramente meglio di sono anche in condizioni di
■ Cattivo è inferiore del 9% rispetto al Nel■caso
Cattivodelle specie
■ Insoddisfacente-in ittiche,
miglioramento
altri. Ad esempio, quasi14% il 90% conservazione scadenti o cattive 2015. Anche il 46% delle 14% specie ciò evidenzia
■ Sconosciuto chiaramente le
di tutti gli aironi, i pellicani, gli (50% o più). 35%mostra una tendenza
cacciabili continue pressioni in particolare
23% ■ Insoddisfacente-stabile
ibis e spatole ■ In aumento
Per quanto riguarda lo 31% sui loro habitat di acqua dolce.
30% (13 specie) e il al peggioramento nel breve
■ Insoddisfacente-in peggioramento
65% di falchi e delle aquile (28 ■ Stabile stato della popolazione 19%e le termine, che è il doppio rispetto Per quanto riguarda i
■ Buono ■ Buono
specie) hanno un buono stato23% di ■ Fluttuante
tendenze delle specie elencate alle specie dell'allegato I (23%).23% mammiferi, è incoraggiante
■ Sconosciuto ■ In aumento ■ Sconosciuto ■ In aumento
47% popolazione nell'UE. 30% nell'allegato
■ Sconosciuto/incerto I (che necessitano 47% Ciò è motivo di preoccupazione 30% notare che il doppio delle specie 4%
■ Scadente ■ Stabile ■ Scadente 28% ■ Stabile 15%
D'altra parte, solo il 28%
28% di di siti di protezione), 20%i risultati in quanto indica che le ha uno stato buono (25%)
■ Cattivo
17% ■ In calo 21%
■ Fluttuante 27% ■ Cattivo ■ Fluttuante
tutte le gru, rallidi, gallinelle rivelano che la percentuale di
■ Sconosciuto/incerto
disposizioni esistenti nei diversi
■ Buono rispetto 36% a quelle in un cattivo
■ Sconosciuto/incerto ■ Buono
e folaghe (10 specie) e un specie dell'allegato I con 14%
uno Stati membri non garantiscono stato (12%). Tuttavia, quasi
17% 28% ■ In calo ■ Sconosciuto 17% 28% ■ In calo ■ Scono
quarto di fagiani,
2% pernici e galli stato favorevole dal 2015 è protezione per queste specie. la metà (45%) continua ad ■ Scade
■ Scadente
2% 10% ■ Cattivo 2% ■ Cattiv
Tendenze dello stato di Tendenze dello stato 45% di
23% 42%
conservazione delle specie in 23% conservazione degli habitat in
■ In aumento ■ In aumento
30%
Stato■diStabile
conservazione delle stato sfavorevole (non buono) o Stato■diStabile
conservazione degli stato sfavorevole (non buono) o
specie a livello dell'UE.
■ Fluttuante sconosciuto a livello dell'UE. habitat a livello dell'UE.
■ Fluttuante sconosciuto a livello dell'UE.
■ Sconosciuto/incerto ■ Sconosciuto/incerto
28% ■ In calo 6% 17% 28% ■ In calo 9%
4%
Insoddisfacente-in miglioramento Insodd
■ 15% ■
21% 21%
27% 27% 21% 27%
■ Buono
Buono 35% ■ Sconosciuto ■ Buono ■ Scono
■ 2% 36% ■ Buono 36%
■ Sconosciuto ■ Insoddisfacente-stabile ■ Sconosciuto 21% ■ Insodd
■ Sconosciuto 31% ■ Sconosciuto
■ Scadente ■ Scadente
■ Insoddisfacente-in peggioramento10% ■ Insodd
■ Scadente
10% ■ Cattivo ■ Scadente
■ Cattivo
42%10% ■ Cattivo 42%
■ Cattivo
42% 45%
28% 34%

27% 6% 21% 27% 6%


■ Buono Insoddisfacente-in miglioramento
■ ■ Buono Insoddisfacente-in miglioramento

■ Sconosciuto 35%
6% ■ Sconosciuto ■ Sconosciuto 35% Sconosciuto

■ Scadente ■ Insoddisfacente-stabile
■ Insoddisfacente-in miglioramento 10%
31% ■ Scadente 9% ■ Insoddisfacente-stabile
31%■ Insoddisfacente-in miglioramento
10% ■ Cattivo ■ Insoddisfacente-in peggioramento ■ Insoddisfacente-in peggioramento
■ Cattivo
35% ■ Sconosciuto 42% ■ Sconosciuto
Insoddisfacente-stabile 36% 21%
31%
28%

28%
■ Insoddisfacente-stabile
■ Insoddisfacente-in peggioramento ■ Insoddisfacente-in peggioramento
N o t iz ia r io n at u ra e bio d i ver sit à    |     dice m br e 2020 5

© Edwin Giesbers/naturepl.com

© Guy Edwardes/naturepl.com
Il citello, Spermophilus citellus continua a diminuire in tutta l'UE. Oltre tre quarti degli habitat protetti di acqua dolce hanno uno stato di
conservazione inadeguato o cattivo.

essere in scadente in condizioni scadente (45%) o cattivo (36%). le torbiere alte e basse. In tutti stesso possiamo dire per le
inadeguate. I mammiferi Solo il 15% dei tipi di habitat ha i casi, oltre l'85% dei tipi di foreste di alloro della regione
hanno anche la percentuale uno stato favorevole. habitat è in stato inadeguato o Macaronesica.
più alta di specie che stanno Questa situazione è senza cattivo. Gli habitat rocciosi e le
migliorando, solo il 10%, ma dubbio legata a un'ampia boscaglie di sclerofille stanno Pressioni e minacce
che rimane molto bassa. Tra gamma di fattori, sia che si tratti andando leggermente meglio, principali
quelle che sono in buono stato dell'elevato livello di pressioni ma ancora solo un quinto di Per comprendere meglio
o in miglioramento, ci sono che continuano a subire o, in questi habitat ha un buono stato le pressioni e le minacce
alcune specie ben note come alcuni casi, del lungo tempo di conservazione (25% e 21% sottostanti alle specie e agli
la lontra Lutra lutra, il castoro, di recupero necessario anche rispettivamente). habitat protetti dalle due
Castor fiber, e la foca grigia, quando tutte le pressioni sono Tra quelli con uno stato di direttive sulla natura, gli Stati
Halochoerus grypus. state rimosse e sono state conservazione scadente o membri sono stati anche invitati
Anche altre specie meno introdotte misure di gestione cattivo, le foreste (13%) e le a riferire sulle principali cause
note stanno mostrando segni appropriate. Molti habitat sono lande e arbusteti (11%) hanno della perdita di specie e del
di ripresa almeno a livello così impoveriti che richiederanno la quota più alta con tendenze deterioramento degli habitat.
nazionale o biogeografico come un ripristino attivo o addirittura in miglioramento. Al contrario, I risultati mostrano che,
il caribù finlandese Rangifer una ricostituzione per avviare il solo il 4% degli habitat di acqua ancora una volta, l'agricoltura
tarandus fennicus nella regione loro recupero. dolce, le torbiere e le paludi rimane la pressione più
boreale, la lucertola degli arbusti Per quanto riguarda le stanno migliorando. Ancora una frequentemente segnalata,
Lacerta agilis nella regione tendenze di quelli che sono volta, le praterie, le dune, le interessando oltre un quinto
mediterranea e l'orchidea in cattive condizioni, ciò è torbiere e le paludi mostrano le di tutte le specie e gli habitat
Himantoglossum jankae nella altrettanto scoraggiante poiché tendenze in calo più marcate. protetti. Ciò riflette non solo
regione continentale. solo il 9% dei tipi di habitat ha Ci sono tuttavia alcuni timidi l'ampiezza dell'uso del suolo
una tendenza al miglioramento. segnali di speranza qua e là. agricolo nell'UE, ma anche i
Stato e tendenze dei Per un terzo degli habitat il trend Il tipo di habitat prioritario continui cambiamenti nelle
tipi di habitat dell'UE è stabile (34%) o in calo (36%). Dune costiere con Juniperus pratiche agricole.
Per i 233 tipi di habitat protetti Se si osserva lo stato di spp (2250), ad esempio, è La pressione viene esercitata
dalla direttiva Habitat, la conservazione in base ai passato da sfavorevole-cattivo in due modi opposti: da un lato,
situazione è molto grave. La diversi gruppi di habitat, si può a favorevole nella regione c'è la continua intensificazione
stragrande maggioranza si trova costatare che i più colpiti sono atlantica grazie a sforzi di delle attività agricole e la
in uno stato di conservazione le praterie, le dune, le paludi, conservazione concertati. Lo conversione di un tipo di pratica

