Sei sulla pagina 1di 18

Sistemi & Tecnologie per la Sicurezza

CENTRALE
ANTINTRUSIONE

FL04BE
(conforme norme CEI 79-2 Liv.2)

2° Livello

MANUALE
D’INSTALLAZIONE E D’IMPIEGO
(Ediz. 05 del Maggio 2004)

STS Elettronica S.p.A.


20010 CORNAREDO (MI) - Via G.B. Vico, 29
Tel. 02.93.56.17.40 Fax 02.93.63.194 e-mail: info@stselettronica.it
Sistemi & Tecnologie per la Sicurezza

DICHIARAZIONE CE DI CONFORMITÀ

La Ditta

STS Elettronica S.p.A.


con sede legale in:

via G.B. Vico, 29 20010 Cornaredo (MI)

dichiara sotto la propria responsabilità che il sistema antintrusione composto da

Centrale Antifurto mod. FL04BE


senza gestione integrata degli organi di comando

al quale questa dichiarazione si riferisce, è conforme alle seguenti normative e


altri documenti normativi e/o specifiche:

EN 50081-1 [1992]
EN 50130-4 [1995] + A1 [1998]
EN 60950 Ed.III [1992] + A1 e A2 [1993], A3 [1995], A4 e A11 [1997]
CEI 79-2 Ediz.1998 + Ab 2000

e quindi risponde ai requisiti essenziali delle direttive

89/336 CEE e 93/68 CEE e 73/23CEE

Cornaredo, 03 Giugno 2002 STS Elettronica S.p.A.


Il legale rappresentante
Giorgio Da Campo
Tipo: FL04BE Maggio 2004 Ediz. 05 Pag. 1 di 15

INDICE
DICHIARAZIONE DI CONFORMITA’
1. DATI TECNICI .................................................................................................................................................................. 2
2. DISPOSITIVI OPZIONALI.............................................................................................................................................. 2
3. INSTALLAZIONE ............................................................................................................................................................. 2
4. COLLEGAMENTI............................................................................................................................................................. 4
4.1. Ingresso ALIMENTAZIONE 230V............................................................................................................................. 4
4.2. Scheda CONTROLLO ................................................................................................................................................. 5
4.2.1 Descrizione morsettiere della scheda Controllo ................................................................................................ 5
4.2.2. Descrizione componenti vari della scheda Controllo ........................................................................................ 6
4.3 ESPANSIONE ZONE/LINEE ...................................................................................................................................... 7
4.3.1 Espansione da 2 a 4 zone/linee.......................................................................................................................... 7
5. VERIFICA DELLE FUNZIONI ....................................................................................................................................... 7
5.1. Verifica con centrale disinserita................................................................................................................................... 7
5.2. Verifica con centrale inserita........................................................................................................................................ 8
5.3. Esclusione zone antintrusione ....................................................................................................................................... 8
5.4. Reinclusione zone antintrusione................................................................................................................................... 8
5.5. Programmazione tempi Uscita - Ingresso – Allarme ................................................................................................... 9
5.6. Linea di Guardia........................................................................................................................................................... 9
5.6.1. Esclusione/reinclusione linea di guardia delle periferiche d’impianto e della protezione............................... 10
antiapertura centrale................................................................................................................................................... 10
5.6.2. Esclusione/reinclusione della sola protezione antistrappo/antiapertura centrale............................................. 10
7.6.3. Verifica della linea di guardia ......................................................................................................................... 10
5.7. Collegamento e verifica della sirena ........................................................................................................................... 10
6. ALLARME DI FINE SCARICA BATTERIA IN ASSENZA RETE............................................................................ 11
7. USO DELLA CENTRALE ............................................................................................................................................... 12
7.1. Inserimento centrale con la chiave dello sportello ...................................................................................................... 12
7.2. Disinserimento centrale con la chiave dello sportello ................................................................................................. 12
7.3. Dispositivo Antiapertura / Antistrappo (Tamper) ...................................................................................................... 12
7.4. Centrale con chiave elettronica digitale/tastiera.......................................................................................................... 12
7.4.1. Norme d’utilizzo con modulo controllo TC11TM (chiave elettronica/tastiera).............................................. 12
7.4.2. Schema di collegamento del modulo Controllo 1 relè TC11TM e della Tastiera TN25xx ............................. 12
7.4.3. Cosa indicano i Led dell’inseritore chiave o tastiera....................................................................................... 13
7.4.4. Inserimento centrale con la chiave elettronica digitale/tastiera....................................................................... 13
7.4.5. Disinserimento centrale con la chiave elettronica digitale/tastiera.................................................................. 13
8. SEGNALAZIONI DEL PANNELLO FRONTALE ....................................................................................................... 14
8.1. Indicazioni generali..................................................................................................................................................... 14
8.2. Indicazioni relative alle zone....................................................................................................................................... 14
9. GUIDA RAPIDA DEI COMANDI CON IL PANNELLO DELLA CENTRALE....................................................... 15
Tipo: FL04BE Maggio 2004 Ediz. 05 Pag. 2 di 15

CENTRALE ANTINTRUSIONE
LINEE BILANCIATE 2° Livello

L’equipaggiamento base prevede: 2 zone/linee antifurto, e 1 zona/linea 24h antimanomissione.


La centrale è ampliabile a 4 zone/linee antifurto mediante modulo d’espansione EC02FL.

