Sei sulla pagina 1di 4

Genere dei nomi

 I nomi in – o sono MASCHILI es. Il tavolo, il gatto


Tranne: la mano, l’ eco, la foto, la moto, l’ auto, la radio, la dinamo...
 I nomi in – a sono FEMMINILI es. La sedia, la penna
Tranne: il papa, il gorilla, il vaglia...
 Sono MASCHILI i nomi di origine greca in – ma
Es. Il tema, il problema, il clima...
 Sono MASCHILI i nomi in – ista che indicano una professione maschile
Es. Il pianista, il giornalista
 Sono MASCHILI i nomi in – eta che si riferiscono ad un uomo
Es. Il poeta, il profeta, l’ atleta
 I nomi in – e
Sono MASCHILI i nomi che si riferiscono a uomini. Es.: il padre, il dottore
>> >> i nomi in – one. Es.: il sapone, il carbone...(tranne: la canzone, l’ opinione)
Sono MASCHILI i nomi in – ore. Es.: il fiore, il dolore...
>> >> i nomi in – ile. Es.: il fienile, il campanile....(tranne: l’ automobile)

Sono FEMMINILI i nomi che si riferiscono a donne. Es.: la madre, la pittrice...


>> >> i nomi in – zione. Es.: la stazione, la situazione...
>> >> i nomi in – gione. Es.: la stagione, la carnagione...
>> >> i nomi in – sione. Es.: la comprensione...
>> >> i nomi in – ie. Es.: la superficie, la serie...

 I nomi in – à e – ù sono FEMMINILI. Es.: la città, la tribù, la virtù... (tranne: il papà)


 Sono FEMMINILI i nomi in – i. Es.: la tesi, la crisi...
Tranne: lo sci, il brindisi, il bisturi, e i nomi dei giorni della settimana
 Sono MASCHILI i nomi che finiscono per consonante. Es.: il bar, il gas, lo sport...
 Il nome degli alberi è di genere maschile, invece il relativo ftutto è di genere femminile.
Formazione del femminile

Maschile Femminile Esempi


-o -a il nonno – la nonna
-e -a il cameriere – la cameriera
-e - essa il conte – la contessa
- tore - trice il pittore – la pitrice
(tranne: il dottore – la dotoressa / il pastore – la pastora)
-a - essa il poeta – la poetessa
- ante - ante il cantante – la cantante
- ese - ese il francese – la francese
(tranne: il marchese – la marchesa)
- ista - ista il pianista – la pianista

Irregolari al femminile

Il cane – la cagna il marito – la moglie


Il gallo – la gallina l’ uomo – la donna
Il re – la regina il bue – la mucca
Il dio – la dea il fratello – la sorella
I’ eroe – l’ eroina il genero – la nuora
Il babbo – la mamma
Plurale dei nomi

Singolare Plurarale Esempi


-o -i libro – libri
-e -i padre – padri / madre – madri
- a (maschile) -i problema – problemi
- a (femminile) -e casa – case
-i -i crisi – crisi
- ie - ie specie – specie (tranne: moglie – mogli)
-ù -ù virtù – virtù
-à -à città – città
- io -i specchio – specchi
- io (i accentata) - ii zio – zii
- co / - go - chi / ghi cuoco – cuochi / lago – laghi
(se l’ accento cade sulla penultima sillaba) tranne: nemico – nemici / amico – amici /
greco – greci / porco - porci
- co / - go - ci / gi medico – medici / antropologo – antropologi
(se l’ accento cade sulla terzultima sillaba)
tranne: carico – carichi / valico – valichi / strascico – strascichi – profugo – profughi
- ca / - ga (fem.) - che / - ghe amica – amiche / strega – streghe
- ca / - ga (masch.) - chi / - ghi collega – colleghi
- cia / - gia (i accentata) - cie / - gie farmacia – farmacie / nostalgia – nostalgie
- cia / - gia (precedute da vocale) - cie / - gie camicia – camicie
- cia / - gia (precedute da consonante) - ce / - ge freccia – frecce / spiaggia - spiagge

- I monosillabi, i nomi abbreviati, i nomi stranieri o che finiscono per consonante sono
invariabili. es.: re – re / autobus – autobus / foto – foto / cinema – cinema / sport –
sport...
Irregolari al plurale

l’ uomo – gli uomini il dio – gli dei


il bue – i buoi il labbro – le labbra
l’ uovo – le uova il miglio – le miglia
il paio – le paia il centinaio – le centinaia
il migliaio – le migliaia il sopracciglio – le sopracciglia
l’ arma – le armi l’ ala – le ali
Mille – mila il dito – le dita
il lenzuolo – le lenzuola il tempio – i templi
il corno – le corna il braccio – le braccia
il ginocchio – le ginocchia (i ginocchi)
Non hanno il plurale:
la fame, il sonno, la febbre, il miele, la gente, la sete, il latte, il sangue, il pepe, la tosse, la
pasta, la pazienza,....
Non hanno il singolare:
le ferie, gli spinaci, le tenebre, i viveri, i dintorni, gli occhiali, le forbici, i pantaloni, le
nozze,...