Stato di conservazione per gruppi di specie a livello UE (tra parentesi il Stato di conservazione per gruppo di habitat a livello dell'UE (tra
numero di specie per gruppo). parentesi il numero di habitat per gruppo).

Rettili (106) Habitat rocciosi (14)


Piante vascolari (650) Macchie e boscaglie di sclerofille (13)
Anfibi (71) Habitat d'acque dolce (20)
Artropodi (129) Foreste (81)
Mammiferi (141) Lande e arbusteti (12)
Piante non vascolari (37) Formazioni erbose (32)
Molluschi (48) Dune (21)
Pesci (203) Torbiere alte, basse e paludi (12)
Altri invertrebati (4) Habitat costieri (28)
0% 25% 50% 75% 100% 0% 25% 50% 75% 100%
Buono Sconosciuto Scadente Cattivo Buono Sconosciuto Scadente Cattivo
6 N o t i z ia r io n at u ra e bio d i ver sit à    |     dice m br e 2020

© David Tipling/naturepl.com
Frequenza riportata di forti
pressioni per la categoria a
livello uno
Agricoltura 21.4%
Urbanizzazione 12.9%
Attività forestali 10.8%
Processi naturali 8.5%
Modifiche idrologiche 8.3%
Specie aliene invasive 7.3%
Sfruttamento eccessivo 7.2%
Infrastrutture energetiche 4.8%
Trasporti 4.7%
Cambiamenti climatici 3.7%

Esempi delle maggiori pressioni Giovane ragazza fotografa un ovolo malefico, Amanita muscaria.

su habitat e specie
■ Agricoltura: abbandono delle terre coltivabili, agricoltura agricola in un altro. Dall'altro, c'è (> 75%) nei siti Natura 2000
intensiva o conversione da una ad un’altra tipologia, l'abbandono delle aree agricole sono migliorati di più e si sono
inquinamento e rimozione di elementi caratteristici del e la loro mancanza di gestione. deteriorati meno dall'ultimo
paesaggio. Oggi solo l'8% degli habitat ciclo di rapporti rispetto a quelli
agricoli mostra una tendenza al meno rappresentati. Con un
■ Urbanizzazione: sport all’aperto, attività ricreative e miglioramento, mentre il 45% si miglioramento segnalato di
turismo, diffusione delle aree urbane, nuove infrastrutture sta deteriorando. oltre l'8%, paludi e torbiere in
o loro estensione. Altre pressioni principali particolare, hanno beneficiato
registrate come di grande della loro inclusione in
■ Attività forestali: rimozione di alberi morti, morenti o
importanza includono Natura 2000.
vecchi, taglio a raso o conversione ad altri tipi di foresta o l'urbanizzazione, le attività Tuttavia, nonostante questi
ad altri utilizzi del territorio. forestali e le alterazioni segnali positivi, è chiaro che
■ Processi naturali: successione naturale, competizione tra degli habitat di acqua dolce, resta ancora molto da fare per
specie, predazione, pressioni abiotiche. l'inquinamento, lo sfruttamento migliorare l'efficacia della gestione
delle specie, le specie esotiche e conservazione dei singoli siti
■ Modifiche dei sistemi idrologici: dighe, bonifiche di aree invasive e il cambiamento Natura 2000 all'interno della
umide, estrazione di acque sotterranee, alterazioni fisiche climatico (vedi riquadro). rete. Ad oggi, solo il 60% circa
del corpo idrico. dei siti della rete dispone di piani
Il contributo della rete di gestione Natura 2000 e i dati
■ Specie (problematiche) aliene: competizione per il Natura 2000 disponibili suggeriscono che
nutrimento e l’habitat con le specie native. Il rapporto sullo Stato della vengono attuati pochissimi di
Natura ha anche provato a questi piani, spesso per mancanza
■ Sfruttamento delle specie: caccia e uccisione illegale della
valutare l'influenza della rete delle risorse necessarie, sia umane
fauna selvatica, eccesso di caccia e pesca, sfruttamento che finanziarie.
Natura 2000 sullo stato di
eccessivo, catture accidentali con reti da pesca. conservazione delle specie e
■ Cambiamenti climatici: siccità e riduzione delle piogge, dei tipi di habitat per i quali Guardando al futuro
modifiche della temperature, aumenti di modifiche delle i siti sono stati designati. Come dimostra il rapporto sullo
Confrontando la misura in cui le Stato della Natura, l'UE non è
precipitazioni, modifiche del livello del mare e esposizione
specie e gli habitat sono coperti ancora riuscita ad arginare il
alle onde. declino dei tipi di habitat protetti
dalla rete con il loro stato di
conservazione, si nota che le e delle specie di interesse
© Gary K. Smith/naturepl.com

specie e gli habitat hanno, in conservazionistico dell'UE.


media, maggiori probabilità Sebbene negli ultimi 6 anni siano
di avere un buono stato di stati compiuti alcuni progressi
conservazione se la loro area nell'attuazione di entrambe le
di habitat o popolazione è ben direttive, risultanti, ad esempio, in
coperta (> 75%) dalla rete. una significativa estensione della
Ciò è più ovvio per dune, rete Natura 2000 e in un aumento
brughiere e boscaglie e habitat del numero di siti con piani di
forestali e per anfibi e pesci. gestione, ciò non è stato
Anche i tipi di habitat con sufficiente a invertire la tendenza
un'elevata rappresentanza della biodiversità in Europa.
N o t iz ia r io n at u ra e bio d i ver sit à    |     dice m br e 2020 7