1. DATI TECNICI
Tensione di alimentazione 230V~ ±10% 50 Hz
Tensione in uscita stabilizzata 13,8 V +0 ÷ -2%
Assorbimento in alternata (max) 100 mA
Assorbimento a riposo 2 zone 100 mA 4 zone 105 mA
Corrente erogabile dall’alimentatore 700 mA
Corrente disponibile per carichi esterni 300 mA
Zone/linee di allarme bilanciate istantanee (+ 1 opzionale) 1
Zone/linee di allarme bilanciate ritardabili (+ 1 opzionale) 1
Zona/Linea di allarme bilanciata guardia 24h 1
(antimanomissione periferiche d’impianto)
Protezione antistrappo/antiapertura integrata 1
Portata contatti relè allarme generale 5 A (a 12V)
Portata contatti del relè ausiliario 1 A (a 12 V)
Uscite +DCH disaccoppiate 2
Combinazioni chiave elettromeccanica 279.936
Accumulatore incorporabile con classe d’ infiammabilita’ migliore o uguale a HB 7,2 Ah 12V (AR07PC)
Temperatura d'esercizio +5 oC ÷ +40 oC
Grado di protezione IP 40
Dimensioni L 218 - H320 - P 80 mm
Peso approssimativo 3,2 Kg
Costruite nel rispetto delle Norme CEI 79-2 Livello 2 e della Direttiva Europea 89/336 CEE.

2. DISPOSITIVI OPZIONALI
TC11TM Modulo controllo 1 relè (per chiavi elettroniche CH11MP*)
CH25xx Inseritori (per chiavi elettroniche CH11MP*)
TN25LI Tastiera*, in scatola da incasso a 3 posti (supporto Living BTICINO o Idea VIMAR).
TN25SW Tastiera*, versione da parete in apposito contenitore a tale scopo realizzato.
*Note: La chiave elettronica CH11MP dispone di un numero di combinazioni maggiore di 1012
Le tastiere della serie TN25xx, accettano codici composti da 4÷6 cifre ed che eseguono il controllo di codice falso.

3. INSTALLAZIONE
AVVERTENZE
a) Collocare la centrale nel luogo protetto dal sistema d’allarme e che inoltre consenta un agevole controllo e gestione.
b) Tanto per l'ancoraggio alla parete quanto per il passaggio cavi, non forare l'involucro ma utilizzare i fori predisposti.
c) L’impianto va collegato alla rete d’alimentazione seguendo le regole impiantistiche nazionali tramite un circuito
indipendente e con adeguato organo di protezione elettrica (interruttore automatico o fusibili), separato da altre linee
(illuminazione, prese, ecc.); si eviteranno così erronee e/o indesiderate interruzioni. Il conduttore di massa del cavo di
alimentazione va terminato con capocorda ad anello (adatto per vite da 4 MA) e collegato sulla torretta di massa.
d) Saldare tutte le giunzioni, onde evitare ossidazioni che, lungo il decorso del tempo, creano falsi contatti.
e) Non lasciare fili scoperti, sia nella centrale sia negli apparecchi periferici e legare i cavi di uscita delle morsettiere con
fascette.
f) Evitare di toccare la scheda elettronica con oggetti metallici.
g) Eseguire prove e verifiche con la batteria collegata.
h) Collegare/scollegare qualsiasi connessione soltanto a centrale non alimentata (non dev’essere presente la tensione
di rete 230V, né quella di batteria).
Tipo: FL04BE Maggio 2004 Ediz. 05 Pag. 3 di 15

- Le batterie devono essere sostituite esclusivamente da personale autorizzato.


Pericolo di esplosione se la batteria è sostituita in modo non corretto.
Sostituire solo con batterie dello stesso tipo o equivalenti.
- Inserire, sull’alimentazione elettrica dell’apparecchio, un interruttore di rete bipolare con separazione
tra i contatti di almeno 3mm.
- I conduttori che portano la tensione di rete, devono essere fascettati in prossimità della morsettiera
affinché, nel caso uno di essi si staccasse dalla morsettiera stessa, non possa andare in contatto con
l’involucro o con i circuiti a bassa tensione.
FIG. 1 FIG. 2
Vista del fondo centrale

B A
TR

D
C
LN
Ingresso
B
230Vca

E
Fusibile
F6

B
D
A A

A Fori per il fissaggio del fondo della centrale.


B Fori per il passaggio dei cavi, uno dei quali, utilizzando un passacavo di gomma, va riservato per il cavo di rete 230 V~.
C Apertura per fissaggio staffa di “chiusura” del Tamper antiapertura/antistrappo.
D Viti di fissaggio dello sportello.
E Collocazione di un eventuale combinatore telefonico CT12xx.

N.B.: Per agevolare le operazioni di fissaggio della centrale, si consiglia l’utilizzo della Maschera di Foratura allegata.
Tipo: FL04BE Maggio 2004 Ediz. 05 Pag. 4 di 15

4. COLLEGAMENTI
• Dopo il fissaggio della centrale procedere al collegamento dei conduttori provenienti dagli apparecchi periferici,
consultando con la massima attenzione la "DESCRIZIONE MORSETTIERE".
• ATTENZIONE: il collegamento, dei sensori ed eventualmente di tastiere - inseritori, ecc., dev’essere eseguito con cavo
schermato. Un’estremità dello schermo si deve collegare sull’apposita torretta di terra (contrassegnata dall’etichetta)
presente sul fondo della centrale, l’altra estremità dev’essere lasciata libera.
• Il cavo di rete 230V deve avere una guaina supplementare, per garantire in ogni caso il doppio isolamento
all'interno dell'apparecchiatura.
• Utilizzo sui fori passacavo di raccordi tubo cassetta garantendo un gradi di protezione IP30 e infiammabilita’ HB o
migliore.

La modalità di terminazione delle Sensore Sensore


zone/linee antintrusione (sensori) deve antintrusione antintrusione
essere realizzata secondo lo schema qui a Ingressi di
NC NC
fianco. Gli ingressi sono 8-7, 3-4 della linea/zona
morsettiera M1per le linee 1 e 2. Inoltre 5-6, R
1-2 della morsettiera M2, se a bordo della 3600
scheda Controllo c’è il modulo ohm
d’espansione EC02FL.
Collegare la resistenza di bilanciamento
in corrispondenza dell’ultimo contatto
della linea.

