Sei sulla pagina 1di 3

Filosofia

Ellenismo
-Morte di Alessandro Magno  caduta delle polis.
-I greci sono sudditi e fanno parte de una cultura fra le tante, l’impegno político non era
importante-
-Cittadini cosmopolitici emerge l’ETICA. Il popolo si unisce.
Epicureismo
 Creatore Epicuro (341-270 a.C.)
 Fa una scuola “Il Gerdino”opposta all’academia e al liceo.
 Il suo pensiero é FISICO: “Il Mondo contradistinto da atomi” (“Cliamen”). Gli atomi
si incontrano  spiegazione della LIBERTÁ umana.
 -
 Non parla piú delle idee
 ¿Come vivere la vita? Secondo Epicuro é:
1. Distinguendo quello necesario da quello che non lo é.
2. Non avere paura della morte perché la fine dell’uomo é scappare dal dolore e
perché non si puó vivere l’esperienza di morte  finisce tutto.
3. Essere coscienti che i dei non si curano di noi, allora neanche di loro si debe aver
paura.
4. Saper differenziare la sofferenza física da quella psychica (morale). FISICA =
dolore / psychica = rimpianto e paura del futuro.
-Essistono 3 tipi di piaceri:
1. Naturali e necessari
2. Non Naturali e necessari
3. Non naturali e Non necessari (Es. Richezza e fama)
Stoiscismo
Diviso in :
1.Antica stoa : Zenone/Crisippo/Cleante : Parlano del “Logos” (ragione) e come questo
puó dare suo consenso a quello che vediamo nel mondo, cioé le sensazioni. Dicono che
l’essere non é trascendente, si riduce a quello che possiamo toccare. Hanno come
elemento di base il Fuoco (Distrugge e costruisce).
2. Media Stoa: Danezio/Posidonio
3. Nuova Stoa: Ciccerone/Seneca/Epitteto/Marco Aurelio

Concetti dello stoiscismo


-Etica: Siamo felici qiuando con la ragione riconosciamo le sensazioni e il nostro posto nel
mondo.
-Virtú: Riconoscere quello che ci fa bene.
-Vizio: Cercare quello che ci fa male.
-Sono indifferenti, non soffrono :”Il mondo é come debe essere”
-Religione: Dio Logos é il mondo
-Soprevvivenza (“Oikeiosis”): istinto di sopravvivenza.
-Indifferenza: Tranquilitá
-Riconoscere i doveri e VALORIZARLI  “Deoficis” = celebrazione dei doveri.
Scettiscismo
-Creatore Pirrone
- Si domanda quall’e la natura delle cose (origine,natura e fine del mondo)
-Si domanda queale debe essere la disposizione di fronte alle cose
-Si domanda cosa puó succedere se ci comportiamo di modo giusto
-Dice che non essiste l’essere,tutto é FENOMENO (Apparenza)
-Sostenne due atteggiamenti:
1.“Epoché = sospendere il giudizio
2. “Afasia” = non parlare di fronte alla realtá (lasciare ai fenomeni di presentarsi)

Sviluppo dello scettiscismo (ll – lll sec a.C.)


Grazie a Filone di Larissa, Antioco di Acalona e Cicerone : Hanno la capacitá di fondare
scuole diverse (eccletismo)

Plotino (232 d.C)


-Allievo di Ammonio (tutto scorre)
-Maestro : Platone
-244-254: Tenne lezioni senza scrivere nulla
- 244: Fonda la scuola a Roma (platonismo e neoplatonismo) dove si cerca di tornare al
primo principio: l’Uno.
L’UNO
 Prima ipostasi = prima sostanza (viene prima dell’essere)
 É divino
 É il bene in quanto totale
 Uno = “super essere (dal nulla genera tutto), super vita, super pensiero”.
 Si auto crea e crea le cose: luce, fuoco, “sostanza odore”…
 Crea le immagini : le singole cose NON possono NON essere perche sono quello
che sono.
 Crea le immagini : le singole cose NON sono identiche all’uno ma hanno un suo
riflesso ( a loro volta creano)
 L’uno é una capacitá creativa in sé stesso (essere in sé) e fuori di sé (crea le cose)
NOUS
 Seconda spirito che contene tutte le idee del mondo di Platone (iperuranio)
 Contempla l’UNO perché fa parte del mondo delle idee
 Il NOUS pieno dell’UNO genera il pensiero in quanto totale (nasce l’atto di
pensare, cioé il figlio del Nous).
ANIMA
 Terza ipostasi = divinitá generata dal NOUS
 Grazie al NOUS contempla in sé l’UNO
 Genera il corpo (fuori di sé): si incarna, si sporca e si incorpora nel corpóreo
perché é costretta a reggere il corpóreo, allora per questo sente le sensazioni.
 Gerarchia delle anime:
1. Anima suprema
2. Anima che CREA il mondo (physis)
3. Anime PARTICOLARI (Si legano)
 L’anima in rapporto con il sensibile : L’anima non puó generare; solo genera quello
che é in potenza ( la materia depende dell?anima = privazione del bene)
 L’anima genera il tempo: passato/presente/futuro (esce dall’UNO e genera t)
 L’anima paga la sua cola dimenticando (l’Uomo ritorna al bene  UNO
 L’anima é cosmo (ordine)
 L’anima ritorna all’assoluto : attraverso quattro vie
1. Virtú
2. Erotica platónica
3. Dialettica
4. Semplificazione (la nuova via per arrivare)
 L’anima arriba all’estassi (stare fuori) per avvicinarsi all’UNO.
ITALIANO

LUDOVICO ARIOSTO
 Grande poeta del rrinacimento Italiano 