Ripristini necessari per gli Nibbio reale, Milvus milvus


habitat protetti dell’UE Come molti uccelli rapaci, un tempo il nibbio reale era
pesantemente perseguitato e cacciato. Ciò, combinato
Il rapporto sullo Stato della Natura ha esaminato il livello con la perdita di habitat di riproduzione e foraggiamento
a cui gli habitat protetti dalla direttiva Habitat necessitano a causa dell'intensificazione dell'agricoltura, ha fatto
di ripristino o di essere attivamente ricostituiti per sì che la distribuzione della specie si sia ridotta
ottenere uno stato favorevole nell’UE. considerevolmente in tutta l'UE e sia diventata altamente
Secondo le conclusioni del rapporto oltre 215 000 km2 frammentata. Si pensa che oggi l'avvelenamento illegale
(o il 5% del territorio dell’UE-27) di habitat protetti hanno sia la principale causa del suo declino. Come occasionale
bisogno di intervento. Le più bisognose sono le foreste uccello necrofago il nibbio reale è particolarmente
(circa 100 000 km2), seguite dagli habitat costieri (circa sensibile ai veleni usati per controllare la fauna selvatica
46 000 km2), le praterie (circa 33 000 km2), gli habitat indesiderata, come le volpi e i corvi.
di acque dolci (circa 13 500 km2) e le torbiere e le paludi Tuttavia, grazie ad una serie di importanti campagne
(circa 10 900 km2). anti-avvelenamento e programmi di reintroduzione della
Inoltre almeno 11 000 km2 di habitat elencati specie, la popolazione del nibbio reale ha ricominciato ad
nell’Allegato I devono essere attivamente (ri)costituiti se si aumentare. In totale, finora sono stati realizzati 18 progetti
vuole assicurare la vitalità a lungo termine di tutti i tipi di LIFE-natura per la specie, il che ha portato a un reale
habitat. miglioramento sia del suo stato che del suo trend negli
E questa è una stima molto al ribasso per mancanza ultimi anni. La specie è ora considerata avere uno stato di
di dati, nella realtà i numeri sono molto più alti. Se non conservazione sicuro a livello dell'UE.
altro, forniscono un punto di partenza per il nuovo piano di

© Hermann Brehm/naturepl.com
ripristino europeo che sarà proposto nel 2021.

È chiaro che la rete Natura un ulteriore deterioramento degli


2000, che è al centro degli sforzi habitat e delle specie elencati
di conservazione dell'Europa, nelle Direttive sulla natura e
deve ancora raggiungere che vi sia una forte tendenza
il suo pieno potenziale. È positiva per almeno il 30% di
urgente aumentare le azioni di quelli in stato inadeguato o
conservazione a livello di sito e cattivo.
migliorare l'efficacia delle misure Inoltre, tutti i siti protetti
adottate. devono essere gestiti
È inoltre necessario alzare il efficacemente entro il 2030 e
livello in termini di ambizioni, al un nuovo piano di ripristino della
fine di andare oltre il semplice natura deve essere messo in
mantenimento dello status quo atto entro il 2021, con obiettivi
e concentrarsi su un programma legalmente vincolanti. In futuro, Il ruolo del
di ripristino concertato al fine di
avviare il processo di recupero.
ciò dovrà essere accompagnato
da un sostegno finanziario
programma LIFE
Storie di successo da cui notevolmente maggiore e da dell’Unione europea
trarre ispirazione hanno una migliore integrazione delle
mostrato cosa si può ottenere esigenze della biodiversità nelle Adottato nel 1992
attraverso un'azione mirata. altre politiche dell'UE sull'uso del contemporaneamente alla direttiva
Tuttavia, tale successo spesso suolo e dell'acqua. Habitat, il programma LIFE dell'UE
non viene raggiunto su una Per ulteriori informazioni da allora sostiene progetti di
scala sufficiente. Gli impegni di visitare : conservazione della natura in tutta l'UE. Ad oggi, LIFE ha
conservazione devono essere Il sito web della Commissione cofinanziato circa 1800 progetti per un importo di quasi
aumentati in modo significativo europea sul rapporto sullo Stato 3 miliardi di euro per la conservazione di specie e habitat
per raggiungere il pieno della Natura protetti in diversi angoli dell'UE. Oltre 5400 siti Natura
potenziale delle direttive UE https://ec.europa.eu/ 2000 hanno anche beneficiato dei finanziamenti LIFE
sulla natura. environment/nature/ durante questo periodo.
La nuova strategia dell'UE knowledge/rep_birds/index_ Il fondo LIFE non solo ha avuto un impatto importante
sulla biodiversità fino al 2030, en.htm sullo stato di conservazione di diverse specie e habitat
adottata all'inizio dell'anno, mira https://ec.europa.eu/ protetti dall'UE, ma è stato anche determinante per
proprio a questo. Tra l'altro, la environment/nature/ sensibilizzare milioni di europei su Natura 2000 e ha
Strategia richiede la protezione knowledge/rep_habitats/index_ coinvolto attivamente migliaia di parti interessate nella
giuridica di almeno il 30% della en.htm protezione e gestione dei siti, habitat e specie.
superficie terrestre e marina Il sito web dell’EEA sullo Stato
dell'UE, il 10% della quale deve della Natura https://ec.europa.eu/easme/sites/easme-site/files/
essere rigorosamente protetto. https://www.eea.europa.eu/ bringing_nature_back_through_life_brochure.pdf
Si impegna inoltre a garantire themes/biodiversity/state-of-
che, entro il 2030, non si verifichi nature-in-the-eu/
8 N o t i z ia r io n at u ra e bio d i ver sit à    |     dice m br e 2020

Questo BAROMETRO TERRESTRI


NATURA è prodotto dalla DG Rete Natura 2000
(terrestre e marina) SIC ZPS Rete Natura 2000
Ambiente con il contributo
Numero totale Area totale di rete
dell’Agenzia Europea di siti Natura 2000 Area SIC Area ZPS Area Natura % di superficie
Member States (km2) (km2) (km2) coperta
dell’Ambiente. Si basa sulle Natura 2000 (km2)
informazioni ufficiali trasmesse AUSTRIA 352 12895 9378 10334 12895 15%
dagli Stati Membri fino al
dicembre 2019. BELGIO 310 5163 3282 3186 3891 13%

BULGARIA 341 41554 33629 25609 38728 35%


La rete Natura 2000
comprende i siti designati CIPRO 62 10133 959 1493 1669 30%
secondo la Direttiva Habitat REP. CECA 1153 11148 7951 7035 11148 14%
(pSIC, SIC o ZSC- indicati nel
barometro complessivamente GERMANIA 5200 80831 33550 40263 55228 15%
come “SIC”) e secondo la
DANIMARCA 350 22647 3178 2605 3594 8%
Direttiva Uccelli (ZPS). I dati
relativi alla superficie totale ESTONIA 567 14861 7806 6203 8106 18%
dei siti Natura 2000 (ZPS
SPAGNA 1872 222515 117584 101619 138111 27%
+ SIC) sono stati ottenuti
attraverso l’analisi GIS, al fine FINLANDIA 1866 50636 42197 24550 42495 13%
di scongiurare ogni rischio di
FRANCIA 1776 203564 48755 44016 70875 13%
doppio conteggio delle superfici
dei siti che sono stati designati GRECIA 446 58778 21912 27761 35982 27%
sotto entrambe le Direttive.
CROAZIA 783 25954 16036 17050 20716 37%

Natura 2000 nei 27 UNGHERIA 525 19949 14442 13747 19949 21%

stati dell’UE IRLANDA 604 19481 7163 4311 9226 13%

Area terrestre ITALIA Area marina 2621 69302 42902 40295 57258 19%

LITUANIA 2 556 9699 6344 5530 8136 13%


763,986 km2 441,001 km

LUSSEMBURGO 66 702 416 418 702 27%


586,143 km2 347,133 km2
Area terrestre Area marina
LETTONIA 2 333 11834 7421 6607 7447 12%
526,780 km2 290,012 km
763,986 km2 441,001 km2
MALTA 55 4184 41 16 42 13%
0K 200K 400K 600K 800K 0K 200K 400K 600K 800K
586,143 km2 347,133 km2
PAESI BASSI 197 20605 3139 4771 5522 15%

