Sei sulla pagina 1di 3

La FONETICA è lo studio dei suoni prodotti

dall’uomo quando parla.


La
fonetica Studia i FONI, ossia i suoni linguistici prodotti
dall’apparato fonatorio.

La fonetica si può dividere in 3 ambiti:

✓ La fonetica articolatoria: studia l'articolazione dei suoni


linguistici, come i suoni vengono prodotti dall'apparato
fonatorio umano.

✓ La fonetica acustica: studia la consistenza fisica e la


trasmissione dei suoni umani, come onde sonore che si
propagano in un mezzo

✓ La fonetica uditiva (o percettiva): studia le modalità di


ricezione dei suoni da parte dell'apparato uditivo dell'uomo e
la loro decodificazione.

L’apparato fonatorio umano

L'apparato fonatorio è l'insieme delle strutture anatomiche che


l'uomo utilizza per parlare. Quando i suoni del linguaggio vengono
emessi durante l’espirazione, viene definito “egressivo” (flusso d’aria
attraverso cui vengono prodotti i suoni del linguaggio).

1) L'aria viene espirata dai


polmoni e, attraverso la
trachea, raggiunge la laringe.

2) nella glottide (tratto della


laringe), l'aria incontra le corde
vocali (o pliche), che possono
avvicinarsi, o anche accostarsi,
l'una all'altra, regolando il
flusso egressivo dell'aria.

3) il flusso d'aria passa nella


faringe; se il velo palatino (la
parte posteriore del palato) è
abbassato, l’aria può passare
sia attraverso il naso, sia
attraverso la bocca, mentre se
il velo palatino è alzato, l'aria
passa solo tramite la cavità
orale.

4) gli organi della fonazione (mobili e fissi) intervengono


nell'articolazione del suono.

Organi della fonazione mobili (labbra, lingua, velo)


vs
Organi della fonazione fissi (denti, alveoli, palato duro)

--- Lingua: organo mobile più importante, si distinguono la radice


(parte posteriore), il dorso (parte centrale), l'apice (parte anteriore)
e la lamina; l'apice e la lamina formano la corona

--- Palato: si distinguono il palato duro, il velo (‘palato molle’) e gli


alveoli (gengive posteriori, dietro i denti)

Potrebbero piacerti anche