Sei sulla pagina 1di 3

stats [-server <inet:hostname:port>] [-user <name>] [-password <password>]

[-switchserver]
[-singleseat]
[-nologo]
[-production [prompt|silent|background]]
[-symbol <values>]
[<filename>] ...

Per avviare l'applicazione in modalità distribuita:

[-server <inet:hostname:port>] Nome o indirizzo IP e numero di porta


del server.
Esempio: -server mioserver:3016

[-user <name>] Un nome utente valido. Se è necessario specificare


un nome di dominio,
far precedere al nome utente il nome di dominio e
una barra rovesciata (\).
Esempio: -utente "mioDominio\mioNomeUtente"

[-password <password>] Password dell'utente.

Per avviare l'applicazione e richiedere le informazioni di accesso al server (solo


per Windows
):

[-switchserver] Visualizzare la finestra di dialogo "Login server".


Questo
switch ha la precedenza sugli switch precedenti
-server,
-utente e -password.

Per avviare l'applicazione in modalità postazione singola:

[-singleseat] Avvia l'applicazione in modalità postazione singola.

[-background] Eseguire la sessione Production scollegata


in background su un server remoto.
È necessario specificare anche il server
che utilizza lo switch -server.

Se nessuna delle opzioni precedenti è specificata, l'applicazione viene avviata in


modalità predefinita.

Altri switch:

[-nologo] Avvia l'applicazione senza visualizzare la


schermata iniziale.

[-production [prompt|silent| Avvia l'applicazione in modalità produzione. Le


parole
background]] chiave prompt e silent specificano se visualizzare
la
finestra di dialogo che chiede l'immissione di
valori
di runtime se questi sono specificati nel processo.
La
parola chiave prompt è il valore predefinito e
visualizza
la finestra di dialogo. La parola chiave silent
elimina
la finestra di dialogo. La parola chiave background
esegue
il processo di produzione in background su un
server.
Quando si utilizza questa opzione è necessario
specificare
un server con lo switch -server. Come la parola
chiave
silent, la parola chiave background elimina la
finestra
di dialogo che chiede l'immissione di valori di
runtime.
Se si utilizza la parola chiave silent o background
è
possibile definire i simboli di runtime con lo
switch
-symbol. In caso contrario viene utilizzato il
valore
predefinito. Gli switch -switchserver e -singleseat
vengono ignorati quando si utilizza -production.
Esempi:
stats C:\job.spj -production silent -symbol @sex male

[-symbol <values>] Elenco delle coppie symbol-value macro utilizzate


nel
processo di produzione. Ciascun nome di simbolo
inizia con @.
Racchiudere un valore tra virgolette doppie se
contiene degli spazi. Le regole per l'inclusione di
virgolette o
apostrofi nelle variabili letterali stringa possono
variare tra
i vari sistemi operativi, ma racchiudere una stringa
che
include virgolette semplici o apostrofi in
virgolette doppie
solitamente funziona (ad esempio, "'un valore
tra virgolette'").
Esempio:
-symbol @sex male @state "North Dakota"

[-unicode [on|off]] Attiva o disattiva la modalità Unicode. Per


impostazione predefinita,
la modalità è attivata.Quando la modalità Unicode è
disattivata,
l'applicazione viene eseguita in modalità pagina di
codice, ovvero
nella codifica delle impostazioni internazionali
correnti. Nei
rilasci precedenti alla 21, l'applicazione
veniva avviata in modalità pagina di codice.

[<filename>] ... Elenco di nomi file, che può includere tutti i


tipi di file supportati dall'applicazione.
Racchiudere tra
virgolette doppie se contiene spazi.
Esempio:
stats C:\cars.sav C:\analysis.sps

I qualificatori validi per gli switch sono il trattino (-) o il trattino doppio
(--). È inoltre possibile
utilizzare la barra (/) nelle piattaforme Windows. Se un parametro non è preceduto
da
un qualificatore switch o da un argomento valido, viene trattato come un nome file.

Potrebbero piacerti anche