Sei sulla pagina 1di 13

Capitolo 7

7.1 CAMPO MAGNETICO PRODOTTO DA UNA CORRENTE


7.2 CALCOLI DI CAMPI MAGNETICI PRODOTTI DA CIRCUITI PARTICOLARI
La (7.6), nota come legge di Biot-Savart, afferma che il campo magnetico di un filo
rettilineo indefinito dipende solo dalla distanza dal filo, in modo inversamente
proporzionale; le sue linee sono circonferenze concentriche al filo e risultano
pertanto concatenate alla corrente, sorgente del campo stesso.

Spira circolare
Quando si considerano i contributi dB di tutti gli elementi ds che formano la spira,
le componenti parallele all'asse x si sommano, mentre quelle trasversali si elidono
a due a due. In totale

In generale l’andamento di B della spira è identico a quello di E di un dipolo


anche in questo caso si osserva che tutte le linee di campo sono concatenate con
la sorgente che le ha prodotte.

Esiste una differenza sostanziale tra le linee del campo elettrico e del campo
magnetico di una spira, che è la caratteristica peculiare che contraddistingue in
generale i due campi:

• le linee di forza del campo elettrostatico E escono ed entrano nelle cariche


sorgenti;

• le linee del campo magnetico B sono linee chiuse, senza inizio e senza fine

7.3 AZIONI ELETTRODINAMICHE TRA FILI PERCORSI DA CORRENTE

Si verifica immediatamente che se i fili sono perpendicolari la forza è nulla


risultando B 1 (B 2) parallelo al verso di i2 (i1 )

7.4 LEGGE DI AMPÈRE


La legge di Ampère costituisce un legame diretto tra sorgenti e il campo magnetico
analogo a quello fornito dalla legge di Gauss (3.6) per il campo elettrostatico.
Osserviamo che essendo diversa da zero la circuitazione di B, il campo magnetico
non è conservativo.

Campo magnetico prodotto da Filo rettilineo indefinito

Se r>=R
Consideriamo adesso nella regione interna al filo una circonferenza di raggio r <= R

Campo magnetico prodotto da Solenoide rettilineo indefinito

7.5 PROPRIETÀ MAGNETICHE DELLA MATERIA. PERMEABILITÀ E SUSCETTIVITÀ


MAGNETICA

Introducendo i fenomeni magnetici, abbiamo osservato che esistono in natura


materiali, tipicamente composti del ferro, che sono sorgenti permanenti di campi
magnetici o che, sottoposti all'azione di un campo magnetico, diventano a loro
volta sorgenti di B.

Discutiamo le proprietà magnetiche della materia, ovvero il comportamento della


stessa in presenza di un campo magnetico prodotto da correnti elettriche.
Supponiamo di riempire completamente il solenoide con un mezzo omogeneo

La relazione (7.27) risulta valida per circuiti di forma qualunque immersi in un


mezzo indefinito. Sperimentalmente il campo magnetico esistente in un mezzo
indefinito omogeneo in cui è immerso un circuito percorso da corrente è dato da

Al termine omogeneo diamo d'ora in poi un significato più ampio, intendendo che
insieme alla densità è costante nel mezzo anche la permeabilità magnetica
relativa.
Tali correnti sono dette amperiane
7.7 LA LEGGE DI GAUSS PER IL CAMPO MAGNETICO

Nello studio del campo magnetico B prodotto da varie sorgenti abbiamo trovato
che le linee del campo magnetico sono sempre linee chiuse e che lungo di esse il
verso di B è sempre lo stesso. Se, come abbiamo detto, le linee di B sono continue
con verso costante, ogni linea di campo entrante in una superficie chiusa deve
necessariamente uscirne; ne segue che il flusso entrante deve essere eguale in
modulo al flusso uscente per cui il flusso complessivo deve essere nullo