La linea di Guardia (24h) si realizza 24H Morsetti TAMPER dei vari apparecchi
allacciando in SERIE tutti i circuiti relativi
e ancorandosi alla morsettiera M1 serrafili 1 2 1 M1
e 2. Collegare la resistenza di R
bilanciamento in corrispondenza 3600
ohm
dell’ultimo contatto della linea.

Tenendo in debito conto la corrente erogabile dall’alimentatore della centrale, ed eventualmente anche di quella fornita da un
gruppo di alimentazione ausiliario, su una stessa linea si possono allacciare più sensori, anche di tipo diverso, COLLEGANDO
IN SERIE I CIRCUITI NC DI ALLARME DEI SENSORI STESSI, ed in PARALLELO i loro circuiti di alimentazione.
In ogni caso un’ottimale gestione del sistema di allarme è quella che prevede l'impiego di un numero di sensori pari al numero
delle linee/zone.

4.1. Ingresso ALIMENTAZIONE 230V


La morsettiera (dotata di fusibile estraibile) di connessione della tensione di rete 230V è posta in prossimità del trasformatore
di alimentazione ed è munita di apposita protezione isolante. La connessione del conduttore della terra di protezione deve
avvenire sull’apposita torretta di massa presente sul fondo del contenitore e contrassegnata dall’etichetta.
Tipo: FL04BE Maggio 2004 Ediz. 05 Pag. 5 di 15

4.2. Scheda CONTROLLO

OFF DIP 1 ON
FAST 1
1 R2 18 VCA
2
3 4 3 2 1 M7
4
5 Adattatore RS232
6 GND 4
7
8 +12 3
P5 M6 GND 2
DIP 2
OFF ON IT 1
1
2
3
Y1 +V 6
4 5
P1 RTD
Blocco Sir.
DF1 DF2
Innesto espansione 2 zone
EC02FL
M5 GND 4
LV 3
SW2 LR 2
M4 +DCH M3 M2 M1 LG 1
AUX 1 +DCH ALLARME L4 L3 24 H L2 L1
GND GND +12 +BS +M +ALL +12 GND +12 GND
FAST 2
BATTERIA
1 2 3 4 5 6 1 2 3 4 5 6 7 8 1 2 3 4 5 6 1 2 3 4 5 6 7 8
NC NA C NC C NA + - + - + - + - + -

+ -
NOTE :
• i morsetti sono estraibili

4.2.1 Descrizione morsettiere della scheda Controllo


M1 1 + 24H Ingresso zona 24h (antimanomissione degli apparecchi periferici); è una linea sempre attiva, sia ad
- 24H impianto inserito sia disinserito. Se non si utilizza lasciare la resistenza (3600 Ω).
3 + L2 Ingresso linea 2 antintrusione bilanciata (ritardabile).
4 - L2 Se non si utilizza lasciare la resistenza (3600 Ω).
5 +12 Uscita 13,8 Vcc dirette per alimentare: tutti i sensori (radar, infrarossi passivi, ecc.).
6 GND Uscita tensione di alimentazione (massa di riferimento).
7 + L1 Ingresso linea 1 antintrusione bilanciata (istantanea).
8 - L1 Se non si utilizza lasciare la resistenza (3600 Ω).

M2 1 - L4 Ingresso linea 4 antintrusione bilanciata (istantanea).


2 + L4 Se non si utilizza lasciare la resistenza (3600 Ω).
3 +12 Uscita 13,8 Vcc dirette per alimentare: tutti i sensori (radar, infrarossi passivi, ecc.).
4 GND Uscita tensione di alimentazione (massa di riferimento).
5 - L3 Ingresso linea 3 antintrusione bilanciata (ritardabile).
6 + L3 Se non si utilizza lasciare la resistenza (3600 Ω).
N.B. Le linee 3 e 4 sono disponibili soltanto se la scheda Controllo è equipaggiata con il modulo
d’espansione EC02FL.

M3 1 GND Uscita negativo per ricarica batteria delle sirene autoalimentate.


2 +12 Uscita positivo (13,8 Vcc) per ricarica batteria delle sirene autoalimentate.
3 +BS Uscita positivo (13,8 Vcc) per disabilitare, tramite l’inserimento del ponticello P1, la sirena
autoalimentata.
4 +M Uscita positivo (13,8 Vcc) mancante con centrale in condizione di allarme.
5 + ALL Uscita positivo (13,8 Vcc) con centrale in condizione di allarme, per sirene elettroniche -
lampeggiatori - ecc.
6 NC Allarme Uscite del relè di “Allarme Generale”, libere da tensione (portata 5A).
7 C Allarme Contatto normalmente chiuso (con centrale alimentata e NON in allarme).
8 NA Allarme Contatto comune.
Contatto normalmente aperto (con centrale alimentata e NON in allarme).
Tipo: FL04BE Maggio 2004 Ediz. 05 Pag. 6 di 15

M4 Uscite del relè “Ausiliario 24H”, libere da tensione (portata 1A).