526,780 km 2
290,012 km
POLONIA
2
985 68405 34196 48428 61168 20%
Area marina
0K 200K 400K 600K 800K 0K 200K 400K 600K 800K
PORTOGALLO 167 61403 15661 9196 18968 21%
441,001 km2
ROMANIA 606 60577 40310 37118 54214 23%
347,133 km2
SVEZIA 4087 75854 55106 26448 55611 12%
290,012 km2
Natura 2000
SIC SLOVENIA 355 7682 6634 5066 7672 38%
00K 0K ZPS 200K 400K 600K 800K
SLOVACCHIA 683 14633 6151 13105 14633 30%

Natura 2000 EU – 27 26918 1204987 586143 526780 763986 18%


SIC
Il Regno Unito si é ritirato dall'Unione Europea a partire dal primo Febbraio 2020.
ZPS
N o t iz ia r io n at u ra e bio d i ver sit à    |     dice m br e 2020 9

barometer
Zoom sulle Aree Protette in Europa
MARINI

© David Pattyn/naturepl.com
SIC ZPS Natura 2000 network
SIC area ZPS area Natura area
(km2) (km2) (km2)

n.a. n.a. n.a. AT

1128 318 1271 BE

2482 550 2827 BG

8457 110 8464 CY

n.a. n.a. n.a. CZ


Monti Pirin, Bulgaria.
20938 19738 25603 DE Al fine di fornire un sostegno agli obiettivi delle aree protette nell'ambito
della nuova Strategia per la biodiversità al 2030, l'Agenzia europea
16492 12184 19053 DK
dell'ambiente (AEA) ha pubblicato un rapporto online sullo stato attuale
3883 6480 6754 EE delle aree protette in Europa (oltre 130.000 in totale). Il rapporto
fornisce un'analisi statistica delle aree protette per quanto riguarda la
54895 52071 84405 ES loro rappresentanza nelle diverse regioni biogeografiche europee, paesi
e territori d'oltremare. Offre anche alcuni approfondimenti sulle loro
7676 7402 8141 FI caratteristiche generali, come le dimensioni, la connettività e la gestione.
106306 119646 132689 FR
A complemento del rapporto, l'AEA ha anche prodotto una serie
aggiornata di profili dei paesi, disponibili sul sito web del BISE (il Sistema
17528 10764 22796 GR di informazione sulla biodiversità per l'Europa). Il riepilogo di ciascun
paese fornisce una panoramica del numero di aree protette presenti in
4919 1112 5238 HR quel paese, della superficie terrestre o marina che coprono, della loro
dimensione media, nonché del numero di specie e habitat protetti a livello
n.a. n.a. n.a. HU
nazionale, suddivisi in base al diverso gruppo tassonomico.
9781 1584 10255 IE Ogni sintesi per paese include anche dati sui siti, specie e habitat
protetti dalla rete Natura 2000 e il loro stato di conservazione a livello
6587 8809 12044 IT nazionale. Si può scoprire, ad esempio, quali sono i 10 siti Natura 2000
con il maggior numero di specie e habitat protetti dell'UE; o le specie e gli
958 1056 1563 LT habitat per i quali i siti Natura 2000 sono più comunemente designati.
Il dossier del paese si conclude con un breve riassunto di altre
n.a. n.a. n.a. LU
informazioni rilevanti come le categorie ecosistemiche principali presenti
2664 4280 4387 LV (secondo la metodologia MAES), le iniziative per le infrastrutture verdi e
la Strategia Nazionale sulla biodiversità del paese.
2283 3221 4142 MT https://biodiversity.europa.eu/protected-areas
https://biodiversity.europa.eu/countries
12074 8627 15083 NL

4339 7224 7237 PL Estratto del profilo della Bulgaria


1388 Aree protette   40.97% Aree terrestri  
37377 8749 42434 PT
8.01% Aree oceaniche
6188 1630 6362 RO 14.85% della rete è protetta solo da leggi nazionali
63.63% della rete è costituito solo da siti Natura 2000
20174 14448 20243 SE 21.52% consiste nella sovrapposizione tra le due tipologie
4 9 10 SI
Estratto del profilo della Finlandia
n.a. n.a. n.a. SK
15166 Aree protette   13.2% Aree terrestri  
347133 290012 441001 EU 9.83% Aree oceaniche
4.6% della rete è protetta solo da leggi nazionali
21.23% della rete è costituito solo da siti Natura 2000
74.17% consiste nella sovrapposizione tra le due tipologie
10 N o t i z ia r io n at u ra e bio d i ver sit à    |     dice m br e 2020

© Unione europea
Il Commissario e i membri della giuria alla cerimonia di premiazione ibrida a Bruxelles il 14 ottobre 2020 con i
vincitori sullo schermo, collegati digitalmente.

I vincitori del premio 2020 Natura 2000


A ottobre, il Commissario Il Premio 2020 ha suscitato Quanto al sesto premio - il
europeo per l'ambiente, Virginijus ancora una volta un notevole Premio dei cittadini europei - questo
Sinkevičius, e membri della giuria interesse. Settantanove è stato scelto direttamente dal
di alto livello hanno annunciato candidature ammissibili sono state pubblico. Quest'anno oltre 45.000
i sei vincitori del premio Natura ricevute da 26 Stati membri e dal persone hanno votato per il loro
2000 per l'edizione 2020. A Regno Unito nelle cinque categorie progetto preferito, il che è di per sé
causa delle circostanze uniche di del premio, conservazione, una testimonianza del significato
quest'anno con il virus COVID-19, comunicazione, riconciliazione di del premio e dell'interesse che le
la cerimonia di premiazione è stata interessi/punti di vista, benefici persone hanno nell'apprendere le
trasmessa in live streaming dalla socioeconomici, cooperazione numerose iniziative straordinarie in
sede centrale della Commissione transfrontaliera e networking. corso per salvare la natura in Europa.
europea a Bruxelles con i finalisti Come in passato, la categoria Le prossime candidature al
del premio che hanno partecipato conservazione si è rivelata la più premio Natura 2000 saranno
tramite collegamento video. apprezzata, rappresentando la aperte il 21 maggio 2021, in
Il Premio Natura 2000 metà delle candidature. occasione della Giornata Natura
è concepito per premiare Tutte le candidature ammissibili 2000. Maggiori informazioni
l'eccellenza nella gestione dei sono state valutate da un saranno disponibili sul sito web del
siti Natura 2000 e mostrare il comitato di valutazione di esperti premio a tempo debito. Nel
valore aggiunto della rete per le esterni che ha selezionato 27 frattempo, perché non guardare la
economie locali. Inoltre, rende finalisti. Una giuria, composta cerimonia di premiazione o scoprire
omaggio a tutti coloro che stanno da rappresentanti di alto livello di più sugli incredibili risultati dei
lavorando instancabilmente della Commissione Europea, del 27 finalisti e dei 6 vincitori?
per rendere Natura 2000 un Parlamento Europeo, del Comitato Tutti i dettagli sono
successo operativo, richiamando delle Regioni e delle organizzazioni disponibili su: https://
al contempo l'attenzione pubblica delle parti interessate, ha poi ec.europa.eu/environment/
Brochure dei finalisti: sui risultati sostanziali della rete selezionato i vincitori per ciascuna nature/natura2000/awards/
https://bit.ly/3lHKtDS Natura 2000 finora raggiunti. delle cinque categorie. application-2020/index_en.htm
N o t iz ia r io n at u ra e bio d i ver sit à    |     dice m br e 2020 11

