Sei sulla pagina 1di 2

Esame di Fisica Generale – 10 Luglio 2018 – ore 9.

00 – Aula EF1-EF2

• La prova è valida se affrontata individualmente; ogni tipo di comunicazione, verificata durante o dopo
la prova, comporta l’invalidazione della stessa.
• Sul banco devono trovare posto solo il testo della prova, i fogli forniti, penna e calcolatrice numerica;
astucci, zaini e borse devono essere depositati lungo i corridoi laterali. L’avvistamento del telefono
cellulare, anche se spento, comporta l’invalidazione della prova.
• Nella risposta alle domande definire accuratamente ogni simbolo utilizzato ed utilizzare una notazione
tale da distinguere chiaramente tra grandezze scalari e grandezze vettoriali e tra i vari tipi di prodotto.
Nella soluzione dei problemi, fornire sempre dapprima il procedimento ed il risultato simbolico e
successivamente il risultato numerico. L’elaborato deve essere scritto a penna ed in forma leggibile;
non verranno considerate risposte e soluzioni che risultano ambigue a causa di disordine o scrittura
poco leggibile del candidato.
• Prova orale: 23/07/18 – ore 10.30 – aula E3. L’elenco degli ammessi alla prova orale sarà disponibile
sulla pagina web: http://www-3.unipv.it/fis/fisica1_inf/.

Tempo a disposizione: 2 ore e 30 minuti.

Domanda 1

Definire il lavoro.

Domanda 2

Definire il momento di una forza.

Domanda 3

Definire la pressione.

Problema 1

Un’automobile di massa m = 3000 kg è in grado di esercitare una potenza massima pari a


60 kW ed è soggetta ad una forza di attrito f = -kv, dove k = 40 N·s·m-1 e v è la velocità.
Sapendo che deve essere percorsa una distanza D = 100 km, calcolare il minor tempo
necessario e il corrispondente lavoro compiuto dall’automobile. Supponendo poi
trascurabile la forza di attrito, calcolare il tempo occorrente per accelerare dalla velocità di
10 m/s alla velocità di 20 m/s alla massima potenza.

Problema 2

Un’asta omogenea di lunghezza l = 1 m e massa ma = 100 g poggia su un piano liscio. Uno


dei suoi estremi è vincolato in modo che l’asta possa ruotare intorno ad esso. L’asta è
inizialmente ferma, quando un proiettile di massa pari a 1 g viene sparato con velocità vp =
100 m/s in direzione parallela al piano ed ortogonale all’asta, che viene colpita ad una
distanza dall’estremo vincolato d = 70 cm dal proiettile che lì rimane incastrato. Determinare
la velocità angolare dell’asta in seguito all’urto. Il momento di inerzia di un’asta omogenea
rispetto ad un asse ortogonale passante per il suo centro di massa vale (1/12)ML2, essendo
M la sua massa e L la sua lunghezza.

Problema 3

Due contenitori di volume V1 = 200 cm3 e V2 = 100 cm3 sono connessi attraverso un setto
di materiale poroso che fa sì che le pressioni nei due contenitori siano uguali rendendo però
trascurabile lo scambio di calore tra essi. Inizialmente il sistema contiene ossigeno in
equilibrio a T0 = 25°C e a pressione atmosferica. Successivamente il primo contenitore viene
messo in contatto termico con un termostato costituito da acqua bollente, mentre il secondo
contenitore viene messo in contatto termico con un termostato costituito da ghiaccio
fondente. Qual è la pressione finale del sistema?

Problema 4

Una macchina di Carnot opera tra due sorgenti la cui differenza di temperatura è 200°C.
Sapendo che in un ciclo compie un lavoro pari a 1 kJ, quanto vale la variazione di entropia
lungo l’isoterma a temperatura superiore?

Potrebbero piacerti anche