1 NC (AUX1) Contatto normalmente chiuso (con funzione 24h non in allarme).
2 NA (AUX1) Contatto normalmente aperto (con funzione 24h non in allarme).
3 C (AUX1) Contatto comune.
4 GND Uscita tensione di alimentazione (massa di riferimento).
5 +DCH Uscita positivo (13,8 Vcc) presente a centrale inserita, dopo lo scadere del tempo d’Uscita.
6 +DCH Uscita positivo (13,8 Vcc) presente a centrale inserita, dopo lo scadere del tempo d’Uscita.
Nota: le due uscite sono tra loro separate tramite appositi diodi.
M5 1 LG NON utilizzato (assolutamente Non usare).
2 LR Uscita per Led rosso della Tastiera e dell’Inseritore.
3 LV Uscita per Led verde della Tastiera e dell’Inseritore.
4 GND Uscita tensione di alimentazione (massa di riferimento).
5 RTD NON utilizzato (assolutamente Non usare).
6 +V Uscita tensione di alimentazione +13,8 Vcc, dedicata per alimentare il modulo TC11TM.
M6 1 IT Ingresso per Inserimento/Disinserimento remoto (*vedi nota), cui collegare il contatto del
modulo TC11TM.
2 GND Uscita tensione di alimentazione (massa di riferimento).
3 +12 Uscita 13,8 Vcc diretta per alimentare dispositivi ausiliari (es.: combinatore telef. CT12xx, ecc.).
4 GND Uscita tensione di alimentazione (massa di riferimento).
M7 NON utilizzare (Connessione diagnostica per Assistenza Tecnica).
FAST2 1 +BATT Ingresso positivo batteria, protetto dal fusibile Autoripristinante F3.
2 -BATT Ingresso negativo batteria (massa di riferimento).
FAST1 1 18V
Ingresso tensione alternata proveniente dal trasformatore di rete.
2 18V
* NOTA: In caso d’utilizzo di organi di comando diversi dalla chiave meccanica bisogna garantire che gli stessi siano
conformi alle norme CEI 79-2 livello 2 ed il loro ricevitore alloggiato all'interno della centrale stessa.

4.2.2. Descrizione componenti vari della scheda Controllo


P1 Ponticello: se inserito, disabilita la sirena autoalimentata; utile durante l’installazione od eventuale
manutenzione. Togliere al termine delle operazioni d’installazione e/o manutenzione.
P5 Ponticello: NON inserire (a disposizione del collaudo di fabbrica).
DF1 Led: acceso, segnala l’efficienza dei circuiti protetti dal fusibile autoripristinante F1; si spegne solo nel caso di
anomalia (cortocircuiti e/o sovraccarichi) nei circuiti protetti dal fusibile sopraccitato.
DF2 Led: acceso, segnala l’efficienza dei circuiti protetti dal fusibile autoripristinante F2; si spegne solo nel caso di
anomalia (cortocircuiti e/o sovraccarichi) nei circuiti protetti dal fusibile sopraccitato.
DIP1 Switch 1-2: Programmazione tempo d’allarme. Switch 3-4: Programmazione tempo d’ingresso/uscita.
Switch 5-6: Non utilizzati. Switch 7-8: Non utilizzati.
DIP2 Switch 1: Esclusione 24h. 2-3: Non utilizzati. Switch 4: Esclusione funzione antistrappo/antiapertura.
R2 Potenziometro controllo tensione 13,8V (regolazione di fabbrica - NON TOCCARE!).
SW2 Contatto antiapertura/antistrappo (Tamper).

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE
F1 (1,35A) Fusibile autoripristinante A protezione uscite +12V, +BS, +ALL, +M su M3 e +DCH su M4.
F2 (0,9A) Fusibile autoripristinante A protezione uscite +12V su M1.
F3 (3A) Fusibile autoripristinante A protezione ingresso batteria.
F4 (0,25A) Fusibile autoripristinante A protezione uscita +V su M5.
F5 (0,9A) Fusibile autoripristinante A protezione uscite +12V su M6.
F6 HT 200mA Fusibile Ritardato Ad alto potere d’interruzione , a protezione primario trasformatore

Il fusibile autoripristinante svolge una protezione di tipo reversibile. In altre parole, in presenza di cortocircuiti
e/o sovraccarichi, il suo intervento si manifesta nello stesso modo di un fusibile tradizionale (interruzione del
circuito). Rimuovendo le cause che hanno determinato l’interruzione, il fusibile ritorna nelle condizioni di
piena efficienza.
Tipo: FL04BE Maggio 2004 Ediz. 05 Pag. 7 di 15

4.3 ESPANSIONE ZONE/LINEE


Le operazioni che seguono si debbono compiere, quando si vuole espandere l’equipaggiamento base da 2 a 4 zone/linee.

4.3.1 Espansione da 2 a 4 zone/linee


a) Togliere l’alimentazione, di rete 230 V~ e di batteria, alla centrale.
b) Inserire il modulo espansione EC02FL (vedere figura sottostante) nel connettore Y1 (innesto espansione 2 zone
EC02FL)
c) Ridare l’alimentazione alla centrale.
ALTO
EC02FL
BASSO

RTD

1 2 3 4 5
Y1
M5

GND
innesto espansione

LG LR LV
2 zone EC02FL

BATTERIA

L4
M2 L3
M1
24H L2 L1
+ - +12 GND + - + - + - +12 GND + -
1 2 3 4 5 6 1 2 3 4 5 6 7 8
+ -
FAST2

5. VERIFICA DELLE FUNZIONI


a) Inserire il ponticello P1 (disabilitazione della sirena autoalimentata).
b) Posizionare in ON lo switch 1del DIP1 (impostazione del tempo d’allarme pari a 3 minuti).
Posizionare in ON lo switch 4 del DIP2 (interdizione della funzione antistrappo/antiapertura della centrale).
c) Ruotare in posizione (OFF) la chiave dello sportello.
d) Alimentare la centrale con la tensione di rete 230 V~: si accendono e si spengono in successione tutti i Led, ad
eccezione di . Rimane acceso fisso il Led di presenza rete .
e) Controllare che la tensione, per la ricarica della batteria sia compresa tra i valori 13,7-13,8 Vcc, misurandola con un
tester sui faston di FAST 2.
f) Collegare la batteria rispettando le polarità: rosso " + " (positivo) e nero " - " (negativo).
g) Ruotare la chiave in (ON) e poi in (OFF), entro 20 secondi (dal momento che la chiave è tornata in )
escludere la linea di Guardia mettendo in ON lo switch 1 del DIP2: si accende il Led fino allo scadere dei 20 sec.
Il Led si accenderà per 20 secondi (per rammentare che la linea di guardia è esclusa) ogni volta che la chiave
sarà messa in OFF.
Nel frattempo, eventuali memorie di allarme, avvenute accidentalmente, si sono azzerate grazie alla manovra ON/OFF.