E I VINCITORI SONO…

Vincitore del premio di conservazione 2020


Titolo: Utilizzo di inventari subacquei per la conservazione delle aree marine in Finlandia
Proponente: Ministero dell'Ambiente, Istituto finlandese per l'ambiente (SYKE)
Località: Finlandia
Nel 2004, il Ministero dell'Ambiente e l'Istituto finlandese per

conservation of marine areas in Finland


© Using underwater inventories for the
l'ambiente hanno lanciato un programma di inventario nazionale
per l'ambiente marino subacqueo, chiamato VELMU. L'obiettivo è
sviluppare un quadro dettagliato della distribuzione degli habitat
e delle specie marini nelle acque marine finlandesi e ottenere una
panoramica del loro stato di conservazione.
Finora sono state raccolte oltre 150.000 osservazioni
spazialmente esplicite, rendendo questo il programma nazionale
più completo per le aree marine in Europa. I dati sono stati
poi combinati con le informazioni sulle variabili ambientali
e sulle attività umane in mare per creare una prima mappa
completamente integrata della biodiversità marina per la Finlandia.
Le osservazioni hanno rivelato che le aree protette esistenti
coprono solo circa un quarto dei valori naturali più elevati nelle
acque marine finlandesi e che potrebbero essere raddoppiate
aggiungendo solo l'1% in più alla copertura dell'area protetta (dal
10% all'11%).
Le mappe dei valori naturali sono state utilizzate anche significative (EBSA). Oltre a contribuire alla rete N2000, i risultati
per descrivere circa 200 "EMMA" - Aree marine ecologicamente delle indagini vengono utilizzati nella pianificazione di un uso più
significative - per le aree marine finlandesi. Gli EMMA si basano sostenibile dell'ambiente marino, in particolare evitando pressioni
sui criteri della CBD per le aree ecologicamente o biologicamente eccessive nelle aree con i valori naturalistici più elevati.

Vincitore del premio per la comunicazione 2020


Titolo: Eau la la!!! Consigli ecologici per il mare e il litorale!
Proponente: Comunità di Lannion-Trégor, agglomerato di Guingamp-Paimpol, PETR del Pays de Guingamp;
Località: Bretagna, Francia
Gran parte dei 400 km di costa di Amor in Bretagna è parte della © Eau la la!!! Eco-tips for sea and shore!

rete Natura 2000 grazie alla sua straordinaria vita marina. Ma,
come hanno dimostrato i sondaggi, poche persone nella comunità
nautica da diporto erano consapevoli della ricca vita marina che
si trovava sotto di loro o dei potenziali danni che le loro attività
potevano causare a questa preziosa risorsa.
Nell'estate del 2019 è stata lanciata una campagna di
sensibilizzazione ambientale per diportisti, gestori di infrastrutture
portuali, turisti e pescatori sportivi per incoraggiarli a ridurre al
minimo il loro impatto sui siti Natura 2000. Sono stati scelti sei
argomenti per la campagna: birdwatching e avvistamento di
mammiferi, sistemi anti-vegetativi, acque nere e grigie, gestione dei
rifiuti, ormeggi e praterie di alghe, e pesca ricreativa.
Il progetto ha sviluppato kit informativi su ciascuno dei sei
argomenti, oltre a un opuscolo, un poster, una serie di brevi video
e un sito Web informativo. Il materiale è stato distribuito in modo
capillare lungo la costa a diverse associazioni di stakeholder, in 60 dei sei temi della campagna. Il progetto è stato anche innovativo
punti di distribuzione e in occasione di circa 28 eventi nautici. in quanto è stato gestito come una joint venture tra le strutture
La campagna si è dimostrata molto efficace. I sondaggi post di gestione Natura 2000 locali e varie organizzazioni responsabili
campagna hanno mostrato che l'85% dei diportisti coinvolti della qualità delle acque marine. Visto il successo delle attività, si
desiderava migliorare le proprie pratiche in relazione ad almeno uno prevede di ripetere la campagna e i sondaggi nel 2020.
12 N o t i z ia r io n at u ra e bio d i ver sit à    |     dice m br e 2020

Vincitore del premio riconciliazione di interessi/punti di vista2020


Titolo: Dieci chiavi per la comproprietà dei progetti per la natura
Proponente: Agenzia per la natura e la foresta, De Vlaamse Waterweg, Comune di Kruibeke, organizzazione no-profit
Kruibeeks Natuurbehoud,
Località: Fiandre, Belgio
e di conservazione della natura per la regione. Ciò significava
© Ten keys to co-ownership for nature projects

inondare parti dell'area, compresi i Kruibeke Polders.


Gli sforzi per espropriare le terre si sono inizialmente scontrati
con una forte resistenza e fino al 2010 con proteste settimanali. Ma,
nonostante le obiezioni, è proseguita la rinaturalizzazione dei polder
di Kruibeke ed è stato avviato un progetto EU LIFE per ripristinare i
valori naturali dei polder. Il progetto ha inoltre posto grande enfasi
sul coinvolgimento degli abitanti locali nelle attività, organizzando
serate informative regolari, passeggiate mensili in loco e laboratori
per dimostrare i valori della zona agli abitanti locali.
Sono state create nuove opportunità ricreative costituite
ad esempio da sentieri escursionistici, punti di pesca e punti di
birdwatching. Dopo qualche sforzo, anche il comune locale è
stato convinto a diventare un partner del progetto ed è passato
I Kruibeke Polder si trovano in Belgio, appena a sud di Anversa, velocemente da essere il più forte avversario del progetto a
lungo il fiume Schelda. Per decenni i polder, le terre recuperate dal diventare il suo più grande sostenitore.
mare, sono stati utilizzati come un mosaico di piccoli appezzamenti Tutto ciò ha contribuito a cambiare la percezione delle persone,
privati dedicati all'agricoltura e alla silvicoltura, case vacanza e creando un senso di orgoglio e di appartenenza all'area che ora è
allevamento ittico. Tuttavia, poiché l'intera area è soggetta a estese considerata una risorsa turistica, portando benefici economici e posti
inondazioni, il governo fiammingo aveva deciso di incorporare i di lavoro aggiuntivi. La comunità locale è ora decisamente favorevole
polder in un importante programma di protezione dalle inondazioni alla gestione sostenibile a lungo termine del "proprio" polder.

Vincitore del premio per i benefici socioeconomici 2020


Titolo: Pro-Biodiversidad: pastori come conservatori della biodiversità nella rete Natura 2000
Proponente: Fondazione per la conservazione del Gipeto
Località: Asturie, Spagna
Ciò ha spinto la Fundación para la Conservación del
conservators in Natura 2000
© Pro-Biodiversidad: shepherds as biodiversity

Quebrantahuesos nel 2015 a creare uno speciale marchio di


certificazione, Pro-Biodiversidad (Pro-Biodiversità), per sostenere gli
agricoltori locali rispettosi della fauna selvatica. In cambio del rispetto
di una serie di buone pratiche, gli agricoltori possono utilizzare sia il
marchio Pro-Biodiversidad che i vari strumenti di marketing che sono
stati creati per il marchio al fine di promuovere i loro prodotti.
Il marchio si è rivelato un clamoroso successo. Nel 2017 sono stati
siglati tre accordi commerciali con grandi catene di supermercati per
la vendita dei propri prodotti e, nel 2018, è stato siglato un ulteriore
accordo con Paradores de Turismo (importante catena di hotel
turistici di alta qualità in Spagna) per inserire i propri prodotti a
marchio nei menù dei loro ristoranti. Gli stessi agricoltori hanno
visto un aumento del 45% dei loro ricavi e ora hanno la garanzia di
vendere tutta la loro produzione annuale a un prezzo equo.
Il marchio è stato anche molto vantaggioso per la biodiversità,
Gran parte della catena montuosa dei Picos de Europa è stata aiutando a mantenere le praterie, ridurre il rischio di incendi
designata come sito Natura 2000. La zona, tuttavia, soffre molto e abbandono della terra, nonché nutrire le specie selvatiche
dell’abbandono delle attività rurali. Dal 1997, il numero di ovini, necrofaghe, come gli avvoltoi. Una serie di accordi sono stati firmati
caprini e bovini nella zona è diminuito del 70%, con conseguenze con i macelli locali per utilizzare i loro prodotti di scarto per integrare
disastrose sia per gli stessi agricoltori che per la biodiversità. la dieta di avvoltoi e altri animali selvatici.
N o t iz ia r io n at u ra e bio d i ver sit à    |     dice m br e 2020 13