5.1. Verifica con centrale disinserita


a) Chiave in . Dopo 20 secondi passare al prossimo punto.
b) Causare un allarme temporaneo sulla linea 1, aprendo e richiudendo le porte e/o finestre protette dai rivelatori
perimetrali e/o muovendosi nella zona sorvegliata dai rivelatori volumetrici (secondo il tipo di sensori che corredano la
linea stessa): si accendono (linea aperta o rivelatore in allarme) i Led e 1, quindi si spengono (linea richiusa o
rivelatore tornato a riposo).
c) Eseguire le stesse prove sulle altre linee presenti: si accende e si spegne il Led ed il Led relativo alla zona.
Tipo: FL04BE Maggio 2004 Ediz. 05 Pag. 8 di 15

5.2. Verifica con centrale inserita


a) Inserire la centrale ruotando la chiave in : lampeggia per il tempo d’uscita, il Led e poi rimane acceso fisso.

b) Causare un allarme temporaneo sulla linea 1: si accende e si spegne il Led 1; lampeggiano i Led e 1e
suona il buzzer incorporato, si attiva il relè d’Allarme (vedere NOTE).
c) Disinserire la centrale ruotando la chiave in : il buzzer si tacita, si disattiva il relè d’Allarme, si spegne il Led .

d) Reinserire la centrale : si accende il Led , si spengono i Led e 1.


e) Eseguire le stesse prove sulle altre linee: le segnalazioni differiscono soltanto per quanto riguarda i Led di linea.
f) Terminate le verifiche, riportare la chiave in .

NOTE
- Il buzzer ed il relè tornano nello stato di riposo al termine del tempo di allarme impostato ed in ogni caso al disinserimento
della centrale.
- Il buzzer ed il relè non si attivano se il tempo di allarme programmato è uguale a zero.

5.3. Esclusione zone antintrusione


Questa funzione si abilita come segue: ruotare la chiave in e poi in ; dall’istante in cui la chiave è tornata in
c’è a disposizione un tempo di circa 20 sec. per escludere le linee 1, 2, (3 e 4), rispettivamente tramite i tasti

a) Ruotare la chiave in e poi in .

b) Premere il tasto fino all’accensione del Led 1, che si spegne allo scadere dei 20 secondi (in altre parole, se
il tasto si preme al 15° secondo, il Led si mantiene acceso solo per i restanti 5 secondi).
Per escludere le altre linee seguire la modalità sopraddetta.
Se il tempo di 20 secondi non è sufficiente, bisogna ripetere la manovra ON-OFF con la chiave e quindi premere i
tasti interessati.
c) Ruotare la chiave in : si accende, per circa 5 secondi, il Led , attendere lo scadere del tempo d’uscita (Led
acceso fisso) indi passare al prossimo punto.
d) Provocare un allarme temporaneo sulla linea 1: si accende e si spegne il Led 1, lampeggia 1.

e) Ruotare la chiave in : continua a lampeggiare il Led 1 (memoria) e 1 si accende per circa 20 secondi.

f) Ruotare la chiave in : si spegne 1. Riportare la chiave in .


g) Eseguire le prove descritte, nei punti c÷f, sulle altre linee: le visualizzazioni e le memorie degli allarmi saranno
evidenziate dai Led di linea interessati.

5.4. Reinclusione zone antintrusione


Ruotare la chiave in e poi in : si accendono per circa 20 secondi i Led ossia quelli corrispondenti alle
linee precedentemente escluse. Entro il periodo suddetto premere, per circa 6 secondi, uno ad uno, gli stessi tasti utilizzati per
l'esclusione: i Led si spengono confermando la reinclusione delle linee
Ricordiamo che ad ogni manovra ON-OFF corrisponde un tempo di abilitazione, alle funzioni sopra descritte, di 20 secondi
circa.
Se l'operazione di riattivazione, quanto quella d'esclusione, comporta un tempo superiore a 20 secondi (attivato alla
disinserzione della centrale) occorre ripetere, con la chiave, la manovra .
Tipo: FL04BE Maggio 2004 Ediz. 05 Pag. 9 di 15

5.5. Programmazione tempi Uscita - Ingresso – Allarme


USCITA È il tempo che intercorre tra l’inserimento della centrale e l’effettiva entrata in funzione dello stato di
sorveglianza delle zone/linee 2 e 3 .

INGRESSO È il tempo che intercorre tra la rilevazione della condizione d’allarme e l’effettiva entrata in funzione dello
stato di sorveglianza della sola zona/linea ritardabile 2 e 3.
Entrambi i tempi sono programmabili ( e modificabili ) ,tramite il DIP switch 3 e 4 , come segue:

DIP1 switch 3 switch 4 Tempo


d’INGRESSO/USCITA
in posizione OFF in posizione OFF 0 secondi
in posizione ON in posizione OFF 15 secondi
in posizione OFF in posizione ON 30 secondi
in posizione ON in posizione ON 60 secondi
N.B.: L’uscita +DCH si attiva allo scadere del tempo di uscita.
I tempi di uscita ed ingresso sono vincolati tra di loro (tempo di uscita sempre uguale a quello d’ingresso).

NOTA IMPORTANTE: in caso di inserimento di centrale con una zona/linea ,aperta (in allarme) ,avremo una procedura di
allarme con durata pari al tempo di allarme impostato.

ALLARME È il tempo di durata della segnalazione d’allarme. Il relè d’allarme ed il buzzer vengono attivati per un
tempo programmabile (e modificabile), tramite il DIP1 switch 1, 2 come segue:

DIP1 switch 1 switch 2 Tempo di ALLARME


in posizione OFF in posizione OFF 0 (*vedi nota)
in posizione ON in posizione OFF 3 minuti
in posizione OFF in posizione ON 7 minuti
in posizione ON in posizione ON 10 minuti
* NOTA: L’impostazione di un tempo zero fa sì che il relè d'allarme non venga attivato; l’utilizzo dell’impianto
d’allarme con l’impostazione di questa selezione, fa decadere la conformità e certificazione “IMQ Sistemi d’Allarme”.
Durante il tempo d’allarme, il verificarsi di una nuova causa d’allarme non prolunga la durata del tempo stesso. Inoltre,
indipendentemente dalla durata del tempo d’allarme, al termine dello stesso vi è una pausa di venti secondi durante i quali una
nuova condizione d’allarme non è accettata. Questa pausa è voluta per evitare che il succedersi di più cause generi una
persistenza inaccettabilmente lunga del suono della sirena.

ATTENZIONE! GLI SWITCH 7 E 8 DEL DIP1 NON SONO UTILIZZATI, LASCIARLI IN POSIZIONE OFF.

Con l'impiego d’inseritori per il comando ON/OFF, posto all'esterno (chiavi elettroniche, ecc.), azzerare i tempi d’USCITA e
d’INGRESSO. Inoltre, la chiave meccanica della centrale deve essere messa in posizione .

5.6. Linea di Guardia


La linea di guardia è sempre attiva, indipendentemente dallo stato inserito/disinserito della centrale. Il suo stato viene segnalato
dal Led .
In caso di allarme:
si accendono lampeggianti i Led e ; si attivano i relè d’Allarme e Ausiliario 24h. suona il buzzer, mentre il Led
segue lo stato della zona: acceso fisso = linea in allarme, lampeggiante = memoria.
Il relè d’Allarme si disattiva al termine del tempo d’allarme ed, in ogni caso, alla variazione di stato della centrale
(disinserimento/inserimento). Il buzzer si tacita con le stesse modalità.
Il relè Ausiliario 24h rimane attivo fino alla variazione di stato della centrale.
Le segnalazioni di memoria d’allarme (lampeggio veloce) saranno azzerate solamente in seguito al successivo reinserimento.
Tipo: FL04BE Maggio 2004 Ediz. 05 Pag. 10 di 15

5.6.1. Esclusione/reinclusione linea di guardia delle periferiche d’impianto e della protezione


antiapertura centrale
L’esclusione permanente può essere eseguita, solamente entro 20 secondi immediatamente successivi ad un’operazione di
disinserimento della centrale, tramite lo switch 1 del DIP2 come segue:

DIP2 switch 1 switch 2 switch 3 Linea di GUARDIA


in posizione OFF in posizione OFF in posizione OFF Inclusa
in posizione ON in posizione OFF in posizione OFF Esclusa (*vedi nota)
* NOTA: L’utilizzo dell’impianto d’allarme con questa selezione, fa decadere la certificazione “IMQ Sistemi d’Allarme”.

La segnalazione di esclusione permanente è indicata, per soli 20 sec. successivi al disinserimento, dall’accensione di .
In ogni caso, allo scadere dei 20 secondi ed indipendentemente dall’esclusione o meno, lo stato della linea è indicato dalle
segnalazioni del Led :

Acceso fisso = linea in allarme


Lampeggiante = memoria.

In altre parole, la linea di guardia viene automaticamente esclusa per 20 secondi dopo il disinserimento dell’impianto; durante
questo tempo si può aprire la centrale (senza che ciò causi l’allarme) ed escluderla tramite switch 1 del DIP2.

5.6.2. Esclusione/reinclusione della sola protezione antistrappo/antiapertura centrale


Per il bisogno di un eventuale intervento sulla centrale, può essere necessario disabilitare per un certo tempo, il controllo di
protezione sull’apertura dello sportello; tale esclusione può essere eseguita, solamente entro 20 secondi immediatamente
successivi ad un’operazione di disinserimento della centrale, tramite il DIP2 switch 4 come segue:

DIP2 switch 4 Antistrappo/Antiapertura centrale


in posizione OFF Funzione Inclusa
in posizione ON Funzione Esclusa (*vedi nota)
* NOTA: L’utilizzo dell’impianto d’allarme con questa selezione, fa decadere la certificazione “IMQ Sistemi d’Allarme”.

7.6.3. Verifica della linea di guardia

a) Ruotare la chiave in e poi in , entro 20 secondi da questa operazione mettere in OFF lo switch 1 del DIP2 che
reinclude la linea di Guardia.
b) Simulare sabotaggio temporaneo sui sensori protetti: lampeggiano i Led .
c) Ruotare la chiave in : si spengono e ; lampeggia per il tempo d’uscita, poi si accende fisso.
d) Mettere in OFF lo switch 4 del DIP2: si accende , lampeggia .
e) Chiudere il portello della centrale (si deve “chiudere” il Tamper antiapertura): lampeggiano .
f) Ruotare la chiave in : si spegne , lampeggia e dopo 20 secondi lampeggia anche .
g) Ruotare la chiave in : si spengono , lampeggia per il tempo d’uscita, poi si accende fisso.
h) Mettere in ON lo switch 4 del DIP2.
l) Accertarsi che i segnali antimanomissione giungano in centrale, simulando un sabotaggio sui sensori protetti.