Vincitore del premio per la cooperazione transfrontaliera e il


networking 2020
Titolo: Impegni congiunti per reti di trasporto sicure e rispettose della fauna selvatica nei Carpazi
Proponente: Agenzia per la conservazione della natura della Repubblica Ceca
Località: Repubblica Ceca, Slovacchia e Romania
I Carpazi sono una delle aree naturali più ricche d'Europa, gran

transportation networks in the Carpathians


© Joint efforts for safe and wildlife-friendly
parte delle quali è protetta dalla rete Natura 2000. Tuttavia, negli
ultimi decenni, lo sviluppo sostenibile di questa regione ha dovuto
competere con una rapida crescita delle infrastrutture di trasporto.
Ciò ha avuto un grave impatto sulla biodiversità, soprattutto per
specie come orsi e lupi che si muovono liberamente attraverso il
paesaggio, oltre i confini dei singoli siti Natura 2000.
Il problema della frammentazione del paesaggio ha portato
al lancio di un'iniziativa di networking finanziata dall'UE attraverso
l’Interreg, chiamata progetto TRANSGREEN. Sedici partner di sei
paesi che rappresentano un'ampia sezione trasversale di settori,
organizzazioni e ONG a tutti i livelli, si sono riuniti per condividere
esperienze e migliori pratiche su come ridurre al minimo gli
effetti della frammentazione del paesaggio causata da una fitta
infrastruttura di trasporto. Il partenariato si è concentrato in
particolare sulle attività che porterebbero a un migliore quadro di aree pilota. Il risultato finale sono delle complete "Linee guida per
pianificazione e allo sviluppo di soluzioni di trasporto stradale e la fauna selvatica e il traffico nei Carpazi", che descrivono come
ferroviario sicure e rispettose dell'ambiente. realizzare attività integrate di pianificazione, costruzione, gestione
Grazie al progetto, sono state sviluppate metodologie comuni e monitoraggio delle infrastrutture di trasporto in modo da tenere
per il monitoraggio di collisioni e uccisioni stradali e sono state pienamente conto della biodiversità locale e ridurre al minimo la
prodotte tre analisi approfondite e "Cataloghi di misure" per le tre frammentazione del paesaggio.

Vincitore del premio dei cittadini europei 2020


Titolo: Partenariato per la protezione delle foreste primarie della rete Natura 2000 in Bulgaria
Proponente: Agenzia esecutiva per le foreste (EFA), Ministero dell'agricoltura, dell'alimentazione e delle foreste,
Bulgaria, WWF Bulgaria, Associazione dei parchi in Bulgaria, Balkani Wildlife Society
Località: Bulgaria
Un terzo della Bulgaria è ricoperto da foreste e poco più della metà
old-growth forests in Natura 2000
© Partnership for protection of Bulgarian

è stata inclusa nella rete Natura 2000. All'inizio del processo di


designazione, proprietari e gestori forestali erano decisamente
contrari alla designazione della loro terra per paura di perdite
economiche, con relativi conflitti ogni volta che venivano adottati
piani per l'uso del legname.
Le imprese forestali erano riluttanti a limitare le loro attività nei
siti Natura 2000 a causa della conseguente perdita di entrate. Le
organizzazioni ambientaliste, d'altra parte, erano preoccupate che la
qualità e la quantità delle foreste all'interno della rete non fossero
sufficienti e fossero gestite male.
Per affrontare il problema, l'Agenzia esecutiva forestale, in
collaborazione con l'Associazione dei parchi e delle ONG, ha svolto
indagini approfondite e mappatura GIS per redigere un inventario delle
foreste primarie presenti nelle foreste di proprietà statale all'interno
di Natura 2000 in tutta la Bulgaria. L'idea era quella di aumentare
l'area di foresta demaniale da proteggere dalle attività commerciali. significato un'estensione del 3% della rete Natura 2000 in Bulgaria.
Dopo un lungo processo di scambi, discussioni e revisioni con Grazie al progetto è stata ripristinata la fiducia tra i diversi partner,
le parti interessate sono stati designati per la protezione ed esclusi aprendo la strada ad ulteriori future collaborazioni sulla gestione di
dal taglio quasi 110.000 ettari ulteriori di foreste primarie. Ciò ha questa preziosa risorsa.
14 N o t i z ia r io n at u ra e bio d i ver sit à    |     dice m br e 2020

●  Notizie     ●  Pubblicazioni     ● eventI

Obiettivi vincolanti Approvati nuovi Sono previsti anche progetti Il primo si è concentrato sulla
dell'UE per il ripristino progetti LIFE per ripristinare le popolazioni di valutazione e la gestione degli
della natura Lo scorso novembre, la grillaio nei Balcani orientali e per habitat di acqua dolce e il
Nel 2021, la Commissione Commissione ha approvato un salvare il pelobate fosco italiano secondo sulla protezione degli
intende presentare una pacchetto di investimenti di oltre e per conservare i coleotteri uccelli che nidificano nei prati
proposta di obiettivi vincolanti 280 milioni di euro per 120 nuovi saproxilici nei Carpazi. dell'UE.
di ripristino della natura progetti LIFE su ambiente ed uso Per ulteriori dettagli: Tre eventi sono già previsti
dell'UE per ripristinare gli efficiente delle risorse, natura https://bit.ly/3mrMMet finora nel 2021. Il terzo
ecosistemi degradati, come e biodiversità, mitigazione e seminario mediterraneo Natura
annunciato nella Strategia adattamento ai cambiamenti Aggiornamento sul 2000 si terrà in Calabria (Italia)
dell'UE sulla Biodiversità fino climatici, governance e processo biogeografico il 5-8 maggio 2021. In primavera
al 2030. Nell'ambito della informazione. Insieme, questi Come annunciato nel numero si terranno anche due seminari
valutazione d'impatto che progetti attiveranno un precedente, il terzo seminario chiave incentrati sui mammiferi
sosterrà la proposta della investimento totale di quasi 590 Natura 2000 Alpino si è tenuto marini. Si discuterà della
Commissione, è stata avviata milioni di euro, che rappresenta dall'11 al 14 settembre 2020. conservazione transfrontaliera
una consultazione pubblica un aumento del 37% rispetto Nonostante fosse un incontro della focena nell'Atlantico
online, che durerà fino alla allo scorso anno. virtuale, oltre 170 persone nordorientale e della gestione
fine di marzo 2021. Le parti Di questi 120 nuovi progetti, provenienti da 13 paesi hanno delle aree marine protette per
interessate, le autorità, gli 34 riguardano la natura e la partecipato per scambiare i piccoli cetacei nella regione
esperti ei cittadini sono tutti biodiversità. Rappresentano un esperienze di conservazione e baltica.
invitati a fornire il proprio punto investimento totale di 221 milioni sviluppare ulteriormente una Il prossimo anno inizierà
di vista sulle diverse opzioni per di euro, a cui l'UE contribuirà con roadmap biogeografica per la anche il lavoro di riprogettazione
gli obiettivi di ripristino a livello 133 milioni di euro. Regione Alpina. della stessa iniziativa di
dell'UE e sulle condizioni che Ancora una volta, è prevista Negli ultimi due mesi si cooperazione. Il suo mandato
dovrebbero essere stabilite per un'ampia gamma di azioni di sono svolti anche altri eventi sarà esteso per coprire la
la loro attuazione. conservazione: ripristino di di networking. Tra questi realizzazione di alcuni dei nuovi
Sono attualmente in corso fiumi e foreste nelle Ardenne un seminario per la regione obiettivi della Strategia dell'UE
anche altre due consultazioni belghe; conservazione delle marina del Mar Nero, tre sulla Biodiversità, in particolare
pubbliche sulla valutazione farfalle minacciate nella Renania seminari mediterranei su in relazione all'aumento della
della Strategia dell'UE sulla Settentrionale-Vestfalia in questioni specifiche relative ai copertura delle aree protette
Biodiversità fino al 2020 e Germania; miglioramento della tipi di habitat protetti dell'UE nell'UE e al miglioramento dello
sulla revisione dell'attuazione resilienza delle popolazioni di e un seminario per il Baltico stato di conservazione di almeno
del regolamento dell'UE sulle orso bruno in Cantabria, Spagna sull'utilizzo dei siti Natura 2000 il 30% delle specie e degli
Specie Aliene Invasive. e il ripristino degli habitat ittici del Baltico come hot spot della habitat protetti dell'UE.
Vedi: https://bit.ly/37JyjEn lungo il fiume Dordogna in migrazione. Si sono tenuti Gli Stati membri dovrebbero
Francia. anche due seminari trasversali. presentare i loro contributi