5.7. Collegamento e verifica della sirena


a) Collegare le sirene attenendosi alle indicazioni della “DESCRIZIONE MORSETTIERE” (par.fo 4.2.1. - morsettiera
M3) ed alle istruzioni dei singoli apparecchi.
b) Disinserire il ponticello “P1” (quest’operazione, abilita la sirena autoalimentata).
c) Inserire la centrale. Eseguire la prova descritta al paragrafo 5.2. - punto b: al suono del buzzer si aggiunge quello della
sirena.
e) Disinserire la centrale per tacitare la sirena.
Tipo: FL04BE Maggio 2004 Ediz. 05 Pag. 11 di 15

6. ALLARME DI FINE SCARICA BATTERIA IN ASSENZA RETE


In assenza rete, raggiunto un livello di scarica batteria (tensione inferiore a 10,4V) non più sufficiente a garantire il pieno
controllo della funzionalità d’impianto, la centrale attiva un ciclo di allarme a prescindere dallo stato inserito/disinserito. In
questa condizione, la tensione d’impianto è comunque tale da garantire, in presenza di combinatore telefonico, l’inoltro
dell’allarme.
Da questo momento la centrale ignora qualsiasi altro evento di allarme (indipendentemente se d’intrusione, 24h o tecnologico)
sino al ritorno della tensione di rete.
In questo modo l’impianto si pone in una condizione di “fuori servizio controllato”, evitando situazioni che possono essere
causa di un numero di cicli d’allarme imprevedibili e quindi inaccettabili.
Tipo: FL04BE Maggio 2004 Ediz. 05 Pag. 12 di 15

7. USO DELLA CENTRALE

7.1. Inserimento centrale con la chiave dello sportello


Commutare la chiave in : lampeggia per il tempo d’uscita il Led , scaduto il quale si accende fisso.

7.2. Disinserimento centrale con la chiave dello sportello


Rientrando, transitare per la sezione “ritardata” dell’impianto, quindi disinserire la centrale ruotando la chiave in .
Verificare che non ci siano allarmi memorizzati (accesi lampeggianti: i Led di zona delle linee interessate e
generale). Questi Led si spengono alla reinserzione della centrale.

7.3. Dispositivo Antiapertura / Antistrappo (Tamper)


La centrale è protetta dall’apertura non autorizzata e dallo strappo dal muro; al verificarsi di uno di questi eventi si attiva la
segnalazione d’allarme.

7.4. Centrale con chiave elettronica digitale/tastiera


NOTA. Si rimanda al manuale d’uso TC11TM e TN25xx per i ragguagli relativi alla tastiera.

7.4.1. Norme d’utilizzo con modulo controllo TC11TM (chiave elettronica/tastiera)


a) Per attivare inserimenti/disinserimenti con chiave elettronica/tastiera, la chiave meccanica dev’essere in posizione .
b) La chiave meccanica in prevale sullo stato di “disinserito” attivato tramite chiave elettronica/tastiera.
c) Lo stato di inserito attivato tramite chiave elettronica/tastiera, prevale sullo stato “disinserito” della chiave meccanica.

7.4.2. Schema di collegamento del modulo Controllo 1 relè TC11TM e della Tastiera TN25xx

MODULO CONTROLLO
INSERITORE
M1
1 +
2 - +
LG LRLV
3 - S 12
NA
4 C relè 1 2 3 4 5 6
5 NC - TASTIERA
S + LINS
M2 1 2 3 4
M4
1 + J1
2 -
3 RTD
4 2
5 1
M5

FL04BE 3600
ohm

1 2 3 4 5 6 M5 1 2 3 4 M6 1 2 3 4 5 6 7 8 M1
LG LR LV +V IT +12 + - + - + G + -
GND RTD GND GND 24H L2 12 N
D
L1
Nota: In ottemperanza a quanto richiesto dalla normativa CEI 79-2 Liv.2, è necessario predisporre (a cura dell’installatore)
un contatto di protezione antiapertura sulla scatola ad incasso in cui è alloggiato l’inseritore CH25xx.
Tipo: FL04BE Maggio 2004 Ediz. 05 Pag. 13 di 15

7.4.3. Cosa indicano i Led dell’inseritore chiave o tastiera

VERDE Spento Centrale disinserita.


Acceso fisso (minimo 5 secondi, Tempo d’uscita in corso.
anche se tempo uscita inferiore)
Acceso lampeggiante ogni 5 secondi Centrale inserita, senza allarmi intrusione.
Acceso lampeggiante ogni secondo Centrale inserita, memoria d’allarme.
Centrale disinserita, allarme 24h/antiapertura/antirimozione

ROSSO Acceso fisso Centrale disinserita con una o più zone (non escluse) in allarme.
Acceso lampeggiante per tutto il
tempo d’uscita (minimo 5 secondi, Tempo d’uscita in corso, con zone escluse.
anche se tempo uscita inferiore)

GIALLO * Indica il comando impartito (inserito/disinserito) dal modulo TC11TM alla centrale.
Acceso = comanda inserimento;
Spento = comanda disinserimento.
L’effettivo stato inserito/disinserito dell’impianto è in ogni caso subordinato alla posizione della chiave
meccanica (vedi punti a-b-c), ed è riscontrabile tramite il Led verde.
* Il Led giallo non è presente sulla tastiera TN25xx.

7.4.4. Inserimento centrale con la chiave elettronica digitale/tastiera


Introdurre a fondo la chiave nell’inseritore e lasciarla fino all’accensione del Led giallo, (oppure comporre il codice sulla
tastiera) cui corrisponde subito dopo l’accensione fissa del Led verde indicante l’avvenuto inserimento ed il trascorrere del
tempo d’uscita; allo scadere del tempo di quest’ultimo, lampeggerà lento il Led verde.