Ripristino di fiumi e foreste nelle Ardenne belghe. Il suolo fornisce molti servizi ecosistemici vitali alla società.
© David Pattyn/naturepl.com

© iStock
N o t iz ia r io n at u ra e bio d i ver sit à    |     dice m br e 2020 15

e impegni nazionali per il forestale dell'UE nella primavera

© Alamy
raggiungimento di questi due del 2021, sulla base delle
obiettivi a partire dal 2021, azioni e degli impegni della
sulla base degli orientamenti Strategia sulla Biodiversità
che saranno pubblicati dalla e in linea con l'ambizione più
Commissione europea nei ampia della neutralità climatica.
prossimi mesi. Le autorità Le opinioni di tutti i cittadini
competenti, le ONG e le parti e le parti interessate sono
interessate si incontreranno molto apprezzate durante la
poi durante il 2023, nell'ambito consultazione pubblica aperta,
dei seminari biogeografici, disponibile su: 
per esaminare e discutere la https://bit.ly/3fXY9sh
completezza e la coerenza di
questi impegni nazionali a livello L'azione dell'UE per
biogeografico. salvare la tortora
https://bit.ly/2Vs9YgP comune europea
Un tempo comune in tutta
Nuova strategia dell'UE Europa, la tortora selvatica
per il suolo nel 2021 Streptopelia turtur è diminuita
Il suolo è un ecosistema notevolmente dagli anni '80 a
essenziale che sostiene la causa di una combinazione di
biodiversità e garantisce sia la fattori, tra cui il degrado del
mitigazione che l'adattamento suo habitat nei terreni agricoli
ai cambiamenti climatici. È e nelle foreste, l'uccisione e la
anche la base per la produzione cattura illegali e la caccia non Tortora Streptopelia turtur confiscata dall'area di cattura, Malta.
alimentare, la sicurezza sostenibile.
alimentare, il sequestro del Nel 2018 la Commissione
conservazione e attuando Centro di conoscenza
le necessarie misure di per la biodiversità
carbonio, la depurazione europea ha pubblicato un Piano
conservazione entro il 2030. La Commissione ha lanciato
dell'acqua e la regolazione dei d'azione a livello di UE per la
Ad oggi, solo il 60% circa dei un nuovo Centro di conoscenza
nutrienti. In quanto tali, i suoli specie nel tentativo di arginare
siti della rete dispone di piani per la biodiversità durante
sani sono un fattore chiave per il suo ulteriore declino e avviare
di gestione Natura 2000 e tutti la Settimana verde 2020. Il
raggiungere gli obiettivi del Green la sua ripresa a lungo termine.
i dati disponibili suggeriscono centro fornirà uno sportello
Deal europeo. Ora sta anche sviluppando
che vengono attuati pochissimi unico per informazioni sulla
La Commissione europea un meccanismo adattivo di
di questi, spesso per mancanza biodiversità e sull'impatto delle
presenterà una nuova strategia gestione del prelievo venatorio
delle risorse necessarie. politiche correlate. Identificherà,
dell'UE per il suolo nella prima per la tortora lungo le sue rotte
Laddove vengono prese misure analizzerà, filtrerà e organizzerà
metà del 2021 per proteggere migratorie occidentali e centro-
di conservazione, tendono a i dati provenienti da diverse
la fertilità del suolo, ridurre orientali.
concentrarsi sul mantenimento fonti e li comunicherà in modo
l'erosione, aumentare la materia In questo contesto, si tengono
dello status quo o sulla più accessibile, personalizzato
organica e ripristinare i suoli seminari per riunire gli Stati
prevenzione di un ulteriore e conciso a un pubblico più
degradati, compresi quelli membri e le parti interessate
degrado, piuttosto che migliorare ampio. Riunirà inoltre ricercatori,
inquinati. È inoltre essenziale per discutere come costruire un
attivamente le condizioni di responsabili politici, scienziati e
combattere la desertificazione e tale meccanismo di gestione del
conservazione del sito, delle sue altri membri della società civile
il degrado del suolo. I cittadini e prelievo venatorio lungo ogni
specie e degli habitat. per condividere i risultati della
le parti interessate sono invitati rotta. Gli argomenti includono
Per ottenere una migliore ricerca e costruire una base di
a fornire le loro opinioni sul la definizione di obiettivi di
visione della situazione conoscenze comune e rafforzata
progetto di strategia durante la popolazione, la definizione di
attuale, l'AEA ha pubblicato per integrare la biodiversità
consultazione pubblica aperta, un modello di popolazione per
un documento sull'efficacia nella definizione delle politiche
disponibile su:  la stima della crescita della
della gestione dei siti Natura e per monitorare i progressi
https://bit.ly/33ydBWL  popolazione, l'esplorazione di
2000 dell'UE riassumendo i nell'ambito della strategia
possibili scenari di gestione
risultati chiave di uno studio dell'UE sulla biodiversità per il
Nuova strategia del prelievo e il monitoraggio,
approfondito, che ha utilizzato
forestale dell'UE nel nonché lo studio di modi per 2030.
i criteri PAME (Protected Area https://bit.ly/2Jmhdoe
2021 collegare la caccia e le attività
Management Effectiveness) per
In linea con la Strategia sulla di gestione degli habitat.
valutare lo stato di attuazione Nuova guida
Biodiversità, la Commissione Ulteriori workshop sono previsti
delle misure di gestione in una
europea sta attualmente nel 2021.
sezione trasversale dei siti
sull'energia eolica e
lavorando alla definizione, https://bit.ly/2L0kUjP
Natura 2000 in cinque paesi.
Natura 2000
mappatura, monitoraggio e Il Green Deal europeo definisce
Il documento si conclude con
protezione rigorosa di tutte Efficacia gestionale dei una serie di raccomandazioni per
una visione chiara per il
le rimanenti foreste primarie siti Natura 2000 migliorare la rendicontazione,
raggiungimento della neutralità
e antiche dell'UE, nonché La nuova Strategia dell'UE climatica entro il 2050 e
la raccolta e la valutazione
all'aumento dell’estensione delle sulla Biodiversità si impegna l'ulteriore decarbonizzazione
dell'efficacia della gestione delle
foreste e al miglioramento della a gestire efficacemente tutte del sistema energetico al fine di
aree protette in futuro, al fine
loro salute e resilienza. le aree protette, compresi i raggiungere gli obiettivi climatici
di informare il nuovo quadro
La Commissione europea siti Natura 2000, definendo nel 2030 e 2050. Il Deal
strategico dell'UE.
proporrà una nuova strategia tra l’altro chiari obiettivi di evidenzia il ruolo essenziale delle
https://bit.ly/2VsWOQQ
16 N o t i z ia r io n at u ra e bio d i ver sit à    |     dice m br e 2020

foreste, terreni scarsamente dell'unità per la protezione della

© Alamy
vegetati, zone umide, acqua dolce natura presso la DG Ambiente
e marina), utilizzando l'anno 2010 dalla fine degli anni '70 al
come riferimento politico. Inoltre, suo pensionamento nel 1994,
vengono fornite valutazioni Claus è stato determinante nel
trasversali su cambiamento plasmare e negoziare le direttive
climatico, specie esotiche invasive, Uccelli, Habitat e Valutazione
mosaico paesaggistico, suolo e dell'impatto ambientale fino alla
servizi ecosistemici. loro adozione finale.
Il rapporto conclude che la Le sue prodigiose capacità
maggior parte degli ecosistemi si politiche, saggezza e
sta deteriorando e che l'attuale leggendaria determinazione
potenziale degli ecosistemi di sono state fondamentali per
Turbine eoliche in mare di Lillgrund, Svezia.
fornire legname, protezione dalle superare gli ostacoli e garantire
fonti energetiche rinnovabili, in recenti sui possibili impatti delle inondazioni, impollinazione delle che queste principali Direttive
particolare nella produzione di attività di energia eolica sulla colture e attività ricreative basate ambientali vedessero con
energia eolica in mare (offshore), biodiversità e sulle varie pratiche sulla natura è pari o inferiore successo la luce. Le direttive
nel raggiungimento di questi di mitigazione che possono al valore di riferimento per il sulla natura rimangono la pietra
obiettivi, ma sottolinea anche essere applicate per rimuovere, 2010. Il rapporto rappresenta angolare della politica dell'UE
la necessità di garantire che ciò o almeno ridurre, questi impatti un primo passo per descrivere e sulla biodiversità e dobbiamo
avvenga in un modo che non sulla natura. comprendere meglio le condizioni quindi essere molto grati a Claus
danneggi la natura. La pubblicazione della guida e le tendenze degli ecosistemi Stuffmann per questa eredità
Per assistere in questo ha coinciso con il lancio della europei e fornirà un utile punto di duratura.
processo, la Commissione nuova Strategia dell'UE per le riferimento per valutazioni future.
europea ha appena pubblicato energie rinnovabili offshore, che https://bit.ly/37wweeW

© Edelgard Stuffmann
un aggiornamento del suo mira ad aumentare in modo
documento di orientamento sugli sostanziale lo sviluppo delle In Memoriam
"impianti eolici e la normativa energie rinnovabili offshore. È con grande tristezza che
dell'UE in materia ambientale". Vai a: https://bit.ly/39N2IEP dobbiamo annunciare la
L'obiettivo è aiutare le autorità scomparsa di Claus Stuffmann
nazionali, gli sviluppatori, Rapporto di valutazione lo scorso novembre. In qualità
i consulenti e il settore degli ecosistemi dell'UE di membro di spicco di vari
dell'energia eolica a garantire Lo scorso ottobre, la gabinetti dei Commissari
che gli impianti eolici sia sulla Commissione, il CCR e l'Agenzia europei sin dai primi giorni
terraferma (onshore) che in mare europea dell'ambiente hanno dell'esistenza della Commissione
siano conformi in particolare alle lanciato la prima relazione europea e, poi, come primo capo
disposizioni delle direttive sulla europea sulla valutazione degli
natura dell'UE. ecosistemi a livello europeo.
La guida riassume gli ultimi
Non dimenticare di rinnovare
La relazione fornisce un'analisi
sviluppi nelle politiche dell'UE in l'abbonamento!
completa dei cambiamenti nelle
materia di energia rinnovabile e Ricordati di rinnovare la tua iscrizione alla newsletter Natura
pressioni e nelle condizioni delle
protezione della natura, nonché principali categorie di ecosistemi 2000 se desideri continuare a ricevere la tua copia per posta.
nelle tecnologie per l'energia presenti nell'UE (urbano, terreni Ci vuole meno di un minuto! Questo è l'ultimo avvertimento
eolica, prima di passare a coltivati e formazioni erbose, poiché tutti gli abbonamenti non rinnovati verranno annullati
esaminare le informazioni più brughiere e arbusti, boschi e il 1°gennaio 2021. https://bit.ly/2YheH7q

Il notiziario di Natura 2000 è prodotto della DG Ambiente, Commissione europea. Autore: Kerstin Sundseth Ecosystems LTD, Bruxelles. Editore della Commissione: Sofia
Pachini, DG Ambiente. Design: www.naturebureau.co.uk
Lussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni dell’Unione europea, 2020. © Unione europea, 2020
Riutilizzo autorizzato con citazione della fonte. La politica della Commissione europea in materia di riutilizzo si basa sulla decisione 2011/833/UE (GU L 330 del 14.12.2011,
pag. 39). Per utilizzare o riprodurre foto o altro materiale libero da copyright dell’UE, occorre l’autorizzazione diretta del titolare del copyright.
Il notiziario non riflette necessariamente la posizione ufficiale della Commissione europea.
Foto: copertina © Chris Gomersall/naturepl.com; p. 2 © Unione europea; p. 3 © Hanne & Jens Eriksen/naturepl.com; p. 5 © Edwin Giesbers/naturepl.com, © Guy Edwardes/
naturepl.com; p. 6 © Gary K. Smith/naturepl.com, © David Tipling/naturepl.com; p. 7 © Hermann Brehm/naturepl.com; p. 9 © David Pattyn/naturepl.com; p. 10 © Unione
europea; p. 11 © Utilizzo di inventari subacquei per la conservazione delle aree marine in Finlandia, © Eau la la!!! Consigli ecologici per il mare e il litorale!; p. 12 © Dieci chiavi
per la comproprietà dei progetti per la natura, © Pro-Biodiversidad: pastori come conservatori della biodiversità nella rete Natura
2000; p. 13 © Impegni congiunti per reti di trasporto sicure e rispettose della fauna selvatica nei Carpazi, © Partenariato per la
protezione delle foreste primarie della rete Natura 2000 in Bulgaria;
p. 14 © David Pattyn/naturepl.com, © iStock; p. 15 © Alamy; p. 16 © Alamy, © Edelgard Stuffmann

Print ISSN 1562-5478 KH-AA-20-003-IT-C


PDF ISSN 2443-7751 KH-AA-20-003-IT-N

Potrebbero piacerti anche