7.4.5. Disinserimento centrale con la chiave elettronica digitale/tastiera


Introdurre a fondo la chiave nell’inseritore e lasciarla fino allo spegnimento del Led giallo (oppure comporre il codice sulla
tastiera), cui corrisponde lo spegnimento del Led verde.

N.B. In caso d’utilizzo di organi di comando diversi dalla chiave meccanica bisogna garantire che gli stessi siano
conformi alle norme CEI 79-2 livello 2 ed il loro ricevitore alloggiato all'interno della centrale stessa.
Tipo: FL04BE Maggio 2004 Ediz. 05 Pag. 14 di 15

8. SEGNALAZIONI DEL PANNELLO FRONTALE


8.1. Indicazioni generali
La prima riga di ideogrammi (nella parte superiore) riporta le segnalazioni di stato generale:
Indicatore TENSIONE di RETE 230 V~.
Acceso: presenza tensione d’alimentazione di rete 230 V~.
Acceso lampeggiante: è assente la tensione di rete.
Indicatore STATO BATTERIA
In assenza di alimentazione di rete, indica i seguenti stati della batteria:
Acceso fisso: segnala il livello della tensione di guardia (la tensione è inferiore a 11,8V).
Acceso lampeggiante: segnala il livello di tensione di fine scarica (la tensione è inferiore a 10,4V);
in questo caso è anche attivato un ciclo di allarme, dopodiché la centrale ignora qualsiasi
evento di allarme (24h compreso) fino al ripristino della tensione di rete.
Indicatore STATO IMPIANTO
Acceso fisso: segnala che l’impianto è inserito.
Acceso lampeggiante: segnala che è in corso il conteggio del tempo di uscita, allo scadere del quale si accende fisso.
Indicatore GENERALE DI ALLARME
Spento: non è in corso, né è avvenuto alcun allarme su una zona o sulla linea di guardia.
Lampeggiante: almeno una zona e/o la linea di guardia è in allarme, o era in allarme.
La memoria d’allarme permane anche al disinserimento dell’impianto e fino al successivo inserimento.
Indicatore NON PRONTO ALL’INSERZIONE
Si può accendere solamente a centrale disinserita.
Acceso, indica che sono in allarme una o più linee antintrusione.
Indicatore MANOMISSIONE (LINEA DI GUARDIA)
Acceso fisso: segnala che è presente la condizione di allarme sulla zona 24h; oppure nei 20 secondi successivi ad un
disinserimento, indica l’esclusione fissa.
Acceso lampeggiante: segnala lo stato di avvenuto allarme (memoria).
La memoria d’allarme permane anche al disinserimento dell’impianto; si spegne al successivo inserimento.
Indicatore di ANOMALIA
Acceso fisso, indica cortocircuito e/o sovraccarico sulle uscite protette da fusibili autoripristinanti F1 e/o F2.

8.2. Indicazioni relative alle zone


Sono suddivisi in 4 gruppi composti ognuno dal relativo numero indicante la zona e dalle due segnalazioni di seguito descritte:

Indicatore MEMORIA ALLARME ZONA


Si accende (a centrale inserita) lampeggiando, segnalando lo stato d’allarme della zona corrispondente. Persiste nel
lampeggio “memoria” anche dopo la scomparsa della causa che ne ha determinato l’attivazione.
La memoria d’allarme si conserva anche al disinserimento della centrale; si spegne al successivo inserimento.

Indicatore CONTROLLO ZONA


Spento: la zona corrispondente non è in allarme.
Acceso fisso: la zona corrispondente è in allarme;
Acceso temporaneamente, nei 20 secondi successivi ad un disinserimento, segnala l’esclusione della zona
corrispondente.

N.B. ALLO SCOPO DI CONSTATARE L’EFFICIENZA DI TUTTO IL SISTEMA DI ALLARME, SI


CONSIGLIA DI VERIFICARE PERIODICAMENTE LE FUNZIONI DELLA CENTRALE.
Tipo: FL04BE Maggio 2004 Ediz. 05 Pag. 15 di 15

9. GUIDA RAPIDA DEI COMANDI CON IL PANNELLO DELLA CENTRALE

FUNZIONE OPERAZIONE

Inserimento Centrale Ruotare la chiave meccanica in posizione

Disinserimento Centrale Ruotare la chiave meccanica in posizione

Azzeramento Memoria Allarmi Ruotare la chiave meccanica in e poi in


Intrusione e 24h

Azzeramento Memoria Allarme 24h Ruotare la chiave meccanica in


(allarme avvenuto a centrale disinserita)

Esclusione zone Antintrusione Ruotare la chiave meccanica in e poi in


entro 20 secondi, dall’istante in cui la chiave è stata messa in
premere il tasto della zona sino all’accensione del led giallo corrispondente
(per circa 1 secondo )

Reinclusione zone Antintrusione Ruotare la chiave meccanica in e poi in


entro 20 secondi, dall’istante in cui la chiave è stata messa in
premere un tasto per volta per un tempo superiore di 6 secondi ( il led giallo
si accende brevemente ,si spegne ,si riaccende e si spegne definitivamente
al termine dei 6 secondi).

È a carico dell’acquirente, l’onere relativo all’applicazione e rispetto d’ogni limitazione legale e norma di sicurezza
nell'impiego dei materiali forniti. È anche esclusa ogni responsabilità della STS ELETTRONICA S.p.A. per qualsiasi danno,
diretto o indiretto, provocato a persone o cose dall’impiego dei materiali forniti, fatta salva la responsabilità per difetto di
prodotto ai sensi e con le limitazioni del D.P.R. 224 del 28.5.1988.

LA STS ELETTRONICA S.p.A. SI RISERVA IL DIRITTO DI MODIFICARE


SENZA PREAVVISO LE CARATTERISTICHE DELLE APPARECCHIATURE

Potrebbero piacerti anche